Un saggio sul terrorismo ed ideologia antiterrorista del 2006 di. Aldo Giannuli. riduzione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Un saggio sul terrorismo ed ideologia antiterrorista del 2006 di. Aldo Giannuli. riduzione"

Transcript

1 1 Un saggio sul terrorismo ed ideologia antiterrorista del 2006 di Aldo Giannuli riduzione Non esiste una definizione univoca del termine Terrorismo. Si oscilla fra l idea che il terrorista sia il combattente illegittimo, in quanto soggetto non statuale, e quella per cui il terrorista è chi faccia ricorso a particolari forme di lotta bandite dal diritto 1. Nel primo caso terrorista sarebbe ogni combattente irregolare (partigiano, insorto, rivoluzionario, guerrigliero ecc): ma questo travolgerebbe il diritto di resistenza contro un ordinamento ingiusto, che è alla base della democrazia 2, inoltre non esiste Stato, partito o aggregazione politica che non sostenga..una qualche lotta armata irregolare. Nel secondo, occorrerebbe definire quali siano le forme di lotta bandite, ma questo finirebbe per includere anche diversi eserciti regolari 3.questa difficoltà di ottenere una definizione insieme chiara, univoca ed esaustiva del fenomeno è, in realtà, il riflesso di una operazione concettualmente sbagliata: presentare come definizione scientifica quello 1 Vedi PISANO 1997 pp ; R. DE LUCA 2002 p. 17; G. PONTARA in L. BONANATE 1979 pp. 35-6; H. HESS 1991 pp. 5 e segg.; L. BONANATE 2004; M. FOSSATI 2003 pp. 4 e segg.; W. LAQUEUR 2002 p. 17 e segg; J. L. MARRET 2000 p. 5; P. MANNONI 2004 p Tutte le democrazie moderne sono nate da rivoluzioni contro il potere costituito: applicando questo criterio dovremmo definire terrorista anche George Washington. 3 Ad esempio i bombardamenti contro le città nemiche, con l esplicito intento di colpire la popolazione civile e provocarne il collasso psicologico, rientrerebbero a pieno diritto in questa classificazione (ricordiamo Dresda ed Hiroshima)

2 2 che, invece, è una operazione politica, probabilmente lecita, ma comunque soggettiva ed opinabile. Si rifletta su un dato: nessun combattente irregolare si è mai definito terrorista ma, di volta in volta, patriota, partigiano, rivoluzionario ecc, così come nessun potere sfidato ha mai concessola qualifica di partigiano o simili ai suoi avversari, definendoli invariabilmente terroristi, banditi, criminali ecc.. (la qualifica di terrorista contiene una valutazione tesa a delegittimare l avversario) Dunque, si tratta di mere considerazioni politiche, ancorchè trasferite in testi di natura giuridica come convenzioni internazionali o leggi penali. Restando su un terreno avalutativo, parleremo piuttosto di guerra asimmetrica (o, se si preferisce, irregolare o non ortodossa) che può manifestarsi come terrorismo di Stato o Guerra ai civili, come guerra coperta, come terrorismo internazionale o insorgenza. Cose assai diverse fra loro messe nello stesso sacco generic del terrorismo. Consideriamo il caso che veda contrapposto un soggetto sovrano (uno Stato) ad uno non sovrano (l organizzazione terrorista ). Il soggetto non sovrano tende, in un modo o nell altro (conquista del potere interno, secessione di parte del territorio, conquista o ri-conquista dell indipendenza di un paese occupato o colonizzato) a trasformarsi in soggetto sovrano a scapito del potere sfidato. L asimmetria del conflitto è data dalla diversa natura dei contendenti (sovrano l uno, non sovrano l altro) che implica una conseguenza sul piano militare: arei, carri armati ed artiglieria pesante non sono

3 3 occultabili e richiedono un territorio su cui si esercita il pieno controllo, quel che normalmente l insorto non ha 4, per cui egli non ha alcuna probabilità di vittoria in uno scontro in campo aperto ed è costretto alla clandestinità per avere qualche probabilità di vittoria 5. Tutto questo produce un riflesso speculare: il soggetto sfidato è esposto ai colpi del nemico perchè gli obiettivi (caserme, istituzioni, infrastrutture, uomini) sono immediatamente individuabili e non occultabili, viceversa, l irregolare non ha alcun obiettivo visibile L invisibilità è l arma strategica dello sfidante. Pertanto, il soggetto sfidante cercherà di portare i suoi colpi dove l antagonista è più vunerabile, secondo la logica del minore sforzo e del massimo risultato, così da provocarne il crollo psicologico, economico o politico. Infatti, il potere sfidato non può permettersi l eccessivo prolungamento di una situazione simile: - la domanda di sicurezza dei cittadini esige soddisfazione in tempi rapidi ; dopo un certo periodo, la prosecuzione degli attentati incrina il clima di unità nazionale e determina spinte a trovare una via d uscita purchè sia 6 - le misure eccezionali di limitazione delle libertà personali e collettive appaiono sempre meno giustificabili nel tempo, sia perchè una 4 Va considerato a parte il caso di guerriglie che dispongano di territori liberati dove, talvolta possono munirsi di una dotazione di armi pesanti. In questi casi il soggetto irregolare è già diventato semi sovrano (nel senso che esercita un potere di fatto su parte del territorio) e la guerra tende a spostarsi sul piano del conflitto regolare come confronto fra due eserciti di forza, se non pari, comparabile, dunque lo stadio della guerra irregolare è superato. 5 Secondo C. GALLI 2002 p.63 l asimmetria del conflitto si pone come difformità sia sul piano dei valori che su quello degli armamenti e dello status. A chi scrive queste note non sembra che la disparità di valori sia un elemento necessario in questo genere di conflitti.

4 4 emergenza è tale se dura un periodo ragionevole, sia perchè se gli attentati proseguono vuol dire che sono inefficaci. - il costo economico delle misure di protezione non può essere sostenuto in eterno - gli stessi apparati repressivi (esercito, polizia, servizi) oltre un certo limite, possono subire diserzioni ed ammutinamenti o, all opposto, orientarsi a prendere il potere direttamente, spodestando l autorità politica ritenuta non in grado di far fronte alla situazione. il tempo non lavora a favore dello sfidato ma dello sfidante che punta al logoramento.. Di qui la tendenza del potere sfidato a cercare il colpo risolutivo nel minor tempo possibile, mentre l irregolare non ha il problema immediato della sconfitta dell avversario Di qui il paradosso del guerrigliero per il quale l attaccato (il potere costituito) non può chiudersi in difesa, ma deve andare all attacco, mentre lo sfidante, applicando la tattica del mordi e fuggi, gode del vantaggio dell iniziativa ed insieme di quello della difesa. Una situazione militare unica che riequilibra la sproporzione dei rispettivi armamenti. Questa dinamica induce ad un diverso atteggiamento psicologico dei due contendenti: l eversore pensa di star combattendo una guerra, per quanto irregolare, e ritiene di avere diritto ad essere considerato un combattente politico. Al contrario, il potere sfidato pensa che si tratti di una azione criminale da trattare come tale, imponendo il rispetto delle 6 E questo è ancora più vero nel caso di occupazioni militari di altri paesi.

5 5 sue leggi. Per il primo si tratta di una guerra, per il secondo di repressione del crimine 7. Il potere sovrano non può accettare l altro come justus hostis nè cercare un confronto politico, perchè questo apparirebbe come un riconoscimento dello jus ad bellum del suo avversario. questo potrebbe aprire la strada a sgraditi interventi internazionali. Infine, un atteggiamento dialogante potrebbe incoraggiare nuove sfide. Stretto dal bisogno di chiudere rapidamente la partita senza far concessioni, il potere sfidato punta sulla sola soluzione repressiva: la rapida debellatio del nemico. Ma ciò mal si concilia con l applicazione delle usuali procedure di polizia,..di qui l esigenza di superare i limiti della giurisdizione ordinaria e la scelta di combattere una guerra che, però, non può chiamarsi tale. Questo apre una serie di contraddizioni; innanzitutto il terrorista è un criminale del quale si riconoscono le motivazioni politiche e non di lucro personale, ma questo non costituisce un attenuante, ma, al contrario, una aggravante che inasprisce le pene e rende somarie le procedure. In secondo luogo, se non si tratta di guerra ma di repressione del crimine, non si comprende il motivo di leggi eccezionali e, viceversa, se la lotta al terrorismo è uno stato assimilabile a quello della guerra la responsabilità delle operazioni dovrebbe passare dalla polizia ai militari e dovrebbero essere applicati il codice penale e di procedura penale militare di guerra, ma questo implicherrebbe sia delicati problemi sulla 7 Questa è la tesi centrale di Paul GILBERT (1997 ) che coglie, in questo modo, uno degli aspetti decisivi del fenomeno, pur senza trarne tutte le conseguenze

6 6 custodia dei prigionieri 8 ecc, sia un pericoloso spostamento di potere dall autorità politica ai militari. Si sviluppa in questo modo l ideologia antiterrorista che non coincide con la nozione di contrasto al terrorismo ma con una rappresentazione ideologica appunto- di esso, basata su questi presupposti basilari: a- per battere il terrorismo le misure repressive straordinarie sono sufficienti e, comunque, prevalenti rispetto a quelle politiche che devono subordinarvisi b- pertanto l autorità politica delega la direzione della lotta al terrorismo agli apparati di sicurezza c- la risposta legislativa si baserà sulla ricetta: inasprimento delle pene, procedure sommarie, limitazione delle garanzie d- le forti contraddizioni che tutto ciò aprirà con la normativa internazionale 9 e costituzionale verranno sanate dalla categoria dell emergenza, un succedaneo edulcorato dell antico stato d assedio, per il quale si produce una normativa eccezionale proprio in grazia dell eccezionalità della situazione. Un mix che consente diversi successi iniziali, ma innesca un pericolosissimo congegno ad orologeria destinato ad esplodere. Da un punto di vista militare, il terrorismo rappresenta un problema di scarsa importanza, perchè la sproporzione delle forze assicura una facile vittoria una volta identificata la base avversaria. 8 Ad esempio sgraditissime ispezioni della Croce Rossa Internazionale sull osservanza delle norme dui prigionieri di guerra. 9 A cominciare dalla dichiarazione dei Diritti dell Uomo.

7 7 Per questo il terrorismo rappresenta un problema soprattutto sul piano investigativo e viene combattuto con gli strumenti consueti (infiltrazione, pedinamenti, intercettazioni, analisi dei testi ecc.) ma prima o poi si affaccerà la tentazione di ricorrere ad un mezzo più sbrigativo: il ricorso alla tortura. Dopo alcuni successi iniziali, la tortura produrrà risultati minimi e costi molto alti per lo Stato (delegittimazione internazionale, intervento di organismi internazionali, indebolimento della legittimazione interna, imbarbarimento dello scontro ecc.) In definitiva, un pessimo affare per il potere sfidato Sul piano politico, il potere sfidato solitamente reagisce all interno con la demonizzazione dell avversario presentato come nemico dell intera comunità, allo scopo di: - evitare che la propaganda avversaria possa far breccia in settori dell opinione pubblica - ottenere la mobilitazione attiva della società civile contro il terrorismo (denuncia dei sospetti, segnalazione di eventi irregolari ecc). In questo senso l oscuramento delle reali finalità politiche del nemico è una scelta voluta: il terrorista è per definizione folle, barbaro, insensato, dunque, privo di razionalità politica. Ed il guaio peggiore è che il potere sfidato finisce per convincersene diventando la prima vittima della sua stessa propaganda. Sul piano internazionale, il potere sfidato reagisce cercando di inibire eventuali appoggi di altri Stati al proprio nemico denunciando agli organismi internazionali la condotta di quelli che li aiutino. In qualche caso, lo Stato in questione reagisce simmetricamente: appoggiando (o minacciando di appoggiare) l eventuale eversione interna dello Stato

8 8 ostile 10. In questo quadro di azione politica internazionale va inserito anche lo sforzo per giungere a Convenzioni internazionali contro il terrorismo che, tuttavia, sono di fatto uno strumento a disposizione dei soli paesi con maggiore influenza internazionale. Ma, come si vede, anche in questo caso, l azione politica è impiegata in funzione servente rispetto a quella repressiva. L ideal-tipo dell antiterrorismo è quello di una operazione chirurgica che estirpa una cisti dal corpo sano della società. In questo modo si ottiene la massima tensione degli apparati repressivi, ma si rinuncia a sfruttare gli elementi di debolezza politica dell avversario. La guerra al terrorismo diventa rapidamente totale tesa all annientamento dell avversario, che perciò stesso si radicalizza. Il danno maggiore di questa scelta è la graduale perdita di contatto con la psicologia dell antagonista (e in un conflitto di questo tipo riuscire ad immedesimarsi nel modo di pensare dell avversario è di fondamentale importanza) e, di solito, è assai difficile battere un avversario che non si comprende 11. L ideologia dell antiterrorismo diventa una partita a mosse obbligate al termine della quale il più delle volte ( ma non sempre) c è la sconfitta 10 E, per esempio, quanto è regolarente accaduto fra Turchi e Irakeni a proprosito della guerriglia curda. 11 Sintomatica di questa scarsa capacità della classe politica di comprendere il terrorismo ed affrontarlo è la lunga serie di errori e gaffes degli uomini politici in tema: da Bush che subito dopo l 11 settembre, propone agli stati islamici una crociata contro il terrorismo (sinchè qualche suo consigliere gli fa sapere che gli islamici non hanno un concetto granchè positivo delle crociate) ad Aznar che, nei primi minuti dopo Atocha, dichiara che si tratta di opera dell Eta, senza capire che un gesto simile era così lontano dalla logica politica dell Eta da non potere essere preso in considerazione neppure come depistaggio. Anche Blair, con le sue recenti misure antirterrorismo sembra stia facendo esattamente il contario di quel che servirebbe: dall oscuramento dei siti che, invece, dovrebbero studiati sin nelle virgole dai

9 9 dello sfidante ma a prezzi umani, politici ed economici assolutamente spropositati: - spesso questa soluzione produrrà un allungamento del conflitto anzicchè una sua abbreviazione, e molte più vittime - un sensibile aumento dei costi economici che, talvolta, porteranno al collasso della moneta 12 - la delega agli apparati repressivi comporterà anche una modifica a loro favore dei rapporti di potere con l autorità politica 13 - molti elementi della legislazione dell emergenza diventeranno elementi permanenti dell ordinamento penale, con conseguenze spesso imprevedibili 14 Dunque, cosa fare contro il terrorismo? Innanzitutto liberarsi della ideologia dell antiterrorismo e capovolgere i termini della questione. L ideologia antiterrorista individua il suo nemico in un criminale che ha delle scopi politici. Al contrario, occorre partire dalla constatazione servizi, alla chiusura delle moschee radicali che, al contrario, dovrebbero restare aperte per identificare e sorvegliare il bacino potenziale di reclutamento del terrorismo islamico. 12 E il caso francese nel quale le spese per la guerra di Indocina prima e di Algeria dopo costituirono la principale ragione dell ondata di iper inflazione, alla fine della quale si rese necessario cambiare la moneta. 13 Ad esempio, nel caso italiano, questo spostamento nei rapporti di forza ha premiato essenzialmente la magistratura ed in particolare la sua parte inquirente. Il giudice con l elmetto chiamato a combattere il terrorismo in violazione di ogni principio di terzietàaveva scoperto un suo ruolo autonomo 14 Sempre per restare al caso italiano, segnaliamo come diversi istituti dell emergenza antiterrorismo (per tutti la legislazione premiale per i collaboratori di giustizia) sono poi restati nell ordinamento, così come vi si sono radicati certi orientamenti giurisprudenziali, come la dilatazione oltre ogni limite del reato associativo, per cui la semplice appartenenza ad una organizzazione terroristica rendeva responsabili di ogni sua azione delittuosa, salvo prova contraria. L una e l altra cosa sono poi state ampiamente usate dalla magistratura inquirente, nella stagione di Mani Pulite, per colpire quella stessa classe politica che aveva contribuito ad originarli ( Non poteva non sapere reciteranno molti rinvii a giudizio in piena sintonia con quella dilatazione del reato associativo di cui dicevamo).

10 10 che il terrorista è un soggetto politico che fa ricorso a metodi penalmente rilevanti. Questo, ovviamente, non significa rinunciare all aspetto repressivo (comunque inevitabile) nè scegliere necessariamente la linea della trattativa 15 o, tantomeno, della resa, ma, affrontare lo scontro subordinando l aspetto repressivo a quello politico. La politica può fornire gli strumenti per penetrare e dividere l avversario, privarlo di alleati, scoraggiarlo ed indurlo ad abbandonare il conflitto armato. La partita non si chiude con l uccisione o la cattura dell ultimo terrorista 16, ma quando i terroristi hanno la netta percezione dell impraticabilità del proprio obiettivo. Dunque, assolutamente basilare è l identificazione del reale obiettivo strategico dello sfidante che, frequentemente, non coincide affatto con quello dichiarato ed, in qualche caso, c entra assai poco con esso. In secondo luogo occorre capire attraverso quali passaggi tattici egli mediti di conseguirlo. In entrambi i casi la raccolta informativa sarà essenziale ma ancor più importante sarà l analisi politica: sapere dove si nasconde un quadro intermedio dell avversario o da dove il gruppo si rifornisca di armi è importante, ma ancora di più è capire quale sia lo spettro di posizioni politiche presente nel suo gruppo dirigente, quale siano le vere scelte tattiche, quali i meccanismi di formazione della linea politica ecc. 15 Che è solo una delle possibili scelte politiche a disposizione e non sempre è la più auspicabile 16 Pensare di battere il terrorismo colpendo uno per uno i suoi uomini è illusorio come pensare di sterminare le zanzare di una palude armati di spry e schiacciamosche.

11 11 Ottenuto un buon disegno dell avversario, si potrà, di volta in volta, articolare una linea di contrasto che utilizzi sia l azione repressiva 17 che l offensiva diplomatica, l utilizzazione di aree intermedie come diga contro l espandersi del fenomeno, riforme tese a migliorare la condizione del gruppo sociale o nazionale su cui l avversario fa leva così da ridurne il consenso-. Fondamentale è comprendere le ragioni forti dell avversario: farsene un ritratto caricaturale e svilirne le ragioni più profonde è sempre sbagliato e controproducente. L emergere di una guerra irregolare è sempre il sintomo di un malessere politico che va individuato. BIBLIOGRAFIA AAVV Combattere il terrorismo. Norme e proposte del Consiglio d Europa Sapere2000, Roma 2004 BONANATE L. Terrorismo politico in Norberto BOBBIO Nicola MATTEUCCI Dizionario di Politica Utet, Torino Di cui è bene non abusare mai: Guantanamo non è una misura dura ma efficace, ma una brutale stupidità ed una dimostrazione di debolezza politica.

12 12 BONANATE L. Terrorismo politico in Norberto BOBBIO Nicola MATTEUCCI Gianfranco PASQUINO Dizionario di Politica Utet, Torino 2005 BONANATE L. a cura di Dimensioni del terrorismo politico Franco Angeli, Milano DE LUCA R. Il terrore in casa nostra Franco Angeli, Milano 2002 DELLA PORTA D. Terrorismi in Italia Il Mulino, Bologna 1984 FOSSATI M. Terrorismo e terroristi Bruno Mondandori, Milano 2003 GILBERT P. Il dilemma del terrorismo Feltrinelli, Milano 1997 HEISBOURG F. Iperterrorismo La nuova Guerra Meltemi, Roma 2002 HESS H. La rivolta ambigua Sansoni, Firenze 1991 KLITSCHE DE LA GRANGE T. Osservazioni sul terrorismo postmoderno in Behemoth n 30, Roma, Luglio-Dicembre LAQUEUR W. Storia del terrorismo Rizzoli, Milano 1978 LAQUEUR W. Il nuovo terrorismo Corbaccio, Milamno 2002

13 13 MANNONI P. Les logiques du terrorisme Editions in Press, Clamecy 2004 PISANO V. F. Introduzione al terrorismo contemporaneo Sallustiana, Roma 1997 SIDOTI F. Terrorism supporters in the west in ed. Noemi Gal-or Tolerating Terrorism in the West Routledge, London and New York 1991 VAREILLES T. Encyclopédie du terrorisme internatonal L Harmattan, Paris 2001 Aldo GIANNULI

DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO

DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO INTERNAZIONALE, CONCERNENTI LE RELAZIONI AMICHEVOLI E LA COOPERAZIONE FRA GLI STATI, IN CONFORMITÀ CON LA CARTA DELLE NAZIONI UNITE Risoluzione dell Assemblea

Dettagli

La Corte di giustizia precisa le condizioni alle quali a un disertore proveniente da uno Stato terzo può essere concesso asilo nell Unione europea

La Corte di giustizia precisa le condizioni alle quali a un disertore proveniente da uno Stato terzo può essere concesso asilo nell Unione europea Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 20/15 Lussemburgo, 26 febbraio 2015 Stampa e Informazione Sentenza nella causa C-472/13 Andre Lawrence Shepherd / Bundesrepublik Deutschland

Dettagli

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Forse sarebbe necessario che iniziassi correggendo il titolo di questa mia breve introduzione: non cultura, creatività e sviluppo sostenibile, ma cultura globalizzata,

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

Le origini della società moderna in Occidente

Le origini della società moderna in Occidente Le origini della società moderna in Occidente 1 Tra il XVI e il XIX secolo le società occidentali sono oggetto di un processo di trasformazione, che investe la sfera: - economica - politica - giuridica

Dettagli

.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo e della criminalità organizzata

.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo e della criminalità organizzata STRALCIO DI ALTRE LEGGI IN CUI, SEMPRE INGRASSETTO, SONO EVIDENZIATI ALTRI BENEFICI VIGENTI A FAVORE DELLE VITTIME DEL TERRORISMO.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo

Dettagli

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE Standard Eurobarometer European Commission EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 Standard Eurobarometer 63.4 / Spring 2005 TNS Opinion & Social RAPPORTO NAZIONALE ITALIA

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

Soldato di professione nel Distaccamento d esplorazione dell esercito 10

Soldato di professione nel Distaccamento d esplorazione dell esercito 10 Soldato di professione nel Distaccamento d esplorazione dell esercito 10 1 2 3 4 5 6 7 8 Impiego & compito I Processo di selezione & requisiti I Istruzione I Attività lavorative I Contatto Il distaccamento

Dettagli

Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza

Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza di Pietro Gremigni Consulente aziendale in Milano in breve Argomento Il mese di agosto è considerato di solito il periodo classico di utilizzazione delle

Dettagli

Più facile esser giusti che sbagliati, più facile esser sani che malati

Più facile esser giusti che sbagliati, più facile esser sani che malati Più facile esser giusti che sbagliati, più facile esser sani che malati Tutto mi va storto perché il mondo ce l ha su con me Tutto mi va storto perché io sono sbagliato Se mi guardo intorno, se provo a

Dettagli

di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management

di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management GESTIRE CON SUCCESSO UNA TRATTATIVA COMMERCIALE di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management OTTENERE FIDUCIA: I SEI LIVELLI DI RESISTENZA Che cosa comprano i clienti? Un prodotto? Un servizio?

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying by Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying di Alberto Cattaneo Partner, Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying Ormai è diventato un

Dettagli

2) Assenza di discriminazione e parità di trattamento nell ambito professionale

2) Assenza di discriminazione e parità di trattamento nell ambito professionale 2) Assenza di discriminazione e parità di trattamento nell ambito professionale a. Direttiva 2011/98/UE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 13 dicembre 2011, relativa a una procedura unica di domanda

Dettagli

La sanzione prevista per chi ha commesso un reato è LA PENA. Essa può essere pecuniaria (tipo multa, denaro) o detentiva (reclusione in carcere).

La sanzione prevista per chi ha commesso un reato è LA PENA. Essa può essere pecuniaria (tipo multa, denaro) o detentiva (reclusione in carcere). Breve percorso sulla Magistratura La Magistratura La funzione giurisdizionale è la funzione dello stato diretta all applicazione delle norme giuridiche per la risoluzione delle controverse tra cittadini

Dettagli

PARITA DI TRATTAMENTO TRA LAVORATORI

PARITA DI TRATTAMENTO TRA LAVORATORI PARITA DI TRATTAMENTO TRA LAVORATORI di Lorenzo Marinelli* Il presente elaborato intende porsi il problema relativo alla possibilità per il datore di lavoro nell ambito dei rapporti privatistici di porre

Dettagli

Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) 1)

Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) 1) 1.6.1.1 Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) (del 9 marzo 1987) IL GRAN CONSIGLIO DELLA REPUBBLICA E CANTONE TICINO visto il messaggio 2 ottobre 1985 n. 2975 del Consiglio di Stato, decreta:

Dettagli

Definizione del procedimento penale nei casi di particolare tenuità del fatto

Definizione del procedimento penale nei casi di particolare tenuità del fatto Definizione del procedimento penale nei casi di particolare tenuità del fatto Nel lento e accidentato percorso verso un diritto penale minimo, l opportunità di introdurre anche nel procedimento ordinario,

Dettagli

LUCI ED OMBRE SULL ANNO CHE VERRA. Se il 2014 si è concluso con la presentazione del DDL Orlando sulla riforma della

LUCI ED OMBRE SULL ANNO CHE VERRA. Se il 2014 si è concluso con la presentazione del DDL Orlando sulla riforma della LUCI ED OMBRE SULL ANNO CHE VERRA Se il 2014 si è concluso con la presentazione del DDL Orlando sulla riforma della giustizia, provvedimento in più punti discutibile ma adottato nella forma più opportuna

Dettagli

Circolare della Funzione Pubblica n. 5 del 21 novembre 2013 sul DL 101/2013

Circolare della Funzione Pubblica n. 5 del 21 novembre 2013 sul DL 101/2013 Circolare della Funzione Pubblica n. 5 del 21 novembre 2013 sul DL 101/2013 La circolare del dipartimento funzione pubblica esplicativa dell articolo 4 del Decreto Legge n. 101 del 31 agosto 2013, convertito

Dettagli

N on discuterò qui l idea di Patria in sé. Non mi piacciono queste

N on discuterò qui l idea di Patria in sé. Non mi piacciono queste L obbedienza non è più una virtù di Lorenzo Milani lavorare per la pace leggere scrivere TESTO INFORMATIVO- ESPOSITIVO livello di difficoltà Lorenzo Milani (Firenze, 1923-1967) Sacerdote ed educatore,

Dettagli

I RAPPORTI TRA DIRIGENTE SCOLASTICO E DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI ED

I RAPPORTI TRA DIRIGENTE SCOLASTICO E DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI ED I RAPPORTI TRA DIRIGENTE SCOLASTICO E DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI ED AMMINISTRATIVI: QUALE CONVIVENZA PER LA MIGLIORE FUNZIONALITÀ DELL ISTITUZIONE SCOLASTICA 1 A cura di Maria Michela Settineri IL

Dettagli

Giovani e violenza. Informazioni e suggerimenti per genitori ed educatori

Giovani e violenza. Informazioni e suggerimenti per genitori ed educatori Giovani e violenza Informazioni e suggerimenti per genitori ed educatori La polizia e la Prevenzione Svizzera della Criminalità (PSC) un centro intercantonale della Conferenza delle direttrici e dei direttori

Dettagli

L accesso agli atti dell ispezione del lavoro

L accesso agli atti dell ispezione del lavoro Il punto di pratica professionale L accesso agli atti dell ispezione del lavoro a cura di Alessandro Millo Funzionario della Direzione Provinciale del Lavoro di Modena Il diritto di accesso agli atti Com

Dettagli

di Francesco Verbaro 1

di Francesco Verbaro 1 IL LAVORO PUBBLICO TRA PROCESSI DI RIORGANIZZAZIONE E INNOVAZIONE PARTE II - CAPITOLO 1 I L L A V O R O P U B B L I C O T R A P R O C E S S I D I R I O R G A N I Z Z A Z I O N E E I N N O V A Z I O N E

Dettagli

Corte Europea dei Diritti dell Uomo. Domande e Risposte

Corte Europea dei Diritti dell Uomo. Domande e Risposte Corte Europea dei Diritti dell Uomo Domande e Risposte Domande e Risposte COS È LA CORTE EUROPEA DEI DIRITTI DELL UOMO? Queste domande e le relative risposte sono state preparate dalla cancelleria e non

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

Concluso il 10 settembre 1998 Approvato dall Assemblea federale il 20 aprile 1999 1 Entrato in vigore mediante scambio di note il 1 maggio 2000

Concluso il 10 settembre 1998 Approvato dall Assemblea federale il 20 aprile 1999 1 Entrato in vigore mediante scambio di note il 1 maggio 2000 Testo originale 0.360.454.1 Accordo tra la Confederazione Svizzera e la Repubblica italiana relativo alla cooperazione tra le autorità di polizia e doganali Concluso il 10 settembre 1998 Approvato dall

Dettagli

Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto

Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto Elena Sorda Con le note del Prof. G. Rolla Premessa Questo breve scritto nasce dall idea, espressa dal Prof. Rolla, di individuare

Dettagli

Il Comitato dei Ministri, ai sensi dell'articolo 15.b dello Statuto del Consiglio d'europa,

Il Comitato dei Ministri, ai sensi dell'articolo 15.b dello Statuto del Consiglio d'europa, CONSIGLIO D EUROPA Raccomandazione CM/REC(2014) 3 del Comitato dei Ministri agli Stati Membri relativa ai delinquenti pericolosi (adottata dal Comitato dei Ministri il 19 febbraio 2014 nel corso della

Dettagli

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ Tra le modifiche introdotte nell agosto 2010 all art. 186, C.d.S., vi è anche l inserimento del nuovo comma 9 bis, che prevede l applicazione del lavoro

Dettagli

Un sistema europeo comune di asilo. Affari interni

Un sistema europeo comune di asilo. Affari interni Un sistema europeo comune di asilo Affari interni Europe Direct è un servizio a vostra disposizione per aiutarvi a trovare le risposte ai vostri interrogativi sull Unione europea. Numero verde unico (*):

Dettagli

Codice Deontologico degli psicologi italiani

Codice Deontologico degli psicologi italiani Codice Deontologico degli psicologi italiani Testo approvato dal Consiglio Nazionale dell Ordine nell adunanza del 27-28 giugno 1997 Capo I - Principi generali Articolo 1 Le regole del presente Codice

Dettagli

Legge 7.3.1986, n. 65 Legge quadro sull ordinamento della Polizia Municipale. Art. 1 Servizio di Polizia Municipale

Legge 7.3.1986, n. 65 Legge quadro sull ordinamento della Polizia Municipale. Art. 1 Servizio di Polizia Municipale Legge 7.3.1986, n. 65 Legge quadro sull ordinamento della Polizia Municipale Art. 1 Servizio di Polizia Municipale 1. I comuni svolgono le funzioni di polizia locale. A tal fine, può essere appositamente

Dettagli

Il vecchio contadino in viaggio verso l Europa. Dove va il diritto agrario oggi?

Il vecchio contadino in viaggio verso l Europa. Dove va il diritto agrario oggi? Il vecchio contadino in viaggio verso l Europa. Dove va il diritto agrario oggi? Delle molte definizioni che sono state date, quella del «diritto della produzione agricola» o «diritto dell agricoltura»

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Preambolo. (La Sotto-Commissione*,)

Preambolo. (La Sotto-Commissione*,) Norme sulle Responsabilità delle Compagnie Transnazionali ed Altre Imprese Riguardo ai Diritti Umani, Doc. Nazioni Unite E/CN.4/Sub.2/2003/12/Rev. 2 (2003).* Preambolo (La Sotto-Commissione*,) Tenendo

Dettagli

CONVENZIONE DEL CONSIGLIO D EUROPA SULLA LOTTA CONTRO LA TRATTA DI ESSERI UMANI E RELAZIONE ESPLICATIVA

CONVENZIONE DEL CONSIGLIO D EUROPA SULLA LOTTA CONTRO LA TRATTA DI ESSERI UMANI E RELAZIONE ESPLICATIVA CONVENZIONE DEL CONSIGLIO D EUROPA SULLA LOTTA CONTRO LA TRATTA DI ESSERI UMANI E RELAZIONE ESPLICATIVA Varsavia, 16.V.2005 Traduzione in italiano a cura della Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento

Dettagli

Parere: Assegnazione mansioni superiori

Parere: Assegnazione mansioni superiori Parere: Assegnazione mansioni superiori Fatto: Le Poste italiane S.p.a. affidano il conferimento temporaneo di mansioni superiori dal livello C a B, ai propri dipendenti, i quali, di conseguenza, sono

Dettagli

a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia - Il Popolo della Libertà - Berlusconi Presidente 22 aprile 2015

a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia - Il Popolo della Libertà - Berlusconi Presidente 22 aprile 2015 a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia - Il Popolo della Libertà - Berlusconi Presidente 917 RISOLUZIONE GRUPPO FORZA ITALIA Risoluzione presentata dal Gruppo Forza Italia

Dettagli

La mobilità sociale tra Stato e mercato

La mobilità sociale tra Stato e mercato La mobilità sociale tra Stato e mercato di Carlo Lottieri, Università di Siena Nella cultura contemporanea si tende a guardare alla mobilità sociale intesa quale possibilità di ascendere da una posizione

Dettagli

DOMANDA DI AGGIORNAMENTO AI FINI DELLA COSTITUZIONE DELLE GRADUATORIE PER L A.S. 2015/16

DOMANDA DI AGGIORNAMENTO AI FINI DELLA COSTITUZIONE DELLE GRADUATORIE PER L A.S. 2015/16 Modello B2 GRADUATORIE PERMANENTI DEL PERSONALE AMMINISTRATIVO, TECNICO E AUSILIARIO AI SENSI DELL ART. 554 DEL D.L.VO 297/94 (indizione concorsi nell a.s. 2014/15) DOMANDA DI AGGIORNAMENTO AI FINI DELLA

Dettagli

Assicurazione d indennità giornaliera in complemento alla Sua assicurazione malattia

Assicurazione d indennità giornaliera in complemento alla Sua assicurazione malattia Assicurazione d indennità giornaliera in complemento alla Sua assicurazione malattia Informazione sul prodotto e condizioni contrattuali Edizione 2010 La vostra sicurezza ci sta a cuore. 2 Informazione

Dettagli

CHE COS E L EUTANASIA?

CHE COS E L EUTANASIA? CHE COS E L EUTANASIA? Che cosa si intende per eutanasia? Il termine eutanasia deriva dal greco: eu=buono, e thanatos=morte. Interpretato letteralmente quindi, esso significa: buona morte. Nel significato

Dettagli

STUDI DI SETTORE: LE INDICAZIONI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE (Sunto della C.M. n.31/2007)

STUDI DI SETTORE: LE INDICAZIONI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE (Sunto della C.M. n.31/2007) STUDIO MINTO Associazione Professionale Commercialisti Revisori Contabili Consulenza del Lavoro Mirano (VE) Telefono 041/5701020 CIRCOLARE INFORMATIVA n. 16 Giugno 2007 STUDI DI SETTORE: LE INDICAZIONI

Dettagli

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI LE SOSPENSIONI DEI LAVORI 10.1- Profili generali della sospensione dei lavori. 10.2- Le sospensioni legittime dipendenti da forza maggiore. Casi in cui si tramutano in illegittime. 10.3- Le sospensioni

Dettagli

Sono gocce, ma scavano il marmo

Sono gocce, ma scavano il marmo Sono gocce, ma scavano il marmo di Alberto Spampinato G occiola un liquido lurido e appiccicoso. Cade a gocce. A gocce piccole, a volte a goccioloni. Può cadere una sola goccia in due giorni. Possono caderne

Dettagli

La Corte costituzionale italiana e la portata di una dichiarazione di illegittimità costituzionale. Parigi, 16 aprile 2013

La Corte costituzionale italiana e la portata di una dichiarazione di illegittimità costituzionale. Parigi, 16 aprile 2013 La Corte costituzionale italiana e la portata di una dichiarazione di illegittimità costituzionale Gaetano Silvestri Parigi, 16 aprile 2013 1. Premessa L effetto tipico delle sentenze della Corte costituzionale

Dettagli

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE Ricerca condotta dall Ufficio della Consigliera di Parità sul personale part time dell Ente (luglio dicembre 007) INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA

Dettagli

Art.1 (Oggetto) Art.2 (Definizioni)

Art.1 (Oggetto) Art.2 (Definizioni) REGOLAMENTO SULLA TUTELA DELLE PERSONE E DI ALTRI SOGGETTI RISPETTO AL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI emanato con decreto direttoriale n.220 dell'8 giugno 2000 pubblicato all'albo Ufficiale della Scuola

Dettagli

Uno contro uno in movimento attacco

Uno contro uno in movimento attacco Uno contro uno in movimento attacco Utilizzando gli stessi postulati di spazio/tempo, collaborazioni, equilibrio analizziamo l uno contro uno in movimento. Esso va visto sempre all interno del gioco cinque

Dettagli

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE N. 01133/2010 01471/2009 REG.DEC. REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A ha pronunciato la presente IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

I Militari possono far politica?

I Militari possono far politica? I Militari possono far politica? Il personale in servizio attivo delle Forze Armate (Esercito, Marina, Aeronautica, Arma dei Carabinieri e Guardia di Finanza) può fare politica? Siccome ci sono tanti mestatori,

Dettagli

MINISTERO DELLA DIFESA DIREZIONE GENERALE PER IL PERSONALE MILITARE

MINISTERO DELLA DIFESA DIREZIONE GENERALE PER IL PERSONALE MILITARE MINISTERO DELLA DIFESA DIREZIONE GENERALE PER IL PERSONALE MILITARE Prot. n. DGPM/VI/19.000/A/45-109.000/I/15 Roma, 5 marzo 2002 OGGETTO:Erogazione del trattamento privilegiato provvisorio nella misura

Dettagli

Misure restrittive dell'ue

Misure restrittive dell'ue SCHEDA INFORMATIVA Bruxelles, 29 aprile 2014 Misure restrittive dell'ue Le sanzioni sono uno degli strumenti dell'ue per promuovere gli obiettivi della politica estera e di sicurezza comune (PESC): pace,

Dettagli

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di gioco d azzardo patologico Testo redatto sulla

Dettagli

Dall italiano alla logica proposizionale

Dall italiano alla logica proposizionale Rappresentare l italiano in LP Dall italiano alla logica proposizionale Sandro Zucchi 2009-10 In questa lezione, vediamo come fare uso del linguaggio LP per rappresentare frasi dell italiano. Questo ci

Dettagli

Distribuzione dei redditi e povertà nei Paesi OCSE: una crescita diseguale?

Distribuzione dei redditi e povertà nei Paesi OCSE: una crescita diseguale? Growing Unequal? : Income Distribution and Poverty in OECD Countries Summary in Italian Distribuzione dei redditi e povertà nei Paesi OCSE: una crescita diseguale? Riassunto in italiano La disuguaglianza

Dettagli

Teoria dei giochi Gioco Interdipendenza strategica

Teoria dei giochi Gioco Interdipendenza strategica Teoria dei giochi Gioco Interdipendenza strategica soggetti decisionali autonomi con obiettivi (almeno parzialmente) contrapposti guadagno di ognuno dipende dalle scelte sue e degli altri Giocatori razionali

Dettagli

OSSERVATORIO NORD EST. Il Nord Est indipendentista ma anche italiano

OSSERVATORIO NORD EST. Il Nord Est indipendentista ma anche italiano OSSERVATORIO NORD EST Il Nord Est indipendentista ma anche italiano Il Gazzettino, 17.03.2015 NOTA INFORMATIVA L'Osservatorio sul Nord Est è curato da Demos & Pi per Il Gazzettino. Il sondaggio è stato

Dettagli

LABORATORIO DI SCRITTURA PAOLO GRILLO. In tema di arbitrio condizionante: I poteri dell'imputato correlati alla contestazione del fatto nuovo

LABORATORIO DI SCRITTURA PAOLO GRILLO. In tema di arbitrio condizionante: I poteri dell'imputato correlati alla contestazione del fatto nuovo LABORATORIO DI SCRITTURA PAOLO GRILLO In tema di arbitrio condizionante: I poteri dell'imputato correlati alla contestazione del fatto nuovo 1. Premessa La contestazione di un fatto nuovo 1 costituisce

Dettagli

LO STATO E GLI ALTRI ORDINAMENTI. L ORDINAMENTO INTERNAZIONALE

LO STATO E GLI ALTRI ORDINAMENTI. L ORDINAMENTO INTERNAZIONALE LO STATO E GLI ALTRI ORDINAMENTI. L ORDINAMENTO INTERNAZIONALE L ordinamento giuridico internazionale Diritto internazionale generale e diritto internazionale particolare L adattamento del diritto interno

Dettagli

ALOIS RIEGL (1858-1905)

ALOIS RIEGL (1858-1905) ALOIS RIEGL (1858-1903 DER MODERNE DENKMALKULTUS : IL CULTO MODERNO DEI MONUMENTI ANTICHI... NEGLI ULTIMI ANNI SI E VERIFICATO UN PROFONDO CAMBIAMENTO NELLE NOSTRE CONCEZIONI SULLA NATURA E LE ESIGENZE

Dettagli

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Ci sono momenti nella storia in cui i popoli sono chiamati a compiere scelte decisive. Per noi europei, l inizio del XXI secolo rappresenta uno di

Dettagli

PROCESSO ALLE PROMOZIONI IL GIOCO VALE LA CANDELA?

PROCESSO ALLE PROMOZIONI IL GIOCO VALE LA CANDELA? PROCESSO ALLE PROMOZIONI IL GIOCO VALE LA CANDELA? La maggior parte dei Retailer effettua notevoli investimenti in attività promozionali. Non è raro che un Retailer decida di rinunciare al 5-10% dei ricavi

Dettagli

La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che,

La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che, La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che, prevedendo un aumento delle quotazioni dei titoli, li acquistano,

Dettagli

PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Enrico Ghidoni Arcispedale S.Maria Nuova, UOC Neurologia, Laboratorio di Neuropsicologia, Reggio Emilia La situazione psicologica dei bambini

Dettagli

IL PRINCIPIO DEL NE BIS IN IDEM E LA SENTENZA GRANDE STEVENS : PRONUNCIA EUROPEA E RIFLESSI NAZIONALI

IL PRINCIPIO DEL NE BIS IN IDEM E LA SENTENZA GRANDE STEVENS : PRONUNCIA EUROPEA E RIFLESSI NAZIONALI IL PRINCIPIO DEL NE BIS IN IDEM E LA SENTENZA GRANDE STEVENS : PRONUNCIA EUROPEA E RIFLESSI NAZIONALI Nota a: Corte EDU, Grande Stevens e altri contro Italia - ric. 18640/10, 18647/10, 18663/10, 18668/10

Dettagli

DICHIARAZIONE DELLA FRANCIA

DICHIARAZIONE DELLA FRANCIA Consiglio dell'unione europea Bruxelles, 17 aprile 2015 (OR. fr) Fascicolo interistituzionale: 2013/0025 (COD) 7768/15 ADD 1 REV 1 NOTA PUNTO "I/A" Origine: Destinatario: Oggetto: Segretariato generale

Dettagli

RISOLUZIONE N. 211/E

RISOLUZIONE N. 211/E RISOLUZIONE N. 211/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,11 agosto 2009 OGGETTO: Sanzioni amministrative per l utilizzo di lavoratori irregolari Principio del favor rei 1. Premessa Al fine

Dettagli

BOZZA RIORDINO FORZE DI POLIZIA ELABORTATA DAL GOVERNO

BOZZA RIORDINO FORZE DI POLIZIA ELABORTATA DAL GOVERNO BOZZA RIORDINO FORZE DI POLIZIA ELABORTATA DAL GOVERNO Stralcio della Legge Delega (art. 4, 5 e 6) per riordino e accorpamento Forze statali di Polizia Art. (3) Principi generali e criteri direttivi della

Dettagli

DDL 1345-S in materia di delitti ambientali. (Approvazione in Senato 4 marzo 2015)

DDL 1345-S in materia di delitti ambientali. (Approvazione in Senato 4 marzo 2015) DDL 1345-S in materia di delitti ambientali. (Approvazione in Senato 4 marzo 2015) Il testo inserisce nel codice penale un nuovo titolo, dedicato ai delitti contro l'ambiente, all'interno del quale vengono

Dettagli

SE UNA NOTTE D INVERNO UN NARRATORE

SE UNA NOTTE D INVERNO UN NARRATORE SE UNA NOTTE D INVERNO UN NARRATORE Qualche appunto sul perché è importante, in questo inverno della politica, raccontare storie Giovanna Cosenza e Annamaria Testa Quando su NeU e Dis.amb.iguando abbiamo

Dettagli

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Università degli studi di Bergamo Anno accademico 2005 2006 IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Docente: Prof. Massimo Merlino Introduzione Il tema della gestione dell innovazione tecnologica è più che mai

Dettagli

Il mondo in cui viviamo

Il mondo in cui viviamo Il mondo in cui viviamo Il modo in cui lo vediamo/ conosciamo Dalle esperienze alle idee Dalle idee alla comunicazione delle idee Quando sono curioso di una cosa, matematica o no, io le faccio delle domande.

Dettagli

Prof. Luigi d Alonzo

Prof. Luigi d Alonzo La complessità in classe Prof. Luigi d Alonzo Università Cattolica Ordinario di Pedagogia Speciale Centro Studi e Ricerche sulla Disabilità e Marginalità Presidente della Società Italiana di Pedagogia

Dettagli

IL MERCATO FINANZIARIO

IL MERCATO FINANZIARIO IL MERCATO FINANZIARIO Prima della legge bancaria del 1936, in Italia, era molto diffusa la banca mista, ossia un tipo di banca che erogava sia prestiti a breve che a medio lungo termine. Ma nel 1936 il

Dettagli

di Roberto Fontana, magistrato

di Roberto Fontana, magistrato 10.1.2014 LE NUOVE NORME SULLA FISSAZIONE DELL UDIENZA E LA NOTIFICAZIONE DEL RICORSO E DEL DECRETO NEL PROCEDIMENTO PER DICHIARAZIONE DI FALLIMENTO di Roberto Fontana, magistrato Sommario. 1. La nuova

Dettagli

Epidemiologia & Salute pubblica

Epidemiologia & Salute pubblica Epidemiologia & Salute pubblica a cura del Medico cantonale vol. VI nr. 3 La medicina non è una scienza esatta Con questo slogan il Dipartimento delle opere sociali è entrato nelle case dei ticinesi. L

Dettagli

PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE

PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE (2001) PARTE I L ATTO INTERNAZIONALMENTE ILLECITO DI UNO STATO CAPITOLO I PRINCIPI GENERALI Articolo 1

Dettagli

Una nuova riforma?...no, meglio applicare quella già approvata Elsa Fornero (Università di Torino e CeRP)

Una nuova riforma?...no, meglio applicare quella già approvata Elsa Fornero (Università di Torino e CeRP) Una nuova riforma?...no, meglio applicare quella già approvata Elsa Fornero (Università di Torino e CeRP) Che il sistema previdenziale italiano sia un cantiere sempre aperto testimonia la profonda discrasia

Dettagli

Guida a principi e pratiche da applicarsi a migranti e rifugiati

Guida a principi e pratiche da applicarsi a migranti e rifugiati OMI Guida a principi e pratiche da applicarsi a migranti e rifugiati Introduzione Il fenomeno dell arrivo via mare di rifugiati e migranti non è nuovo. Fin dai tempi più antichi, molte persone in tutto

Dettagli

OSSIGENO. Perché un ennesimo osservatorio

OSSIGENO. Perché un ennesimo osservatorio OSSIGENO Osservatorio Fnsi-Ordine Giornalisti su I CRONISTI SOTTO SCORTA E LE NOTIZIE OSCURATE Perché un ennesimo osservatorio Alberto Spampinato* Il caso dei cronisti italiani minacciati, costretti a

Dettagli

2. Fabula e intreccio

2. Fabula e intreccio 2. Fabula e intreccio Abbiamo detto che un testo narrativo racconta una storia. Ora dobbiamo però precisare, all interno della storia, ciò che viene narrato e il modo in cui viene narrato. Bisogna infatti

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

«Abbiamo un margine di manovra sufficiente»

«Abbiamo un margine di manovra sufficiente» Conferenza stampa annuale del 17 giugno 2014 Anne Héritier Lachat, presidente del Consiglio di amministrazione «Abbiamo un margine di manovra sufficiente» Gentili Signore, egregi Signori, sono ormai trascorsi

Dettagli

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori?

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Le proposte emerse dai gruppi di RLS 1 Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Il RLS consulta il documento di valutazione dei rischi e verifica se il rischio

Dettagli

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 2.1 Principi generali Pag. 2 2.2. Principi di condotta Pag. 2 2.3 Comportamenti non etici Pag. 3 2.3. Principi di trasparenza Pag. 4 3 Relazioni can il personale

Dettagli

L abuso edilizio minore

L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore di cui all art. 34 del D.P.R. 380/2001. L applicazione della sanzione pecuniaria non sana l abuso: effetti penali, civili e urbanistici. Brunello De Rosa

Dettagli

Paolo Ferrario, Dispensa didattica n. 2: SCHEMI DI ANALISI DELLE POLITICHE SOCIALI: IL MODELLO STATO E MERCATO 15 marzo 2011

Paolo Ferrario, Dispensa didattica n. 2: SCHEMI DI ANALISI DELLE POLITICHE SOCIALI: IL MODELLO STATO E MERCATO 15 marzo 2011 MODELLO STATO E MERCATO, 15 Marzo 2011 1/12 Paolo Ferrario, Dispensa didattica n. 2: SCHEMI DI ANALISI DELLE POLITICHE SOCIALI: IL MODELLO STATO E MERCATO 15 marzo 2011 FATTORI (O VARIABILI, O COMPONENTI

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

Il diritto applicabile alle Forze Armate italiane all estero: problemi e prospettive

Il diritto applicabile alle Forze Armate italiane all estero: problemi e prospettive XV legislatura Il diritto applicabile alle Forze Armate italiane all estero: problemi e prospettive Contributi di Istituti di ricerca specializzati n. 90 Aprile 2008 XV legislatura Il diritto applicabile

Dettagli

LA CORRUZIONE TRA PRIVATI:

LA CORRUZIONE TRA PRIVATI: LA CORRUZIONE TRA PRIVATI: APPROFONDIMENTI In data 18 ottobre 2012, dopo un lungo iter parlamentare, il Senato ha approvato il maxi-emendamento al Disegno di Legge recante Disposizioni per la prevenzione

Dettagli

Costituzione e federalismo: le ragioni di una trasformazione

Costituzione e federalismo: le ragioni di una trasformazione Costituzione e federalismo: le ragioni di una trasformazione (Giuseppe Duso) Dal momento che l incontro di oggi vuol essere innanzitutto un omaggio alla costituzione e al ruolo che essa ha avuto nell uscire

Dettagli

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti 08 Giugno 2015 Elisa Noto, Mariateresa Villani Sommario La prescrizione breve in materia di rapporto

Dettagli

NOTA OPERATIVA N. 15/2014

NOTA OPERATIVA N. 15/2014 NOTA OPERATIVA N. 15/2014 OGGETTO: La crisi di impresa e le possibili soluzioni - Introduzione La crisi economica, che ha investito il nostro Paese, sta avendo effetti devastanti sulle imprese; la presente

Dettagli