COMUNE DI CESANO BOSCONE SETTORE TERRITORIO ED AMBIENTE Servizio sviluppo del territorio

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COMUNE DI CESANO BOSCONE SETTORE TERRITORIO ED AMBIENTE Servizio sviluppo del territorio"

Transcript

1 COMUNE DI CESANO BOSCONE SETTORE TERRITORIO ED AMBIENTE Servizio sviluppo del territorio ORDINANZA N. 1 DEL 10/03/2011 DISCIPLINA DEGLI ORARI RELATIVA AI PUBBLICI ESERCIZI: ATTIVITA' DI SOMMINISTRAZIONE ALIMENTI E BEVANDE E SALA GIOCHI ANNO 2011

2 COMUNE DI CESANO BOSCONE SETTORE TERRITORIO ED AMBIENTE Servizio sviluppo del territorio ORDINANZA N 1 DEL 10/03/2011 IL SINDACO Nel rispetto dei principi stabiliti: dalla Legge Regionale n. 6 del 02/02/2010 decreto legislativo 59 del ; dalla legge n. 287; dalla Delibera della Giunta Regionale n VII del 17/5/2004 dalla Delibera della Giunta Regionale n VIII del 23/01/2008 Visto l art. 54 del D.P.R. n. 616/1997, il quale alla lettera d) attribuisce ai comuni le funzioni amministrative relative alla fissazione, sulla base dei criteri stabiliti dalla Regione, degli orari di apertura e chiusura dei negozi e dei pubblici esercizi di vendita e consumo di alimenti e bevande; Visto l art. 50 comma 7 del Decreto Legislativo n. 267 del "Testo unico delle leggi sull'ordinamento degli enti locali" in merito alle competenze e l autorità per coordinare gli orari degli esercizi commerciali, dei pubblici esercizi e dei servizi pubblici; Dato atto che in ordine al presente provvedimento di regolamentazione degli orari è stato richiesto ed acquisito in data 9 marzo 2011 il parere della Commissione Comunale Pubblici esercizi. Ritenuto dover provvedere a coordinare ed uniformare la disciplina degli orari recependo la più generale tendenza, nell ambito della discrezionalità che la Legge conferisce all Autorità Comunale, a promuovere le attività economiche e commerciali presenti sul territorio ed assicurare un adeguato livello di servizio ai consumatori ed all utenza DISPONE che venga adottata dal 1 gennaio al 31 Dicembre 2011 la seguente disciplina degli orari delle attività di somministrazione nei pubblici esercizi: attività di somministrazione alimenti e bevande e sale giochi. Il Sindaco f.to Vincenzo D'Avanzo

3 ORARIO GIORNALIERO DELLE ATTIVITA DI SOMMINISTRAZIONE ALIMENTI E BEVANDE 1 - ambito di applicazione Le disposizioni del presente provvedimento si applicano a tutti gli esercizi di somministrazione di alimenti e bevande di cui alla L.R. n. 6/ articoli 108/109, con l esclusione di quelli posti nelle aree di servizio lungo le autostrade e delle attività di somministrazione svolte nell ambito dell attività ricettiva a favore dei soli alloggiati. Le presenti disposizioni si applicano altresì alle sale giochi così come previsto dalla Circolare del Ministero degli interni del 23 giugno limiti orari massimi di apertura L esercente può stabilire il proprio orario di apertura nel rispetto dei limiti massimi di seguito indicati: a) esercizi nei quali la somministrazione di alimenti e bevande costituisce attività prevalente: apertura non prima delle ore 5 chiusura non oltre le ore 2 del giorno successivo nella zona a traffico limitato chiusura non oltre le due di notte. b) esercizi che congiuntamente alla somministrazione di alimenti e bevande, effettuano attività di intrattenimento danzante e/o musicale e di svago: apertura non prima delle ore 7 chiusura non oltre le ore 2 del giorno successivo nella zona a traffico limitato chiusura non oltre le due di notte. c) sale giochi: apertura non prima delle ore 10,00 e chiusura non oltre le ore 22,00 In occasione delle ricorrenze natalizie, di fine anno, di carnevale, festa della donna, San Valentino, l orario di chiusura degli esercizi di somministrazione può essere posticipato sino alle ore 4 del giorno successivo. 3 - chiusura settimanale e temporanea degli esercizi Gli esercenti hanno facoltà di effettuare una o più giornate di riposo settimanale dandone preventiva comunicazione al Comune. La chiusura temporanea dell esercizio, qualora si protragga oltre trenta giorni consecutivi, deve essere preventivamente comunicata al Comune. 4 - centri commerciali

4 Gli esercizi posti all interno dei centri commerciali, attuano gli orari e le giornate di chiusura del centro commerciale. 5 - attività miste Qualora nello stesso esercizio si svolgano attività di somministrazione di diversa tipologia o vi si svolga congiuntamente anche attività commerciale o di servizi, l orario di apertura è determinato dall attività prevalente. Il carattere di prevalenza è determinato con riguardo alla superficie destinata a ciascuna attività. Gli esercizi di somministrazione collocati all interno degli impianti stradali di distribuzione carburanti, osservano l orario di apertura e chiusura dell impianto. 6- pubblicità degli orari e delle giornate di chiusura I titolari degli esercizi di somministrazione hanno l obbligo di comunicare preventivamente al Comune l orario adottato sulla base dell attività esercitata che può essere differenziato per i giorni della settimana e per periodi dell anno nel rispetto dei limiti minimi e massimi di cui ai punti 2 e 3, e di renderlo noto al pubblico con l esposizione di un apposito cartello ben visibile sia all interno che all esterno del locale. L orario scelto dall esercente può essere continuativo o comprendere un intervallo di chiusura intermedia. La scelta dell orario deve essere comunicata al Comune, sia in caso di nuova apertura dell esercizio che di subingresso o di trasferimento in altra sede. Tale comunicazione deve essere effettuata prima dell inizio dell attività. L esercente è tenuto ad osservare l orario prescelto e a comunicare al Comune con almeno due giorni di anticipo, l eventuale modifica non occasionale dell orario di apertura e chiusura nonché delle giornate di riposo settimanale. Delle chiusure dell esercizio in orari e giornate diversi da quelli adottati dall operatore, comunicati al Comune, deve essere dato avviso al pubblico con l esposizione di un cartello ben visibile all esterno del locale. 7 - sanzioni L inosservanza delle disposizioni delle presente ordinanza è punita con le sanzioni previste dalla normativa vigente, nonchè oltre a quelle previste dall art. 110 della legge Regionale n. 6/ ferie estive Al fine di garantire un adeguato livello del servizio anche nel periodo estivo, è stato predisposto un calendario di turnazione delle ferie estive dei pubblici esercizi, riguardante l apertura obbligatoria nella seconda e terza settimana di agosto.

5 Per l anno 2011 i pubblici esercizi interessati al turno obbligatorio di apertura (da 5 al 18 agosto) sono assegnati al TURNO C" e precisamente: TURNO C TITOLARE UBICAZIONE TIPOLOGIA 1) CALLUSO IMMACOLATA MALIBÙ VIA TURATI 44 BAR 2) FIORE ANGELA VIA MANDORLI, 1 BAR 3) SARPA GABRIELLA VIA ROMA 67 BAR 4) D ALBERTO ELSA VIA ROMA 19 RISTORANTE /PIZZERIA 6) YU GAOFANG VIA ROMA 79 BAR 7) SANTORO ANTONIO- BAR LA GRIFFE VIA POGLIANI 8 BAR/ RISTORANTE 8) WU XINXIN VIA MANDORLI 16 BAR 9) IANNACCI PAAOLA E NICOLETTA VIA DANTE 26 BAR 10) BARTUCCIO FORTUNATO TABISCA VIA LIBERTA' 18 PIZZERIA 11) ZHU LIANGSHEN VIA MILANO 52 RISTORANTE 12) SOC. PRIMAVERA SNC DI WASEF RAIAN VIA PASUBIO 63 RISTORANTE

6