INFORMAZIONI GENERALI CERTIFICAZIONE DI PRODOTTO DIRETTIVE CE PROVE, VALUTAZIONI E VERIFICHE DI LABORATORIO

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "INFORMAZIONI GENERALI CERTIFICAZIONE DI PRODOTTO DIRETTIVE CE PROVE, VALUTAZIONI E VERIFICHE DI LABORATORIO"

Transcript

1 IServiziIMQ

2 INFORMAZIONI GENERALI CERTIFICAZIONE DI PRODOTTO DIRETTIVE CE PROVE, VALUTAZIONI E VERIFICHE DI LABORATORIO CERTIFICAZIONE DI SISTEMI DI GESTIONE AZIENDALE REGISTRAZIONE DELLE DITTE INSTALLATRICI DI SISTEMI DI SICUREZZA VERIFICHE SU IMPIANTI E IMMOBILI VERIFICHE PER LA SALUTE E SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO SERVIZI PER L ENERGIA E L AMBIENTE SERVIZI PER L ICT SECURITY ALTRI SERVIZI PER LA SICUREZZA E LA QUALITÀ DELLE AZIENDE ASSISTENZA EXPORT-IMPORT E SERVIZI PER RETAILERS EGDO 12 I SERVIZI IMQ

3 1. INFORMAZIONI GENERALI pag SCOPO DELL IMQ 1.2 CAMPO DI ATTIVITÀ 4. PROVE, VALUTAZIONI E VERIFICHE DI LABORATORIO pag MISURE DI SICUREZZA OTTICA E FOTOMETRIA 8. VERIFICHE PER LA SALUTE pag. 34 ESICUREZZANEILUOGHIDILAVORO 8.1 MISURE FONOMETRICHE 1.3 SEGRETO PROFESSIONALE 4.2 MISURE CAMPI ELETTROMAGNETICI 8.2 MISURE DI CAMPI ELETTROMAGNETICI 1.4 INFORMAZIONI SU PRATICHE IN CORSO 4.3 MISURE E PROVE DI COMPATIBILITÀ 8.3 VERIFICHE MICROCLIMATICHE E DI ILLUMINAZIONE 1.5 RICONOSCIMENTI LEGISLATIVI ELETTROMAGNETICA 8.4 VALUTAZIONE DELLE RADIAZIONI OTTICHE ARTIFICIALI 1.6 ACCREDITAMENTI, NOTIFICHE E AUTORIZZAZIONI 4.4 PROVE DI CORTOCIRCUITO SU APPARECCHIATURE 8.5 SERVIZI PER LA PREVENZIONE INCENDI PUBBLICAZIONI 1.8 ACCESSO AI SERVIZI IMQ BASSA TENSIONE 4.5 PROVE PER L ETICHETTATURA DEI CONSUMI E 8.6 MONITOR SICUREZZA 8.7 CERTIFICAZIONE BS OHSAS RECLAMI E RICORSI 1.10 SEDE IMQ 2. CERTIFICAZIONE DI PRODOTTO pag MARCHI DI SICUREZZA 2.2 MARCHI DI QUALITÀ E PRESTAZONE 2.3 MARCHI EUROPEI E INTERNAZIONALI 2.4 COME SI OTTIENE LA CERTIFICAZIONE IMQ DI PRODOTTO 2.5 I VANTAGGI DELLA CERTIFICAZIONE IMQ DI PRODOTTO 2.6 IL MARCHIO IMQ COME SUPPORTO ALLA VENDITA 3. DIRETTIVE CE pag APPARECCHI A GAS E RELATIVI DISPOSITIVI 3.2 APPARECCHIATURE RADIO E TERMINALI TELECOMUNICAZIONI (R&TTE) 3.3 ASCENSORI 3.4 ATEX 3.5 ATTREZZATURE A PRESSIONE (PED) 3.6 AUTOMOTIVE 3.7 BASSA TENSIONE 3.8 COMPATIBILITA ELETTROMAGNETICA (EMC) 3.9 DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE (DPI) 3.10 DISPOSITIVI MEDICI 3.11 ECODESIGN 3.12 EMISSION TRADING 3.13 GIOCATTOLI 3.14 MACCHINE VERIFICHE AMBIENTALI SECONDO LA DIRETTIVA ECODESIGN 4.6 ETICHETTA INFORMATIVA 4.7 PROVE INVECCHAMENTO ACCELERATO 4.8 PROVE PER L OTTENIMENTO DELLA CERTIFICAZIONE KONNEX (KNX) 4.9 PROVE SPECIALI 5. CERTIFICAZIONE DI SISTEMI pag. 24 DI GESTIONE AZIENDALE 5.1 IL SISTEMA CSQ 5.2 LE CERTIFICAZIONI RILASCIATE 5.3 I VANTAGGI DELLA CERTIFICAZIONE CSQ 6. REGISTRAZIONE DELLE DITTE pag. 28 INSTALLATRICI DI SISTEMI DI SICUREZZA 6.1. REGISTRAZIONE IMQ DELLE DITTE INSTALLATRICI DI SISTEMI DI SICUREZZA 6.2 REGISTRAZIONE IMQ DELLE DITTE INSTALLATRICI EMANUTENTRICIDIIMPIANTIANTICENDIO 6.3 CERTIFICAZIONE DELLE CENTRALI DI TELESORVEGLIANZA 7. VERIFICHE SU IMPIANTI pag. 30 EIMMOBILI 7.1 VERIFICHE IMPIANTI ELETTRICI 9. SERVIZI PER L ENERGIA pag. 36 EL AMBIENTE 9.1 SERVIZI PER L ENERGIA 9.2 SERVIZI PER L AMBIENTE 10. SERVIZI PER L ICT SECURITY pag VERIFICHE PER IL SETTORE ICT SECURITY 11. ALTRI SERVIZI PER pag. 40 LA SICUREZZA E LA QUALITÀ DELLE AZIENDE 11.1 AUDIT DI SECONDA PARTE 11.2 TARATURA STRUMENTI 11.3 ASSISTENZA TECNICO-NORMATIVA 11.4 FORMAZIONE 12. ASSISTENZA EXPORT-IMPORT pag. 42 ESERVIZIPERRETAILERSEGDO 12.1 ASSISTENZA ALL ESPORTAZIONE CERTIFICAZIONI INTERNAZIONALI EUROPA MONDO SUPPORTO PER CINA E AMERICA ASSISTENZA TECNICO NORMATIVA 3.15 PRODOTTI DA COSTRUZIONE (CPD) 7.2 VERIFICHE IMPIANTI ASCENSORE 12.2 ASSISTENZA ALL IMPORTAZIONE 3.16 ROHS 7.3 CERTIFICAZIONE IMMOBILI 12.3 VERIFICA FORNITORI E FORNITURE 3.17 STRUMENTI DI MISURA (MID) 7.4 CERTIFICAZIONE E AUDIT ENERGETICO 12.4 SERVIZI PER RETAILERS E GDO 3.18 NOTIFICHE IMQ 7.5 VERIFICHE REQUISITI ACUSTICI 7.6 MONITOR SICUREZZA IMMOBILI 1 INDICE

4 1. Informazioni generali 1.1 SCOPO DELL IMQ 1.2 CAMPO DI ATTIVITÀ 1.3 SEGRETO PROFESSIONALE 1.4 INFORMAZIONI SU PRATICHE IN CORSO 1.5 RICONOSCIMENTI LEGISLATIVI 1.6 ACCREDITAMENTI, NOTIFICHE E AUTORIZZAZIONI 1.7 PUBBLICAZIONI 1.8 ACCESSO AI SERVIZI IMQ 1.9 RECLAMI E RICORSI 1.10 SEDE IMQ 2 I SERVIZI IMQ

5 1.1 Scopo dell IMQ IMQ, fondata nel 1951, ha come scopo primario quello di valutare la conformità (certificazione, prove, verifiche, ispezioni) di prodotti, processi aziendali, impianti. 1.2 Campo di attività dell IMQ L attività dell IMQ si svolge nei seguenti settori: Certificazionediprodottoneisettorielettrico, elettronico, gas, energie e ambiente - marchidisicurezza - marchidiqualitàeprestazione - marcaturace - marchieuropeieinternazionali AttestazionediconformitàsecondoledirettiveCE Provedilaboratorioepercertificazioni internazionali Certificazionedisistemidigestioneaziendali Verifichesuimpianti(elettrici,ascensori,sistemi di sicurezza) ed immobili Verificheperlasaluteesicurezzaneiluoghidi lavoro Servizi per l energia e l ambiente Serviziperl ICTsecurity Serviziperleaziende - assistenzatecnico-normativa - formazione Assistenzaall esportazioneeall importazione 1.3 Segreto professionale del personale IMQ Tutto il personale IMQ ha l obbligo di una stretta osservanza del segreto professionale. In particolare non èconsentitoalpersonaledirilasciareaterziinformazioni su disegni, particolari costruttivi, soluzioni tecniche, soluzioni gestionali, ecc. riguardanti prodotti o sistemi di altre aziende. Significa inoltre che i costruttori ed i loro collaboratori non sono normalmente ammessi nelle zone operative di IMQ. 1.4 Informazioni su pratiche in corso Informazioni relative allo stato di avanzamento delle pratiche in corso, possono essere richieste solo dalla persona delegata dall azienda richiedente, il cui nominativo sia stato segnalato all IMQ. 1.5 Riconoscimenti legislativi IMQ ha ricevuto riconoscimenti da parte dell Amministrazione Pubblica in diversi settori. In generale tali riconoscimenti affidano all IMQ il compito di svolgere delle attività di valutazione della conformità ai sensi di atti legislativi nazionali anche in recepimento di direttive comunitarie. 3 INFORMAZIONI GENERALI

6 1.6 Accreditamenti, notifiche eautorizzazioni Accredia (Ente italiano di Accreditamento) - Dipartimento certificazione e ispezione Certificazione di prodotto - Apparecchidibassatensionesoggettiamisuredi compatibilità elettromagnetica - Apparecchidiilluminazioneeaccessori - Apparecchidiprotezione,apparecchiaturee attrezzature a bassa tensione - Apparecchielettronici - Apparecchimedicali - Apparecchiutilizzatoriagaseacombustibilesolido erelatividispositivi - Apparecchiutilizzatorielettrici - Apparecchiatureperlatecnologiadell informazione emacchineperufficio - Apparecchiaturepersistemidisicurezza - Cavi-Cavimediaealtatensione-Lineeelettriche aeree ed elementi accessori - Componentiperilsettoredelsolaretermico - Condensatoriefiltri - Contatorielettriciegruppidimisura - Interruttoriedispositividicontrolloperapparecchi - Interruttoridimanovraesezionatori - Macchine,ascensorierelativicomponenti - Materialedainstallazioneedispositividiconnessione - Trasformatori - Utensilielettriciportatili Certificazione di sistemi di gestione aziendali - perlaqualità(iso9001) - perl'ambiente(iso14001) - perl energia(en16001) - perlasaluteesicurezzadeilavoratori(bsohsas 18001) - perlasicurezzadelleinformazioni(iso/iec27001) - perlagestioneserviziit(iso/iec20000) (accreditamento APMG già ITSMF-UK) - perlaresponsabilitàsociale(sa8000) - perlaqualitànelsettoreautomotive(iso/ts16949) (accreditamento IATF) - perlaqualitànelsettoremedicale(iso13485) (accreditamento IATF) - perlaqualitànelsettoreferroviario(iris) (accreditamento UNIFE) Organismo di Ispezione di tipo A su impianti fotovoltaici ai sensi della Norma ISO/IEC Accredia - Dipartimento laboratori di prova - Laboratoriocavi,laboratoriochimico,laboratorio cortocircuito, laboratorio gas e laboratorio compatibilità elettromagnetica, per le prove indicate sul certificato di accreditamento (consultabile anche su Accredia - Dipartimento laboratori di taratura - Centroditaraturan.21 Direttive CE - Apparecchiagas - Apparecchiatureradioeterminalidi telecomunicazione (R&TTE) - Ascensoriecomponenti - Atex - Attrezzatureapressione(PED) - Bassatensione - Compatibilitàelettromagnetica(EMC) - Dispositividiprotezioneindividuale(DPI) - Dispositivimedici - Emissiontrading - Giocattoli - Macchine - Prodottidacostruzione(CPD) - Rendimentocaldaie - Strumentidimisura(MID) Ministero dello Sviluppo Economico - Esecuzioneproveemisuresuapparati radiotrasmittenti - Verificheperiodichesuimpiantielettrici(DPR462/01) eascensori(dpr162/99e214/10) Ministero delle Finanze - Taraturecontatorielettriciaventirilevanzafiscale 1.7 Pubblicazioni Le principali pubblicazioni IMQ sono: - Gruppo IMQ Informa,periodicoinformativodi carattere certificativo-normativo. - IMQ Notizie,periodicoinformativochetrattale problematiche della sicurezza, della qualità e dell ambiente. Aquestepubblicazionisiaggiungonogliopuscoli istituzionali oltre alle brochure specifiche per ogni ambito di attività. 1.8 Accesso ai servizi IMQ Qualsiasi azienda può accedere ai servizi IMQ. Le procedure in base alle quali IMQ opera non vengono applicate in modo discriminatorio e non vengono poste in atto condizioni finanziarie o altre condizioni indebite. 1.9 Reclami e ricorsi Èpoliticadell'lMQgestireeventualireclamiericorsicon la massima rapidità nell'ottica della soddisfazione del cliente e del miglioramento dei servizi offerti. 4 I SERVIZI IMQ

7 1.10 Sede IMQ SEDE PRINCIPALE MILANO via Quintiliano 43, Tel Fax: Come si raggiunge Tram: n. 27 da centro città (fermata Quintiliano). Bus: n.88 da Stazione Rogoredo (fermata via dei Liri). Taxi: 10 min. da Linate, 70 min. da Malpensa, 20 min. da centro città. Auto: Tangenziale Est uscita Mecenate. Orario ricevimento merci Dal lunedì al venerdì: 9,00-17,00. IMQ - UFFICIO ROMA Via Riccardo Gigante Roma - Italia Tel Fax: Oltre a IMQ S.p.A., del Gruppo IMQ fanno parte anche CSI S.p.A. (Bollate), IMQ-Primacontrol S.r.l. (San Vendemiano), IMQ Clima S.p.A. (Amaro), Icila S.r.l. (Lissone), Elcolab S.r.l. (Belforte del Chiento - MC) IMQ Iberica (con sede a Madrid e Barcellona, Spagna), IMQ Kraków R.O. (ufficio di rappresentanza con sede in Polonia) e IMQ Certification Shanghai (società con sede in Cina). Il Gruppo IMQ vanta inoltre una partecipazione nell'istituto Giordano S.p.A. (Bellaria) in CISQCERT S.p.A. (Milano), in Icube S.A. (con sede a Buenos Aires, Argentina). EUROPA Spagna - IMQ Iberica Calle Diego de León, 69-5ª Planta Madrid - España Calle Consell de Cent, 83-6ª Planta Barcellona Polonia - IMQ Kraków ul. Kraszewskiego 36, Cracovia - Poland ASIA Cina - IMQ Certification Shanghai Room 6A, Zhao Feng World Trade Building 369, Jiang Su Road Shanghai China SUD AMERICA Argentina - Icube AV. Belgrano 624-1st floor (C1092AAT) - Buenos Aires 5 INFORMAZIONI GENERALI

8 2. Certificazione di prodotto 2.1 MARCHI DI SICUREZZA 2.2 MARCHI DI QUALITÀ E PRESTAZONE 2.3 MARCHI EUROPEI E INTERNAZIONALI 2.4 COME SI OTTIENE LA CERTIFICAZIONE IMQ DI PRODOTTO 2.5 I VANTAGGI DELLA CERTIFICAZIONE IMQ DI PRODOTTO 2.6 IL MARCHIO IMQ COME SUPPORTO ALLA VENDITA 6 I SERVIZI IMQ

9 La certificazione di prodotto prevede il rilascio di marchi o di certificati che attestano la conformità dei prodotti alle caratteristiche di sicurezza e, in taluni casi, anche di prestazione, fissate dalle norme di buona tecnica. Imarchidiconformità,qualecertificazionediterzaparte, rafforzano la validità della marcatura CE nei confronti dei consumatori, soprattutto nei casi in cui la marcatura CE viene apposta dal fabbricante senza l'intervento di un Organismo Notificato. Inoltre, è altrettanto importante considerare altri due aspetti caratterizzanti la presenza sui prodotti di un marchio di sicurezza come il marchio IMQ che sono: 1) la conformità alle norme tecniche armonizzate (che è presunzione del rispetto dei requisiti essenziali di sicurezza) 2) la sorveglianza della produzione che consiste essenzialmente nel prelievo di campioni del modello certificato e nella ripetizione delle prove più significative. 2.1 Marchi di sicurezza Il marchio IMQ Utilizzato per apparecchi e componenti, attesta la conformità dei prodotti elettrici ai requisiti delle norme CEI ed EN Il marchio IMQ-CIG Rilasciato per apparecchi utilizzatori a gas e per i relativi componenti ed accessori, il marchio IMQ-CIG attesta la conformità alle norme CIG riguardanti la sicurezza secondo quanto prescritto dalla Legge n.1083 del 6 dicembre Il marchio IMQ-UNI Attesta la conformità dei prodotti alle norme UNI. Attualmente è applicabile alle seguenti categorie: dispositivi medicali non elettrici; componenti per ascensori; prodotti vari; attrezzi per presa, manipolazione, taglio, cacciaviti, pinze e chiavi; banchi refrigerati tipo commerciale. Nota: per i banchi refrigerati il marchio IMQ-UNI è relativo sia alla sicurezza, sia alle prestazioni degli apparecchi. UNI Il marchio CSV-IMQ (Certificato con Sorveglianza) Attesta la conformità di un prodotto ad una determinata specifica tecnica. Possono essere ammessi al regime del Certificato con Sorveglianza (CSV) IMQ i prodotti per i quali si possa individuare una specifica tecnica adeguata. Tale specifica potrà essere una norma o un progetto pubblicati dai seguenti organismi normatori: CEI, UNI, CENELEC, CEN, IEC, ISO o enti normatori esteri. In casi particolari, in assenza di queste norme, un Certificato con Sorveglianza potrà essere rilasciato afrontediuncapitolatotecnicodiprova. Possono pure essere ammessi al regime del 7 CERTIFICAZIONE DI PRODOTTO

10 Certificato con Sorveglianza le parti componenti di apparecchi non coperte da una norma specifica, ma trattate da uno o più paragrafi della norma degli apparecchi. Come nel caso del marchio IMQ questa certificazione prevede, oltre alla verifica di rispondenza alle norme del prototipo, anche quella della produzione, sulla quale vengono effettuati controlli periodici. 2.2 Marchi di qualità e prestazione I marchi IMQ-Performance, IMQ-Quality e IMQ-Quality-CIG Sono marchi di qualità che, oltre alla sicurezza, certificano anche alcune caratteristiche del prodotto, quali le prestazioni, il rendimento e il rispetto ambientale. IMQ Performance: per alcuni tipi di cavi, per apparecchi di illuminazione, per prodotti integrati per riscaldamento e/o produzione di acqua calda sanitaria. IMQ Quality: per apparecchi alimentati a combustibile solido. IMQ Quality-CIG: per camini e canne fumarie Il marchio IMQ-EMC Attesta la conformità ai requisiti di compatibilità elettromagnetica stabiliti dalle norme europee EN Il marchio IMQ Sistemi di Sicurezza Attesta la conformità alle prescrizioni di sicurezza e prestazioni contenute nelle relative norme CEI ed EN. Viene rilasciato alle apparecchiature destinate ad essere utilizzate nei sistemi di sicurezza (impianti antiintrusione e antifurto; componenti per impianti di rilevazione e segnalazione incendio, sistemi di controllo accessi, sistemi di protezione contro un impiego non autorizzato dei veicoli). In questo settore IMQ gestisce un sistema di registrazione delle ditte installatrici di impianti d'allarme e antincendio (Vedi cap. 6) Il marchio IMQ-ECO Certificazione delle asserzioni ambientali di prodotto, attesta la veridicità delle qualità ambientali, ecologiche o energetiche, dichiarate dal costruttore riguardo a un determinato prodotto. 2.3 Marchi europei einternazionali Il marchio HAR Accompagnato dal marchio di uno degli organismi aderenti all'accordo HAR attesta la conformità dei cavi di bassa tensione alle norme armonizzate europee ed è ottenibile per i cavi fabbricati nei paesi aderenti all'accordo (Vedi cap. 12) Il marchio ENEC Accompagnato dal numero 03, che contraddistingue IMQ, attesta la conformità alle norme europee EN degli apparecchi di illuminazione e di emergenza e relativi componenti, delle apparecchiature per la tecnologia dell'informazione e macchine per ufficio, dei trasformatori, degli interruttori, dei dispositivi di controllo, delle morsettiere, dei connettori (Vedi cap. 12) Il marchio ENEC per elettrodomestici Èunmarchioeuropeocheattestalaconformità degli elettrodomestici alle norme europee di sicurezza Il marchio IMQ GS Il marchio IMQ GS attesta la conformità di prodotti ai sensi della legge tedesca (GPSG) che recepisce la direttiva sulla sicurezza generale dei prodotti (GPSD) e altre direttive europee sulla sicurezza, quali, ad esempio, la direttiva di Bassa Tensione e la direttiva sulla sicurezza delle Macchine (MSD). La valutazione di conformità si effettua con riferimento, soprattutto, alle norme europee armonizzate. Un certificato GS può essere rilasciato solo da Organismi di certificazione Autorizzati dall'amministrazione federale tedesca. L'IMQ, in quanto Organismo Autorizzato, può emettere certificati IMQ GS per materiale elettrico ed utensili elettrici portatili; tali certificati consentono ai costruttori di apporre il marchio GS Il marchio Solar Keymark Accompagnato dal numero 030, che contraddistingue IMQ, attesta la conformità dei collettori solari termici alle norme UNI EN :2006 (Thermal solar systems and components Solar Collectors Part 1: General requirements) e UNI EN :2006 (Solar systems and components Solar Collectors Part2:Testmethods)(Vedi cap. 12). 2.4 Come si ottiene la certificazione IMQ di prodotto La certificazione IMQ di prodotto viene rilasciata e mantenuta se vengono soddisfatti i seguenti adempimenti: - approvazione del costruttore:lostabilimentodel costruttore che fa domanda di concessione d uso di uno dei marchi rilasciati da IMQ, deve essere fornito di mezzi di produzione, di prova o verifica, di personale ed attrezzature, atti a garantire per i 8 I SERVIZI IMQ

11 prodotti posti sul mercato la costante conformità alle corrispondenti norme. Ciò viene accertato mediante una verifica ispettiva presso lo stabilimento; - approvazione del singolo modello di prodotto: su ogni modello per il quale il costruttore richiede l uso del marchio, IMQ provvede ad eseguire le prove di tipo richieste dalle corrispondenti norme. In caso di esito favorevole viene stipulato un contratto fra IMQ ecostruttore,inbasealqualequest ultimoè autorizzato ad apporre il marchio richiesto su quel prodotto; - controllo della produzione dei prodotti muniti di marchio IMQ:pertuttiiprodottichevengono costruiti con il marchio IMQ il costruttore si impegna con IMQ, attraverso il contratto sopraddetto, a mantenere la loro costante conformità alle norme e ad effettuare al 100% o su base statistica alcune prove di controllo. IMQ si accerta che tali prove vengano eseguite regolarmente e provvede a ripeterle su qualche esemplare prelevato dalla produzione. Nei casi in cui l IMQ accerti l inosservanza di qualcuna delle prescrizioni sopra riportate, il costruttore viene invitato a rimettersi in regola; IMQ provvede ad effettuare dei controlli supplementari e, nei casi più gravi o di recidiva, revoca il diritto a l uso del marchio. 2.5 I vantaggi della certificazione IMQ di prodotto Ivantaggicheuncostruttorepuòtrarredall ottenimento delle certificazioni IMQ sono molteplici sia dal punto di vista commerciale sia da quello legale. Commercialmente le certificazioni IMQ qualificano i prodotti offrendo valide argomentazioni di vendita. Chi ha ottenuto le certificazioni IMQ può infatti sottoporre ai consumatori o ai propri clienti, sempre più esigenti per quanto concerne l affidabilità e la qualità di ciò che comprano, una tangibile e obiettiva attestazione che i propri prodotti sono costruiti secondo le norme di buona tecnica. Inoltre i concessionari IMQ possono usufruire delle facilitazioni nei rapporti con gli altri istituti di certificazione europei e internazionali e conseguentemente sono avvantaggiati per quanto riguarda le esportazioni. Dal punto di vista legale le certificazioni IMQ costituiscono una tutela per i costruttori. Chi ha ottenuto la concessione d uso del marchio IMQ per materiali e apparecchi elettrici possiede un attestazione di aver adempiuto alle prescrizioni delle norme europee a cui la direttiva 2006/95/CE (c.d. di Bassa Tensione) rinvia per la verifica di rispondenza ai requisiti essenziali. La conformità alle norme europee comprovata dal marchio IMQ è pertanto un importante strumento che il costruttore ha a disposizione per adempiere agli obblighi previsti dalle direttive per l apposizione della marcatura CE. Oltre a ciò il costruttore può dimostrare di aver costruito prodotti secondo la regola d arte in accordo con le disposizioni della Legge. Chi utilizza prodotti elettrici e agascertificatiimqperlarealizzazionedegliimpianti,è in regola con la Legge relativa alla sicurezza degli impianti stessi. Infine i marchi IMQ costituiscono un importante mezzo di tutela per i costruttori in materia di responsabilità per danno da prodotto difettoso. Infatti, secondo quanto previsto all articolo 118, lettera e), del D.Lgs. 6 settembre 2005, n. 206 (Codice del Consumo) la responsabilità è esclusa se lo stato delle conoscenze scientifiche, al momento in cui il produttore ha messo in circolazione il prodotto, non permetteva ancora di considerare il prodotto come difettoso. Poiché la funzione dei marchi IMQ è quella di attestare la rispondenza di un prodotto a normative che costituiscono lo stato generale ed ufficiale della scienza e della tecnica nel settore elettrico o nel settore gas, ne consegue che per le produzioni munite di uno dei marchio IMQ esiste la presunzione di conformità allo stato dell arte e si precostituisce per tale via un mezzo di prova. 2.6 Il marchio IMQ come supporto alla vendita L evidenziare il marchio IMQ in modo chiaro sul prodotto, sulla confezione o nella pubblicità, si sta rivelando sempre più interessante nei confronti degli acquirenti più attenti alle caratteristiche di sicurezza e di affidabilità di ciò che acquistano. Per supportare le aziende nell efficace e corretta valorizzazione dei marchi e delle certificazioni ottenuti, IMQ ha predisposto la GUIDA ALL UTILIZZO E ALLA VALORIZZAZIONE DEI MARCHI IMQ disponibile anche sul sito Internet. Inoltre, attraverso il proprio ufficio marketing, IMQ è disponibile a collaborare con il singolo produttore per individuare le forme più adatte al particolare prodotto. Èconsigliatoanchel utilizzodelle etichetteverdi,che sono state specificatamente studiate per una facile leggibilità e un richiamo costante nei confronti dell acquirente. Presso IMQ sono in vendita tali etichette in vari formati. I simboli grafici dei marchi IMQ sono inoltre disponibili gratuitamente in formato elettronico. 9 CERTIFICAZIONE DI PRODOTTO

12 3. Direttive CE 3.1 APPARECCHI A GAS E RELATIVI DISPOSITIVI 3.2 APPARECCHIATURE RADIO E TERMINALI TELECOMUNICAZIONI (R&TTE) 3.3 ASCENSORI 3.4 ATEX 3.5 ATTREZZATURE A PRESSIONE (PED) 3.6 AUTOMOTIVE 3.7 BASSA TENSIONE 3.8 COMPATIBILITA ELETTROMAGNETICA (EMC) 3.9 DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE (DPI) 3.10 DISPOSITIVI MEDICI 3.11 ECODESIGN 3.12 EMISSION TRADING 3.13 GIOCATTOLI 3.14 MACCHINE 3.15 PRODOTTI DA COSTRUZIONE (CPD) 3.16 ROHS 3.17 STRUMENTI DI MISURA (MID) 3.18 NOTIFICHE IMQ 10 I SERVIZI IMQ

13 La politica comunitaria in materia di libera circolazione delle merci ha portato all'emanazione di varie direttive volte a superare gli ostacoli di natura legislativa in tema di conformità ai principi di sicurezza. Queste direttive stabiliscono procedure per la valutazione dei prodotti industriali ai fini della sicurezza e prevedono l'apposizione della marcatura CE che attesta la conformità ai requisiti essenziali. Iprodottivengonosuddivisiin: - prodottiperiqualilavalutazionedellaconformità può essere effettuata dal fabbricante (o dal suo mandatario nel caso che il fabbricante non sia residente in un paese dell Unione europea); - prodottiperiqualiilfabbricante(oilsuomandatario) deve fare obbligatoriamente eseguire la valutazione della conformità da un organismo a ciò autorizzato dallo Stato e Notificato alle autorità degli altri Stati dell Unione europea. Per entrambe le situazioni indicate e nei campi di propria competenza, IMQ è in grado di intervenire sia fornendo assistenza nell individuazione delle direttive applicabili e della procedura più idonea per il soddisfacimento degli obblighi legislativi, sia eseguendo prove e verifiche di conformità ai fini dell ottenimento di attestati e certificati di conformità per la successiva apposizione della marcatura CE. In aggiunta è possibile affiancare alla marcatura CE, secondo le tipologie di prodotto, un marchio volontario, come ad esempio IMQ, ENEC, HAR, etc., che, essendo riferito alle norme di buona tecnica (generalmente internazionali), consente di aggiungere autorevolezza alla dichiarazione di conformità del costruttore. Nel seguito vengono riportate informazioni su prodotti per i quali sono state attualmente pubblicate direttive CE che vedono coinvolta IMQ. PER I CLIENTI IMQ ALCUNI SERVIZI SONO GRATUITI 3.1 Apparecchi a gas e relativi dispositivi Direttiva 2009/142/CE La direttiva prescrive il rispetto dei requisiti essenziali di sicurezza per gli apparecchi a gas (utilizzati per la cottura, il riscaldamento, la produzione di acqua calda, il raffreddamento, l'illuminazione, il lavaggio) e per idispositividisicurezza,dicontrolloeregolazione. Secondo questa direttiva in Italia e in Europa possono essere venduti solo gli apparecchi a gas che: - soddisfanoirequisitiessenzialidelladirettiva - sonostaticontrollatidaunorganismonotificatoche ne attesta la conformità e ne sorveglia la produzione; - portanolamarcaturaceseguitadalnumerodi identificazione dell Organismo Notificato (per IMQ il numero di identificazione è 0051); - sonoaccompagnatidaistruzionieavvertenzenella lingua del paese di destinazione. Il costruttore, per dimostrare che i suoi prodotti soddisfano irequisitiessenziali,deverivolgersidunqueadunente Notificato sia per l esame del tipo sia per il controllo della produzione. Rendimento caldaie Direttive CEE 92/42 e 93/68 La direttiva CEE 92/42, modificata dalla direttiva CEE 93/68 per quanto riguarda la marcatura CE, costituisce un azione di promozione dell efficienza energetica delle caldaie di potenza compresa tra 4 e 400 kw, alimentate con gas combustibile, liquido o gassoso. Prevede il rispetto di determinati rendimenti, a potenza nominale ed a carico parziale (30% carico nominale), che variano a seconda della potenza. In aggiunta alla marcatura CE è prevista una marcatura di rendimento energetico costituita da una o più stelle (fino a quattro) in accordo al maggior rendimento conseguito rispetto al valore minimo prescritto. La direttiva CEE 93/68 contiene modifiche in materia di marcatura CE emarcaturaspecificadirendimento. 11 DIRETTIVE CE

14 IMQ è in grado di verificare il valore del rendimento, verifica che può essere effettuata in contemporanea alle prove per l ottenimento del certificato di esame CE del tipo previsto dalla direttiva CE 2009/142 (apparecchi a gas). Come la direttiva CE 2009/142 anche la direttiva rendimenti prevede la sorveglianza della produzione utilizzando moduli analoghi a quelli previsti per la sicurezza. Anche in questo caso la marcatura CE dovrà essere accompagnata dal numero di identificazione dell'organismo Notificato per i controlli (per IMQ 0051). Organismo Notificato dal Ministero dello Sviluppo Economico, IMQ offre i seguenti servizi: - esamecedeltipo; - ispezioniecontrollodellaproduzionepressoi costruttori, secondo l'opzione scelta dal cliente; - valutazioneeapprovazionedeisistemiqualità,inbase ai criteri dei paragrafi 3 e 4 dell allegato II della direttiva. Inoltre, vista la varietà e la complessità delle procedure previste dalle direttive, IMQ offre anche altri servizi: - verificapreliminaredellecaratteristicheprincipalidel prodotto in rapporto ai requisiti essenziali delle altre direttive; - provepressoilaboratoriimqperlaverificadella rispondenza del prodotto ai requisiti della direttiva di Bassa Tensione per la sicurezza della parte elettrica e della direttiva EMC per la compatibilità elettromagnetica; - supportonellacostituzioneenellapresentazionedella documentazione tecnica di progetto; - compilazione,inognisuaparte,delmoduloperla dichiarazione di conformità che deve essere sottoscritto dall azienda dichiarante; - informazionesullecondizionidiinstallazioneesuitipi di gas negli altri paesi europei; - supportoaicostruttoriperlapredisposizioneelamessa in opera di un adeguato laboratorio di prova e/o di un sistema di controllo della produzione. 3.2 Apparecchiature Radio & Terminali Telecomunicazione (R&TTE) Direttiva 1999/05/CE La direttiva CE 1999/05, è stata recepita in Italia con Decreto N. 269, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana il 9 maggio Il campo di applicazione della direttiva riguarda gli apparecchi radio riceventi e/o trasmittenti, ovvero apparecchi in grado di comunicare mediante l'emissione e/o la ricezione di onde radio impiegando lo spettro delle radiofrequenze (esempi: GSM, WiFi, Bluetooth, componenti di sistemi d allarme via radio,...) e gli apparecchi terminali di telecomunicazione (esempi: combinatori telefonici, gateway ADSL,...); sono esclusi gli apparecchi per centrale di telecomunicazione). Lo scopo della direttiva è di garantire la libera circolazione dei prodotti sul mercato dell'unione Europea (le licenze per l'uso delle frequenze sono escluse e rimangono di competenza nazionale). Irequisitiessenzialirichiestidalladirettivaconcernono: - laprotezionedellasaluteedellasicurezzadell'utenteo di qualsiasi altra persona, compresi gli obiettivi di sicurezza della direttiva Bassa Tensione, ma senza applicazione di limiti di tensione; - irequisitiinmateriadiprotezioneperquantoriguarda la compatibilità elettromagnetica, previsti dalla direttiva; - l'usoefficacedellospettroassegnatoalle radiocomunicazioni terrestri e spaziali al fine di evitare pericolose interferenze. IMQ Organismo Notificato (numero identificativo 0051) per le verifiche e le certificazioni previste dalla direttiva R&TTE, offre ai costruttori un concreto supporto attraverso iseguentiservizi: - provediconformitàpertuttiirequisitiessenzialiprevisti dalla direttiva: sicurezza, EMC e uso efficace dello spettro radio; - certificazioneinqualitàdiorganismonotificatoper 12 I SERVIZI IMQ

il ruolo di IMQ Fulvio Giorgi - IMQ SICUREZZA 2010 Fieramilano Milano, 18 novembre 2010 Workshop A.I.PRO.S. La certificazione dei Sistemi di Sicurezza

il ruolo di IMQ Fulvio Giorgi - IMQ SICUREZZA 2010 Fieramilano Milano, 18 novembre 2010 Workshop A.I.PRO.S. La certificazione dei Sistemi di Sicurezza La certificazione dei Sistemi di Sicurezza: il ruolo di IMQ Fulvio Giorgi - IMQ SICUREZZA 2010 Fieramilano Milano, 18 novembre 2010 Contenuti Profilo Gruppo IMQ La certificazione dei Sistemi di Sicurezza:

Dettagli

Qualità e Certificazione certificazione di prodotto - Marcantonio Catelani Facoltà di Ingegneria Firenze

Qualità e Certificazione certificazione di prodotto - Marcantonio Catelani Facoltà di Ingegneria Firenze Qualità e Certificazione certificazione di prodotto - Marcantonio Catelani Facoltà di Ingegneria Firenze 1 Focus sulla Certificazione Organismi di certificazione Certificazione personale Certificazione

Dettagli

cenni sulle direttive macchine e di prodotto

cenni sulle direttive macchine e di prodotto 9(1(72 cenni sulle direttive macchine e di prodotto 5HODWRUH,QJ5REHUWR5LQDOGL /HGLUHWWLYHFRPXQLWDULHVFRSRH DSSOLFD]LRQH /H'LUHWWLYH&RPXQLWDULHVRQRODSULQFLSDOHIRQWHGHOGLULWWRGD FXL GHULYDODOHJLVOD]LRQHFKHKDVRVWLWXLWRHVRVWLWXLUjLQGHWHU

Dettagli

Normativa tecnica e marcatura CE. Sommario. Documenti Normativi Industria e Marcatura CE Conclusioni

Normativa tecnica e marcatura CE. Sommario. Documenti Normativi Industria e Marcatura CE Conclusioni Normativa tecnica e marcatura CE Sommario Documenti Normativi Industria e Marcatura CE Conclusioni 1 Documenti Normativi Finalità ed Uso Finalità Definire lo Stato dell Arte nei rispettivi settori di competenza

Dettagli

L ESPERIENZA DELLA SICUREZZA

L ESPERIENZA DELLA SICUREZZA L ESPERIENZA DELLA SICUREZZA per valorizzare la VOSTRA qualità SERVIZI IMQ PER LA CERTIFICAZIONE E LA VALUTAZIONE DEI PRODOTTI DEL SETTORE RISCALDAMENTO E CONDIZIONAMENTO L esperienza della sicurezza per

Dettagli

MACCHINE SICURE. MACCHINE SICURE Vittore Carassiti - INFN FE 1

MACCHINE SICURE. MACCHINE SICURE Vittore Carassiti - INFN FE 1 Vittore Carassiti - INFN FE 1 LA SICUREZZA DEI LUOGHI DI LAVORO Ha il suo riferimento base in un numero di direttive comunitarie di tipo sociale Esse sono state recepite in blocco in Italia mediante il

Dettagli

GUIDA ALL UTILIZZO E ALLA VALORIZZAZIONE DEI MARCHI IMQ. (Marchi di prodotto)

GUIDA ALL UTILIZZO E ALLA VALORIZZAZIONE DEI MARCHI IMQ. (Marchi di prodotto) GUIDA ALL UTILIZZO E ALLA VALORIZZAZIONE DEI MARCHI IMQ (Marchi di prodotto) - Il marchio IMQ è riconosciuto in Italia da 1 consumatore su 3. - La notorietà del marchio IMQ è in costante aumento. - Il

Dettagli

Il processo di marcatura CE riferito agli impianti gas medicali

Il processo di marcatura CE riferito agli impianti gas medicali Il processo di marcatura CE riferito agli impianti gas medicali P.I. Alessandro Melzi Funzione Valutazione Conformità Prodotto Laboratorio Dispositivi Medici IMQ S.p.A. - Milano POLITECNICO DI MILANO,

Dettagli

Il processo di marcatura CE riferito agli impianti gas medicali

Il processo di marcatura CE riferito agli impianti gas medicali Il processo di marcatura CE riferito agli impianti gas medicali Soggetti coinvolti nel processo di Marcatura CE Fabbricante: la persona fisica o giuridica responsabile della progettazione, della fabbricazione,

Dettagli

Le nuove tecnologie: Opportunità tra innovazione e sicurezza. BOLOGNA : 28 OTTOBRE 2014 Roberto Cavenaghi: - Certificazione prodotto IMQ

Le nuove tecnologie: Opportunità tra innovazione e sicurezza. BOLOGNA : 28 OTTOBRE 2014 Roberto Cavenaghi: - Certificazione prodotto IMQ Le nuove tecnologie: Opportunità tra innovazione e sicurezza BOLOGNA : 28 OTTOBRE 2014 Roberto Cavenaghi: - Certificazione prodotto IMQ Viaggio nella sicurezza e qualità in 3 tappe 1.Sicurezza e prestazioni

Dettagli

ACCREDIA L Ente Italiano di Accreditamento. Accreditation process for abilitation/notification: experiences and criticalities

ACCREDIA L Ente Italiano di Accreditamento. Accreditation process for abilitation/notification: experiences and criticalities ACCREDIA L Ente Italiano di Accreditamento Accreditation process for abilitation/notification: experiences and criticalities 1-32 28 giugno 2013 IL QUADRO DI RIFERIMENTO Cambiano gli scenari europei Regolamento

Dettagli

Pubblicazione delle nuove Direttive Comunitarie

Pubblicazione delle nuove Direttive Comunitarie Pubblicazione delle nuove Direttive Comunitarie Milano, 21 Ottobre 2014 Ivan Furcas ivan.furcas@it.bureauveritas.com Nuovo quadro legislativo Pubblicazione L96 GUCE (Gazzetta Ufficiale Comunità Europea)

Dettagli

Security Network. Certificazione dei. istituti di vigilanza. Certificazione delle centrali operative e di telesorveglianza

Security Network. Certificazione dei. istituti di vigilanza. Certificazione delle centrali operative e di telesorveglianza Certificazione degli istituti di vigilanza Security Network Certificazione dei professionisti della security Certificazione delle centrali operative e di telesorveglianza IMQ Security Network Con l entrata

Dettagli

EVOLUZIONE DELLA NORMATIVA

EVOLUZIONE DELLA NORMATIVA EVOLUZIONE DELLA NORMATIVA Fattori che hanno determinato l evoluzionel 1 Recepimento delle Direttive Comunitarie con conseguente passaggio dalla normativa nazionale a quella comunitaria Le Direttive sono

Dettagli

Qualità e certificazioni

Qualità e certificazioni 13 Qualità e certificazioni 13.1 La certificazione di qualità La qualità è intesa come l insieme delle caratteristiche di un entità materiale (prodotto) o immateriale (servizio) che le conferiscono la

Dettagli

Sala Biagi CNA Bologna, 4 aprile 2012 Rossella Ricciardelli Product Manager

Sala Biagi CNA Bologna, 4 aprile 2012 Rossella Ricciardelli Product Manager LA SICUREZZA DELLE MACCHINE Sala Biagi CNA Bologna, 4 aprile 2012 Rossella Ricciardelli Product Manager Le origini della Società CERMET è stato fondato nel 1985 per valorizzare l'immagine dell'azienda

Dettagli

CERTIFICAZIONE PRODOTTO Regolamento particolare per il rilascio di certificazione ai sensi della Direttiva 2004/108/CE

CERTIFICAZIONE PRODOTTO Regolamento particolare per il rilascio di certificazione ai sensi della Direttiva 2004/108/CE Regolamento particolare per il rilascio di certificazione ai REG_PART_2004_108 Edizione 1.0 10/12/2014 Redazione/Funzione Approvazione/Funzione F. Barbieri / Resp. Area Certificazione V. La Fragola / Direttore

Dettagli

Ciclo di 8 corsi su: Direttive di prodotto europee

Ciclo di 8 corsi su: Direttive di prodotto europee Ordine degli Ingegneri della provincia di Brescia Commissione Industriale Organizza un: Ciclo di 8 corsi su: Direttive di prodotto europee presso la sede dell Ordine degli Ingegneri della Provincia di

Dettagli

Direttiva Macchine 2006/42/CE. Dichiarazione CE di Conformità: la corretta compilazione.

Direttiva Macchine 2006/42/CE. Dichiarazione CE di Conformità: la corretta compilazione. Direttiva Macchine 2006/42/CE Dichiarazione CE di Conformità: la corretta compilazione. Fonte: Guida Ufficiale Commissione europea Direttiva macchine 2006/42/CE Ed. 2010 Dati fabbricante La ragione sociale

Dettagli

alla norma tecnica Giorgio Belussi - IMQ

alla norma tecnica Giorgio Belussi - IMQ La conformità del prodotto alla norma tecnica Giorgio Belussi - IMQ SICUREZZA 2010 Fieramilano Milano, 18 novembre 2010 Workshop A.I.PRO.S. La certificazione dei Sistemi di Sicurezza Certificazione di

Dettagli

DIRETTIVA 97/23/CE PED PER LE ATTREZZATURE ED INSIEMI A PRESSIONE SEMINARIO INFORMATIVO DICEMBRE 2003

DIRETTIVA 97/23/CE PED PER LE ATTREZZATURE ED INSIEMI A PRESSIONE SEMINARIO INFORMATIVO DICEMBRE 2003 DIRETTIVA 97/23/CE PED PER LE ATTREZZATURE ED INSIEMI A PRESSIONE SEMINARIO INFORMATIVO DICEMBRE 2003 IL D.LGS 93 DEL 25.02.2000 E LA DIRETTIVA PED PER LE APPARECCHIATURE E GLI IMPIANTI A PRESSIONE LA

Dettagli

Cenni Normativi sulla Sicurezza degli Impianti Elettrici

Cenni Normativi sulla Sicurezza degli Impianti Elettrici FACOLTÁ DI INGEGNERIA UNIVERSITÁ DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA Cenni Normativi sulla Sicurezza degli Impianti Elettrici Prof. Roberto Mugavero tel/fax 06-72597320 e-mail mugavero@ing.uniroma2.it Le Basi

Dettagli

SICUREZZA E SALUTE PER I LAVORATORI DIRETTIVA MACCHINE

SICUREZZA E SALUTE PER I LAVORATORI DIRETTIVA MACCHINE SICUREZZA E SALUTE PER I LAVORATORI DIRETTIVA MACCHINE Ing Lorenzo Peghin 1 LO SCOPO DELLE DIRETTIVE LO SCOPO DELLE DIRETTIVE CONSISTE NEL PERMETTERE LA LIBERA CIRCOLAZIONE IN EUROPA DIPRODOTTI CHE RISPETTINO

Dettagli

Redazione Approvazione Autorizzazione all emissione Entrata in vigore. Il Direttore di Dipartimento Il Consiglio Direttivo Il Presidente 2013-09-30

Redazione Approvazione Autorizzazione all emissione Entrata in vigore. Il Direttore di Dipartimento Il Consiglio Direttivo Il Presidente 2013-09-30 Titolo Sigla Prescrizioni per l accreditamento di Organismi operanti le certificazioni dei servizi di: - installazione, manutenzione o riparazione di apparecchiature fisse di refrigerazione, condizionamento

Dettagli

EN 14342:2005+A1:2008: Marcatura CE per PAVIMENTAZIONI IN LEGNO A partire da MARZO 2009 - Obbligatoria a partire da MARZO 2010

EN 14342:2005+A1:2008: Marcatura CE per PAVIMENTAZIONI IN LEGNO A partire da MARZO 2009 - Obbligatoria a partire da MARZO 2010 Iscritto all'albo professionale del collegio dei Periti Industriali di PU al n 293 via Calamone, 1-61025 Montelabbate (PU) Tel. - Fax.: +39 0721 472036 Direttiva 89/106/CEE PRODOTTI DA COSTRUZIONE EN 14342:2005+A1:2008:

Dettagli

Le direttive nuovo approccio applicabili alle macchine in riferimento alla direttiva 2006/42/CE

Le direttive nuovo approccio applicabili alle macchine in riferimento alla direttiva 2006/42/CE Le direttive nuovo approccio applicabili alle macchine in riferimento alla direttiva 2006/42/CE Cuneo, 8 Ottobre 2013 Ivan Furcas ivan.furcas@it.bureauveritas.com Sviluppo della legislazione di prodotto

Dettagli

La Direttiva Macchine

La Direttiva Macchine La Direttiva Macchine Enti, Norme, Presupposti Il Quadro Normativo Presupposto fondamentale: distinguere subito ed in modo preciso le due grandi famiglie di Norme di riferimento. Le Norme Legislative Le

Dettagli

Indice. 2 - Le norme. Introduzione pag. 12

Indice. 2 - Le norme. Introduzione pag. 12 Indice 2 - Le norme Introduzione pag. 12 11 Le norme Introduzione Gli impianti elettrici di bassa tensione sono regolamentati da un insieme di testi che hanno l obiettivo di definire le misure per la protezione

Dettagli

Marcatura CE. Controllo di produzione in fabbrica - FPC. Segnaletica stradale. Caratteristiche energetiche prodotti per edilizia

Marcatura CE. Controllo di produzione in fabbrica - FPC. Segnaletica stradale. Caratteristiche energetiche prodotti per edilizia ICMQ Certificazioni e controlli per le costruzioni La certificazione dei prodotti Le tipologie di certificazione rilasciate da ICMQ riguardano sia le certificazioni cogenti, cioè obbligatorie secondo la

Dettagli

IL CONSIGLIO DELLE COMUNITA EUROPEE, visto il trattato che istituisce la Comunità economica europea, in particolare l articolo 100 A,

IL CONSIGLIO DELLE COMUNITA EUROPEE, visto il trattato che istituisce la Comunità economica europea, in particolare l articolo 100 A, ',5(77,9$&(('(/&216,*/,2GHOOXJOLR FKH PRGLILFD OH GLUHWWLYH GHO &RQVLJOLR &(( UHFLSLHQWL VHPSOLFL D SUHVVLRQH &(( VLFXUH]]D GHL JLRFDWWROL &(( SURGRWWL GD FRVWUX]LRQH &(( FRPSDWLELOLWj HOHWWURPDJQHWLFD

Dettagli

I controlli e le verifiche degli apparecchi di sollevamento secondo il Testo Unico

I controlli e le verifiche degli apparecchi di sollevamento secondo il Testo Unico Dipartimenti Territoriali e Centri di Ricerca I controlli e le verifiche degli apparecchi di sollevamento secondo il Testo Unico Dott. Ing. Amalia Nuzzo Bari, 23 Ottobre 2009 CONVEGNO La sicurezza delle

Dettagli

SCHEMA 0 STORIA. Schema certificativo CP004 0.1 DOCUMENTI ESTERNI DI RIFERIMENTO

SCHEMA 0 STORIA. Schema certificativo CP004 0.1 DOCUMENTI ESTERNI DI RIFERIMENTO SCHEMA per la certificazione del controllo della produzione in fabbrica ai fini della marcatura CE dei profilati cavi di acciai non legati e a grano fine per impieghi strutturali di cui alle norme UNI

Dettagli

Direttiva CEE 29 giugno 1995, n. 16 RAVVICINAMENTO DELLE LEGISLAZIONI DEGLI STATI MEMBRI RELATIVE AGLI ASCENSORI

Direttiva CEE 29 giugno 1995, n. 16 RAVVICINAMENTO DELLE LEGISLAZIONI DEGLI STATI MEMBRI RELATIVE AGLI ASCENSORI Direttiva CEE 29 giugno 1995, n. 16 RAVVICINAMENTO DELLE LEGISLAZIONI DEGLI STATI MEMBRI RELATIVE AGLI ASCENSORI CAPITOLO I Campo di applicazione - Commercializzazione e libera circolazione Art. 1-1. La

Dettagli

COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA

COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA E composta dalla sigla CE e, nel caso un Organismo Notificato debba intervenire nella fase del controllo della produzione, contiene anche il numero d identificazione

Dettagli

MODULI DI CONFORMITA I & F BUREAU VERITAS ITALIA

MODULI DI CONFORMITA I & F BUREAU VERITAS ITALIA MODULI DI CONFORMITA DIRETTIVA 97/23/EC del 29/05/1997 MODULO A (Controllo di fabbricazione interno) Nell ambito di questa procedura il fabbricante si accerta e dichiara che le attrezzature a pressione

Dettagli

di impianti e macchinari sicuri

di impianti e macchinari sicuri La nuova direttiva macchine 2006/42/CE Un nuovo approccio metodologico alla progettazione e costruzione di impianti e macchinari sicuri 1 Recepimento e D.Lgs 27 gennaio 2010, n. 17-6 Marzo 2010: entrata

Dettagli

SCHEMA 0 STORIA. Schema certificativo CP007 0.1 DOCUMENTI ESTERNI DI RIFERIMENTO 0.2 DOCUMENTI IGQ DI RIFERIMENTO

SCHEMA 0 STORIA. Schema certificativo CP007 0.1 DOCUMENTI ESTERNI DI RIFERIMENTO 0.2 DOCUMENTI IGQ DI RIFERIMENTO SCHEMA per il rilascio del certificato di costanza della prestazione ai fine della marcatura CE di segnali permanenti di cui alla norma UNI EN 12899 1 ed. 2008 0 STORIA Edizione 0 14/10/2009 Schema per

Dettagli

La direttiva MID Applicazione nella vendita sfusa di detersivi

La direttiva MID Applicazione nella vendita sfusa di detersivi 1 La direttiva MID Applicazione nella vendita sfusa di detersivi Torino, 10 aprile 2013 Igor Gallo 2 D. Lgs. N. 22/2007 Recepimento direttiva MID Recepimento della nuova Direttiva Europea 2004/22/CE MID

Dettagli

Ordinanza concernente la sicurezza delle macchine

Ordinanza concernente la sicurezza delle macchine Ordinanza concernente la sicurezza delle macchine (Ordinanza relativa alle macchine, OMacch) del Il Consiglio federale svizzero, visti gli articoli 4 e 16 capoverso 2 della legge federale del 19 marzo

Dettagli

SERVIZIO ENERGIA TERMOCAMINI INFORMAZIONI ALL UTENTE

SERVIZIO ENERGIA TERMOCAMINI INFORMAZIONI ALL UTENTE COMUNE DI AVELLINO SERVIZIO ENERGIA TERMOCAMINI INFORMAZIONI ALL UTENTE Norme installazione UNI 10683 GENERATORI DI CALORE ALIMENTATI A LEGNA O DA ALTRI BIOCOMBUSTIBILI SOLIDI- REQUISITI DI INSTALLAZIONE.

Dettagli

Macchine e Direttiva macchina. Dott. Ing. Pierfrancesco Bruschi

Macchine e Direttiva macchina. Dott. Ing. Pierfrancesco Bruschi Macchine e Direttiva macchina Dott. Ing. Pierfrancesco Bruschi La Normativa La Macchina L Ambiente Il Lavoratore La Normativa Decreto del Presidente della Repubblica del 27 aprile 1955, n. 547 Decreto

Dettagli

Guida ai fini della Marcatura di PORTE e CANCELLI INDUSTRIALI, COMMERCIALI e da GARAGE

Guida ai fini della Marcatura di PORTE e CANCELLI INDUSTRIALI, COMMERCIALI e da GARAGE Guida ai fini della Marcatura di PORTE e CANCELLI INDUSTRIALI, COMMERCIALI e da GARAGE La direttiva prodotti da costruzione 89/106 (CPD) impone la marcatura CE dei materiali utilizzati in edilizia. È un

Dettagli

REGOLAMENTO PARTICOLARE

REGOLAMENTO PARTICOLARE associazione italiana per la sicurezza della circolazione REGOLAMENTO PARTICOLARE per il rilascio della certificazione di conformità (Marchio CE) per i prodotti da costruzione (Direttiva del Consiglio

Dettagli

2. REGOLAMENTO (CE) N. 244/2009 DELLA COMMISSIONE Misura di implementazione per le lampade non direzionali di uso domestico (Domestic Lighting Part 1)

2. REGOLAMENTO (CE) N. 244/2009 DELLA COMMISSIONE Misura di implementazione per le lampade non direzionali di uso domestico (Domestic Lighting Part 1) Versione aggiornata a Marzo 2011 INDICE 1. CHE COS È LA DIRETTIVA ECO-DESIGN? 2. REGOLAMENTO (CE) N. 244/2009 DELLA COMMISSIONE Misura di implementazione per le lampade non direzionali di uso domestico

Dettagli

Le novità della Norma CEI 64-8

Le novità della Norma CEI 64-8 Le novità della Norma CEI 64-8 Giuseppe Bosisio Comitato Elettrotecnico Italiano 1 Le novità della Norma CEI 64-8 -COME CAMBIA - Parte 1- Oggetto, scopo e principi - fondamentali - Parte 2 Definizioni

Dettagli

LA NORMAZIONE COGENTE E QUELLA VOLONTARIA NELL INGEGNERIA INDUSTRIALE

LA NORMAZIONE COGENTE E QUELLA VOLONTARIA NELL INGEGNERIA INDUSTRIALE Seminari di preparazione all Esame di Stato per Ingegneri - Sessioni 2007 LA NORMAZIONE COGENTE E QUELLA VOLONTARIA NELL INGEGNERIA INDUSTRIALE Relatore Ing. Elio Candussi - Gorizia Udine, 10 maggio 2007

Dettagli

Fotovoltaico. 13 Ottobre 2009

Fotovoltaico. 13 Ottobre 2009 Fotovoltaico 13 Ottobre 2009 Profilo del Gruppo IMQ Istituto Italiano del Marchio di Qualità - Membri AEI Associazione Elettrotecnica ed Elettronica Italiana Federazione ANIE Federazione Nazionale Imprese

Dettagli

Norma CEI EN 50110 Norma CEI 11-27 Corsi di formazione 1A + 2A

Norma CEI EN 50110 Norma CEI 11-27 Corsi di formazione 1A + 2A Norma CEI EN 50110 Norma CEI 11-27 Corsi di formazione 1A + 2A COMITATO ELETTROTECNICO ITALIANO LAVORI IN PROSSIMITÁ DI IMPIANTI ELETTRICI E LAVORI ELETTRICI SOTTO TENSIONE IN BT E FUORI TENSIONE IN AT

Dettagli

LE DIRETTIVE EUROPEE ED IL RUOLO DEGLI ORGANISMI

LE DIRETTIVE EUROPEE ED IL RUOLO DEGLI ORGANISMI LE DIRETTIVE EUROPEE ED IL RUOLO DEGLI ORGANISMI BERGAMO, 20.12.2005 Relatore: dott. ing. Pier Alberto Frighi DIRETTIVE EUROPEE SETTORIALI Documenti promulgati dal Legislatore europeo per gamma di prodotti,

Dettagli

13 DICEMBRE 2013 9,00 13,00 INCONTRO TECNICO CON PROVINCE E COMUNI. D.P.R. 16 APRILE 2013, n. 74

13 DICEMBRE 2013 9,00 13,00 INCONTRO TECNICO CON PROVINCE E COMUNI. D.P.R. 16 APRILE 2013, n. 74 13 DICEMBRE 2013 9,00 13,00 INCONTRO TECNICO CON PROVINCE E COMUNI D.P.R. 16 APRILE 2013, n. 74 Regolamento sul controllo e la manutenzione degli Assessorato ai Lavori Pubblici ed all Energia Segreteria

Dettagli

ELENCO DIRETTIVE DEL NUOVO APPROCCIO CHE PREVEDONO L APPOSIZIONE DELLA MARCATURA CE

ELENCO DIRETTIVE DEL NUOVO APPROCCIO CHE PREVEDONO L APPOSIZIONE DELLA MARCATURA CE ELENCO DIRETTIVE DEL NUOVO APPROCCIO CHE PREVEDONO L APPOSIZIONE DELLA MARCATURA CE PREMESSA La parte IV Titolo I artt. da 102 a 113 del Codice del Consumo costituisce il recepimento nazionale della Direttiva

Dettagli

Redazione Approvazione Autorizzazione all emissione Entrata in vigore. Il Direttore di Dipartimento Il Consiglio Direttivo Il Presidente 2013-09-30

Redazione Approvazione Autorizzazione all emissione Entrata in vigore. Il Direttore di Dipartimento Il Consiglio Direttivo Il Presidente 2013-09-30 Titolo Sigla Prescrizioni per l accreditamento di Organismi operanti le certificazioni del servizio di erogazione di corsi di formazione per personale addetto al recupero di determinati gas fluorurati

Dettagli

Progetto europeo PERSIL Opportunità del fotovoltaico in Provincia di Torino. Specifiche tecniche sugli impianti fotovoltaici e nuovo conto energia

Progetto europeo PERSIL Opportunità del fotovoltaico in Provincia di Torino. Specifiche tecniche sugli impianti fotovoltaici e nuovo conto energia Progetto europeo PERSIL Opportunità del fotovoltaico in Provincia di Torino Pinerolo-Nichelino-Ivrea-Collegno-Settimo T.se, 9-16-23 febbraio e 2-9 marzo 2011 Specifiche tecniche sugli impianti fotovoltaici

Dettagli

IL DECRETO CORRETTIVO DEL D.LGS N. 81/08. Titolo III Proposte di modifica e possibili futuri scenari. ing. Abdul Ghani Ahmad Ministero del Lavoro

IL DECRETO CORRETTIVO DEL D.LGS N. 81/08. Titolo III Proposte di modifica e possibili futuri scenari. ing. Abdul Ghani Ahmad Ministero del Lavoro IL DECRETO CORRETTIVO DEL D.LGS N. 81/08 Titolo III Proposte di modifica e possibili futuri scenari ing. Abdul Ghani Ahmad Ministero del Lavoro ART. 69 - Definizioni - C. 1 Agli effetti delle disposizioni

Dettagli

ESERCIZIO E MANUTENZIONE DEGLI IMPIANTI TERMICI

ESERCIZIO E MANUTENZIONE DEGLI IMPIANTI TERMICI ESERCIZIO E MANUTENZIONE DEGLI IMPIANTI TERMICI SERVIZIO AMBIENTE Maso Smalz via Ghiaie n. 58 Tel. 0461/884935 884936 Fax 884940 E-mail: servizio_ambiente@comune.trento.it dicembre 2005 ESERCIZIO E MANUTENZIONE

Dettagli

CONTROLLO INIZIALE E MANUTENZIONE DEI SISTEMI DI RIVELAZIONE INCENDI

CONTROLLO INIZIALE E MANUTENZIONE DEI SISTEMI DI RIVELAZIONE INCENDI Milano, Gennaio 2012 NORMA UNI 11224 GIUGNO 2011 CONTROLLO INIZIALE E MANUTENZIONE DEI SISTEMI DI RIVELAZIONE INCENDI Gà la norma UNI 9795/2010 Sistemi fissi automatici di rivelazione, di segnalazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE DI EMISSIONE ACUSTICA AMBIENTALE DELLE MACCHINE ED ATTREZZATURE DESTINATE A FUNZIONARE ALL APERTO APRILE 2012

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE DI EMISSIONE ACUSTICA AMBIENTALE DELLE MACCHINE ED ATTREZZATURE DESTINATE A FUNZIONARE ALL APERTO APRILE 2012 DIRETTIVA 2000/14/CE REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE DI EMISSIONE ACUSTICA AMBIENTALE DELLE MACCHINE ED ATTREZZATURE DESTINATE A FUNZIONARE ALL APERTO APRILE 2012 INDICE 1 - Generalità...2 2 - Applicabilità...2

Dettagli

Ministero delle infrastrutture e trasporti CONSIGLIO SUPERIORE DEI LAVORI PUBBLICI Servizio Tecnico Centrale IL PRESIDENTE REGGENTE

Ministero delle infrastrutture e trasporti CONSIGLIO SUPERIORE DEI LAVORI PUBBLICI Servizio Tecnico Centrale IL PRESIDENTE REGGENTE Ministero dello sviluppo economico DIREZIONE GENERALE PER IL MERCATO, LA CONCORRENZA, IL CONSUMATORE, LA VIGILANZA E LA NORMATIVA TECNICA Divisione XIV Organismi notificati e Sistemi di accreditamento

Dettagli

Le Responsabilità in riguardo alle attrezzature di lavoro

Le Responsabilità in riguardo alle attrezzature di lavoro Le Responsabilità in riguardo alle attrezzature di lavoro Formazione Preposti I.T.I. G. Galilei Livorno 1 Articolazione dell intervento Quadro normativo vigente Scelta, acquisto, installazione, manutenzione

Dettagli

SCOPO DELLA PROCEDURA E APPLICAZIONE

SCOPO DELLA PROCEDURA E APPLICAZIONE Art.1 Art.2 Art.3 Art.4 Art.5 Art.6 Art.7 Art.8 Art.9 Art.10 Art.11 Art. 12 Art. 13 Art. 14 Art. 15 Art. 16 INDICE SCOPO DELLA PROCEDURA E APPLICAZIONE RIFERIMENTI NORMATIVI TERMINI E DEFINIZIONI CONDIZIONI

Dettagli

Dal 1 febbraio 2010 la marcatura CE dei serramenti sarà obbligatoria.

Dal 1 febbraio 2010 la marcatura CE dei serramenti sarà obbligatoria. Nessuna ulteriore proroga. N e Dal 1 febbraio 2010 la marcatura CE dei serramenti sarà obbligatoria. La proroga del periodo di coesistenza della Marcatura CE con la la Norma Tecnica Europea EN 14351 1,

Dettagli

Cenni Normativi sulla Sicurezza degli Impianti Elettrici

Cenni Normativi sulla Sicurezza degli Impianti Elettrici FACOLTÁ DI INGEGNERIA UNIVERSITÁ DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA Cenni Normativi sulla Sicurezza degli Impianti Elettrici Prof. Dott. Ing. Roberto Mugavero tel/fax 06-72597320 e-mail mugavero@ing.uniroma2.it

Dettagli

Autore: Flavio Banfi Organizzazione: ITALCERT S.r.l. Intervento: Valutatori per la Certificazione CE di prodotto 2

Autore: Flavio Banfi Organizzazione: ITALCERT S.r.l. Intervento: Valutatori per la Certificazione CE di prodotto 2 Convegno: SEMINARIO AICQ SICEV SICEP 20 maggio 2011 Intervento: Valutatori per la Certificazione CE di prodotto Autore: Flavio Banfi Direttore Tecnico ITALCERT S.r.l. ITALCERT : Certificazione sistemi

Dettagli

Il contributo della certificazione nel settore energetico

Il contributo della certificazione nel settore energetico Il contributo della certificazione nel settore energetico Ivano Visintainer - Responsabile Funzione Impianti - IMQ Energia: istruzioni per l uso Indice La certificazione di prodotto Certificazione: evoluzione

Dettagli

Le Domande e le Risposte sul Patentino dei Frigoristi 15 marzo 2013

Le Domande e le Risposte sul Patentino dei Frigoristi 15 marzo 2013 Le Domande e le Risposte sul Patentino dei Frigoristi 15 marzo 2013 A seguito delle numerose domande inerenti al Patentino dei Frigoristi, giunte in redazione nei giorni scorsi, riportiamo le FAQ (domande

Dettagli

Marcatura CE. Logo della marcatura CE

Marcatura CE. Logo della marcatura CE Marcatura CE Da Wikipedia, l'enciclopedia libera. Logo della marcatura CE La marcatura CE è un contrassegno che deve essere apposto su determinate tipologie di prodotti dal fabbricante stesso che con essa

Dettagli

1) QUALI BENI MOBILI SONO INTERESSATI DALLA MESSA A NORMA? 2) QUALI SONO LE NORMATIVE DI RIFERIMENTO TECNICO CHE

1) QUALI BENI MOBILI SONO INTERESSATI DALLA MESSA A NORMA? 2) QUALI SONO LE NORMATIVE DI RIFERIMENTO TECNICO CHE 1) QUALI BENI MOBILI SONO INTERESSATI DALLA MESSA A NORMA? 2) QUALI SONO LE NORMATIVE DI RIFERIMENTO TECNICO CHE RIGUARDANO LA VENDITA DEI MACCHINARI? Pagina 1 di 18 Convegno fallimentare - 9 novembre

Dettagli

-CERTIFICAZIONE DI SISTEMA UNI EN ISO 9001- STRUMENTO DI QUALIFICAZIONE DELLE IMPRESE NEGLI APPALTI PUBBLICI

-CERTIFICAZIONE DI SISTEMA UNI EN ISO 9001- STRUMENTO DI QUALIFICAZIONE DELLE IMPRESE NEGLI APPALTI PUBBLICI -CERTIFICAZIONE DI SISTEMA UNI EN ISO 9001- STRUMENTO DI QUALIFICAZIONE DELLE IMPRESE NEGLI APPALTI PUBBLICI Norma ISO 9001 e sue applicazioni Iter di certificazione e sistema di accreditamento Sistemi

Dettagli

SICUREZZA ELETTRICA IN CONDOMINIO

SICUREZZA ELETTRICA IN CONDOMINIO ITE Bassi in collaborazione con Federamministratori Corso per amministratori condominiali SICUREZZA ELETTRICA IN CONDOMINIO Relatore: Dott. Ing. Donati Bassano PRINCIPALI LEGGI E NORMATIVE Legge 220/12:

Dettagli

UNI 9801 Il 23/07/91 è stata ratificata la normativa UNI 9801, che stabilisce i REQUISITI DI SICUREZZA per i montascale.

UNI 9801 Il 23/07/91 è stata ratificata la normativa UNI 9801, che stabilisce i REQUISITI DI SICUREZZA per i montascale. Riiepiillogo delllla normatiiva speciifiica per ii Montascalle e lle Piiattaforme ellevatriicii LEGGE 13/89 La prima legge italiana emessa riguardante specificatamente l abbattimento delle barriere architettoniche

Dettagli

Via Frà Bartolomeo da Pisa, 1 20144 Milano Tel 02 36 53 29 74 Fax 02 700 59 920 www.carmaconsulting.net www.marcaturace.eu

Via Frà Bartolomeo da Pisa, 1 20144 Milano Tel 02 36 53 29 74 Fax 02 700 59 920 www.carmaconsulting.net www.marcaturace.eu Via Frà Bartolomeo da Pisa, 1 20144 Milano Tel 02 36 53 29 74 Fax 02 700 59 920 www.carmaconsulting.net www.marcaturace.eu CHI SIAMO Carmaconsulting nasce dall intuizione dei soci fondatori di offrire

Dettagli

concernente l attuazione del Regolamento CE 842/2006 su taluni gas fluorurati ad effetto serra

concernente l attuazione del Regolamento CE 842/2006 su taluni gas fluorurati ad effetto serra concernente l attuazione del Regolamento CE 842/2006 su taluni gas fluorurati ad effetto serra Slides 1 di 30 FINALITÀ DEL DPR 43/2012 Disciplina le Modalità di Attuazione del Regolamento CE 842/06 in

Dettagli

Interpretazione Normativa. Lavori elettrici sotto tensione - requisiti imprese autorizzate

Interpretazione Normativa. Lavori elettrici sotto tensione - requisiti imprese autorizzate Ti trovi in: CNA Interpreta / Ambiente e sicurezza / Sicurezza / Impianti elettro-termo-idraulici / Aspetti generali per Impianti elettro-termo-idraulici Torna all'elenco 15/7/2011 Lavori elettrici sotto

Dettagli

D.Lgs. 81/08 Titolo III Capo III

D.Lgs. 81/08 Titolo III Capo III D.Lgs. 81/08 Titolo III Capo III Gli Impianti e le Apparecchiature Elettriche RELATORI: Dr. Nicola CARRIERO Dr. Carmineraffaele ROSELLI Art. 80 comma 1 IL Datore di Lavoro provvede affinchè i materiali

Dettagli

La nuova UNI EN 1090-1

La nuova UNI EN 1090-1 . Come identificarlo, certificarlo e controllarlo attraverso le NTC ed il nuovo CPR 305/2011 La nuova UNI EN 1090-1 Agrigento, 18 giugno 2014 Geom. Raffaello Dellamotta Tel. 0541-322.324 r.dellamotta@giordano.it

Dettagli

IL MINISTRO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI di concerto con IL MINISTRO DELLA SALUTE

IL MINISTRO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI di concerto con IL MINISTRO DELLA SALUTE Decreto del Ministero dell interno 4 febbraio 2011 Definizione dei criteri per il rilascio delle autorizzazioni di cui all art. 82, comma 2, del D.Lgs. 09/04/2008, n. 81, e successive modifiche ed integrazioni.

Dettagli

SCHEMA. Mandato CEN M/120 - Prodotti metallici per impiego strutturale e loro accessori

SCHEMA. Mandato CEN M/120 - Prodotti metallici per impiego strutturale e loro accessori SCHEMA per la certificazione del controllo della produzione in fabbrica ai fini della marcatura CE di componenti per strutture di acciaio e d alluminio cui alla norma UNI EN 1090-1:2012 0 STORIA Edizione

Dettagli

L accreditamento a garanzia della conformità degli operatori

L accreditamento a garanzia della conformità degli operatori ACCREDIA L Ente Italiano di Accreditamento L accreditamento a garanzia della conformità degli operatori Angelo Castelluccio Funzionario tecnico ACCREDIA Torino, 2 ottobre 2012 L Ente unico nazionale di

Dettagli

ISPESL DIPARTIMENTO DI ROMA ISPESL - DIPARTIMENTO DI ROMA - 1

ISPESL DIPARTIMENTO DI ROMA ISPESL - DIPARTIMENTO DI ROMA - 1 ISPESL DIPARTIMENTO DI ROMA ISPESL - DIPARTIMENTO DI ROMA - 1 RISCHIO ELETTRICO ISPESL - DIPARTIMENTO DI ROMA - 2 PANORAMA LEGISLATIVO NEL SETTORE ELETTRICO ISPESL - DIPARTIMENTO DI ROMA - 3 IMPIANTI E

Dettagli

UFFICIO VIGILANZA SULLA SICUREZZA E CONFORMITA' DEI PRODOTTI - ATTIVITA ISPETTIVE:

UFFICIO VIGILANZA SULLA SICUREZZA E CONFORMITA' DEI PRODOTTI - ATTIVITA ISPETTIVE: LISTA DEI CONTROLLI ALLE IMPRESE EFFETTUATI DALLA CAMERA DI PARMA (art. 14, comma 2, D.L. 9 febbraio 2012, n. 5, convertito dalla L. 4 aprile 2012, n. 35) Sono di seguito elencate le competenze camerali

Dettagli

LA SICUREZZA DELLE APPARECCHIATURE ELETTRICHE

LA SICUREZZA DELLE APPARECCHIATURE ELETTRICHE LA SICUREZZA DELLE APPARECCHIATURE ELETTRICHE Torino 21-23 marzo 2006 ABAG SRL http:// www.abag.it 1 CONSIDERAZIONI GENERALI E DEFINIZIONI cos'è la marcatura ce chi ne va soggetto e quali direttive occorre

Dettagli

La marcatura CE per le pietre naturali

La marcatura CE per le pietre naturali La marcatura CE per le pietre naturali Volargne,, 28-11-2006 Clara Miramonti Funzionario Tecnico Divisione Costruzioni UNI Norme europee armonizzate sui prodotti di pietra per pavimentazioni esterne 21

Dettagli

'LDJUDPPDGLIOXVVRSHUOHSURFHGXUHGLYDOXWD]LRQHGHOODFRQIRUPLWjVWDELOLWHQHOOD

'LDJUDPPDGLIOXVVRSHUOHSURFHGXUHGLYDOXWD]LRQHGHOODFRQIRUPLWjVWDELOLWHQHOOD $//(*$729,, 'LDJUDPPDGLIOXVVRGHOOHSURFHGXUHGLYDOXWD]LRQHGHOODFRQIRUPLWjVWDELOLWHQHOOHGLUHWWLYH, 'LUHWWLYHGLQXRYRDSSURFFLR 1. Materiale elettrico a bassa tensione (o "Bassa tensione") (73/23/CEE, modificata

Dettagli

Verifiche Periodiche di Ascensori e Montacarichi D.P.R. 162/99 Linee Guida per gli adempimenti di Legge

Verifiche Periodiche di Ascensori e Montacarichi D.P.R. 162/99 Linee Guida per gli adempimenti di Legge SERVIZIO PREVENZIONE E RISCHIO TECNOLOGICO Verifiche Periodiche di Ascensori e Montacarichi D.P.R. 162/99 Linee Guida per gli adempimenti di Legge a cura del Servizio Prevenzione e Rischio Tecnologico

Dettagli

Certificazione e Marcatura degli Apparecchi a gas per il Riscaldamento

Certificazione e Marcatura degli Apparecchi a gas per il Riscaldamento Incontro AVIEL-UNAE Vicenza 25 giugno 2005 Partner for progress Via Treviso 32/34 I- 31020 SAN VENDEMIANO(TV) Certificazione e Marcatura degli Apparecchi a gas per il Riscaldamento dott. ing. Benvenuto

Dettagli

SCHEMA 0 STORIA. Schema certificativo CP003 0.1 DOCUMENTI ESTERNI DI RIFERIMENTO

SCHEMA 0 STORIA. Schema certificativo CP003 0.1 DOCUMENTI ESTERNI DI RIFERIMENTO SCHEMA per la certificazione del controllo della produzione in fabbrica ai fini della marcatura CE dei prodotti laminati a caldo di acciai per impieghi strutturali di cui alla norma UNI EN 10025-1, edizione

Dettagli

ARI LOANO (SV) 20.05.2011 IK1HLG

ARI LOANO (SV) 20.05.2011 IK1HLG ARI LOANO (SV) Utilizzare un Generatore Elettrico in Sicurezza ovvero "come proteggersi dai contatti diretti ed indiretti quando si usa un generatore di corrente elettrica con motore a scoppio". 20.05.2011

Dettagli

Ordinanza concernente la sicurezza delle macchine

Ordinanza concernente la sicurezza delle macchine Ordinanza concernente la sicurezza delle macchine (Ordinanza sulle macchine, OMacch) 819.14 del 2 aprile 2008 (Stato 15 dicembre 2011) Il Consiglio federale svizzero, visto l articolo 4 della legge federale

Dettagli

Ordinanza del DFGP sugli strumenti di misurazione di energia termica 1

Ordinanza del DFGP sugli strumenti di misurazione di energia termica 1 Ordinanza del DFGP sugli strumenti di misurazione di energia termica 1 941.231 del 19 marzo 2006 (Stato 1 gennaio 2013) Il Dipartimento federale di giustizia e polizia (DFGP), visti gli articoli 5 capoverso

Dettagli

Certificazione Sistemi di Gestione della Sicurezza delle Informazioni. Norma ISO 27001

Certificazione Sistemi di Gestione della Sicurezza delle Informazioni. Norma ISO 27001 Certificazione Sistemi di Gestione della Sicurezza delle Informazioni Norma ISO 27001 Certificazione Sistemi di Gestione della Sicurezza Il CSQ, grazie alla vasta esperienza maturata nei maggiori contesti

Dettagli

ATTREZZATURE A PRESSIONE

ATTREZZATURE A PRESSIONE ATTREZZATURE A PRESSIONE (DIRETTIVA PED) Direttiva 97/23/CE recepita con D. Lgs. 25 Febbraio 2000, n. 93 CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA DI BOLOGNA Camera dell Economia ATTREZZATURE

Dettagli

Vediamo di seguito a grandi linee il procedimento per giungere alla marcatura CE.

Vediamo di seguito a grandi linee il procedimento per giungere alla marcatura CE. Marcatura CE: sei passi per i fabbricanti di macchine La Commissione Europea ha lanciato una campagna informativa per spiegare il ruolo ed il significato della marcatura CE per consumatori e professionisti.

Dettagli

AGENZIA REGIONALE PER LA PROTEZIONE AMBIENTALE DEL LAZIO. AULA MAGNA VIA SAREDO, 52 00173 ROMA 12 dicembre 2007

AGENZIA REGIONALE PER LA PROTEZIONE AMBIENTALE DEL LAZIO. AULA MAGNA VIA SAREDO, 52 00173 ROMA 12 dicembre 2007 AGENZIA REGIONALE PER LA PROTEZIONE AMBIENTALE DEL LAZIO SEZIONE PROVINCIALE DI ROMA SERVIZIO IMPIANTI E RISCHI INDUSTRIALI VIA BONCOMPAGNI, 101 00187 ROMA AULA MAGNA VIA SAREDO, 52 00173 ROMA 12 dicembre

Dettagli

MARCATURA CE (prodotti da costruzione) Direttiva europea 89/106/CE.

MARCATURA CE (prodotti da costruzione) Direttiva europea 89/106/CE. La Marcatura CE Normativa UNI EN 13659 MARCATURA CE (prodotti da costruzione) Direttiva europea 89/106/CE. Dal 2 Aprile 2006 è in vigore l'obbligo di Marcatura CE per tutte le chiusure oscuranti (persiane,

Dettagli

STRUTTURE METALLICHE IN ACCIAIO

STRUTTURE METALLICHE IN ACCIAIO STRUTTURE METALLICHE IN ACCIAIO La marcatura CE UNI EN 1090-1. Il primo passo è il conseguimento dell Attestato di Denuncia Attività da parte del Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici e l iscrizione

Dettagli

UNInotizie n. 06 del 31/03/2011

UNInotizie n. 06 del 31/03/2011 UNInotizie n. 06 del 31/03/2011 Un corso di formazione sulla nuova Direttiva Macchine Il corso "Nuova direttiva macchine. Valutazione del rischio e sua documentazione nel fascicolo tecnico", in programma

Dettagli

Ordinanza concernente la sicurezza delle macchine

Ordinanza concernente la sicurezza delle macchine Ordinanza concernente la sicurezza delle macchine (Ordinanza sulle macchine, OMacch) 819.14 del 2 aprile 2008 (Stato 1 luglio 2010) Il Consiglio federale svizzero, visto l articolo 4 della legge federale

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE ESAME CE DEL TIPO

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE ESAME CE DEL TIPO REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE ESAME CE DEL TIPO (Direttiva 95/16/CE Allegato V lettera B e Direttiva 2006/42/CE Allegato IX punto 16 e 17) INDICE 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE 2. RIFERIMENTI LEGISLATIVI

Dettagli

La libera circolazione dei prodotti e le problematiche della sicurezza Dal Nuovo Approccio al New Legal Framework (NFL)

La libera circolazione dei prodotti e le problematiche della sicurezza Dal Nuovo Approccio al New Legal Framework (NFL) La libera circolazione dei prodotti e le problematiche della sicurezza Dal Nuovo Approccio al New Legal Framework (NFL) 9 febbraio 2010 Ing. Fabio DATTILO Direttore Centrale della Direzione Centrale per

Dettagli

Norma CEI 64-8 e aggiornamenti

Norma CEI 64-8 e aggiornamenti Norma CEI 64-8 e aggiornamenti Arcavacata Rende, 8 ottobre 2010 La luce come requisito di legge negli ambienti di lavoro Come riconoscere un apparecchio di illuminazione Direttiva ECOdesign e possibili

Dettagli