MAPPE CONCETTUALI. 5) Definizione e individuazione di collegamenti e parole-legame

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "MAPPE CONCETTUALI. 5) Definizione e individuazione di collegamenti e parole-legame"

Transcript

1 MAPPE CONCETTUALI 1) Definizione e utilità mappe concettuali 2) Tipi di mappe 3) Definizione e individuazione dei concetti 4) Definizione e individuazione delle etichette 5) Definizione e individuazione di collegamenti e parole-legame 6) Scelta della struttura 7) Biblio(sito)grafia Claudio Santi Pagina 1 di 10

2 1) Definizione e utilità mappe concettuali Le mappe concettuali costituiscono la rappresentazione grafica di concetti espressi in forma sintetica (parole-concetto) all interno di una forma geometrica (nodo) e collegati fra loro da linee (frecce) che esplicitano la relazione attraverso parole-legamento ( Guastavigna/Pavone). Le mappe concettuali furono proposte come strumento didattico da Novak e Gowin negli anni ottanta partendo dalle idee di Ausubel (1968) sull apprendimento significativo, secondo le qualil apprendimento (più legato alle modalità di acquisizione dell informazione) e la memoria (che riguarda maggiormente i processi di immagazzinamento e di recupero di quanto appreso) sono dei processi che si intrecciano tra di loro. Secondo le teorie cognitiviste e costruttiviste, apprendere significa confrontare le nuove informazioni con quanto è già patrimonio della nostra conoscenza del mondo e integrarle in esso modificandolo. Inoltre l organizzazione delle conoscenze per mappe semantiche è anche quella più aderente ai modelli di reti semantiche (reti di nodi concettuali legati tra loro sulla base dei tratti semantici che li contraddistinguono) secondo cui i concetti si organizzano nella memoria a lungo termine. Le mappe servono quindi per la comprendere/fissare/ presentare in forma sintetica e con l aiuto della grafica contenuti/argomenti di studio più o meno complessi. Quanto di tratta di fissare dei concetti es. la sola ripetizione non è sufficiente per condurre alla costruzione di un ricordo stabile nel tempo; è necessaria un elaborazione più profonda. Bisogna distinguere tra: ripasso di mantenimento (ha solo la funzione di attivare una rappresentazione già esistente in memoria); ripasso elaborativo (è adibito alla riorganizzazione del sapere) L uso delle mappe concettuali, per rappresentare le conoscenze apprese, permette di fatto un ripasso di tipo elaborativo. Claudio Santi Pagina 2 di 10

3 2) Tipi di mappe Per capirne meglio la funzione è conveniente suddividerle in: - mappe cognitive: che servono soprattutto a esplicitare le conoscenze e i collegamenti tra di esse, favorendo un ruolo attivo/costruttivo degli studenti nella produzione delle conoscenze ( ad es. si invitano gli studenti a rappresentare graficamente cosa viene loro in mente rispetto a un testo, un argomento. In questo modo gli allievi possono riorganizzare le loro conoscenze, mettendo in atto processi metacognitivi e i docenti possono accertare le loro conoscenze e calibrare i loro interventi - mappe mentali (termine usato da T. Buzan) : partono da un input esterno e servono a rappresentare graficamente una successione di idee attraverso relazioni logico-associative, determinate dalla soggettività dello studente, che è chiamato a evidenziare, partendo dall elemento ritenuto più importante, i suoi collegamenti con gli altri elementi (concetti di secondo grado ), che potranno essere ulteriormente ramificati - mappe strutturali: vengono costruite partendo da una fonte autorevole ( pagina di manuale, giornale, libro, pagina o sito web) e hanno lo scopo di sintetizzare e mostrare la struttura dell informazione sostituendo all unidirezionalità della pagina scritta la multidirezionalità della rappresentazione grafica. Oltre ad essere mezzo metacognitivo e diagnostico costituiscono un eccellente strumento per supportare esposizioni/presentazioni. Come si può vedere i primi due tipi di mappe privilegiano le rappresentazione di conoscenze soggettive, mentre nel terzo prevale la dimensione oggettiva, condivisibile e trasmissibile delle conoscenze assimilate e rielaborate. Le mappe strutturali, pur contenendo anch esse una forte componente soggettiva, possono diventare efficaci strumenti di apprendimento e comunicazione, e possono dunque costituire anche un prodotto finale da valutare e correggere. Questo non vuol dire che esista una mappa giusta, perché il processo di formazione e strutturazione delle conoscenze varia da soggetto a soggetto, ma esistono mappe più o meno adeguate ( in relazione all ordine dei concetti, all individuazione di quelli principali,.). Per questo l intervento del docente non è volto ad imporre la sua mappa, quanto a ridurre il carico cognitivo attraverso suggerimenti e correzioni. Il processo di apprendimento consiste dunque secondo la prospettiva cognitivista nella trasformazione delle mappe ingenue in mappe esperte. In altre parole i saperi e le conoscenze, costituiti da modelli/schemi in continua interazione tra di loro usati il più delle volte inconsapevolmente dagli studenti per, vengono fatti emergere e utilizzati/ ristrutturati per produrre una campo di conoscenze consolidate e condivise. Per poter utilizzare le mappe dobbiamo prima di tutto definire assieme agli allievi le loro caratteristiche, relazioni e funzioni. In particolare dobbiamo intenderci 1)sulla tipologia dei concetti, 2) sull uso delle parole-concetto, 3) sulla tipologia dei collegamenti e delle parole-legame 4) sui tipi di struttura. Claudio Santi Pagina 3 di 10

4 3) Definizione e individuazione dei concetti Intanto seguendo Novak e Godwin definiamo come concetto una regolarità percepita in eventi ed oggetti ed esplicitata convenzionalmente attraverso un etichetta. Questi autori si servivano di due soli tipi di concetto: i concetti- oggetto ( tavolo, albero, cavallo, ) e i concetti evento ( pioggia, ballo, partita,.), che definiscono le cose e le cose-che-avvengono ma che appare troppo generica nell elaborazione dei significati. Per questo appare più adeguata e utile agli studenti la tipologia proposta da Guatavigna/Pavone: - Concetti evento: indicano fenomeni di varia natura come un movimento letterario (romanticismo) o un fatto storico/ di cronaca ( rivoluzione borghese, guerra il Libano, sbarco di clandestini), e possono anche assumere il valore di concetti tempo; - Concetti oggetto: qualsiasi ogetto (tavolo, auto, ) - Concetti persone: gruppi di persone identificabili in base ad elementi comuni ( operai, clandestini, ricchi,.) - Concetti luogo: che sono determinati dalla contestualizzazione spaziale, ma forniscono spesso anche altre informazioni ( la sede del parlamento, la metropolitana di Londra.) - Concetti astrazione: indicano idee astratte, stati d animo, aspirazioni ( la bellezza, l uguaglianza, la laicità, ) Claudio Santi Pagina 4 di 10

5 4) Definizione e individuazione delle etichette Per definire i concetti occorre poi trovare delle parole-concetto (etichette) che li definiscano in forma immediata e sintetica. Questo è tanto più difficile quanto più lunghe e complesse sono le proposizioni. Queste parole-concetto hanno la proprietà di veicolare il nucleo di blocchi informativi anche ampi e di intrattenere una relazione significativa con l insieme. Le principali operazioni logiche richieste sono: - sintesi: riduzione di un concetto a una sola parola; - nominalizzazione: trasformazione di una o più proposizioni in una sola parolaconcetto; - generalizzazione: trasformazione di casi particolari in casi generali; - ridefinizione: estrapolazione di una sola parola-concetto per definire un insieme di proprietà e di attributi Nomi propri e date non indicano concetti ( nel senso che non definiscono la regolarità di eventi o di oggetti) ma se sono particolarmente significativi possono essere indicati ( Caduta del Muro di Berlino, anno della contestazione giovanile) Claudio Santi Pagina 5 di 10

6 5) Definizione e individuazione di collegamenti e parole-legame Per rendere poi comprensibile le mappe concettuali occorre trovare dei collegamenti ( parole/ frecce) che esplicitino chiaramente i rapporti tra un concetto e l altro. Nella concezione di Novak/Godwin sono ammessi solo collegamenti di tipo gerarchico, dall alto in basso, dal generale allo specifico, vale a dire di tipo inclusivo, che però si rivelano inadeguati per spiegare e rappresentare strutture di tipo complesso. Guastavigna/Pavone propongono una distinzione tra collegamenti verticali e orizzontali. I collegamenti verticali possono essere - inclusivi: il concetto posto in alto, gerarchicamente superiore, include quelli in basso - di causa/effetto: i concetti sono disposti dall alto (causa) in basso (conseguenza) - di fine o scopo: la relazione indica nel secondo concetto lo scopo del primo - transitivi/predicativi : indicano il tipo di azione compiuta da un concetto verso l altro I collegamenti orizzontali possono essere - temporali: indicano relazione cronologica - spaziali: contestualizzano spazialmente collegando il concetto a un luogo - addizione, paragone, contrasto: i concetti sono disposti sullo stesso piano e possono essere uniti da frecce bidirezionali o da normali linee - di esplicitazione/esemplificazione: il concetto generale di partenza viene unito ad un altro di arrivo che lo esemplifica - nominali: il concetto è collegato alla sua modalità d essere Le parole-legame garantiscono la comprensione dei collegamenti e quindi la coerenza globale della mappa. Si possono utilizzare sia forme verbali, anche accompagnate da preposizioni, preposizioni e altri connettori ( congiunzioni/ avverbi). Claudio Santi Pagina 6 di 10

7 6) Scelta della struttura Rimane da stabilire il tipo di struttura che vogliamo dare alla mappa: Deve essere organizzata gerarchicamente o dobbiamo solo indicare le associazioni? La scelta è tra 3 modelli fondamentali: a) associazionista a struttura radiale ( grappoli concettuali che si diramano da un nodo centrale). Viene evidenziata chiaramente l idea centrale, le idee più significative stanno vicino al centro, è facile aggiungere ulteriori concetti, è indicata per la rappresentazione di brain storming.si adatta soprattutto alla costruzione di mappe mentali e cognitive, ma non è sempre funzionale all esposizione/argomentazione: Concetto centrale Claudio Santi Pagina 7 di 10

8 b) connessionista a struttura verticale: La struttura verticale si presta soprattutto per conoscenze/campi del sapere che si prestano ad un organizzazione tassonomica, però non deve avere necessariamente solo collegamenti di tipo inclusivo ( definibili in base a tre criteri logici: dal più importante al meno importante, dal generale al particolare, dall astratto al concreto) ma può prevedere anche collegamenti di altro tipo. Possiamo utilizzare una struttura verticale ramificata verso il basso con il concetto principale in posizione superiore oppure una struttura a più concetti-chiave, disposti secondo la progressione delle idee e dello sviluppo espositivo. Tale struttura appare più adeguata per arrivare alla comprensione e all esposizione di un unità cognitiva più o meno complessa, per rappresentare un percorso connettivo, una catena di significati. Concetto centrale Claudio Santi Pagina 8 di 10

9 c) La struttura reticolare in cui i concetti e le connessioni non sono disposti secondo un ordine preciso, ma sono interconnessi liberamente.viene di solito associata all ipertesto perché consente il massimo di flessibilità e di libertà. Secondo alcuni sarebbe più in sintonia con i processi mentali che stanno alla base della conoscenza e favorirebbe le molteplici connessioni tra contenuti/ mezzi eterogenei, secondo altri invece non favorirebbe un apprendimento produttivo, che superata la fase di esplorazione e raccolta di informazione è teso alla elaborazione di schemi/percorsi solidi di conoscenza. Claudio Santi Pagina 9 di 10

10 7) Sitobibliografia Ormai le pubblicazioni sulle mappe mentali sono un infinità. Per un primo orientamento si veda : - il sito ricco di risorse, link e continuamente aggiornmato -e anche (Sito prodotto dal Dipartimento di Studi dell Educazione dell Università di Padova sulle problematiche pedagogico-didattiche e tecnologiche della multimedialità) ciccando sul link Le mappe concettuali. Claudio Santi Pagina 10 di 10

Workshop Costruire ed usare le mappe concettuali per uno studio efficace Docenti: dott.ssa Chiara Ferrari dott.ssa Elena Del Torre

Workshop Costruire ed usare le mappe concettuali per uno studio efficace Docenti: dott.ssa Chiara Ferrari dott.ssa Elena Del Torre Venerdì 9 settembre 2011 - Tolmezzo Workshop Costruire ed usare le mappe concettuali per uno studio efficace Docenti: dott.ssa Chiara Ferrari dott.ssa Elena Del Torre Topics Prima parte concetti teorici

Dettagli

Un modello di costruzione collaborativa della conoscenza su utilizzo didattico degli organizzatori grafici

Un modello di costruzione collaborativa della conoscenza su utilizzo didattico degli organizzatori grafici DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE E PSICOLOGIA Un modello di costruzione collaborativa della conoscenza su utilizzo didattico degli organizzatori grafici Prof. Antonio Calvani antonio.calvani@unifi.it

Dettagli

Mappe concettuali Regolarità e relazioni

Mappe concettuali Regolarità e relazioni Mappe concettuali Regolarità e relazioni Contenuti cosa sono mappe strutturali mappe mentali mappe concettuali mappe strutturali cosa... non fare! qualche idea didattica software per realizzare mappe concettuali

Dettagli

Apprendimento, DSA e mappe concettuali come mediatori didattici. Beatrice Caponi Conegliano, 6 novembre 2012

Apprendimento, DSA e mappe concettuali come mediatori didattici. Beatrice Caponi Conegliano, 6 novembre 2012 Apprendimento, DSA e mappe concettuali come mediatori didattici Beatrice Caponi Conegliano, 6 novembre 2012 Apprendere significa Comprendere e mantenere nel tempo le conoscenze (memoria) Saper utilizzare

Dettagli

Mappe concettuali: uno strumento per la didattica inclusiva

Mappe concettuali: uno strumento per la didattica inclusiva Mappe concettuali: uno strumento per la didattica inclusiva Corso di aggiornamento ITIS V.E.Marzotto Valdagno a.s. 2014-2015 Relatrice: M.Maddalena Albanese MAPPE CONCETTUALI Cercando le parole si trovano

Dettagli

LE MAPPE CONCETTUALI PER PROMUOVERE L APPRENDIMENTO SIGNIFICATIVO JOSEPH D. NOVAK

LE MAPPE CONCETTUALI PER PROMUOVERE L APPRENDIMENTO SIGNIFICATIVO JOSEPH D. NOVAK LE MAPPE CONCETTUALI PER PROMUOVERE L APPRENDIMENTO SIGNIFICATIVO JOSEPH D. NOVAK Le mappe concettuali sono strumenti per l organizzazione delle informazioni in modo da favorire ad un livello profondo

Dettagli

MAPPE CONCETTUALI NELLA GLOTTODIDATTICA

MAPPE CONCETTUALI NELLA GLOTTODIDATTICA MAPPE CONCETTUALI NELLA GLOTTODIDATTICA 1) Introduzione 2) Discorso preliminare sulle abilità 3) Il word processor come cognitive tool 4) Sviluppo della riflessione sulla lingua 5) Produzione orale/esposizione

Dettagli

Le mappe concettuali

Le mappe concettuali Le mappe concettuali La conoscenza Conoscenza Abilità Competenza (forma di expertise in cui la conoscenza dichiarativa si accompagna ad una conoscenza procedurale che permette al soggetto di risolvere

Dettagli

I Quaderni di LAPSUS n 3 c. CmapTools

I Quaderni di LAPSUS n 3 c. CmapTools PROGETTO LAPSUS LAboratorio per la Promozione nelle Scuole dell Uso consapevole del Software I Quaderni di LAPSUS n 3 c CmapTools PASSO A PASSO: Gli elementi basilari delle mappe concettuali di Antonietta

Dettagli

Gineprini, Marco Guastavigna, Mappe per capire. Capire per mappe. Rappresentazioni della conoscenza nella didattica, Carocci Faber, Roma 2004

Gineprini, Marco Guastavigna, Mappe per capire. Capire per mappe. Rappresentazioni della conoscenza nella didattica, Carocci Faber, Roma 2004 Gineprini, Marco Guastavigna, Mappe per capire. Capire per mappe. Rappresentazioni della conoscenza nella didattica, Carocci Faber, Roma 2004 Giovanni Federle 23 ottobre 2007-10-22 Abstract Espone le teorie

Dettagli

CE. RI. PE. LA MEDIAZIONE DIDATTICA PER L ACQUISIZIONE DELLE COMPETENZE di Anna Maria Schiano Dirigente Tecnico a r.m.p.i.

CE. RI. PE. LA MEDIAZIONE DIDATTICA PER L ACQUISIZIONE DELLE COMPETENZE di Anna Maria Schiano Dirigente Tecnico a r.m.p.i. CE. RI. PE. LA MEDIAZIONE DIDATTICA PER L ACQUISIZIONE DELLE COMPETENZE di Anna Maria Schiano Dirigente Tecnico a r.m.p.i. I SAPERI DISCIPLINARI I saperi storicamente determinati sono codificati nelle

Dettagli

Ipertesti e Internet. Ipertesto. Ipertesto. Prof.ssa E. Gentile. a.a. 2011-2012

Ipertesti e Internet. Ipertesto. Ipertesto. Prof.ssa E. Gentile. a.a. 2011-2012 Corso di Laurea Magistrale in Scienze dell Informazione Editoriale, Pubblica e Sociale Ipertesti e Internet Prof.ssa E. Gentile a.a. 2011-2012 Ipertesto Qualsiasi forma di testualità parole, immagini,

Dettagli

PIANO DI LAVORO: Disegno e storia dell arte

PIANO DI LAVORO: Disegno e storia dell arte Obiettivi educativi e didattici PIANO DI LAVORO: Disegno e storia dell arte Obiettivi formativi generali: Formazione di un metodo di studio flessibile. Inquadramento e schematizzazione degli argomenti.

Dettagli

Curricolo verticale di ITALIANO

Curricolo verticale di ITALIANO ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE SIANO SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO Curricolo verticale di ITALIANO ITALIANO - CLASSI PRIME Leggere e comprendere -Ascolta le informazioni principali di discorsi affrontati

Dettagli

I BES E LA DIDATTICA INCLUSIVA NELLA SCUOLA SECONDARIA

I BES E LA DIDATTICA INCLUSIVA NELLA SCUOLA SECONDARIA I BES E LA DIDATTICA INCLUSIVA NELLA SCUOLA SECONDARIA RUOLO RICONOSCERE FARE SCELTE METODOLOGICO DIDATTICHE PROGRAMMARE INTERVENTI EDUCATIVO- DIADATTICI E DOCUMENTARE I PERCORSI DIDATTICI: PIANO DIDATTICO

Dettagli

CORSO DI ITALIANO CLASSE PRIMA

CORSO DI ITALIANO CLASSE PRIMA CORSO DI ITALIANO CLASSE PRIMA UdA n.1 - LEGGERE, COMPRENDERE E INTERPRETARE TESTI 1. Comprendere e analizzare narrativi, descrittivi, espositivi e poetici 2. Riconoscere e classificare diversi tipi di

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA ALLA DISCIPLINA :LINGUA E LETTERATURA ITALIANA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA ALLA DISCIPLINA :LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Anno Scolastico 2014-2015 Istituto PROFESSIONALE grafico PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA ALLA DISCIPLINA :LINGUA E LETTERATURA ITALIANA PRIMO BIENNIO OBIETTIVI GENERALI/ FINALITA' OBIETTIVI EDUCATIVI

Dettagli

CURRICOLO CLASSI I II III IV - V SCUOLE PRIMARIE IC PORTO MANTOVANO

CURRICOLO CLASSI I II III IV - V SCUOLE PRIMARIE IC PORTO MANTOVANO ISTITUTO COMPRENSIVO di PORTO MANTOVANO (MN) Via Monteverdi 46047 PORTO MANTOVANO (MN) tel. 0376 398 781 e-mail: mnic813002@istruzione.it e-mail certificata: mnic813002@pec.istruzione.it sito internet:

Dettagli

ASSE STORICO SOCIALE

ASSE STORICO SOCIALE ASSE STORICO SOCIALE 1 ASSE STORICO SOCIALE competenze attese d asse indicatori descrittori Competenze di asse Indicatori Descrittori 1. Comprendere il cambiamento e la diversità dei tempi storici in una

Dettagli

Promuovere e valutare competenze nella scuola

Promuovere e valutare competenze nella scuola Promuovere e valutare competenze nella scuola Intervento di Michele Pellerey Sul concetto di competenza in un contesto scolastico Nei documenti della Commissione Europea sulla competenze chiave della cittadinanza

Dettagli

FINALITA. 1 Dalle Indicazioni nazionali per il curricolo della scuola dell'infanzia e del primo ciclo d'istruzione, passim.

FINALITA. 1 Dalle Indicazioni nazionali per il curricolo della scuola dell'infanzia e del primo ciclo d'istruzione, passim. FINALITA La storia è la disciplina nella quale si imparano a conoscere e interpretare fatti, eventi e processi del passato; le conoscenze del passato, in particolare i temi della memoria, dell'identità

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO ENEA TALPINO Nembro. Curricolo verticale IMPARARE AD IMPARARE

ISTITUTO COMPRENSIVO ENEA TALPINO Nembro. Curricolo verticale IMPARARE AD IMPARARE ISTITUTO COMPRENSIVO ENEA TALPINO Nembro Curricolo verticale IMPARARE AD IMPARARE 1 CURRICOLO INFANZIA-PRIMARIA-SECONDARIA DI I GRADO IMPARARE A IMPARARE Dal Curricolo Scuola Primaria e Secondaria di I

Dettagli

Standard minimi formativi nazionali delle competenze di base del terzo e quarto anno della Istruzione e Formazione Professionale

Standard minimi formativi nazionali delle competenze di base del terzo e quarto anno della Istruzione e Formazione Professionale Allegato 4 Standard minimi formativi nazionali delle competenze di base del terzo e quarto anno della Istruzione e Formazione Professionale L articolo 18, comma 2 del D.lgs. n. 226/2005 prevede, quale

Dettagli

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO 10 OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI AUTOCONTROLLO ATTENZIONE E PARTECIPAZIONE ATTEGGIAMENTO E COMPORTAMENTO

Dettagli

S.M.S. A.Canova Grugnera (Pn)

S.M.S. A.Canova Grugnera (Pn) S.M.S. A.Canova Grugnera (Pn) Page 1 Prof. Docente Scuola Secondaria Docente Scuola Secondaria COMPENSARE gli STRUMENTI COMPENSATIVI permettono di raggiungere un buon grado di AUTONOMIA,, cioè la possibilità

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE*

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE* Liceo Chiabrera Martini Classico-Linguistico-Artistico 17100 Savona Via Caboto, 2 - Tel. 019/821277-8 Fax 019/821277 Cod. fis. 92090320091 Cod. Mecc. SVIS00800D E-mail: classico@liceochiabrera.it www.chiabreramartini.it

Dettagli

L asse storico sociale Diritto ed Economia politica: che cosa e come insegnare?

L asse storico sociale Diritto ed Economia politica: che cosa e come insegnare? L asse storico sociale Diritto ed Economia politica: che cosa e come insegnare? Rosamaria Maggio Il contesto europeo Da un esame dei documenti dell Unione Europea in materia di istruzione - sia per quanto

Dettagli

COMPETENZE CHIAVE DI CITTADINANZA: declinazione negli ASSI CULTURALI

COMPETENZE CHIAVE DI CITTADINANZA: declinazione negli ASSI CULTURALI COMPETENZE CHIAVE DI CITTADINANZA: declinazione negli ASSI CULTURALI Mantenendo il curricolo sulle sole competenze disciplinari si rischia di rimanere alle discipline senza perseguire realmente competenze,

Dettagli

Cercare informazioni in rete. Uno strumento metacognitivo per sviluppare le abilità di ricerca e di costruzione di conoscenza

Cercare informazioni in rete. Uno strumento metacognitivo per sviluppare le abilità di ricerca e di costruzione di conoscenza Cercare informazioni in rete Uno strumento metacognitivo per sviluppare le abilità di ricerca e di costruzione di conoscenza L information overload Internet con la sua enorme mole di informazione disponibili

Dettagli

DOCUMENTARE A DOCUMENTARE LA

DOCUMENTARE A DOCUMENTARE LA DOCUMENTARE A SCUOLA DOCUMENTARE LA SCUOLA 1 La documentazione come risposta a nuove sfide: Costruire strumenti d informazione adeguati a sostegno dei nuovi processi decisionali legati all autonomia Trovare

Dettagli

VALUTAZIONE DELL ALUNNO

VALUTAZIONE DELL ALUNNO LA VALUTAZIONE VALUTAZIONE DELL ALUNNO In seguito all introduzione del voto decimale nella scuola, ripristinato dal tanto discusso e contestato decreto Gelmini, si è sviluppato, nelle scuole, un ampio

Dettagli

Le TIC nella didattica

Le TIC nella didattica Le TIC nella didattica l importanza dei modelli d uso delle mappe. Enrico Angelo Emili Scienze della Formazione - Università di Bologna Numerosi autori concordano nel ritenere che i ragazzi sono più motivati

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. SOLARI LORETO http://www.istitutocomprensivosolari.it/ INDICATORI DI APPRENDIMENTO DELLA SCUOLA PRIMARIA

ISTITUTO COMPRENSIVO G. SOLARI LORETO http://www.istitutocomprensivosolari.it/ INDICATORI DI APPRENDIMENTO DELLA SCUOLA PRIMARIA ISTITUTO COMPRENSIVO G. SOLARI LORETO http://www.istitutocomprensivosolari.it/ INDICATORI DI APPRENDIMENTO DELLA SCUOLA PRIMARIA anno scolastico 2013 2014 1 CLASSE PRIMA ITALIANO - Ascoltare, comprendere

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI CENTALLO - VILLAFALLETTO CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO. Promuovere la pace per evitare la guerra

ISTITUTO COMPRENSIVO DI CENTALLO - VILLAFALLETTO CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO. Promuovere la pace per evitare la guerra ISTITUTO COMPRENSIVO DI CENTALLO - VILLAFALLETTO CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO PERCORSO VERTICALE Promuovere la pace per evitare la guerra SCUOLA DELL INFANZIA Terzo anno Competenza e abilità al termine

Dettagli

Modellazione di sistema

Modellazione di sistema Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica Corso di Ingegneria del Software A. A. 2008 - Modellazione di sistema E. TINELLI Contenuti Approcci di analisi Linguaggi di specifica Modelli di

Dettagli

CURRICOLO DI ITALIANO FINE CLASSE TERZA SCUOLA PRIMARIA

CURRICOLO DI ITALIANO FINE CLASSE TERZA SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI ITALIANO FINE CLASSE TERZA SCUOLA PRIMARIA Nucleo tematico Oralità Traguardi per lo sviluppo delle competenze -Partecipa a scambi comunicativi con compagni e docenti -Ascolta e comprende messaggi

Dettagli

Griglia di progettazione dell Unita Didattica di Competenza di STORIA

Griglia di progettazione dell Unita Didattica di Competenza di STORIA Griglia di progettazione dell Unita Didattica di Competenza di STORIA Titolo dell unità di competenza: Indagare il passato per comprendere il nostro presente. Denominazione della rete-polo Istituto scolastico

Dettagli

PIANO PON M@T.abel - Corsi brevi

PIANO PON M@T.abel - Corsi brevi b PIANO PON M@T.abel - Corsi brevi Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per la Programmazione Direzione generale per gli Affari Internazionali Ufficio IV Programmazione

Dettagli

DESCRITTORI DELLA SCHEDA DI VALUTAZIONE DELLA SCUOLA PRIMARIA

DESCRITTORI DELLA SCHEDA DI VALUTAZIONE DELLA SCUOLA PRIMARIA DESCRITTORI DELLA SCHEDA DI VALUTAZIONE DELLA SCUOLA PRIMARIA Scuola Primaria G. Sordini Istituto Comprensivo Spoleto 2 Indicatori per la scheda di valutazione della classe I ITALIANO: Narrare brevi esperienze

Dettagli

I WEBQUEST SCIENZE DELLA FORMAZIONE PRIMARIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PALERMO. Palermo 9 novembre 2011

I WEBQUEST SCIENZE DELLA FORMAZIONE PRIMARIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PALERMO. Palermo 9 novembre 2011 I WEBQUEST SCIENZE DELLA FORMAZIONE PRIMARIA Palermo 9 novembre 2011 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PALERMO Webquest Attività di indagine guidata sul Web, che richiede la partecipazione attiva degli studenti,

Dettagli

PROGETTAZIONE ANNUALE. A. S. 200_/0_ Classe sez.

PROGETTAZIONE ANNUALE. A. S. 200_/0_ Classe sez. PROGETTAZIONE ANNUALE CORSO: A. S. 200_/0_ Classe sez. Disciplina: ANALISI DELLA CLASSE: Situazione di partenza Descrivere tipologia, (caratteristiche cognitive, comportamentali, atteggiamento verso la

Dettagli

GEOGRAFIA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

GEOGRAFIA SECONDARIA DI PRIMO GRADO GEOGRAFIA PRIMARIA GEOGRAFIA L ALUNNO SI ORIENTA NELLO SPAZIO CIRCOSTANTE E SULLE CARTE GEOGRAFICHE, UTILIZZANDO RIFERIMENTI TOPOLOGICI E PUNTI CARDINALI. UTILIZZA IL LINGUAGGIO DELLA GEO-GRAFICITÀ PER

Dettagli

Tecniche strategie e metodologie del processo di insegnamento-apprendimento. a cura della Dott.ssa Donata Monetti

Tecniche strategie e metodologie del processo di insegnamento-apprendimento. a cura della Dott.ssa Donata Monetti Tecniche strategie e metodologie del processo di insegnamento-apprendimento a cura della Dott.ssa Donata Monetti Gli elementi di base della dinamica insegnamento - apprendimento LA PROGRAMMAZIONE DEGLI

Dettagli

Istituto San Tomaso d Aquino

Istituto San Tomaso d Aquino Istituto San Tomaso d Aquino alba pratalia aràba Linee di progetto per l utilizzo delle tecnologie nella didattica a.s. 2013 2014 a.s. 2014 2015 0 Linee di progetto per l utilizzo delle tecnologie nella

Dettagli

CURRICOLO ITALIANO CLASSE QUINTA

CURRICOLO ITALIANO CLASSE QUINTA CURRICOLO ITALIANO CLASSE QUINTA COMPETENZE NUCLEO FONDANTE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO Comunicare -Ascoltare con attenzione le collegamenti ASCOLTO E PARLATO comunicazioni degli adulti e e dei compagni

Dettagli

Educazione Pedagogia Didattica in un asilo nido Lo scenario psicologico. Dott.ssa Adriana Lafranconi 11 marzo 2013

Educazione Pedagogia Didattica in un asilo nido Lo scenario psicologico. Dott.ssa Adriana Lafranconi 11 marzo 2013 Educazione Pedagogia Didattica in un asilo nido Lo scenario psicologico Dott.ssa Adriana Lafranconi 11 marzo 2013 PIAGET VYGOTSKY NELSON Bambino diverso dall adulto Bambino diverso dall adulto Continuità

Dettagli

Allegato 2 COMPETENZE DI CITTADINANZA PROGRESSIONE DELLE COMPETENZE

Allegato 2 COMPETENZE DI CITTADINANZA PROGRESSIONE DELLE COMPETENZE Allegato 2 COMPETENZE DI CITTADINANZA CONTINUITA PROGRESSIONE DELLE COMPETENZE IMPARARE AD IMPARARE Acquisire un proprio metodo di studio e di lavoro. Scoperta e riconoscimento di regole generali per:

Dettagli

STORIA RACCORDO TRA LE COMPETENZE

STORIA RACCORDO TRA LE COMPETENZE RACCORDO TRA LE COMPETENZE STORIA SCUOLA PRIMARIA COMPETENZA DI ORIENTAMENTO NEL TEMPO UTILIZZA LE RELAZIONI TEMPORALI, DI CAUSA-EFFETTO, DI SPAZIO-TEMPO E COLLOCA NEL TEMPO ESPERIENZE VISSUTE E FATTI

Dettagli

PD1A: La scoperta dell acqua Le mappe

PD1A: La scoperta dell acqua Le mappe PD1A: La scoperta dell acqua Le mappe Una mappa è una rappresentazione grafica che serve per comunicare delle informazioni chiare e dati utili. Esistono diversi tipi di mappa tra cui le mappe mentali e

Dettagli

PEI. Annamaria PETITO

PEI. Annamaria PETITO PEI Annamaria PETITO 1 O.C. è un ragazzo di 19 anni, frequenta il 5 anno 5 del liceo socio-psico psico-pedagogico pedagogico di Foggia. E E affetto da una sindrome di Down con ritardo mentale medio-lieve.

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA GEOGRAFIA. Competenza: 1. Comunicazione efficace Indicatore: 1.1 Comprensione

SCUOLA PRIMARIA GEOGRAFIA. Competenza: 1. Comunicazione efficace Indicatore: 1.1 Comprensione SCUOLA PRIMARIA GEOGRAFIA Competenza: 1. Comunicazione efficace Indicatore: 1.1 Comprensione Descrittori Classe 1 Descrittori Classe 2 Descrittori Classe 3 Descrittori Classe 4 Descrittori Classe 5 1.1.1

Dettagli

PROGRAMMAZIONE COMPETENZE CHIAVE DI CITTADINANZA

PROGRAMMAZIONE COMPETENZE CHIAVE DI CITTADINANZA PROGRAMMAZIONE COMPETENZE CHIAVE DI CITTADINANZA COMPETENZA 1 IMPARARE AD IMPARARE Abilità/ Capacità Organizzare il proprio lavoro autonomamente - Rispettare le consegne - Mettere in atto strategie appropriate

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Statale D. Alighieri Scuola dell'infanzia/primaria/secondaria di primo grado Via per Duno, 10-21030 CUVEGLIO (VA) tel. 0332.650200/650152

Dettagli

Unità d apprendimento /Competenza

Unità d apprendimento /Competenza Titolo dell Unità di Apprendimento/Competenza: Moltiplichiamo Unità d apprendimento /Competenza Denominazione Classe Competenza/e da sviluppare Prova di accertamento finale Prerequisiti in termini di competenze,

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ISTITUTO ANNO SCOLASTICO INDIRIZZO CLASSE PRIMA SEZIONE DISCIPLINA DOCENTE QUADRO ORARIO (N. ore settimanali nella classe) 1. FINALITA DELLA DISCIPLINA L asse

Dettagli

CMAP E MAPPE CONCETTUALI

CMAP E MAPPE CONCETTUALI Ufficio scolastico regionale per la Lombardia Centro Servizi Amministrativi di Bergamo Corsi sulle Tecnologie Multimediali e Telematiche a Supporto della Didattica e dei Servizi Scolastici A. S. 2005/2006

Dettagli

Le mappe concettuali: strumenti di insegnamento/apprendimento 1

Le mappe concettuali: strumenti di insegnamento/apprendimento 1 Pubblicato il: 2009-06-18 Tutti i diritti riservati. Tutti gli articoli possono essere riprodotti con l'unica condizione di mettere in evidenza che il testo riprodotto è tratto da www.qtimes.it Registrazione

Dettagli

I PRINCIPI MULTIMEDIALI

I PRINCIPI MULTIMEDIALI I PRINCIPI MULTIMEDIALI (dal sito www.nicky.it/materiali%20tic/mayer.doc) Il principio multimediale afferma che gli studenti apprendono meglio dalle parole e dalle immagini piuttosto che solo dalle parole,

Dettagli

Scheda Integrata Metodologico - Strategica Trasmissiva

Scheda Integrata Metodologico - Strategica Trasmissiva Scheda Integrata Metodologico - Strategica Trasmissiva Certificazione Modulo II - Essential Scheda Anagrafica Skill Card Cognome Nome N 0 Materia d'insegnamento Ordine scuola Istituto email Test Center

Dettagli

Dal curricolo alle competenze Laboratorio verticale in rete realizzato dalla rete di scuole della Valle del Savuto

Dal curricolo alle competenze Laboratorio verticale in rete realizzato dalla rete di scuole della Valle del Savuto Dal curricolo alle competenze Laboratorio verticale in rete realizzato dalla rete di scuole della Valle del Savuto SCUOLA CAPOFILA: Istituto Omnicomprensivo Bianchi- Scigliano SCUOLE IN RETE: Istituto

Dettagli

Corso annuale di Perfezionamento e di Aggiornamento Professionale (1500 ore 60 CFU) (Legge 19/11/1990 n. 341- art. 6, co. 2, lett.

Corso annuale di Perfezionamento e di Aggiornamento Professionale (1500 ore 60 CFU) (Legge 19/11/1990 n. 341- art. 6, co. 2, lett. Libera Università degli Studi San Pio V di Roma Anno Accademico 2009/2010 Corso annuale di Perfezionamento e di Aggiornamento Professionale (1500 ore 60 CFU) (Legge 19/11/1990 n. 341- art. 6, co. 2, lett.

Dettagli

FARE GRAMMATICA CON IL MODELLO VALENZIALE

FARE GRAMMATICA CON IL MODELLO VALENZIALE INTERVENTO CONVEGNO CIDI 10 MAGGIO 2015 PATRIZIA GUIGGI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO FARE GRAMMATICA CON IL MODELLO VALENZIALE UNO STRUMENTO DI LAVORO PER INSEGNARE E APPRENDERE LA LINGUA IPOTESI Riflessione

Dettagli

Programmare percorsi CLIL a cura di Graziano Serragiotto serragiotto@unive.it CLIL Content and Language Integrated Learning Uso veicolare della lingua straniera Motivazioni glottodidattiche incremento

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI STORIA Anno scolastico 2010-2011

PROGRAMMAZIONE DI STORIA Anno scolastico 2010-2011 PROGRAMMAZIONE DI STORIA Anno scolastico 2010-2011 FINALITA' E OBIETTIVI GENERALI 1) Favorire la formazione di una cultura storica tesa a recuperare la memoria del passato più lontano, in cui il nostro

Dettagli

Progettare Ipermedia. Presentazione

Progettare Ipermedia. Presentazione Progettare Ipermedia Presentazione L aspetto progettuale riveste notevole importanza in un percorso didattico impostato sulla produzione di ipermedia così come è importante pianificarne lo sviluppo su

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE G.V.GRAVINA. Anno scolastico 2010/2011. Programmazione didattica

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE G.V.GRAVINA. Anno scolastico 2010/2011. Programmazione didattica ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE G.V.GRAVINA LICEO DELLE SCIENZE UMANE OPZIONE ECONOMICO-SOCIALE Anno scolastico 2010/2011 Programmazione didattica Materia d insegnamento: Psicologia

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE LICEO GINNASIO JACOPO STELLINI Piazza I Maggio, 26-33100 Udine Tel. 0432 504577 Fax. 0432 511490 Codice fiscale 80023240304 e-mail: info@liceostellini.it - Indirizzo Internet: www.stelliniudine.it - PEC:

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA STORIA (Classi 1ª-2ª)

SCUOLA PRIMARIA STORIA (Classi 1ª-2ª) SCUOLA PRIMARIA STORIA (Classi 1ª-2ª) COMPETENZE ABILITÀ CONOSCENZE Usare strumenti opportuni per orientarsi nel tempo e per collocare i fatti Raccontare esperienze personali. Conoscere, ricostruire e

Dettagli

La scrittura multimediale

La scrittura multimediale La scrittura multimediale Anna Erika Ena Università degli Studi di Foggia Perché l utilizzo della scrittura multimediale -è un occasione per insegnare nuovi modi comunicativi; -è un attività di pensiero;

Dettagli

Progettazione consapevole: riconoscere ed analizzare i propri e gli altrui bisogni

Progettazione consapevole: riconoscere ed analizzare i propri e gli altrui bisogni Curricolo di lingua inglese aa. ss. 2016 2019 L apprendimento della lingua straniera, coerentemente a quanto suggerito dalle Indicazioni Nazionali 2012 (D.M 254/2012), contribuisce a promuovere la formazione

Dettagli

Dai Bisogni Educativi Speciali alle Esigenze Educative Speciali. Strumenti informatici a supporto di una didattica inclusiva

Dai Bisogni Educativi Speciali alle Esigenze Educative Speciali. Strumenti informatici a supporto di una didattica inclusiva Dai Bisogni Educativi Speciali alle Esigenze Educative Speciali Strumenti informatici a supporto di una didattica inclusiva 1 Indice dei materiali Quadro normativo di riferimento Didattica tradizionale

Dettagli

Il moderno messaggio mediatico: l Ipertesto e l Ipermedia. Stefano Cagol

Il moderno messaggio mediatico: l Ipertesto e l Ipermedia. Stefano Cagol Il moderno messaggio mediatico: l Ipertesto e l Ipermedia Sommario Esercizio Creazione di un ipertesto o ipermedia Competenze Quali le capacità e le competenze? Elementi Caratteristiche peculiari dell

Dettagli

STORIA. CURRICOLO VERTICALE PRIMO CICLO indicazioni ministeriali e curricolo di Istituto

STORIA. CURRICOLO VERTICALE PRIMO CICLO indicazioni ministeriali e curricolo di Istituto CURRICOLO VERTICALE PRIMO CICLO e curricolo di Istituto TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA. L alunno/a conosce elementi significativi del passato del suo ambiente

Dettagli

Istituto Superiore d Istruzione Statale Margherita di Savoia

Istituto Superiore d Istruzione Statale Margherita di Savoia Anno scolastico 2013/2014 Istituto Superiore d Istruzione Statale Margherita di Savoia Napoli Dipartimento di Disegno e Storia dell Arte Obiettivi Gli alunni saranno guidati a rafforzare la conoscenza

Dettagli

Per la legge sulla privacy si fa riferimento al Documento Programmatico della sicurezza (protezione dei dati personali D.L.V.O. 196 del 30/06/2003)

Per la legge sulla privacy si fa riferimento al Documento Programmatico della sicurezza (protezione dei dati personali D.L.V.O. 196 del 30/06/2003) Per la legge sulla privacy si fa riferimento al Documento Programmatico della sicurezza (protezione dei dati personali D.L.V.O. 196 del 30/06/2003) PIANO EDUCATIVO INDIVIDUALIZZATO Scuola Dirigente Scolastico

Dettagli

DALLA TESTA AI PIEDI

DALLA TESTA AI PIEDI PROGETTO EDUCATIVO DIDATTICO ANNUALE SCUOLA DELL INFANZIA A. MAGNANI BALIGNANO DALLA TESTA AI PIEDI ALLA SCOPERTA DEL NOSTRO CORPO Anno scolastico 2013-14 MOTIVAZIONI Il corpo è il principale strumento

Dettagli

FONDAMENTI E DIDATTICA DELLE SCIENZE NELLA SCUOLA DELL INFANZIA

FONDAMENTI E DIDATTICA DELLE SCIENZE NELLA SCUOLA DELL INFANZIA FONDAMENTI E DIDATTICA DELLE SCIENZE NELLA SCUOLA DELL INFANZIA giuseppina.rinaudo@unito..rinaudo@unito.itit SFP 2006 - "Introduzione al corso" V. Montel, M. Perosino, G. Rinaudo 1 Impostazione del corso

Dettagli

PIANI DI STUDIO D'ISTITUTO ISTITUTO COMPRENSIVO BASSA ANAUNIA SCUOLA MEDIA DI DENNO A.S. 2012-2013 ITALIANO_CLASSE SECONDA

PIANI DI STUDIO D'ISTITUTO ISTITUTO COMPRENSIVO BASSA ANAUNIA SCUOLA MEDIA DI DENNO A.S. 2012-2013 ITALIANO_CLASSE SECONDA PIANI DI STUDIO D'ISTITUTO ISTITUTO COMPRENSIVO BASSA ANAUNIA SCUOLA MEDIA DI DENNO A.S. 2012-2013 ITALIANO_CLASSE SECONDA PSI_ITALIANO QUARTO BIENNIO_CLASSE SECONDA COMPETENZA ABILITA CONOSCENZE Competenza

Dettagli

Pubblichiamo il documento contenente gli indicatori approvati dal Collegio dei Docenti del nostro Istituto Comprensivo che sarà allegato alla scheda

Pubblichiamo il documento contenente gli indicatori approvati dal Collegio dei Docenti del nostro Istituto Comprensivo che sarà allegato alla scheda Pubblichiamo il documento contenente gli indicatori approvati dal Collegio dei Docenti del nostro Istituto Comprensivo che sarà allegato alla scheda di valutazione delle classi di Scuola Primaria C. Goldoni

Dettagli

PROGRAMMAZIONE di ISTITUTO ANNO SCOLASTICO 2013-2014. Storia. Classe prima

PROGRAMMAZIONE di ISTITUTO ANNO SCOLASTICO 2013-2014. Storia. Classe prima Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE DEL VENETO Istituto Comprensivo di Bosco Chiesanuova Piazzetta Degli Alpini 5 37021 Bosco Chiesanuova Tel 045 6780

Dettagli

CURRICOLO DI STORIA SCUOLA PRIMARIA CLASSE PRIMA COMPETENZE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CONOSCENZE / ATTIVITA

CURRICOLO DI STORIA SCUOLA PRIMARIA CLASSE PRIMA COMPETENZE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CONOSCENZE / ATTIVITA CURRICOLO DI STORIA SCUOLA PRIMARIA CLASSE PRIMA 1. Individuare le tracce e usarle come fonti per produrre conoscenze sul proprio passato, della generazione degli adulti e della comunità di appartenenza.

Dettagli

STRUTTURA UDA U.D.A. 4. Classe III A PRESENTAZIONE

STRUTTURA UDA U.D.A. 4. Classe III A PRESENTAZIONE STRUTTURA UDA UNITÀ DIDATTICA di APPRENDIMENTO di TECNOLOGIE ELETTRICO-ELETTRONICHE E APPLICAZIONI U.D.A. 4 Classe III A.S. 2015/2016 TITOLO: Componenti fondamentali di un impianto Strumenti di misura

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA GEOGRAFIA. Competenza: 1. Comunicazione efficace Indicatore: 1.1 Comprensione

SCUOLA PRIMARIA GEOGRAFIA. Competenza: 1. Comunicazione efficace Indicatore: 1.1 Comprensione SCUOLA PRIMARIA GEOGRAFIA Competenza: 1. Comunicazione efficace Indicatore: 1.1 Comprensione Descrittori Classe 1 Descrittori Classe 2 Descrittori Classe 3 Descrittori Classe 4 Descrittori Classe 5 il

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE a. s. 2012-2013

PIANO DI LAVORO ANNUALE a. s. 2012-2013 Istituto comprensivo Como-Prestino-Breccia Scuola secondaria di primo grado A.Moro Prestino Consiglio della classe 3 a B PIANO DI LAVORO ANNUALE a. s. 2012-2013 Presentazione della classe La classe 3 a

Dettagli

PROGETTO ARGG! A.S. 2012/2013 PAOLA GIULIANI

PROGETTO ARGG! A.S. 2012/2013 PAOLA GIULIANI PROGETTO ARGG! ISC GABICCE MARE E GRADARA A.S. 2012/2013 PAOLA GIULIANI I SOGGETTI COINVOLTI Istituto Scolastico Comprensivo di Gabicce Mare e Gradara Comune di Gradara Comune di Gabicce Mare Università

Dettagli

COORDINAMENTO PER MATERIE 14/15 SETTEMBRE 2010. AREA DISCIPLINARE: Matematica MATERIA Calcolo delle Probabilità-Statistica-Ricerca Operativa

COORDINAMENTO PER MATERIE 14/15 SETTEMBRE 2010. AREA DISCIPLINARE: Matematica MATERIA Calcolo delle Probabilità-Statistica-Ricerca Operativa COORDINAMENTO PER MATERIE 14/15 SETTEMBRE 2010 AREA DISCIPLINARE: Matematica MATERIA Calcolo delle Probabilità-Statistica-Ricerca Operativa COORDINATORE Ranzani Sono presenti i proff. P Ranzani (coordinatore),

Dettagli

Traguardi di sviluppo delle competenze al termine della scuola secondaria di primo grado.( come da Indicazioni Nazionali per il curricolo)

Traguardi di sviluppo delle competenze al termine della scuola secondaria di primo grado.( come da Indicazioni Nazionali per il curricolo) ISTITUTO COMPRENSIVO SALVADOR ALLENDE Paderno Dugnano Linee progettuali disciplinari CLASSI TERZE - a.s.2014-2015 AREA DISCIPLINARE : Linguistico-artistica-espressiva MATERIA: ITALIANO FINALITA DELLA DISCIPLINA

Dettagli

CURRICOLO DISCIPLINARE di STORIA CLASSE PRIMA

CURRICOLO DISCIPLINARE di STORIA CLASSE PRIMA CURRICOLO DISCIPLINARE di STORIA CLASSE PRIMA AREA COMPETENZE DISCIPLINARI ABILITÀ CONOSCENZE 1 METODO L alunno: L alunno: Imparare ad imparare Progettare A. applicando le indicazioni, cerca informazioni

Dettagli

L alternanza scuola lavoro Dott.ssa Eleonora Grossi

L alternanza scuola lavoro Dott.ssa Eleonora Grossi L alternanza scuola lavoro Dott.ssa Eleonora Grossi Neuroscienze e Riabilitazione neuropsicologica Psicologia dello sviluppo e dell educazione Potenziamento cognitivo Metodo Feuerstein L alternanza scuola

Dettagli

educazione agli usi creativi della lingua riflessione su di essa controllo progressivo dei linguaggi in ambito disciplinare

educazione agli usi creativi della lingua riflessione su di essa controllo progressivo dei linguaggi in ambito disciplinare INTRODUZIONE Lo sviluppo di competenze linguistiche ampie e sicure è condizione indispensabile per la crescita della persona e per l'esercizio pieno della cittadinanza, per l'accesso critico a tutti gli

Dettagli

I. OBIETTIVI E FINALITA DELL INSEGNAMENTO-APPRENDIMENTO DELLA STORIA 1

I. OBIETTIVI E FINALITA DELL INSEGNAMENTO-APPRENDIMENTO DELLA STORIA 1 I. OBIETTIVI E FINALITA DELL INSEGNAMENTO-APPRENDIMENTO DELLA STORIA 1 L idea di Storia insegnata ha sicuramente subito profonde trasformazioni nel presente, sia per le mutazioni dello statuto epistemologico

Dettagli

PRESUPPOSTI. Epistemologia costruttivista

PRESUPPOSTI. Epistemologia costruttivista PRESUPPOSTI Epistemologia costruttivista Uomo come attivo costruttore di significati ( meening-seeker ; uomo-scienziato : la realtà non è pre-data alla conoscenza, ma viene costruita dal soggetto conoscente,

Dettagli

PROCESSI AUTO-ETERO VALUTATIVI E APPRENDIMENTO

PROCESSI AUTO-ETERO VALUTATIVI E APPRENDIMENTO PROCESSI AUTO-ETERO VALUTATIVI E APPRENDIMENTO Intendiamo parlare della valutazione come di un processo interazionale tra un soggetto valutante ed un soggetto valutato. Trattandosi di un processo dinamico

Dettagli

Caratteristiche del contesto. Rubrica valutativa della competenza

Caratteristiche del contesto. Rubrica valutativa della competenza Caratteristiche del contesto Rubrica valutativa della competenza Traguardi di apprendimento (riferiti ai saperi disciplinari, in termini di conoscenza, abilità e atteggiamenti) Senso del percorso formativo

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DA VINCI -UNGARETTI FERMO UN'ETICHETTA PER AMICA!

ISTITUTO COMPRENSIVO DA VINCI -UNGARETTI FERMO UN'ETICHETTA PER AMICA! ISTITUTO COMPRENSIVO DA VINCI -UNGARETTI FERMO UN'ETICHETTA PER AMICA! Leggiamo quello che mangiamo PROGETTO VERTICALE D ISTITUTO a.s. 2014/15 FERMO chiama Classe II D L'occasione dell'expo 2015 dedicato

Dettagli

PIANO PROGRAMMATICO DI SVILUPPO DELLE UDA DI STORIA (CLASSI SECONDE) secondo le Indicazioni del 2012.

PIANO PROGRAMMATICO DI SVILUPPO DELLE UDA DI STORIA (CLASSI SECONDE) secondo le Indicazioni del 2012. PIANO PROGRAMMATICO DI SVILUPPO DELLE UDA DI STORIA (CLASSI SECONDE) secondo le Indicazioni del 2012. NUMERO UDA TITOLO PERIODO ORIENTATIVO DI SVILUPPO Il tempo passa, i cambiamenti diventano Ottobre/Novembre

Dettagli

LICEO CLASSICO STATALE VIRGILIO PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DEL DIPARTIMENTO DI STORIA DELL ARTE E DISEGNO E STORIA DELL'ARTE a.s.

LICEO CLASSICO STATALE VIRGILIO PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DEL DIPARTIMENTO DI STORIA DELL ARTE E DISEGNO E STORIA DELL'ARTE a.s. LICEO CLASSICO STATALE VIRGILIO PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DEL DIPARTIMENTO DI STORIA DELL ARTE E DISEGNO E STORIA DELL'ARTE a.s.2014/2015 OBIETTIVI DIDATTICI SAPER STUDIARE: saper riassumere, sintetizzare,

Dettagli

PROGRAMMAZIONE SECONDO BIENNIO LINGUA e C IVILTA INGLESE

PROGRAMMAZIONE SECONDO BIENNIO LINGUA e C IVILTA INGLESE PROGRAMMAZIONE SECONDO BIENNIO LINGUA e C IVILTA INGLESE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO LINGUA Lo studente dovrà acquisire competenze linguistico-comunicative corrispondenti al Livello B2 del Quadro Comune

Dettagli

PROGETTO DIDATTICO: LA STRADA L'EDUCAZIONE D'UN POPOLO SI GIUDICA INNANZI TUTTO DAL CONTEGNO CH'EGLI TIEN PER LA STRADA. E.

PROGETTO DIDATTICO: LA STRADA L'EDUCAZIONE D'UN POPOLO SI GIUDICA INNANZI TUTTO DAL CONTEGNO CH'EGLI TIEN PER LA STRADA. E. SCUOLA DELL INFANZIA STATALE J.DA GORZANO SEZIONE CINQUE ANNI PROGETTO DIDATTICO: LA STRADA L'EDUCAZIONE D'UN POPOLO SI GIUDICA INNANZI TUTTO DAL CONTEGNO CH'EGLI TIEN PER LA STRADA. E. DE AMICIS PREMESSA

Dettagli

CAMPI D ESPERIENZA SETTEMBRE OTTOBRE- NOVEMBRE DICEMBRE-GENNAIO FEBBRAIO-MARZO APRILE-MAGGIO GIUGNO. Ascoltare i vissuti dei compagni.

CAMPI D ESPERIENZA SETTEMBRE OTTOBRE- NOVEMBRE DICEMBRE-GENNAIO FEBBRAIO-MARZO APRILE-MAGGIO GIUGNO. Ascoltare i vissuti dei compagni. SCUOLA DELL INFANZIA CHE AVVENTURA - Progetto educativo/didattico anno scolastico 2014 / 2015 Obiettivi di apprendimento ipotizzati per bambini di 3 anni CAMPI D ESPERIENZA SETTEMBRE OTTOBRE- NOVEMBRE

Dettagli