UNI.RIMINI S.P.A. ASSEMBLEA GENERALE DEI SOCI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "UNI.RIMINI S.P.A. ASSEMBLEA GENERALE DEI SOCI"

Transcript

1 UNI.RIMINI S.P.A. SOCIETA CONSORTILE PER L UNIVERSITA NEL RIMINESE ASSEMBLEA GENERALE DEI SOCI IN SEDUTA ORDINARIA APRILE 2005 RELAZIONE DEL PRESIDENTE ALLA PROPOSTA DI BILANCIO D ESERCIZIO 2004 Innanzi tutto desidero salutare e ringraziare tutti i Soci in concomitanza con la chiusura di questo mandato triennale del Consiglio di Amministrazione di Uni.Rimini S.p.A.. Questo ringraziamento è dovuto al fatto che i vari progetti che in questi anni abbiamo realizzato sono stati resi possibili dal contributo finanziario e dal sostegno strategico di tutti i Soci di questa Società. Non sarebbe stato possibile, infatti, raggiungere obiettivi ambiziosi e complessi come quelli che in questa sede intendiamo ottenere senza il fattivo contributi di tutte le realtà locali. Oggi, infatti, vogliamo brevemente enucleare tutti i risultati conseguiti da questa Società dal maggio 2002 suddividendoli in quattro grandi macro-categorie e ciò per offrire a tutti un quadro sintetico di quello che possiamo considerare un punto d arrivo ma anche un punto di partenza per le future realizzazioni. Possiamo indicare i settori nel seguente modo: 1. Sviluppo della didattica e dei Corsi di Laurea; 2. Sviluppo della Cittadella Universitaria; 3. Sviluppo della qualità e della ricerca scientifica; 4. Servizi agli studenti. Si è trattato di un lavoro di partnership stretta tra Uni.Rimini S.p.A., Università di Bologna sede di Rimini, Istituzioni locali ed Associazioni di Categoria. Un lavoro nel quale crediamo cominci ad identificarsi l intera città di Rimini e per questa ragione ancora più importante. 1/14

2 1. SVILUPPO DELLA DIDATTICA E DEI CORSI DI LAUREA Il mandato iniziale che era stato attribuito a questo Consiglio di Amministrazione prevedeva un espansione dell offerta formativa e ciò nella convinzione di tutti i Soci che fosse fondamentale, e lo è tuttora, raggiungere una soglia critica quantitativa in termini di studenti iscritti, Corsi di Laurea accreditati e Docenti presenti presso la nostra sede. Questo Consiglio di Amministrazione ha recepito in pieno il mandato societario conferendo a questo obiettivo una priorità massima e di conseguenza impegnandovi in maniera fattiva e costante il lavoro della dirigenza e di tutti i collaboratori. È noto infatti quanto sia difficile, lungo ed articolato il lavoro diplomatico nel quale siamo impegnati per ottenere il trasferimento a Rimini di un nuovo corso di laurea. Si tratta infatti di individuare un corso di laurea integrato con quelli già presenti, di reperire le necessarie risorse finanziarie, di ottenere la disponibilità dei docenti, di passare al vaglio burocratico degli organi accademici e questo solo per indicare i primi e più importanti passaggi che possono portare al risultato finale. In maniera molto sintetica elenchiamo di seguito tutti i corsi di laurea di nuova attivazione nell ultimo triennio, la sinteticità è legata ad esigenze di tempo ma vi posso assicurare che dietro ogni nuova acquisizione esiste una rete di relazioni che funziona da tessuto di sostegno per la didattica e da elemento catalizzatore per i futuri sviluppi nell ambito della ricerca scientifica. Corsi di laurea triennali in: 1. Controllo e qualità dei prodotti per la salute Facoltà di Farmacia; 2. Infermieristica Facoltà di Medicina e Chirurgia; 3. Scienze Motorie; 4. Educatore Sociale Facoltà Scienze della Formazione; Corsi di Laurea Specialistici in: 1. Economia e gestione dei sistemi turistici Facoltà di Economia; 2. Sistemi Informativi Aziendali Facoltà di Statistica 3. Sistemi e Comunicazioni della Moda Facoltà di Lettere e Filosofia 2/14

3 Master di I Livello in: 1. Economia ed Etica del Turismo Facoltà di Economia; 2. Revisione Contabile Facoltà di Economia; 3. Strategia e Pianificazione delle organizzazioni e degli Eventi Sportivi (realizzato in collaborazione con l Università di San Marino) Facoltà di Economia; 4. Mercato, Diritti e Consumi Facoltà di Economia; 5. Gestione e Sviluppo dei Servizi Turistici - Facoltà di Scienze Statistiche; 6. Management Farmaceutico: politiche aziendali per la salute dell uomo e dell ambiente Facoltà di Farmacia; 7. Responsabile dello sviluppo e dell applicazione dei programmi di attività motorie a fini sportivi e preventivi Facoltà di Scienze Motorie; 8. Tecnologie e Certificazioni Ambientali (gestito da Assoform) Facoltà di Chimica Industriale; 9. Master di I livello in Produzione e Cultura della Moda Collection Product Management (gestito da Assoform)- Facoltà di Lettere e Filosofia; 10. Ingegneria e Management dell Industria del Legno (gestito da Assoform)- Facoltà di Ingegneria; Come si può notare si tratta di una copiosa messe di corsi e master in conseguenza alla quale abbiamo incrementato notevolmente il numero delle immatricolazioni passando da 907 matricole nell anno accademico 2002/2003 alle del 2004/2005, con una crescita del 75,30% In conseguenza di tale risultato abbiamo potuto superare in termini di immatricolazioni ed anche di iscrizioni sia la sede di Ravenna che quella di Cesena. Gli iscritti attualmente risultano essere 5.200; quest ultimo dato inoltre acquista ancora maggior significatività alla luce del tasso di crescita dei laureati presso la nostra sede. Infatti, il massivo ingresso di nuovi immatricolati è stato in parte fortemente controbilanciato dalle uscite dovute al conseguimento della Laurea /14

4 Laureati Di seguito vorremmo anche esporre le immatricolazioni di questo anno accademico suddivise per Facoltà di pertinenza: SEDE DI RIMINI 1590 CHIMICA INDUSTRIALE 23 ECONOMIA - SEDE DI RIMINI 607 FARMACIA 109 LETTERE E FILOSOFIA 347 MEDICINA E CHIRURGIA 156 SCIENZE DELLA FORMAZIONE 177 SCIENZE MOTORIE 97 SCIENZE STATISTICHE 74 Da questi dati si può evincere quanto sia significativa la presenza della Facoltà di Economia sul nostro territorio ma anche la nuova spinta propulsiva proveniente da corsi già consolidati come Culture e tecniche del costume e della Moda o da nuovi corsi come Infermieristica o Scienze della Formazione. 4/14

5 Si badi bene che quando si parla della Facoltà di Economia non facciamo riferimento ai due corsi di laurea afferenti al Turismo, ma anche Economia ed Amministrazione delle imprese ed Economia e Management. Per ciò che concerne invece le caratteristiche qualitative di questo sviluppo abbiamo cercato di favorire l apertura a Rimini di Corsi di Laurea che rientrassero nelle tre grandi macro categorie sulle quali stiamo da più tempo lavorando: A. Economico - turistico a. Facoltà di Economia 1. Corso di Laurea in Economia del Turismo 2. Corso di Laurea in Economia e Management 3. Corso di Laura in Economia e Amministrazione della Imprese 4. Corso di Laurea in Economia e Gestione dei Servizi Turistici 5. Laurea Specialistica in Economia e Gestione dei Sistemi Turistici 6. Master di I livello in Economia ed Etica del Turismo 7. Master di I livello in Revisione Contabile 8. Master Internazionale di I Livello Strategia e Pianificazione delle organizzazioni e degli Eventi Sportivi (realizzato in collaborazione con l Università di San Marino) 9. Master di I livello in Mercato, Diritti e Consumi b. Facoltà di Scienze Statistiche 1. Corso di Laurea in Finanza e Assicurazioni 2. Corso di Laurea in Statistica ed Informatica per l Azienda 3. Laurea Specialistica in Sistemi Informativi Aziendali 4. Master di I livello in Gestione e Sviluppo dei Servizi Turistici - XII edizione B. Benessere, cura della persona e qualità della vita a. Facoltà di Farmacia 1. Corso di Laurea in Controllo e Qualità dei Prodotti per la Salute 2. Laurea Specialistica in Farmacia 3. Master di I livello in Management Farmaceutico: politiche aziendali per la salute dell uomo e dell ambiente b. Facoltà di Medicina e Chirurgia 5/14

6 1. Corso di Laurea in Infermieristica 2. Master di I livello in Coordinamento nell area infermieristica, ostetrica e tecnico sanitaria c. Facoltà di Chimica Industriale 1. Corso di Laurea in Tecnologie Chimiche per l Ambiente e per la Gestione dei Rifiuti 2. Master di I livello in Tecnologie e Controllo Ambientale nel ciclo dei Rifiuti (gestito da Assoform) d. Facoltà di Scienze Motorie 1. Corso di Laurea in Scienze Motorie 2. Master di I livello in Responsabile dello sviluppo e dell applicazione dei programmi di attività motorie a fini sportivi e preventivi e. Facoltà di Scienze della Formazione 1. Corso di Laurea in Educatore Sociale C. Moda e Immagine a. Facoltà di Lettere e Filosofia 1. Corso di Laurea in Culture e Tecniche del Costume e della Moda 2. Laurea Specialistica in Sistemi e Comunicazioni della Moda 3. Master di I livello in Produzione e Cultura della Moda Collection Product Management Abbiamo proseguito in questa direzione per tre ordini di motivi fondamentali: 1. perché senza dubbio questi ambiti formativi rispecchiano la struttura e la cultura del nostro sistema produttivo; 2. per i buoni risultati ottenuti in termini di immatricolazioni come già evidenziato nei precedenti elenchi; 3. perché in tal modo abbiamo individuato un target specifico nei confronti del quale poter avanzare richieste significative all Ateneo Bolognese legate all economia del nostro territorio; 6/14

7 Il fatto di aver seguito una strategia che si integra con il sistema locale di aziende ed Enti ha fatto sì che potessimo ricevere importanti apprezzamenti sul territorio per le scelte da noi compiute. Inoltre in conseguenza di ciò si sono già avviate collaborazioni importanti foriere di futuri sviluppi. A questo riguardo vorrei solo menzionarne alcune: - prosegue e si intensifica il rapporto di collaborazione tra le Aziende moda del territorio e l omologo Corso di Laurea; spesso riceviamo richieste di curricula di neo laureati, o studenti di master, da aziende che operano nel tessile-abbigliamento della provincia di Rimini; - ampi, anche se in fase di costruzione, sono anche i rapporti con il sistema delle palestre e con le associazioni di categorie soprattutto CNA e Confatigianato che le raggruppano. L idea poi di avviare una solida partnership tra la facoltà di Scienze motorie e il Festival del Fitness ha dato buoni risultati anche in termini di nuove iscrizioni; - numerosi apprezzamenti ci sono pervenuti dall AUSL in merito al Corso di Laurea in Infermieristica per il quale si prospettano importanti e sostanziali sviluppi con riferimento alla ricerca scientifica ed all integrazione con il sistema sanitario regionale. Proprio di questi giorni è la notizia che si stanno avviando le pratiche per l apertura a Rimini di un Dipartimento di Scienze Infermieristiche che sarebbe il primo in Italia. Fatta questa sintetica analisi possiamo dire che la crescita quantitativa dei Corsi di Laurea e degli studenti ha seguito un filo logico ben ragionato sul quale stiamo lavorando per costruire i futuri sviluppi. Naturalmente di pari passo all aumento dei corsi di Laurea si è registrato in questi tre anni un notevole incremento nella variabile per noi più importante: il numero dei Docenti incardinati: In termini sintetici sono passati da 58 nell anno accademico 2002/2003 a 84 nell anno accademico in corso con una crescita del 44,83%. In modo particolare è da riscontrare una grande crescita per Economia, Farmacia e Chimica Industriale, mentre qualche problema in più lo fa registrare il Corso di Laurea in Moda nonostante il boom delle iscrizioni. Nell ultimo anno diverse associazioni di categoria in primis Assindustria, CNA, Confartigianato, Confcommercio e API si sono rivolte a noi per avviare progetti di collaborazione con Facoltà e Corsi di Laurea su specifici obiettivi. Per esempio meritano una menzione speciale i progetti che coinvolgono il Corso di Laurea in Moda e le aziende del settore tessile aderenti a CNA e Confartigianto. 7/14

8 L insieme di queste iniziative aumenta il radicamento sul nostro territorio dei Docenti perseguendo in tal modo un duplice obiettivo: 1. favorire la presenza in termini qualitativi e quantitativi dei Docenti a favore degli studenti per ricevimenti e tesi di laurea; 2. attirare nuovi docenti interessati ad incardinarsi presso la sede riminese, anche se qui, e maggiormente lo vedremo in seguito, un ruolo fondamentale lo gioca l attivazione di specifici progetti di ricerca scientifica. 2. SVILUPPO DELLA CITTADELLA UNIVERSITARIA Anche in questo settore in questi ultimi tre anni sono stati compiuti notevoli passi in avanti che ora vorrei qui brevemente elencare: 1. apertura della sede presso l Ex Valgimigli: questa sede consta di 473 mq, suddivisi tra 9 aule destinate alla didattica per un totale di 377 posti studenti, due laboratori di anatomia ed uffici di segreteria e Presidenza della Facoltà di Scienze Motorie Lo stabile, in affitto, ha un onere distribuito tra Uni.Rimini e Polo Scientifico Didattico di Rimini; 2. Avvio definitivo dei lotto 2.1 del L.B. Alberti destinato alle Associazioni studentesche, ARSTUD, Servizi studenti, Ufficio Relazioni con il Pubblico del Polo di Rimini (260 mq); 3. Avvio definitivo del lotto 2.4 del L.B. Alberti destinato alla Facoltà di Economia con mq 1.326, suddivisi in 6 aule per un totale di posti studenti pari a 486 e tre uffici.; 4. Consolidamento degli uffici per i docenti (300 mq per n. 25 uffici + una saletta riunioni da circa 30 posti) della Facoltà di Lettere Filosofia presso lo stabile Palazzo dei Diamanti, l affitto di questa sede è stato stornato all Università di Bologna; 5. Apertura degli uffici di Presidenza della Facoltà di Chimica Industriale per 85 mq suddivisi in 5 uffici docenti; affitto a Carico di Uni.Rimini; 6. Apertura della Sala di Studio situata in Via Tonti è predisposta per accogliere 80 studenti oltre ad avere altre 12 postazioni computer (mq totali 270); 7. Sono in fase di completamento i lavori di ristrutturazione del Navigare Necesse per mq totali pari a 1.050; 8/14

9 8. Sono in fase di completamento i lavori di ristrutturazione presso i lotti 2.2 e 2.5 del L.B. Alberti per totale di mq; 9. Apertura della Sede per la Facoltà di Scienze della Formazione e per i Laboratori Chimico Farmaceutici presso Palazzo Briolini per mq; metà di tale metri sono attualmente in gestione al Liceo Classico G. Cesare ; 10. Apertura della Sede Master di Via XX Settembre n. 122 per mq complessivi pari a 275 suddivisi in numero 4 aule (per un totale di 80 posti), 4 uffici più un laboratorio informatico da 16 postazioni; 11. Acquisizione parziale in comodato d uso gratuito dal Comune di Rimini del Lotto 2.7 del L.B. Alberti per un totale di 974 mq destinato a 5 aule per la didattica per 330 posti studenti e agli uffici di Presidenza del Corso di Laurea in Infermieristica della Facoltà di Medicina e Chirurgia; 12. convenzioni con Palestre in particolare per la Facoltà di Scienze Motorie, desidero ringraziare il Comune di Rimini, il Comune di Riccione e la Fondazione CARIM di averci dato gratuitamente l usufrutto di strutture da noi poi attrezzate Le operazioni summenzionate hanno riguardato complessivamente mq con una crescita dell 86,95 % della superficie messa a disposizione della didattica e degli uffici docenti. Le cifre in gioco per realizzare questo risultato sono le seguenti: Affitti spesi annualmente da Uni.Rimini: ,00 Affitti spesi annualmente dall Università e dal Polo: ,00 Investimenti compiuti dall Università per le strutture summenzionate: ,00 Cifre spese da Unirimini nel 2004 per attrezzature: ,00 Cifre spese da Unirimini nel biennio per attrezzature e arredi: ,00 Cifre spese da Unirimini per le progettazioni nel triennio : ,00 Si tratta come si può notare di cifre importanti ma che vanno nella direzione di fornire agli studenti e ai docenti le migliori condizioni strutturali per poter lavorare. 9/14

10 Ora possiamo dire con i mq totali attuali la sede riminese possegga una dotazione di aule almeno sufficiente e che lo sforzo di Uni.Rimini, assieme al Comune, per realizzare il Progetto Cittadella Universitaria, stia dando buoni frutti. Stiamo poi lavorando attivamente per i nuovi progetti che qui vorrei solo elencare ma che costituiranno il cardine progettuale e strutturale del prossimo triennio: - L. B. Alberti lotto 2.5; - Palace Hotel; - Biblioteca Via Vittime Civili di Guerra; 3. SVILUPPO DELLA QUALITÀ E DELLA RICERCA SCIENTIFICA Rispetto agli altri due punti fino a qui evidenziati quello della ricerca scientifica è forse l ambito nel quale si sono fatti registrare sviluppi meno evidenti anche se non del tutto assenti e questo per due ordini di motivi fondamentali: 1. perché la ricerca richiede investimenti cospicui e continuativi nel tempo per poter dare risultati importanti; 2. perché risulta complesso accordare esigenze diverse espresse, dai committenti della ricerca, dai Docenti Universitari e da chi già nel nostro territorio si occupa di specifici ambiti investigativi. Ciò non di meno questo è un ambito fondamentale al quale stiamo cercando di dedicare risorse finanziarie ed umane e presso il quale sono stati in ogni caso ottenuti alcuni risultati. Infatti dobbiamo innanzitutto sfatare il mito che la ricerca scientifica richieda un laboratorio o una sede strutturata ed un gruppo di ricercatori impegnati costantemente presso il luogo d investigazione. Oggi i moderni sistemi di comunicazione permettono di mettere in rete i risultati scientifici ottenuti in qualsiasi parte del mondo e di far circolare i semilavorati della ricerca in qualsiasi momento e da qualsiasi luogo. 10/14

11 Oggi, quindi, il tema principale da affrontare è quello di riuscire a localizzare a Rimini il cosiddetto Brainware della ricerca e cioè il Sistema pensante dal quale poi far partire gli specifici progetti e di ottenere una concreta ricaduta in termini di output scientifici per il sistema produttivo locale. Inoltre, è necessario tenere ben distinte le modalità investigative della ricerca scientifica delle scienze naturali da quelle attinente alle scienze sociali: La prima, in particolare a noi interessa quella Chimico farmaceutica richiede grossi investimenti sia in risorse umane, che in attrezzature e in materiali di laboratorio; mentre la seconda richiede soprattutto investimenti in risorse umane alle quali poi delegare specifici progetti di interesse sia locale che nazionale. Fatta questa breve disamina vorrei in ogni caso ribadire come alcuni progetti di ricerca siano stati avviati con successo e qui di seguito ne elenco le caratteristiche peculiari: 1. Il Corso di Laurea in Tecnologie Chimiche per l ambiente e la gestione dei Rifiuti della Facoltà di Chimica Industriale presieduto dal Prof. Morselli ha ottenuto un finanziamento pari ad ,00, che andrà a coprire il 47,93% dei costi previsti (pari a ,00), da fondi regionali ed europei per ricerche nell ambito del riciclaggio dei rifiuti. Il progetto (LITCAR) riguarda la creazione di un laboratorio integrato in tecnologie e controllo ambientale nel ciclo di vita dei rifiuti. Il laboratorio a rete è costituito da 13 partecipanti, 14 Sponsor e da 11 manifestazioni di interesse, complessivamente coinvolge 38 tra istituzioni, Enti ed Associazioni. La sede operativa sarà presso l ARPA Rimini, inoltre sarà disponibile uno studio per la documentazione e l elaborazione di dati messo a disposizione da Uni.Rimini. Per lo sviluppo delle attività previste dal LITCAR si prevede di impiegare nuovo personale, circa 17 unità, tra cui assegnisti, Contrattisti, Dottorati, Borsisti, ecc. Nella nostra città sarà insediato il coordinamento ( il Brainware) e saranno presenti 3 unità di personale di ricerca ed uno amministrativo. 2. Il Prof. Cantelli Forti ha pianificato l incardinamento a Rimini di ben 13 nuovi docenti universitari della Facoltà di Farmacia ai quali verranno affidate altrettante postazioni di ricerca presso lo stabile Briolini attrezzate con un importante lascito degli Ex Monopoli di Stato. I Docenti verranno poi impegnati su specifici progetti di ricerca soprattutto nell ambito della cosmesi, della qualità del Farmaco e degli alimenti naturali e biologici. Sarà poi fondamentale in un secondo momento individuare possibili committenti per la ricerca a livello sia locale che nazionale al fine di permettere la creazione di un vero e 11/14

12 proprio centro di ricerca che si muova autonomamente con propri finanziamenti e conseguenti margini operativi. Inoltre abbiamo ricevuto dal Prof. Capodaglio l elenco dei progetti di ricerca che sono stati commissionati direttamente all Università da Enti e società private a livello sia locale che nazionale per un ammontare complessivo di ,58. Su questi cardini intendiamo costruire un vero e proprio sistema per la ricerca scientifica a Rimini però non solo nell ambito chimico e farmacologico che naturalmente possiede un appeal ed un esigenza intrinseca di ricerca innegabili. Vogliamo infatti dare impulso anche alla ricerca in ambito economico e statistico. In modo particolare proprio questi giorni sono stati avviati tra Polo Scientifico Didattico di Rimini, UniRimini S.p.A. e Provincia i primi contatti per addivenire alla costituzione di un ufficio statistico di Polo nel quale far confluire tutta una serie di dati afferenti al sistema degli studenti universitari riminesi sia iscritti presso la nostra università che presso altre università Italiane. Uno degli scopi che potremmo realizzare con questo centro ricerche è quello di favorire l interconnessione tra il sistema delle imprese locali ed anche nazionali ed i neo-laureati per poter poi offrire al tessuto produttivo un importante serbatoio di risorse umane motivate e formate ad un livello universitario. Oltre tutto vorremmo andare ad indagare in merito a: - esisti occupazionali di tutti i nostri laureati; - congruità tra tirocinio formativo svolto ed effettivo ingresso a contratto presso l impresa nella quale è stato svolto lo stage; - percezione del livello qualitativo del neo assunto da parte dell azienda; - percezione della congruità dello studio svolto con la posizione professionale acquisita. Da ultimo, ma non meno importante, vorrei citare il definitivo avvio presso le strutture accademiche del Polo della Scuola Superiore di Studi Turistici composta da docenti di diverse 12/14

13 discipline già attivi ed incardinati a Rimini, con la finalità di offrire consulenze, formazione e studi statistici sui flussi turistici del nostro territorio e del territorio nazionale in genere. 4. SERVIZI AGLI STUDENTI In quest ultima parte della relazione vorrei dare una brevissima menzione dei due importanti progetti che abbiamo messo in campo a favore degli studenti. Se infatti il nostro sforzo principale è diretto a realizzare il radicamento della docenza e dei corsi non dobbiamo dimenticare che senza l utenza studentesca ogni nostro sforzo sarebbe vano. E pertanto importante sviluppare iniziative che permettano ai giovani di fruire efficacemente del servizio formativo offerto dall università ed in questa direzione in questi anni abbiamo optato per le seguenti realizzazioni: La Sala di Studio: inaugurata nell ottobre 2003 e gestita da una cooperativa locale. La Sala di Studio è predisposta ad accogliere 80 studenti ed al suo interno ha 12 postazioni PC collegate a Internet. Per allestire ed arredare la suddetta sala Uni.Rimini Spa ha investito Attualmente gli studenti iscritti per l ottenimento della tessera d ingresso sono circa e ciò testimonia il fatto di aver dato risposta ad un importante esigenza della popolazione studentesca locale. Il Palace Hotel: progettato per essere adibito a studentato (300 posti). Il Palace Hotel ha ottenuto un finanziamento da parte del Ministero della Pubblica Istruzione, Università e Ricerca pari ,00 e il giorno 4 aprile si è avuta la pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale del provvedimento legislativo. UniRimini ha svolto un ruolo fondamentale per l ottenimento di questo finanziamento in quanto ha finanziato, per un ammontare di ,00, la progettazione preliminare ed esecutiva. Senza tale lavoro, infatti, non sarebbe stato possibile redigere l intera documentazione richiesta dal Ministero per l Università. Partiranno infine a breve, ne abbiamo appena avuto comunicazione uffciale, i lavori per la Biblioteca in via Vittime Civili di Guerra che dovrà rispondere alle eigenze di studio e ricerca dell intero Polo riminese. Come si può vedere si tratta di 2 iniziative, una già funzionante e ben avviata l altra invece con tutti i requisiti finanziari ed organizzativi per essere realizzata nei prossimi anni, che permettono ad 13/14

14 Uni.Rimini di qualificarsi quale Ente attento a tutte le esigenze dell Università: abbiamo infatti cercato di dare risposte sia ai docenti che agli studenti universitari. Ribadisco l importanza, a quest ultimo proposito, di offrire al sistema abitativo universitario dei meccanismi calmieranti come ad esempio lo studentato che non può assolutamente sopperire alla domanda di alloggi degli studenti ma può cominciare a definire una sorta di listino prezzi di riferimento. CONCLUSIONI Le conclusioni sono intrinseche a quanto già ampiamente esposto in questa relazione e cioè: siamo a metà del guado. Alle spalle abbiamo una serie di realizzazioni importanti compiute da questo Consiglio d Amministrazione con il contributo finanziario dei Soci ma davanti a noi abbiamo il completamento di un opera che dovrà conferire alla nostra città la caratteristica peculiare di Città Universitaria a tutti gli effetti. Rimini, quindi, città del turismo ma anche degli Studi, due caratteristiche unite dal fatto di attirare genti da tutta Europa e di permettere al nostro territorio di crescere in stretta simbiosi con le dinamiche internazionali. Da ultimo, vorrei ringraziare tutti i dipendenti e i collaboratori di Uni.Rimini senza il cui lavoro tutto ciò non sarebbe stato possibile. Grazie. 14/14

IL POLO RIMINESE DELL UNIVERSITÀ DI BOLOGNA IL PROGETTO

IL POLO RIMINESE DELL UNIVERSITÀ DI BOLOGNA IL PROGETTO IL POLO RIMINESE DELL UNIVERSITÀ DI BOLOGNA IL PROGETTO ATTUALMENTE IL POLO SCIENTIFICO DIDATTICO DI RIMINI CONTA: > N 1 Facoltà (ECONOMIA) > N 11 Corsi di Laurea Triennali > N 1 Corsi di Laurea Specialistica

Dettagli

Ufficio Statistica. NELLA PROVINCIA DI RIMINI Anno Accademico 2008 / 2009

Ufficio Statistica. NELLA PROVINCIA DI RIMINI Anno Accademico 2008 / 2009 Ufficio Statistica 8 OSSERVATORIO ISTRUZIONE UNIVERSITARIA NELLA PROVINCIA DI RIMINI Anno Accademico 2008 / 2009 Coordinamento: Dott.ssa Rossella Salvi Rilevazione ed elaborazione dati: Nicola Loda Fonte:

Dettagli

Rapporto di Riesame annuale Università della Basilicata Anno 2014-15

Rapporto di Riesame annuale Università della Basilicata Anno 2014-15 Rapporto di Riesame annuale Università della Basilicata Anno 2014-15 Denominazione del Corso di Studio: Scienze Chimiche Classe : LM-54 Scienze e Tecnologie Chimiche Dipartimento: Scienze Sede : Potenza

Dettagli

Discorso per Piano strategico Atri, 30 maggio 2009. Il polo universitario quale opportunità di recupero della centralità territoriale

Discorso per Piano strategico Atri, 30 maggio 2009. Il polo universitario quale opportunità di recupero della centralità territoriale Discorso per Piano strategico Atri, 30 maggio 2009 Il polo universitario quale opportunità di recupero della centralità territoriale 1) Breve storia di Atri e dei corsi L Università degli studi di Teramo

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO delle SCIENZE APPLICATE

LICEO SCIENTIFICO delle SCIENZE APPLICATE LICEO SCIENTIFICO delle SCIENZE APPLICATE (Ex Liceo Scientifico Tecnologico) Liceo delle Scienze Applicate ovvero l evoluzione della più importante sperimentazione degli ultimi venti anni, quella del Liceo

Dettagli

6. PATRIMONIO 6.1 EDILIZIA

6. PATRIMONIO 6.1 EDILIZIA 6. PATRIMONIO 6.1 EDILIZIA L attività edilizia dell Università dell Insubria è attualmente molto intensa e di notevole impegno economico in entrambe le sedi di Varese e Como. La realizzazione di questi

Dettagli

ALLEGATOA alla Dgr n. 1136 del 01 settembre 2015 pag. 1/8

ALLEGATOA alla Dgr n. 1136 del 01 settembre 2015 pag. 1/8 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATOA alla Dgr n. 1136 del 01 settembre 2015 pag. 1/8 PROTOCOLLO D INTESA PER LA FORMAZIONE DELLE PROFESSIONI SANITARIE DI CUI ALLA L. 251/2000. TRA la Regione del Veneto

Dettagli

Polo funzionale 11 Università

Polo funzionale 11 Università Polo funzionale 11 Università Comune: Ravenna Fig.1 INQUADRAMENTO TERRITORIALE Polo n. 11-1 Fig.2 INQUADRAMENTO URBANO Scala 1:10.000 ELENCO UNITÀ DEL POLO FUNZIONALE: Famiglia attività (l.r. 20/2000):

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE DI CORSI PER MASTER UNIVERSITARIO, CORSI DI PERFEZIONAMENTO E CORSI DI AGGIORNAMENTO E FORMAZIONE PERMANENTE Art. 1 Definizione 1. L Università promuove, ai sensi della normativa

Dettagli

Punti di forza (max 1000 caratteri, spazi inclusi) Punti di debolezza (max 1000 caratteri, spazi inclusi)

Punti di forza (max 1000 caratteri, spazi inclusi) Punti di debolezza (max 1000 caratteri, spazi inclusi) Relazione annuale della CP di Dipartimento di INGEGNERIA INDUSTRIALE sul CdS L-9 Ingegneria Meccanica Cirelli Marco, Dariva Jacopo, Melchiorri Matteo, Montanari Indicare i componenti della Roberto, Petracci

Dettagli

Questionario per gli studenti laureandi nei corsi di laurea Facoltà di Giurisprudenza, Sapienza, Università di Roma

Questionario per gli studenti laureandi nei corsi di laurea Facoltà di Giurisprudenza, Sapienza, Università di Roma Anno 2010 Questionario per gli studenti laureandi nei corsi di laurea Facoltà di Giurisprudenza, Sapienza, Università di Roma Il questionario, anonimo, serve a conoscere in modo sistematico le opinioni

Dettagli

U N I C A M. Sicurezza delle produzioni animali _3 anni. Medicina Veterinaria _5 anni a ciclo unico _a numero programmato

U N I C A M. Sicurezza delle produzioni animali _3 anni. Medicina Veterinaria _5 anni a ciclo unico _a numero programmato U N I C A M Facoltà di Medicina Veterinaria L-38 Corso di laurea in Sicurezza delle produzioni animali _3 anni LM-42 Corso di laurea magistrale in Medicina Veterinaria _5 anni a ciclo unico _a numero programmato

Dettagli

RELAZIONE ATTIVITÀ I SEMESTRE A.A. 2014-2015

RELAZIONE ATTIVITÀ I SEMESTRE A.A. 2014-2015 RELAZIONE ATTIVITÀ I SEMESTRE A.A. 2014-2015 Breve introduzione La Commissione Accompagnamento al Lavoro del Dipartimento di Studi e Ricerche Aziendali (Management & Information Technology), muovendo dalle

Dettagli

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CORSO DI MASTER UNIVERSITARIO INTERFACOLTÀ DI I LIVELLO IN BIOTECH MANAGEMENT

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CORSO DI MASTER UNIVERSITARIO INTERFACOLTÀ DI I LIVELLO IN BIOTECH MANAGEMENT REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CORSO DI MASTER UNIVERSITARIO INTERFACOLTÀ DI I LIVELLO IN BIOTECH MANAGEMENT a) Obiettivi e finalità del Master Il cuore del percorso didattico del Corso di Master universitario

Dettagli

Indagine sulle opinioni degli studenti frequentanti in ordine alle attività didattiche (art.1 comma 2, della legge 19/10/1999, n.

Indagine sulle opinioni degli studenti frequentanti in ordine alle attività didattiche (art.1 comma 2, della legge 19/10/1999, n. Indagine sulle opinioni degli studenti frequentanti in ordine alle attività didattiche (art.1 comma 2, della legge 19/10/1999, n. 73) anno accademico 2008/2009 Aprile 2010 INDICE 1. Obiettivi 2. Metodologia

Dettagli

QUESTIONARIO. Grazie

QUESTIONARIO. Grazie QUESTIONARIO Il questionario, anonimo, serve a rilevare in modo sistematico le opinioni degli studenti che hanno completato un corso di studi. Queste conoscenze potranno aiutare a valutare la qualità dei

Dettagli

Corsi di laurea nell ambito Tecnico-Scientifico FARMACEUTICO - MEDICO - VETERINARIO

Corsi di laurea nell ambito Tecnico-Scientifico FARMACEUTICO - MEDICO - VETERINARIO Corsi di laurea nell ambito Tecnico-Scientifico AREA SANITA I corsi di laurea sono obbligatoriamente a CICLO UNICO, C.U., solo nel comparto SALUTE - SANITA, composto da tre settori: FARMACEUTICO - MEDICO

Dettagli

Conferenza di Ateneo sulla Didattica La valutazione della qualità della didattica 26 febbraio 2015 Dipartimento di Filosofia Comunicazione Spettacolo

Conferenza di Ateneo sulla Didattica La valutazione della qualità della didattica 26 febbraio 2015 Dipartimento di Filosofia Comunicazione Spettacolo Conferenza di Ateneo sulla Didattica La valutazione della qualità della didattica 26 febbraio 2015 Dipartimento di Filosofia Comunicazione Spettacolo All interno del Dipartimento di Filosofia, Comunicazione

Dettagli

Fondazione per l Università a Brindisi

Fondazione per l Università a Brindisi Fondazione per l Università a Brindisi Una Fondazione gestita dagli Enti pubblici e privati del territorio brindisino per il coordinamento e la promozione dell offerta formativa universitaria che altre

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA AZIENDALE

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA AZIENDALE REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA AZIENDALE Art. 1 Oggetto del Regolamento Il presente Regolamento disciplina l'organizzazione didattica e lo svolgimento delle attività formative del

Dettagli

Il Campus Universitario di Savona

Il Campus Universitario di Savona Il Campus Universitario di Savona www.campus-savona.it Il Campus Universitario di Savona offre alla città il vanto di un nuovo modello di Ateneo. Studio, Ricerca e Lavoro qui si coniugano in perfetta sinergia

Dettagli

I Facoltà di Medicina e Chirurgia. Master di II Livello in. Salute Mentale e Benessere dello Sportivo e del Praticante Attività Fisica

I Facoltà di Medicina e Chirurgia. Master di II Livello in. Salute Mentale e Benessere dello Sportivo e del Praticante Attività Fisica I Facoltà di Medicina e Chirurgia Master di II Livello in Salute Mentale e Benessere dello Sportivo e del Praticante Attività Fisica (Codice Corso di Studio da inserire nel bollettino di immatricolazione:

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA LA SAPIENZA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA LA SAPIENZA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA LA SAPIENZA FACOLTA DI INGEGNERIA BANDO PER L AMMISSIONE AL MASTER DI II LIVELLO IN ARCHITETTURA, TECNOLOGIA ED ORGANIZZAZIONE DELL OSPEDALE Anno Accademico 2007 2008 Codice

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA LA SAPIENZA FACOLTA DI INGEGNERIA BANDO PER L AMMISSIONE

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA LA SAPIENZA FACOLTA DI INGEGNERIA BANDO PER L AMMISSIONE FACOLTA DI INGEGNERIA BANDO PER L AMMISSIONE AL MASTER DI II LIVELLO IN ARCHITETTURA, TECNOLOGIA ED ORGANIZZAZIONE DELL OSPEDALE Anno Accademico 2008 2009 Codice Corso di Studio: 10805 Art. 1 Per l anno

Dettagli

Le risposte alle domande più frequenti Analisi e Gestione dei Fenomeni Sociali, Organizzativi e Territoriali 1. Si trova facilmente lavoro?

Le risposte alle domande più frequenti Analisi e Gestione dei Fenomeni Sociali, Organizzativi e Territoriali 1. Si trova facilmente lavoro? Le risposte alle domande più frequenti sul Corso di Laurea triennale in Analisi e Gestione dei Fenomeni Sociali, Organizzativi e Territoriali Facoltà di Scienze Politiche Università del Piemonte Orientale,

Dettagli

L ISTRUZIONE UNIVERSITARIA NELLA PROVINCIA DI RIMINI

L ISTRUZIONE UNIVERSITARIA NELLA PROVINCIA DI RIMINI L ISTRUZIONE UNIVERSITARIA NELLA PROVINCIA DI RIMINI 1) GLI STUDENTI UNIVERSITARI RESIDENTI NELLA PROVINCIA DI RIMINI 1 Nell anno accademico 2003/2004 i riminesi iscritti a Corsi di Laurea (vecchio e nuovo

Dettagli

DIZIONARIO UNIVERSITARIO

DIZIONARIO UNIVERSITARIO DIZIONARIO UNIVERSITARIO ANNO ACCADEMICO L anno accademico può essere suddiviso in due periodi dell anno in cui frequentare le lezioni e dare gli esami. In genere il primo periodo dura da ottobre a gennaio,

Dettagli

1. Un Percorso per l Inserimento Lavorativo per i laureandi

1. Un Percorso per l Inserimento Lavorativo per i laureandi 1. Un Percorso per l Inserimento Lavorativo per i laureandi Il Programma PIL dell Università di Ferrara è stato attivato inizialmente (a.a. 2001-02): - come un Corso formativo universitario parallelo allo

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA DIREZIONE AMMINISTRATIVA Servizio Disabilità Carta dei servizi Art. 1 Principi Generali Il Servizio Disabilità dell Università di Padova trova il suo fondamento operativo

Dettagli

Banca dati dell offerta e verifica del possesso dei requisiti minimi

Banca dati dell offerta e verifica del possesso dei requisiti minimi Dal sito del Ministero dell'istruzione, Universita' e Ricerca Decreto Ministeriale 27 gennaio 2005 prot. n. 15/2005 Banca dati dell offerta e verifica del possesso dei requisiti minimi VISTO il decreto

Dettagli

Andrea Cammelli. Tavolo Conoscenza, Educazione e Cultura Rapporto: Formazione Universitaria

Andrea Cammelli. Tavolo Conoscenza, Educazione e Cultura Rapporto: Formazione Universitaria Andrea Cammelli Tavolo Conoscenza, Educazione e Cultura Rapporto: Formazione Universitaria La formazione universitaria a Bologna Indice del Rapporto finale Questioni rilevanti Offerta formativa universitaria

Dettagli

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA. Decreto Ministeriale 27 gennaio 2005 prot. n. 15/2005

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA. Decreto Ministeriale 27 gennaio 2005 prot. n. 15/2005 MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA Decreto Ministeriale 27 gennaio 2005 prot. n. 15/2005 Banca dati dell offerta e verifica del possesso dei requisiti minimi VISTO il decreto legislativo

Dettagli

Scuola di Scienze e Tecnologie. corso di laurea (I livello) Matematica e applicazioni

Scuola di Scienze e Tecnologie. corso di laurea (I livello) Matematica e applicazioni Scuola di Scienze e Tecnologie corso di laurea (I livello) Matematica e applicazioni L-35 3 anni sede UNICAM: Camerino crediti complessivi da acquisire: 180 www.unicam.mat.it www.sst.unicam.it/sst/ Presentazione

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI STUDIO

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI STUDIO UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI STUDIO in Scienze e Tecniche Psicologiche dei Processi Mentali CLASSE L 24, ai SENSI DEL D.M. 270/2004 A.A. 2014-2015 TITOLO I - SCIENZE

Dettagli

L università che cambia. Una nuova università. Come funziona l università Accesso all università RIFORMA UNIVERSITARIA

L università che cambia. Una nuova università. Come funziona l università Accesso all università RIFORMA UNIVERSITARIA L università che cambia Il volto e l organizzazione degli atenei in Italia è in continua trasformazione. Nell anno accademico 2001/2002, infatti, è stata applicata in tutti gli atenei la riforma universitaria

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN MARKETING E QUALITÀ

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN MARKETING E QUALITÀ REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN MARKETING E QUALITÀ Art. 1 Oggetto del Regolamento Il presente Regolamento disciplina l organizzazione didattica e lo svolgimento delle attività

Dettagli

I PIANI DI STUDIO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZE INFERMIERISTICHE ED OSTETRICHE. una prima indagine comparativa

I PIANI DI STUDIO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZE INFERMIERISTICHE ED OSTETRICHE. una prima indagine comparativa I PIANI DI STUDIO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZE INFERMIERISTICHE ED OSTETRICHE una prima indagine comparativa Obiettivi dell indagine Individuare le scelte comuni, le differenze ed eventuali

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA. Facoltà di Medicina e Chirurgia. LAUREA MAGISTRALE IN Scienze infermieristiche ed ostetriche

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA. Facoltà di Medicina e Chirurgia. LAUREA MAGISTRALE IN Scienze infermieristiche ed ostetriche UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA Facoltà di Medicina e Chirurgia LAUREA MAGISTRALE IN Scienze infermieristiche ed ostetriche REGOLAMENTO DIDATTICO - ANNO ACCADEMICO 2007-2008 DESCRIZIONE Il Corso

Dettagli

MISSION E STORIA. La nostra Mission: La Scienza per l Uomo. L istituzione e la sua organizzazione. Quattro tappe della nostra storia

MISSION E STORIA. La nostra Mission: La Scienza per l Uomo. L istituzione e la sua organizzazione. Quattro tappe della nostra storia MISSION E STORIA La nostra Mission: La Scienza per l Uomo L Università Campus Bio-Medico di Roma promuove strutture integrate d insegnamento, ricerca e assistenza sanitaria, perseguendo come fine ultimo

Dettagli

FACOLTÀ di FAMACIA. Anno accademico 2011-12. Didattica e Ricerca nelle SCIENZE del FARMACO e dei Prodotti per la SALUTE per

FACOLTÀ di FAMACIA. Anno accademico 2011-12. Didattica e Ricerca nelle SCIENZE del FARMACO e dei Prodotti per la SALUTE per www.farmacia.uniba.it FACOLTÀ di FAMACIA Anno accademico 2011-12 Didattica e Ricerca nelle SCIENZE del FARMACO e dei Prodotti per la SALUTE per imparare a conoscere, progettare, preparare ed usare il farmaco

Dettagli

IL RETTORE. VISTO il Regolamento Didattico di Ateneo (R.D.A.) emanato con D.R. n. 2440 del 16 luglio 2008 e s.m.i.;

IL RETTORE. VISTO il Regolamento Didattico di Ateneo (R.D.A.) emanato con D.R. n. 2440 del 16 luglio 2008 e s.m.i.; DR/2013/3422 del 28/10/2013 Firmatari: MANFREDI GAETANO U.S.R. IL RETTORE VISTO lo Statuto di Ateneo emanato con Decreto Rettorale n. 2897 del 04.09.2013; VISTO il Decreto Ministeriale 22 ottobre 2004

Dettagli

Università della Valle d'aosta Université de la Vallée d'aoste BILANCIO DI PREVISIONE 2014 (COEP) 2014/2016 (COFI)

Università della Valle d'aosta Université de la Vallée d'aoste BILANCIO DI PREVISIONE 2014 (COEP) 2014/2016 (COFI) Università della Valle d'aosta Université de la Vallée d'aoste BILANCIO DI PREVISIONE 2014 (COEP) 2014/2016 (COFI) Premessa La relazione di accompagnamento al bilancio di previsione dell esercizio 2013,

Dettagli

Università degli Studi di SIENA

Università degli Studi di SIENA Page 1 of 6 Università degli Studi di SIENA Relazione del NdV Indicazioni e raccomandazioni home Appendice degli Allegati 4. Descrizione e valutazione delle modalità e dei risultati della rilevazione dell'opinione

Dettagli

Alla proposta di istituzione di un nuovo corso di laurea in Design della moda

Alla proposta di istituzione di un nuovo corso di laurea in Design della moda Nucleo di valutazione interna RELAZIONE TECNICA In ordine Alla proposta di istituzione di un nuovo corso di laurea in Design della moda per l a.a. 2005/2006 Venezia, 17 febbraio 2005 1 Indice 1. Premessa...

Dettagli

L Università degli Studi dell Aquila. Il job placement dell Università. Placement AQUILA 7-11-2007 16:32 Pagina 1

L Università degli Studi dell Aquila. Il job placement dell Università. Placement AQUILA 7-11-2007 16:32 Pagina 1 Placement AQUILA 7-11-2007 16:32 Pagina 1 L Università degli Studi dell Aquila Il job placement dell Università Di antiche tradizioni, il nostro Ateneo trae origine dal cinquecentesco Aquilanum Collegium

Dettagli

MANIFESTO DEGLI STUDI Anno Accademico 2014/15

MANIFESTO DEGLI STUDI Anno Accademico 2014/15 MANIFESTO DEGLI STUDI Anno Accademico 2014/15 INDICE >OFFERTA FORMATIVA< TEST E PROVE DI ACCESSO IMMATRICOLAZIONI ISCRIZIONI AD ANNI SUCCESSIVI AL PRIMO ISCRIZIONI A CORSI SINGOLI STUDENTI DECADUTI O RINUNCIATARI

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA LA SAPIENZA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA LA SAPIENZA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA LA SAPIENZA FACOLTA DI INGEGNERIA BANDO PER L AMMISSIONE AL MASTER DI II LIVELLO IN ARCHITETTURA, TECNOLOGIA ED ORGANIZZAZIONE DELL OSPEDALE Anno Accademico 2007 2008 Codice

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II SCUOLA POLITECNICA E DELLE SCIENZE DI BASE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II SCUOLA POLITECNICA E DELLE SCIENZE DI BASE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II SCUOLA POLITECNICA E DELLE SCIENZE DI BASE DIPARTIMENTO DI SCIENZE CHIMICHE GUIDA DELLO STUDENTE CORSO DI LAUREA IN CHIMICA IDUSTRIALE Classe delle Lauree in

Dettagli

Livello di soddisfazione dei laureandi

Livello di soddisfazione dei laureandi Trasparenza versione S.U.A. Questa versione della scheda per la trasparenza è stata predisposta per il supporto alla compilazione della Scheda Unica Annuale Opzioni: I dati includono i laureati di corsi

Dettagli

CORSO DI LAUREA MAGISTRALE INTERCLASSE IN SOCIETÀ E SVILUPPO LOCALE

CORSO DI LAUREA MAGISTRALE INTERCLASSE IN SOCIETÀ E SVILUPPO LOCALE CORSO DI LAUREA MAGISTRALE INTERCLASSE IN SOCIETÀ E SVILUPPO LOCALE Classe delle Lauree Magistrali in Servizio sociale e politiche sociali (LM-87) Sede didattica del Corso di Laurea Magistrale: Alessandria

Dettagli

Regolamento Didattico del Corso di laurea di II livello in: MANAGEMENT. Classe delle lauree specialistiche 84/S Scienze economico-aziendali

Regolamento Didattico del Corso di laurea di II livello in: MANAGEMENT. Classe delle lauree specialistiche 84/S Scienze economico-aziendali Regolamento Didattico del Corso di laurea di II livello in: MANAGEMENT Classe delle lauree specialistiche 84/S Scienze economico-aziendali ART. 1 Istituzione del corso di laurea in Management (MGT) Presso

Dettagli

Firenze. - Locali di Villa Ruspoli Piazza Indipendenza, 8 50129 - Firenze.

Firenze. - Locali di Villa Ruspoli Piazza Indipendenza, 8 50129 - Firenze. Il Rettore Decreto n. 2210 (12) Anno 2014 VISTI gli articoli 16 e 17 del decreto del Presidente della Repubblica n. 162/82 e l articolo 6 della legge n. 341/90; VISTO l articolo 32 del Regolamento Didattico

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA VERBALE DELLA RIUNIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DI ATENEO DEL 5/12/2002

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA VERBALE DELLA RIUNIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DI ATENEO DEL 5/12/2002 Oggi in Pavia, alle ore 16.00, presso l Ufficio per gli Studi di Valutazione, si riunisce il Nucleo di Valutazione dell'ateneo. Il Nucleo è stato convocato dal Presidente con lettera del 25/11/2002. Risultano

Dettagli

ELENCO DEI TRATTAMENTI: INFORMAZIONI DI BASE ALLEGATO B

ELENCO DEI TRATTAMENTI: INFORMAZIONI DI BASE ALLEGATO B ELENCO DEI TRATTAMENTI: INFORMAZIONI DI BASE ALLEGATO B Identificativo sintetica 1.1 Dati anagrafico-fiscali per affidamenti di incarico, per missioni dei egati Rettore, per acquisti di beni e servizi,

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO in INNOVAZIONE E MANAGEMENT NELLE AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE (MIMAP)

MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO in INNOVAZIONE E MANAGEMENT NELLE AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE (MIMAP) Università di Roma Tor Vergata Facoltà di Economia Dipartimento studi Sull impresa MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO in INNOVAZIONE E MANAGEMENT NELLE AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE (MIMAP) Anno Accademico

Dettagli

Bologna 76% Urbino 14,8% Milano 2,0% Ferrara 1,8% Ancona 1,5% Altri atenei 4,6%

Bologna 76% Urbino 14,8% Milano 2,0% Ferrara 1,8% Ancona 1,5% Altri atenei 4,6% L ISTRUZIONE UNIVERSITARIA NELLA PROVINCIA DI RIMINI 1) GLI STUDENTI UNIVERSITARI RESIDENTI NELLA PROVINCIA DI RIMINI 1 Il monitoraggio degli studenti riminesi iscritti a corsi di laurea, scuole di specializzazione

Dettagli

SECONDA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI REGOLAMENTO DIDATTICO DELLA FACOLTA DI ARCHITETTURA INDICE. Titolo I Organi rappresentativi... pag.

SECONDA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI REGOLAMENTO DIDATTICO DELLA FACOLTA DI ARCHITETTURA INDICE. Titolo I Organi rappresentativi... pag. SECONDA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI REGOLAMENTO DIDATTICO DELLA FACOLTA DI ARCHITETTURA INDICE Titolo I Organi rappresentativi... pag. 2 art. 1 Organi della Facoltà di Architettura... pag. 2 art.

Dettagli

CORSO DI MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO in TECNOLOGIE FARMACEUTICHE E ATTIVITA REGOLATORIE

CORSO DI MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO in TECNOLOGIE FARMACEUTICHE E ATTIVITA REGOLATORIE CORSO DI MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO in TECNOLOGIE FARMACEUTICHE E ATTIVITA REGOLATORIE UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA IN COLLABORAZIONE CON CONSORZIO INTERUNIVERSITARIO DI TECNOLOGIE FARMACEUTICHE

Dettagli

Accademia Belle Arti L.R. Rosario Gagliardi Siracusa

Accademia Belle Arti L.R. Rosario Gagliardi Siracusa PARERE AI SENSI DELL ART. 11 C. 2 DPR 212/05 Accademia Belle Arti L.R. Rosario Gagliardi Siracusa approvato dal Consiglio Direttivo il 24 luglio 2014 Doc 16/2014 1 L Agenzia Nazionale di Valutazione del

Dettagli

GUIDA PER GLI STUDENTI

GUIDA PER GLI STUDENTI Direzione per la Didattica e l Orientamento GUIDA PER GLI STUDENTI SERVIZI PER L INCLUSIONE E L APPRENDIMENTO UFFICIO DISABILITÀ E D.S.A. Pagina 2 INDICE Il S.I.A. Servizi per l Inclusione e l Apprendimento

Dettagli

IL TECNICO DIRIGENTE DEL NUOVO ENTE LOCALE

IL TECNICO DIRIGENTE DEL NUOVO ENTE LOCALE FACOLTA DI INGEGNERIA BANDO PER L AMMISSIONE AL MASTER DI II LIVELLO IL TECNICO DIRIGENTE DEL NUOVO ENTE LOCALE Anno Accademico 2007 2008 Codice Corso di Studio da inserire nel bollettino di immatricolazione:

Dettagli

Guida alla compilazione del Rapporto di Autovalutazione

Guida alla compilazione del Rapporto di Autovalutazione Roma, gennaio 2011 Guida alla compilazione del Rapporto di Autovalutazione associato al Modello CRUI per l'aq dei CdS universitari di Alfredo Squarzoni GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEL RAPPORTO DI AUTOVALUTAZIONE

Dettagli

Classe 24 Scienze e Tecnologie Farmaceutiche Corso di Laurea in Scienze e Tecnologie del Fitness e dei Prodotti della Salute

Classe 24 Scienze e Tecnologie Farmaceutiche Corso di Laurea in Scienze e Tecnologie del Fitness e dei Prodotti della Salute Classe 24 Scienze e Tecnologie Farmaceutiche Corso di Laurea in Scienze e Tecnologie del Fitness e dei Prodotti della Salute Presidente del Comitato Tecnico Prof. Pierluigi Pompei e-mail pete.pompei@unicam.it

Dettagli

RELAZIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE 2000

RELAZIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE 2000 RELAZIONE DEL 2000 EXECUTIVE SUMMARY La presente relazione si riferisce all attività dell Ateneo nell anno accademico 1999/2000, con alcune anticipazioni sull anno accademico 2000/2001, ed è articolata

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TOR VERGATA UN IDEA PER SUPPORTARE LA DESTINAZIONE ITALIA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TOR VERGATA UN IDEA PER SUPPORTARE LA DESTINAZIONE ITALIA UN IDEA PER SUPPORTARE LA DESTINAZIONE ITALIA 22 Febbraio 2016 La nostra VISION La nostra MISSION Il supporto alle idee dei nostri laureati Il supporto alla formazione specialistica della Pubblica Amministrazione

Dettagli

TRA. con deliberazione del Consiglio di Amministrazione in data.;

TRA. con deliberazione del Consiglio di Amministrazione in data.; CONVENZIONE QUADRO TRA L ALMA MATER STUDIORUM - UNIVERSITÀ DI BOLOGNA, IL COMUNE DI FAENZA, LA SOCIETÀ TERRE NALDI E LA FONDAZIONE FLAMINIA RELATIVA AL SOSTEGNO DEGLI ONERI PER IL FUNZIONAMENTO DEI CORSI

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA. Nucleo di Valutazione

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA. Nucleo di Valutazione UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA Nucleo di Valutazione Relazione sulla rilevazione delle opinioni degli studenti laureandi per l anno solare 2009 Roma 11 Maggio 2010 INDICE INTRODUZIONE 3 CARATTERISTICHE

Dettagli

Indagine mercato del lavoro Laboratori ARCHA Srl Anno 2015

Indagine mercato del lavoro Laboratori ARCHA Srl Anno 2015 Pisa, 18/12/2015 Indagine a cura del Responsabile Analisi Fabbisogni formativi (Dott.ssa Fabrizia Turchi) Indagine mercato del lavoro Laboratori ARCHA Srl Anno 2015 Oggetto dell indagine - Situazione neolaureati

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Varata la Riforma dell accesso alle professioni e dei relativi esami di Stato

COMUNICATO STAMPA. Varata la Riforma dell accesso alle professioni e dei relativi esami di Stato COMUNICATO STAMPA Varata la Riforma dell accesso alle professioni e dei relativi esami di Stato Il Ministro Moratti: Professionisti più qualificati a tutela degli interessi dei cittadini Il Consiglio dei

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI CORSI DI FORMAZIONE FINALIZZATA E DEI SERVIZI DIDATTICI INTEGRATIVI EX ART. 35 STATUTO

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI CORSI DI FORMAZIONE FINALIZZATA E DEI SERVIZI DIDATTICI INTEGRATIVI EX ART. 35 STATUTO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI CORSI DI FORMAZIONE FINALIZZATA E DEI SERVIZI DIDATTICI INTEGRATIVI EX ART. 35 STATUTO Emanato con D.R. n. 11632 del 05/12/2005 e successive modificazioni ed integrazioni

Dettagli

IL CORSO DI LAUREA 2) DA CHE COSA DIPENDE L ISCRIZIONE ALL UNA O ALL ALTRA SEDE?

IL CORSO DI LAUREA 2) DA CHE COSA DIPENDE L ISCRIZIONE ALL UNA O ALL ALTRA SEDE? IL CORSO DI LAUREA 1) DOVE SI TROVA LA SEDE DEL CORSO DI LAUREA DI IVREA? Dal A.A. 2008/2009 è attiva la Sede di Ivrea del corso di Laurea di infermieristica. Il corso trova spazio nella Officina H, ex

Dettagli

Università Federico II, Napoli Facoltà di Scienze Corsi di Studio in Fisica

Università Federico II, Napoli Facoltà di Scienze Corsi di Studio in Fisica Università Federico II, Napoli Facoltà di Scienze Corsi di Studio in Fisica I Corsi di Studio in Fisica comprendono quattro percorsi didattici. Al termine di ciascun percorso si consegue uno dei seguenti

Dettagli

Regolamento Didattico del Corso di Laurea in Informatica

Regolamento Didattico del Corso di Laurea in Informatica Regolamento Didattico del Corso di Laurea in Informatica Titolo I - Istituzione ed attivazione Art. 1 - Informazioni generali 1. Il presente Regolamento didattico si riferisce al Corso di Laurea in Informatica,

Dettagli

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche I.a. Presentazione del Corso di Studio Denominazione del Corso di Studio Denominazione

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA LA SAPIENZA. I FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA Anno Accademico 2008-2009

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA LA SAPIENZA. I FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA Anno Accademico 2008-2009 I FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA Anno Accademico 2008-2009 BANDO DEL MASTER DI II LIVELLO IN: PROTEZIONE CIVILE, EMERGENZE ED AIUTI UMANITARI Codice Corso di Studio: n 10687 1. Obiettivi formativi del

Dettagli

SCHEDA DI PRESENTAZIONE / REGOLAMENTO DIDATTICO

SCHEDA DI PRESENTAZIONE / REGOLAMENTO DIDATTICO SCHEDA DI PRESENTAZIONE / REGOLAMENTO DIDATTICO DEL MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN MANAGEMENT PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTO DELLE PROFESSIONI SOCIO-SANITARIE Art. 1 FINALITA - Presso l'ateneo

Dettagli

Il Rettore. Decreto n. 103011 (1326) Anno 2014

Il Rettore. Decreto n. 103011 (1326) Anno 2014 Il Rettore Decreto n. 103011 (1326) Anno 2014 VISTI gli articoli 16 e 17 del decreto del Presidente della Repubblica n. 162/82 e l articolo 6 della legge n. 341/90; VISTO l articolo 32 del Regolamento

Dettagli

LA FACOLTÀ DI MEDICINA TRA PASSATO E PRESENTE UNA FACOLTÀ PROIETTATA VERSO IL FUTURO

LA FACOLTÀ DI MEDICINA TRA PASSATO E PRESENTE UNA FACOLTÀ PROIETTATA VERSO IL FUTURO LA FACOLTÀ DI MEDICINA TRA PASSATO E PRESENTE UNA FACOLTÀ PROIETTATA VERSO IL FUTURO Palazzo della medicina interna e specialistica UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SASSARI www.uniss.it Università di Sassari

Dettagli

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA EINAUDI CHIODO

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA EINAUDI CHIODO ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA EINAUDI CHIODO L Istituto di Istruzione Superiore L. Einaudi D. Chiodo ha solide radici nel patrimonio di competenze educative e didattiche delle due distinte istituzioni

Dettagli

SCIENZE. facoltà di. guida alle facoltà 2010/2011. Via Brecce Bianche, 12 Monte Dago 60100 Ancona Tel. 071 2204512

SCIENZE. facoltà di. guida alle facoltà 2010/2011. Via Brecce Bianche, 12 Monte Dago 60100 Ancona Tel. 071 2204512 f a c o l t à d i S C I E N Z E UNIVERSITÀ politecnica delle marche facoltà di Via Brecce Bianche, 12 Monte Dago 60100 Ancona Tel. 071 2204512 SCIENZE Corsi di Laurea Triennale in: SCIENZE BIOLOGICHE SCIENZE

Dettagli

INTERVENTO DI GIOVANNI PAVAN PRESIDENTE, CONSORZIO UNIVERSITARIO DI PORDENONE

INTERVENTO DI GIOVANNI PAVAN PRESIDENTE, CONSORZIO UNIVERSITARIO DI PORDENONE INAUGURAZIONE AA UNIVERSITÀ DI UDINE PORDENONE, 19 NOVEMBRE 2007 INTERVENTO DI GIOVANNI PAVAN PRESIDENTE, CONSORZIO UNIVERSITARIO DI PORDENONE Magnifico Rettore Honsell, Autorità, Signore e Signori, È

Dettagli

IL PORTALE A SUPPORTO DELLA DIDATTICA E DELLA GESTIONE

IL PORTALE A SUPPORTO DELLA DIDATTICA E DELLA GESTIONE IL PORTALE A SUPPORTO DELLA DIDATTICA E DELLA GESTIONE Di Antonella Della Rovere (luglio 2003) L ambiente accademico sta attraversando un momento di profonda trasformazione: la riforma dei corsi di studio

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN SOCIOLOGIA E POLITICHE SOCIALI

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN SOCIOLOGIA E POLITICHE SOCIALI UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN SOCIOLOGIA E POLITICHE SOCIALI CLASSE DELLE LAUREE MAGISTRALI IN SERVIZIO SOCIALE E POLITICHE SOCIALI (LM-87) Ai

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MANAGEMENT INFERMIERISTICO PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTO ANNO ACCADEMICO 2009/2010

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MANAGEMENT INFERMIERISTICO PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTO ANNO ACCADEMICO 2009/2010 MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MANAGEMENT INFERMIERISTICO PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTO ANNO ACCADEMICO 2009/2010 PIANO DIDATTICO Istituzione del Master Presso la Facoltà di Medicina e Chirurgia

Dettagli

UNIVERSITÀ CATTOLICA DEL SACRO CUORE Piacenza e Cremona

UNIVERSITÀ CATTOLICA DEL SACRO CUORE Piacenza e Cremona UNIVERSITÀ CATTOLICA DEL SACRO CUORE Piacenza e Cremona I TIROCINI FORMATIVI E DI ORIENTAMENTO : UNO STRUMENTO DI POLITICA ATTIVA DEL LAVORO ESPERIENZE, CRITICITA E PROPOSTE DI MIGLIORAMENTO PIACENZA,

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA. Facoltà di Medicina e Chirurgia. LAUREA MAGISTRALE IN Scienze infermieristiche ed ostetriche

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA. Facoltà di Medicina e Chirurgia. LAUREA MAGISTRALE IN Scienze infermieristiche ed ostetriche UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA Facoltà di Medicina e Chirurgia LAUREA MAGISTRALE IN Scienze infermieristiche ed ostetriche REGOLAMENTO DIDATTICO - ANNO ACCADEMICO 2009-2010 DESCRIZIONE Il Corso

Dettagli

CORSO DI Ph.D. (Dottorato di Ricerca) SPECIALISTA IN RICERCA FARMACOLOGICA TECNICO IN RICERCA BIOCHIMICA

CORSO DI Ph.D. (Dottorato di Ricerca) SPECIALISTA IN RICERCA FARMACOLOGICA TECNICO IN RICERCA BIOCHIMICA La CORSO DI Ph.D. (Dottorato di Ricerca) SPECIALISTA IN RICERCA FARMACOLOGICA TECNICO IN RICERCA BIOCHIMICA La Formazione al Mario Negri L Istituto di Ricerche Farmacologiche Mario Negri è un organizzazione

Dettagli

Dott Enzo CONTENTI Referente Provinciale dell Associazione Italiana Fisioterapisti AIFI di

Dott Enzo CONTENTI Referente Provinciale dell Associazione Italiana Fisioterapisti AIFI di Verbale 5 Pag. n. 1 UNIVERSITA DEGLI STUDI DI FERRARA ATTI della Riunione di consultazione del Comitato di indirizzo della Facoltà di Medicina e Chirurgia L anno 2010 (Duemiladieci) in questo giorno di

Dettagli

Guida di orientamento. Preside Prof. Girolamo cirrincione

Guida di orientamento. Preside Prof. Girolamo cirrincione Guida di orientamento FAcoltA di FArmAciA Preside Prof. Girolamo cirrincione Roberto Lagalla Lettera del Rettore dell Università degli Studi di Palermo In questa prospettiva si sono incrementate le occasioni

Dettagli

Open Day Lauree Magistrali. L offerta formativa del Dipartimento di Economia A.A. 2016-2017

Open Day Lauree Magistrali. L offerta formativa del Dipartimento di Economia A.A. 2016-2017 Open Day Lauree Magistrali L offerta formativa del Dipartimento di Economia A.A. 2016-2017 Varese, 6 maggio 2016 Il Dipartimento di Economia 2 Servizi agli studenti: Cosa si trova in Dipartimento? Biblioteca

Dettagli

8. Il patrimonio edilizio dell Ateneo

8. Il patrimonio edilizio dell Ateneo 8. Il patrimonio edilizio dell Ateneo 8.1 Gli interventi sul patrimonio edilizio Nel 2011 si è avviata una metodologia di approccio agli interventi edilizi che verrà sempre più consolidata: definire un

Dettagli

CORSO di PERFEZIONAMENTO in FARMACIA

CORSO di PERFEZIONAMENTO in FARMACIA Obiettivo: Il Corso di perfezionamento in Farmacia Oncologica ed il Master in "Farmacia e Farmacologia Oncologica" si prefiggono di arricchire le conoscenze manageriali, farmacologiche, tossicologiche,

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DELLA FACOLTÀ DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE

REGOLAMENTO DIDATTICO DELLA FACOLTÀ DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE REGOLAMENTO DIDATTICO DELLA FACOLTÀ DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE SEZIONE I - NORME GENERALI E COMUNI CAPO I - DENOMINAZIONE E ORGANI Art. 1 - Denominazione dei corsi di laurea e classi di riferimento Art.

Dettagli

REGOLAMENTO DEI CORSI PER MASTER UNIVERSITARIO

REGOLAMENTO DEI CORSI PER MASTER UNIVERSITARIO REGOLAMENTO DEI CORSI PER MASTER UNIVERSITARIO Art. 1 Corsi per master universitario 1. L Università promuove, secondo la normativa vigente corsi di alta formazione per il conseguimento di diplomi di master

Dettagli

Sviluppo gestionale delle Professioni Sanitarie dell Area Tecnico Diagnostica: dalla Riforma Universitaria alle Competenze Manageriali

Sviluppo gestionale delle Professioni Sanitarie dell Area Tecnico Diagnostica: dalla Riforma Universitaria alle Competenze Manageriali Sviluppo gestionale delle Professioni Sanitarie dell Area Tecnico Diagnostica: dalla Riforma Universitaria alle Competenze Manageriali Comacchio - Sabato 17 Ottobre 2009 La Formazione della 3 classe, tecnico

Dettagli