Internet e il servizio della Parola di Dio

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Internet e il servizio della Parola di Dio"

Transcript

1 UNIVERSITÀ PONTIFICIA SALESIANA Facoltà di Teologia Sezione di Torino LICENZA DI TEOLOGIA PASTORALE Studente: Paolo Curtaz Matricola 8086T Internet e il servizio della Parola di Dio Analisi critica di alcune omelie presenti nei maggiori siti web cattolici italiani Relatore: prof. Marco Rossetti Anno Accademico 2010/2011

2 A Jakob e Luisella A Mons. Arrigo Miglio che ha incoraggiato questo lavoro Agli internauti cercatori di Dio

3 SOMMARIO 1. Introduzione 1.1 L irrompere del web nell evangelizzazione: una sfida per la Chiesa 1.2 Dalla curiosità dei primi tempi all impegno dell oggi 1.3 Nuove frontiere, nuovi orizzonti per l evangelizzazione 1.4 Metodologia del lavoro 2. L omelia: definizione di criteri di validità 2.1 Un problema metodologico, l assenza di una definizione sintetica, comune e condivisa 2.2 Omelia: dalla ridefinizione Conciliare alla crisi dell oggi 2.3 Come deve essere l omelia secondo il Magistero 2.4 Come deve essere l omelia secondo la Liturgia 2.5 L irrinunciabile apporto dell esegesi biblica nell omiletica 2.6 Una nuova frontiera: le scienze della comunicazione 2.7 Una griglia di interpretazione 3. Analisi dei testi 3.1 Criteri per la scelta di alcune omelie 3.2 La scelta degli autori 3.3 La scelta del tempo liturgico: l Avvento 3.4 Nota metodologica 3.5 Analisi di alcune omelie esemplari Mons. Vincenzo Paglia Ermes Ronchi Mons. Antonio Riboldi 4. Considerazioni generali conclusive 4.1 Una valutazione complessiva del campione analizzato 4.2 I problemi dell uso corretto delle omelie come sussidi da mediare e incarnare 4.3 Piccolo vademecum per l uso corretto delle omelie in internet 4.4 Uno sguardo prospettico 5. Appendice Testi delle omelie analizzate 6. Bibliografia 7. Indice generale

4 Sigle e abbreviazioni AT CEI DV Gr ICT IGMR LV MB NT OLM RL RPL SC Antico Testamento. Conferenza Episcopale Italiana. Costituzione dogmatica del Concilio Vaticano II Dei Verbum sulla divina rivelazione, Città del Vaticano 18 novembre Gregorianum. Information & Comunication Technologies. Institutio generalis Missalis Romani in ed. it.: Principi e norme per l uso del Messale Romano, in Messale Romano riformato a norma dei Decreti del Concilio Ecumenico Vaticano II e promulgato da Papa Paolo VI, CONFERENZA EPISCOPALE ITALIANA, Libreria Editrice Vaticana, Roma Lumen Vitae. Le Monde de la Bible. Nuovo Testamento. Ordo Lectionum Missae in ed.it.: Ordinamento delle letture della Messa in Lezionario domenicale e festivo, vol. 1, Libreria Editrice Vaticana, Città del Vaticano Rivista Liturgica. Rivista di pastorale liturgica. Costituzione del Concilio Vaticano II Sacrosanctum Concilium sulla sacra liturgia, Città del Vaticano, 4 dicembre VD Esortazione Apostolica Postsinodale Verbum Domini Città del Vaticano, 11 novembre VP Vita pastorale. 4

5 1. Introduzione 1.1 L irrompere del web nell evangelizzazione: una sfida per la Chiesa Nella millenaria opera di evangelizzazione della Chiesa, assistiamo, nell ultimo decennio, alla nascita e alla rapida espansione di un nuovo strumento, all inizio guardato solo con curiosità e, ora, studiato con maggiore attenzione: la rete di internet. Lo strumento di internet, l evoluzione tecnologica e la diffusione dei personal computer, l adeguamento delle reti di supporto hanno aumentato esponenzialmente la possibilità di comunicazione fra le persone, procurando una svolta epocale nel percorso dell umanità. Attraverso il web (World Wide Web) un quarto dell umanità ha la possibilità di informarsi, di dialogare, di condividere materiale, di lavorare, di commerciare: davvero la rivoluzione informatica sta attuando una possente accelerazione nell incontro fra le culture e nel cambiamento della società, paragonabile a quella che fu la rivoluzione industriale. 1 La Chiesa non poteva certo restare alla finestra a guardare un fenomeno così imponente: perciò lo strumento di internet ha rapidamente occupato uno spazio ragguardevole nella riflessione ecclesiale e nella pastorale, ricevendo fin dall inizio una valutazione positiva. Come scrive papa Giovanni Paolo: «Per la Chiesa il nuovo mondo del ciberspazio esorta alla grande avventura di utilizzare il suo potenziale per annunciare il messaggio evangelico. Questa sfida è l'essenza del significato che, all'inizio del millennio, rivestono la sequela di Cristo e il suo mandato prendi il largo : Duc in altum! (Lc 5,4)». 2 E, ancora, rivolto agli operatori della comunicazione, scrive: «Non abbiate paura delle nuove tecnologie! Esse sono tra le cose meravigliose inter mirifica che Dio ci ha messo a disposizione per scoprire, usare, far conoscere la verità, anche la verità sulla nostra dignità e sul nostro destino di figli suoi, eredi del suo Regno eterno». 3 1 Dati attendibili parlano di 2,2 miliardi di persone connesse nel Fonte: 2 GIOVANNI PAOLO II, Internet: nuovo forum per annunciare il Vangelo. Città del Vaticano, Libreria Editrice Vaticana 2002, n ID., Il rapido sviluppo. Lettera Apostolica ai responsabili delle comunicazioni sociali (21 febbraio 2005), Libreria Editrice Vaticana, Città del Vaticano

6 Il Magistero ha inizialmente osservato con interesse l evoluzione di internet, per poi avviare un approfondimento sul suo utilizzo; nel frattempo, a partire dalle singole persone e dalle aggregazioni ecclesiali, parrocchie, movimenti, associazionismo, si è assistito alla nascita e alla diffusione di migliaia di siti cattolici, 4 di blog, e, recentemente anche i temi di fede hanno ritagliato un loro spazio nei social network. 5 Non tutta la presenza cattolica nel web, tuttavia, è qualificata e competente, come per altro accade in molti altri campi in internet, ma, certamente, essendo un grande movimento di massa e popolare, il web rappresenta una nuova agorà in cui potere proclamare il vangelo di Dio. Dal nostro punto di vista o la Chiesa raccoglie la sfida del nuovo strumento o rischia di perdere la possibilità di essere ascoltata dalle nuove generazioni. A questo riguardo scrive mons. Jean-Michel di Falco Léandri, Vescovo di Cap e d Embrun, e Presidente della Commissione episcopale europea per i media: «Con Internet, assistiamo a una rivoluzione copernicana che sta già producendo i suoi effetti sul nostro modo di essere nella nostra relazione con il mondo, nel nostro collocarci nel mondo, nel nostro interagire con il mondo. Qui si inserisce la presa di coscienza della Chiesa istituzionale riguardo all'importanza di internet. Nessun dubbio. E a maggior ragione oggi. Ma saper navigare cavalcando l onda di internet è tutta un altra storia. Internet è un rivelatore, un evidenziatore. O sapete comunicare, o non sapete farlo, o siete credibili o non lo siete, o rispondete alle attese o restate nella vostra bolla, o siete un profeta o siete l ultimo dei Mohicani, o siete vivi o siete dei fossili, o conoscete il linguaggio di internet o non lo conoscete e non potete comunicare. Paragono spesso la modalità di presenza della Chiesa nel mondo dei media e in internet a ciò che viene richiesto a un missionario che si accinge a partire per terre sconosciute» Dalla curiosità dei primi tempi all impegno odierno Negli ultimi decenni, numerosi sono stati gli autorevoli interventi magisteriali sugli strumenti della comunicazione sociale e la nuova frontiera di internet. Precursore, anche in questo caso, è stato Papa Giovanni Paolo II, con il messaggio per la XXXVI Giornata delle 4 Al 1 dicembre il maggiore portale dei siti cattolici, recensisce ben siti in lingua italiana. 5 Al 1 giugno 2010 su Facebook, il più diffuso social network mondiale, segnala oltre 500 gruppi di discussione in lingua italiana legati alla figura di Gesù Cristo. 6 J.M. DI FALCO LÉANDRI, Prolusione all Assemblea plenaria della commissione del Consiglio delle Conferenze episcopali d Europa su La cultura di Internet e la comunicazione della Chiesa, 12 novembre 2009; 6

7 comunicazioni sociali, «Internet: nuovo forum per annunciare il Vangelo», 7 cui è seguita la lettera apostolica «Il rapido sviluppo» del 21 febbraio Sulla stessa scia Papa Benedetto XVI ha pubblicato, in occasione della Giornata Mondiale delle comunicazioni sociali, due messaggi: «Nuove tecnologie, nuove relazioni. Promuovere una cultura di rispetto, di dialogo, di amicizia» 9 e il più recente «Il sacerdote e la pastorale nel mondo digitale: i nuovi media al servizio della Parola». 10 In quest ultimo testo, Papa Benedetto scrive: «Ai sacerdoti è richiesta la capacità di essere presenti nel mondo digitale nella costante fedeltà al messaggio evangelico, per esercitare il proprio ruolo di animatori di comunità che si esprimono ormai, sempre più spesso, attraverso le tante voci scaturite dal mondo digitale, e annunciare il Vangelo avvalendosi, accanto agli strumenti tradizionali, dell apporto di quella nuova generazione di audiovisivi (foto, video, animazioni, blog, siti web), che rappresentano inedite occasioni di dialogo e utili mezzi anche per l evangelizzazione e la catechesi». 11 Da segnalare, in questo contesto, il documento del Pontificio Consiglio delle Comunicazioni Sociali su internet 12 e l intensa attività della Conferenza Episcopale Italiana, in particolare con i convegni dedicati alla evangelizzazione attraverso il web: «Parabole mediatiche. Fare cultura nel tempo della comunicazione» nel e il recente «Testimoni digitali» del In tutti questi documenti emerge un dato interessante: la Chiesa, il cui mandato è l annuncio del Vangelo, intende essere presente nel mondo del web per assolvere alla sua missione con uno stile proprio, ponendosi in dialogo col vasto e complesso mondo di internet. Possiamo notare un evoluzione di pensiero nella proposta pastorale della Chiesa concernente i mezzi di comunicazione sociale a partire dal Concilio Vaticano II fino ad oggi GIOVANNI PAOLO II, Internet: nuovo forum per annunciare il Vangelo. Città del Vaticano, Libreria Editrice Vaticana ID., Il rapido sviluppo. Lettera Apostolica ai responsabili delle comunicazioni sociali (21 febbraio 2005), Libreria Editrice Vaticana, Città del Vaticano BENEDETTO XVI, Nuove tecnologie, nuove relazioni. Promuovere una cultura di rispetto, di dialogo, di amicizia. Messaggio per la 43 Giornata delle comunicazioni sociali, Città del Vaticano, Libreria Editrice Vaticana ID., Il sacerdote e la pastorale nel mondo digitale: i nuovi media al servizio della Parola Messaggio per la 44 Giornata delle comunicazioni sociali, Città del Vaticano, Libreria Editrice Vaticana ID., Il sacerdote, PONTIFICIO CONSIGLIO DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI, La Chiesa e internet (22 febbraio 2002), Città del Vaticano 2002, Breve sintesi in: J.M., DI FALCO LEANDRI, Prolusione all Assemblea plenaria della commissione del 7

8 Se, all inizio, la Chiesa si preoccupa di richiamare gli operatori della comunicazione sociale alle loro responsabilità etiche, ai loro doveri di carità e giustizia, visto l enorme influsso esercitato sulle masse dalle opinioni pubbliche, 16 e invita i cattolici ad essere presenti nel mondo dell editoria, della cinematografia e della radiotelevisione, 17 l abbattimento di ogni frontiera e distinzione operata dal web porta la Chiesa ad essere presente in prima linea nel mondo virtuale, cogliendo la potenzialità di uno strumento che rende ogni tipo di informazione e di comunicazione fruibile ovunque in tempo reale, senza costi, senza intermediari, senza barriere. Non è più solo la Chiesa nel suo aspetto organizzativo ed istituzionale a occuparsi attivamente dei mezzi della comunicazione sociale, ma ogni cristiano è chiamato a diventare evangelizzatore in rete. Come scrive efficacemente il Pontefice Paolo VI riguardo ai nuovi strumenti per la comunicazione: «la Chiesa si sentirebbe colpevole davanti al suo Signore, se non adoperasse questi mezzi per l evangelizzazione» Nuove frontiere, nuovi orizzonti per l evangelizzazione Una delle caratteristiche del web e della fruizione di internet è la sua espansione esponenziale e la sua potenzialità comunicativa che, ad oggi, sembra illimitata. Coloro che vivono in presa diretta questa rapida evoluzione, resa possibile grazie al progresso dei mezzi tecnologici, all abbassamento dei costi degli stessi e all implementazione delle reti di connessione, parlano ormai di una seconda fase della comunicazione su internet. Se la prima fase, quella degli esordi della prima metà degli anni 90 del secolo scorso, 19 rendeva possibile l uso di informazioni presenti sui siti e la comunicazione fra i soggetti attraverso la posta elettronica, la seconda fase, chiamata in gergo Web 2.0, 20 è caratterizzata da un forte incremento dell aspetto dinamico e relazionale del web, grazie alla nascita di chat, di blog, di forum, dalla diffusione dei social network, dalla possibilità di Consiglio delle Conferenze episcopali d Europa su La cultura di Internet e la comunicazione della Chiesa, 12 novembre 2009; 16 Inter mirifica, Decreto sugli strumenti della comunicazione sociale, n ID., n PAOLO VI, Esortazione Apostolica, Evangelii Nuntiandi, n La data di nascita del World Wide Web viene comunemente il 6 agosto 1991, giorno in cui l'informatico inglese Tim Berners-Lee pubblicò il primo sito web. 20 Gli scettici replicano che il termine Web 2.0 non ha un vero e proprio significato, in quanto questo dipende esclusivamente da ciò che i propositori decidono che debba significare per cercare di convincere i media e gli investitori che stanno creando qualcosa di nuovo e migliore, invece di continuare a sviluppare le tecnologie esistenti, e gli preferiscono il termine New Web. 8

9 pubblicare sul web materiale audio e video. Si è passati, cioè, dalla fruizione statica del web ad una spiccata interazione fra i navigatori della rete. Per quanto indagato più specificatamente, i siti cattolici ufficiali, da quello del Vaticano a quello della CEI, tendono a restare siti statici, molto articolati e ricchi di informazioni, ma con pochissime possibilità di interazione; molti dei siti e delle realtà cattoliche presenti sul web, nati spontaneamente negli ultimi anni, invece, hanno una maggiore tendenza all interattività. Fra i siti di maggiore successo, meritano particolare attenzione quelli che, proprio in nome dell interazione, offrono materiale per la pastorale e raccolgono lo stesso materiale per metterlo a disposizione di tutti. È il caso del più famoso portale di materiale pastorale online italiano, qumran2.net, che, con tre milioni e mezzo di accessi e oltre cinquantotto milioni di files scaricati, si pone come capofila nella presenza dei cattolici in rete. Sul sito in oggetto, non è solo possibile scambiare materiale per la pastorale, ma anche «dialogare» con riservatezza con un sacerdote (oltre 800 a disposizione nella sezione preti online): è una nuova frontiera di evangelizzazione che può portare molti frutti, anche se non è esente da qualche rischio. 21 Anche in ambito omiletico constatiamo la diffusione in rete di numerosi sussidi informatici di predicazione, organizzati per tempo liturgico e di facile utilizzo da parte dei presbiteri che vogliono trovare degli spunti di riflessione per la propria omelia domenicale o da parte dei laici che vogliano leggere un omelia diversa da quella udita durante la celebrazione eucaristica cui partecipano abitualmente. In genere si tratta di omelie redatte da parroci, da laici, da monasteri, da movimenti ecclesiali, destinate anche a soggetti particolari (ai ragazzi, ad esempio): un materiale variegato e di facile fruizione, gratuito e a disposizione di tutti. Un materiale presente in grande abbondanza, che, di fatto, sta sostituendo i tradizionali sussidi di omiletica sinora conosciuti. 22 In questa grande varietà di scelta, tuttavia, è insito un rischio: quello di sminuire o di vanificare il doveroso compito del pastore di attualizzare la Parola celebrata con la propria comunità. Si segnalano, infatti, abusi di pastori che, a causa delle loro sempre maggiori incombenze e forse anche di un poco di pigrizia mentale, giungono alla pessima abitudine, 21 Sui limiti dell evangelizzazione in web che non può sostituirsi ad una comunità ecclesiale reale, cfr. PONTIFICIO CONSIGLIO DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI, La Chiesa e internet (22 febbraio 2002), Città del Vaticano 2002, Per dare una dimensione del fenomeno: solo sul sito al 1 dicembre 2010, sono presenti oltre omelie scaricabili gratuitamente, con una media di 60 diverse omelie per ogni domenica. 9

10 segnalata da molte persone, di salire all ambone e leggere un omelia scaricata da internet pochi minuti prima della Celebrazione Eucaristica. La nostra ricerca nasce proprio da questa duplice constatazione: da una parte la massiccia presenza di omelie accessibili gratuitamente; dall altra il loro sempre maggiore utilizzo non come fonte di ispirazione, ma come testo immediatamente utilizzabile. In relazione a quanto sopra, è nostra intenzione occuparci di alcune questioni che nascono da una serie di interrogativi di vario ordine: le omelie fruibili su internet sono valide? Seguono i criteri impostati dalla riflessione conciliare? Sviluppano l esegesi spirituale auspicata dal Concilio Vaticano II? 23 A partire dalla campionatura di alcune di queste omelie, è possibile farsi un idea dello stile e dei contenuti delle omelie che si ascoltano nelle nostre chiese italiane? E a partire da quali criteri possiamo valutarne l efficacia? Che giudizio possiamo dare di questa innovativa forma di divulgazione che, presumibilmente, si amplierà? Dell uso delle omelie in internet, della loro qualità, della loro potenzialità, dei loro limiti, vuole parlare questa ricerca. 1.4 Metodologia del lavoro: dall analisi delle indicazioni magisteriali e degli apporti della scienza della comunicazione, alla scelta delle omelie da analizzare, alla valutazione delle stesse. La diffusione di internet nel mondo cattolico offre nuove opportunità di evangelizzazione: nel vasto materiale pastorale a disposizione di chi accede alla rete ci vogliamo occupare delle omelie. Come muoverci, però, in questa ricerca? Il nostro è un lavoro che si svolge nell ambito della teologia pastorale. La teologia pastorale è una disciplina teologica che, in base all'osservazione della vita e delle azioni di una Chiesa particolare, elabora le teorie ritenute più opportune per fornire i criteri d'intervento correttivo sulla prassi ecclesiale. Il suo oggetto ed il suo metodo, quindi, non possono essere fatti derivare dalle altre discipline teologiche poiché richiedono la comprensione della situazione umana nella sua particolarità storica, contingenza e sviluppo sperimentale per elaborare criteri metodologici adatti ed efficaci. 23 DV, n

11 Il suo metodo comportava, tradizionalmente, la applicazione di principi astratti a situazioni specifiche (con certe abilità e virtù accessorie). Il pensiero contemporaneo tende, però, ad abbracciare concezioni più dinamiche e dialettiche in cui non si mettono a confronto i principi teologici, dedotti da altre discipline, ma, a partire dall incontro della dottrina con le situazioni concrete, si elaborano dei criteri per intervenire più efficacemente sulla prassi. 24 Nella universale e millenaria missione evangelizzatrice della Chiesa fisseremo lo sguardo sull omelia inserita nell ambito proprio della liturgia. Di fatto l omelia resta lo strumento di evangelizzazione e di catechesi più diffuso in Italia: studi recenti ci dicono che nel 1999 almeno il 43% degli italiani partecipava all eucarestia un paio di volte al mese (erano il 41% nel 1990); indicativamente oltre venti milioni di italiani ascoltano una o più omelie nell arco di un mese. 25 Che giudizio danno delle omelie che ascoltano? Sono aiutati nella loro crescita di fede? Si tratta, perciò, di un lavoro empirico, perché vogliamo partire dalle omelie pubblicate in internet da autori diversi per compiere un lavoro di analisi; al contempo si tratta di un lavoro critico, perché vogliamo tentare una valutazione sulla validità di tali omelie. Da un punto di vista metodologico, dovremo anzitutto tentare una definizione di «omelia», a partire da criteri oggettivi che possano farci da punti di riferimento per esprimere un giudizio. Proveremo a sintetizzare il percorso magisteriale dal Concilio in avanti, attinente proprio l omelia: documenti del Concilio, esplicitazioni successive, documenti inerenti l applicazione della riforma liturgica, documenti inerenti l interpretazione della Parola di Dio. Ma, proprio perché la nostra è una ricerca svolta in ambito pastorale, dovremo anche tener conto di ciò che le scienze umane, non solo la teologia e le sue applicazioni, ci suggeriscono: in particolare quelle che hanno a che fare con la comunicazione e con la sua efficacia. Dai dati del Magistero e dai suggerimenti delle scienze della comunicazione, peraltro già ampiamente recepite proprio nei documenti più recenti, elaboreremo qualche criterio di valutazione oggettiva delle omelie presenti sul web. 24 Per una introduzione storica dello sviluppo della Teologia pastorale o pratica si veda MIDALI, M., Teologia pastorale o pratica. Cammino storico di una riflessione fondante e scientifica, in ISTITUTO DI TEOLOGIA PASTORALE DELLA FACOLTÀ DI TEOLOGIA DELL UNIVERSITÀ PONTIFICIA SALESIANA (edd.), Studi di Teologia pastorale, LAS, Roma 1985, GARELLI, F., La Chiesa in Italia, Il Mulino, Milano 2007, nostra elaborazione. 11

12 2. L omelia: definizione di criteri di validità Posto quanto appena detto sugli obiettivi, affrontiamo subito il problema metodologico di partenza: esistono dei criteri condivisi da usare per stabilire la validità di un omelia? 2.1 Un problema metodologico: l assenza di una definizione sintetica, comune e condivisa di omelia A chi volesse conoscere con precisione in che cosa debba consistere un omelia, salta subito agli occhi l assenza di un unica definizione sintetica, comune e condivisa della stessa. Se anche nella storia moltissime sono state le riflessioni su come debba essere un omelia, sul linguaggio da usare, sui temi da trattare, 26 lo studioso contemporaneo deve armarsi di pazienza e attingere a diverse fonti per arrivare ad una definizione di omelia che sia quanto più possibile condivisa. A partire dalla riforma liturgica avviata dal Concilio Vaticano II che ha inteso riformare anche l omelia, senza, però, entrare troppo nello specifico, fino ai documenti successivi e alle indicazioni dei libri liturgici, possiamo individuare un percorso che giunge a tracciare una definizione che ci permetta di valutare in maniera critica il materiale omiletico presente sul web? Possiamo, inoltre, accanto ai criteri di ordine magisteriale, liturgico, esegetico, farci aiutare dalle scienze della comunicazione sociale per stabilire quali tecniche comunicative mettere in atto al fine di promuovere una comunicazione efficace? Nel mondo della comunicazione e della forma, è illusorio supporre che solo il contenuto sia sufficiente a coinvolgere l uditore contemporaneo, abituato e talora assuefatto ad una comunicazione emozionale, impattante, coinvolgente che, spesso, esalta la forma a scapito del contenuto ed è perciò essenziale elaborare dei criteri di validità riguardanti la forma dell omelia. Perciò, come primo passo della nostra ricerca, stabiliremo una serie di criteri obiettivi per la valutazione delle omelie prese in esame. 26 Si confrontino, ad esempio, i contributi raccolti in SODI, M., TRIACCA, A., (edd.), Dizionario di omiletica, LDC-Velar, Leumann-Bergamo , soprattutto nelle voci che parlano della storia dell omelia. Vedi anche BISCONTIN, C., Predicare oggi: perché e come, Queriniana, Brescia, 2001,

13 Saranno criteri di tipo magisteriale, dedotti dal Concilio Vaticano II e dal documento elaborato in vista del terzo millennio: «Il presbitero, maestro della parola, ministro dei sacramenti e guida per la comunità in vista del terzo millennio», 27 che ci dicano in cosa deve consistere l omelia e che tengano conto delle nuove potenzialità della comunicazione e dei suoi strumenti; criteri di tipo liturgico, attingendo alle indicazione contenute delle nelle introduzioni al Messale Romano 28 e al Lezionario 29 e cogliendo anche alcuni suggerimenti dell ormai quarantennale esperienza della riforma liturgica; criteri di tipo esegetico: i) a partire dai documenti «Il popolo ebraico e le sue sacre scritture nella Bibbia cristiana», 30 «L interpretazione della Bibbia nella vita della chiesa», 31 dall autorevole e recente Esortazione apostolica post-sinodale «Verbum Domini», 32 frutto del Sinodo dei Vescovi sulla Parola di Dio; 33 ii) distinguendo il tipo di approccio esegetico (storico critico, simbolico, narrativo, retorico) degli autori delle omelie prese in esame; criteri, infine, che attingano dalla scienza delle comunicazioni sociali sapendo bene che la forma della comunicazione, oggi, riveste un importanza decisiva. 34 Ma, prima, dobbiamo provare a leggere la realtà ecclesiale che stiamo vivendo, e tenere conto del giudizio severo che la maggior parte del popolo di Dio esprime riguardo alle omelie nelle celebrazioni cui partecipa, al punto da far dire al Relatore Generale del recente Sinodo dei Vescovi sulla Parola di Dio: «Nonostante la riforma di cui l omelia è stata oggetto al Concilio, sperimentiamo ancora l insoddisfazione di molti fedeli nei confronti del ministero della predicazione. Questa insoddisfazione spiega in parte la fuga di molti cattolici verso altri gruppi religiosi» CONGREGAZIONE PER IL CLERO, Il presbitero, maestro della parola, ministro dei sacramenti e guida per la comunità in vista del terzo millennio, Città del Vaticano CONFERENZA EPISCOPALE ITALIANA, Messale Romano, Libreria Editrice Vaticana, Città del Vaticano CONFERENZA EPISCOPALE ITALIANA, Lezionario domenicale e festivo, vol.1, Libreria Editrice Vaticana, Città del Vaticano PONTIFICIA COMMISSIONE BIBLICA, Il popolo ebraico e le sue sacre scritture nella Bibbia cristiana, Libreria Editrice Vaticana, Città del Vaticano PONTIFICIA COMMISSIONE BIBLICA, L interpretazione della Bibbia nella vita della chiesa, Libreria Editrice Vaticana, Città del Vaticano BENEDETTO XVI, Verbum Domini. Esortazione apostolica postsinodale, Libreria Editrice Vaticana, Città del Vaticano XII ASSEMBLEA ORDINARIA DEL SINODO DEI VESCOVI : «La Parola di Dio nella vita e nella Missione della Chiesa», Roma, 6-26 ottobre Cfr.: CONGREGAZIONE PER IL CLERO, Il presbitero, maestro della parola, ministro dei sacramenti e guida per la comunità in vista del terzo millennio, Città del Vaticano 1999, n.2. 13

14 Se la Chiesa fatica a coinvolgere i suoi figli nel cammino di fede, uno dei temi dolenti è proprio la scarsa qualità della predicazione durante le assemblee eucaristiche. 2.2 Omelia: dalla ridefinizione Conciliare alla crisi dell oggi Il Concilio ha voluto affrontare il tema della liturgia dalle radici e ha collegato il momento omiletico all atto liturgico nel suo complesso, legandolo intimamente alla Parola di Dio appena proclamata, alla liturgia e alla storia della salvezza. A quarant anni dall applicazione della riforma, però, molte cose sono ancora da fare e uno degli aspetti più problematici riguarda proprio l omelia. L insoddisfazione dei fedeli nei confronti dell omelia rappresenta un punto di criticità anche per i vescovi come abbiamo appena letto; ne troviamo inoltre conferma a partire dall esperienza quotidiana e dalle ricerche che si stanno compiendo sul tema. Basta girare l Italia e partecipare ad alcune celebrazioni eucaristiche per farsi un idea purtroppo negativa della qualità delle omelie che si ascoltano. 36 Nelle nostre chiese generalmente ci si imbatte in omelie che non hanno alcuna attinenza con le letture appena proclamate, altre che abbondano di forzature sentimentalistiche con l uso improprio di aggettivi ridondanti e di iperboli, facendo sembrare l omelia una recita impropria ed eccessiva. Altrove ci si imbatte in pericolosi cedimenti nei confronti del devozionismo, mettendo sullo stesso piano la proclamazione della Parola di Dio e la sana tradizione della Chiesa con le forme devozionali più discutibili. Ancora, si assiste ad omelie eccessivamente didattiche, con il celebrante più preoccupato di far sfoggio della propria cultura che della comprensione profonda del mistero, che tratta gli uditori come degli studenti di teologia o, peggio, come degli irriducibili ignoranti da istruire. Non mancano nelle odierne omelie derive moralistiche, con generalizzazioni o prescrizioni massimaliste, perentorie, al punto che nel linguaggio contemporaneo il termine «predica» ha assunto una connotazione fortemente negativa, di inutile rimbrotto. Omelie troppo lunghe, 37 troppo noiose, autoreferenziali che poco hanno a che vedere con la vita reale, se non per 35 OUELLET, M., Relatio ante disceptationem, XII Assemblea Ordinaria del Sinodo dei Vescovi, in GIRAUDO, C., Aiutare l assemblea ad ascoltare la Parola, RL 6 (2008), Prendo questa impietosa analisi da BISCONTIN, C., Predicare, Molto interessante, sullo stile celebrativo, l articolo di SANTANTONI, A., L arte del celebrare: uno stile per comunicare in AA.VV., L arte del celebrare, Atti della XXVII Settimana di studio dell Associazione Professori di Liturgia, CLV, Roma 1999, 76-90, che analizza gli eccessi degli stili celebrativi, non solo limitati all omelia. 37 Quanto deve essere lunga una buona omelia? Riflessione interessante ed esaustiva in SODI, M., Tempo dedicato alla predicazione oggi in SODI, M. TRIACCA, A., (edd.), Dizionario,

15 giudicarla in malo modo, senza speranza, senza una reale e percorribile possibilità di cambiamento e di conversione. Conclude, sconsolato, il direttore della rivista «Servizio della Parola»: «Un discorso che voglia essere seguito e trovato interessante deve avere un riferimento preciso a ciò che gli ascoltatori sperimentano come rilevante nella loro esistenza, Essi vivono gioie e dispiaceri, speranza e delusioni, successi e sconfitte, preoccupazioni e attese ( ). In che rapporto sta l omelia che essi stanno ascoltando con queste loro passioni? Vi trovano una qualche luce, un conforto, un sostegno, una speranza, un incoraggiamento? È la relazione tra i contenuti e i modi dell omelia da una parte e le dimensioni reali dell esistenza di chi l ascolta dall altra che determina la serietà e l interesse dell omelia». 38 Un giudizio severo, insomma, confermato anche dagli studi più scientifici. L impressione generale che se ne ricava è quella di omelie con una scarsa qualità religiosa. In molte di esse il cammino di fede del fedele non è l orizzonte in cui far vibrare la Parola di Dio e la celebrazione, e la pessima padronanza del processo comunicativo ne sviliscono il contenuto. Alcuni celebranti operano una inutile complicazione del linguaggio, applicando all omelia il processo del ragionamento teologico, sconosciuto ai più, e usando termini incomprensibili, tecnici, o desueti, un vero e proprio «ecclesialese». 39 Nell interessante studio sociologico che ha coinvolto tutte le Diocesi della Regione Ecclesiastica Piemontese sulla recezione della riforma liturgica 40 ad esempio, emerge un dato che fa molto riflettere, ed è il giudizio dei fedeli nei confronti dell omelia. «Sulla questione dei contenuti omiletici l inchiesta è esplicita ( ). Pare che la nostra omiletica non esca malconcia, ottenendo un sostanziale indice di gradimento pari al 68,8%, raccolto più fra i ceti culturalmente modesti che fra quelli più impegnati. Tale indice è in parte confermato dalle risposte alle domanda: In che misura è presente l attenzione durante l omelia?. Un buon 49,8% risponde molto ( ). Tuttavia questo guizzo di ottimismo si ridimensiona perché il 45,7% risponde «poco» e il 4,5% risponde nulla. Una percentuale così poco marcata ci dice che nelle nostre omelie c è almeno qualcosa da rivedere». 41 Peggio: per quanto riguarda l omelia durante il Rito delle Esequie (domanda n. 45) il 91,4% dei Presbiteri dice che si propone un omelia ben centrata sulla Parola e sull Evento 38 BISCONTIN, C., Predicare, Provocatorie le «Dieci regole per non farsi capire, parlando in ecclesialese» in: BERETTA, R., Il piccolo ecclesialese illustrato, Ancora, Milano 2000, CRAVERO, D. (ed.), Una riforma in cammino, Effatà, Torino ALBERTAZZI, A., Indicazione al presbitero riguardo alla presidenza e all omelia, in CRAVERO, D. (ed.), Una riforma in cammino, Effatà, Torino 2007,

16 Pasquale, ma solo il 59,9% dei fedeli se ne accorge. Anzi, quando si chiede se l omelia include elogi funebri e riferimenti anche molto personali, risponde di «sì» il 51,1% dei fedeli, ma solo il 23,3% dei Presbiteri lo ammette. 42 Sembra che il giudizio sul proprio operato fra chi predica e chi ascolta, sia molto diverso. Probabilmente questa distanza deriva dalla formazione dei presbiteri maggiormente incentrata sul contenuto che non sulla forma, e sulla loro scarsa competenza in ambito comunicativo. Scrive Biscontin: «Sulla base della presunzione che chi ha qualcosa di valido da dire troverà spontaneamente anche il modo migliore per comunicarlo, il tempo dedicato all efficacia comunicativa o è assente o è molto scarso. ( ) La povertà di una certa preparazione retorica, teorica e pratica, nel curriculum di studi dei futuri preti, aggravatasi dopo la riforma conciliare e solo di recente un po riconsiderata, fa sentire tutto il suo peso». 43 Una cosa è evidente: l omelia necessita di una ridefinizione e i percorsi formativi dei seminari devono riconsiderare la formazione liturgica riguardanti questo aspetto. Proviamo, ora, ad elaborare dei criteri oggettivi che ci permettano di valutare criticamente le omelie presenti in internet. 2.3 Come deve essere l omelia secondo il Magistero La riflessione del Concilio Vaticano II Proprio il Concilio, mettendo a frutto i risultati del movimento liturgico, degli studi patristici e storico-teologici, ha dato vita ad una grande riforma liturgica che ha rivisitato anche il tema dell omelia. Di essa ha indicato la natura (è parte dell azione liturgica), le fonti (la Scrittura, la liturgia e la storia della salvezza), gli obiettivi (la presentazione dei misteri della fede e le norme della vita cristiana) e l uso (non deve omettersi nelle domeniche e nei giorni festivi). 44 Il testo di riferimento è la SC che recita: «Si raccomanda vivamente l'omelia, che è parte dell'azione liturgica. In essa nel corso dell anno liturgico vengano presentati i misteri della fede e le norme della vita cristiana, attingendoli dal testo 42 Dati rilevati dai risultati dell indagine della Commissione Liturgica Piemonte e Valle d Aosta: La recezione della Riforma liturgica in Piemonte e Valle d Aosta, Pro Manuscripto. 43 BISCONTIN, C., Predicare, Ibi 105/

17 sacro. Nelle messe della domenica e dei giorni festivi con partecipazione di popolo non si ometta l'omelia se non per grave motivo». 45 E aggiunge: «La predicazione poi attinga anzitutto alle fonti della sacra Scrittura e della liturgia, poiché essa è l annunzio delle mirabili opere di Dio nella storia della salvezza, ossia nel mistero di Cristo, mistero che è in mezzo a noi sempre presente e operante, soprattutto nelle celebrazioni liturgiche». 46 L omelia è inserita all interno della celebrazione liturgica, ne fa parte, è in intima comunione con quanto si sta celebrando, perciò è obbligatoria durante le liturgie festive. Se fa parte della celebrazione, è l intera liturgia che esprime e manifesta il mistero di Dio: non può esserci un omelia straordinaria in una celebrazione sciatta, o un pontificale solenne senza un omelia che richiami quanto si sta celebrando. A chi non è successo di ascoltare un omelia sovrabbondante, aulica, degna della migliore retorica, salvo poi assistere allo spettacolo deprimente del celebrante che, per stare nei tempi, ha svilito il resto della celebrazione, consacrazione compresa, correndo sulle parole con una fretta urtante? La finalità della predicazione è quella di spiegare ed approfondire «i misteri essenziali della fede», attingendo dalla Parola di Dio e dalla liturgia stessa che annunzia le mirabili opere di Dio nella storia della salvezza e, aggiungiamo, nella storia della comunità che celebra e del fedele che vi partecipa. I «misteri essenziali della fede», non le devozioni particolari del predicatore. I «misteri essenziali della fede», non le appendici, le sfumature incomprensibili ai più, le dispute teologiche, le raffinatezze esegetiche. Il Concilio richiama il criterio della gerarchia delle verità: non tutto, nel deposito della fede, è importante allo stesso modo. 47 L attenzione del buon omileta su questo aspetto lo spinge a capire a quale uditorio si sta rivolgendo, se questi possiede l essenziale della fede, capisce le parole che si usano, ha chiari i concetti basilari della fede. L esperienza ci dice che questo non accade più: l utenza media delle nostre comunità, salvo rare e lodevoli eccezioni, è composta da persone che non hanno alcuna formazione specifica riguardo alla fede se non qualche vago ricordo della catechesi per l iniziazione cristiana. Senza scivolare nel didatticismo, è essenziale usare termini comprensibili alla nostra cultura, non perdersi dietro a troppo sottili questioni teologiche, quasi sempre conosciute e capite solo 45 SC, n SC, n Leggiamo nell Unitatis Redintegratio, 2, 11: «Nel mettere a confronto le dottrine [i teologi] ricordino che esiste un ordine o gerarchia nelle verità della dottrina cattolica, essendo diverso il loro nesso col fondamento della fede cristiana». 17

18 dall omileta; nello stesso tempo occorre andare sempre all essenziale della fede, lasciando le questioni secondarie ad altro momento. La Parola e la liturgia annunciano le mirabili opere di Dio per l uomo, non passano il tempo a rimbrottare l uomo perché non vede queste meraviglie! L eccesso di moralismo è molto diffuso nelle nostre omelie: la prospettiva suggerita dal Concilio è, invece, quella di partire dall iniziativa di Dio, non dalla eventuale mancanza dell uomo. Nessuno si converte a partire dal negativo, ma solo indicando la Terra Promessa di una nuova umanità. Al centro dell omelia è posta anzitutto, ma non in maniera esclusiva, la Scrittura: «Nella celebrazione liturgica la sacra Scrittura ha una importanza estrema. Da essa infatti si attingono le letture che vengono poi spiegate nell'omelia e i salmi che si cantano; del suo afflato e del suo spirito sono permeate le preghiere, le orazioni e i carmi liturgici; da essa infine prendono significato le azioni e i simboli liturgici. Perciò, per promuovere la riforma, il progresso e l'adattamento della sacra liturgia, è necessario che venga favorito quel gusto saporoso e vivo della sacra Scrittura, che è attestato dalla venerabile tradizione dei riti sia orientali che occidentali». 48 Per meglio specificare l intenzione della riforma, il Consilium per l applicazione della Costituzione della Sacra liturgia, nel documento applicativo La sacra liturgia del 1964, completa così: «Per omelia, da tenersi dal testo sacro, si intende la spiegazione di qualche aspetto delle letture della Sacra Scrittura, o di altri testi dell ordinario o del proprio della messa del giorno, tenendo in debito conto il mistero celebrato e le particolari esigenze degli ascoltatori». 49 Il riferimento alla Scrittura rimane dunque centrale, ma non unico: l omileta può attingere dai testi eucologici e dal proprio per creare connessioni e rapporti di relazione fra omelie e liturgia. La succinta eppure profonda definizione di SC pone un serio problema alla validità delle omelie in internet e, in generale, dei sussidi omiletici: essi sono necessariamente generici, non conoscono la storia delle persone radunate in quella comunità e che stanno celebrando quella specifica eucarestia. Le omelie pensate da altri, anche da grandi e capaci omileti, avendo come riferimento un altra comunità, la propria, devono necessariamente essere mediate ed integrate con la concreta liturgia che si sta celebrando. Altro è predicare in una numerosa comunità popolare di una grande periferia, altro farlo ad un gruppo di religiose riunite per il ritiro mensile. 48 SC, n BISCONTIN, C., Predicare,

19 2.3.2 I documenti successivi La riforma liturgica attuata dal Concilio ha avuto bisogno di molto tempo per entrare a regime, apportando le dovute correzioni e creando una mentalità liturgica che a 40 anni di distanza sembra ancora essere in cammino. 50 Quella che è stata definita «la più colossale e rapida riforma di tutti i tempi», 51 aveva prodotto, nel 1980, la maggior parte dei testi liturgici, sia in latino che nella traduzione italiana, con riferimenti all omelia che vedremo più sotto. Il documento forse più interessante per la nostra ricerca è, come indicato, «Il presbitero, maestro della parola, ministro dei sacramenti e guida per la comunità in vista del terzo millennio». In esso troviamo una riflessione che vale la pena di riportare integralmente: «I presbiteri, nella loro qualità di cooperatori dei Vescovi, hanno anzitutto il dovere di annunziare a tutti il Vangelo di Dio, affinché (...) possano costruire e incrementare il Popolo di Dio. Proprio perché la predicazione della Parola non è mera trasmissione intellettuale di un messaggio, ma «potenza di Dio per la salvezza di chiunque crede» (Rm 1,16), attuata una volta per sempre in Cristo, il suo annuncio nella Chiesa richiede, negli annunciatori, un fondamento soprannaturale che garantisca la sua autenticità e la sua efficacia. La predicazione della parola da parte dei ministri sacri partecipa in un certo senso del carattere salvifico della Parola stessa non per il semplice fatto che essi parlino del Cristo, bensì perché annunciano ai loro uditori il Vangelo, con il potere di interpellare, che proviene dalla loro partecipazione alla consacrazione e missione dello stesso Verbo di Dio incarnato. All'orecchio dei ministri risuonano ancora quelle parole del Signore: «Chi ascolta voi, ascolta me; chi disprezza voi, disprezza me» (Lc 10,16), e possono dire con Paolo: «noi non abbiamo ricevuto lo spirito del mondo, ma lo Spirito di Dio per conoscere tutto ciò che Dio ci ha donato. Di queste cose noi parliamo, non con un linguaggio suggerito dalla sapienza umana, ma insegnato dallo Spirito, esprimendo cose spirituali in termini spirituali» (1Cor 2, 12-13). La predicazione rimane così configurata come un ministero che sgorga dal sacramento dell'ordine e che si svolge per autorità di Cristo. Tuttavia la forza dello Spirito Santo non garantisce nello stesso modo tutti gli atti dei ministri. Mentre nell'amministrazione dei sacramenti viene data questa garanzia, così che neppure il peccato del ministro può impedire il frutto della grazia, esistono molti altri atti in cui l impronta umana del ministro acquista una notevole importanza. Tale impronta può giovare, ma anche nuocere, alla fecondità apostolica della Chiesa. Sebbene il carattere di servizio debba impregnare l'intero munus pastorale, esso risulta particolarmente necessario nel ministero della predicazione, perché quanto più il ministro diventa veramente servo della Parola, e non il suo padrone, tanto più la Parola può elargire 50 GRILLO, A., Ciò che non muore e ciò che può morire della Riforma liturgica. Un bilancio in prospettiva, in CRAVERO, D. (ed.), Una riforma in cammino, Effatà, Torino 2007, ALBERTAZZI, A., Perché un inchiesta?, in ID., Una riforma,

20 la sua efficacia salvifica». 52 Il documento richiama il presbitero sia alla natura profonda del suo ministero di evangelizzatore sia a considerare la predicazione con particolare attenzione: se nell amministrazione dei sacramenti egli può fare affidamento sull efficacia garantita dall azione dello Spirito Santo, nella predicazione l azione umana rischia di prevalere e, addirittura, di arrecare danno alla fecondità apostolica. Il testo intende probabilmente richiamare i presbiteri al rischio di protagonismo, presente soprattutto nella celebrazione e nello specifico, nell omelia: essi sono servi della Parola, non i padroni della stessa. Il richiamo all importanza di questa sottomissione mette al centro della predicazione la Parola e non chi l amministra. È una profonda lettura teologica, quella che viene fatta: l omelia non deriva dall abilità dell omileta, ma da quanto egli si mette in ascolto della Parola, per spezzarla al suo popolo. Riguardo alle fonti dell omelia riprendendo le indicazione conciliari il documento dice: «Logicamente la fonte principale della predicazione deve essere la Sacra Scrittura, profondamente meditata nell orazione personale e conosciuta attraverso lo studio e la lettura di libri adeguati. L esperienza pastorale insegna che la forza e l eloquenza del Testo sacro muovono profondamente gli ascoltatori. Gli scritti dei Padri della Chiesa e di altri grandi autori della Tradizione insegnano a penetrare e a far comprendere ad altri il senso della Parola rivelata, lungi da ogni forma di «fondamentalismo biblico» o di mutilazione del messaggio divino. La pedagogia con cui la liturgia della Chiesa legge, interpreta e applica la Parola di Dio nei diversi tempi dell anno liturgico, dovrebbe anche costituire un punto di riferimento per la preparazione della predicazione». 53 La Parola di Dio resta il centro dell omelia, ma la sua spiegazione è possibile solo se il presbitero la medita e la prega, ne approfondisce lo studio anche a partire dalle riflessioni dei Padri della Chiesa. Egli deve evitare di cadere nel fondamentalismo biblico o di mutilarne il messaggio. Il documento propone di inserirsi nella grande tradizione della Chiesa e invita il presbitero, richiamando la sua vocazione, a meditare e pregare lui per primo la Parola di cui è servo e che deve poi condividere con la propria comunità. Il documento, inoltre, in maniera inattesa e innovativa rispetto ai testi conciliari, è consapevole dell importanza della forma della comunicazione: «Risulta essere di notevole importanza per il sacerdote la cura anche degli aspetti formali della 52 CONGREGAZIONE PER IL CLERO, Il presbitero maestro della parola, ministro dei sacramenti e guida per la comunità in vista del terzo millennio, Città del Vaticano 1999, cap. II, Ibi, II,1. 20

DIRETTORIO SULLE COMUNICAZIONI SOCIALI NELLA MISSIONE DELLA CHIESA MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE

DIRETTORIO SULLE COMUNICAZIONI SOCIALI NELLA MISSIONE DELLA CHIESA MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE E PROPRIO NECESSARIO UN SITO PARROCCHIALE? DIRETTORIO SULLE COMUNICAZIONI SOCIALI NELLA MISSIONE DELLA CHIESA MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLV GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI

Dettagli

Sulle ali dello Spirito IL PADRE, I POVERI, UNA COMUNITÀ FRATERNA E MISSIONARIA

Sulle ali dello Spirito IL PADRE, I POVERI, UNA COMUNITÀ FRATERNA E MISSIONARIA Sulle ali dello Spirito IL PADRE, I POVERI, UNA COMUNITÀ FRATERNA E MISSIONARIA Orientamenti pastorali per il triennio 2016/2019 Che cosa ci chiede oggi il Signore? Che cosa chiede alla chiesa pistoiese?

Dettagli

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI Silenzio e Parola: cammino di evangelizzazione Cari fratelli e sorelle, all avvicinarsi della Giornata

Dettagli

Curricolo verticale di Religione Cattolica

Curricolo verticale di Religione Cattolica Curricolo verticale di Religione Cattolica Classe Prima Primaria Indicatori Obiettivi di apprendimento 1. DIO E L UOMO 2. LA BIBBIA E LE ALTRE FONTI 3. IL LINGUAGGIO RELIGIOSO 1.1 Scoprire che la vita,

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO

RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE Il bambino osserva con meraviglia ed esplora con curiosità il mondo, come dono di Dio Creatore. RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO PRIMARIA

Dettagli

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Istituto Comprensivo Giulio Bevilacqua Via Cardinale Giulio Bevilacqua n 8 25046 Cazzago San Martino (Bs) telefono 030 / 72.50.53 - fax 030 /

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO SASSUOLO 2 NORD Via Zanella, 7 41049 Sassuolo (Mo) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA CLASSI 1^ 2^ 3^ 4^ 5^

ISTITUTO COMPRENSIVO SASSUOLO 2 NORD Via Zanella, 7 41049 Sassuolo (Mo) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA CLASSI 1^ 2^ 3^ 4^ 5^ Via Zanella, 7 41049 Sassuolo (Mo) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA CLASSI 1^ 2^ 3^ 4^ 5^ ANNO SCOLASTICO 2015/2016 www.ic2sassuolonord.gov.it CURRICOLO IRC 6 11 anni Diocesi di Reggio Emilia

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA L I.R.C., come ogni altra materia curricolare, contribuisce allo sviluppo delle competenze per l apprendimento

Dettagli

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I NUCLEI FONDANTI Dio e l uomo 1. Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre e che fin dalle origini ha voluto stabilire un alleanza con l uomo. 2. Conoscere Gesù di Nazareth, Emmanuele

Dettagli

ITINERARIO PER L INIZIAZIONE CRISTIANA DEI FANCIULLI GIÀ BATTEZZATI

ITINERARIO PER L INIZIAZIONE CRISTIANA DEI FANCIULLI GIÀ BATTEZZATI ITINERARIO PER L INIZIAZIONE CRISTIANA DEI FANCIULLI GIÀ BATTEZZATI 1 Ti ringraziamo, Signore, perché ci permetti di entrare in questo itinerario di formazione e di comunione con tutti i fratelli. Guidaci

Dettagli

Curricolo di Religione Cattolica

Curricolo di Religione Cattolica Curricolo di Religione Cattolica Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria - L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sugli elementi fondamentali della vita di Gesù

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016 ISTITUTO COMPRENSIVO CARLO DEL PRETE DI CASSOLNOVO VIA TORNURA 1 27023 CASSOLNOVO (PAVIA) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016 SCUOLA PRIMARIA DI CASSOLNOVO:Fossati, Gavazzi e

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE a. s. 2014-2015

PROGRAMMAZIONE ANNUALE a. s. 2014-2015 Scuola Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE FRATELLI CASETTI CREVOLADOSSOLA (VB) WWW.iccasetti.gov.it PROGRAMMAZIONE ANNUALE a. s. 2014-2015 RELIGIONE CATTOLICA COMPETENZE CHIAVE - competenze sociali

Dettagli

Master di I livello per Operatori di pastorale giovanile

Master di I livello per Operatori di pastorale giovanile Istituto Internazionale Don Bosco UNIVERSITÀ PONTIFICIA SALESIANA FACOLTÀ DI TEOLOGIA - SEZIONE DI TORINO www.unisaltorino.it Master di I livello per Operatori di pastorale giovanile 1. La proposta e le

Dettagli

Programmazione Didattica Scuola Primaria

Programmazione Didattica Scuola Primaria DIREZIONE DIDATTICA DI NAPOLI 5 E. MONTALE Viale della Resistenza 11K-80145 NAPOLI tel. e fax 081/5430772 Codice fiscale: 94023840633 Cod. Mecc. : NAEE005006 E-MAIL: naee005006@istruzione.it Web:www.5circolo.it

Dettagli

PROGETTO CATECHISTICO PARROCCHIALE

PROGETTO CATECHISTICO PARROCCHIALE PROGETTO CATECHISTICO PARROCCHIALE Parrocchia S. Biagio in Ravenna Anni: 2014-2015 e 2015-2016 PROGETTO CATECHISTICO PARROCCHIALE PER L INIZIAZIONE CRISTIANA Che cos è l iniziazione cristiana? È l introduzione

Dettagli

L adulto destinatario e soggetto di formazione

L adulto destinatario e soggetto di formazione Diocesi di Treviso Anno pastorale 2012-2013 Formare cristiani adulti in una Chiesa adulta Anno secondo L adulto destinatario e soggetto di formazione Orientamenti pastorali per l anno 2012-2013 A cura

Dettagli

08-03-2015 All ombra dei campanili. L Eucaristia, cuore della Domenica

08-03-2015 All ombra dei campanili. L Eucaristia, cuore della Domenica E chiedere il dono di nuove vocazioni anche nella nostra parrocchia di PARROCCHIA S. GIOVANNI OLTRONA DI SAN MAMETTE Comunità Appiano Gentile 08-03-2015 All ombra dei campanili L Eucaristia, cuore della

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE ANNO SCOLASTICO 2015/2016 CLASSE PRIMA L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sui dati fondamentali

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA Per sviluppare una competenza di area occorre in primo luogo promuovere l acquisizione delle relative conoscenze e abilità in modo che esse

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Traguardi Obiettivi di apprendimento Contenuti

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Traguardi Obiettivi di apprendimento Contenuti RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Scoprire nell'ambiente i segni che richiamano ai cristiani e a tanti credenti la presenza di Dio Creatore e Padre Descrivere l'ambiente di vita di Gesù nei suoi aspetti

Dettagli

22 SETTEMBRE 2013 FESTA DELLA CATECHESI

22 SETTEMBRE 2013 FESTA DELLA CATECHESI 22 SETTEMBRE 2013 FESTA DELLA CATECHESI Parrocchia dei Santi Faustino e Giovita GRUPPO BETLEMME ICFR Primo anno Il percorso del primo anno offre ai genitori la possibilità di scoprire o riscoprire la bellezza

Dettagli

La Santa Sede CELEBRAZIONE EUCARISTICA A CONCLUSIONE DEL «FAMILYFEST» OMELIA DI GIOVANNI PAOLO II. Domenica, 6 giugno 1993

La Santa Sede CELEBRAZIONE EUCARISTICA A CONCLUSIONE DEL «FAMILYFEST» OMELIA DI GIOVANNI PAOLO II. Domenica, 6 giugno 1993 La Santa Sede CELEBRAZIONE EUCARISTICA A CONCLUSIONE DEL «FAMILYFEST» OMELIA DI GIOVANNI PAOLO II Domenica, 6 giugno 1993 1. Che il Signore cammini in mezzo a noi (Es 34, 9). Così prega Mosè, presentandosi

Dettagli

Schema del cammino GG e giovani

Schema del cammino GG e giovani Schema del cammino GG e giovani Professione di fede GIOVANISSIMI La dignità della persona umana La vocazione cristiana Una chiesa di discepoli GIOVANI Una chiesa di inviati Prima, seconda e terza superiore

Dettagli

Religione Cattolica Classe 1 A.S. 2007/2008

Religione Cattolica Classe 1 A.S. 2007/2008 Religione Cattolica Classe A.S. 007/008 O.S.A. U.A. O.F. Contenuti Dio Creatore e Padre di tutti gli uomini Nuova scuola, nuovi compagni, io in crescita insieme agli altri Le bellezze della natura sono

Dettagli

PROGETTO CATECHISTICO PARROCCHIALE DI PONTE NUOVO PER L INIZIAZIONE CRISTIANA

PROGETTO CATECHISTICO PARROCCHIALE DI PONTE NUOVO PER L INIZIAZIONE CRISTIANA PROGETTO CATECHISTICO PARROCCHIALE DI PONTE NUOVO PER L INIZIAZIONE CRISTIANA Che cos è l iniziazione cristiana? È l introduzione e l accompagnamento di ogni persona all incontro personale con Cristo all

Dettagli

Inserto. Diocesi. insieme. Pastorale Scolastica e Insegnamento della Religione Cattolica RELIGIONE A SCUOLA. PERCHÉ?

Inserto. Diocesi. insieme. Pastorale Scolastica e Insegnamento della Religione Cattolica RELIGIONE A SCUOLA. PERCHÉ? Inserto insieme Diocesi Pastorale Scolastica e Insegnamento della Religione Cattolica RELIGIONE A SCUOLA. PERCHÉ? INSERTO Il Servizio Diocesano per la Pastorale Scolastica e il Servizio Diocesano per l

Dettagli

APPENDICE PROPOSTE CONCRETE RELATIVE A CIASCUN CAPITOLO

APPENDICE PROPOSTE CONCRETE RELATIVE A CIASCUN CAPITOLO APPENDICE PROPOSTE CONCRETE RELATIVE A CIASCUN CAPITOLO 249 CAPITOLO 1 LA CHIESA, COMUNITÀ DI CHIAMATI A) FAR CRESCERE LA CHIESA: EDUCARCI A VIVERE IN COMUNITÁ Formazione permanente per le famiglie, n.

Dettagli

Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V

Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V Istituto Comprensivo G Pascoli - Gozzano Anno scolastico 2013/2014 Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V Obiettivi di apprendimento al termine della classe terza della scuola

Dettagli

DIÖZESANSYNODE SINODO DIOCESANO SINODA DIOZEJANA

DIÖZESANSYNODE SINODO DIOCESANO SINODA DIOZEJANA DIÖZESANSYNODE SINODO DIOCESANO SINODA DIOZEJANA Preparazione biblica al Sinodo Diocesano Elaborata da Michele Tomasi Il sinodo diocesano è un percorso comune di tutta la comunità cristiana della diocesi.

Dettagli

L ESSERE OPERATORE CARITAS MI AIUTA A VIVERE CON E PER CRISTO? DOTT.SSA LAURA SALVO PSICOLOGA-PSICOTERAPEUTA DOCENTE ISSR RICERCATRICE ITCI

L ESSERE OPERATORE CARITAS MI AIUTA A VIVERE CON E PER CRISTO? DOTT.SSA LAURA SALVO PSICOLOGA-PSICOTERAPEUTA DOCENTE ISSR RICERCATRICE ITCI L ESSERE OPERATORE CARITAS MI AIUTA A VIVERE CON E PER CRISTO? DOTT.SSA LAURA SALVO PSICOLOGA-PSICOTERAPEUTA DOCENTE ISSR RICERCATRICE ITCI VIVERE CON E PER CRISTO Evangelizzare significa: Convertire Portare

Dettagli

ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011

ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 FINALITA OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO CONTENUTI Acquisire atteggiamenti di stima e sicurezza di se e degli altri Scoprire attraverso i racconti

Dettagli

Diocesi di Nicosia. Curia Vescovile Ufficio per l Evangelizzazione e la Catechesi

Diocesi di Nicosia. Curia Vescovile Ufficio per l Evangelizzazione e la Catechesi Diocesi di Nicosia Curia Vescovile Ufficio per l Evangelizzazione e la Catechesi Largo Duomo,10 94014 Nicosia (EN) cod. fisc.: 90000980863 tel./fax 0935/646040 e-mail: cancelleria@diocesinicosia.it Ai

Dettagli

PRESENTAZIONE. Cfr. CEI, Il matrimonio canonico, n. 2.

PRESENTAZIONE. Cfr. CEI, Il matrimonio canonico, n. 2. PRESENTAZIONE È urgente dovere della Chiesa accompagnare la famiglia nelle diverse tappe della sua formazione e del suo sviluppo 1. Questo lavoro del dottor don Omar Larios Valencia, nato dall esperienza

Dettagli

STRUMENTI DI CATECHESI. Catechesi 9

STRUMENTI DI CATECHESI. Catechesi 9 STRUMENTI DI CATECHESI Catechesi 9 Andrea Mariani Gioia e periferie: come e dove per un etica cristiana Dalla Evangelii Gaudium di Papa Francesco Presentazione di Sua Eccellenza Angelo Massafra 2015,

Dettagli

Nuove figure di catechista in un mondo che cambia : identità,, spiritualità, competenze,

Nuove figure di catechista in un mondo che cambia : identità,, spiritualità, competenze, Parrocchia Santi Filippo e Giacomo Capua 15 dicembre 2008 Incontro di formazione e condivisione di esperienze dell equipe equipe degli animatori di catechesi Riflessione su : Nuove figure di catechista

Dettagli

Corso di formazione. per Lettori e Accoliti istituiti della Diocesi di Brescia. 2 a TAPPA. Venerdì 11 gennaio 2013 - ore 20.30

Corso di formazione. per Lettori e Accoliti istituiti della Diocesi di Brescia. 2 a TAPPA. Venerdì 11 gennaio 2013 - ore 20.30 DIOCESI DI BRESCIA Ufficio per la liturgia 2 a TAPPA Incontri specifici per la formazione ai due ministeri istituiti. Si terranno al venerdì sera con incontri divisi, allo stesso orario, secondo il programma

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO MAFFI PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA Ins. Marina Striolo Marianna Chieppa Cinzia Di Folco ANNO SCOLASTICO 2015/2016 L IRC, come le altre discipline scolastiche della

Dettagli

Sintesi e prospettive. L insegnamento della religione una risorsa per l Europa

Sintesi e prospettive. L insegnamento della religione una risorsa per l Europa DOCUMENTO FINALE Sintesi e prospettive L insegnamento della religione una risorsa per l Europa Introduzione La Chiesa cattolica d Europa avverte l esigenza di conoscere meglio e riflettere sulle molteplici

Dettagli

LA PAROLA DI DIO NELLA MISSIONE DELLA CHIESA

LA PAROLA DI DIO NELLA MISSIONE DELLA CHIESA Scuola Teologica di Base Seminario Maggio 2009: La Parola di Dio nella Missione della Chiesa. 15 maggio 2009 - Cottolengo Relatore: Roma Cristiana Terzo incontro: Come la pioggia e la neve Scrittura ed

Dettagli

CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA

CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Traguardi per lo sviluppo delle competenze L alunno riflette su Dio Creatore e Padre significato cristiano del Natale L alunno riflette sui dati fondamentali

Dettagli

INDICAZIONI DIDATTICHE PER L INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA NEL SECONDO CICLO DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE

INDICAZIONI DIDATTICHE PER L INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA NEL SECONDO CICLO DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE INDICAZIONI DIDATTICHE PER L INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA NEL SECONDO CICLO DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE N. 1 INDICAZIONI PER L INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA NEI LICEI (in riferimento

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE CATTOLICA

PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE CATTOLICA PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE CATTOLICA DIREZIONE DIDATTICA II CIRCOLO - MONDOVI Insegnanti: CRAVERO ELENA FIORENTINO STEFANIA SALVAGNO MARIA ANNO SCOLASTICO 20-20 Traguardi per lo sviluppo delle competenze

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA Anno Scolastico 2014/2015 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO AL TERMINE DELLA CLASSE TERZA DELLA SCUOLA PRIMARIA

SCUOLA PRIMARIA Anno Scolastico 2014/2015 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO AL TERMINE DELLA CLASSE TERZA DELLA SCUOLA PRIMARIA Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Statale di Calolziocorte Via F. Nullo,6 23801 CALOLZIOCORTE (LC) e.mail: lcic823002@istruzione.it - Tel: 0341/642405/630636

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA. Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria

RELIGIONE CATTOLICA. Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sui dati fondamentali della vita di Gesù e sa collegare i contenuti

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA-DISCIPLINARE Anno Scolastico 2013/2014. Scuola Primaria Classe 1^ - sez. B

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA-DISCIPLINARE Anno Scolastico 2013/2014. Scuola Primaria Classe 1^ - sez. B PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA-DISCIPLINARE Anno Scolastico 2013/2014 Scuola Primaria Classe 1^ - sez. A Disciplina Religione Cattolica Ins. STRIKA LUCIANA Presentazione della classe Livello cognitivo

Dettagli

CLASSE PRIMA CONOSCENZE ABILITA COMPETENZE. -Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre

CLASSE PRIMA CONOSCENZE ABILITA COMPETENZE. -Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre CLASSE PRIMA CONOSCENZE ABILITA COMPETENZE -Scoprire un mondo intorno a sé; un dono stupendo il creato -Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre -L alunno/a sa: -riflettere su Dio

Dettagli

ti scrivo... padrino Ma,

ti scrivo... padrino Ma, Caro padrino ti scrivo... Se Ti I N T R O D U Z I O N E hai tra le mani questo opuscolo è perché qualcuno ti ha chiesto di fargli da madrina o da padrino... forse una coppia di amici che ti vogliono padrino

Dettagli

Carissimi Giovani, Ufficio di Pastorale Giovanile. ho pensato di invitarvi a fare sinodo, a camminare insieme per

Carissimi Giovani, Ufficio di Pastorale Giovanile. ho pensato di invitarvi a fare sinodo, a camminare insieme per Carissimi Giovani, ho pensato di invitarvi a fare sinodo, a camminare insieme per rivitalizzare la pastorale giovanile diocesana, confrontarvi su tali problemi, per scambiarci opinioni e suggerire rimedi,

Dettagli

CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sui dati fondamentali della vita di Gesù e sa collegare

Dettagli

PROGETTAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA a.s. 2015-2016 Scuola Primaria I.C. G.B. Grassi - Fiumicino

PROGETTAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA a.s. 2015-2016 Scuola Primaria I.C. G.B. Grassi - Fiumicino PROGETTAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA a.s. 2015-2016 Scuola Primaria I.C. G.B. Grassi - Fiumicino Docenti : STRANIERI Adriana... OCCHIUTO Letizia... CONSOLI Francesca... ASSANTE Rosy... MENGONI

Dettagli

Strumenti della MP I Centri d ascolto del Vangelo

Strumenti della MP I Centri d ascolto del Vangelo Strumenti della MP I Centri d ascolto del Vangelo Roma, 15 giugno 2013 p. Pasquale Castrilli OMI Schema 1. La Missione in Italia oggi 2. Il Centro d ascolto (CDA) strumento di annuncio 3. Icone bibliche

Dettagli

Il cammino globale per diventare cristiani : in cosa consiste? Come cercare di attuarlo?! Incontro di febbraio 2014!

Il cammino globale per diventare cristiani : in cosa consiste? Come cercare di attuarlo?! Incontro di febbraio 2014! UFFICIO CATECHISTICO DIOCESANO PERCORSO FORMATIVO PER CATECHISTI E PRESBITERI INSIEME ANNO 2013/2014 ARCIDIOCESI COSENZA - BISIGNANO RELAZIONE DI PADRE CELESTE GARRAFA Incontro di febbraio 2014 Il cammino

Dettagli

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA EDUCARE OGGI/9 A CURA DI ANNA TERESA Borrelli PREFAZIONE DI MATTEO Truffelli Amare e far AMARE GESÙ CONTRIBUTI DI: Marco Ghiazza Luca Marcelli Paolo e Rita Seghedoni Marcello Semeraro Lucio Soravito De

Dettagli

SINTESI DEI DOCUMENTI CONCILIARI

SINTESI DEI DOCUMENTI CONCILIARI SINTESI DEI DOCUMENTI CONCILIARI 1. LE QUATTRO COSTITUZIONI CONCILIARI La Costituzione dogmatica sulla Chiesa Questo documento, il più solenne di tutto il Concilio, comincia con le parole «Lumen gentium»

Dettagli

Roma, gennaio 2011. EcclesiaStudio

Roma, gennaio 2011. EcclesiaStudio La Chiesa ha bisogno di santi, lo sappiamo, ma essa ha bisogno anche di artisti bravi e capaci; gli uni e gli altri, santi e artisti, sono testimoni dello spirito vivente in Cristo. PAOLO VI Lettera ai

Dettagli

Prospettiva teologica: Il cammino della fede Don Nunzio Capizzi

Prospettiva teologica: Il cammino della fede Don Nunzio Capizzi 1 Prospettiva teologica: Il cammino della fede Don Nunzio Capizzi 1. Considerazioni sulla mentalità di fede 1. Le affermazioni di OP 39 e DB 38 possono essere considerate su uno sfondo più ampio, recentemente

Dettagli

dalla Messa alla vita

dalla Messa alla vita dalla Messa alla vita 12 RITI DI INTRODUZIONE 8 IL SIGNORE CI INVITA ALLA SUA MENSA. Dio non si stanca mai di invitarci a far festa con Lui, e gli ospiti non si fanno aspettare, arrivano puntuali. Entriamo,

Dettagli

I. Celebrazione del battesimo

I. Celebrazione del battesimo I. Celebrazione del battesimo Obiettivi Siamo al momento culminante della prima fase della pastorale pre e post battesimale. Dopo il cammino che ha coinvolto i genitori e ha interessato la comunità cristiana,

Dettagli

CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA della scuola primaria

CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA della scuola primaria CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA della scuola primaria CURRICOLO DI I.R.C. al termine della classe prima della scuola primaria...2 CURRICOLO DI I.R.C. al termine della classe seconda della scuola primaria...4

Dettagli

Monza Ascensione del Signore Santissima Trinità d Amore

Monza Ascensione del Signore Santissima Trinità d Amore Lettera ai Sacerdoti, ai Membri dei Consigli pastorali parrocchiali, ai Membri dei Consigli per gli Affari economici, ai Membri del Consiglio pastorale decanale del Decanato di Monza Carissimi, è ancora

Dettagli

ESORTAZIONE APOSTOLICA EVANGELII GAUDIUM DEL SANTO PADRE FRANCESCO

ESORTAZIONE APOSTOLICA EVANGELII GAUDIUM DEL SANTO PADRE FRANCESCO Testo completo al link vaticano: http://www.vatican.va/holy_father/francesco/apost_exhortations/documents/papafrancesco_esortazione-ap_20131124_evangelii-gaudium_it.html Il testo con i punti salienti dell

Dettagli

Ai Cristiani dell Arcidiocesi di Lucca. Lettera per indicare il cammino pastorale Anno 2012-2013

Ai Cristiani dell Arcidiocesi di Lucca. Lettera per indicare il cammino pastorale Anno 2012-2013 Ai Cristiani dell Arcidiocesi di Lucca Lettera per indicare il cammino pastorale Anno 2012-2013 Per voi sono Vescovo con Voi sono cristiano (S. Agostino) Parti della Lettera Prima Parte: CHIESA di LUCCA

Dettagli

OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006

OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006 OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006 I. Vieni Signore Gesù!. Così la chiesa ha ripetuto spesso nella preghiera di Avvento. Così la chiesa, le nostre comunità, ciascuno di noi ha predisposto il cuore

Dettagli

Istituto Comprensivo

Istituto Comprensivo CLASSE I - SCUOLA PRIMARIA Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore, Padre e che fin dalle origini ha stabilito un'alleanza con l'uomo. Affinare capacità di osservazione dell ambiente circostante

Dettagli

Tarcisio Zanni. la Veglia. Cronaca di una notte straordinaria. Presentazione di Mons. ERNESTO VECCHI Vescovo Ausiliare di Bologna.

Tarcisio Zanni. la Veglia. Cronaca di una notte straordinaria. Presentazione di Mons. ERNESTO VECCHI Vescovo Ausiliare di Bologna. Tarcisio Zanni la Veglia Cronaca di una notte straordinaria Presentazione di Mons. ERNESTO VECCHI Vescovo Ausiliare di Bologna Chirico Prima edizione, gennaio 2004 CHIRICO Viale degli Oleandri, 19 Napoli

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO ORZINUOVI ANNO SCOLASTICO 2012-2013 PROGRAMMAZIONE di RELIGIONE CATTOLICA

ISTITUTO COMPRENSIVO ORZINUOVI ANNO SCOLASTICO 2012-2013 PROGRAMMAZIONE di RELIGIONE CATTOLICA PROGRAMMAZIONE di RELIGIONE CATTOLICA 1 QUADRIMESTRE COMPETENZE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO ATTIVITÀ 1. L alunno riflette su Dio creatore e Padre, sui dati fondamentali della vita di Gesù e sa collegare

Dettagli

Diocesi di Savona Noli Ufficio Pastorale per i Problemi Sociali e il Lavoro Giustizia e Pace Salvaguardia del Creato

Diocesi di Savona Noli Ufficio Pastorale per i Problemi Sociali e il Lavoro Giustizia e Pace Salvaguardia del Creato Diocesi di Savona Noli Ufficio Pastorale per i Problemi Sociali e il Lavoro Giustizia e Pace Salvaguardia del Creato 30/11/2014 1 IL DISCERNIMENTO Adattamento de Il discernimento. Una comunità cristiana

Dettagli

L abc dell ACR.e non solo

L abc dell ACR.e non solo AZIONE CATTOLICA ITALIANA PARROCCHIA SANT IPPOLISTO M. L abc dell ACR.e non solo SCUOLA per EDUCATORI ACR Direi che essere educatori significa avere una gioia nel cuore e comunicarla a tutti per rendere

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA Istituti Comprensivi di Udine allegato al Piano dell Offerta Formativa CURRICOLO VERTICALE Redatto sulla base delle Nuove Indicazioni Nazionali 2012 e I.N. 2007, in sintonia con le Raccomandazioni del

Dettagli

CURRICOLO RELIGIONE CLASSE 1^

CURRICOLO RELIGIONE CLASSE 1^ CLASSE 1^ Dio e l uomo Classe 1^ Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore. Gesù di Nazareth. La Bibbia e le, leggere e saper riferire circa alcune pagine bibliche fondamentali i segni cristiani

Dettagli

DAL CORTILE. IDEE E SCELTE PER L ORATORIO BRESCIANO

DAL CORTILE. IDEE E SCELTE PER L ORATORIO BRESCIANO DAL CORTILE. IDEE E SCELTE PER L ORATORIO BRESCIANO IDEE E SCELTE PER L ORATORIO BRESCIANO Struttura in 3 sezioni: 1. Il Cuore dell oratorio Le idee sintetiche che definiscono in termini essenziali e vitali

Dettagli

Nella mia Lettera ai cristiani della Chiesa di Lucca, per quest anno pastorale, chiedevo:

Nella mia Lettera ai cristiani della Chiesa di Lucca, per quest anno pastorale, chiedevo: LITURGIA DEL MANDATO PER IL SERVIZIO DI ANIMATORE DEI GRUPPI DI ASCOLTO DEL VANGELO Sabato 29 novembre 2014 (Rm 10,9-18; Mr 16,9-15) ITALO CASTELLANI Arcivescovo di Lucca Nella mia Lettera ai cristiani

Dettagli

COS È UNA EQUIPES NOTRE DAME. Allegato alla Carta delle Equipes Notre-Dame

COS È UNA EQUIPES NOTRE DAME. Allegato alla Carta delle Equipes Notre-Dame COS È UNA EQUIPES NOTRE DAME Allegato alla Carta delle Equipes Notre-Dame Cos è una Equipe Notre-Dame 1 - Un progetto Vieni e seguimi : questa chiamata, Cristo la rivolge a ciascuno di noi, a ciascuna

Dettagli

4. 23 dicembre 2013: La sinodalità

4. 23 dicembre 2013: La sinodalità 1 4. 23 dicembre 2013: La sinodalità Una volta precisata la natura della parrocchia come comunità ecclesiale, e del sacerdote parroco come pastore del popolo, passo a vedere come si debba affrontare al

Dettagli

E se iscrivessi mio figlio al catechismo?

E se iscrivessi mio figlio al catechismo? E se iscrivessi mio figlio al catechismo? Don Alberto Abreu www.pietrascartata.com E se iscrivessi mio figlio al catechismo? Perché andare al Catechismo La Parola catechismo deriva dal latino catechismus

Dettagli

Il progetto pastorale della Parrocchia di Gesù Divino Maestro

Il progetto pastorale della Parrocchia di Gesù Divino Maestro Il progetto pastorale della Parrocchia di Gesù Divino Maestro 1. INTRODUZIONE La parrocchia si pone l'obiettivo di costruire una comunità nella quale ogni cristiano si impegni a: 1. conoscere meglio Cristo

Dettagli

La vita dell uomo come esistenza liturgica nella teologia di Salvatore Marsili

La vita dell uomo come esistenza liturgica nella teologia di Salvatore Marsili UNIVERSITÀ CATTOLICA PÉTER PÁZMÁNY FACOLTÀ DI TEOLOGIA La vita dell uomo come esistenza liturgica nella teologia di Salvatore Marsili Dissertatio ad Doctoratum Autore: Kulcsár Sándor Moderatore: Dr Kajtár

Dettagli

La tua Parola, Signore, è Luce alla mia strada

La tua Parola, Signore, è Luce alla mia strada La tua Parola, Signore, è Luce alla mia strada Che cos è la Lectio divina La Lectio Divina è l esercizio ordinato dell ascolto personale della Parola. ESERCIZIO: è qualcosa di attivo e, per questo, è importante.

Dettagli

www.korazym.org - Le anticipazioni con foto della puntata 140 di vatican Service News

www.korazym.org - Le anticipazioni con foto della puntata 140 di <i>vatican Service News</i> Pagina 4 Angelus dell Acr con il papa in Vaticano, i Messaggi pontifici per la Giornata Mondiale del Malato e la Giornata Mondiale della Comunicazioni Sociali, l AdunanzA Eucaristica a Catanzaro, una giovane

Dettagli

«DIES DOMINI» (IL GIORNO DEL SIGNORE) di Papa Giovanni Paolo II

«DIES DOMINI» (IL GIORNO DEL SIGNORE) di Papa Giovanni Paolo II Tratto da: «DIES DOMINI» (IL GIORNO DEL SIGNORE) di Papa Giovanni Paolo II A CURA DI Don Angelo Viganò Indice Riscopriamo la domenica: il giorno del Signore.............. pag. 3 1. La domenica è il giorno

Dettagli

(1822) (1843) (1889) (1916)

(1822) (1843) (1889) (1916) Una chiamata per tutti La consapevolezza che il Vangelo è un dono da condividere con il mondo intero e che la missione riguarda tutti, nessuno escluso, è all origine delle Pontificie Opere Missionarie

Dettagli

Liturgia. Colui che scruta i segreti più intimi, conosce l anelito dello Spirito e lo raccoglie ( Rm 8,27) Fiorenza Pestelli

Liturgia. Colui che scruta i segreti più intimi, conosce l anelito dello Spirito e lo raccoglie ( Rm 8,27) Fiorenza Pestelli Liturgia Colui che scruta i segreti più intimi, conosce l anelito dello Spirito e lo raccoglie ( Rm 8,27) Fiorenza Pestelli C è un piacere nel credere e del credere insieme La fede non è solo un offerta

Dettagli

(Decreto del Presidente della Repubblica n. 350 del 21 luglio 1987)

(Decreto del Presidente della Repubblica n. 350 del 21 luglio 1987) Programma di Insegnamento della Religione Cattolica nella Scuola Media (Decreto del Presidente della Repubblica n. 350 del 21 luglio 1987) 1. Natura e finalità. 1. L'insegnamento della religione cattolica

Dettagli

La Chiesa pellegrina su questa terra è costantemente interpellata dalle parole che Gesù dopo

La Chiesa pellegrina su questa terra è costantemente interpellata dalle parole che Gesù dopo Anno della Fede: la Predicazione Quando la liturgia è un omelia fra Paolo Maria Calaon op La Chiesa pellegrina su questa terra è costantemente interpellata dalle parole che Gesù dopo la sua Resurrezione

Dettagli

COMPENDIO DEL CATECHISMO DELLA CHIESA CATTOLICA

COMPENDIO DEL CATECHISMO DELLA CHIESA CATTOLICA COMPENDIO DEL CATECHISMO DELLA CHIESA CATTOLICA CATECHISMO DELLA CHIESA CATTOLICA COMPENDIO «MOTU PROPRIO» Introduzione PARTE PRIMA - LA PROFESSIONE DELLA FEDE Sezione Prima: «Io credo» - «Noi crediamo»

Dettagli

ISTITUTO MAGISTRALE GUACCI. INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA Piano di Studio. Classe 2 sez B Liceo Linguistico Anno scolastico 2015/2016

ISTITUTO MAGISTRALE GUACCI. INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA Piano di Studio. Classe 2 sez B Liceo Linguistico Anno scolastico 2015/2016 ISTITUTO MAGISTRALE GUACCI INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA Piano di Studio Classe 2 sez B Liceo Linguistico Anno scolastico 2015/2016 PROFILO GENERALE L insegnamento della religione cattolica (IRC)

Dettagli

CLASSI: 4SU DOCENTE: Brunoni Stefano LIBRO DI TESTO: S. BOCCHINI, Religione e religioni. Triennio, EDB.

CLASSI: 4SU DOCENTE: Brunoni Stefano LIBRO DI TESTO: S. BOCCHINI, Religione e religioni. Triennio, EDB. ANNO SCOLASTICO: 2014/2015 DISCIPLINA: Religione CLASSI: 4SU DOCENTE: Brunoni Stefano LIBRO DI TESTO: S. BOCCHINI, Religione e religioni. Triennio, EDB. ELENCO MODULI 1 Vivere secondo la Bibbia 2 Gesù,

Dettagli

CONGREGAZIONE GENERALE 34ª Decreto 13

CONGREGAZIONE GENERALE 34ª Decreto 13 CONGREGAZIONE GENERALE 34ª Decreto 13 COOPERAZIONE CON I LAICI NELLA MISSIONE [331] 1. Una lettura dei segni dei tempi dopo il Vaticano II indica in maniera inequivocabile che la Chiesa del terzo millennio

Dettagli

Parrocchia di San Sperate CORSO DI FORMAZIONE PER CATECHISTI 2012-13

Parrocchia di San Sperate CORSO DI FORMAZIONE PER CATECHISTI 2012-13 Parrocchia di San Sperate CORSO DI FORMAZIONE PER CATECHISTI 2012-13 LE FONTI DELLA CATECHESI RINNOVAMENTO DELLA CATECHESI Al capitolo VI il Documento di Base indica 4 fonti per la catechesi: 1. la SACRA

Dettagli

CELEBRAZIONE DI APERTURA DELL ANNO DELLA FEDE

CELEBRAZIONE DI APERTURA DELL ANNO DELLA FEDE CELEBRAZIONE DI APERTURA DELL ANNO DELLA FEDE RITI DI INTRODUZIONE DELLA CHIESA STAZIONALE 1. Quando il popolo si è riunito nella Chiesa stazionale il Vescovo saluta la comunità: Nel nome del Padre e del

Dettagli

Percorso diocesano del Catecumenato degli adulti

Percorso diocesano del Catecumenato degli adulti Percorso diocesano del Catecumenato degli adulti 0. I Riferimenti teologico-pastorali Rito dell Iniziazione cristiana degli Adulti (RICA), LEV 1978 Consiglio Episcopale permanente della CEI, Nota pastorale.

Dettagli

CURRICOLA DI RELIGIONE CATTOLICA Scuola Primaria CLASSE 1 ^ COMPETENZE CONOSCENZE ABILITA

CURRICOLA DI RELIGIONE CATTOLICA Scuola Primaria CLASSE 1 ^ COMPETENZE CONOSCENZE ABILITA CURRICOLA DI RELIGIONE CATTOLICA Scuola Primaria CLASSE 1 ^ COMPETENZE CONOSCENZE ABILITA COGLIERE I VALORI ETICI E RELIGIOSI PRESENTI NELL ESPERIENZA DI VITA E RELIGIOSA DELL UOMO - Prendere coscienza

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA

SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE ALLA FINE DELLA SCUOLA PRIMARIA 1) L alunno riconosce che Dio si è rivelato attraverso Gesù, stabilendo con l

Dettagli

Per recepire in Diocesi la Amoris Laetitia

Per recepire in Diocesi la Amoris Laetitia Per recepire in Diocesi la Amoris Laetitia Le indicazioni del Vicario generale sull Esortazione apostolica del Papa, frutto di un ampia e articolata consultazione che ha coinvolto il Consiglio episcopale

Dettagli

VADANO PER IL MONDO ANNUNZIANDO I VIZI E LE VIRTÙ CON BREVITÀ DI DISCORSO

VADANO PER IL MONDO ANNUNZIANDO I VIZI E LE VIRTÙ CON BREVITÀ DI DISCORSO VADANO PER IL MONDO ANNUNZIANDO I VIZI E LE VIRTÙ CON BREVITÀ DI DISCORSO I frati non predichino nella diocesi di alcun vescovo qualora dallo stesso vescovo sia stato loro proibito. E nessun frate osi

Dettagli

DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO TRE ANNI QUATTRO ANNI CINQUE ANNI

DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO TRE ANNI QUATTRO ANNI CINQUE ANNI APPENDICE: INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA SCUOLA DELL INFANZIA DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA COMPETENZA CHIAVE EUROPEA RELIGIONE CATTOLICA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO TRE ANNI QUATTRO ANNI CINQUE

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA PRIMO CICLO D ISTRUZIONE

SCUOLA DELL INFANZIA PRIMO CICLO D ISTRUZIONE APPENDICE: INTEGRAZIONI ALLE INDICAZIONI NAZIONALI PER IL CURRICOLO DELLA SCUOLA DELL INFANZIA RELATIVE ALL INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA (DPR 11 FEB- BRAIO 2010) SCUOLA DELL INFANZIA Le attività

Dettagli

VENITE ALLA FESTA. Nella vita della Chiesa ASCOLTARE SCOPRIRE PARTECIPARE

VENITE ALLA FESTA. Nella vita della Chiesa ASCOLTARE SCOPRIRE PARTECIPARE VENITE ALLA FESTA Nella vita della Chiesa ASCOLTARE SCOPRIRE PARTECIPARE DOPO LA SETTIMANA DELLA CHIESA MANTOVANA Alle comunità parrocchiali, alle associazioni, ai movimenti e gruppi, ai presbiteri e diaconi,

Dettagli