Fondazione Lombardia per l Ambiente. Istituto di Entomologia Agraria Università degli Studi di Milano

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Fondazione Lombardia per l Ambiente. Istituto di Entomologia Agraria Università degli Studi di Milano"

Transcript

1 Fondazione Lombardia per l Ambiente Istituto di Entomologia Agraria Università degli Studi di Milano Applicazione di bioindicatori sull area della discarica di Gorla Maggiore-Mozzate RELAZIONE FINALE Marzo

2 INDICE Presentazione Gruppo di lavoro 1. Obiettivi e Fasi del progetto 2. Inquadramento territoriale 3. Caratteristiche delle discariche 4. Analisi e raccolta del materiale bibliografico 5. Materiali e metodi di campionamento 6. Risultati dei campionamenti 7. Conclusioni e proposte Fonti bibliografiche 2

3 PRESENTAZIONE Gli ambienti destinati allo smaltimento dei rifiuti urbani possono divenire focolai di infestazione da parte di numerosi organismi animali (in particolare Roditori, Uccelli, Insetti) che trovano nella sostanza organica in decomposizione una quantità pressoché illimitata di cibo. Purtroppo, la loro attività si sviluppa in presenza di una ricca flora batterica, a cui si aggiungono nematodi e virus. Molti tra questi microrganismi sono potenzialmente patogeni, ragion per cui Roditori, Uccelli ed Insetti divengono pericolosi vettori meccanici. La gestione dei rifiuti urbani, soprattutto nelle discariche a cielo aperto, diviene così un problema di rilevante interesse, anche per tali aspetti igienici. Pullulazioni di mosche, flebotomi, blatte, ratti, gabbiani non sono tollerabili. E noto che le possibilità di smaltimento dei rifiuti stessi possono avvenire in vario modo, dal compostaggio del materiale organico in ambienti confinati, alla termodistruzione, sino all accumulo in spazi appositamente attrezzati, le discariche. Se non si opera con le dovute precauzioni, si verifica dapprima una attrazione di questi organismi infestanti, attratti dall odore; l abbondante cibo messo quotidianamente a disposizione ne consente quindi un rapido e imponente sviluppo, cui consegue inevitabilmente la diffusione nel circostante territorio. Lo studio che si è voluto affrontare ha preso in considerazione una discarica a cielo aperto (Gorla Maggiore/Mozzate) in fase di attività, per verificare le specie di insetti presenti e la loro dinamica di popolazione, confrontando i dati rilevati con quanto si è potuto osservare in un area vicina (Boschi Ramascioni), a suo tempo pure adibita a discarica, ma ormai completata e sottoposta ad inerbimento, con ulteriore impianto di essenze arboree. Gli insetti possono infatti fornire utili indicazioni sullo stato di salute di determinati ambienti e da tempo vengono utilizzati in proposito. E evidente, ad esempio, che una forte presenza di mosche testimonia l ampia disponibilità di sostanze organiche fermentanti, mentre l attività delle zanzare è conseguenza, in genere, di ambienti in cui si verificano ristagni d acqua, più o meno ricca di materiale organico; il riscontrare ditteri inpollinatori, nonchè Imenotteri Apoidei, è invece un indice di ricchezza floristica, e così via. In pratica, quindi, gli insetti sono da considerare degli indicatori ambientali, sia per le caratteristiche intrinseche delle diverse specie, che per la maggiore o minore diversificazione delle specie stesse presenti in un determinato areale. Nel caso in esame sono stati utilizzati come indicatori primari, diverse famiglie di Ditteri (Muscidi, Calliforidi e Sarcofagidi, Flebotomidi e Psicodidi), i Ditiotteri Blattodei, Coleotteri (Dermestidi, Silfidi e Nitidulidi). 3

4 Sono stati inoltre osservati la presenza e l abbondanza in specie dei Coleotteri Carabidi, generici predatori terricoli, dei Ditteri Sirfidi e degli Imenotteri Apoidei. Infatti, la pedofauna e gli inpollinatori che, per aspetti diversi, sono pure rilevanti indicatori ambientali. Il confronto tra qualità delle specie e quantità, (ovvero biodiversità ) delle stesse presenti in queste due discariche, hanno permesso di meglio valutare la gestione di tali ambienti e l impatto che possono rivestire sul territorio circostante. E evidente che, per giungere a tali valutazioni, sono state utilizzate tecniche di raccolta degli organismi presenti ben diverse: dalle trappole a caduta per specie che vivono sul terreno, alla trappola Malaise per quelle buone volatrici. Il succedersi delle specie osservate è inoltre da collegare all evoluzione della copertura vegetale, dapprima costituita essenzialmente da graminacee, se l area è sottoposta a inerbimento controllato, per divenire poi meglio strutturata, con presenza di piante erbacee monocotiledoni e dicotiledoni, tutte comunque fiorifere, oltre che con l insediarsi di arbusti e piante arboree. Il Responsabile Scientifico Prof. Luciano Süss Istituto di Entomologia Agraria Università degli Studi di Milano 4

5 Gruppo di Lavoro Responsabile Scientifico Prof. Luciano Süss Istituto di Entomologia agraria Università degli Studi di Milano Dott. Elisa Bruschi Istituto di Entomologia agraria Università degli Studi di Milano Dott. Sara Savoldelli Istituto di Entomologia agraria Università degli Studi di Milano Coordinamento-Editing: Dott. Giovanni Bartesaghi Fondazione Lombardia per l Ambiente Ringraziamenti Dott. Franco Binaghi Assessorato Ecologia e Ambiente Provincia di Como Geom. Francesco De Stefano Comune di Gorla Maggiore (VA) Arch. Giovanni Colzi Econord S.p.A. Dr. Ing. Carlo Rovelli Econord S.p.A. Dott. Omar Sommacampagna Istituto di Entomologia agraria Università degli Studi di Milano Mouse & Co. S.r.l. Lomazzo (CO) Fotografie: Dott. Sara Savoldelli 5

6 1. OBIETTIVI E FASI DEL PROGETTO Obiettivi Principali Conoscere con precisione le specie di Artropodi potenzialmente nocive alla salute presenti nell area delle discariche di Gorla/Mozzate e Bosco Ramascioni, seguirne la dinamica di sviluppo con il trascorrere delle stagioni, verificando le possibilità di contenerle con tecniche di prevenzione e sviluppando pratiche di monitoraggio in grado di indicare, se e quando, si renda realmente necessario intervenire con interventi diretti. Obiettivi Specifici Organizzare un sistema di monitoraggio degli infestanti, sia mediante impiego di metodi di intrappolamento sia grazie a sopralluoghi diretti, facilmente trasferibile anche ad altre realtà territoriali simili. Grazie a tale sistema si potranno conoscere le specie presenti valutandone l eventuale pericolosità e, sulla base di quanto rilevato, comparato con i sistemi di gestione dell'area in esame, si potranno indicare eventualmente metodi alternativi volti al contenimento delle popolazioni di infestanti. Il progetto è stato articolato per quattro principali fasi: FASE A FASE B FASE C FASE D preliminare: raccolta e analisi della bibliografia esistente, dei lavori analoghi eseguiti in Italia e all estero di elevata significatività. Impostazione delle metodologie operative. rilevamento: analisi del sito; definizione dei punti di indagine; impostazione delle schede tipo e degli ulteriori elementi utili alla completa e corretta esecuzione del lavoro (fotografie, cartografie di riferimento, database); impostazione delle frequenze di campionamento; esecuzione delle campagne di rilevamento. analisi ed elaborazione dei risultati: trasposizione dei dati, comparazione ed elaborazione, rappresentazione sintetica dei risultati e proposte operative. prodotti della fase esecutiva: presentazione e trasferibilità. 6

7 2. INQUADRAMENTO TERRITORIALE L area di indagine è quella relativa alla discarica controllata residuale di Rifiuti Solidi Urbani (RSU) e Rifiuti Solidi Assimilati agli Urbani (RSAU) ubicata al confine tra i due Comuni di Gorla Maggiore (VA) e Mozzate (CO) e alla discarica, oramai esaurita e bonificata, di Boschi Ramascioni (Mozzate). Le figure 2.1 e 2.2 illustrano la posizione delle due discariche alle diverse scale territoriali, sia come cartografie fisiche sia come ortofoto. Figura Ubicazione discariche di Gorla/Mozzate (1) e Boschi Ramascioni (2) Tutta l area si trova in una vasta zona pianeggiante (alta pianura lombarda) all interno di una porzione territoriale già soggetta in passato ad attività estrattiva con previsione di recupero ambientale mediante impianto di smaltimento di rifiuti solidi urbani. Tutta l area esterna alle discariche è caratterizzata da prevalente vegetazione a latifoglie e da colture agricole (cfr. Figura 2.2 ). 7

8 Figura Ortofoto dell area delle discariche Gorla/Mozzate (1) e Boschi Ramascioni (2) 3. CARATTERISTICHE DELLE DUE DISCARICHE Vengono di seguito fornite alcune informazioni di sintesi relative alle caratteristiche di sfruttamento (attuali e pregresse) della discarica di Gorla Maggiore/Mozzate (superfici, volumi, rifiuti smaltiti, tempi di riempimento, ecc.) e alle caratteristiche finali post-operative della discarica Boschi Ramascioni. La discarica di Gorla Maggiore/Mozzate è tuttora attiva in una sua porzione residuale (lotto 5A in esercizio; lotti 5B e 6 in progetto ). La posizione dei diversi lotti, descritti nelle successive tabelle, è illustrata in Figura 2.3. La discarica di Boschi Ramascioni è invece esaurita e completamente bonificata dal punto di vista ambientale, presentando quindi caratteristiche più vicine alla naturalità originale del luogo rispetto all area della discarica di Gorla Maggiore/Mozzate. 8

9 Discarica di Gorla Maggiore (VA) / Mozzate (CO) Lotti realizzati Periodo conferimento rifiuti NOTE Ex L.R. 42/89 Quantità di rifiuti conferiti: (Mozzate 3) tonn Primo Lotto Quantità di rifiuti conferiti: t/giorno Secondo Lotto Terzo Lotto Quarto Lotto Notevole durata di attività per progressivo incremento di volumi derivati dagli ingenti cedimenti morfologici dell area Quinto Lotto Fase 5A * Conferimento in corso Quinto Lotto Fase 5B ? In fase di predisposizione Sesto lotto 2005/2006 -? In fase di progettazione Legenda: * = dato di previsione (Fonte: Organizzazione Smaltimento Rifiuti, Cave, Aria, Provincia di Como, 2003) L area della discarica, nella parte comunale di Mozzate, realizzata nell ambito delle attività previste dalla Legge Regionale 42/89, è indicata in Figura 2.3 con il numero 00. Previsioni da progetti esecutivi approvati e futuri Dati tecnici Situazione effettiva Dati tecnici Sup. al fondo discarica Sup. piano campagna Volume totale lordo Volume totale netto (*) Comp. Stima quantità di rifiuti Quantità smaltite Conferimento Inizio Termine Lotti m 2 m 2 m 3 m 3 % tonn. tonn. Primo Lotto ** , Secondo Lotto , Terzo Lotto , Quarto Lotto , Quinto Lotto Fase A Quinto Lotto Fase B 25/01/ /06/ /05/ /04/ /06/ / /04/ /04/ n.d. in esercizio in fase di predisposizione TOTALE Legenda: n.d. = dato non ancora disponibile (Fonte: Organizzazione Smaltimento Rifiuti, Cave, Aria, Provincia di Como, 2003) 9

10 I dati sono aggiornati al 2003, con esclusione (*) dell'incidenza stimata per le terre di copertura intermedia e di formazione delle arginature di contenimento dei rifiuti; ** = soluzione comprensiva del raccordo con la discarica di Mozzate ex LR 42/89; Comp. = compattazione. Tempi di riempimento del quinto lotto, fase B, della discarica controllata di Gorla Maggiore/Mozzate, in funzione di 4 ipotesi di carichi di rifiuti conferiti. Carico giornaliero tonn./giorno * Tempi di riempimento del quinto lotto, fase B anni 600 3, , , ,7 Legenda: * = è stato ipotizzato un afflusso medio su 300 giorni/anno. (Fonte: Organizzazione Smaltimento Rifiuti, Cave, Aria, Provincia di Como, 2003) Tempi previsti di esaurimento del 5 lotto fase A: fine Non è possibile invece stabilire i tempi di esaurimento del 5 lotto fase B, ipotizzabili anche lievemente superiori a quelli indicati in tabella. E infine previsto un 6 lotto residuale conclusivo (cfr. Figura 4) che dovrebbe garantire una certa continuità di servizio per un numero di anni non precisato ma certamente superiore a 5 a partire dal 2005/2006. Discarica di Boschi Ramascioni (Mozzate) (CO) Discarica Periodo di attività Quantitativi a dimora (tonnellate) Boschi Ramascioni (Mozzate 3) 1983/ / (Fonte: Organizzazione Smaltimento Rifiuti, Cave, Aria, Provincia di Como, 2003) 10

11 Figura 2.3 Suddivisione per lotti della discarica di Gorla Maggiore/Mozzate e area ex discarica Boschi Ramascioni 11

12 4. ANALISI E RACCOLTA DEL MATERIALE BIBLIOGRAFICO Questa fase del progetto ha previsto una ricerca finalizzata alla raccolta e all analisi del materiale bibliografico esistente, riguardante lavori e studi sul monitoraggio di artropodi nelle aree adibite a discarica o riciclaggio di rifiuti solidi urbani. L analisi ha interessato, oltre che testi e riviste specializzate, anche articoli concernenti il binomio insetti-rifiuti. Sono stati selezionati complessivamente sessantacinque lavori pubblicati in diverse aree geografiche, in particolare Europa, Asia e America (cfr. elenco in Fonti Bibliografiche). Da tali studi appare come il problema più rilevante, legato alla presenza di rifiuti, sia quello dei Ditteri, prima fra tutti Musca domestica. I lavori reperiti riguardano principalmente il monitoraggio delle popolazioni di tali insetti in aree urbane e suburbane in presenza di materiale di rifiuto di vario genere; altri studi si riferiscono a controlli sulla resistenza di questi insetti nei riguardi degli antiparassitari utilizzati negli interventi di disinfestazione, con proposte per un corretto smaltimento dei rifiuti. Altri lavori si riferiscono alla presenza di blatte, topi e uccelli; tra questi, in particolare, viene rilevato come anche i gabbiani, capaci di sfruttare gli ambienti antropizzati e degradati, possano essere utilizzati come potenziali indicatori dello sviluppo urbano e permettano di comprendere la qualità ambientale. Nel complesso, i dati riepilogativi relativi agli studi sull argomento, selezionati in quanto particolarmente significativi, sono indicati in Tabella 4.1. E stata inoltre esaminata tutta la documentazione disponibile, relativa allo studio di valutazione di impatto ambientale (VIA) per l impianto di Gorla Maggiore/Mozzate (SITER S.r.l., 2001) con particolare riferimento alle sezioni relative alla vegetazione, (comprendente anche le specie sensibili da monitorare) e alla fauna. Per quanto si riferisce alla situazione faunistica la documentazione evidenzia che i dati riferiti all area di indagine riprendono, con parziali modifiche ed integrazioni, uno studio a suo tempo realizzato da Ambiente Italia s.r.l. I dati si riferiscono alla macrofauna tipica di un ambiente boschivo planiziale, ma non fanno alcun riferimento alla microfauna da Artropodi, il che giustifica lo studio effettuato, data la rilevanza degli insetti come indicatori ambientali aspetto che sarà indagato con questo studio. Infatti, gli Insetti rivestono un ruolo di grande importanza in qualsiasi situazione. Laddove, come in una foresta, la situazione è di generale equilibrio, si nota la presenza di una entomofauna diversificata, in cui il ruolo dei predatori e dei parassitoidi esercita un naturale effetto di contenimento di eventuali fitofagi. Al contrario, in un ambiente estremamente artificiale, quale una discarica di rifiuti solidi urbani, possono prendere il sopravvento insetti molto pericolosi per l uomo, in quanto potenziali vettori. 12

13 In questo caso, quindi, le presenze di mosche e mosconi, flebotomi e psicodidi va considerata come un ottimo indicatore della situazione di quel determinato ambiente. Tanto più si svilupperanno, quanto più la gestione della discarica non terrà conto dei rischi provocati dalla loro presenza. Poichè ogni ambiente discarica viene completato entro un certo lasso di tempo, si rende indispensabile la sua copertura con strati di terreno, su cui fare insediare un manto vegetale. Le caratteristiche di quest ultimo, impostato su essenze erbacee od arboree, sottoposto a sfalci e potature, con impiego di vegetali autoctoni o meno, condizionano a loro volta, lo sviluppo di determinate specie di insetti. Partendo da tali premesse, come si è accennato precedentemente, si è voluto esaminare le condizioni di una discarica in fase di riempimento, a confronto con l altra ormai completata, raccogliendo gli insetti presenti nei due ambienti, per valutarne l abbondanza in biodiversità, la ricolonizzazione dall esterno ed il significato che gli insetti catturati possono rivestire. I primi sopralluoghi alla discarica sono stati effettuati nel mese di febbraio 2003, per rendersi conto della realtà operativa e per organizzare le fasi di monitoraggio, predisporre il materiale necessario per gli stessi e stabilire punti di campionamento, temporanei o permanenti, nei due ambienti, utilizzando la discarica ormai chiusa e ricoperta di vegetazione (Boschi Ramascioni), come situazione di riferimento. Sono state inoltre acquisite le notizie essenziali relative alle pratiche di disinfestazione contro mosche e roditori attualmente effettuate. Si è così evidenziata la necessità di interfacciarsi in modo sostanziale con l Impresa affidataria del servizio, per poter verificare l impatto che gli interventi previsti possono avere su una entomofauna infestante, oltre che sui roditori (topi e ratti). 13

14 Tabella 4.1: Lavori selezionati come significativi del problema oggetto di studio (Il numero si riferisce al riferimento bibliografico riportato in Fonti Bibliografiche) Gestione discariche, Altri Musca Altri Altri rifiuti. Europa Asia America Australia Africa Blatte Topi Uccelli ambienti domestica Ditteri animali Tecniche di lotta segue 14

15 Gestione discariche, Altri Musca Altri Altri rifiuti. Europa Asia America Australia Africa Blatte Topi Uccelli ambienti domestica Ditteri animali Tecniche di lotta Totale lavori selezionati Tabella 4.1: Lavori selezionati come significativi del problema oggetto di studio (Il numero si riferisce al riferimento bibliografico riportato in Fonti Bibliografiche) 15

16 5. MATERIALI E METODI DI CAMPIONAMENTO Nei sette mesi in cui si sono sviluppate le fasi del monitoraggio sul campo (da marzo a ottobre 2003) è stato possibile delineare un quadro generale riguardante le principali specie di artropodi presenti nelle due discariche oggetto di studio. Il monitoraggio è avvenuto attraverso differenti tecniche di campionamento, comprendendo l utilizzo di pit-fall traps, ovvero raccolte con trappole a caduta, trappola malaise, trappola alimentare, catture con retino da sfalcio, aspiratore a bocca, e controllo visivo. La frequenza con la quale sono stati svolti i sopralluoghi è stata influenzata dalle condizioni ambientali, dall attrezzatura utilizzata, nonché dai risultati di volta in volta ottenuti con le diverse procedure di indagine. L elenco completo dei siti monitorati si trova nelle Tabelle 5.1 e 5.2. Tabella 5.1 MONITORAGGIO MUSCIDI A GORLA MAGGIORE/MOZZATE 1 Primo pilastro a sinistra dell edificio casa-ufficio. 2 Primo e secondo spezzone, partendo da destra, della ringhiera verde della pesa dei camion. 3 Vetro più base pannello del gabbiotto situato alla pesa dei camion. 4 Porta edificio adibito ad officina. 5 Pannello base della vetrata scorrevole dell edificio adibito ad officina. 6 Sesto spezzone della ringhiera verde situata di fronte all impianto di smaltimento dei rifiuti. 7 Primo pilastro in cemento, sino a 2m d altezza, dell impianto di triturazione e deodorazione dei rifiuti. 8 Zona scarico merci. Seconda colonna da sinistra. 9 Zona scarico merci. Quarta colonna da sinistra. 10 Zona scarico merci. Sesta colonna da sinistra. 11 Primo e terzo pannello dietro zona scarico merci. 12 Zona percolato. Prima vasca:secondo spezzone ringhiera. 13 Zona percolato. Prima vasca: spezzone ringhiera lato opposto al punto Zona percolato. Parete di cemento situata tra le due vasche per la raccolta del percolato. 15 Parte sporgente del cassone per la raccolta dei rifiuti privati, ubicato al termine della zona percolato. 16 Facciata esterna del locale compressore. 17 Facciata esterna del locale adibito alla stazione di controllo. 16

17 Tabella 5.2 MONITORAGGIO MUSCIDI A BOSCHI RAMASCIONI 1 Muro tra finestra e porta primo edificio. 2 Pilastro in centro facciata esterna. 3 Facciata interna muro edificio. 4 Porta I locale impianti elettrici facciata sulla strada. 5 Porta II locale impianti elettrici facciata esterna. 6 Ultimo pannello a sinistra portone chiaro a fianco orari comune mozzate. 7 Parte sporgente cassonetto verde appena entrati. 8 Muro locale vicino a trappola 3B. Pit-fall traps Questo tipo di campionamento è particolarmente idoneo allo studio dei Coleotteri Carabidi, che si è già ricordato essere considerati tra i più rilevanti bioindicatori della qualità dell ambiente terreno. Le trappole sono costituite da semplici recipienti, tipicamente bicchieri di plastica, parzialmente interrati e riempiti per circa un terzo con vari composti attrattivi: sono stati utilizzati avvicendevolmente aceto bianco, birra e carne (Figure ). Per ottenere la maggiore efficienza di cattura, le esche sono state controllate con cadenza quindicinale, permettendo lo svolgimento dei processi fermentativi delle sostanze utilizzate. La collocazione di tali trappole ha interessato il suolo compreso tra il primo e il secondo lotto (esaurito) della discarica di Gorla Maggiore (Figura 5.12) e l intero territorio dell ex discarica di Boschi Ramascioni (Figura 5.13); in particolare sono state posate dieci trappole in ciascuna zona. La scelta dei siti dove effettuare il lavoro è stata dettata dalla necessità di individuare luoghi poco soleggiati, ma ben ventilati, generalmente situati alla base degli alberi o incastrati in cavità degli stessi, oppurtunatamente celate con tegole o sassi, al fine di impedire l accesso ai piccoli mammiferi ed evitare eventuali manomissioni. 17

18 ESEMPI DI MONITORAGGIO ESEGUITO CON PIT-FALL TRAPS Figura 5.1: Postazione pitfall trap 1A Figura 5.2: postazione trappola 2A. Figura 5.3: Postazione trappola 4A. Figura 5.4: Postazione trappola 3B. 18

19 Figura 5.5: Trappola attivata con aceto. Figura 5.6: Trappola attivata con carne. Trappole Malaise Questa trappola consiste in una sorta di tenda canadese, costituita da una rete a maglie molto piccole, aperta da un lato (Figura 5.7). Gli insetti che si introducono nella trappola, per cercare una via di fuga, si spostano istintivamente verso l alto dove filtra la luce e si ammassano nel punto dove si trova uno stretto tunnel, alla cui estremità è posta un apertura, a cui è collegato un flacone contenente generalmente alcool, o etere acetico. La rimozione degli individui intrappolati all interno del vasetto è avvenuta dopo 24 ore dall installazione della tenda. Date le dimensioni ingombranti e l appariscenza, questa trappola è stata sistemata in ampie zone pianeggianti, tenendo conto delle condizioni metereologiche, in particolare del vento e delle rotte di possibile percorso degli insetti. La loro ubicazione è riportata in Figura 5.12 per la discarica di Gorla Maggiore, in Figura 5.13 per l ex discarica di Boschi Ramascioni. Sebbene questa trappola fosse indicata principalmente per la cattura degli insetti volanti, le raccolte hanno permesso di individuare anche individui generalmente atteri; si tratta comunque di un metodo di campionamento massivo e incondizionato, che ha consentito di raccogliere un abbondante numero di artropodi. 19

20 MONITORAGGIO CON TRAPPOLA MALAISE Figura 5.7: Trappole malaise. Catture con retino da sfalcio e aspiratore a bocca Questo tipo di campionamento è stato svolto mediante un semplice retino di forma triangolare, avente 30 cm di diametro e una lunghezza di circa il doppio; è stato fatto scorrere lentamente in prossimità della superficie del suolo, generalmente sull erba bassa. Il contenuto del retino deve essere frequentemente esaminato, per evitare che foglie o altri residui vegetali danneggino gli insetti catturati e al tempo stesso per permettere la verifica di quelli intrappolati. Una volta che l'esemplare è nel retino, bisogna inserirlo nella boccetta direttamente portando la boccetta dentro il retino. Questo tipo di campionamento si presenta particolarmente idoneo alla cattura di quegli insetti che restano immobili, per la gran parte del tempo, o si muovono sul suolo o sulla vegetazione, ad esempio: Orthoptera Hemiptera Coleoptera Diptera Lepidoptera Hymenoptera 20

21 Monitoraggio visivo Questo tipo di campionamento è particolarmente adatto per l individuazione di Ditteri Muscidi (Figure ). Sono stati individuati diciassette siti nella discarica di Gorla Maggiore (Figura 5.12) e otto in quella di Boschi Ramascioni (Figura 5.13). Le specie e la stima approssimativa dell entità delle popolazioni delle diverse specie è avvenuta mediante conteggi numerici degli esemplari presenti su determinate superfici, scelte tra le tipologie di luoghi presenti nel territorio e colonizzabili dall insetto. In particolare, tali punti hanno interessato varie zone del territorio della discarica di Gorla Maggiore, comprendendo muri e pannelli dei vari edifici (casa, ufficio, officina), l impianto di smaltimento dei rifiuti, le vasche del percolato e i locali presenti nell area del II lotto, ormai esaurito. Analogamente, sono stati monitorati 8 siti, comprendenti edifici, muri, cassonetti, principalmente dislocati in prossimità della piattaforma di scarico merci. Convenzionalmente sono state scelte superfici di 1mq ciascuna, sulle quali conteggiare ad ogni sopralluogo il numero di mosche posate. Analogamente l osservazione delle ringhiere ha interessato la seconda barra tra i supporti verticali (figura 5.9) Tutto ciò al fine di standardizzare il monitoraggio di volta in volta alle diverse situazioni. I siti sono stati scelti tenendo conto dell etologia delle mosche e dell accessibilità dei luoghi da osservare, soleggiati, ma riparati da agenti di disturbo. MONITORAGGIO MUSCIDI Figura 5.8: Trappola alimentare per mosche. 21

22 MONITORAGGIO VISIVO Figura 5.9: spezzone ringhiera monitorata Figura 5.10: Mosca appoggiata a ringhiera. Figura 5.11: Vasca percolato. 22

23 23

24 Figura 5.13 Ubicazione monitoraggi nella discarica Boschi Ramascioni 24

25 6. RISULTATI DEI CAMPIONAMENTI I risultati dei campionamenti hanno permesso di delineare un quadro generale relativo alle Famiglie di insetti rinvenute. Più che le singole specie è interessante osservare come gli insetti rilevati possono essere raggruppati, in funzione della loro attività, in gruppi di importanza urbana e indicatori dell'ambiente "discarica" da una parte, e in insetti di comune interesse agrario, comprendente minatori fogliari (Ditteri Agromizidi, Cloropidi, Lepidotteri), insetti utili come impollinatori (Apoidei, Sirfidi), predatori (Coccinellidi) e parassitoidi (Icneumonidi e Braconidi) dall altra. Il primo gruppo, rappresentato principalmente da Ditteri Muscidi, include numerose specie tipiche frequentatrici di rifiuti, materie organiche vegetali e animali in decomposizione, oltre che da insetti potenziali vettori ed ospiti intermedi di agenti patogeni, sia per l'uomo che per gli animali. Analizzando i risultati ottenuti in entrambe le discariche si nota come non esista un'evidente differenza tra le due aree oggetto d'indagine; in tutte e due, infatti, si osserva una continua e costante presenza di Ditteri Muscidi e Sarcofagidi, dato confermato dall'uso di trappole alimentari. La ridotta entità numerica degli individui catturati e il campionamento visivo hanno comunque indicato una bassa presenza di questi insetti, a fronte di una buona gestione del territorio e di appropriati interventi di disinfestazione. Durante i mesi di campionamento, il calendario dei trattamenti adulticidi effettuati dall impresa che aveva in appalto il servizio, ha previsto 34 interventi, dalla fine di aprile alla metà di ottobre, con una frequenza di 4-5 al mese. I prodotti utilizzati sono stati Atacaril, distribuito sui muri esterni e sugli edifici e Neonuvex per l abbattimento delle mosche sui cumuli di rifiuti e nell ambiente circostante. Atacaril è un formulato commerciale a base di azametiphos, mentre Neo-nuvex è un formulato a base di neopinamina, bioalletrina, piperonilbutossido. Al contrario i campionamenti mostrano una maggiore presenza dei minatori fogliari, ovvero di insetti legati a piante erbacee, nell'area di Boschi Ramascioni, particolarmente ricca di graminacee. Come già illustrato nel precedente capitolo 4, le trappole Malaise sono state attivate per la durata di 24 ore e posizionate contemporaneamente nelle due discariche oggetto di studio, per ottenere dati comparabili anche dal punto di vista delle condizioni metereologiche, e quindi eliminare eventuali fattori di deriva. Per quanto riguarda la zona di Boschi Ramascioni è stato possibile monitorare l'intero territorio, mentre più ristretta è stata l'area in cui si è operato nella discarica di Gorla Maggiore/Mozzate, in quanto sono stati esclusi il lotto 5A, ancora attivo e in fase di riempimento, e il lotto 4, concernente la zona adiacente lo scarico merci. Tale comportamento è giustificato, oltre che da motivi di sicurezza, anche da ragioni di garanzia e attendibilità, in quanto essendo queste delle zone ancora attive, soggette a 25

26 passaggio di camion, nel corso dei mesi di campionamento sono state sottoposte a numerosi spostamenti, cambiamenti di assetto e disposizione di tubazioni. Tali modifiche alteravano continuamente il paesaggio, rendendo difficoltoso il recupero delle trappole, specialmente quelle a caduta, in quanto posizionate a terra e quindi soggette a manomissioni; cosa che puntualmente si è verificata in alcune zone, motivo per cui si è operato in tali spazi, dove possibile, con monitoraggi visivi e manuali. Le Tabelle ( ) e i grafici ( ) riassumono i risultati ottenuti con i campionamenti eseguiti nei sette mesi di indagine con l impiego di pit-fall traps. La Tabella 6.8 illustra invece i risultati delle specie rinvenute con l impiego della trappola Malaise e catture manuali. GORLA MAGGIORE / MOZZATE BOSCHI RAMASCIONI Siti/Famiglie 1A 2A 3A 4A 5A 6A 7A 8A 9A 10A 1B 2B 3B 4B 5B 6B 7B 8B 9B 10B Anthicidae Cantharidae Carabidae Coccinellidae Cholevidae Curculionidae 1 1 Dermestidae Elateridae Histeridae Nitidulidae Silphidae Staphylinidae Tabella /04/03 TRAPPOLE ATTIVATE CON ACETO BIANCO. 26

LE INFESTAZIONI DI MOSCHE

LE INFESTAZIONI DI MOSCHE ISTITUTO DI ENTOMOLOGIA AGRARIA UNIVERSITÀ DEGLI STU DI DI MILAN O I - 20133 MILANO Via G. Celoria, 2 Tel. 02/50316754 Fax 02/50316748 E-mail: luciano.suss@unimi.it http://users.unimi.it/~agra/entol.html

Dettagli

LEPIDOTTERI. Ordine molto vasto (165.000 specie di cui più di 4500 in Italia) Ali ricoperte da squame

LEPIDOTTERI. Ordine molto vasto (165.000 specie di cui più di 4500 in Italia) Ali ricoperte da squame LEPIDOTTERI Ordine molto vasto (165.000 specie di cui più di 4500 in Italia) Ali ricoperte da squame Adulti con costumi diurni (farfalle) o notturni (falene). LEPIDOTTERI I bruchi (larve polipode) sono

Dettagli

IL COMPOSTAGGIO: IMITIAMO LA FORESTA. (scuola primaria)

IL COMPOSTAGGIO: IMITIAMO LA FORESTA. (scuola primaria) IL COMPOSTAGGIO: IMITIAMO LA FORESTA (scuola primaria) INFEA - MATERIALE DIDATTICO Laboratorio Il compostaggio: imitiamo la foresta (scuola primaria) Il compostaggio domestico Il compostaggio domestico

Dettagli

L IMPATTO DEI PRINCIPALI INFESTANTI (MOSCHE, ZANZARE, BLATTE, RATTI) NEI CENTRI DI ACCOGLIENZA

L IMPATTO DEI PRINCIPALI INFESTANTI (MOSCHE, ZANZARE, BLATTE, RATTI) NEI CENTRI DI ACCOGLIENZA La gestione degli organismi infestanti in situazioni di emergenza: le aree terremotate dell Emilia Bologna 15 novembre 2012 L IMPATTO DEI PRINCIPALI INFESTANTI (MOSCHE, ZANZARE, BLATTE, RATTI) NEI CENTRI

Dettagli

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO Comune di CORI (Lt) Assessorato all RACCOLTA DIFFERENZIATA PORTA A PORTA GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO pagina 1 SOMMARIO Premessa... 3 1 Principi generali: Cos è il Compostaggio... 4 2 Cosa mettere nella

Dettagli

Alessia BERZOLLA - Cristina REGUZZI. CPBC Università Cattolica del Sacro Cuore

Alessia BERZOLLA - Cristina REGUZZI. CPBC Università Cattolica del Sacro Cuore Alessia BERZOLLA - Cristina REGUZZI CPBC Università Cattolica del Sacro Cuore Il rischio di un attacco biologico da parte di insetti e microrganismi è comune a biblioteche, archivi e istituti museali

Dettagli

ZANZARE CITTADINE. Laura Cassata. Titolo: Autore: Percorsi didattici associati: Moscerini sotto inchiesta AVVERTENZA:

ZANZARE CITTADINE. Laura Cassata. Titolo: Autore: Percorsi didattici associati: Moscerini sotto inchiesta AVVERTENZA: Titolo: ZANZARE CITTADINE Autore: Laura Cassata Percorsi didattici associati: Moscerini sotto inchiesta AVVERTENZA: Le domande che seguono si ispirano al percorso o ai percorsi indicati e hanno come obiettivo

Dettagli

La Processionaria del Pino

La Processionaria del Pino La Processionaria del Pino Thaumetopoea pityocampa www.gruppoindaco.com Thaumetopoea pityocampa (Den. et Schiff.) Lepidoptera, Fam. Thaumetopoeidae Cos'è la Processionaria o a del pino La Processionaria

Dettagli

Altri materiali biodegradabili: segatura, trucioli di legno non trattato, tovagliolini di carta bianchi

Altri materiali biodegradabili: segatura, trucioli di legno non trattato, tovagliolini di carta bianchi 1. Cos è Il compostaggio è il risultato di un nuovo modo di trattare i rifiuti organici e vegetali. È semplice: noi tutti produciamo una certa quantità di rifiuti ogni giorno. Parte dei rifiuti prodotti

Dettagli

OGGETTO: LOTTA CONTRO LE MOSCHE ED ALTRI AGENTI INFESTANTI. IL RESPONSABILE DEL SETTORE TERRITORIO E AMBIENTE

OGGETTO: LOTTA CONTRO LE MOSCHE ED ALTRI AGENTI INFESTANTI. IL RESPONSABILE DEL SETTORE TERRITORIO E AMBIENTE ORDINANZA N. 48 OGGETTO: LOTTA CONTRO LE MOSCHE ED ALTRI AGENTI INFESTANTI. PREMESSO che: IL RESPONSABILE DEL SETTORE TERRITORIO E AMBIENTE - la lotta contro le mosche ed altri agenti infestanti va condotta

Dettagli

La zanzara tigre (Aedes albopictus)

La zanzara tigre (Aedes albopictus) La zanzara tigre (Aedes albopictus) Introduzione In questo capitolo saranno descritte alcune caratteristiche della zanzara tigre al fine di capire meglio: perché la si cerca e combatte come riconoscerla

Dettagli

IL PROFILO DEL SUOLO

IL PROFILO DEL SUOLO Cognome... Nome... IL PROFILO DEL SUOLO Se scaviamo una buca abbastanza profonda in un terreno, osserviamo che la parete tagliata presenta una successione di strati, di diverso colore e struttura, che

Dettagli

MISURE DI PREVENZIONE E CONTENIMENTO DELLA DIFFUSIONE DELLA ZANZARA TIGRE

MISURE DI PREVENZIONE E CONTENIMENTO DELLA DIFFUSIONE DELLA ZANZARA TIGRE DIREZIONE GENERALE SERVIZIO COMUNICAZIONE Viale Duca degli Abruzzi, 15 25124 Brescia Tel. 030.3838448 Fax 030.3838280 E-mail servizio.comunicazione@aslbrescia.it CONFERENZA STAMPA DEL 04/06/2010 MISURE

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA PRODUZIONE DI COMPOST

ISTRUZIONI PER LA PRODUZIONE DI COMPOST ISTRUZIONI PER LA PRODUZIONE DI COMPOST Per informazioni: info@cmvservizi.it Cosa si può compostare? In generale si possono compostare quasi tutti i resti di vegetali ovvero ciò che un tempo è stato vivente

Dettagli

LA MOSCA DELLE OLIVE Bactroceraoleae

LA MOSCA DELLE OLIVE Bactroceraoleae LA MOSCA DELLE OLIVE Bactroceraoleae 1 LA MOSCA DELLE OLIVE Principale parassita dell olivo Numerodigenerazionida2-3finoa4-7/anno Latitudine Altitudine Andamento climatico Permanenza di olive sulle piante

Dettagli

FITOPATOLOGIA METODI DI DIFESA DELLE PRODUZIONI AGRARIE

FITOPATOLOGIA METODI DI DIFESA DELLE PRODUZIONI AGRARIE FITOPATOLOGIA METODI DI DIFESA DELLE PRODUZIONI AGRARIE PRINCIPI DI FITOPATOLOGIA DEFINIZIONE MALATTIA: insorgenza nelle pianta di processi fisiologici anormali di tipo persistente o semipersistente che

Dettagli

Destinazione rifiuti Italia anno 2007

Destinazione rifiuti Italia anno 2007 compostaggio 6% Destinazione rifiuti Italia anno 2007 recupero 36% discarica 48% inceneritore 10% La DISCARICA CONTROLLATA è un sistema di smaltimento dei rifiuti (tipicamente Rifiuti Solidi Urbani) che

Dettagli

L ECOSISTEMA. Educazione ambientale

L ECOSISTEMA. Educazione ambientale L ECOSISTEMA Sai che cos è un ambiente? Il tuo ambiente, ad esempio, è il posto dove vivi ed è fatto dalla casa dove vivi, ma anche dalle persone, delle piante, degli animali che vi abitano. Un ambiente

Dettagli

COMUNE DI CREAZZO (VI) Incontri pubblico COMPOSTAGGIO DOMESTICO

COMUNE DI CREAZZO (VI) Incontri pubblico COMPOSTAGGIO DOMESTICO COMUNE DI CREAZZO (VI) Incontri pubblico COMPOSTAGGIO DOMESTICO SCOPO DEGLI INCONTRI Fornire informazioni sulle modalità operative per la realizzazione del compostaggio domestico Fornire indicazioni sulle

Dettagli

IL SUOLO AMBIENTE VIVO gli organismi che vivono nel suolo

IL SUOLO AMBIENTE VIVO gli organismi che vivono nel suolo IL SUOLO AMBIENTE VIVO gli organismi che vivono nel suolo Le forze inorganiche creano sempre solo l inorganico. Mediante una forza superiore che agisce nel corpo vivente, al cui servizio sono le forze

Dettagli

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?»

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?» 1 a STRATEGIA EVITARE LA CONTAMINAZIONE conoscere «DOVE SI TROVANO I BATTERI?» I batteri si trovano ovunque nell ambiente (aria, acqua, suolo ed esseri viventi): Sono presenti sulle materie prime, ad es.

Dettagli

BIOLOGIA DEL SUOLO Marco Acutis

BIOLOGIA DEL SUOLO Marco Acutis BIOLOGIA DEL SUOLO Marco Acutis Corso di studi in Produzione e Protezione delle Piante e dei Sistemi del Verde BIOLOGIA del SUOLO Reazioni nel suolo Riguardano: Chimiche, poche Biologiche, la maggior parte

Dettagli

Città sostenibili. M. Bariselli

Città sostenibili. M. Bariselli I carabidi delle ombrellifere M. Bariselli La situazione in campagna Agricoltori Cittadini Il gestore del terreno nel quale sia accertata dai tecnici dell AUSL la presenza di colture collegabili all

Dettagli

COS E LA PRODUZIONE INTEGRATA?

COS E LA PRODUZIONE INTEGRATA? Cos è la Produzione Integrata (PI). Con questo scritto desidero fare una cronistoria sulla produzione integrata, un sistema di lotta iniziato negli anni 80, dove un ticinese nella persona del Dott. Mario

Dettagli

Le zanzare. Classe: INSETTI Ordine: DITTERI Famiglia: CULICIDAE Genere: 30 tipologie Specie conosciute: oltre 3000

Le zanzare. Classe: INSETTI Ordine: DITTERI Famiglia: CULICIDAE Genere: 30 tipologie Specie conosciute: oltre 3000 Le zanzare Classe: INSETTI Ordine: DITTERI Famiglia: CULICIDAE Genere: 30 tipologie Specie conosciute: oltre 3000 Areale geografico di distribuzione: i 3/4 delle specie vivono in aree tropicali e subtropicali,

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO T: ANARDI SCUOLA PRIMARIA S. MARIA DELLE GRAZIE ANNO SCOLASTICO 2013/2014 - CLASSE III D IPERTESTO. Il mondo della natura

ISTITUTO COMPRENSIVO T: ANARDI SCUOLA PRIMARIA S. MARIA DELLE GRAZIE ANNO SCOLASTICO 2013/2014 - CLASSE III D IPERTESTO. Il mondo della natura ISTITUTO COMPRENSIVO T: ANARDI SCUOLA PRIMARIA S. MARIA DELLE GRAZIE ANNO SCOLASTICO 2013/2014 - CLASSE III D IPERTESTO Il mondo della natura Non viventi Viventi animali piante funghi invertebrati vertebrati

Dettagli

GLI INSETTI. L apparato boccale può essere vario: adatto per masticare (cavallette), succhiare (farfalle), pungere (zanzare) ecc.

GLI INSETTI. L apparato boccale può essere vario: adatto per masticare (cavallette), succhiare (farfalle), pungere (zanzare) ecc. GLI INSETTI il corpo è suddiviso in tre zone denominate capo, torace e addome, su cui si inseriscono le antenne, le zampe e le ali. Sono ricoperti da uno scheletro esterno detto esoscheletro, formato da

Dettagli

I.C. A. Manzoni di Ornago ARTROPODI A.S. 2010/2011 Eleonora Parenti & Giorgia Terranova

I.C. A. Manzoni di Ornago ARTROPODI A.S. 2010/2011 Eleonora Parenti & Giorgia Terranova LE LORO CARATTERISTICHE Gli artropodi sono forniti di un esoscheletro (cioe' uno scheletro esterno) composto da una proteina dura, la chitina. Anche se gli artropodi hanno un esoscheletro le altri parti

Dettagli

SCIENZE CLASSE PRIMA

SCIENZE CLASSE PRIMA CLASSE PRIMA IL MONDO ATTRAVERSO I CINQUE SENSI 1. Conoscere lo schema corporeo: individuare e denominare le parti principali del corpo umano. 2. Conoscere i cinque sensi: sperimentare, attraverso attività

Dettagli

Progetto sperimentale per un sistema integrato domiciliare di raccolta dei rifiuti urbani

Progetto sperimentale per un sistema integrato domiciliare di raccolta dei rifiuti urbani Comune di Giuliano Teatino Progetto sperimentale per un sistema integrato domiciliare di raccolta dei rifiuti urbani 100% compostaggio domestico ANALISI DELLE CRITICITÀ E PROPOSTE RISOLUTIVE PER LE UTENZE

Dettagli

BIODIVERSITÀ NELL AGROECOSISTEMA

BIODIVERSITÀ NELL AGROECOSISTEMA BIODIVERSITÀ NELL AGROECOSISTEMA po p i l i F ri Alleg Zurla G ia Barbi er i nluca Luca 2^C a.s. 2013/2014 COS È LA BIODIVERSITÀ È LA VARIETÀ DI SPECIE ANIMALI E VEGETALI PRESENTI NELLA BIOSFERA PERCHÉ

Dettagli

L ambiente è costituito da: una componente abiotica - (aria, acqua, terra, rocce, ecc.)

L ambiente è costituito da: una componente abiotica - (aria, acqua, terra, rocce, ecc.) L ambiente è costituito da: una componente abiotica - (aria, acqua, terra, rocce, ecc.) una componente biotica (esseri viventi) - (batteri, funghi, piante, animali, ecc.) ECOLOGIA (Häckel 1866) Scienza

Dettagli

SITO WEB www.globalservicegiardini.com INDIRIZZO EMAIL info@globalservicegiardini.com

SITO WEB www.globalservicegiardini.com INDIRIZZO EMAIL info@globalservicegiardini.com SITO WEB www.globalservicegiardini.com INDIRIZZO EMAIL info@globalservicegiardini.com L'AZIENDA Global Service Giardini si occupa della progettazione, realizzazione e manutenzione di terrazzi, parchi e

Dettagli

PRIMA DELLA VISITA SUL CAMPO

PRIMA DELLA VISITA SUL CAMPO PRIMA DELLA VISITA SUL CAMPO Abbiamo effettuato una sorta di progettazione partecipata per individuare obiettivi ed attività da svolgere durante l esperienza sul campo, stimolando i ragazzi ad individuarli/proporli

Dettagli

Comune di Marciano della Chiana (Provincia di Arezzo) LOTTA ALLA

Comune di Marciano della Chiana (Provincia di Arezzo) LOTTA ALLA LOTTA ALLA ZANZARA TIGRE CAMPAGNA INFORMATIVA APRILE 2009 FENOMENOLOGIA ZANZARA TIGRE (Aedes albopictus) Chii èè? È un Dittero nematocero Aedes Albopictus, comunemente definita Zanzara tigre, originario

Dettagli

PROGETTI EDUCATIVI PRESSO IL CENTRO DI EDUCAZIONE AMBIENTALE PELOBATES DI SPINEA

PROGETTI EDUCATIVI PRESSO IL CENTRO DI EDUCAZIONE AMBIENTALE PELOBATES DI SPINEA PROGETTI EDUCATIVI PRESSO IL CENTRO DI EDUCAZIONE AMBIENTALE PELOBATES DI SPINEA Il progetto prevede la valorizzazione delle strutture del CEA Pelobates e degli aspetti naturalistici ed ambientali dell

Dettagli

Aethina tumida: stato dell arte delle infestazioni in Italia e nel mondo

Aethina tumida: stato dell arte delle infestazioni in Italia e nel mondo Aethina tumida: stato dell arte delle infestazioni in Italia e nel mondo Paolo AUDISIO Dipartimento di Biologia e Biotecnologie C. Darwin, Università di Roma La Sapienza Di cosa parleremo: Origini, ciclo

Dettagli

IL CONTROLLO DELLE ZANZARE UN PROGETTO IN COMUNE

IL CONTROLLO DELLE ZANZARE UN PROGETTO IN COMUNE IL CONTROLLO DELLE ZANZARE UN PROGETTO IN COMUNE Generalità Le zanzare sono Ditteri appartenenti alla famiglia CULICIDAE le cui femmine sono EMATOFAGHE, ovvero hanno bisogno di assumere un pasto di sangue

Dettagli

La zanzara tigre (Aedes albopictus)

La zanzara tigre (Aedes albopictus) La zanzara tigre (Aedes albopictus) La zanzara tigre (Aedes albopictus) è una zanzara originaria del sud-est asiatico. Inizialmente, infatti, viveva in un area che andava dal Giappone al Madagascar dove

Dettagli

LA DIVERSITÀ BIOLOGICA

LA DIVERSITÀ BIOLOGICA LA DIVERSITÀ BIOLOGICA Partiamo da noi Cosa conosco di questo argomento? Cosa si intende con biodiversità? Ma quante sono le specie viventi sul pianeta? ancora domande Come mai esistono tante diverse specie

Dettagli

Verifica - Conoscere le piante

Verifica - Conoscere le piante Collega con una linea nome, descrizione e disegno Verifica - Conoscere le piante Erbe Hanno il fusto legnoso che si ramifica vicino al terreno. Alberi Hanno il fusto legnoso e resistente che può raggiungere

Dettagli

VADEMECUM DEL CITTADINO

VADEMECUM DEL CITTADINO COMUNE DI ORISTANO Provincia dell Ogliastra Assessorato Agricoltura Attivitá Produttive e C.P.A e Politiche Forestali Assessorato Regionale alla Difesa All ambiente Servizio Tutela del Suolo REGIONE AUTÒNOMA

Dettagli

RELAZIONE FORESTALE TECNICO - DESCRITTIVA

RELAZIONE FORESTALE TECNICO - DESCRITTIVA Settore Patrimonio e Beni Architettonici INTERVENTI DI COMPENSAZIONE FORESTALE NEI COMUNI DI LEGGIUNO, MARCHIROLO, CASTELSEPRIO, CASALZUIGNO E BRENTA ai sensi dell art. 15 del D.Lgs. 228/2001 LAVORI DI

Dettagli

La Rete Natura 2000 in Sicilia: tra tutela e sviluppo PALERMO, 28 NOVEMBRE 2007

La Rete Natura 2000 in Sicilia: tra tutela e sviluppo PALERMO, 28 NOVEMBRE 2007 La Rete Natura 2000 in Sicilia: tra tutela e sviluppo PALERMO, 28 NOVEMBRE 2007 I Siti Natura 2000: esperienze a confronto Dott. Giorgio Occhipinti Task Force Rete Ecologica Regione Siciliana Il Piano

Dettagli

IL CONTROLLO DELLA VARROA IN ARNIE TOP BAR PROPOSTE PER L ANNO 2015. PAOLO FONTANA Fondazione Edmund Mach Centro Trasferimento Tecnologico

IL CONTROLLO DELLA VARROA IN ARNIE TOP BAR PROPOSTE PER L ANNO 2015. PAOLO FONTANA Fondazione Edmund Mach Centro Trasferimento Tecnologico IL CONTROLLO DELLA VARROA IN ARNIE TOP BAR PROPOSTE PER L ANNO 2015 PAOLO FONTANA Fondazione Edmund Mach Centro Trasferimento Tecnologico LA VARROA: Varroa destructor CICLO BIOLOGICO DI VARROA DESTRUCTOR

Dettagli

Nuove emergenze fitosanitarie a carico di latifoglie arboree in ambiente urbano

Nuove emergenze fitosanitarie a carico di latifoglie arboree in ambiente urbano Università di Padova Nuove emergenze fitosanitarie a carico di latifoglie arboree in ambiente urbano Massimo Faccoli Dipartimento DAFNAE Le latifoglie arboree in ambiente urbano presentano spesso stati

Dettagli

La prima certificazione per la tutela della biodiversità in agricoltura. www.biodiversityfriend.org

La prima certificazione per la tutela della biodiversità in agricoltura. www.biodiversityfriend.org La prima certificazione per la tutela della biodiversità in agricoltura www.biodiversityfriend.org Nel corso del 2010, dichiarato dalle Nazioni Unite Anno Internazionale della Biodiversità, WBA onlus

Dettagli

Prove di contenimento della piralide mediante l impiego di Trichogramma brassicae

Prove di contenimento della piralide mediante l impiego di Trichogramma brassicae Prove di contenimento della piralide mediante l impiego di Trichogramma brassicae Esperienze realizzate presso l azienda sperimentale di Veneto Agricoltura Vallevecchia - Caorle (VE) anni 2010-2011 Mauro

Dettagli

Lotta Biologica alle Piante Infestanti: Approccio Classico e Innovativo

Lotta Biologica alle Piante Infestanti: Approccio Classico e Innovativo ENEA - C. R. Casaccia - 01 Luglio 2010 Lotta Biologica alle Piante Infestanti: Approccio Classico e Innovativo Massimo Cristofaro - Alessandra Paolini F. Lecce - F. Di Cristina - C. Tronci - M. Guedj Piante

Dettagli

4. Le tipologie di humus in siti a vegetazione spontanea

4. Le tipologie di humus in siti a vegetazione spontanea 121 4. Le tipologie di humus in siti a vegetazione spontanea Le esigenze di studio unitario della sostanza organica nel suolo sono state perseguite attraverso l introduzione del concetto di forma di humus

Dettagli

IL CINIPIDE GALLIGENO DEL CASTAGNO

IL CINIPIDE GALLIGENO DEL CASTAGNO IL CINIPIDE GALLIGENO DEL CASTAGNO ifesa delle oreste Dryocosmus kuriphilus Yat su matsu Hymenoptera Cynipidae Cos è il Cinipide galligeno del castagno? L imenottero cinipide Dryocosmus kuriphilus Yatsumatsu

Dettagli

Artropodi = invertebrati con zampe articolate e corpo rivestito di chitina. Anche l astice è un artropode ma è di interesse sanitario?

Artropodi = invertebrati con zampe articolate e corpo rivestito di chitina. Anche l astice è un artropode ma è di interesse sanitario? Artropodi = invertebrati con zampe articolate e corpo rivestito di chitina. Anche l astice è un artropode ma è di interesse sanitario? NO Aracnidi e insetti = ARTROPODI ARACNIDI INSETTI DITTERI ZANZARE

Dettagli

LOTTA BIOLOGICA AL CINIPIDE GALLIGENO DEL CASTAGNO MEDIANTE L IMPIEGO DEL PARASSITOIDE TORYMUS SINENSIS (LOBIOCIN)

LOTTA BIOLOGICA AL CINIPIDE GALLIGENO DEL CASTAGNO MEDIANTE L IMPIEGO DEL PARASSITOIDE TORYMUS SINENSIS (LOBIOCIN) UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO DI.VA.P.R.A. Via Leonardo da Vinci, 44 10095 Grugliasco (TO) DIPARTIMENTO DI VALORIZZAZIONE E PROTEZIONE DELLE RISORSE AGROFORESTALI Settore Entomologia e Zoologia applicate

Dettagli

ENTOMOLOGIA SCIENZA CHE STUDIA GLI INSETTI REGNO ANIMALI PHYLUM (DIVISIONE) ARTROPODI (ZAMPE ARTICOLATE E SCHELETRO ESTERNO) CLASSE INSETTI

ENTOMOLOGIA SCIENZA CHE STUDIA GLI INSETTI REGNO ANIMALI PHYLUM (DIVISIONE) ARTROPODI (ZAMPE ARTICOLATE E SCHELETRO ESTERNO) CLASSE INSETTI ENTOMOLOGIA SCIENZA CHE STUDIA GLI INSETTI REGNO ANIMALI PHYLUM (DIVISIONE) ARTROPODI (ZAMPE ARTICOLATE E SCHELETRO ESTERNO) CLASSE INSETTI AGLI ARTROPODI APPARTENGONO ANCHE (TRA GLI ALTRI) PRINCIPALI

Dettagli

Scuola E. DE AMICIS S. Maria del Giudice anno scolastico 2011/12 Classe IV INS. Bandini Monica

Scuola E. DE AMICIS S. Maria del Giudice anno scolastico 2011/12 Classe IV INS. Bandini Monica Scuola E. DE AMICIS S. Maria del Giudice anno scolastico 2011/12 Classe IV INS. Bandini Monica Oggi 10 Novembre abbiamo osservato alcuni semi: semi di lenticchie, di fagiolo, di mais. Tutti i semi al tatto

Dettagli

IL COMPOSTAGGIO DOMESTICO

IL COMPOSTAGGIO DOMESTICO IL COMPOSTAGGIO DOMESTICO EMERGENZA RIFIUTI RACCOLTA DIFFERENZIATA IL PESO DEI RIFIUTI Le sostanze organiche rappresentano circa 1/3 dei rifiuti prodotti, aumentando così la già ingente quantità di rifiuti

Dettagli

TAVOLO TECNICO FITOSANITARIO PIANTE FORESTALI

TAVOLO TECNICO FITOSANITARIO PIANTE FORESTALI TAVOLO TECNICO FITOSANITARIO PIANTE FORESTALI PROGRAMMA DI LOTTA AL PUNTERUOLO ROSSO DELLE PALME (Rhynchophorus ferrugineus) CAMPAGNA DI INFORMAZIONE VADEMECUM DEL CITTADINO COME RICONOSCERE UNA PALMA

Dettagli

CONSERVAZIONE DEGLI ALBERI TUTELATI: ASPETTI FITOSANITARI. Nicoletta Vai Servizio Fitosanitario

CONSERVAZIONE DEGLI ALBERI TUTELATI: ASPETTI FITOSANITARI. Nicoletta Vai Servizio Fitosanitario CONSERVAZIONE DEGLI ALBERI TUTELATI: ASPETTI FITOSANITARI Nicoletta Vai Servizio Fitosanitario Di cosa parleremo Perché il Servizio Fitosanitario? Alberi monumentali: i fondamentali Conservazione: cosa

Dettagli

Tecnologie innovative di trattamento di fanghi di depurazione per la produzione di ammendanti compostati misti

Tecnologie innovative di trattamento di fanghi di depurazione per la produzione di ammendanti compostati misti PROGRAMMA DI MASSIMA DELL ATTIVITA DI DOTTORATO DI RICERCA IN TECNOLOGIE CHIMICHE ED ENERGETICHE INQUINAMENTO E DEPURAZIONE DELL AMBIENTE XXIII CICLO Dottoranda: Titolo dell attività di dottorato di ricerca:

Dettagli

SCHEDA SINTETICA STAZIONE ECOLOGICA

SCHEDA SINTETICA STAZIONE ECOLOGICA SCHEDA SINTETICA STAZIONE ECOLOGICA Stazione ecologica attrezzata: area per il deposito temporaneo di rifiuti ottenuti solo dalla raccolta differenziata Via Romea Via Spinelli COSA E LA STAZIONE ECOLOGICA

Dettagli

PROGETTO ESECUTIVO BOSCO GOLENA SAN MARTINO PIANO MANUTENZIONE QUINQUENNALE

PROGETTO ESECUTIVO BOSCO GOLENA SAN MARTINO PIANO MANUTENZIONE QUINQUENNALE PROGETTO ESECUTIVO BOSCO GOLENA SAN MARTINO IMBOSCHIMENTO TERRENI NON AGRICOLI PIANO MANUTENZIONE QUINQUENNALE COMMITTENTE: Comune di Viadana PROGETTISTA RINNOVA GREEN ENERGY SRL dott. for. Alberto Bergonzi

Dettagli

ACARI CLASSIFICAZIONE. Regno:Animalia Phylum:Arthropoda Classe: Aracnida CARATTERISTICHE GENERALI DEGLI ACARI

ACARI CLASSIFICAZIONE. Regno:Animalia Phylum:Arthropoda Classe: Aracnida CARATTERISTICHE GENERALI DEGLI ACARI I PRINCIPALI NEMICI DELLE NOSTRE PIANTE ACARI CLASSIFICAZIONE Regno:Animalia Phylum:Arthropoda Classe: Aracnida CARATTERISTICHE GENERALI DEGLI ACARI Gli Acari sono degli artropodi (dal greco "artros =

Dettagli

Le piante. Piante senza fiori Piante con fiori. La radice Il fusto La foglia Il fiore I frutti e i semi

Le piante. Piante senza fiori Piante con fiori. La radice Il fusto La foglia Il fiore I frutti e i semi Le piante Le piante Piante senza fiori Piante con fiori La radice Il fusto La foglia Il fiore I frutti e i semi Piante senza fiori Milioni di anni fa esistevano sulla Terra soltanto piante senza fiori

Dettagli

Regolamento Comunale per la Promozione e l' Attuazione del Compostaggio Domestico (Autocompostaggio)

Regolamento Comunale per la Promozione e l' Attuazione del Compostaggio Domestico (Autocompostaggio) CITTÀ di ORTONA Medaglia d oro al valor civile PROVINCIA DI CHIETI Regolamento Comunale per la Promozione e l' Attuazione del Compostaggio Domestico (Autocompostaggio) Approvato con deliberazione del Consiglio

Dettagli

PROGETTO DI RIPRISTINO AMBIENTALE

PROGETTO DI RIPRISTINO AMBIENTALE PROGETTO DI RIPRISTINO AMBIENTALE INTRODUZIONE Poiché un attività estrattiva così come proposta modifica notevolmente sia la morfologia sia le caratteristiche generali dei suoli, è opportuno, per mitigare

Dettagli

CONTROLLO UMIDITA 18/01/2010 1

CONTROLLO UMIDITA 18/01/2010 1 CONTROLLO UMIDITA 18/01/2010 1 CONTROLLO UMIDITA Il buon andamento del processo di compostaggio esige un costante e buon flusso dell ossigeno dell aria all interno della massa di scarti organici e un umidità

Dettagli

DISCIPLINARE TECNICO SERVIZIO: SERVIZIO INTEGRATO DI PULIZIA, GIARDINAGGIO, IGIENE AMBIENTALE

DISCIPLINARE TECNICO SERVIZIO: SERVIZIO INTEGRATO DI PULIZIA, GIARDINAGGIO, IGIENE AMBIENTALE DISCIPLINARE TECNICO SERVIZIO: SERVIZIO INTEGRATO DI PULIZIA, GIARDINAGGIO, IGIENE AMBIENTALE (DISINFEZIONE, DISINFESTAZIONE, DERATTIZZAZIONE E LOTTA ALLA PROCESSIONARIA) DELLE AREE DI PERTINENZA DEI FABBRICATI

Dettagli

REGIONE LAZIO Direzione Regionale Agricoltura

REGIONE LAZIO Direzione Regionale Agricoltura REGIONE LAZIO Direzione Regionale Agricoltura AREA SERVIZI TECNICI E SCIENTIFICI, SERVIZIO FITOSANITARIO REGIONALE Tuta absoluta (Meyrick) minatrice fogliare del pomodoro (tomato leaf miner) Lista ALLERT

Dettagli

La lotta biologica alle zanzare

La lotta biologica alle zanzare Ente Parco Naturale Laghi di Avigliana 1 Workshop di progettazione partecipata verso il Contratto di Lago del bacino dei laghi di Avigliana La lotta biologica alle zanzare Premessa La lotta biologica integrata

Dettagli

DA OLTRE 30 ANNI AL VOSTRO FIANCO

DA OLTRE 30 ANNI AL VOSTRO FIANCO DA OLTRE 30 ANNI AL VOSTRO FIANCO PRONTO INTERVENTO FOGNATURE H24 Chi Siamo La società Cavallaro 83 opera da oltre 30 anni nel settore degli spurghi civili ed industriali, garantendo un servizio di pronto

Dettagli

Definizioni e concetti di base in campo agronomico-ambientale

Definizioni e concetti di base in campo agronomico-ambientale Definizioni e concetti di base in campo agronomico-ambientale Ambienti terrestri Ambienti costruiti = aree urbane, industriali, infrastrutture: aree ristrette, ma ad elevato consumo energetico e produttrici

Dettagli

RELAZIONE TECNICA SULL ATTIVITÀ DI MONITORAGGIO E LOTTA ALLA

RELAZIONE TECNICA SULL ATTIVITÀ DI MONITORAGGIO E LOTTA ALLA RELAZIONE TECNICA SULL ATTIVITÀ DI MONITORAGGIO E LOTTA ALLA ZANZARA TIGRE NEL TERRITORIO DELL COMUNE DI CASTELFRANCO VENETO ATTIVITÀ SVOLTA INFORMAZIONE E FORMAZIONE Nel corso dell anno è stato organizzato

Dettagli

ASSESSORATO TERRITORIO E AMBIENTE

ASSESSORATO TERRITORIO E AMBIENTE ASSESSORATO TERRITORIO E AMBIENTE Fornitura ed installazione delle apparecchiature elettromeccaniche delle stazioni di trasferimento dei rifiuti urbani ubicate nei comuni di La Thuile e Villeneuve 1 FASE

Dettagli

PROGRAMMA DI CONTROLLO DEI MATERIALI CONTENENTI AMIANTO PROCEDURE PER LE ATTIVITÀ DI CUSTODIA E DI MANUTENZIONE Decreto Ministeriale 6 settembre 1994

PROGRAMMA DI CONTROLLO DEI MATERIALI CONTENENTI AMIANTO PROCEDURE PER LE ATTIVITÀ DI CUSTODIA E DI MANUTENZIONE Decreto Ministeriale 6 settembre 1994 PROGRAMMA DI CONTROLLO DEI MATERIALI CONTENENTI AMIANTO PROCEDURE PER LE ATTIVITÀ DI CUSTODIA E DI MANUTENZIONE Decreto Ministeriale 6 settembre 1994 1.00 IDENTIFICAZIONE DELL IMMOBILE: Comune... Prov...

Dettagli

COSA SI PUO FARE PER LIMITARE I PROBLEMI CHE POSSONO SORGERE ALL ATTO DELLO SPANDIMENTO?

COSA SI PUO FARE PER LIMITARE I PROBLEMI CHE POSSONO SORGERE ALL ATTO DELLO SPANDIMENTO? COSA SI PUO FARE PER LIMITARE I PROBLEMI CHE POSSONO SORGERE ALL ATTO DELLO SPANDIMENTO? Al di là degli obblighi di legge, queste buone tecniche, consentono di limitare i principali problemi (cattivi odori,

Dettagli

BIODIVERSITA. Biovarietà o varietà della vita. Mauro Sabatini e Leonardo Barbaresi 12/04/2012 1

BIODIVERSITA. Biovarietà o varietà della vita. Mauro Sabatini e Leonardo Barbaresi 12/04/2012 1 BIODIVERSITA Biovarietà o varietà della vita. Mauro Sabatini e Leonardo Barbaresi 12/04/2012 1 Biodiversità 1 Significato del termine 2 Dal punto di vista dell uomo 3 Dal punto di vista biologico 4 I numeri

Dettagli

La Carta dei Servizi

La Carta dei Servizi La Carta dei Servizi - Allegato B - DETTAGLIO SULLE STRUTTURE E I SERVIZI FORNITI Le principali attività garantite da ACEA sono: la raccolta stradale per eco-punti; le raccolte domiciliari; il lavaggio

Dettagli

www.vivereiparchi.eu Tel: (+39) 345 7796413 E-mail: vivereiparchi@gmail.com

www.vivereiparchi.eu Tel: (+39) 345 7796413 E-mail: vivereiparchi@gmail.com VITE INVISIBILI IL VIAGGIO MICROSCOPICO IN UNA GOCCIA D'ACQUA E' vero che una goccia d'acqua di lago può superare in biodiversità una intera foresta?... Le popolazioni microscopiche che colonizzano una

Dettagli

SCUOLA POLITECNICA E DELLE SCIENZE DI BASE Dipartimento di Ingegneria Civile, Edile e Ambientale

SCUOLA POLITECNICA E DELLE SCIENZE DI BASE Dipartimento di Ingegneria Civile, Edile e Ambientale SCUOLA POLITECNICA E DELLE SCIENZE DI BASE Dipartimento di Ingegneria Civile, Edile e Ambientale CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA PER L AMBIENTE E IL TERRITORIO (Classe delle Lauree in Ingegneria Civile ed

Dettagli

Utilizzo di Indici di Qualità Biologica del Suolo mediante l analisi della Pedofauna su gradienti altitudinali e su suoli periglaciali

Utilizzo di Indici di Qualità Biologica del Suolo mediante l analisi della Pedofauna su gradienti altitudinali e su suoli periglaciali Torino, 13 giugno 2011 Museo Regionale di Scienze Naturali Utilizzo di Indici di Qualità Biologica del Suolo mediante l analisi della Pedofauna su gradienti altitudinali e su suoli periglaciali Andrea

Dettagli

Non più rifiuti ma risorse.

Non più rifiuti ma risorse. Non più rifiuti ma risorse. La raccolta differenziata porta a porta nel Comune di Bibbiano. GUIDA PER LE ATTIVITÀ COMMERCIALI, PRODUTTIVE E PER GLI UFFICI. Comune di Bibbiano Opuscolo PAP UND Bibbiano.indd

Dettagli

ROSIGNANO ENERGIA AMBIENTE spa

ROSIGNANO ENERGIA AMBIENTE spa ROSIGNANO ENERGIA AMBIENTE spa REA IMPIANTI srl Relatore: Dott. Massimiliano Monti GESTIONE DEI RIFIUTI: ASPETTI TECNICI ECONOMICI E FINANZIARI SISTEMI DI RACCOLTA Con mezzo automatizzato-monoperatore

Dettagli

Comune di Diano Marina Provincia di Imperia Riviera dei Fiori

Comune di Diano Marina Provincia di Imperia Riviera dei Fiori Comune di Diano Marina Provincia di Imperia Riviera dei Fiori SERVIZIO LAVORI PUBBLICI PIANIFICAZIONE URBANISTICA EDILIZIA PRIVATA ECOLOGIA REGOLAMENTO COMUNALE PER IL PROGETTO DI COMPOSTAGGIO DOMESTICO

Dettagli

COMPOSTAGGIO DOMESTICO

COMPOSTAGGIO DOMESTICO ManualeCompostaggio15x21 15-04-2004 15:15 Pagina 1 COMPOSTAGGIO DOMESTICO CON IL COMPOSTER Guida pratica ManualeCompostaggio15x21 15-04-2004 15:15 Pagina 2 1) Il compostaggio... imitazione della Natura

Dettagli

GUIDA NATURALISTICA La Lomellina, agricoltura e natura come conoscenza

GUIDA NATURALISTICA La Lomellina, agricoltura e natura come conoscenza GUIDA NATURALISTICA La Lomellina, agricoltura e natura come conoscenza ECOLOGIA I 9 marzo 2013 Mariella Nicastro Parco Regionale della Valle del Lambro CHE COS E L ECOLOGIA Se lo chiedete a tre professori,

Dettagli

Ammendante Compostato Misto

Ammendante Compostato Misto Ammendante Compostato Misto Cos è il Compost? Il Compost deriva da rifiuti, come buona parte dei fertilizzanti, dal letame alla farina di carne, dal cuoio idrolizzato al solfato ammonico. Il Compost non

Dettagli

Prima apparizione della coccinella asiatica in fruttetti dell Alto Adige

Prima apparizione della coccinella asiatica in fruttetti dell Alto Adige 1 Prima apparizione della coccinella asiatica in fruttetti dell Alto Adige La coccinella asiatica Harmonia axyridis fa parte del gruppo di specie invasive che stanno colonizzando paesi delle zone climatiche

Dettagli

Danni da neve sulla quercia da sughero Tipologia e interventi di recupero.

Danni da neve sulla quercia da sughero Tipologia e interventi di recupero. Agenzia regionale per la ricerca in agricoltura Dipartimento della ricerca per il sughero e la silvicoltura Tempio Pausania Danni da neve sulla quercia da sughero Tipologia e interventi di recupero. Rilievi

Dettagli

Note per la compilazione del modulo per la richiesta di autorizzazione all'intervento di reintroduzione di specie vegetali

Note per la compilazione del modulo per la richiesta di autorizzazione all'intervento di reintroduzione di specie vegetali Note per la compilazione del modulo per la richiesta di autorizzazione all'intervento di reintroduzione di specie vegetali Come evidenziato in testa al documento, il modulo raccoglie e schematizza le informazioni

Dettagli

Pest Control R-B DISINFESTAZIONI

Pest Control R-B DISINFESTAZIONI Pest Control e Aziende Alimentari Presentazione R-B Disinfestazioni è un azienda di Venezia specializzata nel settore della disinfestazione, della derattizzazione e del monitoraggio infestanti, ed opera

Dettagli

PERCORSO DI EDUCAZIONE AMBIENTALE. Con la collaborazione con il Centro R.D.P. del Padule di Fucecchio

PERCORSO DI EDUCAZIONE AMBIENTALE. Con la collaborazione con il Centro R.D.P. del Padule di Fucecchio PERCORSO DI EDUCAZIONE AMBIENTALE Con la collaborazione con il Centro R.D.P. del Padule di Fucecchio SCUOLA PRIMARIA GALILEO GALILEI CLASSE 3A e 3B ANNO SCOLASTICO 2011/2012 Le attività si sono svolte

Dettagli

Gestione dell apiario: aspetti tecnici e sanitari. Montepulciano, 25/11/ 2011 Luciano Ricchiuti

Gestione dell apiario: aspetti tecnici e sanitari. Montepulciano, 25/11/ 2011 Luciano Ricchiuti Gestione dell apiario: aspetti tecnici e sanitari Montepulciano, 25/11/ 2011 Luciano Ricchiuti Introduzione Anche per gli apiari, come per tutte le aziende zootecniche, la corretta gestione dell allevamento

Dettagli

ART. 1 OGGETTO DELLA CONVENZIONE L Azienda Ospedaliera di Padova (A.O.) affida per il periodo dal 01/11/2011

ART. 1 OGGETTO DELLA CONVENZIONE L Azienda Ospedaliera di Padova (A.O.) affida per il periodo dal 01/11/2011 CAPITOLATO TECNICO PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI MANUTENZIONE ORDINARIA E STRAORDINARIA DELLE ZONE ERBOSE PER L AZIENDA OSPEDALIERA DI PADOVA E l OSPEDALE DI CONSELVE (PD) PER UN PERIODO CONTRATTUALE

Dettagli

Le professoresse: Sabbatini Nacchia

Le professoresse: Sabbatini Nacchia Le professoresse: Sabbatini Nacchia La malva silvestre, pianta molto diffusa nel nostro paese, predilige i terreni erbosi; la si può trovare soprattutto nei campi abbandonati, lungo le strade di campagna

Dettagli

SERRA SUD AFRICA: NOTE DI COLTIVAZIONE

SERRA SUD AFRICA: NOTE DI COLTIVAZIONE SERRA SUD AFRICA: NOTE DI COLTIVAZIONE La Serra Nuova dedicata ad alcuni ambienti del Sud Africa rappresenta una delle sfide più ardue per chi lavora nell Orto Botanico di Torino. Su una superficie di

Dettagli

RELAZIONE TECNICA ALLEGATA ALLA DOMANDA D AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO D ACQUE DOMESTICHE D ORIGINE ABITATIVA. D.Lgs n 152 del 3 aprile 2006.

RELAZIONE TECNICA ALLEGATA ALLA DOMANDA D AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO D ACQUE DOMESTICHE D ORIGINE ABITATIVA. D.Lgs n 152 del 3 aprile 2006. RELAZIONE TECNICA ALLEGATA ALLA DOMANDA D AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO D ACQUE DOMESTICHE D ORIGINE ABITATIVA. D.Lgs n 152 del 3 aprile 2006. Immobile sito nella frazione di, via, n, Censito in Catasto

Dettagli

Flussi di energia negli ecosistemi

Flussi di energia negli ecosistemi Flussi di energia negli ecosistemi 2 a parte Leonardo Beccarisi Corso di Ecologia Università degli Studi di Roma Tre 18 novembre 2010 6 a lezione Sommario 1 Produttori primari nel mare Il fattore luce

Dettagli

Il Decoro della Banchina Stradale

Il Decoro della Banchina Stradale Il Decoro della Banchina Stradale Progetto DBS 1 Problematiche di gestione con il taglio meccanico Efficacia Erbe allergeniche Residui vegetali Cantieri fissi Tempi Essenze arboree Ostacoli in genere (segnalimiti,

Dettagli

Una vera Tigre. Comune di Anzola dell'emilia

Una vera Tigre. Comune di Anzola dell'emilia La Zanzara Tigre Importata nel mondo occidentale dall Asia, probabilmente grazie al commercio di copertoni usati, dove ha trovato una nicchia adatta alla propria diffusione, la Zanzara Tigre (Aedes albopictus)

Dettagli