Protocolli di sicurezza

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Protocolli di sicurezza"

Transcript

1 Protocolli di sicurezza Fabio Martinelli (IIT-NR)

2 Outline Protocolli per confidenzialita ed autenticazione SSL Protocolli di scambio chiavi Diffie-Hellman,. Protocolli di autenticazione Needham-schroeder, Kerberos enni di analisi automatici di protocolli di sicurezza (se possibile) Esempio di analisi di OpenA

3 Transport Level Security Il focus e nella sicurezza Host-to-Host SSL (Secure Socket Layer) TLS (Transport Layer Security) Protocolli per connessioni Web sicure anali confidenziali Autenticazione lato server Autenticazione lato client (opzionale) Uso dei certificati X.509 a chiave pubblica

4 Sicurezza nello stack TP/IP

5 SSL e TLS SSL e stato creato da Netscape (SSL 2.0, SSL 3.0) TLS, la sua naturale estensione da un working group IETF TLS puo essere visto come SSLv3.1

6 Architettura SSL

7 SSL records

8 Protocollo Secure Socket Layer Garantisce la sicurezza delle comunicazioni su Internet Riservatezza dei dati ottenuta con cifratura simmetrica Autenticazione delle identità delle connessioni ottenuta tramite presentazione di certificati digitali hiave segreta scambiata con l applicazione di algoritmi di cifratura asimmetrici

9 Struttura SSL è un protocollo a due strati Si colloca logicamente fra strato di trasporto ed applicazioni Applicazioni Telnet Ftp Http SSL HandShake Protocol SSL Record Protocol Protocollo di trasporto TP / IP

10 SSL Handshake Protocol Scambio preliminare di informazioni tra le due parti comunicanti Versione del protocollo (v3 / v2) Set di algoritmi crittografici da utilizzare nella successiva fase di Record Scambio dei certificati digitali Generazione della chiave segreta

11 SSL Handshake Protocol iao! Voglio parlare con te. omprendo DES, R4, IDEA, etc. iao, mi piace DES. Questo e il mio certificato, controlla la validita. LIENT Ok ho generato una chiave DES e la mando cifrata con la tua chiave pubblica. (Il Server decifra il messaggio ed ottiene la chiave DES ) Ok, iniziamo a scambiare messaggi. SERVER anale cifrato con la chiave DES...

12 Piu precisamente, S : nome,ver, rypto_set S : Ver S, rypto_set S, {nome S, Pk(S)} Pr(A) S : {shared_secret c } Pk(S) osa garantisce?

13 osa non garantisce Possibile attacco al passo tre: X(S) : {shared_secret } Pk(S) X() S : {shared_secret X } Pk(S) E grave questo attacco?

14 Autenticazione del client S : nome,ver, rypto_set S : Ver S, rypto_set S, {nome S, P_Key S } Pr(A) S : {nome, P_Key } Pr(A), {shared_secret c } Pk(S),{Hash{shared_secret c } } Pr()

15 Transport Layer Security Definito nel RF Simile a SSLv3. Alcune differenze: Numero di versione MA (message authentication code) Funzione per la generazione dei numeri pseudo casuale Messaggi di allarme Algoritmi di cifratura ertifcati lato client Procedure di verifica dei certificati...

16 Sicurezza a livello applicazione Obiettivo e la sicurezza End-to-End Non si assume che il livello sottostante offra dei meccanismi di sicurezza Protocolli di autenticazione complessi e scambio chiavi Diffie Hellman, Kerberos, Needham-Schroeder, Sicurezza delle PGP = Pretty Good Privacy SMIME Sicurezza delle procedure delle certificaiton authorities OpenA etc..

17 Protocolli per scambio chiavi Ne abbiamo gia visto uno: SSL! Si crea una chiave di sessione (per crittografia simmetrica) e si distribuisce in maniera sicura usando la crittografia asimmetrica Semplice, effettivo, ma richiede l uso dei certificati. Un altro e Diffie-Hellman Permette di creare un segreto tra due principals Poi uno dei due o entrambi, sul canale cifrato che si instaura, puo eseguire un protocollo di autenticazione

18 Diffie-Hellman: Un protocollo per scambio chiavi Un protocollo per generare un segreto S condiviso solo fra Alice e Bob Dipende nella difficolta del discrete logarithm problem alcolare z = g^w mod p e facile z = 2^4 mod 11 z = 5 Il problema inverso, ovvero trovare w dati z, g, p e difficile 3 = 2^ w mod 11 w =?

19 Diffie-Hellman details 1. inizio: determinare un numero primo grande p, ed un generatore g, 1 < g < p. Possono essere valori pubblici. 2. Alice: sceglie x, spedisce A = g^x mod p a Bob x e segreto 3. Bob: sceglie y, spedisce B = g^y mod p ad Alice y e segreto 4. Entrambi: calcolano S = g ^ (x*y) mod p Alice: S=B^x mod p. Bob: S=A^y mod p. Il punto e che (g^(x) mod p)^y mod p= (g^(y) mod p)^x mod p Eve, potendo solo ascoltare i messaggi p,g,a,b, non puo trovare S

20 Problemi di autenticazione (richiamo) I principals provano quello che sono (autenticazione di identita ) Per quanto riguarda le chiavi ci sono problemi di segretezza/confidenzialità e di freschezza Per fornire la confidenzialita usualmente si cifrano le informazioni di identita e le chiavi di sessione Richiede algoritmi sicuri di distribuzione chiavi (chiavi condivise) o crittografia asimmetrica La freschezza e utile per eliminare i replay attacks Vi ricordate l esempio della banca? Garantita usando numeri di sequenza (da ricordare), marche temporali (timestamps) o meccanismi di challenge/response

21 Needham-Schroeder (NSPK)

22 Il protocollo a chiave pubblica di NSPK Pubblicato (7 passi) Un attacco e stato trovato nei primi 4 passi Una prova formale della correttezza del protocollo e stata data 1995 Un attacco e stato trovato negli ultimi 3 passi [Lowe-95]?!? Una prova della correttezza degli ultimi 3 passi e stata data?!?!? L attacco del 1995 e stato trovato con meccanismi di analisi automatica [Lowe-96]

23 Ultimi tre passi 1) A-> B : {A,N a } PK(B) 2)B-> A : {N a, N b } PK(A) 3) A-> B : {N b } PK(B) Obiettivo del protocollo e garantire che A e B sono vivi (alive) e che entrambi conoscono Na e Nb (e nessun altro) Vediamo ciascun passo: Dopo il primo passo cosa possiamo dire? Dopo il secondo passo cosa possiamo dire? E dopo il terzo?

24 L attacco di Lowe (1995) 1) A-> B : {A,N a } PK(B) 2)B-> A : {N a, N b } PK(A) 3) A-> B : {N b } PK(B) L attacco: A --{A,N a } PK(x) --> X B --{A,N a } PK(B) -> <-{N a, N b } PK(A) -- --{N b } PK(X) --> <-{N a, N b } PK(A) -- --{N b } PK(B) --> Per ripararlo il secondo passo diviene B-> A : {N a, N b,, B} PK(A)

25 Kerberos Protocollo di autenticazione distribuita (RF 1510) Nella mitologia greca, un cane con tre teste, gurdiano dell ingresso agli inferi

26 Kerberos Kerberos è un meccanismo per l autenticazione in sistemi distribuiti. Utilizzabile quando: Le risorse sono di tipo eterogeneo (sistemi,servizi server, applicazioni DBMS) I sistemi sono di tipo diverso ( *nix, Windows ecc ) I sistemi sono logicamente e fisicamente separati Kerberos permette di amministrare centralmente l autenticazione mediante uno o più Authentication Services/Servers La sicurezza diventa un servizio standardizzato applicabile allo stesso modo su sistemi eterogenei

27 Kerberos Utilizzo di OneTimePasswd (OTP) per l accesso ai servizi Gestione centralizzata della procedura di autenticazione Un solo sistema adibito alla gestione degli account Le chiavi di accesso non viaggiano in chiaro Rilascia agli utenti un biglietto (ticket)con il quale accedere ai vari servizi

28 L authentication server È l unica entità che gestisce la procedura di autenticazione-autorizzazione in un realm Deve essere chiusa qualunque back door per entrare nel sistema senza passare dall AS Una volta autenticato un utente, gli fornisce una serie di ticket per accedere alle risorse del sistema Il ticket è costruito in modo tale che anche se rubato o duplicato, non può essere utilizzato se non dall utente autorizzato

29 Kerberos: come funziona L utente che vuole accedere ad un servizio si presenta all AS, dichiarando la propria identità e il nome del servizio stesso L AS restituisce un ticket crittografato il cui contenuto è accessibile solo all utente e al servizio L utente spende il ticket per accedere al servizio NB : accesso a n servizi = n ticket di accesso n accessi in tempi diversi allo stesso servizio = n ticket di accesso

30 Richiesta di accesso (1) L utente non deve necessariamente autenticarsi verso l AS L utente dichiara all AS la propria identità e il servizio al quale desidera accedere L AS conosce la password dell utente, con la quale cifra il ticket di risposta

31 Ticket È composto da due componenti: Box1: un messaggio cifrato con la password dell utente, in un formato prestabilito, contenente il nome del servizio richiesto e una chiave di sessione random PWD generata dinamicamente Box2: un messaggio cifrato con la password del servizio richiesto, in un formato prestabilito, contenente il nome dell utente e la medesima chiave di sessione random PWD contenuta nel Box1 Dalla versione 4 il Box2 può essere contenuto nel Box1

32 Richiesta di accesso (2) L utente riceve i due Box Decifra Box1 con la sua password, dal quale estrae la session key Nel caso in cui Box2 è inserito all interno di Box1 lo estrae decifrandolo con la sua password L utente non può accedere al Box2, ma ne crea un altro (Box3) nel quale inserisce la data e ora corrente, e lo cifra con la session key Finalmente, per accedere al servizio, l utente gli invia Box2 e Box3

33 Richiesta di accesso (3) Il servizio riceve Box2 e Box3: Decifra Box2 dal quale estrae la Session Key on la session key, decifra il Box3, e verifica che la data inserita corrisponda al tempo di macchina corrente ( + o - 5 minuti) Se la decifrazione e il tempo contenuto nel Box 3 hanno avuto successo, l utente potrà accedere al servizio

34 Autenticazione e autorizzazione Il ticket (Box2) contiene il nome utente e quindi permette di identificarlo in modo sicuro L Authenticator (Box3) permette di verificare che l utente il cui username è contenuto nel Box2 sia stato capace di estrarre la session key, e che il ticket non sia stato sniffato e successivamente proposto di nuovo al servizio da parte di un attacker Mutua autenticazione: il server può a sua volta generare un authenticator da inviare al client per comprovare la sua identità

35 Kerberos Versione 4 = lient AS = authentication server V = server/verifier IDc = identifier of user on IDv = identifier of V Kc = secret encryption key shared by AS an ADc = network address of Kv = secret encryption key shared by AS an V TS = timestamp

36 Autenticazione semplice (1) --> AS: IDc, IDv (2) AS --> : Box1, Box2 V (3) --> V: {TS, IDc} K Box2 V (4) V --> : {TS+1} K Box1c = {TS, K, IDv} K Box2v = {TS, K, IDv} Kv

37 Alcuni problemi.. Richiede sincronizzazione tra i clock dei vari server Dato l uso elevato degli accessi al AS richiede un uso frequente della chiave simmetrica condivisa tra AS e client

38 In aggiunta Per accedere a n servizi devo inserire n volte la password per effettuare le richieste all AS Per risolvere il problema potrei mantenere la password in una cache sul sistema client (soluzione poco sicura) In alternativa, Kerberos prevede l esistenza di un servizio aggiuntivo : il Ticket Granting Server

39 TGS Logicamente distinto dall AS Può essere installato sul sistema dell AS o su un altro elaboratore Per accedere ad un servizio, l utente richiede un ticket per accedere al TGS, come nella procedura precedentemente descritta fa per qualsiasi altro servizio Dopo aver ottenuto il ticket, l utente lo utilizza per ottenere dal TGS un Ticket Granting Ticket (TGT)

40 Accesso ai servizi con TGT Ricevuto il TGT, ogni volta che l utente desidera accedere ad un servizio, egli effettua una richiesta non all AS, ma al TGS: la risposta è cifrata non con la password utente, ma con la session key che l AS ha rilasciato per la comunicazione con il TGS La risposta spedita dal TGS contiene la nuova session key per la comunicazione con il servizio richiesto La session Key utilizzata tra utente e TGS rimane valida per alcune ore (tipicamente 8) e quindi non è più necessario che l utente inserisca la propria ogni volta che accede ad un servizio In questo caso è possibile mantenere la session key in cache, certi che dopo alcune ore non sarà più valida Il TGT è inserito in una credential cache

41 Fonte: Microsoft

42 Versione 4 con TGS

43 ross Realm Authentication L autenticazione centralizzata può causare i seguenti problemi: La sicurezza della rete dipende da un unico sistema: se il sistema viene attaccato con successo la rete intera è vulnerabile Il sistema è esposto ad attacchi DoS Il server centrale rischia di diventare il collo di bottiglia dell intera rete Il problema può essere in parte risolto suddividendo logicamente la rete e i servizi in più realms

44 ross Realm Authentication Qualora la rete sia suddivisa in più realm, è necessario prevedere forme di accesso attraverso più realms: cross realm authentication Ogni Realm ha il proprio AS e il proprio TGS Per accedere ad un realm diverso dal proprio, è necessario che il realm di appartenenza registri un R(emote)TGS

45 ross Realm Authentication Per accedere ad un servizio che appartiene ad un altro realm, l utente deve: Accedere all AS per richiedere l utilizzo del TGS ontattare il TGS per accedere al RTGS ontattare il RTGS per accedere la servizio remoto In alcuni casi, l uso di più di un realm può risultare inefficiente: in tal caso la soluzione ottimale è quella di stabilire gerarchie di realm, in modo tale che per accedere a più di uno, è sufficiente contattare uno ( o più) realm intermedio/i

46 N.B: Leggi TGS per KD

47 Analisi automatica di protocolli (a livello concettuale)

48 Il problema Problema: Data una descrizione formale e rigorosa di un protocollo di sicurezza, data una proprieta di sicurezza, stabilire in maniera automatica se il protocollo soddisfa tale proprieta, e in caso contrario fornire la sequenza di un possibile attacco. Vari metodi sviluppati negli anni, particolare vi e stato un massiccio sviluppo dopo la scoperta dell attaco di Lowe, che e stato trovato nel 1996 con un tool per l analisi di protocolli specificati con una process algebra chiamata SP Un approccio sviluppato da noi Approccio di analisi: Analisi dei protocolli di sicurezza come sistemi aperti, ovvero sistemi con componenti non specificate (1998) PaMohSA: Uno strumento software automatico per trovare attacchi nei protocolli di sicurezza (1999) Un caso di studio: le procedure di enrollment di Open A (2001)

49 Abbiamo capito che: I protocolli distribuiti sono difficili da progettare: Bisogna coordinare tra loro agenti che cooperano Si devono gestire le problematiche relative agli errori di comunicazione etc (e quindi di coordinazione) I protocolli crittografici sono anche piu difficili: Dobbiamo considerare che ci sono degli agenti esterni al protocollo (oppure agenti interni non fidati) che attivamente agiscono contro gli altri partecipanti!

50 Trasferimenti bancari (ricordate?) Ricordate il protocollo (errato) per i trasferimenti bancari?

51 Sistemi aperti Intruder Malicious component Intruder D A B Specification: Specifica: A A B B [ ] D D [ ][ ]

52 Il metodo di analisi e il seguente Il protocollo e specificato ad un adeguato livello di astrazione In pratica solo i passi di comunicazione tra i principals sono descritti Azioni di spedizione/ricezione Le proprieta algebriche delle funzioni di cifratura sono gestite tramite equazioni tra termini Le proprietà dei protocolli di sicurezza sono espresse tramite formule logiche (spesso temporali)

53 Quali proprieta di di sicurezza possiamo verificare? Sia proprieta di sistema che di rete Segretezza Autenticazione Non-repudiation&Fairness (protocolli per firma di contratti on-line) Information flow Non-interference Integrita Availability

54 PaMohSA Partial Model hecking Security Analyzer [Martinelli, Petrocchi, Vaccarelli-SFM 01] Input / Output Descrizione del protcollo Proprieta onoscenza iniziale dell intruder No Attack Found! / Attack Found! Quali proprieta possiamo analizzare?? Segretezza, autenticazione, etc..

55 Un caso di studio: Open A Abbiamo verificato l architettura di OpenA (software con cui e implementata un A a regime nel nostro istituto) Risultato: Open A e sicura almeno a livello concettuale (nulla possiamo dire a livello implementativo) Un sistema e sicuro tanto quanto la sua componente piu debole Open A ha un server on line» Un attacco riuscito sul servr puo causare l emissione di certificati sbagliati. Questo non e del tutto intuitivo in quanto la chiave privata della A, quella usata per emettere effettivamente i certificati risiede in un server off-line!

56 Autorita di certificazione Queste sono delle terze parti fidate che emettono certificati digitali: Un certificato digitale consiste di almeno un nome di un utente, diciamo A, e la sua chiave pubblica, diciamo pb(a). ertificati digitali sono firmati con la chiave privata della A, ovvero pv(a): Per esempio, {A,pb(A)} pv(a) e il certificato digitale per l utente A. ome sono emessi i certificati digitali, tramite quale procedura?

57 OpenA procedura di enrolment User Operator Enrolment Server Registration Server 3 On-line 5 4 A Off-line 1. U->ES: {name U, pk U, pin U, {pk U, n U } pv(u) } = msg1 2. U->Op: {{name U } pv(gov), pin U,} = msg2 Op->RA: 3.1. {{name U } pv(gov), pin U } = msg3 RA->Op: 3.2. msg1 Op->RA: 3.3 {msg1} pv(op) 4. RA->A: msg1 5. A->RA: {name U,pk U } pv(a) = msg4 6. ES->U: msg4

58 Risultati della analisi OpenA funziona: Non emette certificati incorretti come p.es.: {A, pb(b)} pv(a), dove il nome di A e associato con la chiave pubblica di B, in tal caso potremmo avere due attacchi: Se A e il legittimo utente e B e un attaccante, allora potremmo avere il cosiddetto attacco di responsabilita :» B firma un contratto come A, mentre risulta che e A ad essere responsabile per quel contratto! Se B e il legittino utente e A e un attaccante, allora potremmo avere il cosiddetto attacco di credito:» B firma un messaggio che contiene una nuova scoperta scientifica ma e A a prenderne il credito!

59 Ma OpenA puo avere alcune debolezze potenziali! Il pin U e SPKA degli utenti potrebbero non essere ben protetti: In effetti questi sono memorizzati in chiaro nel server della Registration Authority (RA) che e on-line. Quindi, attraverso un semplice attacco sul RA server, noi possiamo ottenere l emissione di certificati sbagliati!

60 1 attacco: pin U compromesso 1. U->ES: {name U, pk U, pin U, {pk U, n U } pv(u) } = msg1 1. X->ES: {name U, pk X, pin U, {pk X, n X } pv(x) } = msg1x 2. U->Op: {{name U } pv(gov), pin U,} = msg2 Op->RA: 3.1. {{name U } pv(gov), pin U } = msg3 RA->Op: 3.2. msg1x (instead of msg1!!) Op->RA: 3.3 {msg1x} pv(op) 4. RA->A: msg1x 5. A->RA: {name U,pk X } pv(a) = msg4x 6. ES->U: msg4x X spedisce a ES, un messaggio in cui il pin e lo stesso dell utente U!! Op spedisce il pin U, ma RA Risponde al messaggio di X con lo stesso pin! Alla fine, il nome di U e connesso alla chiave pubblica di X!!!!!

61 2 attack: {pk U, n U } pv(u) compromesso 1. U->ES: {name U, pk U, pin U, {pk U, n U } pv(u) } = msg1 1. X->ES: {name X, pk U, pin X, {pk U, n U } pv(u) } = msg1x 2. U->Op: {{name X } pv(gov), pin X,} = msg2x Op->RA: 3.1. {{name X } pv(gov), pin X } = msg3x RA->Op: 3.2. msg1x Op->RA: 3.3 {msg1x} pv(op) 4. RA->A: msg1x 5. A->RA: {name X,pk U } pv(a) = msg4x 6. ES->U: msg4x X spedisce a ES un messaggio dove {pk U, n U } pv(u) e lo stesso di U!! Da qui in avanti si ha una normale sessione tra X, OP, RA and A Alla fine, la chiave pubblica di U e connessa a quella di X!!!!

62 oncludendo L analisi dei protocolli di sicurezza puo essere trattata come analisi di sistemi aperti. Abbiamo implementato un software che analizza a livello concettuale I protocolli di sicurezza usando il nostro approccio (PaMohSA Tool). Siamo in grado di scoprire automaticamente attacchi rimasti ignoti per decenni possono essere trovati in poochi millisecondi L uso del nostro tool, come di altri similari richiede un minimo sforzo di apprendimento. I protocolli sono spesso specificati usando il linguaggio che abbiamo usato noi

63 i sono molte limitazioni Limitazioni: Il nostro tool permette di analizzare protocolli con un numero finito di sessioni (due/tre per ruolo). Altri tools/approcci fanno meglio.. ome tutti, non gestiamo implementazioni, troppi dettagli da gestire..

64 Altri approcci Molte altre tecniche di analisi esistono: Esplorazione esaustiva di tutti i possibili stati della computazione Model checking Theorem proving Analisi composizionale Tecniche simboliche/unificazione Programmazione logica e con vincoli Analisi del controllo del flusso dei dati (statica)...

65 Materiale PaMohSA web site: Ringraziamenti sono dovuti e Luca Bechelli e Marinella Petrocchi

66 Fine del ciclo di seminari! Un consiglio per la progettazione di protocolli di sicurezza puo essere riassunto come: nel molto ci sta il poco.

Applicazioni per l autenticazione Sicurezza nelle reti di TLC - Prof. Marco Listanti - A.A. 2008/2009

Applicazioni per l autenticazione Sicurezza nelle reti di TLC - Prof. Marco Listanti - A.A. 2008/2009 Applicazioni per l autenticazione Kerberos Kerberos Servizio di autenticazione sviluppato dal MIT Fornisce un server di autenticazione centralizzato Basato su crittografia simmetrica (chiave privata) Permette

Dettagli

Sommario. Introduzione alla Sicurezza Web

Sommario. Introduzione alla Sicurezza Web Sommario Introduzione alla Sicurezza Web Considerazioni generali IPSec Secure Socket Layer (SSL) e Transport Layer Security (TLS) Secure Electronic Transaction (SET) Introduzione alla crittografia Introduzione

Dettagli

La Sicurezza delle Reti. La Sicurezza delle Reti. Il software delle reti. Sistemi e tecnologie per la multimedialità e telematica.

La Sicurezza delle Reti. La Sicurezza delle Reti. Il software delle reti. Sistemi e tecnologie per la multimedialità e telematica. Sistemi e tecnologie per la multimedialità e telematica Fabio Burroni Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Siena burronif@unisi unisi.itit La Sicurezza delle Reti La presentazione

Dettagli

Corso di Sicurezza Informatica. Sicurezza Web. Ing. Gianluca Caminiti

Corso di Sicurezza Informatica. Sicurezza Web. Ing. Gianluca Caminiti Corso di Sicurezza Informatica Sicurezza Web Ing. Gianluca Caminiti SSL Sommario Considerazioni sulla Sicurezza del Web Secure Socket Layer (SSL) 3 Brevi Considerazioni sulla Sicurezza del Web Web come

Dettagli

Sicurezza nei Sistemi Distribuiti

Sicurezza nei Sistemi Distribuiti Sicurezza nei Sistemi Distribuiti Aspetti di Sicurezza La sicurezza nei sistemi distribuiti deve riguardare tutti i componenti del sistema e coinvolge due aspetti principali: Le comunicazioni tra utenti

Dettagli

Sicurezza nei Sistemi Distribuiti

Sicurezza nei Sistemi Distribuiti Sicurezza nei Sistemi Distribuiti Aspetti di Sicurezza La sicurezza nei sistemi distribuiti deve riguardare tutti i componenti del sistema e coinvolge due aspetti principali: Le comunicazioni tra utenti

Dettagli

Elementi di Sicurezza e Privatezza Lezione 18 Autenticazione: Single Sign On

Elementi di Sicurezza e Privatezza Lezione 18 Autenticazione: Single Sign On Elementi di Sicurezza e Privatezza Lezione 18 Autenticazione: Single Sign On Chiara Braghin chiara.braghin@unimi.it Lab 8 Visti i problemi con la macchina virtuale e la rete, l assignment è sospeso 1 Autenticazione

Dettagli

Approfondimento di Marco Mulas

Approfondimento di Marco Mulas Approfondimento di Marco Mulas Affidabilità: TCP o UDP Throughput: banda a disposizione Temporizzazione: realtime o piccoli ritardi Sicurezza Riservatezza dei dati Integrità dei dati Autenticazione di

Dettagli

La sicurezza nelle reti di calcolatori

La sicurezza nelle reti di calcolatori La sicurezza nelle reti di calcolatori Contenuti del corso La progettazione delle reti Il routing nelle reti IP Il collegamento agli Internet Service Provider e problematiche di sicurezza Analisi di traffico

Dettagli

SSL: applicazioni telematiche SSL SSL SSL. E-commerce Trading on-line Internet banking... Secure Socket Layer

SSL: applicazioni telematiche SSL SSL SSL. E-commerce Trading on-line Internet banking... Secure Socket Layer : applicazioni telematiche Secure Socket Layer E-commerce Trading on-line Internet banking... Protocollo proposto dalla Netscape Communications Corporation Garantisce confidenzialità e affidabilità delle

Dettagli

Comunicazioni sicure su Internet: https e SSL. Fisica dell Informazione

Comunicazioni sicure su Internet: https e SSL. Fisica dell Informazione Comunicazioni sicure su Internet: https e SSL Fisica dell Informazione Il servizio World Wide Web (WWW) Come funziona nel dettaglio il Web? tre insiemi di regole: Uniform Resource Locator (URL) Hyper Text

Dettagli

Programmazione in Rete

Programmazione in Rete Programmazione in Rete a.a. 2005/2006 http://www.di.uniba.it/~lisi/courses/prog-rete/prog-rete0506.htm dott.ssa Francesca A. Lisi lisi@di.uniba.it Orario di ricevimento: mercoledì ore 10-12 Sommario della

Dettagli

Principi di crittografia Integrità dei messaggi Protocolli di autenticazione Sicurezza nella pila di protocolli di Internet: PGP, SSL, IPSec

Principi di crittografia Integrità dei messaggi Protocolli di autenticazione Sicurezza nella pila di protocolli di Internet: PGP, SSL, IPSec Crittografia Principi di crittografia Integrità dei messaggi Protocolli di autenticazione Sicurezza nella pila di protocolli di Internet: PGP, SSL, IPSec Elementi di crittografia Crittografia: procedimento

Dettagli

Sicurezza delle email, del livello di trasporto e delle wireless LAN

Sicurezza delle email, del livello di trasporto e delle wireless LAN Sicurezza delle email, del livello di trasporto e delle wireless LAN Damiano Carra Università degli Studi di Verona Dipartimento di Informatica La sicurezza nello stack protocollare TCP/IP Livello di rete

Dettagli

Sistemi di autenticazione. Sistemi di autenticazione

Sistemi di autenticazione. Sistemi di autenticazione Sistemi di autenticazione Antonio Lioy < lioy @ polito.it > Politecnico di Torino Dip. Automatica e Informatica Metodologie di autenticazione basate su meccanismi diversi ( 1/2/3-factors authentication

Dettagli

Sicurezza dei sistemi e delle reti 1. Lezione VI: IPsec. IPsec. La suite TCP/IP. Mattia Monga. a.a. 2014/15

Sicurezza dei sistemi e delle reti 1. Lezione VI: IPsec. IPsec. La suite TCP/IP. Mattia Monga. a.a. 2014/15 Sicurezza dei sistemi e delle 1 Mattia Lezione VI: Dip. di Informatica Università degli Studi di Milano, Italia mattia.monga@unimi.it a.a. 2014/15 1 cba 2011 15 M.. Creative Commons Attribuzione Condividi

Dettagli

Meccanismi di autenticazione sicura. Paolo Amendola GARR-CERT

Meccanismi di autenticazione sicura. Paolo Amendola GARR-CERT Meccanismi di autenticazione sicura Paolo Amendola GARR-CERT Argomenti Crittografazione del traffico Identita digitali One-time passwords Kerberos Crittografazione del traffico Secure Shell SASL SRP sftp

Dettagli

Sicurezza in Internet. Criteri di sicurezza. Firewall

Sicurezza in Internet. Criteri di sicurezza. Firewall Sicurezza in Internet cannataro@unicz.it 1 Sommario Internet, Intranet, Extranet Criteri di sicurezza Servizi di filtraggio Firewall Controlli di accesso Servizi di sicurezza Autenticazione Riservatezza,

Dettagli

Sicurezza in Internet

Sicurezza in Internet Sicurezza in Internet Mario Cannataro cannataro@unicz.it 1 Sommario Internet, Intranet, Extranet Servizi di filtraggio Firewall Servizi di sicurezza Autenticazione Riservatezza ed integrità delle comunicazioni

Dettagli

metodi crittografici 2006-2007 maurizio pizzonia sicurezza dei sistemi informatici e delle reti

metodi crittografici 2006-2007 maurizio pizzonia sicurezza dei sistemi informatici e delle reti metodi crittografici 1 sommario richiami di crittografia e applicazioni hash crittografici crittografia simmetrica crittografia asimmetrica attacchi e contromisure attacchi tipici key rollover generatori

Dettagli

SETEFI. Marco Cantarini, Daniele Maccauro, Domenico Marzolla. 19 Aprile 2012

SETEFI. Marco Cantarini, Daniele Maccauro, Domenico Marzolla. 19 Aprile 2012 e VIRTUALCARD 19 Aprile 2012 e VIRTUALCARD Introduzione Il nostro obiettivo é quello di illustrare la struttura e le caratteristiche di fondo che stanno alla base delle transazioni online operate tramite

Dettagli

Sicurezza interna alle applicazioni. Sicurezza esterna alle applicazioni. SSL: introduzione. Sicurezza nei Sistemi Informativi

Sicurezza interna alle applicazioni. Sicurezza esterna alle applicazioni. SSL: introduzione. Sicurezza nei Sistemi Informativi Sicurezza nei Sistemi Informativi La sicurezza nei protocolli di rete Ing. Orazio Tomarchio Orazio.Tomarchio@diit.unict.it Dipartimento di Ingegneria Informatica e delle Telecomunicazioni Università di

Dettagli

La sicurezza nelle comunicazioni Internet

La sicurezza nelle comunicazioni Internet Accesso remoto sicuro a intranet e a server aziendali di posta elettronica Un esempio Cosa ci si deve aspettare di sapere alla fine del corso La sicurezza nelle comunicazioni Internet Esiste un conflitto

Dettagli

PRINCIPI DI COMPUTER SECURITY. Andrea Paoloni

PRINCIPI DI COMPUTER SECURITY. Andrea Paoloni PRINCIPI DI COMPUTER SECURITY Andrea Paoloni 2 Cade il segreto dei codici cifrati Corriere della Sera 26 febbraio 2008 3 Gli hacker sono utili? 4 Safety vs Security SAFETY (salvezza): protezione, sicurezza

Dettagli

La sicurezza nelle comunicazioni fra PC. Prof. Mauro Giacomini A.A. 2008-2009

La sicurezza nelle comunicazioni fra PC. Prof. Mauro Giacomini A.A. 2008-2009 La sicurezza nelle comunicazioni fra PC Prof. Mauro Giacomini A.A. 2008-2009 Sommario Cosa significa sicurezza? Crittografia Integrità dei messaggi e firma digitale Autenticazione Distribuzione delle chiavi

Dettagli

Sicurezza nelle applicazioni multimediali: lezione 7, sicurezza dei protocolli. Sicurezza dei protocolli (https, pop3s, imaps, esmtp )

Sicurezza nelle applicazioni multimediali: lezione 7, sicurezza dei protocolli. Sicurezza dei protocolli (https, pop3s, imaps, esmtp ) Sicurezza dei protocolli (https, pop3s, imaps, esmtp ) Stack di protocolli nella trasmissione della posta elettronica 2 Sicurezza a livello applicativo Ma l utilizzo di meccanismi di cifratura e autenticazione

Dettagli

Crittografia. Crittografia Definizione. Sicurezza e qualità dei servizi su internet. 2009 Università degli Studi di Pavia, C.

Crittografia. Crittografia Definizione. Sicurezza e qualità dei servizi su internet. 2009 Università degli Studi di Pavia, C. Definizione La crittografia è la scienza che utilizza algoritmi matematici per cifrare e decifrare i dati. La criptoanalisi è la scienza che analizza e decifra i dati crittografati senza conoscerne a priori

Dettagli

Cenni sulla Sicurezza in Ambienti Distribuiti

Cenni sulla Sicurezza in Ambienti Distribuiti Cenni sulla Sicurezza in Ambienti Distribuiti Cataldo Basile < cataldo.basile @ polito.it > Politecnico di Torino Dip. Automatica e Informatica Motivazioni l architettura TCP/IPv4 è insicura il problema

Dettagli

SICUREZZA. Sistemi Operativi. Sicurezza

SICUREZZA. Sistemi Operativi. Sicurezza SICUREZZA 14.1 Sicurezza Il Problema della Sicurezza Convalida Pericoli per i Programmi Pericoli per il Sistema Difendere i Sistemi Scoperta di Intrusioni Cifratura Esempio: Windows NT 14.2 Il Problema

Dettagli

Sistemi Operativi SICUREZZA. Sistemi Operativi. D. Talia - UNICAL 14.1

Sistemi Operativi SICUREZZA. Sistemi Operativi. D. Talia - UNICAL 14.1 SICUREZZA 14.1 Sicurezza Il Problema della Sicurezza Convalida Pericoli per i Programmi Pericoli per il Sistema Difendere i Sistemi Scoperta di Intrusioni Cifratura Esempio: Windows NT 14.2 Il Problema

Dettagli

Sicurezza a livello IP: IPsec e le reti private virtuali

Sicurezza a livello IP: IPsec e le reti private virtuali Sicurezza a livello IP: IPsec e le reti private virtuali Davide Cerri Sommario L esigenza di proteggere l informazione che viene trasmessa in rete porta all utilizzo di diversi protocolli crittografici.

Dettagli

Protezione dei Dati Digitali: Scenari ed Applicazioni

Protezione dei Dati Digitali: Scenari ed Applicazioni Protezione dei Dati Digitali: Scenari ed Applicazioni 1 Sommario Parte I : Scenari Parte II : La Teoria Parte III: La Pratica 2 Parte I: Scenari 3 Applicazioni quotidiane (1/2) Transazioni finanziarie

Dettagli

PKI PUBLIC KEY INFRASTRUCTURES

PKI PUBLIC KEY INFRASTRUCTURES Premesse PKI PUBLIC KEY INFRASTRUCTURES Problemi Come distribuire in modo sicuro le chiavi pubbliche? Come conservare e proteggere le chiavi private? Come garantire l utilizzo corretto dei meccanismi crittografici?

Dettagli

Certificati digitali con CAcert Un'autorità di certificazione no-profit

Certificati digitali con CAcert Un'autorità di certificazione no-profit Certificati digitali con CAcert Un'autorità di certificazione no-profit Davide Cerri Associazione di Promozione Sociale LOLUG Gruppo Utenti Linux Lodi davide@lolug.net 11 novembre 2008 Crittografia asimmetrica:

Dettagli

FORSETI BLOG. Readcast. Aprile 2014 Speciale Heartbleed. http://blog.forseti.it/

FORSETI BLOG. Readcast. Aprile 2014 Speciale Heartbleed. http://blog.forseti.it/ FORSETI BLOG Readcast Aprile 2014 Speciale Heartbleed http://blog.forseti.it/ Indice di 3 Forseti Blog - Aprile 2014 3 di Dottore in Sicurezza dei Sistemi e delle Reti Informatiche, Dottore Magistrale

Dettagli

Sicurezza delle reti wireless. Alberto Gianoli alberto.gianoli@fe.infn.it

Sicurezza delle reti wireless. Alberto Gianoli alberto.gianoli@fe.infn.it Sicurezza delle reti wireless Alberto Gianoli alberto.gianoli@fe.infn.it Concetti di base IEEE 802.11: famiglia di standard tra cui: 802.11a, b, g: physical e max data rate spec. 802.11e: QoS (traffic

Dettagli

Appendice:: Spunti sulla sicurezza e Internet Materiale fuori programma dedicato rigorosamente solo ai curiosi. prof.

Appendice:: Spunti sulla sicurezza e Internet Materiale fuori programma dedicato rigorosamente solo ai curiosi. prof. Operatore Informatico Giuridico Informatica Giuridica di Base A.A 2003/2004 I Semestre Appendice:: Spunti sulla sicurezza e Internet Materiale fuori programma dedicato rigorosamente solo ai curiosi prof.

Dettagli

Crittografia e Protocolli di Sicurezza

Crittografia e Protocolli di Sicurezza Crittografia e Protocolli di Sicurezza Ing. Emilio Spinicci 07/04/2004 1 Argomenti della lezione Introduzione Principi di Crittografia Protocolli di Sicurezza Attacchi ai Protocolli di Sicurezza 07/04/2004

Dettagli

Problemi legati alla sicurezza e soluzioni

Problemi legati alla sicurezza e soluzioni Corso DOMOTICA ED EDIFICI INTELLIGENTI UNIVERSITA DI URBINO Docente: Ing. Luca Romanelli Mail: romanelli@baxsrl.com Accesso remoto ad impianti domotici Problemi legati alla sicurezza e soluzioni Domotica

Dettagli

LBSEC. http://www.liveboxcloud.com

LBSEC. http://www.liveboxcloud.com 2014 LBSEC http://www.liveboxcloud.com LiveBox Srl non rilascia dichiarazioni o garanzie in merito al contenuto o uso di questa documentazione e declina qualsiasi garanzia espressa o implicita di commerciabilità

Dettagli

Elementi di Sicurezza e Privatezza Lezione 18 Autenticazione: Single Sign On

Elementi di Sicurezza e Privatezza Lezione 18 Autenticazione: Single Sign On Elementi di Sicurezza e Privatezza Lezione 18 Autenticazione: Single Sign On Chiara Braghin chiara.braghin@unimi.it! Autenticazione cont d (1) Dalle lezioni precedenti: w L autenticazione è un prerequisito

Dettagli

Cifratura a chiave pubblica Sicurezza nelle reti di TLC - Prof. Marco Listanti - A.A. 2008/2009

Cifratura a chiave pubblica Sicurezza nelle reti di TLC - Prof. Marco Listanti - A.A. 2008/2009 Cifratura a chiave pubblica Crittografia a chiave privata Chiave singola Crittografia simmetrica La stessa chiave è utilizzata sia per la cifratura che per la decifratura dei messaggi La chiave rappresenta

Dettagli

Guida ai certificati SSL User Guide

Guida ai certificati SSL User Guide Guida ai certificati SSL User Guide PROBLEMATICHE DEL WEB... 2 PRIVACY...3 AUTORIZZAZIONE/AUTENTICAZIONE...4 INTEGRITA DEI DATI...4 NON RIPUDIO...4 QUALI SONO I PRINCIPALI STRUMENTI UTILIZZATI PER GARANTIRE

Dettagli

Informatica per la comunicazione" - lezione 13 -

Informatica per la comunicazione - lezione 13 - Informatica per la comunicazione" - lezione 13 - Funzionamento di una password" 1: l utente tramite il suo browser richiede l accesso a una pagina del server; 2: il server richiede il nome utente e la

Dettagli

Introduzione ai certificati S/MIME e alla posta elettronica certificata...2 Procedura di installazione del certificato personale S/MIME rilasciato

Introduzione ai certificati S/MIME e alla posta elettronica certificata...2 Procedura di installazione del certificato personale S/MIME rilasciato Guida all installazione e all utilizzo di un certificato personale S/MIME (GPSE) Introduzione ai certificati S/MIME e alla posta elettronica certificata...2 Procedura di installazione del certificato personale

Dettagli

Corso di Laurea in Informatica Reti e Sicurezza Informatica

Corso di Laurea in Informatica Reti e Sicurezza Informatica Corso di Laurea in Informatica Reti e Sicurezza Informatica Esercitazione 6 Autenticazione in Tomcat per lo sviluppo di Web Service. In questo documento si presentano i meccanismi fondamentali che consentono

Dettagli

La suite di protocolli SSL

La suite di protocolli SSL Network Security Elements of Security Protocols Secure Socket Layer (SSL) Architettura Il protocollo Record Il protocollo Handshake Utilizzo di SSL nei pagamenti elettronici Limiti di SSL Sicurezza nella

Dettagli

OpenVPN: un po di teoria e di configurazione

OpenVPN: un po di teoria e di configurazione Università degli Studi di Milano Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Corso di Laurea in Informatica 10 dicembre 2004 Sommario 1 Introduzione: definizione e utilizzo delle VPN 2 3 4 5 Sommario

Dettagli

Lezione 7 Sicurezza delle informazioni

Lezione 7 Sicurezza delle informazioni Lezione 7 Sicurezza delle informazioni Sommario Concetti generali Meccanismi per la sicurezza IT: Crittografia Hash Firma digitale Autenticazione 1 Concetti generali Availability Confidentiality Integrity

Dettagli

Protezione delle informazioni in SMart esolutions

Protezione delle informazioni in SMart esolutions Protezione delle informazioni in SMart esolutions Argomenti Cos'è SMart esolutions? Cosa si intende per protezione delle informazioni? Definizioni Funzioni di protezione di SMart esolutions Domande frequenti

Dettagli

Sicurezza dei sistemi informatici Firma elettronica E-commerce

Sicurezza dei sistemi informatici Firma elettronica E-commerce Sicurezza dei sistemi informatici Firma elettronica E-commerce Il contesto applicativo Commercio elettronico Quanti bit ho guadagnato!! Marco Mezzalama Politecnico di Torino collegamenti e transazioni

Dettagli

Sicurezza degli accessi remoti. La sicurezza degli accessi remoti

Sicurezza degli accessi remoti. La sicurezza degli accessi remoti Sicurezza degli accessi remoti Antonio Lioy < lioy @ polito.it > Politecnico di Torino Dip. Automatica e Informatica Situazione standard autenticazione ed autorizzazione basate su password problema: password

Dettagli

La firma digitale CHE COSA E'?

La firma digitale CHE COSA E'? La firma digitale La Firma Digitale è il risultato di una procedura informatica che garantisce l autenticità e l integrità di messaggi e documenti scambiati e archiviati con mezzi informatici, al pari

Dettagli

Reti di Calcolatori:

Reti di Calcolatori: Reti di Calcolatori: Internet, Intranet e Mobile Computing a.a. 2007/2008 http://www.di.uniba.it/~lisi/courses/reti/reti0708.htm dott.ssa Francesca A. Lisi lisi@di.uniba.it Orario di ricevimento: mercoledì

Dettagli

Sicurezza delle reti. Monga. L autenticazione in rete Password Altre credenziali OTP Metodi crittografici. Pericoli. Sicurezza delle reti.

Sicurezza delle reti. Monga. L autenticazione in rete Password Altre credenziali OTP Metodi crittografici. Pericoli. Sicurezza delle reti. 1 Mattia Lezione XIX: Dip. di Informatica e Comunicazione Università degli Studi di Milano, Italia mattia.monga@unimi.it a.a. 2010/11 1 c 2011 M.. Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo

Dettagli

Sommario. Modellazione di Kerberos mediante DASM. Kerberos (1) Descrizione Kerberos. Descrizione Kerberos Modellazione Analisi di Correttezza

Sommario. Modellazione di Kerberos mediante DASM. Kerberos (1) Descrizione Kerberos. Descrizione Kerberos Modellazione Analisi di Correttezza Sommario Modellazione di Kerberos mediante DASM Descrizione Kerberos Modellazione Analisi di Correttezza DASM per Kerberos 1 DASM per Kerberos 2 Kerberos (1) Descrizione Kerberos Kerberos è traslitterazione

Dettagli

Sicurezza delle applicazioni di rete

Sicurezza delle applicazioni di rete Sicurezza delle applicazioni di rete Antonio Lioy < lioy @ polito.it > Politecnico di Torino Dip. Automatica e Informatica Sicurezza di canale autenticazione (singola o mutua), integrità e segretezza solo

Dettagli

Soluzioni di strong authentication per il controllo degli accessi

Soluzioni di strong authentication per il controllo degli accessi Abax Bank Soluzioni di strong authentication per il controllo degli accessi Allegato Tecnico Milano Hacking Team S.r.l. http://www.hackingteam.it Via della Moscova, 13 info@hackingteam.it 20121 MILANO

Dettagli

Analysis of the Logjam attack

Analysis of the Logjam attack Technical Report on Analysis of the Logjam attack (IEIIT-CNR-150608) Luca Patti, Ernesto Schiavo, Enrico Cambiaso, Gianluca Papaleo, Paolo Farina, Maurizio Aiello (Network Security Group) IEIIT-CNR Istituto

Dettagli

StarShell. Autenticazione. StarShell

StarShell. Autenticazione. StarShell Autenticazione 1 Autenticazione Verifica dell'identità di qualcuno (utente) o qualcosa (host) in un contesto definito Componenti: Oggetto dell'autenticazione Autenticatore Informazione di autenticazione

Dettagli

Fabio Burroni. Università degli Studi di Siena burronif@unisi.it

Fabio Burroni. Università degli Studi di Siena burronif@unisi.it Fabio Burroni Università degli Studi di Siena burronif@unisi.it Sistemi e Tecnologie di Rete La Sicurezza delle Reti La presentazione è scaricabile da http://www.ltt.dii.unisi.it/benelli.htm La Sicurezza

Dettagli

Una Introduzione a TLSv1.0

Una Introduzione a TLSv1.0 ICT Security n. 32 e 34, Marzo/Maggio 2005 p. 1 di 8 Una Introduzione a TLSv1.0 In questa rubrica abbiamo già avuto modo di descrivere protocolli ed applicazioni che sfruttano SSL/TLS (Secure Socket Layer

Dettagli

Sicurezza delle applicazioni di rete. Sicurezza di canale. Sicurezza di messaggio (o dei dati) Antonio Lioy - Politecnico di Torino (1995-2011) 1

Sicurezza delle applicazioni di rete. Sicurezza di canale. Sicurezza di messaggio (o dei dati) Antonio Lioy - Politecnico di Torino (1995-2011) 1 Sicurezza delle applicazioni di rete Antonio Lioy < lioy @ polito.it > Politecnico di Torino Dip. Automatica e Informatica Sicurezza di canale autenticazione (singola o mutua), integrità e segretezza solo

Dettagli

L IDENTITY MANAGEMENT

L IDENTITY MANAGEMENT L IDENTITY MANAGEMENT Le 3 A È pratica consueta riferirsi all insieme delle tecniche di autenticazione, autorizzazione e accounting come alle 3A. Il motivo di questo accostamento non risiede semplicemente

Dettagli

Acquisto con carta di credito. Acquisto con carta di credito

Acquisto con carta di credito. Acquisto con carta di credito Acquisto con carta di credito Vantaggio: facile da implementare Svantaggio: per un malintenzionato è più facile carpire il numero della carta attraverso Internet che non via telefono Svantaggio: credibilità

Dettagli

Appl. di emissione PKCS#11. API (Metacomandi) Resource Manager Windows. Drivers PC/SC dei lettori

Appl. di emissione PKCS#11. API (Metacomandi) Resource Manager Windows. Drivers PC/SC dei lettori Roma, 30 gennaio 2003 La realtà della carta di identità elettronica (nel seguito CIE) e della carta nazionale dei servizi (nel seguito CNS) rende ineluttabile l individuazione di servizi da erogare in

Dettagli

Sicurezza: credenziali, protocolli sicuri, virus, backup

Sicurezza: credenziali, protocolli sicuri, virus, backup Sicurezza: credenziali, protocolli sicuri, virus, backup La sicurezza informatica Il tema della sicurezza informatica riguarda tutte le componenti del sistema informatico: l hardware, il software, i dati,

Dettagli

Elementi di Sicurezza informatica

Elementi di Sicurezza informatica Elementi di Sicurezza informatica Secure Socket Layer Università degli Studi di Perugia Indice 1 1.Introduzione 2 3 Perché SSL Funzionalità Storia di SSL Introduzione Introduzione Perché SSL; Funzionalità;

Dettagli

Sicurezza delle reti e dei calcolatori

Sicurezza delle reti e dei calcolatori Sicurezza e dei calcolatori Introduzione a IPSec Lezione 11 1 Obiettivi Aggiungere funzionalità di sicurezza al protocollo IPv4 e IPv6 Riservatezza e integrità del traffico Autenticità del mittente La

Dettagli

Vallarino Simone. Corso di sicurezza A.A. 2003/2004 HTTPS

Vallarino Simone. Corso di sicurezza A.A. 2003/2004 HTTPS Vallarino Simone Corso di sicurezza A.A. 2003/2004 HTTPS INTRODUZIONE Per cominciare a parlare di https è necessario aprire la discussione ricordando le caratteristiche dell http: HTTP Nel sistema telematico

Dettagli

LBSEC. http://www.liveboxcloud.com

LBSEC. http://www.liveboxcloud.com 2014 LBSEC http://www.liveboxcloud.com LiveBox Srl non rilascia dichiarazioni o garanzie in merito al contenuto o uso di questa documentazione e declina qualsiasi garanzia espressa o implicita di commerciabilità

Dettagli

Vendere online. Andrea Marin. Università Ca Foscari Venezia SVILUPPO INTERCULTURALE DEI SISTEMI TURISTICI SISTEMI INFORMATIVI PER IL TURISMO

Vendere online. Andrea Marin. Università Ca Foscari Venezia SVILUPPO INTERCULTURALE DEI SISTEMI TURISTICI SISTEMI INFORMATIVI PER IL TURISMO Andrea Marin Università Ca Foscari Venezia SVILUPPO INTERCULTURALE DEI SISTEMI TURISTICI SISTEMI INFORMATIVI PER IL TURISMO a.a. 2013/2014 Section 1 Introduzione Parliamo di acquisti online quando a seguito

Dettagli

CRITTOGRAFIA, CERTIFICATI DIGITALI E PROTOCOLLI DI SICUREZZA

CRITTOGRAFIA, CERTIFICATI DIGITALI E PROTOCOLLI DI SICUREZZA CRITTOGRAFIA, CERTIFICATI DIGITALI E PROTOCOLLI DI SICUREZZA SU COSA SI BASANO I CERTIFICATI DIGITALI...2 Che cos è la Crittografia? E come viene applicata?...2 Crittografia a chiave simmetrica o segreta......2

Dettagli

Obiettivo: realizzazione di reti sicure TIPI DI ATTACCO. Politica di sicurezza: a) scelte tecnologiche b) strategie organizzative

Obiettivo: realizzazione di reti sicure TIPI DI ATTACCO. Politica di sicurezza: a) scelte tecnologiche b) strategie organizzative Obiettivo: realizzazione di reti sicure Politica di sicurezza: a) scelte tecnologiche b) strategie organizzative Per quanto riguarda le scelte tecnologiche vi sono due categorie di tecniche: a) modifica

Dettagli

La sicurezza nel Web

La sicurezza nel Web La sicurezza nel Web Protezione vs. Sicurezza Protezione: garantire un utente o un sistema della non interazione delle attività che svolgono in unix ad esempio i processi sono protetti nella loro esecuzione

Dettagli

Motore di riempimento DB (generatore dati per simulazione)

Motore di riempimento DB (generatore dati per simulazione) SISTEMI DISTRIBUITI prof. S.Pizzutilo Motore di riempimento DB (generatore dati per simulazione) Studente: Alessandro Balestrucci 617937 Corso di Laurea: Informatica Magistrale Dipartimento di Informatica

Dettagli

Tecnologie per la gestione delle transazioni su Internet 19/04/06

Tecnologie per la gestione delle transazioni su Internet 19/04/06 E-business sicuro Tecnologie per la gestione delle transazioni su Internet 19/04/06 Ecommerce: problematiche Differenze con il commercio tradizionale dati importanti viaggiano su Internet (numero di carta

Dettagli

RETI DI CALCOLATORI. Crittografia. La crittografia

RETI DI CALCOLATORI. Crittografia. La crittografia RETI DI CALCOLATORI Crittografia La crittografia La crittografia è la scienza che studia la scrittura e la lettura di messaggi in codice ed è il fondamento su cui si basano i meccanismi di autenticazione,

Dettagli

Sicurezza nelle applicazioni multimediali: lezione 4, crittografia asimmetrica. Crittografia asimmetrica (a chiave pubblica)

Sicurezza nelle applicazioni multimediali: lezione 4, crittografia asimmetrica. Crittografia asimmetrica (a chiave pubblica) Crittografia asimmetrica (a chiave pubblica) Problemi legati alla crittografia simmetrica Il principale problema della crittografia simmetrica sta nella necessità di disporre di un canale sicuro per la

Dettagli

Universita' di Ferrara Dipartimento di Matematica e Informatica. Algoritmi e Strutture Dati. Funzioni Hash e Network Security

Universita' di Ferrara Dipartimento di Matematica e Informatica. Algoritmi e Strutture Dati. Funzioni Hash e Network Security Universita' di Ferrara Dipartimento di Matematica e Informatica Algoritmi e Strutture Dati Funzioni Hash e Network Security Vedi: A.S. Tanenbaum, Computer Networks, 4th ed., Prentice Hall: sez. 8, pagg.

Dettagli

Protocollo HTTP. Alessandro Sorato

Protocollo HTTP. Alessandro Sorato Un protocollo è un insieme di regole che permettono di trovare uno standard di comunicazione tra diversi computer attraverso la rete. Quando due o più computer comunicano tra di loro si scambiano una serie

Dettagli

Parte prima Cifratura simmetrica 27 Introduzione alla Parte prima 27

Parte prima Cifratura simmetrica 27 Introduzione alla Parte prima 27 Indice Prefazione XV Capitolo 0 Guida alla lettura 1 0.1 Contenuti generali del volume 1 0.2 Struttura generale 2 0.3 Risorse su Internet e sul Web 3 Siti Web per questo volume 3 Altri siti Web 4 I gruppi

Dettagli

Xerox SMart esolutions. White Paper sulla protezione

Xerox SMart esolutions. White Paper sulla protezione Xerox SMart esolutions White Paper sulla protezione White Paper su Xerox SMart esolutions La protezione della rete e dei dati è una delle tante sfide che le aziende devono affrontare ogni giorno. Tenendo

Dettagli

Livello Applicazione. Davide Quaglia. Motivazione

Livello Applicazione. Davide Quaglia. Motivazione Livello Applicazione Davide Quaglia 1 Motivazione Nell'architettura ibrida TCP/IP sopra il livello trasporto esiste un unico livello che si occupa di: Gestire il concetto di sessione di lavoro Autenticazione

Dettagli

1.1 - Crittografia sulla infrastruttura trasmissiva tra le stazioni remote Rilheva il centro di telecontrollo

1.1 - Crittografia sulla infrastruttura trasmissiva tra le stazioni remote Rilheva il centro di telecontrollo SISTEMA DI TELECONTROLLO RILHEVA GPRS (CARATTERISTICHE DEL VETTORE GPRS E SICUREZZE ADOTTATE) Abstract: Sicurezza del Sistema di Telecontrollo Rilheva Xeo4 ha progettato e sviluppato il sistema di telecontrollo

Dettagli

OpenVPN: un po di teoria e di configurazione

OpenVPN: un po di teoria e di configurazione OpenVPN: un po di teoria e di configurazione Andrea Lanzi, Davide Marrone, Roberto Paleari Università degli Studi di Milano Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Anno Accademico 2006/2007

Dettagli

Reti di calcolatori. Lezione del 25 giugno 2004

Reti di calcolatori. Lezione del 25 giugno 2004 Reti di calcolatori Lezione del 25 giugno 2004 Tecniche di attacco Denial of Service : impedisce ad una organizzazione di usare i servizi della propria rete; sabotaggio elettronico Gli attacchi DoS possono

Dettagli

Sicurezza in E-Commerce

Sicurezza in E-Commerce Sicurezza in E-Commerce Corso di Laurea Magistrale Scienze e Tecnologie Informatiche Sicurezza dei Sistemi Informatici A. A. 2008/2009 Luca Assirelli - Mirco Gamberini Gruppo 6 E-Commerce Internet, ha

Dettagli

Benvenuti. Luca Biffi, Direttore Supporto Tecnico di Achab supporto@achab.it. Achab techjam Gateway PEC per MDaemon

Benvenuti. Luca Biffi, Direttore Supporto Tecnico di Achab supporto@achab.it. Achab techjam Gateway PEC per MDaemon Benvenuti Luca Biffi, Direttore Supporto Tecnico di Achab supporto@achab.it Achab techjam Gateway PEC per MDaemon Protocolli di sicurezza per la posta elettronica... inclusa la PEC Achab 2 Agenda Acronimi

Dettagli

MANUALE UTENTE INTERNET - ISTRUZIONI TECNICHE PER L UTILIZZO DEL SERVIZIO

MANUALE UTENTE INTERNET - ISTRUZIONI TECNICHE PER L UTILIZZO DEL SERVIZIO Rev. n 02 Pag. 1 di 25 SERVIZIO DI CERTIFICAZIONE TERNA L UTILIZZO DEL SERVIZIO Storia delle revisioni Rev. n Data Descrizione 01 23/08/2010 Prima emissione del documento. 02 24/09/2010 Aggiornamento printscreen

Dettagli

Protocolli di rete. Vittorio Maniezzo Università di Bologna. Vittorio Maniezzo Università di Bologna 02 Protocolli - 2/30

Protocolli di rete. Vittorio Maniezzo Università di Bologna. Vittorio Maniezzo Università di Bologna 02 Protocolli - 2/30 Protocolli di rete Vittorio Maniezzo Università di Bologna Vittorio Maniezzo Università di Bologna 02 Protocolli - 1/30 Strati di protocolli (Protocol Layers) Le reti sono complesse Molti elementi: host

Dettagli

GIGASET SL75 WLAN GUIDA ALLA CONFIGURAZIONE EUTELIAVOIP

GIGASET SL75 WLAN GUIDA ALLA CONFIGURAZIONE EUTELIAVOIP GIGASET SL75 WLAN GUIDA ALLA CONFIGURAZIONE EUTELIAVOIP Gigaset SL75 WLAN Guida alla configurazione EUTELIAVOIP pag.2 INDICE SCOPO...3 CONNESSIONE DEL TELEFONO SL75 WLAN...3 Prerequisiti necessari Access

Dettagli

La sicurezza nelle reti di calcolatori

La sicurezza nelle reti di calcolatori La sicurezza nelle reti di calcolatori Contenuti del corso La progettazione delle reti Il routing nelle reti IP Il collegamento agli Internet Service Provider e problematiche di sicurezza Analisi di traffico

Dettagli

Sommario. Modulo 8: Applicativi. Parte 3: Terminale remoto. Premessa Telnet SSH XWindows VNC RDP. Gennaio Marzo 2007

Sommario. Modulo 8: Applicativi. Parte 3: Terminale remoto. Premessa Telnet SSH XWindows VNC RDP. Gennaio Marzo 2007 Modulo 8: Applicativi Parte 3: Terminale remoto 1 Sommario Premessa Telnet SSH XWindows VNC RDP Reti di Calcolatori 2 1 Premessa Necessita : controllare a distanza un dispositivo attraverso la connessione

Dettagli

Firma digitale Definizione

Firma digitale Definizione FIRMA DIGITALE Firma digitale Definizione La definizione di firma digitale è contenuta nel Dlgs. Del 4/04/2006 n.159 che integra il Codice dell amministrazione digitale in vigore dal 1/01/2006. Firma digitale

Dettagli

SICE.NET Servizio Informativo Casse Edili

SICE.NET Servizio Informativo Casse Edili SICE.NET Servizio Informativo Casse Edili http://213.26.67.117/ce_test Guida all uso del servizio Internet On-Line CASSA EDILE NUOVA INFORMATICA Software prodotto da Nuova Informatica srl Pag. 1 Il Servizio

Dettagli

Corso di ARCHITETTURA DEI SISTEMI INFORMATIVI - Prof. Crescenzio Gallo. 114 Sistemi informativi in rete e sicurezza 4.6

Corso di ARCHITETTURA DEI SISTEMI INFORMATIVI - Prof. Crescenzio Gallo. 114 Sistemi informativi in rete e sicurezza 4.6 Approcci al problema della sicurezza 114 Sistemi informativi in rete e sicurezza 4.6 Accessi non autorizzati Hacker: coloro che si avvalgono delle proprie conoscenze informatiche e di tecnologia delle

Dettagli

Autenticazione Forte...e uso delle carte

Autenticazione Forte...e uso delle carte Autenticazione Forte...e uso delle carte ...autenticazione forte Challenge and Response (Sfida e risposta) Basato su chiavi segrete e su una funzione unidirezionale Lo scopo è stabilire indirettamente

Dettagli

Come creare un certificato SSL per IIS utilizzando la CA Privata di W indow s 2 0 0 3 Server

Come creare un certificato SSL per IIS utilizzando la CA Privata di W indow s 2 0 0 3 Server Come creare un certificato SSL per IIS utilizzando la CA Privata di W indow s 2 0 0 3 Server Di Massimiliano Brolli, Roma 24/10/2004 SSL permette di eseguire una connessione criptata tra un Server WEB

Dettagli

Crittografia. Ringraziamenti. Scopo della crittografia. Privatezza

Crittografia. Ringraziamenti. Scopo della crittografia. Privatezza Crittografia Ringraziamenti prof. Francesco Dalla Libera Corso di Commercio Elettronico, Dipartimento di Informatica, Università Ca' Foscari di Venezia. Moreno Marzolla Dipartimento di Informatica Università

Dettagli