Allegato CAPITOLATO D ONERI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Allegato CAPITOLATO D ONERI"

Transcript

1 Allegato AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PROGETTAZIONE E REALIZZAZIONE DELLA CAMPAGNA ISTITUZIONALE A CARATTERE PUBBLICITARIO VOLTA ALLA PROMOZIONE DELLA IDENTITA EUROPEA NELLA REGIONE SICILIANA CAPITOLATO D ONERI

2 ART. 1 Oggetto dell Appalto Oggetto del bando è l affidamento dei servizi di progettazione e realizzazione di una campagna istituzionale a carattere pubblicitario volta alla promozione del valore dell identità europea e ad informare l'opinione pubblica sul ruolo svolto dall'unione Europea nella realizzazione degli interventi e sui risultati conseguiti nell attuazione del POR Sicilia 2000/2006. La campagna di comunicazione in oggetto si fonda su un quadro normativo che fa riferimento, innanzitutto ai Regolamenti (CE) n. 1260/1999 (art. 34 e 46) e n. 1159/2000, ed al Piano di comunicazione del POR Sicilia In considerazione dei target di riferimento e degli obiettivi di comunicazione, i concorrenti dovranno formulare una proposta innovativa di una campagna di comunicazione istituzionale a carattere pubblicitario. Le azioni di comunicazione dovranno privilegiare il più possibile l integrazione fra gli strumenti e i media, con l obiettivo di dar vita ad un flusso informativo atto a raggiungere in modo efficace ed efficiente tutti i destinatari previsti. L Amministrazione considera necessari la progettazione e realizzazione della campagna istituzionale a carattere pubblicitario, attraverso i seguenti strumenti di comunicazione. È oggetto della fornitura il seguente insieme di beni e servizi: a) creazione dello slogan identificativo della campagna; b) realizzazione di una campagna pubblicitaria televisiva e radiofonica, con ideazione, produzione e diffusione dei relativi spot televisivi e radiofonici; c) ideazione, realizzazione ed inserzioni sulla stampa più quotata in ambito locale di uno o più messaggi aventi ad oggetto l immagine del POR Sicilia e le differenti tipologie di interventi realizzati in Sicilia grazie all utilizzo dei Fondi Strutturali; d) ideazione, realizzazione e affissione di cartelli pubblicitari. I principali contenuti della campagna istituzionale sono: - che cosa è stato il P.O.R. Sicilia: come si cresce in Europa - opportunità finanziarie ma soprattutto strategia per lo sviluppo. Sarà importante sottolineare il ruolo svolto dalla Regione Siciliana nell implementazione della strategia di sviluppo locale; - come e dove ha operato il P.O.R. Sicilia: impatto sul territorio siciliano attraverso le principali azioni di intervento quali la crescita, l innovazione e il cambiamento (Progettazione integrata); - a chi è stato destinato il P.O.R. Sicilia: i principali destinatari e beneficiari finali degli interventi da realizzare sul territorio siciliano con le risorse del P.O.R.. I messaggi devono essere ottimizzati per i relativi canali di comunicazione: radio, televisione, giornali e affissioni e, inoltre, fornire informazioni relative agli indirizzi Web dedicati alle tematiche comunitarie. ART. 2 Obiettivi del servizio Con la presente procedura di gara la Regione Siciliana intende dare piena attuazione ai regolamenti CE 1260/1999 e 1159/2000 al fine di: - sviluppare presso l opinione pubblica regionale il senso di appartenenza all Europa, valorizzando i risultati raggiunti a livello locale; - promuovere la conoscenza dell Unione Europea ed il ruolo che essa riveste per la crescita economica, strutturale e sociale del territorio siciliano; - informare ed aumentare la visibilità e notorietà degli interventi e delle iniziative realizzate in Sicilia attraverso il P.O.R.

3 1. obiettivi delle azioni di comunicazione Le azioni informative e pubblicitarie della campagna in oggetto mirano ad aumentare la notorietà e la trasparenza delle azioni realizzate dalla Regione Siciliana con l aiuto dell UE nel proprio territorio, nonché dare un immagine omogenea degli interventi stessi. Nello specifico, le azioni della campagna di comunicazione avranno lo scopo di informare tutti i cittadini della Regione Siciliana sul ruolo svolto dall Unione Europea e sui risultati ottenuti attraverso gli interventi finanziati dai Fondi Strutturali. La campagna di comunicazione dovrà veicolare i contenuti relativi alle seguenti tematiche: Beni culturali, Formazione e lavoro, Pari Opportunità, Innovazione Tecnologica, Sviluppo Locale, Ambiente, Città, Nodi di servizio. Il messaggio della campagna di comunicazione dovrà avere come obiettivo la sensibilizzazione di tutti i cittadini della Regione Siciliana al valore di cittadinanza e di appartenenza all Unione Europea. Per raggiungere in modo efficace questo obiettivo la campagna di comunicazione dovrà diffondere la conoscenza delle azioni, delle strategie di sviluppo locale e dei risultati conseguiti grazie all attuazione del P.O.R. Sicilia 2000/06. Attraverso la campagna di comunicazione la Regione Siciliana intende, dunque, diffondere i principali e più significativi risultati ottenuti grazie all Unione Europea, basandosi sullo strumento di programmazione regionale e sulla progettazione integrata che seguono le direttrici di intervento individuate dalla Unione Europea. Comunicare al grande pubblico i risultati conseguiti sul territorio siciliano grazie ai Fondi Strutturali europei agevola il graduale percorso di avvicinamento dell Unione Europea ai cittadini siciliani e viceversa, e aiuta la Regione a diffondere presso il grande pubblico il sentimento di identità europea ed i relativi diritti di cittadinanza europea. Il messaggio della campagna di comunicazione, come da Reg. CE 1159/2000, dovrà mettere in evidenza che l intervento dell Unione Europea: - contribuisce a ridurre il divario tra i livelli di sviluppo delle varie regioni e il ritardo delle Regioni meno favorite; - contribuisce alla correzione dei principali squilibri regionali esistenti nella comunità, partecipando allo sviluppo e all adeguamento strutturale delle regioni in ritardo di sviluppo, nonché alla riconversione economica e sociale delle Regioni. 2. tono della comunicazione - Istituzionale - Può essere ironico - Non aggressivo, né offensivo 3. carattere della comunicazione Deve lanciare ai destinatari informazioni chiare e non ambigue, rendendo l Unione Europea un soggetto sempre più familiare e, quindi, vicino ai cittadini siciliani. La comunicazione, espressa in un linguaggio semplice (ma non semplicistico) e strutturato, deve chiarire che l Unione Europea si occupa di questioni che riguardano direttamente i cittadini. 4. destinatari delle azioni di comunicazione I destinatari delle azioni di comunicazione e informazione sono tutti i cittadini della Regione Siciliana così come indicato nei regolamenti comunitari sopra citati. In particolare i target di riferimento della campagna di comunicazione sono i seguenti:

4 Opinione pubblica generale: sono tutti i cittadini della Regione Siciliana, in particolare: - Sfera sociale: cittadini, famiglie, mondo della scuola, associazionismo, istituzioni religiose; - Sfera economica: sistema delle imprese, mondo del lavoro, associazioni di categoria, organizzazioni sindacali e professionali; - Sfera istituzionale: Enti Locali, ASL, Amministratori e funzionari delle PP.AA.; - Sfera delle conoscenze: Università, Centri di Ricerca, Banche Dati, Sistemi Informativi, Professioni; Mass media e in generale il sistema dell informazione locale: sono i quotidiani ed i periodici di informazione e di economia a diffusione regionale, periodici familiari e femminili, periodici specializzati su lavoro, formazione, impresa, turismo, TV e radio locali, media on line. Attraverso i mass media la Regione intende potenziare il messaggio della campagna e raggiungere il vasto pubblico allo scopo di diffondere nel modo più ampio possibile la conoscenza dell Unione Europea e i risultati conseguiti grazie ai Fondi Strutturali europei. 5. tipologie e caratteristiche degli strumenti di comunicazione Tutti gli strumenti di comunicazione hanno come unico obiettivo quello di aumentare la notorietà e la trasparenza delle azioni dell Unione Europea realizzate nel e per il territorio siciliano al fine di sviluppare nei cittadini il senso di appartenenza all Unione Europea. Per ogni target individuato dovrà essere utilizzato lo strumento più adeguato. È necessario garantire l integrazione di tutti gli strumenti di comunicazione adottati con lo scopo di assicurare la massima diffusione ed efficacia alla campagna di comunicazione. Il materiale informativo e pubblicitario, realizzato sia in forma cartacea che elettronica, deve presentare una veste grafico - editoriale tale da assicurare l uniformità, la coerenza visiva e la riconoscibilità istituzionale, attraverso un immagine coordinata. Su indicazioni fornite dall Amministrazione il materiale sopra citato deve altresì recare i loghi istituzionali dell Unione Europea, della Regione Siciliana e del POR Sicilia così come previsto dal Reg. CE 1159/2000. La progettazione degli aspetti grafici e dei criteri di comunicazione dovrà, altresì, fare riferimento agli strumenti grafici (logo, emblemi, ecc) già utilizzati dal POR Sicilia e integrarsi con gli altri strumenti di comunicazione già predisposti dall Amministrazione nell ambito dei Fondi Strutturali. Per ogni strumento adottato dalla campagna deve essere realizzato un master dal Committente che possa essere impiegato in tutte le attività di pubblicità e informazione legate all attuazione del P.O.R. ART. 3 Caratteristiche specifiche Di seguito le caratteristiche specifiche delle diverse azioni previste che, a pena di esclusione, dovranno tutte essere contemplate nell offerta tecnica: 1. SLOGAN DESCRIZIONE: lo slogan rappresenta lo strumento che caratterizza l intera campagna promozionale, quale elemento di continuità ed unione dell intero impianto di comunicazione su cui essa si fonda. Il concept dello slogan è rimesso alla libera creatività del concorrente, fatta salva la sua idoneità a raggiungere lo scopo identificativo di cui sopra, in armonia con i fini della campagna pubblicitaria. Potrà essere presentato un solo slogan. 2. SPOT TELEVISIVO E RADIOFONICO DESTINATARI: opinione pubblica generale.

5 DESCRIZIONE: lo spot rappresenta lo strumento attraverso il quale la Regione Siciliana intende comunicare a tutti i cittadini in modo diffuso e capillare i valori simbolici del P.O.R. Sicilia e altresì comunicare le opportunità offerte dalla programmazione regionale , le principali azioni del P.O.R. cofinanziate dai Fondi Strutturali e finalizzate alla crescita sociale ed economica del territorio siciliano. I prodotti devono essere forniti anche in versione elettronica per la pubblicazione sui siti Internet della Regione. Gli spot televisivi dovranno essere realizzati in formato da 30 secondi Gli spot radiofonici dovranno completamente integrarsi con quelli televisivi ed essere realizzati in formato da circa 30 secondi con più soggetti a rotazione. Entrambi dovranno essere realizzati secondo i contenuti indicati nell oggetto dell appalto. La programmazione degli spot televisivi dovrà essere realizzata con due ripetizioni di 30 giorni nei mesi di ottobre 2007 e gennaio 2008 per un totale complessivo di 60 giorni di programmazione. DISTRIBUZIONE: I media che il Committente intende utilizzare sono le radio nazionali con programmazione pubblicitaria a diffusione regionale e le emittenti televisive a diffusione regionale. In sede di offerta tecnica i concorrenti dovranno presentare un Piano Media che dia massima visibilità ed efficacia comunicativa alle iniziative di comunicazione previste nel progetto creativo, in sinergia con le altre attività per la realizzazione della campagna di comunicazione. 1) PRODUZIONE N 1 spot 30 grafica con montaggio digitale AVID Prospetto spot tv e radio N 1 spot 30 riprese televisive e montaggio digitale AVID 2) POST-PRODUZIONE N 2 spot 30 grafica e sonorizzazione con voci professionali 3) PIANIFICAZIONE TV - SPOT 30 Totale passaggi giornalieri: n 11 Durata programmazione: 60 gg. Totale passaggi: n 660 Interruzione TG n 1 passaggio a interruzione I II III edizione del TG dal lunedì al sabato. 4) PIANIFICAZIONE RADIO - SPOT 30 Totale passaggi giornalieri: n 15 Durata programmazione: 30 gg. Totale passaggi: n 450 Passaggi da effettuare principalmente nelle tre fasce 8:00/10:00 12:00/14:00 19:00/21:00

6 3. INSERZIONI PUBBLICITARIE SU QUOTIDIANI E PERIODICI DESTINATARI: opinione pubblica generale. DESCRIZIONE: Le inserzioni pubblicitarie sui quotidiani, ideate e realizzate in modo integrato ai progetti degli spot televisivi e radiofonici secondo i contenuti indicati nell oggetto dell appalto, rappresentano lo strumento attraverso il quale il Committente intende dare visibilità e trasparenza alle azioni legate all attuazione del P.O.R. Sicilia. DISTRIBUZIONE: si prevede la pubblicazione delle inserzioni pubblicitarie principalmente sui quotidiani nazionali con foliazione regionale e sui quotidiani a diffusione regionale. Eventuali inserzioni su periodici nazionali con distribuzione pubblicitaria regionale e su periodici regionali. Il formato previsto dovrà essere a pagina intera o 1/2 pagina. È preferibile, ove possibile, l acquisto di pagine a colori per amplificare la visibilità del messaggio. E possibile inserire pagine b/n per i quotidiani che non prevedono stampa a colori. Le pagine devono essere garantite in posizioni di rilievo. Le inserzioni devono essere fornite anche in versione elettronica per la pubblicazione sul sito internet della Regione. Per la diffusione del messaggio su carta stampata dovrà essere elaborato il relativo piano media, come descritto nell offerta tecnica. 4. AFFISSIONI DESTINATARI: opinione pubblica generale. DESCRIZIONE: il Committente intende promuovere attraverso la realizzazione di manifesti una comunicazione integrata e modulare che illustri, per temi, che cos è il P.O.R., come e dove il P.O.R. ha operato, a chi si è rivolto e a chi è stato destinato, secondo i contenuti indicati nell oggetto dell appalto. I formati previsti sono i 600x300cm e 100x140cm. DISTRIBUZIONE: deve prevedere un piano delle affissioni che assicuri una copertura regionale. In particolare, per quanto riguarda l affissione nei porti e negli aeroporti, sono stati individuati quelli più importanti per il volume di traffico e che assicurino una copertura della zona occidentale e orientale. Le affissioni dovranno avere una durata di 14 giorni ed essere eseguite contemporaneamente con la prima emissione di spot televisivi e radiofonici. L offerta tecnica dovrà svilupparsi seguendo i contenuti minimi del prospetto seguente: PORTO DI PALERMO E DI CATANIA PROSPETTO AFFISSIONI N 2 poster illuminati (1+1) f.to 6x3 N 4 spazi interno stazione marittima (2+2) AEROPORTO FALCONE-BORSELLINO E FONTANAROSSA N 2 poster illuminati (1+1) f.to 6x3 N 12 spazi circuito aeroporto così distribuiti: n 6 spazi zona arrivi (3+3) n 6 spazi zone partenze check-in (3+3) PALERMO N 30 poster tradizionali f.to 6x3 N 30 poster illuminati f.to 6x3 N 200 facciate pensiline autobus f.to 100x140 n 5 spazi zona partenze controllo polizia CATANIA

7 N 20 poster tradizionali f.to 6x3 N 20 poster illuminati f.to 6x3 N 100 paline plastificate f.to 100x140 SIRACUSA N 10 poster tradizionali f.to 6X3 N 5 poster illuminati f.to 6x3 N 30 paline di fermata autobus f.to 100x140 RAGUSA N 10 poster tradizionali f.to 6x3 ENNA N 6 poster tradizionali f.to 6x3 CALTANISSETTA N 6 poster tradizionali f.to 6x3 N 1 poster illuminato f.to 6x3 AGRIGENTO N 10 poster tradizionali f.to 6x3 N 2 poster illuminati f.to 6x3 MESSINA N 10 poster tradizionali f.to 6x3 N 2 poster illuminati f.to 6x3 TRAPANI N 6 poster tradizionali f.to 6x3 N 1 poster illuminato f.to 6x3

8 ART. 4 Altri oneri a carico dell aggiudicatario Tutti i trasporti relativi all esecuzione della fornitura e alla consegna/ritiro dei files e/o documenti necessari per la predisposizione della fornitura stessa (master, visto si stampi, correzioni, bozze, ecc.); tutte le spese di affissione (comprese imposte e tasse) saranno a carico dell aggiudicatario. ART. 5 Criteri per il Monitoraggio e valutazione del servizio L Aggiudicatario dovrà assicurare il monitoraggio della campagna di comunicazione e fornire all Amministrazione tutti i dati e le informazioni relative alla valutazione dei risultati delle azioni di comunicazione messe a bando. Pertanto, il Committente secondo le indicazioni dell Area Coordinamento Assistenza Tecnica - Unità Operativa di Base I studi, documentazione, organizzazione delle conoscenze; servizi della comunicazione e della promozione; U.R.P., monitora e valuta l efficacia e l efficienza delle azioni di comunicazione realizzate, attraverso i seguenti strumenti di monitoraggio: A. resoconto complessivo dei risultati quantitativi effettivamente generati dalla campagna pubblicitaria che al termine della campagna media l Aggiudicatario dovrà fornire al Committente; B. collaborazione atta a consentire al Committente la verifica di regolarità e buona esecuzione del servizio (in particolare la documentazione fotografica relativa alla localizzazione degli impianti di affissione, pagine pubblicitarie dei quotidiani e/o periodici); C. questionari rivolti ai cittadini siciliani e addetti ai lavori, nonché in occasione di incontri ed eventi indicati dal Committente; D. indice GRP che sintetizza la quantità di comunicazione prodotta da una pianificazione in relazione al target; E. indici di ascolto delle trasmissioni radio-televisive. Ai precedenti strumenti l Aggiudicatario potrà aggiungere ulteriori strumenti di monitoraggio purché coerenti con le finalità di cui al presente paragrafo. L Aggiudicatario dovrà rendere possibile il confronto con i dati previsionali indicati nel Piano media e dovrà certificare la reale diffusione dei prodotti realizzati (attraverso la fornitura dei riscontri resi dai concessionari), nel rispetto del calendario, contestando, in favore dell Amministrazione e presso i fornitori dei servizi, eventuali incongruenze con quanto previsto, nonché ogni eventuale anomalia nella pubblicazione delle inserzioni pubblicitarie. ART. 6 Termini di consegna e tempistica I files definitivi da consegnare ai concessionari stampa e affissione, nonché radiotelevisivi dovranno essere consegnati all Amministrazione per un ultima verifica entro 15 gg. dalla stampa o dalla messa in onda e sottoposti a un visto si stampi che verrà fornito entro 5 gg. lavorativi. L Amministrazione si riserva di approvare preventivamente il materiale a stampa da fornire, anche richiedendo di ogni prodotto prove colore cromalin, nonché richiedendo eventuali modifiche alle proposte dei progetti e di rendere il visto si stampi inerente alla realizzazione di ogni prodotto. Tutto il materiale a stampa dovrà essere consegnato in una sede indicata dall Amministrazione. I materiali a stampa forniti saranno collaudati entro 30 giorni dalla data di consegna. Nel caso in cui, a seguito di collaudo, i prodotti a stampa non risultino conformi a quanto previsto, l Affidatario adempirà all obbligo di ritirare e sostituire i prodotti non accettati entro 15 giorni dalla data della lettera raccomandata dell Amministrazione di notifica del rifiuto.

9 ART. 7 Contenuto dell offerta tecnica Il progetto dovrà essere formulato in modo che sia chiaramente distinta l idea portante dell iniziativa (strategia di comunicazione e creatività) dalle modalità di realizzazione (mezzi e strumenti impiegati). In particolare sarà determinante il giudizio complessivo sulla qualità dell idea creativa, per cui questa dovrà essere esplicitata con un livello di dettaglio tale da consentire all Amministrazione appaltante una chiara valutazione dell offerta. Le modalità di realizzazione dovranno chiaramente individuare i mezzi e gli strumenti, e indicare la stima del numero e del tipo dei contatti che gli interventi si propongono di raggiungere. L offerta da presentarsi nei tempi e con le modalità indicate nel bando, deve contenere i documenti di seguito elencati. A. Progetto tecnico analitico, fornito anche su supporto informatico, contenente il piano di realizzazione degli strumenti di comunicazione, costituito da tutti gli elementi atti a definire compiutamente ed in modo univoco le attività da realizzare sotto il profilo qualitativo/quantitativo, organizzativo, temporale e degli obiettivi da perseguire. La proposta tecnica dovrà comunque contenere: - descrizione degli obiettivi e della strategia della campagna di comunicazione; - scelte grafico-creative di fondo; - articolazione degli strumenti di comunicazione indicati nel presente capitolato, salve eventuali modalità in aggiunta a quelle previste, specificando per ogni singolo media: il numero di messaggi, la loro natura, e la loro durata, la fascia oraria di trasmissione, il numero d ordine delle pagine in cui avverrà la pubblicazione e la diffusione sul territorio (tiratura. etc.), i relativi importi. B. Proposta creativa: la proposta creativa di tutti gli strumenti di comunicazione dovrà essere presentata con bozzetti grafici e anche su supporto informatico. Per ciascuna categoria potrà essere utilizzato uno dei formati indicati: 1- Immagini: gif, bmp, jpg, jpeg, png, pcx, tiff (per Windows) 2- Video: 2a) Formati riproducibili con Windows Media Player 2b) Formati DVD riproducibili con Windows Media Player o Nero StartSmart o PowerDVD 3- Audio: Windows media (Wmv, wvx) Audio (wav) MP3 (mp3, m3u) MIDI (mid, midi, rmi) Brano Cd audio (cda)

10 C. Media Plan dettagliato, coerentemente agli standard forniti dall Amministrazione, attraverso il quale definire la strategia media più efficace per ottenere il pieno utilizzo delle leve di comunicazione, sia sulla base di considerazioni di carattere comunicativo, sia sulla base di valutazioni di convenienza economica. In particolare, il Piano media dovrà descrivere in maniera dettagliata la strategia proposta ed evidenziare: - la distribuzione temporale della campagna media; - la ripartizione in percentuale degli investimenti in riferimento a ciascun mezzo proposto, con chiara indicazione, per ciascun mezzo, del numero di passaggi e delle inserzioni e affissioni. Importo dell appalto escluso IVA nelle misure di legge L importo è di EURO ,00 (IVA esclusa).

REGIONE SICILIANA Assessorato Infrastrutture e Mobilità Dipartimento Infrastrutture Mobilità e Trasporti SERVIZIO XXIII

REGIONE SICILIANA Assessorato Infrastrutture e Mobilità Dipartimento Infrastrutture Mobilità e Trasporti SERVIZIO XXIII REGIONE SICILIANA Assessorato Infrastrutture e Mobilità Dipartimento Infrastrutture Mobilità e Trasporti SERVIZIO XXIII PROCEDURA APERTA AI SENSI DEL D.Lgs N. 163/2006 E S.M.I. PER L AFFIDAMENTO DEL Servizio

Dettagli

GRUPPO DI AZIONE COSTIERA JONICO SALENTINO scarl

GRUPPO DI AZIONE COSTIERA JONICO SALENTINO scarl CAPITOLATO TECNICO GARA D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI IDEAZIONE, ORGANIZZAZIONE E REALIZZAZIONE DI UNA CAMPAGNA DI ANIMAZIONE TERRITORIALE PER LA PROMOZIONE DEL PRODOTTO ITTICO E DELLA DIVERSIFICAZIONE

Dettagli

PIANO DI COMUNICAZIONE

PIANO DI COMUNICAZIONE ALLEGATO 1 DIREZIONE POLITICHE AGRICOLE --------------------------------------------------------------------------------------------------------------------- PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2007-2013 PIANO

Dettagli

REGIONE PUGLIA Area organizzazione e riforma dell amministrazione CHIARIMENTI

REGIONE PUGLIA Area organizzazione e riforma dell amministrazione CHIARIMENTI REGIONE PUGLIA Area organizzazione e riforma dell amministrazione Ufficio E-Procurement APPALTO PUBBLICO CON PROCEDURA APERTA, AI SENSI DELL ART. 55 DEL D.LGS. N. 163/06, PER LA FORNITURA DI SERVIZI PER

Dettagli

L EFFICACIA DELLA COMUNICAZIONE

L EFFICACIA DELLA COMUNICAZIONE L EFFICACIA DELLA COMUNICAZIONE GLI ESITI DEL PRIMO RAPPORTO DI VALUTAZIONE ANTONIO STRAZZULLO COMITATO DI SORVEGLIANZA REGGIO EMILIA, 21 GIUGNO 2011 Obiettivi della valutazione Valutazione del Piano di

Dettagli

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali CUP: LOTTO CIG: J52F13000020007 ZF20A50BDB Gara per l appalto denominato Affidamento della campagna di comunicazione sociale contro il lavoro irregolare in agricoltura. FONDO EUROPEO PER L INTEGRAZIONE

Dettagli

POR FESR 2014-2020 Regione Emilia-Romagna. Decisione C(2015) 928 del 13 febbraio 2015

POR FESR 2014-2020 Regione Emilia-Romagna. Decisione C(2015) 928 del 13 febbraio 2015 POR FESR 2014-2020 Regione Emilia-Romagna Decisione C(2015) 928 del 13 febbraio 2015 Piano di comunicazione 2015 Indice Premessa 3 Azioni di comunicazione 3 Azione propedeutica: definizione dell immagine

Dettagli

Il Presidente del Consiglio dei Ministri

Il Presidente del Consiglio dei Ministri Direttiva del 28 settembre 2009 Indirizzi interpretativi ed applicativi in materia di destinazione delle spese per l acquisto di spazi pubblicitari da parte delle Amministrazioni dello Stato ai sensi dell

Dettagli

BANDO PER LA PROMOZIONE DELLA CULTURA CINEMATOGRAFICA (ART. 15)

BANDO PER LA PROMOZIONE DELLA CULTURA CINEMATOGRAFICA (ART. 15) BANDO PER LA PROMOZIONE DELLA CULTURA CINEMATOGRAFICA (ART. 15) La Regione, allo scopo di favorire lo sviluppo e la diffusione nel territorio della cultura cinematografica, sostiene gli organismi pubblici

Dettagli

BANDO VI EDIZIONE CONCORSO PREMIO SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO PROVINCIA DI PRATO AREA ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO

BANDO VI EDIZIONE CONCORSO PREMIO SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO PROVINCIA DI PRATO AREA ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO PROVINCIA DI PRATO AREA ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO BANDO DI CONCORSO PER LE SCUOLE D ISTRUZIONE SECONDARIA DI Premesso che SECONDO GRADO SUL TEMA DELLA SALUTE E DELLA SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO

Dettagli

REGOLAMENTO SULLE ATTIVITA DI COMUNICAZIONE E DI INFORMAZIONE DEL COMUNE DI ANCONA. ART 1 Principi generali: oggetto e finalità

REGOLAMENTO SULLE ATTIVITA DI COMUNICAZIONE E DI INFORMAZIONE DEL COMUNE DI ANCONA. ART 1 Principi generali: oggetto e finalità REGOLAMENTO SULLE ATTIVITA DI COMUNICAZIONE E DI INFORMAZIONE DEL COMUNE DI ANCONA ART 1 Principi generali: oggetto e finalità Il Comune di Ancona, con il presente regolamento, disciplina le attività d

Dettagli

OGGETTO: procedure di affidamento di servizi in economia di valore inferiore ad 40.000,00 ex

OGGETTO: procedure di affidamento di servizi in economia di valore inferiore ad 40.000,00 ex Unione Tresinaro Secchia Servizio Sociale Associato Via Reverberi n. 1-42019 - Scandiano (RE) Tel. 0522/998528 - Fax 0522/852304 e-mail segreteria@ssa.tresinarosecchia.it Scandiano, 18/07/2014 Proto n.

Dettagli

ALLEGATO 2 Offerta Tecnica. BANDO Comunicazione Piano Sociale Regionale. Allegato 2: Offerta Tecnica Pag. 1

ALLEGATO 2 Offerta Tecnica. BANDO Comunicazione Piano Sociale Regionale. Allegato 2: Offerta Tecnica Pag. 1 BANDO Comunicazione Piano Sociale Regionale ALLEGATO 2 Offerta Tecnica Allegato 2: Offerta Tecnica Pag. 1 ALLEGATO 2 OFFERTA TECNICA La busta B DENOMINATA Offerta tecnica GARA A PROCEDURA APERTA, INDETTA

Dettagli

ASL TERAMO. (Circ.ne Ragusa,1 0861/4291) REGOLAMENTO SULL ORGANIZZAZIONE DEI SERVIZI DI COMUNICAZIONE

ASL TERAMO. (Circ.ne Ragusa,1 0861/4291) REGOLAMENTO SULL ORGANIZZAZIONE DEI SERVIZI DI COMUNICAZIONE ASL TERAMO (Circ.ne Ragusa,1 0861/4291) REGOLAMENTO SULL ORGANIZZAZIONE DEI SERVIZI DI COMUNICAZIONE (ai sensi della legge 150/2000, del DPR 422/2001, e della Direttiva della Presidenza del Consiglio dei

Dettagli

1. opuscoli informativi di carattere scientifico e divulgativo; 2. azioni di coinvolgimento diretto dei cittadini.

1. opuscoli informativi di carattere scientifico e divulgativo; 2. azioni di coinvolgimento diretto dei cittadini. SCHEDA PROGETTO - A 5 Assessorato della Difesa dell Ambiente Servizio Sviluppo Sostenibile, Autorità Ambientale e Politiche Comunitarie MISURA RIFERIMENTO: Misura 1.6 Energia (Riferimento:Complemento di

Dettagli

SCHEDA PROGETTO - A 3. Assessorato della Difesa dell Ambiente. Servizio Sviluppo Sostenibile, Autorità Ambientale e Politiche Comunitarie

SCHEDA PROGETTO - A 3. Assessorato della Difesa dell Ambiente. Servizio Sviluppo Sostenibile, Autorità Ambientale e Politiche Comunitarie SCHEDA PROGETTO - A 3 Assessorato della Difesa dell Ambiente Servizio Sviluppo Sostenibile, Autorità Ambientale e Politiche Comunitarie MISURA RIFERIMENTO: Misura 1.4 Gestione integrata dei rifiuti, bonifica

Dettagli

NOTA ESPLICATIVA 2 PUBBLICITA DEGLI ENTI PUBBLICI COMUNICAZIONI AL GARANTE PER LA RADIODIFFUSIONE E L EDITORIA

NOTA ESPLICATIVA 2 PUBBLICITA DEGLI ENTI PUBBLICI COMUNICAZIONI AL GARANTE PER LA RADIODIFFUSIONE E L EDITORIA NOTA ESPLICATIVA 2 PUBBLICITA DEGLI ENTI PUBBLICI COMUNICAZIONI AL GARANTE PER LA RADIODIFFUSIONE E L EDITORIA 1. Premessa Il Garante per la radiodiffusione e l editoria determina con propri provvedimenti

Dettagli

Sezione I Identificazione della misura

Sezione I Identificazione della misura Sezione I Identificazione della misura 1. Misura 4.7- Promozione e marketing turistico 2. Fondo strutturale interessato FESR 3. Asse prioritario di riferimento Asse 4 Sistemi locali di sviluppo 4. Codice

Dettagli

PER LA SCUOLA COMPETENZE E AMBIENTI PER L APPRENDIMENTO

PER LA SCUOLA COMPETENZE E AMBIENTI PER L APPRENDIMENTO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE 2014-2020 PER LA SCUOLA COMPETENZE E AMBIENTI PER L APPRENDIMENTO STRATEGIA DI COMUNICAZIONE 2014-2020 La Strategia di comunicazione e gli obblighi di pubblicità 2 L attività

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO - COMUNICAZIONE

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO - COMUNICAZIONE REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO - COMUNICAZIONE Adottato con deliberazione Consiglio Comunale n 40 del 2004 (art. 8, c. 2 - legge 150/2000) CAPO I DISPOSIZIONI

Dettagli

POR Campania 2000-2006 Complemento di programmazione Capitolo 3 Misura 4.7. Sezione I Identificazione della misura

POR Campania 2000-2006 Complemento di programmazione Capitolo 3 Misura 4.7. Sezione I Identificazione della misura Sezione I Identificazione della misura 1. Misura 4.7- Promozione e marketing turistico 2. Fondo strutturale interessato FESR 3. Asse prioritario di riferimento Asse 4 - Sviluppo Locale 4. Descrizione della

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 1. PREMESSA

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 1. PREMESSA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ ANNI 2013-2015 1. PREMESSA Il principio della trasparenza, inteso come accessibilità totale a tutti gli aspetti dell organizzazione, è un elemento essenziale

Dettagli

Bando di Concorso Premio Giornalistico L Italia in Camper I edizione 2013 L ITALIA IN CAMPER

Bando di Concorso Premio Giornalistico L Italia in Camper I edizione 2013 L ITALIA IN CAMPER Bando di Concorso Premio Giornalistico L Italia in Camper I edizione 2013 L ITALIA IN CAMPER ARTICOLO 1 Finalità del Concorso APC-Associazione Produttori Caravan e Camper indice la I edizione del Bando

Dettagli

Piano di Comunicazione

Piano di Comunicazione Piano di Comunicazione Allegato 1: prospetto del piano di comunicazione e misure di informazione e pubblicità Obiettivo Informare il Comitato di Sorveglianza Informare delle opportunità del FSE, rendere

Dettagli

Piano di Comunicazione 2015

Piano di Comunicazione 2015 ASSESSORADU DE SU TRABALLU, FORMATZIONE PROFESSIONALE, COOPERATZIONE E SEGURÀNTZIA SOTZIALE ASSESSORATO DEL LAVORO, FORMAZIONE PROFESSIONALE, COOPERAZIONE E SICUREZZA SOCIALE Direzione Generale Piano di

Dettagli

VISTO l avviso pubblico in oggetto Prot. n. 9196/II/024 del 03/05/2011 pubblicato nel sito web dell Università dal 04/03/2011 al 19/03/2011;

VISTO l avviso pubblico in oggetto Prot. n. 9196/II/024 del 03/05/2011 pubblicato nel sito web dell Università dal 04/03/2011 al 19/03/2011; Bergamo, 19/05/2011 Decreto Prot. n. 10328/II/024 OGGETTO: Riapertura termini avviso pubblico per la sponsorizzazione dei servizi di servizi pubblici per l a.a. 2010/2011. VISTA la delibera del Consiglio

Dettagli

Relatore: Fabio Travagliati, Responsabile Comunicazione FESR

Relatore: Fabio Travagliati, Responsabile Comunicazione FESR Relatore: Fabio Travagliati, Responsabile Comunicazione FESR LA PROGRAMMAZIONE 2014-2020 (Artt. 115-117 reg.to Comune) Strategia di Comunicazione entro 6 mesi dall adozione del POR e possibilità di una

Dettagli

AFFIDAMENTO, MEDIANTE PROCEDURA APERTA, DEL SERVIZIO DI PROGETTAZIONE, REALIZZAZIONE, STAMPA E FORNITURA DI UNA GUIDA ENIT ITALIA

AFFIDAMENTO, MEDIANTE PROCEDURA APERTA, DEL SERVIZIO DI PROGETTAZIONE, REALIZZAZIONE, STAMPA E FORNITURA DI UNA GUIDA ENIT ITALIA AFFIDAMENTO, MEDIANTE PROCEDURA APERTA, DEL SERVIZIO DI PROGETTAZIONE, REALIZZAZIONE, STAMPA E FORNITURA DI UNA GUIDA ENIT ITALIA CAPITOLATO TECNICO 1. PREMESSA L - promuove le varie tipologie dell'offerta

Dettagli

S.A.C. Società Aeroporto Catania S.p.A.

S.A.C. Società Aeroporto Catania S.p.A. S.A.C. Società Aeroporto Catania S.p.A. Capitolato tecnico per Affidamento del servizio di consulenza per la progettazione, implementazione e certificazione di un Sistema di Gestione Integrato per la Qualità

Dettagli

COLOGNO MONZESE INDICE ART. 1 DEFINIZIONE E PRINCIPI GENERALI ART. 2 FINALITA E FUNZIONI DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO

COLOGNO MONZESE INDICE ART. 1 DEFINIZIONE E PRINCIPI GENERALI ART. 2 FINALITA E FUNZIONI DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO CRITERI PER L ORGANIZZAZIONE E IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO U.R.P. (art. 8 c. 2 della Legge n. 150/2000) Disciplina delle attività di informazione e di comunicazione delle pubbliche

Dettagli

LA STRATEGIA OBIETTIVI GENERALI

LA STRATEGIA OBIETTIVI GENERALI LA STRATEGIA La comunicazione di CONCORD ITALIA è finalizzata a sensibilizzare la cittadinanza sulle attività, l impatto e la sostenibilità delle nostre azioni nell ambito degli interventi realizzati dai

Dettagli

Concorso per gli studenti delle scuole secondarie di I e II grado per la realizzazione della Campagna di comunicazione: SCUOLA, AMBIENTE E LEGALITÀ

Concorso per gli studenti delle scuole secondarie di I e II grado per la realizzazione della Campagna di comunicazione: SCUOLA, AMBIENTE E LEGALITÀ Concorso per gli studenti delle scuole secondarie di I e II grado per la realizzazione della Campagna di comunicazione: SCUOLA, AMBIENTE E LEGALITÀ Art. 1 Finalità Il Ministero dell Istruzione, e il Ministero

Dettagli

La comunicazione istituzionale rappresenta, da oltre un decennio, un tema di rilevante interesse per le amministrazioni pubbliche italiane.

La comunicazione istituzionale rappresenta, da oltre un decennio, un tema di rilevante interesse per le amministrazioni pubbliche italiane. ALLEGATO 1 PROVINCIA DI BRINDISI SERVIZIO 1 SETTORE AMMINISTRAZIONE GENERALE P R O G E T T O UFFICIO STAMPA E SUPPORTO UFFICIO COMUNICAZIONE ISTITUZIONALE DELLA PROVINCIA DI BRINDISI 1 MOTIVAZIONI La funzione

Dettagli

CAMPAGNA PUBBLICITARIA AMBIENTALE CAPITOLATO TECNICO

CAMPAGNA PUBBLICITARIA AMBIENTALE CAPITOLATO TECNICO CAMPAGNA PUBBLICITARIA AMBIENTALE CAPITOLATO TECNICO 1. Premessa Nell ambito del progetto congiunto Roma Capitale-AMA-CONAI, il 7 agosto 2012 il Ministero per l Ambiente, la Regione Lazio, la Provincia

Dettagli

Fondo Sociale Europeo: Asse E una linea di finanziamento per le Pari Opportunità nel mondo del lavoro

Fondo Sociale Europeo: Asse E una linea di finanziamento per le Pari Opportunità nel mondo del lavoro Fondo Sociale Europeo: Asse E una linea di finanziamento per le Pari Opportunità nel mondo del lavoro Linea 3 - possibilità alle aziende che vogliano sperimentare formule di conciliazione dei tempi La

Dettagli

STRUMENTI PER UNA COMUNICAZIONE INTEGRATA

STRUMENTI PER UNA COMUNICAZIONE INTEGRATA STRUMENTI PER UNA COMUNICAZIONE INTEGRATA dal 1980 NE NW W SW SE S E Lo scopo principale di una strategia di comunicazione è quello di consentire alla tua azienda di raggiungere in modo più efficiente

Dettagli

GESTIONE DELLA QUALITÀ DELLE FORNITURE DI BENI E SERVIZI

GESTIONE DELLA QUALITÀ DELLE FORNITURE DI BENI E SERVIZI Pagina 1 di 10 GESTIONE DELLA QUALITÀ DELLE DISTRIBUZIONE Fornitori di beni e servizi Documento pubblicato su www.comune.torino.it/progettoqualita/procedure.shtml APPLICAZIONE SPERIMENTALE Stato del documento

Dettagli

1. OGGETTO DELLA GARA

1. OGGETTO DELLA GARA CAPITOLATO TECNICO AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI IDEAZIONE E CREAZIONE DI MESSAGGI PUBBLICITARI, DI COORDINAMENTO E MONITORAGGIO DELLA CAMPAGNA DI COMUNICAZIONE, REALIZZAZIONE DI MATERIALI PROMOZIONALI.

Dettagli

Con la presente Vi comunichiamo che è stato aperto il concorso per la campagna promozionale 2014 dell Ente Nazionale Croato per il Turismo in Italia:

Con la presente Vi comunichiamo che è stato aperto il concorso per la campagna promozionale 2014 dell Ente Nazionale Croato per il Turismo in Italia: Con la presente Vi comunichiamo che è stato aperto il concorso per la campagna promozionale 2014 dell Ente Nazionale Croato per il Turismo in Italia: TV e RADIO Target: -fasce d età: Coppie: Famiglie:

Dettagli

Normativa di riferimento per il nuovo periodo di programmazione 2007-2013 INFORMAZIONE E PUBBLICITÀ

Normativa di riferimento per il nuovo periodo di programmazione 2007-2013 INFORMAZIONE E PUBBLICITÀ Normativa di riferimento per il nuovo periodo di programmazione 2007-2013 INFORMAZIONE E PUBBLICITÀ Regolamento (CE) No 1083/2006 Art. 69 1. Lo Stato membro e l Autorità di Gestione del programma operativo

Dettagli

Lo Studio Altresì LaboratorioCreativo SpazioEspositivo, ha elaborato la seguente proposta per la realizzazione di quanto in oggetto.

Lo Studio Altresì LaboratorioCreativo SpazioEspositivo, ha elaborato la seguente proposta per la realizzazione di quanto in oggetto. Spett.le Gaiah Srl Via Ovidio 32, Roma m.grassi@gaiahsrl.it Nepi 14/01/2015 Oggetto: Studio Immagine coordinata e realizzazione sito Lo Studio Altresì LaboratorioCreativo SpazioEspositivo, ha elaborato

Dettagli

IL PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE 2014-2020 "PER LA SCUOLA"

IL PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE 2014-2020 PER LA SCUOLA STRATEGIA DI COMUNICAZIONE 2014-2020 Investiamo nel vostro futuro IL PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE 2014-2020 "PER LA SCUOLA" Competenze e ambienti per l apprendimento Torino - 8-9 aprile 2015 L attività

Dettagli

15. PIANO DI COMUNICAZIONE DEL CONSORZIO PER L ANNO 2006

15. PIANO DI COMUNICAZIONE DEL CONSORZIO PER L ANNO 2006 15. PIANO DI COMUNICAZIONE DEL CONSORZIO PER L ANNO 2006 Premessa Nell ambito della sperimentazione della Società della Salute della sono state individuate tre parole chiave cui riferirsi costantemente

Dettagli

UNA GIORNATA CON IL GPL

UNA GIORNATA CON IL GPL BANDO DI CONCORSO UNA GIORNATA CON IL GPL INTRODUZIONE FEDERCHIMICA-Assogasliquidi nell ambito di un più ampio progetto di comunicazione/informazione volto a favorire la conoscenza e la notorietà del prodotto

Dettagli

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca Dipartimento per la Programmazione per gli Affari Internazionali Ufficio IV - Programmazione e gestione dei fondi strutturali europei e nazionali

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento della funzione pubblica. Capitolato Tecnico CAPITOLATO TECNICO

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento della funzione pubblica. Capitolato Tecnico CAPITOLATO TECNICO CAPITOLATO TECNICO Procedura aperta per l affidamento del servizio di Monitoraggio, valutazione e disseminazione dei risultati del progetto Giustizia On Line (GoL) del Programma di riduzione dei tempi

Dettagli

ART.2 TIPOLOGIA DEGLI INTERVENTI DA REALIZZARE

ART.2 TIPOLOGIA DEGLI INTERVENTI DA REALIZZARE Provincia di Pistoia Servizio Politiche sociali e per la gioventù Piazza S. Leone, 1 51100 Pistoia telefono 0573/374334 fax 0573/374572 e-mail: osp@provincia.pistoia.it Allegato 3 CONVENZIONE PER AFFIDAMENTO

Dettagli

Settore Amministrativo e Servizi alla persona

Settore Amministrativo e Servizi alla persona COMUNE DI GIARDINELLO (Provincia Regionale di Palermo) Settore Amministrativo e Servizi alla persona REPERTORIO GENERALE N. 1225 DEL 31.12.2012 DETERMINAZIONE N. 669 DEL 31.12.2012 Oggetto: Determinazione

Dettagli

REGIONE DEL VENETO PROGRAMMA OPERATIVO REGIONALE (POR) OBIETTIVO COMPETITIVITA REGIONALE E OCCUPAZIONE PARTE FESR (2007-2013)

REGIONE DEL VENETO PROGRAMMA OPERATIVO REGIONALE (POR) OBIETTIVO COMPETITIVITA REGIONALE E OCCUPAZIONE PARTE FESR (2007-2013) REGOLAMENTO INTERNO DEL COMITATO DI SORVEGLIANZA POR OBIETTIVO COMPETITIVITÀ REGIONALE E OCCUPAZIONE PARTE FESR (2007-2013) Comitato di Sorveglianza 13 maggio 2011 REGIONE DEL VENETO PROGRAMMA OPERATIVO

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2013-2014-2015

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2013-2014-2015 Via Guido Rossa, 1 40033 Casalecchio di Reno (BO) Tel 051.598364 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2013-2014-2015 Approvato con determinazione Amministratore Unico n. 20 del 20/12/2013

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITÀ CULTURALI, SOCIALI E RICREATIVE PER GLI STUDENTI

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITÀ CULTURALI, SOCIALI E RICREATIVE PER GLI STUDENTI REGOLAMENTO DELLE ATTIVITÀ CULTURALI, SOCIALI E RICREATIVE PER GLI STUDENTI (emanato con decreto rettorale n. 688 del 16 luglio 1997; modificato con delibere del Consiglio di Amministrazione nelle sedute

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI DI COMUNICAZIONE E RELAZIONE CON I CITTADINI

CARTA DEI SERVIZI DI COMUNICAZIONE E RELAZIONE CON I CITTADINI CARTA DEI SERVIZI DI COMUNICAZIONE E RELAZIONE CON I CITTADINI Comune di Modena Settore Sistemi Informativi Comunicazione e Servizi Demografici Servizio Comunicazione e Relazione con i Cittadini Allegato

Dettagli

REGOLAMENTO SULLE ATTIVITA DI COMUNICAZIONE DEL COMUNE DI BORGO A MOZZANO

REGOLAMENTO SULLE ATTIVITA DI COMUNICAZIONE DEL COMUNE DI BORGO A MOZZANO REGOLAMENTO SULLE ATTIVITA DI COMUNICAZIONE DEL COMUNE DI BORGO A MOZZANO (Approvato con Delibera del C.C. n. 80 del 30/11/2005) 1 REGOLAMENTO SULLE ATTIVITA DI COMUNICAZIONE... 1 DEL COMUNE DI BORGO A

Dettagli

BANDO PREMIO IDEA INNOVATIVA, LA NUOVA IMPRENDITORIALITA AL FEMMINILE QUARTA EDIZIONE ART. 1 FINALITA DELL INIZIATIVA

BANDO PREMIO IDEA INNOVATIVA, LA NUOVA IMPRENDITORIALITA AL FEMMINILE QUARTA EDIZIONE ART. 1 FINALITA DELL INIZIATIVA BANDO PREMIO IDEA INNOVATIVA, LA NUOVA IMPRENDITORIALITA AL FEMMINILE QUARTA EDIZIONE ART. 1 FINALITA DELL INIZIATIVA La Camera di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura di Roma, in collaborazione

Dettagli

REGIONE PUGLIA Area organizzazione e riforma dell amministrazione Servizio Affari Generali A.P. Contratti di rilevanza comunitaria

REGIONE PUGLIA Area organizzazione e riforma dell amministrazione Servizio Affari Generali A.P. Contratti di rilevanza comunitaria REGIONE PUGLIA Area organizzazione e riforma dell amministrazione Servizio Affari Generali A.P. Contratti di rilevanza comunitaria PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI REALIZZAZIONE E GESTIONE

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA COMUNICAZIONE PUBBLICA E L INFORMAZIONE

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA COMUNICAZIONE PUBBLICA E L INFORMAZIONE REGOLAMENTO COMUNALE PER LA COMUNICAZIONE PUBBLICA E L INFORMAZIONE TITOLO I PRINCIPI GENERALI ART. 1 - Principi generali 1. Il Comune di Sarezzo, con il presente documento, disciplina le attività di informazione

Dettagli

PER LA SCUOLA COMPETENZE E AMBIENTI PER L APPRENDIMENTO

PER LA SCUOLA COMPETENZE E AMBIENTI PER L APPRENDIMENTO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE 2014-2020 PER LA SCUOLA COMPETENZE E AMBIENTI PER L APPRENDIMENTO LA STRATEGIA DI COMUNICAZIONE 2014-2020 LA STRATEGIA DI COMUNICAZIONE E GLI OBBLIGHI DI PUBBLICITÀ La Strategia

Dettagli

CAPP. Centro di Analisi delle Politiche Pubbliche. elenuove europee SCUOLA ANCI PER GIOVANI AMMINISTRATORI AVVISO DI SELEZIONE

CAPP. Centro di Analisi delle Politiche Pubbliche. elenuove europee SCUOLA ANCI PER GIOVANI AMMINISTRATORI AVVISO DI SELEZIONE CAPP Centro di Analisi delle Politiche Pubbliche elenuove europee SCUOLA ANCI PER GIOVANI AMMINISTRATORI AVVISO DI SELEZIONE Iniziativa co-finanziata dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento

Dettagli

Comitato di Sorveglianza

Comitato di Sorveglianza REGIONE LAZIO ASSESSORATO ALL AGRICOLTURA, CACCIA E PESCA DIREZIONE REGIONALE AGRICOLTURA E SVILUPPO RURALE, CACCIA E PESCA PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE (PSR) DEL LAZIO 2007/2013 IN ATTUAZIONE DEL REGOLAMENTO

Dettagli

[ PIANO DI ADEGUAMENTO SITO WEB ]

[ PIANO DI ADEGUAMENTO SITO WEB ] 2011 Titolo del documento: Piano di adeguamento sito web Periodo di riferimento: Da Agosto 2011 N revisione: 1 Autore del documento: URP Data ultima versione: 30/08/2011 [ PIANO DI ADEGUAMENTO SITO WEB

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA CITTA DI ORBASSANO PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2012 2014 Indice Premessa pag. 3 1. Riferimenti normativi pag. 3 2. Finalità del Programma pag. 3 3 Il sito istituzionale del

Dettagli

EA 03 Prospetto economico degli oneri complessivi 1

EA 03 Prospetto economico degli oneri complessivi 1 UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA Fase 1: Analisi iniziale L analisi iniziale prevede uno studio dello stato attuale della gestione interna dell Ente. Metodo: si prevede l individuazione dei referenti

Dettagli

CONTRATTO DI SERVIZIO CON LA DITTA EVENTI &20 S.A.S. PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGRAMMA DI COMUNICAZIONE ISTITUZIONALE DELLA PROVINCIA DI PORDENONE

CONTRATTO DI SERVIZIO CON LA DITTA EVENTI &20 S.A.S. PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGRAMMA DI COMUNICAZIONE ISTITUZIONALE DELLA PROVINCIA DI PORDENONE REG. INC. N. 1808 DEL 12/06/2008 ALLEGATO ALLA DETERMINA DIRIGENZIALE N. 1116 DEL 12/06/2008 CONTRATTO DI SERVIZIO CON LA DITTA EVENTI &20 S.A.S. PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGRAMMA DI COMUNICAZIONE ISTITUZIONALE

Dettagli

Ministero per i Beni e le Attività Culturali DIREZIONE GENERALE PER GLI AFFARI GENERALI, IL BILANCIO, LE RISORSE UMANE E LA FORMAZIONE

Ministero per i Beni e le Attività Culturali DIREZIONE GENERALE PER GLI AFFARI GENERALI, IL BILANCIO, LE RISORSE UMANE E LA FORMAZIONE IL DIRETTORE GENERALE VISTO il decreto legislativo 20 ottobre 1998, n. 368, e successive modificazioni; VISTO il decreto legislativo 8 gennaio 2004, n. 3; VISTO il decreto legislativo 22 gennaio 2004,

Dettagli

Associazione proponente: Unione Nazionale Consumatori-Comitato Regionale Lombardo

Associazione proponente: Unione Nazionale Consumatori-Comitato Regionale Lombardo Associazione proponente: Unione Nazionale Consumatori-Comitato Regionale Lombardo Altre associazione partecipanti: Adiconsum Lombardia, Cittadinanzattiva Lombardia, Confconsumatori Lombardia, Movimento

Dettagli

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10 MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10 INDICE IL SISTEMA DI GESTIONE DELLA QUALITÀ Requisiti generali Responsabilità Struttura del sistema documentale e requisiti relativi alla documentazione Struttura dei

Dettagli

DIREZIONE COMUNICAZIONE E PROMOZIONE DELLA CITTA VIA GARIBALDI, 9 16124 GENOVA

DIREZIONE COMUNICAZIONE E PROMOZIONE DELLA CITTA VIA GARIBALDI, 9 16124 GENOVA DIREZIONE COMUNICAZIONE E PROMOZIONE DELLA CITTA VIA GARIBALDI, 9 16124 GENOVA AVVISO ESPLORATIVO PER MANIFESTAZIONE DI INTERESSE AD ESSERE INVITATI A PROCEDURA NEGOZIATA PER L AFFIDAMENTO DI UN SERVIZIO

Dettagli

LINEE GUIDA DI BUDGET

LINEE GUIDA DI BUDGET Settore Controllo di Gestione LINEE GUIDA DI BUDGET Indice GLI OBIETTIVI DELLE LINEE GUIDA DI BUDGET... 3 IL BUDGET: DEFINIZIONE... 3 IL PROCESSO DI BUDGETING... 4 ASSEGNAZIONE... 4 PIANIFICAZIONE E PROGRAMMAZIONE...

Dettagli

FATTURAZIONE ELETTRONICA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE. Dott.ssa Barbara Santucci

FATTURAZIONE ELETTRONICA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE. Dott.ssa Barbara Santucci FATTURAZIONE ELETTRONICA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE Dott.ssa Barbara Santucci 1 1. INTRODUZIONE La L. n 244/2007 e successive modificazioni ha istituito l obbligo di fatturazione elettronica nei confronti

Dettagli

Provincia Regionale di Catania. Carta dei servizi. Ufficio U.R.P.

Provincia Regionale di Catania. Carta dei servizi. Ufficio U.R.P. Provincia Regionale di Catania denominata Libero Consorzio Comunale ai sensi della L.R. n. 8/2014 Carta dei servizi Ufficio U.R.P. Palazzo Minoriti Via Etnea, 67 95124 Catania Come si accede ai servizi

Dettagli

Campagna di Comunicazione

Campagna di Comunicazione REGIONE UMBRIA DIREZIONE REGIONALE SALUTE, COESIONE SOCIALE E SOCIETÀ DELLA CONOSCENZA Referente istituzionale Per la Regione Umbria Progetto CCM Giuseppina Manuali Collaborazione Massimiliano Orso Campagna

Dettagli

DISCIPLINARE DI GARA (Determinazione Dirigente area Amministrazione e contabilità n. 603 del 21 novembre 2011)

DISCIPLINARE DI GARA (Determinazione Dirigente area Amministrazione e contabilità n. 603 del 21 novembre 2011) DISCIPLINARE DI GARA (Determinazione Dirigente area Amministrazione e contabilità n. 603 del 21 novembre 2011) PROCEDURA RISTRETTA, PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI CASSA DELLA CAMERA DI COMMERCIO DI

Dettagli

Scheda progetto Redazione di una Sintesi ragionata del Sesto Rapporto di coesione economica, sociale e territoriale dell Unione Europea.

Scheda progetto Redazione di una Sintesi ragionata del Sesto Rapporto di coesione economica, sociale e territoriale dell Unione Europea. Allegato 1) Scheda progetto Redazione di una Sintesi ragionata del Sesto Rapporto di coesione economica, sociale e territoriale dell Unione Europea. PREMESSA Ogni tre anni l'unione Europea pubblica una

Dettagli

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali L esecutore deve organizzare le modalità di accesso all area ristorazione ed un servizio di controllo all entrata. Per consentire l accesso ai pasti dovranno essere predisposti degli inviti ad personam.

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2015-2017. (Ai sensi del decreto legislativo n. 33/2013) Prot. n. 521/U/2014

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2015-2017. (Ai sensi del decreto legislativo n. 33/2013) Prot. n. 521/U/2014 Prot. n. 521/U/2014 Ferrara, 18 dicembre 2014 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2015-2017 (Ai sensi del decreto legislativo n. 33/2013) Documento approvato con delibera del Consiglio

Dettagli

Comune di Nogarole Vicentino

Comune di Nogarole Vicentino Comune di Nogarole Vicentino (Provincia di Vicenza) SETTORE 1 Amministrativo Economico-finanziario Programma triennale per la trasparenza e l integrità 2014-2016 Introduzione: organizzazione e funzioni

Dettagli

1) Obiettivi. 2) Destinatari del contributo. 3) Priorità dei progetti ammessi a finanziamento

1) Obiettivi. 2) Destinatari del contributo. 3) Priorità dei progetti ammessi a finanziamento ALLEGATO B Modalità per la concessione di contributi e indicazioni per la presentazione dei Progetti Sociali- artt. 7 e 8 l.r. 26/93 Interventi a favore della popolazione zingara 1) Obiettivi La Giunta

Dettagli

-CAPITOLATO TECNICO-

-CAPITOLATO TECNICO- Direzione Centrale Amministrazione, Pianificazione e Controllo Settore Logistica e fornitori Ufficio Gare e Contenzioso -CAPITOLATO TECNICO- PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DELLA STAMPA E DISTRIBUZIONE

Dettagli

BANDO DI CONCORSO DI IDEE PER LA CREAZIONE DEL LOGO DELLA CONSULTA DEL DECENTRAMENTO

BANDO DI CONCORSO DI IDEE PER LA CREAZIONE DEL LOGO DELLA CONSULTA DEL DECENTRAMENTO BANDO DI CONCORSO DI IDEE PER LA CREAZIONE DEL LOGO DELLA CONSULTA DEL DECENTRAMENTO Premessa L Ordine degli Architetti Pianificatori Paesaggisti e Conservatori di Roma e Provincia al fine di promuovere

Dettagli

PREMIO GIORNALISTICO NAZIONALE Natale UCSI 2015

PREMIO GIORNALISTICO NAZIONALE Natale UCSI 2015 Con il sostegno di: PREMIO GIORNALISTICO NAZIONALE Natale UCSI 2015 Alla memoria di Giuseppe Faccincani, per un giornalismo solidale XXI EDIZIONE con il contributo di: Con l apporto di: e il patrocinio

Dettagli

D ISTRUZIONI PER LA REDAZIONE DEL PROGETTO ORGANIZZATIVO, CRITERI E MODALITÀ DI VALUTAZIONE

D ISTRUZIONI PER LA REDAZIONE DEL PROGETTO ORGANIZZATIVO, CRITERI E MODALITÀ DI VALUTAZIONE PROCEDURA DI SELEZIONE PER L AFFIDAMENTO IN CONCESSIONE DELLA GESTIONE DEL SERVIZIO DEL GIOCO DEL LOTTO AUTOMATIZZATO E DEGLI ALTRI GIOCHI NUMERICI A QUOTA FISSA Allegato D ISTRUZIONI PER LA REDAZIONE

Dettagli

PARTE QUARTA ATTUAZIONE DEL PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI INDIVIDUAZIONE DEI SITI DI INSTALLAZIONE DEI NUOVI IMPIANTI DI AFFISSIONE

PARTE QUARTA ATTUAZIONE DEL PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI INDIVIDUAZIONE DEI SITI DI INSTALLAZIONE DEI NUOVI IMPIANTI DI AFFISSIONE VOLUME QUARTO ATTUAZIONE DEL PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI INDIVIDUAZIONE DEI SITI DI INSTALLAZIONE DEI NUOVI IMPIANTI DI AFFISSIONE E IMPIANTI A MESSAGGIO VARIABILE-TAVOLE PROGETTUALI 2 SOMMARIO:

Dettagli

Cantieri d Arte 2006 Restauro e tutela del patrimonio monumentale religioso in Piemonte e in Liguria

Cantieri d Arte 2006 Restauro e tutela del patrimonio monumentale religioso in Piemonte e in Liguria La Compagnia di San Paolo è una Fondazione italiana di diritto privato con sede a Torino. Essa persegue finalità di utilità sociale, allo scopo di favorire lo sviluppo civile, culturale ed economico. Informazioni

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri

Presidenza del Consiglio dei Ministri Presidenza del Consiglio dei Ministri DIPARTIMENTO PER LA DIGITALIZZAZIONE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE E L INNOVAZIONE TECNOLOGICA Alle amministrazioni pubbliche di cui all art. 1, comma 2, del d.lgs.

Dettagli

Gara C0598S14 CIG 5937846188 LOTTO 2. Criteri di valutazione dell offerta

Gara C0598S14 CIG 5937846188 LOTTO 2. Criteri di valutazione dell offerta Servizio per la campagna di informazione nazionale e servizio di grafica e creatività nell ambito dei processi di localizzazione e autorizzazione del Deposito Nazionale e Parco Tecnologico di cui al D.lgs.

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. Rev.: 6 Data ultimo aggiornamento: 22 settembre 2014 N.B. le modifiche effettuate sono evidenziate in corsivo

CARTA DEI SERVIZI. Rev.: 6 Data ultimo aggiornamento: 22 settembre 2014 N.B. le modifiche effettuate sono evidenziate in corsivo CARTA DEI SERVIZI Premessa La procedura di appalto pubblico, ai sensi del D.Lgs. n. 163/2006 Codice dei contratti pubblici di lavori, servizi e forniture, deve rispettare i principi di libera concorrenza,

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI SENSIBILIZZAZIONE ED INFORMAZIONE DEL CONSORZIO CISS

CAPITOLATO SPECIALE PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI SENSIBILIZZAZIONE ED INFORMAZIONE DEL CONSORZIO CISS Sede legale: P.zza Battisti, 1 Palazzo Comunale 80023 CAIVANO (NA) Sede amministrativa: c/o In.co.farma s.p.a. Centro Direzionale Isola C 9 scala A int. 80 16 piano Via Taddeo da Sessa - NAPOLI - 80143,

Dettagli

Bando di Concorso per l ideazione e la creazione del logo del cinquantesimo anniversario della Parrocchia SS. Antonio e Annibale Maria

Bando di Concorso per l ideazione e la creazione del logo del cinquantesimo anniversario della Parrocchia SS. Antonio e Annibale Maria Bando di Concorso per l ideazione e la creazione del logo del cinquantesimo anniversario della Parrocchia SS. Antonio e Annibale Maria Viene bandito un concorso per la realizzazione del logo per il cinquantesimo

Dettagli

GRUPPORIGAMONTI.COM RIGAMONTI

GRUPPORIGAMONTI.COM RIGAMONTI GRUPPORIGAMONTI.COM RIGAMONTI 1 2 Rigamonti ADV Design "Tutto è comunicazione: l arte, la politica, le città, la letteratura, il cinema; il linguaggio ne è parte dominante." Rigamonti ADV Design Rigamonti

Dettagli

AZIONE B 4 PRSE 2001-2005 Infrastrutture pubbliche per il turismo Annualità 2005

AZIONE B 4 PRSE 2001-2005 Infrastrutture pubbliche per il turismo Annualità 2005 ALLEGATO 2 AZIONE B 4 PRSE 2001-2005 Infrastrutture pubbliche per il turismo Annualità 2005 Beneficiari Enti locali, soggetti pubblici, società o fondazioni immobiliari a prevalente capitale pubblico che

Dettagli

SUPERCONDOMINIO COMPRENSORIO MILANOTRE 20080 Basiglio (MI) Via Manzoni s.n.c. Tel. Fax. 02/90751429

SUPERCONDOMINIO COMPRENSORIO MILANOTRE 20080 Basiglio (MI) Via Manzoni s.n.c. Tel. Fax. 02/90751429 BANDO DI GARA PER L AFFIDAMENTO DELL IDEAZIONE E REALIZZAZIONE DELLA CAMPAGNA DI PROMOZIONE E RILANCIO DEL TERRITORIO DI MILANO3 PER L ANNO 2015 Comitato Comprensoriale & Amministrazione Comprensoriale

Dettagli

IL PIANO DI VALUTAZIONE DEL POR FESR MARCHE 2014-2020. (Giugno 2015)

IL PIANO DI VALUTAZIONE DEL POR FESR MARCHE 2014-2020. (Giugno 2015) IL PIANO DI VALUTAZIONE DEL POR FESR MARCHE 2014-2020 (Giugno 2015) Premessa Il nuovo ciclo di programmazione dei Fondi strutturali per il periodo 2014-2020 rappresenta un importante occasione per le Amministrazioni

Dettagli

LINEE GUIDA PER LE ATTIVITA DI COMUNICAZIONE DELLA GARANZIA PER I GIOVANI IN COLLABORAZIONE CON LE REGIONI

LINEE GUIDA PER LE ATTIVITA DI COMUNICAZIONE DELLA GARANZIA PER I GIOVANI IN COLLABORAZIONE CON LE REGIONI LINEE GUIDA PER LE ATTIVITA DI COMUNICAZIONE DELLA GARANZIA PER I GIOVANI IN COLLABORAZIONE CON LE REGIONI 1.PREMESSA Le linee guida della comunicazione della Garanzia Giovani derivano dall applicazione

Dettagli

VALeS Valutazione e Sviluppo Scuola

VALeS Valutazione e Sviluppo Scuola Premessa VALeS Valutazione e Sviluppo Scuola progetto sperimentale per individuare criteri, strumenti e metodologie per la valutazione delle scuole e dei dirigenti scolastici Le precedenti sperimentazioni

Dettagli

PROVINCIA DI NOVARA VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO IL COMMISSARIO STRAORDINARIO

PROVINCIA DI NOVARA VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO IL COMMISSARIO STRAORDINARIO copia Deliberazione N. 079 C I T T À DI T R E C A T E PROVINCIA DI NOVARA VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO OGGETTO: PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L'INTEGRITA' DEL COMUNE

Dettagli

Allegato 4 Capitolato Tecnico. ARTI Agenzia Regionale per la Tecnologia e l Innovazione S.P. per Casamassima, Km 3 70010 Valenzano BA

Allegato 4 Capitolato Tecnico. ARTI Agenzia Regionale per la Tecnologia e l Innovazione S.P. per Casamassima, Km 3 70010 Valenzano BA REGIONE PUGLIA ASSESSORATO AL DIRITTO ALLO STUDIO Progetto Osservatorio Regionale dei Sistemi di Istruzione e Formazione in Puglia - Attività cofinanziata dall Unione Europea a valere sul P.O. Puglia FSE

Dettagli

PIANO DI COMUNICAZIONE DEL PROGETTO

PIANO DI COMUNICAZIONE DEL PROGETTO PIANO DI COMUNICAZIONE DEL PROGETTO 1 PIANO DI COMUNICAZIONE DEL PROGETTO SICOMAR Indice 1. Obiettivi del Piano di comunicazione... 4 2. Il Target della comunicazione... 6 3. La strategia di comunicazione...

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA ASSESSORATO DEGLI AFFARI GENERALI, PERSONALE E RIFORMA DELLA REGIONE

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA ASSESSORATO DEGLI AFFARI GENERALI, PERSONALE E RIFORMA DELLA REGIONE Direzione generale dell Assessorato Affari Generali REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA ASSESSORATO DEGLI AFFARI GENERALI, PERSONALE E RIFORMA DELLA REGIONE Oggetto: Gara d appalto SICPAC. Chiarimenti richiesti.

Dettagli

Concorso per gli studenti delle scuole dell infanzia e della primaria LE COSE CAMBIANO SE

Concorso per gli studenti delle scuole dell infanzia e della primaria LE COSE CAMBIANO SE Concorso per gli studenti delle scuole dell infanzia e della primaria LE COSE CAMBIANO SE Art. 1 Finalità Il Ministero dell Istruzione, e il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del

Dettagli

Progetto S.O.S. Sociale ANTEAS SICILIA. segretariato sociale

Progetto S.O.S. Sociale ANTEAS SICILIA. segretariato sociale Progetto S.O.S. Sociale ANTEAS SICILIA sportelli orientati al segretariato sociale Presentazione a cura di Carlo Albanese 1 Obiettivi del progetto Rafforzare un servizio di segretariato sociale che mira

Dettagli