4 IL RISCHIO TECNOLOGICO

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "4 IL RISCHIO TECNOLOGICO"

Transcript

1 4 IL RISCHIO TECNOLOGICO Andrea Carpignano* Introduzione La progettazione, realizzazione e gestione di sistemi e infrastrutture produce un inevitabile impatto sul contesto socio-economico in cui queste vengono inserite, impatto che può essere di natura positiva (si pensi al beneficio economico derivante da un nuovo insediamento produttivo), ma anche di carattere negativo, basti pensare all occupazione del suolo, all impatto visivo, all eventuale inquinamento atmosferico che l insediamento stesso produce. Tra gli impatti negativi è bene differenziare quelli con carattere di ordinarietà, detti anche impatti di routine (ad esempio l emissione di fumi a camino per un impianto di produzione di energia elettrica), da quelli di carattere incidentale che si manifesteranno solo in caso di incidente ossia di comportamento anomalo e inatteso del sistema o infrastruttura (ad esempio un rilascio di sostanze tossiche a seguito di rottura di una tubazione). L analisi del rischio tecnologico mira all identificazione, quantificazione e valutazione degli impatti di carattere incidentale che potrebbero verificarsi durante la vita del sistema. L aggettivo tecnologico intende focalizzare l attenzione sui rischi derivanti da infrastrutture e sistemi di carattere tecnologico quali stabilimenti produttivi, stabilimenti di stoccaggio, infrastrutture e sistemi di trasporto. L attenzione è particolarmente rivolta in questa sede ai rilasci incontrollati di energia (esplosioni, incendi) o rilasci e dispersione di sostanze tossiche o inquinanti. Da questa breve introduzione, emerge subito il carattere sistemico e interdisciplinare del problema: studiare il rischio tecnologico significa prevedere i possibili malfunzionamenti di un sistema, identificarne le conseguenze, valutarne l impatto sul territorio in cui il sistema è collocato ed in particolare sulle sue * Politecnico di Torino, Dipartimento di energetica. 125

2 Andrea Carpignano componenti antropiche, infrastrutturali e ambientali, facendo interagire competenze in ingegneria, chimica, fisica ambientale, tossicologia, urbanistica ed altre ancora. Il rischio tecnologico mira quindi a quantificare il danno sul territorio derivante da incidenti che possano verificarsi durante la realizzazione e gestione di sistemi e infrastrutture; nel contempo ne individua le criticità suggerendo azioni di prevenzione e mitigazioni che rendano tale rischio socialmente accettabile. Il capitolo intende proporre al lettore gli approcci alla valutazione e le problematiche derivanti dall analisi dei rischi tecnologici con particolare riferimento alla pianificazione territoriale in prossimità di stabilimenti industriali a rischio di incidente rilevante di cui al D.M. 9 maggio 2001 Requisiti minimi di sicurezza in materia di pianificazione urbanistica e territoriale per le zone interessate da stabilimenti a rischio di incidente rilevante. Il Rischio Il concetto di Sicurezza è del tutto astratto in quanto descrive una situazione caratterizzata dall assenza di possibili danni; il suo carattere di astrazione fa sì che la sicurezza non sia quantificabile. I tecnici, al fine di valutare la sicurezza di un contesto ricorrono allora alla valutazione di quanto questo si trovi distante dalle condizioni di sicurezza. Questa distanza è definita con il termine di rischio. Il rischio esprime infatti la possibilità che si verifichi un evento indesiderato, quindi associato ad un danno, di carattere incerto, ossia non sempre stimabile con precisione a priori. Dal punto di vista matematico il rischio viene solitamente definito come il prodotto della frequenza (eventi/anno) di accadimento dell evento indesiderato (incidente) moltiplicata per il danno associato all incidente stesso (danno/incidente): R [danni/anno] = f [eventi/anno] x d [danni/evento] 126 Il rischio sarà quindi espresso in danni/anno. Il danno, a seconda dei casi, potrà essere stimato in termini di decessi, numero di feriti, danni ambientali, costo del ripristino di infrastrutture danneggiate ecc. Il rischio consente quindi di pesare i danni che possono derivare dagli incidenti, con la frequenza di accadimento di questi ultimi; questo comporta che eventi molto dannosi ma caratterizzati da una frequenza di accadimento trascurabile possano presentare un rischio decisamente inferiore rispetto ad eventi a danno limitato ma di accadimento frequente. Si tratta, in altre parole, di mediare, su una base probabilistica, i danni che ci si aspetta da una certa tecnologia. Questa definizione fa anche comprendere come il rischio nullo, al pari della sicurezza assoluta, sia una pura astrazione: qualunque attività umana può comportare imprevisti, incidenti e di conseguenza dei danni. Sarà cura dell analista di rischio valutarli accuratamente al fine di decidere le strategie migliori in grado di prevenire l incidente o mitigarne le conseguenze.

3 A titolo di esempio, si pensi di dover valutare il rischio di morte per incidente stradale. Ciascuno di noi, quando decide di far ricorso all automobile per spostarsi, si accolla un rischio che esprime il potenziale danno che potrebbe subire qualora fosse coinvolto in un incidente. Con riferimento ad una collettività, estraendo i dati dalle statistiche disponibili, si avrà: frequenza = incidenti/anno danno = 1/300 morti/incidente Rischio = f x d = 6000 morti/anno. Il costo probabilistico (danno) della collettività sarà pari a 6000 morti/anno. Se l attenzione è posta sulla sorgente del rischio (come avviene nel caso precedente in cui la sorgente del rischio è l uso dell auto), il rischio che si valuta è un Rischio Collettivo che rappresenta cioè il danno probabilistico subìto da una collettività a causa della realizzazione o dell utilizzo di una certa tecnologia. Altre volte l attenzione è focalizzata sull individuo che subisce il rischio: in questi casi si valuterà un Rischio Pro capite espresso in danni/anno*persona, in grado di esprimere il danno probabile a cui il singolo individuo sarà sottoposto a causa dell utilizzo o della realizzazione di quel sistema. Nell esempio sopra riportato, volendo determinare il Rischio Individuale medio della collettività, nell ipotesi di di individui si avrà: Rischio Individuale (medio) = Rischio/Individui esposti = 1.1 x 10-4 morti/anno*persona. Ne risulta che, mediamente, chiunque decida di avvalersi dell automobile per i suoi spostamenti incrementa il proprio rischio di morte del contributo sopra calcolato. 4 - Il rischio tecnologico La percezione del rischio La valutazione del rischio è un momento non solo tecnico, ma anche socio-politico, in quanto su questa base si viene a definire l accettabilità sociale o l inaccettabilità di una nuova opera. In quest ottica diventa importante approfondire le problematiche connesse alla percezione del rischio da parte della collettività e soprattutto è importante capire in che misura tale percezione sposa la definizione fornita poco sopra che vede il rischio ottenuto dal prodotto della frequenza per il danno. La definizione matematica fornita per il rischio tende infatti a pesare in modo paritario la frequenza di accadimento e il danno associato, e quindi ci suggerisce che eventi catastrofici ma caratterizzati da probabilità bassissima devono essere accettati quanto eventi quotidiani con danno relativamente lieve. A titolo di esempio si consideri (i valori indicati sono puramente indicativi): Evento A: cedimento di una diga Evento B: incidente ferroviario F = 6 x 10-5 eventi/anno f = 12 eventi/anno d = morti/evento d = 5 morti/evento R= f x d = 60 morti/anno R = f x d = 60 morti/anno 127

4 Andrea Carpignano Se fossero realistici i dati indicati, i due eventi sarebbero caratterizzati da uno stesso valore del rischio; pertanto dovrebbero essere considerati egualmente accettabili. Quest ultima affermazione in genere trova il disappunto dell opinione pubblica che percepisce in modo molto più marcato i rischi connessi a gravi conseguenze che si manifestano una tantum, rispetto ad eventi caratterizzati da conseguenze modeste anche se molto più frequenti. Molti sono preoccupati dall uso dell aereo ed utilizzano tranquillamente l auto, anche se il rischio ad esso associato è di gran lunga inferiore a quello associato all uso dell automobile. Questa percezione deriva chiaramente dalla pressione dei mass media che enfatizzano eventi con conseguenze pesanti e prestano minore attenzione allo stillicidio di incidenti meno gravi ma che mediamente comporta perdite ingenti. È il caso ad esempio degli incidenti stradali. Inoltre, l evento a danno limitato e ad alta frequenza in genere è connesso ad attività volontarie (l uso dell auto, la pratica di uno sport pericoloso ecc.) mentre le grandi catastrofi sono connesse a infrastrutture imposte da altri (l impianto industriale pericoloso) o a incidenti di sistemi gestiti da altri (l aeroplano) e pertanto ci si sente impotenti in caso di imprevisti. D altra parte questa percezione deformata verso gli eventi con conseguenze gravose non è del tutto erronea: gli eventi catastrofici in genere si manifestano su un gruppo sociale circoscritto con pesanti conseguenze sul tessuto sociale, viceversa eventi frequenti ma di piccola entità sono più distribuiti e quindi con una ricaduta trascurabile sul tessuto sociale nel suo complesso. In quest ottica potrebbe essere più ragionevole utilizzare una definizione del rischio più vicina alla percezione della collettività, che pesi maggiormente i danni, come qui oltre indicato: R = f x d k con k > 1 Queste considerazioni desiderano quindi puntualizzare che il ruolo del tecnico, analista del rischio, dovrà limitarsi a valutare con la dovuta accuratezza i fattori che permettono la quantificazione del rischio e cioè la frequenza f e il danno d. Viceversa la loro aggregazione mediante relazioni di semplice prodotto o relazioni più articolate sarà una decisione non più tecnica, ma di carattere socio-politico, con la quale il tecnico dovrà confrontarsi nell assolvimento dei suoi compiti. L accettabilità del rischio 128 La quantificazione del rischio diventa uno strumento decisionale in quanto può essere utilizzata per decidere sull accettabilità o meno di un nuovo impianto o infrastruttura: la decisione può essere basata su un criterio comparativo che confronti la situazione precedente alla realizzazione della nuova opera e quella che si avrà a seguito della nuova realizzazione, ma altre volte dovrà essere di carattere assoluto non potendo scegliere tra scenari alternativi.

5 In questo caso nasce un nuovo problema: la definizione di un criterio di accettabilità. La prassi adottata nei diversi paesi è alquanto differenziata, l approccio però formalmente più avanzato è rappresentato dall utilizzo di soglie di accettabilità e inaccettabilità del rischio, pratica ormai consolidata nei paesi del Nord Europa dove la cultura del rischio è ben radicata. Un esempio è riportato in fig. 1. F (ev./anno) 4 - Il rischio tecnologico 5.0 E-5 NON ACCETTABILE 5.0 E-6 ALARA 5.0 E-7 ACCETTABILE D (morti) Figura 1. Criteri di accettabilità del rischio. Ogni incidente potrà essere rappresentato nel diagramma come un punto essendo caratterizzato da una frequenza e da un danno. Se il punto ricade nella zona caratterizzata da alte frequenze ed alti danni l incidente non sarà accettabile e quindi si dovranno adottare delle misure di prevenzione (riduzione della frequenza spostamento del punto verso il basso) o di mitigazione (riduzione del danno spostamento del punto verso sinistra) che lo riportino in zona di accettabilità. Se viceversa l incidente ricade nella zona caratterizzata da basse frequenze e bassi danni, il rischio associato sarà del tutto accettabile e non sarà richiesto alcun intervento. Le soglie imposte derivano dalla necessità di non modificare in misura significativa il rischio di morte per incidente a cui ciascun cittadino è già sottoposto nel quotidiano: tale valore si attesta in genere intorno a 6 x 10-4 morti/anno*persona. La fascia centrale, detta ALARA (As Low As Reasonably Achievable) prevede una valutazione della possibilità, con investimenti ragionevoli, di ridurre ulteriormente il rischio. Qualora una ulteriore riduzione fosse eccessivamente onerosa, si considererà il rischio accettabile. Il concetto di ragionevolezza nasce dalla constatazione che la variazione del rischio al crescere degli investimenti ha un andamento iperbolico (fig. 2): se la tecnologia non ha ancora affrontato le problematiche di sicurezza, con piccole spese (DC1) si potrà ridurre in modo marcato il rischio (DR1); viceversa se la tecnologia in questione ha già investito molto sul rischio, una ulteriore riduzione del rischio (DR2), e per di più di piccola entità, avrà costi ingentissimi (DC2), rendendo poco ragionevole l ulteriore investimento. 129

6 Andrea Carpignano Rischio R1 R2 C1 C2 Costo Figura 2. Costi relativi alla riduzione del rischio. In Italia fino ad ora non sono stati definiti dei criteri di accettabilità rigidi per il rischio tecnologico: si tende a discutere in ogni situazione il progetto tra il fabbricante e le autorità al fine di valutarne l eventuale criticità ma soprattutto al fine di definire tutte le migliorie realizzabili per ridurre il rischio ai valori minimi. In altre parole ci si muove sempre con un approccio di tipo ALARA. Solo recentemente, (ed è il caso del D.M. 9 maggio 2001 e dei D.M. 15 maggio 1996 e D.M. 20 ottobre 1998) la normativa italiana ha iniziato a prevedere dei criteri risk based. Questo approccio ha una sua ragionevolezza se si considera che il processo di valutazione del rischio è molto complesso e articolato, sfrutta dati statistici non sempre disponibili e pertanto porta a risultati affetti da incertezze anche rilevanti: in quest ottica, il giustificare una decisione con una soglia prefissata potrebbe essere discutibile. Rischi tecnologici e normativa di riferimento 130 Il rischio tecnologico, come già introdotto, caratterizza i danni che la collettività potrebbe subire a seguito di incidenti durante la realizzazione e gestione di impianti e infrastrutture tecnologiche: si pensi a titolo di esempio al rischio connesso alla gestione di impianti chimici di processo che trattano sostanze pericolose, ai potenziali incidenti in stabilimenti petrolchimici, ai danni derivanti dall incidentalità stradale, ferroviaria e navale connessi al trasporto di sostanze pericolose. Ad oggi l attenzione è posta in particolar modo su impianti o infrastrutture in cui siano presenti o viaggino sostanze pericolose per l uomo o per l ambiente: sostanze tossiche, sostanze inquinanti, sostanze incendiabili o esplodibili, sostanze batteriologiche, sostanze radioattive. Non si affrontano in questa sede gli altri rischi tecnologici che non coinvolgono il D.M. 9 maggio 2001, quali i rischi connessi a grandi opere civili (cedimenti di dighe, crollo di ponti), oppure incidenti tecnologici di infrastrutture di trasporto passeggeri (incidenti aerei, ferroviari, navali).

7 Gli impianti fissi, che trattano o stoccano sostanze pericolose (Impianti a Rischio di Incidente Rilevante) sono oggi sottoposti alla Direttiva Seveso II (96/82/CE) recepita in Italia dal D.Lgs. n. 334/99 che prevede un accurata analisi del rischio dell impianto con riferimento al territorio in cui esso è insediato al fine di dimostrare che tutti i rischi presenti sono opportunamente controllati e ridotti a livelli minimi e accettabili. La normativa oggi in vigore in particolare prevede che: 1. il fabbricante, mediante un accurata analisi dei rischi, dimostri all autorità che i rischi presenti nell impianto sono opportunamente controllati e mantenuti a livello accettabile; 2. il fabbricante informi la popolazione dei possibili incidenti che potrebbero coinvolgere l impianto e l area ad esso circostante; 3. il fabbricante rediga un piano di emergenza interno per gestire eventuali incidenti; 4. il fabbricante adotti un Sistema di Gestione della Sicurezza (SGS) che permetta di mantenere nel tempo le caratteristiche di sicurezza dell impianto definite in fase di progetto; 5. le Autorità competenti per la pianificazione del territorio definiscano le modalità di pianificazione del territorio al fine di rendere compatibile la presenza di insediamenti a rischio di incidente rilevante con il tessuto socio-economico esistente (D.M. 9 maggio 2001). La situazione è diversa per i trasporti; ad oggi il trasporto di sostanze pericolose è normato solo in termini prescrittivi (ad es. ADR per i trasporti stradali, RID per i trasporti ferroviari) e nessuna normativa prevede una valutazione dei rischi che contempli il sistema di trasporto, l infrastruttura e il territorio su cui l attività si sviluppa. In altre parole, l ADR, il RID e le altre norme relative al trasporto di sostanze pericolose forniscono unicamente regole sulla realizzazione dei mezzi, sulla circolazione, sugli apprestamenti di sicurezza, ma nessuna norma oggi in vigore prevede che un analisi a posteriori verifichi il reale controllo dei rischi. L unica eccezione è rappresentata dai depositi ferroviari e dagli interporti che ricadono sotto la Direttiva Seveso II e dalle aree ad elevata concentrazione di impianti a rischio di incidente rilevante per le quali la Seveso II prescrive un analisi di rischio d area che prenda in attenta considerazione tutti i rischi presenti nell area e pertanto anche l attività di trasporto realizzata. L importanza che assume oggi la valutazione dei rischi tecnologici, sia in riferimento agli impianti che ai trasporti, è ribadita dalle statistiche di incidente (Vilchez et al., 1995): nel periodo sono stati registrati sulle banche dati di incidenti internazionali (MHIDAS HSE) 5325 incidenti che hanno coinvolto sostanze pericolose, di cui il 39% durante attività di trasporto; il 51,4% degli incidenti ha avuto effetti letali, 26 incidenti hanno causato ciascuno più di cento decessi, in 6 casi si sono avuti più di 1000 decessi. Sono ben conosciuti eventi come Flixborough, UK (28 decessi), Bhopal, India (più di 2600 decessi immediati) ed il più recente incidente nella città di Tolosa (settembre decessi) Il rischio tecnologico

8 Andrea Carpignano Nei trasporti la situazione non è più rosea se si pensa che a causa di un ribaltamento di un autocisterna di propilene, in prossimità di un campeggio in San Carlos de la Rapita (Spagna), nel 1978, si sono avuti 211 decessi. L analisi di rischio L analisi di rischio si pone quindi come obiettivo l individuazione di tutti i pericoli presenti nel sistema e degli eventi che possono scatenare tali pericoli portando a sequenze incidentali che comportano danni per le persone, l ambiente o anche solo l infrastruttura stessa. Questo tipo di analisi, prescritto per gli impianti soggetti alla Direttiva Seveso II, è ormai consueta per ogni tipo di impianto o infrastruttura che ricada nell ambito delle direttive sulla Valutazione di Impatto Ambientale (VIA) che oltre a valutare gli impatti di routine, dovrà valutare anche gli impatti derivanti da eventi di carattere incidentale. L analisi si articola nelle fasi illustrate in fig. 3. Inizio Definizione del sistema Identificazione dei pericoli Analisi storica HAZID HAZOP FMECA Non critici Selezione eventi critici Matrici di rischio Critici Raggruppamento eventi iniziatori Studio sequenze incidentali Alberi degli eventi Alberi dei guasti Modelli di simulazione Banche dati Analisi probabilistica Simulazione incidenti Definizione contromisure Non accettabi le Valutazione del Rischio Accettabile Criteri di accettabilità Fine 132 Figura 3. La struttura dell analisi di rischio.

9 La prima fase consiste nel definire in modo esaustivo l oggetto dell analisi: si dovrà caratterizzare il sistema in modo accurato (layout, impianti, componenti, sistema di controllo, procedure operative ecc.), il sito in cui il sistema è collocato (meteorologia, demografia, presenza di infrastrutture ecc.), informazioni sulle procedure di gestione e di manutenzione, definizione dei contorni del sistema. L identificazione dei pericoli è finalizzata a mettere in evidenza tutti i pericoli e gli eventi che possono essere origine di situazioni incidentali gravi. Questa analisi deve essere sistematica e completa al fine di non trascurare nessuno dei pericoli presenti. L approccio, di tipo qualitativo, prevede il ricorso a tecniche tabellari che, sistematicamente, esaminano tutti gli aspetti del sistema in termini di componenti presenti e relativi modi di guasto, processi realizzati e possibili deviazioni, presenza di eventi esterni al sistema che possono provocare incidenti, procedure operative di gestione e/o manutenzione che in caso di errore possono scatenare eventi gravi. Un supporto a questa indagine può essere fornito dall esame di banche dati di incidente (Analisi storica) che potrebbero suggerire eventi aggiuntivi che si sono già rivelati pericolosi in sistemi similari. Per tutti i pericoli e gli eventi identificati si procede ad una valutazione qualitativa di rischio che consente di identificare gli eventi ritenuti più critici. Il risultato di questa prima fase di analisi consiste quindi in una lista di eventi, ciascuno caratterizzato da un livello di rischio in termini qualitativi; a seguito di questo primo screening si identificano immediatamente alcune migliorie progettuali e gestionali per gli eventi meno critici e si selezionano gli eventi che richiedono uno studio più approfondito al fine di valutarne il rischio in termini quantitativi. Gli eventi critici prevedono quindi un approfondimento con tecniche di analisi decisamente più sofisticate che per ciascun evento siano in grado di definire le possibili sequenze incidentali, la rispettiva frequenza di accadimento e il danno associato. Essendo l attività piuttosto onerosa, queste valutazioni sono precedute da un raggruppamento di questi eventi critici al fine di costituire dei gruppi omogenei di eventi che comportano sequenze incidentali simili. Questo consente di approfondire l analisi su un evento di riferimento (Eventi Iniziatori) per ogni gruppo, onde evitare ripetizioni che si rivelano piuttosto costose senza aggiungere informazioni utili allo studio. Gli eventi di riferimento possono essere di diverso tipo: guasti di componenti, rotture, errori di gestione, errori di manutenzione, eventi esterni quali terremoti, inondazioni, incendi o esplosioni esterne. Per ogni evento ritenuto significativo e rappresentativo si delineano le sequenze incidentali che questo potrebbe comportare costruendo una struttura logica (Albero degli eventi, fig. 4) che descrive tutti i possibili scenari di incidente che possono derivare dall evento, a seconda che i sistemi di protezione e mitigazione intervengano correttamente o meno. In questo modo si ottiene una descrizione delle possibili storie dell incidente, al fine di caratterizzare ciascuna con una frequenza di accadimento ed un danno. Sul diramarsi dell albero degli eventi potranno anche influire i fenomeni naturali: la presenza di inneschi di nubi esplosive, la presenza di vento ecc Il rischio tecnologico

10 Andrea Carpignano Evento iniziatore di Riferimento (RIE) Sistema di Blocco Disponibile Innesco Sistema Antincendio Sequenza incidentale SEQ. 1 Rottura di tubazione No (dispersione) SEQ. 2 Non Disponibile (rilascio) Disponibile SEQ. 3 Si Non Disponibile (incendio) SEQ. 4 Figura 4. Esempio di albero degli eventi. La stima della frequenza di accadimento relativa alla sequenza incidentale richiede la determinazione della frequenza di accadimento dell Evento Iniziatore e di tutte le probabilità condizionate degli eventi che completano la sequenza. Queste informazioni saranno tratte da banche dati commerciali oppure da informazioni derivanti dall esperienza di impianto. Per gli eventi di natura complessa, quale ad esempio il guasto di una sistema di protezione (es. Antincendio), non essendo possibile ricorrere a dati statistici (i sistemi sono molto diversificati tra loro e quindi non esiste una statistica buona) si ricorrerà a tecniche analitiche che consentono di descrivere il guasto del sistema in termini di guasti più elementari dei suoi componenti (Albero dei guasti), eventi per i quali i dati statistici sono più facilmente rintracciabili. Seguendo questo approccio sarà possibile abbinare ad ognuna delle sequenze incidentali identificate, la frequenza incidentale attesa in termini di occorrenze/anno. La stima delle conseguenze, e quindi del danno, prevede invece la simulazione, mediante opportuni modelli, dei fenomeni incidentali delineati sull albero degli eventi (rilascio di sostanza, dispersione, innesco, incendio ecc.) al fine di delineare l estensione dell area di danno per ciascuna sequenza identificata, nonché stimare il danno relativo. Analisi delle conseguenze di incidente 134 I fenomeni più usualmente studiati nell analisi delle conseguenze sono di seguito brevemente descritti. Rilasci di sostanze. Ogni evento incidentale grave è spesso caratterizzato da un rilascio di sostanza pericolosa che potrà presentare stato gassoso, liquido o bifase. La simulazione del rilascio richiede informazioni sul tipo di sostanza, lo stato fisico, le condizioni di stoccaggio o trasporto, le dimensioni previste per la

11 rottura o comunque l area della sezione di rilascio, la presenza di sistemi di blocco in grado di intercettare la perdita. I risultati attesi dalla simulazione consistono nella stima della quantità rilasciata e la durata del fenomeno. Dispersione in atmosfera. La sostanza rilasciata tenderà a disperdersi in atmosfera, se gassosa, oppure a formare pozze sul terreno se liquida; si avranno i due fenomeni concomitanti in caso di rilasci bifase o di liquidi altamente volatili. In ogni caso lo studio dovrà valutare, sulla base delle sostanze rilasciate, dell eventuale formazione di pozza, la dinamica della nube in atmosfera e quindi le concentrazioni di inquinanti che si avranno con l evolvere dell incidente nell area circostante il sistema, anche a grandi distanze. Solitamente si vanno a monitorare soglie di concentrazione ben definite: nel caso di sostanze infiammabili o esplodibili si individuano le aree in cui la concentrazione rientra tra i limiti inferiore e superiore di infiammabilità, zona in cui si potrebbe verificare l incendio o l esplosione; per quanto concerne i rilasci di sostanze tossiche si fa riferimento alle aree in cui la concentrazione supera i valori di IDLH (Immediately Dangerous to Life or Health) e la soglia di mortalità LC50. L area all interno della quale si supera la soglia LC50 si prevede sia caratterizzata da un elevata letalità, mentre l area con concentrazioni comprese tra IDLH e LC50 vedranno il verificarsi di lesioni irreversibili anche se non letali. Le aree a concentrazioni inferiori a IDLH potranno considerarsi prive di conseguenze irreversibili anche se potranno essere colpite le fasce di popolazione più a rischio (bambini, anziani, malati cronici). Dispersione di inquinanti nel terreno o nelle acque. La dispersione di inquinanti liquidi nel terreno o nelle acque è solitamente di maggior interesse nelle analisi di rischio di infrastrutture di trasporto in quanto le installazioni fisse sono generalmente dotate di bacini di contenimento in grado di prevenire la dispersione di tali sostanze. Nel caso di sistemi di trasporto l incidente può verificarsi in qualunque area del territorio e quindi provocare un inquinamento del terreno, delle acque superficiali e sotterranee. La simulazione di questi fenomeni richiederà un accurata caratterizzazione del suolo, dei corsi d acqua e dei bacini al fine di determinare, con opportuni modelli, le mappe di concentrazione dell inquinante, la sua mobilità e la sua persistenza, nonché l impatto che questo potrebbe assumere sulla catena alimentare. Incendi. Gli incendi che possono essere categorizzati come grandi rischi industriali, sono generalmente da ricondursi al rilascio di sostanze combustibili gassose o liquide. Dal punto di vista del rischio industriale, particolarmente importanti sono gli incendi di liquidi, vapori e gas; per ottenere la combustione è necessaria la compresenza di combustibile (il gas o vapore), il comburente (ossigeno o aria) e un energia di innesco che può essere una scintilla, una fiamma, una superficie calda e altre fonti di energia; si tenga in ogni caso presente che i liquidi non si incendiano direttamente, ma la combustione si genera tra i vapori prodotti dal liquido stesso e l ossigeno presente. Affinché la combustione si autosostenga la concentrazione del combustibile in aria dovrà essere entro i limiti inferiore e superiore di infiammabilità che esprimono la concentrazione in volume del com Il rischio tecnologico

12 Andrea Carpignano 136 bustibile nella miscela aria-combustibile. Il limite inferiore indica la soglia sotto la quale la miscela è troppo povera per sostenere la combustione, il limite superiore la soglia oltre la quale la miscela è troppo ricca. I danni da incendio sono generalmente provocati direttamente dal coinvolgimento tra le fiamme di persone e infrastrutture oppure dall irraggiamento termico che si viene a creare nell area circostante l incendio. Le soglie di riferimento usualmente utilizzate per valutare i danni da irraggiamento sono: 12.5 kw/m 2 danni gravi alle strutture e danni letali per l uomo; 5 kw/m 2 danni rilevanti alle strutture e danni gravi sull uomo. A seconda della dinamica dell incidente si distinguono solitamente i seguenti fenomeni: JET FIRE: si verifica in caso di rilascio di gas in pressione con innesco immediato. Si produce un dardo di fuoco in prossimità della sezione di rilascio che rimarrà alimentata fino al completo esaurimento della sostanza combustibile. Il jet fire potrà avere effetti gravi sulle persone eventualmente presenti in prossimità della rottura, ma potrà danneggiare anche strutture adiacenti per le quali non si disponesse di adeguati sistemi di raffreddamento di emergenza. Si tenga conto che i jet fire possono raggiungere anche lunghezze considerevoli dell ordine di diverse decine di metri. FLASH FIRE: si tratta dell innesco di una nube di gas dispersa in atmosfera. Anche in questo caso i danni potranno riguardare sia le persone che si trovassero in prossimità della nube, sia le strutture presenti. POOL FIRE: si tratta di un incendio di pozza, segue solitamente un rilascio di combustibili liquidi. Come nei casi sopra citati ci si aspettano danni dovuti a irraggiamento termico verso le persone e verso le strutture circostanti. FIREBALL: generalmente associato ad un cedimento catastrofico di un serbatoio pressurizzato contenente un gas infiammabile, si manifesta con una nube infuocata di forma sferica che si innalza nel cielo fino ad esaurimento del combustibile contenuto. Si tratta di fenomeni molto rapidi, della durata non superiore al minuto, ma estremamente pericolosi in quanto l innalzamento al cielo permette un irraggiamento molto esteso ed intenso. ESPLOSIONI. Le esplosioni consistono in repentini rilasci di energia che si propaga nell ambiente sotto forma di onda di pressione. Si distinguono due grandi categorie: le esplosioni fisiche (o scoppi), generalmente associate al cedimento di serbatoi in pressione, e le esplosioni di natura chimica, associate alla rapida combustione di sostanze infiammabili. L esplosione si manifesta quindi con una sovrapressione che può essere dannosa per l uomo (danni ai timpani, ai polmoni, fino allo sfondamento della cassa toracica) e le strutture. Si considera solitamente letale una sovrapressione superiore a 0,3 bar e dannosa una sovrapressione di 0,07 bar. La prima è già in grado di causare anche danni gravi a strutture, la seconda è in grado di rompere vetrate o strutture fragili. Un danno indiretto dell esplosione è dovuto alla proiezione di frammenti che possono anch essi diventare letali o distruttivi per i bersagli.

Le condizioni necessarie affinché si produca una combustione sono l esistenza

Le condizioni necessarie affinché si produca una combustione sono l esistenza INCENDI Nell industria di processo l incendio rappresenta il processo più frequente: il calore prodotto e irraggiato provoca generalmente notevoli danni all impianto e pone in serio pericolo l incolumità

Dettagli

Rischio incidente chimico-industriale

Rischio incidente chimico-industriale INTRODUZIONE Alcune attività industriali comportano elevati rischi (rischio nucleare, rischio chimico, ecc.). Nella presente trattazione vengono sviluppate le tipologie di eventi riferite alle industrie

Dettagli

SEZIONE 2 IPOTESI INCIDENTALI

SEZIONE 2 IPOTESI INCIDENTALI Sez 2/pag.1 SEZIONE 2 IPOTESI INCIDENTALI Le zone di pianificazione Per l individuazione delle zone cui deve essere estesa la pianificazione dell emergenza, si prendono in generale in considerazione i

Dettagli

[Tab.1 Elenco settori a maggiore rischio esplosiosione]

[Tab.1 Elenco settori a maggiore rischio esplosiosione] PERICOLO ESPLOSIONE: IL GIUSTO APPROCCIO PER NON CORRERE RISCHI LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO ESPLOSIONE Due direttive europee, la 94/9/CE (ATEX 100a) e la 99/92/CE (ATEX 137), hanno modificato radicalmente

Dettagli

Cap. 1. Cap. 1.1 La valutazione del rischio ambientale dei prodotti chimici nei processi decisionali

Cap. 1. Cap. 1.1 La valutazione del rischio ambientale dei prodotti chimici nei processi decisionali Cap. 1 Cap. 1.1 La valutazione del rischio ambientale dei prodotti chimici nei processi decisionali 1.1.1 Quadro di riferimento: la valutazione del rischio ambientale e l analisi del rischio Il rapido

Dettagli

PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E RISCHI DI INCIDENTI RILEVANTI IN LOMBARDIA ESEMPIO DI PIANIFICAZIONE NEL COMUNE DI RHO

PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E RISCHI DI INCIDENTI RILEVANTI IN LOMBARDIA ESEMPIO DI PIANIFICAZIONE NEL COMUNE DI RHO PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E RISCHI DI INCIDENTI RILEVANTI IN LOMBARDIA ESEMPIO DI PIANIFICAZIONE NEL COMUNE DI RHO A.Romano*, C. Gaslini*, L.Fiorentini, S.M. Scalpellini^, Comune di Rho # * T R R S.r.l.,

Dettagli

La valutazione del rischio d area nelle zone portuali. Il RISP di Genova. Dott. Ing. Tomaso Vairo ARPAL UTCR ASP Grandi Rischi

La valutazione del rischio d area nelle zone portuali. Il RISP di Genova. Dott. Ing. Tomaso Vairo ARPAL UTCR ASP Grandi Rischi La valutazione del rischio d area nelle zone portuali. Il RISP di Genova Dott. Ing. Tomaso Vairo ARPAL UTCR ASP Grandi Rischi Contenuto introduzione e descrizione del caso di studio descrizione delle fonti

Dettagli

Banca dati: strumento di conoscenza

Banca dati: strumento di conoscenza Giorgio Alocci, Natalia Restuccia, Luciano Buonpane Banca dati: strumento Analisi degli eventi incidentali coinvolgenti il GPL nell ultimo triennio dalla banca dati degli interventi dei Vigili del Fuoco

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO PAGINA 1 di 10 SOMMARIO RIFERIMENTI NORMATIVI... 2 PREMESSA... 3 OBBIETTIVI DELLA VALUTAZIONE DEI RISCHI D INCENDIO... 3 CRITERI ADOTTATI NELLA VALUTAZIONE DEI RISCHI D INCENDIO... 4 VALUTAZIONE DEI RISCHI

Dettagli

Igiene e Sicurezza del Lavoro

Igiene e Sicurezza del Lavoro Quadro normativo Igiene e Sicurezza del Lavoro La verifica della compliance normativa ai sensi del Testo Unico della Sicurezza Il D.Lgs. 81/08, noto come Testo Unico della Sicurezza sul lavoro, ha sostituito

Dettagli

Procedura del Sistema Qualità Ambiente

Procedura del Sistema Qualità Ambiente Procedura del Sistema Qualità Ambiente P 75 Individuazione e significatività degli aspetti ambientali Rev. 1 18/12/2008 Pag. 1 di 12 Revisione Natura della modifica Prima emissione 1 Modifica criteri valutazione

Dettagli

CONSIDERAZIONI CONCLUSIVE

CONSIDERAZIONI CONCLUSIVE 514 CONSIDERAZIONI CONCLUSIVE 515 Conclusioni Le Considerazioni conclusive sulla Fase 2 della VIS possono essere sintetizzate in tre punti: 1. La seconda fase dopo lo screening ha approfondito in primo

Dettagli

Impianti e dispositivi di protezione antincendio. Impianti e dispositivi di protezione antincendio

Impianti e dispositivi di protezione antincendio. Impianti e dispositivi di protezione antincendio Impianti Meccanici 1 Danni provocati dagli incendi negli stabilimenti : - diretti : distruzione di macchinari, impianti, merci. - indiretti : mancata produzione Mezzi di prevenzione e Provvedimenti di

Dettagli

Area ad elevata concentrazione di stabilimenti di Novara - S. Agabio

Area ad elevata concentrazione di stabilimenti di Novara - S. Agabio PREFETTURA di NOVARA Ufficio Territoriale del Governo PIANO DI EMERGENZA ESTERNO (Art. 20 D. Lgs. 334/99 e s.m.i.) Area ad elevata concentrazione di stabilimenti di Novara - S. Agabio Comune di Novara

Dettagli

PAOLO BIGGI- I.S.A. 16 ottobre 2013 1

PAOLO BIGGI- I.S.A. 16 ottobre 2013 1 PAOLO BIGGI- I.S.A. 16 ottobre 2013 1 Boiling liquid expanding vapor explosion DEFINIZIONE DI BLEVE -rif. AIChE- PERDITA IMPROVVISA DI CONTENIMENTO DI UN GAS LIQUEFATTO PRESSURIZZATO CHE AL MOMENTO DELLA

Dettagli

IL MINISTERO DELL INTERNO. della Difesa Civile

IL MINISTERO DELL INTERNO. della Difesa Civile IL MINISTERO DELL INTERNO tramite Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile Emana le norme contenenti le misure di Prevenzione e di Protezione contro gli Incendi che

Dettagli

PREVENZIONE INCENDI. Celsino Govoni

PREVENZIONE INCENDI. Celsino Govoni PREVENZIONE INCENDI Celsino Govoni Che cos è un ESPLOSIONE? Cosa c era dentro a quell ambulatorio? Cosa è rimasto di quel centro medico posto in quel paesino!! La causa, a volte, è di piccole dimensioni

Dettagli

Esplosioni di polveri: prevenzione

Esplosioni di polveri: prevenzione Esplosioni di polveri: prevenzione ing. Nicola Mazzei Stazione sperimentale per i Combustibili Divisione di Innovhub-Stazioni Sperimentali Industria Tel: 02-51604.256 Fax: 02-514286 Corso CINEAS: La ricerca

Dettagli

Impianti e dispositivi di protezione antincendio. Impianti industriali 2-2012 1

Impianti e dispositivi di protezione antincendio. Impianti industriali 2-2012 1 Impianti industriali 2-2012 1 RIFERIMENTI NORMATIVI D.M.10/03/98 Criteri generali di sicurezza e per la gestione dell emergenza nei luoghi di lavoro D.M.04/04/98 Elenco attività normate (soggette a CPI)

Dettagli

Decreto Legislativo 09 Aprile 2008, n.81

Decreto Legislativo 09 Aprile 2008, n.81 Corso di Gestione del Cantiere e della sicurezza sui luoghi di lavoro. Classe IIIª B as 2012/2013 Decreto Legislativo 09 Aprile 2008, n.81 20/02/2013 1 Decreto Legislativo 09 Aprile 2008, n.81 Documento

Dettagli

Associazione Volontari della Protezione Civile di Treviglio e Gera d Adda. Comune di TREVIGLIO

Associazione Volontari della Protezione Civile di Treviglio e Gera d Adda. Comune di TREVIGLIO Associazione Volontari della Protezione Civile di Treviglio e Gera d Adda A seguito del noto incidente avvenuto nel 1976, presso lo stabilimento chimico ICMESA di Seveso (MI), sono state emanate norme

Dettagli

Obiettivi e metodologia generale per la progettazione della sicurezza antincendio

Obiettivi e metodologia generale per la progettazione della sicurezza antincendio Profili di rischio Obiettivi e metodologia generale per la progettazione della sicurezza antincendio Progettazione della sicurezza antincendio Progettare la sicurezza antincendio di una attività significa

Dettagli

ANALISI DI RISCHIO SEMIQUANTITATIVA IN SUPPORTO ALLE VALUTAZIONI IN PRESENZA DI ATMOSFERE ESPLOSIVE (ATEX)

ANALISI DI RISCHIO SEMIQUANTITATIVA IN SUPPORTO ALLE VALUTAZIONI IN PRESENZA DI ATMOSFERE ESPLOSIVE (ATEX) ANALISI DI RISCHIO SEMIQUANTITATIVA IN SUPPORTO ALLE VALUTAZIONI IN PRESENZA DI ATMOSFERE ESPLOSIVE (ATEX) T. Pezzo *, D. Vannucci *, G. Uguccioni + * D Appolonia SpA, Genova + D Appolonia SpA, San Donato

Dettagli

METODI PER LA QUANTIFICAZIONE DEL RISCHIO: Alberi di Evento e Alberi di Guasto

METODI PER LA QUANTIFICAZIONE DEL RISCHIO: Alberi di Evento e Alberi di Guasto Corso di Laurea in Ingegneria Aerospaziale METODI PER LA QUANTIFICAZIONE DEL RISCHIO: Docente: Page 1 Quantificazione del Rischio Fase Fase 1. 1. Fase Fase 2. 2. Fase Fase 3. 3. Definizione Definizione

Dettagli

La RSA: introduzione metodologica

La RSA: introduzione metodologica La RSA: introduzione metodologica Cos è la RSA La Relazione sullo Stato dell Ambiente (RSA) è uno strumento di informazione con il quale le Pubbliche Amministrazioni presentano periodicamente ai cittadini

Dettagli

R. REGOLAMENTO U. URBANISTICO E. EDILIZIO. Elaborato tecnico R.I.R.

R. REGOLAMENTO U. URBANISTICO E. EDILIZIO. Elaborato tecnico R.I.R. R. REGOLAMENTO U. URBANISTICO E. EDILIZIO Elaborato tecnico R.I.R. ALLEGATO F DEL REGOLAMENTO URBANISTICO EDILIZIO TITOLO I ELABORATO TECNICO R.I.R. Premessa Il D.M. 9 maggio 2001, in attuazione dell art.

Dettagli

Severità' e Frequenze dei Guasti d'impianto. Fig. 4 Rappresentazione grafica della Procedura FMECA

Severità' e Frequenze dei Guasti d'impianto. Fig. 4 Rappresentazione grafica della Procedura FMECA FMECA La metodologia FMECA (Failure Mode, Effects and Criticality Analysis) è quella della Analisi dei Modi di Guasto come codificata dalle Norme CEI 56.1 (IEC 812,1985), MIL-STD 1629-A. Tale metodologia

Dettagli

FSE, l approccio ingegneristico alla sicurezza antincendio Ing. Pierpaolo Gentile, PhD Direttore del Corpo Nazionale dei Vigili Del Fuoco

FSE, l approccio ingegneristico alla sicurezza antincendio Ing. Pierpaolo Gentile, PhD Direttore del Corpo Nazionale dei Vigili Del Fuoco DIPARIMENTO DEI VIGLI DEL FUOCO DEL SOCCORSO PUBBLICO E DELLA DIFESA CIVULE Ordine degli Ingegneri Provincia di Latina FSE, l approccio ingegneristico alla sicurezza antincendio Ing. Pierpaolo Gentile,

Dettagli

Per la protezione dalle fulminazioni la corretta valutazione del rischio tra norma tecnica e legislazione

Per la protezione dalle fulminazioni la corretta valutazione del rischio tra norma tecnica e legislazione www.ambientesicurezzaweb.it N. 5-11 marzo 2014 33 Per la stima del pericolo il riferimento è la norma CEI EN 62305-2 Per la protezione dalle fulminazioni la corretta valutazione del rischio tra norma tecnica

Dettagli

PIANO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE

PIANO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE PIANO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE PROCEDURA OPERATIVA: RISCHIO GAS Versione 0.0 del 01.07.2011 Redazione a cura di: Corpo Polizia Municipale Reno-Galliera GENERALITA Evento: Guasto o rottura con

Dettagli

PIANO DI MIGLIORAMENTO

PIANO DI MIGLIORAMENTO PIANO DI MIGLIORAMENTO (Articoli 18, 28, 29 D. Lgs. 9 aprile 2008) Data: 02/07/2009 Azienda: Azienda SPA Indirizzo: Via Roma, 1 Città: Milano EDIZIONE DATA DESCRIZIONE FIRMA (datore lavoro) Principale

Dettagli

DOCUMENTI DI ANALISI E APPROFONDIMENTO

DOCUMENTI DI ANALISI E APPROFONDIMENTO SEZIONE II SCENARI DI RISCHIO DOC 2.1 LIVELLI DI ALLERTA MODELLO DI INTERVENTO, SCENARI DI RISCHIO E INFORMAZIONE ALLA POPOLAZIONE Sommario Scenari di rischio...2 Metodologia utilizzata...2 Gli scenari

Dettagli

Studio sul settore del commercio in sede fissa

Studio sul settore del commercio in sede fissa COMUNE DI MASSA (Provincia di Massa Carrara) Studio sul settore del commercio in sede fissa Valutazioni finalizzate alla predisposizione delle norme di pianificazione commerciale da inserire nel Regolamento

Dettagli

LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO

LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO Pagina 1 Terminologia e Definizioni Incidente Evento o serie di eventi accidentali che possono arrecare un danno o Probabilità che l incidente rechi un danno, correlato alle

Dettagli

Le nuove tecnologie nel soccorso dei grandi eventi

Le nuove tecnologie nel soccorso dei grandi eventi Le nuove tecnologie nel soccorso dei grandi eventi _NICOLA COMODO Dipartimento di Sanità Pubblica Università degli Studi di Firenze L IL RUOLO DELLA SANITA PUBBLICA NELLE GRAVI EMERGENZE LA SORVEGLIANZA

Dettagli

Simulazioni acustiche in esterno Andrea Cerniglia hilbert@venus.it

Simulazioni acustiche in esterno Andrea Cerniglia hilbert@venus.it Simulazioni acustiche in esterno Andrea Cerniglia hilbert@venus.it (Estratto da RCI, anno XXV N. 10, ottobre 1998, Tecniche Nuove) Una panoramica sulle opportunità offerte dai programmi di simulazione

Dettagli

La valutazione dei rischi. La valutazione dei rischi -- Programma LEONARDO

La valutazione dei rischi. La valutazione dei rischi -- Programma LEONARDO La valutazione dei rischi La valutazione del rischio è lo strumento fondamentale che permette di individuare le misure di prevenzione e pianificarne l attuazione, il miglioramento ed il controllo al fine

Dettagli

Prevenzione e protezione incendi nelle attività industriali

Prevenzione e protezione incendi nelle attività industriali Prevenzione e protezione incendi nelle attività industriali Scopo della prevenzione incendi è il conseguimento della sicurezza contro gli incendi mediante la determinazione degli strumenti idonei ad ottenere:

Dettagli

REGIONE PIEMONTE AZIENDA SANITARIA LOCALE BI -------------------------------------- Via Marconi, 23 13900 Biella

REGIONE PIEMONTE AZIENDA SANITARIA LOCALE BI -------------------------------------- Via Marconi, 23 13900 Biella REGIONE PIEMONTE AZIENDA SANITARIA LOCALE BI -------------------------------------- Via Marconi, 23 13900 Biella LAVORARE SICURI! Formazione e informazione dei lavoratori per l igiene e la sicurezza sul

Dettagli

LE DIRETTIVE EUROPEE ED IL RUOLO DEGLI ORGANISMI

LE DIRETTIVE EUROPEE ED IL RUOLO DEGLI ORGANISMI LE DIRETTIVE EUROPEE ED IL RUOLO DEGLI ORGANISMI BERGAMO, 20.12.2005 Relatore: dott. ing. Pier Alberto Frighi DIRETTIVE EUROPEE SETTORIALI Documenti promulgati dal Legislatore europeo per gamma di prodotti,

Dettagli

ANALISI DI SCENARI INCIDENTALI ORIGINATI DA ATTACCHI TERRORISTICI NEL TRASPORTO DI MERCI PERICOLOSE

ANALISI DI SCENARI INCIDENTALI ORIGINATI DA ATTACCHI TERRORISTICI NEL TRASPORTO DI MERCI PERICOLOSE ANALISI DI SCENARI INCIDENTALI ORIGINATI DA ATTACCHI TERRORISTICI NEL TRASPORTO DI MERCI PERICOLOSE Lisi R. 2, Maschio G. 1, Milazzo M.F. 2 1 Dipartimento di Principi e Impianti di Ingegneria Chimica,

Dettagli

3 - Cogenerazione tecnologie disponibili, aspetti ambientali e gestionali. Enrico Malusardi Professore a contratto, Politecnico di Milano

3 - Cogenerazione tecnologie disponibili, aspetti ambientali e gestionali. Enrico Malusardi Professore a contratto, Politecnico di Milano 3 - Cogenerazione tecnologie disponibili, aspetti ambientali e gestionali Enrico Malusardi Professore a contratto, Politecnico di Milano PERCHE LA COGENERAZIONE? È la produzione combinata di calore e di

Dettagli

Indagine sul rischio di incidente rilevante da condotte di trasporto di sostanze infiammabili e tossiche nel territorio di Ferrara

Indagine sul rischio di incidente rilevante da condotte di trasporto di sostanze infiammabili e tossiche nel territorio di Ferrara ALMA MATER STUDIORUM - Università degli Studi di Bologna Dipartimento di Ingegneria Chimica, Mineraria e delle Tecnologie Ambientali Indagine sul rischio di incidente rilevante da condotte di trasporto

Dettagli

Capitolo 9 PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI 9 PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI

Capitolo 9 PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI 9 PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI 9 Il Piano per l assetto idrogeologico ha lo scopo di assicurare, attraverso vincoli, direttive e la programmazione di opere strutturali, la difesa del suolo - in coerenza con le finalità generali indicate

Dettagli

ALLEGATO 15. Misure di autoprotezione della Popolazione ALL N 15 MISURE DI AUTOPROTEZIONE DELLA POPOLAZIONE

ALLEGATO 15. Misure di autoprotezione della Popolazione ALL N 15 MISURE DI AUTOPROTEZIONE DELLA POPOLAZIONE PIANO EMERGENZA ESTERNO Pag 1 di 5 ALLEGATO 15 Misure di autoprotezione della Popolazione PIANO EMERGENZA ESTERNO Pag 2 di 5 Generalità Le azioni che le persone devono compiere, e quelle che devono evitare,

Dettagli

Procedure di prevenzione incendi con l approccio. ingegneristico alla sicurezza antincendi Modena 26 Giugno 2007

Procedure di prevenzione incendi con l approccio. ingegneristico alla sicurezza antincendi Modena 26 Giugno 2007 Procedure di prevenzione incendi con l approccio ingegneristico alla sicurezza antincendi Modena 26 Giugno 2007 Ing. Gianfranco Tripi Direzione Regionale Vigili del Fuoco Emilia Romagna gianfranco.tripi@vigilfuoco.it

Dettagli

Metodologie per la misura, il campionamento delle emissioni di ossidi di azoto prodotte dagli impianti termici civili.

Metodologie per la misura, il campionamento delle emissioni di ossidi di azoto prodotte dagli impianti termici civili. REGIONE PIEMONTE BU12 20/03/2014 Codice DB1013 D.D. 12 marzo 2014, n. 52 Metodologie per la misura, il campionamento delle emissioni di ossidi di azoto prodotte dagli impianti termici civili. Con D.C.R.

Dettagli

Direzione regionale VV.F. Lombardia

Direzione regionale VV.F. Lombardia Direzione regionale VV.F. Lombardia Corsi di formazione Prevenzione incendi Stabilimenti e piccole aziende Ing. G. Sola 1 File: stabilimenti_ed_aziende Creato il 26 novembre 2005 Aggiornto: il 10 febbraio

Dettagli

0,209. formula che si risolve facilmente una volta misurata, con adatte apparecchiature, la percentuale in volume di CO 2

0,209. formula che si risolve facilmente una volta misurata, con adatte apparecchiature, la percentuale in volume di CO 2 Approfondimento Analisi dei fumi La regolazione della combustione basata su regole pratiche pecca evidentemente di precisione anche se presenta l indubbio vantaggio dell immediatezza di esecuzione; una

Dettagli

7 Le situazioni di emergenza nelle scuole: approfondimenti

7 Le situazioni di emergenza nelle scuole: approfondimenti 7 Le situazioni di emergenza nelle scuole: approfondimenti 1. Generalità Nei capitoli precedenti, il tema della sicurezza nelle scuole è stato affrontato da più punti di vista: soggettivo, da un lato,

Dettagli

LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE NEGLI ENTI LOCALI

LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE NEGLI ENTI LOCALI LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE NEGLI ENTI LOCALI Premesse e riferimenti normativi La valutazione del personale, che costituisce un processo centrale nell ambito del management pubblico, ha registrato negli

Dettagli

Lo Studio di Fattibilità

Lo Studio di Fattibilità Lo Studio di Fattibilità Massimo Mecella Dipartimento di Informatica e Sistemistica Università di Roma La Sapienza Definizione Insieme di informazioni considerate necessarie alla decisione sull investimento

Dettagli

SISTEMA DI GESTIONE EMERGENZE DI SITO Caratteristiche, requisiti tecnici e funzionali

SISTEMA DI GESTIONE EMERGENZE DI SITO Caratteristiche, requisiti tecnici e funzionali SISTEMA DI GESTIONE EMERGENZE DI SITO Caratteristiche, requisiti tecnici e funzionali (Ing. Roberto Spadon, Responsabile Tecnologia di Sicurezza e Assicurazione Qualità EniChem, Stabilimento di Porto Marghera)

Dettagli

Progettare la manutenzione (a cura di Paolo Stefanini)

Progettare la manutenzione (a cura di Paolo Stefanini) Progettare la manutenzione (a cura di Paolo Stefanini) Progettare la manutenzione significa determinare il miglior sistema di gestione delle fasi che compongono tale processo, vale a dire trovare il giusto

Dettagli

L incendio Incendio a bordo 1 La normativa nel campo marittimo cura, in particolar modo, tutto quanto può essere connesso con il sinistro marittimo più frequente: l incendio a bordo. Sono previsti, nella

Dettagli

ModenaFiere, 9-10-11 Maggio 2010

ModenaFiere, 9-10-11 Maggio 2010 ModenaFiere, 9-10-11 Maggio 2010 METANO LIQUIDO: DALL OTTENIMENTO DELLE AUTORIZZAZIONI ALL APPROVVIGIONAMENTO DEL PRODOTTO ---- Problematiche e procedure per l approvazione, costruzione e il rifornimento

Dettagli

Risk management PMBOK TIME COST SCOPE HUMAN RESOURCES COMMISSION MANAGEMENT RISK ANALYSIS CONTRACT QUALITY ASSURANCE PROJECT MANAGEMENT MANAGEMENT

Risk management PMBOK TIME COST SCOPE HUMAN RESOURCES COMMISSION MANAGEMENT RISK ANALYSIS CONTRACT QUALITY ASSURANCE PROJECT MANAGEMENT MANAGEMENT Risk management PROJECT MANAGEMENT SCOPE MANAGEMENT TIME MANAGEMENT COST MANAGEMENT HUMAN RESOURCES MANAGEMENT CONTRACT MANAGEMENT PMBOK QUALITY ASSURANCE COMMISSION MANAGEMENT RISK ANALYSIS 1 PROJECT

Dettagli

CONCETTI E DEFINIZIONI

CONCETTI E DEFINIZIONI Contenuti del DVR CONCETTI E DEFINIZIONI Valutazione globale e documentata di tutti i rischi per la salute e sicurezza dei lavoratori presenti nell ambito dell organizzazione in cui essi prestano la propria

Dettagli

Responsabilità Ambientale e soluzioni assicurative

Responsabilità Ambientale e soluzioni assicurative Bari Mediterraneo Assicurazione Agenzia Generale Responsabilità Ambientale e soluzioni assicurative COME PREVENIRE I REATI AMBIENTALI ROMA, 25 FEBBRAIO 2016 IL QUADRO NORMATIVO IL QUADRO NORMATIVO La novità

Dettagli

Sicurezza prevenzione incendi nei cantieri edili.

Sicurezza prevenzione incendi nei cantieri edili. Sicurezza prevenzione incendi nei cantieri edili. Il rischio incendio nei cantieri temporanei e mobili, generati dal fuoco sono normalmente poco considerati. Di fatto è possibile affermare che in quest

Dettagli

LA MISURAZIONE E IL CONTROLLO DEL MICROCLIMA

LA MISURAZIONE E IL CONTROLLO DEL MICROCLIMA LA MISURAZIONE E IL CONTROLLO DEL MICROCLIMA Premessa Per caratterizzare un ambiente da un punto di vista microclimatico è necessario definire i parametri oggettivi, che lo descrivono mediante alcune grandezze

Dettagli

CRITERI E STRUMENTI PER UNA CORRETTA VALUTAZIONE DEL RISCHIO CHIMICO Strategia dell'indagine igienistica

CRITERI E STRUMENTI PER UNA CORRETTA VALUTAZIONE DEL RISCHIO CHIMICO Strategia dell'indagine igienistica Regione Lombardia Sanità Laboratorio di approfondimento del Rischio Chimico CRITERI E STRUMENTI PER UNA CORRETTA VALUTAZIONE DEL RISCHIO CHIMICO Strategia dell'indagine igienistica La norma UNI EN 689/97

Dettagli

*CH000703115A2* CONFEDERAZIONE SVIZZERA ISTITUTO FEDERALE DELLA PROPRIETÀ INTELLETTUALE

*CH000703115A2* CONFEDERAZIONE SVIZZERA ISTITUTO FEDERALE DELLA PROPRIETÀ INTELLETTUALE *CH000703115A2* (19) CONFEDERAZIONE SVIZZERA ISTITUTO FEDERALE DELLA PROPRIETÀ INTELLETTUALE Domanda di brevetto per la Svizzera ed il Liechtenstein Trattato sui brevetti, del 22 dicembre 1978, fra la

Dettagli

La norma UNI 11522: Installazione di rivelatori di gas e monossido di carbonio

La norma UNI 11522: Installazione di rivelatori di gas e monossido di carbonio La norma UNI 11522: Installazione di rivelatori di gas e monossido di carbonio Fabio Pedrazzi - ANIE Bologna, 23/10/2014 LO SVILUPPO DELLA NORMA 11522 Il CIG ha dato corso allo sviluppo di una Norma sulla

Dettagli

6 - Interventi e indicatori di risposta

6 - Interventi e indicatori di risposta 6 - Interventi e indicatori di risposta 6.1 Gli adempimenti previsti dalla legislazione Tra le azioni attuate dal Comune di Padova in risposta a precise disposizioni di legge in materia di inquinamento

Dettagli

Il rischio cancerogeno e mutageno

Il rischio cancerogeno e mutageno Il rischio cancerogeno e mutageno Le sostanze cancerogene Un cancerogeno è un agente capace di provocare l insorgenza del cancro o di aumentarne la frequenza in una popolazione esposta. Il cancro è caratterizzato

Dettagli

LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI

LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI 1. ASPETTI GENERALI Negli ultimi anni, in gran parte dei Paesi europei, si assiste a un crescente interesse verso l attuazione di una pianificazione locale del territorio

Dettagli

SOSTANZE CHIMICHE COME FONTE DI INCIDENTI E DI INFORTUNI Non solo Seveso!!!

SOSTANZE CHIMICHE COME FONTE DI INCIDENTI E DI INFORTUNI Non solo Seveso!!! Bologna 27 / 05 / 2011 SOSTANZE CHIMICHE COME FONTE DI INCIDENTI E DI INFORTUNI Non solo Seveso!!! Gabriella Nicotra - Giuliano Marchetto Andrea Mazzetti INFORTUNIO. Evento improvviso (a volte brutale)

Dettagli

La gestione del rischio industriale: Dalla direttiva Seveso I alla direttiva Seveso quater. Marcello Mossa Verre

La gestione del rischio industriale: Dalla direttiva Seveso I alla direttiva Seveso quater. Marcello Mossa Verre La gestione del rischio industriale: Dalla direttiva Seveso I alla direttiva Seveso quater. Marcello Mossa Verre UNA DEFINIZIONE Incidente rilevante Un evento quale un'emissione, un incendio o un'esplosione

Dettagli

SISTEMA DI GESTIONE INTEGRATO Valutazione dei rischi

SISTEMA DI GESTIONE INTEGRATO Valutazione dei rischi 1. DISTRIBUZIONE A tutti i membri dell organizzazione ING. TOMMASO 2. SCOPO Lo scopo di questa procedura è di descrivere i criteri, le modalità operative e le responsabilità per: effettuare la valutazione

Dettagli

Fig.1 - n Verifiche Ispettive completate nella Provincia di Ravenna presso gli stabilimenti soggetti all art.6 del D.Lgs 334/99

Fig.1 - n Verifiche Ispettive completate nella Provincia di Ravenna presso gli stabilimenti soggetti all art.6 del D.Lgs 334/99 Legge Regionale 17 dicembre 23 n.26: Verifiche Ispettive sui Sistemi di Gestione della Sicurezza degli stabilimenti soggetti all art.6 del D.Lgs 334/99 della Provincia di Ravenna Risultanze e commenti

Dettagli

1. Introduzione. 2. I metodi di valutazione

1. Introduzione. 2. I metodi di valutazione 1. Introduzione La Riserva Sinistri è l accantonamento che l impresa autorizzata all esercizio dei rami danni deve effettuare a fine esercizio in previsione dei costi che essa dovrà sostenere in futuro

Dettagli

COMUNE DI LAJATICO PROVINCIA DI PISA PIANO DI ELIMINAZIONE DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE PIANO DELLA DISTRIBUZIONE E LOCALIZZAZIONE DELLE FUNZIONI

COMUNE DI LAJATICO PROVINCIA DI PISA PIANO DI ELIMINAZIONE DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE PIANO DELLA DISTRIBUZIONE E LOCALIZZAZIONE DELLE FUNZIONI COMUNE DI LAJATICO PROVINCIA DI PISA PIANO DI ELIMINAZIONE DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE PIANO DELLA DISTRIBUZIONE E LOCALIZZAZIONE DELLE FUNZIONI PIANO D INDIRIZZO E REGOLAZIONE DEGLI ORARI PIANO MOBILITÀ

Dettagli

Energia: indici e misurazione

Energia: indici e misurazione nergia: indici e misurazione Introduzione La richiesta energetica di un processo produttivo incide in maniera sostanziale sul suo impatto ambientale; le ragioni alla base di questa affermazione vanno ricercate

Dettagli

HIGH PERFORMANCE INNOVATION IN FIREFIGHTING

HIGH PERFORMANCE INNOVATION IN FIREFIGHTING HIGH PERFORMANCE INNOVATION IN FIREFIGHTING Efficace fino a -30 C La tecnologia wetting agent di nuova generazione progettata per proteggere persone, proprietà ed ambiente. CINQUE PRODOTTI IN UNO 1 2 3

Dettagli

In accordo alla Direttiva ATEX, gli equipaggiamenti sono progettati in funzione del tipo d atmosfera nella quale possono essere utilizzati.

In accordo alla Direttiva ATEX, gli equipaggiamenti sono progettati in funzione del tipo d atmosfera nella quale possono essere utilizzati. Atmosfere potenzialmente esplosive sono presenti in diverse aree industriali: dalle miniere all industria chimica e farmacautica, all industria petrolifera, agli impianti di stoccaggio di cereali, alla

Dettagli

QUADERNO TECNICO Gennaio 2011. Ing. Massimo Rho - Dirigente Responsabile Ss Sicurezza Elettrica Dott. Mauro Baldissin - Tecnico della Prevenzione

QUADERNO TECNICO Gennaio 2011. Ing. Massimo Rho - Dirigente Responsabile Ss Sicurezza Elettrica Dott. Mauro Baldissin - Tecnico della Prevenzione 1/11 QUADERNO TECNICO Gennaio 2011 Autori: Ing. Massimo Rho - Dirigente Responsabile Ss Sicurezza Elettrica Dott. Mauro Baldissin - Tecnico della Prevenzione LOCALI AD USO MEDICO GRUPPI STATICI DI CONTINUITÀ

Dettagli

INDICE 1. DESCRIZIONE SINTETICA METODO ADOTTATO.

INDICE 1. DESCRIZIONE SINTETICA METODO ADOTTATO. area 1 criteri adottati per le valutazioni pag 1/8 INDICE 1. DESCRIZIONE SINTETICA METODO ADOTTATO. 2. DESCRIZIONE ESTESA METODO ADOTTATO. 2.1. scomposizione dell attività 2.1.1. fabbricati 2.1.2. mansioni

Dettagli

La sicurezza attiva e passiva del lavoro a bordo. Confronti con ISM

La sicurezza attiva e passiva del lavoro a bordo. Confronti con ISM La sicurezza attiva e passiva del lavoro a bordo Confronti con ISM Cap. Cosimo Sforza D.P.A. & C.S.O. Motia Compagnia di Navigazione SPA Cos è la Sicurezza La scienza della sicurezza è la disciplina che

Dettagli

CREDITO E FINANZA: ISTRUZIONI PER L USO

CREDITO E FINANZA: ISTRUZIONI PER L USO www.momentumborsa.it Pierluigi Lorenzi Muoversi nel mercato finanziario per uscire dalla crisi CREDITO E FINANZA: ISTRUZIONI PER L USO 2 CREDITO E FINANZA: ISTRUZIONI PER L USO Muoversi nel mercato finanziario

Dettagli

Tali fluidi, utilizzati in prossimità del punto di produzione, o trasportati a distanza, possono essere utilizzati per diversi impieghi:

Tali fluidi, utilizzati in prossimità del punto di produzione, o trasportati a distanza, possono essere utilizzati per diversi impieghi: LA COGENERAZIONE TERMICA ED ELETTRICA 1. Introduzione 2. Turbine a Gas 3. Turbine a vapore a ciclo combinato 4. Motori alternativi 5. Confronto tra le diverse soluzioni 6. Benefici ambientali 7. Vantaggi

Dettagli

Comune di ROCCAFRANCA (BS) Piano di Emergenza Comunale

Comune di ROCCAFRANCA (BS) Piano di Emergenza Comunale R1 RISCHIO VIABILISTICO R1.1 Incidente stradale Descrizione: SCHEDA SCENARIO La protezione civile interviene nel caso di incidenti di vaste proporzioni che possono avere ricadute sulla popolazione o sull'ambiente.

Dettagli

DM.9 agosto 2000 LINEE GUIDA PER L ATTUAZIONE DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA TITOLO I POLITICA DI PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI RILEVANTI

DM.9 agosto 2000 LINEE GUIDA PER L ATTUAZIONE DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA TITOLO I POLITICA DI PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI RILEVANTI DM.9 agosto 2000 LINEE GUIDA PER L ATTUAZIONE DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA TITOLO I POLITICA DI PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI RILEVANTI Articolo 1 (Campo di applicazione) Il presente decreto si

Dettagli

4 Azioni sulle costruzioni

4 Azioni sulle costruzioni 4 Azioni sulle costruzioni Classificazione delle azioni 1/2 Si definisce azione ogni causa o insieme di cause capace di indurre stati limite in una struttura. Si definisce sollecitazione ogni effetto interno

Dettagli

Appunti su Risk management

Appunti su Risk management Appunti su Risk management Da circa 10 anni è avviato un processo di spostamento dell attenzione dal modello sistema Qualità al modello safety management, basato sul risk management. L aspetto di rilevo

Dettagli

Associazione ISI Ingegneria Sismica Italiana

Associazione ISI Ingegneria Sismica Italiana Associazione ISI Ingegneria Sismica Italiana Strada Statale Valsesia, 20-13035 Lenta (VC), Tel. (+39) 331 2696084 segreteria@ingegneriasismicaitaliana.it www.ingegneriasismicaitaliana.it Connessioni dissipative

Dettagli

speciale energie rinnovabili

speciale energie rinnovabili AMICO SOLE DA ALCUNI DECENNI TECNOLOGIE AD HOC CONSENTONO IL PIENO SFRUTTAMENTO DELL ENERGIA DA IRRAGGIAMENTO SOLARE. UN IMPIANTISTICA OPPORTUNA E INTEGRATA RENDE POSSIBILE LA COMPLETA AUTONOMIA ENERGETICA

Dettagli

PREVENZIONE INCENDI. PREVENZIONE PROTEZIONE Misure precauzionali d esercizio

PREVENZIONE INCENDI. PREVENZIONE PROTEZIONE Misure precauzionali d esercizio PREVENZIONE INCENDI PREVENZIONE PROTEZIONE Misure precauzionali d esercizio Attiva Passiva PREVENZIONE INCENDI 1. Riduzione al minimo delle occasioni di incendio. Stabilità delle strutture portanti per

Dettagli

CENTRALI TERMOELETTRICHE

CENTRALI TERMOELETTRICHE CENTRALI TERMOELETTRICHE Introduzione I procedimenti tradizionali di conversione dell energia, messi a punto dall uomo per rendere disponibili, a partire da fonti di energia naturali, energia in forma

Dettagli

COMPORTAMENTO AL FUOCO DI PAVIMENTI RESILIENTI A BASE DI PVC (M. Piana G. Vidotto)

COMPORTAMENTO AL FUOCO DI PAVIMENTI RESILIENTI A BASE DI PVC (M. Piana G. Vidotto) COMPORTAMENTO AL FUOCO DI PAVIMENTI RESILIENTI A BASE DI PVC (M. Piana G. Vidotto) - 1 - Milano, giugno 2004 1) Leggi e classificazione italiana ed europea di comportamento al fuoco dei pavimenti resilienti

Dettagli

Guida ai Sistemi di Gestione della Salute e della Sicurezza nei Luoghi di Lavoro

Guida ai Sistemi di Gestione della Salute e della Sicurezza nei Luoghi di Lavoro Alberto Alberto ANDREANI ANDREANI Via Mameli, 72 int. 201/C Via Mameli, 72 int. 201/C 61100 PESARO Tel. 0721.403718 61100 PESARO Tel. 0721.403718 e.mail andreani@pesaro.com e.mail andreani@pesaro.com Guida

Dettagli

FACOLTÀ DI INGEGNERIA. 2. Exergia. Roberto Lensi

FACOLTÀ DI INGEGNERIA. 2. Exergia. Roberto Lensi Roberto Lensi 2. Exergia Pag. 1 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PISA FACOLTÀ DI INGEGNERIA 2. Exergia Roberto Lensi DIPARTIMENTO DI ENERGETICA Anno Accademico 2002-03 Roberto Lensi 2. Exergia Pag. 2 REVERSIBILITÀ

Dettagli

Workshop: Gestire la Sicurezza di Processo

Workshop: Gestire la Sicurezza di Processo Workshop: Gestire la Sicurezza di Processo ing. Nicola Mazzei Laboratorio Infiammabilità ed Esplosioni Innovhub - Stazioni Sperimentali per l Industria Tel: 02-51604.256 Fax: 02-514286 mazzei@ssc.it 1

Dettagli

PIANO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE

PIANO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE PIANO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE PROCEDURA OPERATIVA: RISCHIO VIABILITA E TRASPORTI Versione 1.0 del 05.03.2013 Redazione a cura di: Corpo Polizia Municipale Reno-Galliera GENERALITA 2.4 - Incidenti

Dettagli

6.5. Risultati simulazioni sistema rifiuti e riscaldamento

6.5. Risultati simulazioni sistema rifiuti e riscaldamento Capitolo 6 Risultati pag. 301 6.5. Risultati simulazioni sistema rifiuti e riscaldamento Come già detto nel paragrafo 5.8, i risultati riportati in questo paragrafo fanno riferimento alle concentrazione

Dettagli

Ing. Simone Mosconi. Applicazione della F.M.E.A. alla Sicurezza nei Luoghi di Lavoro

Ing. Simone Mosconi. Applicazione della F.M.E.A. alla Sicurezza nei Luoghi di Lavoro Ing. Simone Mosconi Applicazione della F.M.E.A. alla Sicurezza nei Luoghi di Lavoro 1 Obblighi del Datore di Lavoro D.Lgs. n 81 del 9 aprile 2008 e s.m.i.: Articolo 17 Obblighi del Datore di Lavoro non

Dettagli

IL PROGRAMMA DI MANUTENZIONE

IL PROGRAMMA DI MANUTENZIONE IL PIANO DI MANUTENZIONE DELL OPERA E DELLE SUE PARTI La normativa vigente riconosce l importanza della conservazione della qualità edilizia nel tempo attraverso l introduzione del piano di manutenzione

Dettagli

La manutenzione per ridurre i costi dell aria compressa ed incrementare l efficienza degli impianti

La manutenzione per ridurre i costi dell aria compressa ed incrementare l efficienza degli impianti Maintenance Stories Fatti di Manutenzione Kilometro Rosso - Bergamo 13 novembre 2013 La manutenzione per ridurre i costi dell aria compressa ed incrementare l efficienza degli impianti Guido Belforte Politecnico

Dettagli

I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE

I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE Ing Giuseppe Magro Presidente Nazionale IAIA 1 Italia 2 La Valutazione Ambientale Strategica

Dettagli

LA VALUTAZIONE DEI RISCHI Ing. Stefano Pancari

LA VALUTAZIONE DEI RISCHI Ing. Stefano Pancari Corso formazione LA VALUTAZIONE DEI RISCHI Ing. Stefano Pancari CORSO DI FORMAZIONE - Ing. Stefano Pancari DEFINIZIONI probabilità di raggiungimento del livello potenziale di danno nelle condizioni di

Dettagli