Prot. 50/2013 Roma, 14 ottobre OGGETTO: Etichettatura prodotti alimentari. Reg. Ue n. 1169/

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Prot. 50/2013 Roma, 14 ottobre 2013. OGGETTO: Etichettatura prodotti alimentari. Reg. Ue n. 1169/2011. -"

Transcript

1 Prot. 50/2013 Roma, 14 ottobre 2013 ALLE ORGANIZZAZIONI PROVINCIALI DEI PANIFICATORI L O R O S E D I OGGETTO: Etichettatura prodotti alimentari. Reg. Ue n. 1169/ Con la pubblicazione del Regolamento UE N. 1169/2011 avvenuta sulla Gazzetta Ufficiale UE del 22 novembre 2011 il quadro normativo che disciplina l etichettatura e la presentazione dei prodotti alimentari negli Stati che compongono l Unione è stato profondamente innovato. Infatti, al fine garantire ai consumatori una più adeguata informazione sugli alimenti che consumano armonizzando più efficacemente le legislazioni dei Paesi membri, il nuovo Regolamento oltre a introdurre modifiche in materia di etichettatura nutrizionale (Reg. CE 1924/2006) ha abrogato alcune precedenti direttive concernenti l etichettatura e presentazione dei prodotti alimentari (Direttive 87/250/CE, 1999/10/CE, 2000/13/CE, 2002/67/CE, 2008/5/CE, Reg. CE 608/2004). Per fare chiarezza nel complesso sistema di disposizioni che costituiscono l attuale quadro di riferimento della normativa in materia di pubblicità dei prodotti alimentari a seguito dell adozione del predetto Regolamento, alleghiamo un qualificato commento del consulente federale Avv. Luca Mazzeo. E importante precisare che, entrato in vigore il ventesimo giorno successivo alla data di pubblicazione, il Regolamento n. 1169/2011 troverà applicazione dal 13 dicembre 2014, ad eccezione del requisito della dichiarazione nutrizionale (articolo 9, paragrafo 1, lettera l), che diventerà obbligatoria con decorrenza 13 dicembre Solo per la designazione delle carni macinate (allegato VI, parte B), il Regolamento si applica a decorrere dal 1 gennaio Cordiali saluti FEDERAZIONE ITALIANA PANIFICATORI f.to (dott. Claudio Fierro) 1

2 IL REGOLAMENTO UE n. 1169/2011 LA FORNITURA DI INFORMAZIONI SUGLI ALIMENTI AI CONSUMATORI: Le indicazioni obbligatorie, tra cui la dichiarazione nutrizionale. Il Regolamento si applica: QUADRO GENERALE DI SINTESI =I= AMBITO DI APPLICAZIONE dal punto di vista soggettivo, agli operatori del settore alimentare 1 in tutte le fasi della catena alimentare quando le loro attività riguardano la fornitura di informazioni sugli alimenti 2 ai consumatori (art. 1, comma 2); a tutti gli alimenti destinati al consumatore finale 3, compresi quelli forniti dalle collettività e quelli destinati alla fornitura delle collettività 4 (art. 1, comma 3) (rientrano nell ambito di applicazione, quindi, i pubblici esercizi, le mense, i catering, mentre non vi rientrano la manipolazione e la consegna di alimenti, il servizio di pasti e la vendita di alimenti da parte di privati in occasione, per esempio, di vendite di beneficenza, fiere o riunioni locali); ai servizi di ristorazione forniti da imprese di trasporto quando il luogo di partenza si trovi nel territorio di Stati membri cui si applica il trattato (art. 1, comma 3). dal punto di vista oggettivo, ai prodotti alimentari preconfezionati (preimballati, per utilizzare la dizione utilizzata dal legislatore europeo) 5, intendendosi per prodotto alimentare 1 Si intende per «operatore del settore alimentare», la persona fisica o giuridica responsabile di garantire il rispetto delle disposizioni della legislazione alimentare nell'impresa alimentare posta sotto il suo controllo. 2 per «informazioni sugli alimenti» si intendono le informazioni concernenti un alimento e messe a disposizione del consumatore finale mediante un etichetta, altri materiali di accompagnamento o qualunque altro mezzo, compresi gli strumenti della tecnologia moderna o la comunicazione verbale; mentre per «informazioni obbligatorie sugli alimenti» si intendono le indicazioni che le disposizioni dell Unione impongono di fornire al consumatore finale. 3 per «consumatore finale» si intende il consumatore finale di un prodotto alimentare che non utilizzi tale prodotto nell'ambito di un'operazione o attività di un'impresa del settore alimentare 4 per «collettività» si intende qualunque struttura (compreso un veicolo o un banco di vendita fisso o mobile), come ristoranti, mense, scuole, ospedali e imprese di ristorazione in cui, nel quadro di un attività imprenditoriale, sono preparati alimenti destinati al consumo immediato da parte del consumatore finale 2

3 preconfezionato l unità di vendita destinata ad essere presentata come tale al consumatore e alle collettività. Essa è costituita da un prodotto alimentare e dall imballaggio in cui è stato immesso prima di essere posto in vendita, avvolta interamente o in parte da tale imballaggio, ma comunque in modo che il contenuto non possa essere modificato senza che la confezione sia aperta o alterata (art. 1, c. 2, lett. b). agli alimenti venduti a distanza, ossia gli alimenti preimballati messi in vendita mediante tecniche di comunicazione a distanza (art. 14). * La definizione di alimento preimballato non comprende: = gli alimenti imballati nei luoghi di vendita su richiesta del consumatore; = gli alimenti preimballati per la vendita diretta. Per questi ultimi alimenti si applica l art. 44 di cui si dirà in appresso. =II= FINALITA Ai sensi dell art. 4, finalità del Regolamento è quella di fornire informazioni sugli alimenti per raggiungere un livello elevato di protezione della salute e degli interessi dei consumatori; informazioni che diano ai consumatori finali le basi per effettuare delle scelte consapevoli e per utilizzare gli alimenti in modo sicuro, nel rispetto in particolare di considerazioni sanitarie, economiche, ambientali, sociali ed etiche. La normativa, quindi, intende stabilire nell Unione le condizioni per la libera circolazione degli alimenti legalmente prodotti e commercializzati tenuto conto, ove opportuno, della necessità di proteggere gli interessi legittimi dei produttori e di promuovere la fabbricazione di prodotti di qualità, aumentando la chiarezza delle etichette e modernizzandole allo scopo di tenere conto dei nuovi sviluppi nel settore delle informazioni sugli alimenti. =III= ENTRATA IN VIGORE Le disposizioni previste dal Regolamento sono entrate in vigore il ventesimo giorno successivo alla sua pubblicazione (avvenuta il 22 novembre 2011), ma i soggetti preposti all etichettatura dei prodotti alimentari possono usufruire di un periodo transitorio di tre anni per adeguarsi. 5 per «alimento» (o «prodotto alimentare», o «derrata alimentare») qualsiasi sostanza o prodotto trasformato, parzialmente trasformato o non trasformato, destinato ad essere ingerito, o di cui si prevede ragionevolmente che possa essere ingerito, da esseri umani. 3

4 La Commissione stabilisce un periodo transitorio appropriato per l applicazione delle nuove misure, durante il quale gli alimenti la cui etichetta non è conforme alle nuove misure possono essere immessi sul mercato e dopo il quale gli stock dei suddetti alimenti immessi sul mercato prima della scadenza del periodo transitorio possono continuare a essere venduti sino a esaurimento. Tali misure si applicano a decorrere dal 1 aprile di ogni anno, ma non nei casi di emergenza quando lo scopo delle misure ivi previste è la protezione della salute umana. Gli alimenti immessi sul mercato o etichettati prima del 1 gennaio 2014 che non soddisfano i requisiti stabiliti all allegato VI, parte B - requisiti specifici relativi alla designazione delle carni macinate - possono essere commercializzati fino all esaurimento delle scorte, mentre gli alimenti etichettati in conformità a tale allegato possono essere immessi sul mercato prima del 1 gennaio Gli alimenti immessi sul mercato o etichettati prima del 13 dicembre 2014 che non soddisfano i requisiti del presente regolamento possono essere commercializzati fino all esaurimento delle scorte Gli alimenti immessi sul mercato o etichettati prima del 13 dicembre 2016 che non soddisfano il requisito stabilito all art. 9, par. 1, lett. l, - dichiarazione nutrizionale - possono essere commercializzati fino all esaurimento delle scorte. Tra il 13 dicembre 2014 e il 13 dicembre 2016, la dichiarazione nutrizionale, se è fornita su base volontaria, deve essere conforme agli articoli da 30 a 35 del Regolamento. TEMPISTICA DI APPLICAZIONE RELATIVA ALL ETICHETTATURA NUTRIZIONALE applicazione Fino al 12 dicembre 2014 Volontaria Dal 13 dicembre 2014 al 12 dicembre 2016 Volontaria, ma conforme agli artt. da 30 a 35 Dal 13 dicembre 2016 Obbligatoria =IV= ELENCO DELLE INDICAZIONI OBBLIGATORIE Secondo l art. 9 del Regolamento, per i prodotti alimentari preimballati, sono obbligatorie le seguenti indicazioni: 4

5 a) la denominazione dell alimento; b) l elenco degli ingredienti; c) qualsiasi ingrediente o coadiuvante tecnologico elencato nell allegato II o derivato da una sostanza o un prodotto elencato in detto allegato che provochi allergie o intolleranze 6 usato nella fabbricazione o nella preparazione di un alimento e ancora presente nel prodotto finito, anche se in forma alterata; d) la quantità di taluni ingredienti o categorie di ingredienti; e) la quantità netta dell alimento; f) il termine minimo di conservazione o la data di scadenza; g) le condizioni particolari di conservazione e/o le condizioni d impiego; h) il nome o la ragione sociale e l indirizzo dell operatore del settore alimentare; i) il paese d origine o il luogo di provenienza; j) le istruzioni per l uso, per i casi in cui la loro omissione renderebbe difficile un uso adeguato dell alimento; k) per le bevande che contengono più di 1,2 % di alcol in volume, il titolo alcolometrico volumico effettivo; l) una dichiarazione nutrizionale. =V= ETICHETTATURA PER I PRODOTTI NON PREIMBALLATI 6 Secondo l Allegato II del regolamento le sostanze o prodotti che provocano allergie o intolleranze sono: 1. Cereali contenenti glutine, cioè: grano, segale, orzo, avena, farro, kamut o i loro ceppi ibridati e prodotti derivati, tranne: a) sciroppi di glucosio a base di grano, incluso destrosio; b) maltodestrine a base di grano; c) sciroppi di glucosio a base di orzo; d) cereali utilizzati per la fabbricazione di distillati alcolici, incluso l alcol etilico di origine agricola. 2. Crostacei e prodotti a base di crostacei. 3. Uova e prodotti a base di uova. 4. Pesce e prodotti a base di pesce, tranne: a) gelatina di pesce utilizzata come supporto per preparati di vitamine o carotenoidi; b) gelatina o colla di pesce utilizzata come chiarificante nella birra e nel vino. 5. Arachidi e prodotti a base di arachidi. 6. Soia e prodotti a base di soia, tranne: a) olio e grasso di soia raffinato ( 1 ); b) tocoferoli misti naturali (E306), tocoferolo D-alfa naturale, tocoferolo acetato D-alfa naturale, tocoferolo succinato D-alfa naturale a base di soia; c) oli vegetali derivati da fitosteroli e fitosteroli esteri a base di soia; d) estere di stanolo vegetale prodotto da steroli di olio vegetale a base di soia. 7. Latte e prodotti a base di latte (incluso lattosio), tranne: a) siero di latte utilizzato per la fabbricazione di distillati alcolici, incluso l alcol etilico di origine agricola; b) lattiolo. 8. Frutta a guscio, vale a dire: mandorle (Amygdalus communis L.), nocciole (Corylus avellana), noci (Juglans regia), noci di acagiù (Anacardium occidentale), noci di pecan [Carya illinoinensis (Wangenh.) K. Koch], noci del Brasile (Bertholletia excelsa), pistacchi (Pistacia vera), noci macadamia o noci del Queensland (Macadamia ternifolia), e i loro prodotti, tranne per la frutta a guscio utilizzata per la fabbricazione di distillati alcolici, incluso l alcol etilico di origine agricola. 9. Sedano e prodotti a base di sedano. 10. Senape e prodotti a base di senape. 11. Semi di sesamo e prodotti a base di semi di sesamo. 12. Anidride solforosa e solfiti in concentrazioni superiori a 10 mg/kg o 10 mg/litro in termini di SO 2 totale da calcolarsi per i prodotti così come proposti pronti al consumo o ricostituiti conformemente alle istruzioni dei fabbricanti. 13. Lupini e prodotti a base di lupini. 14. Molluschi e prodotti a base di molluschi 5

6 Come sopra anticipato, il Regolamento, all art. 44, disciplina le disposizioni nazionali per gli alimenti non preimballati. Qualora gli alimenti siano offerti in vendita al consumatore finale o alle collettività senza preimballaggio, oppure siano imballati sui luoghi di vendita su richiesta del consumatore, o preimballati per la vendita diretta: è obbligatoria la fornitura dell indicazione di qualsiasi ingrediente o coadiuvante tecnologico elencato nell allegato II o derivato da una sostanza o un prodotto elencato in detto allegato che provochi allergie o intolleranze usato nella fabbricazione o nella preparazione di un alimento e ancora presente nel prodotto finito, anche se in forma alterata; non è obbligatoria la fornitura di altre indicazioni di cui agli articoli 9 e 10, a meno che gli Stati membri adottino disposizioni nazionali che richiedono la fornitura, parziale o totale, di tali indicazioni o loro elementi. =VI= ALIMENTI AI QUALI NON SI APPLICA L OBBLIGO DELLA DICHIARAZIONE NUTRIZIONALE Come visto, sarà obbligatoria, a partire dal 13 dicembre 2016, anche una dichiarazione nutrizionale, da predisporsi ai sensi degli artt. da 30 a 35, salvo che per i seguenti alimenti (Allegato V): 1. I prodotti non trasformati che comprendono un solo ingrediente o una sola categoria di ingredienti; 2. i prodotti trasformati che sono stati sottoposti unicamente a maturazione e che comprendono un solo ingrediente o una sola categoria di ingredienti; 3. le acque destinate al consumo umano, comprese quelle che contengono come soli ingredienti aggiunti anidride carbonica e/o aromi; 4. le piante aromatiche, le spezie o le loro miscele; 5. il sale e i succedanei del sale; 6. gli edulcoranti da tavola; 7. i prodotti contemplati dalla direttiva 1999/4/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 22 febbraio 1999, relativa agli estratti di caffè e agli estratti di cicoria ( 1 ), i chicchi di caffè interi o macinati e i chicchi di caffè decaffeinati interi o macinati; 8. le infusioni a base di erbe e di frutta, i tè, tè decaffeinati, tè istantanei o solubili o estratti di tè, tè istantanei o solubili o estratti di tè decaffeinati, senza altri ingredienti aggiunti tranne aromi che non modificano il valore nutrizionale del tè; 6

7 9. gli aceti di fermentazione e i loro succedanei, compresi quelli i cui soli ingredienti aggiunti sono aromi; 10. gli aromi; 11. gli additivi alimentari; 12. i coadiuvanti tecnologici; 13. gli enzimi alimentari; 14. la gelatina; 15. i composti di gelificazione per marmellate; 16. i lieviti; 17. le gomme da masticare; 18. gli alimenti confezionati in imballaggi o contenitori la cui superficie maggiore misura meno di 25 cm 2 ; 19. gli alimenti, anche confezionati in maniera artigianale, forniti direttamente dal fabbricante di piccole quantità di prodotti al consumatore finale o a strutture locali di vendita al dettaglio che forniscono direttamente al consumatore. =VII= CONFRONTO TRA NORMATIVA NAZIONALE E NORMATIVA EUROPEA PER I PRODOTTI ALIMENTARI PRECONFEZIONATI Indicazioni obbligatorie nelle etichette: D.lgs. 109/1992 Regolamento UE 1169/2011 La denominazione di vendita La denominazione dell alimento L elenco degli ingredienti L elenco degli ingredienti / Qualsiasi ingrediente o coadiuvante tecnologico elencato nell allegato II o derivato da una sostanza o un prodotto elencato in detto allegato che provochi allergie o intolleranze usato nella fabbricazione o nella preparazione di un alimento e ancora presente nel prodotto finito, anche se in forma alterata 7

8 La quantità netta o nel caso di prodotti preconfezionati in quantità unitarie costanti, la quantità nominale Il termine minimo di conservazione o, nel caso di prodotti molto deperibili dal punto di vista microbiologico, la data di scadenza Il nome o la ragione sociale o il marchio depositato e la sede o del fabbricante o del confezionatore o di un venditore stabilito nella Comunità economica europea (oggi Unione europea) La sede dello stabilimento di produzione o di confezionamento Il titolo alcolometrico volumico effettivo per le bevande aventi un contenuto alcolico superiore a 1,2% in volume Una dicitura che consenta di identificare il lotto di appartenenza del prodotto Le modalità di conservazione e di utilizzazione qualora sia necessaria l adozione di particolari accorgimenti in funzione della natura del prodotto Le istruzioni per l uso, ove necessario La quantità netta dell alimento Il termine minimo di conservazione o la data di scadenza Il nome o la ragione sociale e l indirizzo dell operatore del settore alimentare di cui all articolo 8, paragrafo 1 / Per le bevande che contengono più di 1,2 % di alcol in volume, il titolo alcolometrico volumico effettivo / Le condizioni particolari di conservazione e/o le condizioni d impiego Le istruzioni per l uso, per i casi in cui la loro omissione renderebbe difficile un uso adeguato dell alimento Il luogo di origine o di provenienza, nel caso in cui l omissione possa indurre in errore l acquirente circa l origine o la provenienza del prodotto La quantità di taluni ingredienti o categorie di ingredienti come previsto all art. 8 Il paese d origine o il luogo di provenienza ove previsto all articolo 26 La quantità di taluni ingredienti o categorie di ingredienti / La dichiarazione nutrizionale 8

9 Il D.Lgs. n. 109/1992 rimane in vigore per quanto non specificamente disciplinato dal Regolamento n. 1169/2011, trattandosi di normativa nazionale. Ad esempio, qualora il prodotto venga commercializzato in Italia, nell etichetta dovrà sempre inserirsi la dicitura relativa al lotto di appartenenza del prodotto, in quanto il D.Lgs. n. 109/92 richiede ulteriori - e più specifiche - prescrizioni. Tanto si verifica, ad esempio, per i prodotti venduti sfusi, per i quali continua ad applicarsi la disciplina nazionale di cui all art. 16 del D.lgs. 109/1992 (che prescrive i comportamenti che devono essere tenuti dai venditori al dettaglio o dagli artigiani). Questi prodotti devono essere muniti di un apposito cartello, applicato ai recipienti che li contengono oppure apposto nei comparti in cui sono esposti. Le indicazioni obbligatorie che devono essere riportate su tale cartello sono: 1. la denominazione di vendita 2. l elenco degli ingredienti salvo i casi di esenzione 3. le modalità di conservazione per i prodotti alimentari rapidamente deperibili, ove necessario 4. la data di scadenza per le paste fresche e le paste fresche con ripieno di cui al Dpr 187/ il titolo alcolometrico volumico effettivo per le bevande con contenuto alcolico superiore a 1,2% in volume 6. la percentuale di glassatura, considerata tara, per i prodotti congelati glassati. Il Decreto del Ministero dell Industria del Commercio e dell Artigianato del 20 dicembre 1994 ha individuato degli schemi di realizzazione riguardanti il cartello unico, per quanto attiene alla lista degli ingredienti dei prodotti della gelateria, della pasticceria, della panetteria e della gastronomia. Sono previste specifiche disposizioni con riferimento: alle acque idonee al consumo umano non preconfezionate e somministrate sfuse nelle collettività (ristoranti, mense, pizzerie ecc.) e in altri esercizi pubblici. Esse devono riportare, ove trattate, la specifica denominazione di vendita acqua 74 potabile trattata o acqua potabile trattata e gassata se è stata addizionata di anidride carbonica; ai prodotti dolciari preconfezionati, ma destinati ad essere venduti a pezzo o alla rinfusa, generalmente destinati al consumo subito dopo l acquisto. Essi possono riportare le indicazioni solamente sul cartello o sul contenitore, purché in modo da essere facilmente visibili e leggibili dall acquirente. 9

ELENCO A : SOSTANZE O PRODOTTI CHE PROVOCANO ALLERGIE ED INTOLLERANZE (Reg. Ue 1169/2011)

ELENCO A : SOSTANZE O PRODOTTI CHE PROVOCANO ALLERGIE ED INTOLLERANZE (Reg. Ue 1169/2011) ELENCO A : SOSTANZE O PRODOTTI CHE PROVOCA ALLERGIE ED INTOLLERANZE (Reg. Ue 1169/2011) Glutine:!! Cereali contenenti glutine,, cioè: grano, segale, orzo, avena, farro, kamut o i loro ceppi!!!! ibridati

Dettagli

Reg. (UE) 1169/2011 Le nuove norme sull etichettatura. Roma 18 dicembre 2014

Reg. (UE) 1169/2011 Le nuove norme sull etichettatura. Roma 18 dicembre 2014 Reg. (UE) 1169/2011 Le nuove norme sull etichettatura Roma 18 dicembre 2014 Il Nuovo Regolamento Regolamento (UE) n. 1169/2011 del Parlamento europeo e del Consiglio relativo alla fornitura di informazioni

Dettagli

Unione CNA Alimentare Modena, 6 novembre 2014 Prot. n. 38/2014 Raggruppamento di interesse CNA.COM Prot. n. 50/2014

Unione CNA Alimentare Modena, 6 novembre 2014 Prot. n. 38/2014 Raggruppamento di interesse CNA.COM Prot. n. 50/2014 Unione CNA Alimentare Modena, 6 novembre 2014 Prot. n. 38/2014 Raggruppamento di interesse CNA.COM Prot. n. 50/2014 - ALLE IMPRESE ALIMENTARI IN INDIRIZZO e p.c. - Ai Direttori di filiale - Agli Uffici

Dettagli

Gli allergeni alimentari: strumenti e soluzioni per il punto vendita

Gli allergeni alimentari: strumenti e soluzioni per il punto vendita Gli allergeni alimentari: strumenti e soluzioni per il punto vendita Le novità introdotte I punti chiave Il Regolamento UE 1169/2011 relativo alla fornitura di informazioni sugli alimenti ai consumatori

Dettagli

Nuova normativa sull etichettatura Reg. UE 1169/2011. SAN SEVERO, 4 Novembre 2015 Dott.ssa Ersilia Arace Tecnologo Alimentare

Nuova normativa sull etichettatura Reg. UE 1169/2011. SAN SEVERO, 4 Novembre 2015 Dott.ssa Ersilia Arace Tecnologo Alimentare Nuova normativa sull etichettatura Reg. UE 1169/2011 SAN SEVERO, 4 Novembre 2015 Dott.ssa Ersilia Arace Tecnologo Alimentare Informazioni sugli alimenti ai consumatori: - Modifica: Regolamenti (CE) n.

Dettagli

25 Febbraio 2014. Dr.ssa Simona Corti. Tecnologo Alimentare

25 Febbraio 2014. Dr.ssa Simona Corti. Tecnologo Alimentare Etichettatura e presentazione dei prodotti alimentari: il Regolamento CEE 1169/2011. L etichetta delle carni macinate, gli allergeni e la tabella nutrizionale. 25 Febbraio 2014 Dr.ssa Simona Corti Tecnologo

Dettagli

L etichettatura dei prodotti alimentari: la normativa europea (REG UE n. 1169/11 ) Paola Rebufatti

L etichettatura dei prodotti alimentari: la normativa europea (REG UE n. 1169/11 ) Paola Rebufatti L etichettatura dei prodotti alimentari: la normativa europea (REG UE n. 1169/11 ) Paola Rebufatti REGOLAMENTO UE 1169/2011 In vigore dal 13/12/2011 In applicazione dal 13/12/2014 In applicazione dal 01/01/2014

Dettagli

Presentazione delle informazioni obbligatorie

Presentazione delle informazioni obbligatorie Le principali novità sul Regolamento (UE) 1169/2011 e raffronto tra la normativa nazionale e la normativa Ue Prof.ssa Erica Varese Dipartimento di Scienze Merceologiche Università degli Studi di Torino

Dettagli

Circolare N. 43 del 20 Marzo 2015

Circolare N. 43 del 20 Marzo 2015 Circolare N. 43 del 20 Marzo 2015 Etichettature alimentari- le sanzioni sugli errori dopo le modifiche del regolamento UE n. 1169/2011 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che recentemente

Dettagli

LA GESTIONE DEGLI ALLERGENI IN AUTOCONTROLLO. 9 Novembre 2012 Leggio Katia

LA GESTIONE DEGLI ALLERGENI IN AUTOCONTROLLO. 9 Novembre 2012 Leggio Katia LA GESTIONE DEGLI ALLERGENI IN AUTOCONTROLLO 9 Novembre 2012 Leggio Katia ATTIVITÀ ANALISI CONSULENZA FORMAZIONE - CONSULENZA AZIENDE ALIMENTARI (laboratori artigianali, piccole-medie imprese) - AUDIT

Dettagli

L etichettatura dei prodotti alimentari: la normativa europea (REG UE n. 1169/11 ) Paola Rebufatti

L etichettatura dei prodotti alimentari: la normativa europea (REG UE n. 1169/11 ) Paola Rebufatti L etichettatura dei prodotti alimentari: la normativa europea (REG UE n. 1169/11 ) Paola Rebufatti REGOLAMENTO UE 1169/2011 In vigore dal 13/12/2011 In applicazione dal 13/12/2014 In applicazione dal 01/01/2014

Dettagli

Allegato A. a)segnalazione di ingredienti allergenici. b) segnalazione di assenza di specifici allergeni,

Allegato A. a)segnalazione di ingredienti allergenici. b) segnalazione di assenza di specifici allergeni, Allegato A Indirizzi regionali per le imprese alimentari che producono e somministrano e/o vendono alimenti non confezionati, con ingredienti allergenici o privi di specifici allergeni, destinati direttamente

Dettagli

L etichetta come. scelta informata. Paola Rebufatti Laboratorio Chimico Camera di Commercio Torino. Pavia, 4 febbraio 2015

L etichetta come. scelta informata. Paola Rebufatti Laboratorio Chimico Camera di Commercio Torino. Pavia, 4 febbraio 2015 L etichetta come strumento per una scelta informata Paola Rebufatti Laboratorio Chimico Camera di Commercio Torino Pavia, 4 febbraio 2015 ETICHETTATURA qualunque menzione, indicazione, marchio di fabbrica

Dettagli

L ETICHETTATURA DEI PRODOTTI ALIMENTARI. TORINO 26 maggio 2009

L ETICHETTATURA DEI PRODOTTI ALIMENTARI. TORINO 26 maggio 2009 L ETICHETTATURA DEI PRODOTTI ALIMENTARI TORINO 26 maggio 2009 A cosa serve l etichettatura? l l insieme di tutte le indicazioni fornite all acquirente, necessarie al fine di consentire l acquisto con piena

Dettagli

PRODOTTI PRECONFEZIONATI Elenco delle indicazioni dei prodotti preconfezionati

PRODOTTI PRECONFEZIONATI Elenco delle indicazioni dei prodotti preconfezionati Rif Normativo Decr. L.vo 27.1.92 n. 109 Art. 2 ETICHETTATURA E PRESENTAZIONE DEI PRODOTTI ALIMENTARI a) non indurre in errore l'acquirente sulle caratteristiche del prodotto alimentare e precisamente sulla

Dettagli

CIOCCO ELITE Preparato per bevanda calda al gusto Cioccolata amaretto senza zuccheri aggiunti con edulcoranti

CIOCCO ELITE Preparato per bevanda calda al gusto Cioccolata amaretto senza zuccheri aggiunti con edulcoranti Mira (VE) CIOCCO ELITE Preparato per bevanda calda al gusto Cioccolata amaretto senza zuccheri aggiunti con edulcoranti Revisione n : 00 Art. CI43 Data: 01/08/2011 DESCRIZIONE GENERALE DEL PRODOTTO Preparato

Dettagli

LATTE IN POLVERE DI PROSEGUIMENTO MELLIN 2 POLVERE

LATTE IN POLVERE DI PROSEGUIMENTO MELLIN 2 POLVERE SCHEDA TECNICA LATTE IN POLVERE DI PROSEGUIMENTO MELLIN 2 POLVERE Codice SL62010024 DESCRIZIONE Il latte Mellin 2 latte in polvere di proseguimento da 1200 g è da utilizzare nei lattanti dopo il 6 mese

Dettagli

Pancetta arrotolata senza cotenna

Pancetta arrotolata senza cotenna Scheda tecnica Pancetta arrotolata senza cotenna Prodotto a marchio: Descrizione prodotto: Salumificio Bonalumi snc Prodotto ottenuto dal pannicolo adiposo della parte ventrale della mezzena suina (pancetta),

Dettagli

Vademecum etichettatura. Vademecum. etichettatura alimenti

Vademecum etichettatura. Vademecum. etichettatura alimenti Vademecum Vademecum etichettatura etichettatura alimenti alimenti Introduzione Gli interventi europei sull etichettatura degli alimenti hanno attraversato diverse fasi che rispecchiano gli orientamenti

Dettagli

COSA SI INTENDE PER ETICHETTATURA

COSA SI INTENDE PER ETICHETTATURA COSA SI INTENDE PER ETICHETTATURA Qualunque menzione, indicazione, marchio di fabbrica o commerciale, immagine o simbolo che si riferisce all alimento e che figura direttamente sull imballaggio o su un

Dettagli

VERONA 19 GIUGNO 2014 BENINI DR NICOLA SERVIZIO VETERINARIO ULSS 20 VERONA ETICHETTATURA PRODOTTI DERIVATI DEL LATTE

VERONA 19 GIUGNO 2014 BENINI DR NICOLA SERVIZIO VETERINARIO ULSS 20 VERONA ETICHETTATURA PRODOTTI DERIVATI DEL LATTE VERONA 19 GIUGNO 2014 BENINI DR NICOLA SERVIZIO VETERINARIO ULSS 20 VERONA ETICHETTATURA PRODOTTI DERIVATI DEL LATTE ULSS20 9 CASEIFICI CE RICONOSCIUTI 1 CASEIFICIO CE AZ. RICONOSCIUTO 16 CASEIFICI AZIENDALI

Dettagli

NoProtein - Rm. Semplicità, personalizzazione e garanzia di un ottimo prodotto finito sono le sue caratteristiche salienti.

NoProtein - Rm. Semplicità, personalizzazione e garanzia di un ottimo prodotto finito sono le sue caratteristiche salienti. Pagina 1 di 5 CODICE PRODOTTO: 2009 CARATTERISTICHE: è un preparato per la produzione di prodotti da for in generale senza glutine. Semplicità, personalizzazione e garanzia di un ottimo prodotto finito

Dettagli

Il Reg. 1169/2011. Cosa cambia con la sua applicazione. Ferrara, 24 marzo 2015. Stefano Zaghi

Il Reg. 1169/2011. Cosa cambia con la sua applicazione. Ferrara, 24 marzo 2015. Stefano Zaghi Dipartimento di Sanità Pubblica Programma di Sicurezza Alimentare dott.a Chiara Berardelli Il Reg. 1169/2011 Regolamento FIAC Fornitura di Informazioni sugli Alimenti ai Consumatori Cosa cambia con la

Dettagli

Dott. Balsotti Francesco Dott. Tecnico della prevenzione Geometra SICUREZZA E SALUTE NELL AMBIENTE E NEI LUOGHI DI LAVORO

Dott. Balsotti Francesco Dott. Tecnico della prevenzione Geometra SICUREZZA E SALUTE NELL AMBIENTE E NEI LUOGHI DI LAVORO INFORMATIVA SICUREZZA SUL LAVORO E HACCP Con l occasione si avverte la gentile clientela che l ufficio resterà chiuso dal 24/12/2014 al 06/01/2015 compresi. AUGURIAMO A TUTTI BUONE FESTE 1) APPLICAZIONE

Dettagli

Entra in vigore il regolamento sugli ALLERGENI

Entra in vigore il regolamento sugli ALLERGENI Focus Normativo Entra in vigore il regolamento sugli ALLERGENI Gastronomia Uova, crostacei, arachidi, soia e cereali. Cosa accomuna questi prodotti? Possono provocare allergie o intolleranze. Per questo

Dettagli

Sede Operativa: Via G. Papini n. 18 40128 Bologna (Bo) Tel. + 39 051 4172311 fax + 39 051 326006

Sede Operativa: Via G. Papini n. 18 40128 Bologna (Bo) Tel. + 39 051 4172311 fax + 39 051 326006 Alle Imprese Associate del Settore Alimentazione e Pubblici Esercizi Oggetto: etichettatura alimenti ed indicazione alergeni La piena applicazione del Regolamento (CE) 25 ottobre 2011, n. 1169 ha comportato

Dettagli

Grissini astuccio ORAZIO gr. 125x12

Grissini astuccio ORAZIO gr. 125x12 Pag. 1 di 5 Grissini astuccio ORAZIO gr. 125x12 CODIFICA PRODOTTO EAN interna Grissino Tradizionale 8004583711409 1N2601AHB Denominazione articolo Grissini tipo 00 agli oli vegetali Marchio: ORAZIO Ingredienti

Dettagli

Dott. Alessandro Bonadonna per SEMI ONLUS L ETICHETTATURA DEI PRODOTTI: LEGGERE PER RI-CONOSCERE

Dott. Alessandro Bonadonna per SEMI ONLUS L ETICHETTATURA DEI PRODOTTI: LEGGERE PER RI-CONOSCERE L ETICHETTATURA DEI PRODOTTI: LEGGERE PER RI-CONOSCERE 1. Assicurare una corretta e trasparente informazione al consumatore 2. Permettere la libera circolazione delle merci all interno dell Unione Europea

Dettagli

Realizzato in collaborazione con Federalimentare Servizi Srl

Realizzato in collaborazione con Federalimentare Servizi Srl ETICHETTATURA DEGLI ALLERGENI, LINEE GUIDA DI FEDERALIMENTARE Revisione n. 2, 6 novembre 2009 Realizzato in collaborazione con Federalimentare Servizi Srl Viale Luigi Pasteur, 10 00144 Roma (I) C.F. 97023320589

Dettagli

L etichettatura inerente i prodotti del settore cerealicolo. Aspetti specifici e nutrizionali

L etichettatura inerente i prodotti del settore cerealicolo. Aspetti specifici e nutrizionali Torino 27 marzo 2013 Laura Bersani L etichettatura inerente i prodotti del settore cerealicolo. Aspetti specifici e nutrizionali REQUISITI OBBLIGATORI PER L ETICHETTATURA DEI PRODOTTI ALIMENTARI PRECONFEZIONATI

Dettagli

CNA Alimentare Etichettatura Alimenti Regolamento 1169/2011/UE

CNA Alimentare Etichettatura Alimenti Regolamento 1169/2011/UE CNA Alimentare Etichettatura Alimenti Regolamento 1169/2011/UE CNA Unione Alimentare_Etichettatura alimenti 1 Sintesi delle Novità SOMMARIO Elenco sintetico delle novità principali Approfondimenti a) Ambito

Dettagli

NoProtein Frolla. Semplicità, personalizzazione e garanzia di un ottimo prodotto finito sono le sue caratteristiche salienti.

NoProtein Frolla. Semplicità, personalizzazione e garanzia di un ottimo prodotto finito sono le sue caratteristiche salienti. Pagina 1 di 5 NoProtein Frolla CODICE PRODOTTO: 2050 CARATTERISTICHE: NoProtein Frolla è un preparato per la produzione di Pasta Frolla senza glutine. Semplicità, personalizzazione e garanzia di un ottimo

Dettagli

Etichettatura dei prodotti agroalimentari

Etichettatura dei prodotti agroalimentari R e a l i z z a t o c o n l a c o l l a b o r a z i o n e d i : Iniziative per lo Sviluppo dell'agri-business la nuova normativa comunitaria Etichettatura dei prodotti agroalimentari 2 Il presente documento

Dettagli

Tronco di pesce spada ST PV Mare Più

Tronco di pesce spada ST PV Mare Più SCHEDA TECNICA PRODOTTO FINITO Cod. Prod. FTROSPA007 C66 REV.1 del 23/12/2014 Tronco di pesce spada ST PV Mare Più Catering Via Arno 7, 63824 Altidona (AP) - Telefono 0734 931254 Fa 0734 935014 info@marepiusrl.com

Dettagli

(Revisione n. 1, 6 ottobre 2005)

(Revisione n. 1, 6 ottobre 2005) ETICHETTATURA DEGLI ALLERGENI, LINEE GUIDA DI FEDERALIMENTARE 21 marzo 2005 (Revisione n. 1, 6 ottobre 2005) Realizzato in collaborazione con Federalimentare Servizi Srl Viale Luigi Pasteur, 10 00144 Roma

Dettagli

Additivi alimentari: aspetti normativi e criticità della etichettatura

Additivi alimentari: aspetti normativi e criticità della etichettatura Corso di formazione sugli additivi alimentari 23 gennaio 2013 I edizione 24 gennaio 2013 II edizione Benevento Additivi alimentari: aspetti normativi e criticità della etichettatura Antonella Semeraro

Dettagli

SCHEDA TECNICA Pagina 1 di 6

SCHEDA TECNICA Pagina 1 di 6 SCHEDA TECNICA Pagina 1 di 6 INFORMAZIONI GENERALI Codice (cartone) 2304 Nome Prodotto CORNETTO VEGA VUOTO PALMA SEGREGATO Linea Prodotto Prontoforno Codice Ean14 Unità di Vendita (cartone) 08003269023041

Dettagli

Vivere con le allergie e le intolleranze alimentari

Vivere con le allergie e le intolleranze alimentari A CURA DEL MINISTERO DELLA SALUTE DIREZIONE GENERALE DELLA COMUNICAZIONE E DEI RAPPORTI EUROPEI E INTERNAZIONALI, UFFICIO III DIREZIONE GENERALE PER L IGIENE E LA SICUREZZA DEGLI ALIMENTI E LA NUTRIZIONE

Dettagli

Casa del vino Firenze

Casa del vino Firenze Casa del vino Firenze Mangiare ORARIO BOTTEGA DAL LUNEDI AL GIOVEDI 9,30-15,30 VENERDI e SABATO 9,30-20,00 SABATO Di GIUGNO - LUGLIO - SETTEMBRE CHIUSO DOMENICA Riposo AGOSTO Ferie I Nostri panini NON

Dettagli

Salvatore Ciappellano

Salvatore Ciappellano Salvatore Ciappellano UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO DIPARTIMENTO DI SCIENZE PER GLI ALIMENTI, LA NUTRIZIONE E L AMBIENTE Fornire una corretta informazione sulle caratteristiche del prodotto Non indurre

Dettagli

Prof.ssa Paola Pittia Facoltà di Bioscienze e Tecnologie Agro-alimentari ed ambientali Università di Teramo ppittia@unite.it

Prof.ssa Paola Pittia Facoltà di Bioscienze e Tecnologie Agro-alimentari ed ambientali Università di Teramo ppittia@unite.it Questione di etichetta Teramo, 12 dicembre 2014 Etichettatura e nuove normative come strumento di comunicazione e informazione di qualità e sicurezza degli alimenti Prof.ssa Paola Pittia Facoltà di Bioscienze

Dettagli

COOKIES CIOCCO LATTE GR 50

COOKIES CIOCCO LATTE GR 50 Pag.1/5 Ingredienti in ordine decrescente: Descrizione prodotto: Consistenza: Aspetto: Forma: Dimensioni Lunghezza: Dimensioni Altezza: Dimensioni Larghezza: Cioccolato al LATTE 31% (zucchero, LATTE intero

Dettagli

ALLERGIE ED INTOLLERANZE ALIMENTARI: POTENZIALITÀ ANALITICHE ED EVOLUZIONE NORMATIVA

ALLERGIE ED INTOLLERANZE ALIMENTARI: POTENZIALITÀ ANALITICHE ED EVOLUZIONE NORMATIVA ALLERGIE ED INTOLLERANZE ALIMENTARI: POTENZIALITÀ ANALITICHE ED EVOLUZIONE NORMATIVA Ermanno Errani Responsabile Area Analitica Alimenti ARPA Emilia-Romagna Sezione Provinciale di Bologna REAZIONI AVVERSE

Dettagli

ETICHETTATURA DEGLI ALIMENTI

ETICHETTATURA DEGLI ALIMENTI ETICHETTATURA DEGLI ALIMENTI Etichettatura degli alimenti ASL di Mantova - Mantova 16/06/2009 Slide 1 ETICHETTATURA DEGLI ALIMENTI 1. LA LEGISLAZIONE NAZIONALE, COMUNITARIA E LE LINEE GUIDA 2. IL DECRETO

Dettagli

Etichettatura: partita o lotto

Etichettatura: partita o lotto Etichettatura: partita o lotto Articolo 118 Applicabilità delle regole orizzontali Salvo ove altrimenti disposto dal presente regolamento, all etichettatura e alla presentazione si applicano la direttiva

Dettagli

DIRITTO ALL INFORMAZIONE, ETICHETTE ALIMENTARI E CONTRAFFAZIONE BENI DI CONSUMO. Brescia, 17 Dicembre 2007

DIRITTO ALL INFORMAZIONE, ETICHETTE ALIMENTARI E CONTRAFFAZIONE BENI DI CONSUMO. Brescia, 17 Dicembre 2007 DIRITTO ALL INFORMAZIONE, ETICHETTE ALIMENTARI E CONTRAFFAZIONE BENI DI CONSUMO Brescia, 17 Dicembre 2007 Decreto Legislativo 6 settembre 2005 n.ro 206, ovvero Codice del Consumo Rapporto tra professionista

Dettagli

Grosseto, 26 febbraio 2015 Allergie ed intolleranze alimentari 2 Le allergie alimentari interessano il 2 4% circa dell intera popolazione generale, con una incidenza maggiore nei bambini, dove raggiunge

Dettagli

NUOVE INFORMAZIONI ALIMENTARI. Francesco Aversano. www.avvocatoaversano.it

NUOVE INFORMAZIONI ALIMENTARI. Francesco Aversano. www.avvocatoaversano.it NUOVE INFORMAZIONI ALIMENTARI Campobasso 27 aprile OTAM Francesco Aversano www.avvocatoaversano.it ETICHETTATURA PRESENTAZIONE PUBBLICITA INFORMAZIONI REGOLAMENTO (UE) N. 1169/2011 DEL PARLAMENTO EUROPEO

Dettagli

Organismo accreditato da ACCREDIA DI VIA RINALDI, 95 REGGIO EMILIA SCHEDE TECNICHE. Preparati per il settore alimentare

Organismo accreditato da ACCREDIA DI VIA RINALDI, 95 REGGIO EMILIA SCHEDE TECNICHE. Preparati per il settore alimentare Organismo accreditato da ACCREDIA Reire SITO DI VIA RINALDI, 95 REGGIO EMILIA SCHEDE TECNICHE Preparati per il settore alimentare Gennaio 2015 PREPARATI PER IL SETTORE ALIMENTARE SOSTITUTIVI DEL LATTE

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA GAZZETTA UFFICIALE N.252 DEL 29 OTTOBRE 2007 DECRETO LEGISLATIVO 27 Settembre 2007, n. 178 Disposizioni correttive ed integrative al decreto legislativo 8 febbraio 2006, n. 114, recante attuazione delle

Dettagli

CITTA' DI TORINO DIREZIONE CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE SERVIZIO TERRITORIO E SICUREZZA URBANA NORD Ufficio Studi e Formazione Ufficio Studi

CITTA' DI TORINO DIREZIONE CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE SERVIZIO TERRITORIO E SICUREZZA URBANA NORD Ufficio Studi e Formazione Ufficio Studi CITTA' DI TORINO DIREZIONE CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE SERVIZIO TERRITORIO E SICUREZZA URBANA NORD Ufficio Studi e Formazione Ufficio Studi CIRCOLARE N. 26 Informativa OGGETTO: Attività Produttive. Etichettatura.

Dettagli

SCHEDA TECNICA Pagina 1 di 6

SCHEDA TECNICA Pagina 1 di 6 SCHEDA TECNICA Pagina 1 di 6 INFORMAZIONI GENERALI Codice (cartone) 4129 Nome Prodotto TORTINA CAPRESE LIMONE RSPO/MB Linea Prodotto Già cotti Codice Ean14 Unità di Vendita (cartone) 08003269041298 Codice

Dettagli

INFORMATIVA AI CLIENTI IN MERITO AL REG. CE 1169/11 (NUOVA LEGGE SULLA PRODOTTI ALIMENTARI CONFEZIONATI)

INFORMATIVA AI CLIENTI IN MERITO AL REG. CE 1169/11 (NUOVA LEGGE SULLA PRODOTTI ALIMENTARI CONFEZIONATI) INFORMATIVA AI CLIENTI IN MERITO AL REG. CE 1169/11 (NUOVA LEGGE SULLA ETICHETTATURA DEI PRODOTTI ALIMENTARI CONFEZIONATI) Le informazioni obbligatorie da riportare sugli alimenti sono indicate all'art.

Dettagli

01/02/2013 LE ETICHETTE ALIMENTARI. Docente Francesca Montuori

01/02/2013 LE ETICHETTE ALIMENTARI. Docente Francesca Montuori LE ETICHETTE ALIMENTARI Docente Francesca Montuori in Italia, la normativa vigente è il D.Lgs109/1992, che definisce l'etichetta di un alimento come "l'insieme delle menzioni, delle indicazioni, delle

Dettagli

INCONTRO INFORMATIVO LA NUOVA NORMATIVA, D.G.R. 20 DICEMBRE 2013 N. X/1105

INCONTRO INFORMATIVO LA NUOVA NORMATIVA, D.G.R. 20 DICEMBRE 2013 N. X/1105 INCONTRO INFORMATIVO LA NUOVA NORMATIVA, D.G.R. 20 DICEMBRE 2013 N. X/1105 Applicazione del Regolamento n. 1169/2011 nei negozi alimentari e nei Pubblici Esercizi Regolamento Europeo 1169/2011 obbligo

Dettagli

SCHEDA TECNICA PEPERONI GRIGLIATI

SCHEDA TECNICA PEPERONI GRIGLIATI SCHEDA TECNICA PEPERONI GRIGLIATI 1 SCHEDA DESCRITTIVA 1.1 DENOMINAZIONE DI VENDITA E una conserva alimentare costituita da peperoni grigliati, in vaschetta da 1900g con trattamento termico di pastorizzazione.

Dettagli

Reg. UE 1169/11 ETICHETTATURA E PUBBLICITÀ DEI PRODOTTI ALIMENTARI

Reg. UE 1169/11 ETICHETTATURA E PUBBLICITÀ DEI PRODOTTI ALIMENTARI ETICHETTATURA E PUBBLICITÀ DEI PRODOTTI ALIMENTARI 16 e 23 giugno 2015 Luigi Mancini FARE (Food & Agriculture Requirements) Bruxelles Milano - Roma (+39) 335 5393164 tech@fare.email Introduzione Le regole

Dettagli

DAL SEME ALLA TAVOLA INTERPRETAZIONE DELLE ETICHETTE ALIMENTARI DEI PRODOTTI CONFEZIONATI. Taira Monge e Laura Donatini. Lunedì 26 gennaio 2015

DAL SEME ALLA TAVOLA INTERPRETAZIONE DELLE ETICHETTE ALIMENTARI DEI PRODOTTI CONFEZIONATI. Taira Monge e Laura Donatini. Lunedì 26 gennaio 2015 TORINO Un Associazione per Amica DAL SEME ALLA TAVOLA INTERPRETAZIONE DELLE ETICHETTE ALIMENTARI DEI PRODOTTI CONFEZIONATI Taira Monge e Laura Donatini Lunedì 26 gennaio 2015 COSA ABBIAMO IMPARATO NELLA

Dettagli

Le etichette alimentari

Le etichette alimentari Le etichette alimentari Le etichette riportate sulle confezioni dei prodotti alimentari aiutano a compiere una scelta informata su ciò che consumeremo L etichettatura dei prodotti alimentari destinati

Dettagli

Confetture, gelatine, marmellate e crema di marroni

Confetture, gelatine, marmellate e crema di marroni Confetture, gelatine, marmellate e crema di marroni L etichettatura delle confetture, delle gelatine e delle marmellate, nonché della crema di marroni, è disciplinata, per gli aspetti generali, dal D.lgs.

Dettagli

SCHEDE TECNICHE SCIROPPO DI GLUCOSIO. Sciroppo di glucosio 44 D.E.

SCHEDE TECNICHE SCIROPPO DI GLUCOSIO. Sciroppo di glucosio 44 D.E. SCHEDE TECNICHE SCIROPPO DI GLUCOSIO Sciroppo di glucosio 44 D.E. Rev. 2 - Pag 1 di 4 Sciroppo di Glucosio Sciroppo di Glucosio a 44 D.E. purificato e concentrato ad alto contenuto di maltosio, con diversi

Dettagli

Un perscorso di degustazione a sorpresa con piatti scelti dalle Chef per tutto il tavolo. 4 portate 32 Euro. 6 portate 45 Euro

Un perscorso di degustazione a sorpresa con piatti scelti dalle Chef per tutto il tavolo. 4 portate 32 Euro. 6 portate 45 Euro i ERBA BRUSCA Menu Carte Blanche Un perscorso di degustazione a sorpresa con piatti scelti dalle Chef per tutto il tavolo 4 portate 32 Euro 6 portate 45 Euro Con abbinamento vini alla cieca 25 Sono previste

Dettagli

Etichettatura del miele e dei prodotti alimentari contenenti miele

Etichettatura del miele e dei prodotti alimentari contenenti miele Etichettatura del miele e dei prodotti alimentari contenenti miele 22 maggio 2015 Basovizza Incontro informativo con gli apicoltori Dott. A. Fiordelisi Veterinario ufficiale A.A.S. n.1 Triestina Etichettatura

Dettagli

Tab. 1 - Termini usati per descrivere reazioni avverse al cibo ed esempi. Nomenclatura proposta nel 2003 da World Allergy Organisation

Tab. 1 - Termini usati per descrivere reazioni avverse al cibo ed esempi. Nomenclatura proposta nel 2003 da World Allergy Organisation Allergeni Introduzione L assunzione di alcuni alimenti può determinare, in soggetti predisposti, reazioni di ipersensibilità, suddivisibili in allergie e intolleranze alimentari. Un allergia alimentare

Dettagli

Informazione al consumatore suiprodotti alimentari, reg.ue n. 1169/11

Informazione al consumatore suiprodotti alimentari, reg.ue n. 1169/11 Informazione al consumatore suiprodotti alimentari, reg.ue n. 1169/11 Avv. Dario Dongo responsabile Politiche UE e Regolative, Federalimentare dongo@federalimentare.it - GSM (+39) 335 7313 726 Background

Dettagli

GLI ALLERGENI ALIMENTARI E LA SICUREZZA ALIMENTARE

GLI ALLERGENI ALIMENTARI E LA SICUREZZA ALIMENTARE ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DEL PIEMONTE LIGURIA E VALLE D AOSTA GLI ALLERGENI ALIMENTARI E LA SICUREZZA ALIMENTARE S. FRAGASSI, L. DECASTELLI PARLEREMO DI Allergeni e allergie Normativa allergeni

Dettagli

COMUNICAZIONE N 12/01/2015

COMUNICAZIONE N 12/01/2015 Da: Assicurazione Qualità A: Clienti EcorNaturasì COMUNICAZIONE N 12/01/2015 Oggetto: Aggiornamento Etichettatura alimenti Reg.CE 1169/2011 Con la presente Vi informiamo in merito alle principali novità

Dettagli

Cesena, 13 maggio 2014 ETICHETTATURA DEI PRODOTTI ALIMENTARI E INFORMAZIONE DEI CONSUMATORI. Maria Severina Liberati

Cesena, 13 maggio 2014 ETICHETTATURA DEI PRODOTTI ALIMENTARI E INFORMAZIONE DEI CONSUMATORI. Maria Severina Liberati Cesena, 13 maggio 2014 ETICHETTATURA DEI PRODOTTI ALIMENTARI E INFORMAZIONE DEI CONSUMATORI Maria Severina Liberati 1 La nuova ratio Etichettatura e informazione dei consumatori Direttiva 2000/13/CE relativa

Dettagli

etichettatura DEC RETO LEGISLATIVO 27 gennaio 1992, n. 109

etichettatura DEC RETO LEGISLATIVO 27 gennaio 1992, n. 109 etichettatura DEC RETO LEGISLATIVO 27 gennaio 1992, n. 109 Etichetta: l'insieme delle indicazioni, dei marchi di fabbrica o di commercio, che si riferiscono al prodotto alimentare e che figurano direttamente

Dettagli

Circolare n. 14878 Prot. 1898 Roma, 20 novembre 2014. Regolamento UE n. 1169/11 G.U.C.E. L 304 del 22 nov. 2011 D.lgs. 109/92

Circolare n. 14878 Prot. 1898 Roma, 20 novembre 2014. Regolamento UE n. 1169/11 G.U.C.E. L 304 del 22 nov. 2011 D.lgs. 109/92 TITOLO DOCUMENTO Etichettatura degli alimenti: le nuove disposizioni del Reg. UE 1169/11 AREA TEMATICA Ambiente ed Energia SETTORE Qualità e Sicurezza alimentare ARGOMENTO SPECIFICO Sicurezza degli alimenti

Dettagli

Brezel 1,80. Beilagen CONTORNI. Degustazione fiocco di affumicato: 9,00 Foresta nera con brezel e burro alle erbe

Brezel 1,80. Beilagen CONTORNI. Degustazione fiocco di affumicato: 9,00 Foresta nera con brezel e burro alle erbe Brezel 1,80 Beilagen CONTORNI Pommes Frites Patate fritte * 3,50 Pommes Frites Patate fritte Maxi * 5,00 Bratkartoffeln Patate saltate 4,00 Bratkartoffeln Patate saltate Maxi 6,00 Sauerkraut Crauti stufati

Dettagli

CONFORMITÀ DI PRODOTTO E DI ETICHETTA: Regolamento 1169\2011 del Parlamento Europeo in materia di informazioni al consumatore

CONFORMITÀ DI PRODOTTO E DI ETICHETTA: Regolamento 1169\2011 del Parlamento Europeo in materia di informazioni al consumatore CONFORMITÀ DI PRODOTTO E DI ETICHETTA: Regolamento 1169\2011 del Parlamento Europeo in materia di informazioni al consumatore Bureau Veritas OPEN DAY Bologna, 28 novembre 2011 Copyright by Total Quality

Dettagli

IMPARIAMO A CONOSCERE L ETICHETTA DEI PRODOTTI ALIMENTARI

IMPARIAMO A CONOSCERE L ETICHETTA DEI PRODOTTI ALIMENTARI Centro Studi per la Sicurezza Alimentare IMPARIAMO A CONOSCERE L ETICHETTA DEI PRODOTTI ALIMENTARI Una attenta lettura delle etichettature può aiutare a scegliere meglio e a mangiare in modo sicuro. Nella

Dettagli

L etichettatura degli alimenti a norma del regolamento (UE) n. 1169/2011

L etichettatura degli alimenti a norma del regolamento (UE) n. 1169/2011 L etichettatura degli alimenti a norma del regolamento (UE) n. 1169/2011 Corso SITI PESCARA 16 maggio 2015 Dr. Giuseppe De Giovanni 1 Finalità Le finalità del regolamento sono essenzialmente tre: a) Assicurare

Dettagli

ABC di un etichetta alimentare: accorgimenti utili per la sua comprensione. Dott.ssa Serena Pironi serenapironi@pigaservice.it www.pigaservice.

ABC di un etichetta alimentare: accorgimenti utili per la sua comprensione. Dott.ssa Serena Pironi serenapironi@pigaservice.it www.pigaservice. ABC di un etichetta alimentare: accorgimenti utili per la sua comprensione Dott.ssa Serena Pironi serenapironi@pigaservice.it www.pigaservice.it NOI SIAMO CIO CHE MANGIAMO FEUERBACH Etichettatura: [ ]l'insieme

Dettagli

SCHEDA TECNICA Pagina 1 di 6

SCHEDA TECNICA Pagina 1 di 6 SCHEDA TECNICA Paina 1 di 6 INFORMAZIONI GENERALI Codice (cartone) 61640 Nome Prodotto CIMABELLA / DONUT TRIS Linea Prodotto Già cotti Codice Ean14 Unità di Vendita (cartone) 08003269016401 Codice Ean

Dettagli

ARA UMBRIA ETICHETTATURA DEGLI ALIMENTI INFORMAZIONE & ZOOTECNIA. Informazione&Zootecnia

ARA UMBRIA ETICHETTATURA DEGLI ALIMENTI INFORMAZIONE & ZOOTECNIA. Informazione&Zootecnia ARA UMBRIA INFORMAZIONE & ZOOTECNIA ETICHETTATURA DEGLI ALIMENTI A.R.A. Umbria Associazione Regionale Allevatori Umbria SEDE LEGALE ED OPERATIVA di Perugia: Via O.P. Baldeschi, 59 06073 Taverne di Corciano

Dettagli

SCHEDA PRODOTTO. Data Revisione 20/07/2015 Cod. ST/815118/008/R00 Pag. 1 di 8 Codice Articolo 815118/0008. BIO PR-PAR.REG.BOCC.

SCHEDA PRODOTTO. Data Revisione 20/07/2015 Cod. ST/815118/008/R00 Pag. 1 di 8 Codice Articolo 815118/0008. BIO PR-PAR.REG.BOCC. Data Revisione 20/07/2015 Cod. ST/815118/008/R00 Pag. 1 di 8 UNITA' CONSUMATORE Codice EAN Peso Netto (kg) 0,500 Tara (kg) 0,072 Peso Lordo (kg) 0,572 Dimensioni (alt x lun x lar) (cm) Confezioni per Cartone

Dettagli

Le etichette dei prodotti alimentari: termine minimo di conservazione e data di scadenza

Le etichette dei prodotti alimentari: termine minimo di conservazione e data di scadenza Vania Patrone Istituto di Microbiologia NUTRIGEN - Centro di ricerca sulla Nutrigenomica Facoltà di Scienze Agrarie, Alimentari ed Ambientali Le etichette dei prodotti alimentari: termine minimo di conservazione

Dettagli

L etichettatura dei prodotti alimentari. Paola Rebufatti Laboratorio Chimico Camera di Commercio Torino

L etichettatura dei prodotti alimentari. Paola Rebufatti Laboratorio Chimico Camera di Commercio Torino L etichettatura dei prodotti alimentari Paola Rebufatti Laboratorio Chimico Camera di Commercio Torino Milano, 6 marzo 2015 ETICHETTATURA qualunque menzione, indicazione, marchio di fabbrica o commerciale,

Dettagli

La normativa sul controllo e la sicurezza degli alimenti: una corretta interazione a tutela dei consumatori

La normativa sul controllo e la sicurezza degli alimenti: una corretta interazione a tutela dei consumatori La normativa sul controllo e la sicurezza degli alimenti: una corretta interazione a tutela dei consumatori A. Menditto, P. Stacchini Istituto Superiore di Sanità GIORNATA DI STUDIO ALIMENTI SICURI - SICUREZZA

Dettagli

* Comoda Service Srl 25/01/12 * * *

* Comoda Service Srl 25/01/12 * * * * Comoda Service Srl 25/01/12 * * SCHEDA TECNICA - 22558 SUCCO 200 ML "ARCO" BRIK -PERA- PZ.24... 11:24:28 * * * Codice : 22558 Descriz. : SUCCO 200 ML "ARCO" BRIK -PERA- PZ.24... 014 Ingredienti Purea

Dettagli

SCHEDE TECNICHE SCIROPPO DI GLUCOSIO BIOGLUCC

SCHEDE TECNICHE SCIROPPO DI GLUCOSIO BIOGLUCC SCHEDE TECNICHE SCIROPPO DI GLUCOSIO BIOGLUCC Rev. 3 - Pag 1 di 6 Sciroppo di Glucosio BIOGLUCC BIOGLUCC è uno sciroppo di glucosio ad alto contenuto di maltosio, ottenuto da amido di frumento da agricltura

Dettagli

SCHEDA TECNICA CIAMBELLONE AL COCCO E NOCCIOLATA

SCHEDA TECNICA CIAMBELLONE AL COCCO E NOCCIOLATA PANIFICIO E PASTICCERIA DeQuintili S.R.L SCHEDA TECNICA CIAMBELLONE AL COCCO E NOCCIOLATA Prodotto ciambellone ciambellone da 2kg con cocco e nocciolata Denominazione commerciale Descrizione dell unità

Dettagli

L INFORMAZIONE AI CONSUMATORI DI ALIMENTI

L INFORMAZIONE AI CONSUMATORI DI ALIMENTI L INFORMAZIONE AI CONSUMATORI DI ALIMENTI il ravvicinamento delle legislazioni in materia di etichettatura, presentazione e pubblicità dei prodotti alimentari Il reg. 1169/2011 In Italia, prima dell armonizzazione

Dettagli

INFORMAZIONI PRODOTTO. Modalità d'uso: sciogliere a temperatura tra i C. Utilizzare il prodotto ad una temperatura intorno ai 35 C.

INFORMAZIONI PRODOTTO. Modalità d'uso: sciogliere a temperatura tra i C. Utilizzare il prodotto ad una temperatura intorno ai 35 C. Campo d' Impiego: INFORMAZIONI PRODOTTO Per glassatura, farcitura e copertura Modalità d'uso: sciogliere a temperatura tra i 40-45 C. Utilizzare il prodotto ad una temperatura intorno ai 35 C. Caratteristiche:

Dettagli

Nuove regole di etichettatura per il settore alimentare

Nuove regole di etichettatura per il settore alimentare Incontro dibattito ASSICA Nuove regole di etichettatura per il settore alimentare Il Regolamento UE 1169/2011: futuri sviluppi e prospettive Roberto Copparoni Ministero della Salute Direzione Generale

Dettagli

Organismo accreditato da ACCREDIA DI VIA RINALDI, 95 REGGIO EMILIA SCHEDE TECNICHE. Additivi per il settore alimentare

Organismo accreditato da ACCREDIA DI VIA RINALDI, 95 REGGIO EMILIA SCHEDE TECNICHE. Additivi per il settore alimentare Organismo accreditato da ACCREDIA Reire SITO DI VIA RINALDI, 95 REGGIO EMILIA SCHEDE TECNICHE Additivi per il settore alimentare ADDITIVI PER L INDUSTRIA ALIMENTARE 1. E200 - E300 Conservanti 1.1 E200

Dettagli

ELENCO INGREDIENTI RICETTARIO PASTICCERIA PRODUZIONE PROPRIA DRIVE

ELENCO INGREDIENTI RICETTARIO PASTICCERIA PRODUZIONE PROPRIA DRIVE ELENCO INGREDIENTI RICETTARIO PASTICCERIA PRODUZIONE PROPRIA DRIVE MODALITA DI CONSERVAZIONE: in Frigorifero 0/ +4 C IN MERITO ALLE REFERENZE IN VENDITA AL BANCO ASSISTITO, SI CONSIGLIA DI CONSUMARE I

Dettagli

pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 167 del 21 luglio 2003 IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 167 del 21 luglio 2003 IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA Decreto Legislativo 23 giugno 2003, n. 181 "Attuazione della direttiva 2000/13/CE concernente l'etichettatura e la presentazione dei prodotti alimentari, nonchè la relativa pubblicità" pubblicato nella

Dettagli

IL CONTROLLO UFFICIALE DEGLI ALIMENTI

IL CONTROLLO UFFICIALE DEGLI ALIMENTI : LA NORMATIVA DELL UNIONE EUROPEA E NAZIONALE IL CONTROLLO UFFICIALE DEGLI ALIMENTI E LA VERIFICA DELL'ETICHETTATURA Novara 30 Gennaio 2013 ASL NO NOVARA SERVIZIO D IGIENE DEGLI ALIMENTI E DELLA NUTRIZIONE

Dettagli

Barcode Labeling Solutions

Barcode Labeling Solutions TEKLYNX Barcode Labeling Solutions Soluzioni per etichettatura per codici a barre Consente la conformità al Regolamento UE in materia di etichettatura degli allergeni Siete pronti al nuovo regolamento

Dettagli

ANTIPASTI. Triangoli croccanti ripieni di verdure in stile orientale su salsa al caciocavallo 13 Euro

ANTIPASTI. Triangoli croccanti ripieni di verdure in stile orientale su salsa al caciocavallo 13 Euro ANTIPASTI Robiola in kataifi su crema di peperoni e germogli di basilico Triangoli croccanti ripieni di verdure in stile orientale su salsa al caciocavallo Variazione di ostriche gratinate (5 pezzi) Tartara

Dettagli

Ricette, calorie e valori nutrizionali: come nasce l etichetta nutrizionale di un alimento?

Ricette, calorie e valori nutrizionali: come nasce l etichetta nutrizionale di un alimento? PROGETTO AGRICOLTURA E ALIMENTAZIONE: BIODIVERSITÀ, CULTURA, AMBIENTE, INNOVAZIONE, SICUREZZA Ricette, calorie e valori nutrizionali: come nasce l etichetta nutrizionale di un alimento? Milena Casali Istituto

Dettagli

Diciture o marche che consentono di identificare la partita alla quale appartiene una derrata alimentare ***I

Diciture o marche che consentono di identificare la partita alla quale appartiene una derrata alimentare ***I P7_TA-PROV(2011)0208 Diciture o marche che consentono di identificare la partita alla quale appartiene una derrata alimentare ***I Risoluzione legislativa del Parlamento europeo dell'11 maggio 2011 sulla

Dettagli

ENTE BENEFICIARIO FEDERSVILUPPO ASSOCIAZIONE REGIONALE DEL PIEMONTE BOLLETTINO DI SICUREZZA ALIMENTARE N 05/14 REDATTO DALL AREA TECNICA.

ENTE BENEFICIARIO FEDERSVILUPPO ASSOCIAZIONE REGIONALE DEL PIEMONTE BOLLETTINO DI SICUREZZA ALIMENTARE N 05/14 REDATTO DALL AREA TECNICA. ENTE BENEFICIARIO FEDERSVILUPPO ASSOCIAZIONE REGIONALE DEL PIEMONTE BOLLETTINO DI SICUREZZA ALIMENTARE N 05/14 REDATTO DALL AREA TECNICA. Torino, 09/12/2014. 10135 Torino - Via Pio VII, 97 tel. 0116177211

Dettagli

Il Reg. 1169/2011/UE, la nuova etichettatura degli alimenti e la gestione degli allergeni, aspetti applicativi e opportunità

Il Reg. 1169/2011/UE, la nuova etichettatura degli alimenti e la gestione degli allergeni, aspetti applicativi e opportunità Il Reg. 1169/2011/UE, la nuova etichettatura degli alimenti e la gestione degli allergeni, aspetti applicativi e opportunità Orientamenti ministeriali sull applicazione della nuova normativa sull etichettatura

Dettagli

Le principali novità nell etichettatura del latte e dei derivati lattiero-caseari. Graziella Lasi. Bologna, 03 ottobre 2014

Le principali novità nell etichettatura del latte e dei derivati lattiero-caseari. Graziella Lasi. Bologna, 03 ottobre 2014 Bologna, 03 ottobre 2014 Le principali novità nell etichettatura del latte e dei derivati lattiero-caseari Graziella Lasi Resp. Consumer Care, Leg.Alimentare, Nutr, Com. medico-scient. Gruppo GRANAROLO

Dettagli

La normativa in materia di additivi alimentari. Marinella Collauto Ministero della Salute

La normativa in materia di additivi alimentari. Marinella Collauto Ministero della Salute Il controllo ufficiale sugli additivi alimentari La normativa in materia di additivi alimentari Marinella Collauto Ministero della Salute Aula Magna Facoltà di Farmacia Università del Piemonte Orientale

Dettagli

DIRETTIVA 94/35/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 30 giugno 1994 sugli edulcoranti destinati ad essere utilizzati nei prodotti alimentari

DIRETTIVA 94/35/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 30 giugno 1994 sugli edulcoranti destinati ad essere utilizzati nei prodotti alimentari Trattandosi di un semplice strumento di documentazione, esso non impegna la responsabilità delle istituzioni DIRETTIVA DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 30 giugno 1994 sugli edulcoranti destinati

Dettagli