PCT (Processo Civile Telematico e CTU) (appunti per i workshop 2014)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PCT (Processo Civile Telematico e CTU) (appunti per i workshop 2014)"

Transcript

1 infostra - studio infortunistica stradale TONEATTO per.ind. VITO iscrizioni : Albo dei Periti Industriali di Udine Ruolo Nazionale dei Periti Assicurativi Albo dei Consulenti Tecnici del Giudice - Tribunale di Udine Albo dei Periti - Tribunale di Udine perizie ricostruttive cinetico cinematiche sinistri (solving computerizzati con software ingegneristici PC-Crash e/o Virtual-Crash ) accertamenti tecnici ed estimo speciale automobilistico v.le Ungheria, UDINE tel./fax : website : PCT (Processo Civile Telematico e CTU) (appunti per i workshop 2014) Il deposito di un atto in formato elettronico deve essere conforme alle regole tecniche di cui al DM 44/2011 del (con le modifiche di cui al DM 209/2012 del 15 ottobre 2012) e alle richiamate specifiche tecniche emanate dapprima con provvedimento del 18 luglio 2011 che individua anche i soggetti esterni abilitati al deposito, aggiornato con provvedimento del e poi provvedimento del Le citate specifiche tecniche sono tuttavia work in progress e dopo i provvedimenti citati ne sono uscite ( ) e ne usciranno altre (per seguire gli aggiornamenti consultare le news del sito ( ). L atto da depositare (file in formato PDF ottenuto come trasformazione testuale) e gli eventuali allegati (nei formati ammessi) devono essere inseriti in una struttura informatica denominata busta telematica da inviare, come allegato ad un messaggio di Posta Elettronica Certificata (PEC), all indirizzo telematico dell ufficio giudiziario destinatario, consultabile sul Portale Servizi Telematici ( ). Il file PDF relativo all atto deve essere firmato digitalmente dal soggetto che procede al deposito. Le informazioni fondamentali riferite all atto devono essere inserite in una apposita struttura dati (file XML), specifica per ogni tipologia di atto, anch essa sottoscritta con firma digitale e inserita nella busta telematica. Sono presenti sul mercato diversi software redattore atti PCT che permettono la creazione di tale struttura dati, tra questi SLpct, commissionato dalla Regione Toscana, permette ad avvocati e CTU che utilizzano il PdA Cancelleria Telematica di depositare qualsiasi tipologia di atti presso gli uffici giudiziari abilitati dal Ministero della Giustizia. Il software SLpct ( ) è distribuito con licenza open-source GNU GPLv3 (software di libero uso) e può essere scaricato ed installato su qualsiasi PC a diverso sistema operativo ed a partire dalla versione ( ) implementa anche il deposito atti per i C.T.U. : Windows Mac Linux Il formato del messaggio di PEC è riportato nel documento Formato messaggi p.e.c. e la trasmissione descritta nel flusso di deposito. Il deposito è accettato solo se il soggetto mittente del messaggio di PEC risulta registrato nel Registro Generale degli Indirizzi Elettronici. pagina 1 di 46

2 Accesso e consultazione del ReGIndE L accesso al RegIndE per ricerche e/o verifiche richiede l uso della smart-card o del dispositivo di firma digitale mentre, per cercare semplicemente gli indirizzi PEC di imprese e professionisti si può consultare liberamente il sito Per ciascun ufficio giudiziario le tipologie di atto depositabili telematicamente con valore legale sono quelle individuate nei decreti emessi (ai sensi dell'art 35 comma 1 del D.M. 44/2011) e consultabili nella sezione Servizi/Uffici Giudiziari del portale (vedasi figura 1). fig. 1) portale servizi telematici - uffici giudiziari consultazione pubblica (http://pst.giustizia.it/pst/it/pst_2_4.wp). Come esempio di ricerca : Distretto di Trieste e Citta/comune di Udine. Accesso e consultazione fascicolo di causa Dal tuo computer puoi procedere nella consultazione di un fascicolo di causa presente nella Cancelleria di un Ufficio Giudiziario del PCT attraverso il PST (Portale Servizi Telematici). Per procedere serve : a) essere iscritti al ReGIndE. b) essere in possesso di un dispositivo di firma digitale (es. : Arubakey) L accesso a Internet si può fare o tramite un browser residente sul dispositivo di firma digitale o previa importazione dei certificati nel browser del computer. Esempio di consultazione 1) inserisci il dispositivo di firma digitale nel computer ed avvialo ; 2) chiudi tutti i programmi ed anche il browser in uso ; 3) avvia il browser residente sul dispositivo di firma digitale (e in tal caso passa al punto 5) oppure prosegui per usare il browser del computer ; fig. 2) Importare i certificati con Aruba Key. 4) importa i certificati sul computer (l importazione dei certificati dell Aruba Key all interno del computer rende possibile l interfacciamento del dispositivo anche dalle applicazioni già pagina 2 di 46

3 presenti nello stesso quali Internet Explorer, Adobe Reader (Professional), Safari, software di Firma Digitale, etc. (attenzione : per attivare questa funzionalità servono i privilegi di amministratore). Per attivare l importazione dei certificati, seleziona Utilities e poi Import Certificato (vedi figura 2), poi dal browser potrai verificare i certificati importati nel P.C. ; 5) apri una scheda nel browser e connetti su (http://pst.giustizia.it/pst/ ), da qui seleziona Login (in alto al centro) oppure in Servizi riservati - Effettua Login. Può apparire una finestra di avviso sicurezza (vedi figura 3) ; fig. 3) Login warning. 6) seleziona Continuare con il sito Web e appare la successiva finestra per accedere con la smartcard (vedi figura 4) ; fig. 4) Login. 7) seleziona smartcard (anche se usi un dispositivo di firma digitale (esempio ArubaKey) ; 8) viene lanciata una finestra Scelta certificato digitale - Identificazione - E necessario identificare il sito Web da visualizzare. Scegliere un certificato. Premere su OK ; 9) Sempre nel browser premere su Strumenti - Opzioni Internet e si apre la finestra di popup, selezionare Avanzate, scendere con il cursore e verificare o impostare le spunte Usa TLS 1.0, Verifica firme dei programmi scaricati e Verifica revoca dei certificati dell autore (vedasi figura 5) ; fig. 5) pagina 3 di 46 Login - verifica o impostazione opzioni.

4 10) vengono lanciate le finestre di conferma (vedasi figura 6) premere su OK ; fig. 6) Login - conferma certificati. Dopo il login sarà possibile accedere ai fascicoli informatici dei procedimenti per i quali si è stati nominati C.T.U. : SICID Sistema Informatico Contenzioso Civile Distrettuale (civile, lavoro, volontaria giurisdizione) ; SIECIC Sistema Informatico Esecuzioni Civili Individuali e Concorsuali (procedure concorsuali, esecuzioni mobiliari e immobiliari ; SIGP Sistema Informatico Giudice di Pace (procedimenti davanti al Giudice di Pace). fig. 7) Login effettuato con messaggio di benvenuto (in alto al centro) ed è quindi possibile procedere alla consultazione registri dei procedimenti e relativi fascicoli informatici ( per i quali si è autorizzati!). Deposito di atti nel fascicolo di causa Per depositare nella cancelleria PCT qualsiasi comunicazione o relazione tecnica la trasmissione deve essere effettuata seguendo la seguente sequenza : - preparare per la firma digitale il documento e gli eventuali allegati (nei formati consentiti) ; - utilizzare il software redattore atti (ad esempio SLpct) e inserire le informazioni riferite all atto ; - procedere con lo stesso software alla apposizione della firma digitale ; - procedere all invio a mezzo p.e.c. di documenti e busta telematica generata con SLpct. pagina 4 di 46

5 Il software redattore atti SLpct Nel caso di sistema operativo Windows il file di setup scaricato (setupslpct.exe) lancia la installazione (oppure lancia la disinstallazione) creando nella cartella programmi del P.C. le sue cartelle (C:\Program Files (x86)\evoluzioni Software\SLpct) dove inserisce eseguibili, librerie, schemi ecc. Al termine della installazione crea un collegamento sul desktop ed uno nella barra delle applicazioni del menù start dai quali può poi essere mandato in esecuzione. Con la installazione il software crea poi sul P.C. (multiutente) due sue cartelle, una pubblica (C:\Users\Public\Documents\SLpct) ed una privata (C:\Users\Proprietario\Documents\SLpct). Nella directory utente pubblica inserisce i dati che utilizza (certificati scaricati, tipo atti, dati dei servizi telematici, uffici giudiziari). Nella directory utente privata inserisce i dati di inizializzazione, identificazione, log applicazione ed una sottocartella per ciascun utente (dal relativo codice fiscale) nella quale saranno inseriti suddivisi per anno e poi mese e giorno (o per altro criterio libero) i dati dei distinti atti elaborati. Il manuale utente in formato.pdf per l utilizzo del software SLpct può essere scaricato dal sito ( = &codicesede=RT ). Al termine della installazione è quindi possibile lanciare in esecuzione il software o da icona sul desktop o da start, tutti i programmi, SLpct oppure, volendo, dalla directory dove è installato l eseguibile SLpct.exe. All avvio il software provvede a leggere l elenco degli uffici giudiziari ed è poi pronto per essere utilizzato (vedasi figura 8). Fig. 8 Operazioni di inizio esecuzione. Nella barra dei menu si possono leggere le informazioni relativa al software e relative licenze d uso selezionando? (vedasi figura 9) ed a questo punto è possibile procedere per l uso. Nella stessa barra è presente solo un menu File dal quale è possibile procedere con l inserimento dei dati del/dei Professionisti che lo usano, le Impostazioni, l aggiornamento di certificati ed elenco atti ed il controllo della presenza di eventuali aggiornamenti. pagina 5 di 46

6 Fig. 9 Informazioni sul software e licenza d uso. Fig. 10 Menu File Professionisti. Il submenù Professionisti (vedasi figura 11) consente di gestire i dati di chi utilizza SLpct e quando chiamato apre una finestra di selezione, inizialmente vuota, che consente inserimento, modifica e cancellazione di un professionista. Nel caso di primo utilizzo si seleziona Nuovo ed in questo caso appare una finestra di dialogo che consente l inserimento dei dati obbligatori (nome campi rossi) e facoltativi, si presti attenzione a settare la casella di spunta mittente di buste per via telematica. Terminato l inserimento dei dati si esce confermando e da ora nella finestra principale appare il codice fiscale del professionista (nel caso di più professionisti inseriti la selezione sarà possibile dal relativo menu a tendina). Il submenù Impostazioni (vedasi figura 12) consente di gestire i dati di connessione (solo nel caso di connessione di rete dotata di un server proxy si spunta la relativa casella e si inseriscono i relativi campi). La sottostante casella Usa Desktop API per visualizzare i file normalmente non si spunta, serve solo per selezionare tale opzione. Nella parte inferiore sono inseriti i percorsi base di default, in precedenza citati, per il salvataggio dei file creati con SLpct (buste telematiche). pagina 6 di 46

7 Fig. 11 Menu File Professionisti - inserimento dati professionista con spunta casella mittente, poi selezione per C.F.. Fig. 12 Menu File Impostazioni. Il submenù Aggiorna certificati (vedasi figura 13) lancia la relativa finestra di dialogo che richiede di confermare o meno la scelta ed in caso affermativo avvia tale funzione remota. Il submenù Aggiorna atti (vedasi figura 14) lancia una analoga finestra di dialogo che richiede di confermare o meno la scelta ed in caso affermativo avvia la relativa funzione remota. Il submenù Controllo presenza aggiornamenti (vedasi figura 15) lancia immediatamente la funzione remota per effettuare la verifica che se ha esito negativo apre una finestra di controllo che informa l assenza di aggiornamenti (confermare per uscire). Infine, il submenù Esci consente di uscire dalla applicazione (nel caso non siano state salvate le modifiche appare un messaggio di avviso che consente di rinunciare all uscita). pagina 7 di 46

8 Fig. 13 Menu Aggiorna Certificati. Fig. 14 Menu Aggiorna Elenco Atti. Fig. 15 Menu Controllo presenza aggiornamenti. Esempio completo di utilizzo e trasmissione 1) Avvia il programma Redattore Atti tramite l icona creata sul tuo desktop (SLpct), si apre la finestra di lavoro. Se non c è il tuo C.F. selezionalo con il menù a tendina. Fig. 16 Menù File - eventuale modifica dati professionista con spunta casella mittente, poi selezione per C.F. pagina 8 di 46

9 2) Se non c è nel menù a tendina inseriscilo con menù File Professionisti (vedasi figura 16), poi puoi anche modificare i tuoi dati o eliminarli. 3) Apri il menù a tendina Cartella (vedasi figura 17) e seleziona : Suddivisione automatica per anno e data (o altra opzione a tua scelta). Fig. 17 Scelta del criterio di archiviazione (default = per anno e data). Fig. 18 Inserimento nome identificativo busta (inserisci numero RG dal fascicolo informatico) o apri busta esistente. pagina 9 di 46

10 4) Apri Identificativo busta per selezionare eventuali buste elaborate (vedasi figura 18) o nel campo inserisci ad esempio il numero di R.G. del procedimento a cui stai lavorando, se lo usi scrivilo identico oppure, usa un tuo identificativo (il software creerà una directory con quel nome sul tuo computer con le modalità già viste). Fig. 19 Scelta del registro di cancelleria relativo al procedimento. Fig. 20 Scelta del ruolo. pagina 10 di 46

11 5) Apri il menù a tendina Registro (vedasi figura 19) e seleziona il registro del procedimento (per esempio Contenzioso civile ). 6) Apri il menù a tendina Ruolo (vedasi figura 20) e seleziona il registro del procedimento (per esempio Generale degli affari civili contenziosi ). Fig. 21 Scelta del grado di giudizio e dell oggetto. Fig. 22 Selezione premendo sulla freccia a destra della casella dell Ufficio Giudiziario dove inviare il documento (ad esempio Tribunale ordinario di Udine). pagina 11 di 46

12 7) Apri il menù a tendina Grado e selezione quello pertinente al procedimento. 8) Scorri nella finestra Atti fino a trovare CTU - Deposito semplice (vedasi figura 21) ed alla fine nella finestra premi il tasto Avanti per proseguire. Fig. 23 Inserimento del numero di R.G. del procedimento a cui stai lavorando, rigorosamente identico nel formato a quello presente nel fascicolo informatico che hai in consultato o alle comunicazioni ricevute. Fig. 24 Selezione del tipo di documento in corso di deposito per il procedimento a cui stai lavorando. pagina 12 di 46

13 9) Si apre una nuova finestra ed in questa apri il menu a tendina Ufficio (vedasi figura 22) e seleziona l Ufficio Giudiziario dove devi inviare il tuo documento (ad esempio Tribunale ordinario di Udine). Nel campo Numero del procedimento (vedasi figura 23) inserisci il numero di R.G eventuale Sub e l anno del procedimento a cui stai lavorando, (sempre rigorosamente identico nel formato a quello presente nel fascicolo informatico che hai in consultato o alle comunicazioni ricevute). Solo se il deposito è urgente spunta la relativa casella (normalmente non lo è) e quindi premi il tasto Avanti per proseguire. 10) Si apre una terza finestra (vedasi figura 24) ed in questa seleziona il tipo di documento che stai per depositare tra quelli suggeriti : deposito Perizia, istanza Generica, istanza Liquidazione CTU, integrazione Perizia o richiesta proroga termini Perizia. A selezione effettuata premi il tasto Avanti per proseguire. 11) Si apre quarta finestra (vedasi figura 25) nella quale dovrai indicare al software in quale directory del tuo P.C. si trova il documento da trasmettere. Per consentire al software di acquisire il documento (relazione di CTU) seleziona Imposta, questo provoca l apertura di una finestra popup (vedasi figura 26) dalla quale andrai a cercare e poi selezionare tale documento nella directory dove l avevi precedentemente salvato (in formato *.pdf). Quando hai trovato e selezionato il documento seleziona Apri oppure fai un doppio click sulla sua icona. Se il documento principale non è di tipo testuale come nel caso sia stato acquisito da scanner (file di immagine) potrebbe aprirsi una finestra di popup di avvertimento (vedasi figura 27) seleziona OK e/o diversamente procedi. 12) Se il documento è conforme viene acquisito ed il suo nome appare nella finestra (vedasi figura 28). 13) A questo punto se non devi trasmettere anche degli allegati passa al punto 16, diversamente seleziona Allega ed in tal caso si apre una finestra popup (vedasi figura 29). Fig. 25 Selezione del tasto Imposta per cercare e selezionare la relazione che devi depositare per il procedimento a cui stai lavorando. pagina 13 di 46

14 Fig. 26 Cerca nel tuo P.C. il documento o la relazione che devi depositare per il procedimento a cui stai lavorando. Fig. 27 Rifiuto del documento che devi depositare per il procedimento a cui stai lavorando se non conforme. 14) nella finestra di popup per la trasmissione di allegati (vedasi figura 29) lascia selezionato allegato semplice e procedi selezionando Conferma. 15) Dopo la conferma si apre una ulteriore finestra di popup (vedasi figura 30) cerca l allegato da pagina 14 di 46

15 acquisire nella directory in cui risiede e selezionalo con Apri oppure fai un doppio click sulla sua icona (gli allegati devono essere file di tipo compatibili a quelli elencati nella casella Tipo file: ). Se l allegato è stato acquisito lo potrai vedere indicato nella finestra (vedasi figura 31) e se ne hai altri ripeti l operazione per ognuno di essi. Fig. 28 Documento acquisito e indicato. Fig. 29 Finestra di popup per la trasmissione di allegati lascia selezionato allegato semplice e conferma. pagina 15 di 46

16 Fig. 30 Ulteriore finestra di popup per ricerca e selezione dell allegato da collegare al documento. Fig. 31 nella finestra oltre al documento ora appare acquisito e indicato anche l allegato collegato. 16) Seleziona Crea busta, si apre una finestra popup che mostra il contenuto della busta (vedasi figura 32), prima di procedere controlla la dimensione della busta (indicata in basso a sinistra) deve essere inferiore a 30 MB (o non verrà accettata dal sistema della cancelleria pagina 16 di 46

17 PCT). Se la dimensione è maggiore non ti resta che ridurre la dimensione di uno o più files selezionandolo/i ed eliminandolo/i con il tasto Elimina e reintrodurli più leggeri! 17) Ora inserisci nel P.C. il tuo dispositivo di firma digitale e procedi selezionando Firma tutto poi salta al punto 18) se invece vuoi firmare solo il documento selezionalo (vedasi figura 33). Fig. 32 Finestra Crea busta - contiene oltre a documento e allegato anche il file DatiAtto.xml collegato. Fig. 33 Finestra Crea busta - seleziona il solo documento da firmare. pagina 17 di 46

18 Dopo aver selezionato il documento (senza allegati) premi sul tasto Firma, si apre una finestra di popup per la verifica di conformità (vedasi figura 34), seleziona Visualizza confronto e nel tuo browser si apre un altra scheda o finestra (vedasi figura 35) dove potrai vedere il documento ed accertarne la conformità. Fig. 34 Finestra Verifica conformità - seleziona visualizza confronto per poi settare conformità verificata. Fig. 35 Finestra del browser (nel caso I-Explorer 32) che mostra il documento e i dati strutturati per la verifica di conformità. pagina 18 di 46

19 Ora puoi procedere sia lasciando aperto che chiudendo il browser (I-Explorer 32 o altro) in entrambi i casi nella finestra di popup sarà ora indispensabile (prima non lo era) spuntare la casella Conformita verificata (vedasi figura 36), poi premi su Chiudi ed a questo punto si apre una finestra di popup per inserire il PIN del dispositivo di firma digitale o smart card. Fig. 36 Finestra Verifica conformità - spunta la casella Conformità verificata e poi Chiudi. Fig. 37 Finestra di popup per inserire il PIN del dispositivo di firma digitale o della smart card. pagina 19 di 46

20 Attenzione, se il dispositivo di firma digitale o smart card non sono stati inseriti prima, SLpct blocca la finestra Crea busta, in questo caso inserisci il dispositivo (Arubakey come in Accesso e consultazione fascicolo di causa) ed importa il certificato sul P.C. in uso. 18) Inserisci il PIN della tua firma digitale (vedasi figura 37) e seleziona OK, si apre una finestra di popup (vedasi figura 38) che ti conferma la firma dei file selezionati (nel caso solo uno), premi OK... Fig. 38 Finestra di popup che conferma la firma del documento selezionato. Fig. 39 Finestra di popup che conferma la firma dell atto principale DatiAtto.xml selezionato. pagina 20 di 46

21 19) Ora seleziona il file xml che descrive l atto principale DatiAtto.xml che deve essere firmato e ripeti la selezione Firma che, come nel caso precedente, apre una finestra di popup (vedasi figura 39) che ti conferma la firma di questo file selezionato, premi OK e procedi in modo analogo se vuoi firmare uno o più allegati. 20) Quando hai concluso con Firma dei file uno a uno o con Firma tutto, Seleziona Crea Busta, vengono elaborati gli atti e alla fine si apre una finestra di popup che ti indica la localizzazione ed il nome della busta creata con successo, ora puoi selezionare OK. Fig. 40 Dopo la seleziona Crea Busta e l elaborazione degli atti, si apre una finestra di popup che conferma la creazione della busta telematica. Fig. 41 Seleziona Salva busta in per salvare le busta telematica ( il file Atto.enc ) in una directory a scelta. pagina 21 di 46

22 21) Chiusa la finestra di popup ora la finestra principale (vedasi figura 41) contiene l indirizzo p.e.c. del Tribunale (conviene copiarlo se non va a buon fine l invio della busta) e nuovi pulsanti diversi dai precedenti. A questo punto conviene salvare le busta telematica (anche nel caso non vada a buon fine il primo tentativo di invio) in una directory a scelta, per farlo seleziona Salva busta in salvando il file Atto.enc. 22) Per procedere al primo tentativo di invio seleziona Invia Deposito (vedasi figura 42), nel caso tutto abbia funzionato correttamente SLpct genera in Outlook il messaggio da inviare (vedasi figura 43) ma con mittente predefinito che potrebbe non essere p.e.c.! Fig. 42 Seleziona Invia Deposito per trasmettere le busta telematica Atto.enc alla cancelleria di destinazione. Fig. 43 Finestra con il messaggio di posta elettronica che compare in caso di buon fine per la trasmissione della busta telematica (file criptato). Si noti nel caso che l indirizzo mittente (predefinito) non è p.e.c. pagina 22 di 46

23 Se non esiste un client di posta elettronica predefinito (ad esempio Outlook) o questo non è in grado di eseguire la messaggistica, potrebbe aprirsi una finestra di popup che lo avvisa, seguito da un ulteriore messaggio di eccezione, in tal caso seleziona OK e procedi (vedasi figura 44). Fig. 43 Finestra di popup che compare in caso di impossibilità di trasmettere la p.e.c. seguito da un ulteriore messaggio di eccezione. 23) Con la predisposizione del messaggio di posta elettronica pronto all invio SLpct ha terminato il suo compito ovvero ha creato e firmato la busta telematica Atto.enc e si chiude. Prima di procedere all invio in cancelleria tramite il semplice messaggio di p.e.c. (che tuttavia in gran parte dei casi non è conforme alle specifiche) sono necessari alcuni controlli del formato con eventuali modifiche : verificare che la casella del mittente corrisponda alla tua p.e.c. iscritta al RegIndE ; verificare che la casella del destinatario corrisponda a quella p.e.c. dell ufficio giudiziario ; verificare che nella casella oggetto sia scritto DEPOSITO e dopo uno spazio un testo ; verificare che il corpo del testo sia Normale e non RTF o HTML ; verificare che l allegato sia uno solo e con estensione *.enc (il sistema elabora solo il primo) verificare che nel corpo del messaggio non vi sia alcun testo (il sistema lo ignora) Quando tutto è stato sistemato il messaggio può infine essere inviato. A seguito dell invio del messaggio di PEC relativo ad un deposito, il mittente riceverà dal dominio Giustizia : - ricevuta di Avvenuta Consegna (RdAC) la data e l ora della RdAC determina il momento della ricezione ai fini dei termini processuali. Nel caso in cui la RdAC sia rilasciata dopo le ore 14.00, il deposito si considera effettuato il giorno feriale immediatamente successivo. - Avviso Mancata Consegna (AMC) in alternativa alla RdAC: equivale all impossibilità a consegnare la PEC di deposito alla casella di posta elettronica certificata dell ufficio giudiziario adito. In questo caso si consiglia di ritentare l invio della PEC di deposito o di rivolgersi al proprio gestore di PEC ovvero al proprio Punto di Accesso (PdA) nel caso di PEC integrata nelle funzionalità del PdA - esito controlli automatici è un messaggio di PEC in cui viene riportato l esito dei controlli inerenti le verifiche formali del messaggio e della busta telematica - esito intervento della cancelleria è un messaggio di PEC in cui viene riportato l esito dell intervento di accettazione dell atto da parte della cancelleria o della segreteria dell Ufficio Giudiziario La descrizione dettagliata dell intero flusso di deposito è riportata nel documento Formato messaggi e descrizione flusso di deposito. Formato messaggi PEC Il messaggio di PEC con il quale si inoltra l atto da depositare deve essere conforme nella sintassi al formato sotto riportato (in neretto le parole chiave) ; il mancato rispetto di tale sintassi comporta un esito negativo del deposito. Mittente Destinatario Oggetto Deposito dell atto Indirizzo di posta elettronica certificata di un soggetto abilitato esterno registrato nel ReGIndE. Depositante dell atto. Indirizzo di posta elettronica certificata dell ufficio giudiziario interessato. Sintassi: DEPOSITO [oggetto_deposito] pagina 23 di 46

24 Corpo Allegati dove : [oggetto_deposito] = eventuale testo libero (ignorato dal sistema) esempio : DEPOSITO Ricorso A vs. B Eventuale testo libero (ignorato dal sistema) [qualsiasi nome].enc: busta telematica (corrisponde a Atto.enc ), come da specifiche; il sistema accetta un solo file con estensione.enc, ed elabora solo quello; nel caso in cui vi siano più file.enc, il sistema elabora unicamente il primo Qualora la busta telematica (file.enc) venga inviata manualmente, per esempio attraverso la web mail, occorre accertarsi che : a) la sintassi dell oggetto sia la seguente: DEPOSITO<spazio><qualsiasi carattere> ; è importante la presenza dello spazio dopo DEPOSITO seguito da un testo libero, non vuoto b) sia allegato un unico file <qualsiasi_nome>.enc c) il messaggio di PEC sia impostato come solo testo (non HTML) Mittente Destinatario Oggetto Corpo Allegati Esito dei controlli automatici a seguito di deposito atto Indirizzo di posta elettronica certificata dell ufficio giudiziario interessato. Indirizzo di posta elettronica certificata di un soggetto abilitato esterno registrato nel ReGIndE. Depositante dell atto. Sintassi : ESITO CONTROLLI AUTOMATICI [oggetto_mail_deposito] dove: [oggetto_mail_deposito] = oggetto della mail di deposito, escluso il prefisso POSTA CERTIFICATA: (inserito automaticamente dal gestore di PEC) esempio : ESITO CONTROLLI AUTOMATICI DEPOSITO Ricorso A vs. B Codice esito: [come riportato in EsitoAtto.CodiceEsito] Descrizione esito : [come riportato in EsitoAtto.DescrizioneEsito] EsitoAtto.xml, documento xml aderente alle attuali specifiche (EsitoAtto.dtd); l elemento IdMsg conterrà l ID univoco del messaggio di PEC (elemento identificativo in DatiCert.xml); elementi relativi a codifiche PdA saranno valorizzati con stringhe vuote Mittente Destinatario Oggetto Corpo Allegati Busta telematica Esito intervento ufficio Indirizzo di posta elettronica certificata dell ufficio giudiziario interessato. Indirizzo di posta elettronica certificata di un soggetto abilitato esterno registrato nel ReGIndE. Depositante dell atto. Sintassi : ACCETTAZIONE [oggetto_mail_deposito] dove: [oggetto_mail_deposito] = oggetto della mail di deposito, escluso il prefisso POSTA CERTIFICATA: (inserito automaticamente dal gestore di PEC) esempio : ACCETTAZIONE DEPOSITO Ricorso A vs. B Codice esito: [come riportato in EsitoAtto.CodiceEsito] Descrizione esito: [come riportato in EsitoAtto.DescrizioneEsito] EsitoAtto.xml, documento xml aderente alle specifiche (EsitoAtto.dtd); l elemento IdMsg conterrà l ID univoco del messaggio di PEC (elemento identificativo in DatiCert.xml); elementi relativi a codifiche PdA saranno valorizzati con stringhe vuote. Il formato della busta telematica può essere meglio rappresentato graficamente (vedasi figura a destra). La busta telematica è ottenuta cifrando con la chiave pubblica dell ufficio giudiziario destinatario (reperibile nella posizione indicata dall elemento PathCert del catalogo dei servizi telematici) il contenuto vero e proprio del deposito (Atto.msg) costituito da : - un file strutturato, IndiceBusta.xml, in cui sono elencati, con opportuni riferimenti, l atto e gli eventuali allegati ; - un file strutturato, DatiAtto.xml, specifico per ogni tipologia di atto, in cui sono riportate le informazioni fondamentali contenute nell atto ; - l atto vero e proprio (in formato PDF) firmato digitalmente ; - gli allegati all atto che possono essere sottoscritti digitalmente o meno. La dimensione massima della busta telematica è pari a 30 MegaByte. pagina 24 di 46

25 Flusso di deposito attraverso la Posta Elettronica Certificata La trasmissione in via telematica all ufficio giudiziario della busta contente l atto da depositare corredato dei suoi allegati e dei dati strutturati in formato XML (datiatto.xml) segue i paradigmi della posta elettronica certificata, come nel diagramma di sequenza (vedasi figura 44). Questa la spiegazione, seguendo la numerazione della figura : 1. Il depositante predispone l atto e gli allegati, tipicamente utilizzando un apposito software applicativo. 2. Il software applicativo produce la busta telematica. 3. Il depositante predispone il messaggio di PEC (eventualmente attraverso lo stesso software utilizzato per la predisposizione della busta telematica), con destinatario l indirizzo di PEC dell ufficio giudiziario o dell UNEP destinatario. 4. Il messaggio viene inviato al gestore di PEC del depositante stesso. 5. Il gestore di PEC del depositante restituisce la Ricevuta di Accettazione (RdA), che viene resa disponibile nella casella di PEC del depositante. fig. 44) diagramma di sequenza del flusso di deposito p.e.c. 6. Il gestore di PEC del depositante invia il messaggio al gestore di PEC del Ministero della giustizia (GiustiziaCert 7. Il gestore di PEC del Ministero della giustizia restituisce la Ricevuta di Avvenuta Consegna (RdAC); la busta si intende ricevuta nel momento in cui viene generata la RdAC. 8. La RdAC viene resa disponibile nella casella di PEC del depositante. 9. Il gestore dei servizi telematici effettua il download del messaggio di PEC. 10. Il gestore dei servizi telematici verifica la presenza del depositante (titolare della casella di PEC mittente) nel ReGIndE; nel caso in cui il depositante sia un avvocato, effettua l operazione di certificazione, ossia viene verificato lo status del difensore; nel caso in cui lo status non sia attivo, viene segnalato alla cancelleria. pagina 25 di 46

26 11. Il gestore dei servizi telematici effettua gli opportuni controlli automatici (formali) sulla busta telematica. 12. L esito dei suddetti controlli è inviato con un messaggio di PEC al depositante, mediante un collegamento con il gestore di PEC del Ministero della giustizia. 13. Il gestore dei servizi telematici recupera la Ricevuta di Accettazione (RdA) dal gestore di PEC del Ministero. 14. Il gestore dei servizi telematici salva la relativa RdA nel fascicolo informatico. 15. Il gestore di PEC del Ministero invia il messaggio con l esito dei controlli automatici al gestore di PEC del depositante. 16. Il gestore di PEC del depositante provvede a rendere disponibile l esito dei controlli automatici nella casella di PEC del depositante. 17. Il gestore di PEC del depositante invia al gestore di PEC del Ministero la Ricevuta di Avvenuta Consegna (RdAC). 18. La RdAC viene recuperata dal gestore dei servizi telematici. 19. La RdAC viene salvata nel fascicolo informatico. 20. L operatore di cancelleria o dell ufficio NEP, attraverso il sistema di gestione dei registri, accetta l atto, che viene così inserito nel fascicolo informatico. 21. Il gestore dei servizi telematici, all esito dell intervento dell ufficio, invia un messaggio di PEC al depositante, collegandosi con il gestore di PEC del Ministero della giustizia, utilizzando il formato del messaggio previsto. 22. Il gestore dei servizi telematici recupera la Ricevuta di Accettazione (RdA) dal gestore di PEC del Ministero. 23. Il gestore dei servizi telematici salva la relativa RdA nel fascicolo informatico. 24. Il gestore di PEC del Ministero invia il messaggio con l esito dell'intervento d'ufficio al gestore di PEC del depositante. 25. Il gestore di PEC del depositante provvede a rendere disponibile l esito dell'intervento d'ufficio nella casella di PEC del depositante. 26. Il gestore di PEC del depositante invia al gestore di PEC del Ministero la Ricevuta di Avvenuta Consegna (RdAC). 27. La RdAC viene recuperata dal gestore dei servizi telematici. 28. La RdAC viene salvata nel fascicolo informatico. Reginde (Registro Generale degli Indirizzi Elettronici) In accordo con quanto regolamentato dal DM 44/2011, il Registro Generale degli Indirizzi Elettronici (ReGIndE), gestito dal Ministero della Giustizia, contiene i dati identificativi nonché l indirizzo di posta elettronica certificata (PEC) dei soggetti abilitati esterni, ovverossia : 1. appartenenti ad un ente pubblico ; 2. professionisti iscritti in albi ed elenchi istituiti con legge ; 3. ausiliari del giudice non appartenenti ad un ordine di categoria o che appartengono ad ente/ordine professionale che non abbia ancora inviato l albo al Ministero della giustizia (questo non si applica per gli avvocati, il cui specifico ruolo di difensore implica che l invio dell albo deve essere sempre fatto dall ordine di appartenenza o dall ente che si difende). Il ReGIndE non gestisce informazioni già presenti in registri disponibili alle PP.AA., nell ambito dei quali sono recuperati, ad esempio ai fini di eseguire notifiche ex art. 149 bis c.p.c., gli indirizzi di PEC delle imprese o le CEC- PAC dei cittadini. In allegato alla presente scheda è riportato lo schema di riepilogo dei flussi che alimentano il RegIndE. L inserimento di un soggetto abilitato esterno nel RegIndE avviene a seguito di registrazione secondo le modalità indicate nel provvedimento contenente le specifiche tecniche al DM 44/2011, di seguito sintetizzate. Registrazione di un soggetto da parte di ordini professionali o ad Enti pubblici Gli enti pubblici e gli ordini professionali possono procedere alla registrazione dei soggetti abilitati esterni appartenenti all ordine/ente secondo le modalità descritte nella scheda Registrazione soggetti nel Registro Generale Indirizzi Elettronici da parte di ordini professionali ed enti pubblici. Per i soggetti abilitati esterni che svolgono il ruolo di difensore è obbligatorio che la registrazione venga eseguita dall ordine professionale o dall ente di appartenenza. Registrazione in proprio di un soggetto I professionisti ausiliari del giudice non iscritti ad un albo oppure i soggetti il cui ordine di appartenenza non abbia provveduto all invio di copia dell albo, ad eccezione degli avvocati, possono registrarsi al RegIndE rivolgendosi ad un Punto di Accesso o utilizzando l apposita funzionalità disponibile su questo Portale. In quest ultimo caso, per accedere al servizio è necessaria l'identificazione c.d. "forte" (art. 6 del provvedimento), tramite token crittografico (esempio: smart card, chiavetta USB,...) contenente un certificato di autenticazione. Il token è rilasciato:1.da una pubblica amministrazione centrale o locale. Prende il nome di Carta Nazionale dei Servizi (CNS) o Carta Regionale dei Servizi (CRS);2.da un certificatore accreditato al rilascio della firma digitale. Ad autenticazione avvenuta, fare click sul proprio codice fiscale che compare in alto nella pagina (insieme alla funzione di Logout). Sarà presentata una nuova pagina all'interno della quale completare i propri dati e eseguire il caricamento (upload) del file contenente copia informatica, in formato PDF, della nomina o conferimento dell incarico da parte del giudice. Tale file deve essere firmato digitalmente dal soggetto che intende eseguire la registrazione. pagina 26 di 46

27 Qualora il professionista s iscriva ad un albo, oppure pervenga, successivamente all'iscrizione in proprio, copia dell albo da parte dell ordine di appartenenza, prevalgono i dati trasmessi dall ordine: in questo caso viene cancellata la precedente iscrizione e inviato un messaggio PEC di cortesia al professionista. Il contenuto del ReGIndE è consultabile dai soggetti abilitati esterni tramite funzionalità disponibili sul proprio Punto di Accesso o sull area riservata di questo Portale. fig. 45) Allegato 2 - Struttura di ComunicazioniSoggetti.xml - Schema pagina 27 di 46

28 fig. 46) Allegato 3 - Struttura di Esiti.xml - Schema Deposito telematico delle perizie dei C.T.U. in SICID (provvedimento ) Viene reso possibile il deposito telematico di atti da parte dei Consulenti Tecnici d Ufficio (CTU) nel sistema SICID. Nel presente paragrafo sono descritte le modifiche agli XSD utilizzati per il deposito telematico SICID per permettere ai CTU di depositare : la perizia ; l istanza di liquidazione ; l istanza generica ; l integrazione perizia e la richiesta di proroga dei termini della perizia. Tali depositi seguiranno lo stesso flusso riservato ai depositi degli avvocati: saranno sottoposti a controlli di validità in fase di accettazione; l esito dei controlli sarà riportato al Cancelliere. fig. 47) Struttura di DepositoSemplice.xml - Schema Per consentire il deposito dei CTU è stato strutturato un nuovo schema XSD dal namespace che definisce la struttura del DatiAtto.xml che dovrà essere associato al deposito. Lo schema XSD prevede un elemento DepositoSemplice contenente una choice di elementi, uno per ogni tipologia di atto che il CTU potrà depositare: depositoperizia, integrazioneperizia, richiestaprorogaterminiperizia, istanzagenerica e istanzaliquidazionectu. Essendo stati implementati degli atti specifici per i depositi nel SICID dei CTU, i controlli in fase di accettazione saranno integrati con la verifica della coerenza tra namespace definito nell atto e sistema destinatario del deposito. In altri termini, non sarà ulteriormente concesso di procedere con depositi telematici nel SICID utilizzando atti pensati e sviluppati per il sistema SIECIC e viceversa. I depositi che non supereranno i suddetti controlli di coerenza verranno etichettati come depositi errati, quindi non elaborabili. In conformità con quanto avviene attualmente con i depositi degli avvocati, i mittenti riceveranno nella propria casella di PEC l esito dei controlli. Ovviamente, i depositi dei CTU, al pari dei depositi degli avvocati, saranno consultabili dai Magistrati, nelle modalità già previste, tramite la Consolle del Magistrato. pagina 28 di 46

29 SICID e SIECIC cenni generali e gestione dei CTU Il SICID, Sistema Informatico Contenzioso Civile Distrettuale (civile, lavoro, volontaria giurisdizione) ed il SIECIC, Sistema Informatico Esecuzioni Civili Individuali e Concorsuali (procedure concorsuali, esecuzioni mobiliari e immobiliari) vengono utilizzati, con l uso di un apposito software, dalle cancellerie dei Tribunali per la gestione dei relativi registri. Ovviamente l accesso a questi sistemi è resa disponibile anche per i Magistrati nella loro attività quotidiana di consultazione dei fascicoli e scrittura dei provvedimenti con un software simile denominato Consolle del Magistrato. I Magistrati possono accedere, con l uso della smart-card personale, a questo software che utilizza una base dati locale per attingere ai dati dei registri di cancelleria custoditi ed aggiornati dai programmi SICID e SIECIC trasferendoli, attraverso un operazione denominata estrazione, nel loro P.C. Software SICID utente cancelleria Dopo l operazione di accesso al sistema, la finestra che appare al cancelliere (vedasi figura 48) presenta la maschera principale del SICID che risulta essere suddivisa in 3 parti : 1. menù di navigazione : è possibile accedere a tutte le funzioni dell applicazione divise in gruppi che rappresentano le macro funzionalità del sistema e possono cambiare a seconda del contesto utilizzato. 2. area di visualizzazione : visualizza le informazioni relative alla funzionalità selezionata nel menù di navigazione. 3. area informativa : contiene un tasto Informazioni versione, con cui visualizzare la finestra che mostra le versioni dei 4 componenti dell infrastruttura applicativa (Applicazione client, Servizi applicativi di back-end, Versioni delle basi di dati, Plug-in client di gestione delle stampe, Insieme dei servizi applicativi e Ambiente java. È possibile, con click su nome utente (in basso a sinistra), attivare la funzione cambio password. Fig. 48 Schermata della maschera principale del SICID. Le funzioni di Ricerca dei fascicoli sono accessibili dalla sezione Ricerche e aggiornamenti del menù Fascicoli tramite il relativo pulsante, la schermata della funzione (vedasi figura 49) è divisa in 6 sezioni : pagina 29 di 46

30 1. elenca i criteri disponibili per la ricerca ed evidenzia il criterio attivo. Si precisa che questi possono cambiare a seconda del registro utilizzato ; 2. raggruppa i parametri del criterio di ricerca selezionato ; 3. pulsante per eseguire la ricerca in base ai parametri delle sezioni 1 e 2; 4. contiene la griglia con il risultato della ricerca effettuata ; 5. contiene i pulsanti attraverso i quali è possibile attivare le funzioni attivabili previa selezione del fascicolo nella sezione 4 ; 6. visualizza in dettaglio i dati del fascicolo selezionato. Fig. 49 Schermata Ricerche e Aggiornamenti fascicoli del SICID. Il software della cancelleria è dotato di una sezione C.T.U. che riguarda la gestione del Consulente Tecnico d'ufficio nominato in un procedimento giudiziario quando in esso intervenga la necessità di una valutazione tecnica da parte di una figura qualificata. Le funzioni a disposizione sono : - Ricerche C.T.U. - Revisione Periodica C.T.U. - Cancellazione dall albo dei C.T.U. - Stampe C.T.U. Per ognuna di queste funzioni viene attivata una sezione corrispondente, in cui è possibile eseguire tutte le operazioni specifiche al riguardo. Le funzioni di Ricerca dei C.T.U. sono accessibili dalla sezione Ricerca C.T.U. del menù C.T.U. tramite il relativo pulsante (vedasi figura 50). La finestra è divisa in 5 sezioni : 1. elenca i criteri disponibili per la ricerca ed evidenzia il criterio attivo. 2. raggruppa i parametri del criterio di ricerca selezionato; 3. pulsante per eseguire la ricerca in base ai parametri delle sezioni 1 e 2; 4. contiene la griglia con il risultato della ricerca effettuata; 5. contiene i pulsanti attraverso i quali è possibile attivare le funzioni descritte nella tabella in seguito riportata; le funzioni sono attivabili previa selezione del fascicolo nella sezione 4; pagina 30 di 46

31 inserisce un nuovo CTU modifica i dati del CTU selezionato visualizza i dati del CTU selezionato stampa i dati del CTU selezionato visualizza gli incarichi del CTU selezionato inserisce/visualizza domande/provvedimenti per il CTU selezionato Fig. 50 Schermata delle ricerche dei C.T.U. Fig. 51 Inserimento dell'anagrafica C.T.U. Nell anagrafica dei CTU (vedasi figura 51) risulta importante che l inserimento dei dati consenta la ricerca in modo appropriato per cui oltre ai dati generali e dell ordine professionale di appartenenza ed ai titoli di studio vengano indicate in modo adeguato le materie di competenza (vedasi figura 52). pagina 31 di 46

32 Fig. 52 Inserimento materie dell'anagrafica C.T.U. Software SIECIC utente cancelleria Dopo l operazione di accesso al sistema, la finestra che appare al cancelliere presenta la maschera principale del SIECIC - Registro Procedure Esecuzione civile individuale e concorsuale oppure del SIECIC - Registro Procedure Concorsuali. Nel secondo caso dalla schermata principale (vedasi figura 53) è possibile accedere ai menù per la gestione del fascicolo attivando il pulsante Fascicolo nel menù di navigazione (vedasi figura 54). Le macro funzionalità previste sono : Ricerche e aggiornamenti dei fascicoli, Iscrizione a Ruolo di un nuovo fascicolo, Stampe di cancelleria e Deposito offerte. Fig. 53 Schermata della maschera principale del SIECIC. Tra i diversi menù Stampe CTU consente di produrre anteprima e stampa della lista incarichi e compensi dei CTU presenti in anagrafica selezionabili attraverso l introduzione di un intervallo temporale. I criteri per filtrare la ricerca sono l intervallo date (obbligatorio) ed il nome del CTU. pagina 32 di 46

33 Fig. 54 Schermata Ricerche e Aggiornamenti fascicoli del SIECIC. Software Consolle Magistrato Dopo l operazione di accesso al sistema, la finestra che appare al Magistrato (vedasi figure 55 e 56) gli consente di selezionare le principali funzioni fornite dall applicativo. Barra dei Menù Strumenti di lavoro Criteri di ricerca per la griglia fascicoli di competenza del Magistrato Griglia contenente i fascicoli di competenza del Magistrato Fig. 55 Schermata principale della Consolle Magistrato con evidenza delle funzioni fornite. pagina 33 di 46

34 Permette di accedere ad un insieme di fascicoli con caratteristiche comuni e specifiche. Permette di prendere visione di tutti i fascicoli appartenenti ai diversi registri con una prossima udienza fissata. Permette la gestione del Ruolo relativo al registro indicato, nel caso il registro Contenzioso Civile. Permette la gestione del Ruolo relativo al registro indicato, nel caso il registro Diritto del Lavoro. Permette la gestione del Ruolo relativo al registro indicato, nel caso il registro Fallimentare. Permette la gestione del Ruolo relativo al registro indicato, nel caso il registro Prefallimentare. Permette la gestione del Ruolo relativo al registro indicato, nel caso il registro Esecuzioni. Permette di consultare l archivio Giurisprudenza. Permette di controfirmare o rigettare provvedimenti ricevuti per la controfirma. Permette di controfirmare o rigettare i documenti ricevuti per delega. Permette di creare e personalizzare i modelli di scrittura dei provvedimenti del Giudice. Permette la gestione delle udienze e degli appuntamenti privati. Permette di effettuare e memorizzare collegamenti ipertestuali. Fig. 56 Elenco delle funzioni fornite della Consolle Magistrato. Le Cartelle Personali (vedasi figura 57) si suddividono in associate e non associate a filtro, le prime sono ad alimentazione automatica, le seconde manuale. Le cartelle associate a filtro possono essere create dall utente in completa autonomia, a partire dalle cartelle della Scrivania, per fare questo è sufficiente impostare un filtro per la griglia di una delle Cartelle di Attività, e quindi creare la CartellaPersonale sulla base del filtro impostato (i fascicoli rimangono comunque visibili nella griglia di origine nella quale sono stati filtrati). Fig. 57 Schermata principale della Consolle Magistrato. Le cartelle non associate a filtro vengono create utilizzando la funzione di Gestione delle Cartelle e possono essere alimentate manualmente a partire dalle griglie delle cartelle della Scrivania e del pagina 34 di 46

35 Ruolo. E possibile annullare manualmente l associazione del fascicolo alle cartelle. Per inserire manualmente un fascicolo in tali cartelle l utente dovrà: Nel riquadro (A) è contenuta la Toolbar delle operazioni possibili (apertura del contenuto di un fascicolo, stampa Pdf, stampa del ruolo, export in excel del ruolo, annotazioni On/Off, scrittura di un provvedimento, dettagli On/Off e crea cartella). Nel quadro B sono presenti i dettagli della cartella selezionata dall utente, con una spiegazione di massima delle caratteristiche presenti in essa. Per alcune cartelle in questa sezione potranno comparire ulteriori condizioni di selezione per i fascicoli visibili in cartella. Nel riquadro C è riportata la griglia contenente i fascicoli. Le colonne di cui si compone ciascuna griglia sono specifiche per la cartella selezionata; talvolta, nei casi in cui il numero di colonne ecceda il numero massime di colonne visualizzabili nello schermo, le colonne nascoste possono essere rese visibili con l ausilio della barra di scorrimento. Con il software il Magistrato può anche consultare i registri di cancelleria (Ricerca Fascicoli, Ricerca Beni, Ricerca CTU e Ricerca Delegati), le ricerche li interrogano direttamente, e quindi, per il loro utilizzo, è vincolante la connessione della consolle alla rete Giustizia. È possibile selezionare tra tutti i registri della cancelleria, indipendentemente dal ruolo rivestito dal magistrato che sta utilizzando la consolle i consulenti tecnici di ufficio. Una volta selezionato il registro in consultazione dall apposita tendina (vedasi figura 58), è possibile specializzare la ricerca attraverso ulteriori filtri. Fig. 58 Schermata Ricerca CTU della Consolle Magistrato. I tasti funzionali disponibili sono: Dettagli : dettaglia la specializzazione del professionista selezionato (ordini, titoli, materie) e i dati anagrafici (vedasi figura 59). Lista incarichi : visualizza l elenco dei fascicoli nei quali risulta ancora attivo l incarico assegnato al professionista selezionato (vedasi figura 60). Per i fascicoli assegnati al giudice della consolle, sarà possibile accedere al fascicolo locale attraverso il tasto funzione Apri Contenuto Fascicolo. Esporta permette di salvare il contenuto della griglia in formato excel. pagina 35 di 46

36 Fig. 59 Schermata dettagli CTU della Consolle Magistrato. Fig. 60 Schermata Lista incarichi del CTU della Consolle Magistrato. Per approfondire ulteriormente la conoscenza dei sistemi SICID e SIECIC sono disponibili informazioni sul link [ ]. pagina 36 di 46

37 Glossario termini CAdES CMS Advanced Electronic Signatures è un insieme di estensioni per Cryptographic Message Syntax (CMS) di dati firmati adatto per firma elettronica avanzata. Certificati digitali I certificati digitali sono utilizzati da SSL per l autenticazione dei server. Un certificato (di chiave pubblica) è una dichiarazione con firma digitale che associa il valore di una chiave pubblica all'identità di che detiene la chiave privata corrispondente (persona, dispositivo o servizio). Certificati dell Aruba Key Volendo verificare se i certificati siano stati importati dalla Usbkey nel P.C. dal browser (es. Internet Explorer) menù Strumenti, Opzioni Internet si apre il relativo foglio di proprietà, selezionare la scheda Contenuto e si apre il relativo foglio, selezionare Certificati e si apre un nuovo foglio di proprietà dove, oltre al certificato del computer (ad esempio Proprietario), devono essere visibili i due certificati installati. Selezionando poi Visualizza si potrà verificare il numero di SIM card inserita nella Usbkey seguito da un valore alfanumerico cifrato. pagina 37 di 46

38 Certificato Digitale di Sottoscrizione E' l'elemento di rilievo del sistema Firma Digitale che gli Enti Certificatori rilasciano al titolare di una Smart Card. E' un file generato su precise indicazioni e standard stabiliti per legge ed al suo interno sono conservate informazioni che riguardano l'identità del titolare, la propria chiave pubblica comunicata, il periodo di validità del certificato stesso oltre ai dati dell'ente Certificatore (ad esempio ArubaPEC S.p.A.) client (cliente) Indica un componente hardware o software che accede a servizi o risorse di un'altra detta server. Fa parte dell'architettura logica di rete detta client-server. Il termine client indica anche il software usato sul computer client per accedere alle funzionalità offerte dal server. client-server Architettura di rete in cui un computer client si connette ad un server per fruire di un servizio, ad esempio condivisione di una risorsa hardware/software con altri client, appoggiandosi alla sottostante architettura protocollare. I sistemi client/server sono un'evoluzione dei sistemi basati sulla condivisione semplice delle risorse. Un server permette ad un certo numero di client di condividerne le risorse e gestisce gli accessi alle stesse. Le reti locali locali (LAN), la rete Internet, i sistemi informatici e i sistemi operativi sono organizzati sotto forma di una tipica architettura client-server per la fruizione dei relativi servizi. CNS Carta nazionale dei Servizi, smart-card per accedere ai servizi online della Pubblica Amministrazione su tutto il territorio nazionale. Permette oltre alle funzionalità di firma digitale tutti i servizi resi disponibili dalle diverse amministrazioni. crittografia simmetrica Richiede che entrambe le parti conoscano la chiave, sicurezza basata sulla lunghezza della chiave, in SSL la chiave varia tra 40 e 168 bit, richiede pochi cicli di CPU. La diffusione della chiave rappresenta la principale debolezza. crittografia asimmetrica Utilizza uno schema introdotto per superare i limiti dello schema simmetrico ovvero utilizzo della chiave pubblica (nota a tutti) per la codifica e chiave privata (segreta al destinatario) per la decodifica. L algoritmo RSA utilizza un aritmetica modulare per implementare il concetto di chiave pubblica e privata, le transazioni SSL iniziano con uno scambio asimmetrico della chiave di sessione. E più lenta di circa 1000 volte rispetto alla crittografia simmetrica. CRS (FVG) Carta Regionale dei Servizi, smart-card per accedere ai servizi online della Pubblica Amministrazione Regionale. La nuova CRS è stata prodotta nel rispetto dei più recenti standard tecnologici in tema di firma elettronica nell ottica dell evoluzione dei rapporti tra cittadino e pubblica amministrazione. L identificazione tramite smart card è già richiesta sempre più spesso per la presentazione in via telematica di domande di contributo e diventerà in futuro lo standard di comunicazione tra i cittadini e la pubblica amministrazione. CSS Cascading Style Sheets, (fogli di stile), linguaggio usato per definire la formattazione di documenti HTML, XHTML e XML perle pagine web. Le regole sono emanate a partire dal 1996 dal W3C. pagina 38 di 46

39 L'introduzione del CSS si è resa necessaria per separare i contenuti dalla formattazione e permettere una programmazione più chiara e facile da utilizzare, sia per gli autori delle pagine HTML che per gli utenti, garantendo contemporaneamente anche il riuso di codice ed una sua più facile manutenibilità. DTD Document Type definition, blocco di tag XML (nella forma <!DOCTYPE Nome DTD> ) che viene aggiunto al prologo di un documento XML valido. La sua inclusione consente a un processore XML di verificare se il documento è conforme alla struttura. firma digitale In informatica, rappresenta l'insieme dei dati in forma elettronica, allegati oppure connessi tramite associazione logica ad altri dati elettronici, utilizzati come metodo di identificazione informatica. Può essere basata su varie tecnologie, tra cui la crittografia a chiave pubblica. Si usano i termini di firma elettronica semplice, avanzata e qualificata. Nell'ordinamento italiano è definita sempre nel CAD : un particolare tipo di firma elettronica qualificata basata su un sistema di chiavi crittografiche, una pubblica e una privata (crittografia asimmetrica), correlate tra loro, che consente al titolare tramite la chiave privata e al destinatario tramite la chiave pubblica, rispettivamente, di rendere manifesta e di verificare la provenienza e l integrità di un documento informatico o di un insieme di documenti informatici : la norma introduce quindi l'uso di algoritmi di crittografia a chiave pubblica. Nell'ordinamento italiano, la firma digitale è un sistema di sottoscrizione di documenti informatici, che garantisce autenticità e integrità del documento e non ripudio della sottoscrizione effettuata dal titolare del certificato qualificato. Un certificato per la firma elettronica può essere rilasciata da Certification Authority senza formalità, è previsto invece un processo obbligatorio di accreditamento da parte di una autorità pubblica preposta (per l'italia è il DigitPA ex CNIPA), per qualificare una Certification Authority a emettere certificati qualificati. Una firma digitale utilizza uno schema matematico per dimostrare l'autenticità di un documento in formato digitale che consente al destinatario di ritenere che il messaggio è stato prodotto da un mittente dichiarato, che è autentico e che non è stato alterato lungo il transito anche se attraverso un canale non protetto (autenticazione/integrità). Uno tipico schema di firma digitale a crittografia asimmetrica è composto da tre algoritmi: - un algoritmo di generazione di chiavi che seleziona una chiave privata a caso (random) da un insieme di chiavi private e restituisce la chiave privata e una chiave pubblica corrispondente ; - un algoritmo di firma che, dato un messaggio e una chiave privata, produce una firma ; - un algoritmo di verifica della firma che, dato un messaggio, la chiave pubblica e una firma, ne accetta o respinge l'autenticità. pagina 39 di 46

40 Sono richieste due proprietà principali. L'autenticità di una firma generata da un determinato messaggio e da una determinata chiave privata può essere verificata utilizzando la chiave pubblica corrispondente. Deve essere computazionalmente impossibile generare una firma valida per una parte senza conoscere la chiave privata di quest'ultima. firma elettronica avanzata E' definita dall'art. 1, comma 1, lett. q-bis) del decreto legislativo 7 marzo 2005, n. 82 Codice dell'amministrazione digitale (CAD) e consiste nell' "insieme di dati in forma elettronica allegati oppure connessi a un documento informatico che consentono l'identificazione del firmatario del documento e garantiscono la connessione univoca al firmatario, creati con mezzi sui quali il firmatario può conservare un controllo esclusivo, collegati ai dati ai quali detta firma si riferisce in modo da consentire di rilevare se i dati stessi siano stati successivamente modificati". firma elettronica qualificata E' definita come una "firma elettronica ottenuta attraverso una procedura informatica che garantisce la connessione univoca al firmatario, creata con mezzi sui quali il firmatario può conservare un controllo esclusivo e collegata ai dati ai quali si riferisce in modo da consentire di rilevare se i dati stessi siano stati successivamente modificati, che sia basata su un certificato qualificato e realizzata mediante un dispositivo sicuro per la creazione della firma". E' quindi una forma di firma sicura, che esaudisce le richieste della Direttiva Europea 1999/93/CE, alle quali sono stati aggiunti i requisiti dell'utilizzo di un certificato qualificato e di un dispositivo sicuro di firma. In questa forma la firma elettronica qualificata corrisponde alla Qualified electronic signature definita da ETSI. firma enveloped (controfirma) Su un file già firmato in formato.p7m è possibile apporre una firma che viene inserita ad un livello sottostante ad una firma preesistente e di fatto sottoscrive quest ultima. E' più annidata rispetto alla firma a cui si riferisce, aspetto messo in evidenza attraverso una rappresentazione ad albero delle firme. firma multipla (parallela) Su un file già firmato in formato.p7m è possibile apporre una firma che viene aggiunta allo stesso livello di una firma già preesistente. Viene utilizzata per aggiungere firme ad un documento già firmato. firma PDF La firma in formato PDF è applicabile ai soli file.pdf. Non è quindi possibile firmare in PDF un file che non sia già stato convertito in questo formato. Tra il nome e l estensione del file firmato viene interposto -signed (esempio nomefile-signed.pdf).gif Graphics Interchange Format, estensione per file di immagini digitali di tipo bitmap e animazioni molto utilizzato nel web. HASH Funzione crittografica che trasforma dei dati di lunghezza arbitraria (un messaggio) in una stringa di dimensione fissa chiamata valore di hash, impronta del messaggio, checksum, o digest. In pratica consente controlli sull'integrità dei dati, firme digitali semplici, autenticazione e sicurezza informatica. HID (Human Interface Device) pagina 40 di 46

41 Tipo di periferica per computer (di solito connessa con USB) che interagisce direttamente con l'uomo seguendo le specifiche Human Interface Device class (tastiere, mouse, periferiche di gioco e dispositivi di visualizzazione alfanumerici. Host (ospite) Host o end system (nodo ospite) indica ogni terminale collegato ad una rete o più in particolare ad Internet attraverso un collegamento di comunicazione. HTML Hyper Text Markup Language viene utilizzato per la creazione di ipertesti su internet. E un linguaggio di contrassegno semantico per definire la struttura logica dei documenti. (segue esempio visualizzabile all'interno di un browser semplicemente salvando il testo in un file con estensione.htm e lanciandolo in esecuzione con doppio click). HTTP Hyper Text Transfer Protocol (protocollo trasferimento ipertesto) è usato come principale sistema per la trasmissione d'informazioni sul web ovvero in un'architettura tipica client-server. Le specifiche del protocollo sono gestite dal World Wide Web Consortium (W3C). Un server HTTP generalmente resta in ascolto delle richieste dei client sulla porta 80 usando il protocollo TCP a livello di trasporto. HTTPS HyperText Transfer Protocol over Secure Socket Layer è il risultato dell'applicazione di un protocollo di crittografia asimmetrica al protocollo di trasferimento di ipertesti HTTP. Viene utilizzato per garantire trasferimenti riservati di dati nel web, in modo da impedire intercettazioni dei contenuti che potrebbero essere effettuati tramite la tecnica di attacco MITM. Utilizza Secure Sockets Layer (SSL). IIS Microsoft Internet Information Services, è un complesso di servizi server Internet per sistemi operativi Microsoft Windows. La versione corrente, è la 7.5 ed include i servizi server per i protocolli FTP, SMTP, NNTP e HTTP/HTTPS. ISO/OSI model (International Organization for Standardization) / (Open Systems Interconnection) è uno standard per reti di calcolatori stabilito nel Stabilisce per l'architettura logica di rete una struttura a strati, composta da una pila di protocolli di comunicazione suddivisa in 7 livelli, che insieme eseguono in modo logico-gerarchico tutte le funzionalità della rete. Il documento che ne illustra l'attività è il Basic Reference Model OSI o standard ISO Lo standard di fatto poi affermatosi per architetture di rete a livelli è il TCP/IP che riprende in parte il modello OSI. pagina 41 di 46

42 LAN Local Area Network (rete in area locale) è una rete informatica di collegamento tra più computer, estendibile anche a dispositivi periferici condivisi, che copre un'area limitata (un'abitazione, una scuola, uno studio o un'azienda). Le LAN vengono realizzate con tecnologie Ethernet e Wi-Fi. JCE Java Cryptography Extension è un'estensione standard ufficialmente rilasciato per la piattaforma Java. Fornisce un ambiente per la crittografia, gestione di chiavi e codice degli algoritmi di autenticazione messaggi (MAC). Integra la piattaforma Java, che già include interfacce e implementazioni di messaggi e firme digitali..jpg Joint Photographic Experts Group, estensione per file di immagini fotografiche digitali a colori o a livelli di grigio con diversi fattori di qualità (1-100) di possibile compressione. JRE Java Runtime Environment, è un ambiente di esecuzione per applicazioni scritte in linguaggio Java, distribuito gratuitamente da Sun Microsystems. LDAP Lightweight Directory Access Protocol è un protocollo standard per l'interrogazione e la modifica dei servizi di directory (esempio : elenco aziendale di , rubrica telefonica, o raggruppamento di informazioni espresso come record dati organizzato in modo gerarchico). MAC Message Authentication Code, blocco di dati utilizzato per l'autenticazione di un messaggio digitale e per verificarne l'integrità da parte del destinatario generato secondo un meccanismo di crittografia simmetrica MIME Multipurpose Internet Mail Extensions, formato standard per la creazione di messaggi multimediali o pagine di ipertesto creato per rendere possibile la trasmissione di suoni, immagini o file binari congiuntamente a file di testo. MITM o MIM Man in the middle attack. In crittografia, l'attacco dell'uomo in mezzo, meglio conosciuto come è un tipo di attacco nel quale l'attaccante è in grado di leggere, inserire o modificare a piacere, messaggi tra due parti senza che nessuna delle due sia in grado di sapere se il collegamento che li unisce reciprocamente sia stato effettivamente compromesso da una terza parte, ovvero appunto un attaccante. L'attaccante deve essere in grado di osservare, intercettare e replicare verso la destinazione prestabilita il transito dei messaggi tra le due vittime. pagina 42 di 46

43 NAT Network Address Translation, o traduzione indirizzi di rete, conosciuto anche come network masquerading, è una tecnica che consiste nel modificare gli indirizzi IP dei pacchetti in transito su un sistema che agisce da router all'interno di una comunicazione tra due o più host..p7m estensione che viene aggiunta ad un nome file firmato (ad esempio dal file nomefile.doc dopo la firma viene generato un nuovo file nomefile.doc.p7m che rappresenta una busta informatica CADES o PADES). PAdES PDF Advanced Electronic Signatures, è un insieme di limitazioni ed estensioni PDF e ISO di dati firmati adatto per firma elettronica avanzata..pdf Portable Document Format, estensione per formato di file basato su un linguaggio di descrizione di pagina sviluppato da Adobe Systems per rappresentare documenti in modo indipendente dall'hardware e dal software utilizzati per generarli o visualizzarli. PKCS #11 Public-Key Cryptography Standards #11, in crittografia definisce una API indipendente dalla piattaforma di token crittografici, quali smart-card o moduli di sicurezza hardware (HSM). i file delle librerie (.dll/.so) si trovano nella cartella (C:\windows\system32) o direttamente sulla chiavetta e sono denominati, a seconda del tipo di smart card, bit4ipki.dll, bit4hpki.dll, bit4opki.dll, etc..png Portable Network Graphics, estensione per file di memorizzazione immagini e animazioni con gestione colori classica bitmap o indicizzata, con supporto della trasparenza, comprimibile, serializzabile e inter-allacciabile. proxy Programma che si interpone tra un client ed un server come interfaccia tra i due host inoltrando le richieste e le risposte dall'uno all'altro. Un client si collega al proxy invece che al server e invia le richieste. Il proxy si collega al server e inoltra la richiesta del client, riceve la risposta e la inoltra al client. A differenza di bridge e router, che lavorano a livello ISO/OSI più basso (sfruttando i NAT), i proxy lavorano a livello applicativo e gestisce un numero limitato di protocolli applicativi. pst portale servizi telematici del Ministero della Giustizia server (servitore) Componente o sottosistema informatico di elaborazione che fornisce, a livello logico e fisico, un servizio ai client che ne fanno richiesta attraverso una rete di computer, un sistema informatico o direttamente in locale su un computer. E' un nodo terminale della rete opposto all'host client. Si tratta di un computer o software che fornisce i dati richiesti da altri elaboratori, facendo quindi da host per la trasmissione delle informazioni virtuali. RSA Acronimo di (Rivest, Shamir e Adleman) è uno dei primi sistemi crittografici a chiave pubblica utilizzato per la trasmissione sicura dei dati. Con questo sistema crittografico, la chiave di cifratura è pubblica e differisce dalla chiave di decifratura che è mantenuta segreta. Questa pagina 43 di 46

44 asimmetria si basa sulla difficoltà di fattorizzazione del prodotto di due grandi numeri primi. Un utente crea e poi pubblica il prodotto de questi due numeri oltre ad un valore ausiliario come chiave pubblica. I fattori primi devono essere tenuti segreti. Chiunque può utilizzare la chiave pubblica per cifrare un messaggio, ma con i metodi attualmente pubblicati, se la chiave pubblica è abbastanza grande, solo qualche esperto in fattori primi potrà fattibilmente decodificare il messaggio..rtf Rich Text Format, estensione per formato documenti multipiattaforma sviluppato nella versione definitiva da Microsoft e supportato da gran parte degli editor di testo e word processor Windows, Mac OS e Linux ma il formato non è mai stato standardizzato. Permette di mantenere la formattazione e le immagini di un documento e non può includere macro. Un documento RTF è un file ASCII con stringhe di comandi speciali in grado di controllare le informazioni riguardanti la formattazione del testo: il tipo di carattere e il colore, i margini, i bordi del documento, ecc. SOAP Simple Object Access Protocol è un protocollo per lo scambio di messaggi tra componenti software basato sul metalinguaggio XML, tipicamente nella forma di componentistica software. La parola object indica che l'uso del protocollo deve essere effettuato secondo i criteri della OOP (Object Oriented Programming). SSL Secure Sockets Layer, predecessore del TLS..tif Tagged Image File Format, formato immagine di tipo raster di Adobe Systems di notevole flessibilità utilizzato per lo scambio di immagini raster (stampanti e scanner). TLS Transport Layer Security (evoluzione del SSL - Secure Sockets Layer) in telecomunicazioni e informatica sono protocolli crittografici che permettono una comunicazione sicura dal sorgente al destinatario (end-to-end) su reti TCP/IP (ad esempio Internet) fornendo autenticazione, integrità dei dati e cifratura operando al di sopra del livello di trasporto. Diverse versioni del protocollo sono ampiamente utilizzate nei browser, , messaggistica istantanea e VOIP (sono applicati nel protocollo HTTPS)..txt file di testo, estensione per file di soli caratteri di scrittura (sequenza di byte) che rappresentano lettere, numeri, punteggiatura, spazi e simboli, oltre che caratteri di controllo (tabulazioni VT, inizio riga LF e ritorno a capo CR ). Vengono codificati con diversi standard (in origine ASCII American Standard Code for Information Interchange divenuto poi ANSI, Unicode, UTF-8 ). Unicode sistema di codifica che assegna ad ogni carattere usato per la scrittura di testi un numero univoco, indipendente dalla lingua, dalla piattaforma informatica e dal programma utilizzato. UTF-8 Unicode Transformation Format, 8 bit, codifica dei caratteri Unicode in sequenze di lunghezza variabile di byte, usa gruppi di byte per rappresentare caratteri Unicode, è utile per trasferimento su sistemi di posta elettronica a 8-bit. pagina 44 di 46

45 WAN Wide Area Network (rete di comunicazione geografica) è una tipologia di rete di computer che si contraddistingue per avere un'estensione territoriale pari a una o più regioni geografiche, la più grande ad accesso pubblico è Internet che copre l'intero pianeta. web server (server web) Applicazione software installata in un server fisico in grado di gestire richieste di trasferimento di pagine web tramite utilizzo di protocolli come l'http e HTTPS (porta 80 e 443). Le richieste vengono effettuate da client, tipicamente attraverso un web browser. L'insieme di tutti i web server interconnessi a livello mondiale dà vita al cosiddetto World Wide Web. Web Service (servizio web) E un sistema software progettato per supportare l'interoperabilità tra diversi elaboratori su una stessa rete distribuita. Si ottiene associando all'applicazione un'interfaccia software (descritta in un formato automaticamente elaborabile WSDL) che espone all'esterno il servizio/i associato/i e utilizzando la quale altri sistemi possono interagire con l'applicazione stessa attivando le operazioni descritte nell'interfaccia (servizi o richieste di procedure remote) tramite appositi messaggi di richiesta inclusi in una busta (SOAP), formattati secondo lo standard XML, incapsulati e trasportati tramite i protocolli del Web (HTTP/ HTTPS) da cui appunto il nome web service. WSDL Web Services Description Language è un linguaggio formale in formato XML utilizzato per la creazione di documenti per la descrizione di Web Service..xml extensible Markup Language, estensione per file in linguaggio marcatore sintattico che consente di definire e controllare il significato degli elementi contenuti in un documento o in un testo. E' un linguaggio derivato dal HTML per l'archiviazione e la presentazione di informazioni sul WWW. Ha una sintassi flessibile per descrivere ogni informazione con metodo di etichettatura strutturata (segue esempio visualizzabile all'interno di un browser semplicemente salvando il testo in un file con estensione.xml e lanciandolo in esecuzione con doppio click). Se il file.xml utilizza un foglio di stile.css quando si lancia in esecuzione la visualizzazione del browser mostra solo il contenuto dei campi. pagina 45 di 46

46 Il testo dei file.htm e/o.xml di qualsiasi pagina web si può vedere selezionando dal menù del browser Visualizza Origine. XML Schema Permette di scrivere schemi dettagliati per i documenti XML tramite la sintassi XML standard, alternativa più potente della scrittura di DTD Indice Prima pagina Accesso e consultazione del RegIndE Accesso e consultazione fascicolo di causa Deposito di atti nel fascicolo di causa Il software redattore atti SLpct Esempio completo di utilizzo e trasmissione Formato messaggi PEC Busta telematica Flusso di deposito attraverso la Posta Elettronica Certificata RegIndE (Registro Generale degli Indirizzi Elettronici) Deposito telematico delle perizie dei C.T.U. in SICID SICID e SIECIC cenni generali e gestione dei CTU Glossario termini Ultimo aggiornamento del presente documento work in progress! : Udine, pagina 46 di 46

IL PCT: PROCESSO CIVILE TELEMATICO

IL PCT: PROCESSO CIVILE TELEMATICO Gli strumenti necessari al PcT(PEC, ReGindE, Portale Giustizia e PolisWeb, esame fascicoli, punti di accesso, redattore atti e busta telematica, depositi elaborati) 1 DA QUANDO INIZIERA L OBBLIGO? OBBLIGATORIETA

Dettagli

Il processo civile telematico e la consulenza tecnica di ufficio. Commissione di studio Area Giudiziale Sottocommissione alle CTU

Il processo civile telematico e la consulenza tecnica di ufficio. Commissione di studio Area Giudiziale Sottocommissione alle CTU Il processo civile telematico e la consulenza tecnica di ufficio Commissione di studio Area Giudiziale Sottocommissione alle CTU Art 16-bis D.L. 179/2012 come convertito in Legge "Salvo quanto previsto

Dettagli

PdA Cancelleria Telematica. Manuale utente Avvocati e CTU. Pagina 2 di 26

PdA Cancelleria Telematica. Manuale utente Avvocati e CTU. Pagina 2 di 26 PdA Cancelleria Telematica REGIONE TOSCANA INDICE REGIONE TOSCANA... 1 COMUNICAZIONI...7 COPIA TEMPORANEA LOCALE...8 ESECUZIONE E FALLIMENTI FASCICOLI PREFERITI...12 FASCICOLI...13 SENTENZE...15 UDIENZE...16

Dettagli

Convegno PROCESSO CIVILE TELEMATICO. NAPOLI 17 Giugno 2014 ore 14.30 Basilica di San Giovanni Maggiore

Convegno PROCESSO CIVILE TELEMATICO. NAPOLI 17 Giugno 2014 ore 14.30 Basilica di San Giovanni Maggiore Convegno PROCESSO CIVILE TELEMATICO NAPOLI 17 Giugno 2014 ore 14.30 Basilica di San Giovanni Maggiore Convegno PROCESSO CIVILE TELEMATICO NAPOLI 17 Giugno 2014 ore 14.30 Gli strumenti informatici propedeutici

Dettagli

PCT e CTU. Processo Civile Telematico e C.T.U. Workshop 30.07.2014 - Udine

PCT e CTU. Processo Civile Telematico e C.T.U. Workshop 30.07.2014 - Udine PCT e CTU Processo Civile Telematico e C.T.U. Workshop 30.07.2014 - Udine Presentazione tecnica curata dal per.ind. Vito Toneatto - ( www.infostra.it ) Nel Processo Civile Telematico (PCT) dal 30 giugno

Dettagli

PCT e CTU. Processo Civile Telematico e C.T.U. Workshop 26.09.2014 - Udine

PCT e CTU. Processo Civile Telematico e C.T.U. Workshop 26.09.2014 - Udine PCT e CTU Processo Civile Telematico e C.T.U. Workshop 26.09.2014 - Udine Presentazione tecnica curata dal per.ind. Vito Toneatto - ( www.infostra.it ) Nel Processo Civile Telematico (PCT) dal 30 giugno

Dettagli

PCT e CTU. Processo Civile Telematico e C.T.U. Workshop 10.12.2014 - Udine

PCT e CTU. Processo Civile Telematico e C.T.U. Workshop 10.12.2014 - Udine Collegio dei Periti Industriali e dei Periti Industriali Laureati della provincia di Udine PCT e CTU Processo Civile Telematico e C.T.U. Workshop 10.12.2014 - Udine Presentazione tecnica curata dal per.ind.

Dettagli

Regione Toscana. Nome del progetto Cancelleria Telematica. Progetto Punto d Accesso Regione Toscana

Regione Toscana. Nome del progetto Cancelleria Telematica. Progetto Punto d Accesso Regione Toscana Regione Toscana Nome del progetto Cancelleria Telematica Progetto Punto d Accesso Regione Toscana Documento Manuale utente del PdA per Avvocati e CTU Acronimo del documento CT-MUT-PDA Stato del documento

Dettagli

Il software SLpct è distribuito con licenza opensource GNU GPL 3, e può essere liberamente. Pag 3 di 38

Il software SLpct è distribuito con licenza opensource GNU GPL 3, e può essere liberamente. Pag 3 di 38 Guida all'installazione e Manuale utente di SLpct Indice Premessa... 3 Scaricare e installare SLpct... 4 Configurare SLpct... 7 Configurazione utenti... 11 Creazione di una busta Campo Codice fiscale del

Dettagli

EasyPda Punto d accesso al Processo Telematico

EasyPda Punto d accesso al Processo Telematico EasyPda Punto d accesso al Processo Telematico Il Punto d accesso viene definito dalla normativa sul Processo Telematico (D.M.Giustizia 21/2/2011 n. 44 e ss. mm. ii.) come struttura tecnologica-organizzativa

Dettagli

ENRICO CANOSSA PICCOLA GUIDA AL CONSULENTE TECNICO DEL GIUDICE IN TEMA DI PROCESSO CIVILE TELEMATICO

ENRICO CANOSSA PICCOLA GUIDA AL CONSULENTE TECNICO DEL GIUDICE IN TEMA DI PROCESSO CIVILE TELEMATICO ENRICO CANOSSA -COMMISSIONE DI STUDIO N.2 ctu e stime Geometri Reggio Emilia- PICCOLA GUIDA AL CONSULENTE TECNICO DEL GIUDICE IN TEMA DI PROCESSO CIVILE TELEMATICO a mio papà Carlo VADEMECUM PCT.. IMBUSTARE

Dettagli

IL DEPOSITO TELEMATICO DEGLI ATTI MEDIANTE CONSOLLE PCT

IL DEPOSITO TELEMATICO DEGLI ATTI MEDIANTE CONSOLLE PCT IL DEPOSITO TELEMATICO DEGLI ATTI MEDIANTE CONSOLLE PCT Il professionista che riveste l incarico di delegato alle operazioni di vendita, al fine del deposito degli atti delle procedure di esecuzione immobiliare

Dettagli

Convegno del 04/04/2014 Corso Breve sul Processo Civile Telematico Promosso dal Movimento Forense http://www.tregnaghi.it/pag/pubblicazioni.

Convegno del 04/04/2014 Corso Breve sul Processo Civile Telematico Promosso dal Movimento Forense http://www.tregnaghi.it/pag/pubblicazioni. DEPOSITO DI UN ATTO ENDOPROCESSUALE CON USO DI CONSOLLE AVVOCATO NETSERVICE SENZA SERVIZI GOLD E SPEDIZIONE A MEZZO DI PEC ESTERNA (Avv. Francesco Tregnaghi ) Convegno del 04/04/2014 Corso Breve sul Processo

Dettagli

poter depositare qualsiasi tipologia di atti presso gli uffici giudiziari abilitati dal Ministero della Giustizia.

poter depositare qualsiasi tipologia di atti presso gli uffici giudiziari abilitati dal Ministero della Giustizia. Manuale utente del Redattore atti SLPct EVOLUZIONI SOFTWARE www.evoluzionisoftware.it info@evoluzionisoftware.it Premessa Il redattore atti SLpct è stato implementato da Regione Toscana per permettere

Dettagli

STEP 2 di seguito i vari passaggi per la registrazione al Re.G.Ind.E:

STEP 2 di seguito i vari passaggi per la registrazione al Re.G.Ind.E: STEP 1 - Il singolo professionista dovrà: 1. essere in possesso di una mail certificata definita P.E.C. (posta elettronica certificata). Nel caso il professionista sia un ingegnere iscritto all Ordine

Dettagli

EasyPda Punto d accesso al Processo Telematico

EasyPda Punto d accesso al Processo Telematico EasyPda Punto d accesso al Processo Telematico Il Punto d accesso viene definito dalla normativa sul Processo Telematico (D.M.Giustizia 21/2/2011 n. 44 e ss. mm. ii.) come struttura tecnologica-organizzativa

Dettagli

Servizio PCT. Guida all uso. www.accessogiustizia.it PROCESSO CIVILE TELEMATICO

Servizio PCT. Guida all uso. www.accessogiustizia.it PROCESSO CIVILE TELEMATICO Guida all uso www.accessogiustizia.it Servizio PCT PROCESSO CIVILE TELEMATICO Lextel SpA L informazione al lavoro. Lextel mette l informazione al lavoro attraverso proprie soluzioni telematiche, con servizi

Dettagli

Manuale d uso. Applicazione client Postecert Firma Digitale per Postemailbox

Manuale d uso. Applicazione client Postecert Firma Digitale per Postemailbox per Postemailbox Documento pubblico Pagina 1 di 22 Indice INTRODUZIONE... 3 REQUISITI... 3 SOFTWARE... 3 HARDWARE... 3 INSTALLAZIONE... 3 AGGIORNAMENTI... 4 AVVIO DELL APPLICAZIONE... 4 UTILIZZO DELL APPLICAZIONE...

Dettagli

MINISTERO DELLA GIUSTIZIA Notifiche telematiche degli atti per il settore penale presso gli uffici giudiziari

MINISTERO DELLA GIUSTIZIA Notifiche telematiche degli atti per il settore penale presso gli uffici giudiziari MINISTERO DELLA GIUSTIZIA Notifiche telematiche degli atti per il settore penale presso gli uffici giudiziari MANUALE UTENTE Versione SNT: 1.4.4 Versione 2.2 09 Febbraio 2015 Indice 1. Generalità... 4

Dettagli

La piattaforma web per il Processo Civile Telematico

La piattaforma web per il Processo Civile Telematico La piattaforma web per il Processo Civile Telematico INTRODUZIONE Aste Giudiziarie Inlinea S.p.A., in virtù di una pluriennale esperienza professionale in ambito giudiziario, ha seguito da vicino il processo

Dettagli

DISPOSITIVO DI AUTENTICAZIONE E FIRMA DIGITALE

DISPOSITIVO DI AUTENTICAZIONE E FIRMA DIGITALE DISPOSITIVO DI AUTENTICAZIONE E FIRMA DIGITALE 1) Che cos'é? é un dispositivo (generalmente sottoforma di carta di credito o, spesso, di "chiavetta" USB) contenente i certificati digitali di autenticazione

Dettagli

P.C.T. Il Processo Civile Telematico Guida operativa all utilizzo del sistema GEO-C.T.U. (GEOWEB-LEXTEL) Versione 28 Giugno 2014 Release 2.0.

P.C.T. Il Processo Civile Telematico Guida operativa all utilizzo del sistema GEO-C.T.U. (GEOWEB-LEXTEL) Versione 28 Giugno 2014 Release 2.0. P.C.T. Il Processo Civile Telematico Guida operativa all utilizzo del sistema GEO-C.T.U. (GEOWEB-LEXTEL) Versione 28 Giugno 2014 Release 2.0. Dal 30 Giugno 2014 è entrato in vigore il Processo Civile Telemativo

Dettagli

Corso di aggiornamento PROCESSO CIVILE TELEMATICO, INFORMATIZZAZIONE DELLO STUDIO E RICERCA GIURIDICA ONLINE. 31 gennaio 2014 Ivrea (TO)

Corso di aggiornamento PROCESSO CIVILE TELEMATICO, INFORMATIZZAZIONE DELLO STUDIO E RICERCA GIURIDICA ONLINE. 31 gennaio 2014 Ivrea (TO) Corso di aggiornamento PROCESSO CIVILE TELEMATICO, INFORMATIZZAZIONE DELLO STUDIO E RICERCA GIURIDICA ONLINE 31 gennaio 2014 Ivrea (TO) Agenda Agenda Panoramica sul Processo Civile Telematico Le principali

Dettagli

Processo civile telematico. Nozioni di base e decreto ingiuntivo

Processo civile telematico. Nozioni di base e decreto ingiuntivo Processo civile telematico Nozioni di base e decreto ingiuntivo 1. Cosa si vuole raggiungere con il Processo civile telematico? Migliorare l efficienza della parte burocratica dei procedimenti. Questo

Dettagli

Il Momento Legislativo

Il Momento Legislativo Il Momento Legislativo Modulo PCT Redattore atti Iscrizione a ruolo telematica delle procedure esecutive mobiliari, immobiliari e presso terzi 31 marzo 2015 1 Introduzione Le diapositive che seguono illustreranno

Dettagli

PCT Processo Civile Telematico

PCT Processo Civile Telematico PCT Processo Civile Telematico Manuale informativo Blog di supporto: appellopct.wordpress.com Corte d Appello di Milano Ufficio Innovazione Tel: 02/54334600 e-mail: innovazione.ca.milano@giustizia.it 2

Dettagli

PROCESSO CIVILE TELEMATICO FALLIMENTARE E GIUDIZIARIO

PROCESSO CIVILE TELEMATICO FALLIMENTARE E GIUDIZIARIO PROCESSO CIVILE TELEMATICO FALLIMENTARE E GIUDIZIARIO Firenze, 21 luglio 2014 Hotel Mediterraneo Eros Ceccherini La lunga strada del processo telematico D.LGS 7 MARZO 2005 N. 82 PRINCIPI PER L ADOZIONE

Dettagli

Manuale Utente CryptoClient

Manuale Utente CryptoClient Codice Documento: CERTMOB1.TT.DPMU12005.01 Firma Sicura Mobile Telecom Italia Trust Technologies S.r.l. - Documento Pubblico Tutti i diritti riservati Indice degli argomenti... 1 Firma Sicura Mobile...

Dettagli

Servizi Polisweb. Guida all uso. www.accessogiustizia.it POLISWEB NAZIONALE POLISWEB PCT POLISWEB SIECIC CASSAZIONE

Servizi Polisweb. Guida all uso. www.accessogiustizia.it POLISWEB NAZIONALE POLISWEB PCT POLISWEB SIECIC CASSAZIONE Guida all uso www.accessogiustizia.it Servizi Polisweb POLISWEB NAZIONALE POLISWEB PCT POLISWEB SIECIC CASSAZIONE Lextel SpA L informazione al lavoro. Lextel mette l informazione al lavoro attraverso proprie

Dettagli

Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Verona

Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Verona Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Verona Vademecum operativo elaborato dalla Commissione relativa allo studio ed all approfondimento delle procedure concorsuali Argomento trattato:

Dettagli

Il Momento Legislativo

Il Momento Legislativo Il Momento Legislativo Modulo PCT Redattore atti Come redigere un ricorso per decreto ingiuntivo telematico 1 Introduzione Le diapositive che seguono illustreranno le funzioni di redazione ed invio atti

Dettagli

Il Portale dei Servizi Telematici

Il Portale dei Servizi Telematici TRIBUNALE DI CAGLIARI Il Portale dei Servizi Telematici GUIDA INFORMATIVA AI SERVIZI TELEMATICI DELLA GIUSTIZIA Perchè questa guida La presente Guida Informativa si rivolge all utenza degli Uffici Giudiziari

Dettagli

Istruzioni per creare un file PDF/A tramite software PDFCreator

Istruzioni per creare un file PDF/A tramite software PDFCreator Istruzioni per creare un file PDF/A tramite software PDFCreator Il formato PDF/A rappresenta lo standard dei documenti delle Pubbliche Amministrazioni adottato per consentire la conservazione digitale

Dettagli

Il Processo Civile Telematico e il Consulente Tecnico d Ufficio (C.T.U.) Uno schema operativo verso l invio telematico della C.T.U.

Il Processo Civile Telematico e il Consulente Tecnico d Ufficio (C.T.U.) Uno schema operativo verso l invio telematico della C.T.U. Il Processo Civile Telematico e il Consulente Tecnico d Ufficio (C.T.U.) Uno schema operativo verso l invio telematico della C.T.U. La fonte principale di informazioni è il seguente sito internet: http://pst.giustizia.it/pst/it/homepage.wp

Dettagli

Direttiva 2011/24/UE Reporting ASL

Direttiva 2011/24/UE Reporting ASL MINISTERO DELLA SALUTE Direttiva 2011/24/UE Reporting ASL Manuale dell applicazione A cura del Punto Nazionale di Contatto Italiano maggio 2014 Sommario I. Panoramica generale... 2 Campo di applicazione...

Dettagli

Le guide di ProcessoFacile.it. SLpct GUIDA ALL USO. in collaborazione con: Evoluzioni Software

Le guide di ProcessoFacile.it. SLpct GUIDA ALL USO. in collaborazione con: Evoluzioni Software Le guide di ProcessoFacile.it SLpct GUIDA ALL USO in collaborazione con: Evoluzioni Software Le Guide di ProcessoFacile.it SLpct Guida all Uso Pag. 1 di 18 Innanzitutto occorre definire l anagrafica del

Dettagli

Processo Civile Telematico per Procedure Concorsuali ed Esecutive. 30 Giugno 2014 LE NOVITA

Processo Civile Telematico per Procedure Concorsuali ed Esecutive. 30 Giugno 2014 LE NOVITA Processo Civile Telematico per Procedure Concorsuali ed Esecutive 30 Giugno 2014 LE NOVITA INDICE ARGOMENTI: 1. LE NOVITÀ INTRODOTTE DALLA LEGGE 228/2012, 2. COSA CAMBIA PER IL CURATORE/COMMISSARIO/PROFESSIONISTA

Dettagli

Guida all'installazione di SLPct. Manuale utente. Evoluzioni Software www.evoluzionisoftware.it info@evoluzionisoftware.it

Guida all'installazione di SLPct. Manuale utente. Evoluzioni Software www.evoluzionisoftware.it info@evoluzionisoftware.it Guida all'installazione di SLPct Manuale utente Evoluzioni Software www.evoluzionisoftware.it info@evoluzionisoftware.it Premessa Il redattore di atti giuridici esterno SLpct è stato implementato da Regione

Dettagli

Manuale d uso del Redattore di atti SLPCT. Manuale tecnico pratico

Manuale d uso del Redattore di atti SLPCT. Manuale tecnico pratico Manuale d uso del Redattore di atti SLPCT Manuale tecnico pratico Premessa Il software SLPCT è distribuito con licenza open source GNU GPL 3 e può essere liberamente installato su qualsiasi PC Windows,

Dettagli

Il Processo Civile Telematico

Il Processo Civile Telematico Il Processo Civile Telematico avv. Pierluigi Basile 8 aprile 2015 Cosa è il PCT Il Processo Telematico è un progetto del Ministero della Giustizia che si propone di rendere possibile lo scambio di informazioni

Dettagli

GUIDA AL PRIMO ACCESSO A POLISWEB Revisione gennaio 2010

GUIDA AL PRIMO ACCESSO A POLISWEB Revisione gennaio 2010 Revisione gennaio 2010 Polisweb è un sistema che permette all avvocato di collegarsi ai registri di cancelleria di tutti i Tribunali di merito abilitati al servizio e vedere lo stato delle proprie pratiche

Dettagli

Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Verona

Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Verona Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Verona Vademecum operativo elaborato dalla Commissione relativa allo studio ed all approfondimento delle procedure concorsuali Argomento trattato:

Dettagli

PROCESSO CIVILE TELEMATICO GUIDA RAPIDA AGLI ADEMPIMENTI

PROCESSO CIVILE TELEMATICO GUIDA RAPIDA AGLI ADEMPIMENTI PROCESSO CIVILE TELEMATICO GUIDA RAPIDA AGLI ADEMPIMENTI Il Processo Civile Telematico o PCT è la rete informatica gestita dal Ministero della Giustizia per l automazione dei flussi informativi e documentali

Dettagli

PROCESSO CIVILE TELEMATICO

PROCESSO CIVILE TELEMATICO Aste Giudiziarie Inlinea S.p.A. www.procedure.it PROCESSO CIVILE TELEMATICO Istruzioni per i professionisti ausiliari del Giudice e per i CTU Vademecum realizzato dalla società Aste Giudiziarie Inlinea

Dettagli

WWW.PROCEDURE.IT. Il software per gli ausiliari del Giudice. per esecuzioni e fallimenti

WWW.PROCEDURE.IT. Il software per gli ausiliari del Giudice. per esecuzioni e fallimenti WWW.PROCEDURE.IT Il software per gli ausiliari del Giudice nell ambito del PCT per esecuzioni e fallimenti La Società Aste Giudiziarie Inlinea S.p.A., in virtù di una pluriennale esperienza professionale

Dettagli

ISTRUZIONI per l utilizzo della Firma Digitale Banca Marche INDICE. 2. Predisposizione iniziale: Installazione Driver e Avvio Menù di Gestione

ISTRUZIONI per l utilizzo della Firma Digitale Banca Marche INDICE. 2. Predisposizione iniziale: Installazione Driver e Avvio Menù di Gestione ISTRUZIONI per l utilizzo della Firma Digitale Banca Marche INDICE 1. Introduzione 2. Predisposizione iniziale: Installazione Driver e Avvio Menù di Gestione 3. Accessi Successivi al Menù Gestione 4. Utilizzo

Dettagli

Manuale utenti per Avvocati

Manuale utenti per Avvocati Manuale utenti per Avvocati La figura seguente illustra la home page della cancelleria telematica per gli avvocati CONSULTAZIONE FASCICOLI Per accedere alla consultazione dei fascicoli è necessario possedere

Dettagli

SLpct. Manuale utente. Evoluzioni Software s..n.c.

SLpct. Manuale utente. Evoluzioni Software s..n.c. SLpct Manuale utente Evoluzioni Software s.n.c. Slpct Guida all'uso Pag.2 di 27 Indice generale Step 1: Installazione certificati Uffici Giudiziari...3 Step 2: Installazione JCE...6 Step 3: Inserimento

Dettagli

TRIBUNALE DI FIRENZE Presidenza Viale Guidoni n.61-50127 Firenze -lei. 0557996279 -fax 0557996384 e-mail: presidenza.tribunale.firenze@qiustizia.

TRIBUNALE DI FIRENZE Presidenza Viale Guidoni n.61-50127 Firenze -lei. 0557996279 -fax 0557996384 e-mail: presidenza.tribunale.firenze@qiustizia. TRIBUNALE DI FIRENZE Presidenza Viale Guidoni n.61-50127 Firenze -lei. 0557996279 -fax 0557996384 e-mail: presidenza.tribunale.firenze@qiustizia.it Firenze,.18. (?D.-l ~ AI SIGG.RI PRESIDENTIDEGLI ORDINI

Dettagli

SLpct. Manuale utente. Evoluzioni Software s..n.c.

SLpct. Manuale utente. Evoluzioni Software s..n.c. SLpct Manuale utente Evoluzioni Software s.n.c. Slpct Guida all'uso Pag.2 di 31 Indice generale Step 1: Installazione certificati Uffici Giudiziari...3 Step 2: Installazione JCE...6 Step 3: Inserimento

Dettagli

Il Portale dei Servizi Telematici

Il Portale dei Servizi Telematici TRIBUNALE DI POTENZA Il Portale dei Servizi Telematici GUIDA INFORMATIVA AI SERVIZI TELEMATICI DELLA GIUSTIZIA 1 2 Perchè questa guida La presente Guida Informativa si rivolge all utenza degli Uffici Giudiziari

Dettagli

Livorno, 22/07/2014 Prot. n. 427/2014 Ill.mo Sig. Presidente del Tribunale Dott. Carlomaria Garbellotto

Livorno, 22/07/2014 Prot. n. 427/2014 Ill.mo Sig. Presidente del Tribunale Dott. Carlomaria Garbellotto Livorno, 22/07/2014 Prot. n. 427/2014 Ill.mo Sig. Presidente del Tribunale Dott. Carlomaria Garbellotto Tribunale di Ivrea Via Patrioti, 26 10015 Ivrea (TO) Oggetto: Piattaforma web Procedure.it per la

Dettagli

Manuale operativo per la gestione della procedura digitale di rendicontazione del

Manuale operativo per la gestione della procedura digitale di rendicontazione del Manuale operativo per la gestione della procedura digitale di rendicontazione del OccupaMI 2013: Bando contributi alle pmi per il sostegno all occupazione 1. Finalità delle procedure digitali La nuova

Dettagli

Introduzione al PCT. Vincenzo Gunnella. Roma 3 aprile 2014

Introduzione al PCT. Vincenzo Gunnella. Roma 3 aprile 2014 Introduzione al PCT Vincenzo Gunnella Roma 3 aprile 2014 Che cos è il PCT Una serie di servizi telematici per: Ufficio giudiziario Depositare atti e documenti Notaio Ricevere comunicazioni e notificazioni

Dettagli

TRIBUNALE ORDINARIO DI FIRENZE STAFF PCT

TRIBUNALE ORDINARIO DI FIRENZE STAFF PCT TRIBUNALE ORDINARIO DI FIRENZE STAFF PCT Oggetto: novità normative AI SIGG. MAGISTRATI AL PERSONALE AMMINISTRATIVO e, p. c. AL SIG. PRESIDENTE DEL TRIBUNALE AL CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI SEDE

Dettagli

Istruzioni per la compilazione del modulo di deposito di istanza ante causam

Istruzioni per la compilazione del modulo di deposito di istanza ante causam Istruzioni per la compilazione del modulo di deposito di istanza ante causam Questa nota descrive le attività necessarie per preparare il modulo per il deposito telematico di un istanza ante causam. Sommario

Dettagli

CIT.00.M.DI.01#9.1.0# CRS-FORM-MES#346

CIT.00.M.DI.01#9.1.0# CRS-FORM-MES#346 Carta Regionale dei Servizi Sistema Informativo Socio Sanitario Installazione e Configurazione PDL Cittadino CRS-FORM-MES#346 INDICE DEI CONTENUTI 1 INTRODUZIONE... 3 1.1 SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE...

Dettagli

Aprire la Consolle dell Avvocato e, dopo avere inserito il vostro PIN, cliccare sulla sinistra della consolle, e utilizzare la funzione Live :

Aprire la Consolle dell Avvocato e, dopo avere inserito il vostro PIN, cliccare sulla sinistra della consolle, e utilizzare la funzione Live : Guida per il deposito telematico di atti (memorie, comparse con relativi documenti) tramite Consolle dell Avvocato vvocato. @@@ @@@ @@@ Aprire la Consolle dell Avvocato e, dopo avere inserito il vostro

Dettagli

Manuale Utente del Portale CA. Firma Digitale su CNS/CRS

Manuale Utente del Portale CA. Firma Digitale su CNS/CRS - Carta Regionale dei Servizi e Certificati Qualificati di Firma Digitale Manuale Utente del Portale CA Firma Digitale su CNS/CRS Codice del Documento: CRS-CA-MES#01 Revisione del Documento: 1.0 Data di

Dettagli

Università di Firenze Gestione Presenze Interfaccia grafica

Università di Firenze Gestione Presenze Interfaccia grafica Università di Firenze Gestione Presenze Interfaccia grafica Pagina 1 di 29 Versione Emissione Approvazione Modifiche Apportate Autore Data Autore Data 1 Maggini 01/03/06 - - Prima emissione. Pagina 2 di

Dettagli

ALL UTILIZZO DEL SOFTWARE PER I RIVENDITORI

ALL UTILIZZO DEL SOFTWARE PER I RIVENDITORI SISTEMA DISTRIBUZIONE SCHEDE OnDemand GUIDA ALL UTILIZZO DEL SOFTWARE PER I RIVENDITORI un servizio Avviso agli utenti Il prodotto è concesso in licenza come singolo prodotto e le parti che lo compongono

Dettagli

Guida per il deposito telematico di atti in corso di causa (memorie, istanze con relativi documenti) tramite Consolle dell Avvocato

Guida per il deposito telematico di atti in corso di causa (memorie, istanze con relativi documenti) tramite Consolle dell Avvocato Guida per il deposito telematico di atti in corso di causa (memorie, istanze con relativi documenti) tramite Consolle dell Avvocato @@@ @@@ @@@ Aprire la consolle dell avvocato e, dopo avere inserito il

Dettagli

Cliccare sull icona presente sul desktop. L applicativo va utilizzato sempre nel PC dove è stato installato. AVVIO CONSOLLE

Cliccare sull icona presente sul desktop. L applicativo va utilizzato sempre nel PC dove è stato installato. AVVIO CONSOLLE 1 Cliccare sull icona presente sul desktop. L applicativo va utilizzato sempre nel PC dove è stato installato. AVVIO CONSOLLE 2 La Consolle gira in locale ma necessita della connessione ad internet per

Dettagli

Portale Suap SPORVIC2

Portale Suap SPORVIC2 Portale Suap SPORVIC2 Manuale Utente Richiedente Versione 2.0 > I N D I C E < Sommario 1. PREREQUISITI TECNICI PER NAVIGARE SUL SISTEMA SPORVIC2... 4 2. RICERCA DELLE SCHEDE DEI PROCEDIMENTI PUBBLICATE

Dettagli

Manuale LiveBox CLIENT DESKTOP (WINDOWS)

Manuale LiveBox CLIENT DESKTOP (WINDOWS) 2015 Manuale LiveBox CLIENT DESKTOP (WINDOWS) LiveBox Srl non rilascia dichiarazioni o garanzie in merito al contenuto o uso di questa documentazione e declina qualsiasi garanzia espressa o implicita di

Dettagli

CONFIGURAZIONE DELLA PENNA

CONFIGURAZIONE DELLA PENNA DIGITAL NOTES QUICK START Prima di iniziare le procedure di attivazione, apri la scatola della Penna Nokia SU 1B e metti da parte il seguente materiale che non ti servirà per le operazioni richieste: -

Dettagli

Modulo 3 - Elaborazione Testi 3.1 Utilizzo applicazione

Modulo 3 - Elaborazione Testi 3.1 Utilizzo applicazione Università degli Studi dell Aquila Corso ECDL programma START Modulo 3 - Elaborazione Testi 3.1 Utilizzo applicazione Maria Maddalena Fornari Aprire il programma Per creare un nuovo documento oppure per

Dettagli

Funzioni di base. Manualino OE6. Outlook Express 6

Funzioni di base. Manualino OE6. Outlook Express 6 Manualino OE6 Microsoft Outlook Express 6 Outlook Express 6 è un programma, incluso nel browser di Microsoft Internet Explorer, che ci permette di inviare e ricevere messaggi di posta elettronica. È gratuito,

Dettagli

PIATTAFORMA TELEMATICA INTEGRATA REGIONE SICILIANA. Componente Autonoma Firma Digitale - Rimodulazione Manuale di Esercizio

PIATTAFORMA TELEMATICA INTEGRATA REGIONE SICILIANA. Componente Autonoma Firma Digitale - Rimodulazione Manuale di Esercizio PIATTAFORMA TELEMATICA INTEGRATA REGIONE SICILIANA Componente Autonoma Firma Digitale - Rimodulazione Manuale di Esercizio Redatto da: Eleonora Bordino 09/01/2012 Verificato da: Pierluigi Trombetti 09/01/2012

Dettagli

IL PCT: PROCESSO CIVILE TELEMATICO

IL PCT: PROCESSO CIVILE TELEMATICO PCT Istruzioni per l uso IL PCT: PROCESSO CIVILE TELEMATICO 12 novembre 2014 Brescia 1 Cosa è cambiato con il PCT Aspetti positivi: I documenti sono consultabili da qualsiasi postazione; Si è sempre aggiornati

Dettagli

IL P C T. Il Processo Telematico a Orvieto. >> La Soluzione Lextel

IL P C T. Il Processo Telematico a Orvieto. >> La Soluzione Lextel IL P C T Il Processo Telematico a Orvieto >> La Soluzione Lextel 1 Il Processo Civile Telematico È lo sviluppo delle procedure civili tramite l'uso delle nuove tecnologie dell'informazione in modo sicuro,

Dettagli

Manuale di sopravvivenza per avvocati sull orlo di una crisi di nervi IL PROCESSO CIVILE TELEMATICO: COME USCIRNE FONDAMENTALMENTE VIVI A COSTO ZERO.

Manuale di sopravvivenza per avvocati sull orlo di una crisi di nervi IL PROCESSO CIVILE TELEMATICO: COME USCIRNE FONDAMENTALMENTE VIVI A COSTO ZERO. Manuale di sopravvivenza per avvocati sull orlo di una crisi di nervi IL PROCESSO CIVILE TELEMATICO: COME USCIRNE FONDAMENTALMENTE VIVI A COSTO ZERO. Il 30 giugno 2014 nei procedimenti civili, contenziosi

Dettagli

Sistema Notifiche Penali

Sistema Notifiche Penali Dipartimento dell organizzazione giudiziaria, del personale e dei servizi Direzione generale per i sistemi informativi automatizzati Sistema Notifiche Penali Istruzioni Per accedere al Sistema Notifiche

Dettagli

Cristina Ferrari. Assistente Studi Professionali Tel/Fax 02 43 98 67 43 Cell. 331 487 34 97 E-mail:crissferr@virgilio.it

Cristina Ferrari. Assistente Studi Professionali Tel/Fax 02 43 98 67 43 Cell. 331 487 34 97 E-mail:crissferr@virgilio.it Tel/Fax 02 43 98 67 43 Cell. 331 487 34 97 E-mail:crissferr@virgilio.it PROCESSO CIVILE TELEMATICO - INVIO TELEMATICO DECRETO INGIUNTIVO 30 GIUGNO 2014 OBBLIGATORIETÀ DEL DEPOSITO TELEMATICO ATTI PROCESSUALI*

Dettagli

PRATICHE EDILIZIE ON LINE MANUALE UTENTE

PRATICHE EDILIZIE ON LINE MANUALE UTENTE PRATICHE EDILIZIE ON LINE MANUALE UTENTE MARZO 2006 INDICE 1. INTRODUZIONE... 4 1.1 SCOPO DEL DOCUMENTO... 4 1.2 RIFERIMENTI NORMATIVI... 4 2. STRUMENTAZIONE NECESSARIA... 5 3. ACCESSO AL SERVIZIO... 6

Dettagli

SICE.NET Servizio Informativo Casse Edili

SICE.NET Servizio Informativo Casse Edili SICE.NET Servizio Informativo Casse Edili http://213.26.67.117/ce_test Guida all uso del servizio Internet On-Line CASSA EDILE NUOVA INFORMATICA Software prodotto da Nuova Informatica srl Pag. 1 Il Servizio

Dettagli

POLISWEB e l integrazione in Suite Avvocato Elite

POLISWEB e l integrazione in Suite Avvocato Elite POLISWEB e l integrazione in Suite Avvocato Elite Sommario POLISWEB e l integrazione in Suite Avvocato Elite... 1 L'architettura del sistema Polisweb nazionale e il Polisweb PCT... 2 I punti di Accesso...

Dettagli

Processo Telematico:

Processo Telematico: Processo Telematico: Gli strumenti per il processo civile e penale Argomenti trattati: Posta Elettronica Certificata PEC Dispositivi di accesso e firma digitale Il corso si reitererà nelle date: 9 ottobre

Dettagli

BREVE GUIDA ALL USO DI CNS E SMART CARD aggiornata a febbraio 2009

BREVE GUIDA ALL USO DI CNS E SMART CARD aggiornata a febbraio 2009 Area Anagrafe Economica BREVE GUIDA ALL USO DI CNS E SMART CARD aggiornata a febbraio 2009 PREMESSA... 1 PRIMO UTILIZZO DEL DISPOSITIVO DI FIRMA DIGITALE... 1 COME SI FIRMA UN DOCUMENTO INFORMATICO...

Dettagli

Processo civile telematico: obiettivi, funzioni e prospettive

Processo civile telematico: obiettivi, funzioni e prospettive Processo civile telematico: obiettivi, funzioni e prospettive Ing. Giulio Borsari Ministero della Giustizia Dipartimento dell organizzazione giudiziaria, del personale e dei servizi Direzione generale

Dettagli

Vademecum dell Avvocato digitale

Vademecum dell Avvocato digitale * Responsabile Emilio Franhcomme Vademecum dell Avvocato digitale Nozioni minime di informatica nell ambito del PCT (Processo Civile Telematico) Gennaio 2014 Sommario: Cosa serve all Avvocato per essere

Dettagli

Servizio di Invio Telematico delle Schedine Alloggiati

Servizio di Invio Telematico delle Schedine Alloggiati . Servizio di Invio Telematico delle Schedine Alloggiati 1. Login Fig.1.1: Maschera di Login Per accedere all applicativo inserire correttamente nome utente e password poi fare clic sul pulsante Accedi,

Dettagli

>> La Soluzione Lextel

>> La Soluzione Lextel >> La Soluzione Lextel 1 Tecnologie La postazione del professionista deve essere dotata di alcune tecnologie di base per partecipare al PCT: Dispositivo di firma digitale con certificati di autenticazione

Dettagli

Manuale Operativo per la firma digitale

Manuale Operativo per la firma digitale Manuale Operativo per la firma digitale Indice 1. Introduzione... 1 2. Installazione del lettore di smart card... 1 3. Installazione del Dike e Dike Util... 7 1. Premessa... 8 2. Installazione DikeUtil...

Dettagli

Si fa presente che la cancelleria non stamperà in nessun caso copia cartacea degli atti e dei documenti depositati

Si fa presente che la cancelleria non stamperà in nessun caso copia cartacea degli atti e dei documenti depositati TRIBUNALE CIVILE DI ROMA ORDINE DEGLI AVVOCATI DI ROMA ISTRUZIONI OPERATIVE PER IL DEPOSITO TELEMATICO DEGLI ATTI DI PARTE DEL CONTENZIOSO ATTRAVERSO LA PIATTAFORMA DEL PROCESSO TELEMATICO Il Tribunale

Dettagli

Sistema Informativo Sanitario Territoriale

Sistema Informativo Sanitario Territoriale Sistema Informativo Sanitario Territoriale MANUALE KIT ACTALIS CNS Versione 1.0 Dicembre 2009 Innova S.p.A. Pag 1 di 34 Indice 1. SCOPO DEL MANUALE... 3 2. REQUISITI DI SISTEMA... 3 3. ACTALIS KIT CNS

Dettagli

Vademecum Professionisti ausiliari del Giudice

Vademecum Professionisti ausiliari del Giudice Vademecum Professionisti ausiliari del Giudice Processo Civile Telematico Sezione Commerciale del Tribunale di Lecce Il presente documento di prassi è stato elaborato C.O.Gruppo srl con il supporto della

Dettagli

Manuale LiveBox CLIENT DESKTOP (WINDOWS)

Manuale LiveBox CLIENT DESKTOP (WINDOWS) 2014 Manuale LiveBox CLIENT DESKTOP (WINDOWS) LiveBox Srl non rilascia dichiarazioni o garanzie in merito al contenuto o uso di questa documentazione e declina qualsiasi garanzia espressa o implicita di

Dettagli

1 ACCESSO A FASCICOLO TELEMATICO PER LA PARTE NON COSTITUITA

1 ACCESSO A FASCICOLO TELEMATICO PER LA PARTE NON COSTITUITA Protocollo PCT di Reggio Emilia 1 ACCESSO A FASCICOLO TELEMATICO PER LA PARTE NON COSTITUITA 1.1 Caratteristiche nuova funzionalità Nei sistemi SICID e SIECIC sono stati implementati, con aggiornamento

Dettagli

Gestione dei contenuti web Ultimi eventi

Gestione dei contenuti web Ultimi eventi Gestione dei contenuti web Ultimi eventi Questo manuale illustra le operazioni più comuni per la manutenzione e aggiornamento del sito web http://terremoti.ingv.it/ultimi eventi/ tramite l interfaccia

Dettagli

Firma Digitale dei documenti

Firma Digitale dei documenti Manuale d uso Fornitore Configurazione software per Firma Digitale e Marca Temporale Obiettivi e struttura del documento Il presente documento mira a fornire un supporto ai fornitori nelle seguenti fasi:

Dettagli

Posta Elettronica Certificata. Manuale di utilizzo del servizio Webmail Light di Telecom Italia Trust Technologies

Posta Elettronica Certificata. Manuale di utilizzo del servizio Webmail Light di Telecom Italia Trust Technologies Posta Elettronica Certificata Manuale di utilizzo del servizio Webmail Light di Telecom Italia Trust Technologies Documento Interno Pag. 1 di 28 Indice degli argomenti Indice degli argomenti... 2 1 Introduzione...

Dettagli

Guida all utilizzo del Token USB come Carta Nazionale dei Servizi

Guida all utilizzo del Token USB come Carta Nazionale dei Servizi Guida all utilizzo del Token USB come Carta Nazionale dei Servizi Per accedere ai servizi offerti dai Portali della Pubblica Amministrazione, utilizzando il certificato di autenticazione personale contenuto

Dettagli

Servizi Polisweb. Guida all uso. www.accessogiustizia.it POLISWEB NAZIONALE POLISWEB PCT CASSAZIONE

Servizi Polisweb. Guida all uso. www.accessogiustizia.it POLISWEB NAZIONALE POLISWEB PCT CASSAZIONE Guida all uso www.accessogiustizia.it Servizi Polisweb POLISWEB NAZIONALE POLISWEB PCT CASSAZIONE Lextel SpA L informazione al lavoro. Lextel mette l informazione al lavoro attraverso proprie soluzioni

Dettagli

Gestore Comunicazioni Obbligatorie. Progetto SINTESI. Comunicazioni Obbligatorie. Modulo Applicativo COB. - Versione Giugno 2013 -

Gestore Comunicazioni Obbligatorie. Progetto SINTESI. Comunicazioni Obbligatorie. Modulo Applicativo COB. - Versione Giugno 2013 - Progetto SINTESI Comunicazioni Obbligatorie Modulo Applicativo COB - Versione Giugno 2013-1 Versione Giugno 2013 INDICE 1 Introduzione 3 1.1 Generalità 3 1.2 Descrizione e struttura del manuale 3 1.3 Requisiti

Dettagli

MANUALE DI INSTALLAZIONE OMNIPOINT

MANUALE DI INSTALLAZIONE OMNIPOINT MANUALE DI INSTALLAZIONE OMNIPOINT Pagina 1 di 36 Requisiti necessari all installazione... 3 Configurazione del browser (Internet Explorer)... 4 Installazione di una nuova Omnistation... 10 Installazione

Dettagli

Commissione FALLCO Componenti:

Commissione FALLCO Componenti: Commissione FALLCO Componenti: Filippo Favi, Francesco Biancalani, Alessandra Cocci, Daniela Cocci, Roberto Tosa, Daniele Vignaroli. Strumenti necessari per il Processo Civile Telematico 2 INDICE 1. STRUMENTI

Dettagli

SPOT. Sistema Puglia per l Osservatorio Turistico

SPOT. Sistema Puglia per l Osservatorio Turistico SPOT Sistema Puglia per l Osservatorio Turistico Innovazione e semplificazione nella gestione delle informazioni turistiche Modalità Completa Manuale d uso del sistema Ver. 2.0 maggio 2014 Progetto Sistema

Dettagli