SCHEMA DI CONVENZIONE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA E DI CASSA DEL COMITATO NAZIONALE ITALIANO PERMANENTE PER IL MICROCREDITO TRA

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SCHEMA DI CONVENZIONE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA E DI CASSA DEL COMITATO NAZIONALE ITALIANO PERMANENTE PER IL MICROCREDITO TRA"

Transcript

1 SCHEMA DI CONVENZIONE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA E DI CASSA DEL COMITATO NAZIONALE ITALIANO PERMANENTE PER IL MICROCREDITO TRA Il Comitato Nazionale Italiano Permanente per il Microcredito (di seguito brevemente denominato: Comitato) istituito ai sensi dall art.2,comma 185,della legge 24 dicembre 2007,n.244, codice fiscale rappresentato dal Segretario Generale dott. Riccardo Graziano, con sede in Roma, via di Villa Emiliani, n Roma E Banca (di seguito brevemente denominata Banca) con sede legale, rappresentata dal.. \ PREMESSO CHE Il Comitato Italiano Permanente per il Microcredito ha personalità giuridica di diritto pubblico ai sensi dell articolo 2,comma 185,della legge 24 dicembre 2007,n.244; Il regolamento di amministrazione e contabilità del Comitato, all articolo 13, stabilisce che il servizio di cassa è affidato, mediante procedura ad evidenza pubblica, ad un Istituto abilitato secondo le disposizioni di cui alla legge 29 ottobre 1984,n.720, e successive modificazioni e integrazioni; La convenzione stipulata con la Banca di Credito Cooperativo per il periodo 1/4/ /3/2010 è stata prorogata per un ulteriore anno. Tutto ciò premesso, quale parte integrante e sostanziale della presente convenzione, le parti, come in epigrafe rappresentate, CONVENGONO E STIPULANO QUANTO SEGUE Art. 1 (Affidamento del servizio di cassa) Il Comitato affida con la presente convenzione in base alla delibera n.. del, il proprio servizio di cassa alla Banca che lo svolge presso La gestione finanziaria del Comitato ha inizio il 1 gennaio e termina il successivo 31 dicembre. Art. 2 (Oggetto della convenzione) Il servizio di cassa consiste nel complesso di operazioni legate alla gestione finanziaria del Comitato e finalizzate in particolare alla riscossione delle entrate e al pagamento delle spese facenti capo allo stesso Comitato e dalla stessa ordinate, con l osservanza delle norme di legge e di quelle contenute negli articoli che seguono, sulla base del bilancio di previsione e delle delibere di

2 variazione debitamente esecutive, nonché alla custodia e all amministrazione di titoli e valori di cui al successivo art. 9. Al fine di consentire l interscambio dei dati e della documentazione relativi alla gestione del servizio, lo stesso viene gestito con metodologie e criteri informatici e, ove possibile, con collegamento diretto tra gli uffici del Comitato e la Banca. Art. 3 (Riscossioni) Le entrate sono riscosse dalla Banca mediante reversali di incasso emesse dal Comitato su modelli appositamente predisposti, numerati progressivamente e firmati dal Segretario generale ovvero da altro rappresentante appositamente delegato. Le reversali devono contenere la denominazione del Comitato, l indicazione del debitore, la somma da riscuotere in cifre e in lettere, la causale del versamento, gli eventuali vincoli di destinazione delle somme, l indicazione del capitolo di bilancio cui è riferita l entrata distintamente per residui o competenza, il numero progressivo dell ordinativo per esercizio finanziario, l esercizio finanziario, la data di emissione. La Banca deve accettare, anche senza autorizzazione del Comitato, le somme che i terzi intendono versare, a qualsiasi titolo, a favore dello stesso Comitato, rilasciando ricevuta contenente l indicazione della causale del versamento e il nome del versante nonché la clausola salvi i diritti del Comitato ; tali incassi sono segnalati tempestivamente al Comitato, la quale emette i relativi ordinativi di riscossione entro il più breve tempo possibile. La Banca documenta l avvenuto incasso e l accreditamento delle somme riscosse sul conto corrente del Comitato apponendo regolare dichiarazione/timbratura sulle reversali. A fronte dell incasso la Banca rilascia in luogo e vece del Comitato regolari quietanze numerate in ordine cronologico per esercizio finanziario, compilate con procedure informatiche e modelli meccanizzati. La riscossione delle somme affluite sull eventuale conto corrente postale intestato al Comitato e il relativo prelevamento dal conto medesimo sono disposti esclusivamente mediante emissione di reversali di incasso intestate alla Banca. La Banca esegue l ordine di prelievo mediante emissione di assegno postale e accredita l importo corrispondente sul conto del Comitato. Le reversali rimaste inestinte alla fine dell esercizio sono restituite al Comitato per la riscossione in conto residui. Art. 4 (Pagamenti) La Banca effettuerà i pagamenti soltanto in base a ordini di pagamento (mandati) emessi dal Comitato su moduli da essa predisposti e firmati dagli stessi soggetti di cui al comma 1 dell art. 3. L estinzione dei mandati ha luogo nel rispetto della legge vigente e secondo le indicazioni fornite dal Comitato con assunzione di responsabilità da parte della Banca che ne risponde con il proprio patrimonio sia nei confronti del Comitato sia dei terzi creditori in ordine alla regolarità delle operazioni di pagamento eseguite. I mandati di pagamento devono contenere: la denominazione del Comitato; la numerazione progressiva; l indicazione del creditore o dei creditori o di chi per loro è legalmente autorizzato a rilasciare quietanza; la causale del versamento; il capitolo su cui la spesa è imputata distintamente per competenza e residui; l esercizio finanziario e la data di emissione; l eventuale indicazione della modalità agevolativa di pagamento prescelta dal beneficiario con i relativi estremi. La Banca non deve dar corso al pagamento di mandati che risultino irregolari ovvero privi di uno qualsiasi degli elementi sopra indicati, o non siano sottoscritti dalle persone a ciò tenute, o che presentino abrasioni o cancellature nell indicazione della somma o del nome del creditore o discordanze tra la somma scritta in lettere e quella scritta in cifre.

3 La Banca è esonerata da qualsiasi responsabilità per ritardo o danno conseguenti a difetto di individuazione o ubicazione del creditore, qualora ciò sia dipeso da errore o incompletezza dei dati evidenziati dal Comitato sul mandato. La Banca effettua i pagamenti derivanti da obblighi tributari, da somme iscritte a ruolo, da delegazioni di pagamento e da altri obblighi di legge, anche in assenza della preventiva emissione del relativo mandato di pagamento, dandone immediata comunicazione al Comitato ai fini della regolarizzazione. A comprova dei pagamenti effettuati secondo l ordine fornito dal Comitato, la Banca allega al mandato la quietanza del creditore ovvero provvede ad annotare gli estremi delle operazioni effettuate, apponendo il timbro pagato. Su richiesta del Comitato, la Banca fornisce gli estremi di qualsiasi pagamento eseguito, nonché la relativa prova documentale. Eventuali commissioni, spese e tasse inerenti l esecuzione di ogni pagamento ordinato dal Comitato sono poste a carico dei beneficiari. La Banca è autorizzata a trattenere dagli importi nominali dei mandati l ammontare delle spese in questione; alla mancata corrispondenza fra le somme versate e quelle dei mandati medesimi, sopperiscono formalmente le indicazioni sui titoli, sulle quietanze o documenti equipollenti, sia degli importi delle spese che di quelli netti pagati. Il pagamento delle retribuzioni al personale dipendente e dei collaboratori in genere, nonché per le indennità erogate dal Comitato che abbiano scelto come forma di pagamento l accredito delle competenze stesse in conti correnti bancari, sia presso una qualsiasi dipendenza della Banca, sia presso altro Istituto di credito verrà effettuato mediante accredito ad ogni conto corrente con valuta fissa beneficiario indicata dal Comitato, così da garantire parità di trattamento. Tali accrediti non dovranno essere gravati di alcuna spesa bancaria. I conti correnti presso le dipendenze della Banca potranno fruire inoltre di speciali condizioni eventualmente concordate. Il Comitato si impegna a non consegnare mandati alla Banca oltre la data del 20 dicembre, ad eccezione di quelli relativi a spese non note a tale data ed aventi scadenza perentoria entro il 31 dicembre. I mandati di pagamento non pagati entro il termine dell esercizio sono restituiti dalla Banca al Comitato per il pagamento in conto residui. Art. 5 (Scoperto di conto corrente) I pagamenti sono effettuati dalla Banca nei limiti di stanziamento dei capitoli di bilancio e dell effettiva giacenza di cassa del Comitato. Nel caso di temporanea mancata disponibilità di fondi sul conto corrente del Comitato, la Banca potrà riconoscere, su richiesta del Comitato stesso, corredata con apposita delibera dell organo collegiale, una linea di credito a fronte dello stanziamento annuo a carico dello Stato, nel limite massimo di un quarto dello stesso stanziamento. L utilizzo della linea di credito ha luogo di volta in volta limitatamente alle somme strettamente necessarie per sopperire alle momentanee deficienze di cassa. Art. 6 (Firme e trattamento dati personali) Il Comitato trasmette alla Banca le firme autografe con le generalità delle persone autorizzate a firmare gli ordini di riscossione e di pagamento impegnandosi a comunicare tempestivamente le eventuali variazioni in seguito ad intervenute modifiche nei poteri. Art. 7 (Trasmissione atti e documenti) Gli ordini di pagamento e quelli di riscossione sono trasmessi dal Comitato alla Banca accompagnati da distinta, in doppio esemplare, uno dei quali viene restituito al Comitato firmato

4 per ricevuta. Tali distinte saranno numerate progressivamente e conterranno l importo complessivo degli ordinativi presentati dall inizio dell esercizio. La Banca, salvo diverse pattuizioni, invia alla fine dell anno al Comitato le reversali e gli ordini di pagamento relativi alle operazioni eseguite nel periodo di riferimento. La Banca invia mensilmente l estratto del conto corrente o documento equipollente, corredato del tabulato, riportante analiticamente i dati identificativi di tutte le operazioni di pagamento effettuate nel periodo considerato e gli estremi della relativa quietanza. I mandati collettivi e quelli relativi a pagamenti da eseguirsi fuori piazza saranno restituiti, con le modalità predette, al Comitato dopo la loro totale estinzione e quando saranno corredati delle relative quietanze. A chiusura dell anno, ovvero alla diversa scadenza concordata tra le parti, la Banca trasmetterà al Comitato anche il foglio dell estratto conto regolato per capitale e interessi. Il Comitato è tenuta a verificare gli estratti conto ad esso trasmessi, segnalando per iscritto tempestivamente e, comunque, non oltre 60 giorni dalla data di ricevimento degli stessi, le eventuali opposizioni. Decorso tale termine i documenti in questione si considerano approvati. Entro il termine di quarantacinque giorni dalla chiusura dell esercizio finanziario la Banca rende al Comitato il conto della propria gestione di cassa, anche ai fini della relativa trasmissione alla competente sezione giurisdizionale della Corte dei conti. Art. 8 (Amministrazione dei titoli e valori) La Banca assume in custodia ed amministrazione, previa delibera dell organo collegiale del Comitato, i titoli ed i valori di proprietà del Comitato, che vengono immessi in deposito amministrato secondo le condizioni e modalità previste da specifico contratto tra le parti. La Banca custodisce altresì i titoli ed i valori depositati da terzi per cauzione a favore del Comitato. La Banca si obbliga a non procedere alla restituzione dei titoli stessi senza regolare autorizzazione del Comitato. Art. 9 (Verifiche) Il Comitato ha diritto di procedere a verifiche di cassa e dei valori dati in carico, ogni qualvolta lo ritenga necessario ed opportuno. La Banca deve esibire ad ogni richiesta i registri, i bollettari e tutte le carte contabili relative alla gestione, anche in formato meccanografico o elettronico. Gli incaricati della funzione di revisione economico-finanziaria del Comitato hanno accesso ai documenti relativi alla gestione del servizio di cassa. Art. 10 (Tasso debitore) Sulle anticipazioni di cassa di cui al precedente art. 5 viene applicato un interesse passivo pari a Art. 11 (Tasso creditore) Sulle giacenze di cassa viene applicato un interesse attivo pari a.. Art. 12 (Compenso e spese di gestione) Nessun compenso speciale compete alla Banca per il servizio di cassa.

5 La Banca sarà rimborsata delle spese effettivamente sostenute, mediante mandato che il Comitato emetterà a favore della Banca medesima, dietro presentazione di apposita distinta delle seguenti eventuali spese: a) spese di bollo relative a quietanze di mandati di pagamento e ricevute di incasso quando il Comitato disponga che tali spese siano a proprio carico; b) spese postali e di bollo relative alle comunicazioni, inerenti al servizio, trasmesse dalla Banca al Comitato; c) spese postali in genere incontrate per esecuzione dei pagamenti fuori piazza. Art. 13 (Responsabilità) Per eventuali danni causati al Comitato o a terzi, la banca risponde con tutte le proprie attività e con il proprio patrimonio ed è responsabile di tutti i depositi, comunque costituiti, intestati al Comitato. Art. 14 (Durata della convenzione) La presente convenzione ha una durata di anni quattro e decorre dalla data di stipula della presente convenzione. La presente convenzione, redatta in bollo, si intende impegnativa per le parti dalla sua decorrenza e potrà essere rinegoziata qualora il Comitato, per effetto di provvedimenti legislativi o amministrativi, venga inserita tra i soggetti tenuti all apertura di un conto corrente presso la Tesoreria dello Stato. Le spese di stipulazione della presente convenzione ed ogni altra conseguente sono a carico della Banca. Art. 15 (Rinvio, domicilio delle parti e controversie) Per tutto quanto non contemplato nella presente convenzione, si rinvia a quanto previsto in materia dalla vigente legislazione nazionale e comunitaria. Per gli effetti della presente convenzione e per tutte le conseguenze dalla medesima derivanti, il Comitato elegge il proprio domicilio in Roma, presso la propria sede legale, attualmente ubicata a Roma in Via di Villa Emiliani, n. 48, e la Banca presso la sua sede in. Per ogni controversia relativa alla presente convenzione, non preventivamente risolta in via di composizione amministrativa, si intende competente il Tribunale di Roma.

SCHEMA DI CONVENZIONE PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI CASSA DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE STATALI TRA

SCHEMA DI CONVENZIONE PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI CASSA DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE STATALI TRA ALLEGATO 1 SCHEMA DI CONVENZIONE PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI CASSA DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE STATALI TRA. (denominazione scuola), con sede in.., Via.. n.., C.F. n. più avanti denominata semplicemente

Dettagli

Il Direttore Emilio Grassi

Il Direttore Emilio Grassi Determinazione n 05/2016 AGENZIA per il TRASPORTO PUBBLICO LOCALE del Bacino di Bergamo Via Sora 4, 24121 Bergamo CF e PIVA 04083130163 PEC: agenziatplbergamo@pec.it Tel. 035/387706 Il Direttore Emilio

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA Collecchio Provincia di Parma Atto Pubblico Amministrativo

REPUBBLICA ITALIANA Collecchio Provincia di Parma Atto Pubblico Amministrativo REPUBBLICA ITALIANA Collecchio Provincia di Parma Atto Pubblico Amministrativo CONVENZIONE PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI TESORERIA E CASSA DELL AZIENDA CONSORTILE Pedemontana Sociale L anno duemila.

Dettagli

Comune di Stigliano (Prov. Matera)

Comune di Stigliano (Prov. Matera) Comune di Stigliano (Prov. Matera) REPUBBLICA ITALIANA BOLL O SCHEMA DI C O N V E N Z I O N E per il conferimento in appalto del servizio di tesoreria L anno duemila... (...), il giorno... (...) del mese

Dettagli

SCHEMA DI CONVENZIONE per la gestione del servizio di cassa della Camera di Commercio Industria Artigianato e Agricoltura di Ragusa

SCHEMA DI CONVENZIONE per la gestione del servizio di cassa della Camera di Commercio Industria Artigianato e Agricoltura di Ragusa 1 SCHEMA DI CONVENZIONE per la gestione del servizio di cassa della Camera di Commercio Industria Artigianato e Agricoltura di Ragusa TRA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA DI RAGUSA,

Dettagli

SERVIZIO DI TESORERIA E CASSA DEL CONSORZIO DI BONIFICA EST TICINO VILLORESI PER IL TRIENNIO 2012-2014 (CIG: 179591973C) Schema di Convenzione

SERVIZIO DI TESORERIA E CASSA DEL CONSORZIO DI BONIFICA EST TICINO VILLORESI PER IL TRIENNIO 2012-2014 (CIG: 179591973C) Schema di Convenzione SERVIZIO DI TESORERIA E CASSA DEL CONSORZIO DI BONIFICA EST TICINO VILLORESI PER IL TRIENNIO 2012-2014 (CIG: 179591973C) Schema di Convenzione L anno.. il giorno. del mese di. in Milano nella sede del

Dettagli

COMUNE DI SAN ROMANO IN GARFAGNANA (Provincia di Lucca)

COMUNE DI SAN ROMANO IN GARFAGNANA (Provincia di Lucca) COMUNE DI SAN ROMANO IN GARFAGNANA (Provincia di Lucca) SCHEMA DI CONVENZIONE PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI TESORERIA Approvata con deliberazione del consiglio comunale n.. del.. Art. 1 Affidamento del

Dettagli

CONVENZIONE PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI CASSA

CONVENZIONE PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI CASSA CONVENZIONE PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI CASSA Tra l AUTORITA GARANTE PER L INFANZIA E L ADOLOSCENZA C.F. 11784021005 con sede in Roma Via di Villa Ruffo, 6 che per brevità sarà in seguito chiamata

Dettagli

L Istituto di Credito con sede in Via iscritto al Registro delle Imprese

L Istituto di Credito con sede in Via iscritto al Registro delle Imprese ALLEGATO 1 CONVENZIONE PER LO SVOLGIMENTO DEL SERVIZIO DI CASSA tra L Associazione Pistoia Futura Laboratorio per la Programmazione Strategica della Provincia di Pistoia, con sede in Pistoia Piazza San

Dettagli

SERVIZIO DI TESORERIA PERIODO QUINQUENNALE

SERVIZIO DI TESORERIA PERIODO QUINQUENNALE COMUNE DI CASANDRINO ROVINCIA DI NAPOLI SETTORE PROGRAMMAZIONE FINANZIARIA E SVILUPPO ECONOMICO SERVIZIO RISORSE FINANZIARIE BILANCIO TRIBUTI E CONTROLLO DI GESTIONE SERVIZIO DI TESORERIA PERIODO QUINQUENNALE

Dettagli

(AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA E CASSA)

(AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA E CASSA) SCHEMA CONVENZIONE PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI TESORERIA E CASSA DELL AZIENDA PUBBLICA DI SERVIZI ALLA PERSONA CASA DI RIPOSO REGINA MARGHERITA DI BARLETTA TRA l ASP Casa di Riposo Regina Margherita,

Dettagli

Art. 1 Oggetto e affidamento del servizio di tesoreria

Art. 1 Oggetto e affidamento del servizio di tesoreria Allegato B REGOLAMENTO SERVIZIO TESORERIA Art. 1 Oggetto e affidamento del servizio di tesoreria 1. Il servizio di tesoreria consiste nel complesso delle operazioni riflettenti la gestione finanziaria

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 62 del 29 dicembre 2011 INDICE CAPO I Principi Generali Art. 1 Oggetto e scopo del Regolamento Art. 2 Organizzazione

Dettagli

AMT AMT AMT AMT AMT AMT FACSIMILE FACSIMILE

AMT AMT AMT AMT AMT AMT FACSIMILE FACSIMILE 1 CONVENZIONE PER IL DISIMPEGNO DEL SERVIZIO DI CASSA A) Servizio di cassa per il triennio 2011, 2012, 2013. ART. 1 L A.M.T. affida il proprio servizio di cassa, all istituto di credito....operante su

Dettagli

secondo quanto definito nel presente schema di convenzione e di seguito indicato col termine di Cassiere.

secondo quanto definito nel presente schema di convenzione e di seguito indicato col termine di Cassiere. Schema di convenzione per il servizio di cassa tra a Consorzio di difesa delle terre golenali del Comune di Brescello con sede legale c/o Comune di Brescello, Piazza Matteotti, 12-42041 Brescello (RE)

Dettagli

SCHEMA DI CONVENZIONE PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI CASSA DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI TRA

SCHEMA DI CONVENZIONE PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI CASSA DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI TRA SCHEMA DI CONVENZIONE PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI CASSA DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI TRA L ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (in seguito chiamata Ente ) con sede in Palazzo Corsini - Via della

Dettagli

Consorzio di Bonifica del Nord Sardegna

Consorzio di Bonifica del Nord Sardegna C A P I T O L A T O S P E C I A L E P E R L A F F I D A M E N T O D E L S E R V I Z I O D I T E S O R E R I A CAPITOLATO SPECIALE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA ART.1 DISCIPLINA Il Servizio

Dettagli

ASP Lazzarelli San Severino Marche

ASP Lazzarelli San Severino Marche CAPITOLATO SPECIALE APPALTO SERVIZIO TESORERIA ASP LAZZARELLI PERIODO 2015/2019 1. OGGETTO DELLA CONVENZIONE...2 2. ESERCIZIO FINANZIARIO...2 3. GRATUITÀ DEL SERVIZIO...2 4. INDICAZIONE DEI REGISTRI CHE

Dettagli

Consiglio Regionale della Campania

Consiglio Regionale della Campania Consiglio Regionale della Campania C.F. e P.I. 80051460634 Sede Legale: Via G. Porzio, Centro Direzionale di Napoli, Isola F13-80143 Napoli Sede Amministrativa: Via G. Porzio, Centro Direzionale di Napoli,

Dettagli

2. Il conto di risparmio cooperativo è nominativo ed intestato al Socio che ne ha richiesto l apertura.

2. Il conto di risparmio cooperativo è nominativo ed intestato al Socio che ne ha richiesto l apertura. Articolo1 (Istituzione del servizio) 1. In esecuzione dell articolo 4, comma 5, punto e) e dell articolo 34 dello Statuto Sociale della Cooperativa Edificatrice Ferruccio Degradi S.c.r.l. viene istituito

Dettagli

Convenzione/Capitolato per il Servizio di Cassa del GAL Ternano

Convenzione/Capitolato per il Servizio di Cassa del GAL Ternano Convenzione/Capitolato per il Servizio di Cassa del GAL Ternano Il GAL Ternano in esecuzione della deliberazione adottata dal Consiglio di Amministrazione n. 12/2014 all ordine del giorno in data 29/01/2014

Dettagli

AMMINISTRAZIONE COMUNALE DI TERNI ********** CONVENZIONE PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI TESORERIA ********** REPUBBLICA ITALIANA

AMMINISTRAZIONE COMUNALE DI TERNI ********** CONVENZIONE PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI TESORERIA ********** REPUBBLICA ITALIANA ALLEGATO ALLA DEL. DI CC N. 200 DEL 13.07.2005 AMMINISTRAZIONE COMUNALE DI TERNI ********** CONVENZIONE PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI TESORERIA ********** REPUBBLICA ITALIANA L anno duemila il giorno.

Dettagli

CONSORZIO DI BONIFICA DELL ORISTANESE. Con sede in Oristano (OR) C.F 9002260092 *****

CONSORZIO DI BONIFICA DELL ORISTANESE. Con sede in Oristano (OR) C.F 9002260092 ***** CONSORZIO DI BONIFICA DELL ORISTANESE Con sede in Oristano (OR) C.F 9002260092 ***** Capitolato Speciale Per l affidamento del Servizio di Tesoreria e Cassa CIG: 0226589B25 Art. 1 Il Servizio di Tesoreria

Dettagli

COMUNE DI VILLATA Piazza Gastaldi n. 14 - cap 13010- Tel (0161) 310113 - Fax (0161)) 310631 c.f. 80003170026 - p. I.V.A.

COMUNE DI VILLATA Piazza Gastaldi n. 14 - cap 13010- Tel (0161) 310113 - Fax (0161)) 310631 c.f. 80003170026 - p. I.V.A. Regione Piemonte Provincia di Vercelli COMUNE DI VILLATA Piazza Gastaldi n. 14 - cap 13010- Tel (0161) 310113 - Fax (0161)) 310631 c.f. 80003170026 - p. I.V.A. 00373260025 CONVENZIONE PER IL SERVIZIO DI

Dettagli

CONVENZIONE PER IL SERVIZIO DI TESORERIA PER IL PERIODO 01.01.2012 31.12.2016 TRA

CONVENZIONE PER IL SERVIZIO DI TESORERIA PER IL PERIODO 01.01.2012 31.12.2016 TRA SCHEMA CONVENZIONE PER IL SERVIZIO DI TESORERIA PER IL PERIODO 01.01.2012 31.12.2016 TRA Il Comune di Longone al Segrino, con sede in Via Diaz n.27, in seguito denominato Ente rappresentato da... nella

Dettagli

DELL ENTE PARCO REGIONALE DELLA MAREMMA PERIODO 01.01.2010-31.12.2014

DELL ENTE PARCO REGIONALE DELLA MAREMMA PERIODO 01.01.2010-31.12.2014 ALLEGATO B SCHEMA DI CONVENZIONE PER L ESERCIZIO DEL SERVIZIO DI TESORERIA DELL ENTE PARCO REGIONALE DELLA MAREMMA PERIODO 01.01.2010-31.12.2014 PREMESSO - che l Ente Parco Regionale della Maremma è sottoposto

Dettagli

SCHEMA DI CONVENZIONE PER IL SERVIZIO DI TESORERIA TRA., di seguito denominato Tesoriere C.F.: rappresentato da nella qualità di.

SCHEMA DI CONVENZIONE PER IL SERVIZIO DI TESORERIA TRA., di seguito denominato Tesoriere C.F.: rappresentato da nella qualità di. SCHEMA DI CONVENZIONE PER IL SERVIZIO DI TESORERIA TRA il Comune di Scisciano, di seguito denominato Ente, C.F.: 84003650631 rappresentato dal Rag. Carmine Napolitano nella qualità di Responsabile del

Dettagli

CONVENZIONE PER IL SERVIZIO DI CASSA E DEPOSITO PER LA CASSA CONGUAGLIO PER IL SETTORE ELETTRICO - CCSE - tra

CONVENZIONE PER IL SERVIZIO DI CASSA E DEPOSITO PER LA CASSA CONGUAGLIO PER IL SETTORE ELETTRICO - CCSE - tra CONVENZIONE PER IL SERVIZIO DI CASSA E DEPOSITO PER LA CASSA CONGUAGLIO PER IL SETTORE ELETTRICO - CCSE - tra La CASSA CONGUAGLIO PER IL SETTORE ELETTRICO (di seguito CCSE), con sede in Roma, alla Via

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA.

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA. COMUNE DI SANT ANGELO A SCALA PROVINCIA DI AVELLINO CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA. ART. 1 Il servizio di tesoreria del comune è affidato mediante procedura aperta,

Dettagli

COMUNE DI ALBIATE PROVINCIA DI MONZA E BRIANZA

COMUNE DI ALBIATE PROVINCIA DI MONZA E BRIANZA COMUNE DI ALBIATE PROVINCIA DI MONZA E BRIANZA CONVENZIONE PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI TESORERIA Art.1 - AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO 1. Il Comune di Albiate affida il Servizio di Tesoreria a..che accetta

Dettagli

SCHEMA DI CONVENZIONE PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI CASSA DELLA CAMERA DI COMMERCIO DI ISERNIA CIG 337116013D CPV 66600000-6

SCHEMA DI CONVENZIONE PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI CASSA DELLA CAMERA DI COMMERCIO DI ISERNIA CIG 337116013D CPV 66600000-6 SCHEMA DI CONVENZIONE PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI CASSA DELLA CAMERA DI COMMERCIO DI ISERNIA CIG 337116013D CPV 66600000-6 TRA La Camera di Commercio di Isernia, con sede in Isernia, C.so Risorgimento,

Dettagli

CONSORZIO DI BONIFICA DELL ORISTANESE

CONSORZIO DI BONIFICA DELL ORISTANESE CONSORZIO DI BONIFICA DELL ORISTANESE Con sede in Oristano (OR) C.F 9002260092 ***** Capitolato Speciale Per l affidamento del Servizio di Tesoreria e Cassa CIG 6395917DAA Art. 1 Servizio di tesoreria

Dettagli

CONTRATTO PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI CASSA DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI

CONTRATTO PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI CASSA DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI CONTRATTO PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI CASSA DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI L ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (in seguito chiamata Ente ) con sede in Palazzo Corsini - Via della Lungara, 10-00165

Dettagli

Servizio Finanziario e Programmazione Economica

Servizio Finanziario e Programmazione Economica c.a.p. 66036 P.zza Mazzini, 5 C.F. 81001270693/ P.I. 00254520695 Tel. 0871/869765 Servizio Finanziario e Programmazione Economica Allegato C Art. 1 Affidamento del servizio 1.1 Il servizio di Tesoreria

Dettagli

SCHEMA DI CONVENZIONE PER IL SERVIZIO DI TESORERIA TRA

SCHEMA DI CONVENZIONE PER IL SERVIZIO DI TESORERIA TRA SCHEMA DI CONVENZIONE PER IL SERVIZIO DI TESORERIA TRA il Comune di (AR), di seguito denominato Ente, Codice Fiscale e partita IVA rappresentato dal Sig. nella sua qualità di Responsabile del servizio

Dettagli

COMUNE DI BORGHI PROVINCIA DI FORLÌ-CESENA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO DI CASSA/ECONOMATO

COMUNE DI BORGHI PROVINCIA DI FORLÌ-CESENA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO DI CASSA/ECONOMATO COMUNE DI BORGHI PROVINCIA DI FORLÌ-CESENA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO DI CASSA/ECONOMATO Approvato con deliberazione di consiglio comunale n. 22 del 26.9.2012 1 INDICE Art. 1 Oggetto Art.

Dettagli

SCHEMA DI CONVENZIONE PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI TESORERIA DELLA CASSA NAZIONALE DEL NOTARIATO PER IL TRIENNIO 2014-2016 TRA

SCHEMA DI CONVENZIONE PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI TESORERIA DELLA CASSA NAZIONALE DEL NOTARIATO PER IL TRIENNIO 2014-2016 TRA SCHEMA DI CONVENZIONE PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI TESORERIA DELLA CASSA NAZIONALE DEL NOTARIATO PER IL TRIENNIO 2014-2016 TRA la Cassa Nazionale del Notariato, Associazione di diritto privato, in prosieguo

Dettagli

SI CONVIENE E SI STIPULA QUANTO SEGUE

SI CONVIENE E SI STIPULA QUANTO SEGUE COMUNE DI SESTINO PROVINCIA DI AREZZO Rep. n. CONTRATTO DI CONCESSIONE PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI TESORERIA PER IL PERIODO 01.07.2014-30.06.2019 REPUBBLICA ITALIANA L anno (duemila ), il giorno (_)

Dettagli

TRA. , di seguito denominato Tesoriere C.F.: rappresentato da, nella qualità di. premesso

TRA. , di seguito denominato Tesoriere C.F.: rappresentato da, nella qualità di. premesso Comune di Bressana Bottarone Provincia di Pavia Allegato alla delibera Consiglio Comunale n. 4 del 23.01.2013 SCHEMA DI CONVENZIONE PER IL SERVIZIO DI TESORERIA TRA il Comune di Bressana Bottarone di seguito

Dettagli

CONVENZIONE PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI CASSA. L'anno, addì del mese di con la presente scrittura privata, TRA

CONVENZIONE PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI CASSA. L'anno, addì del mese di con la presente scrittura privata, TRA CONVENZIONE PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI CASSA L'anno, addì del mese di con la presente scrittura privata, TRA Casa Livorno e Provincia S. p. A. Partita Iva 01461610493 rappresentata da nata a il (C.F.

Dettagli

CAPITOLATO D'ONERI PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI TESORERIA E CASSA DELL'ENTE CONSORZIO BIBLIOTECARIO NORD OVEST

CAPITOLATO D'ONERI PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI TESORERIA E CASSA DELL'ENTE CONSORZIO BIBLIOTECARIO NORD OVEST CAPITOLATO D'ONERI PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI TESORERIA E CASSA DELL'ENTE CONSORZIO BIBLIOTECARIO NORD OVEST Art. 1 Ufficio del Tesoriere Il servizio disciplinato dal presente capitolato verrà espletato

Dettagli

MODELLO A5 SCHEMA DI CONVENZIONE PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI TESORERIA DELL AZIENDA SPECIALE FARMACIE COMUNALI DI MASSAROSA TRA

MODELLO A5 SCHEMA DI CONVENZIONE PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI TESORERIA DELL AZIENDA SPECIALE FARMACIE COMUNALI DI MASSAROSA TRA MODELLO A5 SCHEMA DI CONVENZIONE PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI TESORERIA DELL AZIENDA SPECIALE FARMACIE COMUNALI DI MASSAROSA TRA l'azienda Speciale Farmacie Comunali di Massarosa (in seguito chiamata

Dettagli

I - INFORMAZIONI SULLA BANCA EMITTENTE

I - INFORMAZIONI SULLA BANCA EMITTENTE I - INFORMAZIONI SULLA BANCA EMITTENTE - BANCA NAZIONALE DEL LAVORO Società per Azioni - Sede legale e Direzione Generale: Via Vittorio Veneto 119 00187 Roma Tel +390647021 http://www.bnl.it - Codice ABI

Dettagli

COMUNE DI MONTEBUONO Provincia di Rieti REPUBBLICA ITALIANA

COMUNE DI MONTEBUONO Provincia di Rieti REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI MONTEBUONO Provincia di Rieti REPUBBLICA ITALIANA CONVENZIONE PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI TESORERIA E PER LA GESTIONE DEI SERVIZI CONNESSI PER IL PERIODO 11/06/2012/11/06/2017. L anno 2012,

Dettagli

NORME PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI ECONOMATO

NORME PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI ECONOMATO ALLEGATO AL REGOLAMENTO DI CONTABILITA NORME PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI ECONOMATO I N D I C E 1 Oggetto e scopo del Servizio 2 Organizzazione del Servizio di Economato 3 - Indennità maneggio valori

Dettagli

I.Ri.Fo.R. - ONLUS. Regolamento per la Gestione Finanziaria vers. 1

I.Ri.Fo.R. - ONLUS. Regolamento per la Gestione Finanziaria vers. 1 I.Ri.Fo.R. - ONLUS Regolamento per la Gestione Finanziaria vers. 1 CAPO I - BILANCIO DI PREVISIONE Articolo 1 - Principi generali 1. La gestione finanziaria della struttura nazionale e delle strutture

Dettagli

SOCIALE EUROPEO PREMESSO

SOCIALE EUROPEO PREMESSO REPUBBLICA ITALIANA CONVENZIONE PER LO SVOLGIMENTO DI SERVIZI DI CASSA RELATIVI AL FONDO DI ROTAZIONE PER LA FORMAZIONE PROFESSIONALE E L ACCESSO AL FONDO SOCIALE EUROPEO L anno 2009, il giorno del mese

Dettagli

Comune di Falerone PROVINCIA DI FERMO

Comune di Falerone PROVINCIA DI FERMO Comune di Falerone PROVINCIA DI FERMO SCHEMA DI CONVENZIONE PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI TESORERIA (2014 2018) COMUNE DI FALERONE...1 PROVINCIA DI FERMO...1 ART. 1 AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO...3 ART.

Dettagli

SCHEMA DI CONVENZIONE PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI TESORERIA DELLA FARMACAP TRIENNIO 2015-2017. Art.1 - SCOPO, MATERIA, LIMITI DELLA CONVENZIONE

SCHEMA DI CONVENZIONE PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI TESORERIA DELLA FARMACAP TRIENNIO 2015-2017. Art.1 - SCOPO, MATERIA, LIMITI DELLA CONVENZIONE Allegato 1 SCHEMA DI CONVENZIONE PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI TESORERIA DELLA FARMACAP TRIENNIO 2015-2017 Art.1 - SCOPO, MATERIA, LIMITI DELLA CONVENZIONE Premesso che con delibera del Commissario Straordinario,

Dettagli

Tutti i soci sono tenuti alla massima e più scrupolosa osservanza delle norme in esso contenute.

Tutti i soci sono tenuti alla massima e più scrupolosa osservanza delle norme in esso contenute. REGOLAMENTO DEI DEPOSITI DEI SOCI PREMESSA Il presente regolamento interno ha come scopo la disciplina dei conferimenti in denaro, a titolo di prestito, effettuati dai soci per il conseguimento dell oggetto

Dettagli

CONVENZIONE PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI CASSA DELLA CAMERA DI COMMERCIO, INDUSTRIA, ARTIGIANATO E AGRICOLTURA DI LIVORNO.

CONVENZIONE PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI CASSA DELLA CAMERA DI COMMERCIO, INDUSTRIA, ARTIGIANATO E AGRICOLTURA DI LIVORNO. CONVENZIONE PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI CASSA DELLA CAMERA DI COMMERCIO, INDUSTRIA, ARTIGIANATO E AGRICOLTURA DI LIVORNO. * * * * * L'anno 2007, il giorno del mese di, tra La Camera di Commercio Industria,

Dettagli

- da una parte la Signora Carmela Caputo, nata a Formicola, il

- da una parte la Signora Carmela Caputo, nata a Formicola, il COMUNE DI FORMICOLA Provincia di CASERTA CONVENZIONE PER L AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DEL SERVIZIO DI TESORERIA REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DELLA LEGGE L'anno duemilatredici il giorno del mese di., presso

Dettagli

ART. 1 - Affidamento del servizio

ART. 1 - Affidamento del servizio ART. 1 - Affidamento del servizio Il servizio tesoreria e di cassa del Comune è affidato in gestione per la durata di anni cinque a far tempo dal 1 gennaio 2016. ART. 2 - Oggetto della Convenzione Il servizio

Dettagli

SCHEMA DI CONVENZIONE PER L'AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO TESORERIA

SCHEMA DI CONVENZIONE PER L'AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO TESORERIA SCHEMA DI CONVENZIONE PER L'AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO TESORERIA Art.1 AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO Il servizio di tesoreria del Comune di Canosa di Puglia viene affidato la quale accetta di svolgerlo presso

Dettagli

SCHEMA DI CONVENZIONE TRA

SCHEMA DI CONVENZIONE TRA ALLEGATO C SCHEMA DI CONVENZIONE TRA L Automobile Club di Piacenza (in seguito anche Ente ) rappresentato da..nato a.il, nella sua qualità di La.( in seguito denominata Banca ) rappresentata da..nato a

Dettagli

CONVENZIONE PER LO SVOLGIMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA TRA. Comune di Roio del Sangro, con sede in Roio del Sangro, in n., CF 81003010691 - in

CONVENZIONE PER LO SVOLGIMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA TRA. Comune di Roio del Sangro, con sede in Roio del Sangro, in n., CF 81003010691 - in CONVENZIONE PER LO SVOLGIMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA TRA Comune di Roio del Sangro, con sede in Roio del Sangro, in n., CF 81003010691 - in seguito denominato Ente, rappresentato dal Sig. Ramondelli

Dettagli

PROGRAMMA ANNUALE ANALISI DELLE FASI DI ACCERTAMENTO ED ENTRATA GESTIONE DELLE RISORSE FINANZIARIE

PROGRAMMA ANNUALE ANALISI DELLE FASI DI ACCERTAMENTO ED ENTRATA GESTIONE DELLE RISORSE FINANZIARIE PROGRAMMA ANNUALE ANALISI DELLE FASI DI ACCERTAMENTO ED ENTRATA GESTIONE DELLE RISORSE FINANZIARIE IL PROGRAMMA ANNUALE, COME OGNI ALTRO DOCUMENTO DI PROGRAMMAZIONE FINANZIARIA, SI DIVIDE STRUTTURALMENTE

Dettagli

A5 Schema di Convenzione CONVENZIONE PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI CASSA/TESORERIA DELL ATER DELLA PROVINCIA DI FROSINONE TRA

A5 Schema di Convenzione CONVENZIONE PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI CASSA/TESORERIA DELL ATER DELLA PROVINCIA DI FROSINONE TRA A5 Schema di Convenzione CONVENZIONE PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI CASSA/TESORERIA DELL ATER DELLA PROVINCIA DI FROSINONE TRA L A.T.E.R. della provincia di Frosinone (in seguito chiamata Ente ) con via

Dettagli

CONVENZIONE PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI TESORERIA COMUNALE

CONVENZIONE PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI TESORERIA COMUNALE CONVENZIONE PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI TESORERIA COMUNALE ARTICOLO 1 AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO, SEDE Il Comune di Marina di Gioiosa Jonica affida il proprio servizio di Tesoreria, nonché l esecuzione

Dettagli

DIPARTIMENTO DELLA RAGIONERIA GENERALE DELLO STATO I.GE.P.A. - Ufficio XII

DIPARTIMENTO DELLA RAGIONERIA GENERALE DELLO STATO I.GE.P.A. - Ufficio XII N. 152284 - DIPARTIMENTO DELLA RAGIONERIA GENERALE DELLO STATO I.GE.P.A. - Ufficio XII Visto il regio decreto 18 novembre 1923, n. 2440, riguardante disposizioni sull amministrazione del patrimonio e sulla

Dettagli

SERVIZIO DI CASSA PER L UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA - CODICE C.I.G.: 143017059D CAPITOLATO - PARTE TECNICA

SERVIZIO DI CASSA PER L UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA - CODICE C.I.G.: 143017059D CAPITOLATO - PARTE TECNICA SERVIZIO DI CASSA PER L UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA - CODICE C.I.G.: 143017059D CAPITOLATO - PARTE TECNICA CAPITOLATO SPECIALE D'APPALTO DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA... CAPITOLATO SPECIALE

Dettagli

ALLEGATO N. 3 SCHEMA DI CONTRATTO

ALLEGATO N. 3 SCHEMA DI CONTRATTO ALLEGATO N. 3 SCHEMA DI CONTRATTO L anno, il giorno del mese di in Palermo, nella sede dell Istituto Regionale per il Credito alla Cooperazione sita in questa Via Ausonia n, 83, con la presente scrittura

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA RACCOLTA DEL PRESTITO SOCIALE

REGOLAMENTO PER LA RACCOLTA DEL PRESTITO SOCIALE REGOLAMENTO PER LA RACCOLTA DEL PRESTITO SOCIALE Articolo 1 - Oggetto 1.1. Il presente Regolamento disciplina la raccolta di prestiti dai soci in conformità all'articolo 7 dello statuto sociale. 1.2. Tale

Dettagli

Foglio Informativo n. 81. Deposito a Risparmio

Foglio Informativo n. 81. Deposito a Risparmio INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca di Credito Cooperativo di Roma Società Cooperativa fondata nel 1954 Sede Legale, Presidenza e Direzione Generale in Via Sardegna, 129-00187 Roma Tel. 06 5286.1 - Fax 06 5286.3305

Dettagli

SCHEMA DI CONVENZIONE PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI CASSA DELL AZIENDA SPECIALE REGIONALE MOLISE ACQUE. TRA

SCHEMA DI CONVENZIONE PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI CASSA DELL AZIENDA SPECIALE REGIONALE MOLISE ACQUE. TRA SCHEMA DI CONVENZIONE PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI CASSA DELL AZIENDA SPECIALE REGIONALE MOLISE ACQUE. TRA AZIENDA SPECIALE REGIONALE MOLISE ACQUE (di seguito denominata "Azienda") con sede in Campobasso,

Dettagli

COMUNE DI CASTIGLIONE COSENTINO

COMUNE DI CASTIGLIONE COSENTINO COMUNE DI CASTIGLIONE COSENTINO Provincia di Cosenza Codice Fiscale 00391420783 0984 442007 FAX 0984 442185 e-mail castiglionecosentino@libero.it Allegato B SCHEMA DI CONVENZIONE PER L AFFIDAMENTO DEL

Dettagli

REGOLAMENTO SERVIZIO ECONOMATO

REGOLAMENTO SERVIZIO ECONOMATO REGOLAMENTO SERVIZIO ECONOMATO (ART. 153, comma 7 d.lgs. 18 agosto 2000 n. 267 e successive modificazioni e integrazioni) Approvato dal Consiglio Comunale con atto n. del INDICE ANALITICO CAPO I DISPOSIZIONI

Dettagli

$8725,7$ 32578$/(',75,(67(

$8725,7$ 32578$/(',75,(67( $8725,7$ 32578$/(',75,(67( 6&+(0$',&219(1=,21(3(5/ $)),'$0(172'(/6(59,=,2',&$66$ CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO l Autorità Portuale di Trieste, (in seguito denominata anche per brevità A.P.T.), rappresentata.nella

Dettagli

SCHEMA DI CONVENZIONE PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI CASSA DELL AGENZIA PER LA RAPPRESENTANZA NEGOZIALE DELLA REGIONE SICILIANA (A.Ra.N.

SCHEMA DI CONVENZIONE PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI CASSA DELL AGENZIA PER LA RAPPRESENTANZA NEGOZIALE DELLA REGIONE SICILIANA (A.Ra.N. SCHEMA DI CONVENZIONE PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI CASSA DELL AGENZIA PER LA RAPPRESENTANZA NEGOZIALE DELLA REGIONE SICILIANA (A.Ra.N. SICILIA) L anno, il giorno.. del mese di., in Palermo, nella sede

Dettagli

REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA DIREZIONE CENTRALE ATTIVITA PRODUTTIVE, COMMERCIO, COOPERAZIONE, RISORSE AGRICOLE E FORESTALI.

REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA DIREZIONE CENTRALE ATTIVITA PRODUTTIVE, COMMERCIO, COOPERAZIONE, RISORSE AGRICOLE E FORESTALI. REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA DIREZIONE CENTRALE ATTIVITA PRODUTTIVE, COMMERCIO, COOPERAZIONE, RISORSE AGRICOLE E FORESTALI. CONVENZIONE per la disciplina e l attuazione delle operazioni previste

Dettagli

COMUNE DI CANNARA Provincia di Perugia

COMUNE DI CANNARA Provincia di Perugia COMUNE DI CANNARA Provincia di Perugia SCHEMA DI CONVENZIONE PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI TESORERIA DEL COMUNE DI CANNARA PERIODO 01.01.2011-31.12.2015 Art.1 - Affidamento del servizio Il servizio tesoreria

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI ANZOLA DELL EMILIA. Provincia di Bologna CONVENZIONE PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI TESORERIA DEL COMUNE

REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI ANZOLA DELL EMILIA. Provincia di Bologna CONVENZIONE PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI TESORERIA DEL COMUNE REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI ANZOLA DELL EMILIA Provincia di Bologna CONVENZIONE PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI TESORERIA DEL COMUNE DI ANZOLA DELL EMILIA DAL 01/01/2006 AL 31/12/2008 L anno 2005 (duemilacinque),

Dettagli

Comune di Ilbono SCRITTURA PRIVATA CONVENZIONE PER LO SVOLGIMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA TRA

Comune di Ilbono SCRITTURA PRIVATA CONVENZIONE PER LO SVOLGIMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA TRA Allegato alla Delib. di C.C. n.22 Comune di Ilbono SCRITTURA PRIVATA CONVENZIONE PER LO SVOLGIMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA TRA IL COMUNE DI ILBONO, con sede ad Ilbono in via Elini n. 5, di seguito denominato

Dettagli

COMUNE DI TOIRANO. Provincia di Savona REGOLAMENTO DEL SERVIZIO ECONOMATO

COMUNE DI TOIRANO. Provincia di Savona REGOLAMENTO DEL SERVIZIO ECONOMATO COMUNE DI TOIRANO Provincia di Savona REGOLAMENTO DEL SERVIZIO ECONOMATO TITOLO I Disposizioni generali Art. 1 Oggetto e scopo del regolamento 1. Il presente regolamento disciplina le procedure di acquisto,

Dettagli

AZIENDA TERRITORIALE PER L EDILIZIA RESIDENZIALE DELLA PROVINCIA DI TREVISO * * * CONVENZIONE PER IL SERVIZIO DI CASSA

AZIENDA TERRITORIALE PER L EDILIZIA RESIDENZIALE DELLA PROVINCIA DI TREVISO * * * CONVENZIONE PER IL SERVIZIO DI CASSA AZIENDA TERRITORIALE PER L EDILIZIA RESIDENZIALE DELLA PROVINCIA DI TREVISO * * * CONVENZIONE PER IL SERVIZIO DI CASSA Con la presente CONVENZIONE posta in essere tra l Azienda Territoriale per l Edilizia

Dettagli

SCHEMA DI CONVENZIONE PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI CASSA DEL SEGRETARIATO GENERALE DELLA PRESIDENZA DELLA REPUBBLICA

SCHEMA DI CONVENZIONE PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI CASSA DEL SEGRETARIATO GENERALE DELLA PRESIDENZA DELLA REPUBBLICA SCHEMA DI CONVENZIONE PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI CASSA DEL SEGRETARIATO GENERALE DELLA PRESIDENZA DELLA REPUBBLICA Tra il Segretariato Generale della Presidenza della Repubblica rappresentata dal

Dettagli

REGOLAMENTO PER I PRESTITI SOCIALI

REGOLAMENTO PER I PRESTITI SOCIALI COOPERATIVA EDIFICATRICE LAVORATORI TONOLLI SOCIETA' COOPERATIVA Sede in Via G. Rotondi, 41/A - 20037 PADERNO DUGNANO (MI) Cod. Fisc. 83002100150 - Partita IVA 00985970961 Lega 1104 REA 877488 Reg. Impr.

Dettagli

CONSORZIO DI BONIFICA VENETO ORIENTALE

CONSORZIO DI BONIFICA VENETO ORIENTALE CONSORZIO DI BONIFICA VENETO ORIENTALE Portogruaro - San Donà di Piave CAPITOLATO SPECIALE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA E DI INCASSO DELLA CONTRIBUENZA CONSORZIALE PARTE 1^ : SERVIZIO DI

Dettagli

CONVENZIONE PER IL SERVIZIO DI TESORERIA COMUNALE REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA

CONVENZIONE PER IL SERVIZIO DI TESORERIA COMUNALE REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA 1 CONVENZIONE PER IL SERVIZIO DI TESORERIA COMUNALE REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA L anno duemila il giorno del mese di...omissis. Sono presenti : Il Comune di Avola il quale interviene nel presente

Dettagli

SCHEMA CONVENZIONE PER LA CONCESSIONE DEL SERVIZIO DI TESORERIA COMUNALE.

SCHEMA CONVENZIONE PER LA CONCESSIONE DEL SERVIZIO DI TESORERIA COMUNALE. COMUNE DI TREPPO GRANDE PROV. DI UDINE SCHEMA CONVENZIONE PER LA CONCESSIONE DEL SERVIZIO DI TESORERIA COMUNALE. L'anno, il giorno del mese di in Treppo Grande, presso la sede municipale, in Piazza Marconi,

Dettagli

COMUNE DI ENNA REGOLAMENTO DEGLI AGENTI CONTABILI DEL COMUNE DI ENNA

COMUNE DI ENNA REGOLAMENTO DEGLI AGENTI CONTABILI DEL COMUNE DI ENNA COMUNE DI ENNA REGOLAMENTO DEGLI AGENTI CONTABILI DEL COMUNE DI ENNA APPROVATO CON DELIBERA CONSILIARE N. 14 DEL 21.03.2012 INDICE Art.1 - Compiti ed attribuzioni delle funzioni Art.2 - Incassi e versamenti

Dettagli

Consorzio Granterre Società Cooperativa Agricola Via Polonia 30/33 41100 Modena TEL. 059-31.21.62 FAX 059-45.04.41

Consorzio Granterre Società Cooperativa Agricola Via Polonia 30/33 41100 Modena TEL. 059-31.21.62 FAX 059-45.04.41 REGOLAMENTO PER LA RACCOLTA DEL PRESTITO SOCIALE Consorzio Granterre Società Cooperativa Agricola Via Polonia 30/33 41100 Modena TEL. 059-31.21.62 FAX 059-45.04.41 www.granterre.it Art. 1 Il presente Regolamento

Dettagli

CONTRATTO DI PRESTITO SOCIALE della Cooperativa Solidarietà Soc. Coop. di Volontariato Sociale a r.l..

CONTRATTO DI PRESTITO SOCIALE della Cooperativa Solidarietà Soc. Coop. di Volontariato Sociale a r.l.. COPIA PER IL RICHIEDENTE CONTRATTO DI PRESTITO SOCIALE della Cooperativa Solidarietà Soc. Coop. di Volontariato Sociale a r.l.. Il sottoscritto.............., codice fiscale., nato a......, il / /, domiciliato

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DEGLI AGENTI CONTABILI

REGOLAMENTO COMUNALE DEGLI AGENTI CONTABILI COMUNE DI SPOTORNO Provincia di Savona REGOLAMENTO COMUNALE DEGLI AGENTI CONTABILI 1 Sommario Art. 1 FINALITA DEL REGOLAMENTO Art. 2 ATTRIBUZIONE DELLE FUNZIONI Art. 3 INCASSI E VERSAMENTI EFFETTUATI DIRETTAMENTE

Dettagli

C O M U N E D I P O Z Z A L L O Provincia di Ragusa CONVENZIONE PER LO SVOLGIMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA COMUNALE

C O M U N E D I P O Z Z A L L O Provincia di Ragusa CONVENZIONE PER LO SVOLGIMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA COMUNALE C O M U N E D I P O Z Z A L L O Provincia di Ragusa CONVENZIONE PER LO SVOLGIMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA COMUNALE 1 SCHEMA DI CONVENZIONE PER IL SERVIZIO DI TESORERIA COMUNALE PER IL QUINQUENNIO 2011/2015

Dettagli

Il giorno del mese di dell anno 2011 TRA

Il giorno del mese di dell anno 2011 TRA CONVENZIONE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI CASSA DELLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA DI GROSSETO PER IL QUADRIENNIO 2012-2015 Il giorno del mese di dell anno 2011 TRA La Camera

Dettagli

REGOLAMENTO DELL UFFICIO ECONOMATO. Approvato con deliberazione del Consiglio di Amministrazione n. 38 del 24.09.2009

REGOLAMENTO DELL UFFICIO ECONOMATO. Approvato con deliberazione del Consiglio di Amministrazione n. 38 del 24.09.2009 REGOLAMENTO DELL UFFICIO ECONOMATO Approvato con deliberazione del Consiglio di Amministrazione n. 38 del 24.09.2009 Pubblicato all Albo pretorio del Parco Adda Nord dal 30.09.2009 al 15.10.2009 ART. 1

Dettagli

SCHEMA DI CONVENZIONE PER L AFFIDAMENTO IN CONCESSIONE DEL SERVIZIO DI TESORERIA COMUNALE PER IL PERIODO 01/01/2014-31/12/2016

SCHEMA DI CONVENZIONE PER L AFFIDAMENTO IN CONCESSIONE DEL SERVIZIO DI TESORERIA COMUNALE PER IL PERIODO 01/01/2014-31/12/2016 Allegato alla deliberazione di Consiglio Comunale n. 26 in data 30/11/2013 SCHEMA DI CONVENZIONE PER L AFFIDAMENTO IN CONCESSIONE DEL SERVIZIO DI TESORERIA COMUNALE PER IL PERIODO 01/01/2014-31/12/2016

Dettagli

Comune di Fermignano Provincia di Pesaro e Urbino

Comune di Fermignano Provincia di Pesaro e Urbino Allegato C SCHEMA DI CONVENZIONE PER IL SERVIZIO DI TESORERIA COMUNALE TRA il COMUNE DI FERMIGNANO, di seguito denominato Ente, C.F.: rappresentato da.., nella qualità di Responsabile del servizio finanziario,

Dettagli

COMUNE DI ROTONDI Provincia di Avellino

COMUNE DI ROTONDI Provincia di Avellino COMUNE DI ROTONDI Provincia di Avellino SCHEMA DI CONVENZIONE PER IL CONFERIMENTO IN GESTIONE DEL SERVIZIO DI TESORERIA PERIODO 1 GENNAIO 2011 31 DICEMBRE 2015 REPUBBLICA ITALIANA L anno duemila addì del

Dettagli

CONVENZIONE PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI TESORERIA ANNI 2012/2016

CONVENZIONE PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI TESORERIA ANNI 2012/2016 CONVENZIONE PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI TESORERIA ANNI 2012/2016 L anno duemilaundici addì del mese di con la presente TRA Il Comune di Bibiana (in seguito, per brevità, denominata Comune ) rappresentata

Dettagli

CONTRATTO PER LO SVOLGIMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA TRA. Sig.ra Emanuela Dr.ssa Perin, nata a Padova il 01.05.1967, che agisce in

CONTRATTO PER LO SVOLGIMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA TRA. Sig.ra Emanuela Dr.ssa Perin, nata a Padova il 01.05.1967, che agisce in CONTRATTO PER LO SVOLGIMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA TRA il CENTRO RESIDENZIALE ANZIANI UMBERTO PRIMO di Piove di Sacco, codice fiscale n 80009810286, in seguito chiamato Ente, rappresento dalla Sig.ra

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI CISTERNA DI LATINA Medaglia d argento al Valor Civile REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 52 del 11.05.2009 a cura di : Dott. Bruno Lorello

Dettagli

COMUNE DI CAMPIGLIA DEI BERICI

COMUNE DI CAMPIGLIA DEI BERICI COMUNE DI CAMPIGLIA DEI BERICI PROVINCIA DI VICENZA Regolamento per il servizio di Economato Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 14 del 15 luglio 2015 Regolamento per il servizio di Economato

Dettagli

REGOLAMENTO DELL ATTIVITÀ DEGLI AGENTI CONTABILI

REGOLAMENTO DELL ATTIVITÀ DEGLI AGENTI CONTABILI REGOLAMENTO DELL ATTIVITÀ DEGLI AGENTI CONTABILI Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n.278 del 23 settembre 1996 esecutiva ai sensi di legge e modificato con Deliberazione della Giunta Comunale

Dettagli

ALLEGATO 1 SCHEMA DI CONVENZIONE PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI CASSA

ALLEGATO 1 SCHEMA DI CONVENZIONE PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI CASSA ALLEGATO 1 SCHEMA DI CONVENZIONE PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI CASSA TRA L Accademia di Belle Arti (di seguito denominato Istituto ) con sede in Palermo via Papireto, 20 C.F. n 80028180828 rappresentato

Dettagli

Art. 82 L.R. 8/02 FONDO DI ROTAZIONE PER LA REALIZZAZIONE DI PROGRAMMI PLURIENNALI DI EDILIZIA RESIDENZIALE AGEVOLATA

Art. 82 L.R. 8/02 FONDO DI ROTAZIONE PER LA REALIZZAZIONE DI PROGRAMMI PLURIENNALI DI EDILIZIA RESIDENZIALE AGEVOLATA Art. 82 L.R. 8/02 FONDO DI ROTAZIONE PER LA REALIZZAZIONE DI PROGRAMMI PLURIENNALI DI EDILIZIA RESIDENZIALE AGEVOLATA CONVENZIONE CON ISTITUTI DI CREDITO Tra: Sviluppo Lazio S.p.A. (di seguito Sviluppo

Dettagli

COMUNE DI PONTOGLIO. Provincia di Brescia REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

COMUNE DI PONTOGLIO. Provincia di Brescia REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI PONTOGLIO Provincia di Brescia REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO Indice Art. 1 Servizio di Economato Art. 2 Economo Comunale Art. 3 Funzioni del Servizio di Economato Art. 4 Indennità

Dettagli

ALLEGATO B PREMESSO CHE

ALLEGATO B PREMESSO CHE 1 ALLEGATO B SCHEMA DI CONVENZIONE PER REGOLARE I RAPPORTI TRA I CONFIDI/ALTRI FONDI DI GARANZIA E IL GESTORE DEL FONDO DI GARANZIA REGIONALE PO FESR BASILICATA 2007-2013 PREMESSO CHE La Legge Regionale

Dettagli

Città di Lecce SETTORE TRIBUTI E FISCALITA LOCALE

Città di Lecce SETTORE TRIBUTI E FISCALITA LOCALE Città di Lecce SETTORE TRIBUTI E FISCALITA LOCALE Regolamento per la Definizione Agevolata dei Tributi locali minori ICP e DPA (Art. 13, Legge 27 dicembre 2002, n. 289 e art.24, D.Lgs. 15 novembre 1993,

Dettagli