ORIGINAL ARTICLE. Coordinatore Corso di Laurea in Infermieristica Sede Formativa di Cesena Facoltà di Medicina e Chirurgia di Bologna

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ORIGINAL ARTICLE. Coordinatore Corso di Laurea in Infermieristica Sede Formativa di Cesena Facoltà di Medicina e Chirurgia di Bologna"

Transcript

1 Original Article. Sandra Montalti et al 163 ORIGINAL ARTICLE Continuing medical education and nurses: a balance of activity in Four Public Health Care Units in Romagna (Area Vasta Romagna Program - Italy) ECM ed infermieri: un bilancio d esercizio in area vasta Romagna Sandra Montalti *, Azzurra Bernabei **, Emanuela Vignoli *** * Coordinatore Corso di Laurea in Infermieristica Sede Formativa di Cesena Facoltà di Medicina e Chirurgia di Bologna ** Coordinatore Infermieristico Azienda USL di Forlì *** Infermiera Azienda USL di Forlì Abstract The Continuing Medical Education (CME) system, which is active in Italy since 2002, aims at improving the quality of health care services offered to users by developing the professionality of health care workers. The aim of this study is to evaluate annual planning and organization of the educational tools offered to health care workers, in particular to nurses and coordinators, in the four Public Health Care Units of the area of Romagna. Our data show that, even though the Public Health Units are strongly committed, in terms of human and economic resources, to build an educational pattern, the training is not yet coherent with the main strategic health care objectives. The lack of integration between university programs, continuing medical education and intercorporate classes hinders the process of complete professional development. In conclusion, it is necessary to re-evaluate continuing medical education aims. Key words: Nurses, Continuing Medical Education, Nursing Education Journal of Medicine and The Person, 2006; 4(4): Received May 31 st 2006, Revised September 29 th 2006, Accepted October 15 th 2006 Introduzione L evoluzione della domanda sanitaria ed il conseguente aumento della complessità del sistema organizzativo, legato al cambiamento delle caratteristiche demografiche e socio culturali della popolazione, all evoluzione delle conoscenze scientifiche ed allo sviluppo di una cultura del benessere, hanno portato alla necessità, da parte delle Aziende Sanitarie, di adottare specifiche azioni per dare risposta a questi mutamenti. Nell ottica del miglioramento della qualità offerta agli utenti, la formazione dei professionisti rientra tra le attività prioritarie adottate come risposta alla domanda di assistenza. Ultimamente sono stati diversi i fattori che hanno sostenuto il processo di aggiornamento continuo e di formazione permanente da parte del personale del Servizio Sanitario Nazionale. Dal 1999, con la pubblicazione dell ultimo Codice Deontologico dell Infermiere, si è ribadita la consistenza deontologica dell aggiornamento delle proprie conoscenze, attraverso la formazione permanente, la riflessione critica sull esperienza e la ricerca, al fine di migliorare la competenza professionale fondamentale per ciascun infermiere. Il programma di Educazione Continua in Medicina, avviato nel 2002 in Italia per mantenere elevata e al passo con i tempi la professionalità dei diversi operatori della sanità, ha rappresentato l occasione per il generale miglioramento dei servizi. Infine, anche l ultimo contratto di lavoro ha ulteriormente valorizzato l aggiornamento professionale prevedendo, da parte delle Aziende, la garanzia dell acquisizione dei crediti formativi richiesti dalle disposizioni vigenti, a favore del personale interessato. Fino ad oggi, molteplici sono state le attività promosse per la formazione continua del personale sanitario. Un ruolo attivo è stato ricoperto in questa fase oltre che dalle Aziende Sanitarie, anche dagli Ordini Professionali, dalle associazioni professionali-scientifiche e da qualche sede universitaria. Se da un lato questi soggetti si sono fatti promotori di una serie di eventi formativi di vario tipo (corsi, seminari, convegni) per rispondere alle esigenze dei propri dipendenti e/o associati, dall altro si sono anche impegnati per sperimentare e promuovere nuovi modelli formativi.

2 164 JOURNAL OF MEDICINE & THE PERSON. DECEMBER 2006, VOL. 4 NUMBER 4 Tab. 1 Dati relativi alle Aziende USL dell Area Vasta Romagna aggiornati al 2004 Popolazione servita Posti letto pubblici N. dipendenti per azienda 2644 dipendenti, 4476 dipendenti, 2500 dipendenti, 3200 dipendenti, di cui 1050/1100 infermieri di cui 1880 infermieri di cui 930 infermieri di cui 1300 infermieri e 100 coordinatori e 141 coordinatori e 55 coordinatori e 60 coordinatori Questa nuova spinta all aggiornamento, oltre ad essere garanzia di qualità per la tutela della professionalità, ha rappresentato soprattutto quel diritto dei cittadini che, legittimamente, richiedono sempre di più operatori attenti, aggiornati e sensibili. Inoltre, in un processo di costituzione di un modello di sistema sanitario sovraordinato alle Aziende Usl, integrato su base territoriale corrispondente all Area Vasta Romagna, che si estende su una superficie di Kmq e comprende i territori di Cesena, Forlì, Rimini e Ravenna, con una popolazione residente (tabella 1) di circa abitanti ed una densità media di 203 abitanti per Kmq (500 nel territorio di Rimini, 144 in quello di Forlì), sono stati ripensati gli Uffici Formazione già esistenti. Tali uffici hanno acquisito, tra le loro nuove competenze, l implementazione di offerte per la realizzazione di eventi soprattutto nell ambito del programma nazionale di formazione continua. Partendo proprio dall offerta formativa ECM proposta agli infermieri dalle Aziende Usl dell Area Vasta Romagna, dall impatto sugli stessi e dalla tipologia degli eventi maggiormente utilizzata fino ad oggi, si è voluta condurre un indagine conoscitiva i cui risultati rappresentano lo scopo di questo lavoro. Obiettivo dello studio Scopo di questo studio è quello di indagare la programmazione annuale dell offerta formativa, rivolta in particolare ad infermieri e coordinatori delle aziende dell Area Vasta Romagna e la sua organizzazione, evidenziare e riflettere su collaborazioni di attività formative già intraprese tra le Aziende Sanitarie romagnole e sulle opportunità future. Materiali e metodi Lo studio, che si è svolto da ottobre 2005 a gennaio 2006, è stato condotto attraverso interviste ai Direttori Infermieristici di ciascuna singola azienda di Area Vasta o loro designati (prima fase) 1 e attraverso somministrazione di questionari ad un campione di infermieri (seconda fase). PRIMA FASE: La prima fase si è realizzata attraverso interviste ai Direttori Infermieristici, articolate con domande dapprima di carattere generale, fino a quesiti più specifici. In questo modo, si sono potute acquisire numerose informazioni circa la collocazione e la strutturazione aziendale degli uffici di formazione, la rilevazione del bisogno formativo, il piano dell offerta formativa, le collaborazioni di formazione interaziendali. SECONDA FASE: Il questionario proposto in forma cartacea ad un campione scelto con modalità random, composto da una popolazione di 280 professionisti, formato da 20 Coordinatori Infermieristici e 260 Infermieri distribuiti in egual misura nelle quattro Aziende, conteneva undici domande chiuse, oltre ad una parte anagrafica introduttiva. Le domande miravano a comprendere se l attuale sistema dei crediti ECM, oltre a rappresentare un obbligo professionale e/o aziendale, rispondesse anche ad esigenze di carattere personale e se risultasse essere veramente utile allo sviluppo professionale di ciascun operatore. Inoltre, si è indagato l eventuale grado di coerenza tra i corsi frequentati presso l Azienda ed il bisogno formativo di ciascuno. Con le successive, si è cercato di capire se esiste già nelle diverse organizzazioni un sistema informatizzato di rilevazione dei crediti e a che punto si è con l adempimento del debito formativo per l anno in corso. Si è, inoltre, voluto conoscere quali sono le tipologie formative maggiormente frequentate, di come si è venuti a conoscenza dei corsi ECM e dell eventuale contributo economico personale alla partecipazione. Risultati PRIMA FASE Dall analisi condotta attraverso le interviste ai Direttori, si comprende come l esperienza dell attività formativa presso le aziende sanitarie dell Area Vasta, si sia, nel corso degli anni ben sviluppata e consolidata sia come formazione di base, sia come formazione permanente per il personale dipendente. In ciascuna azienda esiste, infatti, un livello di formazione infermieristica universitaria, rappresentata da sezioni formative o polo didattico del Corso di Laurea triennale in Infermieristica, oltre all esistenza di percorsi clinico-teorici appartenenti anche ad altre classi di laurea (tabella 2).

3 Original Article. Sandra Montalti et al 165 Tab. 2 La formazione in Area Vasta Romagna Collocazione della funzione Ufficio in staff Ufficio in staff Ufficio in staff Unità Operativa formazione ed aggiornamento alla Direzione Generale alla Direzione Generale alla Direzione Generale Risorse Intangibili in Azienda Corsi di Laurea dell Area Sanitaria: CdL in Infermieristica CdL in Infermieristica CdL in Infermieristica CdL in formazione presenti in azienda CdL in Fisioterapia CdL in Fisioterapia CdL in Ostetricia Infermieristica CdL intrsm (solo tirocini) e Logopedia (solo tirocini) Master in Management Sistema di rilevazione Esistenza di una procedura Esistenza di Utilizzo di una scheda Procedura del bisogno formativo aziendale all interno un metodo strutturato di rilevazione, di rilevazione per infermieri e coordinatori della quale è previsto di rilevazione per Presidio strutturata codificata un metodo di rilevazione e per Distretto che ed informatizzata, che si avvale del bisogno formativo si avvale della rete del bisogno formativo della rete che si avvale della rete dei formatori presente durante il processo dei formatori dei formatori di budgeting in un processo continuo. Catalogo dell offerta Piano Annuale Formativo Piano Annuale Formativo, Piano Annuale Formativo, Piano Annuale formativa aziendale consultabile anche on line consultabile presso Formativo, la Direzione Infermieristica consultabile o presso l Ufficio Formazione anche on line Tipologie di formazione Formazione residenziale Formazione residenziale Formazione residenziale Formazione attivate (For) (For) (For) residenziale Formazione sul Campo Formazione sul Campo Formazione sul Campo (For) (Fsc) (Fsc) (Fsc) Formazione sul Formazione a Distanza Formazione a Distanza Formazione a Distanza Campo (Fsc) (FAD) (FAD) (FAD) Formazione a Distanza (FAD) In ciascuna delle quattro aziende è presente, anche se con collocazioni strutturali e modalità organizzative diverse, l Ufficio Formazione. Ovunque viene redatto il Piano Annuale della Formazione (PAF) che rappresenta lo strumento specifico di governo della formazione aziendale, basato su un analisi puntuale dei bisogni formativi rilevati presso le unità operative attraverso un metodo bottom-up e sulle loro valutazioni di coerenza, rispetto agli obiettivi strategici aziendali. Il PAF contiene tutte le attività formative di tipo trasversale e specifico proposte in Azienda ed individuate anche le diverse metodologie di formazione professionale, quali i momenti di formazione sul campo (FSC) o gli eventi di formazione a distanza (FAD). Le collaborazioni interaziendali relative ad attività di formazione, risultano ancora molto scarse e limitate, se si esclude un unico progetto di formazione infermieristica, realizzato mediante la tecnica del blended learning 2, sulla gestione dei dispositivi intravascolari che ha visto la partecipazione di circa 120 infermieri afferenti alle quattro aziende dell Area Vasta Romagna. Dalla tabella 3 Applicazione sistema ECM nelle Ausl dell Area Vasta Romagna sono resi evidenti alcuni dati relativi alla modalità di realizzazione del sistema nelle diverse Aziende. SECONDA FASE Ai questionari relativi al sistema ECM come obbligo od opportunità personale, ha risposto il 70% dei professionisti coinvolti nell indagine, di cui l 84% ha dichiarato di svolgere attività infermieristica o di coordinamento da più di cinque anni e di possedere, all 88%, il diploma di infermiere acquisito precedentemente al passaggio della formazione di base in università. Il 63% degli intervistati ha affermato di considerare il sistema ECM fondamentalmente come vincolo, mentre il 18% lo considera, prima di tutto, la risposta ad un esigenza personale. Il 30% ritiene il sistema dei crediti un opportunità valida ed utile al proprio sviluppo professionale, mentre il 66% lo giudica utile solo parzialmente. La corrispondenza fra i corsi frequentati e proposti dall Azienda ed il proprio bisogno formativo, è totale per il 24% degli intervistati, parziale per il 48%, mentre non vi è assolutamente corrispondenza per il 28%. Il 79% dichiara che in Azienda esiste un sistema di rilevazione informatizzata dei crediti ECM acquisiti e che, al momento dello svolgimento dell indagine, il 74% ha già colmato il proprio debito formativo, attraverso le iniziative di formazione interna a carattere residenziale (50%), iniziative esterne all azienda (18%), FAD (20%) e FSC (12%). Per le modalità d informazione sulle iniziative, il 38% afferma di esserne venuto a conoscenza attraverso la pubblicazione dei programmi con manifesti e/o avvisi aziendali, il 27% leggendo l informazione sulla rete intranet, il 19% dai colleghi, il 15% grazie ai PAF. Il 70% del campione ha dichiarato di non aver dovuto contribuire economicamente alla propria partecipazione alle diverse iniziative formative.

4 166 JOURNAL OF MEDICINE & THE PERSON. DECEMBER 2006, VOL. 4 NUMBER 4 Tab. 3 Applicazione Sistema ECM nelle Ausl dell Area Vasta Romagnola Rilevazione crediti formativi Reportistica annuale Non è ancora previsto Reportistica semestrale, Sistema ECM acquisiti un metodo di rilevazione annuale consultabile automatico aziendale strutturato anche attraverso aziendale, la rete intranet accessibile da ciascun dipendente Crediti formativi ECM acquisiti Il 2004 si è concluso Non esistono dati Si è data risposta alle quote Attualmente, ad oggi da tutto il personale con un offerta aziendale complessivi e certi ECM da acquisire secondo un dato dipendente dell Azienda ECM superiore allo 0,70 secondo il sistema ancora provvisorio, in più di quanto richiesto sembra che si sia dalla domanda teorica risposto al sistema (30 crediti). per il 95% È in corso un consultivo dei crediti ECM per il 2005 richiesti Quota di budget aziendale Circa l 1% dell intero Circa lo 0,35% Circa l 1% dell intero Circa l 1% prevista per la formazione budget aziendale dell intero budget budget aziendale dell intero budget aziendale aziendale Esistenza un metodo di rilevazione Utilizzo dei questionari Utilizzo dei questionari Utilizzo dei questionari Utilizzo della soddisfazione per la di soddisfazione al termine di soddisfazione al termine di soddisfazione al termine dei questionari partecipazione ad eventi formativi di ogni evento formativo di ogni evento formativo di ogni evento formativo, di soddisfazione e loro elaborazione e loro elaborazione elaborazione e raccolta al termine di ogni dei dati complessivi evento formativo presso l Ufficio Formazione e loro elaborazione Esistenza di un sistema di verifica, Non esiste ancora un sistema Non esiste ancora Non esiste ancora un sistema Esiste un anche a lungo termine, generale strutturato un sistema generale generale strutturato di verifica questionario che dell efficacia della formazione di verifica dell efficacia strutturato di verifica dell efficacia dei processi viene somministrato sull organizzazione dei processi formativi dell efficacia dei processi formativi a distanza formativi dall evento formativo, per verificare quanto del corso rimane. È allo studio un sistema per verificare gli eventuali cambiamenti organizzativi ed impatti operativi. Discussione e conclusioni L attuazione del progetto ECM in sanità ha rappresentato senza dubbio, un grosso impulso per l organizzazione e realizzazione dei processi formativi aziendali. Lo sviluppo del PAF, la necessità di far acquisire crediti ECM agli operatori, il tentativo di approfondire nuove tecniche e metodologie per l apprendimento degli adulti, sono solo alcuni dei punti che hanno caratterizzato lo sviluppo della formazione continua nelle strutture sanitarie ed, ultimamente, anche il lavoro degli uffici formazione. Dall analisi condotta, tuttavia, si può affermare che nelle quattro aziende dell Area Vasta Romagna esistono ancora diverse incertezze riguardo la formazione ed il suo investimento. In particolare, ad oggi il monitoraggio della formazione nelle aziende si ferma ad un unico primo step, rappresentato dalla valutazione di gradimento dell evento da parte dei partecipanti, quale feedback per il controllo ed il miglioramento della qualità organizzativa dei corsi di formazione. Manca completamente la valutazione di coerenza fra i piani di formazione e gli obiettivi strategici aziendali, che potrebbe tradursi in una concreta analisi dei miglioramenti/cambiamenti ottenuti nei processi lavorativi o nello svolgimento di attività operative e relazionali (valutazione del trasferimento sul lavoro ). La stessa funzione formativa aziendale, espressa fondamentalmente attraverso la formazione di base o formazione al lavoro, rappresentata dal contributo del SSR ai Corsi di Laurea dell Area Sanitaria e la formazione continua a supporto dell assistenza e della ricerca nelle aziende, rimane a tutt oggi una funzione con ambiti rigorosamente distinti e collocazioni organizzative diverse, senza momenti di vera integrazione o condivisione strutturata. Integrazione e condivisione fondamentali per creare quei contesti organizzativi favorenti ciascun processo formativo e valorizzanti quel patrimonio formativo aziendale fatto di docenti, tutor, animatori ed esperienze cliniche. Inoltre, i momenti di collaborazione formativa, auspicata dal modello territoriale avviato tra le quattro Aziende Sanitarie dell Area Romagnola, sono ancora sporadici se si esclude l unico progetto formativo di Gestione dei

5 Original Article. Sandra Montalti et al 167 dispositivi intravascolari, come ancora poche sono le modalità di valorizzazione della formazione sul campo. In definitiva, riesce questo contesto ad essere un vero aiuto per lo sviluppo professionale continuo? Probabilmente ancora no, visto che il 66% degli infermieri coinvolti nell indagine, dichiara che ad oggi il sistema ECM rappresenta solo un parziale aiuto alla propria crescita professionale. Infine, trascorsi diversi anni dall avvio dell ECM in Italia e consolidato un efficiente impianto formale ed organizzativo, è giunto il momento anche per gli infermieri, di aprire un dibattito sulle prospettive della formazione continua: è finalmente l ora di ripartire dall educazione. 1 Per dare una risposta alle esigenze presenti sul territorio romagnolo, nel settembre 2001 è stato sottoscritto il Protocollo d Intesa delle Conferenze Sanitarie Territoriali di Cesena, Forlì, Rimini e Ravenna sul Programma di area Vasta Romagna. Con questo Protocollo d Intesa le quattro conferenze hanno voluto avviare un processo di forte collaborazione tra il Sistema degli Enti Locali e le quattro Aziende Sanitarie dell Area Romagnola. Il Programma di Area vasta risponde fondamentalmente ad esigenze di tipo amministrativo gestionale dei servizi e delle funzioni e ad esigenze di tipo clinico assistenziale. 2 Sono stati intervistati rispettivamente i Direttori del Servizio Infermieristico e Tecnico per l Azienda Sanitaria di Cesena, Ravenna, Forlì ed il Direttore dell Unità Operativa Risorse Intangibili per l Azienda Sanitaria di Rimini. 3 Modalità che alterna momenti di formazione tradizionale d aula a momenti di formazione a distanza. Indirizzo per corrispondenza: Sandra Montalti Sede Formativa CdL in Infermieristica Viale Ghirotti, Cesena (FC) BIBLIOGRAFIA CCNL del Comparto del personale del Servizio Sanitario Nazionale parte normative quadriennio e parte economica biennio Commissione Regionale per la Formazione continua in medicina e per la salute, Regione Emilia Romagna, Bologna, marzo 2003 L accreditamento delle attività di formazione sul campo nei programmi di educazione continua in medicina 4. Commissione Regionale per la Formazione continua in medicina e per la salute, Regione Emilia Romagna, Bologna, maggio 2004 Dossier Educazione Continua in Medicina in Emilia Romagna: rapporto Commissione Regionale per la Formazione continua in medicina e per la salute, Regione Emilia Romagna, Bologna, settembre 2005 Dossier Educazione Continua in Medicina in Emilia Romagna: rapporto Deliberazione Giunta Regionale 1217/2004, Bologna 28 giugno 2004 Modifiche e integrazioni al sistema di educazione continua in medicina nella regione Emilia Romagna di cui al DGR 1072/ Latocca R., Pasini E. From continuing medical education (CME) to continuing professional development (CPD): a possibility for italian doctors? Journal of Medicine and Person December 2005, vol.3 number 4 8. Martellotti E., Emergenza, ma non solo tratto da I quaderni de L Infermiere, IPASVI n. 5, aprile Rocco G.; ECM: per gli infermieri è una grande opportunità L Infermiere numero 3 IPASVI Agosto Rotondi M., Facilitare l apprendere. Metodi e percorsi per una formazione di qualità Milano Franco Angeli 11. Spiani L., Palese A., Benaglio C. Per una formazione ECM oltre l aula Assistenza Infermieristica e Ricerca numero 23, 1, 2004

DGR 61-7119 DEL 15.10.2007 OGGETTO: SISTEMA REGIONALE PER LA FORMAZIONE CONTINUA IN SANITA ED ISTITUZIONE DEL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO ECM REGIONALE.

DGR 61-7119 DEL 15.10.2007 OGGETTO: SISTEMA REGIONALE PER LA FORMAZIONE CONTINUA IN SANITA ED ISTITUZIONE DEL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO ECM REGIONALE. DGR 61-7119 DEL 15.10.2007 OGGETTO: SISTEMA REGIONALE PER LA FORMAZIONE CONTINUA IN SANITA ED ISTITUZIONE DEL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO ECM REGIONALE. DGR 62-7503 DEL 19.11.2007 OGGETTO: MODIFICA ED INTEGRAZIONE

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA LA REGIONE TOSCANA, LE UNIVERSITA DI FIRENZE PISA E SIENA E LE AZIENDE OSPEDALIERO-UNIVERSITARIE

PROTOCOLLO D INTESA TRA LA REGIONE TOSCANA, LE UNIVERSITA DI FIRENZE PISA E SIENA E LE AZIENDE OSPEDALIERO-UNIVERSITARIE PROTOCOLLO D INTESA TRA LA REGIONE TOSCANA, LE UNIVERSITA DI FIRENZE PISA E SIENA E LE AZIENDE OSPEDALIERO-UNIVERSITARIE PER LA IMPLEMENTAZIONE DELL ATTIVITA DI DIDATTICA E DI RICERCA ALL INTERNO DELLE

Dettagli

La valutazione e la formazione come leva di gestione strategica del personale

La valutazione e la formazione come leva di gestione strategica del personale La valutazione e la formazione come leva di gestione strategica del personale [sistemi informativi integrati a supporto] Case history Azienda Usl di Parma 18 Maggio 2012 Exposanità Case history Azienda

Dettagli

Anno 2011 Formazione AUSLRa. 15 Giugno 2011 Dott.ssa Emanuela Manzari

Anno 2011 Formazione AUSLRa. 15 Giugno 2011 Dott.ssa Emanuela Manzari Anno 2011 Formazione AUSLRa Noi siamo qui Realizzazione progetti progetti 2010 2010 N Progetti N Progetti 0 100 200 300 400 500 600 700 800 900 0 100 200 300 400 500 600 700 800 900 Accred Accred Annullati;

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI EMERGENZA ED ACCETTAZIONE

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI EMERGENZA ED ACCETTAZIONE REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI EMERGENZA ED ACCETTAZIONE PREMESSA Il presente Regolamento disciplina le modalità di funzionamento del Dipartimento di Emergenza ed Accettazione come previsto

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI CHIRURGIA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI CHIRURGIA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI CHIRURGIA PREMESSA Il presente Regolamento disciplina le modalità di funzionamento del Dipartimento di Chirurgia come previsto dall art. 8.3 dell Atto

Dettagli

La formazione nella sanità

La formazione nella sanità La formazione nella sanità Donatella Becchio 22 maggio La formazione continua in sanità 1. Alcuni punti di partenza 2. Il programma ECM 3. Alcuni dati del contesto piemontese 4. Punti di forza e di debolezza

Dettagli

MASTER I LIVELLO IN MANAGEMENT SANITARIO PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTOPER LE PROFESSIONI SANITARIE A.A. 2012/2013

MASTER I LIVELLO IN MANAGEMENT SANITARIO PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTOPER LE PROFESSIONI SANITARIE A.A. 2012/2013 UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA MASTER I LIVELLO IN MANAGEMENT SANITARIO PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTOPER LE PROFESSIONI SANITARIE A.A. 2012/2013 1 MASTER I LIVELLO MANAGEMENT SANITARIO PER LE FUNZIONI

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA MASTER I LIVELLOIN MANAGEMENT SANITARIO PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTOPER LE PROFESSIONI SANITARIE A.A.

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA MASTER I LIVELLOIN MANAGEMENT SANITARIO PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTOPER LE PROFESSIONI SANITARIE A.A. UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA MASTER I LIVELLOIN MANAGEMENT SANITARIO PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTOPER LE PROFESSIONI SANITARIE A.A. 2009/2010 1 MASTER I LIVELLO MANAGEMENT SANITARIO PER LE FUNZIONI

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome CENTANARO ROBERTA Indirizzo 2, VIA ANGELO MASINA, 16143 GENOVA (GE) Telefono 010 8315607 Fax 010 555 6649

Dettagli

MANAGEMENT PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTO NELL AREA DELLE PROFESSIONI SANITARIE

MANAGEMENT PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTO NELL AREA DELLE PROFESSIONI SANITARIE Master di I livello Anno Accademico 2009/2010 (1500 ore 60 CFU) MANAGEMENT PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTO NELL AREA DELLE PROFESSIONI SANITARIE Master 84 1 Titolo MANAGEMENT PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTO

Dettagli

SCHEMA DI REGOLAMENTO SULLA FORMAZIONE CONTINUA IN PSICOLOGIA. Articolo 1 Formazione ed aggiornamento professionale

SCHEMA DI REGOLAMENTO SULLA FORMAZIONE CONTINUA IN PSICOLOGIA. Articolo 1 Formazione ed aggiornamento professionale SCHEMA DI REGOLAMENTO SULLA FORMAZIONE CONTINUA IN PSICOLOGIA Articolo 1 Formazione ed aggiornamento professionale 1. Il presente regolamento disciplina i criteri e le modalità della formazione continua,

Dettagli

RICERCA E INNOVAZIONE 6

RICERCA E INNOVAZIONE 6 RICERCA E INNOVAZIONE 6 247 248 6.1 CREAZIONE DELLA INFRASTRUTTURA PER RICERCA E INNOVAZIONE Sviluppo della infrastruttura locale Obiettivi: sviluppare la capacità di produrre ricerca e sviluppo e gestire

Dettagli

MASTER IN MANAGEMENT PER FUNZIONI DI COORDINAMENTO DELLE PROFESSIONI SANITARIE - POLO DI BOLZANO A.A. 2010-2011

MASTER IN MANAGEMENT PER FUNZIONI DI COORDINAMENTO DELLE PROFESSIONI SANITARIE - POLO DI BOLZANO A.A. 2010-2011 MASTER IN MANAGEMENT PER FUNZIONI DI COORDINAMENTO DELLE PROFESSIONI SANITARIE - POLO DI BOLZANO A.A. 2010-2011 Livello: I CFU: 60 Direttore del corso Cognome Nome Qualifica SSD Poli Albino Prof. Ordinario

Dettagli

Master Universitari in. Assistenza Infermieristica

Master Universitari in. Assistenza Infermieristica Anno accademico 2005-2006 Master per Infermiere di sanità pubblica e di comunità (ISPeC) Master Universitari in Assistenza Infermieristica autonomia didattica LAUREA RIFORMA UNIVERSITARIA crediti formativi

Dettagli

LA FORMAZIONE CONTINUA NELLA REGIONE PIEMONTE: L ACCREDITAMENTO DEI PROVIDER. 26-28 novembre 2012

LA FORMAZIONE CONTINUA NELLA REGIONE PIEMONTE: L ACCREDITAMENTO DEI PROVIDER. 26-28 novembre 2012 LA FORMAZIONE CONTINUA NELLA REGIONE PIEMONTE: L ACCREDITAMENTO DEI PROVIDER 26-28 novembre 2012 IL SISTEMA ECM Il sistema ECM è un sistema integrato tra il livello regionale e il livello nazionale, su

Dettagli

Posizione Organizzativa - Organizzazione Sviluppo Risorse Umane: Referente Formazione Aziendale

Posizione Organizzativa - Organizzazione Sviluppo Risorse Umane: Referente Formazione Aziendale INFORMAZIONI PERSONALI Nome Ferrua Nadia Data di nascita 06/02/1967 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio Collaboratore Amministrativo Professionale Esperto AZIENDA

Dettagli

Treviso lì 24/09/2011

Treviso lì 24/09/2011 Associazione Nazionale SINDACATO Professionisti Sanitari della funzione Infermieristica SEDE REGIONALE DEL VENETO Via S.Nicolò 8 31100 Treviso Telefax: 0422 546607 cell 3291065446 Email: regionale.veneto@nursingup.it

Dettagli

PROCEDURA. Formazione del personale

PROCEDURA. Formazione del personale Pag. 1 PROCEDURA Data di applicazione 27 maggio 2009 Redazione Verifica Data Funzione Nome Data Funzione Nome Responsabile SFR Dott. P. Sacchetti 22/05/2009 Responsabile UF Dott.ssa N. Valdinoci Dirigente

Dettagli

DOCENZE. Data 2008 Ente organizzatore Istituto clinico Città di Brescia s.p.a.

DOCENZE. Data 2008 Ente organizzatore Istituto clinico Città di Brescia s.p.a. DOCENZE Data 2010 Ente organizzatore Montedomini, centro servizi e formazione Titolo del corso Aggiornamento teorico pratico per personale operante in strutture sanitarie riabilitative Docenza Riprogettazione

Dettagli

Il ruolo del coordinatore infermieristico nella formazione continua dei collaboratori

Il ruolo del coordinatore infermieristico nella formazione continua dei collaboratori ARTICOLI ORIGINALI Il ruolo del coordinatore infermieristico nella formazione continua dei collaboratori 38 Tratto dalla propria Tesi di Master La percezione del Coordinatore Infermieristico sulla competenza

Dettagli

Miglioramento continuo dell assistenza infermieristica in ambito chirurgico attraverso la discussione dei casi

Miglioramento continuo dell assistenza infermieristica in ambito chirurgico attraverso la discussione dei casi MODULO DI PRESENTAZIONE per la valutazione e l accreditamento di progetti di AUDIT CLINICO GENERALITÀ Titolo del Miglioramento continuo dell assistenza infermieristica in ambito chirurgico attraverso la

Dettagli

La Ricerca Infermieristica: Stato dell arte e prospettive

La Ricerca Infermieristica: Stato dell arte e prospettive UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BARI Facoltà di Medicina e Chirurgia Corso di Laurea Magistrale in Scienze Infermieristiche e Ostetriche Coordinatore Didattico: Prof. Giancarlo Di Vella aa 2011/2012 Tesi Sperimentale

Dettagli

MANAGEMENT DELLE CURE PRIMARIE E TERRITORIALI - MACUP

MANAGEMENT DELLE CURE PRIMARIE E TERRITORIALI - MACUP MANAGEMENT DELLE CURE PRIMARIE E TERRITORIALI - MACUP Master di I Livello in distance - IV EDIZIONE - A.A. 2015/2016 Premessa Le ragioni della realizzazione di un percorso formativo per un Master di primo

Dettagli

MANIFESTO. Formare Insegnanti che sappiano Insegnare A.N.F.I.S. ASSOCIAZIONE NAZIONALE DEI FORMATORI, INSEGNANTI, SUPERVISORI INIZIALE FORMAZIONE

MANIFESTO. Formare Insegnanti che sappiano Insegnare A.N.F.I.S. ASSOCIAZIONE NAZIONALE DEI FORMATORI, INSEGNANTI, SUPERVISORI INIZIALE FORMAZIONE ASSOCIAZIONE NAZIONALE DEI FORMATORI, INSEGNANTI, SUPERVISORI per la FORMAZIONE INIZIALE Formare Insegnanti che sappiano Insegnare COORDINAMENTO NAZIONALE DEI SUPERVISORI DEL TIROCINIO 2 2 3 PRESENTAZIONE

Dettagli

COMITATO TECNICO SCUOLA E UNIVERSITA

COMITATO TECNICO SCUOLA E UNIVERSITA Emilia Gangemi COMITATO TECNICO SCUOLA E UNIVERSITA Linee di indirizzo 12 dicembre 2012 Il quadro disegnato dai dati più recenti, tra cui le indagini ISTAT, in merito al mercato del lavoro nel Lazio non

Dettagli

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE Master di I livello (1500 ore 60 CFU) Anno Accademico 2010/2011 MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE (MA-08) TITOLO MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE FINALITA Con la locuzione Management e

Dettagli

Delibera del Collegio dei Docenti. Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante

Delibera del Collegio dei Docenti. Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante Delibera del Collegio dei Docenti Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante Anno scolastico 2013/2014 IL COLLEGIO DEI DOCENTI VISTI CONSIDERATO ESAMINATE PRESO ATTO TENUTO CONTO

Dettagli

Secondo il Patto per la Salute 2014-2016

Secondo il Patto per la Salute 2014-2016 CORSO DI FORMAZIONE MANAGERIALE Standard Generali di Qualità per l Assistenza Ospedaliera Secondo il Patto per la Salute 2014-2016 Bologna, settembre 2015 febbraio 2016 MANAGEMENT & policy making Il Patto

Dettagli

IL PROGETTO E-LEARNING. della Ragioneria Generale dello Stato

IL PROGETTO E-LEARNING. della Ragioneria Generale dello Stato IL PROGETTO E-LEARNING della Ragioneria Generale dello Stato Il Contesto Nel corso degli ultimi anni, al fine di migliorare qualitativamente i servizi resi dalla P.A. e di renderla vicina alle esigenze

Dettagli

MANAGEMENT PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTO NELL AREA DELLE PROFESSIONI SANITARIE

MANAGEMENT PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTO NELL AREA DELLE PROFESSIONI SANITARIE Master di I livello MANAGEMENT PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTO NELL AREA DELLE PROFESSIONI SANITARIE (MA 106) 1500 ore 60 CFU A.A. 2011/2012 TITOLO MANAGEMENT PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTO NELL AREA

Dettagli

Migliorare la sua Competenza

Migliorare la sua Competenza Codice Deontologico dell Infermiere 1999 punto 3.1 L infermiere aggiorna le proprie conoscenze attraverso: 1. La Formazione Permanente 2. La Riflessione Critica sull esperienza 3. La ricerca al fine di

Dettagli

Accordo Regionale MMG del 24 aprile 2007 per il controllo della spesa;

Accordo Regionale MMG del 24 aprile 2007 per il controllo della spesa; 1. ANALISI DEL FABBISOGNO FORMATIVO La Regione Puglia, concentrata come molte altre Regioni sulla necessità di contenere i costi del settore sanitario intervenendo sugli assetti gestionali ed organizzativi,

Dettagli

diploma di maturita magistrale abilitazione all esercizio della professione di avvocato

diploma di maturita magistrale abilitazione all esercizio della professione di avvocato RASOLI NIVES CURRICULUM VITAE DATI PERSONALI Stato civile: CONIUGATA Nazionalità: ITALIANA Data di nascita: 21.2.68 Luogo di nascita: BERGAMO Dirigente Amministrativo A.O Papa Giovanni XXIII. Tel.: 035/2673889

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ATTIVITA FORMATIVA PRATICA E DI TIROCINIO CLINICO

REGOLAMENTO PER L ATTIVITA FORMATIVA PRATICA E DI TIROCINIO CLINICO Facoltà di Medicina e Chirurgia Corso di Laurea in Infermieristica Sezione Formativa di Ravenna Forlì Cotignola REGOLAMENTO PER L ATTIVITA FORMATIVA PRATICA E DI TIROCINIO CLINICO Premessa L'attività formativa

Dettagli

Professione Orientatore CODICE MASTER MA001. Master ASNOR 1500 ore, 60 CFO Anno Accademico 2015/2016

Professione Orientatore CODICE MASTER MA001. Master ASNOR 1500 ore, 60 CFO Anno Accademico 2015/2016 Ente accreditato dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca per la formazione del personale della scuola DM 05/07/2013 - Direttiva 90/2003 CODICE MASTER MA001 Professione Orientatore

Dettagli

La professionalità di un Professionista della Salute può venire definita da tre caratteristiche fondamentali:

La professionalità di un Professionista della Salute può venire definita da tre caratteristiche fondamentali: APPROFONDIMENTI. IL SISTEMA E.C.M. NAZIONALE 1) Cos è l Educazione Continua in Medicina? La professionalità di un Professionista della Salute può venire definita da tre caratteristiche fondamentali: il

Dettagli

Linee di indirizzo per la stesura del Piano aziendale della formazione e del Rapporto annuale della formazione (PAF e RAF)

Linee di indirizzo per la stesura del Piano aziendale della formazione e del Rapporto annuale della formazione (PAF e RAF) Allegato 6. Commissione regionale per la formazione continua Linee di indirizzo per la stesura del Piano aziendale della formazione e del Rapporto annuale della formazione (PAF e RAF) Giugno 2015 Indice

Dettagli

MASTER MANAGEMENT PER IL COORDINAMENTO DELLE PROFESSIONI SOCIO-SANITARIE

MASTER MANAGEMENT PER IL COORDINAMENTO DELLE PROFESSIONI SOCIO-SANITARIE MASTER MANAGEMENT PER IL COORDINAMENTO DELLE PROFESSIONI SOCIO-SANITARIE Linee guida per lo svolgimento del Tirocinio formativo obbligatorio di 500 ore Il tirocinio in Management per il Coordinamento delle

Dettagli

CURRICULUM FORMATIVO E PROFESSIONALE MONICA MANFREDINI. Redatto ai sensi dell art. 46 del D.P.R. 28 dicembre 2000 n.445

CURRICULUM FORMATIVO E PROFESSIONALE MONICA MANFREDINI. Redatto ai sensi dell art. 46 del D.P.R. 28 dicembre 2000 n.445 CURRICULUM FORMATIVO E PROFESSIONALE DI MONICA MANFREDINI Redatto ai sensi dell art. 46 del D.P.R. 28 dicembre 2000 n.445 1 MONICA MANFREDINI Dati personali: CURRICULUM FORMATIVO E PROFESSIONALE nata a

Dettagli

Ordinario di Igiene, Facoltà di Medicina e Chirurgia, Università degli Studi di

Ordinario di Igiene, Facoltà di Medicina e Chirurgia, Università degli Studi di Nursing avanzato per la sorveglianza epidemiologica e il controllo delle infezioni correlate ai processi assistenziali (ICPA) Livello I Crediti Formativi Universitari 60 Direttore Prof. Gabriele Romano

Dettagli

CHIARA BOGGIO GILOT STRADA DEL FIOCCARDO, 97 - TORINO

CHIARA BOGGIO GILOT STRADA DEL FIOCCARDO, 97 - TORINO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo CHIARA BOGGIO GILOT STRADA DEL FIOCCARDO, 97 - TORINO Telefono 3389688974 Fax E-mail chiara.boggiogilot@tin.it

Dettagli

Esperienze di valutazione e autovalutazione nel Corso di Studi in Infermieristica Università degli Studi di Udine

Esperienze di valutazione e autovalutazione nel Corso di Studi in Infermieristica Università degli Studi di Udine Conferenza Permanente dei Corsi di Laurea e Laurea Magistrale delle Professioni Sanitarie Esperienze di valutazione e autovalutazione nel Corso di Studi in Infermieristica Università degli Studi di Udine

Dettagli

Sede lavorativa Corso di Laurea in Infermieristica sede di Verbania Università del Piemonte Orientale Amedeo Avogadro Novara

Sede lavorativa Corso di Laurea in Infermieristica sede di Verbania Università del Piemonte Orientale Amedeo Avogadro Novara Cognome Nome Paola Caggiano Professione : Tutor pedagogico Sede lavorativa Corso di Laurea in Infermieristica sede di Verbania Università del Piemonte Orientale Amedeo Avogadro Novara Tel.: 0323 541509

Dettagli

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE Master di I livello in MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE In Sigla Master 74 Anno Accademico 2009/2010 (1500 ore 60 CFU) TITOLO Management nelle organizzazioni sanitarie FINALITÀ Con la locuzione

Dettagli

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE Master di I livello MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE (MA 047) 1500 ore 60 CFU A.A. 2011/2012 TITOLO MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE OBIETTIVI FORMATIVI Con la locuzione Management e

Dettagli

Il Rettore. Decreto n. 44409 (352) Anno 2015

Il Rettore. Decreto n. 44409 (352) Anno 2015 Il Rettore Decreto n. 44409 (352) Anno 2015 VISTI gli articoli 16 e 17 del decreto del Presidente della Repubblica n. 162/82 e l articolo 6 della legge n. 341/90; VISTO l articolo 32 del Regolamento Didattico

Dettagli

CURRICULUM VITÆ DI CARLA REPETTO

CURRICULUM VITÆ DI CARLA REPETTO CURRICULUM VITÆ DI CARLA REPETTO INFORMAZIONI PERSONALI Nome Carla Repetto Data di nascita 23 luglio 1957 Qualifica CPSE Amministrazione ASL AL Incarico attuale Responsabile SITRO Formazione Numero telefonico

Dettagli

SCHEDA RACCOLTA DATI PER ACCREDITAMENTO EVENTI

SCHEDA RACCOLTA DATI PER ACCREDITAMENTO EVENTI Obiettivi formativi: Abstract/Razionale del corso/convegno: in conformità all obiettivo generale (da individuare un obiettivo tra quelli contenuti nella tabella allegata (allegato 1)) individuato nell

Dettagli

FocusReport3. KIBS: il percorso della conoscenza. EBiComLab. nella provincia di Treviso. agosto 2014. Centro studi sul terziario trevigiano

FocusReport3. KIBS: il percorso della conoscenza. EBiComLab. nella provincia di Treviso. agosto 2014. Centro studi sul terziario trevigiano FocusReport3 agosto 2014 KIBS: il percorso della conoscenza Filcams-CGIL Fisascat-CISL Uiltucs-UIL Secondo i dati forniti dall Ufficio Studi e Statistica della Camera di Commercio Industria Artigianato

Dettagli

QUESTIONARIO ONLINE RILEVAZIONE BISOGNI FORMATIVI PIANO 2015

QUESTIONARIO ONLINE RILEVAZIONE BISOGNI FORMATIVI PIANO 2015 QUESTIONARIO ONLINE RILEVAZIONE BISOGNI FORMATIVI PIANO 2015 ANALISI STATISTICA DEI DATI Campione di n 387 operatori ASL Cagliari Fermo restando che ad ogni Struttura aziendale che ha partecipato con i

Dettagli

Deliberazione del Direttore Generale N. 159. Del 22/09/2015

Deliberazione del Direttore Generale N. 159. Del 22/09/2015 Deliberazione del Direttore Generale N. 159 Del 22/09/2015 Il giorno 22/09/2015 alle ore 10.00 nella sede Aziendale di via San Giovanni del Cantone 23, il sottoscritto Massimo Annicchiarico, Direttore

Dettagli

ESSERE TUTOR Corso di formazione per tutori Medici di Medicina Generale e Pediatri di Famiglia

ESSERE TUTOR Corso di formazione per tutori Medici di Medicina Generale e Pediatri di Famiglia Allegato 1 G PROGRAMMA FORMATIVO DEGLI EVENTI ESSERE TUTOR Corso di formazione per tutori Medici di Medicina Generale e Pediatri di Famiglia CT04-2009 1. PREMESSA La formalizzazione di una esperienza di

Dettagli

i formazione 2009-2011

i formazione 2009-2011 Piano di formazione 2009-2011 per la formazione di base, professionale e manageriale del personale del Servizio Sanitario Regionale, e del Sistema regionale per l Educazione Continua in Medicina (ECM).

Dettagli

SEMINARIO L INFERMIERE E LA RESPONSABILITA NEL QUOTIDIANO: PROFILI PENALI, CIVILI, AMMINISTRATIVI E DEONTOLOGICI

SEMINARIO L INFERMIERE E LA RESPONSABILITA NEL QUOTIDIANO: PROFILI PENALI, CIVILI, AMMINISTRATIVI E DEONTOLOGICI SEMINARIO L INFERMIERE E LA RESPONSABILITA NEL QUOTIDIANO: PROFILI PENALI, CIVILI, AMMINISTRATIVI E DEONTOLOGICI 29 maggio 2010 Ore: 09.00 18.00 Sala Vivaldi Ammezzato pad. 16 (capienza: 60 posti) Organizzato

Dettagli

Approvazione del nuovo sistema di governo regionale per la Formazione Continua in Sanita' e costituzione relativi organismi.

Approvazione del nuovo sistema di governo regionale per la Formazione Continua in Sanita' e costituzione relativi organismi. REGIONE PIEMONTE BU28 14/07/2011 Deliberazione della Giunta Regionale 22 giugno 2011, n. 7-2208 Approvazione del nuovo sistema di governo regionale per la Formazione Continua in Sanita' e costituzione

Dettagli

Titolo del Workshop. La Rete delle Cure Palliative nel Panorama Sanitario In collaborazione con Antea Formad. Abstract / sintesi degli interventi

Titolo del Workshop. La Rete delle Cure Palliative nel Panorama Sanitario In collaborazione con Antea Formad. Abstract / sintesi degli interventi Titolo del Workshop La Rete delle Cure Palliative nel Panorama Sanitario In collaborazione con Antea Formad Abstract / sintesi degli interventi Presentazione Il workshop, partendo dalla presentazione dei

Dettagli

LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO

LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO NELLE AZIENDE SANITARIE Le presenti linee di indirizzo regionali per la gestione del rischio clinico nelle Aziende Ospedaliere e nelle Aziende Unità

Dettagli

Conferenza dei presidi delle Facoltà di Scienze della Comunicazione PROTOCOLLO D'INTESA TRA

Conferenza dei presidi delle Facoltà di Scienze della Comunicazione PROTOCOLLO D'INTESA TRA Conferenza dei presidi delle Facoltà di Scienze della Comunicazione PROTOCOLLO D'INTESA TRA MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DIPARTIMENTO PER L ISTRUZIONE LA CONFERENZA DEI PRESIDI

Dettagli

Convention Nazionale L Eccellenza Professionale nell era della Clinical Governance. Bologna, 27 novembre 2009. Il Piano formativo a misura di ECM

Convention Nazionale L Eccellenza Professionale nell era della Clinical Governance. Bologna, 27 novembre 2009. Il Piano formativo a misura di ECM Convention Nazionale L Eccellenza Professionale nell era della Clinical Governance Bologna, 27 novembre 2009 GIMBEducation 2010 Il Piano formativo a misura di ECM Nino Cartabellotta GIMBEducation 1. Obiettivi

Dettagli

MASTER di I Livello MANAGEMENT PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTO NELL'AREA DELLE PROFESSIONI SANITARIE

MASTER di I Livello MANAGEMENT PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTO NELL'AREA DELLE PROFESSIONI SANITARIE MASTER di I Livello MANAGEMENT PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTO NELL'AREA DELLE PROFESSIONI SANITARIE 1ª EDIZIONE 1500 ore 60 CFU Anno Accademico 2015/2016 MA372 Pagina 1/7 Titolo MANAGEMENT PER LE FUNZIONI

Dettagli

Formazione, informazione, addestramento: le caratteristiche dei percorsi formativi previste per le diverse figure

Formazione, informazione, addestramento: le caratteristiche dei percorsi formativi previste per le diverse figure Formazione, informazione, addestramento: le caratteristiche dei percorsi formativi previste per le diverse figure 30 ottobre 2008 - Como Nicoletta Cornaggia Art. 2 comma 1 - Definizioni aa) «formazione

Dettagli

Cultura del lavoro e formazione universitaria

Cultura del lavoro e formazione universitaria Conferenza dei Servizi Sanitari Aziendali Bracciano 30 Novembre 1 Dicembre 2015 Cultura del lavoro e formazione universitaria Dott.ssa Maria Antonietta Lai, Dott.ssa Marina Manna Dott.ssa Serenella Savini

Dettagli

1975 Diploma di maturità scientifica, rilasciato dal Liceo Scientifico Statale A.Avogadro di Biella;

1975 Diploma di maturità scientifica, rilasciato dal Liceo Scientifico Statale A.Avogadro di Biella; COGNOME NOME EULOGIO CATERINA Professione : Infermiera Sede lavorativa A.S.L.BI Tel.: 0158409333 Fax: 0158401931 E-mail: caterina.eulogio@infermieribiella.it CURRICULUM Formazione e studi 1975 Diploma

Dettagli

REGOLAMENTO DEL MASTER UNIVERSITARIO DI PRIMO LIVELLO PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTO DELLE PROFESSIONI SANITARIE (ROMA)

REGOLAMENTO DEL MASTER UNIVERSITARIO DI PRIMO LIVELLO PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTO DELLE PROFESSIONI SANITARIE (ROMA) REGOLAMENTO DEL MASTER UNIVERSITARIO DI PRIMO LIVELLO PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTO DELLE PROFESSIONI SANITARIE (ROMA) Art. 1 Istituzione del Master di primo livello per le funzioni di coordinamento

Dettagli

POLITICA DELLA FORMAZIONE DEL PERSONALE CIVILE

POLITICA DELLA FORMAZIONE DEL PERSONALE CIVILE POLITICA DELLA FORMAZIONE DEL PERSONALE CIVILE 1. Che cos è la formazione La formazione è il processo attraverso il quale si educano, si migliorano e si indirizzano le risorse umane affinché personale

Dettagli

Criteri irrinunciabili nella ridefinizione dei

Criteri irrinunciabili nella ridefinizione dei Commissione Nazionale Corsi di Laurea in Infermieristica Milano 10 giugno 2011 Criteri irrinunciabili nella ridefinizione dei protocolli d intesa d Università - Regioni Valerio Dimonte Legge 30 DICEMBRE

Dettagli

MANAGEMENT PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTO NELLE PROFESSIONI SANITARIE DELLA RIABILITAZIONE, TECNICHE E DELLA PREVENZIONE STATUTO

MANAGEMENT PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTO NELLE PROFESSIONI SANITARIE DELLA RIABILITAZIONE, TECNICHE E DELLA PREVENZIONE STATUTO MANAGEMENT PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTO NELLE PROFESSIONI SANITARIE DELLA RIABILITAZIONE, TECNICHE E DELLA PREVENZIONE STATUTO Art. 1 Attivazione del Master L Università degli Studi dell Aquila attiva,

Dettagli

Linee guida per lo svolgimento del Tirocinio formativo obbligatorio di 500 ore

Linee guida per lo svolgimento del Tirocinio formativo obbligatorio di 500 ore MASTER MANAGEMENT PER IL COORDINAMENTO DELLE PROFESSIONI SANITARIE Linee guida per lo svolgimento del Tirocinio formativo obbligatorio di 500 ore Il tirocinio in Management per il Coordinamento delle Professioni

Dettagli

La formazione dell Operatore Socio Sanitario (O.S.S.) Competenze professionali: l integrazione possibile

La formazione dell Operatore Socio Sanitario (O.S.S.) Competenze professionali: l integrazione possibile La formazione dell Operatore Socio Sanitario (O.S.S.) Competenze professionali: l integrazione possibile 1 Il panorama attuale Nelle strutture sanitarie esistono plurime figure professionali: Il coordinatore

Dettagli

CURRICULUM FORMATIVO E PROFESSIONALE

CURRICULUM FORMATIVO E PROFESSIONALE CURRICULUM FORMATIVO E PROFESSIONALE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo FUGGETTA LEONARDO Telefono Cell. 335 777 3704 Fax Uff. 011 2402067 E-mail leonardo.fuggetta@unito.it Nazionalità Italiana Data

Dettagli

CASO APPLICATIVO: PROGRAMMA DI SVILUPPO RISORSE UMANE

CASO APPLICATIVO: PROGRAMMA DI SVILUPPO RISORSE UMANE CASO APPLICATIVO: PROGRAMMA DI SVILUPPO RISORSE UMANE IL PROJECT MANAGEMENT NEL SERVIZIO SANITARIO L esperienza dell APSS di Trento Bolzano, 8 maggio 2008 Auditorio del Palazzo Provinciale 12 Autore: Ettore

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DELLA FORMAZIONE CONTINUA PER L INTEGRAZONE SOCIO SANITARIA E LA CONTINUITA DEI PROCESSI ASSISTENZIALI, RIFERITE AGLI ANZIANI

PROGRAMMAZIONE DELLA FORMAZIONE CONTINUA PER L INTEGRAZONE SOCIO SANITARIA E LA CONTINUITA DEI PROCESSI ASSISTENZIALI, RIFERITE AGLI ANZIANI Allegato parte integrante Programmazione della formazione ASSESSORATO ALLA SALUTE E POLITICHE SOCIALI Organizzazione e Qualità delle sanitarie Ufficio formazione e sviluppo delle risorse umane PROGRAMMAZIONE

Dettagli

PIANO FORMATIVO EDUCAZIONE CONTINUA IN MEDICINA (ECM) ANNO 2015

PIANO FORMATIVO EDUCAZIONE CONTINUA IN MEDICINA (ECM) ANNO 2015 PIANO FORMATIVO EDUCAZIONE CONTINUA IN MEDICINA (ECM) ANNO 2015 1 2 INDICE Premessa pag. 3 Piano e Obiettivi formativi pag. 3 Popolazione destinataria pag. 4 Metodologia pag. 5 Valutazione della formazione

Dettagli

REGIONE UMBRIA LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO DELLE AZIENDE SANITARIE DGR 1345 DEL 27/07/2007

REGIONE UMBRIA LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO DELLE AZIENDE SANITARIE DGR 1345 DEL 27/07/2007 REGIONE UMBRIA LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO DELLE AZIENDE SANITARIE DGR 1345 DEL 27/07/2007 GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO Il rischio clinico rappresenta l eventualità di subire

Dettagli

REGOLAMENTO SULLE LINEE DI INDIRIZZO PER LA FORMAZIONE E L AGGIORNAMENTO DEL PERSONALE TECNICO AMMINISTRATIVO

REGOLAMENTO SULLE LINEE DI INDIRIZZO PER LA FORMAZIONE E L AGGIORNAMENTO DEL PERSONALE TECNICO AMMINISTRATIVO REGOLAMENTO SULLE LINEE DI INDIRIZZO PER LA FORMAZIONE E L AGGIORNAMENTO DEL PERSONALE TECNICO AMMINISTRATIVO Premessa In base all art. 45 del CCNL del 9/08/2000 la formazione professionale costituisce

Dettagli

Fare clic sull'icona per inserire un'immagine. La formazione come crescita professionale. Ana Shiella C. Rivera Infermiera

Fare clic sull'icona per inserire un'immagine. La formazione come crescita professionale. Ana Shiella C. Rivera Infermiera Fare clic sull'icona per inserire un'immagine La formazione come crescita professionale Ana Shiella C. Rivera Infermiera La formazione Si definisce formazione il processo del formarsi con la maturazione

Dettagli

MA132 - MANAGEMENT PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTO NELL'AREA DELLE PROFESSIONI SANITARIE (I

MA132 - MANAGEMENT PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTO NELL'AREA DELLE PROFESSIONI SANITARIE (I MASTER di I Livello MA132 - MANAGEMENT PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTO NELL'AREA DELLE PROFESSIONI SANITARIE (I edizione) 1500 ore - 60 CFU Anno Accademico 2012/2013 MA132 www.unipegaso.it Titolo MA132

Dettagli

Master di I livello MANAGEMENT E COORDINAMENTO DELLE PROFESSIONI SANITARIE (MA 102) 1500 ore 60 CFU A.A. 2011/2012

Master di I livello MANAGEMENT E COORDINAMENTO DELLE PROFESSIONI SANITARIE (MA 102) 1500 ore 60 CFU A.A. 2011/2012 Master di I livello MANAGEMENT E COORDINAMENTO DELLE PROFESSIONI SANITARIE (MA 102) 1500 ore 60 CFU A.A. 2011/2012 TITOLO MANAGEMENT E COORDINAMENTO DELLE PROFESSIONI SANITARIE OBIETTIVI FORMATIVI Con

Dettagli

Premesso che il Sistema di e-learning federato per la pubblica amministrazione dell Emilia-Romagna (SELF):

Premesso che il Sistema di e-learning federato per la pubblica amministrazione dell Emilia-Romagna (SELF): CONVENZIONE PER L ADESIONE AL SISTEMA DI E-LEARNING FEDERATO DELL EMILIA-ROMAGNA PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE E L UTILIZZO DEI SERVIZI PER LA FORMAZIONE Premesso che il Sistema di e-learning federato

Dettagli

Dal 1/09/2001 a tutt oggi Azienda Ospedaliera di Desenzano. Università degli Studi di Brescia. Istruzione pubblica Corso di Laurea in Infermieristica

Dal 1/09/2001 a tutt oggi Azienda Ospedaliera di Desenzano. Università degli Studi di Brescia. Istruzione pubblica Corso di Laurea in Infermieristica F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Nazionalità ENRICA PODAVINI Italiana Data di nascita 8/06/1963 Date (da a) Nome e indirizzo del datore di

Dettagli

MODULO Formazione sul Campo Direzione Professioni Sanitarie

MODULO Formazione sul Campo Direzione Professioni Sanitarie SEZIONE FORMAZIONE E BIBLIOTECA MODULO Formazione sul Campo Direzione Professioni Sanitarie All.2 P2-FORM Titolo: LA RELAZIONE CON IL PAZIENTE E CAREGIVER NELLE TERAPIE INTESIVE APERTE 1^ EDIZIONE TRAINING

Dettagli

Sistema Regionale di Accreditamento per l Educazione Continua in Medicina - ECM

Sistema Regionale di Accreditamento per l Educazione Continua in Medicina - ECM All. DDG del 8 febbraio 2012 n. 1347 REGIONE CALABRIA Dipartimento Tutela della Salute e Politiche Sanitarie Sistema Regionale di Accreditamento per l Educazione Continua in Medicina - ECM Indice Documento

Dettagli

RICONOSCIMENTO, VALIDAZIONE E CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE PER L APPRENDIMENTO PERMANENTE. CON QUALI COMPETENZE?

RICONOSCIMENTO, VALIDAZIONE E CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE PER L APPRENDIMENTO PERMANENTE. CON QUALI COMPETENZE? Convegno Nazionale RICONOSCIMENTO, VALIDAZIONE E CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE PER L APPRENDIMENTO PERMANENTE. CON QUALI COMPETENZE? Con il patrocinio della Convegno Nazionale Riconoscimento, validazione

Dettagli

L INTEGRAZIONE ASSISTENZA - RICERCA. Paolo Marchetti Facoltà di Medicina e Psicologia Azienda Ospedaliera Sant Andrea Sapienza Università di Roma

L INTEGRAZIONE ASSISTENZA - RICERCA. Paolo Marchetti Facoltà di Medicina e Psicologia Azienda Ospedaliera Sant Andrea Sapienza Università di Roma L INTEGRAZIONE ASSISTENZA - RICERCA Paolo Marchetti Facoltà di Medicina e Psicologia Azienda Ospedaliera Sant Andrea Sapienza Università di Roma 1 L INTEGRAZIONE ASSISTENZA - RICERCA I Cittadini debbono

Dettagli

MASTER MANAGEMENT PER IL COORDINAMENTO DELLE PROFESSIONI SANITARIE

MASTER MANAGEMENT PER IL COORDINAMENTO DELLE PROFESSIONI SANITARIE MASTER MANAGEMENT PER IL COORDINAMENTO DELLE PROFESSIONI SANITARIE Linee guida per lo svolgimento del Tirocinio formativo obbligatorio di 500 ore Il tirocinio in Management per il Coordinamento delle Professioni

Dettagli

Art. 1. Istituzione dei Servizi

Art. 1. Istituzione dei Servizi LEGGE REGIONALE 5 febbraio 2010, n.13 Istituzione dei servizi delle professioni sanitarie infermieristiche, ostetriche, riabilitative, tecnico sanitarie e tecniche della prevenzione e delle professioni

Dettagli

16/02/1992 a tutt ora Azienda Ospedaliero-Universitaria Pisana via Roma,67 56100 PISA

16/02/1992 a tutt ora Azienda Ospedaliero-Universitaria Pisana via Roma,67 56100 PISA F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome MARCHETTI FEDERICA Indirizzo PIAZZA DELLE VETTOVAGLIE, 35 56126 PISA Telefono cell. 347/3658099 ufficio 050/995751

Dettagli

Indagine sulle opinioni degli studenti frequentanti in ordine alle attività didattiche (art.1 comma 2, della legge 19/10/1999, n.

Indagine sulle opinioni degli studenti frequentanti in ordine alle attività didattiche (art.1 comma 2, della legge 19/10/1999, n. Indagine sulle opinioni degli studenti frequentanti in ordine alle attività didattiche (art.1 comma 2, della legge 19/10/1999, n. 73) anno accademico 2008/2009 Aprile 2010 INDICE 1. Obiettivi 2. Metodologia

Dettagli

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE COGNOME NOME VENDRAMIN TOSCA Professione : CPSE Coordinatore corso di Laurea Sede lavorativa Tortona Tel.: 0131/1858051 Fax: 0131/1858068 E-mail: tvendramin@aslal.it CURRICULUM F ORMATO EUROPEO PER IL

Dettagli

Carta dei Servizi. Chi Siamo. Che cosa facciamo. Cooperazione allo Sviluppo. Come Lavoriamo. Dove Siamo. Centro Studi e Formazione

Carta dei Servizi. Chi Siamo. Che cosa facciamo. Cooperazione allo Sviluppo. Come Lavoriamo. Dove Siamo. Centro Studi e Formazione Carta dei Servizi Chi Siamo Che cosa facciamo Come Lavoriamo Dove Siamo Cooperazione allo Sviluppo Centro Studi e Formazione Adozione Internazionale Emissione Gennaio 2013 Sez.III - 1 /9 Indice Indice...

Dettagli

DISCIPLINA DELL ORGANIZZAZIONE E DEGLI ASPETTI OPERATIVI DEL SERVIZIO DELLE PROFESSIONI SANITARIE

DISCIPLINA DELL ORGANIZZAZIONE E DEGLI ASPETTI OPERATIVI DEL SERVIZIO DELLE PROFESSIONI SANITARIE DISCIPLINA DELL ORGANIZZAZIONE E DEGLI ASPETTI OPERATIVI DEL SERVIZIO DELLE PROFESSIONI SANITARIE Indice 1. Denominazione pag 2 2. Natura istituzionale e finalità pag 2 3. Personale afferente al Servizio

Dettagli

1. CHE COS È LA CARTA DEI SERVIZI

1. CHE COS È LA CARTA DEI SERVIZI CARTA DEI SERVIZI 1. CHE COS È LA CARTA DEI SERVIZI 2. PRESENTAZIONE 3. SERVIZI FORNITI E AREE DI INTERVENTO 4. I PRINCIPI FONDAMENTALI 5. TUTELA E VERIFICA 6. DATI DELLA SEDE 1. CHE COS È LA CARTA DEI

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE VALORE P.A.

CORSO DI FORMAZIONE VALORE P.A. Direzione centrale Credito e Welfare CORSO DI FORMAZIONE VALORE P.A. TITOLO Management sanitario e metodologie e modelli di assistenza ospedaliera AREA GIURIDICA-SANITARIA Direttore/ coordinatore Didattico

Dettagli

Delibera del Collegio dei Docenti Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante

Delibera del Collegio dei Docenti Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante Delibera del Collegio dei Docenti Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante IL COLLEGIO DEI DOCENTI VISTO quanto previsto dalla Legge 107 del 13/07/2015 Riforma del sistema nazionale

Dettagli

1. Soggetto proponente

1. Soggetto proponente Allegato alla Delib.G.R. n. 53/56 del 20.12.2013 PERCORSO DI INFORMAZIONE E DI FORMAZIONE E DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE PER GLI OPERATORI DELLE MENSE SCOLASTICHE, OSPEDALIERE E PUBBLICHE E PER GLI OPERATORI

Dettagli

L'infermiere specialista in area critica dalla teoria alla realtà: indagine sul ruolo dello specialista nel contesto operativo

L'infermiere specialista in area critica dalla teoria alla realtà: indagine sul ruolo dello specialista nel contesto operativo Gli infermieri di area critica e la questione civile 32 Congresso Nazionale ANIARTI, 6-8 novembre 2013, Napoli L'infermiere specialista in area critica dalla teoria alla realtà: indagine sul ruolo dello

Dettagli

La formazione sul campo

La formazione sul campo La formazione sul campo Relazione a cura della dott.ssa Sonia Martin Università degli Studi di Verona Come si insegna la medicina? MASTER MANAGEMENT PER COORDINATORI DELLE PROFESSIONI SANITARIE Az. ULSS

Dettagli