Fondazione Lombardia per l Ambiente. Istituto di Entomologia Agraria Università degli Studi di Milano

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Fondazione Lombardia per l Ambiente. Istituto di Entomologia Agraria Università degli Studi di Milano"

Transcript

1 Fondazione Lombardia per l Ambiente Istituto di Entomologia Agraria Università degli Studi di Milano Applicazione di bioindicatori sull area della discarica di Gorla Maggiore-Mozzate RELAZIONE FINALE Marzo

2 INDICE Presentazione Gruppo di lavoro 1. Obiettivi e Fasi del progetto 2. Inquadramento territoriale 3. Caratteristiche delle discariche 4. Analisi e raccolta del materiale bibliografico 5. Materiali e metodi di campionamento 6. Risultati dei campionamenti 7. Conclusioni e proposte Fonti bibliografiche 2

3 PRESENTAZIONE Gli ambienti destinati allo smaltimento dei rifiuti urbani possono divenire focolai di infestazione da parte di numerosi organismi animali (in particolare Roditori, Uccelli, Insetti) che trovano nella sostanza organica in decomposizione una quantità pressoché illimitata di cibo. Purtroppo, la loro attività si sviluppa in presenza di una ricca flora batterica, a cui si aggiungono nematodi e virus. Molti tra questi microrganismi sono potenzialmente patogeni, ragion per cui Roditori, Uccelli ed Insetti divengono pericolosi vettori meccanici. La gestione dei rifiuti urbani, soprattutto nelle discariche a cielo aperto, diviene così un problema di rilevante interesse, anche per tali aspetti igienici. Pullulazioni di mosche, flebotomi, blatte, ratti, gabbiani non sono tollerabili. E noto che le possibilità di smaltimento dei rifiuti stessi possono avvenire in vario modo, dal compostaggio del materiale organico in ambienti confinati, alla termodistruzione, sino all accumulo in spazi appositamente attrezzati, le discariche. Se non si opera con le dovute precauzioni, si verifica dapprima una attrazione di questi organismi infestanti, attratti dall odore; l abbondante cibo messo quotidianamente a disposizione ne consente quindi un rapido e imponente sviluppo, cui consegue inevitabilmente la diffusione nel circostante territorio. Lo studio che si è voluto affrontare ha preso in considerazione una discarica a cielo aperto (Gorla Maggiore/Mozzate) in fase di attività, per verificare le specie di insetti presenti e la loro dinamica di popolazione, confrontando i dati rilevati con quanto si è potuto osservare in un area vicina (Boschi Ramascioni), a suo tempo pure adibita a discarica, ma ormai completata e sottoposta ad inerbimento, con ulteriore impianto di essenze arboree. Gli insetti possono infatti fornire utili indicazioni sullo stato di salute di determinati ambienti e da tempo vengono utilizzati in proposito. E evidente, ad esempio, che una forte presenza di mosche testimonia l ampia disponibilità di sostanze organiche fermentanti, mentre l attività delle zanzare è conseguenza, in genere, di ambienti in cui si verificano ristagni d acqua, più o meno ricca di materiale organico; il riscontrare ditteri inpollinatori, nonchè Imenotteri Apoidei, è invece un indice di ricchezza floristica, e così via. In pratica, quindi, gli insetti sono da considerare degli indicatori ambientali, sia per le caratteristiche intrinseche delle diverse specie, che per la maggiore o minore diversificazione delle specie stesse presenti in un determinato areale. Nel caso in esame sono stati utilizzati come indicatori primari, diverse famiglie di Ditteri (Muscidi, Calliforidi e Sarcofagidi, Flebotomidi e Psicodidi), i Ditiotteri Blattodei, Coleotteri (Dermestidi, Silfidi e Nitidulidi). 3

4 Sono stati inoltre osservati la presenza e l abbondanza in specie dei Coleotteri Carabidi, generici predatori terricoli, dei Ditteri Sirfidi e degli Imenotteri Apoidei. Infatti, la pedofauna e gli inpollinatori che, per aspetti diversi, sono pure rilevanti indicatori ambientali. Il confronto tra qualità delle specie e quantità, (ovvero biodiversità ) delle stesse presenti in queste due discariche, hanno permesso di meglio valutare la gestione di tali ambienti e l impatto che possono rivestire sul territorio circostante. E evidente che, per giungere a tali valutazioni, sono state utilizzate tecniche di raccolta degli organismi presenti ben diverse: dalle trappole a caduta per specie che vivono sul terreno, alla trappola Malaise per quelle buone volatrici. Il succedersi delle specie osservate è inoltre da collegare all evoluzione della copertura vegetale, dapprima costituita essenzialmente da graminacee, se l area è sottoposta a inerbimento controllato, per divenire poi meglio strutturata, con presenza di piante erbacee monocotiledoni e dicotiledoni, tutte comunque fiorifere, oltre che con l insediarsi di arbusti e piante arboree. Il Responsabile Scientifico Prof. Luciano Süss Istituto di Entomologia Agraria Università degli Studi di Milano 4

5 Gruppo di Lavoro Responsabile Scientifico Prof. Luciano Süss Istituto di Entomologia agraria Università degli Studi di Milano Dott. Elisa Bruschi Istituto di Entomologia agraria Università degli Studi di Milano Dott. Sara Savoldelli Istituto di Entomologia agraria Università degli Studi di Milano Coordinamento-Editing: Dott. Giovanni Bartesaghi Fondazione Lombardia per l Ambiente Ringraziamenti Dott. Franco Binaghi Assessorato Ecologia e Ambiente Provincia di Como Geom. Francesco De Stefano Comune di Gorla Maggiore (VA) Arch. Giovanni Colzi Econord S.p.A. Dr. Ing. Carlo Rovelli Econord S.p.A. Dott. Omar Sommacampagna Istituto di Entomologia agraria Università degli Studi di Milano Mouse & Co. S.r.l. Lomazzo (CO) Fotografie: Dott. Sara Savoldelli 5

6 1. OBIETTIVI E FASI DEL PROGETTO Obiettivi Principali Conoscere con precisione le specie di Artropodi potenzialmente nocive alla salute presenti nell area delle discariche di Gorla/Mozzate e Bosco Ramascioni, seguirne la dinamica di sviluppo con il trascorrere delle stagioni, verificando le possibilità di contenerle con tecniche di prevenzione e sviluppando pratiche di monitoraggio in grado di indicare, se e quando, si renda realmente necessario intervenire con interventi diretti. Obiettivi Specifici Organizzare un sistema di monitoraggio degli infestanti, sia mediante impiego di metodi di intrappolamento sia grazie a sopralluoghi diretti, facilmente trasferibile anche ad altre realtà territoriali simili. Grazie a tale sistema si potranno conoscere le specie presenti valutandone l eventuale pericolosità e, sulla base di quanto rilevato, comparato con i sistemi di gestione dell'area in esame, si potranno indicare eventualmente metodi alternativi volti al contenimento delle popolazioni di infestanti. Il progetto è stato articolato per quattro principali fasi: FASE A FASE B FASE C FASE D preliminare: raccolta e analisi della bibliografia esistente, dei lavori analoghi eseguiti in Italia e all estero di elevata significatività. Impostazione delle metodologie operative. rilevamento: analisi del sito; definizione dei punti di indagine; impostazione delle schede tipo e degli ulteriori elementi utili alla completa e corretta esecuzione del lavoro (fotografie, cartografie di riferimento, database); impostazione delle frequenze di campionamento; esecuzione delle campagne di rilevamento. analisi ed elaborazione dei risultati: trasposizione dei dati, comparazione ed elaborazione, rappresentazione sintetica dei risultati e proposte operative. prodotti della fase esecutiva: presentazione e trasferibilità. 6

7 2. INQUADRAMENTO TERRITORIALE L area di indagine è quella relativa alla discarica controllata residuale di Rifiuti Solidi Urbani (RSU) e Rifiuti Solidi Assimilati agli Urbani (RSAU) ubicata al confine tra i due Comuni di Gorla Maggiore (VA) e Mozzate (CO) e alla discarica, oramai esaurita e bonificata, di Boschi Ramascioni (Mozzate). Le figure 2.1 e 2.2 illustrano la posizione delle due discariche alle diverse scale territoriali, sia come cartografie fisiche sia come ortofoto. Figura Ubicazione discariche di Gorla/Mozzate (1) e Boschi Ramascioni (2) Tutta l area si trova in una vasta zona pianeggiante (alta pianura lombarda) all interno di una porzione territoriale già soggetta in passato ad attività estrattiva con previsione di recupero ambientale mediante impianto di smaltimento di rifiuti solidi urbani. Tutta l area esterna alle discariche è caratterizzata da prevalente vegetazione a latifoglie e da colture agricole (cfr. Figura 2.2 ). 7

8 Figura Ortofoto dell area delle discariche Gorla/Mozzate (1) e Boschi Ramascioni (2) 3. CARATTERISTICHE DELLE DUE DISCARICHE Vengono di seguito fornite alcune informazioni di sintesi relative alle caratteristiche di sfruttamento (attuali e pregresse) della discarica di Gorla Maggiore/Mozzate (superfici, volumi, rifiuti smaltiti, tempi di riempimento, ecc.) e alle caratteristiche finali post-operative della discarica Boschi Ramascioni. La discarica di Gorla Maggiore/Mozzate è tuttora attiva in una sua porzione residuale (lotto 5A in esercizio; lotti 5B e 6 in progetto ). La posizione dei diversi lotti, descritti nelle successive tabelle, è illustrata in Figura 2.3. La discarica di Boschi Ramascioni è invece esaurita e completamente bonificata dal punto di vista ambientale, presentando quindi caratteristiche più vicine alla naturalità originale del luogo rispetto all area della discarica di Gorla Maggiore/Mozzate. 8

9 Discarica di Gorla Maggiore (VA) / Mozzate (CO) Lotti realizzati Periodo conferimento rifiuti NOTE Ex L.R. 42/89 Quantità di rifiuti conferiti: (Mozzate 3) tonn Primo Lotto Quantità di rifiuti conferiti: t/giorno Secondo Lotto Terzo Lotto Quarto Lotto Notevole durata di attività per progressivo incremento di volumi derivati dagli ingenti cedimenti morfologici dell area Quinto Lotto Fase 5A * Conferimento in corso Quinto Lotto Fase 5B ? In fase di predisposizione Sesto lotto 2005/2006 -? In fase di progettazione Legenda: * = dato di previsione (Fonte: Organizzazione Smaltimento Rifiuti, Cave, Aria, Provincia di Como, 2003) L area della discarica, nella parte comunale di Mozzate, realizzata nell ambito delle attività previste dalla Legge Regionale 42/89, è indicata in Figura 2.3 con il numero 00. Previsioni da progetti esecutivi approvati e futuri Dati tecnici Situazione effettiva Dati tecnici Sup. al fondo discarica Sup. piano campagna Volume totale lordo Volume totale netto (*) Comp. Stima quantità di rifiuti Quantità smaltite Conferimento Inizio Termine Lotti m 2 m 2 m 3 m 3 % tonn. tonn. Primo Lotto ** , Secondo Lotto , Terzo Lotto , Quarto Lotto , Quinto Lotto Fase A Quinto Lotto Fase B 25/01/ /06/ /05/ /04/ /06/ / /04/ /04/ n.d. in esercizio in fase di predisposizione TOTALE Legenda: n.d. = dato non ancora disponibile (Fonte: Organizzazione Smaltimento Rifiuti, Cave, Aria, Provincia di Como, 2003) 9

10 I dati sono aggiornati al 2003, con esclusione (*) dell'incidenza stimata per le terre di copertura intermedia e di formazione delle arginature di contenimento dei rifiuti; ** = soluzione comprensiva del raccordo con la discarica di Mozzate ex LR 42/89; Comp. = compattazione. Tempi di riempimento del quinto lotto, fase B, della discarica controllata di Gorla Maggiore/Mozzate, in funzione di 4 ipotesi di carichi di rifiuti conferiti. Carico giornaliero tonn./giorno * Tempi di riempimento del quinto lotto, fase B anni 600 3, , , ,7 Legenda: * = è stato ipotizzato un afflusso medio su 300 giorni/anno. (Fonte: Organizzazione Smaltimento Rifiuti, Cave, Aria, Provincia di Como, 2003) Tempi previsti di esaurimento del 5 lotto fase A: fine Non è possibile invece stabilire i tempi di esaurimento del 5 lotto fase B, ipotizzabili anche lievemente superiori a quelli indicati in tabella. E infine previsto un 6 lotto residuale conclusivo (cfr. Figura 4) che dovrebbe garantire una certa continuità di servizio per un numero di anni non precisato ma certamente superiore a 5 a partire dal 2005/2006. Discarica di Boschi Ramascioni (Mozzate) (CO) Discarica Periodo di attività Quantitativi a dimora (tonnellate) Boschi Ramascioni (Mozzate 3) 1983/ / (Fonte: Organizzazione Smaltimento Rifiuti, Cave, Aria, Provincia di Como, 2003) 10

11 Figura 2.3 Suddivisione per lotti della discarica di Gorla Maggiore/Mozzate e area ex discarica Boschi Ramascioni 11

12 4. ANALISI E RACCOLTA DEL MATERIALE BIBLIOGRAFICO Questa fase del progetto ha previsto una ricerca finalizzata alla raccolta e all analisi del materiale bibliografico esistente, riguardante lavori e studi sul monitoraggio di artropodi nelle aree adibite a discarica o riciclaggio di rifiuti solidi urbani. L analisi ha interessato, oltre che testi e riviste specializzate, anche articoli concernenti il binomio insetti-rifiuti. Sono stati selezionati complessivamente sessantacinque lavori pubblicati in diverse aree geografiche, in particolare Europa, Asia e America (cfr. elenco in Fonti Bibliografiche). Da tali studi appare come il problema più rilevante, legato alla presenza di rifiuti, sia quello dei Ditteri, prima fra tutti Musca domestica. I lavori reperiti riguardano principalmente il monitoraggio delle popolazioni di tali insetti in aree urbane e suburbane in presenza di materiale di rifiuto di vario genere; altri studi si riferiscono a controlli sulla resistenza di questi insetti nei riguardi degli antiparassitari utilizzati negli interventi di disinfestazione, con proposte per un corretto smaltimento dei rifiuti. Altri lavori si riferiscono alla presenza di blatte, topi e uccelli; tra questi, in particolare, viene rilevato come anche i gabbiani, capaci di sfruttare gli ambienti antropizzati e degradati, possano essere utilizzati come potenziali indicatori dello sviluppo urbano e permettano di comprendere la qualità ambientale. Nel complesso, i dati riepilogativi relativi agli studi sull argomento, selezionati in quanto particolarmente significativi, sono indicati in Tabella 4.1. E stata inoltre esaminata tutta la documentazione disponibile, relativa allo studio di valutazione di impatto ambientale (VIA) per l impianto di Gorla Maggiore/Mozzate (SITER S.r.l., 2001) con particolare riferimento alle sezioni relative alla vegetazione, (comprendente anche le specie sensibili da monitorare) e alla fauna. Per quanto si riferisce alla situazione faunistica la documentazione evidenzia che i dati riferiti all area di indagine riprendono, con parziali modifiche ed integrazioni, uno studio a suo tempo realizzato da Ambiente Italia s.r.l. I dati si riferiscono alla macrofauna tipica di un ambiente boschivo planiziale, ma non fanno alcun riferimento alla microfauna da Artropodi, il che giustifica lo studio effettuato, data la rilevanza degli insetti come indicatori ambientali aspetto che sarà indagato con questo studio. Infatti, gli Insetti rivestono un ruolo di grande importanza in qualsiasi situazione. Laddove, come in una foresta, la situazione è di generale equilibrio, si nota la presenza di una entomofauna diversificata, in cui il ruolo dei predatori e dei parassitoidi esercita un naturale effetto di contenimento di eventuali fitofagi. Al contrario, in un ambiente estremamente artificiale, quale una discarica di rifiuti solidi urbani, possono prendere il sopravvento insetti molto pericolosi per l uomo, in quanto potenziali vettori. 12

13 In questo caso, quindi, le presenze di mosche e mosconi, flebotomi e psicodidi va considerata come un ottimo indicatore della situazione di quel determinato ambiente. Tanto più si svilupperanno, quanto più la gestione della discarica non terrà conto dei rischi provocati dalla loro presenza. Poichè ogni ambiente discarica viene completato entro un certo lasso di tempo, si rende indispensabile la sua copertura con strati di terreno, su cui fare insediare un manto vegetale. Le caratteristiche di quest ultimo, impostato su essenze erbacee od arboree, sottoposto a sfalci e potature, con impiego di vegetali autoctoni o meno, condizionano a loro volta, lo sviluppo di determinate specie di insetti. Partendo da tali premesse, come si è accennato precedentemente, si è voluto esaminare le condizioni di una discarica in fase di riempimento, a confronto con l altra ormai completata, raccogliendo gli insetti presenti nei due ambienti, per valutarne l abbondanza in biodiversità, la ricolonizzazione dall esterno ed il significato che gli insetti catturati possono rivestire. I primi sopralluoghi alla discarica sono stati effettuati nel mese di febbraio 2003, per rendersi conto della realtà operativa e per organizzare le fasi di monitoraggio, predisporre il materiale necessario per gli stessi e stabilire punti di campionamento, temporanei o permanenti, nei due ambienti, utilizzando la discarica ormai chiusa e ricoperta di vegetazione (Boschi Ramascioni), come situazione di riferimento. Sono state inoltre acquisite le notizie essenziali relative alle pratiche di disinfestazione contro mosche e roditori attualmente effettuate. Si è così evidenziata la necessità di interfacciarsi in modo sostanziale con l Impresa affidataria del servizio, per poter verificare l impatto che gli interventi previsti possono avere su una entomofauna infestante, oltre che sui roditori (topi e ratti). 13

14 Tabella 4.1: Lavori selezionati come significativi del problema oggetto di studio (Il numero si riferisce al riferimento bibliografico riportato in Fonti Bibliografiche) Gestione discariche, Altri Musca Altri Altri rifiuti. Europa Asia America Australia Africa Blatte Topi Uccelli ambienti domestica Ditteri animali Tecniche di lotta segue 14

15 Gestione discariche, Altri Musca Altri Altri rifiuti. Europa Asia America Australia Africa Blatte Topi Uccelli ambienti domestica Ditteri animali Tecniche di lotta Totale lavori selezionati Tabella 4.1: Lavori selezionati come significativi del problema oggetto di studio (Il numero si riferisce al riferimento bibliografico riportato in Fonti Bibliografiche) 15

16 5. MATERIALI E METODI DI CAMPIONAMENTO Nei sette mesi in cui si sono sviluppate le fasi del monitoraggio sul campo (da marzo a ottobre 2003) è stato possibile delineare un quadro generale riguardante le principali specie di artropodi presenti nelle due discariche oggetto di studio. Il monitoraggio è avvenuto attraverso differenti tecniche di campionamento, comprendendo l utilizzo di pit-fall traps, ovvero raccolte con trappole a caduta, trappola malaise, trappola alimentare, catture con retino da sfalcio, aspiratore a bocca, e controllo visivo. La frequenza con la quale sono stati svolti i sopralluoghi è stata influenzata dalle condizioni ambientali, dall attrezzatura utilizzata, nonché dai risultati di volta in volta ottenuti con le diverse procedure di indagine. L elenco completo dei siti monitorati si trova nelle Tabelle 5.1 e 5.2. Tabella 5.1 MONITORAGGIO MUSCIDI A GORLA MAGGIORE/MOZZATE 1 Primo pilastro a sinistra dell edificio casa-ufficio. 2 Primo e secondo spezzone, partendo da destra, della ringhiera verde della pesa dei camion. 3 Vetro più base pannello del gabbiotto situato alla pesa dei camion. 4 Porta edificio adibito ad officina. 5 Pannello base della vetrata scorrevole dell edificio adibito ad officina. 6 Sesto spezzone della ringhiera verde situata di fronte all impianto di smaltimento dei rifiuti. 7 Primo pilastro in cemento, sino a 2m d altezza, dell impianto di triturazione e deodorazione dei rifiuti. 8 Zona scarico merci. Seconda colonna da sinistra. 9 Zona scarico merci. Quarta colonna da sinistra. 10 Zona scarico merci. Sesta colonna da sinistra. 11 Primo e terzo pannello dietro zona scarico merci. 12 Zona percolato. Prima vasca:secondo spezzone ringhiera. 13 Zona percolato. Prima vasca: spezzone ringhiera lato opposto al punto Zona percolato. Parete di cemento situata tra le due vasche per la raccolta del percolato. 15 Parte sporgente del cassone per la raccolta dei rifiuti privati, ubicato al termine della zona percolato. 16 Facciata esterna del locale compressore. 17 Facciata esterna del locale adibito alla stazione di controllo. 16

17 Tabella 5.2 MONITORAGGIO MUSCIDI A BOSCHI RAMASCIONI 1 Muro tra finestra e porta primo edificio. 2 Pilastro in centro facciata esterna. 3 Facciata interna muro edificio. 4 Porta I locale impianti elettrici facciata sulla strada. 5 Porta II locale impianti elettrici facciata esterna. 6 Ultimo pannello a sinistra portone chiaro a fianco orari comune mozzate. 7 Parte sporgente cassonetto verde appena entrati. 8 Muro locale vicino a trappola 3B. Pit-fall traps Questo tipo di campionamento è particolarmente idoneo allo studio dei Coleotteri Carabidi, che si è già ricordato essere considerati tra i più rilevanti bioindicatori della qualità dell ambiente terreno. Le trappole sono costituite da semplici recipienti, tipicamente bicchieri di plastica, parzialmente interrati e riempiti per circa un terzo con vari composti attrattivi: sono stati utilizzati avvicendevolmente aceto bianco, birra e carne (Figure ). Per ottenere la maggiore efficienza di cattura, le esche sono state controllate con cadenza quindicinale, permettendo lo svolgimento dei processi fermentativi delle sostanze utilizzate. La collocazione di tali trappole ha interessato il suolo compreso tra il primo e il secondo lotto (esaurito) della discarica di Gorla Maggiore (Figura 5.12) e l intero territorio dell ex discarica di Boschi Ramascioni (Figura 5.13); in particolare sono state posate dieci trappole in ciascuna zona. La scelta dei siti dove effettuare il lavoro è stata dettata dalla necessità di individuare luoghi poco soleggiati, ma ben ventilati, generalmente situati alla base degli alberi o incastrati in cavità degli stessi, oppurtunatamente celate con tegole o sassi, al fine di impedire l accesso ai piccoli mammiferi ed evitare eventuali manomissioni. 17

18 ESEMPI DI MONITORAGGIO ESEGUITO CON PIT-FALL TRAPS Figura 5.1: Postazione pitfall trap 1A Figura 5.2: postazione trappola 2A. Figura 5.3: Postazione trappola 4A. Figura 5.4: Postazione trappola 3B. 18

19 Figura 5.5: Trappola attivata con aceto. Figura 5.6: Trappola attivata con carne. Trappole Malaise Questa trappola consiste in una sorta di tenda canadese, costituita da una rete a maglie molto piccole, aperta da un lato (Figura 5.7). Gli insetti che si introducono nella trappola, per cercare una via di fuga, si spostano istintivamente verso l alto dove filtra la luce e si ammassano nel punto dove si trova uno stretto tunnel, alla cui estremità è posta un apertura, a cui è collegato un flacone contenente generalmente alcool, o etere acetico. La rimozione degli individui intrappolati all interno del vasetto è avvenuta dopo 24 ore dall installazione della tenda. Date le dimensioni ingombranti e l appariscenza, questa trappola è stata sistemata in ampie zone pianeggianti, tenendo conto delle condizioni metereologiche, in particolare del vento e delle rotte di possibile percorso degli insetti. La loro ubicazione è riportata in Figura 5.12 per la discarica di Gorla Maggiore, in Figura 5.13 per l ex discarica di Boschi Ramascioni. Sebbene questa trappola fosse indicata principalmente per la cattura degli insetti volanti, le raccolte hanno permesso di individuare anche individui generalmente atteri; si tratta comunque di un metodo di campionamento massivo e incondizionato, che ha consentito di raccogliere un abbondante numero di artropodi. 19

20 MONITORAGGIO CON TRAPPOLA MALAISE Figura 5.7: Trappole malaise. Catture con retino da sfalcio e aspiratore a bocca Questo tipo di campionamento è stato svolto mediante un semplice retino di forma triangolare, avente 30 cm di diametro e una lunghezza di circa il doppio; è stato fatto scorrere lentamente in prossimità della superficie del suolo, generalmente sull erba bassa. Il contenuto del retino deve essere frequentemente esaminato, per evitare che foglie o altri residui vegetali danneggino gli insetti catturati e al tempo stesso per permettere la verifica di quelli intrappolati. Una volta che l'esemplare è nel retino, bisogna inserirlo nella boccetta direttamente portando la boccetta dentro il retino. Questo tipo di campionamento si presenta particolarmente idoneo alla cattura di quegli insetti che restano immobili, per la gran parte del tempo, o si muovono sul suolo o sulla vegetazione, ad esempio: Orthoptera Hemiptera Coleoptera Diptera Lepidoptera Hymenoptera 20

21 Monitoraggio visivo Questo tipo di campionamento è particolarmente adatto per l individuazione di Ditteri Muscidi (Figure ). Sono stati individuati diciassette siti nella discarica di Gorla Maggiore (Figura 5.12) e otto in quella di Boschi Ramascioni (Figura 5.13). Le specie e la stima approssimativa dell entità delle popolazioni delle diverse specie è avvenuta mediante conteggi numerici degli esemplari presenti su determinate superfici, scelte tra le tipologie di luoghi presenti nel territorio e colonizzabili dall insetto. In particolare, tali punti hanno interessato varie zone del territorio della discarica di Gorla Maggiore, comprendendo muri e pannelli dei vari edifici (casa, ufficio, officina), l impianto di smaltimento dei rifiuti, le vasche del percolato e i locali presenti nell area del II lotto, ormai esaurito. Analogamente, sono stati monitorati 8 siti, comprendenti edifici, muri, cassonetti, principalmente dislocati in prossimità della piattaforma di scarico merci. Convenzionalmente sono state scelte superfici di 1mq ciascuna, sulle quali conteggiare ad ogni sopralluogo il numero di mosche posate. Analogamente l osservazione delle ringhiere ha interessato la seconda barra tra i supporti verticali (figura 5.9) Tutto ciò al fine di standardizzare il monitoraggio di volta in volta alle diverse situazioni. I siti sono stati scelti tenendo conto dell etologia delle mosche e dell accessibilità dei luoghi da osservare, soleggiati, ma riparati da agenti di disturbo. MONITORAGGIO MUSCIDI Figura 5.8: Trappola alimentare per mosche. 21

22 MONITORAGGIO VISIVO Figura 5.9: spezzone ringhiera monitorata Figura 5.10: Mosca appoggiata a ringhiera. Figura 5.11: Vasca percolato. 22

23 23

24 Figura 5.13 Ubicazione monitoraggi nella discarica Boschi Ramascioni 24

25 6. RISULTATI DEI CAMPIONAMENTI I risultati dei campionamenti hanno permesso di delineare un quadro generale relativo alle Famiglie di insetti rinvenute. Più che le singole specie è interessante osservare come gli insetti rilevati possono essere raggruppati, in funzione della loro attività, in gruppi di importanza urbana e indicatori dell'ambiente "discarica" da una parte, e in insetti di comune interesse agrario, comprendente minatori fogliari (Ditteri Agromizidi, Cloropidi, Lepidotteri), insetti utili come impollinatori (Apoidei, Sirfidi), predatori (Coccinellidi) e parassitoidi (Icneumonidi e Braconidi) dall altra. Il primo gruppo, rappresentato principalmente da Ditteri Muscidi, include numerose specie tipiche frequentatrici di rifiuti, materie organiche vegetali e animali in decomposizione, oltre che da insetti potenziali vettori ed ospiti intermedi di agenti patogeni, sia per l'uomo che per gli animali. Analizzando i risultati ottenuti in entrambe le discariche si nota come non esista un'evidente differenza tra le due aree oggetto d'indagine; in tutte e due, infatti, si osserva una continua e costante presenza di Ditteri Muscidi e Sarcofagidi, dato confermato dall'uso di trappole alimentari. La ridotta entità numerica degli individui catturati e il campionamento visivo hanno comunque indicato una bassa presenza di questi insetti, a fronte di una buona gestione del territorio e di appropriati interventi di disinfestazione. Durante i mesi di campionamento, il calendario dei trattamenti adulticidi effettuati dall impresa che aveva in appalto il servizio, ha previsto 34 interventi, dalla fine di aprile alla metà di ottobre, con una frequenza di 4-5 al mese. I prodotti utilizzati sono stati Atacaril, distribuito sui muri esterni e sugli edifici e Neonuvex per l abbattimento delle mosche sui cumuli di rifiuti e nell ambiente circostante. Atacaril è un formulato commerciale a base di azametiphos, mentre Neo-nuvex è un formulato a base di neopinamina, bioalletrina, piperonilbutossido. Al contrario i campionamenti mostrano una maggiore presenza dei minatori fogliari, ovvero di insetti legati a piante erbacee, nell'area di Boschi Ramascioni, particolarmente ricca di graminacee. Come già illustrato nel precedente capitolo 4, le trappole Malaise sono state attivate per la durata di 24 ore e posizionate contemporaneamente nelle due discariche oggetto di studio, per ottenere dati comparabili anche dal punto di vista delle condizioni metereologiche, e quindi eliminare eventuali fattori di deriva. Per quanto riguarda la zona di Boschi Ramascioni è stato possibile monitorare l'intero territorio, mentre più ristretta è stata l'area in cui si è operato nella discarica di Gorla Maggiore/Mozzate, in quanto sono stati esclusi il lotto 5A, ancora attivo e in fase di riempimento, e il lotto 4, concernente la zona adiacente lo scarico merci. Tale comportamento è giustificato, oltre che da motivi di sicurezza, anche da ragioni di garanzia e attendibilità, in quanto essendo queste delle zone ancora attive, soggette a 25

26 passaggio di camion, nel corso dei mesi di campionamento sono state sottoposte a numerosi spostamenti, cambiamenti di assetto e disposizione di tubazioni. Tali modifiche alteravano continuamente il paesaggio, rendendo difficoltoso il recupero delle trappole, specialmente quelle a caduta, in quanto posizionate a terra e quindi soggette a manomissioni; cosa che puntualmente si è verificata in alcune zone, motivo per cui si è operato in tali spazi, dove possibile, con monitoraggi visivi e manuali. Le Tabelle ( ) e i grafici ( ) riassumono i risultati ottenuti con i campionamenti eseguiti nei sette mesi di indagine con l impiego di pit-fall traps. La Tabella 6.8 illustra invece i risultati delle specie rinvenute con l impiego della trappola Malaise e catture manuali. GORLA MAGGIORE / MOZZATE BOSCHI RAMASCIONI Siti/Famiglie 1A 2A 3A 4A 5A 6A 7A 8A 9A 10A 1B 2B 3B 4B 5B 6B 7B 8B 9B 10B Anthicidae Cantharidae Carabidae Coccinellidae Cholevidae Curculionidae 1 1 Dermestidae Elateridae Histeridae Nitidulidae Silphidae Staphylinidae Tabella /04/03 TRAPPOLE ATTIVATE CON ACETO BIANCO. 26

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO Comune di CORI (Lt) Assessorato all RACCOLTA DIFFERENZIATA PORTA A PORTA GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO pagina 1 SOMMARIO Premessa... 3 1 Principi generali: Cos è il Compostaggio... 4 2 Cosa mettere nella

Dettagli

API, VESPE, CALABRONI ED IMENOTTERI PUNGENTI

API, VESPE, CALABRONI ED IMENOTTERI PUNGENTI (vers. 1 del 03/05/2005) API, VESPE, CALABRONI ED IMENOTTERI PUNGENTI Dio fece le api, il diavolo le vespe (Proverbio nordico) 1. GENERALITÀ Occorre premettere che è da ritenere del tutto naturale l occasionale

Dettagli

IL SUOLO AMBIENTE VIVO gli organismi che vivono nel suolo

IL SUOLO AMBIENTE VIVO gli organismi che vivono nel suolo IL SUOLO AMBIENTE VIVO gli organismi che vivono nel suolo Le forze inorganiche creano sempre solo l inorganico. Mediante una forza superiore che agisce nel corpo vivente, al cui servizio sono le forze

Dettagli

COS E LA PRODUZIONE INTEGRATA?

COS E LA PRODUZIONE INTEGRATA? Cos è la Produzione Integrata (PI). Con questo scritto desidero fare una cronistoria sulla produzione integrata, un sistema di lotta iniziato negli anni 80, dove un ticinese nella persona del Dott. Mario

Dettagli

Verifica - Conoscere le piante

Verifica - Conoscere le piante Collega con una linea nome, descrizione e disegno Verifica - Conoscere le piante Erbe Hanno il fusto legnoso che si ramifica vicino al terreno. Alberi Hanno il fusto legnoso e resistente che può raggiungere

Dettagli

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?»

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?» 1 a STRATEGIA EVITARE LA CONTAMINAZIONE conoscere «DOVE SI TROVANO I BATTERI?» I batteri si trovano ovunque nell ambiente (aria, acqua, suolo ed esseri viventi): Sono presenti sulle materie prime, ad es.

Dettagli

IL CINIPIDE GALLIGENO DEL CASTAGNO

IL CINIPIDE GALLIGENO DEL CASTAGNO IL CINIPIDE GALLIGENO DEL CASTAGNO ifesa delle oreste Dryocosmus kuriphilus Yat su matsu Hymenoptera Cynipidae Cos è il Cinipide galligeno del castagno? L imenottero cinipide Dryocosmus kuriphilus Yatsumatsu

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE TECNICO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI DERATIZZAZIONE E DISINFESTAZIONE SULLE AREE PUBBLICHE COMUNALI

CAPITOLATO SPECIALE TECNICO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI DERATIZZAZIONE E DISINFESTAZIONE SULLE AREE PUBBLICHE COMUNALI Provincia di Salerno Area Tecnica Assetto ed Utilizzazione del Territorio CAPITOLATO SPECIALE TECNICO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI DERATIZZAZIONE E DISINFESTAZIONE SULLE AREE PUBBLICHE COMUNALI ART.1

Dettagli

Le piante. Piante senza fiori Piante con fiori. La radice Il fusto La foglia Il fiore I frutti e i semi

Le piante. Piante senza fiori Piante con fiori. La radice Il fusto La foglia Il fiore I frutti e i semi Le piante Le piante Piante senza fiori Piante con fiori La radice Il fusto La foglia Il fiore I frutti e i semi Piante senza fiori Milioni di anni fa esistevano sulla Terra soltanto piante senza fiori

Dettagli

Effetti dell incendio sull ambiente

Effetti dell incendio sull ambiente Effetti dell incendio sull ambiente Dott. For. Antonio Brunori Effetti del fuoco Il fuoco danneggia e spesso distrugge il bosco, per valutare le effettive conseguenze di un incendio su un ecosistema forestale

Dettagli

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Come ottenere energia rinnovabile e compost dai rifiuti organici Un percorso di educazione ambientale alla scoperta dell impianto di compostaggio

Dettagli

Problemi Scarsa areazione, difficoltà di rivoltamento

Problemi Scarsa areazione, difficoltà di rivoltamento Che cos è il compost Il compost è il terriccio (humus) che si forma dai rifiuti organici (erba, foglie, avanzi di frutta e verdura, ecc) grazie all azione del sole, dell aria e dei microrganismi presenti

Dettagli

Danni insoliti da tripidi sul frutto melo

Danni insoliti da tripidi sul frutto melo Danni insoliti da tripidi sul frutto melo L osservazione e lo studio di sintomi su piante o frutti fa parte delle attività della Sezione Difesa delle Piante presso il Centro per la Sperimentazione Agraria

Dettagli

Cos'è e come funziona una discarica.

Cos'è e come funziona una discarica. Cos'è e come funziona una discarica. La discarica di rifiuti è un luogo dove vengono depositati in modo non differenziato i rifiuti solidi urbani e tutti i rifiuti provenienti dalle attività umane. La

Dettagli

I PIÙ COMUNI INFESTANTI DEI LOCALI DI PRODUZIONE DEGLI ALIMENTI:

I PIÙ COMUNI INFESTANTI DEI LOCALI DI PRODUZIONE DEGLI ALIMENTI: I PIÙ COMUNI INFESTANTI DEI LOCALI DI PRODUZIONE DEGLI ALIMENTI: A cura di: Roberta Cecchetti - Silvia Mascali Zeo - Claudio Venturelli Hanno collaborato: Marina Fridel - Simona Macchini - Vannia Ricci

Dettagli

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 COMUNE DI TERRALBA (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 Ordinanza Sindacale n. 41/2012 Prot. n. 12292 ORDINANZA SINDACALE (Adozione misure

Dettagli

5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi

5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi 5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi Riferimenti normativi Codice di Misura Articolo 36 (a) (vi) e 41 del Reg. (CE) N 1698/2005 e punto 5.3.2.1.6. dell Allegato II del Reg. (CE) 1974/06

Dettagli

Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali -

Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali - Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali - (tratto dalla relazione di Martino Buzzi del 17.09.06) Lo stagno: un angolo di natura Avere uno stagno nel proprio

Dettagli

IASMA Notizie DIFESA ESTIVA DELL OLIVO

IASMA Notizie DIFESA ESTIVA DELL OLIVO IASMA Notizie OLIVICOLTURA Notiziario tecnico del Centro Trasferimento Tecnologico della Fondazione Edmund Mach - Istituto Agrario di S. Michele all Adige 24 giugno 2011 n. 2 IASMA Notizie n. 28 - Anno

Dettagli

S.C. Igiene degli alimenti di origine animale. Requisiti igienico-sanitari applicati al settore della pesca

S.C. Igiene degli alimenti di origine animale. Requisiti igienico-sanitari applicati al settore della pesca Requisiti igienico-sanitari applicati al settore della pesca La Spezia 20 ottobre 2009 Requisiti : Strutturali (Strutture ed attrezzature) Funzionali Requisiti strutturali : n Applicabili a tutte le imbarcazioni

Dettagli

il Krill Letterio Guglielmo CNR - IFA

il Krill Letterio Guglielmo CNR - IFA il Krill Letterio Guglielmo II Krill (Euphausia superba) è il più abbondante crostaceo del mondo. Nonostante sia lungo 65 mm esso costituisce la principale fonte di alimento per una grande varietà di animali

Dettagli

Tecniche di restauro vegetazionale nei lavori forestali della Provincia Autonoma di Trento La Plagne 13 giugno 2014

Tecniche di restauro vegetazionale nei lavori forestali della Provincia Autonoma di Trento La Plagne 13 giugno 2014 Tecniche di restauro vegetazionale nei lavori forestali della Provincia Autonoma di Trento La Plagne 13 giugno 2014 Gli interventi di ripristino vegetazionale rappresentano la fase conclusiva dei lavori

Dettagli

Sintesi dei risultati ottenuti nel primo anno di sperimentazione

Sintesi dei risultati ottenuti nel primo anno di sperimentazione Sintesi dei risultati ottenuti nel primo anno di sperimentazione Linea 1 Nella linea 1 sono state impiantate due prove di confronto parcellare nei due siti sperimentali di Antria e Marciano. Il materiale

Dettagli

www.sipcamitalia.it Questo contenuto ti è offerto da: Articolo tratto da: Edizioni L Informatore Agrario

www.sipcamitalia.it Questo contenuto ti è offerto da: Articolo tratto da: Edizioni L Informatore Agrario Questo contenuto ti è offerto da: www.sipcamitalia.it Articolo tratto da: Edizioni L Informatore Agrario Tutti i diritti riservati, a norma della Legge sul Diritto d Autore e le sue successive modificazioni.

Dettagli

OGGI IL PRATO SI TAGLIA COSÌ

OGGI IL PRATO SI TAGLIA COSÌ ROBOT RASAERBA GARDENA R40Li OGGI IL PRATO SI TAGLIA COSÌ In completo relax! LASCIATE CHE LAVORI AL VOSTRO POSTO Il 98 % di chi ha comprato il Robot Rasaerba GARDENA lo raccomanderebbe.* Non dovrete più

Dettagli

Extatosoma tiaratum. Generalità

Extatosoma tiaratum. Generalità Extatosoma tiaratum Tassonomia Dominio: Eukaryota Regno: Animalia Sottoregno: Eumetazoa Ramo: Bilateria Phylum: Arthropoda Subphylum: Tracheata Superclasse: Hexapoda Classe: Insecta Sottoclasse: Pterygota

Dettagli

LA SALVAGUARDIA DEL PATRIMONIO ARCHIVISTICO: CONSERVAZIONE E PREVENZIONE

LA SALVAGUARDIA DEL PATRIMONIO ARCHIVISTICO: CONSERVAZIONE E PREVENZIONE LA SALVAGUARDIA DEL PATRIMONIO ARCHIVISTICO: CONSERVAZIONE E PREVENZIONE Eugenio Veca Laboratorio di Biologia ISTITUTO CENTRALE PER IL RESTAURO E LA CONSERVAZIONE DEL PATRIMONIO ARCHIVISTICO E LIBRARIO

Dettagli

Prevenzione dell allergia ad inalanti

Prevenzione dell allergia ad inalanti Prevenzione dell allergia ad inalanti La patologia allergica respiratoria è molto frequente nella popolazione generale: la sua prevalenza si aggira in media intorno al 10-15%. Inoltre, negli ultimi 20

Dettagli

Note relative al controllo delle blatte

Note relative al controllo delle blatte Estratto dal sito www.disinfestanti.it Note relative al controllo delle blatte La lotta alle blatte è estremamente diffusa perchè questi insetti possono fungere da veicolo per svariati microrganismi patogeni

Dettagli

FATTI FURBO... DIFFERENZIA

FATTI FURBO... DIFFERENZIA Per i comuni del Consorzio Canavesano Ambiente Guida alla raccolta differenziata... FATTI FURBO... DIFFERENZIA anche fatti tu furbo...!!!... e al rispetto dell ambiente DIFFERENZIA ANCHE TU!!! Bastano

Dettagli

Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico

Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico Marco Glisoni Maria Lisa Procopio Incontro formativo Progetto APE settembre 2014 Il Piano d Azione Nazionale per il GPP Piano d azione per la

Dettagli

Sito di Importanza Comunitaria IT1110009 - Bosco del Vaj e Bosc Grand ALLEGATO P_VI ALLEGATO P_VI SPECIE DI MAGGIOR INTERESSE FAUNISTICO

Sito di Importanza Comunitaria IT1110009 - Bosco del Vaj e Bosc Grand ALLEGATO P_VI ALLEGATO P_VI SPECIE DI MAGGIOR INTERESSE FAUNISTICO SPECIE DI MAGGIOR INTERESSE FAUNISTICO INDICE DELL ALLEGATO Parte 1 COLEOTTERI Nebria (Nebria) tibialis tibialis Lucanus cervus Parte 2 ANFIBI Triturus carnifex Triturus vulgaris meridionalis Parte 3

Dettagli

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante.

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante. Ozono (O 3 ) Che cos è Danni causati Evoluzione Metodo di misura Che cos è L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere

Dettagli

PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI

PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI N. VOCE DESCRIZIONE LAVORAZIONE QUANTITA' PREZZO UNIT. TOTALE

Dettagli

COMUNE DI SASSARI. Provincia di Sassari

COMUNE DI SASSARI. Provincia di Sassari COMUNE DI SASSARI Provincia di Sassari Azienda ISTITUTO COMPRENSIVO MONTE ROSELLO ALTO VIA MANZONI N. 1/A 07100 SASSARI TEL 079/244074 FAX 079/2590926 Email: ssic84900t@istruzione.it Datore di Lavoro Dott.

Dettagli

Cuscinetti SKF con Solid Oil

Cuscinetti SKF con Solid Oil Cuscinetti SKF con Solid Oil La terza alternativa per la lubrificazione The Power of Knowledge Engineering Cuscinetti SKF con Solid Oil la terza alternativa di lubrificazione Esistono tre metodi per erogare

Dettagli

Note al documento: Lo Studio qui descritto è stato condotto dai seguenti professionisti: Dott. For. Alessandra Francesconi. Cod. Descrizione Rev.

Note al documento: Lo Studio qui descritto è stato condotto dai seguenti professionisti: Dott. For. Alessandra Francesconi. Cod. Descrizione Rev. Note al documento: Lo Studio qui descritto è stato condotto dai seguenti professionisti: Dott. For. Alessandra Francesconi Geom. Sara Moretti Progettazione; Elaborazioni grafiche. I INDICE INDICE... I

Dettagli

Settori. Personale qualificato. Chi siamo

Settori. Personale qualificato. Chi siamo Settori Pubblico Pulizia di edifici di Pubbliche amministrazioni seguendo le richieste indicate nei capitolati d oneri, controllate inoltre delle specifiche norme UNI EN ISO 9001 e SA8000. Privato personalizzati

Dettagli

Lotta biologica per la difesa fitosanitaria del castagneto

Lotta biologica per la difesa fitosanitaria del castagneto GAL L ALTRA ROMAGNA S. CONS. A R.L. Via Roma, 24 47027 Sarsina (FC) Tel. 0547.698301 Fax 0547.698345 altrarom@tin.it COD. FISC. e P. IVA 02223700408 www.altraromagna.it PSR ASSE 4 Leader MISURA 412 Azione

Dettagli

La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche

La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche istruzioni per l uso Raccolta Differenziata Una soluzione alla portata di tutti La produzione di rifiuti è in continuo aumento e deve essere gestita in modo

Dettagli

Pidocchi?... non perdiamo la testa

Pidocchi?... non perdiamo la testa Pidocchi?... non perdiamo la testa INFORMAZIONI SULLA PEDICULOSI DEL CAPO Ripartizione Sanità Indice Prefazione... 01 01 INTRODUZIONE... 03 02 COME AVVIENE IL CONTAGIO?... 07 03 PREVENZIONE... 09 04 TRATTAMENTO:

Dettagli

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli

Innesti e Tecniche di Riproduzione

Innesti e Tecniche di Riproduzione Data inizio: 7-11-2011 Alberi da frutto Innesti e Tecniche di Riproduzione Sommario Perché innestiamo? 1 Innesto a Spacco 2 Innesto a Corona 3 Innesto a Triangolo 4 Innesti a Occhio 5 Innesto a Spacco

Dettagli

Tu ci metti i rifiuti La natura farà il resto CAMPAGNA DI PROMOZIONE DEL COMPOSTAGGIO DOMESTICO

Tu ci metti i rifiuti La natura farà il resto CAMPAGNA DI PROMOZIONE DEL COMPOSTAGGIO DOMESTICO Tu ci metti i rifiuti La natura farà il resto CAMPAGNA DI PROMOZIONE DEL COMPOSTAGGIO DOMESTICO ndice 1 Fai come fa la Natura 2 Cosa ci metti per fare la terra? 3 Come funziona il Compostaggio 4 Le cose

Dettagli

A COSA SERVONO SEMI E FRUTTI?

A COSA SERVONO SEMI E FRUTTI? A COSA SERVONO SEMI E FRUTTI? Dopo la fecondazione il fiore appassisce e i petali cadono. L ovulo fecondato si trasforma in SEME, mentre l ovario si ingrossa e si trasforma in FRUTTO. Il SEME ha il compito

Dettagli

TITOLO I Ambito di applicazione. TITOLO II Disposizioni generali.

TITOLO I Ambito di applicazione. TITOLO II Disposizioni generali. Regolamento d uso del verde Adottato dal Consiglio Comunale nella seduta del 17.7.1995 con deliberazione n. 173 di Reg. Esecutiva dal 26.10.1995. Sanzioni approvate dalla Giunta Comunale nella seduta del

Dettagli

Indagine conoscitiva sul sistema dei fontanili del Parco Agricolo Sud Milano

Indagine conoscitiva sul sistema dei fontanili del Parco Agricolo Sud Milano Altri studi condotti dal Parco integrati con il Sitpas U. Ceriani - Direttore del Parco Agricolo Sud Milano, Provincia di Milano M. Cont - Funzionario Agronomo del Parco Agricolo Sud Milano, Provincia

Dettagli

CONVEGNO FAI L UNIVERSO APE IN PERICOLO. Resoconto preliminare

CONVEGNO FAI L UNIVERSO APE IN PERICOLO. Resoconto preliminare CONVEGNO FAI L UNIVERSO APE IN PERICOLO ---------------------------- Resoconto preliminare L importanza di una rete di monitoraggio Al fine di avere idee precise sulla natura e sull entità degli spopolamenti

Dettagli

Gestione delle avversità in agricoltura biologica

Gestione delle avversità in agricoltura biologica Gestione delle avversità in agricoltura biologica Anna La Torre Consiglio per la ricerca in agricoltura e l analisi dell economia agraria Centro di ricerca per la patologia vegetale «Noi ereditiamo la

Dettagli

Le spiagge e i banchi sabbiosi della laguna di Marano e Grado

Le spiagge e i banchi sabbiosi della laguna di Marano e Grado DIREZIONE CENTRALE INFRASTRUTTURE, MOBILITÀ, PIANIFICAZIONE TERRITORIALE, LAVORI PUBBLICI, UNIVERSITÀ SERVIZIO TUTELA DEL PAESAGGIO E BIODIVERSITÀ CON LA COLLABORAZIONE DEL SERVIZIO CACCIA E RISORSE ITTICHE

Dettagli

- Riproduzione riservata - 1

- Riproduzione riservata - 1 Principali malattie parassitarie del cane; Le malattie parassitarie che maggiormente interessano e colpiscono il cane sono molte ed alcune di queste possono colpire e provocare conseguenze anche per l

Dettagli

Regolamento per l utilizzo delle aree verdi comunali e di libero accesso ;

Regolamento per l utilizzo delle aree verdi comunali e di libero accesso ; Allegato A RICHIESTA AFFIDAMENTO AREE VERDI COMUNALI E RIDUZIONE TARES OGGETTO: Richiesta affidamento area verde comunale e riduzione TARES. Il sottoscritto.. nato a il.. residente a in Via.. n... CHIEDE

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via S. Andrea, 8 32100 Belluno Tel. 0437 516927 Fax 0437 516923 e-mail: serv.spisal.bl@ulss.belluno.it Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via Borgo

Dettagli

Ibiocidi sono stati soggetti in questi ultimi anni alla direttiva LA DIRETTIVA BIOCIDI

Ibiocidi sono stati soggetti in questi ultimi anni alla direttiva LA DIRETTIVA BIOCIDI Ferruccio Trifirò LA DIRETTIVA BIOCIDI PER CAPIRE GLI EFFETTI DEL REACH Con l applicazione della direttiva biocidi, diventata operativa nel 2000, c è stata una forte riduzione dei principi attivi e delle

Dettagli

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO Forum Internazionale Green City Energy MED LO SVILUPPO DELLE SMART CITIES E DEI GREEN PORTS NELL AREA MEDITERANEA Convegno La produzione di energia rinnovabile nella Smart City Sessione Integrazione dei

Dettagli

Trattamenti delle acque di scarico per piccole comunità Pretrattamento di acque reflue domestiche: FOSSE SETTICHE O FOSSE IMHOFF?

Trattamenti delle acque di scarico per piccole comunità Pretrattamento di acque reflue domestiche: FOSSE SETTICHE O FOSSE IMHOFF? Seminario tecnico Monitoraggio degli scarichi civili non in pubblica fognatura: Protocollo di intesa per la realizzazione di trattamenti individuali di depurazione delle acque reflue domestiche Trattamenti

Dettagli

INQUADRIAMO QUESTO PROBLEMA

INQUADRIAMO QUESTO PROBLEMA INQUADRIAMO QUESTO PROBLEMA Il Benessere animale e l igiene ambientale zootecnica costituiscono fattori chiave nella gestione di successo di ogni tipologia di allevamento. Le mosche negli allevamenti causano

Dettagli

Utilizzo della vegetazione ripariale in Alto Adige: biomassa presente, produttività ed aspetti ambientali

Utilizzo della vegetazione ripariale in Alto Adige: biomassa presente, produttività ed aspetti ambientali Utilizzo della vegetazione ripariale in Alto Adige: biomassa presente, produttività ed aspetti ambientali Francesco Comiti, Daniela Campana Libera Università di Bolzano Sustainable use of biomass in South

Dettagli

STUDIO DI SETTORE SM43U ATTIVITÀ 52.46.6 COMMERCIO AL DETTAGLIO DI MACCHINE, ATTREZZATURE E PRODOTTI PER L AGRICOLTURA E IL GIARDINAGGIO

STUDIO DI SETTORE SM43U ATTIVITÀ 52.46.6 COMMERCIO AL DETTAGLIO DI MACCHINE, ATTREZZATURE E PRODOTTI PER L AGRICOLTURA E IL GIARDINAGGIO STUDIO DI SETTORE SM43U ATTIVITÀ 52.46.6 COMMERCIO AL DETTAGLIO DI MACCHINE, ATTREZZATURE E PRODOTTI PER L AGRICOLTURA E IL GIARDINAGGIO Settembre 2002 1 STUDIO DI SETTORE SM43U Numero % sugli invii Invii

Dettagli

COMPOSTAGGIO DOMESTICO

COMPOSTAGGIO DOMESTICO PROGETTO DI INCENTIVAZIONE AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO DA ATTUARSI NEI COMUNI DI ABETONE, CUTIGLIANO, MARLIANA, PESCIA, PITEGLIO SAMBUCA PISTOISE, SAN MARCELLO PISTOIESE A cura di: APRILE 2008 PREMESSA Il

Dettagli

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Denominazione: Mercurio II Solfato soluzione 200 g/lin acido solforico diluito 1.2

Dettagli

Digestato da rifiuti e da matrici agricole

Digestato da rifiuti e da matrici agricole Ravenna 2012 Workshop I CIC Consorzio Italiano Compostatori Ravenna, 27 settembre 2012 Digestato da rifiuti e da matrici agricole Lorella ROSSI C.R.P.A. - Reggio Emilia, Comitato Tecnico CIC DIGESTIONE

Dettagli

TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO. Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future.

TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO. Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future. TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future. ATTENZIONE: Utilizzare il prodotto solo per l uso al quale

Dettagli

AUTOCALCOLO ONERI RELATIVI ALLA PRATICA DI:

AUTOCALCOLO ONERI RELATIVI ALLA PRATICA DI: COMUNE DI FINALE EMILIA (Provincia di Modena) P.zza Verdi, 1 41034 Finale Emilia (Mo) Tel. 0535-788111 fa 0535-788130 Sito Internet: www.comunefinale.net SERVIZIO URBANISTICA E EDILIZIA PRIVATA AUTOCALCOLO

Dettagli

La Raccolta differenziata: Ogni cosa al suo posto!

La Raccolta differenziata: Ogni cosa al suo posto! La Raccolta differenziata: Ogni cosa al suo posto! Umido Plastica e Lattine Carta e Cartone Secco non riciclabile Vetro (bianco e colorato) Farmaci scaduti Pile Legno Umido I rifiuti umidi vanno conferiti

Dettagli

PARASSITOSI CAUSATA DA UN INSETTO. che si nutre di sangue, il Pediculus humanus capitis, comunemente chiamato. pidocchio

PARASSITOSI CAUSATA DA UN INSETTO. che si nutre di sangue, il Pediculus humanus capitis, comunemente chiamato. pidocchio PEDICULOSI DEL CAPO PARASSITOSI CAUSATA DA UN INSETTO che si nutre di sangue, il Pediculus humanus capitis, comunemente chiamato pidocchio IL PIDOCCHIO è importante sapere che Non è vettore di malattie

Dettagli

(omissis) ALLEGATO 5 - NORME TECNICHE GENERALI. (omissis)

(omissis) ALLEGATO 5 - NORME TECNICHE GENERALI. (omissis) Deliberazione Comitato per la tutela delle acque dall'inquinamento 04.02.1977 Criteri, metodologie e norme tecniche generali di cui all'art. 2, lettere b), d) ed e), della legge 10 maggio 1976, n. 319,

Dettagli

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco Ing. Marco Patruno Forum Prevenzione Incendi Milano : 1 ottobre 2014

Dettagli

MANUALE DI GESTIONE GOVERNO QUOTIDIANO DEGLI ANIMALI

MANUALE DI GESTIONE GOVERNO QUOTIDIANO DEGLI ANIMALI MANUALE DI GESTIONE Breve descrizione del canile (fabbricati: box, locali accessori). Modalità di approvvigionamento idrico e smaltimento reflui animali. Individuazione responsabile generale (titolare)

Dettagli

AMIANTO PIANO DI LAVORO

AMIANTO PIANO DI LAVORO AMIANTO PIANO DI LAVORO Piano di lavoro [art. 256 D. Lgs. 81/2008] I lavori di demolizione o rimozione dei materiali contenenti amianto possono essere effettuati solo da imprese iscritte all Albo nazionale

Dettagli

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi?

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi? Che cos'è il radon? Il Radon è un gas inodore e incolore presente in natura. Il suo isotopo (atomo di uno stesso elemento chimico con numero di protoni fisso e numero di neutroni variabile) 222Rn è radioattivo

Dettagli

Il futuro del controllo degli insetti dannosi è già qui: semplice ed efficace.

Il futuro del controllo degli insetti dannosi è già qui: semplice ed efficace. Il futuro del controllo degli insetti dannosi è già qui: semplice ed efficace. er ulteriori informazioni www.suterra.com 1. os è il uffer? uffer è una tecnologia sviluppata in esclusiva da Suterra costituita

Dettagli

OPERE SPECIALI PREFABBRICATI

OPERE SPECIALI PREFABBRICATI OPERE SPECIALI PREFABBRICATI (Circ. Min. 13/82) ISTRUZIONI SCRITTE (Articolo 21) Il fornitore dei prefabbricati e della ditta di montaggio, ciascuno per i settori di loro specifica competenza, sono tenuti

Dettagli

8 - LE OPERE DI URBANIZZAZIONE. Prof. Pier Luigi Carci

8 - LE OPERE DI URBANIZZAZIONE. Prof. Pier Luigi Carci 8 - LE OPERE DI URBANIZZAZIONE Prof. Pier Luigi Carci Introduzione Introduzione Le opere di urbanizzazione costituiscono tutte le strutture e i servizi necessari per rendere un nuovo insediamento adatto

Dettagli

STUDIO DI SETTORE SM43U

STUDIO DI SETTORE SM43U ALLEGATO 3 NOTA TECNICA E METODOLOGICA STUDIO DI SETTORE SM43U NOTA TECNICA E METODOLOGICA CRITERI PER LA COSTRUZIONE DELLO STUDIO DI SETTORE Di seguito vengono esposti i criteri seguiti per la costruzione

Dettagli

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE?

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE? RISORSE ENERGETICHE ENERGIA 2 AREA 9 FONTI DI ENERGIA E INDISPENSABILE ALLA VITA SULLA TERRA ELEMENTO INDISPENSABILE PER SVILUPPO SOCIALE ED ECONOMICO FINO AD ORA: CONTINUO INCREMENTO DI PRODUZIONE E CONSUMO

Dettagli

OPERE PREFABBRICATE INDUSTRIALI

OPERE PREFABBRICATE INDUSTRIALI Cap. XIV OPERE PREFABBRICATE INDUSTRIALI PAG. 1 14.1 OPERE COMPIUTE Opere prefabbricate in cemento armato. Prezzi medi praticati dalle imprese specializzate del ramo per ordinazioni dirette (di media entità)

Dettagli

Periodo: 1.3.2011 28.2.2014

Periodo: 1.3.2011 28.2.2014 PROCEDURA IN ECONOMIA ex art. 125 del D. Lgs. n. 63/2006 per l affidamento del servizio di CONTROLLO INTEGRATO DELLE INFESTAZIONI ENTOMATICHE E MURINE PRESSO LE STRUTTURE UNIVERSITARIE Periodo: 1.3.2011

Dettagli

Non è la specie più forte che sopravvive né la più intelligente ma quella più ricettiva ai cambiamenti. Charles Darwin (1809-1882)

Non è la specie più forte che sopravvive né la più intelligente ma quella più ricettiva ai cambiamenti. Charles Darwin (1809-1882) Non è la specie più forte che sopravvive né la più intelligente ma quella più ricettiva ai cambiamenti Charles Darwin (1809-1882) L evoluzione secondo LAMARCK (1744-1829) 1. Gli antenati delle giraffe

Dettagli

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua.

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua. La DIGESTIONE Perché è necessario nutrirsi? Il corpo umano consuma energia per muoversi, pensare, mantenere la temperatura costante, ma anche solo per riposarsi. Il consumo minimo di energia è detto metabolismo

Dettagli

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 CARTA SEMPLICE FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 ALL A.S.L. N. CN2 ALBA BRA DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio Prevenzione Sicurezza Ambienti di Lavoro Via Vida

Dettagli

Num.Ord. TARIFFA E L E M E N T I unitario TOTALE ANALISI DEI PREZZI

Num.Ord. TARIFFA E L E M E N T I unitario TOTALE ANALISI DEI PREZZI pag. 2 Nr. 1 CHIUSURA MASSICCIATA STRADALE eseguita con fornitura e messa in opera di materiale D.0001.3 di saturazione formato esclusivamente con pietrisco minuto di cava dello spessore di mm 0-2, rispondente

Dettagli

REGOLAMENTI REGOLAMENTO (CE) N. 834/2007 DEL CONSIGLIO. del 28 giugno 2007

REGOLAMENTI REGOLAMENTO (CE) N. 834/2007 DEL CONSIGLIO. del 28 giugno 2007 20.7.2007 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 189/1 I (Atti adottati a norma dei trattati CE/Euratom la cui pubblicazione è obbligatoria) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (CE) N. 834/2007 DEL CONSIGLIO

Dettagli

GLERA E PINOT GRIGIO: NUOVE PREOCCUPAZIONI SANITARIE?

GLERA E PINOT GRIGIO: NUOVE PREOCCUPAZIONI SANITARIE? GLERA E PINOT GRIGIO: NUOVE PREOCCUPAZIONI SANITARIE? Elisa Angelini elisa.angelini@entecra.it C.R.A. Centro di Ricerca per la Viticoltura Conegliano (TV) Foto P. Marcuzzo Foto G. Rama UN PO DI

Dettagli

Indagine Agronomica. Obiettivi: Progetto CORINAT

Indagine Agronomica. Obiettivi: Progetto CORINAT Progetto CORINAT Indagine Agronomica Obiettivi: Creazione di un sistema cartografico (GIS) per l analisi territoriale Valutazione della influenza della misura 214 azione i sui componenti della produzione

Dettagli

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE foglio mappale dimensione in mq 23 42 1.388 mq 23 35 1.354 mq 23

Dettagli

COMUNE DI NISCEMI PROVINCIA DI CALTANISSETTA Ripartizione Lavori Pubblici e Ambiente

COMUNE DI NISCEMI PROVINCIA DI CALTANISSETTA Ripartizione Lavori Pubblici e Ambiente COMUNE DI NISCEMI PROVINCIA DI CALTANISSETTA Ripartizione Lavori Pubblici e Ambiente OGGETTO: SERVIZIO DI DISINFESTAZIONE E DERATTIZZAZIONE IN TUTTO IL TERRITORIO COMUNALE, NELLE SCUOLE E EDIFICI PUBBLICI

Dettagli

La prima cosa che dovremmo ricordarci pensando ad un

La prima cosa che dovremmo ricordarci pensando ad un COME FUNZIONA UN ALBERO di Mario Carminati e Massimo Ranghetti La prima cosa che dovremmo ricordarci pensando ad un albero è che si tratta di un essere vivente, proprio come noi. È un fatto scontato, certo,

Dettagli

Ecco come funziona un sistema di recinzione!

Ecco come funziona un sistema di recinzione! Ecco come funziona un sistema di recinzione! A) Recinto elettrico B) Fili elettrici C) Isolatori D) Paletti E) Paletti messa a terra 3 m 3 m 1 m Assicurarsi che ci siano almeno 2500V in tutta la linea

Dettagli

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Le correnti marine sono masse d acqua che si spostano in superficie o in profondità negli oceani: sono paragonabili a enormi fiumi che scorrono lentamente (in media

Dettagli

Un pipistrello per amico Istituto di Istruzione Superiore "A. Cecchi. (Villa Caprile) Pesaro 15 Ottobre 2010 storia e risultati di un progetto nazionale di divulgazione e di ricerca Paolo AGNELLI Giacomo

Dettagli

RIFERIMENTI NORMATIVI

RIFERIMENTI NORMATIVI RIFERIMENTI NORMATIVI Produzione e vendita di compost: Legge n. 748/1984 sui fertilizzanti modificata dal D. L. 217 del 29.04.06 e successive modifiche Allegato IIA del Reg. CE 2092/91 (per chi pratica

Dettagli

PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI ED INDIRETTI

PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI ED INDIRETTI PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI ED INDIRETTI Appunti a cura dell Ing. Emanuela Pazzola Tutore del corso di Elettrotecnica per meccanici, chimici e biomedici A.A. 2005/2006 Facoltà d Ingegneria dell Università

Dettagli

SEMINA DIRETTA (SENZA ARATURA) E CONCIMAZIONE ORGANICA LOCALIZZATA ALLA SEMINA DI GRANO TENERO: VANTAGGI AGRONOMICI ED ECONOMICI

SEMINA DIRETTA (SENZA ARATURA) E CONCIMAZIONE ORGANICA LOCALIZZATA ALLA SEMINA DI GRANO TENERO: VANTAGGI AGRONOMICI ED ECONOMICI SEMINA DIRETTA (SENZA ARATURA) E CONCIMAZIONE ORGANICA LOCALIZZATA ALLA SEMINA DI GRANO TENERO: VANTAGGI AGRONOMICI ED ECONOMICI Anno 2006/2007 A cura dell ufficio Agronomico Italpollina Spa OBIETTIVO

Dettagli

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio 5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio Pag. 1 di 36 DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI PER LA SALUTE E LA SICUREZZA NEGLI AMBIENTI DI LAVORO ai sensi degli artt. 17, 28 e 29 del D.lgs 81/08

Dettagli

stipite di palme Oggetto 1 - Palme Introduzione Materiali e metodi una nuova Il 10 maggio ogni palma, richiudendo

stipite di palme Oggetto 1 - Palme Introduzione Materiali e metodi una nuova Il 10 maggio ogni palma, richiudendo Sección de Sanidad y Certificación Vegetal Profesor Manuel Sala, 2 03003 Alicante Telef.: 965934630-35 Fax: 965934688-89 Test finalizzati a determinare l efficacia dell sistema SOS-PALM stipite di palme

Dettagli

3.2 B ANALISI DEI RISCHI E SOLUZIONI NELLA FASE LAVAGGIO

3.2 B ANALISI DEI RISCHI E SOLUZIONI NELLA FASE LAVAGGIO 3.2 B ANALISI DEI RISCHI E SOLUZIONI NELLA FASE LAVAGGIO FASE DI LAVORAZIONE : LAVAGGIO COD. INAIL : FATTORE DI RISCHIO : - Rischi per la salute e igienico ambientali: rumore prodotto dal motore delle

Dettagli

Tecniche apistiche: il controllo della sciamatura

Tecniche apistiche: il controllo della sciamatura Tecniche apistiche: il controllo della sciamatura Obiettivi: - evitare o ridurre il fenomeno della sciamatura - conservare le api nell alveare o nell apiario (sciamatura temporanea) I metodi sono diversi

Dettagli

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO In base all art. 256 del D. Lgs. 81/2008, così come modificato dal D. Lgs. 106/2009, i

Dettagli

Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015.

Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015. Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015. Giorni favorevoli per il taglio di legname da costruzione e uso falegnameria. Gli alberi dai quali si ricava legname da costruzione e per la fabbricazione

Dettagli