Austerità fiscale e crescita in Europa: binomio o antinomia?

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Austerità fiscale e crescita in Europa: binomio o antinomia?"

Transcript

1

2 Austerità fiscale e crescita in Europa: binomio o antinomia? Come uscire dalla crisi dell Eurozona Rainer Masera Ordinario di Politica Economica Università degli Studi Guglielmo Marconi 2

3 COME USCIRE DALLA CRISI DELL EUROZONA Sommario 1. Introduzione 2. Rischio vulnerabilità e controllo dei sistemi finanziari 3. Stress sovrano e stress bancario nell Eurozona, in un confronto internazionale 4. Focus sul confronto fra Italia e Germania nell ultimo decennio 5. La crisi dell Eurozona e l esigenza di un diverso modello di integrazione e di regolazione finanziaria 6. La questione del finanziamento delle infrastrutture e il Fiscal Compact 7. Conclusione: dall unione monetaria all unione economica e politica dell Eurozona (un ipotesi) Appendice statistica

4 1. INTRODUZIONE Le crisi del e del sono intimamente collegate. Le cause sono rinvenibili nei seguenti fattori: 1. errati approcci e modelli di analisi economica, basati sui falsi presupposti di efficienza, autoregolazione e autocorrezione dei mercati, razionalità degli agenti economici, modelli statistici e probabilistici altamente complessi basati sulla tecnica VaR; 2. elevata integrazione e complessità del contesto finanziario globale; 3. carenze negli assetti regolamentari e di supervisione, ed errate scelte di politiche economiche; 4. mancata calibrazione degli incentivi e inadeguatezza dei modelli di risk management e governance. 4

5 1. INTRODUZIONE Figura 1 Il Sistema Finanziario Globale: principali componenti Instruments Markets Derivatives Central Banks Operators ShadowBanking System Governments Banks and other Regulated Intermediaries Micro-prudential Surveillance Macroprudential Supervision Accounting Standards GFS Regulation International Financial Institutions Payments, Clearing Settlement and Custodian systems Sovereign Wealth Funds 5

6 1. INTRODUZIONE Il Sistema Finanziario Globale rappresenta un sistema complesso, con componenti eterogenee fortemente interconnesse: le componenti sono dinamiche innovative e adattive. Le interconnessioni sono funzionali e incentrate sui mercati/operatori dei prodotti finanziari derivati. Figura 2 Mercato mondiale dei derivati OTC In base al tipo di dato e alla categoria di rischio di mercato, in trilioni di dollari USA Fonte: Rassegna trimestrale BRI, dicembre

7 1. INTRODUZIONE Un modello generale di riferimento, a mio avviso necessario, per l analisi del sistema finanziario è quello della topologia di network, con i connessi problemi di rischio, vulnerabilità e controllo (R,V,C). La topologia di rete definisce la struttura fisica e logica del network: ovvero i nodi, le interconnessioni, consentendo di analizzare il funzionamento di sistemi complessi e dinamici. Una rete pienamente interconnesse ovvero una topologia completa è caratterizzata da legami diretti [n(n-1)/2] tra tutti i nodi. Figura 3 Topologie di reti 7

8 1. INTRODUZIONE Una topologia di rete è rappresentata da un grafo che ha come elementi costitutivi i nodi e i rami. Il nodo individua un elemento di rete con specifiche caratteristiche/ funzioni, il ramo rappresenta le connessioni (distinte) fisica/logica/ funzionale fra due nodi. Questi modelli mostrano che è necessario partire da un analisi di R,V,C a livello delle singole componenti, ma che la valutazione complessiva richiede una considerazione olistica. La vulnerabilità complessiva non può essere desunta dall analisi svolta indipendentemente sulle singole parti, ma richiede un approccio integrato. I controlli rivolti a contenere la vulnerabilità devono essere concepiti non solo con riferimento alle singole parti, ma anche a livello sistemico, in particolare per prevenire effetti di moltiplicazione e di contagio, soprattutto per circoscrivere il rischio sistematico. 8

9 1. INTRODUZIONE Questi modelli sono da tempo applicati in un contesto di analisi fisiche, biologiche, ambientali. Solo recentemente sono rivolti all analisi del sistema finanziario. Il Sistema Finanziario Globale rappresenta, a mio avviso, un esempio di sistema complesso, che richiede metodi e modelli sopraindicati. Le analogie tra network fisici e sistemi finanziari si estendono anche alle situazioni di rischio sistemico, dove le funzioni di probabilità utilizzate per misurare il rischio possono subire modifiche di regime, con il passaggio da distribuzioni normali a distribuzioni di potere (teoria dei valori estremi) Figura 4 Power Laws and Heavy-Tail Distributions Source: Helbing, D., Systemic Risks in Society and Economics. In IRGC Report The Emergence of Risks: Contributing Factors, October. 9

10 1. INTRODUZIONE Altro importante elemento comune è rappresentato dall esigenza di non affidarsi esclusivamente al mercato per l integrità e la funzionalità del sistema complesso di riferimento: le esternalità connesse a malfunzionamenti richiedono regole, supervisione, controlli (a livello mondiale, si spende molto di più per i controlli sulle banche che sulle centrali nucleari!) Occorre, tuttavia, sottolineare una differenza fondamentale fra i sistemi finanziari e i network fisici: la natura e la tipologia dei rischi, e quindi dei controlli appropriati. I mercati finanziari sono soggetti a rischio esogeno, connesso a fattori esterni fondamentali, ma anche a rischio endogeno, collegato a comportamenti e azioni degli operatori del sistema, che amplificano il rischio e possono generare rischio sistematico (market failure generalizzata). Tecnicamente, i mercati finanziari non sono sempre efficienti, nel senso di riflettere sempre e solo l evoluzione e le news delle variabili fondamentali nei processi di determinazione dei prezzi. 10

11 1. INTRODUZIONE Modelli e rischio: meteorologia vs. finanza. Un esempio. Meteorologia: supponiamo che i modelli matematici/probabilistici indicano il rischio di forti precipitazioni. La protezione civile emette direttive per ridurre la vulnerabilità delle possibili alluvioni e le sostanzia con rigorose misure di prevenzione e di controllo. Comunque, le attività di previsione e di intervento (R,V,C) non influenzano il risultato, ovvero il manifestarsi o meno dell evento, ovvero delle forti precipitazioni piovose. Finanza: i modelli economico-finanziari probabilistici indicano il rischio di tensioni nel finanziamento sovrano di alcuni Paesi dell Eurozona. Le decisioni degli operatori di mercato sono amplificate da comportamenti omogenei, che moltiplicano il rischio esogeno, connesso a variabili fondamentali, e innescano rischio endogeno/sistemico. Le autorità di regolazione segnalano la vulnerabilità e richiedono misure di controllo. Si innesca un loop con effetti di retroazione. In questo caso, le attività di previsione del rischio e di intervento precauzionale influenzano il risultato. Il manifestarsi delle tensioni sul debito dipende dalle azioni e dai comportamenti degli operatori e delle autorità di regolazione: piove perché si è previsto che sarebbe piovuto! 11

12 2. RISCHIO, VULNERABILITA E CONTROLLO DEI SISTEMI FINANZIARI Figura 5 Rischio esogeno e rischio endogeno nei sistemi finanziari Exogenous (fundamental) risk risk driven by news, i.e. unanticipated changes in economic fundamentals (game against nature) Endogenous risk unexplained volatility due to non-fundamental factors such as: perverse incentive structures, serially correlated belief structures and risk control methodologies, trend and herding behavior Systemic risk risk encountered when stress exceeds the coping capacity of the system, which enters a state of overload leading to breakdown. Market failures imply that uncertainty replaces risk. In this situation, irrational behaviour can occur and amplify the likelihood of system breakdown 12

13 2. RISCHIO, VULNERABILITA E CONTROLLO DEI SISTEMI FINANZIARI Figura 6 Total perceived risk and fundamental volatility Total perceived risk Systemic risk The volatility is lower than fundamental (news related) volatility when capital buffers are strong and liquidity plentiful Endogenous risk 45 Exogenous risk O A B Fundamental (exogenous) volatility 13

14 2. RISCHIO, VULNERABILITA E CONTROLLO DEI SISTEMI FINANZIARI Controlli e misure di prevenzione delle autorità (rischio e vulnerabilità nel sistema finanziario). Si pone, al riguardo, una questione estremamente delicata, connessa in particolare agli effetti dei controlli sul rischio endogeno. La tesi che porto alla Vs. attenzione è che queste misure possano essere una causa e non una soluzione dei problemi di instabilità finanziaria. Ciò in quanto non tengono dovuto conto dell interazione fra rischio esogeno e rischio endogeno. Focalizziamo l attenzione sui due capisaldi della regolazione finanziaria in Europa: i capital ratios di Basilea sulle banche e gli accounting standard IFRS (International Financial Reporting Standards). Entrambi gli standard hanno introdotto regole e processi uniformi in sistemi economici, sociali complessi e diversificati (le regole in questione si applicano anche, ma con modalità molto diverse, negli Stati Uniti). Soprattutto, dal punto di vista del rischio endogeno entrambi gli standard forzano modelli e comportamenti omogenei in tutti gli operatori e, in particolare, nelle banche. I due standard sono fortemente prociclici. 14

15 2. RISCHIO, VULNERABILITA E CONTROLLO DEI SISTEMI FINANZIARI Controlli e misure di prevenzione delle autorità (rischio e vulnerabilità nel sistema finanziario). Lo IASB (International Accounting Standards Board) ha forzato l utilizzo di regole contabili che hanno generato/generano utili/perdite fittizi sulla base di schemi mark-to-market inadatti, in quanto presuppongono che i prezzi di mercato siano sempre corretti (il rischio endogeno contraddice evidentemente questa ipotesi). Gli standard di Basilea presuppongono, a loro volta, che ci sia un mapping univoco per tradurre gli attivi di libri in asset corretti per il rischio. Anche questa ipotesi non è corretta. Basilea forza, inoltre, tutte le banche a utilizzare modelli VaR per misurare il rischio inatteso. Ciò determina due gravi controindicazioni. In primo luogo, forza a comportamenti e azioni omogenei gli operatori finanziari, moltiplicando la componente endogena di rischio. Inoltre, i modelli VaR sono basati su funzioni di densità normali che vengono meno in condizioni di stress: i modelli risultano, pertanto, sbagliati proprio quando sono particolarmente necessari. 15

16 2. RISCHIO, VULNERABILITA E CONTROLLO DEI SISTEMI FINANZIARI Controlli e misure di prevenzione delle autorità (rischio e vulnerabilità nel sistema finanziario). Gli standard di Basilea e quelli contabili operano in congiunzione perversa: gli acquisti e le vendite si rinforzano mutualmente, generando prezzi degli asset non coerenti con I valori fondamentali, ma impossibili da resistere per gli operatori che volessero correttamente operare in senso stabilizzante. Si innesca, pertanto, una dinamica di contagio fra modelli, valutazioni e ripercussioni sui bilanci amplificati dai mercati, che colpiscono in primo luogo i valori delle banche (market cap) portandolo ben al di sotto del valore di libro, generando ulteriori incertezze e rischi endogeni. Il trading account calcolato a mark-to-market genera effetti destabilizzanti coinvolgendo la liquidità dei singoli asset e del sistema, come mostreremo con specifico riferimento alle attuali condizioni di rischio sovrano nell Eurozona. I loop sono ampliati a seguito di un terzo set di fattori. L operare dei mercati derivati OtC e le tecniche di assicurazione di portafoglio di leveraging dinamico e di trading automatico ad alta frequenza, che esaltano i movimenti dei prezzi fondamentalmente attraverso futures e opzioni. 16

17 2. RISCHIO, VULNERABILITA E CONTROLLO DEI SISTEMI FINANZIARI Controlli e misure di prevenzione delle autorità (rischio e vulnerabilità nel sistema finanziario). Inoltre, i derivati creditizi consentono di prendere posizioni corte sui crediti (inclusi quelli sovrani) e di arbitraggiare i coefficienti di capitale corretti per il rischio, di fatto aumentando il rischio effettivo a livello sistemico. Quando si generalizza il rischio endogeno, il capitale come buffer contro il rischio per le banche non è più fornito dai mercati: i governi devono intervenire per fornire le risorse patrimoniali con taxpayers money. Si genera enorme azzardo morale e si moltiplica lo stress sulle finanze pubbliche. La conclusione paradossale è che la vulnerabilità sistemica è connessa alle stesse misure e metodologie di analisi e di prescrizioni in termini di R,V,C. Il sistema finanziario richiede un approccio radicalmente diverso di controllo, fondato su una visione olistica, che comprende l analisi macroprudenziale, e su opportuni disaccoppiamenti elastici dei nodi del sistema, per evitare il rischio catastrofale. 17

18 2. RISCHIO, VULNERABILITA E CONTROLLO DEI SISTEMI FINANZIARI Figura 7 L approccio interattivo del Rapporto de Larosière per la stabilità finanziaria 18

19 2. RISCHIO, VULNERABILITA E CONTROLLO DEI SISTEMI FINANZIARI Controlli e misure di prevenzione delle autorità (rischio e vulnerabilità nel sistema finanziario). Un applicazione di questi schemi viene fornita con riferimento all evoluzione della crisi delle finanze pubbliche nell Eurozona, partendo da un confronto con le situazioni di Stati Uniti, Giappone e Regno Unito. Come vedremo, i prezzi dei mercati finanziari mostrano evidenti disallineamenti rispetto a un analisi di tipo fondamentale. Emergerà, tuttavia, con chiara evidenza l incompletezza del processo di costruzione dell unione monetaria, in assenza di integrazione fiscale. Il modello di riferimento è stato elaborato e presentato la scorsa estate all Università di Salisburgo ed è in corso di pubblicazione su una rivista scientifica Zeitschrift für öffentliches Recht. 19

20 3. STRESS SOVRANO E STRESS BANCARIO NELL EUROZONA L austerità senza crescita è un veleno per la fiducia nella classe politica al potere e nei governi, anche perché si dimostra sempre più inadatta ad assicurare la stabilità delle finanze pubbliche. Le politiche e i metodi di regolazione finanziaria devono essere profondamente modificati. Occorre rapidamente passare dal modello dell Unione monetaria a uno schema integrato di unione fiscale con sostegno sistematico della BCE alla stabilità finanziaria. 20

21 Figura 8 L intreccio tra stress sovrano e stress bancario: il circolo vizioso in Europa Sovereign stress Too rigidshort-termfiscal targets Absence of golden rule Inadequacy of EFSF Mishandling of Greek crisis Exogenous risk Liquidity Insolvency Sovereign CDS Rating agencies Fallaciesof composition Recessionary impulses Endogenous risk Banking stress Basel 3, EBA stress tests Very large capital requirements Deleveraging Credit crunch ECB: safety anchor preventing meltdown, fighting systemic risk, but unable to break the vicious circle, and at the cost of moral hazard EFSF Markets Moral hazard Governments Fiscal targets are not met More capital is required

22 3. STRESS SOVRANO E STRESS BANCARIO NELL EUROZONA Figura 9 Il problema del deleveraging a livello mondiale Source: Croxon, K. et al., Working out of debt. McKinsey Quarterly, 1/

23 3. STRESS SOVRANO E STRESS BANCARIO NELL EUROZONA Figura 10 Balance sheets (Percent) Source: IMF, World Economic Outlook, April

24 3. STRESS SOVRANO E STRESS BANCARIO NELL EUROZONA Figura 11 Giappone: deficit e debito pubblico/pil e tasso di interesse a 10 anni sul debito Percent of GDP Per cent, per annum 170 General government net lending/borrowing ,4-10,1-10,0-8,7 General government gross debt 215,3 229,8 235,8 241,1 10-years bond interest rate 1,24 1,1 1,0 1,0-12 Fonte: elaborazione su dati IMF, World Economic Outlook, April 2012, e Datastream. 24

25 3. STRESS SOVRANO E STRESS BANCARIO NELL EUROZONA Figura 12 Stati Uniti: deficit e debito pubblico/pil e tasso di interesse a 10 anni sul debito Percent of GDP Per cent General government net lending/borrowing ,5-9,6-8,1-6,3 General government gross debt 98,5 102,9 106,6 110,2 10-years bond interest rate 3,2 2,8 2,0 2,0-13 Fonte: elaborazione su dati IMF, World Economic Outlook, April 2012, e Datastream. 25

26 3. STRESS SOVRANO E STRESS BANCARIO NELL EUROZONA Figura 13 Regno Unito: deficit e debito pubblico/pil e tasso di interesse a 10 anni sul debito Percent of GDP Per cent, per annum General government net -9,9-8,7-8,0-6,6 lending/borrowing Fonte: elaborazione su dati IMF, World Economic Outlook, April 2012, e Datastream. General government gross debt 75,1 82,5 88,4 91,4 10-years bond interest rate 3,7 3,3 2,4 2,

27 3. STRESS SOVRANO E STRESS BANCARIO NELL EUROZONA Figura 14 Spagna: deficit e debito pubblico/pil e tasso di interesse a 10 anni sul debito Percent of GDP Per cent, per annum General government net lending/borrowing ,3-8,5-6,0-5,7 General government gross debt 61,2 68,5 79,0 84,0 10-years bond interest rate 4,3 5,4 5,5 5, Fonte: elaborazione su dati IMF, World Economic Outlook, April 2012, e Datastream.

28 4. FOCUS SUL CONFRONTO FRA ITALIA E GERMANIA NELL ULTIMO DECENNIO Figura 15 Germania: deficit e debito pubblico/pil e tasso di interesse a 10 anni sul debito Percent of GDP Per cent, per annum General government net lending/borrowing (Percent of GDP) General government gross debt (Percent of GDP) ,3-1,0-0,8-0,6 83,2 81,5 78,9 77,4 10-years bond interest rate 2,9 2,7 1,8 1,8-5 Fonte: elaborazione su dati IMF, World Economic Outlook, April 2012, e Datastream. 28

29 4. FOCUS SUL CONFRONTO FRA ITALIA E GERMANIA NELL ULTIMO DECENNIO Figura 16 Italia: deficit e debito pubblico/pil e tasso di interesse a 10 anni sul debito Percent of GDP Per cent, per annum General government net lending/borrowing ,5-3,9-2,4-1,5 General government gross debt 118,7 120,1 123,4 123,8 10-years bond interest rate 4,0 5,3 5,7 5,7-6 Fonte: elaborazione su dati IMF, World Economic Outlook, April 2012, e Datastream. 29

30 4. FOCUS SUL CONFRONTO FRA ITALIA E GERMANIA NELL ULTIMO DECENNIO Figura 17 Crescita del PIL reale: Italia e Germania a confronto Media ( ) Crescita complessiva Germany 1,1 14 Italy 0,2 2 Euro area 1,1 14 Fonte: elaborazione su dati IMF, World Economic Outlook, April

31 4. FOCUS SUL CONFRONTO FRA ITALIA E GERMANIA NELL ULTIMO DECENNIO Figura 18 Evoluzione del PIL pro capite (prezzi costanti): Italia e Germania a confronto Fonte: elaborazione su dati IMF, World Economic Outlook, April

32 4. FOCUS SUL CONFRONTO FRA ITALIA E GERMANIA NELL ULTIMO DECENNIO Figura 19 Rapporto debito pubblico/pil e deficit pubblico/pil: Italia e Germania a confronto Fonte: elaborazione su dati IMF, World Economic Outlook, April

33 4. FOCUS SUL CONFRONTO FRA ITALIA E GERMANIA NELL ULTIMO DECENNIO Figura 20 Tasso di disoccupazione: Italia e Germania a confronto Percent of total labor force Unemployment rate (Germany) Unemployment rate (Italy) Unemployment rate (Euro area) Fonte: elaborazione su dati IMF, World Economic Outlook, April

34 5. LA CRISI DELL EUROZONA E L ESIGENZA DI UN DIVERSO MODELLO Vi è ampio consenso sul fatto che, nei Paesi europei, l aggiustamento fiscale e le riforme strutturali siano necessari e che le banche debbano essere meglio e più capitalizzate. I principi sono corretti, ma non le modalità e i tempi di applicazione oggi imposti dalla saggezza convenzionale. La crisi dell Eurozona è anche un opportunità per: i. rivisitare alla radice il modello di integrazione economica e monetaria in Europa; ii. spingere e realizzare riforme strutturali in Paesi che nei passati vent anni hanno evitato di affrontare i cambiamenti imposti dal paradigma della moneta unica e dalla globalizzazione dei mercati. 34

35 5. LA CRISI DELL EUROZONA E L ESIGENZA DI UN DIVERSO MODELLO LE OPPORTUNITÀ Per quanto concerne il punto (i), è divenuto oggi ben evidente che la moneta unica richiede anche unione fiscale e, quindi, integrazione politica Il rischio sovrano (e quello delle banche) in assenza di sovranità monetaria diventa esplosivo anche per la mancata riforma olistica dell architettura finanziaria europea L approccio all unione fiscale poggia sul Fiscal Compact e sull European Financial Stability Facility (EFSF): su entrambi i fronti occorrono tuttavia modifiche profonde. Per quanto concerne il punto (ii), è indubbio che sono necessarie importanti riforme strutturali: delle pensioni, del mercato del lavoro, della concorrenza, dell implementazione del mercato unico, degli assetti e delle regole in campo finanziario e bancario. La loro realizzazione è in corso. Non si può, peraltro, pensare che dalle riforme provengano nell immediato stimoli alla domanda, alla crescita, all occupazione. 35

36 5. LA CRISI DELL EUROZONA E L ESIGENZA DI UN DIVERSO MODELLO I PROBLEMI Il modello economico che la Germania sta forzando in tempi molto brevi attraverso le riforme (quella fiscale e quelle di struttura) è sbagliato. L approccio ipotizza mercati perfetti: efficienza informativa, comportamenti e azioni sempre basati su assunti di aspettative razionali e di rischio univocamente connesso a news su fattori fondamentali, piena flessibilità dei salari e dei prezzi anche verso il basso. La Germania sta imponendo a tutta l Europa un modello neoconservatore e liberale estremista. La Germania ha, pertanto, abbandonato il modello economico dell economia sociale di mercato sul quale Adenauer e Eucken avevano costruito la prosperità economica nel dopoguerra e il processo di integrazione in Europa. Il paradosso è che la Merkel si rifà a modelli che il cancelliere tedesco Heinrich Brüning aveva imposto agli inizi degli anni 30 in Germania di tagli alla spesa pubblica di investimento e sociale, e con misure di austerità basate anche su nuove e crescenti tasse. L idea anche allora era di assicurare il bilancio in equilibrio, ma il risultato era stato una contrazione catastrofica del reddito e dell occupazione che avevano portato nel 1933 al potere Hitler. 36

37 5. LA CRISI DELL EUROZONA E L ESIGENZA DI UN DIVERSO MODELLO I PROBLEMI La Merkel ha un potere di imporre le proprie politiche che deriva anche dal fatto che gli altri Paesi non hanno la possibilità di esprimere chiaramente il loro parere sulla inadeguatezza dell approccio nel timore che ciò potrebbe produrre effetti negativi sui mercati con aumenti degli spread sui tassi di interesse e, quindi, acuendo le difficoltà di rientro. Figura 21 Eurozona: l attuale modello implicito di policy (Modello 1) Prezzi (salari) SS P P E E Prodotto potenziale DD DD Prodotto reale 37

38 5. LA CRISI DELL EUROZONA E L ESIGENZA DI UN DIVERSO MODELLO I PROBLEMI Figura 22 Il paradigma della fallacia di composizione (Modello 2) Prezzi (salari) SS P P E E DD DD Y Y Prodotto reale 38

39 5. LA CRISI DELL EUROZONA E L ESIGENZA DI UN DIVERSO MODELLO Figura 23 Il capitale bancario: il modello convenzionale (Modello 1) Equity SS DD Assumption: given RWA ROE 39

40 5. LA CRISI DELL EUROZONA E L ESIGENZA DI UN DIVERSO MODELLO Figura 24 Il capitale bancario: la fallacia di composizione. L offerta di capitale sul mercato è vincolata (Modello 2) Equity Assumption: given RWA DD SS ROE 40

41 Figura 25 WEO Downside Scenario for Increased Bank and Sovereign Stress in the Euro Area (Percent or percentage point deviation from WEO baseline) Source: IMF, World Economic Outlook, April LA CRISI DELL EUROZONA E L ESIGENZA DI UN DIVERSO MODELLO

42 Figura 26 Europe: revisions to 2012 GDP growth forecasts (Change in percentage points from September 2011 WEO projections) Source: IMF, World Economic Outlook, April LA CRISI DELL EUROZONA E L ESIGENZA DI UN DIVERSO MODELLO

43 Figura 27 Europe: back in recession Source: IMF, World Economic Outlook, April LA CRISI DELL EUROZONA E L ESIGENZA DI UN DIVERSO MODELLO

44 5. LA CRISI DELL EUROZONA E L ESIGENZA DI UN DIVERSO MODELLO Figura 28 Europe: back in recession 1 Source: IMF, World Economic Outlook, April

45 6. INFRASTRUTTURE E FISCAL COMPACT Con il Fiscal Compact, gli Stati membri si impegnano a mantenere una posizione di bilancio della Pubblica Amministrazione in pareggio o in avanzo, ovvero a contenere il disavanzo strutturale entro il limite 0,5% del PIL ai prezzi di mercato. Il Patto di Stabilità Fiscale prevede, altresì, che i Paesi il cui debito eccede il 60% del PIL dovranno ridurlo a un tasso medio di un ventesimo per anno, senza prevedere alcuna forma di condivisione di una parte del debito a livello Eurozona. In reazione agli eccessi del passato, secondo il Fiscal Compact dell UE, si adotta la norma di considerare le spese pubbliche in maniera indifferenziata, nel senso che comunque devono essere finanziate con corrispondenti entrate fiscali, in quanto si impone il vincolo del rispetto sostanziale del pareggio complessivo dei conti pubblici. 45

46 6. INFRASTRUTTURE E FISCAL COMPACT Occorre, viceversa, riconoscere che le spese pubbliche in conto capitale, se opportunamente valutate e selezionate, creano attività corrispondenti e sono, quindi, logicamente ed economicamente diverse dalle spese correnti. Non tutte, peraltro, possono essere finanziate in disavanzo: si devono definire criteri in base ai quali si sceglie quale proporzione delle spese di accumulazione è da finanziare in disavanzo e quale attraverso entrate fiscali. I criteri dovrebbero, comunque, imporre la selezione in base a efficacia ed efficienza e, quindi, ad adeguati ritorni sociali ed economici, ed essere calibrati opportunamente sotto il profilo quantitativo, ponendo un tetto in percentuale del PIL, e tenendo conto delle indicazioni connesse alla dinamica della sostenibilità del debito. Il cofinanziamento della BEI può rappresentare lo strumento per certificare la validità e l efficacia dei progetti. A questo riguardo è importante che la BEI riceva un aumento di capitale. 46

47 6. INFRASTRUTTURE E FISCAL COMPACT L ipotesi proposta consentirebbe di creare debito europeo a fronte di infrastrutture come volano per la crescita sostenibile e, quindi, per lo stesso risanamento delle finanze pubbliche: Eurobond a fronte di Euroinfrastrutture (Masera, 2012). Per quanto riguarda il debito, una soluzione percorribile in Italia consiste nel proporre al mercato un operazione di scambio di debito con patrimonio tramite un Exchange Offer in cui il Tesoro offre ai detentori del debito pubblico la facoltà (ma non l obbligo) di scambiare titoli di Stato con asset della Pubblica Amministrazione. Ad esempio, per dismettere un portafoglio di immobili, il Tesoro potrebbe lanciare un Offerta Pubblica di Scambio (OPS) destinata ai soli detentori del debito pubblico, offrendo la facoltà di scambiare titoli di Stato con azioni di una società o quote di un fondo immobiliare appositamente costituito, al quale sono conferiti gli immobili oggetto della dismissione. Il modello potrebbe successivamente essere esteso ad altri comparti di asset pubblici (Masera e Bivona, 2012). 47

48 7. CONCLUSIONE: DALL UNIONE MONETARIA ALL UNIONE ECONOMICA E POLITICA Figura 29 Dall unione monetaria all unione economica e politica in Europa: una ipotesi Unione monetaria Perdita sovranità monetaria dei paesi Eurozona (rischio sovrano/rischio banche) Unione fiscale è necessaria Fiscal compact (Patto di bilancio, alla base dell unione fiscale) Unione politica per dare legittimità e guida a unione fiscale Processo da definire (cfr. slide 2) 48

49 7. CONCLUSIONE: DALL UNIONE MONETARIA ALL UNIONE ECONOMICA E POLITICA Figura 30 Modello di unione economica/ politica: un approccio con 8 pilastri Potere esecutivo Commissione Governo europeo Potere legislativo Parlamento europeo Consiglio europeo Rafforzamento con potere di nomina del Presidente della Commissione, che coincide con Presidente del Consiglio 2 a Camera europea composta dai capi di Governo Potere giudiziario Corte di Giustizia Corte Suprema 49

50 7. CONCLUSIONE: DALL UNIONE MONETARIA ALL UNIONE ECONOMICA E POLITICA Figura 31 Uno schema per le istituzioni finanziarie europee ECB, ESM, RRF, EIB ECB European Central Bank ESM European Stability Mechanism (and Debt Agency) RRF (Recovery and Resolution Fund) Supervision and resolution for large banks at European level EIB Investment Bank of the Union ECB & Eurosystem ESM RRF Financial Mechanism with -banking status -capital reserves 50

51 7. CONCLUSIONE: DALL UNIONE MONETARIA ALL UNIONE ECONOMICA E POLITICA Figura 32 Uno schema per le istituzioni finanziarie europee ECB, ESM, RRF, EIB ESM Offers sovereign protection (buys debt of fiscally compliant countries) ECB Offers (unlimited) finance to ESM. ECB and Council concur in sharing the external policy of the Euro Council Oversees compliance process according to enlightened interpretation of Fiscal Compact RRF Ensures prompt intervention for banks in difficulty and orderly resolution, thereby avoiding moral hazard / tax payers liabilities EIB Capital increase. Fiscal Compact allows partial (1 2 % of GDP) golden rule to cofinance, with EIB, Euro infrastructure project: Eurobonds for Euroinfrastructure 51

52 APPENDICE Figura A1 Selected Advanced Economies: Real GDP, Consumer Prices, Current Account Balance, and Unemployment 52 Source: IMF, World Economic Outlook, April 2012

53 APPENDICE Figura A2 Credit Market Conditions 53 Source: IMF, World Economic Outlook, April 2012

54 Advanced Economies APPENDICE Figura A3 Statistical Table 2. General Government Primary Balance (Percent of GDP) Australia 1,5 0,9-1,1-4,2-4,5-3,8-2,0-0,2 Austria 0,5 1,0 1,1-1,9-2,4-0,5-0,9-0,1 Belgium 3,9 3,3 2,2-2,4-0,9-1,0 0,5 1,2 Canada 2,2 2,2 0,2-4,0-4,9-4,1-3,1-2,5 Czech Republic -1,7 0,0-1,5-4,8-3,6-2,6-2,2-2,0 Denmark 6,0 5,2 3,6-2,2-2,3-3,4-5,5-1,9 Estonia 3,3 2,9-2,4-2,2 0,3 0,9-2,1-0,5 Finland 3,7 4,7 3,3-3,3-3,0-1,0-2,0-1,5 France 0,0-0,3-0,6-5,3-4,9-2,9-2,2-1,5 Germany 0,8 2,7 2,3-0,9-2,1 0,7 1,0 1,3 Greece -1,3-2,0-4,7-10,5-4,9-2,3-1,0 1,8 Hong Kong SAR 4,0 7,9-0,3 1,4 4,3 3,5 0,3 1,8 Iceland 6,7 5,7-0,5-6,5-2,7-1,1 1,3 2,3 Ireland 3,9 1,0-6,2-12,3-28,2-6,7-4,4-1,8 Israel 3,0 3,7 1,1-1,8-0,4 0,1-0,1 0,9 Italy 1,1 3,2 2,2-1,0-0,3 0,8 3,0 4,0 Japan -3,8-2,2-3,9-10,0-8,8-9,1-8,9-7,5 Korea, Republic of 2,5 1,5 1,2-0,7 0,9 1,7 1,7 2,1 Netherlands 2,1 1,8 1,9-4,0-3,7-3,5-3,2-3,5 New Zealand 4,7 3,9 1,4-2,0-5,0-5,9-3,8-1,1 Norway 16,1 14,3 15,7 8,2 8,4 10,9 11,9 10,6 Portugal -1,6-0,6-1,0-7,5-7,0-0,2 0,1 1,5 Singapore 6,0 11,0 4,9-1,2 4,4 6,6 4,8 4,7 Slovak Republic -1,9-0,8-1,1-6,7-6,4-4,0-2,7-2,0 Slovenia 0,3 1,2 0,5-4,7-4,1-4,3-3,0-2,3 Spain 3,3 3,0-3,1-9,9-7,9-6,6-3,6-3,0 Sweden 1,9 3,0 1,4-1,8-1,0-0,7-1,1-0,4 Switzerland 1,9 2,1 2,5 1,2 0,8 0,9 0,6 0,6 United Kingdom -1,1-1,1-3,3-8,6-7,4-5,8-5,3-4,0 United States -0,1-0,7-4,7-11,2-8,5-7,3-6,1-4,4 54 Source: IMF, Fiscal Monitor, April 2012

CRISI DI FIDUCIA E GESTIONE DEL RISPARMIO

CRISI DI FIDUCIA E GESTIONE DEL RISPARMIO CRISI DI FIDUCIA E GESTIONE DEL RISPARMIO Roma, Venerdì 21 gennaio 2011 ore 10 LUISS Business School Divisione di LUISS Guido Carli Sala Colonne Viale Pola, 12 - Roma Crisi di fiducia e regolazione finanziaria

Dettagli

PRIME RIFLESSIONI SU BASILEA3 E POSSIBILI IMPATTI SULLE IMPRESE

PRIME RIFLESSIONI SU BASILEA3 E POSSIBILI IMPATTI SULLE IMPRESE PRIME RIFLESSIONI SU BASILEA3 E POSSIBILI IMPATTI SULLE IMPRESE Prof. Roberto Bottiglia Università degli Studi di Verona Dipartimento di Economia Aziendale OLTRE LA CRISI: STRATEGIA E FINANZA PER IL RILANCIO

Dettagli

BANKING UNION: una nuova Maginot?

BANKING UNION: una nuova Maginot? BANKING UNION: una nuova Maginot? SIENA, NOVEMBRE 2014 M.ESPOSITO L origine dell idea di banking union La crisi finanziaria iniziata nel 2007 ed esplosa nel 2008 con il fallimento di Lehman ha messo in

Dettagli

La spesa sanitaria e altri indicatori di salute nei dati Ocse 2002

La spesa sanitaria e altri indicatori di salute nei dati Ocse 2002 HW Health World Ocse health data 2002 di Mario Coi e Federico Spandonaro Ceis Sanità, Facoltà di Economia, Università degli Studi di Roma Tor Vergata La spesa sanitaria e altri indicatori di salute nei

Dettagli

Investire nella crescita: l innovazione finanziaria a sostegno dello sviluppo

Investire nella crescita: l innovazione finanziaria a sostegno dello sviluppo Investire nella crescita: l innovazione finanziaria a sostegno dello sviluppo 13 FORO DI DIALOGO ITALIA SPAGNA Contributo degli intermediari finanziari italiani, coordinato dal Prof. Rainer Masera, al

Dettagli

Quali regole per il sistema bancario dopo la crisi?

Quali regole per il sistema bancario dopo la crisi? Quali regole per il sistema bancario dopo la crisi? Andrea Enria Banca d Italia Milano, 26 novembre 2009 Schema della presentazione Lezioni della crisi e riforma della regolamentazione Perimetro ampio

Dettagli

Lo Scenario Macroeconomico Rischi ed Opportunita

Lo Scenario Macroeconomico Rischi ed Opportunita Lo Scenario Macroeconomico Rischi ed Opportunita City Wire Events September 2015 Professor Paolo Surico London Business School 1 Disclaimer 2 Previsioni in macroeconomia: Scienza Source: FMI WEO 2014 Previsioni

Dettagli

Dopo il crollo nella crisi, gli investimenti ripartono. Cruciale sostenerli per avere una crescita più robusta

Dopo il crollo nella crisi, gli investimenti ripartono. Cruciale sostenerli per avere una crescita più robusta 1-08-2015 Numero 15-11 NOTA DAL CSC Dopo il crollo nella crisi, gli investimenti ripartono. Cruciale sostenerli per avere una crescita più robusta Tra il e il gli investimenti fissi lordi si sono contratti

Dettagli

Divergenze P. Gautry, capo economista

Divergenze P. Gautry, capo economista 2015 Divergenze P. Gautry, capo economista Union Bancaire Privée, UBP SA Rue du Rhône 96-98 CP 1320 1211 Ginevra 1, Svizzera Tel. +4158 819 21 11 Fax +4158 819 22 00 ubp@ubp.com www.ubp.com La crescita

Dettagli

La gestione finanziaria delle piccole e medie imprese: le prospettive per il 2011 e oltre

La gestione finanziaria delle piccole e medie imprese: le prospettive per il 2011 e oltre La gestione finanziaria delle piccole e medie imprese: le prospettive per il 2011 e oltre Ordine dei Dottori Commercialisti e degli esperti Contabili Bergamo, 11 febbraio 2011 PROF. MARIO COMANA Ordinario

Dettagli

Possibili modelli di asset allocation e controllo dei rischi in una fase di grande incertezza e volatilità

Possibili modelli di asset allocation e controllo dei rischi in una fase di grande incertezza e volatilità Logo azienda Possibili modelli di asset allocation e controllo dei rischi in una fase di grande incertezza e volatilità Nicola Carcano, Chief Investment Officer, MVC & Partners e Docente presso l Università

Dettagli

La politica economica in ambito europeo

La politica economica in ambito europeo Scuola superiore dell economia e delle finanze Aggiornamento sull economia politica e politica economica per i professionisti del Ramo statistico-attuariale dell INPS. La politica economica in ambito europeo

Dettagli

Il Finanziamento delle infrastrutture

Il Finanziamento delle infrastrutture Verso una nuova cultura delle infrastrutture Università Bocconi, 26 gennaio 2015 Il Finanziamento delle infrastrutture Stefano GATTI Agenda Laboratorio Infrastrutture Bocconi Autostrade per l Italia A

Dettagli

ALLARME ROSSO PER LA RICERCA EUROPEA: È URGENTISSIMO ACCELERARE GLI INVESTIMENTI NELLE CONOSCENZE

ALLARME ROSSO PER LA RICERCA EUROPEA: È URGENTISSIMO ACCELERARE GLI INVESTIMENTI NELLE CONOSCENZE ALLARME ROSSO PER LA RICERCA EUROPEA: È URGENTISSIMO ACCELERARE GLI INVESTIMENTI NELLE CONOSCENZE Gli sforzi per la ricerca sono molto minori in Europa di quanto non siano negli Stati Uniti o in Giappone,

Dettagli

Alessandro Scopelliti. alessandro.scopelliti@unirc.it

Alessandro Scopelliti. alessandro.scopelliti@unirc.it Alessandro Scopelliti alessandro.scopelliti@unirc.it La crisi del debito pubblico Il vincolo di bilancio del governo e il disavanzo pubblico L avanzo primario e la riduzione del debito pubblico Le determinanti

Dettagli

FLASH REPORT. Banking Union: come si devono preparare le banche italiane all Asset Quality Review? Quadro normativo. Ambito di applicazione

FLASH REPORT. Banking Union: come si devono preparare le banche italiane all Asset Quality Review? Quadro normativo. Ambito di applicazione FLASH REPORT Banking Union: come si devono preparare le banche italiane all Asset Quality Review? Novembre 2013 Quadro normativo Il Parlamento Europeo e il Consiglio Europeo hanno approvato il nuovo meccanismo

Dettagli

Le Crisi, l Italia, il lavoro

Le Crisi, l Italia, il lavoro Le Crisi, l Italia, il lavoro Carlo Scarpa Università di Brescia (grazie a Tito Boeri ) Carlo Scarpa 2 Due crisi.due film? La vera storia dietro il contagio della malattia Greca Il Debito Colpisce Ancora

Dettagli

I NUOVI ORGANISMI DI CONTROLLO BANCARIO INTERNAZIONALE (USA, UE)

I NUOVI ORGANISMI DI CONTROLLO BANCARIO INTERNAZIONALE (USA, UE) I NUOVI ORGANISMI DI CONTROLLO BANCARIO INTERNAZIONALE (USA, UE) Sintesi del seminario tenuto presso l'università di Trieste - Facoltà di Scienze Internazionali e Diplomatiche - per l'insegnamento di Geografia

Dettagli

Asset Management Bond per residenti in Italia

Asset Management Bond per residenti in Italia Asset Management Bond per residenti in Italia Agosto 2013 1 SEB Life International SEB Life International (SEB LI www.seb.ie) società irlandese interamente controllata da SEB Trygg Liv Holding AB, parte

Dettagli

Da B2 a B 3. come affrontare il passaggio in una realtà di piccole e medie dimensioni

Da B2 a B 3. come affrontare il passaggio in una realtà di piccole e medie dimensioni Da B2 a B 3. come affrontare il passaggio in una realtà di piccole e medie dimensioni Paolo Palliola Cassa di Risparmio di San Miniato S.p.a. Roma, 28 giugno 2013 Agenda Cosa ci ha portato di nuovo Basilea

Dettagli

Sistema bancario. Angelo Baglioni. Ciclo di seminari: La congiuntura più lunga 15/4/2014 1

Sistema bancario. Angelo Baglioni. Ciclo di seminari: La congiuntura più lunga 15/4/2014 1 Sistema bancario Angelo Baglioni Ciclo di seminari: La congiuntura più lunga 1 Schema della presentazione Credit crunch Rischio di credito - sovrano Patrimonio Funding, liquidità Prospettive: vie d uscita?

Dettagli

Un Paese fra declino e ineguaglianze (1998-2009)

Un Paese fra declino e ineguaglianze (1998-2009) Un Paese fra declino e ineguaglianze (1998-2009) di Roberto Fanfani e Francesco Pagliacci* La discussione se l Italia stia declinando o meno ha subito fasi alterne nell ultimo decennio. Nelle analisi degli

Dettagli

Liberalizzazione del mercato dei capitali

Liberalizzazione del mercato dei capitali Liberalizzazione del mercato dei capitali euros euros Curve del prodotto marginale del capitale K Capital flow Esportazione di capitale r o r MPK* A MPK r r* o K o K*o * K o +K* o 1 Effetti di benessere

Dettagli

Liquidità e nuove regole sulle banche: calibrazione e impatti

Liquidità e nuove regole sulle banche: calibrazione e impatti Liquidità e nuove regole sulle banche: calibrazione e impatti Gianfranco Torriero Direttore Centrale ABI Responsabile Direzione Strategie e Mercati Finanziari Università Bocconi, 31 gennaio 2013 Agenda

Dettagli

La Supervisione bancaria nella

La Supervisione bancaria nella Incontri organizzati dal Sibc La Supervisione bancaria nella prospettiva della Banking Union Paola Petagna 28 gennaio 2015 L evoluzione del contesto esterno e la difesa della stabilità finanziaria difronte

Dettagli

Gli sviluppi della crisi e la posizione internazionale dell Italia

Gli sviluppi della crisi e la posizione internazionale dell Italia Gli sviluppi della crisi e la posizione internazionale dell Italia Prof. Carluccio Bianchi Università di Pavia Lezioni Lincee di Economia Milano -15 febbraio 2012 1/49 I prodromi della crisi attuale: il

Dettagli

L economia italiana nella relazione della Banca d Italia

L economia italiana nella relazione della Banca d Italia L economia italiana nella relazione della Banca d Italia Elisabetta Gualandri CEFIN Università di Modena and Reggio Emilia Dipartimento di Economia Marco Biagi Modena 4 giugno 2015 Cefin e BPER: Banca

Dettagli

Crisi del debito e recessione: gli scenari per il sistema bancario italiano

Crisi del debito e recessione: gli scenari per il sistema bancario italiano Banking Summit 2012 Tra declino e rilancio: la sfida delle banche italiane Crisi del debito e recessione: gli scenari per il sistema bancario italiano Gregorio De Felice Servizio Studi e Ricerche Milano,

Dettagli

note di mercato gennaio 2012 Questa volta è differente

note di mercato gennaio 2012 Questa volta è differente Sintesi del verbale Comitato Investimenti del 18 Nell incontro del Comitato Investimenti del 18 gennaio è stato deciso quanto segue: Azionario Mantenere esposizione azionaria a Sottopeso. Prediligere area

Dettagli

Patrimonio e Meccanismi di Pricing. Le basi per un confronto

Patrimonio e Meccanismi di Pricing. Le basi per un confronto Seminario di confronto tra il settore bancario e l attività immobiliare Patrimonio e Meccanismi di Pricing. Le basi per un confronto Intervento di Andrea Ragaini Direttore Centrale GRUPPO BANCA CARIGE

Dettagli

La valutazione economica dei farmaci biologici in reuma, gastro e derma

La valutazione economica dei farmaci biologici in reuma, gastro e derma La valutazione economica dei farmaci biologici in reuma, gastro e derma Sergio Iannazzo ISBEM - Istituto Scientifico Biomedico Euro Mediterraneo SIHS Health Economics Consulting SCELTA COLLETTIVITA SCELTA

Dettagli

Un nuovo equilibrio tra ripresa e transizione

Un nuovo equilibrio tra ripresa e transizione Un nuovo equilibrio tra ripresa e transizione Stefano Guglielmetto Head of Portfolio Management Italy Osservatorio PMI 212 Milano 11 Luglio 212 Il 212 a metà strada: economic summary L economia mondiale

Dettagli

Il finanziamento delle infrastrutture e le opportunità offerte dalle politiche di cattura del valore

Il finanziamento delle infrastrutture e le opportunità offerte dalle politiche di cattura del valore Il finanziamento delle infrastrutture e le opportunità offerte dalle politiche di cattura del valore di Franco Bassanini Prefazione al volume di Chiara Sumiraschi, Ripensare il finanziamento delle infrastrutture:

Dettagli

LA POLITICA MONETARIA dell EUROSISTEMA parte 3. Mario Tirelli

LA POLITICA MONETARIA dell EUROSISTEMA parte 3. Mario Tirelli LA POLITICA MONETARIA dell EUROSISTEMA parte 3 Mario Tirelli Situazione congiunturale Le due fasi cicliche europee In Europa 2 fasi congiunturali: I) 2008 (IV trimestre) 2011 (III trimestre) II) 2011 (IV

Dettagli

I MOLTIPLICATORI FISCALI SONO EFFICACI CONTRO LA CRISI?

I MOLTIPLICATORI FISCALI SONO EFFICACI CONTRO LA CRISI? I MOLTIPLICATORI FISCALI SONO EFFICACI CONTRO LA CRISI? Il testo riprende Cozzi T. (2013), La crisi e i moltiplicatori fiscali, in Moneta e credito, n. 262, i dati sono invece aggiornati e resi disponibili

Dettagli

VIEW DI MERCATO: DALL ANALISI MACRO ALL ASSET ALLOCATION STRATEGICA

VIEW DI MERCATO: DALL ANALISI MACRO ALL ASSET ALLOCATION STRATEGICA VIEW DI MERCATO: DALL ANALISI MACRO ALL ASSET ALLOCATION STRATEGICA relatori: Alessandro Stanzini, Fabio Bottani Corso istituzionale - Neo private banking: una prima formazione tecnico relazionale VIEW

Dettagli

DESTINAZIONE INCOME: Un analisi dei trend che alimentano il crescente bisogno di reddito

DESTINAZIONE INCOME: Un analisi dei trend che alimentano il crescente bisogno di reddito DESTINAZIONE INCOME: Un analisi dei trend che alimentano il crescente bisogno di reddito Settembre 2014 Il presente documento è ad uso esclusivo degli Intermediari e degli investitori professionali. Ne

Dettagli

La Sanità. Raffaele Lagravinese. 18 Novembre 2013

La Sanità. Raffaele Lagravinese. 18 Novembre 2013 La Sanità Raffaele Lagravinese 18 Novembre 2013 Argomenti della lezione Aspetti demografici e Sanità Le Giustificazioni dell intervento pubblico in Sanità Sistemi Sanitari a confronto La Spesa sanitaria

Dettagli

Relazione Annuale. Pioneer S.F. Fondo Comune d Investimento di Diritto Lussemburghese. 31 Dicembre 2011 (Audited) (Fonds Commun de Placement)

Relazione Annuale. Pioneer S.F. Fondo Comune d Investimento di Diritto Lussemburghese. 31 Dicembre 2011 (Audited) (Fonds Commun de Placement) Relazione Annuale 31 Dicembre 2011 (Audited) Pioneer S.F. Fondo Comune d Investimento di Diritto Lussemburghese (Fonds Commun de Placement) Non si possono accettare sottoscrizioni effettuate sulla base

Dettagli

Risk Outlook. Divisione Studi Ufficio Studi Economici. Venezia, 20 aprile 2015

Risk Outlook. Divisione Studi Ufficio Studi Economici. Venezia, 20 aprile 2015 Risk Outlook Divisione Studi Ufficio Studi Economici Venezia, 2 aprile 215 Risk Outlook Consob Il Risk Outlook n. 9 è stato curato da: Nadia Linciano (coordinatrice), Valeria Caivano, Eugenia Della Libera,

Dettagli

Dati e riflessioni tratte da. «Le pensioni negli anni 2000: segreti e bugie» PARTE 2

Dati e riflessioni tratte da. «Le pensioni negli anni 2000: segreti e bugie» PARTE 2 Stefano Patriarca Dati e riflessioni tratte da «Le pensioni negli anni 2000: segreti e bugie» di prossima pubblicazione Fabrizio Patriarca Stefano Patriarca PARTE 2 Lo squilibrio contributi prestazioni

Dettagli

Il CREDITO NON BANCARIO: OPPORTUNITA E LIMITI. Il fondo di debito: un nuovo protagonista del mercato finanziario italiano Roma 22 ottobre 2013

Il CREDITO NON BANCARIO: OPPORTUNITA E LIMITI. Il fondo di debito: un nuovo protagonista del mercato finanziario italiano Roma 22 ottobre 2013 Il CREDITO NON BANCARIO: OPPORTUNITA E LIMITI Giovanni Guazzarotti Servizio Studi di Struttura Economica e Finanziaria della Banca d Italia Il fondo di debito: un nuovo protagonista del mercato finanziario

Dettagli

L Europae la Crisidel DebitoPubblico Cosa funzionerà e cosa non funzionerà. Juergen von Hagen Festival dell Economia di Trento 3 giugno 2011

L Europae la Crisidel DebitoPubblico Cosa funzionerà e cosa non funzionerà. Juergen von Hagen Festival dell Economia di Trento 3 giugno 2011 L Europae la Crisidel DebitoPubblico Cosa funzionerà e cosa non funzionerà Juergen von Hagen Festival dell Economia di Trento 3 giugno 2011 QuadroGenerale: Le PoliticheFiscali nell Eurozona Principi di

Dettagli

QUADRO DI CONSULTAZIONE MODIFICATO SOLVIBILITÀ II

QUADRO DI CONSULTAZIONE MODIFICATO SOLVIBILITÀ II COMMISSIONE EUROPEA DG Mercato interno e servizi ISTITUZIONI FINANZIARIE Assicurazioni e pensioni Aprile 2006 MARKT/2515/06 QUADRO DI CONSULTAZIONE MODIFICATO SOLVIBILITÀ II Finalità del presente documento

Dettagli

Associazione Bancaria Italiana Assemblea Ordinaria. Intervento del Governatore della Banca d Italia Mario Draghi

Associazione Bancaria Italiana Assemblea Ordinaria. Intervento del Governatore della Banca d Italia Mario Draghi Associazione Bancaria Italiana Assemblea Ordinaria Intervento del Governatore della Banca d Italia Mario Draghi Roma, 13 luglio 2011 La crisi e l euro Le prospettive di crescita e i mercati finanziari

Dettagli

4. LA REVISIONE DEI REQUISITI PATRIMONIALI SULLE BANCHE *

4. LA REVISIONE DEI REQUISITI PATRIMONIALI SULLE BANCHE * 69 4. LA REVISIONE DEI REQUISITI PATRIMONIALI SULLE BANCHE * La regolamentazione relativa ai coefficienti patrimoniali sulle banche è attualmente oggetto di un processo di profonda revisione, a livello

Dettagli

Fonte dati: Bureau of Economic Analysis, Eurostat

Fonte dati: Bureau of Economic Analysis, Eurostat Perché l Europa non esce dalla crisi Paolo Manasse e Isabella Rota Baldini Europa e Stati Uniti, racconto di due città: mentre oltreoceano la ripresa economica è ben avviata la zona Euro continua ad arrancare.

Dettagli

Rischio operativo e rischio reputazionale: le lezioni impartite dai mercati. Simona Cosma Università del Salento

Rischio operativo e rischio reputazionale: le lezioni impartite dai mercati. Simona Cosma Università del Salento Rischio operativo e rischio reputazionale: le lezioni impartite dai mercati Simona Cosma Università del Salento 1 Contenuti Punti deboli di Basilea II e rischio operativo: quale Le responsabilità del rischio

Dettagli

Solvency II: punto di vista dell industria assicurativa alla luce dell attuale contesto finanziario

Solvency II: punto di vista dell industria assicurativa alla luce dell attuale contesto finanziario Solvency II: punto di vista dell industria assicurativa alla luce dell attuale contesto finanziario Dott. Bettina Corves Wunderer CFO Allianz SpA Milano, 17 Maggio 2012 Agenda 1. Il ruolo dell industria

Dettagli

ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI. Relazione sull attività svolta dall Istituto nell anno 2013

ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI. Relazione sull attività svolta dall Istituto nell anno 2013 ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI Relazione sull attività svolta dall Istituto nell anno 2013 Roma, 26 giugno 2014 ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI Relazione sull attività svolta

Dettagli

obbligazioni corporate e semi-government (tenute presso il corrispondente estero) emesse prima del 01/01/1999;

obbligazioni corporate e semi-government (tenute presso il corrispondente estero) emesse prima del 01/01/1999; SPAGNA: guida operativa di assistenza fiscale su strumenti finanziari obbligazionari corporate e semi-government (sub depositati presso il depositario del corrispondente estero) di diritto spagnolo non

Dettagli

Rapporto ABI 2013 sul settore bancario in Italia. Roma, 21 maggio 2013. Giovanni Sabatini

Rapporto ABI 2013 sul settore bancario in Italia. Roma, 21 maggio 2013. Giovanni Sabatini Rapporto ABI 2013 sul settore bancario in Italia Roma, 21 maggio 2013 Giovanni Sabatini Lo scenario di riferimento macro La dinamica del mercato del credito Risultati 2012 Primo trimestre 2013 Prospettive

Dettagli

Flessibilità dei modelli di business come antidoto alla crisi finanziaria. Gianfranco Torriero Direttore Centrale ABI

Flessibilità dei modelli di business come antidoto alla crisi finanziaria. Gianfranco Torriero Direttore Centrale ABI Flessibilità dei modelli di business come antidoto alla crisi finanziaria Gianfranco Torriero Direttore Centrale ABI Costi & Business 2009 Roma, 29-30 ottobre 2009 La Global financial stability map del

Dettagli

Risk Management. Il nuovo paradigma per fare banca. Direzione Risk Management. Direzione Risk Management. Francesco Mazza.

Risk Management. Il nuovo paradigma per fare banca. Direzione Risk Management. Direzione Risk Management. Francesco Mazza. Risk Management Il nuovo paradigma per fare banca Direzione Risk Management Direzione Risk Management 1 AGENDA I Rischi: cosa sono, quali sono, come si gestiscono La misurazione dei rischi: dall aritmetica

Dettagli

Prima verifica del sistema europeo di emission trading (EU-ETS)

Prima verifica del sistema europeo di emission trading (EU-ETS) Prima verifica del sistema europeo di emission trading (EU-ETS) Milano, 01-06-06 Per approfondimenti: Sara Faglia, faglia@avanzi.org Tel. 02-36518110 Davide Zanoni, zanoni@avanzi.org Tel. 02-36518113 Cell

Dettagli

26 e 27 giugno. Direttore Scientifico Prof. Andrea Resti

26 e 27 giugno. Direttore Scientifico Prof. Andrea Resti 26 e 27 giugno Direttore Scientifico Prof. Andrea Resti 1 SCHEMA DI SINTESI MARTEDÌ 23 MATTINA (9.15 13.00) SESSIONE PLENARIA DI APERTURA SUPERVISIONE E RISCHI: DENTRO LA VIGILANZA UNICA Giovanni Sabatini,

Dettagli

Misurazione e valutazione della performance dei pubblici dipendenti: l'esperienza dell'ateneo fiorentino

Misurazione e valutazione della performance dei pubblici dipendenti: l'esperienza dell'ateneo fiorentino Misurazione e valutazione della performance dei pubblici dipendenti: l'esperienza dell'ateneo fiorentino Prof. Carlo ODOARDI Firenze, 16 aprile 2010 VALUTARE PER VALORIZZARE GLI INDIVIDUI E PROMUOVERE

Dettagli

Alessandro Scopelliti. Università di Reggio Calabria e University of Warwick. alessandro.scopelliti@unirc.it

Alessandro Scopelliti. Università di Reggio Calabria e University of Warwick. alessandro.scopelliti@unirc.it Alessandro Scopelliti Università di Reggio Calabria e University of Warwick alessandro.scopelliti@unirc.it 1. Nozioni preliminari: la Trappola della Liquidità 2. Un caso del recente passato: la Stagnazione

Dettagli

Welfare: sfide e opportunità. Prof. Alberto Brambilla Coordinatore Giornata Nazionale della Previdenza Itinerari Previdenziali

Welfare: sfide e opportunità. Prof. Alberto Brambilla Coordinatore Giornata Nazionale della Previdenza Itinerari Previdenziali Welfare: sfide e opportunità Prof. Alberto Brambilla Coordinatore Giornata Nazionale della Previdenza Itinerari Previdenziali Lo scenario della previdenza complementare in Italia La spesa e i numeri del

Dettagli

il settore bancario italiano

il settore bancario italiano crescita e competitività alla luce delle nuove regole di mercato Roma, 9 giugno 215 il settore bancario italiano Giuseppe Lusignani Università di Bologna FORUM HR 215 Giuseppe Lusignani - giugno 215 1

Dettagli

DA BASILEA 2 A BASILEA 3:

DA BASILEA 2 A BASILEA 3: DA BASILEA 2 A BASILEA 3: GLI EFFETTI SULLE BANCHE E SUL CREDITO MARCO GIORGINO ORDINARIO DI FINANZA, POLITECNICO DI MILANO MARCO.GIORGINO@POLIMI.IT Milano, 8 ottobre 2010 AGENDA Da Basilea 2 a Basilea

Dettagli

IL MERCATO AZIONARIO: SITUAZIONI E PROSPETTIVE

IL MERCATO AZIONARIO: SITUAZIONI E PROSPETTIVE S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO IL MERCATO AZIONARIO: SITUAZIONI E PROSPETTIVE ANDREA ROTTI ERSEL S.I.M. 22/11/2013 Milano Scenario 2014: premessa Il decennio 2002-2012 è stato decisamente

Dettagli

Mobilità del personale e analisi dei fabbisogni nella PA

Mobilità del personale e analisi dei fabbisogni nella PA Mobilità del personale e analisi dei fabbisogni nella PA Workshop AIDP.PA Confronto su D.L. n. 101/2013 convertito con modificazioni dalla legge n. 125/2013 Bologna, 15 novembre 2013 Pierluigi Mastrogiuseppe

Dettagli

I numeri del commercio internazionale

I numeri del commercio internazionale Università di Teramo Aprile, 2008 Giovanni Di Bartolomeo gdibartolomeo@unite.it I numeri del commercio internazionale Big traders Netherlands 4% United Kingdom 4% France 5% China 6% Italy 4% Japan 7% Korea,

Dettagli

Ministero dell Economia e delle Finanze

Ministero dell Economia e delle Finanze Elenco completo periodici in abbonamento 20 giugno 2013 Ver. 1.0 Ministero dell Economia e delle Finanze Ufficio per il coordinamento tecnico logistico Biblioteca e ufficio di documentazione del DT Sommario

Dettagli

The Economics of European Integration

The Economics of European Integration The Economics of European Integration Chapter 7 Growth Effects & Factor Market Integration Effetti di crescita I leader europei hanno sottolineato gli aspetti pro-crescita dell'integrazione europea. In

Dettagli

XVI Convegno AIAF ASSIOM FOREX

XVI Convegno AIAF ASSIOM FOREX XVI Convegno AIAF ASSIOM FOREX Relazione introduttiva Gregorio De Felice, Presidente AIAF Napoli, 13 febbraio 2010 1 Signor Governatore, Autorità, Signori Delegati, sono ormai trascorsi quasi mille giorni

Dettagli

BANQUE PRIVÉE EDMOND DE ROTHSCHILD EUROPE

BANQUE PRIVÉE EDMOND DE ROTHSCHILD EUROPE BANQUE PRIVÉE EDMOND DE ROTHSCHILD EUROPE Crisi dell Euro: il rischio bancario Giorgio Solcia Vicenza, 25 giugno 2012 Credenze incrollabili...crollate Gli immobili sono un investimento sicuro che non farà

Dettagli

Università degli Studi di Parma. Prof.ssa Paola Schwizer Anno accademico 2011-2012

Università degli Studi di Parma. Prof.ssa Paola Schwizer Anno accademico 2011-2012 Università degli Studi di Parma Corso di Risk management e creazione di valore Basilea 3 Prof.ssa Paola Schwizer Anno accademico 2011-2012 La crisi finanziaria del 2007- Prima della crisi Tassi di interesse

Dettagli

COSA HA VERAMENTE DETTO IL FONDO MONETARIO INTERNAZIONALE (2) Concluding Statement of the IMF Mission

COSA HA VERAMENTE DETTO IL FONDO MONETARIO INTERNAZIONALE (2) Concluding Statement of the IMF Mission 234 COSA HA VERAMENTE DETTO IL FONDO MONETARIO INTERNAZIONALE (2) Concluding Statement of the IMF Mission 10 luglio 2013 a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Il Popolo della Libertà

Dettagli

FINANZA PUBBLICA E FEDERALISMO STRUMENTI FINANZIARI INNOVATIVI: AUTONOMIA E SOSTENIBILITÀ

FINANZA PUBBLICA E FEDERALISMO STRUMENTI FINANZIARI INNOVATIVI: AUTONOMIA E SOSTENIBILITÀ PRIMO RAPPORTO SULLA FINANZA PUBBLICA FINANZA PUBBLICA E FEDERALISMO STRUMENTI FINANZIARI INNOVATIVI: AUTONOMIA E SOSTENIBILITÀ A cura di Marco Nicolai PREFAZI0NE di Franco Bassanini Presidente Cassa Depositi

Dettagli

SIMULAZIONE DI SECONDA PROVA DIRITTO ED ECONOMIA POLITICA

SIMULAZIONE DI SECONDA PROVA DIRITTO ED ECONOMIA POLITICA SIMULAZIONE DI SECONDA PROVA DIRITTO ED ECONOMIA POLITICA Leggi con attenzione il seguente brano composto da due parti, una tratta dal sito ufficiale dell Unione europea e l altra dal sito Eurostat, l

Dettagli

Le infrastrutture strategiche per lo sviluppo nella programmazione del Fondo Sviluppo e Coesione 2007-2013

Le infrastrutture strategiche per lo sviluppo nella programmazione del Fondo Sviluppo e Coesione 2007-2013 Le infrastrutture strategiche per lo sviluppo nella programmazione del Fondo Sviluppo e Coesione 2007-2013 Anna Maria Fontana Responsabile divisione VII DPS-DGPRUN Investimenti pubblici in infrastrutture

Dettagli

UBI BANCA. Indagine conoscitiva sul sistema bancario italiano nella prospettiva della vigilanza europea Commissione Finanza e Tesoro del Senato

UBI BANCA. Indagine conoscitiva sul sistema bancario italiano nella prospettiva della vigilanza europea Commissione Finanza e Tesoro del Senato UBI BANCA Indagine conoscitiva sul sistema bancario italiano nella prospettiva della vigilanza europea Commissione Finanza e Tesoro del Senato 21 Aprile 2015 Il Contesto Normativo Europeo CONCETTUALE In

Dettagli

I trends dell economia mondiale

I trends dell economia mondiale I trends dell economia mondiale Professor Lucrezia Reichlin London Business School e Now-casting economics Assemblea UPA Milano 1 luglio 2015 Disconoscimento aimer Il mondo di una volta Globalizzazione

Dettagli

COMITATO EUROPEO PER IL RISCHIO SISTEMICO

COMITATO EUROPEO PER IL RISCHIO SISTEMICO 25.4.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea C 119/1 I (Risoluzioni, raccomandazioni e pareri) RACCOMANDAZIONI COMITATO EUROPEO PER IL RISCHIO SISTEMICO RACCOMANDAZIONE DEL COMITATO EUROPEO PER IL

Dettagli

RISCHIO GREXIT: USCIRA LA GRECIA DALL EURO?

RISCHIO GREXIT: USCIRA LA GRECIA DALL EURO? www.fondazioneistud.it RISCHIO GREXIT: USCIRA LA GRECIA DALL EURO? Ivo Pezzuto Milano, 9 Luglio 2015 i.pezzuto@gmail.com https://twitter.com/ivopezzuto Scenari globali Scenari globali Quadro geopolitico

Dettagli

26 e 27 giugno. Convegno Annuale

26 e 27 giugno. Convegno Annuale e 26 e 27 giugno Convegno Annuale 1 SCHEMA DI SINTESI MARTEDÌ 26 MATTINA SESSIONE PLENARIA DI APERTURA CAPITALE E REDDITIVITA : PROSPETTIVE PER IL SISTEMA BANCARIO Giovanni Sabatini, ABI MARTEDÌ 26 POMERIGGIO

Dettagli

CURRICULUM VITAE DI FABIOMASSIMO MANGO

CURRICULUM VITAE DI FABIOMASSIMO MANGO CURRICULUM VITAE DI FABIOMASSIMO MANGO INFORMAZIONI PERSONALI Cognome: Mango Nome: Fabiomassimo Data di nascita: 01.01.1970 Comune di Nascita: Castrovillari (CS) Nazionalità: italiana Telefono mobile:

Dettagli

Eurozona: la moneta unica uscirà rafforzata dalla crisi Grecia

Eurozona: la moneta unica uscirà rafforzata dalla crisi Grecia Deloitte Italy Spa Via Tortona 25 20144 Milano Tel: +39 02 83326111 www.deloitte.it Nota Stampa Barbara Tagliaferri Irene Longhin Ester Gaiani Ufficio Stampa Deloitte Image Building Image Building Tel:

Dettagli

TASSI AI MINIMI STORICI: LUCI ED OMBRE SUL MERCATO

TASSI AI MINIMI STORICI: LUCI ED OMBRE SUL MERCATO Convegno AIAF, Roma 27 gennaio 2015 L'Italia fuori dalla crisi nel 2015? L'azione di governo, il contesto internazionale, la sfida delle imprese TASSI AI MINIMI STORICI: LUCI ED OMBRE SUL MERCATO Maria

Dettagli

OIV - Best Practices - 22 settembre 2014

OIV - Best Practices - 22 settembre 2014 OIV - Best Practices - 22 settembre 2014 Mario Massari Università L. Bocconi - Milano Il saggio privo di rischio ed il rischio paese 1 Cosa è il Risk Free Rate (RFR)? Il RFR può essere usato per differenti

Dettagli

Le banche e le assicurazioni

Le banche e le assicurazioni IV 1 La redditività delle banche quotate Nei primi nove mesi del 213 la redditività delle principali banche quotate, misurata rispetto agli attivi ponderati per il rischio (RWA), è stata connotata da andamenti

Dettagli

L ECONOMIA APERTA CHAPTER 5. The Open Economy

L ECONOMIA APERTA CHAPTER 5. The Open Economy L ECONOMIA APERTA 0 COSA IMPAREREMO: La contabilità nazionale in economia aperta Il saldo commerciale e i flussi internazionali di capitale Il tasso di cambio nominale e reale. Importazioniedesportazioni

Dettagli

La crisi economica globale: gli scenari ed il ruolo delle costruzioni e delle infrastrutture

La crisi economica globale: gli scenari ed il ruolo delle costruzioni e delle infrastrutture TRENTENNALE CNCE La crisi economica globale: gli scenari ed il ruolo delle costruzioni e delle infrastrutture MICHELE BAGELLA Università di Roma Tor Vergata Roma, 29 Gennaio 2009 Indice Nella prima parte

Dettagli

XV Introduzione XXI Profili degli autori. 3 Parte prima - Profili istituzionali. 5 Capitolo primo Storia ed evoluzione della banca di Stefano Perri

XV Introduzione XXI Profili degli autori. 3 Parte prima - Profili istituzionali. 5 Capitolo primo Storia ed evoluzione della banca di Stefano Perri XV Introduzione XXI Profili degli autori 3 Parte prima - Profili istituzionali 5 Capitolo primo Storia ed evoluzione della banca di Stefano Perri 5 1.1 Premessa: l attività bancaria e il moltiplicatore

Dettagli

Crisi in Europa, peculiarità e scenari

Crisi in Europa, peculiarità e scenari Crisi in Europa, peculiarità e scenari Appunti della lezione tenuta presso l'università di Trieste - Scienze Internazionali e Diplomatiche di Gorizia - insegnamento di Geografia Economica Gorizia, aprile

Dettagli

Basilea 3, CRD4 e Banking Union

Basilea 3, CRD4 e Banking Union Basilea 3, CRD4 e Banking Union Dove siamo oggi, dove saremo domani? Rischio di Mercato: quali novità sul Trading Book I cambiamenti per le banche a Modello Interno Roma 4 Dicembre 2012 Rita Gnutti Head

Dettagli

L economia italiana: problemi strutturali e prospettive di crescita. L economia italiana: problemi strutturali e prospettive di crescita 1/37

L economia italiana: problemi strutturali e prospettive di crescita. L economia italiana: problemi strutturali e prospettive di crescita 1/37 L economia italiana: problemi strutturali e prospettive di crescita Prof. Carluccio Bianchi Università di Pavia L economia italiana: problemi strutturali e prospettive di crescita 1/37 Premessa - Nel corso

Dettagli

UNIONE EUROPEA A marzo il mercato auto cresce del 10,4%.

UNIONE EUROPEA A marzo il mercato auto cresce del 10,4%. UNIONE EUROPEA A marzo il mercato auto cresce del 10,4%. A marzo 2014 si registra il 7 incremento consecutivo delle vendite di autovetture nel mercato UE28+EFTA: +10,4% con 1.489.796 unità. I cinque principali

Dettagli

Comunicato stampa. Una seconda misura, non condizionata all approvazione della prima misura, descritta sopra, da

Comunicato stampa. Una seconda misura, non condizionata all approvazione della prima misura, descritta sopra, da CREDIT SUISSE GROUP AG Paradeplatz 8 Telefono +41 844 33 88 44 Casella postale Fax +41 44 333 88 77 CH-8070 Zurigo media.relations@credit-suisse.com Svizzera Il presente materiale non deve essere emesso,

Dettagli

Indice 3 PREFAZIONE. 29 Premessa

Indice 3 PREFAZIONE. 29 Premessa Indice 3 PREFAZIONE 5 INTRODUZIONE - Tendenze evolutive del rapporto banca-impresa 5 I.1 Premessa 6 I.2 Le recenti riforme dell ordinamento bancario 9 I.2.1 Le direttive del Comitato di Basilea 12 I.2.2

Dettagli

22 ottobre 2013 UNA GOLF HOTEL Cavaglià. Ing. Alberto Raffaldi Project Manager Soluzioni EDP

22 ottobre 2013 UNA GOLF HOTEL Cavaglià. Ing. Alberto Raffaldi Project Manager Soluzioni EDP 22 ottobre 2013 UNA GOLF HOTEL Cavaglià Ing. Alberto Raffaldi Project Manager Soluzioni EDP Microsoft: l evoluzione dell ERP 22 Ottobre 2013 - UNA Golf Hotel Cavaglià (BI) In qualsiasi tipo di azienda,

Dettagli

Evoluzione Risk Management in Intesa

Evoluzione Risk Management in Intesa RISCHIO DI CREDITO IN BANCA INTESA Marco Bee, Mauro Senati NEWFIN - FITD Rating interni e controllo del rischio di credito Milano, 31 Marzo 2004 Evoluzione Risk Management in Intesa 1994: focus iniziale

Dettagli

Gli eccessi di regolamentazione: la lezione americana. Banca Ifigest - Milano, ottobre 2010 Enrico Colombatto, Università di Torino

Gli eccessi di regolamentazione: la lezione americana. Banca Ifigest - Milano, ottobre 2010 Enrico Colombatto, Università di Torino Gli eccessi di regolamentazione: la lezione americana Banca Ifigest - Milano, ottobre 2010 Enrico Colombatto, Università di Torino La crisi (origini) Le cause americane: Anni di politica monetaria espansiva

Dettagli

Global economy. La percezione dei social sui temi economici e finanziari

Global economy. La percezione dei social sui temi economici e finanziari Global economy La percezione dei social sui temi economici e finanziari Salone del Risparmio 2014 Organizzazione dell analisi Canale: Twitter Periodo di analisi: 15 gennaio 2014 20 marzo 2014 Lingue: italiano;

Dettagli

Panetta 21 giugno 2013 Le banche di credito cooperativo

Panetta 21 giugno 2013 Le banche di credito cooperativo Panetta 21 giugno 2013 Le banche di credito cooperativo Alle 394 banche di credito cooperativo italiane (BCC) e ai 3 istituti centrali di categoria fa capo il 10 per cento dei prestiti a famiglie e imprese,

Dettagli

ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI. Relazione sull attività svolta dall Istituto nell anno 2013

ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI. Relazione sull attività svolta dall Istituto nell anno 2013 ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI Relazione sull attività svolta dall Istituto nell anno 2013 Roma, 26 giugno 2014 ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI Relazione sull attività svolta

Dettagli

AIVE Business Solutions. www.aive.com

AIVE Business Solutions. www.aive.com AIVE Business Solutions www.aive.com AIVE GROUP: Missione e Valori Missione Realizzare software e progetti che migliorano i processi operativi dei nostri clienti e incrementano la loro capacità competitiva

Dettagli

Newsletter novità europee 4/2012

Newsletter novità europee 4/2012 (Documento1 / 10/07/12) Newsletter novità europee 4/2012 Indice Eurobarometro 2 Monitoraggio dell impatto sociale della crisi 2 Finanziamenti 2 Banca del Consiglio d'europa per abitazioni per persone a

Dettagli