Il circuito dell innovazione!

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il circuito dell innovazione!"

Transcript

1 Il circuito dell innovazione! I PROGETTI D IMPRESA FINALISTI EDIZIONE 2008

2 I Progetti d Impresa Finalisti - edizione 2008 PNICUBE breve nota di presentazione Start Cup Bologna - Modena-Reggio Emilia Proart..pag. 1 SKanergia...pag. 3 Spin-A..pag. 5 Starterello....pag. 7 Start Cup Catania ABACO, Analisys of Bar Code....pag. 9 HTC - Hadron Therapy Component......pag. 11 Rilevatori e Sistemi di Rilevazione per uso industriale....pag. 13 Start Cup Milano-Lombardia Bosco...pag. 15 Parallel Trading Systems.. pag. 17 Squiggle......pag. 19 Tecnotan.....pag. 21 WisyGeo... pag. 23 Start Cup Molise G.Eco.....pag. 25 LadyBugs.....pag. 27 Start Cup Napoli Federico II Alert Me...pag. 29 Genenvet....pag. 31 Homeland Secuity.....pag. 33 Start Cup Palermo ABIEL Applicazioni Biomediche ed Industriali di Enzimi Litici....pag. 35 Biosurvey Srl......pag. 37 Maribelle...pag. 39 Start Cup Perugia-Camerino ALIANCE pag. 41 IntGeoMod.....pag. 43 QuInf pag. 45 Start Cup Puglia PT-Cork.....pag. 47 Safe Wheat...pag. 49 Silvertech...pag. 51 i

3 Start Cup Salerno Aquaria Research Srl pag. 53 Bag3 Factory Srl pag. 55 Spring Off Srl.....pag.57 Start Cup Sardegna CUSTCOM Comunicatore Bidirezionale WL.....pag. 59 EIOS srl - Chiave Elettronica Universale......pag. 61 Hydrogenera pag. 63 Start Cup dello Stretto M-Sense Engineering pag. 65 Nanomat Optics s.n.c......pag. 67 Start Cup Torino-Piemonte AQVATech pag. 69 EPoS - Electron Power Sintering pag. 71 HYDROwide Torino.....pag. 73 Monitor per Radioterapia Avanzata...pag. 75 NoField...pag. 77 Start Cup Toscana Fastenica....pag. 79 Sorta.....pag. 81 T4All pag. 83 ViDiTrust.....pag. 85 W.I.N pag. 87 Start Cup Trieste Airdeco......pag. 89 Ghost.....pag. 91 LSD pag. 93 Start Cup Udine G_Trach......pag. 95 Gli Eolici pag. 97 Lesim pag. 99 NeuroTelemetry pag. 101 Predicting Taste Perceptions.....pag. 103 Start Cup Veneto Cleanlight......pag. 105 NanoWebFun.....pag. 107 Permchem.....pag. 109 R.T.R. Group.....pag. 111 Univrmicro.....pag. 113 ii

4 PNICUBE Breve nota di presentazione PNICube è l associazione che riunisce gli incubatori e le business plan competition (denominate Start Cup) accademiche italiane, nata con l obiettivo di stimolare al nascita e accompagnare al mercato nuove imprese ad alto contenuto di conoscenza di provenienza universitaria. Oggi sono 33 le Università e gli incubatori universitari soci di PNICube. L associazione PNICube si pone i seguenti obiettivi: Favorire la nascita di incubatori universitari Scambiare esperienze tra i soci e favorirne la reciproca collaborazione Sensibilizzare e promuovere l adozione di politiche a favore di iniziative di incubazione di imprese Acquisire risorse indirizzate alle attività di creazione di impresa Promuovere e sostenere i soci nelle collaborazione internazionali Favorire la creazione di start up dalla ricerca PNICube è promotrice di due principali iniziative: il, che seleziona le migliori idee d impresa innovative, e l evento Start Up dell Anno che premia la giovane impresa hi-tech che ha conseguito il maggior successo di mercato. La Storia, il modello e i numeri di PNICube Nel 2003 il Ministero delle Attività Produttive finanzia il progetto IUNet, al fine di creare una rete di collegamento tra gli incubatori di impresa universitari. Lo stesso anno prende il via la prima edizione del (PNI), una sorta di coppa campioni dei migliori progetti di impresa nati in ambito universitario organizzato da cinque Start Cup. Per sfruttare l esperienza di IUNet e di PNI, nel 2004 viene costituita PNICube al fine di facilitare le politiche di trasferimento tecnologico attraverso la creazione di imprese innovative dal mondo della ricerca accademica. Il modello di sviluppo di nuove iniziative imprenditoriali seguito da PNICube prevede l implementazione di due interventi organizzativi sequenziali: prima le Start Cup locali (e il ) con l obiettivo sia di diffondere cultura d impresa tra gli studenti e i ricercatori delle nostre Università sia di selezionare le migliori business idea; successivamente gli Incubatori per fornire quei servizi tangibili (uffici, connessione internet ecc.) e intangibili (consulenza manageriale, networking ecc.) necessari alle nuove imprese per raggiungere il successo. a) Le idee d impresa: i risultati delle Start Cup Nel 2008, le 17 business plan competition locali aderenti al che si svolge a Milano, hanno generato complessivamente: ii

5 657 idee di business raccolte partecipanti coinvolti 341 business plan presentati 17% di progetti di Information Technology sul totale delle idee 29% delle presenze femminili nei team b) Le imprese: i risultati economici delle imprese di PNICube. Da un monitoraggio sulle imprese vincitrici delle Start Cup locali, del PNI oppure ospiti degli incubatori membri del network è emerso che, relativamente all esercizio 2007, le 300 start up tecnologiche generate (di cui 267 ancora attive) dal PNICube hanno presentato i seguenti numeri: 61,5 milioni di euro di fatturato complessivo addetti 87 brevetti registrati 60 imprese sono partecipate da VC, BA o medie-grandi imprese 14 imprese hanno un fatturato > 1 milione di euro 61 imprese hanno un fatturato compreso tra i e 1 milione di euro 1,25 milioni di euro di contributi in denaro erogati dalle Start Cup e dal PNI Gli organi direttivi di PNICube Presidente: Prof. Gianni Lorenzoni Consiglio Direttivo Dott. Andrea Berti (Università di Padova) - Consigliere Prof. Andrea Piccaluga (Scuola Sant Anna di Pisa) - Consigliere Prof. Gianni Lorenzoni (AlmaCube - Università di Bologna) - Presidente Prof. Loris Lino Maria Nadotti (Università di Perugia) Vice Presidente Prof. Tiziano Bursi ( Università di Modena e Reggio Emilia) Consigliere Dott.ssa Manuela Croatto (Università di Udine) - Consigliere Prof. Vincenzo Pozzolo (I3P - Politecnico di Torino) - Consigliere Prof. Mario Raffa (Università Federico II di Napoli) - Consigliere Prof. Giuseppe Serazzi (Politecnico di Milano) - Consigliere Dott.ssa Rita Maria Sorisio (Università di Torino) - Consigliere Prof. Maurizio Fanni (Università di Trieste) - Consigliere Prof. Pierangelo Rolla (Università di Pisa) - Consigliere Prof. Giovanni Perrone (Università di Palermo) - Consigliere Prof.ssa Gilda Antonelli (Università del Molise) - Consigliere Responsabile organizzativo: Dott. Fabrizio Bugamelli (AlmaCube - Università di Bologna) iii

6 SCHEDA STAMPA PREMIO NAZIONALE PER L INNOVAZIONE MILANO, 2008 Nome del gruppo ProArt Start Cup locale e università di riferimento Start Cup Bologna Settore di applicazione Azienda già costituita Componenti del gruppo Ambiente Trasporti Energia Agro-alimentare x Salute ICT Nuovi Materiali e nanotecnologie Biotecnologie Sistemi di Produzione Beni Culturali Altro ProArt è una costituenda azienda. Capogruppo: Membri: Alessandro Russo, Laurea in Medicina e Chirurgia presso l Università degli Studi di Bologna e specializzato in Ortopedia e Traumatologia dello Sport., Prof. Maurilio Marcacci, Laurea in Medicina e Chirurgia, l'università degli Studi di Pisa Valentin Dediu, Ph.D (1989) at Moscow Physical Engineering University, 49 anni Daniela Casino, Laurea in Ingegneria Biomedica presso il Politecnico di Milano, 30 anni Petr Nozar, laurea in fisica alla Charles University, Praga, poi Dottorato in scienze naturali e Ph.D at Charles University L idea imprenditoriale ProArt è una costituenda azienda che, utilizzando nanomateriali, realizzerà dei ricoprimenti duri per le componenti plastiche delle protesi di ginocchio azzerando il problema dell usura Sintesi del progetto ProArt è una costituenda azienda che realizza modiche superficiali 1

7 tecnologicamente avanzate per le protesi articolari. L attività si colloca nel settore dei dispositivi medici innovativi basati sulla modifica superficiale di materiali polimerici mediante metodi nanotecnologici. Nello specifico ProArt produrrà dei ricoprimenti duri anti-usura per le componenti plastiche delle protesi di ginocchio ottenendo dei dispositivi notevolmente superiori rispetto a quelli attualmente in commercio. Attraverso l innovazione di processo di prossima brevettazione ProArt risolverà il problema della durata delle protesi: ogni paziente subisce in media un intervento chirurgico di revisione protesica ogni 10 anni. Con Proart si avranno vantaggi sia per i pazienti che non dovranno più subire interventi invasivi che richiedono degenze di almeno dieci giorni, sia le aziende sanitarie che vedranno una significativa riduzione dei propri costi dovuti alla nuova protesi, la degenza e l intervento. Questa idea nasce da una collaborazione tra il laboratorio di Biomeccanica dell Istituto Ortopedico Rizzoli e l Istituto per lo Studio dei Materiali Nanostrutturati (ISMN) del CNR di Bologna, strutture in cui i soci fondatori svolgono attualmente la loro attività professionale. 2

8 SCHEDA STAMPA PREMIO NAZIONALE PER L INNOVAZIONE MILANO, 2008 Nome del gruppo SKANERGIA Start Cup locale e università di riferimento Start Cup Bologna Settore di applicazione Azienda già costituita Componenti del gruppo Ambiente Trasporti x Energia Agro-alimentare Salute ICT Nuovi Materiali e nanotecnologie Biotecnologie Sistemi di Produzione Beni Culturali Altro Azienda non ancora costituita Capogruppo: Ascanio Tagliaferri Laurea specialistica in Ingegneria meccanica, Membri: Mauro Pula, studente, laureando in Ingegneria meccanica Mauro Tagliaferri, studente, laureando in Ingegneria meccanica L idea imprenditoriale Sintesi del progetto L impresa ha l obiettivo di produrre e commercializzare un nuovo dispositivo per pannelli solari termici (LPR) che consente di proteggere i pannelli dall eccessivo irraggiamento e dalle intemperie. Il presente progetto si occupa di impianti solari termici che assorbono energia solare e la restituiscono sotto forma di calore, generalmente tramite un liquido. Tali impianti sono dotati di uno o più collettori (o pannelli) solari, il più possibile esposti al sole e generalmente senza la possibilità di oscurare le superfici esposte per lo spegnimento o per la modulazione di potenza. 3

9 L idea nasce da un gruppo di persone che lavora nell ambito dell energia da fonti rinnovabili e prende spunto dalle problematiche riscontrate sul campo e consiste nel produrre un accessorio per pannelli solari, che sia in grado di coprirli, oscurandoli dal sole e di proteggerli in caso di grandinate, denominato Sistema LPR. Tale sistema è oggetto di brevetto: Richiesta brevetto italiano presentata il 12/06/2008 n FO2008U e n FO2008A (modello di utilità e invenzione industriale). I vantaggi che il nuovo dispositivo offre sono sintetizzabili in: spegnimento dell impianto solare anche in presenza di sole o in mancanza di utilizzo; copertura dei collettori di vetro durante una grandinata o durante la notte con minori dispersioni termiche; riduzione della superficie del collettore e quindi dei costi dello stesso per l aumento di resa del sistema; modulabilità della potenza per ottimizzare i rendimenti dei sistemi connessi all impianto solare. 4

10 SCHEDA STAMPA PREMIO NAZIONALE PER L INNOVAZIONE MILANO, 2008 Nome del gruppo Spin-A Start Cup locale e università di riferimento Start Cup Modena-Reggio Emilia, Università di Modena e Reggio Emilia Settore di applicazione Azienda già costituita Componenti del gruppo Ambiente Trasporti Energia Agro-alimentare Salute x ICT Nuovi Materiali e nanotecnologie Biotecnologie Sistemi di Produzione Beni Culturali x Altro_ x Elettronica NO Capogruppo: Fabrizio Pancaldi, Membri: Giorgio Matteo Vitetta L idea imprenditoriale Realizzazione di un infrastruttura che metta in comunicazione apparecchiature elettroniche qualsiasi, sfruttando le linee elettriche alle quali sono normalmente collegate per il loro funzionamento. Sintesi del progetto Spin-A ha come obiettivo la realizzazione di una infrastruttura in grado di mettere in comunicazione apparecchiature elettroniche qualsiasi, sfruttando le linee elettriche alle quali sono normalmente collegate per il loro funzionamento. Il sistema proposto è basato su circuiti elettronici realizzati con una tecnologia integrata in silicio a basso costo, in modo da ottenere chip molto piccoli ed economici. I dispositivi così costruiti verranno poi integrati nel materiale elettrico utilizzato per costruire gli impianti abitativi, come scatole portafrutti, prese ed interruttori. Grazie alla presenza di questa installazione tutte le apparecchiature elettroniche connesse alla rete elettrica saranno potenzialmente in grado di comunicare, scambiando dati ad alta velocità fra di loro. La soluzione proposta apporta vantaggi per il cliente finale sia laddove 5

11 normalmente è richiesta l'apposita stesura di un cavo dati sia laddove sono normalmente usate reti wireless. Le aree di mercato nelle quali SPIN -A intende applicare la tecnologia sviluppata sono le seguenti: Modem powerline per sistemi domotici; Adattatore powerline per telecamere IP; Rete pervasiva (intelligent power grid). 6

12 SCHEDA STAMPA PREMIO NAZIONALE PER L INNOVAZIONE MILANO, 2008 Nome del gruppo Starterello Start Cup locale e università di riferimento Start Cup Modena-Reggio Emilia, Università di Modena e Reggio Emilia Settore di applicazione Azienda già costituita Componenti del gruppo Ambiente Trasporti Energia x Agro-alimentare Salute ICT Nuovi Materiali e nanotecnologie x Biotecnologie Sistemi di Produzione Beni Culturali Altro NO Capogruppo: Membri: Lucia Roncaglia, Marzia De Lucia, laureata Alberto Amaretti, dottore di ricerca Eleonora Franciosi, diplomata Stefano Raimondi, dottore di ricerca Alan Leonardi, dottore di ricerca L idea imprenditoriale Starterello è un progetto che si propone di soddisfare le molteplici esigenze legate alle realtà alimentari che utilizzano starter microbici all interno del processo produttivo. Sintesi del progetto Il progetto prevede la costituzione di un impresa in grado di rispondere ad un vasto orizzonte di necessità relative all impiego di starter microbici, quali: garantire l assistenza tecnico-scientifica necessaria allo sviluppo del processo produttivo; realizzare un servizio di problem solving su richiesta e per ogni tipo di problematica relativa all utilizzo degli starter; fornire un 7

13 servizio di ricerca e sviluppo di starter selezionati in base alle richieste del cliente; certificare e produrre starter microbici adeguati al tipo di prodotto che l azienda desidera realizzare. Starterello si rivolge alle imprese che fanno uso di starter microbici nella loro filiera di produzione ed, in particolare,ad aziende nel campo della produzione di insaccati. Spesso le industrie alimentari in caso di problemi insorti nella produzione non hanno modo di ottenere assistenza da parte dei fornitori degli starter e subiscono grandi perdite di lotti di produzione. Starterello intende colmare questo bisogno cercando di diventare il punto di riferimento per le imprese alimentari in ambito nazionale. 8

14 SCHEDA STAMPA PREMIO NAZIONALE PER L INNOVAZIONE MILANO, 2008 Nome del gruppo ABACO, Analysis of Bar Code of life Start Cup locale e università di riferimento Start Cup Catania, Liaison Office, Università di Catania Settore di applicazione Azienda già costituita Componenti del gruppo x Ambiente Trasporti Energia Agro-alimentare Salute ICT Nuovi Materiali e nanotecnologie Biotecnologie Sistemi di Produzione Beni Culturali Altro No Capogruppo: Membri: Giuseppe Puglia, Laurea quinquennale in Scienze Biologiche, esperto nel campo dell'analisi genomica e in bioinformatica Vito De Pinto, professore ordinario di Biologia molecolare dell'università di Catania, Laurea in Farmacia. Andrea Guarnera, Laurea in Chimica e Tecnologie Farmaceutiche, esperto in metodiche computazionali ai fini di analisi biomolecolare. L idea imprenditoriale Sintesi del progetto Servizio rapido ed affidabile per l'identificazione delle specie viventi con analisi DNA-barcoding per un maggiore controllo dei prodotti alimentari e di monitoraggio della biodiversità del territorio La sistematica linneana è stata alla base della costituzione dei Musei di Storia Naturale ed è ancora oggi sostanzialmente seguita ed attuata. Ma come possiamo servirci di tale metodo identificativo-classificativo trovandoci di fronte ad un trancio di pesce o di vitello o a qualsiasi altra porzione di tessuto vivente? Come possiamo cioè prescindere dall esame morfologico dell individuo nella 9

15 sua interezza per effettuare un identificazione? Fortunatamente le tecnologie molecolari oggi ci permettono di proporre una tecnologia in grado di rispondere a queste domande. Infatti la conoscenza delle sequenze genomiche dei viventi ci ha insegnato le regole alla base della variabilità fra le specie viventi tanto da permettere di identificare alcune sequenze marcatrici di specie. Queste regioni di DNA sono state definite il codice a barre (barcode) della vita, in quanto dalla loro determinazione in laboratorio e dall'elaborazione bioinformatica è possibile l identificazione inequivoca della specie. Le possibilità applicative di questa tecnologia sono intuibili ed in più immediata attuazione rientrano nella problematica della tracciabilità, uno strumento sempre più importante soprattutto nel settore dell alimentazione. La tecnologia DNA-barcoding permette di passare dall opinabilità dell autocertificazione alla certezza dell identificazione con enormi vantaggi sia per l utente finale ma anche per lo stesso produttore che potrà così fornire una certezza nella garanzia Curiosità Nel mondo ogni anno le collisioni tra uccelli e aeroplani, conosciute come birdstrikes, rappresentano un notevole rischio per il settore aeronautico. Recenti studi d'avanguardia che hanno utilizzato la tecnologia del DNA Barcode hanno permesso l'identificazione delle specie che più frequentemente sono causa di tali disagi a partire da brandelli tissutali recuperati sulla fusoliera degli aerei colpiti 10

16 SCHEDA STAMPA PREMIO NAZIONALE PER L INNOVAZIONE MILANO, 2008 Nome del gruppo Start Cup locale e università di riferimento Settore di applicazione Azienda già costituita Componenti del gruppo C3SL s.r.l. Società di Spinoff dell Università di Catania Start Cup Catania Università degli Studi di Catania Ambiente Trasporti Energia Agro-alimentare X Salute ICT Nuovi Materiali e nanotecnologie Biotecnologie Sistemi di Produzione Beni Culturali X Altro X Radiazioni ionizzanti Società in fase di costituzione Capogruppo: Prof. Salvatore Lo Nigro: Compagine sociale: Socio persona fisica: Prof. Salvatore Lo Nigro, professore ordinario di Fisica Nucleare Soci persone giuridiche: HITEC2000 s.r.l.: Legale rappresentante: Carlo G. Campisano, perito industriale MediFin s.r.l.: Legale rappresentante: Prof. Luigi Recchioni, laurea in economia e commercio, ed in giurisprudenza, L idea imprenditoriale Sintesi del progetto Progettazione e realizzazione di impianti ed apparati per la produzione, trasporto ed impiego di radiazioni ionizzanti per usi scientifici ed attività industriali e applicazioni nel settore della diagnostica e terapia medica. La mission della C3SL s.r.l. sarà sviluppare prodotti innovativi e servizi in vari settori, in particolare nel campo medico, dove le radiazioni ionizzanti (fotoni, protoni e ioni carbonio) stanno acquisendo un ruolo sempre più importante per il trattamento di patologie oncologiche, ma sarà anche in grado di realizzare e/o gestire impianti ed apparati per applicazioni industriali, ad esempio per il trattamento delle acque e dei fanghi, o il trattamento dell aria o 11

17 Curiosità dei prodotti agro-alimentari. In una prima fase, la C3SL svilupperà delle soluzioni innovative, in grado di migliorare i sistemi già esistenti in diversi centri di radioterapia non convenzionale, e che consistono nello sviluppo e prototipazione: di una sala fissa di trattamento per pazienti oncologici con due linee di fascio, sia per protoni di energia massima di 250 MeV, sia per ioni carbonio di energia massima di 300 AMeV, per l irraggiamento di un isocentro con angoli di incidenza di 0 e 60, completa di un sistema automatizzato di immobilizzazione e posizionamento del paziente con movimenti su 6 gradi di libertà per il trattamento sia di patologie dell occhio sia della base del cranio; dell ultimo tratto di linea in aria, detto nozzle, con un sistema di scansione attiva e verifica delle caratteristiche fisiche del fascio clinico da accoppiare anche alle suddette linee di fascio; di elementi per linee di fascio, sistemi del vuoto e di strumenti e componenti per la diagnostica del fascio. L idea imprenditoriale nasce dal know-how acquisito grazie ad un progetto di ricerca approvato dal Ministero nel 1999, ed i cui risultati scientifici hanno portato alla realizzazione a Catania del primo ed unico Centro di Protonterapia per il trattamento dei tumori all occhio, esistente in Italia. 12

18 SCHEDA STAMPA PREMIO NAZIONALE PER L INNOVAZIONE MILANO, 2008 Nome del gruppo MICROSENS Start Cup locale e università di riferimento Start Cup Catania - Università degli studi di Catania Settore di applicazione Azienda già costituita? Componenti del gruppo Ambiente Trasporti Energia Agro-alimentare Salute x ICT Nuovi Materiali e nanotecnologie Biotecnologie Sistemi di Produzione Beni Culturali Altro NO Capogruppo: Membri: Gaetano Palumbo, Alberto Campisano, Ricercatore universitario di idraulica, laurea ingegneria civile Paolo Finocchiaro, Dirigente tecnologo INFN, laurea in fisica Fabio La Spina, ricercatore industriale, laurea in fisica Ludovico Lo Nigro, ricercatore industriale, laurea ingegneria elettronica Altri Partner Scuola Superiore di Catania Hitec2000 srl SEA srl TelEn srl Wisnam srl L idea imprenditoriale Sistemi con sensori innovativi basati su rivelatori di singolo fotone, per applicazioni in: rivelazione di radiazioni ionizzanti e/o neutroni; misura di distanze; determinazione proprietà di superfici. 13

19 Sintesi del progetto La MicroSens avvierà lo sviluppo e la realizzazione di sistemi basati su sensori innovativi di particelle, che fanno uso di rivelatori di singolo fotone utilizzati singolarmente o accoppiati a fibre scintillanti. In particolare, i sistemi che si intendono sviluppare potranno essere utilizzati, sia per sostituire l uso di sensori preesistenti con prestazioni inferiori o costi superiori, sia per consentire la realizzazione di nuovi sistemi per: rivelazione di radiazioni ionizzanti, per impiego presso laboratori di ricerca fondamentale ed applicata, sia in Italia che all estero; misura di distanze di oggetti con grande accuratezza, per impiego in telemetria, comunicazioni satellitari, settore automobilistico e trasporti; determinazione di proprietà di superfici, per monitoraggio di strutture e manufatti storici e artistici; rivelazione di radiazioni ionizzanti per impiego in terapia e diagnostica medica; rivelazione di radiazioni ionizzanti e di neutroni per impiego in sistemi di imaging industriale e sistemi antiterrorismo; rivelazione di radiazioni ionizzanti, per impiego nel monitoraggio dei tassi di radiazioni presso installazioni per lo stoccaggio di rifiuti radioattivi, sia in Italia che all estero; determinazione di proprietà di mezzi quasi-trasparenti (rivelazione di fumo, perdite di combustibili, ecc.). Al fine di mostrare le concrete potenzialità dei micro-sensori innovativi si intendono avviare in produzione le applicazioni di seguito indicate: 1. sensore basato su fibre scintillanti e SPAD o SiPM per il monitoraggio di siti ed ambienti radioattivi; 2. sistema di telemetria basato su SPAD o SiPM e laser; 3. microspettrometro a singolo fotone. Curiosità La società sarà costituita entro 3 mesi. Sarà di fatto il primo spin-off universitario siciliano, ed usufruirà dell art.11 del legge

20 SCHEDA STAMPA PREMIO NAZIONALE PER L INNOVAZIONE MILANO, 2008 Nome del gruppo Start Cup locale e università di riferimento Bo.S.Co., Start Cup Milano Lombardia Settore di applicazione x Ambiente Trasporti Energia Agro-alimentare Salute ICT Nuovi Materiali e nanotecnologie Biotecnologie Sistemi di Produzione Beni Culturali Altro Azienda già costituita SI, Progetto Bo.S.Co., 2008 Componenti del gruppo L idea imprenditoriale Sintesi del progetto Capogruppo: Eleonora Fontanarosa, Attività di progettazione FLA- Fondazione Lombardia per l Ambiente, Membri: Alessandro Belfiore Attuale Amministratore Unico di MultiGenial Srl, stesura bilanci, fatturazione, operazioni bancarie,f24 Mario Napoletano, Presidente Nazionale e Direttore Generale dell AISA, Associazione Italiana Scienze Ambientali L'attività imprenditoriale definita sulla base del progetto Bo.S.Co. (Biorisanamento di Siti Contaminati tramite Compost) ha la finalità di fornire servizi specializzati per il biorisanamento ambientale attraverso l applicazione di una tecnica di bonifica che utilizzi un compost di certificata qualità specifico per le attività di biorisanamento di siti contaminati da idrocarburi. La grande quantità di siti, presenti in tutta Italia, che necessitano di interventi di bonifica dimostra l importanza di sviluppare tecniche di risanamento sempre più efficienti ovvero facilmente applicabili con un impatto ambientale minimo e competitive sul mercato sia in termini di tempi che di costi. Il servizio offerto dall impresa si basa sull applicazione di una tecnica innovativa di bonifica che prevede la messa a punto e l utilizzo di uno specifico prodotto, un compost certificato e definito da un marchio che lo caratterizzi. Il contenuto innovativo di questa tecnica è l'utilizzo di compost di alta qualità 15

21 derivante da impianti di compostaggio certificati opportunamente modificato in modo da agire come fattore stimolante per l'efficienza della biodegradazione di particolari tipi di contaminanti estremamente diffusi sul nostro territorio quali gli idrocarburi. Un compost di qualità è un prodotto nuovo derivante da rifiuti che in questo modo possono trovare un impiego effettivo. Oltre a fornire nutrienti e componenti organici a terreni degradati sarà un fattore positivo per la degradazione dei contaminanti presenti. Lo sviluppo di una tecnica siffatta porterà ad una riqualificazione profonda dei siti contaminati. Il compost come matrice organica naturale contiene in forma assimilabile una serie di nutrienti e accettori di elettroni potenzialmente utilizzabili dai microrganismi, ma anche diversi possibili trasportatori di elettroni, quali le sostanze umiche, in grado di ottimizzare l'efficienza delle reazioni di ossidoriduzione effettuate dai microrganismi durante la degradazione. Il compost risulta essere già di per sé una ricca fonte di microrganismi che possono incrementare le velocità di degradazione dei composti contaminanti. Curiosità L idea progettuale è stata sviluppata con la finalità di trovare un ulteriore utilizzo oltre a quello di puro ammendante per suoli agricoli di un materiale quale il compost derivante da rifiuti. Il pregio concettuale dell idea è quella di poter definire una tecnica di bonifica dove la matrice, in grado di innescare l effetto di decontaminazione di un substrato inquinato inutilizzabile che altrimenti verrebbe smaltito come rifiuto, è essa stessa derivante da rifiuti. In questo modo si crea un ciclo virtuoso di trasformazioni che permettono paradossalmente la riqualifica di un rifiuto attraverso un matrice derivante essa stessa da rifiuto 16

22 SCHEDA STAMPA PREMIO NAZIONALE PER L INNOVAZIONE MILANO, 2008 Nome del gruppo Start Cup locale e università di riferimento Parallel Trading Systems Start Cup Milano-Lombardia - Politecnico di Milano Settore di applicazione Ambiente Trasporti Energia Agro-alimentare Salute x ICT Nuovi Materiali e nanotecnologie Biotecnologie Sistemi di Produzione Beni Culturali Altro Azienda già costituita Parallel Trading Systems Srl (Italia) Ottobre 2008 Parallel Trading Systems Inc (USA) Settembre 2008 Componenti del gruppo Capogruppo: Membri: Alberto Giannetti, Laurea in Software Engineering, Luigi Idà, Laurea in Scienze dell Informazione Davide Zari, Laurea in fisica, Executive MBA 2009 L idea imprenditoriale Sintesi del progetto Parallel Trading Systems sviluppa sistemi di analisi finanziaria introducendo il calcolo parallelo, una volta limitato ad ambiti scientifici ed accademici, nei settori critici dell industria finanziaria. La società è una startup di nuova costituzione (Settembre 2008) che nasce integrando competenze internazionali a livello industriale ed accademico nel campo del front-office finanziario. Migliorare la gestione del rischio dei patrimoni gestiti e l efficienza dei mercati mobiliari globali sono gli obbiettivi di questa giovane azienda che introduce per la prima volta il calcolo scientifico parallelo in un contesto real-time. La tecnologia, in corso di brevettazione negli Stati Uniti e Europa, permette di superare i limiti di scalabilità degli attuali prodotti di trading ad alta frequenza estendendo la base di calcolo da semplici server su rete locale a sistemi di cluster HPC. Ciò implica la 17

23 possibilità di realizzare un universo di trading multi mercato, multi-assett e di dimensione limitata esclusivamente dal numero di server disponibili, realizzando in tempo reale e sull intero universo le analisi dei dati di mercato (come ARCH, VaR, covarianza) precedentemente svolte sui singoli silos applicativi, con una gestione del rischio ottimizzata in ogni istante di mercato. Parallel ha ricevuto il premio del comitato scientifico dell Università di Milano come miglior progetto imprenditoriale 2008, collabora attualmente con Quadrics Ltd, un leader nei sistemi di interconnessione a velocità ultra-elevata, e con E4 Computer Engineering, un produttore di cluster ad alte prestazioni per CERN e Ferrari Corse. Curiosità La societa ha presentato a Smau 2008 un prototipo che illustra le capacità su cluster High Performance Computing. Il sistema, connesso ad un cluster E4 di 4 nodi per 32 core, implementa il calcolo del prezzo Black&Scholes per 72 derivate per ognuno dei 5000 strumenti azionari simulati. In totale produce 360,000 valori NPV (Net Present Value) comprensive di greeks standard in tempo reale. 18

Atenei e nascita di nuove imprese: il caso delle Start Cup. Mario Raffa Direttore Start Cup Federico II

Atenei e nascita di nuove imprese: il caso delle Start Cup. Mario Raffa Direttore Start Cup Federico II Presentazione progetto INCIPIT Napoli, Camera Commercio Industria Artigianato e Agricoltura 26 Novembre 2007 Atenei e nascita di nuove imprese: il caso delle Start Cup Mario Raffa Direttore Start Cup Federico

Dettagli

OPERATORE BREVE PROFILO OPERATORE TITOLO PROGETTO DESTINATARI

OPERATORE BREVE PROFILO OPERATORE TITOLO PROGETTO DESTINATARI OPERATORE BREVE PROFILO OPERATORE TITOLO PROGETTO DESTINATARI Prodest Progetto di Espressione e Sviluppo Territoriale soc. coop. a r.l. Via Milano, 14 Busto Arsizio (VA) Tel. 0331-324948 Fax 0331-625798

Dettagli

LA QUALITÀ DELLA RICERCA NELLE 14 AREE: DIPARTIMENTI E SOTTOSTRUTTURE

LA QUALITÀ DELLA RICERCA NELLE 14 AREE: DIPARTIMENTI E SOTTOSTRUTTURE dipartimenti delle università e delle sottostrutture degli enti Salerno Informatica 1,49 78,9 Roma La Sapienza Informatica 1,39 68,8 Pavia Matematica F. Casorati 1,39 61,9 MEDIE Trieste SISSA *** n.d.

Dettagli

BIOLOGA e BIOLOGO MOLECOLARE

BIOLOGA e BIOLOGO MOLECOLARE Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 BIOLOGA e BIOLOGO MOLECOLARE Aggiornato il 6 luglio 2009 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 4 3. DOVE LAVORA...

Dettagli

Anno 2007 - dati aggiornati al 3 settembre 2008

Anno 2007 - dati aggiornati al 3 settembre 2008 IMT ALTI STUDI LUCCA ISTITUTO NAZIONALE DI ASTROFISICA/ISTITUTO DI ASTROFISICA SPAZIALE ISTITUTO NAZIONALE DI ASTROFISICA/ISTITUTO DI RADIOASTRONOMIA SEDE BOLOGNA ISTITUTO NAZIONALE DI ASTROFISICA/OSSERVATORIO

Dettagli

Scheda di Sintesi (Abstract) Progetto Premiale. Elettronica Organica per Strumentazione Innovativa di Ricerca. Articolo 5 DM n... del...

Scheda di Sintesi (Abstract) Progetto Premiale. Elettronica Organica per Strumentazione Innovativa di Ricerca. Articolo 5 DM n... del... Scheda di Sintesi (Abstract) Progetto Premiale EOS: Elettronica Organica per Strumentazione Innovativa di Ricerca Articolo 5 DM n.... del... Titolo progetto: Ambito di Intervento: Struttura di riferimento:

Dettagli

L indagine 2015. Consorzio Interuniversitario ALMALAUREA 45

L indagine 2015. Consorzio Interuniversitario ALMALAUREA 45 1. L indagine 2015 Il Profilo dei Laureati 2014 (indagine 2015) prende in considerazione quasi 230.000 laureati di 64 Atenei italiani. Cinque Atenei (Roma La Sapienza, Bologna, Napoli Federico II, Padova

Dettagli

Smart&Start Italia D.M. 24 settembre 2014. Marzo 2015

Smart&Start Italia D.M. 24 settembre 2014. Marzo 2015 Smart&Start Italia D.M. 24 settembre 2014 Marzo 2015 Smart&Start Italia Per favorire la diffusione di nuova imprenditorialità legata all economia digitale, per sostenere le politiche di trasferimento tecnologico

Dettagli

Progetto Iπποκράτης. Sviluppo di Micro e Nano-tecnologie e Sistemi Avanzati per la Salute dell uomo

Progetto Iπποκράτης. Sviluppo di Micro e Nano-tecnologie e Sistemi Avanzati per la Salute dell uomo Progetto Iπποκράτης (HIPPOCRATES) Sviluppo di Micro e Nano-tecnologie e Sistemi Avanzati per la Salute dell uomo Relatore: Leoluca Liggio - leoluca.liggio@dtsiciliamicrosistemi.it Responsabile scientifico

Dettagli

QUALE MANAGEMENT PER LE IMPRESE SPIN-OFF: MANAGER ESTERNI O MODELLO FAI DA TE?

QUALE MANAGEMENT PER LE IMPRESE SPIN-OFF: MANAGER ESTERNI O MODELLO FAI DA TE? QUALE MANAGEMENT PER LE IMPRESE SPIN-OFF: MANAGER ESTERNI O MODELLO FAI DA TE? Corso Le imprese spin-off della ricerca pubblica: come fare ancora meglio dopo le prime 1000? Università Politecnica della

Dettagli

SETTIMANA DELL ENERGIA ENERGIA DELLA PROVINCIA DI SIENA

SETTIMANA DELL ENERGIA ENERGIA DELLA PROVINCIA DI SIENA SETTIMANA DELL ENERGIA ENERGIA DELLA PROVINCIA DI SIENA POLO SCIENTIFICO, TECNOLOGICO E PRODUTTIVO DELLE ENERGIE RINNOVABILI E DELL EFFICIENZA EFFICIENZA ENERGETICA ANALISI PROPOSTE PERVENUTE AL 20 GENNAIO

Dettagli

Il Made in Italy in India PROGRAMMA STRAORDINARIO DI PROMOZIONE

Il Made in Italy in India PROGRAMMA STRAORDINARIO DI PROMOZIONE Il Made in Italy in India PROGRAMMA STRAORDINARIO DI PROMOZIONE promosso e finanziato dal IL MERCATO Il sistema economico indiano sta progressivamente cambiando forma: da economia rigidamente pianificata,

Dettagli

Le politiche di ricerca e sviluppo della Regione Emilia-Romagna. Morena Diazzi Autorità di Gestione POR FESR

Le politiche di ricerca e sviluppo della Regione Emilia-Romagna. Morena Diazzi Autorità di Gestione POR FESR Le politiche di ricerca e sviluppo della Regione Emilia-Romagna Morena Diazzi Autorità di Gestione POR FESR Il POR FESR Emilia Romagna ASSE 1 Ricerca industriale e trasferimento tecnologico 115 milioni

Dettagli

Art. 18 - NUMERO DEGLI ELIGENDI (allegato n 1 del Decreto di Indizione delle Elezioni) GRANDI ORGANI

Art. 18 - NUMERO DEGLI ELIGENDI (allegato n 1 del Decreto di Indizione delle Elezioni) GRANDI ORGANI Art. 18 - NUMERO DEGLI ELIGENDI (allegato n 1 del Decreto di Indizione delle Elezioni) GRANDI ORGANI NUMERO POSTI PREFE RENZE TOTALE STUDENTI SENATO ACCADEMICO: GRUPPO 1: GIURISPRUDENZA. SCIENZE POLITICHE,

Dettagli

OFFERTA FORMATIVA A.A. 2015-2016 aggiornata al 20 maggio 2015

OFFERTA FORMATIVA A.A. 2015-2016 aggiornata al 20 maggio 2015 OFFERTA FORMATIVA A.A. 2015-2016 aggiornata al 20 maggio 2015 In nero sono indicati i corsi a libero accesso. In rosso sono indicati i corsi per i quali è previsto il numero programmato deciso a livello

Dettagli

DOSSIER. Laurea Magistrale in

DOSSIER. Laurea Magistrale in DOSSIER Laurea Magistrale in Biologia e Tecnologie Cellulari Siti attuali: http://elearning2.uniroma1.it/course/index.p hp?categoryid=640 http://corsidilaurea.uniroma1.it/biologia-etecnologie-cellulari/il-corso

Dettagli

Smart&Start Italia. D.M. 24 settembre 2014

Smart&Start Italia. D.M. 24 settembre 2014 Smart&Start Italia D.M. 24 settembre 2014 Febbraio 2015 Smart&Start Italia Per favorire la diffusione di nuova imprenditorialità legata all economia digitale, per sostenere le politiche di trasferimento

Dettagli

Gli incentivi di Invitalia per le imprese innovative

Gli incentivi di Invitalia per le imprese innovative Gli incentivi di Invitalia per le imprese innovative Bari, 28 marzo 2015 Perché promuovere nuova imprenditorialità, in particolare quella innovativa? Per creare nuovi posti di lavoro Per aprire nuovi mercati

Dettagli

Scienze. Facoltà di. Via Brecce Bianche Monte Dago 60100 Ancona Tel. 071/2204512

Scienze. Facoltà di. Via Brecce Bianche Monte Dago 60100 Ancona Tel. 071/2204512 Via Brecce Bianche Monte Dago 60100 Ancona Tel. 071/2204512 Facoltà di Scienze Corsi di Laurea Triennale in: SCIENZE BIOLOGICHE SCIENZE DEL CONTROLLO AMBIENTALE E DELLA PROTEZIONE CIVILE Corsi di Laurea

Dettagli

U N I V E R S I T À D E G L I S T U D I D I T O R I N O

U N I V E R S I T À D E G L I S T U D I D I T O R I N O U N I V E R S I T À D E G L I S T U D I D I T O R I N O Il Centro della Innovazione Nato inizialmente per ospitare alcune attività didattiche dell Università di Torino, il complesso polifunzionale di Via

Dettagli

Nerviano Medical Sciences

Nerviano Medical Sciences Nerviano Medical Sciences Sinergie ROL-NMS 28 gennaio 2011 1 Sinergie ROL/NMS 1. Apertura sistemica della ricerca di NMS da un lato verso il mondo accademico, regionale in primis ma nazionale e internazionale

Dettagli

Start Cup Sardegna 2013. Da un idea innovativa all impresa vincente. Prof. Donatella Spano Dott. Francesco Meloni

Start Cup Sardegna 2013. Da un idea innovativa all impresa vincente. Prof. Donatella Spano Dott. Francesco Meloni Start Cup Sardegna 2013 Da un idea innovativa all impresa vincente Prof. Donatella Spano Dott. Francesco Meloni 11 aprile 2013 Start Cup Sardegna 2013 È una competizione promossa dalle Università di Sassari

Dettagli

Start Cup Sardegna 2013

Start Cup Sardegna 2013 Sardegna 2013 È una competizione promossa dalle Università di Sassari e Cagliari, che premia le migliori idee d impresa innovative e ad alto contenuto di conoscenza espresse in forma di business plan Nasce

Dettagli

Corso di Laurea Magistrale in BIOTECNOLOGIE MEDICHE Classe delle lauree magistrali in biotecnologie mediche, veterinarie e farmaceutiche (LM-9)

Corso di Laurea Magistrale in BIOTECNOLOGIE MEDICHE Classe delle lauree magistrali in biotecnologie mediche, veterinarie e farmaceutiche (LM-9) La presente scheda di approfondimento si riferisce ai corsi a immatricolazione nell a. a. 00-0. Per ulteriori informazioni si rimanda all Ufficio di Presidenza di Facoltà. Corso di Laurea Magistrale in

Dettagli

L indagine 2013. Consorzio Interuniversitario ALMALAUREA 65

L indagine 2013. Consorzio Interuniversitario ALMALAUREA 65 1. L indagine 2013 Il Profilo dei Laureati 2012 (indagine 2013) prende in considerazione quasi 227.000 laureati di 63 Atenei italiani, 2 dei quali partecipano per la prima volta (Roma Tor Vergata e Enna

Dettagli

Servizi di pre incubazione

Servizi di pre incubazione La Regione Lazio - Assessorato all Agricoltura, attraverso BIC Lazio, ha in fase di avanzata realizzazione un Incubatore di Imprese finalizzato ad assistere la nascita e lo sviluppo di attività imprenditoriali

Dettagli

Pia - Aiuti ai programmi di investimento delle Piccole imprese

Pia - Aiuti ai programmi di investimento delle Piccole imprese Pia - Aiuti ai programmi di investimento delle Piccole imprese ATTIVITÀ AMMISSIBILI - Attività manifatturiere (sezione C Classificazione ATECO 2007) - Magazzinaggio e attività di supporto ai trasporti

Dettagli

Il futuro delle Biotecnologie è nei nuovi investitori

Il futuro delle Biotecnologie è nei nuovi investitori Il futuro delle Biotecnologie è nei nuovi investitori Sommario Con un tasso di crescita di nuove imprese intorno al 50%, l Italia delle biotecnologie sta progressivamente recuperando il ritardo maturato

Dettagli

Scegliere la chimica. ITIS Basilio Focaccia Orientamento all indirizzo Chimica e Materiali Anno scolastico 2011-2012

Scegliere la chimica. ITIS Basilio Focaccia Orientamento all indirizzo Chimica e Materiali Anno scolastico 2011-2012 Scegliere la chimica ITIS Basilio Focaccia Orientamento all indirizzo Chimica e Materiali Anno scolastico 2011-2012 COSA SAREBBE LA NOSTRA VITA SENZA LA CHIMICA E.. SENZA I CHIMICI E I LORO PRODOTTI? Effetti

Dettagli

Startup in Granda Imprenditoria innovativa in provincia di Cuneo. Venerdì 11 dicembre 2015

Startup in Granda Imprenditoria innovativa in provincia di Cuneo. Venerdì 11 dicembre 2015 Startup in Granda Imprenditoria innovativa in provincia di Cuneo Venerdì 11 dicembre 2015 Le domande della ricerca Definizione di startup: che cosa sono? Quali tipologie? Quale impatto sulla crescita?

Dettagli

COMPETENZE SPECIFICHE

COMPETENZE SPECIFICHE COMPETENZE IN SCIENZE DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: SCIENZE TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE FISSATI DALLE INDICAZIONI NAZIONALI PER IL CURRICOLO 2012. SCIENZE TRAGUARDI ALLA FINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

Dettagli

Università degli Studi di Cagliari Direzione per le Relazioni con il territorio, l innovazione e lo sviluppo.

Università degli Studi di Cagliari Direzione per le Relazioni con il territorio, l innovazione e lo sviluppo. Università degli Studi di Cagliari Direzione per le Relazioni con il territorio, l innovazione e lo sviluppo. L Università di Cagliari, al pari delle altre Università italiane, è chiamata ad un rinnovato

Dettagli

Figure Professionali. «Agricoltura e Agroenergie» IMPRENDITORE AGRO-ENERGETICO. GREEN JOBS Formazione e Orientamento

Figure Professionali. «Agricoltura e Agroenergie» IMPRENDITORE AGRO-ENERGETICO. GREEN JOBS Formazione e Orientamento Figure Professionali «Agricoltura e Agroenergie» IMPRENDITORE AGRO-ENERGETICO GREEN JOBS Formazione e Orientamento La figura chiave di questo settore è naturalmente quella dell imprenditore agro-energetico.

Dettagli

Il Digital Business Ecosystem per migliorare la qualità della vita in una Smart City Giuseppe VISAGGIO giuseppe.visaggio@uniba.

Il Digital Business Ecosystem per migliorare la qualità della vita in una Smart City Giuseppe VISAGGIO giuseppe.visaggio@uniba. Il Digital Business Ecosystem per migliorare la qualità della vita in una Smart City Giuseppe VISAGGIO giuseppe.visaggio@uniba.it Dipartimento di Informatica Università di Bari Centro di Competenza ICT:

Dettagli

Università e ricerca, Profumo e Barca presentano i risultati del bando Messaggeri della Conoscenza

Università e ricerca, Profumo e Barca presentano i risultati del bando Messaggeri della Conoscenza Università e ricerca, Profumo e Barca presentano i risultati del bando Messaggeri della Conoscenza Oltre 5 milioni di euro per portare nelle università del Mezzogiorno le eccellenze della didattica internazionale

Dettagli

QCM. MASTER UNIVERSITARIO di II livello. in QUALITY CONTROL MANAGER. della filiera agroalimentare biologica e biotecnologica (60 CFU) A.A.

QCM. MASTER UNIVERSITARIO di II livello. in QUALITY CONTROL MANAGER. della filiera agroalimentare biologica e biotecnologica (60 CFU) A.A. MASTER UNIVERSITARIO di II livello in QUALITY CONTROL MANAGER della filiera agroalimentare biologica e biotecnologica (60 CFU) A.A. 2011/2012 QCM Direttore Scientifico del Master Prof. Gaetano Ragno Dipartimento

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II SEGRETERIA DIREZIONE GENERALE DR/2014/1027 del 11/04/2014 Firmatari: MARRELLI Massimo IL RETTORE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II SEGRETERIA DIREZIONE GENERALE DR/2014/1027 del 11/04/2014 Firmatari: MARRELLI Massimo IL RETTORE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II DR/2014/1027 del 11/04/2014 Firmatari: MARRELLI Massimo U.S.R. IL RETTORE VISTO VISTO VISTO VISTO VISTA VISTA VISTA VISTA VISTA VISTA il vigente Statuto dell

Dettagli

ISTRUZIONE TECNICA SETTORE TECNOLOGICO. Indirizzo Agraria, Agroalimentare, Agroindustria

ISTRUZIONE TECNICA SETTORE TECNOLOGICO. Indirizzo Agraria, Agroalimentare, Agroindustria ISTRUZIONE TECNICA SETTORE TECNOLOGICO Indirizzo Agraria, Agroalimentare, Agroindustria L indirizzo è finalizzato all acquisizione, per il settore agrario integrato, di un complesso di competenze relative

Dettagli

L indagine 2014. Consorzio Interuniversitario ALMALAUREA 59

L indagine 2014. Consorzio Interuniversitario ALMALAUREA 59 1. L indagine 014 Il Profilo dei Laureati 013 (indagine 014) prende in considerazione quasi 30.000 laureati di 64 Atenei italiani (rispetto alla scorsa indagine partecipa per la prima volta anche l Ateneo

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA. Facoltà di Medicina e Chirurgia. LAUREA MAGISTRALE IN Biotecnologie mediche

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA. Facoltà di Medicina e Chirurgia. LAUREA MAGISTRALE IN Biotecnologie mediche UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA Facoltà di Medicina e Chirurgia LAUREA MAGISTRALE IN Biotecnologie mediche REGOLAMENTO DIDATTICO - ANNO ACCADEMICO 2007-2008 DESCRIZIONE Il Corso di Laurea Magistrale

Dettagli

1. TITOLO DELLA INFRASTRUTTURA DI RICERCA (titolo esteso e acronimo)

1. TITOLO DELLA INFRASTRUTTURA DI RICERCA (titolo esteso e acronimo) Page 1 of 9 Scheda per la segnalazione di Infrastrutture di Ricerca (IR) per la Roadmap Italiana 1. TITOLO DELLA INFRASTRUTTURA DI RICERCA (titolo esteso e acronimo) TITOLO ESTESO ACRONIMO Laboratorio

Dettagli

Società per la Gestione dell Incubatore di Imprese e per il Trasferimento Tecnologico dell Università degli Studi di Torino Scarl 2i3T

Società per la Gestione dell Incubatore di Imprese e per il Trasferimento Tecnologico dell Università degli Studi di Torino Scarl 2i3T Società per la Gestione dell Incubatore di Imprese e per il Trasferimento Tecnologico dell Università degli Studi di Torino Scarl 2i3T 1. L Incubatore 2i3T SOCIETÀ PER LA GESTIONE DELL INCUBATORE DI IMPRESE

Dettagli

RADIAZIONI IONIZZANTI

RADIAZIONI IONIZZANTI OBIETTIVI Determinare la presenza di materie radioattive e di macchine generatrici di radiazioni ionizzanti Sorvegliare l esposizione della popolazione a radionuclidi presenti in matrici ambientali Proteggere

Dettagli

UNA REGIONE INTELLIGENTE, SOSTENIBILE E INCLUSIVA Confronto - dibattito sul futuro delle Marche

UNA REGIONE INTELLIGENTE, SOSTENIBILE E INCLUSIVA Confronto - dibattito sul futuro delle Marche UNA REGIONE INTELLIGENTE, SOSTENIBILE E INCLUSIVA Confronto - dibattito sul futuro delle Marche La cooperazione tra il tessuto produttivo e le istituzioni locali, comunitarie e internazionali attraverso

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BARI

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BARI UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BARI Nota: per le modalità concorsuali si prega cortesemente di fare sempre riferimento al Bando di Concorso A. A. 2005-2006 Parte A Informazioni generali Proposta d istituzione

Dettagli

INGEGNERIA dell INFORMAZIONE

INGEGNERIA dell INFORMAZIONE INGEGNERIA dell INFORMAZIONE 1 L ingegneria dell Informazione è ovunque!!! o Comunicazione: o Internet: o Intrattenimento: o Elettromedicale: o Automotive: ABS, EPS, Dov`è l ingegneria dell informazione?

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PARMA DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE PER LA FORNITURA IN ESCLUSIVA DI AZOTO LIQUIDO, GAS TECNICI, PURI, PURISSIMI E MISCELE SPECIALI, COMPRENSIVA DEL

Dettagli

Scienza e Tecnologia in cifre

Scienza e Tecnologia in cifre Consiglio Nazionale delle Ricerche ISTITUTO DI RICERCA SULL IMPRESA E LO SVILUPPO 2013 AGGIORNAMENTI Scienza e Tecnologia in cifre STATISTICHE SULLA RICERCA E INNOVAZIONE ehjkhh Ottobre 2013 Aggiornamento

Dettagli

Piano Lauree Scientifiche a.s. 2014/15 Formazione docenti - CHIMICA

Piano Lauree Scientifiche a.s. 2014/15 Formazione docenti - CHIMICA Titolo modulo formativo 03: Chimica dell ambiente e dei beni culturali Docenti: Proff. Fabrizio Ruggieri, Antonio Arcadi, Giorgio Cerichelli. Modalità di erogazione: 3 incontri pomeridiani (ora inizio

Dettagli

Centro Studi Consiglio Nazionale Ingegneri

Centro Studi Consiglio Nazionale Ingegneri Centro Studi Consiglio Nazionale Ingegneri I laureati con competenze di ingegneria in Italia Anno 2012 (c.r. 447-I) Roma, novembre 2013 Ing. Armando Zambrano Ing. Fabio Bonfà Ing. Gianni Massa Ing. Riccardo

Dettagli

tutela. Il richiedente deve altresì dimostrare di conoscere gli elementi essenziali della sorveglianza fisica della protezione.

tutela. Il richiedente deve altresì dimostrare di conoscere gli elementi essenziali della sorveglianza fisica della protezione. ALLEGATO V ISTITUZIONE DEGLI ELENCHI DEGLI ESPERTI QUALIFICATI E DEI MEDICI AUTORIZZATI E DETERMINAZIONE AI SENSI DEGLI ARTICOLI 78 E 88 DELLE MODALITÀ, TITOLI DI STUDIO, ACCERTAMENTO DELLA CAPACITÀ TECNICO-PROFESSIONALE

Dettagli

Università degli Studi di Perugia Dipartimento di Ingegneria Industriale SEZIONE DI FISICA TECNICA TESI DI LAUREA DISPONIBILI

Università degli Studi di Perugia Dipartimento di Ingegneria Industriale SEZIONE DI FISICA TECNICA TESI DI LAUREA DISPONIBILI Università degli Studi di Perugia Dipartimento di Ingegneria Industriale SEZIONE DI FISICA TECNICA Termotecnica /Termodinamica / Termofluidodinamica Applicata Pag. 2 Acustica Pag. 3 Impianti Tecnici e

Dettagli

Agenda. 1. Obiettivi 2. Metodologia 3. Aree tecnologiche d intervento 4. Azioni 5. Utilizzo delle risorse 6. Valutazione 7.

Agenda. 1. Obiettivi 2. Metodologia 3. Aree tecnologiche d intervento 4. Azioni 5. Utilizzo delle risorse 6. Valutazione 7. Elementi di sintesi del piano Progetto di Innovazione Industriale Efficienza energetica per la competitività e lo sviluppo sostenibile Industria 2015 1 Agenda 1. Obiettivi 2. Metodologia 3. Aree tecnologiche

Dettagli

PERCORSO COMPOSITIVO 1. La Energy revolution di Barack

PERCORSO COMPOSITIVO 1. La Energy revolution di Barack 4. LE ENERGIE PULITE La ricerca di alternative possibili al petrolio e al nucleare è la sfida che i paesi industrializzati si devono imporre per il prossimo futuro. PERCORSO COMPOSITIVO 1. La Energy revolution

Dettagli

Linee Guida per l adozione di Insegnamenti Integrativi sulla Proprietà Intellettuale nelle Facoltà Scientifiche delle Università italiane 1

Linee Guida per l adozione di Insegnamenti Integrativi sulla Proprietà Intellettuale nelle Facoltà Scientifiche delle Università italiane 1 Linee Guida per l adozione di Insegnamenti Integrativi sulla Proprietà Intellettuale nelle Facoltà Scientifiche delle Università italiane 1 1. Premessa. Contesto e motivazione Nell attuale economia della

Dettagli

OU-I 2015 REPORT. Osservatorio Università-Imprese EXECUTIVE SUMMARY

OU-I 2015 REPORT. Osservatorio Università-Imprese EXECUTIVE SUMMARY OU-I 2015 REPORT Osservatorio Università-Imprese EXECUTIVE SUMMARY OU-I 2015 REPORT Osservatorio Università-Imprese EXECUTIVE SUMMARY Fondazione CRUI www.fondazionecrui.it Per informazioni rivolgersi a

Dettagli

L esperienza della Rete Alta Tecnologia e la Strategia Regionale di Smart Specialisation RIS3ER. ASTER all rights reserved

L esperienza della Rete Alta Tecnologia e la Strategia Regionale di Smart Specialisation RIS3ER. ASTER all rights reserved L esperienza della Rete Alta Tecnologia e la Strategia Regionale di Smart Specialisation RIS3ER ASTER all rights reserved Priorità A. Rafforzare la capacità innovativa dei sistemi industriali consolidati

Dettagli

Utilizzo dei metodi termici per la diagnosi non distruttiva di materiali compositi

Utilizzo dei metodi termici per la diagnosi non distruttiva di materiali compositi Utilizzo dei metodi termici per la diagnosi non distruttiva di materiali compositi Ing. Davide Palumbo Prof. Ing. Umberto Galietti Politecnico di Bari, Dipartimento di Meccanica, Matematica e Management

Dettagli

I PERCORSI di ISTRUZIONE e di FORMAZIONE PROFESSIONALE in REGIONE LOMBARDIA

I PERCORSI di ISTRUZIONE e di FORMAZIONE PROFESSIONALE in REGIONE LOMBARDIA I PERCORSI di ISTRUZIONE e di FORMAZIONE PROFESSIONALE in REGIONE LOMBARDIA Il sistema educativo L assolvimento del diritto dovere di istruzione e formazione è possibile all interno di tre sistemi : Il

Dettagli

Il Dottorato di Ricerca in Ingegneria Chimica. Prof. Ing. Giuseppe Maschio Presidente GR.I.C.U. Università degli Studi di Padova

Il Dottorato di Ricerca in Ingegneria Chimica. Prof. Ing. Giuseppe Maschio Presidente GR.I.C.U. Università degli Studi di Padova Il Dottorato di Ricerca in Ingegneria Chimica Prof. Ing. Giuseppe Maschio Presidente GR.I.C.U. Università degli Studi di Padova IL GR.I.C.U. Il Gruppo di Ingegneria Chimica dell Università (GR.I.C.U.)

Dettagli

Il Dottorato di Ricerca in Campania per il settore chimico e biotecnologico

Il Dottorato di Ricerca in Campania per il settore chimico e biotecnologico La formazione post lauream in Italia e le interrelazioni con le Imprese Università di Salerno, Aula Magna Campus di Fisciano, 4 Luglio 2014 Il Dottorato di Ricerca in Campania per il settore chimico e

Dettagli

dell end user IL MONDO INSPIRING SOFTWARE PER ASJA AMBIENTE ITALIA Gestione di energia da fonti RINNOVABILI

dell end user IL MONDO INSPIRING SOFTWARE PER ASJA AMBIENTE ITALIA Gestione di energia da fonti RINNOVABILI IL MONDO dell end user SP INSPIRING SOFTWARE PER ASJA AMBIENTE ITALIA Gestione di energia da fonti RINNOVABILI ECIAL report Costituita nel 1995, la società Asja è cresciuta in modo esponenziale sviluppando

Dettagli

Roma, 21 Giugno 2013. I Dottorati. Giuseppe Tonini Oncologia Medica. Policlinico Universitario Campus Bio-Medico di Roma. g.tonini@unicampus.

Roma, 21 Giugno 2013. I Dottorati. Giuseppe Tonini Oncologia Medica. Policlinico Universitario Campus Bio-Medico di Roma. g.tonini@unicampus. Roma, 21 Giugno 2013 I Dottorati Giuseppe Tonini Oncologia Medica Policlinico Universitario Campus Bio-Medico di Roma g.tonini@unicampus.it I Dottorati: cosa sono ll dottorato di ricerca, costituito in

Dettagli

Corso di perfezionamento in: Benessere dell'animale da laboratorio ed animal care

Corso di perfezionamento in: Benessere dell'animale da laboratorio ed animal care Corso di perfezionamento in: Benessere dell'animale da laboratorio ed animal care Anno Accademico: 2013/2014 Periodo di svolgimento: 10 gennaio 28 marzo 2014 Costo: Importo totale Euro 916 Lingua in cui

Dettagli

DIPLOMI UNIVERSITARI DIVISI PER UNIVERSITA'

DIPLOMI UNIVERSITARI DIVISI PER UNIVERSITA' DIPLOMI UNIVERSITARI DIVISI PER UNIVERSITA' Nº DIPLOMA UNIVERSITARIO NOME UNIVERSITA' 1 ANCONA 2 Diploma Universitario in FISIOTERAPISTA ANCONA 3 Diploma Universitario in INFERMIERE ANCONA 4 Diploma Universitario

Dettagli

Università Politecnica delle Marche Dipartimento di Scienze della Vita e dell Ambiente MASTER INTERNAZIONALE DI PRIMO LIVELLO IN.

Università Politecnica delle Marche Dipartimento di Scienze della Vita e dell Ambiente MASTER INTERNAZIONALE DI PRIMO LIVELLO IN. Università Politecnica delle Marche Dipartimento di Scienze della Vita e dell Ambiente MASTER INTERNAZIONALE DI PRIMO LIVELLO IN Biologia Marina REGOLAMENTO Art. 1 Istituzione del corso di Master L Università

Dettagli

UFFICIO STAMPA E COMUNICAZIONE - UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DEL SANNIO PAGINA / 0

UFFICIO STAMPA E COMUNICAZIONE - UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DEL SANNIO PAGINA / 0 PAGINA / 0 RASSEGNA STAMPA UNISANNIO 04/04/2011 Indice ECONOMIA AZIENDALE ON LINE 2 Il processo di redazione del bilancio sociale negli Atenei pubblici come fattore strategico per una comunicazione attendibile

Dettagli

Scaricato da http://www.italiaoggi.it Tutti i diritti riservati ai legittimi titolari

Scaricato da http://www.italiaoggi.it Tutti i diritti riservati ai legittimi titolari D i s c i p l i n a C o r s i d i l a u r e a m a g i s t r a l i Art. 1 1. Il presente decreto definisce, ai sensi dell'articolo 4 del decreto ministeriale 22 ottobre 2004, n. 270, le classi dei corsi

Dettagli

ULTIMA REVISIONE 4 ottobre 2012 SCUOLA DI DOTTORATO IN BIOMEDICINA MOLECOLARE

ULTIMA REVISIONE 4 ottobre 2012 SCUOLA DI DOTTORATO IN BIOMEDICINA MOLECOLARE ULTIMA REVISIONE 4 ottobre 2012 SCUOLA DI DOTTORATO IN BIOMEDICINA MOLECOLARE Avviso: questa scheda contiene solo delle informazioni parziali. Le modalità di iscrizione al concorso di ammissione e tutte

Dettagli

Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali

Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Master di II livello A.A. 2011-2012 Il Master è rivolto ai laureati di II livello nei corsi di studio delle Facoltà di Scienze e di Ingegneria che vogliono

Dettagli

ATTIVITÀ E SERVIZI DELLA RICERCA. Giuseppe Serra VRT 5 novembre 2008

ATTIVITÀ E SERVIZI DELLA RICERCA. Giuseppe Serra VRT 5 novembre 2008 ATTIVITÀ E SERVIZI PER LA VALORIZZAZIONE DEI RISULTATI DELLA RICERCA Giuseppe Serra VRT 5 novembre 2008 Valorizzazione dei risultati della R&S e assistenza allo start up di imprese innovative Servizio

Dettagli

Estratto dell'agenda dell'innovazione Smau Milano 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica. Il caso RETELIT

Estratto dell'agenda dell'innovazione Smau Milano 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica. Il caso RETELIT Estratto dell'agenda dell'innovazione Smau Milano 2011 Speciale: I casi Introduzione dell'area tematica Il caso RETELIT Innovare e competere con le ICT - PARTE I Cap.9 Innovare la comunicazione aziendale

Dettagli

Casi di studio e progetti sull'innovazione informatica dei servizi logistici Rete Alta Tecnologia dell Emilia-Romagna Piattaforma ICT & Design

Casi di studio e progetti sull'innovazione informatica dei servizi logistici Rete Alta Tecnologia dell Emilia-Romagna Piattaforma ICT & Design Casi di studio e progetti sull'innovazione informatica dei servizi logistici Rete Alta Tecnologia dell Emilia-Romagna Piattaforma ICT & Design Lucia Mazzoni, ASTER IL SISTEMA REGIONALE DELLA RICERCA Università

Dettagli

DIPARTIMENTO DI BIOTECNOLOGIE MOLECOLARI E SCIENZE PER LA SALUTE CORSI DI STUDIO EX D.M. 270/2004

DIPARTIMENTO DI BIOTECNOLOGIE MOLECOLARI E SCIENZE PER LA SALUTE CORSI DI STUDIO EX D.M. 270/2004 ELENCO CORSI ATTIVATI A.A. 2015-2016 DIPARTIMENTO DI BIOTECNOLOGIE MOLECOLARI E SCIENZE PER LA SALUTE 1. 056701 Biotecnologie (Classe L-2) Dipartimenti: Biotecnologie molecolari e scienze per la salute,

Dettagli

PROGETTO Scienza senza Frontiere

PROGETTO Scienza senza Frontiere PROGETTO Scienza senza Frontiere Opportunità di collaborazione Università Imprese Borse di studio offerte dal governo brasiliano ai migliori studenti brasiliani per periodi di studio e tirocinio in Italia

Dettagli

Figure Professionali «Smart City» Smart People ESPERTO ICT. GREEN JOBS Formazione e Orientamento

Figure Professionali «Smart City» Smart People ESPERTO ICT. GREEN JOBS Formazione e Orientamento Figure Professionali «Smart City» Smart People GREEN JOBS Formazione e Orientamento DESCRIZIONE ATTIVITA Il concetto di Smart City sta assumendo rilevanza sempre crescente e diverse città, anche in Italia,

Dettagli

Quali e-service per l'azienda e le reti di impresa Progetto Essence. Piattaforma ICT & Design

Quali e-service per l'azienda e le reti di impresa Progetto Essence. Piattaforma ICT & Design Quali e-service per l'azienda e le reti di impresa Progetto Essence Piattaforma ICT & Design IL SISTEMA REGIONALE DELLA RICERCA Università di Bologna Università di Ferrara Università ità di Modena e Reggio

Dettagli

Tavola 1. Corrispondenza fra i capitoli di questa pubblicazione e le classi di laurea CAPITOLI CLASSI DI LAUREA

Tavola 1. Corrispondenza fra i capitoli di questa pubblicazione e le classi di laurea CAPITOLI CLASSI DI LAUREA Tavola 1 Corrispondenza fra i capitoli di questa pubblicazione e le classi di laurea CAPITOLI CLASSI DI LAUREA 1 Indirizzo medico e odontoiatrico 2 3 6 7 Indirizzo farmaceutico Indirizzo sanitario tecnico,

Dettagli

Elenco Istituti Tecnici Superiori

Elenco Istituti Tecnici Superiori Elenco Istituti Tecnici Superiori N. Regione Provincia ITS Area tecnologica Ambiti 1 Abruzzo CHIETI 2 Abruzzo L'AQUILA Istituto Tecnico Superiore Nuove Tecnologie per il Sistema Meccanica Istituto Tecnico

Dettagli

SERVIZIO PER L'AUTONOMIA UNIVERSITARIA E GLI STUDENTI UFFICIO II

SERVIZIO PER L'AUTONOMIA UNIVERSITARIA E GLI STUDENTI UFFICIO II SERVIZIO PER L'AUTONOMIA UNIVERSITARIA E GLI STUDENTI UFFICIO II CONTINGENTE RESIDUO DEI POSTI RISERVATI AGLI STUDENTI NON COMUNITARI RESIDENTI ALL'ESTERO, PER L'ANNO ACCADEMICO 2000/2001. CORSI DI LAUREA:

Dettagli

Aree produttive sostenibili e Green marketing

Aree produttive sostenibili e Green marketing Aree produttive sostenibili e Green marketing IL GREEN MARKETING COME OPPORTUNITÀ DI RILANCIO ECONOMICO Il marketing green si occupa di inserire nel mercato prodotti che salvaguardano l ambiente attraverso

Dettagli

COMUNICATO STAMPA Con RoboCom i migliori amici dell uomo saranno i robot il progetto a leadership italiana Robot Companions for Citizens - RoboCom

COMUNICATO STAMPA Con RoboCom i migliori amici dell uomo saranno i robot il progetto a leadership italiana Robot Companions for Citizens - RoboCom COMUNICATO STAMPA Con RoboCom i migliori amici dell uomo saranno i robot Presentato all Unione Europea il progetto a guida italiana che mira a creare una nuova generazione di robot che sappiano convivere

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER I SISTEMI DI RACCOLTA E SMALTIMENTO DEI RIFIUTI

TECNICO SUPERIORE PER I SISTEMI DI RACCOLTA E SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SETTORE AMBIENTE TECNICO SUPERIORE PER I SISTEMI DI RACCOLTA E SMALTIMENTO DEI RIFIUTI STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO SUPERIORE PER I SISTEMI DI RACCOLTA E SMALTIMENTO DEI

Dettagli

Come si traccia un alimento di origine animale? Dalle lasagne con carne di cavallo. alla realtà di ogni giorno

Come si traccia un alimento di origine animale? Dalle lasagne con carne di cavallo. alla realtà di ogni giorno Editoriale n.10 Newsletter aprile 2013 Come si traccia un alimento di origine animale? Dalle lasagne con carne di cavallo alla realtà di ogni giorno Identificare la specie, un obiettivo fondamentale quando

Dettagli

Informatica I T A L I A LAUREA DI PRIMO LIVELLO (TRIENNALE) CLASSE DELLE LAUREE L-31 - SCIENZE E TECNOLOGIE INFORMATICHE

Informatica I T A L I A LAUREA DI PRIMO LIVELLO (TRIENNALE) CLASSE DELLE LAUREE L-31 - SCIENZE E TECNOLOGIE INFORMATICHE Informatica I T A L I A LAUREA DI PRIMO LIVELLO (TRIENNALE) PER SINGOLI INDIRIZZI O CURRICULA CONSULTARE L INDIRIZZO INTERNET DELLE SINGOLE UNIVERSITA CLASSE DELLE LAUREE L-31 - SCIENZE E TECNOLOGIE INFORMATICHE

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA DIREZIONE STUDENTI - AREA POST-LAUREAM

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA DIREZIONE STUDENTI - AREA POST-LAUREAM MASTER UNIVERSITARIO IN INGEGNERIA CHIMICA DELLA DEPURAZIONE DELLE ACQUE E DELLE ENERGIE RINNOVABILI A.A. 2012/13 Livello II Informazioni generali Rinnovo Durata Annuale CFU 60 (1 anno) ANAGRAFICA DEL

Dettagli

IL DIRETTORE DELLA DIREZIONE REGIONALE SVILUPPO ECONOMICO, RICERCA, INNOVAZIONE E TURISMO

IL DIRETTORE DELLA DIREZIONE REGIONALE SVILUPPO ECONOMICO, RICERCA, INNOVAZIONE E TURISMO DTRDIR C1084 Del 14/05/2009 OGGETTO: Designazione dei componenti del Nucleo di Valutazione istituito con Deliberazione della Giunta della Regione Lazio n. 125 del 6 marzo 2009, in attuazione dell art.

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

Il RETTORE DECRETA. la cui ultima laurea conseguita abbia votazione pari o superiore a 95/110.

Il RETTORE DECRETA. la cui ultima laurea conseguita abbia votazione pari o superiore a 95/110. DECRETO R. Rep. N. 1843 /2015 Prot. N.135251 Anno 2015 Tit.V Cl.1 OGGETTO: AVVISO di selezione per l attribuzione di assegni per attività di tutorato informativo e didattico presso i corsi di laurea dell

Dettagli

Le aree di specializzazione della Regione Friuli Venezia Giulia. Traccia di discussione Sistema della ricerca e tessuto imprenditoriale

Le aree di specializzazione della Regione Friuli Venezia Giulia. Traccia di discussione Sistema della ricerca e tessuto imprenditoriale Le aree di specializzazione della Regione Friuli Venezia Giulia Traccia di discussione Sistema della ricerca e tessuto imprenditoriale Area di specializzazione (settore) (Identificazione dell Area di specializzazione)

Dettagli

Allergologia e immunologia clinica

Allergologia e immunologia clinica Allergologia e immunologia clinica 1 Politecnica delle Marche 3 3 1 Modena Parma 2 Bari 2 1 Puglia 3 1 Foggia 3 Cagliari 1 2 Sardegna 3 4 Firenze 3 3 Pisa Siena 5 Genova 2 2 Torino 6 L'Aquila 2 2 Chieti

Dettagli

CLASSI DI LAUREA MAGISTRALE

CLASSI DI LAUREA MAGISTRALE Allegato D CLASSI DI LAUREA MAGISTRALE CLASSI DI LAUREA MAGISTRALE INDIRIZZO DI LAUREA MACROAREA ASSEGNATA LM-1 ANTROPOLOGIA CULTURALE ED ETNOLOGIA LM-2 ARCHEOLOGIA LM-3 ARCHITETTURA DEL PAESAGGIO LM-4

Dettagli

ELENCO NAZIONALE DELLE ULTERIORI ARTICOLAZIONI DELLE AREE DI INDIRIZZO DEI PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI IN OPZIONI

ELENCO NAZIONALE DELLE ULTERIORI ARTICOLAZIONI DELLE AREE DI INDIRIZZO DEI PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI IN OPZIONI A LLEGATO B ELENCO NAZIONALE DELLE ULTERIORI ARTICOLAZIONI DELLE AREE DI INDIRIZZO DEI PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI IN OPZIONI ALLEGATO B1 Indirizzo: Manutenzione e assistenza tecnica - Opzione:

Dettagli

Accelerator-Based Neutron Capture Therapy presso i Laboratori Nazionali di Legnaro:

Accelerator-Based Neutron Capture Therapy presso i Laboratori Nazionali di Legnaro: ISTITUTO NAZIONALE DI FISICA NUCLEARE LABORATORI NAZIONALI DI LEGNARO INFN - LNL Accelerator-Based Neutron Capture Therapy presso i Laboratori Nazionali di Legnaro: previsione dei costi e dei tempi A.

Dettagli

II Facoltà di Ingegneria

II Facoltà di Ingegneria II Facoltà di Ingegneria La II Facoltà di Ingegneria è una Facoltà giovane come te, in continua evoluzione, dove le nuove idee sono di casa. Ti offre la possibilità di seguire, sin dal primo anno, un percorso

Dettagli

CURRICULUM VITAE DI GIOVANNI TOLETTI

CURRICULUM VITAE DI GIOVANNI TOLETTI CURRICULUM VITAE DI GIOVANNI TOLETTI Nome: Toletti Giovanni Data di nascita: 12 novembre 1970 Indirizzo: Via Norberto Bobbio 9, 20096 Pioltello (MI), Italy Telefono: +39 02 2399.2800 Fax: +39 02 2399.4083

Dettagli

Scegliere L ATENEO PALERMITANO

Scegliere L ATENEO PALERMITANO Scegliere L ATENEO PALERMITANO Questa breve presentazione d Ateneo vuole essere una mappa aggiornata per chi si avvicina all Università degli Studi di Palermo, una guida essenziale per conoscere una realtà

Dettagli

Competenze Laboratori (Med-CHHAB)

Competenze Laboratori (Med-CHHAB) Competenze Laboratori (Med-CHHAB) Asse Portante Tematiche Campi d azione Servizi offerti Applicazioni Polimeri Biocompatibili Preparazione e caratterizzazione chimicofisica di materiali polimerici biocompatibili

Dettagli

Riconoscimenti Universitari in Italia

Riconoscimenti Universitari in Italia Riconoscimenti Universitari in Italia Di seguito riportiamo l elenco delle Università italiane che riconoscono le certificazioni rilasciate da English Speaking Board. Tale lista è il risultato di un indagine

Dettagli

1 SAFETY FOR FOOD (S4F)

1 SAFETY FOR FOOD (S4F) 1 SAFETY FOR FOOD (S4F) Cisco Systems Italy srl e Penelope SpA, hanno studiato lo stato dell arte del settore industriale agroalimentare attraverso l analisi del contesto socio-economico, l approfondimento

Dettagli