I DISTINTIVI PER LE UNIFORMI DELLA POLIZIA DI STATO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I DISTINTIVI PER LE UNIFORMI DELLA POLIZIA DI STATO"

Transcript

1 40(P)-I-XVI-41(P) inserto_agosto.qxd 21/07/ Pagina I inserto I DISTINTIVI PER LE UNIFORMI DELLA POLIZIA DI STATO di Boris Dijust SOMMARIO pag. 1. Decorazioni III 2. Distintivi d onore X 3. Distintivi di specialità, reparto e specializzazione XI

2 40(P)-I-XVI-41(P) inserto_agosto.qxd 21/07/ Pagina II Inserto 1. Decorazioni Poliziamoderna Premessa I segni distintivi di gloria, onore e merito o semplicemente di ricordo nascono probabilmente con le prime comunità quando una persona importante volle distinguersi dagli altri, magari per un atto di coraggio, ornandosi il capo con una piuma o le corna di un animale che aveva ucciso. Nell antica Roma abbiamo la certezza che ai soldati valorosi venivano conferite delle piastre d oro o d argento per ornare il pettorale della corazza in modo da rendere visibile, il riconoscimento dell Impero per atti di coraggio e valore in battaglia. Ai trionfatori poi venivano poste sul capo corone d alloro, di quercia o di gramigna a seconda degli atti compiuti. E le attuali medaglie al valore e al merito non portano riprodotte forse fronde di alloro o di quercia? Altri simboli, generalmente riservati ai nobili, nacquero con le prime crociate. Nel 1103 un antico diploma di Baldovino I autorizzava il patriarca di Gerusalemme a nominare cavalieri e di quegli anni abbiamo la notizia della nascita dei più antichi ordini cavallereschi quali i Cavalieri di San Giovanni (Malta), i Lazzariti e i Cavalieri dell Ordine del Santo Sepolcro. Ecco che un gesto eroico, un atto di valore, una lunga carriera, una capacità professionale o semplicemente l appartenenza ad un reparto oggi, nella Polizia di Stato, come in tutti i corpi militarmente organizzati del mondo, hanno risalto sull uniforme con un nastrino, uno scudetto o un distintivo. Ma questi segni esteriori hanno valore solamente se conferiti da un organismo riconosciuto quale conseguenza di un atto meritevole, se il distintivo con il quale è fregiata la divisa è previsto da un regolamento o da una disposizione quale riconoscimento di un brevetto o specializzazione. L utilizzo sull uniforme di distintivi e medaglie è regolamentato dalla normativa vigente, come si vedrà più avanti, e l art. 6 del dm 19 febbraio 1992 Determinazione delle caratteristiche delle divise degli appartenenti alla Polizia di Stato, nonché criteri generali circa l obbligo e le modalità d uso fa divieto di applicare sulla divisa distintivi, insegne, decorazioni, nastrini, fregi ed altri emblemi non riconosciuti e non autorizzati dall Amministrazione. Qualora autorizzati devono essere conformi ed applicati nell ordine e secondo le prescrizioni stabilite dalla normativa vigente per la Polizia di Stato e qualora non prevista, quella per le forze armate. L uniforme è di per sé stessa un segno distintivo da portare con decoro ed onore ed ogni segno di cui è caricata deve essere supportato da un brevetto, una concessione, un conferimento o più semplicemente dall appartenenza ad un determinato Ufficio come nel caso dei distintivi di reparto. Nella nostra trattazione dobbiamo distinguere le diverse categorie di fregi di cui è previsto caricare l uniforme: 1. distintivi di qualifica; ben conosciuti e che non verranno trattati in questo inserto; 2. decorazioni (onorificenze e medaglie); 3. distintivi d onore; 4. distintivi di specialità e di reparto; 5. distintivi di specializzazione. II

3 40(P)-I-XVI-41(P) inserto_agosto.qxd 21/07/ Pagina III I distintivi per le uniformi della Polizia di Stato 1. Decorazioni La normativa prevede che agli appartenenti ai ruoli della Polizia di Stato possono essere conferite onorificenze, ricompense al valor militare, ricompense al valor civile, ricompense al merito civile, ricompense per meriti straordinari e speciali, ricompense per lodevole comportamento, riconoscimenti per anzianità di servizio, riconoscimenti al merito di servizio nonché ricompense ed onorificenze attribuite da parte di Stati esteri e organismi nazionali ed internazionali. A parte le ricompense per meriti straordinari e speciali e quelle per lodevole comportamento che si concretizzano con il rilascio di un attestato che non comporta un fregio da apporre sull uniforme (encomio solenne, encomio e lode), le altre sono decorazioni che consistono in medaglie, croci o stelle metalliche appese ad un nastro, oppure, le più prestigiose, sono formate da placche o fasce che indicano la concessione di ricompense al valore e al merito oppure di onorificenze concesse da ordini cavallereschi. Le loro caratteristiche sono individuate dai provvedimenti istitutivi di ciascuna decorazione. Sull uniforme ordinaria di servizio ci si fregia di nastrini che riproducono i colori del nastro della decorazione e che la rappresentano, sarebbe infatti poco pratico indossare quotidianamente sull uniforme le decorazioni in formato normale. I nastrini si portano al lato sinistro del petto al di sopra del taschino della giubba tra il risvolto del bavero e l attaccatura della manica. In caso di più nastrini essi Onorificenza di cavaliere dell'ordine al merito della Repubblica italiana Onorificenza di cavaliere dell Ordine equestre del Santo Sepolcro di Gerusalemme Onorificenza di cavaliere del Sovrano militare ordine di Malta al merito melitense vanno posizionati su più righe orizzontali, in numero di tre o massimo quattro se sono molti, in modo che le righe successive alla prima siano complete e la prima, se di numero inferiore, deve essere centrata rispetto alle sottostanti. Le decorazioni hanno un ordine di precedenza disciplinato da leggi e regolamenti. Relativamente alle decorazioni la Polizia di Stato deve uniformarsi al Regolamento sulle uniformi dell Esercito così come previsto dalla tabella 43/14 lettera d del dm 19 febbraio La regola base di osservanza è la seguente: 1. decorazioni al valore; 2. onorificenze nazionali; 3. onorificenze non nazionali; 4. decorazioni estere; si deve inoltre tenere conto che tra le medaglie commemorative ha la precedenza quella conferita per prima e le decorazioni estere si susseguono in base all anno di fondazione dell ordine. Le decorazioni vanno portate con l ordine di precedenza indicato nella tabella riportata nelle pagine VIII e IX. È appena il caso di sottolineare che per fregiarsi dei nastrini sopra riportati bisogna prima aver ottenuto l autorizzazione ministeriale e la conseguente trascrizione a matricola del diploma attestante la concessione della ricompensa. Il decorato può quindi fregiarsi sulla divisa del nastrino rispecchiante la decorazione. Si ricorda che ci si può fre- III agosto/settembre 2006

4 40(P)-I-XVI-41(P) inserto_agosto.qxd 21/07/ Pagina IV Inserto 1. Decorazioni giare solo del riconoscimento di grado più elevato. Quindi, se si è decorati di tutti e tre i gradi (oro, argento e bronzo) della medaglia al merito di servizio, si porterà sull uniforme solo il nastrino con la stelletta in oro. Se si è insigniti delle onorificenze di ufficiale e di cavaliere dell Omri (Ordine al merito della Repubblica italiana) si vestiranno solo le insegne di ufficiale. Ora si noti che nell elenco dei riconoscimenti abbiamo inserito anche diverse medaglie commemorative per missioni di pace all estero. Tali decorazioni sono attribuite al personale della Polizia di Stato in applicazione del decreto interministeriale del 27 novembre 1996 a chi abbia prestato o presti servizio al di fuori del territorio nazionale in base ad accordi bilaterali, multilaterali o per conto dell Onu. Nella Polizia di Stato prestano servizio molte persone che hanno svolto il servizio militare e di recente sono stati immessi in ruolo anche molti ex volontari in ferma breve che durante il periodo di servizio nelle forze armate hanno partecipato con onore ad operazioni internazionali e sono stati decorati di medaglie commemorative Nato, Ue o Onu oppure hanno conseguito particolari brevetti o specializzazioni. Anche in questo caso è ammesso fregiarsi dei nastrini e dei distintivi solo nel caso in cui il conferimento della medaglia sia stato trascritto sul foglio matricolare della Polizia di Stato relativo all interessato. Nelle cerimonie civili, religiose e militari ed in particolar modo nelle cerimonie che ricorrono il 2 giugno, il 4 novembre, il giorno della Festa della Polizia di Stato e del Santo patrono San Michele Arcangelo le insegne metalliche delle decorazioni vengono indossate in formato normale. Ora vediamo quali sono le decorazioni proprie della Polizia di Stato istituite con dm 5 giugno 1990: la medaglia al merito di servizio; la croce per anzianità di servizio; la medaglia al merito di lunga navigazione; la medaglia al merito di lunga navigazione aerea; medaglie commemorative per la partecipazione ad operazioni di soccorso; la medaglia di commiato. Per ottenere questi riconoscimenti gli interessati devono presentare istanza all ufficio di appartenenza indicando tutti i periodi e gli incarichi che danno luogo al conferimento della decorazione. La medaglia al merito di servizio di operazioni di pace Croce operazioni di soccorso umanitario Questa decorazione è conferita nei tre gradi: oro, argento e bronzo, al personale che abbia raggiunto rispettivamente 20 anni, 15 anni e 10 anni di direzione di unità organizzative od operative ed abbia prestato onorevole servizio nei ruoli della Polizia di Stato. Gli incarichi che possono dare titolo alla medaglia al merito di servizio sono: per gli appartenenti al ruolo dei dirigenti e dei commissari, ed equiparati: direzione di uffici, reparti, enti e istituti; indirizzo e coordinamento di più unità organiche di carattere organizzativo od operativo; direzione di unità organiche nell ambito di uffici, reparti, enti e istituti; di interventi per pubbliche calamità d argento al merito di servizio Poliziamoderna IV

5 40(P)-I-XVI-41(P) inserto_agosto.qxd 21/07/ Pagina V I distintivi per le uniformi della Polizia di Stato l esercizio di supplenza degli incarichi di cui sopra; istruzione e formazione del personale; per gli appartenenti al ruolo degli ispettori, ed equiparati: indirizzo e coordinamento di più unità organiche di carattere organizzativo od operativo; l esercizio di supplenza di incarichi superiori; formazione o istruzione del personale; per gli appartenenti al ruolo dei sovrintendenti, ed equiparati: comando di posto di polizia o di unità equivalenti; comando di più agenti o di piccole unità operative od organizzative; l esercizio di supplenza degli incarichi di cui sopra; addestramento del personale. Tutti gli incarichi devono risultare da provvedimenti formali dell Amministrazione e vanno rilevati dal foglio matricolare, oppure da un decreto di conferimento dell incarico ma si possono anche desumere dai rapporti informativi o da precedenti di servizio. Gli appartenenti al ruolo degli assistenti e agenti per poter ottenere la decorazione devono: non aver riportato nell ultimo quinquennio sanzioni disciplinari più gravi del richiamo scritto; non aver riportato nell ultimo decennio sanzioni disciplinari più gravi della deplorazione. Per raggiungere gli anni previsti sono cumulabili periodi di servizio di minore durata risultanti da provvedimenti formali dell Amministrazione riportanti gli incarichi svolti. Tali periodi possono essere relativi anche a servizi svolti in ruoli diversi dell Amministrazione purché per ogni singolo periodo risultino i relativi incarichi. La croce per anzianità di servizio Questo riconoscimento può essere conferito a tutto il personale della Polizia di Stato che abbia prestato onorevole servizio. La croce di anzianità è conferita nei tre gradi: oro, argento e bronzo, al personale che abbia compiuto rispettivamente 35 anni, 30 anni e 20 anni di onorevole servizio. Per il raggiungimento degli anni indicati si sommano i periodi di onorevole servizio comunque prestato nei ruoli del personale della Polizia di Stato. Sull uniforme di servizio ci si fregia del nastrino recante al centro una stelletta in oro, in argento o in bronzo rispecchiante il grado della decorazione. La medaglia al merito di lunga navigazione Questa medaglia è conferita, nei tre gradi: oro, argento e bronzo, al personale che abbia compiuto rispettivamente 20 anni, 15 anni e 10 anni di servizio sui natanti dell Amministrazione della pubblica sicurezza o sul naviglio militare dello Stato o comunque sulle unità navali di cui al dm della Difesa 18 agosto Il computo degli anni di servizio valutabile si può effettuare anche sommando periodi di minore durata. Il nastro di seta reca al centro un palo bianco, affiancato da due pali azzurri con alle estremità altri due pali color cremisi lievemente più larghi. Sul nastro viene posta al centro una stelletta in oro, in argento o in bronzo rispecchiante la decorazione. Croce d oro per anzianità di servizio al merito di lunga navigazione V agosto/settembre 2006

6 40(P)-I-XVI-41(P) inserto_agosto.qxd 21/07/ Pagina VI Inserto La medaglia al merito di lunga navigazione aerea Questa medaglia è conferita, nei tre gradi d oro, argento e bronzo, al personale in possesso del brevetto di pilota di elicottero o aereo, oppure del brevetto di specialista di elicottero o aereo oppure del brevetto di osservatore che, complessivamente, abbia compiuto rispettivamente: 20 anni di servizio aeronavigante e 600 ore di volo; 15 anni di servizio aeronavigante e 450 ore di volo; 10 anni di servizio aeronavigante e 300 ore di volo. d oro al merito di lunga navigazione aerea Ai fini del conferimento sono valutabili periodi di minore durata di servizio aeronavigante effettivamente prestato e per il quale l interessato abbia percepito le indennità di aeronavigazione o di volo. Il nastro di seta è azzurro con ai lati due pali di colore cremisi. Il nastrino è caricato al centro di una stelletta in oro, in argento o in bronzo a seconda del grado della medaglia. 1. Decorazioni Le medaglie commemorative Al personale della Polizia di Stato possono essere concesse medaglie commemorative e diplomi di benemerenza per la partecipazione ad operazioni di soccorso di popolazioni colpite da pubbliche calamità ai sensi dell art. 13 del dm 5 giugno La concessione di queste decorazioni viene disciplinata di volta in volta con apposito decreto ministeriale. La per la partecipazione ad operazioni di soccorso alle popolazioni colpite da pubbliche calamità è in bronzo e porta nel diritto una stella a cinque punte e due mani che si incontrano, di cui una uscente dalle acque inondanti una città e una da una nuvola in tempesta. Nel retro della medaglia è riportato lo stemma della Repubblica italiana contornato dalla dicitura BENEMERENZA e IN- TERVENTI PER PUBBLICHE CALAMITÀ. Altre decorazioni commemorative sono state coniate appositamente a ricordo di gravi episodi sismici che hanno colpito il nostro Paese: la la medaglia per le operazioni di soccorso alle popolazioni colpite dal sisma del 1976 (Friuli); la medaglia di bronzo per le operazioni di soccorso alle popolazioni colpite dal sisma del 1980 (Campania-Basilicata); la medaglia di benemerenza per l emergenza dell Etna 91-92; la medaglia di benemerenza per le operazioni di soccorso per le alluvioni nelle province di Alessandria, Asti e Cuneo del novembre 1994; la medaglia di benemerenza conferita dalla presidenza del Consiglio dei ministri - Di- operazioni di soccorso in Friuli (1976) operazioni di soccorso in Campania (1980) di benemerenza per le operazioni di soccorso in Piemonte (1994) di benemerenza emergenza Umbria Marche (1997) Poliziamoderna VI

7 40(P)-I-XVI-41(P) inserto_agosto.qxd 21/07/ Pagina VII I distintivi per le uniformi della Polizia di Stato partimento della protezione civile per il terremoto che nel 1997 che ha colpito l Umbria e le Marche. Le decorazioni, come abbiamo già precisato, vanno portate seguendo un ordine di importanza e, a parità di importanza, ha la precedenza la distinzione onorifica conferita prima. Essendo quindi decorati di tutte e cinque queste medaglie si porterà prima quella del Friuli, poi quella della Campania-Basilicata, quella dell Etna, quella per il Piemonte e, a seguire, quella del sisma umbro-marchigiano. Per l inserimento nel medagliere della medaglia bisognerà tenere conto dell anno del conferimento e quindi posizionarla adeguatamente tra le altre. La medaglia di commiato di commiato La vigente normativa prevede il conferimento di una medaglia personalizzata di commiato in argento ed un foglio di congedo da conferire al personale che cessi dal servizio per limiti di età, per infermità contratta in servizio o perché deceduto in servizio. Un riconoscimento di gratitudine da conferire al personale che ha dedicato la vita al servizio della collettività. La medaglia reca al centro, nel diritto, in rilievo, lo stemma araldico della Polizia di Stato contornato dalla dicitura POLIZIA DI STATO. Nel rovescio la dicitura IL CAPO DELLA POLIZIA CON GRATITUDINE. VII agosto/settembre 2006

8 40(P)-I-XVI-41(P) inserto_agosto.qxd 21/07/ Pagina VIII Inserto Ricompense Cavaliere dell'ordine Militare d'italia Medaglie al Valor Militare Medaglie al Valor Civile Medaglie al Merito Civile della Fondazione Carnegie Croce per Anzianità di Servizio operazioni di pace Croce operazioni di soccorso umanitario Croce operazioni di Ordine Pubblico operazioni di soccorso in Friuli (1976) NATO Kosovo NATO Macedonia NATO Kosovo (2003) UN Kosovo EU Monitor Mission in ex Yugoslavia Ordine di San Gregorio Magno Ordine equestre di S. Silvestro Papa Ordine Equestre del Santo Sepolcro di Gerusalemme Nastrini militari di specializzazione I nastrini indicati qui a fianco sono alcuni distintivi di merito o di istruttore previsti per le forze armate ma rappresentanti specializzazioni in possesso anche del personale della Polizia di Stato. Il personale se ne può fregiare dopo i nastrini delle decorazioni, nell ordine di precedenza indicato, dalla sinistra alla destra di chi guarda. Personale qualificato N.B.C.R. Corso di Stato Maggiore Formatore Tiratore scelto Personale qualificato EOD 1 livello Poliziamoderna VIII

9 40(P)-I-XVI-41(P) inserto_agosto.qxd 21/07/ Pagina IX I distintivi per le uniformi della Polizia di Stato Cavaliere dell'ordine al Merito della Repubblica Italiana al Merito della Croce Rossa Italiana al Merito di Servizio al Merito di lunga navigazione aerea al Merito di lunga navigazione marittima operazioni di soccorso in Campania (1980) di benemerenza emergenza Etna di benemerenza emergenza Umbria Marche (1997) interventi per Pubbliche Calamità NATO Bosnia Herzegovina EU Eufor Concordia in FYROM EU Eufor Althea in Bosnia Herzegovina Sovrano Militare Ordine di Malta Sovrano Militare Ordine di Malta al Merito Melitense Ordine Piano Sacro Militare Ordine Costantiniano di San Giorgio Ordine equestre di Sant'Agata di San Marino Altre onorificenze e decorazioni di stati esteri nell'ordine di fondazione a Personale qualificato EOD 2 livello Personale qualificato IEDD Istruttore di sci Guida alpina Istruttore di educazione fisica Istruttore di equitazione Pilota istruttore di specialità Istruttore di scuola guida Istruttore di difesa personale Istruttore di tiro IX agosto/settembre 2006

10 40(P)-I-XVI-41(P) inserto_agosto.qxd 21/07/ Pagina X 2. Distintivi d onore 3. Distintivi di specialità, reparto e specializzazione Inserto 2. Distintivi d onore Distintivi d onore per feriti, mutilati o deceduti per causa di servizio I distintivi d onore previsti per i feriti, mutilati o deceduti per causa di servizio, appartenenti al personale della Polizia di Stato, sono a spillo, di metallo bianco, a forma di scudetto e recano rispettivamente la dicitura ferito in servizio, mutilato in servizio, alla memoria. Gli stessi hanno un altezza di mm 19 e una larghezza di mm 15. Con decreto ministeriale pubblicato sul Bollettino ufficiale del personale (Supplemento straordinario n. 1/28 Bis) del 10 novembre 1993 il ministro dell Interno ha disposto che Art. 1 - I distintivi d onore della Polizia di Stato sono quelli previsti dal decreto del presidente della Repubblica 17 luglio 1957, n. 763, riguardante le norme di esecuzione del regio decreto 23 gennaio 1940, n. 70, con il quale sono state estese al personale civile delle amministrazioni dello Stato le disposizioni contenute nel regio decreto 28 settembre 1934, n. 1820, relativo all istituzione dei distintivi d onore per i militari feriti, mutilati o deceduti per causa di servizio. Non è sufficiente aver riconosciuta una qualsiasi causa di servizio per potersi fregiare del distintivo, ma l avente diritto deve inoltrare istanza all Amministrazione che, valutati i presupposti, rilascia il distintivo d onore e un attestato della concessione dello speciale riconoscimento. Dopo la trascrizione a matricola il personale in servizio può applicare i distintivi d onore sulla giubba delle uniformi ordinarie e di servizio al di sopra dei nastrini delle decorazioni, dalla sinistra verso destra di chi guarda, con precedenza su ogni altro distintivo che vada portato in questa posizione. Per il personale della Polizia di Stato non è pertanto previsto di potersi fregiare sulla manica destra dell uniforme del galloncino ricamato in filo dorato (ferito in guerra) o argentato (ferito in servizio) previsti invece dal Regolamento sulle uniformi dell Esercito al quale la Polizia di Stato deve fare riferimento solo quando la materia non è diversamente regolamentata. Il distintivo di ferito in servizio spetta a coloro che abbiano riportato, in servizio e per causa di servizio, ma non per fatti di guerra, ferite o lesioni interessanti in modo grave e con esiti permanenti i tessuti molli, le ossa e gli organi cavitari, senza che per altro abbiano dato luogo alla concessione del distintivo d onore previsto per i mutilati. Il distintivo di mutilato in servizio spetta a coloro che abbiano riportato in servizio e per causa di servizio, ma non per fatti di guerra, ferite o lesioni con esiti gravi di mutilazioni o di permanenti alterazioni nella funzionalità di organi importanti. Il distintivo alla memoria è concesso ai familiari del personale deceduto a seguito di ferite o lesioni riportate in servizio e per causa di servizio. Distintivo cifra d onore della presidenza della Repubblica Istituito e regolamentato con i decreti presidenziali n. 19/N del 14 ottobre 1986 e n. 84/N/bis del 20 settembre 1990 questo distintivo d onore è previsto per il personale che presta servizio o abbia prestato servizio presso l Ufficio presidenziale della Polizia di Stato o presso l Ispettorato generale di pubblica sicurezza Quirinale per un periodo continuativo di almeno 12 mesi e con alto senso del dovere e irreprensibile comportamento disciplinare. Con circolare N.333.A/9808.D.5 del 25 luglio 2002 sono state emanate le disposizioni per il rilascio: d autorità per il personale in servizio nei suddetti uffici e a domanda per il personale che vi abbia prestato servizio in passato. La cifra d onore è un distintivo a spillo di mm 15 x 10 costituito dalle lettere iniziali di Repubblica italiana intrecciate in colore dorato e sormontate da corona turrita in Poliziamoderna X

11 40(P)-I-XVI-41(P) inserto_agosto.qxd 21/07/ Pagina XI I distintivi per le uniformi della Polizia di Stato colore dorato poggiati su scudo argentato. Dopo la trascrizione a matricola della concessione il personale in servizio può applicare il distintivo sulla giubba delle uniformi ordinarie e di servizio al di sopra dei nastrini delle decorazioni, dalla sinistra verso destra di chi guarda, dopo il distintivo di ferito in servizio e con precedenza su ogni altro distintivo che vada portato in questa posizione. 3. Distintivi di specialità, reparto e specializzazione Con decreto ministeriale del 10 gennaio 2005 è stato integrato il dm 23 settembre 1993 nelle parti concernenti i distintivi di specialità e di reparto in quanto, considerata la necessità di rivedere e riorganizzare il sistema degli scudetti, delle placche e dei distintivi previsti per il personale della Polizia di Stato, istituendone dei nuovi, modificando quelli già in uso e disciplinando i criteri per la loro attribuzione, si è ritenuto di dover disporre l adeguamento della suddetta materia alle innovazioni ordinative ed organizzative che hanno interessato la Polizia di Stato. Pertanto sono stati previsti i seguenti distintivi e placche di specializzazione, di merito, per istruttori, di incarico e di appartenenza anche al fine di promuovere più efficacemente l immagine istituzionale sul territorio: 1. distintivi e placche di specializzazione: indicano una particolare qualificazione professionale in specifici settori, conseguita con la frequenza di apposito corso; 2. distintivi di merito: indicano particolari titoli conseguiti durante il percorso professionale o durante corsi di formazione; 3. distintivi e placche per istruttori: individuano il personale al quale, dopo uno specifico corso, è stata riconosciuta la capacità di formare altro personale; 4. distintivi di incarico: indicano la titolarità di una specifica funzione di direzione, di comando di unità minori o di diretta assistenza alle autorità responsabili e rappresentative della Polizia di Stato. Tali distintivi competono per il tempo strettamente connesso all espletamento dell incarico; 5. distintivi di appartenenza: indicano il settore o l area geografica in cui il personale presta stabilmente servizio. Il dm del 10 gennaio 2005 prevede inoltre che la foggia, il disegno, le dimensioni, le tipologie, i criteri di attribuzione e le modalità d uso dei distintivi sopra indicati, nonché quelli di specialità e di reparto, saranno stabiliti con provvedimento del capo della Polizia - direttore generale della pubblica sicurezza. Nel frattempo rimane in vigore la normativa vigente per la Polizia di Stato e laddove essa non provvede a disciplinare la materia il personale è autorizzato a fregiarsi dei distintivi che individuano il possesso di particolari titoli conseguiti o l acquisizione di un particolare brevetto in applicazione delle normative relative alle forze armate, sempre che gli stessi siano registrati a matricola. Ciò anche in virtù della circolare n. 333-A/9811.A.7.1.(1) del 30 marzo Quindi come previsto dalla circolare n. 559/A/I/753.M.14/220 del 10 ottobre 1994, occorre pertanto che il distintivo sia legittimamente previsto da un atto formale dell Amministrazione dell Interno o della Difesa e sia intervenuta la variazione matricolare a testimoniare che l Amministrazione della pubblica sicurezza riconosce ai propri fini istituzionali il titolo, il brevetto od il superamento del corso, oltre che l avvenuto conseguimento del medesimo. Negli altri casi, l Amministrazione, a seguito della richiesta inoltrata dall interessato, valuta, anche sulla base della normativa vigente per le forze armate, l opportunità di autorizzare la trascrizione matricolare e quindi l interessato di potersi fregiare del previsto distintivo. XI agosto/settembre 2006

12 40(P)-I-XVI-41(P) inserto_agosto.qxd 21/07/ Pagina XII 3. Distintivi di specialità, reparto e specializzazione Inserto Distintivi di specialità Il distintivo di specialità costituisce segno di identificazione del personale della Polizia di Stato impiegato in particolari settori operativi, caratterizzati dalla tipicità delle attribuzioni ad essi devolute e dalla peculiarità dell assetto organizzativo nel quadro degli uffici, reparti e servizi in cui si articola l Amministrazione della pubblica sicurezza. Con dm 17 aprile 1987 è stato istituito il distintivo di specialità per il personale dei ruoli professionali dei sanitari della Polizia di Stato. Con dm 23 settembre 1993 sono stati quindi individuati i distintivi di specialità relativi alla polizia stradale, alla polizia di frontiera, alla polizia ferroviaria, al servizio aereo e alla polizia postale. Per quest ultima, in considerazione della radicale evoluzione delle strategie operative adottate sulla scorta dei progressi Servizio sanitario Polizia stradale Polizia di frontiera Polizia postale Polizia ferroviaria Servizio aereo tecnologici collegati allo specifico settore, con decreto del capo della Polizia del 6 febbraio 2006 è stato istituito il nuovo distintivo di specialità per il personale della polizia postale e delle comunicazioni. Questi distintivi vengono rilasciati a chi ha frequentato, con esito positivo, gli appositi corsi di specializzazione che prevedono la formazione tecnico-professionale del personale destinato a prestare servizio presso uno dei reparti delle citate specialità della Polizia di Stato. Ulteriore requisito per potersi fregiare del distintivo di specialità, oltre all aver superato favorevolmente lo specifico corso, è quello di prestare servizio in uno dei citati reparti. Lo scudetto rappresentante il distintivo viene portato, sulla divisa ordinaria, cucito sulla manica sinistra della giubba con il bordo inferiore a cm. 15 dall attaccatura della spallina. Il personale del servizio sanitario, quando veste il camice, applicherà il distintivo sul lato sinistro del petto sotto le insegne di qualifica. Non è superfluo sottolineare che solo quelli qui indicati sono i distintivi autorizzati ed identificativi delle specialità. Altri distintivi di foggia diversa, metallici o altro, che spesso si notano sulle divise di alcuni operatori, sono di pura fantasia e non hanno alcun valore. Peraltro una volta trasferiti dal reparto di specialità di cui si è frequentato il corso non è più possibile fregiarsi del relativo distintivo. Distintivi di reparto Il distintivo di reparto costituisce segno di identificazione del personale della Polizia di Stato in servizio presso unità organiche istituite con particolari compiti istituzionali e caratterizzate da un notevole grado di autonomia funzionale e strutturale. Requisito unico ed indispensabile che permette al dipendente di fregiarsi di uno dei distintivi di reparto è quello di appartenere ad un reparto impiegato nello specifico settore. Con dm 23 febbraio 1987 è stato istituito il distintivo di reparto in dotazione al personale in servizio presso l Ufficio presidenziale della Polizia di Stato. Con dm del 23 settembre 1993 sono stati individuati i distintivi di reparto relativi a Poliziamoderna XII

13 40(P)-I-XVI-41(P) inserto_agosto.qxd 21/07/ Pagina XIII I distintivi per le uniformi della Polizia di Stato Cinofili Reparto mobile Squadra volante Polizia scientifica Polizia a cavallo Istituti di istruzione Nucleo Operativo Centrale di Sicurezza Ispettorato Presidenza del Consiglio Ispettorato Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Ispettorato Senato della Repubblica Ispettorato Vaticano Ispettorato Palazzo Viminale Ispettorato Camera dei Deputati Ispettorato Ministero delle Comunicazioni Ispettorato Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Ufficio presidenziale Ufficio tecnico logistico provinciale delle questure Centro addestramento della Polizia di Stato di Cesena Fiamme oro Nucleo Prevenzione Crimine Squadra nautica Centro nautico sommozzatori reparto mobile, squadra volante, polizia a cavallo, cinofili, Nocs, istituti di istruzione, polizia scientifica e agli otto ispettorati generali della pubblica sicurezza. Con dm del 20 dicembre 1993 è stato istituito il distintivo del personale della Polizia di Stato in servizio presso i nuclei prevenzione crimine. Con dm 1 ottobre 1997 è stato individuato il distintivo del personale in servizio presso i gruppi sportivi Fiamme oro e con dm 3 luglio 2000 i distintivi di reparto per il personale in servizio presso le squadre nautiche e presso il Centro nautico e sommozzatori. A seguito della modifica del Centro addestramento polizia stradale di Cesena in Centro addestramento della Polizia di Stato a partire dal 1 gennaio 2006, con i decreti del capo della Polizia del 22 dicembre 2005 e 6 febbraio 2006 è stato istituito e modifi- XIII agosto/settembre 2006

14 40(P)-I-XVI-41(P) inserto_agosto.qxd 21/07/ Pagina XIV 3. Distintivi di specialità, reparto e specializzazione Inserto cato il distintivo di appartenenza al Centro addestramento della Polizia di Stato per le attività di polizia stradale, ferroviaria, dell immigrazione e di frontiera, postale e delle comunicazioni di Cesena. A seguito quindi dell istituzione, nell ambito delle questure, degli uffici tecnico-logistici per le esigenze di amministrazione, gestione e funzionamento dei mezzi e delle risorse logistiche delle questure, dei commissariati e di tutti gli uffici dell Amministrazione presenti nel territorio provinciale, con decreto del capo della Polizia 5 aprile 2006 è stato istituito il distintivo di appartenenza per il personale in servizio nei citati uffici. Anche per i distintivi di reparto vale quanto detto per quelli di specialità, quindi una volta trasferiti da uno di detti reparti, ovvero non prestandovi servizio, non ci si può fregiare del relativo distintivo. Distintivi di specializzazione Questi distintivi indicano particolari specializzazioni che si identificano nelle qualifiche tecnico-professionali conseguite dal personale previa frequenza di appositi corsi di istruzione che sono programmati dall Amministrazione presso centri e istituti di istruzione della polizia o presso enti esterni. L idoneità conseguita dal dipendente al termine del corso viene annotata sul foglio matricolare. Con dm n. 333-D/9805.H.A.2 del 29 agosto 1994 è stato istituito il Nuovo albo delle qualifiche operativo-professionali, specializzazioni e abilitazioni a particolari impieghi per il personale della Polizia di Stato che espleta attività di polizia (artificiere, tiratore scelto, istruttore di tiro, paracadutista, alpinista, pilota di elicottero, pilota di aereo, comandante costiero, comandante d altura, istruttore di difesa personale, eccetera). Come già indicato, laddove non sia stato individuato un distintivo specifico per la Polizia di Stato il personale, in attesa che venga emanato il provvedimento del capo della Polizia previsto dal dm del 10 gennaio 2005, può fregiarsi dei distintivi previsti per le forze armate purché il brevetto o la specializzazione siano trascritti a matricola. Per il personale aeronavigante sono stati previsti cinque distintivi corrispondenti alle diverse specializzazioni. Il decreto ministeriale del 12 settembre 1995 e il successivo decreto del capo della Polizia del 31 agosto 1998 hanno individuato disciplinato i distintivi per: pilota; pilota di elicottero; osservatore d aereo; specialista di aereo; specialista di elicottero. Pilota Specialista elicottero Pilota di elicottero Paracadutista militare Osservatore d aeroplano Paracadutista abilitato al lancio Specialista aereo Poliziamoderna XIV

15 40(P)-I-XVI-41(P) inserto_agosto.qxd 21/07/ Pagina XV I distintivi per le uniformi della Polizia di Stato Comandante di unità navale per la navigazione costiera Comandante di unità navale per la navigazione d altura Motorista navale Sommozzatore Relativamente invece alle squadre nautiche, per il personale navigante della Polizia di Stato, con dm 3 luglio 2000 sono stati individuati i distintivi professionali di: comandante di unità navale per la navigazione d altura; comandante di unità navale per la navigazione costiera; motorista navale; sommozzatore. Conclusioni Abbiamo cercato di fornire un panorama il più possibile completo dei segni distintivi che si possono indossare sull'uniforme, citandone le fonti normative. Si sente però la necessità di una normativa che regoli in modo unitario la materia. Tutti i distintivi che qui non abbiamo citato non sono autorizzati o autorizzabili. Tali spille, placche e scudetti spesso sono inventati da operatori durante corsi di formazione o sono creati con grande fantasia da commercianti intraprendenti. Tali oggetti, come la spilla riportata qui sotto, non hanno alcun valore se non di sminuire la persona che le indossa. XV agosto/settembre 2006

16 40(P)-I-XVI-41(P) inserto_agosto.qxd 21/07/ Pagina XVI Introduzione Il proprietario non perde i punti Quando avviene la perdita dei punti Revisione della patente per perdita totale dei punti Ricorso contro la decurtazione dei punti Come recuperare i punti persi Patente a punti per i conducenti titolari di patente estera Introduzione I documenti Il controllo del veicolo pag. II IV V VII VII VIII IX pag. X X XIII di Caterina Carannante pag. Copyright Fondo assistenza per il personale della pubblica sicurezza Edizione a cura di Poliziamoderna Tutti i diritti sono riservati a norma di legge e a norma delle convenzioni internazionali. Nessuna parte di questo inserto può essere riprodotta con sistemi elettronici, meccanici o altri, senza l autorizzazione scritta dell editore. Si ringrazia per la collaborazione la Direzione centrale per gli affari generali della Polizia di Stato - Servizio affari generali Gli inserti L ARRUOLAMENTO Luglio 2005 LE PENSIONI Ago./Sett MATERIALI AD ALTO RISCHIO Ottobre 2005 IL TRATTAMENTO ECONOMICO Novembre 2005 GLI STRANIERI Dicembre 2005 IL PASSAPORTO Gennaio 2006 I RICORSI Febbraio 2006 LE ASSENZE Marzo 2006 inserto inserto REGOLE AL VOLANTE PATENTE: PERDITA E RECUPERO DEI PUNTI di Giandomenico Protospataro* LE ARMI Come districarsi nel labirinto di autorizzazioni e licenze di polizia COSA TENERE IN AUTO di Paolo Mazzini** SOMMARIO TIPOLOGIE ATTIVITÀ COME RICHIEDERE LE LICENZE II VI XIV LE VIOLAZIONI AMMINISTRATIVE Aprile 2006 LE REGOLE AL VOLANTE Maggio 2006 PEDOFILIA: LE NUOVE NORME Giugno 2006 ARMI E LICENZE DI POLIZIA Luglio 2006 PER RICHIEDERE I NUMERI ARRETRATI: Ufficio abbonamenti Poliziamoderna tel /3 - fax

Allegato C DECORAZIONI IN USO PERMANENTE. Ordine di successione

Allegato C DECORAZIONI IN USO PERMANENTE. Ordine di successione Allegato C DECORAZIONI IN USO PERMANENTE Ordine di successione 77 1. Cavaliere di Gran Croce dell Ordine Militare d Italia; 2. Grande Ufficiale dell Ordine Militare d Italia; 3. Commendatore dell Ordine

Dettagli

NORME IN MATERIA DI POLIZIA AMMINISTRATIVA REGIONALE E LOCALE E POLITICHE DI SICUREZZA,

NORME IN MATERIA DI POLIZIA AMMINISTRATIVA REGIONALE E LOCALE E POLITICHE DI SICUREZZA, Schema di regolamento recante Caratteristiche e criteri generali concernenti l obbligo e le modalità d uso delle uniformi e dei relativi distintivi di grado, dei mezzi e degli strumenti in dotazione alla

Dettagli

Istituzione di un attestato di pubblica benemerenza del Dipartimento della protezione civile. IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

Istituzione di un attestato di pubblica benemerenza del Dipartimento della protezione civile. IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI D.P.C.M. 22 ottobre 2004. Istituzione di un attestato di pubblica benemerenza del Dipartimento della protezione civile. Pubblicato nella Gazz. Uff. 23 dicembre 2004, n. 300. IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO

Dettagli

CROCE ROSSA ITALIANA COMITATO CENTRALE

CROCE ROSSA ITALIANA COMITATO CENTRALE CROCE ROSSA ITALIANA COMITATO CENTRALE DELIBERA N. 14/08 DEL 29/02/2008 IL CONSIGLIO DIRETTIVO NAZIONALE DELL'ASSOCIAZIONE Riunitosi in Roma presso il Comitato Centrale della Croce Rossa Italiana il giorno

Dettagli

IL MINISTRO DELL'INTERNO

IL MINISTRO DELL'INTERNO IL MINISTRO DELL'INTERNO Visto l'articolo 17, comma 3, della legge 23 agosto 1988, n. 400; Visto il decreto legislativo 8 marzo 2006, n. 139, concernente il riassetto delle disposizioni relative alle funzioni

Dettagli

DIPARTIMENTO DELLA PUBBLICA SICUREZZA DIREZIONE CENTRALE PER GLI ISTITUTI DI ISTRUZIONE

DIPARTIMENTO DELLA PUBBLICA SICUREZZA DIREZIONE CENTRALE PER GLI ISTITUTI DI ISTRUZIONE DIPARTIMENTO DELLA PUBBLICA SICUREZZA N.500.C/AA2/2836 Roma, 17 febbraio 2010 OGGETTO: Disciplina dei corsi per il conseguimento e l aggiornamento delle qualifiche operativo professionali del Settore alpinistico

Dettagli

Medaglia e Croce di Guerra al Valor Militare

Medaglia e Croce di Guerra al Valor Militare Medaglia e Croce di Guerra al Valor Militare fonti normative D. Lgs. 15 marzo 2010, n. 66 Codice dell'ordinamento militare. Art. 99 Concessione di ricompense alle Forze armate 1. Il conferimento alla bandiera

Dettagli

Comune di Sassari Deliberazione del Commissario Straordinario Assunta con i poteri della Giunta Comunale

Comune di Sassari Deliberazione del Commissario Straordinario Assunta con i poteri della Giunta Comunale N. del Reg. 5 Comune di Sassari Deliberazione del Commissario Straordinario Assunta con i poteri della Giunta Comunale OGGETTO RECEPIMENTO DIRETTIVA REGIONALE N 16/10 DEL 18/04/2014 - ABROGAZIONE E SOSTITUZIONE

Dettagli

Comando Generale dell'arma dei Carabinieri

Comando Generale dell'arma dei Carabinieri Comando Generale dell'arma dei Carabinieri Uficio Rapporti con la Rappresentanza Militare 4CXr Z/j/,YAN"lm,

Dettagli

Il Ministro dell Interno

Il Ministro dell Interno Il Ministro dell Interno Visto l'articolo 31 del decreto legislativo 8 marzo 2006 n. 139, che demanda a un decreto del Ministro dell'interno la determinazione delle caratteristiche e delle modalità di

Dettagli

2) Guaine (controspalline) Da utilizzarsi unicamente con camicia, impermeabile, giaccone e giubbotti impermeabili.

2) Guaine (controspalline) Da utilizzarsi unicamente con camicia, impermeabile, giaccone e giubbotti impermeabili. Allegato C Segni identificativi del grado ed accessori sull uniforme Sezione prima. Segni identificativi del grado 1) Spalline Le spalline sono realizzate nel medesimo tessuto e colore dei capi di vestiario

Dettagli

C.R.I. - Ispettorato Provinciale Volontari del Soccorso di Udine aggiornato dall Ispettore Provinciale Roberto Not 335.6073800 robertonot@tin.

C.R.I. - Ispettorato Provinciale Volontari del Soccorso di Udine aggiornato dall Ispettore Provinciale Roberto Not 335.6073800 robertonot@tin. CROCE ROSSA ITALIANA COMITATO CENTRALE Regolamento per l uso dell'uniforme dei Volontari del Soccorso Regolamento di applicazione dell art.7, comma 3, del Regolamento dei Volontari del Soccorso emanato

Dettagli

OIREZIONE CENTRALE PER LE RISORSE UMANE SERVIZIO SOV.TI ASS.TI E AGENT I OIVISIONE 1 A SEZIONE PROGRESSIONE CARRIERA

OIREZIONE CENTRALE PER LE RISORSE UMANE SERVIZIO SOV.TI ASS.TI E AGENT I OIVISIONE 1 A SEZIONE PROGRESSIONE CARRIERA M'AlUIAPIC ITJT~PNn,1.1 MOD. 4 P.S.C DlPARTIMENTO DELLA PUBBLICA SICUREZZA OIREZIONE CENTRALE PER LE RISORSE UMANE SERVIZIO SOV.TI ASS.TI E AGENT I OIVISIONE 1 A SEZIONE PROGRESSIONE CARRIERA N.333-0/9807.".

Dettagli

Riforma della legge regionale n. 26/85 e istituzione del Corpo forestale della Regione Sardegna

Riforma della legge regionale n. 26/85 e istituzione del Corpo forestale della Regione Sardegna Riforma della legge regionale n. 26/85 e istituzione del Corpo forestale della Regione Sardegna Art. 1 Competenze del Corpo forestale della Regione Sardegna Le funzioni del Corpo forestale e di vigilanza

Dettagli

De Agostini Professionale - FulShow - UIL P.A. PENITENZIARI

De Agostini Professionale - FulShow - UIL P.A. PENITENZIARI Pagina 1 di 44 Epigrafe Premessa Articolo unico 1. Uniforme. 2. Acquisto, fornitura e rinnovo dell'uniforme nonché di effetti per l'espletamento di particolari servizi. 3. Uso dell'uniforme - prescrizioni,

Dettagli

F A Q ORDINE AL MERITO DELLA REPUBBLICA ITALIANA

F A Q ORDINE AL MERITO DELLA REPUBBLICA ITALIANA F A Q ORDINE AL MERITO DELLA REPUBBLICA ITALIANA 1. Che cos è l Ordine Al Merito della Repubblica Italiana? L Ordine Al Merito della Repubblica Italiana è il primo degli Ordini cavallereschi nazionali.

Dettagli

VALUTAZIONE TITOLI. Ai titoli posseduti da ciascun candidato non può essere attribuito un punteggio complessivo superiore a 10/20, così suddiviso:

VALUTAZIONE TITOLI. Ai titoli posseduti da ciascun candidato non può essere attribuito un punteggio complessivo superiore a 10/20, così suddiviso: VALUTAZIONE TITOLI I titoli da valutare sono costituiti dagli elementi risultanti dalla documentazione personale di ciascun concorrente, avuto riguardo ai risultati dei corsi di istruzione, al titolo di

Dettagli

CIRCOLARE TELEGRAFICA ROMA, 24 gennaio 2013

CIRCOLARE TELEGRAFICA ROMA, 24 gennaio 2013 CIRCOLARE TELEGRAFICA, 24 gennaio 2013 333.D/9805.C.C.7 (1) OGGETTO: SELEZIONE DI PERSONALE PER LA FREQUENZA DEL SECONDO CORSO DI QUALIFICAZIONE PER CONDUTTORI CINOFILI PER RICERCA E SOCCORSO A PERSONE

Dettagli

Il Ministro delle Politiche Agricole e Forestali

Il Ministro delle Politiche Agricole e Forestali Div. XII decreto n. 1986/05 Il Ministro delle Politiche Agricole e Forestali VISTA la legge 06 febbraio 2004, n. 36 concernente il nuovo ordinamento del Corpo Forestale dello Stato; VISTI i decreti in

Dettagli

Ufficio ROMA ROMA ROMA

Ufficio ROMA ROMA ROMA ALLA DIREZIONE CENTRALE DELLA POLIZIA CRIMINALE. Affari Generali. Servizio Centrale di Protezione. Servizio per il Sistema Informativo Interforze - Divisione 3 a Settore Addestramento. Servizio Affari

Dettagli

L Uniforme Descrizione e Regolamento sull uso

L Uniforme Descrizione e Regolamento sull uso L Uniforme Descrizione e Regolamento sull uso CROCE ROSSA ITALIANA ISPETTORATO NAZIONALE PIONIERI COLLANA MANUALI E NORMATIVE N. 1 Edizione 2008 versione 5.1 Introduzione Il Regolamento illustra la composizione

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI POLIZIA LOCALE E POLIZIA AMMINISTRATIVA DELL UNIONE DEI COMUNI STURA ORBA E LEIRA

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI POLIZIA LOCALE E POLIZIA AMMINISTRATIVA DELL UNIONE DEI COMUNI STURA ORBA E LEIRA UNIONE DEI COMUNI STURA, ORBA E LEIRA SERVIZIO ASSOCIATO POLIZIA LOCALE COMUNI DI: Campo Ligure, Masone, Rossiglione, Mele e Tiglieto Via Convento n 8 16013 Campo Ligure (GE) tel. 010/9269679 fax 010/9237301

Dettagli

All. 1 SEDE SEDE SEDE SEDE SEDE

All. 1 SEDE SEDE SEDE SEDE SEDE N.500/C/AA2/9553 Roma, 16 luglio 2009 OGGETTO: delle principali attività corsuali specialistiche frequentate dal personale della Polizia di Stato e criteri per la valutazione dell apprendimento. All. 1

Dettagli

UFFICIALE.U.0004031.04-05-2015

UFFICIALE.U.0004031.04-05-2015 dipvvf.staffcadip.registro UFFICIALE.U.0004031.04-05-2015 Interno - 261 MOD.4 VCF Roma, data protocollo CIRCOLARE Alle All Alle Agli Agli Ai DIREZIONI CENTRALI UFFICIO CENTRALE ISPETTIVO SEDE DIREZIONI

Dettagli

Istituzione dell'attestazione di pubblica benemerenza del Dipartimento della protezione civile

Istituzione dell'attestazione di pubblica benemerenza del Dipartimento della protezione civile Istituzione dell'attestazione di pubblica benemerenza del Dipartimento della protezione civile Il Presidente del Consiglio dei Ministri Vista la legge 23 agosto 1988, n. 400 recante la disciplina dell'attività

Dettagli

CITTA DI TAURISANO (Prov. Di Lecce) Regolamento di disciplina dello stemma, gonfalone, fascia tricolore e bandiere

CITTA DI TAURISANO (Prov. Di Lecce) Regolamento di disciplina dello stemma, gonfalone, fascia tricolore e bandiere CITTA DI TAURISANO (Prov. Di Lecce) Regolamento di disciplina dello stemma, gonfalone, fascia tricolore e bandiere (Approvato con delibera del Consiglio Comunale n.09 del 31.03.2005) CAPO I FINALITA DEL

Dettagli

Dott. ALESSANDRO CAMILLI

Dott. ALESSANDRO CAMILLI INFORMAZIONI PERSONALI Dott. ALESSANDRO CAMILLI VIA IRMA BANDIERA 32, 05100 TERNI (Italia) +39 3771392141 alex.camilli@tiscali.it ATTIVITA PERSONALI -Arbitro Di Calcio F.I.G.C. A.I.A. 1997 ad oggi Sezione

Dettagli

REGOLAMENTO SULLE MODALITA' DI USO DEI SEGNI DISTINTIVI DEL COMUNE E DI ESPOSIZIONE DELLE BANDIERE ALL'ESTERNO DEGLI EDIFICI COMUNALI

REGOLAMENTO SULLE MODALITA' DI USO DEI SEGNI DISTINTIVI DEL COMUNE E DI ESPOSIZIONE DELLE BANDIERE ALL'ESTERNO DEGLI EDIFICI COMUNALI COMUNE DI CESENA (Provincia di Forlì-Cesena) REGOLAMENTO SULLE MODALITA' DI USO DEI SEGNI DISTINTIVI DEL COMUNE E DI ESPOSIZIONE DELLE BANDIERE ALL'ESTERNO DEGLI EDIFICI COMUNALI TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

All. 1 AI SIGG. DIRETTORI DEGLI ISTITUTI DI ISTRUZIONE, DI PERFEZIONAMENTO E CENTRI DI ADDESTRAMENTO DELLA POLIZIA DI STATO

All. 1 AI SIGG. DIRETTORI DEGLI ISTITUTI DI ISTRUZIONE, DI PERFEZIONAMENTO E CENTRI DI ADDESTRAMENTO DELLA POLIZIA DI STATO N.500/C/AA2/9553 Roma, 15 settembre 2009 OGGETTO: delle principali attività corsuali specialistiche frequentate dal personale della Polizia di Stato e criteri per la valutazione dell apprendimento. Tabella

Dettagli

Ordine della Stella d Italia

Ordine della Stella d Italia Ordine della Stella d Italia fonti normative Legge 3 febbraio 2011 n.13 (G.U. n.49 del 1.03.2011) Art. 1 Modifiche al decreto legislativo 9 marzo 1948, n. 812 1. L'articolo 1 del decreto legislativo 9

Dettagli

Segreteria Nazionale Via Farini, 62-00186 Roma Tel. +39 06 48903773-48903734 Fax: +39 06 62276535 coisp@coisp.it www.coisp.

Segreteria Nazionale Via Farini, 62-00186 Roma Tel. +39 06 48903773-48903734 Fax: +39 06 62276535 coisp@coisp.it www.coisp. coisp@coisp.it www.coisp.it Prot. 55/14 S.N. Roma, 15 gennaio 2014 MINISTERO DELL'INTERNO DIPARTIMENTO DELLA PUBBLICA SICUREZZA UFFICIO PER LE RELAZIONI SINDACALI c.a. Signor Direttore, Vice Prefetto Tommaso

Dettagli

SMA-ORD-005 (SMA 115-1-2000)

SMA-ORD-005 (SMA 115-1-2000) STATO MAGGIORE DELL AERONAUTICA 1 REPARTO - Ordinamento e Personale (SMA 115-1-2000) ISTRUZIONI E PROCEDURE PER L INOLTRO DELLE PROPOSTE DI CONCESSIONE DELLE CROCI COMMEMORATIVE PER IL MANTENIMENTO DELLA

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Presentazione... pag. 7 Note sull Autore...» 8 Avvertenza...» 9 Abbreviazioni...» 11

INDICE SOMMARIO. Presentazione... pag. 7 Note sull Autore...» 8 Avvertenza...» 9 Abbreviazioni...» 11 INDICE SOMMARIO Presentazione... pag. 7 Note sull Autore...» 8 Avvertenza...» 9 Abbreviazioni...» 11 Il nuovo «codice delle assicurazioni» 1. D.L.vo 7 settembre 2005, n. 209. Codice delle assicurazioni

Dettagli

Ministero dell Interno

Ministero dell Interno LETTERA CIRCOLARE N Roma, data protocollo Alle Direzioni Centrali All Ufficio Centrale Ispettivo Alle Direzioni Regionali e Interregionali VV.F. Agli Uffici di Staff del Capo Dipartimento Agli Uffici di

Dettagli

CIRCOLARE TELEGRAFICA ROMA, 26 MAGGIO 2015

CIRCOLARE TELEGRAFICA ROMA, 26 MAGGIO 2015 CIRCOLARE TELEGRAFICA, 26 MAGGIO 2015 333.D/9805.C.C.5.B.2 (17) OGGETTO: SELEZIONE DI PERSONALE PER LA FREQUENZA DEL 17 CORSO DI QUALIFICAZIONE PER CONDUTTORI CINOFILI ANTIESPLOSIVO. ALLA SEGRETERIA DEL

Dettagli

CURRICULUM VITAE. TITOLO DI STUDIO: Diploma di Maturità Tecnica Perito Industriale Capotecnico (spec. Elettronica Industriale)

CURRICULUM VITAE. TITOLO DI STUDIO: Diploma di Maturità Tecnica Perito Industriale Capotecnico (spec. Elettronica Industriale) CURRICULUM VITAE DATI ANAGRAFICI: DANIO GIANMARCO nato a IMPERIA il 26/06/1971 responsabile del Servizio Polizia Municipale del Comune di Dolcedo e responsabile del Servizio associato di Polizia Locale

Dettagli

PROSPETTO DELLE UNIFORMI DA INDOSSARE NELLE VARIE CIRCOSTANZE

PROSPETTO DELLE UNIFORMI DA INDOSSARE NELLE VARIE CIRCOSTANZE PROSPETTO DELLE UNIFORMI DA INDOSSARE NELLE VARIE CIRCOSTANZE N. CIRCOSTANZE Unità Allegato A 1 In servizio non armato S. (1) (2) (2) (3) (2) (3) (2) (3) 2 In servizio isolato armato S.A. 1 (2) (2) S.A.

Dettagli

Anno 1973 In data 21 dicembre il V. Brig. Valter Cainero, al completamento del Corso di Specialisti di elicottero svoltosi presso la Scuola Specialisti dell Aeronautica Militare di Caserta, ha conseguito

Dettagli

Comune di Rieti Provincia di Rieti REGOLAMENTO COMUNALE PER L USO DEL GONFALONE, DELLA FASCIA TRICOLORE E DELLE BANDIERE

Comune di Rieti Provincia di Rieti REGOLAMENTO COMUNALE PER L USO DEL GONFALONE, DELLA FASCIA TRICOLORE E DELLE BANDIERE Comune di Rieti Provincia di Rieti REGOLAMENTO COMUNALE PER L USO DEL GONFALONE, DELLA FASCIA TRICOLORE E DELLE BANDIERE Emendato ed approvato con delibera del Consiglio comunale n. 19 del 25/02/2009 1

Dettagli

CAPO I MODIFICHE AL CODICE DELLA STRADA, DI CUI AL DECRETO LEGISLATIVO 30 APRILE 1992, N. 285

CAPO I MODIFICHE AL CODICE DELLA STRADA, DI CUI AL DECRETO LEGISLATIVO 30 APRILE 1992, N. 285 LEGGE 29 luglio 2010, n. 120 Disposizioni in materia di sicurezza stradale. CAPO I MODIFICHE AL CODICE DELLA STRADA, DI CUI AL DECRETO LEGISLATIVO 30 APRILE 1992, N. 285 Art. 23. (Modifiche agli articoli

Dettagli

Comune di Boville Ernica Provincia di Frosinone. Regolamento del Servizio di Polizia Locale

Comune di Boville Ernica Provincia di Frosinone. Regolamento del Servizio di Polizia Locale Comune di Boville Ernica Provincia di Frosinone Regolamento del Servizio di Polizia Locale CAPO I ORDINAMENTO Art. 1) Norma generale. Il presente regolamento disciplina, ai sensi della legge 7 marzo 1986,

Dettagli

2. Ai fini del presente provvedimento per Polizia Locale si intendono i corpi o servizi di Polizia Municipale e di Polizia Provinciale.

2. Ai fini del presente provvedimento per Polizia Locale si intendono i corpi o servizi di Polizia Municipale e di Polizia Provinciale. ALLEGATO A CARATTERISTICHE DELLE UNIFORMI, DEI DISTINTIVI DI GRADO E DI RICONOSCIMENTO DEL PERSONALE, DEL MATERIALE E DEGLI STRUMENTI OPERATIVI NONCHÉ DEI MEZZI IN DOTAZIONE AGLI APPARTENENTI AI CORPI

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI DEI VOLONTARI IN SERVIZIO SOSTITUTIVO DI LEVA NELLA POLIZIA MUNICIPALE

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI DEI VOLONTARI IN SERVIZIO SOSTITUTIVO DI LEVA NELLA POLIZIA MUNICIPALE REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI DEI VOLONTARI IN SERVIZIO SOSTITUTIVO DI LEVA NELLA POLIZIA MUNICIPALE ( art. 46, Legge 27 Dicembre 1997, n. 449. ) Approvato con delibera del Consiglio Comunale

Dettagli

Comune di incisa in Val d Arno (Provincia di Firenze) REGOLAMENTO

Comune di incisa in Val d Arno (Provincia di Firenze) REGOLAMENTO Comune di incisa in Val d Arno (Provincia di Firenze) REGOLAMENTO PER L USO DELLO STEMMA, DEL GONFALONE, DELLE BANDIERE, DELLA FASCIA TRICOLORE E DI PARTECIPAZIONE AL LUTTO. Approvato con delibera C.C.

Dettagli

BLASONE IN SICILIA RACCOLTA ARALDICA. -Q^^ft^-^- V. PALIZZOLO GRAVINA OSSIA. BAf^ONE. Editori DI RAGIONE

BLASONE IN SICILIA RACCOLTA ARALDICA. -Q^^ft^-^- V. PALIZZOLO GRAVINA OSSIA. BAf^ONE. Editori DI RAGIONE BLASONE IN SICILIA OSSIA RACCOLTA ARALDICA V. PALIZZOLO GRAVINA j I BAf^ONE DI RAGIONE -Q^^ft^-^- Editori 29 San Gregorio Magno. Ordine Pontificio; instituito il 1 settembre 1831 dal Papa Gregorio XVI

Dettagli

DIREZIONE CENTRALE PER LE RISORSE UMANE Servizio ordinamento e contenzioso Divisione I. N. 333-A/9807.I.5.1 Roma, 29.01.2003 C I R C O LA R E

DIREZIONE CENTRALE PER LE RISORSE UMANE Servizio ordinamento e contenzioso Divisione I. N. 333-A/9807.I.5.1 Roma, 29.01.2003 C I R C O LA R E DIREZIONE CENTRALE PER LE RISORSE UMANE Servizio ordinamento e contenzioso Divisione I N. 333-A/9807.I.5.1 Roma, 29.01.2003 OGGETTO: Nuove credenziali di viaggio. C I R C O LA R E DELLE DIREZIONI INTERREGIONALI

Dettagli

Art. 1 (Finalità e ambito di applicazione)

Art. 1 (Finalità e ambito di applicazione) LEGGE REGIONALE 18 maggio 2004, n. 17 Norme per la disciplina dell attività degli operatori del turismo subacqueo. (BUR n. 9 del 18 maggio 2004, supplemento straordinario n. 6) Art. 1 (Finalità e ambito

Dettagli

Prot n. 251 RS Roma, 03 giugno 2005. Al Signor Capo del Dipartimento dell Amministrazione Penitenziaria Pres. Giovanni Tinebra ROMA

Prot n. 251 RS Roma, 03 giugno 2005. Al Signor Capo del Dipartimento dell Amministrazione Penitenziaria Pres. Giovanni Tinebra ROMA Prot n. 251 RS Roma, 03 giugno 2005 Al Signor Ministro della Giustizia Sen. Roberto Castelli Al Signor Capo del Dipartimento dell Amministrazione Penitenziaria Pres. Giovanni Tinebra E, per conoscenza

Dettagli

Provincia di Napoli. Regolamento per il Servizio di Volontariato di Difesa Ambientale ed Ispettore Volontario Ambientale

Provincia di Napoli. Regolamento per il Servizio di Volontariato di Difesa Ambientale ed Ispettore Volontario Ambientale Città di Giugliano incampania Provincia di Napoli Regolamento per il Servizio di Volontariato di Difesa Ambientale ed Ispettore Volontario Ambientale Approvato con Delibera del Commissario Straordinario

Dettagli

DIPARTIMENTO DELLA PUBBLICA SICUREZZA

DIPARTIMENTO DELLA PUBBLICA SICUREZZA DIREZIONE CENTRALE PER LE RISORSE UMANE UFFICIO III - ATTIVITA CONCORSUALI N. 333-B/12S.4.11 DIPARTIMENTO DELLA PUBBLICA SICUREZZA IL CAPO DELLA POLIZIA DIRETTORE GENERALE DELLA PUBBLICA SICUREZZA VISTA

Dettagli

istruttore di autoscuola

istruttore di autoscuola Standard formativo relativo alla formazione iniziale propedeutica per il conseguimento dell abilitazione e formazione periodica istruttore di autoscuola ai sensi Decreto ministeriale 26 gennaio 2011, n.

Dettagli

B O Z Z A. Disegno di legge.

B O Z Z A. Disegno di legge. ALLEGATO B O Z Z A Disegno di legge. Attuazione dell art. 19 della legge 4 novembre 2010, n.183, in materia di lavori usuranti, di riorganizzazione di enti, di congedi, aspettative e permessi, di ammortizzatori

Dettagli

COMUNE DI SAN FRANCESCO AL CAMPO

COMUNE DI SAN FRANCESCO AL CAMPO COMUNE DI SAN FRANCESCO AL CAMPO REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI TORINO REGOLAMENTO DI DISCIPLINA DELL USO DELLO STEMMA DEL COMUNE, DEL GONFALONE, DELLA FASCIA TRICOLORE, DELLE BANDIERE, DELLA CONCESSIONE

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE DELLE BENEMERENZE FEDERALI TITOLO I AL MERITO DEL CICLISMO ARTICOLO 1

REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE DELLE BENEMERENZE FEDERALI TITOLO I AL MERITO DEL CICLISMO ARTICOLO 1 REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE DELLE BENEMERENZE FEDERALI TITOLO I AL MERITO DEL CICLISMO ARTICOLO 1 Il Consiglio Federale istituisce la distinzione Al merito del ciclismo federale allo scopo di CONSACRARE

Dettagli

Regolamento del Personale del Consiglio Nazionale delle Ricerche (Decreto del Presidente del CNR del 4 maggio 2005 prot. n.

Regolamento del Personale del Consiglio Nazionale delle Ricerche (Decreto del Presidente del CNR del 4 maggio 2005 prot. n. Regolamento del Personale del Consiglio Nazionale delle Ricerche (Decreto del Presidente del CNR del 4 maggio 2005 prot. n. 0025035) SOMMARIO TITOLO I PRINCIPI GENERALI Art.1 - Finalità e ambito di applicazione

Dettagli

N. 333-A/9805.B.B.3 Roma, 3 maggio 2007

N. 333-A/9805.B.B.3 Roma, 3 maggio 2007 DIREZIONE CENTRALE PER LE RISORSE UMANE Ufficio I - Affari Generali N. 333-A/9805.B.B.3 Roma, 3 maggio 2007 OGGETTO: Decreto Legislativo 28.7.1989 n. 271. Pubblicazione delle vacanze presenti negli organici

Dettagli

DIPARTIMENTO DELLA PUBBLICA SICUREZZA UFFICIO PER L AMMINISTRAZIONE GENERALE DEL DIPARTIMENTO DELLA PUBBLICA SICUREZZA

DIPARTIMENTO DELLA PUBBLICA SICUREZZA UFFICIO PER L AMMINISTRAZIONE GENERALE DEL DIPARTIMENTO DELLA PUBBLICA SICUREZZA DIPARTIMENTO DELLA PUBBLICA SICUREZZA UFFICIO PER L AMMINISTRAZIONE GENERALE DEL DIPARTIMENTO DELLA PUBBLICA SICUREZZA. UFFICIO PER LE RELAZIONI SINDACALI 557/RS/01/126/1343 Roma, 2 ottobre 2006 OGGETTO:

Dettagli

Deliberazione della Giunta Regionale 14 febbraio 2005 n. 279. Direttiva in applicazione dell art. 8 della L.R. 24/2003: Utilizzazione del volontariato

Deliberazione della Giunta Regionale 14 febbraio 2005 n. 279. Direttiva in applicazione dell art. 8 della L.R. 24/2003: Utilizzazione del volontariato Deliberazione della Giunta Regionale 14 febbraio 2005 n. 279 Direttiva in applicazione dell art. 8 della L.R. 24/2003: Utilizzazione del volontariato Prot. n. (SPS/05/3013) LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE MARCHIONI, FRONER

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE MARCHIONI, FRONER Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 3759 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI MARCHIONI, FRONER Disciplina delle attività professionali di estetista e di operatore di

Dettagli

REGOLAMENTO SULLE UNIFORMI DEL CORPO DELLE INFERMIERE VOLONTARIE DELLA CROCE ROSSA ITALIANA

REGOLAMENTO SULLE UNIFORMI DEL CORPO DELLE INFERMIERE VOLONTARIE DELLA CROCE ROSSA ITALIANA REGOLAMENTO SULLE UNIFORMI DEL CORPO DELLE INFERMIERE VOLONTARIE DELLA CROCE ROSSA ITALIANA Redazione terminata nell anno 2012 - Versione n. 1 Pagina 1 di 30 SOMMARIO APPROVAZIONE ED EFFICACIA DEL REGOLAMENTO

Dettagli

. porto d armi n., rilasciato dalla Questura/Prefettura di, in data ;./.

. porto d armi n., rilasciato dalla Questura/Prefettura di, in data ;./. Allegato A Domanda per il reclutamento quale volontario in ferma prefissata di un anno (VFP 1) nell Esercito italiano (EI) nell anno 2011 (in carta semplice da compilare a macchina o a stampatello) A CENTRO

Dettagli

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 SEZIONE I 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 12 Norme in materia di polizia comunale. IL CONSIGLIO REGIONALE

Dettagli

COMUNE DI GRADO PROVINCIA DI GORIZIA

COMUNE DI GRADO PROVINCIA DI GORIZIA COMUNE DI GRADO PROVINCIA DI GORIZIA REGOLAMENTO DELL ARMAMENTO DEGLI APPARTENENTI AL CORPO DELLA POLIZIA LOCALE DI GRADO, IN POSSESSO DELLA QUALITA Dl AGENTE Dl PUBBLICA SICUREZZA. Approvato con deliberazione

Dettagli

C O M U N E D I M O D U G N O PROVINCIA DI BARI ******

C O M U N E D I M O D U G N O PROVINCIA DI BARI ****** C O M U N E D I M O D U G N O PROVINCIA DI BARI ****** REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE DELLA FIGURA DELL ISPETTORE AMBIENTALE VOLONTARIO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI DIFESA AMBIENTALE E CONTROLLO, DEPOSITO,

Dettagli

Prot. n. 30119 Roma, 04/07/2011. - Al Consiglio superiore dei lavori pubblici. - All Organismo indipendente di valutazione

Prot. n. 30119 Roma, 04/07/2011. - Al Consiglio superiore dei lavori pubblici. - All Organismo indipendente di valutazione Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti DIPARTIMENTO PER LE INFRASTRUTTURE, GLI AFFARI GENERALI ED IL PERSONALE DIREZIONE GENERALE DEL PERSONALE E DEGLI AFFARI GENERALI Divisione 2 - Reclutamento

Dettagli

S E NA T O D EL L A R EP U B B LI C A

S E NA T O D EL L A R EP U B B LI C A S E NA T O D EL L A R EP U B B LI C A X I I I L E G I S L A T U R A N. 3101 D I S E G N O D I L E G G E d iniziativa del senatore DIANA Lorenzo COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 25 FEBBRAIO 1998 Disciplina

Dettagli

VFP 1 nella MM, per il: 1 BLOCCO 2 BLOCCO 3 BLOCCO (barrare una sola casella)

VFP 1 nella MM, per il: 1 BLOCCO 2 BLOCCO 3 BLOCCO (barrare una sola casella) Allegato A Domanda per il reclutamento quale volontario in ferma prefissata di un anno (VFP 1) nella Marina militare (MM) nell anno 2011 (in carta semplice da compilare a macchina o a stampatello) A MARICENTRO

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE GREGORIO FONTANA, DE ANGELIS, GIDONI, FAVA

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE GREGORIO FONTANA, DE ANGELIS, GIDONI, FAVA Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 3442 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI GREGORIO FONTANA, DE ANGELIS, GIDONI, FAVA Disposizioni concernenti le associazioni di interesse

Dettagli

Domanda per il reclutamento quale volontario in ferma prefissata di un anno (VFP 1) nella Marina militare (MM) per il 2012

Domanda per il reclutamento quale volontario in ferma prefissata di un anno (VFP 1) nella Marina militare (MM) per il 2012 Allegato A Domanda per il reclutamento quale volontario in ferma prefissata di un anno (VFP 1) nella Marina militare (MM) per il 2012 A MARICENTRO TARANTO Casella postale 1230 Ufficio postale di Taranto

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO (F.I.N.) - ASSOCIAZIONE NAZIONALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE REGOLAMENTO DELLA STRUTTURA DI PROTEZIONE CIVILE

FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO (F.I.N.) - ASSOCIAZIONE NAZIONALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE REGOLAMENTO DELLA STRUTTURA DI PROTEZIONE CIVILE FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO (F.I.N.) - ASSOCIAZIONE NAZIONALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE Premessa La Presidenza del Consiglio dei Ministri, Dipartimento di Protezione Civile, in base alla Legge

Dettagli

ART. 1. (Disposizioni in materia di assicurazione r.c. auto)

ART. 1. (Disposizioni in materia di assicurazione r.c. auto) SCHEMA DI DISEGNO DI LEGGE RECANTE DISPOSIZIONI IN MATERIA DI ASSICURAZIONE R.C. AUTO ART. 1 (Disposizioni in materia di assicurazione r.c. auto) 1. Al decreto legislativo 7 settembre 2005, n. 209, e successive

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONSEGUIMENTO DELL ABILITAZIONE DI INSEGNANTE ED ISTRUTTORE DI SCUOLA GUIDA

REGOLAMENTO PER IL CONSEGUIMENTO DELL ABILITAZIONE DI INSEGNANTE ED ISTRUTTORE DI SCUOLA GUIDA AREA ATTIVITA PRODUTTIVE E SVILUPPO DEL TERRITORIO FUNZIONE MOTORIZZAZIONE CIVILE REGOLAMENTO PER IL CONSEGUIMENTO DELL ABILITAZIONE DI INSEGNANTE ED ISTRUTT DI SCUOLA GUIDA Approvato con Deliberazione

Dettagli

1 La Ricostruzione di carriera dei docenti di religione

1 La Ricostruzione di carriera dei docenti di religione 1 La Ricostruzione di carriera dei docenti di religione 1.1 La situazione dei docenti di religione 1.1.1 Contesto normativo Con l approvazione della Legge 18 luglio 2003, n. 186, si è conclusa una vicenda

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CALABRIA

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CALABRIA Poste Italiane - Spedizione in a.p. Tab. D Aut. DCO/DC - CZ/038/2003 valida dal 4 febbraio 2003 Supplemento straordinario n. 6 al n. 9 del 15 maggio 2004 PartiIeII-Anno XXXV REPUBBLICA ITALIANA BOLLETTINO

Dettagli

Segue Allegato B 2 NOTE: (1) indicare la decorrenza giuridica dell incorporamento; (2) indicare l Ente presso cui presta servizio il Volontario; (3) specificare incarico/mansione ricoperta; (4) l aver

Dettagli

REGOLAMENTO DELL'ARMAMENTO DEGLI APPARTENENTI AI CORPO DELLA POLIZIA MUNICIPALE DI ROMA, IN POSSESSO DELLA QUALITA' DI AGENTE DI PUBBLICA SICUREZZA

REGOLAMENTO DELL'ARMAMENTO DEGLI APPARTENENTI AI CORPO DELLA POLIZIA MUNICIPALE DI ROMA, IN POSSESSO DELLA QUALITA' DI AGENTE DI PUBBLICA SICUREZZA REGOLAMENTO DELL'ARMAMENTO DEGLI APPARTENENTI AI CORPO DELLA POLIZIA MUNICIPALE DI ROMA, IN POSSESSO DELLA QUALITA' DI AGENTE DI PUBBLICA SICUREZZA Articolo 1 Oggetto 1. Il presente regolamento disciplina

Dettagli

STATO MAGGIORE DELLA DIFESA SMD - G 010 REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE UNIFORMI

STATO MAGGIORE DELLA DIFESA SMD - G 010 REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE UNIFORMI STATO MAGGIORE DELLA DIFESA V REPARTO AFFARI GENERALI SMD - G 010 REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE UNIFORMI ROMA, 2002 INDICE Atto di approvazione Elenco di distribuzione Registrazione delle AA. e VV

Dettagli

Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali

Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali VISTA la legge 24 novembre 1981 n. 689, recante modifiche al sistema penale; VISTO il decreto ministeriale del 26 luglio 1995 recante Disciplina del rilascio delle licenze di pesca ; VISTO il regolamento

Dettagli

VISTO VISTO RILEVATO VISTO PRESO ATTO RILEVATO RILEVATO CONSIDERATO RITENUTO RITENUTO DECRETA

VISTO VISTO RILEVATO VISTO PRESO ATTO RILEVATO RILEVATO CONSIDERATO RITENUTO RITENUTO DECRETA Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Decreto Ministeriale n.95 Norme per lo svolgimento degli Esami di Stato nelle sezioni funzionanti presso istituti statali e paritari in cui

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER I VOLONTARI IN SERVIZIO SOSTITUTIVO DI LEVA NEL CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE

REGOLAMENTO COMUNALE PER I VOLONTARI IN SERVIZIO SOSTITUTIVO DI LEVA NEL CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE REGOLAMENTO COMUNALE PER I VOLONTARI IN SERVIZIO SOSTITUTIVO DI LEVA NEL CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE Art. 1 - Principi generali del servizio sostitutivo. 1. Il presente regolamento disciplina, ai sensi

Dettagli

Al Comune di Dro Via Torre n. 1 38074 DRO (TN)

Al Comune di Dro Via Torre n. 1 38074 DRO (TN) FAC SIMILE DI DOMANDA DA COMPILASI IN CARTA LIBERA DA COMPILARE A MACCHINA O STAMPATELLO (Barrare le ipotesi che ricorrono e compilare ove necessario) Al Comune di Dro Via Torre n. 1 38074 DRO (TN) DOMANDA

Dettagli

DISCIPLINARE AI SENSI DELL ART. 6 DEL DECRETO MINISTERIALE 15 SETTEMBRE 2009, N. 154

DISCIPLINARE AI SENSI DELL ART. 6 DEL DECRETO MINISTERIALE 15 SETTEMBRE 2009, N. 154 DISCIPLINARE AI SENSI DELL ART. 6 DEL DECRETO MINISTERIALE 15 SETTEMBRE 2009, N. 154 PERCORSO NORMATIVO Art. 18, co. 1 e 2 del DL 27/07/05, n. 144, convertito, con modificazioni, dalla legge 31 luglio

Dettagli

REGOLAMENTO SULL USO DELLO STEMMA, DEL GONFALONE, DELLE BANDIERE, DEL DISTINTIVO DEL SINDACO E DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO.

REGOLAMENTO SULL USO DELLO STEMMA, DEL GONFALONE, DELLE BANDIERE, DEL DISTINTIVO DEL SINDACO E DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO. C O M U N E D I C A L A T A B I A N O PROVINCIA DI CATANIA REGOLAMENTO SULL USO DELLO STEMMA, DEL GONFALONE, DELLE BANDIERE, DEL DISTINTIVO DEL SINDACO E DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO. I N D I C E CAPO

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 841 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI FALLICA, BERGAMINI, BERNARDO, BIANCOFIORE, CARLUCCI, CATONE, CICU, COLUCCI, GREGORIO FONTANA,

Dettagli

REGOLAMENTO per l uso dello stemma e del gonfalone.

REGOLAMENTO per l uso dello stemma e del gonfalone. REGOLAMENTO per l uso dello stemma e del gonfalone. Approvato con delibera della Commissione Straordinaria con i poteri del Consiglio Comunale n. 47 del 10/04/2014 Esecutivo dal 10 aprile 2014 INDICE CAPO

Dettagli

L.R. 2/2002, art. 138 B.U.R. 11/9/2002, n. 37

L.R. 2/2002, art. 138 B.U.R. 11/9/2002, n. 37 L.R. 2/2002, art. 138 B.U.R. 11/9/2002, n. 37 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 9 agosto 2002, n. 0241/Pres. Regolamento di attuazione delle disposizioni contenute nel Titolo VIII della legge regionale

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca DECRETO MINISTERIALE N. 18 del 9 febbraio 2004 Norme per lo svolgimento degli esami di Stato nelle sezioni ad opzione internazionale spagnola

Dettagli

d iniziativa dei senatori VALENTINI, ZANDA, AMATI, ALBANO, DI GIORGI, GRANAIOLA e PAGLIARI

d iniziativa dei senatori VALENTINI, ZANDA, AMATI, ALBANO, DI GIORGI, GRANAIOLA e PAGLIARI Senato della Repubblica XVII LEGISLATURA N. 900 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa dei senatori VALENTINI, ZANDA, AMATI, ALBANO, DI GIORGI, GRANAIOLA e PAGLIARI COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 1º LUGLIO 2013

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ARMAMENTO DEGLI APPARTENENTI ALLA POLIZIA LOCALE DEL COMUNE DI CASATENOVO

REGOLAMENTO PER L ARMAMENTO DEGLI APPARTENENTI ALLA POLIZIA LOCALE DEL COMUNE DI CASATENOVO Comune di Casatenovo Provincia di Lecco Comando Polizia Locale REGOLAMENTO PER L ARMAMENTO DEGLI APPARTENENTI ALLA POLIZIA LOCALE DEL COMUNE DI CASATENOVO approvato con delibera di C.C. n. 72 del 28.11.2008

Dettagli

CURRICULUM PROFESSIONALE BRAMBILLA Virgilio, nato a Vimercate il 12/09/1953 residente in Arcore Via Roccolo n. 39

CURRICULUM PROFESSIONALE BRAMBILLA Virgilio, nato a Vimercate il 12/09/1953 residente in Arcore Via Roccolo n. 39 CURRICULUM PROFESSIONALE BRAMBILLA Virgilio, nato a Vimercate il 12/09/1953 residente in Arcore Via Roccolo n. 39 - Dal 16/08/1969 al 31/12/1973 Ausiliario Doganale del Procuratore della TRANSITALIA presso

Dettagli

REGOLAMENTO SULL USO DELLO STEMMA, DEL GONFALONE, DELLE BANDIERE, DEL DISTINTIVO DEL SINDACO E DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO

REGOLAMENTO SULL USO DELLO STEMMA, DEL GONFALONE, DELLE BANDIERE, DEL DISTINTIVO DEL SINDACO E DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO C O M U N E D I S C A L E T T A Z A N C L E A (PROVINCIA DI MESSINA) REGOLAMENTO SULL USO DELLO STEMMA, DEL GONFALONE, DELLE BANDIERE, DEL DISTINTIVO DEL SINDACO E DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO Approvato

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE. Diritti di rappresentanza e associazione per il personale delle Forze armate e delle forze di polizia a ordinamento militare

PROPOSTA DI LEGGE. Diritti di rappresentanza e associazione per il personale delle Forze armate e delle forze di polizia a ordinamento militare PROPOSTA DI LEGGE Diritti di rappresentanza e associazione per il personale delle Forze armate e delle forze di polizia a ordinamento militare Art. 1 1. La tutela dei diritti individuali e collettivi degli

Dettagli

ALBO REGIONALE DEI PERITI, DEGLI ISTRUTTORI E DEI DELEGATI TECNICI

ALBO REGIONALE DEI PERITI, DEGLI ISTRUTTORI E DEI DELEGATI TECNICI L.R. 08 Gennaio 1986, n. 8 Istituzione dell' albo regionale dei periti, degli istruttori e dei delegati tecnici per il conferimento di incarichi connessi ad operazioni in materia di usi civici (1) TITOLO

Dettagli

Comune di Missaglia Provincia di Lecco Settore affari generali e servizi al cittadino

Comune di Missaglia Provincia di Lecco Settore affari generali e servizi al cittadino Comune di Missaglia Provincia di Lecco Settore affari generali e servizi al cittadino Via Merlini, 2-23873 Missaglia Provincia di Lecco C.F. e P. IVA 00612960138 Tel.: 039 / 9241232 Fax n.: 039 / 9201494

Dettagli

* * * Prot. 300/A/4628/11/101/3/3/9 Prot. 12409 del 18 maggio 2011 18 maggio 2011 R.U. USCITA

* * * Prot. 300/A/4628/11/101/3/3/9 Prot. 12409 del 18 maggio 2011 18 maggio 2011 R.U. USCITA Prot. 300/A/4628/11/101/3/3/9 Prot. 12409 del 18 maggio 2011 18 maggio 2011 R.U. USCITA - ALLE QUESTURE DELLA REPUBBLICA - AI COMPARTIMENTI DELLA POLIZIA STRADALE - ALLE ZONE POLIZIA DI FRONTIERA - AI

Dettagli

559/C.8862.10089.D.A(1) Roma, 4 giugno 1998. OGGETTO: Autorizzazione ex art 134 T.U.L.P.S. - consulenti incaricati.

559/C.8862.10089.D.A(1) Roma, 4 giugno 1998. OGGETTO: Autorizzazione ex art 134 T.U.L.P.S. - consulenti incaricati. .DIPARTIMENTO DELLA PUBBLICA SICUREZZA DIREZIONE CENTRALE AFFARI GENERALI SERVIZIO POLIZIA AMM.VA E SOCIALE 559/C.8862.10089.D.A(1) Roma, 4 giugno 1998 OGGETTO: Autorizzazione ex art 134 T.U.L.P.S. - consulenti

Dettagli

Regolamento per il coordinamento delle attivita di vigilanza volontaria venatoria, ittica ed ecologica

Regolamento per il coordinamento delle attivita di vigilanza volontaria venatoria, ittica ed ecologica Regolamento per il coordinamento delle attivita di vigilanza volontaria venatoria, ittica ed ecologica Approvato dal Consiglio Provinciale con delibera n. 88 del 24.10.2005 In vigore dal 22/11/2005 ART.1

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BARBIERI, CARLUCCI. Disciplina degli istituti di vigilanza privata e delle guardie particolari giurate

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BARBIERI, CARLUCCI. Disciplina degli istituti di vigilanza privata e delle guardie particolari giurate Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 3916 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI BARBIERI, CARLUCCI Disciplina degli istituti di vigilanza privata e delle guardie particolari

Dettagli

CAPO I CONCORSO INTERNO PER TITOLI. Art. 1 (Bando di concorso)

CAPO I CONCORSO INTERNO PER TITOLI. Art. 1 (Bando di concorso) CAPO I CONCORSO INTERNO PER TITOLI Art. 1 (Bando di concorso) 1. Il concorso di cui all'articolo 24 - quater, comma 1, lettera a) del decreto del Presidente della Repubblica 24 aprile 1982, n. 335, è indetto

Dettagli

I.R.R.S.A.E. DEL LAZIO

I.R.R.S.A.E. DEL LAZIO I.R.R.S.A.E. DEL LAZIO Istituto Regionale di Ricerca Sperimentazione e Aggiornamento Educativi per il Lazio Prot. n. 4298/P Roma, 12 aprile 1999 LA PRESIDENTE VISTA la L. 6 luglio 1940, n. 1038, concernente

Dettagli