LA SICUREZZA NELLA GESTIONE DEI FARMACI ANTIBLASTICI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LA SICUREZZA NELLA GESTIONE DEI FARMACI ANTIBLASTICI"

Transcript

1 LA SICUREZZA NELLA GESTIONE DEI FARMACI ANTIBLASTICI 2 A EDIZIONE AGGIORNATA 2010 Roberta Suzzi - Patrizia Farruggia

2 2 a edizione aggiornata 2010 Copyright 2003 Eleda Edizioni s.r.l. - Milano Via Val di Sole, Milano Tel. / Fax ISBN: Nessuna parte di questo libro può essere riprodotta in alcuna forma e con qualsiasi mezzo senza il permesso scritto dell editore. In copertina: collezione privata Stampato nel mese di novembre 2010 presso Arti Grafiche Passoni s.r.l. - Milano

3 1 Breve curriculum degli autori, tutti dipendenti della Azienda USL di Bologna. Suzzi Roberta (curatore e autore) Dottore Magistrale in Scienze Infermieristiche e Ostetriche, Responsabile Area Omogenea Assistenziale Igiene, Prevenzione e Nutrizione. Diploma di Docente e Dirigente in Scienze Infermieristiche/Università degli Studi di Bologna e Laurea Specialistica in Scienze Infermieristiche e Ostetriche/Università degli Studi di Firenze. Ha svolto attività didattica in corsi di formazione di base e continua, rivolta a tutto il personale sanitario (medici, infermieri, OSS) e relazioni a Convegni/Congressi/Seminari per un totale di 90 iniziative negli ultimi 5 anni. Docente presso Università degli Studi di Genova, Master 1 Livello in Epidemiologia e Prevenzione del Rischio infettivo correlato alle pratiche assistenziali (ICPA) dal 2006 a tutt oggi. Ha prodotto 33 pubblicazioni su riviste scientifiche a divulgazione nazionale come autore/coautore. Componente del Comitato Infezioni AUSL di Bologna e della rete CIO Regione Emilia Romagna. Componente del Comitato di Redazione della rivista scientifica Orientamenti ANIPIO, Organo ufficiale dell Associazione Nazionale Infermieri Prevenzione Infezioni. Farruggia Patrizia (curatore e autore) Coordinatore dell Area Dipartimentale di Igiene Accoglienza e qualità dei servizi residenziali. Laurea in Medicina e Chirurgia. Specializzazione in Medicina Interna e in Igiene, Tecnica Ospedaliera, Sanità Pubblica. Ha partecipato intensamente all attività di ricerca in ambito gastroenterologico. Ha maturato particolare esperienza in ambito gestionale e organizzativo, realizzando significative innovazioni inerenti l organizzazione ospedaliera, nel ruolo medico di Direzione Sanitaria, poi di Direttore di Presidio Ospedaliero. Attualmente è Coordinatore dell Area Dipartimentale di Igiene Accoglienza e qualità dei servizi residenziali del-

4 II Presentazione l Azienda USL di Bologna, con funzioni di prevenzione e controllo delle infezioni correlate all assistenza, in ospedale e sul territorio. È Presidente del Comitato Infezioni Ospedaliere, prima del Presidio Ospedaliero Bellaria-Maggiore, ora dell Azienda USL di Bologna, nell ambito del quale ha progettato e condotto numerosi corsi di formazione sulla prevenzione delle infezioni ospedaliere e progetti di sorveglianza attiva su specifici temi. Autore di 80 pubblicazioni edite a stampa. Barbieri Giuseppe - Dirigente medico II livello. Dal 2006 è il Coordinatore dei Medici Competenti e Autorizzati dell Azienda USL di Bologna, in precedenza è stato Coordinatore della Sezione Prevenzione e Sicurezza negli Ambienti di Lavoro del Dipartimento di Prevenzione dell Azienda USL BO Nord e Direttore del Dipartimento di Sanità Pubblica dell Azienda USL BO Nord. Coordinatore del Gruppo di lavoro della Regione Emilia Romagna sui temi della Sorveglianza Sanitaria, organizzatore di numerosi eventi formativi tra i quali l 11th International Conference on Hand-Arm Vibration tenutosi a Bologna 3-7 Giugno Fiamminghi Meris - Inizia la propria attività come infermiera del comparto operatorio nell anno Svolgerà attività infermieristica presso l Azienda Ospedaliera S. Orsola e, presso la Scuola della Croce Rossa Italiana, consegue abilitazione alle funzioni direttive e specializzazione in assistenza pediatrica. Dal 1985 al 1991 è Coordinatore della Oncoematologia Pediatrica del Policlinico S. Orsola dove sperimenta, prima in Italia, il modello organizzativo per piccole equipe valorizzando in tal modo anche l apertura del Centro di Trapianto di Midollo Osseo Pediatrico. Fonderà in collaborazione con gli altri Centri Italiani di Oncoematologia, l Associazione degli Infermieri di Oncoematologia Pediatrica della quale sarà eletta primo Presidente.

5 La sicurezza nella gestione dei farmaci antiblastici III Lascia l attività Oncologica e si dedica sia allo studio che al percorso manageriale occupando via via posizioni di Staff di Direzione Generale o posizioni di Direttore di Servizi Infermieristici e tecnici sia ospedalieri che territoriali. Svolgerà attività didattica che tuttora continua. A seguito della unificazione delle preesistenti AUSL della provincia di Bologna - a partire da ottobre 2005 è Responsabile del Servizio Assistenziale, Tecnico e della Riabilitazione, del Dipartimento Oncologico con incarico triennale rinnovato fino all anno Gambetti Silvia - Laureata in Farmacia all Università degli studi di Bologna e specializzata in Farmacia Ospedaliera all Università degli studi di Milano, ha conseguito il Master in Farmacia clinica presso l Azienda Ospedaliera Careggi di Firenze. E stata farmacista referente del Dipartimento e della Commissione oncologica dell Azienda USL di Bologna, nonché membro della Commissione interaziendale della Provincia di Bologna per l uso appropriato dei farmaci oncologici. Membro del Panel Farmaci innovativi oncologici della Agenzia Sanitaria Regionale - PRI-ER. Mirto Gaetano - Ingegnere, Servizio Progettazione Manutenzione e Gestione Immobili. Moschello Jennifer Ingegnere Elettronico, indirizzo Biomedica. Servizio di Ingegneria Clinica. Rainaldi Francesco Ingegnere Civile Edile, Direttore del Dipartimento Tecnico Patrimoniale. Ha lavorato, in qualità di Ispettore, presso il Ministero dell Interno Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco. Sanvito Elisabetta - Ingegnere Elettronico, indirizzo Bioingegneria. Direttore del Servizio Acquisizione e Gestione Tecnologie Sanitarie.

6 Susini Cinzia Infermiere Coordinatore, Dipartimento Scienze Oncologiche. Ha svolto attività didattica in corsi di formazione relativamente all assistenza infermieristica in oncologia. Autore di 4 pubblicazioni edite a stampa. Tovoli Daniele - Direttore del Servizio Prevenzione e Protezione. Laureato in Scienze biologiche, specializzazione in Tecnologie Biomediche. Hanno collaborato alla stesura delle procedure: Dall Olio Eleonora - Infermiera, Dipartimento Scienze Oncologiche. Tasselli Laura - Infermiera, Dipartimento Scienze Oncologiche. Tozzoli Angela - Infermiera, Dipartimento Scienze Oncologiche. Bolini Gabriella Coordinatore Unità Assistenziale Igiene Ospedaliera. Fortunato Rosa Silvia Infermiera, Unità Assistenziale Igiene Ospedaliera. Panìco Manuela Medico Igienista. Billi Manuela Responsabile Assistenziale Controllo Qualità dei Servizi Appaltati.

7 1 PRESENTAZIONE CAPITOLO 1 CAPITOLO 2 CAPITOLO 3 ASPETTI GENERALI INDICE pag. IX Farmaci antiblastici: aspetti farmacologici e gestionali 3 Rischi nella manipolazione dei farmaci antiblastici 39 Sorveglianza Sanitaria 51 CENTRALE ANTIBLASTICI Struttura e impianti 59 Attrezzature 63 Misure di prevenzione e controllo dell esposizione 79 Organizzazione delle attività 93 PROCEDURE PER LA GESTIONE DEI FARMACI ANTIBLASTICI 1 Allestimento terapie con farmaci antiblastici Contaminazione ambientale Contaminazione cute e mucose Confezioni danneggiate Utilizzo e pulizia cappa Pulizia locali Smaltimento materiale utilizzato in centrale Trasporto preparazioni contenenti farmaci antiblastici Somministrazione farmaci antiblastici per via endovenosa Gestione stravaso Somministrazione farmaci antiblastici per via orale Somministrazione farmaci antiblastici per uso topico Eliminazione escreti Allestimento terapia antiblastica su piano libero Manutenzione attrezzature 175 Bibliografia procedure 179 APPENDICE 183

8

9 La sicurezza nella gestione dei farmaci antiblastici IX PRESENTAZIONE I molteplici aspetti da considerare, quando si affronta una tematica così complessa come quella della gestione Farmaci antiblastici, richiedono necessariamente l apporto di professionisti di diverse discipline. È per questo motivo che già a partire dalla metà degli anni 90, è stato istituito, nell allora Presidio Ospedaliero Bellaria-Maggiore dell AUSL Città di Bologna, un gruppo permanente multidisciplinare che ha iniziato ad elaborare un progetto finalizzato al raggiungimento della sicurezza degli operatori coinvolti nei processi di allestimento e somministrazione dei farmaci antiblastici e delle persone sottoposte a terapie con detti farmaci. In seguito, pur nella mutata organizzazione, si è mantenuta in capo al gruppo multidisciplinare il monitoraggio dell andamento del progetto, nella convinzione del valore aggiunto dell apporto multidisciplinare anche in tale fase. Il Gruppo, allora coordinato dal Direttore del Presidio Ospedaliero, medico Igienista, era composto da: - Medici e Infermieri della Direzione Sanitaria e del Dipartimento Scienze Oncologiche - Farmacista - Medico Competente - Responsabile del Servizio Prevenzione e Protezione - Dirigente del Servizio Infermieristico - Ingegneri del Servizio Tecnico e delle Tecnologie Sanitarie. Il Gruppo ha elaborato un progetto per la Centralizzazione del processo di allestimento e gestione complessiva dei farmaci antiblastici. Inizialmente è stato necessario effettuare scelte importanti (ancora non erano state emanate le Linee Guida Nazionali), in particolare per definire la collocazione spaziale (struttura) e le figure professionali da coinvolgere nel processo di preparazione (organizzazione).

10 X Presentazione STRUTTURA Una analisi dei reports sui consumi di farmaci antiblastici, suddivisi per Unità Operativa (UO), ha evidenziato che la maggior parte delle terapie (>90%) nel Presidio Ospedaliero, e, poi, nell Azienda, è praticata nella UO di Oncologia. Pertanto, tenuto conto degli aspetti logistici (la Farmacia è distante perché ubicata in altro stabilimento del Presidio) si è deciso di ristrutturare alcuni locali all interno di quella specifica UO del Dipartimento Scienze Oncologiche da dedicare alla preparazione dei farmaci antiblastici. ORGANIZZAZIONE Una analisi dettagliata delle risorse disponibili, del volume di attività e del numero di operatori necessari per garantire l apertura della Centrale per almeno quattro ore al giorno, nonché la precisa convinzione che l Infermiere è un professionista in possesso della preparazione e della competenza necessarie, ha portato alla decisione di attribuire la funzione di allestimento dei farmaci al personale Infermieristico del Dipartimento Scienze Oncologiche. Pertanto le competenze individuate sono di seguito riportate: - Prescrizione - Il Medico Oncologo prescrive il protocollo terapeutico. - Verifica - Il Farmacista valuta gli aspetti chimico-fisici relativi al prodotto finale: stabilità, sterilità, interazioni con altri farmaci o con prodotti chimici costituenti i dispositivi medici utilizzati. Elabora e aggiorna, con la collaborazione degli infermieri, le procedure per la manipolazione dei farmaci antiblastici. - Allestimento e somministrazione - L Infermiere allestisce i farmaci antiblastici attenendosi scrupolosamente alla prescrizione medica, ai protocolli terapeutici e alle Norme di buona preparazione della Farmacopea Ufficiale e li somministra adottando procedure sicure per se stesso e per il paziente. Attualmente tutti i Farmaci antiblastici somministrati nelle Unità Operative del Presidio Ospedaliero e dell inte-

11 La sicurezza nella gestione dei farmaci antiblastici XI ra Azienda sono preparati nella Centrale Antiblastici. Tutti gli operatori coinvolti nel processo di allestimento e di somministrazione hanno partecipato a corsi di formazione, ideati e condotti dai componenti il gruppo multidisciplinare, che prevedevano, oltre all apprendimento dei concetti teorici, l addestramento sul campo, attenendosi alle procedure scritte. Con questa pubblicazione si vuole fornire uno strumento utile e di facile consultazione al personale infermieristico coinvolto nella gestione dei farmaci antiblastici. Il testo è costituito da tre capitoli: - il primo capitolo fornisce, seppur sinteticamente, alcuni concetti generali sui farmaci antiblastici, sui potenziali rischi a cui sono esposti gli operatori sanitari e sulla sorveglianza sanitaria da attuare per il controllo dell esposizione; - il secondo capitolo descrive gli aspetti strutturali, impiantistici e organizzativi attuati per rendere operativa la Centrale Antiblastici; - il terzo capitolo riporta le procedure elaborate dal Gruppo di lavoro, presentate utilizzando il format aziendale in ottemperanza alle indicazioni del Sistema Qualità ISO Tali procedure sono state elaborate basandosi sia sulla vasta letteratura disponibile, sia sull esperienza ormai consolidata dei professionisti del Presidio Ospedaliero. L attuazione di questo progetto, mediante una definita proceduralizzazione, ha importanti connotazioni di garanzia di sicurezza delle cure sia in termini di rischio infettivo che di rischio clinico. La nostra esperienza, inoltre, è risultata positiva anche in termini di modalità di approccio e di gestione continuativa del problema, utilizzando un vero approccio multidisciplinare e pluriprofessionale, con pieno coinvolgimento, quindi, di tutti i Servizi citati nel testo. Spunto di originalità, che nella nostra esperienza ha dato risultati di grande garanzia di appropriatezza e sicurezza,

12 XII Presentazione è stata la scelta di attribuzione del processo di gestione al personale infermieristico della Unità Operativa di Oncologia che, formato e fortemente motivato, ha raggiunto alti livelli di competenza nello specifico settore. Patrizia Farruggia Coordinatore dell Area Dipartimentale di Igiene Accoglienza e qualità dei servizi residenziali dell Azienda USL di Bologna

13 La sicurezza nella gestione dei farmaci antiblastici 000 CAPITOLO 1 ASPETTI GENERALI

14

15 La sicurezza nella gestione dei farmaci antiblastici 3 FARMACI ANTIBLASTICI: ASPETTI FARMACOLOGICI E GESTIONALI Silvia Gambetti CLASSIFICAZIONE I chemioterapici antiblastici sono agenti in grado di ostacolare la crescita delle cellule tumorali interferendo con uno o più meccanismi che regolano la vita della cellula stessa (figura 1) agendo sulla sintesi dei precursori del DNA o interagendo chimicamente col DNA stesso, così da alterare il processo di divisione cellulare. Figura 1. Ciclo cellulare I chemioterapici antiblastici tradizionali non sono però in grado di distinguere le cellule sane da quelle neoplastiche e questo può comportare danni notevoli agli organi e ai tessuti sani. Poiché le cellule tumorali hanno più probabilità di essere in fase di divisione cellulare, per la loro intrinseca capacità di crescere in modo incontrollato, esse possono essere più sensibili all azione dei farmaci citotossici classici. Non sorprende, però, che le cellule normali in rapida proliferazione, come quelle del midollo osseo, dell epitelio gastrointestinale e dei follicoli piliferi, siano

16 4 1 - Farmaci antiblastici: aspetti farmacologici e gestionali anch esse più facilmente danneggiate. E a carico di questi tessuti, infatti, che si manifestano i principali effetti collaterali della terapia antiblastica: mielodepressione, nausea e vomito, alopecia. Analizziamo ora le diverse categorie di farmaci antineoplastici in base alla classificazione internazionale ATC (Anatomo-Terapeutica-Chimica) che li distingue nei 5 gruppi seguenti: - ALCHILANTI - ANTIMETABOLITI - ALCALOIDI derivati da piante e altri prodotti naturali - ANTIBIOTICI CITOTOSSICI E SOSTANZE CORRELATE - ALTRI AGENTI ANTINEOPLASTICI ALCHILANTI Sono tra i farmaci più usati in chemioterapia antiblastica. Agiscono danneggiando il DNA, interferendo con la replicazione cellulare. Le sostanze alchilanti vengono trasformate nell organismo in ioni carichi positivamente altamente reattivi con strutture ricche di elettroni quali gli acidi nucleici. Questi antiblastici agiscono mediante il processo chimico della alchilazione, ovvero della sostituzione di un atomo di idrogeno con un gruppo alchilico (-CH2-CH2-R). Tale reazione avviene in siti preferenziali o bersagli. Bersaglio preferito dei citotossici alchilanti sono alcuni siti delle basi (puriniche o pirimidiniche) del DNA. In seguito a questo legame si ha la formazione di ponti trasversali tra i filamenti del DNA con conseguente rottura della doppia elica e la impossibilità di duplicazione del DNA. Altri effetti come la scissione delle catene di DNA e la rottura dell anello purinico sono ancora compatibili con la vita della cellula, ma possono causare danni al DNA trasmissibili alle generazioni successive: da qui la mutagenicità di questi composti. L uso prolungato di alchilanti, oltre a compromettere la gametogenesi, specie se associa-

17 La sicurezza nella gestione dei farmaci antiblastici 5 to a radioterapia estesa, si associa ad un incremento marcato di incidenza di leucemia acuta non linfocitica. Gli alchilanti si suddividono in classici e non classici (tabella I). Tabella I. Alchilanti ALCHILANTI CLASSICI Mostarde azotate - Ciclofosfamide La Ciclofosfamide è l alchilante più usato.viene usata sia in onco-ematologia che nei tumori solidi. In particolare: nella leucemia linfatica cronica; nei linfomi; nei sarcomi dei tessuti molli; nel sarcoma osteogenico; nei tumori solidi. Si somministra per bocca o endovena. Di per sé non è un composto attivo. All interno dell organismo subisce una trasformazione da parte degli enzimi microsomiali epatici in: Aldofosfamide che, all interno della cellula, si trasforma in Acroleina + Fosforamide Mostarda. Il derivato della mostarda si lega al DNA ed è responsabile dell azione alchilante, mentre l Acroleina viene escreta con le urine e può essere causa di grave cistite emorragica. Complicanza rara che si può evitare con un idratazione adeguata, per ore dopo la somministrazione endovenosa. In caso di somministrazione di alte dosi di ciclofosfamide, in pazienti ad alto rischio di cistite (per una precedente radioterapia pelvica) è preferibile somministrare l uroprotettore Mesna per prevenire tale evento.

18 6 1 - Farmaci antiblastici: aspetti farmacologici e gestionali - Ifosfamide L Ifosfamide è correlata alla Ciclofosfamide. Ha indicazione nei tumori maligni inoperabili quali il carcinoma bronchiale, il carcinoma ovarico, tumori testicolari, sarcomi delle parti molli, carcinoma mammario, carcinoma pancreatico, ipernefroma, carcinoma endometriale, linfomi maligni. Viene somministrata solo per via endovenosa e dà luogo a produzione più abbondante del metabolita urinario Acroleina, quindi maggiore è il rischio di tossicità uroteliale. Per ridurre tale tossicità è utile somministrare sempre contemporaneamente il Mesna, farmaco che, grazie alla presenza di gruppi sulfidrilici SH, è in grado di inattivare l acroleina ed altri metaboliti uro tossici. - Clorambucile Il Clorambucile è indicato nel trattamento di: Morbo di Hodgkin; alcune forme di linfomi non-hodgkin; leucemia linfocita cronica; macroglobulinemia di Waldenström. Viene somministrato solo per via orale. Gli effetti indesiderati, oltre alla depressione midollare, non sono frequenti. In alcuni casi può dare comparsa di rash cutaneo grave che può progredire fino alla sindrome di Stevens-Johnson o alla necrolisi epidermica. In tali casi viene sostituito dalla ciclofosfamide. - Melfalan Il Melfalan è indicato nel trattamento del Mieloma Multiplo, dell Adenocarcinoma ovarico avanzato, del Neuroblastoma infantile, del melanoma maligno localizzato delle estremità, del sarcoma dei tessuti molli localizzato delle estremità. Da solo o in combinazione con altri farmaci ha un significativo effetto terapeutico in una parte dei pazienti affetti da carcinoma mammario avanzato. E efficace nel trattamento di una parte dei pazienti affetti da Policitemia Vera. E stato usato come adiuvante della chirurgia nel trattamento del carcinoma mammario. Viene somministrato per via orale o endovenosa. Il principale limite dell utilizzo di tale antiblastico è la variabilità estrema del suo assorbimento sistemico e la conseguente

19 La sicurezza nella gestione dei farmaci antiblastici 7 difficoltà a stabilire il regime terapeutico più idoneo. La biodisponibilità della forma orale è del %. E associato a rischio di polmonite interstiziale e fibrosi polmonare rischiosa per la vita. Nitrosouree Agiscono con un meccanismo simile a quello degli agenti alchilanti formando dei legami crociati intercatena col DNA. Fra i vari derivati della nitrosourea ricordiamo la Carmustina (BCNU), la Lomustina (CCNU) e la Fotemustina. - Lomustina La Lomustina è una nitrosurea liposolubile somministrata per via orale. La tossicità midollare è tardiva, per ciò viene somministrato a intervalli lunghi di 4-6 settimane. Con l uso prolungato può verificarsi un danno midollare permanente. Nausea e vomito sono comuni e moderatamente gravi. - Carmustina La Carmustina viene somministrata per via parenterale. Anche la Carmustina, come la Lomustina, ha una elevata liposolubilità. Ciò consente il passaggio della barriera ematoencefalica e il loro impiego nel trattamento delle neoplasie cerebrali. Vengono usati anche nel mieloma multiplo e nei linfomi. - Fotemustina La Fotemustina anch essa liposolubile e somministrabile esclusivamente per via endovenosa, ha indicazione nel trattamento del Melanoma maligno disseminato, comprese le localizzazioni cerebrali nonché nei Tumori cerebrali primitivi. Alchilsulfonati - Busulfano Il Busulfano è impiegato soprattutto per bocca. Trova impiego nella Leucemia mieloide cronica e nella leucemia granulocitica cronica. Utilizzato nella terapia di condizionamento prima del trapianto di cellule staminali, sia per via orale che endovenosa.

20 8 1 - Farmaci antiblastici: aspetti farmacologici e gestionali Etilenimine - Tiotepa Il Tiotepa, impiegato per via parenterale, ha indicazione nel trattamento dei versamenti neoplastici. ALCHILANTI NON CLASSICI Dialchiltriazeni - Dacarbazina La sua attività alchilante sul DNA sembra sia dovuta ad un processo di metabolizzazione con conseguente liberazione di una porzione alchilante, presumibilmente il Diazometano. Dopo somministrazione per via endovenosa, fino al 50% viene escreto con le urine, sia immodificato, sia come metabolita inattivo. Viene utilizzato, da solo o in associazione, nel trattamento del melanoma maligno, del linfoma di Hodgkin e nei sarcomi dei tessuti molli. Tra i principali effetti indesiderati ci sono la depressione midollare; disturbi gastrointestinali: nausea, vomito e diarrea (per attenuare i quali può essere consigliabile non somministrare nè liquidi nè solidi da 4 a 6 ore prima del trattamento); alopecia. Si ritiene che parte degli effetti collaterali della dacarbazina siano imputabili al prodotto per processo di fotodegradazione del farmaco, che avviene assai rapidamente (anche in pochi minuti di esposizione alla luce). - Temozolomide E un analogo strutturale della dacarbazina. E somministrato per via orale. Ha indicazione nei tumori cerebrali (glioblastomi e gliomi), anche in associazione alla radioterapia. ANTIMETABOLITI Gli antimetaboliti, analoghi strutturali di sostanze naturali necessarie durante le fasi della replicazione, impediscono la divisione cellulare. Interferiscono con la sintesi degli acidi nucleici in due modi: - possono sostituirsi alla basi puriniche o pirimidiniche in quanto strutturalmente simili

21 La sicurezza nella gestione dei farmaci antiblastici 9 - possono inibire enzimi indispensabili per la sintesi degli acidi nucleici. Gli antimetaboliti si distinguono in: - antagonisti dell acido folico - analoghi delle purine, o - analoghi delle pirimidine, presenti negli acidi nucleici. Tabella II. Antimetaboliti Analoghi dell acido folico - Methotrexato E un antagonista dell acido folico. Inibisce in modo reversibile l enzima diidrofolato-reduttasi, che agisce riducendo l acido folico. L acido folico in forma ridotta è indispensabile per la sintesi delle basi nucleotidiche puriniche e pirimidiniche. Ha indicazione nel trattamento della leucemia linfoblastica acuta, nel coriocarcinoma, nei linfomi non Hodgkin e nel trattamento di diversi tumori solidi. Può essere somministrato per via orale, parenterale e intratecale. Causa mielodepressione, mucosite e, di rado, polmonite. E controindicato in caso di insufficienza renale grave poiché è escreto soprattutto dal rene. Controindicato anche nei pazienti con insufficienza epatica grave. Dovrebbe essere evitato in caso di versamento pleurico o ascitico importante poiché tende ad accumularsi in tali liquidi e il suo ritorno nel circolo si associa a mielodepressione. In seguito a somministrazione intratecale può verificarsi tossicità sistemica: è necessario attento controllo della crasi ematica. L acido folinico somministrato dopo il metotrexato aiuta a prevenire la mucosite e la mielodepressione indotte dal farmaco.

22 Farmaci antiblastici: aspetti farmacologici e gestionali - Raltitrexed Inibisce l enzima timidato-sintetasi con blocco conseguente della sintesi del DNA. Farmaco somministrato solo per via endovenosa indicato nella terapia palliativa del carcinoma del colon-retto, ma oramai soppiantato da antiblastici più efficaci. Può causare mielodepressione marcata ed effetti collaterali gastroenterici. - Pemetrexed Analogo dell acido folico somministrato per via endovenosa. Indicato nel trattamento del mesotelioma pleurico e del carcinoma polmonare non microcitoma (non a piccole cellule) in fase metastatica. E necessaria la concomitante somministrazione di vitamina B12 e di folati per prevenire e contrastare la tossicità ematologica. Viene metabolizzato a livello epatico dagli enzimi microsomiali del citocromo P450. Analoghi delle purine Queste sostanze, una volta somministrate, vengono metabolizzate ed erroneamente incorporate nel DNA e/o nel RNA. - Mercaptopurina Somministrata solo per via orale, viene metabolizzata quasi tutta al primo passaggio, con una grande variabilità individuale. Viene degradata dalla xantina-ossidasi, che è inibita dall allopurinolo: in questo caso la dose va ridotta del 75%. Viene usata come terapia di mantenimento nelle leucemie acute e nella leucemia mieloide cronica. Un effetto tossico frequente e dose-limitante è la colestasi epatica, caratterizzata dall aumento della bilirubina e delle transaminasi. - Tioguanina Ha le stesse indicazioni terapeutiche della mercaptopurina. Anch essa si somministra esclusivamente per os. E raccomandata solo per brevi cicli di terapia per il rischio elevato di tossicità epatica, in presenza della quale il trattamento va sospeso. - Cladribina Può essere somministrata per infusione endovenosa. Ha indicazione nella leucemia a cellule cappellute e nella leu-

23 La sicurezza nella gestione dei farmaci antiblastici 11 cemia linfocitica cronica in pazienti refrattari ai regimi standard contenenti un alchilante. Può indurre mielodepressione grave con neutropenia, anemia e trombocitopenia, anche anemia emolitica e, ad alte dosi, anche insufficienza renale acuta e neurotossicità grave. - Fludarabina Può essere somministrata per via orale o parenterale. E in genere ben tollerata, tuttavia causa mielodepressione che può essere cumulativa. Anche l immunosoppressione è un effetto indesiderato comune e spesso si somministra sulfametoxazolo+trimetoprim per la prevenzione di infezioni da pneumocisti. Analoghi delle pirimidine - Citarabina E un analogo di base pirimidinica, la desossicitidina. Non viene assorbita per os, per cui è somministrata per via sottocutanea, endovenosa e intratecale. Penetra nelle cellule e viene rapidamente fosforilata a citosina arabinoside trifosfato: Ara-CTP, inibitore competitivo della DNA-polimerasi, l enzima responsabile dell accoppiamento delle basi nucleotidiche complementari durante la sintesi del DNA. Ha indicazione nella terapia della leucemia mieloblastica acuta: è considerata parte della terapia di induzione standard all esordio di tale leucemia. Dopo somministrazione endovenosa entro 2 ore raggiunge nel liquor concentrazioni pari al 50% di quelle plasmatiche; per tale motivo viene impiegata nel trattamento della meningite linfoma tosa. Da qui, però, anche la neurotossicità del farmaco. L effetto tossico principale è, comunque, la mielodepressione dose-dipendente, sfruttata per raggiungere l obiettivo dell eliminazione del clone midollare aberrante nella leucemia mieloide. Altre tossicità dose-correlate sono la stomatite e la diarrea. La resistenza all Ara-C è stata associata ad un ridotto trasporto all interno delle cellule e ad un aumento dell inattivazione del farmaco. Viene rapidamente degradata nel plasma, penetra nelle cellule dove viene attivata mediante

24 Farmaci antiblastici: aspetti farmacologici e gestionali fosforilazione e trasformata in Citosina Arabinoside Trifosfato (ARA-CTP), derivato attivo, che inibisce la DNApolimerasi (enzima indispensabile per l accoppiamento delle basi nucleotidiche complementari durante la sintesi del DNA). - Fluorouracile La sua struttura chimica è simile a quella dell Uracile (base pirimidinica del RNA) e della Timina (base pirimidinica del DNA). L assorbimento dopo somministrazione orale non è prevedibile, perciò è somministrato per via endovenosa. Come tale, non esercita alcuna attività inibitoria significativa: per potere inibire la crescita cellulare deve essere attivato mediante fosforilazione. Dopo somministrazione penetra nella cellula e viene fosforilato (cioè trasformato nella forma attiva) in: 1) 5-FUTP (5-Fluoro-uridina trifosfato) che può essere incorporato nel RNA al posto della Uridina-Trifosfato alterandone la trascrizione. 2) 5-F-DUMP (5-Fluoro-desossiuridina monofosfato) che inibisce l enzima TS (Timidilato Sintetasi), indispensabile per la trasformazione della desossiuridina in desossitimidina (necessaria per la sintesi del DNA), legandosi ad esso al posto D-UMP (desossiuridina monofosfato) e bloccando la sintesi del DNA. Ha indicazione soprattutto nei tumori solidi del tratto gastroenterico e della mammella. Usato anche nel trattamento di lesioni cutanee maligne. La tossicità è limitata, ma include mielodepressione, mucosite e, di rado, sindrome cerebellare. Con l infusione prolungata può manifestarsi la sindrome desquamativa mano-piede. - Gemcitabina Ha struttura molto simile alla citarabina. Indicata per il trattamento di diversi tumori solidi: il tumore del pancreas localmente avanzato o metastatico, il carcinoma polmonare non microcitoma, il cancro vescicale e il carcinoma mammario. Impiegata per via endovenosa.

BORTEZOMIB (Velcade)

BORTEZOMIB (Velcade) BORTEZOMIB (Velcade) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Questo schema di cura impiega i seguenti farmaci: vincristina, doxorubicina (adriamicina) o epidoxorubicina, cortisone. Le informazioni contenute in questo modello

Dettagli

PERUGIA INTERNATIONAL CANCER CONFERENCE VII

PERUGIA INTERNATIONAL CANCER CONFERENCE VII PERUGIA INTERNATIONAL CANCER CONFERENCE VII MULTINATIONAL ASSOCIATION OF SUPPORTIVE CARE IN CANCER CONSENSUS CONFERENCE SULLA TERAPIA ANTIEMETICA PERUGIA, 29-31 marzo, 2004 Ultimo aggiornamento: 1 settembre

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

Chemioterapia e i suoi principali effetti collaterali. Guida informativa per i pazienti. Unità Operativa Ematologia e Centro Trapianti Midollo Osseo.

Chemioterapia e i suoi principali effetti collaterali. Guida informativa per i pazienti. Unità Operativa Ematologia e Centro Trapianti Midollo Osseo. Chemioterapia e i suoi principali effetti collaterali. Guida informativa per i pazienti. Unità Operativa Ematologia e Centro Trapianti Midollo Osseo. Ospedale Oncologico Armando Businco Cagliari. Le informazioni

Dettagli

I linfomi non-hodgkin

I linfomi non-hodgkin LINFOMA NON HODGKIN I linfomi non-hodgkin (LNH) sono un eterogeneo gruppo di malattie neoplastiche che tendono a riprodurre le caratteristiche morfologiche e immunofenotipiche di una o più tappe dei processi

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

ANEMIE MEGALOBLASTICHE II GRUPPO

ANEMIE MEGALOBLASTICHE II GRUPPO ANEMIE MEGALOBLASTICHE II GRUPPO SONO DOVUTE A ESALTATA ERITROPOIESI INEFFICACE CON ERITROBLASTOLISI INTRAMIDOLLARE IL MIDOLLO E RICCHISSIMO DI ERITROBLASTI CHE NON RIESCONO A MATURARE E MUOIONO NEL MIDOLLO

Dettagli

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC)

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) OSPEDALE FATEBENEFRATELLI E OFTALMICO Azienda Ospedaliera di rilievo nazionale M I L A N O S.C. RADIOLOGIA Direttore Dott. G. Oliva ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) ESAMI DA ESEGUIRE (VALIDITA'

Dettagli

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia. Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia

Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia. Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia Pag. 1 di 6 Rev Data Redatto e elaborato Approvato Firma 0 04/03/2011 Coord.Infermieristico M.Renovi Dirigente Medico Resp. Dr. A. Stefanelli Direttore U.O.C. Medicina Generale Dott.ssa P. Lambelet Direttore

Dettagli

FOGLIO ILLUSTRATIVO. CATEGORIA FARMACOTERAPEUTICA Vitamina D e analoghi, colecalciferolo.

FOGLIO ILLUSTRATIVO. CATEGORIA FARMACOTERAPEUTICA Vitamina D e analoghi, colecalciferolo. CATEGORIA FARMACOTERAPEUTICA Vitamina D e analoghi, colecalciferolo. DIBASE 25.000 U.I./2,5 ml soluzione orale DIBASE 50.000 U.I./2,5 ml soluzione orale DIBASE 100.000 U.I./ml soluzione iniettabile DIBASE

Dettagli

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI Daniela Livadiotti Società Italiana di Medicina di Prevenzione e degli Stili di Vita INVECCHIAMENTO L invecchiamento può essere definito come la regressione

Dettagli

Deceduti Regione LOMBARDIA

Deceduti Regione LOMBARDIA Tumore della vescica Di maggior rilievo nei maschi (più di 3/4 dei casi), presenta variazioni geografiche di entità modestissima, minori di ogni altro tipo di carcinoma. Il 9-95% circa è costituito da

Dettagli

Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva.

Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva. Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva. Mario Saia CIO: Normativa Italiana Circolare Ministeriale 52/1985 Lotta contro

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port Cattedra e Divisione di Oncologia Medica Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Il Port Dott. Roberto Sabbatini Dipartimento Misto di Oncologia ed Ematologia Università degli Studi di Modena

Dettagli

-Rapidità di azione :quindi deve essere liposolubile per poter facilmente attraversare la barriera ematoencefalica

-Rapidità di azione :quindi deve essere liposolubile per poter facilmente attraversare la barriera ematoencefalica ANESTETICI GENERALI ENDOVENOSI Proprietà: -Rapidità di azione :quindi deve essere liposolubile per poter facilmente attraversare la barriera ematoencefalica -Risveglio rapido :questo è possibile quando

Dettagli

Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Messaggero del segnale cellulare. Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico

Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Messaggero del segnale cellulare. Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Ruolo biologico: Messaggero del segnale cellulare Molecola regolatoria nel sistema cardiovascolare Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico Componente

Dettagli

MOMENT 200 mg compresse rivestite Ibuprofene

MOMENT 200 mg compresse rivestite Ibuprofene PRIMA DELL USO LEGGETE CON ATTENZIONE TUTTE LE INFORMAZIONI CONTENUTE NEL FOGLIO ILLUSTRATIVO Questo è un medicinale di AUTOMEDICAZIONE che può essere usato per curare disturbi lievi e transitori facilmente

Dettagli

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico.

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire

Dettagli

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 Il processo infermieristico espresso con un linguaggio comune: sviluppo delle competenze professionali attraverso la capacità di formulare diagnosi infermieristiche

Dettagli

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore LA GOTTA ED ALTRE ARTRITI DA CRISTALLI REGGIO EMILIA,, APRILE 2007 La Gotta ed altre Artriti da Cristalli

Dettagli

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico Innovativa formulazione LIQUIDA ad elevata biodisponibilità L acido a lipoico è una sostanza naturale che ricopre un ruolo chiave nel metabolismo energetico cellulare L acido a lipoico mostra un effetto

Dettagli

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA Che cos è la degenerazione maculare? La degenerazione maculare è una malattia che interessa la regione centrale della retina (macula), deputata alla visione distinta necessaria per la lettura, la guida

Dettagli

ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA

ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA Codice Descrizione DRG 006 Decompressione tunnel carpale Allegato 6 A 008 INTERVENTI SU NERVI PERIFERICI E CRANICI E ALTRI

Dettagli

Farmaci anticoagulanti. Dott. Antonello Di Paolo Divisione di Farmacologia e Chemioterapia Dipartimento di Medicina Interna

Farmaci anticoagulanti. Dott. Antonello Di Paolo Divisione di Farmacologia e Chemioterapia Dipartimento di Medicina Interna Farmaci anticoagulanti Dott. Antonello Di Paolo Divisione di Farmacologia e Chemioterapia Dipartimento di Medicina Interna Emostasi Emostasi Adesione e attivazione delle piastrine Formazione della fibrina

Dettagli

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore Testo aggiornato al 29 novembre 2011 Legge 15 marzo 2010, n. 38 Gazzetta Ufficiale 19 marzo 2010, n. 65 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore La Camera dei

Dettagli

REAZIONI SEGNALATE (anche più di una per singolo caso) SOC

REAZIONI SEGNALATE (anche più di una per singolo caso) SOC SOC REAZIONI SEGNALATE (anche più di una per singolo caso) TOTALE PERC Esami diagnostici Pressione arteriosa ridotta 1 0.2% Patologie cardiache Cianosi 2 0.4% Bradicardia 1 0.2% Tachicardia 9 1.9% Extrasistoli

Dettagli

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata Cari pazienti! Vi sentite spesso fiacchi, stanchi, esauriti o giù di morale? Soffrite facilmente il freddo?

Dettagli

SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE

SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE Studio prospettico, non interventistico, di coorte, sul rischio di tromboembolismo venoso (TEV) in pazienti sottoposti a un nuovo trattamento chemioterapico per

Dettagli

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo La dieta, il microbiota intestinale e la salute digestiva sono intrecciati fra loro. Questi legami e il potenziale benefico dei probiotici

Dettagli

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio cloruro cloruro Data Revisione Redazione Approvazione Autorizzazione N archiviazione 00/00/2010 e Risk management Produzione Qualità e Risk management Direttore Sanitario 1 cloruro INDICE: 1. Premessa

Dettagli

4. Quali possono essere le complicazioni dell influenza e quali sono le persone a rischio?

4. Quali possono essere le complicazioni dell influenza e quali sono le persone a rischio? Dipartimento federale dell'interno DFI Ufficio federale della sanità pubblica UFSP Malattie trasmissibili Stato al 05.10.2010 FAQ Influenza stagionale 1. Cos è l influenza? 2. Come si trasmette l influenza?

Dettagli

GRUPPO DI LAVORO VALUTAZIONE CARDIOVASCOLARE

GRUPPO DI LAVORO VALUTAZIONE CARDIOVASCOLARE 2013 GRUPPO DI LAVORO VALUTAZIONE CARDIOVASCOLARE IDENTIFICAZIONE DI PAZIENTI AD ALTO RISCHIO DI CARDIOTOSSICITA RADIOINDOTTA (RIHD) A cura di: Monica Anselmino (coordinatrice) Alessandro Bonzano Mario

Dettagli

VADEMECUM PER MISURA DELLA VITAMINA D (25-idrossivitamina D e 1,25-diidrossivitamina D)

VADEMECUM PER MISURA DELLA VITAMINA D (25-idrossivitamina D e 1,25-diidrossivitamina D) DAI Diagnostica di Laboratorio - Laboratorio Generale - Direttore Dr. Gianni Messeri Gentile Collega, negli ultimi anni abbiamo assistito ad un incremento delle richieste di dosaggio di vitamina D (25-

Dettagli

Da dove prendono energia le cellule animali?

Da dove prendono energia le cellule animali? Da dove prendono energia le cellule animali? La cellula trae energia dai legami chimici contenuti nelle molecole nutritive Probabilmente le più importanti sono gli zuccheri, che le piante sintetizzano

Dettagli

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. Bevi ogni giorno acqua in abbondanza Nell organismo umano l acqua rappresenta un costituente essenziale per il mantenimento della vita, ed è anche quello presente

Dettagli

Indicazioni per la certificazione

Indicazioni per la certificazione Il nuovo modello per la certificazione delle cause di morte: peculiarità e indicazioni per una corretta certificazione Indicazioni per la certificazione Stefano Brocco Coordinamento del Sistema Epidemiologico

Dettagli

INFIAMMAZIONE. L infiammazione è strettamente connessa con i processi riparativi! l agente di malattia e pone le basi per la

INFIAMMAZIONE. L infiammazione è strettamente connessa con i processi riparativi! l agente di malattia e pone le basi per la INFIAMMAZIONE Risposta protettiva che ha lo scopo di eliminare sia la causa iniziale del danno cellulare (es. microbi, tossine etc), sia i detriti cellulari e le cellule necrotiche che compaiono a seguito

Dettagli

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica)

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Cos è il diabete? Il diabete mellito, meglio noto come diabete, è una malattia che compare quando l organismo non produce insulina a sufficienza

Dettagli

Informazioni ai pazienti per colonoscopia

Informazioni ai pazienti per colonoscopia - 1 - Informazioni ai pazienti per colonoscopia Protocollo informativo consegnato da: Data: Cara paziente, Caro paziente, La preghiamo di leggere attentamente il foglio informativo subito dopo averlo ricevuto.

Dettagli

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Introduzione Gli indicatori calcolati sugli anni di vita persi per morte prematura (PYLLs) combinano insieme le informazioni relative alla numerosità

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

VADEMECUM SUL DOLORE. La Legge 38/2010. Perché NON SOFFRIRE È UN DIRITTO sancito dalla Legge. (terapia del dolore e cure palliative)

VADEMECUM SUL DOLORE. La Legge 38/2010. Perché NON SOFFRIRE È UN DIRITTO sancito dalla Legge. (terapia del dolore e cure palliative) VADEMECUM SUL DOLORE La Legge 38/2010 (terapia del dolore e cure palliative) Perché NON SOFFRIRE È UN DIRITTO sancito dalla Legge con il patrocinio istituzionale del MINISTERO della SALUTE La guida è stata

Dettagli

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Denominazione: Mercurio II Solfato soluzione 200 g/lin acido solforico diluito 1.2

Dettagli

LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità

LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità Maria Lucia Calcagni, Paola Castaldi, Alessandro Giordano Università Cattolica del S.

Dettagli

Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation. Sindrome di Behçet

Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation. Sindrome di Behçet Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Sindrome di Behçet Che cos è? La sindrome di Behçet (BS), o malattia di Behçet, è una vasculite sistemica (infiammazione dei vasi sanguigni) la

Dettagli

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE REGIONE LAZIO Direttore Generale Dott. Vittorio Bonavita U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE Ospedale Sandro Pertini Direttore: Prof. Vincenzo Di Cintio Gentile paziente, Le diamo il benvenuto nella nostra Struttura

Dettagli

Castrazione e sterilizzazione

Castrazione e sterilizzazione Centro veterinario alla Ressiga Castrazione e sterilizzazione Indicazioni, controindicazioni, effetti collaterali ed alternative Dr. Roberto Mossi, medico veterinario 2 Castrazione e sterilizzazione Castrazione

Dettagli

ANEMIE DEL II GRUPPO

ANEMIE DEL II GRUPPO ANEMIE DEL II GRUPPO Per incapacità dell eritrone midollare di produrre normalmente eritrociti a causa di difetti della: Proliferazione cellulare ESALTATA ERITROPOIESI INEFFICACE (ERITROBLASTOLISI MIDOLLARE)

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA ECO-TRAP DATA DI COMPILAZIONE: MAGGIO 2006 PAGINA: 1 DI 5 IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA

SCHEDA DI SICUREZZA ECO-TRAP DATA DI COMPILAZIONE: MAGGIO 2006 PAGINA: 1 DI 5 IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA SCHEDA DI SICUREZZA ECO-TRAP DATA DI COMPILAZIONE: MAGGIO 2006 PAGINA: 1 DI 5 1 Nome commerciale IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA ECO-TRAP Utilizzazione della sostanza

Dettagli

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono?

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono? STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? Si definisce sperimentazione clinica, o studio clinico controllato, (in inglese: clinical trial), un esperimento scientifico che genera dati

Dettagli

Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio

Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio Funzioni principali della vit D Stimolazione dell'assorbimento del calcio e del fosforo a livello intestinale; Regolazione, in sinergia con l'ormone paratiroideo,

Dettagli

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Fabrizio Muscas Firenze, 1 Luglio 2011 ANCoM chi rappresenta? 8 Consorzi regionali 98 Cooperative di MMG 5000 Medici di Medicina Generale (MMG)

Dettagli

Il dosaggio dei farmaci nell insufficienza renale

Il dosaggio dei farmaci nell insufficienza renale Aggiornamenti in Medicina Generale Modena, 20 02 2010 Il dosaggio dei farmaci nell insufficienza renale Dott. Giulio Malmusi - Nefrologo www.malmusi.it Parliamo di: Come la funzione dei reni influenza

Dettagli

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi.

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi. Pagina 1 di 14 SOMMARIO Sommario...1 Introduzione...2 1. Scopo...2 2. campo di applicazione...3 3 Riferimenti...3 3.1 Riferimenti esterni...3 3.2 Riferimenti interni...3 4. Abbreviazioni utilizzate...4

Dettagli

Citochine dell immunità specifica

Citochine dell immunità specifica Citochine dell immunità specifica Proprietà biologiche delle citochine Sono proteine prodotte e secrete dalle cellule in risposta agli antigeni Attivano le risposte difensive: - infiammazione (immunità

Dettagli

nelle prime linee di trattamento del carcinoma del colon-retto per una terapia personalizzata nuovi paradigmi 31 gennaio 2014 Genova

nelle prime linee di trattamento del carcinoma del colon-retto per una terapia personalizzata nuovi paradigmi 31 gennaio 2014 Genova Genova 31 gennaio 2014 CORSO RESIDENZIALE nuovi paradigmi per una terapia personalizzata nelle prime linee di trattamento del carcinoma del colon-retto CON IL PATROCINIO DI Obiettivi Il trattamento del

Dettagli

DI REGOLAZIONE A DUE COMPONENTI

DI REGOLAZIONE A DUE COMPONENTI LEZIONE 16 Sistemi di regolazione SISTEMI DI REGOLAZIONE A DUE COMPONENTI In che modo un batterio sente e risponde a specifici segnali provenienti dall ambiente? Per esempio, nel caso dell operone lac

Dettagli

Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate.

Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate. Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate. INDICE La presente guida contiene suggerimenti e indicazioni di carattere generale e a scopo puramente informativo. Non si deve prescindere dal leggere attentamente

Dettagli

CORSO ANTINCENDIO BASE

CORSO ANTINCENDIO BASE Evento formativo Corso di addestramento CORSO ANTINCENDIO BASE 1. Premessa Il D.Lgs. 81/2008 e D.M. 10.03.98 stabiliscono, tra l altro, i criteri per la valutazione dei rischi incendio nei luoghi di lavoro

Dettagli

Questa guida è stata realizzata per fornire ai pazienti e ai loro famigliari alcune informazioni, nella speranza che ciò possa essere d aiuto.

Questa guida è stata realizzata per fornire ai pazienti e ai loro famigliari alcune informazioni, nella speranza che ciò possa essere d aiuto. Il port. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire e gli esercizi di riabilitazione) lo IEO pubblica

Dettagli

della cervice: dalla ricerca di base alla clinica

della cervice: dalla ricerca di base alla clinica Riv. It. Ost. Gin. 200 Vol. 15 Chemioterapia neoadiuvante nel carcinoma della cervice... R. Angioli et al. pag. 0 Chemioterapia neoadiuvante nel carcinoma della cervice: dalla ricerca di base alla clinica

Dettagli

Effetti dell incendio sull uomo

Effetti dell incendio sull uomo Effetti dell incendio sull uomo ANOSSIA (a causa della riduzione del tasso di ossigeno nell aria) AZIONE TOSSICA DEI FUMI RIDUZIONE DELLA VISIBILITÀ AZIONE TERMICA Essi sono determinati dai prodotti della

Dettagli

COS E LA BRONCOSCOPIA

COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA La broncoscopia è un esame con cui è possibile osservare direttamente le vie aeree, cioè laringe, trachea e bronchi, attraverso uno strumento, detto fibrobroncoscopio,

Dettagli

-uno o più IONI INORGANICI

-uno o più IONI INORGANICI Coenzimi e vitamine Alcuni enzimi, per svolgere la loro funzione, hanno bisogno di componenti chimici addizionali, i COFATTORI APOENZIMA + COFATTORE = OLOENZIMA = enzima cataliticamente attivo Il cofattore

Dettagli

Lo screening cervicale.

Lo screening cervicale. Lo screening cervicale. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire e gli esercizi di riabilitazione)

Dettagli

giuseppe.marziali@gmail.com giuseppe.marziali@sanita.marche.it 03/04/1956 Porto Sant Elpidio (FM) MRZGPP56D03G921O Febbraio 2010 ad oggi

giuseppe.marziali@gmail.com giuseppe.marziali@sanita.marche.it 03/04/1956 Porto Sant Elpidio (FM) MRZGPP56D03G921O Febbraio 2010 ad oggi F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Qualifica Professionale MARZIALI GIUSEPPE Medico Chirurgo, Specialista in Malattie dell Apparato Cardiovascolare,

Dettagli

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno Metodo epidemiologici per la clinica _efficacia / 1 La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno La buona ricerca clinica Non è etico ciò che non è rilevante scientificamente Non è

Dettagli

1. Manifestano la loro azione negativa solo in età adulta avanzata

1. Manifestano la loro azione negativa solo in età adulta avanzata Perché invecchiamo? La selezione naturale opera in maniera da consentire agli organismi con i migliori assetti genotipici di tramandare i propri geni alla prole attraverso la riproduzione. Come si intuisce

Dettagli

REaD REtina and Diabetes

REaD REtina and Diabetes Progetto ECM di formazione scientifico-pratico sulla retinopatia diabetica REaD REtina and Diabetes S.p.A. Via G. Spadolini 7 Iscrizione al Registro delle 20141 Milano - Italia Imprese di Milano n. 2000629

Dettagli

ANESTESIA NEUROASSIALE, ANTICOAGULANTI ED ANTIAGGREGANTI

ANESTESIA NEUROASSIALE, ANTICOAGULANTI ED ANTIAGGREGANTI Unità Operativa di Anestesia e Rianimazione Direttore Dr. Agostino Dossena Crema, lì 06/03/2013 ANESTESIA NEUROASSIALE, ANTICOAGULANTI ED ANTIAGGREGANTI Il presente documento contiene le indicazioni principali

Dettagli

DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III

DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III RAZIONALE Scopo di queste Raccomandazioni

Dettagli

Informazioni sullo schema di Chemioterapia. Chop

Informazioni sullo schema di Chemioterapia. Chop Informazioni sullo schema di Chemioterapia Chop Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire e gli

Dettagli

Bilancia emostatica. Ipercoagulabilità. Ipocoagulabilità. Normale. Trombosi. Emorragie

Bilancia emostatica. Ipercoagulabilità. Ipocoagulabilità. Normale. Trombosi. Emorragie Coagulazione 1 Bilancia emostatica Ipercoagulabilità Ipocoagulabilità Normale Trombosi Emorragie 2 emostasi primaria emostasi secondaria Fattori coinvolti nell emostasi Vasi + endotelio Proteine della

Dettagli

Quello che dovete sapere sulle INTERSTIZIOPATIE POLMONARI (MALATTIE INTERSTIZIALI POLMONARI)

Quello che dovete sapere sulle INTERSTIZIOPATIE POLMONARI (MALATTIE INTERSTIZIALI POLMONARI) Quello che dovete sapere sulle INTERSTIZIOPATIE POLMONARI (MALATTIE INTERSTIZIALI POLMONARI) Cosa sono le malattie interstiziali polmonari? Le malattie interstiziali polmonari sono dette anche interstiziopatie

Dettagli

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Facoltà di Medicina Veterinaria Embriologia e Terapia Genica e Cellulare Le cellule staminali adulte:

Dettagli

La trascrizione nei procarioti. Prof. Savino; dispense di Biologia Molecolare, Corso di Laurea in Biotecnologie

La trascrizione nei procarioti. Prof. Savino; dispense di Biologia Molecolare, Corso di Laurea in Biotecnologie La trascrizione nei procarioti Concetti base Nucleoside base purinica o pirimidinica legata alla posizione 1 dell anello pentoso Nucleotide base azotata-pentoso-fosfato Concetti base La trascrizione comporta

Dettagli

Vitamina D: passato, presente e futuro. Dott. Giuliano Bucciardini MMG

Vitamina D: passato, presente e futuro. Dott. Giuliano Bucciardini MMG Vitamina D: passato, presente e futuro Dott. Giuliano Bucciardini MMG Un po' di storia Nel 1650 l'inglese Francis Glisson descrive accuratamente il rachitismo (peraltro noto sin dall'antichità) in De rachitade.

Dettagli

MANAGEMENT DELL'ASTINENZA DA DROGHE E ALCOL

MANAGEMENT DELL'ASTINENZA DA DROGHE E ALCOL MANAGEMENT DELL'ASTINENZA DA DROGHE E ALCOL Kosten Th., O'Connor P.: Management of drug and alcohol with drawal, The New England Journal of Medicine, 348: 1786-95, 2003 Tenendo conto della prevalenza dei

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

scaricato da www.sunhope.it

scaricato da www.sunhope.it SECONDA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI I CLINICA NEUROLOGICA Direttore:Prof. R. Cotrufo Fisiopatologia dei disordini della sensibilità, con particolare riguardo al dolore neuropatico 2009 Organizzazione

Dettagli

TASSI DI ASSENZA E MAGGIOR PRESENZA OTTOBRE 2014

TASSI DI ASSENZA E MAGGIOR PRESENZA OTTOBRE 2014 PRESIDIO BORRI VARESE ACCETTAZIONE RICOVERI 18,9 0 22,84 77,16 PRESIDIO BORRI VARESE AFFARI GENERALI E LEGALI 4,35 15,53 19,88 80,12 PRESIDIO BORRI VARESE AMBULANZE 15,78 1,77 20,03 79,97 PRESIDIO BORRI

Dettagli

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Il CAS (Centro Assistenza Servizi): Aspetti organizzativi e criticità Dott. Vittorio Fusco ASO Alessandria La Rete Oncologica: obiettivi Rispondere all incremento

Dettagli

CURRICULUM DI STUDIO, FORMATIVO E PROFESSIONALE

CURRICULUM DI STUDIO, FORMATIVO E PROFESSIONALE CURRICULUM DI STUDIO, FORMATIVO E PROFESSIONALE La sottoscritta Dr.ssa Franca CRINÒ, nata a Casignana (RC) il 04/03/1959, residente in Via Zittoro 19/4, 89030 - Casignana (RC) Tel.: 0964.956090, cell.:

Dettagli

INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: SCINTIGRAFIA MIOCARDICA DA SFORZO O

INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: SCINTIGRAFIA MIOCARDICA DA SFORZO O INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: SCINTIGRAFIA MIOCARDICA DA SFORZO O CON STRESS FARMACOLOGICO Per la diagnosi e il trattamento delle seguenti patologie è indicato effettuare una scintigrafia

Dettagli

Il ciclo cellulare e la sua regolazione

Il ciclo cellulare e la sua regolazione Il ciclo cellulare e la sua regolazione Le cellule possono essere classificate in base alla loro capacità di crescere e di dividersi: Cellule che hanno perso la capacità di dividersi (cellule neuronali,

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI Che cos è la depressione? Tutti noi ci possiamo sentire tristi a volte, tuttavia la depressione è una cosa seria. La malattia della depressione a volte denominata Depressione

Dettagli

La Terapia con Bifosfonati

La Terapia con Bifosfonati Capire La Terapia con Bifosfonati International Myeloma Foundation 12650 Riverside Drive, Suite 206 North Hollywood, CA 91607 USA Telephone: 800-452-CURE (United States and Canada) 818-487-7455 FAX: 818-487-7454

Dettagli

Gli Omega-3 e la Vitamina D contro l Alzheimer - Le nuove prospettive per il terzo millennio -

Gli Omega-3 e la Vitamina D contro l Alzheimer - Le nuove prospettive per il terzo millennio - nutrizione & composizione corporea fisioterapia & recupero funzionale medicina d alta quota piani di allenamento articoli, studi, ricerche dal mondo della Nutrizione, delle Terapie Fisiche, delle Neuroscienze

Dettagli

DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? 2. Che cosa si intende con i termini immunità, risposta immune e risposta immunitaria?

DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? 2. Che cosa si intende con i termini immunità, risposta immune e risposta immunitaria? DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? Un vaccino è un prodotto la cui somministrazione è in grado di indurre una risposta immunitaria specifica contro un determinato microrganismo (virus, batterio

Dettagli

Attivazione dei linfociti T

Attivazione dei linfociti T Attivazione dei linfociti T Attivazione linfociti T: caratteristiche generali Eventi extracellulari - Riconoscimento dell antigene - Interazione dei recettori costimolatori Eventi intracellulari - Trasduzione

Dettagli

Come affrontare il tumore. insieme. contro il cancro

Come affrontare il tumore. insieme. contro il cancro Come affrontare il tumore del pancreas insieme contro il cancro Il tumore del pancreas colpisce ogni anno in Italia circa 12.200 persone. Purtroppo si tratta di una malattia complessa, aggressiva, diagnosticata

Dettagli

Un anno di Open AIFA

Un anno di Open AIFA Il dialogo con i pazienti. Bilancio dell Agenzia Un anno di Open AIFA Un anno di Open AIFA. 85 colloqui, 250 persone incontrate, oltre un centinaio tra documenti e dossier presentati e consultati in undici

Dettagli

INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA

INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA FOGLIO INFORMATIVO PER IL PAZIENTE L angiografia retinica serve a studiare le malattie della retina; localizzare la

Dettagli

Sistema informativo per il monitoraggio dell assistenza domiciliare

Sistema informativo per il monitoraggio dell assistenza domiciliare GLOSSARIO DEI TRACCIATI SIAD Sistema informativo per il monitoraggio dell assistenza domiciliare Dicembre 2011 Versione 4.0 SIAD Glossario_v.4.0.doc Pag. 1 di 35 Versione 4.0 Indice 1.1 Tracciato 1 Definizione

Dettagli

Questa guida è stata realizzata per fornire ai pazienti e ai loro famigliari alcune informazioni, nella speranza che ciò possa essere d aiuto.

Questa guida è stata realizzata per fornire ai pazienti e ai loro famigliari alcune informazioni, nella speranza che ciò possa essere d aiuto. La radioterapia. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire e gli esercizi di riabilitazione) lo

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli