Regolamentazione della qualità sanitaria degli alimenti e accesso dei Paesi della riva Sud del Mediterraneo ai mercati europei: un analisi empirica

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Regolamentazione della qualità sanitaria degli alimenti e accesso dei Paesi della riva Sud del Mediterraneo ai mercati europei: un analisi empirica"

Transcript

1 SOCIETA ITALIANA DI ECONOMIA AGRARIA XLVI Convegno di Studi Cambiamenti nel sistema alimentare: nuovi problemi, strategie, politiche Piacenza, settembre 2009 Comunicazione Regolamentazione della qualità sanitaria degli alimenti e accesso dei Paesi della riva Sud del Mediterraneo ai mercati europei: un analisi empirica Cristina Grazia Dipartimento di Economia e Ingegneria Agrarie, Università di Bologna ( Abdelhakim Hammoudi Institut National de la Recherche Agronomique e ERMES/Université Paris II, France ( Giulio Malorgio Dipartimento di Economia e Ingegneria Agrarie, Università di Bologna ( La crescente consapevolezza del ruolo della qualità e sicurezza degli alimenti ha determinato l insorgere di legislazioni, nazionali e internazionali, spesso restrittive, che hanno profondamente modificato le pratiche di produzione e l organizzazione delle filiere. Crescente l attenzione alle misure tecniche (regolazione della sicurezza sanitaria, requisiti di etichettatura o standard di qualità), che possono agire, esplicitamente o implicitamente, come barriera al commercio al pari di tariffe e restrizioni quantitative. Le norme, come barriere non tariffarie al commercio, i costi legati all informazione e quelli di adeguamento agli standard e l eterogeneità degli standard di qualità e sicurezza influiscono in maniera rilevante sulle esportazioni dei paesi del Mediterraneo verso l Unione Europea e costituiscono un ostacolo al processo di liberalizzazione. Il presente contributo è finalizzato alla quantificazione e analisi della capacità di accesso al mercato europeo da parte dei Paesi della riva Sud del Mediterraneo, intesa come capacità di adeguamento alle legislazioni e/o misure sanitarie e fitosanitarie, vigenti nei Paesi di destinazione. Lo studio è condotto, in particolare, attraverso l analisi del fenomeno dei respingimenti alla frontiera che costituisce uno strumento per analizzare, a livello macroeconomico, le difficoltà di accesso dei Paesi esportatori ai mercati internazionali. 1

2 Regolamentazione della qualità sanitaria degli alimenti e accesso dei Paesi della riva Sud del Mediterraneo ai mercati europei: un analisi empirica. Cristina Grazia 1, Abdelhakim Hammoudi 2, Giulio Malorgio 3 1 Introduzione La crescente consapevolezza del ruolo della qualità e sicurezza degli alimenti ha determinato l insorgere di legislazioni, nazionali e internazionali, spesso restrittive, che hanno profondamente modificato le pratiche di produzione e l organizzazione delle filiere. La regolamentazione internazionale, in particolare quella europea, consiste in un dosaggio di dispositivi operanti a monte e a valle della filiera. I dispositivi a monte agiscono su diversi stadi della filiera definendo le pratiche di produzione e di trasformazione che devono costituire i requisiti di riferimento per gli operatori. I dispositivi a valle consistono, in linea generale, in standard che fissano le soglie massime dei residui di sostanze nocive tollerabili in un prodotto finale destinato all alimentazione. Dalla rassegna della letteratura economica emerge come esistano relativamente pochi contributi indirizzati nello specifico alla quantificazione degli effetti della regolamentazione pubblica sugli scambi commerciali. Le teorie esistenti possono persino apparire, in alcuni casi, antagoniste (si vedano ad esempio Rios e Jaffee, 2008; Otsuki, Wilson e Sewadeh, 2001). Una serie di lavori si propone di illustrare gli effetti negativi di una riduzione significativa delle esportazioni in termini di esclusione dei produttori più deboli dalle filiere di esportazione (Maertens, Swinnen, 2006). Altri contributi considerano gli effetti positivi che le norme possono indurre, in termini sia di ristrutturazione (più) efficiente delle filiere dei paesi in via di sviluppo che di diversificazione (o specializzazione) di questi paesi in esportazioni a più elevato valore aggiunto (Banca Mondiale, 2005; Jaffee e Henson, 2004). Crescente l attenzione alle misure tecniche (ad esempio regolazione della sicurezza sanitaria, requisiti di etichettatura o standard di qualità), che possono agire, esplicitamente o implicitamente, come barriera al commercio al pari di tariffe e restrizioni quantitative (Henson, Loader, 2001). Nonostante i vantaggi derivanti da condizioni di accesso preferenziali, accordate dall Unione Europea ai Paesi della sponda Sud del Mediterraneo, persistono ampie difficoltà nell organizzazione ed espansione dei flussi esportativi di questi paesi verso il mercato comunitario. In particolare, all adozione di calendari d importazione, di un sistema di prezzi di entrata, di contingenti tariffari, si affiancano (i) rigide norme non- 1 Dipartimento di Economia e Ingegneria Agrarie, Università di Bologna 2 Institut National de la Recherche Agronomique e ERMES/Université Paris II, France, 3 Dipartimento di Economia e Ingegneria Agrarie, Università di Bologna, 2

3 tariffarie, come quelle previste nell ambito dell OCM orto-frutta, relative alla qualità, all etichettatura e alla commercializzazione e (ii) norme fitosanitarie, rivolte alla tutela della salute del consumatore e all ambiente, tutti fattori che riducono il potere esportativo di questi paesi verso il mercato comunitario. Le norme, come barriere non tariffarie al commercio, i costi legati all informazione e quelli di adeguamento agli standard e l eterogeneità degli standard di qualità e sicurezza influiscono in maniera rilevante sulle esportazioni dei paesi del Mediterraneo verso l Unione Europea e costituiscono un ostacolo al processo di liberalizzazione (si vedano, ad esempio, Emlinger et al. 2008; Michalek, 2005; Aloui et Kenny, 2005). Direttamente collegata all apertura dei mercati, e scarsamente dibattuta nella sua complessità tra i Paesi del Mediterraneo, è la definizione, applicazione e armonizzazione dei sistemi di qualità nel settore agroalimentare e dei relativi sistemi di controllo. Il contributo che proponiamo è finalizzato a identificare e analizzare l impatto delle norme di qualità sanitaria dei prodotti sugli scambi internazionali, considerando come campo d applicazione le filiere dei paesi della riva Sud del Mediterraneo. 2 Obiettivi e metodologia Date queste premesse, il presente contributo è finalizzato alla quantificazione e analisi della capacità di accesso al mercato europeo da parte dei Paesi della riva Sud del Mediterraneo, intesa come capacità di adeguamento alle legislazioni e/o misure sanitarie e fitosanitarie, vigenti nei Paesi di destinazione, di adattamento delle istituzioni pubbliche, delle infrastrutture, efficienza dei sistemi di controllo a livello locale e implementazione di procedure efficienti di controllo e di sorveglianza (Chemnitz, Günther, 2007). Lo studio è condotto, in particolare, attraverso l analisi dei respingimenti alla frontiera nell ambito dei flussi commerciali. Il fenomeno dei respingimenti costituisce, infatti, uno strumento per analizzare, a livello macroeconomico, le difficoltà di accesso dei Paesi esportatori ai mercati internazionali che impongono una regolamentazione SPS (Rios, Jaffee, 2008; Chemnitz, Künkel 2007; FAO, 2005; Athukorala, Jayasuriya, 2003; Henson, Loader, 2001). La prima fase dell analisi è consacrata ad analizzare le importazioni di prodotti ortofrutticoli dell UE27 dai Paesi Terzi Mediterranei, con particolare riferimento a Egitto, Israele, Marocco, Siria e Turchia, dal 2003 al L analisi è basata sulla banca dati ONU-COMTRADE e utilizza la classificazione merceologica, SITC. Rev.3, in particolare i gruppi 05 e 22. La seconda fase dell analisi è finalizzata alla quantificazione del fenomeno dei respingimenti alla frontiera, in termini assoluti, e in termini relativi nell ambito dei flussi commerciali. Sia n i il numero di respingimenti che interessano le importazioni dal Paese i, QI i il volume delle importazioni dell UE27 dal Paese i, QRi la quantità respinta alla frontiera del Paese di destinazione (UE-27), s identificano i seguenti indicatori: 3

4 - Il numero assoluto di respingimenti ( n i ), come indicatore generale della capacità di conformità di un Paese alle esigenze, in materia di qualità e sicurezza sanitaria, dei Paesi di destinazione; - Il numero di respingimenti per unità di volume d importazione, espresso dal rapporto tra numero di respingimenti che interessano le importazioni dal Paese i e il volume delle importazioni dal Paese i ( n i QI i ). Tale indicatore è utilizzato ai fini di un analisi comparativa tra Paesi di origine e/o categorie di prodotto al fine di valutare la capacità relativa di conformità (Chemnitz, 2007; FAO, 2005; Athukorala, Jayasuriya, 2003); - La quantità respinta relativa espressa dal rapporto tra la quantità respinta alla frontiera del Paese di destinazione (UE-27) e il volume delle importazioni dal Paese i ( QRi QI i ). Tale indicatore è utilizzato al fine di quantificare il peso del fenomeno dei respingimenti sui flussi commerciali in quantità (Rios, Jaffee, 2008). L analisi dei respingimenti alla frontiera è basata sull analisi della banca dati RASFF (Rapid Alert System for Food and Feed), contenente le notificazioni di respingimento alla frontiera dei Paesi dell UE, la tipologia di rischio rilevato, il prodotto, il Paese di origine e la relativa quantità oggetto di respingimento. Al fine di costruire gli indicatori relativi, e quantificare il fenomeno dei respingimenti nell ambito dei flussi commerciali, la banca dati RASFF è incrociata con la banca dati relativa ai volumi d importazione. 3 Le barriere tecniche al commercio agroalimentare e le difficoltà di accesso al mercato: una rassegna della letteratura. Le misure tecniche sono definite come standard che governano la vendita dei prodotti nei mercati nazionali, aventi come obiettivo principale la correzione delle inefficienze di mercato, derivanti dalle esternalità associate alla produzione, distribuzione e consumo di tali prodotti (Roberts, DeKremer, 1997). In linea generale, le BT sono regolamenti e standard finalizzati a evitare le perdite di benessere sociale legate alla presenza di esternalità negative nei mercati. L imposizione di BT rappresenta il riconoscimento del fatto che i meccanismi di mercato non sono in grado di assicurare risultati socialmente desiderabili. Nell ambito delle misure tecniche, le misure sanitarie e fitosanitarie costituiscono quelle misure di riduzione del rischio finalizzate alla protezione della vita e della salute umana, degli animali o delle piante. L accordo SPS fa parte dell Atto Finale dei Negoziati Multilaterali e sul Commercio dell Uruguay Round, firmato a Marrakech il 15 aprile 1994 e si occupa di tutte le misure tecniche adottate da un Paese membro, finalizzate alla protezione della vita e della salute umana, degli animali o delle piante dai rischi derivanti da entrata, affermazione o diffusione di parassiti, malattie, organismi portatori di malattie o patogeni, additivi, contaminanti, tossine o patogeni in alimenti, bevande o mangimi, malattie trasmesse da animali, piante o prodotti derivati. L accordo TBT si occupa di tutte le regolamentazioni e gli standard esclusi dalla competenza dell accordo SPS. 4

5 L accordo definisce un regolamento tecnico, un documento che stabilisce le caratteristiche di prodotto o i relativi metodi e processi di produzione, incluse le pratiche amministrative relative, la cui osservanza è obbligatoria. Esso può anche includere o trattare esclusivamente di terminologia, simboli, confezionamento, marchi o etichettatura, applicabili a un prodotto, processo o metodo di produzione. Il fenomeno della proliferazione delle misure SPS In totale, notificazioni di misure SPS sono state presentate all OMC dal 1995 al 15 febbraio Il numero di notificazioni è passato da 198 nel 1995 a alla fine del I Paesi che hanno presentato il maggior numero di notificazioni nel periodo considerato sono gli Stati Uniti (27,7%), il Brasile (6,38%), il Canada (5,97%), l UE (5,89%) e la Nuova Zelanda (5,17%). Le misure notificate dall UE sono raddoppiate nel corso del periodo , passando da 23 a 46. Sul totale, 824 notificazioni riguardano la categoria ortaggi commestibili, radici e tuberi alimentari (8% del numero totale di notificazioni) e 992 la categoria frutti commestibili, scorze di agrumi o di meloni (9% del numero totale di notificazioni). Dal 1995 al 2008, 277 problemi commerciali specifici sono stati sollevati al Comitato SPS dell OMC, riguardanti principalmente gli obiettivi di saluti degli animali (188), innocuità dei beni alimentari (109), preservazione dei vegetali (77). Sul totale dei problemi sollevati, 51 riguardano misure intraprese dall UE. Fonte: elaborazione degli autori sulla banca dati SPS-IMS dell OMC (www.spsims.wto.org). Come illustrato da Henson e Loader (2001) che analizzano i maggiori ostacoli all esportazione di prodotti agricoli verso il mercato dell UE le misure SPS costituiscono il maggiore ostacolo, seguito dai requisiti tecnici, dalle tariffe e restrizioni quantitative. Le misure tecniche (regolazione della sicurezza alimentare, standard di qualità, requisiti di etichettatura, etc.) possono, infatti, agire come barriera al commercio tanto quanto le tariffe e le restrizioni quantitative (Laird e Yeats, 1990; Vogel, 1995); nel caso particolare delle esportazioni agricole e agroalimentari, la conformità ai requisiti tecnici è un pre-requisito per l esportazione (Horton, 1998). Barriere tariffarie e non-tariffarie costituiscono, quindi, un costo di scambio che nell ampia accezione di Anderson e Van Wincoop (2003) è definito come ogni costo sostenuto nel portare la merce all utilizzatore finale, diverso dal costo di produzione della merce in sé. Tra le altre voci, il costo di scambio include i costi di trasporto (incluso il costo del tempo), le barriere tariffarie e non-tariffarie, i costi legati all acquisizione d informazioni, i costi legali e i costi di distribuzione locale (all ingrosso e al dettaglio). In maniera simile, Behrens et al. (2006) definiscono il costo di esportazione, come il costo che include tutti gli impedimenti al commercio, quindi, non soltanto i costi di trasporto di per sé, ma anche le barriere tariffarie e non-tariffarie, i diversi standard di prodotto, oltre che la difficoltà di comunicazione, le barriere informative e le differenze culturali. In linea generale, infatti, la conformità agli standard di sicurezza sanitaria (siano obbligazioni di mezzi o di risultati) impone alle imprese costi fissi e variabili di conformità. Il processo di conformità agli standard richiede investimenti in capitale e manodopera (costi delle infrastrutture, d implementazione di procedure e test di controllo, etc.). I costi fissi influiscono sulla redditività delle imprese e i costi variabili 5

6 possono ridurre considerevolmente il volume delle esportazioni. L incremento dei costi fissi e variabili è suscettibile di limitare la capacità di accesso al mercato dei Paesi esportatori. A questo proposito, una serie di lavori si propone di illustrare gli effetti negativi di una riduzione rilevante delle esportazioni in termini di esclusione dei produttori più deboli dalle filiere di esportazione (Maertens, Swinnen, 2006). In generale, le difficoltà di accesso al mercato possono determinare perdite importanti a livello di flussi commerciali. Tuttavia, assicurata la conformità, questa può creare opportunità di scambio dovute, ad esempio, all incremento del valore aggiunto dei prodotti agricoli (Jaffee, Henson, 2004), può determinare una maggiore trasparenza ed efficacia dei mercati, un miglioramento della produttività delle filiere di esportazione e una ristrutturazione delle filiere di esportazione attraverso processi di coordinamento verticale e orizzontale. Svariati contributi considerano gli effetti positivi che le norme possono indurre, in termini sia di ristrutturazione (più) efficiente delle filiere dei paesi in via di sviluppo che di diversificazione (o specializzazione) di questi paesi in esportazioni a più elevato valore aggiunto (Banca Mondiale, 2005; Jaffee e Henson, 2004). Una parte consistente della letteratura analizza gli effetti delle misure SPS sul commercio attraverso l analisi dei respingimenti alle frontiere (Henson, Loader, 2001). I Paesi in via di sviluppo incontrano spesso il rischio ex-post che il prodotto sia respinto alla frontiera del Paese di destinazione al momento dell ispezione da parte delle autorità di controllo. In effetti, le difficoltà di accesso al mercato da parte dei Paesi in via di sviluppo non derivano esclusivamente dall esclusione dal mercato degli operatori non conformi o dalla riduzione delle esportazioni individuali per effetto dell incremento dei costi variabili della conformità. Tali difficoltà possono derivare dai respingimenti alle frontiere dei paesi di destinazione, che possono intervenire anche nei confronti di operatori inizialmente certificati e conformi alle obbligazioni sui mezzi (Buone Pratiche Agricole, HACCP, etc.). La conformità alle obbligazioni sui mezzi, pertanto, è condizione necessaria, ma non sufficiente, di accesso al mercato. Inoltre, la continua evoluzione delle misure SPS, unita alle difficoltà di accesso all informazione da parte dei Paesi in via di sviluppo, implica la difficoltà, per gli esportatori, di garantire ex-ante che il prodotto destinato all esportazione sia conforme alle esigenze del Paese di destinazione. Da questa difficoltà possono derivare tassi di respingimento elevati alla frontiera del Paese importatore. 4 Il quadro legislativo dei controlli ufficiali alle frontiere dell UE: tipologie di controllo, campionamento e analisi. Diversi fattori possono influire, nel lungo periodo, sul tasso di respingimento, in particolare, l evoluzione della regolamentazione, nei Paesi di destinazione, riguardante i tenori massimi di contaminanti e i metodi di controllo, campionamento e analisi, l evoluzione della frequenza di campionamento applicata ai controlli ufficiali e le caratteristiche ed efficacia dei sistemi di controllo in vigore nei Paesi di destinazione. 6

7 Il quadro legislativo dei controlli ufficiali alle frontiere dell Unione Europea è basato sul Reg.(CE) n. 882/2004 del Parlamento Europeo e del Consiglio, del 29 aprile 2004, che riguarda i controlli ufficiali intesi a verificare la conformità alla normativa in materia di mangimi e di alimenti e alle norme sulla salute e sul benessere degli animali. L articolo 15 del Reg.(CE) n.882/2004, stabilisce che l'autorità competente esegue controlli ufficiali regolari sui mangimi e gli alimenti di origine non animale non inclusi nel campo di applicazione della direttiva 97/78/CE 4, importati [ ], organizza detti controlli sulla base del piano di controllo nazionale pluriennale elaborato a norma degli articoli da 41 a 43 e sulla base dei rischi potenziali; i controlli coprono tutti gli aspetti della normativa in materia di mangimi e di alimenti. Tali controlli comprendono un controllo documentale sistematico, un controllo d identità per campionamento e un controllo fisico. La frequenza del controllo fisico dipende dai rischi associati ai diversi tipi di alimenti e mangimi, dalla cronistoria della conformità alle norme per il prodotto in questione del paese terzo e dello stabilimento d'origine, e degli operatori del settore dei mangimi e degli alimenti che importano ed esportano il prodotto e, infine, dai controlli effettuati dall'operatore del settore dei mangimi e degli alimenti che importa il prodotto e dalle garanzie fornite dall'autorità competente del paese terzo d'origine. Il Reg.(CE) n.669/2009 del 24 luglio 2009, recante modalità di applicazione del regolamento (CE) n. 882/2004 del Parlamento europeo e del Consiglio relativo al livello accresciuto di controlli ufficiali sulle importazioni di alcuni mangimi e alimenti di origine non animale, stabilisce i requisiti minimi per i punti di entrata designati. L articolo 11 del Reg.(CE) 882/2004 stabilisce che «i metodi di campionamento e di analisi utilizzati nel contesto dei controlli ufficiali sono conformi alle pertinenti norme comunitarie oppure : (1) se tali norme non esistono, a norme o protocolli riconosciuti internazionalmente, ad esempio quelli accettati dal Comitato europeo di normalizzazione (CEN) o quelli accettati dalla legislazione nazionale; (2) oppure in assenza, ad altri metodi utili al raggiungimento degli obiettivi o sviluppati conformemente a protocolli scientifici». Tra i regolamenti che stabiliscono i metodi di campionamento e analisi per il controllo ufficiale del tenore di contaminanti in alcuni prodotti alimentari 5, troviamo, ad esempio, il Reg.(CE) n. 1882/2006 della Commissione, del 19 dicembre 2006, che stabilisce metodi di campionamento e analisi per il controllo ufficiale del tenore di nitrati in alcuni prodotti alimentari, il Reg.(CE) n. 401/2006 della Commissione, del 23 febbraio 2006 (micotossine), il Reg.(CE) n.1883/2006 (diossine e di PCB diossina-simili), o la Direttiva 2002/63/CE della Commissione, 11 luglio 2002 (residui di antiparassitari). 4 Direttiva 97/78/CE del Consiglio del 18 dicembre 1997, che fissa i principi relativi all organizzazione dei controlli veterinari per i prodotti che provengono dai paesi terzi e che sono introdotti nella Comunità. 5 Il Reg.(CE) n.1881/2006 della Commissione, del 19 dicembre 2006, definisce i tenori massimi di alcuni contaminanti nei prodotti alimentari abrogando il Regolamento (CE) n. 466/

8 Per quanto riguarda la frequenza di campionamento, la Commissione Europea può fissare delle condizioni particolari, applicabili ad alcuni prodotti e/o Paesi, come ad esempio, la Decisione n.504/2006 e successive modificazioni che stabilisce condizioni particolari per l importazione di determinati prodotti alimentari da alcuni paesi terzi a causa del rischio di contaminazione da aflatossine di tali prodotti. Tale Decisione fissa la frequenza di campionamento per una serie di Paesi/prodotti 6. 5 Standard di sicurezza sanitaria e accesso dei Paesi del Mediterraneo al mercato Europeo: un analisi empirica 5.1 Le importazioni dell UE-27 dai Paesi terzi del Mediterraneo. Nel periodo oggetto di studio, le importazioni totali dell UE27 dalla Regione considerata (Egitto, Israele, Marocco, Siria, Turchia) ammontano a 22 milioni di tonnellate. La quantità totale importata dall UE27 rappresenta il 48% delle esportazioni totali dei cinque paesi verso tutte le destinazioni; il peso dell UE27 sulle esportazioni totali è superiore all 80% per Marocco e Israele, pari al 46% per la Turchia, 38% per l Egitto e soltanto il 3% per la Siria. Il primo Paese di origine, per quantità importata, è la Turchia (42%), seguita da Marocco (25%), Israele (18%), Egitto (14%) e Siria (1%). Il volume importato dai Paesi oggetto di studio è aumentato da 3 a 4 milioni dal 2003 al 2008 (tasso medio annuo di variazione pari a +3,84%). Sull insieme dei Paesi considerati, le importazioni di ortaggi rappresentano il 51% delle importazioni, seguite dalle importazioni di frutta (47%), semi e frutti oleaginosi (1%). Tra gli ortaggi, le categorie principali sono Altri legumi, freschi o refrigerati (28%), Patate fresche o refrigerate (26%), Pomodori, freschi o secchi (18%), Altre preparazioni/conserve di ortaggi/legumi (16%). Le categorie principali di frutta sono Arance, mandarini, clementine, freschi o secchi (27%), Altra frutta fresca o secca (17%), Uve fresche o secche (15%), Altri agrumi, freschi o secchi (12%), Altra frutta e altre parti commestibili di piante, altrimenti preparate o conservate (9%), Frutta in guscio (5%). All interno della famiglia dei semi e frutti oleosi, le importazioni riguardano principalmente Arachidi (39%), Semi di lino (38%), Altri semi e frutti oleosi (12%), Semi di sesamo (4%). In generale, le importazioni di frutta e ortaggi presentano un tasso medio annuo di variazione positivo, nel periodo considerato ( ), mentre le importazioni di semi e frutti oleosi presentano un andamento tendenzialmente costante. L incidenza delle importazioni di prodotti primari (pari al 76% sul totale del periodo considerato) presenta un tasso medio annuo di variazione positivo (+1%), mentre l incidenza delle importazioni di prodotto trasformato è tendenzialmente in diminuzione nel periodo considerato (-3%). Del totale delle importazioni dell UE27 dall Egitto, il 41% è costituito dalla categoria Patate 6 In particolare Brasile (noci del Brasile in guscio e miscugli di frutta secca o di frutta a guscio), Cina (arachidi, arachidi tostate), Egitto (arachidi, arachidi tostate), Iran (pistacchi, pistacchi tostati), Turchia (fichi secchi, nocciole, pistacchi, miscugli di frutta secca o di frutta a guscio, pasta di fichi e pasta di nocciole, nocciole, fichi e pistacchi, preparati/conservati, farina e polvere di nocciole, fichi e pistacchi, nocciole tritate, affettate e spezzate). 8

9 fresche o refrigerate, seguita da Arance, mandarini, clementine, freschi o secchi. Il 33% delle importazioni da Israele è rappresentato dalla categoria Patate fresche o refrigerate, seguita da Altri legumi, freschi o refrigerati. Del totale delle importazioni dell UE27 dal Marocco, il 25% è costituito dalla categoria Pomodori, freschi o secchi, seguita da Arance, mandarini, clementine, freschi o secchi. Del totale delle importazioni dell UE27 dalla Siria, il 49% è costituito dalla categoria Pomodori, freschi o secchi, seguita da Legumi da granella, secchi, sgranati, decorticati o spezzati. Il 14% delle importazioni dalla Turchia è costituito dalla categoria Uve fresche o secche, seguita da Altre preparazioni/conserve di ortaggi/legumi. Tabella 1 Importazione dell UE27 per Paese di origine e categoria di prodotto ( ). Paese di Peso relativo Categoria origine categoria (1) TMAV (2) Egitto Patate fresche o refrigerate (054.1) 41,47% 0,0336 Arance, mandarini, clementine, freschi o secchi (057.1) 18,19% 0,1863 Altri legumi, freschi o refrigerati (a) (054.5) 16,72% 0,0278 Uve fresche o secche (057.5) 5,11% 0,2647 Ortaggi o legumi essiccati (056.1) 2,94% 0,0610 Totale Egitto 100,00% 0,0849 Israele Patate fresche o refrigerate (054.1) 33,35% 0,1158 Altri legumi, freschi o refrigerati (054.5) 12,81% 0,1682 Altra frutta fresca o secca (b) (057.9) 12,19% 0,0136 Altri agrumi, freschi o secchi (c) (057.2) 8,81% 0,0489 Succo di pompelmo (059.2) 7,67% 0,0576 Totale Israele 100,00% 0,0726 Marocco Pomodori, freschi o secchi (054.4) 24,55% 0,0849 Arance, mandarini, clementine, freschi o secchi (057.1) 24,19% - 0,0411 Altri legumi, freschi o refrigerati (054.5) 20,96% 0,1162 Altra frutta fresca o secca (057.9) 7,47% 0,1187 Altre preparazioni/conserve di ortaggi/legumi (d) (056.7) 7,07% 0,0429 Totale Marocco 100,00% 0,0467 Siria Pomodori, freschi o secchi (054.4) 49,18% - 0,1666 Legumi da granella, secchi, sgranati, decorticati o spezzati (054.2) 10,12% - 0,3166 Altre preparazioni/conserve di ortaggi/legumi (056.7) 8,12% 0,0129 Altri legumi, freschi o refrigerati (054.5) 8,07% - 0,0196 Ortaggi o legumi essiccati (056.1) 4,86% - 0,2184 Totale Siria 100,00% -0,0463 Turchia Uve fresche o secche (057.5) 14,24% 0,0008 Altre preparazioni/conserve di ortaggi/legumi (056.7) 13,83% - 0,0122 Altri legumi, freschi o refrigerati (054.5) 10,11% 0,0358 Altri agrumi, freschi o secchi (057.2) 9,53% 0,0860 Altra frutta fresca o secca (057.9) 7,92% 0,0361 Totale Turchia 100,00% 0,0080 Totale 0,0384 Fonte: elaborazione degli autori su dati ONU-COMTRADE ( ). (1) Peso delle Importazioni della categoria di prodotto sulle Importazioni totali dal Paese di origine (primi cinque prodotti ); (2) Tasso medio annuo di variazione delle Importazioni della categoria di prodotto ( ); (a) Cipolle, lattuga, carote, cavoli, funghi, etc., (b) Meloni, pere, albicocche, datteri, etc., (c) Limoni, pompelmi, etc., (d) Ortaggi o legumi, preparati in aceto o acido acetico, pomodori/funghi/patate/mais dolce preparati non in aceto o acido acetico. 5.2 L analisi del fenomeno dei respingimenti La capacità generale di conformità dei Paesi di origine: il numero assoluto di respingimenti. Nel periodo considerato ( ), respingimenti alla frontiera dell UE27 interessano, nel complesso, i Paesi oggetto di studio, di cui la maggior parte riguarda la 9

10 Turchia (84%), seguita dall Egitto (11,5%), Israele (1,9%), Siria (1,8%) e Marocco (0,9%). Il numero assoluto di respingimenti per la Regione considerata, passa da 170 nel 2003 a 252 nel I Paesi che fanno registrare il maggiore incremento del numero di respingimenti sono Siria e Israele. Se analizziamo il numero di respingimenti per categoria di prodotto, all interno della categoria dei prodotti ortofrutticoli, nel periodo considerato, 971 respingimenti riguardano la categoria frutta e ortaggi e 152 la categoria semi e frutti oleosi. Il 90% del numero totale di respingimenti riguarda i prodotti primari. La Tabella 3 illustra, per singolo Paese, le prime tre categorie di prodotto per numero totale di respingimenti nel periodo considerato e le prime tre tipologie di rischio sanitario rilevate. Nel caso di Egitto e Israele, il numero più alto di respingimenti riguarda la categoria arachidi, mentre nel caso di Marocco, Siria e Turchia, frutta in guscio. Per quanto riguarda, invece, la tipologia di rischio, la principale fonte di rischio è costituita dalle micotossine (80%), seguita da additivi (11%), residui di pesticidi (3%). Tabella 2 Principali categorie di prodotto e tipologie di rischio per Paese di origine: numero totale di respingimenti ( ). Paese di Prime tre categorie di prodotto in termini di numero origine assoluto di respingimenti Egitto 1. Arachidi (87,60%) 2. Altri legumi, freschi o refrigerati (87,60%) 3. Arance, mandarini, clementine, freschi o secchi /altra frutta fresca o secca (2,33%) Israele 1. Arachidi (80,95%) 2. Altri legumi, freschi o refrigerati/ frutta in guscio (9,52%) Marocco 1. Frutta in guscio (87,60%) 2. Altri legumi, freschi o refrigerati / ortaggi o legumi temporaneamente conservati (20%) 3. Ortaggi o legumi essiccati / altre preparazioni/conserve di ortaggi/legumi (10%) Siria 1. Frutta in guscio (60%) 2. Altre preparazioni/conserve di ortaggi/legumi (15%) 3. Confetture, gelatine, marmellate, puree e paste di frutta (10%) Turchia 1. Frutta in guscio (46,34%) 2. Fichi freschi o secchi (30,22%) 3. Altra frutta fresca o secca (6,89%) Fonte: elaborazione degli autori su dati RASFF ( ). Prime tre tipologie di rischio sanitario 1. Micotossine (86,82%) 2. Residui di pesticidi (6,20%) 3. Irregolarità documentali (2,33%) 1. Micotossine (90,48%) 2. Residui di pesticidi (9,52%) 1. Micotossine (40%) 2. Residui di pesticidi (30%) 3. Biotossine, metalli pesanti (10%). 1. Micotossine (60%) 2. Additivi (25%) 3. Organismi patogeni (10%) 1. Micotossine (80,28%) 2. Additivi (12,41%) 3. Residui di pesticidi (1,91%) La frequenza dei respingimenti: numero di respingimenti per unità di volume d importazione. L analisi del numero di respingimenti per unità di volume importato (n/.000 t) consente un analisi comparativa tra Paesi e/o categorie di prodotto e permette di quantificare la capacità relativa di conformità di un dato Paese alle esigenze dei Paesi di destinazione, con riferimento all insieme dei prodotti oggetto d importazione o a una data categoria di prodotto. Sull insieme dei Paesi di origine e categorie di prodotto considerate, si rilevano 0,0493 respingimenti ogni mille tonnellate di prodotto importato dall UE27. Il tasso di respingimento più elevato riguarda la Siria (0,1244/.000 t), seguita dalla Turchia (0,0975/.000 t), Egitto (0,0411/.000 t), Israele (0,0052/.000 t), Marocco 10

11 (0,0017/.000 t). Sull insieme dei Paesi di origine considerati, la categoria dei semi e frutti oleosi presenta 0,5402 respingimenti ogni mille tonnellate di volume d importazione, seguita frutta e ortaggi (0,0432/.000 t). Le categorie di prodotto più sensibili sono le farine di semi e frutti oleaginosi (5,5606/.000 t), le arachidi (1,2528/.000 t), confetture, marmellate, ecc. (0,5012/.000 t), farina, semolino, polveri, fiocchi, granuli di patate, di frutta e ortaggi, (0,3083/.000 t), i semi di sesamo (0,2820/.000 t), seguite da uve fresche o secche (0,2817/.000 t), fichi freschi o secchi (0,2748/.000 t), legumi da granella, secchi, sgranati, anche decorticati o spezzati (0,1122/.000 t), ortaggi o legumi essiccati (0,0508/.000 t), prodotti vegetali, radici e tuberi, freschi o secchi (0,0450/.000 t). L analisi del tasso di respingimento per stadio di trasformazione rivela la maggiore sensibilità al fenomeno dei respingimenti per i prodotti primari (0,0581/.000 t), rispetto ai prodotti trasformati (0,0213/.000 t). La Tabella 4 illustra il tasso di respingimento per Paese di origine e categoria di prodotto. Le categorie di prodotto che presentano il maggiore tasso di respingimento sono, nel caso dell Egitto, frutta in guscio (3,4241/.000 t), arachidi (1,7608/.000 t), semi di sesamo (0,2654/.000 t), nel caso di Israele, frutta in guscio (5,3057/.000 t), arachidi (0,3871/.000 t) e altri legumi, freschi o refrigerati (0,0039/.000 t). Nel caso del Marocco, ortaggi o legumi essiccati (1,0638/.000 t), frutta in guscio (0,3339/.000 t), ortaggi o legumi temporaneamente conservati (0,0365/.000 t), della Siria, confetture, gelatine, marmellate, puree e paste di frutta (4,4983/.000 t), ortaggi o legumi congelati (3,4400/.000 t) e frutta in guscio (2,8937/.000 t) e, infine, per la Turchia, farine o semi di frutti oleosi (14,0244/.000 t), arachidi (13,7408/.000 t) e fichi freschi o secchi (1,1621/.000 t). Il tasso di respingimento annuale può raggiungere livelli relativamente elevati, come nel caso della frutta in guscio proveniente dalla Siria (63,6186/.000 t), dall Egitto (21,3230/.000 t), o da Israele (12,3668/.000 t) o nel caso delle farine di semi o frutti oleosi (73,1707/.000 t) o delle arachidi (77,2201/.000 t) provenienti dalla Turchia. Tabella 3 Numero di respingimenti per unità di volume importato ( ). Paese di origine Categoria n/.000 t (1). Max n/.000 t (2). Egitto Frutta in guscio (057.7) 3, ,3220 Arachidi (222.1) 1,7608 3,3865 Semi di sesamo (222.5) 0,2654 1,7033 Totale Egitto 0,0411 0,0804 Israele Frutta in guscio (057.7) 5, ,3868 Arachidi (222.1) 0,3871 1,1557 Altri legumi, freschi o refrigerati (a) (054.5) 0,0039 0,0176 Totale Israele 0,0052 0,0113 Marocco Ortaggi o legumi essiccati (056.1) 1,0638 8,9981 Frutta in guscio (057.7) 0,3339 1,3931 Ortaggi o legumi temporaneamente conservati (054.7) 0,0365 0,1098 Totale Marocco 0,0017 0,0032 Siria Confetture, gelatine, marmellate, puree e paste di frutta (058.1) 4, ,5281 Ortaggi o legumi congelati (056.6) 3, ,3852 Frutta in guscio (057.7) 2, ,6186 Totale Siria 0,1244 0,

12 Turchia Farine di semi o frutti oleosi (223.9) 14, ,1707 Arachidi (222.1) 13, ,2201 Fichi freschi o secchi (057.6) 1,1621 2,7733 Totale Turchia 0,0975 0,1367 Totale 0,0493 0,0637 Fonte: elaborazione degli autori su dati RASFF e ONU-COMTRADE ( ). (1) Prime tre categorie di prodotto, ordinate in base al numero di respingimenti per unità di volume importato ( ), (2) Massimo numero di respingimenti per unità di volume importato dal 2003 al La Figura 1 mette in relazione il tasso di respingimento per Paese e categoria di prodotto (Tabella 4) con il peso relativo della categoria di prodotto sulle importazioni totali dell UE27 dal Paese considerato (Tabella 1). Figura 1 Peso relativo delle categorie di prodotto e numero di respingimenti per unità di volume importato ( ). Numero di respingimenti per unità di volume (n/.000t) Numero di respingimenti per unità di volume (n/.000t) 3,50 3,00 2,50 2,00 1,50 1,00 0,50 0,00 Frutta in guscio Arachidi Semi di sesamo Egitto Altri legumi, freschi o Arance, refrigerati mandarini, etc. Patate fresche o refrigerate 0% 10% 20% 30% 40% Peso relativo categoria di prodotto (%) Marocco Ortaggi/legumi 1,00 essiccati 0,80 0,60 0,40 0,20 0,00 Frutta in guscio Ortaggi/legumi temp.conservati Pomodori, freschi o secchi Arance, Altri legumi, mandarini, freschi o clementine, refrigerati freschi o secchi Numero di respingimenti per unità di volume (n/.000t) Numero di respingimenti per unità di volume (n/.000t) 0% 5% 10% 15% 20% 25% Peso relativo categoria di prodotto (%) Turchia Farine di semi 14,00 o frutti oleosi Arachidi Numero di respingimenti per unità di volume (n/.000t) 12,00 10,00 8,00 6,00 4,00 2,00 0,00 Fichi freschi o secchi 5,00 4,00 3,00 2,00 1,00 Arachidi 0,00 Frutta in guscio Israele Altra frutta Altri legumi, fresca o secca freschi o refrigerati Patate fresche o refrigerate 0% 5% 10% 15% 20% 25% 30% 35% Peso relativo categoria di prodotto (%) Siria 5,00 Confetture, 4,50 gelatine, etc. 4,00 Ortaggi/legumi 3,50 congelati 3,00 Frutta in guscio 2,50 2,00 1,50 1,00 0,50 0,00 Altre preparazioni/con serve di ortaggi/legumi Legumi da granella, secchi, sgranati, decorticati o spezzati Pomodori, freschi o secchi 0% 10% 20% 30% 40% 50% Peso relativo categoria di prodotto (%) Altre preparazioni/con serve di ortaggi/legumi Altre preparazioni/con serve di ortaggi/legumi Uve fresche o secche 0% 2% 4% 6% 8% 10% 12% 14% Peso relativo categoria di prodotto (%) Fonte: elaborazione degli autori su dati RASFF e ONU-COMTRADE ( ). In linea generale, il tasso di respingimento relativamente più elevato (rispetto al dato aggregato a livello di Paese) riguarda i prodotti che presentano un peso relativamente basso sulle importazioni totali dell UE27 da un dato Paese. Al contrario, i prodotti più strategici, i.e. che pesano relativamente molto sulle importazioni totali dell UE dal Paese, il tasso di respingimento è relativamente inferiore o nullo. Ad esempio, nel caso 12

13 dell Egitto, la più alta frequenza di respingimento si registra per le categorie frutta in guscio, arachidi e semi di sesamo, che costituiscono percentuali relativamente molto basse sulle importazioni ortofrutticole dell UE27 dall Egitto (0,02% per la frutta in guscio 0,12% per i semi di sesamo e 2,04% per le arachidi). Per i prodotti strategici, la frequenza di respingimento è nulla (come nel caso delle patate fresche o refrigerate) o relativamente molto bassa (nel caso di arance, mandarini, clementine, etc. o della categoria altri legumi, freschi o refrigerati ). Allo stesso modo, nel caso di Israele, le categorie che presentano il tasso di respingimento relativamente più alto sono quelle che pesano in misura relativamente inferiore sulle importazioni dell UE27 dal Paese, in particolare la frutta in guscio (0,01%) e le arachidi (1,09%). All inverso, la frequenza di respingimento è nulla, nel caso delle patate fresche o refrigerate e altra frutta fresca o secca o relativamente bassa, nel caso di altri legumi freschi o refrigerati. Nel caso del Marocco, la frequenza di respingimento relativamente più alta si registra per ortaggi o legumi essiccati, che rappresentano lo 0,02% delle importazioni dell UE27 dal Marocco, frutta in guscio, che rappresenta lo 0,21%, e ortaggi o legumi temporaneamente conservati, che rappresentano lo 0,95%. I prodotti strategici, invece, presentano una frequenza di respingimento nulla (pomodori freschi o secchi, arance, mandarini, clementine, ecc., altra frutta fresca o secca) o relativamente bassa (altri legumi freschi o refrigerati, altre preparazioni o conserve di ortaggi o legumi). Tra le categorie di prodotto importate dalla Siria, presentano la più alta frequenza di respingimento le categorie confetture, marmellate, puree e paste di frutta, che rappresentano lo 0,28% delle importazioni totali dalla Siria, ortaggi o legumi congelati (0,18%), e frutta in guscio (2,58%). Presentano, invece, un tasso di respingimento nullo i pomodori freschi o secchi, che costituiscono il 49,18% delle importazioni dalla Siria, i legumi da granella, altri legumi freschi o refrigerati e ortaggi o legumi essiccati. Infine, la Turchia presenta la più alta frequenza di respingimento nelle categorie farine di semi o frutti oleosi (0,01% delle importazioni dalla Turchia), arachidi (0,005%) e fichi freschi o secchi (2,54%), mentre le categorie di prodotto strategiche, in particolare uve fresche o secche, altre preparazioni/conserve di ortaggi o legumi, altri legumi freschi o refrigerati, presentano una frequenza di respingimento relativamente bassa Il peso dei respingimenti nell ambito dei flussi commerciali: la quantità respinta relativa. L analisi della quantità respinta relativa consente di analizzare il peso relativo del fenomeno dei respingimenti rispetto all entità dei flussi commerciali, e un analisi comparativa tra Paesi e/o categorie di prodotto in termini di peso del fenomeno. Sull insieme dei Paesi di origine e categorie di prodotto considerate, si rileva una quantità respinta relativa pari allo 0,05%. Come evidenziato in Figura 2, la quantità respinta relativa subisce un forte incremento nell arco del periodo oggetto di studio 13

14 ( ), con un tasso medio annuo di variazione di +0,3562. Il forte incremento della quantità respinta relativa è dovuto all aumento della quantità respinta, più che proporzionale rispetto all incremento delle importazioni dell UE-27 dalla Regione. La quantità respinta relativa, in particolare aumenta nel caso di Egitto, Turchia e Israele. Figura 2 Evoluzione della quantità respinta relativa: totale ortofrutta ( ). Quantità respinta (t) Quantità respinta e quantità importata (t) Quantità respinta Quantità Importata Importazione in volume dell'ue-27 dalla Regione (t) 0,0900% 0,0800% 0,0700% 0,0600% 0,0500% 0,0400% 0,0300% 0,0200% 0,0100% 0,0000% Quantità respinta relativa (%) Fonte: elaborazione degli autori su dati RASFF e ONU-COMTRADE ( ). Dal confronto tra Paesi di origine, la quantità respinta relativa più elevata riguarda la Turchia (0,1049%), la Siria (0,1016%), l Egitto (0,0461%), Israele (0,0060%), Marocco (0,0018%). Sull insieme dei Paesi di origine considerati, la categoria dei semi e frutti oleosi presenta una quantità respinta relativa pari a 0,5867%, seguita da frutta e ortaggi (0,0464%). Le categorie di prodotto più sensibili sono le farine di semi e frutti oleaginosi (6,7238%), le arachidi (1,3509%), fichi freschi o secchi (1,2963%), frutta in guscio (0,9332%), confetture, marmellate, ecc. (0,5593%), farina, semolino, polveri, fiocchi, granuli di patate, di frutta e ortaggi, (0,3745%), semi di sesamo (0,3289%), legumi da granella, secchi, sgranati, anche decorticati o spezzati (0,1256%), prodotti vegetali, radici e tuberi, freschi o secchi (0,0562%), uve fresche o secche (0,0233%). L analisi della quantità respinta relativa per stadio di trasformazione conferma la maggiore sensibilità al fenomeno dei respingimenti per i prodotti primari (0,0645%), rispetto ai prodotti trasformati (0,0168%). La Tabella 5 illustra la quantità respinta relativa per Paese di origine e categoria di prodotto. La più alta quantità respinta relativa si riscontra, per l Egitto, nel caso di arachidi (1,9638%), frutta in guscio (1,7170%) e semi di sesamo (1,7170%), per Israele, arachidi (0,4620%), frutta in guscio (0,1942%) e altri legumi, freschi o refrigerati (0,0076%). Nel caso del Marocco, per frutta in guscio (0,3841%), ortaggi o legumi temporaneamente conservati (0,0276%) e altri legumi freschi o refrigerati (0,0028%), Siria, frutta in guscio (3,8379%), ortaggi o legumi temporaneamente conservati (0,0249%) e prodotti vegetali, radici e tuberi, freschi o secchi (0,0224%). Infine, per la Turchia, farine di semi o frutti oleosi (16,9580%), fichi freschi o secchi (1,3079%) e frutta in guscio (0,9229%). L analisi della variabilità interannuale rivela che la quantità respinta relativa può raggiungere livelli relativamente elevati nel corso del periodo considerato, come, ad esempio, nel caso della frutta in guscio proveniente dalla Siria (100%), dall Egitto 14

15 (21,3220%), o nel caso delle farine di semi o frutti oleosi (91,3927%) provenienti dalla Turchia. Come illustrato nella sezione 4, per alcuni prodotti, occorre tenere conto delle Decisioni specifiche della Commissione, che stabiliscono condizioni particolari per l importazione, fissando la frequenza di campionamento per i controlli ufficiali (come nel caso di Egitto e Turchia). Tabella 4 Quantità respinta relativa ( ). Paese di origine Categoria Quantità respinta relativa (1) Max quantità respinta relativa (2) Egitto Arachidi (222.1) 1,9638% 4,0105% Frutta in guscio (057.7) 1,7170% 21,3220% Semi di sesamo (222.5) 0,4512% 2,8956% Totale Egitto 0,0461% 0,0745% Israele Arachidi (222.1) 0,4620% 1,5992% Frutta in guscio (057.7) 0,1942% 0,4905% Altri legumi, freschi o refrigerati (a) (054.5) 0,0076% 0,0347% Totale Israele 0,0060% 0,0157% Marocco Frutta in guscio (057.7) 0,3841% 1,3941% Ortaggi o legumi temporaneamente conservati (054.7) 0,0276% 0,1641% Altri legumi, freschi o refrigerati (054.5) 0,0028% 0,0133% Totale Marocco 0,0018% 0,0044% Siria Frutta in guscio (057.7) 3,8379% 100,0000% Ortaggi o legumi temporaneamente conservati (054.7) 0,0249% 0,2248% Prodotti vegetali, radici e tuberi, freschi o secchi (054.8) 0,0224% 0,0931% Totale Siria 0,1016% 0,2968% Turchia Farine di semi o frutti oleosi (223.9) 16,9580% 91,3927% Fichi freschi o secchi (057.6) 1,3079% 2,6885% Frutta in guscio (057.7) 0,9229% 1,7995% Totale Turchia 0,1049% 0,1483% Totale 0,0531% 0,0701% Fonte: elaborazione degli autori su dati RASFF e ONU-COMTRADE ( ). (1) Prime tre categorie di prodotto, ordinate in base alla quantità respinta relativa ( ), (2) Massima quantità respinta relativa dal 2003 al Conclusione In linea generale, la frequenza di respingimento e la quantità respinta relativa presentano una variabilità prodotto/paese che giustifica l analisi dei respingimenti nell ambito dei flussi commerciali, ai fini della comparazione tra categorie di prodotto e Paesi. Turchia e Siria presentano una frequenza di respingimento e una quantità respinta relativa entrambe superiori al dato aggregato dei cinque Paesi. La famiglia di prodotti ortofrutticoli più sensibile al fenomeno dei respingimenti è costituita da semi e frutti oleosi, seguita da frutta e ortaggi. Un maggiore dettaglio all interno delle categorie di prodotti rivela che le categorie di prodotto più sensibili sono le farine di semi e frutti oleaginosi, le arachidi, i fichi freschi o secchi, le confetture, marmellate, ecc., i semi di sesamo e i legumi da granella, secchi, sgranati, anche decorticati o spezzati. Sull insieme dei Paesi di origine e delle categorie di prodotto oggetto di studio, la maggiore frequenza di respingimento e quantità respinta relativa riguardano i prodotti primari, che appaiono più sensibili rispetto ai prodotti trasformati. L analisi incrociata Paese prodotto, rileva una correlazione negativa tra il peso di una data categoria di prodotto sulle importazioni dell UE27 da un dato Paese di origine e la frequenza di 15

16 respingimento. In particolare, i prodotti strategici nelle relazioni commerciali con l UE27, quindi, quelli che pesano maggiormente sulle importazioni totali in termini di volume, sono meno sensibili al fenomeno dei respingimenti. Ciò può essere interpretato, in primo luogo, come conseguenza dell anticipazione dell effetto perdita di reputazione da parte del Paese esportatore, che, quindi, investe nelle procedure di conformità alle esigenze del Paese di destinazione (infrastrutture, tecnologia, competenze, procedure e test di controllo). In secondo luogo, come una conseguenza della continuità del rapporto commerciale, su un dato prodotto, e, quindi, della fiducia nei confronti del Paese esportatore e della reputazione di quest ultimo in termini di capacità SPS, che può determinare, quindi, una frequenza di controllo inferiore alla frontiera. Si osserva, inoltre, una tendenza all incremento della quantità respinta relativa (tasso medio annuo di variazione + 35%). Tale tendenza è spiegata da un incremento della quantità importata dall UE27 da questi Paesi di origine (Figura 2), meno che proporzionale rispetto all incremento della quantità respinta. Questo risultato permette di porre l accento su due meccanismi che influiscono sulla quantità respinta relativa. Da un lato, la quantità respinta relativa è influenzata dai volumi totali in entrata maggiore è la quantità in entrata alla frontiera e maggiore è il rischio di respingimento. Dall altro, per una data quantità di merce in entrata, la quantità respinta relativa dipende dal livello di conformità della merce alle obbligazioni di risultati vigenti nel Paese di destinazione (misure SPS, limiti massimi di contaminanti, etc.) che, a sua volta, dipende, sia dalle condizioni del sistema Paese di origine (infrastrutture, competenze, ecc.) che dall evoluzione delle esigenze nel Paese di destinazione. Infine, il quadro legislativo relativo ai controlli ufficiali alla frontiera dell UE influisce sul tasso di respingimento e sul peso dei respingimenti sui flussi commerciali, attraverso la fissazione dei tenori massimi dei contaminanti, delle tipologie di controllo e della frequenza di campionamento. Il quadro legislativo e l efficacia dei sistemi di controllo in continua evoluzione sono, pertanto, suscettibili di influire sul tasso di respingimento potenziale nel lungo periodo, al pari dell evoluzione delle misure SPS e, in generale, delle esigenze in materia di qualità e sicurezza alimentari, dei Paesi di destinazione. Il fenomeno dei respingimenti è un indicatore macroeconomico della capacità di un paese di conformarsi alle norme internazionali. La capacità di accesso al mercato, da parte di un Paese, dipende in particolare dalla natura dei prodotti destinati all esportazione, dalla capacità di assicurare la sicurezza sanitaria, di controllare i rischi derivanti dai contaminanti, dalla capacità di adattamento delle istituzioni pubbliche. Il fenomeno dei respingimenti è, inoltre, decisivo nella reputazione globale dei prodotti di un paese a livello internazionale. Da un lato, i respingimenti influiscono direttamente sulle performance delle filiere attraverso le conseguenti perdite, in termini di volume e di valore, che hanno un impatto diretto sul reddito degli attori. I costi derivanti dai 16

17 respingimenti possono, inoltre, essere elevati per un esportatore, anche se non lo sono a livello di un paese. Tali costi possono essere considerevoli in termini di perdita di valore del prodotto, e di perdita netta in termini di costo di trasporto e di altri costi di esportazione, riesportazione o distruzione. Un incremento dei respingimenti è fonte di un utilizzazione sub-ottimale del potenziale di esportazione. Dall altro, i respingimenti influiscono negativamente sulle esportazioni, in ragione della perdita di fiducia che possono generare nei confronti di potenziali clienti e dell esclusione, a lungo termine, dalla lista degli importatori più importanti. In particolare il costo di accesso al mercato derivante dalle norme non-tariffarie, dalle eterogeneità dei sistemi di qualità tra Paesi influiscono in fine sugli esiti del processo di liberalizzazione degli scambi. L analisi dei respingimenti nell ambito dei flussi commerciali ha evidenziato, nel caso di tutti i Paesi oggetto di studio, una buona capacità di accesso al mercato per i prodotti più rilevanti nelle relazioni commerciali con l UE. Questo si spiega, in parte, con l implementazione di sistemi di certificazione di qualità che comporta investimenti specifici in infrastrutture, competenze, procedure di controllo e test, ecc. L implementazione di sistemi di qualità e sicurezza alimentare è condizione necessaria, anche se non sufficiente, per accedere al mercato internazionale. Influisce, in particolare, sulla capacità di accesso al mercato, l organizzazione di filiera, in particolare, le caratteristiche dell offerta a monte, in termini di livello di qualità delle pratiche di produzione (o capacità iniziale di conformità), la natura delle relazioni verticali tra produttori e operatori a valle (esportatori e importatori), che influisce, in particolare, sul prezzo intermedio, sulla ripartizione dei costi di conformità e del rischio di respingimento (costi di distruzione o rispedizione della merce respinta); inoltre, influisce sulla capacità di accesso al mercato, l eterogeneità dei paesi importatori, in termini di esigenze sanitarie e di qualità sul prodotto finale (tenori massimi di contaminanti) e di grado di efficacia dei sistemi di controllo alle frontiere. Data l importanza del settore agricolo nell economia dei paesi terzi del Mediterraneo e il peso strategico delle relative esportazioni agricole verso l UE, la condivisione e l omogeneità dei sistemi di qualità costituiscono uno degli elementi chiave per facilitare i rapporti commerciali nella prospettiva della liberalizzazione degli scambi. Bibliografia Ababouch, L., Gandini,, G., Ryder, J. (2005), Causes of detentions and rejections in international fish trade, FAO Fisheries Technical Paper 473. Aloui, O., Kenny, L. (2005), «The Cost of Compliance with SPS Standards for Moroccan Exports: A Case Study», Agriculture and Rural Development Discussion Paper, The World Bank. Anderson, J., Van Wincoop, E. (2003), Trade Costs, NBER, 95 pp. Athukorala, P-C., Jayasuriya, S. (2003), Food Safety Issues, Trade and WTO Rules: A Developing Country Perspective, The World Economy, vol. 26, Issue 9, pp Behrens, K., Gaigné, C., Ottaviano G., Thiesse, J-F. (2006), Countries, regions and trade: On the welfare impacts of economic integration, European Economic Review, doi: /j.euroecorev

18 Chemnitz, C. (2007) The compliance process of food quality standards on primary producer level: a case study of the EurepGap standard in the Moroccan Tomato sector Humboldt Universität zu Berlin Working Paper n.81/2007. Chemnitz, C., Grethe, H., Kleinwechter, U. (2007) Quality Standards for Food products, a particular burden for small producers in developing countries? Humboldt Universität zu Berlin Working Paper n.83/2007. Chemnitz, C., Künkel, N. (2007), Standards, a catalyst for the winners - a barrier for the losers? An empirical analysis of the impact of higher SPS measures on the trade performance of developing countries Emlinger, C., Jacquet, F., Chevassus Lozza, E. (2008), «Tariffs and other trade costs: assessing obstacles to Mediterranean countries access to EU-15 fruit and vegetable markets», European Review of Agricultural Economics Vol 35 (4), pp Henson, S., Loader, R. (2000) Barriers to agricultural exports from developing countries: the role of sanitary and Phytosanitary requirements, World Development, vo. 29(1), pp Horton, L. R., (1998), Food from Developing Countries: steps to improve compliance, Food and Drug Law Journal, 53(1), Jaffee S. and S. Henson (2004) Standards and Agro-Food Exports from Developing Countries: Rebalancing the Debate, World Bank Policy Research Paper No World Bank. Jaffee S. and S. Henson (2004), «Standards and Agro-Food Exports from Developing Countries: Rebalancing the Debate», World Bank Policy Research Paper No. 3348, World Bank. ISMEA-IAMB (2005), Sistemi di qualità, rapporti commerciali e cooperazione Euromediterranea, Roma. Laird, S, Yeats, A, (1990), Trends in non-tariff barriers of developed countries , International Economics Department, World Bank, Policy Research Working Paper, WPS 137. Maertens, M., Swinnen, J. (2006), «Trade, Standards, and Poverty: Evidence from Senegal» LICOS Centre for Transition Economics Discussion Papers 177/2006. Michalek, J. (2005), «Comparative analysis of importance of technical barriers to trade (TBT) for Central and Eastern European Countries and Mediterranean Partner Countries exports to the EU», FEMISE Research no. FEM Otsuki, T., Wilson, J. S., Sewadeh, M. (2001) «Saving Two in a Billion: Quantifying the Trade Effect of European Food Safety Standards on African Exports», Food Policy, 26(5), Rios, L. B. D., Jaffee, S. (2008), «Barrier, Catalyst, or Distraction? Standards, Competitiveness, and Africa s Groundnut Exports to Europe», Agriculture and Rural Development Discussion Paper 39, The World Bank. Roberts, F., DeKremer, K., Technical barriers to US agricultural exports, Economic Research Service, USDA, Washington DC, Swinnen, J., Vercammen, J., Rozelle, S. (2008), «Standards and Development», LICOS Discussion Paper Series, Discussion Paper 199/2008. Vogel, D. (1995), Trading up: consumer and environmental regulation in a global economy. Cambridge, MA: Harvard University Press. World Bank (2005), «Food Safety and Agricultural Health Standards: Challenges and Opportunities for Developing Country Exports», Poverty Reduction and Economic Management Trade Unit and Agricultural and Rural Development Department, Report No 31207, Washington D.C.: The World Bank. 18

REGOLAMENTO DI ESECUZIONE (UE) N. 924/2013 DELLA COMMISSIONE

REGOLAMENTO DI ESECUZIONE (UE) N. 924/2013 DELLA COMMISSIONE L 254/6 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 26.9.2013 REGOLAMENTO DI ESECUZIONE (UE) N. 924/2013 DELLA COMMISSIONE del 25 settembre 2013 recante apertura e modalità di gestione di contingenti tariffari

Dettagli

ESPORTAZIONI 2014/4 ESPORTAZIONI 2013

ESPORTAZIONI 2014/4 ESPORTAZIONI 2013 ITALIANE DI PRODOTTI AGROALIMENTARI IN RUSSIA RELATIVE AI CODICI DOGANALI INSERITI NELLE SANZIONI APPROVATE DAL GOVERNO DELLA FEDERAZIONE RUSSA IN DATA 7.8.2014 CATEGORIA *)***) (note ultima pagina) CODICE

Dettagli

EXPORT ISTRUZIONI PER L USO

EXPORT ISTRUZIONI PER L USO EXPORT ISTRUZIONI PER L USO Free trade e food safety: un difficile equilibrio nelle relazioni UE-India In campo animale, l India mantiene dal 2004 una proibizione all importazione nel suo territorio di

Dettagli

Il piano monitoraggio micotossine: alimenti di origine vegetale. Cecilia Bergamini cbergamini@arpa.emr.it

Il piano monitoraggio micotossine: alimenti di origine vegetale. Cecilia Bergamini cbergamini@arpa.emr.it Il piano monitoraggio micotossine: alimenti di origine vegetale Cecilia Bergamini cbergamini@arpa.emr.it Bologna 14 settembre 2006 Analisi del rischio ( libro bianco) L analisi del rischio deve costituire

Dettagli

IL CAMPIONAMENTO UFFICIALE DEGLI ALIMENTI: METODOLOGIA E MODULISTICA

IL CAMPIONAMENTO UFFICIALE DEGLI ALIMENTI: METODOLOGIA E MODULISTICA IL CAMPIONAMENTO UFFICIALE DEGLI ALIMENTI: METODOLOGIA E MODULISTICA SANTUARIO DI VICOFORTE (CN) 8/11/2007 Elena Cerrato DEFINIZIONE CAMPIONAMENTO Procedimento per cui da una totalità di elementi oggetto

Dettagli

Sintesi articoli e parole chiave

Sintesi articoli e parole chiave REGOLAMENTO (CE) n. 401/2006 DELLA COMMISSIONE, DEL 23 FEBBRAIO 2006, RELATIVO AI METODI DI CAMPIONAMENTO E DI ANALISI PER IL CONTROLLO UFFICIALE DEI TENORI DI MICOTOSSINE NEI PRODOTTI ALIMENTARI (TESTO

Dettagli

Ordinanza concernente la valorizzazione, l importazione e l esportazione di patate

Ordinanza concernente la valorizzazione, l importazione e l esportazione di patate Ordinanza concernente la valorizzazione, l importazione e l esportazione di patate (Ordinanza sulle patate) 916.113.11 del 7 dicembre 1998 (Stato 2 agosto 2006) Il Consiglio federale svizzero, visti gli

Dettagli

CATEGORIA *)***) (note ultima pagina)

CATEGORIA *)***) (note ultima pagina) INSERITI NELLE SANZIONI APPROVATE DAL GOVERNO DELLA FEDERAZIONE RUSSA IN DATA 7.8.2014 E SUCCESSIVE MODIFICHE DEL 20.08.2014, ED EMENDATE CON DECRETO N. 625 DEL 25.06.2015. CATEGORIA *)***) (note ultima

Dettagli

DIRETTIVA 2004/115/CE DELLA COMMISSIONE

DIRETTIVA 2004/115/CE DELLA COMMISSIONE L 374/64 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 22.12.2004 DIRETTIVA 2004/115/CE DELLA COMMISSIONE del 15 dicembre 2004 che modifica la direttiva 90/642/CEE del Consiglio per quanto riguarda le quantità

Dettagli

Il Sistema di allerta rapido per alimenti e mangimi

Il Sistema di allerta rapido per alimenti e mangimi Il Sistema di allerta rapido per alimenti e mangimi CHE COS È Il RASFF, Rapid Alert System for Food and Feed (Sistema di allerta rapido per alimenti e mangimi) è stato istituito per fornire un efficace

Dettagli

Legislazione comunitaria in materia di micotossine negli alimenti: limiti e attività di controllo

Legislazione comunitaria in materia di micotossine negli alimenti: limiti e attività di controllo Legislazione comunitaria in materia di micotossine negli alimenti: limiti e attività di controllo Ilaria De Leva Ministero della Salute Direzione Generale della Sicurezza degli Alimenti e della Nutrizione

Dettagli

Lezione 8. Le politiche commerciali II. Slide 9-1

Lezione 8. Le politiche commerciali II. Slide 9-1 Lezione 8 Le politiche commerciali II Slide 9-1 Road Map Altri strumenti di politica commerciale Gli effetti della politica commerciale: una sintesi Introduzione Le ragioni a favore del libero scambio

Dettagli

Dipartimento di Prevenzione. Servizio di Igiene degli Alimenti e Nutrizione

Dipartimento di Prevenzione. Servizio di Igiene degli Alimenti e Nutrizione Procedura: RILASCIO CERTIFICAZIONE /ATTESTAZIONE PER L ESPORTAZIONE DI ALIMENTI DI ORIGINE VEGETALE 1 INDICE pag. 1) Scopo e Campo di applicazione 3 2) Riferimenti Legislativi 3 3) Modalità Operative 3

Dettagli

Corso per alimentaristi

Corso per alimentaristi Il tema della sicurezza alimentare riveste un ruolo di primaria importanza all interno della vita di ogni consumatore. La legislazione alimentare, fondamentale per assicurare un equo agire della autorità,

Dettagli

DINAMICA DEL COMMERCIO AGROALIMENTARE MONDIALE: ATTORI E DETERMINANTI

DINAMICA DEL COMMERCIO AGROALIMENTARE MONDIALE: ATTORI E DETERMINANTI DINAMICA DEL COMMERCIO AGROALIMENTARE MONDIALE: ATTORI E DETERMINANTI Anna Carbone (Università della Tuscia) Antonella Finizia (Ismea) Workshop del Gruppo 2013 L agroalimentare italiano nel commercio mondiale:

Dettagli

ANALISI DI CONTESTO: LE TENDENZE RECENTI ED I FATTORI CRITICI DI SUCCESSO NELLA FILIERA ORTOFRUTTICOLA ITALIANA

ANALISI DI CONTESTO: LE TENDENZE RECENTI ED I FATTORI CRITICI DI SUCCESSO NELLA FILIERA ORTOFRUTTICOLA ITALIANA ANALISI DI CONTESTO: LE TENDENZE RECENTI ED I FATTORI CRITICI DI SUCCESSO NELLA FILIERA ORTOFRUTTICOLA ITALIANA ISMEA Direzione Servizi di Mercato e Supporti Tecnologici Dr. Mario Schiano lo Moriello 1

Dettagli

7. Gli scambi mondiali di prodotti agroalimentari: paesi competitor e mercati di sbocco

7. Gli scambi mondiali di prodotti agroalimentari: paesi competitor e mercati di sbocco 7. Gli scambi mondiali di prodotti agroalimentari: paesi competitor e mercati di sbocco IN SINTESI Le esportazioni mondiali di prodotti agroalimentari sono piuttosto concentrate con i primi 10 paesi che

Dettagli

La rintracciabilità nell ambito delle certificazioni di qualità e le attestazioni di origine. Dott. Agr. Lorenzo Moretti

La rintracciabilità nell ambito delle certificazioni di qualità e le attestazioni di origine. Dott. Agr. Lorenzo Moretti La rintracciabilità nell ambito delle certificazioni di qualità e le attestazioni di origine Dott. Agr. Lorenzo Moretti QUALITÀ IN EUROPA Merceologica Nutrizionale Ambientale Di origine Igienico-sanitaria

Dettagli

Patrizia Giuliotti Delegato Commerciale. CNA Roma e Lazio 18 gennaio 2013

Patrizia Giuliotti Delegato Commerciale. CNA Roma e Lazio 18 gennaio 2013 FARE BUSINESS CON IL CANADA Patrizia Giuliotti Delegato Commerciale AMBASCIATA DEL CANADA CNA Roma e Lazio 18 gennaio 2013 Agenda Ambasciata del Canada in Italia Perché il Canada Rapporti commerciali Canada

Dettagli

Agricoltura e sicurezza alimentare

Agricoltura e sicurezza alimentare Università degli Studi di Torino DISAFA Dip. di Scienze Agrarie, Forestali e alimentari Agricoltura e sicurezza alimentare Torino 13 novembre 2015 L'aumento della popolazione non significa solo aumento

Dettagli

RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO

RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO M.G. PRIMO TRIMESTRE 2014 Il presente rapporto è stato realizzato dalla Direzione Generale per l'igiene e la Sicurezza degli Alimenti e la Nutrizione Direttore

Dettagli

Regolamenti e decisioni comunitarie

Regolamenti e decisioni comunitarie 1 Arachidi e prodotti derivati (mangimi 1202 10 90; origine Aflatossine 10 P.E.D. USMAF 2008 11; ARGENTINA 2 Arachidi e prodotti derivati (mangimi 1202 10 90; origine Aflatossine 50 P.E.D. USMAF 2008 11;

Dettagli

I CONTROLLI DEI MANGIMI AL PORTO

I CONTROLLI DEI MANGIMI AL PORTO L EVOLUZIONE NEL SETTORE DEI MANGIMI: LA NORMATIVA IN CAMPO I CONTROLLI DEI MANGIMI AL PORTO Dr.ssa ORNELLA PEPPI MINISTERO DELLA SALUTE EX DIPARTIMENTO PER LA SANITÀ PUBBLICA VETERINARIA, LA NUTRIZIONE

Dettagli

SISTEMA DI ALLERTA ALIMENTARE i doveri degli operatori e i compiti delle autorita. MANTOVA 11 giugno 2009

SISTEMA DI ALLERTA ALIMENTARE i doveri degli operatori e i compiti delle autorita. MANTOVA 11 giugno 2009 SISTEMA DI ALLERTA ALIMENTARE i doveri degli operatori e i compiti delle autorita MANTOVA 11 giugno 2009 REGOLAMENTO (CE) N. 178/2002 DEL 28.01.2002 Stabilisce i principi e i requisiti generali della legislazione

Dettagli

Provincia di Forlì Cesena Assessorato alle Politiche Agroalimentari

Provincia di Forlì Cesena Assessorato alle Politiche Agroalimentari Provincia di Forlì Cesena Assessorato alle Politiche Agroalimentari Gian Luca Bagnara RUOLO E STRATEGIE DEI MERCATI ALL INGROSSO AL SERVIZIO DELLA FILIERA ORTOFRUTTICOLA 1 SOMMARIO Perché parlare di mercati

Dettagli

Prodotti ortofrutticoli freschi

Prodotti ortofrutticoli freschi Prodotti ortofrutticoli freschi I prodotti ortofrutticoli freschi hanno assunto un importanza sempre maggiore nella dieta del consumatore medio, in considerazione dell attenzione che le persone pongono

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute DIPARTIMENTO PER LA SANITÀ PUBBLICA VETERINARIA, LA NUTRIZIONE E LA SICUREZZA DEGLI ALIMENTI DIREZIONE GENERALE DELLA SICUREZZA DEGLI ALIMENTI E DELLA NUTRIZIONE DECRETO Prodotti

Dettagli

MANGIMI E ALIMENTI REGOLAMENTO UE N. 884/2012 DEL 14-8-2014 - CONTAMINAZIONE DA AFLATOSSINE (IN VIGORE DAL 3-9-2014)

MANGIMI E ALIMENTI REGOLAMENTO UE N. 884/2012 DEL 14-8-2014 - CONTAMINAZIONE DA AFLATOSSINE (IN VIGORE DAL 3-9-2014) SITO NORMATIVA MANGIMI E ALIMENTI REGOLAMENTO UE N. 884/2012 DEL 14-8-2014 - CONTAMINAZIONE DA AFLATOSSINE (IN VIGORE DAL 3-9-2014) REGOLAMENTO (UE) n. 884/2014 del 13 agosto 2014 che stabilisce condizioni

Dettagli

RUOLO DEL VETERINARIO NEL MINISTERO DELLA SALUTE

RUOLO DEL VETERINARIO NEL MINISTERO DELLA SALUTE RUOLO DEL VETERINARIO NEL MINISTERO DELLA SALUTE CASISTICA SULLE IMPORTAZIONI INTRODOTTE PRESSO IL PIF DI LIVORNO DR. SSA ROSELLINA SBRANA MIN. DELLA SALUTE PIF LIVORNO PERUGIA, 24 APRILE 2015 PIF: POSTO

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 10.06.2004 COM(2004)415 definitivo COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO Piano d azione europeo per l agricoltura biologica

Dettagli

Lezione 8: Il dibattito tra protezionismo e libero scambio: Organizzazione del commercio estero e la banca mondiale

Lezione 8: Il dibattito tra protezionismo e libero scambio: Organizzazione del commercio estero e la banca mondiale Corso di Economia e Politica economica nei mercati globali S. Papa spapa@unite.it Lezione 8: Il dibattito tra protezionismo e libero scambio: Organizzazione del commercio estero e la banca mondiale Facoltà

Dettagli

NUMERI CHIAVE DELLA FILIERA BIOLOGICA dalla produzione al consumatore: il ruolo dell ortofrutta

NUMERI CHIAVE DELLA FILIERA BIOLOGICA dalla produzione al consumatore: il ruolo dell ortofrutta NUMERI CHIAVE DELLA FILIERA BIOLOGICA dalla produzione al consumatore: il ruolo dell ortofrutta Silvia ZUCCONI Coordinatore Area Agroalimentare NOMISMA > SUPERFICI BIO SUPERFICI BIOLOGICHE (milioni di

Dettagli

Attività C.1.1. Attività C.1.1

Attività C.1.1. Attività C.1.1 Attività C.1.1 Attività C.1.1 Realizzazione di una indagine sullo stato dell'arte sulla legge e l'attuazione di procedure di qualità in campo economico euro-mediterraneo. Progetto AgroMed Quality Parte

Dettagli

Auchan Italia ALIMENTARI. Effetti, vantaggi ed esperienze di imprese agroalimentari nell applicazione di sistemi di rintracciabilità alimentari

Auchan Italia ALIMENTARI. Effetti, vantaggi ed esperienze di imprese agroalimentari nell applicazione di sistemi di rintracciabilità alimentari Auchan Italia ALIMENTARI Effetti, vantaggi ed esperienze di imprese agroalimentari nell applicazione di sistemi di rintracciabilità alimentari Marco ANNOVAZZI Servizio Qualità Auchan Sma marco.annovazzi@auchan.it

Dettagli

Agricoltura e sicurezza alimentare

Agricoltura e sicurezza alimentare agriregionieuropa Associazione Alessandro Bartola studi e ricerche di economia e politica agraria Agricoltura e sicurezza alimentare Donato Romano Iniziativa realizzata con il contributo dell Unione Europea,

Dettagli

disposizioni europee e nazionali

disposizioni europee e nazionali Aflatossine-La normativa vigente: disposizioni europee e nazionali LE AFLATOSSINE Le aflatossine sono le micotossine più pericolose per la salute umana ed animale. Sono prodotte dalle specie Aspergillus

Dettagli

L OFFERTA E LA DOMANDA DI PRODOTTI BIOLOGICI IN ITALIA

L OFFERTA E LA DOMANDA DI PRODOTTI BIOLOGICI IN ITALIA L OFFERTA E LA DOMANDA DI PRODOTTI BIOLOGICI IN ITALIA Fabio Del Bravo ISMEA Bologna, 6 settembre 2014 www.ismea.it www.ismeaservizi.it AGENDA 1. Come cambiano i consumi alimentari e che ruolo ha assunto

Dettagli

Gazzetta ufficiale dell'unione europea

Gazzetta ufficiale dell'unione europea L 30/10 6.2.2015 REGOLAMENTO DI ESECUZIONE (UE) 2015/175 DELLA COMMISSIONE del 5 febbraio 2015 che stabilisce condizioni particolari applicabili all'importazione di gomma di guar originaria o proveniente

Dettagli

GLI ORTAGGI DI IV GAMMA NEL RAPPORTO COMPETITIVO CON IL FRESCO TRADIZIONALE

GLI ORTAGGI DI IV GAMMA NEL RAPPORTO COMPETITIVO CON IL FRESCO TRADIZIONALE GLI ORTAGGI DI IV GAMMA NEL RAPPORTO COMPETITIVO CON IL FRESCO TRADIZIONALE Mario Schiano lo Moriello Cesena, 7 ottobre 2011 Report Economico Finanziario Gli obiettivi dell analisi ISMEA IPSOA Il REF è

Dettagli

L agroalimentare nell economia del Paese: occupazione, innovazione, qualità, consumi, export

L agroalimentare nell economia del Paese: occupazione, innovazione, qualità, consumi, export L agroalimentare nell economia del Paese: occupazione, innovazione, qualità, consumi, export Roberto Monducci Istituto nazionale di statistica Direttore del Dipartimento per i conti nazionali e le statistiche

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 17.5.2012 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 130/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO DI ESECUZIONE (UE) N. 418/2012 DELLA COMMISSIONE del 16 maggio 2012 che modifica il regolamento

Dettagli

Attività di controllo ufficiale legata alla presenza di micotossine nei prodotti alimentari: l esperienza dell ARPA Emilia Romagna

Attività di controllo ufficiale legata alla presenza di micotossine nei prodotti alimentari: l esperienza dell ARPA Emilia Romagna Attività di controllo ufficiale legata alla presenza di micotossine nei prodotti alimentari: l esperienza dell ARPA Emilia Romagna Cecilia Bergamini ARPA Sezione Provinciale di Bologna cbergamini@arpa.emr.it

Dettagli

SISTEMI DI QUALITA. Cosa Consente Standard di riferimento

SISTEMI DI QUALITA. Cosa Consente Standard di riferimento SISTEMI DI QUALITA Standard Definizione Campo di Applicazione Obiettivo Requisiti Oggetti della Certificazione Cosa Consente Standard di riferimento ISO 9001: Sistema di Gestione per Qualità internazionale

Dettagli

SICUREZZA DEGLI ALIMENTI PER GLI ANIMALI

SICUREZZA DEGLI ALIMENTI PER GLI ANIMALI SICUREZZA DEGLI ALIMENTI PER GLI ANIMALI KEY EVENTS 1986: BSE - presenza confermata in UK 1992: BSE - picco in UK 1994: bando farine di carne per alimentazione animale 1996: bando carne inglese 1999: crisi

Dettagli

Il Responsabile della Qualità e della Sicurezza alimentare nella filiera agro-alimentare

Il Responsabile della Qualità e della Sicurezza alimentare nella filiera agro-alimentare Job Area: I master di Alta Specializzazione Il Responsabile della Qualità e della Sicurezza alimentare nella filiera agro-alimentare IL MASTER TI PREPARA A RIVESTIRE IL RUOLO DI ESPERTO NELLA PROGETTAZIONE,

Dettagli

5. La sicurezza alimentare e la sanità veterinaria

5. La sicurezza alimentare e la sanità veterinaria 5. La sicurezza alimentare e la sanità veterinaria L impatto della globalizzazione dei mercati sia sulla sicurezza degli alimenti sia sulla salute delle popolazioni animali è stato considerevole. Il sistema

Dettagli

MERCATI E CONSUMI DEI VINI E DEI PRODOTTI ALIMENTARI DOP/IGP: SCENARIO E TENDENZE EVOLUTIVE. DENIS PANTINI Direttore Area Agroalimentare

MERCATI E CONSUMI DEI VINI E DEI PRODOTTI ALIMENTARI DOP/IGP: SCENARIO E TENDENZE EVOLUTIVE. DENIS PANTINI Direttore Area Agroalimentare 11 ottobre 2014 MERCATI E CONSUMI DEI VINI E DEI PRODOTTI ALIMENTARI DOP/IGP: SCENARIO E TENDENZE EVOLUTIVE DENIS PANTINI Direttore Area Agroalimentare I TEMI DI APPROFONDIMENTO Vini e prodotti alimentari

Dettagli

Tabella 1 - ITALIA - Interscambio commerciale per il totale delle attività economiche 1 (mln di euro)

Tabella 1 - ITALIA - Interscambio commerciale per il totale delle attività economiche 1 (mln di euro) Sommario 1. Interscambio commerciale Italia - Federazione Russa 1 2. Interscambio commerciale agroalimentare Italia - Federazione Russa 3 3. I principali prodotti agroalimentari importati ed esportati

Dettagli

Rapporto sulla pubblicità ambientale in Italia Sintesi a cura dell Osservatorio Comunicazione e Informazione Ambientale Iefe

Rapporto sulla pubblicità ambientale in Italia Sintesi a cura dell Osservatorio Comunicazione e Informazione Ambientale Iefe Research Report Series ISSN 2036 1785 Rapporto sulla pubblicità ambientale in Italia Sintesi a cura dell Osservatorio Comunicazione e Informazione Ambientale Iefe Research Report n. 10 March 2012 Studio

Dettagli

CERTIFICAZIONE NEL SETTORE AGROALIMENTARE -Qualita - - Sicurezza - - Tracciabilita -

CERTIFICAZIONE NEL SETTORE AGROALIMENTARE -Qualita - - Sicurezza - - Tracciabilita - CERTIFICAZIONE NEL SETTORE AGROALIMENTARE -Qualita - - Sicurezza - - Tracciabilita - LA FIDUCIA DEL CONSUMATORE NEI CONFRONTI DEL COMPARTO PRODUTTIVO SI E NOTEVOLMENTE RIDOTTA NEGLI ULTIMI ANNI Industrializzazione

Dettagli

LE IMPORTAZIONI IN ITALIA DI PRODOTTI DA AGRICOLTURA BIOLOGICA PROVENIENTI DA PAESI TERZI

LE IMPORTAZIONI IN ITALIA DI PRODOTTI DA AGRICOLTURA BIOLOGICA PROVENIENTI DA PAESI TERZI LE IMPORTAZIONI IN ITALIA DI PRODOTTI DA AGRICOLTURA BIOLOGICA PROVENIENTI DA PAESI TERZI Le importazioni di prodotti ottenuti con il metodo di produzione biologico provenienti da Paesi Terzi possono realizzarsi

Dettagli

il mercato dei prodotti agroalimentari in G I A P P O N E

il mercato dei prodotti agroalimentari in G I A P P O N E (in gestione transitoria - ex Lege 214/2011) il mercato dei prodotti agroalimentari in G I A P P O N E 1 B r a s i l e G i a p p o n e A u s t r a l i a S t a t i U n i t i C a n a d a F r a n c i a m

Dettagli

LA BORSA MERCI TELEMATICA ITALIANA AL SERVIZIO DEL COMPARTO SUINICOLO. Reggio Emilia, 25 febbraio 2015

LA BORSA MERCI TELEMATICA ITALIANA AL SERVIZIO DEL COMPARTO SUINICOLO. Reggio Emilia, 25 febbraio 2015 AL SERVIZIO DEL COMPARTO SUINICOLO Reggio Emilia, 25 febbraio 2015 Cos è la Borsa Merci Telematica Italiana È il mercato telematico regolamentato dei prodotti agricoli, agroenergetici, agroalimentari,

Dettagli

LA PRODUZIONE DI ORTOFRUTTA MONDIALE ED EUROPEA

LA PRODUZIONE DI ORTOFRUTTA MONDIALE ED EUROPEA LA PRODUZIONE DI ORTOFRUTTA MONDIALE ED EUROPEA L evoluzione del panorama ortofrutticolo dal 2000 al 2012 delineato da CSO sui dati FAO. INDICE pagina 1 Il trend della produzione ortofrutticola mondiale

Dettagli

PRODOTTI DOP E IGP: PRESENTE, FUTURO, FATTORE DI COMPETITIVITA

PRODOTTI DOP E IGP: PRESENTE, FUTURO, FATTORE DI COMPETITIVITA Accademia dei Georgofili Firenze, 2 dicembre 2014 PRODOTTI DOP E IGP: PRESENTE, FUTURO, FATTORE DI COMPETITIVITA PAOLO DE CASTRO Commissione Agricoltura e Sviluppo Rurale del Parlamento Europeo LA CRESCITA

Dettagli

Esportare prodotti alimentari negli Stati Uniti d America (USA)

Esportare prodotti alimentari negli Stati Uniti d America (USA) Esportare prodotti alimentari negli Stati Uniti d America (USA) Premesse esportazione prodotti agroalimentari Negoziati in corso per Accordi bilaterali UE USA (tutela DOP e IGP, riconoscimento attività

Dettagli

REGOLAMENTO (CE) N. 401/2006 DELLA COMMISSIONE

REGOLAMENTO (CE) N. 401/2006 DELLA COMMISSIONE IT L 70/12 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 9.3.2006 REGOLAMENTO (CE) N. 401/2006 DELLA COMMISSIONE del 23 febbraio 2006 relativo ai metodi di campionamento e di analisi per il controllo ufficiale

Dettagli

Il mercato globale dei prodotti biologici: situazione e tendenze. Roberto Pinton

Il mercato globale dei prodotti biologici: situazione e tendenze. Roberto Pinton Il mercato globale dei prodotti biologici: situazione e tendenze Roberto Pinton Federazione unitaria interprofessionale Fondata nel 1992 35 associazioni nazionali o regionali di agricoltori biologici 2

Dettagli

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali Signor Presidente, Onorevoli Deputati, il Transatlantic Trade and Investment Partnership (TTIP) tra Unione europea e Stati Uniti d America, oggetto dell audizione di oggi, ha tra i suoi obiettivi quello

Dettagli

Le tendenze e gli scenari futuri per l agro-alimentare lombardo

Le tendenze e gli scenari futuri per l agro-alimentare lombardo Le tendenze e gli scenari futuri per l agro-alimentare lombardo Roberto Pretolani Dipartimento di Economia, Management e Metodi quantitativi Università degli Studi di Milano Regione Lombardia, 4 dicembre

Dettagli

Riflessi del Libro Verde sugli aspetti legislativi inerenti l etichettatura e messa in commercio di prodotti

Riflessi del Libro Verde sugli aspetti legislativi inerenti l etichettatura e messa in commercio di prodotti Riflessi del Libro Verde sugli aspetti legislativi inerenti l etichettatura e messa in commercio di prodotti Avv. Chiara Marinuzzi G a e t a n o F o r t e Studio Legale Seminario Legacoop - Bologna, 3

Dettagli

8.2.1.2 Descrizione della Misura, inclusa la logica di intervento ed il contributo alle FA ed agli obiettivi trasversali

8.2.1.2 Descrizione della Misura, inclusa la logica di intervento ed il contributo alle FA ed agli obiettivi trasversali 8.2 Descrizione della Misura 8.2.1 Codice e titolo della Misura Regimi di qualità dei prodotti agricoli e alimentari. Cod. Misura 3. 8.2.1.1 Basi giuridiche Base giuridica della Misura 3 è l Art. 16 del

Dettagli

Rapporto sulla pubblicità ambientale in Italia

Rapporto sulla pubblicità ambientale in Italia Rapporto sulla pubblicità ambientale in Italia Sintesi Osservatorio Comunicazione e Informazione Ambientale (CIA) in collaborazione con Introduzione L attenzione verso l ambiente non è mai stata così alta

Dettagli

MODELLO DI ACCORDO QUADRO

MODELLO DI ACCORDO QUADRO MODELLO DI ACCORDO QUADRO a) Enti Pubblici b) Autorità di Coordinamento regionale del Distretto Bioenergetico c) Fornitori della biomassa - produttori di colture energetiche - produttori di residui agricoli

Dettagli

La sostenibilità e la certificazione volontaria come valore per il mercato del vino. 22 ottobre 2014 Ing. Maurizio De Francesco Genagricola SpA

La sostenibilità e la certificazione volontaria come valore per il mercato del vino. 22 ottobre 2014 Ing. Maurizio De Francesco Genagricola SpA La sostenibilità e la certificazione volontaria come valore per il mercato del vino La crescente attenzione del consumatore per i temi della sicurezza alimentare e la contemporanea richiesta di garanzie

Dettagli

La Prospettiva Europea

La Prospettiva Europea Seminario sulle Assicurazioni in Agricoltura 29 Marzo 2004 La Prospettiva Europea Bruno Buffaria Commissione Europea Direzione Generale Agricoltura Dibattito a livello europeo 1999: Studio pubblicato dalla

Dettagli

RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO M.G.

RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO M.G. Ministero della Salute RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO M.G. ANNO 2014 2 Il presente rapporto è stato realizzato dalla Direzione Generale per l Igiene e la Sicurezza degli Alimenti e la Nutrizione

Dettagli

Il Responsabile della Qualità e della Sicurezza alimentare nella filiera agro-alimentare

Il Responsabile della Qualità e della Sicurezza alimentare nella filiera agro-alimentare Job Area: I master di Alta Specializzazione Il Responsabile della Qualità e della Sicurezza alimentare nella filiera agro-alimentare IL MASTER TI PREPARA A RIVESTIRE IL RUOLO DI ESPERTO NELLA PROGETTAZIONE,

Dettagli

IL CONTROLLO UFFICIALE SULL IGIENE DEI MANGIMI La valutazione del sistema di autocontrollo

IL CONTROLLO UFFICIALE SULL IGIENE DEI MANGIMI La valutazione del sistema di autocontrollo Dr. PAOLO CAMEROTTO Azienda ULSS 9 TREVISO pcamerotto@ulss.tv.it Camposampiero, 20 agosto 2015 IL CONTROLLO UFFICIALE SULL IGIENE DEI MANGIMI La valutazione del sistema di autocontrollo 1. MANGIMI O ALIMENTI

Dettagli

il CRA per i 150 anni dell'unitàd'italia FRUTTA E VERDURA: INFORMAZIONI E CONSIGLI UTILI PER L ACQUISTO, LA CONSERVAZIONE E IL CONSUMO

il CRA per i 150 anni dell'unitàd'italia FRUTTA E VERDURA: INFORMAZIONI E CONSIGLI UTILI PER L ACQUISTO, LA CONSERVAZIONE E IL CONSUMO FRUTTA E VERDURA: INFORMAZIONI E CONSIGLI UTILI PER L ACQUISTO, LA CONSERVAZIONE E IL CONSUMO Una sana alimentazione deve prevedere un importante consumo di frutta e verdura, che danno al nostro organismo

Dettagli

dr.ssa Francesca Di Prisco Dir. Medico Veterinario Sez. Avellino IZSM

dr.ssa Francesca Di Prisco Dir. Medico Veterinario Sez. Avellino IZSM dr.ssa Francesca Di Prisco Dir. Medico Veterinario Sez. Avellino IZSM Normativa comunitaria in materia di sicurezza alimentare Fin dalla sua costituzione l UE ha attribuito molta importanza all attività

Dettagli

STRUTTURA ORGANIZZATIVA DEL NODO REGIONALE DEL VENETO E GESTIONE OPERATIVA DEI NODI DELLE AZIENDE SANITARIE LOCALI

STRUTTURA ORGANIZZATIVA DEL NODO REGIONALE DEL VENETO E GESTIONE OPERATIVA DEI NODI DELLE AZIENDE SANITARIE LOCALI UNITA DI PROGETTO VETERINARIA STRUTTURA ORGANIZZATIVA DEL NODO REGIONALE DEL VENETO E GESTIONE OPERATIVA DEI NODI DELLE AZIENDE SANITARIE LOCALI Dario Pandolfo 1 29/11/2012 - Montecchio Precalcino (VI)

Dettagli

Analisi economica della sicurezza degli alimenti

Analisi economica della sicurezza degli alimenti Analisi economica della sicurezza degli alimenti Maria Sassi Dipartimento di Ricerche Aziendali Facoltà di Economia Università di Pavia E-mail msassi@eco.unipv.it Definizione di sicurezza degli alimenti

Dettagli

L organizzazione delle filiere biologiche italiane. Roberto Pinton

L organizzazione delle filiere biologiche italiane. Roberto Pinton L organizzazione delle filiere biologiche italiane Roberto Pinton Federazione unitaria interprofessionale Fondata nel 1992 35 associazioni nazionali o regionali di agricoltori biologici 2 associazioni

Dettagli

I prodotti dell agricoltura biologica

I prodotti dell agricoltura biologica I prodotti dell agricoltura biologica non esistono i prodotti biologici, ma i prodotti dell agricoltura biologica due prodotti privi di residui chimici ed assolutamente identici possono essere l uno il

Dettagli

Alessandro Banterle e Alessia Cavaliere. Dipartimento di Economia e Politica Agraria, Agro-alimentare e Ambientale Università degli Studi di Milano

Alessandro Banterle e Alessia Cavaliere. Dipartimento di Economia e Politica Agraria, Agro-alimentare e Ambientale Università degli Studi di Milano LA TRACCIABILITÀ DEI PRODOTTI AGRO-ALIMENTARI: UN ANALISI DELLE IMPLICAZIONI ECONOMICHE PER LA SICUREZZA ALIMENTARE E PER I CONSUMATORI Alessandro Banterle e Alessia Cavaliere Dipartimento di Economia

Dettagli

non esistono i prodotti biologici, ma i prodotti dell agricoltura biologica

non esistono i prodotti biologici, ma i prodotti dell agricoltura biologica I prodotti dell agricoltura biologica non esistono i prodotti biologici, ma i prodotti dell agricoltura biologica due prodotti assolutamente identici possono essere l uno il risultato del metodo di produzione

Dettagli

LA FILIERA DEGLI AGRUMI IN CALABRIA (stesura provvisoria)

LA FILIERA DEGLI AGRUMI IN CALABRIA (stesura provvisoria) COMUNITA EUROPEA MINISTERO PER LE FONDO EUROPEO DI ORIENTAMENTO E POLITICHE AGRICOLE GARANZIA PER L AGRICOLTURA PROGRAMMA OPERATIVO MULTIREGIONALE Attività di sostegno ai servizi di sviluppo per l Agricoltura

Dettagli

INDICE. Presentazione... Abbreviazioni... Parte I I PROFILI ISTITUZIONALI E IL NEGOZIATO DI DOHA

INDICE. Presentazione... Abbreviazioni... Parte I I PROFILI ISTITUZIONALI E IL NEGOZIATO DI DOHA INDICE Presentazione... Abbreviazioni... XI XIII Parte I I PROFILI ISTITUZIONALI E IL NEGOZIATO DI DOHA GLI ASSETTI ISTITUZIONALI ATTUALI E FUTURI DELL OMC di Michele Vellano 1. L OMC di fronte alla sfida

Dettagli

Estratto dal paper: Il processo di adozione delle tecnologie informatiche nelle imprese artigiane di servizio: un analisi multivariata

Estratto dal paper: Il processo di adozione delle tecnologie informatiche nelle imprese artigiane di servizio: un analisi multivariata Estratto dal paper: Il processo di adozione delle tecnologie informatiche nelle imprese artigiane di servizio: un analisi multivariata Pinuccia Calia, Ignazio Drudi La diffusione e la penetrazione dell

Dettagli

Elementi di igiene dei mangimi nell allevamento ovi-caprino

Elementi di igiene dei mangimi nell allevamento ovi-caprino Servizio di Igiene degli Allevamenti e delle Produzioni Zootecniche Elementi di igiene dei mangimi nell allevamento ovi-caprino Dott. Agostino Trogu Il latte ( la carne, ecc. ) comincia dalla bocca.. Mangime

Dettagli

La ISO 22000 nel packaging alimentare e il regolamento sui materiali a contatto con alimenti (MCA)

La ISO 22000 nel packaging alimentare e il regolamento sui materiali a contatto con alimenti (MCA) La ISO 22000 nel packaging alimentare e il regolamento sui materiali a contatto con alimenti (MCA) 1 Scopo e campo di applicazione della ISO 22000 SCOPO: si applica quando una organizzazione delle filiera

Dettagli

Additivi alimentari ESPERIENZA PIF

Additivi alimentari ESPERIENZA PIF Additivi alimentari ESPERIENZA PIF Roma, 29 Gennaio 20134 Ministero della Salute Donatella Cambiaghi - D.G.SAFV, PIF Malpensa-Linate Bergamo Cecilia Farina D.G.SAFV Ex Ufficio VIII 1 L Unione Europea è

Dettagli

Comportamento strategico e organizzazione della qualità nelle filiere agroalimentari

Comportamento strategico e organizzazione della qualità nelle filiere agroalimentari Anno 5, Numero 17 Giugno 2009 Comportamento strategico e organizzazione della qualità nelle filiere agroalimentari Eric Giraud-Héraud, Cristina Grazia, Abdelhakim Hammoudi Introduzione Il presente contributo

Dettagli

CERTIQUALITY. Area Certificazione di Prodotto. Luca Ciampelli Cremona 27 Ottobre 2004

CERTIQUALITY. Area Certificazione di Prodotto. Luca Ciampelli Cremona 27 Ottobre 2004 CERTIQUALITY Area Certificazione di Prodotto Luca Ciampelli Cremona 27 Ottobre 2004 CERTIQUALITY E ASSOCIAZIONE SENZA SCOPO DI PROFITTO SOCI FONDATORI SOCI ORDINARI 13 ASSOCIAZIONI DI CATEGORIA SOCI DI

Dettagli

Negoziati commerciali e competitività delle imprese agro alimentari italiane

Negoziati commerciali e competitività delle imprese agro alimentari italiane Negoziati commerciali e competitività delle imprese agro alimentari italiane Giovanni Anania Università della Calabria Il commercio agroalimentare mondiale e il ruolo del Made in Italy Milano Expo 2015

Dettagli

BIELLA 27 gennaio 2014. Road show - Internazionalizzazione

BIELLA 27 gennaio 2014. Road show - Internazionalizzazione BIELLA 27 gennaio 2014 Road show - Internazionalizzazione 1 3 4 6 8 9 13 18 22 Nota Metodologica Principali prodotti export e Paesi acquirenti del Piemonte Focus Biella Documenti e formalità per le cessioni

Dettagli

LE IMPORTAZIONI DI PRODOTTI BIOLOGICI DAI PAESI TERZI NELLA UE

LE IMPORTAZIONI DI PRODOTTI BIOLOGICI DAI PAESI TERZI NELLA UE LE IMPORTAZIONI DI PRODOTTI BIOLOGICI DAI PAESI TERZI NELLA UE Procedure per il controllo e la gestione delle irregolarità Lunedì 17 giugno 2013 Unioncamere Sala Convegni De Longhi Horti Sallustiani, Piazza

Dettagli

LA VALUTAZIONE VOLONTARIA DEL RISCHIO SUL RAME (VRA) Una collaborazione d avanguardia tra l industria e Stati Membri dell UE

LA VALUTAZIONE VOLONTARIA DEL RISCHIO SUL RAME (VRA) Una collaborazione d avanguardia tra l industria e Stati Membri dell UE LA VALUTAZIONE VOLONTARIA DEL RISCHIO SUL RAME (VRA) Una collaborazione d avanguardia tra l industria e Stati Membri dell UE Riassunto: Nell anno 2000 l industria del rame ha dato inizio ad una procedura

Dettagli

Analisi dei flussi commerciali dei prodotti ittici tra l UE e i suoi partner mediterranei. Massimo Spagnolo

Analisi dei flussi commerciali dei prodotti ittici tra l UE e i suoi partner mediterranei. Massimo Spagnolo Analisi dei flussi commerciali dei prodotti ittici tra l UE e i suoi partner mediterranei Massimo Spagnolo Paper prepared for presentation at the XVI Meeting SIEA Trieste, Italy, June 5-6, 2008 Copyright

Dettagli

L INTERSCAMBIO DI PRODOTTI AGROALIMENTARI TRA I PAESI AGRONET : STATO DELL ARTE, TREND E PROSPETTIVE FUTURE

L INTERSCAMBIO DI PRODOTTI AGROALIMENTARI TRA I PAESI AGRONET : STATO DELL ARTE, TREND E PROSPETTIVE FUTURE L INTERSCAMBIO DI PRODOTTI AGROALIMENTARI TRA I PAESI AGRONET : STATO DELL ARTE, TREND E PROSPETTIVE FUTURE Direttore Area Agricoltura e Industria alimentare Nomisma spa I TEMI DI APPROFONDIMENTO Gli scambi

Dettagli

Il Commercio Internazionale: nuove evidenze e sviluppi teorici*

Il Commercio Internazionale: nuove evidenze e sviluppi teorici* Il Commercio Internazionale: nuove evidenze e sviluppi teorici* Nicola D. Coniglio (1,2) (1) Dip.to di Scienze Economiche - Università degli Studi di Bari (Italy); (2) NHH Norwegian School of Economics

Dettagli

TABELLA ALIMENTARE VEGETARIANA

TABELLA ALIMENTARE VEGETARIANA TABELLA ALIMENTARE VEGETARIANA Cereali e derivati Avena 16,9 6,9 55,7 10,6 389 Farina di avena 12,6 7,1 72,9 7,6 388 Farina di castagne 5,8 3,7 71,6 10,9 323 Farina di ceci 21,8 4,9 54,3 13,8 334 Farina

Dettagli

Interventi di mercato e quote latte dopo l Health Check

Interventi di mercato e quote latte dopo l Health Check Workshop promosso dal Gruppo 2013 Il futuro della PAC dopo l Health Check Roma, Palazzo Rospigliosi, 26 novembre 2008 Interventi di mercato e quote latte dopo l Health Check Gabriele Canali Università

Dettagli

ISO 22000 ed. 05: solo una nuova norma o uno strumento di governo degli standard di prodotto esistenti?

ISO 22000 ed. 05: solo una nuova norma o uno strumento di governo degli standard di prodotto esistenti? ISO 22000 l unica norma universale per il Sistema di Gestione per la Sicurezza Alimentare ISO 22000 ed. 05: solo una nuova norma o uno strumento di governo degli standard di prodotto esistenti? Cremona,

Dettagli

GM Soy: Sustainable? Responsible? Executive summary

GM Soy: Sustainable? Responsible? Executive summary GM Soy: Sustainable? Responsible? Executive summary La consapevolezza crescente che molte moderne pratiche agricole non siano sostenibili spinge a cercare alternative che possano garantire la sicurezza

Dettagli

Quale è il ruolo delle certificazioni nel settore alimentare con riferimento alla filiera dei cereali: quali, quante, troppe?

Quale è il ruolo delle certificazioni nel settore alimentare con riferimento alla filiera dei cereali: quali, quante, troppe? Quale è il ruolo delle certificazioni nel settore alimentare con riferimento alla filiera dei cereali: quali, quante, troppe? Simona Gullace CERTIFICAZIONE Procedura volontaria mediante la quale una terza

Dettagli

agroalimentare I trimestre 2014

agroalimentare I trimestre 2014 AGRItrend Evoluzione e cifre sull agro-alimentare La bilancia commerciale agroalimentare I trimestre 2014 A 8 LA BILANCIA COMMERCIALE AGROALIMENTARE A differenza di quanto riscontrato nel corso del 2013,

Dettagli

Presentazione indagine di mercato su export PMI alimentari italiane Atti del Convegno

Presentazione indagine di mercato su export PMI alimentari italiane Atti del Convegno Presentazione indagine di mercato su export PMI alimentari italiane Atti del Convegno CNA Rovigo - 16-17 Maggio 2004 Confederazione Nazionale dell'artigianato e della Piccola e Media Impresa Assemblea

Dettagli