I DISTINTIVI PER LE UNIFORMI DELLA POLIZIA DI STATO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I DISTINTIVI PER LE UNIFORMI DELLA POLIZIA DI STATO"

Transcript

1 40(P)-I-XVI-41(P) inserto_agosto.qxd 21/07/ Pagina I inserto I DISTINTIVI PER LE UNIFORMI DELLA POLIZIA DI STATO di Boris Dijust SOMMARIO pag. 1. Decorazioni III 2. Distintivi d onore X 3. Distintivi di specialità, reparto e specializzazione XI

2 40(P)-I-XVI-41(P) inserto_agosto.qxd 21/07/ Pagina II Inserto 1. Decorazioni Poliziamoderna Premessa I segni distintivi di gloria, onore e merito o semplicemente di ricordo nascono probabilmente con le prime comunità quando una persona importante volle distinguersi dagli altri, magari per un atto di coraggio, ornandosi il capo con una piuma o le corna di un animale che aveva ucciso. Nell antica Roma abbiamo la certezza che ai soldati valorosi venivano conferite delle piastre d oro o d argento per ornare il pettorale della corazza in modo da rendere visibile, il riconoscimento dell Impero per atti di coraggio e valore in battaglia. Ai trionfatori poi venivano poste sul capo corone d alloro, di quercia o di gramigna a seconda degli atti compiuti. E le attuali medaglie al valore e al merito non portano riprodotte forse fronde di alloro o di quercia? Altri simboli, generalmente riservati ai nobili, nacquero con le prime crociate. Nel 1103 un antico diploma di Baldovino I autorizzava il patriarca di Gerusalemme a nominare cavalieri e di quegli anni abbiamo la notizia della nascita dei più antichi ordini cavallereschi quali i Cavalieri di San Giovanni (Malta), i Lazzariti e i Cavalieri dell Ordine del Santo Sepolcro. Ecco che un gesto eroico, un atto di valore, una lunga carriera, una capacità professionale o semplicemente l appartenenza ad un reparto oggi, nella Polizia di Stato, come in tutti i corpi militarmente organizzati del mondo, hanno risalto sull uniforme con un nastrino, uno scudetto o un distintivo. Ma questi segni esteriori hanno valore solamente se conferiti da un organismo riconosciuto quale conseguenza di un atto meritevole, se il distintivo con il quale è fregiata la divisa è previsto da un regolamento o da una disposizione quale riconoscimento di un brevetto o specializzazione. L utilizzo sull uniforme di distintivi e medaglie è regolamentato dalla normativa vigente, come si vedrà più avanti, e l art. 6 del dm 19 febbraio 1992 Determinazione delle caratteristiche delle divise degli appartenenti alla Polizia di Stato, nonché criteri generali circa l obbligo e le modalità d uso fa divieto di applicare sulla divisa distintivi, insegne, decorazioni, nastrini, fregi ed altri emblemi non riconosciuti e non autorizzati dall Amministrazione. Qualora autorizzati devono essere conformi ed applicati nell ordine e secondo le prescrizioni stabilite dalla normativa vigente per la Polizia di Stato e qualora non prevista, quella per le forze armate. L uniforme è di per sé stessa un segno distintivo da portare con decoro ed onore ed ogni segno di cui è caricata deve essere supportato da un brevetto, una concessione, un conferimento o più semplicemente dall appartenenza ad un determinato Ufficio come nel caso dei distintivi di reparto. Nella nostra trattazione dobbiamo distinguere le diverse categorie di fregi di cui è previsto caricare l uniforme: 1. distintivi di qualifica; ben conosciuti e che non verranno trattati in questo inserto; 2. decorazioni (onorificenze e medaglie); 3. distintivi d onore; 4. distintivi di specialità e di reparto; 5. distintivi di specializzazione. II

3 40(P)-I-XVI-41(P) inserto_agosto.qxd 21/07/ Pagina III I distintivi per le uniformi della Polizia di Stato 1. Decorazioni La normativa prevede che agli appartenenti ai ruoli della Polizia di Stato possono essere conferite onorificenze, ricompense al valor militare, ricompense al valor civile, ricompense al merito civile, ricompense per meriti straordinari e speciali, ricompense per lodevole comportamento, riconoscimenti per anzianità di servizio, riconoscimenti al merito di servizio nonché ricompense ed onorificenze attribuite da parte di Stati esteri e organismi nazionali ed internazionali. A parte le ricompense per meriti straordinari e speciali e quelle per lodevole comportamento che si concretizzano con il rilascio di un attestato che non comporta un fregio da apporre sull uniforme (encomio solenne, encomio e lode), le altre sono decorazioni che consistono in medaglie, croci o stelle metalliche appese ad un nastro, oppure, le più prestigiose, sono formate da placche o fasce che indicano la concessione di ricompense al valore e al merito oppure di onorificenze concesse da ordini cavallereschi. Le loro caratteristiche sono individuate dai provvedimenti istitutivi di ciascuna decorazione. Sull uniforme ordinaria di servizio ci si fregia di nastrini che riproducono i colori del nastro della decorazione e che la rappresentano, sarebbe infatti poco pratico indossare quotidianamente sull uniforme le decorazioni in formato normale. I nastrini si portano al lato sinistro del petto al di sopra del taschino della giubba tra il risvolto del bavero e l attaccatura della manica. In caso di più nastrini essi Onorificenza di cavaliere dell'ordine al merito della Repubblica italiana Onorificenza di cavaliere dell Ordine equestre del Santo Sepolcro di Gerusalemme Onorificenza di cavaliere del Sovrano militare ordine di Malta al merito melitense vanno posizionati su più righe orizzontali, in numero di tre o massimo quattro se sono molti, in modo che le righe successive alla prima siano complete e la prima, se di numero inferiore, deve essere centrata rispetto alle sottostanti. Le decorazioni hanno un ordine di precedenza disciplinato da leggi e regolamenti. Relativamente alle decorazioni la Polizia di Stato deve uniformarsi al Regolamento sulle uniformi dell Esercito così come previsto dalla tabella 43/14 lettera d del dm 19 febbraio La regola base di osservanza è la seguente: 1. decorazioni al valore; 2. onorificenze nazionali; 3. onorificenze non nazionali; 4. decorazioni estere; si deve inoltre tenere conto che tra le medaglie commemorative ha la precedenza quella conferita per prima e le decorazioni estere si susseguono in base all anno di fondazione dell ordine. Le decorazioni vanno portate con l ordine di precedenza indicato nella tabella riportata nelle pagine VIII e IX. È appena il caso di sottolineare che per fregiarsi dei nastrini sopra riportati bisogna prima aver ottenuto l autorizzazione ministeriale e la conseguente trascrizione a matricola del diploma attestante la concessione della ricompensa. Il decorato può quindi fregiarsi sulla divisa del nastrino rispecchiante la decorazione. Si ricorda che ci si può fre- III agosto/settembre 2006

4 40(P)-I-XVI-41(P) inserto_agosto.qxd 21/07/ Pagina IV Inserto 1. Decorazioni giare solo del riconoscimento di grado più elevato. Quindi, se si è decorati di tutti e tre i gradi (oro, argento e bronzo) della medaglia al merito di servizio, si porterà sull uniforme solo il nastrino con la stelletta in oro. Se si è insigniti delle onorificenze di ufficiale e di cavaliere dell Omri (Ordine al merito della Repubblica italiana) si vestiranno solo le insegne di ufficiale. Ora si noti che nell elenco dei riconoscimenti abbiamo inserito anche diverse medaglie commemorative per missioni di pace all estero. Tali decorazioni sono attribuite al personale della Polizia di Stato in applicazione del decreto interministeriale del 27 novembre 1996 a chi abbia prestato o presti servizio al di fuori del territorio nazionale in base ad accordi bilaterali, multilaterali o per conto dell Onu. Nella Polizia di Stato prestano servizio molte persone che hanno svolto il servizio militare e di recente sono stati immessi in ruolo anche molti ex volontari in ferma breve che durante il periodo di servizio nelle forze armate hanno partecipato con onore ad operazioni internazionali e sono stati decorati di medaglie commemorative Nato, Ue o Onu oppure hanno conseguito particolari brevetti o specializzazioni. Anche in questo caso è ammesso fregiarsi dei nastrini e dei distintivi solo nel caso in cui il conferimento della medaglia sia stato trascritto sul foglio matricolare della Polizia di Stato relativo all interessato. Nelle cerimonie civili, religiose e militari ed in particolar modo nelle cerimonie che ricorrono il 2 giugno, il 4 novembre, il giorno della Festa della Polizia di Stato e del Santo patrono San Michele Arcangelo le insegne metalliche delle decorazioni vengono indossate in formato normale. Ora vediamo quali sono le decorazioni proprie della Polizia di Stato istituite con dm 5 giugno 1990: la medaglia al merito di servizio; la croce per anzianità di servizio; la medaglia al merito di lunga navigazione; la medaglia al merito di lunga navigazione aerea; medaglie commemorative per la partecipazione ad operazioni di soccorso; la medaglia di commiato. Per ottenere questi riconoscimenti gli interessati devono presentare istanza all ufficio di appartenenza indicando tutti i periodi e gli incarichi che danno luogo al conferimento della decorazione. La medaglia al merito di servizio di operazioni di pace Croce operazioni di soccorso umanitario Questa decorazione è conferita nei tre gradi: oro, argento e bronzo, al personale che abbia raggiunto rispettivamente 20 anni, 15 anni e 10 anni di direzione di unità organizzative od operative ed abbia prestato onorevole servizio nei ruoli della Polizia di Stato. Gli incarichi che possono dare titolo alla medaglia al merito di servizio sono: per gli appartenenti al ruolo dei dirigenti e dei commissari, ed equiparati: direzione di uffici, reparti, enti e istituti; indirizzo e coordinamento di più unità organiche di carattere organizzativo od operativo; direzione di unità organiche nell ambito di uffici, reparti, enti e istituti; di interventi per pubbliche calamità d argento al merito di servizio Poliziamoderna IV

5 40(P)-I-XVI-41(P) inserto_agosto.qxd 21/07/ Pagina V I distintivi per le uniformi della Polizia di Stato l esercizio di supplenza degli incarichi di cui sopra; istruzione e formazione del personale; per gli appartenenti al ruolo degli ispettori, ed equiparati: indirizzo e coordinamento di più unità organiche di carattere organizzativo od operativo; l esercizio di supplenza di incarichi superiori; formazione o istruzione del personale; per gli appartenenti al ruolo dei sovrintendenti, ed equiparati: comando di posto di polizia o di unità equivalenti; comando di più agenti o di piccole unità operative od organizzative; l esercizio di supplenza degli incarichi di cui sopra; addestramento del personale. Tutti gli incarichi devono risultare da provvedimenti formali dell Amministrazione e vanno rilevati dal foglio matricolare, oppure da un decreto di conferimento dell incarico ma si possono anche desumere dai rapporti informativi o da precedenti di servizio. Gli appartenenti al ruolo degli assistenti e agenti per poter ottenere la decorazione devono: non aver riportato nell ultimo quinquennio sanzioni disciplinari più gravi del richiamo scritto; non aver riportato nell ultimo decennio sanzioni disciplinari più gravi della deplorazione. Per raggiungere gli anni previsti sono cumulabili periodi di servizio di minore durata risultanti da provvedimenti formali dell Amministrazione riportanti gli incarichi svolti. Tali periodi possono essere relativi anche a servizi svolti in ruoli diversi dell Amministrazione purché per ogni singolo periodo risultino i relativi incarichi. La croce per anzianità di servizio Questo riconoscimento può essere conferito a tutto il personale della Polizia di Stato che abbia prestato onorevole servizio. La croce di anzianità è conferita nei tre gradi: oro, argento e bronzo, al personale che abbia compiuto rispettivamente 35 anni, 30 anni e 20 anni di onorevole servizio. Per il raggiungimento degli anni indicati si sommano i periodi di onorevole servizio comunque prestato nei ruoli del personale della Polizia di Stato. Sull uniforme di servizio ci si fregia del nastrino recante al centro una stelletta in oro, in argento o in bronzo rispecchiante il grado della decorazione. La medaglia al merito di lunga navigazione Questa medaglia è conferita, nei tre gradi: oro, argento e bronzo, al personale che abbia compiuto rispettivamente 20 anni, 15 anni e 10 anni di servizio sui natanti dell Amministrazione della pubblica sicurezza o sul naviglio militare dello Stato o comunque sulle unità navali di cui al dm della Difesa 18 agosto Il computo degli anni di servizio valutabile si può effettuare anche sommando periodi di minore durata. Il nastro di seta reca al centro un palo bianco, affiancato da due pali azzurri con alle estremità altri due pali color cremisi lievemente più larghi. Sul nastro viene posta al centro una stelletta in oro, in argento o in bronzo rispecchiante la decorazione. Croce d oro per anzianità di servizio al merito di lunga navigazione V agosto/settembre 2006

6 40(P)-I-XVI-41(P) inserto_agosto.qxd 21/07/ Pagina VI Inserto La medaglia al merito di lunga navigazione aerea Questa medaglia è conferita, nei tre gradi d oro, argento e bronzo, al personale in possesso del brevetto di pilota di elicottero o aereo, oppure del brevetto di specialista di elicottero o aereo oppure del brevetto di osservatore che, complessivamente, abbia compiuto rispettivamente: 20 anni di servizio aeronavigante e 600 ore di volo; 15 anni di servizio aeronavigante e 450 ore di volo; 10 anni di servizio aeronavigante e 300 ore di volo. d oro al merito di lunga navigazione aerea Ai fini del conferimento sono valutabili periodi di minore durata di servizio aeronavigante effettivamente prestato e per il quale l interessato abbia percepito le indennità di aeronavigazione o di volo. Il nastro di seta è azzurro con ai lati due pali di colore cremisi. Il nastrino è caricato al centro di una stelletta in oro, in argento o in bronzo a seconda del grado della medaglia. 1. Decorazioni Le medaglie commemorative Al personale della Polizia di Stato possono essere concesse medaglie commemorative e diplomi di benemerenza per la partecipazione ad operazioni di soccorso di popolazioni colpite da pubbliche calamità ai sensi dell art. 13 del dm 5 giugno La concessione di queste decorazioni viene disciplinata di volta in volta con apposito decreto ministeriale. La per la partecipazione ad operazioni di soccorso alle popolazioni colpite da pubbliche calamità è in bronzo e porta nel diritto una stella a cinque punte e due mani che si incontrano, di cui una uscente dalle acque inondanti una città e una da una nuvola in tempesta. Nel retro della medaglia è riportato lo stemma della Repubblica italiana contornato dalla dicitura BENEMERENZA e IN- TERVENTI PER PUBBLICHE CALAMITÀ. Altre decorazioni commemorative sono state coniate appositamente a ricordo di gravi episodi sismici che hanno colpito il nostro Paese: la la medaglia per le operazioni di soccorso alle popolazioni colpite dal sisma del 1976 (Friuli); la medaglia di bronzo per le operazioni di soccorso alle popolazioni colpite dal sisma del 1980 (Campania-Basilicata); la medaglia di benemerenza per l emergenza dell Etna 91-92; la medaglia di benemerenza per le operazioni di soccorso per le alluvioni nelle province di Alessandria, Asti e Cuneo del novembre 1994; la medaglia di benemerenza conferita dalla presidenza del Consiglio dei ministri - Di- operazioni di soccorso in Friuli (1976) operazioni di soccorso in Campania (1980) di benemerenza per le operazioni di soccorso in Piemonte (1994) di benemerenza emergenza Umbria Marche (1997) Poliziamoderna VI

7 40(P)-I-XVI-41(P) inserto_agosto.qxd 21/07/ Pagina VII I distintivi per le uniformi della Polizia di Stato partimento della protezione civile per il terremoto che nel 1997 che ha colpito l Umbria e le Marche. Le decorazioni, come abbiamo già precisato, vanno portate seguendo un ordine di importanza e, a parità di importanza, ha la precedenza la distinzione onorifica conferita prima. Essendo quindi decorati di tutte e cinque queste medaglie si porterà prima quella del Friuli, poi quella della Campania-Basilicata, quella dell Etna, quella per il Piemonte e, a seguire, quella del sisma umbro-marchigiano. Per l inserimento nel medagliere della medaglia bisognerà tenere conto dell anno del conferimento e quindi posizionarla adeguatamente tra le altre. La medaglia di commiato di commiato La vigente normativa prevede il conferimento di una medaglia personalizzata di commiato in argento ed un foglio di congedo da conferire al personale che cessi dal servizio per limiti di età, per infermità contratta in servizio o perché deceduto in servizio. Un riconoscimento di gratitudine da conferire al personale che ha dedicato la vita al servizio della collettività. La medaglia reca al centro, nel diritto, in rilievo, lo stemma araldico della Polizia di Stato contornato dalla dicitura POLIZIA DI STATO. Nel rovescio la dicitura IL CAPO DELLA POLIZIA CON GRATITUDINE. VII agosto/settembre 2006

8 40(P)-I-XVI-41(P) inserto_agosto.qxd 21/07/ Pagina VIII Inserto Ricompense Cavaliere dell'ordine Militare d'italia Medaglie al Valor Militare Medaglie al Valor Civile Medaglie al Merito Civile della Fondazione Carnegie Croce per Anzianità di Servizio operazioni di pace Croce operazioni di soccorso umanitario Croce operazioni di Ordine Pubblico operazioni di soccorso in Friuli (1976) NATO Kosovo NATO Macedonia NATO Kosovo (2003) UN Kosovo EU Monitor Mission in ex Yugoslavia Ordine di San Gregorio Magno Ordine equestre di S. Silvestro Papa Ordine Equestre del Santo Sepolcro di Gerusalemme Nastrini militari di specializzazione I nastrini indicati qui a fianco sono alcuni distintivi di merito o di istruttore previsti per le forze armate ma rappresentanti specializzazioni in possesso anche del personale della Polizia di Stato. Il personale se ne può fregiare dopo i nastrini delle decorazioni, nell ordine di precedenza indicato, dalla sinistra alla destra di chi guarda. Personale qualificato N.B.C.R. Corso di Stato Maggiore Formatore Tiratore scelto Personale qualificato EOD 1 livello Poliziamoderna VIII

9 40(P)-I-XVI-41(P) inserto_agosto.qxd 21/07/ Pagina IX I distintivi per le uniformi della Polizia di Stato Cavaliere dell'ordine al Merito della Repubblica Italiana al Merito della Croce Rossa Italiana al Merito di Servizio al Merito di lunga navigazione aerea al Merito di lunga navigazione marittima operazioni di soccorso in Campania (1980) di benemerenza emergenza Etna di benemerenza emergenza Umbria Marche (1997) interventi per Pubbliche Calamità NATO Bosnia Herzegovina EU Eufor Concordia in FYROM EU Eufor Althea in Bosnia Herzegovina Sovrano Militare Ordine di Malta Sovrano Militare Ordine di Malta al Merito Melitense Ordine Piano Sacro Militare Ordine Costantiniano di San Giorgio Ordine equestre di Sant'Agata di San Marino Altre onorificenze e decorazioni di stati esteri nell'ordine di fondazione a Personale qualificato EOD 2 livello Personale qualificato IEDD Istruttore di sci Guida alpina Istruttore di educazione fisica Istruttore di equitazione Pilota istruttore di specialità Istruttore di scuola guida Istruttore di difesa personale Istruttore di tiro IX agosto/settembre 2006

10 40(P)-I-XVI-41(P) inserto_agosto.qxd 21/07/ Pagina X 2. Distintivi d onore 3. Distintivi di specialità, reparto e specializzazione Inserto 2. Distintivi d onore Distintivi d onore per feriti, mutilati o deceduti per causa di servizio I distintivi d onore previsti per i feriti, mutilati o deceduti per causa di servizio, appartenenti al personale della Polizia di Stato, sono a spillo, di metallo bianco, a forma di scudetto e recano rispettivamente la dicitura ferito in servizio, mutilato in servizio, alla memoria. Gli stessi hanno un altezza di mm 19 e una larghezza di mm 15. Con decreto ministeriale pubblicato sul Bollettino ufficiale del personale (Supplemento straordinario n. 1/28 Bis) del 10 novembre 1993 il ministro dell Interno ha disposto che Art. 1 - I distintivi d onore della Polizia di Stato sono quelli previsti dal decreto del presidente della Repubblica 17 luglio 1957, n. 763, riguardante le norme di esecuzione del regio decreto 23 gennaio 1940, n. 70, con il quale sono state estese al personale civile delle amministrazioni dello Stato le disposizioni contenute nel regio decreto 28 settembre 1934, n. 1820, relativo all istituzione dei distintivi d onore per i militari feriti, mutilati o deceduti per causa di servizio. Non è sufficiente aver riconosciuta una qualsiasi causa di servizio per potersi fregiare del distintivo, ma l avente diritto deve inoltrare istanza all Amministrazione che, valutati i presupposti, rilascia il distintivo d onore e un attestato della concessione dello speciale riconoscimento. Dopo la trascrizione a matricola il personale in servizio può applicare i distintivi d onore sulla giubba delle uniformi ordinarie e di servizio al di sopra dei nastrini delle decorazioni, dalla sinistra verso destra di chi guarda, con precedenza su ogni altro distintivo che vada portato in questa posizione. Per il personale della Polizia di Stato non è pertanto previsto di potersi fregiare sulla manica destra dell uniforme del galloncino ricamato in filo dorato (ferito in guerra) o argentato (ferito in servizio) previsti invece dal Regolamento sulle uniformi dell Esercito al quale la Polizia di Stato deve fare riferimento solo quando la materia non è diversamente regolamentata. Il distintivo di ferito in servizio spetta a coloro che abbiano riportato, in servizio e per causa di servizio, ma non per fatti di guerra, ferite o lesioni interessanti in modo grave e con esiti permanenti i tessuti molli, le ossa e gli organi cavitari, senza che per altro abbiano dato luogo alla concessione del distintivo d onore previsto per i mutilati. Il distintivo di mutilato in servizio spetta a coloro che abbiano riportato in servizio e per causa di servizio, ma non per fatti di guerra, ferite o lesioni con esiti gravi di mutilazioni o di permanenti alterazioni nella funzionalità di organi importanti. Il distintivo alla memoria è concesso ai familiari del personale deceduto a seguito di ferite o lesioni riportate in servizio e per causa di servizio. Distintivo cifra d onore della presidenza della Repubblica Istituito e regolamentato con i decreti presidenziali n. 19/N del 14 ottobre 1986 e n. 84/N/bis del 20 settembre 1990 questo distintivo d onore è previsto per il personale che presta servizio o abbia prestato servizio presso l Ufficio presidenziale della Polizia di Stato o presso l Ispettorato generale di pubblica sicurezza Quirinale per un periodo continuativo di almeno 12 mesi e con alto senso del dovere e irreprensibile comportamento disciplinare. Con circolare N.333.A/9808.D.5 del 25 luglio 2002 sono state emanate le disposizioni per il rilascio: d autorità per il personale in servizio nei suddetti uffici e a domanda per il personale che vi abbia prestato servizio in passato. La cifra d onore è un distintivo a spillo di mm 15 x 10 costituito dalle lettere iniziali di Repubblica italiana intrecciate in colore dorato e sormontate da corona turrita in Poliziamoderna X

11 40(P)-I-XVI-41(P) inserto_agosto.qxd 21/07/ Pagina XI I distintivi per le uniformi della Polizia di Stato colore dorato poggiati su scudo argentato. Dopo la trascrizione a matricola della concessione il personale in servizio può applicare il distintivo sulla giubba delle uniformi ordinarie e di servizio al di sopra dei nastrini delle decorazioni, dalla sinistra verso destra di chi guarda, dopo il distintivo di ferito in servizio e con precedenza su ogni altro distintivo che vada portato in questa posizione. 3. Distintivi di specialità, reparto e specializzazione Con decreto ministeriale del 10 gennaio 2005 è stato integrato il dm 23 settembre 1993 nelle parti concernenti i distintivi di specialità e di reparto in quanto, considerata la necessità di rivedere e riorganizzare il sistema degli scudetti, delle placche e dei distintivi previsti per il personale della Polizia di Stato, istituendone dei nuovi, modificando quelli già in uso e disciplinando i criteri per la loro attribuzione, si è ritenuto di dover disporre l adeguamento della suddetta materia alle innovazioni ordinative ed organizzative che hanno interessato la Polizia di Stato. Pertanto sono stati previsti i seguenti distintivi e placche di specializzazione, di merito, per istruttori, di incarico e di appartenenza anche al fine di promuovere più efficacemente l immagine istituzionale sul territorio: 1. distintivi e placche di specializzazione: indicano una particolare qualificazione professionale in specifici settori, conseguita con la frequenza di apposito corso; 2. distintivi di merito: indicano particolari titoli conseguiti durante il percorso professionale o durante corsi di formazione; 3. distintivi e placche per istruttori: individuano il personale al quale, dopo uno specifico corso, è stata riconosciuta la capacità di formare altro personale; 4. distintivi di incarico: indicano la titolarità di una specifica funzione di direzione, di comando di unità minori o di diretta assistenza alle autorità responsabili e rappresentative della Polizia di Stato. Tali distintivi competono per il tempo strettamente connesso all espletamento dell incarico; 5. distintivi di appartenenza: indicano il settore o l area geografica in cui il personale presta stabilmente servizio. Il dm del 10 gennaio 2005 prevede inoltre che la foggia, il disegno, le dimensioni, le tipologie, i criteri di attribuzione e le modalità d uso dei distintivi sopra indicati, nonché quelli di specialità e di reparto, saranno stabiliti con provvedimento del capo della Polizia - direttore generale della pubblica sicurezza. Nel frattempo rimane in vigore la normativa vigente per la Polizia di Stato e laddove essa non provvede a disciplinare la materia il personale è autorizzato a fregiarsi dei distintivi che individuano il possesso di particolari titoli conseguiti o l acquisizione di un particolare brevetto in applicazione delle normative relative alle forze armate, sempre che gli stessi siano registrati a matricola. Ciò anche in virtù della circolare n. 333-A/9811.A.7.1.(1) del 30 marzo Quindi come previsto dalla circolare n. 559/A/I/753.M.14/220 del 10 ottobre 1994, occorre pertanto che il distintivo sia legittimamente previsto da un atto formale dell Amministrazione dell Interno o della Difesa e sia intervenuta la variazione matricolare a testimoniare che l Amministrazione della pubblica sicurezza riconosce ai propri fini istituzionali il titolo, il brevetto od il superamento del corso, oltre che l avvenuto conseguimento del medesimo. Negli altri casi, l Amministrazione, a seguito della richiesta inoltrata dall interessato, valuta, anche sulla base della normativa vigente per le forze armate, l opportunità di autorizzare la trascrizione matricolare e quindi l interessato di potersi fregiare del previsto distintivo. XI agosto/settembre 2006

12 40(P)-I-XVI-41(P) inserto_agosto.qxd 21/07/ Pagina XII 3. Distintivi di specialità, reparto e specializzazione Inserto Distintivi di specialità Il distintivo di specialità costituisce segno di identificazione del personale della Polizia di Stato impiegato in particolari settori operativi, caratterizzati dalla tipicità delle attribuzioni ad essi devolute e dalla peculiarità dell assetto organizzativo nel quadro degli uffici, reparti e servizi in cui si articola l Amministrazione della pubblica sicurezza. Con dm 17 aprile 1987 è stato istituito il distintivo di specialità per il personale dei ruoli professionali dei sanitari della Polizia di Stato. Con dm 23 settembre 1993 sono stati quindi individuati i distintivi di specialità relativi alla polizia stradale, alla polizia di frontiera, alla polizia ferroviaria, al servizio aereo e alla polizia postale. Per quest ultima, in considerazione della radicale evoluzione delle strategie operative adottate sulla scorta dei progressi Servizio sanitario Polizia stradale Polizia di frontiera Polizia postale Polizia ferroviaria Servizio aereo tecnologici collegati allo specifico settore, con decreto del capo della Polizia del 6 febbraio 2006 è stato istituito il nuovo distintivo di specialità per il personale della polizia postale e delle comunicazioni. Questi distintivi vengono rilasciati a chi ha frequentato, con esito positivo, gli appositi corsi di specializzazione che prevedono la formazione tecnico-professionale del personale destinato a prestare servizio presso uno dei reparti delle citate specialità della Polizia di Stato. Ulteriore requisito per potersi fregiare del distintivo di specialità, oltre all aver superato favorevolmente lo specifico corso, è quello di prestare servizio in uno dei citati reparti. Lo scudetto rappresentante il distintivo viene portato, sulla divisa ordinaria, cucito sulla manica sinistra della giubba con il bordo inferiore a cm. 15 dall attaccatura della spallina. Il personale del servizio sanitario, quando veste il camice, applicherà il distintivo sul lato sinistro del petto sotto le insegne di qualifica. Non è superfluo sottolineare che solo quelli qui indicati sono i distintivi autorizzati ed identificativi delle specialità. Altri distintivi di foggia diversa, metallici o altro, che spesso si notano sulle divise di alcuni operatori, sono di pura fantasia e non hanno alcun valore. Peraltro una volta trasferiti dal reparto di specialità di cui si è frequentato il corso non è più possibile fregiarsi del relativo distintivo. Distintivi di reparto Il distintivo di reparto costituisce segno di identificazione del personale della Polizia di Stato in servizio presso unità organiche istituite con particolari compiti istituzionali e caratterizzate da un notevole grado di autonomia funzionale e strutturale. Requisito unico ed indispensabile che permette al dipendente di fregiarsi di uno dei distintivi di reparto è quello di appartenere ad un reparto impiegato nello specifico settore. Con dm 23 febbraio 1987 è stato istituito il distintivo di reparto in dotazione al personale in servizio presso l Ufficio presidenziale della Polizia di Stato. Con dm del 23 settembre 1993 sono stati individuati i distintivi di reparto relativi a Poliziamoderna XII

13 40(P)-I-XVI-41(P) inserto_agosto.qxd 21/07/ Pagina XIII I distintivi per le uniformi della Polizia di Stato Cinofili Reparto mobile Squadra volante Polizia scientifica Polizia a cavallo Istituti di istruzione Nucleo Operativo Centrale di Sicurezza Ispettorato Presidenza del Consiglio Ispettorato Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Ispettorato Senato della Repubblica Ispettorato Vaticano Ispettorato Palazzo Viminale Ispettorato Camera dei Deputati Ispettorato Ministero delle Comunicazioni Ispettorato Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Ufficio presidenziale Ufficio tecnico logistico provinciale delle questure Centro addestramento della Polizia di Stato di Cesena Fiamme oro Nucleo Prevenzione Crimine Squadra nautica Centro nautico sommozzatori reparto mobile, squadra volante, polizia a cavallo, cinofili, Nocs, istituti di istruzione, polizia scientifica e agli otto ispettorati generali della pubblica sicurezza. Con dm del 20 dicembre 1993 è stato istituito il distintivo del personale della Polizia di Stato in servizio presso i nuclei prevenzione crimine. Con dm 1 ottobre 1997 è stato individuato il distintivo del personale in servizio presso i gruppi sportivi Fiamme oro e con dm 3 luglio 2000 i distintivi di reparto per il personale in servizio presso le squadre nautiche e presso il Centro nautico e sommozzatori. A seguito della modifica del Centro addestramento polizia stradale di Cesena in Centro addestramento della Polizia di Stato a partire dal 1 gennaio 2006, con i decreti del capo della Polizia del 22 dicembre 2005 e 6 febbraio 2006 è stato istituito e modifi- XIII agosto/settembre 2006

14 40(P)-I-XVI-41(P) inserto_agosto.qxd 21/07/ Pagina XIV 3. Distintivi di specialità, reparto e specializzazione Inserto cato il distintivo di appartenenza al Centro addestramento della Polizia di Stato per le attività di polizia stradale, ferroviaria, dell immigrazione e di frontiera, postale e delle comunicazioni di Cesena. A seguito quindi dell istituzione, nell ambito delle questure, degli uffici tecnico-logistici per le esigenze di amministrazione, gestione e funzionamento dei mezzi e delle risorse logistiche delle questure, dei commissariati e di tutti gli uffici dell Amministrazione presenti nel territorio provinciale, con decreto del capo della Polizia 5 aprile 2006 è stato istituito il distintivo di appartenenza per il personale in servizio nei citati uffici. Anche per i distintivi di reparto vale quanto detto per quelli di specialità, quindi una volta trasferiti da uno di detti reparti, ovvero non prestandovi servizio, non ci si può fregiare del relativo distintivo. Distintivi di specializzazione Questi distintivi indicano particolari specializzazioni che si identificano nelle qualifiche tecnico-professionali conseguite dal personale previa frequenza di appositi corsi di istruzione che sono programmati dall Amministrazione presso centri e istituti di istruzione della polizia o presso enti esterni. L idoneità conseguita dal dipendente al termine del corso viene annotata sul foglio matricolare. Con dm n. 333-D/9805.H.A.2 del 29 agosto 1994 è stato istituito il Nuovo albo delle qualifiche operativo-professionali, specializzazioni e abilitazioni a particolari impieghi per il personale della Polizia di Stato che espleta attività di polizia (artificiere, tiratore scelto, istruttore di tiro, paracadutista, alpinista, pilota di elicottero, pilota di aereo, comandante costiero, comandante d altura, istruttore di difesa personale, eccetera). Come già indicato, laddove non sia stato individuato un distintivo specifico per la Polizia di Stato il personale, in attesa che venga emanato il provvedimento del capo della Polizia previsto dal dm del 10 gennaio 2005, può fregiarsi dei distintivi previsti per le forze armate purché il brevetto o la specializzazione siano trascritti a matricola. Per il personale aeronavigante sono stati previsti cinque distintivi corrispondenti alle diverse specializzazioni. Il decreto ministeriale del 12 settembre 1995 e il successivo decreto del capo della Polizia del 31 agosto 1998 hanno individuato disciplinato i distintivi per: pilota; pilota di elicottero; osservatore d aereo; specialista di aereo; specialista di elicottero. Pilota Specialista elicottero Pilota di elicottero Paracadutista militare Osservatore d aeroplano Paracadutista abilitato al lancio Specialista aereo Poliziamoderna XIV

15 40(P)-I-XVI-41(P) inserto_agosto.qxd 21/07/ Pagina XV I distintivi per le uniformi della Polizia di Stato Comandante di unità navale per la navigazione costiera Comandante di unità navale per la navigazione d altura Motorista navale Sommozzatore Relativamente invece alle squadre nautiche, per il personale navigante della Polizia di Stato, con dm 3 luglio 2000 sono stati individuati i distintivi professionali di: comandante di unità navale per la navigazione d altura; comandante di unità navale per la navigazione costiera; motorista navale; sommozzatore. Conclusioni Abbiamo cercato di fornire un panorama il più possibile completo dei segni distintivi che si possono indossare sull'uniforme, citandone le fonti normative. Si sente però la necessità di una normativa che regoli in modo unitario la materia. Tutti i distintivi che qui non abbiamo citato non sono autorizzati o autorizzabili. Tali spille, placche e scudetti spesso sono inventati da operatori durante corsi di formazione o sono creati con grande fantasia da commercianti intraprendenti. Tali oggetti, come la spilla riportata qui sotto, non hanno alcun valore se non di sminuire la persona che le indossa. XV agosto/settembre 2006

16 40(P)-I-XVI-41(P) inserto_agosto.qxd 21/07/ Pagina XVI Introduzione Il proprietario non perde i punti Quando avviene la perdita dei punti Revisione della patente per perdita totale dei punti Ricorso contro la decurtazione dei punti Come recuperare i punti persi Patente a punti per i conducenti titolari di patente estera Introduzione I documenti Il controllo del veicolo pag. II IV V VII VII VIII IX pag. X X XIII di Caterina Carannante pag. Copyright Fondo assistenza per il personale della pubblica sicurezza Edizione a cura di Poliziamoderna Tutti i diritti sono riservati a norma di legge e a norma delle convenzioni internazionali. Nessuna parte di questo inserto può essere riprodotta con sistemi elettronici, meccanici o altri, senza l autorizzazione scritta dell editore. Si ringrazia per la collaborazione la Direzione centrale per gli affari generali della Polizia di Stato - Servizio affari generali Gli inserti L ARRUOLAMENTO Luglio 2005 LE PENSIONI Ago./Sett MATERIALI AD ALTO RISCHIO Ottobre 2005 IL TRATTAMENTO ECONOMICO Novembre 2005 GLI STRANIERI Dicembre 2005 IL PASSAPORTO Gennaio 2006 I RICORSI Febbraio 2006 LE ASSENZE Marzo 2006 inserto inserto REGOLE AL VOLANTE PATENTE: PERDITA E RECUPERO DEI PUNTI di Giandomenico Protospataro* LE ARMI Come districarsi nel labirinto di autorizzazioni e licenze di polizia COSA TENERE IN AUTO di Paolo Mazzini** SOMMARIO TIPOLOGIE ATTIVITÀ COME RICHIEDERE LE LICENZE II VI XIV LE VIOLAZIONI AMMINISTRATIVE Aprile 2006 LE REGOLE AL VOLANTE Maggio 2006 PEDOFILIA: LE NUOVE NORME Giugno 2006 ARMI E LICENZE DI POLIZIA Luglio 2006 PER RICHIEDERE I NUMERI ARRETRATI: Ufficio abbonamenti Poliziamoderna tel /3 - fax

F A Q ORDINE AL MERITO DELLA REPUBBLICA ITALIANA

F A Q ORDINE AL MERITO DELLA REPUBBLICA ITALIANA F A Q ORDINE AL MERITO DELLA REPUBBLICA ITALIANA 1. Che cos è l Ordine Al Merito della Repubblica Italiana? L Ordine Al Merito della Repubblica Italiana è il primo degli Ordini cavallereschi nazionali.

Dettagli

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 SEZIONE I 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 12 Norme in materia di polizia comunale. IL CONSIGLIO REGIONALE

Dettagli

DOMANDA DI AGGIORNAMENTO AI FINI DELLA COSTITUZIONE DELLE GRADUATORIE PER L A.S. 2015/16

DOMANDA DI AGGIORNAMENTO AI FINI DELLA COSTITUZIONE DELLE GRADUATORIE PER L A.S. 2015/16 Modello B2 GRADUATORIE PERMANENTI DEL PERSONALE AMMINISTRATIVO, TECNICO E AUSILIARIO AI SENSI DELL ART. 554 DEL D.L.VO 297/94 (indizione concorsi nell a.s. 2014/15) DOMANDA DI AGGIORNAMENTO AI FINI DELLA

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO (F.I.N.) - ASSOCIAZIONE NAZIONALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE REGOLAMENTO DELLA STRUTTURA DI PROTEZIONE CIVILE

FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO (F.I.N.) - ASSOCIAZIONE NAZIONALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE REGOLAMENTO DELLA STRUTTURA DI PROTEZIONE CIVILE FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO (F.I.N.) - ASSOCIAZIONE NAZIONALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE Premessa La Presidenza del Consiglio dei Ministri, Dipartimento di Protezione Civile, in base alla Legge

Dettagli

Legge 7.3.1986, n. 65 Legge quadro sull ordinamento della Polizia Municipale. Art. 1 Servizio di Polizia Municipale

Legge 7.3.1986, n. 65 Legge quadro sull ordinamento della Polizia Municipale. Art. 1 Servizio di Polizia Municipale Legge 7.3.1986, n. 65 Legge quadro sull ordinamento della Polizia Municipale Art. 1 Servizio di Polizia Municipale 1. I comuni svolgono le funzioni di polizia locale. A tal fine, può essere appositamente

Dettagli

MINISTERO DELLA DIFESA DIREZIONE GENERALE PER IL PERSONALE MILITARE

MINISTERO DELLA DIFESA DIREZIONE GENERALE PER IL PERSONALE MILITARE MINISTERO DELLA DIFESA DIREZIONE GENERALE PER IL PERSONALE MILITARE Prot. n. DGPM/VI/19.000/A/45-109.000/I/15 Roma, 5 marzo 2002 OGGETTO:Erogazione del trattamento privilegiato provvisorio nella misura

Dettagli

Modulo BPS : Art. 23 Lavoro subordinato: assunzione di lavoratori inseriti nei progetti speciali. Informazioni generali

Modulo BPS : Art. 23 Lavoro subordinato: assunzione di lavoratori inseriti nei progetti speciali. Informazioni generali Modulo BPS : Art. 23 Lavoro subordinato: assunzione di lavoratori inseriti nei progetti speciali Informazioni generali Il Ministero dell'interno, Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione, ha

Dettagli

Norme Disciplinari Trattamento Economico e Organi di Rappresentanza del personale militare INTRODUZIONE PREMESSA... 23

Norme Disciplinari Trattamento Economico e Organi di Rappresentanza del personale militare INTRODUZIONE PREMESSA... 23 Norme Disciplinari Trattamento Economico e Organi di Rappresentanza del personale militare INTRODUZIONE a cura di Enzo Trevisiol PREMESSA... 23 1. CENNI STORICI SULLE NORME DISCIPLINARI 1.1 Il regolamento

Dettagli

Decreto del Ministro degli affari esteri 30 dicembre 1978, n.4668 bis, Regolamento per il rilascio dei passaporti diplomatici e di servizio.

Decreto del Ministro degli affari esteri 30 dicembre 1978, n.4668 bis, Regolamento per il rilascio dei passaporti diplomatici e di servizio. Decreto del Ministro degli affari esteri 30 dicembre 1978, n.4668 bis, Regolamento per il rilascio dei passaporti diplomatici e di servizio. 1. I passaporti diplomatici e di servizio, di cui all'articolo

Dettagli

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego Il decreto spiega tutte le possibilità e i limiti dell'eventuale cumulo Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego (Dm Funzione pubblica 331 del 29.7.1997) da CittadinoLex del 12/9/2002

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA D.Lgs. 12 maggio 1995, n. 199 Attuazione dell'art. 3 della L. 6 marzo 1992, n. 216, in materia di nuovo inquadramento del personale non direttivo e non dirigente del Corpo della Guardia di finanza. IL

Dettagli

REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010. Art. 1 Ambito di applicazione

REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010. Art. 1 Ambito di applicazione REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010 Art. 1 Ambito di applicazione L Università, in applicazione del D.M. 242/98 ed ai

Dettagli

Allegato Mod. Q Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente

Allegato Mod. Q Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente Allegato Mod. Q Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente CONTRATTO DI SOGGIORNO (Art. 5 bis del D.lvo n. 286/98 e successive modifiche)

Dettagli

GUIDE Il lavoro part time

GUIDE Il lavoro part time Collana Le Guide Direttore: Raffaello Marchi Coordinatore: Annalisa Guidotti Testi: Iride Di Palma, Adolfo De Maltia Reporting: Gianni Boccia Progetto grafico: Peliti Associati Illustrazioni: Paolo Cardoni

Dettagli

.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo e della criminalità organizzata

.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo e della criminalità organizzata STRALCIO DI ALTRE LEGGI IN CUI, SEMPRE INGRASSETTO, SONO EVIDENZIATI ALTRI BENEFICI VIGENTI A FAVORE DELLE VITTIME DEL TERRORISMO.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo

Dettagli

ALLA CAPITANERIA DI PORTO DI

ALLA CAPITANERIA DI PORTO DI ALLA CAPITANERIA DI PORTO DI Il sottoscritto... nato a...il... e residente a...provincia di... in via... n C.A.P.. recapito telefonico.../... CHIEDE di essere iscritto, nella Gente di Mare di... categoria

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente

Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente Allegato Mod. R CONTRATTO DI SOGGIORNO (Art. 5 bis del D.lvo n. 286/98 e successive modifiche)

Dettagli

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI Tratto dalla rivista IPSOA Pratica Fiscale e Professionale n. 8 del 25 febbraio 2008 A cura di Marco Peirolo Gruppo di studio Eutekne L

Dettagli

Convenzione tra. Federazione Italiana Nuoto F.I.N. e Centro Nazionale Sportivo FIAMMA C.N.S.FIAMMA

Convenzione tra. Federazione Italiana Nuoto F.I.N. e Centro Nazionale Sportivo FIAMMA C.N.S.FIAMMA Convenzione tra Federazione Italiana Nuoto F.I.N. e Centro Nazionale Sportivo FIAMMA C.N.S.FIAMMA Convenzione F.I.N. C.N.S. FIAMMA La Federazione Italiana Nuoto (F.I.N.), con sede legale in Roma, rappresentata

Dettagli

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA REGOLAMENTO PER IL CONSEGUIMENTO DELL IDONEITA PROFESSIONALE PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI CONSULENZA PER LA CIRCOLAZIONE DEI MEZZI DI TRASPORTO - Approvato con deliberazione

Dettagli

Regolamento per l attribuzione a professori e ricercatori dell incentivo di cui all art. 29, comma 19, della Legge 240/2010

Regolamento per l attribuzione a professori e ricercatori dell incentivo di cui all art. 29, comma 19, della Legge 240/2010 Regolamento per l attribuzione a professori e ricercatori dell incentivo di cui all art. 29, comma 19, della Legge 240/2010 Art. 1 - Oggetto 1. Il presente regolamento disciplina i procedimenti di selezione,

Dettagli

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015 CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 26 marzo 2015 OGGETTO: Articolo 1, comma 154, legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge stabilità 2015) Contributo del cinque per mille dell

Dettagli

STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*)

STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*) 1 STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*) I - Costituzione dell Accademia Articolo 1 1. L Accademia Nazionale dei Lincei, istituzione di alta cultura, con sede in Roma, ai sensi dell art. 33 della

Dettagli

MINISTERO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE

MINISTERO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE MINISTERO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE DECRETO 15 febbraio 2010. Modi che ed integrazioni al decreto 17 dicembre 2009, recante: «Istituzione del sistema di controllo della tracciabilità

Dettagli

Gabinetto dell On. le Ministro. Organismo Indipendente di Valutazione. Presidente del Consiglio Superiore dei LL.PP.

Gabinetto dell On. le Ministro. Organismo Indipendente di Valutazione. Presidente del Consiglio Superiore dei LL.PP. Dipartimento per le Infrastrutture, gli affari generali ed il personale Direzione generale del personale e degli affari generali Divisione 4 Ufficio Ispettivo e Disciplina Via Nomentana, 2 00161 Roma tel.06.4412.3285

Dettagli

Onore al carabiniere Antonio Bonavita Medaglia d'argento al Valor Militare

Onore al carabiniere Antonio Bonavita Medaglia d'argento al Valor Militare Onore al carabiniere Antonio Bonavita Medaglia d'argento al Valor Militare Giuseppe Massari ONORE AL CARABINIERE ANTONIO BONAVITA Medaglia d Argento al Valor Militare www.booksprintedizioni.it Copyright

Dettagli

Modulo VA : Art. 22 Lavoro subordinato. Informazioni generali

Modulo VA : Art. 22 Lavoro subordinato. Informazioni generali Modulo VA : Art. 22 Lavoro subordinato Informazioni generali Il Ministero dell'interno, Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione, ha realizzato il servizio di inoltro Telematico delle domande

Dettagli

1) Progetti di Servizio civile nazionale da realizzarsi in ambito regionale per l avvio di complessivi 3.516 volontari.

1) Progetti di Servizio civile nazionale da realizzarsi in ambito regionale per l avvio di complessivi 3.516 volontari. Avviso agli enti. Presentazione di progetti di servizio civile nazionale per complessivi 6.426 volontari (parag. 3.3 del Prontuario contenente le caratteristiche e le modalità per la redazione e la presentazione

Dettagli

(annessa quale Allegato A al Regolamento adottato con D.M. 13 giugno 2007)

(annessa quale Allegato A al Regolamento adottato con D.M. 13 giugno 2007) TABELLA 1 (annessa quale Allegato A al Regolamento adottato con D.M. 13 giugno 2007) TABELLA DI VALUTAZIONE DEI TITOLI PER L INCLUSIONE NELLE GRADUATORIE DI CIRCOLO E DI ISTITUTO DI III FASCIA (ivi compreso

Dettagli

LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE

LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE 6 PARTE PRIMA LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE Sezione I LEGGI REGIONALI LEGGE REGIONALE 17 settembre 2013, n. 16. Norme in materia di prevenzione delle cadute dall alto. Il Consiglio

Dettagli

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Delibera n.12/2013: Requisiti e procedimento per la nomina dei

Dettagli

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti DECRETO n. 429 del 15 dicembre 2011 Direttive e calendario per le limitazioni alla circolazione stradale fuori dai centri abitati per l anno 2012 IL MINISTRO

Dettagli

BOZZA RIORDINO FORZE DI POLIZIA ELABORTATA DAL GOVERNO

BOZZA RIORDINO FORZE DI POLIZIA ELABORTATA DAL GOVERNO BOZZA RIORDINO FORZE DI POLIZIA ELABORTATA DAL GOVERNO Stralcio della Legge Delega (art. 4, 5 e 6) per riordino e accorpamento Forze statali di Polizia Art. (3) Principi generali e criteri direttivi della

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309 18120 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 104 del 16-06-2010 vista la dichiarazione posta in calce al presente provvedimento da parte dei Dirigenti responsabili per competenza in materia che

Dettagli

IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine)

IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine) IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine) La figura giuridica del Direttore dei Lavori compare per la prima volta nel R.D. del 25.05.1895 riguardante il Regolamento

Dettagli

LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI

LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI LEGGE 23 dicembre 2009, n. 191. Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato (legge finanziaria 2010). La Camera dei deputati ed il Senato

Dettagli

GUIDA OPERATIVA. Comparto Sanità (aree dirigenziali e personale dei livelli) Permessi retribuiti e non retribuiti

GUIDA OPERATIVA. Comparto Sanità (aree dirigenziali e personale dei livelli) Permessi retribuiti e non retribuiti GUIDA OPERATIVA Comparto Sanità (aree dirigenziali e personale dei livelli) Permessi retribuiti e non retribuiti Dicembre 2014 INDICE INTRODUZIONE... 2 PERMESSI PER CONCORSI, ESAMI, AGGIORNAMENTO... 3

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA Titolo I Norme comuni Art. 1 Oggetto e finalità del Regolamento 1. Il presente regolamento disciplina il conferimento

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO 1. Il presente Codice di Comportamento integrativo definisce, in applicazione dell'art. 54 del DLgs. n. 165/2001 come riformulato dall'art.1, comma

Dettagli

REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI

REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI COMUNE DI ALA REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI VIGILI DEL FUOCO VOLONTARI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 11 dd. 19.06.2003 Modificato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 11 dd.

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Allegato A alla delibera n. 129/15/CONS REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente

Dettagli

Indice sommario. PARTE PRIMA Il contratto e le parti

Indice sommario. PARTE PRIMA Il contratto e le parti Indice sommario Presentazione (di PAOLOEFISIO CORRIAS) 1 PARTE PRIMA Il contratto e le parti Capitolo I (di CLAUDIA SOLLAI) 13 Le fonti del contratto di agenzia 1. La pluralità di fonti. Il codice civile

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 111 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI Modifiche al codice della strada, di cui al decreto

Dettagli

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio 1989, n. 39, in attuazione degli articoli 73 e 80 del decreto

Dettagli

PREMESSA. Il nuovo sistema classificatorio del personale è volto:

PREMESSA. Il nuovo sistema classificatorio del personale è volto: PREMESSA La riforma del sistema di classificazione del personale civile del Ministero della difesa è stata realizzata in applicazione del CCNL 2006/2009. Nel quadro di adeguamento delle competenze e delle

Dettagli

VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE)

VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE) Normativa VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE) a cura di Libero Tassella da Scuola&Scuola, 8/9/2003 Riferimenti normativi: artt. 7,8 legge 29.12.1988, N. 554; artt. 7,8 Dpcm 17.3.1989,

Dettagli

163 ANNIVERSARIO DELLA FONDAZIONE DELLA POLIZIA DI STATO CATANZARO VENERDÌ 22 MAGGIO 2015 DISCORSO DEL QUESTORE GIUSEPPE RACCA

163 ANNIVERSARIO DELLA FONDAZIONE DELLA POLIZIA DI STATO CATANZARO VENERDÌ 22 MAGGIO 2015 DISCORSO DEL QUESTORE GIUSEPPE RACCA 163 ANNIVERSARIO DELLA FONDAZIONE DELLA POLIZIA DI STATO CATANZARO VENERDÌ 22 MAGGIO 2015 DISCORSO DEL QUESTORE GIUSEPPE RACCA Sig. Prefetto, Sig. Sindaco, Sig. Presidente della Provincia, Eccellenza Reverendissima,

Dettagli

Visto il decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385, testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia;

Visto il decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385, testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia; DECRETO LEGISLATIVO RECANTE ULTERIORI DISPOSIZIONI DI ATTUAZIONE DELLA DELEGA DI CUI ALL ARTICOLO 33, COMMA 1, LETTERA E), DELLA LEGGE 7 LUGLIO 2009, N. 88 Visti gli articoli 76 e 87 della Costituzione;

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Testo approvato definitivamente dal Senato Accademico e dal Consiglio di Amministrazione rispettivamente

Dettagli

studio dei titolari di protezione internazionale

studio dei titolari di protezione internazionale Il riconoscimento dei titoli di studio dei titolari di protezione internazionale IL RICONOSCIMENTO DEI TITOLI DI STUDIO LA NORMATIVA L art 170 del RD 1592 del 3/ 31/08/33 /33di approvazione del Testo Unico

Dettagli

Enti Pubblici ASL AZIENDA UNITA' SANITARIA LOCALE ROMA C

Enti Pubblici ASL AZIENDA UNITA' SANITARIA LOCALE ROMA C Enti Pubblici ASL AZIENDA UNITA' SANITARIA LOCALE ROMA C Avviso Avviso pubblico, per titoli e colloquio, di mobilità regionale ed interregionale tra Aziende ed Enti del Servizio Sanitario, per la copertura

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali?

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali? Domanda: Risposta (a cura di Maurizio Santoloci): Oggi un impresa edile che trasporta in proprio i rifiuti non pericolosi con proprio mezzo al contrario di quanto accadeva nella previdente disciplina deve

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA REGOLAMENTO 16 luglio 2014, n. 6 Regolamento per la formazione continua IL CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE nella seduta del 16 luglio 2014 visto l art. 11 della legge 31 dicembre 2012, n. 247, rubricato Formazione

Dettagli

Giunta Regionale della Campania

Giunta Regionale della Campania Avvertenze: il testo vigente qui pubblicato è stato redatto dal Settore Legislativo dell'a.g.c. 01 della Giunta Regionale al solo fine di facilitare la lettura delle disposizioni della legge, integrata

Dettagli

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti le attività di agente e rappresentante di commercio disciplinate

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti le attività di agente e rappresentante di commercio disciplinate Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti le attività di agente e rappresentante di commercio disciplinate dalla legge 3 maggio 1985, n. 204, in attuazione degli

Dettagli

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres.

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. Regolamento attuativo dell articolo 9, commi da 26 a 34 della

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR

REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR Indice degli articoli Art. 1 Definizioni...2 Art. 2 Oggetto ed ambito di applicazione...2 Art. 3 Deroghe al divieto di circolazione

Dettagli

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ Tra le modifiche introdotte nell agosto 2010 all art. 186, C.d.S., vi è anche l inserimento del nuovo comma 9 bis, che prevede l applicazione del lavoro

Dettagli

DENUNCIA/COMUNICAZIONE DI INFORTUNIO (art. 53, d.p.r. 30/06/1965 n. 1124 - art. 18, comma 1, lettera r, d.lgs. 09/04/2008 n. 81)

DENUNCIA/COMUNICAZIONE DI INFORTUNIO (art. 53, d.p.r. 30/06/1965 n. 1124 - art. 18, comma 1, lettera r, d.lgs. 09/04/2008 n. 81) Mod. 4 bis - Prest. DENUNCIA/COMUNICAZIONE DI INFORTUNIO (art. 53 d.p.r. 30/06/1965 n. 1124 - art. 18 comma 1 lettera r d.lgs. 09/04/2008 n. 81) Alla Sede INAIL INAIL TIMBRO DI ARRIVO Data di spedizione

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA di CONDUCENTE Cognome Nome 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza

Dettagli

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome SCALA UMBERTO Nazionalità Italiana Data di nascita 28/02/1956 ESPERIENZA LAVORATIVA ATTUALE Dal 01-05-2003 a tutt oggi Indirizzo sede

Dettagli

Sezione A1) da compilare in caso di società, ente anche pubblico, fondazione, trust:

Sezione A1) da compilare in caso di società, ente anche pubblico, fondazione, trust: DICHIARAZIONE AI SENSI E PER GLI EFFETTI DEL D. LGS. N. 231 DEL 21 NOVEMBRE 2007 IN TEMA DI ANTIRICICLAGGIO MODULO DI IDENTIFICAZIONE E DI ADEGUATA VERIFICA DELLA CLIENTELA (AI SENSI DEGLI ARTT. 18 E 19

Dettagli

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo.

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo. 17875 LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27 Disposizioni urgenti in materia di prevenzione del rischio e sicurezza delle costruzioni Istituzione del fascicolo del fabbricato. IL CONSIGLIO REGIONALE HA

Dettagli

DIREZIONE REGIONALE PIEMONTE VALLE D AOSTA. EDIZIONE Novembre 2010 1.0

DIREZIONE REGIONALE PIEMONTE VALLE D AOSTA. EDIZIONE Novembre 2010 1.0 DIREZIONE REGIONALE PIEMONTE VALLE D AOSTA MODELLO PA04 EDIZIONE AGGIORNATA AL TRIENNIO 2010 2012 SEMPLIFICATO PER LE SCUOLE EDIZIONE Novembre 2010 1.0 1 COMPILAZIONE MOD. PA04 SEMPLIFICATO INDICAZIONI

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART-TIME, DELLE INCOMPATIBILITA' E DEI SERVIZI ISPETTIVI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART-TIME, DELLE INCOMPATIBILITA' E DEI SERVIZI ISPETTIVI REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART-TIME, DELLE INCOMPATIBILITA' E DEI SERVIZI ISPETTIVI Approvato con D.G. N.40 DEL 10.04.2000 Modificato con D.G. N.79 DEL 04.11.2002 Modificato con D.G. N.70 DEL 13.11.2006

Dettagli

CONDIVIDE E PARTECIPA

CONDIVIDE E PARTECIPA il 13 OTTOBRE 2007 - inform@ su: Delibera della Direzione Nazionale il S.I.A.P. privilegia il confronto interno Dal Governo Consiglio dei Ministri nr. 69 Decreto di razionalizzazione dell assetto organizzativo

Dettagli

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe CORSO BASE DI SPECIALIZZAZIONE DI PREVENZIONE INCENDI Analisi di rischio e individuazione delle misure di sicurezza equivalenti. Individuazione delle misure di prevenzione e/o di protezione che permettono

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART - TIME, DELLE INCOMPATIBILITÀ E DEI SERVIZI ISPETTIVI.

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART - TIME, DELLE INCOMPATIBILITÀ E DEI SERVIZI ISPETTIVI. REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART - TIME, DELLE INCOMPATIBILITÀ E DEI SERVIZI ISPETTIVI. APPROVATO CON DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 244 IN DATA 28 OTTOBRE 1997. MODIFICATO CON DELIBERAZIONI

Dettagli

Congedo parentale Domanda per i lavoratori dipendenti

Congedo parentale Domanda per i lavoratori dipendenti Domanda per i lavoratori dipendenti Per ottenere il congedo parentale, oltre a possedere i requisiti di legge, è necessario compilare il modulo in tutte le sue parti e consegnarlo sia al datore di lavoro

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI RIMBORSI DELLE SPESE SOSTENUTE DAL PERSONALE DIPENDENTE INVIATO IN MISSIONE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI RIMBORSI DELLE SPESE SOSTENUTE DAL PERSONALE DIPENDENTE INVIATO IN MISSIONE I REGOLAMENTI PROVINCIALI: N. 59 PROVINCIA DI PADOVA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI RIMBORSI DELLE SPESE SOSTENUTE DAL PERSONALE DIPENDENTE INVIATO IN MISSIONE Approvato con D.G.P. in data 19.4.2012

Dettagli

Stato giuridico del personale delle Unità sanitarie locali

Stato giuridico del personale delle Unità sanitarie locali Testo aggiornato al 15 dicembre 2005 Decreto del Presidente della Repubblica 20 dicembre 1979, n. 761 Gazzetta Ufficiale 15 febbraio 1980, n. 45, S. O. Stato giuridico del personale delle Unità sanitarie

Dettagli

LINEE DI INDIRIZZO PERSONALE COMPARTO RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. ART. 1 ( Definizione)

LINEE DI INDIRIZZO PERSONALE COMPARTO RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. ART. 1 ( Definizione) 1 REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana Assessorato Regionale della Sanità Dipartimento regionale per la pianificazione strategica ********** Servizio 1 Personale dipendente S.S.R. LINEE DI INDIRIZZO PERSONALE

Dettagli

Ai Signori Segretari Regionali

Ai Signori Segretari Regionali Venezia, 14 GEN. 1993, prot. n. 313/SGP Oggetto: L. 7 agosto 1990, n. 241 Ai Signori Segretari Regionali Ai Signori Assistenti Alla Segreteria Generale Ai Signori Assistenti Alla Segreteria per il Territorio

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 25 DEL 5 GIUGNO 2006

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 25 DEL 5 GIUGNO 2006 BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 25 DEL 5 GIUGNO 2006 REGIONE CAMPANIA - Giunta Regionale - Seduta del 12 maggio 2006 - Deliberazione N. 593 - Area Generale di Coordinamento N. 20 - Assistenza

Dettagli

a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia - Il Popolo della Libertà - Berlusconi Presidente 22 aprile 2015

a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia - Il Popolo della Libertà - Berlusconi Presidente 22 aprile 2015 a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia - Il Popolo della Libertà - Berlusconi Presidente 917 RISOLUZIONE GRUPPO FORZA ITALIA Risoluzione presentata dal Gruppo Forza Italia

Dettagli

NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR

NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR Nell'ambito degli interventi sul prelievo fiscale, la finanziaria 2008 (legge 24 dicembre 2007, n. 244),

Dettagli

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili RICHIAMO AL TESTO UNICO PER LA SICUREZZA D.lgs.vo 9 aprile 2008 n 81 Dott. Ing Luigi ABATE DPR N NN 37 3712 12 gennaio 1998 regolamento

Dettagli

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Introduzione Le Societá tra Professionisti, introdotte dalla legge 183/2010, sono una delle novitá

Dettagli

Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici

Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Visto l art. 5, comma 2, lettere b), e) ed f), della legge 23 agosto 1988, n. 400; Ritenuta

Dettagli

La ricostruzione della carriera del personale della scuola

La ricostruzione della carriera del personale della scuola La ricostruzione della carriera del personale della scuola Se guardiamo gli ultimi 50 anni, l evoluzione della progressione di carriera aveva subito parecchie variazioni, ma sostanzialmente un principio

Dettagli

Regolamento di Accesso agli atti amministrativi

Regolamento di Accesso agli atti amministrativi ISTITUTO COMPRENSIVO DANTE ALIGHIERI 20027 RESCALDINA (Milano) Via Matteotti, 2 - (0331) 57.61.34 - Fax (0331) 57.91.63 - E-MAIL ic.alighieri@libero.it - Sito Web : www.alighierirescaldina.it Regolamento

Dettagli

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F.

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. ISTITUTO ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Giovanni Caboto GAETA CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. A.S. 2013-2014 1. Richiesta per accedere alle Funzioni strumentali al P.O.F.

Dettagli

MINISTERO DELLA SALUTE

MINISTERO DELLA SALUTE b) unica prova orale su due materie, il cui svolgimento è subordinato al superamento della prova scritta: una prova su deontologia e ordinamento professionale; una prova su una tra le seguenti materie

Dettagli

Informazioni generali

Informazioni generali Modulo VA : Domanda di verifica della sussistenza di una quota per lavoro subordinato ai sensi degli artt. 14 comma 6 e 39 comma 9 del DPR. n. 394/99 e successive modifiche ed integrazioni Informazioni

Dettagli

TITOLO I Ambito di applicazione. TITOLO II Disposizioni generali.

TITOLO I Ambito di applicazione. TITOLO II Disposizioni generali. Regolamento d uso del verde Adottato dal Consiglio Comunale nella seduta del 17.7.1995 con deliberazione n. 173 di Reg. Esecutiva dal 26.10.1995. Sanzioni approvate dalla Giunta Comunale nella seduta del

Dettagli

TABELLA B A) TITOLI DI STUDIO D ACCESSO

TABELLA B A) TITOLI DI STUDIO D ACCESSO TABELLA B TABELLA DI VALUTAZIONE DEI TITOLI PER L INCLUSIONE NELLE GRADUATORIE DI CIRCOLO E DI ISTITUTO DI III FASCIA (ivi compreso l insegnamento di strumento musicale nella scuola media), VALIDE PER

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIPARTIMENTO PER L IMPRESA E L INTERNAZIONALIZZAZIONE DIREZIONE GENERALE PER IL MERCATO, LA CONCORRENZA, IL CONSUMATORE, LA VIGILANZA E LA NORMATIVA TECNICA Divisione

Dettagli

Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego

Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego La riforma Brunetta, introdotta dal D.Lgs. 150/09, ha modificato profondamente il sistema disciplinare nel pubblico impiego, intervenendo

Dettagli

ALBO NAZIONALE GESTORI AMBIENTALI

ALBO NAZIONALE GESTORI AMBIENTALI ALBO NAZIONALE GESTORI AMBIENTALI Deliberazione 15 dicembre 2010 Criteri per l iscrizione all Albo nella categoria 8: intermediazione e commercio dei rifiuti. IL COMITATO NAZIONALE Visto il decreto legislativo

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA DECRETO-LEGGE 20 giugno 2012, n. 79 Misure urgenti per garantire la sicurezza dei cittadini, per assicurare la funzionalita' del Corpo nazionale dei vigili del fuoco e di altre strutture dell'amministrazione

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

FLC Cgil Nazionale Febbraio 2008

FLC Cgil Nazionale Febbraio 2008 FLC Cgil Nazionale Febbraio 2008 INSERIMENTO/AGGIORNAMENTO GRADUATORIE ATA DI 1^ FASCIA GUIDA ANALITICA ALLA COMPILAZIONE DELLA DOMANDA (modelli di domanda - allegati B1, B2, F, G, H) 0) La modulistica

Dettagli

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI Luca Menini, ARPAV Dipartimento di Vicenza via Spalato, 14-36100 VICENZA e-mail: fisica.arpav.vi@altavista.net 1. INTRODUZIONE La legge 447 del 26/10/95 Legge

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

Decorati al Valor Militare

Decorati al Valor Militare Cantalice ai suoi figli Caduti per la Patria nella Grande Guerra 1915 1918 Decorati al Valor Militare Caporale BOCCHINI Felice di Luigi - del 146 Reggimento fanteria, nato a Cantalice il 15 ottobre 1895,

Dettagli

PUO ESSERE RICHIESTA PER:

PUO ESSERE RICHIESTA PER: L INTERDIZIONE DAL LAVORO PER LE LAVORATRICI MADRI (decreto legislativo n. 151/2001 così come modificato dalla legge 4/04/2012, n. 35) http://www.parlamento.it/leggi/deleghe/01151dl.htm PUO ESSERE RICHIESTA

Dettagli

Al SUAP. Denominazione società/ditta

Al SUAP. Denominazione società/ditta COMUNICAZIONE SUBINGRESSO DI COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE SU POSTEGGIO L.R. 28/2005 e s.m.i. Codice del Commercio art.74 e D.P. G.R. n. 15/R del 1 aprile 2009 Regolamento di attuazione della legge n. 28/2005

Dettagli