CAPITOLATO TECNICO DEL SERVIZIO DI PULIZIA E DISINFESTAZIONE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CAPITOLATO TECNICO DEL SERVIZIO DI PULIZIA E DISINFESTAZIONE"

Transcript

1 Allegato 2 CAPITOLATO TECNICO DEL SERVIZIO DI PULIZIA E DISINFESTAZIONE

2 1 DEFINIZIONI 3 2 OGGETTO DELL APPALTO IMPORTI A BASE D ASTA DURATA 6 3 ATTIVAZIONE DEL SERVIZIO RICHIESTA DI ATTIVAZIONE DEI SERVIZI PRESA IN CONSEGNA AVVIO DEL SERVIZIO 8 4 RETTIFICHE E VARIAZIONI DELLE CONSISTENZE 8 5 SERVIZIO DI PULIZIA ATTIVITÀ A CANONE GRUPPI DI CATEGORIE DI DESTINAZIONE D USO MODALITÀ DI EROGAZIONE DEL SERVIZIO Presidio DETERMINAZIONE DEL CANONE TABELLA RIEPILOGATIVA DEL PERSONALE DI PULIZIA ATTUALMENTE OPERANTE NELLE SEDI OCCUPATE DA LOTTOMATICA GROUP S.P.A ATTIVITÀ EXTRA CANONE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEL SERVIZIO Attività a richiesta DETERMINAZIONE DEI CORRISPETTIVI PRESCRIZIONI RIGUARDANTI IL PERSONALE, LE ATTREZZATURE E I MATERIALI FORNITI MATERIALI E ATTREZZATURE OPERATORI ADDETTI ALLE PULIZIE CONTROLLO DEL SERVIZIO ATTIVITÀ A CANONE ATTIVITÀ EXTRA CANONE 21 6 SERVIZIO DI DISINFESTAZIONE ATTIVITÀ A CANONE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEL SERVIZIO Derattizzazione Disinsettazione DETERMINAZIONE DEL CANONE ATTIVITÀ EXTRA-CANONE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEL SERVIZIO Interventi speciali DETERMINAZIONE DEI CORRISPETTIVI PRESCRIZIONI RIGUARDANTI IL PERSONALE, LE ATTREZZATURE E I MATERIALI FORNITI CONTROLLO DEL SERVIZIO 26 7 PENALI 27 Indice - 1 -

3 7.1 SERVIZIO DI PULIZIA SERVIZIO DI DISINFESTAZIONE 28 8 PREZZI DEI SERVIZI SERVIZIO DI PULIZIA SERVIZIO DI DISINFESTAZIONE PREZZO DELLE PRESTAZIONI DI SOLA MANODOPERA 30 9 MODALITÀ DI PAGAMENTO 31 ALLEGATO A - SPECIFICHE TECNICHE SERVIZIO DI PULIZIA 32 A.1 ELENCO ATTIVITÀ ELEMENTARI 32 A.2 METODOLOGIE DI ESECUZIONE DELLE ATTIVITÀ DI PULIZIA 33 A.3 SCHEDE INTERVENTI E FREQUENZE 37 A.3.1 UFFICI DIREZIONALI 37 A.3.2 UFFICI A UN TURNO 38 A.3.3 UFFICI A TURNO CONTINUATIVO 40 A.3.4 SPAZI COMPLEMENTARI INTERNI 41 A.3.5 SPAZI COMPLEMENTARI ESTERNI 41 A.4 CARATTERISTICHE DEGLI ACCESSORI E DEI MATERIALI IGIENICO SANITARI 42 ALLEGATO B - CONTROLLO DELLA QUALITÀ DEL SERVIZIO DI PULIZIA 44 B.1 EDIFICI SOGGETTI AL CONTROLLO 46 B.1.2 CRITERI PER L ACCETTAZIONE DEGLI EDIFICI 46 B.2 UNITÀ DI CONTROLLO 47 B.2.1 DIMENSIONE DEL CAMPIONE DI UNITÀ DI CONTROLLO 47 B.2.2 CRITERI PER L ACCETTAZIONE DELL EDIFICIO 48 B.4 CHECK LIST 50 B.4.1 CHECK-LIST SERVIZI DI PULIZIA E IGIENE AMBIENTALE AREA DI CONTROLLO 1 50 B.4.2 CHECK-LIST SERVIZI DI PULIZIA E IGIENE AMBIENTALE AREA DI CONTROLLO 2 51 B.4.3 CHECK-LIST SERVIZI DI PULIZIA E IGIENE AMBIENTALE AREA DI CONTROLLO 3 52 Indice - 2 -

4 1 DEFINIZIONI Di seguito è riportata una tabella di riferimento per i termini maggiormente utilizzati nel presente capitolato. Termine Attivazione del Servizio Attività a canone Attività extra canone Attività programmate Attività a richiesta Committente Contratto Corrispettivo delle attività a canone Corrispettivo delle attività extracanone Edifici Gruppi di categorie di destinazione d uso Importo Contrattuale Prestatore Richiesta di attivazione dei Servizi Richiesta d intervento Definizione Avvio dell espletamento del Servizio; l Attivazione può avvenire separatamente o congiuntamente in relazione a più Edifici, previa redazione di un apposito verbale di consegna da parte del Committente. Le attività di pulizia giornaliera e periodica di cui al paragrafo 5.1, nonché quelle di disinfestazione di cui al paragrafo 6.1. Gli interventi aggiuntivi di pulizia e disinfestazione rispetto a quelli remunerati a canone ed eseguiti su richiesta del Committente. Le attività elementari presenti in almeno una delle schede Interventi e frequenze di cui all Allegato A. Le attività eseguibili su richiesta del Committente, remunerate extra canone secondo i prezzi del listino di cui al paragrafo 8.1 del presente capitolato al netto del ribasso offerto. Lottomatica Group S.p.A. Il contratto per la fornitura del Servizio di pulizia che Lottomatica Group S.p.A stipula con il Prestatore. Corrispettivo economico relativo alle attività cd a canone remunerate a forfait, il cui importo è determinato in funzione dei prezzi offerti e di quanto specificato nel presente capitolato al momento dell Attivazione del Servizio. Corrispettivo dovuto da ciascun Committente a fronte delle attività extracanone, il cui importo è determinato in funzione dei listini riportati nel presente capitolato o sulla base di preventivi concordati con il Committente. Gli Edifici dove verranno espletati i Servizi; l elenco degli edifici, è contenuto nel paragrafo 2 del presente Capitolato Tecnico. Il numero degli Edifici nonché la loro ubicazione potranno subire variazioni nel corso del Contratto. I gruppi di categorie di destinazione d uso riportati nel paragrafo del presente Capitolato a cui risultano adibiti gli Edifici oggetto dei Servizi. Le Superfici complessivamente adibite dal Committente alle diverse categorie di destinazioni d uso sono indicativamente riportate nell allegato E al presente Capitolato. I Gruppi di categorie di destinazioni d uso e le consistenze relative al singolo Edificio, o porzione di Edificio, verranno comunicate al Prestatore al momento dell attivazione del Servizio e potranno subire modifiche per effetto delle rettifiche e delle variazioni che il Committente potrà comunicare al Prestatore nel corso della durata del Contratto nei limiti in esso stabiliti. Importo che Lottomatica Group S.p.A. è tenuta a corrispondere al Prestatore a fronte dei Servizi. L impresa o il raggruppamento temporaneo di imprese o il Consorzio risultato aggiudicatario e che sottoscrive il Contratto, obbligandosi nei confronti del Committente a quanto nello stesso previsto Documento con il quale Lottomatica Group S.p.A. dà inizio alla procedura di attivazione dei Servizi indicata nel paragrafo 3. Documento con il quale il Committente richiede l esecuzione di uno specifico intervento. 3

5 Termine Servizio Servizi Superficie lorda Superficie netta Superficie calpestabile Verbale di consegna Definizione Il servizio di pulizia e disinfestazione c.d. a canone. Il servizio di pulizia e disinfestazione c.d. a canone e le attività di pulizia e disinfestazione c.d. extra-canone. La superficie lorda complessiva degli Edifici calcolata sommando le superfici lorde dei diversi livelli utilizzabili, che possono articolarsi in: piani, totalmente o parzialmente, interrati utilizzati dal Committente anche per funzioni semplici quali ad esempio depositi, magazzini, vani tecnici, archivi. Non rientrano nella superficie da includere nei compensi contrattuali a canone i piani di fondazione (ispezioni delle fondazioni), le intercapedini orizzontali e verticali, anche se ispezionabili, ed ogni altro vano morto non utilizzabile senza interventi di modifica della condizione piani fuori terra ai diversi livelli (piano terra e piani in elevazione) soppalchi o livelli interpiano compresi tra i piani fuori terra piano sottotetto comprendente gli spazi utilizzabili per la funzione principale ed accessoria propria dell edificio e dotati dei requisiti di usabilità/agibilità. Non rientrano nel computo le terrazze non calpestabili, le chiostrine e gli spazi aperti nonché gli elementi decorativi esterni (pilastri, lesene, cornici, etc.) aggettanti dalle facciate dell edificio. Non rientrano nella superficie da includere nei compensi contrattuali a canone i sottotetti o i soppalchi non utilizzati anche se ispezionabili. Superficie utile calcolata sottraendo alla superficie lorda la superficie occupata dallo spessore dei muri esterni ed interni compresi nel perimetro dell Edificio. Superficie utile calcolata sottraendo alla superficie lorda la superficie occupata dallo spessore dei muri esterni ed interni compresi nel perimetro dell Edificio e la superficie occupata da ingombri (vetrine, libreie, scaffali...) Documento redatto dal Committente e firmato per accettazione dal Prestatore per attestare la presa in consegna degli Edifici e l attivazione del Servizio, per esplicitare il calendario lavorativo. Nel verbale di consegna verrà anche indicato il corrispettivo presunto delle attività a canone. 4

6 2 OGGETTO DELL APPALTO Il presente capitolato contiene la descrizione delle caratteristiche e delle modalità di esecuzione del servizio di pulizie che il Prestatore si impegna a fornire a Lottomatica Group S.p.A.. Il presente capitolato ha per oggetto l affidamento del servizio di pulizia, da effettuarsi presso le seguenti sedi: Sede Indirizzo Città CEZ di Cagliari Via Marconi, 29/31 Quartu S. Elena (CA) CEZ di Palermo Via Regione Siciliana, 72/75 Palermo CEZ di Milano Via Pisacane, 26 Pero (MI) CEZ di Napoli Via del Fiumicello, 7 Napoli CEZ di Firenze Via Volturno 10/12 Sesto Fiorentino (Fi ) CEZ di Torino Corso Ciriè n.18 Torino CEZ di Venezia Viale Ancona n. 56 Mestre (VE) Pomezia Via delle Monachelle s.n. Pomezia - Roma Roma Viale del Campo Boario, 19 Roma Roma Viale del Campo Boario, 56/d Roma Tabella IMPORTI A BASE D ASTA Di seguito si riporta la tabella riassuntiva degli importi biennali a base d asta Importo biennale a base d asta per attività a canone per pulizia Importo biennale a base d asta per attività a canone disinfestazione Importo biennale a base d asta per attività extra canone Importo contrattuale biennale totale a base d asta , , , ,65 Tabella 2 L Importo a base d asta dell appalto dei Servizi è calcolato: per il servizio di pulizia, moltiplicando i prezzi a base d asta relativi a ciascun gruppo di destinazioni d uso (rif. par del presente capitolato) per le corrispondenti superfici di riferimento ( e per la durata del contratto e tenendo conto del costo orario e dell inquadramento del personale attualmente impiegato nelle varie sedi oggetto della gara (rif. Par del presente capitolato) ; per il servizio di disinfestazione, moltiplicando i prezzi a base d asta per le superfici di riferimento e per il numero di interventi previsti nel periodo di validità del contratto; 5

7 per le attività c.d. extracanone richieste dal Committente secondo le modalità di cui al successivo paragrafo Di seguito si riporta la tabella delle superfici di riferimento (in metri quadri) per il servizio di pulizia distinte per destinazione d uso (Tabella 3) e per il servizio di disinfestazione (Tabella 4): Uffici direzionali Uffici 1 turno Superficie per le attività di pulizia distinte per destinazione d uso Uffici a turno continuativo Spazi Complementari Interni Spazi Complementari Esterni Totale mq mq 837 mq mq mq mq Tabella 3 Superficie per le attività di disinfestazione Roma, viale del Campo Boario 19 Roma, viale del Campo Boario 56 Pomezia, via delle Monachelle Altre sedi mq mq 290 mq mq Tabella 4 L Importo contrattuale sarà calcolato sommando l Importo a base d asta per le attività a canone, detratto il ribasso offerto per tali attività, e l Importo a base d asta delle attività extra canone, anche esso al netto del ribasso offerto per tali attività. 2.2 DURATA L appalto ha durata di 24 mesi, decorrenti dalla data della prima Attivazione del Servizio (rif. par.3 del presente capitolato). 6

8 3 ATTIVAZIONE DEL SERVIZIO L attivazione del Servizio è articolata, in termini di tempi, attività e di soggetti coinvolti, nelle seguenti fasi: richiesta di attivazione dei Servizi; presa in consegna degli edifici (emissione Verbale di Consegna e controfirma Verbale di Consegna) avvio del servizio. 3.1 RICHIESTA DI ATTIVAZIONE DEI SERVIZI Attraverso la Richiesta di attivazione dei Servizi, Lottomatica Group S.p.A. darà inizio alla procedura di attivazione dei Servizi stessi. 3.2 PRESA IN CONSEGNA Gli Edifici sui quali verranno erogati i Servizi oggetto del Contratto saranno consegnati da Lottomatica Group S.p.A. in contraddittorio con il Prestatore; di tale consegna sarà redatto apposito verbale, firmato dal Committente e dal Prestatore. In dettaglio, entro il termine di 15 giorni dalla data di ricezione della Richiesta di attivazione dei Servizi, il Prestatore concorderà con il Committente una data per la consegna dei locali che risulterà da apposito verbale di consegna. Il Verbale di Consegna, redatto dal Committente e controfirmato per accettazione, sarà costituito da 2 (due) sezioni: attestazione della presa in consegna degli edifici; indicazione del calendario lavorativo (per ciascuno degli edifici è indicato l orario di lavoro, giorni di apertura settimanale); L attestazione della presa in consegna contiene l elenco degli Edifici oggetto dell Attivazione del Servizio, con l indicazione, per ciascuno di essi, della relativa ubicazione e della stima delle superfici per i Gruppi di categorie di destinazioni d uso di cui al paragrafo del presente capitolato. Verrà inoltre indicata, in via presuntiva, la stima della Superficie da trattare per gli interventi di disinfestazione (derattizzazione e disinsettazione come da paragrafo 6.1 del presente capitolato). Nella sezione di attestazione di presa in consegna andranno inoltre indicate le strutture (locali) che il Committente consegna, in prestito d uso, al Prestatore per lo svolgimento delle attività previste. Il Prestatore, controfirmando per accettazione il Verbale di Consegna, si impegna formalmente a prendersene cura ed a garantire il buono stato di conservazione delle stesse. Nel Verbale di Consegna, sarà riportato il calendario lavorativo relativo agli Edifici consegnati e saranno riportate le informazioni necessarie per far sì che l erogazione dei Servizi non intralci le normali attività svolte nell Edificio.

9 In base a tale calendario dovranno quindi essere esplicitati, per ogni singolo servizio, gli orari che dovranno essere rispettati nel corso della durata del contratto, per l erogazione del servizio stesso. Nella sezione del calendario lavorativo saranno riportate anche le eventuali variazioni di frequenza settimanale richiesta per le attività giornaliere di pulizia rispetto a quanto indicato nel presente capitolato per le destinazioni d uso di riferimento di cui al paragrafo A.3 dell allegato A- SPECIFICHE TECNICHE SERVIZIO DI PULIZIA. Qualunque variazione relativa ai contenuti del Verbale di Consegna dovrà essere sempre formalizzata e controfirmata dalle parti. La presa in consegna segna l inizio dell erogazione dei Servizi da parte del Prestatore. Nel Verbale di Consegna verrà formalizzata l interfaccia tra il Committente e il Prestatore. Sarà obbligo del Prestatore individuare per ognuno degli immobili oggetto del servizio un unico Responsabile Operativo del Servizio, ovvero la figura dotata di adeguate competenze professionali e di idoneo livello di responsabilità e potere decisionale, per la gestione di tutti gli aspetti operativi relativi allo svolgimento quotidiano delle attività previste. 3.3 AVVIO DEL SERVIZIO La data di avvio del Servizio verrà indicata nel medesimo Verbale di Consegna di cui al precedente paragrafo 3.2, redatto dal Committente e controfirmato per accettazione dal Prestatore 4 RETTIFICHE E VARIAZIONI DELLE CONSISTENZE Entro sei mesi dalla data del Verbale di Consegna, ciascuna parte potrà procedere a verificare i dati contenuti nei predetti Verbali di Consegna e relativi alle Superfici e/o ai Gruppi di categorie di destinazione d uso relativi agli Edifici consegnati e a comunicare all altra parte le eventuali rettifiche. L importo del corrispettivo delle Attività a canone sarà ricalcolato sulla base delle suddette rettifiche, fermo restando che per effetto di tali rettifiche l Importo Contrattuale Effettivo non deve subire variazioni in aumento o in diminuzione di oltre i 1/5 rispetto all Importo Contrattuale. Le rettifiche verranno ratificate mediante modifica al Verbale di Consegna e dovranno essere controfirmate per accettazione dal Prestatore previa verifica delle variazioni apportate. Qualora dovessero sorgere contestazioni in ordine ai dati effettivi relativi alle Superfici e/o ai Gruppi di categorie di destinazione d uso predetti, il Prestatore, previa firma con riserva delle modifiche al Verbale di Consegna, sarà tenuto ad eseguire i Servizi sulla base dei dati rettificati da Lottomatica Group S.p.A., salva la facoltà di adire le competenti sedi giudiziali per la risoluzione della controversia insorta con Lottomatica Group S.p.A. in ordine ai dati predetti. A seguito delle variazioni di cui sopra, gli importi eventualmente dovuti a titolo di conguaglio saranno corrisposti da parte debitrice entro 30 giorni dalla definizione degli stessi, previa emissione di nota di variazione. Si fa inoltre presente che durante il periodo di validità del Contratto, Lottomatica Group S.p.A., avrà la facoltà di:

10 a) aumentare o diminuire la Superficie degli Edifici oggetto dei Servizi rispetto a quella indicata nel Verbale di consegna; b) modificare il Gruppo di categoria di destinazione d uso degli Edifici o di porzioni degli stessi rispetto a quelle indicate nel Verbale di consegna; c) sospendere o cessare l espletamento del Servizio in relazione ad uno o più Edifici o a parte di essi; d) attivare il Servizio in Edifici non indicati nell elenco contenuto nel paragrafo 2 del presente Capitolato Tecnico. Tali variazioni verranno comunicate al Prestatore con un preavviso di 30 giorni rispetto alla data di attuazione delle stesse e ratificate mediate l aggiornamento del Verbale di Consegna. In tutte le ipotesi in cui Lottomatica Group S.p.A. apporti rettifiche o variazioni delle consistenze ai sensi del presente articolo, sarà tenuta ad adeguare il corrispettivo del Servizio a canone, fatto salvo il limite massimo di cui all art. 2.1 del presente Capitolato.

11 5 SERVIZIO DI PULIZIA Il servizio di pulizia consiste nella pulizia giornaliera e periodica dei locali e degli arredi da effettuarsi secondo le disposizioni di seguito riportate, nel rispetto degli accordi sindacali nazionali relativi al personale dipendente delle Imprese di Pulizia, nell osservanza delle normative vigenti per l utilizzo di attrezzature, macchinari e materiali previsti in ambito UE e delle prescrizioni della Legge 25 gennaio 1994, n. 82 e s.m. Le operazioni di pulizia, condotte da personale specializzato e dotato delle migliori attrezzature disponibili e dei materiali più idonei a risolvere, di volta in volta, le diverse necessità d intervento, saranno finalizzate ad assicurare il massimo comfort e le migliori condizioni di igiene degli ambienti nel pieno rispetto dell immagine di Lottomatica Group S.p.A.. Il servizio di pulizia comprende: attività remunerate a canone, consistenti in pulizia giornaliera e periodica degli ambienti, di cui al paragrafo 5.1 del presente capitolato; attività remunerate extra canone, consistenti in interventi di pulizia a richiesta, di cui al paragrafo 5.2 del presente capitolato. Lo svolgimento delle attività dovrà essere volto pertanto ad assicurare la pulizia degli ambienti, nel rispetto delle garanzie di igiene e dei diversi standard operativi previsti (rif. par.5.1.1) e a garantire l efficacia degli interventi di pulizia a richiesta, nel rispetto delle modalità predefinite ovvero da definire a seconda della tipologia di intervento richiesto. In generale, tutte le operazioni di pulizia dovranno essere effettuate al di fuori del normale orario di lavoro e comunque entro le 8.30 salvo nei casi in cui le specifiche tecniche non prevedano attività con frequenza bigiornaliera. Il Prestatore è responsabile degli eventuali danni a persone e cose arrecati nello svolgimento del lavoro. E fatto divieto al Prestatore di estendere il servizio ad aree o a locali o comunque di effettuare prestazioni non previste nel presente capitolato senza preventiva autorizzazione da parte del Committente. In sede di offerta ciascun concorrente dovrà illustrare dettagliatamente le modalità da seguire nell'espletamento delle singole attività di pulizia fornendo una "scheda attività elementare" che riporta: le modalità di esecuzione dell operazione l'applicabilità dell'operazione elementare alle tipologie di superficie/oggetto/materiale da pulire i prodotti da utilizzare i Dispositivi di Protezione Individuale (DPI) da utilizzare da parte degli addetti nello svolgimento delle operazioni le eventuali apparecchiature o macchine da utilizzare Per ciascun prodotto del quale si prevede l uso dovranno essere forniti sia la "scheda tecnica" del prodotto (che riporta le raccomandazioni e le caratteristiche di impiego, la composizione chimica e fisica del prodotto,

12 le confezioni disponibili), sia la "scheda di sicurezza" del prodotto (che riporta le precauzioni di uso, i possibili danni derivanti dall'impiego ed i rimedi di pronto soccorso da adottare in caso di incidente). Per ciascun DPI da impiegare dovrà essere fornita la "scheda tecnica" descrittiva del prodotto specifico adot-tato dalla Ditta, le modalità di impiego e l'elenco delle attività per le quali il DPI è richiesto. Per le apparecchiature e/o macchine da utilizzare, dovrà essere fornito l'elenco completo delle apparecchiature / macchine che verranno effettivamente utilizzate, fornendo per ciascuna di esse le informazioni seguenti: a) Tipologia (ad esempio: aspirapolvere a tubo, battitappeto, ceratrice-lucidatrice, etc ) b) Proprietario c) Numero di inventario (con riferimento alla Ditta proprietaria) d) Costruttore e) Dati di targa (Alimentazione monofase/trifase, tensione nominale, frequenza, assorbimento in Watt, corrente massima assorbita in A) f) Elenco degli addetti in grado di impiegare la apparecchiatura / macchina Per ogni apparecchiatura / macchina dovrà essere fornito (anche in fotocopia) il manuale di impiego nonché una dichiarazione dalla quale risulti che l'apparecchiatura / macchina risponde alle norme vigenti in materia di sicurezza ed, ove applicabile, che il personale addetto ha ricevuto adeguata formazione all'impiego della stessa. In sede di offerta la Ditta dovrà fornire una tabella dalla quale risulti, per ciascuna area elementare oggetto dell'attività, le tipologie di superficie/oggetto/materiale in essa presenti, le attività elementari che verranno svolte e le relative frequenze. 5.1 ATTIVITÀ A CANONE Le attività a canone vengono espletate attraverso una serie di operazioni cicliche la cui frequenza varia in funzione del Gruppo di categoria di destinazione d uso degli ambienti, della specifica criticità di taluni degli stessi, della presenza più o meno intensa di personale. A tal fine sono previsti per ciascun Gruppo di categoria di destinazione d uso standard operativi diversificati che, ferme restando le modalità operative di esecuzione di cui al paragrafo A.2 dell allegato A al presente capitolato, si differenziano essenzialmente nel numero e nella frequenza delle attività elementari di riferimento. Il canone pertanto remunera le seguenti attività: pulizia giornaliera degli ambienti da effettuarsi in relazione alle specifiche e ai programmi definiti per ciascuno dei Gruppi di categorie di destinazione d uso (rif. paragrafo del presente capitolato);

13 pulizia periodica degli ambienti da effettuarsi in relazione alle specifiche e ai programmi definiti per ciascuno dei Gruppi di categorie di destinazione d uso (rif. paragrafo del presente capitolato). Lo svolgimento delle attività di cui ai due punti precedenti comprende inoltre : la fornitura di accessori e materiale igienico sanitario ( rif.paragrafo del presente capitolato); la raccolta, differenziazione e conferimento dei rifiuti solidi di tipo urbano secondo la legislazione vigente - D.P.R. n. 915 del e s.m. ( rif.paragrafo del presente capitolato). Pertanto la fornitura di materiale igienico sanitario e la raccolta, differenziazione e conferimento dei rifiuti solidi di tipo urbano si ritengono remunerate dal canone Gruppi di categorie di destinazione d uso Il servizio di pulizia verrà erogato con frequenze e modalità differenti (schede Interventi e frequenze ) in relazione al Gruppo di categorie di destinazioni d uso di riferimento. Al fine infatti della individuazione delle prestazioni (remunerate a canone) da richiedere al Prestatore, le superfici degli Edifici consegnati, identificate per categoria di destinazione d uso come da Tabella 6, sono state classificate nei seguenti 5 gruppi di riferimento: Gruppi di categorie di destinazioni d uso Categorie di destinazioni d uso G1 Uffici Direzionali A B C A1 G2 Uffici -1 turno A B C A1 G3 Uffici Turno Continuativo A B C A1 G4 Spazi complementari interni D E G5 Spazi complementari esterni F di FABBRICATO F di ESTERNO Tabella 5 Categorie di destinazioni d uso A Uffici, sale riunioni B Locali e zone bar, mense (limitatamente alle aree o comunque ai locali adibiti al consumo dei pasti) C Spogliatoio, servizi igienici A1 Ingressi, atri, scale, ascensori e montacarichi, saloni, corridoi, disimpegni, salotti, biblioteche, archivi vivi, centralini telefonici Aree adibite ad attività diverse, quali laboratori, officine, Centrali tecnologiche, centrali termiche, centrali di condizionamento e D simili Aree diverse interne, quali garage, magazzini, depositi, archivi semi attivi, locali adibiti a servizi particolari, seminterrati e E simili F di Porticato,androni,terrazzi,balcone/aggetto, cavedi, piano copertura, scale d'emergenza FABBRICATO F Marciapiedi, parcheggi, passi carrai-piazzali, rampe di accessso,cortili, aiuole e simili, intercapedini, F ESTERNO cunicoli Tabella 6 Le schede Interventi e frequenze associate a ciascuno dei gruppi di riferimento sono riportate al paragrafo A.3 dell allegato A al presente capitolato Modalità di erogazione del servizio Il Servizio verrà erogato secondo le specifiche di cui all allegato A - SPECIFICHE TECNICHE SERVIZIO DI PULIZIA del presente capitolato.

14 Con riferimento alle attività di pulizia, l allegato A riporta: l elenco completo codificato di tutte le attività elementari (programmate e a richiesta) (rif. paragrafo A.1); le indicazioni in ordine alle metodologie di esecuzione delle singole attività di pulizia (rif. paragrafo A.2); le schede Interventi e frequenze relative ai 5 Gruppi di destinazioni d uso di cui al paragrafo del presente capitolato; le schede elencano le attività elementari da eseguire sulle categorie di destinazione d uso corrispondenti a ciascun gruppo e le relative frequenze (rif. paragrafo A.3). In generale, tutte le operazioni di pulizia dovranno essere effettuate al di fuori del normale orario di lavoro. L orario e il calendario di apertura degli uffici saranno specificati, da Lottomatica Group S.p.A., nel Verbale di Consegna (rif. par.3.1 del presente capitolato); il Committente si riserva però la facoltà, per esigenze legate al regolare funzionamento degli uffici, di modificare le fasce orarie comunicate, in qualsiasi momento, previo necessario preavviso al Prestatore. Con riferimento alla fornitura di accessori e materiale igienico sanitario, consistente nella fornitura propriamente detta, nel posizionamento e nel ricambio dei materiali di consumo nonché nella messa in opera degli accessori igienico sanitari nei servizi igienici compresi nelle aree assegnate (bagni, spogliatoi e docce), l allegato A riporta le indicazioni riguardanti le caratteristiche del materiale igienico sanitario e degli accessori forniti (rif. paragrafo A.4). Per le attività relative all allontanamento dei rifiuti, si rimanda ancora al paragrafo A.2 dell allegato A del presente capitolato. In generale la gestione dei rifiuti prodotti durante l espletamento del Servizio dovrà essere svolta in conformità alle norme di legge vigenti ed in particolare alle ordinanze emanate in tal senso dalle Aziende ed Enti Locali. Il Prestatore assumerà la figura di produttore dei rifiuti Presidio Lottomatica Group S.p.A. richiederà al Prestatore, nell ambito del servizio di pulizia, un presidio fisso per le due sedi di via Campo Boario 19 e 56/d - Roma, inteso come presenza continua di quattro persone (per ognuna delle sedi) di cui due dalle ore 9.00 alle ore 13:00 e due dalle ore 13:00 alle ore 18:00 dal lunedì al venerdì che, secondo le esigenze del Committente stesso, durante il normale orario di lavoro (o in orario comunque definito dal Committente) dovranno essere presenti nell edificio per far fronte alle attività richieste. Più specificatamente, le attività del personale saranno quelle di seguito riportate: Distribuzione del materiale di consumo; Pulizia sale riunioni (pulizia tavoli, vuotature portacenere, rimozione tazze e bicchieri); Pulizia dei servizi igienici all occorrenza;

15 Si precisa che le attività del presidio non dovranno in alcun modo sostituire o interferire con la normale attività prevista dal contratto di pulizia Determinazione del canone Il canone mensile è determinato, come segue, moltiplicando i mq di Superficie relativi a ciascun Gruppo di categorie di destinazioni d uso per il relativo prezzo unitario: dove: Canone 5 = i= 1 ( p G mqg ) + p i i m p Gi = prezzo unitario a mq/mese relativo all i-esimo Gruppo di categorie di destinazioni d uso (rif. par.8.1), al netto del ribasso offerto dal Prestatore; mq Gi = metri quadri di superfici, relativi all i-esimo Gruppo di categorie di destinazioni d uso; pm= prezzo della manodopera (rif pa. 8.3); nm= numero di ore di manodopera relative al presidio. Si ricorda che i prezzi p Gi si riferiscono a specifiche per le quali è fissata la seguente frequenza settimanale per le attività giornaliere: Gruppi di categorie di destinazioni d uso Freq. Sett. Attività giornaliere G1 Uffici Direzionali 5/7 G2 Uffici -1 turno 5/7 G3 Uffici A Turno Continuativo 6/7 G4 Spazi complementari interni 5/7 G5 Spazi complementari esterni 5/7 Tabella 7 Qualora si intenda applicare una specifica a edifici o a parti di edifici che richiedono una frequenza settimanale per attività giornaliere diversa da quella di riferimento della specifica applicata, il prezzo unitario da applicare a tali superfici verrà corretto come segue: p' G i = (p G i fn/ fr) n m dove: p Gi = prezzo unitario corretto a mq/mese relativo all i-esimo gruppo di destinazione d uso; p Gi = prezzo unitario a mq/mese relativo all i-esimo gruppo di destinazione d uso (rif. par.8.1); f n = frequenza settimanale richiesta per attività giornaliere (es.7/7); f r = frequenza settimanale di riferimento per attività giornaliere (es.6/7). In qualsiasi periodo di validità del contratto, il Committente avrà la facoltà di variare la destinazione d uso e/o lo standard di riferimento e il canone verrà di conseguenza adeguato.

16 5.1.4 Tabella Riepilogativa del Personale di Pulizia attualmente operante nelle sedi occupate da Lottomatica Group S.p.A. SEDE N Inquadramento Monte ore CEZ di Cagliari addetti 2 2 Settimanale 24 CEZ di Palermo CEZ di Milano ,5 CEZ di Napoli CEZ di Firenze CEZ di Torino CEZ di Torino CEZ di Venezia Pomezia - Via delle Monachelle snc Roma Viale del Campo Boario, Roma Viale del Campo Boario, 56d Roma Viale del Campo Boario, 56d Roma Viale del Campo Boario, 56d Roma Viale del Campo Boario, 56d Roma Viale del Campo Boario, 56d ,5 Roma Viale del Campo Boario, 56d Roma Viale del Campo Boario, 56d Roma Viale del Campo Boario, 56d Roma Viale del Campo Boario, Roma Viale del Campo Boario, 56d ATTIVITÀ EXTRA CANONE Si considerano attività extra canone tutte le prestazioni di pulizia a richiesta. Il Prestatore deve pertanto garantire (qualora richiesta) l erogazione delle attività non poste nell ordinarietà del servizio e/o non programmabili in quanto connesse a fattori per i quali non è possibile prevederne frequenza e quantità Modalità di erogazione del servizio Di seguito vengono specificate per le categorie di attività extra canone individuate, le relative modalità di erogazione.

17 Attività a richiesta Le attività in oggetto sono a loro volta distinte in: attività a richiesta standard: attività elementari le cui modalità esecutive e i relativi prezzi unitari sono già definiti e riportati rispettivamente al paragrafo A.2 dell allegato A e al paragrafo 8.1 del presente capitolato; attività a richiesta non standard: attività che per tipologia e modalità esecutive non sono riconducibili ad una sommatoria di attività standard. Nella seguente tabella è riportato l elenco delle attività a richiesta standard, con riferimento alla codifica riportata nell Elenco delle attività elementari riportato al punto A.1 dell allegato A: Codice attività Descrizione 3 Lavaggio e disinfezione servizi igienici, antibagni, spogliatoi e docce 6 Rimozione della polvere e delle ragnatele da zone "difficilmente accessibili" 7 Lavaggio mobili metallici e/o rivestimenti in laminati plastici 8 Pulizia delle superfici rivestite in tessuto,divisori open space, retro armadi etc.. 9 Pulizia delle superfici rivestite in tessuto di sedie, poltrone e divani 10 Aspirazione elettromeccanica vani intercapedini e vani prese scrivanie 12 Lavaggio dei pavimenti 13 Lavaggio superficiale dei pavimenti in tessuto (moquette, etc.) 14 Lavaggio a fondo dei pavimenti in tessuto (moquette, etc.) 15 Deceratura, lavaggio e ceratura dei pavimenti 16 Lucidatura pavimenti 18 Aspirazione polvere da pavimentazioni sottostanti a quelle sopraelevate 19 Spazzatura pavimentazioni aree esterne adiacenti al fabbricato 20 Spazzatura e lavaggio piazzali esterni 22 Lavaggio delle superfici vetrate di porte d'ingresso, portinerie, sportelli aperti al pubblico, porte divisorie 23 Lavaggio pareti divisorie in legno o rivestite in materiale plastico 24 Lavaggio delle pareti, delle porte e delle pulsantiere di ascensori e montacarichi 25 Pulizia di maniglie, accessori metallici, corrimani, etc. 26 Lavaggio dei corpi illuminanti 27 Lavaggio di tende, veneziane, tapparelle, gelosie etc. 28 Lavaggio di tende esterne e cupolini infissi, serramenti, ringhiere, inferriate, grate, grigliati, lucernai, etc. 32 Lavaggio dei vetri accessibili e relativi davanzali 33 Lavaggio vetri non accessibili Tabella 8 Per le attività in esame, il Prestatore, oltre al rispetto delle prescrizioni del presente capitolato (rif. paragrafo A. 2 allegato A), dovrà tenere conto delle indicazioni specifiche fornite di volta in volta in fase di Richiesta dell intervento. In tale fase verrà individuato l oggetto dell intervento, nonché definite (in maniera concordata e qualora necessario), le modalità e le tempistiche di esecuzione dell intervento. In particolare il Committente inoltrerà al Prestatore una Richiesta di Intervento, contenente tutte le informazioni necessarie alla: identificazione della richiesta che ha generato l ordine stesso; identificazione delle attività da svolgere (tipo di prestazione); individuazione dell oggetto e/o delle aree su cui va effettuata; definizione delle modalità e dei tempi per l esecuzione. Salvo diverse indicazioni o diversi accordi fra il Committente e il Prestatore (ad esempio in caso di urgenza), l attività dovrà essere espletata entro 2 giorni dalla ricezione della richiesta.

18 Nel caso di attività a richiesta non standard e fuori elenco (rif. Tabella 8), alla Richiesta di Intervento emessa dal Committente, il Prestatore dovrà rispondere con un preventivo emesso al massimo entro 2 giorni lavorativi dalla ricezione della richiesta; il Prestatore potrà dar corso alla esecuzione dell intervento solo al seguito dell approvazione del preventivo da parte del Committente. Salvo diverse indicazioni o diversi accordi fra il Committente e il Prestatore (ad esempio in caso di urgenza), l attività dovrà essere espletata entro 2 giorni lavorativi dall approvazione del preventivo. In entrambi i casi, sia per attività in elenco (a richiesta standard) che fuori elenco (a richiesta non standard), dovrà essere effettuata la consuntivazione sia tecnica che economica dell intervento; la scheda di consuntivo intervento (rendiconto) deve riportare al minimo le seguenti informazioni: descrizione sintetica dell intervento; quantità eseguite secondo le voci dell elenco prezzi, con relative date di effettuazione; importo complessivo. La scheda compilata in ogni sua parte e firmata dal Prestatore, dovrà essere controfirmata dal Committente come attestazione dell avvenuta esecuzione dell intervento. Il Committente, ove non abbia osservazioni, autorizzerà il Prestatore alla fatturazione entro il termine di massimo di 30 giorni naturali e consecutivi dal ricevimento del rendiconto. L autorizzazione alla fatturazione equivale alla accettazione dei servizi Determinazione dei corrispettivi Il corrispettivo mensile per attività extra canone a richiesta sarà calcolato come segue: Corrispettivo per prestazioni aggiuntive m = Σ i=1 n i p i Σ j=1 q ij dove: p i = prezzo unitario per la i-esima tipologia di attività (rif. par.8.1) al netto del ribasso offerto dal Prestatore; m = numero totale di tipologie attività (rif. par ), per cui sono state richieste prestazioni aggiuntive; q ij = quantità di riferimento su cui viene richiesta la j-esima prestazione aggiuntiva per l i-esima tipologia di attività; n i = numero di prestazioni aggiuntive richieste per i-esima tipologia di attività. Esempio. Si ipotizzi che vengano richieste, nel corso di un mese, le seguenti prestazioni di pulizia: Codice attività Descrizione Prezzo attività extracanone Quantità di riferimento 12 Lavaggio dei pavimenti P12 ( /mq) 1000 mq 12 Lavaggio dei pavimenti P12 ( /mq) 1500 mq 12 Lavaggio dei pavimenti P12 ( /mq) 350 mq 33 Lavaggio vetri non accessibili P33 ( /ora) 5 ore

19 Il corrispettivo per tali prestazioni extra canone sarà pari a: p p33 Corrispettivo per prestazioni extra = PRESCRIZIONI RIGUARDANTI IL PERSONALE, LE ATTREZZATURE E I MATERIALI FORNITI Materiali e attrezzature È compresa nel servizio la fornitura di tutte le attrezzature e di materiali di consumo necessari per lo svolgimento dello stesso. Tutti i prodotti chimici utilizzati per la pulizia e sanificazione dovranno essere registrati al Ministero della Sanità e dovranno rispondere alle normative vigenti in Italia e nell UE relativamente a biodegradabilità, dosaggi, avvertenze di pericolosità. Tutti i prodotti saranno accompagnati da scheda tecnica e scheda di sicurezza CE comprendenti: i simboli di pericolo, le frasi di rischio e prudenza e le indicazioni per il primo intervento; i numeri di telefono dei centri antiveleno presso i quali sono depositate le schede di sicurezza. E vietato l'uso di prodotti tossici e/o corrosivi ed in particolare: acido cloridrico; ammoniaca. Il Prestatore dovrà sottoporre al Committente (prima dell avvio del servizio), le schede tecniche e di sicurezza dei prodotti che intende impiegare. Il Prestatore dovrà inoltre garantire l effettuazione di prelievi a campione dei prodotti chimici e delle soluzioni pronte all'uso per verificare le caratteristiche dei prodotti e l'esatta percentuale di dosaggio delle soluzioni. Nel materiale occorrente per l esecuzione del servizio sono compresi a titolo esemplificativo e non esaustivo, scale, secchi, aspirapolveri, spruzzatori, scopettoni, strofinacci, pennelli, piumini o detersivi, sacchi per la raccolta dei rifiuti. Tutte le macchine utilizzate per la pulizia dovranno essere certificate e conformi alle prescrizioni antinfortunistiche vigenti e tutti gli aspiratori per polveri devono essere provvisti di meccanismo di filtraggio dell aria in uscita secondo le disposizioni di legge. Il Prestatore dovrà in ogni caso operare con la massima diligenza affinché prodotti, attrezzature, mezzi e le modalità operative utilizzate per l asportazione dello sporco, non comportino alterazioni o danni alle superfici trattate.

20 5.3.2 Operatori addetti alle pulizie Il Prestatore dovrà garantire per il personale addetto il rispetto di tutte le norme inerenti la sicurezza sul lavoro. Il Prestatore dovrà garantire l impiego di personale specializzato nel campo delle pulizie e sanificazione ambientale e ben addestrato in relazione alle particolari caratteristiche dell'ambiente da pulire e all utilizzo delle macchine, prodotti in dotazione. Il personale dovrà essere di gradimento di Lottomatica Group S.p.A., la quale, in caso contrario, si riserva la facoltà di richiederne in qualunque momento la sostituzione, ragionevolmente motivata; in tale ipotesi il Prestatore si dovrà impegnare a soddisfare le richieste del Committente entro il termine di 10 (dieci) giorni lavorativi dalla richiesta. In caso di assenza del personale normalmente impiegato nell esecuzione del servizio, il Prestatore dovrà garantire la sostituzione di questo comunicando tempestivamente al Committente i nominativi del personale supplente. In particolare il personale addetto deve: svolgere il servizio negli orari prestabiliti; non sono ammesse variazioni dell'orario di servizio se non preventivamente concordate; rispettare gli ordini di servizio seguendo le operazioni affidate secondo le metodiche e le frequenze stabilite. Il personale del Prestatore deve presentarsi in servizio in divisa da lavoro. Ogni operatore deve portare sulla divisa il distintivo di riconoscimento, contenente informazioni relative alla ditta di appartenenza, il proprio nominativo e numero di matricola, corredato di fotografia del dipendente formato tessera, come rappresentato dal layout in Figura 1. N cartellino LOGO Fornitore fototessera Denominazione Fornitore Nominativo dipendente Matricola dipendente Firma per Autorizzazione. Figura 1 Ciascun distintivo deve essere validato da responsabile del Committente e firmato per autorizzazione al fine di evitarne eventuali duplicazioni. Per quanto riguarda i presidi, come anticipato, la composizione nominativa del presidio è da ritenersi, di norma, stabile per l'intera durata del contratto; l elenco dei nominativi del personale di presidio dovrà essere aggiornato a cura del Prestatore che comunicherà tempestivamente qualsiasi variazione al Committente. Ogni variazione dei nominativi e delle generalità del personale addetto all esecuzione del servizio, dovrà essere comunicata, a Lottomatica Group S.p.A. con un preavviso di almeno 7 (sette) giorni.

SCHEMA DI CONTRATTO. L'anno duemila..., il giorno del mese di...in Roma

SCHEMA DI CONTRATTO. L'anno duemila..., il giorno del mese di...in Roma SCHEMA DI CONTRATTO L'anno duemila..., il giorno del mese di.....in Roma TRA Lottomatica Group S.p.A. con sede in Roma, Viale del Campo Boario n. 56/d - 00154 Codice Fiscale e Partita IVA n. 08028081001,

Dettagli

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI Art. 1 Oggetto del capitolato Il presente appalto prevede: la

Dettagli

Capitolato Tecnico. Pagina 1

Capitolato Tecnico. Pagina 1 Gara a procedura aperta per l affidamento dei servizi di facchinaggio della sede di SACE sita in Roma Piazza Poli 37/42 - CIG 5778360584 Pagina 1 1 PREMESSA 3 2 Oggetto dell Appalto 3 3 Durata dell Appalto

Dettagli

ALLEGATO A CAPITOLATO TECNICO

ALLEGATO A CAPITOLATO TECNICO ALLEGATO A CAPITOLATO TECNICO CONVENZIONE PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI PULIZIA ED ALTRI SERVIZI, TESI AL MANTENIMENTO DEL DECORO E DELLA FUNZIONALITA DEGLI IMMOBILI, PER GLI ISTITUTI SCOLASTICI DI

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE TECNICO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI DERATIZZAZIONE E DISINFESTAZIONE SULLE AREE PUBBLICHE COMUNALI

CAPITOLATO SPECIALE TECNICO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI DERATIZZAZIONE E DISINFESTAZIONE SULLE AREE PUBBLICHE COMUNALI Provincia di Salerno Area Tecnica Assetto ed Utilizzazione del Territorio CAPITOLATO SPECIALE TECNICO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI DERATIZZAZIONE E DISINFESTAZIONE SULLE AREE PUBBLICHE COMUNALI ART.1

Dettagli

AUTORITA' DI BACINO DEL FIUME TEVERE

AUTORITA' DI BACINO DEL FIUME TEVERE Allegato alla determinazione dirigenziale n. 1/2011 AUTORITA' DI BACINO DEL FIUME TEVERE Ufficio di Segreteria Giuridico-Amministrativa U.O. Affari Generali, Giuridici e di Raccordo Istituzionale Via V.

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca GARA EUROPEA A PROCEDURA RISTRETTA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA E DISINFESTAZIONE, PRESTAZIONI DI FACCHINAGGIO INTERNO ED ESTERNO E LA MINUTA MANUTENZIONE DEI LOCALI, RELATIVI AGLI IMMOBILI

Dettagli

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122 MINISTERO DELLA SALUTE UFFICIO GENERALE DELLE RISORSE DELL ORGANIZZAZIONE E DEL BILANCIO UFFICIO VIII EX DGPOB LOTTO 2. AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DELLA SEDE DEL COMANDO CARABINIERI PER LA TUTELA

Dettagli

Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A.

Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A. Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A. Firenze, 27 novembre 2013 Classificazione Consip Public indice Il Programma per la razionalizzazione degli acquisti Focus: Convenzione per

Dettagli

MINISTERO DELLA GIUSTIZIA DIPARTIMENTO DELL AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA DIREZIONE GENERALE DEL RISORSE MATERIALI DEI BENI E DEI SERVIZI

MINISTERO DELLA GIUSTIZIA DIPARTIMENTO DELL AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA DIREZIONE GENERALE DEL RISORSE MATERIALI DEI BENI E DEI SERVIZI MINISTERO DELLA GIUSTIZIA DIPARTIMENTO DELL AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA DIREZIONE GENERALE DEL RISORSE MATERIALI DEI BENI E DEI SERVIZI CAPITOLATO TECNICO Servizio di pulizia, di facchinaggio interno

Dettagli

VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS)

VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS) VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS) Art. 1 - Oggetto dell affidamento L oggetto dell affidamento

Dettagli

Periodo: 1.3.2011 28.2.2014

Periodo: 1.3.2011 28.2.2014 PROCEDURA IN ECONOMIA ex art. 125 del D. Lgs. n. 63/2006 per l affidamento del servizio di CONTROLLO INTEGRATO DELLE INFESTAZIONI ENTOMATICHE E MURINE PRESSO LE STRUTTURE UNIVERSITARIE Periodo: 1.3.2011

Dettagli

FONDAZIONE E.N.P.A.I.A. ENTE NAZIONALE DI PREVIDENZA PER GLI ADDETTI E PER GLI IMPIEGATI IN AGRICOLTURA

FONDAZIONE E.N.P.A.I.A. ENTE NAZIONALE DI PREVIDENZA PER GLI ADDETTI E PER GLI IMPIEGATI IN AGRICOLTURA CAPITOLATO SPECIALE Procedura aperta per l'affidamento del servizio di pulizia ordinaria della sede della Fondazione E.N.P.A.I.A. di viale Beethoven, 48 Roma. CIG 6220354E7E ARTICOLO 1 OGGETTO DELL APPALTO

Dettagli

Pianificazione di massima delle attività ed organizzazione delle pulizie di presidio

Pianificazione di massima delle attività ed organizzazione delle pulizie di presidio Allegato n. 2 al CT Pianificazione di massima delle attività ed organizzazione delle pulizie di presidio SERVIZIO AMBIENTALE INTEGRATO DEI COMPLESSI IMMOBILIARI DELLE GRANDI STAZIONI Allegato n. 2 al CAPITOLATO

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO (ai sensi dell articolo 26 del D.Lgs. 81/2008) Allegato

Dettagli

1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via. Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045

1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via. Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045 BANDO DI GARA CON PROCEDURA APERTA 1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045 8051811 fax 045 8011566 - sito internet www.arena.it

Dettagli

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI Allegato 1 COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI REGOLAMENTO PER LA DOTAZIONE FINANZIARIA COMUNALE PER INTERVENTI DI MANUTENZIONE ORDINARIA E DI FUNZIONAMENTO IN FAVORE DEGLI ISTITUTI DI ISTRUZIONE PRIMARIA

Dettagli

Città di Spinea Provincia di Venezia

Città di Spinea Provincia di Venezia Città di Spinea Provincia di Venezia APPALTO: servizio di pulizia interna uffici comunali 2013 2014 AFFIDAMENTO: da appaltare REDATTO DA REVISIONE N. DATA APPROVATO DA 1 SOMMARIO 1. SEZIONE DESCRITTIVA...

Dettagli

Con la presente scrittura privata in tre originali, di cui uno per uso di. registrazione e due per uso delle parti, tra l Istituto Poligrafico e Zecca

Con la presente scrittura privata in tre originali, di cui uno per uso di. registrazione e due per uso delle parti, tra l Istituto Poligrafico e Zecca CONTRATTO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI STABILIMENTI DI ROMA DELL ISTITUTO POLIGRAFICO E ZECCA DELLO STATO S.p.A.: - STABILIMENTO DI P.ZZA VERDI - P.zza Verdi 10 - STABILIMENTO SALARIO Via

Dettagli

SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI E LOCALI COMUNALI

SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI E LOCALI COMUNALI CITTÀ DI MARTINA FRANCA Provincia di Taranto SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI E LOCALI COMUNALI CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO COMUNE DI MARTINA FRANCA - Piazza Roma, 32-74015 Martina Franca (Ta) Tel. 0804836111

Dettagli

Settori. Personale qualificato. Chi siamo

Settori. Personale qualificato. Chi siamo Settori Pubblico Pulizia di edifici di Pubbliche amministrazioni seguendo le richieste indicate nei capitolati d oneri, controllate inoltre delle specifiche norme UNI EN ISO 9001 e SA8000. Privato personalizzati

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

00185 Roma Via Castelfidardo, 41

00185 Roma Via Castelfidardo, 41 CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEI LOCALI SEDE DEGLI UFFICI DELL ENTE NAZIONALE DI PREVIDENZA ED ASSISTENZA DEI VETERINARI (VIA CASTELFIDARDO, 41), DELLE PARTI COMUNI DELL IMMOBILE

Dettagli

ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA Direzione Generale Direzione Centrale per l Attività Amministrativa e la Gestione del Patrimonio CAPITOLATO TECNICO

ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA Direzione Generale Direzione Centrale per l Attività Amministrativa e la Gestione del Patrimonio CAPITOLATO TECNICO SERVIZIO DI FACCHINAGGIO CON GESTIONE DEL CICLO LOGISTICO COMPRENSIVA DEL MONITORAGGIO INFORMATIZZATO E TRASPORTO COSE ALL INTERNO E TRA LE VARIE SEDI ISTAT DI ROMA CAPITOLATO TECNICO 1 INDICE 1. OGGETTO

Dettagli

RISOLUZIONE N. 25/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 25/E QUESITO RISOLUZIONE N. 25/E Direzione Centrale Normativa Roma, 6 marzo 2015 OGGETTO: Consulenza giuridica - Centro di assistenza fiscale per gli artigiani e le piccole imprese Fornitura di beni significativi nell

Dettagli

MANUALE DI GESTIONE GOVERNO QUOTIDIANO DEGLI ANIMALI

MANUALE DI GESTIONE GOVERNO QUOTIDIANO DEGLI ANIMALI MANUALE DI GESTIONE Breve descrizione del canile (fabbricati: box, locali accessori). Modalità di approvvigionamento idrico e smaltimento reflui animali. Individuazione responsabile generale (titolare)

Dettagli

QUESTIONARIO DI AUTOVALUTAZIONE

QUESTIONARIO DI AUTOVALUTAZIONE QUESTIONARIO DI AUTOVALUTAZIONE N.B. Qualora ritenga importante integrare il questionario con commenti particolari o chiarimenti che ritiene importanti può farlo scrivendo quanto ritiene opportuno nello

Dettagli

COMUNE DI NISCEMI PROVINCIA DI CALTANISSETTA Ripartizione Lavori Pubblici e Ambiente

COMUNE DI NISCEMI PROVINCIA DI CALTANISSETTA Ripartizione Lavori Pubblici e Ambiente COMUNE DI NISCEMI PROVINCIA DI CALTANISSETTA Ripartizione Lavori Pubblici e Ambiente OGGETTO: SERVIZIO DI DISINFESTAZIONE E DERATTIZZAZIONE IN TUTTO IL TERRITORIO COMUNALE, NELLE SCUOLE E EDIFICI PUBBLICI

Dettagli

L applicazione dell IVA agevolata del 10% per le opere di MANUTENZIONE ORDINARIA E MANUTENZIONE STRAORDINARIA

L applicazione dell IVA agevolata del 10% per le opere di MANUTENZIONE ORDINARIA E MANUTENZIONE STRAORDINARIA Studio Tecnico Geometri SAPINO Giuseppe e PEDERZANI Fabio Via Pollano, 26 12033 MORETTA (CN) - tel. 0172.94169 fax 172.917563 mail: gsapino@geosaped.com fpederzani@geosaped.com P.E.C.: giuseppe.sapino@geopec.it

Dettagli

Dipartimento di Prevenzione U.O.C. HACCP- RSO

Dipartimento di Prevenzione U.O.C. HACCP- RSO La presente istruzione operativa dettaglia una specifica attività/fase di un processo descritto dalla procedura Piano Interno di Intervento Emergenza Migranti. La sanificazione ambientale viene intesa

Dettagli

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali Lettera Rischi Interferenziali Spett.le Ditta Appaltatrice Ditta Subappaltatrice Luogo, Data 2 OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali In relazione alla necessità di una possibile

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli

! " # $" $ () # $ $ % % # % $ + $ & "!" $ $ $ # #

!  # $ $ () # $ $ % % # % $ + $ & ! $ $ $ # # !!"!%!!!& '! " " ()! **" % % % + & "!"!" " ' % ''(, ( ) ) *+ (, + ( +! ( - "&.& + & & ''-- + / 0( 0 1 2 ))3-01"( + ( +! % ( + + & ( + 4 + & ( 5 + + 4 ( 6 + 0 (+ ( + + ( 6 / 6 0 (! ' 7 3!. ( 89 :;:

Dettagli

COMUNE DI CERIANO LAGHETTO Provincia di Monza e della Brianza Via Roma 18 20816 Ceriano Laghetto www.ceriano-laghetto.org

COMUNE DI CERIANO LAGHETTO Provincia di Monza e della Brianza Via Roma 18 20816 Ceriano Laghetto www.ceriano-laghetto.org CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI IMMOBILI DEL COMUNE DI CERIANO LAGHETTO E SERVIZI AUSILIARI - PERIODO 01/01/2011 31/12/2013 (CIG 058147692A) ART. 1 - OGGETTO

Dettagli

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento Servizio di Economato

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento Servizio di Economato PROVINCIA DI ROMA Regolamento Servizio di Economato Adottato con delibera del Consiglio Provinciale: n. 1111 dell 1 marzo 1995 Aggiornato con delibera del Consiglio Provinciale n. 34 del 12 luglio 2010

Dettagli

ama S.p.A. L AQUILA servizio acquisti e contratti Azienda della Mobilità Aquilana OGGETTO: locazione spazi pubblicitari.

ama S.p.A. L AQUILA servizio acquisti e contratti Azienda della Mobilità Aquilana OGGETTO: locazione spazi pubblicitari. servizio acquisti e contratti L Aquila 14 luglio 2014 Prot. 924 acq./dnc Spett.le Lotto CIG: Z111026FC0 OGGETTO: locazione spazi pubblicitari. Questa azienda intende locare gli spazi, utilizzabili a fini

Dettagli

GUARDIA DI FINANZA QUARTIER GENERALE BANDO DI GARA SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1)DENOMINAZIONE, INDIRIZZI E PUNTI DI CONTATTO

GUARDIA DI FINANZA QUARTIER GENERALE BANDO DI GARA SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1)DENOMINAZIONE, INDIRIZZI E PUNTI DI CONTATTO GUARDIA DI FINANZA QUARTIER GENERALE BANDO DI GARA SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1)DENOMINAZIONE, INDIRIZZI E PUNTI DI CONTATTO Denominazione ufficiale: Quartier Generale della Guardia di

Dettagli

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO In base all art. 256 del D. Lgs. 81/2008, così come modificato dal D. Lgs. 106/2009, i

Dettagli

Capitolato Tecnico Servizi di Pulizia degli uffici e servizi annessi CIG 57752742DF Gara per l'affidamento dei servizi di pulizia degli uffici e

Capitolato Tecnico Servizi di Pulizia degli uffici e servizi annessi CIG 57752742DF Gara per l'affidamento dei servizi di pulizia degli uffici e Servizi di Pulizia degli uffici e servizi annessi CIG 57752742DF Gara per l'affidamento dei servizi di pulizia degli uffici e servizi annessi da prestare presso la sede di Roma - Piazza Poli, 37/42 00187

Dettagli

AMIANTO PIANO DI LAVORO

AMIANTO PIANO DI LAVORO AMIANTO PIANO DI LAVORO Piano di lavoro [art. 256 D. Lgs. 81/2008] I lavori di demolizione o rimozione dei materiali contenenti amianto possono essere effettuati solo da imprese iscritte all Albo nazionale

Dettagli

CAPITOLATO TECNICO E DISCIPLINARE DI GARA

CAPITOLATO TECNICO E DISCIPLINARE DI GARA Procedura aperta per l affidamento del servizio di pulizia ordinaria e di attività ausiliarie accessorie per la sede nazionale di Fondimpresa sita in Roma in via della Ferratella in Laterano n. 33 CAPITOLATO

Dettagli

Direzione Centrale Manutenzione, Contratti e Beni Confiscati Acquisti

Direzione Centrale Manutenzione, Contratti e Beni Confiscati Acquisti Direzione Centrale Manutenzione, Contratti e Beni Confiscati Acquisti PROCEDURA DI GARA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA, IGIENE AMBIENTALE E FACCHINAGGIO DA EFFETTUARSI PRESSO GLI UFFICI DELL

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI EDIFICI DELL UNIVERSITA PER IL TRIENNIO 2010-2013.

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI EDIFICI DELL UNIVERSITA PER IL TRIENNIO 2010-2013. UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI DIREZIONE FINANZIARIA Settore Acquisto Beni e Servizi e Gestione Contratti CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI EDIFICI DELL

Dettagli

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Codice identificativo n. [numero progressivo da sistema] CONTRATTO per il riconoscimento degli incentivi per

Dettagli

Scheda 2.4 Imprese di pulizia, disinfezione, disinfestazione, derattizzazione e sanificazione

Scheda 2.4 Imprese di pulizia, disinfezione, disinfestazione, derattizzazione e sanificazione Scheda 2.4 Imprese di, disinfezione, disinfestazione, derattizzazione e sanificazione SOGGETTI RICHIEDENTI/AMBITO DI APPLICAZIONE La presente scheda riguarda unicamente soggetti ricadenti nella qualifica

Dettagli

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Innocenzo Mastronardi, Ingegnere Civile, professionista antincendio, PhD student in S.O.L.I.P.P. XXVI Ciclo Politecnico di Bari INTRODUZIONE Con l

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI (Emanato con D.R. n. 57 del 21 gennaio 2015) INDICE Pag. Art. 1 - Oggetto 2 Art. 2 - Procedura

Dettagli

PUBBLICO INCANTO. TRASLOCO della BIBLIOTECA NAZIONALE Sagarriga Visconti Volpi di BARI Capitolato d oneri

PUBBLICO INCANTO. TRASLOCO della BIBLIOTECA NAZIONALE Sagarriga Visconti Volpi di BARI Capitolato d oneri Ministero per i Beni e le Attività Culturali DIPARTIMENTO PER I BENI ARCHIVISTICI E LIBRARI DIREZIONE GENERALE PER I BENI LIBRARI E GLI ISTITUTI CULTURALI PUBBLICO INCANTO TRASLOCO della BIBLIOTECA NAZIONALE

Dettagli

TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI

TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI di Luigi Cenicola 1. Premessa. A decorrere dall anno 2014, per il servizio di raccolta dei rifiuti solidi urbani e per i servizi indivisibili comunali, si pagheranno

Dettagli

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 CARTA SEMPLICE FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 ALL A.S.L. N. CN2 ALBA BRA DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio Prevenzione Sicurezza Ambienti di Lavoro Via Vida

Dettagli

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ope Facility management per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ingegneria dell efficienza aziendale Società per i Servizi Integrati

Dettagli

STUDIO PROFESSIONALE DI FISIOTERAPIA

STUDIO PROFESSIONALE DI FISIOTERAPIA Studio professionale di fisioterapia: Gli Studi Professionali di Fisioterapia sono strutture dove possono essere erogate prestazioni terapeutiche riconducibili al profilo professionale del fisioterapista

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli

LAMPADE A VAPORI DI MERCURIO AD ALTA PRESSIONE

LAMPADE A VAPORI DI MERCURIO AD ALTA PRESSIONE Pag. 1 di 20 LAMPADE A VAPORI DI MERCURIO AD ALTA PRESSIONE Funzione Responsabile Supporto Tecnico Descrizione delle revisioni 0: Prima emissione FI 00 SU 0002 0 1: Revisione Generale IN 01 SU 0002 1 2:

Dettagli

15067 NOVI LIGURE AL. Tel.: 0143 744516 - Fax: 0143 321556 e-mail: srtspa@srtspa.it

15067 NOVI LIGURE AL. Tel.: 0143 744516 - Fax: 0143 321556 e-mail: srtspa@srtspa.it Allegato 4) Regolamento... li... ALLA SRT - SOCIETA PUBBLICA PER IL RECUPERO ED IL TRATTAMENTO DEI RIFIUTI S.p.A. Strada Vecchia per Boscomarengo s.n. 15067 NOVI LIGURE AL Tel.: 0143 744516 - Fax: 0143

Dettagli

Master La pulizia sostenibile come opportunità FORUM PA Roma, 17-20 maggio 2010. L attività di ASSOCASA per una detergenza sostenibile

Master La pulizia sostenibile come opportunità FORUM PA Roma, 17-20 maggio 2010. L attività di ASSOCASA per una detergenza sostenibile Master La pulizia sostenibile come opportunità FORUM PA Roma, 17-20 maggio 2010 L attività di ASSOCASA per una detergenza sostenibile A cura di ASSOCASA Assocasa Associazione Nazionale Detergenti e Specialità

Dettagli

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Art. 1 Personale avente diritto I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati nei confronti dei dipendenti comunali a tempo

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) COMPITI DELLE IMPRESE E DOCUMENTAZIONE CONTRATTUALE AI SENSI DI QUANTO PREVISTO DAL D.L.GS 8108 e s.m.i. TIPOLOGIA APPALTO: SERVIZIO DI PULIZIA

Dettagli

OGGETTO:BANDO PER L ISTITUZIONE DI UN ALBO DI FORNITORI 2012 PRESSO L ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA ROMA

OGGETTO:BANDO PER L ISTITUZIONE DI UN ALBO DI FORNITORI 2012 PRESSO L ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA ROMA OGGETTO:BANDO PER L ISTITUZIONE DI UN ALBO DI FORNITORI 2012 PRESSO L ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA ROMA 1.1. ) ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA Largo Arrigo VII, 5-00153 Roma (Italia) ; centralino 06/5717621;

Dettagli

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche Comune di Parma Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche A vent anni dall entrata in vigore della più importante legge sull abbattimento delle barriere

Dettagli

PROGETTO DEL SERVIZIO

PROGETTO DEL SERVIZIO GISEC S.p.A. a Socio Unico Gestione Impianti e Servizi Ecologici Casertani Società soggetta ad attività di Direzione e Coordinamento da parte della Provincia di Caserta Sede Legale in Corso Trieste, 133

Dettagli

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE Allegato sub. A alla Determinazione n. del Rep. C O M U N E D I T R E B A S E L E G H E P R O V I N C I A D I P A D O V A CONVENZIONE INCARICO PER LA PROGETTAZIONE DEFINITIVA - ESECUTIVA, DIREZIONE LAVORI,

Dettagli

- - Visto l'art. 63 del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza 18 giugno 1931, n. 773;

- - Visto l'art. 63 del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza 18 giugno 1931, n. 773; Decreto Ministeriale del 12/09/2003 Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per l'installazione e l'esercizio di depositi di gasolio per autotrazione ad uso privato, di capacita' geometrica

Dettagli

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI Introduzione Le dimensioni delle cabine degli ascensori debbono rispettare valori minimi stabiliti dalle normative vigenti,

Dettagli

Categoria Servizi di Pulizia ed Igiene Ambientale Regolamento Sistema di Qualificazione

Categoria Servizi di Pulizia ed Igiene Ambientale Regolamento Sistema di Qualificazione ALBO FORNITORI POSTE ITALIANE S.P.A. CATEGORIA SERVIZI DI PULIZIA ED IGIENE AMBIENTALE REGOLAMENTO DEL SISTEMA DI QUALIFICAZIONE Pagina 1 di 20 INDICE 1. DISPOSIZIONI GENERALI...3 1.1. Premessa e ambito

Dettagli

REGISTRO DELLE MANUTENZIONI per la prevenzione delle diffusione delle malattie infettive Art. 10, Legge Regionale n.45 del 23 dicembre 2008

REGISTRO DELLE MANUTENZIONI per la prevenzione delle diffusione delle malattie infettive Art. 10, Legge Regionale n.45 del 23 dicembre 2008 REGISTRO DELLE MANUTENZIONI per la prevenzione delle diffusione delle malattie infettive Art. 10, Legge Regionale n.45 del 23 dicembre 2008 REGISTRO DELLE MANUTENZIONI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO DELL

Dettagli

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO AVVERTENZE PER LA REDAZIONE 1. La bozza di contratto proposta è da utilizzare come linea guida, potrà essere integrata e/o ridotta in funzione alle specifiche necessità.

Dettagli

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * *

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * * COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci ina 1 L Amministrazione comunale di Ronco Scrivia (provincia di Genova) intende integrare la dotazione

Dettagli

FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI)

FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI) FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI) Domande frequenti inerenti la Relazione Energetico - Ambientale e la conformità delle pratiche edilizie alla normativa di settore. Aggiornamento al

Dettagli

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 TABELLA B RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 1 B1) Disponibilità dei locali B1.1) Scansione del documento di disponibilità esclusiva dei locali della sede operativa per almeno tre

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via S. Andrea, 8 32100 Belluno Tel. 0437 516927 Fax 0437 516923 e-mail: serv.spisal.bl@ulss.belluno.it Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via Borgo

Dettagli

Regolamento in materia di indennizzi applicabili nella definizione delle controversie tra utenti ed operatori. Articolo 1 Definizioni

Regolamento in materia di indennizzi applicabili nella definizione delle controversie tra utenti ed operatori. Articolo 1 Definizioni Regolamento in materia di indennizzi applicabili nella definizione delle controversie tra utenti ed operatori Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente regolamento s intendono per: a) "Autorità",

Dettagli

COMUNE DI GENZANO DI ROMA PROVINCIA DI ROMA C.A.P. 00045

COMUNE DI GENZANO DI ROMA PROVINCIA DI ROMA C.A.P. 00045 CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA, SORVEGLIANZA E PULIZIA, NELLE SCUOLE DELL INFANZIA PARITARIE COMUNALI TRUZZI E G. RODARI DI GENZANO DI ROMA ANNI SCOLASTICI 2012/2013-2013/2014-2014/2015,

Dettagli

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Marco Citterio, Gaetano Fasano Report RSE/2009/165 Ente per le Nuove tecnologie,

Dettagli

L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n.

L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n. Spazio riservato al Servizio Urbanistica AGIBILITA' n del L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n.160 ) l sottoscritt...

Dettagli

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO La presente tariffa individua le prestazioni che il professionista è chiamato a fornire : A per la richiesta del parere di conformità B per il rilascio del

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE UNIVERSITA' DEGLI STUDI SASSARI UFFICIO TECNICO LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE, RESTAURO CONSERVATIVO E ADEGUAMENTO NORMATIVO DELL EDIFICIO SITO IN SASSARI IN LARGO PORTA NUOVA DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

Dettagli

Linee guida per la predisposizione del rendiconto circa la destinazione delle quote del 5 per mille dell Irpef

Linee guida per la predisposizione del rendiconto circa la destinazione delle quote del 5 per mille dell Irpef Direzione Generale per il terzo settore e le formazioni sociali Linee guida per la predisposizione del rendiconto circa la destinazione delle quote del 5 per mille dell Irpef PREMESSA Fonti normative dell

Dettagli

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Corso di laurea in Ingegneria Edile CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Anno Accademico 2011/2012 Definire: Obbiettivi della lezione Rischi Interferenziali - DUVRI e PSC Rischi Propri - POS Conoscere gli aspetti

Dettagli

Lavori Pubblici: la disciplina del collaudo dell opera Normativa e prassi

Lavori Pubblici: la disciplina del collaudo dell opera Normativa e prassi COSTRUZIONI Lavori Pubblici: la disciplina del collaudo dell opera Normativa e prassi di Mauro Cappello Mauro Cappello GEOCENTRO/magazine pubblica, di Mauro Cappello, Ingegnere e Ispettore Verificatore

Dettagli

COMUNE DI CAMPORGIANO

COMUNE DI CAMPORGIANO COMUNE DI CAMPORGIANO PROVINCIA DI LUCCA Piazza Roma n. 1 Tel. 0583/618888 Fax. 0583/618433 C.F. 00398710467 E-mail : demografico@comune.camporgiano.lu.it CAPITOLATO D APPALTO AFFIDAMENTO MEDIANTE PROCEDURA

Dettagli

...LEGGETE I DATI TECNICI E CAPIRETE... intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO. per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile

...LEGGETE I DATI TECNICI E CAPIRETE... intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO. per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile MATERIALI A BASE DI CALCE NATURALE PER IL RESTAURO E IL RISANAMENTO scheda tecnica per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO PRODOTTO PER

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO

PROVINCIA DI PESARO E URBINO PROVINCIA DI PESARO E URBINO Regolamento interno della Stazione Unica Appaltante Provincia di Pesaro e Urbino SUA Provincia di Pesaro e Urbino Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n 116 del

Dettagli

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE foglio mappale dimensione in mq 23 42 1.388 mq 23 35 1.354 mq 23

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. IDENTITÀ E CONTATTI DEL FINANZIATORE/ INTERMEDIARIO DEL CREDITO Finanziatore/Emittente CartaSi S.p.A. Indirizzo Corso Sempione, 55-20145 Milano Telefono 02.3488.1 Fax 02.3488.4115 Sito web www.cartasi.it

Dettagli

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF 5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF Ecco un elenco esemplificativo di interventi ammissibili a fruire della detrazione Irpef. In ogni caso, deve essere verificata la conformità

Dettagli

CONSIP PULIZIA SCUOLE: Servizi di pulizia ed altri servizi per le scuole ed i centri di formazione

CONSIP PULIZIA SCUOLE: Servizi di pulizia ed altri servizi per le scuole ed i centri di formazione Oggetto dell'iniziativa La Convenzione prevede la fornitura del servizio di pulizia ed altri servizi tesi al mantenimento del decoro e della funzionalità degli immobili delle Scuole e dei Centri di Formazione

Dettagli

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo.

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo. 17875 LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27 Disposizioni urgenti in materia di prevenzione del rischio e sicurezza delle costruzioni Istituzione del fascicolo del fabbricato. IL CONSIGLIO REGIONALE HA

Dettagli

ELENCHI INTRASTAT 2014: NOVITÀ E CONFERME

ELENCHI INTRASTAT 2014: NOVITÀ E CONFERME ABSTRACT ELENCHI INTRASTAT 2014: NOVITÀ E CONFERME Con l inizio del periodo d imposta pare opportuno soffermarsi sulla disciplina degli elenchi INTRASTAT, esaminando le novità in arrivo e ripercorrendo

Dettagli

Capo 1. Art.1 - (Definizione dell istituto dell indennità di posizione della categoria EP)

Capo 1. Art.1 - (Definizione dell istituto dell indennità di posizione della categoria EP) REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L APPLICAZIONE DEGLI ARTT.75 CONFERIMENTO E REVOCA DI INCARICHI AL PERSONALE DELLA CATEGORIA EP E 76 RETRIBUZIONE DI POSIZIONE E RETRIBUZIONE DI RISULTATO DEL CCNL 16.10.2008

Dettagli

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio.

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio. Milano lì Ns. Rif.: 13 novembre 2013 820038.309 Agli Ordini e Collegi aderenti al C.I.P.I. loro sedi K:\Ufficio\07 Documenti\CIPI\820038 Comitato interpr. prevenzione incendi\820038 corrispondenza dal

Dettagli

Rifiuti di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche RAEE

Rifiuti di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche RAEE Rifiuti di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche RAEE Istruzioni operative per la gestione e lo smaltimento dei pannelli fotovoltaici incentivati (ai sensi dell art. 40 del D.Lgs. 49/2014) Premessa

Dettagli

per l affidamento del servizio di pulizia degli uffici comunali.

per l affidamento del servizio di pulizia degli uffici comunali. SERVIZIO SEGRETERIA AA.GG. CAPITOLATO SPECIALE D ONERI per l affidamento del servizio di pulizia degli uffici comunali. Pontecagnano Faiano,lì 28.07.2005 (Aggiornamento 4.08.2005) INDICE ART.1 NORME DI

Dettagli

Art. 1 Oggetto del servizio

Art. 1 Oggetto del servizio CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO TRASLOCHI NEGLI ISTITUTI SCOLASTICI, NEI CENTRI SCOLASTICI, NEI CENTRI DI FORMAZIONE PROFESSIONALE E NEGLI UFFICI DI COMPETENZA PROVINCIALE

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO

CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO 1. CAMPO DI APPLICAZIONE 1.1 Le presenti Condizioni Generali di Acquisto ("GPC") si applicano all acquisto di materiali, articoli, prodotti, componenti, software ed i relativi

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE Sede legale: Via G. Cusmano, 24 90141 PALERMO C.F. e P. I.V.A.: 05841760829 Dipartimento Provveditorato e Tecnico Servizio Progettazione e Manutenzioni Via Pindemonte, 88-90129 Palermo Telefono: 091 703.3334

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 e degli artt. 1571 e seguenti del codice civile. CON LA PRESENTE SCRITTURA PRIVATA la CAMERA

Dettagli

Nuova detrazione IRPEF del 50% per l acquisto di mobili ed elettrodomestici - Chiarimenti dell Agenzia delle Entrate

Nuova detrazione IRPEF del 50% per l acquisto di mobili ed elettrodomestici - Chiarimenti dell Agenzia delle Entrate Informativa ONB Nuova detrazione IRPEF del 50% per l acquisto di mobili ed elettrodomestici - Chiarimenti dell Agenzia delle Entrate INDICE 1 Premessa... 2 2 Soggetti beneficiari... 2 3 Ambito oggettivo

Dettagli

Regolamento per l utilizzo dei locali scolastici di proprietà comunale

Regolamento per l utilizzo dei locali scolastici di proprietà comunale Comune di Sanluri Provincia del Medio Campidano Regolamento per l utilizzo dei locali scolastici di proprietà comunale Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n 66 del 26.11.2004. Sommario Art.

Dettagli