ORIGINAL ARTICLE. Coordinatore Corso di Laurea in Infermieristica Sede Formativa di Cesena Facoltà di Medicina e Chirurgia di Bologna

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ORIGINAL ARTICLE. Coordinatore Corso di Laurea in Infermieristica Sede Formativa di Cesena Facoltà di Medicina e Chirurgia di Bologna"

Transcript

1 Original Article. Sandra Montalti et al 163 ORIGINAL ARTICLE Continuing medical education and nurses: a balance of activity in Four Public Health Care Units in Romagna (Area Vasta Romagna Program - Italy) ECM ed infermieri: un bilancio d esercizio in area vasta Romagna Sandra Montalti *, Azzurra Bernabei **, Emanuela Vignoli *** * Coordinatore Corso di Laurea in Infermieristica Sede Formativa di Cesena Facoltà di Medicina e Chirurgia di Bologna ** Coordinatore Infermieristico Azienda USL di Forlì *** Infermiera Azienda USL di Forlì Abstract The Continuing Medical Education (CME) system, which is active in Italy since 2002, aims at improving the quality of health care services offered to users by developing the professionality of health care workers. The aim of this study is to evaluate annual planning and organization of the educational tools offered to health care workers, in particular to nurses and coordinators, in the four Public Health Care Units of the area of Romagna. Our data show that, even though the Public Health Units are strongly committed, in terms of human and economic resources, to build an educational pattern, the training is not yet coherent with the main strategic health care objectives. The lack of integration between university programs, continuing medical education and intercorporate classes hinders the process of complete professional development. In conclusion, it is necessary to re-evaluate continuing medical education aims. Key words: Nurses, Continuing Medical Education, Nursing Education Journal of Medicine and The Person, 2006; 4(4): Received May 31 st 2006, Revised September 29 th 2006, Accepted October 15 th 2006 Introduzione L evoluzione della domanda sanitaria ed il conseguente aumento della complessità del sistema organizzativo, legato al cambiamento delle caratteristiche demografiche e socio culturali della popolazione, all evoluzione delle conoscenze scientifiche ed allo sviluppo di una cultura del benessere, hanno portato alla necessità, da parte delle Aziende Sanitarie, di adottare specifiche azioni per dare risposta a questi mutamenti. Nell ottica del miglioramento della qualità offerta agli utenti, la formazione dei professionisti rientra tra le attività prioritarie adottate come risposta alla domanda di assistenza. Ultimamente sono stati diversi i fattori che hanno sostenuto il processo di aggiornamento continuo e di formazione permanente da parte del personale del Servizio Sanitario Nazionale. Dal 1999, con la pubblicazione dell ultimo Codice Deontologico dell Infermiere, si è ribadita la consistenza deontologica dell aggiornamento delle proprie conoscenze, attraverso la formazione permanente, la riflessione critica sull esperienza e la ricerca, al fine di migliorare la competenza professionale fondamentale per ciascun infermiere. Il programma di Educazione Continua in Medicina, avviato nel 2002 in Italia per mantenere elevata e al passo con i tempi la professionalità dei diversi operatori della sanità, ha rappresentato l occasione per il generale miglioramento dei servizi. Infine, anche l ultimo contratto di lavoro ha ulteriormente valorizzato l aggiornamento professionale prevedendo, da parte delle Aziende, la garanzia dell acquisizione dei crediti formativi richiesti dalle disposizioni vigenti, a favore del personale interessato. Fino ad oggi, molteplici sono state le attività promosse per la formazione continua del personale sanitario. Un ruolo attivo è stato ricoperto in questa fase oltre che dalle Aziende Sanitarie, anche dagli Ordini Professionali, dalle associazioni professionali-scientifiche e da qualche sede universitaria. Se da un lato questi soggetti si sono fatti promotori di una serie di eventi formativi di vario tipo (corsi, seminari, convegni) per rispondere alle esigenze dei propri dipendenti e/o associati, dall altro si sono anche impegnati per sperimentare e promuovere nuovi modelli formativi.

2 164 JOURNAL OF MEDICINE & THE PERSON. DECEMBER 2006, VOL. 4 NUMBER 4 Tab. 1 Dati relativi alle Aziende USL dell Area Vasta Romagna aggiornati al 2004 Popolazione servita Posti letto pubblici N. dipendenti per azienda 2644 dipendenti, 4476 dipendenti, 2500 dipendenti, 3200 dipendenti, di cui 1050/1100 infermieri di cui 1880 infermieri di cui 930 infermieri di cui 1300 infermieri e 100 coordinatori e 141 coordinatori e 55 coordinatori e 60 coordinatori Questa nuova spinta all aggiornamento, oltre ad essere garanzia di qualità per la tutela della professionalità, ha rappresentato soprattutto quel diritto dei cittadini che, legittimamente, richiedono sempre di più operatori attenti, aggiornati e sensibili. Inoltre, in un processo di costituzione di un modello di sistema sanitario sovraordinato alle Aziende Usl, integrato su base territoriale corrispondente all Area Vasta Romagna, che si estende su una superficie di Kmq e comprende i territori di Cesena, Forlì, Rimini e Ravenna, con una popolazione residente (tabella 1) di circa abitanti ed una densità media di 203 abitanti per Kmq (500 nel territorio di Rimini, 144 in quello di Forlì), sono stati ripensati gli Uffici Formazione già esistenti. Tali uffici hanno acquisito, tra le loro nuove competenze, l implementazione di offerte per la realizzazione di eventi soprattutto nell ambito del programma nazionale di formazione continua. Partendo proprio dall offerta formativa ECM proposta agli infermieri dalle Aziende Usl dell Area Vasta Romagna, dall impatto sugli stessi e dalla tipologia degli eventi maggiormente utilizzata fino ad oggi, si è voluta condurre un indagine conoscitiva i cui risultati rappresentano lo scopo di questo lavoro. Obiettivo dello studio Scopo di questo studio è quello di indagare la programmazione annuale dell offerta formativa, rivolta in particolare ad infermieri e coordinatori delle aziende dell Area Vasta Romagna e la sua organizzazione, evidenziare e riflettere su collaborazioni di attività formative già intraprese tra le Aziende Sanitarie romagnole e sulle opportunità future. Materiali e metodi Lo studio, che si è svolto da ottobre 2005 a gennaio 2006, è stato condotto attraverso interviste ai Direttori Infermieristici di ciascuna singola azienda di Area Vasta o loro designati (prima fase) 1 e attraverso somministrazione di questionari ad un campione di infermieri (seconda fase). PRIMA FASE: La prima fase si è realizzata attraverso interviste ai Direttori Infermieristici, articolate con domande dapprima di carattere generale, fino a quesiti più specifici. In questo modo, si sono potute acquisire numerose informazioni circa la collocazione e la strutturazione aziendale degli uffici di formazione, la rilevazione del bisogno formativo, il piano dell offerta formativa, le collaborazioni di formazione interaziendali. SECONDA FASE: Il questionario proposto in forma cartacea ad un campione scelto con modalità random, composto da una popolazione di 280 professionisti, formato da 20 Coordinatori Infermieristici e 260 Infermieri distribuiti in egual misura nelle quattro Aziende, conteneva undici domande chiuse, oltre ad una parte anagrafica introduttiva. Le domande miravano a comprendere se l attuale sistema dei crediti ECM, oltre a rappresentare un obbligo professionale e/o aziendale, rispondesse anche ad esigenze di carattere personale e se risultasse essere veramente utile allo sviluppo professionale di ciascun operatore. Inoltre, si è indagato l eventuale grado di coerenza tra i corsi frequentati presso l Azienda ed il bisogno formativo di ciascuno. Con le successive, si è cercato di capire se esiste già nelle diverse organizzazioni un sistema informatizzato di rilevazione dei crediti e a che punto si è con l adempimento del debito formativo per l anno in corso. Si è, inoltre, voluto conoscere quali sono le tipologie formative maggiormente frequentate, di come si è venuti a conoscenza dei corsi ECM e dell eventuale contributo economico personale alla partecipazione. Risultati PRIMA FASE Dall analisi condotta attraverso le interviste ai Direttori, si comprende come l esperienza dell attività formativa presso le aziende sanitarie dell Area Vasta, si sia, nel corso degli anni ben sviluppata e consolidata sia come formazione di base, sia come formazione permanente per il personale dipendente. In ciascuna azienda esiste, infatti, un livello di formazione infermieristica universitaria, rappresentata da sezioni formative o polo didattico del Corso di Laurea triennale in Infermieristica, oltre all esistenza di percorsi clinico-teorici appartenenti anche ad altre classi di laurea (tabella 2).

3 Original Article. Sandra Montalti et al 165 Tab. 2 La formazione in Area Vasta Romagna Collocazione della funzione Ufficio in staff Ufficio in staff Ufficio in staff Unità Operativa formazione ed aggiornamento alla Direzione Generale alla Direzione Generale alla Direzione Generale Risorse Intangibili in Azienda Corsi di Laurea dell Area Sanitaria: CdL in Infermieristica CdL in Infermieristica CdL in Infermieristica CdL in formazione presenti in azienda CdL in Fisioterapia CdL in Fisioterapia CdL in Ostetricia Infermieristica CdL intrsm (solo tirocini) e Logopedia (solo tirocini) Master in Management Sistema di rilevazione Esistenza di una procedura Esistenza di Utilizzo di una scheda Procedura del bisogno formativo aziendale all interno un metodo strutturato di rilevazione, di rilevazione per infermieri e coordinatori della quale è previsto di rilevazione per Presidio strutturata codificata un metodo di rilevazione e per Distretto che ed informatizzata, che si avvale del bisogno formativo si avvale della rete del bisogno formativo della rete che si avvale della rete dei formatori presente durante il processo dei formatori dei formatori di budgeting in un processo continuo. Catalogo dell offerta Piano Annuale Formativo Piano Annuale Formativo, Piano Annuale Formativo, Piano Annuale formativa aziendale consultabile anche on line consultabile presso Formativo, la Direzione Infermieristica consultabile o presso l Ufficio Formazione anche on line Tipologie di formazione Formazione residenziale Formazione residenziale Formazione residenziale Formazione attivate (For) (For) (For) residenziale Formazione sul Campo Formazione sul Campo Formazione sul Campo (For) (Fsc) (Fsc) (Fsc) Formazione sul Formazione a Distanza Formazione a Distanza Formazione a Distanza Campo (Fsc) (FAD) (FAD) (FAD) Formazione a Distanza (FAD) In ciascuna delle quattro aziende è presente, anche se con collocazioni strutturali e modalità organizzative diverse, l Ufficio Formazione. Ovunque viene redatto il Piano Annuale della Formazione (PAF) che rappresenta lo strumento specifico di governo della formazione aziendale, basato su un analisi puntuale dei bisogni formativi rilevati presso le unità operative attraverso un metodo bottom-up e sulle loro valutazioni di coerenza, rispetto agli obiettivi strategici aziendali. Il PAF contiene tutte le attività formative di tipo trasversale e specifico proposte in Azienda ed individuate anche le diverse metodologie di formazione professionale, quali i momenti di formazione sul campo (FSC) o gli eventi di formazione a distanza (FAD). Le collaborazioni interaziendali relative ad attività di formazione, risultano ancora molto scarse e limitate, se si esclude un unico progetto di formazione infermieristica, realizzato mediante la tecnica del blended learning 2, sulla gestione dei dispositivi intravascolari che ha visto la partecipazione di circa 120 infermieri afferenti alle quattro aziende dell Area Vasta Romagna. Dalla tabella 3 Applicazione sistema ECM nelle Ausl dell Area Vasta Romagna sono resi evidenti alcuni dati relativi alla modalità di realizzazione del sistema nelle diverse Aziende. SECONDA FASE Ai questionari relativi al sistema ECM come obbligo od opportunità personale, ha risposto il 70% dei professionisti coinvolti nell indagine, di cui l 84% ha dichiarato di svolgere attività infermieristica o di coordinamento da più di cinque anni e di possedere, all 88%, il diploma di infermiere acquisito precedentemente al passaggio della formazione di base in università. Il 63% degli intervistati ha affermato di considerare il sistema ECM fondamentalmente come vincolo, mentre il 18% lo considera, prima di tutto, la risposta ad un esigenza personale. Il 30% ritiene il sistema dei crediti un opportunità valida ed utile al proprio sviluppo professionale, mentre il 66% lo giudica utile solo parzialmente. La corrispondenza fra i corsi frequentati e proposti dall Azienda ed il proprio bisogno formativo, è totale per il 24% degli intervistati, parziale per il 48%, mentre non vi è assolutamente corrispondenza per il 28%. Il 79% dichiara che in Azienda esiste un sistema di rilevazione informatizzata dei crediti ECM acquisiti e che, al momento dello svolgimento dell indagine, il 74% ha già colmato il proprio debito formativo, attraverso le iniziative di formazione interna a carattere residenziale (50%), iniziative esterne all azienda (18%), FAD (20%) e FSC (12%). Per le modalità d informazione sulle iniziative, il 38% afferma di esserne venuto a conoscenza attraverso la pubblicazione dei programmi con manifesti e/o avvisi aziendali, il 27% leggendo l informazione sulla rete intranet, il 19% dai colleghi, il 15% grazie ai PAF. Il 70% del campione ha dichiarato di non aver dovuto contribuire economicamente alla propria partecipazione alle diverse iniziative formative.

4 166 JOURNAL OF MEDICINE & THE PERSON. DECEMBER 2006, VOL. 4 NUMBER 4 Tab. 3 Applicazione Sistema ECM nelle Ausl dell Area Vasta Romagnola Rilevazione crediti formativi Reportistica annuale Non è ancora previsto Reportistica semestrale, Sistema ECM acquisiti un metodo di rilevazione annuale consultabile automatico aziendale strutturato anche attraverso aziendale, la rete intranet accessibile da ciascun dipendente Crediti formativi ECM acquisiti Il 2004 si è concluso Non esistono dati Si è data risposta alle quote Attualmente, ad oggi da tutto il personale con un offerta aziendale complessivi e certi ECM da acquisire secondo un dato dipendente dell Azienda ECM superiore allo 0,70 secondo il sistema ancora provvisorio, in più di quanto richiesto sembra che si sia dalla domanda teorica risposto al sistema (30 crediti). per il 95% È in corso un consultivo dei crediti ECM per il 2005 richiesti Quota di budget aziendale Circa l 1% dell intero Circa lo 0,35% Circa l 1% dell intero Circa l 1% prevista per la formazione budget aziendale dell intero budget budget aziendale dell intero budget aziendale aziendale Esistenza un metodo di rilevazione Utilizzo dei questionari Utilizzo dei questionari Utilizzo dei questionari Utilizzo della soddisfazione per la di soddisfazione al termine di soddisfazione al termine di soddisfazione al termine dei questionari partecipazione ad eventi formativi di ogni evento formativo di ogni evento formativo di ogni evento formativo, di soddisfazione e loro elaborazione e loro elaborazione elaborazione e raccolta al termine di ogni dei dati complessivi evento formativo presso l Ufficio Formazione e loro elaborazione Esistenza di un sistema di verifica, Non esiste ancora un sistema Non esiste ancora Non esiste ancora un sistema Esiste un anche a lungo termine, generale strutturato un sistema generale generale strutturato di verifica questionario che dell efficacia della formazione di verifica dell efficacia strutturato di verifica dell efficacia dei processi viene somministrato sull organizzazione dei processi formativi dell efficacia dei processi formativi a distanza formativi dall evento formativo, per verificare quanto del corso rimane. È allo studio un sistema per verificare gli eventuali cambiamenti organizzativi ed impatti operativi. Discussione e conclusioni L attuazione del progetto ECM in sanità ha rappresentato senza dubbio, un grosso impulso per l organizzazione e realizzazione dei processi formativi aziendali. Lo sviluppo del PAF, la necessità di far acquisire crediti ECM agli operatori, il tentativo di approfondire nuove tecniche e metodologie per l apprendimento degli adulti, sono solo alcuni dei punti che hanno caratterizzato lo sviluppo della formazione continua nelle strutture sanitarie ed, ultimamente, anche il lavoro degli uffici formazione. Dall analisi condotta, tuttavia, si può affermare che nelle quattro aziende dell Area Vasta Romagna esistono ancora diverse incertezze riguardo la formazione ed il suo investimento. In particolare, ad oggi il monitoraggio della formazione nelle aziende si ferma ad un unico primo step, rappresentato dalla valutazione di gradimento dell evento da parte dei partecipanti, quale feedback per il controllo ed il miglioramento della qualità organizzativa dei corsi di formazione. Manca completamente la valutazione di coerenza fra i piani di formazione e gli obiettivi strategici aziendali, che potrebbe tradursi in una concreta analisi dei miglioramenti/cambiamenti ottenuti nei processi lavorativi o nello svolgimento di attività operative e relazionali (valutazione del trasferimento sul lavoro ). La stessa funzione formativa aziendale, espressa fondamentalmente attraverso la formazione di base o formazione al lavoro, rappresentata dal contributo del SSR ai Corsi di Laurea dell Area Sanitaria e la formazione continua a supporto dell assistenza e della ricerca nelle aziende, rimane a tutt oggi una funzione con ambiti rigorosamente distinti e collocazioni organizzative diverse, senza momenti di vera integrazione o condivisione strutturata. Integrazione e condivisione fondamentali per creare quei contesti organizzativi favorenti ciascun processo formativo e valorizzanti quel patrimonio formativo aziendale fatto di docenti, tutor, animatori ed esperienze cliniche. Inoltre, i momenti di collaborazione formativa, auspicata dal modello territoriale avviato tra le quattro Aziende Sanitarie dell Area Romagnola, sono ancora sporadici se si esclude l unico progetto formativo di Gestione dei

5 Original Article. Sandra Montalti et al 167 dispositivi intravascolari, come ancora poche sono le modalità di valorizzazione della formazione sul campo. In definitiva, riesce questo contesto ad essere un vero aiuto per lo sviluppo professionale continuo? Probabilmente ancora no, visto che il 66% degli infermieri coinvolti nell indagine, dichiara che ad oggi il sistema ECM rappresenta solo un parziale aiuto alla propria crescita professionale. Infine, trascorsi diversi anni dall avvio dell ECM in Italia e consolidato un efficiente impianto formale ed organizzativo, è giunto il momento anche per gli infermieri, di aprire un dibattito sulle prospettive della formazione continua: è finalmente l ora di ripartire dall educazione. 1 Per dare una risposta alle esigenze presenti sul territorio romagnolo, nel settembre 2001 è stato sottoscritto il Protocollo d Intesa delle Conferenze Sanitarie Territoriali di Cesena, Forlì, Rimini e Ravenna sul Programma di area Vasta Romagna. Con questo Protocollo d Intesa le quattro conferenze hanno voluto avviare un processo di forte collaborazione tra il Sistema degli Enti Locali e le quattro Aziende Sanitarie dell Area Romagnola. Il Programma di Area vasta risponde fondamentalmente ad esigenze di tipo amministrativo gestionale dei servizi e delle funzioni e ad esigenze di tipo clinico assistenziale. 2 Sono stati intervistati rispettivamente i Direttori del Servizio Infermieristico e Tecnico per l Azienda Sanitaria di Cesena, Ravenna, Forlì ed il Direttore dell Unità Operativa Risorse Intangibili per l Azienda Sanitaria di Rimini. 3 Modalità che alterna momenti di formazione tradizionale d aula a momenti di formazione a distanza. Indirizzo per corrispondenza: Sandra Montalti Sede Formativa CdL in Infermieristica Viale Ghirotti, Cesena (FC) BIBLIOGRAFIA CCNL del Comparto del personale del Servizio Sanitario Nazionale parte normative quadriennio e parte economica biennio Commissione Regionale per la Formazione continua in medicina e per la salute, Regione Emilia Romagna, Bologna, marzo 2003 L accreditamento delle attività di formazione sul campo nei programmi di educazione continua in medicina 4. Commissione Regionale per la Formazione continua in medicina e per la salute, Regione Emilia Romagna, Bologna, maggio 2004 Dossier Educazione Continua in Medicina in Emilia Romagna: rapporto Commissione Regionale per la Formazione continua in medicina e per la salute, Regione Emilia Romagna, Bologna, settembre 2005 Dossier Educazione Continua in Medicina in Emilia Romagna: rapporto Deliberazione Giunta Regionale 1217/2004, Bologna 28 giugno 2004 Modifiche e integrazioni al sistema di educazione continua in medicina nella regione Emilia Romagna di cui al DGR 1072/ Latocca R., Pasini E. From continuing medical education (CME) to continuing professional development (CPD): a possibility for italian doctors? Journal of Medicine and Person December 2005, vol.3 number 4 8. Martellotti E., Emergenza, ma non solo tratto da I quaderni de L Infermiere, IPASVI n. 5, aprile Rocco G.; ECM: per gli infermieri è una grande opportunità L Infermiere numero 3 IPASVI Agosto Rotondi M., Facilitare l apprendere. Metodi e percorsi per una formazione di qualità Milano Franco Angeli 11. Spiani L., Palese A., Benaglio C. Per una formazione ECM oltre l aula Assistenza Infermieristica e Ricerca numero 23, 1, 2004

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO

Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO Lo Spallanzani (2007) 21: 5-10 C. Beggi e Al. Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO IL GRADIMENTO DEI DISCENTI, INDICATORE DI SODDISFAZIONE DELLE ATTIVITÀ FORMATIVE

Dettagli

Allegato 5. Documento tecnico di progetto ECM REGIONALE. v. 1.6. 16 giugno 2014

Allegato 5. Documento tecnico di progetto ECM REGIONALE. v. 1.6. 16 giugno 2014 Allegato 5. Documento tecnico di progetto ECM REGIONALE v. 1.6 16 giugno 2014 Indice Indice...2 1. Introduzione...3 1.1 Il debito informativo del Co.Ge.A.P.S....3 1.2 Il debito informativo regionale...3

Dettagli

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE Master di I livello in MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE In Sigla Master 74 Anno Accademico 2009/2010 (1500 ore 60 CFU) TITOLO Management nelle organizzazioni sanitarie FINALITÀ Con la locuzione

Dettagli

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AREA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE, SANITÀ E NON

Dettagli

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA ISTITUTO «LEONARDA VACCARI» PER LA RIEDUCAZIONE DEI FANCIULLI MINORATI PSICO - FISICI CORSO ECM Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento Sede corso:

Dettagli

100 PERCHE Sull ECM 2011-2013

100 PERCHE Sull ECM 2011-2013 100 PERCHE Sull ECM 2011-2013 LE DOMANDE DEI DISCENTI, DOCENTI(n 43),PROVIDERS(n 46), DEL COGEAPS(n 11) E QUALCHE RISPOSTA PER ORIENTARSI 1 Gennaio 2013 1 1 In Italia il programma di Educazione Continua

Dettagli

Realtà e problematiche relative alla qualità formativa: un esperienza

Realtà e problematiche relative alla qualità formativa: un esperienza Commissione Nazionale dei Corsi di Laurea in Infermieristica La valutazione dei risultati dell apprendimento e qualità formativa dei Corsi di laurea in Infermieristica Milano, 10 giugno 2011 Realtà e problematiche

Dettagli

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Fabrizio Muscas Firenze, 1 Luglio 2011 ANCoM chi rappresenta? 8 Consorzi regionali 98 Cooperative di MMG 5000 Medici di Medicina Generale (MMG)

Dettagli

FORMAZIONE SUL CAMPO (FSC) E CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ECM ALLE ATTIVITA di FSC

FORMAZIONE SUL CAMPO (FSC) E CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ECM ALLE ATTIVITA di FSC FORMAZIONE SUL CAMPO (FSC) E CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ECM ALLE ATTIVITA di FSC La formazione sul campo (di seguito, FSC) si caratterizza per l utilizzo, nel processo di apprendimento, delle

Dettagli

MASTER di I livello in Banking and Financial Services Management

MASTER di I livello in Banking and Financial Services Management MASTER di I livello in Banking and Financial Services Management Il Master universitario di 1 livello Banking and Financial Services Management è nato dall accordo tra la Scuola di Amministrazione Aziendale

Dettagli

GIMBE Gruppo Italiano per la Medicina Basata sulle Evidenze

GIMBE Gruppo Italiano per la Medicina Basata sulle Evidenze GIMBE Gruppo Italiano per la Medicina Basata sulle Evidenze Evidence-Based Medicine Italian Group Workshop Evidence-based Medicine Le opportunità di un linguaggio comune Como, 9-11 maggio 2003 Sezione

Dettagli

nel mondo delle professioni e della salute

nel mondo delle professioni e della salute Una Aggiornamento storia che e si formazione rinnova nel mondo delle professioni e della salute una rete di professionisti, la forza dell esperienza, l impegno nell educazione, tecnologie che comunicano.

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

DETERMINA DELLA CNFC 23 LUGLIO 2014-10 OTTOBRE 2014 IN MATERIA DI CREDITI FORMATIVI ECM. Art. 1 (Obbligo formativo triennio 2014-2016)

DETERMINA DELLA CNFC 23 LUGLIO 2014-10 OTTOBRE 2014 IN MATERIA DI CREDITI FORMATIVI ECM. Art. 1 (Obbligo formativo triennio 2014-2016) DETERMINA DELLA CNFC 23 LUGLIO 2014-10 OTTOBRE 2014 IN MATERIA DI CREDITI FORMATIVI ECM Art. 1 (Obbligo formativo triennio 2014-2016) 1. L obbligo formativo standard per il triennio 2014-2016 è pari a

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA REGOLAMENTO 16 luglio 2014, n. 6 Regolamento per la formazione continua IL CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE nella seduta del 16 luglio 2014 visto l art. 11 della legge 31 dicembre 2012, n. 247, rubricato Formazione

Dettagli

ALLEGATO DOC. 1 BOZZA DI LAVORO SCHEMA DI REGOLAMENTO ECM

ALLEGATO DOC. 1 BOZZA DI LAVORO SCHEMA DI REGOLAMENTO ECM ALLEGATO DOC. 1 BOZZA DI LAVORO SCHEMA DI REGOLAMENTO ECM (LA BOZZA DI LAVORO E STATA PREDISPOSTA DALLA SEGRETERIA SULLA BASE DEL DOCUMENTO CRITERI E MODALITA PER L ACCREDITAMENTO DEI PROVIDER E LA FORMAZIONE

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

DETERMINAZIONE DELLA CNFC IN MATERIA DI VIOLAZIONI

DETERMINAZIONE DELLA CNFC IN MATERIA DI VIOLAZIONI DETERMINAZIONE DELLA CNFC IN MATERIA DI VIOLAZIONI LA COMMISSIONE NAZIONALE PER LA FORMAZIONE CONTINUA VISTO il decreto legislativo 30 dicembre 1992, n. 502, e successive modificazioni e, in particolare,

Dettagli

Parma, 23 settembre 2011. Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale

Parma, 23 settembre 2011. Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale Parma, 23 settembre 2011 Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale Dopo il meeting europeo svoltosi a Granada e partendo dal percorso formativo l

Dettagli

1.Obiettivi. Il Master è, inoltre, finalizzato a:

1.Obiettivi. Il Master è, inoltre, finalizzato a: 1 1.Obiettivi Il master ha l obiettivo di favorire lo sviluppo delle competenze manageriali nelle Aziende Sanitarie e Ospedaliere, negli IRCCS, nei Policlinici e nelle strutture di cura private approfondendo,

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959 INFORMAZIONI PERSONALI Nome Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio I Fascia AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE DI REGGIO CALABRIA

Dettagli

D) ATTI DIRIGENZIALI. Giunta Regionale. 2 Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 16 - Lunedì 16 aprile 2012

D) ATTI DIRIGENZIALI. Giunta Regionale. 2 Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 16 - Lunedì 16 aprile 2012 2 Bollettino Ufficiale D) ATTI DIRIGENZIALI Giunta Regionale D.G. Sanità D.d.g. 30 marzo 2012 - n. 2738 Il Sistema lombardo di educazione continua in medicina - Sviluppo professionale continuo (ECM - CPD):

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

Roma, 4 novembre 2013. Sergio Bovenga - Presidente Co.Ge.A.P.S.

Roma, 4 novembre 2013. Sergio Bovenga - Presidente Co.Ge.A.P.S. Roma, 4 novembre 2013 Sergio Bovenga - Presidente Co.Ge.A.P.S. Attori della governance del sistema ECM Commissione Nazionale per la Formazione Continua Supporto amministrativo regionale Osservatorio Consulta

Dettagli

IL MINISTRO DELLA SALUTE

IL MINISTRO DELLA SALUTE Testo aggiornato al 20 settembre 2013 Decreto ministeriale 26 marzo 2013 Gazzetta Ufficiale 8 agosto 2013, n. 185 Contributo alle spese dovuto dai soggetti pubblici e privati e dalle società scientifiche

Dettagli

Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie

Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse In base al dato riportato dal Sole

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

CORSO ANTINCENDIO BASE

CORSO ANTINCENDIO BASE Evento formativo Corso di addestramento CORSO ANTINCENDIO BASE 1. Premessa Il D.Lgs. 81/2008 e D.M. 10.03.98 stabiliscono, tra l altro, i criteri per la valutazione dei rischi incendio nei luoghi di lavoro

Dettagli

RELAZIONE FINALE PROGETTO IDA VENUTI UN FORMATORE AID NELLA TUA SCUOLA

RELAZIONE FINALE PROGETTO IDA VENUTI UN FORMATORE AID NELLA TUA SCUOLA RELAZIONE FINALE PROGETTO IDA VENUTI UN FORMATORE AID NELLA TUA SCUOLA A CURA DELLA DOTT.SSA MARIANGELA BRUNO (LOGOPEDISTA E FORMATRICE AID) ANNO SCOLASTICO 2011-2012 1 INDICE 1. ARTICOLAZIONE DEL PROGETTO...

Dettagli

ALLEGATO 1 AL DECRETO

ALLEGATO 1 AL DECRETO ALLEGATO 1 AL DECRETO Il Provider accreditato per l ECM Il Provider accreditato per l ECM è un soggetto che: ha configurazione giuridica autonoma. Opera nel campo della formazione continua degli operatori

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

1. Che cos è. 2. A che cosa serve

1. Che cos è. 2. A che cosa serve 1. Che cos è Il Supplemento al diploma è una certificazione integrativa del titolo ufficiale conseguito al termine di un corso di studi in una università o in un istituto di istruzione superiore corrisponde

Dettagli

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Approvato nella seduta di Consiglio del 10 gennaio 2014 Del.01/2014 IL CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEGLI ASSISTENTI SOCIALI CONSIDERATO

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 30/7 DEL 29.7.2014

DELIBERAZIONE N. 30/7 DEL 29.7.2014 Oggetto: Assegnazione all Azienda ASL n. 8 di Cagliari dell espletamento della procedura per l affidamento del servizio di realizzazione del sistema informatico per la gestione dell accreditamento dei

Dettagli

Attività relative al primo anno

Attività relative al primo anno PIANO OPERATIVO L obiettivo delle attività oggetto di convenzione è il perfezionamento dei sistemi software, l allineamento dei dati pregressi e il costante aggiornamento dei report delle partecipazioni

Dettagli

Regolamento applicativo dei criteri oggettivi di cui all Accordo Stato Regioni del 5 Novembre 2009 e per l accreditamento

Regolamento applicativo dei criteri oggettivi di cui all Accordo Stato Regioni del 5 Novembre 2009 e per l accreditamento Regolamento applicativo dei criteri oggettivi di cui all Accordo Stato Regioni del 5 Novembre 2009 e per l accreditamento 1. Introduzione 2. Accreditamento: definizioni e principi 3. Pubblicità, sponsorizzazione

Dettagli

LINEE GUIDA E DI COORDINAMENTO ATTUATIVE DEL REGOLAMENTO PER L AGGIORNAMENTO E SVILUPPO PROFESSIONALE CONTINUO

LINEE GUIDA E DI COORDINAMENTO ATTUATIVE DEL REGOLAMENTO PER L AGGIORNAMENTO E SVILUPPO PROFESSIONALE CONTINUO LINEE GUIDA E DI COORDINAMENTO ATTUATIVE DEL REGOLAMENTO PER L AGGIORNAMENTO E SVILUPPO PROFESSIONALE CONTINUO nota tecnica ACCREDITAMENTO DELLE INIZIATIVE DI FORMAZIONE A DISTANZA Sommario 1. Iniziative

Dettagli

Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello

Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello Istituto Superiore di Studi Musicali "P. Mascagni" - Livorno Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello Via Galilei

Dettagli

RAZIONALE OBIETTIVI DIDATTICI

RAZIONALE OBIETTIVI DIDATTICI RAZIONALE L Iperplasia Prostatica Benigna (IPB), a causa dell elevata prevalenza e incidenza, in virtù del progressivo invecchiamento della popolazione maschile, e grazie alla disponibilità di adeguati

Dettagli

Regolamento per la consegna e l archiviazione delle tesi

Regolamento per la consegna e l archiviazione delle tesi Regolamento per la consegna e l archiviazione delle tesi Approvato con delibera della Giunta esecutiva n. 21 del 04.06.2002 Modificato con delibera della Giunta esecutiva n. 28 del 25.10.2002 Modificato

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: corsi@cepas.it Sito internet: www.cepas.eu sigla: SH66 Pag. 1 di 7 SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA DIREZIONE STUDENTI - AREA POST-LAUREAM

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA DIREZIONE STUDENTI - AREA POST-LAUREAM MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT PER FUNZIONI DI COORDINAMENTO DELLE PROFESSIONI SANITARIE SEDE DI TRENTO A.A. 2012/13 Livello I Durata Annuale CFU 60 (1 anno) ANAGRAFICA DEL CORSO - A Lingua Italiano

Dettagli

Glossario della Formazione in Sanità

Glossario della Formazione in Sanità Glossario della Formazione in Sanità Regione Toscana GLOSSARIO DELLA FORMAZIONE IN SANITÀ Regione Toscana Giunta Regionale Direzione generale Diritti di Cittadinanza e Coesione Sociale Settore Strumenti

Dettagli

L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE

L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE 1 INDICE Introduzione pag. 5 Domanda (1) Cos è il sistema regionale di accreditamento? pag. 5 Domanda (2) Cosa deve fare un Ente di formazione per

Dettagli

Regolamento per l attribuzione dei crediti formativi altre attività

Regolamento per l attribuzione dei crediti formativi altre attività UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA Scuola Politecnica, Dipartimento di Scienze per l Architettura Regolamento per l attribuzione dei crediti formativi altre attività Corso di Laurea TRIENNALE IN DISEGNO

Dettagli

Articolazione didattica on-line

Articolazione didattica on-line L organizzazione della didattica per lo studente L impegno di tempo che lo studente deve dedicare alle attività didattiche offerte per ogni singolo insegnamento è così ripartito: - l auto-apprendimento

Dettagli

Al Direttore Generale per l Università, lo Studente ed il Diritto allo studio universitario del Ministero Istruzione, Università e Ricerca

Al Direttore Generale per l Università, lo Studente ed il Diritto allo studio universitario del Ministero Istruzione, Università e Ricerca Parere n. 5 del 22/6/2011 Al Direttore Generale per l Università, lo Studente ed il Diritto allo studio universitario del Ministero Istruzione, Università e Ricerca Oggetto: Programmazione nazionale dei

Dettagli

nasce il futuro v secolo a. c. agorà virtuale

nasce il futuro v secolo a. c. agorà virtuale dell e-learning nasce il futuro v secolo a. c. Con Agorà, nell antica Grecia, si indicava la piazza principale della polis, il suo cuore pulsante, il luogo per eccellenza di una fertilità culturale e scientifica

Dettagli

Organigramma e funzionigramma Formazione MOD.For0312 Pag. I dì 6. DIREZIONE GENERALE Direttore: dott. Francesco Pintus

Organigramma e funzionigramma Formazione MOD.For0312 Pag. I dì 6. DIREZIONE GENERALE Direttore: dott. Francesco Pintus -ijp ASLLanusei Formazione MOD.For0312 Pag. I dì 6 Organigramma DIREZIONE GENERALE Direttore: dott. Francesco Pintus DIREZIONE SANITARIA Direttore: dott. Maria Valentina Marras DIREZIONE AMMINISTRATIVA

Dettagli

ACCREDITAMENTO EVENTI

ACCREDITAMENTO EVENTI E.C.M. Educazione Continua in Medicina ACCREDITAMENTO EVENTI Manuale utente Versione 1.5 Maggio 2015 E.C.M. Manuale utente per Indice 2 Indice Revisioni 4 1. Introduzione 5 2. Accesso al sistema 6 2.1

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

Guida alla compilazione del formulario Operazione Scadenza del 21/03/2012 azioni 2.A e 2.B

Guida alla compilazione del formulario Operazione Scadenza del 21/03/2012 azioni 2.A e 2.B Guida alla compilazione del formulario Operazione Scadenza del 21/03/2012 azioni 2.A e 2.B Nota introduttiva I percorsi formativi che prevedono in esito il rilascio di un certificato di qualifica professionale

Dettagli

ECTS - Guida per l'utente

ECTS - Guida per l'utente ECTS - Guida per l'utente Ulteriori informazioni sull Unione Europea compaiono nel sito http://europa.eu Titolo originale: ECTS Users Guide edito nel 2009 dalla Commissione Europea Traduzione in Italiano

Dettagli

Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School.

Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School. Avviso 2014C-01 del 30/12/2014 Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School. La Fondazione Bologna University Business School (d ora in poi

Dettagli

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Area 1 Gestione P.O.F. Prof.ssa Casertano Brigida Area 1 Monitoraggio e Valutazione del P.O.F. Prof. Spalice Giovanni Area 2 Sostegno alla funzione Docenti Prof. Rocco

Dettagli

Candidato a Direttore Amministativo Dati anagrafici e Domanda di Iscrizione

Candidato a Direttore Amministativo Dati anagrafici e Domanda di Iscrizione 1 di 11 ID_Candidato 19 Nome Cognome Candidato a Direttore Amministativo Dati anagrafici e Domanda di Iscrizione fabrizio di bella Data_Nascita 31/01/1962 Luogo_Nascita Provincia_Nascita Residenza_Comune

Dettagli

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1 Nutrire il pianeta: qual è il contributo delle tecnologie, e in particolare di quelle meccaniche, elettroniche, digitali realizzate in Emilia-Romagna? Idee per un progetto di ricerca economica sui sistemi

Dettagli

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome SCALA UMBERTO Nazionalità Italiana Data di nascita 28/02/1956 ESPERIENZA LAVORATIVA ATTUALE Dal 01-05-2003 a tutt oggi Indirizzo sede

Dettagli

Linee guida per le Scuole 2.0

Linee guida per le Scuole 2.0 Linee guida per le Scuole 2.0 Premesse Il progetto Scuole 2.0 ha fra i suoi obiettivi principali quello di sperimentare e analizzare, in un numero limitato e controllabile di casi, come l introduzione

Dettagli

CORSO DI LAUREA IN BENI ENOGASTRONOMICI D.M. n. 270/2004

CORSO DI LAUREA IN BENI ENOGASTRONOMICI D.M. n. 270/2004 CORSO DI LAUREA IN BENI ENOGASTRONOMICI D.M. n. 270/2004 REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DEL TIROCINIO E DELL ESAME FINALE PER IL CONSEGUIMENTO DEL TITOLO DI STUDIO Art. 1 Ambito di applicazione Il presente

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E 1 F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome TELATTIN PIERLUIGI Indirizzo V.le Stadio 24/a 23100- SONDRIO (Italy) Telefono 0039/0342/201666; 0039/338/6421337

Dettagli

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura INTRODUZIONE L obiettivo è fornire la migliore cura per i pazienti con il coinvolgimento di tutto il personale

Dettagli

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Il CAS (Centro Assistenza Servizi): Aspetti organizzativi e criticità Dott. Vittorio Fusco ASO Alessandria La Rete Oncologica: obiettivi Rispondere all incremento

Dettagli

SICUREZZA & INGEGNERIA

SICUREZZA & INGEGNERIA SICUREZZA & INGEGNERIA Centro Formazione AiFOS A707 MA.CI - S.R.L. AGENZIA FORMATIVA E SERVIZI PROFESSIONALI PER LE IMPRESE Organismo accreditato dalla Regione Toscana PI0769 C.F./Partita IVA 01965420506

Dettagli

Formazione a distanza nell Educazione Continua in Medicina

Formazione a distanza nell Educazione Continua in Medicina Formazione a distanza nell Educazione Continua in Medicina UN ESPERIENZA Dott.ssa Stefania Bracci Datré S.r.l via di Vorno 9A/4 Guamo (Lucca) s.bracci@datre.it Sommario In questo contributo presentiamo

Dettagli

2. Cos è una buona pratica

2. Cos è una buona pratica 2. Cos è una buona pratica Molteplici e differenti sono le accezioni di buona pratica che è possibile ritrovare in letteratura o ricavare da esperienze di osservatori nazionali e internazionali. L eterogeneità

Dettagli

Master Universitario di I livello

Master Universitario di I livello Master Universitario di I livello In Obiettivi e sbocchi professionali: Il nostro obiettivo è quello di fornire ai partecipanti, gli strumenti adatti per gestire con efficacia progetti nel settore delle

Dettagli

Master 2009. Executive Master PMI e Competitività. Sviluppo, Internazionalizzazione, Transizione generazionale delle Piccole e Medie Imprese

Master 2009. Executive Master PMI e Competitività. Sviluppo, Internazionalizzazione, Transizione generazionale delle Piccole e Medie Imprese Master 2009 Executive Master PMI e Competitività Sviluppo, Internazionalizzazione, Transizione generazionale delle Piccole e Medie Imprese Master Universitario di primo livello, III edizione Marzo 2009

Dettagli

ECM Educazione Continua in Medicina Accreditamento Provider MANUALE UTENTE

ECM Educazione Continua in Medicina Accreditamento Provider MANUALE UTENTE ECM Educazione Continua in MANUALE UTENTE Ver. 3.0 Pagina 1 di 40 Sommario 1. Introduzione... 3 2. Informazioni relative al prodotto e al suo utilizzo... 3 2.1 Accesso al sistema... 3 3. Accreditamento

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome MONTU DOMENICO Data di nascita 26-03-1956 Amministrazione ASL CN1 Incarico attuale DIRETTORE SISP AMBITO FOSSANO-SALUZZO SAVIGLIANO Numero telefonico ufficio

Dettagli

MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE

MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE Management Risorse Umane MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE La formazione di eccellenza al servizio dei Manager PRESENTAZIONE Il Master Triennale di Formazione Manageriale è un percorso di sviluppo

Dettagli

giuseppe.marziali@gmail.com giuseppe.marziali@sanita.marche.it 03/04/1956 Porto Sant Elpidio (FM) MRZGPP56D03G921O Febbraio 2010 ad oggi

giuseppe.marziali@gmail.com giuseppe.marziali@sanita.marche.it 03/04/1956 Porto Sant Elpidio (FM) MRZGPP56D03G921O Febbraio 2010 ad oggi F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Qualifica Professionale MARZIALI GIUSEPPE Medico Chirurgo, Specialista in Malattie dell Apparato Cardiovascolare,

Dettagli

HYPERMAP IPERTENSIONE E DANNO D'ORGANO: DALLE LINEE GUIDA ALLA GESTIONE CLINICA DEL PAZIENTE IPERTESO

HYPERMAP IPERTENSIONE E DANNO D'ORGANO: DALLE LINEE GUIDA ALLA GESTIONE CLINICA DEL PAZIENTE IPERTESO HYPERMAP IPERTENSIONE E DANNO D'ORGANO: DALLE LINEE GUIDA ALLA GESTIONE CLINICA DEL PAZIENTE IPERTESO Generalità (per informazioni specifiche sui singoli corsi (date, sedi,) consultare il sito del provider

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA FORMATIVE DELLA SCUOLA SUPERIORE SANT ANNA

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA FORMATIVE DELLA SCUOLA SUPERIORE SANT ANNA REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA FORMATIVE DELLA SCUOLA SUPERIORE SANT ANNA Emanato con D.R. n. 306 del 17/07/2012 Integrato con D.R. n. 65 12/02/2014. DISPOSIZIONI PRELIMINARI Articolo 1 (Oggetto) 1. Il presente

Dettagli

Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Autorizzazione e vigilanza

Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Autorizzazione e vigilanza Dipartimento di Sanità Pubblica S a l u t e è S a p e r e Azioni di Prevenzione n. 2 28 Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Indice Presentazione Strutture Sanitarie Introduzione Contesto Risultati

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE I Progetti Personalizzati sono rivolti a minori e adulti con disabilità, residenti nel territorio dell Azienda ULSS n.

Dettagli

Corso avanzato di farmacovigilanza: approfondimenti. Corso ECM di formazione a distanza (FAD) con tutoraggio didattico

Corso avanzato di farmacovigilanza: approfondimenti. Corso ECM di formazione a distanza (FAD) con tutoraggio didattico Corso avanzato di farmacovigilanza: approfondimenti Corso ECM di formazione a distanza (FAD) con tutoraggio didattico Procedura per sottoscrivere la partecipazione Il professionista sanitario che voglia

Dettagli

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale SERVIZIO SANITARIO REGIONALE BASILICATA Azienda Sanitaria Locale di Potenza INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP Relazione Generale A cura degli Uffici URP

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

EMANUELA NANNINI F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA

EMANUELA NANNINI F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE La sottoscritta Nannini Emanuela nata ad Arezzo il 20.08.1965, consapevole della decadenza dai benefici di cui all art. 75 del DPR 445/2000 e dalle norme penali

Dettagli

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi.

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi. Pagina 1 di 14 SOMMARIO Sommario...1 Introduzione...2 1. Scopo...2 2. campo di applicazione...3 3 Riferimenti...3 3.1 Riferimenti esterni...3 3.2 Riferimenti interni...3 4. Abbreviazioni utilizzate...4

Dettagli

Organismo per la gestione degli elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi. Circolare n. 19/14

Organismo per la gestione degli elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi. Circolare n. 19/14 Organismo per la gestione degli elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi Circolare n. 19/14 contenente disposizioni inerenti gli obblighi di formazione e di aggiornamento

Dettagli

Sviluppo di Excel base in Farmacia applicato al monitoraggio dei consumi di materiali sanitari

Sviluppo di Excel base in Farmacia applicato al monitoraggio dei consumi di materiali sanitari Sistema Regionale ECM Pagina 1 di 7 1 Sviluppo di Excel base in Farmacia applicato al monitoraggio dei consumi di materiali sanitari 1. Presentazione: L evento, destinato alle figure professionali di Tecnici

Dettagli

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II.

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. In esecuzione della deliberazione del Direttore generale n. 765 del 30.04.2013,

Dettagli

APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE NEL CCNL TERZIARIO

APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE NEL CCNL TERZIARIO APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE NEL CCNL TERZIARIO L apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato finalizzato alla formazione e all occupazione dei giovani. Possono essere assunti in

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 Repertorio Atti n. 1161 del 22 febbraio 2001 Oggetto: Accordo tra il Ministro della sanità, il Ministro per la solidarietà sociale e le Regioni e Province

Dettagli

Tirocini: uno sguardo all Europa

Tirocini: uno sguardo all Europa www.adapt.it, 18 luglio 2011 Tirocini: uno sguardo all Europa di Roberta Scolastici SCHEDA TIROCINI IN EUROPA Francia Spagna Lo stage consiste in una esperienza pratica all interno dell impresa, destinata

Dettagli

Dipendente pubblico tempo indeterminato - Settore Sanità - Tecnico Sanitario di Radiologia Medica Cat. D - R 3

Dipendente pubblico tempo indeterminato - Settore Sanità - Tecnico Sanitario di Radiologia Medica Cat. D - R 3 Curriculum Vitae Informazioni personali Cognome Nome DI LECCE GIOVANNI Indirizzo Via Lancisi, 137 61121 PESARO (PU) - ITALIA - Telefono Casa: 0721201445 cell. 3396173661 E-mail giangidile@libero.it Cittadinanza

Dettagli

IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA

IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA Il settore dell assistenza e dell aiuto domiciliare in Italia L assistenza domiciliare. Che cos è In Italia l assistenza domiciliare (A.D.)

Dettagli

Il tirocinio extracurriculare. come, quando, dove e perché

Il tirocinio extracurriculare. come, quando, dove e perché Il tirocinio extracurriculare come, quando, dove e perché Contenuti Cos è un tirocinio Le finalità del tirocinio extracurriculare La legislazione che lo regola Come cercare informazioni Prima di iniziare

Dettagli

Prova sul campo. Primavera 2014. OECD Organisation for Economic Cooperation and Development. Ministero della Pubblica Istruzione

Prova sul campo. Primavera 2014. OECD Organisation for Economic Cooperation and Development. Ministero della Pubblica Istruzione Ministero della Pubblica Istruzione Istituto Nazionale per la Valutazione del Sistema Educativo di Istruzione e di Formazione OECD Organisation for Economic Cooperation and Development Prova sul campo

Dettagli

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Settore Segreteria e Direzione generale Ufficio Trasparenza e Comunicazione PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Relazione anno 2014 a cura del Segretario Generale e della

Dettagli

DIRETTORE SANITARIO. Legale e Risk Management.

DIRETTORE SANITARIO. Legale e Risk Management. DIRETTORE SANITARIO OGGETTO: liquidazione dei compensi del 1 trimestre 2015 spettanti ai Medici delle Commissioni per il riconoscimento della disabilità, operanti presso la Medicina Legale e Risk Management.

Dettagli

ORGANIGRAMMA E FUNZIONIGRAMMA

ORGANIGRAMMA E FUNZIONIGRAMMA 1 SCOPO Lo scopo del presente documento è di descrivere le mansioni e le responsabilità connesse alla gestione delle attività da parte di PHISIOVIT SRL 2 DESCRIZIONE DEL DOCUMENTO PHISIOVIT SRL, per favorire

Dettagli

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Delibera n.12/2013: Requisiti e procedimento per la nomina dei

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE D.R. n.1035/2015 Università degli Studi Internazionali di Roma - UNINT In collaborazione con CONFAPI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

Dettagli