F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E"

Transcript

1 F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E Il presente Curriculum Vitae viene redatto da Gentili Gilberto Nato a Fossombrone (PU) il 06/08/1958 Ai sensi degli ARTT. 46 e 47 del D.P.R. N. 445/2000, CONSAPEVOLE DELLE SANZIONI PENALI, NEL CASO DI DICHIARAZIONI NON VERITIERE, DI FORMAZIONE O USO DI ATTI FALSI, RICHIAMATE DALL ART. 76 DEL D.P.R. N. 445/2000. INFORMAZIONI PERSONALI Nome GILBERTO GENTILI Indirizzo Via Bellini, Senigallia (Ancona) Telefono Fax 071/ Nazionalità Italiana Data di nascita 6/8/1958 ESPERIENZA LAVORATIVA Dal ad oggi Direttore del Dipartimento di Assistenza Territoriale; Direttore U.O. Assistenza pediatrica di base e Tutela Salute Adulto; Direttore del Distretto di Senigallia Area Vasta 2 Dal 22 al 27 settembre 2005; dal 9 al 28 agosto 2010; dal 8 al 20 agosto Dal al Dal 2010 al 2011 Anno 2010 AA Dal al Dal 2008 al 2009 Dal 2008 al 2009 Dal al Dal 2007 al 2010 Funzioni vicarie del Direttore zona Zt 4 Senigallia Direttore ad interim della U.O. Anziani Attività di insegnamento per il Corso per Operatori Socio- Sanitari presso la ex ZT 4 di Senigallia sulla disciplina: Elementi di Igiene Attività di insegnamento al Corso per assistenti familiari nella Provincia di Ascoli Docenza a contratto alla Facoltà di Economia di Ancona sulla disciplina: I Piani sanitari regionali: il modello organizzativo della Regione Marche Direttore Sanitario Aziendale presso l ASUR MARCHE con funzioni di governo clinico ed assistenza distrettuale Attività di docenza al MASTER II LIVELLO dell UNIVPM di Ancona sulla Strategia e gestione delle organizzazioni a rete in sanità Attività di docenza al Corso di Laurea in Servizi Sociali presso l UNIVPM di Ancona sull Assistenza Primaria Commissario straordinario ZT 13 Ascoli Piceno Attività di docenza al Master II livello presso Bari Libera Università Mediterraneo Dal al Coordinatore dei Distretti Sanitari e Responsabile del Poliambulatorio Consulente presso il Servizio Salute della Regione Marche in merito alle problematiche del territorio Dal 2005 al 2007 Attività di insegnamento svolta per il Corso per operatori socio sanitari della Provincia di Ancona sulla disciplina: Elementi di Igiene Dal 2002 al 2009 Collaborazione con la Scuola di Pubblica Amministrazione di Lucca- DAMS Dipartimento Amministrazione Sanitaria per i corsi: Modulo sui Distretti del Corso di Management Sanitario ; L Assistenza Domiciliare Integrata ; I Distretti e l Integrazione Socio-Sanitaria ; La Gestione Manageriale e il budget del Distretto ; Master II Livello ; Strategia e gestione delle organizzazioni a rete in sanità. Il Attività di docenza per la THOLOSEDIZIONI al Percorso master in Management avanzato per Direttori e Dirigenti di Unità Operativa di Distretto Socio Sanitario su Organizzazione del distretto in unità operative e servizi sanitari e di supporto amministrativo. Le alternative territoriali al ricovero ospedaliero tenutosi ad Alberobello.

2 Dal 2002 al 2003 Dal 2001 al 2013 Il Dal al Attività di insegnamento su Elementi di Igiene per il corso per OSS presso Asl 4 di Senigallia Docente a contratto all UNIVPM Scuola Specializzazione di Igiene, materie di insegnamento: Legislazione sanitaria- Organizzazione dei Servizi Sanitari; Programmazione ed organizzazione dei servizi territoriali 2; Organizzazione del Distretto Responsabile Distretto Sanitario di Cartoceto-Lucrezia Ex. U.S.L. 4 Fano Coadiutore dei Servizi Sanitari di Base Responsabile Distretto Sanitario di Cagli presso Ex Usl Cagli Dal 1990 al 1996 Attività di insegnamento in educazione sanitaria; ortopedia; Medicina preventiva Corso Caposala; Geriatria presso la Scuola Infermieri di Fano: Il Coordinatore dei Distretti Sanitari e Responsabile del Poliambulatorio Ex U.S.L. 1 Novafeltria Coadiutore dei Servizi Sanitari di Base Il Medico di Distretto Ex.U.S.L. 7 Cagli Assistente interino e poi di ruolo in Organizzazione Servizi Sanitari di Base. Dal 1984 al 1989 Guardia Medica- Medicina di base presso la ex USL 6 di Fossombrone ISTRUZIONE E FORMAZIONE Anno 2007 Dal 2001 al 2002 Anno 1996 Anno 1991 Anno 1988 Anno 1983 Anno 1977 Dal 1995 al Torino Ottobre Urbino Luglio ore Urbino Milano-Bocconi Regione Emilia Romagna Ancona Regione Marche Urbino Bologna Madrid 26/27/28-4/ Iesi Senigallia Senigallia Senigallia Senigallia Senigallia Iesi Firenze Regione Marche Senigallia Pavia Gubbio Assisi Iesi Loreto 21 e22/6/ Matelica Iesi Master di secondo livello in strategia e gestione delle organizzazioni a rete in sanità conseguito presso l Università Politecnica delle Marche- Facoltà di Economia Giorgio Fuà Corso biennale manageriale per i responsabili di Distretto svoltosi presso la Regione Marche Azienda Sanitaria Regionale Specializzazione Igiene e Tecnica Ospedaliera presso l Università di Bologna Specializzazione in Medicina dello Sport presso l Università di Bologna Specializzazione in Igiene e Sanità Pubblica presso l Università di Bologna Laurea in Medicina conseguita presso l Università di Bologna con votazione 110/110 e lode Maturità Classica presso Liceo Nolfi di Fano Partecipazione ai seguenti corsi e convegni di aggiornamento: 1. V Conferenza di Sanità Pubblica 2. Il riordino del sistema sanitario: i dipartimenti ospedalieri 3. Problem solving Tecniche creative per la risoluzione dei problemi ASL Senigallia 4. I dipartimenti ospedalieri. Confronto con un esperienza concreta 5. A.D.I. consumi sanitari e ruolo delle imprese 6. Formazione e organizzazione 7. Sanità Pubblica: quale futuro? 8. Gestione delle Az.San.-C.C.N Dlgs502/92 Dlgs29/93 9. La delega: vincolo od opportunità? 10. Aspetti gestionali dell A.D.I European Conference on advances in Wound management 12. L organizzazione del lavoro del pediatra di base 13. Corso di formazione per Dirigenti sanitari ed amministrativi dei Dip. E delle U.U.O.O. sulla Privacy-L.R.675/ Nuovi profili professioni infermieristiche tecniche e sanitarie 15. La valutazione dei Dirigenti nella Azienda Sanitaria. 16. Consenso informato 17. Gli aspetti penali delle professioni infermieristiche tecniche e sanitarie 18. Presente e futuro delle R.S.A. nelle Marche 19. Congresso nazionale della S.I.M.G. 20. Seminario di formazione su Ruolo e responsabilità della Dirigenza del Comparto Sanità nel quadro del Dlgs 229/99 e del CCNNLL Dirigenza comparto sanità 21. La comunicazione e l informazione nelle Amministrazioni Pubbliche di tipo sanitario 22. Acquisizione di beni di consumi e forniture nel campo delle lesioni cutanee croniche 23. La spesa farmaceutica convenzionata 24. L applicazione del budget nelle aziende sanitarie 25. I Convegno nazionale dei Distretti sanitari 26. Conferenza regionale sulla Sanità 27. Laboratorio per il miglioramento dei servizi sanitari al cittadino 28. Processi clinico-assistenziali in psicogeriatria 29. Le relazioni di Distretto della Regione Marche:valutazioni nella prospettiva dei Patti Territoriali per la salute

3 29. Iesi Ancona Senigallia Senigallia Roma, /11/ Pesaro Bologna 3-4 febbraio Senigallia Loreto /1/ Ancona Maglie 7/5/ Macerata Jesi Ancona Jesi Foligno Loreto ottobre Venezia 8.9./ Senigallia Jesi Senigallia Senigallia Pomezia Giugno Senigallia Senigallia Senigallia Senigallia Ancona Reggio Emilia Venezia Senigallia Senigallia Fano Roma Pesaro Pesaro Dicembre Roma Roma Francavilla Genova Genova Senigallia Senigallia Senigallia Bologna 25/ Ancona Senigallia Senigallia Senigallia Cernobbio 17/18/ Senigallia Lisbona Maggio Ascoli Piceno Senigallia Bologna Senigallia Pisa 19/21 marzo Milano Marzo Ancona Ancona Maggioli formazione 90. Roma Aprile Le basi della nutrizione artificiale 31.BLS 6 ECM 32. Internet per la sanità 8 ECM 33. Convegno Nazionale Dei Distretti 34. L assistenza all anziano oggi fino all eutanasia 4 ECM 35. Verso l'accreditamento: nuove strategie e nuovi servizi per la qualità nell'assistenza agli anziani 10 ECM 36. L'autismo nelle Marche: verso un progetto di vita 37. II conferenza regionale sulle politiche sociali 38. Sicurezza del paziente ed Evidence Based risk management 39. La gestione del rischio nelle ASL: Analisi dei primi dati dell indagine policentrica sulla motivazione del personale ASL 40. V Congresso Regionale MMG 41. Il distretto tra integrazione e produzione 6 ECM 42. Gli anziani nelle Marche: i bisogni di salute e le risposte dei servizi 43. Le cure Domiciliari nelle Marche: stato dell arte e progetti di lavoro 44. Il nuovo Distretto tra integrazione socio sanitaria e governo clinico 6ECM 45. Conferenza sanitaria regionale 46. La comunicazione nella strategia di governo del distretto 12 ECM 47. La genitorialità nell evento separativo: la mediazione familiare 4 ECM 48. Il sistema dei ruoli e delle responsabilità nel riordino del S.S.Regionale 49. La gestione del paziente multiproblematico 5 ECM 50. L appropriatezza nei servizi sanitari:aspetti clinici ed organizzativi 5 ECM 51. Strumenti e pratiche per la pianificazione e la gestione coordinata della comunicazione nel distretto 9 ECM 52. Meccanismi di finanziamento della spesa sanitaria e governo clinico 53. La costruzione di CDR-CDC nel distretto: la catena delle responsabilità 4 ECM 54. La metodologia del lavoro di gruppo: dinamiche relazionali e gestione dei conflitti 4 ECM 55.II Convegno interregionale dei Distretti: Le cure primarie attualità e prospettive 4 ECM 56. Anziani e livelli essenziali di assistenza 57. Comunità e salute: il contributo delle cure primarie 15 ECM 58. Gli accordi regionali nella medicina di famiglia 5 ECM 59. Le medicazioni avanzate: aspetti gestionali, impatto economico, valutazione degli esiti 60.5 ECM 60. I Distretti d Italia: la sanità del territorio tra bisogni e progetti 7 ECM 61. Il punto sull eco color doppler 62. Regioni e Asl Meridiano Sanità 63. Il Distretto tra mito e realtà 4 ECM 64. Il Distretto nella Regione Marche:valorizzare l esperienza pregressa e concertare prospettive di sviluppo 11 ECM 65. Il Budget nel Distretto 8 ECM 66. La casa della salute 67. III Evento Mattoni 68. Convegno interregionale distretti: il Distretto porta d accesso ai servizi 4 ECM 69. Congresso nazionale AIUC 10 ECM 70. Consensus conference Governo clinico del dolore nel paziente con lesione cutanea cronica 2 ECM 71.L organizzazione a rete delle cure primarie nel distretto:aspetti organizzativi ed esperienze 8 ECM 72. Il consenso informato 5 ECM 73. Il profilo di assistenza per la gestione e il trattamento del pz. Con frattura di femore over 65 4 ECM 74.1 Confererenza nazionale cure primarie del Ministero della Salute 75. L epidemiologia nelle Marche: un lavoro a rete 76. Lo stato di nutrizione nelle strutture ospedaliere e territoriali delle Marche 5 ECM 77. Sistema delle cure primarie: interazione ospedale territorio 78. La cartella domiciliare integrata 2 ECM 79. Forum sanità futura 80. Sanità ed euro progettazione 8 ECM 81. European Wound Management Association Conference 82. Seminario su vaccinazioni: HPV e problematiche correlate 4 ECM 83. Consensus conference sul consenso informato Conferenza nazionale Gimbe 85. Nefropatia diabetica nel 3 millennio 5 ECM Congresso nazionale distretti. Il distretto come produttore di salute 87. Qualità, equità, appropriatezza nella formazione e gestione delle liste d attesa in Sanità. Gestire con intelligenza ed efficacia il fattore tempo 11 ECM

4 91. Helsinky Torino Maggio Iesi Iesi Senigallia Riviera Senigallia Firenze 18/ Senigallia Iesi Castelraimondo 25/ Montecatone Aprile Ancona Napoli Pomezia Senigallia Gardone Francavilla Roma Verona Este Roma 14/15.aprile Roma Foligno Roma Milano Palermo Fano Fermo Senigallia Este Roma Roma Civitanova Civitanova Trieste Milano Copenhagen Maggio Roma Firenze Roma Milano 19/21 settembre Bologna Bologna 7/8,11, Fano Senigallia Perugia Torino Una rete oncologica per le Marche 89. Le ultime novità in materia di organizzazione e gestione del personale nelle Aziende Sanitarie 90. Per una sanità di valore. Il ruolo del medico manager 91.European Wound Management association 92. La Direzione in sanità 15 ECM 93. La rete,le relazioni,la multidimensionalità del prendersi cura 94. Audit aziendale sulle liste di attesa 95. Giornata seminariale: il sistema ASUR per la gestione della sicurezza aziendale 96. XXXI Seminario dei Laghi Federalismo e SNN 12 ECM Gardone 97.Gest. Clin. Soc. della demenza: problema o importante occasione di confronto 3 ECM 98. Appropriatezza terapeutica ed aderenza alle terapie nei pz. A rischio cv: una sfida quotidiana per una assistenza sostenibile e migliore 99.Appropriatezza terapeutica nella BPCO e nelle dislipidemie 4 ECM 100. Il ruolo del distretto nei processi del governo clinico 101. Convivi di sanità Pubblica UVPM 102. Congresso nazionale medici manager 103. Costruire insieme salute 104. Convegno Nazionale AMDO 15ECM 105. La comunicazione transculturale per migliorare l accesso e l appropriatezza dei servizi territoriali 106. L Etica dell assistenza nel sistema territoriale 9 ECM 107. Seminario dei laghi: il rapporto dinamico tra h e territorio 108. La cultura manageriale dell assistenza territoriale nelle ASL 6 ECM 109. Integrare la rete dei servizi distrettuali. Contenuti, forme e risultati della best practice Nuovi scenari per l assistenza distrettuale 111. Card Veneto per un sistema distrettuale convincente Congresso SIMM 113. Sanit ROMA I piani di rientro:opportunità e prospettive 114. Centralità del Distretto per la continuità delle cure e la promozione della salute 9ECM 115. Sanit ROMA I modelli org. Della M.G. nella gestione delle patologie croniche 116. Nuove sosten. per la salute di tutti. Azioni di valore dei Distretti in tempi di crisi 6 ECM 117. ll Distretto ospedaliero nel disegno strategico di un piano di sostenibilità del S.S.R Vaccinazioni: attualità e nuovi orizzonti 119. Convegno Regionale CARD Marche 5,3 ECM 120. La formazione continua nel sistema qualità come leva strategica del gov clinico 16 ECM 121. Il Distretto conveniente è sempre convincente. Card Veneto convegno regionale 122. La presa in carico degli anziani non autosuff. Age.na.s 123. Governance in diabetes 124. I Distretti tra farmaco econ. e iniziativa nella gestione delle malattie cv. 3,5 ECM 125. Esiste un riferimento per l ass. sul territorio? 3,5 ECM 126. Interregionale Card nord: Innovazione e sviluppo PDTA nel distretto patient and community oriented 6 ECM 127. Progetto aderenza paziente 5,3 ECM 128. EWMA 2013 Congresso europeo di Wound management 129. Congresso nazionale Associazione Medici Diabetologi 130. Linee guida sanità elettronica 4 ECM 131.Quality of care and quality of cure in diabets 132. Congresso Nazionale AIUC 133. Innovazione e ricerca quale impatto sulle cure primarie 6 ECM 134. Nuovi strumenti di clinical governante:metodi ed applicazioni 13.4 ECM 135. Produrre salute: i PDTA come strumento di contrasto alla cronicità 136. Attività sociali a rilevanza sanitaria e attività sanitaria a rilevanza sociale 15 ECM 137. Congresso regionale Card UMBRIA 7 ECM Congresso nazionale Card: la sfida del distretto. Produrre salute nel territorio 10 ECM

5 CAPACITÀ E COMPETENZE PERSONALI MADRELINGUA Italiano ALTRA LINGUA Capacità di lettura Capacità di scrittura Capacità di espressione orale INGLESE Buono Buono Elementare CAPACITÀ E COMPETENZE RELAZIONALI Attività di coordinamento e rappresentanza enti. Alla ASL 2 Urbino ha ricoperto ruoli e funzioni quali: Membro del comitato consultivo aziendale per la Medicina Generale; Membro della Commissione Provinciale di Vigilanza il Pubblico Spettacolo; Delegato al Comitato zonale per la specialistica ambulatoriale; Delegato per il Comitato Regionale per la Medicina Pediatrica convenzionata. Presso la ASL 4 SENIGALLIA: Presidente della Commissione per la Gestione dell Assistenza indiretta (ex legge 50); Membro del comitato consultivo aziendale per la Medicina Generale; Membro comitato consultivo aziendale per la Pediatria di Base; Delegato al Comitato zonale per la specialistica ambulatoriale; Delegato per il Comitato Regionale per la Medicina Pediatrica convenzionata; Delegato al gruppo tecnico zonale per l integrazione socio sanitaria; Delegato alla trattativa per l elaborazione dell accordo regionale per la medicina generale. Presso la REGIONE MARCHE: Coordinatore tecnico della cabina regionale per la assistenza territoriale e del gruppo di progetto: Linee regionali sul Governo della cabina di regia della integrazione socio sanitaria giusto; Decreto del Dirigente del Servizio Salute 4/504 del ; Componente comitato budget a supporto Dirigente servizio salute giusto decreto Dirigenziale 63 del ; Componente Gruppo di lavoro Alzheimer Decreto Dirigente Servizio Salute n 143/S04 del 22/12/2008; Componente del gruppo tecnico per lo sviluppo dell ospedale di comunità della casa della salute in area vasta ex D.G.R.M. 274 del Presso l ASUR MARCHE: Direzione distrettuale del progetto di care management delle malattie cardiovascolari (Progetto Raffaello) giusto determina 180 DG del 22/02/2008; Componente comitato provinciale della specialistica ambulatoriale giusto determina Digerente 364 del ; Componente della delegazione trattante con le OO.SS di Area Vasta; Presidente della commissione ex art.25 legge regionale 7/1982; Referente progetto SIVEAS BOCCONI per la elaborazioni dei percorsi dello scompenso/ ictus/ percorso nascita. Presso l ASUR AREA VASTA 2: Componente comitato specialistica provinciale determina DG 704 DEL ; Componente comitato per la pediatria determina DG ; Presso l AGENAS ROMA: Componente per conto della Regione Marche del gruppo di progetto; Rilevazione sulle tipologie di assistenza socio-sanitaria agli anziani non autosufficienti ( ); Componente gruppo di lavoro per lo studio sullo stato di attuazione dei distretti ( ). Lo studio ha ricevuto il premio di Eccellenza nei Public Affairs 2011 nella sessione Istituzioni Pubbliche ; Progetto CCM 2012 L impatto dei modelli proattivi innovativi implementati a livello regionale per l assistenza alle persone affette da patologie croniche PROGETTO QUADRO: AUDIT CLINICO PER LA B.P.C.O. : Componente comitato scientifico Componente comitato scientifico FONDAZIONE CANNARELLA ISCRIZIONE ELENCO IDONEI ALLA: DIREZIONE GENERALE ASL Regione Marche (DGR ) Regione Umbria (deliberazione n.1468 del 19/11/12)

6 Regione Veneto (decreto 141/ Segretario alla Sanità) Regione Lazio (DGR 348/2013) CAPACITÀ E COMPETENZE PROFESSIONALI Attività di progettazione eventi formativi e docenza presso la Fondazione Opera Pia Mastai Ferretti di Senigallia, struttura residenziale con 220 posti letto, su argomenti quali: Le demenze: aspetti clinici e medico legali ; Le patologie cardiovascolari: clinica prevenzione e nursing ; Le BPCO: prevenzione e nursing ; Sindrome da immobilizzazione: clinica prevenzione e nursing ; La responsabilità professionale ; Le nuove cronicità: aspetti clinici e nursing ; Le patologie cardiache ; Le lesioni da decubito ; Gli esami di laboratorio ; Le patologie osteoarticolari ; Attività di gestione e coordinamento dei seguenti corsi e convegni con durata superiore ad un giorno: Corso di formazione manageriale per il personale Dirigente Amministrativo e Sanitario; Sistemi di gestione budgettaria nelle aziende sanitarie; Il budget per i medici di medicina generale; La gestione dei processi nelle Aziende Sanitarie; Gli indicatori per il territorio e l ospedale; UCAD: Ufficio di coordinamento attività distrettuali, organizzati dall ente SDA BOCCONI; Controllo di gestione; Gestione strategica delle risorse umane; L Organizzazione e la gestione dei Distretti Sanitari- Modelli Organizzativi per i Distretti organizzati dall ente LUISS MANAGEMENT; La legge a tutela della privacy e il trattamento dei dati sanitari da parte di soggetti pubblici e privati; I nuovi accordi collettivi nazionali per la disciplina dei rapporti con i medici organizzati dall ente C.E.I.D.A.; Controllo di gestione nelle Aziende Sanitarie organizzato dal Centro di Formazione Sole 24 ore; La riforma Brunetta sul lavoro pubblico: il decreto di attuazione (D.Lgs 150/09) organizzato dall ente Synergia Formazione; Privacy in campo sanitario; Ruolo del manager e comportamenti organizzativi; Sostenere il processo strutturale di riorganizzazione e omogeneizzazione per Aree Vaste nell Asur promossi dall ente ASUR MARCHE AV2 FORMIMPRESA. Partecipazione in qualità di docente, ai corsi quali: 1. Corso di aggiornamento per amministrativi dei Distretti della A.S.L. 2 Urbino dal 7.9 al , materia dì insegnamento: L organizzazione distrettuale ; 2. Processo di aziendalizzazione e organizzazione dipartimentale Urbino 15.22/5 5/ materia di insegnamento L organizzazione distrettuale 3. Corso organizzato dalla A.S.L. 4 su mandato regionale dal titolo L Assistenza Domiciliare integrata Senigallia Febbraio- Maggio Corso di formazione sull A.D.I. 8 giornate 52 ore Urbino materie oggetto di insegnamento L home-care ed il ruolo del Distretto e Il nuovo assetto del Dipartimento di Assistenza Territoriale 5. Il medico di medicina generale alle soglie del 2000: ruoli e prospettive. Senigallia Cure domiciliari nel paziente oncologico terminale Senigallia crediti Dinamiche relazionali nel lavoro in gruppo multidisciplinare con particolare riguardo alla continuità assistenziale 7. Corso di formazione aziendale per formatori della Sanità Maglie Le funzioni di committenza e produzione 8. I distretti e l integrazione socio sanitaria tra sviluppo e federalismo Senigallia al ECM Il Distretto nella evoluzione e nel quadro normativo nazionale 9. Meccanismi di finanziamento della spesa sanitaria e governo clinico Senigallia ECM 10. Ruolo e compiti del medico di medicina generale e del centro diabetologico nella gestione del paziente diabetico di tipo 2 Senigallia ECM Confronto dibattito tra operatori e discussione plenaria dei lavori di gruppo. 11.La responsabilità professionale Senigallia ottobre re 8 ECM 12. Le malattie rare nelle Marche dai dati del registro alla costruzione della rete Ancona 29 maggio ECM 13. I principali cambiamenti sociali in atto ed il loro impatto sui servizi sanitari e socio sanitari Fermo giugno-novembre ore 8 ECM 14. Prospettive obiettivi ZT 4 Senigallia Senigallia Il distretto tra valutazione, gestione e formazione delle risorse: semplice facilitazione o attore principale? Torino Convegno regionale Card Veneto Padova 5 aprile ECM Spanding review e continuità delle cure Partecipazione in qualità di relatore, ai corsi quali: 1. Aspetti gestionali dell A.D.I. Cagli Qualità nella sanità:come cambiano i servizi amministrativi Urbino Il

7 cambiamento organizzativo. L articolazione dei servizi territoriali 3. Aspetti gestionali dell A.D.I. Cagli Ospedale di comunità: il progetto Arcevia Le strutture residenziali 5. Il sistema qualità territoriale Senigallia L organizzazione del Dipartimento di Assistenza Territoriale 6. Accessibilità e fruibilità dei servizi sanitari da parte della popolazione multietnica Iesi L esperienza della A.S.L. 4 nella gestione di un ambulatorio STP 7. Salute ed immigrazione An L esperienza della A.S.L. 4 nella gestione di un ambulatorio per immigrati 8. La progettazione delle cure primarie: l iter certificativo della U.V.D. della A.S.L ore Senigallia Modelli organizzativi territoriali 9. Assistenza domiciliare e cure palliative al malato neoplastico: aspetti etici ed organizzativi Senigallia L A.D.I. nel sistema delle cure primarie del Distretto. 10. Il Distretto nei piani sanitari regionali: secondo convegno nazionale dei distretti Roma Presentazione documento della Confederazione Associazioni Regionali 11. Il distretto e le cure intermedie 2 Convegno Nazionale sui distretti Riccione crediti La valutazione multidisciplinare e multiprofessionale 12. Corso di formazione per dirigenti sanitari ed amministrativi Lecce Mission e vision del distretto. 13. Percorsi Assistenziali Avigliano Umbro ECM Tavola rotonda Congresso Nazionale Distretti Il Distretto tra governo e governante Bari ECM Progettazione e verifica di una equipe territoriale nel Comune di Arcevia 19. IX Convegno Nazionale sui sistemi di classificazione dei pazienti Ferrara La rivisitazione del sistema delle cure domiciliari nella Regione Marche 18 Congresso Nazionale del SIMET Otranto Relatore Le nuove alternative per le cure intermedie: sinergie tra medico di famiglia, Ospedale e distretto 21. L appropriatezza nel S.S.N. Roma L appropriatezza e il governo della assistenza primaria 22. Patologia osteoarticolare: incontro tra professionalità Senigallia ECM 23. La gestione territoriale del pz. con bisogni complessi Otranto Le procedure per le dimissioni ospedaliere protette 24. Congresso regionale Distretti Puglia Tricase ECM - L equipe territoriale e le UTAP: illustrazione di una esperienza regionale consolidata. L H di comunità e le RSA: pregi e difetti - Le dimissioni osp.protette: illustrazione di un modello consolidato Congresso Nazionale Distretti. Welfare, devolution distretto S.Marino Settembre ECM Implementazione sul territorio del trattamento delle ferite difficili con medicazioni avanzate: percorsi di reclutamento val/gest.costo/ben 26. L appropriatezza nel S.S.N. 2 Convegno Nazionale Roma Aprile 2007 La formazione come strumento di facilitazione nella ricerca della appropriatezza tra il sistema ospedaliero ed il sistema territoriale. 27. Incontro regionale FADOI Fabriano Tavola rotonda: La medicina interna tra H e territorio nel disease management delle cronicità e delle fragilità 28. Ulcere e vasculopatie Bologna La valutazione farmacoeconomica 29. Conferenza programmatica regionale dell assistenza distrettuale Marciano Giugno 2007 Presentazione di esperienze significative di ospedale di comunità 30. Congresso regionale SID-AMD Senigallia La salute del respiro.epidemiologia, costi sanitari ed implicazioni sociali delle malattie resp. Cronico ostruttive Ancona Relatore Ruolo del distretto nella gestione della BPCO: l integrazione ospedale territorio 32. Punto unico di accesso Il Progetto nazionale di ricerca finalizzata e la trasferibilità dei risultati nel contesto marchigiano. Porto S. Elpidio Il PSR e i lavori della cabina di regia sull integrazione socio-sanitaria 33. Salute e distretto sanitario in Campania esperienze a confronto Il pz. Complesso ed il sistema delle cure dom. res. e semiresidenziali Taranto 01/02 dicembre Le medicazioni bioattive Iesi La rete vulnologica marchigiana 36. Convegno AIUC Nazionale Firenze La rete vulnologica marchigiana 37. Il ruolo del distretto nei processi del governo clinico Iesi Approccio multidisciplinare al pz.vulnopatico Iesi Lo stato dell arte nella presa in carico del paziente vulnopatico 39. Ascolto e relazione come obiettivi e strumenti di governo nel distretto Bologna Le reti assistenziali e l integrazione socio sanitaria Taranto giugno 2010 Un

8 esempio di rete multidisciplinare: la rete vulnologica marchigiana 41. Innovazione e territorio S.Martino al Cimino (VT) Tavola rotonda: I modelli organizzativi 42. Integrare la rete dei servizi distrettuali: forme contenuti e risultati delle best practice in Italia Roma Congresso SIMG Firenze La Card. L associazione dei Dirigenti di Distretto 44. La realizzazione del PTA in Sicilia, i distretti, la riforma, la svolta Palermo I Programmi della Card: un programma convincente 45. Pensare globalmente agire localmente: quale PRP per le Marche? Pesaro agire localmente 46. Convegno regionale ADDIS Campania Napoli L assistenza domiciliare nei distretto 47. Convegno Age.na.s La rete dei Distretti sanitari in Italia Roma Tavola rotonda: Impegni istituzioni e società scientifiche per lo sviluppo della rete distrettuale 48. L appropriatezza del SSN: condivisione di strategie tra ospedale e territorio Napoli 31.3 e Presa in carico e continuità della assistenza per una reale centralità del paziente 49. Convegno regionale Card Veneto Este Il futuro dei distretti nella prospettiva federale del SSN 50. IX Convegno Nazionale Card. Le cure domiciliari tra utopia e quotidiano Roma Relazione introduttiva del Pres. Nazionale 51. Sanit Roma Roma giugno 2011La cooperazione in sanità; dibattito con le associazioni La governance del Distretto 52. Siti Roma XII Conferenza di sanità pubblica Roma ECM Rapporti tra società scientifiche 53. XXXIII Semibario dei Laghi Bologna 20-21/10/2011Il Distretto 54. Il Distretto socio sanitario: una identità incompiuta? Bari ttobre 2011 Presa in catico e cont. Dell assistenza per una reale centralità del paziente 55. La sostenibilità del SSN. La sfida del distretto in Puglia Bari novembre Il pz. Anziano tra scienza ed economia S.Benedetto La domanda di ospedalizzazione 57. Convegno Nazionale SiINPE Treviso L integrazione tra i professionisti 58. Seminario Agenas su cure primarie Roma Distretto socio-sanitario: luogo di interazione e cooperazione per un'ass. primaria efficace ed efficiente" 59. X Congresso Nazionale Distretti Sanitari. I Distretti tra sostenibilità, equità e lavoro. esiste ancora la salute per tutti? Siracusa Ruolo del distretto nella presa in carico dei disabili 60. Assistenza primaria tra luci e ombre. Quando il professionista varca la soglia Corinaldo ECM 61.Convegno Nazionale Appropriatezza Napoli 9-10 Maggio Congresso Nazionale Card II Conferenza cure domiciliari Roma Maggio 2013 Relazione introduttiva del Presidente Nazionale 63. La vera urgenza è la cronicità :congresso nazionale SNAMI Salerno Insuff. Cardiaca: up to date Fermo Target lipidici Senigallia Presa in carico paziente fragile Tempio Pausania La scheda SVAMA Tempio Pausania Congresso SIM Roma Tavola rotonda: professionisti a confronto 69. Marche barometer diabetes forum Ancona Seconda giornata sulla libera professione infermieristica Bologna Il l.p. nel mercato del lavoro e nel mercato san. E socio san. 71. Distretti e ospedali nell era della spending review Palermo Il ruolo dei distretti sanitari territoriali 72. Innovazione e sussidiarietà Cuneo 13/ La continuità assistenziale come presa in carico territoriale 73. IX Congresso Card PugIla Bari 10/11 aprile 74. L Assistente familiare in Italia Roma L assistente familiare e i distretti 75. Gestione integrata della malattia diabetica Ancona Il ruolo del distretto 76. Dica 38: dolore cronico e tutela del appropriatezza terapeutica Senigallia Congresso medici manager Roma giugno Italian Barometer Diabetes forum Roma luglio 2014Tavola rotonda : Path diagnostic therapeutic care Corso di aggiornamento per amministrativi dei Distretti della A.S.L. 2 e Processo di aziendalizzazione e organizzazione dipartimentale ad Urbino; Aspetti gestionali dell A.D.I. presso Cagli; Partecipazione in qualità di coordinatore, ai corsi quali:

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome SCALA UMBERTO Nazionalità Italiana Data di nascita 28/02/1956 ESPERIENZA LAVORATIVA ATTUALE Dal 01-05-2003 a tutt oggi Indirizzo sede

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

giuseppe.marziali@gmail.com giuseppe.marziali@sanita.marche.it 03/04/1956 Porto Sant Elpidio (FM) MRZGPP56D03G921O Febbraio 2010 ad oggi

giuseppe.marziali@gmail.com giuseppe.marziali@sanita.marche.it 03/04/1956 Porto Sant Elpidio (FM) MRZGPP56D03G921O Febbraio 2010 ad oggi F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Qualifica Professionale MARZIALI GIUSEPPE Medico Chirurgo, Specialista in Malattie dell Apparato Cardiovascolare,

Dettagli

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Fabrizio Muscas Firenze, 1 Luglio 2011 ANCoM chi rappresenta? 8 Consorzi regionali 98 Cooperative di MMG 5000 Medici di Medicina Generale (MMG)

Dettagli

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore Testo aggiornato al 29 novembre 2011 Legge 15 marzo 2010, n. 38 Gazzetta Ufficiale 19 marzo 2010, n. 65 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore La Camera dei

Dettagli

DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo Aziendale) Numero telefonico dell ufficio 07346252922 Fax dell Ufficio 07346252811 E-mail istituzionale

DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo Aziendale) Numero telefonico dell ufficio 07346252922 Fax dell Ufficio 07346252811 E-mail istituzionale INFORMAZIONI PERSONALI Cognome Nome INTORBIDA STEFANO Data di Nascita 15/01/1962 Qualifica Dirigente Ingegnere Amministrazione ASUR - AREA VASTA N. 4 Incarico attuale DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo

Dettagli

Allegato 5. Documento tecnico di progetto ECM REGIONALE. v. 1.6. 16 giugno 2014

Allegato 5. Documento tecnico di progetto ECM REGIONALE. v. 1.6. 16 giugno 2014 Allegato 5. Documento tecnico di progetto ECM REGIONALE v. 1.6 16 giugno 2014 Indice Indice...2 1. Introduzione...3 1.1 Il debito informativo del Co.Ge.A.P.S....3 1.2 Il debito informativo regionale...3

Dettagli

Dipendente pubblico tempo indeterminato - Settore Sanità - Tecnico Sanitario di Radiologia Medica Cat. D - R 3

Dipendente pubblico tempo indeterminato - Settore Sanità - Tecnico Sanitario di Radiologia Medica Cat. D - R 3 Curriculum Vitae Informazioni personali Cognome Nome DI LECCE GIOVANNI Indirizzo Via Lancisi, 137 61121 PESARO (PU) - ITALIA - Telefono Casa: 0721201445 cell. 3396173661 E-mail giangidile@libero.it Cittadinanza

Dettagli

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi.

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi. Pagina 1 di 14 SOMMARIO Sommario...1 Introduzione...2 1. Scopo...2 2. campo di applicazione...3 3 Riferimenti...3 3.1 Riferimenti esterni...3 3.2 Riferimenti interni...3 4. Abbreviazioni utilizzate...4

Dettagli

INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA. 2013 a tutt oggi ASL Cagliari

INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA. 2013 a tutt oggi ASL Cagliari O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Alessandra Aste Indirizzo VIA IS MIRRIONIS 92, 09121 CAGLIARI Telefono 070 6095934 3346152648 Fax 0706096059

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI COGNOME, Nome NAGAR BERNARDO Data di nascita 12/03/1955 Posto di lavoro e indirizzo ASP PALERMO U.O.C.Coordinamento Staff Strategico U.O.S.Coordinamento Screening

Dettagli

AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE

AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE CENTRO ASSISTENZA PRIMARIA PRESSO IL DISTRETTO DI CIVIDALE Dicembre 2014 1 Indice Premessa 1) La progettualità

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959 INFORMAZIONI PERSONALI Nome Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio I Fascia AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE DI REGGIO CALABRIA

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E 1 F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome TELATTIN PIERLUIGI Indirizzo V.le Stadio 24/a 23100- SONDRIO (Italy) Telefono 0039/0342/201666; 0039/338/6421337

Dettagli

EMANUELA NANNINI F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA

EMANUELA NANNINI F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE La sottoscritta Nannini Emanuela nata ad Arezzo il 20.08.1965, consapevole della decadenza dai benefici di cui all art. 75 del DPR 445/2000 e dalle norme penali

Dettagli

CURRICULUM DI STUDIO, FORMATIVO E PROFESSIONALE

CURRICULUM DI STUDIO, FORMATIVO E PROFESSIONALE CURRICULUM DI STUDIO, FORMATIVO E PROFESSIONALE La sottoscritta Dr.ssa Franca CRINÒ, nata a Casignana (RC) il 04/03/1959, residente in Via Zittoro 19/4, 89030 - Casignana (RC) Tel.: 0964.956090, cell.:

Dettagli

Il sistema di classificazione per profili finalizzati all appropriatezza delle Cure Domiciliari

Il sistema di classificazione per profili finalizzati all appropriatezza delle Cure Domiciliari LA PROGRAMMAZIONE REGIONALE IN TEMA DI CURE DOMICILIARI E ANALISI DEL DECRETO COMMISSARIALE N. 1/2013 Il sistema di classificazione per profili finalizzati all appropriatezza delle Cure Domiciliari Annalisa

Dettagli

1.Obiettivi. Il Master è, inoltre, finalizzato a:

1.Obiettivi. Il Master è, inoltre, finalizzato a: 1 1.Obiettivi Il master ha l obiettivo di favorire lo sviluppo delle competenze manageriali nelle Aziende Sanitarie e Ospedaliere, negli IRCCS, nei Policlinici e nelle strutture di cura private approfondendo,

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI. Seduta del 20 dicembre 2001

CONFERENZA STATO-REGIONI. Seduta del 20 dicembre 2001 (rep.atti n. 1358 del 20 dicembre 2001) CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 20 dicembre 2001 OGGETTO: Accordo tra il Ministro della salute, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano, sugli

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

Progetto per l assistenza continua alla persona non autosufficiente

Progetto per l assistenza continua alla persona non autosufficiente Progetto per l assistenza continua alla persona non autosufficiente Piano di progetto Premessa: La proposta toscana per il progetto sulla non autosufficienza Cap. 1: I percorsi, gli attori e le azioni

Dettagli

Dal 2002 a tutt oggi è Direttore Sanitario dell Ospedale di Mormanno.

Dal 2002 a tutt oggi è Direttore Sanitario dell Ospedale di Mormanno. C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome MARILENA MORANO Data di nascita 04-07-1956 Qualifica Direzione Sanitaria Amministrazione ASP COSENZA Incarico attuale DIRETTORE SANITARIO OSPEDALE

Dettagli

RAZIONALE OBIETTIVI DIDATTICI

RAZIONALE OBIETTIVI DIDATTICI RAZIONALE L Iperplasia Prostatica Benigna (IPB), a causa dell elevata prevalenza e incidenza, in virtù del progressivo invecchiamento della popolazione maschile, e grazie alla disponibilità di adeguati

Dettagli

CIOFFI SQUITIERI FRANCESCO. AZIENDA OSPEDALIERA S CARLO POTENZA Dirigente - U.O.C di Anestesia e Rianimazione

CIOFFI SQUITIERI FRANCESCO. AZIENDA OSPEDALIERA S CARLO POTENZA Dirigente - U.O.C di Anestesia e Rianimazione INFORMAZIONI PERSONALI Nome Data di nascita 27/07/1957 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio CIOFFI SQUITIERI FRANCESCO II Fascia AZIENDA OSPEDALIERA S CARLO POTENZA

Dettagli

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AREA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE, SANITÀ E NON

Dettagli

IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA

IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA Il settore dell assistenza e dell aiuto domiciliare in Italia L assistenza domiciliare. Che cos è In Italia l assistenza domiciliare (A.D.)

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA. Dr.ssa La Seta Concetta. Direttore U.O.C. di Farmacia C U R R I C U L U M V I T A E

INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA. Dr.ssa La Seta Concetta. Direttore U.O.C. di Farmacia C U R R I C U L U M V I T A E C U R R I C U L U M V I T A E Dr.ssa La Seta Concetta INFORMAZIONI PERSONALI Cognome Nome Data di nascita Luogo di nascita Nazionalità Indirizzo Telefono La Seta Concetta 10 Febbraio 1963 Palermo Italiana

Dettagli

Staff - S.C. Neuropsichiatria Infantile

Staff - S.C. Neuropsichiatria Infantile INFORMAZIONI PERSONALI Nome Attilio Vercelloni Data di nascita 28/01/1960 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio dirigente medico ASL DI VERCELLI Staff - S.C. Neuropsichiatria

Dettagli

A relazione dell'assessore Monferino:

A relazione dell'assessore Monferino: REGIONE PIEMONTE BU32 09/08/2012 Deliberazione della Giunta Regionale 30 luglio 2012, n. 45-4248 Il nuovo modello integrato di assistenza residenziale e semiresidenziale socio-sanitaria a favore delle

Dettagli

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna Principali attività e medico presso la Medicina e Chirurgia di Accettazione ed Urgenza (MCAU) del Pronto Soccorso Generale P.O. Garibaldi Centro. Attività svolta presso gli ambulatori di Medicina del Pronto

Dettagli

Migliorare la gestione del paziente con BPCO in Medicina Generale.

Migliorare la gestione del paziente con BPCO in Medicina Generale. Progetto di audit clinico. Migliorare la gestione del paziente con BPCO in. Razionale. Numerose esperienze hanno dimostrato che la gestione del paziente con BPCO è subottimale. La diagnosi spesso non è

Dettagli

9 Forum Risk Management in Sanità. Progetto e Health. Arezzo, 27 novembre 2014

9 Forum Risk Management in Sanità. Progetto e Health. Arezzo, 27 novembre 2014 9 Forum Risk Management in Sanità Tavolo interassociativo Assinform Progetto e Health Arezzo, 27 novembre 2014 1 Megatrend di mercato per una Sanità digitale Cloud Social Mobile health Big data IoT Fonte:

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

CHE FINE HA FATTO IL FEDERALISMO IN SANITÀ? E CHI SE NE STA OCCUPANDO? Fabio Pammolli (Direttore CeRM)

CHE FINE HA FATTO IL FEDERALISMO IN SANITÀ? E CHI SE NE STA OCCUPANDO? Fabio Pammolli (Direttore CeRM) Fabio Pammolli (Direttore CeRM) CHE FINE HA FATTO IL FEDERALISMO IN SANITÀ? E CHI SE NE STA OCCUPANDO? 1 CeRM Competitività, Regole, Mercati Dopo anni di dibattito e anche qualche tentativo non riuscito,

Dettagli

Legge 15 marzo 2010, n. 38. Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore. (G.U. 19 marzo 2010, n.

Legge 15 marzo 2010, n. 38. Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore. (G.U. 19 marzo 2010, n. Legge 15 marzo 2010, n. 38 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore (G.U. 19 marzo 2010, n. 65) Art. 1. (Finalità) 1. La presente legge tutela il diritto del

Dettagli

OUTCOME COCAINA 19 DICEMBRE 2006 VERONA VERONA CONGRESS OUTCOME

OUTCOME COCAINA 19 DICEMBRE 2006 VERONA VERONA CONGRESS OUTCOME PATROCINI E COLLABORAZIONI MINISTERO DELLA SALUTE MINISTERO DELLA SOLIDARIETA SOCIALE NOP NATIONAL O J E C T OUTCOME P R Assessorato alle Politiche Sociali Assessore Stefano Valdegamberi O sservatorio

Dettagli

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Il CAS (Centro Assistenza Servizi): Aspetti organizzativi e criticità Dott. Vittorio Fusco ASO Alessandria La Rete Oncologica: obiettivi Rispondere all incremento

Dettagli

Candidato a Direttore Amministativo Dati anagrafici e Domanda di Iscrizione

Candidato a Direttore Amministativo Dati anagrafici e Domanda di Iscrizione 1 di 11 ID_Candidato 19 Nome Cognome Candidato a Direttore Amministativo Dati anagrafici e Domanda di Iscrizione fabrizio di bella Data_Nascita 31/01/1962 Luogo_Nascita Provincia_Nascita Residenza_Comune

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

Gestione dei problemi della persona anziana nei contesti di cura

Gestione dei problemi della persona anziana nei contesti di cura Dip.to di Continuità Assistenziale - U.O.C. di Geriatria Gestione dei problemi della persona anziana nei contesti di cura 1^ ed. 6 maggio 2014 Centro Servizi alla Persona Fondazione Zanetti di Oppeano

Dettagli

Mod. S4 Rev. 3 del 19/02/2013, Pagina 1 di 7 Programma di CORSO. Con il patrocinio di

Mod. S4 Rev. 3 del 19/02/2013, Pagina 1 di 7 Programma di CORSO. Con il patrocinio di Mod. S4 Rev. 3 del 19/02/2013, Pagina 1 di 7 Con il patrocinio di Corso di formazione ECM con metodo Problem Based Learning LE MALFORMAZIONI VASCOLARI CONGENITE: IL SOSPETTO DIAGNOSTICO E LA COMUNICAZIONE

Dettagli

TARZIA SALVATORE. s.tarzia@regcal.it

TARZIA SALVATORE. s.tarzia@regcal.it C U R R I C U L U M V I T A E F O R M A T O E U R O P E O INFORMAZIONI PERSONALI Nome TARZIA SALVATORE Telefono 0961 857310 Fax 0961 857279 E mail s.tarzia@regcal.it Nazionalità Luogo di Nascita Data di

Dettagli

CORSO ANTINCENDIO BASE

CORSO ANTINCENDIO BASE Evento formativo Corso di addestramento CORSO ANTINCENDIO BASE 1. Premessa Il D.Lgs. 81/2008 e D.M. 10.03.98 stabiliscono, tra l altro, i criteri per la valutazione dei rischi incendio nei luoghi di lavoro

Dettagli

Il Servizio sanitario regionale dell Emilia-Romagna e il nuovo welfare

Il Servizio sanitario regionale dell Emilia-Romagna e il nuovo welfare STRUTTURE, SPESA, ATTIVITÀ Il Servizio sanitario regionale dell Emilia-Romagna e il nuovo welfare PROGRAMMI LE STRUTTURE, LA SPESA, LE ATTIVITÀ AL 31.12.2008 I PROGRAMMI, I MODELLI ORGANIZZATIVI MODELLI

Dettagli

Convegno. riflessioni PRESENTAZIONE. Copernico, 38. Via. Rev. 0 del 19/10/2010. pag. 1 di 6

Convegno. riflessioni PRESENTAZIONE. Copernico, 38. Via. Rev. 0 del 19/10/2010. pag. 1 di 6 Convegno AL TERMINE DI TELEMACO riflessioni a margine dell esperienza svolta www.telemaco.regione.lombardia.it Codice evento: SDSS 10092/AE VENERDI 12 NOVEMBRE 2010, ore 10.000 18.00 Politecnico di Milano

Dettagli

Torino, 03 Gennaio 1963 Cod. Fisc. DLPLRA63A43L219E

Torino, 03 Gennaio 1963 Cod. Fisc. DLPLRA63A43L219E Curriculum Vitae Informazioni personali Cognome Nome DELPIANO Laura Indirizzo Via Torino n. 112 int. 2 10036 SETTIMO TORINESE Telefono 011.898.26.34 Mobile: 333.10.60.176 Fax 011.898.26.34 E-mail laura.delpiano@cespi-centrostudi.it

Dettagli

ENGLISH FOR NURSES 25 CREDITI ECM - ID: 1585-20939 IN PARTNERSHIP CON DE AGOSTINI

ENGLISH FOR NURSES 25 CREDITI ECM - ID: 1585-20939 IN PARTNERSHIP CON DE AGOSTINI ENGLISH FOR NURSES 25 CREDITI ECM - ID: 1585-20939 IN PARTNERSHIP CON DE AGOSTINI DESTINATARI: INFERMIERE, INFERMIERE PEDIATRICO INIZIO: 01/01/2012 FINE: 31/12/2012 COSTO: 84,70 (IVA INCLUSA) OBIETTIVI

Dettagli

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE D r. C a r l o D e s c o v i c h U.O.C. Governo Clinico Staff Direzione Aziendale AUSL Bologna Bologna 26 Maggio 2010 INDICATORE

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. ALEMANNO RICCARDO Data di nascita 21/02/1971

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. ALEMANNO RICCARDO Data di nascita 21/02/1971 INFORMAZIONI PERSONALI Nome ALEMANNO RICCARDO Data di nascita 21/02/1971 Qualifica I Fascia Amministrazione ASL CASERTA (EX ASL 1 e 2) Incarico attuale Dirigente ASL I fascia - Unità Operativa Veterinaria

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 Repertorio Atti n. 1161 del 22 febbraio 2001 Oggetto: Accordo tra il Ministro della sanità, il Ministro per la solidarietà sociale e le Regioni e Province

Dettagli

Curriculum Vitae Europass

Curriculum Vitae Europass Curriculum Vitae Europass Informazioni personali Cognome(i/)/Nome(i) Indirizzo(i) LO CONTE Maurizio Viale Tigli, 20, I, 83031, Ariano Irpino - (AV) Telefono(i) +390825871118 / +390825824605 Mobile +39335415735

Dettagli

Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Autorizzazione e vigilanza

Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Autorizzazione e vigilanza Dipartimento di Sanità Pubblica S a l u t e è S a p e r e Azioni di Prevenzione n. 2 28 Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Indice Presentazione Strutture Sanitarie Introduzione Contesto Risultati

Dettagli

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA ISTITUTO «LEONARDA VACCARI» PER LA RIEDUCAZIONE DEI FANCIULLI MINORATI PSICO - FISICI CORSO ECM Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento Sede corso:

Dettagli

LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA. Obiettivi della giornata. Obiettivi del progetto

LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA. Obiettivi della giornata. Obiettivi del progetto LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA Obiettivi della giornata Conoscere i presupposti normativi, professionali e deontologici della documentazione del nursing Conoscere gli strumenti di documentazione infermieristica

Dettagli

Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva.

Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva. Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva. Mario Saia CIO: Normativa Italiana Circolare Ministeriale 52/1985 Lotta contro

Dettagli

RESOCONTO DELL ATTIVITÀ ITÀ DEI COMITATI CONSULTIVI MISTI

RESOCONTO DELL ATTIVITÀ ITÀ DEI COMITATI CONSULTIVI MISTI RESOCONTO DELL ATTIVITÀ ITÀ DEI COMITATI CONSULTIVI MISTI DEGLI UTENTI DELL AZIENDA USL DI PIACENZA - 2003/2006 I Comitati Consultivi Misti degli Utenti dell Azienda USL di Piacenza dal gennaio 2003 al

Dettagli

Pronto Soccorso e Sistema 118

Pronto Soccorso e Sistema 118 PROGETTO PRONTO SOCCORSO E SISTEMA 118 Ministero della Salute Progetto Mattoni SSN Pronto Soccorso e Sistema 118 Ricognizione della normativa, delle esperienze, delle sperimentazioni, relativamente a emergenza

Dettagli

UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE

UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE L EVENTO ASSEGNERÀ CREDITI ECM Sabato 16 giugno 2012 ore 8,30 UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE SEDE DEL CORSO Via Masaccio, 19 MILANO PER ISCRIZIONI www.chirurgiavascolaremilano.it Il Convegno

Dettagli

Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012

Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012 Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012 martedì, 17 gennaio, 2012 http://www.lombardiasociale.it/2012/01/17/disegnato-il-percorso-di-riforma-delladi-per-il-2012/ L'analisi del Contesto E

Dettagli

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Lo scorso 8 febbraio nella sede del Comitato Consultivo, il Direttore Generale dell Azienda "Policlinico-Vittorio Emanuele", Armando Giacalone, il Direttore

Dettagli

STRANIERI TEMPORANEAMENTE PRESENTI STP PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE IN STRUTTURE PRIVATE ACCREDITATE PROCEDURA OPERATIVA. Aggiornamento dicembre 2013

STRANIERI TEMPORANEAMENTE PRESENTI STP PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE IN STRUTTURE PRIVATE ACCREDITATE PROCEDURA OPERATIVA. Aggiornamento dicembre 2013 STRANIERI TEMPORANEAMENTE PRESENTI STP PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE IN STRUTTURE PRIVATE ACCREDITATE PROCEDURA OPERATIVA Aggiornamento dicembre 2013 1 ASPETTI DI SISTEMA 2 PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

6032 6/7/2012 DIREZIONE GENERALE FAMIGLIA, CONCILIAZIONE, INTEGRAZIONE E SOLIDARIETA' SOCIALE

6032 6/7/2012 DIREZIONE GENERALE FAMIGLIA, CONCILIAZIONE, INTEGRAZIONE E SOLIDARIETA' SOCIALE 6032 6/7/2012 Identificativo Atto n. 248 DIREZIONE GENERALE FAMIGLIA, CONCILIAZIONE, INTEGRAZIONE E SOLIDARIETA' SOCIALE DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLA SPERIMENTAZIONE DEL NUOVO MODELLO DI VALUTAZIONE DEL

Dettagli

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE 7 TH QUALITY CONFERENCE Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE INFORMAZIONI DI BASE 1. Stato: Italia 2. Nome del progetto: La diffusione di Best Practice presso gli Uffici Giudiziari

Dettagli

Dirigente ASL II fascia - Dipartimento di Prevenzione - Servizio Igiene e Sanità Pubblica ex ASL NA5

Dirigente ASL II fascia - Dipartimento di Prevenzione - Servizio Igiene e Sanità Pubblica ex ASL NA5 INFORMAZIONI PERSONALI Nome Data di nascita 05/01/1959 Qualifica CAROTENUTO ADELE Dirigente Medico Amministrazione ASL NAPOLI 3 SUD (EX ASL 4 e 5) Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio Dirigente

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI CERTIFICAZIONE (ai sensi degli articoli 46 e 47 del D.P.R. 28 dicembre 2000, n. 445)

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI CERTIFICAZIONE (ai sensi degli articoli 46 e 47 del D.P.R. 28 dicembre 2000, n. 445) DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI CERTIFICAZIONE (ai sensi degli articoli 46 e 47 del D.P.R. 28 dicembre 2000, n. 445) Il sottoscritto Salvatore Silvano Lopez, nato a Milano, il 10 ottobre 1954, residente in

Dettagli

Tariffe a carico degli utenti nella RSA Anni Azzurri di Ancona. La sospensiva del TAR Marche

Tariffe a carico degli utenti nella RSA Anni Azzurri di Ancona. La sospensiva del TAR Marche Fabio Ragaini, Gruppo Solidarietà Tariffe a carico degli utenti nella RSA Anni Azzurri di Ancona. La sospensiva del TAR Marche Con Ordinanza 189/2010, www.grusol.it/informazioni/12-04-10.pdf, Il Tar delle

Dettagli

COS E CRES: CLIMA RESILIENTI

COS E CRES: CLIMA RESILIENTI COS E CRES: CLIMA RESILIENTI PROGETTO DI KYOTO CLUB VINCITORE DI UN BANDO DEL MINISTERO DELL AMBIENTE SUI PROGETTI IN MATERIA DI EDUCAZIONE AMBIENTALE E SVILUPPO SOSTENIBILE OBIETTIVI DEL PROGETTO CRES

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

Manuale informativo per l accesso alle Cure Domiciliari ed ai servizi integrativi (residenziali e semiresidenziali)

Manuale informativo per l accesso alle Cure Domiciliari ed ai servizi integrativi (residenziali e semiresidenziali) Ausl Roma H UO Assistenza Domiciliare, Senescenza Disabilità Manuale informativo per l accesso alle Cure Domiciliari ed ai servizi integrativi (residenziali e semiresidenziali) Troverai altre utili informazioni

Dettagli

Al Direttore Generale per l Università, lo Studente ed il Diritto allo studio universitario del Ministero Istruzione, Università e Ricerca

Al Direttore Generale per l Università, lo Studente ed il Diritto allo studio universitario del Ministero Istruzione, Università e Ricerca Parere n. 5 del 22/6/2011 Al Direttore Generale per l Università, lo Studente ed il Diritto allo studio universitario del Ministero Istruzione, Università e Ricerca Oggetto: Programmazione nazionale dei

Dettagli

Curriculum Vitae. Titoli di Studio e Professionali ed Esperienze Lavorative

Curriculum Vitae. Titoli di Studio e Professionali ed Esperienze Lavorative Curriculum Vitae Nome Da Campo Gianluigi Data di nascita 07.12.1958 Qualifica Dirigente di 1 livello Amministrazione Azienda 12 Veneziana Incarico attuale Responsabile di struttura semplice in chirurgia

Dettagli

BOZZA FUNZIONI DEL SERVIZIO SOCIALE PROFESSIONALE IN SANITÀ

BOZZA FUNZIONI DEL SERVIZIO SOCIALE PROFESSIONALE IN SANITÀ PREMESSA BOZZA FUNZIONI DEL SERVIZIO SOCIALE PROFESSIONALE IN SANITÀ La SALUTE è uno stato di pieno ben-essere fisico, mentale e sociale e non la semplice assenza di malattia o di infermità.il godimento

Dettagli

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PIANO DISTRETTUALE DEGLI INTERVENTI del Distretto socio-sanitario di Corigliano Calabro Rif. Decreto Regione Calabria n. 15749 del 29/10/2008 ANALISI DELBISOGNO

Dettagli

HYPERMAP IPERTENSIONE E DANNO D'ORGANO: DALLE LINEE GUIDA ALLA GESTIONE CLINICA DEL PAZIENTE IPERTESO

HYPERMAP IPERTENSIONE E DANNO D'ORGANO: DALLE LINEE GUIDA ALLA GESTIONE CLINICA DEL PAZIENTE IPERTESO HYPERMAP IPERTENSIONE E DANNO D'ORGANO: DALLE LINEE GUIDA ALLA GESTIONE CLINICA DEL PAZIENTE IPERTESO Generalità (per informazioni specifiche sui singoli corsi (date, sedi,) consultare il sito del provider

Dettagli

Cosa sappiamo sui costi dell assistenza sanitaria agli immigrati?

Cosa sappiamo sui costi dell assistenza sanitaria agli immigrati? Cosa sappiamo sui costi dell assistenza sanitaria agli immigrati? Patrizia Carletti, Osservatorio sulle Diseguaglianze nella Salute / ARS Marche Giovanna Valentina De Giacomi, Ares 118 Lazio Norma Barbini,

Dettagli

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II.

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. In esecuzione della deliberazione del Direttore generale n. 765 del 30.04.2013,

Dettagli

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura INTRODUZIONE L obiettivo è fornire la migliore cura per i pazienti con il coinvolgimento di tutto il personale

Dettagli

l_debellis@libero.it PUBBLICA AMMINSTRAZIONE - REGIONE MARCHE

l_debellis@libero.it PUBBLICA AMMINSTRAZIONE - REGIONE MARCHE CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome PASQUALE DE BELLIS Indirizzo Via Piave, nr. 20-60027 Osimo Stazione (AN) ITALIA Telefono 347 8228478 071 7819651 Fax E-mail pasquale.de.bellis@regione.marche.it

Dettagli

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post AGENZIA SANITARIA E SOCIALE REGIONALE ACCREDITAMENTO IL RESPONSABILE PIERLUIGI LA PORTA Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post D.Lgs. 229/99 I principi introdotti dal DLgs 502/92 art. 8

Dettagli

REaD REtina and Diabetes

REaD REtina and Diabetes Progetto ECM di formazione scientifico-pratico sulla retinopatia diabetica REaD REtina and Diabetes S.p.A. Via G. Spadolini 7 Iscrizione al Registro delle 20141 Milano - Italia Imprese di Milano n. 2000629

Dettagli

CORSO SULLE STRATEGIE DI COMUNICAZIONE AUMENTATIVA E ALTERNATIVA: DAL GIOCO ALL AUSILIO

CORSO SULLE STRATEGIE DI COMUNICAZIONE AUMENTATIVA E ALTERNATIVA: DAL GIOCO ALL AUSILIO Rif. Organizzatore 8568-10035201 IN COLLABORAZIONE CON ISTITUTO «LEONARDA VACCARI» PER LA RIEDUCAZIONE DEI FANCIULLI MINORATI PSICO - FISICI CORSO ECM CORSO SULLE STRATEGIE DI COMUNICAZIONE AUMENTATIVA

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Pintus Francesco Data di nascita 01/11/1971. Numero telefonico dell ufficio. Fax dell ufficio 079217088

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Pintus Francesco Data di nascita 01/11/1971. Numero telefonico dell ufficio. Fax dell ufficio 079217088 INFORMAZIONI PERSONALI Nome Pintus Francesco Data di nascita 01/11/1971 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio Dirigente Medico AZIENDA OSPEDALIERO UNIVERSITARIA DI SASSARI

Dettagli

Roma, 4 novembre 2013. Sergio Bovenga - Presidente Co.Ge.A.P.S.

Roma, 4 novembre 2013. Sergio Bovenga - Presidente Co.Ge.A.P.S. Roma, 4 novembre 2013 Sergio Bovenga - Presidente Co.Ge.A.P.S. Attori della governance del sistema ECM Commissione Nazionale per la Formazione Continua Supporto amministrativo regionale Osservatorio Consulta

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome E-mail PEC rdallanese@liuc.it raffaella.dallanese@odcecmilano.it Nazionalità Italiana Data di nascita 07,

Dettagli

Il Presidente: GNUDI. Il Segretario: SINISCALCHI

Il Presidente: GNUDI. Il Segretario: SINISCALCHI intermedi di lavorazione del plasma, eccedenti i fabbisogni nazionali, al Þ ne di prevenirne la scadenza per mancato utilizzo, anche con recupero dei costi di produzione. 8. Per l attuazione di quanto

Dettagli

nel mondo delle professioni e della salute

nel mondo delle professioni e della salute Una Aggiornamento storia che e si formazione rinnova nel mondo delle professioni e della salute una rete di professionisti, la forza dell esperienza, l impegno nell educazione, tecnologie che comunicano.

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome MONTU DOMENICO Data di nascita 26-03-1956 Amministrazione ASL CN1 Incarico attuale DIRETTORE SISP AMBITO FOSSANO-SALUZZO SAVIGLIANO Numero telefonico ufficio

Dettagli

PARTE SECONDA TITOLI E CRITERI DI VALUTAZIONE PER LA FORMAZIONE DELLE GRADUATORIE DI CUI ALL'ART. 21 DELL'ACCORDO.

PARTE SECONDA TITOLI E CRITERI DI VALUTAZIONE PER LA FORMAZIONE DELLE GRADUATORIE DI CUI ALL'ART. 21 DELL'ACCORDO. ALLEGATO A PARTE SECONDA TITOLI E CRITERI DI VALUTAZIONE PER LA FORMAZIONE DELLE GRADUATORIE DI CUI ALL'ART. 21 DELL'ACCORDO. TITOLI ACCADEMICI VOTO DI LAUREA Medici Specialisti ambulatoriali, Odontoiatri,

Dettagli

LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA

LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA Delibera di Giunta - N.ro 1999/1378 - approvato il 26/7/1999 Oggetto: DIRETTIVA PER L' INTEGRAZIONE DI PRESTAZIONI SOCIALI E SANITARIE ED A RILIEVO SANITARIO A FAVORE DI ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI ASSISTITI

Dettagli

Sistema informativo per il monitoraggio dell assistenza domiciliare

Sistema informativo per il monitoraggio dell assistenza domiciliare GLOSSARIO DEI TRACCIATI SIAD Sistema informativo per il monitoraggio dell assistenza domiciliare Dicembre 2011 Versione 4.0 SIAD Glossario_v.4.0.doc Pag. 1 di 35 Versione 4.0 Indice 1.1 Tracciato 1 Definizione

Dettagli

L analisi dei villi coriali

L analisi dei villi coriali 12 L analisi dei villi coriali Testo modificato dagli opuscoli prodotti dal Royal College of Obstetricians and Gynaecologists dell Ospedale Guy s and St Thomas di Londra. www.rcog.org.uk/index.asp?pageid=625

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA

REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA PREMESSA Il ricovero in ambiente ospedaliero rappresenta per la persona e la sua

Dettagli

Studio del manuale. Applicazioni internazionali del case management integrato: principi e pratica Conoscenza di base ed evoluzione futura Bibliografia

Studio del manuale. Applicazioni internazionali del case management integrato: principi e pratica Conoscenza di base ed evoluzione futura Bibliografia Indice Presentazione dell edizione originale Presentazione dell edizione italiana Prefazione Ringraziamenti Panoramica sulla diffusione del Metodo INTERMED La griglia INTERMED pediatrica per la valutazione

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO Il nucleo familiare è composto da : - Il richiedente l esenzione - il coniuge (non legalmente ed effettivamente separato) indipendentemente dalla sua situazione reddituale - dai familiari a carico fiscalmente

Dettagli