GESTIONE AMBIENTALE VERIFICATA Reg.n.IT DICHIARAZIONE AMBIENTALE CENTRALE ALBAPOWER

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "GESTIONE AMBIENTALE VERIFICATA Reg.n.IT - 001081 DICHIARAZIONE AMBIENTALE CENTRALE ALBAPOWER"

Transcript

1 GESTIONE AMBIENTALE VERIFICATA Reg.n.IT DICHIARAZIONE AMBIENTALE CENTRALE ALBAPOWER ANNO

2

3 Dichiarazione Ambienale Cenrale AlbaPower DICHIARAZIONE DI APPROVAZIONE Cenrale di Alba ALBAPOWER S.p.A. C.so Piera Cillario 2/ ALBA (Cuneo) Aivià: gesione di un impiano di cogenerazione alimenao a gas naurale per la produzione di energia elerica, di vapore per uso indusriale e di acqua calda per eleriscaldameno. Codice di aivià: NACE Produzione di energia elerica NACE Forniura di vapore e aria condizionaa Quesa dichiarazione è saa preparaa dal seguene gruppo di lavoro: Albero Ferrero Marco Morra Paolo Branco Giovanni Perecca Marina Grossi Responsabile di Cenrale e Rappresenane della Direzione Responsabile del Sisema di Gesione Ambienale Addeo al Sisema di Gesione Ambienale Consulene eserno, CSE S.r.l. Consulene eserno, CSE S.r.l. ed approvaa dalla DIREZIONE ALBAPOWER S.p.A. La Dichiarazione Ambienale - anno è verificaa e convalidaa dal verificaore accrediao ICIM-IT-V Tale dichiarazione ripora i dai del riennio AlbaPower S.p.A. si impegna a sooporre a verifica e a rasmeere all organismo compeene, previa convalida, sia i necessari aggiornameni annuali sia la revisione della Dichiarazione Ambienale complea enro re anni dalla daa della sua emissione, meendoli a disposizione del pubblico secondo quano previso dal Regolameno CE 1221/.

4

5 Dichiarazione Ambienale Cenrale AlbaPower GESTIONE AMBIENTALE VERIFICATA Reg.n.IT ALBAPOWER S.P.A. Cenrale di ALBA (CUNEO) La Cenrale AlbaPower è doaa di un Sisema di Gesione Ambienale ed i risulai raggiuni in queso seore sono comunicai al pubblico conformemene al sisema comuniario di ecogesione e audi del Regolameno CE 1221/.

6 INDICE 1 PREMESSA INFORMAZIONI PER IL PUBBLICO POLITICA PER LA SICUREZZA E L AMBIENTE PER IL SITO DELLA CENTRALE ALBAPOWER COGENERAZIONE ABBINATA AL TELERISCALDAMENTO E ALL INDUSTRIA DESCRIZIONE DELL ATTIVITÀ PRESENTAZIONE DELLA CENTRALE FUNZIONAMENTO DELLA CENTRALE E ASSETTI DI ESERCIZIO IL PERSONALE DI CENTRALE I DATI OPERATIVI E GLI INDICATORI CHIAVE IL SISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE DI ALBAPOWER IDENTIFICAZIONE E ANALISI DEGLI ASPETTI AMBIENTALI EMISSIONI IN ATMOSFERA SCARICHI IDRICI RIFIUTI PRODOTTI CONTAMINAZIONE DEL TERRENO UTILIZZO DI ACQUA, GAS NATURALE, GASOLIO, GAS TECNICI, ENERGIA ELETTRICA RUMORE VERSO L AMBIENTE CIRCOSTANTE CAMPI ELETTROMAGNETICI IMPATTO VISIVO UTILIZZO DI MATERIE PRIME E MATERIALI AUSILIARI; IMBALLAGGIO E IMMAGAZZINAMENTO; DISTRIBUZIONE DEL PRODOTTO (ENERGIA ELETTRICA, VAPORE); ALTRI ASPETTI AMBIENTALI RISCHI DI INCIDENTI AMBIENTALI IN SITUAZIONE DI EMERGENZA INFLUENZA SULL AMBIENTE ANTROPICO E PARTI INTERESSATE Riferimeni e obblighi normaivi applicabili: PROGRAMMA AMBIENTALE DELLA CENTRALE ALBAPOWER PER IL PERIODO

7 Dichiarazione Ambienale Cenrale AlbaPower PRESENTAZIONE DELLA DICHIARAZIONE AMBIENTALE La pubblicazione della Dichiarazione Ambienale, la seconda dopo quella pubblicaa in daa 31/10/2008, vuole essere uno srumeno di promozione ed aivazione di processi relazionali ed informaivi soprauo nei confroni: della Comunià locale, evidenziando gli sforzi per la uela dell ambiene e del erriorio; delle Auorià, dimosrando il rispeo delle leggi e di operare in condizioni di sicurezza; del Personale, responsabilizzandolo nella gesione operaiva quoidiana degli aspei ambienali; dei Forniori e Appalaori, simolandoli ad un loro coinvolgimeno nelle problemaiche ambienali comuni. La Dichiarazione Ambienale di AlbaPower S.p.A. è redaa in conformià al regolameno (CE) n. 1221/. In esso sono riporai i dai aggiornai al 31/12/10 relaivamene a ui gli aspei ambienali significaivi, individuai con i crieri già indicai nella Dichiarazione precedene. Sono inolre illusrai gli inerveni di migliorameno previsi nel Programma Ambienale per il riennio 2011/2013. Quesa pubblicazione, perano, rappresena una conferma dell impegno di AlbaPower per sviluppare un oneso e rasparene rapporo collaboraivo, e la volonà di porsi come soggeo aivo per una coninua ricerca di migliorameno dell ambiene in cui opera la Socieà. AlbaPower S.p.A. L Amminisraore Delegao do. ing. Pier Paolo Carini 1. PREMESSA La socieà AlbaPower S.p.A. è una socieà di scopo cosiuia nell Aprile 2005 dalla Ferrero S.p.A. e dalla Egea S.p.A. (Ene Gesione Energia Ambiene), l Azienda di servizi energeici ed ambienali del comprensorio di Alba. La Socieà è propriearia di un impiano di cogenerazione a ciclo combinao (denominao Gruppo 1) avviao nel giugno 2007 e gesisce, per cono della socieà Ferrero Spa, un impiano di cogenerazione (denominao Gruppo 2). Il Gruppo 1 ha la finalià di erogare sia energia elerica che ermica allo sabilimeno Ferrero di Alba sia energia ermica alla ree del eleriscaldameno della cià di Alba ed energia elerica per i clieni di Egea. La prima forniura di vapore allo sabilimeno Ferrero è saa effeuaa nel luglio 2007, menre la ree di eleriscaldameno della cià è saa alimenaa nei primi giorni del mese di agoso Il GRUPPO 2 è sao realizzao, invece, per fornire energia elerica e vapore unicamene allo sabilimeno Ferrero di Alba con funzionameno base load ad inegrazione del GRUPPO 1 ed ha compleao l avviameno nel mese di agoso. La direzione di riferimeno è idenificaa con la Direzione della Cenrale anche per quano riguarda ue le aivià del Sisema di Gesione Ambienale. La Direzione pianifica le aivià della Cenrale e dispone di un budge annuale per le aivià di gesione. L Impiano è gesio con dicioo dipendeni. 7

8 2. INFORMAZIONI PER IL PUBBLICO Il presene aggiornameno della Dichiarazione Ambienale è disponibile presso la Cenrale AlbaPower, Corso Piera Cillario, 2/1 Alba e all inerno del sio inerne AlbaPower S.p.A è disponibile per fornire informazioni sugli aspei ambienali e ecnici della Cenrale ai soggei ineressai e alla popolazione. Per informazioni rivolgersi a: Albero Ferrero - Responsabile della Cenrale Tel Fax Indirizzo La decisione di aderire volonariamene al Regolameno EMAS si inserisce nella Poliica di aenzione e impegno per uno sviluppo dell aivià compaibile con l ambiene araverso l adozione di un Sisema di Gesione Ambienale. La Dichiarazione Ambienale rappresena uno simolo uleriore per migliorare i rappori con il erriorio e per endere al migliorameno coninuo nella gesione delle emaiche ambienali. 8

9 Dichiarazione Ambienale Cenrale AlbaPower 3. POLITICA PER LA SICUREZZA E L AMBIENTE PER IL SITO DELLA CENTRALE ALBAPOWER La Cenrale di Alba della socieà AlbaPower S.p.A. svolge aivià di produzione di energia elerica, di vapore per uso indusriale e di acqua calda per eleriscaldameno da combusione di gas naurale. La Direzione ha definio, per la Cenrale, la propria Poliica per la Sicurezza e l Ambiene col fine di operare nel rispeo delle prescrizioni legali e degli accordi sooscrii in maeria di sicurezza ed ambiene, ma anche di ricercare un migliorameno coninuo delle proprie presazioni, a uela dei propri dipendeni e erzi per essa operani, delle popolazioni che vivono nei pressi dei propri impiani, dei propri clieni e per la proezione dell ambiene circosane. Nello spirio di ale Poliica, la socieà si impegna a svolgere le proprie aivià per il Sio di Alba secondo i segueni principi: operare con l obieivo del soddisfacimeno dei Clieni in conformià alle linee guida aziendali, araverso una correa valuazione e definizione delle sue reali esigenze, esplicie ed implicie nel coninuo rispeo dell ambiene e della salue e sicurezza; operare nel rispeo delle prescrizioni legali e degli accordi sooscrii, ricercando il migliorameno coninuo delle presazioni ambienali e uelando la salue e la sicurezza dei lavoraori dipendeni, dei lavoraori erzi e delle comunià; ricercare il migliorameno coninuo delle proprie aivià araverso un coninuo riesame degli obieivi e dei risulai conseguii; valuare gli invesimeni e le modifiche agli impiani, considerando, olre agli aspei economico-finanziari, anche gli aspei ambienali e di sicurezza e le migliori condizioni ecniche disponibili; informare ue le persone che operano negli impiani dei pericoli connessi alle aivià produive e formarle adeguaamene per la prevenzione dei rischi; prevenire, conrollare e ridurre ove possibile le emissioni inquinani nell ambiene e la produzione di rifiui; uilizzare prodoi e maeriali con il minor impao possibile sull ambiene e sulla salue e sicurezza dei lavoraori; gesire aenamene gli impiani ed uilizzare le risorse naurali ed energeiche in modo razionale per valorizzare il ruolo dell energia elerica, del meano, del calore e dell acqua, favorendo di fao la diffusione del eleriscaldameno nel erriorio; enere cono delle aspeaive delle pari ineressae e promuovere iniziaive ae a soddisfarle; sensibilizzare i forniori sugli obieivi aziendali coinvolgendoli nel processo di migliorameno e di adesione alla Poliica; comunicare e collaborare con le Comunià locali, le Auorià e le Associazioni in modo chiaro e rasparene; adoare un Sisema di Gesione dell Ambiene, sia per garanire le pari ineressae ed il personale sia per favorire lo scambio delle informazioni, la parecipazione e la crescia inerna. Tui i dipendeni, per le aree di propria compeenza, hanno il compio di vigilare e di accerare periodicamene il rispeo di quesi principi e di parecipare alla crescia del Sisema di Gesione con osservazioni e propose di migliorameno. Si evidenzia che, sin dalla fase progeuale della Cenrale, AlbaPower S.p.A. ha uilizzao le esperienze già acquisie da pare di Ferrero S.p.A. ed Egea S.p.A., uilizzando le migliori ecniche disponibili. Il Responsabile di Cenrale Albero Ferrero Alba, 17 giugno

10 4. COGENERAZIONE ABBINATA AL TELERISCALDAMENTO E ALL INDUSTRIA Gli impiani della Cenrale sono dimensionai per soddisfare il fabbisogno elerico e ermico dello sabilimeno della Ferrero S.p.A. sio in Alba e il fabbisogno ermico di Egea S.p.A. per l alimenazione della ree di eleriscaldameno ciadino di Alba. La realizzazione degli impiani ha favorio lo smanellameno delle vecchie cenrali ermiche preseni negli sabilimeni di Ferrero ed Egea. 5. DESCRIZIONE DELL ATTIVITÀ PRESENTAZIONE DELLA CENTRALE La Cenrale di cogenerazione è siuaa ad Alba, in provincia di Cuneo, capiale sorica delle Langhe, al cenro di un vaso circondario collinare. La Cenrale è cosiuia da due impiani cogeneraivi alimenai esclusivamene a gas naurale proveniene da un meanodoo ad ala pressione, avviai in empi successivi: il primo impiano a ciclo combinao cogeneraivo (GRUPPO 1) di proprieà AlbaPower è sao avviao nel giugno 2007; il secondo impiano cogeneraivo (GRUPPO 2) di proprieà Energhe, socieà energeica del Gruppo Ferrero e gesio da AlbaPower, ha concluso l avviameno nel mese di agoso. Lo schema dell impiano è riporao in figura 2. L accumulo di acqua calda per il eleriscaldameno della cià di Alba 10

11 Dichiarazione Ambienale Cenrale AlbaPower L IMPIANTO GRUPPO 1 L impiano GRUPPO 1, con poenza complessiva elerica di 49,95 MWe e ermica di 242 MW, è a ciclo combinao. Il generaore di vapore a recupero (GVR1) è doao di pos combusione (poenza ermica complessiva pari a 78 MW). La urbina a vapore ha un esrazione conrollaa di vapore in media pressione (MP), per fornire energia ermica alle uenze del eleriscaldameno e dello sabilimeno Ferrero. Sul circuio acqua calda per il eleriscaldameno, prima del puno di consegna alla cenrale Egea, è posizionao uno soccaggio di acqua calda, realizzao con quaro serbaoi da 500 m³ cadauno, pari a 2000 m³, uilizzao per coprire le pune giornaliere. In caso di fermaa del gruppo cogeneraivo il fabbisogno elerico è soddisfao dalla ree nazionale alla quale la Cenrale è collegaa, menre quello ermico da due caldaie ausiliarie (GVA) per la produzione di vapore surriscaldao a 2,3 MPa (23 bar) a 240 C uilizzani bruciaori a bassa emissione di (NO x ). L acqua del ciclo ermoelerico è prelevaa dall acquedoo comunale, prefilraa meccanicamene, raaa in un impiano ad osmosi inversa ed in un impiano con resine a scambio ionico che provvede alla demineralizzazione. Una orre evaporaiva, in grado di dissipare una poenza di 50 MW, provvede a condensare il vapore in uscia dalla urbina a vapore, chiudendo il ciclo ermodinamico. L impiano funziona bruciando esclusivamene gas naurale proveniene da un meanodoo ad ala pressione. L energia elerica prodoa dall impiano GRUPPO 1 è immessa alla ensione di 132 kv nella Ree di Trasmissione Nazionale alla quale l impiano e lo sabilimeno Ferrero sono collegai in configurazione enra-esci. La supervisione e gesione dell impiano è realizzaa nella sala conrollo di Cenrale, presidiaa con coninuià. La Cenrale con la prospeiva sul Comune di Sana Vioria 11

12 5.1.2 L IMPIANTO GRUPPO 2 Il GRUPPO 2 è un impiano cogeneraivo cosiuio da una urbina a gas (TG2) e da una caldaia a recupero. La urbina a gas è accoppiaa direamene ad un alernaore ed ha una poenza elerica 6,3 MW e ; è doaa di un sisema di abbaimeno a secco delle emissioni in amosfera denominao SoLoNO x. Il GVR2 ha una poenza ermica complessiva pari a 10,4 MW. Il vapore generao ad un solo livello di pressione pari a 1,8 MPa, con una emperaura di circa 220 C è desinao alla ree di disribuzione dello sabilimeno Ferrero di Alba. Il GVR2 è doao di economizzaore per il preriscaldo dell acqua di alimenazione. L acqua necessaria per il ciclo ermico è prelevaa dall impiano di demineralizzazione presene presso il GRUPPO 1. L energia elerica è prodoa a 10,5 kv, viene elevaa ramie un rasformaore elevaore alla ensione di 30 kv e inviaa al sisema elerico dello sabilimeno Ferrero. La sala conrollo della Cenrale garanisce la supervisione e la gesione dell Impiano. Visa aerea impiano GRUPPO FUNZIONAMENTO DELLA CENTRALE E ASSETTI DI ESERCIZIO Lo sabilimeno Ferrero necessia di vapore adao all uso alimenare con coninuià 24 ore al giorno, 365 giorni all anno. La Cenrale è perano previsa per l esercizio coninuo faa eccezione per una fermaa esiva coincidene con la chiusura dello sabilimeno Ferrero. Il funzionameno della sezione di cogenerazione è previso per 8000 ore/anno. La ree di eleriscaldameno richiede kw nel funzionameno invernale e kw nel funzionameno esivo. 12

13 Dichiarazione Ambienale Cenrale AlbaPower IL PERSONALE DI CENTRALE La Cenrale è in funzione con coninuià per 365 giorni/anno, soo la supervisione di personale qualificao che opera sui re urni giornalieri. Per ogni urno è presene n 1 Capo urno (CT) + n 1 Operaore in sala conrollo (OP) + n 1 Operaore sull impiano (OP). Le alre figure professionali della Cenrale sono: Responsabile Cenrale (DIR) che rappresena anche la funzione di Rappresenane della Direzione, Capo esercizio (CE), Responsabile del Servizio Prevenzione e Proezione (RSPP), Responsabile della manuenzione (RMA), Supporo ecnico operaivo (STO), Energy Manager (EM), Responsabile Sisema di Gesione Inegrao (RSGI), Addeo al sisema di gesione inegrao (CSGI), Srumenisa (STR) vedi organigramma (Fig. 1). AMMINISTRATORE DELEGATO RESPONSABILE DI CENTRALE (DIR) e Rappresenane della Direzione (RDD) Service da Ferrero: Conrollo di gesione Amminisrazione Uff. legale Addeo al Sisema di Gesione Inegrao (CSGI) Responsabile Servizio Prevenzione e Proezione (RSPP) e Responsabile Sisema di Gesione Inegrao (RSGI) Addeo al Servizio Prevenzione e Proezione (SPP) Medico compeene Energy Manager (EM) Capo Esercizio (CE) Responsabile Manuenzione (RMA) Supporo Tecnico Operaivo (STO) Capo Turno (CT) Srumenisa (STR) Operaori (OP) Fig. 1 - Organigramma della Cenrale 13

14 Dichiarazione Ambienale Cenrale AlbaPower GRUPPO 2 GVR 2 TG 2 GRUPPO 1 TG 1 GVR 1 Poscombusori STABILIMENTO FERRERO RETE ELETTRICA NAZIONALE Puno 4 Area ala pressione Area bassa pressione Puno 1 TURBINA A VAPORE Condensaore LEGENDA Gas meano per combusione Acqua alimeno caldaie Puni di emissione gas in amosfera CALDAIA AUSILIARIA 1 Uenze ermiche Uenze eleriche STABILIMENTO FERRERO TELERISCALDAMENTO CALDAIE TRADIZIONALI Puno 2 Puno 3 CALDAIA AUSILIARIA 2 Fig. 2 - Schema della cenrale AlbaPower sino al puno di consegna a Egea e alla soosazione elerica (per il bilancio delle acque si veda Fig. 4) 14

15 Dichiarazione Ambienale Cenrale AlbaPower I DATI OPERATIVI E GLI INDICATORI CHIAVE Il bilancio di massa ed energeico con i principali dai operaivi della Cenrale sono riporai in Tab. 1. Come già evidenziao sono riporai i dai dell impiano GRUPPO 1 per gli anni 2008// menre quelli del nuovo impiano GRUPPO 2 riguardano solo il periodo. Come prescrio dall Allegao IV - Comunicazione Ambienale del nuovo Regolameno EMAS III 1221/ nel bilancio di massa ed energeico di Tab. 1 sono sai inserii gli Indicaori Chiave. Gli indicaori Chiave considerai per la Cenrale sono: Efficienza energeica (rendimeno energeico elerico e oale in %); Emissioni in amosfera (emissioni di No x, CO e CO 2 riferie all energia elerica lorda prodoa in g/kwh e alla poraa di fumi al camino in mg/nm 3 ); Rifiui (oale rifiui riferii all energia elerica lorda prodoa in g/mwh); Consumo specifico di acqua (riferio all energia lorda prodoa oale di Cenrale); Efficienza dei maeriali (oale prodoi chimici riferio all energia lorda prodoa in g/mwh); Biodiversià (energia lorda prodoa riferia alla superficie occupaa dalla cenrale in MWh/m 2 ). Vengono di seguio riporai i grafici che schemaizzano l andameno degli indicaori chiave durane il riennio: 39,60 39,60 75,37 75,37 0,07 0,07 0,108 0,108 40,35 40,35 76,64 76,64 0,06 0,06 0,098 0, ,58 39,58 74,61 74, ,06 0,06 0,095 0, ,02 0 0,04 0,02 0,06 0,04 0,08 0,06 0,1 0,08 0,12 0,1 0,12 Rendimeno energeico Rendimeno elerico energeico di Cenrale elerico di ( % Cenrale ) Rendimeno energeico Rendimeno oale energeico di Cenrale oale di Cenrale ( % ) Grafico 1: Rendimeno Grafico 1: Energeico Rendimeno Cenrale Energeico di Cenrale ( % Emissioni ) di CO riferie Emissioni all'energia di CO riferie elerica all'energia lorda prodoa elerica di lorda Cenrale prodoa (g/kwh) di Cenrale (g/kwh) ( % Emissioni ) di NOx Emissioni riferie all'energia di NOx riferie elerica all'energia lorda prodoa elerica di lorda Cenrale prodoa (g/kwh) di Cenrale (g/kwh) Grafico 2: Emissioni Grafico in amosfera 2: Emissioni in amosfera 15

16 507,54 507,54 15,30 19,35 15,30 19, ,54 507,54 556,48 556,48 507,54 507,54 556,48 556, ,76 618, ,48 556, , , ,30 15,30 15,59 19,35 15,59 19,35 19,80 19,80 15,30 15,30 15,59 19,35 15,59 19,35 9,86 9,86 19,80 19, ,65 14,65 15,59 15,59 9,86 9,86 19,80 19, ,65 14,65 Emissioni di CO riferie Emissioni alla di poraa CO 9,86 riferie di fumi alla al poraa camino 9,86 di TG1 fumi (media al camino TG1 (media , , (mg/nm Emissioni di CO2 riferie all'energia elerica lorda prodoa annua) ) Emissioni di CO2 riferie all'energia elerica lorda prodoa annua) 0 (mg/nm 10 3 ) ,65 14,65 di Cenrale (g/kwh) di Cenrale (g/kwh) Emissioni di NOx Emissioni riferie alla di NOx poraa riferie di fumi alla al poraa camino di TG1 fumi (media al camino TG1 (media Emissioni annua) (mg/nm di CO riferie Emissioni annua) 3 ) alla (mg/nm di poraa CO riferie 3 ) di fumi alla al poraa camino di TG1 fumi (media al camino TG1 (media Grafico Emissioni 0 3: Emissioni di 100 Grafico CO2 200 riferie in 3: amosfera Emissioni all'energia in amosfera elerica lorda prodoa annua) 0 (mg/nm 3 ) Emissioni di CO2 riferie all'energia elerica lorda prodoa annua) 0 (mg/nm 10 3 ) Grafico 4: Emissioni Grafico in 4: amosfera Emissioni in amosfera di Cenrale (g/kwh) di Cenrale (g/kwh) Emissioni di NOx Emissioni riferie alla di NOx poraa riferie di fumi alla al poraa camino di TG1 fumi (media al camino TG1 (media annua) Emissioni (mg/nm di CO Emissioni annua) riferie 3 ) alla (mg/nm di poraa CO riferie 3 ) di fumi alla al poraa camino di TG1 fumi (media al camino TG1 (media Grafico Emissioni 3: Emissioni di Grafico CO2 riferie in 3: amosfera Emissioni all'energia in amosfera elerica lorda prodoa annua) (mg/nm 3 ) Emissioni di CO2 riferie all'energia elerica lorda prodoa annua) (mg/nm 3 ) Grafico 4: Emissioni Grafico in 4: amosfera Emissioni in amosfera di Cenrale (g/kwh) di Cenrale (g/kwh) Emissioni di NOx Emissioni riferie alla di NOx poraa riferie di fumi alla al poraa camino di TG1 fumi (media al camino TG1 (media annua) (mg/nmannua) 3 ) (mg/nm 3 ) 32,92 32, Grafico 3: Emissioni Grafico in 3: amosfera Emissioni in amosfera Grafico 4: Emissioni Grafico in 4: amosfera Emissioni in amosfera 32,92 31,49 32,92 31, ,92 31,49 32,92 31,49 46, , ,49 31, , , , , Toale prodoi chimici Toale prodoi riferii all' chimici energia riferii lorda all' prodoa energia oale lorda di prodoa oale di Toale rifiui riferii Toale all'energia rifiui riferii lorda all'energia prodoa oale lorda di prodoa cenraleoale (g/mwh) di cenrale (g/mwh) cenrale (g/mwh) cenrale (g/mwh) Grafico Toale 5: rifiui Efficienza Grafico riferii Toale rifiui all'energia 5: rifiui Efficienza riferii lorda rifiui all'energia prodoa oale lorda prodoa di cenraleoale (g/mwh) di cenrale (g/mwh) Grafico Toale 0 6: Efficienza prodoi 50 Grafico dei chimici 0 Toale 6: maeriali Efficienza prodoi riferii all' dei chimici energia maeriali riferii lorda 200 all' prodoa 150 energia oale lorda prodoa di oale di cenrale (g/mwh) cenrale (g/mwh) Grafico Toale 5: rifiui Efficienza Grafico riferii Toale rifiui all'energia 5: rifiui Efficienza riferii lorda rifiui all'energia prodoa oale lorda prodoa di cenrale oale (g/mwh) di cenrale 0,94 0,94 Grafico 5: Efficienza Grafico rifiui 5: Efficienza rifiui Grafico Toale 6: Efficienza prodoi Grafico dei chimici Toale 6: maeriali Efficienza prodoi riferii all' dei chimici energia maeriali riferii lorda all' prodoa energia oale lorda prodoa di oale di (g/mwh) cenrale (g/mwh) cenrale (g/mwh) 109,0 109,0 Grafico 6: Efficienza Grafico dei 6: maeriali Efficienza dei maeriali 0,94 0,86 0,94 0,86 109,0 102,5 109,0 102, ,94 0,86 0,80 0,94 0,86 0, ,0 102,5 94,1 109,0 102,5 94, ,86 0,86 0 0, ,4 0,2 0,6 0,4 0,8 0,800,61 0,8 1,2 0,80 11,4 1,2 1, ,5 102, , , , ,4 0,20,6 0,40,8 0,800,61 0,81,2 0,80 11,4 1,2 1, , , Consumo specifico Consumo di acqua specifico riferio di a acqua energia riferio lorda a prodoa energia lorda oale prodoa di oale Energia di lorda prodoa Energia lorda oale prodoa riferia alla oale superficie riferia alla di cenrale superficie di cenrale cenrale (m 3 cenrale /MWh) (m 3 /MWh) (MWh/m 2 ) (MWh/m 2 ) Grafico Consumo 0 7: Consumo specifico 0,2 (m Grafico 3 /MWh) acqua di 7: acqua 00,4 Consumo riferio 0,20,6 acqua a 0,4 energia 0,8 0,6 lorda 1 prodoa 0,81,2 oale 11,4 di 1,2 1,4 Consumo specifico di acqua riferio a energia lorda prodoa oale Grafico 8: Biodiversià Grafico 8: Biodiversià cenrale (m Energia 0 di lorda prodoa 25 0 oale riferia 75 Energia lorda prodoa alla 50 oale superficie riferia alla di 125 cenrale superficie di cenrale cenrale 3 /MWh) (MWh/m 2 ) (MWh/m 2 ) Grafico Consumo 7: Consumo specifico Consumo Grafico acqua di 7: acqua specifico Consumo riferio di acqua acqua a energia riferio lorda a prodoa energia lorda oale prodoa di oale Grafico 8: Biodiversià (m 3 /MWh) Grafico 8: Biodiversià cenrale (m Energia di lorda prodoa Energia lorda cenrale oale prodoa riferia alla oale superficie riferia alla di cenrale superficie di cenrale 3 /MWh) (MWh/m 2 ) (MWh/m 2 ) Grafico 7: Consumo Grafico acqua 7: Consumo acqua Grafico 8: Biodiversià Grafico 8: Biodiversià 16

17 Dichiarazione Ambienale Cenrale AlbaPower Tab. 1 - Consunivazione dei parameri operaivi ambienali PRODUZIONE Ore di funzionameno CENTRALE (riferimeno per i calcoli) Ore di funzionameno TG Energia elerica lorda prodoa TG Energia elerica lorda prodoa TV Energia elerica lorda prodoa in cenrale Poenza elerica lorda prodoa media in cenrale Energia elerica vendua oale Energia elerica a FERRERO Energia elerica a EGEA Unià di misura h h MWh MWh MWh MW MWh MWh MWh , , , Poenza elerica vendua media MW 35,2 41,8 47,0 Energia elerica auoconsumaa+perdie in cenrale MWh Vapore ceduo a FERRERO Poraa media di vapore ceduo a FERRERO /h 47,6 49,3 48,0 Temperaura C Caraerisiche vapore ceduo a FERRERO Pressione MPa 1,8 1,8 1,8 Enalpia kj/kg 2.860, , ,6 Energia ermica cedua a FERRERO MWh Poenza ermica cedua a FERRERO MW 37,20 38,35 37,39 Vapore ceduo a EGEA (0,6 MPa, 220 C) Acqua cedua a EGEA Poraa media acqua cedua a EGEA /h Caraerisiche acqua cedua a EGEA Temperaura Pressione C MPa circa 92 0,3 circa 92 0,3 circa 92 0,3 Energia ermica cedua a EGEA MWh Poenza ermica cedua a EGEA MW 10,31 10,76 12,43 Energia lorda prodoa oale in cenrale MWh Acqua demi prodoa m Poraa acqua demi prodoa m 3 /h 34,0 45,5 54,1 INDICATORI CHIAVE DELLA CENTRALE Rendimeno energeico elerico di cenrale Rendimeno energeico oale di cenrale Unià di misura % % ,58 40,35 39,60 74,61 76,64 75,37 Emissioni di NOx riferie all energia elerica lorda prodoa di cenrale g/kwh 0,10 0,10 0,11 Emissioni di CO riferie all energia elerica lorda prodoa di cenrale g/kwh 0,06 0,06 0,07 Emissioni di CO2 riferie all energia elerica lorda prodoa di cenrale g/kwh 618,8 556,5 507,5 Emissioni di NOx riferie alla poraa di fumi al camino TG1 (media annua) mg/nm 3 14,65 19,8 19,35 Emissioni di CO riferie alla poraa di fumi al camino TG1 (media annua) mg/nm 3 9,86 15,59 15,30 Toale rifiui riferii all energia lorda prodoa oale di cenrale g/kwh Toale prodoi chimici riferii all energia lorda prodoa oale di cenrale g/mwh Consumo specifico gas naurale riferio a energia lorda prodoa oale di cenrale Sm 3 /MWh Consumo specifico di acqua riferio a energia lorda prodoa oale di cenrale m 3 /MWh 0,80 0,86 0,94 Energia lorda prodoa oale riferia alla superficie di cenrale MWh/m 2 94,1 102,5 109,0 17

18 UTILIZZO RISORSE Poenza elerica media TG Unià di misura MW ,84 44,17 46,50 Gas naurale consumao dai TG (riferio a PCI effeivo) Sm Gas naurale consumao dal GVR1 (pos-combusori) (riferio a PCI effeivo) Sm Gas naurale consumao dalle caldaie ausiliarie (riferio a PCI effeivo) Sm Gas naurale consumao in cenrale (riferio a PCI effeivo) Sm Poere calorifico inferiore effeivo (PCI) kj/sm Poenza ermica enrane media in TG MW 93,08 97,97 112,08 Poenza ermica enrane media in cenrale MW 113,0 120,4 130,3 Acqua indusriale m Poraa media acqua indusriale m 3 /h 16,99 11,04 18,57 Acqua poabile da acquedoo m Poraa media acqua da acquedoo Energia elerica enrane durane le fermae m 3 /h MWh 50, , CONSUMI AUSILIARI - PRODOTTI CHIMICI TOTALE PRODOTTI CHIMICI Unià di misura kg EMISSIONI IN ATMOSFERA Valori normalizzai e correi in ossigeno Poraa media di fumi al quali in uscia dal camino TG Emissioni di NOx TG Emissioni di CO TG Emissioni di NOx Caldaie Ausiliarie Emissioni di CO Caldaie Ausiliarie Emissioni di NOx complessive di cenrale Emissioni di CO complessive di cenrale Emissioni di CO2 complessive di cenrale da emission rading Emissioni di NOx orarie Emissioni di CO orarie Emissioni di CO2 orarie (Emission Trading) Unià di misura Nm 3 /h kg/h kg/h /h ,6 17, ,6 23, ,1 30,9 4,26 0,20 30,9 7,35 0,47 37,0 6,51 0,31 45,6 18,1 23,8 31, , , , ,72 3,57 22,77 24,02 24,55 SCARICHI IDRICI Acqua meeorica scaricaa (sima) Acqua scaricaa da FERRERO Poraa media acqua indusriale scaricaa a FERRERO Unià di misura m 3 m 3 m 3 /h ,45 27,65 29,81 RIFIUTI TOTALE RIFIUTI NON PERICOLOSI TOTALE RIFIUTI PERICOLOSI TOTALE RIFIUTI Unià di misura ,33 22,95 26,21 5,31 3,27 2,05 34,64 25,40 28,26 18

19 Dichiarazione Ambienale Cenrale AlbaPower 6. IL SISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE DI ALBAPOWER AlbaPower ha avviao nel 2008 per la Cenrale di Alba, un Sisema di Gesione Ambienale conforme alla norma UNI EN ISO 14001: 2004 ed ai requisii del regolameno EMAS 1221/. L organigramma del Sisema di Gesione Ambienale è riporao nella Fig. 1 della presene Dichiarazione Ambienale. Il Sisema di Gesione Ambienale è sooposo annualmene ad una verifica ispeiva inerna e alla verifica dell ene cerificaore. Il Sisema di Gesione Ambienale mira al conrollo ed al migliorameno delle presazioni ambienali della Cenrale araverso: l analisi ambienale del sio e la valuazione della significaivià degli aspei ambienali, delle sue aivià e dei suoi prodoi; la definizione dei ruoli e delle responsabilià e la nomina del Rappresenane della Direzione per il SGA con il compio di garanire l efficienza nel empo del sisema; la definizione della Poliica Ambienale e la sua diffusione a ui i livelli aziendali e alle pari ineressae; la formazione, l informazione e la consulazione del personale inerno ed eserno che opera presso la Cenrale; il monioraggio dei parameri ambienali e di funzionameno dell impiano secondo modalià e frequenze definie e la loro regisrazione; la araura periodica della srumenazione di conrollo; la definizione del piano di emergenza e delle relaive procedure; lo scambio di comunicazioni sia con il personale inerno sia con gli eni eserni e con le pari ineressae; l idenificazione, l aggiornameno e il rispeo delle prescrizioni legali applicabili all aivià e la loro diffusione alle funzioni ineressae; le verifiche ispeive inerne (audi), condoe periodicamene da personale indipendene dalle funzioni soggee alla verifica, per conrollare l efficacia del Sisema di Gesione Ambienale; la gesione delle criicià ambienali; la qualificazione dei forniori; il coinvolgimeno dei forniori, appalaori e subappalaori nel Sisema di Gesione Ambienale e il loro rispeo della Poliica dell Organizzazione; il riesame periodico del Sisema di Gesione Ambienale condoo dalla Direzione sulla base delle informazioni raccole; la definizione di un Programma Ambienale in cui sono indicai gli obieivi di migliorameno e i arge da raggiungere; la consulazione e il coinvolgimeno dei lavoraori sugli aspei ambienali, direamene e per ramie del loro rappresenane, con l informazione sulla poliica ambienale e sull imporanza del rispeo delle procedure del SGA; l accesso di ue le pari ineressae alle informazioni che la Direzione ha messo a disposizione, con l adeguao livello di deaglio. Tue le aivià sopraciae, che sono pare inegrane del Sisema di Gesione Ambienale, sono sae descrie e codificae nel Manuale SGA. 19

20 7. IDENTIFICAZIONE E ANALISI DEGLI ASPETTI AMBIENTALI AlbaPower ha sviluppao e maniene aiva una procedura per l individuazione degli aspei ambienali, ovvero di quelle aivià, prodoi o servizi, che possono ineragire con l ambiene. Una vola individuai gli aspei ambienali direi e indirei e le aree omogenee in cui si possono verificare, è saa valuaa la significaivià di ogni aspeo, inendendosi come significaivo ogni aspeo ambienale che pora, o porebbe porare, a una qualunque modificazione significaiva dell ambiene (impao ambienale), sia essa negaiva o posiiva, oale o parziale. La significaivià di ogni aspeo ambienale è saa valuaa rispeo alle re condizioni di funzionameno dell impiano: normale (esercizio e manuenzione ordinaria); anormale (avviameno e fermaa impiano e carico parziale); emergenza (evenuali condizioni di emergenza). La sinesi della valuazione è riporaa in Tab. 2 La Cenrale dispone delle segueni auorizzazioni: AIA n del 12/10/06 rilasciaa dalla Provincia di Cuneo; Aggiornameno AIA-deerminazione della Provincia di Cuneo n. 601 del 4/12/09; Concessione di irrigazione acqua n dal fiume Tanaro rilasciaa dalla Provincia di Cuneo con deerminazione dirigenziale n. 609 del 29/11/06; Parere di conformià rilasciao dai VVF di Cuneo il 12/05/06 per l impiano GRUPPO 1; Dichiarazione di inizio aivià consegnaa il 19/12/07 ai VVF di Cuneo Pro. n Ca (in aesa di sopralluogo da pare dei VVF di Cuneo per il rilascio del CPI) per l impiano GRUPPO 1 Dichiarazione di inizio aivià consegnaa il 14/10/10 ai VVF di Cuneo Pro. n Ca (in aesa di sopralluogo da pare dei VVF di Cuneo per il rilascio del CPI) per l impiano GRUPPO 2 20

Lezione n.7. Variabili di stato

Lezione n.7. Variabili di stato Lezione n.7 Variabili di sao 1. Variabili di sao 2. Funzione impulsiva di Dirac 3. Generaori impulsivi per variabili di sao disconinue 3.1 ondizioni iniziali e generaori impulsivi In quesa lezione inrodurremo

Dettagli

CONSULTAZIONE PUBBLICA IN MATERIA DI REGOLAZIONE TARIFFARIA DEI

CONSULTAZIONE PUBBLICA IN MATERIA DI REGOLAZIONE TARIFFARIA DEI DOCUMENTO PER LA CONSULTAZIONE 356/2013/R/IDR CONSULTAZIONE PUBBLICA IN MATERIA DI REGOLAZIONE TARIFFARIA DEI SERVIZI IDRICI Documeno per la consulazione nell ambio del procedimeno avviao con la deliberazione

Dettagli

Principi di ingegneria elettrica. Lezione 19 a. Conversione elettromeccanica dell'energia Trasmissione e distribuzione dell'energia elettrica

Principi di ingegneria elettrica. Lezione 19 a. Conversione elettromeccanica dell'energia Trasmissione e distribuzione dell'energia elettrica Principi di ingegneria elerica Lezione 19 a Conversione eleromeccanica dell'energia Trasmissione e disribuzione dell'energia elerica acchina elerica elemenare Una barra condurice di lunghezza l immersa

Dettagli

seguendo un trend di costante crescita, ciò grazie ad un assiduo impegno nella progettazione, nello sviluppo e nella produzione di motori elettrici

seguendo un trend di costante crescita, ciò grazie ad un assiduo impegno nella progettazione, nello sviluppo e nella produzione di motori elettrici OTORI A ORRENTE ONTINUA OTORIDUTTORI W W W.DAGU.IT cerificazioni Dagu s.r.l. è un azienda che si è sviluppaa negli anni con discrea rapidià, seguendo un rend di cosane crescia, ciò grazie ad un assiduo

Dettagli

Gestione della produzione MRP e MRPII

Gestione della produzione MRP e MRPII Sommario Gesione della produzione e Inroduzione Classificazione Misure di presazione La Disina Base Logica Lo Sizing in II Inroduzione Inroduzione Def: Gesire la produzione significa generare e sfruare

Dettagli

Lezione 11. Inflazione, produzione e crescita della moneta

Lezione 11. Inflazione, produzione e crescita della moneta Lezione 11 (BAG cap. 10) Inflazione, produzione e crescia della monea Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Universià di Pavia Tre relazioni ra produzione, disoccupazione e inflazione Legge di Okun

Dettagli

TEMPORIZZATORE CON Ic NE 555 ( a cura del prof A. GARRO ) SCHEMA A BLOCCHI : NE555 1 T. reset (4) VCC R6 10K. C5 10uF

TEMPORIZZATORE CON Ic NE 555 ( a cura del prof A. GARRO ) SCHEMA A BLOCCHI : NE555 1 T. reset (4) VCC R6 10K. C5 10uF TEMPOIZZATOE CON Ic NE 555 ( a cura del prof A GAO ) SCHEMA A BLOCCHI : M (8) NE555 00K C7 00uF STAT S 4 K C6 0uF (6) (5) () TH C T A B 0 0 Q S Q rese T DIS (7) OUT () 0 T T09*()*C7 (sec) GND () (4) 6

Dettagli

VALORE EFFICACE DEL VOLTAGGIO

VALORE EFFICACE DEL VOLTAGGIO Fisica generale, a.a. /4 TUTOATO 8: ALO EFFC &CCUT N A.C. ALOE EFFCE DEL OLTAGGO 8.. La leura con un mulimero digiale del volaggio ai morsei di un generaore fornisce + in coninua e 5.5 in alernaa. Tra

Dettagli

Il condensatore. Carica del condensatore: tempo caratteristico

Il condensatore. Carica del condensatore: tempo caratteristico Il condensaore IASSUNTO: apacia ondensaori a geomeria piana, cilindrica, sferica La cosane dielerica ε r ondensaore ceramico, a cara, eleroliico Il condensaore come elemeno di circuio: ondensaori in serie

Dettagli

TELEGESTIONE E CONTROLLO DI QUALUNQUE TIPO DI CALDAIE E BRUCIATORI PER QUALUNQUE TIPO DI IMPIANTO

TELEGESTIONE E CONTROLLO DI QUALUNQUE TIPO DI CALDAIE E BRUCIATORI PER QUALUNQUE TIPO DI IMPIANTO NUMERO 2 del 23.04.08 COSER COSER IME Applicazioni Apparecchiature Numero 2 del 23-04-08 APPLICAZIONI APPARECCHIAURE E IMPIANI LE VARIE SOLUZIONI SARANNO ELENCAE NEL MODO PIÙ SINEICO POSSIBILE. ROVAA LA

Dettagli

7 I convertitori Analogico/Digitali.

7 I convertitori Analogico/Digitali. 7 I converiori Analogico/Digiali. 7 1. Generalià Un volmero numerico, come si evince dal nome, è uno srumeno che effeua misure di ensione mediane una conversione analogicodigiale della grandezza in ingresso

Dettagli

NOTA METODOLOGICA SUL MODELLO PREVISIVO EXCELSIOR PER GLI ANNI 2013-2017

NOTA METODOLOGICA SUL MODELLO PREVISIVO EXCELSIOR PER GLI ANNI 2013-2017 NOTA METODOLOGICA SUL MODELLO PREVISIVO EXCELSIOR PER GLI ANNI 2013-2017 1 SOMMARIO PREMESSA... 3 1. IL MODELLO ECONOMETRICO PER LA STIMA DEGLI STOCK SETTORIALI... 3 Foni... 3 Meodologia... 3 La formulazione

Dettagli

Lampade: MASTER SON-T PIA Plus

Lampade: MASTER SON-T PIA Plus 13, Seembre 10 Lampade: Plus Lampade ai vapori di sodio ad ala pressione di ala qualià realizzae con ecnologia PIA (Philips Inegraed Anenna). Vanaggi La ecnologia PIA aumena l'affidabilià e riduce il asso

Dettagli

Struttura dei tassi per scadenza

Struttura dei tassi per scadenza Sruura dei assi per scadenza /45-Unià 7. Definizione del modello ramie gli -coupon bonds preseni sul mercao Ipoesi di parenza Sul mercao sono preseni all isane ZCB che scadono fra,2,,n periodi Periodo:

Dettagli

COMPORTAMENTO SISMICO DELLE STRUTTURE

COMPORTAMENTO SISMICO DELLE STRUTTURE COMPORTAMENTO SISMICO DELLE STRUTTURE Durane un erreoo, le oscillazioni del erreno di fondazione provocano nelle sovrasani sruure delle oscillazioni forzae. Quando il erreoo si arresa, i ovieni della sruura

Dettagli

Circuiti del primo ordine

Circuiti del primo ordine Circuii del primo ordine Un circuio del primo ordine è caraerizzao da un equazione differenziale del primo ordine I circuii del primo ordine sono di due ipi: L o C Teoria dei Circuii Prof. Luca Perregrini

Dettagli

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali ENERGIA 269 ENERGIA Il ricorso all utilizzo di fonti rinnovabili sovvenzionate comporta dei potenziali impatti ambientali. Fra questi, vi sono l alterazione dei corsi d acqua a causa delle derivazioni

Dettagli

MODELLI PER LA STRUTTURA A TERMINE DEI TASSI

MODELLI PER LA STRUTTURA A TERMINE DEI TASSI Alma Maer Sudiorum Universià di Bologna FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI Corso di Laurea in Maemaica Maeria di Tesi: Maemaica per le applicazioni economiche e finanziarie MODELLI PER

Dettagli

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 CARTA SEMPLICE FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 ALL A.S.L. N. CN2 ALBA BRA DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio Prevenzione Sicurezza Ambienti di Lavoro Via Vida

Dettagli

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro.

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro. C Caldaia L'unità centrale scambiatore termico-bruciatore destinata a trasmettere all'acqua il calore prodotto dalla combustione. v. Camera di combustione, Centrali termiche, Efficienza di un impianto

Dettagli

Esercizi svolti di teoria dei segnali

Esercizi svolti di teoria dei segnali Esercizi svoli di eoria dei segnali Alessia De Rosa Mauro Barni Novembre Indice Inroduzione ii Caraerisiche dei segnali deerminai Sviluppo in Serie di Fourier di segnali periodici Trasformaa di Fourier

Dettagli

Esercizio 1 ( es 1 lez 11) La matrice è diagonalizzabile: verificare, trovando la matrice diagonalizzante, che A è simile a A.

Esercizio 1 ( es 1 lez 11) La matrice è diagonalizzabile: verificare, trovando la matrice diagonalizzante, che A è simile a A. Eserciio ( es le La marice è diagonaliabile: verificare, rovando la marice diagonaliane, che è simile a. Esisono re auovalori: mol.alg(- dim V - ; mol.alg( dim V ; mol.alg(- dim V -. Esise una marice simile

Dettagli

Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione

Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione «Ispezione tecnica: l analisi degli impianti aeraulici» Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione Cillichemie Italiana Dott. Marco D Ambrosio

Dettagli

Il trattamento dell acqua per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici

Il trattamento dell acqua per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici Il trattamento dell acqua per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici 12 Giugno 2014 Stefano Bonfanti Product Manager - Cillichemie Italiana S.r.l. L azienda n.2 Sedi n.47 Agenti

Dettagli

IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici. Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti

IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici. Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti gli utilizzi tecnici dell acqua in un edificio ACQUA FREDDA SANITARIA

Dettagli

Relazione specialistica

Relazione specialistica Relazione specialistica Dipl.-Ing. Hardy Ernst Dipl.-Wirtschaftsing. (FH), Dipl.-Informationswirt (FH) Markus Tuffner, Bosch Industriekessel GmbH Basi di progettazione per una generazione ottimale di vapore

Dettagli

Lezione 4. Risposte canoniche dei sistemi del primo e del secondo ordine

Lezione 4. Risposte canoniche dei sistemi del primo e del secondo ordine Lezione 4 Ripoe canoniche dei iemi del primo e del econdo ordine Parameri caraeriici della ripoa allo calino Per ripoe canoniche i inendono le ripoe dei iemi dinamici ai egnali coiddei canonici (impulo,

Dettagli

Guida alla compilazione della DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE

Guida alla compilazione della DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE Guida alla compilazione della DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE Indice INTRODUZIONE ------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

Impianti di climatizzazione

Impianti di climatizzazione Corso di IPIANTI TECNICI per l EDILIZIAl Impianti di climatizzazione Prof. Paolo ZAZZINI Dipartimento INGEO Università G. D Annunzio Pescara www.lft.unich.it IPIANTI DI CLIATIZZAZIONE Impianti di climatizzazione

Dettagli

LIBRETTO DI CENTRALE

LIBRETTO DI CENTRALE 1 LIBRETTO DI CENTRALE OBBLIGATORIO PER GLI IMPIANTI TERMICI CON POTENZA TERMICA DEL FOCOLARE NOMINALE SUPERIORE O UGUALE A 35 kw (ART. 11, COMMA 9, DPR 26 AGOSTO 1993, N 412) Conforme al modello pubblicato

Dettagli

Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili

Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili Beneficiari Riferimenti normativi Finalità dello strumento Regime transitorio Impianti, alimentati da fonti rinnovabili diverse da quella

Dettagli

SISTEMA DI CONTROLLO DISTRIBUITO DI UN IMPIANTO DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA RIFIUTI NON PERICOLOSI

SISTEMA DI CONTROLLO DISTRIBUITO DI UN IMPIANTO DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA RIFIUTI NON PERICOLOSI SISTEMA DI CONTROLLO DISTRIBUITO DI UN IMPIANTO DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA RIFIUTI NON PERICOLOSI s.d.i. automazione industriale ha fornito e messo in servizio nell anno 2003 il sistema di controllo

Dettagli

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE?

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE? RISORSE ENERGETICHE ENERGIA 2 AREA 9 FONTI DI ENERGIA E INDISPENSABILE ALLA VITA SULLA TERRA ELEMENTO INDISPENSABILE PER SVILUPPO SOCIALE ED ECONOMICO FINO AD ORA: CONTINUO INCREMENTO DI PRODUZIONE E CONSUMO

Dettagli

ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01. Ecoenergia. I d e e d a i n s t a l l a r e

ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01. Ecoenergia. I d e e d a i n s t a l l a r e ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01 Ecoenergia I d e e d a i n s t a l l a r e Lo sviluppo sostenibile Per uno sviluppo energetico sostenibile, compatibile

Dettagli

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ LE SOLUZIONI AMBIENTALI INTEGRATE DI UN GRUPPO LEADER SOLYECO GROUP ha reso concreto un obiettivo prezioso: conciliare Sviluppo e Ambiente. Questa è la mission

Dettagli

ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE. ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica

ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE. ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE PROF.. GIIANCARLO ROSSII PARTE SECONDA 1 INTRODUZIONE TIPOLOGIE

Dettagli

L impianto di trigenerazione del Policlinico di Modena: le motivazioni delle scelte progettuali dal punto di vista dell Energy Manager

L impianto di trigenerazione del Policlinico di Modena: le motivazioni delle scelte progettuali dal punto di vista dell Energy Manager Workshop Tecnico Efficientamento energetico nelle strutture ospedaliere e residenziali sanitarie Area Science Park Padriciano, Trieste 29 aprile 2015 L impianto di trigenerazione del Policlinico di Modena:

Dettagli

European Energy Manager

European Energy Manager Diventare Energy Manager in Europa oggi EUREM NET V: programma di formazione e specializzazione per European Energy Manager Durata del corso: 110 ore in 14 giorni, di cui 38 ore di workshop ed esame di

Dettagli

Cos è una. pompa di calore?

Cos è una. pompa di calore? Cos è una pompa di calore? !? La pompa di calore aria/acqua La pompa di calore (PDC) aria-acqua è una macchina in grado di trasferire energia termica (calore) dall aria esterna all acqua dell impianto

Dettagli

CIRCOLAZIONE NATURALE. NATURAL SOL Pacchetti solari a circolazione naturale

CIRCOLAZIONE NATURALE. NATURAL SOL Pacchetti solari a circolazione naturale CIRCOLAZIONE NATURALE NATURAL SOL Pacchetti solari a circolazione naturale 1964 2014 Immergas. Una lunga storia alle spalle, insegna a guardare in avanti. Il 5 febbraio del 1964, Immergas nasceva dal

Dettagli

QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO

QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO (PARTE 1) FOCUS TECNICO Gli impianti di riscaldamento sono spesso soggetti a inconvenienti quali depositi e incrostazioni, perdita di efficienza nello

Dettagli

Opere di ristrutturazione edilizia e risanamento conservativo - variante essenziale relative all'immobile sito in via Millelire n 10/c - Milano

Opere di ristrutturazione edilizia e risanamento conservativo - variante essenziale relative all'immobile sito in via Millelire n 10/c - Milano Comune di MILANO Provincia di MILANO Regione LOMBARDIA RELAZIONE TECNICA Rispondenza alle prescrizioni in materia di contenimento del consumo energetico Deliberazione Giunta Regionale 22 dicembre 2008

Dettagli

Scheda n 1. Tecnologie ambientali per le Apea SISTEMI MODULARI DI TRATTAMENTO ACQUE DI PIOGGIA. Aspetti ambientali interessati dalla tecnologia

Scheda n 1. Tecnologie ambientali per le Apea SISTEMI MODULARI DI TRATTAMENTO ACQUE DI PIOGGIA. Aspetti ambientali interessati dalla tecnologia LIFE+ PROJECT ACRONYM ETA-BETA LIFE09 ENV IT 000105 Scheda n 1 Tecnologie ambientali per le Apea SISTEMI MODULARI DI TRATTAMENTO ACQUE DI PIOGGIA Aspetti ambientali interessati dalla tecnologia emissioni

Dettagli

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI Luca Menini, ARPAV Dipartimento di Vicenza via Spalato, 14-36100 VICENZA e-mail: fisica.arpav.vi@altavista.net 1. INTRODUZIONE La legge 447 del 26/10/95 Legge

Dettagli

LA NORMA LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL LIBRETTO D IMPIANTO LA REGOLA

LA NORMA LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL LIBRETTO D IMPIANTO LA REGOLA LA NORMA LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL LIBRETTO D IMPIANTO LA REGOLA 2004 INDICE Libretto di impianto pag. 3 Scheda 1 4 Scheda 2 5 Scheda 3 6 Scheda 4 7 Scheda 5 9 Scheda 6 10 Scheda 7 11 Scheda

Dettagli

/ * " 6 7 -" 1< " *,Ê ½, /, "6, /, Ê, 9Ê -" 1/ " - ÜÜÜ Ìi «V Ì

/ *  6 7 - 1<  *,Ê ½, /, 6, /, Ê, 9Ê - 1/  - ÜÜÜ Ìi «V Ì LA TRASMISSIONE DEL CALORE GENERALITÀ 16a Allorché si abbiano due corpi a differenti temperature, la temperatura del corpo più caldo diminuisce, mentre la temperatura di quello più freddo aumenta. La progressiva

Dettagli

Le prestazioni delle pompe di calore: aspetti normativi e legislativi CENTRALI FRIGORIFERE NUOVE TECNOLOGIE E RISPARMIO ENERGETICO

Le prestazioni delle pompe di calore: aspetti normativi e legislativi CENTRALI FRIGORIFERE NUOVE TECNOLOGIE E RISPARMIO ENERGETICO CENTRALI FRIGORIFERE NUOVE TECNOLOGIE E RISPARMIO ENERGETICO Cagliari 8 maggio 2014 Prof. Ing. Carlo Bernardini SEER e SCOP Metodi di prova, valutazione a carico parziale e calcolo del rendimento stagionale

Dettagli

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO COMUNE DI CANZO COMUNE DI CASTELMARTE COMUNE DI EUPILIO COMUNE DI LONONE AL SERINO COMUNE DI PROSERPIO COMUNE DI PUSIANO L AUDIT ENERETICO DELI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERETICO Una politica energetica

Dettagli

Idrogeno - Applicazioni

Idrogeno - Applicazioni Idrogeno - Applicazioni L idrogeno non è una fonte di energia, bensì un mezzo per accumularla, un portatore di energia che potrà cambiare in futuro molti settori della nostra vita e, con la cella a combustibile,

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

Riferimenti Normativi. D. Lgs. 152/06 (Testo Unico) Delib. Int. 04/02/1977 Leggi e Regolamenti locali D.M. 185/03 (riutilizzo acq.

Riferimenti Normativi. D. Lgs. 152/06 (Testo Unico) Delib. Int. 04/02/1977 Leggi e Regolamenti locali D.M. 185/03 (riutilizzo acq. Riferimenti Normativi - D. Lgs. 152/06 (Testo Unico) Delib. Int. 04/02/1977 Leggi e Regolamenti locali D.M. 185/03 (riutilizzo acq. reflue) Acque reflue domestiche: acque reflue provenienti da insediamenti

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml.

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml. Pagina: 1/ 6 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA Articolo numero: art.04920 Utilizzazione della Sostanza / del Preparato: Rivelatore fughe gas Produttore/fornitore: FIMI

Dettagli

CALEFFI. Valvola di scarico termico con reintegro incorporato. serie 544 01058/09. sostituisce dp 01058/07. Funzione

CALEFFI. Valvola di scarico termico con reintegro incorporato. serie 544 01058/09. sostituisce dp 01058/07. Funzione Valvola di scarico termico con reintegro incorporato serie 544 R EGI STERED BS EN ISO 9001:2000 Cert. n FM 21654 UNI EN ISO 9001:2000 Cert. n 0003 CALEFFI 01058/09 sostituisce dp 01058/07 Funzione La valvola

Dettagli

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA)

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Ai progetti sottoposti alla procedura di impatto ambientale ai sensi degli articoli 52 e seguenti, è allegato uno studio di impatto ambientale, redatto

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA SU ARPAT

SCHEDA INFORMATIVA SU ARPAT SCHEDA INFORMATIVA SU ARPAT ARPAT: cos è ARPAT, l Agenzia regionale per la protezione ambientale della Toscana, è attiva dal 1996. Attraverso una rete di Dipartimenti provinciali presenti sul territorio

Dettagli

PRESENTA. DOCUMENTAZIONE DI PREVISIONE DI IMPATTO ACUSTICO, ai sensi dell art. 8, c. 4 della legge n.447/95 e successive integrazioni.

PRESENTA. DOCUMENTAZIONE DI PREVISIONE DI IMPATTO ACUSTICO, ai sensi dell art. 8, c. 4 della legge n.447/95 e successive integrazioni. Al Sig.Sindaco del Comune di di... e pc. All'ARPA, Servizio Territoriale Distretto di.. Il sottoscritto nato a.il./.. /19. e residente a.in (Via, Piazza).n in qualità di titolare/legale rappresentante

Dettagli

LE FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE IN ITALIA

LE FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE IN ITALIA LE FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE IN ITALIA Prof. Federico Rossi UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA Polo Scientifico Didattico di Terni PRINCIPALI RIFERIMENTI NORMATIVI DLgs 16 marzo 1999 n. 79 (Decreto Bersani):

Dettagli

I testi sono così divisi: HOME. PRODUZIONE DI ENERGIA VERDE o Energia eolica o Energia fotovoltaica o Energia a biomassa

I testi sono così divisi: HOME. PRODUZIONE DI ENERGIA VERDE o Energia eolica o Energia fotovoltaica o Energia a biomassa Testi informativi sugli interventi e gli incentivi statali in materia di eco-efficienza industriale per la pubblicazione sul sito web di Unioncamere Campania. I testi sono così divisi: HOME EFFICIENTAMENTO

Dettagli

L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale

L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale Prof. Gianni Comini Direttore del Dipartimento di Energia e Ambiente CISM - UDINE AMGA - Iniziative per la Sostenibilità EOS 2013

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI LINEE D INDIRIZZO PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI CORRELATI ALL INSTALLAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOTAICI SU EDIFICI DESTINATI

Dettagli

Cos'è e come funziona una discarica.

Cos'è e come funziona una discarica. Cos'è e come funziona una discarica. La discarica di rifiuti è un luogo dove vengono depositati in modo non differenziato i rifiuti solidi urbani e tutti i rifiuti provenienti dalle attività umane. La

Dettagli

Ing. Raffaele Merola Engineering Environmental Technologies - Energy from biomass PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA SYNGAS DA BIOMASSA

Ing. Raffaele Merola Engineering Environmental Technologies - Energy from biomass PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA SYNGAS DA BIOMASSA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA SYNGAS DA BIOMASSA 1 PRESENTAZIONE GENERALE 1. GENERALITÀ La presente relazione è relativa alla realizzazione di un nuovo impianto di produzione di energia elettrica.

Dettagli

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO In base all art. 256 del D. Lgs. 81/2008, così come modificato dal D. Lgs. 106/2009, i

Dettagli

Introduzione (1) Introduzione (2) Prodotti e servizi sono realizzati per mezzo di processi produttivi.

Introduzione (1) Introduzione (2) Prodotti e servizi sono realizzati per mezzo di processi produttivi. Iroduzioe () Ua defiizioe (geerale) del ermie qualià: qualià è l isieme delle caraerisiche di u eià (bee o servizio) che e deermiao la capacià di soddisfare le esigeze espresse ed implicie di chi la uilizza.

Dettagli

CONDIZIONATORI DI PRECISIONE AD ESPANSIONE DIRETTA E ACQUA REFRIGERATA PER CENTRALI TELEFONICHE CON SISTEMA FREE-COOLING

CONDIZIONATORI DI PRECISIONE AD ESPANSIONE DIRETTA E ACQUA REFRIGERATA PER CENTRALI TELEFONICHE CON SISTEMA FREE-COOLING CONDIZIONATORI DI PRECISIONE AD ESPANSIONE DIRETTA E ACQUA REFRIGERATA PER CENTRALI TELEFONICHE CON SISTEMA FREE-COOLING POTENZA FRIGORIFERA DA 4 A 26,8 kw ED.P 161 SF E K 98 FC La gamma di condizionatori

Dettagli

1.3 IMPORTAZIONE/ESPORTAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI

1.3 IMPORTAZIONE/ESPORTAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI 1.3 IMPORTAZIONE/ESPORTAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI L analisi dettagliata del rapporto tra importazione ed esportazione di rifiuti speciali in Veneto è utile per comprendere quali tipologie di rifiuti non

Dettagli

I CONSUMI ED IL RENDIMENTO

I CONSUMI ED IL RENDIMENTO I CONSUMI ED IL RENDIMENTO E buona prassi che chiunque sia interessato a realizzare un impianto di riscaldamento, serio, efficiente ed efficace, si rivolga presso uno Studio di ingegneria termotecnica

Dettagli

COMPRESSORE ROTATIVO A VITE CSM MAXI 7,5-10 - 15-20 HP

COMPRESSORE ROTATIVO A VITE CSM MAXI 7,5-10 - 15-20 HP LABORATORI INDUSTRIA COMPRESSORE ROTATIVO A VITE CSM MAXI HP SERVIZIO CLIENTI CSM Maxi la Gamma MAXI HP Una soluzione per ogni esigenza Versione su Basamento Particolarmente indicato per installazioni

Dettagli

GRUPPI REFRIGERANTI ALIMENTATI AD ACQUA CALDA

GRUPPI REFRIGERANTI ALIMENTATI AD ACQUA CALDA GRUPPI REFRIGERANTI ALIMENTATI AD ACQUA CALDA 1 Specifiche tecniche WFC-SC 10, 20 & 30 Ver. 03.04 SERIE WFC-SC. SEZIONE 1: SPECIFICHE TECNICHE 1 Indice Ver. 03.04 1. Informazioni generali Pagina 1.1 Designazione

Dettagli

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI Presentazione per le scuole primarie A cura di Enrico Forcucci, Paola Di Giacomo e Alessandra Santini ni Promuovere la conoscenza e la diffusione delle energie provenienti

Dettagli

Nuova edificazione in prossimità di un elettrodotto esistente

Nuova edificazione in prossimità di un elettrodotto esistente tel. 055.32061 - fax 055.5305615 PEC: arpat.protocollo@postacert.toscana.it p.iva 04686190481 Nuova edificazione in prossimità di un elettrodotto esistente Guida pratica per le informazioni sulle fasce

Dettagli

La L a c c o o m mb b u u st s i t o i n o ne ne 1

La L a c c o o m mb b u u st s i t o i n o ne ne 1 1 La sostanza combustibile può essere: Solida Liquida o Gassosa. I combustibili utilizzati negli impianti di riscaldamento sono quelli visti precedentemente cioè: Biomasse Oli Combustibili di vario tipo

Dettagli

COMUNE DI RUFFANO. - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE

COMUNE DI RUFFANO. - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE COMUNE DI RUFFANO - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE approvato con Deliberazione del Commissario Straordinario con i poteri del Consiglio Comunale

Dettagli

Città di Spinea Provincia di Venezia

Città di Spinea Provincia di Venezia Città di Spinea Provincia di Venezia APPALTO: servizio di pulizia interna uffici comunali 2013 2014 AFFIDAMENTO: da appaltare REDATTO DA REVISIONE N. DATA APPROVATO DA 1 SOMMARIO 1. SEZIONE DESCRITTIVA...

Dettagli

ENERGIA INDICATORI OBIETTIVI. Emissioni di gas serra da processi energetici. Favorire l avvicinamento agli obiettivi fissati dal Protocollo di Kyoto

ENERGIA INDICATORI OBIETTIVI. Emissioni di gas serra da processi energetici. Favorire l avvicinamento agli obiettivi fissati dal Protocollo di Kyoto OBIETTIVI Favorire l avvicinamento agli obiettivi fissati dal Protocollo di Kyoto Valutare l andamento della domanda di energia del sistema economico lombardo Valutare l andamento settoriale e territoriale

Dettagli

DICHIARAZIONE AMBIENTALE ai sensi del Regolamento CE 761/01 EMAS

DICHIARAZIONE AMBIENTALE ai sensi del Regolamento CE 761/01 EMAS ANCONA DICHIARAZIONE AMBIENTALE ai sensi del Regolamento CE 761/01 EMAS anno 2007 sede centrale in Via De Bosis, 3a - ANCONA N. Registro I-000411 1. INTRODUZIONE...3 2. L AZIENDA...4 2.1 CHI SIAMO... 4

Dettagli

Domanda di autorizzazione allo scarico in corpo ricettore diverso dalla fognatura. .Sottoscritt.. nato a... il. residente/ con sede a... Via.. n..

Domanda di autorizzazione allo scarico in corpo ricettore diverso dalla fognatura. .Sottoscritt.. nato a... il. residente/ con sede a... Via.. n.. DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE CHE NON RECAPITANO NELLA RETE FOGNARIA (La domanda dovrà essere compilata su carta legale o resa legale). Al Signor Sindaco del Comune

Dettagli

DESCRIZIONE DEL TERMINALE DI GNL E DELLA SUA GESTIONE

DESCRIZIONE DEL TERMINALE DI GNL E DELLA SUA GESTIONE DESCRIZIONE DEL TERMINALE DI GNL E DELLA SUA GESTIONE 1) PREMESSA...2 2) DESCRIZIONE DEL TERMINALE...2 2.1) RICEZIONE...3 2.2) STOCCAGGIO...3 2.3) RIGASSIFICAZIONE...4 2.4) RECUPERO BOIL-OFF GAS (BOG)...4

Dettagli

FONTI ENERGETICHE IN SICILIA

FONTI ENERGETICHE IN SICILIA PROGETTO COMENIUS FONTI ENERGETICHE IN SICILIA Energia Solare Energia da gas Energia Eolica Energia da biomassa Energia Termica Energia da carbone Energia Idrica Energia Geotermica Centrale idroelettrica

Dettagli

Alle nostre latitudini la domanda di

Alle nostre latitudini la domanda di minergie Protezioni solari con lamelle, in parte fisse, e gronde Benessere ter edifici ed effi Nella società contemporanea trascorriamo la maggior parte del nostro tempo in spazi confinati, in particolare

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA RUMOROSE

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA RUMOROSE REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA RUMOROSE (L.R. n 89/98 art 2.2, D.R. n 77/2000 Parte 3 e L. 447/95) Il Dirigente GEOL. ROBERTO FERRARI Approvato con deliberazione del C.C. n. 14 del 13/02/2008 1 TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER)

Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER) Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER) Maurizio Gualtieri ENEA UTTS 0161-483370 Informazioni: eventienea_ispra@enea.it 14 maggio 2014 - ISPRA Sommario

Dettagli

DIAMO UNA MANO ALLA NATURA

DIAMO UNA MANO ALLA NATURA DIAMO UNA MANO ALLA NATURA ABBATTITORI A RICIRCOLO DI ACQUA (SCRUBBER A TORRE) I sistemi di abbattimento a scrubber rappresentano un ottima alternativa a sistemi di diversa tecnologia (a secco, per assorbimento,

Dettagli

La misurazione del rendimento di Combustione secondo la UNI 10389 del 1994

La misurazione del rendimento di Combustione secondo la UNI 10389 del 1994 La misurazione del rendimento di Combustione secondo la UNI 10389 del 1994 Ing. Gennaro Augurio Direttore Operativo ITAGAS AMBIENTE Via R. Paolucci, 3 Pescara gennaro.augurio@itagasambiente.it GSM 347-99.10.915

Dettagli

Guida alla Cogenerazione ad Alto Rendimento CAR

Guida alla Cogenerazione ad Alto Rendimento CAR Guida alla Cogenerazione ad Alto Rendimento CAR Edizione n.1 Marzo 2012 - 1 - INDICE GENERALE 1 Premessa... - 7-2 Cogenerazione ad Alto Rendimento (CAR)... - 8-2.1 Principi generali della... - 8 - Box:

Dettagli

FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI)

FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI) FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI) Domande frequenti inerenti la Relazione Energetico - Ambientale e la conformità delle pratiche edilizie alla normativa di settore. Aggiornamento al

Dettagli

ECOPITTURE E GUAINE DI FINITURA TERMO-RIFLETTENTI A BASE DI LATTE ED ACETO.

ECOPITTURE E GUAINE DI FINITURA TERMO-RIFLETTENTI A BASE DI LATTE ED ACETO. ECOPITTURE E GUAINE DI FINITURA TERMO-RIFLETTENTI A BASE DI LATTE ED ACETO. L efficacia dell ecopitture e guaine a base di latte e aceto si basa su l intelligente impiego dell elettroidrogenesi generata

Dettagli

IMPIANTI DI PRIMA PIOGGIA. Divisione Depurazione E DISSABBIATORI DEGRASSATORI VASCHE BIOLOGICHE TIPO IMHOFF VASCHE SETTICHE FANGHI ATTIVI IMPIANTI A

IMPIANTI DI PRIMA PIOGGIA. Divisione Depurazione E DISSABBIATORI DEGRASSATORI VASCHE BIOLOGICHE TIPO IMHOFF VASCHE SETTICHE FANGHI ATTIVI IMPIANTI A DI PRIMA PIOGGIA Divisione Depurazione 87 1. - TRATT TTAMENTO DELLE ACQUE IN ACCUMULO (DA 500 A 12.000 M 2 ) 2. IPC - TRATT TTAMENTO DELLE ACQUE DI PIOGGIA IN CONTINUO (DA 270 A 7.200 M 2 ) 88 Divisione

Dettagli

Recuperare energia dai

Recuperare energia dai Recuperare energia dai rifiuti del tabacco Riduzione dell impatto ambientale e sanitario delle cicche di sigaretta e produzione di energia mediante pirogassificazione Raffaella Uccelli- Ricercatore ENEA

Dettagli

REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE

REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE Arch. Alverio Camin Progetto Speciale Recupero Ambientale e Urbanistico delle aree Industriali - PAT REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE 1. Esperienza

Dettagli

L impatto ambientale degli inchiostri da stampa

L impatto ambientale degli inchiostri da stampa FEDERCHIMICA CONFINDUSTRIA AVISA Gruppo inchiostri da stampa e serigrafici L impatto ambientale degli inchiostri da stampa Marzo 2013 Questa nota informativa è stata preparata da EuPIA basandosi su di

Dettagli

ALTRE MODALITA DI PRODUZIONE DI ENERGIA

ALTRE MODALITA DI PRODUZIONE DI ENERGIA Scheda 6 «Agricoltura e Agroenergie» ALTRE MODALITA GREEN JOBS Formazione e Orientamento LA COMPONENTE TERMICA DELL ENERGIA Dopo avere esaminato con quali biomasse si può produrre energia rinnovabile è

Dettagli

REFRASET SCHEDA DI SICUREZZA. Revisione n 02 del 21/05/2012 Sostituisce 23/05/2002

REFRASET SCHEDA DI SICUREZZA. Revisione n 02 del 21/05/2012 Sostituisce 23/05/2002 Pag. 1 di 5 REFRASET SCHEDA DI SICUREZZA Revisione n 02 del 21/05/2012 Sostituisce 23/05/2002 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO, DEL PRODOTTO E DELLA SOCIETA 1.1 Identificazione della sostanza

Dettagli

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di:

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di: Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014 Sede di Torino RUGGIERI Nicoletta Maria Mobility Manager Elaborazione e Cura di: CAGGIANIELLO Giorgio SAPIO Michele VENTURA Lorella Amministrazione

Dettagli

Corso di Impianti Tecnici per l'edilizia - E. Moretti. Condizionamento CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO

Corso di Impianti Tecnici per l'edilizia - E. Moretti. Condizionamento CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO 1 Impianti di Climatizzazione e Condizionamento CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO Premessa Gli impianti sono realizzati con lo scopo di mantenere all interno degli ambienti confinati condizioni

Dettagli

Energie rinnovabili - energie di fonti energetiche inesauribili - sono un importante alternativa rispetto allo sfruttamento delle fonti energetiche

Energie rinnovabili - energie di fonti energetiche inesauribili - sono un importante alternativa rispetto allo sfruttamento delle fonti energetiche Energie rinnovabili - energie di fonti energetiche inesauribili - sono un importante alternativa rispetto allo sfruttamento delle fonti energetiche tradizionali. Il principo dell uso è di deviare energie

Dettagli

Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico

Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico Marco Glisoni Maria Lisa Procopio Incontro formativo Progetto APE settembre 2014 Il Piano d Azione Nazionale per il GPP Piano d azione per la

Dettagli

Previsione di impatto acustico relativa a:

Previsione di impatto acustico relativa a: PROVINCIA DI MODENA COMUNE DI FIORANO M. Previsione di impatto acustico relativa a: nuovo capannone uso deposito ditta Atlas Concorde Spa ubicato in Via Viazza I Tronco - Fiorano M. (MO) Settembre 2012

Dettagli

NUOVO! Sempre più semplice da utilizzare

NUOVO! Sempre più semplice da utilizzare NUOVO! NUOVO AF/ARMAFLEX MIGLIORE EFFICIENZA DELL ISOLAMENTO Sempre più semplice da utilizzare L flessibile professionale Nuove prestazioni certificate. Risparmio energetico: miglioramento di oltre il

Dettagli