TOO MUCH CIRO LA MAGNIFICA OSSESSIONE DAVIDE CALÌ SQUAZ VENT ANNI DI BRIT POP LOMAX A MONTEMARANO CONTINUA A PAGINA 2

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "TOO MUCH CIRO LA MAGNIFICA OSSESSIONE DAVIDE CALÌ SQUAZ VENT ANNI DI BRIT POP LOMAX A MONTEMARANO CONTINUA A PAGINA 2"

Transcript

1 TOO MUCH CIRO LA MAGNIFICA OSSESSIONE DAVIDE CALÌ SQUAZ VENT ANNI DI BRIT POP LOMAX A MONTEMARANO LA 56/MA MOSTRA DI VENEZIA SI APRE ALL INSEGNA DEL «CAPITALE» DI MARX, TRASFORMATO IN UNA PERFORMANCEVOCALE. CRISI, MIGRAZIONI E NUOVI MONDI POSSIBILI SONO I CARDINI DEL PENSIERO DEL CURATORE NIGERIANO OKWUI ENWEZOR di ARIANNA DI GENOVA Dimenticare le stelle, la via Lattea, la morbidezza giocosa delle nuvole e la luna. Lasciare le galassie al loro posto per tornare prepotentemente sulla terra. Se la scorsa Biennale si tuffava nella notte (anche della ragione) e nel sogno, la mostra di Okwui Enwezor che aprirà al pubblico il 9 maggio per proseguire fino al 22 novembre, volta pagina in maniera drastica, fustiga le aspettative mondane dello spettatore in Laguna e ha un solo elemento (invisibile) da sfoggiare: la coscienza critica, «filtro» con cui lanciare All the World s Futures. «È l abilità della forma nel costruire nuove visioni del mondo: definisce così il titolo della Mostra questo rigorosissimo studioso della contemporaneità. Anche se, al posto delle immagini intese in senso classico - pittura, scultura, fotografia, installazioni -, lungo il percorso dell esposizione che si snoda tra Corderie Arsenale Giardini, e soprattutto nel Padiglione centrale, inseguiremo qualcosa di impalpabile eppure di grande potenza evocativa: la voce. È una Biennale che ritrova l oralità questa di Okwui Enwezor (nato nel 1963 in Nigeria, dal 2011 dirige l Haus der Kunst di Monaco di Baviera) e trasforma la parola in un contrappunto visionario. Cornice quasi brutale di consapevolezza per ogni accadimento (una mostra scandita da interventi, un corpo vivente) sarà Il Capitale di Marx divenuto un oratorio, ripreso alla lettera come un testo drammaturgico declamato e declinato in performance, recital, reading, filmati, seminari, con la regia di Isaac Julien. L idea è suggestiva, perché in quell Arena che il curatore immagina come cuore della «passeggiata artistica» (una agorà profondamente politica, legata all idea di cittadinanza), si leveranno molte voci, alcune cantilenanti, altre più impostate, tutte impegnate a scandire il ritmo della Storia. CONTINUA A PAGINA 2

2 (2) ALIAS PASSEGGIATE SULL ACQUA SU SENTIERI ALTERNATIVI BIENNALE 56 Okwui Enwezor guida la visione di «All the World s Futures», tenendo la barra del timone dritta, senza cedere a tentazioni estetiche. E così, in Laguna, insieme agli artisti, si studiano le teorie marxiste «ANIMITAS» DI CHRISTIAN BOLTANSKI CONTINUA DALLA COPERTINA di ARIANNA DI GENOVA Non è una Esposizione «facile» l edizione 2015: al desiderio di fuga, alle tentazioni di tuffi esoterici oppone una progettualità di reazione che mira a coinvolgere tutti, braccando con perseveranza gli ignavi. «Le fratture che oggi abbondano in ogni angolo del mondo - spiega Enwezor - rievocano le macerie evanescenti di precedenti catastrofi accumulatesi ai piedi dell angelo della storia, nell Angelus Novus di Benjamin. Come fare per afferrare appieno l inquietudine del nostro tempo, renderla comprensibile, esaminarla e articolarla? I cambiamenti radicali verificatisi nel corso degli ultimi due secoli - dalla modernità industriale a quella post-industriale, dalla modernità tecnologica a quella digitale, dalla migrazione di massa alla mobilità di massa, i disastri ambientali e le guerre genocide, dalla modernità alla post-modernità, il caos e la promessa - hanno prodotto nuovi e affascinanti spunti per artisti, scrittori, cineasti, performer, compositori, musicisti...». Per il curatore, l intellettuale organico di gramsciana memoria ha subìto una necessaria evoluzione, spostandosi verso l attivismo. L ispirazione viene dal 1974, quando la Mostra internazionale di Venezia diede l avvio a un programma intenso di documentazione e informazione sul Cile, in segno di solidarietà. La Biennale diviene allora un meeting articolato che affronta diverse questioni lasciate aperte dalla Storia. Oggi si può dire che quel testimone è raccolto e simbolizzato da un film (sei ore su dieci per la Mostra) come Das Kapital di Alexander Kluge, realizzazione di un progetto concepito alla fine degli anni 20 da Eisenstein (che non riuscì ad avviarlo). Riprese originali, montaggio di materiali di archivio, interviste a intellettuali come Sloterdijk cercano di filmare Marx, riattualizzandolo. Il Capitale, qui in Laguna, è sfogliato a cipolla, mentre aleggia ancora il pericolo della riduzione a «corpi-merce», l alienazione da sé. La vera notte si sprigiona quando l anima è asservita. Per combattere i fantasmi, Enwezor ha scelto alcuni numi tutelari; soprattutto, ha dato un valore fondativo - inedito per una Biennale visiva - alla parola. Nel percorso, troviamo dunque la voce di Pasolini che declama la poesia Guinea dove ci si sincammina verso un altra bellezza, una via alternativa alla degradazione industriale del paesaggio naturale e intimo. L artista Olaf Nicolai, invece, sceglie In una Biennale così profondamente radicata dentro la Storia contemporanea, molti artisti hanno presentato proposte dove l urgenza della memoria diventa una metafora da interpretare ed elaborare. E siccome non sono sociologi né economisti, lo hanno fatto con istanze poetiche, anche di grande impatto. Tra i meriti di Enwezor c è sicuramente quello di aver portato a Venezia la bellissima installazione di Christian Boltanski. Il progetto «Animitas» si trova nella comunità di Talabre, a 60 chilometri da San Pedro de Atacama, ed è composto da 300 campane giapponesi, il cui suono è un omaggio ai «cari estinti». La posizione delle campane in ghisa, bronzo e rame, che appartengono alla tradizione scintoista della cultura nipponica, rimandano a una costellazione della notte in cui l artista nacque e riflettono il ciclo della vita e della morte. Simboleggiano in qualche modo la sua tomba, schematizzando la mappatura celeste delle stelle del 6 settembre Boltanski arrivò in Cile, nel deserto di Atacama, in cerca di uno spazio che potesse somigliare alla solitudine umana, «battuta» dal vento e percorsa da ritmi misteriosi. Una volta scelta la località di Talabre, la comunità ha sostenuto il suo progetto. Per Boltanski questo lavoro è particolarmente significativo perché oltre a essere il suo primo intervento in Cile, rappresenterà sarà il suo terzo Monumento all'umanità (il primo, «Gli archivi del cuore» si trova sull'isola Teshima del Giappone e il secondo in Tasmania). «Tutto il mio lavoro è legato al culto degli antenati, che praticano anche gli abitanti di questo luogo magico, nella città sulle cime di Atacama, dove oggi centinaia di campane ricreano la musica dei morti, il suono del cielo». (a. di ge.) di lavorare sul dittico Non consumiamo Marx di Luigi Nono: da una parte, omaggio per voci e nastro magnetico a Cesare Pavese (Un volto, del mare), dall altra, la registrazione della contestazione nelle strade del Maggio francese e durante la Biennale stessa, nel Il compositore e pianista americano Jason Moran farà ascoltare la sua raccolta di canti di detenuti, operai e contadini nei campi. C è pure una campionatura di «songs» dei condannati ai lavori forzati che arriva dal penitenziario di Louisiana, detto Angola (o Alcatraz del sud). Jeremy Deller (nel 2013 rappresentò la Gran Bretagna) non è da meno: porta a Venezia Factory Songs, canzoni folk che cercavano di ammansire la rudezza delle condizioni nelle fabbriche, fin dai tempi della Rivoluzione Industriale del XIX secolo. L indiano Madhusudhanan torna alla tradizione del disegno a carboncino, continuando il suo A Marx Archive - The logic of Disappearance con il capitolo nuovo della Penal Colony. È una serie - ispirata al racconto di Kafka - che prende spunto dalla tragedia Wagon del 1921, dove morirono di asfissia 67 prigionieri chiusi in un carro merci. Com è sua consuetudine, Enwezor prevede un itinerario con lunghe pause riflessive, ci vorrebbero mesi per elaborare e digerire questo mastodontico «piatto di offerte» (fu così anche per la sua Documenta 11). L esposizione veneziana è disseminata di piccole antologiche dedicate ad artisti come Fabio Mauri, il cineasta sperimentale Chris Marker, Harun Farocki (un atlante delle sue opere, 87 film distillati ogni giorno), ma anche all artista tedesco Hans Haacke (Anthology of Polls, ), alla pittrice Marlene Dumas e al fotografo Walker Evans: Enwezor accoglie l edizione originale di Let Us Now Praise Famous Men del 1941: una impressionante galleria di ritratti di famiglie che vivevano poveramente a mezzadria in Alabama, atroce reportage sulla caduta dell American Dream. La voce scandisce il ritmo della Storia ALLORA&CALZADILLA La «Creazione» di Haydn, opera sonora che esplora i riti collettivi di FABIO FRANCIONE Jennifer Allora e Guillermo Calzadilla, più noti come Allora&Calzadilla, coppia d artisti cubano-americana, di stanza a Portorico, sono conosciuti in Italia per le polemiche suscitate nel 2011 quando, ospitati nel Padiglione Usa della 54/ma Biennale, proposero Gloria, progetto in sei «pannelli» contenente anche l installazione Track and Field, il tank rovesciato e usato come tapis-roulant per il fitness. Nel bel mezzo delle prove della loro performance In the Midst of Things all Arsenale, riusciamo a raggiungerli per e a porre loro alcune domande. Nelle recenti mostre avete incluso film, suoni, performance, sculture: come sarà «In the Midst of Things»? È un opera corale realizzata con il compositore Gene Coleman e l ensemble vocale d avanguardia Voxnova. Dura circa minuti e comprende 8 voci, 4 uomini e 4 donne, che coprono lo spettro vocale maschile e femminile, dal basso al soprani. Per la performance alla Biennale, ci siamo intromessi nella struttura di The Creation, l oratorio di Haydn composto su testi della Genesi e del Paradiso Perduto di Milton, modificandone il libretto e cambiando l ordine e separando alcune linee, frasi e parole. La nuova partitura di Coleman riduce ulteriormente il linguaggio del libretto ai suoi elementi fondamentali di tono (vocali) e rumori (consonanti), ed è poi ricostruito usando tecniche come l overtone e il canto multi-fonico cari anche a Demetrio Stratos. Inoltre, questi strumenti compositivi e narrativi sono ulteriormente enfatizzati attraverso movimenti di palco paralleli. Abbiamo creato un legame essenziale tra il canto e il movimento che lo accompagna:

3 FOTOGRAFIA TOUR FRA CORDERIE, ARSENALE E CALLI ALIAS (3) Quell identità sul filo del rasoio In copertina di Alias, Argelia Bravo, con «La Virgen de la leche»; sotto, Wu Tien-Chang, «Our Hearts Beat as One»; al centro, Madhusudhanan, «Penal Colony», 2015 di MANUELA DE LEONARDIS cantando parole al rovescio, gli interpreti si muovono fisicamente all indietro. Come avete lavorato intorno alla Creazione di Haydn? Abbiamo iniziato a pensarci durante la lavorazione d Apotome, un video realizzato nel 2013 per Festival d Automne di Parigi. Apotome si contestualizza nella Rivoluzione Francese; lì un uomo cerca di comunicare e creare nuove relazioni con animali in cattività: i due elefanti portati al Museo di storia naturale di Parigi nel marzo del 1798 come trofei di guerra. Al Jardin de Plantes ebbe luogo il concerto per gli elefanti. Questo esperimento fu organizzato da musicisti per vedere se la musica umana potesse sollecitare una reazione in una forma non-umana di vita. Durante la ricerca dei materiali abbiamo trovato un documento di quell epoca che ci ha fornito ulteriori dettagli su quel concerto. Vi erano elencate musiche come Iphigenie en Tauride (1779) di C.W. Gluck; O ma tendre musette di P. A. Monsigny; e l inno rivoluzionario Ça ira, suonato però in diverse chiavi. Haydn era presente con una partitura anonima. Così abbiamo iniziato a documentarci sulle opere di Haydn composte in quegli anni e una di loro era The Creation. Abbiamo deciso di realizzare una nuova opera collegata al celebre oratorio di Haydn, conservando però inalterata l impostazione di opera vocale. Ci sembrava che l oratorio fosse il soggetto perfetto per il nostro esperimento ed eravamo coscienti che avremmo dovuto lavorare con persone che condividevano il nostro desiderio di creare nuove forme di musica e testare i limiti della voce umana. Il nostro lavoro interloquisce con l Angelo della Storia di Benjamin, che Okwui richiama nel suo progetto, i cui angeli raffigurano perfettamente in The L immagine come ultimo baluardo della coscienza. Dalla scoperta della bellezza invisibile alla lotta tenace contro la censura Da sinistra, Fatou Kande Senghor, «Giving Birth», 2014; il curatore Okwui Enwezor; particolare dell installazione «Animitas» di Christian Boltanski. Creation Raffaele, Gabriele e Uriel e, ovviamente, anche Satana. Qual è il vostro rapporto con Marx e «Il capitale»? L avete letto? L abbiamo letto in alcune sue parti. È un testo essenziale. Non è escluso che torneremo a lavorarci sopra ancora. Il capitolo Tomorrow del progetto di Enwezor, di cui fate parte, è spostato alle Corderie, quasi luogo a sé della Biennale, metafisico, originale, misterioso, piazza di progetto e d arme... Troviamo interessante presentare In the midst of things nelle Corderie: la forma rettangolare della sua architettura è il risultato della sua funzione originaria, ovvero la creazione di nodi per le corde delle barche. Il tema cosmologico della Creazione e l ordine dell Universo nell oratorio di Haydn è raccontato in modo lineare, e richiama le linee dritte che una volta si allungavano attraverso gli ampi spazi della Corderie. Potremmo affermare che il nostro lavoro raccoglie questi nodi e li lega l uno all altro. (si ringrazia Laura Facco) Okwui Enwezor, direttore della 56/ma Biennale di Venezia, parla di filtri, costellazioni, apparenza delle cose, durata epica, disordine e inquietudine, nell innescare con All the World s Futures una serie di riflessioni sulla crisi del nostro tempo. In uno scenario del genere, ci stimola a ragionare anche sul ruolo della fotografia, non solo strumento di conoscenza ma di assunzione di responsabilità. Il primo esempio è Walker Evans, insuperabile interprete della fotografia documentaria, a cui il direttore rende omaggio con l esposizione delle foto dell edizione originale di Let Us Now Praise Famous Men (1941), scritto da James Agee e illustrato da Evans. In queste immagini scattate nel 36 in Alabama, dove si raccontano le condizioni di vita di alcune famiglie di mezzadri, il rigore compositivo corrisponde alla loro determinazione nel rendere visibile sofferenza e disagio, tanto che il governo statunitense non poté chiudere gli occhi di fronte alla loro forza che lo costrinsero ad adottare specifici provvedimenti sociali ed economici. Sul filone di una fotografia distante dalla mera ricerca estetica, ma che coniuga il suo ruolo di testimone del presente con il dialogo con le altre arti visive, si delineano alcune tappe significative all interno di questa Biennale, partendo da Arena - spazio nel Padiglione Centrale dei Giardini - dedicato a una programmazione interdisciplinare incentrata sulla lettura de Il Capitale di Karl Marx. Tra i numerosi appuntamenti, affidata a Joana Hadjithomas e Khalil Joreige (Beirut 1969), la performance quotidiana del loro libro d artista Latent Images: Diary of a Photographer (2009), terza parte del progetto Wonder Beirut, che contiene una parte testuale e 38 stampe a contatto selezionate tra le centinaia di foto scattate, e mai sviluppate, dal libanese Abdallah Farah tra il 1997 e il Detenuti e rifugiati È significativo che Enwezor nel costruire la sua visione di un futuro che non può prescindere dal passato citi anche la presa di posizione della Biennale di Venezia contro il sanguinoso colpo di stato di Pinochet dell 11 settembre 1973: pur posticipando l apertura di due anni, la kermesse veneziana realizzò e promosse numerose manifestazioni artistiche sotto il titolo «Libertà per il Cile», per denunciare il fascismo e manifestare solidarietà con il popolo cileno. Ricordare questo momento storico rimanda all esperienza di Paz Errázuriz (Santiago del Cile 1944), importante fotografa cilena che, con Lotty Rosenfeld, rappresenta il paese sudamericano con il progetto Poetics of dissent, curato da Nelly Richard. I suoi ritratti in bianco e nero analizzano situazioni e personaggi ai margini della società cilena, spesso definiti surreali. Di Errázuriz viene esposta per la prima volta nella sua totalità la serie El Infarto del Alma, un lavoro graffiante sui detenuti psichiatrici. Attento fin dagli anni 80 alle evoluzioni del linguaggio fotografico il padiglione tedesco, curato da Florian Ebner, affronta ora i temi di migrazione, identità, lavoro e rivolta attraverso l interpretazione di un gruppo di artisti che include il fotografo e filmmaker Zielony (Wüppertal 1973), conosciuto per il suo approccio critico verso la documentazione sociale: in questa occasione, affronta - su un doppio binario- il racconto del presente dei rifugiati africani a Berlino e Amburgo in relazione a quanto avviene nei loro rispettivi paesi d origine. Tematiche che appartengono anche alla ricerca di molti fotografi africani, tra cui Mikhael Subotzky (Cape Town 1981), presente nella collettiva All the World s Futures e George Osodi (Lagos 1974), tra gli artisti del padiglione della Nigeria, curato da Chika Okeke-Agulu. Nel grande calderone di The Great Game, padiglione dell Iran curato da Mazdak Faiznia e Marco Meneguzzo, ci sono anche artisti provenienti da altri paesi asiatici nonché parecchi fotografi. Tra loro, si distingue Newsha Tavakolian (Teheran 1981), che usa la fotografia come strumento critico di appartenenza sociale e anche conoscenza personale e, analogamente Shadi Ghadirian (Teheran 1974), che mette in scena i paradossi di una quotidianità in cui essere donna richiede grandi strategie di sopravvivenza. Invisible Beauty, curato da Philippe Van Cauteren, è il titolo del padiglione con cui l Iraq torna in Laguna (commissioner, Ruya Foundation): tracce di bellezza celata sono concentrate nell impegno di un gruppo di artisti iracheni che combattono per la libertà d espressione in un paese messo a dura prova dalla guerra con l Iran, dalla dittatura di Saddam e dalla difficile fase di democratizzazione destabilizzata dall interferenza dell Isis. In questo panorama, si colloca il lavoro di Latif Al Ani (Karbala 1932), che ha documentato il paese tra la fine degli anni 50 e i 70, accanto alle immagini di Akam Shex Hadi (1985) che procede con una chiave di lettura più simbolica. La perdita risarcita Sempre modulato dall uso di un bianco e nero fortemente contrastato, Antonio Biasiucci (Dragoni, Caserta 1961) esplora gli estremi vita/morte e origine/catastrofe, dando vita al grande polittico Corpo unico nel Padiglione Italia, curato da Vincenzo Trione. «Sono immagini che si relazionano tra loro per vicinanze e dissonanze - spiega il fotografo - creando una sorta di atlante delle vicende umane con l intento di sottolineare l impossibilità di chiudere in una forma definitiva la storia dell uomo». Memoria e identità sono anche il tema del padiglione della Repubblica di Armenia, curato da Adelina Cüberyan von Fürstenberg: Armenity. Nel centenario del genocidio, questa mostra mira a sottolineare la tenacia del popolo armeno nel mantenere viva la propria cultura, superando il dramma di massacri e deportazioni. Tra i 18 artisti della diaspora ci sono anche lo statunitense Aram Jibilian che, nel racconto che costruisce intorno alla figura del pittore Arshile Gorky ( ) e della sua identità reinventata, associa fotografia e azione performativa per ridefinire psicologicamente il concetto di perdita. Il tema della maschera, in particolare, segna un ulteriore collegamento con l interprete dell Espressionismo Astratto: lo stesso Jibilian (memore forse della fotografia visionaria di Ralph Eugene Meatyard), i suoi familiari e gli amici indossano, infatti, maschere con i volti tratti dalla serie di Gorky The Artist and His Mother. Celata anche l «armenità» ritrovata in Unexposed (2012), il lavoro in cui Hrair Sarkissian (Damasco 1973) punta l attenzione sui discendenti degli armeni che si convertirono all Islam per scampare al genocidio del 1915 e che oggi, avendo riscoperto le loro radici si sono riconvertiti al Cristianesimo, ma risultano invisibili sia per la società turca che per quella armena. Cambiare identità è un tema che appartiene anche al taiwanese Wu Tien-Chang (Changhua 1956) che, in occasione di Never say Goodbye - evento collaterale della Biennale - svela le contraddizioni del mezzo fotografico. La fotografia digitale, in particolare, è lo strumento più adatto per manipolare le immagini e descrivere una realtà che, al di là dell apparenza, è quasi sempre falsa. Questa certezza, per l artista, nasce da considerazioni di natura politica legate al suo paese, dove fino al 1987 vigevano censura e legge marziale. Ma dietro quei suoi personaggi dal sorriso stampato ci sono anche le suggestioni della sua infanzia: i genitori di Tien-Chang lavoravano in un cinema, dove il padre dipingeva manifesti e la madre vendeva biglietti. GERENZA Il manifesto direttore responsabile: Norma Rangeri a cura di Silvana Silvestri (ultravista) Francesco Adinolfi (ultrasuoni) in redazione Roberto Peciola redazione: via A. Bargoni, Roma Info: ULTRAVISTA e ULTRASUONI fax tel e impaginazione: il manifesto ricerca iconografica: il manifesto concessionaria di pubblicitá: Poster Pubblicità s.r.l. sede legale: via A. Bargoni, 8 tel fax sede Milano viale Gran Sasso Milano tel fax tariffe in euro delle inserzioni pubblicitarie: Pagina ,00 (320 x 455) Mezza pagina ,00 (319 x 198) Colonna ,00 (104 x 452) Piede di pagina 7.058,00 (320 x 85) Quadrotto 2.578,00 (104 x 85) posizioni speciali: Finestra prima pagina 4.100,00 (65 x 88) IV copertina ,00 (320 x 455) stampa: LITOSUD Srl via Carlo Pesenti 130, Roma LITOSUD Srl via Aldo Moro Pessano con Bornago (Mi) diffusione e contabilità, rivendite e abbonamenti: REDS Rete Europea distribuzione e servizi: viale Bastioni Michelangelo 5/a Roma tel Fax

4 (4) ALIAS POSTCOLONIALISMO E MEMORABILIA In occasione della 56. Esposizione Internazionale d Arte della Biennale di Venezia, il Teatro La Fenice ha affidato all artista african-americana Kara Walker la regia, i costumi e le scene della «Norma» di Vincenzo Bellini (prima, il 20 maggio). L opera che ha come protagonista una donna, sarà rielaborata secondo l artista che, nella sua ricerca, ha sempre contrapposto la forza psicologica femminile con la fragilità e le prove cui le donne sono state sottoposte dalla Storia. Nella sua produzione rappresenta donne con un carattere volitivo e una forte sessualità come Norma, la sacerdotessa gallica protagonista di una drammatica storia d amore che culmina con la scelta coraggiosa di sacrificare la sua vita per l amore di un uomo e della patria. Tre le repliche in maggio (domenica 24 alle 15.30, mercoledì 27 alle e sabato 30 alle 15.30, e due repliche in giugno, mercoledì 3 e sabato 6 alle 19). «Norma» è la terzultima opera di Vincenzo Bellini, una tragedia lirica in due atti su libretto di Felice Romani. Un intervista con Vincent Meessen, artista che cura la collettiva belga «Personnes et les autres». Un indagine sull eredità dell Internazionale Situazionista in Congo di GIOVANNA ZAPPERI L artista Vincent Meessen presenta il suo nuovo lavoro nell ambito di una mostra collettiva curata insieme a Katerina Gregos per il Padiglione del Belgio. Vincent Meessen è uno degli artisti che più si sono interessati al rimosso della modernità coloniale, attraverso una serie di lavori spesso basati sulla ricerca documentaria e sull attualizzazione critica del passato. Il suo nuovo progetto mette al centro la stagione delle lotte anticoloniali e dell internazionalismo attraverso la vicenda dell Internazionale Situazionista in Congo. Per Personne et les autres - questo il titolo della mostra veneziana - Meessen ha invitato otto artisti che riflettono sull eredità coloniale focalizzandosi sulla ricerca delle connessioni tra passato e presente. I lavori di Mathieu K. Abonnenc, Sammy Baloji, James Beckett, Elisabetta Benassi, Patrick Bernier e Olive Martin, Tamar Guimaraes e Kasper Akhøj, Myriam Jafri, Adam Pendelton compongono una mostra che indaga alcuni dei temi cari a Vicent Meessen attraverso l idea della «possessione reciproca», che rimanda al modo in cui le relazioni prodotte dal colonialismo continuano ad abitare il nostro presente. La mostra che stai preparando per il padiglione del Belgio insieme alla curatrice Katerina Gregos si intitola «Personne et les autres» (nessuno e gli altri)... Il titolo proviene da un testo di André Frankin, una figura totalmente dimenticata in Belgio, che ha partecipato all Internazionale Situazionista scrivendo soprattutto di teatro. Frankin mi interessa anche perché nella sua corrispondenza con Debord si trovano molti riferimenti al Congo. Il titolo ha una sua forza poetica, un po alla Beckett, ma si presta anche ad una lettura politica, così ho pensato che fosse adatto sia al progetto a cui stavo lavorando sull eredità situazionista in Congo, che all idea di invitare altri artisti che si interessano alla modernità coloniale. I lavori riuniti nel padiglione tentano infatti di fare vivere aspetti diversi di quella storia e di rimettere in circolazione una serie di idee legate alla stagione delle lotte per l indipendenza. L intervento di Patrick Bernier e Olive Martin riassume il senso dell operazione: un gioco di scacchi in cui ogni pedina catturata cambia colore e può essere giocata di nuovo. Questo dispositivo si riallaccia alla mia idea della «possessione reciproca», secondo cui la modernità coloniale ha prodotto degli incontri, delle relazioni e delle forme che sono ancora in divenire. Mi sembra che questo riferimento a «gli altri» descriva anche la tua posizione nei confronti della struttura della Biennale, con i suoi padiglioni nazionali. La polisemia del titolo riflette la decisione di atomizzare la logica della rappresentanza nazionale mutualizzando il padiglione con artisti che provengono da paesi e continenti diversi. Questo mi permette di mettere in questione il contesto della mostra connettendolo con le mie ricerche sulla modernità coloniale. Quello del Belgio è stato il primo padiglione straniero ad essere La rumba ribelle risuona a Kinshasa costruito nei Giardini e va collocato nel quadro della «sequenza imperialista» legata a Leopoldo II, che tra il 1894 e il 1930 ha promosso una serie di esposizioni universali e coloniali. La Biennale è imparentata con quel tipo di eventi, è una sorta di figlia illegittima delle esposizioni coloniali. Il titolo è diventato un invito a pensare che, poiché mi stavo interessando all Internazionale situazionista in Congo, stavo anche riaprendo la questione della fine dell internazionalismo in senso lato, dei suoi discorsi, retorica, semantica: a un certo punto, è tutto sparito dal vocabolario della sinistra radicale. Realizzare questo progetto a Venezia, dove si è svolto l ultimo convegno situazionista nel 1969, significa riaprire quel discorso a partire da una triangolazione inedita tra tre città: Bruxelles, Venezia stessa e Kinshasa. Nel padiglione ci sarà il tuo ultimo lavoro, «One.Two.Three», filmato a Kinshasa... Il lavoro prende spunto dall internazionalismo di quegli anni, in particolare da un canzone insurrezionale scritta nel 1968 da M Belolo Ya M Piku nella sua lingua madre, il kikongo. M Belolo Ya M Piku è stato un situazionista congolese ed è la figura principale del mio film, incentrato sulla ricomposizione tra il presente e la canzone, che viene rielaborata da una band di rumba. Il film si svolge a Kinshasa, all interno di un edificio incredibile che è un po il tempio della rumba. Nel film ci sono due momenti: il primo riguarda la memoria di un opera che non era mai stata registrata e che il suo stesso autore aveva dimenticato. Il secondo riguarda la possibilità di rimettere in circolo la componente africana dell Internazionale Situazionista e di farlo oggi, a Kinshasa. Il mio lavoro si pone controcorrente rispetto alla mitologia situazionista, così eurocentrica e focalizzata sulla figura di Guy Debord, perché si interessa ad una pagina rimossa di quella storia cercando di problematizzarla nell ambito di un lavoro artistico. Tutto questo poi si è intrecciato in modi anche drammatici con l attualità degli ultimi mesi, visto che mentre giravano il film c è stata un insurrezione popolare proprio a Kinshasa e che quell esperienza per così dire «in diretta» ha orientato alcune delle mie scelte. Molte tue opere sono incentrate sulla ricerca dei nessi che connettono la produzione intellettuale e artistica europea con il colonialismo, o meglio con gli anni dei movimenti di liberazione anti-coloniale. Il punto di partenza di One.Two.Three può ricordare quello di Vita Nova (2009) in cui la fotografia del bambino soldato descritta da Barthes era l indizio da cui partiva la mia ricerca. La differenza però è che qui c è un testimone che racconta la sua storia, un intellettuale che è il personaggio principale del film. La sua testimonianza è intrecciata sia con il lavoro delle musiciste della band di rumba, che con gli spazi dell edificio in cui ho realizzato il film: le musiciste sono collegate tra di loro da una serie di cavi e tentano di accordarsi musicalmente in una sorta di deriva situazionista negli ambienti del palazzo. Il film produce così la collisione di due storie: quella PADIGLIONE KOSOVO Se la frontiera è smaterializzata. La «generazione parallela» di un intero paese nell autobiografia di Flaka Haliti della rumba e quella dell internazionalismo. La rumba è la forma artistica più diffusa in Congo, è una musica ibrida arrivata da Cuba negli anni 40, ma è legata alla tradizione locale perché contiene elementi riconducibili alla tradizione bantu. Soltanto due generazioni separano gli ultimi schiavi mandati a Cuba dal momento in cui la musica è tornata sul continente, e alcuni elementi sono tornati in Africa con poche differenze. Il mio lavoro consiste nel fare incontrare una canzone di tipo tradizionale, scritta da un musicista congolese, con una rumba degli anni 60. Questo lavoro musicale e cinematografico riflette un piano epistemologico che riguarda gli incontri e le collisioni che si producono quando degli aspetti della modernità occidentale vengono messi alla prova di uno spaesamento o di una traduzione in contesto coloniale. Come definiresti il tuo interesse per la storia? Il Kosovo è un paese giovane, uscito solo nel 2008 con la dichiarazione d'indipendenza dagli strascichi della peggior guerra etnica degli anni novanta che polverizzò la Jugoslavia e quella parte dei Balcani. Per comprendere gli artisti cresciuti in quel periodo si prendono a prestito le parole del drammaturgo di Pristina, Jeton Neziraj: «Io appartengo alla generazione che si è formata negli anni Novanta. Ci chiamano la generazione parallela, perché abbiamo vissuto all'interno di una società parallela a quella «ufficiale» e ci siamo formati all interno di un sistema educativo parallelo a quello ufficiale». Flaka Haliti, anche lei nata a Pristina, è del 1982, ha vissuto le medesime sensazioni di Neziraj. Tutti e due vivono e lavorano fuori del Kosovo; Neziraj perlopiù a Parigi, Haliti a Monaco. Da qui è stata chiamata, dal direttore della Kunsthalle Wien Nicolaus Schafhausen e curatore del Padiglione del Kosovo, committente il Ministero della Gioventù, a rappresentare il suo paese nella Biennale di Enwezor. L'artista, dunque, ha scelto di trasformare il padiglione in un site-specific dal titolo Speculating on the Blue. Il progetto nella sua complessità propone argomenti a lei cari, trasferendovi, in una riflessione a più ampio raggio e in prospettiva quotidiana globale, la propria autobiografia di donna e di artista. Sfilano temi filosofici, politici, sociali che coprono significati alti, oggi anche in Europa messi sotto pressione dalla crisi, come libertà, democrazia, movimento, più naturalmente - e non ultimo - il concetto di frontiera. Il «confine» mai come ora messo in discussione, nell immagine di Haliti sembra smaterializzarsi per ricomporsi metaforicamente in un'ottica «ottimistica» e «alternativa». fabio francione

nel nel giardino del gigante...

nel nel giardino del gigante... nel nel giardino del del gigante... Scuola dell infanzia Scuola dell infanzia - Scuola primaria classi 1^ 2^ 3^ Scuola primaria classi 4^ 5^ - Scuola secondaria di I grado Visita autogestita al Giardino

Dettagli

IL GRILLO PARLANTE. www.inmigrazione.it. Laboratorio sul Consiglio: dalle vicende del burattino di legno ai grandi temi personali.

IL GRILLO PARLANTE. www.inmigrazione.it. Laboratorio sul Consiglio: dalle vicende del burattino di legno ai grandi temi personali. IL GRILLO PARLANTE Laboratorio sul Consiglio: dalle vicende del burattino di legno ai grandi temi personali. www.inmigrazione.it collana lingua italiana l2 Pinocchio e il grillo parlante Pinocchio è una

Dettagli

PIANO PROGETTUALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

PIANO PROGETTUALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA PIANO PROGETTUALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA PREMESSA La Scuola dell Infanzia offre a ciascun bambino un ambiente di vita e di cultura, un luogo di apprendimento e di crescita dalle forti connotazioni

Dettagli

LABORATORIO TEATRALE PER LA SCUOLA ELEMENTARE E SCUOLA DELL INFANZIA PROGETTO: LA FIABA

LABORATORIO TEATRALE PER LA SCUOLA ELEMENTARE E SCUOLA DELL INFANZIA PROGETTO: LA FIABA LABORATORIO TEATRALE PER LA SCUOLA ELEMENTARE E SCUOLA DELL INFANZIA PROGETTO: LA FIABA L obbiettivo di questo laboratorio è quello di rielaborare ed interpretare un antica fiaba usando i significati profondi

Dettagli

I BAMBINI DISEGNANO PER RACCONTARSI E RACCONTARE

I BAMBINI DISEGNANO PER RACCONTARSI E RACCONTARE Scuola materna comunale G.CARDUCCI - Alessandria Ermanno Morello I BAMBINI DISEGNANO PER RACCONTARSI E RACCONTARE PER COMPRENDERLI OCCORRE SAPER ASCOLTARE E DIALOGARE CON LORO E CON I LORO DISEGNI Alessandria

Dettagli

Abitare. le metropoli ", le foto e il libro di Basilico. AlMaxxi " ritratto da Toni Thorimbert. Basilico MAXXI. L ' anticipazione a pag.

Abitare. le metropoli , le foto e il libro di Basilico. AlMaxxi  ritratto da Toni Thorimbert. Basilico MAXXI. L ' anticipazione a pag. Diffusione : 189861 Pagina 1: AlMaxxi " Abitare le metropoli " le foto e il libro di Basilico L anticipazione a pag. 21 LUIGI MORETTI Due scatti della mostra che ha inaugurato il museo nel maggio 2010

Dettagli

MALEVIČ PER LA SCUOLA

MALEVIČ PER LA SCUOLA MALEVIČ PER LA SCUOLA KazimirMalevič nasce a Kiev nel 1878, e nel 1915 il suo Quadrato nero su fondo bianco che vede quest anno il centenario - è stato identificato come l icona del nostro tempo dal suo

Dettagli

MALEVIČ PER LA SCUOLA

MALEVIČ PER LA SCUOLA MALEVIČ PER LA SCUOLA Kazimir Malevič nasce a Kiev nel 1878, e nel 1915 il suo Quadrato nero su fondo bianco che vede quest anno il centenario - è stato identificato come l icona del nostro tempo dal suo

Dettagli

"Mostra" Memorandum, le foto fatte (e che fanno) storia Clemente Marsicola parla della mostra dell ICCD" Maria Chiara Strappaveccia

Mostra Memorandum, le foto fatte (e che fanno) storia Clemente Marsicola parla della mostra dell ICCD Maria Chiara Strappaveccia "Mostra" Memorandum, le foto fatte (e che fanno) storia Clemente Marsicola parla della mostra dell ICCD" Maria Chiara Strappaveccia Il Memorandum. Festival di fotografia storica, arrivato ormai alla IV

Dettagli

CONTEMPORARY PHOTOGRAPHERS (AND STILL NO MEN) AT WORK. slideshow a cura di ARTNOISE Senza Titolo foto libreria galleria domenica 21 ottobre ore 19:00

CONTEMPORARY PHOTOGRAPHERS (AND STILL NO MEN) AT WORK. slideshow a cura di ARTNOISE Senza Titolo foto libreria galleria domenica 21 ottobre ore 19:00 CONTEMPORARY PHOTOGRAPHERS (AND STILL NO MEN) AT WORK slideshow a cura di ARTNOISE Senza Titolo foto libreria galleria domenica 21 ottobre ore 19:00 In occasione della mostra NO MEN AT WORK. Scene inanimate

Dettagli

PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI

PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI FESTE E RICORRENZE Le feste rappresentano esperienze belle e suggestive da vivere e ricordare per

Dettagli

Le scuole dell infanzia del 1 Circolo di ABBIATEGRASSO

Le scuole dell infanzia del 1 Circolo di ABBIATEGRASSO Le scuole dell infanzia del 1 Circolo di ABBIATEGRASSO Scuola dell infanzia di v.le Papa Giovanni XXIII Scuola dell infanzia di Ozzero Scuola dell infanzia di Morimondo propongono ampliamento del progetto

Dettagli

Intervista ad Anke Merzbach

Intervista ad Anke Merzbach Intervista ad Anke Merzbach a cura di Giorgio Tani Seravezza Fotografia, iniziata da alcuni anni, si è affermata, per le proposte che vengono fatte, come una delle più interessanti manifestazioni nazionali.

Dettagli

Biennale Educational 2015 In fila per l arte

Biennale Educational 2015 In fila per l arte La Biennale di Venezia 56. Esposizione Internazionale d Arte All the World s Futures curata da Okwui Enwezor Biennale Educational 2015 In fila per l arte LABORATORI PRATICO-CREATIVI Percorso e laboratorio

Dettagli

!"#$%&'()*+&%,"(-,$$,.&( (!"#$!#%&%'()*+),!-.%#)"/%)(/!0(-12( (!-"()-#"!+-#$%+'(-%1#$$%&%13!#,#"#%'455$!1#%!-"()-#6!+-#$(%

!#$%&'()*+&%,(-,$$,.&( (!#$!#%&%'()*+),!-.%#)/%)(/!0(-12( (!-()-#!+-#$%+'(-%1#$$%&%13!#,##%'455$!1#%!-()-#6!+-#$(% !"#$&')*+&,"-,$$,.&!"#$!#&')*+),!-.#)"/)/!0-12!-")-#"!+-#$+'-1#$$&13!#,#"#'455$!1#!-")-#6!+-#$ 789:;?8;@A8FG98EHIE /01/23+),$4,567*8*+-,+9*+&AJ8AK;?:AK;K:;G>D89>A89AA

Dettagli

Possa tu costruire la scala che conduce alle stelle e percorrerne ogni gradino (Bob Dylan)

Possa tu costruire la scala che conduce alle stelle e percorrerne ogni gradino (Bob Dylan) PROGETTO: Una vita, tante storie Possa tu costruire la scala che conduce alle stelle e percorrerne ogni gradino (Bob Dylan) Introduzione: Il racconto della propria vita è il racconto di ciò che si pensa

Dettagli

TITOLO. memoria collettiva, tramite la stampa del volume Ulisse es toccheddande. intensi e caratterizzanti dell intera terra di Sardegna.

TITOLO. memoria collettiva, tramite la stampa del volume Ulisse es toccheddande. intensi e caratterizzanti dell intera terra di Sardegna. Roma, 13 dicembre 2011 TITOLO Ulisse es toccheddande Le porte del vento Pietro Sotgia poeta dorgalese ESIGENZE CHE SI INTENDE AFFRONTARE: Rendere omaggio e consegnare alla memoria collettiva, tramite la

Dettagli

01. Una domanda d'obbligo: quando hai cominciato ad avvertire sollecitazioni artistiche?

01. Una domanda d'obbligo: quando hai cominciato ad avvertire sollecitazioni artistiche? {oziogallery 463} 01. Una domanda d'obbligo: quando hai cominciato ad avvertire sollecitazioni artistiche? Da sempre! Fin da piccola ho avuto una grande passione per l arte, mi soffermavo spesso a contemplare

Dettagli

(Proposta didattica per scuole dell obbligo)

(Proposta didattica per scuole dell obbligo) Percorsi e giochi intor no a Venezia (Proposta didattica per scuole dell obbligo) Sei un insegnante e hai in programma una visita a Venezia con i tuoi alunni? Affidati a macacotour! Il primo servizio pensato

Dettagli

LE STORIE DELLA CAMERA BLU

LE STORIE DELLA CAMERA BLU LE STORIE DELLA CAMERA BLU Il nome del progetto nasce dalla modalità video utilizzata per le riprese, svolte a conclusione del laboratorio. La Camera Blu è infatti una struttura smontabile, costituita

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA:

SCUOLA DELL INFANZIA: CURRICOLO VERTICALE DI ARTE SCUOLA DELL INFANZIA: CAMPO DI ESPERIENZA: LINGUAGGI, CREATIVITÀ, ESPRESSIONE (gestualità, arte, musica, multimedialità) È il campo delle attività inerenti alla comunicazione

Dettagli

PROGRAMMAZIONE SCUOLA PRIMARIA CLASSE QUARTA

PROGRAMMAZIONE SCUOLA PRIMARIA CLASSE QUARTA CURRICOLO D ISTITUTO COMPRENDERE COMUNICARE RIFLETTERE RIELABORARE PROGRAMMAZIONE SCUOLA PRIMARIA CLASSE QUARTA AREA DEI LINGUAGGI (italiano, lingua inglese, musica, arte e immagine) TRAGUARDI PER LO SVILUPPO

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI ARTE E IMMAGINE SCUOLA DELL INFANZIA

CURRICOLO VERTICALE DI ARTE E IMMAGINE SCUOLA DELL INFANZIA CURRICOLO VERTICALE DI ARTE E IMMAGINE SCUOLA DELL INFANZIA OBIETTIVI FORMATIVI TRAGUARDI Educare al piacere del bello e del sentire estetico Stimolare la creatività attraverso lì esplorazione di materiali

Dettagli

INTERVISTA ALLA SCRITTRICE

INTERVISTA ALLA SCRITTRICE Tratto da: M. Cecconi, La morte raccontata ai bambini: il ciclo della vita. Intervista ad Angela Nanetti, Il Pepeverde n. 10, 2001, pp. 10 11. Copyright INTERVISTA ALLA SCRITTRICE ANGELA NANETTI LA MORTE

Dettagli

Venezia: dal presente al passato. Da Giorgione e Cima da Conegliano alle novità dell arte contemporanea. Dal 19 al 21 marzo 2010

Venezia: dal presente al passato. Da Giorgione e Cima da Conegliano alle novità dell arte contemporanea. Dal 19 al 21 marzo 2010 Venezia: dal presente al passato. Da Giorgione e Cima da Conegliano alle novità dell arte contemporanea. PROGRAMMA (soggetto a modifiche per gli orari di apertura dei siti da visitare) Direzione culturale:

Dettagli

LA RAGAZZA DELLA FOTO

LA RAGAZZA DELLA FOTO dai 9 anni LA RAGAZZA DELLA FOTO LIA LEVI Illustrazioni di Desideria Guicciardini Serie Arancio n 78 Pagine: 240 Codice: 978-88-566-3995-7 Anno di pubblicazione: 2014 L AUTRICE Lia Levi, di famiglia ebrea,

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI GUGLIELMO MARCONI FACOLTA DI LETTERE CORSO DI LAUREA IN LINGUA E CULTURA ITALIANA

UNIVERSITA DEGLI STUDI GUGLIELMO MARCONI FACOLTA DI LETTERE CORSO DI LAUREA IN LINGUA E CULTURA ITALIANA UNIVERSITA DEGLI STUDI GUGLIELMO MARCONI FACOLTA DI LETTERE CORSO DI LAUREA IN LINGUA E CULTURA ITALIANA L ARTE CONTEMPORANEA E LA DISINTEGRAZIONE DEL RAPPORTO TRA LINGUAGGIO E REALTA Relatore Prof.ssa

Dettagli

ARTE IMMAGINE (E MUSICA): LINGUAGGI, CREATIVITA, ESPRESSIONE

ARTE IMMAGINE (E MUSICA): LINGUAGGI, CREATIVITA, ESPRESSIONE ARTE IMMAGINE (E MUSICA): LINGUAGGI, CREATIVITA, ESPRESSIONE COMPETENZE SPECIFICHE Padroneggiare gli strumenti necessari ad un utilizzo dei linguaggi espressivi, artistici e visivi SCUOLA INFANZIA TRAGUARDI

Dettagli

Presentazione attività

Presentazione attività Il re dei Confini - a cura di Alessandro Carboni L'arte, il paesaggio e l'architettura per bambini Presentazione attività Il Re dei confini è un progetto che promuove attività per bambini sull arte, l

Dettagli

ANICA, TRA PASSATO E FUTURO

ANICA, TRA PASSATO E FUTURO ANICA, TRA PASSATO E FUTURO Documentario di Massimo De Pascale e Saverio di Biagio Regia di Saverio Di Biagio PREMESSA Il rischio di ogni anniversario è quello di risolversi in una celebrazione, magari

Dettagli

BOX. glam. viaggi. friend. benefits? OUT OF THE. tendenze. rip it, grind it and lick it. with. Young Talents. ce lêhai un. the beauty of south africa

BOX. glam. viaggi. friend. benefits? OUT OF THE. tendenze. rip it, grind it and lick it. with. Young Talents. ce lêhai un. the beauty of south africa Sped. in A.P. - 70% - LO/MI - BIMESTRALE - ANNO 3 - NUMERO 4 - AGO/SETT 2011 - EURO 4 OUT OF THE BOX ce lêhai un friend with benefits? tendenze Young Talents moda estate the beauty of south africa vacanze

Dettagli

L UMANITA E I SUOI ARCHETIPI

L UMANITA E I SUOI ARCHETIPI IL LINGUAGGIO URBANO Il concetto di arte scivola un pò sempre a secondo dei tempi e delle mode culturali. Oggi scivola malamente anche in nome di uno scaltro mercato creando confusione e spaesamento. Come

Dettagli

Racconti di me. Un regalo

Racconti di me. Un regalo 1 Racconti di me di Cetta De Luca Un regalo Io non regalo oggetti. Magari un sogno, un emozione qualcosa che rimanga nella vita di valore. A volte solo un ricordo, a volte me stessa. 2 Apparenza Tu che

Dettagli

PROPOSTA SCUOLE PRIMARIE

PROPOSTA SCUOLE PRIMARIE PROPOSTA SCUOLE PRIMARIE La Macchina del Tempo Il progetto ideato e realizzato da L Asino d Oro Associazione Culturale per le scuole primarie, dal titolo La Macchina del Tempo, si propone come uno strumento

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA di CORCIANO

DIREZIONE DIDATTICA di CORCIANO DIREZIONE DIDATTICA di CORCIANO dalla prima alla quinta classe Scuole Primarie del Circolo Didattico di Corciano Anno scolastico 2010-2011 ARTE E IMMAGINE: CINQUE PISTE DI LETTURA * ARTE E IMMAGINE Walter

Dettagli

1. Esplorare immagini, forme e oggetti presenti nell ambiente utilizzando le capacità visive, gestuali, tattili e cinestesiche.

1. Esplorare immagini, forme e oggetti presenti nell ambiente utilizzando le capacità visive, gestuali, tattili e cinestesiche. SEZIONE A: Traguardi formativi CLASSE TERZA COMPETENZE ABILITÁ CONOSCENZE A- Esprimersi,comunicare e sperimentare le tecniche e i codici propri del linguaggio visuale e audiovisivo. 1. Esplorare immagini,

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA Campo d esperienza IMMAGINI,SUONI E COLORI. Disciplina: ARTE E IMMAGINE

SCUOLA DELL INFANZIA Campo d esperienza IMMAGINI,SUONI E COLORI. Disciplina: ARTE E IMMAGINE SCUOLA DELL INFANZIA Campo d esperienza IMMAGINI,SUONI E COLORI. Disciplina: ARTE E IMMAGINE TRAGUARDI ABILITA COMPETENZE FINE SCUOLA DELL INFANZIA 3 ANNI 4 ANNI 5 ANNI CONOSCENZE NUCLEO: ESPRIMERE E COMUNICARE

Dettagli

1 Laboratorio La gabbianella e il gatto che le insegnò a volare

1 Laboratorio La gabbianella e il gatto che le insegnò a volare 1 Laboratorio La gabbianella e il gatto che le insegnò a volare LA GABBIANELLA E IL GATTO Messaggio: -importanza della diversità -diversità come ricchezza -rispetto dell altro -sostegno del gruppo nella

Dettagli

Il filo di Arianna Performance teatrale su nove donne ribelli

Il filo di Arianna Performance teatrale su nove donne ribelli GLI SPETTACOLI 1 Il filo di Arianna Performance teatrale su nove donne ribelli Il Filo di Arianna è una performance teatrale che si interroga sulla condizione femminile nella società contemporanea. Al

Dettagli

Giuliano Scabia. GENESI/LA CREAZIONE SCHEMA VUOTO PER L ODIN TEATRET DI HOLSTEBRO (due stesure) 1974

Giuliano Scabia. GENESI/LA CREAZIONE SCHEMA VUOTO PER L ODIN TEATRET DI HOLSTEBRO (due stesure) 1974 Giuliano Scabia GENESI/LA CREAZIONE SCHEMA VUOTO PER L ODIN TEATRET DI HOLSTEBRO (due stesure) 1974 Nel 67 ho avuto con Barba un lungo incontro a Venezia dove eravamo entrambi presenti alla Biennale. Camminammo

Dettagli

Eventi umani eventi urbani Opere fotografiche

Eventi umani eventi urbani Opere fotografiche CMC CENTRO CULTURALE DI MILANO Inaugurazione mostra Eventi umani eventi urbani Opere fotografiche Intervengono: Giovanni Chiaramonte fotografo Joel Meyerowitz fotografo Milano 10/11/1999 CMC CENTRO CULTURALE

Dettagli

una distribuzione presenta una produzione

una distribuzione presenta una produzione una distribuzione presenta una produzione Un documentario in dieci capitoli che racconta attraverso un viaggio in auto i sogni e le visioni della Rockstar italiana. Sarà presentato alla 72a Mostra Internazionale

Dettagli

una distribuzione presenta una produzione

una distribuzione presenta una produzione una distribuzione presenta una produzione Un documentario in dieci capitoli che racconta attraverso un viaggio in auto i sogni e le visioni della Rockstar italiana. Sarà presentato alla 72a Mostra Internazionale

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO U. FERRARI DI CASTELVERDE SCUOLA DELL INFANZIA STATALE IL GIRASOLE DI SAN MARTINO IN BELISETO. English is fun

ISTITUTO COMPRENSIVO U. FERRARI DI CASTELVERDE SCUOLA DELL INFANZIA STATALE IL GIRASOLE DI SAN MARTINO IN BELISETO. English is fun ISTITUTO COMPRENSIVO U. FERRARI DI CASTELVERDE SCUOLA DELL INFANZIA STATALE IL GIRASOLE DI SAN MARTINO IN BELISETO English is fun Anno scolastico 2011/2012 Istituto Comprensivo U. Ferrari di Castelverde

Dettagli

Titolo LO SPAZIO INTORNO A NOI Il territorio: un testo da leggere, interpretare, apprezzare, valorizzare

Titolo LO SPAZIO INTORNO A NOI Il territorio: un testo da leggere, interpretare, apprezzare, valorizzare UNITÀ DI APPRENDIMENTO INTERDISCIPLINARE Classe IV Scuola primaria Titolo LO SPAZIO INTORNO A NOI Il territorio: un testo da leggere, interpretare, apprezzare, valorizzare Senso formativo del percorso

Dettagli

Paolo Baratta, Presidente della Biennale di Venezia

Paolo Baratta, Presidente della Biennale di Venezia La Biennale dà grande impulso alle attività denominate Educational. Le attività Educational hanno lo scopo di: favorire la conoscenza diretta del mondo delle arti da parte dei giovani introdurre la consuetudine

Dettagli

Corso di Plastica Ornamentale

Corso di Plastica Ornamentale Bernardo Brandimarti Tradizione e moder nità: Una nuova piazza per l Accademia La modellazione di un pugno di fango, non è solo l Inizio, la creazione primordiale e prerogativa Divina del Verbo nell immaginario

Dettagli

Incontri psicoeducativi di avvicinamento all arte: il racconto di un esperienza

Incontri psicoeducativi di avvicinamento all arte: il racconto di un esperienza Bergamo, 3 Ottobre 2008 Incontri psicoeducativi di avvicinamento all arte: il racconto di un esperienza Dott.ssa Laura Marchesi Da cosa nasce quest idea idea??? L idea nasce, in collaborazione con la Dott.ssa

Dettagli

ex chiesa gesuiti nuovo spazio teatrale Via Melchiorre Gioia, 20 - Piacenza

ex chiesa gesuiti nuovo spazio teatrale Via Melchiorre Gioia, 20 - Piacenza ex chiesa gesuiti nuovo spazio teatrale Via Melchiorre Gioia, 20 - Piacenza presentazione a cura di Fondazione di Piacenza e Vigevano Dopo 26 anni dall apertura del Teatro San Matteo, Teatro Gioco Vita

Dettagli

IL MUSEO DI TUTTI L INTEGRAZIONE DI PERSONE DIVERSAMENTE ABILI

IL MUSEO DI TUTTI L INTEGRAZIONE DI PERSONE DIVERSAMENTE ABILI IL MUSEO DI TUTTI L INTEGRAZIONE DI PERSONE DIVERSAMENTE ABILI Un obiettivo di questi progetti speciali è dimostrare che la conoscenza dell arte può essere favorita da varie modalità d apprendimento; tale

Dettagli

Call for Entry. work.lab 2011 Bologna. Artisti Liliana Moro (Italia) Reynold Reynolds (USA) déjà.vu in collaborazione con Xing e Nosadella.

Call for Entry. work.lab 2011 Bologna. Artisti Liliana Moro (Italia) Reynold Reynolds (USA) déjà.vu in collaborazione con Xing e Nosadella. Call for Entry work.lab 2011 Bologna Artisti Liliana Moro (Italia) Reynold Reynolds (USA) déjà.vu in collaborazione con Xing e Nosadella.due Un progetto di Lelio Aiello promosso da Aritmia PROGETTI SUI

Dettagli

CURRICOLI SCUOLA INFANZIA/PRIMARIA ARTE E IMMAGINE

CURRICOLI SCUOLA INFANZIA/PRIMARIA ARTE E IMMAGINE CURRICOLI SCUOLA INFANZIA/PRIMARIA ARTE E IMMAGINE TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE (DALLE INDICAZIONI NAZIONALI) TERMINE SCUOLA INFANZIA Il bambino comunica, esprime emozioni, racconta, utilizzando

Dettagli

PER COMINCIARE TOCCA CON GLI OCCHI, NON CON LE MANI

PER COMINCIARE TOCCA CON GLI OCCHI, NON CON LE MANI PER COMINCIARE CERCA LE OPERE NELLE SALE Su ogni carta trovi il disegno di un dettaglio tratto da un opera in mostra. SCOPRI NUOVE COSE sull arte e gli artisti con le domande, i giochi e gli approfondimenti

Dettagli

En plein air. Paolo Meoni

En plein air. Paolo Meoni En plein air Paolo Meoni Volume realizzato in occasione della mostra En Plein air PAOLO MEONI 19 aprile 19 giugno 2012 Die Mauer Arte Contemporanea, Prato Dryphoto Arte Contemporanea, Prato Ringraziamenti

Dettagli

DOMENICA 19 APRILE 2015 PRIMO EDUCATIONAL DAY PROMOSSO DA AMACI ASSOCIAZIONE DEI MUSEI D ARTE CONTEMPORANEA ITALIANI

DOMENICA 19 APRILE 2015 PRIMO EDUCATIONAL DAY PROMOSSO DA AMACI ASSOCIAZIONE DEI MUSEI D ARTE CONTEMPORANEA ITALIANI DOMENICA 19 APRILE 2015 PRIMO EDUCATIONAL DAY PROMOSSO DA AMACI ASSOCIAZIONE DEI MUSEI D ARTE CONTEMPORANEA ITALIANI Botto & Bruno per l Educational Day, Silent walk, fotocollage, 2014 Laboratori, workshop,

Dettagli

Mimmo Jodice, perdersi a guardare

Mimmo Jodice, perdersi a guardare Professione Mimmo Jodice, perdersi a guardare Riflessioni sulla fotografia: cos è la fotografia? Cos è la luce? Perché la scelta del bianconero? Cosa cambia con la fotografia digitale? Come avvicinarsi

Dettagli

PROPOSTA DI CORSI DI FORMAZIONE PER DOCENTI

PROPOSTA DI CORSI DI FORMAZIONE PER DOCENTI BARBARA PISCINA Animatrice pedagogica cell. 3286766227 e-mail barbara.piscina@fastwebnet.it PROPOSTA DI CORSI DI FORMAZIONE PER DOCENTI Il percorso di formazione vuole essere l occasione per riflettere

Dettagli

Non parlerò mai di storia come di una cosa già tutta fatta, ma come di una cosa che si fa e che si cerca

Non parlerò mai di storia come di una cosa già tutta fatta, ma come di una cosa che si fa e che si cerca Non parlerò mai di storia come di una cosa già tutta fatta, ma come di una cosa che si fa e che si cerca M. Bloch Tipologie di fonti Ogni epoca si dà le fonti che rispondono ai propri bisogni (M.Vovelle)

Dettagli

Mythos: dei ed eroi nelle sculture antiche della Galleria degli Uffizi

Mythos: dei ed eroi nelle sculture antiche della Galleria degli Uffizi Ministero per i Beni e le Attività Culturali Soprintendenza Speciale per il Patrimonio Storico Artistico ed Etnoantropologico e per il Polo Museale della città di Firenze SEZIONE DIDATTICA 2011 Schede

Dettagli

Curricolo Scuola Infanzia

Curricolo Scuola Infanzia Curricolo Scuola Infanzia CHIAVE COMPETENZA SOCIALE E CIVICA Riconosce ed esprime le proprie emozioni, è consapevole di desideri e paure, avverte gli stati d animo propri e altrui. Acquisire consapevolezza

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA I CIRCOLO UMBERTIDE GIOCO, LIBERA TUTTI! A volte il mondo io non lo comprendo Però se giochiamo lo prendo Bruno Tognolini

DIREZIONE DIDATTICA I CIRCOLO UMBERTIDE GIOCO, LIBERA TUTTI! A volte il mondo io non lo comprendo Però se giochiamo lo prendo Bruno Tognolini GIOCO, LIBERA TUTTI! A volte il mondo io non lo comprendo Però se giochiamo lo prendo Bruno Tognolini PROGETTO DI PLESSO SCUOLA PRIMARIA PIERANTONIO a. s. 2014/2015 PREMESSA La scuola rappresenta lo spazio

Dettagli

Spettacoli, attività didattiche e laboratori, percorsi, formazione docenti. per i bambini

Spettacoli, attività didattiche e laboratori, percorsi, formazione docenti. per i bambini 20 15 16 Spettacoli, attività didattiche e laboratori, percorsi, formazione docenti per i bambini Gentili Insegnanti, per la seconda volta il nostro programma si presenta in una veste grafica snella e

Dettagli

Ciao Francesca. Perdona il mio ritardo. Parto con le domande. Come ti dicevo mi soffermerei sull'utilizzo dello strumento video.

Ciao Francesca. Perdona il mio ritardo. Parto con le domande. Come ti dicevo mi soffermerei sull'utilizzo dello strumento video. [Questa (non) è un'intervista] Indagine in tappe sul dispositivo Cinetico 4.4. di CollettivO CineticO. Tappa 2 di Francesca Pennini (spiegatrice), a cura di Matteo Antonaci Ciao Francesca. Perdona il mio

Dettagli

B. Comprendere il tema e le informazioni essenziali di un esposizione; comprendere lo scopo e l argomento di messaggi ascoltati.

B. Comprendere il tema e le informazioni essenziali di un esposizione; comprendere lo scopo e l argomento di messaggi ascoltati. ISTITUTO COMPRENSIVO DI CLUSONE A.S. 2014-2015 CURRICOLO DI ITALIANO Scuola Primaria Classe QUARTA _ QUARTO BIMESTRE_ COMPETENZE Indicazioni ABILITA CONOSCENZE AMBIENTE DI APPRENDIMENTO ASCOLTO E PARLATO

Dettagli

Intervista telematica a Sonia Grineva

Intervista telematica a Sonia Grineva BTA Bollettino Telematico dell'arte ISSN 1127-4883 Fondato nel 1994 Plurisettimanale Reg. Trib. di Roma n. 300/2000 dell'11 Luglio 2000 1 Gennaio 2010, n. 549 http://www.bta.it/txt/a0/05/bta00549.html

Dettagli

Progetto 5 anni. Alla scoperta degli elementi della vita: Acqua, Aria, Terra, Fuoco. Premessa

Progetto 5 anni. Alla scoperta degli elementi della vita: Acqua, Aria, Terra, Fuoco. Premessa Progetto 5 anni Premessa Alla scoperta degli elementi della vita: Acqua, Aria, Terra, Fuoco L esplorazione di questi elementi così diversi tra loro rappresenta un occasione per stimolare l immaginazione

Dettagli

Dopo il Silenzio. Di Pietro Grasso. Presentazione di regia. Di Alessio Pizzech

Dopo il Silenzio. Di Pietro Grasso. Presentazione di regia. Di Alessio Pizzech Dopo il Silenzio Di Pietro Grasso Presentazione di regia Di Alessio Pizzech Dopo la significativa esperienza di Per non Morire di mafia, tratto dall omonimo libro, che dopo il fortunato battesimo Spoletino

Dettagli

Giuseppe Verdi. Musica e cultura. Museo Nazionale Russo di Musica Casa Museo di Feodor Chaliapin. Mosca, 10 giugno 10 agosto 2014

Giuseppe Verdi. Musica e cultura. Museo Nazionale Russo di Musica Casa Museo di Feodor Chaliapin. Mosca, 10 giugno 10 agosto 2014 Giuseppe Verdi Musica e cultura Museo Nazionale Russo di Musica Casa Museo di Feodor Chaliapin Mosca, 10 giugno 10 agosto 2014 Giuseppe Verdi Musica e cultura BICENTENARIO DELLA NASCITA DI GIUSEPPE VERDI

Dettagli

A Los Angeles lo scorso febbraio ha ricevuto dalle mani di Clint Eastwood l Oscar alla carriera.

A Los Angeles lo scorso febbraio ha ricevuto dalle mani di Clint Eastwood l Oscar alla carriera. OLYCOM INTERVISTA Ennio Morricone A Los Angeles lo scorso febbraio ha ricevuto dalle mani di Clint Eastwood l Oscar alla carriera. Il 16 giugno Ennio Morricone è a Monza nei Giardini di Villa Reale per

Dettagli

L ATTO CREATIVO DELLA SCRITTURA

L ATTO CREATIVO DELLA SCRITTURA L ATTO CREATIVO DELLA SCRITTURA QUADRI D AUTORE Gianna Campigli, Anna Castellacci, Seminario nazionale, Cidi Firenze, 8 maggio 2011 Dal percorso per la terza classe L autobiografia Il percorso sull autobiografia

Dettagli

Collegamento con discipline scuola primaria. Cittadinanza e costituzione. Storia/ cittadinanza e costituzione. Cittadinanza e costituzione

Collegamento con discipline scuola primaria. Cittadinanza e costituzione. Storia/ cittadinanza e costituzione. Cittadinanza e costituzione IL SE e L ALTRO Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. Sviluppa il senso dell identità personale,

Dettagli

Le nove opere esposte a Matera sono ispirate all equilibrio che nell essere umano si stabilisce

Le nove opere esposte a Matera sono ispirate all equilibrio che nell essere umano si stabilisce Venerdì 18 luglio 2014 dalle ore 19 alle ore 20 nella sala meeting di Palazzo Gattini a Matera l artista Smerakda Giannini presenta Entità. Una personale di opere che ritraggono il lavoro di una fotografa

Dettagli

M.M. no. 36 concernente la donazione al Comune di opere del Maestro Valerio Adami

M.M. no. 36 concernente la donazione al Comune di opere del Maestro Valerio Adami M.M. no. 36 concernente la donazione al Comune di opere del Maestro Valerio Adami Locarno, 2 dicembre 2013 Al Consiglio Comunale L o c a r n o Egregi Signori Presidente e Consiglieri, Il presente messaggio

Dettagli

PROGETTI DI ALTERNANZA SCUOLA / LAVORO. Anno scolastico 2015/2016

PROGETTI DI ALTERNANZA SCUOLA / LAVORO. Anno scolastico 2015/2016 PROGETTI DI ALTERNANZA SCUOLA / LAVORO Anno scolastico 2015/2016 Le recenti disposizioni in materia di alternanza scuola / lavoro sono state una preziosa opportunità per sviluppare nuovi progetti di collaborazione

Dettagli

Potenziamento DISCIPLINE GRAFICHE E PITTORICHE A021. PROGETTO POTENZIAMENTO di Discipline Grafiche e Pittoriche

Potenziamento DISCIPLINE GRAFICHE E PITTORICHE A021. PROGETTO POTENZIAMENTO di Discipline Grafiche e Pittoriche Alessandra Cerini DOCENTE di DISCIPLINE PITTORICHE - A021 Organico di Potenziamento Liceo Classico P. Albertelli - Roma PROGETTO POTENZIAMENTO di Discipline Grafiche e Pittoriche Introduzione Pensando

Dettagli

Programmazione didattica

Programmazione didattica Programmazione didattica di italiano IN BASE AL LIVELLO LOGICO COGNITIVO ESPRESSIVO DELLA CLASSE E DEI PROCESSI INTELLETTIVI E PSICODINAMICI DELL ETÀ EVOLUTIVA, SI INDIVIDUANO: GLI OBIETTIVI FORMATIVI

Dettagli

Dal 2011 Cinecittà ha strutturato un progetto specifico di Attività educative destinato alle scuole.

Dal 2011 Cinecittà ha strutturato un progetto specifico di Attività educative destinato alle scuole. Alla scoperta di Cinecittà e del cinema. Dal 2011 Cinecittà ha strutturato un progetto specifico di Attività educative destinato alle scuole. Il nostro obiettivo è quello di offrire proposte didattiche

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO ARTE E IMMAGINE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO ARTE E IMMAGINE ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO ARTE E IMMAGINE ARTE E IMMAGINE Competenze 1, 2, 3, 4, 5 al termine del primo biennio Riconoscere gli elementi fondamentali del linguaggio visuale e utilizzarli

Dettagli

Crea la Mappa per la tua autorealizzazione. di Anthony Robbins

Crea la Mappa per la tua autorealizzazione. di Anthony Robbins di Anthony Robbins Ti sei mai accorto che nella vita esistono cose che, non appena diventano rilevanti per noi, iniziano ad apparirci sempre più spesso? Pensa, ad esempio, all ultima volta che hai desiderato

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI CISANO BERGAMASCO CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA

ISTITUTO COMPRENSIVO DI CISANO BERGAMASCO CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA ISTITUTO COMPRENSIVO DI CISANO BERGAMASCO CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA AMPI DI ESPERIENZA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLA COMPETENZA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO PER I BAMBINI DI 5 ANNI ESPERIENZE

Dettagli

Leggere, ascoltare, navigare

Leggere, ascoltare, navigare Leggere, ascoltare, navigare L AMORE CONTA di Maurizio Ermisino Fausto Podavini ha seguito per due anni una coppia: un marito malato di Alzheimer, una moglie che l ha seguito con devozione. È nato così

Dettagli

Foto di Giovanni Francescon

Foto di Giovanni Francescon PRO LOCO ZUMELLESE COMUNE DI MEL Foto di Giovanni Francescon Era il febbraio del 1981 quando un gruppo di volenterosi da vita alla Pro Loco Zumellese; lo scopo, è fin dall inizio, quello di dare visibilità

Dettagli

4.6 La sostenibilità: prendersi cura della vita del pianeta

4.6 La sostenibilità: prendersi cura della vita del pianeta 4.6 La sostenibilità: prendersi cura della vita del pianeta Definendo lo sviluppo come un concetto dinamico, implicante trasformazioni qualitative più che quantitative della società, allora lo studio del

Dettagli

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript 2013 H I G H E R S C H O O L C E R T I F I C A T E E X A M I N A T I O N Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript Familiarisation Text SILVIO: FLAVIA: SILVIO: FLAVIA: SILVIO:

Dettagli

Le attività Fragile (l ombra che resta)

Le attività Fragile (l ombra che resta) Introduzione all uso (per gli studenti) Cari studenti e studentesse di italiano, questo Cdlibro è uno strumento con il quale speriamo di farvi apprezzare lo studio della lingua, di aspetti della cultura

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE ARTE E IMMAGINE TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

CURRICOLO VERTICALE ARTE E IMMAGINE TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO VERTICALE ARTE E IMMAGINE FINALITA' Sviluppare e potenziare la capacità di leggere e comprendere immagini e creazioni artistiche. Sapersi esprimere e comunicare in modo personale e creativo.

Dettagli

Percorsi didattico-museali e formazione agli insegnanti gratuiti per le scuole dell infanzia, primarie e secondarie

Percorsi didattico-museali e formazione agli insegnanti gratuiti per le scuole dell infanzia, primarie e secondarie Percorsi didattico-museali e formazione agli insegnanti gratuiti per le scuole dell infanzia, primarie e secondarie ANNO SCOLASTICO 2013-2014 A cura di Un iniziativa proposta alle scuole da Intesa Sanpaolo

Dettagli

PRIMO ISTITUTO COMPRENSIVO di PALAZZOLO S/O via Zanardelli n.34 Anno scolastico 2014/2015

PRIMO ISTITUTO COMPRENSIVO di PALAZZOLO S/O via Zanardelli n.34 Anno scolastico 2014/2015 PRIMO ISTITUTO COMPRENSIVO di PALAZZOLO S/O via Zanardelli n.34 Anno scolastico 2014/2015 CURRICOLI DISCIPLINARI SCUOLA DELL INFANZIA e PRIMO CICLO di ISTRUZIONE Percorso delle singole discipline sulla

Dettagli

Scuola Secondaria Statale di I grado Manara Valgimigli ALBIGNASEGO

Scuola Secondaria Statale di I grado Manara Valgimigli ALBIGNASEGO PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA Anno scolastico 2011/12 Docente Di Bella Carmela Disciplina Italiano Classe I Sezione F n. alunni 25 SITUAZIONE DI PARTENZA Livello della classe (indicare con X a sinistra):

Dettagli

OBIETTIVO LA REALIZZAZIONE DI UN PROGETTO INTERDISCIPLINARE SUL TEMA NUTRIRE IL PIANETA, ENERGIA PER LA VITA

OBIETTIVO LA REALIZZAZIONE DI UN PROGETTO INTERDISCIPLINARE SUL TEMA NUTRIRE IL PIANETA, ENERGIA PER LA VITA OBIETTIVO LA REALIZZAZIONE DI UN PROGETTO INTERDISCIPLINARE SUL TEMA NUTRIRE IL PIANETA, ENERGIA PER LA VITA 1 Expo Milano 2015 affronterà un tema d importanza fondamentale per il futuro dell umanità:

Dettagli

I rapporti sociali di produzione e la coscienza

I rapporti sociali di produzione e la coscienza Lettura 6 Karl Marx - Friedrich Engels I rapporti sociali di produzione e la coscienza K. Marx, F. Engels, L ideologia tedesca, Roma, Editori Riuniti, 1972, pp. 12-14; 35-38 Tra la fine del 1845 e l autunno

Dettagli

Inaugurazione mostra "Phobia, la paura sei tu": intervista a Milly Macis

Inaugurazione mostra Phobia, la paura sei tu: intervista a Milly Macis Inaugurazione mostra "Phobia, la paura sei tu": intervista a Milly Macis Milly Macis, nota tatuatrice cagliaritana si racconta in un intervista, poco prima dell inaugurazione della mostra Phobia la paura

Dettagli

La spiaggia di fiori

La spiaggia di fiori 37 La spiaggia di fiori U na nuova alba stava nascendo e qualcosa di nuovo anche in me. Remai per un po in direzione di quella luce all orizzonte, fino a che l oceano di acqua iniziò pian piano a ritirarsi

Dettagli

nostre «certezze» sul fatto che senza di lui non potremo mai più essere felici, che durano fino a una nuova... relazione!) continueremo a infilarci

nostre «certezze» sul fatto che senza di lui non potremo mai più essere felici, che durano fino a una nuova... relazione!) continueremo a infilarci Pensieri. Perché? Cara dottoressa, credo di avere un problema. O forse sono io il problema... La mia storia? Stavo con un ragazzo che due settimane fa mi ha lasciata per la terza volta, solo pochi mesi

Dettagli

SINTESI DEL PROGETTO

SINTESI DEL PROGETTO Ministero dell Economia e delle Finanze Ministero per i Beni e le Attività Culturali Società di Cultura La Biennale di Venezia ALLEGATO I PROGETTO PER LA PROMOZIONE E DIFFUSIONE DELL ARTE CONTEMPORANEA

Dettagli

c o n t e m p o r a n e i

c o n t e m p o r a n e i P e r c o r s i c o n t e m p o r a n e i PROGETTO SCUOLE CHI SIAMO Rovescio è un associazione culturale non profit e una comunità con l obiettivo di coinvolgere chiunque desideri intraprendere a Roma

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO LOREDANA CAMPANARI. Via Monte Pollino, 45-00015 Monterotondo (RM) CURRICOLO VERTICALE DI ARTE E IMMAGINE A.S.

ISTITUTO COMPRENSIVO LOREDANA CAMPANARI. Via Monte Pollino, 45-00015 Monterotondo (RM) CURRICOLO VERTICALE DI ARTE E IMMAGINE A.S. ISTITUTO COMPRENSIVO LOREDANA CAMPANARI Via Monte Pollino, 45-00015 Monterotondo (RM) CURRICOLO VERTICALE DI ARTE E IMMAGINE A.S. 2013/2014 ARTE E IMMAGINE CURRICOLO Ambito disciplinare ARTE E IMMAGINE

Dettagli

ELABORATO DAI DOCENTI ertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghj ISTITUTO COMPRENSIVO CALVISANO. klzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwer

ELABORATO DAI DOCENTI ertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghj ISTITUTO COMPRENSIVO CALVISANO. klzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwer qwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdf ghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmq wertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfg CURRICOLO DI STORIA hjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqw ELABORATO DAI DOCENTI

Dettagli

LA SCUOLA IN CAMERA. Programma didattico per le scuole, a.s. 2015-16

LA SCUOLA IN CAMERA. Programma didattico per le scuole, a.s. 2015-16 LA SCUOLA IN CAMERA CAMERA - centro italiano per la fotografia Programma didattico per le scuole, a.s. 2015-16 Camera - Centro Italiano per la Fotografia aprirà al pubblico nell autunno del 2015, istituendo

Dettagli