PRESENTAZIONE DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN SCIENZE INFERMIERISTICHE E OSTETRICHE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PRESENTAZIONE DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN SCIENZE INFERMIERISTICHE E OSTETRICHE"

Transcript

1 PRESENTAZIONE DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN SCIENZE INFERMIERISTICHE E OSTETRICHE Il corso di Laurea Magistrale in Scienze Infermieristiche ed Ostetriche dell Ateneo di Roma Tor Vergata ha deciso di dotarsi di un sistema di gestione per la qualità secondo la norma UNI EN ISO 9001:2000 dopo aver riflettuto sui principali modelli proposti in Europa. Tale scelta è nata inoltre sulla scia della certificazione del già presente Sistema di Gestione per la Qualità della scuola di Specializzazione in Igiene Medicina Preventiva diretta dal Prof. A. Panà. In considerazione della Politica della Qualità individuata dall Alta Direzione, volta alla formazione di Laureati Magistrali in linea con le attese del Mercato e degli Stakeholders da un lato, ed all erogazione di prestazioni di qualità che incontrassero la Customer Satisfaction dei Clienti/Studenti; il Sistema Gestione della Qualità è stato individuato come modello di monitoraggio delle performance e degli out come. La scelta pertanto è stata quella di lavorare al Manuale di Gestione della Qualità che recepisse tutti i punti della norma, ovvero dalla progettazione all erogazione di attività formative volte all immissione nel mercato dei laureati magistrali. Tale documento è a disposizione dei Clienti. La strutturazione del Sistema di Gestione della Qualità si è inoltre giovato dell apporto delle Linee guida dell UNI, nella profonda convinzione che, se il progetto Campus One aveva intaccato il principio dell autoreferenzialità del Sistema Universitario, troppo poco spazio veniva lasciato agli strumenti di valutazione sia per quanto riguarda le performance degli studenti sia per quelle dei Docenti. Anche le altre linee guida quali quelle ENQA, proposte come modello di valutazione del mondo accademico, si presentavano quali strumenti per valutare i volumi di attività e di prodotti immessi sul mercato senza però andare a misurare la qualità di quanto prodotto, ovvero la qualità della formazione prodotta. L Alta Direzione ha inteso perciò costruire il proprio sistema di Gestione per Qualità anche al fine di valutare le prestazioni erogate e le proprie risorse umane e ha definito un Contratto con il Cliente, ovvero un patto nel quale vengono definiti gli standard delle prestazioni erogate e il golden standard della formazione erogata che lo studente potrà visionare nel presente libretto. Il sistema ha recepito quale input da processare all interno dell erogazione dell offerta formativa i requisiti cogenti, ovvero cosa il Laureato Magistrale dovesse essere, saper essere e saper agire secondo i programmi del Ministero dell Università. I laureati magistrali infatti sono coloro che, grazie al piano di studi progettato, hanno approfondito, durante il percorso offerto, lo studio della disciplina e della ricerca delle scienze Infermieristiche ed Ostetriche ed alla fine del percorso formativo sono in grado di esprimere competenze avanzate di tipo educativo, preventivo, assistenziale, riabilitativo e palliativo, in risposta ai problemi prioritari di qualità dei servizi. In base alle conoscenze acquisite, sono in grado di tenere conto, nella programmazione e gestione del personale dell area sanitaria, sia delle esigenze della collettività, sia dello sviluppo di nuovi metodi di organizzazione degli interventi pedagogico-formativi nonché dell omogeneizzazione degli standard operativi a quelli dell Unione Europea. I laureati magistrali devono sviluppare, attraverso il piano formativo, anche a seguito dell esperienza maturata attraverso un adeguata attività professionale, un approccio integrato ai problemi organizzativi e gestionali delle professioni sanitarie, qualificato dalla padronanza delle tecniche e delle procedure del management sanitario, nel rispetto delle loro ed altrui competenze. È evidente che le conoscenze metodologiche da acquisire, garantiranno loro anche di intervenire nei processi formativi e di ricerca peculiari degli ambiti suddetti. L attuale modello universitario prevede una valutazione delle performance degli studenti attraverso l erogazione di un voto in trentesimi che vada a definire la formazione misurata in sede d esame dal Docente. Il sistema di Gestione per la Qualità che è stato attuato ha recepito tutte le norme cogenti ma ha anche individuato un algoritmo per la valutazione dei discenti che tenga conto non solo delle valutazioni di apprendimento da parte dei Docenti ma anche di valutazioni in itinere che sono il 1

2 risultato di attività tra pari progettate con il corpo docente al fine di accrescere le autonomie gestionali del Discente. Momento importante di partecipazione del Cliente/Discente è la Customer Satisfaction, ovvero la misura della soddisfazione del cliente rispetto alle attività formative che sono state erogate. Misurare la percezione qualitativa delle nostre performance è fondamentale in un ottica di miglioramento continuo, per recepire le attese dei clienti e i requisiti prestazionali attesi dagli Stakeholders al fine di formare Laureati Magistrali sempre in linea con le attese del mercato ed in grado di rispondere alle istanze delle aziende nelle quali sono chiamati ad operare. Vi è infine radicata convinzione che il mondo del lavoro possa offrire nuove istanze di miglioramento dell offerta formativa partendo dalle singole istanze locali e divenendo un linguaggio comune e condiviso. Il Presidente Prof. Augusto Panà 2

3 POLITICA PER LA QUALITÀ PER L ANNO ACCADEMICO La seguente formulazione della Politica per la Qualità deriva direttamente dai contenuti della mission del CdL. Il CdL si impegna ad applicarla estensivamente, per ottenere la costante conformità del Sistema di Gestione dei processi e dei prodotti, alla norma di riferimento ed ai requisiti dei clienti. Il CdL intende perseguire una programmazione che permetta nell arco dei due anni di durata delle attività, il raggiungimento delle conoscenze teoriche e degli obiettivi professionali riportati nel presente documento, nell ottica del miglioramento continuo attraverso il raggiungimento degli obiettivi per la qualità indicati al punto del Manuale della Qualità del CdL, visionabile a richiesta presso la Segreteria didattica del CdL. Il CdL stringe di fatto con il presente libretto esplicativo un Contratto con il Cliente/Discente nel quale sono comunicati sia gli obiettivi che devono essere raggiunti sia la modalità di misurazione della conformità del Discente/Cliente al progetto formativo. Per i prodotti conformi, il monitoraggio delle presenze avviene quotidianamente ma viene comunicato al Discente/Prodotto semestralmente. Il CdL valida la propria progettazione attraverso la pubblicazione del Libretto Viola che è evidenza oggettiva del contratto con il cliente. Per quanto concerne la programmazione e la pianificazione dell attività didattica, sia il Docente che il Discente sono oggetto di valutazione da parte del CdL. Il CdL si impegna a gestire eventuali reclami inerenti a disfunzioni della Didattica formale in 10 giorni ed in 12 quelli inerenti a disfunzioni relative al raggiungimento degli obiettivi professionalizzanti. Il CdL si impegna a individuare, acquisire e utilizzare risorse tecnologiche e Docenti in grado di offrire ai propri Clienti il programma formativo che garantisca da un lato il conseguimento dei risultati e dall altro la migliore competenza come richiesta dagli Stakeholders. Gli obiettivi che il CdL si impegna a garantire allo studente sono il conseguimento delle competenze atte a: AFFRONTARE PROBLEMI di salute di qualità dei servizi CON COMPETENZE AVANZATE assistenziali educative preventive AGENDO NEI PROCESSI assistenziali formativi gestionali (programmazione e gestione personale) di ricerca RISPETTANDO ALCUNI CRITERI esigenze della collettività nuovi metodi di organizzazione del lavoro innovazioni tecnologiche e informative esigenze formative pertinenti standard operativi della UE approccio integrato ai problemi organizzativo-gestionali CON PADRONANZA DI conoscenze scientifiche valori etici competenze professionali tecniche e procedure del management sanitario Per gli Obiettivi di Qualità progettati per l anno accademico, questi sono esplicitati nel Patto con il Cliente. Roma, 10 giugno Il Presidente Prof. Augusto Panà

4 CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN SCIENZE INFERMIERISTICHE E OSTETRICHE Finalità del corso Al termine del corso di studi, i laureati specialisti della classe, nell ambito della specifica figura professionale, sono in grado di: comprendere, attraverso i metodi epidemiologici, i bisogni sanitari della comunità ed i fattori socio culturali che l influenzano ai fini della programmazione dei servizi; costruire, sulla base dell analisi dei problemi di salute e dell offerta dei servizi, un sistema di standard assistenziale e di competenza professionale; applicare i fondamenti metodologici della ricerca scientifica all assistenza, all organizzazione dei servizi pertinenti ed alla ricerca; approfondire e sviluppare l analisi storico filosofica del pensiero assistenziale, approfondire i fondamenti teorici disciplinari al fine di analizzarli criticamente, produrre modelli interpretativi, orientare la ricerca e l assistenza pertinente; approfondire il processo decisionale per una soluzione efficace di problemi assistenziali ed organizzativi; analizzare i principali approcci metodologici relativi ai sistemi di classificazione dei fenomeni di interesse pertinenti; approfondire e rielaborare i principi e le tecniche della relazione di aiuto e della conduzione dei gruppi, approfondire le conoscenze delle influenze socio culturali e biopsichiche sul comportamento umano come base per una migliore comprensione di sé e degli altri; progettare e rendere operativi modelli assistenziali innovativi basati su risultati di ricerca per la prevenzione e gestione dei problemi prioritari di salute della comunità; supervisionare l assistenza pertinente e fornire consulenza professionale, utilizzando informazioni di comprovata evidenza scientifica, un approccio globale e personalizzato alle diverse esigenze degli utenti, applicando i modelli teorici e promuovendo il confronto multiprofessionale; progettare ed attuare modelli di organizzazione dei servizi infermieristici o ostetrici nell ambito dei servizi sanitari; progettare e coordinare interventi organizzativi e gestionali diversificati, finalizzati allo sviluppo di un efficace ed efficiente azione professionale; negoziare, selezionare, assegnare le risorse del personale tecnico in relazione agli standard di competenza professionale ed a carichi di lavoro delle specifiche aree assistenziali; valutare le competenze del personale per accrescerne le potenzialità professionali; contribuire alla definizione di un piano sistematico di miglioramento continuo della qualità e definire standard ed indicatori condivisi per la valutazione dell assistenza pertinente; progettare percorsi formativi di base, specializzanti e di formazione continua pertinenti ai bisogni dei destinatari e correlati ai problemi di salute e dei servizi; sviluppare l insegnamento disciplinare infermieristico o infermieristico pediatrico od ostetrico; sviluppare l analisi storica e filosofica del pensiero assistenziale infermieristico o infermieristico pediatrico od ostetrico; applicare le cognizioni fondamentali dei valori etico deontologici del rapporto tra la persona, la malattia, le istituzioni sanitarie e gli operatori al fine di sviluppare le capacità di giudizio etico e di assunzione delle responsabilità; sperimentare strategie ed interventi orientati alla complessità relazionale dell assistenza pertinente alla specifica figura professionale ed ai processi di educazione alla salute; gestire gruppi di lavoro e strategie per favorire processi di integrazione multiprofessionali ed organizzativi; approfondire i modelli di apprendimento dall esperienza per condurre processi di formazione professionalizzante; approfondire l applicazione di modelli e strumenti di valutazione dei processi di apprendimento, dell efficacia didattica e dell impatto della formazione sui servizi; applicare, in relazione allo specifico contesto operativo, metodologie didattiche formali e tutoriali; progettare e realizzare, in collaborazione con altri professionisti, interventi educativi e di sostegno del singolo e della comunità per l autogestione ed il controllo dei fattori di rischio e dei problemi di salute; identificare specifici problemi ed aree di ricerca in ambito clinico, organizzativo e formativo; verificare l applicazione dei risultati di ricerca in funzione del continuo miglioramento di qualità dell assistenza; sviluppare la ricerca e l insegnamento riguardo a specifici ambiti della disciplina pertinente alla specifica figura professionale e dell assistenza; analizzare l evoluzione ed i cambiamenti dei sistemi sanitari; approfondire le strategie di gestione del personale ed i sistemi di valutazione dei carichi di lavoro; approfondire i sistemi di valutazione ed accreditamento professionale. 4

5 Durata del corso Il Corso ha durata biennale per un totale di 120 C.F.U. ed è suddiviso in semestri. La frequenza è obbligatoria. Il corso si conclude con una prova finale che consiste nella discussione di un elaborato di natura teoricoapplicativa e da una prova di dimostrazione di abilità pratiche. Requisiti specifici e criteri di ammissione al 1 anno Possesso di diploma di scuola media superiore. Possesso di una laurea di primo livello afferente alla classe delle lauree nelle professioni sanitarie infermieristiche e professione sanitaria ostetrica o di altro titolo di studio conseguito in base alla normativa precedente e ritenuto equipollente ai sensi delle leggi 26/2/1999 n. 42 e 10/8/2000 n. 251 purché in possesso di 180 C.F.U.. Selezione mediante una prova scritta consistente in un test a scelta multipla e inserimento nella graduatoria di merito (bando annuale). Ambiti operativi professionali I laureati possono operare nell ambito didattico organizzativo in strutture sanitarie ospedaliere ed extra ospedaliere, in strutture pubbliche e private convenzionate o in regime di libera professione. È possibile consultare il Regolamento Didattico del corso presso: Facoltà di Medicina e Chirurgia Segreteria Studenti: Via Montpellier, Roma tel fax Direzione Didattica: Via Montpellier, Roma tel. e fax Il Corso di Laurea Magistrale predispone un sito web contenente tutte le informazioni utili agli studenti, al personale docente, al personale amministrativo e cura la massima diffusione del relativo indirizzo anche nel mondo della scuola, organizzazioni rappresentative a livello locale, del mondo della produzione dei servizi e delle professioni: Referenti Prof. Augusto Panà - tel Prof. Emilio Piccione - tel Prof. Rosaria Alvaro - tel Dott. Simona Sarta - tel

6 PROGETTI EUROPEI ED INTERNAZIONALI DI SCAMBIO E ACCORDI DI COOPERAZIONE INTERUNIVERSITARI L Area Internazionale dell Università degli Studi di Roma Tor Vergata, in accordo con la dichiarazione di Bologna sottoscritta il 19 giugno 1999 e il Consiglio europeo di Lisbona del 23 e 24 marzo 2000, si pone l obiettivo di porre l Ateneo al passo dell evoluzione del processo di integrazione interculturale europeo ed extraeuropeo attraverso l incontro e lo scambio della conoscenza tra varie culture. In relazione a tale obiettivo essa ha il compito di promuovere, elaborare e gestire accordi e programmi di cooperazione didattico-scientifica a livello multilaterale e bilaterale, di coordinare le procedure relative ai programmi comunitari di ricerca e sviluppo tecnologico, di implementare la formazione attraverso scambi di docenti e studenti e di essere di supporto nel processo di internazionalizzazione dell Ateneo: Programma LLP/Erasmus/Placement: ha lo scopo di incentivare lo scambio degli studenti delle varie università europee, sia per sostenere esami in una Università partner nell arco di almeno un semestre, sia per compiere una esperienza lavorativa extrauniversitaria di sei mesi in una impresa dei Paesi della Comunità prima della fine del percorso formativo; Erasmus Mundus External Cooperation Window: L Università di Tor Vergata partecipa ad un programma di scambio con 8 Università europee e 11 Università internazionali: India, Bangladesh, Pakistan, Afghanistan, Indonesia, Nepal, Butan e della Thailandia, nel quadro della cooperazione esterna Erasmus Mundus Programme (EMECW), sostenuta e finanziato dalla Commissione Europea, Programma Fulbright: Programma di scambi culturali tra l Italia e gli Stati Uniti; concede borse di studio finanziate dai due paesi; Parlamento Europeo: per due, tre o quattro volte l anno, accetta domande di tirocinio con lo scopo di contribuire alla formazione professionale dei cittadini e di permettere loro di familiarizzare con il funzionamento del Parlamento stesso Viaggi d istruzione: Pratica presso il Medical College della Jagiellonian University di Cracovia; JPO Programme: Programma Esperti Associati e Giovani Funzionari delle Organizzazioni Internazionali di cooperazione tecnica multilaterale finanziata dal Ministero degli Affari Esteri, Direzione Generale per la Cooperazione allo Sviluppo; Stage presso le istituzioni comunitarie: possibilità di svolgere tirocini professionali per brevi periodi, a volte retribuiti con borse di studio. Lo stage presso una delle Istituzioni europee è un esperienza importante che consente ai giovani di svolgere il proprio lavoro di apprendimento e di lavoro in un ambiente particolarmente stimolante; Viaggi di istruzione: fondo per effettuare viaggi di istruzione in Italia e all estero, al fine di approfondire temi affrontati durante lo svolgimento dei corsi di Laurea: Vulcanus in Giappone: Il Programma è finalizzato a migliorare la cooperazione industriale tra il Giappone e l Unione europea offrendo a studenti europei l opportunità di effettuare un tirocinio presso un industria giapponese di spicco; Leonardo da Vinci - Programma LLP: progetto JOBS-4-GRADUATES nell ambito del Lifelong Learning Programme.Il progetto è finanziato dalla Commissione europea ed offre a studenti neo laureati la possibilità di compiere un esperienza di formazione professionale in un impresa dell Unione Europea, dello Spazio Economico Europeo e dei paesi associati al Programma, Ufficio speciale per le Relazioni Internazionali orario di ricevimento al pubblico: lunedì/mercoledì: ore 10-12; martedì/giovedì: ore 15-16; 6

7 PRIMO ANNO TOTALE CREDITI 60 TOTALE ORE DI TEORIA 1125 TOTALE ORE DI TIROCINIO 375 I Semestre SSD Corsi integrati CFU C.I. Filosofia Pedagogia e Psicologia 8 MED/02 Storia della Medicina 2 M-FIL/02 Logica e Filosofia della Scienza 2 M-PED/01 Pedagogia Generale e Sociale 2 M-PSI/01 Psicologia generale 2 C.I. Scienze Inf. Cliniche Pedagogiche e dell Organizzazione 1 4 MED/45 Scienze Infermieristiche Generali Cliniche e Pediatriche 4 C.I. Scienze Umane e Psicopedagogiche 6 M-DEA/01 Antropologia 2 M-PSI/05 Psicologia Sociale 2 SPS/07 Sociologia Generale 2 II Semestre SSD Corsi integrati CFU C.I. Metodologia della Ricerca Infermieristica 1 8 INF/01 Informatica 2 MED/01 Statistica Medica 1 MED/42 Igiene Generale ed Applicata - Epidemiologia 2 MED/45-47 Scienze Infermieristiche 3 C.I. Scienze Inf. Cliniche Pedagogiche e dell Organizzazione 2 4 MED/45-47 Scienze Infermieristiche 2 M-FIL/03 Filosofia Morale 2 C.I. Scienze Infermieristiche e della Prevenzione dei Servizi Sanitari 7 MED/40 Ginecologia ed Ostetricia 2 MED/42 Igiene Generale ed Applicata - Educazione Sanitaria 2 MED/44 Medicina del Lavoro 2 MED/45-47 Scienze Infermieristiche 1 L-LIN/12 Inglese Idoneità 2 MED/45-47 A Scelta dello Studente - Idoneità 3 MED/45-47 Altre Attività - Idoneità 3 Tirocinio Clinico Pratico I Anno MED/45-47 Scienze Infermieristiche 15 7

8 SECONDO ANNO TOTALE CREDITI 60 TOTALE ORE DI TEORIA 1125 TOTALE ORE DI TIROCINIO 375 I Semestre SSD Corsi integrati CFU C.I. Management Sanitario 6 SECS-P/02 Politica Economica 2 SECS-P/07 Economia Aziendale 2 SECS-P/10 Organizzazione Aziendale 2 C.I. Scienze Inf. Cliniche Pedagogiche e dell Organizzazione 3 7 MED/45 Scienze Infermieristiche Generali Cliniche e Pediatriche 3 M-PSI/06 Psicologia del Lavoro e delle Organizzazioni 2 SPS/09 Sociologia dei Processi Economici e del Lavoro 2 C.I. Legislazione e Politiche Sanitarie 6 IUS/07 Diritto del Lavoro 2 IUS/10 Diritto Amministrativo 1 MED/42 Igiene Generale ed Applicata Organizzazione Sanitaria 1 MED/43 Medicina Legale 2 II Semestre SSD Corsi integrati CFU C.I. Metodologia della Ricerca Infermieristica 2 7 BIO/14 Farmacologia 2 ING-INF/05 Sistemi di Elaborazione delle Informazioni 2 MED/45 Scienze Infermieristiche Generali Cliniche e Pediatriche 2 SECS-S/02 Statistica per la Ricerca Sperimentale e Tecnologica 1 C.I. Scienze Infermieristiche Psicopedagogiche Applicate 5 MED/45 Scienze Infermieristiche Generali Cliniche e Pediatriche 4 M-PSI/04 Psicologia dello Sviluppo dell Educazione 1 C.I. Scienze Inf. Applicate alla Sociologia ed alla Didattica 4 MED/45 Scienze Infermieristiche Generali Cliniche e Pediatriche 2 M-PED/03 Didattica e Pedagogia Speciale 2 L-LIN/12 Inglese 2 MED/45-47 A Scelta Dello Studente - Idoneità 3 MED/45-47 Prova Finale 5 Tirocinio Clinico Pratico II Anno MED/45-47 Scienze Infermieristiche 15 8

9 PRIMO ANNO - PRIMO SEMESTRE Primo Anno TOTALE ORE DI TEORIA 1125 CFU 45 TOTALE ORE DI TIROCINIO 375 CFU 15 C.I. DI FILOSOFIA, PEDAGOGIA E PSICOLOGIA CREDITI 8 Obiettivo generale: Lo studente dovrà essere in grado di individuare ed analizzare l evoluzione delle discipline in rapporto ai temi di promozione e difesa dello stato di salute nelle comunità con lo scopo di leggere dinamicamente i bisogni della popolazione. MED/02 - STORIA DELLA MEDICINA 2 CFU Obiettivi specifici: Analizzare l evoluzione storica dei servizi sanitari e dell assistenza infermieristica ed ostetrica in rapporto all evoluzione dei bisogni di salute della società italiana. La teoria umorale e alienazione; Concetto di benessere emalattia; Galeno eziopatogenesi e la terapia della melanconia; Medioevo e demologia; la concezione demologia; la teoria di Weyer; la rivoluzione paracelsiana; la latrochimica e la latrofisica; l evoluzione della storia della medicina dal XVI secolo ad oggi. 1. Mancini G., La Scienza della vita, Ed. MMI Aracne, M-FIL/02 - LOGICA E FILOSOFIA DELLA SCIENZA 2 CFU Obiettivi specifici: Lo studente dovrà essere in grado di identificare e descrivere l evoluzione della disciplina ed individuare le teorie che influenzano l evoluzione ricerca scientifica in ambito sanitario e che possono influenzare l evoluzione della ricerca in campo infermieristico ed ostetrico. Introduzione ai problemi della medicina: concetto di tutela, trasformazioni etico-culturali, scientismo ed economicismo, problemi di demedicalizzazione; Medicina come scienza bio-etica: statuto, canone, procedimento, metodo, confronti metodologici, olismo e riduzionismo, caratteristiche, meriti, limiti; La complessità del concetto di malato: Essere e fenomeno, Malato soggetto, Malato persona; Malato intenzionale, Malato indeterminato, Il malato come stile, Il malato come scelta; Struttura concettuale della medicina: apparato concettuale, modelli logica del ragionamento medico, il problema del significato, il problema dell osservazione, il problema della verificazione, il problema della spiegazione, medicina della scelta; Complessità del concetto di cura: mezzi e fini, pazienti esigenti esistenti, prescrittività, effettività ed effetticità, accadimento, cura come identità, il soggetto della cura, la terza cura,rapporti tra filosofia e scienza; Introduzione all ontologia medica; Introduzione al dipartimento di filosofia medica. 1. Cavicchi I.: Ripensare la medicina; 2. Cavicchi I.: La clinica e la relazione; 3. Cavicchi I.: Filosofia della pratica medica; 4. Cavicchi I.: Salute e federalismo; 5. Cavicchi I.: La medicina della scelta. Tutti Ed. Bollati e Boringhieri M. 9

10 M-PED/01 - PEDAGOGIA GENERALE E SOCIALE 2 CFU Obiettivi specifici: Identificare le linee di evoluzione della disciplina ed individuare le teorie e i modelli che influenzano le attuali strutture educative e gli ambiti di ricerca pedagogica avanzata. Momenti della storia della pedagogia; Strategie per l eguaglianza delle opportunità formative; La pedagogia: da filosofia a scienza dell educazione: sviluppo storico delle competenze professionali; Apprendimento e insegnamento; La ricerca pedagogica e suoi ambiti; la scuola come ambiente speciale; la formazione come esperienza di crescita continua; La figura del formatore da insegnante a tutor il trasmettitore di saper diventare facilitatore di apprendimento; Insegnamenti individualizzati: ritmi e stili cognitivi; Obiettivi didattici e programmazione; Le tecnologie educative; Metodi di verifica dell apprendimento; Metodologie di sperimentazione didattica; La pedagogia sperimentale; Lavoro di gruppo. A cura del docente. M-PSI/01 - PSICOLOGIA GENERALE 2 CFU Obiettivi specifici: Si attende che lo studente acquisisca le conoscenze di base sullo sviluppo storico della ricerca scientifica su temi di rilevanza psicologica con particolare riguardo al problema mente-corpo. La psicologia come scienza (articolazione teorica e metodologica); Le grandi scuole psicologiche del 900; Lo sviluppo delle conoscenze sul rapporto mente-corpo, mente-cervello; La neuropsicologia contemporanea: modelli teorici e tecniche di indagine ( vedere le funzioni mentali nel cervello in azione: il brain imaging ). Bibliografia 1. Morabito C.: La mente nel cervello, Ed. Laterza - dispense e/o appunti consegnati dal docente durante il corso. 10

11 C.I. DI SCIENZE INFERMIERISTICHE CLINICHE PEDAGOGICHE E DELL ORGANIZZAZIONE 1 CREDITI 4 Obiettivo generale: Lo studente dovrà essere in grado di individuare i problemi prioritari di salute nell ambito nazionale ed internazionale ed analizzarne le implicazioni per la pratica clinica e gestionale nei servizi sanitari, infermieristici e/o ostetrici; definire e realizzare programmi assistenziali per situazioni ad elevata complessità MED/45 - SCIENZE INFERMIERISTICHE GENERALI CLINICHE E PEDIATRICHE Obiettivi specifici: Fornire agli studenti le conoscenze necessarie ad orientarli nella gestione di problematiche complesse di natura assistenziale, organizzativa e formativa che interessano le persone anziane, a livello della singola istituzione sanitaria, a livello regionale e nazionale e nel settore delle Cure Palliative. In particolare gli studenti dovranno essere in grado di: Descrivere le caratteristiche del nuovo modello di assistenza infermieristica geriatrica; Individuare i problemi clinici critici dell assistenza geriatrica; Definire le strategie per l applicazione dell EBP nei contesti di assistenza agli anziani Identificare i percorsi formativi più idonei per rispondere ai bisogni della popolazione anziana Descrivere le competenze professionali delle varie figure infermieristiche per l ottimale inserimento nei servizi; Individuare nuove forme di erogazione dell assistenza adatte ai bisogni delle persone anziane. conoscere i principali frame work teorici relativi alle Cure Palliative (Italia- USA- Europa) conoscere la normativa italiana e regionale che istituisce e regolamenta il settore delle cure palliative individuando le principali pertinenze al ruolo del Laureato magistrale individuare e diffondere evidenze relative allo sviluppo dell assistenza in Cure Palliative inerenti il controllo dei sintomi e la qualità della vita conoscere e scegliere strumenti per la valutazione della qualità della vita individuare le salienze relative ai differenti setting di cura, progettando l applicazione di modelli assistenziali utilizzando set appropriati di indicatori conoscere i principali frame work teorici relativi al tema dell Educazione terapeutica in ambito oncologico e palliativo individuare gli elementi della progettualità in Educazione terapeutica in ambito oncologico e cure palliative conoscere e progettare interventi educativi rivolti a singoli o a gruppi di malati e caregiver, per migliorare il trattamento dei sintomi e la qualità della vita applicare differenti metodologie, tecniche e strumenti all interno dei programmi di educazione terapeutica in ambito dell oncologia e cure palliative. I pregiudizi e il valore sociale dell anziano; il valore dell assistenza geriatria e dell anziano perché gli studenti/infermieri non vogliono lavorare con gli anziani: cause culturali, organizzative, professionali basi su cui fondare un nuovo modello di assistenza geriatria. La formazione in assistenza geriatrica a livello di laurea triennale, master e magistrale.le competenze del laureato magistrale e dell infermiere con master. Modelli organizzativi assistenziali in geriatria. Fornire allo studente una panoramica sulle più importanti problematiche assistenziali, organizzative, di formazione e di ricerca dell infermieristica in oncologia e di stimolare una riflessione critica sugli stessi. In particolare si propone di fornire conoscenze, esemplificazioni e strumenti per implementare metodologie di EBN, di ricerca bibliografica e di ricerca infermieristica applicata all oncologia. Le cure palliative in Italia, Europa e USA Studio NODOL per presentare la situazione italiana Legislazione italiana in materia di Cure Palliative Legislazione regionale in materia di Cure Palliative Caratteristiche cliniche delle cure palliative (oncologia, cardiologia, nefrologia, neurologia) 11

12 Studio ISDOC per presentare la situazione italiana Sintomi principali, prevalenti, impattanti. Il punto di vista del malato (la qualità della vita), dell operatore (la qualità dell assistenza) e del caregiver (qualità della convivenza). Strumenti di valutazione della qualità della vita Studio EOLO per presentare la situazione italiana I setting di cura e la loro organizzazione: da servizio a rete Studio MACONDO per presentare un esperienza Caratteristiche dell educazione terapeutica Educazione terapeutica in oncologia e cure palliative La progettazione di interventi educativi in ambito oncologico e cure palliative Metodologie, tecniche e strumenti adeguati per la realizzazione di programmi di educazione terapeutica rivolta a malati o caregiver singoli o in gruppo. 1. Department of Health Caring for older people: a nursing priority. Integrating knowledge, practice and values. Report by the nursing and Midwifery Advisory Committee England, Disponibile su 2. Squaglia S., Matarese M. Studio qualitativo sui fattori che influenzano la scelta degli infermieri di lavorare con gli anziani. Assistenza infermieristica e ricerca 2007, 26, 2: Matarese M., Ivziku D., Tartaglini D., Piredda M., De Marinis M.G. Perché gli studenti infermieri non scelgono di lavorare con gli anziani? Una revisione della letteratura. Int Nurs Persp 2008; 8(2): IPASVI. Rapporto master. Sanità e salute: master infermieristici per innovare e migliorare il sistema. L infermiere 2007; 6: Matarese M, Quaggia G. La formazione geriatrica e gerontologica nei corsi di laurea in infermieristica: un indagine nazionale. Professioni Infermieristiche Evidence based practice information sheets for health professionals. Disponibili su: 7. Vario M. L approccio multidimensionale rivolto all anziano fragile. Una revisione della letteratura. Professioni infermieristiche 2008 Apr-Jun; 61(2): Hartford Institute for Geriatric Nursing. NICHE Models. Available from: Manthey M. La pratica del primary nursing. Milano: Pensiero Scientifico, Mazzara B. Stereotipi e pregiudizi. Bologna: Il Mulino, IPASVI. Linee guida per un progetto di laurea specialistica in scienze infermieristiche. Roma: IPASVI, Parte I: Introduzione e capitolo 1; Parte II: capitolo 1 e Berger et al (2005) Oncology nursing Society year 2004 research priorities survey. Oncolog Nurs Forum 32(2): Bonadonna G., Robustelli Della Cuna G., Valagussa P. Medicina Oncologica. Masson Editore VII edizione. 14. Chiari P., Mosci D., Naldi E. (2006) L infermieristica basata su prove di efficacia - Guida operativa per l Evidence Based Nursing. McGraw- Hill: Milano. 15. De Marinis M.G., Piredda M. Assistenza infermieristica in oncologia. In: Oncologia Medica Pratica, eds: Lopez M., Cascinu S., Gebbia N., Marchetti P., 2009 (III Edizione) Roma: Società Editrice Universo. 16. Molassiotis A., Gibson F., Kelly D., Richardson A., Dabbour R., Ahmad A., Kearney N.A. Systematic Review of Worldwide Cancer Nursing Research: 1994 to Cancer Nurs 2006; 29: Padberg L.F., Padberg R.M. (2000), Patient education and support in Cancer Nursing Groenweld (eds) Blackwell. 18. Pangiusco G., Ramon N., Menegato R., Matteazzi F. (2000), Lineeguida e protocolli nell assistenza oncoematologica. Mc Graw-Hill, Milano. 19. Dispense a cura del docente. 12

13 C.I. DI SCIENZE UMANE E PSICOPEDAGOGICHE CREDITI 6 Obiettivo generale: Lo studente dovrà essere in grado di individuare ed analizzare le componenti e le dinamiche sociali e psicologiche relative alla promozione della sicurezza e dello stato di salute del gruppo. M-DEA/01 ANTROPOLOGIA 2 CFU ANTROPOLOGIA GENERALE Obiettivi specifici: Lo studente dovrà essere in grado di interpretare e ridefinire il concetto di cultura e multiculturalismo: individuare le differenze e gli elementi comuni nel processo di mondializzazione nelle tematiche di promozione e recupero della salute. I tempi e le modalità dell evoluzione dei Primati e dell uomo; Il Pleistocene e la diaspora delle forme ominidi; il genere Homo e le popolazioni attuali; la crescita della popolazione umana e i fattori che la determinano; la variabilità biologica delle popolazioni umane: principi di genetica di popolazioni; dinamica delle frequenze geniche; variabilità dei caratteri qualitativi nelle popolazioni umane (gruppi sanguinei; varianti Hb; varianti G6PD; talassemie; proteine sieriche; isoenzimi; immunoglobuline; sistema di istocompatibilità HL-A; variazioni del DNA e DNA mitocondriale); l accrescimento umano; l adattamento umano; concetto di omeostasi e capacità di adattamento dell uomo ai diversi ambienti fisici; lo stress nutrizionale; le malattie infettive e la loro influenza sulla variabilità e la crescita demografica delle popolazioni umane. Dispensa e materiali bibliografici a cura del Docente. ANTROPOLOGIA CULTURALE Obiettivi specifici: Fornire agli studenti le conoscenze antropologico-culturali necessarie a svolgere il proprio lavoro in base ai fondamentali concetti di alterità culturale (cultural diversity) e di competenza culturale (cultural competence), in modo che siano in grado di stabilire con i pazienti congrue relazioni interculturali (cultural congruence), comprendendo che la loro attività di assistenza e cura, parte integrante del processo terapeutico globale, può raggiungere adeguata efficacia e produttività soltanto attraverso un corretto dialogo tra personale medico-sanitario e pazienti, rispettoso delle alterità culturali. Questo specialmente con colleghi e pazienti appartenenti a culture altre, sempre più numerosi nelle nostre strutture sanitarie. I fondamentali concetti dell antropologia culturale: il concetto antropologico di cultura, i fattori della cultura, i processi della dinamica culturale, le culture altre. L antropologia culturale medica: I concetti di salute, malattia, terapia, cura, guarigione, vita e morte. Il concetto di corpo nelle varie culture. L antropologia culturale infermieristica: origini storiche dell infermieristica transculturale, con particolare attenzione alle sue radici antropologico-culturali; analisi critica della necessità dell infermieristica transculturale nella società contemporanea; analisi critica delle teorie e dei paradigmi prevalenti nell infermieristica attuale alla luce delle prospettive antropologico-culturali; identificazione delle risorse utili offerte dall infermieristica transculturale per il miglioramento dell attività di assistenza e cura. 13

14 Testo obbligatorio: 1. Leininger M. M., Marilyn R. McFarland, 2004, Infermieristica Transculturale. CEA. (HOEPLI). I primi due capitoli. 2. Urli, N., 1999, L ambiguità del corpo nelle cure infermieristiche. Uno sguardo antropologico sul rapporto tra nursing e corporeità. Milano: C E A. 3. Volpini, D, e Longo, E., 2010, Dispensa, Da scaricare gratis dal sito web: accademia.edu/domenico volpini/teaching. Altri testi orientativi antropologia infermieristica: 1. Andrews M. M., Boyle J. S., (Eds.), 2007, Transcultural Concepts in Nursing Care. Lippincott: Williams & Wilkins. 2. Cozzi D. e Nigris D., 1996, Gesti di cura. Elementi di metodologia della ricerca etnografica e di analisi socioantropologica per il nursing. Paderno Dugnano (MI): Coop. Colibrì, 3. Galanti, G.-A., 2008, Caring for Patients from Different Cultures. Philadelphia: University of Pennsylvania Press. 4. Leininger M., 1971,Nursing and Antropology: Two Worlds Blend. Hoboken, NJ: John Wiley & Sons Inc. 5. Leininger M.,1978, Transcultural Nursing: Concepts, Theories, and Practices. N. Y.: McGraw-Hill Companies, Inc.. 6. Leininger M. M., McFarland M. R., 2005, Culture Care Diversity and Universality: A Worldwide Nursing Theory. Sudbury, MA: Jones & Bartlett. 7. Lipson J. G, Dibble S. L. (Eds.), 2005,Culture & Clinical Care. San Francisco CA: UCSF Nursing Press. 8. Loirdi, M.-N., 1995, Respect de la composante culturelle dans le cadre des soins infirmiers. Perpignan, France: Institut de Formation en Soins Infirmiers. CHG. 9. Mishler E. G. (Ed.), 1981, Social contexts of health, illness and patient care. Cambridge: Cambridge University Press. 10. Purnell Larry D., Paulanka Betty J., (Eds.), 2008, Transcultural Health Care: A Culturally Competent Approach. Philadelphia, PA: F. A. Davis Company. 11. Urli, N., 1999, L ambiguità del corpo nelle cure infermieristiche. Uno sguardo antropologico sul rapporto tra nursing e corporeità. Milano: C E A. M-PSI/05 - PSICOLOGIA SOCIALE 2 CFU Obiettivi specifici: Al termine del corso lo studente dovrà essere in grado di Individuare ed analizzare le dimensioni psicologiche sociali che riguardano l appartenenza, la vita di gruppo, la sicurezza e la protezione del gruppo sociale. Definizione di Psicologia sociale; studio e applicazione della psicologia sociale; il concetto di professione e professionalità; Il campo sociale, la teoria di Kurt Lewin; i gruppi e la psicologia sociale: definizione e classificazione dei gruppi; studio dei membri del gruppo:la dinamica dei gruppi. Applicazioni in psicologia sociale: il disadattamento, il disadattamento e la malattia, fattori psicosociali della malattia; La comunicazione umana, le reazioni del malato alla malattia; Il rapporto Operatore paziente e Operatore istituzione. La formazione dell Operatore sanitario. I metodi didattici comprendono lezioni frontali, esercitazioni e workshop. 1. Appunti e le dispense a cura del docente. 2. Di Sauro R. (2008), La vita e la morte storie vissute di operatori sanitari, Aracne, Roma. 3. Di Sauro R. (2007) Principi di psicologia clinica per l Operatore sanitario, Aracne, Roma. 4. Di Sauro R., Alvaro R. (2008), Processi relazionali e istituzioni sanitarie, Aracne, Roma. 5. Di Sauro R. De Blasi V. (2008), Psicologia sociale e contesto sanitario, Aracne, Roma. Facoltativi: 1. Di Sauro R. Bertiè S. (2006), La genitorialità percorsi di crescita e fattori di rischio psicopatologico. 14

15 2. Di Sauro R., Ciccone G. (2007), Mielosione e sessualità indicazioni per la presa in carico, Aracne. SPS/07 - SOCIOLOGIA GENERALE 2 CFU Obiettivi specifici: Lo studente dovrà essere in grado di individuare e analizzare l evoluzione della disciplina con particolare riferimento alle dinamiche sociali per lo sviluppo e il mantenimento della sicurezza e della salute; individuare la metodologia della ricerca sociale I fondatori della Sociologia: Auguste Comte e Emile Durkheim; Sviluppo della Sociologia nei secoli XIX e XX; Germania: Karl Marx, Marx Weber e Georg Simmel ; Gran Bretagna : Herbert Spencer; Italia: Gaetano Mosca e Wilfredo Pareto; XX Secolo: La Sociologia negli Stati Uniti; La Scuola di Chicago; La Teoria dell Interazione Simbolica: Charles Norton Cooley e George Herbert Mead; Harvard ed il Funzionalismo Strutturale: Talcott Parsons e Robert Merton; Teorie dopo la 2 metà del XX secolo; Socializzazione, Gruppi, Istituzioni,; Ruolo e Status, Entropia sociale; Sociologia dell organizzazione, Sociologia della Medicina; Formulazione del problema; Definizione del disegno della ricerca; Tecniche e strumenti di rilevazione, L analisi dei dati. Dispensa e materiali bibliografici a cura del Docente 15

16 PRIMO ANNO - SECONDO SEMESTRE C.I. DI METODOLOGIA DELLA RICERCA INFERMIERISTICA 1 CREDITI 8 Obiettivo generale: Al termine del Corso Integrato di lo studente dovrà essere in grado di utilizzare gli strumenti teorici e pratici per descrivere e spiegare i fenomeni riguardanti la soddisfazione dei bisogni fondamentali dell uomo, per delinearne le tendenze e per rivedere modalità assistenziali e organizzative. INF/01 - INFORMATICA 2 CFU Obiettivi specifici: Acquisire lo strumento informatico con dimestichezza e proprietà ed utilizzarlo come strumento di ricerca delle informazioni e aggiornamento individuale o per la gestione della propria attività. Struttura del computer hardware - periferiche; Dall accensione alla interpretazione delle informazioni a video; Dall esecuzione delle attività al controllo delle impostazioni; Le reti di computer; I programmi: di utilità personale, per l elaborazione testi, per il calcolo con il foglio elettronico, per la presentazione di informazioni, per la navigazione su internet, per la realizzazione di database; Il sistema informativo ospedaliero Dispensa e materiali bibliografici a cura del Docente. MED/01 - STATISTICA MEDICA 1 CFU Obiettivi specifici: Al termine del corso lo studente dovrà essere in grado di rilevare analizzare organizzare elaborare i dati relativi a fenomeni sanitari complessi utilizzando la metodologia statistica e di programmare e adattare gli interventi infermieristici sulla base dei dati raccolti. Elementi di statistica descrittiva: indici di tendenza centrale, indici di variabilità assoluti e relativi, rappresentazione grafica, errore standard. Elementi di statistica inferenziale. Analisi della varianza: confrontare due gruppi (t-test); più di due gruppi (anova ad una dimensione); anova fattoriale; t-test per dati appaiati e le sue alternative; anova per misure ripetute. Statistica non parametrica: test di significatività per frequenze di dati categorici. Regressione semplice e correlazione. 1. G.R. Norman, D.L. Streiner, Biostatistica, Ed. Ambrosiana. 2. Stanton A. Glantz: Statistica per discipline biomediche, Ed. MC Graw-Hill. 3. J. F. Osborn, Manuale di statistica medica, Ed. SEU. 16

17 MED/42 IGIENE GENERALE ED APPLICATA 2 CFU EPIDEMIOLOGIA Obiettivi specifici: Al termine del corso lo studente dovrà essere in grado di individuare il significato e l applicazione dell indagine epidemiologica La Rivoluzione della conoscenza nel 900: dalla causa aristotelica a quella formale; Definizione e inizi della Epidemiologia come disciplina di popolazione; I determinanti della salute nel contesto della Transizione demografica; Il passaggio alle malattie cronico degenerative e la Transizione Epidemiologica; La Transizione assistenziale come l orizzonte del futuro; Invecchiamento della popolazione: sfida e opportunità; Le diverse prospettive nella valutazione della salute: ICD/ICDIH/DALY/ISU; Descrivere un evento: Tassi, indici e proporzioni; Descrivere una popolazione: Misure di localizzazione centrale e di dispersione; Associazioni ed esposizioni; Tassi di incidenza e prevalenza. Altri tassi di interesse in demografia ed epidemiologia; Definire una variabile indipendente come fattore di rischio; Epidemiologia Investigativa: studi caso-controllo e studi di coorte; Rischio relativo e odds ratio, rischio attribuibile e frazione etiologica; Gli screening in sanità pubblica; Sensibilità, specificità, potere predittivo positivo e negativo; Elementi per il calcolo delle taglie campionarie; Gli errori in epidemiologia; Fattori di confondimento e loro controllo a priori e posteriori; Il tasso di mortalità infantile in Italia e nel Mondo; Le principali cause di morte nei paesi dell Africa Sub-Sahariana. Dispensa e materiali bibliografici a cura del Docente. MED/45-47 SCIENZE INFERMIERISTICHE 3 CFU Obiettivi specifici: Al termine del corso i discenti dovranno essere in grado di progettare in modo autonomo una ricerca empirica nel campo dell assistenza infermieristica, di procedere alla rilevazione dei dati, di elaborarli e di predisporre un rapporto finale. Requisito essenziale per la sistematizzazione teorica delle discipline infermieristiche e ostetriche è la definizione di una metodologia specifica e la messa a punto di tecniche d indagine idonee a perseguire lo scopo di accrescere e consolidare la conoscenza in quel campo fornendo garanzie di oggettività. La ricerca bibliografica: Il percorso di ricerca bibliografica, Le fonti per la ricerca bibliografica, La schedatura delle fonti bibliografiche e la bibliografia; Introduzione alla metodologia della ricerca infermieristica: Scienza e metodologia della ricerca, La scienza infermieristica; La progettazione della ricerca: Definizione del problema scientifico, Percorso di ricerca, I riferimenti teorici, La concettualizzazione del problema scientifico: il razionale, le ipotesi, l area di analisi e il campo di indagine, Gli strumenti per la rilevazione dei dati, Il protocollo di ricerca; Etica della ricerca infermieristica: L applicazione dei risultati della ricerca infermieristica nella pratica clinica, La valutazione critica dei risultati della ricerca infermieristica (esercitazione), I Comitati Etici, Il consenso informato; Il rapporto finale e la pubblicazione della ricerca: La classificazione delle variabili, L elaborazione dei dati, Le rappresentazioni grafiche, Il rapporto di ricerca, La presentazione della ricerca. 1. Bellingeri, S. Dalfino, F. Falli, E. Malinverno, A. Origlia, M. Piccoli, M.G. Proietti, L. Rasero, R. Suzzi, La ricerca infermieristica in Italia, a cura della Federazione Nazionale dei Collegi IPASVI, Collegio IPASVI di Roma (a cura del), Le fonti multimediali per la ricerca infermieristica, atti dei corsi , Roma, J.A. Fain, La ricerca infermieristica. Leggerla, comprenderla e applicarla, Mc Graw-Hill, Milano, G. Lo Biondo-Wood, J. Haber, Metodologia della ricerca infermieristica, Mc Graw-Hill, Milano, Riviste: Assistenza Infermieristica e ricerca 17

18 C.I. DI SCIENZE INFERMIERISTICHE CLINICHE PEDAGOGICHE E DELL ORGANIZZAZIONE 2 CREDITI 4 Obiettivo generale: Al termine del Corso Integrato lo studente dovrà essere in grado di elaborare sulla base dell analisi dei problemi di salute, dei bisogni e del contesto (risorse, cultura) dei programmi assistenziali che tengano conto della complessità e l appropriatezza delle prestazioni e dell evoluzione della ricerca nell ambito biomedico, infermieristico ed ostetrico. Individuare gli aspetti etici delle azioni nei servizi sanitari ed in ambito scientifico. MED/ SCIENZE INFERMIERISTICHE 2 CFU Obiettivi specifici: Al termine del Corso Integrato lo studente dovrà essere in grado di: Individuare i problemi prioritari di salute nell ambito nazionale ed internazionale ed analizzarne le implicazioni per la pratica clinica e gestionale nei servizi sanitari infermieristici e/o ostetrici; Definire e realizzare programmi assistenziali per situazioni ad elevata complessità; Analizzare criticamente la storia del pensiero teorico dell infermieristica rivolta al bambino e alla donna. Elaborare sulla base dei problemi di salute, dei bisogni e del contesto (risorse, cultura) dei progetti assistenziali che tengano conto della complessità e dell appropriatezza delle prestazioni dell evoluzione della ricerca nell ambito biomedico infermieristico; Identificare gli aspetti concettuali dell assistenza al bambino e alla donna ed individuare un approccio metodologico generale; Descrivere i principali diritti dell infanzia definiti a livello internazionale e nazionale; Individuare i bisogni prioritari di salute in Italia e all estero attraverso l interpretazione dei principali indicatori di salute; Descrivere l evoluzione dell assistenza infermieristica al bambino e alla donna, individuare il ruolo delle figure professionali di riferimento ed il contesto di attività; Elaborare un progetto assistenziale in un contesto pediatrico specifico, partendo da un problema irrisolto della propria realtà professionale, utilizzando le fonti di documentazione proposte; Individuale le specificità della formazione, della ricerca e dell organizzazione dei servizi nell ambito pediatrico; Descrivere criticamente le competenze di counseling esercitate in un contesto simulato ed effettuare un analisi in relazione alla propria esperienza professionale. Le basi teoriche: dalla definizione del bambino, all identificazione delle cure infermieristiche centrate sulla famiglia e di un approccio metodologico per l assistenza; Il bambino come soggetto di diritto. I bisogni prioritari di salute nell infanzia, in Italia e all estero. Gli indicatori di salute e gli standard di attività; Evoluzione dell assistenza infermieristica dal bambino e dalla donna, le figure professionali di riferimento, i diversi contesti di attività, le criticità cliniche e relazionali; Elaborazione di un progetto assistenziale in Pediatria: un modello esplicativo; Le fonti di documentazione e il confronto con esperienze estere. L infermieristica pediatrica in Europa.; Formazione e ricerca in pediatria: alcune peculiarità; Problematiche gestionali nell assistenza in Pediatria; Comunicazione e tecniche di counseling in Pediatria, una funzione attiva a più livelli. Dispensa e materiali bibliografici a cura dei Docenti delle diverse Unità didattiche. M-FIL/03 - FILOSOFIA MORALE 2 CFU Obiettivi specifici: Al termine del Corso Integrato lo studente dovrà essere in grado di analizzare i filoni di pensiero che influenzano la ricerca ed i trattamenti sanitari e assistenziali La definizione ontologica di Libertà; La Libertà giuridica; Libertà come scelta; La libertà sociale e spirituale. Dispensa e materiali bibliografici a cura del Docente. 18

19 19

20 C.I. DI SCIENZE INF. E DELLA PREVENZIONE DEI SERVIZI SANITARI CREDITI 7 Obiettivo generale: Al termine del Corso Integrato lo studente dovrà essere in grado di gestire delle problematiche complesse in ambito ospedaliero territoriale e domiciliare di sanità pubblica dando delle risposte adeguate alla domanda sanitaria della popolazione e del personale MED/40 GINECOLOGIA ED OSTETRICIA 2 CFU Obiettivi specifici: Al termine del corso lo studente dovrà essere in grado di individuare ed organizzare i servizi assistenziali ginecologici-ostetrici in ambito territoriale e nei dipartimenti materno infantili. Modelli di prevenzione e screening in ambito ginecologico. Normative che regolamentano il servizio di pianificazione familiare. Procedure e protocolli in caso di donne vittime di violenza. Normative per la fisiologia di un percorso nascita. Gestione clinica della gravidanza. Percorsi assistenziali ginecologiciostetrici in ambito territoriale. Normative italiane ed europee in caso di mutilazioni genitali femminili (MGF) e comportamento. Modelli assistenziali previsti dalla Stato italiano a tutela delle donne straniere. Dispensa a cura del docente. MED/42 - IGIENE GENERALE ED APPLICATA 2 CFU EDUCAZIONE SANITARIA Obiettivi specifici: Al termine del corso lo studente dovrà essere in grado di conoscere e saper affrontare le problematiche sanitarie organizzative complesse proprie delle strutture sanitarie. La valutazione multidimensionale, Gli strumenti, Il Geronte, L assistenza domiciliare, UVG; Il Fondo Sanitario nazionale, I Livelli Essenziali di assistenza, L indice di sviluppo umano; Istituzione del Ministero della Salute in Italia, Istituzione del SSN, I Programmi sanitari nel Mondo; La transizione demografica, La transizione epidemiologica, La transizione assistenziale, Gli Obiettivi del Millenio, Le principali cause di morte in Italia e nel Mondo, Il tasso di mortalità infantile in Italia e nel Mondo, Le principali cause di morte nei paesi dell Africa Sub-Sahariana. 1. Ministero della salute (2002) campagne di comunicazione. (www.ministerosalute.it). 2. N. Resegotti (2000): Dichiarazione di Monaco: Infermieri e Ostetriche: Una forza per la salute, ISS (2002) e 4. Piazza M. (2004) Evidenced based Nursing e la ricerca infermieristica, IPASVI. 5. Rychetnik et al. (2004) La salute pubblica basata su prove di evidenza. Journal of Epidemiology and Community health, 58: (in italiano su Epicentro un pdf). 6. UNFPA (2004) Lo stato della popolazione nel mondo, 2005, AIDOS 7. S.D. Sakamoto, M. Avila (2004) The Public Health Nursing Practice. Manual: A tool for public health nurses. Public Health Nursing vol.21.no2, pp

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette

Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette Sede: Dipartimento di Scienze Ambientali, sez. Botanica ed Ecologia - Via Pontoni, 5

Dettagli

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria

UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria di UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria Master di I livello in Manager delle imprese sociali e delle organizzazioni non lucrative di utilità sociale Indirizzi: - Manager delle Imprese

Dettagli

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE Master di I livello in MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE In Sigla Master 74 Anno Accademico 2009/2010 (1500 ore 60 CFU) TITOLO Management nelle organizzazioni sanitarie FINALITÀ Con la locuzione

Dettagli

MASTER DI II LIVELLO IN DIREZIONE E MANAGEMENT DELLE AZIENDE SANITARIE (DIMAS) - II EDIZIONE -

MASTER DI II LIVELLO IN DIREZIONE E MANAGEMENT DELLE AZIENDE SANITARIE (DIMAS) - II EDIZIONE - UNIVERSITÀ TELEMATICA LEONARDO DA VINCI A.A 2012/2013 MASTER DI II LIVELLO IN DIREZIONE E MANAGEMENT DELLE AZIENDE SANITARIE (DIMAS) - II EDIZIONE - Direttore Prof. Massimo Sargiacomo Università G. d Annunzio

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE D.R. n.1035/2015 Università degli Studi Internazionali di Roma - UNINT In collaborazione con CONFAPI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

Dettagli

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome SCALA UMBERTO Nazionalità Italiana Data di nascita 28/02/1956 ESPERIENZA LAVORATIVA ATTUALE Dal 01-05-2003 a tutt oggi Indirizzo sede

Dettagli

Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie

Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse In base al dato riportato dal Sole

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA DIREZIONE STUDENTI - AREA POST-LAUREAM

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA DIREZIONE STUDENTI - AREA POST-LAUREAM MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT PER FUNZIONI DI COORDINAMENTO DELLE PROFESSIONI SANITARIE SEDE DI TRENTO A.A. 2012/13 Livello I Durata Annuale CFU 60 (1 anno) ANAGRAFICA DEL CORSO - A Lingua Italiano

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

Corso di LAUREA IN CONSULENTE DEL LAVORO E SCIENZE DEI SERVIZI GIURIDICI (CLASSE L-14)

Corso di LAUREA IN CONSULENTE DEL LAVORO E SCIENZE DEI SERVIZI GIURIDICI (CLASSE L-14) Corso di LAUREA IN CONSULENTE DEL LAVORO E SCIENZE DEI SERVIZI GIURIDICI (CLASSE L-14) Curriculum in Consulente del lavoro PIANO DI STUDIO COORTE DI RIFERIMENTO A.A. 2014-2015 I anno II anno IUS 01 - Istituzioni

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

Lista dei Settori Concorsuali con i relativi settori scientifico disciplinari

Lista dei Settori Concorsuali con i relativi settori scientifico disciplinari Lista dei Settri Cncrsuali cn i relativi settri scientific disciplinari 01/A1 - LOGICA MATEMATICA E MATEMATICHE COMPLEMENTARI MAT/01 MAT/04 01/A2 - GEOMETRIA E ALGEBRA MAT/02 MAT/03 01/A3 - ANALISI MATEMATICA,

Dettagli

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Livello: I CFU: 60 MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Direttore del corso: Comitato Scientifico: Cognome Nome Qualifica SSD Università/Facoltà/ Dipartimento Roveda Alberto Ric.

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

ORDINE DEGLI STUDI A.A. 2012 2013 A CURA DELLA PRESIDENZA E DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DI FACOLTA

ORDINE DEGLI STUDI A.A. 2012 2013 A CURA DELLA PRESIDENZA E DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DI FACOLTA ORDINE DEGLI STUDI A.A. 2012 2013 A CURA DELLA PRESIDENZA E DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DI FACOLTA Pag 2 INDICE Parte Prima 1. MANIFESTO DEGLI STUDI PER GLI IMMATRICOLATI A.A. 2012-2013 1.1 Laurea Magistrale

Dettagli

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE D r. C a r l o D e s c o v i c h U.O.C. Governo Clinico Staff Direzione Aziendale AUSL Bologna Bologna 26 Maggio 2010 INDICATORE

Dettagli

Allegato 5. Documento tecnico di progetto ECM REGIONALE. v. 1.6. 16 giugno 2014

Allegato 5. Documento tecnico di progetto ECM REGIONALE. v. 1.6. 16 giugno 2014 Allegato 5. Documento tecnico di progetto ECM REGIONALE v. 1.6 16 giugno 2014 Indice Indice...2 1. Introduzione...3 1.1 Il debito informativo del Co.Ge.A.P.S....3 1.2 Il debito informativo regionale...3

Dettagli

Regolamento didattico del Corso di Laurea per Ortottista e Assistente di Oftalmologia

Regolamento didattico del Corso di Laurea per Ortottista e Assistente di Oftalmologia UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA Regolamento didattico del Corso di Laurea per Ortottista e Assistente di Oftalmologia ( livello) Presidente: prof. Adriano Magli

Dettagli

Soggetto proponente (docente, gruppo di docenti e struttura didattica) Facoltà di Pianificazione del Territorio, prof.

Soggetto proponente (docente, gruppo di docenti e struttura didattica) Facoltà di Pianificazione del Territorio, prof. Soggetto proponente (docente, gruppo di docenti e struttura didattica) Facoltà di Pianificazione del Territorio, prof. Luigi Di Prinzio Titolo del master Informazione Ambientale e Nuove Tecnologie II livello

Dettagli

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 Presentazione L'Università Ca' Foscari Venezia e l'escp Europe hanno ideato il Doppio Master universitario in Management

Dettagli

FORMAZIONE SUL CAMPO (FSC) E CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ECM ALLE ATTIVITA di FSC

FORMAZIONE SUL CAMPO (FSC) E CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ECM ALLE ATTIVITA di FSC FORMAZIONE SUL CAMPO (FSC) E CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ECM ALLE ATTIVITA di FSC La formazione sul campo (di seguito, FSC) si caratterizza per l utilizzo, nel processo di apprendimento, delle

Dettagli

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 201/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Art. 1 - Attivazione e scopo del Master 1 E' attivato per l'a.a. 201/2015 presso l'università

Dettagli

CORSO ANTINCENDIO BASE

CORSO ANTINCENDIO BASE Evento formativo Corso di addestramento CORSO ANTINCENDIO BASE 1. Premessa Il D.Lgs. 81/2008 e D.M. 10.03.98 stabiliscono, tra l altro, i criteri per la valutazione dei rischi incendio nei luoghi di lavoro

Dettagli

1.Obiettivi. Il Master è, inoltre, finalizzato a:

1.Obiettivi. Il Master è, inoltre, finalizzato a: 1 1.Obiettivi Il master ha l obiettivo di favorire lo sviluppo delle competenze manageriali nelle Aziende Sanitarie e Ospedaliere, negli IRCCS, nei Policlinici e nelle strutture di cura private approfondendo,

Dettagli

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi.

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi. Pagina 1 di 14 SOMMARIO Sommario...1 Introduzione...2 1. Scopo...2 2. campo di applicazione...3 3 Riferimenti...3 3.1 Riferimenti esterni...3 3.2 Riferimenti interni...3 4. Abbreviazioni utilizzate...4

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Università degli Studi di Roma Tor Vergata Università degli Studi di Roma Tor Vergata DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E FINANZA MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ECONOMIA DELLA CULTURA: POLITICHE, GOVERNO E GESTIONE modalità didattica mista presenza/distanza

Dettagli

Guida all accesso ai Corsi di Laurea Magistrale (ordinamento D.M. 270/04) attivati nell A.A. 2014/2015 dall Ateneo di Palermo

Guida all accesso ai Corsi di Laurea Magistrale (ordinamento D.M. 270/04) attivati nell A.A. 2014/2015 dall Ateneo di Palermo 1 2 Guida all accesso ai Corsi di Laurea (ordinamento D.M. 270/04) attivati nell A.A. 2014/2015 dall Ateneo di Palermo Anno Accademico 2014/2015 3 4 Concept and graphic design: Marketing e Fundraising

Dettagli

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Introduzione I percorsi di Arte Terapia e Pet Therapy, trattati ampiamente negli altri contributi, sono stati oggetto di monitoraggio clinico, allo

Dettagli

MANIFESTO DEGLI STUDI

MANIFESTO DEGLI STUDI UFFICIO ALTA FORMAZIONE ED ESAMI DI STATO MANIFESTO DEGLI STUDI MASTER DI II LIVELLO con modalità didattica multimediale, integrata e a distanza MANAGEMENT E DIRIGENZA NELLA SCUOLA (istituito ai sensi

Dettagli

MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE

MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE Management Risorse Umane MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE La formazione di eccellenza al servizio dei Manager PRESENTAZIONE Il Master Triennale di Formazione Manageriale è un percorso di sviluppo

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering ( MODIFICATO IL 29 giugno 2009) Classe 31/S Politecnico di Bari I A Facoltà

Dettagli

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore Testo aggiornato al 29 novembre 2011 Legge 15 marzo 2010, n. 38 Gazzetta Ufficiale 19 marzo 2010, n. 65 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore La Camera dei

Dettagli

HYPERMAP IPERTENSIONE E DANNO D'ORGANO: DALLE LINEE GUIDA ALLA GESTIONE CLINICA DEL PAZIENTE IPERTESO

HYPERMAP IPERTENSIONE E DANNO D'ORGANO: DALLE LINEE GUIDA ALLA GESTIONE CLINICA DEL PAZIENTE IPERTESO HYPERMAP IPERTENSIONE E DANNO D'ORGANO: DALLE LINEE GUIDA ALLA GESTIONE CLINICA DEL PAZIENTE IPERTESO Generalità (per informazioni specifiche sui singoli corsi (date, sedi,) consultare il sito del provider

Dettagli

Articolazione didattica on-line

Articolazione didattica on-line L organizzazione della didattica per lo studente L impegno di tempo che lo studente deve dedicare alle attività didattiche offerte per ogni singolo insegnamento è così ripartito: - l auto-apprendimento

Dettagli

Un anno di Open AIFA

Un anno di Open AIFA Il dialogo con i pazienti. Bilancio dell Agenzia Un anno di Open AIFA Un anno di Open AIFA. 85 colloqui, 250 persone incontrate, oltre un centinaio tra documenti e dossier presentati e consultati in undici

Dettagli

Psicopatologia della DI, QdC, QdV

Psicopatologia della DI, QdC, QdV La psicopatologia nella disabilità intellettiva Dr. Luigi Croce psichiatra, docente all Università Cattolica di Brescia Ravenna 09/03/2012 Luigi Croce Università Cattolica Brescia croce.luigi@tin.it Disabilità,

Dettagli

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AREA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE, SANITÀ E NON

Dettagli

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Il CAS (Centro Assistenza Servizi): Aspetti organizzativi e criticità Dott. Vittorio Fusco ASO Alessandria La Rete Oncologica: obiettivi Rispondere all incremento

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI. Seduta del 20 dicembre 2001

CONFERENZA STATO-REGIONI. Seduta del 20 dicembre 2001 (rep.atti n. 1358 del 20 dicembre 2001) CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 20 dicembre 2001 OGGETTO: Accordo tra il Ministro della salute, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano, sugli

Dettagli

ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework for the European Higher Education Area

ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework for the European Higher Education Area Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l università, l alta formazione artistica, musicale e coreutica e per la ricerca ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework

Dettagli

CONTRATTO FORMATIVO DI TIROCINIO Studenti II anno A.A. 2013-2014

CONTRATTO FORMATIVO DI TIROCINIO Studenti II anno A.A. 2013-2014 Università Politecnica delle Marche Corso di Laurea in Infermieristica Ancona CONTRATTO FORMATIVO DI TIROCINIO Studenti II anno A.A. 2013-2014 U.O. : BLOCCO OPERATORIO I.N.R.C.A. Studente Guida di Tirocinio:

Dettagli

Cambiare corso universitario: la mobilità come riorientamento e second chance Una ricerca su 410.000 studenti della Sapienza

Cambiare corso universitario: la mobilità come riorientamento e second chance Una ricerca su 410.000 studenti della Sapienza Cambiare corso universitario: la mobilità come riorientamento e second chance Una ricerca su 410.000 studenti della Sapienza Giuseppe Carci La mobilità universitaria tra dispersione e riorientamento Con

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

CORSI AGGIORNAMENTO UNIVERSITARIO BANDO INPS GESTIONE E DIPENDENTI PUBBLICI - INFORMAZIONI INTEGRATIVE TIVE - A.A. 2013/2014

CORSI AGGIORNAMENTO UNIVERSITARIO BANDO INPS GESTIONE E DIPENDENTI PUBBLICI - INFORMAZIONI INTEGRATIVE TIVE - A.A. 2013/2014 CORSI AGGIORNAMENTO UNIVERSITARIO A.A. 2013/2014 BANDO INPS GESTIONE E DIPENDENTI PUBBLICI - INFORMAZIONI INTEGRATIVE TIVE - In data 10 febbraio 2014, l INPS ha pubblicato il bando che mette a concorso

Dettagli

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche I.a. Presentazione del Corso di Studio Denominazione del Corso di Studio Denominazione

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA. Obiettivi della giornata. Obiettivi del progetto

LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA. Obiettivi della giornata. Obiettivi del progetto LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA Obiettivi della giornata Conoscere i presupposti normativi, professionali e deontologici della documentazione del nursing Conoscere gli strumenti di documentazione infermieristica

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 Repertorio Atti n. 1161 del 22 febbraio 2001 Oggetto: Accordo tra il Ministro della sanità, il Ministro per la solidarietà sociale e le Regioni e Province

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

La formazione professionale di base su due anni. con certificato federale di formazione pratica. Guida

La formazione professionale di base su due anni. con certificato federale di formazione pratica. Guida La formazione professionale di base su due anni con certificato federale di formazione pratica Guida 1 Indice Premessa alla seconda edizione 3 Introduzione 4 1 Considerazioni preliminari 7 2 Organizzazione

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA ISTITUTO «LEONARDA VACCARI» PER LA RIEDUCAZIONE DEI FANCIULLI MINORATI PSICO - FISICI CORSO ECM Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento Sede corso:

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

Realtà e problematiche relative alla qualità formativa: un esperienza

Realtà e problematiche relative alla qualità formativa: un esperienza Commissione Nazionale dei Corsi di Laurea in Infermieristica La valutazione dei risultati dell apprendimento e qualità formativa dei Corsi di laurea in Infermieristica Milano, 10 giugno 2011 Realtà e problematiche

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

Quante sono le matricole?

Quante sono le matricole? Matricole fuori corso laureati i numeri dell Universita Quante sono le matricole? Sono poco più di 307 mila i giovani che nell'anno accademico 2007/08 si sono iscritti per la prima volta all università,

Dettagli

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello STATO DELLE REVISIONI rev. n SINTESI DELLA MODIFICA DATA 0 05-05-2015 VERIFICA Direttore Qualità & Industrializzazione Maria Anzilotta APPROVAZIONE Direttore Generale Giampiero Belcredi rev. 0 del 2015-05-05

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI MAGNA GRAECIA DI CATANZARO DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA SALUTE. Programmazione didattica a.a. 2014/2015

UNIVERSITA DEGLI STUDI MAGNA GRAECIA DI CATANZARO DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA SALUTE. Programmazione didattica a.a. 2014/2015 UNIVERSITA DEGLI STUDI MAGNA GRAECIA DI CATANZARO DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA SALUTE CORSO DI LAUREA IN BIOTECNOLOGIE Classe L2 Programmazione didattica a.a. 2014/2015 Per l anno accademico 2014-2015

Dettagli

Congresso. Roma, 14 Novembre 2014 Università Cattolica del Sacro Cuore Centro Congressi Europa-Sala Italia Largo F. Vito, 1-00168 Roma

Congresso. Roma, 14 Novembre 2014 Università Cattolica del Sacro Cuore Centro Congressi Europa-Sala Italia Largo F. Vito, 1-00168 Roma Congresso Roma, 14 Novembre 2014 Università Cattolica del Sacro Cuore Centro Congressi Europa-Sala Italia Largo F. Vito, 1-00168 Roma Nel corso degli ultimi anni lo studio degli aspetti nutrizionali, dei

Dettagli

hoòigioò UNIVERSITA DEGLI STUDI DELL INSUBRIA Dipartimento di Diritto Economia e Culture - Como

hoòigioò UNIVERSITA DEGLI STUDI DELL INSUBRIA Dipartimento di Diritto Economia e Culture - Como hoòigioò UNIVERSITA DEGLI STUDI DELL INSUBRIA Dipartimento di Diritto Economia e Culture - Como Corso di Laurea in Scienze della Mediazione Interlinguistica e Interculturale Classe L-12 Mediazione Linguistica

Dettagli

Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello

Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello Istituto Superiore di Studi Musicali "P. Mascagni" - Livorno Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello Via Galilei

Dettagli

Master Universitario di I livello

Master Universitario di I livello Master Universitario di I livello In Obiettivi e sbocchi professionali: Il nostro obiettivo è quello di fornire ai partecipanti, gli strumenti adatti per gestire con efficacia progetti nel settore delle

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

attività motorie per i senior euro 22,00

attività motorie per i senior euro 22,00 Le attività motorie Chi è il senior? Quali elementi di specificità deve contenere la programmazione delle attività motorie destinate a questa tipologia di utenti? Quali sono le capacità motorie che necessitano

Dettagli

Ministero della Salute Agenzia Italiana del Farmaco

Ministero della Salute Agenzia Italiana del Farmaco Ministero della Salute Agenzia Italiana del Farmaco Linee guida per la classificazione e conduzione degli studi osservazionali sui farmaci IL DIRETTORE GENERALE VISTO il Decreto del Ministero della Salute

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA Bando di ammissione al Master di II livello in BIM-BASED CONSTRUCTION PROJECT MANAGEMENT (VISUAL PM) ANNO ACCADEMICO 2014/2015 Ai sensi del comma 9 dell art. 7 del D.M. 270/99 e del Regolamento d Ateneo

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Profilo e compiti istituzionali Bellinzona, novembre 2014 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione,

Dettagli

Obiettivi formativi qualificanti della classe: L-20 Scienze della comunicazione

Obiettivi formativi qualificanti della classe: L-20 Scienze della comunicazione Università Classe Nome del corso Nome inglese Lingua in cui si tiene il corso Codice interno all'ateneo del corso 61 Il corso é Libera Università di lingue e comunicazione IULM-MI L-20 - Scienze della

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA

IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA Il settore dell assistenza e dell aiuto domiciliare in Italia L assistenza domiciliare. Che cos è In Italia l assistenza domiciliare (A.D.)

Dettagli

Regolamento Didattico del Corso di Laurea in Tecniche della Prevenzione nell Ambiente e nei Luoghi di Lavoro (abilitante alla professione sanitaria

Regolamento Didattico del Corso di Laurea in Tecniche della Prevenzione nell Ambiente e nei Luoghi di Lavoro (abilitante alla professione sanitaria Regolamento Didattico del Corso di Laurea in Tecniche della Prevenzione nell Ambiente e nei Luoghi di Lavoro (abilitante alla professione sanitaria di Tecnico della prevenzione nell ambiente e nei luoghi

Dettagli

DIDAMATICA 2011 Torino - 04/05/2011 Workshop: Informatica nella scuola superiore

DIDAMATICA 2011 Torino - 04/05/2011 Workshop: Informatica nella scuola superiore DIDAMATICA 2011 Torino - 04/05/2011 Workshop: Informatica nella scuola superiore 1 di 20 Insegnamenti di Informatica nelle scuole superiori: la situazione attuale Prof. Minerva Augusto (Membro del Consiglio

Dettagli

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI PREMESSO CHE Nel 2001 è stata adottata in Italia la prima Carta dei diritti dei bambini in ospedale. Tale Carta era già ispirata alle norme

Dettagli

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Patto europeo per la salute mentale e il benessere CONFERENZA DI ALTO LIVELLO DELL UE INSIEME PER LA SALUTE MENTALE E IL BENESSERE Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Slovensko predsedstvo EU 2008 Slovenian Presidency

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959 INFORMAZIONI PERSONALI Nome Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio I Fascia AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE DI REGGIO CALABRIA

Dettagli

A BEST PRACTICE APPROACH PER PROMUOVERE SALUTE

A BEST PRACTICE APPROACH PER PROMUOVERE SALUTE A BEST PRACTICE APPROACH PER PROMUOVERE SALUTE IL MODELLO PRECEDE-PROCEED E L INTERACTIVE DOMAIN MODEL A CONFRONTO A cura di Alessandra Suglia, Paola Ragazzoni, Claudio Tortone DoRS. Centro Regionale di

Dettagli

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Fabrizio Muscas Firenze, 1 Luglio 2011 ANCoM chi rappresenta? 8 Consorzi regionali 98 Cooperative di MMG 5000 Medici di Medicina Generale (MMG)

Dettagli

Il master è in collaborazione con

Il master è in collaborazione con Il Master in Turismo Sostenibile e Responsabile - Imprenditorialità e Management ideato dal Centro Studi CTS, giunto alla XII edizione, in collaborazione con Scuola di Comunicazione IULM e AITR - Associazione

Dettagli

Parma, 23 settembre 2011. Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale

Parma, 23 settembre 2011. Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale Parma, 23 settembre 2011 Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale Dopo il meeting europeo svoltosi a Granada e partendo dal percorso formativo l

Dettagli

ENGLISH FOR NURSES 25 CREDITI ECM - ID: 1585-20939 IN PARTNERSHIP CON DE AGOSTINI

ENGLISH FOR NURSES 25 CREDITI ECM - ID: 1585-20939 IN PARTNERSHIP CON DE AGOSTINI ENGLISH FOR NURSES 25 CREDITI ECM - ID: 1585-20939 IN PARTNERSHIP CON DE AGOSTINI DESTINATARI: INFERMIERE, INFERMIERE PEDIATRICO INIZIO: 01/01/2012 FINE: 31/12/2012 COSTO: 84,70 (IVA INCLUSA) OBIETTIVI

Dettagli

Regolamento per l attribuzione dei crediti formativi altre attività

Regolamento per l attribuzione dei crediti formativi altre attività UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA Scuola Politecnica, Dipartimento di Scienze per l Architettura Regolamento per l attribuzione dei crediti formativi altre attività Corso di Laurea TRIENNALE IN DISEGNO

Dettagli

TRAINING E RE-TRAINING DEL PAZIENTE E/O CARE-GIVER IN TRATTAMENTO DIALITICO DOMICILIARE

TRAINING E RE-TRAINING DEL PAZIENTE E/O CARE-GIVER IN TRATTAMENTO DIALITICO DOMICILIARE Numero pagine: 1 di 8 PAZIENTE E/O CARE-GIVER IN Rev. Data Redatto Verificato Approvato 1 2013 GIT DP Gruppo Infermieristico Numero pagine: 2 di 8 1.COMPOSIZIONE DEL GRUPPO E METODOLOGIA DI LAVORO Le sottoscritte

Dettagli

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A.

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. 2011/2012 Art. 1 Oggetto del bando 1. L Università degli Studi di Siena

Dettagli

Rapporto di Riesame - frontespizio

Rapporto di Riesame - frontespizio Rapporto di Riesame - frontespizio Denominazione del Corso di Studio : TECNOLOGIE ALIMENTARI Classe : L26 Sede : POTENZA - Scuola di Scienze Agrarie, Forestali, Alimentari ed Ambientali - SAFE Primo anno

Dettagli

INTRODUZIONE 17. Introduzione

INTRODUZIONE 17. Introduzione INTRODUZIONE 17 Introduzione Questo libro nasce dal desiderio di raccogliere e condividere le idee elaborate dal nostro gruppo di lavoro nel corso della progettazione e realizzazione di progetti inerenti

Dettagli

CenTer - SCHEDA DOCUMENTO

CenTer - SCHEDA DOCUMENTO CenTer - SCHEDA DOCUMENTO N 2467 TIPO DI DOCUMENTO: PROGRAMMA CORSO DI FORMAZIONE TIPOLOGIA CORSO: Corso universitario TIPO DI CORSO: Master di 1 Livello TITOLO: Gestione Integrata dei Patrimoni Immobiliari

Dettagli

Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015

Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015 Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015 Ai sensi del D.M. n. 270/2004 gli studenti che intendono iscriversi ad un corso di laurea

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF)

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) di A. Sveva Balduini ISFOL Agenzia Nazionale LLP Nell aprile del 2008, al termine di un lungo lavoro preparatorio e dopo un ampio processo di consultazione che

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 1339 Prot. n 13549 Data 29.04.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI

SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI La Scheda Unica Annuale (SUA) è lo strumento di programmazione dei Corsi di Laurea e attraverso il quale l ANVUR farà le proprie valutazioni sull accreditamento (iniziale e periodico)

Dettagli

9 Forum Risk Management in Sanità. Progetto e Health. Arezzo, 27 novembre 2014

9 Forum Risk Management in Sanità. Progetto e Health. Arezzo, 27 novembre 2014 9 Forum Risk Management in Sanità Tavolo interassociativo Assinform Progetto e Health Arezzo, 27 novembre 2014 1 Megatrend di mercato per una Sanità digitale Cloud Social Mobile health Big data IoT Fonte:

Dettagli