Un saggio sul terrorismo ed ideologia antiterrorista del 2006 di. Aldo Giannuli. riduzione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Un saggio sul terrorismo ed ideologia antiterrorista del 2006 di. Aldo Giannuli. riduzione"

Transcript

1 1 Un saggio sul terrorismo ed ideologia antiterrorista del 2006 di Aldo Giannuli riduzione Non esiste una definizione univoca del termine Terrorismo. Si oscilla fra l idea che il terrorista sia il combattente illegittimo, in quanto soggetto non statuale, e quella per cui il terrorista è chi faccia ricorso a particolari forme di lotta bandite dal diritto 1. Nel primo caso terrorista sarebbe ogni combattente irregolare (partigiano, insorto, rivoluzionario, guerrigliero ecc): ma questo travolgerebbe il diritto di resistenza contro un ordinamento ingiusto, che è alla base della democrazia 2, inoltre non esiste Stato, partito o aggregazione politica che non sostenga..una qualche lotta armata irregolare. Nel secondo, occorrerebbe definire quali siano le forme di lotta bandite, ma questo finirebbe per includere anche diversi eserciti regolari 3.questa difficoltà di ottenere una definizione insieme chiara, univoca ed esaustiva del fenomeno è, in realtà, il riflesso di una operazione concettualmente sbagliata: presentare come definizione scientifica quello 1 Vedi PISANO 1997 pp ; R. DE LUCA 2002 p. 17; G. PONTARA in L. BONANATE 1979 pp. 35-6; H. HESS 1991 pp. 5 e segg.; L. BONANATE 2004; M. FOSSATI 2003 pp. 4 e segg.; W. LAQUEUR 2002 p. 17 e segg; J. L. MARRET 2000 p. 5; P. MANNONI 2004 p Tutte le democrazie moderne sono nate da rivoluzioni contro il potere costituito: applicando questo criterio dovremmo definire terrorista anche George Washington. 3 Ad esempio i bombardamenti contro le città nemiche, con l esplicito intento di colpire la popolazione civile e provocarne il collasso psicologico, rientrerebbero a pieno diritto in questa classificazione (ricordiamo Dresda ed Hiroshima)

2 2 che, invece, è una operazione politica, probabilmente lecita, ma comunque soggettiva ed opinabile. Si rifletta su un dato: nessun combattente irregolare si è mai definito terrorista ma, di volta in volta, patriota, partigiano, rivoluzionario ecc, così come nessun potere sfidato ha mai concessola qualifica di partigiano o simili ai suoi avversari, definendoli invariabilmente terroristi, banditi, criminali ecc.. (la qualifica di terrorista contiene una valutazione tesa a delegittimare l avversario) Dunque, si tratta di mere considerazioni politiche, ancorchè trasferite in testi di natura giuridica come convenzioni internazionali o leggi penali. Restando su un terreno avalutativo, parleremo piuttosto di guerra asimmetrica (o, se si preferisce, irregolare o non ortodossa) che può manifestarsi come terrorismo di Stato o Guerra ai civili, come guerra coperta, come terrorismo internazionale o insorgenza. Cose assai diverse fra loro messe nello stesso sacco generic del terrorismo. Consideriamo il caso che veda contrapposto un soggetto sovrano (uno Stato) ad uno non sovrano (l organizzazione terrorista ). Il soggetto non sovrano tende, in un modo o nell altro (conquista del potere interno, secessione di parte del territorio, conquista o ri-conquista dell indipendenza di un paese occupato o colonizzato) a trasformarsi in soggetto sovrano a scapito del potere sfidato. L asimmetria del conflitto è data dalla diversa natura dei contendenti (sovrano l uno, non sovrano l altro) che implica una conseguenza sul piano militare: arei, carri armati ed artiglieria pesante non sono

3 3 occultabili e richiedono un territorio su cui si esercita il pieno controllo, quel che normalmente l insorto non ha 4, per cui egli non ha alcuna probabilità di vittoria in uno scontro in campo aperto ed è costretto alla clandestinità per avere qualche probabilità di vittoria 5. Tutto questo produce un riflesso speculare: il soggetto sfidato è esposto ai colpi del nemico perchè gli obiettivi (caserme, istituzioni, infrastrutture, uomini) sono immediatamente individuabili e non occultabili, viceversa, l irregolare non ha alcun obiettivo visibile L invisibilità è l arma strategica dello sfidante. Pertanto, il soggetto sfidante cercherà di portare i suoi colpi dove l antagonista è più vunerabile, secondo la logica del minore sforzo e del massimo risultato, così da provocarne il crollo psicologico, economico o politico. Infatti, il potere sfidato non può permettersi l eccessivo prolungamento di una situazione simile: - la domanda di sicurezza dei cittadini esige soddisfazione in tempi rapidi ; dopo un certo periodo, la prosecuzione degli attentati incrina il clima di unità nazionale e determina spinte a trovare una via d uscita purchè sia 6 - le misure eccezionali di limitazione delle libertà personali e collettive appaiono sempre meno giustificabili nel tempo, sia perchè una 4 Va considerato a parte il caso di guerriglie che dispongano di territori liberati dove, talvolta possono munirsi di una dotazione di armi pesanti. In questi casi il soggetto irregolare è già diventato semi sovrano (nel senso che esercita un potere di fatto su parte del territorio) e la guerra tende a spostarsi sul piano del conflitto regolare come confronto fra due eserciti di forza, se non pari, comparabile, dunque lo stadio della guerra irregolare è superato. 5 Secondo C. GALLI 2002 p.63 l asimmetria del conflitto si pone come difformità sia sul piano dei valori che su quello degli armamenti e dello status. A chi scrive queste note non sembra che la disparità di valori sia un elemento necessario in questo genere di conflitti.

4 4 emergenza è tale se dura un periodo ragionevole, sia perchè se gli attentati proseguono vuol dire che sono inefficaci. - il costo economico delle misure di protezione non può essere sostenuto in eterno - gli stessi apparati repressivi (esercito, polizia, servizi) oltre un certo limite, possono subire diserzioni ed ammutinamenti o, all opposto, orientarsi a prendere il potere direttamente, spodestando l autorità politica ritenuta non in grado di far fronte alla situazione. il tempo non lavora a favore dello sfidato ma dello sfidante che punta al logoramento.. Di qui la tendenza del potere sfidato a cercare il colpo risolutivo nel minor tempo possibile, mentre l irregolare non ha il problema immediato della sconfitta dell avversario Di qui il paradosso del guerrigliero per il quale l attaccato (il potere costituito) non può chiudersi in difesa, ma deve andare all attacco, mentre lo sfidante, applicando la tattica del mordi e fuggi, gode del vantaggio dell iniziativa ed insieme di quello della difesa. Una situazione militare unica che riequilibra la sproporzione dei rispettivi armamenti. Questa dinamica induce ad un diverso atteggiamento psicologico dei due contendenti: l eversore pensa di star combattendo una guerra, per quanto irregolare, e ritiene di avere diritto ad essere considerato un combattente politico. Al contrario, il potere sfidato pensa che si tratti di una azione criminale da trattare come tale, imponendo il rispetto delle 6 E questo è ancora più vero nel caso di occupazioni militari di altri paesi.

5 5 sue leggi. Per il primo si tratta di una guerra, per il secondo di repressione del crimine 7. Il potere sovrano non può accettare l altro come justus hostis nè cercare un confronto politico, perchè questo apparirebbe come un riconoscimento dello jus ad bellum del suo avversario. questo potrebbe aprire la strada a sgraditi interventi internazionali. Infine, un atteggiamento dialogante potrebbe incoraggiare nuove sfide. Stretto dal bisogno di chiudere rapidamente la partita senza far concessioni, il potere sfidato punta sulla sola soluzione repressiva: la rapida debellatio del nemico. Ma ciò mal si concilia con l applicazione delle usuali procedure di polizia,..di qui l esigenza di superare i limiti della giurisdizione ordinaria e la scelta di combattere una guerra che, però, non può chiamarsi tale. Questo apre una serie di contraddizioni; innanzitutto il terrorista è un criminale del quale si riconoscono le motivazioni politiche e non di lucro personale, ma questo non costituisce un attenuante, ma, al contrario, una aggravante che inasprisce le pene e rende somarie le procedure. In secondo luogo, se non si tratta di guerra ma di repressione del crimine, non si comprende il motivo di leggi eccezionali e, viceversa, se la lotta al terrorismo è uno stato assimilabile a quello della guerra la responsabilità delle operazioni dovrebbe passare dalla polizia ai militari e dovrebbero essere applicati il codice penale e di procedura penale militare di guerra, ma questo implicherrebbe sia delicati problemi sulla 7 Questa è la tesi centrale di Paul GILBERT (1997 ) che coglie, in questo modo, uno degli aspetti decisivi del fenomeno, pur senza trarne tutte le conseguenze

6 6 custodia dei prigionieri 8 ecc, sia un pericoloso spostamento di potere dall autorità politica ai militari. Si sviluppa in questo modo l ideologia antiterrorista che non coincide con la nozione di contrasto al terrorismo ma con una rappresentazione ideologica appunto- di esso, basata su questi presupposti basilari: a- per battere il terrorismo le misure repressive straordinarie sono sufficienti e, comunque, prevalenti rispetto a quelle politiche che devono subordinarvisi b- pertanto l autorità politica delega la direzione della lotta al terrorismo agli apparati di sicurezza c- la risposta legislativa si baserà sulla ricetta: inasprimento delle pene, procedure sommarie, limitazione delle garanzie d- le forti contraddizioni che tutto ciò aprirà con la normativa internazionale 9 e costituzionale verranno sanate dalla categoria dell emergenza, un succedaneo edulcorato dell antico stato d assedio, per il quale si produce una normativa eccezionale proprio in grazia dell eccezionalità della situazione. Un mix che consente diversi successi iniziali, ma innesca un pericolosissimo congegno ad orologeria destinato ad esplodere. Da un punto di vista militare, il terrorismo rappresenta un problema di scarsa importanza, perchè la sproporzione delle forze assicura una facile vittoria una volta identificata la base avversaria. 8 Ad esempio sgraditissime ispezioni della Croce Rossa Internazionale sull osservanza delle norme dui prigionieri di guerra. 9 A cominciare dalla dichiarazione dei Diritti dell Uomo.

7 7 Per questo il terrorismo rappresenta un problema soprattutto sul piano investigativo e viene combattuto con gli strumenti consueti (infiltrazione, pedinamenti, intercettazioni, analisi dei testi ecc.) ma prima o poi si affaccerà la tentazione di ricorrere ad un mezzo più sbrigativo: il ricorso alla tortura. Dopo alcuni successi iniziali, la tortura produrrà risultati minimi e costi molto alti per lo Stato (delegittimazione internazionale, intervento di organismi internazionali, indebolimento della legittimazione interna, imbarbarimento dello scontro ecc.) In definitiva, un pessimo affare per il potere sfidato Sul piano politico, il potere sfidato solitamente reagisce all interno con la demonizzazione dell avversario presentato come nemico dell intera comunità, allo scopo di: - evitare che la propaganda avversaria possa far breccia in settori dell opinione pubblica - ottenere la mobilitazione attiva della società civile contro il terrorismo (denuncia dei sospetti, segnalazione di eventi irregolari ecc). In questo senso l oscuramento delle reali finalità politiche del nemico è una scelta voluta: il terrorista è per definizione folle, barbaro, insensato, dunque, privo di razionalità politica. Ed il guaio peggiore è che il potere sfidato finisce per convincersene diventando la prima vittima della sua stessa propaganda. Sul piano internazionale, il potere sfidato reagisce cercando di inibire eventuali appoggi di altri Stati al proprio nemico denunciando agli organismi internazionali la condotta di quelli che li aiutino. In qualche caso, lo Stato in questione reagisce simmetricamente: appoggiando (o minacciando di appoggiare) l eventuale eversione interna dello Stato

8 8 ostile 10. In questo quadro di azione politica internazionale va inserito anche lo sforzo per giungere a Convenzioni internazionali contro il terrorismo che, tuttavia, sono di fatto uno strumento a disposizione dei soli paesi con maggiore influenza internazionale. Ma, come si vede, anche in questo caso, l azione politica è impiegata in funzione servente rispetto a quella repressiva. L ideal-tipo dell antiterrorismo è quello di una operazione chirurgica che estirpa una cisti dal corpo sano della società. In questo modo si ottiene la massima tensione degli apparati repressivi, ma si rinuncia a sfruttare gli elementi di debolezza politica dell avversario. La guerra al terrorismo diventa rapidamente totale tesa all annientamento dell avversario, che perciò stesso si radicalizza. Il danno maggiore di questa scelta è la graduale perdita di contatto con la psicologia dell antagonista (e in un conflitto di questo tipo riuscire ad immedesimarsi nel modo di pensare dell avversario è di fondamentale importanza) e, di solito, è assai difficile battere un avversario che non si comprende 11. L ideologia dell antiterrorismo diventa una partita a mosse obbligate al termine della quale il più delle volte ( ma non sempre) c è la sconfitta 10 E, per esempio, quanto è regolarente accaduto fra Turchi e Irakeni a proprosito della guerriglia curda. 11 Sintomatica di questa scarsa capacità della classe politica di comprendere il terrorismo ed affrontarlo è la lunga serie di errori e gaffes degli uomini politici in tema: da Bush che subito dopo l 11 settembre, propone agli stati islamici una crociata contro il terrorismo (sinchè qualche suo consigliere gli fa sapere che gli islamici non hanno un concetto granchè positivo delle crociate) ad Aznar che, nei primi minuti dopo Atocha, dichiara che si tratta di opera dell Eta, senza capire che un gesto simile era così lontano dalla logica politica dell Eta da non potere essere preso in considerazione neppure come depistaggio. Anche Blair, con le sue recenti misure antirterrorismo sembra stia facendo esattamente il contario di quel che servirebbe: dall oscuramento dei siti che, invece, dovrebbero studiati sin nelle virgole dai

9 9 dello sfidante ma a prezzi umani, politici ed economici assolutamente spropositati: - spesso questa soluzione produrrà un allungamento del conflitto anzicchè una sua abbreviazione, e molte più vittime - un sensibile aumento dei costi economici che, talvolta, porteranno al collasso della moneta 12 - la delega agli apparati repressivi comporterà anche una modifica a loro favore dei rapporti di potere con l autorità politica 13 - molti elementi della legislazione dell emergenza diventeranno elementi permanenti dell ordinamento penale, con conseguenze spesso imprevedibili 14 Dunque, cosa fare contro il terrorismo? Innanzitutto liberarsi della ideologia dell antiterrorismo e capovolgere i termini della questione. L ideologia antiterrorista individua il suo nemico in un criminale che ha delle scopi politici. Al contrario, occorre partire dalla constatazione servizi, alla chiusura delle moschee radicali che, al contrario, dovrebbero restare aperte per identificare e sorvegliare il bacino potenziale di reclutamento del terrorismo islamico. 12 E il caso francese nel quale le spese per la guerra di Indocina prima e di Algeria dopo costituirono la principale ragione dell ondata di iper inflazione, alla fine della quale si rese necessario cambiare la moneta. 13 Ad esempio, nel caso italiano, questo spostamento nei rapporti di forza ha premiato essenzialmente la magistratura ed in particolare la sua parte inquirente. Il giudice con l elmetto chiamato a combattere il terrorismo in violazione di ogni principio di terzietàaveva scoperto un suo ruolo autonomo 14 Sempre per restare al caso italiano, segnaliamo come diversi istituti dell emergenza antiterrorismo (per tutti la legislazione premiale per i collaboratori di giustizia) sono poi restati nell ordinamento, così come vi si sono radicati certi orientamenti giurisprudenziali, come la dilatazione oltre ogni limite del reato associativo, per cui la semplice appartenenza ad una organizzazione terroristica rendeva responsabili di ogni sua azione delittuosa, salvo prova contraria. L una e l altra cosa sono poi state ampiamente usate dalla magistratura inquirente, nella stagione di Mani Pulite, per colpire quella stessa classe politica che aveva contribuito ad originarli ( Non poteva non sapere reciteranno molti rinvii a giudizio in piena sintonia con quella dilatazione del reato associativo di cui dicevamo).

10 10 che il terrorista è un soggetto politico che fa ricorso a metodi penalmente rilevanti. Questo, ovviamente, non significa rinunciare all aspetto repressivo (comunque inevitabile) nè scegliere necessariamente la linea della trattativa 15 o, tantomeno, della resa, ma, affrontare lo scontro subordinando l aspetto repressivo a quello politico. La politica può fornire gli strumenti per penetrare e dividere l avversario, privarlo di alleati, scoraggiarlo ed indurlo ad abbandonare il conflitto armato. La partita non si chiude con l uccisione o la cattura dell ultimo terrorista 16, ma quando i terroristi hanno la netta percezione dell impraticabilità del proprio obiettivo. Dunque, assolutamente basilare è l identificazione del reale obiettivo strategico dello sfidante che, frequentemente, non coincide affatto con quello dichiarato ed, in qualche caso, c entra assai poco con esso. In secondo luogo occorre capire attraverso quali passaggi tattici egli mediti di conseguirlo. In entrambi i casi la raccolta informativa sarà essenziale ma ancor più importante sarà l analisi politica: sapere dove si nasconde un quadro intermedio dell avversario o da dove il gruppo si rifornisca di armi è importante, ma ancora di più è capire quale sia lo spettro di posizioni politiche presente nel suo gruppo dirigente, quale siano le vere scelte tattiche, quali i meccanismi di formazione della linea politica ecc. 15 Che è solo una delle possibili scelte politiche a disposizione e non sempre è la più auspicabile 16 Pensare di battere il terrorismo colpendo uno per uno i suoi uomini è illusorio come pensare di sterminare le zanzare di una palude armati di spry e schiacciamosche.

11 11 Ottenuto un buon disegno dell avversario, si potrà, di volta in volta, articolare una linea di contrasto che utilizzi sia l azione repressiva 17 che l offensiva diplomatica, l utilizzazione di aree intermedie come diga contro l espandersi del fenomeno, riforme tese a migliorare la condizione del gruppo sociale o nazionale su cui l avversario fa leva così da ridurne il consenso-. Fondamentale è comprendere le ragioni forti dell avversario: farsene un ritratto caricaturale e svilirne le ragioni più profonde è sempre sbagliato e controproducente. L emergere di una guerra irregolare è sempre il sintomo di un malessere politico che va individuato. BIBLIOGRAFIA AAVV Combattere il terrorismo. Norme e proposte del Consiglio d Europa Sapere2000, Roma 2004 BONANATE L. Terrorismo politico in Norberto BOBBIO Nicola MATTEUCCI Dizionario di Politica Utet, Torino Di cui è bene non abusare mai: Guantanamo non è una misura dura ma efficace, ma una brutale stupidità ed una dimostrazione di debolezza politica.

12 12 BONANATE L. Terrorismo politico in Norberto BOBBIO Nicola MATTEUCCI Gianfranco PASQUINO Dizionario di Politica Utet, Torino 2005 BONANATE L. a cura di Dimensioni del terrorismo politico Franco Angeli, Milano DE LUCA R. Il terrore in casa nostra Franco Angeli, Milano 2002 DELLA PORTA D. Terrorismi in Italia Il Mulino, Bologna 1984 FOSSATI M. Terrorismo e terroristi Bruno Mondandori, Milano 2003 GILBERT P. Il dilemma del terrorismo Feltrinelli, Milano 1997 HEISBOURG F. Iperterrorismo La nuova Guerra Meltemi, Roma 2002 HESS H. La rivolta ambigua Sansoni, Firenze 1991 KLITSCHE DE LA GRANGE T. Osservazioni sul terrorismo postmoderno in Behemoth n 30, Roma, Luglio-Dicembre LAQUEUR W. Storia del terrorismo Rizzoli, Milano 1978 LAQUEUR W. Il nuovo terrorismo Corbaccio, Milamno 2002

13 13 MANNONI P. Les logiques du terrorisme Editions in Press, Clamecy 2004 PISANO V. F. Introduzione al terrorismo contemporaneo Sallustiana, Roma 1997 SIDOTI F. Terrorism supporters in the west in ed. Noemi Gal-or Tolerating Terrorism in the West Routledge, London and New York 1991 VAREILLES T. Encyclopédie du terrorisme internatonal L Harmattan, Paris 2001 Aldo GIANNULI

Principi cardine del DIU e organi della violenza bellica. Corso diritto internazionale avanzato Lez. 2/4 Aldo Piccone

Principi cardine del DIU e organi della violenza bellica. Corso diritto internazionale avanzato Lez. 2/4 Aldo Piccone Principi cardine del DIU e organi della violenza bellica Corso diritto internazionale avanzato Lez. 2/4 Aldo Piccone Contenuti: Principio di necessità militare Principio di proporzionalità Principio di

Dettagli

Principi del DIU (Diritto Internazionale Umanitario)

Principi del DIU (Diritto Internazionale Umanitario) Principi del DIU (Diritto Internazionale Umanitario) Corso Volontari Trento 31 gennaio 2013 Istr.DIU Michele Beretta Definizione: Il Diritto Internazionale Umanitario è una branca del diritto Internazionale

Dettagli

Diritto Internazionale Umanitario. Istruttore D.I.U. Vanessa Seren Bernardone

Diritto Internazionale Umanitario. Istruttore D.I.U. Vanessa Seren Bernardone Diritto Internazionale Umanitario Istruttore D.I.U. Vanessa Seren Bernardone DIRITTO Insieme di regole esterne alla morale o alla religione che disciplinano i rapporti sociali NAZIONALE: insieme di norme

Dettagli

GLORIA GAGGIOLI. (Comitato internazionale della Croce Rossa, Ginevra)

GLORIA GAGGIOLI. (Comitato internazionale della Croce Rossa, Ginevra) GLORIA GAGGIOLI (Comitato internazionale della Croce Rossa, Ginevra) L INTERRELAZIONE FRA DIRITTO INTERNAZIONALE UMANITARIO E DIRITTI UMANI La questione della relazione tra il diritto umanitario e i diritti

Dettagli

Indice-Sommario. Introduzione. Ius ad bellum, ius in bello, disarmo 19. Parte I La disciplina dell uso della forza nelle relazioni internazionali

Indice-Sommario. Introduzione. Ius ad bellum, ius in bello, disarmo 19. Parte I La disciplina dell uso della forza nelle relazioni internazionali Indice-Sommario Premessa alla quarta edizione XIII Premessa alla terza edizione XV Premessa alla seconda edizione XVII Premessa alla prima edizione XIX Abbreviazioni 1 Elenco delle opere citate (con il

Dettagli

2014 Istr. s.lla Mirella Giambartolomei

2014 Istr. s.lla Mirella Giambartolomei 2014 Istr. s.lla Mirella Giambartolomei NOZIONE PRINCIPI FONDAMENTALI EVOLUZIONE DEL DIU DIRITTO INTERNAZIONALE UMANITARIO Perché questo Corso? E dovere di ogni volontario di Croce Rossa COMPRENDERE e

Dettagli

DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO

DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO INTERNAZIONALE, CONCERNENTI LE RELAZIONI AMICHEVOLI E LA COOPERAZIONE FRA GLI STATI, IN CONFORMITÀ CON LA CARTA DELLE NAZIONI UNITE Risoluzione dell Assemblea

Dettagli

Recensione di A. Mutti, Spionaggio. Il lato oscuro della società, Il Mulino, Bologna 2012.

Recensione di A. Mutti, Spionaggio. Il lato oscuro della società, Il Mulino, Bologna 2012. Recensione di A. Mutti, Spionaggio. Il lato oscuro della società, Il Mulino, Bologna 2012. di Giacomo Fabiani e Vera Facchinutti, 5 F Sull'onda della moda esplosa negli ultimi anni degli studi sui servizi

Dettagli

LEGITTIMA DIFESA. Testi a cura di: Fulvio Rossi Ex Magistrato Ideatore della Palestra dei Diritti e dei corsi di Democrazia di Genere

LEGITTIMA DIFESA. Testi a cura di: Fulvio Rossi Ex Magistrato Ideatore della Palestra dei Diritti e dei corsi di Democrazia di Genere LEGITTIMA DIFESA Testi a cura di: Fulvio Rossi Ex Magistrato Ideatore della Palestra dei Diritti e dei corsi di Democrazia di Genere Torino aprile 2013 LEGITTIMA DIFESA La legittima difesa, come disciplinata

Dettagli

La criminalità economica

La criminalità economica Con la crescente domanda di una migliore qualità della vita, la reazione sociale nei confronti dei reati economici e dei colletti bianchi si è molto inasprita: l opinione pubblica è sempre più attenta

Dettagli

Conferenza stampa di presentazione del Rapporto 2014-2015. Intervento di Antonio Marchesi

Conferenza stampa di presentazione del Rapporto 2014-2015. Intervento di Antonio Marchesi Conferenza stampa di presentazione del Rapporto 2014-2015 Intervento di Antonio Marchesi 1) Il Rapporto 2014-2015, che presentiamo oggi, contiene informazioni sulla situazione dei diritti umani in 160

Dettagli

Questionario n. 7 Diritto penale militare

Questionario n. 7 Diritto penale militare Questionario n. 7 Diritto penale militare 1) Che differenza c è tra codice penale militare di pace (c.p.m.p.) e codice penale militare di guerra (c.p.m.g.)? A) il codice penale militare di pace non si

Dettagli

LA RIVOLUZIONE FRANCESE. Nobiltà e clero godono di privilegi, non pagano tasse. Il terzo stato comprende varie categorie di persone :

LA RIVOLUZIONE FRANCESE. Nobiltà e clero godono di privilegi, non pagano tasse. Il terzo stato comprende varie categorie di persone : LA RIVOLUZIONE FRANCESE In Francia la società è divisa in tre ordini o stati: 1) Nobiltà 2) Clero 3) Terzo Stato Nobiltà e clero godono di privilegi, non pagano tasse. Il terzo stato comprende varie categorie

Dettagli

LA NOSTRA POLITICA MILITARE

LA NOSTRA POLITICA MILITARE LA NOSTRA POLITICA MILITARE (24-25 gennaio 1934) Il testo che segue è un rapporto presentato da Mao Tse-tung a nome del governo centrale della Repubblica sovietica cinese al secondo Congresso nazionale

Dettagli

Questionario stili di comunicazione/negoziazione questionario Thomas Kilmann

Questionario stili di comunicazione/negoziazione questionario Thomas Kilmann Questionario stili di comunicazione/negoziazione questionario Thomas Kilmann Obiettivo del questionario è rendere consapevole una persona della propria tendenza ad assumere in una conversazione uno o più

Dettagli

NUMERI FONDI PRIORITA EMERGENZA IN IRAQ. 1,9 milioni. 150mila. +530mila. 8mila. 18mila. sfollati interni. rifugiati iracheni nei Paesi confinanti

NUMERI FONDI PRIORITA EMERGENZA IN IRAQ. 1,9 milioni. 150mila. +530mila. 8mila. 18mila. sfollati interni. rifugiati iracheni nei Paesi confinanti NUMERI EMERGENZA IN IRAQ Aggiornato al 1 dicembre 2014 1,9 milioni sfollati interni 150mila rifugiati iracheni nei Paesi confinanti +530mila sfollati assistiti con rifugi e aiuti umanitari primari 8mila

Dettagli

LA NUOVA DISCIPLINA DELLA LEGITTIMA DIFESA IN PRIVATO DOMICILIO

LA NUOVA DISCIPLINA DELLA LEGITTIMA DIFESA IN PRIVATO DOMICILIO LA NUOVA DISCIPLINA DELLA LEGITTIMA DIFESA IN PRIVATO DOMICILIO Premessa: La legge 13 febbraio 2006, n. 59 ha profondamente innovato l art. 52 c.p., afferente la scriminante della legittima difesa, introducendo

Dettagli

Sul Diritto Internazionale Umanitario

Sul Diritto Internazionale Umanitario Sul Diritto Internazionale Umanitario Istruttore di Diritto Internazionale Umanitario: Emanuele Biolcati Gruppo Pionieri di Torino 1 Emanuele Biolcati Diritto Internazionale Umanitario Sommario 1 4 CG

Dettagli

CLANDESTINITA NEL CANALE DI SICILIA : CONTROLLO SOCIALE E DEVIANZA TRA REALTA LOCALE E IMMIGRAZIONE

CLANDESTINITA NEL CANALE DI SICILIA : CONTROLLO SOCIALE E DEVIANZA TRA REALTA LOCALE E IMMIGRAZIONE FRONTESPIZIO INDICE ABSTRACT DI CLANDESTINITA NEL CANALE DI SICILIA : CONTROLLO SOCIALE E DEVIANZA TRA REALTA LOCALE E IMMIGRAZIONE ALMA MATER STUDIORUM UNIVERSITA DI BOLOGNA FACOLTA DI GIURISPRUDENZA

Dettagli

I rapporti sociali di produzione e la coscienza

I rapporti sociali di produzione e la coscienza Lettura 6 Karl Marx - Friedrich Engels I rapporti sociali di produzione e la coscienza K. Marx, F. Engels, L ideologia tedesca, Roma, Editori Riuniti, 1972, pp. 12-14; 35-38 Tra la fine del 1845 e l autunno

Dettagli

FRANCIA: LE MOTIVAZIONI DELL INTERVENTO IN MALI

FRANCIA: LE MOTIVAZIONI DELL INTERVENTO IN MALI Sede legale e amministrativa: Palazzo Besso - Largo di Torre Argentina, 11-00186 Roma Sede secondaria: Largo Luigi Antonelli, 4-00145 Roma Web: www.ifiadvisory.com; Mail: info@ifiadvisory.com Umberto Profazio

Dettagli

Luca Masera. Lampedusa: politiche di detenzione e rimpatrio

Luca Masera. Lampedusa: politiche di detenzione e rimpatrio Luca Masera Lampedusa: politiche di detenzione e rimpatrio 1. Per comprendere davvero quello che è successo e sta succedendo a Lampedusa, credo sia utile cercare di inserire tale vicenda all interno del

Dettagli

Terrorismo per. franchising. Intervista a Stefano Dambruoso. islamico in Europa?

Terrorismo per. franchising. Intervista a Stefano Dambruoso. islamico in Europa? Terrorismo per franchising Intervista a Stefano Dambruoso Aspenia Dopo l attentato di Madrid cosa sappiamo del terrorismo islamico in Europa? Stefano Dambruoso Sappiamo esattamente di cosa stiamo parlando.

Dettagli

Ricordo che solo la coesione nazionale e la completa conoscenza dei fini ultimi dell intelligence, da parte della collettività di uno Stato, permette

Ricordo che solo la coesione nazionale e la completa conoscenza dei fini ultimi dell intelligence, da parte della collettività di uno Stato, permette A13 Ricordo che solo la coesione nazionale e la completa conoscenza dei fini ultimi dell intelligence, da parte della collettività di uno Stato, permette il superamento del dilemma morale che si cela dietro

Dettagli

OPERAZIONI DI CONTRASTO DELLA PIRATERIA IN ACQUE INTERNAZIONALI. Senato 15 giugno 2011 AUDIZIONE DELLA PROF. ANGELA DEL VECCHIO

OPERAZIONI DI CONTRASTO DELLA PIRATERIA IN ACQUE INTERNAZIONALI. Senato 15 giugno 2011 AUDIZIONE DELLA PROF. ANGELA DEL VECCHIO 1 OPERAZIONI DI CONTRASTO DELLA PIRATERIA IN ACQUE INTERNAZIONALI Senato 15 giugno 2011 AUDIZIONE DELLA PROF. ANGELA DEL VECCHIO Signor Presidente, onorevoli Senatori Ringrazio per l onore concessomi e

Dettagli

Storia. n. 8 La seconda guerra mondiale (A) Prof. Roberto Chiarini

Storia. n. 8 La seconda guerra mondiale (A) Prof. Roberto Chiarini Storia contemporanea n. 8 La seconda guerra mondiale (A) Prof. Roberto Chiarini Anno Accademico 2011/2012 1 9. La seconda guerra mondiale Le origini e le responsabilità: A provocare il conflitto è la politica

Dettagli

TRIBUNALE ORDINARIO di TORINO SEZIONE I CIVILE PROTEZIONE INTERNAZIONALE Dott.ssa G. RATTI ORDINANZA

TRIBUNALE ORDINARIO di TORINO SEZIONE I CIVILE PROTEZIONE INTERNAZIONALE Dott.ssa G. RATTI ORDINANZA N. R.G. 2012/25444 TRIBUNALE ORDINARIO di TORINO SEZIONE I CIVILE PROTEZIONE INTERNAZIONALE Dott.ssa G. RATTI ha pronunciato la seguente: Pagina 1 ORDINANZA Ex artt. 35 del d. lgs. 28.1.2008 n. 25 e 19

Dettagli

INDICE-SOMMARIO. Premessa... INTRODUZIONE

INDICE-SOMMARIO. Premessa... INTRODUZIONE INDICE-SOMMARIO Premessa... V INTRODUZIONE 1. Sistema inter-statale, diritto internazionale e valori comuni dell umanità... 1 2. Piano del lavoro e linee direttrici... 2 PARTE I SISTEMA DEGLI STATI E GOVERNO

Dettagli

IT-1 "Contratto" e "illecito": la qualificazione delle obbligazioni nel diritto internazionale privato dell'unione europea

IT-1 Contratto e illecito: la qualificazione delle obbligazioni nel diritto internazionale privato dell'unione europea IT-1 "Contratto" e "illecito": la qualificazione delle obbligazioni nel diritto internazionale privato dell'unione europea Sono trascorsi alcuni anni dall adozione, da parte delle istituzioni europee,

Dettagli

L assenza dell imputato nel processo penale, dopo la legge 28 aprile 2014, n. 67.

L assenza dell imputato nel processo penale, dopo la legge 28 aprile 2014, n. 67. L assenza dell imputato nel processo penale, dopo la legge 28 aprile 2014, n. 67. di G. MAZZI (Intervento al Corso avvocati presso Il Tribunale militare di Roma il 20 novembre 2014) 1. Considerazioni generali.

Dettagli

La questione curda CHI SONO I CURDI?

La questione curda CHI SONO I CURDI? Il conflitto politico culturale tra il governo turco e la minoranza curda nel paese ha una lunga storia alle spalle, che risale agli accordi di pace dopo il primo conflitto mondiale quando, dopo lo scioglimento

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato MIGLIOLI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato MIGLIOLI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 3469 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato MIGLIOLI Disposizioni per il contrasto della violenza fisica e della persecuzione psicologica

Dettagli

APPALTI, SERVIZI E FORNITURE

APPALTI, SERVIZI E FORNITURE APPALTI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE PROF. SERGIO PERONGINI Indice 1 APPALTI, SERVIZI E FORNITURE -------------------------------------------------------------------------------------- 3 2 di 9 1 Appalti,

Dettagli

STORIA. La guerra fredda. L Europa divisa. Gli Stati Uniti. il testo:

STORIA. La guerra fredda. L Europa divisa. Gli Stati Uniti. il testo: 01 L Europa divisa La seconda guerra mondiale provoca (fa) grandi danni. Le vittime (i morti) sono quasi 50 milioni. L Unione Sovietica è il Paese con più morti (20 milioni). La guerra con i bombardamenti

Dettagli

Il 1848. Il II impero in Francia

Il 1848. Il II impero in Francia Il 1848. Il II impero in Francia Le rivoluzioni del 48 in Europa Dimensioni più ampie: eccetto Inghilterra e Russia, tutta l Europa è coinvolta, compresa l Austria di Metternich. Più ampio coinvolgimento

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Prefazione alla VII edizione... Abbreviazioni... I COSTITUZIONE DELLA REPUBBLICA PARTE I DIRITTI E DOVERI DEI CITTADINI

INDICE SOMMARIO. Prefazione alla VII edizione... Abbreviazioni... I COSTITUZIONE DELLA REPUBBLICA PARTE I DIRITTI E DOVERI DEI CITTADINI INDICE SOMMARIO Prefazione alla VII edizione... Abbreviazioni... pag. V VII I COSTITUZIONE DELLA REPUBBLICA Principi fondamentali... 3 PARTE I DIRITTI E DOVERI DEI CITTADINI Titolo I Rapporti civili...

Dettagli

Storia contemporanea

Storia contemporanea Storia contemporanea Prof. Roberto Chiarini http://rchiarinisc.ariel.ctu.unimi.it Anno Accademico 2008/2009 9. La seconda guerra mondiale Le origini e le responsabilità: A provocare il conflitto è la politica

Dettagli

CORTE D APPELLO DI APPELLO. per il tramite della Cancelleria del Tribunale di - N. 940/09 R.G. dib N.4728/09 N.R.

CORTE D APPELLO DI APPELLO. per il tramite della Cancelleria del Tribunale di - N. 940/09 R.G. dib N.4728/09 N.R. CORTE D APPELLO DI per il tramite della Cancelleria del Tribunale di - N. 940/09 R.G. dib N.4728/09 N.R. APPELLO Quale difensore di fiducia di, nato il 29.04.1979 in, nato il 13.02.1987 in, e, nata il

Dettagli

LA SECONDA GUERRA MONDIALE

LA SECONDA GUERRA MONDIALE CONCORSO A.N.P.I. IC S.P. DAMIANO Scuola secondaria di 1 grado Classe: 3^C Insegnante: Anita Vitali Discipline: Italiano e Storia Abbiamo colto l occasione offerta da questo concorso per affrontare lo

Dettagli

NATALINO RONZITTI INTRODUZIONE AL INTERNAZIONALE. Quarta edizione

NATALINO RONZITTI INTRODUZIONE AL INTERNAZIONALE. Quarta edizione NATALINO RONZITTI INTRODUZIONE AL DIRITTO INTERNAZIONALE Quarta edizione G. Giappichelli Editore Torino Indice-Sommario Premessa alla quarta edizione Premessa alla terza edizione Premessa alla seconda

Dettagli

Considerazioni dalla presentazione del libro Le libertà degli altri. La regolazione amministrativa dei flussi migratori di Mario Savino

Considerazioni dalla presentazione del libro Le libertà degli altri. La regolazione amministrativa dei flussi migratori di Mario Savino Considerazioni dalla presentazione del libro Le libertà degli altri. La regolazione amministrativa dei flussi migratori di Mario Savino Relatore Centro di Sviluppo Politico e Sociale 2 INDICE Introduzione...

Dettagli

1. Consiglio europeo straordinario - Bruxelles, 21 settembre 2001

1. Consiglio europeo straordinario - Bruxelles, 21 settembre 2001 1. Consiglio europeo straordinario - Bruxelles, 21 settembre 2001 B5-0666, 0668 e 0674/2001 Risoluzione del Parlamento europeo sulla riunione straordinaria del Consiglio europeo del 21 settembre 2001 a

Dettagli

APPUNTI - LE RIFORME DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE E LA CENTRALITÀ DELLA LEGGE 241/90.

APPUNTI - LE RIFORME DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE E LA CENTRALITÀ DELLA LEGGE 241/90. APPUNTI - LE RIFORME DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE E LA CENTRALITÀ DELLA LEGGE 241/90. Definire l efficienza non è compito semplice perché non esiste una sua definizione che, in poche parole, possa darci

Dettagli

PARLAMENTO EUROPEO. Commissione per il mercato interno e la protezione dei consumatori PROGETTO DI PARERE

PARLAMENTO EUROPEO. Commissione per il mercato interno e la protezione dei consumatori PROGETTO DI PARERE PARLAMENTO EUROPEO 2004 ««««««««««««2009 Commissione per il mercato interno e la protezione dei consumatori PROVVISORIO 2004/0137(COD) 31.1.2005 PROGETTO DI PARERE della commissione per il mercato interno

Dettagli

INDICE. Parte I LA PRASSI DEL CONSIGLIO DI SICUREZZA E LA SUA LOGICA. Capitolo I PROFILI INTRODUTTIVI

INDICE. Parte I LA PRASSI DEL CONSIGLIO DI SICUREZZA E LA SUA LOGICA. Capitolo I PROFILI INTRODUTTIVI INDICE Presentazione... Abbreviazioni... Premessa... vii xv xix Parte I LA PRASSI DEL CONSIGLIO DI SICUREZZA E LA SUA LOGICA Capitolo I PROFILI INTRODUTTIVI 1. Posizione del problema e piano dell indagine........

Dettagli

Il1968 è anno di rottura col passato

Il1968 è anno di rottura col passato Il1968 è anno di rottura col passato Evento chiave: la guerra in Vietnam perché non si riconosce all intervento di Usa quella valenza di tutela della libertà contro i rischi del comunismo Giovani di paesi

Dettagli

REGOLAMENTO GENERALE RISIKO

REGOLAMENTO GENERALE RISIKO REGOLAMENTO GENERALE RISIKO SCOPO DEL GIOCO Raggiungere per primi il proprio obiettivo segreto oppure ottenere il punteggio più alto al termine della partita. PREPARAZIONE All inizio della partita ogni

Dettagli

Disegno di legge recante. disposizioni in materia di auto-riciclaggio (AS 1642)

Disegno di legge recante. disposizioni in materia di auto-riciclaggio (AS 1642) SENATO DELLA REPUBBLICA COMMISSIONI RIUNITE 2^ GIUSTIZIA E 6^ FINANZE E TESORO Disegno di legge recante disposizioni in materia di auto-riciclaggio (AS 1642) Audizione del Direttore dell Unità di Informazione

Dettagli

Forme di estinzione individuale del rapporto di lavoro

Forme di estinzione individuale del rapporto di lavoro C 14 a p i t o l o Forme di estinzione individuale del rapporto di lavoro 1 I principi generali dei licenziamenti individuali Il licenziamento è considerato legittimo soltanto quando sussistono alcune

Dettagli

La rivoluzione russa: le cause ( 1905)

La rivoluzione russa: le cause ( 1905) La rivoluzione russa: le cause ( 1905) assolutismo politica populismo Rivoluzione contadina 85% della popolazione contadini, ex servi della gleba sociale Arretratezza Malcontento e disagi per a guerra

Dettagli

La Corte di giustizia precisa le condizioni alle quali a un disertore proveniente da uno Stato terzo può essere concesso asilo nell Unione europea

La Corte di giustizia precisa le condizioni alle quali a un disertore proveniente da uno Stato terzo può essere concesso asilo nell Unione europea Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 20/15 Lussemburgo, 26 febbraio 2015 Stampa e Informazione Sentenza nella causa C-472/13 Andre Lawrence Shepherd / Bundesrepublik Deutschland

Dettagli

La seconda guerra mondiale

La seconda guerra mondiale La seconda guerra mondiale La seconda guerra mondiale dura dal 1939 al 1945 ed è una guerra totale, cioè coinvolge tutto il mondo. da un lato i regimi nazifascisti, gli STATI DELL ASSE, cioè Germania,

Dettagli

Relazione Osservatorio sulla prostituzione e sui fenomeni delittuosi ad essa connessi. Sintesi e Conclusioni

Relazione Osservatorio sulla prostituzione e sui fenomeni delittuosi ad essa connessi. Sintesi e Conclusioni Relazione Osservatorio sulla prostituzione e sui fenomeni delittuosi ad essa connessi Sintesi e Conclusioni Due le questioni emergenti su cui l Osservatorio si è soffermato: la condizione di sfruttamento

Dettagli

Problematiche psicologiche connesse al disagio scolastico

Problematiche psicologiche connesse al disagio scolastico Problematiche psicologiche connesse al disagio scolastico di Maria Anna Formisano 1 Introduzione Il termine insuccesso scolastico generalmente interpreta il mancato risultato positivo dell istruzione e,

Dettagli

Roma, 17 18 Gennaio 2014

Roma, 17 18 Gennaio 2014 CORSO DI ALTA FORMAZIONE IN GEOPOLITICA E ORIGINE DELLE MINACCE CONVENZIONALI E NON CONVENZIONALI Roma, 17 18 Gennaio 2014 L Osservatorio sulla Sicurezza e Difesa CBRNe (OSDIFE) e l Università degli Studi

Dettagli

G. M. QUER, Democrazia e diritti umani in Israele. Un modello per un mondo che cambia, Milano, Proedi Editore, 2006, pp. 1-79.

G. M. QUER, Democrazia e diritti umani in Israele. Un modello per un mondo che cambia, Milano, Proedi Editore, 2006, pp. 1-79. G. M. QUER, Democrazia e diritti umani in Israele. Un modello per un mondo che cambia, Milano, Proedi Editore, 2006, pp. 1-79. di Cristina Gazzetta Il libro che qui si segnala al lettore è il risultato

Dettagli

Per i diritti umani di Barbara Pezzini

Per i diritti umani di Barbara Pezzini Accademia della Guardia di Finanza, Bergamo 25 novembre 2009 Premiazione del Concorso ScuolAccademia 2009 Per i diritti umani di Barbara Pezzini Questo intervento si rivolge ad una comunità di studenti

Dettagli

I.C LERCARA FRIDDI - CASTRONOVO

I.C LERCARA FRIDDI - CASTRONOVO I.C LERCARA FRIDDI - CASTRONOVO Elaborazione e presentazione dei risultati del QUESTIONARIO EDUCAZIONE ALLA LEGALITA PER GLI STUDENTI DELLE CLASSI V PRIMARIA E II A-II B SECONDARIA I GRADO A.S. 2012/2013

Dettagli

Combattere alla radice la povertà

Combattere alla radice la povertà Combattere alla radice la povertà * Immigrazione Si calcola che negli Stati Uniti ci siano ormai circa 12 milioni di immigrati clandestini: sono una risorsa o un danno per il Paese? La nostra economia

Dettagli

Abuso sistematico di potere da parte di uno o più ragazzi/e che si rendono autori di prepotenze, ai danni di uno o più compagni di scuola.

Abuso sistematico di potere da parte di uno o più ragazzi/e che si rendono autori di prepotenze, ai danni di uno o più compagni di scuola. Abuso sistematico di potere da parte di uno o più ragazzi/e che si rendono autori di prepotenze, ai danni di uno o più compagni di scuola. Gli attori IL PREVARICATORE LA VITTIMA Caratteristica: prepotenza

Dettagli

Avocats sans Frontières Italia

Avocats sans Frontières Italia Avocats sans Frontières Italia BAMBINI SOLDATO IN AFRICA UN DRAMMA NEL DRAMMA Presentazione del Rapporto di Amnesty International 21.000 bambini soldato in Liberia Roma 8 Novembre 2004 Processabilità e

Dettagli

LINEE GUIDA SULLA PROTEZIONE INTERNAZIONALE

LINEE GUIDA SULLA PROTEZIONE INTERNAZIONALE LINEE GUIDA SULLA PROTEZIONE INTERNAZIONALE Applicazione delle clausole di esclusione: articolo 1F della Convenzione del 1951 relativa allo status dei rifugiati L UNHCR emette il presente documento di

Dettagli

ORDINE PUBBLICO E SICUREZZA

ORDINE PUBBLICO E SICUREZZA ORDINE PUBBLICO E SICUREZZA La giurisprudenza costituzionale nei rapporti tra Stato e Regioni Regione Calabria Legge della Regione Calabria 7 marzo 2011, n. 4, recante Misure per garantire la legalità

Dettagli

Milano, 15 giugno 2015. Droni e Giornalismo: nuove opportunità e deontologia

Milano, 15 giugno 2015. Droni e Giornalismo: nuove opportunità e deontologia Milano, 15 giugno 2015 Droni e Giornalismo: nuove opportunità e deontologia Droni e implicazioni di Pubblica Sicurezza Luca Tagliagambe sui Droni, ormai, sapete tutto Per cominciare un po di numeri La

Dettagli

TERRORISMO INTERNAZIONALE

TERRORISMO INTERNAZIONALE TERRORISMO 1 Arrestati dall 11 settembre 2001 ad oggi ANNO 2001 7 ANNO 2002 29 ANNO 2003 36 ANNO 2004 15 ANNO 2005 22 ANNO 2006 11 ANNO 2007 11 ANNO 2008 43 ANNO 2009 17 ANNO 2010 21 ANNO 2011 16 ANNO

Dettagli

Diritti umani e attori non-statali. Il caso dell ISIS e degli altri gruppi armati attivi in Siria ed Iraq

Diritti umani e attori non-statali. Il caso dell ISIS e degli altri gruppi armati attivi in Siria ed Iraq Diritti umani e attori non-statali Il caso dell ISIS e degli altri gruppi armati attivi in Siria ed Iraq Programma della lezione Inquadramento generale del problema: gli attori nonstatali sono obbligati

Dettagli

Tre prerequisiti per essere stimolati a imparare qualcosa di nuovo

Tre prerequisiti per essere stimolati a imparare qualcosa di nuovo Tre prerequisiti per essere stimolati a imparare qualcosa di nuovo 1. Ritrattazione o mancanza di conferma Una persona non va alla ricerca di aiuto se non si trova di fronte a un problema come, ad esempio,

Dettagli

www.ildirittoamministrativo.it

www.ildirittoamministrativo.it IL RUOLO DEL MEDIATORE-CONCILIATORE NELLE DIVERSE FASI DEL PROCEDIMENTO di Marco Pennisi In linea generale, la possibilità di una definizione concordata di una controversia dipende certamente nella effettiva

Dettagli

La crisi della (non) democrazia

La crisi della (non) democrazia La crisi della (non) democrazia Roma, 3-5 ottobre 2008 Obiettivo della conferenza è quello di affrontare il tema della crisi della democrazia in tutti i suoi aspetti principali, mettendo a confronto le

Dettagli

INDICE. Pag. 133. Prefazione. Introduzione 5. Premessa

INDICE. Pag. 133. Prefazione. Introduzione 5. Premessa INDICE Prefazione Pag. 133 Introduzione 5 Premessa Capitolo 1 - Il Crimine Urbano 9 1.1 Le Statistiche 9 1.2 Criminalità e Povertà, Problemi prioritari dopo 12 la disoccupazione Capitolo 2 - Conoscenza

Dettagli

Dimensioni ed effetti della spesa pubblica

Dimensioni ed effetti della spesa pubblica MODULO 2 - La spesa pubblica LE DIMENSIONI DELLA SPESA PUBBLICA L insieme dei mezzi monetari che lo Stato e gli altri enti pubblici erogano per il raggiungimento dei fini di pubblico interesse costituisce

Dettagli

STORIA CONTEMPORANEA

STORIA CONTEMPORANEA STORIA CONTEMPORANEA 15 Direttore Valentina SOMMELLA Sapienza Università di Roma Comitato scientifico Antonello Folco BIAGINI Sapienza Università di Roma Giuliano CAROLI Università Telematica delle Scienze

Dettagli

INTERVENTO DI APERTURA DELL ON.LE SIG. MINISTRO ALLA CONFERENZA G8 SUI FATTORI DESTABILIZZANTI E SULLE MINACCE TRANSNAZIONALI (Roma, 23 aprile 2009)

INTERVENTO DI APERTURA DELL ON.LE SIG. MINISTRO ALLA CONFERENZA G8 SUI FATTORI DESTABILIZZANTI E SULLE MINACCE TRANSNAZIONALI (Roma, 23 aprile 2009) INTERVENTO DI APERTURA DELL ON.LE SIG. MINISTRO ALLA CONFERENZA G8 SUI FATTORI DESTABILIZZANTI E SULLE MINACCE TRANSNAZIONALI (Roma, 23 aprile 2009) Cari colleghi, autorità, gentili ospiti, voglio darvi

Dettagli

Parte I Il delitto di rapina

Parte I Il delitto di rapina INDICE SOMMARIO Capitolo I Premessa... pag. 1 1.1. Elementi comuni alle fattispecie in esame...» 2 1.2. Nozione di patrimonio...» 4 1.3. Altruità della cosa e del danno...» 7 1.4. Profitto e danno...»

Dettagli

"IL CONTRIBUTO DEGLI ASSISTENTI SOCIALI NELLA COSTRUZIONE DELLO STATO DI DIRITTO"

IL CONTRIBUTO DEGLI ASSISTENTI SOCIALI NELLA COSTRUZIONE DELLO STATO DI DIRITTO Intervento al Convegno organizzato dall associazione assistenti sociali il 3 dicembre 2011 sul tema "IL CONTRIBUTO DEGLI ASSISTENTI SOCIALI NELLA COSTRUZIONE DELLO STATO DI DIRITTO" Titolo dell intervento:

Dettagli

CROCE ROSSA ITALIANA DIRITTO INTERNAZIONALE UMANITARIO

CROCE ROSSA ITALIANA DIRITTO INTERNAZIONALE UMANITARIO CROCE ROSSA ITALIANA DIRITTO INTERNAZIONALE UMANITARIO Perché questa lezione? E compito di ogni volontario di Croce Rossa comprendere e diffondere i principi e gli scopi del Diritto Internazionale Umanitario,

Dettagli

DALLA SOLIDARIETÀ AL DIRITTO: I RIFUGIATI E L ASILO

DALLA SOLIDARIETÀ AL DIRITTO: I RIFUGIATI E L ASILO Università degli Studi di Milano - Bicocca Facoltà di Giurisprudenza Dipartimento Giuridico delle Istituzioni Nazionali ed Europee In collaborazione con Amnesty International Sezione Italiana - Associazione

Dettagli

COMITATO SUI DIRITTI DELL INFANZIA

COMITATO SUI DIRITTI DELL INFANZIA COMITATO SUI DIRITTI DELL INFANZIA CRC/C/OPAC/ITA/1 Quarantaduesima sessione 15 maggio 2 giugno 2006 OSSERVAZIONI CONCLUSIVE Analisi dei Rapporti presentati dall Italia ai sensi dell art. 8 del Protocollo

Dettagli

Difesa Elastica e Difesa a Zona, due sistemi a confronto con tattiche difensive diverse.

Difesa Elastica e Difesa a Zona, due sistemi a confronto con tattiche difensive diverse. Difesa Elastica e Difesa a Zona, due sistemi a confronto con tattiche difensive diverse. Proseguendo la mia tesi sulla disamina della Difesa Elastica attuata con il controllo visivo attivo ho ritenuto

Dettagli

La Rivoluzione inglese

La Rivoluzione inglese La Rivoluzione inglese I conflitti tra monarchia inglese e parlamento PREMESSA 1215 il re inglese Giovanni senza terra è costretto a concedere la Magna Charta Libertatum Il re non poteva chiedere nuove

Dettagli

www.altrodiritto.unifi.it Antonio Vallini Reati di sfruttamento lavorativo

www.altrodiritto.unifi.it Antonio Vallini Reati di sfruttamento lavorativo Antonio Vallini Reati di sfruttamento lavorativo La norma incriminatrice che principalmente trova applicazione in caso di utilizzo di lavoratori stranieri irregolari è l art.22, comma 12, testo unico immigrazione,

Dettagli

DIRITTO INTERNAZIONALE

DIRITTO INTERNAZIONALE CORSO DI LAUREA IN SCIENZE POLITICHE E DELLE RELAZIONI INTERNAZIONALI A.A. 2015/2016 DIRITTO INTERNAZIONALE Prof. Cesare Pitea email cesare.pitea@unipr.it ricevimento mercoledì 9:30/11:30 1 PARTE I: LA

Dettagli

E l Europa decide di non decidere, ma non rinuncia a farci la predica

E l Europa decide di non decidere, ma non rinuncia a farci la predica E l Europa decide di non decidere, ma non rinuncia a farci la predica Sulla crisi della Libia e dei profughi del Nord Africa che sbarcano sulle coste italiane l Europa ha rivelato la sua assenza più clamorosa.

Dettagli

Capitolo 7 2 LE PRATICHE QUOTIDIANE DI VALUTAZIONE. Negli Stati Uniti si considera che ogni ragazzo abbia delle abilità diverse rispetto gli altri, e

Capitolo 7 2 LE PRATICHE QUOTIDIANE DI VALUTAZIONE. Negli Stati Uniti si considera che ogni ragazzo abbia delle abilità diverse rispetto gli altri, e Capitolo 7 2 LE PRATICHE QUOTIDIANE DI VALUTAZIONE. Negli Stati Uniti si considera che ogni ragazzo abbia delle abilità diverse rispetto gli altri, e siccome la valutazione si basa sulle abilità dimostrate

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 4174 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI GIDONI, ALESSANDRI, ALLASIA, BITONCI, BONINO, BRAGANTINI, BUONANNO, CAPARINI, CAVALLOTTO,

Dettagli

Storia e valori del servizio civile

Storia e valori del servizio civile Storia e valori del servizio civile Il servizio civile nazionale rappresenta l ultimo passaggio in Italia del lungo viaggio durato oltre 50 anni dall obiezione di coscienza al servizio militare Il dovere

Dettagli

Diritto alla residenza per gli occupanti un alloggio senza titolo e per le persone senza fissa dimora

Diritto alla residenza per gli occupanti un alloggio senza titolo e per le persone senza fissa dimora Diritto alla residenza per gli occupanti un alloggio senza titolo e per le persone senza fissa dimora 1. Il punto di partenza indiscutibile è quello, sottolineato più volte da tutti, che l iscrizione anagrafica

Dettagli

La destinazione dell uomo

La destinazione dell uomo Lettura 2 Johann Gottlieb Fichte La destinazione dell uomo Johann Gottlieb Fichte, Lezioni sulla missione del dotto, a cura di G.P. Marotta, Bergamo, Minerva Italica, 1969, pp. 47-53, 56-57, 59-60 Nel

Dettagli

L attività della Guardia di Finanza di Palermo nel contrasto alla criminalità organizzata, alla corruzione ed al riciclaggio.

L attività della Guardia di Finanza di Palermo nel contrasto alla criminalità organizzata, alla corruzione ed al riciclaggio. L attività della Guardia di Finanza di Palermo nel contrasto alla criminalità organizzata, alla corruzione ed al riciclaggio. Gen. B. Stefano Screpanti Nel porgere un sentito saluto agli illustri Deputati

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Abbreviazioni... INTRODUZIONE OGGETTO E FINALITÀ DELL INDAGINE

INDICE SOMMARIO. Abbreviazioni... INTRODUZIONE OGGETTO E FINALITÀ DELL INDAGINE INDICE SOMMARIO Abbreviazioni... XV INTRODUZIONE OGGETTO E FINALITÀ DELL INDAGINE 1. I tribunali penali internazionalizzati: nozione. Origine e inquadramento del fenomeno... 1 2. Problemi di classificazione

Dettagli

5. Le potenzialità delle misure di prevenzione patrimoniali nel contrasto del terrorismo internazionale.

5. Le potenzialità delle misure di prevenzione patrimoniali nel contrasto del terrorismo internazionale. P.IV, S.I, C.I, 5 Nuove norme sul procedimento di prevenzione 207 Nel delicato equilibrio tra sicurezza e libertà che sta sullo sfondo delle moderne strategie di contrasto del terrorismo internazionale,

Dettagli

Mario Albertini. Tutti gli scritti VIII. 1979-1984. a cura di Nicoletta Mosconi. Società editrice il Mulino

Mario Albertini. Tutti gli scritti VIII. 1979-1984. a cura di Nicoletta Mosconi. Società editrice il Mulino Mario Albertini Tutti gli scritti VIII. 1979-1984 a cura di Nicoletta Mosconi Società editrice il Mulino Nota sulla Polonia Il caso polacco ha valore storico, nel senso che pone per tutti, e non solo per

Dettagli

A proposito delle Tigri Tamil: precisazioni penalistiche

A proposito delle Tigri Tamil: precisazioni penalistiche Reati contro la Personalità dello Stato La decisione A proposito delle Tigri Tamil: precisazioni penalistiche Iolanda D Alessandro Associazione con finalità di terrorismo o di eversione dell ordine democratico

Dettagli

www.servizisocialionline.it Sezione Articoli L auto/mutuo aiuto e il conflitto:

www.servizisocialionline.it Sezione Articoli L auto/mutuo aiuto e il conflitto: www.servizisocialionline.it Sezione Articoli L auto/mutuo aiuto e il conflitto: Spunti di riflessione per operatori sociali e facilitatori di gruppi di auto/mutuo aiuto. di Silvia Clementi* Le dinamiche

Dettagli

Dispense di Filosofia del Linguaggio

Dispense di Filosofia del Linguaggio Dispense di Filosofia del Linguaggio Vittorio Morato II settimana Gottlob Frege (1848 1925), un matematico e filosofo tedesco, è unanimemente considerato come il padre della filosofia del linguaggio contemporanea.

Dettagli

Sentenza della Corte (Grande Sezione), del 26 febbraio 2013, Stefano Melloni/Ministerio Fiscal, C-399/11

Sentenza della Corte (Grande Sezione), del 26 febbraio 2013, Stefano Melloni/Ministerio Fiscal, C-399/11 Questa Sezione contiene le conclusioni degli Avvocati Generali unitamente alle relative sentenze in materia di cooperazione di polizia e giudiziaria in materia penale nonché di diritti fondamentali dell

Dettagli

Diritto Internazionale Umanitario. Istruttore DIU s.lla Mirella Giambartolomei

Diritto Internazionale Umanitario. Istruttore DIU s.lla Mirella Giambartolomei Diritto Internazionale Umanitario Istruttore DIU s.lla Mirella Giambartolomei LA CROCE ROSSA E L UNICA IDEA IN NOME DELLA QUALE NON E MAI STATO UCCISO NESSUNO Jean Pictet Cos è il D.I.U.? Un settore del

Dettagli

LE INDAGINI DIFENSIVE Legge 7 dicembre 2000, n. 397

LE INDAGINI DIFENSIVE Legge 7 dicembre 2000, n. 397 LE INDAGINI DIFENSIVE Legge 7 dicembre 2000, n. 397 di VALENTINO SCATIGNA Questo testo ripropone alcuni passaggi della conferenza del Prof. Carlo Taormina, Docente di Procedura penale all Università Tor

Dettagli

PROPORZIONALITÀ DELLE CURE

PROPORZIONALITÀ DELLE CURE 1 2 PROPORZIONALITÀ DELLE CURE Principio della proporzionalità delle cure: si deve intervenire sul paziente tanto quanto serve alla sua salute, né più né meno. Ciò si valuta nella totalità della persona

Dettagli

dott. Daniel Segre I PRINCIPI GIURIDICI DELL AUTODIFESA

dott. Daniel Segre I PRINCIPI GIURIDICI DELL AUTODIFESA dott. Daniel Segre I PRINCIPI GIURIDICI DELL AUTODIFESA OBIETTIVI DEL CORSO MGA PARTE GIURIDICA Conoscere il quadro giuridico Riconoscere l ambito della legittima difesa Difendersi dalle leggi Evitare

Dettagli