IL RISPETTO DELLA MEMORIA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IL RISPETTO DELLA MEMORIA"

Transcript

1 REGIONE CALABRIA AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE DI CATANZARO Servizio Infermieristico Tel Tel./Fax Direttore: Dott. Corrado Tino IL RISPETTO DELLA MEMORIA Il 7 aprile 1948 segna la nascita ufficiale della Organizzazione Mondiale della Sanità. L atto costitutivo era stato approvato due anni prima nella conferenza dell ONU, a New York, con l adesione di 61 Nazioni, tra le quali l Italia. Già si era sentito da parte dei vari Stati il bisogno di un accordo comune per difendersi dalle malattie epidemiche, le quali, seguendo le grandi vie di comunicazione, ed allontanandosi dai paesi di origine, si erano diffuse più volte in Europa, come la peste ed il colera. Ma prima della fine del secolo scorso ogni Stato si era limitato ad adottare provvedimenti sanitari isolati contro i morbi esotici in rapporto al grado di civiltà raggiunto, alle dottrine predominanti ed ai mezzi di cui disponeva. In Italia possiamo risalire al 1348 per ritrovare presso la Repubblica di Venezia la prima Organizzazione Sanitaria in difesa delle malattie importate per la via del mare. L azione comune era ancora lontana di sei secoli e, se potiamo la nostra civiltà nelle cronache dei tempi, troviamo lunghe quarantene, cordoni sanitari, sequestri di persona, provvedimenti a volte ridicoli e a volte feroci, dovuti a pregiudizi, o ignoranza ed equivoci: la storia degli untori, le distribuzioni di navi cariche di cotone, provenienti da località affette da peste, come avvenne nel 1821 in Inghilterra, il doloroso episodio del nostro Piroscafo Matteo Bruzzo respinto a cannonate da tutti i porti del Sud-America e della Spagna, perché a bordo si era verificato qualche caso di colera, 1

2 costretto a vagare per mesi nell Atlantico, finchè non è portato in salvataggio da un piroscafo Italiano e la triste storia capitata al Dottore RENDA Ufficiale Sanitario di Nicastro nel 1911, durante l epidemia di colera, quando una folla ubriaca ed esaltata assalì sanitario, disinfettatori e forza pubblica: questa fu costretta a reagire ed a sparare sulla folla. Sono ricordi che mettono in risalto il grande cammino che la Sanità ha compiuto ed il grado di civiltà in questo campo raggiunto. I primi tentativi di una politica comune sono rappresentati dalle Conferenze Sanitarie degli Stati Europei, da una parte, e degli Stati Americani dall altra. Le date di tali Conferenze e la partecipazione sempre più estensiva dei vari Stati indicano il progresso dei tempi. Nel 1851 a Parigi si riunirono Francia, Sardegna e Portogallo per provvedere contro l invasione del colera; gli stessi Stati si riuniscono a Parigi nel 1859, nonostante gli ostacoli dell Austria; CAVOUR ne approfitta per preparare diplomaticamente l unità d Italia, poi, a Costantinopoli nel 1866, Vienna nel 1874, Whashington nel 1881, Roma nel 1885, Venezia nel 1892, Parigi nel 1894, Venezia nel 1897, Parigi ancora nel 1903 (1). Risultato di queste conferenze è la adozione di un codice unico di norme di profilassi contro le malattie esotiche: peste, colera, vaiolo, tifo-esantematico, febbre gialla, ecc.; norme che non poggiavano più su concetti empirici, ma sui risultati degli studi di batteriologia, la quale si andava arricchendo delle più belle scoperte. Era sorta per la scienza una nuova aurora, illuminata da fulgidi astri, quali PASTEUR, KOCH, DAVAINE, LOFFLER, ecc. Per l accordo di Roma del 1907 fu creato l Ufficio Internazionale di Igiene Pubblica in Parigi, Organo esecutivo per le applicazioni delle Convenzioni Sanitarie cui partecipano, 59 Stati; e, contemporaneamente veniva creato in America l analogo Ufficio Sanitario Panamericano. Ma la prima Guerra Mondiale con le ripercussioni che ebbe sulle condizioni sanitarie dei popoli, con la diffusione delle malattie infettive, dovuta allo spostamento di eserciti e di civili, conferma la necessità e l urgenza di un azione comune nel campo sanitario e l adeguamento degli accordi alle nuove conoscenze, alle nuove concezioni di medicina sociale, alla possibilità di mezzi di trasporto più rapidi, di profilassi e di terapia più efficaci. E subito, dopo la prima guerra, sorse il Comitato Permanente di Igiene presso la Società delle Nazioni Unite le cui funzioni, durante l ultimo conflitto, furono assunti dall UNRRA, la quale promosse la revisione delle Convenzioni Internazionali esistenti tra gli Stati membri dell ONU, con l intervento successivo di altre Nazioni, tra cui l Italia. È appena il caso di dover ricordare quali grandi benefici abbia apportato l UNRRA, nel campo sanitario, nelle nostre Regioni. Il materiale sanitario, distrutto dalla guerra, viene ricostruito; l attrezzatura ospedaliera rifatta, gran copia di mezzi è impiegata per la lotta delle malattie infettive. Ricordiamo la lotta contro il tifo-esantematico a Napoli; contro la malaria in Sardegna, nel Veneto, nel Lazio, in Calabria. Se si pensa ai mezzi di difesa che la Sanità seppe applicare in quest ultimo grande conflitto per la salvezza delle popolazioni, e l effetto ottenuto, si rimane davvero ammirati. Da ciò un osservazione non contestate e sicura: l Igiene, gli Eserciti Internazionali e le scoperte terapeutiche sono stati i veri e forse gli unici vincitori della guerra. (1) Vedi G. Canaperia. Rivista internazionale della Protezione Sociale. luglio-agosto

3 L avvenire della umanità è affidata all impiego dei mezzi e dei ritrovati della scienza, e, come diceva nell Allocuzione Pasquale Pio XII, nell accordo dei vari Governi per interdire mezzi di distruzione, convogliando i nuovi strumenti di guerra e la scoperta sull atomica e sulla bomba termo-nucleare a fine di pace e di benessere per le sofferenze dei popoli. Si è accennato alla Calabria per la malaria. Era questo il più grande flagello che per secoli e secoli afflisse la nostra Regione: tale malattia è ora completamente debellata. Ogni anno le statistiche registravano un gran numero di malati e di morti in Calabria ed in Italia. I medici rurali ricordano ancora uomini e bambini malati, macilenti, dal ventre gonfio, con gli occhi lucidi, infossati, con le labbra esangui, quali figure ideate dal Dorè, senza sorriso nel volto, senza speranza nel cuore, senza gioia nella casa; ove, ad ogni attacco di febbre, si rifugiavano con brividi squassanti su poveri giacigli. I datori di lavoro nelle campagne, gli Enti e lo Stato spendevano somme ingenti per medicinali e chinino; invano veniva prodigato il sacrificio dei medici, l attività di infermieri e di Assistenti Sanitarie. Le opere di bonifica agraria si compivano in Italia a costo di decine di migliaia di vittime, tanto che nel passato regime, per portare avanti i lavori di bonifica nella Palude Pontina, si dovettero falsare le statistiche delle cause di morte, tanta era l ecatombe dei nostri lavoratori. Ora gli stessi lavori si compiono dovunque senza morti né nuovi casi di contagio: vi è risparmio di mezzi finanziari, vi è risparmio di vite umane, sventure e dolori, danni e lacrime di meno. Mortalità totale media di Malaria in Calabria dal 1809 al 1860 Distribuzione dell endemia malarica nelle tre province della Calabria basata sulla densità del vettore malarico. CS = Provincia di Cosenza CZ = Provincia di Catanzaro RC = Provincia di Reggio Calabria Dopo lo spargimento del DDT che l Italia ha potuto applicare per l intervento degli Aiuti Internazionali, coi suggerimenti dell UNRRA, la nostra Calabria, che nel 1946 lamentava ancora casi di malaria, nel 1950 ne registra solo 203 e nel 1951, otto, con nessun decesso. L UNRRA (United Nations Relief and Rehabilitation Amministration) e gli altri Uffici Internazionali furono, dopo la grande guerra, raggruppati in una unica Istituzione formata dalle forze vive scientifiche e tecniche delle 61 Nazioni partecipanti e da questa unione nacque l Organizzazione della Sanità Mondiale. Essa ha carattere universale perché considerata la tutela sanitaria dei popoli al di sopra di ogni situazione e contingenza politica. Nessuno Stato deve trovarsi in condizioni di inferiorità riguardo a quelli che maggiori mezzi posseggono; giacchè l ineguaglianza dei vari Paesi, nei riguardi dell efficienza sanitaria, rappresenterebbe un pericolo per tutti. 3

4 L applicazione di tale concetto, già operante nel campo sanitario, ha permesso un sollecito accordo tra le varie Nazioni; mentre, nel campo politico, tale accordo non si è potuto ancora raggiungere. In tal modo l Internazionale Sanitaria va al di sopra e al di là di ogni ideologia politica, di ogni confine fisico: essa prescinde dai limiti imposti dal Nazionalismo per portare tutti i popoli ad un livello sanitario più elevato. Ecco perché i rappresentanti delle Nazioni alla Conferenza di New York unanimamente dichiararono che la salute non consiste solamente nell assenza di malattia o d infermità; ma in uno stato di benessere fisico, mentale e sociale. In conformità di tali asserzioni, vennero enunciati i seguenti importanti principii: 1. la salute dei popoli è condizione fondamentale per la pace e la sicurezza del mondo e dipende dalla più stretta collaborazione degli individui e degli Stati; 2. i risultati ottenuti da ogni Nazione, per migliorare e tutelare la salute delle popolazioni, sono preziosi per tutti. È indispensabile che tutti i popoli possano beneficiare delle conoscenze acquisite dalle scienze mediche, psicologiche ed affini, onde raggiungere il più alto livello sanitario; 3. l ineguaglianza dei diversi Paesi in quanto concerne il miglioramento della salute e la lotta contro le malattie, particolarmente quelle trasmissibili, rappresenta un pericolo per tutti. In questi principii si affaccia lo spirito di solidarietà umana e la sua voce si propaga per il mondo, quasi voce di religione universale, che affranca e redime i popoli, senza distinzione di razze e di fede politica. Il sette aprile è quindi una data storica per nostra civiltà ed in questo mese viene promossa ogni anno dalle Autorità Sanitarie, nazionali e locali, la celebrazione dell Organizzazione Mondiale con l illustrazione di un argomento e lo svolgimento di un tema, che possa interessare il pubblico su questioni sanitarie. Nel 1954 ricorreva il primo centenario dell opera intrapresa da Florence Nightingale, in Crimea, a favore dei soldati malati e feriti, senza cure e soccorsi. Questa donna ha dato luminoso esempio di spirito umanitario e di appassionata attività; di iniziativa, di grande capacità organizzativa nel campo dell assistenza volontaria infermieristica. 1854: le perdite degli Eserciti belligeranti in Crinea erano ingenti per la deficienza assoluta di mezzi sanitari, per la carenza di mezzi di disinfezione e profilassi: è bastato un grido di allarme, un appello del Times e Florence Nigthingale parte alla testa di una quarantina di compagne, anch esse votate ai disagi, alla fatica, ai sacrifici più gravi e, in pochissimi giorni, le sorti di tanti infermi cambiano come per incanto. 1954: dopo un secolo noi esaltiamo in tutto il Mondo L Infermiera militante. 4

5 Ecco il messaggio del Direttore Generale dell Organizzazione Mondiale della Sanità Dr. M. G. Candau (Brasil Mandato: 1953/1973) MESSAGGIO Il compito essenziale dell Infermiera e l aiuto che la funzione degli assistenti infermieri che sotto i molteplici aspetti apporta, è il tema proposto quest anno (1954) dall O.M.S. per celebrare la Giornata Mondiale della Sanità. Conviene che in questo giorno l umanità renda omaggio alla memoria di Florence Nightingale, figura pioniera. Noi dobbiamo a Lei la maggior parte dei principii che ispirano oggi l Organizzazione infermieristica e l azione intrapresa, a questo riguardo, dall O.M.S. Nei sudici e miseri ospedali della Crinea, al capezzale dei morenti, Florence Nightingale comprese che non era sufficiente un cuore caritatevole per adempiere a tale missione. L arte di assistere gli ammalati, la conoscenza delle leggi che regolano la vita e la morte, diceva Essa un secolo fa, sono di una importanza e di una complessità tale da essere apprese, come ogni altra arte, attraverso l esperienza o lo studio rigoroso. Florence Night ha introdotto una nuova concezione dell influenza e del posto che nella società spettano alle donne istruite e professionalmente qualificate. Questa concezione noi la vediamo concretizzata nella professione dell infermiera, come oggi viene intesa. Alle sue qualità indispensabili di pietà e carità, l infermiera ha aggiunto la sicura competenza che conferiscono la disciplina dell insegnamento e della formazione tecnica. L infermiera odierna, o che sia al capezzale del ricoverato o nella sala d operazioni o che si trovi nel dispensario, a scuola o nelle corsie, è sempre l amica e la consigliera di ognuno, l educatrice che insegna come conservare la salute. Nessuno più di lei ha un compito tanto importante nell attività sanitaria: Ella assiste le madri ed i giovani, veglia per la piena utilizzazione delle risorse, di cui si dispone, verso i singoli e la collettività; all occorrenza diventa confidente di coloro che non confidano a nessuno le loro pene personali. Ella è soprattutto l indispensabile intermediaria tra l individuo e gli altri organi sanitari, tra l ammalato ed il medico. Il mondo ha grande bisogno di infermiere; si conta nelle Regioni più favorite del globo una infermiera qualificata per 300 abitanti; altrove questa proporzione è di una infermiera per centomila abitanti. Anch io esprimo a nome dell Organizzazione Mondiale della Sanità la speranza che una delle felici conseguenze di questa giornata, sia di ammontare il numero delle giovani donne, che scelgono la professione di infermiera, vocazione che offre tante soddisfazioni a coloro che la seguono. 5

6 Florence Nightingale porta il nome della città dei fiori dove è nata, in Italia. Il suo cognome ricorda il canto dell usignolo; il canto che nella notte conforta l attesa e storna il dolore. La riconoscenza del popolo inglese l ha immortalata nell immagine della Dame, à la lampe una donna con in mano una lampada, vestita di bianco, che va visitando di notte le corsie ove gemono gli ammalati. L Inghilterra ha saputo onorare questa giovane donna della migliore società Inglese, e l ha descritta bella, delicata, intelligente, dall infanzia fatta di sogni e di veglie, che all età di sedici anni ha inteso l appello di Dio. A trenta è piena di conoscenze tecniche, e si prodiga a vantaggio dei colerosi nelle epidemie del Tra una campagna e l altra lavora per approntare ospedali, per organizzare corsi professionali di addestramento per infermiere ed assistenti sociali, combatte contro il pregiudizio e la contrarietà dichiarata dalle donne per la carriera sanitaria, organizza servizi in India, approfondisce le ragioni di mortalità e le condizioni di malattia fra le gestanti e le madri. È vissuta novanta anni e si è spenta dolcemente il 13 agosto 1910 dopo aver messo, con il suo testamento, a disposizione della scienza il proprio cadavere per ricerche scientifiche. Questa donna è oggi onorata per tutte le infermiere militanti che reggono la fiaccola per illuminare l ora crepuscolare di chi soffre. E dopo di Lei ecco altri nomi: Hulda Wenger, ricordata perché prodiga i suoi intelligenti servizi in Etiopia e nel Borneo; l africana Louise Pepper, che si trasferisce nella zona delle grandi paludi delle Indie per combattere la malaria; la canadese Mary Harling che lascia la sua Patria per la Malesia, dove fonda scuole infermieristiche e di assistenza sociale per propagandare l igiene infantile; l americana Jannette Pitcherella di origine Italiana che porta alla città di Quezaltepeque, nella vallata di S. Andrea, le prime nozioni di igiene materna; Maria Tito De Moris che pone in Siria i piani di una organizzazione sanitaria infermieristica e di assistenza; di queste e di qualche altra la Sanità Mondiale conosce la benefica attività nelle diverse parti del mondo. Ma per stare più vicini nel tempo, devo segnalare il gesto eroico compiuto da Freda Holland: un incendio si era scatenato nel primo piano della Clinica Ostetrica di Delwood, nei pressi di Londra, investendo il dormitorio dove si trovavano 15 neonati. La coraggiosa infermiera è riuscita a trasportare uno dopo l altro i quindici bambini attraverso un mare di fuoco, cadendo svenuta dopo aver tratto in salvo l ultimo neonato. 6

7 Biografia di Florence Nightingale Florence Nightingale (Firenze, 12 maggio Londra, 13 agosto, 1910), infermiera britannica nota come La signora con la lampada, considerata la pioniera della moderna professione di infermiere e dell'organizzazione degli ospedali da campo militari. Nacque in una famiglia molto benestante e fu chiamata Florence in onore di Firenze, Florence in inglese, la sua città natale. Di carattere molto forte e determinato nel 1845 annuncia alla famiglia di volersi dedicare alla cura di malati e indigenti. Pur non avendo una formazione di tipo medico-infermieristico riconobbe ben presto le carenze della professione infermieristica come era esercitata ai tempi. Nel 1846 soggiornò per un periodo a Kaiserwerth, un ospedale gestito da un ordine di suore e rimase molto impressionata dall'elevata qualità delle cure mediche fornite, vi tornò nel 1851 per un periodo di formazione. Nel 1853 la stampa riportò notizie delle gravissime condizioni in cui venivano trattati i feriti nel corso della Guerra di Crimea. Florence offrì la sua collaborazione al governo britannico e insieme a 38 infermiere da lei formate partì alla volta di Scutari (Turchia)dove trovò un ospedale militare iperaffollato, scarso di medicinali e con condizioni igieniche disastrose. Nonostante qualche resistenza da parte dei medici l'ospedale fu rivoluzionato e in pochi mesi il tasso di decessi crollò. Dovette lasciare la Crimea in seguito ad una malattia. La fama raggiunta per merito del suo intervento in Crimea le permise di ottenere fondi sufficienti per la formazione di infermiere. La professione infermieristica, fino ad allora piuttosto mal considerata, guadagnò di status. Molti ospedali, soprattutto militari, vennero costruiti seguendo le indicazioni di Florence. Nei decenni successivi si dedicò all'osservazione critica e all'attività di consulenza per la sanità britannica. Sotto la sua guida venne introdotta la raccolta di dati per ottenere delle statistiche sui tassi di natalità, mortalità e sulle cause dei decessi. Nel 1858 divenne la prima donna membro della Royal Statistical Society. La sua fama si estese anche all'estero. Si occupò anche di assistenza sociale e contribuì alla nascita dei servizi sociali inglesi. Nella Chiesa di Santa Croce a Firenze c'è il monumento con la sua statua. 7

8 Il giuramento "Florence Nightingale" per le infermiere (1893) Prometto davanti a Dio, in presenza di questa assemblea, di vivere degnamente e di esercitare fedelmente la mia professione. Mi asterrò da tutto ciò che può nuocere e non prenderò, né somministrerò consapevolmente alcuna droga nociva. Farò tutto ciò che è in mio potere per elevare il livello della mia professione e farò uso riservato di tutte le informazioni personali che mi verranno confidate, nonché di tutte le situazioni familiari di cui sarò venuta a conoscenza nell'esercizio della mia professione. Aiuterò lealmente il medico nel suo lavoro e mi dedicherò al servizio di coloro che mi verranno affidati per l'assistenza. Redatto da un Comitato speciale Scuola Farrand dell'ospedale Harper, Detroit, 1893 ********************* Ma sarebbe per noi Italiani grave disconoscenza e faremmo davvero torto alla verità storica e alla storia della Civiltà, se non dovessimo rivendicare al Cristianesimo e all Italia le prime iniziative infermieristiche che furono, nel contempo, le prime esplicazioni dell arte sanitaria; se non dovessimo proclamare e ripetere che la prima assistenza, in paesi inesplorati e selvaggi fu praticata da Missionari Cattolici, che numerose vittime s immolarono in pratiche di carità e di amore, sotto la candida veste di Suore infermiere, nei lebbrosari e nei lazzaretti. Ma sarebbe per noi grave disconoscenza, se non dovessimo rivolgere in questa occasione un riconoscente saluto agli ignoti militi della inesauribile legione che morirono senza menzione; mentre si prodigavano per gli infermi, alle molte migliaia di Suore dell Ordine di S. Vincenzo De Paoli, che nel 1620 si prodigarono con abnegazione ed eroismo, e vennero chiamate Suore della Carità; un riverente saluto alle seimila infermiere volontarie della Croce Rossa, ai dodicimila infermieri caduti nell ultima guerra. Chi legge la storia delle prime istituzioni sanitarie (PAZZINI) ne ritrova le origini in quella del Cristianesimo. L assistenza degli infermi parte dalle pagine del Vangelo e diventa apostolato e precetto. Cristo dice agli Apostoli: rendete la sanità ai malati, risuscitate i morti, mondate i lebbrosi, cacciate i demoni, date gratuitamente quello che gratuitamente avete ricevuto. (MATTEO, Cap. X). Ed essi cacciavano i demoni e ungevano con olio malati e li risanavano (MATTEO, Cap. 8

9 VI). Ed Egli stesso: và sano dice al cieco, al paralitico: prendi il tuo letto e cammina, talita cumi, fanciulla alzati, la tua fede ti ha sanata e così via per tutto il cammino; cammino cosparso di bene e di amore. E dietro di Lui, nella luminosa scia, Apostoli, Santi, Benefattori hanno inteso il Suo monito e sono accorsi in aiuto dell umanità dolorante. Le iniziative dovute a religiosi si manifestano in un complesso vastissimo che va dalle istituzioni ospedaliere, dagli xenodochi, istituiti nel 325 dopo Cristo al Concilio di Nicea, alle Diaconie e alle infermerie monastiche, alle opere di bonifica, alla carità, alla cura per gli incurabili; dagli Ordini monastici agli Ordini cavallereschi, fino a costituire i primi ospedali per i pellegrini ed i forestieri oltre per i poveri e gli infermi locali. Da questo complesso parte, si perfeziona, si sviluppa tutta l organizzazione sanitaria moderna che diviene dovere di assistenza sociale, che si riflette dal cittadino alla collettività, e da questa alla all umanità intera. Ecco perchè la Sanità viene ad assumere carattere internazionale ed impegna i suoi organi in tutto il mondo per assicurare agli uomini il più gran bene della vita: la salute. In questo complesso, dunque, va posta l opera di S. Benedetto e di S. Basilio, fondatore il primo in Europa e l altro in Oriente di Ospedali; quella dell Ordine dei Templari e dell Ordine Ospedaliero di S. Giovanni. Il grido di fate bene fratelli che uscì dalla bocca di un ragazzaccio o di un pazzo, come si riteneva, e corse le contrade della Spagna nel grigiore del Medio Evo, echeggia ancora per tutto il Mondo quale appello di bene, di assistenza e di cura. Nel quadro di questo complesso si stacca venerabile la figura dell infermiera romana Fabiola che, infiammata dalla parola di S. Girolamo, va raccogliendo malati per le vie e, secondo quanto scrive questo Santo ad Oceanus: ristora le membra dei poveri consunti dalla inedia e da languori ; e la S. Camillo De Lellis grande figura di Camillo De Lellis i cui seguaci vengono chiamati Ministri degli infermi con la Croce Rossa sulla loro divisa, che preannuncia la nobile istituzione internazionale di solidarietà umana. Noi qui tutto questo ricordiamo, non certo per impoverire l omaggio che intendiamo rendere a Miss Florence Nightingale, secondo il compito assegnatoci; anzi vorremmo anche noi chiudere con le parole pronunciate da HENRI DUNANT (Ginevra, 8 maggio Heiden, 30 ottobre 1910, uomo d'affari, umanista e filantropo svizzero, premio Nobel per la pace, ricevette il premio nel 1901, il primo anno in cui venne assegnato tale riconoscimento, per aver fondato la Croce Rossa di cui erano già da alcuni anni membri attivi diversi paesi, tra cui anche l'impero Ottomano. nel 1872) in un suo celebre discorso: per quanto io sia conosciuto come il fondatore della Croce Rossa, chi ha suggerito la fondazione di Ginevra, è stata una donna inglese, la quale rivendica tutto l onore di avere ispirata detta convenzione e l opera compiuta da Miss Florence Nightingale in Crimea, mi ha portato alle concezioni da me espresse in Italia, nella guerra del HENRI DUNANT 9

10 In ogni caso, però, il dovere di assistenza dovuta ai feriti ed agli ammalati, al di sopra di ogni nazionalità e razza, era stato già applicato da Isabella la Cattolica nell assedio di Granada nel 1492 e dagli stessi seguaci di S. Camillo De Lellis nel 1580; anche a voler prescindere dai diritti naturali delle genti, proclami dal Crozio, dal contratto sociale di Rousseau, dalla costituzione degli Stati Uniti di America, dove si trovano già i presupposti logici di un movimento spirituale individualistico e romantico, da cui doveva prendere origine l idea madre della Croce Rossa, HENRÌ DUNANT, premio Nobel per tale istituzione, avrebbe dovuto almeno riconoscere il merito di Ferdinando Palasciano. Ere costui un medico militare borbonico che nell assedio di Messina, nel 1948, prodigava le sue cure con entusiasmo tanto ai feriti del suo esercito che agli insorti; e per questo era stato condannato a due anni di carcere, a Reggio Calabria; ma non pertanto egli, subito dopo, in un discorso tenuto all Accademia Pontaniana di Napoli, annunzia il principio della neutralità dei feriti. ****************************** Ma non è più il caso di insistere in tema di rivendicazioni. Il compito che abbiamo assunto è quello di esaltare i meriti di Florence Nightingale, che noi Italiani abbiamo onorato, murando una lapide in S. Croce, nella città che le diede i natali; lapide che noi abbiamo voluto incastonare nelle nostre tradizioni storiche, le quali ci elevano nella dignità dei paesi più progrediti e civili. Egli è che tutti abbiamo una Patria; ma la Scienza ha la sua Patria nel Mondo e diventa patrimonio di tutti quando è applicata per la salute dell umanità. Essa ci eleva in clima di solidarietà umana, ove la vita è più bella, perché governata dalla legge dell amore e della mutua assistenza. Essa ci unisce in un armonica fusione di intenti, che ci conduce alla pace. 10

11 GALLERIA di Florence Nightingale Francobolli che varie Nazioni hanno dedicato a Florence Nightingale Dieci Sterline inglesi con Florence Nightingale e la sua famosa "lampada" Una lanterna del periodo 11

12 Florence Nightingale ormai anziana e Sir Harry Verney, insegnante nella scuola, con una sua classe di Infermiere al St. Thomas Hospital Distintivo della scuola della Nightingale. Introdotto nel 1925 da Alicia Lloyd Still, il disegno fu ripreso dalla Croce ad 8 punte dell'ospedale di San Giovanni a Gerusalemme. I quattro bracci simbolizzano le virtù Cardinali (Prudenza, Temperanza, Giustizia e Fortitudine) e le punte le 8 Beatitudini che dalla pratica di queste germogliano. Al centro in rilievo la testa della Nightingale e le parole "Schola Sancti Thomae". La medaglia dell'order of Merit che Florence Nightingale ebbe dal Re Edoardo VII Lettera australiana inviata in Tasmania con logo di Florence Nightingale Florence Nightingale ritratta ormai anziana da Footner 12

13 Grafico disegnato da Florence Nightingale La tomba di Florence Nightingale 13

14 È il 1955, gli Italiani allontanano i ricordi della guerra e si preparano, senza saperlo, agli anni del boom economico. In questo clima nascono i Collegi delle infermiere professionali, vigilatrici d infanzia e assistenti sanitarie visitatrici, voluti da un decreto governativo dell ottobre 1954, e voluti soprattutto da quelle operatrici della sanità consapevoli di essere preziose, ma che non avevano ancora ottenuto uno specifico riconoscimento professionale, poiché il decreto del 1946 sulle professioni sanitarie si era limitato a ripristinare gli Ordini dei medici chirurghi, dei veterinari e dei farmacisti e ad istituire i Collegi delle ostetriche. Da questo momento in poi i Collegi e la Federazione Ipasvi avranno un continuo sviluppo, registrando tutte le tappe della crescita e dei cambiamenti che hanno visto protagonista la professione infermieristica. Un primo passo importante fu convincere le infermiere, le assistenti sanitarie visitatrici e le vigilatrici d infanzia, religiose e laiche, ad iscriversi negli Albi professionali: i dati registrati nel 1959, in occasione del censimento nazionale degli esercenti le professioni sanitarie, mostrano i buoni risultati raggiunti, ma segnalano anche il perdurare di alcune difficoltà. Più benessere più possibilità di movimento, anche grazie al diffondersi delle automobili. Così finalmente la Federazione dei Collegi IPASVI per il Paese vi può indire il suo primo Congresso nazionale, svoltosi a Roma dal 31 maggio al 2 giugno del La sede scelta per la cerimonia inaugurale fu il Palazzo degli Uffici all EUR e registrò la partecipazione di tutte le massime autorità religiose, militari e civili, come recitavano abitualmente i giornali dell epoca. Anche se le fotografie sembrano raccontarci una realtà molto rigida e formale, il discorso di apertura dell allora presidente Laura Sterbini Gaviglio non fu affatto rituale: ripercorrendo le tappe dei dieci anni di vita dei Collegi, sottolineò tutte le difficoltà con le quali la professione si doveva confrontare, dalla mancanza di scuole statali e gratuite per la formazione, ai problemi di inquadramento contrattuale, alla più generale difesa della dignità della professione infermieristica, concludendo con l affermazione di essere ormai in tempi maturi per il raggiungimento di un sistema di sicurezza sociale. Estensione al personale maschile dell esercizio della professione di infermiere professionale : recita così la legge n. 124 del 25 febbraio 1971, con la quale si sancisce una vera rivoluzione nel mondo infermieristico. La storia della professione era stata fino a questo momento esclusivo appannaggio delle donne: una santa per proteggerle, quella matrona Fabiola che si dedicava all assistenza nell antica Roma, una donna come modello ideale, ovvero Florence Nightingale, e poi tante altre donne negli ospedali, nelle visite igieniche alle zone più difficili del Paese, nell assistenza all infanzia. Il lavoro infermieristico, visto come ausiliario e vocazionale, era giudicato particolarmente adatto alle donne e soprattutto alle religiose, che furono per molti anni la maggior parte del corpo infermieristico. Una situazione che produceva, come conseguenza forse non voluta, la curiosa anticipazione di un protagonismo femminile anche in ruoli di vertice, si pensi ad esempio alle due rappresentanti infermieristiche chiamate, di diritto, nel 1957 a far parte del Consiglio superiore di Sanità. Ma lo sviluppo della società porta progressivamente ad una radicale trasformazione del ruolo delle infermiere, che acquistano sempre più competenza e autonomia professionale. Dunque, anche per ragioni di equità sociale, la professione non può più essere preclusa agli uomini, ai quali oltretutto era invece già consentita la funzione di infermiere generico (e proprio sulla distinzione tra infermiere professionale e infermiere generico si aprirà un 14

15 non facile dibattito tra i legislatori, interessati a reclutare personale, e i Collegi IPASVI, preoccupati della tutela di una qualificazione professionale acquisita attraverso molti anni di studio). L immissione degli uomini nei ruoli professionali produrrà anche un accelerazione del cambiamento dei percorsi formativi, a cominciare dai Convitti che dovranno derogare all internato per i nuovi allievi. L Italia recepisce l Accordo europeo sull istruzione e formazione degli infermieri professionali (legge 15 novembre 1973, n. 795). Si tratta di una tappa importante nella storia della professione infermieristica: il documento sarà il punto di riferimento di tutto il processo di riordino normativo che si svilupperà dagli anni Settanta ad oggi. L Accordo di Strasburgo indica infatti i punti essenziali per una revisione dei programmi d insegnamento e definisce la funzione educativa del tirocinio pratico degli allievi. Per uniformarsi alle indicazioni europee, che prevedono 4600 ore di insegnamento, saranno elaborati nuovi programmi di studio e la durata dei corsi passerà da due a tre anni. L obiettivo è duplice: far crescere la qualità della formazione e consentire la possibilità per gli infermieri di lavorare nei vari Stati firmatari dell Accordo. A definire il campo delle attività e le competenze degli infermieri nel 1974 interviene il Dpr 225, il cosiddetto "mansionario", che modifica le precedenti norme di regolamentazione della professione risalenti al lontano La riforma del Servizio sanitario, che vedrà la luce nel 1978 con l approvazione della 833, è preceduta da un lungo periodo preparatorio in cui si pone mano al riordino delle attività delle professioni sanitarie. Nel complesso il "nuovo" mansionario viene accolto con favore dagli organismi di rappresentanza della professione che, pur sottolineandone alcune contraddizioni, al momento dell emanazione lo considerano una tappa importante del processo evolutivo dell assistenza infermieristica. Il testo tende a stabilire un diverso approccio con l assistito, non più visto solo come un malato con dei problemi clinici, ma come una persona che esprime bisogni psichici, fisici e sociali. In questa logica diventano fondamentali gli aspetti relazionali dell attività infermieristica, che viene valorizzata nelle sue funzioni, come evidenzia la stessa terminologia che viene usata nel Dpr. Ad esempio, il termine "eseguire", presente nel dettato normativo precedente, viene quasi sempre corretto con "programmare" e "promuovere iniziative"; inoltre viene introdotto il termine "coordinare" e soppresso "dipendere". Il mansionario estende il campo di attività infermieristica dall ospedale ai servizi di sanità pubblica e abbraccia i settori della prevenzione, della cura, della riabilitazione e dell assistenza sanitaria. Viene riconosciuto anche il ruolo didattico dell infermiere in rapporto all assistito e alle famiglie, ma anche nei confronti di altri operatori e degli allievi. In sintesi con il Dpr 225 l infermiere acquista una propria caratterizzazione professionale più adeguata ai tempi, a cui corrispondono il riconoscimento di una certa autonomia operativa e precise responsabilità relative alle attività individuate dal legislatore come specifiche: un elenco destinato, comunque, a invecchiare ben presto nell impatto con le trasformazioni indotte dal progresso scientifico e tecnologico. 15

16 Nel 1978 a dieci giorni dal Natale, presidente del Consiglio Giulio Andreotti, ministro della Sanità Tina Anselmi - uno schieramento parlamentare vastissimo, che in tempi recenti si è potuto rivedere solo in occasione dell elezione di Ciampi a Presidente della Repubblica, dopo anni di dibattiti e scontri diceva sì all istituzione di un Servizio sanitario nazionale pubblico con i soli voti contrari del Movimento sociale, del Partito Liberale e l astensione dei repubblicani (in tutto meno del 15% degli elettori dell epoca). Con una maggioranza quasi plebiscitaria, quindi, anche l Italia entrava nel club di quei Paesi che avevano scelto di dotarsi di un sistema nazionale di tutela della salute ponendo la prevenzione, la cura e la riabilitazione delle malattie tra i primi compiti della Repubblica. Le vecchie mutue, caratterizzate da evidenti sperequazioni tra le diverse categorie di assistiti, lasciavano il posto alle Usl, Unità sanitarie locali, che assumevano a proprio carico tutte le competenze in materia di assistenza sanitaria. Il finanziamento del sistema sarà assicurato dalla fiscalità generale (ma occorrerà attendere quasi un ventennio prima dell effettiva fiscalizzazione dei vecchi contributi malattia) e viene istituito il Fondo sanitario nazionale che entra a far parte di un apposito capitolo di spesa del Ministero del Tesoro. La riforma del 1978 sarà oggetto di moltissimi provvedimenti di modifica e integrazione, culminati nella prima grande riforma della riforma (quella del biennio 1992/93) che trasformò le Usl in Aziende sanitarie locali dotate di autonomia giuridica dando il via alla cosiddetta aziendalizzazione del sistema e dalla riforma ter (più nota come riforma Bindi dal ministro della sanità che la mise a punto) varata nel 1999, ma rimasta in gran parte ancora inattuata, soprattutto a causa del cambio di maggioranza seguito alle elezioni politiche del 2001 e dal contemporaneo avvio della riforma federalista dello Stato che ha rafforzato ulteriormente il ruolo delle Regioni nel governo della sanità. Sono circa mille i primi studenti che nell anno accademico 1992/93 varcano le soglie dell Università per frequentare i corsi di diploma universitario per infermiere, avviati in 18 Atenei italiani. L ingresso della formazione nell Università è il punto d arrivo di un decennio di battaglie portate avanti da tutta la professione per adeguare i percorsi formativi al ruolo di grande responsabilità svolto dagli infermieri in ogni struttura del sistema sanitario italiano e per entrare a pieno titolo in Europa. Questa esigenza si integra perfettamente con il complessivo disegno di riforma dell Università, varato nel 1990, che istituisce anche nel nostro Paese le "lauree brevi". Alla fine del 1992 viene emanato il Dlgs 502 (poi 517) che, oltre a definire le competenze dell Università, delle Regioni e delle Aziende del Ssn in materia di formazione infermieristica, stabilisce come requisito per l accesso alle scuole a ai corsi il possesso del diploma di scuola secondaria superiore di secondo grado di durata quinquennale. La nuova norma si prefigge di salvaguardare il patrimonio di esperienza didattica delle precedenti Scuole, prevedendo l accreditamento delle sedi idonee con l Università. Nel 1996/97 il periodo di transizione al nuovo sistema formativo si conclude con il passaggio definitivo 16

17 di tutta la formazione di base in ambito universitario. Sul diploma, accanto alla firma del Responsabile del corso, figura ora quella del Rettore dell Università. Il 1 luglio del 1994, per le strade di Roma sfilano 50mila lavoratori della sanità, infermieri professionali per la gran parte. Una manifestazione che chiedeva più attenzione per il sistema sanitario pubblico, in anni in cui la ricetta privatistica sembrava la soluzione di ogni problema, e soprattutto interventi per una migliore qualificazione delle professioni sanitarie, ovvero i nuovi profili professionali sui quali si discuteva da tempo ma che tardavano ad arrivare. Ma il lungo corteo romano rappresentò anche un momento di passaggio fondamentale per la costruzione di una nuova e più forte identità professionale: striscioni, cartelli, migliaia di palloncini mostrarono a tutti che gli infermieri di oggi erano lontani e diversi dagli stereotipi del passato. Tutti gli slogan ruotavano intorno a questa consapevolezza: Infermiere qualificato, paziente tutelato, Vogliamo migliorare per assistere e curare, ed anche, in una polemica ironica ma non priva di fondamento, Signor dottore ho commesso un gran reato, ho pensato, ho pensato. Senza dimenticare anche gli obiettivi immediati: Costa, Costa, vogliamo una risposta. E la risposta arrivò rapidamente, perché pochi mesi dopo, a settembre, l allora ministro della Sanità Raffaele Costa firmò il decreto ministeriale che definiva ruolo e funzioni degli infermieri professionali. Il profilo professionale è la pietra miliare nel processo di professionalizzazione dell attività infermieristica. Il decreto ministeriale 739/94 riconosce l infermiere responsabile dell assistenza generale infermieristica, precisa la natura dei suoi interventi, gli ambiti operativi, la metodologia del lavoro, le interrelazioni con gli altri operatori, gli ambiti professionali di approfondimento culturale e operativo, le cinque aree della formazione specialistica (sanità pubblica, area pediatrica, salute mentale/psichiatria, geriatria, area critica). Il profilo disegnato dal decreto è quello di un professionista intellettuale, competente, autonomo e responsabile. Analoga definizione dei campi di attività e delle competenze verrà successivamente stabilita anche per l infermiere pediatrico (Dm 70/97) e per altri 20 profili professionali, tra cui figurano quello dell assistente sanitario, dell ostetrica, del terapista della riabilitazione, del tecnico di laboratorio ecc. L attivazione del profilo si presenta come il banco di prova per verificare la compliance tra le aspirazioni e le potenzialità degli infermieri, che sono chiamati ad assumere - anche formalmente - la responsabilità di gestire autonomamente il processo assistenziale, dal momento decisionale a quello attuativo, valutativo e di confronto. Non più "professione sanitaria ausiliaria": finalmente questa anacronistica e impropria definizione attribuita agli infermieri viene definitivamente cancellata da una legge dello Stato. La legge 42/99 (Disposizioni in materia di professioni sanitarie) sancisce che il campo proprio di attività e di responsabilità della professione infermieristica è determinato dai contenuti del decreto istitutivo del profilo, dagli ordinamenti didattici dei rispettivi corsi di diploma universitario e di formazione post base, nonché dai Codici deontologici che la professione si dà. 17

18 A fissare gli ultimi tasselli al percorso di riordino della professione è la 251/2000 (Disciplina delle professioni sanitarie infermieristiche, tecniche, della riabilitazione, della prevenzione nonché della professione ostetrica). Questa legge stabilisce che gli infermieri in possesso dei titoli di studio rilasciati con i precedenti ordinamenti possono accedere alla laurea di secondo livello in Scienze infermieristiche. Passa così, dopo una lunga battaglia della Federazione Ipasvi, il principio dell equipollenza dei titoli ai fini della prosecuzione degli studi. Ma l importanza della 251 consiste soprattutto nel riconoscimento "formale" della dirigenza: per gli infermieri si aprono così le porte per l accesso alla nuova qualifica unica di dirigente del ruolo sanitario. In attesa dell entrata a regime della specifica disciplina concorsuale, disposizioni transitorie stabiliscono che le Aziende sanitarie possono comunque procedere all attribuzione degli incarichi di dirigente dei Servizi dell assistenza infermieristica e ostetrica "attraverso idonea procedura selettiva tra i candidati in possesso di requisiti di esperienza e qualificazione professionale predeterminati". A tali figure sono attribuite la responsabilità e la gestione delle attività di assistenza infermieristica e delle connesse funzioni, nonché la revisione dell organizzazione del lavoro incentivando modelli di assistenza personalizzata. I decreti del 2 aprile del 2001 sulla determinazione delle classi di laurea delle professioni sanitarie si inquadrano nel generale processo di riforma dell Università, che va avanti per armonizzarsi con lo scenario europeo: i corsi di diploma universitario per infermiere si trasformano così in laurea triennale e viene prevista la laurea specialistica nelle Scienze infermieristiche e ostetriche, a cui accedere sulla base dei crediti acquisiti nella formazione di base. Nella specifica classe di laurea riservata alle professioni sanitarie infermieristiche e alla professione sanitaria ostetrica sono collocati i profili dell infermiere, dell ostetrica e dell infermiere pediatrico. Il 2002 si apre con l emanazione di una legge che riguarda gli infermieri, la n. 1 dell 8 gennaio (Conversione in legge, con modificazioni del decreto legge 12 novembre 2001, n. 402, recante disposizioni urgenti in materia di personale sanitario). Il provvedimento, nato sulla spinta dell emergenza infermieristica, in realtà fissa alcuni principi di carattere più generale: riconosce agli infermieri dipendenti del S.S.N. la possibilità di svolgere attività liberoprofessionale all interno delle strutture della loro Amministrazione per garantire attraverso "prestazioni aggiuntive gli standard assistenziali nei reparti di degenza e l attività delle sale operatorie"; prevede la possibilità di riammettere in servizio infermieri che abbiano volontariamente risolto il rapporto di lavoro, stipulando contratti a tempo determinato; definisce le funzioni dell operatore socio-sanitario, ribadendo che esso svolge le sue attività "conformemente alle direttive del responsabile dell assistenza infermieristica od ostetrica o sotto la sua supervisione"; 18

19 valorizza la formazione complementare e attribuisce valore di titolo valutabile ai fini della carriera ai Master e agli altri corsi post base. Con decreto del 9 luglio 2004 il MIUR fissa le modalità e i contenuti delle prove di ammissione ai corsi di laurea specialistica in Scienze infermieristiche e con decreto del 27 luglio definisce i posti per le immatricolazioni. Il 1 ottobre, con un ulteriore decreto, riconosce ai fini dell'ammissione "in deroga al superamento dell'apposita prova" la posizione degli infermieri già in possesso dei titoli rilasciati dalle Scuole dirette a fini speciali e titolari, da almeno due anni, dell'incarico di direttore dei Servizi infermieristici o di direttore o coordinatore dei corsi di Laurea. Così, nell'anno accademico la Laurea specialistica diventa finalmente una realtà concreta e i corsi partono in 15 Atenei italiani. Un obiettivo che la Federazione e i Collegi Ipasvi hanno perseguito con tenacia, con il fine di offrire agli infermieri la possibilità di intraprendere percorsi formativi sempre più articolati e diversificati, che li rendano protagonisti attivi e competenti di un mondo sanitario in continuo sviluppo. La Laurea specialistica (o magistrale) non è una tappa formativa obbligatoria, ma un'opportunità per gli infermieri che intendano acquisire il livello professionale necessario ad esercitare specifiche funzioni nell'area clinico-assistenziale avanzata, nella gestione, nella formazione e nella ricerca. Formazione Anni di formazione Scolarità di base richiesta Possibilità di specializzazione riconosciuta Licenza media Si Aperto solo alle donne Ammissione al Si, fino al Aperto a terzo anno scuola 1982/1983, poi entrambi i sessi superiore NO Diploma di maturità TABELLA 1 I master sono previsti dal 1994 e attivati intorno al 1998 Limiti Durata Note Anni 2 Anni 3 Anni 3 Recepita normativa di Strasburgo del 1967 Corso di diploma universitario 19

20 L'attuale percorso formativo per diventare infermieri e per proseguire gli studi - una volta conseguito il titolo che abilita all'esercizio professionale - si sviluppa secondo le disposizioni del decreto del ministero dell'università del 3 novembre 1999, n Esso è articolato in più livelli. Laurea in Infermieristica (L) Ha l'obiettivo di assicurare allo studente un'adeguata padronanza di metodi e contenuti scientifici generali (180 Cfu. 1 credito = 30 ore). E' il titolo che abilita all'esercizio professionale (sostituisce i precedenti titoli di Infermiere professionale e di diploma universitario in Scienze infermieristiche). La durata accademicamente definita è di 3 anni. Laurea specialistica in Scienze infermieristiche (LS) Ha l'obiettivo di fornire allo studente una formazione di livello avanzato per l'esercizio di attività di elevata complessità (120 Cfu). La durata è di 2 anni. Master di primo livello Corso di approfondimento scientifico e alta formazione permanente e ricorrente in ambiti specifici (area critica, geriatria, pediatria, salute mentale, sanità pubblica, management infermieristico ecc.), successivo al conseguimento della laurea in Infermieristica (60 Cfu). Master di secondo livello Corsi di approfondimento scientifico e alta formazione permanente e ricorrente in ambiti specifici, successivo al conseguimento della laurea specialistica (60 Cfu). Dottorato di ricerca Fornisce le competenze necessarie per esercitare, presso Università, enti pubblici o soggetti privati, attività di ricerca e di alta qualificazione. Chi ha accesso al percorso formativo post laurea di base Hanno accesso alla formazione post base tutti gli infermieri in possesso del diploma di laurea in Infermieristica, rilasciato ai sensi della normativa vigente. Ma possono accedervi anche tutti gli altri infermieri e infermieri pediatrici (ovviamente in possesso del titolo di scuola secondaria superiore) grazie alla legge n. 1 del 2002 che ha reso validi i precedenti diplomi anche al fine del proseguimento degli studi. I precedenti diplomi erano comunque conseguiti in ottemperanza a precise direttive europee (Accordo di Strasburgo del 1967: 4600 ore di formazione) e davano e danno titolo all'esercizio professionale infermieristico in tutta l'unione Europea. 20

Uno sguardo alla storia della professione infermieristica

Uno sguardo alla storia della professione infermieristica Osservatorio La storia nella storia Chiara Pedercini* Uno sguardo alla storia della professione infermieristica attraverso l archivio del Collegio IPASVI di Brescia. INTRODUZIONE Il processo di professionalizzazione

Dettagli

Competenza e Ricerca

Competenza e Ricerca Competenza e Ricerca La ricerca è alla base del progresso infermieristico, dello sviluppo della disciplina e della professione. Metodologia della ricerca come presupposto per l acquisizione di una mentalità

Dettagli

Processo di professionalizzazione dell infermiere

Processo di professionalizzazione dell infermiere Università Cattolica del Sacro Cuore di Roma Facoltà di Medicina e Chirurgia Piccola Casa della Divina Provvidenza Ospedale Cottolengo di Torino Processo di professionalizzazione dell infermiere Sr. Anna

Dettagli

Infermieristica periodo istanze sociali 1900 1945

Infermieristica periodo istanze sociali 1900 1945 Storia Periodo delle istanze sociali 1900 1925 1940 Nascita del rene artificiale 1900 1940 Periodo dello sviluppo tecnico-scientifico 1954-1969 - 1974 Perfezionamento della tecnologia dialitica 1954-1974

Dettagli

LA NOSTRA STORIA ATTRAVERSO LE LEGGI. Inf. Preciso Inf. Rossi Cristian

LA NOSTRA STORIA ATTRAVERSO LE LEGGI. Inf. Preciso Inf. Rossi Cristian LA NOSTRA STORIA ATTRAVERSO LE LEGGI Katia Inf. Preciso Inf. Rossi Cristian REGIO DECRETO 16 agosto 1909 N. 615 Regolamento istituzione dei manicomi Primo riconoscimento giuridico dell infermiere con la

Dettagli

L accordo stato regioni sulla riforma delle professioni: il ruolo del coordinatore Sviluppo delle competenze infermieristiche

L accordo stato regioni sulla riforma delle professioni: il ruolo del coordinatore Sviluppo delle competenze infermieristiche L accordo stato regioni sulla riforma delle professioni: il ruolo del coordinatore Sviluppo delle competenze infermieristiche Dott. A. Zagari Giardini Naxos 2013 Alcune diapositive di questa presentazione

Dettagli

Evoluzione della professione infermieristica

Evoluzione della professione infermieristica BOZZA Evoluzione della professione infermieristica Aree di competenza-responsabilità nei nuovi scenari sanitari e socio sanitari Tavolo di lavoro Regioni-Ministero (revisione dei profili di competenza

Dettagli

IL QUADRO LEGISLATIVO

IL QUADRO LEGISLATIVO CAPITOLO TERZO IL QUADRO LEGISLATIVO 1. LA COSTITUZIONE Le leggi riportate in questo capitolo sono ordinate in senso cronologico per meglio mettere in evidenza la crescente sensibilità del legislatore

Dettagli

La Professione Infermieristica ieri, oggi e domani Leggi e Competenze. Orlando Pantaleo Responsabile UIT CO 118 Modena Soccorso

La Professione Infermieristica ieri, oggi e domani Leggi e Competenze. Orlando Pantaleo Responsabile UIT CO 118 Modena Soccorso La Professione Infermieristica ieri, oggi e domani Leggi e Competenze Orlando Pantaleo Responsabile UIT CO 118 Modena Soccorso NEGLI ULTIMI ANNI LA PROFESSIONE INFERMIERISTICA HA ACQUISITO SEMPRE PIÙ LA

Dettagli

EVOLUZIONE DELLA FORMAZIONE DELLE PROFESSIONI SANITARIE IN ITALIA. Lorena Martini

EVOLUZIONE DELLA FORMAZIONE DELLE PROFESSIONI SANITARIE IN ITALIA. Lorena Martini EVOLUZIONE DELLA FORMAZIONE DELLE PROFESSIONI SANITARIE IN ITALIA Lorena Martini 1 Il processo di professionalizzazione dell'infermiere è frutto di un lungo percorso di trasformazione che comincia a delinearsi

Dettagli

L Infermiere Coordinatore e la Professione Sanitaria di Infermiere

L Infermiere Coordinatore e la Professione Sanitaria di Infermiere . COORDINAMENTO NAZIONALE CAPOSALA Abilitati alle Funzioni Direttive dell'assistenza Infermieristica Regione Sicilia L Infermiere Coordinatore e la Professione Sanitaria di Infermiere A.G. La professione

Dettagli

Incontro di formazione in preparazione della selezioni per coordinatori. Legislazione e competenze degli infermieri

Incontro di formazione in preparazione della selezioni per coordinatori. Legislazione e competenze degli infermieri Incontro di formazione in preparazione della selezioni per coordinatori Legislazione e competenze degli infermieri 1 Le norme che costituiscono la professione infermieristica L.42/99 delle professioni

Dettagli

LA STORIA DELLA CROCE ROSSA. Istruttore D.I.U. Vanessa Seren Bernardone

LA STORIA DELLA CROCE ROSSA. Istruttore D.I.U. Vanessa Seren Bernardone LA STORIA DELLA CROCE ROSSA Istruttore D.I.U. Vanessa Seren Bernardone Henry Dunant (8 maggio 1828 30 ottobre 1910) 24 giugno1859 BATTAGLIA di SOLFERINO Henry Dunant organizza i soccorsi collaborando con

Dettagli

L università che cambia. Una nuova università. Come funziona l università Accesso all università RIFORMA UNIVERSITARIA

L università che cambia. Una nuova università. Come funziona l università Accesso all università RIFORMA UNIVERSITARIA L università che cambia Il volto e l organizzazione degli atenei in Italia è in continua trasformazione. Nell anno accademico 2001/2002, infatti, è stata applicata in tutti gli atenei la riforma universitaria

Dettagli

L anno, il giorno. del mese di, nella sede della Giunta Regionale della Campania TRA

L anno, il giorno. del mese di, nella sede della Giunta Regionale della Campania TRA Protocollo di Intesa tra la Seconda Università degli Studi di Napoli e la Regione Campania per la formazione di laureandi dei Corsi di Laurea delle Professioni Sanitarie L anno, il giorno. del mese di,

Dettagli

Il Movimento Internazionale di Croce Rossa e Mezzaluna Rossa

Il Movimento Internazionale di Croce Rossa e Mezzaluna Rossa Il Movimento Internazionale di Croce Rossa e Mezzaluna Rossa Argomenti Storia della Croce Rossa: fondatori e precursori Convenzioni di Ginevra del 1949 Movimento Internazionale di Croce Rossa e Mezzaluna

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato PECORARO SCANIO. Istituzione delle scuole di sessuologia clinica presso le università

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato PECORARO SCANIO. Istituzione delle scuole di sessuologia clinica presso le università Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 6253 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato PECORARO SCANIO Istituzione delle scuole di sessuologia clinica presso le università Presentata

Dettagli

Prof. Antonio De Palma

Prof. Antonio De Palma RUOLO E RESPONSABILITA DEL PROFESSIONISTA SANITARIO INFERMIERE Analisi comparata e studio esegetico-metodologico di parti campione delle norme di riforma delle professioni sanitarie infermieristiche Prof.

Dettagli

Evoluzione della professione infermieristica

Evoluzione della professione infermieristica BOZZA Evoluzione della professione infermieristica Aree di competenza nei nuovi scenari sanitari e socio sanitari Tavolo di lavoro Regioni-Ministero (sviluppo dei profili di competenza dell infermiere)

Dettagli

Innovazioni legislative, autonomia e status giuridico delle professioni sanitarie. Relatore Luca Benci

Innovazioni legislative, autonomia e status giuridico delle professioni sanitarie. Relatore Luca Benci Innovazioni legislative, autonomia e status giuridico delle professioni sanitarie Relatore Luca Benci Le professioni sanitarie nel XX secolo Medico Speziale Levatrice La dominanza medica: gli elementi

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI (emanato con Decreto Rettorale N. 645 del 12/03/2003) ART. 1 - Ambito di applicazione... 2 ART. 2 - Titoli per l accesso...

Dettagli

L anno il giorno.del mese di nella sede della Giunta Regionale della Campania TRA

L anno il giorno.del mese di nella sede della Giunta Regionale della Campania TRA Protocollo di Intesa tra l'università degli Studi di Napoli "Federico II" e la Regione Campania per la formazione di laureandi dei Corsi di Laurea delle Professioni Sanitarie L anno il giorno.del mese

Dettagli

Brescia, 11 febbraio 2012

Brescia, 11 febbraio 2012 Brescia, 11 febbraio 2012 Universita` Cattolica del Sacro Cuore Facolta` di Medicina e Chirurgia A. Gemelli Sede di Brescia CORSO DI LAUREA IN INFERMIERISTICA Requisiti per l ammissione al Corso di Laurea

Dettagli

Il Servizio Sociale e l Assistente Sociale

Il Servizio Sociale e l Assistente Sociale Il Servizio Sociale e l Assistente Sociale Cos è il Servizio Sociale? Per Servizio Sociale si intende l area di conoscenza scientificamente fondata, collocata all interno delle scienze sociali, e conseguentemente

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI PRIMO LIVELLO «MANAGEMENT PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTO NELLE PROFESSIONI SANITARIE» Direttore: Prof. Pietro Maria Navarra

MASTER UNIVERSITARIO DI PRIMO LIVELLO «MANAGEMENT PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTO NELLE PROFESSIONI SANITARIE» Direttore: Prof. Pietro Maria Navarra MASTER UNIVERSITARIO DI PRIMO LIVELLO «MANAGEMENT PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTO NELLE PROFESSIONI SANITARIE» Direttore: Prof. Pietro Maria Navarra Dott. Antonio Cannaò - EVOLUZIONE INFERMIERISTICA Assistenza

Dettagli

STORIA DELLA CROCE ROSSA

STORIA DELLA CROCE ROSSA STORIA DELLA CROCE ROSSA Corso Base Volontari Trento 28 gennaio 2013 Istruttore DIU Michele Beretta Perché?!?! Battaglia di Solferino/San Martino 24.06.1859 JEAN HENRY DUNANT (08.05.1828 30.10.1910) Creazione

Dettagli

Il Corso di Laurea in Infermieristica

Il Corso di Laurea in Infermieristica Sessione V: Il ruolo della formazione nella costruzione di una cultura geriatrica e multiprofessionale Il Corso di Laurea in Infermieristica Dott.ssa Paola Ferri Corso di Laurea in Infermieristica Università

Dettagli

Master Universitari in. Assistenza Infermieristica

Master Universitari in. Assistenza Infermieristica Anno accademico 2005-2006 Master per Infermiere di sanità pubblica e di comunità (ISPeC) Master Universitari in Assistenza Infermieristica autonomia didattica LAUREA RIFORMA UNIVERSITARIA crediti formativi

Dettagli

Febbraio Agosto 2011. Facoltà di MEDICINA E CHIRURGIA (Roma)

Febbraio Agosto 2011. Facoltà di MEDICINA E CHIRURGIA (Roma) Febbraio Agosto 2011 Facoltà di MEDICINA E CHIRURGIA (Roma) Universita` Cattolica del Sacro Cuore Facolta` di Medicina e Chirurgia A. Gemelli Sede di Brescia CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN INFERMIERISTICA

Dettagli

Relazione Dr. Felice Majori INQUADRAMENTO GIURIDICO DELLE PROFESSIONI SANITARIE

Relazione Dr. Felice Majori INQUADRAMENTO GIURIDICO DELLE PROFESSIONI SANITARIE Relazione Dr. Felice Majori INQUADRAMENTO GIURIDICO DELLE PROFESSIONI SANITARIE CHIARIMENTI PRELIMINARI L ACCORDO S/R 16.12.2012 SUI REQUISITI MINIMI, ORGANIZZATIVI, STRUTTURALI E TECNOLOGICI DELLE ATTIVITA

Dettagli

L'evoluzione della professione infermieristica

L'evoluzione della professione infermieristica L'evoluzione della professione infermieristica Corso Tutor 27/11/ 2013 Sr Anna Maria Derossi Elementi che differenziano le professioni intellettuali dalle altre occupazioni: un corpo di conoscenze teoriche

Dettagli

Fare clic sull'icona per inserire un'immagine. La formazione come crescita professionale. Ana Shiella C. Rivera Infermiera

Fare clic sull'icona per inserire un'immagine. La formazione come crescita professionale. Ana Shiella C. Rivera Infermiera Fare clic sull'icona per inserire un'immagine La formazione come crescita professionale Ana Shiella C. Rivera Infermiera La formazione Si definisce formazione il processo del formarsi con la maturazione

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Varata la Riforma dell accesso alle professioni e dei relativi esami di Stato

COMUNICATO STAMPA. Varata la Riforma dell accesso alle professioni e dei relativi esami di Stato COMUNICATO STAMPA Varata la Riforma dell accesso alle professioni e dei relativi esami di Stato Il Ministro Moratti: Professionisti più qualificati a tutela degli interessi dei cittadini Il Consiglio dei

Dettagli

La Professione Infermieristica ed il risk management: metodi e strumenti per migliorare la sicurezza del paziente

La Professione Infermieristica ed il risk management: metodi e strumenti per migliorare la sicurezza del paziente La disumanità dell uomo verso l uomo non si materializza soltanto negli atti corrosivi dei malvagi Si materializza anche nella corruttrice inattività dei buoni. M. L. King REGIONE SICILIA Azienda U.S.L.

Dettagli

Art. 1 (Definizione) Art. 2 (Requisiti)

Art. 1 (Definizione) Art. 2 (Requisiti) TESTO UNIFICATO AS 3236 1928-1645 Disposizioni in materia di professioni sanitarie infermieristiche, ostetriche, riabilitative, tecnico sanitarie e della prevenzione e delega al Governo per l istituzione

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II FACOLTÀ DI SOCIOLOGIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II FACOLTÀ DI SOCIOLOGIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II FACOLTÀ DI SOCIOLOGIA BANDO DI CONCORSO PER L AMMISSIONE AL MASTER DI II LIVELLO IN POLITICHE E SISTEMI SOCIOSANITARI: ORGANIZZAZIONE, MANAGEMENT E COORDINAMENTO

Dettagli

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ======================================================================

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ====================================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO 03.01.2016 Grado della Celebrazione: DOMENICA Colore liturgico: Bianco ============================================ II DOMENICA

Dettagli

Collegio Infermieri Professionali Assistenti Sanitari Vigilatrici d Infanzia Provinciale di Gorizia

Collegio Infermieri Professionali Assistenti Sanitari Vigilatrici d Infanzia Provinciale di Gorizia Collegio Infermieri Professionali Assistenti Sanitari Vigilatrici d Infanzia Provinciale di Gorizia EQUIVALENZA DEI TITOLI E in corso la procedura avviata da gennaio 2012 per le professioni sanitarie tecniche,

Dettagli

I master infermieristici in Area Critica

I master infermieristici in Area Critica WORKSHOP NAZIONALE ANIARTI Firenze 24 giugno 2006 - Palazzo dei Congressi I master infermieristici in Area Critica I corsi master per l area critica nelle università italiane: dove, quanti, come. Un indagine

Dettagli

Art. 1. Istituzione dei Servizi

Art. 1. Istituzione dei Servizi LEGGE REGIONALE 5 febbraio 2010, n.13 Istituzione dei servizi delle professioni sanitarie infermieristiche, ostetriche, riabilitative, tecnico sanitarie e tecniche della prevenzione e delle professioni

Dettagli

Evoluzione della professione di. Tecnico Sanitario di Radiologia Medica

Evoluzione della professione di. Tecnico Sanitario di Radiologia Medica BOZZA Evoluzione della professione di Tecnico Sanitario di Radiologia Medica TSRM con esperienze avanzate e professionista specialista Aree di competenza nei nuovi scenari sanitari e socio sanitari Tavolo

Dettagli

Questionario Informativo

Questionario Informativo Medicina del Dolore e Cure Palliative Questionario Informativo Gentile Signore, Gentile Signora, Le chiediamo solo pochi minuti del Suo tempo per compilare il presente questionario: poche domande che hanno

Dettagli

MANIFESTO DEGLI STUDI - A. A. 2008/2009 CORSO DI LAUREA IN INFERMIERISTICA PEDIATRICA

MANIFESTO DEGLI STUDI - A. A. 2008/2009 CORSO DI LAUREA IN INFERMIERISTICA PEDIATRICA MANIFESTO DEGLI STUDI - A. A. 008/009 CORSO DI LAUREA IN INFERMIERISTICA PEDIATRICA PREMESSA CARATTERISTICHE E FINALITA DEL CORSO Il di Laurea in Infermieristica Pediatrica, appartenente alla Classe delle

Dettagli

Pensando a questa domanda certamente a ognuno di noi verrà in mente una definizione per la parola "salute".

Pensando a questa domanda certamente a ognuno di noi verrà in mente una definizione per la parola salute. Bianca Rita Cannavò Pensando a questa domanda certamente a ognuno di noi verrà in mente una definizione per la parola "salute". Le nostre risposte sono condizionate: dalla nostra cultura, dall'educazione

Dettagli

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Testo aggiornato al 11 ottobre 2012 Decreto del Presidente del Consiglio dei ministri 26 luglio 2011 Gazzetta Ufficiale 18 agosto 2011, n. 191 Criteri e modalità per il riconoscimento dell equivalenza

Dettagli

CROCE ROSSA ITALIANA Ispettorato Regionale VV.d.S. Croce Rossa

CROCE ROSSA ITALIANA Ispettorato Regionale VV.d.S. Croce Rossa CROCE ROSSA ITALIANA Ispettorato Regionale VV.d.S. Storia della Croce Rossa CROCE ROSSA ITALIANA Ispettorato Regionale VV.d.S. Per favore grazie!!! Henry Dunant 1859 Battaglia Solferino Esercito Austro-Ungarico

Dettagli

E ora?!? cosa fare dopo la Laurea di I livello

E ora?!? cosa fare dopo la Laurea di I livello E ora?!? cosa fare dopo la Laurea di I livello Uno dei primi obiettivi della formazione è permettervi, come professionisti, di agire in scienza e coscienza. Esistono, in Italia, due percorsi che consentono

Dettagli

Sanitario) Data del DM di approvazione del ordinamento 19/04/2005 didattico. Data del DR di emanazione del ordinamento 19/04/2005 didattico

Sanitario) Data del DM di approvazione del ordinamento 19/04/2005 didattico. Data del DR di emanazione del ordinamento 19/04/2005 didattico Scheda informativa Università Classe Universita' degli Studi di PADOVA Nome del corso Data del DM di approvazione del ordinamento 19/04/2005 didattico Data del DR di emanazione del ordinamento 19/04/2005

Dettagli

ISTRUZIONE E FORMAZIONE

ISTRUZIONE E FORMAZIONE Dal mese di Giugno 1997 al mese di Novembre 2007 Nome e indirizzo del datore di lavoro Tipo di azienda o settore Tipo di impiego Principali mansioni e responsabilità In servizio presso la Neurochirurgia

Dettagli

1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL

1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL 1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL BENE COMUNE Una comunità di oltre 139 mila soci impegnati, nel quotidiano come nelle emergenze, in attività sociali e sanitarie di aiuto alle persone in difficoltà

Dettagli

Come è cambiata la figura dell infermiere dall inizio ad oggi. Quale il futuro

Come è cambiata la figura dell infermiere dall inizio ad oggi. Quale il futuro 6 TURIN CARDIOVASCULAR NURSING CONVENTION Sessione Etica professionale Come è cambiata la figura dell infermiere dall inizio ad oggi. Quale il futuro Torino, 14 ottobre 2010 Valerio Dimonte Valerio.dimonte@unito.it

Dettagli

Sede del corso : NOVARA - Facoltà di Medicina, Chirurgia e Scienze della Salute

Sede del corso : NOVARA - Facoltà di Medicina, Chirurgia e Scienze della Salute La presente scheda di approfondimento si riferisce ai corsi a immatricolazione nell a. a. 010-011. Per ulteriori informazioni si rimanda all Ufficio di Presidenza di Facoltà. Corso di Laurea in INFERMIERISTICA

Dettagli

Istituzione del Master universitario di I livello in Cure palliative e terapia del dolore per professioni sanitarie

Istituzione del Master universitario di I livello in Cure palliative e terapia del dolore per professioni sanitarie Testo aggiornato al 13 novembre 2012 Decreto ministeriale 4 aprile 2012 Gazzetta Ufficiale 16 aprile 2012, n. 89 Istituzione del Master universitario di I livello in Cure palliative e terapia del dolore

Dettagli

D.R. N. 1002/14 IL RETTORE

D.R. N. 1002/14 IL RETTORE D.R. N. 1002/14 IL RETTORE Vista la Legge 9 maggio 1989, n. 168, istitutiva del Ministero dell'università e della Ricerca Scientifica e Tecnologica; Vista la Legge n. 240 del 30 dicembre 2010; Visto lo

Dettagli

Vigente al: 05-03-2011 La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato;

Vigente al: 05-03-2011 La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato; LEGGE 19 novembre 1990, n. 341 Riforma degli ordinamenti didattici universitari. Vigente al: 05-03-2011 La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO. Ente Morale

PROGETTO EDUCATIVO. Ente Morale PROGETTO EDUCATIVO Scuola per l infanzia ASILO INFANTILE Suor Tarcisia PONCHIA Religiosa educatrice direttrice Presente nella scuola per 65 anni Scuola paritaria depubblicizzata Ente Morale con amministrazione

Dettagli

Disciplina organica della professione di Assistente sociale

Disciplina organica della professione di Assistente sociale PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa della Senatrice Anna Maria SERAFINI Disciplina organica della professione di Assistente sociale e Assistente sociale Specialista. Onorevoli Colleghi, nel corso degli ultimi

Dettagli

Data del DM di approvazione del ordinamento 14/03/2008 didattico. Data del DR di emanazione del ordinamento 19/03/2008 didattico

Data del DM di approvazione del ordinamento 14/03/2008 didattico. Data del DR di emanazione del ordinamento 19/03/2008 didattico Scheda informativa Università Universita' degli Studi di PADOVA Classe Nome del corso Data del DM di approvazione del ordinamento 14/03/2008 didattico Data del DR di emanazione del ordinamento 19/03/2008

Dettagli

LIBERA UNIVERSITA DEGLI STUDI S. PIO V STATUTO DI AUTONOMIA. Sezione prima. Disposizioni generali. Art. 1

LIBERA UNIVERSITA DEGLI STUDI S. PIO V STATUTO DI AUTONOMIA. Sezione prima. Disposizioni generali. Art. 1 LIBERA UNIVERSITA DEGLI STUDI S. PIO V STATUTO DI AUTONOMIA Sezione prima Disposizioni generali Art. 1 1. E istituita in Roma la Libera Università degli Studi S. Pio V, di seguito denominata Università.

Dettagli

www.ipasvicomo.it 12maggio Giornata dell internazionale infermiere

www.ipasvicomo.it 12maggio Giornata dell internazionale infermiere l infermiere Supplemento a Agorà n. 41 (1-2009) - Reg. Trib. Como 1/98 del 09/02/1998 - Direttore responsabile Stefano Citterio Impaginazaione e stampa a cura di Elpo Edizioni Como - info@elpoedizioni.com

Dettagli

INSIEME PER IL VOLONTARIATO

INSIEME PER IL VOLONTARIATO INSIEME PER IL VOLONTARIATO FARE SISTEMA AL SERVIZIO DELLA COMUNITÀ BERGAMASCA Bergamo, 24 gennaio 2013 Intervento di Carlo Vimercati Presidente Comitato di Gestione Fondi Speciali Lombardia Il convegno

Dettagli

IL MINISTRO DELL'ISTRUZIONE, DELL'UNIVERSITA' E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL'ISTRUZIONE, DELL'UNIVERSITA' E DELLA RICERCA MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL'UNIVERSITA' E DELLA RICERCA DECRETO 15 luglio 2014 Modalita' e contenuti della prova di ammissione ai corsi di laurea magistrale delle professioni sanitarie, per l'anno

Dettagli

EQUIVALENZA TITOLI DPCM 26 luglio 2011 (Gazzetta Ufficiale del 18 agosto 2011)

EQUIVALENZA TITOLI DPCM 26 luglio 2011 (Gazzetta Ufficiale del 18 agosto 2011) FINALITA EQUIVALENZA TITOLI DPCM 26 luglio 2011 (Gazzetta Ufficiale del 18 agosto 2011) Il Decreto di equivalenza, in applicazione a quanto preannunciato dalla Legge n 42/99 art 4 comma 2, riconosce ESCLUSIVAMENTE

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA Unità di Apprendimento - Anno Scolastico 2014-2015

RELIGIONE CATTOLICA Unità di Apprendimento - Anno Scolastico 2014-2015 Natura e finalità RELIGIONE CATTOLICA Unità di Apprendimento - Anno Scolastico 2014-2015 L insegnamento della religione cattolica si inserisce nel quadro delle finalità della scuola e contribuisce alla

Dettagli

Regolamento recante norme concernenti l autonomia didattica degli atenei

Regolamento recante norme concernenti l autonomia didattica degli atenei Testo aggiornato al 13 gennaio 2006 Decreto ministeriale 3 novembre 1999, n. 509 Gazzetta Ufficiale 4 gennaio 2000, n. 2 Regolamento recante norme concernenti l autonomia didattica degli atenei IL MINISTRO

Dettagli

Non più solo assistenza ma anche comunicazione e ricerca

Non più solo assistenza ma anche comunicazione e ricerca Non più solo assistenza ma anche comunicazione e ricerca Archivio Fondamentale ottobre 2013 L'infermiere che lavora nei reparti di oncologia ricopre un ruolo di primo piano nel percorso di cura e assistenza:

Dettagli

I numeri del soccorso che fanno unità

I numeri del soccorso che fanno unità I numeri del soccorso che fanno unità L unità d Italia è fatta anche dalla solidarietà, nell ambito sanitario essa si concretizza nella catena del soccorso. La Croce Rossa Italiana, il 118, il trapianto

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE MARCHIONI, FRONER

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE MARCHIONI, FRONER Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 3759 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI MARCHIONI, FRONER Disciplina delle attività professionali di estetista e di operatore di

Dettagli

Percorso storico-culturale della professione di Assistente Sociale

Percorso storico-culturale della professione di Assistente Sociale Percorso storico-culturale della professione di Assistente Sociale L assistenza verso i poveri ed i bisognosi è stata storicamente gestita dagli istituti ecclesiastici e dalle organizzazioni caritatevoli

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ATTIVAZIONE E L ORGANIZZAZIONE DEI MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO. (Emanato con D.R. n. 409 in data 07/04/2011)

REGOLAMENTO PER L ATTIVAZIONE E L ORGANIZZAZIONE DEI MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO. (Emanato con D.R. n. 409 in data 07/04/2011) REGOLAMENTO PER L ATTIVAZIONE E L ORGANIZZAZIONE DEI MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO (Emanato con D.R. n. 409 in data 07/04/2011) TITOLO I MASTER UNIVERSITARI DI PRIMO E DI SECONDO LIVELLO

Dettagli

Il Rettore. Decreto n. 44409 (352) Anno 2015

Il Rettore. Decreto n. 44409 (352) Anno 2015 Il Rettore Decreto n. 44409 (352) Anno 2015 VISTI gli articoli 16 e 17 del decreto del Presidente della Repubblica n. 162/82 e l articolo 6 della legge n. 341/90; VISTO l articolo 32 del Regolamento Didattico

Dettagli

Il documento sulle competenze specialistiche degli infermieri

Il documento sulle competenze specialistiche degli infermieri Il documento sulle competenze specialistiche degli infermieri Il documento una storia complessa che inizia nel 2011 con l attivazione di un tavolo congiunto tra il Ministero della salute e alcune Regioni

Dettagli

PEDAGOGSITI ED EDUCATORI ITALIANI ASSOCIATI. Articolo 1 L Associazione

PEDAGOGSITI ED EDUCATORI ITALIANI ASSOCIATI. Articolo 1 L Associazione PEDAGOGSITI ED EDUCATORI ITALIANI ASSOCIATI Articolo 1 L Associazione E costituita l Associazione Professionale di Categoria, denominata Pedagogisti ed Educatori Italiani Associati (P.ED.I.AS.), di seguito

Dettagli

Master Universitario di I livello

Master Universitario di I livello D.R. n 91/2012 Prot. n 209/2012 UNIVERSITA' TELEMATICA SAN RAFFAELE ROMA In convenzione con SPM 2004 S.r.l. Formazione Master Universitario di I livello In POLITICHE PER LE SOCIETÀ MULTIETNICHE E GESTIONE

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI ALTA FORMAZIONE, CORSI DI FORMAZIONE PERMANENTE E SUMMER / WINTER SCHOOL

REGOLAMENTO IN MATERIA DI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI ALTA FORMAZIONE, CORSI DI FORMAZIONE PERMANENTE E SUMMER / WINTER SCHOOL REGOLAMENTO IN MATERIA DI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI ALTA FORMAZIONE, CORSI DI FORMAZIONE PERMANENTE E SUMMER / WINTER SCHOOL Art.1 Ambito di applicazione 1.Il presente regolamento, emanato

Dettagli

Fism. Le sezioni primavera senza finanziamenti statali La denuncia della Federazione delle scuole materne

Fism. Le sezioni primavera senza finanziamenti statali La denuncia della Federazione delle scuole materne TUTTOSCUOLA.COM Fism. Le sezioni primavera senza finanziamenti statali La denuncia della Federazione delle scuole materne La FISM (Federazione Italiana delle Scuole Materne) denuncia la mancanza totale

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE LAFFRANCO, BIANCONI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE LAFFRANCO, BIANCONI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 572 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI LAFFRANCO, BIANCONI Disciplina della professione di educatore di asilo nido e istituzione

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA

SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA N. 1645-A Relazione orale Relatore Di Girolamo TESTO PROPOSTO DALLA 12ª COMMISSIONE PERMANENTE (IGIENE E SANITÀ) Comunicato alla Presidenza il 19 maggio 2004 PER

Dettagli

Riordinamento delle scuole dirette ai fini speciali, delle scuole di specializzazione e dei corsi di perfezionamento

Riordinamento delle scuole dirette ai fini speciali, delle scuole di specializzazione e dei corsi di perfezionamento Testo aggiornato al 9 dicembre 2005 Decreto del Presidente della Repubblica 10 marzo 1982, n. 162 Gazzetta Ufficiale 17 aprile 1982, n. 105 Riordinamento delle scuole dirette ai fini speciali, delle scuole

Dettagli

L' EVOLUZIONE DELLE NORME CHE REGOLANO L'ESERCIZIO DELLE FUNZIONI DI COORDINAMENTO NEL CONTRATTO DEL COMPARTO SANITA' PUBBLICA

L' EVOLUZIONE DELLE NORME CHE REGOLANO L'ESERCIZIO DELLE FUNZIONI DI COORDINAMENTO NEL CONTRATTO DEL COMPARTO SANITA' PUBBLICA L' EVOLUZIONE DELLE NORME CHE REGOLANO L'ESERCIZIO DELLE FUNZIONI DI COORDINAMENTO NEL CONTRATTO DEL COMPARTO SANITA' PUBBLICA a cura del Nucleo Promozione e Sviluppo Responsabile: Cesare Hoffer PREMESSA

Dettagli

Area critica ed emergenza sanitaria (1500 h 60 CFU)

Area critica ed emergenza sanitaria (1500 h 60 CFU) Master di I livello in Area critica ed emergenza sanitaria (1500 h 60 CFU) Anno Accademico 2015/2016 I edizione I sessione Art. 1 ATTIVAZIONE L Università degli Studi Niccolò Cusano Telematica Roma attiva

Dettagli

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca - Alta Formazione Artistica e Musicale Accademia di Belle Arti Mario Sironi - Sassari

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca - Alta Formazione Artistica e Musicale Accademia di Belle Arti Mario Sironi - Sassari Statuto Approvato con Decreto AFAM n. 273 del 6 settembre 2004. TITOLO I - Principi generali Art. 1 - Definizioni e riferimenti 1. In attuazione dell art. 33 della Costituzione, vista la legge 21 dicembre

Dettagli

Consiglio di Stato - Decisione n. 1994/2006. Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) ha pronunciato la seguente DECISIONE

Consiglio di Stato - Decisione n. 1994/2006. Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) ha pronunciato la seguente DECISIONE In tema di riscattabilità del diploma di infermiere professionale (Consiglio di Stato, Decisione 11.4.2006 n. 1994) Il ricorso, trattenuto in decisione all udienza del 13 gennaio 2006, è fondato. Il primo

Dettagli

Sistema Sanitario e la Pediatria in Grecia

Sistema Sanitario e la Pediatria in Grecia Sistema Sanitario e la Pediatria in Grecia Dr. Atanasio Kiriazopulos 20/06/2010 1 Argomenti della discussione Generalità Finanziamento Ospedali Medicina di Base Personale Medico Personale Infermieristico

Dettagli

STATUTO DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA ITALIAN UNIVERSITY LINE

STATUTO DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA ITALIAN UNIVERSITY LINE STATUTO DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA ITALIAN UNIVERSITY LINE 1 ITALIAN UNIVERSITY LINE...1 CAPO I...3 Disposizioni generali...3 Art. 1 - Istituzione...3 Art. 2 - Natura giuridica e fonti normative...3 Art.

Dettagli

TESTO UNIFICATO ADOTTATO DALLA COMMISSIONE PER I DISEGNI DI LEGGE N. 225, 254, 256, 429, 768 NT La Commissione Disposizioni in materia di

TESTO UNIFICATO ADOTTATO DALLA COMMISSIONE PER I DISEGNI DI LEGGE N. 225, 254, 256, 429, 768 NT La Commissione Disposizioni in materia di TESTO UNIFICATO ADOTTATO DALLA COMMISSIONE PER I DISEGNI DI LEGGE N. 225, 254, 256, 429, 768 NT La Commissione Disposizioni in materia di riconoscimento dell'agopuntura e della medicina omeopatica Art.

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

Bollettino Ufficiale Serie Ordinaria n.31 - Giovedì 04 agosto 2011 LA GIUNTA REGIONALE

Bollettino Ufficiale Serie Ordinaria n.31 - Giovedì 04 agosto 2011 LA GIUNTA REGIONALE Bollettino Ufficiale Serie Ordinaria n.31 - Giovedì 04 agosto 2011 D.g.r. 28 luglio 2011 - n. IX/2061 Determinazione in ordine alla promozione di iniziative di sviluppo e confronto tra aziende lombarde

Dettagli

UNIVERSITÀ degli STUDI di BRESCIA

UNIVERSITÀ degli STUDI di BRESCIA REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E LA DISCIPLINA DEI MASTER UNIVERSITARI, DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO O DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE approvato dal Senato Accademico nella seduta del 10.05.2013 n. 300/5609

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa della deputata VEZZALI. Istituzione della figura professionale

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa della deputata VEZZALI. Istituzione della figura professionale Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati XVII LEGISLATURA DISEGNI DI LEGGE E RELAZIONI DOCUMENTI CAMERA DEI DEPUTATI N. 3319 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa della deputata VEZZALI Istituzione della figura

Dettagli

Il ruolo dell Infermiere in sanità pubblica

Il ruolo dell Infermiere in sanità pubblica Il ruolo dell Infermiere in sanità pubblica L infermiere in sanità pubblica: (Master in sanità pubblica) Ha competenze specifiche nell area della prevenzione allo scopo di attuare interventi volti al miglioramento

Dettagli

Decreto 17 aprile 2003

Decreto 17 aprile 2003 Decreto 17 aprile 2003 Criteri e procedure di accreditamento dei corsi di studio a distanza delle università statali e non statali e delle istituzioni universitarie abilitate a rilasciare titoli accademici

Dettagli

L. 1 febbraio 2006, n. 43 (1).

L. 1 febbraio 2006, n. 43 (1). L. 1-2-2006 n. 43 Disposizioni in materia di professioni sanitarie infermieristiche, ostetrica, riabilitative, tecnico-sanitarie e della prevenzione e delega al Governo per l'istituzione dei relativi ordini

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA SENATO DELLA REPUBBLICA XIII LEGISLATURA DISEGNO DI LEGGE approvato dal Senato della Repubblica, il 9 giugno 1998, in un testo risultante dall'unificazione dei disegni di legge (V. Stampati nn. 251, 431,

Dettagli

formazione e lavoro Sabrina Laura Nart scegliere il master in affari e finanza Guida alla formazione e all esercizio della professione

formazione e lavoro Sabrina Laura Nart scegliere il master in affari e finanza Guida alla formazione e all esercizio della professione formazione e lavoro Sabrina Laura Nart scegliere il master in affari e finanza Guida alla formazione e all esercizio della professione Perché e come scegliere un master in Affari e Finanza, i master universitari

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE FARINA COSCIONI, MAURIZIO TURCO, BELTRANDI, BERNARDINI, MECACCI, ZAMPARUTTI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE FARINA COSCIONI, MAURIZIO TURCO, BELTRANDI, BERNARDINI, MECACCI, ZAMPARUTTI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 5425 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI FARINA COSCIONI, MAURIZIO TURCO, BELTRANDI, BERNARDINI, MECACCI, ZAMPARUTTI Disposizioni

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO DELLA SCUOLA DELL'INFANZIA ANGELO TOSO CASIER (TV)

PROGETTO EDUCATIVO DELLA SCUOLA DELL'INFANZIA ANGELO TOSO CASIER (TV) PROGETTO EDUCATIVO DELLA SCUOLA DELL'INFANZIA ANGELO TOSO CASIER (TV) 1 1. LA NASCITA DELLA SCUOLA Durante la 1^ guerra mondiale Gino Toso figlio di Angelo Toso, aveva un cuore grande e generoso, per questo

Dettagli

Schema di regolamento concernente la formazione iniziale degli insegnanti (Atto 205) PARERE APPROVATO

Schema di regolamento concernente la formazione iniziale degli insegnanti (Atto 205) PARERE APPROVATO Schema di regolamento concernente la formazione iniziale degli insegnanti (Atto 205) PARERE APPROVATO La Commissione VII (Cultura, scienza, istruzione), esaminato lo schema di decreto del Presidente della

Dettagli

UNICEF. organizzazione. Paola Bianchi Presidente UNICEF Cosenza. 23 marzo 2010

UNICEF. organizzazione. Paola Bianchi Presidente UNICEF Cosenza. 23 marzo 2010 UNICEF Missione e organizzazione Paola Bianchi Presidente UNICEF Cosenza 23 marzo 2010 I momenti principali della storia dell UNICEF (1) 11 Dic. 1946: l Assemblea Generale dell ONU istituisce l UNICEF

Dettagli

Consulenti del Lavoro Consiglio Nazionale dell Ordine Via Cristoforo Colombo, 456 00145 Roma

Consulenti del Lavoro Consiglio Nazionale dell Ordine Via Cristoforo Colombo, 456 00145 Roma Consulenti del Lavoro Consiglio Nazionale dell Ordine Via Cristoforo Colombo, 456 00145 Roma Regolamento della Formazione Continua Obbligatoria del Consulente del Lavoro per L Esercizio In Qualità Della

Dettagli