RETI INDUSTRIALI. Sistemi di rete a cablatura tradizionale. Sistemi di rete a cablatura innovativa Bus. Introduzione GERARCHIA DI CONTROLLO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "RETI INDUSTRIALI. Sistemi di rete a cablatura tradizionale. Sistemi di rete a cablatura innovativa Bus. Introduzione GERARCHIA DI CONTROLLO"

Transcript

1 RETI INDUSTRIALI Ing.Francesco M. Raimondi Lezioni del corso di Automazione Industriale Dipartimento di Ingegneria dell Automazione e dei Sistemi GERARCHIA DI CONTROLLO Ing. F.M. Raimondi Automazione Industriale 2 Sistemi di rete a cablatura tradizionale. Sistemi di rete a cablatura innovativa Bus. Ing. F.M. Raimondi Automazione Industriale 3

2 Topologia di dispositivi su Rete Bus Ing. F.M. Raimondi Automazione Industriale 4 Topologia di reti a Bus di Campo: Distribuzione delle informazioni tipo bus. Ing. F.M. Raimondi Automazione Industriale 5 Topologia di reti a Bus di Campo: Distribuzione delle informazioni tipo stella. Ing. F.M. Raimondi Automazione Industriale 6

3 Topologia di reti a Bus di Campo: Distribuzione delle informazioni tipo Ring. Ing. F.M. Raimondi Automazione Industriale 7 Topologia di reti a Bus di Campo: Distribuzione delle informazioni tipo Mixata. Ing. F.M. Raimondi Automazione Industriale 8 Mezzo fisico per la trasmissione delle informazioni: COLLEGAMENTO con RS 232 Ing. F.M. Raimondi Automazione Industriale 9

4 Mezzo fisico per la trasmissione delle informazioni: COLLEGAMENTO con RS 422 Ing. F.M. Raimondi Automazione Industriale 10 Mezzo fisico per la trasmissione delle informazioni: COLLEGAMENTO con RS 485 Ing. F.M. Raimondi Automazione Industriale 11 Mezzo fisico per la trasmissione delle informazioni: COLLEGAMENTO con trasformatore Ing. F.M. Raimondi Automazione Industriale 12

5 Mezzo fisico per la trasmissione delle informazioni: COLLEGAMENTO con Fibra Ottica Ing. F.M. Raimondi Automazione Industriale 13 Mezzo fisico per la trasmissione delle informazioni: COLLEGAMENTO con CAN (Controller Area Network) Ing. F.M. Raimondi Automazione Industriale 14 RETE DI COMUNICAZIONE DIGITALE LA COMUNICAZIONE DIGITALE SI BASA SU TRE INGREDIENTI FONDAMENTALI: 1) IL SOFTWARE E LE PROCEDURE CHE COSTITUISCONO IL PROCESSO DI COMUNICAZIONE; 2) GLI ELABORATORI (HOST): SISTEMI DIGITALI CHE OPERANO LO SCAMBIO DI INFORMAZIONI; 3) LA RETE CHE RAPPRESENTA IL MEZZO DI TRASMISSIONE SU CUI VIAGGIA L'INFORMAZIONE SOTTO FORMA DIGITALE. PROCESSO DI COMUNICAZIONE INDIRIZZO DEL PUNTO DI ACCESSO ( 1 ) (.. ) ( n ) TRASPORTO ACCESSO RETE SISTEMA X INDIRIZZO DI RETE RETE DI COMUNICAZIONE Ing. F.M. Raimondi Automazione Industriale 15

6 ARCHITETTURA DI UN PROTOCOLLO DI COMUNICAZIONE IL SISTEMA DI COMUNICAZIONE È TROPPO COMPLESSO PER POTER ESSERE REALIZZATO CON UN SINGOLO MODULO O PER UN SINGOLO PROCESSO DI COMUNICAZIONE DEVE ESSERE RIPARTITO FRA LE DIVERSE RISORSE DEL SISTEMA DI ELABORAZIONE L'ARCHITETTURA DEL SISTEMA DI COMUNICAZIONE È FORMATA DA UN INSIEME DI STRATI (LAYERS), CHE VANNO DALLE INTERCONNESSIONI FISICHE ALLE FUNZIONI PIÙ COMPLESSE IL MODELLO OSI (OPEN SYSTEM INTERCONNECTION) E UNO STANDARD CHE PRESENTA UNA STRUTTURA A SETTE STRATI (LAYERS) NEL QUALE I MESSAGGI ORIGINATI IN UNO STRATO SUPERIORE VENGONO TRASMESSI VERSO I LIVELLI PIÙ BASSI FINO A RAGGIUNGERE LO STRATO PIÙ BASSO (PHYSICAL LAYER) CHE È DI FATTO COSTITUITO DAL CANALE DI TRASMISSIONE OGNI LIVELLO DEL MODELLO OSI HA UN INSIEME BEN DEFINITO DI FUNZIONI (MODALITÀ E INDIPENDENZA DEGLI STRATI) Ing. F.M. Raimondi Automazione Industriale 16 FORMAZIONE DEL PACCHETTO DI TRASMISSIONE I MESSAGGI CHE ATTENDONO DI ESSERE SCAMBIATI DEVONO VENIR COMPLETATI CON ALTRI DATI DI RICONOSCIMENTO ED INSTRADAMENTO PRIMA DELLA EFFETTIVA TRASMISSIONE PER QUESTO MOTIVO LA TRASMISSIONE DIGITALE RICHIEDE COMPATIBILIT À FRA I SISTEMI CHE COMUNICANO FRA DI LORO ATTRAVERSO UN PROTOCOLLO GLI ELEMENTI CHIAVE DI UN PROTOCOLLO SONO: SINTASSI CHE INCLUDE IL FORMATO DEI DATI; SEMANTICA CHE COMPRENDE IL CONTROLLO DELL'INFORMAZIONE E DELL'ERRORE; TEMPORIZZAZIONE CHE INCLUDE LA VELOCIT À DI TRASMISSIONE E LA SEQUENZIALIZZAZIONE DEL ETICHETTA DI ACCESSO IN RETE ETICHETTA DI TRASFERIMENTO ETICHETTA DI TRASFERIMENTO STRATI Ing. F.M. Raimondi Automazione Industriale 17 LIVELLI DI PROTOCOLLO OSI SUDDIVISIONE DELLE FUNZIONALITÀ DEL PROTOCOLLO IN 7 LIVELLI GERARCHICI A SECONDA DEL COMPITO A LORO ASSEGNATO PROTOCOLLO DI APPLICAZIONE PROTOCOLLO DI TRASPORTO DENOMINAZIONE PRESENTAZIONE SESSIONE TRASPORTO RETE LINEA LIVELLO FISICO FUNZIONE DEFINIZIONE DEI SERVIZI PER L UTENTE E DEL FUNZIONAMENTO (NETWORK VIRTUAL TERMINAL) GESTIONE DELLA SINTASSI DELL IN- FORMAZIONE DA TRASFERIRE ORGANIZZAZIONE DEL DIALOGO E SINCRONIZZAZIONE DI PROGRAMMI CORRETTO TRASFERIMENTO DI DATI END-TO-END INDIPENDENTE DAL TIPO DI RETE INSTRADAMENTO LOGICO DEI MESSAGGI END-TO-END, SCELTA DEL PERCORSO CORRETTA TRASMISSIONE DI PACCHETTI DI DATI TRA NODI ADIACENTI E CONTROLLO DI ACCESSO AL MEZZO TRASMISSIONE DI PACCHETTI DI BIT SU UN CANALE DI COMUNICAZIONE Ing. F.M. Raimondi Automazione Industriale 18

7 LIVELLI OSI INFERIORI 1) LIVELLO FISICO: IL PIÙ BASSO DELL'ARCHITETTURA OSI, SI OCCUPA DELL'INTERFACCIA FISICA TRA LA PERIFERICA E IL SISTEMA DI COMUNICAZIONE E DEFINISCE LE SUE CARATTERISTICHE MECCANICHE, ELETTRICHE, FUNZIONALI E PROCEDURALI, MANTENERE E DISATTIVARE UN COLLEGAMENTO FISICO. TIPICI PROTOCOLLI A LIVELLO FISICO SONO GLI STANDARD DI TRASMISSIONE SERIALE RS-232, RS-422, RS-423, RS ) LINEA: (DATALINK) REALIZZA L'APERTURA, IL MANTENIMENTO E LA CHIUSURA DI CONNESSIONI DATI TRA INTERLOCUTORI AL LIVELLO SUPERIORE. SI OCCUPA DI FORMARE I DATI DA INVIARE ATTRAVERSO IL LIVELLO FISICO, INCAPSULANDO I DATI IN UN PACCHETTO PROVVISTO DI HEADER (INTESTAZIONE) E TAIL (CODA), USATI ANCHE PER LE SEQUENZE DI CONTROLLO. ELIMINA, PER QUANTO POSSIBILE, GLI INCONVENIENTI CHE SI MANIFESTANO AL LIVELLO FISICO, VERIFICANDO LA CORRETTEZZA DELLA SEQUENZA E PROVVEDENDO EVENTUALMENTE ALLA SUA RITRASMISSIONE IN CASO DI PRESENZA DI ERRORI. 3) RETE: ATTRAVERSO LA RETE, ED EVENTUALMENTE COINVOLGENDO PIÙ NODI, METTE IN COMUNICAZIONE LA SORGENTE DEI DATI CON IL SUO DESTINATARIO. SONO IN QUESTO STRATO FUNZIONI DI RETE COME L'INSTRADAMENTO E LA COMMUTAZIONE, REALIZZATE NEI NODI DELLA RETE. Ing. F.M. Raimondi Automazione Industriale 19 LIVELLI OSI SUPERIORI 4) TRASPORTO: FRONTIERA FRA LE FUNZIONI DI COMUNICAZIONE E DI ELABORAZIONE. MASCHERA AL SESSIONE QUALSIASI PROBLEMA DI TRASMISSIONE DEI DATI, GARANTENDO L'INDIPENDENZA DELLE FUNZIONI DI ELABORAZIONE DELLA RETE DI COMUNICAZIONE. LA SUA UNITA DI MISURA E IL. 5) SESSIONE: È IL PIÙ BASSO TRA I LIVELLI DI ELABORAZIONE. CONTROLLA LA COMUNICAZIONE TRA APPLICAZIONI. CONSENTE LO SCAMBIO DI MESSAGGI TRA INTERLOCUTORI A PRESENTAZIONE, STABILENDO UNA CONNESSIONE LOGICA. OGNI CONNESSIONE DI SESSIONE NE UTILIZZA UNA DI TRASPORTO. PROVVEDE AL RIPRISTINO DEL COLLEGAMENTO IN CASO DI INTERRUZIONI ACCIDENTALI. 6) PRESENTAZIONE HA IL COMPITO DI CONSENTIRE LA CORRETTA INTERPRETAZIONE DEI DATI SCAMBIATI DA DUE APPLICAZIONI, TRASFORMANDO I DATI FORNITI DALLE APPLICAZIONI IN UN FORMATO STANDARDIZZATO E OFFRIRE SERVIZI DI COMUNICAZIONE COME LA CRITTOGRAFIA. 7) : È IL LIVELLO PIÙ ELEVATO DELLA ARCHITETTURA OSI E COSTITUISCE L'INIZIO E LA FINE DI TUTTE LE ATTIVITÀ SVOLTE DAGLI ALTRI LIVELLI. FORNISCE AI PROCESSI APPLICATIVI L'ACCESSO ALL'AMBIENTE OSI ED È L'UNICO A COMPLETA VISIBILITÀ DA PARTE DELL'UTENTE. ATTRAVERSO QUESTO LIVELLO ARCHIVI, MEMORIE DI MASSA, RISORSE DI SISTEMA SONO VISTI DALL'UTENTE COME RESIDENTI LOCALMENTE ALLA STAZIONE DI LAVORO, ANCHE SE FISICAMENTE SI TROVANO IN ALTRI PUNTI DELLA RETE. Ing. F.M. Raimondi Automazione Industriale 20 LIVELLI DI PROTOCOLLO TCP PRODOCOLLO DI APPLICAZIONE PRODOCOLLO DI TRASPORTO LIVELLO OSI PRESENTAZIONE SESSIONE TRASPORTO RETE LINEA LIVELLO FISICO LIVELLO TCP/IP APPLICAZIONE NON PRESENTE NON PRESENTE TRASPORTO (TCP=TRANSMISSION CTRL PROTOCOL, UDP=USER DATAGRAM PROTOCOL) INTERNET (INTERNET PROTOCOL) LINEA LIVELLO FISICO Ing. F.M. Raimondi Automazione Industriale 21

8 TRASMISSIONE DEL PACCHETTO DAL DATO AL UTENTE DAL DATO AL UTENTE 7 6 PRESENTAZIONE 5 SESSIONE 4 TRASPORTO 3 RETE 2 LINEA 1 FISICO 7 6 PRESENTAZIONE 5 SESSIONE 4 TRASPORTO 3 RETE 2 LINEA 1 FISICO CANALE DI TRASMISSIONE Ing. F.M. Raimondi Automazione Industriale 22 TRASMISSIONE DEL PACCHETTO DAL DATO AL UTENTE HOST HOST DAL UTENTE DATO AL PRESENT. 5 SESSIONE ROUTER 6 PRESENT. 5 SESSIONE 4 TRASPORTO 4 TRASPORTO 3 RETE 3 RETE 3 RETE 3 RETE 2 LINEA 2 LINEA 2 LINEA 2 LINEA 1 FISICO 1 FISICO 1 FISICO 1 FISICO CANALE DI TRASMISSIONE Ing. F.M. Raimondi Automazione Industriale 23 RETE DI COMUNICAZIONE DIGITALE I DISPOSITIVI INSERITI SULLA RETE DEVONO AVERE UN LINGUAGGIO COMUNE, ALTRIMENTI LA COMUNICAZIONE NON PUÒ AVVENIRE CORRETTAMENTE LIVELLI PRESENTAZIONE SESSIONE TRASPORTO RETE GESTORE DI RETE LINEA FISICO CANALE DI COMUNICAZIONE Ing. F.M. Raimondi Automazione Industriale 24

9 STRUTTURA DI UNA RETE DI COMUNICAZIONE SISTEMA DA CONTROLLARE / DISPOSITIVI DI ELABORAZIONE PC DEDICATO RETE LOCALE SCXI DAQ SERIALE VXI ATTUATORI HMI/SCADA ACQUISIZIONE DISTRIBUITA SU BUS DI CAMPO PLC SISTEMA COMPLESSO DA CONTROLLARE FIELD POINT Ing. F.M. Raimondi Automazione Industriale 25 PERCHÉ UTILIZZARE UN BUS DI CAMPO? PERCHÉ UTILIZZARE UN BUS DI CAMPO? FINO A POCO TEMPO FA I SISTEMI DI AUTOMAZIONE INDUSTRIALE ERANO COSTITUITI DI UN UNICA UNITÀ CENTRALE DI ELABORAZIONE CON ELEVATA POTENZA DI CALCOLO E DI TANTI DISPOSITIVI PERIFERICI IN GRADO DI FORNIRE ALL UNITÀ CENTRALE INFORMAZIONI SU SUA RICHIESTA. CON L EVOLUZIONE DELL ELETTRONICA E DELLA INFORMATICA, SEMPRE PIÙ INTELLIGENZA È STATA INSERITA NEI DISPOSITIVI DI COMUNICAZIONE DEI SISTEMI DI AUTOMAZIONE. NECESSITÀ DI UN SISTEMA DI COMUNICAZIONE PER LO SCAMBIO DI INFORMAZIONI FRA SISTEMI DI AUTOMAZIONE E DISPOSITIVI DI CAMPO Ing. F.M. Raimondi Automazione Industriale 26 COSA È IL BUS DI CAMPO? VANTAGGI RISPETTO ALLE CONNESSIONI CONVENZIONALI: RISPARMIO SUI COSTI DI CABLAGGIO E DI MANUTENZIONE (FINO AL 40%) SEMPLICITÀ DELLA CONNESSIONE: DUE SOLI FILI PORTANO I SEGNALI ED IN ALCUNI CASI ANCHE L ENERGIA ELETTRICA PER L ALIMENTAZIONE DEI DISPOSITIVI DI ELABORAZIONE LOCALE STANDARDIZZAZIONE: IL PROTOCOLLO DI COMUNICAZIONE STANDARD È NON PROPRIETARIO E PERMETTE LA CONNESSIONE DI DISPOSITIVI DI FABBRICAZIONE DIVERSA. PROFIBUS: PROTOCOLLO DEFINITO DA UN CONSORZIO EUROPEO IN CONFORMITÀ DELLO STANDARD EN Ing. F.M. Raimondi Automazione Industriale 27

10 CONTROLLORE LOCALE CONFIGURAZIONE DEL DISPOSITIVO FONDAMENTALE PER GARANTIRE L INTEROPERABILITÀ CONSENTE A SISTEMI GIÀ ESISTENTI DI ACQUISIRE LE DEFINIZIONI DI DA NUOVI DISPOSITIVI DI CAMPO ELIMINA LA NECESSITÀ DI SVILUPPARE NUOVE INTERACCIE E DRIVER PROPRIETARI SOFTWARE DI CONFIGURAZIONE LOWER SPEED FIELDBUS DISPOSITIVO ATTUATORE DI MISURA DISPOSITIVO LOCALE DRIVER DI INTERFACCIA Ing. F.M. Raimondi Automazione Industriale 28 BUS DI CAMPO PIÙ SOFISTICATI DI SEMPLICI RETI SERIALI SONO USATI PER MONITORAGGIO E CONTROLLO RICHIEDONO HARDWARE E SOFTWARE SPECIALIZZATI BUS DI CAMPO SI USANO DIVERSI PROTOCOLLI A SECONDA DELL APPLICAZIONE (DIFETTO: MANCANZA DI STANDARDIZZAZIONE) SI CLASSIFICANO IN TRE GRUPPI: SENSORBUS: LIMITATO AL SERVIZIO DI SINGOLI SENSORI DEVICEBUS: APPLICABILE A DISPOSITIVI PIÙ COMPLESSI FIELDBUS: VERA RETE INDUSTRIALE CHE PERMETTE LA COMUNICAZIONE A TUTTI I LIVELLI RECENTEMENTE È STATO RISOLTO ALMENO IN PARTE IL PROBLEMA DELLA STANDARDIZZAZIONE Ing. F.M. Raimondi Automazione Industriale 29 STANDARD PROTOCOLLI PROFIBUS (FMS, DP, PA) CAN (CANOPEN, DEVICENET, SDS) INTERBUS S HART ASI TCP/IP FIELDBUS FUNDATION PROPRIETARI FIPWAY MPI SINELEC UNITELWAY.... PROTOCOLLI Ing. F.M. Raimondi Automazione Industriale 30

11 APPLICAZIONI PRINCIPALI APPLICAZIONI TIPICHE TIPI DI BUS DI CAMPO SENSORBUS DEVICEBUS FIELDBUS MACCHINE AD EVENTI DISCRETI MACCHINE AD EVENTI DISCRETI PROCESSI DI TIPO CONTINUO PLC PLC DCS DIMENSIONE DEI DATI < 1 BYTE 8 32 BYTE > 32 BYTE IMPIEGO DI MICROPROCESSORE INTELLIGENZA NO DI VARIO TIPO SI DIAGNOSTICA NO SEMPLICE SOFISTICATA TEMPO DI RISPOSTA MENO DI 5 ms MENO DI 5 ms 100 ms DISTANZA BREVE BREVE LUNGA ESEMPI NO SI SI SENSORI DISCRETI DI PROSSIMITÀ SENSORI FOTOSENSIBILI CON DIAGNOSTICA VALVOLE SMART CON DIAGNOSTICA Ing. F.M. Raimondi Automazione Industriale 31 TIPI DI BUS DI CAMPO PER L AUTOMAZIONE INDUSTRIALE SENSORBUS DEVICEBUS FIELDBUS CAN DEVICENET IEC/SP50 SERIPLEX CANOPEN FOUNDATION FIELDBUS ASI PROFIBUS DP PROFIBUS PA LONWORKS LONWORKS LONWORKS FIPIO WORLFIP SDS INTERBUS-S Ing. F.M. Raimondi Automazione Industriale 32 DISPOSITIVI COLLEGABILI ALLE RETI DEVICEBUS SERVOVALVOLE E CONTROLLORI LOCALI INTEGRATI DISPOSITIVI DI MISURA E CONTROLLORI LOCALI INTEGRATI P C D C S P L C AZIONAMENTI DISPOSITIVI DI MISURA TRASDUTTORI DI MISURA ATTUATORI ON/OFF RELÈ SENSORI ON/OFF FIELDBUS SENSORBUS Ing. F.M. Raimondi Automazione Industriale 33

12 DISPOSITIVI COLLEGABILI ALLE RETI TPC/IP ETHERNET FIELDBUS DEVICEBUS SENSORBUS SCADA D C S P L C ATTUATORI SENSORI Ing. F.M. Raimondi Automazione Industriale 34

La tecnica proporzionale

La tecnica proporzionale La tecnica proporzionale Regolatori di pressione La tecnica proporzionale Regolatori di pressione La tecnica proporzionale La tecnica proporzionale Controllo direzione e flusso La tecnica proporzionale

Dettagli

Internet e protocollo TCP/IP

Internet e protocollo TCP/IP Internet e protocollo TCP/IP Internet Nata dalla fusione di reti di agenzie governative americane (ARPANET) e reti di università E una rete di reti, di scala planetaria, pubblica, a commutazione di pacchetto

Dettagli

Insegnamento di Informatica CdS Scienze Giuridiche A.A. 2007/8

Insegnamento di Informatica CdS Scienze Giuridiche A.A. 2007/8 Insegnamento di Informatica CdS Scienze Giuridiche A.A. 2007/8 Livelli di rete e architettura Client-Server Lez 12 architettura client-server 1 Scorsa lezione: comunicazione Gli utenti chiedono comunicazione

Dettagli

Luigi Piroddi piroddi@elet.polimi.it

Luigi Piroddi piroddi@elet.polimi.it Automazione industriale dispense del corso 2. Introduzione al controllo logico Luigi Piroddi piroddi@elet.polimi.it Modello CIM Un moderno sistema di produzione è conforme al modello CIM (Computer Integrated

Dettagli

Protocolli di rete. Vittorio Maniezzo Università di Bologna. Vittorio Maniezzo Università di Bologna 02 Protocolli - 2/30

Protocolli di rete. Vittorio Maniezzo Università di Bologna. Vittorio Maniezzo Università di Bologna 02 Protocolli - 2/30 Protocolli di rete Vittorio Maniezzo Università di Bologna Vittorio Maniezzo Università di Bologna 02 Protocolli - 1/30 Strati di protocolli (Protocol Layers) Le reti sono complesse Molti elementi: host

Dettagli

INTRODUZIONE A RETI E PROTOCOLLI

INTRODUZIONE A RETI E PROTOCOLLI PARTE 1 INTRODUZIONE A RETI E PROTOCOLLI Parte 1 Modulo 1: Introduzione alle reti Perché le reti tra computer? Collegamenti remoti a mainframe (< anni 70) Informatica distribuita vs informatica monolitica

Dettagli

Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni. Reti di calcolatori 2 a lezione a.a. 2009/2010 Francesco Fontanella

Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni. Reti di calcolatori 2 a lezione a.a. 2009/2010 Francesco Fontanella Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni Reti di calcolatori 2 a lezione a.a. 2009/2010 Francesco Fontanella Una definizione di Rete Una moderna rete di calcolatori può essere definita come:

Dettagli

I bus di campo nell automazione industriale

I bus di campo nell automazione industriale I bus di campo nell automazione industriale Fabio Giorgi Introduzione Aspetti di comunicazione nell automazione industriale Esempio di cella di lavorazione Passaggio dal controllo centralizzato al controllo

Dettagli

Laboratorio di Informatica Corso di laurea in Lingue e Studi interculturali. AA 2010-2011. Paola Zamperlin. Internet. Parte prima

Laboratorio di Informatica Corso di laurea in Lingue e Studi interculturali. AA 2010-2011. Paola Zamperlin. Internet. Parte prima Laboratorio di Informatica Corso di laurea in Lingue e Studi interculturali. AA 2010-2011 Paola Zamperlin Internet. Parte prima 1 Definizioni-1 Una rete di calcolatori è costituita da computer e altri

Dettagli

GLI APPARATI PER L INTERCONNESSIONE DI RETI LOCALI 1. Il Repeater 2. L Hub 2. Il Bridge 4. Lo Switch 4. Router 6

GLI APPARATI PER L INTERCONNESSIONE DI RETI LOCALI 1. Il Repeater 2. L Hub 2. Il Bridge 4. Lo Switch 4. Router 6 GLI APPARATI PER L INTERCONNESSIONE DI RETI LOCALI 1 Il Repeater 2 L Hub 2 Il Bridge 4 Lo Switch 4 Router 6 Gli apparati per l interconnessione di reti locali Distinguiamo i seguenti tipi di apparati:

Dettagli

ARCHITETTURA TRADIZIONALE DI UN SISTEMA DI CONTROLLO AUTOMATICO/1

ARCHITETTURA TRADIZIONALE DI UN SISTEMA DI CONTROLLO AUTOMATICO/1 ARCHITETTURA TRADIZIONALE DI UN SISTEMA DI CONTROLLO AUTOMATICO/1 Ogni sensore/attuatore è collegato direttamente al PLC Cablaggi relativamente semplici da eseguire Difficoltà a espandere l impianto Informazioni

Dettagli

I modelli di riferimento ISO OSI e TCP-IP

I modelli di riferimento ISO OSI e TCP-IP Gli Standards I modelli di riferimento ISO OSI e TCP-IP Dipartimento ICT Istituto e Liceo tecnico statale di Chiavari 2004 prof. Roberto Bisceglia ISO: International Standards Organization. ANSI: American

Dettagli

Modello OSI e architettura TCP/IP

Modello OSI e architettura TCP/IP Modello OSI e architettura TCP/IP Differenza tra modello e architettura - Modello: è puramente teorico, definisce relazioni e caratteristiche dei livelli ma non i protocolli effettivi - Architettura: è

Dettagli

Comunicazione tra Computer. Protocolli. Astrazione di Sottosistema di Comunicazione. Modello di un Sottosistema di Comunicazione

Comunicazione tra Computer. Protocolli. Astrazione di Sottosistema di Comunicazione. Modello di un Sottosistema di Comunicazione I semestre 04/05 Comunicazione tra Computer Protocolli Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/auletta/ Università degli studi di Salerno Laurea in Informatica 1

Dettagli

Reti di computer. Agostino Lorenzi - Reti di computer - 2008

Reti di computer. Agostino Lorenzi - Reti di computer - 2008 Reti di computer Telematica : termine che evidenzia l integrazione tra tecnologie informatiche e tecnologie delle comunicazioni. Rete (network) : insieme di sistemi per l elaborazione delle informazioni

Dettagli

STRUMENTAZIONE. Il Sistema di supervisione e acquisizione dati: S.C.A.D.A. APPARATI SINGOLI MASTER RETE LOCALE SUPERVISIONE

STRUMENTAZIONE. Il Sistema di supervisione e acquisizione dati: S.C.A.D.A. APPARATI SINGOLI MASTER RETE LOCALE SUPERVISIONE Il Sistema di supervisione e acquisizione dati: S.C.A.D.A. Ing.Francesco M. Raimondi www.unipa.it/fmraimondi Lezioni del corso di Automazione Industriale Dipartimento di Ingegneria dell Automazione e dei

Dettagli

Reti e Internet: introduzione

Reti e Internet: introduzione Facoltà di Medicina - Corso di Laurea in Logopedia Corso di Informatica III anno Prof. Crescenzio Gallo Reti e Internet: introduzione c.gallo@unifg.it Reti e Internet: argomenti Tipologie di reti Rete

Dettagli

Programma del corso. Introduzione Rappresentazione delle Informazioni Calcolo proposizionale Architettura del calcolatore Reti di calcolatori

Programma del corso. Introduzione Rappresentazione delle Informazioni Calcolo proposizionale Architettura del calcolatore Reti di calcolatori Programma del corso Introduzione Rappresentazione delle Informazioni Calcolo proposizionale Architettura del calcolatore Reti di calcolatori Sistemi operativi di rete (locale) In una LAN si vogliono condividere

Dettagli

Reti di Calcolatori. Il software

Reti di Calcolatori. Il software Reti di Calcolatori Il software Lo Stack Protocollare Application: supporta le applicazioni che usano la rete; Transport: trasferimento dati tra host; Network: instradamento (routing) di datagram dalla

Dettagli

Reti locati e reti globali. Tecnologie: Reti e Protocolli. Topologia reti. Server e client di rete. Server hardware e server software.

Reti locati e reti globali. Tecnologie: Reti e Protocolli. Topologia reti. Server e client di rete. Server hardware e server software. Reti locati e reti globali Tecnologie: Reti e Protocolli Reti locali (LAN, Local Area Networks) Nodi su aree limitate (ufficio, piano, dipartimento) Reti globali (reti metropolitane, reti geografiche,

Dettagli

10. Stratificazione dei protocolli

10. Stratificazione dei protocolli 10. Stratificazione dei protocolli 10.1. Introduzione Abbiamo visto la struttura dell'internet. Ora dobbiamo esaminare la struttura del restante software di comunicazione, che è organizzato secondo il

Dettagli

PLC. I/O Analogici. www.webalice.it/s.pollini

PLC. I/O Analogici. www.webalice.it/s.pollini PLC I/O Analogici 1 I/O Analogici Acquisizione e gestione di segnali fisici variabili nel tempo da un valore minimo ad un valore massimo 2 I/O Analogici Trasduttori: attivi - passivi 3 I/O Analogici Trasduttori:

Dettagli

Dott. Davide Tamellini Ing. Vittorio Agostinelli. Automazione. AssoAutomazione

Dott. Davide Tamellini Ing. Vittorio Agostinelli. Automazione. AssoAutomazione La gestione dell IP dinamico in rete GPRS con utilizzo del protocollo IEC60870: il concetto di Plc Gprs Manager, nella comunicazione wireless con standard IEC, applicato alle reti idriche geograficamente

Dettagli

La classificazione delle reti

La classificazione delle reti La classificazione delle reti Introduzione Con il termine rete si intende un sistema che permette la condivisione di informazioni e risorse (sia hardware che software) tra diversi calcolatori. Il sistema

Dettagli

Le reti di calcolatori

Le reti di calcolatori Le reti di calcolatori 1 La storia Computer grandi e costosi Gli utenti potevano accerdervi tramite telescriventi per i telex o i telegrammi usando le normali linee telefoniche Successivamente le macchine

Dettagli

Modello di riferimento OSI Descrizione dei livelli

Modello di riferimento OSI Descrizione dei livelli Reti di Telecomunicazioni R. Bolla, L. Caviglione, F. Davoli Principali organismi di standardizzazione Modello di riferimento OSI Descrizione dei livelli 6.2 User N+1_Layer User REQUEST RESPONSE CONFIRMATION

Dettagli

Reti Locali. Lezione tenuta presso l Istituto I.I.S.S. Egidio Lanoce Maglie, 26 Ottobre 2011 Prof Antonio Cazzato

Reti Locali. Lezione tenuta presso l Istituto I.I.S.S. Egidio Lanoce Maglie, 26 Ottobre 2011 Prof Antonio Cazzato Reti Locali Lezione tenuta presso l Istituto I.I.S.S. Egidio Lanoce Maglie, 26 Ottobre 2011 Prof Antonio Cazzato Reti di Calcolatori una rete di calcolatori è costituita da due o più calcolatori autonomi

Dettagli

La rete: modelli di riferimento. La rete: modelli di riferimento. La rete: modelli di riferimento. La rete: modelli di riferimento Indice

La rete: modelli di riferimento. La rete: modelli di riferimento. La rete: modelli di riferimento. La rete: modelli di riferimento Indice Indice 1. Definizioni essenziali 2. Modelli di rete 3. Reti fisiche 4. Protocolli di rete 5. Modelli di riferimento 6. Raffronto tra modelli Architettura degli Elaboratori 2 - T. Vardanega Pagina 275 Definizioni

Dettagli

Controllo distribuito

Controllo distribuito I sistemi complessi di automazione industriale e di controllo di processo richiedono una notevole integrazione tra i vari sottosistemi che li compongono, tanto che li si può definire sistemi di controllo

Dettagli

Capitolo 1 - parte 1. Corso Reti ed Applicazioni Mauro Campanella

Capitolo 1 - parte 1. Corso Reti ed Applicazioni Mauro Campanella Capitolo 1 - parte 1 Corso Reti ed Applicazioni Mauro Campanella Precisazione Noi ci occuperemo solo della trasmissione di informazione in formato digitale. Un segnale analogico è basato su una variazione

Dettagli

Quanto sono i livelli OSI?

Quanto sono i livelli OSI? RETI DI CALCOLATORI Domande di riepilogo Prima Esercitazione Quanto sono i livelli OSI? Esistono 7 livelli OSI. 2 Sergio PORCU 1 Livello 1: Fisico Il livello fisico si occupa della trasmissione dei singoli

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione Le Reti di Calcolatori (parte 2) Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Docente: Daniela

Dettagli

MODELLI ISO/OSI e TCP/IP

MODELLI ISO/OSI e TCP/IP D. Talia RETI DI CALCOLATORI - UNICAL 1 Reti di Calcolatori MODELLI ISO/OSI e TCP/IP D. Talia RETI DI CALCOLATORI - UNICAL 2 Reti di Calcolatori Livelli e Servizi Il modello OSI Il modello TCP/IP Un confronto

Dettagli

Identità sulla rete protocolli di trasmissione (TCP-IP) L architettura del sistema. Dal livello A al livello B

Identità sulla rete protocolli di trasmissione (TCP-IP) L architettura del sistema. Dal livello A al livello B Identità sulla rete protocolli di trasmissione (TCP-IP) L architettura del sistema contenuto della comunicazione sistema per la gestione della comunicazione sottosistema C sottosistema B sottosistema A

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione Le Reti di Calcolatori (parte 2) Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Docente: Daniela

Dettagli

Reti locali LAN (Local Area Networks)

Reti locali LAN (Local Area Networks) Reti locali LAN (Local Area Networks) Una LAN è un sistema di comunicazione che permette ad apparecchiature indipendenti di comunicare tra di loro, entro un'area delimitata, utilizzando un canale fisico

Dettagli

Protocolli di Comunicazione

Protocolli di Comunicazione Protocolli di Comunicazione La rete Internet si è sviluppata al di fuori dal modello ISO-OSI e presenta una struttura solo parzialmente aderente al modello OSI. L'architettura di rete Internet Protocol

Dettagli

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2014-15. Pietro Frasca. Parte II Lezione 5

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2014-15. Pietro Frasca. Parte II Lezione 5 Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2014-15 Parte II Lezione 5 Giovedì 19-03-2015 1 Intensità del traffico e perdita dei pacchetti La componente

Dettagli

TEST DI RETI DI CALCOLATORI I (9400N) anno 1999/2000

TEST DI RETI DI CALCOLATORI I (9400N) anno 1999/2000 TEST DI RETI DI CALCOLATORI I (9400N) anno 1999/2000 1) Quanti sono i livelli del modello ISO/OSI: A. 3 B. 7 C. 6 D. non è definito un numero massimo non è definito un numero massimo 2) Due entità ad un

Dettagli

Page 1. Elementi Base del Modello OSI. Il modello di riferimento ISO/OSI OSI: Open Systems Interconnection. Struttura a Livelli.

Page 1. Elementi Base del Modello OSI. Il modello di riferimento ISO/OSI OSI: Open Systems Interconnection. Struttura a Livelli. Università degli Studi di Parma Elementi Base del Modello OSI Sistema A Sistema B Sistema C Sistema D Modello OSI mezzi fisici Connessioni Struttura a Livelli Per ridurre la complessità progettuale, tutte

Dettagli

Le reti. Introduzione al concetto di rete. Classificazioni in base a

Le reti. Introduzione al concetto di rete. Classificazioni in base a Le reti Introduzione al concetto di rete Classificazioni in base a Software di rete OSI e TCP/IP Definizione di rete Vantaggi delle reti Reti ad architettura centralizzata e distribuita Sistemi aperti

Dettagli

Reti, Protocolli e Indirizzi. DIMENSIONE della RETE. Arpanet e Internetworking. Topologia a Stella

Reti, Protocolli e Indirizzi. DIMENSIONE della RETE. Arpanet e Internetworking. Topologia a Stella Premessa breve Reti, Protocolli e Indirizzi Lo sviluppo delle telecomunicazioni ha avuto due fattori determinanti : L esistenza di una rete esistente (quella telefonica) La disponibilita di HW e SW adeguati

Dettagli

Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni

Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni Reti di Calcolatori Claudio Marrocco Componenti delle reti Una qualunque forma di comunicazione avviene: a livello hardware tramite un mezzo fisico che

Dettagli

ICT (Information and Communication Technology): ELEMENTI DI TECNOLOGIA

ICT (Information and Communication Technology): ELEMENTI DI TECNOLOGIA ICT (Information and Communication Technology): ELEMENTI DI TECNOLOGIA Obiettivo Richiamare quello che non si può non sapere Fare alcune precisazioni terminologiche IL COMPUTER La struttura, i componenti

Dettagli

Reti di Telecomunicazioni LB Introduzione al corso

Reti di Telecomunicazioni LB Introduzione al corso Reti di Telecomunicazioni LB Introduzione al corso A.A. 2005/2006 Walter Cerroni Il corso Seguito di Reti di Telecomunicazioni LA Approfondimento sui protocolli di Internet TCP/IP, protocolli di routing,

Dettagli

SUITE PROTOCOLLI TCP/IP ( I protocolli di Internet )

SUITE PROTOCOLLI TCP/IP ( I protocolli di Internet ) PARTE 2 SUITE PROTOCOLLI TCP/IP ( I protocolli di Internet ) Parte 2 Modulo 1: Stack TCP/IP TCP/IP Protocol Stack (standard de facto) Basato su 5 livelli invece che sui 7 dello stack ISO/OSI Application

Dettagli

Profibus vs WorldFIP WorldFip centralizzato e basato sulla schedulazione

Profibus vs WorldFIP WorldFip centralizzato e basato sulla schedulazione Il Profibus PROcess FIeld BUS (PROFIBUS) è un sistema di comunicazione nato per connettere dispositivi di campo digitali diversi e/o elementi con prestazioni di basso livello, come trasmettitori, attuatori,

Dettagli

3 Capitolo primo Informatica e calcolatori

3 Capitolo primo Informatica e calcolatori I n d i c e 3 Capitolo primo Informatica e calcolatori 7 Capitolo secondo La rappresentazione delle informazioni 11 2.1 La codifica dei caratteri 2.1.1 Il codice ASCII, p. 11-2.1.2 Codifiche universali,

Dettagli

Reti di computer- Internet- Web. Concetti principali sulle Reti Internet Il Web

Reti di computer- Internet- Web. Concetti principali sulle Reti Internet Il Web Reti di computer- Internet- Web Concetti principali sulle Reti Internet Il Web Condivisione di risorse e comunicazione con gli altri utenti n n n Anni 70: calcolatori di grandi dimensioni, modello timesharing,

Dettagli

Principi fondamentali

Principi fondamentali Principi fondamentali Elementi di base Definizione di rete di calcolatori Tipologia di connessioni Architettura di rete Prestazioni di una rete di calcolatori Conclusioni 1 1 Bit e Byte BIT = BInary digit

Dettagli

Architetture di comunicazione

Architetture di comunicazione 21 aprile 2015 Ing. foglietta.chiara@gmail.com Università degli Studi di Cassino e del Lazio Meridionale Agenda I 2 Il termine SCADA (sistema di controllo e acquisizione dati di controllo) si riferisce

Dettagli

I canali di comunicazione

I canali di comunicazione I canali di comunicazione tipo velocità min velocità max doppino telefonico 300bps 10 mbps micro onde 256kbps 100 mbps satellite 256kbps 100 mbps cavo coassiale 56 kbps 200 mbps fibra ottica 500 kbps 10

Dettagli

Reti di Calcolatori. Lezione 2

Reti di Calcolatori. Lezione 2 Reti di Calcolatori Lezione 2 Una definizione di Rete Una moderna rete di calcolatori può essere definita come: UN INSIEME INTERCONNESSO DI CALCOLATORI AUTONOMI Tipi di Rete Le reti vengono classificate

Dettagli

i nodi i concentratori le dorsali

i nodi i concentratori le dorsali RETI LOCALI Reti di computer collegati direttamente tra di loro in un ufficio, un azienda etc. sono dette LAN (Local Area Network). Gli utenti di una LAN possono condividere fra di loro le risorse quali

Dettagli

RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE

RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE Prof. PIER LUCA MONTESSORO Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Udine 1999 Pier Luca Montessoro (si veda la nota a pagina 2) 1 Nota di Copyright

Dettagli

Prof.ssa Sara Michelangeli. Computer network

Prof.ssa Sara Michelangeli. Computer network Prof.ssa Sara Michelangeli Computer network Possiamo definire rete di computer (Computer network) un sistema in cui siano presenti due o più elaboratori elettronici ed i mezzi per connetterli e che consenta

Dettagli

DISCIPLINA TECNOLOGIE E PROGETTAZIONE DI SISTEMI INFORMATICI E DI TELECOMUNICAZIONI

DISCIPLINA TECNOLOGIE E PROGETTAZIONE DI SISTEMI INFORMATICI E DI TELECOMUNICAZIONI DISCIPLINA TECNOLOGIE E PROGETTAZIONE DI SISTEMI INFORMATICI E DI TELECOMUNICAZIONI INDIRIZZO DI INFORMATICA E TELECOMUNICAZIONI ARTICOLAZIONE TELECOMUNICAZIONI Utilizzare consapevolmente gli strumenti

Dettagli

INFORMATICA CORSO DI INFORMATICA DI BASE ANNO ACCADEMICO 2015/2016 DOCENTE: SARRANTONIO ARTURO

INFORMATICA CORSO DI INFORMATICA DI BASE ANNO ACCADEMICO 2015/2016 DOCENTE: SARRANTONIO ARTURO INFORMATICA CORSO DI INFORMATICA DI BASE ANNO ACCADEMICO 2015/2016 DOCENTE: SARRANTONIO ARTURO PROGRAMMA algoritmi, linguaggi di programmazione, traduttori, sistemi operativi e reti. Sistemi operativi

Dettagli

I canali di comunicazione

I canali di comunicazione I canali di comunicazione tipo velocità min velocità max doppino telefonico 300bps 10 mbps micro onde 256kbps 100 mbps satellite 256kbps 100 mbps cavo coassiale 56 kbps 200 mbps fibra ottica 500 kbps 10

Dettagli

Le Reti di Computer. Tecnologie dell'informazione e della Comunicazione. I.S.I.S.S. Sartor CASTELFRANCO V.TO. Prof. Mattia Amadori

Le Reti di Computer. Tecnologie dell'informazione e della Comunicazione. I.S.I.S.S. Sartor CASTELFRANCO V.TO. Prof. Mattia Amadori I.S.I.S.S. Sartor CASTELFRANCO V.TO Tecnologie dell'informazione e della Comunicazione Le Reti di Computer Prof. Mattia Amadori Anno Scolastico 2015/2016 COS È UNA RETE DI COMPUTER? Rete di computer è

Dettagli

Controllo distribuito

Controllo distribuito II PARTE Controllo distribuito Produzione integrata tramite elaboratori Reti per l automazione Sistemi per il controllo di supervisione e l acquisizione dati (SCADA) Sistemi per l esecuzione della produzione

Dettagli

Una panoramica su HL7

Una panoramica su HL7 HL7 è uno standard ANSI di integrazione molto importante per tutto il Sistema Informativo Sanitario in generale e per il sistema RIS/PACS in particolare. L'acronimo HL7 sta per Health Level Seven, ossia

Dettagli

TECNOLOGIE E PROGETTAZIONE DI SISTEMI INFORMATICI E DI TELECOMUNICAZIONI

TECNOLOGIE E PROGETTAZIONE DI SISTEMI INFORMATICI E DI TELECOMUNICAZIONI TECNOLOGIE E PROGETTAZIONE DI SISTEMI INFORMATICI E DI TELECOMUNICAZIONI Confronto tra ISO-OSI e TCP/IP, con approfondimento di quest ultimo e del livello di trasporto in cui agiscono i SOCKET. TCP/IP

Dettagli

UDP. Livello di Trasporto. Demultiplexing dei Messaggi. Esempio di Demultiplexing

UDP. Livello di Trasporto. Demultiplexing dei Messaggi. Esempio di Demultiplexing a.a. 2002/03 Livello di Trasporto UDP Descrive la comunicazione tra due dispositivi Fornisce un meccanismo per il trasferimento di dati tra sistemi terminali (end user) Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it

Dettagli

PROF. Filippo CAPUANI TCP/IP

PROF. Filippo CAPUANI TCP/IP PROF. Filippo CAPUANI TCP/IP Sommario Introduzione al TCP/IP Indirizzi IP Subnet Mask Frame IP Meccanismi di comunicazione tra reti diverse Classi di indirizzi IP Indirizzi IP privati e pubblici Introduzione

Dettagli

Il File System. È la componente del S.O. che si occupa della gestione della memoria di massa e dell organizzazione logica dei dati

Il File System. È la componente del S.O. che si occupa della gestione della memoria di massa e dell organizzazione logica dei dati Il File System È la componente del S.O. che si occupa della gestione della memoria di massa e dell organizzazione logica dei dati Le operazioni supportate da un file system sono: eliminazione di dati modifica

Dettagli

Standard di comunicazione

Standard di comunicazione Standard di comunicazione Organizzato a livelli per ridurne la complessità e aumentarne la flessibilità il numero dei livelli e le loro funzionalità dipendono dal tipo di rete ogni livello formalizza un

Dettagli

Introduzione. Livello applicativo Principi delle applicazioni di rete. Stack protocollare Gerarchia di protocolli Servizi e primitive di servizio 2-1

Introduzione. Livello applicativo Principi delle applicazioni di rete. Stack protocollare Gerarchia di protocolli Servizi e primitive di servizio 2-1 Introduzione Stack protocollare Gerarchia di protocolli Servizi e primitive di servizio Livello applicativo Principi delle applicazioni di rete 2-1 Pila di protocolli Internet Software applicazione: di

Dettagli

Laboratorio di Informatica. Le reti telematiche e Internet

Laboratorio di Informatica. Le reti telematiche e Internet Le reti telematiche e Internet Lezione 6 1 Insieme di cavi, protocolli, apparati di rete che collegano tra loro computer distinti i cavi trasportano fisicamente le informazioni opportunamente codificate

Dettagli

Informatica per la Storia dell Arte. Anno Accademico 2014/2015

Informatica per la Storia dell Arte. Anno Accademico 2014/2015 Università degli Studi di Palermo Dipartimento di Ingegneria Chimica, Gestionale, Informatica, Meccanica Informatica per la Storia dell Arte Anno Accademico 2014/2015 Docente: ing. Salvatore Sorce Architettura

Dettagli

Una Tassonomia delle Reti

Una Tassonomia delle Reti Una Tassonomia delle Reti La tabella riporta una classificazione dei vari tipi di rete, in funzione dell ambito operativo e delle distanze coperte. AMBITO DISTANZA RETE COPERTA Edificio 100 m Reti Locali

Dettagli

Programmazione modulare 2015-2016

Programmazione modulare 2015-2016 Programmazione modulare 05-06 Indirizzo: Informatica Disciplina: SISTEMI E RETI Classe: 4 B Docente: Buscemi Letizia Ore settimanali previste: 4 ore ( teoria + ) Totale ore previste: 4 ore per 33 settimane

Dettagli

Modulo 1.3 Reti e servizi

Modulo 1.3 Reti e servizi Modulo 1.3 Reti e servizi 1. Introduzione al Networking Connettere il PC in rete; schede di rete e modem; Panoramica sulle reti ad alta velocita' e reti dial-up; Testare la connettivita' con ping; Introduzione

Dettagli

Modulo 1 Test di verifica. Concetti teorici di base delle T.I.C.

Modulo 1 Test di verifica. Concetti teorici di base delle T.I.C. Modulo 1 Test di verifica Concetti teorici di base delle T.I.C. Test n. 1 Quali tra le seguenti non sono memorie di massa? CDROM Hard disk RAM Floppy disk Cache Test n. 1 Quali tra le seguenti non sono

Dettagli

Reti di Calcolatori. una rete di calcolatori è costituita da due o più calcolatori autonomi che possono interagire tra di loro una rete permette:

Reti di Calcolatori. una rete di calcolatori è costituita da due o più calcolatori autonomi che possono interagire tra di loro una rete permette: Reti di Calcolatori una rete di calcolatori è costituita da due o più calcolatori autonomi che possono interagire tra di loro una rete permette: condivisione di risorse (dati aziendali, stampanti, ) maggiore

Dettagli

Indice generale VIII

Indice generale VIII Indice generale Indice dei box di approfondimento X Prefazione XII Ringraziamenti dell Editore XIV Guida alla lettura XV Capitolo 1 Introduzione 1 1 1 Trattamento dell informazione e strumenti per il trattamento

Dettagli

Informatica per la comunicazione" - lezione 8 -

Informatica per la comunicazione - lezione 8 - Informatica per la comunicazione - lezione 8 - I multipli 1 KB (kilo) = 1000 B 1 MB (mega) = 1 mln B 1 GB (giga) = 1 mld B 1 TB (tera) = 1000 mld B Codifica binaria dei numeri Numerazione con base 10:

Dettagli

Prof. Capuzzimati Mario - ITIS Magistri Cumacini - Como LOGICA DI CONTROLLO

Prof. Capuzzimati Mario - ITIS Magistri Cumacini - Como LOGICA DI CONTROLLO Logiche di controllo LOGICA DI CONTROLLO Una automazione può, oggi, essere realizzata secondo due diverse tecnologie. In passato la logica di controllo era implementata (realizzata) attraverso la tecnologia

Dettagli

Controllo distribuito

Controllo distribuito I sistemi complessi di automazione industriale e di controllo di processo richiedono una notevole integrazione tra i vari sottosistemi che li compongono, tanto che li si può definire sistemi di controllo

Dettagli

M286 - ESAME DI STATO DI ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE. Indirizzo: ELETTRONICA E TELECOMUNICAZIONI CORSO DI ORDINAMENTO. Tema di: TELECOMUNICAZIONI

M286 - ESAME DI STATO DI ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE. Indirizzo: ELETTRONICA E TELECOMUNICAZIONI CORSO DI ORDINAMENTO. Tema di: TELECOMUNICAZIONI M286 - ESAME DI STATO DI ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE Indirizzo: ELETTRONICA E TELECOMUNICAZIONI CORSO DI ORDINAMENTO Tema di: TELECOMUNICAZIONI Traccia n 2 Sessione ordinaria 2000 Seconda prova scritta

Dettagli

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14. Pietro Frasca. Parte II Lezione 4

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14. Pietro Frasca. Parte II Lezione 4 Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14 Pietro Frasca Parte II Lezione 4 Giovedì 13-03-2014 1 Ritardi e perdite nelle reti a commutazione

Dettagli

Parte II: Reti di calcolatori Lezione 21

Parte II: Reti di calcolatori Lezione 21 Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14 Pietro Frasca Parte II: Reti di calcolatori Lezione 21 Giovedì 15-05-2014 1 Protocolli a turno

Dettagli

Reti di elaboratori. Reti di elaboratori. Reti di elaboratori INFORMATICA PER LE DISCIPLINE UMANISTICHE 2 (13042)

Reti di elaboratori. Reti di elaboratori. Reti di elaboratori INFORMATICA PER LE DISCIPLINE UMANISTICHE 2 (13042) Reti di elaboratori Rete di calcolatori: insieme di dispositivi interconnessi Modello distribuito INFORMATICA PER LE DISCIPLINE UMANISTICHE 2 (13042) Funzioni delle reti: comunicazione condivisione di

Dettagli

Lo scenario: la definizione di Internet

Lo scenario: la definizione di Internet 1 Lo scenario: la definizione di Internet INTERNET E UN INSIEME DI RETI DI COMPUTER INTERCONNESSE TRA LORO SIA FISICAMENTE (LINEE DI COMUNICAZIONE) SIA LOGICAMENTE (PROTOCOLLI DI COMUNICAZIONE SPECIALIZZATI)

Dettagli

Sistema di acquisizione dati

Sistema di acquisizione dati Sistema di acquisizione dati Ci sono innumerevoli ragioni sul perché é necessario acquisire informazioni dal mondo esterno: 1. Il controllo dei processi fisici che interessano la produzione industriale

Dettagli

Local Interconnect Network

Local Interconnect Network Corso di RETI e SISTEMI per l AUTOMAZIONE Prof. Stefano PANZIERI A.A. 2000/2001 Local Interconnect Network a cura di Giovanni RENDINA e Francesco RICCIARDI Perché LIN? La presenza di un numero sempre più

Dettagli

PARTE 1 richiami. SUITE PROTOCOLLI TCP/IP ( I protocolli di Internet )

PARTE 1 richiami. SUITE PROTOCOLLI TCP/IP ( I protocolli di Internet ) PARTE 1 richiami SUITE PROTOCOLLI TCP/IP ( I protocolli di Internet ) Parte 1 Modulo 1: Stack TCP/IP TCP/IP Protocol Stack (standard de facto) Basato su 5 livelli invece che sui 7 dello stack ISO/OSI Application

Dettagli

Per essere inviato il dato deve essere opportunamente codificato in modo da poter essere trasformato in SEGNALE, elettrico oppure onda luminosa.

Per essere inviato il dato deve essere opportunamente codificato in modo da poter essere trasformato in SEGNALE, elettrico oppure onda luminosa. La trasmissione dell informazione N.R2 La comunicazione tra due calcolatori si realizza tramite lo scambio di dati su un canale di comunicazione, esiste quindi un TRASMETTITORE che invia dei dati e un

Dettagli

Reti di Calcolatori. Master "Bio Info" Reti e Basi di Dati Lezione 4

Reti di Calcolatori. Master Bio Info Reti e Basi di Dati Lezione 4 Reti di Calcolatori Sommario Software di rete Livello Trasporto (TCP) Livello Rete (IP, Routing, ICMP) Livello di Collegamento (Data-Link) Software di rete Livello Rete (IP, Routing, ICMP) Se i protocolli

Dettagli

Modello ISO- OSI. Modelli di re* Livelli (L5, L6) Livelli (L3, L4) A. Ferrari

Modello ISO- OSI. Modelli di re* Livelli (L5, L6) Livelli (L3, L4) A. Ferrari Modello ISO- OSI Modelli di re* A. Ferrari L OSI (Open System Interconnec*ons) è un progeao formulato dall ISO (Interna*onal Standard Organiza*on) alla fine degli anni 70 con lo scopo di proporre un modello

Dettagli

Interconnessione di reti

Interconnessione di reti Interconnessione di reti Collegamenti tra reti eterogenee Instradamento (routing) e inoltro (forwarding) IPv4 - indirizzi IP e MAC - sottoreti IPv6 - evoluzione di Internet DNS - Domain Name System Conclusioni

Dettagli

Introduzione alla rete Internet

Introduzione alla rete Internet Introduzione alla rete Internet AA 2004-2005 Reti e Sistemi Telematici 1 Internet: nomenclatura Host: calcolatore collegato a Internet ogni host può essere client e/o server a livello applicazione Router:

Dettagli

the digital connection company Full Lighting Management

the digital connection company Full Lighting Management Ailux S.r.l. è una realtà tecnologica che ha come strategia aziendale la connettività. L azienda ed il suo management si riconoscono e amano identificarsi come una digital connection. L unione di un management

Dettagli

Le reti linguaggio comune chiamato protocollo.

Le reti linguaggio comune chiamato protocollo. As 2015-2016 Le reti Una rete è una serie di dispositivi informatici (principalmente computer, ma anche stampanti, apparecchiature diagnostiche, router,...) collegati fisicamente tra di loro. Tali dispositivi,

Dettagli

Reti di Calcolatori. Corso di Informatica. Reti di Calcolatori. Reti di Calcolatori. Corso di Laurea in Conservazione e Restauro dei Beni Culturali

Reti di Calcolatori. Corso di Informatica. Reti di Calcolatori. Reti di Calcolatori. Corso di Laurea in Conservazione e Restauro dei Beni Culturali Corso di Laurea in Conservazione e Restauro dei Beni Culturali Corso di Informatica Gianluca Torta Dipartimento di Informatica Tel: 011 670 6782 Mail: torta@di.unito.it Reti di Calcolatori una rete di

Dettagli

Tecnologie di Campo nell Automazione Industriale

Tecnologie di Campo nell Automazione Industriale Tecnologie di Campo nell Automazione Industriale Reti per l Automazione Stefano Panzieri Lan e Bus di Campo - 1 Stefano Panzieri Al livello più basso Misura e acquisizione delle grandezze di interesse

Dettagli

Conoscere la terminologia di base attraverso la presentazione delle principali componenti hardware di un computer.

Conoscere la terminologia di base attraverso la presentazione delle principali componenti hardware di un computer. Classe 3^ Istituto Istruzione Superiore di Baronissi ind. tecnico PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI Sistemi e Reti Articolazione: Informatica Anno scolastico 2012-2013 MODULI CONTENUTI OBIETTIVI METODOLOGIE

Dettagli

Reti di Telecomunicazioni Mobile IP Mobile IP Internet Internet Protocol header IPv4 router host indirizzi IP, DNS URL indirizzo di rete

Reti di Telecomunicazioni Mobile IP Mobile IP Internet Internet Protocol header IPv4 router host indirizzi IP, DNS URL indirizzo di rete IP Analizziamo con sufficiente dettaglio il sistema denominato IP, usato per consentire a due computer mobili di spostarsi liberamente in altre reti pur mantenendo lo stesso indirizzo IP. In particolare,

Dettagli

Laboratorio di Informatica (Chimica)

Laboratorio di Informatica (Chimica) Laboratorio di Informatica (Chimica) Lezione 03: Le Reti. Walter Cazzola Dipartimento di Informatica e Comunicazione Università à degli Studi di Milano. e-mail: cazzola@dico.unimi.it Walter Cazzola Lezione

Dettagli

PROGRAMMAZIONE MODULARE 2015-2016. Disciplina: SISTEMI E RETI Classe: QUINTA A INF SERALE Indirizzo: INFORMATICA

PROGRAMMAZIONE MODULARE 2015-2016. Disciplina: SISTEMI E RETI Classe: QUINTA A INF SERALE Indirizzo: INFORMATICA PROGRAMMAZIONE MODULARE 2015-2016 Disciplina: SISTEMI E RETI Classe: QUINTA A INF SERALE Indirizzo: INFORMATICA Docenti: Gualdi (teoria), Travaglioni (laboratorio) Ore settimanali previste: 2 TEORIA +

Dettagli