LINEA FIRETECH SOLUZIONI PER LA PROTEZIONE PASSIVA DAL FUOCO STRUTTURE

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LINEA FIRETECH SOLUZIONI PER LA PROTEZIONE PASSIVA DAL FUOCO STRUTTURE"

Transcript

1 LINEA FIRETECH SOLUZIONI PER LA PROTEZIONE PASSIVA DAL FUOCO STRUTTURE

2 PROTEZIONE STRUTTURE IN ACCIAIO Le strutture in acciaio sono un sistema costruttivo sempre più utilizzato nelle costruzioni. In particolare l acciaio ha una elevata resistenza meccanica e permette una grande flessibilità di utilizzo. Al contrario in caso di incendio l acciaio subisce forti riscaldamenti vista la sua elevata conduttività termica che comporta una riduzione della resistenza meccanica in funzione della temperatura. Intorno ai 200 C l acciaio incomincia a ridurre le proprie caratteristiche di esistenza meccanica e a 500 C questa riduzione incomincia a essere critica ai fini degli eventuali carichi applicati. La protezione dal fuoco di una struttura in acciaio deve essere valutata in funzione delle temperatura critica definita come la temperatura alla quale l elemento strutturale in acciaio perde la sua capacità portante. La temperatura critica dipende dai carichi applicati e dalla classe del profilo. La classe di appartenenza viene definita in funzione del rapporto dimensionale larghezza/spessore delle parti componenti della sezione, dello stato di sollecitazione e della classe di resistenza del materiale. Le classi dei profili posso essere quattro: classe 1: sezioni per le quali può aversi la completa formazione di una cerniera plastica; classe 2: sezioni per le quali è prevista la completa formazione di una cerniera plastica, ma con limitata capacità di deformazione; classe 3: sezioni per le quali, a causa di fenomeni d instabilità locale, non è possibile la ridistribuzione plastica delle tensioni nella sezione e il momento ultimo coincide con quello al limite elastico convenzionale; classe 4: sezioni per le quali, a causa di importanti fenomeni d instabilità locale, il momento ultimo è minore di quello al limite elastico convenzionale. Per i profili in classe 4 la temperatura critica è stabilita pari a 350 C. Per i profili nelle altre classi la temperatura critica deve essere stabilita dal progettista e dipende dalle azioni di progetto, dal tipo di sollecitazione e da coefficienti che variano in funzione dell esposizione al fuoco e dei vincoli, nel caso di progettazione nel dominio delle resistenze. Nel caso di progettazione nel dominio delle temperature, la temperatura critica varia in funzione del grado di utilizzazione del profilo. Indicativamente la temperatura critica per un elemento inflesso (trave) può essere intorno ai 500 C e per un elemento compresso (colonna) può essere intorno ai 450 C. LINK propone due diverse tipologie di prodotti per la protezione delle strutture in acciaio: Lastre TECBOR A e B in magnesio e silicati Pannelli PAROC FPS 17 in lana di roccia 2 LINK industries s.p.a.

3 SOLUZIONI PER LA PROTEZIONE PASSIVA DAL FUOCO - STRUTTURE classificazione dei profili più comuni TABELLA B.1 Profili della serie IPE Profilo COMPRESSIONE FLESSIONE S 235 S 275 S 335 S 420 S 460 S 235 S 275 S 355 S 420 S 460 IPE IPE IPE IPE IPE IPE IPE IPE IPE IPE IPE IPE IPE IPE IPE IPE IPE IPE TABELLA B.2 Profili della serie HEA Profilo COMPRESSIONE FLESSIONE S 235 S 275 S 335 S 420 S 460 S 235 S 275 S 355 S 420 S 460 HEA HEA HEA HEA HEA HEA HEA HEA HEA HEA HEA HEA HEA HEA HEA HEA HEA HEA HEA HEA HEA HEA HEA HEA LINK industries s.p.a. 3

4 TABELLA B.3 Profili della serie HEB Profilo COMPRESSIONE FLESSIONE S 235 S 275 S 335 S 420 S 460 S 235 S 275 S 355 S 420 S 460 HEB HEB HEB HEB HEB HEB HEB HEB HEB HEB HEB HEB HEB HEB HEB HEB HEB HEB HEB HEB HEB HEB HEB HEB TABELLA B.4 Profili della serie HEM Profilo COMPRESSIONE FLESSIONE S 235 S 275 S 335 S 420 S 460 S 235 S 275 S 355 S 420 S 460 HEM HEM HEM HEM HEM HEM HEM HEM HEM HEM HEM HEM HEM HEM HEM HEM HEM HEM HEM HEM HEM HEM HEM HEM LINK industries s.p.a.

5 SOLUZIONI PER LA PROTEZIONE PASSIVA DAL FUOCO - STRUTTURE valori dei fattori di selezione di profili laminati (m -1 ) Profilo protetto Profilo protetto IPE HEA IPE HEA IPE HEA IPE HEA IPE HEA IPE HEA IPE HEA IPE HEA IPE HEA IPE HEA IPE HEA IPE HEA IPE HEA IPE HEA IPE HEA IPE HEA IPE HEA IPE HEA Profilo protetto Profilo protetto HEB HEM HEB HEM HEB HEM HEB HEM HEB HEM HEB HEM HEB HEM HEB HEM HEB HEM HEB HEM HEB HEM HEB HEM HEB HEM HEB HEM HEB HEM HEB HEM HEB HEM HEB HEM LINK industries s.p.a. 5

6 Tabelle integrative delle certificazioni al fuoco delle lastre TECBOR secondo EN (Exova Warrington ) Tabella in funzione del fattore di sezione e della temperatura dopo 30 minuti Temperatura di progetto 350 C 400 C 450 C 500 C 550 C 600 C 650 C 700 C 750 C Fattore di sezione (m -1 ) LINK industries s.p.a.

7 SOLUZIONI PER LA PROTEZIONE PASSIVA DAL FUOCO - STRUTTURE Tabella in funzione del fattore di sezione e della temperatura dopo 60 minuti Temperatura di progetto 350 C 400 C 450 C 500 C 550 C 600 C 650 C 700 C 750 C Fattore di sezione (m -1 ) LINK industries s.p.a. 7

8 Tabella in funzione del fattore di sezione e della temperatura dopo 90 minuti Temperatura di progetto 350 C 400 C 450 C 500 C 550 C 600 C 650 C 700 C 750 C Fattore di sezione (m -1 ) LINK industries s.p.a.

9 SOLUZIONI PER LA PROTEZIONE PASSIVA DAL FUOCO - STRUTTURE Tabella in funzione del fattore di sezione e della temperatura dopo 120 minuti Temperatura di progetto 350 C 400 C 450 C 500 C 550 C 600 C 650 C 700 C 750 C Fattore di sezione (m -1 ) LINK industries s.p.a. 9

10 Tabella in funzione del fattore di sezione e della temperatura dopo 180 minuti Temperatura di progetto 350 C 400 C 450 C 500 C 550 C 600 C 650 C 700 C 750 C Fattore di sezione (m -1 ) LINK industries s.p.a.

11 SOLUZIONI PER LA PROTEZIONE PASSIVA DAL FUOCO - STRUTTURE Tabella in funzione del fattore di sezione e della temperatura dopo 240 minuti Temperatura di progetto 350 C 400 C 450 C 500 C 550 C 600 C 650 C 700 C 750 C Fattore di sezione (m -1 ) LINK industries s.p.a. 11

12 Protezione di Pilastri in acciaio TECBOR SP 4 Disegno Disegno Rapporto di classificazione: Normativa: EN Laboratorio: APPLUS n Rapporto di classificazione: 10/ Soluzione: 1 lastre TECBOR A 2 lastre TECBOR B 40 mm 3 vite autofilettante 4 pilastro in acciaio Istruzioni di posa: Fissare i profili ad omega sulla parte esterna dell ala del profilo con chiodi a passo 725 mm. Fissare i profili angolari 30x30x0,6 mm alle lastre TECBOR e fissare queste ai profili ad omega con viti autofilettanti a passo 250 mm. Assemblare le lastre TECBOR. Applicare lo stucco TECBOR PL in corrispondenza dei giunti tra le lastre e sulle teste delle viti. Nel caso di applicazione del pannello TECBOR B 40 mm è possibile assemblare le lastre direttamente con viti 5x80 mm con passo 250 mm (Disegno 2). 5 stucco TECBOR PL 6 angolare 30x30x0,6 mm 7 omega 45x15x0,6 m 8 vite autofilettante 5x80 mm 12 LINK industries s.p.a.

13 SOLUZIONI PER LA PROTEZIONE PASSIVA DAL FUOCO - STRUTTURE Protezione di travi in acciaio TECBOR SP Disegno Disegno Rapporto di classificazione: Normativa: EN Laboratorio: APPLUS n rapporto di classificazione: 10/ Soluzione: 1 lastre TECBOR A 2 lastre TECBOR B 3 vite autofilettante 4 trave in acciaio 5 stucco TECBOR PL Istruzioni di posa: Fissare i profili ad omega sulla parte esterna dell ala del profilo con chiodi a passo 725 mm. Fissare i profili angolari 30x30x0,6 mm al solaio con tasselli in acciaio 6x60 mm passo 300 mm. Fissare l angolare inferiore alle lastre TECBOR e fissare queste ai profili ad omega con viti autofilettanti a passo 250 mm. Applicare lo stucco TECBOR PL in corrispondenza dei giunti tra le lastre e sulle teste delle viti. Nel caso di applicazione del pannello Tecbor B 40 mm è possibile assemblare le lastre direttamente con viti 5x80 mm con passo 250 mm (Disegno 2). 6 angolare 30x30x0,6 mm 7 omega 45x15x0,6 m 8 solaio 9 tassello metallico 6x60 mm LINK industries s.p.a. 13

14 Paroc fps 17 Spessore di PAROC FPS 17 in funzione del fattore di sezione per una temperatura critica di 350 C secondo UNI EN Temperatura critica dell acciaio 350 C F/A R 30 R 60 R 90 R 120 R 150 R 180 R Spessore di PAROC FPS 17 in funzione del fattore di sezione per una temperatura critica di 450 C secondo UNI EN temperatura critica dell acciaio 450 C F/A R 30 R 60 R 90 R 120 R 150 R 180 R Spessore di PAROC FPS 17 in funzione del fattore di sezione per una temperatura critica di 450 C secondo UNI EN Temperatura critica dell acciaio 500 C F/A R 30 R 60 R 90 R 120 R 150 R 180 R LINK industries s.p.a.

15 SOLUZIONI PER LA PROTEZIONE PASSIVA DAL FUOCO - STRUTTURE Spessore di Isolamento per PAROC FPS 17 Temperatura critica dell acciaio 550 C F/A R 30 R 60 R 90 R 120 R 150 R 180 R Spessore di Isolamento per PAROC FPS 17 Temperatura critica dell acciaio 600 C F/A R 30 R 60 R 90 R 120 R 150 R 180 R Spessore di Isolamento per PAROC FPS 17 Temperatura critica dell acciaio 650 C F/A R 30 R 60 R 90 R 120 R 150 R 180 R Spessore di Isolamento per PAROC FPS 17 Temperatura critica dell acciaio 700 C F/A R 30 R 60 R 90 R 120 R 150 R 180 R LINK industries s.p.a. 15

16 Protezione di Pilastri in acciaio PAROC SP Disegno 1 4 Rapporto di classificazione: Normativa: EN Laboratorio: VTT n rapporto di classificazione: ETA-08/0093 Soluzione: 1 PAROC FPS 17 2 vite autofilettante Istruzioni di posa: Fissare i pannelli PAROC FPS 17 tra di loro a mezzo viti autofilettanti diametro minimo 3,5 mm disposte a passo massimo 150 mm. In alternativa utilizzare una retro struttura metallica (disegno 1). I profili vanno inseriti negli angoli del profilo in modo da permettere il fissaggio dei pannelli PAROC con viti autofilettanti disposte a passo massimo 150 mm. 3 pilastro in acciaio 4 struttura metallica 16 LINK industries s.p.a.

17 SOLUZIONI PER LA PROTEZIONE PASSIVA DAL FUOCO - STRUTTURE Protezione di travi in acciaio PAROC SP 3 Disegno Rapporto di classificazione: Normativa: EN Laboratorio: VTT ETA n : ETA-08/0093 Soluzione: 1 pannelli PARCOC FPS 17 2 vite autofilettante 3 supporti interni PAROC FPS 17 4 struttura metallica Istruzioni di posa: Inserire dei pezzi di pannelli PAROC FPS 17 di larghezza 100 mm all interno delle ali del profilo a passo massimo 600 mm. Fissare i pannelli PAROC FPS 17 ai supporti con viti autofilettanti diametro minimo 3,5 mm con passo massimo 150 mm. In alternativa utilizzare una struttura metallica composta da angolari 30x30x0,6 mm fissati al solaio e dei profili a C 49x27x0,6 mm da inserire nelle ali inferiori della trave in acciaio (Disegno 1). 5 tassello ad espansione 6 angolare perimetrale LINK industries s.p.a. 17

18 Protezione strutture in calcestruzzo Le strutture in calcestruzzo armato esistenti generalmente non sono progettate per resistere all incendio e devono essere protette con sistemi che ne aumentino la resistenza al fuoco. LINK FIRETECH propone le lastre incombustibili in magnesio e silicati TECBOR A e TECBOR B che sono state testate secondo la norma europea EN I test condotti secondo la EN permettono di ricavare un rapporto di equivalenza delle lastre rispetto al calcestruzzo e dall analisi dei risultati si ottengono delle tabelle prestazionali che indicano lo spessore di lastre TECBOR da utilizzare in funzione della resistenza al fuoco richiesta, della temperatura critica e del copri ferro esistente. La progettazione delle strutture in calcestruzzo deve essere condotta secondo le norme: UNI 9502 «Procedimento analitico per valutare la resistenza al fuoco degli elementi costruttivi di conglomerato cementizio armato, normale e precompresso» EN «Progettazione delle strutture di calcestruzzo Parte 1-2: Regole generali Progettazione strutturale contro l incendio» (EUROCODICE 2) Dalla pubblicazione delle appendici nazionali degli eurocodici la norma UNI 9502 decadrà definitivamente. In particolare per la protezione delle strutture in calcestruzzo armato in caso di incendio dovrà essere stabilita la temperatura critica delle barre di armatura che permette di utilizzare le tabelle prestazionali delle lastre TECBOR. 18 LINK industries s.p.a.

19 SOLUZIONI PER LA PROTEZIONE PASSIVA DAL FUOCO - STRUTTURE Protezione calcestruzzo armato TECBOR CP 1 2 Rapporto di classificazione: Normativa: EN Laboratorio: APPLUS n rapporto di classificazione: e Istruzioni di posa: Fissare le lastre TECBOR alle strutture con tasselli metallici a percussione con maglia 500x500 mm. Soluzione: 1 lastre TECBOR 2 tassello metallico a percussione LINK industries s.p.a. 19

20 Tabelle spessori TECBOR A/B per solette secondo EN Valutazione APPLUS Spessore in millimetri di lastre TECBOR A/B in funzione del copri ferro e della temperatura critica Protezione R 60 Copri ferro [mm] Temperatura Critica 350 C 400 C 450 C 500 C 550 C 600 C 650 C La valutazione APPLUS non prevede alcuna protezione per solette con copri ferro maggiore di 5 mm per una protezione al fuoco R 60. Gli spessori indicati di TECBOR A 10 mm fino ad un copri ferro di 19 mm sono ricavati da una valutazione delle tabelle del D.M. 16 febbraio Protezione R 90 Copri ferro [mm] Temperatura Critica 350 C 400 C 450 C 500 C 550 C 600 C 650 C Protezione R 120 Copri ferro [mm] Temperatura Critica 350 C 400 C 450 C 500 C 550 C 600 C 650 C LINK industries s.p.a.

21 SOLUZIONI PER LA PROTEZIONE PASSIVA DAL FUOCO - STRUTTURE Tabelle spessori TECBOR A/B per solette secondo EN Valutazione APPLUS Spessore in millimetri di lastre TECBOR A/B in funzione del copri ferro e della temperatura critica Protezione R 180 Copri ferro [mm] Temperatura Critica 350 C 400 C 450 C 500 C 550 C 600 C 650 C Protezione R 240 Copri ferro [mm] Temperatura Critica 350 C 400 C 450 C 500 C 550 C 600 C 650 C LINK industries s.p.a. 21

22 Tabelle spessori TECBOR A/B per travi e pilastri secondo EN Valutazione APPLUS Spessore in millimetri di lastre TECBOR A/B in funzione del copri ferro e della temperatura critica Protezione R 60 Copri ferro [mm] Temperatura Critica 350 C 400 C 450 C 500 C 550 C 600 C 650 C La valutazione APPLUS prevede la lastra tecbor a 10 mm solo per la protezione di travi e pilastri con copri ferro da 5 mm a 9 mm per temperatura critica di 350 C. Gli spessori indicati di tecbor a 10 mm fino ad un copri ferro di 19 mm sono ricavati da una valutazione delle tabelle del D.M. 16 febbraio Protezione R 90 Copri ferro [mm] Temperatura Critica 350 C 400 C 450 C 500 C 550 C 600 C 650 C La valutazione APPLUS prevede protezione per travi e pilastri fino ad un copri ferro di 14 mm ed una temperatura critica di 450 C. Gli spessori indicati di tecbor a 10 mm sono ricavati da una valutazione delle tabelle del D.M. 16 febbraio Protezione R 120 Copri ferro [mm] Temperatura Critica 350 C 400 C 450 C 500 C 550 C 600 C 650 C La valutazione APPLUS prevede protezione per travi e pilastri fino ad un copri ferro di 59 mm ed una temperatura critica di 350 C. Gli spessori indicati di tecbor a 10 mm sono ricavati da una valutazione delle tabelle del D.M. 16 febbraio LINK industries s.p.a.

23 SOLUZIONI PER LA PROTEZIONE PASSIVA DAL FUOCO - STRUTTURE Tabelle spessori TECBOR A/B per travi e pilastri secondo EN Valutazione APPLUS Spessore in millimetri di lastre TECBOR A/B in funzione del copri ferro e della temperatura critica Protezione R 180 Temperatura Critica Copri ferro [mm] 350 C 400 C 450 C 500 C 550 C 600 C 650 C Protezione R 240 Copri ferro [mm] Temperatura Critica 350 C 400 C 450 C 500 C 550 C 600 C 650 C I dati contenuti in questo documento sono puramente indicativi. Non sono garantite le informazioni relative ai rapporti di classificazione e di valutazione se non dopo verifica delle certificazioni stesse LINK industries s.p.a. 23

24 05/2013 Ponte Morosini, Genova - Italia tel fax

COMPORTAMENTO AL FUOCO DEI SISTEMI STRUTTURALI LA VERIFICA AL FUOCO SECONDO GLI EUROCODICI E D.M. 14-09 09-2005 LA VERIFICA DI SISTEMA

COMPORTAMENTO AL FUOCO DEI SISTEMI STRUTTURALI LA VERIFICA AL FUOCO SECONDO GLI EUROCODICI E D.M. 14-09 09-2005 LA VERIFICA DI SISTEMA Roma - 22 Maggio 2007 I nuovo approccio prestazionale della resistenza al fuoco delle strutture nella sicurezza antincendi COMPORTAMENTO AL FUOCO DEI SISTEMI STRUTTURALI LA VERIFICA AL FUOCO SECONDO GLI

Dettagli

DESCRIZIONE GENERALE DELLE OPERAZIONI DA ESEGUIRE IN CASO DI CONSOLIDAMENTO STATICO DEL SOLAIO.

DESCRIZIONE GENERALE DELLE OPERAZIONI DA ESEGUIRE IN CASO DI CONSOLIDAMENTO STATICO DEL SOLAIO. DESCRIZIONE GENERALE DELLE OPERAZIONI DA ESEGUIRE IN CASO DI CONSOLIDAMENTO STATICO DEL SOLAIO. Verifica statica della struttura esistente, al fine di determinare la portata del solaio esistente; redazione

Dettagli

Milano 1/2 ottobre 2014

Milano 1/2 ottobre 2014 Milano 1/2 ottobre 2014 Protezione passiva dal fuoco di elementi strutturali quali: murature, cemento armato, solai in laterocemento e solai misti in lamiera grecata e calcestruzzo, mediante l applicazione

Dettagli

Costruzioni in cemento armato e precompresso

Costruzioni in cemento armato e precompresso Costruzioni in cemento armato e precompresso PROMAT S.p.A. nell'ambito del proprio impegno per la protezione passiva all'incendio, ha messo a punto una vasta gamma di soluzioni certificate atte ad evitare,

Dettagli

REALTÀ DI CANTIERE CON LE NUOVE SOLUZIONI DELLA LINEA FIRETECH. Link Industries S.p.A - LINEA FIRETECH

REALTÀ DI CANTIERE CON LE NUOVE SOLUZIONI DELLA LINEA FIRETECH. Link Industries S.p.A - LINEA FIRETECH DALLA CERTIFICAZIONE ALLA REALTÀ DI CANTIERE CON LE NUOVE SOLUZIONI DELLA LINEA FIRETECH Link Industries S.p.A - LINEA FIRETECH Famiglia Boschieri Società controllate Attività Link Industries S.p.A - LINEA

Dettagli

31Sistemi a secco per esterni

31Sistemi a secco per esterni Sistemi a secco per esterni Costruire in modo semplice e naturale l involucro dell edificio SECUROCK è una lastra innovativa ad elevata resistenza all umidità e all acqua, creata e progettata da USG appositamente

Dettagli

Nel cemento armato si valorizzano le qualità dei due materiali: calcestruzzo e acciaio, che presentano le seguenti caratteristiche

Nel cemento armato si valorizzano le qualità dei due materiali: calcestruzzo e acciaio, che presentano le seguenti caratteristiche CEMENTO ARMATO METODO AGLI STATI LIMITE Il calcestruzzo cementizio, o cemento armato come normalmente viene definito in modo improprio, è un materiale artificiale eterogeneo costituito da conglomerato

Dettagli

- Accidentali: per edifici scolastici: 300 Kg/mq

- Accidentali: per edifici scolastici: 300 Kg/mq I PREMESSA La presente relazione riporta i calcoli e le verifiche relativi alle nuove strutture in progetto. Sono previste opere in acciaio (scale di sicurezza esterne, spazi calmi, passerelle) e in c.a.

Dettagli

Soluzioni per la protezione passiva con i sistemi in lastre

Soluzioni per la protezione passiva con i sistemi in lastre Soluzioni per la protezione passiva con i sistemi in lastre il corretto uso dei rapporti di prova europei e del relativo fascicolo tecnico. Funzione tecnico-commerciale Ing. ZAMUNER Edoardo D.M. 16 febbraio

Dettagli

CANCELLI MM08 CANCELLI IN PRFV. 30.07.2015 Rev. 2 COMPOSITE SOLUTION PAGINA 1

CANCELLI MM08 CANCELLI IN PRFV. 30.07.2015 Rev. 2 COMPOSITE SOLUTION PAGINA 1 CANCELLI MM08 30.07.2015 Rev. 2 CANCELLI IN PRFV COMPOSITE SOLUTION PAGINA 1 SOMMARIO 1. APPLICAZIONI E CARATTERISTICHE... 3 2. SETTORI DI IMPIEGO... 4 3. MATERIALI... 5 3.1. TABELLA PROFILI E ACCESSORI

Dettagli

Il c.a.p. nelle nuove Norme Tecniche

Il c.a.p. nelle nuove Norme Tecniche Il c.a.p. nelle nuove Norme Tecniche plizzari@ing.unibs.it Università di Brescia Corso di Tecnica delle Costruzioni Verifica di una struttura esistente Corso Tecnica delle Costruzioni 2/71 Comportamento

Dettagli

Istruzioni per la Progettazione, l Esecuzione ed il Controllo delle Strutture di Legno,

Istruzioni per la Progettazione, l Esecuzione ed il Controllo delle Strutture di Legno, Come indicato al Par. 4.4.14 del D.M. 14/01/2008, VERIFICA DI RESISTENZA AL FUOCO ELEMENTI LIGNEI Le verifiche di resistenza al fuoco potranno eseguirsi con riferimento a UNI EN 1995-1-2, utilizzando i

Dettagli

INDICE 1 DESCRIZIONE DELL OPERA... 3 2 NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 4 3 MATERIALI... 7 4 TRAVE IN C.A. - ANALISI DEI CARICHI... 8

INDICE 1 DESCRIZIONE DELL OPERA... 3 2 NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 4 3 MATERIALI... 7 4 TRAVE IN C.A. - ANALISI DEI CARICHI... 8 2/6 INDICE 1 DESCRIZIONE DELL OPERA... 3 2 NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 4 3 MATERIALI... 7 4 TRAVE IN C.A. - ANALISI DEI CARICHI... 8 5 CALCOLO DELLE SOLLECITAZIONI TRAVE... 9 6 CALCOLO DELLE SOLLECITAZIONI

Dettagli

RIQUALIFICAZIONE PARETI PORTANTI IN MURATURA Reazione al fuoco: A1 Resistenza al fuoco: REI 180

RIQUALIFICAZIONE PARETI PORTANTI IN MURATURA Reazione al fuoco: A1 Resistenza al fuoco: REI 180 RIQUALIFICAZIONE PARETI PORTANTI IN MURATURA Resistenza al fuoco: REI 180 Supporto: parete in laterizio sp 115 mm e intonaco su ambo i lati Rivestimento protettivo: lastre FIREGUARD 13 spessore 1x12,7

Dettagli

Manuale ANCORAGGIO STRUTTURALE PALO INCLINATO Ø80 ZINCATO/INOX ART. 68050/68051

Manuale ANCORAGGIO STRUTTURALE PALO INCLINATO Ø80 ZINCATO/INOX ART. 68050/68051 Manuale ANCORAGGIO STRUTTURALE PALO INCLINATO Ø80 ZINCATO/INOX ART. 68050/68051 2 EDIZIONE GIUGNO 2012 Indice SOMMARIO ELEMENTO DI ANCORAGGIO STRUTTURALE Descrizione del prodotto Modalità d uso e limite

Dettagli

Parere d idoneità tecnica

Parere d idoneità tecnica Parere d idoneità tecnica Premessa UNICMI, Unione Nazionale delle Industrie delle Costruzioni Metalliche, dell Involucro e dei Serramenti, attraverso le sue 12 divisioni, rappresenta circa 22.000 aziende,

Dettagli

lunghezza 3000 mm larghezza 310 mm spessore 70 mm (T1 = 40 mm) 5 microns con smalto epossidico spessore minimo 20 mm.

lunghezza 3000 mm larghezza 310 mm spessore 70 mm (T1 = 40 mm) 5 microns con smalto epossidico spessore minimo 20 mm. 75 I pannelli Flexophone sono elementi modulari, autoportanti, costituiti da un involucro in lamiera s=5/10 preverniciata nel colore bianco simile Le dimensioni STANDARD del pannello sono le seguenti:

Dettagli

Relazione ed elaborati di progetto per il solaio

Relazione ed elaborati di progetto per il solaio LABORATORIO DI COSTRUZIONE DELL ARCHITETTURA 2A prof. Renato Giannini Relazione ed elaborati di progetto per il solaio (arch. Lorena Sguerri) Relazione di calcolo Predimensionamento e analisi dei carichi

Dettagli

sistema euromax Eurotherm SpA Pillhof 91 I-39010 Frangarto BZ Tel. 0471 63 55 00 Fax 0471 63 55 1 1 mail@eurotherm.info www.eurotherm.

sistema euromax Eurotherm SpA Pillhof 91 I-39010 Frangarto BZ Tel. 0471 63 55 00 Fax 0471 63 55 1 1 mail@eurotherm.info www.eurotherm. sistema euromax Eurotherm SpA Pillhof 91 I-39010 Frangarto BZ Tel. 0471 63 55 00 Fax 0471 63 55 1 1 mail@eurotherm.info www.eurotherm.info sistema euromax Alta resistenza nel minimo spessore Il sistema

Dettagli

SOLAI SOLAI RIFERIMENTO NORMATIVA D.M. 14.02.1992 CAPITOLO 7 Art.7.0 CLASSIFICAZIONE SOLAI PIENI IN C.A. o C.A.P. PER QUESTO TIPO DI STRUTTURE VALGONO TOTALMENTE LE INDICAZIONI STRUTTURALI E DI CALCOLO

Dettagli

Schede tecniche e linee guida per l installazione

Schede tecniche e linee guida per l installazione Schede tecniche e linee guida per l installazione 43 Intumex RS10 - Collare tagliafuoco Generalità Intumex RS10 è un tagliafuoco per tubazioni in plastica realizzato in acciaio inossidabile vericiato a

Dettagli

Lezione. Tecnica delle Costruzioni

Lezione. Tecnica delle Costruzioni Lezione Tecnica delle Costruzioni 1 Materiali Caratteristiche dell acciaio Acciaio = lega ferro-carbonio Caratteristiche importanti: resistenza duttilità = capacità di deformarsi plasticamente senza rompersi

Dettagli

FOCUS NORMATIVO LA PROTEZIONE AL FUOCO

FOCUS NORMATIVO LA PROTEZIONE AL FUOCO 18 FOCUS NORMATIVO FOCUS NORMATIVO FOCUS NORMATIVO FOCUS NORMATIVO FOCUS NORMATIVO LA PROTEZIONE AL FUOCO LA NUOVA NORMATIVA ANTINCENDIO D.M. 16.02.2007 Classificazione di resistenza al fuoco di prodotti

Dettagli

SOLAIO A TRAVETTI TRALICCIATI PREFABBRICATI

SOLAIO A TRAVETTI TRALICCIATI PREFABBRICATI SOLAIO A TRAVETTI TRALICCIATI PREFABBRICATI Il solaio a travetti tralicciati, noto anche come solaio bausta, è costituito da travetti tralicciati e da elementi di alleggerimento in laterizio. I travetti

Dettagli

Il Cartongesso e l Edilizia Residenziale

Il Cartongesso e l Edilizia Residenziale Il Cartongesso e l Edilizia Residenziale 2 L AZIENDA Lafarge Gessi è una società del Gruppo multinazionale Lafarge, nata in seguito alla rapida crescita dei sistemi costruttivi a secco che si è registrata

Dettagli

Prevenzione Incendi L APPROCCIO PRESTAZIONALE

Prevenzione Incendi L APPROCCIO PRESTAZIONALE Prevenzione Incendi LA NUOVA NORMATIVA IN MATERIA DI RESISTENZA AL FUOCO DELLE COSTRUZIONI E DI CLASSIFICAZIONE AI FINI DELLA RESISTENZA AL FUOCO DELLE STRUTTURE L APPROCCIO PRESTAZIONALE I REQUISITI DELLE

Dettagli

INCOLLAGGIO E FISSAGGI MECCANICI

INCOLLAGGIO E FISSAGGI MECCANICI INCOLLAGGIO E FISSAGGI MECCANICI F verticale: Le forze dovute al peso proprio vengono trasportate nel supporto dal collante. F orizzontale = depressione dovuta al carico da vento F verticale = Massa (peso

Dettagli

il tecnologico sottotegola www.poron.it SISTEMI DI ISOLAMENTO TERMICO IN COPERTURA Porontek 030

il tecnologico sottotegola www.poron.it SISTEMI DI ISOLAMENTO TERMICO IN COPERTURA Porontek 030 SISTEMI DI ISOLAMENTO TERMICO IN COPERTURA DI EDVIS IL ION IZ E IA Porontek 030 il tecnologico sottotegola PANNELLO SOTTOTEGOLA per isolamento termico microventilato di coperture a falde accoppiato a lamina

Dettagli

COMPUTO METRICO EDIFICIO TIPO A UN PIANO

COMPUTO METRICO EDIFICIO TIPO A UN PIANO COMPUTO METRICO EDIFICIO TIPO A UN PIANO Designazione dei lavori parti uguali lung. largh. H/peso quantità unit. totale 1 Scavo di sbancamento eseguito con mezzi meccanici, in terreni di media consistenza

Dettagli

*COMUNE DI NOCETO * *REALIZZAZIONE IMPIANTI FOTOVOLTAICI PRESSO EDIFICI PUBBLICI* STUDIO DI FATTIBILITA IDONEITA STATICA

*COMUNE DI NOCETO * *REALIZZAZIONE IMPIANTI FOTOVOLTAICI PRESSO EDIFICI PUBBLICI* STUDIO DI FATTIBILITA IDONEITA STATICA COMUNE DI NOCETO *REALIZZAZIONE IMPIANTI FOTOVOLTAICI PRESSO STUDIO DI FATTIBILITA IDONEITA STATICA PROGETTISTA: Ing. Diego Pantano FIRMA TIMBRO PREMESSA INDICE 1. PREMESSA... 3 2. NORMATIVA TECNICA DI

Dettagli

LA PROGETTAZIONE DI STRUTTURE PREFABBRICATE SECONDO I DD.MM. 16.02.2007 09.03.2007

LA PROGETTAZIONE DI STRUTTURE PREFABBRICATE SECONDO I DD.MM. 16.02.2007 09.03.2007 CONSULTA COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO ORDINI E COLLEGI PROFESSIONI TECNICHE DEL TERRITORIO DELLA PROVINCIA DI TREVISO TREVISO incede per ignes CO N V E G N O PRESTAZIONI DEGLI EDIFICI E RESISTENZA

Dettagli

LAVORI DI ADEGUAMENTO NORMATIVO E DI EFFICIENZA ENERGETICA PROGETTO ESECUTIVO. Sez III Art. 33 DPR 5 Ottobre 2010 N. 207 e s.m.i.

LAVORI DI ADEGUAMENTO NORMATIVO E DI EFFICIENZA ENERGETICA PROGETTO ESECUTIVO. Sez III Art. 33 DPR 5 Ottobre 2010 N. 207 e s.m.i. Ingegnere BIAGIO D AMATO E03b Via I.Lodato, 9 84025 Eboli (SA) tel 339.2183301 fax 0828.330614 biagiodamato@tiscali.it LAVORI DI ADEGUAMENTO NORMATIVO E DI EFFICIENZA ENERGETICA Liceo Scientifico Statale

Dettagli

SISTEMA COSTRUTTIVO ANTISISMICO EMMEDUE

SISTEMA COSTRUTTIVO ANTISISMICO EMMEDUE SISTEMA COSTRUTTIVO ANTISISMICO EMMEDUE rev. 02 del 08/11 1. INTRODUZIONE In questo documento vengono illustrati gli elementi principali che compongono il sistema costruttivo Emmedue. Rev. 02 del 08/11

Dettagli

Costruzioni in legno: nuove prospettive

Costruzioni in legno: nuove prospettive Costruzioni in legno: nuove prospettive STRUZION Il legno come materiale da costruzione: origini e declino Il legno, grazie alla sua diffusione e alle sue proprietà, ha rappresentato per millenni il materiale

Dettagli

CATALOGO. Cabine Secondarie BASIC - MAXI

CATALOGO. Cabine Secondarie BASIC - MAXI CATALOGO Cabine Secondarie BASIC - MAXI Zanette Prefabbricati Srl 33074 Vigonovo di Fontanfredda (PN) - Via Brigata Osoppo, 190 Tel +39.0434.565026 - Fax +39.0434.565350 - E-mail: info@zanette.com Pagina

Dettagli

COMUNE DI CHIOGGIA. AMPLIAMENTO DI n.5 COLOMBARI DEL CIMITERO DI CHIOGGIA BORGO SAN GIOVANNI CON LA REALIZZAZIONEDI n.50 LOCULI E n.

COMUNE DI CHIOGGIA. AMPLIAMENTO DI n.5 COLOMBARI DEL CIMITERO DI CHIOGGIA BORGO SAN GIOVANNI CON LA REALIZZAZIONEDI n.50 LOCULI E n. COMUNE DI CHIOGGIA AMPLIAMENTO DI n.5 COLOMBARI DEL CIMITERO DI CHIOGGIA BORGO SAN GIOVANNI CON LA REALIZZAZIONEDI n.50 LOCULI E n.300 OSSARI PROGETTO ESECUTIVO PIANO DI MANUTENZIONE DELLE STRUTTURE (ELABORATO

Dettagli

Laurea in Scienze dell Ingegneria Edile Corso di Architettura Tecnica a.a. 2010/2011. 3 Maggio 2011 Ing. Aurora Valori

Laurea in Scienze dell Ingegneria Edile Corso di Architettura Tecnica a.a. 2010/2011. 3 Maggio 2011 Ing. Aurora Valori CONTROSOFFITTI Laurea in Scienze dell Ingegneria Edile Corso di Architettura Tecnica a.a. 2010/2011 Prof. Arch. Frida Bazzocchi 3 Maggio 2011 Ing. Aurora Valori UNI EN 13964:2007 Controsoffitti. e metodi

Dettagli

SICUREZZA E PRESTAZIONI ATTESE...

SICUREZZA E PRESTAZIONI ATTESE... INDICE GENERALE PREMESSA... 1 OGGETTO... 2 SICUREZZA E PRESTAZIONI ATTESE... 2.1 PRINCIPI FONDAMENTALI... 2.2 STATI LIMITE... 2.2.1 Stati Limite Ultimi (SLU)... 2.2.2 Stati Limite di Esercizio (SLE)...

Dettagli

DALLERA s.r.l. SISTEMI PER FACCIATE VENTILATE

DALLERA s.r.l. SISTEMI PER FACCIATE VENTILATE DALLERA s.r.l. SISTEMI PER FACCIATE VENTILATE SISTEMA GIOVE TIPOLOGIA SISTEMA: ANCORAGGIO NASCOSTO LAVORAZIONI SULLE LASTRE: fori sul retro TIPOLOGIA LASTRE DI RIVESTIMENTO: - lastre ceramiche, semplici

Dettagli

Resistenza al fuoco di tetti a falda in legno

Resistenza al fuoco di tetti a falda in legno Resistenza al fuoco di tetti a falda in legno Prove di comportamento al fuoco di strutture edilizia isolate con schiume poliuretaniche Protezione passiva dal rischio incendi Come è noto per la valutazione

Dettagli

a = altezza travetto b = spessore soletta superiore c = spessore totale (a+b+4+2) Rete in filo d acciaio galvanizzato Caratteristiche acciaio:

a = altezza travetto b = spessore soletta superiore c = spessore totale (a+b+4+2) Rete in filo d acciaio galvanizzato Caratteristiche acciaio: SOLAIIO CON PANNELLO SOLAIIO EMMEDUE PSSG2E Largh. travetto= 100 mm Interasse travetti= 560 mm Spessore Var. 120-320 mm SCHEDA 3..1 Gli orizzontamenti eseguiti con il pannello solaio EMMEDUE PSSG2E, realizzano

Dettagli

Azione membranale nelle strutture composte acciaio-calcestruzzo in condizioni di incendio Le nuove prove sperimentali

Azione membranale nelle strutture composte acciaio-calcestruzzo in condizioni di incendio Le nuove prove sperimentali Azione membranale nelle strutture composte acciaio-calcestruzzo in condizioni di incendio Le nuove prove Contenuto della presentazione delle nuove prove di incendio Prove di incendio in grande scala nell

Dettagli

Il Progetto unisol CARATTERISTICHE TECNICHE DEL SOLAIO unisol

Il Progetto unisol CARATTERISTICHE TECNICHE DEL SOLAIO unisol Il Progetto unisol CARATTERISTICHE TECNICHE DEL SOLAIO unisol Gianfranco Righetti ASSOUNISOL, VERONA 1 - unisol : caratteristiche e prestazioni 1.1 - Caratteristiche generali Il solaio unisol è formato

Dettagli

Modelli di dimensionamento

Modelli di dimensionamento Introduzione alla Norma SIA 266 Modelli di dimensionamento Franco Prada Studio d ing. Giani e Prada Lugano Testo di: Joseph Schwartz HTA Luzern Documentazione a pagina 19 Norma SIA 266 - Costruzioni di

Dettagli

ISOLAMENTO A CAPPOTTO

ISOLAMENTO A CAPPOTTO ISOLAMENTO A CAPPOTTO 13 aprile 2011 Via IV Novembre GRANDATE COMO tel. 031/564656 fax 031/564666 www.isolmec.com mail info@isolmec.com resp. ufficio tecnico Roberto Filippetto 339/8935863 areatecnica@isolmec.com

Dettagli

SUPALUX. versione 1.0

SUPALUX. versione 1.0 SUPALUX versione 1.0 SUPALUX PRINCIPI DI PREVENZIONE INCENDI La scienza moderna studia l incendio al pari degli altri rischi, attraverso l analisi dei dati disponibili e, soprattutto, utilizzando l arma

Dettagli

La nuova dimensione nella protezione al fuoco Fire protection

La nuova dimensione nella protezione al fuoco Fire protection FERMACELL Firepanel A1 La nuova dimensione nella protezione al fuoco Fire protection Firepanel A1 La nuova lastra incombustibile di FERMACELL La lastra FERMACELL Firepanel A1 rappresenta una novità assoluta

Dettagli

RELAZIONE STRUTTURALE

RELAZIONE STRUTTURALE RELAZIONE STRUTTURALE DESCRIZIONE DELL OPERA. Si prevede di realizzare una passerella pedonale in acciaio per l accesso secondario alla grotta. La struttura è costituita da due travi parallele in acciaio

Dettagli

Ponti termici. Correzione del ponte termico. Ponte termico privo di correzione

Ponti termici. Correzione del ponte termico. Ponte termico privo di correzione Ponti termici Le perdite di calore attraverso gli elementi strutturali di un edificio, ponti termici, possono raggiungere e superare il 20 % delle dispersioni totali e sono causa di condense interne, macchie,

Dettagli

CARATTERISTICHE TECNICHE PRODOTTI

CARATTERISTICHE TECNICHE PRODOTTI CARATTERISTICHE TECNICHE PRODOTTI LASTRE FIREGUARD 13 Utilizzo: protezioni strutturali, riqualificazioni, pareti, contropareti, controsoffitti. Descrizione: le lastre FIR G ARD 13 sono costituite da silicati

Dettagli

LEZIONE 7. PROGETTO DI STRUTTURE IN LEGNO Parte I. Modelli e criteri. Corso di TECNICA DELLE COSTRUZIONI Chiara CALDERINI A.A.

LEZIONE 7. PROGETTO DI STRUTTURE IN LEGNO Parte I. Modelli e criteri. Corso di TECNICA DELLE COSTRUZIONI Chiara CALDERINI A.A. Corso di TECNICA DELLE COSTRUZIONI Chiara CALDERINI A.A. 2007-2008 Facoltà di Architettura Università degli Studi di Genova LEZIONE 7 PROGETTO DI STRUTTURE IN LEGNO Parte I. Modelli e criteri IL MATERIALE

Dettagli

PROGRAMMA DETTAGLIATO CORSO INTEGRATO DI TECNICA DELLE COSTRUZIONI: COSTRUZIONI IN CEMENTO ARMATO E ACCIAIO

PROGRAMMA DETTAGLIATO CORSO INTEGRATO DI TECNICA DELLE COSTRUZIONI: COSTRUZIONI IN CEMENTO ARMATO E ACCIAIO PROGRAMMA DETTAGLIATO CORSO INTEGRATO DI TECNICA DELLE COSTRUZIONI: COSTRUZIONI IN CEMENTO ARMATO E ACCIAIO 1 LEZIONE COSTRUZIONI IN CEMENTO ARMATO ARGOMENTI 1. Introduzione Presentazione del corso 2.

Dettagli

LASTRE ARMATE YTONG PER SOLAI E TETTI

LASTRE ARMATE YTONG PER SOLAI E TETTI LASTRE ARMATE YTONG PER SOLAI E TETTI Le lastre Ytong, sono elementi armati autoportanti che permettono di realizzare solai e tetti di edifici residenziali, con una velocità di posa insuperabile rispetto

Dettagli

La Progettazione Strutturale degli Edifici in Acciaio

La Progettazione Strutturale degli Edifici in Acciaio La Progettazione delle per la Sicurezza in caso di Incendio La Progettazione delle per la Sicurezza in caso di Incendio Prof. ing. Claudio Bernuzzi Dipartimento di Ingegneria Strutturale Politecnico di

Dettagli

Materiali, profili prestazionali e marcatura CE

Materiali, profili prestazionali e marcatura CE CNR-DT 206/2007 il controllo delle strutture di legno Materiali, profili prestazionali e marcatura CE prof. ing. Ario Ceccotti CNR - IVALSA Università di Venezia IUAV Ario Ceccotti, IVALSA-CNR 1 Presentazione

Dettagli

Certificazione di produzione di codice di calcolo Programma CAP3

Certificazione di produzione di codice di calcolo Programma CAP3 1 Certificazione di produzione di codice di calcolo Programma CAP3 1) CARATTERISTICHE DEL CODICE Titolo programma : CAP3 - Travi precompresse ad armatura pretesa, Metodo agli stati limite. Autore : ing.

Dettagli

MESSA IN SICUREZZA DI SOLAI

MESSA IN SICUREZZA DI SOLAI MESSA IN SICUREZZA DI SOLAI IL PROBLEMA DELLO SFONDELLAMENTO DEI SOLAI Con il termine sfondellame nto dei solai si indica la rottura e il distacco delle cartelle d intradosso delle pignatte (chiamate fondelle)

Dettagli

SISTEMA BIOCLIMA SISMICO CON MURATURA ARMATA

SISTEMA BIOCLIMA SISMICO CON MURATURA ARMATA SISTEMA BIOCLIMA SISMICO CON MURATURA ARMATA Essenzialmente, l armatura offre un incremento di resistenza a trazione e a taglio nonchè, ovviamente, a flessione mentre i blocchi e la malta assorbono prevalentemente

Dettagli

LEZIONE 3. PROGETTO DI COSTRUZIONI IN ACCIAIO Parte I. Caratteristiche generali. Corso di TECNICA DELLE COSTRUZIONI Chiara CALDERINI A.A.

LEZIONE 3. PROGETTO DI COSTRUZIONI IN ACCIAIO Parte I. Caratteristiche generali. Corso di TECNICA DELLE COSTRUZIONI Chiara CALDERINI A.A. Corso di TECNICA DELLE COSTRUZIONI Chiara CALDERINI A.A. 2007-2008 Facoltà di Architettura Università degli Studi di Genova LEZIONE 3 PROGETTO DI COSTRUZIONI IN ACCIAIO Parte I. Caratteristiche generali

Dettagli

Tomasino Metalzinco s.r.l.

Tomasino Metalzinco s.r.l. Tomasino Metalzinco s.r.l. C.da Passo Barbiere z.i. 92022 Cammarata (AG) Italy Tel 0039 0922 900153 Fax 0039 0922 902597 e-mail : ufficiotecnico@metalzinco.it Web site: http://www.metalzinco.it Descrizione

Dettagli

GIUNTI STRUTTURALI 91

GIUNTI STRUTTURALI 91 90 GIUNTI STRUTTURALI 91 INTRODUZIONE Gli edifici di grandi dimensioni aventi cubature superiori ai 3000 m 3 sono generalmente costituiti da più corpi di fabbrica l uno accostato all altro, ma appaiono

Dettagli

IL D.M. 16/2/2007 E LE PRESTAZIONI DI RESISTENZA AL FUOCO DEI PRODOTTI. dott. ing. Luca Ponticelli C.N.VV.F.

IL D.M. 16/2/2007 E LE PRESTAZIONI DI RESISTENZA AL FUOCO DEI PRODOTTI. dott. ing. Luca Ponticelli C.N.VV.F. IL D.M. 16/2/07 E LE PRESTZIONI DI RESISTENZ L FUOCO DEI PRODOTTI dott. ing. Luca Ponticelli C.N.VV.F. CMPO DI PPLICZIONE Classificazione prodotti per r.a.f. Il D.M. 16/2/07 si applica ai prodotti ed agli

Dettagli

MANUALE TECNICO MURATURA ARMATA

MANUALE TECNICO MURATURA ARMATA MANUALE TECNICO MURATURA ARMATA INTRODUZIONE Il recente D.M. 14.1.2008 (N.T.C.), ha confermato ed ulteriormente migliorato le regole di progettazione per costruire in muratura armata, introdotte a livello

Dettagli

CORSO DI RECUPERO E CONSERVAZIONE DEGLI EDIFICI A.A. 2010-2011 CONSOLIDAMENTO DI SOLAI LIGNEI

CORSO DI RECUPERO E CONSERVAZIONE DEGLI EDIFICI A.A. 2010-2011 CONSOLIDAMENTO DI SOLAI LIGNEI CORSO DI RECUPERO E CONSERVAZIONE DEGLI EDIFICI A.A. 2010-2011 CONSOLIDAMENTO DI SOLAI LIGNEI CONSOLIDAMENTO DI SOLAI IN LEGNO (1) Chiodi in numero eccessivo ed allineati: soluzione scorretta. Tavole connesse

Dettagli

SISTEMA NAVI CERCOL CERCOL

SISTEMA NAVI CERCOL CERCOL Introduzione All interno di imbarcazioni, dagli yacht privati alle grandi navi da crociera, gli acciai strutturali ed inossidabili costituiscono la grande maggioranza dei sottofondi degli ambienti comuni

Dettagli

Le soluzioni tecnologiche: isolamento termico dall esterno con il sistema cappotto

Le soluzioni tecnologiche: isolamento termico dall esterno con il sistema cappotto Le soluzioni tecnologiche: isolamento termico dall esterno con il sistema cappotto Isolamento termico esterno: CAPPOTTO Il Sistema Cappotto ➀ muro esterno ➁ struttura ➂ incollaggio ➃ isolante termico ➄➅

Dettagli

Allegato S-0 - Relazione di calcolo

Allegato S-0 - Relazione di calcolo Allegato S-0 - Relazione di calcolo 1. PREMESSA 1.1 Descrizione delle opere Il nuovo progetto prevede la demolizione del precedente fabbricato, la realizzazione di quattro nuovi blocchi, comprendenti ciascuno

Dettagli

CHRYSO Flexò la tecnologia avanzata per pannelli a taglio termico

CHRYSO Flexò la tecnologia avanzata per pannelli a taglio termico la tecnologia avanzata per pannelli a taglio termico CHRYSO Flexò: la tecnologia avanzata per pannelli a taglio termico IL SISTEMA, COPERTO DA BREVETTO INTERNAZIONALE, PER OTTIMIZZARE LA PRESTAZIONE TERMICA

Dettagli

SCALA CON GRADINI PORTANTI E TRAVE A GINOCCHIO

SCALA CON GRADINI PORTANTI E TRAVE A GINOCCHIO prof. Gianmarco de Felice, arch. Lorena Sguerri SCALA CON GRADINI PORTANTI E TRAVE A GINOCCHIO Tipologie correnti di scale Progetto di gradini portanti Progetto della trave a ginocchio Esecutivi: piante,

Dettagli

Tante soluzioni certificate per il benessere ambientale.

Tante soluzioni certificate per il benessere ambientale. Tante soluzioni certificate per il benessere ambientale. Fissaggi professionali per isolanti 153 THERMOSTOP SISTEMA CON INTERRUZIONE DEL PONTE TERMICO PER FISSAGGIO SU CAPPOTTI ESTERNI Vite Thermostop

Dettagli

26 GIUGNO 2012 AULA MAGNA DELLA SCUOLA EDILE CPIPE - VIA BASILICATA, 10/12 LOCALITÀ CAMIN PADOVA

26 GIUGNO 2012 AULA MAGNA DELLA SCUOLA EDILE CPIPE - VIA BASILICATA, 10/12 LOCALITÀ CAMIN PADOVA 26 GIUGNO 2012 AULA MAGNA DELLA SCUOLA EDILE CPIPE - VIA BASILICATA, 10/12 LOCALITÀ CAMIN PADOVA 26 GIUGNO 2012 Intervento ing. Donato Chiffi Progettazione costruttiva dei dispositivi di ancoraggio e verifica

Dettagli

Parte I: Basi del progetto

Parte I: Basi del progetto XV XVII Introduzione Prefazione Parte I: Basi del progetto 3 CAP. 1 - LA CONCEZIONE STRUTTURALE 3 1.1 Carattere di una costruzione 5 1.2 La forma tecnica della costruzione in calcestruzzo armato 11 1.3

Dettagli

1 RELAZIONE TECNICA GENERALE... 1 1.1 PREMESSA... 1 1.2 NORMATIVA TECNICA DI RIFERIMENTO... 1

1 RELAZIONE TECNICA GENERALE... 1 1.1 PREMESSA... 1 1.2 NORMATIVA TECNICA DI RIFERIMENTO... 1 Sommario 1 RELAZIONE TECNICA GENERALE.... 1 1.1 PREMESSA.... 1 1.2 NORMATIVA TECNICA DI RIFERIMENTO.... 1 1.3 VITA NOMINALE, CLASSE D USO, PERIODO DI RIFERIMENTO.... 1 1.4 METODO DI VERIFICA.... 1 2 RELAZIONE

Dettagli

Spese generali 15,00 % 1,34 Utile impresa 10,00 % 0,89 Totale Materiale 11,18. M01001a MANO D'OPERA Operaio IV livello (edile) h 0,350 25,89 9,06

Spese generali 15,00 % 1,34 Utile impresa 10,00 % 0,89 Totale Materiale 11,18. M01001a MANO D'OPERA Operaio IV livello (edile) h 0,350 25,89 9,06 1 Analisi NP.01 Valvola di intercettazione a sfera per gas, di tipo diritto idonea per tutti i gas combustibili. EN 437, mop 5 norma UNI EN 331/1998 (compresa l'appendice C : resistenza per minimo 30 min.

Dettagli

NUOVA TIPOLOGIA ANTISISMICA DI EDIFICI INDUSTRIALI

NUOVA TIPOLOGIA ANTISISMICA DI EDIFICI INDUSTRIALI ARCHITETTONICO NUOVA TIPOLOGIA ANTISISMICA DI EDIFICI INDUSTRIALI STRUTTURALE Pagina 1 di 9 Sommario SOLUZIONE TIPO :... 3 VANTAGGI RISPETTO AL SISTEMA USUALE DI CAPANNONI PREFABBRICATI :... 6 SCELTA TIPOLOGIA

Dettagli

Sistemi a pavimento radiante 0541IT gennaio 2013

Sistemi a pavimento radiante 0541IT gennaio 2013 Componenti SISTEMA A PAVIMENTO RADIANTE A SECCO Descrizione Sistema a pavimento radiante in esecuzione a secco, senza l impiego di malta cementizia come strato di supporto della finitura superficiale e

Dettagli

Schöck Isokorb Tipo QP, QP-VV

Schöck Isokorb Tipo QP, QP-VV Schöck Isokorb Tipo Schöck Isokorb Tipo, -VV Schöck Isokorb Tipo (sollecitazione di taglio) Per carichi puntuali. Adatto a balconi appoggiati. Trasferisce forze di taglio positive Schöck Isokorb Tipo -VV

Dettagli

ESAD Sistema di condotte per il controllo del fumo a marchio CE Istruzioni di installazione 08/2013

ESAD Sistema di condotte per il controllo del fumo a marchio CE Istruzioni di installazione 08/2013 ESAD Sistema di condotte per il controllo del fumo a marchio CE Istruzioni di installazione 08/2013 24.10.2013 Sistema di condotte per il controllo del fumo ESAD ISTRUZIONI DI INSTALLAZIONE 1.0 Linee guida

Dettagli

GENERALITÀ La presente relazione sulle fondazioni riguarda il progetto Riqualificazione della scuola media C. Colombo in Taranto.

GENERALITÀ La presente relazione sulle fondazioni riguarda il progetto Riqualificazione della scuola media C. Colombo in Taranto. GENERALITÀ La presente relazione sulle fondazioni riguarda il progetto Riqualificazione della scuola media C. Colombo in Taranto. Il progetto prevede: la realizzazione di un nuovo intervento strutturale:

Dettagli

LAMINATI - TUBI - LAMIERE - INOX - TRAVI - FERRAMENTA

LAMINATI - TUBI - LAMIERE - INOX - TRAVI - FERRAMENTA LAMINATI - TUBI - LAMIERE - INOX - TRAVI - FERRAMENTA INDICE ACCIAIO DI USO GENERALE DA COSTRUZIONE PAG. 02 LAMINATI A CALDO PAG. 04 TRAVI PAG. 12 TUBI PAG. 26 PROFILATI APERTI PAG. 47 LAMIERE PAG. 53

Dettagli

PARETE CON PANNELLO EMMEDUE DOPPIO SCHEDA

PARETE CON PANNELLO EMMEDUE DOPPIO SCHEDA PARETE CON PANNELLO EMMEDUE DOPPIO PDM Sisttema costtrrutttti ivo a base dii parretti i porrttantti i antti isismiche SCHEDA 2..0 in i calcesttrruzzo arrmatto costti ittui itto da casserri i isoli lantti

Dettagli

Prospetto informativo Lastre Knauf

Prospetto informativo Lastre Knauf Prospetto informativo Definizione Le sono costituite da un nucleo di gesso di cui le superfici e bordi longitudinali sono rivestiti di speciale cartone perfettamente aderente. Sono prodotte in varie versioni,

Dettagli

Commessa N. VALCOSS Foglio 1 di 9 Rev A. Titolo commessa. Redatto da PTY/AAT Data Gennaio 2006

Commessa N. VALCOSS Foglio 1 di 9 Rev A. Titolo commessa. Redatto da PTY/AAT Data Gennaio 2006 Commessa N. VALCOSS Foglio di 9 Rev A P.O.Box 000, FI-0044 VTT Tel. + 58 0 7 Fax + 58 0 7 700 Esempio di progetto Travatura reticolare Redatto da PTY/AAT Data Gennaio 006 RFCS Verificato da MAP Data Febbraio

Dettagli

LEZIONI N 9, 10, 11 E 12 COSTRUZIONI DI ACCIAIO: IPOTESI DI BASE E METODI DI VERIFICA

LEZIONI N 9, 10, 11 E 12 COSTRUZIONI DI ACCIAIO: IPOTESI DI BASE E METODI DI VERIFICA LEZIONI N 9, 10, 11 E 12 COSTRUZIONI DI ACCIAIO: IPOTESI DI BASE E METODI DI VERIFICA L acciaio da carpenteria è una lega Fe-C a basso tenore di carbonio, dall 1 al 3 per mille circa. Gli acciai da costruzione

Dettagli

2. Inquadramento Legislativo e Normativo pag. 3

2. Inquadramento Legislativo e Normativo pag. 3 INDICE GENERALE: 1. Introduzione pag. 3 2. Inquadramento Legislativo e Normativo pag. 3 3. Stratigrafia del divisorio di copertura e caratteristiche tecniche dei prodotti pag. 5 4. Calcolo della trasmittanza

Dettagli

Manuale Tecnico S H PRODUCTION. Collegamento a scomparsa STH204 SOLTECH. Valori a Taglio con installazione Cemento - Legno. Ed.13

Manuale Tecnico S H PRODUCTION. Collegamento a scomparsa STH204 SOLTECH. Valori a Taglio con installazione Cemento - Legno. Ed.13 S RODUCTION Ed.13 Manuale Tecnico 1121/11 Collegamento a scomparsa ST204 1 I vantaggi di utilizzare i i collegamenti ST204 Ricerca tecnica Costruita in Acciaio 35 questo garantisce un elevato valore di

Dettagli

Documento #: Doc_a8_(9_b).doc

Documento #: Doc_a8_(9_b).doc 10.10.8 Esempi di progetti e verifiche di generiche sezioni inflesse o presso-tensoinflesse in conglomerato armato (rettangolari piene, circolari piene e circolari cave) Si riportano, di seguito, alcuni

Dettagli

Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - III AGGIORNAMENTO 12/12/2014

Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - III AGGIORNAMENTO 12/12/2014 Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - III AGGIORNAMENTO 12/12/2014 Progetto strutturale di una trave rovescia Alle travi di fondazioni

Dettagli

Materiali isolanti GEMA

Materiali isolanti GEMA Scheda Prodotto: ST11.350.05 Data ultimo agg.: 24 febbraio 2014 Materiali isolanti GEMA Classificazione 11 Materiali isolanti 11.350 Polistirolo estruso 11.350.05 Gema Indice scheda 1.0 Descrizione pagina

Dettagli

EDIFICI ESISTENTI IN MURATURA parte 5

EDIFICI ESISTENTI IN MURATURA parte 5 CORSO DI AGGIORNAMENTO SULLA NORMATIVA SISMICA DI CUI ALL ORDINANZA 3274 DEL 20 03 2003 EDIFICI ESISTENTI IN MURATURA parte 5 1 Interventi di riabilitazione di edifici esistenti in muratura in zona sismica.

Dettagli

RELAZIONE CALCOLO CARICO INCENDIO VERIFICA TABELLARE RESISTENZA AL FUOCO **** **** **** D.M. Interno 09 Marzo 2007 D.M. 16 Febbraio 2007 L.C.

RELAZIONE CALCOLO CARICO INCENDIO VERIFICA TABELLARE RESISTENZA AL FUOCO **** **** **** D.M. Interno 09 Marzo 2007 D.M. 16 Febbraio 2007 L.C. RELAZIONE CALCOLO CARICO INCENDIO VERIFICA TABELLARE RESISTENZA AL FUOCO **** **** **** D.M. Interno 09 Marzo 2007 D.M. 16 Febbraio 2007 L.C. 15/02/2008 L.C. 28/03/2008 GENERALITA' COMPARTIMENTI La presente

Dettagli

www.ferracingroup.it Toti

www.ferracingroup.it Toti www.ferracingroup.it Toti Toti TOTI è un cassero a perdere in polipropilene riciclato utilizzato come elemento modulare per la realizzazione di platee di fondazione e solai mono/bidirezionali in calcestruzzo

Dettagli

Schöck Isokorb tipo ABXT

Schöck Isokorb tipo ABXT Schöck Isokorb tipo Schöck Isokorb tipo Schöck Isokorb tipo Adatto per attici e parapetti. Trasferisce momenti, forze di taglio e forze normali. 145 Schöck Isokorb tipo Disposizione degli elementi Sezioni

Dettagli

ELENCO SCHEDE TECNICHE

ELENCO SCHEDE TECNICHE ELENCO SCHEDE TECNICHE 1A / 1B) Palina semaforica L= 3600 2A / 2B) Palina semaforica L= 4500 3A / 3B) Palina semaforica L= 3600 con piastra 4A / 4B) Bussola per palina 5A / 5B) Palo a sbraccio con aggetto

Dettagli

RAPPORTO DI VALUTAZIONE n 11-U-597 B

RAPPORTO DI VALUTAZIONE n 11-U-597 B TRADUZIONE dal testo originale in lingua inglese PROVE DI RESISTENZA AL FUOCO DI ELEMENTI COSTRUTTIVI Secondo l Allegato H della EN 13381-4 RAPPORTO DI VALUTAZIONE n 11-U-597 B Rapporti di prova di riferimento:

Dettagli

Il PANNELLO A TAGLIO TERMICO

Il PANNELLO A TAGLIO TERMICO Il PANNELLO A TAGLIO TERMICO Le normative sul risparmio energetico prevedono, tra l altro, che gli elementi di tamponamento esterni degli edifici siano dotati di prefissate caratteristiche di isolamento

Dettagli

SISTEMI RADIANTI PARETE E SOFFITTO DRY CLIMA

SISTEMI RADIANTI PARETE E SOFFITTO DRY CLIMA SISTEMI RADIANTI PARETE E SOFFITTO DRY CLIMA DryClima 1. Profilo seconda orditura 2. Raccordo a T 20/10/10 ad innesto rapido 3. Tubo tondo diametro 20x2 mm multistrato preisolato 6 mm 4. Tubo Pe-x 8-10

Dettagli

DomoKap Il sistema termoisolante a cappotto

DomoKap Il sistema termoisolante a cappotto DomoKap Il sistema termoisolante a cappotto Flessibile Semplice da posare Resistente Delta Servizi S.a.s. Sistema termoisolante a cappotto DomoKap Delta Servizi S.a.S Settore Edilizia presenta un sistema

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria Civile Solaio Dott. Ing. Simone Beccarini Email: sbeccarini@hotmail.it INDICE: Il solaio: generalità Tipologie di solai Il solaio latero-cementizio:

Dettagli

Indice. Organizzazione dei lavori. Realizzazione delle murature perimetrali dell ampliamento. Realizzazione delle murature divisorie dell ampliamento

Indice. Organizzazione dei lavori. Realizzazione delle murature perimetrali dell ampliamento. Realizzazione delle murature divisorie dell ampliamento Indice Organizzazione dei lavori Realizzazione delle murature perimetrali dell ampliamento Realizzazione delle murature divisorie dell ampliamento Realizzazione delle rampe esterne di accesso al Centro

Dettagli