La televisione digitale in Italia La penetrazione dell offerta allargata presso le famiglie italiane

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La televisione digitale in Italia La penetrazione dell offerta allargata presso le famiglie italiane"

Transcript

1 La televisione digitale in Italia La penetrazione dell offerta allargata presso le famiglie italiane 1 semestre 2005 Primo rapporto semestrale sulla penetrazione della tv digitale. Le fonti: dichiarazioni degli operatori ed analisi degli Istituti di ricerca 26 ottobre 2005

2 Indice: 1. Sommario 2. I numeri delle piattaforme La penetrazione del digitale e dell offerta allargata nelle famiglie italiane 3. L offerta di contenuti per piattaforma digitale 4. Criticità nel rilevamento ascolti La sentenza Lamanna L indagine dell AGCOM I grandi interrogativi sulla riforma dell Auditel

3 Sommario Al 30 Giugno 2005 la penetrazione della tv digitale nelle famiglie italiane ha raggiunto il 34.5% Stimando un tasso di sovrapposizione, dedotto da una cumulazione ponderata, lo scenario prudenziale mostra che il 30.5% delle famiglie italiane hanno accesso ad un offerta allargata (multichannel) Gli abbonati alla piattaforma satellitare Sky hanno superato i (bilancio newscorp) Gli utenti satellitari free (con parabola ma non abbonati a Sky) sono stimati in pari a famiglie (Audistar Eurisko individui per famiglia 3,2) Il digitale terrestre mostra un trend in forte espansione: sono stati venduti oltre decoder (dichiarazione GFK) In Italia resta marginale la penetrazione della tv via cavo, con un solo operatore che registra abbonati sino al periodo in esame (dichiarazione della piattaforma Fastweb) E annunciato entro la fine del 2005 il lancio anche in Italia di nuove piattaforme digitali cavo IPTV da parte di Telecom (Alice) e di Tiscali. Più di 8 milioni di famiglie hanno accesso ai contenuti (canali) dell offerta digitale allargata su un totale di (Istat al 31/12/04) Ma l offerta è differenziata al proprio interno a seconda della piattaforma (Sat pay, Sat free, Digitale terrestre, Cavo) e della dotazione tecnologica prescelta dall utenza. Questo nuovo scenario, peraltro in costante evoluzione, genera complicazioni molto forti nella predisposizione di sistemi efficienti di rilevamento dell audience, in particolare: la criticità nella costruzione del campione. Il 19 aprile 2005 un ordinanza della Corte d appello di Milano ha inibito Auditel dal pubblicare i dati di audience delle emittenti satellitari fino a quando non saranno concluse le indagini avviate dall AGCOM sui diversi sistemi di rilevazione degli indici di ascolto. 14 luglio 2005 L Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni ha approvato il programma di lavoro sulla rilevazione degli indici d'ascolto. Nella situazione attuale si pongono grandi interrogativi sul futuro prossimo dell intero settore dei rilevamenti dell audience. Quale modello verrà adottato? Quali riflessi sulla distribuzione e sulla pianificazione delle risorse pubblicitarie in televisione?

4 I numeri delle piattaforme Primo Semestre 2005 Pay TV digitale abbonati % Digital cable (Fastweb) ,8 Digital Satellite (Sky) ,0 TV su ADSL (IPTV) - Totale famiglie di pay TV digitale ,8 Free-to-air digitale famiglie Free-to-air DTT ,8 Free-to-air digitale satellite ,4 Totale Free-to-air famiglie ,2 Totale lordo famiglie digitali in Italia ,0 Famiglie Italiane (Istat al 31/12/04) Penetrazione del digitale nelle famiglie italiane 34.5 ( : ) Con esclusione del tasso di sovrapposizione 30.5 ( : )

5 L offerta di contenuti per piattaforma digitale TERRESTRE ANALOGICO DIGITALE TERRESTRE SATELLITE FREE SATELLITE PAY PIATTAFORMA FASTWEB 11 Canali nazionali 23 Canali nazionali 69 Canali in lingua 157 Canali in lingua 35 Canali in lingua italiana italiana italiana Generalisti Rai Generalisti Rai Generalisti Rai Generalisti Rai Generalisti Rai Generalisti Mediaset Generalisti Mediaset Generalisti Mediaset Generalisti Mediaset Generalisti Mediaset La 7 La 7 La 7 La 7 La 7 MTV Italia MTV Italia MTV Italia MTV Italia Telemarket Telemarket Telemarket Telemarket Sportitalia Sportitalia Rete Capri Rete Capri Music Box Italia Music Box Italia Music Box Italia Music Box Italia Rai Sport Sat Rai Sport Sat Rai Sport Sat Rai Sport Sat Rai Notizie 24 Rai Notizie 24 Rai Notizie 24 Rai Notizie 24 Rai Edu 1 Rai Edu 1 Rai Edu 1 Rai Doc-Futura Rai Doc-Futura Rai Doc-Futura Sat 2000 Sat 2000 Sat 2000 Coming Soon Coming Soon Coming Soon Rai Utile Rai Utile Rai Utile 24oreTV 24oreTV 24oreTV Class News Boing SI Live24 La7 Sport Rai Edu 2 Rai Edu 2 Rai Med Rai Med Rai Nettuno Sat 1 Rai Nettuno Sat 1 Rai Nettuno Sat 2 Rai Nettuno Sat 2 Altri 47 canali nazionali Altri 47 canali nazionali 9 canali di Cinema 9 canali di Cinema 9 canali di Sport 6 canali di Sport 70 canali tematici 10 canali tematici

6 Criticità nel rilevamento ascolti La sentenza Lamanna: Il 19 aprile 2005 un ordinanza della Corte d appello di Milano ha inibito Auditel dal pubblicare i dati di audience delle emittenti satellitari fino a quando non saranno concluse le indagini avviate dall AGCOM sui diversi sistemi di rilevazione degli indici di ascolto. Tale provvedimento è scaturito in seguito al ricorso delle emittenti televisive del Gruppo Sitcom che hanno denunziato l abuso di posizione dominante di Auditel in loro danno nello svolgimento di un monopolio di fatto nel mercato della rilevazione degli ascolti televisivi. L ordinanza ha altresì riscontrato quanto affermato dall Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato, che nel bollettino n.47 del 6/12/04 al riguardo affermava: Tale organizzazione del mercato, che risulta difforme da quella degli altri paesi europei, appare inidonea a fornire i corretti incentivi alle condotte della medesima società (Auditel), e come tale capace di determinare un esito staticamente e dinamicamente inefficiente, con possibili effetti negativi nel collegato mercato della raccolta pubblicitaria In particolare l ordinanza ha reso evidente come Auditel non abbia ancora adeguato il panel alle esigenza di rilevamento dell audience satellitare (a pagina 25 del testo integrale dell ordinanza, scaricabile dal sito Il 20 settembre 2005 ha avuto inizio il processo di merito.

7 Criticità nel rilevamento ascolti L azione dell Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni: Il 14 luglio 2005 Agcom ha approvato un programma di lavoro sulla rilevazione degli indici d'ascolto annunciato con il seguente comunicato stampa: La Commissione servizi e prodotti dell Autorità per le garanzie nelle comunicazioni, presieduta da Corrado Calabrò, ha approvato oggi il programma di lavoro sulla rilevazione degli indici d ascolto che consentirà di migliorare il funzionamento del sistema dell Auditel secondo criteri di correttezza, trasparenza ed apertura alle nuove tecnologie. Il programma, articolato in più punti, prevede, nell immediato, la firma di una convenzione tra l Autorità e l Istituto Nazionale di Statistica (ISTAT) per la definizione degli strumenti utili a garantire la correttezza delle indagini sugli indici d ascolto e la congruità delle metodologie utilizzate; un approfondimento tecnico sull analisi delle nuove piattaforme trasmissive; lo svolgimento di un ciclo di audizioni con tutte le parti interessate (operatori, consumatori, società di rilevazione). In base agli elementi così acquisiti l Autorità, entro l anno, procederà all adozione di un atto di indirizzo di portata generale che individui regole di governance rivolte ad assicurare l indipendenza e la neutralità delle rilevazioni. Il 20 settembre 2005 dinanzi alla commissione trasporti della Camera il presidente dell AGCOM ha ribadito che E stata avviata un attività di monitoraggio e di analisi del sistema di rilevazione degli ascolti televisivi in Italia, che ha già portato all avvio della collaborazione con l Istituto nazionale di Statistica (Istat) in base ad apposita convenzione; l attenzione è in particolare focalizzata sull attendibilità del sistema attualmente in uso, sulla necessità che la rilevazione copra il maggior numero possibile di mezzi trasmissivi di contenuti audiovisivi, nonché sulle regole di governance della società che attualmente svolge tale attività (Auditel).

8 Criticità nel rilevamento ascolti I grandi interrogativi sulla riforma dell Auditel Il sistema televisivo italiano è ormai avviato verso la transizione digitale (satellitare, terrestre e su protocollo internet IPTV) ma attualmente soffre di una forte carenza di informazione sui modelli di consumo. La mancata conoscenza, o la conoscenza parziale, dell ascolto delle singole reti che trasmettono con la tecnologia digitale, non consente investimenti che necessitano invece di un informazione solida, certa e costante per poter permettere agli imprenditori e alle aziende la valutazione in termini di costo-benefici dei propri investimenti pubblicitari su queste televisioni. La TV digitale raggiunge un universo di consumatori di cui non si sa nulla di preciso: è in questo contesto che andrebbe collocata una nuova ricerca sulle audience TV; tale ricerca si dovrebbe distinguere da quella esistente per il diverso universo di riferimento che, in questo caso, è rappresentato dalla sola popolazione in grado di ricevere l offerta televisiva digitale allargata. L impianto statistico-metodologico andrebbe quindi mirato a rappresentare statisticamente, con un campione dedicato, questo nuovo universo, e la struttura tecnica della ricerca dovrebbe consentire anche la rilevazione dell ascolto fuori casa. Al di là delle problematiche relative alla governance, i fatti dimostrano che un ciclo storico, quello rappresentato dall attuale Auditel, si è ormai concluso: l offerta allargata differenziata sulle diverse piattaforme digitali ha aumentato la complessità delle indagini necessarie per una corretta rilevazione, rendendo improrogabile la riforma dell intero sistema. Verso quale modello ci si indirizzerà? Verrà preso a modello l esempio della Gran Bretagna che ha affrontato e risolto questo medesimo problema già da diversi anni? (la riforma in UK è avvenuta anche sotto la spinta del gruppo Murdoch) Alcuni gruppi editoriali che trasmettono in analogico continueranno a restare esclusi dal rilevamento tradizionale Auditel? Espresso (All Music) e Tarak Ben Ammar (Sportitalia) Per quanto tempo ancora gli investitori pubblicitari ed i centri media dovranno accontentarsi di dati parziali ed incompleti per la pianificazione degli investimenti?

9 Criticità nel rilevamento ascolti Ed infine: che sviluppi avrà l azione dell AGCOM? È forse utile ricordare come la legge 31 luglio 1997, n. 249 che istituisce l'autorità per le garanzie nelle comunicazioni, all art.1 comma 6 sub 11 dispone espressamente che la Commissione per i servizi e i prodotti dell Autorità: cura le rilevazioni degli indici di ascolto e di diffusione dei diversi mezzi di comunicazione; vigila sulla correttezza delle indagini sugli indici di ascolto e di diffusione dei diversi mezzi di comunicazione rilevati da altri soggetti, effettuando verifiche sulla congruità delle metodologie utilizzate e riscontri sulla veridicità dei dati pubblicati, nonché sui monitoraggi delle trasmissioni televisive e sull'operato delle imprese che svolgono le indagini; la manipolazione dei dati tramite metodologie consapevolmente errate ovvero tramite la consapevole utilizzazione di dati falsi è punita ai sensi dell'articolo 476, primo comma, del codice penale; laddove la rilevazione degli indici di ascolto non risponda a criteri universalistici del campionamento rispetto alla popolazione o ai mezzi interessati, l'autorità può provvedere ad effettuare le rilevazioni necessarie

Rapporto ITMedia Consulting sulla TV Digitale in Europa. Studio realizzato per la Terza Conferenza DGTVi

Rapporto ITMedia Consulting sulla TV Digitale in Europa. Studio realizzato per la Terza Conferenza DGTVi Rapporto ITMedia Consulting sulla TV Digitale in Europa Studio realizzato per la Terza Conferenza DGTVi Introduzione La diffusione della televisione digitale in Europa Negli ultimi 18 mesi il digitale

Dettagli

XIII. 1978 Nel 1978 TeleMilano. comunicazioni. DIRITTO delle COMUNICAZIONI. Strade Posta Telegrafo Telefono

XIII. 1978 Nel 1978 TeleMilano. comunicazioni. DIRITTO delle COMUNICAZIONI. Strade Posta Telegrafo Telefono DIRITTO delle COMUNICAZIONI -Communication Law & Policy- XIII -Televisione Lezione di Giovedì 20 novembre 2014 comunicazioni Strade Posta Telegrafo Telefono Stampa Radio Televisione Internet Convergenza

Dettagli

LA TV DIGITALE Autunno 2008

LA TV DIGITALE Autunno 2008 LA TV DIGITALE Autunno 2008 Il recente passato 2001 Il presente 2001 2008 DTT Digital Terrestral Television La diffusione del decoder N decoder 4.401 3.231 6.427 5.903 4.702 7.196 Oltre 7 milioni i decoder

Dettagli

Nielsen Economic and Media Outlook

Nielsen Economic and Media Outlook Nielsen Economic and Media Outlook Giugno 2011 I CONTENUTI DI QUESTA EDIZIONE Scenario macroeconomico Tendenze nel mondo dei media Andamento dell advertising in Italia e nel mondo I contenuti di questa

Dettagli

Conferenza stampa Marketing forum. 8 aprile 2008

Conferenza stampa Marketing forum. 8 aprile 2008 Conferenza stampa Marketing forum 8 aprile 2008 Le origini della discontinuità 2 Per una serie di cause, gli individui trainanti l evoluzione della società negli ultimi anni hanno modificato la propria

Dettagli

FRT Federazione Radio Televisioni SLC CGIL - FIStel CISL - UILCOM UIL

FRT Federazione Radio Televisioni SLC CGIL - FIStel CISL - UILCOM UIL STUdIO economico del SeTTORe TeLevISIvO privato ITaLIanO FRT Federazione Radio Televisioni SLC CGIL - FIStel CISL - UILCOM UIL Osservatorio nazionale delle imprese radiotelevisive private Giugno 2013 STUDIO

Dettagli

Teoria e Tecnica del Linguaggio Radio Televisivo A.A. 2009/2010 Prof. Giancarlo Trapanese LA TV VIA SAT

Teoria e Tecnica del Linguaggio Radio Televisivo A.A. 2009/2010 Prof. Giancarlo Trapanese LA TV VIA SAT Teoria e Tecnica del Linguaggio Radio Televisivo A.A. 2009/2010 Prof. Giancarlo Trapanese LA TV VIA SAT COME IL SATELLITE E SBARCATO NEL SALOTTO DI CASA NOSTRA A cura di dott. Renato Pierantozzi INDEX

Dettagli

STUDIO ECONOMICO DEL SETTORE TELEVISIVO PRIVATO ITALIANO

STUDIO ECONOMICO DEL SETTORE TELEVISIVO PRIVATO ITALIANO STUDIO ECONOMICO DEL SETTORE TELEVISIVO PRIVATO ITALIANO Il presente studio fa parte delle pubblicazioni effettuate ogni anno, sin dal 1994, a cura della FRT - Federazione Radio Televisioni e SLC-CGIL,

Dettagli

Media Monthly Report Luglio 2009

Media Monthly Report Luglio 2009 Media Monthly Report Luglio 2009 Media Monthly Report Luglio 2009 The Nielsen Company, Media Indicatori macroeconomici Andamento dei consumi Investimenti pubblicitari Audience tv e Internet News dal mondo

Dettagli

e società controllate Sede in Milano, Via Marco Burigozzo, 5 Note di commento ai prospetti contabili consolidati al 31 Marzo 2004

e società controllate Sede in Milano, Via Marco Burigozzo, 5 Note di commento ai prospetti contabili consolidati al 31 Marzo 2004 Relazione trimestrale Marzo 2004 Class Editori S.p.A. e società controllate Sede in Milano, Via Marco Burigozzo, 5 Note di commento ai prospetti contabili consolidati al 31 Marzo 2004 La relazione trimestrale

Dettagli

I MODELLI DI BUSINESS DEL MERCATO TELEVISIVO

I MODELLI DI BUSINESS DEL MERCATO TELEVISIVO I MODELLI DI BUSINESS DEL MERCATO TELEVISIVO I modelli di business nel sistema televisivo vengono definiti in base ai soggetti che finanziano le azioni di produzione e ed erogazione del servizio offerto.

Dettagli

WORKSHOP DAY DEL RADIOTV FORUM DI AERANTI-CORALLO

WORKSHOP DAY DEL RADIOTV FORUM DI AERANTI-CORALLO WORKSHOP DAY DEL RADIOTV FORUM DI AERANTI-CORALLO Relazione introduttiva dell avv. Marco Rossignoli Coordinatore di Aeranti-Corallo e Presidente Aeranti Milano 3 novembre 2009 Il passaggio al digitale

Dettagli

Media Monthly Report. Giugno 2009

Media Monthly Report. Giugno 2009 Media Monthly Report Giugno 2009 Media Monthly Report Giugno 2009 The Nielsen Company, Media Indicatori macroeconomici Andamento dei consumi Investimenti pubblicitari Audience tv e Internet News dal mondo

Dettagli

Relazione annuale 2011. sull attività svolta e sui programmi di lavoro

Relazione annuale 2011. sull attività svolta e sui programmi di lavoro Relazione annuale 2011 sull attività svolta e sui programmi di lavoro Indice 1. L ecosistema digitale 1.1. Introduzione...................................15 1.2. La catena del valore..............................18

Dettagli

DELIBERA N. 180/12/CONS

DELIBERA N. 180/12/CONS DELIBERA N. 180/12/CONS PIANO PROVVISORIO DI ASSEGNAZIONE DELLE FREQUENZE PER IL SERVIZIO RADIOFONICO DIGITALE NELLA REGIONE DEL TRENTINO ALTO ADIGE PROGETTO PILOTA NELLA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO.

Dettagli

La tv digitale: innovazione ed economia

La tv digitale: innovazione ed economia La tv digitale: innovazione ed economia Giuseppe Richeri Università della Svizzera Italiana, Lugano Il processo d innovazione in atto L applicazione delle tecniche digitali ai mezzi di comunicazione oggi

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 1931

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 1931 Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 1931 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa dei senatori VITA, DI GIOVAN PAOLO, VIMERCATI e ZANDA COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 14 DICEMBRE 2009 Misure per favorire la

Dettagli

Il passaggio al digitale: IL CASO SARDEGNA

Il passaggio al digitale: IL CASO SARDEGNA Il passaggio al digitale: IL CASO SARDEGNA Seminario interno di lavoro delle task force per il digitale terrestre Martedì 11 novembre ore 16:00 Camera di Commercio- Sala Consiglio (II piano) Via de Burrò,

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA

PROTOCOLLO D INTESA TRA PROTOCOLLO D INTESA TRA LA 7 TELEVISIONI S.p.A., con sede legale in Roma, Via della Pineta Sacchetti n. 229, P.IVA 00858111008, C.F. 01992820157, in persona del Procuratore Speciale Dott. Giuseppe Angelo

Dettagli

III Edizione. Si spegne in: Liguria, Toscana, Umbria e Marche. la Tv Analogica DIGITALE CHIARO

III Edizione. Si spegne in: Liguria, Toscana, Umbria e Marche. la Tv Analogica DIGITALE CHIARO III Edizione Si spegne in: Liguria, Toscana, Umbria e Marche la Tv Analogica DIGITALE CHIARO L Adiconsum spiega come prepararsi alla transizione verso la tv digitale 2011: LIGURIA, TOSCANA, UMBRIA e MARCHE

Dettagli

Monito Monit r r trimestr trimes ale merc mer a c t a o t tele l v e i v s i ivo i vo italiano

Monito Monit r r trimestr trimes ale merc mer a c t a o t tele l v e i v s i ivo i vo italiano Monitortrimestralemercato trimestrale mercato televisivo italiano Aggiornamento SETTEMBRE 2012 Novembre 2012 Indice Sintesi Pag. 2 I principali operatori del mercato Pag. 6 Focus sull offerta gratuita

Dettagli

SISTEMA INTEGRATO DELLE COMUNICAZIONI: RISULTANZE DEL PROCESSO DI VALUTAZIONE DELLE DIMENSIONI ECONOMICHE PER L ANNO 2014

SISTEMA INTEGRATO DELLE COMUNICAZIONI: RISULTANZE DEL PROCESSO DI VALUTAZIONE DELLE DIMENSIONI ECONOMICHE PER L ANNO 2014 Allegato A alla delibera n. 658/15/CONS SISTEMA INTEGRATO DELLE COMUNICAZIONI: RISULTANZE DEL PROCESSO DI VALUTAZIONE DELLE DIMENSIONI ECONOMICHE PER L ANNO 2014 Premessa Il presente documento illustra

Dettagli

Scenario attuale e potenziale della televisione in digitale

Scenario attuale e potenziale della televisione in digitale Scenario attuale e potenziale della televisione in digitale Cagliari, gennaio 2008 Questo documento è stato prodotto ad uso interno del cliente. La sua circolazione, citazione o riproduzione all'esterno

Dettagli

Analisi del mercato dei prodotti per bambini

Analisi del mercato dei prodotti per bambini Analisi del mercato dei prodotti per bambini Gli investimenti pubblicitari: categoria Giocattoli Andamento % Categoria Giocattoli I semestre 2011 vs 2010 25.000 20.000 15.000 10.000 5.000 0 +11,6% gen

Dettagli

A422 SKY ITALIA/AUDITEL Provvedimento n. 23112

A422 SKY ITALIA/AUDITEL Provvedimento n. 23112 A422 SKY ITALIA/AUDITEL Provvedimento n. 23112 L AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO NELLA SUA ADUNANZA del 14 dicembre 2011; SENTITO il Relatore Professor Piero Barucci; VISTO l articolo

Dettagli

CALCIO RAI 1 SEMESTRE 2016. speciali.

CALCIO RAI 1 SEMESTRE 2016. speciali. CALCIO 1 SEMESTRE 2016 RAI speciali. RAI: LA CASA DEL CALCIO ITALIANO IL CALCIO E RAI partite 1 SEMESTRE 2016 TOTALE PARTITE NAZIONALE TIM CUP Non solo Tv 12 anche Radio, Web, Mobile e Smart Tv 3 9 L EVENTO

Dettagli

XXVIIIa Edizione PREMIO MARKETING SIM CONTENT IS KING, BRANDS ARE CASTLE

XXVIIIa Edizione PREMIO MARKETING SIM CONTENT IS KING, BRANDS ARE CASTLE XXVIIIa Edizione PREMIO MARKETING SIM CONTENT IS KING, BRANDS ARE CASTLE FOX CHANNELS ITALY 2 FOX Channel Italy http://www.foxtv.it/ FOX International Channels Italy nasce nel 2003. Oggi è uno dei player

Dettagli

Televisione....e Pubblicità. Pubblicità e strategie di comunicazione integrata

Televisione....e Pubblicità. Pubblicità e strategie di comunicazione integrata Televisione...e Pubblicità o Evoluzione storica o Normativa o Rilevazione degli ascolti o Tipologie di Pubblicità in TV o Plus e Minus o Conclusioni Evoluzione storica Analogico: o Anni 50: monopolio Rai

Dettagli

A407 - CONTO TV/SKY ITALIA Provvedimento n. 18932

A407 - CONTO TV/SKY ITALIA Provvedimento n. 18932 A407 - CONTO TV/SKY ITALIA Provvedimento n. 18932 L AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO NELLA SUA ADUNANZA del 2 ottobre 2008; SENTITO il Relatore Dottor Antonio Pilati; VISTA la legge 10

Dettagli

Estratto da Autorità per le garanzie nelle comunicazioni RELAZIONE ANNUALE SULL ATTIVITÀ SVOLTA E SUI PROGRAMMI DI LAVORO Roma, 24 luglio 2007

Estratto da Autorità per le garanzie nelle comunicazioni RELAZIONE ANNUALE SULL ATTIVITÀ SVOLTA E SUI PROGRAMMI DI LAVORO Roma, 24 luglio 2007 Estratto da Autorità per le garanzie nelle comunicazioni RELAZIONE ANNUALE SULL ATTIVITÀ SVOLTA E SUI PROGRAMMI DI LAVORO Roma, 24 luglio 2007 2.11.La tutela dei minori Lo scenario normativo relativo al

Dettagli

LA NUOVA REGOLAMENTAZIONE SULL ORDINAMENTO AUTOMATICO DEI CANALI (LCN) DELLA TV DIGITALE TERRESTRE DI CUI ALLA DELIBERA 237/13/CONS DELL AGCOM

LA NUOVA REGOLAMENTAZIONE SULL ORDINAMENTO AUTOMATICO DEI CANALI (LCN) DELLA TV DIGITALE TERRESTRE DI CUI ALLA DELIBERA 237/13/CONS DELL AGCOM LA NUOVA REGOLAMENTAZIONE SULL ORDINAMENTO AUTOMATICO DEI CANALI (LCN) DELLA TV DIGITALE TERRESTRE DI CUI ALLA DELIBERA 237/13/CONS DELL AGCOM APPROFONDIMENTI INTERPRETATIVI, ESIGENZE DI CHIARIMENTO, CRITICITA

Dettagli

CAPITOLO QUARTO Il digitale terrestre nei quattro maggiori mercati TV europei

CAPITOLO QUARTO Il digitale terrestre nei quattro maggiori mercati TV europei 87 CAPITOLO QUARTO Il digitale terrestre nei quattro maggiori mercati TV europei Diffusione e dotazione Il digitale terrestre è la piattaforma più diffusa Il fenomeno delle sovrapposizioni Dotazione. La

Dettagli

L Ottobre della Tv Satellitare. Analisi Ottobre 2008 Solo canali a rilevazione Auditel giornaliera

L Ottobre della Tv Satellitare. Analisi Ottobre 2008 Solo canali a rilevazione Auditel giornaliera L Ottobre della Tv Satellitare Analisi Ottobre 2008 Solo canali a rilevazione Auditel giornaliera 2006 Tv Sat*: Trend Share 2007 2008 10.5 % 10.4 % 9.6% 9.8% 9.3% 8.9% 8.8% 8.8% 8.9% 8.8% 8.7% 8.5% 8.1%

Dettagli

Il mercato dei ricevitori DTT in Italia e le azioni di indirizzo svolte da DGTVi

Il mercato dei ricevitori DTT in Italia e le azioni di indirizzo svolte da DGTVi Convegno SAT Expo Il mercato dei ricevitori DTT in Italia e le azioni di indirizzo svolte da DGTVi Giovanni VENUTI Telecom Italia 28 Settembre 2006 - Vicenza 1 Le vendite di Decoder Digitale Terrestre

Dettagli

Osservazioni della Concessionaria del Servizio Pubblico Radiotelevisivo italiano Rai-Radiotelevisione italiana Spa

Osservazioni della Concessionaria del Servizio Pubblico Radiotelevisivo italiano Rai-Radiotelevisione italiana Spa Proposta di revisione della Comunicazione della Commissione Europea del 2001 relativa all applicazione delle norme sugli aiuti di Stato al servizio pubblico di radiodiffusione 4 novembre 2008 Osservazioni

Dettagli

L AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO

L AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO L AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO NELLA SUA ADUNANZA del 22 luglio 2009; SENTITO il Relatore Presidente Antonio Catricalà; VISTA la legge 10 ottobre 1990, n. 287; VISTO l articolo 82 del

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/2015 Milano, 1 ottobre 2015

CIRCOLARE N. 15/2015 Milano, 1 ottobre 2015 CIRCOLARE N. 15/2015 Milano, 1 ottobre 2015 ACCESSO AL SEGNALE AUDIOVISIVO DEGLI EVENTI RISERVATO AI LICENZIATARI DI DIRITTI AUDIOVISIVI PER LE STAGIONI 2015-2016, 2016-2017 E 2017-2018 La Lega Nazionale

Dettagli

Class Editori S.p.A. e società controllate Sede in Milano, Via Marco Burigozzo, 5 Note di commento ai prospetti contabili consolidati

Class Editori S.p.A. e società controllate Sede in Milano, Via Marco Burigozzo, 5 Note di commento ai prospetti contabili consolidati Class Editori S.p.A. e società controllate Sede in Milano, Via Marco Burigozzo, 5 Note di commento ai prospetti contabili consolidati La relazione trimestrale è redatta su base consolidata in quanto la

Dettagli

Il flusso di lavoro in un agenzia media

Il flusso di lavoro in un agenzia media Il flusso di lavoro in un agenzia media Il flusso di lavoro in un agenzia media Il Brief del Cliente Il planning strategico Analisi della concorrenza Analisi e costruzione del target Gli obiettivi di comunicazione

Dettagli

CIRCOLARE N. 19/2015 Milano, 30 settembre 2015

CIRCOLARE N. 19/2015 Milano, 30 settembre 2015 CIRCOLARE N. 19/2015 Milano, 30 settembre 2015 ACCESSO AL SEGNALE AUDIOVISIVO DEGLI EVENTI RISERVATO AI LICENZIATARI DI DIRITTI AUDIOVISIVI PER LE STAGIONI 2015-2016, 2016-2017 E 2017-2018 La Lega Nazionale

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO DEL COMUNE DELLA SPEZIA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO DEL COMUNE DELLA SPEZIA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO DEL COMUNE DELLA SPEZIA Deliberato dalla Giunta Comunale con atto n. 177 del 11.05.2001 Modificato ed integrato

Dettagli

Che cos è TivùSat? Che differenza c è fra la tv digitale terrestre e la tv digitale satellitare? Quando parte TivùSat?

Che cos è TivùSat? Che differenza c è fra la tv digitale terrestre e la tv digitale satellitare? Quando parte TivùSat? Che cos è TivùSat? TivùSat è la piattaforma digitale satellitare gratuita italiana realizzata da Tivù s.r.l. (Rai 48,25%, Mediaset 48,25% e Telecom Italia Media 3,5%). TivùSat nasce come piattaforma complementare

Dettagli

VISTA la legge 6 febbraio 1996, n. 52, come modificata dalla legge 21 dicembre 1999, n. 526, e, in particolare, l articolo 54;

VISTA la legge 6 febbraio 1996, n. 52, come modificata dalla legge 21 dicembre 1999, n. 526, e, in particolare, l articolo 54; A429 - RTI/SKY-MONDIALI DI CALCIO Provvedimento n. 24325 L AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO NELLA SUA ADUNANZA del 23 aprile 2013; SENTITO il Relatore Professor Piero Barucci; VISTA la

Dettagli

Diritti calcistici televisivi in Italia

Diritti calcistici televisivi in Italia Diritti calcistici televisivi in Italia I diritti calcistici televisivi sono i diritti di riprendere e trasmettere, in diretta o in differita e su qualunque piattaforma televisiva, le partite di calcio.

Dettagli

1. LA TELEVISIONE DIGITALE TERRESTRE PERMETTE DI ESTENDERE LA MULTICANALITA A TUTTA LA POPOLAZIONE

1. LA TELEVISIONE DIGITALE TERRESTRE PERMETTE DI ESTENDERE LA MULTICANALITA A TUTTA LA POPOLAZIONE 1. LA TELEVISIONE DIGITALE TERRESTRE PERMETTE DI ESTENDERE LA MULTICANALITA A TUTTA LA POPOLAZIONE La Televisione digitale terrestre (Tdt) con un offerta gratuita può avere un ruolo centrale nell estensione

Dettagli

Autorità per le garanzie nelle comunicazioni Relazione annuale 2014 sull attività svolta e sui programmi di lavoro

Autorità per le garanzie nelle comunicazioni Relazione annuale 2014 sull attività svolta e sui programmi di lavoro Autorità per le garanzie nelle comunicazioni Relazione annuale 2014 sull attività svolta e sui programmi di lavoro 15 luglio 2014 1 INDICE Il settore delle comunicazioni in Italia I servizi tlc I servizi

Dettagli

ADICONSUM. IV Edizione. Si spegne in: Abruzzo, Molise, Puglia, Basilicata, Calabria e Sicilia. la Tv Analogica DIGITALE CHIARO.

ADICONSUM. IV Edizione. Si spegne in: Abruzzo, Molise, Puglia, Basilicata, Calabria e Sicilia. la Tv Analogica DIGITALE CHIARO. Test Noi Consumatori - Periodico settimanale di informazione e studi su consumi, servizi, ambiente. Anno XXIV - numero 20 del 10 aprile 2012. Direttore: Pietro Giordano - Direttore responsabile: Francesco

Dettagli

CARTELLA STAMPA. Maggio 2014. Chi Siamo Modello di business Strategia IPO Risultati economico-finanziari Library di successo Management

CARTELLA STAMPA. Maggio 2014. Chi Siamo Modello di business Strategia IPO Risultati economico-finanziari Library di successo Management CARTELLA STAMPA Maggio 2014 IR Top Consulting Media Relations & Financial Communication Via C. Cantù, 1 Milano Floriana Vitale, Domenico Gentile Tel. +39 (02) 45.47.38.84/3 f.vitale@irtop.com d.gentile@irtop.com

Dettagli

Procedura per la gestione interna e la comunicazione all'esterno delle informazioni privilegiate

Procedura per la gestione interna e la comunicazione all'esterno delle informazioni privilegiate Procedura per la gestione interna e la comunicazione all'esterno delle informazioni privilegiate 1. FINALITA' DELLA PROCEDURA 1.1 La presente procedura contiene le disposizioni relative sia alla gestione

Dettagli

AUDIZIONE INFORMALE DI AERANTI-CORALLO NELL AMBITO DELL ESAME DELLE PROPOSTE DI LEGGE RECANTI ISTITUZIONE DEL FONDO PER IL PLURALISMO E L INNOVAZIONE

AUDIZIONE INFORMALE DI AERANTI-CORALLO NELL AMBITO DELL ESAME DELLE PROPOSTE DI LEGGE RECANTI ISTITUZIONE DEL FONDO PER IL PLURALISMO E L INNOVAZIONE AUDIZIONE INFORMALE DI AERANTI-CORALLO NELL AMBITO DELL ESAME DELLE PROPOSTE DI LEGGE RECANTI ISTITUZIONE DEL FONDO PER IL PLURALISMO E L INNOVAZIONE DELL INFORMAZIONE E DELEGHE AL GOVERNO PER LA RIDEFINIZIONE

Dettagli

AUTORITA' PER LE GARANZIE NELLE COMUNICAZIONI - DELIBERAZIONE

AUTORITA' PER LE GARANZIE NELLE COMUNICAZIONI - DELIBERAZIONE AUTORITA' PER LE GARANZIE NELLE COMUNICAZIONI - DELIBERAZIONE 12 Luglio 2006, n. 131/06/CSP: Approvazione della direttiva in materia di qualita' e carte dei servizi di accesso a Internet da postazione

Dettagli

Camera dei deputati LA COMUNICAZIONE ISTITUZIONALE

Camera dei deputati LA COMUNICAZIONE ISTITUZIONALE Camera dei deputati LA COMUNICAZIONE ISTITUZIONALE INCONTRO CON LA STAMPA PARLAMENTARE Sala del Mappamondo 20 dicembre 2012 INDICE Introduzione....3 Il sito Internet...4 La rassegna stampa...4 La Web tv...5

Dettagli

(All) Digital Monitor

(All) Digital Monitor (All) Digital Monitor 1 Trend TV Digitale Il rilevamento del Digital Monitor effettuato fra Febbraio e Marzo del 2013 fotografa una fase ormai matura della digitalizzazione televisiva, con le ultime tappe

Dettagli

Direttiva 98/84/CE del 20 novembre 1998, sulla tutela dei servizi ad accesso condizionato e dei servizi di accesso condizionato.

Direttiva 98/84/CE del 20 novembre 1998, sulla tutela dei servizi ad accesso condizionato e dei servizi di accesso condizionato. Direttiva 98/84/CE del 20 novembre 1998, sulla tutela dei servizi ad accesso condizionato e dei servizi di accesso condizionato. Decreto legislativo 15 novembre 2000, n. 373 OBIETTIVO Armonizzazione delle

Dettagli

Relazione semestrale sullo Stato di attuazione del Programma triennale per la trasparenza e l integrità 2014-2016

Relazione semestrale sullo Stato di attuazione del Programma triennale per la trasparenza e l integrità 2014-2016 Relazione semestrale sullo Stato di attuazione del Programma triennale per la trasparenza e l integrità 2014-2016 L emanazione del Decreto legislativo n. 33 del 14 marzo 2013 Riordino della disciplina

Dettagli

DELIBERA N. 628/07/CONS

DELIBERA N. 628/07/CONS DELIBERA N. MERCATO DELLA TERMINAZIONE DI CHIAMATE VOCALI SU SINGOLE RETI MOBILI (MERCATO N. 16 FRA QUELLI IDENTIFICATI DALLA RACCOMANDAZIONE DELLA COMMISSIONE EUROPEA N. 2003/311/CE): VALUTAZIONE AI SENSI

Dettagli

DELIBERA N. 400/10/CONS

DELIBERA N. 400/10/CONS DELIBERA N. MODIFICHE ED INTEGRAZIONI ALLA DELIBERA N. 244/08/CSP RECANTE ULTERIORI DISPOSIZIONI IN MATERIA DI QUALITÀ E CARTE DEI SERVIZI DI ACCESSO A INTERNET DA POSTAZIONE FISSA AD INTEGRAZIONE DELLA

Dettagli

IL PRESENTE LAVORO È STATO REALIZZATO DALL ASSOCIAZIONE DGTVI CON IL

IL PRESENTE LAVORO È STATO REALIZZATO DALL ASSOCIAZIONE DGTVI CON IL IL PRESENTE LAVORO È STATO REALIZZATO DALL ASSOCIAZIONE DGTVI CON IL CONTRIBUTO DELLE SEGUENTI SOCIETÀ (IN ORDINE ALFABETICO): - BOOZ ALLEN HAMILTON (HA CURATO IN PARTICOLARE IL CAPITOLO 7 E LA PARTE IV)

Dettagli

La televisione digitale: regolamentazione. 25 gennaio 2008 AGCOM Roberto de Martino Direzione contenuti audiovisivi e multimediali

La televisione digitale: regolamentazione. 25 gennaio 2008 AGCOM Roberto de Martino Direzione contenuti audiovisivi e multimediali La televisione digitale: regolamentazione 25 gennaio 2008 AGCOM Roberto de Martino Direzione contenuti audiovisivi e multimediali La televisione digitale: regolamentazione Indice: 1. Mercato televisivo

Dettagli

INTERVENTI PER LA NASCITA E LO SVILUPPO DEL LAVORO AUTONOMO

INTERVENTI PER LA NASCITA E LO SVILUPPO DEL LAVORO AUTONOMO ALLEGATO C INTERVENTI PER LA NASCITA E LO SVILUPPO DEL LAVORO AUTONOMO 1. BENEFICIARI Possono presentare domanda di agevolazione i soggetti, di cui all articolo 29 della l.r. 34/2008 e s.m.i., che abbiano

Dettagli

Monitor semestrale Internet in Italia. I semestre 2012

Monitor semestrale Internet in Italia. I semestre 2012 Monitor semestrale Internet in Italia I semestre 2012 Luglio 2012 Indice Premessa Pag. 2 Sintesi Pag. 3 Le dimensioni complessive del mercato Pag. 6 L offerta e l audience di Rai Pag. 11 Rai nel contesto

Dettagli

Analyst Meeting. Milano, 20 Marzo 2007

Analyst Meeting. Milano, 20 Marzo 2007 Analyst Meeting Milano, 20 Marzo 2007 UNA NUOVA CORPORATE IDENTITY LE RAGIONI I cambiamenti realizzati La nuova realtà del Gruppo oggi Posizionamento e linee guide strategiche I CAMBIAMENTI REALIZZATI

Dettagli

DELIBERA N. 722/13/CONS

DELIBERA N. 722/13/CONS DELIBERA N. PROVVEDIMENTO DI ACCOGLIMENTO DELLA RICHIESTA DI DEROGA AGLI OBBLIGHI DI INVESTIMENTO IN OPERE CINEMATOGRAFICHE DI ESPRESSIONE ORIGINALE ITALIANA E DI TRASMISSIONE DI OPERE EUROPEE SPECIFICAMENTE

Dettagli

Approvata la semestrale 2004

Approvata la semestrale 2004 Informazione al pubblico ai sensi della Delibera Consob n.11971 del 14 maggio 1999 Approvata la semestrale 2004 Ricavi a 50,3 milioni di euro, +7,3% rispetto al ; pubblicità a 27 milioni (+8,6%). Ebitda

Dettagli

La Rai di domani. Restyling and Renaming Di Rebecca Rabozzi, redazione Brandforum.it

La Rai di domani. Restyling and Renaming Di Rebecca Rabozzi, redazione Brandforum.it La Rai di domani Restyling and Renaming Di Rebecca Rabozzi, redazione Brandforum.it Nel 2009 è iniziato lo switch over del segnale televisivo analogico, che regione dopo regione terminerà le trasmissioni,

Dettagli

L OSSERVATORIO DELLA SOCIETÀ DELL INFORMAZIONE

L OSSERVATORIO DELLA SOCIETÀ DELL INFORMAZIONE L OSSERVATORIO DELLA SOCIETÀ DELL INFORMAZIONE Federcomin/MIT Osservatorio permanente della Società dell Informazione Sintesi a cura del Centro Studi Giugno 2005 Sommario 1. Il settore ICT in Italia...

Dettagli

Marco Gui. La tv dopo la digitalizzazione

Marco Gui. La tv dopo la digitalizzazione Marco Gui 2 La tv dopo la digitalizzazione Mappa della tv italiana Terrestre Satellitare Cavo Umts/Wifi Analogico Rai, Mediaset, La7/Mtv, AllMusic, Sportitalia + locale Canali in chiaro: es. BBC World

Dettagli

Analisi del pubblico della Televisione secondo i parametri SESSO ed ETA' : i dati AUDITEL per l'anno 2012 giorgio di martino 10.358.

Analisi del pubblico della Televisione secondo i parametri SESSO ed ETA' : i dati AUDITEL per l'anno 2012 giorgio di martino 10.358. Analisi del pubblico della Televisione secondo i parametri SESSO ed ETA' : i dati AUDITEL per l'anno 2012 giorgio di martino Auditel ha recentemente presentato una interessante analisi sul pubblico della

Dettagli

Media Monthly Report. Maggio 2009

Media Monthly Report. Maggio 2009 Media Monthly Report Maggio 2009 Media Monthly Report Maggio 2009 The Nielsen Company, Media Indicatori macroeconomici Andamento dei consumi Investimenti pubblicitari Audience, letture e contatti News

Dettagli

16/04/2010. Sociologia della Comunicazione. Premessa A.A. 2009-2010. Le Ricerche sull Audience. Le Ricerche sull Audience

16/04/2010. Sociologia della Comunicazione. Premessa A.A. 2009-2010. Le Ricerche sull Audience. Le Ricerche sull Audience Sociologia della Comunicazione A.A. 2009-2010 Le Ricerche sull Audience Fulvio Fortezza Premessa Oggi non esiste più un pubblico dei media, ma diversi pubblici, così come si moltiplicano (in molti casi

Dettagli

Alunni biennio dell istruzione professionale e tecnica

Alunni biennio dell istruzione professionale e tecnica Scheda di progettazione percorsi pluridisciplinari secondo le schema di competenze degli assi culturali (Biennio istruzione tecnica e professionale) Titolo: Destinatari: Alunni biennio dell istruzione

Dettagli

Adeguamento dell impianto TV: tutto il Digitale in Hotel, senza ristrutturazioni

Adeguamento dell impianto TV: tutto il Digitale in Hotel, senza ristrutturazioni Adeguamento dell impianto TV: tutto il Digitale in Hotel, senza ristrutturazioni Digitale Terrestre D-Progress A207 Cofdm/Pal: Il Digitale Terrestre facile in Hotel, Villaggi e Strutture Pubbliche Con

Dettagli

CONFINDUSTRIA RADIO TELEVISIONI Operatori di Rete DTT associati in CRTV

CONFINDUSTRIA RADIO TELEVISIONI Operatori di Rete DTT associati in CRTV CONFINDUSTRIA RADIO TELEVISIONI Operatori di Rete DTT associati in CRTV Commissione IX Trasporti, Poste e Telecomunicazioni CAMERA dei DEPUTATI Atti dell'unione europea. Proposta di decisione del Parlamento

Dettagli

Internet, TV, webcam, telecontrollo, intrattenimento a bordo e da remoto. sistema wimarine

Internet, TV, webcam, telecontrollo, intrattenimento a bordo e da remoto. sistema wimarine Internet, TV, webcam, telecontrollo, intrattenimento a bordo e da remoto sistema wimarine Wimarine box Schema moduli Wimarine box Internet Video locale remoto GPS Controllo parametri fisici TV Il cuore

Dettagli

Primo trimestre 2006, fatturato pari a 26 milioni di euro (+13%) Ricavi pubblicitari in crescita del 14,8%, a 13,2 milioni di euro

Primo trimestre 2006, fatturato pari a 26 milioni di euro (+13%) Ricavi pubblicitari in crescita del 14,8%, a 13,2 milioni di euro Primo trimestre 2006, fatturato pari a 26 milioni di euro (+13%) Ricavi pubblicitari in crescita del 14,8%, a 13,2 milioni di euro Ebitda a 2,1 milioni (+37,3%) Risultato di gruppo ante imposte +273,7%

Dettagli

L AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO. VISTA la legge 10 ottobre 1990 n. 287 e successive modifiche;

L AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO. VISTA la legge 10 ottobre 1990 n. 287 e successive modifiche; L AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO NELLA SUA ADUNANZA del 23 aprile 2013; SENTITO il Relatore Professor Piero Barucci; VISTA la legge 10 ottobre 1990 n. 287 e successive modifiche; VISTO

Dettagli

Linee Guida ANITEC. L adeguamento degli impianti per la ricezione della TV digitale terrestre nelle strutture alberghiere

Linee Guida ANITEC. L adeguamento degli impianti per la ricezione della TV digitale terrestre nelle strutture alberghiere L adeguamento degli impianti per la ricezione della TV digitale terrestre nelle strutture alberghiere Linee Guida ANITEC Realizzate con il patrocinio di: Novembre 2009 Introduzione Questa breve guida è

Dettagli

COMUNICATO STAMPA PRICE SENSITIVE AI SENSI DEL TESTO UNICO DELLA FINANZA E DEL REGOLAMENTO CONSOB

COMUNICATO STAMPA PRICE SENSITIVE AI SENSI DEL TESTO UNICO DELLA FINANZA E DEL REGOLAMENTO CONSOB COMUNICATO STAMPA PRICE SENSITIVE AI SENSI DEL TESTO UNICO DELLA FINANZA E DEL REGOLAMENTO CONSOB Gruppo Espresso: risultato operativo consolidato dei primi nove mesi 2005 a 131,3 milioni (+6,5% sul 2004).

Dettagli

LE DEFINIZIONI MEDIA

LE DEFINIZIONI MEDIA DEFINIZIONI MEDIA LE DEFINIZIONI MEDIA Copertura Netta o Net Reach Frequenza Media / OTS GRP s Copertura Efficace o Effective Reach Distribuzione di frequenza Share Indici di Concentrazione COPERTURA NETTA

Dettagli

LA COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA. VISTO il decreto legislativo 24 febbraio 1998, n. 58 ( TUF );

LA COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA. VISTO il decreto legislativo 24 febbraio 1998, n. 58 ( TUF ); Delibera n. 19283 Applicazione di sanzioni amministrative pecuniarie nei confronti di esponenti aziendali di Poste Italiane s.p.a. e, a titolo di responsabile in solido, della medesima società per violazioni

Dettagli

Le dinamiche degli investimenti in comunicazione in Italia nel 2010 COMUNICARE DOMANI

Le dinamiche degli investimenti in comunicazione in Italia nel 2010 COMUNICARE DOMANI Le dinamiche degli investimenti in comunicazione in Italia nel 2010 COMUNICARE DOMANI Milano, 30 Giugno 2010 Scaricato da www.largoconsumo.info Il mercato della comunicazione mondiale Le previsioni per

Dettagli

Porsche Carrera Cup Italia 2010 Piano Media

Porsche Carrera Cup Italia 2010 Piano Media Porsche Carrera Cup Italia 2010 Piano Media Porsche Italia S.p.A. Porsche Carrera Cup Italia 2010 Chart 1 Carrera Cup, il monomarca che ha fatto la storia La storia del monomarca Porsche ha inizio nel

Dettagli

RUBRICHE. riproponeva in toto il palinsesto della Tv tradizionale e di quella satellitare

RUBRICHE. riproponeva in toto il palinsesto della Tv tradizionale e di quella satellitare RUBRICHE Di Valeria Camagni POSTA Televisione su Internet: cresce l offerta e si apre il mercato LINUX l Iptv in tutte le case degli italiani. Dovrà scontrarsi ora anche con Tiscali e Wind che hanno appena

Dettagli

IL GENNAIO DELLA TV NON GENERALISTA. Analisi Gennaio 2013. Solo canali a rilevazione Auditel giornaliera

IL GENNAIO DELLA TV NON GENERALISTA. Analisi Gennaio 2013. Solo canali a rilevazione Auditel giornaliera IL GENNAIO DELLA TV NON GENERALISTA Analisi Gennaio 2013. Solo canali a rilevazione Auditel giornaliera GRUPPO SKY+FOX: Trend Share 5,6% 5,2% 5,4% 5,9% 5,3% 5,0% 5,6% 6,6% 5,7% 5,3% 5,4% 5,6% 5,3% -6%

Dettagli

RISULTATI ECONOMICO-FINANZIARI DEL GRUPPO ESPRESSO AL 30 GIUGNO 2015

RISULTATI ECONOMICO-FINANZIARI DEL GRUPPO ESPRESSO AL 30 GIUGNO 2015 COMUNICATO STAMPA Ai sensi della delibera Consob 11971/99 e successive modificazioni e integrazioni GRUPPO EDITORIALE L ESPRESSO S.P.A. Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati consolidati al

Dettagli

Il caso RAI Ideazione e lancio di un nuovo canale negli Usa 1

Il caso RAI Ideazione e lancio di un nuovo canale negli Usa 1 Il caso RAI Ideazione e lancio di un nuovo canale negli Usa 1 Premessa La diciannovesima edizione del primo per il Marketing è incentrata sul caso Rai. Gli studenti interessati a partecipare dovranno progettare

Dettagli

IL CASO RAI IDEAZIONE E LANCIO DI UN NUOVO CANALE NEGLI USA 1

IL CASO RAI IDEAZIONE E LANCIO DI UN NUOVO CANALE NEGLI USA 1 IL CASO RAI IDEAZIONE E LANCIO DI UN NUOVO CANALE NEGLI USA 1 ANTEPRIMA RISERVATA AI SOCI SIMKTG, REFERENTI DI SEDE PREMIO MARKETING ED EX-. PREMESSA La diciannovesima edizione del primo per il Marketing

Dettagli

Regolamento Disciplina dell analisi di impatto della regolamentazione (AIR) e della verifica dell impatto della regolamentazione (VIR)

Regolamento Disciplina dell analisi di impatto della regolamentazione (AIR) e della verifica dell impatto della regolamentazione (VIR) Regolamento Disciplina dell analisi di impatto della regolamentazione (AIR) e della verifica dell impatto della regolamentazione (VIR) [vedi allegato Relazione AIR Adozione del Regolamento Disciplina dell

Dettagli

Oltre 30 anni in continua crescita

Oltre 30 anni in continua crescita kit Oltre 30 anni in continua crescita Nella dimensione digitale contemporanea, solo i satelliti consentono di offrire collegamenti a banda larga con copertura universale in tutti i territori, distribuendo

Dettagli

Pag 1 di 10 26 gennaio 09

Pag 1 di 10 26 gennaio 09 Giorno 1 Terzo rapporto sulla TV digitale terrestre Un nuovo operatore Sat:Tivù L offerta di contenuti La tecnologia (lato utente) Il Ministero delle Comunicazioni (FUB) Giorno 2 AGCOM (Corrado Calabrò)

Dettagli

Quote di mercato degli operatori televisivi, 2008 1 (Dati in percentuale sul totale delle risorse del sistema televisivo)

Quote di mercato degli operatori televisivi, 2008 1 (Dati in percentuale sul totale delle risorse del sistema televisivo) Tv digitale, ma quale? di Enrico Menduni, Università Roma Tre Attorno alla televisione digitale è in corso una battaglia di grandi proporzioni: essa infatti porta in dote una nuova importantissima risorsa

Dettagli

Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni

Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni Soggetto Denominazione DATI ANAGRAFICI GENERALI Natura giuridica Anno di costituzione società Codice Fiscale Partita IVA (Solo per i soggetti esteri) Codice Fiscale Estero N Dipendenti N Giornalisti Sede

Dettagli

Media Monthly Report Settembre 2009

Media Monthly Report Settembre 2009 Media Monthly Report Settembre 2009 Media Monthly Report Settembre 2009 The Nielsen Company, Media Indicatori macroeconomici Andamento dei consumi Investimenti pubblicitari Audience tv e Internet News

Dettagli

SKY e la Pubblicità..

SKY e la Pubblicità.. SKY e la Pubblicità.. Perché scegliere di fare pubblicità su Sky piuttosto che su una TV generalista? Cosa rende Sky la piattaforma più adatta alle comunicazioni commerciali? Come convincere un azienda

Dettagli

Regolamentazione della condotta e regolamentazione strutturale: il caso Telecom Italia e l esperienza dei Paesi dell OECD

Regolamentazione della condotta e regolamentazione strutturale: il caso Telecom Italia e l esperienza dei Paesi dell OECD Regolamentazione della condotta e regolamentazione strutturale: il caso Telecom Italia e l esperienza dei Paesi dell OECD Corso di Economia Industriale 2 Davide Arduini Facoltà di Economia - Università

Dettagli

DELIBERA N. 492/15/CONS

DELIBERA N. 492/15/CONS DELIBERA N. 492/15/CONS AUTORIZZAZIONE AL TRASFERIMENTO DI PROPRIETÀ DELLA NUOVA SOCIETÀ TELEVISIVA ITALIANA S.R.L. (GIÀ MTV ITALIA S.R.L.) DALLA SOCIETÀ VIACOM INTERNATIONAL MEDIA NETWORKS ITALIA S.R.L.

Dettagli

La Commissione dà il via libera alla fusione tra Stream e Telepiù, subordinatamente al rispetto di alcune condizioni

La Commissione dà il via libera alla fusione tra Stream e Telepiù, subordinatamente al rispetto di alcune condizioni IP/03/478 Bruxelles, 2 aprile 2003 La Commissione dà il via libera alla fusione tra Stream e Telepiù, subordinatamente al rispetto di alcune condizioni La Commissione europea ha autorizzato la proposta

Dettagli

Aggiornamento 10 febbraio 2016 CALCIO RAI 1 SEMESTRE 2016. speciali.

Aggiornamento 10 febbraio 2016 CALCIO RAI 1 SEMESTRE 2016. speciali. Aggiornamento 10 febbraio 2016 CALCIO 1 SEMESTRE 2016 RAI speciali. RAI: LA CASA DEL CALCIO ITALIANO IL CALCIO E RAI partite 1 SEMESTRE 2016 TOTALE PARTITE NAZIONALE TIM CUP Non solo Tv 12 anche Radio,

Dettagli

Il Febbraio della TV Digitale. Analisi Febbraio 2011 Solo canali a rilevazione Auditel giornaliera

Il Febbraio della TV Digitale. Analisi Febbraio 2011 Solo canali a rilevazione Auditel giornaliera Il Febbraio della TV Digitale Analisi Febbraio 2011 Solo canali a rilevazione Auditel giornaliera TV Satellitari Monopiattaforma: Trend Share 7,8% 7,7% 8,1% 7,9% 9,8% 9,4% 9,5% 9,1% 8,0% 8,1% 8,4% 8,6%

Dettagli

RELAZIONE ANNUALE SULLO STATO DEI SERVIZI E SULL ATTIVITÀ SVOLTA 2004.

RELAZIONE ANNUALE SULLO STATO DEI SERVIZI E SULL ATTIVITÀ SVOLTA 2004. RELAZIONE ANNUALE SULLO STATO DEI SERVIZI E SULL ATTIVITÀ SVOLTA 2004. Presentazione del Presidente dell Autorità. Roma, 6 luglio 2004. Orientamenti per l azione futura. Considerate la dinamica e la complessità

Dettagli