È sembrato utile, in chiusura di volume, sintetizzare alcune indicazioni pratiche.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "È sembrato utile, in chiusura di volume, sintetizzare alcune indicazioni pratiche."

Transcript

1 Parte IV TAVOLE

2

3 TAVOLE 369 Introduzione È sembrato utile, in chiusura di volume, sintetizzare alcune indicazioni pratiche. Si tratta per lo più di appunti, sintesi ispirata (laddove la fonte testuale non risulti esplicitamente citata) prevalentemente dal Manuel de conservation des documents d archives (Conseil Canadien des Archives, Ottawa, 1990), da La pratique archivistique française (Paris, 1993) nonché ovviamente dall esperienza pratica. Tali appunti potranno naturalmente essere ampliati ed approfonditi in una fase successiva dell indagine, quando saranno stati letti e recepiti i testi indicati nella bibliografia e gli altri che si potranno via via aggiungere. Nella scuola di Archivistica, Paleografia e Diplomatica dell Archivio di Stato di Milano vengono utilizzati come appunti per le lezioni di archiveconomia.

4 370 PREVENIRE È MEGLIO CHE CURARE PREVENIRE È MEGLIO CHE CURARE: LA CONSERVAZIONE PREVENTIVA, OVVERO COME OTTENERE I MIGLIORI RISULTATI POSSIBILI CON RISORSE LIMITATE L origine latina del termine praeservare suggerisce il suo significato di anticipare, mettere al riparo dal pericolo di perdita o di deterioramento. Insieme di procedure che ha lo scopo di proteggere i documenti dai danni e dal deperimento. La conservazione preventiva deve diventare un attività permanente, che faccia parte integrante dei compiti politici e strategici della gestione degli Archivi. Trascurare la conservazione preventiva vuol dire impedire l accesso presente e futuro al patrimonio archivistico. L accesso dei cittadini all informazione è un diritto fondamentale nella nostra società, sia che si tratti di informazioni storiche sia di esercizio di diritti individuali. È essenziale gestire la conservazione preventiva per assicurare la continuità dell accesso. La gestione della conservazione preventiva si applica all insieme del ciclo di vita dei documenti.

5 TAVOLE 371 CONSERVAZIONE NEI SERVIZI D ARCHIVIO I documenti si deteriorano con il passare del tempo. È compito degli archivisti e, in senso più lato, dei responsabili degli uffici tentare di rallentare il più possibile questo processo. La conservazione è competenza di ogni capo di un ufficio. L applicazione di un PROGRAMMA APPROPRIATO aiuterà a ridurre costosi interventi di recupero successivi. Per essere efficace tale programma deve diventare parte integrante della pianificazione a lungo termine della conservazione. La sua predisposizione deve essere una decisione amministrativa del livello più elevato della gerarchia di un ufficio. È essenziale destinare alla conservazione una parte del budget annuale di finanziamento, per quanto piccolo esso sia. Poco importano la dimensione dell ufficio e le sue risorse finanziarie e umane: solo una pianificazione meditata permetterà di ottenere risultati sicuri.

6 372 PREVENIRE È MEGLIO CHE CURARE ESAME DELLA SITUAZIONE Un programma di conservazione per essere efficace deve avere come punto di partenza un esame attento della situazione esistente. Conviene innanzi tutto ispezionare attentamente i locali che ospitano gli archivi per vedere quali possibili interventi possono essere compiuti. Talvolta sono sufficienti piccoli interventi per contribuire alla sicurezza ed alla conservazione preventiva degli archivi. Preliminarmente occorre porsi due questioni fondamentali: CHE COSA SI DOVREBBE FARE? CHE COSA SI PUO FARE? Alcune misure s impongono con evidenza, ma in ogni caso stabilire un programma permanente in funzione dei bisogni e delle risorse di ogni ufficio rappresenta un compito impegnativo. Può essere utile stabilire delle priorità in funzione dei tempi: a corto, medio e lungo termine, e delle possibilità finanziarie: a costo minimo, medio ed elevato. Tra le priorità permanenti il programma dovrà comprendere certe misure imprescindibili come il controllo della luce, della temperatura e dell umidità ed il fatto di mantenere in ordine e puliti i locali di deposito. Queste sono misure essenziali per la conservazione degli archivi oltre alle istruzioni precise per il personale che maneggia i documenti.

7 TAVOLE 373 AMBIENTE Ottimizzare le condizioni ambientali può essere difficile e costoso. È comunque importante considerare che ogni tappa in questa direzione, anche piccola, avrà effetti benefici sui documenti. Siccome bisogna pur cominciare da qualche parte, ci si sforzerà come prima cosa di eliminare le condizioni estreme. Se non è possibile adottare tutte le soluzioni più idonee è inutile perdersi d animo: anche con un budget limitato è possibile migliorare la situazione procedendo per tappe e adottando le misure più urgenti. Per dirla con uno slogan che ci ha suggerito Nancy Marrelli 1, dobbiamo imparare ad utilizzare i nostri fondi a fondo. 1 La gestion de la préservation, cit., p. 10.

8 374 PREVENIRE È MEGLIO CHE CURARE EDIFICIO La prima misura di conservazione preventiva consiste nel mantenere in buono stato l edificio e/o i locali che ospitano gli archivi. Lasciare entrare il vento, il freddo, l umidità, l acqua, gli insetti contribuisce a far deteriorare documenti e locali, costringe ad effettuare riparazioni costose che semplici precauzioni avrebbero potuto evitare. Un esame completo dello stato dei luoghi evidenzierà i principali problemi. Si soffermerà l attenzione sui difetti che sicuramente nuocciono alla conservazione: finestre mal isolate porte che non chiudono tubazioni che perdono umidità del sottosuolo danni negli intonaci. Anche quando non ci si può permettere di installare un vero e proprio sistema di regolazione e controllo dell ambiente, è possibile tuttavia apportare migliorie valide ai locali: prevenendo i danni dovuti all acqua grazie ad una manutenzione regolare dei tetti e delle tubature d acqua, isolando porte e finestre, installando griglie apribili alle finestre per impedire l ingresso di insetti, roditori, ecc., ricorrendo, nel caso, a umidificatori o deumidificatori a seconda delle necessità, assicurando una buona ventilazione. Non si sottolineerà mai abbastanza la necessità di far pulire con regolarità i locali, gli scaffali e gli stessi documenti. La polvere veicola le spore e può attirare certi insetti nocivi per le carte.

9 TAVOLE 375 ILLUMINAZIONE La luce danneggia i documenti: li scolorisce e li ingiallisce. La luce delle lampade fluorescenti, così come quella del sole, produce raggi ultravioletti molto nocivi per i documenti. Inoltre la luce che illumina una superficie è sorgente di calore ed il calore, a sua volta, è causa d invecchiamento. I documenti devono dunque essere protetti da una esposizione eccessiva e prolungata ai raggi UV. Dal punto di vista della conservazione sarebbe preferibile conservarli nell oscurità. Siccome questo non è sempre possibile, si possono adottare alcuni accorgimenti semplici ed efficaci: collocare i documenti in cartelle di cartone ridurre l illuminazione al minimo spegnere le luci quando non c è nessuno nei depositi. Gli interruttori automatici spegneranno la luce dopo un certo tempo. Le norme tecniche relative all illuminazione dovrebbero prevedere: nelle sale di deposito: nei locali di lavoro: 150 lux 300 lux in media sul piano di lavoro.

10 376 PREVENIRE È MEGLIO CHE CURARE CONTROLLO DELLE CONDIZIONI AMBIENTALI Esistono norme tecniche precise diffuse e riconosciute in tutto il mondo: SUPPORTO TEMPERATURA UMIDITÀ RELATIVA CARTA O PERGAMENA 18 C (+ 2 C) 55% (+ 5%) FOTOGRAFIE: BIANCO E NERO 12 C (+ 1 C) 35% (+ 5%) COLORI 5 C (+ 1 C) 35% (+ 5%) MICROFILM: MATRICE * 45% (+ 5%) COPIA DI LETTURA 18 C (+ 2 C) 50% (+ 5%) SUPPORTI MAGNETICI 18 C (+ 1 C) 40% (+ 5%) *Le norme ISO 5466 (cap. 8) danno questa gamma molto ampia. Tuttavia la temperatura ideale deve avvicinarsi a 12, quella accettabile fra 15 e 18. Il mantenimento di queste condizioni è un obiettivo da raggiungere in modo permanente tutto l anno, estate ed inverno, notte e giorno. Per mantenere in modo costante quest ambiente artificiale sarebbe necessario climatizzare i locali di conservazione. La climatizzazione comprende il riscaldamento e/o il raffreddamento dell aria, il filtraggio, l umidificazione, la deumidificazione e la ventilazione meccanica. Obiettivo è la creazione di un ambiente controllato costantemente nei depositi. Ciò implica che i locali siano ermeticamente chiusi. L unico vero problema consiste nel costo elevato per la predisposizione delle apparecchiature necessarie e per la loro manutenzione nel tempo. Il primo passo per arrivare quanto meno alla regolazione della temperatura e dell umidità relativa consiste nel controllo delle condizioni ambientali per verificare le tendenze generali di certi locali o di certi periodi dell anno. Lo strumento ideale è il TERMOIGROMETRO che registra in modo continuato la temperatura ed il grado di umidità. Il controllo può altresì farsi con un semplice TERMOMETRO e un IGROME- TRO: malgrado la loro imprecisione relativa i dati forniti potranno permettere di evidenziare eventuali problemi. Occorre naturalmente, elemento non sempre evidente, che qualcuno all interno della struttura sia incaricato di seguire i risultati di tali rilevazioni.

11 TAVOLE 377 UMIDITÀ RELATIVA Si chiama umidità il vapore d acqua contenuto nell aria. Per umidità relativa s intende la quantità di vapore acqueo ad una data temperatura. Più precisamente l umidità relativa si definisce come la quantità di vapore acqueo contenuto nell aria espresso in percentuale in rapporto alla quantità totale di vapore d acqua che l aria può contenere ad una determinata temperatura. Il tasso d umidità relativa è in qualche modo influenzato dalla pressione atmosferica. Quando il tasso è debole, l aria tende ad assorbire l umidità e certi oggetti si seccano. Ad un tasso più elevato gli stessi oggetti si impregnano dell acqua contenuta nell aria. La regolazione dell umidità relativa è estremamente importante per molte ragioni: la maggior parte dei documenti d archivio si contrae e si dilata a seconda di leggere fluttuazioni del tasso di umidità relativa. Tali alterazioni indeboliscono la materia e causano una tensione interna che può abbreviare la durata del supporto se l atmosfera è troppo secca, i documenti diventano fragili quando li si maneggia se l atmosfera è troppo umida viceversa i documenti si deformano una forte umidità associata ad una elevata temperatura accelerano sovente le reazioni chimiche responsabili delle alterazioni dei documenti. Così si spiegano l ingiallimento ed il degrado dei giornali dapprima causati dagli acidi residui della carta l umidità accelera ugualmente la corrosione dei metalli un forte tasso di umidità relativa favorisce la proliferazione dei funghi. Per locali che contengono documenti scritti il tasso di umidità relativa raccomandato varia dal 40% al 45%. Una oscillazione annuale da 35% a 55% è accettabile ma con variazioni graduali tra questi due estremi. È estremamente importante ridurre al minimo le fluttuazioni. Se il tasso di umidità varia troppo rapidamente, i documenti non riescono ad adeguarsi di conseguenza e subiscono forti tensioni interne.

12 378 PREVENIRE È MEGLIO CHE CURARE LA TEMPERATURA In linea generale più la temperatura è elevata, più è rapido il deterioramento dei documenti in quanto il calore accelera le reazioni chimiche all origine del processo. Inversamente, meno elevata è la temperatura meglio si conservano i documenti. La temperatura consigliata è fra i 18 e i 20 C; in ogni caso essa non deve mai superare i 25 C. Se risulta impossibile mantenere costante la temperatura, si cercherà per lo meno di mantenerla fra i 18 e i 24 C, giorno e notte e in tutte le stagioni. La priorità resta comunque quella di eliminare le punte estreme e di avere la temperatura più stabile possibile. Le variazioni brusche di temperatura risultano, infatti, estremamente dannose per la conservazione. Buona cosa risulta essere quella di allontanare i documenti dai muri esterni per permettere la circolazione dell aria e mantenerli ad una temperatura costante.

13 TAVOLE 379 L ACQUA Sia che si tratti di un alluvione, caso non infrequente come tristemente sappiamo, o di una semplice perdita d acqua in un deposito d archivio, ciò causerà danni considerevoli in brevissimo tempo. Documenti scritti e volumi a stampa s inzuppano rapidamente, cosa che farà colare l inchiostro e provocherà l insorgere di macchie e funghi. Se non è scoperta rapidamente, un inondazione nelle cantine farà alzare considerevolmente il tasso d umidità in tutto il palazzo. Occorre dunque assicurarsi che l edificio sia in buono stato; è necessario ispezionarlo con regolarità e fare riparare immediatamente tetto, grondaie e tubature. La verifica va fatta su tutto il sistema idraulico ivi compresi l impianto di riscaldamento e gli spurghi neri. Nel caso in cui l edificio sia dotato di estintori automatici ad acqua occorre verificare anche questi. Occorre evitare in modo assoluto di collocare i documenti sotto qualsiasi tipo di conduttura d acqua. Troppo sovente abbiamo assistito impotenti a scarti di materiale d archivio anche di rilevante valore storico perché inondato da perdite in luoghi dove ciò era fin troppo prevedibile. Allo stesso modo non bisogna MAI collocare i documenti a diretto contatto con il pavimento.

14 380 PREVENIRE È MEGLIO CHE CURARE ANIMALI NOCIVI, INSETTI, FUNGHI E MUFFE Insetti, roditori, funghi e muffe possono causare danni irreparabili alle serie documentarie. La loro presenza è dovuta essenzialmente a determinate condizioni ambientali, come la temperatura e l umidità elevata, e alla presenza di cibo nei locali. Per prevenire in modo efficace l insorgere del problema occorre agire su tre fronti: regolazione dell ambiente: evitare condizioni favorevoli ai funghi (soprattutto il tasso di umidità elevato) e agli insetti (ambiente scuro, leggermente umido) pulizia e manutenzione: evitare di attirare gli insetti lasciando avanzi di cibo o trascurando di otturare le fessure attraverso le quali essi possono penetrare ispezioni regolari: verificare di frequente lo stato dei locali d archivio. Per evitare che la situazione degeneri occorre prendere immediatamente delle contromisure, diversamente l infestazione si propagherà rapidamente.

15 TAVOLE 381 ANIMALI NOCIVI I roditori, topolini e ratti soprattutto, possono provocare danni considerevoli nei locali di deposito. Essi sbocconcellano la carta e sono attirati dalla colla e dal cuoio e soprattutto distruggono la carta per costruire il nido per i propri piccoli. Anche uccelli, pipistrelli e piccioni possono causare gravi danni. Per prevenire una invasione di animali nocivi occorre proibire in modo assoluto l introduzione di cibo e controllare che non ci sia nessun varco dall esterno. Infatti questi animali penetrano attraverso i tubi, i condotti d aerazione e di climatizzazione e soprattutto attraverso i tubi di scarico delle acque nere. Occorre controllare l entrata di tali pertugi e collocare, se del caso, delle griglie. Nel caso che tali animali abbiano già scelto come propria abitazione un nostro deposito d archivio è necessario ricorrere a delle trappole per sbarazzarsene. Non è consigliabile usare veleno in quanto un roditore morto in un luogo non accessibile può causare altri problemi, tra i quali quello non trascurabile della puzza.

16 382 PREVENIRE È MEGLIO CHE CURARE INSETTI Differenti varietà d insetti possono danneggiare gli archivi. I più diffusi sono: i cosiddetti pesciolini d argento che si attaccano alle rilegature in quanto si cibano di colla e di amido le blatte che pullulano nei luoghi oscuri caldi e umidi e distruggono soprattutto le rilegature dei volumi le cosiddette pulci dei libri che divorano la colla i tarli, le cui larve scavano gallerie profonde attraverso libri e registri le termiti, difficili da identificare in quanto si attaccano al legno ma anche alla carta senza lasciare traccia all esterno. Né si deve credere che questo sia un problema dei soli paesi tropicali. In tutti questi casi la disinfestazione è possibile ma la prevenzione rimane l assoluta priorità e passa ancora una volta attraverso una manutenzione regolare dei locali che devono essere puliti e aerati. È possibile constatare a occhio nudo se un insetto è morto o vivo ma sovente in un fondo d archivio ci si accorge della presenza di insetti solo in base alle tracce che questi lasciano (buchi, escrementi ). È sempre difficile sapere se l attacco è recente o antico. Nel migliore dei casi bisogna accontentarsi di pulire le piccole tracce di segatura ed osservare se si riformano. Esistono numerosi procedimenti fisico-chimici per distruggere gli insetti, le larve e le uova. Ma tutti questi prodotti sono nocivi e devono essere utilizzati da personale qualificato.

17 TAVOLE 383 PRODOTTI CHIMICI BROMURO DI METILE: molto tossico, è utilizzato in autoclave OSSIDO DI ETILENE: il solo prodotto che sia attualmente al tempo stesso insetticida, battericida e fungicida; è utilizzato in autoclave FLUORURO DI SULFURILE ISOMERO gamma dell esacloro-ciclo-esene AZOTO: il processo attualmente in voga nei paesi iberici e latinoamericani esige il condizionamento dei documenti in imballaggi ermetici prima dell introduzione dell azoto e la conservazione dei documenti disinfettati nell imballaggio. È un procedimento pulito ma estremamente lento GAS CARBONICO: processo utilizzato dalla società Rentokil, che esige di porre il materiale in una bolla ermeticamente chiusa e che prevede costi di installazione considerevoli.

18 384 PREVENIRE È MEGLIO CHE CURARE PRODOTTI NATURALI I FEROMONI. Secrezione ghiandolare, paragonabile agli ormoni, prodotta dall organismo; svolgono un ruolo importante nella trasmissione dei messaggi chimici presso gl insetti e sono più attraenti rispetto agli insetticidi. L inconveniente è che sono evidentemente specifici per ogni tipo d insetto. LA CONGELAZIONE. Un nuovo modo di affrontare una invasione reale o temuta consiste nel conservare i documenti a meno 20 per 48 ore. Carta, cuoio e legno possono subire questo trattamento senza danni. Questo processo è raccomandabile soprattutto perché non richiede l uso di prodotti di disinfestazione tossici. Prima di congelarli, occorre introdurre i documenti in grandi sacchi di plastica e contrassegnarli. In capo a due giorni si estrae la documentazione dal congelatore, la si lascia provvisoriamente nei sacchi ma scegliendo con cura il luogo dello scongelamento in quanto l umidità dell aria potrebbe portare condensa sugli involucri ancora freddi e bagnare le superfici contigue. Altri sistemi sono: L IRRADIAZIONE (0,8 K Gy: dose letale per gl insetti), LE ALTE FREQUENZE, LE MICROONDE. Su questi ultimi sistemi i pareri non sono però unanimi.

19 TAVOLE 385 I FUNGHI E LE MUFFE Le spore dei funghi, presenti quasi ovunque, restano inerti sino a quando non si verificano le condizioni favorevoli alla loro germinazione. Proliferando i funghi possono alterare i documenti sino a renderli assolutamente irriconoscibili. Oltre ad essere difficili da togliere, possono inoltre espandersi verso altri documenti. Diversi tipi di funghi sono presenti negli archivi: ASCOMICETI, la cui forma più diffusa è il Chaetomium. Altri sono il Penicillum, l Aspergillus e il Fusarium BASIDIOMICETI, tra i quali la temibile Merula. Tutti questi tipi differenti di funghi hanno bisogno di due sole cose per proliferare: una fonte di energia contenente atomi di carbonio e condizioni ambientali favorevoli. Tutti i depositi d archivio contengono sostanze nutritive. Carta, cuoio, adesivi, polvere, tutti i materiali d origine animale o vegetale attirano i funghi quando le condizioni sono favorevoli. I documenti d archivio sistemati in un luogo dove la ventilazione è scarsa, l umidità relativa è superiore al 70% e la temperatura supera i 25 C rischiano di ammuffire. Quando questo accade, occorre isolare rapidamente i documenti danneggiati. Tra i metodi usati in passato, il formolo ed il timolo sono inefficaci così come la congelazione. L irradiazione con raggi gamma ad una dose letale per i funghi (15 K Gy) danneggia la cellulosa della carta. Attualmente il solo trattamento che permette una distruzione dei funghi nel 99,99 % dei casi è l ossido di etilene utilizzato in autoclave. Il procedimento rende però fragile la carta ed occorre utilizzarlo solo nel caso di effettivo bisogno. Inoltre, l utilizzazione dell ossido di etilene pone numerosi problemi a motivo della sua tossicità ed in particolare per le sue proprietà cancerogene. In ogni caso occorre rivolgersi a ditte superspecializzate.

20 386 PREVENIRE È MEGLIO CHE CURARE L ACIDITÀ 1 La degradazione degli archivi a causa dell acidità è un processo intrinsecamente legato a quello che sino a ieri (e forse ancora oggi) è il principale supporto della documentazione moderna: la carta. Essa interviene al di fuori di qualsiasi manipolazione e distrugge il documento rendendolo friabile: fragile, si rompe e cade in polvere. Due tipi di fattori sono all origine dell acidità della carta: a) i fattori interni dovuti ai componenti e ai processi di fabbricazione della carta. Le carte molto antiche, composte di fibra di cotone o di lino, contenevano carbonato di calcio che assicurava la loro protezione. A partire dalla seconda metà del XIX secolo la fabbricazione della carta è stata modificata con l introduzione della cellulosa di legno; b) i fattori esterni dovuti alle tecniche di scrittura e all inquinamento atmosferico. Gli inchiostri utilizzati per la scrittura degli antichi manoscritti, inchiostri a base di carbone o ferrogallici, hanno una buona tenuta, non sono solubili nell acqua ma sono acidi e corrodono la carta. Gli inchiostri moderni, ugualmente acidi, sono, inoltre, solubili nell acqua e nei solventi organici. L inquinamento atmosferico (anidride solforosa, composti azotati, cloruri), particolarmente presente nelle città industriali, tende ad accrescere l acidità dovuta ai fattori interni. 1 La pratique archivistique française, Paris, 1993, pp. 476 e segg.

21 TAVOLE 387 LA DEACIDIFICAZIONE 1 È l operazione che consiste nel neutralizzare l acidità della carta tramite l introduzione di un sale alcalino in quantità sufficiente per dare alla carta non solo la sua neutralità ma, al tempo stesso, una riserva alcalina indispensabile per lottare contro ulteriori aggressioni acide. Dal punto di vista chimico, la differenza tra acido e base è legata agli ioni d idrogeno: un acido libera gli ioni d idrogeno, una base li fissa. L acidità si misura con il ph: la neutralità corrisponde a un ph 7; se il ph è inferiore la carta è acida, se è superiore la carta è alcalina; è tuttavia consigliabile evitare un valore superiore a 10 altrimenti si arriverà, a breve o lungo termine, ad un idrolisi alcalina della cellulosa. Esistono diversi processi di deacidificazione dei documenti. Tra questi alcuni possono applicarsi solo foglio per foglio ed esigono un preventivo smontaggio dei volumi rilegati, seguito da una successiva rilegatura. Di fronte alla grande quantità di libri da trattare i bibliotecari sono stati i primi ad interessarsi alla possibilità di operare su vasta scala in una sola operazione: è la deacidificazione di massa. Per gli archivi il problema è complicato dall eterogeneità dei documenti. Inoltre gli inchiostri esigono dei controlli preliminari. Sono allo studio diversi sistemi per fissare gli inchiostri. Attualmente esistono diversi processi per la deacidificazione di massa, alcuni già operativi, altri allo studio. Per il momento nessun metodo sembra rispondere in modo completo e soddisfacente alle esigenze dei conservatori. 2 La pratique archivistique française, Paris, 1993, pp. 477 e segg. In particolare alle pp sono descritti i procedimenti operativi WEIT O, AKZO e LITHCO-FMC ed i processi sperimentali della Book Preservation Associates, il processo BOOKKEEPER nonché i processi combinati deacidificazione e rinforzo sperimentati presso la Biblioteca Nazionale d Austria, dalla British Library, dalla Deutsche Bücherei di Leipzig e dalla Bibliothèque de France.

22 388 PREVENIRE È MEGLIO CHE CURARE CONDIZIONAMENTO DEI DOCUMENTI Si tratta di un elemento essenziale per una corretta conservazione. Consiste nel proteggere la documentazione collocandola in contenitori adatti a seconda della natura e del supporto del documento da preservare. Nelle diverse zone d Italia i contenitori standard per documenti possono chiamarsi con nomi diversi: cartelle, buste, mazzi. Il cartone utilizzato deve essere realizzato in materiale neutro, non acido, con un ph uguale a 7 o comunque il più vicino possibile a tale valore. La cartella deve essere chiusa almeno su cinque lati e provvista di un sistema pratico per il prelevamento dallo scaffale. Essa assicura una protezione efficace contro la polvere, l umidità e l inquinamento. La cartella deve essere di dimensioni appropriate, affinché il suo contenuto sia sistemato convenientemente, senza rischiare, però, di pressare troppo i documenti né di lasciare troppo spazio vuoto all interno. Graffette metalliche e spilli arrugginiscono con il tempo e sono da evitare per i documenti che hanno rilevanza storica e che verosimilmente saranno conservati indefinitivamente. Per contenere i fascicoli all interno della singola cartella occorre, altresì, utilizzare cartoncino o carta neutra per costituire le cosiddette camicie. Se più camicie devono essere legate fra loro occorre evitare gli spaghi che tagliano la carta e bisogna, viceversa, utilizzare della fettuccia in cotone annodata piuttosto che chiusa con ganci in metallo che, col tempo, tendono anch essi ad arrugginire. Quando si sistemano le cartelle sugli scaffali è necessario lasciare uno spazio sufficiente per permettere una manipolazione agevole senza comprimerle troppo. Scaffalature Una scaffalatura metallica regolabile è la più indicata a motivo della sua robustezza, durevolezza nel tempo e resistenza agli attacchi sia del fuoco sia degli insetti. Deve essere rifinita con uno smalto termofissato per resistere ad abrasione e corrosione. La scaffalatura in teoria deve essere completamente regolabile, in modo tale che gli scaffali possano essere spostati senza sbullonarli. La flessibilità negli scaffali è importante, dal momento che il materiale d archivio non arriva in formati standard. Le scaffalature metalliche consentono un ottimale utilizzazione degli spazi grazie alla possibilità di sistemare i ripiani a seconda delle esigenze. Solitamente si prevedono scaffali a doppia faccia profondi 30 cm (30+30=60 cm). Per documenti particolarmente voluminosi è opportuno prevedere qualche scaffale profondo 40 cm (40+40=80 cm). Anche l altezza complessiva degli scaffali è una scelta che richiede una (segue)

23 TAVOLE 389 (segue da pagina 388) certa attenzione. Occorre ricordare, infatti, che se lo scaffale è troppo alto da raggiungere dal pavimento ci si dovrà provvedere di scale a norma di sicurezza. Il personale non deve mai arrampicarsi sugli scaffali, perché va incontro a pericoli e danneggia scaffali e materiale. L altezza suggerita è da 2,10 a 2,15 m. Si calcolano circa cinque ripiani da un metro per ogni scaffale. Oggi sono molto diffusi i compactus a trazione manuale o elettrica ma in tal caso occorre verificare la portata dei pavimenti. Si deve comunque evitare di far poggiare gli scaffali direttamente sui muri esterni. Infatti, da una parte i muri possono essere fonte d umidità e dall altra ciò può impedire la libera circolazione dell aria. La circolazione dell aria sarà in genere migliore se gli scaffali sono collocati ad angolo retto rispetto ai muri e se si lascia un corridoio a ridosso del muro. Se si deve archiviare materiale di grande formato, come mappe e piante, una sistemazione in piano dentro cassettiere è probabilmente il sistema migliore, ma il personale deve essere attentamente istruito e controllato al fine di assicurare che il materiale non venga danneggiato quando lo si preleva o lo si ricolloca nelle cassettiere. La situazione migliorerà se le piante sono conservate in buste o cartelline. È opportuno che i magazzini di deposito siano isolati con muri e porte tagliafuoco. Qualunque sia la disposizione dei locali e la quantità delle scaffalature è buona norma numerare: i locali di deposito le file degli scaffali per ciascuna fila le colonne di palchetti che la compongono. Ciò onde poter tracciare una pianta della collocazione dei materiali dei fondi nei vari depositi. L unità di misura della documentazione archivistica è il METRO LINEARE. Esso indica la quantità di documentazione contenuta in un metro lineare di scaffalatura. Il materiale sugli scaffali va collocato dall alto verso il basso e da sinistra verso destra, ricominciando il posizionamento dall alto verso il basso nel secondo scaffale e così via. Per la custodia dei documenti, soprattutto quelli non rilegati, si usano buste di cartone nelle quali i documenti sono conservati in senso verticale, o scatole nelle quali i documenti (specie i più preziosi o quelli di formato molto vario) sono conservati in senso orizzontale.

24 390 PREVENIRE È MEGLIO CHE CURARE IL FUOCO Il fuoco costituisce la minaccia peggiore per gli archivi in quanto può essere all origine di gravissimi danni causati dal calore, dal fumo, dall acqua senza considerare ovviamente la possibilità che intere serie documentarie vadano distrutte per sempre. La prevenzione, la rilevazione e l estinzione degli incendi sono argomenti vasti e complessi. Il primo passo, anche in questo settore, risulta essere la prevenzione in quanto un documento bruciato è evidentemente irrecuperabile. In caso d incendio nei depositi d archivio i danni per i documenti sono molteplici. Infatti, oltre alle fiamme, al calore e al fumo, vi è anche il grave danno arrecato ai documenti dall acqua. È normale che, quando i Vigili del Fuoco intervengono, il loro primo pensiero sia quello di salvare le persone, mentre la salvaguardia degli archivi è un problema secondario. Occorre, quindi, tentare di evitare i rischi d incendio nei depositi, rilevare le eventuali fasi iniziali di un possibile incendio, infine combatterlo. Si cerca di evitare l incendio attraverso l impiego sistematico di materiale incombustibile e con l isolamento delle installazioni elettriche e delle possibili fonti di calore. Occorre istruire adeguatamente il personale interno ed anche le ditte che effettuano manutenzione nei locali di deposito. Occorre dotarsi di pareti, porte e finestre tagliafuoco e di scaffalature metalliche, ed è inoltre necessario isolare accuratamente i locali che contengono eventuali ascensori e/o montacarichi. Sono indispensabili installazioni appropriate: UN SISTEMA DI RILEVAZIONE INCENDI regolarmente verificato. Considerato che il fuoco può covare per ore prima di manifestarsi in quanto la carta compatta non si infiamma facilmente, sembra preferibile scegliere un sistema di rilevazione dei fumi piuttosto di uno legato all aumento di temperatura. (segue)

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?»

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?» 1 a STRATEGIA EVITARE LA CONTAMINAZIONE conoscere «DOVE SI TROVANO I BATTERI?» I batteri si trovano ovunque nell ambiente (aria, acqua, suolo ed esseri viventi): Sono presenti sulle materie prime, ad es.

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml.

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml. Pagina: 1/ 6 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA Articolo numero: art.04920 Utilizzazione della Sostanza / del Preparato: Rivelatore fughe gas Produttore/fornitore: FIMI

Dettagli

TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO. Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future.

TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO. Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future. TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future. ATTENZIONE: Utilizzare il prodotto solo per l uso al quale

Dettagli

Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione

Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione «Ispezione tecnica: l analisi degli impianti aeraulici» Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione Cillichemie Italiana Dott. Marco D Ambrosio

Dettagli

"#$%&'()! "*$!$*#+#!,)!$-%#.# Guida ad un impiego sicuro dei solventi sul lavoro

#$%&'()! *$!$*#+#!,)!$-%#.# Guida ad un impiego sicuro dei solventi sul lavoro "#$%&'()! "*$!$*#+#!,)!$-%#.# Guida ad un impiego sicuro dei solventi sul lavoro "#$%&'()!"*$!$*#+#!,)!$-%#.# Cos é un solvente? Molte sostanze chimiche, usate per distruggere o diluire altre sostanze

Dettagli

Alle nostre latitudini la domanda di

Alle nostre latitudini la domanda di minergie Protezioni solari con lamelle, in parte fisse, e gronde Benessere ter edifici ed effi Nella società contemporanea trascorriamo la maggior parte del nostro tempo in spazi confinati, in particolare

Dettagli

COME NASCONO I TAPPI DI SUGHERO

COME NASCONO I TAPPI DI SUGHERO IL SUGHERO CHE COS È Il sughero è un prodotto naturale che si ricava dall estrazione della corteccia della Quercus suber L, la quercia da sughero. Questa pianta è una sempreverde, longeva, che cresce nelle

Dettagli

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI Introduzione Le dimensioni delle cabine degli ascensori debbono rispettare valori minimi stabiliti dalle normative vigenti,

Dettagli

LA SALVAGUARDIA DEL PATRIMONIO ARCHIVISTICO: CONSERVAZIONE E PREVENZIONE

LA SALVAGUARDIA DEL PATRIMONIO ARCHIVISTICO: CONSERVAZIONE E PREVENZIONE LA SALVAGUARDIA DEL PATRIMONIO ARCHIVISTICO: CONSERVAZIONE E PREVENZIONE Eugenio Veca Laboratorio di Biologia ISTITUTO CENTRALE PER IL RESTAURO E LA CONSERVAZIONE DEL PATRIMONIO ARCHIVISTICO E LIBRARIO

Dettagli

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi?

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi? Che cos'è il radon? Il Radon è un gas inodore e incolore presente in natura. Il suo isotopo (atomo di uno stesso elemento chimico con numero di protoni fisso e numero di neutroni variabile) 222Rn è radioattivo

Dettagli

...LEGGETE I DATI TECNICI E CAPIRETE... intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO. per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile

...LEGGETE I DATI TECNICI E CAPIRETE... intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO. per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile MATERIALI A BASE DI CALCE NATURALE PER IL RESTAURO E IL RISANAMENTO scheda tecnica per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO PRODOTTO PER

Dettagli

Istituto Superiore di Sanità Centro Nazionale Sostanze Chimiche

Istituto Superiore di Sanità Centro Nazionale Sostanze Chimiche REGOLAMENTO (CE) N. 1272/2008 Consigli di prudenza Consigli di prudenza di carattere generale P101 P102 P103 In caso di consultazione di un medico, tenere a disposizione il contenitore o l etichetta del

Dettagli

DEM8.5/10. Istruzioni per l uso...pag. 2. Use and maintenance manual...pag. 11. Mode d emploi et d entretien...pag. 20. Betriebsanleitung...pag.

DEM8.5/10. Istruzioni per l uso...pag. 2. Use and maintenance manual...pag. 11. Mode d emploi et d entretien...pag. 20. Betriebsanleitung...pag. DEM8.5/10 Istruzioni per l uso............pag. 2 Use and maintenance manual....pag. 11 Mode d emploi et d entretien.....pag. 20 Betriebsanleitung.............pag. 29 Gebruiksaanwijzing..............pag.

Dettagli

COME FAR FUNZIONARE IL CONGELATORE

COME FAR FUNZIONARE IL CONGELATORE COME FAR FUNZIONARE IL CONGELATORE In questo congelatore possono essere conservati alimenti già congelati ed essere congelati alimenti freschi. Messa in funzione del congelatore Non occorre impostare la

Dettagli

Cos è uno scaricatore di condensa?

Cos è uno scaricatore di condensa? Cos è uno scaricatore di condensa? Una valvola automatica di controllo dello scarico di condensa usata in un sistema a vapore Perchè si usa uno scaricatore di condensa? Per eliminare la condensa ed i gas

Dettagli

Prevenzione dell allergia ad inalanti

Prevenzione dell allergia ad inalanti Prevenzione dell allergia ad inalanti La patologia allergica respiratoria è molto frequente nella popolazione generale: la sua prevalenza si aggira in media intorno al 10-15%. Inoltre, negli ultimi 20

Dettagli

Costruire una pila in classe

Costruire una pila in classe Costruire una pila in classe Angela Turricchia, Grazia Zini e Leopoldo Benacchio Considerazioni iniziali Attualmente, numerosi giocattoli utilizzano delle pile. I bambini hanno l abitudine di acquistarle,

Dettagli

Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015.

Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015. Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015. Giorni favorevoli per il taglio di legname da costruzione e uso falegnameria. Gli alberi dai quali si ricava legname da costruzione e per la fabbricazione

Dettagli

VOCE DI CAPITOLATO "RISANAMENTO DI MURATURE IN DETERIORA- MENTO DA SALI -

VOCE DI CAPITOLATO RISANAMENTO DI MURATURE IN DETERIORA- MENTO DA SALI - VOCE DI CAPITOLATO "RISANAMENTO DI MURATURE IN DETERIORA MENTO DA SALI RIDUZIONE DEI SALI A LIVELLI DI SICUREZZA MEDIANTE ESTRAZIONE CON IMPACCO " DESCRIZIONE LAVORI E VERIFICA La seguente Tabella

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI LINEE D INDIRIZZO PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI CORRELATI ALL INSTALLAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOTAICI SU EDIFICI DESTINATI

Dettagli

Il vapor saturo e la sua pressione

Il vapor saturo e la sua pressione Il vapor saturo e la sua pressione Evaporazione = fuga di molecole veloci dalla superficie di un liquido Alla temperatura T, energia cinetica di traslazione media 3/2 K B T Le molecole più veloci sfuggono

Dettagli

Risanamento delle tubazioni dall interno

Risanamento delle tubazioni dall interno La soluzione di oggi per le tubazioni di ieri: Risanamento delle tubazioni dall interno Costi inferiori fino al 50% niente demolizioni, niente sporco, niente macerie nessuna interruzione nella gestione

Dettagli

COME VINCERE IL CALDO

COME VINCERE IL CALDO Centro Nazionale per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO Raccomandazioni per il personale che assiste gli anziani a casa ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO

Dettagli

Risposta esatta. Quesito

Risposta esatta. Quesito 1 2 Quesito Si definisce gas compresso: A) un gas conservato ad una pressione maggiore della pressione atmosferica; B) un gas liquefatto a temperatura ambiente mediante compressione; C) un gas conservato

Dettagli

1. IMBALLAGGIO E CONFEZIONAMENTO

1. IMBALLAGGIO E CONFEZIONAMENTO GUIDA AL CONFEZIONAMENTO 1. IMBALLAGGIO E CONFEZIONAMENTO Si devono rispettare i limiti massimi di dimensioni e peso indicati nella tabella: prodotto limite massimo di peso dimensioni massime Pacco ordinario

Dettagli

L ECO-UFFICIO. Buone pratiche per l efficienza energetica in ufficio

L ECO-UFFICIO. Buone pratiche per l efficienza energetica in ufficio Comune di Udine L ECO-UFFICIO Buone pratiche per l efficienza energetica in ufficio Efficienza energetica: di necessità virtù L efficienza energetica non è semplice risparmio: è riduzione del consumo di

Dettagli

alluvioni e frane Si salvi chi può!

alluvioni e frane Si salvi chi può! alluvioni e frane Che cos è l alluvione? L alluvione è l allagamento, causato dalla fuoriuscita di un corso d acqua dai suoi argini naturali o artificiali, dopo abbondanti piogge, nevicate o grandinate,

Dettagli

NUOVO! Sempre più semplice da utilizzare

NUOVO! Sempre più semplice da utilizzare NUOVO! NUOVO AF/ARMAFLEX MIGLIORE EFFICIENZA DELL ISOLAMENTO Sempre più semplice da utilizzare L flessibile professionale Nuove prestazioni certificate. Risparmio energetico: miglioramento di oltre il

Dettagli

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali Lettera Rischi Interferenziali Spett.le Ditta Appaltatrice Ditta Subappaltatrice Luogo, Data 2 OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali In relazione alla necessità di una possibile

Dettagli

Università di Roma Tor Vergata

Università di Roma Tor Vergata Università di Roma Tor Vergata Facoltà di Ingegneria Dipartimento di Ingegneria Industriale Corso di: TERMOTECNICA 1 IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE Ing. G. Bovesecchi gianluigi.bovesecchi@gmail.com 06-7259-7127

Dettagli

COMUNE DI GALLIATE Provincia di Novara REGOLAMENTO DI ACCESSO AGLI ARCHIVI COMUNALI

COMUNE DI GALLIATE Provincia di Novara REGOLAMENTO DI ACCESSO AGLI ARCHIVI COMUNALI COMUNE DI GALLIATE Provincia di Novara REGOLAMENTO DI ACCESSO AGLI ARCHIVI COMUNALI Approvato con deliberazione G.C. n. 45 del 27/11/2008 esecutiva il 10/01/2009 Depositato in Segreteria Generale con avviso

Dettagli

Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali -

Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali - Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali - (tratto dalla relazione di Martino Buzzi del 17.09.06) Lo stagno: un angolo di natura Avere uno stagno nel proprio

Dettagli

QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO

QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO (PARTE 1) FOCUS TECNICO Gli impianti di riscaldamento sono spesso soggetti a inconvenienti quali depositi e incrostazioni, perdita di efficienza nello

Dettagli

Corso di Impianti Tecnici per l'edilizia - E. Moretti. Condizionamento CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO

Corso di Impianti Tecnici per l'edilizia - E. Moretti. Condizionamento CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO 1 Impianti di Climatizzazione e Condizionamento CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO Premessa Gli impianti sono realizzati con lo scopo di mantenere all interno degli ambienti confinati condizioni

Dettagli

BacPac con LCD. Manuale dell utente + Informazioni sulla garanzia

BacPac con LCD. Manuale dell utente + Informazioni sulla garanzia BacPac con LCD Manuale dell utente + Informazioni sulla garanzia AGGIORNAMENTO FIRMWARE Per determinare se è necessario effettuare un aggiornamento del firmware, seguire questi passi: Con l apparecchio

Dettagli

Effetti dell incendio sull uomo

Effetti dell incendio sull uomo Effetti dell incendio sull uomo ANOSSIA (a causa della riduzione del tasso di ossigeno nell aria) AZIONE TOSSICA DEI FUMI RIDUZIONE DELLA VISIBILITÀ AZIONE TERMICA Essi sono determinati dai prodotti della

Dettagli

IL TEMPO METEOROLOGICO

IL TEMPO METEOROLOGICO VOLUME 1 CAPITOLO 4 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE IL TEMPO METEOROLOGICO 1. Parole per capire A. Conosci già queste parole? Scrivi il loro significato o fai un disegno: tempo... Sole... luce... caldo...

Dettagli

COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA

COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA E composta dalla sigla CE e, nel caso un Organismo Notificato debba intervenire nella fase del controllo della produzione, contiene anche il numero d identificazione

Dettagli

S.C. Igiene degli alimenti di origine animale. Requisiti igienico-sanitari applicati al settore della pesca

S.C. Igiene degli alimenti di origine animale. Requisiti igienico-sanitari applicati al settore della pesca Requisiti igienico-sanitari applicati al settore della pesca La Spezia 20 ottobre 2009 Requisiti : Strutturali (Strutture ed attrezzature) Funzionali Requisiti strutturali : n Applicabili a tutte le imbarcazioni

Dettagli

La movimentazione dei materiali (material handling)

La movimentazione dei materiali (material handling) La movimentazione dei materiali (material handling) Movimentazione e stoccaggio 1 Obiettivo generale La movimentazione e stoccaggio dei materiali (material handling MH) ha lo scopo di rendere disponibile,

Dettagli

MONDIALE NELLE SOLUZIONI PER L ISOLAMENTO

MONDIALE NELLE SOLUZIONI PER L ISOLAMENTO L innovativo sistema per la ristrutturazione delle pareti dall interno LEADER MONDIALE NELLE SOLUZIONI PER L ISOLAMENTO Costi energetici elevati e livello di comfort basso: un problema in crescita La maggior

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31 Pagina: 1/5 1 Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa Identificatore del prodotto Usi pertinenti identificati della sostanza o miscela e usi sconsigliati Utilizzazione della

Dettagli

Richiesta ai Clienti

Richiesta ai Clienti Richiesta ai Clienti Tutte le riparazioni eseguite su questo orologio, escludendo le riparazioni riguardanti il cinturino, devono essere effettuate dalla CITIZEN. Quando si desidera avere il vostro orologio

Dettagli

DOPO UN CASO DI PESTE AMERICANA CHE FARE? Dr.ssa Rosanna Rossi USL7 di Siena Dr.ssa Giuliana Bondi USL7 di Siena

DOPO UN CASO DI PESTE AMERICANA CHE FARE? Dr.ssa Rosanna Rossi USL7 di Siena Dr.ssa Giuliana Bondi USL7 di Siena DOPO UN CASO DI PESTE AMERICANA CHE FARE? Dr.ssa Rosanna Rossi USL7 di Siena Dr.ssa Giuliana Bondi USL7 di Siena TUTTO IL MATERIALE CHE È ENTRATO IN CONTATTO CON LE COLONIE AMMALATE DEVE ESSER DISTRUTTO

Dettagli

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO Comune di CORI (Lt) Assessorato all RACCOLTA DIFFERENZIATA PORTA A PORTA GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO pagina 1 SOMMARIO Premessa... 3 1 Principi generali: Cos è il Compostaggio... 4 2 Cosa mettere nella

Dettagli

Impianti di climatizzazione

Impianti di climatizzazione Corso di IPIANTI TECNICI per l EDILIZIAl Impianti di climatizzazione Prof. Paolo ZAZZINI Dipartimento INGEO Università G. D Annunzio Pescara www.lft.unich.it IPIANTI DI CLIATIZZAZIONE Impianti di climatizzazione

Dettagli

L=F x s lavoro motore massimo

L=F x s lavoro motore massimo 1 IL LAVORO Nel linguaggio scientifico la parola lavoro indica una grandezza fisica ben determinata. Un uomo che sposta un libro da uno scaffale basso ad uno più alto è un fenomeno in cui c è una forza

Dettagli

COS E LA PRODUZIONE INTEGRATA?

COS E LA PRODUZIONE INTEGRATA? Cos è la Produzione Integrata (PI). Con questo scritto desidero fare una cronistoria sulla produzione integrata, un sistema di lotta iniziato negli anni 80, dove un ticinese nella persona del Dott. Mario

Dettagli

CENTRALINA ELETTRONICA FAR Art. 9600-9612 - 9613

CENTRALINA ELETTRONICA FAR Art. 9600-9612 - 9613 CENTRALINA ELETTRONICA FAR Art. 9600-9612 - 9613 MANUALE D ISTRUZIONE SEMPLIFICATO La centralina elettronica FAR art. 9600-9612-9613 è adatta all utilizzo su impianti di riscaldamento dotati di valvola

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/01/09 Denominazione commerciale: SILIFIM ROSSO ALTE TEMPERATURE

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/01/09 Denominazione commerciale: SILIFIM ROSSO ALTE TEMPERATURE Pagina: 1/ 5 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA Denominazione commerciale: SILIFIM ALTE TEMPERATURE Articolo numero: art.01004/01004a Utilizzazione della Sostanza / del

Dettagli

PRINCIPI DELL IFLA PER LA CURA E IL TRATTAMENTO DEI MATERIALI DI BIBLIOTECA

PRINCIPI DELL IFLA PER LA CURA E IL TRATTAMENTO DEI MATERIALI DI BIBLIOTECA INTERNATIONAL FEDERATION OF LIBRARY ASSOCIATIONS AND INSTITUTIONS CORE PROGRAMME ON PRESERVATION AND CONSERVATION COUNCIL ON LIBRARY AND INFORMATION RESOURCES PRINCIPI DELL IFLA PER LA CURA E IL TRATTAMENTO

Dettagli

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Come ottenere energia rinnovabile e compost dai rifiuti organici Un percorso di educazione ambientale alla scoperta dell impianto di compostaggio

Dettagli

ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico

ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico ALLEGATO A ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico A) SOPRALLUOGHI, VISITE TECNICHE, VERIFICHE DI IMPIANTI A.1) Sopralluogo ed esame

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza

Scheda di dati di sicurezza Pagina: 1/6 SEZIONE 1: Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa 1.1 Identificatore del prodotto 1.2 Usi pertinenti identificati della sostanza o miscela e usi sconsigliati

Dettagli

ELEMENTI DI RISCHIO ELETTRICO. Ing. Guido Saule

ELEMENTI DI RISCHIO ELETTRICO. Ing. Guido Saule 1 ELEMENTI DI RISCHIO ELETTRICO Ing. Guido Saule Valori delle tensioni nominali di esercizio delle macchine ed impianti elettrici 2 - sistemi di Categoria 0 (zero), chiamati anche a bassissima tensione,

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

IMPIANTI ELETTRICI CIVILI

IMPIANTI ELETTRICI CIVILI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI FIRENZE Facoltà di Architettura Corso di Fisica Tecnica Ambientale Prof. F. Sciurpi - Prof. S. Secchi A.A. A 2011-20122012 IMPIANTI ELETTRICI CIVILI Per. Ind. Luca Baglioni Dott.

Dettagli

POWER BANK CON TORCIA LED. Batteria di Emergenza Slim con Torcia LED. mah

POWER BANK CON TORCIA LED. Batteria di Emergenza Slim con Torcia LED. mah POWER BANK Batteria di Emergenza Slim con Torcia LED mah 2800 CON TORCIA LED Batteria Supplementare Universale per ricaricare tutti i dispositivi portatili di utlima generazione Manuale d uso SPE006-MCAL

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31 Pagina: 1/5 * 1 dentificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa 1.1 dentificatore del prodotto 1.2 Usi pertinenti identificati della sostanza o miscela e usi sconsigliati Non sono

Dettagli

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio.

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio. Milano lì Ns. Rif.: 13 novembre 2013 820038.309 Agli Ordini e Collegi aderenti al C.I.P.I. loro sedi K:\Ufficio\07 Documenti\CIPI\820038 Comitato interpr. prevenzione incendi\820038 corrispondenza dal

Dettagli

ATTENZIONE ATTENZIONE AVVERTENZE AVVERTENZE. Italiano

ATTENZIONE ATTENZIONE AVVERTENZE AVVERTENZE. Italiano ITALIANO ATTENZIONE Non utilizzare questo orologio per immersioni, se non dopo essere stati adeguatamente addestrati alle immersioni subacquee. Per ovvi motivi di sicurezza attenersi a tutte le regole

Dettagli

AC Anywhere. Inverter. Manuale utente. F5C400u140W, F5C400u300W F5C400eb140W e F5C400eb300W

AC Anywhere. Inverter. Manuale utente. F5C400u140W, F5C400u300W F5C400eb140W e F5C400eb300W AC Anywhere Inverter (prodotto di classe II) Manuale utente F5C400u140W, F5C400u300W F5C400eb140W e F5C400eb300W Leggere attentamente le istruzioni riguardanti l installazione e l utilizzo prima di utilizzare

Dettagli

SCHEDE DI SICUREZZA ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31

SCHEDE DI SICUREZZA ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31 SCHEDE DI SICUREZZA ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31 SEZIONE 1: Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa 1.1. Identificatore del prodotto Nome prodotto 1.3.

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA ECO-TRAP DATA DI COMPILAZIONE: MAGGIO 2006 PAGINA: 1 DI 5 IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA

SCHEDA DI SICUREZZA ECO-TRAP DATA DI COMPILAZIONE: MAGGIO 2006 PAGINA: 1 DI 5 IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA SCHEDA DI SICUREZZA ECO-TRAP DATA DI COMPILAZIONE: MAGGIO 2006 PAGINA: 1 DI 5 1 Nome commerciale IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA ECO-TRAP Utilizzazione della sostanza

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA DEL PRODOTTO In conformità con il D.L.65/03 e i suoi relativi emendamenti.

SCHEDA DI SICUREZZA DEL PRODOTTO In conformità con il D.L.65/03 e i suoi relativi emendamenti. 1. ELEMENTI IDENTIFICATIVI DELLA SOSTANZA O DEL PREPARATO E DELLA SOCIETÀ/IMPRESA PRODUTTRICE Nome commerciale : Società : Dow Corning S.A. rue Jules Bordet - Parc Industriel - Zone C B-7180 Seneffe Belgio

Dettagli

Cos è una. pompa di calore?

Cos è una. pompa di calore? Cos è una pompa di calore? !? La pompa di calore aria/acqua La pompa di calore (PDC) aria-acqua è una macchina in grado di trasferire energia termica (calore) dall aria esterna all acqua dell impianto

Dettagli

Manuale d uso. Per abitazioni, baite, camper, caravan, barche

Manuale d uso. Per abitazioni, baite, camper, caravan, barche Manuale d uso Regolatore di carica EP5 con crepuscolare Per abitazioni, baite, camper, caravan, barche ITALIANO IMPORTANTI INFORMAZIONI SULLA SICUREZZA Questo manuale contiene importanti informazioni sulla

Dettagli

RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA

RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA Nicola Mazzei - Antonella Mazzei Stazione sperimentale per i Combustibili - Viale A. De Gasperi, 3-20097 San Donato Milanese Tel.:

Dettagli

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco Ing. Marco Patruno Forum Prevenzione Incendi Milano : 1 ottobre 2014

Dettagli

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA ANNARITA RUBERTO http://scientificando.splinder.com DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA per i piccoli Straws akimbo by Darwin Bell http://www.flickr.com/photos/darwinbell/313220327/ 1 http://scientificando.splinder.com

Dettagli

ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE. ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica

ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE. ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE PROF.. GIIANCARLO ROSSII PARTE SECONDA 1 INTRODUZIONE TIPOLOGIE

Dettagli

una boccata d ossigeno

una boccata d ossigeno Offrite al vostro motore una boccata d ossigeno Il vostro Concessionario di zona è un professionista su cui potete fare affidamento! Per la vostra massima tranquillità affidatevi alla manutenzione del

Dettagli

Relazione specialistica

Relazione specialistica Relazione specialistica Dipl.-Ing. Hardy Ernst Dipl.-Wirtschaftsing. (FH), Dipl.-Informationswirt (FH) Markus Tuffner, Bosch Industriekessel GmbH Basi di progettazione per una generazione ottimale di vapore

Dettagli

DEOS DEOS 11 DEUMIDIFICATORE DEHUMIDIFIER. Manuale d uso User manual

DEOS DEOS 11 DEUMIDIFICATORE DEHUMIDIFIER. Manuale d uso User manual DEOS Manuale d uso User manual DEUMIDIFICATORE DEHUMIDIFIER DEOS 11 Egregio Signore, desideriamo ringraziarla per aver preferito nel suo acquisto un nostro deumidificatore. Siamo certi di averle fornito

Dettagli

PROGETTO PAIKULI - IRAQ

PROGETTO PAIKULI - IRAQ Dario Federico Marletto PROGETTO PAIKULI - IRAQ RAPPORTO TECNICO SUI LAVORI PER IL CORSO DI FORMAZIONE PRESSO LA SOPRINTENDENZA ARCHEOLOGICA DI OSTIA ANTICA Intervento sul mosaico pavimentale del Cortile

Dettagli

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO In base all art. 256 del D. Lgs. 81/2008, così come modificato dal D. Lgs. 106/2009, i

Dettagli

4. Conoscere il proprio corpo

4. Conoscere il proprio corpo 4. Conoscere il proprio corpo Gli esseri viventi sono fatti di parti che funzionano assieme in modo diverso. Hanno parti diverse che fanno cose diverse. Il tuo corpo è fatto di molte parti diverse. Alcune

Dettagli

Esempio di posizione dell incisione

Esempio di posizione dell incisione Grazie per avere acquistato questo orologio Citizen. Prima di usarlo le raccomandiamo di leggere con attenzione questo manuale d uso in modo da procedere nel modo corretto. Dopo la lettura del manuale

Dettagli

ISTRUZIONE OPERATIVA N. 10 MANIPOLAZIONE DI ESPLODENTI

ISTRUZIONE OPERATIVA N. 10 MANIPOLAZIONE DI ESPLODENTI Revisione 01 - Maggio 2013 A cura di: Servizio Prevenzione, Protezione, Ambiente e Sicurezza 1 MANIPOLAZIONE ESPLODENTI Premessa Rientrano in questa situazione di rischio tutte le attività che prevedono

Dettagli

Requisiti minimi e criteri per il rilascio delle autorizzazioni sanitarie temporanee.

Requisiti minimi e criteri per il rilascio delle autorizzazioni sanitarie temporanee. Requisiti minimi e criteri per il rilascio delle autorizzazioni sanitarie temporanee. Sono definite temporanee tutte quelle manifestazioni quali Sagre, Feste Campestri ecc. aperte al pubblico, in cui,

Dettagli

1. GLI IMPIANTI ELETTRICI NEGLI AMBIENTI A MAGGIOR RISCHIO IN CASO DI INCENDIO:I RIFERIMENTI NORMATIVI.

1. GLI IMPIANTI ELETTRICI NEGLI AMBIENTI A MAGGIOR RISCHIO IN CASO DI INCENDIO:I RIFERIMENTI NORMATIVI. -capitolo 1- - 1-1. GLI IMPIANTI ELETTRICI NEGLI AMBIENTI A MAGGIOR RISCHIO IN CASO DI INCENDIO:I RIFERIMENTI NORMATIVI. 1.1 Premessa. Gli impianti elettrici possono essere causa di innesco e di propagazione

Dettagli

l esclusivo sistema per la diluizione ed il dosaggio dei prodotti ultraconcentrati

l esclusivo sistema per la diluizione ed il dosaggio dei prodotti ultraconcentrati CATALOGO EXA l esclusivo sistema per la diluizione ed il dosaggio dei prodotti ultraconcentrati + pratico + sicuro + economico + ecologico 3 edizione Azienda Certificata ISO 9001 e ISO 14001 IL SISTEMA

Dettagli

IL MINISTRO DELL INTERNO

IL MINISTRO DELL INTERNO D.M. 16 maggio 1987, n. 246 (G.U. n. 148 del 27 giugno 1987) NORME DI SICUREZZA ANTINCENDI PER GLI EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE IL MINISTRO DELL INTERNO Vista la legge 27 dicembre 1941, n. 1570: Vista

Dettagli

Meglio prevenire. Alcuni accorgimenti da adottare contro i ladri:

Meglio prevenire. Alcuni accorgimenti da adottare contro i ladri: Introduzione Sono ormai sempre più frequenti i furti negli appartamenti, nelle case e negli uffici. Il senso di insicurezza della popolazione è comprensibile. Con questo opuscolo si vuole mostrare che

Dettagli

3. COMPOSIZIONE E INFORMAZIONE SUGLI INGREDIENTI

3. COMPOSIZIONE E INFORMAZIONE SUGLI INGREDIENTI Pag. 1 di 7 SCHEDA INFORMATIVA IN MATERIA DI SICUREZZA 1. IDENTIFICAZIONE DEL PREPARATO E DELLA SOCIETA' DENOMINAZIONE COMMERCIALE PRODOTTO: PROCESS OIL NC 100 CODICE PRODOTTO: 4S99 USO O DESCRIZIONE:

Dettagli

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE?

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE? RISORSE ENERGETICHE ENERGIA 2 AREA 9 FONTI DI ENERGIA E INDISPENSABILE ALLA VITA SULLA TERRA ELEMENTO INDISPENSABILE PER SVILUPPO SOCIALE ED ECONOMICO FINO AD ORA: CONTINUO INCREMENTO DI PRODUZIONE E CONSUMO

Dettagli

Scheda di sicurezza FULCRON CASA RIMUOVI MUFFA ML500

Scheda di sicurezza FULCRON CASA RIMUOVI MUFFA ML500 Scheda di sicurezza del 4/12/2009, revisione 2 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETÀ/IMPRESA Nome commerciale: Codice commerciale: 2544 Tipo di prodotto ed impiego: Agente antimuffa

Dettagli

Capitolato Tecnico. Pagina 1

Capitolato Tecnico. Pagina 1 Gara a procedura aperta per l affidamento dei servizi di facchinaggio della sede di SACE sita in Roma Piazza Poli 37/42 - CIG 5778360584 Pagina 1 1 PREMESSA 3 2 Oggetto dell Appalto 3 3 Durata dell Appalto

Dettagli

FORUM PREVENZIONE INCENDI Roma - 18 Giugno 2008

FORUM PREVENZIONE INCENDI Roma - 18 Giugno 2008 FORUM PREVENZIONE INCENDI Roma - 18 Giugno 2008 La corretta progettazione degli impianti antincendio. Dalla 46/90 al decreto 22 gennaio 2008 n. 37: come cambiano le procedure per il rilascio del CPI nel

Dettagli

OGRA R FIA I I N AMBI B TO ED E I D LE E E

OGRA R FIA I I N AMBI B TO ED E I D LE E E LA TERMOGRAFIA TERMOGRAFIA IN AMBITO EDILE E ARCHITETTONICO LA TERMOGRAFIA IN ABITO EDILE ED ARCHITETTONICO INDICE: LA TEORIA DELL INFRAROSSO LA TERMOGRAFIA PASSIVA LA TERMOGRAFIA ATTIVA ESEMPI DI INDAGINI

Dettagli

Istruzioni rapide per l esercizio di pompe idrauliche tipo LP azionate con aria compressa secondo D 7280 e D 7280 H

Istruzioni rapide per l esercizio di pompe idrauliche tipo LP azionate con aria compressa secondo D 7280 e D 7280 H Istruzioni rapide per l esercizio di pompe idrauliche tipo LP azionate con aria compressa secondo D 7280 e D 7280 H 1. Aria compressa e attacco idraulico Fluido in pressione Azionamento Aria compressa,

Dettagli

Sistemi Mapei per la realizzazione di pavimentazioni radianti ad alto rendimento termico

Sistemi Mapei per la realizzazione di pavimentazioni radianti ad alto rendimento termico Sistemi Mapei per la realizzazione di pavimentazioni radianti ad alto rendimento termico La riparazione dell asfalto ha fatto strada. Sistemi MAPEI per la realizzazione di pavime I pannelli radianti sono

Dettagli

Ing Guido Picci Ing Silvano Compagnoni

Ing Guido Picci Ing Silvano Compagnoni Condensatori per rifasamento industriale in Bassa Tensione: tecnologia e caratteristiche. Ing Guido Picci Ing Silvano Compagnoni 1 Tecnologia dei condensatori Costruzione Com è noto, il principio costruttivo

Dettagli

technostuk 2-12 09/13 127

technostuk 2-12 09/13 127 technostuk 2-12 09/13 127 TECHNOSTUK 2-12 Sigillante cementizio per fughe da 2 a 12 mm. La protezione attiva di Microshield System aiuta a prevenire la crescita di batteri, funghi e muffe, che possono

Dettagli

Hawos Pegasus 230 Volt

Hawos Pegasus 230 Volt olt Pagina 2 Pagina 3 Pagina 3 Pagina 4 Pagina 5 Pagina 5 Pagina 6 Pagina 6/7 Pagina 7 Pagina 7 Pagina 8 Introduzione a Pegasus Scegliere le dimensioni della macinatura Iniziare e terminare il processo

Dettagli

Dipartimento di Prevenzione U.O.C. HACCP- RSO

Dipartimento di Prevenzione U.O.C. HACCP- RSO La presente istruzione operativa dettaglia una specifica attività/fase di un processo descritto dalla procedura Piano Interno di Intervento Emergenza Migranti. La sanificazione ambientale viene intesa

Dettagli

NORMATIVA INTERNAZIONALE PER LE MISURE FITOSANITARIE. Revisione dell'ispm 15

NORMATIVA INTERNAZIONALE PER LE MISURE FITOSANITARIE. Revisione dell'ispm 15 Consultazione tra i membri (procedura regolare) - giugno 2008 Bozza 1/7 NORMATIVA INTERNAZIONALE PER LE MISURE FITOSANITARIE Revisione dell'ispm 15 [PARAGRAFO 1] REGOLAMENTAZIONE DEL MATERIALE DA IMBALLAGGIO

Dettagli

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Denominazione: Catalizzatore Kjeldahl(Se) pastiglie 1.2 Nome della societá o ditta:

Dettagli

SVILUPPO SOSTENIBILE L ETICHETTA ENERGETICA

SVILUPPO SOSTENIBILE L ETICHETTA ENERGETICA SVILUPPO SOSTENIBILE L ETICHETTA ENERGETICA 24 2 Sommario Perché questo opuscolo 3 Il benessere sostenibile e i consumi delle famiglie italiane 4 Le etichette energetiche 5 La scheda di prodotto 9 L etichetta

Dettagli

Effetti dell incendio sull ambiente

Effetti dell incendio sull ambiente Effetti dell incendio sull ambiente Dott. For. Antonio Brunori Effetti del fuoco Il fuoco danneggia e spesso distrugge il bosco, per valutare le effettive conseguenze di un incendio su un ecosistema forestale

Dettagli