Impianti idroelettrici

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Impianti idroelettrici"

Transcript

1 DICHIARAZIONE AMBIENTALE ANNO 2014 con dati aggiornati al 31/12/13 Impianti idroelettrici

2 - 2 -

3 Presentazione Lo sviluppo sostenibile è uno degli obiettivi fondamentali per Italcementi Group che si concretizza anche attraverso l ormai duratura adesione a network internazionali impegnati su questo fronte: dal World Business Council per lo sviluppo sostenibile al Cement Sustainability Initiative ed alla adesione al Global Compact delle Nazioni Unite, un iniziativa mondiale che abbraccia i temi della cittadinanza d impresa e della sostenibilità. Nel 2011, Italcementi Group ha ridefinito un nuovo pacchetto di Politiche per la Sostenibilità che rappresentano il sistema di valori su cui si fonda l operato dell Azienda e gli obiettivi a cui ogni dipendente deve ispirarsi nel proprio quotidiano. Il progetto è concepito con una politica madre dedicata al tema della Sostenibilità nel suo complesso e sette politiche derivate, che affrontano i temi dell ambiente, della sicurezza, della salute sul luogo di lavoro, della qualità, dell efficienza energetica, delle iniziative sociali e dei diritti umani. In linea con le politiche di sostenibilità di Italcementi, anche Italgen, filiale attiva nel settore della produzione e distribuzione di energia elettrica, gestisce le proprie attività aziendali cercando di ridurre gli impatti sull ecosistema, mettendo in atto programmi a tutela della salute e della sicurezza e consolidando le relazioni con il territorio e le comunità locali. Con la Dichiarazione Ambientale EMAS, Italgen presenta i risultati conseguiti dai suoi impianti idroelettrici dopo aver adottato sistemi di gestione basati sul miglioramento continuo delle proprie performance ambientali, attraverso il rinnovo della certificazione UNI EN ISO conseguita nel Il presente documento costituisce il 1^ aggiornamento della dichiarazione ambientale di 2^ convalida emessa nel 2013 e fornisce una fotografia delle nostre centrali idroelettriche e delle prestazioni ambientali delle nostre attività con riferimento ai dati al 31/12/2013. Considerato che nel 2014 Italcementi Group celebra il suo 150 anniversario, nella presente versione sono riportate una serie di fotografie storiche in bianco e nero delle centrali idroelettriche Italgen, storicamente nate per l autoproduzione di energia elettrica e successivamente sviluppate per valorizzare gli asset energetici, in linea con le politiche di sostenibilità del Gruppo. Italgen S.p.A. è sempre disponibile a fornire qualsiasi informazione aggiuntiva di pertinenza tecnica e ambientale e saranno certamente accolte con interesse tutte le proposte e gli spunti che ci giungeranno su tale tema. Bergamo, 20 aprile 2014 Giovanni Ferrario Presidente Italgen S.p.A

4 - 4 -

5 Informazione per il pubblico La presente versione costituisce il primo aggiornamento della seconda convalida della Dichiarazione Ambientale emessa nel 2013, conforme al Regolamento EMAS 1221/2009, con dati aggiornati al 31 dicembre Italgen S.p.A. è iscritta al registro comunitario dell EMAS con il numero IT e codice NACE Produzione e distribuzione di energia elettrica relativo alla classificazione statistica delle attività economiche nelle Comunità Europee. Per conservare l iscrizione ed in conformità al dettato del Regolamento EMAS sopraccitato, Italgen S.p.A. si impegna a presentare al Comitato ECOLABEL - ECOAUDIT - Sezione EMAS ITALIA, la nuova Dichiarazione Ambientale convalidata entro tre anni ed a far convalidare dal verificatore incaricato (Certiquality) i previsti aggiornamenti annuali della Dichiarazione ambientale, quindi trasmetterli all Organismo Competente e metterli a disposizione del pubblico. Italgen S.p.A. s impegna a diffondere i suddetti aggiornamenti nel caso in cui sopravvengano fatti nuovi e importanti che possano interessare il pubblico; in ogni caso, i previsti aggiornamenti annuali, come pure qualsiasi altra informazione di carattere ambientale relativa alle attività delle centrali idroelettriche di proprietà Italgen, possono essere richieste ai seguenti contatti: Italgen S.p.A. Via G. Camozzi, Bergamo Tel.: Fax: oppure direttamente a: Mauro Lanfranchi Tel.: Fax: L Istituto CERTIQUALITY S.r.l. Via G. Giardino, Milano Tel , Fax quale Verificatore ambientale accreditato dal Comitato ECOLABEL ECOAUDIT Sezione EMAS ITALIA con n. IT-V-0001, ha verificato attraverso una visita all organizzazione, colloqui con il personale, analisi della documentazione e delle registrazioni, che la Politica ambientale, il Sistema di Gestione e le procedure di audit sono conformi al Regolamento CE 1221/2009 ed ha convalidato in data le informazioni ed i dati riportati in questa Dichiarazione ambientale

6 - 6 -

7 Indice 1. Premessa Italcementi Group Italgen S.p.A La struttura organizzativa dei siti produttivi Compiti e responsabilità Il principio di funzionamento di un impianto idroelettrico Territorio di riferimento Le centrali idroelettriche Italgen La Politica per l ambiente e il Sistema di Gestione ambientale Le Politiche di Sostenibilità e per l Ambiente di Italcementi Group La Politica per l Ambiente di Italgen S.p.A Il Sistema di Gestione Ambientale di Italgen S.p.A Struttura del sistema di gestione ambientale La partecipazione dei dipendenti, delle parti interessate e del territorio Aspetti ambientali e prestazioni Definizione degli Aspetti Ambientali, diretti e indiretti Presentazione dei Criteri di valutazione degli aspetti ambientali Presentazione degli Aspetti Ambientali Significativi e relative prestazioni Piano di emergenza Obiettivi di miglioramento Gli obiettivi per il periodo Glossario Compendio dei dati di prestazione Convalida della Dichiarazione Ambientale e conclusioni

8 - 8 -

9 1. Premessa 1.1. Italcementi Group Italcementi Group, con una capacità produttiva annua pari a 60 milioni di tonnellate di cemento, attraverso 46 cementerie, è il quinto produttore di cemento a livello mondiale. A fianco delle attività di produzione di cemento, completano il dispositivo industriale del Gruppo, 12 centri di macinazione, 6 terminali di trading e 420 centrali calcestruzzo, che integrano l esperienza, il know-how e le culture di 22 paesi in 4 continenti. Nel 2013 il Gruppo ha registrato un fatturato consolidato di oltre 4,2 miliardi di Euro. Italcementi, costituita nel 1864, ha avviato nella seconda metà degli anni Ottanta una strategia di internazionalizzazione culminata nel 1992 con l acquisizione di Ciments Francais. Dopo una fase di riorganizzazione ed integrazione delle realtà acquisite, a partire dalla seconda metà degli anni Novanta, il Gruppo ha rilanciato il processo di diversificazione geografica attraverso una serie di acquisizioni in Paesi emergenti come Bulgaria, Marocco, Kazakistan, Tailandia, India oltre a operazioni di rafforzamento condotte in Nord America. Nell ambito del programma di espansione della presenza nel bacino del Mediterraneo, nel corso del 2005 il Gruppo ha ulteriormente sviluppato la propria presenza in Egitto, diventandone leader di mercato. Nel 2007 il Gruppo ha ulteriormente consolidato la sua presenza in Asia e Medio Oriente. Italcementi, quale membro del WBCSD - World Business Council for Sustainable Development - è tra i sottoscrittori dell Agenda for Action della Cement Sustainability Initiative, il primo impegno formale che vincola alcune tra le maggiori imprese cementiere al mondo. Ad ulteriore conferma del proprio impegno su questi temi, a Italcementi è stata assegnata per la seconda volta, la co-presidenza della Cement Sustainability Initiative per il periodo Il Gruppo ha inoltre aderito all UN Global Compact, un iniziativa strategica promossa dall ONU con l obiettivo di allineare le azioni delle aziende secondo principi universalmente accettati in termini di diritti umani, ambiente ed etica. Attraverso le attività dei suoi avanzati Centri di Ricerca e Innovazione in Italia e in Francia, tra cui spicca i.lab entrato recentemente in funzione a Bergamo, il Gruppo si propone di anticipare gli orientamenti e le necessità del mercato, dando priorità alle questioni ambientali ed all ottimizzazione delle risorse impiegate

10 1.2. Italgen S.p.A. Italgen S.p.A. (la cui proprietà è per il 99,9% di Italcementi S.p.A. e per lo 0,1% di Italcementi Ingegneria S.r.l.) nasce nel 2001 con l obiettivo di valorizzare gli asset energetici di Italcementi Group. Attualmente produce energia elettrica attraverso 14 centrali idroelettriche in Lombardia, Piemonte e Veneto, interconnesse attraverso una rete di circa 400 chilometri di elettrodotti di proprietà, un impianto solare fotovoltaico in Emilia Romagna, di cui la società detiene una quota pari al 30 %, 2 impianti eolici in Bulgaria, di cui la Società detiene una quota pari al 49% ed un impianto eolico in Marocco, gestito tramite un contratto di assistenza in coerenza al quadro normativo vigente nel Paese al lancio del progetto. I principali compiti istituzionali di Italgen S.p.A. sono: - la supervisione della progettazione, costruzione e manutenzione di impianti di produzione e trasporto di energia elettrica di proprietà, prodotta da fonte rinnovabile; - la produzione di energia elettrica attraverso impianti alimentati da fonte rinnovabile; - il trasporto e la vendita di energia elettrica; - lo sviluppo di nuove opportunità nel campo della produzione di energia elettrica, con particolare attenzione all uso di fonti rinnovabili e impianti convenzionali di generazione ad alta efficienza energetica e a basso impatto ambientale. Complessivamente nel 2013, negli impianti italiani ed esteri, la produzione di energia elettrica di Italgen è stata pari a circa 377 GWh, interamente da fonti rinnovabili. In Bulgaria, gli impianti eolici di Kavarna I e II (18 MW), hanno prodotto 43 GWh, mentre l impianto fotovoltaico di Guiglia (6 MW), situato in provincia di Modena ha generato 8 GWh, pari al consumo annuo di circa 3000 famiglie. Infine, il parco eolico di Laayoune in Marocco (5 MW), ha prodotto 15 GWh, contribuendo a coprire più del 60 % dei fabbisogni energetici del locale centro di macinazione. L'azienda è fortemente impegnata alla sostenibilità delle proprie iniziative e opera nel pieno rispetto dell ambiente e del territorio utilizzando tecnologie sostenibili. Italgen intende aumentare la produzione da fonti rinnovabili ed avvalersi di soluzioni tecnologiche di elevata compatibilità ambientale (Best Available Technology). "Sostenibili" sono, infatti, i progetti Italgen di sviluppo che prevedono la realizzazione di parchi eolici in Marocco, Egitto e Grecia ed un impianto termo-solare sempre in Marocco. In Egitto il progetto prevede la realizzazione di un parco eolico da 120 MW (Phase I) e di un secondo impianto attiguo al primo (Phase II) da 200 MW, evitando emissioni di anidride carbonica in atmosfera per un valore di circa tonnellate annue. In merito a Phase I, sono già stati completati una serie di studi, tra cui lo Studio di Impatto Ambientale, che ha avuto a oggetto i possibili risvolti sull ambiente, sulla biodiversità e sugli uccelli migratori ed è già stato approvato dal Ministero dell Ambiente Egiziano, è stata completata l analisi della connessione alla rete elettrica egiziana, siglato l Accordo di Usufrutto del terreno ed ottenuta la licenza di generazione elettrica, la prima rilasciata ad un ente privato nel Paese nel settore eolico

11 Pertanto si è concluso positivamente l iter autorizzativo del progetto, sono proseguite le attività di selezione del fornitore dell impianto su base chiavi-in-mano e sono in corso le valutazioni sulle modalità di finanziamento più idonee per la realizzazione dell opera. Nel contempo sono iniziate le attività di sviluppo su Phase II. In particolare, analogamente a Phase I, è in corso la campagna di misurazione del vento ed è iniziato lo Studio d Impatto Ambientale sull area, con particolare attenzione all analisi dei flussi migratori degli uccelli. Le evidenze di tale studio saranno disponibili entro il primo semestre 2014 e verranno presentate al Ministero dell Ambiente Egiziano. Per quanto concerne il Marocco, a fine dicembre 2011, è stato aperto ufficialmente il cantiere per la realizzazione di un impianto termo solare presso la cementeria di Ait Baha di proprietà Ciments du Maroc (Italcementi Group). L impianto, innovativo e pilota, sarà composto da 3 moduli solari aventi una superficie totale di circa mq e una potenza termica di picco di kw, con possibilità di accumulo di calore con rilascio con continuità, per la produzione di energia elettrica. Con una potenza elettrica media stimata di 150 kw ed il funzionamento di ore è prevista una produzione annua di circa 1 milione di kwh. Il commissioning dell opera, quasi ultimata, è previsto entro il secondo semestre del Foto 1 - Impianto termo-solare di Ait Baha in Marocco Sempre in Marocco, sono proseguite le attività per lo sviluppo di un parco eolico da 10 MW a Safi. L impianto, che si prevede possa generare fino a 38 GWh, contribuirà alla copertura del fabbisogno energetico della locale cementeria di Ciments du Maroc. Durante il 2013 è proseguita la fase di permitting del progetto, focalizzandosi in particolar modo sulla concessione d uso del terreno: si confida di poter siglare l accordo entro il primo semestre In Grecia, è iniziato lo sviluppo di un impianto eolico da 10 MW (estendibile a 20 MW) secondo il business model già adottato in altri Paesi, che prevede la copertura dei fabbisogni energetici della locale cementeria (Halips Italcementi Group). In ottobre è stato completato il primo anno di campagna di misurazione del vento e i dati preliminari di ventosità hanno confermato la fattibilità tecnica del progetto. Pertanto è iniziata l attività di permitting con incontri presso gli enti/ministeri preposti, che si prevede potrà proseguire durante tutto il

12 Completati i programmi di investimento, Italgen si avvicinerà all obiettivo strategico di oltre 200 MW installati, interamente da fonti rinnovabili. Foto 2 - Immagini dei parchi eolici in Bulgaria - Marocco e dell impianto fotovoltaico di Guiglia

13 2. La struttura organizzativa dei siti produttivi 2.1. Compiti e responsabilità Italgen S.p.A. è diretta da un Consigliere Delegato, che riferisce al Consiglio di Amministrazione. I principali compiti e responsabilità del Consigliere Delegato sono stati definiti dal Consiglio di Amministrazione e sono: - assicurare la crescita di Italgen S.p.A. in termini di fatturato e di redditività, anche attraverso lo sviluppo di nuovi progetti, nel rispetto delle leggi oltre che dei valori e delle politiche del Gruppo Italcementi; - assicurare l elaborazione del budget annuale, la gestione operativa e il controllo di Italgen S.p.A. e delle sue Società Controllate al fine di raggiungere gli obiettivi di business prefissati, garantendo il miglioramento dell efficacia e dell efficienza in termini di qualità, costo e livello di servizio delle attività operative aziendali; - monitorare l evoluzione e la struttura del mercato elettrico nei Paesi di interesse per il Gruppo Italcementi, in stretta collaborazione con le Direzioni di Italcementi S.p.A. e delle sue Società Controllate, e con la Direzione Acquisti (Coordinamento Internazionale Acquisto Energia Elettrica) di Italcementi S.p.A.; - proporre al Consiglio di Amministrazione gli investimenti destinati sia alla realizzazione di nuovi impianti di produzione di energia elettrica, che alle attività di sviluppo o acquisizione di nuove partecipazioni industriali di interesse per la crescita della Società; - agire in qualità di legale rappresentante della Società in tutte le relazioni e obblighi verso le autorità, la Pubblica Amministrazione e le aziende con cui Italgen S.p.A. mantiene rapporti, al fine di sviluppare le attività della Società, tutelandone gli interessi; - promuovere lo sviluppo delle competenze delle risorse umane di Italgen S.p.A. assicurando che il personale mantenga elevati standard di condotta etica e di integrità e che rispetti le leggi, le normative e le regole interne adottate; La società opera attraverso la seguente struttura Organizzativa: Figura 1 Struttura organizzativa di Italgen S.p.A

14 Per motivi di sinergia economica con la controllante Italcementi S.p.A. alcune funzioni (quali per esempio gestione delle risorse umane, amministrazione, acquisti) non sono gestite direttamente da Italgen S.p.A. ma sono svolte da Italcementi S.p.A. sotto la regolamentazione di un contratto di servizio tra le due società (sigla ITC service ). Alla Direzione Operativa sono affidati i seguenti principali compiti e responsabilità: - gestire le attività finalizzate alla produzione di energia elettrica attraverso gli impianti in esercizio di Italgen S.p.A. secondo i piani stabiliti a budget; - definire e aggiornare il budget di produzione di energia elettrica e di manutenzione dei relativi impianti; - coordinare le attività di produzione di energia elettrica anche attraverso Società collegate e/o controllate; - proporre investimenti destinati sia al mantenimento che al miglioramento dei livelli produttivi degli impianti in esercizio; - assicurare il presidio di tutti gli impianti dismessi di Italgen S.p.A., garantendo la messa in sicurezza dei siti e il rispetto delle normative in essere, utilizzando anche le funzioni operative di Italcementi S.p.A.; - svolgere tutte le attività tecnico-amministrative necessarie all esercizio degli impianti. La struttura organizzativa della Direzione Operativa è qui di seguito riportata e prevede la suddivisione delle responsabilità della gestione degli impianti con un criterio per area geografica. DIREZIONE OPERATIVA RAPPR. ALTA DIREZ. COMUNICAZIONE (ITC Service) QUALITA' AMBIENTE SICUREZZA RISORSE UMANE (ITC Service) ACQUISTI (ITC Service) SERVIZI AMMINISTRATIVI SERVIZIO TECNICO ELETTRODOTTI SERVIZI TECNICI di MANUTENZIONE Capi Servizi CENTRALI Capi Centrale SERVIZI Elettrici Val Seriana Val Brembana SERVIZI Meccanici Val Padana Val di Scalve SERVIZI Edili Extra Lombardia SERVIZI Elettrodotti Figura 2 Struttura organizzativa della Direzione Operativa di Italgen S.p.A

15 Il personale di cui Italgen S.p.A. si avvale risulta così distribuito tra sedi ed inquadramento contrattuale: Dirigenti Quadri Impiegati Intermedi Operai Totale Sede amministrativa Centrali Val Seriana Centrali Val di Scalve Centrali Val Brembana Centrali Val Padana Centrali Extra Lombardia TOTALE Tabella 1 Distribuzione del personale nelle centrali Italgen (aggiornato al 31/12/2013) Foto 3 Centrale di Vaprio d Adda vista dal canale di scarico (anno 1957)

16 2.2. Il principio di funzionamento di un impianto idroelettrico L attività svolta da Italgen consiste nella produzione di energia elettrica mediante l utilizzazione della risorsa acqua, la quale non viene consumata, né modificata nelle sue caratteristiche chimiche e fisiche durante il processo di produzione. Gli impianti di Italgen S.p.A. sono di tipo a bacino e ad acqua fluente. Le centrali a bacino sfruttano l accumulo di acqua in quota, in invasi artificiali, come riserva di energia. Le centrali ad acqua fluente sfruttano invece il naturale deflusso delle acque e consentono quindi solo una gestione in tempo reale dei quantitativi di acqua prelevabile dall alveo. Uno schema semplificato del ciclo produttivo di un impianto a bacino è riportato nella figura sottostante. Figura 3 - Schema di funzionamento di una centrale idroelettrica Lo schema più generale di un impianto idroelettrico può essere rappresentato dall insieme delle seguenti strutture: - opere di ritenuta (dighe o traverse) con relativo invaso; - opere di adduzione (gallerie, canali e condotte), destinate al trasporto dell acqua alla centrale; - centrale con il macchinario idraulico ed elettrico; - opere di scarico e restituzione delle portate utilizzate; - edifici e strutture di supporto. Il complesso di opere è destinato alla trasformazione dell energia potenziale o cinetica dell acqua in energia elettrica mediante lo sfruttamento del salto altimetrico disponibile tra il corpo idrico di provenienza ed il punto di restituzione

17 L acqua, raccolta negli invasi o direttamente derivata dal corso d acqua, viene inviata alla centrale idroelettrica per mezzo di gallerie, condotte e canali. La macchina principale della centrale è la turbina che, azionata dalla forza dell acqua, converte l energia idraulica in energia meccanica. Il generatore elettrico, collegato meccanicamente all organo girante della turbina, trasforma invece l energia meccanica di questa in energia elettrica. Il trasformatore, collegato elettricamente al generatore, restituisce l energia, con una tensione più elevata rispetto a quella prodotta dal generatore, alle sbarre da cui si dipartono le linee in alta tensione che trasportano e distribuiscono l energia sul territorio. Gli edifici e le strutture di supporto sono i locali annessi alle centrali idroelettriche (officine ed altri servizi) nei quali si svolgono attività sussidiarie al processo produttivo. Foto 4 Centrale di Serravalle (anni 50) Foto 5 Centrale di Mazzunno (anni 50) Foto 6 Diga di Cassiglio (anno 1954)

18 2.3. Territorio di riferimento Le centrali idroelettriche di Italgen S.p.A. sono localizzate come indicato in tabella e figura sottostanti: Nome centrale Area gestionale Localizzazione Principale corso d acqua utilizzato CASSIGLIO Val Brembana Olmo al Brembo (BG) Torrenti Stabina e Cassiglio COMENDUNO Val Seriana Albino (BG) Fiume Serio CUGNO Val Brembana Olmo al Brembo (BG) Fiume Brembo DEZZO Val di Scalve Colere (BG) Fiume Dezzo MAZZUNNO Val di Scalve Angolo Terme (BS) Fiume Dezzo PALAZZOLO Val Padana Palazzolo sull Oglio (BS) Fiume Oglio PONTE ACQUA Val Brembana Mezzoldo (BG) Torrente Mora e Rio Ancogno PONTE NEMBRO Val Seriana Villa di Serio (BG) Fiume Serio PONTE PIAZZOLO Val Brembana Olmo al Brembo (BG) Fiume Brembo POVO Val di Scalve Colere (BG) Torrente Povo ROCCAVIONE 1 SALTO Extra Lombardia Roccavione (CN) Fiume Gesso ROCCAVIONE 2 SALTO Extra Lombardia Roccavione (CN) Fiumi Gesso e Vermenagna S. ANDREA Extra Lombardia Vittorio Veneto (TV) Fiume Meschio SAN GIOVANNI BIANCO Val Brembana San Giovanni Bianco (BG) Fiume Brembo SERRAVALLE Extra Lombardia Vittorio Veneto (TV) Fiume Meschio VAPRIO D'ADDA Val Padana Vaprio D'Adda (MI) Fiume Adda Tabella 2 Informazioni generali sulle centrali Italgen Figura 4 Dislocazione geografica delle centrali

19 Le centrali idroelettriche si possono inserire in contesti ambientali nei quali sono presenti vincoli ambientali. Nel caso delle centrali Italgen, la tabella sottostante rappresenta la situazione: Nome impianto Vincoli per presenza parchi Vincoli bellezze d insieme CASSIGLIO DEZZO - POVO Parco Regionale delle Orobie Bergamasche LR 56/89 parco senza PTC Parco Regionale delle Orobie Bergamasche LR 56/89 parco senza PTC MAZZUNNO ---- PALAZZOLO PONTE ACQUA Parco Regionale Oglio Nord, parco con PTC approvato istituito con LR n. 18 del 16/04/1988 Parco Regionale delle Orobie Bergamasche LR 56/89 parco senza PTC Aree ad elevato interesse ambientale, L n. 431/85 art 1 ter. Art n. 17 NTA PTR Valcamonica, ambiti di elevata naturalità oltre 1200 m s.l.m. Ambiti naturali terreni compresi al di sopra della linea di livello 1000 m decr. 346 del 15/11/1968 Vincolate dall art. 18 delle NTA del PTPR in quanto ambiti contigui ai Parchi Oglio Nord e Oglio Sud Ambiti di interesse ambientale (art. 17 NTA PTR) Valli del Brembo e dell Adda. Ambiti ad elevata naturalità e terreni comunali sopra 1200 m s.l.m. PONTE NEMBRO PONTE PIAZZOLO VAPRIO D'ADDA Parco del Serio Nord Delibera GP n. 391 del 31/08/2006 Parco Regionale delle Orobie Bergamasche, LR 56/89 parco senza PTC Parco Naturale dell Adda Nord istituito con LR n. 35 del 16/12/ Tabella 3 Vincoli ambientali presenti sul territorio PTC: Piano Territoriale di Coordinamento PTPR: Piano Territoriale Paesistico Regionale NTA: Norme Tecniche di Attuazione PTR: Piano Territoriale Regionale Foto 7 Vista della diga di Ponte Acqua (anni 50)

20 2.4. Le centrali idroelettriche Italgen Nome impianto Anno d avvio CASSIGLIO 1953 Principale corso d acqua utilizzato Torrenti Stabina e Cassiglio Tipologia derivazione Tabella 4 Dati tecnici delle centrali idroelettriche Italgen S.p.A. Potenza installata [kw] Tipologia turbina Produzione media annua [MWh] (*) Invaso Francis verticale (Tosi) COMENDUNO 1928 Fiume Serio Acqua fluente Kaplan verticali (Orangine) CUGNO 1947 Fiume Brembo Acqua fluente Francis ad asse verticale (Tosi) DEZZO 1911 Fiume Dezzo Acqua fluente Pelton orizzontali (Riva) MAZZUNNO 1908 Fiume Dezzo Acqua fluente PALAZZOLO 1958 Fiume Oglio Acqua fluente PONTE ACQUA 1953 Torrente Mora e Rio Ancogno 2 Pelton ad asse verticale (Co.Ver) 1 Kaplan verticale (Hydro Energia) Invaso Pelton orizzontale (Tosi) PONTE NEMBRO 1931 Fiume Serio Acqua fluente Kaplan verticali (Dumont) PONTE PIAZZOLO 1950 Fiume Brembo Invaso Pelton orizzontali (Tosi) POVO 1927 Torrente Povo Acqua fluente 450 ROCCAVIONE 1 SALTO 1947 Fiume Gesso Acqua fluente ROCCAVIONE 2 SALTO 1947 Fiumi Gesso e Vermenagna Acqua fluente Francis orizzontale (Hydro Energia) 2 Francis orizzontali (Macamidi) 2 Francis orizzontali (Macamidi) S. ANDREA 1930 Fiume Meschio Acqua fluente Kaplan verticale (Co.Ver.) SAN GIOVANNI BIANCO 1906 Fiume Brembo Acqua fluente Francis verticale (Co.Ver.)+ 1 verticale (Dumont) SERRAVALLE 1953 Fiume Meschio Acqua fluente Kaplan verticale (Co.Ver.) VAPRIO D'ADDA 1951 Fiume Adda Acqua fluente Kaplan ad asse verticale (Tosi) (*) Produzione media annua calcolata con i dati dal 1970 al 2013 depurando gli anni in cui la produzione è stata di oltre il 25 % inferiore alla media (anni caratterizzati da fermi prolungati delle centrali per revamping) Foto 8 Centrale di Roccavione 2 salto (anno 1946)

21 Figura 5 Schema opera di presa della centrale di Serravalle Figura 6 Sezione della turbina idraulica di Comenduno

22 La produzione di un impianto idroelettrico dipende evidentemente dalla disponibilità d acqua, vale a dire dagli eventi meteorologici; in gergo tecnico si dice dalla maggiore o minore idraulicità. Italgen garantisce un controllo costante dei dati microclimatici delle zone dove opera (quantità delle precipitazioni, temperature, quantità degli invasi) ed è disponibile a fornire tali dati ad associazioni, enti comunali o a chiunque ne faccia richiesta. 2010: record storico produzione Grafico 1 Produzione storica ( ) delle centrali Italgen con relativa media (MWh) Foto 9 Centrale di Ponte Acqua (anno 1950) Foto 10 Centrale di Olmo al Brembo (anno 1950)

23 Grafico 3 Suddivisione produzione per Area (dati anno 2010) Grafico 2 Suddivisione produzione per tipologia (dati anno 2013) Grafico 3 Suddivisione produzione per Area (dati anno 2013) Foto 11 Centrale di Palazzolo (anno 1959)

24 3. La Politica per l ambiente e il Sistema di Gestione ambientale 3.1. Le Politiche di Sostenibilità di Italcementi Group Ad inizio 2011, dopo dieci anni di impegno attivo e formalizzato verso la sostenibilità, Italcementi Group ha emesso un nuovo pacchetto di Politiche di Sostenibilità. Esse costituiscono il riferimento principale per la definizione delle linee guida e di tutti i processi di gestione che indirizzano e supportano il Gruppo nelle attività quotidiane. Le Politiche di Sostenibilità sono: - fondate sui Valori del Gruppo e ispirate a riferimenti internazionali quali la Dichiarazione Universale dei Diritti dell Uomo e gli Standard dell Organizzazione Internazionale del Lavoro (ILO) - rafforzate dai Codici di Gruppo, dall accordo con la Confederazione sindacale BWI e l adesione all UN Global Compact e sono costituite da una Politica madre (Sostenibilità) e da sette Politiche figlie (Sicurezza, Diritti Umani, Energia, Ambiente, Iniziative sociali, Salute e Qualità): I testi della suddette Politiche di Sostenibilità sono disponibili in formatoelettronico nel sito internet

25 La Politica Ambientale è uno degli elementi centrali della mission di Italcementi Group, il cui obiettivo è quello di raggiungere un corretto equilibrio tra l utilizzo delle risorse naturali e una crescita economica a lungo termine, garantendo al tempo stesso una qualità di vita migliore per le generazioni presenti e future

26 3.2. La Politica per l Ambiente di Italgen S.p.A. Italgen, con la politica ambientale, vuole confermare il proprio impegno alla salvaguardia dell ambiente, in piena sintonia con le Politiche di Sostenibilità di Italcementi Group, attraverso la ricerca di un integrazione armonica dei singoli impianti nel territorio e lo sviluppo di tecnologie innovative per il risparmio delle risorse naturali e per l impiego di fonti rinnovabili di energia. Convinta che la tutela dell ambiente e la prevenzione dell inquinamento costituiscano un elemento centrale nella gestione d impresa, Italgen si impegna a svolgere le proprie attività nel pieno rispetto dei seguenti principi: 1. impiegare tutti i mezzi necessari ad assicurare il rispetto delle prescrizioni legali applicabili in campo ambientale; 2. favorire il miglioramento continuo delle proprie prestazioni ambientali definendo obiettivi e traguardi mirati e mettendo a disposizione le risorse necessarie nell ambito di piani pluriennali; 3. verificare le proprie prestazioni ambientali attraverso la conduzione di periodici audit presso tutti i siti operativi; 4. definire modalità operative che tengono conto degli aspetti ambientali di ogni attività lavorativa, e sensibilizzare e istruire tutto il personale 5. perseguire una politica di razionalizzazione delle risorse energetiche e delle materie prime in un ottica di sviluppo sostenibile; 6. migliorare il rendimento della produzione e della distribuzione di energia, riducendo l'impatto dei trasporti sul consumo di energia e favorendo la realizzazione di investimenti nel settore; 7. promuovere presso gli utenti un utilizzo più responsabile e consapevole delle fonti energetiche; 8. diffondere la cultura dello sviluppo sostenibile nei confronti di tutti gli stakeholders, quali dipendenti, autorità pubbliche, azionisti, clienti e privati cittadini; 9. contribuire alla valorizzazione del territorio, concorrendo ad uno sviluppo sostenibile nelle diverse aree del mondo, in sinergia con le politiche ambientali dei diversi paesi e governi; 10. collaborare con le associazioni che si occupano di tutela ambientale su temi di rilievo per l energia, con la promozione di campagne e con l approfondimento di tematiche di rilievo per il settore; 11. assicurare la trasparenza verso tutte le parti interessate sui risultati ambientali ottenuti, in uno spirito attivo di dialogo. Bergamo, 27/04/2012 Giuseppe De Beni Consigliere Delegato Italgen S.p.A

DICHIARAZIONE AMBIENTALE. Primo aggiornamento ANNO 2010 con dati aggiornati al 30/06/10. Impianti idroelettrici

DICHIARAZIONE AMBIENTALE. Primo aggiornamento ANNO 2010 con dati aggiornati al 30/06/10. Impianti idroelettrici DICHIARAZIONE AMBIENTALE Primo aggiornamento ANNO 2010 con dati aggiornati al 30/06/10 Impianti idroelettrici - 1 - Presentazione Nell attuale contesto economico e istituzionale, si sta sempre più consolidando

Dettagli

Corso di Energetica A.A. 2013/2014

Corso di Energetica A.A. 2013/2014 Corso di Energetica A.A. 2013/2014 Mini Idroelettrico Parte Prima Prof. Ing. Renato Ricci Dipartimento di Ingegneria Industriale e Scienze Matematiche Università Politecnica delle Marche Lo sfruttamento

Dettagli

Company Profile. Idro Eolico Fotovoltaico CSP Elettrodotti

Company Profile. Idro Eolico Fotovoltaico CSP Elettrodotti Company Profile Idro Eolico Fotovoltaico CSP Elettrodotti Realizzato da Direzione Comunicazione e Immagine di Gruppo e Italgen Dati aggiornati al 31.12.2014 Foto: Italcementi - Italgen Immagini Grafiche:

Dettagli

Catalogo attività formative Piano ARES: Ambiente, Rifiuti, Energia per la Sostenibilità produttiva Fondimpresa Avviso 1/2013 Ambito B Ambiente

Catalogo attività formative Piano ARES: Ambiente, Rifiuti, Energia per la Sostenibilità produttiva Fondimpresa Avviso 1/2013 Ambito B Ambiente Catalogo attività formative Piano ARES: Ambiente, Rifiuti, Energia per la Sostenibilità produttiva Fondimpresa Avviso 1/2013 Ambito B Ambiente AREA TEMATICA: Gestione e certificazione ambientale di sistema

Dettagli

Company Profile. Idro Eolico Fotovoltaico CSP Elettrodotti

Company Profile. Idro Eolico Fotovoltaico CSP Elettrodotti Company Profile Idro Eolico Fotovoltaico CSP Elettrodotti Realizzato da Italgen Dati aggiornati al 31.12.2015 Foto: Italcementi - Italgen Immagini grafiche: Freepik.com Italcementi Italgen Italcementi

Dettagli

I nostri impegni per l ambiente

I nostri impegni per l ambiente I nostri impegni per l ambiente Il Sole e la Luna ha scelto di impegnarsi quotidianamente per l ambiente, puntando sull eccellenza ambientale del marchio Ecolabel europeo per ridurre gli impatti generati

Dettagli

Il Percorso verso la registrazione EMAS del Comune di Ravenna. 9 gennaio 2009

Il Percorso verso la registrazione EMAS del Comune di Ravenna. 9 gennaio 2009 Il Percorso verso la registrazione EMAS del Comune di Ravenna 9 gennaio 2009 1 COS È EMAS Acronimo inglese per : Eco Management and Audit Scheme Significa: Sistema di Gestione Ambientale basato sulla Ecogestione

Dettagli

LE CENTRALI ELETTRICHE

LE CENTRALI ELETTRICHE Le centrali elettriche sono impianti industriali utilizzati per la produzione di corrente elettrica L 8 marzo 1833 è una data storica per la produzione di corrente elettrica in Italia, perché a Milano

Dettagli

Analisi Ambientale (AA)

Analisi Ambientale (AA) Sistema di Gestione Ambientale Analisi Ambientale (AA) Revisione: 02 Data: 27/02/2013 Redatto da: P. Novello Verificato da: P. Novello Approvato da: A. Marini INDICE 1. INTRODUZIONE... 3 1.1. PREMESSA

Dettagli

MANUALE DELSISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE

MANUALE DELSISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE Osservatorio per il Settore Chimico Ministero dell Industria del Commercio e dell Artigianato MANUALE DELSISTEMA DI Responsabile: Aggiornamento: 2 di 49 NOME AZIENDA Manuale del sistema di Gestione Ambientale

Dettagli

ENERGIE RINNOVABILI MICRO HYDRO. CasaSoleil 2006-2010 - Appunti sulle fonti rinnovabili -

ENERGIE RINNOVABILI MICRO HYDRO. CasaSoleil 2006-2010 - Appunti sulle fonti rinnovabili - ENERGIE RINNOVABILI MICRO HYDRO CasaSoleil 2006-2010 - Appunti sulle fonti rinnovabili - Che cos'è E' in piccolo, quello che si fa con un impianto idroelettrico ma senza costruire una diga: l'acqua che

Dettagli

Lo Stabilimento di Ravenna

Lo Stabilimento di Ravenna Lo Stabilimento di Ravenna LE NOSTRE RISORSE Sin dalla costituzione EniPower ha adottato strutture organizzative snelle nell ottica di semplificare i processi operativi. Tutto il personale è stato coinvolto

Dettagli

Energy in our life. 6. Perché risparmiare energia? 1. Forme di energia:

Energy in our life. 6. Perché risparmiare energia? 1. Forme di energia: Energy in our life 1. Forme di energia: Energia meccanica; Energia nucleare; Energia elettrica; Energia chimica; Energia termica; 1. Consumi nel mondo; 2. Consumi in italia; 3. Consumi in Sicilia; 4. Energia

Dettagli

FONTI PRO CONTRO. Produce un'energia doppia rispetto al legno. Ha un elevato potere energetico ed è la principale fonte di energia utilizzata

FONTI PRO CONTRO. Produce un'energia doppia rispetto al legno. Ha un elevato potere energetico ed è la principale fonte di energia utilizzata ENERGIA RINNOVABILE (fonti alternative energie pulite green energy) Si definisce energia rinnovabile "una qualsiasi fonte energetica che si rigenera almeno alla stessa velocità con cui si utilizza". In

Dettagli

CENTRALE DI TORVISCOSA DICHIARAZIONE AMBIENTALE AGGIORNAMENTO 2012. Dichiarazione Ambientale 2012 1

CENTRALE DI TORVISCOSA DICHIARAZIONE AMBIENTALE AGGIORNAMENTO 2012. Dichiarazione Ambientale 2012 1 CENTRALE DI TORVISCOSA DICHIARAZIONE AMBIENTALE AGGIORNAMENTO 2012 Dichiarazione Ambientale 2012 1 INDICE Edison Spa Centrale di Torviscosa Presentazione Informazioni per il pubblico Consigli per la lettura

Dettagli

Via Tirone, n. 11 00146 Roma Tel. 06/45213469 Fax 06/45213301 e-mail: info@medisrl.net - web site: www.medisrl.net

Via Tirone, n. 11 00146 Roma Tel. 06/45213469 Fax 06/45213301 e-mail: info@medisrl.net - web site: www.medisrl.net Via Tirone, n. 11 00146 Roma Tel. 06/45213469 Fax 06/45213301 e-mail: info@medisrl.net - web site: www.medisrl.net LA POLITICA E LA MISSION La MEDI srl opera nel settore della Progettazione, Smontaggi,

Dettagli

Impianti idro-elettrici: caratteristiche generali e peculiarità funzionali

Impianti idro-elettrici: caratteristiche generali e peculiarità funzionali Energia idroelettrica al futuro - Malnisio, Impianti idro-elettrici: caratteristiche generali e peculiarità funzionali Piero Pinamonti UNIVERSITA DEGLI STUDI DI UDINE DIPARTIMENTO Piero Pinamonti DI -

Dettagli

Cartella stampa. Sommario. Enìa pag. 2. La struttura pag. 5. Azionariato pag. 7. Informazioni finanziarie del Gruppo pag. 7. La storia pag.

Cartella stampa. Sommario. Enìa pag. 2. La struttura pag. 5. Azionariato pag. 7. Informazioni finanziarie del Gruppo pag. 7. La storia pag. Cartella stampa Sommario Enìa pag. 2 La struttura pag. 5 Azionariato pag. 7 Informazioni finanziarie del Gruppo pag. 7 La storia pag. 8 Scheda di sintesi pag. 11 Contact: Ufficio Stampa Enìa SpA Selina

Dettagli

,PSLDQWLLGURHOHWWULFLGLWDJOLDOLPLWDWD

,PSLDQWLLGURHOHWWULFLGLWDJOLDOLPLWDWD *,PSLDQWLLGURHOHWWULFLGLWDJOLDOLPLWDWD 'HVFUL]LRQHGHOODWHFQRORJLD Gli impianti idroelettrici producono elettricità sfruttando l energia cinetica dell acqua che scorre verso valle, ovvero da un punto a

Dettagli

L INDUSTRIA ELETTRICA ITALIANA E LA SFIDA DELLE FONTI RINNOVABILI.

L INDUSTRIA ELETTRICA ITALIANA E LA SFIDA DELLE FONTI RINNOVABILI. L INDUSTRIA ELETTRICA ITALIANA E LA SFIDA DELLE FONTI RINNOVABILI. www.assoelettrica.it INTRODUZIONE Vieni a scoprire l energia dove nasce ogni giorno. Illumina, nel cui ambito si svolge la terza edizione

Dettagli

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ LE SOLUZIONI AMBIENTALI INTEGRATE DI UN GRUPPO LEADER SOLYECO GROUP ha reso concreto un obiettivo prezioso: conciliare Sviluppo e Ambiente. Questa è la mission

Dettagli

ENPLUS L ENERGIA CHE VUOI

ENPLUS L ENERGIA CHE VUOI ENPLUS L ENERGIA CHE VUOI ENPLUS è una realtà aziendale italiana, con sistema di qualità certificato ISO 9001:2008, che opera nell impiantistica meccanica e termoelettrica industriale, realizza costruzioni

Dettagli

LA REGISTRAZIONE EMAS APPLICATA AD UN IMPIANTO DI RECUPERO DI RIFIUTI INERTI: BILANCIO DI 12 ANNI DI ATTIVITÀ Dott. Roberto Marsicola RIME 1 srl

LA REGISTRAZIONE EMAS APPLICATA AD UN IMPIANTO DI RECUPERO DI RIFIUTI INERTI: BILANCIO DI 12 ANNI DI ATTIVITÀ Dott. Roberto Marsicola RIME 1 srl LA REGISTRAZIONE EMAS APPLICATA AD UN IMPIANTO DI RECUPERO DI RIFIUTI INERTI: BILANCIO DI 12 ANNI DI ATTIVITÀ Dott. Roberto Marsicola RIME 1 srl IL SITO E LE ATTIVITÀ La RIME 1 è una società che svolge

Dettagli

POLO 2 IMPIANTO IDROELETTRICO ALBANO NEI COMUNI DI DONGO (CO) E GARZENO (CO)

POLO 2 IMPIANTO IDROELETTRICO ALBANO NEI COMUNI DI DONGO (CO) E GARZENO (CO) POLO 2 IMPIANTO IDROELETTRICO ALBANO NEI COMUNI DI DONGO (CO) E GARZENO (CO) DICHIARAZIONE AMBIENTALE TRIENNIO - 2014 AGGIORNAMENTO 2013 INDICE CONSIGLI PER LA LETTURA... 2 LA SCHEDA TECNICA DELL IMPIANTO

Dettagli

SICUREZZA QUALITÀ AMBIENTE MEDICINA DEL LAVORO

SICUREZZA QUALITÀ AMBIENTE MEDICINA DEL LAVORO SICUREZZA QUALITÀ AMBIENTE MEDICINA DEL LAVORO Economie_corretto_14mar2011.indd 1 27-03-2011 17:07:00 2 Un azienda in regola è un azienda tranquilla. Un azienda tranquilla si dedica al proprio sviluppo.

Dettagli

L ENERGIA E L AMBIENTE: IL CASO NEW THAT SRL

L ENERGIA E L AMBIENTE: IL CASO NEW THAT SRL 1 Nocera Inferiore 19/11/2012 L ENERGIA E L AMBIENTE: IL CASO NEW THAT SRL La New That Srl è presente sul mercato da oltre 40 anni. L azienda da sempre interessata alle più significative dinamiche di mercato,

Dettagli

CENTRALI TERMOELETTRICHE

CENTRALI TERMOELETTRICHE CENTRALI TERMOELETTRICHE Le centrali termoelettriche sono impianti che utilizzano l energia chimica dei combustibili per trasformarla in energia elettrica. Nelle centrali termoelettriche la produzione

Dettagli

SIRAM al servizio del progresso energetico

SIRAM al servizio del progresso energetico SIRAM al servizio del progresso energetico Il Gruppo Siram in Italia SIRAM SPA Leader in Italia nei servizi energetici e multitecnologici per il mercato Pubblico e Privato sede legale Milano 4 Unità di

Dettagli

elettrodotti. grandi centrali elettriche combustibili fossili produzione elettrica

elettrodotti. grandi centrali elettriche combustibili fossili produzione elettrica 1 2 3 4 Uno dei grandi vantaggi dell energia elettrica è che essa può essere prodotta in luoghi lontani dai centri di consumo. L energia elettrica può essere trasportata facilmente attraverso condutture

Dettagli

Gestione della produzione di energia idroelettrica ambientalmente compatibile con gli indirizzi della Direttiva Europea

Gestione della produzione di energia idroelettrica ambientalmente compatibile con gli indirizzi della Direttiva Europea Gestione della produzione di energia idroelettrica ambientalmente compatibile con gli indirizzi della Direttiva Europea Casadei Armando CVA SpA Compagnia Valdostana delle Acque S.p.A. La Compagnia Valdostana

Dettagli

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ RECYCLA: I CENTRI SERVIZI PER L AMBIENTE Non si è responsabili solo di ciò che si fa, ma anche di ciò che non si fa Un impegno ragionato per il loro futuro SOLYECO

Dettagli

Il Comune di Predazzo da anni è impegnato nella promozione e realizzazione di impianti di produzione energetica derivanti dalle energie rinnovabili.

Il Comune di Predazzo da anni è impegnato nella promozione e realizzazione di impianti di produzione energetica derivanti dalle energie rinnovabili. Il Comune di Predazzo da anni è impegnato nella promozione e realizzazione di impianti di produzione energetica derivanti dalle energie rinnovabili. Per creare una sensibilità e maggior conoscenza di questa

Dettagli

Gli impianti geotermici

Gli impianti geotermici Gli impianti geotermici Valutazioni generali Nell ambito della provincia di Verona, qualunque sia il contesto geologico in cui realizzare l impianto geotermico, il criterio generale prevede di utilizzare

Dettagli

1. B - Caratteristiche essenziali e modalità applicative del Sistema di Gestione Responsible Care

1. B - Caratteristiche essenziali e modalità applicative del Sistema di Gestione Responsible Care 1. B - Caratteristiche essenziali e modalità applicative del Sistema di Gestione Responsible Care 20 gennaio 2009 INDICE Sezione Contenuto 1. Il programma Responsible Care: scopo e campo di applicazione

Dettagli

L uso idroelettrico delle acque nel bacino del Serchio

L uso idroelettrico delle acque nel bacino del Serchio L uso idroelettrico delle acque nel bacino del Serchio Lucca, 30 aprile 2009 Amelio Brunelli La distribuzione sul territorio del parco Enel Asta Serchio/Lima 17 Impianti - Province: 6 - Comuni: 28 Asta

Dettagli

CONVEGNO OLTREPÒ PAVESE: SUOLO,NATURA E ACQUA Salice Terme (PV) 13 14 ottobre 2004

CONVEGNO OLTREPÒ PAVESE: SUOLO,NATURA E ACQUA Salice Terme (PV) 13 14 ottobre 2004 CONVEGNO OLTREPÒ PAVESE: SUOLO,NATURA E ACQUA Salice Terme (PV) 13 14 ottobre 2004 Bacini di accumulo : acqua ed energia pulita. Dottor Architetto Adriano Rosolen Libero Professionista. 1. Premessa La

Dettagli

Colora tu l avventura Alla scoperta dell energia

Colora tu l avventura Alla scoperta dell energia Colora tu l avventura Alla scoperta dell energia Energia deriva dalla parola greca energheia che significa attività. Nei tempi antichi il termine energia venne usato per indicare forza, vigore, potenza

Dettagli

Sistema di Gestione Ambientale (SGA): ISO14001 ed EMAS III

Sistema di Gestione Ambientale (SGA): ISO14001 ed EMAS III Sistema di Gestione Ambientale (SGA): ISO14001 ed EMAS III Luana Scaccianoce, Marco Glisoni EMAS vs ISO14001 L EMAS (Environmental Management and Audit Scheme) è uno STANDARD EUROPEO definto con Regolamento

Dettagli

All. 2. Profili professionali

All. 2. Profili professionali Profili professionali All. 2 Commerciale energie rinnovabili Mansioni La figura professionale individuata è un tecnico-commerciale con una specifica conoscenza del mercato e del territorio su cui opera.

Dettagli

Soluzioni green oggi per vivere meglio domani.

Soluzioni green oggi per vivere meglio domani. Soluzioni green oggi per vivere meglio domani. Enel è la più grande azienda di energia elettrica d Italia e la seconda utility quotata d Europa per capacità installata. È un operatore integrato, attivo

Dettagli

A6 - SCHEDA DEL CATASTO DERIVAZIONI IDRICHE

A6 - SCHEDA DEL CATASTO DERIVAZIONI IDRICHE REGIONE PIEMONTE Provincia di Cuneo COMUNE DI TORRE MONDOVI' COMUNE DI MONASTEROLO CASOTTO MINI-IMPIANTO IDROELETTRICO SUL TORRENTE CASOTTO ALLA CONFLUENZA CON IL RIO CASTORELLO (PRELIEVO ASSOGGETTATO

Dettagli

Energia Idroelettrica

Energia Idroelettrica PascaleCave e Costruzioni S.r.l. Idroelettrico Energia Idroelettrica L energia idroelettrica è l energia elettrica ottenibile da una massa d acqua sfruttando l energia potenziale che essa cede con un salto

Dettagli

POLITICA DEL SISTEMA DI GESTIONE INTEGRATA POLITICA PER LA QUALITÀ E PER LA SICUREZZA

POLITICA DEL SISTEMA DI GESTIONE INTEGRATA POLITICA PER LA QUALITÀ E PER LA SICUREZZA POLITICA DEL SISTEMA DI GESTIONE INTEGRATA POLITICA PER LA QUALITÀ E PER LA SICUREZZA 01.04 La Politica per la Qualità e per la salute e sicurezza sui luoghi di lavoro definita dalla Direzione contiene

Dettagli

FONTI DI ENERGIA. Fonti energetiche primarie. Fonti energetiche secondarie. sostanza o fenomeno capace di dar luogo ad una liberazione di energia

FONTI DI ENERGIA. Fonti energetiche primarie. Fonti energetiche secondarie. sostanza o fenomeno capace di dar luogo ad una liberazione di energia FONTI DI ENERGIA sostanza o fenomeno capace di dar luogo ad una liberazione di energia Fonti energetiche primarie quelle che si trovano disponibili in natura si possono classificare in: Fonti energetiche

Dettagli

PRESENTA DOMANDA PER LA VERIFICA DI COMPATIBILITA AMBIENTALE

PRESENTA DOMANDA PER LA VERIFICA DI COMPATIBILITA AMBIENTALE Modello per Sportello Unico DPR 447/98 Spett.le Agenzia Regionale per la Protezione Ambientale del Piemonte Dipartimento di Cuneo OGGETTO: Richiesta verifica di compatibilità AMBIENTALE, con esclusione

Dettagli

ENERGIA RINNOVABILE: UTOPIA O REALTA?

ENERGIA RINNOVABILE: UTOPIA O REALTA? ENERGIA RINNOVABILE: UTOPIA O REALTA? Il vertice sul clima a Bruxelles in data 8 marzo 2007 ha impegnato i capi di Stato e di governo dei Ventisette dell Unione Europea. Gli obiettivi del vertice sono

Dettagli

ANNO SCOLASTICO ANNO SCOLASTICO 2012 2013. LEZIONE n. 3 ENERGIE RINNOVABILI 1

ANNO SCOLASTICO ANNO SCOLASTICO 2012 2013. LEZIONE n. 3 ENERGIE RINNOVABILI 1 ANNO ANNO SCOLASTICO SCOLASTICO 2012 2013 2012 2013 1 INDICE DEGLI ARGOMENTI 1. Energie rinnovabili caratteristiche energia eolica energia idrica energia elettrica energia geotermica biomassa energia solare

Dettagli

PARERE. DIREZIONE CENTRALE AMBIENTE E LAVORI PUBBLICI Servizio valutazione impatto ambientale. Articolo 15, comma 1, d.lgs.

PARERE. DIREZIONE CENTRALE AMBIENTE E LAVORI PUBBLICI Servizio valutazione impatto ambientale. Articolo 15, comma 1, d.lgs. DIREZIONE CENTRALE AMBIENTE E LAVORI PUBBLICI Servizio valutazione impatto ambientale Articolo 15, comma 1, d.lgs. 152/2006 Valutazione ambientale strategica del Piano regionale di miglioramento della

Dettagli

PICCOLI IMPIANTI IDROELETTRICI. Elettricità da Fonti Rinnovabili in Liguria

PICCOLI IMPIANTI IDROELETTRICI. Elettricità da Fonti Rinnovabili in Liguria PICCOLI IMPIANTI IDROELETTRICI Elettricità da Fonti Rinnovabili in Liguria ENERGIA IDROELETTRICA La potenza dell impianto dipende dalle caratteristiche della fonte considerata ed in particolare è funzione

Dettagli

Aspetti collegati allo sviluppo del fotovoltaico

Aspetti collegati allo sviluppo del fotovoltaico Aspetti collegati allo sviluppo del fotovoltaico In questa sezione si analizzano gli aspetti economici, ambientali ed occupazionali collegati alla sviluppo del fotovoltaico. Aspetti economici Per quanto

Dettagli

SOCIETA GROSSISTA PER LA VENDITA DI ENERGIA

SOCIETA GROSSISTA PER LA VENDITA DI ENERGIA 1 SOCIETA GROSSISTA PER LA VENDITA DI ENERGIA 2 1. Chi è è una nuova società di commercializzazione del gas e dell energia elettrica nata a Pordenone, ma presente su tutto il nord Italia. Il capitale sociale

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER L AMBIENTE, L ENERGIA E LA SICUREZZA IN AZIENDA

TECNICO SUPERIORE PER L AMBIENTE, L ENERGIA E LA SICUREZZA IN AZIENDA ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO TECNICO SUPERIORE PER L AMBIENTE, L ENERGIA E LA SICUREZZA IN AZIENDA STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI DESCRIZIONE

Dettagli

Benvenuti all Azienda Energetica Profilo del Gruppo AE www.ae-ew.it

Benvenuti all Azienda Energetica Profilo del Gruppo AE www.ae-ew.it Benvenuti all Azienda Energetica Profilo del Gruppo AE www.ae-ew.it Gruppo AE: aggiorn. novembre 2011 Profilo del Gruppo AE Azionisti: I due Comuni di Bolzano e Merano Capogruppo: Azienda Energetica S.p.A.

Dettagli

ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI VENEZIA. Convegno sul tema

ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI VENEZIA. Convegno sul tema ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI VENEZIA Convegno sul tema SISTEMI DI GESTIONE DELLA SICUREZZA E DELLA SALUTE SUL LUOGO DI LAVORO Prospettive e sinergie con i sistemi di gestione ambiente e qualità

Dettagli

Il car-fluff:ultimo anello del percorso di smaltimento degli autoveicoli a fine vita. Il caso della discarica controllata Faeco

Il car-fluff:ultimo anello del percorso di smaltimento degli autoveicoli a fine vita. Il caso della discarica controllata Faeco Montichiari, 14 Settembre 2007 Il car-fluff:ultimo anello del percorso di smaltimento degli autoveicoli a fine vita. Il caso della discarica controllata Faeco Ing., Amministratore Delegato Il Car-Fluff

Dettagli

configurazione in un sistema) Grandezza fisica connessa al movimento reale o potenziale, macro o microscopico, di un sistema

configurazione in un sistema) Grandezza fisica connessa al movimento reale o potenziale, macro o microscopico, di un sistema ENERGIA Capacità di un sistema di compiere lavoro (Lavoro: atto di produrre un cambiamento di configurazione in un sistema) Grandezza fisica connessa al movimento reale o potenziale, macro o microscopico,

Dettagli

AMBIENTE IL SISTEMA DEI TRASPORTI E L AMBIENTE... 2 2 2 LE EMISSIONI IN ATMOSFERA... 2 2 3 3 4 4 GESTIONE AZIENDALE ORIENTATA ALL AMBIENTE...

AMBIENTE IL SISTEMA DEI TRASPORTI E L AMBIENTE... 2 2 2 LE EMISSIONI IN ATMOSFERA... 2 2 3 3 4 4 GESTIONE AZIENDALE ORIENTATA ALL AMBIENTE... CAP e L AMBIENTE IL SISTEMA DEI TRASPORTI E L AMBIENTE... 2 Evoluzione della mobilità passeggeri... 2 La mobilità e gli effetti sull ambiente: i costi... 2 LE EMISSIONI IN ATMOSFERA... 2 Le polveri atmosferiche...

Dettagli

PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE IN CONFORMITÀ ALLA NORMA. UNI EN ISO 14001 (ed. 2004) 1/9 progetto Tecnico ISO 14001-2004

PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE IN CONFORMITÀ ALLA NORMA. UNI EN ISO 14001 (ed. 2004) 1/9 progetto Tecnico ISO 14001-2004 PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE IN CONFORMITÀ ALLA NORMA UNI EN ISO 14001 (ed. 2004) Rev. 01 del 30/09/06 1/9 progetto Tecnico ISO 14001-2004 La Norma Internazionale UNI EN ISO 14001 specifica

Dettagli

Qualità UNI EN ISO 9001. Ambiente UNI EN ISO 14001. Registrazione EMAS. Emission trading. Sicurezza BS OHSAS 18001:2007

Qualità UNI EN ISO 9001. Ambiente UNI EN ISO 14001. Registrazione EMAS. Emission trading. Sicurezza BS OHSAS 18001:2007 ICMQ Certificazioni e controlli per le costruzioni La certificazione dei sistemi di gestione Certificazione sistemi di gestione ICMQ, organismo di certificazione e ispezione per il settore delle costruzioni,

Dettagli

Il geotermico. Dati Statistici al 31 dicembre 2008. a cura dell Ufficio Statistiche

Il geotermico. Dati Statistici al 31 dicembre 2008. a cura dell Ufficio Statistiche Il geotermico Dati Statistici al 31 dicembre 2008 a cura dell Ufficio Statistiche INDICE Introduzione... 2 Glossario... 3 Impianti geotermoelettrici... 4 Gli impianti geotermoelettrici in Italia dal 1997

Dettagli

POLO 2 IMPIANTO IDROELETTRICO CAMPO NEI COMUNI DI VERCEIA (SO) E NOVATE MEZZOLA (SO)

POLO 2 IMPIANTO IDROELETTRICO CAMPO NEI COMUNI DI VERCEIA (SO) E NOVATE MEZZOLA (SO) POLO 2 IMPIANTO IDROELETTRICO CAMPO NEI COMUNI DI VERCEIA (SO) E NOVATE MEZZOLA (SO) DICHIARAZIONE AMBIENTALE TRIENNIO - 214 AGGIORNAMENTO INDICE CONSIGLI PER LA LETTURA... LA SCHEDA TECNICA DELL IMPIANTO

Dettagli

fotovoltaico ecologico inesauribile conveniente GUIDA AGLI IMPIANTI FOTOVOLTAICI

fotovoltaico ecologico inesauribile conveniente GUIDA AGLI IMPIANTI FOTOVOLTAICI il ecologico inesauribile conveniente GUIDA AGLI IMPIANTI FOTOVOLTAICI COS È L ENERGIA fotovoltaica La tecnologia fotovoltaica è un sistema che sfrutta l energia solare e la trasforma, direttamente e istantaneamente,

Dettagli

Smart Grids. Le reti intelligenti guidano il futuro.

Smart Grids. Le reti intelligenti guidano il futuro. Smart Grids. Le reti intelligenti guidano il futuro. Reti intelligenti Reti intelligenti Generalità Una rete elettrica intelligente è in grado di integrare le azioni di tutti gli attori connessi, produttori

Dettagli

Aree Industriali nella Provincia di Ancona: Qualità Ambientale, Certificazione EMAS e. Codice Etico

Aree Industriali nella Provincia di Ancona: Qualità Ambientale, Certificazione EMAS e. Codice Etico Relazione Dott. Ing. Giacomo GIACOMINI Responsabile del Sistema di Gestione Ambientale Aree Industriali nella Provincia di Ancona: Qualità Ambientale, Certificazione EMAS e Codice Etico fiera di Rimini,

Dettagli

Padiglione Italia - Expo 2010 di Shanghai - Cina, realizzato con il nuovo cemento trasparente frutto della ricerca Italcementi

Padiglione Italia - Expo 2010 di Shanghai - Cina, realizzato con il nuovo cemento trasparente frutto della ricerca Italcementi Padiglione Italia - Expo 2010 di Shanghai - Cina, realizzato con il nuovo cemento trasparente frutto della ricerca Italcementi Italcementi Milano, 22 marzo Group 2010 Giovanni Ferrario Padiglione Italia

Dettagli

Gli impianti idroelettrici di pompaggio: nuovi protagonisti sulla scena del mercato elettrico?

Gli impianti idroelettrici di pompaggio: nuovi protagonisti sulla scena del mercato elettrico? Trasporto e Stoccaggio dell'energia: come diventare "smart" Gli impianti idroelettrici di pompaggio: nuovi protagonisti sulla scena del mercato elettrico? Clara Risso Direttore Fonti Rinnovabili REPOWER

Dettagli

Gli aspetti ambientali dei sistemi di produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili nelle aree protette. 17 marzo 2010.

Gli aspetti ambientali dei sistemi di produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili nelle aree protette. 17 marzo 2010. Gli aspetti ambientali dei sistemi di produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili nelle aree protette 17 marzo 2010 Lucia Naviglio 17.3.2010 naviglio.lucia@gmail.com 1 parchi ed energia Promozione

Dettagli

Procedura del Sistema Qualità Ambiente

Procedura del Sistema Qualità Ambiente Procedura del Sistema Qualità Ambiente P 75 Individuazione e significatività degli aspetti ambientali Rev. 1 18/12/2008 Pag. 1 di 12 Revisione Natura della modifica Prima emissione 1 Modifica criteri valutazione

Dettagli

Italcementi, da 150 anni la storia e il futuro del cemento

Italcementi, da 150 anni la storia e il futuro del cemento N E L D A Italcementi, da 150 anni la storia e il futuro del cemento Da un primo esperimento nel 1864 in una villa di Scanzo, alle porte di Bergamo, alla presenza in ventidue Paesi e quattro continenti.

Dettagli

Tesina di tecnica. L Energie Rinnovabili

Tesina di tecnica. L Energie Rinnovabili Tesina di tecnica L Energie Rinnovabili L Energia: parte della nostra vita quotidiana Nella vita di tutti i giorni, forse senza saperlo, consumiamo energia, anche senza saperlo. Infatti un corpo che è

Dettagli

Il quadro normativo dell efficienza energetica

Il quadro normativo dell efficienza energetica Il quadro normativo dell efficienza energetica Bartucci S.p.A. Cividale del Friuli, 4 agosto 2014 Le attività di Bartucci S.p.A. EFFICIENZA ENERGETICA E.S.Co. Energy Service Company CARBON MANAGEMENT Diagnosi

Dettagli

Indagine sul grado di consenso sociale nei confronti dello sviluppo dell energia eolica in Italia e in particolare in Sardegna

Indagine sul grado di consenso sociale nei confronti dello sviluppo dell energia eolica in Italia e in particolare in Sardegna Indagine sul grado di consenso sociale nei confronti dello sviluppo dell energia eolica in Italia e in particolare in Sardegna Giugno 2007 Indice Indagine sul consenso sociale dell energia eolica in Italia

Dettagli

Caso studio: Comune di Padova Inventario LAKS e Piano di Mitigazione e Adattamento Focus sul risparmio di energia e sulle energie rinnovabili

Caso studio: Comune di Padova Inventario LAKS e Piano di Mitigazione e Adattamento Focus sul risparmio di energia e sulle energie rinnovabili Caso studio: Comune di Padova Inventario LAKS e Piano di Mitigazione e Adattamento Focus sul risparmio di energia e sulle energie rinnovabili Introduzione Nome dell ente Comune di Padova, Italia Logo del

Dettagli

Centrale termoelettrica di cogenerazione di Moncalieri

Centrale termoelettrica di cogenerazione di Moncalieri termoelettrica di cogenerazione di Moncalieri Dichiarazione Ambientale Secondo i requisiti del Regolamento (CE) n. 1221/2009 Anno 2013 1 Aggiornamento annuale Dichiarazione Ambientale 1 aggiornamento anno

Dettagli

IMPIANTO PILOTA PER LA PRODUZIONE E DISTRIBUZIONE DI IDROGENO A BOLZANO: PRIMO PASSO VERSO UN CORRIDOIO VERDE

IMPIANTO PILOTA PER LA PRODUZIONE E DISTRIBUZIONE DI IDROGENO A BOLZANO: PRIMO PASSO VERSO UN CORRIDOIO VERDE IMPIANTO PILOTA PER LA PRODUZIONE E DISTRIBUZIONE DI IDROGENO A BOLZANO: PRIMO PASSO VERSO UN CORRIDOIO VERDE ing. Carlo Costa Bolzano, 22 settembre 2011 LA SITUAZIONE ENERGETICA MONDIALE Consumo mondiale

Dettagli

G.B. ZORZOLI INTRODUZIONE ALLE FONTI RINNOVABILI

G.B. ZORZOLI INTRODUZIONE ALLE FONTI RINNOVABILI G.B. ZORZOLI INTRODUZIONE ALLE FONTI RINNOVABILI Pisa, 03.02.09 ENERGIA SOLARE COME FONTE DELLE ENERGIE RINNOVABILI RADIAZIONE SOLARE VERSO TERRA: 173.000 TW RIFLESSIONE VERSO LO SPAZIO (SOPRATTUTTO NUBI):

Dettagli

impianto di teleriscaldamento e cogenerazione a gas con potenzialita pari a 650 kw presso gli edifici comunali del comune di Brembate di Sopra (BG)

impianto di teleriscaldamento e cogenerazione a gas con potenzialita pari a 650 kw presso gli edifici comunali del comune di Brembate di Sopra (BG) Studio di consulenza, ingegneria, progettazione e certificazione ING s.r.l. Via G. D'Alzano, 10-24122 Bergamo Tel. 035.215736 - F ax 035.3831266 info@ingsrl.it - www.ingsrl.it P.IVA. 03124050166 PROGETTO:

Dettagli

EFFICIENZA ENERGETICA

EFFICIENZA ENERGETICA EFFICIENZA ENERGETICA Profilo aziendale Nata nel 1986 come azienda artigiana per lo sviluppo di impianti tecnologici industriali, NUOVA ELETTRICA garantisce affidabilità e professionalità, unitamente all

Dettagli

Politica di tutela ambientale, salute e sicurezza sul lavoro

Politica di tutela ambientale, salute e sicurezza sul lavoro Per l ambiente Politica di tutela ambientale, salute e sicurezza sul lavoro Tenaris si impegna a realizzare le proprie attività salvaguardando l ambiente, la salute e la sicurezza dei propri dipendenti,

Dettagli

MANUALE DEL SISTEMA DI GESTIONE INTEGRATO

MANUALE DEL SISTEMA DI GESTIONE INTEGRATO Ragione sociale : XXX Indirizzo : XXX Tel. XXX e mail : XXX web : XXX XXX Pagina 1 di 18 Revisione del XXX INDICE Indice... 2 Le politiche aziendali... 3 Le certificazioni aziendali... 5 Campo di applicazione

Dettagli

D.O.C. s.c.s. POLITICA AMBIENTE SICUREZZA E QUALITÀ

D.O.C. s.c.s. POLITICA AMBIENTE SICUREZZA E QUALITÀ Pagina 1 di 7 D.O.C. s.c.s., ai sensi della legge 381/91, è una cooperativa sociale di tipo A, che vede al centro della sua crescita organizzativa i valori cooperativi della centralità della persona, della

Dettagli

ALLEGATO C1 Classificazione degli impianti idroelettrici in base alla potenza

ALLEGATO C1 Classificazione degli impianti idroelettrici in base alla potenza ALLEGATO C1 Classificazione degli impianti idroelettrici in base alla potenza Classificazione Portata d acqua Salto lordo Potenza netta Piccola taglia < 10 m 3 /s < 50 m < 5 kw (pico centrali) < 100 kw

Dettagli

Breve storia. Nel 1960 iniziano le prime produzioni artigianali (candeggine, ammorbidenti ecc.)

Breve storia. Nel 1960 iniziano le prime produzioni artigianali (candeggine, ammorbidenti ecc.) Madel S.p.A. Maurizio Ricci Direzione tecnica Green Economy in Emilia Romagna Casa Matha Ravenna, 30 settembre 2010 Breve storia Inizialmente l attività di Madel era principalmente focalizzata sulla commercializzazione

Dettagli

Per lo sviluppo del teleriscaldamento: l acqua di falda come fonte energetica.

Per lo sviluppo del teleriscaldamento: l acqua di falda come fonte energetica. 1 Per lo sviluppo del teleriscaldamento: l acqua di falda come fonte energetica. A2A Calore & Servizi, società del gruppo A2A attiva nella gestione del teleriscaldamento nelle città di Milano, Brescia

Dettagli

Effetto serra e il Patto dei Sindaci. [k]people

Effetto serra e il Patto dei Sindaci. [k]people Effetto serra e il Patto dei Sindaci L effetto serra Fenomeno naturale che intrappola il calore del sole nell atmosfera per via di alcuni gas. Riscalda la superficie del pianeta Terra rendendo possibile

Dettagli

Il sottoscritto nato a il C.F. residente in prov. c.a.p. via

Il sottoscritto nato a il C.F. residente in prov. c.a.p. via RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE SCARICO IN PUBBLICA FOGNATURA PER EDIFICI OD INSTALLAZIONI IN CUI SI SVOLGANO ATTIVITA COMMERCIALI O DI PRODUZIONE DI BENI DAI QUALI DERIVINO ACQUE REFLUE INDUSTRIALI Spett.le

Dettagli

L'energia e l'ambiente

L'energia e l'ambiente - L'energia e l'ambiente Oggi oltre l 80% dell energia utilizzata nel mondo viene prodotta bruciando combustibili fossili, quali petrolio, carbone e metano. E ormai accertato che proprio negli impianti

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER I SISTEMI DI RACCOLTA E SMALTIMENTO DEI RIFIUTI

TECNICO SUPERIORE PER I SISTEMI DI RACCOLTA E SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SETTORE AMBIENTE TECNICO SUPERIORE PER I SISTEMI DI RACCOLTA E SMALTIMENTO DEI RIFIUTI STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO SUPERIORE PER I SISTEMI DI RACCOLTA E SMALTIMENTO DEI

Dettagli

Curriculum aziendale. Euroconsult s.a.s.

Curriculum aziendale. Euroconsult s.a.s. Curriculum aziendale Euroconsult s.a.s. aggiornato al 26/04/2011 Dati anagrafici Ragione sociale: Euroconsult s.a.s. Data di costituzione: 14 febbraio 1994 Rappresentante legale: ing. Armando Cannata Partita

Dettagli

GLI IMPIANTI IDROELETTRICI IN VALLE ORCO, VAL DI SUSA e SUL FIUME PO

GLI IMPIANTI IDROELETTRICI IN VALLE ORCO, VAL DI SUSA e SUL FIUME PO GLI IMPIANTI IDROELETTRICI IN VALLE ORCO, VAL DI SUSA e SUL FIUME PO Gli impianti idroelettrici Iren Energia è la società del Gruppo Iren che opera nei settori della produzione e distribuzione di energia

Dettagli

Rapporto Statistico UE 27 Settore elettrico

Rapporto Statistico UE 27 Settore elettrico Rapporto Statistico UE 27 Settore elettrico Indice Introduzione... 2 Definizioni... 3 Evoluzione della produzione e della potenza per fonte nell UE 27... 5 Produzione e Potenza nel 2010 nell UE27... 6

Dettagli

Impianti idroelettrici

Impianti idroelettrici U N M O N D O D I E N E R G I A Il Gruppo Iren è strutturato nella holding industriale Iren S.p.A. e in cinque società di business interamente controllate che operano nei settori di pertinenza, sia direttamente

Dettagli

SETTORE PROGETTAZIONE E MANUTENZIONE OPERE PUBBLICHE SERVIZIO MANUTENZIONE PATRIMONIO, VIABILITA', IMMOBILI STUDIO DI FATTIBILITA'

SETTORE PROGETTAZIONE E MANUTENZIONE OPERE PUBBLICHE SERVIZIO MANUTENZIONE PATRIMONIO, VIABILITA', IMMOBILI STUDIO DI FATTIBILITA' SETTORE PROGETTAZIONE E MANUTENZIONE OPERE PUBBLICHE SERVIZIO MANUTENZIONE PATRIMONIO, VIABILITA', IMMOBILI STUDIO DI FATTIBILITA' PER LA REALIZZAZIONE DELLA RETE FOTOVOLTAICA COMUNALE RELAZIONE TECNICA

Dettagli

Claudio Boldori Responsabile Segreteria Tecnica A.ATO Provincia di Cremona NORMATIVA SULLE ACQUE

Claudio Boldori Responsabile Segreteria Tecnica A.ATO Provincia di Cremona NORMATIVA SULLE ACQUE Claudio Boldori Responsabile Segreteria Tecnica A.ATO Provincia di Cremona NORMATIVA SULLE ACQUE Evoluzione della normativa sulle acque in Italia RIFERIMENTO NORMATIVO APPROCCIO ALLA TUTELA L. 319/76 Limiti

Dettagli

Programma Assessori di riferimento Dirigenti di riferimento Motivazione delle scelte e finalità da conseguire

Programma Assessori di riferimento Dirigenti di riferimento Motivazione delle scelte e finalità da conseguire Programma 3 - Politiche per la sostenibilità Assessori di riferimento Guerrieri Guido, Cameliani Massimo Dirigenti di riferimento Vistoli Angela Motivazione delle scelte e finalità da conseguire Da tempo

Dettagli

Sede legale e laboratorio: Via A. Moro 6-24020 Scanzorosciate (BG)

Sede legale e laboratorio: Via A. Moro 6-24020 Scanzorosciate (BG) Sede legale e laboratorio: Via A. Moro 1-24020 Scanzorosciate (BG) Unità locali: Via A. Moro 6-24020 Scanzorosciate (BG) Via B. D Este 16-20017 Rho (MI) Fatturato medio annuo ultimi tre anni: Euro 5.500.000

Dettagli

RES RETE EFFICIENZA SOSTENIBILE

RES RETE EFFICIENZA SOSTENIBILE RES RETE EFFICIENZA SOSTENIBILE "I venti dell'innovazione La sfida per l'energia del futuro" Lunedì 21 maggio Centro Congressi Ville Ponti di Varese PERCHE UNA RETE SULLA EFFICIENZA SOSTENIBILE Nasce dalla

Dettagli

L impatto sull ambiente e le misure intraprese dall AZIENDA OSPEDALIERA DI ALESSANDRIA

L impatto sull ambiente e le misure intraprese dall AZIENDA OSPEDALIERA DI ALESSANDRIA L impatto sull ambiente e le misure intraprese dall AZIENDA OSPEDALIERA DI ALESSANDRIA Dati anno 2012 ----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

Aspetti normativi Autorizzazioni e competenze. Ing. Pier Luigi Coruzzi

Aspetti normativi Autorizzazioni e competenze. Ing. Pier Luigi Coruzzi Aspetti normativi Autorizzazioni e competenze Quali incombenze autorizzative per realizzare un impianto FV? Chiunque voglia realizzare un impianto fotovoltaico deve preventivamente occuparsi di tre problemi:

Dettagli

Energia. RSA Provincia di Milano. Energia

Energia. RSA Provincia di Milano. Energia RSA Provincia di Milano Energia Fig. 1: consumi elettrici per ciascun settore La produzione e il consumo di energia hanno impatto dal punto di vista ambientale, soprattutto per ciò che riguarda il consumo

Dettagli