INFORMAZIONI GENERALI CERTIFICAZIONE DI PRODOTTO DIRETTIVE CE PROVE, VALUTAZIONI E VERIFICHE DI LABORATORIO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "INFORMAZIONI GENERALI CERTIFICAZIONE DI PRODOTTO DIRETTIVE CE PROVE, VALUTAZIONI E VERIFICHE DI LABORATORIO"

Transcript

1 IServiziIMQ

2 INFORMAZIONI GENERALI CERTIFICAZIONE DI PRODOTTO DIRETTIVE CE PROVE, VALUTAZIONI E VERIFICHE DI LABORATORIO CERTIFICAZIONE DI SISTEMI DI GESTIONE AZIENDALE REGISTRAZIONE DELLE DITTE INSTALLATRICI DI SISTEMI DI SICUREZZA VERIFICHE SU IMPIANTI E IMMOBILI VERIFICHE PER LA SALUTE E SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO SERVIZI PER L ENERGIA E L AMBIENTE SERVIZI PER L ICT SECURITY ALTRI SERVIZI PER LA SICUREZZA E LA QUALITÀ DELLE AZIENDE ASSISTENZA EXPORT-IMPORT E SERVIZI PER RETAILERS EGDO 12 I SERVIZI IMQ

3 1. INFORMAZIONI GENERALI pag SCOPO DELL IMQ 1.2 CAMPO DI ATTIVITÀ 4. PROVE, VALUTAZIONI E VERIFICHE DI LABORATORIO pag MISURE DI SICUREZZA OTTICA E FOTOMETRIA 8. VERIFICHE PER LA SALUTE pag. 34 ESICUREZZANEILUOGHIDILAVORO 8.1 MISURE FONOMETRICHE 1.3 SEGRETO PROFESSIONALE 4.2 MISURE CAMPI ELETTROMAGNETICI 8.2 MISURE DI CAMPI ELETTROMAGNETICI 1.4 INFORMAZIONI SU PRATICHE IN CORSO 4.3 MISURE E PROVE DI COMPATIBILITÀ 8.3 VERIFICHE MICROCLIMATICHE E DI ILLUMINAZIONE 1.5 RICONOSCIMENTI LEGISLATIVI ELETTROMAGNETICA 8.4 VALUTAZIONE DELLE RADIAZIONI OTTICHE ARTIFICIALI 1.6 ACCREDITAMENTI, NOTIFICHE E AUTORIZZAZIONI 4.4 PROVE DI CORTOCIRCUITO SU APPARECCHIATURE 8.5 SERVIZI PER LA PREVENZIONE INCENDI PUBBLICAZIONI 1.8 ACCESSO AI SERVIZI IMQ BASSA TENSIONE 4.5 PROVE PER L ETICHETTATURA DEI CONSUMI E 8.6 MONITOR SICUREZZA 8.7 CERTIFICAZIONE BS OHSAS RECLAMI E RICORSI 1.10 SEDE IMQ 2. CERTIFICAZIONE DI PRODOTTO pag MARCHI DI SICUREZZA 2.2 MARCHI DI QUALITÀ E PRESTAZONE 2.3 MARCHI EUROPEI E INTERNAZIONALI 2.4 COME SI OTTIENE LA CERTIFICAZIONE IMQ DI PRODOTTO 2.5 I VANTAGGI DELLA CERTIFICAZIONE IMQ DI PRODOTTO 2.6 IL MARCHIO IMQ COME SUPPORTO ALLA VENDITA 3. DIRETTIVE CE pag APPARECCHI A GAS E RELATIVI DISPOSITIVI 3.2 APPARECCHIATURE RADIO E TERMINALI TELECOMUNICAZIONI (R&TTE) 3.3 ASCENSORI 3.4 ATEX 3.5 ATTREZZATURE A PRESSIONE (PED) 3.6 AUTOMOTIVE 3.7 BASSA TENSIONE 3.8 COMPATIBILITA ELETTROMAGNETICA (EMC) 3.9 DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE (DPI) 3.10 DISPOSITIVI MEDICI 3.11 ECODESIGN 3.12 EMISSION TRADING 3.13 GIOCATTOLI 3.14 MACCHINE VERIFICHE AMBIENTALI SECONDO LA DIRETTIVA ECODESIGN 4.6 ETICHETTA INFORMATIVA 4.7 PROVE INVECCHAMENTO ACCELERATO 4.8 PROVE PER L OTTENIMENTO DELLA CERTIFICAZIONE KONNEX (KNX) 4.9 PROVE SPECIALI 5. CERTIFICAZIONE DI SISTEMI pag. 24 DI GESTIONE AZIENDALE 5.1 IL SISTEMA CSQ 5.2 LE CERTIFICAZIONI RILASCIATE 5.3 I VANTAGGI DELLA CERTIFICAZIONE CSQ 6. REGISTRAZIONE DELLE DITTE pag. 28 INSTALLATRICI DI SISTEMI DI SICUREZZA 6.1. REGISTRAZIONE IMQ DELLE DITTE INSTALLATRICI DI SISTEMI DI SICUREZZA 6.2 REGISTRAZIONE IMQ DELLE DITTE INSTALLATRICI EMANUTENTRICIDIIMPIANTIANTICENDIO 6.3 CERTIFICAZIONE DELLE CENTRALI DI TELESORVEGLIANZA 7. VERIFICHE SU IMPIANTI pag. 30 EIMMOBILI 7.1 VERIFICHE IMPIANTI ELETTRICI 9. SERVIZI PER L ENERGIA pag. 36 EL AMBIENTE 9.1 SERVIZI PER L ENERGIA 9.2 SERVIZI PER L AMBIENTE 10. SERVIZI PER L ICT SECURITY pag VERIFICHE PER IL SETTORE ICT SECURITY 11. ALTRI SERVIZI PER pag. 40 LA SICUREZZA E LA QUALITÀ DELLE AZIENDE 11.1 AUDIT DI SECONDA PARTE 11.2 TARATURA STRUMENTI 11.3 ASSISTENZA TECNICO-NORMATIVA 11.4 FORMAZIONE 12. ASSISTENZA EXPORT-IMPORT pag. 42 ESERVIZIPERRETAILERSEGDO 12.1 ASSISTENZA ALL ESPORTAZIONE CERTIFICAZIONI INTERNAZIONALI EUROPA MONDO SUPPORTO PER CINA E AMERICA ASSISTENZA TECNICO NORMATIVA 3.15 PRODOTTI DA COSTRUZIONE (CPD) 7.2 VERIFICHE IMPIANTI ASCENSORE 12.2 ASSISTENZA ALL IMPORTAZIONE 3.16 ROHS 7.3 CERTIFICAZIONE IMMOBILI 12.3 VERIFICA FORNITORI E FORNITURE 3.17 STRUMENTI DI MISURA (MID) 7.4 CERTIFICAZIONE E AUDIT ENERGETICO 12.4 SERVIZI PER RETAILERS E GDO 3.18 NOTIFICHE IMQ 7.5 VERIFICHE REQUISITI ACUSTICI 7.6 MONITOR SICUREZZA IMMOBILI 1 INDICE

4 1. Informazioni generali 1.1 SCOPO DELL IMQ 1.2 CAMPO DI ATTIVITÀ 1.3 SEGRETO PROFESSIONALE 1.4 INFORMAZIONI SU PRATICHE IN CORSO 1.5 RICONOSCIMENTI LEGISLATIVI 1.6 ACCREDITAMENTI, NOTIFICHE E AUTORIZZAZIONI 1.7 PUBBLICAZIONI 1.8 ACCESSO AI SERVIZI IMQ 1.9 RECLAMI E RICORSI 1.10 SEDE IMQ 2 I SERVIZI IMQ

5 1.1 Scopo dell IMQ IMQ, fondata nel 1951, ha come scopo primario quello di valutare la conformità (certificazione, prove, verifiche, ispezioni) di prodotti, processi aziendali, impianti. 1.2 Campo di attività dell IMQ L attività dell IMQ si svolge nei seguenti settori: Certificazionediprodottoneisettorielettrico, elettronico, gas, energie e ambiente - marchidisicurezza - marchidiqualitàeprestazione - marcaturace - marchieuropeieinternazionali AttestazionediconformitàsecondoledirettiveCE Provedilaboratorioepercertificazioni internazionali Certificazionedisistemidigestioneaziendali Verifichesuimpianti(elettrici,ascensori,sistemi di sicurezza) ed immobili Verificheperlasaluteesicurezzaneiluoghidi lavoro Servizi per l energia e l ambiente Serviziperl ICTsecurity Serviziperleaziende - assistenzatecnico-normativa - formazione Assistenzaall esportazioneeall importazione 1.3 Segreto professionale del personale IMQ Tutto il personale IMQ ha l obbligo di una stretta osservanza del segreto professionale. In particolare non èconsentitoalpersonaledirilasciareaterziinformazioni su disegni, particolari costruttivi, soluzioni tecniche, soluzioni gestionali, ecc. riguardanti prodotti o sistemi di altre aziende. Significa inoltre che i costruttori ed i loro collaboratori non sono normalmente ammessi nelle zone operative di IMQ. 1.4 Informazioni su pratiche in corso Informazioni relative allo stato di avanzamento delle pratiche in corso, possono essere richieste solo dalla persona delegata dall azienda richiedente, il cui nominativo sia stato segnalato all IMQ. 1.5 Riconoscimenti legislativi IMQ ha ricevuto riconoscimenti da parte dell Amministrazione Pubblica in diversi settori. In generale tali riconoscimenti affidano all IMQ il compito di svolgere delle attività di valutazione della conformità ai sensi di atti legislativi nazionali anche in recepimento di direttive comunitarie. 3 INFORMAZIONI GENERALI

6 1.6 Accreditamenti, notifiche eautorizzazioni Accredia (Ente italiano di Accreditamento) - Dipartimento certificazione e ispezione Certificazione di prodotto - Apparecchidibassatensionesoggettiamisuredi compatibilità elettromagnetica - Apparecchidiilluminazioneeaccessori - Apparecchidiprotezione,apparecchiaturee attrezzature a bassa tensione - Apparecchielettronici - Apparecchimedicali - Apparecchiutilizzatoriagaseacombustibilesolido erelatividispositivi - Apparecchiutilizzatorielettrici - Apparecchiatureperlatecnologiadell informazione emacchineperufficio - Apparecchiaturepersistemidisicurezza - Cavi-Cavimediaealtatensione-Lineeelettriche aeree ed elementi accessori - Componentiperilsettoredelsolaretermico - Condensatoriefiltri - Contatorielettriciegruppidimisura - Interruttoriedispositividicontrolloperapparecchi - Interruttoridimanovraesezionatori - Macchine,ascensorierelativicomponenti - Materialedainstallazioneedispositividiconnessione - Trasformatori - Utensilielettriciportatili Certificazione di sistemi di gestione aziendali - perlaqualità(iso9001) - perl'ambiente(iso14001) - perl energia(en16001) - perlasaluteesicurezzadeilavoratori(bsohsas 18001) - perlasicurezzadelleinformazioni(iso/iec27001) - perlagestioneserviziit(iso/iec20000) (accreditamento APMG già ITSMF-UK) - perlaresponsabilitàsociale(sa8000) - perlaqualitànelsettoreautomotive(iso/ts16949) (accreditamento IATF) - perlaqualitànelsettoremedicale(iso13485) (accreditamento IATF) - perlaqualitànelsettoreferroviario(iris) (accreditamento UNIFE) Organismo di Ispezione di tipo A su impianti fotovoltaici ai sensi della Norma ISO/IEC Accredia - Dipartimento laboratori di prova - Laboratoriocavi,laboratoriochimico,laboratorio cortocircuito, laboratorio gas e laboratorio compatibilità elettromagnetica, per le prove indicate sul certificato di accreditamento (consultabile anche su Accredia - Dipartimento laboratori di taratura - Centroditaraturan.21 Direttive CE - Apparecchiagas - Apparecchiatureradioeterminalidi telecomunicazione (R&TTE) - Ascensoriecomponenti - Atex - Attrezzatureapressione(PED) - Bassatensione - Compatibilitàelettromagnetica(EMC) - Dispositividiprotezioneindividuale(DPI) - Dispositivimedici - Emissiontrading - Giocattoli - Macchine - Prodottidacostruzione(CPD) - Rendimentocaldaie - Strumentidimisura(MID) Ministero dello Sviluppo Economico - Esecuzioneproveemisuresuapparati radiotrasmittenti - Verificheperiodichesuimpiantielettrici(DPR462/01) eascensori(dpr162/99e214/10) Ministero delle Finanze - Taraturecontatorielettriciaventirilevanzafiscale 1.7 Pubblicazioni Le principali pubblicazioni IMQ sono: - Gruppo IMQ Informa,periodicoinformativodi carattere certificativo-normativo. - IMQ Notizie,periodicoinformativochetrattale problematiche della sicurezza, della qualità e dell ambiente. Aquestepubblicazionisiaggiungonogliopuscoli istituzionali oltre alle brochure specifiche per ogni ambito di attività. 1.8 Accesso ai servizi IMQ Qualsiasi azienda può accedere ai servizi IMQ. Le procedure in base alle quali IMQ opera non vengono applicate in modo discriminatorio e non vengono poste in atto condizioni finanziarie o altre condizioni indebite. 1.9 Reclami e ricorsi Èpoliticadell'lMQgestireeventualireclamiericorsicon la massima rapidità nell'ottica della soddisfazione del cliente e del miglioramento dei servizi offerti. 4 I SERVIZI IMQ

7 1.10 Sede IMQ SEDE PRINCIPALE MILANO via Quintiliano 43, Tel Fax: Come si raggiunge Tram: n. 27 da centro città (fermata Quintiliano). Bus: n.88 da Stazione Rogoredo (fermata via dei Liri). Taxi: 10 min. da Linate, 70 min. da Malpensa, 20 min. da centro città. Auto: Tangenziale Est uscita Mecenate. Orario ricevimento merci Dal lunedì al venerdì: 9,00-17,00. IMQ - UFFICIO ROMA Via Riccardo Gigante Roma - Italia Tel Fax: Oltre a IMQ S.p.A., del Gruppo IMQ fanno parte anche CSI S.p.A. (Bollate), IMQ-Primacontrol S.r.l. (San Vendemiano), IMQ Clima S.p.A. (Amaro), Icila S.r.l. (Lissone), Elcolab S.r.l. (Belforte del Chiento - MC) IMQ Iberica (con sede a Madrid e Barcellona, Spagna), IMQ Kraków R.O. (ufficio di rappresentanza con sede in Polonia) e IMQ Certification Shanghai (società con sede in Cina). Il Gruppo IMQ vanta inoltre una partecipazione nell'istituto Giordano S.p.A. (Bellaria) in CISQCERT S.p.A. (Milano), in Icube S.A. (con sede a Buenos Aires, Argentina). EUROPA Spagna - IMQ Iberica Calle Diego de León, 69-5ª Planta Madrid - España Calle Consell de Cent, 83-6ª Planta Barcellona Polonia - IMQ Kraków ul. Kraszewskiego 36, Cracovia - Poland ASIA Cina - IMQ Certification Shanghai Room 6A, Zhao Feng World Trade Building 369, Jiang Su Road Shanghai China SUD AMERICA Argentina - Icube AV. Belgrano 624-1st floor (C1092AAT) - Buenos Aires 5 INFORMAZIONI GENERALI

8 2. Certificazione di prodotto 2.1 MARCHI DI SICUREZZA 2.2 MARCHI DI QUALITÀ E PRESTAZONE 2.3 MARCHI EUROPEI E INTERNAZIONALI 2.4 COME SI OTTIENE LA CERTIFICAZIONE IMQ DI PRODOTTO 2.5 I VANTAGGI DELLA CERTIFICAZIONE IMQ DI PRODOTTO 2.6 IL MARCHIO IMQ COME SUPPORTO ALLA VENDITA 6 I SERVIZI IMQ

9 La certificazione di prodotto prevede il rilascio di marchi o di certificati che attestano la conformità dei prodotti alle caratteristiche di sicurezza e, in taluni casi, anche di prestazione, fissate dalle norme di buona tecnica. Imarchidiconformità,qualecertificazionediterzaparte, rafforzano la validità della marcatura CE nei confronti dei consumatori, soprattutto nei casi in cui la marcatura CE viene apposta dal fabbricante senza l'intervento di un Organismo Notificato. Inoltre, è altrettanto importante considerare altri due aspetti caratterizzanti la presenza sui prodotti di un marchio di sicurezza come il marchio IMQ che sono: 1) la conformità alle norme tecniche armonizzate (che è presunzione del rispetto dei requisiti essenziali di sicurezza) 2) la sorveglianza della produzione che consiste essenzialmente nel prelievo di campioni del modello certificato e nella ripetizione delle prove più significative. 2.1 Marchi di sicurezza Il marchio IMQ Utilizzato per apparecchi e componenti, attesta la conformità dei prodotti elettrici ai requisiti delle norme CEI ed EN Il marchio IMQ-CIG Rilasciato per apparecchi utilizzatori a gas e per i relativi componenti ed accessori, il marchio IMQ-CIG attesta la conformità alle norme CIG riguardanti la sicurezza secondo quanto prescritto dalla Legge n.1083 del 6 dicembre Il marchio IMQ-UNI Attesta la conformità dei prodotti alle norme UNI. Attualmente è applicabile alle seguenti categorie: dispositivi medicali non elettrici; componenti per ascensori; prodotti vari; attrezzi per presa, manipolazione, taglio, cacciaviti, pinze e chiavi; banchi refrigerati tipo commerciale. Nota: per i banchi refrigerati il marchio IMQ-UNI è relativo sia alla sicurezza, sia alle prestazioni degli apparecchi. UNI Il marchio CSV-IMQ (Certificato con Sorveglianza) Attesta la conformità di un prodotto ad una determinata specifica tecnica. Possono essere ammessi al regime del Certificato con Sorveglianza (CSV) IMQ i prodotti per i quali si possa individuare una specifica tecnica adeguata. Tale specifica potrà essere una norma o un progetto pubblicati dai seguenti organismi normatori: CEI, UNI, CENELEC, CEN, IEC, ISO o enti normatori esteri. In casi particolari, in assenza di queste norme, un Certificato con Sorveglianza potrà essere rilasciato afrontediuncapitolatotecnicodiprova. Possono pure essere ammessi al regime del 7 CERTIFICAZIONE DI PRODOTTO

10 Certificato con Sorveglianza le parti componenti di apparecchi non coperte da una norma specifica, ma trattate da uno o più paragrafi della norma degli apparecchi. Come nel caso del marchio IMQ questa certificazione prevede, oltre alla verifica di rispondenza alle norme del prototipo, anche quella della produzione, sulla quale vengono effettuati controlli periodici. 2.2 Marchi di qualità e prestazione I marchi IMQ-Performance, IMQ-Quality e IMQ-Quality-CIG Sono marchi di qualità che, oltre alla sicurezza, certificano anche alcune caratteristiche del prodotto, quali le prestazioni, il rendimento e il rispetto ambientale. IMQ Performance: per alcuni tipi di cavi, per apparecchi di illuminazione, per prodotti integrati per riscaldamento e/o produzione di acqua calda sanitaria. IMQ Quality: per apparecchi alimentati a combustibile solido. IMQ Quality-CIG: per camini e canne fumarie Il marchio IMQ-EMC Attesta la conformità ai requisiti di compatibilità elettromagnetica stabiliti dalle norme europee EN Il marchio IMQ Sistemi di Sicurezza Attesta la conformità alle prescrizioni di sicurezza e prestazioni contenute nelle relative norme CEI ed EN. Viene rilasciato alle apparecchiature destinate ad essere utilizzate nei sistemi di sicurezza (impianti antiintrusione e antifurto; componenti per impianti di rilevazione e segnalazione incendio, sistemi di controllo accessi, sistemi di protezione contro un impiego non autorizzato dei veicoli). In questo settore IMQ gestisce un sistema di registrazione delle ditte installatrici di impianti d'allarme e antincendio (Vedi cap. 6) Il marchio IMQ-ECO Certificazione delle asserzioni ambientali di prodotto, attesta la veridicità delle qualità ambientali, ecologiche o energetiche, dichiarate dal costruttore riguardo a un determinato prodotto. 2.3 Marchi europei einternazionali Il marchio HAR Accompagnato dal marchio di uno degli organismi aderenti all'accordo HAR attesta la conformità dei cavi di bassa tensione alle norme armonizzate europee ed è ottenibile per i cavi fabbricati nei paesi aderenti all'accordo (Vedi cap. 12) Il marchio ENEC Accompagnato dal numero 03, che contraddistingue IMQ, attesta la conformità alle norme europee EN degli apparecchi di illuminazione e di emergenza e relativi componenti, delle apparecchiature per la tecnologia dell'informazione e macchine per ufficio, dei trasformatori, degli interruttori, dei dispositivi di controllo, delle morsettiere, dei connettori (Vedi cap. 12) Il marchio ENEC per elettrodomestici Èunmarchioeuropeocheattestalaconformità degli elettrodomestici alle norme europee di sicurezza Il marchio IMQ GS Il marchio IMQ GS attesta la conformità di prodotti ai sensi della legge tedesca (GPSG) che recepisce la direttiva sulla sicurezza generale dei prodotti (GPSD) e altre direttive europee sulla sicurezza, quali, ad esempio, la direttiva di Bassa Tensione e la direttiva sulla sicurezza delle Macchine (MSD). La valutazione di conformità si effettua con riferimento, soprattutto, alle norme europee armonizzate. Un certificato GS può essere rilasciato solo da Organismi di certificazione Autorizzati dall'amministrazione federale tedesca. L'IMQ, in quanto Organismo Autorizzato, può emettere certificati IMQ GS per materiale elettrico ed utensili elettrici portatili; tali certificati consentono ai costruttori di apporre il marchio GS Il marchio Solar Keymark Accompagnato dal numero 030, che contraddistingue IMQ, attesta la conformità dei collettori solari termici alle norme UNI EN :2006 (Thermal solar systems and components Solar Collectors Part 1: General requirements) e UNI EN :2006 (Solar systems and components Solar Collectors Part2:Testmethods)(Vedi cap. 12). 2.4 Come si ottiene la certificazione IMQ di prodotto La certificazione IMQ di prodotto viene rilasciata e mantenuta se vengono soddisfatti i seguenti adempimenti: - approvazione del costruttore:lostabilimentodel costruttore che fa domanda di concessione d uso di uno dei marchi rilasciati da IMQ, deve essere fornito di mezzi di produzione, di prova o verifica, di personale ed attrezzature, atti a garantire per i 8 I SERVIZI IMQ

11 prodotti posti sul mercato la costante conformità alle corrispondenti norme. Ciò viene accertato mediante una verifica ispettiva presso lo stabilimento; - approvazione del singolo modello di prodotto: su ogni modello per il quale il costruttore richiede l uso del marchio, IMQ provvede ad eseguire le prove di tipo richieste dalle corrispondenti norme. In caso di esito favorevole viene stipulato un contratto fra IMQ ecostruttore,inbasealqualequest ultimoè autorizzato ad apporre il marchio richiesto su quel prodotto; - controllo della produzione dei prodotti muniti di marchio IMQ:pertuttiiprodottichevengono costruiti con il marchio IMQ il costruttore si impegna con IMQ, attraverso il contratto sopraddetto, a mantenere la loro costante conformità alle norme e ad effettuare al 100% o su base statistica alcune prove di controllo. IMQ si accerta che tali prove vengano eseguite regolarmente e provvede a ripeterle su qualche esemplare prelevato dalla produzione. Nei casi in cui l IMQ accerti l inosservanza di qualcuna delle prescrizioni sopra riportate, il costruttore viene invitato a rimettersi in regola; IMQ provvede ad effettuare dei controlli supplementari e, nei casi più gravi o di recidiva, revoca il diritto a l uso del marchio. 2.5 I vantaggi della certificazione IMQ di prodotto Ivantaggicheuncostruttorepuòtrarredall ottenimento delle certificazioni IMQ sono molteplici sia dal punto di vista commerciale sia da quello legale. Commercialmente le certificazioni IMQ qualificano i prodotti offrendo valide argomentazioni di vendita. Chi ha ottenuto le certificazioni IMQ può infatti sottoporre ai consumatori o ai propri clienti, sempre più esigenti per quanto concerne l affidabilità e la qualità di ciò che comprano, una tangibile e obiettiva attestazione che i propri prodotti sono costruiti secondo le norme di buona tecnica. Inoltre i concessionari IMQ possono usufruire delle facilitazioni nei rapporti con gli altri istituti di certificazione europei e internazionali e conseguentemente sono avvantaggiati per quanto riguarda le esportazioni. Dal punto di vista legale le certificazioni IMQ costituiscono una tutela per i costruttori. Chi ha ottenuto la concessione d uso del marchio IMQ per materiali e apparecchi elettrici possiede un attestazione di aver adempiuto alle prescrizioni delle norme europee a cui la direttiva 2006/95/CE (c.d. di Bassa Tensione) rinvia per la verifica di rispondenza ai requisiti essenziali. La conformità alle norme europee comprovata dal marchio IMQ è pertanto un importante strumento che il costruttore ha a disposizione per adempiere agli obblighi previsti dalle direttive per l apposizione della marcatura CE. Oltre a ciò il costruttore può dimostrare di aver costruito prodotti secondo la regola d arte in accordo con le disposizioni della Legge. Chi utilizza prodotti elettrici e agascertificatiimqperlarealizzazionedegliimpianti,è in regola con la Legge relativa alla sicurezza degli impianti stessi. Infine i marchi IMQ costituiscono un importante mezzo di tutela per i costruttori in materia di responsabilità per danno da prodotto difettoso. Infatti, secondo quanto previsto all articolo 118, lettera e), del D.Lgs. 6 settembre 2005, n. 206 (Codice del Consumo) la responsabilità è esclusa se lo stato delle conoscenze scientifiche, al momento in cui il produttore ha messo in circolazione il prodotto, non permetteva ancora di considerare il prodotto come difettoso. Poiché la funzione dei marchi IMQ è quella di attestare la rispondenza di un prodotto a normative che costituiscono lo stato generale ed ufficiale della scienza e della tecnica nel settore elettrico o nel settore gas, ne consegue che per le produzioni munite di uno dei marchio IMQ esiste la presunzione di conformità allo stato dell arte e si precostituisce per tale via un mezzo di prova. 2.6 Il marchio IMQ come supporto alla vendita L evidenziare il marchio IMQ in modo chiaro sul prodotto, sulla confezione o nella pubblicità, si sta rivelando sempre più interessante nei confronti degli acquirenti più attenti alle caratteristiche di sicurezza e di affidabilità di ciò che acquistano. Per supportare le aziende nell efficace e corretta valorizzazione dei marchi e delle certificazioni ottenuti, IMQ ha predisposto la GUIDA ALL UTILIZZO E ALLA VALORIZZAZIONE DEI MARCHI IMQ disponibile anche sul sito Internet. Inoltre, attraverso il proprio ufficio marketing, IMQ è disponibile a collaborare con il singolo produttore per individuare le forme più adatte al particolare prodotto. Èconsigliatoanchel utilizzodelle etichetteverdi,che sono state specificatamente studiate per una facile leggibilità e un richiamo costante nei confronti dell acquirente. Presso IMQ sono in vendita tali etichette in vari formati. I simboli grafici dei marchi IMQ sono inoltre disponibili gratuitamente in formato elettronico. 9 CERTIFICAZIONE DI PRODOTTO

12 3. Direttive CE 3.1 APPARECCHI A GAS E RELATIVI DISPOSITIVI 3.2 APPARECCHIATURE RADIO E TERMINALI TELECOMUNICAZIONI (R&TTE) 3.3 ASCENSORI 3.4 ATEX 3.5 ATTREZZATURE A PRESSIONE (PED) 3.6 AUTOMOTIVE 3.7 BASSA TENSIONE 3.8 COMPATIBILITA ELETTROMAGNETICA (EMC) 3.9 DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE (DPI) 3.10 DISPOSITIVI MEDICI 3.11 ECODESIGN 3.12 EMISSION TRADING 3.13 GIOCATTOLI 3.14 MACCHINE 3.15 PRODOTTI DA COSTRUZIONE (CPD) 3.16 ROHS 3.17 STRUMENTI DI MISURA (MID) 3.18 NOTIFICHE IMQ 10 I SERVIZI IMQ

13 La politica comunitaria in materia di libera circolazione delle merci ha portato all'emanazione di varie direttive volte a superare gli ostacoli di natura legislativa in tema di conformità ai principi di sicurezza. Queste direttive stabiliscono procedure per la valutazione dei prodotti industriali ai fini della sicurezza e prevedono l'apposizione della marcatura CE che attesta la conformità ai requisiti essenziali. Iprodottivengonosuddivisiin: - prodottiperiqualilavalutazionedellaconformità può essere effettuata dal fabbricante (o dal suo mandatario nel caso che il fabbricante non sia residente in un paese dell Unione europea); - prodottiperiqualiilfabbricante(oilsuomandatario) deve fare obbligatoriamente eseguire la valutazione della conformità da un organismo a ciò autorizzato dallo Stato e Notificato alle autorità degli altri Stati dell Unione europea. Per entrambe le situazioni indicate e nei campi di propria competenza, IMQ è in grado di intervenire sia fornendo assistenza nell individuazione delle direttive applicabili e della procedura più idonea per il soddisfacimento degli obblighi legislativi, sia eseguendo prove e verifiche di conformità ai fini dell ottenimento di attestati e certificati di conformità per la successiva apposizione della marcatura CE. In aggiunta è possibile affiancare alla marcatura CE, secondo le tipologie di prodotto, un marchio volontario, come ad esempio IMQ, ENEC, HAR, etc., che, essendo riferito alle norme di buona tecnica (generalmente internazionali), consente di aggiungere autorevolezza alla dichiarazione di conformità del costruttore. Nel seguito vengono riportate informazioni su prodotti per i quali sono state attualmente pubblicate direttive CE che vedono coinvolta IMQ. PER I CLIENTI IMQ ALCUNI SERVIZI SONO GRATUITI 3.1 Apparecchi a gas e relativi dispositivi Direttiva 2009/142/CE La direttiva prescrive il rispetto dei requisiti essenziali di sicurezza per gli apparecchi a gas (utilizzati per la cottura, il riscaldamento, la produzione di acqua calda, il raffreddamento, l'illuminazione, il lavaggio) e per idispositividisicurezza,dicontrolloeregolazione. Secondo questa direttiva in Italia e in Europa possono essere venduti solo gli apparecchi a gas che: - soddisfanoirequisitiessenzialidelladirettiva - sonostaticontrollatidaunorganismonotificatoche ne attesta la conformità e ne sorveglia la produzione; - portanolamarcaturaceseguitadalnumerodi identificazione dell Organismo Notificato (per IMQ il numero di identificazione è 0051); - sonoaccompagnatidaistruzionieavvertenzenella lingua del paese di destinazione. Il costruttore, per dimostrare che i suoi prodotti soddisfano irequisitiessenziali,deverivolgersidunqueadunente Notificato sia per l esame del tipo sia per il controllo della produzione. Rendimento caldaie Direttive CEE 92/42 e 93/68 La direttiva CEE 92/42, modificata dalla direttiva CEE 93/68 per quanto riguarda la marcatura CE, costituisce un azione di promozione dell efficienza energetica delle caldaie di potenza compresa tra 4 e 400 kw, alimentate con gas combustibile, liquido o gassoso. Prevede il rispetto di determinati rendimenti, a potenza nominale ed a carico parziale (30% carico nominale), che variano a seconda della potenza. In aggiunta alla marcatura CE è prevista una marcatura di rendimento energetico costituita da una o più stelle (fino a quattro) in accordo al maggior rendimento conseguito rispetto al valore minimo prescritto. La direttiva CEE 93/68 contiene modifiche in materia di marcatura CE emarcaturaspecificadirendimento. 11 DIRETTIVE CE

14 IMQ è in grado di verificare il valore del rendimento, verifica che può essere effettuata in contemporanea alle prove per l ottenimento del certificato di esame CE del tipo previsto dalla direttiva CE 2009/142 (apparecchi a gas). Come la direttiva CE 2009/142 anche la direttiva rendimenti prevede la sorveglianza della produzione utilizzando moduli analoghi a quelli previsti per la sicurezza. Anche in questo caso la marcatura CE dovrà essere accompagnata dal numero di identificazione dell'organismo Notificato per i controlli (per IMQ 0051). Organismo Notificato dal Ministero dello Sviluppo Economico, IMQ offre i seguenti servizi: - esamecedeltipo; - ispezioniecontrollodellaproduzionepressoi costruttori, secondo l'opzione scelta dal cliente; - valutazioneeapprovazionedeisistemiqualità,inbase ai criteri dei paragrafi 3 e 4 dell allegato II della direttiva. Inoltre, vista la varietà e la complessità delle procedure previste dalle direttive, IMQ offre anche altri servizi: - verificapreliminaredellecaratteristicheprincipalidel prodotto in rapporto ai requisiti essenziali delle altre direttive; - provepressoilaboratoriimqperlaverificadella rispondenza del prodotto ai requisiti della direttiva di Bassa Tensione per la sicurezza della parte elettrica e della direttiva EMC per la compatibilità elettromagnetica; - supportonellacostituzioneenellapresentazionedella documentazione tecnica di progetto; - compilazione,inognisuaparte,delmoduloperla dichiarazione di conformità che deve essere sottoscritto dall azienda dichiarante; - informazionesullecondizionidiinstallazioneesuitipi di gas negli altri paesi europei; - supportoaicostruttoriperlapredisposizioneelamessa in opera di un adeguato laboratorio di prova e/o di un sistema di controllo della produzione. 3.2 Apparecchiature Radio & Terminali Telecomunicazione (R&TTE) Direttiva 1999/05/CE La direttiva CE 1999/05, è stata recepita in Italia con Decreto N. 269, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana il 9 maggio Il campo di applicazione della direttiva riguarda gli apparecchi radio riceventi e/o trasmittenti, ovvero apparecchi in grado di comunicare mediante l'emissione e/o la ricezione di onde radio impiegando lo spettro delle radiofrequenze (esempi: GSM, WiFi, Bluetooth, componenti di sistemi d allarme via radio,...) e gli apparecchi terminali di telecomunicazione (esempi: combinatori telefonici, gateway ADSL,...); sono esclusi gli apparecchi per centrale di telecomunicazione). Lo scopo della direttiva è di garantire la libera circolazione dei prodotti sul mercato dell'unione Europea (le licenze per l'uso delle frequenze sono escluse e rimangono di competenza nazionale). Irequisitiessenzialirichiestidalladirettivaconcernono: - laprotezionedellasaluteedellasicurezzadell'utenteo di qualsiasi altra persona, compresi gli obiettivi di sicurezza della direttiva Bassa Tensione, ma senza applicazione di limiti di tensione; - irequisitiinmateriadiprotezioneperquantoriguarda la compatibilità elettromagnetica, previsti dalla direttiva; - l'usoefficacedellospettroassegnatoalle radiocomunicazioni terrestri e spaziali al fine di evitare pericolose interferenze. IMQ Organismo Notificato (numero identificativo 0051) per le verifiche e le certificazioni previste dalla direttiva R&TTE, offre ai costruttori un concreto supporto attraverso iseguentiservizi: - provediconformitàpertuttiirequisitiessenzialiprevisti dalla direttiva: sicurezza, EMC e uso efficace dello spettro radio; - certificazioneinqualitàdiorganismonotificatoper 12 I SERVIZI IMQ

ACCREDIA L Ente Italiano di Accreditamento. Accreditation process for abilitation/notification: experiences and criticalities

ACCREDIA L Ente Italiano di Accreditamento. Accreditation process for abilitation/notification: experiences and criticalities ACCREDIA L Ente Italiano di Accreditamento Accreditation process for abilitation/notification: experiences and criticalities 1-32 28 giugno 2013 IL QUADRO DI RIFERIMENTO Cambiano gli scenari europei Regolamento

Dettagli

COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA

COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA E composta dalla sigla CE e, nel caso un Organismo Notificato debba intervenire nella fase del controllo della produzione, contiene anche il numero d identificazione

Dettagli

ELENCO DIRETTIVE DEL NUOVO APPROCCIO CHE PREVEDONO L APPOSIZIONE DELLA MARCATURA CE

ELENCO DIRETTIVE DEL NUOVO APPROCCIO CHE PREVEDONO L APPOSIZIONE DELLA MARCATURA CE ELENCO DIRETTIVE DEL NUOVO APPROCCIO CHE PREVEDONO L APPOSIZIONE DELLA MARCATURA CE PREMESSA La parte IV Titolo I artt. da 102 a 113 del Codice del Consumo costituisce il recepimento nazionale della Direttiva

Dettagli

LAMPADE A VAPORI DI MERCURIO AD ALTA PRESSIONE

LAMPADE A VAPORI DI MERCURIO AD ALTA PRESSIONE Pag. 1 di 20 LAMPADE A VAPORI DI MERCURIO AD ALTA PRESSIONE Funzione Responsabile Supporto Tecnico Descrizione delle revisioni 0: Prima emissione FI 00 SU 0002 0 1: Revisione Generale IN 01 SU 0002 1 2:

Dettagli

LA NORMA LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL LIBRETTO D IMPIANTO LA REGOLA

LA NORMA LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL LIBRETTO D IMPIANTO LA REGOLA LA NORMA LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL LIBRETTO D IMPIANTO LA REGOLA 2004 INDICE Libretto di impianto pag. 3 Scheda 1 4 Scheda 2 5 Scheda 3 6 Scheda 4 7 Scheda 5 9 Scheda 6 10 Scheda 7 11 Scheda

Dettagli

Informazione agli impianti di trattamento

Informazione agli impianti di trattamento dell'articolo 11, comma 1, o di conferimento gratuito senza alcun obbligo di acquisto per i RAEE di piccolissime dimensioni ai sensi dell'articolo 11, comma 3; c) gli effetti potenziali sull'ambiente e

Dettagli

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro.

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro. C Caldaia L'unità centrale scambiatore termico-bruciatore destinata a trasmettere all'acqua il calore prodotto dalla combustione. v. Camera di combustione, Centrali termiche, Efficienza di un impianto

Dettagli

I CONTROLLI, pertanto, sono OBBLIGATORI, così come le procedure secondo le quali devono essere svolti.

I CONTROLLI, pertanto, sono OBBLIGATORI, così come le procedure secondo le quali devono essere svolti. INDICE Informazioni per i cittadini - 3 Campagna di controllo degli impianti termici - 3 Responsabile dell impianto termico - 4 La manutenzione degli impianti: frequenze temporali delle operazioni - 4

Dettagli

SVILUPPO SOSTENIBILE L ETICHETTA ENERGETICA

SVILUPPO SOSTENIBILE L ETICHETTA ENERGETICA SVILUPPO SOSTENIBILE L ETICHETTA ENERGETICA 24 2 Sommario Perché questo opuscolo 3 Il benessere sostenibile e i consumi delle famiglie italiane 4 Le etichette energetiche 5 La scheda di prodotto 9 L etichetta

Dettagli

DIRETTIVE COMUNITARIE INTERESSATE DAL REGOLAMENTO

DIRETTIVE COMUNITARIE INTERESSATE DAL REGOLAMENTO DIRETTIVE COMUNITARIE INTERESSATE DAL REGOLAMENTO 1. Direttiva 66/401/CEE: commercializzazione sementi di piante foraggere 2. Direttiva 66/402/CEE: commercializzazione di sementi di cereali 3. Direttiva

Dettagli

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012 anno 2 - numero 3 - marzo/aprile 2012 MADE IN ITALY PAVANELLOMAGAZINE l intervista Certificazione energetica obbligatoria Finestra Qualità CasaClima Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre

Dettagli

Decreto 10 ottobre 2008 (G.U. Serie Generale n. 288 del 10 dicembre 2008)

Decreto 10 ottobre 2008 (G.U. Serie Generale n. 288 del 10 dicembre 2008) Decreto 10 ottobre 2008 (G.U. Serie Generale n. 288 del 10 dicembre 2008) Disposizioni atte a regolamentare l'emissione di aldeide formica da pannelli a base di legno e manufatti con essi realizzati in

Dettagli

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio 5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio Pag. 1 di 36 DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI PER LA SALUTE E LA SICUREZZA NEGLI AMBIENTI DI LAVORO ai sensi degli artt. 17, 28 e 29 del D.lgs 81/08

Dettagli

Il trattamento dell acqua per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici

Il trattamento dell acqua per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici Il trattamento dell acqua per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici 12 Giugno 2014 Stefano Bonfanti Product Manager - Cillichemie Italiana S.r.l. L azienda n.2 Sedi n.47 Agenti

Dettagli

Opere di ristrutturazione edilizia e risanamento conservativo - variante essenziale relative all'immobile sito in via Millelire n 10/c - Milano

Opere di ristrutturazione edilizia e risanamento conservativo - variante essenziale relative all'immobile sito in via Millelire n 10/c - Milano Comune di MILANO Provincia di MILANO Regione LOMBARDIA RELAZIONE TECNICA Rispondenza alle prescrizioni in materia di contenimento del consumo energetico Deliberazione Giunta Regionale 22 dicembre 2008

Dettagli

NUOVA DIRETTIVA ECODESIGN. Costruire il futuro. Per climatizzatori per uso domestico fino a 12kW (Lotto 10)

NUOVA DIRETTIVA ECODESIGN. Costruire il futuro. Per climatizzatori per uso domestico fino a 12kW (Lotto 10) NUOVA DIRETTIVA ECODESIGN Costruire il futuro Per climatizzatori per uso domestico fino a 12kW (Lotto 10) 1 indice Obiettivi dell Unione Europea 04 La direttiva nel contesto della certificazione CE 05

Dettagli

Principali norme e buona prassi relative agli strumenti di sicurezza da attivare quando si utilizza una PLE

Principali norme e buona prassi relative agli strumenti di sicurezza da attivare quando si utilizza una PLE AMBIENTE LAVORO 15 Salone della salute e sicurezza nei luoghi di lavoro BOLOGNA - QUARTIERE FIERISTICO 22-24 ottobre 2014 Principali norme e buona prassi relative agli strumenti di sicurezza da attivare

Dettagli

Progettista(i) degli impianti termici e dell isolamento termico dell'edificio

Progettista(i) degli impianti termici e dell isolamento termico dell'edificio ALLEGATO E (Allegato I, comma 15) RELAZIONE TECNICA DI CUI ALL'ARTICOLO 28 DELLA LEGGE 9 GENNAIO 1991, N. 10, ATTESTANTE LA RISPONDENZA ALLE PRESCRIZIONI IN MATERIA DI CONTENIMENTO DEL CONSUMO ENERGETICO

Dettagli

Perché i nostri bambini siano protetti il meglio possibile. Commissione europea Imprese e industria

Perché i nostri bambini siano protetti il meglio possibile. Commissione europea Imprese e industria LA SICUREZZA DEI GIOCATTOLI Perché i nostri bambini siano protetti il meglio possibile Commissione europea Imprese e industria Fotolia Orange Tuesday L Unione europea (UE) conta circa 80 milioni di bambini

Dettagli

LIBRETTO DI CENTRALE

LIBRETTO DI CENTRALE 1 LIBRETTO DI CENTRALE OBBLIGATORIO PER GLI IMPIANTI TERMICI CON POTENZA TERMICA DEL FOCOLARE NOMINALE SUPERIORE O UGUALE A 35 kw (ART. 11, COMMA 9, DPR 26 AGOSTO 1993, N 412) Conforme al modello pubblicato

Dettagli

Bollettino ECEPA. In questo numero 1 VERIFICA ISPETTIVA DI CAMPIONAMENTO 2 ETICHETTATURA DEI PRODOTTI DOP. 3 DIRITTI E LIMITAZIONI NELL USO DEL

Bollettino ECEPA. In questo numero 1 VERIFICA ISPETTIVA DI CAMPIONAMENTO 2 ETICHETTATURA DEI PRODOTTI DOP. 3 DIRITTI E LIMITAZIONI NELL USO DEL Bollettino ECEPA In questo numero N 6 1 VERIFICA ISPETTIVA DI CAMPIONAMENTO ED ANALISI DEI PRODOTTI DOP 2 ETICHETTATURA DEI PRODOTTI DOP. 2.1. Marchi di conformità ECEPA 2.2. Marchio Comunitario DOP 2.3.

Dettagli

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE TITOLO RELAZIONE I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità A partire dal 3 gennaio 2013 è entrato in vigore il regolamento (UE)

Dettagli

elettrotecnico/elettrotecnica

elettrotecnico/elettrotecnica Delibera n. 748 del 24.06.2014 ordinamento formativo per la professione oggetto di apprendistato di elettrotecnico/elettrotecnica 1. Il profilo professionale 2. Durata e titolo conseguibile 3. Referenziazioni

Dettagli

La sicurezza sul lavoro

La sicurezza sul lavoro La sicurezza sul lavoro 1-La storia della sicurezza sul lavoro in Italia 2-I decreti legislativi 626, 81 e i successivi provvedimenti integrativi 3- Il T.U. 81 sostituisce completamente il D. Lgs. 626/94

Dettagli

COMPANY PROFILE. Facility management Energy services Engineering General Contracting. FSI Servizi Integrati S.r.l. Settembre 13

COMPANY PROFILE. Facility management Energy services Engineering General Contracting. FSI Servizi Integrati S.r.l. Settembre 13 Facility management Energy services Engineering General Contracting COMPANY PROFILE Settembre 13 20834 Nova Milanese (MB) 1. Storia e mission FSI Servizi Integrati è una società di servizi giovane, di

Dettagli

riguardante: AMBIENTE -Inquinamento da radiazioni -Radiofrequenze e campi magnetici

riguardante: AMBIENTE -Inquinamento da radiazioni -Radiofrequenze e campi magnetici Decreto Ministeriale del 18/05/1999 Norme armonizzate in materia di compatibilita' elettromagnetica. Doc. 499H18MG.900 di Origine Nazionale emanato/a da : Ministro per l'industria, il Commercio e l'artigianato

Dettagli

GESTIONE DEL RISCHIO NEI DISPOSITIVI MEDICI: DALLA CLASSIFICAZIONE ALLA COMMERCIALIZZAZIONE

GESTIONE DEL RISCHIO NEI DISPOSITIVI MEDICI: DALLA CLASSIFICAZIONE ALLA COMMERCIALIZZAZIONE 1 GESTIONE DEL RISCHIO NEI DISPOSITIVI MEDICI: DALLA CLASSIFICAZIONE ALLA COMMERCIALIZZAZIONE Ing. Enrico Perfler Eudax s.r.l. Milano, 23 Gennaio 2014 Indice 2 Il concetto di rischio nei dispositivi medici

Dettagli

European Energy Manager

European Energy Manager Diventare Energy Manager in Europa oggi EUREM NET V: programma di formazione e specializzazione per European Energy Manager Durata del corso: 110 ore in 14 giorni, di cui 38 ore di workshop ed esame di

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE Sede legale: Via G. Cusmano, 24 90141 PALERMO C.F. e P. I.V.A.: 05841760829 Dipartimento Provveditorato e Tecnico Servizio Progettazione e Manutenzioni Via Pindemonte, 88-90129 Palermo Telefono: 091 703.3334

Dettagli

Come utilizzare il contatore elettronico monofase. E scoprirne tutti i vantaggi.

Come utilizzare il contatore elettronico monofase. E scoprirne tutti i vantaggi. Come utilizzare il contatore elettronico monofase. E scoprirne tutti i vantaggi. Indice Il contatore elettronico. Un sistema intelligente che vive con te 2 Un contatore che fa anche bella figura 3 Oltre

Dettagli

ALLEGATO 2 CAPITOLATO SPECIALE POI CATEGORIA: IMPIANTI SOLARI TERMICI E SERVIZI CONNESSI

ALLEGATO 2 CAPITOLATO SPECIALE POI CATEGORIA: IMPIANTI SOLARI TERMICI E SERVIZI CONNESSI ALLEGATO 2 CAPITOLATO SPECIALE POI CATEGORIA: IMPIANTI SOLARI TERMICI E SERVIZI CONNESSI PRODOTTO: POI ENERGIA/CSE 2015 - IMPIANTO SOLARE TERMICO ACS PER UFFICI PRODOTTO: POI ENERGIA/CSE 2015 - IMPIANTO

Dettagli

Come utilizzare il contatore elettronico trifase. E scoprirne tutti i vantaggi.

Come utilizzare il contatore elettronico trifase. E scoprirne tutti i vantaggi. Come utilizzare il contatore elettronico trifase. E scoprirne tutti i vantaggi. Indice Il contatore elettronico. Un sistema intelligente che lavora con te 2 Un contatore che fa anche bella figura 3 Oltre

Dettagli

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 TABELLA B RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 1 B1) Disponibilità dei locali B1.1) Scansione del documento di disponibilità esclusiva dei locali della sede operativa per almeno tre

Dettagli

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali Lettera Rischi Interferenziali Spett.le Ditta Appaltatrice Ditta Subappaltatrice Luogo, Data 2 OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali In relazione alla necessità di una possibile

Dettagli

IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici. Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti

IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici. Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti gli utilizzi tecnici dell acqua in un edificio ACQUA FREDDA SANITARIA

Dettagli

SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO SICUREZZA SUL LAVORO In-Formare è già prevenire Questo Mini-Manuale è aggiornato alle più recenti disposizioni 2014 sulla salute, l igiene e la sicurezza sul lavoro: Testo Unico, D.Lgs. 81/2008 e, in particolare,

Dettagli

HELP DESK FRONT OFFICE VADEMECUM PER L UTENZA

HELP DESK FRONT OFFICE VADEMECUM PER L UTENZA Prot. Generale n. 19033 del 23.10.2012 Primo livello di help desk HELP DESK FRONT OFFICE VADEMECUM PER L UTENZA Qui di seguito si riportano alcune delle più frequenti domande con le relative risposte.

Dettagli

di seguito verrà utilizzato il termine ENTE per Certification International UK (Ltd) e SEDE LOCALE per Divulgazione e Accreditamento DeA S.r.l.

di seguito verrà utilizzato il termine ENTE per Certification International UK (Ltd) e SEDE LOCALE per Divulgazione e Accreditamento DeA S.r.l. Certification International (UK) Limited [CI UK] è un Organismo di Certificazione accreditato UKAS che fornisce i propri servizi di certificazione attraverso una rete di uffici di rappresentanza in tutto

Dettagli

Impianti fotovoltaici

Impianti fotovoltaici saeg Impianti fotovoltaici che manda calore e luce che giungono ai nostri sensi e ne risplendono le terre - Inno al SOLE FONTE DI TUTTA L ENERGIA SULLA TERRA calor lumenque profusum perveniunt nostros

Dettagli

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine INDICE 1. Premessa 2. Scopo della procedura e campo di applicazione 3. Definizioni 4. indicazioni

Dettagli

Milliamp Process Clamp Meter

Milliamp Process Clamp Meter 771 Milliamp Process Clamp Meter Foglio di istruzioni Introduzione La pinza amperometrica di processo Fluke 771 ( la pinza ) è uno strumento palmare, alimentato a pile, che serve a misurare valori da 4

Dettagli

Differenze tra le attività di certificazione di prodotto (PRD) e le attività di ispezione (ISP) ed altri schemi di valutazione della conformità

Differenze tra le attività di certificazione di prodotto (PRD) e le attività di ispezione (ISP) ed altri schemi di valutazione della conformità Differenze tra le attività di certificazione di prodotto (PRD) e le attività di ispezione (ISP) ed altri schemi di valutazione della conformità In alcuni casi, le somiglianze apparenti tra le attività

Dettagli

PROCEDURA DI AUDIT AI TEST CENTER AICA

PROCEDURA DI AUDIT AI TEST CENTER AICA Pag. 1 di 14 PROCEDURA DI AUDIT REVISIONI 1 19/12/2002 Prima revisione 2 07/01/2004 Seconda revisione 3 11/01/2005 Terza revisione 4 12/01/2006 Quarta revisione 5 09/12/2013 Quinta revisione Adeguamenti

Dettagli

CIRCOLAZIONE NATURALE. NATURAL SOL Pacchetti solari a circolazione naturale

CIRCOLAZIONE NATURALE. NATURAL SOL Pacchetti solari a circolazione naturale CIRCOLAZIONE NATURALE NATURAL SOL Pacchetti solari a circolazione naturale 1964 2014 Immergas. Una lunga storia alle spalle, insegna a guardare in avanti. Il 5 febbraio del 1964, Immergas nasceva dal

Dettagli

n.1 2013 Guida al Regolamento Prodotti da Costruzione

n.1 2013 Guida al Regolamento Prodotti da Costruzione UADERNI DI CONFORMA QUADERNI DI CONFORMA I QUAD n.1 2013 Guida al Regolamento Prodotti da Costruzione La riproduzione totale o parziale con qualunque mezzo di questo documento nella sua versione italiana

Dettagli

Protezione dal Fuoco. Vetri Resistenti al Fuoco. Pilkington Pyrostop Pilkington Pyrodur Pilkington Pyroclear

Protezione dal Fuoco. Vetri Resistenti al Fuoco. Pilkington Pyrostop Pilkington Pyrodur Pilkington Pyroclear Protezione dal Fuoco Vetri Resistenti al Fuoco Pilkington Pyrostop Pilkington Pyrodur Pilkington Pyroclear Chicago Art Istitute, Chicago (USA). Chi siamo Produciamo e trasformiamo vetro dal 1826. Questa

Dettagli

FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI)

FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI) FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI) Domande frequenti inerenti la Relazione Energetico - Ambientale e la conformità delle pratiche edilizie alla normativa di settore. Aggiornamento al

Dettagli

Riscaldamento dell acqua con pannelli fotovoltaici

Riscaldamento dell acqua con pannelli fotovoltaici RISCALDATORI DI ACQUA IBRIDI LOGITEX LX AC, LX AC/M, LX AC/M+K Gamma di modelli invenzione brevettata Riscaldamento dell acqua con pannelli fotovoltaici Catalogo dei prodotti Riscaldatore dell acqua Logitex

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO (ai sensi dell articolo 26 del D.Lgs. 81/2008) Allegato

Dettagli

(Testo rilevante ai fini del SEE)

(Testo rilevante ai fini del SEE) 25.6.2015 L 159/27 REGOLAMENTO DI ESECUZIONE (UE) 2015/983 DELLA COMMISSIONE del 24 giugno 2015 sulla procedura di rilascio della tessera professionale europea e sull'applicazione del meccanismo di allerta

Dettagli

Interruttori di posizione precablati serie FA

Interruttori di posizione precablati serie FA Interruttori di posizione precablati serie FA Diagramma di selezione 01 08 10 11 1 15 1 0 guarnizione guarnizione esterna in esterna in gomma gomma AZIONATORI 1 51 5 54 55 56 5 leva leva regolabile di

Dettagli

Sintesi modifiche apportate alle Disposizioni Attuative Specifiche della Mis. 123 - Accrescimento del valore aggiunto del settore agricolo e forestale

Sintesi modifiche apportate alle Disposizioni Attuative Specifiche della Mis. 123 - Accrescimento del valore aggiunto del settore agricolo e forestale REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana ASSESSORATO REGIONALE DELLE RISORSE AGRICOLE E ALIMENTARI DIPARTIMENTO REGIONALE INTERVENTI STRUTTURALI Programma di Sviluppo Rurale Regione Sicilia 2007-2013 Reg.

Dettagli

COMMISSIONE EUROPEA IMPRESE E INDUSTRIA. Guida all applicazione della. direttiva macchine 2006/42/CE

COMMISSIONE EUROPEA IMPRESE E INDUSTRIA. Guida all applicazione della. direttiva macchine 2006/42/CE COMMISSIONE EUROPEA IMPRESE E INDUSTRIA Guida all applicazione della direttiva macchine 2006/42/CE 2 a edizione giugno 2010 Introduzione alla 2 a edizione La direttiva 2006/42/CE è la versione rivista

Dettagli

Il presente decreto sara' pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana.

Il presente decreto sara' pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana. DM 13/12/93 APPROVAZIONE DEI MODELLI TIPO PER LA COMPILAZIONE DELLA RELAZIONE TECNICA DI CUI ALL'ART. 28 DELLA LEGGE 9 GENNAIO 1991 N. 10, ATTESTANTE LA RISPONDENZA ALLE PRESCRIZIONI IN MATERIA DI CONTENIMENTO

Dettagli

UNI 10389. Generatori di calore Misurazione in opera del rendimento di combustione

UNI 10389. Generatori di calore Misurazione in opera del rendimento di combustione UNI 10389 Generatori di calore Misurazione in opera del rendimento di combustione 1. Scopo e campo di applicazione La presente norma prescrive le procedure per la misurazione in opera del rendimento di

Dettagli

Prot. n. 5140. L'Assemblea legislativa

Prot. n. 5140. L'Assemblea legislativa Progr. n. 156 Oggetto n. 3124: Approvazione atto di indirizzo e coordinamento sui requisiti di rendimento energetico e sulle procedure di certificazione energetica degli edifici. (Proposta della Giunta

Dettagli

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili RICHIAMO AL TESTO UNICO PER LA SICUREZZA D.lgs.vo 9 aprile 2008 n 81 Dott. Ing Luigi ABATE DPR N NN 37 3712 12 gennaio 1998 regolamento

Dettagli

VERDE COMPRA DALL IMPRESA SI TOTALE KG CO2-2.600. Kg CO2-200 -300-200 -800-1.100

VERDE COMPRA DALL IMPRESA SI TOTALE KG CO2-2.600. Kg CO2-200 -300-200 -800-1.100 UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE AUTÒNOMA DE SARDIGNA REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Province di: Cagliari Carbonia Iglesias Medio Campidano Nuoro Ogliastra Olbia Tempio Oristano Sassari ACQUA

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Roma, 29 maggio 2012 Indice Il Gestore dei Servizi Energetici GSE S.p.A. I nostri servizi Nuove attività 2012-2013 Evoluzione delle attività

Dettagli

P od o u d z u io i n o e n e d e d l e l l a l a c o c r o ren e t n e e a l a t l er e na n t a a alternatori. gruppi elettrogeni

P od o u d z u io i n o e n e d e d l e l l a l a c o c r o ren e t n e e a l a t l er e na n t a a alternatori. gruppi elettrogeni Produzione della corrente alternata La generazione di corrente alternata viene ottenuta con macchine elettriche dette alternatori. Per piccole potenze si usano i gruppi elettrogeni. Nelle centrali elettriche

Dettagli

In accordo alla Direttiva ATEX, gli equipaggiamenti sono progettati in funzione del tipo d atmosfera nella quale possono essere utilizzati.

In accordo alla Direttiva ATEX, gli equipaggiamenti sono progettati in funzione del tipo d atmosfera nella quale possono essere utilizzati. Atmosfere potenzialmente esplosive sono presenti in diverse aree industriali: dalle miniere all industria chimica e farmacautica, all industria petrolifera, agli impianti di stoccaggio di cereali, alla

Dettagli

Armonizzazione della documentazione. Stato transizione dei documenti SIT ACCREDIA Ruolo dei documenti tecnici

Armonizzazione della documentazione. Stato transizione dei documenti SIT ACCREDIA Ruolo dei documenti tecnici ACCREDIA L ente italiano di accreditamento Armonizzazione della documentazione dei Dipartimenti ACCREDIA Stato transizione dei documenti SIT ACCREDIA Ruolo dei documenti tecnici Adelina Leka - Funzionario

Dettagli

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO C O M U N E D I R O V E R B E L L A Via Solferino e San Martino, 1 46048 Roverbella Tel. 0376/6918220 Fax 0376/694515 PEC PROTOCOLLO : roverbella.mn@legalmail.it RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI

Dettagli

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO COMUNE DI CANZO COMUNE DI CASTELMARTE COMUNE DI EUPILIO COMUNE DI LONONE AL SERINO COMUNE DI PROSERPIO COMUNE DI PUSIANO L AUDIT ENERETICO DELI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERETICO Una politica energetica

Dettagli

Norma CEI 64-8 e aggiornamenti: cavi per energia bassa tensione fino a 0.61 kv. Riccardo Bucci

Norma CEI 64-8 e aggiornamenti: cavi per energia bassa tensione fino a 0.61 kv. Riccardo Bucci Norma CEI 64-8 e aggiornamenti: cavi per energia bassa tensione fino a 0.61 kv Riccardo Bucci ANIE - AICE Associazione Italiana Industrie Cavi e Conduttori Elettrici Elementi costituivi i cavi elettrici

Dettagli

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2.1 Gli effetti dell iscrizione nel Registro delle Imprese L art. 2 del d.lgs. 18 maggio 2001, n. 228 (in materia di orientamento e modernizzazione del settore

Dettagli

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Innocenzo Mastronardi, Ingegnere Civile, professionista antincendio, PhD student in S.O.L.I.P.P. XXVI Ciclo Politecnico di Bari INTRODUZIONE Con l

Dettagli

ELEMENTI DI RISCHIO ELETTRICO. Ing. Guido Saule

ELEMENTI DI RISCHIO ELETTRICO. Ing. Guido Saule 1 ELEMENTI DI RISCHIO ELETTRICO Ing. Guido Saule Valori delle tensioni nominali di esercizio delle macchine ed impianti elettrici 2 - sistemi di Categoria 0 (zero), chiamati anche a bassissima tensione,

Dettagli

PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI ED INDIRETTI

PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI ED INDIRETTI PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI ED INDIRETTI Appunti a cura dell Ing. Emanuela Pazzola Tutore del corso di Elettrotecnica per meccanici, chimici e biomedici A.A. 2005/2006 Facoltà d Ingegneria dell Università

Dettagli

I consigli di IMQ per un appartamento sicuro a prova di ladro

I consigli di IMQ per un appartamento sicuro a prova di ladro Impianti d allarme per una casa sicura I consigli di IMQ per un appartamento sicuro a prova di ladro Introduzione Un tempo bastava un buon cane da guardia per garantire alla casa un livello di sicurezza

Dettagli

D.Lgs. 16 febbraio 2011, n. 15 (1).

D.Lgs. 16 febbraio 2011, n. 15 (1). D.Lgs. 16-2-2011 n. 15 Attuazione della direttiva 2009/125/CE relativa all'istituzione di un quadro per l'elaborazione di specifiche per progettazione ecocompatibile dei prodotti connessi all'energia.

Dettagli

Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde

Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde Articolo 1 Oggetto 1. Il presente disciplinare regolamenta la concessione e l utilizzo del Marchio La Sardegna Compra Verde.

Dettagli

REGOLE TECNICHE PER LA CONNESSIONE DI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA

REGOLE TECNICHE PER LA CONNESSIONE DI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA RTC REGOLE TECNICHE PER LA CONNESSIONE DI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA ALLA RETE DI DISTRIBUZIONE IN BASSA TENSIONE DELL AZIENDA PUBBLISERVIZI BRUNICO INDICE 1. Scopo 3 2. Campo di applicazione

Dettagli

FEDERATION EUROPEENNE DE LA MANUTENTION Gruppo di prodotto. Carrelli industriali

FEDERATION EUROPEENNE DE LA MANUTENTION Gruppo di prodotto. Carrelli industriali FEM-IT-T/N863 FEDERATION EUROPEENNE DE LA MANUTENTION Gruppo di prodotto Carrelli industriali FEM Breve guida all identificazione dei carrelli industriali non conformi 05.2012 (I) - marcatura macchina,

Dettagli

L efficienza energetica dei condizionatori d aria da quest anno ha nuove direttive.

L efficienza energetica dei condizionatori d aria da quest anno ha nuove direttive. L efficienza energetica dei condizionatori d aria da quest anno ha nuove direttive. Un testo della redazione di Electro Online, il tuo esperto online. Data: 19/03/2013 Nuove regole per i condizionatori

Dettagli

COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano

COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano REGOLAMENTO PER IL DIRITTO ALL INFORMAZIONE E ALL ACCESSO AGLI ATTI E DOCUMENTI AMMINISTRATIVI Approvato dal Consiglio Comunale con atto n. 8 in data 9/2/1995 Annullato

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

RISOLUZIONE N. 13/E. Roma, 20 gennaio 2009

RISOLUZIONE N. 13/E. Roma, 20 gennaio 2009 RISOLUZIONE N. 13/E Roma, 20 gennaio 2009 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Istanza di interpello Art. 11 Legge 27 luglio 2000, n. 212 Gestore dei Servizi Elettrici, SPA Dpr 26 ottobre

Dettagli

Interruttori di sicurezza ad azionatore separato con sblocco a serratura

Interruttori di sicurezza ad azionatore separato con sblocco a serratura Interruttori di sicurezza ad azionatore separato con sblocco a serratura Diagramma di selezione VF KEYF VF KEYF1 VF KEYF2 VF KEYF3 VF KEYF7 VF KEYF AZIONATORI UNITA DI CONTATTO 1 2 21 22 2NO+1NC FD FP

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE Protocollo n. 195080/2008 Approvazione del formulario contenente i dati degli investimenti in attività di ricerca e sviluppo ammissibili al credito d imposta di cui all articolo 1, commi da 280 a 283,

Dettagli

AC Anywhere. Inverter. Manuale utente. F5C400u140W, F5C400u300W F5C400eb140W e F5C400eb300W

AC Anywhere. Inverter. Manuale utente. F5C400u140W, F5C400u300W F5C400eb140W e F5C400eb300W AC Anywhere Inverter (prodotto di classe II) Manuale utente F5C400u140W, F5C400u300W F5C400eb140W e F5C400eb300W Leggere attentamente le istruzioni riguardanti l installazione e l utilizzo prima di utilizzare

Dettagli

L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n.

L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n. Spazio riservato al Servizio Urbanistica AGIBILITA' n del L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n.160 ) l sottoscritt...

Dettagli

ISTITUTI PROFESSIONALI

ISTITUTI PROFESSIONALI ISTITUTI PROFESSIONALI Settore Industria e Artigianato Indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica Nell indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica sono confluiti gli indirizzi del previgente ordinamento

Dettagli

DECRETO 27 Marzo 1998 del Ministero dell'ambiente

DECRETO 27 Marzo 1998 del Ministero dell'ambiente DECRETO 27 Marzo 1998 del Ministero dell'ambiente Mobilita' sostenibile nelle aree urbane (GU n. 179 del 3-8-1998) Registrato alla Corte dei conti il 9 luglio 1998 Registro n. 1 Ambiente, foglio n. 212

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI LINEE D INDIRIZZO PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI CORRELATI ALL INSTALLAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOTAICI SU EDIFICI DESTINATI

Dettagli

Note inerenti chiarimenti in materia di prevenzione incendi - Trasmissione per via informatica.

Note inerenti chiarimenti in materia di prevenzione incendi - Trasmissione per via informatica. DIREZIONE CENTRALE PER LA PREVENZIONE E LA SICUREZZA TECNICA Prot. n P 810 / 4101 sott. 72/C.1 (21).4 Roma, 2 LUGLIO 2003 Allegati: n 1 -AI SIGG. ISPETTORI REGIONALI DEI VIGILI DEL FUOCO LORO SEDI -AI

Dettagli

ATTUAZIONE DELLA DIRETTIVA 93/42/CEE CONCERNENTE I DISPOSITIVI MEDICI. (omissis)

ATTUAZIONE DELLA DIRETTIVA 93/42/CEE CONCERNENTE I DISPOSITIVI MEDICI. (omissis) Decreto lgs. 24 febbraio 1997, n. 46 emendato col D. lgs. 25.01.2010, n.37 - Recepimento Direttiva 2007/47/CE ATTUAZIONE DELLA DIRETTIVA 93/42/CEE CONCERNENTE I DISPOSITIVI MEDICI IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

Dettagli

2capitolo. Alimentazione elettrica

2capitolo. Alimentazione elettrica 2capitolo Alimentazione elettrica Regole fondamentali, norme e condotte da seguire per gestire l'interfaccia tra la distribuzione elettrica e la macchina. Presentazione delle funzioni di alimentazione,

Dettagli

Criteri di valutazione e certificazione della sicurezza delle informazioni. Cesare Gallotti Milano, 14 maggio 2004 1

Criteri di valutazione e certificazione della sicurezza delle informazioni. Cesare Gallotti Milano, 14 maggio 2004 1 Criteri di valutazione e certificazione della sicurezza delle informazioni Cesare Gallotti Milano, 14 maggio 2004 1 AGENDA Introduzione Valutazione dei prodotti Valutazione dell organizzazione per la sicurezza

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali?

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali? Domanda: Risposta (a cura di Maurizio Santoloci): Oggi un impresa edile che trasporta in proprio i rifiuti non pericolosi con proprio mezzo al contrario di quanto accadeva nella previdente disciplina deve

Dettagli

CHIUSINO IN MATERIALE COMPOSITO. kio-polieco.com

CHIUSINO IN MATERIALE COMPOSITO. kio-polieco.com CHIUSINO IN MATERIALE COMPOSITO kio-polieco.com Group ha recentemente brevettato un innovativo processo di produzione industriale per l impiego di uno speciale materiale composito. CHIUSINO KIO EN 124

Dettagli

MINISTERO DELLA SALUTE

MINISTERO DELLA SALUTE b) unica prova orale su due materie, il cui svolgimento è subordinato al superamento della prova scritta: una prova su deontologia e ordinamento professionale; una prova su una tra le seguenti materie

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza Per modifica dati SOSTITUZIONE Smarrimento Furto Malfunzionamento/Danneggiamento CARTA

Dettagli

CONTRATTO DI CERTIFICAZIONE

CONTRATTO DI CERTIFICAZIONE CONTRATTO DI CERTIFICAZIONE tra FLO-CERT GMBH E RAGIONE SOCIALE DEL CLIENTE PARTI (1) FLO-CERT GmbH, società legalmente costituita e registrata a Bonn, Germania con il numero 12937, con sede legale in

Dettagli

IMPIANTI ELETTRICI CIVILI

IMPIANTI ELETTRICI CIVILI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI FIRENZE Facoltà di Architettura Corso di Fisica Tecnica Ambientale Prof. F. Sciurpi - Prof. S. Secchi A.A. A 2011-20122012 IMPIANTI ELETTRICI CIVILI Per. Ind. Luca Baglioni Dott.

Dettagli

MINISTERO DELLE ATTIVITA' PRODUTTIVE D.M.

MINISTERO DELLE ATTIVITA' PRODUTTIVE D.M. MINISTERO DELLE ATTIVITA' PRODUTTIVE D.M. 20 luglio 2004 Nuova individuazione degli obiettivi quantitativi per l'incremento dell'efficienza energetica negli usi finali di energia, ai sensi dell'art. 9,

Dettagli

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego DECRETO 28 maggio 2001, n.295 Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego Capo I Art. 1 Definizioni 1. Nel presente regolamento l'espressione: a)

Dettagli

LA guida DI CHI è ALLA GUIDA

LA guida DI CHI è ALLA GUIDA la guida DI CHI è alla guida SERVIZIO CLIENTI Per tutte le tue domande risponde un solo numero Servizio Clienti Contatta lo 06 65 67 12 35 da lunedì a venerdì, dalle 8.30 alle 18.00 o manda un e-mail a

Dettagli