Guida ai Sistemi di Gestione della Salute e della Sicurezza nei Luoghi di Lavoro

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Guida ai Sistemi di Gestione della Salute e della Sicurezza nei Luoghi di Lavoro"

Transcript

1 Alberto Alberto ANDREANI ANDREANI Via Mameli, 72 int. 201/C Via Mameli, 72 int. 201/C PESARO Tel PESARO Tel e.mail e.mail Guida ai Sistemi di Gestione della Salute e della Sicurezza nei Luoghi di Lavoro

2 Definizione dello Zanichelli Gestione: complesso delle operazioni amministrative e produttive necessarie al funzionamento di un azienda e al conseguimento dei risultati economici che le sono propri. 2

3 Introduzione Le Organizzazioni non operano nel vuoto e quindi devono preoccuparsi dei legittimi interessi di: dipendenti consumatori fornitori collettività azionisti committenti assicuratori organi di controllo 3

4 Di fatto non esiste alcuna organizzazione, seppur sgangherata che non si sia data un minimo di organizzazione!!! 4

5 Valore Immateriale Ma nei mercati moderni cresce sempre di più il numero di parti interessate anche : al comportamento sociale e al valore immateriale delle imprese! 5

6 Sviluppo Sostenibile Lo sviluppo sostenibile di un impresa è quindi sempre di più condizionato dal soddisfacimento delle domande del mercato relativamente a: Qualità: ISO 9001 Ambiente: ISO Etica: SA 8000 Sicurezza: OHSAS

7 La Norma OHSAS Costituisce un riferimento per valutare l esistenza di determinati requisiti relativi ad un Sistema di Gestione della Sicurezza. 7

8 Premessa Questa specifica OHSAS e le Linee Guida che l accompagnano (OHSAS 18002) sono state sviluppate per rispondere alla domanda pressante dei clienti che volevano avere uno standard accettato di Sistema di Gestione della Sicurezza e Salute dei Lavoratori (SSL), rispetto al quale valutare e certificare il proprio. 8

9 Premessa La Norma OHSAS 18801è stata sviluppata per essere compatibile con: ISO 9001:1994 (Qualità) ISO 14001:1996 (Ambiente) al fine di facilitare l integrazione dei tre Sistemi da parte delle Organizzazioni che desiderino farlo. 9

10 Premessa La conformità a questa norma: Non conferisce di per sé l immunità da altri obblighi legislativi; Ma può aiutare molto a dimostrare il proprio impegno. 10

11 1. Scopo La norma OHSAS (Occupational Health and Safety Assessment Series) indica quali sono i requisiti di un Sistema di Gestione della Salute e Sicurezza sul Lavoro. Per consentire ad un organizzazione di: Controllare i propri rischi; Migliorare le proprie prestazioni. 11

12 1. Scopo Ma: Non definisce criteri specifici di prestazione per la Salute e Sicurezza sul Lavoro; Né dà specifiche dettagliate per la progettazione di un Sistema di Gestione. 12

13 1. Scopo Questa norma è applicabile ad ogni organizzazione che desideri: 1. Stabilire un Sistema di gestione per: Eliminare o minimizzare i rischi per: I propri addetti e Le altre parti interessate che potrebbero essere esposte ai suoi rischi. 13

14 1. Scopo 2. Implementare, mantenere e migliorare un SGSSL. 3. Dare dimostrazione di questa conformità. 14

15 1. Scopo 4. Ottenere la certificazione e la registrazione del proprio SGSSL da parte di un Organizzazione Esterna. 5. Oppure fare una autocertificazio ne di conformità a questa specifica. 15

16 1. Scopo Tutti i requisiti di questa specifica sono stati concepiti per essere integrati in un SGSSL. Ma ovviamente il grado di applicazione dipenderà: Dalla politica elaborata; Dalla natura e dalla complessità delle attività svolte; Dai rischi che derivano da tali attività. 16

17 1. Scopo Questa specifica riguarda: La Salute e la Sicurezza sui Luoghi di Lavoro; E non si riferisce alla sicurezza di prodotti e servizi. 17

18 2. Pubblicazioni di riferimento E consigliata la consultazione di: OHSAS 18002:1999, Linee guida per l implementazione di OHSAS 18001; BS 8800:1996, Guida ai sistemi digestione della salute e sicurezza sul lavoro. 18

19 3. Termini e definizioni 3.1 Infortunio: evento non pianificato che da luogo a Morte, Malattia, Lesione, Danno o Altra perdita. 3.2 audit: esame sistematico e, quando possibile, indipendente per determinare se le attività ed i relativi risultati sono conformi alle misure pianificate, se queste misure sono attuate con efficacia e se sono adatte a perseguire la politica e gli obiettivi dell organizzazione (vedi punto 3.9). 19

20 3. Termini e 3.3 continuità del miglioramento: processo di miglioramento del SGSSL per ottenere miglioramenti nella prestazione complessiva di salute e sicurezza sul lavoro, in linea con la politica definizioni della organizzazione. Nota: non è necessario che il processo abbia luogo simultaneamente in tutte le aree di attività. 3.4 pericolo: una fonte o una situazione con un potenziale di rischio in termini di lesioni o malattie (vedi 3.8), di danni a proprietà e all ambiente, o una loro combinazione. 20

21 3. Termini e definizioni 3.5 individuazione del pericolo: il processo di riconoscimento che un pericolo esiste (vedi 3.4) ed il processo di definizione delle sue caratteristiche. 3.6 incidente: evento non pianificato che ha la potenzialità di condurre ad un infortunio. 21

22 3. Termini e 3.7 parti interessate: individui o gruppi Interessati o Influenzati definizioni dalla prestazione di salute e sicurezza sul lavoro della organizzazione. 3.8 non conformità: ogni deviazione da Standard di lavoro; Pratiche; Procedure; Regolamenti; Prestazioni del sistema di gestione; Ecc., Che potrebbero, direttamente o indirettamente portare a: Malattie, Lesioni, Danni alla proprietà, Danni all ambiente di lavoro o Ad una loro combinazione. 22

23 3. Termini e definizioni 3.9 obiettivi: risultati, in termini di prestazioni della salute e sicurezza sul lavoro, che un organizzazione stabilisce di raggiungere. Nota: se possibile, gli obiettivi dovrebbero essere quantificati salute e sicurezza sul lavoro: condizioni e fattori che influenzano il benessere: Degli addetti Dei lavoratori temporanei Del personale dei fornitori Dei visitatori e Di ogni altra persona che si trovi nel luogo di lavoro. 23

24 3. Termini e definizioni 3.11 sistema di gestione della salute e sicurezza sul lavoro: parte del sistema complessivo di gestione che facilita la gestione dei rischi per la salute e sicurezza sul lavoro associati al business dell organizzazione. Include la struttura organizzativa, le attività di pianificazione, le responsabilità, le pratiche, le procedure, i processi e le risorse necessarie per sviluppare, implementare, raggiungere, riesaminare e mantenere la politica dell organizzazione in materia di salute e sicurezza sul lavoro. 24

25 3. Termini e definizioni 3.12 organizzazione: società, attività, ditta, impresa, istituzione o associazione, o loro parti, sia da sola che associata, pubblica o privata, con proprie funzioni e amministrazioni. Nota: per le organizzazioni con più di un unità operativa, ogni singola unità operativa può essere definita un organizzazione prestazione: i risultati misurabili del sistema di gestione della salute e sicurezza sul lavoro, relativi al controllo dell organizzazione sui rischi per la salute e sicurezza sul lavoro, basati sulla sua politica e sui suoi obiettivi di SSL. Nota: la misurazione della prestazione include la misurazione delle attività di gestione della SSL e dei risultati ottenuti. 25

26 3. Termini e definizioni 3.14 rischio: la combinazione della probabilità e della conseguenza del verificarsi di uno specifico evento pericoloso valutazione del rischio: il processo complessivo di stima dell entità del rischio e di decisione se un rischio sia o meno tollerabile o accettabile. 26

27 3. Termini e definizioni 3.16 sicurezza: la libertà da un rischio di danno inaccettabile rischio tollerabile: il rischio ridotto ad un livello che può essere sopportato dalla organizzazione, tenuto conto dei suoi obblighi legislativi e della sua politica di SSL. 27

28 4.Elementi del sistema di gestione della SSL 28

29 4.Elementi del sistema di gestione della SSL 4.1 Requisiti generali: l organizzazione deve Stabilire e Mantenere Un sistema di gestione della SSL i cui requisiti sono definiti nel punto 4. 29

30 4.2 Politica di SSL 30

31 4.2 Politica di SSL Dovrà esserci una politica di salute e sicurezza sul lavoro autorizzata dall alta direzione che dichiari: Gli obiettivi di salute e sicurezza e L impegno per migliorare le prestazioni in materia di SSL. 31

32 4.2 Politica di SSL La politica dovrà: 1. Essere adeguata alla i. natura e alla ii. dimensione dei rischi dell organizzazione; 2. Includere un impegno per la continuità del miglioramento; 3. Includere almeno l impegno di conformarsi alla i. legislazione antinfortunistica vigente e agli ii. altri requisiti sottoscritti dall organizzazione 4. Essere i. documentata ii. attuata e iii. mantenuta 5. Essere comunicata a tutti gli addetti per renderli consapevoli delle loro singole obbligazioni in materia di SSL 6. Essere disponibile per tutte le parti interessate ed 7. Essere riesaminata periodicamente per assicurare che resti i. pertinente ed ii. adeguata all organizzazione. 32

33 4.3 Pianificazione 33

34 4.3 Pianificazione La pianificazione per l identificazione, la valutazione ed il controllo dei rischi. L organizzazione dovrà stabilire e mantenere attive delle procedure per: Identificare e valutare i rischi; Implementare le necessarie misure di controllo. 34

35 4.3 Pianificazione Tali procedure dovranno includere: le attività di routine; le attività straordinarie; Le attività di tutto il personale, inclusi Fornitori e Visitatori; Le strutture dei luoghi di lavoro, siano esse fornite: Dalla stessa organizzazione o Da altri. 35

36 4.3 Pianificazione L organizzazione, quando definisce i suoi obiettivi di SSL, deve assicurare che siano: Considerati, Documentati e Aggiornati, sia I risultati della valutazione effettuata che Gli effetti dei controlli eseguiti. 36

37 4.3 Pianificazione La metodologia per: Identificare i pericoli e Valutare i rischi, dovrà Essere definita rispetto al suo scopo, alla sua natura e ai suoi tempi, per assicurare che sia proattiva e non reattiva; Essere idonea a classificare i rischi e ad identificare quelli che devono essere Eliminati o Controllati con le misure previste ai punti e 4.3.4; Essere coerente con l esperienza operativa e con le capacità delle misure utilizzate per tenere sotto controllo i rischi; Fornire imput per La determinazione dei requisiti delle strutture e delle attrezzature, L identificazione dei bisogni di addestramento e/o Lo sviluppo dei controlli operativi. Provvedere al monitoraggio delle azioni necessarie per garantire sia 37 l efficacia che la tempestività della loro adozione.

38 4.3 Pianificazione Requisiti legali ed altri requisiti L organizzazione dovrà stabilire e mantenere procedure per: Identificare e Conformarsi ai requisiti legislativi e Agli altri requisiti di SSL applicabili. L organizzazione dovrà tenere aggiornate queste informazioni. L organizzazione dovrà comunicare queste informazioni: Ai suoi addetti Alle altre parti interessate. 38

39 4.3 Pianificazione Obiettivi di SSL L organizzazione dovrà stabilire e mantenere obiettivi relativi alla SSL, per Ogni funzione e ad Ogni livello nell organizzazione. 39

40 4.3 Pianificazione L organizzazione, nello stabilire e riesaminare i suoi obiettivi, dovrà considerare: I requisiti legislativi Gli altri requisiti di SSL applicabili I suoi rischi Le sue opzioni tecnologiche I suoi requisiti Finanziari Operativi e di business I pareri delle parti interessate. Gli obiettivi dovranno essere coerenti con la politica di SSL, incluso l impegno per il miglioramento continuo. 40

41 4.3 Pianificazione Programma(i) di gestione della salute e sicurezza sul lavoro L organizzazione dovrà stabilire e mantenere un programma (dei programmi) di SSL per raggiungere i suoi obiettivi. Questo programma dovrà includere la documentazione: a) Delle responsabilità e delle autorità definite per il raggiungimento degli obiettivi nelle relative funzioni e ai relativi livelli dell organizzazione; b) I mezzi con cui ed i tempi entro i quali gli obiettivi devono essere raggiunti. Il programma/i di SSL dovrà essere rivisto ad intervalli pianificati e regolari e se necessario, dovrà essere modificato per tenere conto dei cambiamenti Nelle attività Nei prodotti Nei servizi o Nelle condizioni operative dell organizzazione. 41

42 4.4 Implementazione ed attività 42

43 4.4 Implementazione ed attività Struttura e responsabilità Al fine di facilitare la gestione della SSL, l organizzazione deve definire, documentare e comunicare: I ruoli, Le responsabilità e Le autorità del personale che Gestisce, Esegue e Verifica attività che influenzano i rischi di SSL Delle attività, Delle strutture e Dei processi dell organizzazione stessa. 43

44 4.4 Implementazione ed attività La responsabilità ultima per la SSL, resta dell Alta Direzione. L organizzazione dovrà designare un membro dell Alta Direzione (ad esempio un componente del Consiglio di Amministrazione o del Comitato Esecutivo) con la specifica responsabilità di assicurare che il sistema di SSL sia propriamente implementato, conformemente ai requisiti: In tutte le sedi e In tutte le sfere di attività dell organizzazione. 44

45 4.4 Implementazione ed attività La direzione dovrà mettere a disposizione le risorse esenziali per le attività di Implementazione, Controllo e Miglioramento del sistema. Nota: le risorse includono risorse umane, capacità specialistiche, risorse finanziarie e tecnologiche. 45

46 4.4 Implementazione ed attività La persona designata dalla direzione, dovrà avere ruoli, responsabilità ed autorità definite per a) Assicurare che siano stabiliti, implementati e mantenuti i requisiti del sistema in conformità a questa specifica. b) Assicurare che i rapporti sulle prestazioni del sistema siano presentati all Alta Direzione per il riesame, come base per il miglioramento del SSL. Tutti quelli che hanno responsabilità di gestione dovranno dimostrare il loro impegno per la continuità del miglioramento delle prestazioni del SSL. 46

47 4.4 Implementazione ed attività Addestramento, consapevolezza e competenza Il personale dovrà essere competente per svolgere i compiti che possono avere un impatto sulla SSL nel luogo di lavoro. Tale competenza dovrà essere definita in termini di adeguata: Istruzione, Formazione e/o Esperienza. 47

48 4.4 Implementazione ed attività L organizzazione dovrà definire e mantenere procedure per assicurare che il personale che lavora ad ogni funzione e livello sia consapevole: Dell importanza della conformità: Alla politica, Alle procedure e Ai requisiti del sistema di gestione di SSL; Delle conseguenze: Effettive o Potenziali per la SSL delle loro attività. Dei benefici che derivano per la SSL: Dal miglioramento delle prestazioni personali; Dei propri ruoli e responsabilità nel perseguire la conformità: Alla politica, Alle procedure e ai Requisiti del sistema di gestione di SSL, inclusi quelli: di prontezza e risposta, in caso di emergenza (vedere 4.4.7). Delle conseguenze potenziali dello scostamento dalle specifiche procedure operative. 48

49 4.4 Implementazione ed attività Le procedure di addestramento dovranno tenere conto dei differenti livelli di: Responsabilità, Abilità, Grado di istruzione e di Rischio. 49

50 4.4 Implementazione ed attività Consultazione e comunicazione L organizzazione dovrà avere procedure per assicurare che le informazioni relative alla SSL siano comunicate: Al personale Dal personale e Alle altre parti interessate e Dalle altre parti interessate. 50

51 4.4 Implementazione ed attività Il coinvolgimento del personale e le disposizioni relative alle consultazioni: dovranno essere documentate; Le parti interessate dovranno essere informate. 51

52 4.4 Implementazione ed attività Il personale dovrà essere: Coinvolto: nello sviluppo e nel riesame delle politiche e delle procedure per gestire i rischi; Consultato quando ci siano cambiamenti che influenzano la SSL; Rappresentato sulle questioni di SSL; Informato su: chi è il rappresentante del personale per la SSL e chi è il rappresentante della direzione. 52

53 4.4 Implementazione ed attività Documentazione L organizzazione dovrà stabilire e mantenere le informazioni in forma adeguata: Cartacea o Elettronica, che: a) Descriva gli elementi centrali del sistema di gestione e l interazione tra gli stessi; b) Che dia linee guida per la predisposizione della documentazione correlata. Nota: è importante che la documentazione sia mantenuta al livello minimo richiesto per efficacia ed efficienza. 53

54 4.4 Implementazione ed attività Controllo dei documenti e dei dati L organizzazione dovrà stabilire e mantenere procedure per tenere sotto controllo tutti i dati ed i documenti richiesti da questa specifica di SSL, al fine di assicurare che: a) Possano essere individuati; b) Siano riesaminati periodicamente, rivisti se necessario ed approvati per adeguatezza dal personale autorizzato; c) Siano disponibili le edizioni correnti dei documenti e dei dati necessari in tutti i luoghi dove si svolgono attività essenziali per l efficace funzionamento del sistema di gestione della SSL; d) I documenti ed i dati superati siano prontamente rimossi da tutti i centri di emissione e di utilizzazione o che comunque sia evitato il loro uso indesiderato; e) Siano adeguatamente identificati i documenti ed i dati archiviati per motivi legali, per la salvaguardia della loro conoscenza o per entrambi i motivi. 54

55 4.4 Implementazione ed attività Controllo operativo L organizzazione dovrà identificare le attività associate a rischi specifici per i quali devono essere applicate adeguate misure di controllo. 55

56 4.4.6 L organizzazione dovrà pianificare queste attività, incluse le attività di manutenzione, per assicurare che siano svolte nelle condizioni specificate: Stabilendo e mantenendo procedure documentate per far fronte alle situazioni in cui la mancanza di tali procedure, può influire negativamente sulla politica e sugli obiettivi di SSL; Definendo criteri operativi all interno di tali procedure; Stabilendo e mantenendo le procedure relative ai rischi identificati in materia di SSL per 4.4 Implementazione I beni, Le attrezzature ed I servizi ed attività acquistati e/o utilizzati dall organizzazione e comunicando le relative procedure ed i relativi requisiti ai fornitori e agli appaltatori; Stabilendo mantenendo procedure per la progettazione: Del luogo di lavoro; Del processo; Delle installazioni; Delle attrezzature; Delle procedure operative; Dell organizzazione del lavoro incluso il loro adattamento alle capacità umane, al fine di eliminare o ridurre alla fonte i rischi 56 per la salute e sicurezza su lavoro.

57 4.4 Implementazione ed attività Preparazione e risposta all emergenza L organizzazione dovrà stabilire e mantenere piani e procedure per identificare: La probabilità di, e Le risposte a infortuni, situazioni di emergenza potenziali. Per prevenire e limitare le probabilità di lesioni o malattie che possono esservi associate. 57

58 4.4 Implementazione ed attività L organizzazione dovrà riesaminare: La sua preparazione all emergenza, I piani e Le procedure di risposta, in particolare dopo il verificarsi di situazioni di emergenza o di infortuni. Ove possibile, l organizzazione dovrà testare periodicamente tali procedure. 58

59 4.5 Controlli ed azioni correttive 59

60 4.5 Controlli ed azioni correttive Misurazione e monitoraggio delle prestazioni L organizzazione dovrà stabilire e mantenere procedure per: Monitorare e Misurare con regolarità le prestazioni in materia di SSL. 60

61 4.5 Controlli ed azioni correttive Tali procedure dovranno stabilire: Misure, sia qualitative che quantitative, adeguate alle esigenze dell organizzazione; Il monitoraggio del grado di raggiungimento degli obiettivi dell organizzazione in materia di SSL; Misure proattive delle prestazioni, che verifichino la conformità: Al programma di SSL; Ai criteri operativi; Alla legislazione; Ai regolamenti applicabili. Misure reattive delle prestazioni, per monitorare: Infortuni; Incidenti (compresi quelli che spesso vengono definiti, nella traduzione dall inglese i quasi incidenti ); Ogni altra prova storica di carenze nelle prestazioni di SSL. La registrazione di dati e risultati: Del monitoraggio e Delle misurazioni 61 sufficienti a facilitare le successive analisi delle azioni preventive e correttive.

62 4.5 Controlli ed azioni correttive Qualora siano necessarie apparecchiature di monitoraggio per la misurazione ed il monitoraggio delle prestazioni, l organizzazione dovrà stabilire e mantenere procedure per tenere sotto controllo: la taratura e la manutenzione di tali attrezzature. Le registrazioni: delle attività di taratura di manutenzione e dei relativi risultati 62 dovranno essere conservate.

63 4.5 Controlli ed azioni correttive Infortuni, incidenti, non-conformità, azioni correttive ed azioni preventive L organizzazione dovrà stabilire e mantenere procedure per definire le responsabilità e le autorità per: a) La gestione e l indagine di: Infortuni; Incidenti; Non-conformità. b) L esecuzione delle azioni volte a contenere le conseguenze che derivano da infortuni, incidenti e non conformità. c) L avvio ed il completamento delle azioni correttive e delle azioni preventive. d) La conferma dell efficacia delle azioni correttive e preventive eseguite. 63

64 4.5 Controlli ed azioni correttive Tali procedure dovranno richiedere che prima dell implementazione, tutte le azioni correttive e preventive proposte, siano riesaminate attraverso il processo di valutazione dei rischi. Ogni azione correttiva e preventiva svolta per eliminare le cause di non conformità attuali o potenziali,dovrà essere di livello appropriato all importanza dei problemi e commisurata ai rischi relativi. L organizzazione dovrà implementare e registrare ogni cambiamento risultante dalle azioni correttive o preventive, nelle procedure documentate. 64

65 4.5 Controlli ed azioni Registrazioni e gestione delle registrazioni L organizzazione dovrà stabilire e mantenere procedure per: l identificazione, la conservazione e l eliminazione delle registrazioni in materia di SSL, così come dei risultati degli audit e dei riesami. Le registrazioni dovranno essere: leggibili; identificabili e rintracciabili rispetto alle attività coinvolte. correttive 65

66 4.5 Controlli ed azioni correttive Le registrazioni dovranno essere: raccolte e conservate in modo tale che siano prontamente rintracciabili e protette da danni, deterioramenti o perdite. I loro tempi di conservazione dovranno essere: stabiliti e registrati. Le registrazioni dovranno essere conservate in modo adeguato: al sistema e all organizzazione per dimostrare la conformità a questa specifica. 66

67 4.5 Controlli ed azioni correttive Audit L organizzazione dovrà stabilire e mantenere delle procedure ed un programma per lo svolgimento di audit periodici del sistema di SSL al fine di: a) Determinare se il sistema di SSL 1. È conforme o no a quanto pianificato per la gestione della SSL, inclusi i requisiti di questa specifica; 2. È stato propriamente implementato e mantenuto; 3. È efficace nel soddisfare la politica e gli obiettivi dell organizzazione; b) Riesaminare i risultati degli audit precedenti; c) Dare informazioni sui risultati degli audit alla direzione. 67

68 4.5 Controlli ed azioni correttive Il piano degli audit, programma incluso, si dovrà basare: sui risultati delle valutazioni dei rischi delle attività dell organizzazione; sui risultati degli audit precedenti. Le procedure di audit dovranno coprire: Lo scopo; La frequenza; La metodologia; Le competenze, ma anche Le responsabilità ed i requisiti per lo svolgimento degli audit e la relazione dei risultati. Se possibile, gli audit dovranno essere svolti da personale indipendente da coloro che hanno responsabilità dell attività esaminata. Nota: la parola indipendente non significa necessariamente esterno all organizzazione. 68

69 4.6 Riesame della direzione 69

70 4.6 Riesame della direzione 4.6 Riesame della direzione L alta Direzione dell organizzazione dovrà riesaminare il sistema di gestione della SSL ad intervalli da essa prestabiliti, per assicurare la sua continua adeguatezza ed efficacia. Il processo di riesame da parte dell Alta Direzione dovrà assicurare che siano state raccolte tutte le informazioni necessarie perché la direzione possa svolgere la sua valutazione. Questo riesame dovrà essere documentato. 70

71 4.5 Controlli ed azioni correttive 4.6 Il riesame dovrà valutare anche la possibile necessità di cambiamenti: Nella politica; Negli obiettivi e Negli altri elementi del sistema di gestione della SSL, alla luce: Dei risultati degli audit, Del mutare delle circostanze e Dell impegno per la continuità del miglioramento. 71

I SISTEMI DI GESTIONE DELLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO: OHSAS 18001 AV2/07/11 ARTEMIDE.

I SISTEMI DI GESTIONE DELLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO: OHSAS 18001 AV2/07/11 ARTEMIDE. I SISTEMI DI GESTIONE DELLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO: OHSAS 18001 AV2/07/11 ARTEMIDE. 1 Nel panorama legislativo italiano la Salute e la Sicurezza sul Lavoro sono regolamentate da un gran numero di

Dettagli

Occupational Health and Safety Assessment Series OHSAS 18001: 1999

Occupational Health and Safety Assessment Series OHSAS 18001: 1999 OHSAS 18001:1999 Sistemi di Gestione della tutela della salute e della sicurezza sul posto di lavoro Specifiche Traduzione in lingua italiana dei principali riferimenti,per esclusivo uso interno. Il presente

Dettagli

OCCUPATIONAL HEALTH AND SAFETY ASSESMENT SERIES OHSAS 18001:1999. Sistemi di gestione della salute e della sicurezza sul lavoro - Specifiche

OCCUPATIONAL HEALTH AND SAFETY ASSESMENT SERIES OHSAS 18001:1999. Sistemi di gestione della salute e della sicurezza sul lavoro - Specifiche OCCUPATIONAL HEALTH AND SAFETY ASSESMENT SERIES OHSAS 18001:1999 Sistemi di gestione della salute e della sicurezza sul lavoro - Specifiche Ringraziamenti OHSAS 18001 è stata sviluppata con l assistenza

Dettagli

OH&SAS Requisiti. 1. Scopo e Campo di Applicazione. 2 Riferimenti. 3 Termini e definizioni. 3.1 rischio accettabile (acceptable risk) 3.

OH&SAS Requisiti. 1. Scopo e Campo di Applicazione. 2 Riferimenti. 3 Termini e definizioni. 3.1 rischio accettabile (acceptable risk) 3. OH&SAS Requisiti 1. Scopo e Campo di Applicazione Questa Norma della serie Occupational Healt and Safety Assessment (OHSAS) specifica i requisiti per un Sistema di Gestione della Salute e della Sicurezza

Dettagli

INTEGRAZIONE E CONFRONTO DELLE LINEE GUIDA UNI-INAIL CON NORME E STANDARD (Ohsas 18001, ISO, ecc.) Dott.ssa Monica Bianco Edizione: 1 Data: 03.12.

INTEGRAZIONE E CONFRONTO DELLE LINEE GUIDA UNI-INAIL CON NORME E STANDARD (Ohsas 18001, ISO, ecc.) Dott.ssa Monica Bianco Edizione: 1 Data: 03.12. Learning Center Engineering Management INTEGRAZIONE E CONFRONTO DELLE LINEE GUIDA UNI-INAIL CON NORME E STANDARD (Ohsas 18001, ISO, ecc.) Autore: Dott.ssa Monica Bianco Edizione: 1 Data: 03.12.2007 VIA

Dettagli

IMPLEMENTAZIONE di un SISTEMA di GESTIONE AMBIENTALE (secondo la norma UNI EN ISO 14001-2004)

IMPLEMENTAZIONE di un SISTEMA di GESTIONE AMBIENTALE (secondo la norma UNI EN ISO 14001-2004) Dott. Marco SALVIA IMPLEMENTAZIONE di un SISTEMA di GESTIONE AMBIENTALE (secondo la norma UNI EN ISO 14001-2004) Dr. Marco SALVIA 1 Perché gestire la variabile ambientale in azienda? 1. Perché rappresenta

Dettagli

Il corretto approccio al Sistema di Gestione Aziendale per la Sicurezza e Salute OHSAS 18001:2007

Il corretto approccio al Sistema di Gestione Aziendale per la Sicurezza e Salute OHSAS 18001:2007 Il corretto approccio al Sistema di Gestione Aziendale per la Sicurezza e Salute OHSAS 18001:2007 GENERALITA Il Sistema di Gestione Aziendale rappresenta la volontà di migliorare le attività aziendali,

Dettagli

La programmazione della Gestione della Sicurezza nel Sistema di Gestione Aziendale (OHSAS 18001)

La programmazione della Gestione della Sicurezza nel Sistema di Gestione Aziendale (OHSAS 18001) Alberto Alberto ANDREANI ANDREANI v.le v.le Mameli, Mameli, 72 72 int. int. 201/C 201/C 0721.403718 0721.403718 61100 61100 PESARO PESARO E-mail E-mail andreani@pesaro.com andreani@pesaro.com La programmazione

Dettagli

I SISTEMI DI GESTIONE DELLA SICUREZZA. Vittorio Campione

I SISTEMI DI GESTIONE DELLA SICUREZZA. Vittorio Campione I SISTEMI DI GESTIONE DELLA SICUREZZA Vittorio Campione I SISTEMI DI GESTIONE DELLA SICUREZZA OHSAS 18001:2007 Occupational Health and Safety Assessment Series (Norme per la valutazione della salute e

Dettagli

Sistemi di gestione per la salute e la sicurezza sul luogo di lavoro Requisiti COPIA

Sistemi di gestione per la salute e la sicurezza sul luogo di lavoro Requisiti COPIA Sistemi di gestione per la salute e la sicurezza sul luogo di lavoro Requisiti Correlazione tra i requisiti della OHSAS 18001:2007 ed i requisiti delle Linee Guida INAIL-ISPESL-UNI, già predisposta dal

Dettagli

La norma UNI EN ISO 14001:2004

La norma UNI EN ISO 14001:2004 La norma COS È UNA NORMA La normazione volontaria Secondo la Direttiva Europea 98/34/CE del 22 giugno 1998: "norma" è la specifica tecnica approvata da un organismo riconosciuto a svolgere attività normativa

Dettagli

Sistemi di gestione per la salute e la sicurezza sul luogo di lavoro Requisiti

Sistemi di gestione per la salute e la sicurezza sul luogo di lavoro Requisiti Sistemi di gestione per la salute e la sicurezza sul luogo di lavoro Requisiti Per il periodo transitorio la presente traduzione della norma contiene altresì riferimenti e note (scrittura in corsivo) relative

Dettagli

PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA IN CONFORMITÀ ALLA NORMA. BS OHSAS 18001 (ed. 2007) 1/10 progetto Tecnico OHSAS 18001

PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA IN CONFORMITÀ ALLA NORMA. BS OHSAS 18001 (ed. 2007) 1/10 progetto Tecnico OHSAS 18001 PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA IN CONFORMITÀ ALLA NORMA BS OHSAS 18001 (ed. 2007) Rev. 0 del 13/01/09 1/10 progetto Tecnico OHSAS 18001 Premessa La norma OHSAS 18001 rappresenta uno

Dettagli

E. Struttura e organizzazione del sistema

E. Struttura e organizzazione del sistema E. Struttura e organizzazione del sistema E. Struttura e organizzazione del sistema E.1 Sistema di gestione L azienda dovrebbe strutturare il SGSL seguendo i contenuti espressi nel presente documento,

Dettagli

DELIBERA n. 11/13 della seduta del 31 luglio 2013

DELIBERA n. 11/13 della seduta del 31 luglio 2013 DELIBERA n. 11/13 della seduta del 31 luglio 2013 Definizione degli indirizzi in materia di certificazione di qualità delle imprese che effettuano trasporti di merci pericolose, di derrate deperibili,

Dettagli

Studio legale: sicurezza e salute sul lavoro

Studio legale: sicurezza e salute sul lavoro Studio legale: sicurezza e salute sul lavoro Le politiche adottate a livello istituzionale, produttivo e dei servizi in tema di Sicurezza e salute del lavoro sono da tempo orientate verso l implementazione

Dettagli

Rev. 00. AUDIT N DEL c/o. Auditor Osservatori DOCUMENTI DI RIFERIMENTO. Legenda: C = Conforme NC = Non conforme Oss = Osservazione.

Rev. 00. AUDIT N DEL c/o. Auditor Osservatori DOCUMENTI DI RIFERIMENTO. Legenda: C = Conforme NC = Non conforme Oss = Osservazione. AUDIT N DEL c/o AREE DA VERIFICARE GRUPPO DI AUDIT Lead Auditor Auditor DOCUMENTI DI RIFERIMENTO Auditor Osservatori Legenda: C = Conforme NC = Non conforme Oss = Osservazione Pagina 1 di 19 Rif. 14001

Dettagli

La specifica OHSAS 18001:1999

La specifica OHSAS 18001:1999 CERTIFICAZIONE E QUALITÀ IGIENE E SICUREZZA La nuova versione è stata pubblicata dal British Standards Institution il 1 luglio 2007 Con l entrata in vigore dell edizione 2007 la BS OHSAS 18001 diventa

Dettagli

SISTEMA AZIENDALE DI GESTIONE ENERGETICA: UN MODELLO DI RIFERIMENTO

SISTEMA AZIENDALE DI GESTIONE ENERGETICA: UN MODELLO DI RIFERIMENTO SISTEMA AZIENDALE DI GESTIONE ENERGETICA: UN MODELLO DI RIFERIMENTO Marco Bandiera Gestione per la qualità, l ambiente e la sicurezza Bologna, 1 luglio 2009 1 Sommario Perché un sistema di gestione energetica?

Dettagli

OHSAS 18001 ed. 2007

OHSAS 18001 ed. 2007 OHSAS 18001 ed. 2007 Sistema di Gestione per la Sicurezza e Salute dei Lavoratori Occupational Health and Safety Assessment Series SEMINARIO INFORMATIVO Cagliari, 18 aprile 2008 1 SGS NEL MONDO CHI SIAMO

Dettagli

UNI CEI EN ISO/IEC 17025 Sez. 4 e requisiti SINAL per l accreditamento dei laboratori

UNI CEI EN ISO/IEC 17025 Sez. 4 e requisiti SINAL per l accreditamento dei laboratori UNI CEI EN ISO/IEC 17025 Sez. 4 e requisiti SINAL per l accreditamento dei laboratori Struttura della norma ISO/IEC 17025 1. Scopo 2. Riferimenti normativi 3. Termini e definizioni 4. Requisiti gestionali

Dettagli

I Sistemi di gestione della sicurezza: lo standard BS OHSAS 18001. Como 1 ottobre 2009 Stefano Aldini Area Ambiente e Sicurezza Certiquality Srl

I Sistemi di gestione della sicurezza: lo standard BS OHSAS 18001. Como 1 ottobre 2009 Stefano Aldini Area Ambiente e Sicurezza Certiquality Srl I Sistemi di gestione sicurezza: lo standard BS OHSAS 18001 Como 1 ottobre 2009 Stefano Aldini Area Ambiente e Sicurezza Certiquality Srl SISTEMI DI GESTIONE SICUREZZA COSA E IL SISTEMA DI GESTIONE DELLA

Dettagli

POLITICA PER LA QUALITÀ, L AMBIENTE, LA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO E LA RESPONSABILITA SOCIALE

POLITICA PER LA QUALITÀ, L AMBIENTE, LA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO E LA RESPONSABILITA SOCIALE POLITICA DEL SISTEMA DI GESTIONE INTEGRATO La Cooperativa sociale ITALCAPPA è consapevole dell importanza e della necessità di avvalersi di un Sistema di Gestione integrato per la qualità, l ambiente,

Dettagli

I SISTEMI DI GESTIONE DELLA SICUREZZA

I SISTEMI DI GESTIONE DELLA SICUREZZA I SISTEMI DI GESTIONE DELLA SICUREZZA ing. Davide Musiani Modena- Mercoledì 8 Ottobre 2008 L art. 30 del D.Lgs 81/08 suggerisce due modelli organizzativi e di controllo considerati idonei ad avere efficacia

Dettagli

BS OHSAS 18001: 2007. Occupational. Health. Safety. Assesments. Series

BS OHSAS 18001: 2007. Occupational. Health. Safety. Assesments. Series BS OHSAS 18001: 2007 Occupational Health Safety Assesments Series Prefazione La Norma è stata sviluppata per essere compatibile con le Norme: ISO 9001:2000 (Qualità) ISO 14001:2004 (Ambiente) Dr.ssa Carlotta

Dettagli

PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE QUALITA IN CONFORMITÀ ALLA NORMA. UNI EN ISO 9001 (ed. 2008) n. 03 del 31/01/09 Salvatore Ragusa

PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE QUALITA IN CONFORMITÀ ALLA NORMA. UNI EN ISO 9001 (ed. 2008) n. 03 del 31/01/09 Salvatore Ragusa PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE QUALITA IN CONFORMITÀ ALLA NORMA UNI EN ISO 9001 (ed. 2008) Revisione Approvazione n. 03 del 31/01/09 Salvatore Ragusa PROGETTO TECNICO SISTEMA QUALITA Il nostro progetto

Dettagli

La CERTIFICAZIONE DEI SISTEMI DI GESTIONE AZIENDALE

La CERTIFICAZIONE DEI SISTEMI DI GESTIONE AZIENDALE La CERTIFICAZIONE DEI SISTEMI DI GESTIONE AZIENDALE CERTIQUALITY Via. G. Giardino, 4 - MILANO 02.806917.1 SANDRO COSSU VALUTATORE SISTEMI DI GESTIONE CERTIQUALITY Oristano 27 Maggio 2008 GLI STRUMENTI

Dettagli

DOCUMENTO SULLA POLITICA DI PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI RILEVANTI E DI TUTELA DELLA SALUTE E SICUREZZA DEI LAVORATORI E DELL AMBIENTE

DOCUMENTO SULLA POLITICA DI PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI RILEVANTI E DI TUTELA DELLA SALUTE E SICUREZZA DEI LAVORATORI E DELL AMBIENTE 0 PREMESSA La scienza dei trattamenti galvanici e di verniciatura e le attinenti applicazioni industriali sono relativamente antiche. Il progresso delle conoscenze in campo medico e scientifico ha evidenziato

Dettagli

Salute e Sicurezza dei Lavoratori nella filiera del riciclo della carta: il punto di vista dell ente di certificazione. Milano 18 novembre 2008

Salute e Sicurezza dei Lavoratori nella filiera del riciclo della carta: il punto di vista dell ente di certificazione. Milano 18 novembre 2008 Elementi salienti e criticità di un Sistema di Gestione della Salute e Sicurezza dei Lavoratori nella filiera del riciclo della carta: il punto di vista dell ente di certificazione. Milano 18 novembre

Dettagli

Benefici della Certificazione Sicurezza OHSAS 18001:2007

Benefici della Certificazione Sicurezza OHSAS 18001:2007 Benefici della Certificazione Sicurezza OHSAS 18001:2007 Premessa Decreto Legislativo 8 giugno 2001, n. 231 "Disciplina della responsabilità amministrativa delle persone giuridiche, delle società e delle

Dettagli

Claudia Gistri Giancarlo Caputo CERTIQUALITY

Claudia Gistri Giancarlo Caputo CERTIQUALITY I requisiti per la certificazione del sistema di gestione sicurezza Claudia Gistri Giancarlo Caputo CERTIQUALITY Seminario La gestione ed il controllo del Rischio Industriale Bergamo, 20 dicembre 2005

Dettagli

Rif. Rapporto n.: nome sigla documento del SGSSL esaminato revisione data. Gruppo di verifica ispettiva nome sigla firma

Rif. Rapporto n.: nome sigla documento del SGSSL esaminato revisione data. Gruppo di verifica ispettiva nome sigla firma DIARIO DI VERIFICA S01 Ed. 7-30 giugno 2012 Rif. Rapporto n.: Azienda: Unità: Norma di riferimento BS OHSAS 18001:2007 Tipo di verifica: certificazione rinnovo estensione sorveglianza ESAME DOCUMENTALE

Dettagli

TÜVRheinland Italia. www.tuvitalia.com. La certificazione a supporto del Modello Organizzativo 231/2001

TÜVRheinland Italia. www.tuvitalia.com. La certificazione a supporto del Modello Organizzativo 231/2001 TÜVRheinland Italia www.tuvitalia.com La certificazione a supporto del Modello Organizzativo 231/2001 TÜVRheinland - la Mission TÜVRheinland assicura innovazione combinata in perfetta armonia tra l uomo,

Dettagli

Organizzazione del sistema prevenzionale nelle Piccole e Medie Imprese con riferimento ai Sistemi di Gestione della Sicurezza.

Organizzazione del sistema prevenzionale nelle Piccole e Medie Imprese con riferimento ai Sistemi di Gestione della Sicurezza. Organizzazione del sistema prevenzionale nelle Piccole e Medie Imprese con riferimento ai Sistemi di Gestione della Sicurezza. Linee guida PRESENTAZIONE Il presente lavoro costituisce un estratto da una

Dettagli

L approccio sistemico alla gestione della sicurezza sul lavoro: i SGSL

L approccio sistemico alla gestione della sicurezza sul lavoro: i SGSL Salute e Sicurezza sul Lavoro in ambito caseario Implementazione di un Sistema di Gestione Siamaggiore, Loc. Pardu Nou - Giovedì 2 luglio 2015 L approccio sistemico alla gestione della sicurezza sul lavoro:

Dettagli

ISO 45001. il nuovo ponte tra sicurezza e innovazione. Comprendere il cambiamento

ISO 45001. il nuovo ponte tra sicurezza e innovazione. Comprendere il cambiamento ISO 45001 il nuovo ponte tra sicurezza e innovazione Comprendere il cambiamento Premessa L art. 30 del Testo Unico della Sicurezza dice chiaramente che i modelli di organizzazione aziendale definiti conformemente

Dettagli

LA NORMA UNI EN ISO 9001: 2000 E LA CERTIFICAZIONE. C-La Norma UNI EN ISO 9001: 2000 e la certificazione 1

LA NORMA UNI EN ISO 9001: 2000 E LA CERTIFICAZIONE. C-La Norma UNI EN ISO 9001: 2000 e la certificazione 1 LA NORMA UNI EN ISO 9001: 2000 E LA CERTIFICAZIONE C-La Norma UNI EN ISO 9001: 2000 e la certificazione 1 LE NORME SERIE ISO 9000 Guidare e condurre con successo un'organizzazione richiede che questa sia

Dettagli

SISTEMI DI GESTIONE DELLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

SISTEMI DI GESTIONE DELLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO Liceo Scientifico Galileo Galilei -Trento - SISTEMI DI GESTIONE DELLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO BS OHSAS 18001:2007 Maggio 2012 Maurizio Adami 1 Popolazione scolastica anno scolastico 2011/12 Docenti

Dettagli

Documento in attesa di approvazione definitiva Nota per la Commissione Consultiva Permanente

Documento in attesa di approvazione definitiva Nota per la Commissione Consultiva Permanente Commissione Consultiva Permanente Comitato n. 4 Modelli di Organizzazione e di Gestione (MOG) Documento in attesa di approvazione definitiva Nota per la Commissione Consultiva Permanente Prima di procedere

Dettagli

I SISTEMI DI GESTIONE PER LA SALUTE E SICUREZZA DEI LAVORI SECONDO QUANTO PREVISTO DALL ART. 30 DEL D.Lgs 81/08. di Paolo Bellotti

I SISTEMI DI GESTIONE PER LA SALUTE E SICUREZZA DEI LAVORI SECONDO QUANTO PREVISTO DALL ART. 30 DEL D.Lgs 81/08. di Paolo Bellotti I SISTEMI DI GESTIONE PER LA SALUTE E SICUREZZA DEI LAVORI SECONDO QUANTO PREVISTO DALL ART. 30 DEL D.Lgs 81/08 di Paolo Bellotti Premessa In questi ultimi anni si è fatto un gran parlare dei sistemi di

Dettagli

PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE IN CONFORMITÀ ALLA NORMA. UNI EN ISO 14001 (ed. 2004) 1/9 progetto Tecnico ISO 14001-2004

PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE IN CONFORMITÀ ALLA NORMA. UNI EN ISO 14001 (ed. 2004) 1/9 progetto Tecnico ISO 14001-2004 PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE IN CONFORMITÀ ALLA NORMA UNI EN ISO 14001 (ed. 2004) Rev. 01 del 30/09/06 1/9 progetto Tecnico ISO 14001-2004 La Norma Internazionale UNI EN ISO 14001 specifica

Dettagli

DM.9 agosto 2000 LINEE GUIDA PER L ATTUAZIONE DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA TITOLO I POLITICA DI PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI RILEVANTI

DM.9 agosto 2000 LINEE GUIDA PER L ATTUAZIONE DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA TITOLO I POLITICA DI PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI RILEVANTI DM.9 agosto 2000 LINEE GUIDA PER L ATTUAZIONE DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA TITOLO I POLITICA DI PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI RILEVANTI Articolo 1 (Campo di applicazione) Il presente decreto si

Dettagli

Procedura. Politica in materia di salute, sicurezza, ambiente, energia e incolumità pubblica. enipower. POL.HSE.pro-01_ep_r03. POL.HSE.

Procedura. Politica in materia di salute, sicurezza, ambiente, energia e incolumità pubblica. enipower. POL.HSE.pro-01_ep_r03. POL.HSE. Procedura Politica in materia di salute, sicurezza, ambiente, energia e incolumità pubblica. TITOLO PROCEDURA TITOLO PRPOCEDURA TITOLO PROCEDURA MSG DI RIFERIMENTO: HSE 1 Frontespizio TITOLO: Politica

Dettagli

UNI EN ISO 14001:2004 Sistemi di Gestione Ambientale: requisiti e guida per l uso

UNI EN ISO 14001:2004 Sistemi di Gestione Ambientale: requisiti e guida per l uso SORVEGLIANZA E CERTIFICAZIONI UNI EN ISO 14001:2004 Sistemi di Gestione Ambientale: requisiti e guida per l uso Pagina 1 di 11 INTRODUZIONE La Norma UNI EN ISO 14001:2004 fa parte delle norme Internazionali

Dettagli

IL SISTEMA ASSICURAZIONE QUALITA DI ATENEO

IL SISTEMA ASSICURAZIONE QUALITA DI ATENEO IL SISTEMA ASSICURAZIONE QUALITA DI ATENEO Dott.ssa Lucia Romagnoli Ancona, 15 luglio 2015 maggio 2007 UNIVPM ottiene la certificazione del proprio Sistema di Gestione per la Qualità (SGQ) ai sensi della

Dettagli

Commissione Consultiva Permanente ex Art. 6 DLgs 81/08. Il documento del Comitato n. 4 Modelli di Organizzazione e di Gestione (MOG)

Commissione Consultiva Permanente ex Art. 6 DLgs 81/08. Il documento del Comitato n. 4 Modelli di Organizzazione e di Gestione (MOG) Commissione Consultiva Permanente ex Art. 6 DLgs 81/08 Il documento del Comitato n. 4 Modelli di Organizzazione e di Gestione (MOG) Ivo Dagazzini Rappresentante delle Regioni per la Regione Veneto Direttore

Dettagli

Politica del Sistema di Gestione Salute, Sicurezza e Ambiente (Politica HSE)

Politica del Sistema di Gestione Salute, Sicurezza e Ambiente (Politica HSE) Procedura Politica del Sistema di Gestione Salute, Sicurezza e Ambiente (Politica HSE) TITOLO PROCEDURA TITOLO PRPOCEDURA TITOLO PROCEDURA MSG DI RIFERIMENTO: MSG HSE 1 Questo pro hse documento 009 eniservizi

Dettagli

FORNITORE: SEDE: TELEFONO FAX INDICAZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL QUESTIONARIO

FORNITORE: SEDE: TELEFONO FAX INDICAZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL QUESTIONARIO FORNITORE: SEDE: TELEFONO FAX INDICAZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL QUESTIONARIO L autovalutazione è una valutazione che fornisce un giudizio sull efficacia e sull efficienza dell Azienda e sul grado di

Dettagli

Perché le regole e come

Perché le regole e come Perché le regole e come Conseguenze sullo sviluppo umano > http://www.sistemaambiente.net/form/it/iso/2_conseguenze_sullo_sviluppo_umano.pdf Le norme ISO Il sistema di gestione aiuta > http://www.sistemaambiente.net/form/it/iso/4_sistema_di_gestione.pdf

Dettagli

1.0 POLITICA AZIENDALE PER LA SALUTE E LA SICUREZZA SUL LAVORO

1.0 POLITICA AZIENDALE PER LA SALUTE E LA SICUREZZA SUL LAVORO Pagina 1 di 5 1.0 POLITICA AZIENDALE PER LA SALUTE E LA SICUREZZA SUL LAVORO (rif. punto 4.2 BS OHSAS 18001:2007) 1.1 SCOPO La dichiarazione di politica per la salute e la sicurezza nei luoghi di lavoro,

Dettagli

La valutazione dei rischi: requisito comune di BS 18001:2007 e D.Lgs. 81/2008

La valutazione dei rischi: requisito comune di BS 18001:2007 e D.Lgs. 81/2008 La valutazione dei rischi: requisito comune di BS 18001:2007 e D.Lgs. 81/2008 Ricordiamo che tra le finalità della BS OHSAS 18001 richiede di dimostrare che: il sistema di gestione della salute e sicurezza

Dettagli

STANDARD OHSAS 18001:2007 E CORRISPONDENZE CON IL MODELLO ORGANIZZATIVO DEL DECRETO LEGISLATIVO N. 81/2008

STANDARD OHSAS 18001:2007 E CORRISPONDENZE CON IL MODELLO ORGANIZZATIVO DEL DECRETO LEGISLATIVO N. 81/2008 DECRETO LEGISLATIVO n. 81 del 9 aprile 2008 UNICO TESTO NORMATIVO in materia di salute e sicurezza delle lavoratrici e dei lavoratori STANDARD OHSAS 18001:2007 E CORRISPONDENZE CON IL MODELLO ORGANIZZATIVO

Dettagli

MANUALE DELSISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE

MANUALE DELSISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE Osservatorio per il Settore Chimico Ministero dell Industria del Commercio e dell Artigianato MANUALE DELSISTEMA DI Responsabile: Aggiornamento: 2 di 49 NOME AZIENDA Manuale del sistema di Gestione Ambientale

Dettagli

Azione su un prodotto-servizio NC, per renderlo conforme ai requisiti

Azione su un prodotto-servizio NC, per renderlo conforme ai requisiti Partipilo dr. Valerio ODONTOIATRIA E SISTEMA QUALITA Data: 14-07-09 Pag. 4 di 5 Prodotto (Uni en iso Prodotto di proprietà dei cliente (documentazione della) (uni 10722-3:1999) (modifica della) (uni en

Dettagli

MANUALE DI GESTIONE AMBIENTALE COMUNE DI OFFIDA

MANUALE DI GESTIONE AMBIENTALE COMUNE DI OFFIDA NOR DI RIFERIMENTO UNI EN ISO 14001:2004 Pagina 1 di 14 NUALE DI GESTIONE COMUNE DI OFFIDA COPIA CONTROLLATA N 01 COPIA NON CONTROLLATA Rev Data Descrizione Rif. Paragr. Rif. pagina Note 0 Mag.2005 Prima

Dettagli

LA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO DECRETO LEGISLATIVO 81/2008. T. U. "Attuazione dell'articolo 1 della legge 3 agosto 2007, n. 123, in materia di

LA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO DECRETO LEGISLATIVO 81/2008. T. U. Attuazione dell'articolo 1 della legge 3 agosto 2007, n. 123, in materia di LA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO DECRETO LEGISLATIVO 81/2008. T. U. "Attuazione dell'articolo 1 della legge 3 agosto 2007, n. 123, in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro".

Dettagli

I Sistemi di Gestione per la Sicurezza

I Sistemi di Gestione per la Sicurezza I Sistemi di Gestione per la Sicurezza OHSAS 18001, Rischi Rilevanti, Antincendio, Sistemi di Gestione Integrati Luca Fiorentini TECSA Sommario Presentazione... 9 1. INTRODUZIONE 15 2. SCOPO E CAMPO DI

Dettagli

G.Pietro Trovesi Sistema di gestione per la Sicurezza delle Informazioni

G.Pietro Trovesi Sistema di gestione per la Sicurezza delle Informazioni G.Pietro Trovesi Sistema di gestione per la Sicurezza delle Informazioni Ente di normazione per le Tecnologie Informatiche e loro applicazioni Ente federato all UNI studiare ed elaborare norme nazionali,

Dettagli

1. B - Caratteristiche essenziali e modalità applicative del Sistema di Gestione Responsible Care

1. B - Caratteristiche essenziali e modalità applicative del Sistema di Gestione Responsible Care 1. B - Caratteristiche essenziali e modalità applicative del Sistema di Gestione Responsible Care 20 gennaio 2009 INDICE Sezione Contenuto 1. Il programma Responsible Care: scopo e campo di applicazione

Dettagli

OHSAS 18001:2007 Sistemi di Gestione della Sicurezza e della Salute sul Lavoro

OHSAS 18001:2007 Sistemi di Gestione della Sicurezza e della Salute sul Lavoro SORVEGLIANZA E CERTIFICAZIONI OHSAS 18001:2007 Sistemi di Gestione della Sicurezza e della Salute sul Lavoro Pagina 1 di 6 INTRODUZIONE L attenzione alla sicurezza e alla salute sui luoghi di lavoro (SSL)

Dettagli

Il Modello di Gestione su Salute e Sicurezza sul Lavoro. 26 Marzo 2015

Il Modello di Gestione su Salute e Sicurezza sul Lavoro. 26 Marzo 2015 Il Modello di Gestione su Salute e Sicurezza sul Lavoro 26 Marzo 2015 Introduzione Cos é la specifica BS OHSAS 18001:2007 Definisce in maniera dettagliata (specification) le linee guida per l implementazione

Dettagli

LA CERTIFICAZIONE. Dr.ssa Eletta Cavedoni Responsabile Qualità Cosmolab srl Tortona

LA CERTIFICAZIONE. Dr.ssa Eletta Cavedoni Responsabile Qualità Cosmolab srl Tortona LA CERTIFICAZIONE Dr.ssa Eletta Cavedoni Responsabile Qualità Cosmolab srl Tortona Qualità Grado in cui un insieme di caratteristiche intrinseche soddisfa i requisiti (UNI EN ISO 9000/00) Requisito Esigenza

Dettagli

brugherio (mb) POLITICA AZIENDALE

brugherio (mb) POLITICA AZIENDALE brugherio (mb) POLITICA AZIENDALE Brugherio, 20 gennaio 2015 piomboleghe srl via eratostene, 1-20861 brugherio (mb) tel. 039289561, fax. 039880244 info@piomboleghe.it www.piomboleghe.it cap. soc. 1.300.000,00

Dettagli

MANUALE DELLA GESTIONE AMBIENTALE

MANUALE DELLA GESTIONE AMBIENTALE COPERTINA MGA rev. n.01 del 08-11-2007 AMI S.p.A. MANUALE DELLA GESTIONE SECONDO LA NORMA UNI EN ISO 14001 Emesso da: Responsabile gestione ambientale Approvato da: Direzione Generale Cap. 0 - Pag. 1 di

Dettagli

L integrazione dei sistemi qualità, sicurezza, ambiente

L integrazione dei sistemi qualità, sicurezza, ambiente L integrazione dei sistemi qualità, sicurezza, ambiente Alberto ANDREANI v.le Mameli, 72 int. 201/C 61100 PESARO Tel. 0721.403718 E.Mail:andreani@pesaro.com Definizione L insieme del personale, delle responsabilità,

Dettagli

Nota informativa Verifica di Fase 1 presso gli uffici LRQA Italy

Nota informativa Verifica di Fase 1 presso gli uffici LRQA Italy Nota informativa Verifica di Fase 1 presso gli uffici LRQA Italy Premessa La verifica di Stage 1 deve di norma essere effettuata presso la sede del Cliente. Eccezionalmente, purchè si verifichino e siano

Dettagli

Il Sistema di Gestione della Sicurezza e Salute sul Lavoro OHSAS 18000:2007 e il Modello di Organizzazione e Controllo secondo il D.Lgs.

Il Sistema di Gestione della Sicurezza e Salute sul Lavoro OHSAS 18000:2007 e il Modello di Organizzazione e Controllo secondo il D.Lgs. Convegno ASACERT Il Sistema di Gestione della Sicurezza e Salute sul Lavoro OHSAS 18000:2007 e il Modello di Organizzazione e Controllo secondo il D.Lgs. 231/01 Centro Congressi Relaisfranciacorta 20 marzo

Dettagli

IL SISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE PER UN COMUNE

IL SISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE PER UN COMUNE IL SISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE PER UN COMUNE Relatore: LIFE 04 ENV/IT/494 AGEMAS Obiettivi del sistema di gestione ambientale Prevenzione, riduzione dell inquinamento Eco-efficienza nella gestione delle

Dettagli

Ing. Alberto Rencurosi

Ing. Alberto Rencurosi 28.05.2015 Ing. Alberto Rencurosi Lead auditor SQS (ISO9001, ISO14001, OHSAS18001, ISO 50001) Associazione Svizzera per Sistemi di Qualità e di Management (SQS) 1 Testo Unico e sistemi di gestione della

Dettagli

Sistemi di Gestione della Salute e della Sicurezza del lavoro (SGSL)

Sistemi di Gestione della Salute e della Sicurezza del lavoro (SGSL) Esperienza del laboratorio di approfondimento Regione Lombardia Sistemi di Gestione della Salute e della Sicurezza del lavoro (SGSL) Marina Della Foglia Milano - giugno 2015 ILO-OSH 2001 Guidelines on

Dettagli

SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA E DELLA SALUTE SUL LAVORO

SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA E DELLA SALUTE SUL LAVORO Pag. 1 di 18 SISTEMA DI GESTIONE (specifica tecnica) The ILO shall accept no responsibility for any inaccuracy, errors or omissions or for the consequences arising from the use of the Text. L ILO non si

Dettagli

POLITICA DELLA QUALITA

POLITICA DELLA QUALITA 05.3 LE POLITICHE DEL GRUPPO GAVIO POLITICA DELLA QUALITA Fornire un servizio di trasporto che soddisfi pienamente richieste, esigenze ed aspettative dei Clienti; Fornire un servizio di trasporto conforme

Dettagli

SGSL UN SISTEMA PER LA GESTIONE DELLA SICUREZZA SUL LAVORO NELLA SCUOLA

SGSL UN SISTEMA PER LA GESTIONE DELLA SICUREZZA SUL LAVORO NELLA SCUOLA SGSL UN SISTEMA PER LA GESTIONE DELLA SICUREZZA SUL LAVORO NELLA SCUOLA COSA È IN PRATICA UN SISTEMA DI GESTIONE? L insieme delle regole e dei processi di funzionamento di un organizzazione. Comprende:

Dettagli

REALIZZAZIONE DI UN SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA SUL LAVORO: CASTELLO DI CARTE O CASSETTA DEGLI ATTREZZI PER UNA GESTIONE EFFICACE?

REALIZZAZIONE DI UN SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA SUL LAVORO: CASTELLO DI CARTE O CASSETTA DEGLI ATTREZZI PER UNA GESTIONE EFFICACE? 13 Salone della qualità e sicurezza sul lavoro REALIZZAZIONE DI UN SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA SUL LAVORO: CASTELLO DI CARTE O CASSETTA DEGLI ATTREZZI PER UNA GESTIONE EFFICACE? Dott. Ing. Massimo

Dettagli

REQUISITI MINIMI PER L APPLICAZIONE DI UN SISTEMA DI GESTIONE

REQUISITI MINIMI PER L APPLICAZIONE DI UN SISTEMA DI GESTIONE ALLEGATO 1 al ddg n. del REQUISITI MINIMI PER L APPLICAZIONE DI UN SISTEMA DI GESTIONE PER LA SICUREZZA E SALUTE SUL LAVORO (SGSL) NELLE STRUTTURE SANITARIE Laboratorio di approfondimento Ruolo del Servizio

Dettagli

MANUALE DEL SISTEMA DI GESTIONE INTEGRATO

MANUALE DEL SISTEMA DI GESTIONE INTEGRATO Ragione sociale : XXX Indirizzo : XXX Tel. XXX e mail : XXX web : XXX XXX Pagina 1 di 18 Revisione del XXX INDICE Indice... 2 Le politiche aziendali... 3 Le certificazioni aziendali... 5 Campo di applicazione

Dettagli

I modelli normativi. I modelli per l eccellenza. I modelli di gestione per la qualità

I modelli normativi. I modelli per l eccellenza. I modelli di gestione per la qualità 1 I modelli di gestione per la qualità I modelli normativi I modelli per l eccellenza Entrambi i modelli si basano sull applicazione degli otto principi del TQM 2 I modelli normativi I modelli normativi

Dettagli

LA SICUREZZA SUL LAVORO LA NORMA BS OHSAS 18001 E LA CERTIFICAZIONE

LA SICUREZZA SUL LAVORO LA NORMA BS OHSAS 18001 E LA CERTIFICAZIONE G E S T I R E LA SICUREZZA SUL LAVORO LA NORMA E LA CERTIFICAZIONE Premessa La sicurezza sui luoghi di lavoro è un argomento che da molto tempo è all attenzione del nostro Paese. Gli incidenti sui luoghi

Dettagli

La Norma UNI CEI EN 16001 e il risparmio energetico in azienda WORKSHOP ECOREALITY Università degli Studi di Bari

La Norma UNI CEI EN 16001 e il risparmio energetico in azienda WORKSHOP ECOREALITY Università degli Studi di Bari La Norma UNI CEI EN 16001 e il risparmio energetico in azienda WORKSHOP ECOREALITY Università degli Studi di Bari I Sistemi di Gestione della Energia conformi a UNI CEI EN 16001:2009 Coordinatore Tecnico-Scientifico

Dettagli

CERTIQUALITY Istituto di Certificazione della Qualità Contenuti del disciplinare tecnico DT 76 Esempi e procedure

CERTIQUALITY Istituto di Certificazione della Qualità Contenuti del disciplinare tecnico DT 76 Esempi e procedure CERTIQUALITY Istituto di Certificazione della Qualità Contenuti del disciplinare tecnico DT 76 Esempi e procedure S.Balsotti 18 Maggio 2015 Contenuti 1. Introduzione 2. Descrizione del servizio 3. Scopo

Dettagli

LICEO ETTORE MAJORANA - ROMA SEZIONE 4 - SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITA

LICEO ETTORE MAJORANA - ROMA SEZIONE 4 - SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITA 4.1 Requisiti generali LICEO ETTORE MAJORANA - ROMA Il LS Majorana ha stabilito, tiene aggiornato, attua e documenta il proprio Sistema di gestione della qualità (SGQ) in accordo con in requisiti della

Dettagli

D.Lgs. 81/08, Testo Unico Sicurezza e la correlazione con i Sistemi di Gestione certificabili BS OHSAS 18001

D.Lgs. 81/08, Testo Unico Sicurezza e la correlazione con i Sistemi di Gestione certificabili BS OHSAS 18001 D.Lgs. 81/08, Testo Unico Sicurezza e la correlazione con i Sistemi di Gestione certificabili BS OHSAS 18001 CERTIQUALITY VIA G. GIARDINO, 4 20123 MILANO TEL. 02-806917.1 certiquality@certiquality.it www.certiquality.it

Dettagli

IL DECRETO LEGISLATIVO 8 GIUGNO 2001, N. 231 LA RESPONSABILITA DEGLI ENTI

IL DECRETO LEGISLATIVO 8 GIUGNO 2001, N. 231 LA RESPONSABILITA DEGLI ENTI Cinzia Dalla Riva IL DECRETO LEGISLATIVO 8 GIUGNO 2001, N 231 LA RESPONSABILITA DEGLI ENTI Disciplina la responsabilità amministrativa degli enti per gli illeciti amministrativi dipendenti da reato (reato

Dettagli

PROCEDURA 4.1 Gestione della documentazione e delle registrazioni. Redazione (referente di processo) Responsabile Sistema Qualità (RSG)

PROCEDURA 4.1 Gestione della documentazione e delle registrazioni. Redazione (referente di processo) Responsabile Sistema Qualità (RSG) PROCEDURA 4.1 Gestione della documentazione e delle registrazioni Ed.2 Rev.0 del 22/07/2014 Redazione (referente di processo) Approvazione Andrea Marchesi Responsabile Sistema Qualità (RSG) Silvio Braini

Dettagli

SVILUPPO, CERTIFICAZIONE E MIGLIORAMENTO DEL SISTEMA DI GESTIONE PER LA SICUREZZA SECONDO LA NORMA BS OHSAS 18001:2007

SVILUPPO, CERTIFICAZIONE E MIGLIORAMENTO DEL SISTEMA DI GESTIONE PER LA SICUREZZA SECONDO LA NORMA BS OHSAS 18001:2007 Progettazione ed erogazione di servizi di consulenza e formazione M&IT Consulting s.r.l. Via Longhi 14/a 40128 Bologna tel. 051 6313773 - fax. 051 4154298 www.mitconsulting.it info@mitconsulting.it SVILUPPO,

Dettagli

CORSI E.N.E.A. DI FORMAZIONE ED AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE PER ENERGY MANAGERS

CORSI E.N.E.A. DI FORMAZIONE ED AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE PER ENERGY MANAGERS CORSI E.N.E.A. DI FORMAZIONE ED AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE PER ENERGY MANAGERS Ing. Sandro Picchiolutto IL SISTEMA DI GESTIONE DELL ENERGIA PREMESSE I Servizi costituiscono il 70% del PIL e della occupazione

Dettagli

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10 MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10 INDICE IL SISTEMA DI GESTIONE DELLA QUALITÀ Requisiti generali Responsabilità Struttura del sistema documentale e requisiti relativi alla documentazione Struttura dei

Dettagli

SISTEMA DI GESTIONE SICUREZZA

SISTEMA DI GESTIONE SICUREZZA SISTEMA DI GESTIONE SICUREZZA Q.TEAM SRL Società di Gruppo Medilabor HSE Via Curioni, 14 21013 Gallarate (VA) Telefono 0331.781670 Fax 0331.708614 www.gruppomedilabor.com Azienda con Sistema Qualità, Salute

Dettagli

Sistema di gestione della Sicurezza

Sistema di gestione della Sicurezza Sistema di gestione della Sicurezza Dott. Ing. Giuseppe Giannelli Moasca, 18/06/2009 Aspetti generali Inquadramento nel D.Lgs. 81/08 L adozione di un sistema di gestione della sicurezza sul lavoro (SGSL),

Dettagli

LISTA DI RISCONTRO PER LE VERIFICHE ISPETTIVE DEL SGS

LISTA DI RISCONTRO PER LE VERIFICHE ISPETTIVE DEL SGS LISTA DI RISCONTRO PER LE VERIFICHE ISPETTIVE DEL IN STABILIMENTI SEMPLICI E AD ELEVATO LIVELLO DI STANDARDIZZAZIONE 1. Documento sulla politica di prevenzione, struttura del e sua integrazione con la

Dettagli

Introduzione alla norma UNI EN CEI ISO 50001:2011

Introduzione alla norma UNI EN CEI ISO 50001:2011 Ordine degli Ingegneri della Provincia di Roma Seminario di introduzione alla norma ISO 50001 ed ai Sistemi di Gestione per l Energia Integrazione con la legislazione Roma, 16/03/2016 Introduzione alla

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE RECANTE RATIFICA ED ESECUZIONE DELLA CONVENZIONE SULLA SALUTE E LA SICUREZZA DEI LAVORATORI, N. 187, FATTA A GINEVRA IL 15 GIUGNO

DISEGNO DI LEGGE RECANTE RATIFICA ED ESECUZIONE DELLA CONVENZIONE SULLA SALUTE E LA SICUREZZA DEI LAVORATORI, N. 187, FATTA A GINEVRA IL 15 GIUGNO DISEGNO DI LEGGE RECANTE RATIFICA ED ESECUZIONE DELLA CONVENZIONE SULLA SALUTE E LA SICUREZZA DEI LAVORATORI, N. 155, FATTA A GINEVRA IL 22 GIUGNO 1981, E RELATIVO PROTOCOLLO, FATTO A GINEVRA IL 22 GIUGNO

Dettagli

LA NUOVA NORMA UNI EN ISO 19011 SUGLI AUDIT DI SISTEMI DI GESTIONE PER LA QUALITA E AMBIENTALI

LA NUOVA NORMA UNI EN ISO 19011 SUGLI AUDIT DI SISTEMI DI GESTIONE PER LA QUALITA E AMBIENTALI Via I. De Blasi, 24 Alcamo 91011 (TP) LA NUOVA NORMA UNI EN ISO 19011 SUGLI AUDIT DI SISTEMI DI GESTIONE PER LA QUALITA E AMBIENTALI UNI EN ISO 19011!" #! UNI EN ISO 19011 Il punto 4 descrive i principi

Dettagli

Organizzazione e sistemi di gestione

Organizzazione e sistemi di gestione Organizzazione e sistemi di gestione Sistema di Gestione della Sicurezza e Salute del Lavoro: Elementi fondamentali ed integrazione con i sistemi di gestione per la Qualità e l Ambientel 1 Termini e definizioni

Dettagli

Il Piano di montaggio, uso e smontaggio del ponteggio - PiMUS

Il Piano di montaggio, uso e smontaggio del ponteggio - PiMUS Il Piano di montaggio, uso e smontaggio del ponteggio - PiMUS a cura di Francesco Botte Delta Consulting S.a.S. w w w. d e l t a c o n s u l t i n g f e l t r e. e u aprile 2010 Indice Il PiMUS 3 La persona

Dettagli

1 La politica aziendale

1 La politica aziendale 1 La Direzione Aziendale dell Impresa Pizzarotti & C. S.p.A. al livello più elevato promuove la cultura della Qualità, poiché crede che la qualità delle realizzazioni dell Impresa sia raggiungibile solo

Dettagli

VISION 2000 VISION 2000

VISION 2000 VISION 2000 VISION 2000 dalle QUALITA? ISO 9000 alle VISION 2000 SOMMARIO Aspetti generali, architettura e caratteristiche delle norme Evoluzione dei contenuti Ricadute sui processi di certificazione Applicazione

Dettagli

La certificazione della sicurezza secondo la Norma BS OHSAS 18001:2007

La certificazione della sicurezza secondo la Norma BS OHSAS 18001:2007 La certificazione della sicurezza secondo la Norma BS OHSAS 18001:2007 Il tema della sicurezza e salute nei luoghi di lavoro è una priorità sulla quale occorre concentrare l'attenzione date le dimensioni

Dettagli

UNI EN ISO 9001:2008 Sistemi di Gestione per la Qualità: requisiti e guida per l uso

UNI EN ISO 9001:2008 Sistemi di Gestione per la Qualità: requisiti e guida per l uso SORVEGLIANZA E CERTIFICAZIONI UNI EN ISO 9001:2008 Sistemi di Gestione per la Qualità: requisiti e guida per l uso Pagina 1 di 10 INTRODUZIONE La Norma UNI EN ISO 9001:2008 fa parte delle norme Internazionali

Dettagli

TÜV Italia. La norma BS OHSAS 18001:2007: requisiti e correlazioni con il nuovo testo unico D.Lgs. 81/08

TÜV Italia. La norma BS OHSAS 18001:2007: requisiti e correlazioni con il nuovo testo unico D.Lgs. 81/08 TÜV Italia La norma BS OHSAS 18001:2007: requisiti e correlazioni con il nuovo testo unico D.Lgs. 81/08 Stefano Tarlon Sector Manager Sicurezza TUV Italia S.r.l. Normativa italiana Evoluzione degli standard

Dettagli