N. 17 _ N. 00 _

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "N. 17 _ 18.10.2013 N. 00 _ 12.10.2013"

Transcript

1 N. 00 _

2 Normativa 3 Accise su carburante per produzione di energia: per ora continuano ad applicarsi quelle vigenti 3 Credito d imposta per giovani artisti e compositori emergenti: modificate le agevolazioni 3 Credito d'imposta per il cinema esteso ai produttori indipendenti di opere audiovisive 3 Oli lubrificanti e accisa su alcool: confermate le disposizioni 4 Codice doganale dell'unione europea: rifusione Prassi 4 Le ultime novità di interesse per i prodotti soggetti ad accise 4 Imposta sulle Transazioni Finanziarie: l istanza per l esenzione per il market making 5 Cartelle Equitalia: negli uffici postali sono sempre aggiornate 5 Agevolazioni alle imprese delle ZFU 5 Iva: trattato EUROGENDFOR 5 Ammessi 90 studi di settore al regime premiale 5 Nuovo modello multifunzionale per accedere a Entratel 6 Versamento dell imposta sulle transazioni finanziarie: codici tributo 6 Cambio valute settembre Versamento del contributo a favore dell Ente Bilaterale EN.BI.VI.SI. : causale 6 Fabbricati sconosciuti al Catasto 6 Soppressione delle causali contributo IADP - DOM4 - DCON - ACON 6 Contributi a favore dell Ente Bilaterale Nazionale Imprese e Lavoratori - E.B.I.L. 6 Imposta sostitutiva delle imposte ipotecaria e catastale per i contratti di leasing immobiliare: codici tributo 7 Valore di case, negozi e uffici del primo semestre Termine per versamento e obblighi strumentali relativi all imposta sulle transazioni finanziarie 7 Novità dal sito dell entrate Dottrina 8 Il concordato in bianco: le recenti modifiche alla disciplina 9 Le massime dei commercialisti 2

3 NORMATIVA Accise su carburante per produzione di energia: per ora continuano ad applicarsi quelle vigenti Prorogato al 31/12/13 il termine entro il quale il Ministero dello Sviluppo Economico e il Ministero dell'economia dovranno rideterminare le aliquote delle accise per il carburante utilizzato per produzione combinata di energia elettrica e calore, di cui all'art.3-bis, co.1, D.L. n.16/12. Fino al nuovo termine continueranno ad applicarsi le aliquote in vigore, individuate dall'autorità per l'energia elettrica con Delibera n.16 dell'11/03/98, ridotte del 12%. Credito d imposta per giovani artisti e compositori emergenti: modificate le agevolazioni Può essere fruito anche dalle imprese organizzatrici e produttrici di spettacoli di musica dal vivo esistenti almeno dall 1/01/12, il credito imposta del 30% dei costi sostenuti, previsto in origine dal D.L. n.91/13 solo per le imprese produttrici di fonogrammi e di videogrammi musicali. I costi rilevanti, fino all'importo massimo di euro nei 3 anni d'imposta, riguardano le seguenti attività: sviluppo; produzione; digitalizzazione; promozione, di registrazioni fonografiche o videografiche musicali. Il credito di imposta è riconosciuto esclusivamente per opere prime o seconde di nuovi talenti definiti come artisti, gruppi di artisti, compositori o artisti-interpreti. Con la legge di conversione sono state espressamente escluse le demo autoprodotte. È stato, inoltre, specificato che nel caso di gruppi di artisti, il gruppo può usufruire del credito d'imposta solo se nella stessa annualità più di 1/2 dei componenti non ne abbia già usufruito. Le disposizioni applicative saranno dettate con decreto del Ministro dei beni e delle attività culturali e del turismo. Credito d'imposta per il cinema esteso ai produttori indipendenti di opere audiovisive Dall 1/01/14 è reso permanente il credito d'imposta di cui all art.1, commi da 325 a 328 e da 330 a 337, della Legge n.244/07, per la produzione e distribuzione di opere cinematografiche di nazionalità italiana. Dalla stessa data l agevolazione è estesa ai produttori indipendenti di opere audiovisive. Le disposizioni applicative saranno dettate con decreto del Ministro dei beni e delle attività culturali e del turismo. Oli lubrificanti e accisa su alcool: confermate le disposizioni Dall 1/01/14, l'aliquota dell'imposta di consumo sugli oli lubrificanti di cui all'allegato I al d.lgs. n.504/95 è fissata in euro 787,81 per chilogrammi. Sono state fissate, inoltre, le aliquote di accisa relative ai seguenti prodotti alcoolici: 1) per il 2014 Birra: euro 2,39 per ettolitro e per grado-plato; Prodotti alcolici intermedi: euro 69,78 per ettolitro; Alcole etilico: euro 814,81 per ettolitro anidro; Presidente del Consiglio dei Ministri, decreto 23/07/13 (G.U. n.231 del 2/10/13) Legge 7 ottobre 2013, n.112 di conversione del D.L. n.91/13 - Art.7 (G.U. n.236 del 8/10/13) Legge 7 ottobre 2013, n.112 di conversione del D.L. 91/13 - Art. 8 (G.U. n.236 del 8/10/13) Legge 7 ottobre 2013, n.112 di conversione del D.L. n.91/13 Art.14 (G.U. n.236 del 8/10/13) 3

4 2) a decorrere dall'anno 2015 Birra: euro 2,48 per ettolitro e per grado-plato; Prodotti alcolici intermedi: euro 72,28 per ettolitro; Alcole etilico: euro 844,01 per ettolitro anidro. È previsto, infine, un incremento del prelievo fiscale sui prodotti da fumo, il quale, dall 1/01/14, sarà aumentato in misura tale da assicurare maggiori entrate pari a euro annui. Le disposizioni attuative saranno dettate con provvedimento del Direttore dell Entrate. Codice doganale dell'unione europea: rifusione Effettuata la rifusione del codice doganale comunitario (Codice doganale aggiornato), in seguito alle numerose modifiche apportate al regolamento (CE) n.450/2008 del Parlamento europeo e del Consiglio del 23/4/08. Regolamento (UE) n.952 del 9/10/13 (G.U.U.E. L 269/1 del 10/10/13) PRASSI Le ultime novità di interesse per i prodotti soggetti ad accise Evidenziate le recenti novità legislative rilevanti per i prodotti disciplinati dal d.lgs. n.504/95. dogane e dei monopoli, nota n dell 1/10/13 Aliquote di accisa su birra, prodotti alcolici intermedi e alcole etilico (art.25, co.1, D.L. n.104/13) - dal 10/10/13, le aliquote di accisa sono state incrementate nella seguente misura: Birra, da euro 2,35 ad euro 2,66 per ettolitro e per grado-plato; Prodotti alcolici intermedi, da euro 68,51 ad euro 77,53 per ettolitro; Alcole etilico, da euro 800,01 ad euro 905,51 per ettolitro anidro. Gasolio per il riscaldamento delle coltivazioni sotto serra (art.6, co. 1 D.L. n.69/13) - dall 1/08/13 e fino al 31/12/15, è stata prevista l applicazione di un aliquota ridotta di accisa sul gasolio utilizzato per il riscaldamento delle coltivazioni sotto serra. Destinatari dell agevolazione sono i coltivatori diretti e gli imprenditori agricoli professionali. Fissata per il 2013, l accisa al livello di imposizione pari a euro 25 per litri. L attribuzione del beneficio è condizionata all obbligo di rispettare la progressiva riduzione del consumo di gasolio per finalità ambientali, da assumere in sede di richiesta dell assegnazione prodotto. Le modalità applicative dell agevolazione saranno dettate da un decreto del Ministro delle politiche agricole, alimentari e forestali, di concerto con il Ministro dell economia e delle finanze. Imposta sulle Transazioni Finanziarie: l istanza per l esenzione per il market making Definite le modalità di presentazione delle istanze previste dall'art.16, co.3, lett.a) e b), seconda parte, del Decreto del Ministro dell'economia e delle Finanze del 21/02/13. Consob, delibera n del 2/10/13 Il decreto suddetto, attuativo dei commi da 491 a 499 della legge n.228/12, prevede alcuni casi in cui, al ricorrere dei requisiti, è possibile chiedere l esenzione dall Imposta: soggetto che svolge attività di supporto alla liquidità (market making) (art. 16, co.3, lett.a) seconda parte); soggetto che svolge attività di supporto alla liquidità in base ad un accordo con l'emittente (liquidity provider) (art.16, co.3, lett. b), seconda parte); Per la richiesta di esenzione deve essere presentata istanza alla Consob utilizzando l apposito modulo allegato alla Delibera. Il modulo deve essere inviato attraverso PEC all'indirizzo ovvero tramite lettera raccomandata indirizzata alla Consob - Divisione Mercati - Ufficio Post-Trading - Via G. B. Martini ROMA. Il modulo e i relativi allegati dovranno altresì essere anticipati via . Entro 30 giorni dal ricevimento dell'istanza, sarà fornita risposta in cui è indicato se il richiedente possiede i requisiti necessari per avvalersi dell'esenzione. 4

5 Cartelle Equitalia: negli uffici postali sono sempre aggiornate Un nuovo servizio (per ora accessibile solo a Roma e provincia, ma entro l anno sarà esteso in tutta Italia) consente ai contribuenti il pagamento delle cartelle Equitalia con l importo aggiornato del debito direttamente negli uffici postali, senza la necessità di ulteriori verifiche o adempimenti. I terminali delle Poste possono ora calcolare eventuali variazioni del debito (es. sgravio), oppure aggiornare l importo originario con gli interessi e gli altri aggravi previsti dalla legge dopo 60 giorni dalla notifica della cartella. Equitalia, stampa del 14/10/13 Le cartelle di Equitalia possono essere pagate anche tramite gli altri canali già attivi: sito internet (funzione Estratto conto o Pagare online ); sportelli di Equitalia; ricevitorie Sisal e Lottomatica; tabaccai convenzionati con banca ITB; sportelli bancari. Agevolazioni alle imprese delle ZFU Forniti chiarimenti su tipologia, condizioni, limiti, durata e modalità di fruizione delle agevolazioni fiscali e contributive, concesse sotto forma di esenzioni, in favore di imprese di micro e piccola dimensione localizzate nelle Zone Franche Urbane dell Obiettivo Convergenza, nonché nel territorio dei comuni della provincia di Carbonia-Iglesias, previste dal decreto 10/04/13 del Ministro dello sviluppo economico, di concerto con il Ministro dell economia e delle finanze. Iva: trattato EUROGENDFOR Con la legge n.84/10, è stato ratificato il Trattato istitutivo della Forza di gendarmeria europea (EUROGENDFOR), in vigore dall 1/06/12. Gli artt.19 e 20 del Trattato consentono l applicazione del regime di non imponibilità, analogamente a quanto previsto dall art.72 del D.P.R. n 633/1972: - agli acquisti di consistente importo di beni e servizi effettuati da parte di EUROGENDFOR per uso ufficiale; - agli acquisti di consistente importo effettuati dal personale in forza al QG Permanente, alle condizioni indicate nell art. 20 del Trattato. In entrambi i casi, il limite per definire consistente l importo ai fini dell applicabilità dell art. 20 del Trattato può essere mutuato dall art.72, co.2, del D.P.R. n.633/1972, ed individuato in euro 300. Ammessi 90 studi di settore al regime premiale Il numero degli studi di settore ammessi al regime premiale passa dai 55 per il periodo d imposta 2011 ai 90 del Essi beneficeranno, pertanto, dell esclusione da accertamenti analitico - presuntivi basati sulle presunzioni semplici, della riduzione di 1 anno dei termini di decadenza per l'attività di accertamento e della determinazione sintetica del reddito complessivo al rispetto delle condizioni previste. Nuovo modello multifunzionale per accedere a Entratel Disponibile un nuovo modello multifunzione, che assorbe i 5 precedentemente in uso e si compila direttamente al pc, sia per le nuove richieste di abilitazione sia per eventuali variazioni su utenze già attive. Ministero dello Sviluppo Economico, circolare n del 30/09/13 (G.U. n.237 del 9/10/13) risoluzione n.63 del 9/10/13 stampa del 3/10/13 stampa dell 1/10/13 5

6 Versamento dell imposta sulle transazioni finanziarie: codici tributo Istituiti i seguenti codici tributo per il versamento, tramite modello F24, dell imposta sulle transazioni finanziarie, introdotta dall art. 1, commi 491, 492 e 495: 4058 denominato Imposta sulle transazioni di azioni e di altri strumenti partecipativi art.1, co. 491, l. n.228/2012 ; 4059 denominato Imposta sulle transazioni relative a derivati su equity art.1, co.492, l. n.228/2012 ; 4060 denominato Imposta sulle negoziazioni ad alta frequenza relative ad azioni e strumenti partecipativi art.1, co. 495, l. n.228/2012. Istituiti anche i codici tributo per il versamento, tramite modello F24, delle sanzioni e degli interessi dovuti in caso di ravvedimento di cui all art.13 d.lgs. n.472/1997. Cambio valute settembre 2013 Accertate per il mese di Settembre 2013, agli effetti delle norme dei Titoli I e II del Tuir che vi fanno riferimento, le medie dei cambi delle valute estere calcolati a titolo indicativo dalla Banca d Italia sulla base di quotazioni di mercato e, per alcune valute, rilevati contro Euro nell ambito del SEBC. Versamento del contributo a favore dell Ente Bilaterale EN.BI.VI.SI.: causale Istituita la causale contributo MI53 denominata Ente Bilaterale Contrattuale per la Vigilanza e la Sicurezza - EN.BI.VI.SI, per il versamento mediante modello F24 dei contributi a favore dell Ente Bilaterale Contrattuale per la Vigilanza e la Sicurezza EN.BI.VI.SI. Fabbricati sconosciuti al Catasto Chiusa l operazione case fantasma con l attribuzione a più di immobili di una rendita presunta complessiva di 288 milioni di euro. L attività di controllo sui fabbricati sconosciuti al Catasto è stata realizzata grazie all incrocio delle mappe catastali con le immagini aeree rese disponibili dall Agea (Agenzia per le erogazioni in agricoltura), per avvistare i fabbricati presenti sul territorio ma non nelle banche dati catastali. Soppressione delle causali contributo IADP - DOM4 - DCON - ACON A decorrere dal 17/10/13 sono soppresse le seguenti causali contributo: IADP denominata Incremento addizionale passeggeri ; DOM4 denominata Associazioni dei datori di lavoro domestico ; DCON denominata Prima rata condono Dm ex lege 448/98 ; ACON denominata Prima rata condono lavoratori agricoli ex lege 448/98. Contributi a favore dell Ente Bilaterale Nazionale Imprese e Lavoratori - E.B.I.L. Istituita la causale contributo EBIL denominata Ente Bilaterale Nazionale Imprese e Lavoratori - EBIL per il versamento dei contributi a favore dell Ente Bilaterale Nazionale Imprese e Lavoratori, mediante modello F24. Imposta sostitutiva delle imposte ipotecaria e catastale per i contratti di leasing immobiliare: codici tributo Istituiti i seguenti codici tributo per il versamento, tramite il modello F24 Versamenti con elementi identificativi, dell imposta sostitutiva delle imposte ipotecaria e catastale per i contratti di leasing immobiliare e delle relative sanzioni ed interessi, dovuti a seguito degli avvisi di liquidazione inviati ai sensi dell art. 13, d.lgs. n. 347/1990: risoluzione n.62 del 4/10/13 provvedimento del direttore della direzione centrale normativa del 10/10/13 risoluzione n.66 dell 11/10/13 stampa del 4/10/13 risoluzione n.65 dell 11/10/13 risoluzione n.64 del 14/10/13 risoluzione n. 67 del 14/10/13 6

7 A130 denominato Imposta sostitutiva delle imposte ipotecaria e catastale per i contratti di leasing immobiliare di cui all art.1, co.16, l. n.220/2010 AVVISO DI LIQUIDAZIONE ; A131 denominato Sanzione amministrativa su imposta sostitutiva delle imposte ipotecaria e catastale per i contratti di leasing immobiliare di cui all art.1, c. 16, l. n. 220/2010 AVVISO DI LIQUIDAZIONE ; A132 denominato Interessi su imposta sostitutiva delle imposte ipotecaria e catastale per i contratti di leasing immobiliare di cui all art. 1, c. 16, l. n. 220/2010 AVVISO DI LIQUIDAZIONE ; A100 denominato Spese di notifica per atti impositivi. Valore di case, negozi e uffici del primo semestre 2013 Consultabili, sia utilizzando la tradizionale ricerca testuale, sia mediante il sistema di ricerca su mappa GEOPOI, i dati relativi alle quotazioni immobiliari del 1 semestre 2013, che forniscono un indicazione dei prezzi al metro quadro su tutto il territorio nazionale, in base: al semestre; alla Provincia; al Comune; alla zona OMI; alla destinazione d uso. Termine per versamento e obblighi strumentali relativi all imposta sulle transazioni finanziarie Entro il 16 ottobre deve essere: versata l imposta sulle operazioni su strumenti finanziari derivati e sugli ordini ad alta frequenza di strumenti finanziari derivati e valori mobiliari, effettuati nel mese di settembre 2013; garantito l adempimento degli obblighi strumentali secondo le modalità fissate con il provvedimento del Direttore dell Entrate del 18/7/13. Novità dal sito dell entrate Disponibili gli aggiornamenti: tabelle dei codici tributo e altri codici per il modello F24 e archivi del software di controllo; studi di settore in corso di lavorazione; procedura di controllo dei modelli F24 (versione software: 3.1.6); elenco degli osservatori regionali (studi di settore); procedura di controllo Iva crediti trimestrali (Tr); software per le comunicazioni da parte di Enti associativi (modello Eas) (versione 2.0.0); software di compilazione Agevolazioni Riqualificazione energetica (versione ); elenco dei codici ufficio per la registrazione contratti di locazione; software per la visualizzazione delle forniture relative ai versamenti mediante F24 (versione 2.1.7); software di compilazione relativo al credito d'imposta per gli investimenti in Sicilia; elenco dei provvedimenti di idoneità delle apparecchiature per l attività di spettacolo e di intrattenimento; del 15/10/13 stampa del 15/10/13 sul sito internet dall 1 al 15/10/13 7

8 elenco dei soggetti che hanno richiesto la disapplicazione della regola "black list" (Imposta sulle transazioni finanziarie); elenchi dei soggetti che hanno chiesto di accedere al beneficio del 5 per mille dopo i termini per l iscrizione (aggiornati al 30/09/13); controlli relativi alla trasmissione telematica (versione 2.0.0) (modello 730/2013 Situazioni Particolari); elenco delle banche convenzionate per il modello F24 online; studi in corso di lavorazione (cluster di settembre). Disponibili le Guide: "Ristrutturazioni edilizie: le agevolazioni fiscali"; Nautica & FISCO. Disponibili i modelli: modello polivalente, le istruzioni e le specifiche tecniche (spesometro); modulo di controllo per i saldi relativo al SID (Sistema di Interscambio Flussi Dati), l infrastruttura trasmissiva dedicata allo scambio automatizzato di flussi dati con amministrazioni, società, enti e ditte individuali. Disponibili, infine: tabelle di decodifica dei codici errore per la comunicazione integrativa dei rapporti finanziari. DOTTRINA Il concordato in bianco: le recenti modifiche alla disciplina Illustrate le modifiche introdotte dal D.L. n.69/13 alla disciplina del concordato preventivo c.d. in bianco, prevista dall art.161, co.6, della legge fallimentare, istituto che consente al debitore di presentare una domanda incompleta al primo manifestarsi della crisi e di depositare successivamente, entro un termine fissato dal giudice, il piano di concordato o, in alternativa, una domanda di omologazione di un accordo di ristrutturazione dei debiti. Il debitore, nel termine assegnato dal giudice, può valutare e porre in essere il rimedio migliore per superare la crisi, conservando egli la gestione ordinaria dell impresa, al riparo dalle azioni esecutive individuali dei creditori; ciò comporta però la sua soggezione al controllo del Tribunale. Assonime, circolare n.31 del 10/10/13 Con il D.L. 69/13 sono state introdotte alcune misure che rafforzano le garanzie per i creditori. Rafforzamento degli obblighi informativi del debitore è stata prevista l estensione della documentazione da depositare unitamente alla domanda. Il debitore deve, infatti, depositare i bilanci degli ultimi 3 esercizi e l elenco nominativo dei creditori con l indicazione dei rispettivi crediti. È stato, inoltre, previsto il rafforzamento degli obblighi informativi periodici, imposti dal Tribunale con il decreto che concede il termine per il perfezionamento della domanda, cui è tenuto il debitore sino alla scadenza del termine fissato dal giudice, a pena di inammissibilità della domanda. Tali obblighi devono avere ad oggetto oltre alla gestione finanziaria dell impresa (con periodicità mensile deve essere depositata una situazione finanziaria dell impresa), anche l attività compiuta ai fini della predisposizione della proposta e del piano. Facoltà per il Tribunale di anticipare la nomina del commissario giudiziale - prima delle modifiche, il commissario giudiziale poteva essere nominato soltanto con il decreto con il quale il Tribunale, valutata l ammissibilità della domanda completa della proposta del piano, dichiarava aperto il concordato preventivo. In base al nuovo disposto dell art. 161, co.6 L.F. il Tribunale può nominare tale organo già con il decreto con cui concede il termine entro il quale deve essere perfezionata la domanda di concordato in bianco. 8

9 Interruzione della procedura il Tribunale può: dichiarare l inammissibilità della domanda incompleta ed eventualmente il fallimento qualora il debitore non adempia agli obblighi informativi previsti dall art.161, co. 8 L.F.; interrompere la procedura dichiarando la domanda improcedibile qualora il commissario giudiziale segnali eventuali condotte fraudolente del debitore; abbreviare il termine concesso per il deposito della documentazione, verosimilmente sino a renderne immediata la scadenza, qualora valuti che l attività compiuta dal debitore sia manifestamente inidonea alla predisposizione della proposta e del piano. Le massime dei commercialisti Pubblicate le massime del Consiglio nazionale dei dottori commercialisti ed esperti contabili; riguardano soprattutto gli aspetti disciplinari e deontologici della professione. Tra gli altri chiarimenti è stato affermato che: la qualità di socio accomandatario di una società è incompatibile con la professione di dottore commercialista; la condotta di un amministratore di società che non eserciti i poteri attribuitigli dalla sua carica per impedire una illegittima distrazione di somme è disciplinarmente rilevante per violazione delle norme deontologiche; l allegazione di circostanze relative allo stato di salute o alla situazione familiare non è di per sé tale da escludere la sussistenza dell obbligo di versamento contributivo per chiunque sia iscritto all Albo; l allegazione di circostanze relative alla mancata apertura della partita Iva e alla mancata attivazione di uno studio professionale non è di per sé tale da escludere la sussistenza dell obbligo di versamento contributivo per chiunque sia iscritto all Albo; presupposto della Tassa di concessione governativa è l adozione di atti e di provvedimenti (finalizzati all accertamento delle condizioni per l iscrizione all Albo) che riguardano l esercizio di attività professionali, arti o mestieri. Deve ritenersi che ogni qualvolta si realizzi il presupposto del tributo e cioè l adozione da parte delle amministrazioni competenti di provvedimenti autorizzativi ciò comporta la corresponsione della tassa di concessione governativa, trattandosi di autonomo atto amministrativo che necessita di specifica attività istruttoria. CNDCEC, massime 2012, pubblicate sul sito il 9/10/13 9

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE VISTO l art. 1, comma 639 della Legge 27 dicembre 2013, n. 147, che ha istituito, a decorrere dal 1 gennaio 2014, l imposta

Dettagli

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2.1 Gli effetti dell iscrizione nel Registro delle Imprese L art. 2 del d.lgs. 18 maggio 2001, n. 228 (in materia di orientamento e modernizzazione del settore

Dettagli

PROCEDURALE RELATIVO ALLA CONCESSIONE DEI BENEFICI FISCALI SUL GASOLIO PER USO AUTOTRAZIONE UTILIZZATO NEL SETTORE DEL TRASPORTO * * * * *

PROCEDURALE RELATIVO ALLA CONCESSIONE DEI BENEFICI FISCALI SUL GASOLIO PER USO AUTOTRAZIONE UTILIZZATO NEL SETTORE DEL TRASPORTO * * * * * PROCEDURALE RELATIVO ALLA CONCESSIONE DEI BENEFICI FISCALI SUL GASOLIO PER USO AUTOTRAZIONE UTILIZZATO NEL SETTORE DEL TRASPORTO * * * * * Al fine di fornire un pratico vademecum sugli adempimenti necessari

Dettagli

CIRCOLARE N. 7/E Roma 20 marzo 2014. Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti. OGGETTO: Cinque per mille per l esercizio finanziario 2014

CIRCOLARE N. 7/E Roma 20 marzo 2014. Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti. OGGETTO: Cinque per mille per l esercizio finanziario 2014 CIRCOLARE N. 7/E Roma 20 marzo 2014 Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti OGGETTO: Cinque per mille per l esercizio finanziario 2014 2 INDICE PREMESSA 1. ADEMPIMENTI 1.1 Enti del volontariato 1.2

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi Il nuovo regime forfettario previsto dalla legge di stabilità per il 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con la

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone:

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone: Prot. n. 2013/87896 Imposta sulle transazioni finanziarie di cui all articolo 1, comma 491, 492 e 495 della legge 24 dicembre 2012, n. 228. Definizione degli adempimenti dichiarativi, delle modalità di

Dettagli

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015 CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 26 marzo 2015 OGGETTO: Articolo 1, comma 154, legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge stabilità 2015) Contributo del cinque per mille dell

Dettagli

Dal 1 ottobre 2014 nuove regole per i pagamenti con modello F24

Dal 1 ottobre 2014 nuove regole per i pagamenti con modello F24 A cura di Raffaella Pompei, dottore commercialista, funzionario dell Ufficio fiscale Dal 1 ottobre 2014 nuove regole per i pagamenti con modello F24 Il Decreto Renzi ha ampliato i casi in cui è necessario

Dettagli

Nuova detrazione IRPEF del 50% per l acquisto di mobili ed elettrodomestici - Chiarimenti dell Agenzia delle Entrate

Nuova detrazione IRPEF del 50% per l acquisto di mobili ed elettrodomestici - Chiarimenti dell Agenzia delle Entrate Informativa ONB Nuova detrazione IRPEF del 50% per l acquisto di mobili ed elettrodomestici - Chiarimenti dell Agenzia delle Entrate INDICE 1 Premessa... 2 2 Soggetti beneficiari... 2 3 Ambito oggettivo

Dettagli

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Circolare N. 21 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 18 marzo 2011 LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del DM 10 febbraio 2011, trovano piena attuazione

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI

TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI di Luigi Cenicola 1. Premessa. A decorrere dall anno 2014, per il servizio di raccolta dei rifiuti solidi urbani e per i servizi indivisibili comunali, si pagheranno

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

OPERATIVA LA COMPENSAZIONE DEI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO

OPERATIVA LA COMPENSAZIONE DEI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO Numero circolare 3 Data 16/03/2011 Abstract: OPERATIVA LA COMPENSAZIONE DEI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO Entrano a regime le modalità per la compensazione delle somme iscritte a ruolo per debiti erariali,

Dettagli

VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI

VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI 28 luglio 2014 Sommario 1 Cos è la certificazione dei crediti... 3 1.1 Quali crediti possono essere certificati... 3 1.2 A quali amministrazioni o

Dettagli

IL FUNZIONARIO RESPONSABILE

IL FUNZIONARIO RESPONSABILE IL FUNZIONARIO RESPONSABILE Vista la vigente normativa in materia, applicabile all'imposta Comunale sugli Immobili e richiamata nel presente atto, AVVISA il contribuente, Coce Fiscale, residente in - (

Dettagli

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti CIRCOLARE 11/E Roma, 23 marzo 2015 OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti 2 INDICE 1 DESTINATARI DELLA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA... 5

Dettagli

MODELLO DI PAGAMENTO: TASSE, IMPOSTE, SANZIONI E ALTRE ENTRATE

MODELLO DI PAGAMENTO: TASSE, IMPOSTE, SANZIONI E ALTRE ENTRATE TASSE IMPOSTE SANZIONI COG DENOMINAZIONE O RAGIONE SOCIALE COG DENOMINAZIONE O RAGIONE SOCIALE (DA COMPILARE A CURA DEL CONCESSIONARIO DELLA BANCA O DELLE POSTE) FIRMA Autorizzo addebito sul conto corrente

Dettagli

CONTRIBUTO AGLI AUTOTRASPORTATORI PER L ACQUISTO DI VEICOLI NUOVI

CONTRIBUTO AGLI AUTOTRASPORTATORI PER L ACQUISTO DI VEICOLI NUOVI CONTRIBUTO AGLI AUTOTRASPORTATORI PER L ACQUISTO DI VEICOLI NUOVI Art. 1, comma 89, Legge n. 147/2013 DM n. 307/2014 Circolare MIT 22.9.2014, n. 18358 Modena, 07 ottobre 2014 La Finanziaria 2014 ha previsto

Dettagli

TRASFERIMENTI IMMOBILIARI: LA NUOVA TASSAZIONE IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2014

TRASFERIMENTI IMMOBILIARI: LA NUOVA TASSAZIONE IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2014 TRASFERIMENTI IMMOBILIARI: LA NUOVA TASSAZIONE IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2014 Sommario 1. Inquadramento normativo generale 2. Trasferimenti di fabbricati 3. terreni edificabili 4. terreni agricoli 5. Successioni

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi terzi il cui soggiorno è irregolare Adozione con delibera

Dettagli

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE La Santa Sede ed il Governo della Repubblica Italiana, qui di seguito denominati anche Parti contraenti; tenuto conto

Dettagli

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Affari Legali e Contenzioso Roma, 12 febbraio 2014 OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Allegato A alla delibera n. 129/15/CONS REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente

Dettagli

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO TARDIVO OD OMESSO VERSAMENTO SANZIONI - RICORSI IL RAVVEDIMENTO - COMPENSAZIONE RIMBORSI SCHEDA N. 3 Claudio Venturi Camera di Commercio Diritto Annuale

Dettagli

IMU - che cos'è. Se possiedi questi immobili, hai tempo fino al 16 giugno 2014 per pagare l acconto. Cos è l IMU Imposta municipale propria

IMU - che cos'è. Se possiedi questi immobili, hai tempo fino al 16 giugno 2014 per pagare l acconto. Cos è l IMU Imposta municipale propria IMU - che cos'è L IMU si continua a pagare sulle case di lusso (categorie A/1, A/8 e A/9), sulle seconde case e su tutti gli altri immobili (ad esempio laboratori, negozi, capannoni, box non di pertinenza

Dettagli

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF)

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) I TRIBUTI 89 APPROFONDIMENTI IL CODICE TRIBUTO Ogni pagamento effettuato con i modelli F23 o F24 deve essere identificato in modo preciso, abbinando a ogni versamento un codice di tributo. Nella tabella

Dettagli

CIRCOLARE N. 12/E. Roma, 19 febbraio 2008

CIRCOLARE N. 12/E. Roma, 19 febbraio 2008 CIRCOLARE N. 12/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 19 febbraio 2008 OGGETTO: Profili interpretativi emersi nel corso della manifestazione Telefisco 2008 del 29 Gennaio 2008 e risposte ad

Dettagli

DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA

DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA PER CHI E PREDISPOSTA COSA OCCORRE PER VISUALIZZARLA QUANDO E ONLINE I DATI PRESENTI NELLA DICHIARAZIONE MODIFICA E PRESENTAZIONE I VANTAGGI DEL MODELLO PRECOMPILATO Direzione

Dettagli

COMUNE DI MORGONGIORI. I.M.U. anno 2012

COMUNE DI MORGONGIORI. I.M.U. anno 2012 COMUNE DI MORGONGIORI PROVINCIA DI ORISTANO IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA I.M.U. anno 2012 VADEMECUM ILLUSTRATIVO Con l art. 13 del D.L. 6 dicembre 2011, n. 201, convertito in Legge 22 dicembre 2011, n. 214

Dettagli

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 LE DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 La quota forfetaria deducibile per ogni singolo lavoratore subordinato

Dettagli

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna PREVIDENZA COMPLEMENTARE E TFR Guida al Lavoro Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna 14 Confronto di convenienza, anche fiscale,

Dettagli

Le novità del DL n. 91/2014 (cd. decreto competitività) Credito d imposta per investimenti in beni strumentali nuovi

Le novità del DL n. 91/2014 (cd. decreto competitività) Credito d imposta per investimenti in beni strumentali nuovi Le novità del DL n. 91/2014 (cd. decreto competitività) Credito d imposta per investimenti in beni strumentali nuovi Le informazioni fornite nel presente documento hanno esclusivamente scopo informativo

Dettagli

AGE.AGEDC001.REGISTRO UFFICIALE.0136693.19-11-2013-U

AGE.AGEDC001.REGISTRO UFFICIALE.0136693.19-11-2013-U COMUNICAZIONE POLIVALENTE (Comunicazione delle operazioni rilevanti ai fini IVA (art. 21 decreto legge n. 78/2010) - Comunicazione delle operazioni legate al turismo effettuate in contanti in deroga all

Dettagli

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego DECRETO 28 maggio 2001, n.295 Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego Capo I Art. 1 Definizioni 1. Nel presente regolamento l'espressione: a)

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI

Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI Comune di Cerignola Provincia di Foggia Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI INDICE Art. 1 - Art. 2 - Art. 3 - Art. 4 - Art. 5 - Art. 6 - Art. 7 - Art. 8 - Art. 9

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

RISOLUZIONE N. 42/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 42/E QUESITO RISOLUZIONE N. 42/E Direzione Centrale Normativa Roma, 27 aprile 2012 OGGETTO: Interpello (art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212) - Chiarimenti in merito alla qualificazione giuridica delle operazioni

Dettagli

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969).

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969). Il commento 1. Premessa La sospensione feriale dei termini è prevista dall art. 1, co. 1, della L. 07/10/1969, n. 742 1, il quale dispone che: Il decorso dei termini processuali relativi alle giurisdizioni

Dettagli

L'applicazione RLI-Web deve essere utilizzata, in relazione ai seguenti adempimenti:

L'applicazione RLI-Web deve essere utilizzata, in relazione ai seguenti adempimenti: Benvenuto su RLI WEB L'applicazione RLI-Web deve essere utilizzata, in relazione ai seguenti adempimenti: richieste di registrazione dei contratti di locazione di beni immobili e affitto fondi rustici;

Dettagli

SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE VISTI gli articoli 76 e 87 della Costituzione; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA VISTA la

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

Oggetto: il mod. 730 precompilato e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate

Oggetto: il mod. 730 precompilato e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate Legnano, 21/04/2015 Alle imprese assistite Oggetto: il mod. 730 precompilato e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate Come noto, ai sensi dell art. 1, D.Lgs. n. 175/2014, Decreto c.d. Semplificazioni,

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi Le principali novità in materia di tassazione dei redditi fondiari Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Dettagli

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI Tratto dalla rivista IPSOA Pratica Fiscale e Professionale n. 8 del 25 febbraio 2008 A cura di Marco Peirolo Gruppo di studio Eutekne L

Dettagli

IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012

IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012 IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012 OGGETTO DELL IMU L IMU sostituisce l ICI e, per la componente immobiliare, l IRPEF e le relative addizionali regionali e comunali, dovute

Dettagli

I.U.C. Imposta Unica Comunale

I.U.C. Imposta Unica Comunale COMUNE DI MARCON I.U.C. Imposta Unica Comunale Con la Legge n. 147/2013 (Legge di stabilità 2014) è stata istituita a decorrere dal 01/01/2014 l Imposta Unica Comunale (IUC). L imposta unica comunale (IUC)

Dettagli

IMU: analisi dei versamenti 2012

IMU: analisi dei versamenti 2012 IMU: analisi dei versamenti 2012 1. Analisi dei versamenti complessivi I versamenti IMU totali aggiornati alle deleghe del 25 gennaio 2013 ammontano a circa 23,7 miliardi di euro, di cui 9,9 miliardi di

Dettagli

INTEGRAZIONE E DEFINIZIONE PER GLI ANNI PREGRESSI DEFINIZIONE DEI RITARDATI OD OMESSI VERSAMENTI

INTEGRAZIONE E DEFINIZIONE PER GLI ANNI PREGRESSI DEFINIZIONE DEI RITARDATI OD OMESSI VERSAMENTI 2003 AGENZIA DELLE ENTRATE INTEGRAZIONE E DEFINIZIONE PER GLI ANNI PREGRESSI DEFINIZIONE DEI RITARDATI OD OMESSI VERSAMENTI artt. 8, 9, 9-bis e 14 della legge 27 dicembre 2002, n. 289, e successive modificazioni

Dettagli

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Modello 730 precompilato e fatturazione elettronica Roma, 11 marzo 2015 2 PREMESSA Signori

Dettagli

Roma, 19 settembre 2014

Roma, 19 settembre 2014 CIRCOLARE N. 27 Direzione Centrale Amministrazione, Pianificazione e Controllo Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 19 settembre 2014 OGGETTO: Modalità di presentazione delle deleghe di pagamento

Dettagli

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 206 23.07.2013 Sospensione feriale dei termini processuali Categoria: Contenzioso Sottocategoria: Processo tributario Anche quest anno, come di

Dettagli

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente"

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente LEGGE 27 LUGLIO, N.212 "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente" pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 177 del 31 luglio 2000 Art. 1. (Princìpi generali) 1. Le disposizioni della

Dettagli

Ufficio Tecnico REGOLAMENTO

Ufficio Tecnico REGOLAMENTO Comune di Cabras Provincia di Oristano Comuni de Crabas Provìncia de Aristanis Ufficio Tecnico S e r v i z i o l l. p p. - U r b a n i s t i c a - P a t r i m o n i o REGOLAMENTO PER LA VENDITA DA PARTE

Dettagli

Parte viii> contenzioso e strumenti Per evitarlo

Parte viii> contenzioso e strumenti Per evitarlo Parte viii> contenzioso e strumenti Per evitarlo 1. come rimediare a errori e dimenticanze: il ravvedimento Il ravvedimento per imposte dirette e Iva Modalità di pagamento Presentazione della dichiarazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI Art. 1 - Oggetto del Regolamento Il presente documento regolamenta l esercizio del diritto di accesso ai documenti amministrativi in conformità a quanto

Dettagli

A A GUIDA ALL INTERPELLO WWW.AGENZIAENTRATE.IT

A A GUIDA ALL INTERPELLO WWW.AGENZIAENTRATE.IT L A G E N Z I A I N F O R M A A A DELLE ENTRATE AGENZIA GENZI DELLE ENTRATE Progetto grafico: FULVIO RONCHI UFFICIO RELAZIONI ESTERNE GUIDA ALL INTERPELLO COME OTTENERE DALL AGENZIA DELLE ENTRATE LA RISPOSTA

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE Circolare 10 febbraio 2014, n. 4567 Termini e modalità di presentazione delle domande per la concessione e l erogazione

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO FOGLIO INFORMATIVO NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO INFORMAZIONI SULLA BANCA UNIPOL BANCA S.p.A. SEDE LEGALE

Dettagli

CIRCOLARE N. 2/E. R RrRrrr. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 2/E. R RrRrrr. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 2/E R RrRrrr Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Modifiche alla tassazione applicabile, ai fini dell imposta di registro, ipotecaria e catastale, agli atti di trasferimento o di costituzione

Dettagli

DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015

DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015 DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015 Identificativo Atto n. 191 DIREZIONE GENERALE ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO Oggetto APPROVAZIONE DELL AVVISO FORMAZIONE CONTINUA COMPETITIVITA EXPO E L'atto si compone

Dettagli

IMU Risposte alle domande più frequenti poste dai contribuenti

IMU Risposte alle domande più frequenti poste dai contribuenti IMU Risposte alle domande più frequenti poste dai contribuenti Premessa L IMU comporta un forte aumento del prelievo patrimoniale sugli immobili (pari al 233% dell ICI) gran parte del quale va a beneficio

Dettagli

RISOLUZIONE N. 13/E. Roma, 20 gennaio 2009

RISOLUZIONE N. 13/E. Roma, 20 gennaio 2009 RISOLUZIONE N. 13/E Roma, 20 gennaio 2009 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Istanza di interpello Art. 11 Legge 27 luglio 2000, n. 212 Gestore dei Servizi Elettrici, SPA Dpr 26 ottobre

Dettagli

di Roberto Fontana, magistrato

di Roberto Fontana, magistrato 10.1.2014 LE NUOVE NORME SULLA FISSAZIONE DELL UDIENZA E LA NOTIFICAZIONE DEL RICORSO E DEL DECRETO NEL PROCEDIMENTO PER DICHIARAZIONE DI FALLIMENTO di Roberto Fontana, magistrato Sommario. 1. La nuova

Dettagli

TUTTO QUELLO CHE SI DEVE SAPERE SULL IMU. Guida a cura della UIL Servizio Politiche Territoriali LE ALIQUOTE

TUTTO QUELLO CHE SI DEVE SAPERE SULL IMU. Guida a cura della UIL Servizio Politiche Territoriali LE ALIQUOTE TUTTO QUELLO CHE SI DEVE SAPERE SULL IMU Guida a cura della UIL Servizio Politiche Territoriali Aliquota ordinaria rurali LE ALIQUOTE Aliquota ordinaria I casa Aliquota ordinaria altri 2 per mille 4 per

Dettagli

Sintesi modifiche apportate alle Disposizioni Attuative Specifiche della Mis. 123 - Accrescimento del valore aggiunto del settore agricolo e forestale

Sintesi modifiche apportate alle Disposizioni Attuative Specifiche della Mis. 123 - Accrescimento del valore aggiunto del settore agricolo e forestale REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana ASSESSORATO REGIONALE DELLE RISORSE AGRICOLE E ALIMENTARI DIPARTIMENTO REGIONALE INTERVENTI STRUTTURALI Programma di Sviluppo Rurale Regione Sicilia 2007-2013 Reg.

Dettagli

Chi può presentare la domanda

Chi può presentare la domanda BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER FAVORIRE LA CRESCITA DELLE IMPRESE SUI MERCATI INTERNAZIONALI II QUADRIMESTRE 2014 AFRQ2/14 La Camera di Commercio di Frosinone, attraverso ASPIN, Azienda Speciale

Dettagli

Approvazione delle modifiche al modello di versamento F24 enti pubblici ed alle relative specifiche tecniche Introduzione del secondo codice fiscale

Approvazione delle modifiche al modello di versamento F24 enti pubblici ed alle relative specifiche tecniche Introduzione del secondo codice fiscale Prot. n. 2012/140335 Approvazione delle modifiche al modello di versamento F24 enti pubblici ed alle relative specifiche tecniche Introduzione del secondo codice fiscale IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base

Dettagli

BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI

BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI Gli aggiornamenti più recenti Proroga dell agevolazione al 31 dicembre 2015 I quesiti più frequenti aggiornamento aprile 2015 ACQUISTI AGEVOLATI IMPORTO DETRAIBILE MODALITA

Dettagli

Guida. alla detrazione fiscale del. 65% per la. riqualificazione energetica e l adeguamento antisismico degli edifici

Guida. alla detrazione fiscale del. 65% per la. riqualificazione energetica e l adeguamento antisismico degli edifici Guida alla detrazione fiscale del 65% per la riqualificazione energetica e l adeguamento antisismico degli edifici Aggiornata al 20 dicembre 2013 Sommario 1. IL QUADRO NORMATIVO.... pag. 3 2. EDIFICI INTERESSATI.....

Dettagli

COMUNICAZIONE INIZIO LAVORI PERMESSO DI COSTRUIRE

COMUNICAZIONE INIZIO LAVORI PERMESSO DI COSTRUIRE Modello da compilarsi a cura del dichiarante, direttore lavori e impresa esecutrice opere Sportello per l Edilizia COMUNE DI VENEZIA DIREZIONE SPORTELLO UNICO EDILIZIA Sede di Venezia - San Marco 4023

Dettagli

Notiziario mensile N E W S

Notiziario mensile N E W S LA LETTRE FISCALE Notiziario mensile CIRCOLARE INFORMATIVA Aprile 2013 N E W S MORATORIA ABI Prorogato al 30 giugno 2013 il termine per la presentazione delle istanze Con un comunicato stampa l Associazione

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 e degli artt. 1571 e seguenti del codice civile. CON LA PRESENTE SCRITTURA PRIVATA la CAMERA

Dettagli

RIDUZIONE CONTRIBUTO ORDINARIO A SEGUITO DEL PRESUNTO MAGGIOR GETTITO ICI FABBRICATI EX-RURALI, CAT. E, B

RIDUZIONE CONTRIBUTO ORDINARIO A SEGUITO DEL PRESUNTO MAGGIOR GETTITO ICI FABBRICATI EX-RURALI, CAT. E, B RIDUZIONE CONTRIBUTO ORDINARIO A SEGUITO DEL PRESUNTO MAGGIOR GETTITO ICI FABBRICATI EX-RURALI, CAT. E, B L articolo 2 commi da 39 a 46 del D.L. 262/2006 conv. L. 286/2006 aveva previsto per gli enti locali

Dettagli

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Gruppo di Lavoro ITACA Regioni/Presidenza del Consiglio dei Ministri Aggiornamento 14 novembre 2011 Dipartimento

Dettagli

D.L. 30 dicembre 2013, n. 151

D.L. 30 dicembre 2013, n. 151 D.L. 30 dicembre 2013, n. 151 Disposizioni di carattere finanziario indifferibili, finalizzate a garantire la funzionalità di enti locali, la realizzazione di misure in tema di infrastrutture, trasporti

Dettagli

TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34

TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34 Pagina 1 di 7 TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34 Testo del decreto-legge 20 marzo 2014, n. 34 (in Gazzetta Ufficiale - serie generale - n. 66 del 20 marzo 2014), coordinato con la

Dettagli

Direzione Centrale Entrate. Roma, 10/04/2015

Direzione Centrale Entrate. Roma, 10/04/2015 Direzione Centrale Entrate Roma, 10/04/2015 Circolare n. 72 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LE POLITICHE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE E LA PROMOZIONE DEGLI SCAMBI IL DIRETTORE GENERALE Visto l articolo 30 del Decreto Legge 12 settembre 2014,

Dettagli

GUIDA FISCALE PER GLI STRANIERI 2009

GUIDA FISCALE PER GLI STRANIERI 2009 GUIDA FISCALE PER GLI STRANIERI 2009 CODICE FISCALE/TESSERA SANITARIA/PARTITA IVA CONTRATTI DI LOCAZIONE ACQUISTO PRIMA CASA SUCCESSIONI RIMBORSI COMUNICAZIONI DI IRREGOLARITÀ E CARTELLE DI PAGAMENTO GUIDA

Dettagli

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITA' CULTURALI E DEL TURISMO

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITA' CULTURALI E DEL TURISMO Pagina 1 di 7 MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITA' CULTURALI E DEL TURISMO DECRETO 12 febbraio 2015 Disposizioni applicative per l'attribuzione del credito d'imposta agli esercizi ricettivi, agenzie di

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

CIRCOLARE N. 26/E. Roma, 01 giugno 2011

CIRCOLARE N. 26/E. Roma, 01 giugno 2011 CIRCOLARE N. 26/E Direzione Centrale Normativa Roma, 01 giugno 2011 Oggetto: Cedolare secca sugli affitti Articolo 3 del decreto legislativo 14 marzo 2011, n. 23 (Disposizioni in materia di federalismo

Dettagli

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015 CIRCOLARE N. 22/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 giugno 2015 OGGETTO: Modifiche alla disciplina dell IRAP Legge di Stabilità 2015 2 INDICE Premessa... 3 1) Imprese operanti in concessione e a tariffa...

Dettagli

COMUNE DI NE Provincia di Genova

COMUNE DI NE Provincia di Genova COMUNE DI NE Provincia di Genova COPIA Deliberazione del Consiglio Comunale Adunanza del 28.04.2014 Reg. Verb. N. 5 OGGETTO: GESTIONE COMPONENTE TASI (TRIBUTO SERVIZI INDIVISIBILI) ANNO 2014. L anno duemilaquattordici

Dettagli

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO SERVIZIO DECENTRAMENTO E ASSISTENZA AMMINISTRATIVA AI PICCOLI COMUNI SERVIZIO PROGRAMMAZIONE E GESTIONE ATTIVITA TURISTICHE E SPORTIVE www.provincia.torino.gov.it FORUM IN MATERIA DI ENTI SPORTIVI DILETTANTISTICI

Dettagli

LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI

LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI INFORMATIVA N. 204 14 SETTEMBRE 2011 IVA LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI Artt. 7-ter, 7-quater e 7-sexies, DPR n. 633/72 Regolamento UE 15.3.2011, n. 282 Circolare Agenzia Entrate

Dettagli

TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI»

TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI» TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI» Prefettura Ufficio Territoriale del Governo di Avellino a cura del dr. Pasquale Trocchia Dirigente del Ministero dell Interno Responsabile delle

Dettagli

Roma, 28 aprile 2015

Roma, 28 aprile 2015 Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti RISOLUZIONE N. 42/E Roma, 28 aprile 2015 Oggetto: Estensione alla modalità di versamento F24 Enti pubblici dei codici tributo utilizzati con il modello F24 per

Dettagli

Prot. n. 536 Settore: Tecnico Rif.: AP/AP Class. 10-9-0 Arbus, 10/01/2014 F: 1_2012

Prot. n. 536 Settore: Tecnico Rif.: AP/AP Class. 10-9-0 Arbus, 10/01/2014 F: 1_2012 Prot. n. 536 Settore: Tecnico Rif.: AP/AP Class. 10-9-0 Arbus, 10/01/2014 F: 1_2012 AVVISO DI INDAGINE DI MERCATO PER L INDIVIDUAZIONE DEI PROFESSIONISTI DA INVITARE ALLA PROCEDURA NEGOZIATA PER L AFFIDAMENTO

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati Pagina 1/8 FOGLIO INFORMATIVO 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati INFORMAZIONI SULLA BANCA CASSA DI RISPARMIO DI VOLTERRA S.p.A. Sede Legale: Piazza dei Priori, 16/18 56048 Volterra (PI) Tel.:

Dettagli

REGOLAMENTO SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO E SUL DIRITTO D'ACCESSO AGLI ATTI

REGOLAMENTO SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO E SUL DIRITTO D'ACCESSO AGLI ATTI COMUNE DI TREMEZZINA REGOLAMENTO SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO E SUL DIRITTO D'ACCESSO AGLI ATTI Approvato con deliberazione del Commissario prefettizio assunta con i poteri di Consiglio n. 19 del 02/04/2014

Dettagli

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI 1. Aspetti fiscali generali Gli enti di tipo associativo, di cui fanno parte anche le associazioni sportive dilettantistiche, sono assoggettate

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Visto l'articolo 20 della legge 15 marzo 1997, n. 59, allegato 1, numeri 94, 97 e 98, e successive modificazioni;

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Visto l'articolo 20 della legge 15 marzo 1997, n. 59, allegato 1, numeri 94, 97 e 98, e successive modificazioni; D.P.R. 14-12-1999 n. 558 Regolamento recante norme per la semplificazione della disciplina in materia di registro delle imprese, nonché per la semplificazione dei procedimenti relativi alla denuncia di

Dettagli