Capitolo 11 Il contratto di assicurazione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Capitolo 11 Il contratto di assicurazione"

Transcript

1 Edizioni Simone - Vol. 24/1 Compendio di diritto delle Assicurazioni Capitolo 11 Il contratto di assicurazione Sommario 1. Nozione e fonti Il rischio L interesse La formazione del contratto di assicurazione Il rapporto contrattuale Modifiche al contratto di assicurazione Estinzione del contratto di assicurazione La prescrizione nell assicurazione Vizi del contratto di assicurazione L assicurazione cumulativa e la coassicurazione La riassicurazione. 1. Nozione e fonti L assicurazione, secondo la definizione dettata dall art c.c., è quel contratto con il quale un soggetto (assicuratore) dietro pagamento di un corrispettivo (premio) si obbliga a rivalere un altro soggetto (assicurato), entro i limiti di tempo e di valore fissati, del danno ad esso prodotto da un certo evento (sinistro) ovvero a pagare un capitale od una rendita al verificarsi di un evento attinente alla vita umana. La disciplina principale in materia di contratti di assicurazione è contenuta nel codice civile, come è espressamente previsto anche nello stesso Codice delle Assicurazioni. Quest ultimo, nel fissare le regole di raccordo tra la propria disciplina e quella civilistica, all art. 165 prevede che i contratti di assicurazione, coassicurazione e riassicurazione rimangono disciplinati dalle norme del codice civile, fermo restando quanto diversamente disposto dalla normativa speciale. Il contratto di assicurazione è un contratto: tipico, in quanto espressamente previsto e regolato dagli artt c.c. Gran parte di tale normativa è derogabile solo in senso più favorevole all assicurato (v. art c.c.); a forma libera; l art c.c. prevede, però, la necessità della forma scritta a fini probatori; consensuale, in quanto si conclude con l accordo delle parti; le parti, però, possono anche prevedere che il contratto si consideri concluso al momento del pagamento del premio;

2 176 ad effetti obbligatori, in quanto dà luogo al sorgere di obbligazioni a carico delle parti contraenti; di durata, in quanto dà luogo al sorgere di un rapporto tra assicuratore ed assicurato che si protrae nel tempo; bilaterale, di norma, poiché comprende due parti, ma può anche essere plurilaterale nel caso della coassicurazione; a titolo oneroso, in quanto entrambi i contraenti agiscono allo scopo di conseguire un lucro; aleatorio, in quanto il realizzarsi o meno del vantaggio che le parti si propongono dipende da eventi imprevedibili che sfuggono al controllo delle parti stesse; a prestazioni corrispettive, in quanto l assicuratore si obbliga a fornire la prestazione assicurativa dietro pagamento di un corrispettivo, detto premio. Dottrina Si discute se nel contratto di assicurazione la prestazione dell assicurato e la controprestazione dell assicuratore siano legate da un vincolo sinallagmatico. La prestazione assicurativa è, infatti, soltanto eventuale in quanto dipende dal verificarsi dell evento dannoso; se tale evento non si verificasse l assicuratore non sarebbe tenuto ad alcuna prestazione. La dottrina ravvisa nella fattispecie non un contratto bilaterale ma due negozi unilaterali, uno dei quali (quello avente ad oggetto la prestazione assicurativa) sospensivamente condizionato al verificarsi dell evento. La causa del contratto di assicurazione è quella di tutelare un interesse dell assicurato da un rischio che lo minaccia dietro pagamento di un premio. Il documento che fornisce la prova dell esistenza del contratto di assicurazione è la polizza (art c.c.), che l assicuratore è obbligato a rilasciare, munita della sua firma, al contraente. Ciò spiega perché nel linguaggio comune polizza e contratto di assicurazione sono considerati sinonimi. 2. Il rischio A) Nozione Il rischio è un elemento essenziale del contratto di assicurazione, in quanto ne costituisce la causa stessa. Possiamo definirlo come l astratta possibilità del verificarsi di un evento dannoso relativo ad un certo interesse di un determinato soggetto. L evento-rischio deve quindi essere: possibile, cioè avere una concreta possibilità di verificarsi. La maggiore o minore possibilità di verificazione dell evento viene detta probabilità. Se il verificarsi dell evento dannoso è impossibile perché il rischio non è mai esistito o è cessato dopo la stipula del contratto, il con-

3 Capitolo 11 Il contratto di assicurazione 177 tratto è nullo per inesistenza della causa (art c.c.); se il rischio cessa dopo la stipula del contratto, il rapporto contrattuale si scioglie con efficacia non retroattiva (art c.c.); incerto: le parti devono ignorare se l evento si verificherà o meno (es. incendio) o il momento in cui si verificherà (es. morte), in quanto ciò deve essere dovuto a fattori causali esterni. Non è possibile dedurre in contratto un evento voluto dalla parte (art c.c.) né un evento già verificatosi ma ignoto alle parti (c.d. rischio putativo). L incertezza deve essere obiettiva, altrimenti il contratto di assicurazione si trasformerebbe in una pura e semplice scommessa; fa eccezione l assicurazione navale, nella quale può essere sufficiente un incertezza meramente soggettiva (art. 514 cod. nav.); dannoso: l evento deve essere intrinsecamente lesivo, non essendo possibile ricollegare conseguenze dannose ad un evento di per sé innocuo, ed è proprio questo che distingue il contratto di assicurazione dagli altri contratti aleatori di gioco o di scommessa. L evento dannoso che si verifica viene definito «sinistro». È opportuno precisare che la definizione di rischio sopra analizzata può però risultare, per alcuni prodotti e servizi assicurativi, piuttosto approssimativa. Considerata la molteplicità delle forme contrattuali assicurative esistenti, che spaziano dal ramo vita al ramo danni (o meglio ai rami diversi da quello vita), è possibile rilevare che il rischio, elemento comune di tutti i contratti indipendentemente dal ramo, è sempre inteso come la possibilità che si verifichi un evento futuro e incerto, anche se non è detto che tale evento sia necessariamente dannoso. La definizione fornita, infatti, può considerarsi valida per la generalità delle assicurazioni ramo danni caratterizzate dal principio indennitario, secondo cui l indennizzo dovuto dall assicuratore è commisurato all entità del danno sopportato dall assicurato; mentre, nelle assicurazioni ramo vita esistono tipologie di rischi che non si riferiscono ad un evento dannoso per l assicurato, come avviene per esempio per il «rischio di sopravvivenza» del cliente nelle polizze di assicurazione ramo vita appunto (Parte II, Cap. 9, Sezione I, 5). Ciò denota un evidente difficoltà nel fornire una definizione completa e generalmente valida del concetto di rischio, difficoltà strettamente connessa all ampia gamma di prodotti e servizi assicurativi esistenti, che, tra l altro, ha reso sempre più labile il confine tra assicurazioni ramo vita e ramo danni. Una soluzione a tale problema potrebbe essere trovata facendo riferimento alla definizione, tutt altro che ermetica, del contratto di assicurazione contenuta nel codice civile (art. 1882) dalla quale è facile desumere che il rischio è inteso come la possibilità o probabilità che si verifichi un danno prodotto da un sinistro (ramo danni) o un evento attinente alla vita umana (ramo vita). Il rischio può essere classificato in vari modi a seconda dell evento ad esso inerente. Possiamo così avere eventi commissivi od omissivi, naturali o umani, leciti o illeciti e così via. Ai fini pratici è molto importante distinguere tra eventi che esauriscono l interesse assicurato (es.: morte) ed eventi che non lo esauriscono (es.: infortunio) e tra eventi che sono suscettibili di valutazione statistica ed eventi che non lo sono (questo ai fini della determinazione del premio).

4 178 B) Rischi assicurabili Non tutti i rischi possono essere assicurati. In taluni casi, ragioni di politica aziendale sconsigliano all impresa la stipula di certi contratti (es. rischi non quantificabili statisticamente o a probabilità eccessivamente alta); in altri casi il divieto ha fonte legislativa. È quanto avviene per l art c.c., il quale esclude l obbligo indennitario dell assicuratore per i sinistri causati con dolo o colpa grave dal contraente, dall assicurato o dal beneficiario (salvo patto contrario per i casi di colpa grave). Ciò si giustifica per il fatto che rimettere all iniziativa dell interessato la verificazione dell evento dannoso snatura la causa del contratto. L obbligo dell assicuratore, però, permane qualora il sinistro sia stato causato da persone delle quali l assicurato debba rispondere (art. 1900, co. 2, c.c.). La norma è derogabile limitatamente alla colpa grave: le parti possono convenire che l assicuratore sia obbligato anche per eventi causati con colpa grave dall interessato. L art. 1900, co. 3 c.c. prevede un eccezione: l assicuratore resta obbligato anche per dolo nel caso in cui l interessato abbia agito in adempimento di doveri di solidarietà umana o per tutelare interessi comuni all assicuratore. Si ritiene che nella fattispecie rientrino anche i casi in cui l interessato abbia agito per legittima difesa (art c.c.) o in stato di necessità (art c.c.). La regola si ritrova anche nelle assicurazioni marittime (art. 522 cod. nav.). C) Determinazione del rischio Un contratto di assicurazione potrebbe essere stipulato in ordine ad ogni rischio relativo a qualsiasi interesse dell assicurato, ma in realtà i contratti si limitano a coprire uno o più rischi determinati. È quindi molto importante definire bene il rischio cui si riferisce il contratto. Il rischio, per la precisione, deve essere individuato e delimitato. L individuazione del rischio è fatta precisando: la natura dell evento dannoso contro il quale ci si assicura (es.: incendio); l interesse rispetto al quale l evento è preso in considerazione (es.: un dato appartamento). Naturalmente è possibile assicurarsi rispetto a più rischi o più interessi. Una volta individuato il rischio, si può delimitarlo ulteriormente. La delimitazione del rischio avviene in base a tre parametri: causa: si può limitare la copertura solo agli eventi dovuti a determinate cause (es.: esclusione di incendi causati da disastri aviatori). Che cosa si intende per «causa» di un evento? Un evento è causa di un altro quando ha creato le condizioni fisiche per il suo verificarsi. In termini stretti, un evento è causa di un altro quando senza di esso l altro non si sarebbe verificato (teoria della condicio sine qua non).

5 Capitolo 11 Il contratto di assicurazione 179 Per evitare rigorismi eccessivi vengono, però, considerate cause solo quegli eventi che, oltre ad essere stati condizioni necessarie di un evento successivo, avevano, secondo la comune esperienza la capacità di generarlo (teoria della causalità adeguata). In sostanza il rapporto di causalità viene meno quando un evento è sì causato da un altro antecedente, ma in maniera del tutto imprevedibile, per l intervento di un fattore causale accidentale. Talune delimitazioni causali sono individuate dalla stessa legge. Esse sono riconducibili alle ipotesi di: a) dolo: l assicuratore non è mai responsabile per eventi causati dolosamente dall interessato (art c.c.); b) colpa: l assicuratore non è responsabile per eventi causati dall interessato con colpa grave (art c.c.). Tale norma è derogabile. Che cosa si intende per «dolo» e «colpa»? Per dolo intendiamo un comportamento cosciente e volontario intenzionalmente teso a produrre un certo effetto. Per colpa intendiamo un comportamento posto in essere per negligenza, imprudenza o imperizia ovvero per inosservanza di leggi, regolamenti, ordini o discipline, ma non intenzionalmente volto a causare l evento dannoso; la condotta colposa deve essere valutata in base alla diligenza media (c.d. diligenza del buon padre di famiglia) genericamente richiesta dall art c.c. nell adempimento della obbligazione. c) vizio intrinseco della cosa: l assicuratore non risponde dei danni causati da difetti della cosa assicurata che non gli siano stati denunciati dall assicurato (art c.c.; art. 525 cod. nav.); d) eventi catastrofici: l assicuratore non risponde, salvo patto contrario, dei danni causati da eventi del tutto imprevedibili quali movimenti tellurici, guerre, insurrezioni, tumulti popolari (art c.c.); e) suicidio dell assicurato: l assicuratore non è tenuto al pagamento delle somme assicurate in caso di suicidio dell assicurato avvenuto entro due anni dalla stipula del contratto; la norma è derogabile (art c.c.); tempo: la copertura assicurativa può essere permanente (es. vita) oppure limitata ad un periodo più o meno lungo, decorso il quale l assicuratore non è più tenuto all indennizzo se il sinistro si verifica; spazio: la copertura può essere limitata ai sinistri verificatisi in un certo ambito spaziale. La determinazione del rischio viene, in genere, effettuata dalle parti al momento della stipula del contratto indicandola nella polizza, ma può anche essere effettuata successivamente, come nelle assicurazioni in abbonamento. In genere, all atto della stipula della polizza, all assicurando viene fatto riempire un questionario predisposto dall assicuratore e contenente tutte le domande utili alla determinazione del rischio. D) Entità del rischio L entità del rischio dipende dalla probabilità di verificazione dell evento. Tale probabilità viene calcolata in termini statistici, tenendo conto di tutti gli elementi che possono concorrere al verificarsi dell evento dannoso.

6 180 Il calcolo dell entità del rischio è importantissimo perché da esso dipende la misura del premio che l assicurato dovrà pagare. Proprio per questo, in genere, l impresa rifiuterà di assicurare rischi dovuti ad eventi imprevedibili. 3. L interesse L interesse può essere definito come la relazione che lega un soggetto ad un determinato bene della vita suscettibile di valutazione economica. Lo scopo del contratto di assicurazione è quello di cautelarsi contro i rischi cui tale bene è esposto, e quindi l interesse è un elemento essenziale del contratto. La copertura assicurativa, infatti, non riguarda il rischio che il bene sia danneggiato da un sinistro, ma serve piuttosto a tenere indenne dal rischio del danno economico la persona che ha «interesse» a premunirsi contro tale evento. Se l interesse manca il contratto sarà nullo per inesistenza dell oggetto (artt. 1418, 1904 c.c.); il contratto si risolve con effetto non retroattivo se l interesse viene a mancare successivamente alla sua stipulazione (art c.c.). In tal caso spetterà all assicurato dimostrare la cessazione dell interesse quale fatto estintivo dell obbligo di pagare il premio. Quanto osservato mostra come l interesse sia un elemento determinante nel contratto di assicurazione contro i danni, data la necessità, perché esso sia rilevabile, che esista un «rapporto di una persona con una cosa minacciato da un rischio determinato» (FANELLI), di contro non pare possibile che la salvaguardia di un interesse possa essere considerato elemento determinante dei contratti di assicurazione sulla vita. Dottrina Non essendoci accordo in dottrina sul problema della unitarietà del concetto di assicurazione, anche sul concetto di interesse si riscontra una notevole varietà di opinioni. 1) Teoria unitaria. Per coloro che, sulla base della teoria indennitaria, riconoscono l unità di tutta la materia assicurativa (DONATI) l interesse è il rapporto, suscettibile di valutazione economica, tra un soggetto ed un bene determinato. La definizione di interesse, così concepita, trova applicazione, per questi autori, indistintamente in tutti i rami assicurativi. 2) Teoria della separazione. Per coloro, invece, che non condividono la teoria indennitaria ed accettano la bipartizione tra assicurazione danni e assicurazione vita, la definizione suesposta di interesse trova applicazione solo nel campo delle assicurazioni danni (FANELLI, DE GREGORIO, GASPERONI). 3) Teoria indennitaria. I sostenitori della teoria indennitaria che non si attengono a tale distinzione, concependo l interesse come il rapporto, suscettibile di valutazione economica, tra il soggetto ed un bene determinato identificano interesse all assicurazione e interesse assicurato da una parte, e, interesse al risarcimento del danno (ex art. 1904) e interesse assicurato dall altra.

7 Capitolo 11 Il contratto di assicurazione La formazione del contratto di assicurazione A) Le parti Parti del contratto di assicurazione sono: l assicuratore, vale a dire colui che presta la garanzia assicurativa. Tale può essere solo un impresa debitamente autorizzata all esercizio dell attività assicurativa; l assicurante o contraente: colui che stipula il contratto di assicurazione e si assume l obbligo di pagare il premio e sceglie il beneficiario; l assicurato: il soggetto al quale è riferito l evento o il cui interesse è protetto dall assicurazione; nelle assicurazioni sulla vita, le prestazioni previste dal contratto sono determinate in funzione dei suoi dati anagrafici e degli eventi attinenti alla sua vita; il beneficiario: colui che ha diritto a ricevere la prestazione dovuta dall assicuratore. Assicurante, assicurato e beneficiario vengono in genere indicati indifferentemente col termine assicurato, ma ciò è improprio perché può trattarsi (e spesso si tratta) di persone distinte: l assicurante, cioè, può indicare se stesso come beneficiario dell assicurazione, ma anche un altra persona. Inoltre, nelle assicurazioni sulla vita, l assicurato può essere un terzo soggetto, in quanto è la persona dalla cui morte o sopravvivenza dipende l obbligo per l assicuratore di pagare un capitale o una rendita. Con riferimento alle qualifiche indicate ed ai soggetti cui fanno capo è possibile distinguere le seguenti differenti forme contrattuali: assicurazione in nome altrui. Si ha quando il contratto viene stipulato da un rappresentante dell assicurato. In tal caso, secondo le regole generali sulla rappresentanza (artt ss. c.c.), i diritti e gli obblighi scaturenti dal contratto si produrranno direttamente in capo al rappresentato. L art c.c. disciplina poi specificamente il caso del rappresentante senza potere (cd. falsus procurator): se il contratto è stipulato da un soggetto che, in realtà, non è dotato del potere di rappresentanza, l interessato potrà ratificare il contratto anche dopo la sua scadenza o il verificarsi del sinistro. Fino al momento in cui all assicuratore viene comunicata la ratifica, il rappresentante sarà tenuto personalmente ad adempiere gli obblighi derivanti dal contratto nei confronti dell assicuratore, compreso il pagamento del premio. Se la ratifica viene rifiutata, il rappresentante resterà obbligato in proprio e, inoltre, dovrà risarcire gli eventuali danni subiti dall assicuratore per aver confidato nella sua qualifica di rappresentante (art c.c.). La successiva ratifica non abilita il rappresentante a ripetere dall assicuratore i premi pagati. assicurazione per conto altrui o per conto di chi spetta. In entrambe le forme di assicurazione il contraente conclude il contratto in nome proprio, ma per conto di una terza persona di cui non è rappresentante. La differenza fra le due figure risiede nel fatto che: a) nell assicurazione per conto terzi l assicurante conosce e dichiara il nome dell assicurato; a tale forma si ricorre per assicurare i rischi relativi a cose che

8 182 solo temporaneamente o occasionalmente vengano a trovarsi nella sfera giuridica dello stipulante (es. deposito); b) nell assicurazione per conto di chi spetta l assicurante non è in grado, al momento della conclusione del contratto, di individuare chi sarà l assicurato al momento del verificarsi del sinistro; si utilizza tale figura quando si prevede che il titolare varierà nel corso del rapporto (es. si assicurano le vetture depositate in un autorimessa) o quando esso è incerto (es. bene della cui proprietà si controverta). Il contraente deve adempiere gli obblighi derivanti dal contratto (art. 1891, co. 1, c.c.), laddove i diritti derivanti dallo stesso spetteranno all assicurato ed il contraente non potrà farli valere senza il consenso del primo, anche se in possesso della polizza (art. 1891, co. 2, c.c.). All assicurato saranno opponibili le eccezioni opponibili allo stipulante (art. 1891, co. 3, c.c.) relativamente al contratto di assicurazione; infine, lo stipulante ha privilegio per il rimborso dei premi pagati all assicuratore e delle spese del contratto sulle somme dovute dall assicuratore nello stesso grado dei crediti per le spese di conservazione (art. 1891, co. 4, c.c.). assicurazione a favore di terzo. Si configura tale fattispecie quando lo stipulante indica una terza persona come beneficiaria dell assicurazione; la differenza rispetto alle figure precedenti è che qui è lo stipulante e non il terzo ad essere titolare dell interesse assicurato. Anche qui al terzo saranno opponibili le eccezioni relative al contratto, ma non quelle personali allo stipulante. La stipulazione può essere revocata fino a che il terzo non abbia comunicato la sua accettazione sia allo stipulante sia all assicuratore (art c.c.); se la stipulazione è revocata o viene rifiutata dal terzo, beneficiario della prestazione assicurativa rimane lo stipulante o i suoi eredi (a differenza che nel caso precedente, in cui, essendo il terzo titolare dell interesse assicurato, il contratto si risolve). Questa figura è normalmente utilizzata nell assicurazione sulla vita (art c.c.), ma può aversi anche nell assicurazione contro i danni. Un tipico esempio è la clausola di vincolo, con la quale l assicuratore s impegna ad eseguire la prestazione nei confronti di un altro soggetto, detto vincolatario, che normalmente è una persona che potrebbe vantare diritti verso l assicurato in dipendenza del sinistro. B) La stipulazione Il contratto di assicurazione, normalmente, è un contratto consensuale e, in quanto tale, si perfeziona secondo le regole generali, al momento della formazione del consenso. Il consenso si considera formato nel momento in cui ad una proposta liberamente formulata fa seguito un accettazione congrua (art c.c.). Le parti, però, possono anche stabilire che il contratto non si consideri concluso al momento dell accettazione ma a quello del ritiro dei documenti probatori (contratto di assicurazione formale) o del pagamento del premio (contratto di assicurazione reale).

9 Capitolo 11 Il contratto di assicurazione 183 Il contratto, così come ogni altro documento consegnato dall impresa al contraente, va redatto in modo chiaro ed esauriente (art. 166, co. 1, Codice delle Assicurazioni), in osservanza di uno dei principali doveri comportamentali che l impresa di assicurazione deve osservare nell offerta e nell esecuzione dei contratti: la trasparenza. Sempre nel rispetto dell obbligo di trasparenza, le clausole che indicano decadenze, nullità o limitazione delle garanzie ovvero oneri a carico del contraente o dell assicurato devono essere riportate mediante caratteri di particolare evidenza (art. 166, co. 2, Codice delle Assicurazioni). La proposta può essere fatta dall assicuratore o da un suo agente. Nel primo caso essa assume, generalmente, la forma dell offerta al pubblico (art c.c.): l assicuratore, cioè, pubblicizzerà in modi adeguati le condizioni di contratto e le tariffe che offre ai clienti. L offerta deve in tal caso essere revocata nelle stesse forme in cui è stata pubblicizzata, purché prima dell accettazione. Nel secondo caso l intermediario, in realtà, non fa una vera proposta, ma svolge soltanto un attività promozionale per cui proponente risulterà comunque l assicurando. La proposta può anche provenire direttamente dall assicurato. Il contratto di assicurazione è a forma libera, per cui la proposta può essere fatta in qualunque modo. La proposta dell assicurato fatta per iscritto è irrevocabile per il termine di 15 giorni (30 se occorre una visita medica) dalla consegna o spedizione della stessa (art c.c.). Decorso tale termine, la proposta decade. La norma è derogabile a favore dell assicurato. Ricordiamo che la proposta irrevocabile rimane ferma anche in caso di morte o sopravvenuta incapacità del proponente (art. 1329, co. 2, c.c.). L accettazione è la dichiarazione unilaterale recettizia di accoglimento della proposta contrattuale. L accettazione deve essere conforme alla proposta, altrimenti varrà come controproposta, e può essere revocata fin quando non giunga a destinazione (art c.c.). Se l accettazione giunge a destinazione dopo la scadenza del termine indicato nella proposta, il proponente potrà, a sua discrezione, accogliere o meno tale accettazione tardiva. L accettazione normalmente è espressa e rivolta al proponente, ma nel caso di offerta al pubblico dell assicuratore talvolta è previsto che l assicurato possa pagare direttamente il premio e ritirare il relativo documento (cd. coupon), accettando tacitamente la proposta. Le parti possono differire il momento della conclusione del contratto a quello del ritiro dei documenti probatori del pagamento del premio. Giurisprudenza È da notare che se la proposta viene dall assicurando, l assicuratore non è tenuto ad accettarla, anche se la proposta sia conforme alle condizioni predisposte dall assicuratore nei suoi moduli e sia stata firmata dall agente (cfr. Cass. 81/6621). Se la polizza emessa è diversa dalla proposta, la polizza vale come controproposta; se l assicurando la sottoscrive, il contratto sarà stipulato alle nuove condizioni contenute nella polizza e non a quelle originarie (cfr. Cass. 67/1774).

10 184 C) Le condizioni generali di contratto Le modalità di stipulazione del contratto di assicurazione e le relative clausole sono predisposte dall ANIA, attraverso la diffusione annuale di un contratto-standard al quale le imprese assicuratrici, aderenti all associazione, possono ispirarsi. Lo stampato tipo fornito dall ANIA non assume per le imprese carattere vincolante, ma viene diffuso a titolo conoscitivo, con il preciso intento di creare un riferimento in grado di favorire il diffondersi di trattamenti omogenei, sia dal punto di vista contrattuale, che da quello regolamentare, indipendentemente dalla Compagnia con cui si entra in rapporto. Si tratta, in ogni caso, di condizioni di assicurazione indicative e liberamente modificabili previste per ciascun ramo, che lasciano alle imprese di assicurazione ampia autonomia nella personalizzazione delle polizze, purché ciò avvenga nel rispetto delle leggi e dei regolamenti che disciplinano la materia. Prendendo spunto dallo stampato ANIA, in genere, ciascuna Compagnia predispone delle condizioni generali di contratto. Queste, anche se non richiamate nel contratto, sono applicabili se adeguatamente pubblicizzate dall imprenditore (art c.c.); le clausole vessatorie in esse contenute sono sanzionate ai sensi della vigente normativa in materia di tutela del consumatore. L intenzione è quella di garantire il giusto equilibrio fra le posizioni contrattuali a fronte dei possibili abusi provenienti dalla parte contrattuale più forte, nel caso in esame la Compagnia di assicurazione. La tutela della parte contrattuale più debole investe non solo i contratti per adesione cd. individuali (il cui contenuto è, cioè, unilateralmente predisposto per un singolo rapporto), ma anche i contratti per adesione cd. di serie (il cui contenuto è, cioè, predisposto unilateralmente per una serie indeterminata di contratti della stessa natura). Per quest ultimo caso, peraltro, l art. 1341, co. 2, c.c. stabilisce che tra le condizioni generali di contratto non hanno effetto, se non specificamente approvate per iscritto, quelle che prevedono: limitazioni di responsabilità; diritto di recedere dal contratto o di sospenderne l esecuzione; decadenze; limitazioni alla facoltà di proporre eccezioni; restrizioni alla libertà contrattuale nei rapporti coi terzi; proroga tacita o rinnovazione del contratto; clausole compromissorie; deroghe alla competenza dell autorità giudiziaria. È evidente, quindi, che la maggior parte dei contratti esposti alla declaratoria di invalidità delle clausole vessatorie, in ossequio alle vigenti norme in materia di tutela del consumatore, ricadono anche sotto la disciplina di cui all art c.c. In mancanza di una specifica norma di coordinamento, l orientamento più diffuso è quello di dare prevalenza alla più recente disciplina in materia di protezione del consumatore. Ne consegue che le clausole abusive si considerano inefficaci (mentre il contratto rimane efficace per il resto) anche se specificamente accettate per iscritto.

11 Capitolo 11 Il contratto di assicurazione 185 In genere la polizza è strutturata in questo modo: condizioni generali: dettano la disciplina generale predisposta dall assicuratore per tutti i contratti di quel tipo; condizioni aggiuntive: sono clausole predisposte dall assicuratore ma che si applicano solo se richiamate, per «personalizzare» il contratto; condizioni particolari: sono quelle clausole che derivano dalla libera contrattazione tra l assicuratore ed il cliente. L agente che è autorizzato a concludere il contratto, quale rappresentante dell assicuratore, deve essere fornito di procura scritta. La legge prevede, infatti, per il contratto di assicurazione la forma scritta a fini probatori (art c.c.) e si ritiene che tutti i negozi collegati ad un contratto formale debbano soddisfare gli stessi requisiti di forma. Spesso nei contratti di assicurazione è inserita la clausola «con riserva di accettazione da parte della direzione». Tale clausola va interpretata in modo diverso a seconda dei casi. D) La copertura provvisoria Per evitare che l assicurato resti sfornito di tutela nel periodo necessario alla stipula del contratto la prassi conosce due istituti: la copertura provvisoria. È una clausola aggiunta alla proposta contrattuale, in base alla quale il contratto è efficace già dal momento della proposta stessa e i suoi effetti si consolidano con l accettazione. In sostanza si stipula un contratto provvisorio, destinato ad essere sostituito dal definitivo. La predisposizione di tale clausola non obbliga, comunque, alla stipula del definitivo (cfr. Cass , n. 661); la nota di copertura. Viene emessa al momento dell accettazione e quindi riguarda un contratto già concluso; ha una funzione probatoria che esplica nell attesa della preparazione dei documenti definitivi. E) Documentazione del contratto di assicurazione I contratti assicurativi richiedono la forma scritta ad probationem, perché non possono essere provati se non per iscritto (art. 1888, co. 1, c.c.). La legge, dunque, non impone una particolare forma per la validità del contratto di assicurazione, mentre prevede unicamente la forma scritta ai fini probatori. Da ciò deriva l obbligo per l assicuratore di rilasciare un documento da lui sottoscritto ed anche a trarne copie a richiesta del contraente, il quale dovrà rimborsargliene le spese (art. 1888, co. 2 e 3, c.c.). Tale documento è, in genere, la polizza, ma possono essercene altri. La polizza viene sottoscritta dall assicuratore e dal contraente, e ne viene consegnata copia all assicuratore, al contraente, all agente ed eventualmente all intermediario. Essa può essere emessa dall assicuratore oppure, come per lo più avviene, dall agente o altro intermediario a ciò autorizzato.

12 186 La polizza può anche essere prevista come requisito di validità del contratto, che in tal caso si considera concluso solo quando essa viene rilasciata. Tale patto deve risultare da atto scritto. La polizza assicurativa, oltre che nominativa, può essere, all ordine o al portatore (art. 1889, co. 1, c.c.); in tal caso, il suo trasferimento comporta il trasferimento del credito verso l assicuratore con gli effetti della cessione. La polizza all ordine o al portatore non ha, quindi, il carattere di un titolo di credito ma quello di un semplice documento di legittimazione con funzione di documento probatorio di un contratto di cessione del credito che l assicurato vanta nei confronti dell assicuratore. La cessione di polizza all ordine o al portatore sarà, quindi, disciplinata dalle norme sulla cessione dei crediti (artt c.c.). L assicuratore potrà, allora, opporre al titolare della polizza tutte le eccezioni che avrebbe potuto opporre ai precedenti titolari (ad esempio: che i premi non sono stati pagati). L assicuratore è liberato se, senza dolo o colpa grave, adempie la prestazione nei confronti del giratario o del portatore che non sia anche titolare del credito (art. 1889, co. 2, e art. 1992, co. 2). Le polizze all ordine e al portatore non hanno una frequente applicazione nel diritto assicurativo italiano. Esse sono adottate per lo più nelle assicurazioni di merci, soprattutto in quelle marittime (in modo particolare le polizze all ordine) e nelle assicurazioni vita (specialmente le polizze al portatore). In caso di smarrimento, sottrazione o distruzione della polizza si procederà in modo diverso a seconda del tipo di titolo: se la polizza è nominativa, l assicurato può sempre chiederne un duplicato; se la polizza è all ordine, occorrerà ottenerne l ammortamento secondo quanto previsto per i titoli di credito (artt ss. c.c.); se la polizza è al portatore, per ottenerne un duplicato occorrerà provarne l avvenuta distruzione (art c.c.). F) L interpretazione del contratto di assicurazione Per l interpretazione del contratto si seguono le regole generali (art c.c.). In particolare, essendo una delle parti necessariamente un imprenditore, si applicherà l art. 1368, co. 2, c.c., per il quale le clausole ambigue s interpretano secondo ciò che si pratica nel luogo in cui è stato stipulato il contratto. Se sono previste delle condizioni generali di contratto o ci si serve di formulari già predisposti dall assicuratore, le clausole dubbie in essi contenute si interpretano a favore del contraente (art c.c.). Le clausole aggiunte al formulario prevalgono su quelle stampate con esse incompatibili (art. 1342, co. 1, c.c.). Problema delicato è quello che si verifica quando vi è contrasto tra i vari documenti probatori dell assicurazione. Al riguardo possiamo enunciare i seguenti criteri: se il contenuto dell appendice contrasta con quello della polizza, prevale la prima perché volta a modificarla;

13 Capitolo 11 Il contratto di assicurazione 187 se il contenuto di un certificato contrasta con la polizza, prevale quest ultima in quanto il certificato ha funzione soltanto probatoria; se la polizza è in contrasto con la proposta, la polizza prevale se sottoscritta dal contraente con coscienza delle modifiche: la polizza, in tal caso, vale come controproposta accettata dal contraente. G) Modalità di assicurazione Il contratto di assicurazione, in relazione all oggetto, può essere stipulato secondo due modalità: assicurazione singola: quella che copre un singolo interesse determinato (es. un autoveicolo). In tale modalità rientra l assicurazione collettiva, cioè quella avente ad oggetto più interessi determinati (es. tre autoveicoli), la quale non è che una somma di assicurazioni singole; assicurazione in abbonamento: quella che copre una pluralità indeterminata di interessi. L assicurazione in abbonamento è utilizzata da soggetti che svolgono attività tali per cui si trovano periodicamente esposti a rischi difficilmente preventivabili: la polizza copre, in anticipo, determinati tipi di rischi, al fine di tutelare proprio gli interessi che da tali rischi sono minacciati. La polizza in abbonamento è generalmente di durata annuale. All atto della sua stipulazione il contraente provvede al versamento di un premio provvisorio convenuto con l assicuratore, corrispettivo dell impegno di quest ultimo. In seguito, sulla base degli interessi effettivamente coperti, l assicuratore emetterà appendici di regolazione, stabilendo quanto è ancora dovuto dal contraente al netto del premio provvisorio anticipato. Al momento in cui effettivamente si verificherà l esposizione a rischio dell interesse, l assicurato sarà tenuto ad effettuare la dichiarazione di alimento, atto col quale egli comunica all assicuratore la natura dell interesse coperto e la durata del rischio. Il valore di questo atto dipenderà dal modo in cui è stato strutturato il rapporto. L assicurazione in abbonamento può essere: obbligatoria: quando si conviene l automatico sorgere del rapporto assicurativo in ordine a tutti gli interessi che verranno in essere; facoltativa: quando il sorgere del rapporto è rimesso alla volontà dell assicurato o a quella dell assicuratore. Nel primo caso la dichiarazione di alimento è una semplice dichiarazione di scienza, la cui mancata effettuazione costituisce inadempimento di un obbligo contrattuale. Nel secondo caso la dichiarazione è invece necessaria per il sorgere del rapporto, ha cioè carattere costitutivo. Se il contratto è facoltativo per l assicurato, la dichiarazione costituisce accettazione di una proposta ferma dell assicuratore; se la facoltà di scelta è rimessa a quest ultimo, la dichiarazione costituisce una proposta contrattuale che l assicurato è tenuto a fare e che l assicuratore può accettare o meno.

14 188 H) Efficacia del contratto Il contratto di assicurazione è un contratto di durata, che dà luogo, cioè, ad un rapporto che si protrae nel tempo. Normalmente l efficacia del contratto decorre (art. 1899, co. 1, c.c.): per quanto riguarda l obbligo di pagamento del premio, dal momento stesso della stipula; per quanto riguarda l obbligo dell assicuratore, dalle ore 24 del giorno della stipula alle ore 24 dell ultimo giorno della durata stabilita nel contratto stesso. Tale norma è derogabile, quindi le parti possono prevedere un diverso termine iniziale di efficacia o subordinarla ad una condizione (es. pagamento del premio). In genere non vi è un limite alla durata del rapporto assicurativo, ma nell ipotesi in cui un contratto di assicurazione è di durata poliennale, l assicurato ha facoltà di recedere di anno in anno dal contratto senza oneri e con preavviso di 60 giorni. Il contratto può essere rinnovato tacitamente (proroga tacita). Tale prerogativa è prevista (art. 1899, co. 2, c.c.) nell interesse di entrambe le parti, al fine di evitare che il contratto si estingua e, successivamente, si debba stipulare un nuovo contratto con le stesse caratteristiche del precedente. La proroga tacita deve essere limitata nella durata al massimo di due anni ogni volta. Le disposizioni relative alla durata dell assicurazione, contenute nell art c.c., non si applicano alle assicurazioni sulla vita. La durata di queste ultime è a tempo determinato, eccetto le assicurazioni caso morte a vita intera in cui il contratto protrae la sua efficacia nel tempo sino al decesso dell assicurato. La facoltà di recesso è diversamente regolamentata nell assicurazione sulla vita e in quella contro i danni: nelle assicurazioni sulla vita il contraente può sempre recedere dal contratto, mentre nelle assicurazioni contro i danni entrambe le parti possono recedere se la durata è superiore ai dieci anni. La ratio della norma, nonostante la facoltà di recedere sia concessa ad entrambe le parti, è principalmente quella di tutelare l assicurato in una situazione in cui egli non abbia più interesse alla prosecuzione del rapporto. Il contratto è nullo se stipulato con un impresa non autorizzata o con un impresa alla quale sia fatto divieto di assumere nuovi affari (art. 167, co. 1, Codice delle Assicurazioni). Nullità che è però relativa e non assoluta, in quanto può essere fatta valere esclusivamente dal contraente o dall assicurato (art. 167, co. 2, Codice delle Assicurazioni). La pronuncia di nullità obbliga alla restituzione dei premi pagati. In ogni caso, non sono ripetibili gli indennizzi e le somme eventualmente corrisposte o dovute dall impresa agli assicurati ed agli altri aventi diritto a prestazioni assicurative.

15 5. Il rapporto contrattuale A) Premessa Capitolo 11 Il contratto di assicurazione 189 Il rapporto che si instaura fra i contraenti nel contratto di assicurazione è caratterizzato dall assunzione dell obbligo da parte dell assicuratore di rivalere l assicurato, a sua volta obbligato al pagamento di un premio, del danno prodotto da un sinistro; ovvero, di pagare un capitale o una rendita al verificarsi di un evento attinente alla vita umana. Il contratto sembrerebbe così determinare un semplice trasferimento del rischio dall assicurato all assicuratore, verso il pagamento di un premio, ma in realtà così non è. Il carattere imprenditoriale dell attività esercitata dall assicuratore consente a quest ultimo, attraverso l impiego di tecniche statistiche, di neutralizzare il rischio, soggetto a copertura assicurativa. L assicuratore, operando professionalmente, è in grado di ripartire il rischio assunto con ciascun contratto fra la massa degli assicurati per rischi di uguale natura. Remota appare, infatti, la possibilità catastrofica che gli eventi dannosi possano verificarsi contemporaneamente. Ma v è di più: l assicuratore, inserendo il rischio del singolo assicurato in una massa di rischi omogenei, può, attraverso calcoli statistici, stabilire la probabilità media del verificarsi di un determinato evento. Ciò consente all assicuratore di valutare il rischio medio di ciascun contratto e di fissare, in base alla potenziale gravità dello stesso rischio, il premio che l assicurato è tenuto a corrispondere. B) Obblighi dell assicurato Obbligo principale dell assicurato è il pagamento del premio. Il premio è il corrispettivo in denaro che l assicurato deve corrispondere all assicuratore per la prestazione assicurativa, intendendosi come tale l impegno dell assicuratore al risarcimento dell eventuale sinistro e non il risarcimento effettivo. L entità del premio è determinata dai seguenti elementi: premio puro: è il costo base per la copertura assicurativa e rappresenta il corrispettivo per il solo rischio tecnico assunto dall impresa. Il suo ammontare dipende dal valore dell interesse assicurato ed è stabilito in base a calcoli attuariali prendendo in considerazione diverse variabili, quali ad esempio: l età, il sesso, la durata e il tipo di garanzia da coprire; caricamento: costituisce la parte di premio che viene trattenuta dall impresa per far fronte agli oneri di acquisizione e di gestione delle polizze (spese di emissione della polizza, provvigione, ammortamento delle spese generali, margine di profitto dell impresa); oneri fiscali. Premio puro, caricamento e oneri fiscali formano il premio lordo (o premio di tariffa) dovuto dall assicurato.

16 190 Normalmente il premio è fisso, ma può anche essere fluttuante, cioè calcolato di volta in volta in base a parametri determinati (es. in base al fatturato dell azienda); spesso poi il premio è indicizzato, cioè agganciato all andamento di determinati parametri (es. indice ISTAT dei prezzi al consumo). Il premio lordo può essere soggetto a varie modifiche: sovrappremio: dovuto quando si estende la garanzia a rischi accessori; aumento di premio: dovuto per rischi anomali, non previsti nelle condizioni generali di polizza e difficilmente quantificabili; ribassi: si hanno quando per particolari ragioni (es. misure di sicurezza) l entità del rischio si presenta inferiore al normale; sconti: determinati dalla politica commerciale della impresa; un tipo particolare è lo sconto anticipato, che si ha quando l assicurato versa solo una quota del premio, impegnandosi a versare il saldo in caso di sinistro. Se il premio è calcolato per una specifica evenienza e non per un periodo di tempo (es. un viaggio) si parla di premio per rischio. Se è frutto di una valutazione del rischio fatta per il caso specifico è detto premio forfettario. Il premio può essere versato in un unica soluzione, ma se il contratto è di lunga durata sarà corrisposto periodicamente a scadenza prefissata. Ciascuna di tali unità di tempo è chiamata periodo di assicurazione. È possibile che le parti si accordino per un frazionamento del premio anche nell ambito del singolo periodo di assicurazione; in tal caso il premio sarà corrisposto in più rate dietro pagamento di un interesse. Notare, però, che il premio è indivisibile e quindi, che sia rateizzato o meno, è dovuto integralmente per ciascun periodo di assicurazione in corso, anche se il contratto si risolve prima della scadenza di tale periodo. Il premio deve essere pagato anticipatamente; quindi se è unico va versato al momento della stipula del contratto, mentre se è periodico va corrisposto all inizio di ciascun periodo assicurativo. In caso di ritardo nel pagamento del premio la legge prevede un periodo di tolleranza di 15 giorni per le assicurazioni danni (art. 1901, co. 2, c.c.), decorso il quale la copertura assicurativa viene sospesa fino al pagamento e di 20 giorni (ma la polizza può prevedere un diverso termine di tolleranza) per le assicurazioni vita (art. 1924, co. 2, c.c.), decorso il quale opera la risoluzione di diritto del contratto. In caso di inadempimento dell obbligo di pagare il premio, la legge prevede una disciplina diversa a seconda del tipo di assicurazione. Nel caso di assicurazione danni, se il contraente non paga il premio unico o la prima rata di premio l assicurazione resta sospesa fino alle ore ventiquattro del giorno in cui il contraente paga quanto è da lui dovuto (art. 1901, co. 1, c.c.); ne consegue che se l evento previsto dal contratto si verifica durante tale periodo, l assicuratore non è tenuto al pagamento. Nell ipotesi di mancato pagamento dei premi successivi, è previsto, come precedentemente accennato, un periodo di tolleranza di 15 giorni durante il quale se si verifica

17 Capitolo 11 Il contratto di assicurazione 191 il sinistro, l assicuratore è tenuto comunque ad intervenire. Trascorso tale periodo, è sospeso l obbligo di intervento dell assicuratore (art. 1901, co. 2, c.c.). Il legislatore prevede un ulteriore conseguenza all inadempimento da parte dell assicurato, vale a dire l azione esecutiva. Se l assicuratore non agisce per la riscossione nei confronti dell assicurato entro sei mesi dal mancato pagamento, opera la risoluzione di diritto del contratto. In caso di risoluzione, l assicuratore ha diritto al premio per il periodo in corso, in applicazione del principio dell indivisibilità del premio, più le spese. L assicurato non può impedire la risoluzione del contratto limitandosi a pagare il premio per il periodo in corso, ma deve corrispondere tutti gli arretrati e le spese (riattivazione della polizza). Nell assicurazione vita, se l inadempimento riguarda il primo o unico premio, l assicuratore può agire per ottenere il pagamento entro 6 mesi dalla scadenza (art. 1924, co. 1, c.c.). Se, invece, l inadempimento riguarda i premi successivi, il contratto è risolto di diritto, decorso il termine di tolleranza previsto dalla polizza o, in mancanza, il termine di 20 giorni dalla scadenza (art. 1924, co. 2, c.c.). In tal caso non è data all assicuratore facoltà di agire per ottenere il pagamento, avendo il legislatore tenuto conto della durata e dell onerosità del contratto. L assicuratore conserva i premi già pagati, a meno che non sia maturato il diritto al riscatto o alla riduzione della polizza. C) Oneri dell assicurato Gli oneri principali a carico dell assicurato sorgono al momento della verificazione del sinistro. Essi sono: l onere di avviso (art c.c.): l assicurato deve avvisare del sinistro l assicuratore o l agente, entro 3 giorni da quello in cui il sinistro si è verificato o ne ha avuto conoscenza (24 ore nelle assicurazioni contro la mortalità del bestiame). L avviso non è ovviamente necessario se l assicuratore o l agente siano già a conoscenza dell evento dannoso per qualunque motivo. L avviso dovuto dall assicurato costituisce una dichiarazione di scienza recettizia, e cioè efficace nel momento in cui giunge a conoscenza del destinatario. È sufficiente che esso contenga la denuncia del sinistro, essendo la sua funzione solo quella di consentire all assicuratore di dare prontamente avvio alle indagini. Se, però, l avviso contiene una descrizione dei fatti, questa dev essere veritiera e di tale veridicità è responsabile il denunciante. La denuncia può esser fatta con qualunque mezzo, non necessariamente per iscritto (anche se spesso le polizze lo richiedono), ed è sufficiente che sia effettuata entro il termine previsto dalla legge o dal contratto; l onere di salvataggio (art c.c.): l assicurato è tenuto a fare tutto quanto in suo potere per evitare il sinistro o ridurne le conseguenze. Tale onere si estende a tutto quanto avrebbe potuto fare una persona di diligenza media, secondo la regola generale dell art c.c. Se l opera di salvataggio è stata condotta con diligenza,

18 192 l assicuratore è tenuto a rifondere all assicurato le spese sostenute ed i danni subìti dalle cose utilizzate, e ciò anche se l opera è stata inutile, salvo che provi che i mezzi impiegati dall assicurato per evitare o diminuire i danni del sinistro sono stati adoperati inconsideratamente. L assicuratore può intervenire di persona nelle opere di salvataggio; in tal caso, l assicurato può chiedergli di anticipare le somme necessarie. Anche intervenendo nel salvataggio al momento del sinistro, l assicuratore non perde il diritto di contestare le pretese dell assicurato. L inadempimento degli oneri anzidetti comporta le seguenti conseguenze: se vi è stato dolo l assicurato perde il diritto all indennità; se vi è stata colpa l assicuratore ha diritto ad una riduzione dell indennità dovuta proporzionale al pregiudizio subito. D) Obblighi dell assicuratore Obbligo principale dell assicuratore è quello di corrispondere l indennizzo previsto dalla polizza al verificarsi del sinistro. Si tratta, quindi, di un obbligo soltanto eventuale poiché sottoposto a condizione sospensiva. Titolare del diritto relativo è: il contraente, nelle assicurazioni per conto proprio; l assicurato, nelle assicurazioni per conto altrui; il beneficiario, nelle assicurazioni a favore di terzi. Il credito verso l assicuratore è trasmissibile per causa di morte (tranne, ovviamente, nell assicurazione infortuni) e per atto tra vivi. Il trasferimento può avvenire mediante cessione del contratto o anche trasferimento della polizza qualora questa sia stipulata con clausola all ordine o al portatore. Qual è l oggetto della prestazione assicurativa? Oggetto della prestazione è, normalmente, una somma di denaro, ma il contratto può prevedere che l assicuratore possa liberarsi con un altra prestazione, se preferisce (es. rimpiazzo delle cose danneggiate); in tal caso, si configura un obbligazione alternativa. Il credito dell assicurato diviene esigibile nel momento in cui l assicuratore conclude l istruttoria per l accertamento e la liquidazione del danno. Generalmente i contratti prevedono un ulteriore termine di giorni per l effettuazione del pagamento che può avvenire in contanti oppure a mezzo di vaglia postali o assegni circolari mentre l accettazione di un assegno cambiario, non essendo garantita la provvista, è a discrezione dell interessato e, in ogni caso, sotto condizione risolutiva della mancata copertura. L entità dell indennizzo dovuto dall assicuratore dipende da una serie di fattori, e precisamente: nelle assicurazioni danni l assicuratore dovrà, anzitutto, verificare la sussistenza e l entità del danno e quindi liquidare, in base agli accordi contrattuali, la somma dovuta;

19 Capitolo 11 Il contratto di assicurazione 193 nelle assicurazioni vita la somma dovuta dall assicuratore è prestabilita nel contratto. L entità del danno è commisurata alla lesione che l interesse ha subìto ed è quindi pari al valore che l interesse aveva prima del sinistro meno il valore che questo ha dopo. Normalmente il valore è calcolato con riferimento all epoca del sinistro, ma può essere prevista la clausola valore a nuovo, in base alla quale si prende in considerazione il valore che la cosa avrebbe, se fosse nuova, alle condizioni di mercato del momento del sinistro. L onere di provare il danno spetta all assicurato, mentre per quanto riguarda l entità di esso le parti potranno accordarsi bonariamente oppure affidarsi ad una determinazione peritale, accettandola per iscritto (art. 1908, co. 2, c.c.); in caso di disaccordo è frequente il ricorso ad un arbitrato onde evitare le lungaggini delle procedure giudiziarie. In ogni caso il principio indennitario vieta di attribuire alle cose perite o danneggiate un valore superiore a quello che avevano al tempo del sinistro (art. 1908, co. 1, c.c.). Nel danno è compreso il profitto sperato solo qualora a ciò l assicuratore si sia espressamente obbligato (art. 1905, co. 2, c.c.). Una volta liquidato il danno, occorre determinare l entità dell indennizzo dovuto dall assicuratore. L assicurazione è contratta per una certa somma che costituisce il limite massimo dell obbligo dell assicuratore ed è detta massimale; tale somma è determinata d accordo tra le parti tenendo conto del valore d uso o di scambio della cosa oggetto dell interesse assicurato oppure, quando tale valore non sia determinabile (es.: vita), attribuendole un valore convenzionale (forfettizzazione). Il massimale può coincidere o meno col valore dell interesse assicurato, e può anche essere stabilito in maniera del tutto arbitraria nel caso in cui non si sappia neanche qual è il bene che potrà essere danneggiato (es. assicurazione contro la responsabilità civile). Possono allora darsi i seguenti casi: assicurazione piena: quando il massimale è pari al valore assicurabile; soprassicurazione (art c.c.): quando il massimale è superiore al valore assicurabile; ciò non è ammesso, perché potrebbe costituire un incentivo alle frodi assicurative, e quindi: a) se vi è dolo dell assicurato il contratto è nullo; b) se l assicurato era in buona fede il massimale è ridotto al valore effettivo con una corrispondente riduzione del premio. L onere di provare la soprassicurazione incombe all assicuratore se si chiede la riduzione del massimale, all assicurato se si chiede la riduzione del premio; sottoassicurazione (art c.c.): quando il massimale è inferiore al valore assicurabile.

20 194 In quest ultimo caso, sia che la sottoassicurazione è volontaria (per pagare un premio inferiore), sia che è involontaria (errore di valutazione o altro), l assicuratore risarcirà una quota del danno proporzionale alla quota del valore assicurabile da lui coperto; spetterà all assicuratore l onere di provare la sottoassicurazione. Se è prevista la clausola primo rischio l assicuratore risarcirà, invece, l intero danno fino a concorrenza col massimale, ma non oltre. L assicurato può sempre chiedere che il massimale venga innalzato (con corrispondente aumento del premio), a meno che le parti non abbiano concordato uno scoperto obbligatorio. In caso di forfettizzazione, al verificarsi del sinistro andrà automaticamente corrisposta quella somma, mentre nel caso in cui il valore assicurabile è ignoto il danno sarà risarcito fino a concorrenza col massimale. Molto spesso le polizze d assicurazione prevedono una franchigia, che può essere di due tipi: semplice o relativa: quando è stabilito che l assicuratore non risarcirà i danni inferiori o pari ad un certo importo, mentre è obbligato a risarcire integralmente, senza detrazione della franchigia, il danno superiore a tale importo; fissa o assoluta: quando è stabilito che una certa quota del danno da risarcire rimarrà a carico dell assicurato (es. i primi 100 ); Funzione della franchigia è quella di stimolare la diligenza dell assicurato. Alla somma così ottenuta (danno, massimale e franchigia) dovranno aggiungersi le eventuali spese di salvataggio che l assicuratore è tenuto a rifondere (art c.c.). Un altro strumento di cui si valgono le imprese di assicurazione per stimolare la diligenza dell assicurato è lo scoperto: quando è pattuito uno scoperto, una certa percentuale del danno liquidato non viene indennizzata (es. se è pattuito uno scoperto del 10%, e il danno è quantificato in 1.000, rimarranno a carico dell assicurato 100 ). E) Diritto di surroga dell assicuratore Secondo il principio indennitario, che è alla base dell assicurazione ramo danni, l indennizzo corrisposto dall assicuratore serve a reintegrare la perdita subita dall assicurato e non può mai tradursi in un lucro per quest ultimo. Su tale principio si basano le norme, già viste, per cui l indennizzo non può mai essere superiore al danno subìto, e quelle che ora saranno esaminate sul diritto di surroga dell assicuratore. Ai sensi dell art c.c. l assicuratore che ha pagato l indennità è surrogato in tutti i diritti vantati dall assicurato verso i terzi responsabili, fino all ammontare dell indennità corrisposta. Si tratta, nel caso di specie, di surrogazione legale, che ricorre quando la legge autorizza il terzo (l assicuratore), che paga un debito altrui, a surrogarsi nei diritti del creditore (l assicurato) nei confronti del terzo responsabile. Attraverso la surrogazione si realizza una successione nel credito in base alla quale l assicuratore acquista una pretesa creditoria nei confronti di un terzo soggetto; il subingresso presuppone, infatti, l esistenza di un soggetto (colui che ha provocato il sinistro) responsabile verso l assicurato.

IL RISARCIMENTO DEL DANNO

IL RISARCIMENTO DEL DANNO IL RISARCIMENTO DEL DANNO Il risarcimento del danno. Ma che cosa s intende per perdita subita e mancato guadagno? Elementi costitutivi della responsabilità civile. Valutazione equitativa. Risarcimento

Dettagli

G. BALLARANI, Voce, Rappresentanza, nell Enc. Il diritto, vol. XII, il sole 24 ore, 2008, p. 640 ss.

G. BALLARANI, Voce, Rappresentanza, nell Enc. Il diritto, vol. XII, il sole 24 ore, 2008, p. 640 ss. G. BALLARANI, Voce, Rappresentanza, nell Enc. Il diritto, vol. XII, il sole 24 ore, 2008, p. 640 ss. Rappresentanza PREMESSA Con il termine rappresentanza si indica il potere di un soggetto (il rappresentante)

Dettagli

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti.

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti. LA RISOLUZIONE. PREMESSA Sappiamo che un contratto valido può non produrre effetto, o per ragioni che sussistono sin dal momento in cui lo stesso viene concluso (ad es. la condizione sospensiva), o per

Dettagli

Assicurazione d indennità giornaliera in complemento alla Sua assicurazione malattia

Assicurazione d indennità giornaliera in complemento alla Sua assicurazione malattia Assicurazione d indennità giornaliera in complemento alla Sua assicurazione malattia Informazione sul prodotto e condizioni contrattuali Edizione 2010 La vostra sicurezza ci sta a cuore. 2 Informazione

Dettagli

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI LE SOSPENSIONI DEI LAVORI 10.1- Profili generali della sospensione dei lavori. 10.2- Le sospensioni legittime dipendenti da forza maggiore. Casi in cui si tramutano in illegittime. 10.3- Le sospensioni

Dettagli

PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE

PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE (2001) PARTE I L ATTO INTERNAZIONALMENTE ILLECITO DI UNO STATO CAPITOLO I PRINCIPI GENERALI Articolo 1

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI SCUOLA SECONDARIA STATALE DI PRIMO GRADO IGNAZIO VIAN Via Stampini 25-10148 TORINO - Tel 011/2266565 Fax 011/2261406 Succursale: via Destefanis 20 10148 TORINO Tel/Fax 011-2260982 E-mail: TOMM073006@istruzione.it

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. IDENTITÀ E CONTATTI DEL FINANZIATORE/ INTERMEDIARIO DEL CREDITO Finanziatore/Emittente CartaSi S.p.A. Indirizzo Corso Sempione, 55-20145 Milano Telefono 02.3488.1 Fax 02.3488.4115 Sito web www.cartasi.it

Dettagli

Circolare Informativa n 57/2013

Circolare Informativa n 57/2013 Circolare Informativa n 57/2013 TRATTAMENTO FISCALE E CONTRIBUTIVO DELLE SOMME EROGATE A SEGUITO DI TRANSAZIONE Pagina 1 di 9 INDICE Premessa pag.3 1) La transazione: aspetti giuridici pag. 3 2) Forme

Dettagli

CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI

CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI eprice s.r.l. con Socio Unico (di seguito denominata "SITONLINE") con sede legale in Milano, via degli Olivetani 10/12, 20123 - Italia, Codice Fiscale e Partita I.V.A

Dettagli

L anno, il giorno del mese di in, con la presente scrittura privata valida a tutti gli effetti di legge TRA

L anno, il giorno del mese di in, con la presente scrittura privata valida a tutti gli effetti di legge TRA Allegato n.3 Schema di contratto per il comodato d uso gratuito di n. 3 autoveicoli appositamente attrezzati per il trasporto di persone con disabilità e n. 2 autoveicoli per le attività istituzionali

Dettagli

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano La ricostituzione della pluralità dei soci nella s.a.s. In ogni numero della rivista trattiamo una questione dibattuta a cui i nostri esperti forniscono una soluzione operativa. Una guida indispensabile

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI Art. 1 - Oggetto del Regolamento Il presente documento regolamenta l esercizio del diritto di accesso ai documenti amministrativi in conformità a quanto

Dettagli

TUTTO CIO PREMESSO, si conviene e si stipula quanto segue:

TUTTO CIO PREMESSO, si conviene e si stipula quanto segue: CONTRATTO DI GARANZIA CONDIZIONI GENERALI 1 Sviluppo Artigiano Società Consortile Cooperativa di Garanzia Collettiva Fidi, (d ora in avanti Confidi), con sede in 30175 Marghera Venezia - Via della Pila,

Dettagli

Convenzione di Vienna sul diritto dei trattati

Convenzione di Vienna sul diritto dei trattati Traduzione 1 Convenzione di Vienna sul diritto dei trattati 0.111 Conclusa a Vienna il 23 maggio 1969 Approvata dall Assemblea federale il 15 dicembre 1989 2 Istrumento d adesione depositato dalla Svizzera

Dettagli

FIN+A Vita. Aviva S.p.A. Gruppo Aviva

FIN+A Vita. Aviva S.p.A. Gruppo Aviva Aviva S.p.A. Gruppo Aviva FIN+A Vita Creditor Protection a Premio Unico ed a Premio Annuo Limitato abbinata a Finanziamenti - Contratto di Assicurazione in forma Collettiva ad Adesione Facoltativa. Il

Dettagli

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.)

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) COSTITUZIONE DELLA SOCIETA INVALIDITA DELLA SOCIETA L ORDINAMENTO PATRIMONIALE Mastrangelo dott. Laura NOZIONE (ART. 2291 C.C) Nella società in

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA Approvato il 3 agosto 2011 Indice Disposizioni generali Art. 1 Oggetto del Regolamento Art. 2 Requisiti, obbligatorietà e modalità di iscrizione Art. 3 Casi particolari di prosecuzione

Dettagli

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA L'Università degli Studi di Parma con sede in Parma, via Università n. 12 codice fiscale n. 00308780345 rappresentata dal

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA DIVISIONE COLORI (Visa Colori spa)

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA DIVISIONE COLORI (Visa Colori spa) CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA DIVISIONE COLORI (Visa Colori spa) 1) Definizioni 1.1 Ai fini delle presenti condizioni generali di vendita (di seguito denominate Condizioni di Vendita ), i seguenti termini

Dettagli

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE.

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE. Trattamento delle somme corrisposte da una società di persone al socio nel caso di recesso, esclusione, riduzione del capitale, e liquidazione, ed aspetti fiscali per la società. Questo convegno ci offre

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

Istituzione di un Gruppo Europeo di Interesse Economico (GEIE)

Istituzione di un Gruppo Europeo di Interesse Economico (GEIE) Regolamento (CEE) n. 2137/85 del Consiglio del 25 luglio 1985 Istituzione di un Gruppo Europeo di Interesse Economico (GEIE) EPC Med - GEIE Via P.pe di Villafranca 91, 90141 Palermo tel: +39(0)91.6251684

Dettagli

L abuso edilizio minore

L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore di cui all art. 34 del D.P.R. 380/2001. L applicazione della sanzione pecuniaria non sana l abuso: effetti penali, civili e urbanistici. Brunello De Rosa

Dettagli

CONTRATTO DI SERVIZIO

CONTRATTO DI SERVIZIO Il presente contratto si basa su un accordo quadro stipulato fra l Associazione provinciale delle organizzazioni turistiche dell'alto Adige (LTS), le Associazioni e i Consorzi turistici dell Alto Adige

Dettagli

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002)

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) Legge federale sul credito al consumo (LCC) 221.214.1 del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visti gli articoli 97 e 122 della Costituzione federale

Dettagli

Contratto di locazione a uso commerciale, industriale, artigianale. Tra le parti. cognome; luogo e data di nascita; domicilio e

Contratto di locazione a uso commerciale, industriale, artigianale. Tra le parti. cognome; luogo e data di nascita; domicilio e Contratto di locazione a uso commerciale, industriale, artigianale Tra le parti (per le persone fisiche, riportare: nome e cognome; luogo e data di nascita; domicilio e codice fiscale. Per le persone

Dettagli

Eurovita Forza 15 Coupon Contratto di assicurazione mista a prestazioni rivalutabili a premio unico con erogazione di cedole annuali

Eurovita Forza 15 Coupon Contratto di assicurazione mista a prestazioni rivalutabili a premio unico con erogazione di cedole annuali ED. LUGLIO 2013 Eurovita Forza 15 Coupon Contratto di assicurazione mista a prestazioni rivalutabili a premio unico con erogazione di cedole annuali Il presente Fascicolo Informativo, contenente la Scheda

Dettagli

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO AVVERTENZE PER LA REDAZIONE 1. La bozza di contratto proposta è da utilizzare come linea guida, potrà essere integrata e/o ridotta in funzione alle specifiche necessità.

Dettagli

CONTRATTO A TERMINE. Proroga e continuazione di fatto

CONTRATTO A TERMINE. Proroga e continuazione di fatto 2_7.qxd 30/06/2010 14.34 Pagina 2 CONTRATTO A TERMINE Proroga e continuazione di fatto di Geppino Tocci - Funzionario INPS Una delle principali finalità della direttiva europea 28 giugno 1999, n. 1999/70,

Dettagli

l inabilità temporanea, l invalidità permanente

l inabilità temporanea, l invalidità permanente Inabilità temporanea e invalidità permanente Quali sono le tutele che intervengono in questi casi? Ecco il primo articolo di approfondimento sul tema degli eventi da esorcizzare Con questo primo articolo

Dettagli

La Consegna dei Lavori

La Consegna dei Lavori La Consegna dei Lavori Il contratto viene posto in esecuzione dall Amministrazione con La consegna dei lavori. Si tratta, complessivamente, di una serie di atti di carattere giuridico e di operazioni materiali,

Dettagli

Parere: Assegnazione mansioni superiori

Parere: Assegnazione mansioni superiori Parere: Assegnazione mansioni superiori Fatto: Le Poste italiane S.p.a. affidano il conferimento temporaneo di mansioni superiori dal livello C a B, ai propri dipendenti, i quali, di conseguenza, sono

Dettagli

32. LICENZIAMENTO ED ALTRE CAUSE DI ESTINZIONE DEFINIZIONE DEL RAPPORTO DI LAVORO

32. LICENZIAMENTO ED ALTRE CAUSE DI ESTINZIONE DEFINIZIONE DEL RAPPORTO DI LAVORO DEFINIZIONE 32. LICENZIAMENTO ED ALTRE CAUSE DI ESTINZIONE DEFINIZIONE DEL RAPPORTO DI LAVORO LICENZIAMENTO INDIVIDUALE DEFINIZIONE Il licenziamento è la risoluzione del rapporto di lavoro subordinato

Dettagli

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969).

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969). Il commento 1. Premessa La sospensione feriale dei termini è prevista dall art. 1, co. 1, della L. 07/10/1969, n. 742 1, il quale dispone che: Il decorso dei termini processuali relativi alle giurisdizioni

Dettagli

La stipula di un contratto preliminare ed il conseguente inadempimento di una parte contraente

La stipula di un contratto preliminare ed il conseguente inadempimento di una parte contraente CONTRATTO / INADEMPIMENTO La stipula di un contratto preliminare ed il conseguente inadempimento di una parte contraente Le azioni poste a tutela della parte adempiente nel caso di inadempimento della

Dettagli

Arkema France Condizioni generali di vendita

Arkema France Condizioni generali di vendita Arkema France Condizioni generali di vendita Ai fini delle presenti Condizioni Generali di Vendita (di seguito CGV ), il termine Venditore indica Arkema France, Acquirente indica la persona a cui il Venditore

Dettagli

I CONTRATTI. DI merci. avv. prof. Maurizio Riguzzi

I CONTRATTI. DI merci. avv. prof. Maurizio Riguzzi I CONTRATTI NELL autotrasporto DI merci avv. prof. Maurizio Riguzzi 532 CONTRATTO DI TRASPORTO DELLE MERCI E OBBLIGAZIONI DELLA FILIERA Sommario: 532.0 QUADRO GENERALE 532.1 CONTRATTO DI TRASPORTO DI

Dettagli

I contratti di gestione delle strutture alberghiere

I contratti di gestione delle strutture alberghiere 12/06/2013 il Contratti tipici: Contratti atipici: contratto di locazione di bene immobile contratto di affitto di azienda (alberghiera) contratto di gestione di azienda. alberghiera (c.d. contratto di

Dettagli

Termini e Condizioni di Prenotazione Valide da Aprile 2015

Termini e Condizioni di Prenotazione Valide da Aprile 2015 Termini e Condizioni di Prenotazione Valide da Aprile 2015 1 CONDIZIONI GENERALI DI NOLEGGIO Termini e Condizioni di Prenotazione I servizi di noleggio di veicoli Europcar in Italia sono erogati da Europcar

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 e degli artt. 1571 e seguenti del codice civile. CON LA PRESENTE SCRITTURA PRIVATA la CAMERA

Dettagli

Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966. con le modifiche della

Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966. con le modifiche della Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966 con le modifiche della legge 4 novembre 2010, n. 183 (c.d. Collegato Lavoro) Legge 28 giugno

Dettagli

Art. 3. Codice disciplinare

Art. 3. Codice disciplinare Art. 3 Codice disciplinare 1. Nel rispetto del principio di gradualità e proporzionalità delle sanzioni in relazione alla gravità della mancanza, e in conformità a quanto previsto dall art. 55 del D.Lgs.n.165

Dettagli

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37 Le novità civilistiche e fiscali per la stesura del bilancio di Stefano Chirichigno e Vittoria Segre Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Dettagli

Consiglio nazionale del notariato, Studio 98-2013/I; Codice civile, art. 2363; D.lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (Riforma societaria).

Consiglio nazionale del notariato, Studio 98-2013/I; Codice civile, art. 2363; D.lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (Riforma societaria). Luogo di convocazione dell assemblea nelle società di capitali della Dott.ssa Roberta De Pirro L ADEMPIMENTO Il Consiglio nazionale del notariato, nello Studio n. 98-2013/I ha fatto il punto sul luogo

Dettagli

L impresa e l appalto: responsabilità e adempimenti Torino, 1 luglio 2008 LA RESPONSABILITA CONTRATTUALE AI SENSI DEGLI ARTT. 1667 E 1668 C.C.

L impresa e l appalto: responsabilità e adempimenti Torino, 1 luglio 2008 LA RESPONSABILITA CONTRATTUALE AI SENSI DEGLI ARTT. 1667 E 1668 C.C. L impresa e l appalto: responsabilità e adempimenti Torino, 1 luglio 2008 La responsabilità dell appaltatore per i vizi e le difformità dell opera: la verifica e il collaudo Avv. Alessandro SCIOLLA LA

Dettagli

GARANZIA LEGALE DEL VENDITORE

GARANZIA LEGALE DEL VENDITORE GARANZIA LEGALE DEL VENDITORE Tutti i prodotti che compri da Apple, anche quelli non a marchio Apple, sono coperti dalla garanzia legale di due anni del venditore prevista dal Codice del Consumo (Decreto

Dettagli

OSSERVAZIONI AL REGOLAMENTO IN PUBBLICA CONSULTAZIONE

OSSERVAZIONI AL REGOLAMENTO IN PUBBLICA CONSULTAZIONE OSSERVAZIONI AL REGOLAMENTO IN PUBBLICA CONSULTAZIONE Quest Associazione apprezza la decisione dell ISVAP di avviare la procedura per la revisione del regolamento n.5/2006, sull attività degli intermediari

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA PRODOTTO: DELEGAZIONE DI PAGAMENTO RETRIBUZIONE NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI

SCHEDA INFORMATIVA PRODOTTO: DELEGAZIONE DI PAGAMENTO RETRIBUZIONE NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI : DELEGAZIONE DI PAGAMENTO RETRIBUZIONE NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI INFORMAZIONE SULL INTERMEDIARIO INFORMAZIONI SUL FINANZIATORE ISTITUTO BANCARIO DEL

Dettagli

Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) 1)

Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) 1) 1.6.1.1 Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) (del 9 marzo 1987) IL GRAN CONSIGLIO DELLA REPUBBLICA E CANTONE TICINO visto il messaggio 2 ottobre 1985 n. 2975 del Consiglio di Stato, decreta:

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 INDICE Presupposti... 2 Modalità di fruizione... 4 Particolari tipologie di rapporto di

Dettagli

Condizioni generali per il Commercio all'ingrosso di Prodotti di floricoltura

Condizioni generali per il Commercio all'ingrosso di Prodotti di floricoltura Condizioni generali per il Commercio all'ingrosso di Prodotti di floricoltura adottate dall'associazione olandese Grossisti di Prodotti di Floricoltura ( Vereniging van Groothandelaren in Bloemkwekerijproducten

Dettagli

La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA

La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA Per un proficuo approccio alla problematica presa in esame si propone, qui di

Dettagli

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina Traduzione 1 Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina (Convenzione sui diritti dell uomo e la biomedicina)

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI. (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011)

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI. (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011) REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011) Art. 1 Fonti 1. Il presente regolamento, adottato in attuazione dello Statuto, disciplina

Dettagli

Aviva Top Valor Contratto di Assicurazione a Vita Intera a Premio Unico a Prestazioni Rivalutabili

Aviva Top Valor Contratto di Assicurazione a Vita Intera a Premio Unico a Prestazioni Rivalutabili Aviva Top Valor Contratto di Assicurazione a Vita Intera a Premio Unico a Prestazioni Rivalutabili IL PRESENTE FASCICOLO INFORMATIVO CONTENENTE: Scheda Sintetica; Nota Informativa; Condizioni di Assicurazione

Dettagli

CONVENZIONE DELL'AJA DEL 25.10.1980 SUGLI ASPETTI CIVILI DELLA SOTTRAZIONE INTERNAZIONALE DI MINORI

CONVENZIONE DELL'AJA DEL 25.10.1980 SUGLI ASPETTI CIVILI DELLA SOTTRAZIONE INTERNAZIONALE DI MINORI CONVENZIONE DELL'AJA DEL 25.10.1980 SUGLI ASPETTI CIVILI DELLA SOTTRAZIONE INTERNAZIONALE DI MINORI Gli Stati firmatari della presente Convenzione, Profondamente convinti che l'interesse del minore sia

Dettagli

POPOLARE VITA S.p.A.

POPOLARE VITA S.p.A. CONTRATTO DI ASSICURAZIONE SULLA VITA IN FORMA MISTA, A PREMIO UNICO CON RIVALUTAZIONE ANNUALE DEL CAPITALE (TARIFFA N. 560) Orizzonte Sicuro Il presente Fascicolo Informativo, contenente: la Scheda Sintetica;

Dettagli

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO I PARERI SULLA GIURISPRUDENZA DEL LAVORO PARERE N. 7 TERMINE PER IRROGARE LA SANZIONE DISCIPLINARE IL QUESITO

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO I PARERI SULLA GIURISPRUDENZA DEL LAVORO PARERE N. 7 TERMINE PER IRROGARE LA SANZIONE DISCIPLINARE IL QUESITO FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO I PARERI SULLA GIURISPRUDENZA DEL LAVORO PARERE N. 7 TERMINE PER IRROGARE LA SANZIONE DISCIPLINARE IL QUESITO Si chiede di precisare quali sono gli effetti delle

Dettagli

PROFESSIONALE ORDINE DEGLI INGEGNERI DI TREVISO

PROFESSIONALE ORDINE DEGLI INGEGNERI DI TREVISO CONVENZIONE POLIZZA DI RESPONSABILITA CIVILE PROFESSIONALE ORDINE DEGLI INGEGNERI DI TREVISO FOR INSURANCE BROKER SRL, Società di Brokeraggio con sede principale a Castelfranco V.to, Ha stipulato con i

Dettagli

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente"

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente LEGGE 27 LUGLIO, N.212 "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente" pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 177 del 31 luglio 2000 Art. 1. (Princìpi generali) 1. Le disposizioni della

Dettagli

LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP.

LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP. Seminario IF COMMISSIONE INGEGNERIA FORENSE LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP. Milano, 9 giugno 2011 1 Riserve: generalità Riserva come preannuncio di disaccordo (=firma con riserva) Riserva come domanda

Dettagli

PROTEZIONE E CRESCITA PIÙ

PROTEZIONE E CRESCITA PIÙ Società del Gruppo ALLIANZ S.p.A. CONTRATTO DI ASSICURAZIONE A VITA INTERA A PREMIO UNICO E PRESTAZIONI RIVALUTABILI PROTEZIONE E CRESCITA PIÙ IL PRESENTE FASCICOLO INFORMATIVO CONTENENTE: SCHEDA SINTETICA

Dettagli

RISOLUZIONE N. 20/E. Roma, 14 febbraio 2014

RISOLUZIONE N. 20/E. Roma, 14 febbraio 2014 RISOLUZIONE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 14 febbraio 2014 OGGETTO: Tassazione applicabile agli atti di risoluzione per mutuo consenso di un precedente atto di donazione articolo 28 del DPR

Dettagli

Il mio ricorso alla CEDU: Come presentarlo e in che modo lo stesso viene gestito

Il mio ricorso alla CEDU: Come presentarlo e in che modo lo stesso viene gestito Il mio ricorso alla CEDU: Come presentarlo e in che modo lo stesso viene gestito La Corte dichiara inammissibili la maggior parte dei ricorsi senza esaminarli nel merito, a causa del mancato rispetto dei

Dettagli

IL DIRETTORE. Data 20.03.2015. Protocollo 7481-VII.1. Rep. DDIP n. 169. Settore Amministrazione e contabilità. Oggetto 1/10

IL DIRETTORE. Data 20.03.2015. Protocollo 7481-VII.1. Rep. DDIP n. 169. Settore Amministrazione e contabilità. Oggetto 1/10 Protocollo 7481-VII.1 Data 20.03.2015 Rep. DDIP n. 169 Settore Amministrazione e contabilità Responsabile Maria De Benedittis Oggetto Procedura selettiva pubblica per titoli e colloquio per la stipula

Dettagli

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Codice di Comportamento Genesi Uno Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Caro Collaboratore, vorrei sollecitare la tua attenzione sulle linee guida ed i valori di integrità e trasparenza che

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati Pagina 1/8 FOGLIO INFORMATIVO 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati INFORMAZIONI SULLA BANCA CASSA DI RISPARMIO DI VOLTERRA S.p.A. Sede Legale: Piazza dei Priori, 16/18 56048 Volterra (PI) Tel.:

Dettagli

TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa

TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa Le parti, nel ritenere che il rapporto di lavoro a tempo parziale possa essere mezzo idoneo ad agevolare l incontro fra domanda e offerta di lavoro, ne confermano

Dettagli

Impugnazione del licenziamento dopo il Collegato Lavoro

Impugnazione del licenziamento dopo il Collegato Lavoro Impugnazione del licenziamento dopo il Collegato Lavoro Natura giuridica e forma dell impugnazione Giurisprudenza L impugnazione del licenziamento, disciplinata dall art. 6, legge n. 604/ 1966(anche a

Dettagli

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015 CIRCOLARE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 11 maggio 2015 OGGETTO: Trattamento agli effetti dell IVA dei contributi pubblici relativi alle politiche attive del lavoro e alla formazione professionale

Dettagli

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Codice identificativo n. [numero progressivo da sistema] CONTRATTO per il riconoscimento degli incentivi per

Dettagli

RISOLUZIONE N. 211/E

RISOLUZIONE N. 211/E RISOLUZIONE N. 211/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,11 agosto 2009 OGGETTO: Sanzioni amministrative per l utilizzo di lavoratori irregolari Principio del favor rei 1. Premessa Al fine

Dettagli

Procedimento di controllo Commissione Contratti

Procedimento di controllo Commissione Contratti Procedimento di controllo Commissione Contratti PARERE IN MATERIA DI CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA Con la presente si comunica che, nell ambito del procedimento in oggetto, la Commissione Contratti di

Dettagli

MOD. 7A 7B, E PRIVACY UNIFICATI

MOD. 7A 7B, E PRIVACY UNIFICATI MOD. 7A 7B, E PRIVACY UNIFICATI Mod. 7A COMUNICAZIONE INFORMATIVA SUGLI OBBLIGHI DI COMPORTAMENTO CUI GLI INTERMEDIARI SONO TENUTI NEI CONFRONTI DEI CONTRAENTI La preghiamo di leggere con attenzione il

Dettagli

postafuturo partecipa special Ed. ottobre 2013

postafuturo partecipa special Ed. ottobre 2013 postafuturo partecipa special Ed. ottobre 2013 Contratto di assicurazione sulla vita con partecipazione agli utili Il presente Fascicolo Informativo contenente la Scheda Sintetica, la Nota Informativa,

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA di CONDUCENTE Cognome Nome 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza

Dettagli

Note e informazioni legali

Note e informazioni legali Note e informazioni legali Proprietà del sito; accettazione delle condizioni d uso I presenti termini e condizioni di utilizzo ( Condizioni d uso ) si applicano al sito web di Italiana Audion pubblicato

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO

CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO 1. CAMPO DI APPLICAZIONE 1.1 Le presenti Condizioni Generali di Acquisto ("GPC") si applicano all acquisto di materiali, articoli, prodotti, componenti, software ed i relativi

Dettagli

Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili

Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili Assunzione Tipologie contrattuali Ai lavoratori avviati mediante il cd. collocamento obbligatorio vanno applicate le norme valide per la generalità

Dettagli

DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO.

DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO. 5 del consiglio di Amministrazione 242 Allegato A DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO. Art. 1 Oggetto

Dettagli

DISPOSIZIONI DISCIPLINARI CONTRATTUALI PERSONALE NON DIRIGENTE DEL COMPARTO REGIONI E AUTONOMIE LOCALI (estratto C.C.N.L. del 11.04.

DISPOSIZIONI DISCIPLINARI CONTRATTUALI PERSONALE NON DIRIGENTE DEL COMPARTO REGIONI E AUTONOMIE LOCALI (estratto C.C.N.L. del 11.04. ISTITUTO AUTONOMO CASE POPOLARI DELLA PROVINCIA DI FOGGIA DISPOSIZIONI DISCIPLINARI CONTRATTUALI PERSONALE NON DIRIGENTE DEL COMPARTO REGIONI E AUTONOMIE LOCALI (estratto C.C.N.L. del 11.04.2008) TITOLO

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi terzi il cui soggiorno è irregolare Adozione con delibera

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI CISTERNA DI LATINA Medaglia d argento al Valor Civile REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 52 del 11.05.2009 a cura di : Dott. Bruno Lorello

Dettagli

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Affari Legali e Contenzioso Roma, 12 febbraio 2014 OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147

Dettagli

TERMINI E CONDIZIONI DI ACQUISTO STANDARD

TERMINI E CONDIZIONI DI ACQUISTO STANDARD TERMINI E CONDIZIONI DI ACQUISTO STANDARD Le presenti condizioni generali di acquisto disciplinano il rapporto tra il Fornitore di beni, opere o servizi, descritti nelle pagine del presente Ordine e nella

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO Finanziamenti import, anticipi export, finanziamenti liberi (con e senza garanzia ipotecaria)

FOGLIO INFORMATIVO Finanziamenti import, anticipi export, finanziamenti liberi (con e senza garanzia ipotecaria) FOGLIO INFORMATIVO Finanziamenti import, anticipi export, finanziamenti liberi (con e senza garanzia ipotecaria) INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare dell Alto Adige Società cooperativa per azioni Via

Dettagli

Deliberazione n.57/pareri/2008

Deliberazione n.57/pareri/2008 Deliberazione n.57/pareri/2008 REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Nicola Mastropasqua Presidente dott. Giorgio Cancellieri

Dettagli

La normativa civilistica in tema di impugnativa di bilancio di s.p.a. e s.r.l.

La normativa civilistica in tema di impugnativa di bilancio di s.p.a. e s.r.l. Il bilancio delle società di capitali La sua impugnazione Firenze 15 giugno 2010 La normativa civilistica in tema di impugnativa di bilancio di s.p.a. e s.r.l. Francesco D Angelo (Università di Firenze)

Dettagli

CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO

CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO Si può apporre un termine al contratto di lavoro solo in presenza di casi particolari, per cui son necessari alcuni requisiti fondamentali come la forma del contratto e la

Dettagli

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI Assessorato alla f amiglia, all Educazione ed ai Giov ani Municipio Roma III U.O. Serv izi Sociali, Educativ i e Scolastici Allegato n. 3 al Bando d Istruttoria Pubblica per l intervento Nuovi PercHorsi

Dettagli

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Introduzione Le Societá tra Professionisti, introdotte dalla legge 183/2010, sono una delle novitá

Dettagli

LA MODULISTICA NELLA MEDIAZIONE IMMOBILIARE. Linee guida per la predisposizione e l utilizzo

LA MODULISTICA NELLA MEDIAZIONE IMMOBILIARE. Linee guida per la predisposizione e l utilizzo LA MODULISTICA NELLA MEDIAZIONE IMMOBILIARE Linee guida per la predisposizione e l utilizzo LA MODULISTICA NELLA MEDIAZIONE IMMOBILIARE Linee guida per la predisposizione e l utilizzo La modulistica nella

Dettagli

CONTRATTO DI CERTIFICAZIONE

CONTRATTO DI CERTIFICAZIONE CONTRATTO DI CERTIFICAZIONE tra FLO-CERT GMBH E RAGIONE SOCIALE DEL CLIENTE PARTI (1) FLO-CERT GmbH, società legalmente costituita e registrata a Bonn, Germania con il numero 12937, con sede legale in

Dettagli

SEZIONE I - DISPOSIZIONI GENERALI. 1 di 5

SEZIONE I - DISPOSIZIONI GENERALI. 1 di 5 CONTRATTO QUADRO PER LO SVOLGIMENTO DEI SERVIZI DI PAGAMENTO A VALERE SUL CONTO CORRENTE (Contratto per persone fisiche che agiscono per scopi estranei all attività imprenditoriale o professionale) Mod.

Dettagli

SOSTEGNO ALLA GENITORIALITÀ. MARCO FRISONI Castellanza, 27 settembre 2012

SOSTEGNO ALLA GENITORIALITÀ. MARCO FRISONI Castellanza, 27 settembre 2012 CONVALIDA DELLE DIMISSIONI E SOSTEGNO ALLA GENITORIALITÀ MARCO FRISONI Castellanza, 27 settembre 2012 La Legge n. 92/2012 si occupa sia della questione delle dimissioni della lavoratrice madre (ovvero

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni DOMANDA DI CARTA DELL AZIENDA ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA di DATI DELL AZIENDA Denominazione

Dettagli

Condizioni Generali di Contratto per la vendita e fornitura di prodotti e servizi Lauterbach S.r.l.

Condizioni Generali di Contratto per la vendita e fornitura di prodotti e servizi Lauterbach S.r.l. General Terms and Conditions of Condizioni Generali di Contratto per la vendita e fornitura di prodotti e servizi Lauterbach S.r.l. Articolo I: Disposizioni Generali 1. I rapporti legali tra il Fornitore

Dettagli