Noi infermieri con i nostri valori, dalla vostra parte Sempre.

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Noi infermieri con i nostri valori, dalla vostra parte Sempre."

Transcript

1 ANNO XIII N Poste Italiane s.p.a. - Spedizione in abbonamento Postale - D.L. 353/2003 (conv. in L. 27/02/2004 n 46) art. 1, comma 2, DCB TV - Autorizzazione Tribunale TV n 995 del Noi infermieri con i nostri valori, dalla vostra parte Sempre.

2 Editoriale a cura del Consiglio Direttivo GLI INFERMIERI CONTRO LA SOPPRESSIONE DEL PROPRIO SAPERE Editoriale Gli infermieri contro la soppressione del proprio sapere pag. 2 Attività Collegio Corso di formazione Il codice deontologico dell infermiere pag. 7 Corso di formazione Infermieristica in Pronto Soccorso e in Area di Emergenza. pag. 11 Seminari dei Collegi Ipasvi - Fiuggi pag. 16 Convocazioni Consiglio Direttivo pag. 20 Comunicati stampa Infermieri e questione Policarpo pag. 24 Federazione Nazionale Lettera della Federazione Nazionale.. Master in Management o per le Funzioni di Coordinamento pag. 27 Notizie in breve Farmacie ed infermieri: una alleanza possibile pag. 29 Agenda Eventi formativi pag. 30 Comunicazioni Eventi formativi pag. 31 Molti di voi avranno seguito le vicende legate alla revisione dei settori scientifico disciplinari universitari, prevista dal Decreto Legge 10 novembre 2008, n Per alcuni potrà sembrare una questione limitata agli addetti ai lavori, in realtà le ripercussioni per lo sviluppo ed evoluzione della professione infermieristica possono essere gravi e significative. In Università, i settori scientifico-disciplinari sono classificazioni che descrivono le conoscenze, le competenze e gli ambiti di ricerca facenti capo ad una disciplina di insegnamento. Il settore scientifico-disciplinare infermieristico è il MED-45 Scienze Infermieristiche Generali Cliniche e Pediatriche. Nella Declaratoria è definito: il settore che si interessa dell attività scientifica e didattico- formativa, nonché dell attività assistenziale ad essa congrua, nel campo dell Infermieristica Generale, Pediatrica e Neonatale; sono ambiti di competenza del settore la metodologia della ricerca in campo infermieristico, la teoria dell assistenza infermieristica, l infermieristica clinica, preventiva e di comunità, l infermieristica dell area critica e dell emergenza e la metodologia e organizzazione della professione. 2

3 La Presidente Nazionale Ipasvi Annalisa Silvestro ci illustra i termini della questione nell Editoriale del n. 3/2009 de L Infermiere e enuncia i 5 perché del NO alla soppressione dell unico settore scientifico-disciplinare infermieristico, il MED45 Scienze Infermieristiche Generali Cliniche e Pediatriche : 1. perché verrebbe annullata la formazione disciplinare specifica di una figura rilevante e peculiare per il nostro sistema sanitario: l infermiere, 2. perché verrebbe sminuito il contributo autonomo e insostituibile del mondo infermieristico nei processi di assistenza, 3. perché il nostro sistema sanitario necessita di un infermiere formato al meglio e con una forte caratterizzazione assistenziale, 4. perché verrebbe negata ai cittadini un offerta sanitaria completa e pertinente ai bisogni emergenti nella collettività nazionale ed europea, 5. perché il nostro Settore scientificodisciplinare Med 45 (Infermieristica generale clinica e pediatrica) copre circa il 25% di tutti gli insegnamenti previsti nel Corso di laurea per gli infermieri. Queste 5 affermazioni ci fanno comprendere la necessità e il dovere della professione infermieristica di mettere in atto tutte le azioni possibili per evitare l annullamento o accorpamento del MED45. Illustriamo il percorso e le azioni messe in atto dal Comitato Centrale della Federazione Nazionale IPASVI: Editoriale - 15 e 16 maggio 2009 Conferenza Nazionale dei Corsi di Laurea Viene presentata un ipotesi di riduzione dei corsi di laurea e dei settori scientifico disciplinari, come previsto Decreto Legge 10 novembre 2008, n ultime settimane di maggio e prima settimana di giugno 2009 Il Comitato Centrale ha preso visione dei documenti informali del Consiglio Universitario Nazionale (CUN) e ha incontrato rappresentanti della Società Italiana di Scienze Infermieristiche, composta da infermieri professori associati e ricercatori di MED45 del territorio nazionale. - 7 giugno 2009 Viene indetto un Consiglio Nazionale della Federazione Collegi Ipasvi, nel corso del quale il Comitato Centrale presenta il problema e vengono condivise le strategie di intervento. - dal 7 al 15 giugno 2009 Vengono intensificati i contatti formali e informali con gli organi politici e tecnici: viene richiesto l incontro con il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca On. Maria Stella Gelmini, realizzati più incontri con i rappresentanti delle istituzioni politiche e universitarie, in particolare con il Vice Ministro della Sanità On. Ferruccio Fazio, con il Prof. Scala, Vice Rettore dell Università Vita-Salute della Fondazione San Raffaele di Milano, e con il Dott. Leonardi, Direttore del Ministero della Salute giugno 2009 Alla III Conferenza Nazionale delle Po- 3

4 Editoriale litiche sulla Professione Infermieristica di Bologna, in presenza di numerosi rappresentanti dei Coordinatori dei Corsi di Laurea in Infermieristica e dei Dirigenti Infermieristici dell area organizzativa, degli infermieri professori associati e ricercatori, la Presidente Nazionale presenta il problema. - dal 20 al 27 giugno 2009 Sono stati prodotti numerosi comunicati stampa per ribadire la posizione della Federazione Nazionale IPASVI, decisamente contraria alla soppressione o accorpamento del settore disciplinare MED-45. Si sono intensificati gli incontri con rappresentanti del mondo politico e accademico. La Presidente Nazionale Ipasvi, la Vice Presidente della Società Italiana delle Scienze Infermieristiche e alcuni infermieri professori associati e ricercatori nelle Scienze Infermieristiche hanno incontrato il Prof. Gensini Gianfranco, Preside della Facoltà di Medicina e Chirurgia dell ateneo fiorentino per l analisi di quanto proposto dal Consiglio Universitario Nazionale (CUN) e per sostenere nelle sedi competenti il mantenimento del settore scientifico-disciplinare MED45, al fine di garantire ai futuri infermieri un appropriata preparazione e sviluppo di conoscenze e competenze assistenziali, ma anche per il mantenimento delle competenze quotidianamente utilizzate sul territorio e in ospedale da chi è già infermiere. Nel corso di Sanit 2009, svoltosi a Roma dal 23 al 26 giugno, ci sono state significative affermazioni e impegni espressi dal Vice Ministro della Sanità, On. Fazio sul fronte: dell istituzione di un area funzionale di docenza e ricerca comprensiva di tutte le funzioni attinenti alle attività dei corsi universitari delle professioni infermieristiche relative al tirocinio e alla docenza degli insegnamenti teorici; del futuro inquadramento e stabilizzazione nel ruolo di professori dei docenti infermieri; della valorizzazione in ogni struttura del sistema sanitario italiano della capacità di governo che gli infermieri hanno sviluppato in questi anni; della valorizzazione della figura dell infermiere e, in particolare, al suo inserimento nella rete delle farmacie per un arricchimento dell offerta sanitaria infermieristica in favore della cittadinanza; della regolamentazione della libera professione infermieristica intramuraria, Fazio è stato chiaro: Gli infermieri devono avere la stessa libertà di azione riservata ai medici ; di un rapido riconoscimento, anche formale, dell Ordine degli Infermieri. Il Comitato Centrale dell Ipasvi ha sottolineato, in particolare, la rilevanza della posizione assunta dal On. Fazio. Gli infermieri e i loro organismi di rappresentanza ha dichiarato il VicePresidente della Federazione Nazionale Gennaro Rocco ribadiscono con forza che sopprimere o accorpare ad altri settori disciplinari il MED45 non solo rappresenterebbe un vero e proprio scippo ai danni della professione infermieristica, compromettendo la prospettiva di costruire nel tempo una propria autorevole nuova classe di docenti infermieri, come avviene nella maggior parte degli altri paesi europei, ma costituirebbe soprattutto un grave danno per l intero Servizio Sanitario Nazionale, privandolo, di fatto, della possibilità di contare su 4

5 professionisti di qualità giugno 2009 Si è tenuto un Consiglio Nazionale straordinario della Federazione dei Collegi Ipasvi, allargato ai Professori Universitari MED45 ee Presidenti delle Associazioni Infermieristiche Italiane. L assemblea si è espressa all unanimità: contro l orientamento del CUN di sopprimere o accorpare a Settori scientifico-disciplinari medici l unico settore dell area infermieristica; sulla necessità di mantenere nella sua specificità il settore disciplinare MED45 per garantire con una peculiare formazione la capacità dei futuri infermieri di dare risposte appropriate ai bisogni sanitario-assistenziali emergenti; per manifestare nelle sedi competenti e all intera cittadinanza le proprie irrinunciabili posizioni a tutela del fondamentale ruolo svolto dagli infermieri nel sistema salute del paese e dei contenuti disciplinari dell infermieristica. Il Comitato centrale, in rappresentanza, degli oltre 370 mila infermieri italiani e forte del mandato dell assemblea metterà in atto ogni forma di iniziativa per garantire alla Collettività che il sistema sanitario italiano possa contare anche in futuro su professionisti di qualità e agli infermieri che venga loro riconosciuta la professionalità che esprimono. - 2 Luglio 2009 La Presidente e il Vice Presidente della Federazione Nazionale Ipasvi hanno avuto un positivo confronto Editoriale con il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca, On. Maria Stella Gelmini. L incontro si è svolto in un clima di grande cordialità e con reciproca disponibilità all ascolto. La Presidente e il Vice Presidente della Federazione Nazionale hanno evidenziato le buone ragioni degli infermieri per il mantenimento della specificità e autonomia del settore scientifico-disciplinare MED45. Il ministro ha ascoltato con attenzione, ha dimostrato interesse e si è impegnata a valutare la questione con il suo staff tecnico. Ha inoltre manifestato la disponibilità ad incontrare i rappresentanti della Federazione Ipasvi a conclusione della valutazione tecnica che verrà attivata in tempi brevi. Come scrive la Presidente Nazionale Annalisa Silvestro, anche noi vogliamo credere in una risposta positiva delle nostre istituzioni ma se così non fosse dobbiamo essere pronti a riprendere a camminare insieme per mantenere aperta la strada del futuro alla nostra professione. Ciò deve concretizzarsi attraverso la partecipazione attiva di tutti noi infermieri alle iniziative che la Federazione Nazionale ci chiamerà a sostenere. Sarà fondamentale la partecipazione di tutti per il sostegno alla non soppressione del settore scientifico disciplinare MED45, che rappresenta l ampio corpo di teorie e conoscenze specifiche della disciplina infermieristica in ambito accademico ma è anche il sapere proprio dell infermiere che lavora quotidianamente, in ospedale, a domicilio, 5

6 Editoriale nelle strutture per anziani, negli ambulatori, e che nell agire professionale risponde ai bisogni assistenziali delle persone assistite con competenza, appropriatezza, efficacia, qualità e sicurezza, per il mantenimento e il recupero della salute e del benessere delle stesse. E indispensabile che l insegnamento dei contenuti disciplinari infermieristici sia mantenuto in ambito universitario da infermieri docenti e non da altre figure, al fine di garantire una formazione mirata ai reali ed emergenti bisogni di assistenza infermieristica della comunità e per assicurare l erogazione di assistenza infermieristica di elevato livello, in linea con gli standard europei e internazionali. L annullamento o l accorpamento del Settore Scientifico Disciplinare MED45 crerebbe un forte rischio che si interrompa il processo evolutivo e di riconoscimento sociale che la professione infermieristica ha avviato in questi ultimi anni. Ecco perché, il mantenimento del MED45 non è un problema di pochi infermieri docenti e tutor ma è un problema dell intera professione che si identifica nel proprio sapere disciplinare e al quale viene riconosciuto un percorso formativo tipico di una professione intellettuale che si sviluppa in ambito accademico, dove è sempre la logica disciplinare, della disciplina infermieristica, che guida e costituisce il punto di riferimento di tutto il percorso di studio, di aggiornamento permanente e di ricerca del professionista. Questa è l unica strada per disporre di infermieri nell ambito clinico-assistenziale, infermieri docenti e di ricerca ed infermieri nell ambito organizzativo-gestionale portatori di un pensiero comune, quello dell assistenza infermieristica come disciplina il cui scopo consiste nel permettere alla persona assistita, attraverso il soddisfacimento dei bisogni di assistenza infermieristica, di giungere ad un miglioramento del proprio stato di salute e di benessere. Per avere ulteriori informazioni sugli sviluppi della problematica inerente la soppressione del MED 45 è possibile visitare il sito o consultare la newsletter della Federazione Nazionale Ipasvi. (Le informazioni sono tratte da newsletter, comunicati stampa e circolari della Federazione Nazionale dei Collegi Ipasvi) Orario di apertura Collegio IP.AS.VI di Treviso Lunedì dalle ore alle ore Martedì dalle ore alle ore Giovedì dalle ore alle ore

7 Collegio IP.AS.VI di Treviso Via Montello, Treviso Tel Fax Attività Collegio CORSO DI FORMAZIONE CODICE DEONTOLOGICO DELL INFERMIERE 2009 FINALITA DEL CORSO Approfondire la conoscenza dei principi e degli impegni etici del nuovo Codice Deontologico quali criteri guida del comportamento etico-morale dell infermiere nella pratica professionale. Identificare metodi e strategie per l individuazione dei problemi etici generati dallo stress morale derivante dalla pratica al fine di potenziare il dibattito degli infermieri sulle questioni di natura etico-deontologica. OBIETTIVI Al termine del corso il partecipante è in grado di: Riconoscere i principi e gli impegni etici nel Codice Deontologico dell Infermiere 2009; Identificare le condizioni ambientali che determinano lo stress morale e i problemi e dilemmi etici nell esercizio professionale; Analizzare con rigore metodologico i problemi etici che si presentano nell agire professionale e saper individuare le possibili soluzioni; Riconoscere e potenziare il contributo dell infermiere alla riflessione etica nella pratica sia con il team professionale sia con gli amministratori, le istituzioni, gli enti e le associazioni, a garanzia dei diritti delle persone assistite. DOCENTE Prof.ssa Maura Lusignani Ricercatore Scienze Infermieristiche - Università degli Studi di Milano DESTINATARI Il corso di formazione è rivolto alle seguenti figure professionali: infermieri, assistenti sanitarie, infermieri pediatrici, infermieri con funzioni di coordinamento e infermieri dirigenti DURATA 2 giorni 7

8 Attività Collegio EDIZIONI - 2 e 3 ottobre e 14 novembre e 11 dicembre 2009 N PARTECIPANTI PREVISTO PER EDIZIONE: 35 discenti Contenuti PROGRAMMA Ore Pausa ore Programma della prima giornata Ore Metodi I principi dell etica generale e i principi etici della professione infermieristica Gli impegni etici dell infermiere e i limiti connessi Le implicazioni di natura scientifica, professionale e normativa della deontologica infermieristica Presentazione partecipanti e docente Lezione interattiva (3 ore) Confronto/discussione in plenaria su casi proposti dal docente 1 ora 30 minuti Ore I metodi di ragionamento in etica L applicazione del metodo di ragionamento al caso etico Lezione 1 ora e 15 minuti Esercitazione di gruppo con il metodo dei casi (1 ora) Presentazione in plenaria del lavoro di gruppo e discussione guidata dal docente 1 ora 15 minuti Programma della seconda giornata Ore Lo stress morale nella pratica infermieristica Le fonti dello stress morale I metodi di valutazione individuale dello stress morale Lezione interattiva (2 ore) Esercitazione individuale e di gruppo mediante scala di valutazione dello stato di stress morale 1 ora Confronto/discussione in plenaria guidata dal docente 1 ora 30 minuti 8

9 Contenuti La valutazione dei rischi e dei benefici connessi alle azioni di cambiamento della situazione di stress morale La progettazione del piano di azione per diminuire o eliminare lo stress morale e per prevenirlo Il codice deontologico quale criterio guida per la salvaguardia del comportamento etico. Ore Lezione 1 ora Metodi Attività Collegio Esercitazione con scala valutazione diagnostica, rischi e benefici e presentazione in plenaria (30 minuti) Lezione 30 minuti Esercitazione su piano di azione (30 minuti) di gruppo Discussione guidata dal docente 1 ora SEDE Hotel Ca del Galletto Via Santa Bona Vecchia, 30 - Treviso. QUOTA DI ISCRIZIONE: 70,00 (la quota di iscrizione comprende Coffee-break, Brunch e materiale didattico). ISCRIZIONI Per l iscrizione è necessario inviare al Collegio Ipasvi di Treviso la scheda di iscrizione, via fax o , entro e non oltre il 23 settembre Le adesioni saranno accolte in base alla data di arrivo della regolare scheda di iscrizione, debitamente compilata. La conferma dell avvenuta iscrizione verrà comunicata solo ed esclusivamente per iscritto, via , fax o posta. CREDITI ECM Sono stati attribuiti 16 crediti ECM. ATTESTATO DI PARTECIPAZIONE Al termine del corso verrà rilasciato un attestato di partecipazione. SEGRETERIA SCIENTIFICA Consiglio Direttivo Collegio IPASVI di Treviso SEGRETERIA ORGANIZZATIVA Collegio IPASVI di Treviso Via Montello, TREVISO Tel Fax

10 Attività Collegio CORSO DI FORMAZIONE CODICE DEONTOLOGICO DELL INFERMIERE

11 Collegio IP.AS.VI di Treviso Via Montello, Treviso Tel Fax Attività Collegio CORSO DI FORMAZIONE Infermieristica in Pronto Soccorso e in Area di Emergenza: prospettive di crescita professionale e miglioramento della qualità DOCENTE: Dott. Enrico Lumini - Infermiere Responsabile dell Unità Professionale Disciplinare Evidence based Nursing & Ricerca dell Azienda Ospedaliera Careggi DESTINATARI: Infermieri che prestano servizio nel Pronto Soccorso e in Area di Emergenza DURATA DEL CORSO: Una giornata e mezzo. N PARTECIPANTI: 35 discenti DATE DI SVOLGIMENTO: - 10 novembre 2009 ore e novembre 2009 ore Abstract: La professione infermieristica ha conosciuto negli ultimi 20 anni uno sviluppo normativo e formativo che la mette in condizione di progettare e realizzare contemporaneamente sia percorsi di sviluppo professionale che progetti di miglioramento della qualità dell assistenza. La medicina d urgenza si è anch essa notevolmente sviluppata e i Dipartimenti di Emergenza e Accettazione Pronto Soccorso (DEA PS) sono sempre di più diventati il punto di accesso alle cure sanitarie per la cittadinanza. E cambiata l offerta di servizi in termini dignostici, terapeurici ed assistenziali ma è cambiata anche la domanda. Il corso si propone di individuare aree di sviluppo professionale che possano al contempo contribuire ad un miglioramento della qualità, dell efficacia e della sicurezza dell assistenza in DEA PS. Partendo da un analisi di contesto dello scenario nazionale ed individuando un modello di riferimento si intendono attraversare tutte le fasi dell assistenza in DEA PS individuando tutte le aree di competenza e responsabilità dell infermiere. Strumenti di crescita e di sviluppo della professione sono certamente anche l Evidence Based Nursing (EBN) e la ricerca infermieri- 11

12 Attività Collegio stica: il corso si propone di fornire alcuni elementi di chiarezza sul ruolo dell EBN e della ricerca infermieristica insieme ad alcuni consigli pratici per il reperimento di aggiornamenti o la realizzazione di studi clinici. Prendendo spunto dalla letteratura nazionale ed internazionale, da alcuni casi clinici esemplificativi e da alcune iniziative già intraprese verranno analizzati percorsi di innovazione e miglioramento su due direttrici principali: quella degli aspetti relazionali e della comunicazione e quella delle competenze cliniche avanzate. Verranno descritti i risultati di studi condotti sulla comunicazione in DEA PS e descritti alcuni progetti per il miglioramento della presa in carico dell utenza nonché per il miglioramento del clima di lavoro all interno dell èquipe assistenziale. Verrà anche analizzato il ruolo e l importanza della documentazione clinica all interno del DEA- PS. Sul versante delle competenza cliniche verranno analizzati studi e progetti di miglioramento inerenti la gestione del dolore in DEA PS, la gestione del paziente in Ventilazione Meccanica Non Invasiva (NIMV), l individuazioni di percorsi clinici candidati alla gestione infermieristica (progetto See & Treat Regione Toscana), la gestione ed il follow up delle ferite e delle ustioni. Bibliografia di riferimento: Kaplow R. AACN Synergy Model for Patient Care: a framework to optimize outcomes. Crit Care Nurse Feb;Suppl: Henrik A, Kerstin N. Questioning nursing competences in emergency health care. J Emerg Nurs Aug;35(4): Bayley EW, MacLean SL, Desy P, McMahon M; Emergency Nurses Association. ENA's Delphi study on national research priorities for emergency nurses in the United States. J Emerg Nurs Feb;30(1): Watt D, Wertzler W, Brannan G. Patient expectations of emergency department care: phase I a focus group study. Can J Emerg Med 2005;7:12-9. Wright SW, Trott A, Lindsell CJ, Smith C, Gibler WB. Evidence-based emergency medicine. Creating a system to facilitate translation of evidence into standardized clinical practice: a preliminary report. Ann Emerg Med Jan;51(1):80-6, 86.e1-8. Powell SK. Silence kills... Dialogue heals. Lippincotts Case Manag Nov- Dec;11(6): Emergency Nursing Association. Sheehy's Emergency Nursing: Principles and Practice 5th Ed. Elsevier, 2002 Fultz J, Sturt PA (curato da Pinna MB, Ronzani C). Nursing nell'emergenza-urgenza. Elsevier Nava S, Hill N. Non-invasive ventilation in acute respiratory failure. Lancet Jul 18;374(9685): Rose L, Gerdtz MF. Use of invasive mechanical ventilation in Australian emergency departments. Emerg Med Australas Apr;21(2): McClelland H. Quality and pain. Int Emerg Nurs Oct;16(4): Duignan M, Dunn V. Barriers to pain management in emergency departments. Emerg Nurse Feb;15(9):30-4. Review. Chiari P, Mosci D, Naldi E. L'infermieristica basata su prove di efficacia. Guida operativa per l'evidence Based Nursing. McGraw-Hill, Ministero Della Salute. Mattone 11 - Pronto soccorso e sistema Con- 12

13 sultabile all indirizzo: MenuMattoni.jsp?id=14&menu=mattoni. Ultimo accesso il 16/07/2009. Consiglio Sanitario della Regione Toscana. Proposta di sperimentazione del modello See and Treat in Pronto Soccorso. Bollettino della regione Toscana n 1/2008. MATERIALE DIDATTICO: Dispense fornite dal docente e comprensive del razionale del corso, articoli degli studi citati nel corso, progetto See & Treat, materiale progetto Mattoni. SEDE: Hotel Ca del Galletto Via Santa Bona Vecchia 30 - Treviso TASSA DI ISCRIZIONE: 50 euro per gli iscritti al Collegio Ipasvi di Treviso 100 euro per gli iscritti ad altri Collegi Ipasvi (la quota di iscrizione comprende Coffee-break, Brunch e materiale didattico) ISCRIZIONI: Per l iscrizione è necessario inviare al Collegio Ipasvi di Treviso la scheda di iscrizione, via fax o , entro e non oltre il 16 ottobre Le adesioni saranno accolte in base alla data di arrivo della regolare scheda di iscrizione, debitamente compilata. La conferma dell avvenuta iscrizione verrà comunicata solo ed esclusivamente per iscritto, via , fax o posta. ACCREDITAMENTO ECM: E stato richiesto l accreditamento ECM ATTESTATO DI PARTECIPAZIONE: Al termine del corso verrà rilasciato un attestato di partecipazione. SEGRETERIA SCIENTIFICA: Dott. Enrico Lumini - Infermiere Responsabile dell Unità Professionale Disciplinare Evidence based Nursing & Ricerca dell Azienda Ospedaliera Careggi Consiglieri del Collegio Ipasvi di Treviso Elisa Bologna e Zenaide Vedelago Presidente Collegio Ipasvi Elva Massari SEGRETERIA ORGANIZZATIVA: Consiglieri Elisa Bologna e Zenaide Vedelago Presidente Elva Massari Collegio IPASVI di Treviso Via Montello, TREVISO Tel Fax Attività Collegio 13

14 Attività Collegio PROGRAMMA DEL CORSO PRIMA GIORNATA - 10 NOVEMBRE 2009 Obiettivi Argomenti Metodologia Acquisizione di conoscenze sull organizzazione del Sistema dell emergenza in Italia Panoramica dell organizzazione del sistema dell emergenza in Italia ( ) Lezione frontale Acquisizione di conoscenze sui principali modelli di riferimento per l assistenza infermieristica in DEA - PS Acquisizione di conoscenze sull Evidence Based Nursing e la Evidence Based Emergency Medicine. Acquisizione di conoscenze e competenze sulla ricerca bibliografica e la progettazione di studi clinici nell area dell emergenza. Acquisizione di concetti generali sul percorso clinico assistenziale dell utente generico in DEA - PS Acquisizione di conoscenze generali sull importanza dei processi relazionali e comunicativi in DEA - PS Modelli teorici ed organizzativi a confronto Il Sinergy Model AACN, l approccio ABCD, possibilità e limiti della pianificazione assistenziale in DEA PS. ( ) Definizione di EBN, sintesi dei principali disegni di studio. Ruolo e peso della Ricerca e dell EBN nell area dell emergenza. La letteratura secondaria e il bisogno di informazione. Le aree prioritarie di ricerca nell infermieristica dell emergenza ( ) Algoritmo generale assistenza in DEA - PS ( ,00) Presentazione casi clinici esemplificativi (14,00 15,00) Revisione narrativa della letteratura su comunicazione e aspetti relazionali in DEA PS. I risultati dello studio Silence Kills, il progetto dell infermiere Gestore di Percorsi Assistenziali, il progetto sulla percezione dei familiari in sala d attesa, importanza e ruolo della documentazione infermieristica, l audit come strumento di miglioramento della comunicazione. (15,00 18,00) Lezione frontale Lezione frontale Discussione guidata Lezione frontale Discussione guidata Lezione frontale Discussione guidata SECONDA GIORNATA - 11 NOVEMBRE 2009 Acquisizione di conoscenze sul processo di ridefinizione delle competenze infermieristiche e sugli indicatori di qualità nell area dell emergenza Acquisizione di conoscenze sui principali progetti di miglioramento attualmente in atto che coinvolgono la professione infermieristica Verifica finale dell apprendimento Competenze esperte e avanzate: necessità della professione e dei pazienti, confronto nella realtà italiana ed internazionale. Il progetto Mattoni del SSN. Le aree assistenziali prioritarie in DEA PS. (9,00 10,00) Gestione del paziente in ventilazione meccanica non invasiva, gestione del dolore in DEA PS, sviluppo dei sistemi di triage: il progetto see & treat della Regione Toscana, gestione e Follow up delle ferite e ustioni minori in DEA PS. ( ) Test di verifica finale (13,00 13,30) Lezione Frontale Discussione guidata Lezione frontale Discussione guidata questionario a risposta multipla 14

15 Attività Collegio CORSO DI FORMAZIONE Infermieristica in Pronto Soccorso e in Area di Emergenza: prospettive di crescita professionale e miglioramento della qualità 15

16 Attività Collegio IL PROGETTO DELLA FNC PER LO SVILUPPO E LA VALORIZZAZIONE DELL ASSISTENZA E DELLA PROFESSIONE INFERMIERISTICA L ENTE COLLEGIO PROVINCIALE IPASVI LA RETE COMUNICATIVA IPASVI Seminario residenziale 5-6 giugno Fiuggi (FR) Prima edizione A cura dei Consiglieri Mirca Durighello e Mario Menoncello La Federazione Nazionale, come ad ogni mandato triennale ( ), ha promosso la formazione dei Consiglieri e dei Revisori dei Conti dei Collegi IPASVI, proponendo un Seminario suddiviso in due edizioni. Il Collegio di Treviso ha partecipato alla prima edizione del Seminario di studio che si è svolto il 5 e il 6 giugno 2009, presso la città di Fiuggi, alle pendici dei Monti Ernici, nel cuore della Ciociaria. Sono state due giornate intense che hanno visto un susseguirsi d interventi volti a responsabilizzare i rappresentanti della professione infermieristica, affinché questi trasmettano il senso del valore e dell impegno a tutti gli infermieri. E stata un occasione per i professionisti infermieri per formarsi alla vita politica; ciò per poter destreggiarsi come attori che partecipano al sistema sanità, visto, anche, il loro coinvolgimento, in primo piano nell organizzazione. Qui il richiamo a modelli di riferimento per l innovazione organizzativa sulla complessità e intensità assistenziale; senza dimenticare l introduzione di leggi e decreti che incidono sulla programmazione stessa come la L. 133/08 nella quale si parla di una riduzione dello standard dei posti letto, diretti a promuovere il pas- 16

17 saggio dal ricovero ospedaliero ordinario al ricovero diurno e dal ricovero diurno all'assistenza in regime ambulatoriale e territoriale; il riferimento legislativo con la legge 15/09 finalizzata all ottimizzazione della produttività del lavoro pubblico e all efficienza e trasparenza delle pubbliche amministrazioni. Altro argomento trattato durante il seminario è stato il programma d educazione continua in medicina: l ECM e le nuove regole. Oggi è indispensabile far progredire le conoscenze e le competenze dei professionisti attraverso il miglioramento del sistema formativo. Una delle novità introdotte nel sistema chiarisce che non saranno più i singoli eventi ad essere accreditati, ma i provider che erogano eventi. Quindi, un passaggio fondamentale sarà l accreditamento di questo provider che rappresenta il riconoscimento sulla base di un sistema di requisiti minimi e di procedure che lo abilita a realizzare le attività formative e ad assegnare direttamente i crediti ai partecipanti. Il ruolo degli Ordini e Collegi sarà di garantire l appropriatezza della formazione, inoltre, saranno organi di consultazione nelle Commissioni, vigileranno sul sistema e saranno promotori di formule alternative a quella residenziale, come l impegno in progetti di ricerca, l implementazione di nuovi laboratori di simulazione delle attività clinico-assistenziali. Gli Ordini e i Collegi potranno essere essi stessi erogatori d eventi formativi, limitatamente alle tematiche etiche e deontologiche. Infine, il sistema di registrazione dei crediti sarà gestita dal Cogeaps (consorzio di gestione Attività Collegio anagrafica delle professioni sanitarie, di cui fa parte anche la Federazione dei Collegi e rispettive Associazioni), che contiene la registrazione dei crediti individuali. Mentre, l atto di certificazione sarà di competenza dell Ordine, del Collegio o dell Associazione professionale territoriale di riferimento, e sarà rilasciato su richiesta del professionista. Il Seminario è proseguito toccando le problematiche specifiche per ogni carica inerenti ai ruoli, le funzioni, gli adempimenti e le responsabilità del Presidente, del Vicepresidente, del Tesoriere, del Segretario e dei Consiglieri e dei Revisori dei Conti Inoltre, la Dott.ssa Stefania Gastaldi, Dirigente amministrativa della Federazione, ha illustrato la gestione dei procedimenti disciplinari attinenti agli iscritti agli Albi professionali, approfondendo l inquadramento normativo e le relative procedure. La parte più coinvolgente è stata data dalla Presidente Annalisa Silvestro che, con conoscenza e competenza profonde ha colto l essenza dei problemi ed ha entusiasmato tutta la platea. Ha ribadito con forza che è arrivata l ora di riconoscerci professionisti dell assistenza infermieristica, nell ambito organizzativo, disciplinare e di ricerca. La Presidente Silvestro ha, inoltre, illustrato i vari gruppi di lavoro che saranno attivati prossimamente per dibattere tematiche d attualità riguardanti la professione infermieristica. Faranno parte di questi gruppi i presidenti provinciali dei Collegi per esprimere, innanzi tutto, una valenza politica e solo se necessario saranno 17

18 Attività Collegio coinvolti altre figure con competenza tecnica. Il primo gruppo avrà il compito di individuare percorsi, metodi e strumenti per mantenere, sostenere e valorizzare il settore scientifico disciplinare, MED 45 (scienze infermieristiche generali, cliniche e pediatriche). Sono emerse problematiche riguardanti ad alcune voci, espresse anche da fonti autorevoli, che sarebbero orientate a sopprimere il settore disciplinare infermieristico, cioè il MED 45. Con ciò sarebbe annullata la formazione disciplinare specifica di una figura rilevante e peculiare per il nostro sistema sanitario: l infermiere. Un altro gruppo sarà individuato per lavorare sulla fattibilità d attuazione di una prima fase di sperimentazione, in 1 o 2 regioni, di una comunità di pratica per infermieri dirigenti coordinatori, con particolare attenzione all impatto organizzativo e politico che ne potrà derivare alla sua implementazione. Ciò significa costruire processi, percorsi clinico - assistenziali gestiti da un gruppo dirigenziale infermieristico, in grado di apportare scelte strategiche sia a livello organizzativo - tecnico e sia d orientamento politico. Il terzo gruppo sarà chiamato ad individuare, tenuto conto dell attuale organizzazione ospedaliera e territoriale, quali saranno le competenze necessarie per dare risposte agli iscritti al Collegio, riguardo ai percorsi formativi degli infermieri. Il gruppo, quindi, dovrà affrontare uno studio per la valorizzazione delle competenze infermieristiche esperte e specialistiche inerenti alla responsabilità professionale alla luce del codice deontologico, dei percorsi formativi e del profilo dell infermiere. Il quarto gruppo dovrà definire le modalità con cui rappresentare gli infermieri che esercitano la libera professione e sostenere il loro sviluppo professionale operativo, con stretto riferimento alla responsabilità professionale in vista dell apertura alla libera professione intramuraria ospedaliera. Tutto ciò per non creare concorrenza con gli infermieri che esercitano esclusivamente l esercizio autonomo. In questo contesto la Presidente Nazionale ha enunciato le indicazioni sulla riorganizzazione, proposta ancora a suo tempo dal viceministro della Sanità Ferruccio Fazio, dei presidi sanitari territoriali con l introduzione degli infermieri nelle farmacie. Questa è un opportunità che vede l intento di migliorare la continuità assistenziale, mirata soprattutto alla cronicità e a sostegno alla domiciliarità. Tra gli incontri di confronto avuti tra la Federazione IPASVI e gli Ordini dei Medici, è emerso che la proposta piace sia ai farmacisti, sia agli infermieri, anche se restano da chiarire alcuni importanti passaggi organizzativi, con particolare riguardo ai rispettivi profili di responsabilità e alle competenze specifiche, inoltre al problema logistico di come organizzare gli spazi in farmacia dedicati a questi nuovi compiti. I Presidenti che si proporranno per il quinto gruppo avranno il mandato di analizzare e riflettere sulle evoluzioni dei profili professionali. Il loro compito sarà quello di riflettere sui vincoli normativi, derivanti dall attuale ordinamento giuridico generale e di settore e 18

19 valutare se possano ostacolare l autonomia professionale degli infermieri. La presidente Silvestro in questo frangente ha esposto un invito che coinvolge noi tutti, professionisti. La constatazione di comparire sui giornali, mass media in genere solo per determinati punti, certamente importanti ma non essenziali come per la mancanza e l emergenza d infermieri; sta a significare che l opinione pubblica non ha ancora ben chiaro qual è il nostro sapere. Purtroppo, per ora, non compariamo nei media per i nostri contenuti, per le nostre specifiche competenze. Va da sé che nel momento che ciò succederà avremmo raggiunto come corpo professionale l autonomia a tutto tondo. Infine, il sesto gruppo dovrà individuare i criteri per dare le direttive, anche a carattere sanzionatorio, che la Federazione Nazionale, attraverso il Comitato Centrale, vorrà delineare per il Coordinamento Regionale dei Collegi. In sostanza, nella legge ordinistica inserire il secondo livello; intendendo per primo livello le Province (Collegio Provinciale), per secondo livello le Regioni (Coordinamento Regionale dei Collegi) e terzo livello il Nazionale (Comitato Centrale). E importante inserire il secondo livello, nella legge ordinistica, alla luce anche degli ultimi cambiamenti in ambito regionale, come l avvenuta approvazione del federalismo fiscale e le modifiche del titolo V della Costituzione. Attività Collegio Durante il Seminario sono stati trattati altri argomenti molto interessanti, tra cui quello riguardante La rete comunicativa; il ruolo della comunicazione nella progettualità IPASVI. In sintesi, sono state illustrate le strategie comunicative all interno e all esterno della rete dei collegi. Di questa rete fanno parte anche l Enpapi e le Associazioni infermieristiche. L obiettivo è quello di promuovere e sostenere il processo d integrazione tra le varie componenti professionali. La Dott.ssa Emma Martellotti, Responsabile Ufficio Stampa e comunicazione della FNC Ipasvi, ha sottolineato la valenza strategica per la professione di affermarsi all esterno del proprio ambito per costruire alleanze con le forze sociali e politiche. La comunicazione esterna è la proiezione dei contenuti elaborati e condivisi dal gruppo professionale, attraverso il proprio sistema di comunicazione interna. Gli obiettivi di questo sistema sono di consolidare il senso d appartenenza alla professione, condividere principi e valori, promuovere la crescita professionale e culturale degli iscritti e favorire il confronto e lo scambio di esperienze. Tutto questo attraverso strumenti come riviste, pubblicazioni, internet, convegni, eventi e attività di front office svolta dai Collegi. Alla conclusione del Seminario, ci auspichiamo che ogni partecipante si sia reso consapevole del mandato ricevuto e dell importanza nel coinvolgere e trasmettere a tutti gli iscritti la responsabilità nell appartenere ad un gruppo professionale, soprattutto nel momento attuale in cui le problematiche evidenziate toccano sul vivo la nostra responsabilità e autonomia professionale, non senza conseguenze e ricadute anche sui nostri assistiti. 19

20 Attività Collegio Convocazione del Consiglio Direttivo ANNO Convocazione: 18 giugno 2009 Presenti: Massari Elva, Maccarone Maria Maddalena, Favero Giancarlo, De Marchi Suor Roberta, Gari Debora, Gherlenda Silvia, Magaton Luigina, Monte Gianpaolo, Sartor Valter. Assenti giustificati: Buffon Maria Luisa, Buso Miriam, Bologna Elisa, Durighello Mirca, Menoncello Mario, Vedelago Zenaide. O.d.g.: Variazioni all Albo Professionale. Incarico tenuta buste paga personale dipendente e organi direttivi e di controllo del Collegio Ipasvi della provincia di Treviso al consulente commercialista Dott. Adalberto Camisasca: provvedimenti Emergenza Abruzzo: provvedimenti Federazione Nazionale Collegi Ipasvi giornata per Segretari, Tesorieri e Revisori dei Conti: provvedimenti Varie ed eventuali. 11 Convocazione (urgente): 1 luglio 2009 Presenti: Massari Elva, Buso Miriam, Favero Giancarlo, Maccarone Maria Maddalena, Buffon Maria Luisa, Durighello Mirca, Gherlenda Silvia, Magaton Luigina, Menoncello Mario, Monte Gianpaolo, Vedelago Zenaide. Assenti giustificati: Bologna Elisa, De Marchi Suor Roberta, Gari Debora, Sartor Valter. O.d.g.: Variazioni all Albo Professionale. Attivazione rapporto interinale con Agenzia Umana per una persona a 18 ore per attività amministrativa del Collegio Ipasvi di Treviso: provvedimenti Relazione della Presidente relativa al Consiglio Nazionale della Federazione Collegi Ipasvi convocato d urgenza in assemblea straordinaria il Proposta Riforma Universitaria 20

COLLEGIO IPASVI TREVISO Via Montello, 31 31100 Treviso Tel 0422 305011 Fax 0422 306034 SEMINARIO

COLLEGIO IPASVI TREVISO Via Montello, 31 31100 Treviso Tel 0422 305011 Fax 0422 306034 SEMINARIO COLLEGIO IPASVI TREVISO Tel 0422 305011 Fax 0422 306034 SEMINARIO IL MORAL DISTRESS (MD) PERCEPITO DAGLI INFERMIERI IN UN OSPEDALE DELLA PROVINCIA DI TREVISO: Presentazione dei Risultati di una Ricerca

Dettagli

Treviso lì 24/09/2011

Treviso lì 24/09/2011 Associazione Nazionale SINDACATO Professionisti Sanitari della funzione Infermieristica SEDE REGIONALE DEL VENETO Via S.Nicolò 8 31100 Treviso Telefax: 0422 546607 cell 3291065446 Email: regionale.veneto@nursingup.it

Dettagli

Accordo del 22 maggio 2003 CONFERENZA STATO REGIONI SEDUTA DEL 22 MAGGIO 2003

Accordo del 22 maggio 2003 CONFERENZA STATO REGIONI SEDUTA DEL 22 MAGGIO 2003 Accordo del 22 maggio 2003 CONFERENZA STATO REGIONI SEDUTA DEL 22 MAGGIO 2003 Oggetto: Accordo tra il Ministro della salute, le Regioni e le Province autonome di Trento e di Bolzano sul documento recante:

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

MANAGEMENT IN COMUNICAZIONI E RELAZIONI IN AMBITO SOCIO-SANITARIO

MANAGEMENT IN COMUNICAZIONI E RELAZIONI IN AMBITO SOCIO-SANITARIO Facoltà di Lettere Dipartimento di Lettere, Arti, Storia e Società in collaborazione con Azienda Ospedaliero Universitaria di Parma Formazione ed Aggiornamento Master Universitario di I^livello in MANAGEMENT

Dettagli

Guida all elaborazione della Tesi

Guida all elaborazione della Tesi Università degli Studi di Torino Scuola di Medicina Dipartimento di Scienze della Sanità Pubblica e Pediatriche Corso di Laurea in Infermieristica Sedi Torino (Città della Salute, TO2, TO4) Guida all elaborazione

Dettagli

MASTER I LIVELLO IN MANAGEMENT SANITARIO PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTOPER LE PROFESSIONI SANITARIE A.A. 2012/2013

MASTER I LIVELLO IN MANAGEMENT SANITARIO PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTOPER LE PROFESSIONI SANITARIE A.A. 2012/2013 UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA MASTER I LIVELLO IN MANAGEMENT SANITARIO PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTOPER LE PROFESSIONI SANITARIE A.A. 2012/2013 1 MASTER I LIVELLO MANAGEMENT SANITARIO PER LE FUNZIONI

Dettagli

Premesso che: - il D.Lgs. 30 dicembre 1992, n. 502 e successive modificazioni e integrazioni, agli articoli dal 16 al 16 sexies interviene in materia

Premesso che: - il D.Lgs. 30 dicembre 1992, n. 502 e successive modificazioni e integrazioni, agli articoli dal 16 al 16 sexies interviene in materia Premesso che: - il D.Lgs. 30 dicembre 1992, n. 502 e successive modificazioni e integrazioni, agli articoli dal 16 al 16 sexies interviene in materia di formazione continua, definendone le finalità, i

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA MASTER I LIVELLOIN MANAGEMENT SANITARIO PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTOPER LE PROFESSIONI SANITARIE A.A.

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA MASTER I LIVELLOIN MANAGEMENT SANITARIO PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTOPER LE PROFESSIONI SANITARIE A.A. UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA MASTER I LIVELLOIN MANAGEMENT SANITARIO PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTOPER LE PROFESSIONI SANITARIE A.A. 2009/2010 1 MASTER I LIVELLO MANAGEMENT SANITARIO PER LE FUNZIONI

Dettagli

Art. 1. Istituzione dei Servizi

Art. 1. Istituzione dei Servizi LEGGE REGIONALE 5 febbraio 2010, n.13 Istituzione dei servizi delle professioni sanitarie infermieristiche, ostetriche, riabilitative, tecnico sanitarie e tecniche della prevenzione e delle professioni

Dettagli

ESSERE TUTOR Corso di formazione per tutori Medici di Medicina Generale e Pediatri di Famiglia

ESSERE TUTOR Corso di formazione per tutori Medici di Medicina Generale e Pediatri di Famiglia Allegato 1 G PROGRAMMA FORMATIVO DEGLI EVENTI ESSERE TUTOR Corso di formazione per tutori Medici di Medicina Generale e Pediatri di Famiglia CT04-2009 1. PREMESSA La formalizzazione di una esperienza di

Dettagli

Delibera del Collegio dei Docenti. Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante

Delibera del Collegio dei Docenti. Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante Delibera del Collegio dei Docenti Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante Anno scolastico 2013/2014 IL COLLEGIO DEI DOCENTI VISTI CONSIDERATO ESAMINATE PRESO ATTO TENUTO CONTO

Dettagli

1. Soggetto proponente

1. Soggetto proponente Allegato alla Delib.G.R. n. 53/56 del 20.12.2013 PERCORSO DI INFORMAZIONE E DI FORMAZIONE E DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE PER GLI OPERATORI DELLE MENSE SCOLASTICHE, OSPEDALIERE E PUBBLICHE E PER GLI OPERATORI

Dettagli

Master Universitari in. Assistenza Infermieristica

Master Universitari in. Assistenza Infermieristica Anno accademico 2005-2006 Master per Infermiere di sanità pubblica e di comunità (ISPeC) Master Universitari in Assistenza Infermieristica autonomia didattica LAUREA RIFORMA UNIVERSITARIA crediti formativi

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ATTIVITA FORMATIVA PRATICA E DI TIROCINIO CLINICO

REGOLAMENTO PER L ATTIVITA FORMATIVA PRATICA E DI TIROCINIO CLINICO Facoltà di Medicina e Chirurgia Corso di Laurea in Infermieristica Sezione Formativa di Ravenna Forlì Cotignola REGOLAMENTO PER L ATTIVITA FORMATIVA PRATICA E DI TIROCINIO CLINICO Premessa L'attività formativa

Dettagli

DGR 61-7119 DEL 15.10.2007 OGGETTO: SISTEMA REGIONALE PER LA FORMAZIONE CONTINUA IN SANITA ED ISTITUZIONE DEL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO ECM REGIONALE.

DGR 61-7119 DEL 15.10.2007 OGGETTO: SISTEMA REGIONALE PER LA FORMAZIONE CONTINUA IN SANITA ED ISTITUZIONE DEL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO ECM REGIONALE. DGR 61-7119 DEL 15.10.2007 OGGETTO: SISTEMA REGIONALE PER LA FORMAZIONE CONTINUA IN SANITA ED ISTITUZIONE DEL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO ECM REGIONALE. DGR 62-7503 DEL 19.11.2007 OGGETTO: MODIFICA ED INTEGRAZIONE

Dettagli

Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie

Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse In base al dato riportato dal Sole

Dettagli

DOCENZE. Data 2008 Ente organizzatore Istituto clinico Città di Brescia s.p.a.

DOCENZE. Data 2008 Ente organizzatore Istituto clinico Città di Brescia s.p.a. DOCENZE Data 2010 Ente organizzatore Montedomini, centro servizi e formazione Titolo del corso Aggiornamento teorico pratico per personale operante in strutture sanitarie riabilitative Docenza Riprogettazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI (emanato con Decreto Rettorale N. 645 del 12/03/2003) ART. 1 - Ambito di applicazione... 2 ART. 2 - Titoli per l accesso...

Dettagli

i formazione 2009-2011

i formazione 2009-2011 Piano di formazione 2009-2011 per la formazione di base, professionale e manageriale del personale del Servizio Sanitario Regionale, e del Sistema regionale per l Educazione Continua in Medicina (ECM).

Dettagli

MANAGEMENT PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTO NELL AREA DELLE PROFESSIONI SANITARIE

MANAGEMENT PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTO NELL AREA DELLE PROFESSIONI SANITARIE Master di I livello Anno Accademico 2009/2010 (1500 ore 60 CFU) MANAGEMENT PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTO NELL AREA DELLE PROFESSIONI SANITARIE Master 84 1 Titolo MANAGEMENT PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTO

Dettagli

COMMISSIONE FORMAZIONE

COMMISSIONE FORMAZIONE COMMISSIONE FORMAZIONE ORDINE DEGLI ASSISTENTI SOCIALI Componenti Barbara Giacconi Silvia Eugeni Michela Bomprezzi Orazio Coppe N. incontri 12 Obbiettivi inizi 1. Dialogo e confronto con gli iscritti.

Dettagli

REGIONE UMBRIA LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO DELLE AZIENDE SANITARIE DGR 1345 DEL 27/07/2007

REGIONE UMBRIA LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO DELLE AZIENDE SANITARIE DGR 1345 DEL 27/07/2007 REGIONE UMBRIA LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO DELLE AZIENDE SANITARIE DGR 1345 DEL 27/07/2007 GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO Il rischio clinico rappresenta l eventualità di subire

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI EMERGENZA ED ACCETTAZIONE

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI EMERGENZA ED ACCETTAZIONE REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI EMERGENZA ED ACCETTAZIONE PREMESSA Il presente Regolamento disciplina le modalità di funzionamento del Dipartimento di Emergenza ed Accettazione come previsto

Dettagli

MANAGEMENT PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTO NELL AREA DELLE PROFESSIONI SANITARIE

MANAGEMENT PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTO NELL AREA DELLE PROFESSIONI SANITARIE Master di I livello MANAGEMENT PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTO NELL AREA DELLE PROFESSIONI SANITARIE (MA 106) 1500 ore 60 CFU A.A. 2011/2012 TITOLO MANAGEMENT PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTO NELL AREA

Dettagli

L INFERMIERE DI FAMIGLIA. Giornata internazionale dell infermiere STAR BENE INSIEME PER STAR BENE

L INFERMIERE DI FAMIGLIA. Giornata internazionale dell infermiere STAR BENE INSIEME PER STAR BENE L INFERMIERE DI FAMIGLIA Giornata internazionale dell infermiere STAR BENE INSIEME PER STAR BENE Uno degli obiettivi di oggi RILEGGERE LO SVILUPPO DELL ASSISTENZA INFERMIERISTICA TERRITORIALE DAL PUNTO

Dettagli

MASTER di I Livello MA312 - MANAGEMENT E COORDINAMENTO DELLE PROFESSIONI SANITARIE 2ª EDIZIONE. 1500 ore 60 CFU Anno Accademico 2014/2015 MA312

MASTER di I Livello MA312 - MANAGEMENT E COORDINAMENTO DELLE PROFESSIONI SANITARIE 2ª EDIZIONE. 1500 ore 60 CFU Anno Accademico 2014/2015 MA312 MASTER di I Livello 2ª EDIZIONE 1500 ore 60 CFU Anno Accademico 2014/2015 MA312 Pagina 1/7 Titolo MA312 - MANAGEMENT E COORDINAMENTO DELLE PROFESSIONI SANITARIE Edizione 2ª EDIZIONE Area SANITÀ Categoria

Dettagli

La formazione nella sanità

La formazione nella sanità La formazione nella sanità Donatella Becchio 22 maggio La formazione continua in sanità 1. Alcuni punti di partenza 2. Il programma ECM 3. Alcuni dati del contesto piemontese 4. Punti di forza e di debolezza

Dettagli

MASTER IN MANAGEMENT PER FUNZIONI DI COORDINAMENTO DELLE PROFESSIONI SANITARIE - POLO DI BOLZANO A.A. 2010-2011

MASTER IN MANAGEMENT PER FUNZIONI DI COORDINAMENTO DELLE PROFESSIONI SANITARIE - POLO DI BOLZANO A.A. 2010-2011 MASTER IN MANAGEMENT PER FUNZIONI DI COORDINAMENTO DELLE PROFESSIONI SANITARIE - POLO DI BOLZANO A.A. 2010-2011 Livello: I CFU: 60 Direttore del corso Cognome Nome Qualifica SSD Poli Albino Prof. Ordinario

Dettagli

La specializzazione del sapere infermieristico: nuovi scenari e nuove responsabilità

La specializzazione del sapere infermieristico: nuovi scenari e nuove responsabilità La specializzazione del sapere infermieristico: nuovi scenari e nuove responsabilità Afd. Laura Plebani Coordinatore Tecnico Scientifico Laboratori Interventistici di Cardiologia Gennaro Rocco, Vicepresidente

Dettagli

Corso di formazione COMUNICAZIONE ED EDUCAZIONE ALIMENTARE per IMPRENDITORI AGRICOLI OPERATORI FATTORIA DIDATTICA PREMESSA

Corso di formazione COMUNICAZIONE ED EDUCAZIONE ALIMENTARE per IMPRENDITORI AGRICOLI OPERATORI FATTORIA DIDATTICA PREMESSA Via Montesanto, 15/6 34170 Gorizia Centralino 0481-3861 E-mail ersa@ersa.fvg.it Codice fiscale e partita IVA 00485650311 Servizio divulgazione, assistenza Corso di formazione COMUNICAZIONE ED EDUCAZIONE

Dettagli

SCHEDA DI PRESENTAZIONE / REGOLAMENTO DIDATTICO

SCHEDA DI PRESENTAZIONE / REGOLAMENTO DIDATTICO SCHEDA DI PRESENTAZIONE / REGOLAMENTO DIDATTICO DEL MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN MANAGEMENT PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTO DELLE PROFESSIONI SOCIO-SANITARIE Art. 1 FINALITA - Presso l'ateneo

Dettagli

Proposte per il Consiglio dell Ordine dei. Genova triennio 2015-2017

Proposte per il Consiglio dell Ordine dei. Genova triennio 2015-2017 Proposte per il Consiglio dell Ordine dei Medici Chirurghi e Odontoiatri di Genova triennio 2015-2017 a cura della Commissione Giovani Medici e Odontoiatri Premessa La Commissione Giovani Medici e Odontoiatri

Dettagli

22 maggio 2015 Sede del Corso: Tatì Hotel Via Provinciale Cotignola, 22/5-48022 Lugo (Ra)

22 maggio 2015 Sede del Corso: Tatì Hotel Via Provinciale Cotignola, 22/5-48022 Lugo (Ra) 22 maggio 2015 Sede del Corso: Tatì Hotel Via Provinciale Cotignola, 22/5-48022 Lugo (Ra) OBIETTIVI: gli obiettivi dell evento sono finalizzati a prendere in esame, al fine di approfondirne le conoscenze,

Dettagli

Dal 1/09/2001 a tutt oggi Azienda Ospedaliera di Desenzano. Università degli Studi di Brescia. Istruzione pubblica Corso di Laurea in Infermieristica

Dal 1/09/2001 a tutt oggi Azienda Ospedaliera di Desenzano. Università degli Studi di Brescia. Istruzione pubblica Corso di Laurea in Infermieristica F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Nazionalità ENRICA PODAVINI Italiana Data di nascita 8/06/1963 Date (da a) Nome e indirizzo del datore di

Dettagli

SEMINARIO L INFERMIERE E LA RESPONSABILITA NEL QUOTIDIANO: PROFILI PENALI, CIVILI, AMMINISTRATIVI E DEONTOLOGICI

SEMINARIO L INFERMIERE E LA RESPONSABILITA NEL QUOTIDIANO: PROFILI PENALI, CIVILI, AMMINISTRATIVI E DEONTOLOGICI SEMINARIO L INFERMIERE E LA RESPONSABILITA NEL QUOTIDIANO: PROFILI PENALI, CIVILI, AMMINISTRATIVI E DEONTOLOGICI 29 maggio 2010 Ore: 09.00 18.00 Sala Vivaldi Ammezzato pad. 16 (capienza: 60 posti) Organizzato

Dettagli

Master di I livello MANAGEMENT E COORDINAMENTO DELLE PROFESSIONI SANITARIE (MA 102) 1500 ore 60 CFU A.A. 2011/2012

Master di I livello MANAGEMENT E COORDINAMENTO DELLE PROFESSIONI SANITARIE (MA 102) 1500 ore 60 CFU A.A. 2011/2012 Master di I livello MANAGEMENT E COORDINAMENTO DELLE PROFESSIONI SANITARIE (MA 102) 1500 ore 60 CFU A.A. 2011/2012 TITOLO MANAGEMENT E COORDINAMENTO DELLE PROFESSIONI SANITARIE OBIETTIVI FORMATIVI Con

Dettagli

La Professione Infermieristica ieri, oggi e domani Leggi e Competenze. Orlando Pantaleo Responsabile UIT CO 118 Modena Soccorso

La Professione Infermieristica ieri, oggi e domani Leggi e Competenze. Orlando Pantaleo Responsabile UIT CO 118 Modena Soccorso La Professione Infermieristica ieri, oggi e domani Leggi e Competenze Orlando Pantaleo Responsabile UIT CO 118 Modena Soccorso NEGLI ULTIMI ANNI LA PROFESSIONE INFERMIERISTICA HA ACQUISITO SEMPRE PIÙ LA

Dettagli

La gestione del rischio clinico nell Organizzazione Sanitaria: Approcci, modalità, strumenti e risultati

La gestione del rischio clinico nell Organizzazione Sanitaria: Approcci, modalità, strumenti e risultati La gestione del rischio clinico nell Organizzazione Sanitaria: Approcci, modalità, strumenti e risultati Il caso della Azienda Sanitaria della Valle d Aosta A cura di Clemente Ponzetti, Massimo Farina

Dettagli

TRA PREMESSO. che il fenomeno della violenza nei confronti delle donne rappresenta un tema di grande attualità e particolare gravità;

TRA PREMESSO. che il fenomeno della violenza nei confronti delle donne rappresenta un tema di grande attualità e particolare gravità; PROTOCOLLO D INTESA PER LA PROMOZIONE DI STRATEGIE CONDIVISE FINALIZZATE ALLA PREVENZIONE ED AL CONTRASTO DEL FENOMENO DELLA VIOLENZA NEI CONFRONTI DELLE DONNE TRA l Amministrazione Provinciale di Vercelli,

Dettagli

Elezioni Collegio IPASVI Brescia Triennio 2015-2017 Sabato 29 novembre dalle 8.30 alle 19:30 Domenica 30 novembre dalle 8.30 alle 19:30 Lunedì 1

Elezioni Collegio IPASVI Brescia Triennio 2015-2017 Sabato 29 novembre dalle 8.30 alle 19:30 Domenica 30 novembre dalle 8.30 alle 19:30 Lunedì 1 Elezioni Collegio IPASVI Brescia Triennio 2015-2017 Sabato 29 novembre dalle 8.30 alle 19:30 Domenica 30 novembre dalle 8.30 alle 19:30 Lunedì 1 dicembre dalle 8.30 alle 16:30 PRESENZA Obiettivo: avvicinare

Dettagli

Linee guida per lo svolgimento del Tirocinio formativo obbligatorio di 500 ore

Linee guida per lo svolgimento del Tirocinio formativo obbligatorio di 500 ore MASTER MANAGEMENT PER IL COORDINAMENTO DELLE PROFESSIONI SANITARIE Linee guida per lo svolgimento del Tirocinio formativo obbligatorio di 500 ore Il tirocinio in Management per il Coordinamento delle Professioni

Dettagli

17 MARZO 2016 ASSEMBLEA ORDINARIA DEGLI ISCRITTI

17 MARZO 2016 ASSEMBLEA ORDINARIA DEGLI ISCRITTI 17 MARZO 2016 ASSEMBLEA ORDINARIA DEGLI ISCRITTI COLLEGIO IPASVI PIACENZA RELAZIONE MORALE DELLA PRESIDENTE ASSEMBLEA ORDINARIA DEGLI ISCRITTI 2016 Buongiorno a tutti e benvenuti A nome del Consiglio Direttivo

Dettagli

Accordo SNA -CRUI- COINFO

Accordo SNA -CRUI- COINFO Accordo SNA -CRUI- COINFO Corso specialistico per Responsabili e Referenti Anticorruzione nelle Università Programma di dettaglio INDICE 1. Premessa...3 2. Obiettivi...3 3. Destinatari...4 4. Coordinamento

Dettagli

Il documento sulle competenze specialistiche degli infermieri

Il documento sulle competenze specialistiche degli infermieri Il documento sulle competenze specialistiche degli infermieri Il documento una storia complessa che inizia nel 2011 con l attivazione di un tavolo congiunto tra il Ministero della salute e alcune Regioni

Dettagli

Miglioramento continuo dell assistenza infermieristica in ambito chirurgico attraverso la discussione dei casi

Miglioramento continuo dell assistenza infermieristica in ambito chirurgico attraverso la discussione dei casi MODULO DI PRESENTAZIONE per la valutazione e l accreditamento di progetti di AUDIT CLINICO GENERALITÀ Titolo del Miglioramento continuo dell assistenza infermieristica in ambito chirurgico attraverso la

Dettagli

REGOLAMENTO SERVIZIO EDUCATIVA TERRITORIALE

REGOLAMENTO SERVIZIO EDUCATIVA TERRITORIALE REGOLAMENTO SERVIZIO EDUCATIVA TERRITORIALE Allegato alla determinazione direttoriale n. 681/000/DIG/14/0024 del 06.06.2014 ART. 1 PRINCIPI GENERALI Il servizio Educativa Territoriale si inserisce come

Dettagli

E LE SINERGIE TRA GENERAZIONI

E LE SINERGIE TRA GENERAZIONI Friuli Venezia Giulia Protocollo d intesa REGIONE FRIULI VENEZIA GIULIA AUSER FVG FEDERSANITA ANCI FVG ANCI FVG PER L INVECCHIAMENTO ATTIVO E LE SINERGIE TRA GENERAZIONI 1 PROTOCOLLO D INTESA TRA REGIONE

Dettagli

Approvazione del nuovo sistema di governo regionale per la Formazione Continua in Sanita' e costituzione relativi organismi.

Approvazione del nuovo sistema di governo regionale per la Formazione Continua in Sanita' e costituzione relativi organismi. REGIONE PIEMONTE BU28 14/07/2011 Deliberazione della Giunta Regionale 22 giugno 2011, n. 7-2208 Approvazione del nuovo sistema di governo regionale per la Formazione Continua in Sanita' e costituzione

Dettagli

MASTER MANAGEMENT PER IL COORDINAMENTO DELLE PROFESSIONI SOCIO-SANITARIE

MASTER MANAGEMENT PER IL COORDINAMENTO DELLE PROFESSIONI SOCIO-SANITARIE MASTER MANAGEMENT PER IL COORDINAMENTO DELLE PROFESSIONI SOCIO-SANITARIE Linee guida per lo svolgimento del Tirocinio formativo obbligatorio di 500 ore Il tirocinio in Management per il Coordinamento delle

Dettagli

Evoluzione della professione di. Tecnico Sanitario di Radiologia Medica

Evoluzione della professione di. Tecnico Sanitario di Radiologia Medica BOZZA Evoluzione della professione di Tecnico Sanitario di Radiologia Medica TSRM con esperienze avanzate e professionista specialista Aree di competenza nei nuovi scenari sanitari e socio sanitari Tavolo

Dettagli

Le linee guida regionali sui piani di zona 2011 2015: da Casa di Riposo a Centro di Servizio

Le linee guida regionali sui piani di zona 2011 2015: da Casa di Riposo a Centro di Servizio Le linee guida regionali sui piani di zona 2011 2015: da Casa di Riposo a Centro di Servizio Il quadro Istituzionale organizzativo in Regione Veneto Dirigente Regionale Servizi Sociali dott. Mario Modolo

Dettagli

Il Rettore. Decreto n. 44409 (352) Anno 2015

Il Rettore. Decreto n. 44409 (352) Anno 2015 Il Rettore Decreto n. 44409 (352) Anno 2015 VISTI gli articoli 16 e 17 del decreto del Presidente della Repubblica n. 162/82 e l articolo 6 della legge n. 341/90; VISTO l articolo 32 del Regolamento Didattico

Dettagli

Percorso di aggiornamento e confronto per Responsabili Sanitari delle Strutture Socio-Sanitarie della Lombardia

Percorso di aggiornamento e confronto per Responsabili Sanitari delle Strutture Socio-Sanitarie della Lombardia PROGRAMMA Percorso di aggiornamento e confronto per Responsabili Sanitari delle Strutture Socio-Sanitarie della Lombardia Anno 2013 2014 PREMESSA L ASL di Brescia, in collaborazione con SItI - Società

Dettagli

IL RETTORE RIP.II UPDR Dec.n. 312

IL RETTORE RIP.II UPDR Dec.n. 312 IL RETTORE RIP.II UPDR Dec.n. 312 Vista la legge 15/3/97 n. 127 ed in particolare l'art. 17 comma 96; il D.M. 21/5/98 n. 242, recante il regolamento per la disciplina dei professori a contratto, ed in

Dettagli

Ordinario di Igiene, Facoltà di Medicina e Chirurgia, Università degli Studi di

Ordinario di Igiene, Facoltà di Medicina e Chirurgia, Università degli Studi di Nursing avanzato per la sorveglianza epidemiologica e il controllo delle infezioni correlate ai processi assistenziali (ICPA) Livello I Crediti Formativi Universitari 60 Direttore Prof. Gabriele Romano

Dettagli

L' EVOLUZIONE DELLE NORME CHE REGOLANO L'ESERCIZIO DELLE FUNZIONI DI COORDINAMENTO NEL CONTRATTO DEL COMPARTO SANITA' PUBBLICA

L' EVOLUZIONE DELLE NORME CHE REGOLANO L'ESERCIZIO DELLE FUNZIONI DI COORDINAMENTO NEL CONTRATTO DEL COMPARTO SANITA' PUBBLICA L' EVOLUZIONE DELLE NORME CHE REGOLANO L'ESERCIZIO DELLE FUNZIONI DI COORDINAMENTO NEL CONTRATTO DEL COMPARTO SANITA' PUBBLICA a cura del Nucleo Promozione e Sviluppo Responsabile: Cesare Hoffer PREMESSA

Dettagli

REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO SANITARIA N. 6 VICENZA PROVVEDIMENTO DEL DIRIGENTE RESPONSABILE

REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO SANITARIA N. 6 VICENZA PROVVEDIMENTO DEL DIRIGENTE RESPONSABILE REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO SANITARIA N. 6 VICENZA PROVVEDIMENTO DEL DIRIGENTE RESPONSABILE Servizio Risorse Umane e Relazioni Sindacali delegato dal Direttore Generale dell Azienda con

Dettagli

REGOLAMENTO DEL MASTER UNIVERSITARIO DI PRIMO LIVELLO PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTO DELLE PROFESSIONI SANITARIE (ROMA)

REGOLAMENTO DEL MASTER UNIVERSITARIO DI PRIMO LIVELLO PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTO DELLE PROFESSIONI SANITARIE (ROMA) REGOLAMENTO DEL MASTER UNIVERSITARIO DI PRIMO LIVELLO PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTO DELLE PROFESSIONI SANITARIE (ROMA) Art. 1 Istituzione del Master di primo livello per le funzioni di coordinamento

Dettagli

RACCOLTA ABSTRACT E PUBBLICAZIONI

RACCOLTA ABSTRACT E PUBBLICAZIONI Indice PREFAZIONE INTRODUZIONE La Consulta dei Medici in Formazione Specialistica SItI L attività della Consulta Normativa MATERIALI E METODI Studi inclusi RISULTATI Competenze teoriche - Attività didattica

Dettagli

PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015

PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015 PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015 La definizione del Programma Il Programma annuale è elaborato ai sensi del Regolamento concernente le istruzioni generali sulla gestione amministrativo -

Dettagli

Prove Esame di Stato

Prove Esame di Stato Prove Esame di Stato 2012 SEZ. A 1 Prova L Assistente Sociale specialista responsabile di un servizio sociale riceve dal proprio riferimento politico (Assessore alle politiche sociali) l incarico di redigere

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO di II livello in Gestione del Lavoro nelle Pubbliche Amministrazioni

MASTER UNIVERSITARIO di II livello in Gestione del Lavoro nelle Pubbliche Amministrazioni dipartimento di scienze politiche MASTER UNIVERSITARIO di II livello in Gestione del Lavoro nelle Pubbliche Amministrazioni VI edizione A.A. 2014/2015 Nota: per le modalità concorsuali, si prega cortesemente

Dettagli

Metodologie e modelli di assistenza sanitaria territoriale

Metodologie e modelli di assistenza sanitaria territoriale Metodologie e modelli di assistenza sanitaria territoriale e prevenzione e promozione della salute Corso 60 ore I sistemi sanitari di tutti i Paesi Occidentali sono sotto pressione, a causa del contestuale

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO Ente proponente il progetto COMUNE DI SARROCH Titolo del progetto PARLA CON NOI Settore ed area di intervento del progetto Settore E) EDUCAZIONE E PROMOZIONE CULTURALE

Dettagli

MASTER di I Livello. MA358- Assistenza Integrata Ospedale Terriotorio 1ª EDIZIONE. 1500 ore 60 CFU Anno Accademico 2014/2015 MA358

MASTER di I Livello. MA358- Assistenza Integrata Ospedale Terriotorio 1ª EDIZIONE. 1500 ore 60 CFU Anno Accademico 2014/2015 MA358 MASTER di I Livello 1ª EDIZIONE 1500 ore 60 CFU Anno Accademico 2014/2015 MA358 Pagina 1/6 Titolo Edizione 1ª EDIZIONE Area SANITÀ Categoria MASTER Livello I Livello Anno accademico 2014/2015 Durata Durata

Dettagli

LICEO ECONOMICO SOCIALE CLASSE 5 a ES 1 PROGETTO DI ALTERNANZA SCUOLA-LAVORO LAVORO a. s. 2015/2016

LICEO ECONOMICO SOCIALE CLASSE 5 a ES 1 PROGETTO DI ALTERNANZA SCUOLA-LAVORO LAVORO a. s. 2015/2016 LICEO ECONOMICO SOCIALE CLASSE 5 a ES 1 PROGETTO DI ALTERNANZA SCUOLA-LAVORO LAVORO a. s. 2015/2016 LA DIMENSIONE DEL BISOGNO: COMUNICAZIONE E DIVERSITÀ Motivazione dell idea progettuale Il nostro Istituto

Dettagli

SCHEMA DI REGOLAMENTO SULLA FORMAZIONE CONTINUA IN PSICOLOGIA. Articolo 1 Formazione ed aggiornamento professionale

SCHEMA DI REGOLAMENTO SULLA FORMAZIONE CONTINUA IN PSICOLOGIA. Articolo 1 Formazione ed aggiornamento professionale SCHEMA DI REGOLAMENTO SULLA FORMAZIONE CONTINUA IN PSICOLOGIA Articolo 1 Formazione ed aggiornamento professionale 1. Il presente regolamento disciplina i criteri e le modalità della formazione continua,

Dettagli

COSTRUIRE UNA CULTURA COMUNE PER IL LAVORO CON LE FAMIGLIE

COSTRUIRE UNA CULTURA COMUNE PER IL LAVORO CON LE FAMIGLIE COSTRUIRE UNA CULTURA COMUNE PER IL LAVORO CON LE FAMIGLIE PREMESSA PERCORSO DI FORMAZIONE AUTOFORMAZIONE PER OPERATORI DEI SERVIZI TERRITORIALI E DELLA TUTELA MINORI DELL'AMBITO DICREMA La proposta di

Dettagli

INFORMAZIONI PERSONALI MANUELA SILVESTRI

INFORMAZIONI PERSONALI MANUELA SILVESTRI CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome MANUELA SILVESTRI Qualifica ASSISTENTE SOCIALE Amministrazione COMUNITA TERRITORIALE DELLA VAL DI FIEMME Incarico attuale RESPONSABILE SERVIZIO SOCIO-ASSISTENZIALE

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI CHIRURGIA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI CHIRURGIA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI CHIRURGIA PREMESSA Il presente Regolamento disciplina le modalità di funzionamento del Dipartimento di Chirurgia come previsto dall art. 8.3 dell Atto

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO IN ECONOMIA E DIRITTO DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE. (Master PrevComp)

MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO IN ECONOMIA E DIRITTO DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE. (Master PrevComp) BANDO DI AMMISSIONE AL MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO IN ECONOMIA E DIRITTO DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE (Master PrevComp) Università degli Studi della Tuscia Facoltà di Economia Anno Accademico

Dettagli

Curriculum vitae Europass

Curriculum vitae Europass Curriculum vitae Europass INFORMAZIONI PERSONALI Nome(i) / Cognome(i) GIROTTO CHIARA ] Indirizzo Telefono casa 0425/27721 Telefono ufficio 0442/622016 Telefono mobile 3472966653 Fax 0442622721 E-mail Viale

Dettagli

Il volontariato: ruolo e impegni per la Conferenza dei Servizi

Il volontariato: ruolo e impegni per la Conferenza dei Servizi Il volontariato: ruolo e impegni per la Conferenza dei Servizi Rel. sig. Giancarlo Cavallin Volontarinsieme Coordinamento delle Associazioni di volontariato della provincia di Treviso. Gruppo Salute, ospedale

Dettagli

M. Schiavoni, Infermiera neolaureata in Scienze Inf.che ed Ostetriche

M. Schiavoni, Infermiera neolaureata in Scienze Inf.che ed Ostetriche Codice colore in Pronto Soccorso: Valutazione della corretta attribuzione da parte dell infermiere di triage M. Schiavoni, Infermiera neolaureata in Scienze Inf.che ed Ostetriche T. Campanelli, Coordinatore

Dettagli

Titolo del Workshop. La Rete delle Cure Palliative nel Panorama Sanitario In collaborazione con Antea Formad. Abstract / sintesi degli interventi

Titolo del Workshop. La Rete delle Cure Palliative nel Panorama Sanitario In collaborazione con Antea Formad. Abstract / sintesi degli interventi Titolo del Workshop La Rete delle Cure Palliative nel Panorama Sanitario In collaborazione con Antea Formad Abstract / sintesi degli interventi Presentazione Il workshop, partendo dalla presentazione dei

Dettagli

salute e sicurezza nei luoghi di lavoro, finalizzate anche al conseguimento di una preparazione multidisciplinare in grado di consentire a i

salute e sicurezza nei luoghi di lavoro, finalizzate anche al conseguimento di una preparazione multidisciplinare in grado di consentire a i CONVENZIONE PER L EROGAZIONE DI 15 BORSE DI STUDIO PER GLI STUDENTI DEL MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN SCIENZA E TECNICHE DELLA PREVENZIONE E DELLA SICUREZZA A.A. 2015-16 TRA L Università Ca Foscari

Dettagli

LINEE GUIDA PER IL POTENZIAMENTO DELL'ASSISTENZA AI DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE

LINEE GUIDA PER IL POTENZIAMENTO DELL'ASSISTENZA AI DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE Delibera di Giunta - N.ro 2004/1016 - approvato il 31/5/2004 Oggetto: LINEE GUIDA PER IL POTENZIAMENTO DELL'ASSISTENZA AI DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE Prot. n. (SAM/03/27628) LA GIUNTA DELLA REGIONE

Dettagli

ASL TERAMO. (Circ.ne Ragusa,1 0861/4291) REGOLAMENTO SULL ORGANIZZAZIONE DEI SERVIZI DI COMUNICAZIONE

ASL TERAMO. (Circ.ne Ragusa,1 0861/4291) REGOLAMENTO SULL ORGANIZZAZIONE DEI SERVIZI DI COMUNICAZIONE ASL TERAMO (Circ.ne Ragusa,1 0861/4291) REGOLAMENTO SULL ORGANIZZAZIONE DEI SERVIZI DI COMUNICAZIONE (ai sensi della legge 150/2000, del DPR 422/2001, e della Direttiva della Presidenza del Consiglio dei

Dettagli

Dalla rianimazione al domicilio. SERVIZIO ANESTESIA RIANIMAZIONE MEDICINA IPERBARICA P.O. MARINO Paolo Castaldi Fabiana Matta

Dalla rianimazione al domicilio. SERVIZIO ANESTESIA RIANIMAZIONE MEDICINA IPERBARICA P.O. MARINO Paolo Castaldi Fabiana Matta Dalla rianimazione al domicilio SERVIZIO ANESTESIA RIANIMAZIONE MEDICINA IPERBARICA P.O. MARINO Paolo Castaldi Fabiana Matta Dalla rianimazione al domicilio Problema Bisogni Risposta Piano personalizzato

Dettagli

Accordo Regionale MMG del 24 aprile 2007 per il controllo della spesa;

Accordo Regionale MMG del 24 aprile 2007 per il controllo della spesa; 1. ANALISI DEL FABBISOGNO FORMATIVO La Regione Puglia, concentrata come molte altre Regioni sulla necessità di contenere i costi del settore sanitario intervenendo sugli assetti gestionali ed organizzativi,

Dettagli

L assistenza garantita dal medico di famiglia: tutte le novità per il prossimo triennio

L assistenza garantita dal medico di famiglia: tutte le novità per il prossimo triennio Conferenza Stampa L assistenza garantita dal medico di famiglia: tutte le novità per il prossimo triennio Presentazione dell Accordo Locale 2012/2014 tra l Azienda USL di Parma e le Organizzazioni Sindacali

Dettagli

A cura di: AREA FORMAZIONE Istituzione G.F.Minguzzi Provincia di Bologna

A cura di: AREA FORMAZIONE Istituzione G.F.Minguzzi Provincia di Bologna A r e a F o r m a z i o n e U n a p r o p o s t a f o r m a t i v a p e r i l t e r z o s e t t o r e C o m e f a r e p r o g e t t a z i o n e A cura di: AREA FORMAZIONE Istituzione G.F.Minguzzi Provincia

Dettagli

LINEE DI INDIRIZZO per GLI ESAMI DI STATO

LINEE DI INDIRIZZO per GLI ESAMI DI STATO LINEE DI INDIRIZZO per GLI ESAMI DI STATO Definizione e significato degli esami di stato L Esame di Stato per l abilitazione alla professione di assistente sociale e di assistente sociale specialista consiste

Dettagli

SINTESI SCHEDA PROGETTUALE BANDO 2007

SINTESI SCHEDA PROGETTUALE BANDO 2007 UFFICIO SERVIZIO CIVILE SINTESI SCHEDA PROGETTUALE BANDO 2007 Titolo progetto Attività Integrative all Assistenza Domiciliare Integrata Tipologia destinatari A06 Disabili Giorni /ore di servizio 5 giorni

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 60/2 DEL 2.12.2015. Sistema Regionale delle Cure Territoriali. Linee di indirizzo per la riqualificazione delle cure primarie.

DELIBERAZIONE N. 60/2 DEL 2.12.2015. Sistema Regionale delle Cure Territoriali. Linee di indirizzo per la riqualificazione delle cure primarie. Oggetto: Sistema Regionale delle Cure Territoriali. Linee di indirizzo per la riqualificazione delle cure primarie. L Assessore dell Igiene e Sanità e dell Assistenza Sociale ricorda che nel Patto della

Dettagli

REGIONANDO 2000 REGIONE LAZIO ASSESSORATO SALVAGUARDIA E CURA DELLA SALUTE

REGIONANDO 2000 REGIONE LAZIO ASSESSORATO SALVAGUARDIA E CURA DELLA SALUTE REGIONANDO 2000 REGIONE LAZIO ASSESSORATO SALVAGUARDIA E CURA DELLA SALUTE PROGETTO TRIENNALE DI POTENZIAMENTO DELL ASSISTENZA DOMICILIARE NEL LAZIO, ANNI 1998/2000. Premessa Il programma di assistenza

Dettagli

REGOLAMENTO SULLE LINEE DI INDIRIZZO PER LA FORMAZIONE E L AGGIORNAMENTO DEL PERSONALE TECNICO AMMINISTRATIVO

REGOLAMENTO SULLE LINEE DI INDIRIZZO PER LA FORMAZIONE E L AGGIORNAMENTO DEL PERSONALE TECNICO AMMINISTRATIVO REGOLAMENTO SULLE LINEE DI INDIRIZZO PER LA FORMAZIONE E L AGGIORNAMENTO DEL PERSONALE TECNICO AMMINISTRATIVO Premessa In base all art. 45 del CCNL del 9/08/2000 la formazione professionale costituisce

Dettagli

MASTER di II Livello. Management delle Aziende Sanitarie. 1ª EDIZIONE 1500 ore 60 CFU Anno Accademico 2015/2016 MA383

MASTER di II Livello. Management delle Aziende Sanitarie. 1ª EDIZIONE 1500 ore 60 CFU Anno Accademico 2015/2016 MA383 MASTER di II Livello 1ª EDIZIONE 1500 ore 60 CFU Anno Accademico 2015/2016 MA383 Pagina 1/7 Titolo Edizione 1ª EDIZIONE Area SANITÀ Categoria MASTER Livello II Livello Anno accademico 2015/2016 Durata

Dettagli

Come convivere: cambia tu!...lei non può. (dall etichetta di pericolo all esposizione)

Come convivere: cambia tu!...lei non può. (dall etichetta di pericolo all esposizione) CONCORSO DOCENTI Premio nazionale per docenti Didattica del REACH e del CLP Seconda edizione Come convivere: cambia tu!...lei non può. (dall etichetta di pericolo all esposizione) Concorso nazionale per

Dettagli

ALLEGATO alla delibera C.P. nn. 76/67066 del 13-9-2012

ALLEGATO alla delibera C.P. nn. 76/67066 del 13-9-2012 INDICE ALLEGATO alla delibera C.P. nn. 76/67066 del 13-9-2012 L.R. 1/2000 e successive modifiche Indirizzi provinciali per lo sviluppo, il consolidamento e la qualificazione dei servizi educativi rivolti

Dettagli

LA SANITÀ DIVENTA SISTEMA AZIENDALE

LA SANITÀ DIVENTA SISTEMA AZIENDALE LEZIONE: ELEMENTI DI LEGISLAZIONE SANITARIA (SECONDA PARTE) PROF. MASSIMO BUJA Indice 1 INTRODUZIONE --------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

Programma triennale per l trasparenza e l integrità Istituto Comprensivo di S. Vito al T.

Programma triennale per l trasparenza e l integrità Istituto Comprensivo di S. Vito al T. 2014-16 Programma triennale per l trasparenza e l integrità Istituto Comprensivo di S. Vito al T. la trasparenza nei confronti dei cittadini e dell intera collettività, poiché rappresenta uno strumento

Dettagli

RUOLI E COMPETENZE IN SANITA Lo sviluppo delle pratiche di Human Resource Management: scenari ed esperienze di successo Modena 21 giugno 2011

RUOLI E COMPETENZE IN SANITA Lo sviluppo delle pratiche di Human Resource Management: scenari ed esperienze di successo Modena 21 giugno 2011 RUOLI E COMPETENZE IN SANITA Lo sviluppo delle pratiche di Human Resource Management: scenari ed esperienze di successo Modena 21 giugno 2011 Ettore Turra Innovazione Organizzativa e Gestione del Cambiamento

Dettagli

MODULO Formazione sul Campo Direzione Professioni Sanitarie

MODULO Formazione sul Campo Direzione Professioni Sanitarie SEZIONE FORMAZIONE E BIBLIOTECA MODULO Formazione sul Campo Direzione Professioni Sanitarie All.2 P2-FORM Titolo: LA RELAZIONE CON IL PAZIENTE E CAREGIVER NELLE TERAPIE INTESIVE APERTE 1^ EDIZIONE TRAINING

Dettagli

EUROPEAN OSTEOPATHIC UNION L ITER FORMATIVO

EUROPEAN OSTEOPATHIC UNION L ITER FORMATIVO Capitolo 3 L ITER FORMATIVO Il programma di formazione degli osteopati ha la responsabilità di creare figure professionali del più alto livello. Il livello di preparazione dell osteopata professionista

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE, L AGGIORNAMENTO ED I CREDITI FORMATIVI DEL PERSONALE TECNICO-AMMINISTRATIVO

REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE, L AGGIORNAMENTO ED I CREDITI FORMATIVI DEL PERSONALE TECNICO-AMMINISTRATIVO REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE, L AGGIORNAMENTO ED I CREDITI FORMATIVI DEL PERSONALE TECNICO-AMMINISTRATIVO Premessa L Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia considera la formazione e l aggiornamento

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA TRA MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI E UNIONE DELLE PROVINCE D ITALIA

PROTOCOLLO DI INTESA TRA MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI E UNIONE DELLE PROVINCE D ITALIA PROTOCOLLO DI INTESA TRA MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI E UNIONE DELLE PROVINCE D ITALIA Il Ministero del lavoro e delle politiche sociali e l Unione delle Province d Italia UPI VISTI il

Dettagli

Sistema Regionale di Accreditamento per l Educazione Continua in Medicina - ECM

Sistema Regionale di Accreditamento per l Educazione Continua in Medicina - ECM All. DDG del 8 febbraio 2012 n. 1347 REGIONE CALABRIA Dipartimento Tutela della Salute e Politiche Sanitarie Sistema Regionale di Accreditamento per l Educazione Continua in Medicina - ECM Indice Documento

Dettagli

L accordo stato regioni sulla riforma delle professioni: il ruolo del coordinatore Sviluppo delle competenze infermieristiche

L accordo stato regioni sulla riforma delle professioni: il ruolo del coordinatore Sviluppo delle competenze infermieristiche L accordo stato regioni sulla riforma delle professioni: il ruolo del coordinatore Sviluppo delle competenze infermieristiche Dott. A. Zagari Giardini Naxos 2013 Alcune diapositive di questa presentazione

Dettagli