È sembrato utile, in chiusura di volume, sintetizzare alcune indicazioni pratiche.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "È sembrato utile, in chiusura di volume, sintetizzare alcune indicazioni pratiche."

Transcript

1 Parte IV TAVOLE

2

3 TAVOLE 369 Introduzione È sembrato utile, in chiusura di volume, sintetizzare alcune indicazioni pratiche. Si tratta per lo più di appunti, sintesi ispirata (laddove la fonte testuale non risulti esplicitamente citata) prevalentemente dal Manuel de conservation des documents d archives (Conseil Canadien des Archives, Ottawa, 1990), da La pratique archivistique française (Paris, 1993) nonché ovviamente dall esperienza pratica. Tali appunti potranno naturalmente essere ampliati ed approfonditi in una fase successiva dell indagine, quando saranno stati letti e recepiti i testi indicati nella bibliografia e gli altri che si potranno via via aggiungere. Nella scuola di Archivistica, Paleografia e Diplomatica dell Archivio di Stato di Milano vengono utilizzati come appunti per le lezioni di archiveconomia.

4 370 PREVENIRE È MEGLIO CHE CURARE PREVENIRE È MEGLIO CHE CURARE: LA CONSERVAZIONE PREVENTIVA, OVVERO COME OTTENERE I MIGLIORI RISULTATI POSSIBILI CON RISORSE LIMITATE L origine latina del termine praeservare suggerisce il suo significato di anticipare, mettere al riparo dal pericolo di perdita o di deterioramento. Insieme di procedure che ha lo scopo di proteggere i documenti dai danni e dal deperimento. La conservazione preventiva deve diventare un attività permanente, che faccia parte integrante dei compiti politici e strategici della gestione degli Archivi. Trascurare la conservazione preventiva vuol dire impedire l accesso presente e futuro al patrimonio archivistico. L accesso dei cittadini all informazione è un diritto fondamentale nella nostra società, sia che si tratti di informazioni storiche sia di esercizio di diritti individuali. È essenziale gestire la conservazione preventiva per assicurare la continuità dell accesso. La gestione della conservazione preventiva si applica all insieme del ciclo di vita dei documenti.

5 TAVOLE 371 CONSERVAZIONE NEI SERVIZI D ARCHIVIO I documenti si deteriorano con il passare del tempo. È compito degli archivisti e, in senso più lato, dei responsabili degli uffici tentare di rallentare il più possibile questo processo. La conservazione è competenza di ogni capo di un ufficio. L applicazione di un PROGRAMMA APPROPRIATO aiuterà a ridurre costosi interventi di recupero successivi. Per essere efficace tale programma deve diventare parte integrante della pianificazione a lungo termine della conservazione. La sua predisposizione deve essere una decisione amministrativa del livello più elevato della gerarchia di un ufficio. È essenziale destinare alla conservazione una parte del budget annuale di finanziamento, per quanto piccolo esso sia. Poco importano la dimensione dell ufficio e le sue risorse finanziarie e umane: solo una pianificazione meditata permetterà di ottenere risultati sicuri.

6 372 PREVENIRE È MEGLIO CHE CURARE ESAME DELLA SITUAZIONE Un programma di conservazione per essere efficace deve avere come punto di partenza un esame attento della situazione esistente. Conviene innanzi tutto ispezionare attentamente i locali che ospitano gli archivi per vedere quali possibili interventi possono essere compiuti. Talvolta sono sufficienti piccoli interventi per contribuire alla sicurezza ed alla conservazione preventiva degli archivi. Preliminarmente occorre porsi due questioni fondamentali: CHE COSA SI DOVREBBE FARE? CHE COSA SI PUO FARE? Alcune misure s impongono con evidenza, ma in ogni caso stabilire un programma permanente in funzione dei bisogni e delle risorse di ogni ufficio rappresenta un compito impegnativo. Può essere utile stabilire delle priorità in funzione dei tempi: a corto, medio e lungo termine, e delle possibilità finanziarie: a costo minimo, medio ed elevato. Tra le priorità permanenti il programma dovrà comprendere certe misure imprescindibili come il controllo della luce, della temperatura e dell umidità ed il fatto di mantenere in ordine e puliti i locali di deposito. Queste sono misure essenziali per la conservazione degli archivi oltre alle istruzioni precise per il personale che maneggia i documenti.

7 TAVOLE 373 AMBIENTE Ottimizzare le condizioni ambientali può essere difficile e costoso. È comunque importante considerare che ogni tappa in questa direzione, anche piccola, avrà effetti benefici sui documenti. Siccome bisogna pur cominciare da qualche parte, ci si sforzerà come prima cosa di eliminare le condizioni estreme. Se non è possibile adottare tutte le soluzioni più idonee è inutile perdersi d animo: anche con un budget limitato è possibile migliorare la situazione procedendo per tappe e adottando le misure più urgenti. Per dirla con uno slogan che ci ha suggerito Nancy Marrelli 1, dobbiamo imparare ad utilizzare i nostri fondi a fondo. 1 La gestion de la préservation, cit., p. 10.

8 374 PREVENIRE È MEGLIO CHE CURARE EDIFICIO La prima misura di conservazione preventiva consiste nel mantenere in buono stato l edificio e/o i locali che ospitano gli archivi. Lasciare entrare il vento, il freddo, l umidità, l acqua, gli insetti contribuisce a far deteriorare documenti e locali, costringe ad effettuare riparazioni costose che semplici precauzioni avrebbero potuto evitare. Un esame completo dello stato dei luoghi evidenzierà i principali problemi. Si soffermerà l attenzione sui difetti che sicuramente nuocciono alla conservazione: finestre mal isolate porte che non chiudono tubazioni che perdono umidità del sottosuolo danni negli intonaci. Anche quando non ci si può permettere di installare un vero e proprio sistema di regolazione e controllo dell ambiente, è possibile tuttavia apportare migliorie valide ai locali: prevenendo i danni dovuti all acqua grazie ad una manutenzione regolare dei tetti e delle tubature d acqua, isolando porte e finestre, installando griglie apribili alle finestre per impedire l ingresso di insetti, roditori, ecc., ricorrendo, nel caso, a umidificatori o deumidificatori a seconda delle necessità, assicurando una buona ventilazione. Non si sottolineerà mai abbastanza la necessità di far pulire con regolarità i locali, gli scaffali e gli stessi documenti. La polvere veicola le spore e può attirare certi insetti nocivi per le carte.

9 TAVOLE 375 ILLUMINAZIONE La luce danneggia i documenti: li scolorisce e li ingiallisce. La luce delle lampade fluorescenti, così come quella del sole, produce raggi ultravioletti molto nocivi per i documenti. Inoltre la luce che illumina una superficie è sorgente di calore ed il calore, a sua volta, è causa d invecchiamento. I documenti devono dunque essere protetti da una esposizione eccessiva e prolungata ai raggi UV. Dal punto di vista della conservazione sarebbe preferibile conservarli nell oscurità. Siccome questo non è sempre possibile, si possono adottare alcuni accorgimenti semplici ed efficaci: collocare i documenti in cartelle di cartone ridurre l illuminazione al minimo spegnere le luci quando non c è nessuno nei depositi. Gli interruttori automatici spegneranno la luce dopo un certo tempo. Le norme tecniche relative all illuminazione dovrebbero prevedere: nelle sale di deposito: nei locali di lavoro: 150 lux 300 lux in media sul piano di lavoro.

10 376 PREVENIRE È MEGLIO CHE CURARE CONTROLLO DELLE CONDIZIONI AMBIENTALI Esistono norme tecniche precise diffuse e riconosciute in tutto il mondo: SUPPORTO TEMPERATURA UMIDITÀ RELATIVA CARTA O PERGAMENA 18 C (+ 2 C) 55% (+ 5%) FOTOGRAFIE: BIANCO E NERO 12 C (+ 1 C) 35% (+ 5%) COLORI 5 C (+ 1 C) 35% (+ 5%) MICROFILM: MATRICE * 45% (+ 5%) COPIA DI LETTURA 18 C (+ 2 C) 50% (+ 5%) SUPPORTI MAGNETICI 18 C (+ 1 C) 40% (+ 5%) *Le norme ISO 5466 (cap. 8) danno questa gamma molto ampia. Tuttavia la temperatura ideale deve avvicinarsi a 12, quella accettabile fra 15 e 18. Il mantenimento di queste condizioni è un obiettivo da raggiungere in modo permanente tutto l anno, estate ed inverno, notte e giorno. Per mantenere in modo costante quest ambiente artificiale sarebbe necessario climatizzare i locali di conservazione. La climatizzazione comprende il riscaldamento e/o il raffreddamento dell aria, il filtraggio, l umidificazione, la deumidificazione e la ventilazione meccanica. Obiettivo è la creazione di un ambiente controllato costantemente nei depositi. Ciò implica che i locali siano ermeticamente chiusi. L unico vero problema consiste nel costo elevato per la predisposizione delle apparecchiature necessarie e per la loro manutenzione nel tempo. Il primo passo per arrivare quanto meno alla regolazione della temperatura e dell umidità relativa consiste nel controllo delle condizioni ambientali per verificare le tendenze generali di certi locali o di certi periodi dell anno. Lo strumento ideale è il TERMOIGROMETRO che registra in modo continuato la temperatura ed il grado di umidità. Il controllo può altresì farsi con un semplice TERMOMETRO e un IGROME- TRO: malgrado la loro imprecisione relativa i dati forniti potranno permettere di evidenziare eventuali problemi. Occorre naturalmente, elemento non sempre evidente, che qualcuno all interno della struttura sia incaricato di seguire i risultati di tali rilevazioni.

11 TAVOLE 377 UMIDITÀ RELATIVA Si chiama umidità il vapore d acqua contenuto nell aria. Per umidità relativa s intende la quantità di vapore acqueo ad una data temperatura. Più precisamente l umidità relativa si definisce come la quantità di vapore acqueo contenuto nell aria espresso in percentuale in rapporto alla quantità totale di vapore d acqua che l aria può contenere ad una determinata temperatura. Il tasso d umidità relativa è in qualche modo influenzato dalla pressione atmosferica. Quando il tasso è debole, l aria tende ad assorbire l umidità e certi oggetti si seccano. Ad un tasso più elevato gli stessi oggetti si impregnano dell acqua contenuta nell aria. La regolazione dell umidità relativa è estremamente importante per molte ragioni: la maggior parte dei documenti d archivio si contrae e si dilata a seconda di leggere fluttuazioni del tasso di umidità relativa. Tali alterazioni indeboliscono la materia e causano una tensione interna che può abbreviare la durata del supporto se l atmosfera è troppo secca, i documenti diventano fragili quando li si maneggia se l atmosfera è troppo umida viceversa i documenti si deformano una forte umidità associata ad una elevata temperatura accelerano sovente le reazioni chimiche responsabili delle alterazioni dei documenti. Così si spiegano l ingiallimento ed il degrado dei giornali dapprima causati dagli acidi residui della carta l umidità accelera ugualmente la corrosione dei metalli un forte tasso di umidità relativa favorisce la proliferazione dei funghi. Per locali che contengono documenti scritti il tasso di umidità relativa raccomandato varia dal 40% al 45%. Una oscillazione annuale da 35% a 55% è accettabile ma con variazioni graduali tra questi due estremi. È estremamente importante ridurre al minimo le fluttuazioni. Se il tasso di umidità varia troppo rapidamente, i documenti non riescono ad adeguarsi di conseguenza e subiscono forti tensioni interne.

12 378 PREVENIRE È MEGLIO CHE CURARE LA TEMPERATURA In linea generale più la temperatura è elevata, più è rapido il deterioramento dei documenti in quanto il calore accelera le reazioni chimiche all origine del processo. Inversamente, meno elevata è la temperatura meglio si conservano i documenti. La temperatura consigliata è fra i 18 e i 20 C; in ogni caso essa non deve mai superare i 25 C. Se risulta impossibile mantenere costante la temperatura, si cercherà per lo meno di mantenerla fra i 18 e i 24 C, giorno e notte e in tutte le stagioni. La priorità resta comunque quella di eliminare le punte estreme e di avere la temperatura più stabile possibile. Le variazioni brusche di temperatura risultano, infatti, estremamente dannose per la conservazione. Buona cosa risulta essere quella di allontanare i documenti dai muri esterni per permettere la circolazione dell aria e mantenerli ad una temperatura costante.

13 TAVOLE 379 L ACQUA Sia che si tratti di un alluvione, caso non infrequente come tristemente sappiamo, o di una semplice perdita d acqua in un deposito d archivio, ciò causerà danni considerevoli in brevissimo tempo. Documenti scritti e volumi a stampa s inzuppano rapidamente, cosa che farà colare l inchiostro e provocherà l insorgere di macchie e funghi. Se non è scoperta rapidamente, un inondazione nelle cantine farà alzare considerevolmente il tasso d umidità in tutto il palazzo. Occorre dunque assicurarsi che l edificio sia in buono stato; è necessario ispezionarlo con regolarità e fare riparare immediatamente tetto, grondaie e tubature. La verifica va fatta su tutto il sistema idraulico ivi compresi l impianto di riscaldamento e gli spurghi neri. Nel caso in cui l edificio sia dotato di estintori automatici ad acqua occorre verificare anche questi. Occorre evitare in modo assoluto di collocare i documenti sotto qualsiasi tipo di conduttura d acqua. Troppo sovente abbiamo assistito impotenti a scarti di materiale d archivio anche di rilevante valore storico perché inondato da perdite in luoghi dove ciò era fin troppo prevedibile. Allo stesso modo non bisogna MAI collocare i documenti a diretto contatto con il pavimento.

14 380 PREVENIRE È MEGLIO CHE CURARE ANIMALI NOCIVI, INSETTI, FUNGHI E MUFFE Insetti, roditori, funghi e muffe possono causare danni irreparabili alle serie documentarie. La loro presenza è dovuta essenzialmente a determinate condizioni ambientali, come la temperatura e l umidità elevata, e alla presenza di cibo nei locali. Per prevenire in modo efficace l insorgere del problema occorre agire su tre fronti: regolazione dell ambiente: evitare condizioni favorevoli ai funghi (soprattutto il tasso di umidità elevato) e agli insetti (ambiente scuro, leggermente umido) pulizia e manutenzione: evitare di attirare gli insetti lasciando avanzi di cibo o trascurando di otturare le fessure attraverso le quali essi possono penetrare ispezioni regolari: verificare di frequente lo stato dei locali d archivio. Per evitare che la situazione degeneri occorre prendere immediatamente delle contromisure, diversamente l infestazione si propagherà rapidamente.

15 TAVOLE 381 ANIMALI NOCIVI I roditori, topolini e ratti soprattutto, possono provocare danni considerevoli nei locali di deposito. Essi sbocconcellano la carta e sono attirati dalla colla e dal cuoio e soprattutto distruggono la carta per costruire il nido per i propri piccoli. Anche uccelli, pipistrelli e piccioni possono causare gravi danni. Per prevenire una invasione di animali nocivi occorre proibire in modo assoluto l introduzione di cibo e controllare che non ci sia nessun varco dall esterno. Infatti questi animali penetrano attraverso i tubi, i condotti d aerazione e di climatizzazione e soprattutto attraverso i tubi di scarico delle acque nere. Occorre controllare l entrata di tali pertugi e collocare, se del caso, delle griglie. Nel caso che tali animali abbiano già scelto come propria abitazione un nostro deposito d archivio è necessario ricorrere a delle trappole per sbarazzarsene. Non è consigliabile usare veleno in quanto un roditore morto in un luogo non accessibile può causare altri problemi, tra i quali quello non trascurabile della puzza.

16 382 PREVENIRE È MEGLIO CHE CURARE INSETTI Differenti varietà d insetti possono danneggiare gli archivi. I più diffusi sono: i cosiddetti pesciolini d argento che si attaccano alle rilegature in quanto si cibano di colla e di amido le blatte che pullulano nei luoghi oscuri caldi e umidi e distruggono soprattutto le rilegature dei volumi le cosiddette pulci dei libri che divorano la colla i tarli, le cui larve scavano gallerie profonde attraverso libri e registri le termiti, difficili da identificare in quanto si attaccano al legno ma anche alla carta senza lasciare traccia all esterno. Né si deve credere che questo sia un problema dei soli paesi tropicali. In tutti questi casi la disinfestazione è possibile ma la prevenzione rimane l assoluta priorità e passa ancora una volta attraverso una manutenzione regolare dei locali che devono essere puliti e aerati. È possibile constatare a occhio nudo se un insetto è morto o vivo ma sovente in un fondo d archivio ci si accorge della presenza di insetti solo in base alle tracce che questi lasciano (buchi, escrementi ). È sempre difficile sapere se l attacco è recente o antico. Nel migliore dei casi bisogna accontentarsi di pulire le piccole tracce di segatura ed osservare se si riformano. Esistono numerosi procedimenti fisico-chimici per distruggere gli insetti, le larve e le uova. Ma tutti questi prodotti sono nocivi e devono essere utilizzati da personale qualificato.

17 TAVOLE 383 PRODOTTI CHIMICI BROMURO DI METILE: molto tossico, è utilizzato in autoclave OSSIDO DI ETILENE: il solo prodotto che sia attualmente al tempo stesso insetticida, battericida e fungicida; è utilizzato in autoclave FLUORURO DI SULFURILE ISOMERO gamma dell esacloro-ciclo-esene AZOTO: il processo attualmente in voga nei paesi iberici e latinoamericani esige il condizionamento dei documenti in imballaggi ermetici prima dell introduzione dell azoto e la conservazione dei documenti disinfettati nell imballaggio. È un procedimento pulito ma estremamente lento GAS CARBONICO: processo utilizzato dalla società Rentokil, che esige di porre il materiale in una bolla ermeticamente chiusa e che prevede costi di installazione considerevoli.

18 384 PREVENIRE È MEGLIO CHE CURARE PRODOTTI NATURALI I FEROMONI. Secrezione ghiandolare, paragonabile agli ormoni, prodotta dall organismo; svolgono un ruolo importante nella trasmissione dei messaggi chimici presso gl insetti e sono più attraenti rispetto agli insetticidi. L inconveniente è che sono evidentemente specifici per ogni tipo d insetto. LA CONGELAZIONE. Un nuovo modo di affrontare una invasione reale o temuta consiste nel conservare i documenti a meno 20 per 48 ore. Carta, cuoio e legno possono subire questo trattamento senza danni. Questo processo è raccomandabile soprattutto perché non richiede l uso di prodotti di disinfestazione tossici. Prima di congelarli, occorre introdurre i documenti in grandi sacchi di plastica e contrassegnarli. In capo a due giorni si estrae la documentazione dal congelatore, la si lascia provvisoriamente nei sacchi ma scegliendo con cura il luogo dello scongelamento in quanto l umidità dell aria potrebbe portare condensa sugli involucri ancora freddi e bagnare le superfici contigue. Altri sistemi sono: L IRRADIAZIONE (0,8 K Gy: dose letale per gl insetti), LE ALTE FREQUENZE, LE MICROONDE. Su questi ultimi sistemi i pareri non sono però unanimi.

19 TAVOLE 385 I FUNGHI E LE MUFFE Le spore dei funghi, presenti quasi ovunque, restano inerti sino a quando non si verificano le condizioni favorevoli alla loro germinazione. Proliferando i funghi possono alterare i documenti sino a renderli assolutamente irriconoscibili. Oltre ad essere difficili da togliere, possono inoltre espandersi verso altri documenti. Diversi tipi di funghi sono presenti negli archivi: ASCOMICETI, la cui forma più diffusa è il Chaetomium. Altri sono il Penicillum, l Aspergillus e il Fusarium BASIDIOMICETI, tra i quali la temibile Merula. Tutti questi tipi differenti di funghi hanno bisogno di due sole cose per proliferare: una fonte di energia contenente atomi di carbonio e condizioni ambientali favorevoli. Tutti i depositi d archivio contengono sostanze nutritive. Carta, cuoio, adesivi, polvere, tutti i materiali d origine animale o vegetale attirano i funghi quando le condizioni sono favorevoli. I documenti d archivio sistemati in un luogo dove la ventilazione è scarsa, l umidità relativa è superiore al 70% e la temperatura supera i 25 C rischiano di ammuffire. Quando questo accade, occorre isolare rapidamente i documenti danneggiati. Tra i metodi usati in passato, il formolo ed il timolo sono inefficaci così come la congelazione. L irradiazione con raggi gamma ad una dose letale per i funghi (15 K Gy) danneggia la cellulosa della carta. Attualmente il solo trattamento che permette una distruzione dei funghi nel 99,99 % dei casi è l ossido di etilene utilizzato in autoclave. Il procedimento rende però fragile la carta ed occorre utilizzarlo solo nel caso di effettivo bisogno. Inoltre, l utilizzazione dell ossido di etilene pone numerosi problemi a motivo della sua tossicità ed in particolare per le sue proprietà cancerogene. In ogni caso occorre rivolgersi a ditte superspecializzate.

20 386 PREVENIRE È MEGLIO CHE CURARE L ACIDITÀ 1 La degradazione degli archivi a causa dell acidità è un processo intrinsecamente legato a quello che sino a ieri (e forse ancora oggi) è il principale supporto della documentazione moderna: la carta. Essa interviene al di fuori di qualsiasi manipolazione e distrugge il documento rendendolo friabile: fragile, si rompe e cade in polvere. Due tipi di fattori sono all origine dell acidità della carta: a) i fattori interni dovuti ai componenti e ai processi di fabbricazione della carta. Le carte molto antiche, composte di fibra di cotone o di lino, contenevano carbonato di calcio che assicurava la loro protezione. A partire dalla seconda metà del XIX secolo la fabbricazione della carta è stata modificata con l introduzione della cellulosa di legno; b) i fattori esterni dovuti alle tecniche di scrittura e all inquinamento atmosferico. Gli inchiostri utilizzati per la scrittura degli antichi manoscritti, inchiostri a base di carbone o ferrogallici, hanno una buona tenuta, non sono solubili nell acqua ma sono acidi e corrodono la carta. Gli inchiostri moderni, ugualmente acidi, sono, inoltre, solubili nell acqua e nei solventi organici. L inquinamento atmosferico (anidride solforosa, composti azotati, cloruri), particolarmente presente nelle città industriali, tende ad accrescere l acidità dovuta ai fattori interni. 1 La pratique archivistique française, Paris, 1993, pp. 476 e segg.

21 TAVOLE 387 LA DEACIDIFICAZIONE 1 È l operazione che consiste nel neutralizzare l acidità della carta tramite l introduzione di un sale alcalino in quantità sufficiente per dare alla carta non solo la sua neutralità ma, al tempo stesso, una riserva alcalina indispensabile per lottare contro ulteriori aggressioni acide. Dal punto di vista chimico, la differenza tra acido e base è legata agli ioni d idrogeno: un acido libera gli ioni d idrogeno, una base li fissa. L acidità si misura con il ph: la neutralità corrisponde a un ph 7; se il ph è inferiore la carta è acida, se è superiore la carta è alcalina; è tuttavia consigliabile evitare un valore superiore a 10 altrimenti si arriverà, a breve o lungo termine, ad un idrolisi alcalina della cellulosa. Esistono diversi processi di deacidificazione dei documenti. Tra questi alcuni possono applicarsi solo foglio per foglio ed esigono un preventivo smontaggio dei volumi rilegati, seguito da una successiva rilegatura. Di fronte alla grande quantità di libri da trattare i bibliotecari sono stati i primi ad interessarsi alla possibilità di operare su vasta scala in una sola operazione: è la deacidificazione di massa. Per gli archivi il problema è complicato dall eterogeneità dei documenti. Inoltre gli inchiostri esigono dei controlli preliminari. Sono allo studio diversi sistemi per fissare gli inchiostri. Attualmente esistono diversi processi per la deacidificazione di massa, alcuni già operativi, altri allo studio. Per il momento nessun metodo sembra rispondere in modo completo e soddisfacente alle esigenze dei conservatori. 2 La pratique archivistique française, Paris, 1993, pp. 477 e segg. In particolare alle pp sono descritti i procedimenti operativi WEIT O, AKZO e LITHCO-FMC ed i processi sperimentali della Book Preservation Associates, il processo BOOKKEEPER nonché i processi combinati deacidificazione e rinforzo sperimentati presso la Biblioteca Nazionale d Austria, dalla British Library, dalla Deutsche Bücherei di Leipzig e dalla Bibliothèque de France.

22 388 PREVENIRE È MEGLIO CHE CURARE CONDIZIONAMENTO DEI DOCUMENTI Si tratta di un elemento essenziale per una corretta conservazione. Consiste nel proteggere la documentazione collocandola in contenitori adatti a seconda della natura e del supporto del documento da preservare. Nelle diverse zone d Italia i contenitori standard per documenti possono chiamarsi con nomi diversi: cartelle, buste, mazzi. Il cartone utilizzato deve essere realizzato in materiale neutro, non acido, con un ph uguale a 7 o comunque il più vicino possibile a tale valore. La cartella deve essere chiusa almeno su cinque lati e provvista di un sistema pratico per il prelevamento dallo scaffale. Essa assicura una protezione efficace contro la polvere, l umidità e l inquinamento. La cartella deve essere di dimensioni appropriate, affinché il suo contenuto sia sistemato convenientemente, senza rischiare, però, di pressare troppo i documenti né di lasciare troppo spazio vuoto all interno. Graffette metalliche e spilli arrugginiscono con il tempo e sono da evitare per i documenti che hanno rilevanza storica e che verosimilmente saranno conservati indefinitivamente. Per contenere i fascicoli all interno della singola cartella occorre, altresì, utilizzare cartoncino o carta neutra per costituire le cosiddette camicie. Se più camicie devono essere legate fra loro occorre evitare gli spaghi che tagliano la carta e bisogna, viceversa, utilizzare della fettuccia in cotone annodata piuttosto che chiusa con ganci in metallo che, col tempo, tendono anch essi ad arrugginire. Quando si sistemano le cartelle sugli scaffali è necessario lasciare uno spazio sufficiente per permettere una manipolazione agevole senza comprimerle troppo. Scaffalature Una scaffalatura metallica regolabile è la più indicata a motivo della sua robustezza, durevolezza nel tempo e resistenza agli attacchi sia del fuoco sia degli insetti. Deve essere rifinita con uno smalto termofissato per resistere ad abrasione e corrosione. La scaffalatura in teoria deve essere completamente regolabile, in modo tale che gli scaffali possano essere spostati senza sbullonarli. La flessibilità negli scaffali è importante, dal momento che il materiale d archivio non arriva in formati standard. Le scaffalature metalliche consentono un ottimale utilizzazione degli spazi grazie alla possibilità di sistemare i ripiani a seconda delle esigenze. Solitamente si prevedono scaffali a doppia faccia profondi 30 cm (30+30=60 cm). Per documenti particolarmente voluminosi è opportuno prevedere qualche scaffale profondo 40 cm (40+40=80 cm). Anche l altezza complessiva degli scaffali è una scelta che richiede una (segue)

23 TAVOLE 389 (segue da pagina 388) certa attenzione. Occorre ricordare, infatti, che se lo scaffale è troppo alto da raggiungere dal pavimento ci si dovrà provvedere di scale a norma di sicurezza. Il personale non deve mai arrampicarsi sugli scaffali, perché va incontro a pericoli e danneggia scaffali e materiale. L altezza suggerita è da 2,10 a 2,15 m. Si calcolano circa cinque ripiani da un metro per ogni scaffale. Oggi sono molto diffusi i compactus a trazione manuale o elettrica ma in tal caso occorre verificare la portata dei pavimenti. Si deve comunque evitare di far poggiare gli scaffali direttamente sui muri esterni. Infatti, da una parte i muri possono essere fonte d umidità e dall altra ciò può impedire la libera circolazione dell aria. La circolazione dell aria sarà in genere migliore se gli scaffali sono collocati ad angolo retto rispetto ai muri e se si lascia un corridoio a ridosso del muro. Se si deve archiviare materiale di grande formato, come mappe e piante, una sistemazione in piano dentro cassettiere è probabilmente il sistema migliore, ma il personale deve essere attentamente istruito e controllato al fine di assicurare che il materiale non venga danneggiato quando lo si preleva o lo si ricolloca nelle cassettiere. La situazione migliorerà se le piante sono conservate in buste o cartelline. È opportuno che i magazzini di deposito siano isolati con muri e porte tagliafuoco. Qualunque sia la disposizione dei locali e la quantità delle scaffalature è buona norma numerare: i locali di deposito le file degli scaffali per ciascuna fila le colonne di palchetti che la compongono. Ciò onde poter tracciare una pianta della collocazione dei materiali dei fondi nei vari depositi. L unità di misura della documentazione archivistica è il METRO LINEARE. Esso indica la quantità di documentazione contenuta in un metro lineare di scaffalatura. Il materiale sugli scaffali va collocato dall alto verso il basso e da sinistra verso destra, ricominciando il posizionamento dall alto verso il basso nel secondo scaffale e così via. Per la custodia dei documenti, soprattutto quelli non rilegati, si usano buste di cartone nelle quali i documenti sono conservati in senso verticale, o scatole nelle quali i documenti (specie i più preziosi o quelli di formato molto vario) sono conservati in senso orizzontale.

24 390 PREVENIRE È MEGLIO CHE CURARE IL FUOCO Il fuoco costituisce la minaccia peggiore per gli archivi in quanto può essere all origine di gravissimi danni causati dal calore, dal fumo, dall acqua senza considerare ovviamente la possibilità che intere serie documentarie vadano distrutte per sempre. La prevenzione, la rilevazione e l estinzione degli incendi sono argomenti vasti e complessi. Il primo passo, anche in questo settore, risulta essere la prevenzione in quanto un documento bruciato è evidentemente irrecuperabile. In caso d incendio nei depositi d archivio i danni per i documenti sono molteplici. Infatti, oltre alle fiamme, al calore e al fumo, vi è anche il grave danno arrecato ai documenti dall acqua. È normale che, quando i Vigili del Fuoco intervengono, il loro primo pensiero sia quello di salvare le persone, mentre la salvaguardia degli archivi è un problema secondario. Occorre, quindi, tentare di evitare i rischi d incendio nei depositi, rilevare le eventuali fasi iniziali di un possibile incendio, infine combatterlo. Si cerca di evitare l incendio attraverso l impiego sistematico di materiale incombustibile e con l isolamento delle installazioni elettriche e delle possibili fonti di calore. Occorre istruire adeguatamente il personale interno ed anche le ditte che effettuano manutenzione nei locali di deposito. Occorre dotarsi di pareti, porte e finestre tagliafuoco e di scaffalature metalliche, ed è inoltre necessario isolare accuratamente i locali che contengono eventuali ascensori e/o montacarichi. Sono indispensabili installazioni appropriate: UN SISTEMA DI RILEVAZIONE INCENDI regolarmente verificato. Considerato che il fuoco può covare per ore prima di manifestarsi in quanto la carta compatta non si infiamma facilmente, sembra preferibile scegliere un sistema di rilevazione dei fumi piuttosto di uno legato all aumento di temperatura. (segue)

incisione rupestre a Massello (Torino)

incisione rupestre a Massello (Torino) Maria Barbara Bertini * PREVENIRE è meglio che CURARE ovvero giocare d anticipo invece di gridare: al lupo al lupo * Direttore dell Archivio di Stato di Milano realizzazione slides a cura di Mariagrazia

Dettagli

Archivieconomia. Brescia 15-22 ottobre 2011. 2011 a cura di Mauro Livraga 1

Archivieconomia. Brescia 15-22 ottobre 2011. 2011 a cura di Mauro Livraga 1 Archivieconomia Brescia 15-22 ottobre 2011 2011 a cura di Mauro Livraga 1 Archivieconomia: premessa I metodi di immagazzinamento, di condizionamento e di movimentazione, influiscono sulla durata del materiale

Dettagli

Cosa evitare e come conservare

Cosa evitare e come conservare Cosa evitare e come conservare Cecilia Prosperi La conservazione del patrimonio culturale è assicurata da una coerente, coordinata e programmata attività di studio, prevenzione, manutenzione e restauro.

Dettagli

Direzione Generale Organizzazione, risorse umane e tecniche

Direzione Generale Organizzazione, risorse umane e tecniche ALLEGATO A CARATTERISTICHE TECNICHE DEI LOCALI DA ADIBIRE AD ARCHIVIO DI DEPOSITO Sommario 1. Caratteristiche generali... 2 2. Ubicazione... 2 3. Strutture esterne e dimensioni... 2 4. Diapositivi di sicurezza...

Dettagli

Acquisire un archivio e altre curiosità sulla sua conservazione e catalogazione

Acquisire un archivio e altre curiosità sulla sua conservazione e catalogazione Acquisire un archivio e altre curiosità sulla sua conservazione e catalogazione Presentazione correlata al laboratorio Fare filosofia negli archivi: i Fondi Antonio Banfi e Guido Davide Neri laura.frigerio@unimi.it

Dettagli

Impianti e dispositivi di protezione antincendio. Impianti e dispositivi di protezione antincendio

Impianti e dispositivi di protezione antincendio. Impianti e dispositivi di protezione antincendio Impianti Meccanici 1 Danni provocati dagli incendi negli stabilimenti : - diretti : distruzione di macchinari, impianti, merci. - indiretti : mancata produzione Mezzi di prevenzione e Provvedimenti di

Dettagli

LA CONSERVAZIONE PREVENTIVA E I PIANI DI EMERGENZA PER LE BIBLIOTECHE E GLI ARCHIVI Paola Palermo, Università degli Studi di Bergamo, 10 marzo 2014 Accesso (fruizione) Conservazione della memoria (indiretta

Dettagli

LINEA UNIDRY. Stop alla muffa. UNISTARA DÀ NUOVO RESPIRO ALLA CASA

LINEA UNIDRY. Stop alla muffa. UNISTARA DÀ NUOVO RESPIRO ALLA CASA LINEA UNIDRY Stop alla muffa. UNISTARA DÀ NUOVO RESPIRO ALLA CASA UNIDRY Un ambiente sano e una bolletta leggera. La muffa che compare sui muri umidi (Stachybotrys) è un problema molto diffuso nelle case,

Dettagli

DAL LEGNO AL FUOCO. come ottenere una buona combustione domestica e migliorare la qualità dell aria

DAL LEGNO AL FUOCO. come ottenere una buona combustione domestica e migliorare la qualità dell aria ARPA FVG Agenzia Regionale per la Protezione dell Ambiente del Friuli Venezia Giulia DAL LEGNO AL FUOCO come ottenere una buona combustione domestica e migliorare la qualità dell aria Fumo della legna

Dettagli

POSA DEL PAVIMENTO UNICLIC Tavolati piccoli / 3 misure

POSA DEL PAVIMENTO UNICLIC Tavolati piccoli / 3 misure POSA DEL PAVIMENTO UNICLIC Tavolati piccoli / 3 misure 1) Generalità I pannelli del sistema UNICLIC si possono fissare in due diversi modi: A Per incastrare i pannelli, si possono ruotare inserendo la

Dettagli

Ciò che spegne un incendio uccide anche l uomo

Ciò che spegne un incendio uccide anche l uomo 2 Ciò che spegne un incendio uccide anche l uomo 3 ESTINZIONE DI UN INCENDIO Ciò che spegne un incendio uccide anche l uomo 4 5 6 Come si spegne un incendio 7 8 9 ESTINZIONE DI UN INCENDIO Come si spegne

Dettagli

IGIENE, SICUREZZA E NUTRIZIONE Diete speciali e celiachia nei nidi d infanzia di Modena

IGIENE, SICUREZZA E NUTRIZIONE Diete speciali e celiachia nei nidi d infanzia di Modena IGIENE, SICUREZZA E NUTRIZIONE Diete speciali e celiachia nei nidi d infanzia di Modena IGIENE E SICUREZZA ALIMENTARE NELLA RISTORAZIONE SCOLASTICA Modena 16 e 24 marzo 2010 IL PACCHETTO IGIENE Comprende

Dettagli

Dalla Spesa alla Tavola

Dalla Spesa alla Tavola Dalla Spesa alla Tavola L Igiene e la Salute in Cucina Dott.ssa M. Stella 1 L Acquisto attento dei Prodotti Alimentari Dott.ssa M. Stella 2 L Etichetta di un Prodotto Alimentare 1) denominazione di vendita

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA DEI GRANULI DI GUSCI DI NOCE

SCHEDA DI SICUREZZA DEI GRANULI DI GUSCI DI NOCE 8 revisione del 20/10/2014 SCHEDA DI SICUREZZA DEI GRANULI DI GUSCI DI NOCE 1. IDENTIFICAZIONE DEL PRODOTTO 1.1. Nome commerciale: Granuli di noce. 1.2. Nome del prodotto: Granuli di gusci di noce. 1.3.

Dettagli

La protezione attiva

La protezione attiva LEZIONE 33 La protezione attiva L insieme delle misure di protezione che richiedono l azione di un uomo o l azionamento di un impianto sono quelle finalizzate alla precoce rilevazione dell incendio, alla

Dettagli

Sistema antimuffa per interni. Vivere bene in un ambiente sano

Sistema antimuffa per interni. Vivere bene in un ambiente sano Sistema antimuffa per interni Vivere bene in un ambiente sano Effetti negativi della muffa Muffa: cos è in realtà? Muffa è un termine generico per indicare tante diverse tipologie di funghi. La muffa consiste

Dettagli

Impianti e dispositivi di protezione antincendio. Impianti industriali 2-2012 1

Impianti e dispositivi di protezione antincendio. Impianti industriali 2-2012 1 Impianti industriali 2-2012 1 RIFERIMENTI NORMATIVI D.M.10/03/98 Criteri generali di sicurezza e per la gestione dell emergenza nei luoghi di lavoro D.M.04/04/98 Elenco attività normate (soggette a CPI)

Dettagli

Corso per alimentaristi

Corso per alimentaristi La sicurezza degli alimenti intesa sia come sicurezza igienica che come sicurezza nutrizionale è una responsabilità che non riguarda soltanto l'industria alimentare, ma tutti gli attori della catena di

Dettagli

Gestione e conservazione preventiva

Gestione e conservazione preventiva Gestione e conservazione preventiva Perchè 100 passi? Abbiamo selezionato e segnalato 100 azioni che tutti coloro che in biblioteca hanno a che fare con i libri dovrebbero mettere in pratica. Lo scopo

Dettagli

ISTRUZIONI DI MONTAGGIO SAUNA FINLANDESE

ISTRUZIONI DI MONTAGGIO SAUNA FINLANDESE ISTRUZIONI DI MONTAGGIO SAUNA FINLANDESE 1 Gentile cliente: Con lo scopo di aiutarla a conoscere meglio e ad usare in modo appropriato la nostra sauna, la preghiamo di leggere attentamente il manuale seguente.

Dettagli

Al fine di agevolare le attività di ristorazione e offrire ai consumatori prodotti igienicamente sicuri è necessario considerare:

Al fine di agevolare le attività di ristorazione e offrire ai consumatori prodotti igienicamente sicuri è necessario considerare: Aspetti generali Al fine di agevolare le attività di ristorazione e offrire ai consumatori prodotti igienicamente sicuri è necessario considerare: la progettazione dei locali e delle strutture l organizzazione

Dettagli

Tinozza vasca da bagno in legno massello Istruzioni di montaggio 1/9

Tinozza vasca da bagno in legno massello Istruzioni di montaggio 1/9 Tinozza vasca da bagno in legno massello 1/9 Tinozza vasca da bagno in legno massello 2/9 Tinozza vasca da bagno in legno massello 3/9 Tinozza vasca da bagno in legno massello 4/9 Tinozza vasca da bagno

Dettagli

Relatore: Dott. Lazzaro Palumbo Rischio medio 8 ore PERCHÉ FREQUENTARE UN CORSO ANTINCENDIO? Il rischio incendio è uno dei maggiori rischi per i luoghi di lavoro Non esistono attività lavorative a rischio

Dettagli

ISTRUZIONI PREVENTIVE ANTINCENDIO A TUTTO IL PERSONALE

ISTRUZIONI PREVENTIVE ANTINCENDIO A TUTTO IL PERSONALE ISTRUZIONI PREVENTIVE ANTINCENDIO A TUTTO IL PERSONALE MISURE PREVENTIVE PER TUTTI I LAVORATORI E vietato depositare e manipolare sostanze infiammabili in quantità superiori alla normale dotazione prevista.

Dettagli

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?»

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?» 1 a STRATEGIA EVITARE LA CONTAMINAZIONE conoscere «DOVE SI TROVANO I BATTERI?» I batteri si trovano ovunque nell ambiente (aria, acqua, suolo ed esseri viventi): Sono presenti sulle materie prime, ad es.

Dettagli

L incendio è una combustione della quale si è perso il controllo con i mezzi ordinari e bisogna fronteggiarlo con mezzi straordinari.

L incendio è una combustione della quale si è perso il controllo con i mezzi ordinari e bisogna fronteggiarlo con mezzi straordinari. Corso Per Addetto Antincendio pag. 15 CAPITOLO 3 LA COMBUSTIONE e L INCENDIO Per combustione si intende una reazione chimica di una sostanza combustibile con un comburente che da luogo allo sviluppo di

Dettagli

info I pellet di legno Promemoria Clima riscaldamento Settembre 2011 Requisiti tecnici Locale di stoccaggio

info I pellet di legno Promemoria Clima riscaldamento Settembre 2011 Requisiti tecnici Locale di stoccaggio Promemoria Clima riscaldamento info Settembre 2011 Requisiti tecnici I pellet di legno Locale di stoccaggio La capacità del locale di stoccaggio dovrebbe consentire il deposito di una scorta di pellet

Dettagli

AZIONI DI RISPARMIO TERMICO

AZIONI DI RISPARMIO TERMICO AZIONI DI RISPARMIO TERMICO La maggior parte degli edifici esistenti sono caratterizzati da elevati consumi termici, sia a causa delle dispersioni di calore per trasmissione attraverso le pareti, i tetti,

Dettagli

Il fenomeno condensa

Il fenomeno condensa Il fenomeno condensa La condensa è un fenomeno naturale molto frequente e presente in vari tipi di abitazioni; è un fenomeno piuttosto fastidioso ed insidioso, anche perché comporta effetti negativi dannosi

Dettagli

LE SOSTANZE PERICOLOSE

LE SOSTANZE PERICOLOSE SICUREZZA NELLA CASE Incontro informativo a cura dei vigili del fuoco L INCENDIO LE SOSTANZE PERICOLOSE IL RISCHIO ELETTRICO IL GAS COMBUSTIBILE ALTRI RISCHI DOMESTICI COSA FARE IN CASO DI LE SOSTANZE

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA Secondo il Regolamento europeo 1907/2006/CE

SCHEDA DI SICUREZZA Secondo il Regolamento europeo 1907/2006/CE 1/6 Secondo il Regolamento europeo 1907/2006/CE 1 - Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa Denominazione commerciale: ACIDE D,L-MALIQUE Impiego: Preparato per uso enologico

Dettagli

3. Funzione di prevenzione della sovraccarica

3. Funzione di prevenzione della sovraccarica Italiano 57 INDICE 1. Funzioni...59 2. Prima dell uso...59 3. Funzione di prevenzione della sovraccarica...59 4. Regolazione dell ora...60 5. Durata della ricarica...61 6. Note sul maneggio degli orologi

Dettagli

MANUALE GENERALE D INSTALLAZIONE PER MODULI FV SENSOTEC

MANUALE GENERALE D INSTALLAZIONE PER MODULI FV SENSOTEC MANUALE GENERALE D INSTALLAZIONE PER MODULI FV SENSOTEC 1. INTRODUZIONE Il presente manuale d installazione contiene importanti informazioni per l installazione elettrica e meccanica dei moduli FV SENSOTEC

Dettagli

RISANAMENTO DEGLI EDIFICI ESISTENTI E N E R G E T I C O. Vantaggi immediati per un futuro migliore

RISANAMENTO DEGLI EDIFICI ESISTENTI E N E R G E T I C O. Vantaggi immediati per un futuro migliore COSTRUZIONI E RISTRUTTURAZIONI CON PARAMETRI CASA CLIMA A BASSOCONSUMO E N E R G E T I C O RISANAMENTO DEGLI EDIFICI ESISTENTI Vantaggi immediati per un futuro migliore Strada Comunale Gelati, 5 29025

Dettagli

IL RISCHIO INCENDIO IL RISCHIO INCENDIO CAUSE DI INCENDI

IL RISCHIO INCENDIO IL RISCHIO INCENDIO CAUSE DI INCENDI IL RISCHIO INCENDIO Dopo aver affrontato (in parte) i temi della sicurezza trattati nel Decreto Legislativo 81/2008 affrontiamo adesso uno dei rischi più frequenti e pericolosi che potremmo trovarci di

Dettagli

Informazioni Tecniche SOLARCLIN. Liquido di Depurazione per i Sistemi Solari Termici

Informazioni Tecniche SOLARCLIN. Liquido di Depurazione per i Sistemi Solari Termici Informazioni Tecniche SOLARCLIN Liquido di Depurazione per i Sistemi Solari Termici Applicazioni per i prodotti TYFO Energia rinnovabile Gli impianti solari termici richiedono requisiti stringenti sulle

Dettagli

ideale per la pulizia interna e esterna di tutte le autovetture rinnovamento di tessuti, tappeti e divani desert steam gun

ideale per la pulizia interna e esterna di tutte le autovetture rinnovamento di tessuti, tappeti e divani desert steam gun steam mop Unifica il potere di pulizia del vapore con la tecnologia delle microfibre, capaci di catturare sporco e polvere grazie alla carica elettrostatica. Steam mop offre una pratica soluzione per un

Dettagli

MASSIMIZZARE L ACQUISTO come ottenere il meglio dai nuovi infissi

MASSIMIZZARE L ACQUISTO come ottenere il meglio dai nuovi infissi MASSIMIZZARE L ACQUISTO come ottenere il meglio dai nuovi infissi IL CONFORT Il confort all interno degli edifici è dato dalla somma di diversi fattori: l isolamento termo-acustico, la luminosità, la temperatura

Dettagli

2. I mobili e gli arredi devono essere disposti in modo da consentire agevoli spostamenti, lasciando libero l accesso ai locali.

2. I mobili e gli arredi devono essere disposti in modo da consentire agevoli spostamenti, lasciando libero l accesso ai locali. DISPOSIZIONI IN MATERIA DI SICUREZZA PERSONALE DOCENTE E ATA: istruzioni sull uso di mobili ed arredi, attrezzature e macchine, apparecchiature elettriche. Si evidenziano di seguito le istruzioni sull

Dettagli

Cristina Covizzi. Corso di aggiornamento ANAI-Veneto Padova, 27 aprile 2009

Cristina Covizzi. Corso di aggiornamento ANAI-Veneto Padova, 27 aprile 2009 Cristina Covizzi Corso di aggiornamento ANAI-Veneto Padova, 27 aprile 2009 1 programmazione Valutare Pianificare Agire 2 Analisi preliminare volta alla pianificazione degli interventi da compiere Fase

Dettagli

Lezione n. 2. La Protezione Antincendio. 1 A parte.

Lezione n. 2. La Protezione Antincendio. 1 A parte. Lezione n. 2 La Protezione Antincendio. 1 A parte. La Protezione Antincendio. Come già accennato la protezione antincendio consiste nell insieme delle misure finalizzate alla riduzione dei danni conseguenti

Dettagli

Scheda di sicurezza CANDOGEN 2B SCHEDA DI SICUREZZA

Scheda di sicurezza CANDOGEN 2B SCHEDA DI SICUREZZA SCHEDA DI SICUREZZA 1.0 IDENTIFICAZIONE PRODOTTO E SOCIETA' 1.1 Nome commerciale 1.2 Impieghi Riducente per l industria tessile. 1.3 Produttore ed assistenza DATT CHIMICA SRL Via Clerici, 16 22070 Bulgarograsso

Dettagli

CLASSIFICAZIONE INCENDI

CLASSIFICAZIONE INCENDI Lucidi lezione "Normativa Antincendio" Conformità edifici civili ed industriali alle norme di prevenzione incendi. Fase progettuale: - Vie di esodo - Autorimesse - Locali per impianti tecnologici (CT,

Dettagli

Istruzioni D Uso Tau Steril 2000 Automatic

Istruzioni D Uso Tau Steril 2000 Automatic Pag. 1 di 6 Istruzioni D Uso Tau Steril 2000 Automatic CEE 0426 DIRETTICTIVA 93/42 DISPOSITIVI MEDICI Pag. 2 di 6 INDICE Numero Titolo Pagina 1 Avvertenze 3 2 Introduzione 3 2.1 Riferimenti Normativi 3

Dettagli

LEZIONE 4. Indice CORSO E-LEARNING LEZIONE 4

LEZIONE 4. Indice CORSO E-LEARNING LEZIONE 4 CORSO E-LEARNING LEZIONE 4 Indice Efficienza Energetica negli Edifici o Infissi esterni o Progettazione bioclimatica o Consigli per incrementare l efficienza energetica Note sui diritti d autore Il presente

Dettagli

LIBRETTO INSTALLAZIONE, USO E MANUTENZIONE. Vasca IDROMASSAGGIO. Note importanti: Manuale uso e manutenzione box doccia

LIBRETTO INSTALLAZIONE, USO E MANUTENZIONE. Vasca IDROMASSAGGIO. Note importanti: Manuale uso e manutenzione box doccia LIBRETTO INSTALLAZIONE, USO E MANUTENZIONE Vasca IDROMASSAGGIO Note importanti: L installazione deve eseguita da personale qualificato, la ditta importatrice declina ogni responsabilità in merito alla

Dettagli

TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO. Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future.

TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO. Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future. TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future. ATTENZIONE: Utilizzare il prodotto solo per l uso al quale

Dettagli

Alle nostre latitudini la domanda di

Alle nostre latitudini la domanda di minergie Protezioni solari con lamelle, in parte fisse, e gronde Benessere ter edifici ed effi Nella società contemporanea trascorriamo la maggior parte del nostro tempo in spazi confinati, in particolare

Dettagli

Guida Tecnica MEFA. Antisismica per: Impianti di Ventilazione Impianti Elettrici e Speciali Impianti di Distribuzione dei Fluidi Impianti Antincendio

Guida Tecnica MEFA. Antisismica per: Impianti di Ventilazione Impianti Elettrici e Speciali Impianti di Distribuzione dei Fluidi Impianti Antincendio Guida Tecnica MEFA Antisismica per: Impianti di Ventilazione Impianti Elettrici e Speciali Impianti di Distribuzione dei Fluidi Impianti Antincendio Rev.0 Marzo_2011 MEFA Italia S.r.l. Via G.B. Morgagni,

Dettagli

OROLOGIO SEIKO AUTOMATICO PER SUBACQUEI Cal. 7S26, 7S36

OROLOGIO SEIKO AUTOMATICO PER SUBACQUEI Cal. 7S26, 7S36 INDICE Pag. CARATTERISTICHE... 38 AVVIO INIZIALE DELL OROLOGIO... 39 PREDISPOSIZIONE DELL ORA E DEL CALENDARIO... 40 CALOTTA ROTANTE... 41 PRECAUZIONI... 42 NOTE SULL USO DELL OROLOGIO... 43 PER MANTENERE

Dettagli

IMPIANTI DI PROTEZIONE ATTIVA IMPIANTI DI ESTINZIONE INCENDI

IMPIANTI DI PROTEZIONE ATTIVA IMPIANTI DI ESTINZIONE INCENDI IMPIANTI DI PROTEZIONE ATTIVA IMPIANTI DI ESTINZIONE INCENDI IMPIANTI DI PROTEZIONE ATTIVA IMPIANTI DI ESTINZIONE INCENDI NORMATIVA DI RIFERIMENTO: DM 20-12-2012 (GU n.3 del 4-1-2013) Regola tecnica di

Dettagli

MANUALE DI USO E MANUTENZIONE PER SERRAMENTI E CHIUSURE OSCURANTI

MANUALE DI USO E MANUTENZIONE PER SERRAMENTI E CHIUSURE OSCURANTI MANUALE DI USO E MANUTENZIONE PER SERRAMENTI E CHIUSURE OSCURANTI Per una buona e corretta manutenzione dei serramenti e delle chiusure oscuranti in alluminio si prega di leggere e conservare questo manuale.

Dettagli

EN 14604. ES-D5A Rilevatore di fumo wireless. www.etiger.com TEST ALARM

EN 14604. ES-D5A Rilevatore di fumo wireless. www.etiger.com TEST ALARM EN 14604 TEST ALARM ES-D5A Rilevatore di fumo wireless www.etiger.com IT Specifiche - Alimentazione: Batteria da 9 V - Corrente (standby): 10 ua - Corrente di funzionamento: 40 ma - Sensibilità al fumo:

Dettagli

Forno elettrico ventilato HFV3412. European standard quality

Forno elettrico ventilato HFV3412. European standard quality Forno elettrico ventilato HFV3412 European standard quality IMPORTANTI NORME DI SICUREZZA Quando si utilizza un apparecchio elettrico vanno rispettate alcune note di sicurezza, comprese le seguenti: 1.

Dettagli

SCHEDA DATI DI SICUREZZA

SCHEDA DATI DI SICUREZZA SCHEDA DATI DI SICUREZZA 1. Identificazione del prodotto e della società Nome preparato: BIXAN MG Polvere insetticida microgranulare Società: EUROEQUIPE srl Via del Lavoro, 3-40056 Crespellano (BO) Telefono

Dettagli

AlfaAdd. Prodotto di pulizia per scambiatori di calore

AlfaAdd. Prodotto di pulizia per scambiatori di calore AlfaAdd Prodotto di pulizia per scambiatori di calore La formazione di depositi sulle superfici degli scambiatori di calore è un problema che si riscontra frequentemente in quasi tutte le applicazioni.

Dettagli

Istruzioni d uso, manutenzione e cura di finestre e porte in legno

Istruzioni d uso, manutenzione e cura di finestre e porte in legno Gentili Signore e Signori, ci complimentiamo con Voi per le Vostre nuove finestre e/o porte e Vi ringraziamo per la fiducia che ci avete accordato. Per rendere durevole la Vostra soddisfazione nel nuovo

Dettagli

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI INTRODUZIONE Le dimensioni delle cabine degli ascensori devono rispettare valori minimi stabiliti dalle normative vigenti, dipendenti dalla particolare

Dettagli

Ai collaboratori scolastici

Ai collaboratori scolastici Ai collaboratori scolastici Comportamenti da seguire in caso di incendio Il piano di emergenza è uno strumento operativo attraverso il quale si adottano le operazioni da compiere in caso di evacuazione,

Dettagli

CUCINE ELETTRICHE / FORNO ELETTRICO SERIE "7" Mod. PCEM 70 CFEM 70. Cod. 252.117.00

CUCINE ELETTRICHE / FORNO ELETTRICO SERIE 7 Mod. PCEM 70 CFEM 70. Cod. 252.117.00 ~ ~ CUCINE ELETTRICHE / FORNO ELETTRICO SERIE "7" Mod. PCEM 70 CFEM 70 Cod. 252.117.00 INDICE Paragrafo ISTRUZIONI PER L'ISTALLATORE 1 Rispondenza alle direttive CEE 1.1 Schemi di installazione 1.2 Schemi

Dettagli

SCHEDA DEI DATI DI SICUREZZA

SCHEDA DEI DATI DI SICUREZZA Pagina 1 di 9 SCHEDA DEI DATI DI SICUREZZA NITRATO POTASSICO / MULTIGREEN NK 13.0.46 1. Identificazione del prodotto e dell azienda 1.1. Identificazione della sostanza / preparato: - Denominazione NITRATO

Dettagli

Come si monta uno scambiatore di calore a piastre?

Come si monta uno scambiatore di calore a piastre? Pagina 1 di 5 Come si monta uno scambiatore di calore a piastre? Gli scambiatori a piastre saldobrasati devono essere installati in maniera da lasciare abbastanza spazio intorno agli stessi da permettere

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA Data di revisione: 30/06/2009

SCHEDA DI SICUREZZA Data di revisione: 30/06/2009 SCHEDA DI SICUREZZA Data di revisione: 30/06/2009 1. IDENTIFICAZIONE DEL PREPARATO E DELLA SOCIETA 1.1 Descrizione commerciale: GRASSELLO 1.2 Usi previsti: Settore industriale: Edilizia Tipo di Impiego:

Dettagli

GUIDA ALL INSTALLAZIONE DI CANALI DA FUMO PER STUFE A LEGNA E A PELLET

GUIDA ALL INSTALLAZIONE DI CANALI DA FUMO PER STUFE A LEGNA E A PELLET GUIDA ALL INSTALLAZIONE DI CANALI DA FUMO PER STUFE A LEGNA E A PELLET www.savefumisteria.it INDICE NORMATIVE Pag. 3 REQUISITI DI UN CANALE DA FUMO DA INSTALLARE SU STUFE A LEGNA O PELLET Pag. 5 IL TUBO

Dettagli

Informazione e Formazione. Regolamento sull uso e conservazione dei

Informazione e Formazione. Regolamento sull uso e conservazione dei Regolamento sull uso e conservazione dei prodotti di pulizia Il presente Regolamento si prefigge di fornire utili indicazioni ai collaboratori scolastici: sulla prevenzione contro il rischio chimico derivante

Dettagli

T.d.P. Fabozzi Marco ASS 4 "Medio Friuli"

T.d.P. Fabozzi Marco ASS 4 Medio Friuli ANTINCENDIO Cos è il fuoco? Cosa si può fare in caso di incendio? Come ci si deve comportare in caso di incendio? Cosa ci serve per fare il fuoco?? COMBUSTIBILE: carta, legno, vari gas, benzina, olii,

Dettagli

AZIENDA USL ROMA H Dipartimento di Prevenzione Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione

AZIENDA USL ROMA H Dipartimento di Prevenzione Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione VERBALE DI SOPRALLUOGO PER LA VERIFICA DELLE ATTIVITA DEL SETTORE ALIMENTARE SOGGETTE A REGISTRAZIONE AI SENSI DEL REGOLAMENTO (CE) N. 852/2004 (esclusa produzione primaria) D.I.A. N del ATTIVITA : Reg.

Dettagli

2. PRECAUZIONI DI SICUREZZA

2. PRECAUZIONI DI SICUREZZA INDICE 1. Prefazione 2 2. Precauzioni di sicurezza 3 3. Struttura.. 4 4. Modo d uso. 5 a) Controllo ausiliario e display LED... 5 b) Telecomando.. 6 c) Modo d uso 7 5. Manuale operativo.. 11 6. Manutenzione.

Dettagli

Il processo di prosciugamento: la Fase di Evaporazione, di Deumidificazone e l Effetto dei Sali

Il processo di prosciugamento: la Fase di Evaporazione, di Deumidificazone e l Effetto dei Sali Il processo di prosciugamento: la Fase di Evaporazione, di Deumidificazone e l Effetto dei Sali Il processo di prosciugamento, dopo l'installazione del dispositivo Aquapol, si compone di fasi: La Fase

Dettagli

MANUALE D USO STAZIONE DI RECUPERO DI REFRIGERANTE

MANUALE D USO STAZIONE DI RECUPERO DI REFRIGERANTE MANUALE D USO STAZIONE DI RECUPERO DI REFRIGERANTE COD. 11131104-11131106 INDICE NORME GENERALI DI SICUREZZA 3 SPECIFICHE 4 PROCEDURA STANDARD PER IL RECUPERO DI FLUIDI/VAPORI 4 PROCEDURA DI SCARICO AUTOMATICO

Dettagli

LA CURA CHE ALLUNGA LA VITA DELLA TUA PORTA. MANUALE D USO della porta blindata Mexall 1

LA CURA CHE ALLUNGA LA VITA DELLA TUA PORTA. MANUALE D USO della porta blindata Mexall 1 LA CURA CHE ALLUNGA LA VITA DELLA TUA PORTA MANUALE D USO della porta blindata Mexall Indice pag. 5 pag. 6 pag. 7 pag. 8 pag. pag. pag. 4 pag. 7 La tua porta blindata Istruzioni per l uso La manutenzione

Dettagli

CALORE. Sistemi produzione. In tutti i Paesi sviluppati, la lotta contro gli incendi

CALORE. Sistemi produzione. In tutti i Paesi sviluppati, la lotta contro gli incendi Sistemi produzione CALORE di Marco Albanese, responsabile Ufficio Salute, Sicurezza e Ambiente - Rimessaggio del Tirreno Srl La prevenzione degli incendi garantisce la sicurezza degli edifici In tutti

Dettagli

14 Marzo 2013 Milano, Palazzo ex Stelline, Sala Bramante

14 Marzo 2013 Milano, Palazzo ex Stelline, Sala Bramante La collaborazione fra Istituzione e azienda privata quando le necessità incontrano le soluzioni, condividendo il comune obiettivo di salvaguardia del patrimonio Bresciani srl Milano Relatore: Vittorio

Dettagli

Taglierina elettrica K3952

Taglierina elettrica K3952 Taglierina elettrica K3952 INDICE ISTRUZIONI PER LA SICUREZZA... 3 INSTALLAZIONE... 4 DESCRIZIONE DEL FUNZIONAMENTO... 4 SPECIFICHE TECNICHE DELLE TAGLIERINE ELETTRICHE... 4 TRASPORTO... 5 SISTEMAZIONE

Dettagli

Copcal KDS-FW5. essiccatoio per legna da ardere

Copcal KDS-FW5. essiccatoio per legna da ardere Copcal KDS-FW5 essiccatoio per legna da ardere Copcal KDS-FW5 Legna da ardere secca e di alta qualità La legna da ardere è un ottimo combustibile sempre più richiesto per il riscaldamento di abitazioni

Dettagli

Utilizzo in sicurezza dell elettricità

Utilizzo in sicurezza dell elettricità Pag. 1/8 Utilizzo in sicurezza dell tà Pag. 2/8 1. SCOPO DELLA PROCEDURA Prevenire i rischi principali connessi all impiego dell tà, che corrispondono all azione delle correnti elettriche sulle due più

Dettagli

L incendio. Caratteristiche fisiche dell incendio Parte 1

L incendio. Caratteristiche fisiche dell incendio Parte 1 L incendio Caratteristiche fisiche dell incendio Parte 1 Generalità sugli incendi La combustione Le principali cause di incendio Sostanze estinguenti Dinamica dell'incendio I rischi per le persone e l'ambiente

Dettagli

PRECAUZIONI E SUGGERIMENTI GENERALI PAGINA 48

PRECAUZIONI E SUGGERIMENTI GENERALI PAGINA 48 10042000dI.fm5 Page 46 Monday, February 14, 2005 9:12 AM I INDICE PRIMA DI USARE IL CONGELATORE PAGINA 47 CONSIGLI PER LA SALVAGUARDIA DELL AMBIENTE PAGINA 47 PRECAUZIONI E SUGGERIMENTI GENERALI PAGINA

Dettagli

PROCEDURE DI SICUREZZA DA ADOTTARE NELL UTILIZZO DI BOMBOLE DI GAS COMPRESSI

PROCEDURE DI SICUREZZA DA ADOTTARE NELL UTILIZZO DI BOMBOLE DI GAS COMPRESSI UFFICI AMMINISTRATIVI SERVIZIO PREVENZIONE PROTEZIONE Lungarno Pacinotti, 44 56100 Pisa Tel. 050/2212140 Fax 050/2212663 E-mail spp@adm.unipi.it PROCEDURE DI SICUREZZA DA ADOTTARE NELL UTILIZZO DI BOMBOLE

Dettagli

Riparazione e Manutenzione

Riparazione e Manutenzione Riparazione e Manutenzione Ampia selezione in una singola marca. Esclusivi design duraturi. Prestazioni rapide e affidabili. Descrizione Versioni Pagina Pompe prova impianti 2 9.2 Congelatubi 2 9.3 Pompe

Dettagli

Nelle etichette devono essere riportati in modo chiaro gli ingredienti e la data di scadenza.

Nelle etichette devono essere riportati in modo chiaro gli ingredienti e la data di scadenza. COME SI PRESENTA IL PRODOTTO: Fare attenzione alle alterazioni visibili: il prodotto alterato può cambiare colore, odore, sapore, aspetto può cambiare consistenza o presentare tracce di muffe la confezione

Dettagli

Sepsi. Presenza di agenti patogeni sulla cute o su altri tessuti viventi.

Sepsi. Presenza di agenti patogeni sulla cute o su altri tessuti viventi. La Disinfezione Disinfettanti. Sostanze che combattono, con meccanismo specifico e mediante applicazione diretta, i microrganismi responsabili delle infezioni. Pulizia Rimozione meccanica dello sporco

Dettagli

LIBRETTO DI ISTRUZIONI, PER USO E MANUTENZIONE CENTRO DI ASSISTENZA RIVENDITORE AUTORIZZATO

LIBRETTO DI ISTRUZIONI, PER USO E MANUTENZIONE CENTRO DI ASSISTENZA RIVENDITORE AUTORIZZATO LIBRETTO DI ISTRUZIONI, PER USO E MANUTENZIONE CENTRO DI ASSISTENZA RIVENDITORE AUTORIZZATO Roller 16 1 PREMESSA - Il presente manuale è stato redatto per fornire al Cliente tutte le informazioni sulla

Dettagli

MIRADOR Ditta: SCAM S.r.l. Strada Bellaria, 164 41010 - S.MARIA MUGNANO - MODENA (Tel. 059/586511 - Fax 059/460133)

MIRADOR Ditta: SCAM S.r.l. Strada Bellaria, 164 41010 - S.MARIA MUGNANO - MODENA (Tel. 059/586511 - Fax 059/460133) S C A M S.r.l. Pag. 1 di 5 SCHEDA DI SICUREZZA 1. Denominazione della sostanza/preparato e della Ditta (Registr. n. 11624 del 11/03/2003) MIRADOR Ditta: SCAM S.r.l. Strada Bellaria, 164 41010 - S.MARIA

Dettagli

due LA SICUREZZA DEGLI APPARECCHI DOMESTICI CASA sicura GUIDA ALLA SICUREZZA NELL AMBIENTE DOMESTICO

due LA SICUREZZA DEGLI APPARECCHI DOMESTICI CASA sicura GUIDA ALLA SICUREZZA NELL AMBIENTE DOMESTICO due GUIDA ALLA SICUREZZA NELL AMBIENTE DOMESTICO CASA sicura LA SICUREZZA DEGLI APPARECCHI DOMESTICI Ministero delle Attività Produttive Direzione Generale Armonizzazione Mercati e Tutela Consumatori www.casasicura.info

Dettagli

Protezione dal Fuoco. Linee Guida per l Installazione e la Movimentazione dei Vetri Resistenti al Fuoco. Pilkington Pyrostop Pilkington Pyrodur

Protezione dal Fuoco. Linee Guida per l Installazione e la Movimentazione dei Vetri Resistenti al Fuoco. Pilkington Pyrostop Pilkington Pyrodur Protezione dal Fuoco Linee Guida per l Installazione e la Movimentazione dei Vetri Resistenti al Fuoco Pilkington Pyrostop Pilkington Pyrodur Indice 1.0 Informazioni Generali sul Prodotto pag. 3 2.0 Sistemi

Dettagli

A B C. dell ANTINCENDIO SANDRO MARINELLI

A B C. dell ANTINCENDIO SANDRO MARINELLI SANDRO MARINELLI A B C dell ANTINCENDIO Informazione dei lavoratori ai sensi degli artt. 36 e 37 Titolo I, Sez. IV, del D.Lgs. 9 aprile 2008 n. 81 e s.m., e del D.M. 10 marzo 1998 1 A B C dell INFORMAZIONE

Dettagli

OROLOGIO ANALOGICO SEIKO AL QUARZO

OROLOGIO ANALOGICO SEIKO AL QUARZO INDICE Pagina CARATTERISTICHE... 72 INDICAZIONI DEL QUADRANTE E FUNZIONAMENTO DELLA CORONA... 74 MODALITÀ DI RICARICA ED AVVIO DELL OROLOGIO... 75 NOTE SULLA CARICA E RICARICA... 77 FUNZIONE DI PREAVVISO

Dettagli

LA TERMOGRAFIA AD INFRAROSSI PER IL SETTORE DELL EDILIZIA

LA TERMOGRAFIA AD INFRAROSSI PER IL SETTORE DELL EDILIZIA Servizi di Termografia Impianti di Teletermografia Vendita e Noleggio Termocamere Corsi di formazione Normative ASNT ed EN473 LA TERMOGRAFIA AD INFRAROSSI PER IL SETTORE DELL EDILIZIA Qual è il vantaggio

Dettagli

SICUREZZA DELLE SCAFFALATURE

SICUREZZA DELLE SCAFFALATURE SOMMARIO SOMMARIO... 2 1. SCOPO... 3 2. CAMPO DI APPLICAZIONE... 3 3. TERMINOLOGIE E ACRONIMI... 3 4. DESTINATARI DELL ATTUAZIONE DELLA PROCEDURA... 4 5. MODALITÀ OPERATIVE... 4 5.1. CRITERI TECNICI PER

Dettagli

COMPONENTI STERILIZZATORE MEBBY MONO

COMPONENTI STERILIZZATORE MEBBY MONO COMPONENTI STERILIZZATORE MEBBY MONO IT 1 - Coperchio 2 - Griglia porta accessori 3 - Supporto biberon 4 - Vano porta biberon 5 - Vaschetta di raccolta dell acqua 7 - Pinza 6 - Piastra riscaldante 8 -

Dettagli

S.I.P.E.S.p.A. Società Italiana Prodotti Espansi

S.I.P.E.S.p.A. Società Italiana Prodotti Espansi SCHEDA DI SICUREZZA 2008 POLISTIRENE ESPANSO SINTERIZZATO (EPS RF) TIPO AUTOESTINGUENTE 1. IDENTIFICAZIONE DEL PRODOTTO E DEL PRODUTTORE STIROLAMBDA RF Nome Prodotto: Codice prodotto: ---------------------------------------------------------------------

Dettagli

e-mergency. Virtual learning per la formazione ai piani di emergenza per biblioteche e archivi.

e-mergency. Virtual learning per la formazione ai piani di emergenza per biblioteche e archivi. Dottorato di ricerca in e-learning Università G.d Annunzio Chieti Università Telematica Leonardo da Vinci UNIDAV e-mergency. Virtual learning per la formazione ai piani di emergenza per biblioteche e archivi.

Dettagli

TATUAGGIO E PIERCING REQUISITI DEI LOCALI GESTIONE DELLE ATTREZZATURE GESTIONE DEI RIFIUTI

TATUAGGIO E PIERCING REQUISITI DEI LOCALI GESTIONE DELLE ATTREZZATURE GESTIONE DEI RIFIUTI TATUAGGIO E PIERCING REQUISITI DEI LOCALI GESTIONE DELLE ATTREZZATURE GESTIONE DEI RIFIUTI A. Cosa dice la Legge? Articolo della DGR 464/2007 E opportuno che gli ambienti destinati a 1. sala d attesa 2.

Dettagli

IMPIANTO IDRICO-SANITARIO. Immagine tratta dal libro TECNOLOGIA del prof. Gianni Arduino

IMPIANTO IDRICO-SANITARIO. Immagine tratta dal libro TECNOLOGIA del prof. Gianni Arduino IMPIANTO IDRICO-SANITARIO Per la serie impianti indispensabili per le abitazioni, parliamo di impianto idrico-sanitario, ossia di quell impianto che rifornisce le abitazioni di acqua potabile. Purtroppo

Dettagli

RASENA è alimentata con elettricità, pertanto è estremamente pulita, dato che non emette alcun fumo o vapore, non necessita di canna fumaria, di

RASENA è alimentata con elettricità, pertanto è estremamente pulita, dato che non emette alcun fumo o vapore, non necessita di canna fumaria, di RASENA è una pompa di calore geotermica di concezione completamente nuova che estrae energia dal terreno per fornire, in modo economico e pulito, riscaldamento, raffrescamento, acqua calda sanitaria, riscaldamento

Dettagli

MiglioraLaVita Beghelli

MiglioraLaVita Beghelli Trattamento Aria 159 Trattamento aria MiglioraLaVita Beghelli 160 MiglioraLaVita Beghelli Ionizzatore d aria Ionizzatore per migliorare la qualità dell'aria, aspirare e abbattere il fumo da sigaretta e

Dettagli

SOSTANZE PERICOLOSE: Istruzioni per l uso. Introduzione

SOSTANZE PERICOLOSE: Istruzioni per l uso. Introduzione Introduzione Il presente lavoro consta in una serie di schede informative sulle corrette modalità di gestione delle sostanze pericolose ed è indirizzato ai lavoratori dei diversi comparti produttivi. Esso

Dettagli

Manuale d uso e manutenzione di serramenti in alluminio

Manuale d uso e manutenzione di serramenti in alluminio Sede Legale: 24050 Lurano(BG)-Via E.Fermi, 10 COSERAL s.r.l c.c.i.a.a. Bg n. 260302 Reg. Soc. Trib. Bg N. 40568-Vol 39617 Uffici e Laboratorio: Cap. Soc. 30987,41 int. vers. 24050 LURANO (BG) C.F e partita

Dettagli

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Denominazione: Ferro III Cloruro 6-idrato 1.2 Nome della societá o ditta: PANREAC

Dettagli