FORMAZIONE PROFESSIONALE DEI RESPONSABILI DELL INDUSTRA ALIMENTARE (RIA)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "FORMAZIONE PROFESSIONALE DEI RESPONSABILI DELL INDUSTRA ALIMENTARE (RIA)"

Transcript

1 2

2 AGOSTINO MESSINEO* - PAOLA ABETTI** - DONATELLA VARRENTI*** MAURIZIO ZAMPETTI**** La sicurezza alimentare è legata ai diversi passaggi della catena produttiva, ma molto dipende anche dalle nozioni degli addetti ai lavori riguardo l igiene degli alimenti. Verifichiamo lo stato dell arte sulla formazione dei RIA (Responsabili Industria Alimentare) tramite questa indagine svolta degli operatori di una ASL laziale G li stili di vita attuali sono enormemente diversi rispetto al passato. Il ritmo frenetico della vita moderna e l aumento delle persone che vivono da sole, delle famiglie monoparentali (con un solo genitore) e delle donne che lavorano hanno determinato cambiamenti nella preparazione del cibo e nelle abitudini di consumo. Una conseguenza positiva è il rapido progresso della tecnologia alimentare e delle tecniche di lavorazione e imballaggio, per contribuire a garantire la sicurezza e la salubrità della catena alimentare, oltre che a una maggiore praticità dei cibi. Malgrado tutti questi progressi, la contaminazione nella catena alimentare è comunque possibile, a causa di agenti presenti in natura o introdotti incidentalmente oppure di procedure scorrette. In ultima analisi, la qualità e la sicurezza del cibo dipende dagli sforzi di tutte le persone coinvolte nella complessa catena della produzione agricola, della lavorazione, del trasporto, della preparazione e del consumo. In base alla definizione sintetica dell Unione Europea e dell Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), la sicurezza alimentare è una responsabilità condivisa dal campo alla tavola. Per mantenere la qualità e la sicurezza degli alimenti in tutta la catena alimentare sono necessarie, da un lato, procedure operative per garan- tire la salubrità dei cibi e, dall altro, sistemi di monitoraggio per garantire che le operazioni vengano effettuate correttamente. Spetta all industria alimentare soddisfare le aspettative del consumatore in termini di sicurezza e adempiere ai requisiti di legge. Le industrie alimentari si affidano a moderni sistemi di controllo qualità per garantire la qualità e la sicurezza dei prodotti fabbricati. I tre principali sistemi attualmente in vigore sono: - pratiche di buona fabbricazione (o GMP, dall inglese Good Manufacturing Practices). Contemplano le condizioni e le procedure di lavorazione che, sulla base di una lunga esperienza, si sono dimostrate in grado di offrire qualità e sicurezza costanti; - analisi dei rischi e punti critici di controllo (o HACCP, dall inglese Hazard Analysis Critical Control Points). Mentre i programmi tradizionali di assicurazione della qualità erano incentrati sul rilevamento di problemi nel prodotto finito, l HACCP, una tecnica proattiva di recente introduzione, si focalizza sull accertamento dei potenziali problemi e sul conseguente controllo degli stessi già nel corso del processo di progettazione e produzione; - standard di assicurazione della qualità. La conformità agli standard istituiti dalla International Standards Organisation (ISO 9000) e dallo European Standard (ES 29000) garantisce che le industrie alimentari, le società di catering e le altre aziende collegate al settore rispettino procedure stabilite e ampiamente documentate. L efficacia di questi programmi viene regolarmente analizzata da esperti esterni. Per garantire l adozione di procedure di assicurazione della qualità a ogni livello, i sistemi di gestione della qualità utilizzati dall industria alimentare comportano anche la collaborazione con i fornitori (i singoli agricoltori e i grossisti delle materie prime), i trasportatori e i commercianti all ingrosso e al dettaglio. Per meglio comprendere la problematica analizziamo il sistema HACCP. Esso è l acronimo di Hazard Analysis Critical Control Point, ovvero l analisi dei rischi e l individuazione dei punti critici di controllo. Trattasi di un metodo di analisi finalizzato a garantire, a livello del sistema produttivo, l igiene e la sicurezza degli alimenti che trae origine dal documento del Codex Alimentarius, recepito a livello comunitario dalle Direttive 93/43/CEE e 93/3/CE, e a livello nazionale dal D.Lgs. 155/97, *Direttore Dipartimento di Prevenzione ASL RMH **Dirigente SIAN ASL RMH ***Direttore SISP ASL RMH ****Dirigente Medico U.O. Dermatologia ASL RMH L IGIENICITÀ DEI PRODOTTI DESTINATI ALL ALIMENTAZIONE UMANA È TUTELATA IN ITALIA DA UNA SERIE DI NORME A CARATTERE VERTICALE E ORIZZONTALE DI ORIGINE NAZIONALE O COMUNITARIA 3

3 che ha come obiettivo la tutela della salute del consumatore, attraverso un capillare controllo dei prodotti alimentari. Per raggiungere tale traguardo utilizza l HACCP, che rappresenta un sistema preventivo di controllo degli alimenti; il primo impiego di questa procedura in ambito alimentare fu introdotto negli anni 60 dalla NASA per tutelare la salubrità degli alimenti destinati agli astronauti del progetto di volo Mercury. Perché tale sistema di controllo fornisca risultati utili, tuttavia, è indispensabile che il personale addetto alla lavorazione degli alimenti sia in possesso di una sufficiente preparazione professionale, ottenuta attraverso la frequenza di corsi di formazione, che devono essere periodici. Il documento costituisce un percorso di verifica riguardante: - l analisi dei potenziali rischi per gli alimenti; - l individuazione dei punti in cui possono verificarsi rischi per gli alimenti; - le decisioni da adottare al riguardo, ovvero quei punti che arrecano nocumento alla sicurezza dei prodotti; - l individuazione e l applicazione di tutte le procedure di controllo e di sorveglianza dei punti critici individuati; - la verifica periodica, ovvero il riesame dell analisi dei rischi dei punti critici e delle procedure di controllo e di sorveglianza, qualora si verifichino variazioni nel processo e nella tipologia d attività. In sintesi, l autocontrollo e il sistema HACCP hanno come scopo quello di garantire al consumatore un prodotto a zero rischi. Tale concetto è caratterizzato da due aspetti fondamentali: a) l evoluzione del concetto di controllo della qualità in quello di garanzia della qualità ; b) la logica della sorveglianza svolta e disposta da personale di Enti esterni (ASL, NAS), che passa allo stesso produttore, il quale diventa quindi responsabile e controllore del proprio o- perato. Con il sistema dell analisi dei pericoli e dei punti critici di controllo si tende a concentrare l attenzione sui fattori essenziali per la sanità e l igiene dei prodotti, pertanto diventa essenziale una buona conoscenza delle tecniche e tecnologie di produzione e manipolazione degli alimenti. Tali conoscenze vengono di norma a- cquisite durante un corso di formazione, previsto dalla DGRL 22/02. Detta Deliberazione della Regione Lazio scaturisce dalla necessità di uniformare e qualificare la formazione in tema di igiene alimentare in relazione alla tipologia di attività. I corsi di formazione potranno essere svolti dalle associazioni di categoria, da società o studi professionali specializzati in materia, dagli ordini professionali a indirizzo scientificosanitario; i docenti dovranno essere laureati in discipline tecnico-scientifiche con documentata competenza ed esperienza nel settore. Il numero di partecipanti a ogni corso, che saranno individuati per gruppi omogenei tra gli operatori addetti alle attività proprie dell industria alimentare, non potrà essere superiore alle trenta unità, ciò al fine di determinare un buon livello di attenzione e apprendimento nei discenti. MATERIALI E METODI Lo scopo del presente contributo è la verifica e valutazione del grado di formazione dei responsabili dell industria alimentare (RIA) in materia di igiene e sicurezza alimentare. Il progetto si è articolato in tre fasi: 1) elaborazione e stesura di un questionario per i RIA; 2) consegna, illustrazione e ritiro dei questionari compilati dai RIA; 3) correzione ed elaborazione delle risposte. L indagine è stata condotta nel periodo dal 1/2/2005 al 30/9/2005 mediante la distribuzione di un questionario anonimo a responsabili dell industria alimentare (RIA) per ogni di- 4

4 stretto di aziende alimentari (ristorazione collettiva) situate nei comuni di competenza dei distretti H1 (Frascati), H2 (Albano), H3 (Ciampino), H4 (Pomezia), H5 (Velletri) e H6 (Anzio), pertanto per un totale di 600 questionari. Per raggiungere la totalità di riconsegna dei questionari, questi non sono stati inviati per posta, ma consegnati personalmente alle attività di ristorazione collettiva. Si è seguito il criterio di individuare i RIA per distretto con le lettere alfabetiche nel seguente modo: - distretto H1, i RIA con le lettere A e B; - distretto H2, i RIA con le lettere C e D; - distretto H3, i RIA con le lettere E, F e G; - distretto H4, i RIA con le lettere H, I, L e M; - distretto H5, i RIA con le lettere N, O e P; - distretto H6, i RIA con le lettere Q, R, S, T, U, V e Z. Nei casi in cui in un distretto non erano presenti attività con le lettere assegnate, si scorreva l alfabeto alla lettera successiva. Il questionario da somministrare al RIA, previa illustrazione, è costituito di 46 domande, di cui 4 conoscitive, ed è articolato in 4 sezioni: 1) igiene della persona/procedure comportamentali; 2) conservazione degli alimenti; 3) chimica e microbiologia degli alimenti; 4) HACCP/procedure di autocontrollo. Il questionario è strutturato con 42 domande chiuse a risposta singola o multipla; a ogni domanda con risposta totalmente esatta sono stati assegnati due punti, alle risposte parzialmente esatte è stato assegnato un punto, mentre alle risposte inesatte non sono stati assegnati punti. RISULTATI Dai risultati dell analisi dei questionari è emerso che circa il 90% degli intervistati ha sostenuto il corso di formazione per gli alimentaristi ed è in possesso del piano di autocontrollo. Dato alquanto sorprendente è l alta percentuale di risposte inesatte della prima sessione di domande, ossia la sessione dell igiene della persona e delle modalità comportamentali. A tal proposito, è doveroso sottolineare la presenza di alimentaristi che operano con evidenti lesioni cutanee senza l utilizzo di guanti. Al contrario, si possono osservare alimentaristi che operano con i guanti, in quanto prescritto dal medico che li ha visitati al fine del rilascio/rinnovo del libretto di idoneità sanitaria, senza evidente patologia cutanea. Tale comportamento da parte di chi rilascia i libretti sanitari è inidoneo, in quanto, anche se al momento della visita l alimentarista presenta una lesione cutanea transitoria, non è corretto scriverlo come prescrizione, in quanto il libretto ha validità annuale. Non è tantomeno da sottovalutare la possibile allergia al lattice determinata dai guanti e, comunque, un protratto utilizzo dei guanti in lattice può determinare fenomeni di sensibilizzazione cutanea. Le più frequenti patologie dermatologiche negli alimentaristi sono le verruche e le micosi ungueali. La seconda sessione di domande inerente la modalità di conservazione degli alimenti ha una media percentuale di risposte inesatte, così come la quarta sessione riguardante le procedure di autocontrollo. Altro dato sorprendente è che alla terza sessione di domande, riguardanti la microbiologia e la chimica degli alimenti, gli intervistati abbiano dato il maggior numero di risposte esatte. Qui di seguito, in tabella 1, si riportano i risultati di tutte le quattro sessioni di domande dei sei distretti considerati. CONCLUSIONI L Organizzazione Mondiale della Sanità precisa che il fattore di rischio principale nella diffusione delle tossinfezioni alimentari è riconducibile al mancato rispetto da parte degli addetti alla manipolazione di alimenti di norme e procedure che riguardano l igiene della persona, le tecniche di lavorazione e la conservazione degli a- limenti. L igienicità dei prodotti destinati all alimentazione umana è tutelata in Italia da una serie di norme a carattere verticale e orizzontale di ori- QUESTIONARIO ANONIMO PER RIA DISTRETTO ALIMENTARISTI CHE HANNO SOSTENUTO IL CORSO PRESENZA PIANO DI CONTROLLO IGIENE DELLA PERSONA E MODALITÀ ACOMPORTAMENTALI MODALITÀ DI CONSERVAZIONE DEGLI ALIMENTI H1 H2 H3 H4 H5 H6 TOTALI 600 SI NO SI NO

5 gine nazionale o comunitaria. Per raggiungere i risultati ottimali che la comunità internazionale si era posta come obiettivo per una tutela efficace dei cittadini, è stato sviluppato un nuovo meccanismo di sicurezza denominato autocontrollo, tratto dal Codex Alimentarius e rivolto alla prevenzione della contaminazione alimentare, che, qualora verificatasi, è causa di provvedimenti repressivi attraverso il controllo ufficiale. Il numero delle tossinfezioni alimentari nella ristorazione collettiva si è notevolmente ridotto con l introduzione del D.Lgs. 155/97, mentre il numero di tossinfezioni in ambito domestico risulta in aumento, ciò da imputarsi alla mancata formazione delle casalinghe. Tuttavia, questo dato non è ancora sufficiente per azzerare le tossinfezioni nella ristorazione collettiva. L analisi dei questionari ci ha fornito un quadro su cui agire insistendo sulla formazione a tutti i livelli, in particolare sull igiene della persona. Dai risultati dei questionari risulta che la formazione deve essere ripetuta, non solo perché previsto dalla normativa vigente, ma in quanto nozioni insegnate una sola volta non rimangono impresse. Purtroppo in Italia non vige una cultura legata alla sicurezza alimentare, infatti tale delicato argomento non viene insegnato sin dai piccoli sui banchi in scuola; pertanto, la semplice informazione non risulta nel tempo sufficiente a formare gli addetti ai lavori. La possibilità che il cibo venga contaminato da sostanze chimiche o microrganismi sussiste già al momento del raccolto e rimane fino al momento del consumo. In generale, i rischi per la sicurezza alimentare possono essere classificati in due vaste categorie: - contaminazione microbiologica (ad es., batteri, funghi, virus o parassiti). Questa categoria provoca, nella maggior parte dei casi, sintomi acuti; - contaminanti chimici, tra cui sostanze chimiche presenti nell ambiente, residui di farmaci di uso veterinario, metalli pesanti e altri residui involontariamente o incidentalmente introdotti nella catena alimentare durante la coltivazione, la lavorazione, il trasporto o l imballaggio. Il fatto che un contaminante costituisca o meno un rischio per la salute dipende da molti fattori, tra cui l assorbimento e la tossicità della sostanza, il livello di tale sostanza nel cibo, la quantità di cibo contaminato consumata e la durata dell esposizione. Le persone hanno inoltre una diversa sensibilità ai contaminanti e altri fattori della dieta possono influire sulle conseguenze tossiche del contaminante. Un ulteriore complicazione, per quanto riguarda i contaminanti chimici, è data dal fatto che molti degli studi sulla loro tossicità devono necessariamente essere estrapolati da esperimenti effettuati su animali e non vi è certezza sul fatto che queste sostanze abbiano gli stessi effetti anche sugli esseri umani. Le malattie a trasmissione alimentare più frequenti sono di origine microbiologica. I microbi sono ovunque e possono introdursi in qualsiasi punto della catena alimentare, dal prodotto agricolo alla cucina del consumatore. L obiettivo dei sistemi di assicurazione della qualità è proprio quello di minimizzare il rischio di contaminazione microbiologica. Tuttavia, poiché la maggior parte del nostro cibo non è sterile, se non viene trattato correttamente può subire una contaminazione. Per quanto sopra esposto, risulta sempre più inderogabile la necessità di formare in maniera congrua tutti gli alimentaristi e non solo i RIA (responsabili industria alimentare). BIBLIOGRAFIA - Cannella C., Carrada G., I miti dell alimentazione. Tea Ed., gennaio, Correra C., Ottogalli G., Guida pratica d igiene e di legislazione per chi produce, vende e somministra alimenti. 3 ed. Tecniche nuove, Milano, Mathis M., Messineo A., Tigani F., Il sistema HACCP negli esercizi di pizzeria e panetteria. EPC, Messineo A., Abetti P., Urciuoli R., Igiene degli alimenti. Il sistema HACCP nelle diverse attività alimentari. I Corsi Igiene e Sicurezza sul lavoro, gennaio 2001, Milano, IPSOA. - Rizzatti L., Rizzatti E., Tutela igienico sanitaria di alimenti e bevande e dei consumatori. Il sole 24 ore, 26 Ed., Milano, giugno MICROBIOLOGIA E CHIMICA DEGLI ALIMENTI PROCEDURE DI AUTOCONTROLLO

6 QUESITI A RISPOSTA MULTIPLA PER RIA (RESPONSABILI INDUSTRIA ALIMENTARE) Ha sostenuto il corso di formazione sull igiene degli alimenti? SÌ NO Se sì, in che anno? Quante ore di formazione sono state effettuate? È presente nell attività il piano di autocontrollo aziendale? SÌ NO Le schede di non conformità sono compilate personalmente da Lei? SÌ NO I a SESSIONE: IGIENE DELLA PERSONA E MODALITÀ COMPORTAMENTALI 1. Dopo l uso del WC è corretto lavarsi le mani prima di toccare gli alimenti? a) Sì, ma solo se le mani si sono sporcate. b) Sì, perché sono causa di contaminazione degli alimenti. c) No, perché non sono causa di contaminazione degli alimenti. 2. In che modo bisogna comportarsi dopo aver manipolato i rifiuti? a) È obbligatorio lavarsi le mani perché la legge lo richiede. b) Bisogna lavarsi le mani correttamente per il rischio di contaminare gli alimenti. c) È facoltativo lavarsi le mani. 3. Durante la lavorazione è opportuno: a) eliminare orologi, anelli, bracciali, orecchini e collane, poiché possono contaminare e/o finire negli alimenti; b) indossare oggetti solo nel caso in cui siano d oro; c) indossare oggetti, in quanto non sono pericolosi per gli alimenti. 4. Quando capita di tossire durante la manipolazione degli alimenti: a) ciò non rappresenta nessun rischio di contaminazione degli alimenti; b) ciò è un comportamento errato che causa contaminazione degli alimenti per la presenza di germi nella saliva; c) basta coprirsi la bocca con la mano per evitare sicuramente la contaminazione degli alimenti. 5. Per un corretto lavaggio delle mani si deve: a) utilizzare un sapone liquido germicida; b) sfregare vigorosamente le mani e gli avambracci; c) regolare la temperatura dell acqua intorno ai 40 C; d) spazzolare le unghie con appositi spazzolini; e) asciugare con panno carta monouso o ad aria calda. 6. Un abbigliamento di lavoro pulito serve a: a) proteggere l operatore da possibili infezioni; b) evitare le contaminazioni crociate; c) essere in regola con le norme di legge; d) essere in regola con le norme di igiene stabilite sul piano di autocontrollo. 7. Si consiglia l uso del colore bianco nell abbigliamento perché: a) il tessuto non stinge se lavato a 90 o a 45 con varechina; b) sul colore bianco si evidenzia meglio lo sporco; c) il colore bianco è obbligatorio nel settore alimentare.. Durante la manipolazione degli alimenti: a) bisogna proteggere adeguatamente tagli e ferite; b) bisogna astenersi dal lavoro in caso di giradito, ferita infettata da pus o con verruche alle mani; c) bisogna lavarsi le mani dopo essersi toccato i capelli o la faccia, dopo aver tossito o starnutito e dopo aver soffiato il naso; d) bisogna lavarsi le mani dopo aver fumato, utilizzato il WC o dopo aver stretto la mano ad altre persone. 9. Durante la lavorazione degli alimenti è possibile: a) fumare; b) assaggiare il cibo con le dita; c) stringere la mano a un altra persona; d) toccare i soldi; e) toccare i capelli, il naso, le orecchie e la faccia; f) nessuna delle precedenti risposte, perché sono comportamenti errati. 10. L uso dei guanti garantisce sempre: a) assenza di batteri; b) assenza di contaminazioni crociate; c) rispetto delle norme di buona prassi igienica; d) solo il non contatto con le mani; e) il non contatto con le mani e l assenza di batteri. II a SESSIONE: MODALITÀ DI CONSERVAZIONE DEGLI ALIMENTI 11. Conservare gli alimenti in frigorifero uccide tutti i germi che possono essere presenti negli alimenti? a) No, ma conserva gli alimenti in modo tale che i germi non possano moltiplicarsi. b) Sì, uccide tutti i germi sterilizzando l alimento. c) No, al contrario ne facilita la crescita. 12. A quale temperatura vanno conservati il latte e gli alimenti deperibili a base di latte, creme, panna o uova? a) Inferiore a 0 C. b) Tra 0 C e +4 C. c) Tra +4 C e + C. d) A temperatura ambiente. 13. La carne cruda, il pollame, le uova o il pesce crudo vanno tenuti sempre separati dai cibi cotti. a) È vero solo per le uova. b) È falso. c) È vero, in quanto si evita la contaminazione crociata. 14. A quale temperatura vanno mantenuti gli alimenti deperibili cotti da consumarsi caldi? a) Tra +4 C e + C. b) Tra +60 C e +65 C. c) Oltre +90 C. d) A temperatura ambiente per non oltre 12 ore. 15. I cibi già cotti e non consumati immediatamente: a) vanno mantenuti a temperatura ambiente; b) vanno messi subito in frigorifero; c) vanno conservati in frigorifero dopo che si sono raffreddati rapidamente (ad es., in abbattitore di temperatura); d) si possono conservare a temperatura ambiente per parecchie ore, in quanto i germi sono stati uccisi durante la cottura.. A quale temperatura vanno conservati i surgelati? a) -1 C; b) -26 C; c) +4 C; d) -10 C. 17. I prodotti ittici dopo essere stati tolti dal congelatore: a) possono essere trasferiti nello scomparto inferiore del frigorifero per 12 ore; b) possono essere conservati per 4-5 ore, prima dell utilizzo, a temperatura ambiente, ben protetti; c) possono essere lasciati, in caso di urgenza, sotto il getto d acqua fredda per circa 30 minuti; d) possono essere cucinati, senza essere scongelati, al forno aumentando gradualmente la temperatura. 1. Cosa significa la sigla TMC presente sull etichette degli alimenti? a) Termine minimo di conservazione. b) Termine massimo di conservazione. c) Termine migliore di conservazione. III a SESSIONE: MICROBIOLOGIA E CHIMICA DEGLI ALIMENTI 19. Le uova e le carni possono contenere germi o virus? a) Sì, ma non sono germi dannosi per la salute dell uomo. b) Sì (ad es., salmonelle). c) No, possono essere contenuti solo nei frutti di mare, nel pesce,

7 nella frutta e nella verdura. 20. L acqua potabile deve essere utilizzata: a) nei panifici e per la somministrazione nei bar; b) per tutti gli usi ovunque si preparino o si vendano alimenti; c) nei pubblici esercizi solo per il consumo umano; d) solo per lavare i locali e gli impianti di refrigerazione; e) nei negozi di frutta e verdura.. Il contenuto di umidità in un alimento ai fini della moltiplicazione dei batteri: a) è ininfluente; b) è favorente; c) è inibente. 22. Le blatte presenti negli ambienti dove si manipolano alimenti: a) sono tollerabili; b) non devono essere assolutamente presenti; c) sono tollerabili solo se in numero non superiore a due. 23. Lo sviluppo batterico si incrementa: a) solo durante la notte; b) se aumenta la temperatura; c) solo durante il giorno; d) se diminuisce la temperatura. 24. Indica i cibi per i quali è utile l apporto di batteri o muffe durante la lavorazione. a) Pancarrè. b) Tonno al naturale. c) Vino. d) Yogurth. e) Grana padano. f) Olio. g) Gorgonzola. h) Pizza. 25. Le contaminazioni crociate avvengono quando: a) una superficie sporca viene a contatto con una pulita; b) una superficie sporca viene a contatto con un altra superficie sporca; c) la temperatura è superiore a 4 C; d) una superficie pulita viene a contatto con una sporca. 26. Cosa è una tossinfezione alimentare? a) La presenza di microrganismi nell alimento cotto. b) Una patologia determinata da una tossina contenuta negli alimenti consumati. c) Una patologia determinata da un virus contenuto negli alimenti consumati. d) Una grave patologia cronica gastroenterica. 27. Un batterio è: a) un agente chimico che inquina l ambiente; b) un agente fisico che disturba l ambiente; c) un microrganismo; d) un microrganismo sempre dannoso. 2. La disinfestazione serve a: a) eliminare la presenza di insetti; b) eliminare la presenza di muffe; c) eliminare la presenza di roditori; d) eliminare tutto lo sporco e i microrganismi. 29. Una muffa è: a) la prova della inidoneità dell ambiente; b) una formazione di funghi microscopici; c) una formazione di funghi microscopici sempre patogeni per la salute umana; d) la formazione di funghi microscopici dannosi per l igiene dell alimento. 30. Sterilizzare significa: a) togliere l infezione da una persona; b) pulire con sapone in maniera perfetta; c) eliminare tutti i parassiti presenti; d) uccidere tutte le forme di microrganismi presenti. IV a SESSIONE: PROCEDURE DI AUTOCONTROLLO 31. I locali dove si preparano o si vendono gli alimenti devono: a) essere ben illuminati e aerati; b) essere dotati di retine alle finestre e di altri accorgimenti per impedire l ingresso di insetti e roditori; c) essere mantenuti ben puliti; d) avere tutte le precedenti caratteristiche. 32. Le attrezzature e i piani di lavoro vanno: a) sempre lavati dopo l uso con detergenti e successivamente sciacquati abbondantemente con acqua potabile; b) disinfettati almeno una volta la settimana; c) lavati e sterilizzati con date variabili in base alla frequenza del loro uso; d) disinfestati, lavati e asciugati dopo l uso. 33. Nei locali dove si manipolano gli alimenti o si detengono sostanze alimentari, gli insetticidi e le sostanze pericolose: a) non devono essere usati e/o detenuti; b) possono essere usati, ma con moderazione; c) possono essere usati a discrezione del RIA. 34. Il responsabile dell industria alimentare deve tenere a disposizione dell Autorità competente preposta al controllo: a) il piano di autocontrollo; b) il manuale di corretta prassi igienica; c) le schede di non conformità; d) l attestazione del corso di formazione ai sensi del DGRL 22/ Alla base del concetto di HACCP vi è una logica del tipo: a) analisi>controllo>interventi; b) interventi>controllo >analisi; c) controllo>interventi>analisi. 36. Obiettivo di un monitoraggio di un CCP è quello: a) assicurare l efficace funzionamento del sistema di autocontrollo predisposto; b) valutare il rispetto dei limiti critici o dei livelli di sicurezza; c) entrambi. 37. Cosa significa la sigla HACCP? a) Analisi dei punti critici di controllo. b) Il rischio di controllare i punti critici. c) Il controllo dei rischi aziendali. d) Certificazione di qualità dei prodotti alimentari. 3. Quale normativa ha introdotto il concetto di HACCP? a) Il D.Lgs. 626/94. b) Il D.Lgs. 229/99. c) Il D.Lgs. 155/ Quale validità temporale ha il libretto sanitario? a) Annuale. b) Biennale. c) Non ha scadenza. 40. Quali di queste figure professionali deve essere in possesso del libretto di idoneità sanitaria? a) Il cuoco. b) Il cameriere. c) L aiuto cuoco. d) L avventore. e) L alimentarista portatore sano di salmonella. d) Tutte le precedenti. 41. Il piano di autocontrollo non è applicato se: a) lo stabilimento è chiuso per ferie; b) la produzione viene sospesa per più di 5 giorni; c) lo stabilimento cessa l attività; d) il RIA è assente; e) il responsabile dell autocontrollo è malato; f) in tutti i casi precedenti. 42.Quali mezzi sono più efficaci per combattere lo sviluppo batterico negli alimenti? a) La temperatura di conservazione e quella dell ambiente di lavoro. b) La qualità della materia prima e i tempi di lavorazione. c) Il rispetto delle norme igieniche aziendali. d) Il rispetto del piano di autocontrollo. e) Le analisi di laboratorio. 9

Servizi di Consulenza Alimentare. (la risposta ritenuta giusta va indicata ponendo una crocetta in parentesi)

Servizi di Consulenza Alimentare. (la risposta ritenuta giusta va indicata ponendo una crocetta in parentesi) Servizi di Consulenza Alimentare DOMANDE A RISPOSTA MULTIPLA QUESTIONARIO N 2 (la risposta ritenuta giusta va indicata ponendo una crocetta in parentesi) Cognome: Mansione: Nome: Data: 1. A quali fasi

Dettagli

H.A.C.C.P. 1998 D.Lgs 155/97. 2006 pachetto igiene (regolamenti europei) HAZARD ANALISIS AND CRITICAL CONTROL POINT

H.A.C.C.P. 1998 D.Lgs 155/97. 2006 pachetto igiene (regolamenti europei) HAZARD ANALISIS AND CRITICAL CONTROL POINT H.A.C.C.P. HAZARD ANALISIS AND CRITICAL CONTROL POINT 1998 D.Lgs 155/97 2006 pachetto igiene (regolamenti europei) A CHI E RIVOLTO Aziende di trasformazione degli alimenti (confetture latte verdure in

Dettagli

Requisiti di sicurezza alimentare per l Italia

Requisiti di sicurezza alimentare per l Italia Requisiti di sicurezza alimentare per l Italia Maggio 2012 Questo documento è organizzato in base ai capitoli del corso online di sicurezza alimentare ServSafe. Indica le differenze tra il contenuto del

Dettagli

IL SISTEMA HACCP L innovazione del sistema HACCP I rischi potenziali di un processo alimentare

IL SISTEMA HACCP L innovazione del sistema HACCP I rischi potenziali di un processo alimentare IL SISTEMA HACCP La sigla HACCP (Hazard Analysis Critical Control Point) identifica un nuovo strumento operativo che tutte le aziende alimentari (anche i ristoranti) devono possedere per legge, avente

Dettagli

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?»

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?» 1 a STRATEGIA EVITARE LA CONTAMINAZIONE conoscere «DOVE SI TROVANO I BATTERI?» I batteri si trovano ovunque nell ambiente (aria, acqua, suolo ed esseri viventi): Sono presenti sulle materie prime, ad es.

Dettagli

Servizi di Consulenza Alimentare. (la risposta ritenuta giusta va indicata ponendo una crocetta in parentesi)

Servizi di Consulenza Alimentare. (la risposta ritenuta giusta va indicata ponendo una crocetta in parentesi) Servizi di Consulenza Alimentare DOMANDE A RISPOSTA MULTIPLA QUESTIONARIO N 3 (la risposta ritenuta giusta va indicata ponendo una crocetta in parentesi) Cognome: Mansione: Nome: Data: 1. Che cosa è necessario

Dettagli

ATTI DELLA GIUNTA REGIONALE

ATTI DELLA GIUNTA REGIONALE ALLEGATO 1 ATTI DELLA GIUNTA REGIONALE DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 8 marzo 2002, n. 282. Modalità di vigilanza in caso di autocontrollo. Formazione del personale alimentarista. Valutazione delle

Dettagli

APPLICAZIONE DEL (D.L.1937/07) SISTEMA DI AUTOCONTROLLO HACCP. DOTT. ANDREA STORTI 24-ottobre 2014

APPLICAZIONE DEL (D.L.1937/07) SISTEMA DI AUTOCONTROLLO HACCP. DOTT. ANDREA STORTI 24-ottobre 2014 APPLICAZIONE DEL SISTEMA DI AUTOCONTROLLO HACCP (D.L.1937/07) DOTT. ANDREA STORTI 24-ottobre 2014 DEFINIZIONE HACCP ( HAZARD ANALYSIS AND CRITICAL POINT) Analisi dei Rischi e Controllo dei Punti Critici

Dettagli

SCHEDA CONTROLLO TEMPERATURE frequenza del rilevamento: GIORNALIERA (*)

SCHEDA CONTROLLO TEMPERATURE frequenza del rilevamento: GIORNALIERA (*) MESE ANNO G I O R N O 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 REGIONE SCHEDA CONTROLLO TEMPERATURE frequenza del rilevamento: GIORNALIERA (*) T C 1 T C 2 T C

Dettagli

I termini e i concetti fondamentali

I termini e i concetti fondamentali unità La prevenzione delle contaminazioni I termini e i concetti fondamentali 1 l igiene degli ambienti Gli esercizi di lavorazione e somministrazione di cibi e bevande, soggetti ad accertamenti dei requisiti

Dettagli

VADEMECUM HACCP CO MMERCIO ALIMENTI.

VADEMECUM HACCP CO MMERCIO ALIMENTI. VADEMECUM HACCP COMMERCIO ALIMENTI. GUIDA NORMATIVA PER CONSULENTI, TECNICI E RESPONSABILI AZIENDALI di G. Manzone e G. Ventaloro M&M ASSOCIATI Consulenti Aziendali srl edizioni Prezzo 25,00 - Pagg. 320

Dettagli

23.2.2005 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 8 LA GIUNTA REGIONALE

23.2.2005 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 8 LA GIUNTA REGIONALE 23.2.2005 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 8 LA GIUNTA REGIONALE 69 Visto il Decreto legislativo 30 dicembre 1992, n.502, e successive modifiche ed integrazioni; Vista la L.R. n.22 del

Dettagli

Università di Genova Facoltà di Scienze MFN Corso di studi in Scienze biologiche. Monitoraggio di parametri di processo ed ambientali

Università di Genova Facoltà di Scienze MFN Corso di studi in Scienze biologiche. Monitoraggio di parametri di processo ed ambientali Università di Genova Facoltà di Scienze MFN Corso di studi in Scienze biologiche Monitoraggio di parametri di processo ed ambientali Docente: Dott.ssa Francesca Balocco HACCP HACCP è l acronimo di Hazard

Dettagli

Su proposta dell Assessore alla Salute, Politiche della Sicurezza dei Cittadini; D E L I B E RA

Su proposta dell Assessore alla Salute, Politiche della Sicurezza dei Cittadini; D E L I B E RA Visti e richiamati: il Regolamento (CE) del 28 gennaio 2002 n. 178/2002 che stabilisce i principi e i requisiti generali della legislazione alimentare, istituisce l Autorità europea per la sicurezza alimentare

Dettagli

INDICAZIONI PER IL LAVAGGIO DELLE MANI

INDICAZIONI PER IL LAVAGGIO DELLE MANI INDICAZIONI PER IL LAVAGGIO DELLE MANI (Ministero della Salute - http://www.salute.gov.it) INTRODUZIONE Le mani sono un ricettacolo di germi; circa il 20% è rappresentato da microrganismi non patogeni,

Dettagli

Direzione DB2000 Settore DB2001 Allegato n. 1 di 1 - All. delib. n.../2011 Pagina 1

Direzione DB2000 Settore DB2001 Allegato n. 1 di 1 - All. delib. n.../2011 Pagina 1 Direzione DB2000 Settore DB2001 Allegato n. 1 di 1 - All. delib. n..../2011 Pagina 1 PIAN DI AUTCNTRLL Il Regolamento CE 178/2002 fornisce alcune definizioni che caratterizzano l applicazione della legislazione

Dettagli

Come Proteggere i tuoi Prodotti Seguendo Metodi Sicuri di Trattamento degli Alimenti

Come Proteggere i tuoi Prodotti Seguendo Metodi Sicuri di Trattamento degli Alimenti Come Proteggere i tuoi Prodotti Seguendo Metodi Sicuri di Trattamento degli Alimenti 4 C (39 F) -21 C (-5 F) -21 C (-5 F) 4 C (39 F) 4 C (39 F) -21 C (-5 F) 4 C (39 F) -21 C (-5 F) Quando il pesce entra

Dettagli

OSPEDALE DI CARITA Corso G. Marconi n. 30 12030 Sanfront CN

OSPEDALE DI CARITA Corso G. Marconi n. 30 12030 Sanfront CN PROVA SCRITTA CONCORSO PUBBLICO PER N. 1 POSTO DI ADDETTO ALLA CUCINA PROVA N. 2 (Crocettare la risposta esatta delle domande dalla n. 1 alla n. 20 e fornire una risposta sintetica ed esauriente alle domande

Dettagli

Obiettivo. procedure per l attuazione di un piano di autocontrollo applicato alle fasi di trasporto

Obiettivo. procedure per l attuazione di un piano di autocontrollo applicato alle fasi di trasporto MANUALE di AUTOCONTROLLO redatto secondo il METODO HACCP per le fasi di TRASPORTO e DISTRIBUZIONE del VITTO ai degenti della Istituto Clinico Riabilitativo Villa delle Querce di Nemi UOC di Riabilitazione

Dettagli

Piano di autocontrollo alimentare secondo il sistema HACCP con indicazioni di corretta prassi igienica ESEMPIO STAMPA. Edizione Descrizione Data

Piano di autocontrollo alimentare secondo il sistema HACCP con indicazioni di corretta prassi igienica ESEMPIO STAMPA. Edizione Descrizione Data Manuale H.A.C.C.P (ai sensi del Reg. CE 852/2004) Piano di autocontrollo alimentare secondo il sistema HACCP con indicazioni di corretta prassi igienica LOGO AZIENDALE AZIENDA ESEMPIO Indirizzo: Via, 8

Dettagli

Regole di igiene per la ristorazione collettiva

Regole di igiene per la ristorazione collettiva INFORMAZIONE Regole di igiene per la ristorazione collettiva Ogni anno in Germania vengono riportati oltre 100.000 casi di malattie causate dalla presenza negli alimenti di microorganismi, in particolare,

Dettagli

MANUALE DI CORRETTA PRASSI IGIENICA SISTEMA HACCP

MANUALE DI CORRETTA PRASSI IGIENICA SISTEMA HACCP MANUALE DI CORRETTA PRASSI IGIENICA SISTEMA HACCP PREDISPOSTO AI SENSI DEL Reg. CE 178/2002 e del Reg. CE 852/2004 Elaborato in data: 19 Novembre 2012 AMITALIA S.r.l VIA COMO, 47 20020 - SOLARO (MI) INDICE

Dettagli

L IMPORTANZA DELLE TEMPERATURE

L IMPORTANZA DELLE TEMPERATURE Regione Piemonte - Direzione Sanità Pubblica L IMPORTANZA DELLE TEMPERATURE 1 E fondamentale imparare a gestire correttamente le diverse temperature Tenere sempre conto della pezzatura dell alimento Evitare

Dettagli

PRESENTAZIONE SISTEMA HACCP

PRESENTAZIONE SISTEMA HACCP PRESENTAZIONE SISTEMA HACCP L'HACCP (Hazard Analysis and Critical Control Points) è un sistema di autocontrollo igienico che ogni operatore nel settore della produzione di alimenti deve mettere in atto

Dettagli

Autocontrollo alimentare PRINCIPI GENERALI

Autocontrollo alimentare PRINCIPI GENERALI Autocontrollo alimentare PRINCIPI GENERALI Il sistema HACCP UNPLI 2013 Fai Click con il mouse per andare avanti Obiettivi dell autocontrollo alimentare Applicando quanto previsto dal Regolamento CE 852/04

Dettagli

ISO 22000 SISTEMI DI GESTIONE DELLA SICUREZZA ALIMENTARE

ISO 22000 SISTEMI DI GESTIONE DELLA SICUREZZA ALIMENTARE ISO 22000 SISTEMI DI GESTIONE DELLA SICUREZZA ALIMENTARE Lo standard ISO 22000 si applica a tutte le organizzazioni direttamente o indirettamente coinvolte nella filiera alimentare. La norma è compatibile

Dettagli

Controllo della sicurezza alimentare. Controllo della sicurezza alimentare La cucina di casa propria, Autocontrollo, Controllo ufficiale, Consumatori

Controllo della sicurezza alimentare. Controllo della sicurezza alimentare La cucina di casa propria, Autocontrollo, Controllo ufficiale, Consumatori Controllo della sicurezza alimentare La cucina di casa propria, Autocontrollo, Controllo ufficiale, Consumatori 1 livello: la cucina di casa propria Igiene nelle cucine domestiche Uno studio svolto dal

Dettagli

dr.ssa Francesca Di Prisco Dir. Medico Veterinario Sez. Avellino IZSM

dr.ssa Francesca Di Prisco Dir. Medico Veterinario Sez. Avellino IZSM dr.ssa Francesca Di Prisco Dir. Medico Veterinario Sez. Avellino IZSM Normativa comunitaria in materia di sicurezza alimentare Fin dalla sua costituzione l UE ha attribuito molta importanza all attività

Dettagli

NOTIZIARIO TECNICO. Sistema HACCP. Informativa sul d.l. 155 26.05.1997. Prodotti Tassani che soddisfano i requisiti richiesti

NOTIZIARIO TECNICO. Sistema HACCP. Informativa sul d.l. 155 26.05.1997. Prodotti Tassani che soddisfano i requisiti richiesti NOTIZIARIO TECNICO Sistema HACCP Informativa sul d.l. 155 26.05.1997 Prodotti Tassani che soddisfano i requisiti richiesti 1 Informativa sul D.L. n 155 del 26/05/1997 Sistema HACCP Questo D.L. dà attuazione

Dettagli

Dr. Roberto Condoleo Roma, 24 Settembre 2010

Dr. Roberto Condoleo Roma, 24 Settembre 2010 Dr. Roberto Condoleo Roma, 24 Settembre 2010 IL PIANO DI AUTOCONTROLLO GLI OPERATORI DEL SETTORE ALIMENTARE PREDISPONGONO, ATTUANO E MANTENGONO UNA O PIÙ PROCEDURE PERMANENTI, BASATE SUI PRINCIPI DEL SISTEMA

Dettagli

Sistema di analisi dei rischi e punti di controllo critici (HACCP)

Sistema di analisi dei rischi e punti di controllo critici (HACCP) Sistema di analisi dei rischi e punti di controllo critici (HACCP) 1 Premessa Il sistema HACCP (Hazard Analysis Critical Control Points), che fonda su solide basi scientifiche, definisce i rischi specifici

Dettagli

食 品 加 工 经 营 者 的 责 任 与 义 务

食 品 加 工 经 营 者 的 责 任 与 义 务 食 品 加 工 经 营 者 的 责 任 与 义 务 Responsabilità degli operatori del settore alimentarer Guangxi University LIU Xiaoling 1 Da dove viene il cibo? dal campo alla tavola Sale processing Desk Breeding Slaughter Transportation

Dettagli

DATA 27/11/2007 N 01 DATA 27/11/2007 N 00 Pag. 1 di 77

DATA 27/11/2007 N 01 DATA 27/11/2007 N 00 Pag. 1 di 77 DATA 27/11/2007 N 01 DATA 27/11/2007 N 00 Pag. 1 di 77 Piano di Autocontrollo Alimentare secondo il Sistema HACCP con Indicazioni di Corretta Prassi Igienica, Rintracciabilità degli alimenti, Ritiro e

Dettagli

Applicazione di un sistema H.A.C.C.P.: conflitti e criticità per una corretta applicazione. geom. Paolo Foti Galleria Meravigli, 21 maggio 2015

Applicazione di un sistema H.A.C.C.P.: conflitti e criticità per una corretta applicazione. geom. Paolo Foti Galleria Meravigli, 21 maggio 2015 Applicazione di un sistema H.A.C.C.P.: conflitti e criticità per una corretta applicazione geom. Paolo Foti Galleria Meravigli, 21 maggio 2015 Il Sistema H.A.C.C.P. Il Sistema H.A.C.C.P., applicabile ad

Dettagli

batteri in cucina: lavarsene le mani non basta!

batteri in cucina: lavarsene le mani non basta! batteri in cucina: lavarsene le mani non basta! 2 sai davvero difenderti da germi e batteri? Non pensare alla mozzarella blu o al pollo alla diossina: i pericoli di intossicazioni e tossinfezioni derivano

Dettagli

La norma internazionale sulla sicurezza alimentare nella ristorazione collettiva

La norma internazionale sulla sicurezza alimentare nella ristorazione collettiva La norma internazionale sulla sicurezza alimentare nella ristorazione collettiva Cremona, 26 ottobre 2007 Clementina Clementi- food technical development 1 La norma internazionale sulla sicurezza alimentare

Dettagli

Manuale informativo sull H.A.C.C.P.

Manuale informativo sull H.A.C.C.P. Manuale informativo sull H.A.C.C.P. per il controllo dell igiene degli alimenti (con particolare riferimento al controllo della temperatura) Manuale redatto dalla GIORGIO BORMAC S.r.l. Le informazioni

Dettagli

GMP e HACCP. I principali rischi di aziende non certificate sono:

GMP e HACCP. I principali rischi di aziende non certificate sono: GMP e HACCP Tramite un accurata selezione dei fornitori, con molti anni di esperienza sul mercato farmaceutico e cosmetico, tutti i prodotti ESSENS possono esporre il certificato d origine GMP riconosciuto

Dettagli

HACCP Il manuale di corretta prassi per la rintracciabilità e l igiene degli alimenti

HACCP Il manuale di corretta prassi per la rintracciabilità e l igiene degli alimenti HACCP Il manuale di corretta prassi per la rintracciabilità e l igiene degli alimenti INDICE Introduzione all HACCP pag 3 Cenni sulla normativa comunitaria pag 5 COSA OCCORRE FARE pag 12 REGOLE SULLE BUONE

Dettagli

REGOLAMENTO. Art. 1. Art. 2

REGOLAMENTO. Art. 1. Art. 2 Art. 1 REGOLAMENTO CORSI PER ALIMENTARISTI E OPERATORI DEL SETTORE ALIMENTARE (Decreto D.G. n. 1038 del 23 novembre 2009 Registro Decreti n. 21667 del 1.12.2009) I corsi mirano all istruzione, formazione

Dettagli

Autocontrollo alimentare. Il sistema HACCP

Autocontrollo alimentare. Il sistema HACCP Autocontrollo alimentare Il sistema HACCP 1 Obiettivi principali dell AUTOCONTROLLO Salvaguardare la SALUTE del CONSUMATORE Produrre, somministrare e vendere alimenti SANI 2 L autocontrollo aziendale prevede

Dettagli

1. Il decreto Legislativo 155/97

1. Il decreto Legislativo 155/97 CAPITOLO III IL SISTEMA H.A.C.C.P. 1. Il decreto Legislativo 155/97 Il Decreto Legislativo 155/97 stabilisce le regole generali che devono essere osservate da tutti i produttori e responsabili della filiera

Dettagli

POSSIBILITA DI SEMPLIFICAZIONE NELL APPLICAZIONE DEL METODO HACCP E PROBLEMI APPLICATIVI

POSSIBILITA DI SEMPLIFICAZIONE NELL APPLICAZIONE DEL METODO HACCP E PROBLEMI APPLICATIVI Alberto Mancuso POSSIBILITA DI SEMPLIFICAZIONE NELL APPLICAZIONE DEL METODO HACCP E PROBLEMI APPLICATIVI Modena, 30 settembre 2004 Alberto Mancuso Le possibilità di semplificazione nell applicazione del

Dettagli

Direzione Sanità Pubblica. Prot. n. /27 Torino, lì

Direzione Sanità Pubblica. Prot. n. /27 Torino, lì Direzione Sanità Pubblica Prot. n. /27 Torino, lì Ai Responsabili del SIAN delle ASL del Piemonte sedi Ai Responsabili del Servizio Veterinario delle ASL del Piemonte sedi Alle Associazioni dei produttori

Dettagli

Normativa sull HACCP: definizioni Enrico Casalini

Normativa sull HACCP: definizioni Enrico Casalini Normativa sull HACCP: definizioni Enrico Casalini HACCP: La Storia La Storia Il sistema HACCP (Hazard Analysis and Critical Control Point) è nato circa 50 anni fa per una esigenza operativa diversa da

Dettagli

PRODUZIONE PRIMARIA E SICUREZZA ALIMENTARE

PRODUZIONE PRIMARIA E SICUREZZA ALIMENTARE PRODUZIONE PRIMARIA E SICUREZZA ALIMENTARE Tecnico Della Prevenzione Lazzaro Dott. Alessandro (Servizio Igiene degli alimenti e della Nutrizione Aulss n 13 Mirano-VE) Verona 03/02/2012 Quadro normativo

Dettagli

Trasformazione, Commercializzazione, Conservazione e Trasporto Animali del Dipartimento di Prevenzione dell Azienda U.S.L. della Valle d Aosta;

Trasformazione, Commercializzazione, Conservazione e Trasporto Animali del Dipartimento di Prevenzione dell Azienda U.S.L. della Valle d Aosta; LA GIUNTA REGIONALE - richiamata legge 30 aprile 1962, n. 283 recante Disciplina igienica della produzione e della vendita delle sostanze alimentari e delle bevande e successive modifiche ed integrazioni;

Dettagli

OGGETTO: D.I.A. Sanitaria MANIFESTAZIONI TEMPORANEE (REG. CE/852/2004). L SOTTOSCRITT... NATO A IL... RESIDENTE A VIA... C.F. / P.IVA...

OGGETTO: D.I.A. Sanitaria MANIFESTAZIONI TEMPORANEE (REG. CE/852/2004). L SOTTOSCRITT... NATO A IL... RESIDENTE A VIA... C.F. / P.IVA... Al Signor Sindaco del Comune di ALPIGNANO UFFICIO POLIZIA AMMINISTRATIVA OGGETTO: D.I.A. Sanitaria MANIFESTAZIONI TEMPORANEE (REG. CE/852/2004). L SOTTOSCRITT... NATO A IL... RESIDENTE A VIA... C.F. /

Dettagli

ULSS 2 INCONTRA I mercoledì della Salute

ULSS 2 INCONTRA I mercoledì della Salute ULSS 2 INCONTRA I mercoledì della Salute La sicurezza degli alimenti Luigi Cazzola Dip. Prevenzione ULSS 2 LINEE GUIDA PER MANIFESTAZIONI POPOLARI SICURE Feltre, 11 giugno 2014 LINEE GUIDA PER MANIFESTAZIONI

Dettagli

PRECAUZIONI STANDARD contro il RISCHIO BIOLOGICO

PRECAUZIONI STANDARD contro il RISCHIO BIOLOGICO PRECAUZIONI STANDARD contro il RISCHIO BIOLOGICO Manuale di informazione per i Collaboratori Scolastici delle Istituzioni scolastiche statali impegnati nelle operazioni di assistenza agli alunni portatori

Dettagli

IDENTIFICAZIONE DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA

IDENTIFICAZIONE DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA Tabella 1) Capitolo 1 - Generalità Revisione n.00 Paragrafo 1.1 - Identificazione della struttura Allegati relativi al paragrafo: ALL.01 IDENTIFICAZIONE DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA Denominazione: Sede:

Dettagli

Lezione 3 Il bisogno di alimentazione

Lezione 3 Il bisogno di alimentazione Corso di Formazione per Operatore Socio-Sanitario Complesso Integrato Columbus Anno 2014 Lezione 3 Il bisogno di alimentazione Docenti: Claudia Onofri Ivana Palumbieri Definizione e concetto di Igiene

Dettagli

BOZZA MANUALE DI AUTOCONTROLLO

BOZZA MANUALE DI AUTOCONTROLLO [PIANO DI AUTOCONTROLLO PER L IGIENE DEGLI ALIMENTI] SEZIONE 1 BOZZA MANUALE DI AUTOCONTROLLO SOMMARIO Dati aziendali...2 Manutenzione dei Locali e delle Attrezzature... 4 Procedure operative standard

Dettagli

PIANO DI AUTOCONTROLLO secondo D.lgs 155/97 e successive modifiche ed integrazioni

PIANO DI AUTOCONTROLLO secondo D.lgs 155/97 e successive modifiche ed integrazioni PIANO DI AUTOCONTROLLO secondo D.lgs 155/97 e successive modifiche ed integrazioni PARTE PRIMA (prima della compilazione leggere le istruzioni a pag. 2) MANIFESTAZIONE: (nome della manifestazione) SEDE:

Dettagli

DAI CAMPI ALLA TAVOLA lez. 2. Docenti: Dott. Dimitri Giardini Dott. Luigi Palmieri

DAI CAMPI ALLA TAVOLA lez. 2. Docenti: Dott. Dimitri Giardini Dott. Luigi Palmieri DAI CAMPI ALLA TAVOLA lez. 2 Docenti: Dott. Dimitri Giardini Dott. Luigi Palmieri Decreto Legislativo 6 Novembre 2007, n. 193 Il D. Lgs n 193/07 (attuazione della Direttiva killer 2004/41/CE) 1. introduce

Dettagli

STRUTTURE MOBILI, FIERE E SAGRE, MERCATI E COMMERCIO SU STRADA

STRUTTURE MOBILI, FIERE E SAGRE, MERCATI E COMMERCIO SU STRADA STRUTTURE MOBILI, FIERE E SAGRE, MERCATI E COMMERCIO SU STRADA Controllo ufficiale e sistema HACCP 30.04.2010 INI Grottaferrata Dr. Mariano SIGISMONDI Alcuni dati Nel 2001 gli esercizi di commercio ambulante

Dettagli

PRINCIPI DELL'HACCP. 3. Stabilire i limiti critici che devono essere affrontati per assicurare che i CCP siano sotto controllo.

PRINCIPI DELL'HACCP. 3. Stabilire i limiti critici che devono essere affrontati per assicurare che i CCP siano sotto controllo. PRINCIPI DELL'HACCP HACCP è un sistema che identifica specifici rischi e le misure specifiche per il loro controllo. Ogni settore di preparazione alimentare deve, nell ambito delle proprie lavorazioni,

Dettagli

SICUREZZA E IGIENE DEGLI ALIMENTI GUIDA PER GLI OPERATORI DEL SETTORE ALIMENTARE

SICUREZZA E IGIENE DEGLI ALIMENTI GUIDA PER GLI OPERATORI DEL SETTORE ALIMENTARE SICUREZZA E IGIENE DEGLI ALIMENTI GUIDA PER GLI OPERATORI DEL SETTORE ALIMENTARE Coordinamento editoriale: Marta Fin, Alba Carola Finarelli, Laura Vicinelli, Claudio Visani Redazione: Alessandro Brunozzi,

Dettagli

DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE

DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE GUIDA PER GLI OPERATORI ALIMENTARI OTTOBRE 2015 www.asl2.liguria.it INDICE INTRODUZIONE ALLA SICUREZZA ALIMENTARE... 3 QUALI TIPI DI CONTAMINAZIONE PUÒ SUBIRE UN ALIMENTO?...

Dettagli

MODULO DI RACCOLTA DATI MANUALE DI CORRETTA PRASSI IGIENICA HACCP

MODULO DI RACCOLTA DATI MANUALE DI CORRETTA PRASSI IGIENICA HACCP MODULO DI RACCOLTA DATI MANUALE DI CORRETTA PRASSI IGIENICA HACCP Per richiedere un preventivo per la stesura del manuale di corretta prassi igienica è necessario inserire le informazioni richieste nel

Dettagli

HACCP PER SAGRE E MANIFESTAZIONI PAESANE

HACCP PER SAGRE E MANIFESTAZIONI PAESANE HACCP PER SAGRE E MANIFESTAZIONI PAESANE Pag.1 Dr.Patrizia Pacini - Dirigente Medico Responsabile S.I.A.N.- Dr.Stefania Tessari Dirigente Medico S.I.A.N. p.i. Giuliano Ferron -Tecnico della Prevenzione

Dettagli

Sicurezza alimentare e Sicurezza degli alimenti

Sicurezza alimentare e Sicurezza degli alimenti Sicurezza alimentare e Sicurezza degli alimenti Sicurezza alimentare (food security): E l accesso di tutti ed in qualsiasi momento ad un alimentazione sufficiente in termini di qualità, quantità e varietà,

Dettagli

Igiene e tracciabilità nella produzione mangimistica: applicazione dei Regolamenti comunitari 178/2002 e 183/2005 Il Reg. 183/2205/CE sull igiene dei mangimi Ing. Gaetano Manzone 1 IERI 2 DLGS 123/99 OBBLIGO

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 22 DEL 24-07-2007 REGIONE PUGLIA

LEGGE REGIONALE N. 22 DEL 24-07-2007 REGIONE PUGLIA LEGGE REGIONALE N. 22 DEL 24-07-2007 REGIONE PUGLIA Abolizione del libretto di idoneità sanitaria per gli alimentaristi e formazione del personale alimentarista Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE

Dettagli

AZIENDA USL ROMA H Dipartimento di Prevenzione Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione

AZIENDA USL ROMA H Dipartimento di Prevenzione Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione VERBALE DI SOPRALLUOGO PER LA VERIFICA DELLE ATTIVITA DEL SETTORE ALIMENTARE SOGGETTE A REGISTRAZIONE AI SENSI DEL REGOLAMENTO (CE) N. 852/2004 (esclusa produzione primaria) D.I.A. N del ATTIVITA : Reg.

Dettagli

REGOLAMENTI COMUNITARI RIGUARDANTI LA SICUREZZA ALIMENTARE

REGOLAMENTI COMUNITARI RIGUARDANTI LA SICUREZZA ALIMENTARE REGOLAMENTI COMUNITARI RIGUARDANTI LA SICUREZZA ALIMENTARE Con la nascita della Comunità Europea, uno dei problemi derivanti dal libero scambio e dal transito delle merci, anche alimentari, su tutto il

Dettagli

MODULO RACCOLTA DATI MANUALE HACCP - DA INVIARE COMPILATO MEZZO FAX ALLO 0421 220222 O A info@centrosicurlavoro.com

MODULO RACCOLTA DATI MANUALE HACCP - DA INVIARE COMPILATO MEZZO FAX ALLO 0421 220222 O A info@centrosicurlavoro.com INFORMAZIONI GENERALI Ragione Sociale *: Partita IVA* : Indirizzo *: Codice Fiscale* : CAP*: Città* : Prov*: Nome Commerciale (es. nome presente sull insegna) Legale rappresentante*: Responsabile HACCP*:

Dettagli

Comune di Boissano P r o v i n c i a d i S a v o n a ---------------------------------------------

Comune di Boissano P r o v i n c i a d i S a v o n a --------------------------------------------- Comune di Boissano P r o v i n c i a d i S a v o n a --------------------------------------------- P.zza G. Govi n.1 - tel. 0182/98010 - fax.0182/98487 Codice Fiscale 81001410091 - Partita I.V.A. 00416850097

Dettagli

IL SISTEMA HACCP (applicazione e norme di riferimento)

IL SISTEMA HACCP (applicazione e norme di riferimento) IL SISTEMA HACCP (applicazione e norme di riferimento) Cosa è l'haccp L'HACCP (Hazard Analysis Critical Control Point) è un metodo d autocontrollo igienico finalizzato a tutelare la salute del consumatore.

Dettagli

AMBITO VOLONTARIO. normazione volontaria per la certificazione dei processi aziendali e/o dei prodotti per la definizione di standard qualitativi

AMBITO VOLONTARIO. normazione volontaria per la certificazione dei processi aziendali e/o dei prodotti per la definizione di standard qualitativi AMBITO VOLONTARIO normazione volontaria per la certificazione dei processi aziendali e/o dei prodotti per la definizione di standard qualitativi La certificazione è l'insieme delle procedure e delle attività,

Dettagli

LABORATORIO PRODUZIONE ALIMENTI: GASTRONOMIE RISTORANTI - PIZZERIE

LABORATORIO PRODUZIONE ALIMENTI: GASTRONOMIE RISTORANTI - PIZZERIE LABORATORIO PRODUZIONE ALIMENTI: GASTRONOMIE RISTORANTI - PIZZERIE Gli esercizi di produzione possono iniziare l attività con notifica di Inizio Attività ai sensi dell articolo 6 Regolamento CE 852/2004

Dettagli

Data inizio : 2014-01-01 Prezzo per partecipante : 100 EUR Località : Da definire

Data inizio : 2014-01-01 Prezzo per partecipante : 100 EUR Località : Da definire Data inizio : 2014-01-01 Prezzo per partecipante : 100 EUR Località : Da definire DATE, ORARI E SEDI Il corso sarà attivato al raggiungimento del numero minimo di partecipanti con date, orari e sedi DA

Dettagli

SCIA Segnalazione Certificata di Inizio Attività - Notifica Registrazione Sanitaria (ai sensi del Regolamento CE n. 852/853/854 del 2004)

SCIA Segnalazione Certificata di Inizio Attività - Notifica Registrazione Sanitaria (ai sensi del Regolamento CE n. 852/853/854 del 2004) Al Dipartimento di Prevenzione Azienda USL di Frosinone S.S Ispezione degli alimenti di o.a Distretto per il tramite dello SUAP in forma Associata della XIV Comunità Montana Valle di Comino SCIA Segnalazione

Dettagli

ANISAKIS prodotti della pesca da consumare crudi o praticamente crudi

ANISAKIS prodotti della pesca da consumare crudi o praticamente crudi ANISAKIS prodotti della pesca da consumare crudi o praticamente crudi LA NORMATIVA NORMATIVA DI RIFERIMENTO - Regolamento (CE) n. 178/2002 che stabilisce i principi e i requisiti generali della legislazione

Dettagli

La Temperatura degli Alimenti

La Temperatura degli Alimenti La Temperatura degli Alimenti L'ATP è la regolamentazione per i trasporti frigoriferi refrigerati a temperatura controllata di alimenti deperibili destinati all'alimentazione umana. A.T.P. = Accord Transport

Dettagli

A Cosenza e Amantea: Corsi per alimentaristi categoria A che richiedono per la prima volta l attestato di formazione (CORSO DI APPROFONDIMENTO)

A Cosenza e Amantea: Corsi per alimentaristi categoria A che richiedono per la prima volta l attestato di formazione (CORSO DI APPROFONDIMENTO) A Cosenza e Amantea: Corsi per alimentaristi categoria A che richiedono per la prima volta l attestato di formazione (CORSO DI APPROFONDIMENTO) Scuola Sedi di svolgimento dei corsi Regione Calabria Azienda

Dettagli

DICHIARAZIONE DI INIZIO ATTIVITA (D.I.A. differita) PER FESTE TEMPORANEE

DICHIARAZIONE DI INIZIO ATTIVITA (D.I.A. differita) PER FESTE TEMPORANEE Da presentare in triplice copia al Comune dove si effettua la manifestazione. Copia della presente dovrà essere trattenuta dal richiedente con timbro e data del ricevimento. DICHIARAZIONE DI INIZIO ATTIVITA

Dettagli

U. O. EMATOLOGIA e CENTRO TRAPIANTO MIDOLLO OSSEO Presidio Ospedaliero di Piacenza Via Cantone del Cristo

U. O. EMATOLOGIA e CENTRO TRAPIANTO MIDOLLO OSSEO Presidio Ospedaliero di Piacenza Via Cantone del Cristo Dipartimento di Onco - Ematologia Direttore Dr. Luigi Cavanna U. O. EMATOLOGIA e CENTRO TRAPIANTO MIDOLLO OSSEO Presidio Ospedaliero di Piacenza Via Cantone del Cristo Direttore Dr. Daniele Vallisa Coordinatore

Dettagli

FAC SIMILE DI PROPOSTA CHECK LIST

FAC SIMILE DI PROPOSTA CHECK LIST ALLEGATO N. 1.6 al Capitolato Speciale d oneri Azienda pubblica di Servizi alla Persona Cordenonese Arcobaleno FAC SIMILE DI PROPOSTA CHECK LIST VERIFICA EFFETTUATA IL GIORNO / / DALLE ORE ALLE ORE TUTTI

Dettagli

CONTROLLO COMMERCIALE E IGIENICO ANNONARIO DI UN SUPERMERCATO CON ANNESSA MACELLERIA E PESCHERIA

CONTROLLO COMMERCIALE E IGIENICO ANNONARIO DI UN SUPERMERCATO CON ANNESSA MACELLERIA E PESCHERIA CONTROLLO COMMERCIALE E IGIENICO ANNONARIO DI UN SUPERMERCATO CON ANNESSA MACELLERIA E PESCHERIA Gli orari delle attività commerciali e il turno di riposo settimanale 1.1 Le nuove disposizioni europee:

Dettagli

SITUAZIONE MATERIALI DA DISINFETTARE PROCEDURE

SITUAZIONE MATERIALI DA DISINFETTARE PROCEDURE Il 5 luglio scorso l Organizzazione mondiale della Sanità (OMS) ha dichiarato contenuta in tutto il mondo l epidemia di SARS. Ciononostante occorre mantenere alta la vigilanza globale. A questo proposito

Dettagli

Manuale di buone pratiche di igiene

Manuale di buone pratiche di igiene Istituto Zooprofilattico Sperimentale della Lombardia e dell Emilia Romagna Bruno Ubertini Manuale di buone pratiche di igiene per le microimprese alimentari Progetto di semplificazione dell autocontrollo

Dettagli

LABORATORIO CHIMICO CAMERA DI COMMERCIO TORINO. Paola Rebufatti

LABORATORIO CHIMICO CAMERA DI COMMERCIO TORINO. Paola Rebufatti LABORATORIO CHIMICO CAMERA DI COMMERCIO TORINO LA FORMAZIONE: UN SUPPORTO PER LA COMMISSIONE MENSA Paola Rebufatti LA MISSIONE Essere di ausilio alla Camera di Commercio di Torino ed alle altre Camere

Dettagli

ESTRATTO DEL VERBALE DELL ADUNANZA DEL CONSIGLIO DI ISTITUTO

ESTRATTO DEL VERBALE DELL ADUNANZA DEL CONSIGLIO DI ISTITUTO ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE F. BOTTAZZI - CASARANO (Lecce) Esposta all Albo Il 15 giugno 15 ESTRATTO DEL VERBALE DELL ADUNANZA DEL CONSIGLIO DI ISTITUTO L anno 2015 addì 13 del mese di giugno

Dettagli

Laura Toti Dipartimento di Sanità Pubblica Veterinaria e Sicurezza Alimentare Istituto Superiore di Sanità Reparto Pericoli Microbiologici

Laura Toti Dipartimento di Sanità Pubblica Veterinaria e Sicurezza Alimentare Istituto Superiore di Sanità Reparto Pericoli Microbiologici IL SISTEMA HACCP Laura Toti Dipartimento di Sanità Pubblica Veterinaria e Sicurezza Alimentare Istituto Superiore di Sanità Reparto Pericoli Microbiologici Autocontrollo Reg 852/2004 L azienda è responsabile

Dettagli

Corso FOR.AGRI SOLUZIONI PER LA QUALITA. www.qmtt.net/qualy

Corso FOR.AGRI SOLUZIONI PER LA QUALITA. www.qmtt.net/qualy Igiene della Cucina Corso FOR.AGRI SOLUZIONI PER LA QUALITA www.qmtt.net/qualy Formazione Professionale La presente pubblicazione è stata realizzata con il contributo del Fondo FOR.AGRI, con il progetto

Dettagli

CORSI DI FORMAZIONE SICUREZZA SUL LAVORO

CORSI DI FORMAZIONE SICUREZZA SUL LAVORO CORSI DI FORMAZIONE SICUREZZA SUL LAVORO INDICE Indice KAMA Formazione Corso Modulo Formazione Generale per lavoratori 4 ore Corso di Formazione per lavoratori Rischio Basso 8 Corso di Formazione per

Dettagli

Sistemi di autocontrollo e HACCP: concetti e metodologie

Sistemi di autocontrollo e HACCP: concetti e metodologie ALLEGATO A Sistemi di autocontrollo e HACCP: concetti e metodologie Premessa Il D.Lgs 155/97 all art.3 cita: il responsabile dell industria deve garantire che la preparazione, la trasformazione, la fabbricazione,

Dettagli

La redazione di un piano di autocontrollo

La redazione di un piano di autocontrollo SERVIZIO SANITARIO REGIONALE AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI n 1 - TRIESTINA DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Struttura Semplice Igiene Alimenti e Nutrizione Via P. de Ralli n. 3-34128 Trieste - Tel. 040/3997507-7509

Dettagli

LABORATORIO CHIMICO CAMERA DI COMMERCIO TORINO

LABORATORIO CHIMICO CAMERA DI COMMERCIO TORINO LABORATORIO CHIMICO CAMERA DI COMMERCIO TORINO L attività di audit del Laboratorio Chimico per la ristorazione scolastica LA MISSIONE Essere di ausilio alla Camera di Commercio di Torino ed alle altre

Dettagli

Prove biotossicologiche nella valutazione della salubrità degli alimenti

Prove biotossicologiche nella valutazione della salubrità degli alimenti Prove biotossicologiche nella valutazione della salubrità degli alimenti Dr.ssa Gabriella Giorgi Il Ministero della Sanità con decreto n 38 del 25/05/1997 ai sensi dell art.12 del D.Lgs. N 116/92 ha autorizzato

Dettagli

IL CONTROLLO UFFICIALE: EVIDENZE DI DUE ANNI DI AUDIT. Roberto Moschi ASL1 imperiese S.C.Igiene Alimenti Origine Animale Bussana 12 giugno 2009

IL CONTROLLO UFFICIALE: EVIDENZE DI DUE ANNI DI AUDIT. Roberto Moschi ASL1 imperiese S.C.Igiene Alimenti Origine Animale Bussana 12 giugno 2009 IL CONTROLLO UFFICIALE: EVIDENZE DI DUE ANNI DI AUDIT Roberto Moschi ASL1 imperiese S.C.Igiene Alimenti Origine Animale Bussana 12 giugno 2009 REG. 854 /04 CE stabilisce norme specifiche per l'organizzazione

Dettagli

A LA FORMAZIONE DEGLI ALIMENTARISTI IN REGIONE TOSCANA

A LA FORMAZIONE DEGLI ALIMENTARISTI IN REGIONE TOSCANA Allegato A LA FORMAZIONE DEGLI ALIMENTARISTI IN REGIONE TOSCANA (in attuazione della L.R. n. 24/2003, art. 2 e dei Regolamenti (CE) N. 852/2004 e 853/2004) 1 1. Premessa La formazione degli alimentaristi

Dettagli

HACCP HAZARD ANALYSIS AND CRITICAL CONTROL POINT PIANO DI AUTOCONTROLLO

HACCP HAZARD ANALYSIS AND CRITICAL CONTROL POINT PIANO DI AUTOCONTROLLO HAZARD ANALYSIS AND CRITICAL CONTROL POINT COPIA N. 2 CONTROLLATA NON CONTROLLATA Edizione Revisione Redazione Approvazione 06 05 Pag.1 SOMMARIO Sezione 1 Sezione 2 Sezione 3 Sezione 4 Sezione 5 1.1 -

Dettagli

SICUREZZA E IGIENE DEGLI ALIMENTI AA

SICUREZZA E IGIENE DEGLI ALIMENTI AA Presentazione e Programma del corso di insegnamento Igiene e Tecnologie Alimentari del corso integrato SICUREZZA E IGIENE DEGLI ALIMENTI AA 0-03 docente titolare: prof. Marcello Trevisani INDICE:. Presentazione

Dettagli

Corso di formazione di igiene e sicurezza alimentare

Corso di formazione di igiene e sicurezza alimentare Windows XP, Vista, 7, 8 Explorer 8 o superiori Novembre 2013 SICUREZZA ALIMENTARE Supporti per la formazione Supporti per la formazione Corso di formazione di igiene e sicurezza alimentare altri titoli

Dettagli

1. Operatore del settore alimentare

1. Operatore del settore alimentare Spazio per apporre il timbro di protocollo Allegato 2 alla D.G.R. 79-7605 del 26/11/2007 Data Prot. Al Comune di.. Oggetto: Denuncia di inizio attività (D.I.A.) ai sensi art. 6 Reg. CE 852/2004 (da presentare

Dettagli

GESTIONE SCOLASTICA DEL VIRUS INFLUENZALE A/H1N1

GESTIONE SCOLASTICA DEL VIRUS INFLUENZALE A/H1N1 I.T.I. OMAR GESTIONE SCOLASTICA DEL VIRUS INFLUENZALE A/H1N1 Procedure igienico sanitarie OTTOBRE 2009 REVISIONE 01 SOMMARIO La sindrome influenzale da virus A/H1N1 3 Misure di prevenzione 3 Come lavare

Dettagli

Dipartimento di Prevenzione U.O.C. HACCP- RSO

Dipartimento di Prevenzione U.O.C. HACCP- RSO La presente istruzione operativa dettaglia una specifica attività/fase di un processo descritto dalla procedura Piano Interno di Intervento Emergenza Migranti. La sanificazione ambientale viene intesa

Dettagli

Scheda informativa prodotto cosmetico ad uso professionale OSSIDANTI PER TINTURE, RIFLESSANTI E DECOLORANTI

Scheda informativa prodotto cosmetico ad uso professionale OSSIDANTI PER TINTURE, RIFLESSANTI E DECOLORANTI Allegato 3 Scheda informativa prodotto cosmetico ad uso professionale OSSIDANTI PER TINTURE, RIFLESSANTI E DECOLORANTI INFORMAZIONI GENERALI Nome commerciale: Descrizione prodotto: : soluzioni di acqua

Dettagli