Guida alla predisposizione di un modello organizzativo per la salute e sicurezza sul lavoro:

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Guida alla predisposizione di un modello organizzativo per la salute e sicurezza sul lavoro:"

Transcript

1 DISPENSE ASSOLOMBARDA Aprile 2008 Area Ambiente e Sicurezza AMBIENTE BUSINESS COMUNICAZIONE CONFRONTI CULTURA D IMPRESA DIRITTO SOCIETARIO ENERGIA FINANZA Guida alla predisposizione di un modello organizzativo per la salute e sicurezza sul lavoro: elementi di confronto e integrazione tra D.Lgs. 81/08, D.Lgs. 231/01 e BS OHSAS 18001:2001 FISCO FORMAZIONE GARE E APPALTI GIOVANI E SCUOLA INFORMATION TECHNOLOGY INFRASTRUTTURE E TRASPORTI INNOVAZIONE INTERNAZIONALIZZAZIONE LAVORO POLITICA INDUSTRIALE PREVIDENZA E ASSISTENZA PRIVACY RELAZIONI INDUSTRIALI STUDI E RICERCHE QUALITÀ SICUREZZA SALUTE E PREVENZIONE URBANISTICA UTILITIES VITA ASSOCIATIVA

2 DISPENSE ASSOLOMBARDA è una collana che completa i servizi di informazione e assistenza offerti dall Associazione ai propri associati per affrontare con successo la gestione dell impresa. La collana raccoglie contributi e strumenti dedicati ai diversi ambiti della vita e della cultura aziendale. L opera, in tutte le sue parti, è tutelata dalla legge sui diritti d autore.

3 Guida alla predisposizione di un modello organizzativo per la salute e sicurezza sul lavoro: elementi di confronto e integrazione tra D.Lgs. 81/08, D.Lgs. 231/01 e BS OHSAS 18001: 2001

4

5 Indice Prefazione Contenuti di un sistema di gestione della sicurezza Principali elementi di un modello organizzativo ai sensi del decreto legislativo 8 giugno 2001, n Confronto di dettaglio tra requisiti D.Lgs. n. 81/2008, D.Lgs. n. 231/2001 e BS OHSAS 18001: Campo di applicazione Cosa significa? Quali sono i riferimenti D.Lgs n. 81/2008? Quali sono i requisiti corrispondenti? Quale è l elemento del modello organizzativo 231 corrispondente e come si collega ai SGSSL? Soggetti coinvolti e definizioni rilevanti Politica della sicurezza e codice di comportamento Cosa significa? Quali sono i riferimenti D.Lgs. n. 81/ Qual è l elemento del modello organizzativo 231 corrispondente e come si collega ai SGSSL? Quale è l elemento del modello organizzativo 231 corrispondente e come si collega ai SGSSL? Analisi dei rischi ed obiettivi Cosa significa? Quali sono i riferimenti D.Lgs. n. 81/08 e s.m.i.? Quali sono i requisiti corrispondenti? Quale è l elemento del modello organizzativo 231 corrispondente e come si collega ai SGSSL? Ruoli, responsabilità e risorse Cosa significa? Quali sono i riferimenti del D.Lgs. 81/2008? Quali sono i requisiti corrispondenti? Quale è l elemento del modello organizzativo 231 corrispondente e come si collega ai SGSSL? Attività di formazione e informazione Cosa significa? Quali sono i riferimenti D.Lgs n. 81/2008? Quali sono i requisiti corrispondenti? Qual è l elemento del modello organizzativo 231 corrispondente e come si collega ai SGSSL? Comunicazione, partecipazione e consultazione Cosa significa? Quali sono i riferimenti D.Lgs. n. 81/2008 e s.m.i? Quali sono i requisiti corrispondenti? Qual è l elemento del modello organizzativo 231 corrispondente e come si collega ai SGSSL? Attuazione del modello di organizzazione gestione e controllo Cosa significa?

6 Quali sono i riferimenti D.Lgs. n. 81/2008? Quali sono i requisiti corrispondenti? Qual è l elemento del modello organizzativo 231 corrispondente e come si collega ai SGSSL? Preparazione e risposta alle emergenze Cosa significa? Quali sono i riferimenti D.Lgs. n. 81/2008? Quali sono i requisiti corrispondenti? Qual è l elemento del modello organizzativo 231 corrispondente e come si collega ai SGSSL? Il controllo sull efficacia: adeguatezza del sistema e attuazione delle regole Cosa significa? Quali sono i riferimenti D.Lgs. n. 81/2008? Quali sono i requisiti corrispondenti? Qual è l elemento del modello organizzativo 231 corrispondente e come si collega ai SGSSL? Miglioramento continuo Cosa significa? Quali sono i riferimenti D.Lgs. n. 81/2008? Quali sono i requisiti corrispondenti? Qual è l elemento del modello organizzativo 231 corrispondente e come si collega ai SGSSL? Matrice di riferimento tra D.Lgs. n. 81/2008, D.Lgs. n. 626/1994, BS 18001:2007 e D.Lgs. n. 231/ Correlazioni tra la norma OHSAS e la Linea Guida UNI-INAIL

7 Prefazione Nel 2007 vi sono stati alcuni sviluppi normativi di particolare rilevanza per il tema della gestione della salute e sicurezza sul lavoro e delle responsabilità per l attuazione delle norme e il buon funzionamento del sistema aziendale. Infatti, a fine agosto 2007 è stata pubblicata la Legge 123 che, con l art. 9, estende la responsabilità amministrativa degli enti anche ai reati di omicidio colposo e lesioni colpose gravi o gravissime, commessi con violazione delle norme antinfortunistiche; viene pubblicata come standard la norma OHSAS 18001; a fine novembre comincia l iter legislativo per la predisposizione del D.Lgs. n. 81/2008 (cosiddetto Testo Unico sulla sicurezza), appena pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale, che nell art. 30 richiama esplicitamente alla implementazione di un modello di organizzazione, gestione e controllo quale esimente ai fini della responsabilità amministrativa di cui al D.Lgs. n. 231/2001. E allora la domanda che ci si è posti, e che ha ispirato la realizzazione di questa Guida, parte proprio dall ultima evoluzione normativa e dalla legislazione precedente: quanto la corretta applicazione del decreto 626 del 1994 e delle nuove disposizioni di fatto consente ad una impresa di essere in linea con le esigenze organizzative (e dimostrative agli occhi del giudice) poste dal decreto 231? Peraltro, si sa che il previgente D.Lgs. n. 626/1994, se correttamente e coscienziosamente applicato, ha già di per sé fornito gli elementi principali per il modello di organizzazione del sistema di prevenzione aziendale, con l esplicito richiamo a soggetti, compiti e responsabilità, analisi e valutazioni, provvedimenti, azioni, controllo e miglioramento. E ancora: quanto una norma tecnica (la OSHAS ad esempio) o una Linea guida quale quella UNI-INAIL può contribuire a meglio sistematizzare le richieste delle norme vigenti e a collegarle con le richieste del decreto 231? Quali le sinergie e le sovrapposizioni? Dalla presente Guida ricaviamo la conferma che, partendo dai presupposti suddetti, gli adempimenti aggiuntivi per un impresa che non voglia incorrere in sanzioni amministrative previste dal campo di applicazione del D.Lgs. n. 231/2001 sono pochi, certamente importanti e impegnativi, ma sostanzialmente pochi. I contenuti del documento, che ha come tema portante il sistema di gestione della sicurezza quale elemento imprescindibile della gestione complessiva dell attività produttiva, vengono sviluppati attraverso un confronto continuo tra il testo del 626 e l attuale Testo Unico, i punti della norma OSHAS e le richieste del 231, schematizzato per maggiore semplicità di lettura in una matrice finale, e in una nota di correlazione con le Linee Guida UNI-INAIL. Come per altre pubblicazioni di Assolombarda sui temi di salute e sicurezza sul lavoro, si è cercato di realizzare un testo dal taglio operativo, pragmatico, che possa aiutare soprattutto le Piccole Imprese (ad esercizio collettivo) a orientarsi nel mare di sollecitazioni che su questa complessa tematica pervengono da diverse direzioni. L auspicio è che possa essere davvero utile. Un particolare ringraziamento va rivolto a Certiquality e agli esperti, coordinati dall Area Ambiente e Sicurezza, per gli approfondimenti legislativi e tecnici sviluppati nella Guida. Antonio Colombo Direttore Generale Assolombarda 3

8 4

9 1. Contenuti di un sistema di gestione della sicurezza La gestione della sicurezza, intesa come un elemento imprescindibile su cui sviluppare le decisioni strategiche delle imprese, richiede l adozione di un approccio sistemico per l identificazione dei pericoli e la valutazione e controllo dei rischi connessi a tutte le attività aziendali, in modo da fornire ad una organizzazione la garanzia non soltanto di essere conforme oggi a determinati requisiti specificati, ma anche di continuare ad esserlo in futuro. Le modalità, l estensione ed il grado di applicazione dei requisiti del Sistema di Gestione della Sicurezza sono modulati in funzione di diversi fattori, quali: dimensione dell organizzazione, natura delle sue attività, pericoli, condizioni operative, competenza del personale. La necessità di anticipare e prevenire circostanze che possono dare luogo a infortuni sul lavoro o malattie professionali e di minimizzare il rischio per il personale non è che un aspetto della più generale esigenza di istituire un Sistema di Gestione Aziendale che consenta alle imprese di operare in un regime di efficienza globale. Le modalità con cui si sviluppa un Sistema di Gestione della Sicurezza e Salute sul Lavoro presentano pertanto notevoli punti di sinergia con quanto richiesto ad una organizzazione che abbia attivato un Sistema Qualità e di Gestione Ambientale, e proprio per questo non soltanto è possibile, ma addirittura auspicabile che le Imprese si abituino ad adottare un metodo di pianificazione globale della gestione aziendale. Per assistere le Imprese nello sviluppo e implementazione di un Sistema di Gestione per la Sicurezza sono disponibili alcuni standard e linee guida, nazionali e internazionali. Lo standard allo stato attuale maggiormente diffuso e condiviso a livello internazionale è OHSAS 18001:2007, edito dal BSI e sviluppato con il supporto sia di Enti di Normazione, Accreditamento e Istituti di Certificazione internazionali. Lo standard, destinato alle organizzazioni di tutte le dimensioni e settori merceologici, rappresenta in senso moderno un modello di sistema di gestione particolarmente duttile e di generale applicazione, il cui scopo primario è quello di promuovere le buone pratiche di gestione della sicurezza e salute sul lavoro in armonia con le necessità socio economiche delle singole imprese. In tal senso è ormai riconosciuta l utilità di questo modello per sistematizzare tutte le richieste legislative in materia di igiene, salute e sicurezza sul lavoro, in primis da quanto previsto dal D.Lgs. n. 81/2008. La OHSAS 18001: 2007 si basa su una metodologia conosciuta come Plan-Do-Check-Act (PDCA), che può riassumersi nei seguenti passaggi: Plan: identificare i processi e stabilire gli obiettivi necessari per conseguire i risultati di controllo dei rischi e riduzione degli incidenti in accordo alla Politica per la Sicurezza; Do: attuare i processi pianificati e dare seguito ai programmi di miglioramento; Check: monitorare e misurare i processi e le prestazioni, documentando i risultati; 5

10 Act: prendere iniziative volte al miglioramento continuo delle prestazioni in materia di sicurezza. Per dare concretezza a tale schema, sono indicati specifici requisiti riassumibili come segue: Politica per la Sicurezza e Salute sul lavoro Il successo del Sistema di Gestione della sicurezza dipende dall impegno dichiarato e profuso dall Alta Direzione. La scelta aziendale deve pertanto essere accompagnata da una precisa dichiarazione pubblica della Direzione che si impegni a prevenire gli infortuni e a fornire risorse adeguate. Analisi dei rischi e pianificazione degli obiettivi di miglioramento Lo standard richiede di effettuare una valutazione del rischio connesso alle attività dell Organizzazione, che preveda la classificazione delle attività operative, l identificazione dei pericoli e la analisi dei rischi, per valutare se ciascun rischio sia stato ridotto al più basso livello ragionevolmente fattibile oppure sia necessario intervenire con un piano d azione. Sulla base di quanto rilevato dalla analisi del rischio, è necessario pianificare e perseguire degli obiettivi specifici di miglioramento, scadenzati temporalmente e quantificati dove possibile. Particolare attenzione in questo ambito deve essere data alla gestione delle modifiche, che debbono essere soggette ad una stretta attività di pianificazione e dare luogo a riesami del programma di miglioramento. Formazione e consapevolezza Molta importanza è data alla pianificazione della formazione - che deve essere modulata sulla base di competenze, responsabilità, conoscenze anche linguistiche e rischi specifici, e alla sua efficacia. Partecipazione, consultazione e comunicazione Si richiede di coinvolgere il personale in tutte le fasi del sistema di gestione, dall analisi dei rischi, alle indagini sugli incidenti, alla definizione degli obiettivi di miglioramento. Attenzione è data alla consultazione del personale e degli appaltatori. Fondamentale è la gestione dei flussi informativi, che coinvolge non soltanto i dipendenti ma anche appaltatori e visitatori. Controllo operativo e risposta alle emergenze Le operazioni e le attività connesse con gli aspetti di sicurezza compresa la gestione delle modifiche - devono essere identificate e oggetto di pianificazione da parte dell Azienda, in modo da assicurare che esse si svolgano in condizioni controllate. Misura e controllo delle prestazioni Perché sia possibile seguire l andamento delle prestazioni del Sistema di Gestione è opportuno che siano identificate le caratteristiche chiave dei processi aziendali in modo da utilizzare parametri oggettivi per effettuare una valutazione. L effettuazione di ispezioni sistematiche e pianificate consentirà di verificare la corretta attuazione delle misure preventive intraprese. Analisi degli incidenti e quasi incidenti Deve essere adottata una metodologia per una valutazione sistematica delle cause radice degli infortuni e dei quasi incidenti. Si richiede l adozione delle azioni correttive e preventive. Audit interni Il principale strumento di controllo sono le verifiche ispettive (audit) interne che devono essere effettuate sia a livello Direzionale con scadenze periodiche sia a livello operativo con personale aziendale opportunamente addestrato. Gli audit interni 6

11 forniscono lo strumento per determinare se il Sistema così definito è conforme a quanto pianificato per la gestione delle problematiche di sicurezza, ed è stato opportunamente implementato e mantenuto attivo. Riesame da parte della Direzione Ad intervalli di tempo prestabiliti l alta Direzione Aziendale deve svolgere dei riesami, ovvero una valutazione formale, dello stato del Sistema di Gestione della Sicurezza a fronte degli obiettivi stabiliti dalla Politica aziendale, al fine di assicurarne la sua continua adeguatezza ed efficacia. Le conclusioni che derivano da tali riesami serviranno alla Direzione per evidenziare eventuali necessità di miglioramento dell approccio pro-attivo dell Organizzazione teso a minimizzare il rischio e migliorare le proprie prestazioni. Per le Organizzazioni interessate è possibile richiedere la certificazione verso la norma OHSAS agli Organismi di certificazione accreditati a tale scopo, conseguendo in tale modo un riconoscimento di parte terza ad ulteriore garanzia della bontà e serietà dell impegno profuso in materia di prevenzione per le tematiche di igiene, salute e sicurezza sul lavoro. Accanto allo standard sopra descritto è utile segnalare la disponibilità di un altro documento, questa volta sotto forma di linea guida, che si va ad affiancare agli strumenti utili per l adozione di modelli per la gestione della sicurezza. Si tratta della Linea Guida UNI INAIL ISPESL Parti sociali, edita da UNI nel Anche in questo caso il sistema decritto ha validità generale e definisce le modalità per individuare i processi, attribuire le responsabilità, pianificare le attività, definire i programmi di formazione, identificare le modalità di comunicazione e coinvolgimento del personale, descrivendo le modalità per la corretta gestione operativa e delle emergenze, la sorveglianza e misura delle prestazioni, le verifiche ispettive interne della sicurezza e il riesame del sistema. 7

12 2. Principali elementi di un modello organizzativo ai sensi del decreto legislativo 8 giugno 2001, n. 231 L art. 25 septies del Decreto Legislativo 8 giugno 2001, n. 231 (di seguito D.Lgs. n. 231/2001), introdotto con Legge 3 agosto 2007, n. 123, prevede la responsabilità amministrativa degli enti anche per i reati di omicidio colposo e lesioni colpose gravi o gravissime, commessi con violazione delle norme antinfortunistiche e sulla tutela dell'igiene e della salute sul lavoro. Tale previsione determinerà senz altro un significativo incremento dei casi in cui enti forniti di personalità giuridica, società e associazioni anche prive di personalità giuridica (le disposizioni del decreto non si applicano allo Stato, agli enti pubblici territoriali, agli altri enti pubblici non economici nonché agli enti che svolgono funzioni di rilievo costituzionale, come previsto dall art. 1, comma 3) verranno chiamati a rispondere in sede giudiziale per i reati commessi sia dai cd soggetti apicali che dalle persone sottoposte alla direzione e vigilanza di costoro. L articolo 5, comma 1 lett. a), del decreto chiarisce che sono soggetti in posizione apicale le persone che rivestono funzioni di rappresentanza, di amministrazione o di direzione dell'ente o di una sua unità organizzativa dotata di autonomia finanziaria e funzionale nonché le persone che esercitano, anche di fatto, la gestione e il controllo dello stesso. Nonostante la natura di questa responsabilità sia oggetto di discussione tra gli interpreti, è certo tuttavia che sanzioni e misure in cui l ente può incorrere, in via cautelare o in via definitiva, possono essere molto pesanti. A tale proposito, l art. 300 del D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81 (cd. Testo Unico sulla Salute e Sicurezza sul Lavoro, in Attuazione dell'articolo 1 della legge 3 agosto 2007, n. 123, in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro ) ha rimodulato il sistema sanzionatorio applicabile ai reati di omicidio colposo e lesioni gravi o gravissime commessi con violazione delle norme antinfortunistiche e sulla tutela dell'igiene e della salute sul lavoro introdotto dalla Legge n. 123/2007. Con riferimento alle sole aziende e attività di seguito elencate: nelle aziende industriali di cui all articolo 2 del decreto legislativo 17 agosto 1999, n. 334, e successive modificazioni, soggette all obbligo di notifica o rapporto, ai sensi degli articoli 6 e 8 del medesimo decreto; nelle centrali termoelettriche; negli impianti ed installazioni di cui agli articoli 7, 28 e 33 del decreto legislativo 19 marzo 1995, n. 230, e successive modificazioni (di attuazione delle direttive europee in materia di radiazioni ionizzanti); nelle aziende per la fabbricazione ed il deposito separato di esplosivi, polveri e munizioni; nelle aziende industriali con oltre 200 lavoratori; nelle industrie estrattive con oltre 50 lavoratori; nelle strutture di ricovero e cura pubbliche e private con oltre 50 lavoratori; in aziende in cui si svolgono attività che espongono i lavoratori a rischi biologici di cui all articolo 268, comma 1, lettere c) e d), da atmosfere esplosive, cancerogeni 8

13 mutageni, e da attività di manutenzione, rimozione smaltimento e bonifica di amianto; per le attività disciplinate dal titolo IV (cantieri temporanei o mobili) caratterizzate dalla compresenza di più imprese e la cui entità presunta di lavoro non sia inferiore a 200 uomini-giorno. Nel caso di omicidio colposo, commesso con omissione da parte del datore di lavoro della valutazione dei rischi, o per non avere adottato il documento di valutazione dei rischi, o per averlo adottato in assenza dei requisiti previsti dall art. 28 lett. a), b), d) ed f), con violazione dell obbligo di cui all'articolo 18, comma 1, lettere q) e z), prima parte, le sanzioni pecuniarie a carico dell ente sono state stabilite in misura non inferiore a mille quote (art. 25 septies, comma 1, del D.Lgs. n. 231/2001, come modificato dall art. 300 del D.Lgs. n. 81/2008). Nel caso in cui l omicidio colposo sia stato commesso con violazione di norme antinfortunistiche e sulla tutela dell igiene e della salute sul lavoro, diverse da quelle precedentemente esaminate, si applica una sanzione pecuniaria in misura non inferiore a 250 quote e non superiore a 500 quote (art. 25 septies, comma 2, del D.Lgs. n. 231/2001, come modificato dall art. 300 del D.Lgs. n. 81/2008) Nel caso di lesioni colpose, gravi e gravissime, si applica invece una sanzione pecuniaria in misura non superiore a 250 quote (art. 25 septies, comma 3, del D.Lgs. n. 231/2001, come modificato dall art. 300 del D.Lgs. n. 81/2008). L importo della quota (da moltiplicare per il numero di quote) viene fissato dal giudice sulla base delle condizioni economiche e patrimoniali dell'ente allo scopo di assicurare l'efficacia della sanzione (art. 11), da un minimo di 250 Euro a un massimo di Euro (art. 10, comma 3). Quando l ente abbia tratto dalla commissione del reato un profitto di rilevante entità, ovvero nel caso di reiterazione degli illeciti, il D.Lgs. n. 231/2001 prevede l applicazione di sanzioni interdittive: l interdizione dall esercizio dell attività, la sospensione o la revoca delle autorizzazioni, delle licenze e delle concessioni funzionali alla commissione dell illecito, il divieto di contrattare con la pubblica amministrazione (salvo che per ottenere un pubblico servizio), l esclusione da agevolazioni, da finanziamenti, da contributi o da sussidi e l eventuale revoca di quelli già concessi, il divieto di pubblicizzare beni e servizi (art. 9). Nel caso di condanna per omicidio colposo, tali sanzioni interdittive si applicano per una durata non inferiore a tre mesi e non superiore ad un anno (art. 25 septies, comma 1 e 2, del D.Lgs. n. 231/2001), mentre nel caso di lesioni colpose gravi o gravissime le sanzioni si applicano per una durata non superiore a sei mesi. Il sistema sanzionatorio, pur rimodulato in base alla gravità delle violazioni, prevede quindi conseguenze pesanti, tali da colpire in modo significativo l attività e, in alcune circostanze, la sopravvivenza stessa dell impresa. Con l entrata in vigore della Legge n. 123/2007 sono emerse diverse problematiche di tipo applicativo derivanti dalla natura colposa dei reati di cui si tratta e della loro compatibilità con la disciplina prevista dal D.Lgs. n. 231/2001. Presupposto di applicazione della responsabilità è infatti l interesse o il vantaggio che l ente abbia tratto dal reato commesso da un soggetto apicale o da persone sottoposte all altrui vigilanza e direzione. 9

14 Nel caso che qui interessa, si tratta di eventi e conseguenze (infortuni sul lavoro) rispetto ai quali è oltremodo problematico prefigurare un interesse finalistico o un vantaggio dell imprenditore, a meno che non si sposti l attenzione dall evento alla condotta e alle ricadute concrete che sono derivate all ente a seguito dell inosservanza di norme sulla prevenzione (ad es. in termini di risparmio di costi per la sicurezza). Dubbi analoghi ha suscitato uno dei presupposti richiesti per escludere la responsabilità dell ente quale l elusione fraudolenta delle regole e dei protocolli da parte della persona fisica che ha commesso il fatto. Si richiede pertanto qualcosa di più della semplice volontà dell agente ma un vero e proprio raggiro o artificio, che risulta difficile conciliare, sotto il profilo soggettivo, con violazioni quali quelle in esame caratterizzate dalla colpa (omessa applicazione di misure infortunistiche da cui sia derivato l infortunio). Date le finalità pratiche e applicative del presente documento, non è questa però la sede per un approfondimento di tali tematiche (e di altre ancora, emerse a seguito dell estensione della responsabilità delle società anche ai reati in materia di salute e sicurezza), e si vuole riportare piuttosto l attenzione sull elemento che costituisce il requisito fondamentale per escludere o limitare la responsabilità della società: il modello organizzativo, di gestione e di controllo idoneo a prevenire reati della stessa specie di quelli che si sono verificati. In tale prospettiva si deve sottolineare che un modello, efficacemente attuato, non è obbligatorio, ma è necessario, in quanto esso costituisce: 1) elemento per l esimente della responsabilità ai sensi dell art. 6, comma 1, e 7 D.Lgs. n. 231/2001 2) criterio per la riduzione della sanzione pecuniaria ai sensi dell art. 12, quando adottato e reso operativo prima dell apertura del dibattimento di primo grado, a condizione dell integrale risarcimento del danno; 3) strumento, unitamente alle altre condizioni previste dalla legge, per evitare l applicazione delle misure interdittive ex. Art. 17; 4) strumento per ottenere, unitamente alle altre condizioni previste dall art. 17, la sospensione della misura cautelare interdittiva (interdizione temporanea o definitiva dall attività, divieto di contrattare con la Pubblica amministrazione, divieto di pubblicizzare beni e servizi) emessa ai sensi dell art. 49. Il D.Lgs. n. 231/2001 prevede una diversa disciplina a seconda che il reato sia stato commesso da un soggetto apicale (art. 6), ovvero da un soggetto sottoposto alla direzione e vigilanza di soggetti apicali (art. 7). La lett. a) dell art. 6 richiede che l'organo dirigente abbia adottato ed efficacemente attuato, prima della commissione del fatto, modelli di organizzazione e di gestione idonei a prevenire reati della specie di quello verificatosi. Nel caso di reati commessi da soggetti apicali, lo stesso art. 6 demanda il compito di vigilare sul funzionamento e l'osservanza dei modelli e di curare il loro aggiornamento a un organismo dell'ente dotato di autonomi poteri di iniziativa e di controllo (Organismo di Vigilanza). Nel caso di reati commessi da soggetti sottoposti all'altrui direzione, di cui l ente è chiamato a rispondere per inosservanza degli obblighi di direzione e vigilanza, l art. 7, comma 2, prevede invece che lo stesso modello organizzativo e di gestione assicuri anche la fase fondamentale del controllo, evidenziandosi pertanto una significativa simmetria con i sistemi di gestione aziendale della salute e sicurezza sul lavoro articolati 10

15 secondo lo schema pianificazione/attuazione/verifica/miglioramento, di cui si tratterà in seguito. Lo stesso art. 7, comma 3, chiarisce le finalità del modello, che deve prevedere, in relazione alla natura e alla dimensione dell'organizzazione nonché al tipo di attività svolta, misure idonee a garantire lo svolgimento dell'attività nel rispetto della legge e a scoprire ed eliminare tempestivamente situazioni di rischio. Scopo del modello è quella di eliminare o ridurre al minimo il rischio di commissione dei reati, attraverso un sistema che identifichi, in via preventiva, aree, attività e processi con maggiori probabilità di irregolarità o anomalie, da sottoporre a controllo sistematico. La norma chiarisce che il modello deve essere efficacemente attuato; si tratta infatti di un punto qualificante e irrinunciabile del sistema di responsabilità delineato dal D.Lgs. n. 231/2001. Il modello non deve rimanere sulla carta (in senso letterale) ma deve pienamente integrarsi con il sistema organizzativo e gestionale aziendale. Si richiede inoltre che il modello sia concreto e dinamico, cioè tale da seguire i cambiamenti dell ente cui si riferisce. La concretezza del modello ne determinerà la necessità di aggiornamento parallela all evolversi e al modificarsi della struttura e delle attività e quindi del rischio di commissione dei reati. Il modello organizzativo deve rispondere a una serie di finalità che sono previste dagli artt. 6 e 7, più volte citati: a) deve individuare le attività nel cui ambito possono essere commessi reati. Come detto, il D.Lgs. 231 prevede un analisi preliminare della realtà aziendale con l obiettivo di individuare le aree che risultino interessate dalle potenziali casistiche di reati. E necessaria quindi una rappresentazione esaustiva delle possibili modalità attuative dei reati nel contesto operativo interno e esterno in cui opera l azienda. L analisi dovrebbe tenere conto anche della storia dell ente, cioè delle vicende, anche giudiziarie passate, e delle caratteristiche degli altri soggetti operanti nel medesimo settore. Le attività ricadenti nella realtà aziendale dovrebbero inoltre essere specificatamente parcellizzate e ricondotte a processi identificati, definendo apposite procedure per assicurare un efficace e adeguato sistema di controllo. Il modello, per essere effettivo, dinamico e concreto, dovrebbe infine prevedere una procedura sistematica di ricerca, identificazione e aggiornamento dei rischi in presenza di circostanze particolari (modifiche organizzative e tecniche; accertamento di violazioni; variazioni del quadro normativo di riferimento). b) deve prevedere specifici protocolli diretti a programmare la formazione e l'attuazione delle decisioni dell'ente in relazione ai reati da prevenire. Con la mappatura delle aree di rischio l ente ha provveduto a identificare coloro che, per compiti, ruoli e mansioni svolte, più facilmente possono essere esposti alla possibilità di commettere un illecito. La finalità preventiva del modello trova piena espressione nell esigenza di assicurare la formazione di tutte le componenti aziendali che debbono concorrere alla efficace attuazione dello stesso. 11

16 La programmazione implica la necessità di differenziare la formazione diretta ai dipendenti nella loro generalità, a quelli che operano in specifiche aree di rischio, all Organismo di Vigilanza, ai preposti al controllo interno, e prevedere, in funzione delle diverse esigenze formative individuate, il contenuto dei corsi e la loro frequenza. Al fine di assicurare il principio di effettività del modello dovrebbero essere previsti controlli sulla frequenza e sulla qualità del contenuto dei programmi di formazione e valutazioni sulla loro efficacia, attraverso questionari e verifiche dirette sul campo. Accanto a quelli relativi alla formazione, il D.Lgs. n. 231/2001 prevede protocolli per l attuazione delle decisioni dell ente in relazione ai reati da prevenire. Anche in questo caso il principio di effettività del modello richiede la definizione in via preventiva di previsioni specifiche, di procedure esattamente determinate, di regole individuate anche nella loro sequenza e funzionalmente dirette a garantire il risultato che le attività e le operazioni siano condotte alle condizioni specificate. L applicazione di queste regole dipende in primo luogo dai soggetti che sono tenuti ad applicarle e che hanno ricevuto adeguata formazione in tal senso. Ai sensi dell art. 6, comma 1, lett. b), per i reati commessi da soggetti in posizione apicale, il compito di vigilare sul funzionamento e l'osservanza dei modelli (e di curare il loro aggiornamento) spetta all Organismo di Vigilanza. Una precisazione viene fornita dall art. 7, comma 4, lett. b (reati commessi da soggetti sottoposti all altrui direzione) per il quale l efficace attuazione dei modelli richiede una verifica periodica e l'eventuale modifica dello stesso quando sono scoperte significative violazioni delle prescrizioni ovvero quando intervengono mutamenti nell'organizzazione o nell'attività. Dall esame di queste disposizioni, al fine di assicurare l effettività del modello e per rimuovere tempestivamente la causa di eventuali carenze nell applicazione delle regole e delle procedure, si evince che il sistema di controllo si articolerebbe su due livelli: un sistema di controllo e monitoraggio sistematico sull applicazione delle regole predisposto dalla direzione aziendale ( primo livello ), diverso da quello di competenza dell Organismo di Vigilanza (interno all Ente, ma dotato di autonomia e indipendenza) che si potrebbe invece definire di secondo livello, perché deve vigilare anche sulle decisioni dell Organo Dirigente, sulla assegnazione delle risorse e sull applicazione delle procedure di controllo dell Ente. Nel caso poi in cui l organo dirigente di un ente di piccole dimensioni rinunci all organismo di vigilanza (come previsto dall art. 7, comma 3, lett. b), assumendo quindi la veste di controllore di se stesso con i relativi oneri, dovrebbe trovare esclusiva applicazione il modello di prevenzione previsto proprio dall art. 7, ove la fase del controllo sull attuazione ricade nell ambito dello stesso modello (analogamente a quanto osservato in precedenza per il sistema di controllo di primo livello ), e completa il ciclo costituito dalle altre fasi della analisi delle attività, della mappatura dei rischi di commissione di reati, dalla formazione, dall attuazione (applicazione di regole e procedure predefinite). I requisiti e le condizioni di efficacia del modello organizzativo, idoneo ad avere efficacia esimente della responsabilità amministrativa delle persone giuridiche nel caso di reati commessi con violazione delle norme a tutela della salute e sicurezza sul lavoro, sono stati precisati e specificati dall art. 30, comma 1, del D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81 ( Testo Unico Sicurezza ). Il modello organizzativo e gestionale deve prevedere idonei sistemi di registrazione dell avvenuta effettuazione delle attività prescritte per il rispetto degli obblighi antinfortunistici, specificate dal comma 1 dello stesso art. 30 (art. 30, comma 2). 12

17 Il modello organizzativo deve in ogni caso prevedere, per quanto richiesto dalla natura e dimensioni dell organizzazione e dal tipo di attività svolta, un articolazione di funzioni che assicuri le competenze tecniche e i poteri necessari per la verifica, valutazione, gestione e controllo del rischio, nonché un sistema disciplinare idoneo a sanzionare il mancato rispetto delle misure indicate nel modello (art. 30, comma 3). Il modello organizzativo deve altresì prevedere un idoneo sistema di controllo sull attuazione del medesimo modello e sul mantenimento nel tempo delle condizioni di idoneità delle misure adottate. Il riesame e l eventuale modifica del modello organizzativo devono essere adottati, quando siano scoperte violazioni significative delle norme relative alla prevenzione degli infortuni e all igiene sul lavoro, ovvero in occasione di mutamenti nell organizzazione e nell attività in relazione al progresso scientifico e tecnologico (art. 30, comma 4). Tali disposizioni confermano i profili di compatibilità e sovrapponibilità tra il modello organizzativo disciplinato dal D.Lgs. n. 231/2001 e un sistema di gestione aziendale della sicurezza sul lavoro. Tant è vero che il legislatore ha infine previsto espressamente una presunzione di conformità ai requisiti sopra citati, dei modelli di organizzazione aziendale definiti conformemente alle Linee guida UNI-INAIL per un sistema di gestione della salute e sicurezza sul lavoro (SGSL) del 28 settembre 2001 o al British Standard OHSAS 18001:2007. Art. 30, comma 5 In sede di prima applicazione, i modelli di organizzazione aziendale definiti conformemente alle Linee guida UNI-INAIL per un sistema di gestione della salute e sicurezza sul lavoro (SGSL) del 28 settembre 2001 o al British Standard OHSAS 18001:2007 si presumono conformi ai requisiti di cui al presente articolo per le parti corrispondenti. Agli stessi fini ulteriori modelli di organizzazione e gestione aziendale possono essere indicati dalla Commissione di cui all articolo 6. L adozione del modello di organizzazione e di gestione nelle imprese fino a 50 lavoratori rientra inoltre tra le attività finanziabili ai sensi dell articolo 11 del Testo Unico Sicurezza (art. 30, comma 6). Oltre ai requisiti trattati fin d ora, del modello previsti dal 231/2001 e dall art. 30 del D.Lgs. n. 81/2008 di cui si è trattato sin d ora, ve ne sono altri, per i quali non è possibile individuare un riscontro immediato né all interno del sistema normativo della salute e sicurezza sul lavoro, né in quello dello standard volontario BS OHSAS In particolare, il modello (con riferimento ai reati commessi da soggetti apicali) deve anche: individuare modalità di gestione delle risorse finanziarie idonee ad impedire la commissione dei reati; prevedere obblighi di informazione nei confronti dell'organismo deputato a vigilare sul funzionamento e l'osservanza dei modelli; introdurre un sistema disciplinare idoneo a sanzionare il mancato rispetto delle misure indicate nel modello, compresi i casi di violazione dell obbligo di vigilanza sui soggetti sottoposti da parte dei soggetti apicali. Di seguito verranno comunque analizzati i profili di possibile integrazione di questi requisiti propri della disciplina del D.Lgs. n. 231/2001 all interno di un sistema di gestione aziendale della sicurezza e salute sul lavoro. 13

18 3. Confronto di dettaglio tra requisiti D.Lgs. n. 81/2008, D.Lgs. n. 231/2001 e BS OHSAS 18001: Campo di applicazione Cosa significa? In questo primo capitolo del confronto di dettaglio tra le norme di riferimento si vogliono innanzitutto analizzare le differenze di gerarchia delle norme, dello specifico campo di applicazione e dei relativi quadri di riferimento. Quali sono i riferimenti D.Lgs n. 81/2008? Il D.Lgs. n. 81/2008 costituisce il quadro normativo di riferimento in materia di salute e sicurezza sul lavoro ed è applicabile a tutti i settori di attività privati o pubblici e a tutte le tipologie di rischio (art. 3, comma 1), rendendo di fatto obbligatoria l adozione di misure per la tutela della salute e della sicurezza dei lavoratori. Il nuovo Testo Unico della sicurezza ha esteso la definizione di lavoratore, che prescinde dall inquadramento giuridico del rapporto e dalla sussistenza di una retribuzione, qualificandola in relazione alla oggettiva prestazione di una attività lavorativa svolta nell ambito dell organizzazione di lavoro. Definizione di lavoratore (art. 2, comma 1, lett. a): Persona che, indipendentemente dalla tipologia contrattuale, svolge un'attività lavorativa nell'ambito dell'organizzazione di un datore di lavoro pubblico o privato, con o senza retribuzione, anche al solo fine di apprendere un mestiere, un'arte o una professione, esclusi gli addetti ai servizi domestici e familiari. Il principio dell applicabilità del Testo Unico a tutti i lavoratori, subordinati o autonomi, nonché ai soggetti ad essi equiparati, è espresso dal comma 4, dell art. 3, con le precisazioni riportate nei successivi commi (da 5 a 10). Quali sono i requisiti corrispondenti? La norma OHSAS 18001:2007 invece riveste, al momento, una peculiare caratteristica di volontarietà. Il nuovo Testo Unico riconosce espressamente che un sistema di Gestione Aziendale della Sicurezza implementato secondo lo standard internazionale di riferimento, quale appunto la OHSAS 18001:2007, si presume conforme ai requisiti del modello organizzativo D.Lgs. n. 231/2001, per le parti corrispondenti. 14

19 Art. 30, comma 5 In sede di prima applicazione, i modelli di organizzazione aziendale definiti conformemente alle Linee guida UNI-INAIL per un sistema di gestione della salute e sicurezza sul lavoro (SGSL) del 28 settembre 2001 o al British Standard OHSAS 18001:2007 si presumono conformi ai requisiti di cui al presente articolo per le parti corrispondenti. La OHSAS 18001:2007 è applicabile ad ogni tipo di Organizzazione purchè la stessa abbia una autonomia funzionale e amministrativa; tale aspetto trova ovvia giustificazione nella necessità di individuare realtà organizzative che possano, indipendentemente da funzioni superiori (riconducibili per es. ad un Headquarter generale), gestire in modo indipendente la variabile salute e sicurezza. In Italia, nello specifico, viene anche precisato da un Regolamento Sincert (Organismo di controllo degli Enti di Certificazione accreditati) che non è consentita la certificazione del SG SSL in modo parziale per un sito o per un processo. In queste situazioni, o in casi multi-site, è richiesto che tutti i siti debbano implementare ed applicare il Sistema di Gestione Salute e Sicurezza. Questo perché, ovviamente, non è accettabile che in una stessa Azienda sussistano aree, processi, impianti o singoli siti maggiormente tutelati rispetto ad altri da un approccio sistemico in materia di prevenzione dei rischi e riduzione degli infortuni (obbligo di evitare il così detto Cherry picking ). La OHSAS 18001:2007 precisa anche come tale norma si riferisca strettamente alle aree di Occupational Health and Safety (Salute e Sicurezza sul Lavoro) e anche l area di gestione non includa aspetti di sicurezza del prodotto, di danni a cose e di impatti ambientali. Quest ultima esclusione è ovviamente da intendersi come un rimando alla norma specifica (UNI EN ISO 14001:2004) che guida le Organizzazioni alla gestione degli aspetti ambientali. Quale è l elemento del modello organizzativo 231 corrispondente e come si collega ai SGSSL? Il D.Lgs. n. 231/2001 con la successiva integrazione dell art 9 della legge 123/2007, prevede, con finalità esimenti, l utilità di attuare efficacemente modelli di organizzazione e di gestione idonei a prevenire reati ; di fatto quindi non viene sancita l obbligatorietà di implementare tali modelli, ma se ne evidenzia l utilità. L adozione su base obbligatoria del modello di organizzazione, gestione e controllo previsto dall articolo 6 del decreto legislativo 231/2001 è invece previsto per le Società quotate in borsa che intendono conseguire la qualifica di Star (rif. Modifiche al Regolamento dei Mercati e relative Istruzioni: Revisione dei requisiti per ottenere la qualifica di Star entrata in vigore 26/3/2007). Il DLgs 231/2001 disciplina la responsabilità degli enti per gli illeciti amministrativi dipendenti da reato. Le disposizioni in esso previste si applicano agli enti forniti di personalità giuridica e alle Società e Associazioni anche prive di personalità giuridica. Fino a questo punto, di fatto, sussiste una corrispondenza con gli altri documenti citati; l art 1 però precisa anche che: non si applicano allo Stato, agli enti pubblici territoriali, agli altri enti pubblici non economici nonché agli enti che svolgono funzioni di rilievo costituzionale. 15

20 Pertanto l area di piena sovrapposizione tra DLgs 231/2001, BS OHSAS 18001:2007, D.Lgs 626/1994 è limitata ai soggetti privati. E bene precisare infine che il modello organizzativo previsto dal D.Lgs. n. 231/2001, e quindi anche il sistema aziendale di gestione della salute e sicurezza sul lavoro attuato secondo lo standard BS OHSAS 18001, debbono avere quale finalità quella di prevenire reati e violazioni di norme antinfortunistiche e quindi di assicurare in modo prioritario il rispetto della legge. Ciò è ribadito chiaramente dall art. 30, comma 1, del D.Lgs. n. 81/2008. Il modello di organizzazione e di gestione idoneo ad avere efficacia esimente della responsabilità amministrativa delle persone giuridiche, delle società e delle associazioni anche prive di personalità giuridica di cui al decreto legislativo 8 giugno 2001, n. 231, deve essere adottato ed efficacemente attuato, assicurando un sistema aziendale per l'adempimento di tutti gli obblighi giuridici relativi: a) al rispetto degli standard tecnico-strutturali di legge relativi a attrezzature, impianti, luoghi di lavoro, agenti chimici, fisici e biologici; b) alle attività di valutazione dei rischi e di predisposizione delle misure di prevenzione protezione conseguenti; c) alle attività di natura organizzativa, quali emergenze, primo soccorso, gestione degli appalti, riunioni periodiche di sicurezza, consultazioni dei rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza; d) alle attività di sorveglianza sanitaria; e) alle attività di informazione e formazione dei lavoratori; f) alle attività di vigilanza con riferimento al rispetto delle procedure e delle istruzioni di lavoro in sicurezza da parte dei lavoratori; g) alla acquisizione di documentazioni e certificazioni obbligatorie di legge; h) alle periodiche verifiche dell'applicazione e dell'efficacia delle procedure adottate. 3.2 Soggetti coinvolti e definizioni rilevanti Sin dall esame dei termini e delle definizioni contenuti nelle norme e requisiti oggetto di confronto (D.Lgs. n. 81/2008, BS OHSAS e D.Lgs. n. 231/2001) si evidenzia come vi siano alcuni elementi essenziali, comuni ai tre sistemi, che meritano un approfondimento per cogliere appieno le analogie di impostazione e di applicazione delle relative discipline. Sotto il profilo soggettivo, ovvero quello che, in sostanza, definisce i destinatari delle norme e dei requisiti di cui si tratta, abbiamo: D.Lgs. n. 81/2008 OHSAS D.Lgs. n. 231/2001 Datore di lavoro Alta direzione Soggetti in posizione apicale Datore di lavoro è definito dall art. 2, lett. b del D.Lgs. n. 81/2008 il soggetto titolare del rapporto di lavoro con il lavoratore o, comunque, il soggetto che, secondo il tipo e l'assetto dell'organizzazione nel cui ambito il lavoratore presta la propria attività, ha la responsabilità dell'organizzazione stessa o dell'unita' produttiva in quanto esercita i poteri decisionali e di spesa. Alta direzione e BS OHSAS 18001: nella norma manca una definizione espressa; questa si può ricavare indirettamente in base ai compiti che la norma attribuisce all Alta Direzione: definisce la politica della sicurezza ( 4.2); deve mettere a disposizione le 16

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO - PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO G.1. I reati di cui all art. 25 septies del D.Lgs. n. 231/2001 La Legge 3 agosto 2007, n. 123, ha introdotto l art. 25 septies del

Dettagli

Il sistema di gestione della sicurezza: cos è, a cosa serve, i rapporti delle norme tecniche con il D.Lgs. 81/08

Il sistema di gestione della sicurezza: cos è, a cosa serve, i rapporti delle norme tecniche con il D.Lgs. 81/08 Il sistema di gestione della sicurezza: cos è, a cosa serve, i rapporti delle norme tecniche con il D.Lgs. 81/08 Firenze 15 febbraio 2010 Pisa 1 marzo 2010 Siena 29 marzo 2010 Dott. Ing. Daniele Novelli

Dettagli

Salute e sicurezza sul lavoro: responsabilità amministrativa delle persone giuridiche

Salute e sicurezza sul lavoro: responsabilità amministrativa delle persone giuridiche Salute e sicurezza sul lavoro: responsabilità amministrativa delle persone giuridiche di Dario Soria (*) e Giuseppe Santucci (**) Per affrontare il problema della salute e sicurezza sul lavoro è necessario,

Dettagli

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56 Cosa devo fare per quanto riguarda la sicurezza sul lavoro se assumo il primo dipendente/collaboratore? Come datore di lavoro devo: 1. valutare i rischi a cui andrà incontro questa persona compiendo il

Dettagli

Il Modello 231 e l integrazione con gli altri sistemi di gestione aziendali

Il Modello 231 e l integrazione con gli altri sistemi di gestione aziendali RESPONSABILITA D IMPRESA D.lgs. 231/01 L EVOLUZIONE DEI MODELLI ORGANIZZATIVI E DI GESTIONE 27 maggio 2014 ore 14.00 Il Modello 231 e l integrazione con gli altri sistemi di gestione aziendali Ing. Gennaro

Dettagli

ADF SISTEMI DI GESTIONE DELLA SICUREZZA E DELLA SALUTE SUL LAVORO NEL SETTORE DELLA DISTRIBUZIONE INTERMEDIA DEI MEDICINALI PER USO UMANO

ADF SISTEMI DI GESTIONE DELLA SICUREZZA E DELLA SALUTE SUL LAVORO NEL SETTORE DELLA DISTRIBUZIONE INTERMEDIA DEI MEDICINALI PER USO UMANO ADF ASSOCIAZIONE DISTRIBUTORI FARMACEUTICI ISTITUTO DI CERTIFICAZIONE DELLA QUALITÀ SISTEMI DI GESTIONE DELLA SICUREZZA E DELLA SALUTE SUL LAVORO NEL SETTORE DELLA DISTRIBUZIONE INTERMEDIA DEI MEDICINALI

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli

CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L.

CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L. CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L. Il presente codice etico (di seguito il Codice Etico ) è stato redatto al fine di assicurare che i principi etici in base ai quali opera Cedam Italia S.r.l. (di seguito

Dettagli

Procedure semplificate per l adozione de modelli di organizzazione e gestione (MOG) nelle piccole e medie imprese (PMI)

Procedure semplificate per l adozione de modelli di organizzazione e gestione (MOG) nelle piccole e medie imprese (PMI) Procedure semplificate per l adozione de modelli di organizzazione e gestione (MOG) nelle piccole e medie imprese (PMI) 1. PREMESSA Il d.lgs. 9 aprile 2008, n. 81 Attuazione dell articolo 1 della legge

Dettagli

Cagliari, 22 luglio 2010

Cagliari, 22 luglio 2010 Cagliari, 22 luglio 2010 L azione dell Ance L Associazione Nazionale Costruttori Edili si è da sempre posta l obiettivo di supportare le imprese associate nella adozione di strumentazione organizzativa

Dettagli

Norme di riferimento del modello generale di organizzazione, gestione e controllo ai sensi del d.lgs. 231/01

Norme di riferimento del modello generale di organizzazione, gestione e controllo ai sensi del d.lgs. 231/01 ISTITUTO POLIGRAFICO E ZECCA DELLO STATO Norme di riferimento del modello generale di organizzazione, gestione e controllo ai sensi del d.lgs. 231/01 Sintesi Approvato dal Consiglio di Amministrazione

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

- - - - - - - - - - - - 1 - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AFM S.p.A. Sede Legale in Bologna, Via del Commercio Associato n. 22/28 MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO

Dettagli

2006 02 09 Sottocomitato per lo schema SCR 2006 02 28 Comitato di Accreditamento COMITATO DI ACCREDITAMENTO. Accreditamento RT-12

2006 02 09 Sottocomitato per lo schema SCR 2006 02 28 Comitato di Accreditamento COMITATO DI ACCREDITAMENTO. Accreditamento RT-12 Via Saccardo, 9 I-20134 MILANO Tel.: + 39 022100961 Fax: + 39 0221009637 Sito Internet: www.sincert.it E-mail: sincert@sincert.it C.F./P.IVA 10540660155 Titolo Sigla RT-12 Revisione 01 Data approvazioni

Dettagli

Linee Guida per un sistema di gestione della salute e sicurezza sul lavoro (SGSL)

Linee Guida per un sistema di gestione della salute e sicurezza sul lavoro (SGSL) Linee Guida per un sistema di gestione della salute e sicurezza sul lavoro (SGSL) Guida operativa Ottobre 2003 1 SOMMARIO Presentazione pag. 4 Premessa (da Linee Guida UNI-INAIL) pag. 5 A. Finalità (da

Dettagli

LA RESPONSABILITÀ IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO

LA RESPONSABILITÀ IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO LA RESPONSABILITÀ IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO I ruoli individuati dal T.U. n. 81/2008 e la delega di funzioni Sicurezza delle Costruzioni Direzione Legislazione Opere Pubbliche INDICE PARTE PRIMA

Dettagli

La gestione della sicurezza nei contratti di appalto

La gestione della sicurezza nei contratti di appalto Sicurezza La gestione della sicurezza nei contratti di appalto Con l'emanazione del D.Lgs. n. 81/2008 sono stati definiti gli obblighi inerenti alla sicurezza sul lavoro in caso di affidamento di lavori

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Corso di laurea in Ingegneria Edile CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Anno Accademico 2011/2012 Definire: Obbiettivi della lezione Rischi Interferenziali - DUVRI e PSC Rischi Propri - POS Conoscere gli aspetti

Dettagli

La sicurezza sul lavoro

La sicurezza sul lavoro La sicurezza sul lavoro 1-La storia della sicurezza sul lavoro in Italia 2-I decreti legislativi 626, 81 e i successivi provvedimenti integrativi 3- Il T.U. 81 sostituisce completamente il D. Lgs. 626/94

Dettagli

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse CERVED RATING AGENCY Politica in materia di conflitti di interesse maggio 2014 1 Cerved Rating Agency S.p.A. è specializzata nella valutazione del merito creditizio di imprese non finanziarie di grandi,

Dettagli

PROCEDURA DI AUDIT AI TEST CENTER AICA

PROCEDURA DI AUDIT AI TEST CENTER AICA Pag. 1 di 14 PROCEDURA DI AUDIT REVISIONI 1 19/12/2002 Prima revisione 2 07/01/2004 Seconda revisione 3 11/01/2005 Terza revisione 4 12/01/2006 Quarta revisione 5 09/12/2013 Quinta revisione Adeguamenti

Dettagli

I.T.I.S. "S. CANNIZZARO", via Consolare Latina n.263, 00034 Colleferro RM D.S.: Prof.ssa Marisa Pia Zeppa R.S.P.P.: Arch. Vittorio Magliozzi

I.T.I.S. S. CANNIZZARO, via Consolare Latina n.263, 00034 Colleferro RM D.S.: Prof.ssa Marisa Pia Zeppa R.S.P.P.: Arch. Vittorio Magliozzi 1_ Che cosa si intende per SICUREZZA in un qualsiasi luogo di lavoro? Lavorare in un ambiente in cui la probabilità che si verifichino danni (a persone o cose) sia molto bassa, se non nulla. L'obbligo

Dettagli

Decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81. IL RUOLO DEI PREPOSTI e DEI LAVORATORI

Decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81. IL RUOLO DEI PREPOSTI e DEI LAVORATORI Decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81 (corretto ed integrato dal Decreto Legislativo 106/2009) IL RUOLO DEI PREPOSTI e DEI LAVORATORI Ing. Fiorenzo Bartolucci Via Scosciacavalli, 5 60121 Ancona Tel.

Dettagli

DIRITTI DEI CONSUMATORI

DIRITTI DEI CONSUMATORI DIRITTI DEI CONSUMATORI 1. Quali sono i diritti dei consumatori stabiliti dal Codice del Consumo 2. Qual è la portata della disposizione? 3. Qual è l origine dell elencazione? 4. In che cosa consiste il

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

ICUREZZA SUL LAVORO E CONDOMINIO

ICUREZZA SUL LAVORO E CONDOMINIO professione sicurezza ICUREZZA SUL LAVORO E CONDOMINIO 2 Le norme applicabili sono previste nel Testo Unico sulla salute e sicurezza sul lavoro (Decreto Legislativo 9 aprile 2008 n. 81) Sicurezza sul lavoro

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi terzi il cui soggiorno è irregolare Adozione con delibera

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo Pagina 1 di 24 INTRODUZIONE SEZ 0 Manuale Operativo DOCUMENTO TECNICO PER LA CERTIFICAZIONE DEL PROCESSO DI VENDITA DEGLI AGENTI E RAPPRESENTANTI DI COMMERCIO OPERANTI PRESSO UN AGENZIA DI RAPPRESENTANZA:

Dettagli

ai sensi del D.Lgs 231/2001

ai sensi del D.Lgs 231/2001 MODELLO DI ORGANIZZAZIONE GESTIONE E CONTROLLO GASPARINA DI SOPRA Società Cooperativa Sociale Modello di organizzazione gestione e controllo ai sensi del D.Lgs 231/2001 Sistema Disciplinare 1 ELENCO DELLE

Dettagli

PARTE PRIMA. REGOLAMENTO REGIONALE 10 marzo 2014, n. 3

PARTE PRIMA. REGOLAMENTO REGIONALE 10 marzo 2014, n. 3 10134 PARTE PRIMA Leggi e regolamenti regionali REGOLAMENTO REGIONALE 10 marzo 2014, n. 3 Disposizioni concernenti l attivazione di tirocini diretti all orientamento e all inserimento nel mercato del lavoro.

Dettagli

REQUISITI DELLE IMPRESE E DEI LAVORATORI AUTONOMI CHE ESEGUONO LAVORI CON RISCHIO DI CADUTA DALL ALTO PRESSO LE AZIENDE CERAMICHE IMPRESE

REQUISITI DELLE IMPRESE E DEI LAVORATORI AUTONOMI CHE ESEGUONO LAVORI CON RISCHIO DI CADUTA DALL ALTO PRESSO LE AZIENDE CERAMICHE IMPRESE PROTOCOLLO DI INTESA PER LA PREVENZIONE DEGLI INFORTUNI DA CADUTA DALL ALTO PRESSO LE INDUSTRIE CERAMICHE Allegato B REQUISITI DELLE IMPRESE E DEI LAVORATORI AUTONOMI CHE ESEGUONO LAVORI CON RISCHIO DI

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Chi è il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza RLS

Chi è il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza RLS Chi è il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza RLS Definizione di RLS (Art 2, comma 1, lettera i) del D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81) persona eletta o designata per rappresentare i lavoratori per

Dettagli

Linea Guida per l Organizzazione di un Sistema Prevenzionale nelle Piccole e Medie Imprese

Linea Guida per l Organizzazione di un Sistema Prevenzionale nelle Piccole e Medie Imprese Linea Guida per l Organizzazione di un Sistema Prevenzionale nelle Piccole e Medie Imprese PRESENTAZIONE Il presente lavoro si propone l obiettivo di fornire un modello organizzativo ispirato ai Sistemi

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 INDICE Presupposti... 2 Modalità di fruizione... 4 Particolari tipologie di rapporto di

Dettagli

DISPOSIZIONI DISCIPLINARI CONTRATTUALI PERSONALE NON DIRIGENTE DEL COMPARTO REGIONI E AUTONOMIE LOCALI (estratto C.C.N.L. del 11.04.

DISPOSIZIONI DISCIPLINARI CONTRATTUALI PERSONALE NON DIRIGENTE DEL COMPARTO REGIONI E AUTONOMIE LOCALI (estratto C.C.N.L. del 11.04. ISTITUTO AUTONOMO CASE POPOLARI DELLA PROVINCIA DI FOGGIA DISPOSIZIONI DISCIPLINARI CONTRATTUALI PERSONALE NON DIRIGENTE DEL COMPARTO REGIONI E AUTONOMIE LOCALI (estratto C.C.N.L. del 11.04.2008) TITOLO

Dettagli

DDL 1345-S in materia di delitti ambientali. (Approvazione in Senato 4 marzo 2015)

DDL 1345-S in materia di delitti ambientali. (Approvazione in Senato 4 marzo 2015) DDL 1345-S in materia di delitti ambientali. (Approvazione in Senato 4 marzo 2015) Il testo inserisce nel codice penale un nuovo titolo, dedicato ai delitti contro l'ambiente, all'interno del quale vengono

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

Gruppo PRADA. Codice etico

Gruppo PRADA. Codice etico Gruppo PRADA Codice etico Indice Introduzione 2 1. Ambito di applicazione e destinatari 3 2. Principi etici 3 2.1 Applicazione dei Principi etici: obblighi dei Destinatari 4 2.2 Valore della persona e

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila Modello B) REGIONE ABRUZZO CONSIGLIO REGIONALE Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila acquisito di materiale di cancelleria per l Ufficio amministrativo

Dettagli

Programma di Compliance Antitrust. Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001

Programma di Compliance Antitrust. Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001 Programma di Compliance Antitrust Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001 Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 19 febbraio 2015 Rev 0 del 19 febbraio

Dettagli

300 (RESPONSABILITA' AMMINISTRATIVA PERSONE GIURIDICHE).

300 (RESPONSABILITA' AMMINISTRATIVA PERSONE GIURIDICHE). DECRETO LEGISLATIVO 8 giugno 2001, n. 231 (in Gazzetta Ufficiale, 19 giugno, n. 140). - Disciplina della responsabilità amministrativa delle persone giuridiche, delle società e delle associazioni anche

Dettagli

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI)

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI) Pag. 1 di 16 PROCEDURE DEL MODELLO Pag. 2 di 16 Indice PROCEDURE DEL MODELLO... 1 PCI 01 - VENDITA DI SERVIZI... 3 PCI 02 PROCEDIMENTI GIUDIZIALI ED ARBITRALI... 5 PCI 03 AUTORIZZAZIONI E RAPPORTI CON

Dettagli

La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro

La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro La sicurezza non è negoziabile Nestlé è convinta che il successo a lungo termine possa essere raggiunto soltanto grazie alle sue persone. Nessun

Dettagli

Testo Unico dell apprendistato

Testo Unico dell apprendistato Testo Unico dell apprendistato Art. 1 Definizione 1. L apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato finalizzato alla formazione e alla occupazione dei giovani. 2. Il contratto di apprendistato

Dettagli

REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N.

REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N. REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N. 81/2008 Il Consiglio di Amministrazione della Società ha approvato le

Dettagli

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Codice di Comportamento Genesi Uno Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Caro Collaboratore, vorrei sollecitare la tua attenzione sulle linee guida ed i valori di integrità e trasparenza che

Dettagli

REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI

REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI Allegato alla Deliberazione n. 1576 del 19/11/2012 REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI Art. 1 OGGETTO E DESTINATARI Il presente regolamento

Dettagli

GUIDA ALLA COMPILAZIONE

GUIDA ALLA COMPILAZIONE GUIDA ALLA COMPILAZIONE Domanda per la riduzione del tasso medio di tariffa ai sensi dell art. 24 delle Modalità di applicazione delle Tariffe dei premi (d.m. 12/12/2000 e s.m.i.) dopo il primo biennio

Dettagli

Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA. Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE

Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA. Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE C.C.N.L. per il personale dipendente da imprese esercenti servizi di pulizia e servizi integrati / multi servizi. Ai

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO 9 APRILE 2008, N. 81

DECRETO LEGISLATIVO 9 APRILE 2008, N. 81 DECRETO LEGISLATIVO 9 APRILE 2008, N. 81 Testo coordinato con il Decreto Legislativo 3 agosto 2009, n. 106 Attuazione dell'articolo 1 della legge 3 agosto 2007, n. 123, in materia di tutela della salute

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) COMPITI DELLE IMPRESE E DOCUMENTAZIONE CONTRATTUALE AI SENSI DI QUANTO PREVISTO DAL D.L.GS 8108 e s.m.i. TIPOLOGIA APPALTO: SERVIZIO DI PULIZIA

Dettagli

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza)

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Allegato 2 Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Sono molto frequenti le situazioni in cui l obbligo di effettuare valutazioni ambientali

Dettagli

Il Consiglio. VISTO il Decreto Legislativo 12 aprile 2006, n. 163;

Il Consiglio. VISTO il Decreto Legislativo 12 aprile 2006, n. 163; Regolamento unico in materia di esercizio del potere sanzionatorio da parte dell Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture di cui all art 8, comma 4, del D.Lgs. 12

Dettagli

L attività di Internal Audit nella nuova configurazione organizzativa

L attività di Internal Audit nella nuova configurazione organizzativa L attività di Internal Audit nella nuova configurazione organizzativa Massimo Bozeglav Responsabile Direzione Internal Audit Banca Popolare di Vicenza Indice 1. I fattori di cambiamento 2. L architettura

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO 1. Il presente Codice di Comportamento integrativo definisce, in applicazione dell'art. 54 del DLgs. n. 165/2001 come riformulato dall'art.1, comma

Dettagli

A cura dello Studio Ingegneria Fiorini di Ferrara

A cura dello Studio Ingegneria Fiorini di Ferrara Provincia di Ferrara Guida alla gestione della sicurezza sul lavoro nelle associazioni sportive dilettantistiche, associazioni culturali, associazioni ricreative e di promozione sociale A cura dello Studio

Dettagli

Gabinetto dell On. le Ministro. Organismo Indipendente di Valutazione. Presidente del Consiglio Superiore dei LL.PP.

Gabinetto dell On. le Ministro. Organismo Indipendente di Valutazione. Presidente del Consiglio Superiore dei LL.PP. Dipartimento per le Infrastrutture, gli affari generali ed il personale Direzione generale del personale e degli affari generali Divisione 4 Ufficio Ispettivo e Disciplina Via Nomentana, 2 00161 Roma tel.06.4412.3285

Dettagli

Associazione Italiana Brokers di Assicurazioni e Riassicurazioni

Associazione Italiana Brokers di Assicurazioni e Riassicurazioni Associazione Italiana Brokers di Assicurazioni e Riassicurazioni Codice Etico Rev. 03 Versione del 21/01/2013 Approvato della Giunta Esecutiva del 18/02/2013 Ratificato del Consiglio Direttivo entro il

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa PER IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITÀ NAZIONALE ANTICORRUZIONE Via M.Minghetti 10 00187 Roma CIG 6253408B85 GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI CONCERNENTI

Dettagli

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 2.1 Principi generali Pag. 2 2.2. Principi di condotta Pag. 2 2.3 Comportamenti non etici Pag. 3 2.3. Principi di trasparenza Pag. 4 3 Relazioni can il personale

Dettagli

Il Comitato dei Ministri, ai sensi dell'articolo 15.b dello Statuto del Consiglio d'europa,

Il Comitato dei Ministri, ai sensi dell'articolo 15.b dello Statuto del Consiglio d'europa, CONSIGLIO D EUROPA Raccomandazione CM/REC(2014) 3 del Comitato dei Ministri agli Stati Membri relativa ai delinquenti pericolosi (adottata dal Comitato dei Ministri il 19 febbraio 2014 nel corso della

Dettagli

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO In base all art. 256 del D. Lgs. 81/2008, così come modificato dal D. Lgs. 106/2009, i

Dettagli

RISOLUZIONE N. 211/E

RISOLUZIONE N. 211/E RISOLUZIONE N. 211/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,11 agosto 2009 OGGETTO: Sanzioni amministrative per l utilizzo di lavoratori irregolari Principio del favor rei 1. Premessa Al fine

Dettagli

CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI. TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Arezzo, 06 maggio 2011

CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI. TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Arezzo, 06 maggio 2011 CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i Arezzo, 06 maggio 2011 Dott. DAVIDDI Paolo STOLZUOLI Stefania Tecnici di Prevenzione Dipartimento della Prevenzione Azienda USL 8 - Arezzo

Dettagli

ALLEGATO 1 Soggetti, azioni e misure finalizzati alla prevenzione della corruzione

ALLEGATO 1 Soggetti, azioni e misure finalizzati alla prevenzione della corruzione ALLEGATO 1 Soggetti, azioni e misure finalizzati alla prevenzione della corruzione A Soggetti e ruoli della strategia di prevenzione... 3 A.1 Soggetti e ruoli della strategia di prevenzione a livello nazionale...

Dettagli

CODICE ETICO SOMMARIO. Premessa Principi generali. pag. 2 pag. 2 pag. 3 pag. 3 pag. 4 pag. 4 pag. 5 pag. 7 pag. 7 pag. 7 pag. 8 pag. 8 pag.

CODICE ETICO SOMMARIO. Premessa Principi generali. pag. 2 pag. 2 pag. 3 pag. 3 pag. 4 pag. 4 pag. 5 pag. 7 pag. 7 pag. 7 pag. 8 pag. 8 pag. CODICE ETICO SOMMARIO Premessa Principi generali Art. I Responsabilità Art. II Lealtà aziendale Art. III Segretezza Art. IV Ambiente di Lavoro, sicurezza Art. V Rapporti commerciali Art. VI Rapporti con

Dettagli

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio 5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio Pag. 1 di 36 DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI PER LA SALUTE E LA SICUREZZA NEGLI AMBIENTI DI LAVORO ai sensi degli artt. 17, 28 e 29 del D.lgs 81/08

Dettagli

Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ai sensi del D. Lgs. 231/2001

Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ai sensi del D. Lgs. 231/2001 Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ai sensi del D. Lgs. 231/2001 CIRA S.C.p.A. (PARTI GENERALI) DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 14 GENNAIO 2014 REVISION HISTORY DOC.

Dettagli

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO AVVERTENZE PER LA REDAZIONE 1. La bozza di contratto proposta è da utilizzare come linea guida, potrà essere integrata e/o ridotta in funzione alle specifiche necessità.

Dettagli

IL NUOVO APPRENDISTATO: QUESITI E CASI PRATICI

IL NUOVO APPRENDISTATO: QUESITI E CASI PRATICI 1??ALESSANDRO MILLO, DIRIGENTE DELLA DIREZIONE PROVINCIALE DEL LAVORO DI PIACENZA ALESSANDRO MILLO, DIRIGENTE DELLA DIREZIONE PROVINCIALE DEL LAVORO DI PIACENZA Le considerazioni esposte sono frutto esclusivo

Dettagli

SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO SICUREZZA SUL LAVORO In-Formare è già prevenire Questo Mini-Manuale è aggiornato alle più recenti disposizioni 2014 sulla salute, l igiene e la sicurezza sul lavoro: Testo Unico, D.Lgs. 81/2008 e, in particolare,

Dettagli

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine INDICE 1. Premessa 2. Scopo della procedura e campo di applicazione 3. Definizioni 4. indicazioni

Dettagli

GRUPPO. Sicurezza per scelta

GRUPPO. Sicurezza per scelta Ge.Ma. Sicurezza per scelta Ge. Ma. la Qualità e la Sicurezza sono valori che costruiamo insieme a te GE.MA. company profile UN OCCHIO APERTO SUL FUTURO UNA REALTÀ DINAMICA, UN MODELLO EVOLUTO DI CONSULENZA

Dettagli

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Controlli interni e Ciclo della performance alla luce dell art.3 del D.L. 174/2012 Position Paper

Dettagli

COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari

COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari UFFICIO DEL SEGRETARIO GENERALE Responsabile Settore Affari del Personale-Anticorruzione-Trasparenza CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO Il

Dettagli

ALLEGATO D. Roma lì, / / Equitalia S.p.A. il Titolare

ALLEGATO D. Roma lì, / / Equitalia S.p.A. il Titolare 1 Premessa e quadro normativo Il Contratto sottoscritto da Equitalia S.p.A. e ha ad oggetto l affidamento dei servizi di implementazione e manutenzione del nuovo Sistema Informativo Corporate - Sistema

Dettagli

RESPONSABILITA PENALI E SICUREZZA SUL LAVORO

RESPONSABILITA PENALI E SICUREZZA SUL LAVORO Appunti relativi a corso tenuto dall avvocato Fabio Petracci per la polizia locale relativi al tema degli infortuni sul lavoro legge 626/94 e responsabilità penale. RESPONSABILITA PENALI E SICUREZZA SUL

Dettagli

INDIVIDUAZIONE E GESTIONE DELLE NON CONFORMITA RILEVATE IN OCCASIONE DELLE ATTIVITA DI CONTROLLO UFFICIALE

INDIVIDUAZIONE E GESTIONE DELLE NON CONFORMITA RILEVATE IN OCCASIONE DELLE ATTIVITA DI CONTROLLO UFFICIALE INDIVIDUAZIONE E GESTIONE DELLE RILEVATE IN OCCASIONE DELLE ATTIVITA DI CONTROLLO UFFICIALE CRITERIO OPERATIVO N 3 CRO 03 CRITERI OPERATIVI Revisione 01 del 15.02.13 Pagina 1 di 12 CRITERI OPERATIVI PER

Dettagli

Per IMPRESE/SOCIETA. Presentata dalla Impresa

Per IMPRESE/SOCIETA. Presentata dalla Impresa MARCA DA BOLLO DA 14,62 Per IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITA PER LA VIGILANZA SUI CONTRATTI PUBBLICI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE Via di Ripetta, 246 00186 - Roma CIG 03506093B2

Dettagli

CODICE ETICO E DI COMPORTAMENTO

CODICE ETICO E DI COMPORTAMENTO CODICE ETICO E DI COMPORTAMENTO 2ª Edizione - Approvato dal Consiglio di Amministrazione di Calzedonia Holding S.p.A - il 17 marzo 2014 ENG INTRODU- ZIONE ALLA SECONDA EDIZIONE DEL CODICE ETICO Un Azienda

Dettagli

SCIA valida anche ai fini dell art. 86 del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza, approvato con R.D. 18/6/1931, n. 773.

SCIA valida anche ai fini dell art. 86 del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza, approvato con R.D. 18/6/1931, n. 773. Modulo di segnalazione certificata di inizio attività per la somministrazione di alimenti e bevande all' interno dei circoli privati da presentare in carta libera Spazio per apporre il timbro di protocollo

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 TABELLA B RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 1 B1) Disponibilità dei locali B1.1) Scansione del documento di disponibilità esclusiva dei locali della sede operativa per almeno tre

Dettagli

Parere: Assegnazione mansioni superiori

Parere: Assegnazione mansioni superiori Parere: Assegnazione mansioni superiori Fatto: Le Poste italiane S.p.a. affidano il conferimento temporaneo di mansioni superiori dal livello C a B, ai propri dipendenti, i quali, di conseguenza, sono

Dettagli

STRESS DA LAVORO CORRELATO

STRESS DA LAVORO CORRELATO STRESS DA LAVORO CORRELATO Il presente documento costituisce uno strumento utile per l adempimento dell obbligo di valutazione dei rischi da stress da lavoro correlato sancito dal Testo Unico in materia

Dettagli

GENERAL MOTORS ITALIA S.R.L.

GENERAL MOTORS ITALIA S.R.L. GENERAL MOTORS ITALIA S.R.L. Modello di Organizzazione Gestione e Controllo ex art. 6, 3 comma, Decreto legislativo 8 giugno 2001, n. 231, Disciplina della responsabilità amministrativa delle persone giuridiche,

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Allegato A alla delibera n. 129/15/CONS REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente

Dettagli

LA CORRUZIONE TRA PRIVATI:

LA CORRUZIONE TRA PRIVATI: LA CORRUZIONE TRA PRIVATI: APPROFONDIMENTI In data 18 ottobre 2012, dopo un lungo iter parlamentare, il Senato ha approvato il maxi-emendamento al Disegno di Legge recante Disposizioni per la prevenzione

Dettagli

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali?

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali? Domanda: Risposta (a cura di Maurizio Santoloci): Oggi un impresa edile che trasporta in proprio i rifiuti non pericolosi con proprio mezzo al contrario di quanto accadeva nella previdente disciplina deve

Dettagli

DETERMINAZIONE DELLA CNFC IN MATERIA DI VIOLAZIONI

DETERMINAZIONE DELLA CNFC IN MATERIA DI VIOLAZIONI DETERMINAZIONE DELLA CNFC IN MATERIA DI VIOLAZIONI LA COMMISSIONE NAZIONALE PER LA FORMAZIONE CONTINUA VISTO il decreto legislativo 30 dicembre 1992, n. 502, e successive modificazioni e, in particolare,

Dettagli

Guida operativa per l implementazione di un Sistema di Gestione della Salute e Sicurezza sul Lavoro (SGSSL)

Guida operativa per l implementazione di un Sistema di Gestione della Salute e Sicurezza sul Lavoro (SGSSL) Guida operativa per l implementazione di un Sistema di Gestione della Salute e Sicurezza sul Lavoro (SGSSL) INDICE 01 PREMESSA PAG. 3 02 POLITICA PAG. 5 03 PIANIFICAZIONE PAG. 7 04 VALUTAZIONE E GESTIONE

Dettagli

Criteri di valutazione e certificazione della sicurezza delle informazioni. Cesare Gallotti Milano, 14 maggio 2004 1

Criteri di valutazione e certificazione della sicurezza delle informazioni. Cesare Gallotti Milano, 14 maggio 2004 1 Criteri di valutazione e certificazione della sicurezza delle informazioni Cesare Gallotti Milano, 14 maggio 2004 1 AGENDA Introduzione Valutazione dei prodotti Valutazione dell organizzazione per la sicurezza

Dettagli

Decreto Legislativo 19 novembre 2004, n. 297

Decreto Legislativo 19 novembre 2004, n. 297 Decreto Legislativo 19 novembre 2004, n. 297 "Disposizioni sanzionatorie in applicazione del regolamento (CEE) n. 2081/92, relativo alla protezione delle indicazioni geografiche e delle denominazioni di

Dettagli