La presa in carico del paziente nel perioperatorio: un approccio interpersonale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La presa in carico del paziente nel perioperatorio: un approccio interpersonale"

Transcript

1 Comunicare meglio: aiutare gli infermieri ad aiutare. Premessa La presa in carico del paziente nel perioperatorio: un approccio interpersonale rivolto al personale infermieristico delle Sale Operatorie La complessità intrinseca alla professione infermieristica ha fatto sì che dagli anni del dopo guerra ad oggi si siano sviluppate molteplici teorie sulla professione stessa. Le moderne teorie del nursing, spesso di origine anglosassone, hanno un comune denominatore: La centralità del paziente nell assistenza infermieristica; Il bisogno di arricchire, chiarire, definire il ruolo dell assistenza infermieristica. Ann Mariner (I teorici dell infermieristica e le loro teorie) Nell ambito di cui sopra molte teoriche hanno posto in primo piano il tema della comunicazione fra infermiere e paziente spesso riferendosi alle teorie relazionali Rogersiane"; Ad Esempio Lidya E. Hall nei primi anni 60 sviluppa un modello della professione infermieristica ove l aspetto centrale è costituito dalla relazione fra infermiere e paziente, utilizza la tecnica Rogersiana della riflessione che consiste nel ripetere, con parole diverse, alcune verbalizzazioni del paziente per invitarlo a chiarire ed esplorare meglio i propri sentimenti collegati all argomento. La Hall è inoltre convinta dell esigenza di un nursing professionale agito da persone che hanno studiato scienze comportamentali e tecniche di comunicazione. La Hall fondò il centro Loeb per il nursing dell ospedale Montefiore di New York per applicare le sue teorie specialmente nel campo della riabilitazione. Il centro ebbe un enorme successo e le prove empiriche provarono che i pazienti guarivano mediamente in metà tempo rispetto agli altri istituti. Jean Watson, (1940 Stati Uniti.), sottolinea l importanza di una relazione di Fiducia fra infermiere e paziente che implica congruenza, empatia, comunicazione efficace...

2 Ida Jean Orlando (1926 Stati Uniti) Usa la relazione interpersonale come base per il proprio lavoro, pone l accento sulle espressioni verbali e sui segnali non verbali, per individuare i bisogni del paziente. Le teorie della Orlando sono state sottoposte da vari studiosi all approccio sperimentale per esaminarne l influenza sul disagio del paziente durante il ricovero e/o prima di un intervento chirurgico con questi risultati: Riduzione dello stress durante il ricovero sia per pazienti adulti che bambini che per i relativi familiari; Una indagine pre-operatoria sui veri motivi dell angoscia aiutava l infermiere ad agire in modo più appropriato e abbassava l angoscia del paziente; Un livello minore di angoscia prima della operazione corrispondeva a minori complicazioni post-operatorie; L intervento infermieristico era più efficace in condizioni di relazione empatica. Obiettivi Formare gli infermieri di sala operatoria ad aiutare i pazienti ad affrontare con le migliori risorse personali l intervento e il periodo post operatorio. L ipotesi di partenza: Una più efficace comunicazione fra infermiere e paziente può operare trasformazioni positive nell uno e nell altro dovute all empatia, al calore umano e al senso di comprensione e di accettazione che si crea. Pensiamo inoltre che una comunicazione più efficace possa fare comprendere all infermiere come agire al meglio per il bene dell assistito anche quando (come spesso accade) non siamo in grado di specificare chiaramente le nostre esigenze, paure, angosce in qualità di pazienti. Spetta alla figura centrale dell infermiere accompagnare e guidare il paziente nel difficile processo di cura utilizzando i modi di una comunicazione efficace e professionale e non più quella istintiva e priva di metodo. Vogliamo offrire un modello concreto, metodico e direttamente utilizzabile che offre agli infermieri professionali e ai caposala la possibilità di arricchire la loro professionalità con le tecniche comunicazionali che insegneremo. L obiettivo è alleviare sia il percorso terapeutico dei pazienti che il complesso lavoro dell infermiere professionale. Abstract Scopo generale del presente evento, è quello di aiutare l infermiere a trovare delle soluzioni che permettano una ristrutturazione / reinterpretazione degli stimoli

3 stressanti attraverso un colloquio informativo-conoscitivo con il paziente nel percorso perioperatorio. Il corso si prefigge specificatamente di accompagnare, passo dopo passo, coloro che hanno il compito di prendere in carico il paziente prima di essere sottoposto ad un intervento chirurgico, per acquisire attraverso una metodologia di costante sperimentazione personale, strategie efficaci ed abilità specifiche per organizzare la presa in carico, la gestione e la conduzione del colloquio e la rilevazione di segnali di incongruenza della persona. Le caratteristiche essenziali dell insegnamento L azione formativa è centrata sulla conoscenza delle tecniche di comunicazione efficace. L'incontro di colloquio deve avvenire il giorno che precede l intervento chirurgico. L ipotesi di lavoro, quindi, prevede che si possano ottenere dei benefici oggettivi, sia a livello psicocomportamentale che psiconeuroendocrino, nei pazienti che abbiano ricevuto la visita dell infermiere di sala operatoria prima dell intervento. Sottolineiamo quindi che, se la qualità tecnica e scientifica dell assistenza è essenziale, le condizioni e le modalità interpersonali nelle quali l assistenza è erogata sono importantissime e possono addirittura determinarne o meno l efficacia.

4 Il Corso Ogni cosa che impariamo veramente ci trasforma Il corso introduce un modello di cosa significhi comunicare e specificatamente definisce cosa intendiamo per comunicazione efficace. Nella prima giornata si affronta il problema del setting ovvero della preparazione delle condizioni ideali per raggiungere la massima efficacia. Sempre nella prima mattinata vengono introdotti gli elementi della Comunicazione Non Verbale o analogica (C.N.V.) necessari per il colloquio specifico in oggetto. Nel pomeriggio della prima giornata si affronterà il tema complementare della sala operatoria, del paziente delle emozioni in gioco e della organizzazione del lavoro al suo interno. Il tutto sarà affrontato con Role playing e filmati specifici. Nella seconda giornata sarà introdotta la parte digitale della comunicazione ovvero la comunicazione verbale. Sarà usato il video modelling per mostrare meglio i punti di miglioramento e gli errori più frequenti. Successivamente il corso si concretizzerà ulteriormente con simulate di colloquio che comprenderanno e sintetizzeranno via via tutti gli elementi appresi. Un momento altrettanto importante sarà costituito dall approfondimento delle modalità organizzative da attuare nella propria struttura sanitaria per agire una efficace presa in carico. Chiuderà il corso la sintesi di quanto fatto nell arco della giornata ed un momento di quadro aperto ove si raccoglieranno eventuali domande e richieste di chiarimento. CONTESTO D APPLICAZIONE ED ESPERIENZE PRECEDENTI I contenuti e le metodologie dell evento che proponiamo sono state utilizzate in un progetto di ricerca realizzato in collaborazione con l ospedale Pertini di Roma e con la ASSL 10 Veneto Orientale a S. Donà di Piave (VE). I risultati fin ora raggiunti ci confermano la validità che un tale corso può avere in un reparto infermieristico.

5 NATURA ESPERIENZIALE DEL CORSO E L USO DEL VIDEO MODELLING Lungo tutta la durata del corso sono previste esercitazioni a seguito di ogni concetto presentato. Con questa modalità l apprendimento teorico sarà continuamente provato, per verificarne immediatamente l efficacia, attraverso la simulazione di casi reali, portati dai partecipanti Infermieri, di relazione fra infermiere e paziente. Le Ultime esercitazioni avranno come presupposto l uso di tutti i temi trattati. Il Video modelling è un potente strumento di apprendimento; consente di rivedersi e di correggersi, di commentare collettivamente ed aumentare rapidamente la consapevolezza del proprio comportamento relazionale. MODELLI DI RIFERIMENTO Uno dei punti di forza del modello utilizzato è l approccio olistico che vede l uomo come un sistema complesso ove tutte le parti interagiscono fra loro e con l esterno e dove si insegna ad evitare atteggiamenti come l interpretazione e il giudizio, cercando volta per volta, tramite l attenzione allenata ai segnali meno visibili, di creare comprensione, guida, condivisione, nella relazione terapeutica con il paziente. Il modello che proponiamo è integrato e fa riferimento a: Analisi transazionale, Gestalt, lavori in gruppo e sui gruppi di Rollo May, Programmazione Neuro Linguistica, Grammatica transazionale di Chomski, lavori di De Bono e altri. Approccio umanistico-esistenziale di C. Rogers. A tale proposito ricordiamo che, come già specificato nella premessa, numerose teoriche del nursing, fin dai primi anni 60, sviluppano modelli della professione infermieristica ove l aspetto centrale è costituito dalla relazione fra infermiere e paziente, e utilizzano tecniche Rogersiane.

6 Curricula docenti e responsabile scientifico I sottoscritti sotto la propria responsabilità e consapevoli delle sanzioni penali dall art. 76 del D.P.R ,n.445, per le ipotesi di falsità in atti e dichiarazioni mendaci, dichiarano quanto segue

7 Stefano Masci (Responsabile Legale, docente) Dati personali Istruzione e Formazione Esperienze professionali Nazionalità: Italiana Data e luogo di nascita: 22/12/1955, Roma mob: Laurea in Fisica - Università "La Sapienza", Roma Iscritto alla SICo Società Italiana Counselor Iscritto al C.E.J. Comitè Européen des Journalistes Docente E.C.M. Presidente Associazione Com.e Provider n Consulente di: Wyeth Lederle Aprilia; UNILAB Consulting; UNILAB Srl, nell ambito dell analisi delle relazioni nei gruppi di lavoro e della comunicazione efficace Responsabile per conto della Finsiel Spa, di progetti per Enti pubblici e privati come il Ministero della Sanità, le ASL del Lazio, la Marina Militare e l Alenia Fondatore e Responsabile del settore Ricerca e Sviluppo della ISIT srl Organizzazione e docenza di corsi per il Ministero della Sanità e per la Regione Lazio, formazione del personale dirigente delle USL del Lazio, docenza di corsi per il Ministero della Pubblica Istruzione, l INPDAI, il Ministero del Lavoro e altri enti privati Direttore di Progetto e coordinatore scientifico per il CNR di Roma Training e Varie Direttore di Collana di libri aziendali per Gremese Editore in collaborazione con la Scuola di Ingegneria dell Impresa dell Università degli Studi di Tor Vergata Training in discipline orientali; studio e insegnamento delle arti marziali Pubblicazioni Il Conflitto in azienda: Analisi e gestione delle relazioni nei gruppi di lavoro L airone ed., 2007 Fisica Corso di sopravvivenza ; Ponte alle Grazie Editore, Per l Istituto di Analisi dei Sistemi ed Informatica del CNR A micro-economic approch to the evalutation of transportation system change Presso il Dipartimento di Fisica dell Università di Cosenza: Thin film thermoelectricity for solar energy conversion Intervention of waste disposal, recovery and treatment in Shoubra Cairo La radiazione solare nelle comunità montane del Melandro

8 Giorgio Zaffagnini (Responsabile Scientifico, Docente) Dati personali Curriculum formativo Curriculum professionale Nazionalità: Italiana Data e luogo di nascita: 29/08/1955, Ravenna. mob: Laurea in Ingegneria Elettronica - Università di Bologna Master quinquennale in tecniche di comunicazione ed intervento psicologico nel counseling e nella formazione - A.R.C.O.M. ROMA Counselor registrato alla S.I.C.O. Registro Italiano Counselor - Società Italiana di Counseling Data inizio fine Organizzazione / Ambito Ministero della Salute Educazione continua in medicina (ECM) - ambito nazionale Ecolog s.p.a. (gruppo f.s.) - Roma Tipo attività svolta Resp. Scientifico e Vicepresidente del Provider Com.e n ; Progettazione, organizzazione e conduzione di corsi e cicli di conferenze in tema di comunicazione e gestione delle relazioni nei gruppi di lavoro ospedalieri. Comunicazione verbale e non verbale, Assertività, Leadership, Problem solving, Stress e burnout, Team management. Consulenza e formazione Wyeth Lederle Aprilia Consulenza e formazione ASSL 10 Veneto Orientale Facoltà di scienze sociali Pontificia Università San Tommaso Roma Varie Organizzazioni sociali e di servizi Unilab srl Roma Progetto sperimentale sulla presa in carico del paziente nel perioperatorio Conferenze e workshop sulla comunicazione in azienda Consulenza: Formazione formatori Consulenza: Progettazione ed erogazione di formazione manageriale nell ambito della comunicazione e delle relazioni in azienda.

9 Privato Genesis s.r.l. (Bologna) Counseling: Individuale e Training gruppi di comunicazione efficace Consulenza: Progettazione e conduzione di eventi formativi su: SISTEMA DI SVILUPPO A CRESCITA INTEGRATA per le nuove imprese, nell ambito degli incubatori per le nuove professioni della provincia di Ravenna, sulle tematiche inerenti relazioni emozioni e creatività. Progettazione e conduzione di corsi su tematiche di problem solving, leadership, gestione dello stress, pubblic speaking. Z-One S.r.l. (Rimini) Virtuality S.r.l. (Ravenna) Informazioni aggiuntive Consulenza: Progetto e Consulenza per la realizzazione e gestione di gruppi di lavoro e la generazione di una nuova realtà aziendale. Analisi e gestione delle dinamiche disfunzionali, coesione del gruppo, competenze relazionali, supporto alle soluzioni organizzativo - relazionali. Consulenza in tema di comunicazione interna ed esterna Training personale e supporto alla persona per il raggiungimento di obiettivi. L attività è condotta per studenti e professionisti Progettazione e docenza per corsi di comunicazione base per aziende e privati Trainer in discipline olistiche e tecniche terapeutiche corporee (Bioenergetica, tecniche di respirazione, meditazione dinamica, Shen, Reiki, rebirthing, vari tipi di massaggio, ecc.) Fondatore e AD della Newcom S.r.l. Comunicazione avanzata per lo sviluppo delle risorse umane Progettazione e docenza in workshop per la Centurion Assicurazioni S.P.A. nell area liquidatori assicurativi; Analisi della comunicazione esterna brossure, offerte di nuovi servizi - logo

10 Andrea Maccari (Resp. Progetto di ricerca, Docente) Dati personali Nazionalità: Italiana Data e luogo di nascita: 12/08/1965, Roma. mob: , Curriculum formativo 1985 Diploma di Infermiere, conseguito presso la Scuola per Infermieri professionali della ex Unità Sanitaria Locale RM 17, dipartimento didattico dell ospedale Sant Eugenio di Roma Diploma di scuola media superiore in Assistente alle Comunità Infantili Diploma Universitario in Giornalismo Medico scientifico, conseguito presso la 2^ Università degli Studi di Roma Tor Vergata, Facoltà di Medicina e Chirurgia 2007 Laurea Magistrale in Educatore Professionale - Coordinatore dei servizi, presso la 3^ Università degli Studi di Roma, Facoltà Scienze della Formazione Curriculum professionale Data inizio fine Organizzazione / Ambito Ospedale S.Eugenio di Roma, Gruppo Operatorio Polispecialistico Ospedale Sandro Pertini di Roma, Gruppo Operatorio Polispecialistico ASL RM B Servizio Assistenza Infermieristica - Settore Territoriale Tipo attività svolta Collaboratore Professionale Sanitario Infermiere, con mansioni di Strumentista ed Infermiere di Sala Collaboratore Professionale Sanitario Infermiere, con mansioni di Strumentista ed Infermiere di Sala Collaboratore Professionale Sanitario Infermiere Linen Supply Italia Gruppo Alsco Consulente Tecnico di sala operatoria

11 Dal 1998 ASL RM B Sistema Informativo Sanitario ed Epidemiologico Unità Operativa SIAS, Referente aziendale SIAS presso l Agenzia di Sanità Pubblica della Regione Lazio Dal 2004 ASL RM B Referente aziendale per la Formazione del Sistema Informativo Sanitario ed Epidemiologico Dal 2005 ASL RM B Referente per il Servizio Assistenza Infermieristica del Sistema Informativo degli Ambulatori Infermieristici Territoriali Dal 2006 ASL RMB Referente per la Qualità e rapporti con l esterno del Sistema Informativo Sanitario Docenze 1997 Insegnamento volontario di basi di giornalismo ad un gruppo di lavoro giornalistico, presso il Centro Diurno di Torremaura, presidio del DSM della ASL RM B Insegnamento di Programmi del Software Microsoft Office in corsi di Alfabetizzazione Informatica rivolti al personale del DSM della ASL RM B AA.AA e Dall A.A Master di 1 livello per Infermiere in Funzione di Coordinamento infermieristico, presso la 2^ Università degli Studi di Roma Tor Vergata, polo ASL RM B, seminario sui Sistemi Informativi sanitari e tutor del tirocinio presso il Sistema Informativo Sanitario ed Epidemiologico della ASL RM B Master di 1 livello per Infermiere in Funzione di Coordinamento infermieristico, presso la 2^ Università degli Studi di Roma Tor Vergata, polo ASL RM B, seminario sul Rapporto tra volontariato ed operatori sanitari A. A Master di 1 livello per Infermiere in Area Critica, presso la 2^ Università degli Studi di Roma Tor Vergata, polo ASL RM G, Moduli sul Sistema Informativo Sanitario e su Flussi informativi ed indicatori, 15 ore Relatore tesi dal titolo: - Ruolo del volontariato all interno del sistema emergenza della Regione Lazio - Accesso al Pronto Soccorso degli ultra-sessantacinquenni Corso per OSS, presso Il Polo didattico Luigi Patrizi della ASL RM B, Modulo su Elementi di informatica, 10 ore AA.AA e AA. AA e Master di 1 livello per Infermiere in Funzione di Coordinamento Infermieristico, presso la 2^ Università degli Studi di Roma Tor Vergata, poli Policlinico di Tor Vergata ASL RM C e Luigi Patrizi ASL RM B, Modulo Corso integrato di infermieristica e politiche di programmazione sanitaria, materia Sistemi di elaborazione delle informazioni, 15 ore Master di 1 livello per Infermiere / Ostetrico/a di Ricerca, presso la 2^ Università degli Studi di Roma Tor Vergata, polo Policlinico di Tor Vergata, Modulo Corso integrato di infermieristica e politiche di programmazione sanitaria, materia Sistemi di elaborazione delle informazioni, 15 ore

12 Pubblicazioni - Collaborazioni dal 1995 a tutt oggi con diversi periodici su temi riguardanti sanità e salute - Manuale per l esercizio professionale degli infermieri, AA.VV., ASL Roma B Servizio Assistenza Infermieristica, Due poster al 42 Congresso Nazionale SITI, Catania ottobre 2006, dal titolo: 1. Gli Ambulatori Infermieristici Territoriali della ASL RM B; 2. L attività ambulatoriale specialistica della ASL RM B - La Voce le voci, AA.VV., Libro DVD, Ed. P. C. Vitrugno, Undici pubblicazioni riguardanti l attività infermieristica in sala operatoria (responsabilità, sicurezza, kit monouso), all interno degli atti di altrettanti corsi di aggiornamento, anni vari Corsi di aggiornamento in qualità di relatore Sicurezza giovanile in strada - Infortunistica stradale e Sala Operatoria (1996), Decreto Legislativo 626/94 - Ruolo dei lavoratori alla luce del D. Leg.vo 626/94 (1997), Una formazione per una chirurgia in evoluzione - Requisiti strutturali, organizzativi, ambientali della sala operatoria (1997), Responsabilità professionale dell infermiere in sala operatoria (1997), Sicurezza in Sala Operatoria: Vestizione degli operatori e preparazione del campo operatorio - Esperienza nell uso della copertura sterile: procedure infermieristiche (2002), Normative vigenti in materia di sicurezza: D.Leg. 626/94 e requisiti strutturali (2002), Animazione in corsia Il ruolo del volontariato nelle strutture sanitarie residenziali - La Cappellania ospedaliera e il volontariato ASVEP al servizio della salute totale della persona (2002), Sicurezza in Sala Operatoria. Vestizione degli operatori e preparazione del campo operatorio (2003), Sicurezza in sala operatoria - Normative di riferimento (2003), Responsabilità e ruolo dell infermiere in sala operatoria - Responsabilità dell infermiere in sala operatoria (2003), Sicurezza e tutela degli operatori in sala operatoria - Kit monouso: economia ed efficacia (2004), L Infermiere in sala operatoria: tecnica ed umanizzazione, sinergismo per l efficacia - Responsabilità giuridica dell Infermiere / Responsabilità dell Infermiere in Sala Operatoria / Sicurezza in Sala Operatoria (2004), Kit monouso, tra economia ed efficacia (2004), L infermiere tra tecnologia ed umanizzazione - L umanizzazione dell assistenza tra le nuove frontiere della professione infermieristica / Presa in carico del paziente: incontro prima dell intervento chirurgico / La comunicazione: basi e circolarità (2005), Sistema Informativo Sanitario - Sistema informativo ed internet / Utilizzo dei flussi informativi dell assistenza ambulatoriale specialistica (2005) La sicurezza sui luoghi di lavoro: il D.Lgvo 626/94, Il Servizio di Prevenzione e Protezione (2006) Presa in carico del paziente nel percorso perioperatorio (ASL 10 Veneto Orientale, 2007). Corso inserito all interno del progetto Umanizzazione e tecnica in Sala Operatoria. Pianificazione, programmazione e qualità: nuove frontiere dell infermiere (Jesolo-Ve- 2007) Capacità e competenze varie Progettazione, programmazione e organizzazione di eventi riguardanti l attività del volontariato ospedaliero ASVEP dell ospedale Sandro Pertini di Roma, compresa l attività di formazione continua dei volontari

13 Giuliana Furlan: (Organizzazione della sperimentazione, Docente) Dati personali Nazionalità: Italiana Data e luogo di nascita: , San Donà di Piave (VE) mob: Curriculum formativo 1990 Diploma di Infermiere Professionale presso la Scuola per Infermieri Professionali P.O. di San Donà di Piave nell a.s Certificato di Abilitatazione a Funzioni Direttive dell assistenza infermieristica presso la Scuola per I.P. Sette Martiri della Libertà di Venezia nell a.s. 1992/ Laurea in Infermieristica il 12 novembre 2003 presso la facoltà di Medicina e Chirurgia dell Università degli Studi di Padova; 2007 Frequenta il Master in Infermiere - Ostetrico/a di Ricerca a.a. 2005/2007 presso l Università degli Studi di Roma TorVergata. Attività professionale attuale ASSL n.10 Veneto Orientale di San Donà di Piave (VE) in qualità di Infermiere esperto con funzione di coordinamento (cat. Ds), nel Servizio Professioni sanitarie: Settore Sviluppo Professionale come: Referente dell Unità di Progetto: Ricerca ed uso delle evidenze scientifiche Coordinatore del Progetto Infermiere e figure di supporto:opportunità per migliorare la qualità assistenziale per gli anni 2003/2008 nell ASSL n.10 Veneto Orientale di San Donà di Piave (VE). Direttore didattico: del Corso di formazione per Operatore Socio Sanitario, del Modulo Facoltativo Complementare in Assistenza Sanitaria e del Modulo facoltativo tematico in Assistenza Odontoiatrica dell Operatore Socio-Sanitario. Attività Formativa Partecipazione in qualità di docente a congressi ed eventi formativi ECM sulle tematiche dell Evidence Based Nursing, Metodologia della ricerca infermieristica, Metodologia clinica infermieristica dal 2002 a tutt oggi; Docente presso i corsi OSS ed OSS con formazione Complementare in Assistenza Sanitaria negli anni 2002, 2003, 2004, 2005,2006, 2007

14 Attività tutoriale del 2 e 3 anno del Corso di Laurea in Infermieristica Facoltà di Medicina e Chirurgia dell Università degli Studi di Padova aa.aa 2001/2002 e 2002/2003 Canale Parallelo di Treviso Attività tutoriale dei corsi OSS ed OSS con formazione Complementare in Assistenza Sanitaria negli anni 2002, 2003, Direzione Didattica dei corsi per OSS con formazione integrativa in Assistenza Odontoiatrica, OSS con formazione Complementare in Assistenza Sanitaria e OSS negli anni 2005, 2006, 2007

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AREA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE, SANITÀ E NON

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959 INFORMAZIONI PERSONALI Nome Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio I Fascia AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE DI REGGIO CALABRIA

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE Master di I livello in MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE In Sigla Master 74 Anno Accademico 2009/2010 (1500 ore 60 CFU) TITOLO Management nelle organizzazioni sanitarie FINALITÀ Con la locuzione

Dettagli

Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie

Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse In base al dato riportato dal Sole

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA DIREZIONE STUDENTI - AREA POST-LAUREAM

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA DIREZIONE STUDENTI - AREA POST-LAUREAM MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT PER FUNZIONI DI COORDINAMENTO DELLE PROFESSIONI SANITARIE SEDE DI TRENTO A.A. 2012/13 Livello I Durata Annuale CFU 60 (1 anno) ANAGRAFICA DEL CORSO - A Lingua Italiano

Dettagli

MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE

MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE Management Risorse Umane MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE La formazione di eccellenza al servizio dei Manager PRESENTAZIONE Il Master Triennale di Formazione Manageriale è un percorso di sviluppo

Dettagli

Process Counseling Master. Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo

Process Counseling Master. Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo Process Counseling Master Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo Il percorso Una delle applicazioni più diffuse del Process Counseling riguarda lo sviluppo delle potenzialità

Dettagli

Dipendente pubblico tempo indeterminato - Settore Sanità - Tecnico Sanitario di Radiologia Medica Cat. D - R 3

Dipendente pubblico tempo indeterminato - Settore Sanità - Tecnico Sanitario di Radiologia Medica Cat. D - R 3 Curriculum Vitae Informazioni personali Cognome Nome DI LECCE GIOVANNI Indirizzo Via Lancisi, 137 61121 PESARO (PU) - ITALIA - Telefono Casa: 0721201445 cell. 3396173661 E-mail giangidile@libero.it Cittadinanza

Dettagli

Gestione dei problemi della persona anziana nei contesti di cura

Gestione dei problemi della persona anziana nei contesti di cura Dip.to di Continuità Assistenziale - U.O.C. di Geriatria Gestione dei problemi della persona anziana nei contesti di cura 1^ ed. 6 maggio 2014 Centro Servizi alla Persona Fondazione Zanetti di Oppeano

Dettagli

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Lo scorso 8 febbraio nella sede del Comitato Consultivo, il Direttore Generale dell Azienda "Policlinico-Vittorio Emanuele", Armando Giacalone, il Direttore

Dettagli

EMANUELA NANNINI F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA

EMANUELA NANNINI F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE La sottoscritta Nannini Emanuela nata ad Arezzo il 20.08.1965, consapevole della decadenza dai benefici di cui all art. 75 del DPR 445/2000 e dalle norme penali

Dettagli

CORSO ANTINCENDIO BASE

CORSO ANTINCENDIO BASE Evento formativo Corso di addestramento CORSO ANTINCENDIO BASE 1. Premessa Il D.Lgs. 81/2008 e D.M. 10.03.98 stabiliscono, tra l altro, i criteri per la valutazione dei rischi incendio nei luoghi di lavoro

Dettagli

SPC Scuola di Process Counseling

SPC Scuola di Process Counseling SPC Scuola di Process Counseling In uno scenario professionale e sociale in cui la relazione è il vero bisogno di individui e organizzazioni, SPC propone un modello scientifico che unisce l attenzione

Dettagli

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome SCALA UMBERTO Nazionalità Italiana Data di nascita 28/02/1956 ESPERIENZA LAVORATIVA ATTUALE Dal 01-05-2003 a tutt oggi Indirizzo sede

Dettagli

CONTRATTO FORMATIVO DI TIROCINIO Studenti II anno A.A. 2013-2014

CONTRATTO FORMATIVO DI TIROCINIO Studenti II anno A.A. 2013-2014 Università Politecnica delle Marche Corso di Laurea in Infermieristica Ancona CONTRATTO FORMATIVO DI TIROCINIO Studenti II anno A.A. 2013-2014 U.O. : BLOCCO OPERATORIO I.N.R.C.A. Studente Guida di Tirocinio:

Dettagli

Realtà e problematiche relative alla qualità formativa: un esperienza

Realtà e problematiche relative alla qualità formativa: un esperienza Commissione Nazionale dei Corsi di Laurea in Infermieristica La valutazione dei risultati dell apprendimento e qualità formativa dei Corsi di laurea in Infermieristica Milano, 10 giugno 2011 Realtà e problematiche

Dettagli

Torino, 03 Gennaio 1963 Cod. Fisc. DLPLRA63A43L219E

Torino, 03 Gennaio 1963 Cod. Fisc. DLPLRA63A43L219E Curriculum Vitae Informazioni personali Cognome Nome DELPIANO Laura Indirizzo Via Torino n. 112 int. 2 10036 SETTIMO TORINESE Telefono 011.898.26.34 Mobile: 333.10.60.176 Fax 011.898.26.34 E-mail laura.delpiano@cespi-centrostudi.it

Dettagli

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 201/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Art. 1 - Attivazione e scopo del Master 1 E' attivato per l'a.a. 201/2015 presso l'università

Dettagli

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi.

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi. Pagina 1 di 14 SOMMARIO Sommario...1 Introduzione...2 1. Scopo...2 2. campo di applicazione...3 3 Riferimenti...3 3.1 Riferimenti esterni...3 3.2 Riferimenti interni...3 4. Abbreviazioni utilizzate...4

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

CORSO SULLE STRATEGIE DI COMUNICAZIONE AUMENTATIVA E ALTERNATIVA: DAL GIOCO ALL AUSILIO

CORSO SULLE STRATEGIE DI COMUNICAZIONE AUMENTATIVA E ALTERNATIVA: DAL GIOCO ALL AUSILIO Rif. Organizzatore 8568-10035201 IN COLLABORAZIONE CON ISTITUTO «LEONARDA VACCARI» PER LA RIEDUCAZIONE DEI FANCIULLI MINORATI PSICO - FISICI CORSO ECM CORSO SULLE STRATEGIE DI COMUNICAZIONE AUMENTATIVA

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E 1 F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome TELATTIN PIERLUIGI Indirizzo V.le Stadio 24/a 23100- SONDRIO (Italy) Telefono 0039/0342/201666; 0039/338/6421337

Dettagli

nel mondo delle professioni e della salute

nel mondo delle professioni e della salute Una Aggiornamento storia che e si formazione rinnova nel mondo delle professioni e della salute una rete di professionisti, la forza dell esperienza, l impegno nell educazione, tecnologie che comunicano.

Dettagli

Mod. S4 Rev. 3 del 19/02/2013, Pagina 1 di 7 Programma di CORSO. Con il patrocinio di

Mod. S4 Rev. 3 del 19/02/2013, Pagina 1 di 7 Programma di CORSO. Con il patrocinio di Mod. S4 Rev. 3 del 19/02/2013, Pagina 1 di 7 Con il patrocinio di Corso di formazione ECM con metodo Problem Based Learning LE MALFORMAZIONI VASCOLARI CONGENITE: IL SOSPETTO DIAGNOSTICO E LA COMUNICAZIONE

Dettagli

EDUCATRICE ed EDUCATORE PROFESSIONALE

EDUCATRICE ed EDUCATORE PROFESSIONALE EDUCATRICE ed EDUCATORE PROFESSIONALE 1. CARTA D IDENTITÀ...2 2. CHE COSA FA...4 3. DOVE LAVORA...5 4. CONDIZIONI DI LAVORO...6 5. COMPETENZE...7 CHE COSA DEVE ESSERE IN GRADO DI FARE...7 CONOSCENZE...10

Dettagli

INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA. 2013 a tutt oggi ASL Cagliari

INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA. 2013 a tutt oggi ASL Cagliari O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Alessandra Aste Indirizzo VIA IS MIRRIONIS 92, 09121 CAGLIARI Telefono 070 6095934 3346152648 Fax 0706096059

Dettagli

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA ISTITUTO «LEONARDA VACCARI» PER LA RIEDUCAZIONE DEI FANCIULLI MINORATI PSICO - FISICI CORSO ECM Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento Sede corso:

Dettagli

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura INTRODUZIONE L obiettivo è fornire la migliore cura per i pazienti con il coinvolgimento di tutto il personale

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

1.Obiettivi. Il Master è, inoltre, finalizzato a:

1.Obiettivi. Il Master è, inoltre, finalizzato a: 1 1.Obiettivi Il master ha l obiettivo di favorire lo sviluppo delle competenze manageriali nelle Aziende Sanitarie e Ospedaliere, negli IRCCS, nei Policlinici e nelle strutture di cura private approfondendo,

Dettagli

LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA. Obiettivi della giornata. Obiettivi del progetto

LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA. Obiettivi della giornata. Obiettivi del progetto LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA Obiettivi della giornata Conoscere i presupposti normativi, professionali e deontologici della documentazione del nursing Conoscere gli strumenti di documentazione infermieristica

Dettagli

DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo Aziendale) Numero telefonico dell ufficio 07346252922 Fax dell Ufficio 07346252811 E-mail istituzionale

DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo Aziendale) Numero telefonico dell ufficio 07346252922 Fax dell Ufficio 07346252811 E-mail istituzionale INFORMAZIONI PERSONALI Cognome Nome INTORBIDA STEFANO Data di Nascita 15/01/1962 Qualifica Dirigente Ingegnere Amministrazione ASUR - AREA VASTA N. 4 Incarico attuale DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo

Dettagli

CURRICULUM DI STUDIO, FORMATIVO E PROFESSIONALE

CURRICULUM DI STUDIO, FORMATIVO E PROFESSIONALE CURRICULUM DI STUDIO, FORMATIVO E PROFESSIONALE La sottoscritta Dr.ssa Franca CRINÒ, nata a Casignana (RC) il 04/03/1959, residente in Via Zittoro 19/4, 89030 - Casignana (RC) Tel.: 0964.956090, cell.:

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

OUTCOME COCAINA 19 DICEMBRE 2006 VERONA VERONA CONGRESS OUTCOME

OUTCOME COCAINA 19 DICEMBRE 2006 VERONA VERONA CONGRESS OUTCOME PATROCINI E COLLABORAZIONI MINISTERO DELLA SALUTE MINISTERO DELLA SOLIDARIETA SOCIALE NOP NATIONAL O J E C T OUTCOME P R Assessorato alle Politiche Sociali Assessore Stefano Valdegamberi O sservatorio

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 TITOLO DEL PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 Settore e Area di Intervento: Settore: ASSISTENZA

Dettagli

Regolamento per l attribuzione dei crediti formativi altre attività

Regolamento per l attribuzione dei crediti formativi altre attività UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA Scuola Politecnica, Dipartimento di Scienze per l Architettura Regolamento per l attribuzione dei crediti formativi altre attività Corso di Laurea TRIENNALE IN DISEGNO

Dettagli

FORMAZIONE SUL CAMPO (FSC) E CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ECM ALLE ATTIVITA di FSC

FORMAZIONE SUL CAMPO (FSC) E CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ECM ALLE ATTIVITA di FSC FORMAZIONE SUL CAMPO (FSC) E CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ECM ALLE ATTIVITA di FSC La formazione sul campo (di seguito, FSC) si caratterizza per l utilizzo, nel processo di apprendimento, delle

Dettagli

Allegato 5. Documento tecnico di progetto ECM REGIONALE. v. 1.6. 16 giugno 2014

Allegato 5. Documento tecnico di progetto ECM REGIONALE. v. 1.6. 16 giugno 2014 Allegato 5. Documento tecnico di progetto ECM REGIONALE v. 1.6 16 giugno 2014 Indice Indice...2 1. Introduzione...3 1.1 Il debito informativo del Co.Ge.A.P.S....3 1.2 Il debito informativo regionale...3

Dettagli

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II.

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. In esecuzione della deliberazione del Direttore generale n. 765 del 30.04.2013,

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Master in 2013 10a edizione 18 febbraio 2013 MANAGEMENT internazionale Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Durata

Dettagli

IRCCS ASSOCIAZIONE OASI MARIA SS TROINA

IRCCS ASSOCIAZIONE OASI MARIA SS TROINA UFFICIO FORMAZIONE E ECM IRCCS ASSOCIAZIONE OASI MARIA SS TROINA Mod. -0701-08 a Rev. 02 Del 10/07/2011 LA COMUNICAZIONE AUMENTATIVA E ALTERNATIVA: STRATEGIE E STRUMENTI LOW ED HIGH TECH PER LA COMUNICAZIONE,

Dettagli

Catalogo dei titoli italiani in vista del Quadro dei titoli italiani - QTI

Catalogo dei titoli italiani in vista del Quadro dei titoli italiani - QTI Catalogo dei titoli italiani in vista del Quadro dei titoli italiani - QTI CIMEA di Luca Lantero Settembre 2008 1 Cicli Titoli di studio EHEA 1 2 3 Istruzione superiore universitaria Laurea Laurea Magistrale

Dettagli

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R.

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R. Napoli Centro Psicopedagogico Formazione Studi e Ricerche OIDA Scuola di Formazione riconosciuta dal M.I.U.R. Decreto 3 agosto 2011 Scuola di Formazione riconosciuta dalla P.ED.I.AS. Comunicazione Efficace

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Università degli Studi di Roma Tor Vergata Università degli Studi di Roma Tor Vergata DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E FINANZA MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ECONOMIA DELLA CULTURA: POLITICHE, GOVERNO E GESTIONE modalità didattica mista presenza/distanza

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

Classe e ordinamento del Corso di studio (es. classe L24 ordinamento 270/04 oppure classe 15 ordinamento 509/99)

Classe e ordinamento del Corso di studio (es. classe L24 ordinamento 270/04 oppure classe 15 ordinamento 509/99) Mod. 6322/triennale Marca da bollo da 16.00 euro Domanda di laurea Valida per la prova finale dei corsi di studio di primo livello Questo modulo va consegnato alla Segreteria amministrativa del Corso a

Dettagli

Carcere & Scuola: ne vale la Pena

Carcere & Scuola: ne vale la Pena PROGETTO DI EDUCAZIONE ALLA LEGALITA E CIVILTA Carcere & Scuola: ne vale la Pena Scuola di Alta Formazione in Scienze Criminologiche, Istituto FDE, Mantova Associazione LIBRA Rete per lo Studio e lo Sviluppo

Dettagli

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara PROMECO Progettazione e intervento per la prevenzione Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara Aprile 2006 Premessa Punti di forza, obiettivi raggiunti Elementi su cui

Dettagli

Michele Fanello F O R M A T O E U R O P E O INFORMAZIONI PERSONALI. michele.fanello@sanitanova.it

Michele Fanello F O R M A T O E U R O P E O INFORMAZIONI PERSONALI. michele.fanello@sanitanova.it F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Michele Fanello Indirizzo ITALIA Venezia - 30123 - Dorsoduro 3257, Telefono +39 3355995449 Fax E-mail michele.fanello@sanitanova.it

Dettagli

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore Testo aggiornato al 29 novembre 2011 Legge 15 marzo 2010, n. 38 Gazzetta Ufficiale 19 marzo 2010, n. 65 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore La Camera dei

Dettagli

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA IL MIO PASSATO LE MIE ESPERIENZE COSA VOLEVO FARE DA GRANDE COME SONO IO? I MIEI DIFETTI LE MIE RELAZIONI LE MIE PASSIONI I SOGNI NEL CASSETTO IL MIO CANE IL MIO GATTO Comincio

Dettagli

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Newsletter n.1 / presentazione ravenna 2013 / in distribuzione febbraio 2013 Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Info: Web: www.ravenna2013.it Mail: ravenna2013@labelab.it / Telefono: 366.3805000

Dettagli

Soggetto proponente (docente, gruppo di docenti e struttura didattica) Facoltà di Pianificazione del Territorio, prof.

Soggetto proponente (docente, gruppo di docenti e struttura didattica) Facoltà di Pianificazione del Territorio, prof. Soggetto proponente (docente, gruppo di docenti e struttura didattica) Facoltà di Pianificazione del Territorio, prof. Luigi Di Prinzio Titolo del master Informazione Ambientale e Nuove Tecnologie II livello

Dettagli

FACOLTÀ DI SCIENZE STATISTICHE

FACOLTÀ DI SCIENZE STATISTICHE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTÀ DI SCIENZE STATISTICHE CORSO DI LAUREA IN STATISTICA E TECNOLOGIE INFORMATICHE RELAZIONE FINALE L EDUCAZIONE CONTINUA IN MEDICINA(ECM) E LA GESTIONE DEL CURRICULUM

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE

MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE Master MES - Management of Education and School 4 a EDIZIONE APRILE 2015 - NOVEMBRE 2016 partner MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT

Dettagli

RAZIONALE OBIETTIVI DIDATTICI

RAZIONALE OBIETTIVI DIDATTICI RAZIONALE L Iperplasia Prostatica Benigna (IPB), a causa dell elevata prevalenza e incidenza, in virtù del progressivo invecchiamento della popolazione maschile, e grazie alla disponibilità di adeguati

Dettagli

Dal 2002 a tutt oggi è Direttore Sanitario dell Ospedale di Mormanno.

Dal 2002 a tutt oggi è Direttore Sanitario dell Ospedale di Mormanno. C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome MARILENA MORANO Data di nascita 04-07-1956 Qualifica Direzione Sanitaria Amministrazione ASP COSENZA Incarico attuale DIRETTORE SANITARIO OSPEDALE

Dettagli

ENGLISH FOR NURSES 25 CREDITI ECM - ID: 1585-20939 IN PARTNERSHIP CON DE AGOSTINI

ENGLISH FOR NURSES 25 CREDITI ECM - ID: 1585-20939 IN PARTNERSHIP CON DE AGOSTINI ENGLISH FOR NURSES 25 CREDITI ECM - ID: 1585-20939 IN PARTNERSHIP CON DE AGOSTINI DESTINATARI: INFERMIERE, INFERMIERE PEDIATRICO INIZIO: 01/01/2012 FINE: 31/12/2012 COSTO: 84,70 (IVA INCLUSA) OBIETTIVI

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 Repertorio Atti n. 1161 del 22 febbraio 2001 Oggetto: Accordo tra il Ministro della sanità, il Ministro per la solidarietà sociale e le Regioni e Province

Dettagli

Candidato a Direttore Amministativo Dati anagrafici e Domanda di Iscrizione

Candidato a Direttore Amministativo Dati anagrafici e Domanda di Iscrizione 1 di 11 ID_Candidato 19 Nome Cognome Candidato a Direttore Amministativo Dati anagrafici e Domanda di Iscrizione fabrizio di bella Data_Nascita 31/01/1962 Luogo_Nascita Provincia_Nascita Residenza_Comune

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

Formazione a distanza nell Educazione Continua in Medicina

Formazione a distanza nell Educazione Continua in Medicina Formazione a distanza nell Educazione Continua in Medicina UN ESPERIENZA Dott.ssa Stefania Bracci Datré S.r.l via di Vorno 9A/4 Guamo (Lucca) s.bracci@datre.it Sommario In questo contributo presentiamo

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering ( MODIFICATO IL 29 giugno 2009) Classe 31/S Politecnico di Bari I A Facoltà

Dettagli

Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva.

Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva. Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva. Mario Saia CIO: Normativa Italiana Circolare Ministeriale 52/1985 Lotta contro

Dettagli

giuseppe.marziali@gmail.com giuseppe.marziali@sanita.marche.it 03/04/1956 Porto Sant Elpidio (FM) MRZGPP56D03G921O Febbraio 2010 ad oggi

giuseppe.marziali@gmail.com giuseppe.marziali@sanita.marche.it 03/04/1956 Porto Sant Elpidio (FM) MRZGPP56D03G921O Febbraio 2010 ad oggi F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Qualifica Professionale MARZIALI GIUSEPPE Medico Chirurgo, Specialista in Malattie dell Apparato Cardiovascolare,

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA Bando di ammissione al Master di II livello in BIM-BASED CONSTRUCTION PROJECT MANAGEMENT (VISUAL PM) ANNO ACCADEMICO 2014/2015 Ai sensi del comma 9 dell art. 7 del D.M. 270/99 e del Regolamento d Ateneo

Dettagli

L'Associazione Psionlus di Roma, provider formativo Ministero Salute per l'educazione Continua in Medicina (ECM), Ente formativo non profit già

L'Associazione Psionlus di Roma, provider formativo Ministero Salute per l'educazione Continua in Medicina (ECM), Ente formativo non profit già MASTER BIENNALE ECM NEUROSCIENZE PER LA CLINICA ESPERTA DELLE DISABILITA' COGNITIVE ASSOCIAZIONE PSIONLUS ROMA ANNO 2012-2014 L'Associazione Psionlus di Roma, provider formativo Ministero Salute per l'educazione

Dettagli

CURRICULUM. Dati Anagrafici

CURRICULUM. Dati Anagrafici SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE REGIONE PIEMONTE S.C. Formazione Aziendale Codice: Curriculum Data: AGOSTO 2012 Pagina 1 di 6 CURRICULUM Dati Anagrafici Descrizione del profilo Titolo di studio ed esperienza

Dettagli

SICUREZZA & INGEGNERIA

SICUREZZA & INGEGNERIA SICUREZZA & INGEGNERIA Centro Formazione AiFOS A707 MA.CI - S.R.L. AGENZIA FORMATIVA E SERVIZI PROFESSIONALI PER LE IMPRESE Organismo accreditato dalla Regione Toscana PI0769 C.F./Partita IVA 01965420506

Dettagli

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo:

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo: SCHEDA 1/B SCHEDA PROGETTO PER L IMPEGNO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN EMILIA-ROMAGNA ENTE 1)Ente proponente il progetto: CARITAS DIOCESANA DI REGGIO EMILIA GUASTALLA (legata da vincoli associativi

Dettagli

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Fabrizio Muscas Firenze, 1 Luglio 2011 ANCoM chi rappresenta? 8 Consorzi regionali 98 Cooperative di MMG 5000 Medici di Medicina Generale (MMG)

Dettagli

CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM. Cavarretta Giuseppe Alfredo Via R. Sanzio 48/A 0984 33768

CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM. Cavarretta Giuseppe Alfredo Via R. Sanzio 48/A 0984 33768 CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM Cavarretta Giuseppe Alfredo Via R. Sanzio 48/A 0984 33768 DATI ANAGRAFICI Cavarretta Giuseppe Alfredo Nato a CROTONE (KR) il 16/02/1954 Residente a 87036 RENDE (CS) Via R.

Dettagli

La didattica personalizzata: utopia o realtà?

La didattica personalizzata: utopia o realtà? La didattica personalizzata: utopia o realtà? L integrazione di qualità è anche la qualità positiva per tutti gli attori coinvolti nei processi di integrazione, non solo per l alunno in difficoltà. Se

Dettagli

MINISTERO DELLA SALUTE

MINISTERO DELLA SALUTE b) unica prova orale su due materie, il cui svolgimento è subordinato al superamento della prova scritta: una prova su deontologia e ordinamento professionale; una prova su una tra le seguenti materie

Dettagli

Staff - S.C. Neuropsichiatria Infantile

Staff - S.C. Neuropsichiatria Infantile INFORMAZIONI PERSONALI Nome Attilio Vercelloni Data di nascita 28/01/1960 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio dirigente medico ASL DI VERCELLI Staff - S.C. Neuropsichiatria

Dettagli

Master Universitario di I livello

Master Universitario di I livello Master Universitario di I livello In Obiettivi e sbocchi professionali: Il nostro obiettivo è quello di fornire ai partecipanti, gli strumenti adatti per gestire con efficacia progetti nel settore delle

Dettagli

Curriculum Vitae Europass

Curriculum Vitae Europass Curriculum Vitae Europass Informazioni personali Nome / Cognome Assunta Guillari Indirizzo Telefono Viale 4 Aprile 59, 80144, Napoli. +39 0817384537 Cellulare: +39 3391845680 Fax E-mail assia_g70@libero.it

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI COGNOME, Nome NAGAR BERNARDO Data di nascita 12/03/1955 Posto di lavoro e indirizzo ASP PALERMO U.O.C.Coordinamento Staff Strategico U.O.S.Coordinamento Screening

Dettagli

ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework for the European Higher Education Area

ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework for the European Higher Education Area Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l università, l alta formazione artistica, musicale e coreutica e per la ricerca ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

Lauree triennali ed equipollenza dei titoli di studio pregressi: si sta per chiarire un grande equivoco?

Lauree triennali ed equipollenza dei titoli di studio pregressi: si sta per chiarire un grande equivoco? Lauree triennali ed equipollenza dei titoli di studio pregressi: si sta per chiarire un grande equivoco? Al fine dell iscrizione alle Lauree specialistiche delle professioni sanitarie non è necessario

Dettagli

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Il CAS (Centro Assistenza Servizi): Aspetti organizzativi e criticità Dott. Vittorio Fusco ASO Alessandria La Rete Oncologica: obiettivi Rispondere all incremento

Dettagli

CIOFFI SQUITIERI FRANCESCO. AZIENDA OSPEDALIERA S CARLO POTENZA Dirigente - U.O.C di Anestesia e Rianimazione

CIOFFI SQUITIERI FRANCESCO. AZIENDA OSPEDALIERA S CARLO POTENZA Dirigente - U.O.C di Anestesia e Rianimazione INFORMAZIONI PERSONALI Nome Data di nascita 27/07/1957 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio CIOFFI SQUITIERI FRANCESCO II Fascia AZIENDA OSPEDALIERA S CARLO POTENZA

Dettagli

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 Presentazione L'Università Ca' Foscari Venezia e l'escp Europe hanno ideato il Doppio Master universitario in Management

Dettagli

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna Principali attività e medico presso la Medicina e Chirurgia di Accettazione ed Urgenza (MCAU) del Pronto Soccorso Generale P.O. Garibaldi Centro. Attività svolta presso gli ambulatori di Medicina del Pronto

Dettagli

Parma, 23 settembre 2011. Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale

Parma, 23 settembre 2011. Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale Parma, 23 settembre 2011 Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale Dopo il meeting europeo svoltosi a Granada e partendo dal percorso formativo l

Dettagli

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Delibera n.12/2013: Requisiti e procedimento per la nomina dei

Dettagli

STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING

STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING Gianna Maria Agnelli Psicologa Clinica e Psicoterapeuta Clinica del Lavoro "Luigi Devoto Fondazione IRCCS Ospedale

Dettagli

Curriculum Vitae. Titoli di Studio e Professionali ed Esperienze Lavorative

Curriculum Vitae. Titoli di Studio e Professionali ed Esperienze Lavorative Curriculum Vitae Nome Da Campo Gianluigi Data di nascita 07.12.1958 Qualifica Dirigente di 1 livello Amministrazione Azienda 12 Veneziana Incarico attuale Responsabile di struttura semplice in chirurgia

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: GIARDINO BRANCACCIO ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO SETTORE e Area di Intervento: Educazione e Promozione culturale: 01 Centri di aggregazione (bambini, giovani, anziani):

Dettagli

DISABILITY MANAGEMENT: INTEGRARE LE DIFFERENZE PER FARE LA DIFFERENZA

DISABILITY MANAGEMENT: INTEGRARE LE DIFFERENZE PER FARE LA DIFFERENZA DISABILITY MANAGEMENT: INTEGRARE LE DIFFERENZE PER FARE LA DIFFERENZA Simone Scerri INTRODUZIONE Questa proposta è rivolta alle aziende con un numero pendenti superiore a 15, le quali sono tenute ad assumere

Dettagli

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post AGENZIA SANITARIA E SOCIALE REGIONALE ACCREDITAMENTO IL RESPONSABILE PIERLUIGI LA PORTA Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post D.Lgs. 229/99 I principi introdotti dal DLgs 502/92 art. 8

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO: Inform@lmente SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa OBIETTIVI DEL PROGETTO

Dettagli

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R.

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. /2007 Sommario PREMESSA COMUNE ALLE SEZIONI A E B...3 SEZIONE A - SERVIZI

Dettagli