DEBITI SOVRANI E POLITICA EUROPEA Dott. Marcello Minenna

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DEBITI SOVRANI E POLITICA EUROPEA Dott. Marcello Minenna"

Transcript

1 DOPO LA GRANDE CRISI. PER UNA NUOVA ECONOMIA DEBITI SOVRANI E POLITICA EUROPEA Dott. Marcello Minenna Responsabile dell Ufficio Analisi Quantitativa e Innovazione Finanziaria della CONSOB * Le opinioni espresse sono soltanto del relatore e non impegnano in alcun modo l Istituzione di appartenenza. 1

2 Debiti Pubblici e PIL 2

3 EVOLUZIONE DEBITO e PIL MONDIALE PIL DEBITO TOTALE (pubblico+privato) DEBITO TOTALE/PIL % 290% % 269% 270% migliaia di mld di $ % % 250% % % % 3

4 EVOLUZIONE DEBITO PUBBLICO E PRIVATO MONDIALE DEBITO PRIVATO DEBITO PUBBLICO DEBITO PUBBLICO /DEBITO TOTALE % % 29% % % migliaia di mld di $ % 33 26% 25% 24% 60 23% 23% 40 22% 20 21% % 4

5 EVOLUZIONE RAPPORTO DEBITO PUBBLICO/PIL 110% 100% 90% USA UK 82% 90% 95% 99% 85% 85% 100% 89% 103% 92% 80% 76% 70% 68% 66% 60% 59% 60% 60% 61% 62% 50% 40% 37% 39% 42% 43% 41% 43% 30% 20%

6 EVOLUZIONE RAPPORTO DEBITO PUBBLICO/PIL 110% 100% EZ USA 95% 99% 100% 103% 90% 90% 87% 89% 89% 82% 82% 80% 77% 72% 70% 60% 64% 64% 64% 62% 60% 60% 61% 62% 60% 59% 63% 68% 50% 40% 30% 20%

7 EVOLUZIONE RAPPORTO DEBITO PUBBLICO/PIL 270% EZ USA UK JP 220% 193% 200% 206% 219% 226% 232% 170% 155% 164% 158% 178% 170% 172% 120% 70% 64% 64% 64% 62% 59% 60% 60% 61% 60% 62% 68% 63% 82% 72% 66% 90% 77% 76% 99% 100% 103% 95% 92% 87% 89% 89% 89% 82% 85% 85% 37% 39% 42% 43% 41% 43% 20%

8 EVOLUZIONE RAPPORTO DEBITO PUBBLICO/PIL GER FRA 100% 90% 85% 90% 92% 95% 80% 73% 79% 82% 81% 78% 79% 77% 75% 70% 63% 64% 65% 66% 67% 67% 67% 64% 64% 64% 68% 65% 60% 50% 40% 30% 20%

9 EVOLUZIONE RAPPORTO DEBITO PUBBLICO/PIL 140% SPA ITA 129% 132% 123% 120% 113% 115% 116% 100% 100% 100% 102% 103% 100% 102% 98% 92% 84% 80% 69% 60% 53% 60% 40% 48% 45% 42% 39% 36% 39% 20%

10 EVOLUZIONE RAPPORTO DEBITO PUBBLICO/PIL 140% IRLANDA POR 126% 122% 123% 130% 130% 120% 111% 110% 100% 96% 84% 87% 80% 67% 69% 68% 72% 60% 59% 62% 62% 43% 40% 30% 28% 26% 24% 24% 20%

11 Disfunzioni dell Eurozona 11

12 30% CONVERGENZA DEI CICLI ECONOMICI TRA I PAESI UE Rendimenti Titoli di Stato a 10 anni 25% Determinazionedei paesi ammessi nell Eurozona Introduzione dell Euro Ingressodella Grecia nell Eurozona 20% 15% 10% Greece Grecia Portugal Portogallo Spain Spagna Ireland Irlanda Italy Italia France Francia Germany Germania 5% 0%

13 40% 35% LA ROTTURA DELLA CURVA UNICA DEI TASSI D INTERESSE Determinazione della lista dei paesi ammessi nella zona euro Rendimenti Titoli di Stato a 10 anni Introduzione dell Euro La Grecia entra nell Eurozona Esplosionedella crisi del debito Greco 30% 25% Grecia Portogallo Spagna 20% 15% 10% Irlanda Italia Francia Germania 5% %

14 VALUTE OMBRA/TASSI DI CAMBIO Parità dei Tassi di Interesse: una rappresentazione dell economia Tedesca/Italiana 14

15 VALUTE OMBRA/TASSI DI CAMBIO Fallimento Parità dei Tassi di Interesse: Solo Rischio di Credito 15

16 DIFFERENTE COMPETITIVITÀ TRA I PAESI UE Partite Correntiin % del PIL di alcunipaesidell Eurozona( ) Germania Irlanda Grecia Spagna Francia Italia Portogallo 5% 0% -5% -10% -15%

17 Prima dell Euro differenti valute Dimensione relativa della bilancia dei pagamenti 17

18 Prima dell Euro differenti valute Dimensione relativa della bilancia dei pagamenti 18

19 Prima dell Euro differenti valute Dimensione relativa della bilancia dei pagamenti 19

20 Prima dell Euro differenti valute Dimensione relativa della bilancia dei pagamenti 20

21 Prima dell Euro differenti valute Dimensione relativa della bilancia dei pagamenti 21

22 Con l Euro valuta unica Dimensione relativa della bilancia dei pagamenti 22

23 DIFFERENTE COMPETITIVITÀ TRA I PAESI UE UE esportazioni % verso il resto del mondo trend opposti 33,00% Germania -Peso % all'interno dell'export dell'unione Germania -EU esportazioni % verso il resto del mondo Europea verso il resto del mondo 13,00% Italia -Peso % all'interno dell'export dell'unione Europea Italia -EU esportazioni % verso il resto del mondo verso il resto del mondo ( ) 32,00% 12,50% 31,00% 12,00% 11,50% 30,00% 11,00% 29,00% 10,50% 28,00% 10,00% 27,00% ,50%

24 I debiti pubblici dei paesi dell Eurozona diventano "sostanzialmente" in valuta estera 1997 Debiti Pubblici (Miliardi in valuta nazionale) Germania Grecia Spagna Francia Italia Marco Tedesco Dracma Greca Peseta Spagnola Franco Francese Lira Italiana 1, ,239 60% del PIL 97% del PIL 66% del PIL 59% del PIL 117% del PIL Le Banche Centrali Nazionali possono controllare l offerta di moneta 24

25 I debiti pubblici dei paesi dell Eurozona diventano "sostanzialmente" in valuta estera 1997 Debiti Pubblici (Miliardi in valuta nazionale) Germania Grecia Spagna Francia Italia Marco Tedesco Dracma Greca Peseta Spagnola Franco Francese Lira Italiana 1, ,239 60% del PIL 97% del PIL 66% del PIL 59% del PIL 117% del PIL Euro implica il trasferimento della sovranità monetaria alla BCE 2013 Debiti Pubblici (Miliardi di Euro) Germania Grecia Spagna Francia Italia 2, ,925 2,069 78% del PIL 175% del PIL 94% del PIL 93% del PIL 133% del PIL 25

26 I debiti pubblici dei paesi dell Eurozona diventano "sostanzialmente" in valuta estera Il debito pubblico in valuta estera è insostenibile quando è pari a circa il 70% del PIL Anno del default Debito Pubblico in Valuta estera in % del PIL Argentina ,1% ,8% Iran ,8% Messico ,7% Russia ,5% ,5% Turchia ,0% Venezuela ,4% Media di 36 casi di defaultsul debito pubblico in valuta estera tra Fonte: Thistime isdifferent EightCentury of Financial Folly- C. Reinhart, K. Rogoff Debiti Pubblici (Miliardi di Euro) 69,3% Germania Grecia Spagna Francia Italia 2, ,925 2,069 78% del PIL 175% del PIL 94% del PIL 93% del PIL 133% del PIL 26

27 Target 2 presenta squilibri sistematici Miliardi di 900 Saldo netto Target 2 relativo ai paesi CORE e Periferici dell Eurozona ( ) CORE Periferici Banca d Italia: -229 mlddi -600 Banco de España: -239 mlddi Bundesbank: 510 mlddi Banquede France: -34 mlddi

28 VENDOR FINANCING CICLO-UE scomposizione per paese GIPSI non possono più sostenere il saldo delle Partite Correnti Tedesche. La Francia è l'unico paese dell'unione Europea che ancora lo fa. Miliardi di Francia Italia Spagna Saldo delle Partite Correnti verso l Europa Italy Spain Spagna France Francia 28

29 Dinamica dei crediti delle banche tedesche ai Paesi dell Eurozona Crediti delle banche tedesche Peso % dei sistemi bancari dei paesi core e periferici dell Eurozona % Paesi Periferici su Totale % Paesi Core su Totale 55% 50% 45% 40% 35% 30% mar-02 nov-02 lug-03 mar-04 nov-04 lug-05 mar-06 nov-06 lug-07 mar-08 nov-08 lug-09 mar-10 nov-10 lug-11 mar-12 nov-12 lug-13 mar-14 nov-14 29

30 VENDOR FINANCING RECUPERO CREDITI CICLO-UE scomposizione per paese Andamento Bilancia della Commerciale Bilancia Commerciale di alcuni dei paesi principali dell Eurozona Paesi del'eurozona (Dati Eurostat ) (Eurostat ) Germania Irlanda Grecia Spagna Francia Italia Portogallo 5,00% La Francia è l unico paese che mostra una Bilancia Commerciale in deficit 0,00% -5,00% -10,00% -15,00%

31 EVOLUZIONE RAPPORTO DEBITO PUBBLICO/PIL GER FRA 100% 90% 85% 90% 92% 95% 80% 73% 79% 82% 81% 78% 79% 77% 75% 70% 63% 64% 65% 66% 67% 67% 67% 64% 64% 64% 68% 65% 60% 50% 40% 30% 20%

32 55,0% 50,0% 45,0% 40,0% 35,0% 30,0% NAZIONALIZZAZIONE DEL DEBITO IL CASO DI STUDIO ITALIANO Gli LTRO alimentano la presenza di Titoli di Stato nel portafoglio delle banche italiane Jan-07 Mar-07 May-07 Jul-07 Sep-07 Nov-07 Jan-08 Mar-08 May-08 Jul-08 Sep-08 Nov-08 Jan-09 Mar-09 May-09 Jul-09 Sep-09 Nov-09 Jan-10 Mar-10 May-10 Jul-10 Sep-10 Nov-10 Jan-11 Mar-11 May-11 Jul-11 Sep-11 Nov-11 Jan-12 Mar-12 May-12 Jul-12 Sep-12 Nov-12 Jan-13 Mar-13 May-13 Jul-13 Miliardi Billions of di 29 feb 12: 2 LTRO a 3 anni 07 ott 08: LTRO a 6 mesi 50 mld Evento Lehman Brothers 09 dic 11: 1 LTRO a 3 anni 32 LTRO to a Banche Italian Italiane banks Debt Debiti detenuti hold by da italian Banche banks Italiane

33 Politiche Fiscali nell Eurozona 33

34 REGOLA DEL DEFICIT SALDO STRUTTURALE Saldo netto nominale esclusi gli effetti di ciclo e delle misure una tantum Viene calcolato dal Tesoro attraverso il concetto di output gap SALDO STRUTTURALE = SALDO NOMINALE (0,55* OUTPUT GAP) MISURE UNA TANTUM dove OUTPUT GAP = (PIL PILPOTENZIALE) / PIL POTENZIALE In base al combinato disposto del Patto di Stabilità e Crescita e del Fiscal Compact SALDO STRUTTURALE max(omt; -0,5%) 34

35 Debito e inflazione 35

36 Debito Pubblico e Oneri per Interessi: Confronto tra Italia e Germania Germania: Interessi Italia: Interessi Germania: Debito Italia: Debito

37 Politiche Monetarie nell Eurozona 37

38 Securities Market Programme Scomposizione per Paese dei Titoli Acquistati (Gennaio 2013) Ireland Irlanda Greece Grecia Spain Spagna Italy Italia Portugal Portogallo 22,8 14,2 33,9 102,8 44,3 38

39 Quantitative Easing 39

40 Quantitative Easing Scomposizione per Paese dei Titoli Acquistati dalle Banche Centrali Nazionali (dato mensile) Finlandia Portogallo Austria Belgio Slovacchia Slovenia Irlanda Altri Germania Olanda Spagna Francia Italia 40

41 1,7% 1,5% 1,3% Impatto del PSPP sulla Struttura a Termine dei Bunds Effetto PSPP 18 Novembre Gennaio Aprile ,1% 0,9% 0,7% 0,5% 0,3% 0,1% 0-0,1% -0.2% -0,3% 3M 6M 1A 1Y 2A 2Y 3A 3Y 4A 4Y 5A 5Y 7A 7Y 8A 8Y 9A 9Y 10Y 10A 15A 15Y 20A 20Y 25A 25Y 30A 30Y 41

42 1,7% 1,5% 1,3% 1,1% 18 Novembre Gennaio Aprile Aprile 2015 Effetto PSPP Flash Crash del 29 Aprile 2015 Impattodel PSPP e del Flash Crash del 29 Aprile2015 sulla Struttura a Termine dei Bunds 0,9% 0,7% 0,5% 0,3% 0,1% 0-0,1% -0.2% -0,3% 3M 6M 1A 1Y 2A 2Y 3A 3Y 4A 4Y 5A 5Y 7A 7Y 8A 8Y 9A 9Y 10A 10Y 15A 15Y 20A 20Y 25A 25Y 30A 30Y 42

43 Plusvalenze dei principali sistemi bancari dell Eurozona & Variazione % dei Rendimenti Miliardi di 4,0 3,5 3,0 * Plusvalenze Rendimento iniziale Rendimento attuale Capital gain (Left Axis) Initial Yield (Right Axis) Current Yield (Right Axis) % Variazione Yield Change % rendimento (asse sinistro) (asse destro) (asse destro) 4,5% 4,0% 3,5% * Rendimenti 2,5 3,0% 2,0-55% -56% 2,5% 2,0% 1,5-74% -68% 1,5% 1,0 1,0% 0,5 0,5% 0,0 Germania Germany Francia France Italia Italy Spagna Spain 0,0% * Elaborazione su dati storici * Maggio

44 Possibili soluzioni 44

45 DOPO LA GRANDE CRISI. PER UNA NUOVA ECONOMIA DEBITI SOVRANI E POLITICA EUROPEA Dott. Marcello Minenna Responsabile dell Ufficio Analisi Quantitativa e Innovazione Finanziaria della CONSOB * Le opinioni espresse sono soltanto del relatore e non impegnano in alcun modo l Istituzione di appartenenza. 45

FINANZA E ECONOMIA REALE LE RAGIONI DELLA CRISI E LE POSSIBILI SOLUZIONI

FINANZA E ECONOMIA REALE LE RAGIONI DELLA CRISI E LE POSSIBILI SOLUZIONI FINANZA E ECONOMIA REALE LE RAGIONI DELLA CRISI E LE POSSIBILI SOLUZIONI PROF. MARCELLO MINENNA 1 UNIVERSITÀ BOCCONI DI MILANO Andamento tassi di interesse a 10 anni nel periodo 1993-2007 35% 30% Determinazione

Dettagli

Crisi dell Eurozona ed effetti sui mercati energetici: un approccio globale

Crisi dell Eurozona ed effetti sui mercati energetici: un approccio globale Crisi dell Eurozona ed effetti sui mercati energetici: un approccio globale Ruggero de Rossi Partner, Chief Investment Officer Tandem Global Partners, New York Master SAFE Roma, 27 Gennaio 2012 Cause della

Dettagli

Contesto economico e caratteristiche del sistema industriale italiano. Roberto Calugi Direttore - Consorzio Camerale per il credito e la finanza

Contesto economico e caratteristiche del sistema industriale italiano. Roberto Calugi Direttore - Consorzio Camerale per il credito e la finanza Contesto economico e caratteristiche del sistema industriale italiano Roberto Calugi Direttore - Consorzio Camerale per il credito e la finanza Agenda ANALISI DEGLI SCENARI MACROECON OMICI I. Analisi degli

Dettagli

Liberalizzazione del mercato dei capitali

Liberalizzazione del mercato dei capitali Liberalizzazione del mercato dei capitali euros euros Curve del prodotto marginale del capitale K Capital flow Esportazione di capitale r o r MPK* A MPK r r* o K o K*o * K o +K* o 1 Effetti di benessere

Dettagli

I CAMBIAMENTI DELLO SCENARIO MACROECONOMICO

I CAMBIAMENTI DELLO SCENARIO MACROECONOMICO Incontro Annuale con gli Investitori del Fondo Sator I CAMBIAMENTI DELLO SCENARIO MACROECONOMICO di Stefano Fantacone (direttore del CER) Nell arco di pochi mesi, lo scenario macroeconomico è profondamente

Dettagli

Crisi del debito e recessione: gli scenari per il sistema bancario italiano

Crisi del debito e recessione: gli scenari per il sistema bancario italiano Banking Summit 2012 Tra declino e rilancio: la sfida delle banche italiane Crisi del debito e recessione: gli scenari per il sistema bancario italiano Gregorio De Felice Servizio Studi e Ricerche Milano,

Dettagli

L Europa e l euro. Francesco Daveri

L Europa e l euro. Francesco Daveri L Europa e l euro Francesco Daveri 1 Concetti di base: tasso di cambio nominale Il tasso di cambio nominale è il tasso al quale si può scambiare la valuta di un paese con quella di un altro paese che abbia

Dettagli

Politica Economica Europea. a.a. 2013-14

Politica Economica Europea. a.a. 2013-14 Politica Economica Europea 2 Costi di aderire ad un UM Aderendo ad una UM si perde: la propria moneta; la possibilità di gestire la politica monetaria in modo indipendente; la gestione del tasso di cambio

Dettagli

Il monitoraggio degli effetti della politica monetaria: il Quantitative easing

Il monitoraggio degli effetti della politica monetaria: il Quantitative easing Il monitoraggio degli effetti della politica monetaria: il Quantitative easing Daniela Fantozzi e Claudio Vicarelli fantozzi@istat.it cvicarelli@istat.it Forum PA, Roma 28 Maggio 2015 Indice 1. Il monitoraggio

Dettagli

Rapporto ABI 2010 sul settore bancario in Italia. Roma, 24 maggio 2010. Giovanni Sabatini

Rapporto ABI 2010 sul settore bancario in Italia. Roma, 24 maggio 2010. Giovanni Sabatini Rapporto ABI 2010 sul settore bancario in Italia Roma, 24 maggio 2010 Giovanni Sabatini Agenda 1. Scenario operativo nei mercati bancari 2. Redditività 3. Analisi comparata dei risultati economici di bilancio

Dettagli

VIEW DI MERCATO: DALL ANALISI MACRO ALL ASSET ALLOCATION STRATEGICA

VIEW DI MERCATO: DALL ANALISI MACRO ALL ASSET ALLOCATION STRATEGICA VIEW DI MERCATO: DALL ANALISI MACRO ALL ASSET ALLOCATION STRATEGICA relatori: Alessandro Stanzini, Fabio Bottani Corso istituzionale - Neo private banking: una prima formazione tecnico relazionale VIEW

Dettagli

lo scenario internazionale lorena vincenzi Ozzano dell Emila 22 aprile 2013

lo scenario internazionale lorena vincenzi Ozzano dell Emila 22 aprile 2013 lo scenario Ozzano dell Emila 22 aprile 2013 internazionale lorena vincenzi riservatezza Questo documento è la base per una presentazione orale, senza la quale ha quindi limitata significatività e può

Dettagli

La Germania rende zoppa la correzione dei conti esteri dentro l Area euro

La Germania rende zoppa la correzione dei conti esteri dentro l Area euro 17-01-2015 Numero 15-3 NOTA DAL CSC La Germania rende zoppa la correzione dei conti esteri dentro l Area euro Nella crisi tutti i paesi euro in deficit hanno aggiustato i conti con l estero. Il saldo dell

Dettagli

Il rapporto banca impresa nella crisi del debito sovrano. Gregorio De Felice Chief Economist

Il rapporto banca impresa nella crisi del debito sovrano. Gregorio De Felice Chief Economist Il rapporto banca impresa nella crisi del debito sovrano Gregorio De Felice Chief Economist 1 Credito alle imprese in forte crescita negli ultimi 1 anni La recente flessione del credito segue un periodo

Dettagli

Consob - Auditorium Presentazione del Risk Outlook

Consob - Auditorium Presentazione del Risk Outlook Consob - Auditorium Presentazione del Risk Outlook Gregorio De Felice Chief Economist Intesa Sanpaolo Roma, 24 febbraio 2014 Agenda 1 Le prospettive macro nel 2014-15 2 Credito ed economia reale nell area

Dettagli

Alessandro Scopelliti. alessandro.scopelliti@unirc.it

Alessandro Scopelliti. alessandro.scopelliti@unirc.it Alessandro Scopelliti alessandro.scopelliti@unirc.it La crisi del debito pubblico Il vincolo di bilancio del governo e il disavanzo pubblico L avanzo primario e la riduzione del debito pubblico Le determinanti

Dettagli

Banca centrale europea. a cura di G.Garofalo

Banca centrale europea. a cura di G.Garofalo Banca centrale europea a cura di G.Garofalo Tanti acronimi, un unica Banca BCE [Francia, Spagna, Irlanda, Italia, Portogallo, Malta] ECB [Inghilterra, Danimarca, Olanda, Svezia, Slovenia, Slovacchia] EZB

Dettagli

ANAMNESI DELL EURO E POSSIBILI CURE MARCELLO MINENNA* *

ANAMNESI DELL EURO E POSSIBILI CURE MARCELLO MINENNA* * ANAMNESI DELL EURO E POSSIBILI CURE MARCELLO MINENNA* * SOMMARIO: 1. Una valuta, un tasso di interesse. - 1.1. La Germanizzazione dei tassi di interesse dell Eurozona. - 1.2. L europeizzazione dei debiti

Dettagli

CORSO DI MACROECONOMIA

CORSO DI MACROECONOMIA CORSO DI MACROECONOMIA Prof. Giuseppe Travaglini Dott.ssa Elisa Lenti Anno accademico 2014-20152015 TEMI DI RIFLESSIONE MACROECONOMICA L Offerta: Il Pil, la Spesa Aggregata, la struttura produttiva delle

Dettagli

CREDITO ALLE FAMIGLIE E TRASFORMAZIONE DELL ECONOMIA ITALIANA: VERSO UNO STANDARD EUROPEO?

CREDITO ALLE FAMIGLIE E TRASFORMAZIONE DELL ECONOMIA ITALIANA: VERSO UNO STANDARD EUROPEO? CREDITO ALLE FAMIGLIE E TRASFORMAZIONE DELL ECONOMIA ITALIANA: VERSO UNO STANDARD EUROPEO? Fabio Panetta Servizio Studi - Banca d Italia Intervento al convegno: CONSUMER CREDIT 2005 Credito per la Crescita:

Dettagli

Lo stato della finanza pubblica in Italia

Lo stato della finanza pubblica in Italia di Angelo Giubileo. Lo stato della finanza pubblica in Italia Crisi produttiva e aumento del debito pubblico In ambito europeo, la situazione di crisi internazionale ha avuto forti ripercussioni sul rapporto

Dettagli

Elaborazione flash. Ufficio Studi Confartigianato Vicenza 06/05/2015

Elaborazione flash. Ufficio Studi Confartigianato Vicenza 06/05/2015 Elaborazione flash Ufficio Studi Confartigianato Vicenza 06/05/2015 Le esportazioni di Vicenza e la dinamica del cambio nei mercati del made in Vicenza Tra i primi 20 mercati di destinazione dei prodotti

Dettagli

altre economie avanzate: composizione geografica e settoriale del debito sovrano a confronto

altre economie avanzate: composizione geografica e settoriale del debito sovrano a confronto altre economie avanzate: composizione geografica e settoriale del debito sovrano a confronto In corrispondenza della crisi finanziaria, confluita nella tumultuosa stagione dei debiti sovrani, la composizione

Dettagli

L indebitamento finanziario complessivo delle famiglie italiane (in percentuale del reddito disponibile)

L indebitamento finanziario complessivo delle famiglie italiane (in percentuale del reddito disponibile) L indebitamento finanziario complessivo delle famiglie italiane (in percentuale del reddito disponibile) 160% 150% 140% 125% 125% 120% 100% 80% 60% 61% 75% 91% 95% 40% 20% 0% Italia Francia Germania Media

Dettagli

Politica economica in economia aperta

Politica economica in economia aperta Politica economica in economia aperta Economia aperta L economia di ciascun paese ha relazioni con il Resto del Mondo (RdM) il modello economico di riferimento per la politica economica deve rappresentare

Dettagli

Crisi economica in Europa

Crisi economica in Europa Crisi economica in Europa Alla ricerca di un approccio sovranazionale Bologna, 30 novembre 2015 L Unione economica e monetaria: un disegno incompiuto Il ruolo (e i poteri) della Banca Centrale Europea

Dettagli

Scenario economico e politiche

Scenario economico e politiche Scenario economico e politiche Fedele De Novellis Bergamo, 14 giugno 2013 www.refricerche.it Schema generale Rallentamento economia globale nel 2012 (crisi della periferia europea) Reazione politiche monetarie

Dettagli

La crisi dei debiti sovrani in Europa

La crisi dei debiti sovrani in Europa La crisi dei debiti sovrani in Europa Prof. Carluccio Bianchi Università di Pavia Una crisi che viene da lontano La crisi attuale è la conseguenza diretta dei provvedimenti di politica economica presi

Dettagli

L'INFLAZIONE IL CREDITO. Indicatore ciclico coincidente (Ita-coin) e PIL dell Italia (1) (variazioni percentuali)

L'INFLAZIONE IL CREDITO. Indicatore ciclico coincidente (Ita-coin) e PIL dell Italia (1) (variazioni percentuali) NUMERO 98 GIUGNO 21 ATTIVITA' ECONOMICA E OCCUPAZIONE GLI SCAMBI CON L'ESTERO E LA COMPETITIVITA' L'INFLAZIONE IL CREDITO LA FINANZA PUBBLICA LE PREVISIONI MACROECONOMICHE 1 7 8 11 12 Dipartimento di economia

Dettagli

25 marzo 2014. Area euro: correlazione tra crescita dei depositi delle famiglie e PIL. Depositi

25 marzo 2014. Area euro: correlazione tra crescita dei depositi delle famiglie e PIL. Depositi Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 19/ del 9/4/ Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della banca. Var.

Dettagli

Sistemi di pagamento per consumatori consapevoli

Sistemi di pagamento per consumatori consapevoli Sistemi di pagamento per consumatori consapevoli Domenico Gammaldi Servizio Supervisione sui mercati e sul sistema dei pagamenti Roma, 24 ottobre 2012 1 Pagamenti senza contante in Europa (numero pagamenti

Dettagli

La crisi dei mercati e l impatto sull economia reale: evoluzione e prospettive

La crisi dei mercati e l impatto sull economia reale: evoluzione e prospettive La crisi dei mercati e l impatto sull economia reale: evoluzione e prospettive MUTUI SUBPRIME Casus belli LA LEVA/LEVERAGE utilizzata dalle banche RISCHIO POTENZIALE > PATRIMONI DISPONIBILI (fonte R&S

Dettagli

La crisi europea come crisi di bilancia dei pagamenti: il ruolo di TARGET2

La crisi europea come crisi di bilancia dei pagamenti: il ruolo di TARGET2 Seminario: Come riequilibrare l eurozona: Target2 e l opportunità della compensazione Università Bocconi La crisi europea come crisi di bilancia dei pagamenti: il ruolo di TARGET2 Andrea Papetti Stockholm

Dettagli

Giovanni Verga: La politica della BCE e la «frammentazione» nell Eurozona

Giovanni Verga: La politica della BCE e la «frammentazione» nell Eurozona Giovanni Verga: La politica della BCE e la «frammentazione» nell Eurozona Le tre crisi del mercato monetario creditizio Euro interbank risk USA interbank Rirk Sovereign rates: PIIGS-Germ. TARGET2: saldi

Dettagli

NUMERO 97 MAGGIO 2015

NUMERO 97 MAGGIO 2015 NUMERO 97 MAGGIO 21 ATTIVITA' ECONOMICA E OCCUPAZIONE GLI SCAMBI CON L'ESTERO E LA COMPETITIVITA' L'INFLAZIONE IL CREDITO LA FINANZA PUBBLICA LE PREVISIONI MACROECONOMICHE 1 7 8 11 12 Indicatore ciclico

Dettagli

L Europa e l euro. Francesco Daveri

L Europa e l euro. Francesco Daveri L Europa e l euro Francesco Daveri 1 Concetti di base: tasso di cambio nominale Il tasso di cambio nominale è il tasso al quale si può scambiare la valuta di un paese con quella di un altro paese che abbia

Dettagli

L'economia italiana in breve

L'economia italiana in breve L'economia italiana in breve N. 9 - Marzo PIL, domanda nazionale, commercio con l'estero Quantità a prezzi concatenati; variazioni percentuali sul periodo precedente in ragione d'anno; dati trimestrali

Dettagli

I DATI SIGNIFICATIVI IL CONTO TECNICO

I DATI SIGNIFICATIVI IL CONTO TECNICO L ASSICURAZIONE ITALIANA Continua a crescere ad un tasso elevato la raccolta premi complessiva, in particolare nelle assicurazioni vita. L esercizio si chiude in utile soprattutto grazie alla gestione

Dettagli

Fondi strutturali: leva per uscire dalla crisi

Fondi strutturali: leva per uscire dalla crisi Fondi strutturali: leva per uscire dalla crisi 26 giugno 2014 Alessandro Laterza Vice Presidente per il Mezzogiorno e le Politiche regionali Con la crisi, in calo gli investimenti pubblici in Europa 4,5

Dettagli

MUTUI CASA: SEPPUR IN CALO, I NOSTRI TASSI DI INTERESSE RIMANGONO PIU ALTI DELLA MEDIA UE

MUTUI CASA: SEPPUR IN CALO, I NOSTRI TASSI DI INTERESSE RIMANGONO PIU ALTI DELLA MEDIA UE MUTUI CASA: SEPPUR IN CALO, I NOSTRI TASSI DI INTERESSE RIMANGONO PIU ALTI DELLA MEDIA UE Nel primo trimestre del 2015 il mercato della compravendita degli immobili residenziali non dà segni di ripresa.

Dettagli

Racconto di Due Città Giugno 2012

Racconto di Due Città Giugno 2012 Racconto di Due Città Giugno 2012 Oggi l attenzione degli investitori è concentrata sulla Grecia e sulla crisi dell'euro, con l'idea che occorre star fuori da questi pericoli e nascondersi in altre aree

Dettagli

L'economia italiana in breve

L'economia italiana in breve L'economia italiana in breve N. 8 - Marzo PIL, domanda nazionale, commercio con l'estero Quantità a prezzi concatenati; variazioni percentuali sul periodo precedente in ragione d'anno; dati trimestrali

Dettagli

RAPPORTO MENSILE ABI Marzo 2014 (principali evidenze)

RAPPORTO MENSILE ABI Marzo 2014 (principali evidenze) RAPPORTO MENSILE ABI Marzo 2014 (principali evidenze) 1. A febbraio 2014 l'ammontare dei prestiti alla clientela erogati dalle banche operanti in Italia, 1.855 miliardi di euro (cfr. Tabella 1) è nettamente

Dettagli

pag. 1 Antonio Cesarano Responsabile Ufficio Market Strategy Milano 23 ottobre 2014

pag. 1 Antonio Cesarano Responsabile Ufficio Market Strategy Milano 23 ottobre 2014 pag. 1 Antonio Cesarano Responsabile Ufficio Market Strategy Milano 23 ottobre 2014 Quadro macro globale 60 ISM manif atturiero Usa PMI manif atturiero Germania PMI manif atturiero Cina 55 50 45 Fonte:

Dettagli

DEBITI SOVRANI E POLITICA EUROPEA

DEBITI SOVRANI E POLITICA EUROPEA DEBITI SOVRANI E POLITICA EUROPEA RELAZIONE DI MARCELLO MINENNA NELL AMBITO DEL CICLO DI INCONTRI: DOPO LA GRANDE CRISI, PER UNA NUOVA ECONOMIA ORGANIZZATI DALL ASSOCIAZIONE SINISTRADEM-CAMPO APERTO 7

Dettagli

Pagamenti virtuosi (non solo virtuali) SPIN 2014

Pagamenti virtuosi (non solo virtuali) SPIN 2014 Pagamenti virtuosi (non solo virtuali) SPIN 2014 Genova, 24 giugno 2014 CANALI DISTRIBUTIVI E DI PAGAMENTO FLAVIO LANZARINI Pagina 2 Dati a giugno 2014 Il contante e gli strumenti elettronici di pagamento

Dettagli

L economia italiana: tra rischi di declino e opportunitàdi crescita

L economia italiana: tra rischi di declino e opportunitàdi crescita L economia italiana: tra rischi di declino e opportunitàdi crescita Facoltàdi Economia, Università degli studi di Trento 19 novembre 2009 Anagni, Istituto Tecnico Commerciale G. Marconi IL MONDO E CAMBIATO

Dettagli

Quarta Conferenza Nazionale sull efficienza energetica L EFFICIENZA ENERGETICA: POTENZIALE RICCHEZZA PER L ITALIA

Quarta Conferenza Nazionale sull efficienza energetica L EFFICIENZA ENERGETICA: POTENZIALE RICCHEZZA PER L ITALIA Quarta Conferenza Nazionale sull efficienza energetica CARTE COORDINAMENTO ASSOCIAZIONI RINNOVABILI TERMICHE ED EFFICIENZA L EFFICIENZA ENERGETICA: POTENZIALE RICCHEZZA PER L ITALIA Raffaele Scialdoni

Dettagli

Il Mercato del reddito fisso

Il Mercato del reddito fisso S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Il Mercato del reddito fisso Angelo Drusiani Banca Albertini Syz & C. SpA Sala Convegni Corso Europa, 11 Milano S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO

Dettagli

Bilancia dei pagamenti e tasso di cambio

Bilancia dei pagamenti e tasso di cambio Bilancia dei pagamenti e tasso di cambio La definizione e le componenti della bilancia dei pagamenti Il tasso di cambio e la sua determinazione sul mercato delle valute. Un confronto tra regime di cambi

Dettagli

L'economia italiana in breve

L'economia italiana in breve L'economia italiana in breve N. 7 - Febbraio PIL, domanda nazionale, commercio con l'estero Quantità a prezzi concatenati; variazioni percentuali sul periodo precedente in ragione d'anno; dati trimestrali

Dettagli

RAPPORTO MENSILE ABI Luglio 2013 (principali evidenze)

RAPPORTO MENSILE ABI Luglio 2013 (principali evidenze) RAPPORTO MENSILE ABI Luglio 2013 (principali evidenze) 1. A giugno 2013 l'ammontare dei prestiti alla clientela erogati dalle banche operanti in Italia, 1.893 miliardi di euro (cfr. Tabella 1) è sempre

Dettagli

TRA ASPETTATIVE DI RECUPERO ED INCERTEZZE

TRA ASPETTATIVE DI RECUPERO ED INCERTEZZE TRA ASPETTATIVE DI RECUPERO ED INCERTEZZE (febbraio 2015) Il ciclo internazionale, l area euro ed i riflessi sul mercato interno Il ciclo economico internazionale presenta segnali favorevoli che si accompagnano

Dettagli

PREZZI E FISCALITA' DI BENZINA E GASOLIO AUTO IN EUROPA elaborazioni su dati Commissione UE rilevati in data 4 NOVEMBRE 2013

PREZZI E FISCALITA' DI BENZINA E GASOLIO AUTO IN EUROPA elaborazioni su dati Commissione UE rilevati in data 4 NOVEMBRE 2013 PREZZI E FISCALITA' DI BENZINA E GASOLIO AUTO IN EUROPA elaborazioni su dati Commissione UE rilevati in data 4 NOVEMBRE 2013 PREZZO DEL PETROLIO (da Gennaio 2010 ) RAPPORTO DI CAMBIO /$ (da Gennaio 2010

Dettagli

Corso di Macroeconomia. La contabilità nazionale

Corso di Macroeconomia. La contabilità nazionale Corso di Macroeconomia La contabilità nazionale 1 La produzione TremetodidicalcolodelPIL 1. Il metodo della spesa 1. Il consumo, la spesa per beni di consumo effettuata dalle famiglie, sia per beni non

Dettagli

CHALLENGE EURO BOND FUND TABELLA DEGLI INVESTIMENTI AL 30 GIUGNO 2009

CHALLENGE EURO BOND FUND TABELLA DEGLI INVESTIMENTI AL 30 GIUGNO 2009 CHALLENGE EURO BOND FUND TABELLA DEGLI INVESTIMENTI AL 30 GIUGNO 2009 (valori espressi in EURO) Quantità/ Costo di % attivo 1) INVESTIMENTI A) VALORI MOBILIARI TRASFERIBILI QUOTATI SU UN MERCATO REGOLAMENTATO

Dettagli

Crescita, competitività e occupazione: priorità per il semestre europeo 2013 Presentazione di J.M. Barroso,

Crescita, competitività e occupazione: priorità per il semestre europeo 2013 Presentazione di J.M. Barroso, Crescita, competitività e occupazione: priorità per il semestre europeo 213 Presentazione di J.M. Barroso, Presidente della Commissione europea, al Consiglio europeo del 14-1 marzo 213 La ripresa economica

Dettagli

Le famiglie e il risparmio gestito

Le famiglie e il risparmio gestito V 1 La ricchezza delle famiglie nei principali paesi avanzati Alla fine del 211 la ricchezza netta delle famiglie, ossia la somma delle attività reali e finanziarie al netto delle passività finanziarie,

Dettagli

ALETTI GESTIELLE SGR: View e strategie. Valentino Bidone Senior Portfolio Manager Comparto Absolute Return Funds

ALETTI GESTIELLE SGR: View e strategie. Valentino Bidone Senior Portfolio Manager Comparto Absolute Return Funds ALETTI GESTIELLE SGR: View e strategie Valentino Bidone Senior Portfolio Manager Comparto Absolute Return Funds 1 Sintesi Gli attuali squilibri Le prospettive Le strategie nelle varie asset class 2 Gli

Dettagli

La bilancia dei pagamenti

La bilancia dei pagamenti La bilancia dei pagamenti Significato della bilancia dei pagamenti: registrazione dei flussi di moneta tra i residenti di un paese e il resto del mondo le entrate di moneta dall estero sono crediti le

Dettagli

ERF. European Redemption Fund. 22 Nov 2014 London School of Economics Ing. Luca Boscolo noeuro.org

ERF. European Redemption Fund. 22 Nov 2014 London School of Economics Ing. Luca Boscolo noeuro.org ERF European Redemption Fund 22 Nov 2014 London School of Economics Ing. Luca Boscolo noeuro.org Page 2 of 15 Page 3 of 15 Introduzione Oggi vi presento un paper che ho appena finito di scrivere dal titolo

Dettagli

LA POLITICA MONETARIA dell EUROSISTEMA parte 3. Mario Tirelli

LA POLITICA MONETARIA dell EUROSISTEMA parte 3. Mario Tirelli LA POLITICA MONETARIA dell EUROSISTEMA parte 3 Mario Tirelli Situazione congiunturale Le due fasi cicliche europee In Europa 2 fasi congiunturali: I) 2008 (IV trimestre) 2011 (III trimestre) II) 2011 (IV

Dettagli

Il turismo incoming e outgoing nel 2011: la bilancia turistica

Il turismo incoming e outgoing nel 2011: la bilancia turistica 1 Il turismo incoming e outgoing nel 2011: la bilancia turistica Giovanni Giuseppe Ortolani L ITALIA E IL TURISMO INTERNAZIONALE Venezia, 17 aprile 2012 http://www.bancaditalia.it indagineturismo@bancaditalia.it

Dettagli

L'economia italiana in breve

L'economia italiana in breve L'economia italiana in breve N. 9 - Settembre 9 PIL, domanda nazionale, commercio con l'estero Quantità a prezzi concatenati; variazioni percentuali sul periodo precedente in ragione d'anno; dati trimestrali

Dettagli

L Europae la Crisidel DebitoPubblico Cosa funzionerà e cosa non funzionerà. Juergen von Hagen Festival dell Economia di Trento 3 giugno 2011

L Europae la Crisidel DebitoPubblico Cosa funzionerà e cosa non funzionerà. Juergen von Hagen Festival dell Economia di Trento 3 giugno 2011 L Europae la Crisidel DebitoPubblico Cosa funzionerà e cosa non funzionerà Juergen von Hagen Festival dell Economia di Trento 3 giugno 2011 QuadroGenerale: Le PoliticheFiscali nell Eurozona Principi di

Dettagli

IL PROCESSO DI NAZIONALIZZAZIONE DEL DEBITO PUBBLICO ITALIANO

IL PROCESSO DI NAZIONALIZZAZIONE DEL DEBITO PUBBLICO ITALIANO IL PROCESSO DI NAZIONALIZZAZIONE DEL DEBITO PUBBLICO ITALIANO Il supporto BCE alle banche, la disintermediazione dell economia reale e la possibile fine dell euro a cura di Frank Menichelli* 1. Chi detiene

Dettagli

Il processo di costruzione delle infrastrutture dei pagamenti in EuroMed

Il processo di costruzione delle infrastrutture dei pagamenti in EuroMed SPIN - Roma, 13 giugno 2005 Il processo di costruzione delle infrastrutture dei pagamenti in EuroMed Renzo Vanetti, Amministratore Delegato 2 Lisbona/Barcellona: lo stesso concetto di cooperazione Lisbona

Dettagli

LO SQUILIBRIO STRUTTURALE DELLA BILANCIA DEI PAGAMENTI E LE SUE CONSEGUENZE

LO SQUILIBRIO STRUTTURALE DELLA BILANCIA DEI PAGAMENTI E LE SUE CONSEGUENZE gennaio-03 maggio-03 settembre-03 gennaio-04 maggio-04 settembre-04 gennaio-05 maggio-05 settembre-05 gennaio-06 maggio-06 settembre-06 gennaio-07 maggio-07 settembre-07 gennaio-08 maggio-08 settembre-08

Dettagli

3. L industria alimentare italiana a confronto con l Ue

3. L industria alimentare italiana a confronto con l Ue Rapporto annuale 2012 3. L industria alimentare italiana a confronto con l Ue IN SINTESI Nel 2011, la contrazione della domanda interna nonostante la tenuta di quella estera ha determinato un calo dell

Dettagli

SCHEDA DATI STATISTICO-ECONOMICI NOVEMBRE 2013. La crisi economica colpisce soprattutto i lavoratori.

SCHEDA DATI STATISTICO-ECONOMICI NOVEMBRE 2013. La crisi economica colpisce soprattutto i lavoratori. SCHEDA DATI STATISTICO-ECONOMICI NOVEMBRE 2013 1 La crisi economica colpisce soprattutto i lavoratori. A luglio 2013 gli occupati sono il 55,9% ossia 22 milioni 509 mila, mentre i disoccupati sono 3 milioni

Dettagli

L Italia nello scenario internazionale: ripartire da Golfo Persico e Mediterraneo? Giovanni Ajassa Responsabile Servizio Studi

L Italia nello scenario internazionale: ripartire da Golfo Persico e Mediterraneo? Giovanni Ajassa Responsabile Servizio Studi L Italia nello scenario internazionale: ripartire da Golfo Persico e Mediterraneo? Giovanni Ajassa Responsabile Servizio Studi Napoli, 4 dicembre 28 Crisi finanziaria e recessione globale La situazione

Dettagli

Gli effetti dell aumento della curva dei tassi nel mercato del fixed income

Gli effetti dell aumento della curva dei tassi nel mercato del fixed income S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO La congiuntura economica Gli effetti dell aumento della curva dei tassi nel mercato del fixed income Angelo Drusiani Banca Albertini Syz & C. SpA - Milano

Dettagli

L Indice Genworth Misurare la Vulnerabilità Finanziaria dei Consumatori

L Indice Genworth Misurare la Vulnerabilità Finanziaria dei Consumatori L Indice Genworth Misurare la Vulnerabilità Finanziaria dei Consumatori Valeria Picconi Genworth Financial Direttore Generale per l Italia Milano, 8 Ottobre 2014 1 Genworth Financial Compagnia assicurativa

Dettagli

Crisi in Europa, peculiarità e scenari

Crisi in Europa, peculiarità e scenari Crisi in Europa, peculiarità e scenari Appunti della lezione tenuta presso l'università di Trieste - Scienze Internazionali e Diplomatiche di Gorizia - insegnamento di Geografia Economica Gorizia, aprile

Dettagli

Le famiglie e il risparmio gestito

Le famiglie e il risparmio gestito V 1 La ricchezza delle famiglie nei principali paesi avanzati Nel 212 la ricchezza netta delle famiglie, pari alla somma delle attività reali e finanziarie al netto delle passività finanziarie, si è attestata

Dettagli

PRESSIONE FISCALE ED ECONOMIA SOMMERSA

PRESSIONE FISCALE ED ECONOMIA SOMMERSA PRESSIONE FISCALE ED ECONOMIA SOMMERSA di Tommaso Di Nardo Sommario: 1. La pressione fiscale in Italia dal 1980 al 2014. 2. Pressione tributaria diretta e indiretta. 3. La pressione fiscale in Europa.

Dettagli

Retribuzioni, produttività e distribuzione del reddito un confronto internazionale

Retribuzioni, produttività e distribuzione del reddito un confronto internazionale Retribuzioni, produttività e distribuzione del reddito un confronto internazionale di Giuseppe D Aloia 1 L inflazione Negli anni scorsi tutto il dibattito sul potere d acquisto delle retribuzioni si è

Dettagli

Relazione Annuale - Appendice. Roma, 26 maggio 2015. anno 2014 centoventunesimo esercizio. esercizio CXXI

Relazione Annuale - Appendice. Roma, 26 maggio 2015. anno 2014 centoventunesimo esercizio. esercizio CXXI Relazione Annuale - Roma, 26 maggio 2015 anno 2014 centoventunesimo esercizio esercizio CXXI Relazione Annuale - Presentata all Assemblea Ordinaria dei Partecipanti anno 2014 - centoventunesimo esercizio

Dettagli

RAPPORTO MENSILE ABI Dicembre 2013 (principali evidenze)

RAPPORTO MENSILE ABI Dicembre 2013 (principali evidenze) RAPPORTO MENSILE ABI Dicembre 2013 (principali evidenze) PRINCIPALI GRANDEZZE BANCARIE: CONFRONTO 2013 VS 2007 2007 2013 Prestiti all'economia (mld di euro) 1.673 1.851 Raccolta da clientela (mld di euro)

Dettagli

Mutui e credito al consumo: l offerta degli intermediari finanziari e la domanda di credito delle famiglie

Mutui e credito al consumo: l offerta degli intermediari finanziari e la domanda di credito delle famiglie Mutui e credito al consumo: l offerta degli intermediari finanziari e la domanda di credito delle famiglie Roma, 29 ottobre 27 Carlo Milani Centro Studi e Ricerche Ordine della presentazione 1. Prime evidenze

Dettagli

Tassi di crescita reale, su base congiunturale e tendenziale, del PIL e delle sue voci nel secondo trimestre 2015 (variazioni percentuali) 0,3

Tassi di crescita reale, su base congiunturale e tendenziale, del PIL e delle sue voci nel secondo trimestre 2015 (variazioni percentuali) 0,3 IL QUADRO AGGREGATO Come già avvenuto nel primo trimestre dell anno, anche nel secondo il prodotto interno lordo ha conosciuto una accelerazione sia congiunturale che tendenziale. Tra aprile e giugno dell

Dettagli

SUPERARE LA CRISI DELL EUROZONA CON UN ATTIVA POLITICA

SUPERARE LA CRISI DELL EUROZONA CON UN ATTIVA POLITICA SUPERARE LA CRISI DELL EUROZONA CON UN ATTIVA POLITICA MONETARIA MARCELLO MINENNA 1. L AREA VALUTARIA UNICA E LA SUA STRUTTURA DEI TASSI DI INTERESSE Un area valutaria richiede un unica struttura a termine

Dettagli

IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE: CONGIUNTURA E PROBLEMI STRUTTURALI. Una finanza per la crescita Milano 12 giugno 2013

IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE: CONGIUNTURA E PROBLEMI STRUTTURALI. Una finanza per la crescita Milano 12 giugno 2013 IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE: CONGIUNTURA E PROBLEMI STRUTTURALI Giorgio Gobbi Servizio Studi di Struttura Economica e Finanziaria della Banca d Italia Una finanza per la crescita Milano 12 giugno 2013

Dettagli

UNIONE EUROPEA Tredicesimo incremento consecutivo del mercato auto a settembre: +6,1%

UNIONE EUROPEA Tredicesimo incremento consecutivo del mercato auto a settembre: +6,1% UNIONE EUROPEA Tredicesimo incremento consecutivo del mercato auto a settembre: +6,1% Il mercato delle autovetture registra a settembre 2014 un incremento del 6,1%, grazie alla chiusura positiva per tutti

Dettagli

Gli sviluppi della crisi e la posizione internazionale dell Italia

Gli sviluppi della crisi e la posizione internazionale dell Italia Gli sviluppi della crisi e la posizione internazionale dell Italia Prof. Carluccio Bianchi Università di Pavia Lezioni Lincee di Economia Milano -15 febbraio 2012 1/49 I prodromi della crisi attuale: il

Dettagli

Risk Outlook. Divisione Studi Ufficio Studi Economici. Venezia, 20 aprile 2015

Risk Outlook. Divisione Studi Ufficio Studi Economici. Venezia, 20 aprile 2015 Risk Outlook Divisione Studi Ufficio Studi Economici Venezia, 2 aprile 215 Risk Outlook Consob Il Risk Outlook n. 9 è stato curato da: Nadia Linciano (coordinatrice), Valeria Caivano, Eugenia Della Libera,

Dettagli

L'economia italiana in breve

L'economia italiana in breve L'economia italiana in breve N. 31 - Novembre 9 PIL, domanda nazionale, commercio con l'estero Quantità a prezzi concatenati; variazioni percentuali sul periodo precedente in ragione d'anno; dati trimestrali

Dettagli

Prestiti e rimborsi tra la Bce e le banche europee con operazioni Ltro. (mld di euro) Spagna Italia Francia Germania Irlanda Portogallo Belgio Altri

Prestiti e rimborsi tra la Bce e le banche europee con operazioni Ltro. (mld di euro) Spagna Italia Francia Germania Irlanda Portogallo Belgio Altri Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 159/22 del 9/4/22 Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della banca.

Dettagli

Scenari economici europei e italiani: analisi dell impatto sul settore bancario

Scenari economici europei e italiani: analisi dell impatto sul settore bancario Banking Summit 213 «Le banche che si rinnovano, fare banca per la crescita» Scenari economici europei e italiani: analisi dell impatto sul settore bancario Gregorio De Felice Chief Economist Milano, 26

Dettagli

Atlante Statistico dell Energia. RIE per AGI

Atlante Statistico dell Energia. RIE per AGI Atlante Statistico dell Energia RIE per AGI Settembre 215 ENERGIA E AMBIENTE 14 Emissioni totali di CO2 principali nei paesi Europei 12 1 mln tonn. 8 6 4 2 199 1992 1994 1996 1998 2 22 24 26 28 21 212

Dettagli

Rapporto ABI 2013 sul settore bancario in Italia. Roma, 21 maggio 2013. Giovanni Sabatini

Rapporto ABI 2013 sul settore bancario in Italia. Roma, 21 maggio 2013. Giovanni Sabatini Rapporto ABI 2013 sul settore bancario in Italia Roma, 21 maggio 2013 Giovanni Sabatini Lo scenario di riferimento macro La dinamica del mercato del credito Risultati 2012 Primo trimestre 2013 Prospettive

Dettagli

PROPOSTE DI SPENDING REVIEW E SOSTENIBILITÀ DEL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE

PROPOSTE DI SPENDING REVIEW E SOSTENIBILITÀ DEL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE PROPOSTE DI SPENDING REVIEW E SOSTENIBILITÀ DEL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE NOTA A CURA DELLA DIVISIONE SALUTE, ORGANIZZAZIONE PER LA COOPERAZIONE E LO SVILUPPO ECONOMICO (OCSE), A SEGUITO DI RICHIESTA

Dettagli

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO DIPARTIMENTO PER L IMPRESA E L INTERNAZIONALIZZAZIONE

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO DIPARTIMENTO PER L IMPRESA E L INTERNAZIONALIZZAZIONE MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO DIPARTIMENTO PER L IMPRESA E L INTERNAZIONALIZZAZIONE Direzione Generale per il mercato, la concorrenza, i consumatori, la vigilanza e la normativa tecnica Ufficio V

Dettagli

Il contesto della Sanità e il Meridiano Sanità Index

Il contesto della Sanità e il Meridiano Sanità Index Strettamente riservato Roma, 10 novembre 2015 Il contesto della Sanità e il Meridiano Sanità Index Valerio De Molli 2015 The European House - Ambrosetti S.p.A. TUTTI I DIRITT I RISERVAT I. Questo documento

Dettagli

BIELLA Associazione Provinciale. Energia, bolletta molto salata per le piccole imprese

BIELLA Associazione Provinciale. Energia, bolletta molto salata per le piccole imprese BIELLA Associazione Provinciale Via Repubblica 56-13900 Biella Tel: 015 351121- Fax: 015 351426 Internet: www.biella.cna.it email: mailbox@biella.cna.it Certificato n IT07/0030 Energia, bolletta molto

Dettagli

dati e statistiche sulla sicurezza stradale in italia

dati e statistiche sulla sicurezza stradale in italia dati e statistiche sulla sicurezza stradale in italia Le dimensioni quantitative del problema In Italia, nel, gli stradali sono stati 230.871. Questi hanno determinato 5.131 e 325.850, con un costo sociale

Dettagli

Politica economica in economia aperta

Politica economica in economia aperta Politica economica in economia aperta Economia aperta L economia di ciascun paese ha relazioni con il Resto del Mondo La bilancia dei pagamenti (BP) è il documento contabile che registra gli scambi commerciali

Dettagli

5 lezioni per chi investe in fondi obbligazionari

5 lezioni per chi investe in fondi obbligazionari 5 lezioni per chi investe in fondi obbligazionari Dario Portioli Team di ricerca sui fondi Morningstar Milano 20 settembre 2011 Roma 21 settembre 2011 2011 Morningstar Europe, Ltd. All rights reserved.

Dettagli

La congiuntura. internazionale

La congiuntura. internazionale La congiuntura internazionale N. 1 GIUGNO 2015 Il primo trimestre del 2015 ha portato con sé alcuni cambiamenti nelle dinamiche di crescita delle maggiori economie: alla moderata ripresa nell Area euro

Dettagli

Gli scenari economici per il 2015 e l UVET Travel Index BizTravel Forum 2014

Gli scenari economici per il 2015 e l UVET Travel Index BizTravel Forum 2014 Milano, 25 Novembre 2014 Gli scenari economici per il 2015 e l UVET Travel Index BizTravel Forum 2014 Valerio De Molli The European House - Ambrosetti è stata nominata nella categoria Best Private Think

Dettagli