STUDIO PER LA RISTORAZIONE AZIENDALE DELLA VOSTRA SOCIETA'

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "STUDIO PER LA RISTORAZIONE AZIENDALE DELLA VOSTRA SOCIETA'"

Transcript

1 STUDIO PER LA RISTORAZIONE AZIENDALE DELLA VOSTRA SOCIETA' Alla Cosrtese Attenzione del Vostro DIRETTORE GENERALE CEE/ca Prot.n.: / /dc Monza, Egregio Direttore, presentiamo alla Sua attenzione, un esclusivo studio sulla ristorazione aziendale della Sua societa'. E' statoapprontato in base alle nuove esigenze che il mercato e gli utenti finali del servizio hanno in questo momento. La ringraziamo anticipatamente per il tempo che vorra' dedicare all'esame della nostra proposta e augurandole buon lavoro porgiamo le nostre migliori cordialita'. Rag. Ettore Colombo SRL l'amministratore Unico

2 PRESENTAZIONE DELLA SOCIETA' La COLOMBO RISTORAZIONE opera nel settore della ristorazione collettiva dal 1970 ed e' socia fondatrice dell'angem (Associazione Nazionale dei Gestori di Mense). Il suo fondatore Rag. Ettore Enrico Colombo proveniente dal settore dopo una lunga esperienza maturata in qualita' di direttore generale in un'altra societa', nel 1970 fonda la ditta individuale con l'acquisizione di importanti Clienti di fama mondiale (PHILIPS, RANK XEROX, STAR, IBM) basando i rapporti di gestione sull'ottima qualita' del servizio offerto, sulla massima trasparenza e con lo scopo di "sposare" l'azienda Cliente. In queste societa' la gestione del servizio di ristorazione dura ininterrottamente per ben 19 anni in RANK XEROX (due unita' produttive gestite per un totale di 600 pasti al giorno), per 14 anni in IBM (gestione dell'unita' produttiva di Via Tolmezzo - Milano e del Centro di Istruzione di Rivoltella del Garda) e per circa 10 anni in PHILIPS (quattro unita' produttive gestite per oltre 1000 pasti giorno) e in STAR/MELLIN (per circa 1800 pasti al giorno) senza mai dare adito a rilievi di sorta a conferma della buona politica e filosofia aziendale. Nel 1979, pur mantenendo in vita la ditta individuale, nasce la Rag. Ettore Colombo srl e tutte le nuove acquisizioni vengono fatte da questa societa' lasciando inalterati i principi e la filosofia aziendale, con la conduzione del fondatore (Rag. Ettore Enrico Colombo) e la stretta collaborazione dei familiari inseriti nello staff direttivo. In quell'anno viene acquisita la gestione IMPRESIT (gruppo FIAT) presso la quale la societa' Colombo ha svolto il proprio servizio per 19 anni, provvedendo anche all'apertura, con progettazione ed allestimento della rinnovata sede di Sesto San Giovanni, con un numero medio di 700 pasti al giorno. Attualmente le unita' produttive gestite sono 22 con la somministrazione di circa 5500 pasti al giorno. Elenchiamo di seguito alcuni nominativi di Aziende/Enti per i quali abbiamo fornito i nostri servizi: - BONOMELLI S.P.A. - Dolzago (LC) - BOLDROCCHI SRL - Biassono (MI) - ASTRA VEICOLI INDUSTRIALI SPA - Piacenza (PC) - CONSIGLIO REGIONALE DELLA LOMBARDIA - Milano - ITLA (gruppo FALK) - Oggiono (LC) - GIANETTI RUOTE - Ceriano Laghetto (MI) - CEMENTERIA DI MERONE - Cassago (LC) e le seguenti Amministrazioni Comunali: - COMUNE DI MONZA (MI) - COMUNE DI CORMANO (MI) - COMUNE DI CERIANO LAGHETTO (MI)

3 Per l'organizzazione e lo svolgimento dei servizi offerti, la societa', si avvale della collaborazione di circa 90 dipendenti dei quali 15 operativi e di controllo di gestione e qualita' dei servizi resi ed amministrativi, e la restante parte per la produzione diretta del servizio (cuochi, interni cucina, addetti mensa, ecc.). Il fatto che, comunque, a dirigere l'azienda, pur strutturata come descritto, vi siano ancora i familiari titolari, e' garanzia che, per ogni tipo di problema o qualsivoglia necessita', tutto viene risolto in maniera celere e senza perdite di tempo, con una semplice telefonata al "titolare". La nostra azienda per la sua efficacia di gestione ed organizzazione unisce i pregi del "gestore privato", curando ogni unita' produttiva come se fosse l'unica gestita, a quelli della "grande azienda di ristorazione", disponendo di moderna e dinamica struttura tecnica, organizzativa e di controllo. La COLOMBO RISTORAZIONE garantisce: qualita' e puntualita' del servizio, un rapporto piu' umano con la clientela e non anonimo o per interposte persone, qualificata sostituzione del personale assente, totale eliminazione di problemi per la societa' Cliente. Tutto cio' ci permette di mietere consensi da parte di tutta la nostra Clientela.

4 INDICE a - TIPO E METODO DI SERVIZIO b - COMPOSIZIONE DEL PASTO c - CARATTERISTICHE DEGLI ALIMENTI d - CONTROLLI QUALITATIVI E CERTIFICAZIONE ISO e - LISTA DELLE PREPARAZIONI E DELLE GRAMMATURE f - MENU' - GIORNATE e/o SETTIMANE REGIONALI g - PERSONALE IMPIEGATO h - CORSI DI AGGIORNAMENTO E FORMAZIONE ADDETTI i - PROGRAMMA DI PULIZIE E SANIFICAZIONE l - CONSULENZA E PROGETTAZIONE m - ONERI A CARICO DELLA NOSTRA SOCIETA' n - ONERI A CARICO DEL CLIENTE o - PREZZO DEL PASTO p - VARIAZIONI PREZZO DEL PASTO q - DURATA CONTRATTUALE

5 a - TIPO E METODO DI SERVIZIO a.01 I pasti verranno cucinati con il sistema tradizionale cioe' cotti e approntati in loco. a.02 La distribuzione verra' effettuata sulla linea self-service da personale qualificato. a.03 Il servizio si svolgera' in tutti i giorni lavorativi feriali, dal lunedi' al venerdi' per :. commensali annui. a.04 Gli orari del servizio saranno i seguenti: dal lunedi' al venerdi' dalle ore. alle ore. a.05 Il pasto sara' servito dietro rilascio di apposito buono, timbratura elettronica di badge o con altra soluzione valida che possa comunque essere costantemente controllata. L'onere derivante dalla gestione di tali procedure sara' a Vostro carico. a.06 La Vostra societa' mettera' a disposizione, in uso gratuito, i locali, gli impianti, le attrezzature, le utenze e gli arredi necessari al buon funzionamento e svolgimento del servizio in ottemperanza al DPR n.327 del 26/03/80 ed al D.L. 626/94 e succ.. a.07 Non e' prevista la chiusura totale per ferie nell'arco dell'anno. E' prevista la chiusura in occasione della festa patronale.

6 b - COMPOSIZIONE DEL PASTO b.01 Il pasto avra' la seguente composizione: Primo piatto : uno a scelta fra 5 o in alternatuiva; - una porzione di formaggio (gr.50) - un vasetto di yogurt (gr.125) - un vasetto di budino (gr.125) - un frutto di stagione (gr.150/180) Secondo piatto : uno a scelta fra 5 o in alternativa; - un piatto a base di affettato - un piatto a base di formaggio - un piatto misto di affettato e formaggio - carne, tonno o sgombri in scatola Contorno : uno a scelta fra 3/4 (di cui almeno uno cotto e uno crudo) Pane : due panini da gr.50 di tipo comune o; - due panini da gr.50 di tipo integrale - due panini da gr.50 di tipo condito - due sacchetti di grissini "hotel" gr.13/15 - due pacchetti di crackers gr.15 Frutta : un frutto di stagione (gr.150/180) Bevanda : una bottiglia di acqua da cl.50 o; - una bottiglia di vino da cl.25

7 c - CARATTERISTICHE DEGLI ALIMENTI c.01 La nostra societa' garantisce da sempre la qualita' delle materie prime impiegate per la preparazione dei pasti, anche con la possibilita' di accordare la fornitura di specifiche marche e/o tipi di prodotti, preferiti e richiesti dall'azienda Cliente. Le caratteristiche merceologiche delle principali materie prime impiegate sono desumibili dal seguente schema: c Pasta di semola di grano duro Prodotta con le modalita' previste dalla legge, deve possedere i requisiti di composizione e acidita' riportati dalla legge n.580/67 titolo 5^ art.28 e 29 e succ.modif., legge n.440 del 08/06/71. La pasta non deve presentare, in modo diffuso, difetti di tipo: - presenza di macchie bianche e/o nere; - bottatura o bolle d'aria; - spezzature o tagli. Le confezioni devono pervenire intatte e sigillate, devono inoltre riportare: - il peso netto; - una bottiglia di birra da cl.20 - una bottiglia di gassosa da cl.20 Condimenti particolari : olio extravergine di oliva, olio Sasso, olio di mais Cuore, salsa rubra, senape, maionese, tabasco, salsa di soja, ecc.. - il tipo di pasta; - la ditta produttrice; - il luogo di produzione; - tutte le ulteriori informazioni previste dal DPR n.322 del 18/05/82; - la data di scadenza. c Paste fresche all'uovo o ripiene, gnocchi di patate Il prodotto deve rispondere ai requisiti richiesti dalla legge n.580/67 art.33, deve essere fornito in confezioni chiuse in imballaggio di materiale idoneo per gli alimenti. Devono essere riportati sulla confezione: - il peso netto; - il nome del produttore; - gli ingredienti in ordine decrescente di quantita'; - la data di produzione. c Riso Non deve essere trattato con sostanze non consentite dalla legge e possedere le caratteristiche merceologiche definite per ogni gruppo di appartenenza e varieta'. Non deve presentare difetti tipici di struttura e vaiolatura interna, come da norme legislative vigenti, art.2,3 e a legge n.325 del 18/03/58 e DPR relativi alle annate agrarie. Categorie e varieta' usate:

8 - Superfino: Arborio, Roma; - Parboiled. Le confezioni, da 25 e 50 Kg., devono rispondere ai requisiti legislativi (legge 325/58 art.5) ed in particolare : - devono essere sigillate; - devono riportare le dichiarazioni riguardanti il peso netto, la ditta produttrice e confezionatrice; - riportare il termine minimo di conservazione; - riportare tutte le altre dichiarazioni previste dalla legge. c Bovino adulto fresco Condizioni generali: - deve provenire da allevamenti nazionali o CEE; - deve soddisfare le vigenti disposizioni di legge per la vigilanza igienica e presentare in ogni sua parte il marchio della visita sanitaria e classifica; - deve presentare grana fine, colorito brillante, colore rosso/roseo, tessuto adiposo compatto, ben disposto fra i fasci muscolari che assumono aspetto marezzato, marezzatura media, consistenza pastosa, tessitura abbastanza compatta; - deve essere accompagnato dal certificato sanitario per il trasporto fuori comune di carne fresca; - deve essere trasportato secondo le disposizioni del DPR n.327 del 26/03/80, con temperature, durante il trasporto, comprese tra i -1^C e i +4^C; - deve presentare caratteristiche igieniche ottime con assenza totale di alterazioni microbiche; - deve essere in osso o in confezione sottovuoto di tagli anatomici. Tipologia dei tagli: - coscia in 6 tagli: reale, sottofesa, noce, scamone, magatello, pesce - geretto; - anteriore nei tagli: reale, spalla, punta: - fegato presentante rivestimento sieroso ben separabile; - trippa lessata presentante ottime caratteristiche igieniche. c Bovino adulto congelato Valgono le stesse condizioni generali riportate per il bovino adulto fresco. Altre caratteristiche: - lo scongelamento deve essere fatto in modo lento in cella frigorifera a temperatura compresa fra i +2^C e i +4^C; - non deve presentare scottature da freddo, processi di irrancidimento del grasso e di essiccamento del muscolo; - deve essere accompagnato dal certificato sanitario per il trasporto fuori comune di carne congelata; - deve essere trasportato secondo le disposizioni stabilite dal DPR n.327 del 26/03/80, con temperatura, durante il trasporto, di -10^C max. La tipologia dei tagli e' la stessa prevista per il bovino adulto fresco.

9 c Vitello fresco Per le condizioni generali vedere "Bovino adulto fresco". Deve inoltre presentare le seguenti caratteristiche: - non deve aver subito l'azione di sostanze estrogene; - la carne deve essere di un colore rosso pallido, tenera, a grana fine, con grasso di aspetto bianco, consistente; - deve provenire da animali che non abbiano superato i 300 kg. di peso. Tipologia dei tagli: - anteriore nei tagli: spalla, reale, punta, pancia. c Vitello congelato Tutte le condizioni valide per "Vitello fresco" e le altre caratteristiche poste per "Bovino adulto congelato". c Suino fresco Condizioni generali: - deve provenire da allevamenti nazionali o esteri; - deve soddisfare le vigenti disposizioni di legge per la vigilanza igienica e presentare in ogni sua parte il marchio della visita sanitaria e di classifica: - deve presentare colore roseo, aspetto vellutato e grana molto fine, tessitura compatta, consistenza pastosa al tatto e venatura scarsa; - deve essere accompagnato dal certificato sanitario per il trasporto fuori comune di carne fresca; - deve essere trasportato secondo le disposizioni del DPR n.327 del con temperature, durante il trasporto, comprese tra i +1^C e i +4 ^C; - deve presentare caratteristiche igieniche ottime con assenza totale di alterazioni microbiche; - deve essere in osso o in confezioni sottovuoto; Tipologia dei tagli: - carre' di lonza: la carne deve essere compatta, non eccessivamente umida o rilassata: - puntine, costine, frattaglie in genere. c Suino congelato Valgono tutte le condizioni generali esposte per "Suino fresco". Per le altre caratteristiche fare riferimento a "Bovino adulto congelato". c Pollame Condizioni generali: - deve provenire da allevamenti nazionali o esteri: - deve soddisfare le vigenti disposizioni di legge per la vigilanza igienica e presentare in ogni sua parte il marchio della visita sanitaria e di classifica; - deve essere accompagnato dal certificato sanitario per il trasporto fuori comune; - le carcasse devono presentare il bollo e placca del comune dell'avvenuta visita sanitaria;

10 - deve essere trasportato secondo le disposizioni del DPR n.327 del 26/03/80; - non deve aver subito l'azione di sostanze estrogene. Polli a busto freschi e/o congelati. Caratteristiche: - animali provenienti da allevamenti industriali, allevati a terra, preparati a busto, di regolare sviluppo, buona conformazione, ottimo stato di nutrizione e assenza di callosita' esterne; - animali di eta' inferiore alle dieci settimane, di ambo i sessi, carni molto tenere, scarso tessuto adiposo, pelle morbida e liscia, cartilagine sternale molto flessibile; - gli animali devono essere privi di testa e collo, con le zampe tagliate a mezzo centimetro circa sotto l'articolazione tarsica; - i busti devono risultare assenti da intestino, stomaco, fegato e cuore, esofago, trachea e uropigio; - la macellazione, nel caso di prodotto refrigerato, deve essere recente, non superiore a 5 giorni e non inferiore a 12 ore; - alla macellazione deve essere seguito il raffreddamento in cella frigorifera o il congelamento; - gli animali devono essere esenti da fratture, edemi ed ematomi; - il dissanguamento deve risultare completo, il grasso interno e di copertura deve essere distribuito nei giusti limiti; - la pelle deve essere pulita, elastica, non disseccata, priva di penne e/o piumole, senza soluzioni di continuo, ne' ecchimosi o macchie verdastre; - la carne deve essere di colorito bianco-rosa tendente al giallo, di buona consistenza, non sfilacciata ne' infiltrata di sierosita'; - la pezzatura sara' compresa tra i 900 gr. e i 1000 gr.. Tacchino fresco e/o congelato. Caratteristiche: - tacchino maschio con eta' compresa fra 14 settimane e 8 mesi; - animale allevato a terra; - non deve essere stato trattato con antibiotici; - deve avere carni morbide a grana sottile, colore rosa pallido, pelle facilmente lacerabile e leggera, cartilagine sternale molto flessibile. Petti di pollo, di tacchino congelati/surgelati. Tutte le condizioni poste per il pollo ed il tacchino devono essere rispettate. In piu' altre caratteristiche sono: - il prodotto deve essere scongelato molto lentamente in cella frigorifera a temperatura compresa fra i +2^C e i +4^C; - non deve presentare scottature da freddo, processi di irrancidimento del grasso e di essiccamento del muscolo; - deve presentare la minima perdita residua di succo muscolare; - deve essere accompagnato dal prescritto certificato sanitario per il trasporto fuori comune di carni congelate e durante lo stesso, a norma del DPR n.327 del 26/03/80, la temperatura deve essere di -10^C max.

11 c Uova di gallina Uova fresche di gallina di produzione nazionale. Categoria qualitativa A. Categoria di peso 50/55 gr.. Gli imballi devono essere muniti di fascette o dispositivi di etichettatura leggibili e recanti: - il nome o la ragione sociale, l'indirizzo dell'azienda che ha classificato o fatto classificare il prodotto; - il numero di identificazione del centro di imballaggio; - la categoria di qualita' e di peso; - il numero delle uova imballate; - il numero indicante la settimana d'imballaggio. c Pesce e prodotti ittici surgelati Condizioni generali: - devono essere preparati e confezionati secondo quanto stabilito dalle norme vigenti, DM 15/06/71 e successive modificazioni; - durante il trasporto il prodotto deve essere mantenuto alla temperatura do -18^C in conformita' al DPR n.327 del 26/03/80; - sulle confezioni deve essere riportata la data di confezionamento e di scadenza, DPR n.322 del 13/05/82; - i prodotti non devono presentare segni comprovati di avvenuto parziale o totale scongelamento, quali formazione di cristalli di ghiaccio sulla parte piu' esterna della confezione; - il prodotto una volta scongelato non puo' essere ricongelato e deve essere consumato entro le 24 ore; - la durata di conservazione dei surgelati e' in funzione della temperatura di mantenimento e precisamente: * per temperature uguali o inferiori a -18^C: fino alla data di scadenza; * per temperature uguali o inferiori a -12^C: entro un mese; * per temperature uguali o inferiori a -6^C: entro una settimana. c Formaggi I formaggi devono essere prodotti con tecnologie adeguate, partendo dalle materie prime conformi alle norme previste dal RDL n.2033 del 1925 e successive modificazioni. Il prodotto non deve presentare alterazioni interne o esterne. Il prodotto deve essere accompagnato dalle dichiarazioni previste dal DPR n.322 del 13/05/82. Il trasporto deve avvenire con mezzi idonei: i prodotti freschi devono essere mantenuti a temperature comprese fra i 0^C e i +4^C, secondo quanto prescritto dal DPR n.327 del 26/03/80. Principali tipologie fornite: Mozzarella: - prodotta a partire da solo latte vaccino fresco; - il grasso minimo contenuto deve essere il 44%sulla S.S.;

12 - deve essere venduta in confezioni immerse o contenenti adatto liquido di governo, secondo le disposizioni del DPR n.322/82 e della CM del 02/12/85; - non deve presentare gusti anomali dovuti a irrancidimento o altro; - i singoli pezzi devono essere interi e compatti; - deve essere indicata la data di confezionamento e deve essere dichiarato il termine minimo di conservazione. Ricotta: - deve essere prodotta in buone condizioni igieniche; - non deve presentare sapore, odore o colorazioni anomale; - deve essere fornita in recipienti chiusi, puliti ed idonei al trasporto; - le confezioni devono riportare dichiarazioni specifiche relative al tipo di prodotto. Crescenza: - prodotta da puro latte vaccino fresco; - il grasso minimo deve essere il 50% sulla S.S.; - la pasta deve essere compatta e non eccessivamente molle; - non deve presentare difetti di aspetto, di sapore o altro, dovuti a fermentazioni anomale; - deve essere venduta in confezioni sigillate. Taleggio: - prodotto da puro latte vaccino fresco; - il grasso minimo sulla S.S. deve essere il 48% secondo il DM 29/12/73 (la tabella A della legge n.125 del 10/04/54 prevede il 50%) - deve essere maturo e riportare le dichiarazioni relative al tempo di stagionatura; - non deve presentare difetti di aspetto, di sapore o altro, dovuti a fermentazioni anomale o altro; Formaggio tipo emmental: - prodotto da puro latte vaccino fresco; - il grasso minimo deve essere il 45% sulla S.S.; - deve presentare interamente la classica occhiatura distribuita in tutta la forma anche se puo' essere piu' frequente nella parte interna; - deve essere dichiarato il tipo di prodotto ed il luogo di produzione. Gorgonzola: - formaggio tipico, DPR n.1269 del 30/10/65; - prodotto da puro latte vaccino fresco; - il grasso minimo deve essere il 48% sulla S.S.; - la pasta deve avere aspetto compatto e non troppo molle; - deve essere fresco e non aver subito processi di congelamento o scongelamento. Grana padano: - formaggio a denominazione d'origine, DPR n.1269 del 30/10/65; - il grasso minimo deve essere il 32% sulla S.S.; - non deve presentare difetti di aspetto, di sapore o altro dovuti a fermentazioni anomale o altro; - non deve presentare difetti interni tipo occhiature della pasta dovuti a fermentazioni anomale;

13 - non deve presentare difetti esterni tipo marcescenze o altro; - deve essere stagionato almeno un anno e riportare dichiarazione riguardante il tempo di stagionatura; - non deve contenere piu' dello 0,5% di formaldeide residua; - deve essere idoneo a essere grattugiato. c Salumi Prosciutto crudo intero o disossato: - deve essere marchiato con bollo a fuoco portante la dizione "visita sanitaria" del comune dove avviene la stagionatura, CM della sanita' n.97 del 18/08/59; - deve essere dichiarato un periodo di stagionatura non inferiore ai 10 mesi; - il prodotto deve presentare tutte le caratteristiche organolettiche di una corretta stagionatura; - non deve risultare eccessivamente salato; - la carne deve essere puottosto asciutta e consistente adatta al taglio anche in fette sottili; - non deve presentare difetti di colore, odore o altro genere dovuti a una scorretta maturazione; - la porzione di grasso non deve essere eccessiva e lo stesso non deve essere giallo o avere odore o sapore di rancido; - non devono risultare additivi non consentiti dalla legge ed i residui presenti non devono superare le quantita' ammesse dalla legge, DM 31/03/65. Salame crudo: - deve possedere i requisiti del RD n.3298 art.55 del 20/10/28 e successive modificazioni; - gli involucri devono essere a norma di legge; - l'impasto deve essere composto mediamente dal 30-35% di grasso e dal 70/65% di magro; - non devono essere presenti, in modo percettibile, parti connettivali; - l'involucro esterno deve essere in buono stato, senza muffe o marcescenze e non deve essere staccato dal contenuto; - l'interno non deve presentare odori o colori anomali, inscurimento della carne, ingiallimento del grasso, rancidita' ecc.; - il prodotto deve presentare il giusto grado di maturazione; - l'impasto deve essere compatto; - l'involucro si deve staccare facilmente. Prosciutto cotto con o senza polifosfati: - il prodotto deve essere avvolto in idoneo involucro plastico o carta alluminata; - deve essere munito di dichiarazione riguardante il tipo di prodotto (si intende il ricavato della coscia suina); - all'interno dell'involucro non deve esserci liquido percolato; - all'esterno non deve presentare patinosita' ne odore sgradevole; - il grasso di copertura deve essere compatto, senza parti ingiallite e con odore o sapore di rancido, non deve essere in eccesso; - la quantita' di grasso interstiziale deve essere di preferenza bassa; - la fetta deve essere compatta di colore roseo senza eccessive parti connettivali o grasso interstiziale;

14 - non deve presentare alterazioni di sapore, odore o colore ne' iridizzazione, picchiettatura, alveolatura o altri difetti; - gli eventuali additivi aggiunti devono essere dichiarati e presenti nelle quantita' consentite dal DM 31/03/65 e successive modificazioni e DM 28/12/64 e successive modificazioni. Pancetta arrotolata: - le parti magre devono risultare in giusta proporzione; - la carne ed il grasso non devono essere eccessivamente molli; - il grasso non deve risultare rancido, ingiallito o in qualche modo degradato; - il prodotto deve essere compatto e senza eccessivi spazi all'interno; - gli eventuali additivi aggiunti devono essere dichiarati e presenti delle quantita' consentite dal DM 31/03/65 e successive modificazioni e DM 28/12/64 e successive modificazioni. Salsicce e salamelle fresche: - deve essere dichiarato il tipo di carne impiegato e l'involucro impiegato deve possedere i requisiti previsti dal RD n.3298 del 30/12/28 e dal DM 21/03/73; - il grasso e la carne devono essere in ottimo stato di macinazione; - le parti connettivali macinate devono risultare in quantita' massima del 3%. Cotechino: - l'impasto deve essere di puro suino composto indicativamente da: carne magra 35%, cotenna 30%, grasso duro 35%; - la forma, la dimensione ed il sistema di lavorazione devono essere tradizionali; - il prodotto deve essere conforme alle norme previste dalla vigente legislazione. c Pomodori pelati Devono possedere i requisiti minimi previsti dall'art.2 del DPR n.428 del 11/04/75; - e' previsto che i pomodori siano maturi, sani, freschi, ben lavati, privi di insetti, larve, difetti dovuti a malattie; - devono presentare il caratteristico colore, odore, sapore del pomodoro maturo; - il peso sgocciolato deve risultare non inferiore al 60% del peso netto, i frutti devono essere interi e non deformati per almeno il 65% sul peso dello sgocciolato; - il residuo secco al netto di sale aggiunto non deve essere inferiore al 4%; - i contenitori non devono presentare difetti come: ammaccature, punti di ruggine, corrosioni interne o altro; - la banda stagnata deve possedere i requisiti previsti dalla legge n.283 del 30/04/62 e dal DM 21/03/73 e successive modificazioni; - ogni contenitore deve riportare le seguenti dichiarazioni; * peso sgocciolato; * peso netto; * nome della ditta produttrice; * nome della ditta confezionatrice; * luogo di produzione; * ingredienti impiegati in ordine decrescente; * data di scadenza; come previsto dal DPR n.327/80 e dal DPR n.322/82.

15 c Olio Olio di oliva: il grado di acidita' e la qualita' deve rispondere ai requisiti previsti dalla legge. Olio di semi di soia (monoseme): deve rispondere ai requisiti di qualita' e di composizione previste dalla legge, RDL n Per tutti i tipi di olio: - i contenitori in banda stagnata non devono presentare difetti come: ammaccature, punti di ruggine, corrosioni interne o altro; - la banda stagnata deve possedere i requisiti previsti dalla legge n.283 del 30/04/62 e dal DM 21/03/73 e successive modificazioni; - le confezioni devono riportare dichiarazioni riguardanti il tipo di prodotto, la casa produttrice, il luogo di provenienza, il peso netto e tutto cio' che e' previsto dal DPR n.322 del 18/05/82. c Ortaggi freschi Caratteristiche generali. I prodotti devono essere: - interi e freschi; - sani senza ammaccature, lesioni, alterazioni, senza attacchi parassitari (salvo restando le disposizioni particolari previste per ciascuna categoria merceologica); - privi di tutte le parti imbrattate di terra, terriccio o altro; - esenti da residui di fertilizzanti o antiparassitari sulla superficie e in ogni caso compresi nelle quantita' massime previste dall'om 23/09/78; - turgidi senza alcun segno di ammollimento; - privi di odori e sapori estranei, non prefioriti ne pregermogliati; - privi di umidita' esterna anomale (si ricordi che l'umidita' esterna presente sugli ortaggi in uscita dagli ambienti refrigerati non costituisce difetto). Il prodotto deve inoltre: - presentare le precise caratteristiche dalla specie cultiva e qualita' richieste; - essere maturo fisiologicamente e commercialmente; - essere omogeneo per maturazione, freschezza e pezzatura. Le forniture devono riportare in bolla: - la specie; - la varieta'; - il calibro; - la categoria di appartenenza; - la provenienza della merce; - il peso lordo; - il peso netto. c Frutta fresca Caratteristiche generali. I frutti devono essere:

16 - interi, sani, senza ammaccature, lesioni, alterazioni della forma, senza attacchi parassitari (salvo restando le disposizioni particolari previste per ciascuna categoria merceologica); - privi di odori e/o sapori estranei; - puliti, cioe' privi di impurita' e corpi estranei; - esenti da residui di fertilizzanti o antiparassitari sulla superficie e, in ogni caso, compresi nelle quantita' massime previste dal OM 06/06/85; - turgidi, senza alcun segno di ammollimento; - privi di umidita' esterna anomale (si ricordi che l'umidita' presente sui frutti, in uscita dagli ambienti refrigerati, non costituisce difetto). Il prodotto deve inoltre: - presentare le specifiche caratteristiche della specie cultiva e qualita' richieste; - essere maturo fisiologicamente e commercialmente; - essere omogeneo per maturazione, freschezza, pezzatura e zona di provenienza. Le forniture devono riportare in bolla le stesse specifiche previste per "Ortaggi freschi". c.02 La nostra societa' si impegna comunque a mantenere uno standard qualitativo che nel tempo non dovra' essere modificato.

17 d - CONTROLLI QUALITATIVI E CERTIFICAZIONE ISO d.01 Con l'entrata in vigore del D.Lgs. 26/05/97 n.155 di attuazione delle direttive 93/43/CEE e 96/3/CEE concernente l'igiene dei prodotti alimentari, tutte le aziende del nostro settore sono tenute a garantire che le somministrazioni dei prodotti alimentari siano effettuate in modo igienico. A tal fine l'analisi dei pericoli ed il controllo dei punti critici (HACCP) e' parte integrante delle metodiche attuative, comprendendo inoltre controlli chimici e batteriologici sugli alimenti. d.02 Per garantire l'attuazione di quanto sopra, la nostra societa' effettua periodici controlli a mezzo di speciali "slides", ed affida a laboratori di analisi esterni l'esecuzione dei controlli periodici nelle unita' produttive da noi gestite. d.03 Per quanto riguarda i cibi, i controlli vengono individuati fra: - cibi cucinati e/o elaborati (1^ piatto, 2^ piatto, sughi, creme, contorni, ecc.) - cibi freschi/derrate (carni, pollami, salumi, formaggi freschi, ecc.) d.04 Vengono effettuati controlli anche sulle attrezzature (affettatrice, tritatutto, grattugia, ecc.) utensili (posate, pentolame, utensili da taglio, ecc.), arredi (tavoli, ripiani, celle, vassoi, superfici banco self-service, ecc.) e personale (mani del personale). d.05 Ad ogni controllo avviene la ricerca, identificazione e conta di: - flora misofica totale - flora micetica totale (lieviti/muffe) - streptococco fecale - enterobatteriacee totali (escherichia coli) - stafilococco aureo d.06 Questo programma ci consente di prevenire l'instaurarsi di qualsiasi condizione di rischio nel rispetto della normativa in vigore. Inoltre aderendo all'iniziativa dell'associazione nazionale di categoria (ANGEM) denominata "PRANZO SICURO" forniamo la garanzia di effettuazione del controllo dei processi produttivi, l'effettuazione delle analisi microbiologiche degli alimenti e la formazione delle maestranze. Tali requisiti sono indispensabili per evitare l'espulsione dall'angem. d.07 Quali soci fondatori dell'angem da sempre condividiamo la filosofia e la volonta' di far parte di qual gruppo di aziende che ritengono che la qualita' sia la base indispensabile, sulla quale fondare le proprie iniziative. Proprio per questo motivo e' in esecuzione il programma di accompagnamento alla certificazione ISO da parte dell'angem per tutti gli associati in accordo con l'istituto Quaser, ente certificatore, accreditato da SINCERT.

TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI

TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI PRANZO PRIMA SETTIMANA LUNEDI': MARTEDI': MERCOLEDI': GIOVEDI': VENERDI': PASTA AL

Dettagli

Tabella invernale asilo nido SEMIDIVEZZI (12-18 mesi)

Tabella invernale asilo nido SEMIDIVEZZI (12-18 mesi) 1 settimana MENU D Tabella asilo nido SEMIDIVEZZI (12-18 mesi) petti di pollo al latte piselli e macedonia di al limone e biscotti risotto giallo involtini di tacchino cavolfiore fresca minestrina di piselli

Dettagli

MENÙ SCUOLE DELL INFANZIA, PRIMARIA, CDD, CENTRO ERGOTERAPICO DIETA RELIGIOSA PRIVA DI CARNE SUINA A.S. 2014/2015 (CUCINA IN LOCO)

MENÙ SCUOLE DELL INFANZIA, PRIMARIA, CDD, CENTRO ERGOTERAPICO DIETA RELIGIOSA PRIVA DI CARNE SUINA A.S. 2014/2015 (CUCINA IN LOCO) PRIVA DI CARNE SUINA A.S. 2014/2015 Giorno Prima settimana Seconda settimana Terza settimana Quarta Pasta all olio e Uova strapazzate Riso alla zucca Bresaola* / formaggio fresco Pasta olio e Bocconcini

Dettagli

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?»

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?» 1 a STRATEGIA EVITARE LA CONTAMINAZIONE conoscere «DOVE SI TROVANO I BATTERI?» I batteri si trovano ovunque nell ambiente (aria, acqua, suolo ed esseri viventi): Sono presenti sulle materie prime, ad es.

Dettagli

CI TENIAMO A FARVI SAPERE CHE

CI TENIAMO A FARVI SAPERE CHE Menu MILANO CI TENIAMO A FARVI SAPERE CHE L eventuale attesa è sinonimo di preparazioni espresse e artigianali. Perdonateci! e se avete fretta, ditelo all Oste. L acqua pura microfiltrata è offerta dall

Dettagli

Esercitazione pratica di cucina N 11

Esercitazione pratica di cucina N 11 Esercitazione pratica di cucina N 11 Millefoglie di grana Con funghi porcini trifolati alla nepitella --------------------------------- Timballo di anelletti Siciliani al Ragù ---------------------------------

Dettagli

La Temperatura degli Alimenti

La Temperatura degli Alimenti La Temperatura degli Alimenti L'ATP è la regolamentazione per i trasporti frigoriferi refrigerati a temperatura controllata di alimenti deperibili destinati all'alimentazione umana. A.T.P. = Accord Transport

Dettagli

1.Il Ristorante/La Trattoria

1.Il Ristorante/La Trattoria Agli italiani piace andare a mangiare in trattoria. Ma che cos è la trattoria? È un locale tipicamente italiano, che rispecchia il gusto e la mentalità degli italiani. Agli italiani piace mangiare bene,

Dettagli

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele ERVIZIO ANITARIO REGIONALE A Azienda ervizi anitari N 1 triestina la vien... alute angiando M Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele Dipartimento

Dettagli

PIANO DI AUTOCONTROLLO secondo D.lgs 155/97 e successive modifiche ed integrazioni

PIANO DI AUTOCONTROLLO secondo D.lgs 155/97 e successive modifiche ed integrazioni PIANO DI AUTOCONTROLLO secondo D.lgs 155/97 e successive modifiche ed integrazioni PARTE PRIMA (prima della compilazione leggere le istruzioni a pag. 2) MANIFESTAZIONE: (nome della manifestazione) SEDE:

Dettagli

10. sicurezza. dei tuoi cibi dipende anche da te. sicurezza

10. sicurezza. dei tuoi cibi dipende anche da te. sicurezza 10. sicurezza La dei tuoi cibi dipende anche da te sicurezza 10. La sicurezza dei tuoi cibi dipende anche da te Oggi i consumatori sono sempre più attenti alle questioni della sicurezza degli alimenti,

Dettagli

Valutazione dell incidenza dello scarto sul peso degli ingredienti.

Valutazione dell incidenza dello scarto sul peso degli ingredienti. Valutazione dell incidenza dello scarto sul peso degli ingredienti. Nel calcolo del costo delle merci relative ad un singolo piatto non si possono ignorare le percentuali di scarto degli ingredienti. Se

Dettagli

90 Ricette con Chef Menu di JET CHEF Premium. Essere uno chef non è mai stato così facile

90 Ricette con Chef Menu di JET CHEF Premium. Essere uno chef non è mai stato così facile 90 Ricette con Chef Menu di JET CHEF Premium Essere uno chef non è mai stato così facile Congratulazioni per aver acquistato il forno a microonde con tecnologia 6 SENSO Whirlpool Jet Chef Premium! Da oggi

Dettagli

Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute)

Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute) Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute) La ristorazione collettiva ed in particolare quella scolastica è stata individuata come un ambito prioritario di intervento relativamente al Progetto MA.RI.SA.

Dettagli

COME FAR FUNZIONARE IL CONGELATORE

COME FAR FUNZIONARE IL CONGELATORE COME FAR FUNZIONARE IL CONGELATORE In questo congelatore possono essere conservati alimenti già congelati ed essere congelati alimenti freschi. Messa in funzione del congelatore Non occorre impostare la

Dettagli

EMMENTALER DOP NELL ALBUM DEI RICORDI DI MICHELLE IN COLLABORAZIONE CON CLAUDIO SADLER

EMMENTALER DOP NELL ALBUM DEI RICORDI DI MICHELLE IN COLLABORAZIONE CON CLAUDIO SADLER EMMENTALER DOP NELL ALBUM DEI RICORDI DI MICHELLE IN COLLABORAZIONE CON CLAUDIO SADLER Da oggi Michelle Hunziker è la nuova testimonial di quello che è considerato il Re dei formaggi svizzeri, l Emmentaler

Dettagli

VERDURE SOTT'OLIO e SOTT'ACETO

VERDURE SOTT'OLIO e SOTT'ACETO Conserve: verdure sott'olio e sott'aceto VERDURE SOTT'OLIO e SOTT'ACETO Le verdure non possono essere conservate semplicemente sott'olio: infatti, non hanno sufficiente acidità per scongiurare il pericolo

Dettagli

ÒMangio a scuolaó sezione bambini

ÒMangio a scuolaó sezione bambini DISCRIMINANTI DEL CAMPIONE Istituto scolastico Classe Comune 1) Sesso maschio femmina 2) Etˆ 7-10 anni 11-13 anni 3) Preparazione dei pasti preparati nella cucina preparati altrove e della scuola portati

Dettagli

Il ristorante. Marco Mazzanti

Il ristorante. Marco Mazzanti Il ristorante I colori del mare, i sapori della tradizione la calda accoglienza e la cantina generosa sono le note caratteristiche della Tartana. Benvenuti nel nostro ristorante. Marco Mazzanti Il mare

Dettagli

Utenti: 3,2 = Prodotti destinati al consumatore finale = Prodotti destinati unicamente agli operatori della ristorazione

Utenti: 3,2 = Prodotti destinati al consumatore finale = Prodotti destinati unicamente agli operatori della ristorazione Utenti: 3,2 = Prodotti destinati al consumatore finale = Prodotti destinati unicamente agli operatori della ristorazione SELEX ACETI AROMATIZZATI - BALSAMICI - CONDIMENTI Crema Classica all'aceto Balsamico

Dettagli

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI Art. 1 Oggetto del capitolato Il presente appalto prevede: la

Dettagli

CATALOGO DEI PRODOTTI. Dall orto alla tavola

CATALOGO DEI PRODOTTI. Dall orto alla tavola CATALOGO DEI PRODOTTI Dall orto alla tavola Tutti i prodotti della nostra gamma sono senza coloranti nè conservanti, per preservare la vera natura delle pregiate materie prime utilizzate nella lavorazione

Dettagli

BOZZA MANUALE DI AUTOCONTROLLO

BOZZA MANUALE DI AUTOCONTROLLO [PIANO DI AUTOCONTROLLO PER L IGIENE DEGLI ALIMENTI] SEZIONE 1 BOZZA MANUALE DI AUTOCONTROLLO SOMMARIO Dati aziendali...2 Manutenzione dei Locali e delle Attrezzature... 4 Procedure operative standard

Dettagli

É tutto pronto... Scopri le nostre confezioni natalizie!

É tutto pronto... Scopri le nostre confezioni natalizie! É tutto pronto... Scopri le nostre confezioni natalizie! Family Trancio di Prosciutto 2 kg Trancio di Pancetta Arrotolata 600 gr Zampone 1 kg Lenticchie 500 gr Trentingrana 500 gr Mortadella 500 gr Pasta

Dettagli

Dipartimento di Prevenzione U.O.C. HACCP- RSO

Dipartimento di Prevenzione U.O.C. HACCP- RSO La presente istruzione operativa dettaglia una specifica attività/fase di un processo descritto dalla procedura Piano Interno di Intervento Emergenza Migranti. La sanificazione ambientale viene intesa

Dettagli

La corretta alimentazione nell infanzia Dedicato ai genitori

La corretta alimentazione nell infanzia Dedicato ai genitori La corretta alimentazione nell infanzia Dedicato ai genitori A cura dell U.O.C. Igiene Alimenti e Nutrizione Dipartimento Prevenzione Medica, A.S.L. di Pavia, V.le Indipendenza,3 0382 432451 TROVA L EQUIILIIBRIIO

Dettagli

Appunti della panificazione rurale

Appunti della panificazione rurale Appunti della panificazione rurale MATERIE PRIME Dal grano duro coltivato nell area del Sarcidano con il metodo di produzione Biologica, alla produzione di farine e semole macinate nel mulino di Nurri,

Dettagli

ALLEGATO 5 CARATTERISTICHE MERCEOLOGICHE DELLE DERRATE ALIMENTARI

ALLEGATO 5 CARATTERISTICHE MERCEOLOGICHE DELLE DERRATE ALIMENTARI ALLEGATO 5 CARATTERISTICHE MERCEOLOGICHE DELLE DERRATE ALIMENTARI (i prodotti DOP e IGP che l OEA è tenuto ad offrire sono evidenziati in grassetto e sottolineati) REQUISITI QUALITATIVI DI CARATTERE GENERALE

Dettagli

Hai chiesto qual è il piatto del giorno? Il nostro Maître sarà lieto di illustrarvi le novità del giorno

Hai chiesto qual è il piatto del giorno? Il nostro Maître sarà lieto di illustrarvi le novità del giorno Hai chiesto qual è il piatto del giorno? Il nostro Maître sarà lieto di illustrarvi le novità del giorno 2014 Hai chiesto qual è il piatto del giorno? { } (Il maresciallo Carotenuto Vittorio De Sica Che

Dettagli

PER DIMAGRIRE, OGNI ORA HA IL SUO CIBO? Giorgio Pitzalis - Specialista in Pediatria e Scienza dell'alimentazione

PER DIMAGRIRE, OGNI ORA HA IL SUO CIBO? Giorgio Pitzalis - Specialista in Pediatria e Scienza dell'alimentazione PER DIMAGRIRE, OGNI ORA HA IL SUO CIBO? Giorgio Pitzalis - Specialista in Pediatria e Scienza dell'alimentazione Arriva l'estate ed ecco, regolarmente, "spuntare" le solite diete dimagranti. Ne esistono

Dettagli

Manuale informativo sull H.A.C.C.P.

Manuale informativo sull H.A.C.C.P. Manuale informativo sull H.A.C.C.P. per il controllo dell igiene degli alimenti (con particolare riferimento al controllo della temperatura) Manuale redatto dalla GIORGIO BORMAC S.r.l. Le informazioni

Dettagli

alimentazione come e di promozione della SALUTE

alimentazione come e di promozione della SALUTE LA SALUTE VIEN MANGIANDO: alimentazione come fattore di rischio e di promozione della SALUTE Dr. Saverio Chilese Resp. Unità Operativa di Nutrizione Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione ULSS 4 Referente

Dettagli

Al Roccolo. Fattoria Piolanti. A ghè, un bèl sit in mezz al vert Lazàà l è ùl paès ndua te dè andà.

Al Roccolo. Fattoria Piolanti. A ghè, un bèl sit in mezz al vert Lazàà l è ùl paès ndua te dè andà. Al Roccolo Fattoria Piolanti A ghè, un bèl sit in mezz al vert Lazàà l è ùl paès ndua te dè andà. Ragiungèl, l è facil tè po minga sbaglià. Ocio, sculta che tè spieghi mi Ciapa la strada che la và de là.

Dettagli

Sicurezza alimentare. Come usare e conservare correttamente i prodotti alimentari

Sicurezza alimentare. Come usare e conservare correttamente i prodotti alimentari Sicurezza alimentare Come usare e conservare correttamente i prodotti alimentari Indice Introduzione 3 1. La sicurezza inizia al momento dell acquisto 4 2. La dispensa moderna: il vostro frigorifero 6

Dettagli

manuale di buone pratiche di igiene

manuale di buone pratiche di igiene ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE Istituto Zooprofilattico Sperimentale DELLA LOMBARDIA E DELL EMILIA ROMAGNA della Lombardia e dell Emilia BRUNO UBERTINI Romagna Bruno Ubertini ENTE SANITARIO DI DIRITTO

Dettagli

PENTOLE A PRESSIONE ISTRUZIONI D USO E GARANZIA

PENTOLE A PRESSIONE ISTRUZIONI D USO E GARANZIA PENTOLE A PRESSIONE ISTRUZIONI D USO E GARANZIA LA COTTURA IN PENTOLA A PRESSIONE La pentola a pressione è uno strumento ancora tutto da scoprire, da conoscere e da valorizzare, sia dal punto di vista

Dettagli

Requisiti minimi e criteri per il rilascio delle autorizzazioni sanitarie temporanee.

Requisiti minimi e criteri per il rilascio delle autorizzazioni sanitarie temporanee. Requisiti minimi e criteri per il rilascio delle autorizzazioni sanitarie temporanee. Sono definite temporanee tutte quelle manifestazioni quali Sagre, Feste Campestri ecc. aperte al pubblico, in cui,

Dettagli

01 MEZZENA VIT/NE. 110001100 Mezzena vit/ne Nazionale femm. 12800100 Mezzena vit/ne Francia Averon femm. 110031100 Mezzena vit/ne Nazionale

01 MEZZENA VIT/NE. 110001100 Mezzena vit/ne Nazionale femm. 12800100 Mezzena vit/ne Francia Averon femm. 110031100 Mezzena vit/ne Nazionale 01 MEZZENA VIT/NE 110001100 Mezzena vit/ne Nazionale femm. 110031100 Mezzena vit/ne Nazionale 12503100 Mezzena vit/ne Chianina 12603100 Mezzena vit/ne Danimarca 12700100 Mezzena vit/ne Francia femm. 12703100

Dettagli

A cura di Franca Pasticci Dottore in Dietistica. Unità complessa di Nefrologia e Dialisi Azienda USL 2 dell Umbria

A cura di Franca Pasticci Dottore in Dietistica. Unità complessa di Nefrologia e Dialisi Azienda USL 2 dell Umbria Mangia con gusto A cura di Franca Pasticci Dottore in Dietistica Unità complessa di Nefrologia e Dialisi Azienda USL 2 dell Umbria Socio fondatore; Comitato Direttivo FIR (Fondazione Italiana del Rene)

Dettagli

S.C. Igiene degli alimenti di origine animale. Requisiti igienico-sanitari applicati al settore della pesca

S.C. Igiene degli alimenti di origine animale. Requisiti igienico-sanitari applicati al settore della pesca Requisiti igienico-sanitari applicati al settore della pesca La Spezia 20 ottobre 2009 Requisiti : Strutturali (Strutture ed attrezzature) Funzionali Requisiti strutturali : n Applicabili a tutte le imbarcazioni

Dettagli

ISTRUZIONI IMPORTANTI PER LA SICUREZZA PERICOLO AVVERTENZA

ISTRUZIONI IMPORTANTI PER LA SICUREZZA PERICOLO AVVERTENZA ISTRUZIONI IMPORTANTI PER LA SICUREZZA IMPORTANZA DELLA SICUREZZA PER SÉ E PER GLI ALTRI Il presente manuale e l apparecchio stesso sono corredati da importanti messaggi relativi alla sicurezza, da leggere

Dettagli

PROTEINE VERDURE GRASSI ERBE E SPEZIE

PROTEINE VERDURE GRASSI ERBE E SPEZIE Senza le migliaia di persone che hanno contribuito al blog, ai podcast e infine al libro di Robb Wolf, la Paleo Dieta non avrebbe potuto essere d aiuto a così tanta gente. È stato solo interagendo con

Dettagli

L azienda ha stabilito: La tipologia e le modalità di verifica La frequenza delle verifiche prescelte

L azienda ha stabilito: La tipologia e le modalità di verifica La frequenza delle verifiche prescelte Sistema di verifica ATTIVITA DI VERIFICA A norma dell articolo 4 del regolamento CE 852/2004, Reg Ce 2073/2005 gli operatori del settore alimentare sono tenuti a rispettare i criteri microbiologici attraverso

Dettagli

LA CONSERVAZIONE DEGLI ALIMENTI A cura di Marina Mariani

LA CONSERVAZIONE DEGLI ALIMENTI A cura di Marina Mariani LA CONSERVAZIONE DEGLI ALIMENTI A cura di Marina Mariani Gli alimenti lasciati all aria e soprattutto a temperatura ambiente subiscono, presto o tardi, modificazioni delle loro caratteristiche organolettiche:

Dettagli

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO Comune di CORI (Lt) Assessorato all RACCOLTA DIFFERENZIATA PORTA A PORTA GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO pagina 1 SOMMARIO Premessa... 3 1 Principi generali: Cos è il Compostaggio... 4 2 Cosa mettere nella

Dettagli

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA Allegato alla deliberazione consiliare n. 03 del 31.01.2014 COMUNE DI ROTA D IMAGNA PROVINCIA DI BERGAMO TELEFONO E FAX 035/868068 C.F. 00382800167 UFFICI: VIA VITTORIO EMANUELE, 3-24037 ROTA D IMAGNA

Dettagli

di albicocche. ) senza glutine ) senza lattosio GIu~BuII~

di albicocche. ) senza glutine ) senza lattosio GIu~BuII~ Dr Schàr Foodservice ri Chi è affetto da celiachia non deve assolutamente rinunciare a mangiare al ristorante; attenendosi ad alcune regole e suggerimenti è possibile consumare i propri pasti al ristorante,

Dettagli

LA LEGGE SUL PESO NETTO

LA LEGGE SUL PESO NETTO La Legge sul Peso Netto 1 LA LEGGE SUL PESO NETTO Comando Polizia Municipale Via Bologna 74 - salone Ufficio Verbali Relatori: Pietro Corcione, Igor Gallo D.Lgs. 6 settembre 2005 n 206 (Codice del Consumo)

Dettagli

Pane 100% farina di grano saraceno

Pane 100% farina di grano saraceno Questa ricetta l'ho elaborata grazie ai preziosi consigli di un grande chef e amico, ovvero il titolare del Ristorante dal Sem ad Albissola Superiore Sv (http://www.ristorantedasem.it/). Uno sguardo al

Dettagli

guida ai metodi per la cottura degli alimenti

guida ai metodi per la cottura degli alimenti guida ai metodi per la cottura degli alimenti Progetto a cura di ANDID - Associazione Nazionale Dietisti Member of andid in breve Il dietista é un professionista sanitario competente per tutte le attivitá

Dettagli

People. Process. Product.

People. Process. Product. People. Process. Product. INTRODUZIONE Il programma StoreSafe è stato creato per identificare i prodotti Cambro che aiutano gli operatori nel settore della ristorazione collettiva a soddisfare i requisiti

Dettagli

Disciplinare di Produzione della DOP Pecorino Romano

Disciplinare di Produzione della DOP Pecorino Romano Disciplinare di Produzione della DOP Pecorino Romano Art. 1 La zona di provenienza del latte destinato alla trasformazione del formaggio Pecorino Romano comprende l intero territorio delle regioni della

Dettagli

PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AL MERCATO ALLA TAVOLA. Per saperne di più

PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AL MERCATO ALLA TAVOLA. Per saperne di più PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AGRICOLTURA BIOLOGICA LA FILIERA (dal campo alla tavola) AL MERCATO L ETICHETTA PRODOTTI A KM ZERO MERCATI CONTADINI, VENDITA DIRETTA, GAS ALLA TAVOLA LA PIRAMIDE ALIMENTARE

Dettagli

Il pacchetto igiene dell UE

Il pacchetto igiene dell UE Il pacchetto igiene dell UE Il primo gennaio 2006 è entrato in vigore il cosiddetto pacchetto igiene dell Unione Europea, mettendo finalmente ordine nella normativa sull igiene alimentare che, fino a quel

Dettagli

CONTENUTO DI FERRO (100 g.di ALIMENTO

CONTENUTO DI FERRO (100 g.di ALIMENTO CONTENUTO DI FERRO (100 g.di ALIMENTO parte edibile) Milza, bovino 42.0000 Fegato, suino 18.0000 Tè, in foglie 15.2000 Cacao, amaro in polvere 14.3000 Crusca di frumento 12.9000 Fegato, ovino 12.6000 Storione,

Dettagli

La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche

La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche istruzioni per l uso Raccolta Differenziata Una soluzione alla portata di tutti La produzione di rifiuti è in continuo aumento e deve essere gestita in modo

Dettagli

Ess-Trends alimentari Fokus in primo piano

Ess-Trends alimentari Fokus in primo piano sge Schweizerische Gesellschaft für Ernährung ssn Société Suisse de Nutrition ssn Società Svizzera di Nutrizione Ess-Trends alimentari Fokus in primo piano Eine Un iniziativa Initiative von Coop Coop con

Dettagli

PROTOCOLLO DI BIOSICUREZZA. Sperma Scarti Morti Disinfezioni Personale Aghi e strumentario Derattizzazione

PROTOCOLLO DI BIOSICUREZZA. Sperma Scarti Morti Disinfezioni Personale Aghi e strumentario Derattizzazione PROTOCOLLO DI BIOSICUREZZA Sperma Scarti Morti Disinfezioni Personale Aghi e strumentario Derattizzazione Disinfezione Il ricorso a disinfettanti e disinfestanti, se unito ad altre misure tese a minimizzare

Dettagli

l esclusivo sistema per la diluizione ed il dosaggio dei prodotti ultraconcentrati

l esclusivo sistema per la diluizione ed il dosaggio dei prodotti ultraconcentrati CATALOGO EXA l esclusivo sistema per la diluizione ed il dosaggio dei prodotti ultraconcentrati + pratico + sicuro + economico + ecologico 3 edizione Azienda Certificata ISO 9001 e ISO 14001 IL SISTEMA

Dettagli

AL SUPERMERCATO UNITÁ 11

AL SUPERMERCATO UNITÁ 11 AL SUPERMERCATO Che cosa ci serve questa settimana? Un po di tutto; per cominciare il pane. Sì, prendiamo due chili di pane. Ci serve anche il formaggio. Sì, anche il burro. Prendiamo 3 etti di formaggio

Dettagli

La Raccolta differenziata: Ogni cosa al suo posto!

La Raccolta differenziata: Ogni cosa al suo posto! La Raccolta differenziata: Ogni cosa al suo posto! Umido Plastica e Lattine Carta e Cartone Secco non riciclabile Vetro (bianco e colorato) Farmaci scaduti Pile Legno Umido I rifiuti umidi vanno conferiti

Dettagli

QUALITà IN LOMBARDIA: DOP IGP E PRODOTTI DI MONTAGNA

QUALITà IN LOMBARDIA: DOP IGP E PRODOTTI DI MONTAGNA QUALITà IN LOMBARDIA: DOP IGP E PRODOTTI DI MONTAGNA I T A L I A N O EXPO 2015 I marchi DOP e IGP sono marchi di qualità che vengono assegnati dalla Commissione Europea. I requisiti per il riconoscimento

Dettagli

Imballaggio primario. Imballaggio secondario. Imballaggio terziario. Funzioni primarie dell imballaggio

Imballaggio primario. Imballaggio secondario. Imballaggio terziario. Funzioni primarie dell imballaggio ALTO BELICE AMBIENTE S.p.A. Cos'è l'imballaggio L uomo ha sempre fatto uso di contenitori e già 3500 anni fa le popolazioni egizie immagazzinavano e trasportavano unguenti, oli e vino in contenitori di

Dettagli

Tratto dal libro "Guarire con la nuova medicina integrata".

Tratto dal libro Guarire con la nuova medicina integrata. 1. Mantenersi snelli. Il peso corporeo dev essere un valore da tenere nei ranghi. E a suggerirci i ranghi previsti è un parametro chiamato indice di massa corporea (BMI, da Body Mass Index). Si calcola

Dettagli

Prodotti di cui ti puoi fidare

Prodotti di cui ti puoi fidare Prodotti di cui ti puoi fidare Vogliamo offrirti alimenti di buona qualità a prezzi bassi, prodotti in modo responsabile. Stiamo lavorando in tutte le parti della catena alimentare, dalla fattoria al negozio

Dettagli

RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO M.G.

RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO M.G. Ministero della Salute RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO M.G. ANNO 2014 2 Il presente rapporto è stato realizzato dalla Direzione Generale per l Igiene e la Sicurezza degli Alimenti e la Nutrizione

Dettagli

SICUREZZA E IGIENE DEGLI ALIMENTI GUIDA PER GLI OPERATORI DEL SETTORE ALIMENTARE

SICUREZZA E IGIENE DEGLI ALIMENTI GUIDA PER GLI OPERATORI DEL SETTORE ALIMENTARE SICUREZZA E IGIENE DEGLI ALIMENTI GUIDA PER GLI OPERATORI DEL SETTORE ALIMENTARE Coordinamento editoriale: Marta Fin, Alba Carola Finarelli, Laura Vicinelli, Claudio Visani Redazione: Alessandro Brunozzi,

Dettagli

Food Cost e gestione informatizzata della cucina. Marco Terrile 2008 ChefMaTe - Software per la Ristorazione 1

Food Cost e gestione informatizzata della cucina. Marco Terrile 2008 ChefMaTe - Software per la Ristorazione 1 Food Cost e gestione informatizzata della cucina 1 Determinazione e controllo dei costi La locuzione economie di scala è usata in economia per indicare la relazione esistente tra aumento della scala di

Dettagli

OH CIELO...SIAMO FRITTI!!!

OH CIELO...SIAMO FRITTI!!! Kitchen Cri OH CIELO...SIAMO FRITTI!!! 10 Ricette per aumentare Grassi e Colesterolo Ecco l'indice delle ricette: 1. Cordonbleu di pollo e prosciutto 2. Gamberi in panatura di patate 3. Mozzarella in carrozza

Dettagli

Vincenzo Antonina e tutto lo Staff

Vincenzo Antonina e tutto lo Staff Tutti i prodotti che potete assaporare, pane, pasta fresca,dolci e quant'altro sono tutti confezionati dalla nostra cucina. Poniamo particolare attenzione ai prodotti tipici locali e alle materie prime

Dettagli

Forni ECO: Funzione pizza: Resistenza cielo + resistenza suola (cottura tradizionale o statica):

Forni ECO: Funzione pizza: Resistenza cielo + resistenza suola (cottura tradizionale o statica): Forni ECO: la combinazione tra il grill centrale e la resistenza inferiore più la ventola è particolarmente indicata per per la cottura di piccole quantità di cibo, a bassi consumi energetici. Funzione

Dettagli

CHE COS È LO SCOMPENSO CARDIACO?

CHE COS È LO SCOMPENSO CARDIACO? CHE COS È LO SCOMPENSO CARDIACO? Il cuore è un organo che ha la funzione di pompare il sangue nell organismo. La parte destra del cuore pompa il sangue ai polmoni, dove viene depurato dall anidride carbonica

Dettagli

Analisi nutrizionale: strumenti per la valutazione

Analisi nutrizionale: strumenti per la valutazione Analisi nutrizionale: strumenti per la valutazione Sara Grioni Unità di Epidemiologia e Prevenzione Fondazione IRCCS Istituto Nazionale dei Tumori "Strumenti di Sorveglianza Nutrizionale: luci ed ombre"

Dettagli

! " # $" $ () # $ $ % % # % $ + $ & "!" $ $ $ # #

!  # $ $ () # $ $ % % # % $ + $ & ! $ $ $ # # !!"!%!!!& '! " " ()! **" % % % + & "!"!" " ' % ''(, ( ) ) *+ (, + ( +! ( - "&.& + & & ''-- + / 0( 0 1 2 ))3-01"( + ( +! % ( + + & ( + 4 + & ( 5 + + 4 ( 6 + 0 (+ ( + + ( 6 / 6 0 (! ' 7 3!. ( 89 :;:

Dettagli

Scheda di sicurezza FULCRON CASA RIMUOVI MUFFA ML500

Scheda di sicurezza FULCRON CASA RIMUOVI MUFFA ML500 Scheda di sicurezza del 4/12/2009, revisione 2 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETÀ/IMPRESA Nome commerciale: Codice commerciale: 2544 Tipo di prodotto ed impiego: Agente antimuffa

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DI IGIENE IN MATERIA DI ALIMENTI E BEVANDE ALLEGATO A REQUISITI DELLE ATTIVITA

REGOLAMENTO COMUNALE DI IGIENE IN MATERIA DI ALIMENTI E BEVANDE ALLEGATO A REQUISITI DELLE ATTIVITA REGOLAMENTO COMUNALE DI IGIENE IN MATERIA DI ALIMENTI E BEVANDE TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 Principi Art. 2 - Definizioni Art. 3 - Ambito di applicazione Art. 4 - Igiene del personale ed autocontrollo

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

Presentazione format Konopizza per nuove aperture Punti Vendita ITALIA.

Presentazione format Konopizza per nuove aperture Punti Vendita ITALIA. Presentazione format Konopizza per nuove aperture Punti Vendita ITALIA. In che cosa consiste il nostro format? Il cono è l attore protagonista di tutte le formule Konopizza diventando un ottimo contenitore

Dettagli

Pagliaccio. A Roma c è un. che cambia ogni giorno. 66 Artù n 58

Pagliaccio. A Roma c è un. che cambia ogni giorno. 66 Artù n 58 format nell accostare gli ingredienti e da raffinatezza della presentazione che fanno trasparire la ricchezza di esperienze acquisite nelle migliori cucine di Europa e Asia da questo chef 45enne d origini

Dettagli

IL COST CONTROL. Il controllo dei Costi nella Ristorazione. a cura di Marco Comensoli

IL COST CONTROL. Il controllo dei Costi nella Ristorazione. a cura di Marco Comensoli IL COST CONTROL Il controllo dei Costi nella Ristorazione a cura di Marco Comensoli 1 La Ristorazione I Costi I Costi I principali costi delle attività di ristorazione sono: Le risorse umane; Gli alimenti;

Dettagli

glazer union soluzioni per il rispetto delle norme HACCP nel settore alimentare

glazer union soluzioni per il rispetto delle norme HACCP nel settore alimentare CHE COS'È L'HACCP? Hazard Analysis and Critical Control Points è il sistema di analisi dei rischi e di controllo dei punti critici di contaminazione per le aziende alimentari. Al fine di garantire la completa

Dettagli

Linee guida per una sana alimentazione e per un corretto stile di vita

Linee guida per una sana alimentazione e per un corretto stile di vita Linee guida per una sana alimentazione e per un corretto stile di vita SOMMARIO PRINCIPI DI NUTRIZIONE Pag. 2 I NUTRIENTI Pag. 2 LE VITAMINE Pag. 3 I GRUPPI ALIMENTARI Pag. 6 LA PIRAMIDE ALIMENTARE Pag.

Dettagli

Gioco sensoriale stagionale

Gioco sensoriale stagionale Obiettivi Conoscere la frutta e la verdura di stagione grazie all aiuto dei cinque sensi. Allenare l utilizzo isolato dei sensi Età Da 7 anni Luogo In classe Timo Ullmann/WWF Svizzera Il gioco sensoriale

Dettagli

RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO

RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO M.G. PRIMO TRIMESTRE 2014 Il presente rapporto è stato realizzato dalla Direzione Generale per l'igiene e la Sicurezza degli Alimenti e la Nutrizione Direttore

Dettagli

I prodotti a Denominazione di Origine Protetta (DOP), ad Indicazione Geografica Protetta (IGP), e le Specialità Tradizionali Garantite (STG)

I prodotti a Denominazione di Origine Protetta (DOP), ad Indicazione Geografica Protetta (IGP), e le Specialità Tradizionali Garantite (STG) I prodotti a Denominazione di Origine Protetta (DOP), ad Indicazione Geografica Protetta (IGP), e le Specialità Tradizionali Garantite (STG) EMAA 13/14 XII / 1 DO e IG protette da cosa? Il Regolamento

Dettagli

MANUALE DI GESTIONE GOVERNO QUOTIDIANO DEGLI ANIMALI

MANUALE DI GESTIONE GOVERNO QUOTIDIANO DEGLI ANIMALI MANUALE DI GESTIONE Breve descrizione del canile (fabbricati: box, locali accessori). Modalità di approvvigionamento idrico e smaltimento reflui animali. Individuazione responsabile generale (titolare)

Dettagli

o ami la carne o te ne innamorerai Menù

o ami la carne o te ne innamorerai Menù o ami la carne o te ne innamorerai Menù Hanno inventato il matrimonio perché non si può cucinare per una persona sola. Anche per questa ragione amiamo cucinare gli stessi piatti per più persone. Nel caso,

Dettagli

Pizzaport il Thermoport di classe 2 per pizze e quant altro! [ Sistemi universali di trasporto vivande ] buone soluzioni

Pizzaport il Thermoport di classe 2 per pizze e quant altro! [ Sistemi universali di trasporto vivande ] buone soluzioni Pizzaport il Thermoport di classe 2 per pizze e quant altro! [ Sistemi universali di trasporto vivande ] buone soluzioni Appena sfornate! Calde... pizze dal Pizzaport Per un ottimo isolamento: struttura

Dettagli

Freschezza in Svizzera

Freschezza in Svizzera Freschezza in Svizzera Tutte le sedi nel mondo sono disponibili all indirizzo: marche-restaurants.com AIRPORT ZÜRICH Diventate fan di Marché! facebook.com/marcherestaurantsschweiz BELLINZONA Tempo di spezie

Dettagli

Indice. Ecco alcune idee per gustare i nostri prodotti non solo come antipasto o contorno ma anche come gustosissimi primi piatti!

Indice. Ecco alcune idee per gustare i nostri prodotti non solo come antipasto o contorno ma anche come gustosissimi primi piatti! Ricette ci trovi anche su www.tuttocalabria.com Ecco alcune idee per gustare i nostri prodotti non solo come antipasto o contorno ma anche come gustosissimi primi piatti! Indice Promi Piatti Penne Stuzzicanti....

Dettagli

MAN- GIAR BENE. Mantenere il corpo in buona

MAN- GIAR BENE. Mantenere il corpo in buona MAN- GIAR BENE vivere sani 3 Mantenere il corpo in buona salute ha la sua base in una corretta alimentazione. Essa si basa sull apporto equilibrato di acqua, carboidrati (zuccheri e amidi), proteine, grassi

Dettagli

Oppure si lavorava l argilla con il tornio (figg. 4 5).

Oppure si lavorava l argilla con il tornio (figg. 4 5). Ceramica Nell antichità il vaso non era un semplice un semplice oggetto utile nella vita quotidiana, ma era anche merce di scambio. Il lavoro del vasaio, inizialmente era collegato alle stagioni e dunque

Dettagli

CONSORZIO PER LA TUTELA DEL FORMAGGIO ASIAGO VICENZA. DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DOP ASIAGO (D.M.03/08/2006 Gazzetta.Ufficiale n.

CONSORZIO PER LA TUTELA DEL FORMAGGIO ASIAGO VICENZA. DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DOP ASIAGO (D.M.03/08/2006 Gazzetta.Ufficiale n. CONSORZIO PER LA TUTELA DEL FORMAGGIO ASIAGO VICENZA DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DOP ASIAGO (D.M.03/08/2006 Gazzetta.Ufficiale n. 190 del 17/08/06) Art. 1 Denominazione La denominazione di origine protetta

Dettagli

Unità VI Gli alimenti

Unità VI Gli alimenti Unità VI Gli alimenti Contenuti - Gusti - Preferenze - Provenienza Attività AREA ANTROPOLOGICA 1. Cosa piace all Orsoroberto L Orsoroberto racconta ai bambini quali sono i cibi che lui ama e che mangia

Dettagli

Appendice I - Prodotti tipici da somministrare tal quali o come ingredienti di ricette tipiche

Appendice I - Prodotti tipici da somministrare tal quali o come ingredienti di ricette tipiche I RISTORANTI DEL BUON VINO Marchio OSPITALITA ITALIANA della Ristorazione Tipica Astigiana Appendici I, II, III al Disciplinare per la qualificazione dei ristoranti tipici della provincia di Asti Appendice

Dettagli

w w w. c m r i s t o r a z i o n e. i t

w w w. c m r i s t o r a z i o n e. i t BOCCALE 4 STAGIONI Senza capsula 41,5 cl Quattro stagioni bottiglia 20 CL bottiglia 40 CL SAGITTA VINO BIANCO Calice 44 cl SWING Bottiglia 25 cl Bottiglia 50 cl OFFICINA 1825 Bicchiere 30 cl ROCKBAR Bicchiere

Dettagli

Manuale d uso. Rilevamento del parto. www.medria.fr

Manuale d uso. Rilevamento del parto. www.medria.fr Manuale d uso Rilevamento del parto www.medria.fr Grazie per la preferenza accordataci nell acquistare Vel Phone. Vi chiediamo di leggere attentamente il presente manuale di istruzioni per l uso, prima

Dettagli

LA SALUTE VIEN MANGIANDO

LA SALUTE VIEN MANGIANDO Comune di Trino Assessorato Istruzione e Cultura Settore Extrascolastico-Culturale Istituto Comprensivo di Trino Scuola dell Infanzia e Scuola Primaria Asl 21 di Casale Dipartimento di Prevenzione Servizio

Dettagli

IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO. L ALIMENTA ZIONE NEG LI ADULTI (16-65 anni )

IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO. L ALIMENTA ZIONE NEG LI ADULTI (16-65 anni ) IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO L ALIMENTA ZIONE NEG LI ADULTI (16-65 anni ) ALIMENTAZIONE ANTICANCRO L alimentazione è un bisogno essenziale dell uomo: per funzionare, un individuo deve introdurre una certa

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO ART. 1 OGGETTO E DURATA DELL APPALTO Il contratto ha per oggetto la fornitura dei prodotti non deperibili biologici e convenzionali occorrenti per la refezione scolastica

Dettagli