OLIMPIA ARMANI JEANS MILANO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "OLIMPIA ARMANI JEANS MILANO"

Transcript

1 OLIMPIA ARMANI JEANS MILANO HEAD COACH ATTILIO CAJA DIFESA SUL PICK AND ROLL Nell analizzare le tendenze offensive delle squadre avversarie ci siamo resi conto di come una grandissima percentuale degli attacchi abbia come tema principale il pick and roll o comunque lo utilizzi come soluzioni finale, qualora lo stesso attacco non abbia portato a nessuna soluzione immediata. Per questo motivo abbiamo cercato di trovare una difesa che, restando coerenti coi nostri principi, cerchi di eliminare quello che l attacco vorrebbe fare, utilizzandola come soluzione base in ogni caso i nostri giocatori incontrino un blocco sulla palla. Ovviamente ci sono dei casi particolari o degli aggiustamenti che possiamo fare di partita in partita, ma pensiamo che la cosa realmente importante sia creare, tramite ripetizione, l apprendimento di buone abitudini che facciano di conseguenza perfezionare il sistema. Vorremo quindi avere una difesa base che noi denominiamo aiuto e recupero che qui di seguito esamineremo. Nella trattazione verrà esaminato il caso in cui sia palleggiatore un esterno e bloccante un lungo. PRINCIPI Cerchiamo di porre una serie di principi che costituiscono la base per costruire la nostra difesa. COMUNICAZIONE: vogliamo che il difensore del bloccante comunichi il più presto possibile la presenza di un blocco. Il concetto deve essere che un avversario vuole ostacolare un nostro compagno ed è bene che quest ultimo sia avvertito il più presto possibile. PRESSIONE SULLA PALLA: vogliamo che il palleggiatore venga pressato a tal punto che quasi non riesca ad usare il blocco. Nel fare questo il difensore dovrà essere attento a non farsi battere in direzione opposta al blocco dove non c è aiuto. Forzare sul blocco porterà come vedremo successivamente una situazione di 1c2, assolutamente svantaggiosa per il palleggiatore. ANGOLO D AIUTO: vogliamo che il difensore del bloccante esca sulla stessa linea del blocco, perché la palla sia fermata il più vicino possibile o comunque si riesca a far cambiare direzione al palleggiatore allargandosi. Per riuscire in questo compito il difensore del bloccante dovrà essere a contatto con il suo avversario prima che avvenga il blocco. SPRINTARE L AIUTO: volgiamo che il lungo, una volta fermata la palla, sprinti verso la zona più probabile di recupero con lo stesso vigore e intensità con cui ha portato l aiuto. ULTIMO UOMO: vogliamo che l uomo più lontano dall azione di blocco sia l uomo d aiuto, preposto quindi ad occuparsi del bloccante. Nel caso di equidistanza sarà determinate la posizione del palleggiatore e quindi avremo 2 difensori che a turno si scambieranno nell aiuto. CAMBIO: in caso di emergenza, quando il lungo realizzi di essere in ritardo, quindi non pronto ad eseguire l aiuto col corretto angolo, deve chiamare cambio per permetterne l esecuzione. E bene precisare che, anche in base a quanto scritto nell ultimo punto, il principio più importante, che può comunque sanare la disattesa esecuzione degli altri è il terzo: l angolo d aiuto. 1

2 COSTRUZIONE 2c2 Prima di inserire altri soggetti nella fotografia è bene analizzare nello specifico come intendiamo venga fermata la palla nel caso in cui si cerchi di arrecare un vantaggio diretto alla stessa. Una volta comunicata la presenza del blocco la situazione perfetta sarebbe quella dell eliminazione dell utilizzo del blocco tramite la grande pressione esercitata sulla palla (Diag.1). Nel caso questo non avvenga vogliamo che il difensore del bloccante esca con lo stesso angolo del blocco con le mani basse per toccare il pallone, quasi anticipando l uscita. Vogliamo che questo aiuto duri 2 scivolamenti e ci metta in una situazione di attaccare invece che essere attaccati. Il difensore del palleggiatore dovrà mantenere contatto con la palla e passare sotto l aiuto permettendo in questo modo al lungo un recupero veloce (Diag.2-4). 3c3 Per meglio capire ed esaminare il concetto di ultimo uomo passiamo ad una fase di 3c3 esaminando un tipico PnR centrale con ultimo uomo in angolo in aiuto. Vorremo che l uomo di aiuto si alzi verso il blocco per essere pronto ad anticipare il passaggio al bloccante. Quello che insegniamo all ultimo uomo è di non permettere una ricezione profonda al bloccante salendo in direzione della rollata (Diag.5). Così come al difensore del bloccante diciamo di non preoccuparsi del suo uomo, allo stesso modo diciamo all ultimo uomo di occuparsi del bloccante senza preoccuparsi dell ultimo uomo. Dell ultimo uomo dovrebbero occuparsi i due difensori sulla palla che per la grande pressione esercitata non dovrebbero permettere al palleggiatore di vedere il passaggio in angolo o comunque dovrebbero consentire solamente un passaggio lento e quindi recuperabile da parte dell ultimo uomo (Diag.6). 2

3 4c4 Così come vogliamo essere pronti lontano dalla palla allo stesso modo vogliamo che gli uomini vicino alla palla permettano alla pressione sulla palla, esercitata da 2 uomini, di essere efficace e inoltre non permetta all attacco di aprire quegli scenari che avevamo cercato di chiudere. Non avrebbe senso cercare di fermare la palla e non permetterle di esplorare altre linee di passaggio dal palleggio per poi permetterle di muoversi liberamente col passaggio producendo gli stessi affetti che cercavamo di eliminare (Diag.7). Per far questo dovremo insegnare ai giocatori ad un passaggio di distanza a preoccuparsi solamente di negare la palla al proprio uomo senza farsi risucchiare dalla rollata del bloccante (Diag.8). Così facendo la palla si ferma ad una distanza ed ad un angolo assolutamente svantaggiosi per servire direttamente il lungo che rolla dentro. E bene precisare cosa succede nel caso in cui ci siano 2 giocatori equidistanti dalla palla. In questo caso evidenziamo come l atteggiamento dei 2 uomini in ala deve essere diverso a differenza dell atteggiamento del palleggiatore, di conseguenza leggere dove guarda il passatore sarà cruciale. La direzione in cui è girato determinerà la posizione più o meno aperta dei difensori in anticipo (Diag.9-10). ANALISI CASI TIPICI Una volta analizzate le singole competenze dei giocatori in campo faremo una rassegna di casi tipici per rendere ancor più reale la costruzione vista precedente. La cosa di cui ci si renderà subito conto è che indipendentemente dal ruolo del giocatore rispetteremo i principi di cui sopra. PICK AND ROLL CENTRALE Nel caso in cui la squadra avversaria decida di aprire il campo con 4 uomini fuori dalla linea dei 3p posizioneremo gli uomini negando le prime linee di passaggio e aiutando con l ultimo uomo (Diag.11). Nel caso in cui il passaggio arrivi all uomo più lontano sarà possibile effettuare, vista la qualità della pressione sulla palla, un recupero sulla palla da parte dell ultimo uomo e in posizione interna da parte del difensore del bloccante, esattamente come analizzato nei diagrammi precedenti. 3

4 PICK AND ROLL CENTRALE CON SCAMBIO LUNGHI Nel caso in cui la squadra avversaria decida di partire con il lungo non coinvolto nel pick and roll in posizione interna per poi farlo scambiare con il bloccante attueremo uno scambio tra lunghi. Il lungo non coinvolto nel blocco dovrà essere bravo a comunicare al lungo che aiuta di recuperare verso l alto (Diag.12-14). Sarà ancora una volta decisivo l angolo d aiuto per far si che la palla si fermi in una posizione svantaggiosa e che il recupero sia breve. PICK AND ROLL LATERALE L altra situazione tipica che incontriamo è quella del pick and roll sul lato con tutti i giocatori posizionati fuori dalla linea dei 3 punti. In questo caso, in ossequio ai nostri principi, sarà l ultimo uomo sul lato debole a dover essere in posizione d aiuto, pronto a salire verso la rollata per negare qualsiasi passaggio al rollante (Diag.15). Anche in questo caso resta ovviamente decisiva la collaborazione difensiva sulla palla che non permetta alla stessa di muoversi con facilità. Ancora una volta si può notare il movimento dei 2 giocatori vicino alla palla, molto simile a quello già illustrato in precedenza nei diagrammi 9 e 10. 4

5 DOPPIO PICK AND ROLL Anche in quest ultimo caso rispetteremo le nostre regole fermando la palla con il giusto angolo, anticipando i possibili ricevitori vicino alla palla e aiutando in maniera esasperata con l uomo più lontano negando la palla al rollante (Diag.16-17). Come si può vedere i 2 difensori in angolo partiranno in posizione aperta per poi aggiustare la loro posizione in base alla scelta del palleggiatore. I due difensori dei bloccanti faranno la stessa cosa partendo piatti dietro il bloccante andando uno verso l interno per negare il passaggio vicino e l altro verso l esterno per portare il giusto angolo d aiuto. Nel caso in cui il passaggio arrivi all uomo più lontano sarà possibile effettuare, vista la qualità della pressione sulla palla, un recupero sulla palla da parte dell ultimo uomo e in posizione interna da parte del difensore del bloccante (Diag.18). ANALISI CASI PARTICOLARI Qui di seguito cercheremo di esaminare nello specifico i casi particolari che spesso ci troviamo ad affrontare di settimana in settimana. PICK AND ROLL IN TRANSIZIONE Nel caso in cui ci si trovi in una situazione di rientro difensivo vogliamo che i nostri lunghi siano schiacciati per riempire l area, quindi impossibilitati, per quanto scritto prima, a portare il corretto angolo d aiuto. Adotteremo in questo caso una tecnica che chiamiamo di contenimento alla quale, se attaccati, faremo seguire un cambio. Il difensore dovrà comunque andare sopra il blocco cercando di riportarsi davanti al difensore qualora questo si fermi. Nel caso il palleggiatore attacchi il lungo chiamerà cambio e il difensore del palleggiatore si sposterà lateralmente per contenere la rollata del bloccante. 5

6 PICK AND POP Ci capita spesso di affrontare squadre che utilizzano il blocco sulla palla per portare il bloccante lontano invece che vicino a canestro. Prenderemo in considerazione un tipico caso in cui l azione si svolga nella zona laterale del campo. Pensiamo che il nostro sistema sia perfetto nel caso in cui venga eseguito correttamente. Con questo intendiamo che se il difensore del bloccante aiuta col giusto angolo dovrebbe avere meno spazio da coprire sul recupero (Diag.22-24). Nel caso in cui si ritenesse che il pericolo di subire un tiro da 3p del lungo sia più grande di quello di creare un accoppiamento sbagliato possiamo anche valutare l opportunità di effettuare un cambio. In questo caso il difensore del palleggiatore e il difensore del bloccante dovranno tenere una atteggiamento diverso. Il primo dovrà andare sotto il blocco posizionandosi tra il bloccante e il canestro, il secondo dovrà posizionarsi piatto tra la palla e il canestro (Diag.25-27). Nel caso di cambio, come si può vedere, l aiuto da parte chi è lontano dalla palla sarà meno esasperato, mentre chi è vicino alla palla terrà una posizione più aperta rispetto a quella normale per occupare più spazio. 6

7 PnR DENTRO LINEA DEI 3P Nel caso in cui avvenga un pick and roll all interno della linea dei 3p attueremo un cambio automatico con i stessi principi prima enunciati. Attuiamo questa scelta perché riteniamo che lo spazio da coprire sia tale che lo svantaggio di accoppiamento sia assolutamente minimo. Situazioni di questo tipo, inoltre, avvengono speso alla fine del possesso e quindi con meno tempo per l attacco per poter realmente sfruttare il vantaggio acquisito (Diag.28). PnR ALTO Nel caso in cui avvenga un pick and roll lontano dalla linea dei 3p possiamo decidere di attuare l azione che denominiamo spinta e sotto. Il difensore del bloccante dovrà comunicare il più presto possibile le sue intenzioni creando contatto con il bloccante per portare il blocco ancor più verso l alto, permettendo in questo modo al difensore del palleggiatore di passare sotto per rifronteggiare la palla (Diag.29). Facciamo questa scelta perché pensiamo che il blocco sia al di fuori di quella che può essere considerata una ragionevole distanza di tiro, e che lo spazio di recupero da parte del difensore del bloccante sia troppo grande. Quest ultimo infatti si troverebbe, finito l aiuto, vicino alla linea di metà campo. 7

U.S.A.P. Unione Sindacale Allenatori di Pallacanestro. Riconosciuta dalla Federazione Italiana Pallacanestro con Delibera 30.04.

U.S.A.P. Unione Sindacale Allenatori di Pallacanestro. Riconosciuta dalla Federazione Italiana Pallacanestro con Delibera 30.04. U.S.A.P. Unione Sindacale Allenatori di Pallacanestro Riconosciuta dalla Federazione Italiana Pallacanestro con Delibera 30.04.1994 Via Dell Abbadia, 8-40122 Bologna Tel 051/26.11.85 Fax 051/26.74.55 -

Dettagli

ALCUNE PROPOSTE PER INSEGNARLO

ALCUNE PROPOSTE PER INSEGNARLO I primi Giochi Easy : Il Palleggio ALCUNE PROPOSTE PER INSEGNARLO Insalata Mista. (stimolare l abitudine all utilizzo del palleggio) Dal palleggio in libertà tuttocampo dei bambini, dividere il campo in

Dettagli

Uno contro uno in movimento attacco

Uno contro uno in movimento attacco Uno contro uno in movimento attacco Utilizzando gli stessi postulati di spazio/tempo, collaborazioni, equilibrio analizziamo l uno contro uno in movimento. Esso va visto sempre all interno del gioco cinque

Dettagli

U.S.A.P. Unione Sindacale Allenatori di Pallacanestro. Riconosciuta dalla Federazione Italiana Pallacanestro con Delibera 30.04.

U.S.A.P. Unione Sindacale Allenatori di Pallacanestro. Riconosciuta dalla Federazione Italiana Pallacanestro con Delibera 30.04. U.S.A.P. Unione Sindacale Allenatori di Pallacanestro Riconosciuta dalla Federazione Italiana Pallacanestro con Delibera 30.04.1994 Via Dell Abbadia, 8-40122 Bologna Tel 051/26.11.85 Fax 051/26.74.55 -

Dettagli

GIOVANILI: SCHEMI OFFENSIVI Matteo Picardi

GIOVANILI: SCHEMI OFFENSIVI Matteo Picardi GIOVANILI: SCHEMI OFFENSIVI Matteo Picardi Ogni squadra necessita di un attacco organizzato in maniera da creare spazi liberi per guadagnare punti facili. Tuttavia, soprattutto con le squadre giovani,

Dettagli

Disegnare il basket. di Andrea Capobianco

Disegnare il basket. di Andrea Capobianco Disegnare il basket di Andrea Capobianco L efficacia della comunicazione è legata ad una buona conoscenza del linguaggio utilizzato. L uso della rappresentazione icnica presuppone necessariamente la condivisione

Dettagli

U.S.A.P. Unione Sindacale Allenatori di Pallacanestro. Riconosciuta dalla Federazione Italiana Pallacanestro con Delibera 30.04.

U.S.A.P. Unione Sindacale Allenatori di Pallacanestro. Riconosciuta dalla Federazione Italiana Pallacanestro con Delibera 30.04. U.S.A.P. Unione Sindacale Allenatori di Pallacanestro Riconosciuta dalla Federazione Italiana Pallacanestro con Delibera 30.04.1994 Via Dell Abbadia, 8-40122 Bologna Tel 051/26.11.85 - Fax 051/26.74.55

Dettagli

APPROCCIO ALLA DIFESA: COSTRUZIONE DIFESA INDIVIDUALE A PARTIRE DALLA CATEGORIA UNDER 13

APPROCCIO ALLA DIFESA: COSTRUZIONE DIFESA INDIVIDUALE A PARTIRE DALLA CATEGORIA UNDER 13 APPROCCIO ALLA DIFESA: COSTRUZIONE DIFESA INDIVIDUALE A PARTIRE DALLA CATEGORIA UNDER 13 INTRODURRE LA DIFESA DI SQUADRA NEL PRIMO ANNO DI ATTIVITA GIOVANILE: la proposta deve essere divertente ed allettante

Dettagli

I PREREQUISITI MOTORI DELL APPRENDIMENTO DELLA TECNICA * * * * * *

I PREREQUISITI MOTORI DELL APPRENDIMENTO DELLA TECNICA * * * * * * 21 Lunedì 26 Agosto, ore 13,00 Prof. MARCO TAMANTINI Premessa I PREREQUISITI MOTORI DELL APPRENDIMENTO DELLA TECNICA * * * * * * Il messaggio che vorrei lanciare è di porre in risalto l obiettivo di migliorare

Dettagli

GIOCHI MINIBASKET. 1) Il gioco dei nomi. 2) Il gambero

GIOCHI MINIBASKET. 1) Il gioco dei nomi. 2) Il gambero GIOCHI MINIBASKET Questi giochi sono stati tratti da alcuni libri e talvolta modificati per adattarli al nostro gioco. Adatti per diverse età. Buon lavoro. 1) Il gioco dei nomi Obiettivi: conoscere i compagni,

Dettagli

SCUOLA CALCIO TECNICA PROF. MARCHI ERNESTO

SCUOLA CALCIO TECNICA PROF. MARCHI ERNESTO SCHEDE ESERCIZI categoria: categorie correlate: titolo / oggetto: SCUOLA CALCIO TECNICA GIOCO DI POSSESSO PALLA: 8 10 PASSAGGI autore / docente / tutor: PROF. MARCHI ERNESTO WWW..CENTROSTUDICALCIO..IT

Dettagli

Prima Parte. Rotazioni difensive a metà campo per mantenere gli effetti della difesa multipla

Prima Parte. Rotazioni difensive a metà campo per mantenere gli effetti della difesa multipla Prima Parte Rotazioni difensive a metà campo per mantenere gli effetti della difesa multipla Difesa Vincente 2 Introduzione I Milwaukee Bucks furono, per diversi anni, una guida nelle rotazioni difensive

Dettagli

SETTORE TECNICO F.I.G.C.

SETTORE TECNICO F.I.G.C. SETTORE TECNICO F.I.G.C. CORSO MASTER 200-2005 TESI CARATTERISTICHE DEI TRE CENTROCAMPISTI IN UN CENTROCAMPO A TRE Relatore: Prof. Franco FERRARI Candidato: Massimiliano ALLEGRI Coverciano 7 luglio 2005

Dettagli

LA DIDATTICA DELLA DIFESA A TRE

LA DIDATTICA DELLA DIFESA A TRE Corso MSTER nno 2000 / 2001 L DIDTTIC DELL DIFES TRE di DVIDE BLLRDINI relatori : prof. prof. Roberto Clagluna Franco Ferrari 1 INDICE : PREMESS 4 LE CRTTERISTICHE DEI DIFENSORI 6 L DIDTTIC. 7 CONCLUSIONI.

Dettagli

Andrea Nicastro 9/7/2012

Andrea Nicastro 9/7/2012 ATTACCO ALLA DIFESA INDIVIDUALE CON ESTERNI E INTERNO Andrea Nicastro 9/7/0. PREMESSA Questo sistema di gioco è pensato per gruppi evoluti, ossia giovanili di categoria non inferiore all Under 9 o senior

Dettagli

Socio/relazionale: partecipazione attiva al gioco, in forma agonistica, collaborando con gli altri

Socio/relazionale: partecipazione attiva al gioco, in forma agonistica, collaborando con gli altri Federazione Italiana Pallacanestro Settore Giovanile Minibasket e Scuola Lezioni Integrate Minibasket I Fondamentali con palla Traguardi di Competenza. Partiamo dalle linee guida: Motorio/funzionale padronanza,

Dettagli

Basi cognitive del gioco difensivo e del gioco offensivo. Sviluppo attraverso la creazione di superiorità numerica e inferiorità numerica

Basi cognitive del gioco difensivo e del gioco offensivo. Sviluppo attraverso la creazione di superiorità numerica e inferiorità numerica Da 3 contro 3 a 1 contro 1 Basi cognitive del gioco difensivo e del gioco offensivo - Ho il pallone / non ho il pallone / recupero il pallone/ perdo il pallone Sviluppo attraverso la creazione di superiorità

Dettagli

LA TATTICA SI IMPARA CON LE DONNE

LA TATTICA SI IMPARA CON LE DONNE LA TATTICA SI IMPARA CON LE DONNE Il calcio è ormai uno sport mondiale, si gioca infatti in ogni angolo del pianeta, anche i più remoti; i praticanti appartengono ad ogni età, razza, religione e sesso.

Dettagli

IMPARARE GIOCANDO A 9/10 ANNI

IMPARARE GIOCANDO A 9/10 ANNI IMPARARE GIOCANDO A 9/10 ANNI appunti dalla lezione del 19 maggio 2002 al Clinic di Riccione relatore Maurizio Cremonini, Istruttore Federale Set. Scol. e Minibasket I BAMINI DEVONO SCOPRIRE CIO DI CUI

Dettagli

GIUSEPPE ZUROLO LEZIONE CATEGORIA 9-10-11 ANNI

GIUSEPPE ZUROLO LEZIONE CATEGORIA 9-10-11 ANNI GIUSEPPE ZUROLO LEZIONE CATEGORIA 9-10-11 ANNI ARGOMENTO DIFENSIVO: logiche del gioco; sviluppo mobilità laterale e in arretramento; capacità di combinazione e dissociazione. OBIETTIVO: passaggio (anticipazione

Dettagli

Categoria Esordienti. Stefano Bellinzaghi

Categoria Esordienti. Stefano Bellinzaghi Categoria Esordienti Guida e Dominio della palla Guida e Dominio della palla Stefano Bellinzaghi A B C I giocatori distribuiti nelle 4 file eseguono conduzioni, cambi di direzione e combinazioni tra guida

Dettagli

La tesi di fine corso di Mister Maurizio Viscidi.

La tesi di fine corso di Mister Maurizio Viscidi. N. FEBBRAIO 006 RIVISTA ELETTRONICA DELLA CASA EDITRICE WWW.ALLENATORE.NET REG. TRIBUNALE DI LUCCA N DEL /0/0 DIRETTORE RESPONSABILE: FERRARI FABRIZIO COORDINATORE TECNICO: BONACINI ROBERTO SEDE VIA E.FRANCALANCI

Dettagli

IL MINIBASKET in ITALIA :

IL MINIBASKET in ITALIA : IL MINIBASKET in ITALIA : l Emozione, la Scoperta e il Gioco. I primi intervento per l angolo tecnico del nostro sito li voglio prendere da una delle esperienze professionalmente più gratificanti della

Dettagli

(Relazione agli Allenatori della provincia di Brescia del 21/01/2007)

(Relazione agli Allenatori della provincia di Brescia del 21/01/2007) (Relazione agli Allenatori della provincia di Brescia del 21/01/2007) ATTACCO ALLA UOMO BASATO SU PRINCIPI DI GIOCO COLLETTIVO - Quello che gli americani chiamano Reading Offense, cioè Attacco basato sulla

Dettagli

Edizione autunno 2004 a cura del Comitato Nazionale Allenatori

Edizione autunno 2004 a cura del Comitato Nazionale Allenatori Esercizio Uno contro zero serie auto passaggio Giocatori disposti come da diagramma n. 43. Il primo della fila esegue nell ordine: auto passaggio, ricezione, fronteggiare il canestro, partenza incrociata

Dettagli

Primo non fare disastri

Primo non fare disastri Primo non fare disastri Attenzioni alle abitudini senza ritorno : 1. Aspettare l errore dell attaccante è mortale per creare DIFENSORI, 2. Difendere = fatica dove può essere il piacere gusto, 3. Prendere

Dettagli

ESORDIENTI. Programma Tecnico

ESORDIENTI. Programma Tecnico ESORDIENTI Programma Tecnico IO, LA PALLA, I MIEI COMPAGNI E GLI AVVERSARI SEDUTA DI ALLENAMENTO ESORDIENTI dal semplice al complesso GIOCHI A TEMA 20% GIOCHI COLLETTIVI 20% LA PARTITA (Gli obiettivi specifici)

Dettagli

TECNICA E TATTICA VOLLEY

TECNICA E TATTICA VOLLEY TECNICA E TATTICA VOLLEY Dalla posizione di attesa, e a seconda del tipo di attacco avversario, il muro e la difesa optano per dei cambiamenti di posizione, al fine di rendere più facile la ricostruzione.

Dettagli

Pallacanestro Calcio Pallamano Unihockey

Pallacanestro Calcio Pallamano Unihockey > Abilità nei giochi 8ª Classe Pallacanestro Calcio Pallamano Unihockey La valutazione dell abilità nei giochi avviene durante e al termine processo d apprendimento. Giochi Pallacanestro Calcio Pallamano

Dettagli

Corso per allenatori di 1 livello LEZIONE nr 3

Corso per allenatori di 1 livello LEZIONE nr 3 Corso per allenatori di 1 livello LEZIONE nr 3 IMPARARE LA TECNICA CON IL GIOCO Stefano Faletti FONDAMENTALI TECNICI RICEVERE CONTROLLARE COLPIRE lo STOP GUIDA DELLA PALLA DRIBBLING PASSAGGIO TIRO COLPO

Dettagli

Allenare = trovare soluzioni divertenti per far fatica:

Allenare = trovare soluzioni divertenti per far fatica: Alba 3 novembre 2010 Lezione tecnica per allenatori Le colpe degli allenatori: 1. Presentare la difesa come una serie di DOVERI da seguire ciecamente, 2. Dare troppi in-put spesso non collegati alla realtà

Dettagli

ALLENAMENTO DEL 23 / 03 / 2011

ALLENAMENTO DEL 23 / 03 / 2011 ALLENAMENTO DEL 23 / 03 / 2011 ATTIVAZIONE INDIVIDUALE CON PREP.FISICO. Durata: 15 min Es.1: 1 C 1 CON DEF GUIDATA. Durata: 15 min 1 sprinta in post alto, riceve da 2, fronteggia canestro e : partenza

Dettagli

La scuola Calcio Barcellona

La scuola Calcio Barcellona La scuola Calcio Barcellona di Raffaele Barra Istruttore CONI FIGC, laureando in Comunicazione, dopo varie esperienze in altre società (nelle categorie pulcini ed esordienti) da 2 anni milita nel Sottomarina

Dettagli

Giochi di posizione per un modulo di gioco 4 3-3

Giochi di posizione per un modulo di gioco 4 3-3 Giochi di posizione per un modulo di gioco 4 3-3 2 CONTRO 2 Esercizio n 1: 2 contro 2 + 2 jolly ( difensore centrale e centravanti 9 ) Obiettivi: insegnare passaggi filtranti e appoggi Misure campo: 12

Dettagli

Con un gioco si possono lavorare diversi aspetti: Come proporre un gioco:

Con un gioco si possono lavorare diversi aspetti: Come proporre un gioco: Il gioco se usato e svolto in una maniera consona, farà si che l' allievo si diverta e nello stesso tempo raggiunga degli scopi precisi che voi vi siete proposti. Con un gioco si possono lavorare diversi

Dettagli

PROGRAMMA CORSO LND PER ALLENATORI DI PRIMA, SECONDA, TERZA CATEGORIA E JUNIORES REGIONALI TECNICA E TATTICA INDIVIDUALE

PROGRAMMA CORSO LND PER ALLENATORI DI PRIMA, SECONDA, TERZA CATEGORIA E JUNIORES REGIONALI TECNICA E TATTICA INDIVIDUALE PROGRAMMA CORSO LND PER ALLENATORI DI PRIMA, SECONDA, TERZA CATEGORIA E JUNIORES REGIONALI TECNICA E TATTICA INDIVIDUALE Recupero della palla ( anticipo, intercettamento, contrasto) Marcamento ( principi

Dettagli

Autore: Maurizio Bruni Sito proponente: Alleniamo.com MESE DI SETTEMBRE 2007 CATEGORIA ESORDIENTI 1995. Allenatore Maurizio Bruni

Autore: Maurizio Bruni Sito proponente: Alleniamo.com MESE DI SETTEMBRE 2007 CATEGORIA ESORDIENTI 1995. Allenatore Maurizio Bruni Autore: Maurizio Bruni Sito proponente: Alleniamo.com MESE DI SETTEMBRE 2007 CATEGORIA ESORDIENTI 1995 Allenatore Maurizio Bruni MESE DI SETTEMBRE OBIETTIVI TECNICI Palleggio individuale Conduzione della

Dettagli

OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA

OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA Dopo avere visto e valutato le capacità fisiche di base che occorrono alla prestazione sportiva e cioè Capacità Condizionali

Dettagli

TIRO CLASSIFICAZIONE E DISTRIBUZIONE NELL ALLENAMENTO DURANTE LA STAGIONE

TIRO CLASSIFICAZIONE E DISTRIBUZIONE NELL ALLENAMENTO DURANTE LA STAGIONE Federazione Italiana Pallacanestro Comitato Nazionale Allenatori Di G. Gebbia con la collaborazione con R. Colli. TIRO CLASSIFICAZIONE E DISTRIBUZIONE NELL ALLENAMENTO DURANTE LA STAGIONE I diagrammi sono

Dettagli

CORSO DI AGGIORNAMENTO PER DOCENTI di SCIENZE MOTORIE/ EDUCAZIONE FISICA

CORSO DI AGGIORNAMENTO PER DOCENTI di SCIENZE MOTORIE/ EDUCAZIONE FISICA CORSO DI AGGIORNAMENTO PER DOCENTI di SCIENZE MOTORIE/ EDUCAZIONE FISICA Programma PARTE PRIMA (tre ore) I N P A L E S T R A QUATTRO GIOCHI CON LA PALLA PER ARRIVARE AL BASEBALL/SOFTBALL 1. TIRA E CORRI

Dettagli

il Dribbling MAINI DANIELE Corso CONI-FIGC per Istruttori Scuola Calcio Piacenza 2005 Lezione ideata da

il Dribbling MAINI DANIELE Corso CONI-FIGC per Istruttori Scuola Calcio Piacenza 2005 Lezione ideata da Corso CONI-FIGC per Istruttori Scuola Calcio Piacenza 2005 il Dribbling Lezione ideata da MAINI DANIELE Si ringraziano Gli Esordienti dell U.S.D. BORGONOVESE In collaborazione con BERNINI GIANNI RATAZZI

Dettagli

Volley Project di Nicola Piccinini Ottobre 2009. Relatore: Prof. Nicola Piccinini

Volley Project di Nicola Piccinini Ottobre 2009. Relatore: Prof. Nicola Piccinini Volley Project di Nicola Piccinini Ottobre 2009 Relatore: Prof. Nicola Piccinini Introduzione Fondamentale da punto con alta valenza tecnico - tattica sia a livello individuale che di squadra. Collegato

Dettagli

IL GIOCO NEL MINIBASKET

IL GIOCO NEL MINIBASKET 88 Premessa IL GIOCO NEL MINIBASKET Inizierò con un gioco di collaborazione e di rapidità per immergerci subito nel cuore di questa lezione. Poichè l argomento è Il Gioco nel Minibasket, vorrei partire

Dettagli

Il muro nel settore giovanile

Il muro nel settore giovanile 1 Il muro nel settore giovanile Il muro nel settore giovanile Parliamo del fondamentale più trascurato dagli allenatori delle squadre giovanili (e che nessuno si offenda per questa affermazione! Basta

Dettagli

Presentazioni pratiche integrate del modello culturale di riferimento

Presentazioni pratiche integrate del modello culturale di riferimento 2012 Federazione Italiana Pallacanestro SGMS Presentazioni pratiche integrate del modello culturale di riferimento A cura di Maurizio Cremonini - Tecnico Federale Settore Giovanile Minibasket Scuola 0

Dettagli

Programmazione Annuale

Programmazione Annuale Programmazione Annuale Scuola Calcio Milan di Vieste CATEGORIE Pulcini 2001-2002-2003 I BAMBINI IMPARANO CIÒ CHE VIVONO...: Se un bambino vive nella tolleranza impara ad essere paziente. Se un bambino

Dettagli

10 Lezioni di Minibasket

10 Lezioni di Minibasket 10 Lezioni di Minibasket LEZIONE N. 1 FASE INIZIALE 001. Esercizi e giochi di trattamento della palla sul posto e in movimento ad elevata intensità di esecuzione. 002. SPRINT: i bambini palleggiano per

Dettagli

Minivolley: un età d oro per sviluppare, con i giochi, l entusiasmo di stare con gli amici in palestra

Minivolley: un età d oro per sviluppare, con i giochi, l entusiasmo di stare con gli amici in palestra 1 Minivolley: un età d oro per sviluppare, con i giochi, l entusiasmo di stare con gli amici in palestra Giochi di motricità generale con l utilizzo della palla. Dopo aver organizzato la palestra in tanti

Dettagli

PROGRAMMI TECNICI CI SI ALLENA AL 100% DELLE PROPRIE CAPACITÀ FISICHE E TENCICHE

PROGRAMMI TECNICI CI SI ALLENA AL 100% DELLE PROPRIE CAPACITÀ FISICHE E TENCICHE PROGRAMMI TECNICI CI SI ALLENA AL 100% DELLE PROPRIE CAPACITÀ FISICHE E TENCICHE Gli allenamenti a ritmo di musica sono molto intensi e divertenti e migliorano le capacità motorie e coordinative, l abilità,

Dettagli

PULCINI. Programma MILAN LAB

PULCINI. Programma MILAN LAB PULCINI Programma MILAN LAB SEDUTA DI ALLENAMENTO PULCINI 40% SCHEMI MOTORI DI BASE CAPACITÀ MOTORIE 60% CAPACITÀ COORDINATIVE 50% 10% CAPACITÀ CONDIZIONALI Rapidità BASSO GRADO DI DIFFICOLTÀ MEDIO GRADO

Dettagli

GIOCHI SENZA SQUADRE

GIOCHI SENZA SQUADRE GIOCHI SENZA SQUADRE Età: 5-8 anni Questi giochi (50) sono proposti nel seguente modo: si ritaglia la descrizione del gioco, si piega il pezzo di carta e s inseriscono tutti i 50 foglietti in un sacchetto.

Dettagli

Corso di perfezionamento I giochi di transizione

Corso di perfezionamento I giochi di transizione Contenuto della lezione pratica Osservazioni preliminari Corso di perfezionamento I giochi di transizione La durata del gioco dipende dall intensità. L allenatore deve controllare lo stato fisico dei suoi

Dettagli

Relazione Minibasket n 2

Relazione Minibasket n 2 Prof. Piergiorgio Manfre Basket Verbano Relazione Minibasket n 2 Ipotesi di lezioni per allievi 9 10 anni Premessa................................................... Proposte didattiche-tecniche.................................

Dettagli

Giochi e esercizi. Calcio di base. Calcio d élite

Giochi e esercizi. Calcio di base. Calcio d élite ASSOCIAZIONE SVIZZERA DI FOOTBALL Dipartimento tecnico Servizio istruzione Modulo di perfezionamento 2015/16 Giocare meglio - Giochi e esercizi Giocare meglio Giochi e esercizi Calcio di base Calcio d

Dettagli

EASY BASKEY : DALLA SCUOLA AL MINIBASKET UN NUOVO PROGETTO PER CRESCERE INSIEME

EASY BASKEY : DALLA SCUOLA AL MINIBASKET UN NUOVO PROGETTO PER CRESCERE INSIEME SETTORE GIOVANILE E MINIBASKET EASY BASKEY : DALLA SCUOLA AL MINIBASKET UN NUOVO PROGETTO PER CRESCERE INSIEME 1 CI RICORDIAMO I PRINCIPI FONDANTI DELL EASY BASKET. IL GIOCO CRITERI BASE PARTECIPAZIONE

Dettagli

GIOCHI DI STRATEGIA Giochi di potere!!!.

GIOCHI DI STRATEGIA Giochi di potere!!!. GIOCHI DI STRATEGIA Giochi di potere!!!. Dopo avere dedicato ampio spazio nei precedenti interventi al modello culturale del nostro Minibasket raccontando l esperienza finlandese, ora vorrei rivolgere

Dettagli

DELL UNO CONTRO UNO DIFENSIVO

DELL UNO CONTRO UNO DIFENSIVO M A G A Z I N E PRINCIPI BASE DELL UNO CONTRO UNO DIFENSIVO w w w. a l l f o1 o t b a l l. i t IL TUTOR MARIO BERETTA 1959 Milano, è ex calciatore e attuale allenatore professionista. Diplomato Isef e

Dettagli

UTILIZZO DELLA PSICOCINETICA NELLA SCUOLA PRIMARIA E IN AMBITO SPORTIVO

UTILIZZO DELLA PSICOCINETICA NELLA SCUOLA PRIMARIA E IN AMBITO SPORTIVO UTILIZZO DELLA PSICOCINETICA NELLA SCUOLA PRIMARIA E IN AMBITO SPORTIVO Le capacità cognitive richieste per far fronte alle infinite modalità di risoluzione dei problemi motori e di azioni di gioco soprattutto

Dettagli

di Andrea Monteverdi

di Andrea Monteverdi di Andrea Monteverdi PULCINI Stagione sportiva 2005/2006 Saranno effettuati due allenamenti al campo dove si cureranno gli obiettivi tecnico-tattici, e un allenamento in palestra dove sarà curato in particolar

Dettagli

allenare gli attaccanti nella ricerca della posizione ottimale per andare a rete

allenare gli attaccanti nella ricerca della posizione ottimale per andare a rete Smarcamento Mini partite 3>3 su un quadrato di 15x15. Goal valido solo dopo aver effettuato uno stop agli angoli del campo di gioco. 4>2 su un quadrato di 15x15. Il goal viene realizzato su stop su uno

Dettagli

I giochi tradizionali adatti alla pallavolo. Gli esercizi sul palleggio, bagher e battuta nel Minivolley

I giochi tradizionali adatti alla pallavolo. Gli esercizi sul palleggio, bagher e battuta nel Minivolley I giochi tradizionali adatti alla pallavolo e Gli esercizi sul palleggio, bagher e battuta nel Minivolley ricerca e composizione di: Rosario Ravalli docente regionale allenatori FIPAV Foggia Questo piccolo

Dettagli

Basketcoach.net ESERCIZI PER IL CONTROPIEDE

Basketcoach.net ESERCIZI PER IL CONTROPIEDE Anno VI Num.3/12 SOMMARIO ESERCIZI PER IL CONTROPIEDE DI M. RIGA.. 1 ALLENAMENTI PER LA CATEGORIA U15-17 - SECONDA PARTE DI R. PACIUCCI...4 SOFTWARE BASKETCOACH PLAY BOOK...7 WBSC SUPERCAMP - GLI ESERCIZI

Dettagli

L ATTACCO. Appunti. Principali problematiche:

L ATTACCO. Appunti. Principali problematiche: L ATTACCO Appunti Principali problematiche: L attacco deve essere considerato come tema permanente di ogni seduta di allenamento. Ore di lavoro specifico sull attacco della nazionale juniores femminile:

Dettagli

Difesa Elastica e Difesa a Zona, due sistemi a confronto con tattiche difensive diverse.

Difesa Elastica e Difesa a Zona, due sistemi a confronto con tattiche difensive diverse. Difesa Elastica e Difesa a Zona, due sistemi a confronto con tattiche difensive diverse. Proseguendo la mia tesi sulla disamina della Difesa Elastica attuata con il controllo visivo attivo ho ritenuto

Dettagli

NEWS 26 APRILE 2015 PARTITA CAMPIONATO PULCINI 2004 REAL 2000 ROZZANO-ROZZANO CALCIO. Articolo di Enrico Carlotti (Direttore Sportivo)

NEWS 26 APRILE 2015 PARTITA CAMPIONATO PULCINI 2004 REAL 2000 ROZZANO-ROZZANO CALCIO. Articolo di Enrico Carlotti (Direttore Sportivo) NEWS 26 APRILE 2015 PARTITA CAMPIONATO PULCINI 2004 REAL 2000 ROZZANO-ROZZANO CALCIO Articolo di Enrico Carlotti (Direttore Sportivo) Siamo così giunti all ultima partita di campionato e, i nostri ragazzi

Dettagli

Settore Giovanile Giochi ed esercizi nel MiniVolley

Settore Giovanile Giochi ed esercizi nel MiniVolley Giochi tradizionali adatti alla pallavolo ASINO Si può giocare in un numero imprecisato di bambini che si mettono in cerchio; si tira la palla a colui che lo precede e così via. Quando si sbaglia (la palla

Dettagli

Possesso palla in allenamento

Possesso palla in allenamento Possesso palla in allenamento di Maurizio Viscidi Possesso palla in allenamento di Maurizio Viscidi Il possesso palla inteso come esercitazione sta assumendo un importanza sempre maggiore nelle sedute

Dettagli

LA PIRAMIDE DEL MOVIMENTO: educhiamo gli schemi motori di base per ottenere abilità motorie. LEZIONE bambini 6/8 anni

LA PIRAMIDE DEL MOVIMENTO: educhiamo gli schemi motori di base per ottenere abilità motorie. LEZIONE bambini 6/8 anni LA PIRAMIDE DEL MOVIMENTO: educhiamo gli schemi motori di base per ottenere abilità motorie LEZIONE bambini 6/8 anni ( adattamento allo spazio) Muoversi liberamente nella palestra palleggiando, Cambiare

Dettagli

Criteri per l individuazione delle attitudini ai vari ruoli e principi metodologici nell allenamento delle tecniche

Criteri per l individuazione delle attitudini ai vari ruoli e principi metodologici nell allenamento delle tecniche Criteri per l individuazione delle attitudini ai vari ruoli e principi metodologici nell allenamento delle tecniche Scopo: Il titolo intende riassumere l esperienza selettiva svolta dai tecnici federali

Dettagli

ALLENAMENTO AZZURRINA LOMBARDIA DEL 20 11 2011 MACHERIO (MI)

ALLENAMENTO AZZURRINA LOMBARDIA DEL 20 11 2011 MACHERIO (MI) ALLENAMENTO AZZURRINA LOMBARDIA DEL 20 11 2011 MACHERIO (MI) 10.00 12.00 ALLENATORE Guido Cantamesse ASSISTENTi Nazareno Lombardi Carlo Grassi PREP. FISICO Cosimo De Milo ******************** ATTIVAZIONE

Dettagli

Allenare nel settore giovanile

Allenare nel settore giovanile ALLENARE NEL SETTORE GIOVANILE: la sovrapposizione, sviluppo tattico offensivo ANDREA PAGAN Allenatore di BASE diploma B UEFA PREMESSA Credo che la programmazione e l allenamento della fase offensiva sia

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA PALLAVOLO

FEDERAZIONE ITALIANA PALLAVOLO FEDERAZIONE ITALIANA PALLAVOLO IL MURO: DALL APPLICAZIONE APPLICAZIONE TECNICA ALL APPLICAZIONE APPLICAZIONE TATTICA PARTENDO DAL SETTORE GIOVANILE VERSO L ECCELLENZA Settore tecnico giovanile Squadre

Dettagli

Università degli studi di Palermo. Facoltà di Scienze Motorie. Corso di laurea triennale in Scienze delle attività Motorie e Sportive

Università degli studi di Palermo. Facoltà di Scienze Motorie. Corso di laurea triennale in Scienze delle attività Motorie e Sportive Università degli studi di Palermo Facoltà di Scienze Motorie Corso di laurea triennale in Scienze delle attività Motorie e Sportive Programma di Teoria Tecnica e Didattica dei giochi di squadra Anno Accademico

Dettagli

Obiettivo Principale: Spiegare come la stessa cosa possa essere realizzata in molti modi diversi e come, a volte, ci siano modi migliori di altri.

Obiettivo Principale: Spiegare come la stessa cosa possa essere realizzata in molti modi diversi e come, a volte, ci siano modi migliori di altri. 6 LEZIONE: Algoritmi Tempo della lezione: 45-60 Minuti. Tempo di preparazione: 10-25 Minuti (a seconda che tu abbia dei Tangram disponibili o debba tagliarli a mano) Obiettivo Principale: Spiegare come

Dettagli

IL TIRO IN PORTA. Corso CONI FIGC stagione 2011 Melegnano 02 Dicembre 2011. Rubiu Stefano

IL TIRO IN PORTA. Corso CONI FIGC stagione 2011 Melegnano 02 Dicembre 2011. Rubiu Stefano Rubiu Stefano Corso CONI FIGC stagione 2011 Melegnano 02 Dicembre 2011 IL TIRO IN PORTA Il tiro in porta rappresenta l azione conclusiva delle varie strategie di gioco, al fine di raggiungere l obiettivo

Dettagli

PROGETTO DI GIOCO VALSUGANA RUGBY

PROGETTO DI GIOCO VALSUGANA RUGBY PROGETTO DI GIOCO VALSUGANA RUGBY La tragedia nella vita non è fallire un obiettivo!!! La vera tragedia è non avere obiettivi da realizzare MISSIONE : Attuare un gioco semplice basato su Attitudine e determinazione

Dettagli

hnefatafl Hnefatafl Il gioco da tavolo del Re Regole - massimiliano.dellarovere[su]gmail.com -

hnefatafl Hnefatafl Il gioco da tavolo del Re Regole - massimiliano.dellarovere[su]gmail.com - hnefatafl Hnefatafl Il gioco da tavolo del Re Regole - massimiliano.dellarovere[su]gmail.com - Tema: Il gioco rappresenta un assedio dove il numero degli Assedianti, è il doppio di quello degli Assediati.

Dettagli

SEI BRAVO A SCUOLA DI CALCIO ANNO 2012 2013 FASE PROVINCIALE 2 GIUGNO 2013

SEI BRAVO A SCUOLA DI CALCIO ANNO 2012 2013 FASE PROVINCIALE 2 GIUGNO 2013 SEI BRAVO A SCUOLA DI CALCIO ANNO 2012 2013 FASE PROVINCIALE 2 GIUGNO 2013 TEMA DELLA MANIFESTAZIONE CALCIARE PER SEGNARE INDICAZIONI GENERALI Si ricorda che la manifestazione è una festa regionale/provinciale

Dettagli

PRINCIPI GENERALI DI LAVORO CON I BAMBINI 5-6 ANNI CARICO MENTALE

PRINCIPI GENERALI DI LAVORO CON I BAMBINI 5-6 ANNI CARICO MENTALE PRINCIPI GENERALI DI LAVORO CON I BAMBINI 5-6 ANNI Prima di inoltrarmi ad analizzare le proposte da proporre ai bambini di 5-6 anni, spiego un concetto, a mio parere, importante, il: CARICO MENTALE Quando

Dettagli

MIGLIORAMENTO INDIVIDUALE DEL GIOCATORE

MIGLIORAMENTO INDIVIDUALE DEL GIOCATORE MIGLIORAMENTO INDIVIDUALE DEL GIOCATORE ALL INTERNO DI UN SISTEMA DIFENSIVO DI SQUADRA Quando mi è stato proposto di analizzare l argomento di questa relazione sono stato subito convinto da una parola

Dettagli

ESERCITAZIONE 1 ESERCITAZIONE 2

ESERCITAZIONE 1 ESERCITAZIONE 2 PASSAGGIO ESERCITAZIONE 1 - I giocatori vengono divisi in 3 gruppi di diverso colore. 1A) Con le mani passare la palla al colore diverso 1B) Con i piedi passare la palla al colore diverso 2A) Con le mani

Dettagli

13.1 DOVE E COME SI EFFETTUA IL CALCIO D INVIO

13.1 DOVE E COME SI EFFETTUA IL CALCIO D INVIO DEFINIZIONI Il calcio d invio si effettua all inizio di ogni tempo di gara e all inizio di ogni periodo di extra time. I calci di ripresa del gioco si effettuano dopo una segnatura o un annullato. 13.1

Dettagli

ASPETTI INTELLETTIVI IL SAPERE DI SAPER FARE

ASPETTI INTELLETTIVI IL SAPERE DI SAPER FARE Lo Sviluppo della Motricità Consapevole La partecipazione attiva dei nostri allievi al processo educativo, grazie ad una maturazione graduale dei processi intellettivi, permetterà nel corso degli anni

Dettagli

LA TRADER'S TRICK. Lo scopo della entrata Trader s Trick (TTE) è di permetterci di iniziare un trade prima dell entrata di altri trader.

LA TRADER'S TRICK. Lo scopo della entrata Trader s Trick (TTE) è di permetterci di iniziare un trade prima dell entrata di altri trader. LA TRADER'S TRICK Lo scopo della entrata Trader s Trick (TTE) è di permetterci di iniziare un trade prima dell entrata di altri trader. Siamo realistici. Il trading è un business in cui chi ha più conoscenza

Dettagli

Le diverse forme geometriche stimolano un comportamento tecnico regolato da forma e dimensione delle figure.

Le diverse forme geometriche stimolano un comportamento tecnico regolato da forma e dimensione delle figure. GUIDA GEOMETRICA Le diverse forme geometriche stimolano un comportamento tecnico regolato da forma e dimensione delle figure. I bambini conducono la palla attorno a diverse figure geometriche. vince chi

Dettagli

www.mistergatti.it - 30 minuti di tecnica ( passaggi a due o tre - rasoterra - mezza altezza - palleggi- colpi di testa)

www.mistergatti.it - 30 minuti di tecnica ( passaggi a due o tre - rasoterra - mezza altezza - palleggi- colpi di testa) 20/08/2012 Preparazione precampionato categoria giovanissimi 1 settimana -10 minuti di corsa lenta - 5 allunghi sui 30 mt con recupero di 20 secondi dopo ogni allungo - 30 minuti di tecnica ( passaggi

Dettagli

Coach MARCO RAGINI. Metodologie e sviluppi situazionali di TECNICA/TATTICA CALCISTICA. U.E.F.A. PRO License Settore Tecnico F.I.G.C.

Coach MARCO RAGINI. Metodologie e sviluppi situazionali di TECNICA/TATTICA CALCISTICA. U.E.F.A. PRO License Settore Tecnico F.I.G.C. Coach MARCO RAGINI Metodologie e sviluppi situazionali di TECNICA/TATTICA CALCISTICA U.E.F.A. PRO License Settore Tecnico F.I.G.C. 17/10/11 (Lezione 1) L allenatore nell ambito dello spogliatoio deve incidere

Dettagli

ALLENAMENTO DEL 09 / 03 / 2010

ALLENAMENTO DEL 09 / 03 / 2010 ALLENAMENTO DEL 09 / 03 / 2010 Es.1: RICEZIONE DOPO SMARCAMENTO + PARTENZE. Durata: 10 min 1 passa a C effettua taglio a canestro, ritorna per ricevere la palla con arresto + strappo con partenza incrociata

Dettagli

ATTACCO SPAZIO E TEMPO NEL GIOCO SENZA PALLA

ATTACCO SPAZIO E TEMPO NEL GIOCO SENZA PALLA ATTACCO SPAZIO E TEMPO NEL GIOCO SENZA PALLA Premessa Quante volte capita di osservare una squadra effettuare semplici movimenti in attacco con efficacia e naturalezza. E altrettanto troppo spesso cercare

Dettagli

minimo cinque passaggi consecutivi e goal valido solo con colpo di testa sulla traversa oppure su una porticina.

minimo cinque passaggi consecutivi e goal valido solo con colpo di testa sulla traversa oppure su una porticina. PARTITA BOWLING si gioca una partita normale con due o più palloni. Chi abbatte il cono lascia il pallone agli avversari e corre verso la propria porta a sistemare il cono in linea con gli altri. Vince

Dettagli

corso allenatori 2 livello Mezzocorona settembre 2000 Bressanone dicembre 2000 il contropiede Manfred Leimgruber manfred.leimgruber@rolmail.

corso allenatori 2 livello Mezzocorona settembre 2000 Bressanone dicembre 2000 il contropiede Manfred Leimgruber manfred.leimgruber@rolmail. corso allenatori livello Mezzocorona settembre 000 Bressanone dicembre 000 il contropiede Manfred Leimgruber manfred.leimgruber@rolmail.it Campo Tures maggio 001 il contropiede pagina 1 M. Leimgruber Il

Dettagli

UNITÀ APPRENDIMENTO Scuola Primaria di Bellano / classi 4ª A 4ª B a.s. 2014/15

UNITÀ APPRENDIMENTO Scuola Primaria di Bellano / classi 4ª A 4ª B a.s. 2014/15 OBIETTIVI GENERALI APPROFONDIRE LA CONOSCENZA DELLE PRINCIPALI NORME DI ALIMENTAZIONE, IGIENE E SICUREZZA PERSONALE - Conoscere le modalità d uso d attrezzi, strumenti e ambienti in cui si vive e le norme

Dettagli

15 giorni di Ritiro Precampionato categoria esordienti!

15 giorni di Ritiro Precampionato categoria esordienti! AncheiopossoAllenare.com allenare online con gli info-prodotti di ancheiopossoallenare.com presenta: Marco Mirisola 15 giorni di Ritiro Precampionato categoria esordienti! Salve a tutti e benvenuto/a oggi

Dettagli

Da qui in avanti affonderemo le dinamiche tecniche della canoa polo maggiormente legate a quelle che sono le componenti tattiche di gioco.

Da qui in avanti affonderemo le dinamiche tecniche della canoa polo maggiormente legate a quelle che sono le componenti tattiche di gioco. DALLA TECNICA ALLA TATTICA La canoa polo è uno sport di situazione. La tecnica e la tattica assumono nei giochi sportivi un aspetto fondamentale. Definizioni: TECNICA La tecnica sportiva è un procedimento,

Dettagli

SPUNTI DI RIFLESSIONE per TECNICI DI CALCIO

SPUNTI DI RIFLESSIONE per TECNICI DI CALCIO SPUNTI DI RIFLESSIONE per TECNICI DI CALCIO Casalmaiocco, 04 MARZO 2013 Marco prof. Manzotti E-mail: m.manzotti@alice.it IL GIOCO DEL CALCIO SPORT DI SQUADRA SPORT DI CONFRONTO SPORT CON ATTREZZO SPORT

Dettagli

CENTRI MINIBASKET BAMBINI ISTRUTTORI 2500 125.000 7200 PULCINI 2003/2004 SCOIATTOLI 2001/2002 GAZZELLE F 2000/2001/2002 AQUILOTTI 1999/2000 ESORDIENTI M 1998/1999 F 1998/1999/2000 INCONTRO TRA MINIBASKET

Dettagli

In quanti modi posso lanciare ed afferrare la palla? Chi riesce a?

In quanti modi posso lanciare ed afferrare la palla? Chi riesce a? CARATTERISTICHE GENERALI DEI GIOCHI INDIVIDUALI CON UN ATTREZZO Gioco con l attrezzo Manipolazioni, da solo: lanciare, afferrare, Per riuscire a gestire far rotolare, l attrezzo. calciare. Per riuscire

Dettagli

INSIEME A LUPO ROSSO

INSIEME A LUPO ROSSO Istituto Comprensivo n.1 Bologna Anno Scolastico 2007-2008 Scuola dell'infanzia "Giovanni XXIII" INSIEME A LUPO ROSSO IMPARIAMO LE REGOLE DELLA STRADA PROGETTO DI EDUCAZIONE STRADALE GUIDATO DA SILVIA

Dettagli

IL MODELLO CICLICO BATTLEPLAN

IL MODELLO CICLICO BATTLEPLAN www.previsioniborsa.net 3 Lezione METODO CICLICO IL MODELLO CICLICO BATTLEPLAN Questo modello ciclico teorico (vedi figura sotto) ci serve per pianificare la nostra operativita e prevedere quando il mercato

Dettagli

METODOLOGIA DELL INSEGNAMENTO ALLENAMENTO DELLA TECNICA

METODOLOGIA DELL INSEGNAMENTO ALLENAMENTO DELLA TECNICA METODOLOGIA DELL INSEGNAMENTO ALLENAMENTO DELLA TECNICA Non possiamo parlare di un unica metodologia per allenare la pallavolo, in quanto essa cambia in rapporto al livello di gioco: non può essere la

Dettagli