REGOLAMENTO DI ISTITUTO. Anno Scolastico 2010/11

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "REGOLAMENTO DI ISTITUTO. Anno Scolastico 2010/11"

Transcript

1 REGOLAMENTO DI ISTITUTO Anno Scolastico 2010/11 Approvato dal Consiglio di Istituto nella seduta del 30/10/2009

2 Pag. 2 PREMESSA Attraverso il regolamento di Istituto tutte le componenti scolastiche, dal dirigente agli insegnanti, dagli studenti al personale amministrativo, tecnico e ausiliario, sono chiamate in prima persona a conoscere le regole per il migliore funzionamento della scuola e a rispettarle, con la speranza che non siano avvertite come una costrizione, ma un aiuto a cooperare insieme, per far sì che la scuola sia un luogo veramente formativo per l istruzione, la cultura e la crescita delle persone. È nelle regole, nell intima adesione ad esse, e nella loro convinta osservanza, che la nostra libertà prende corpo e valore nella convivenza civile di una comunità scolastica. Art. 1: Codice di comportamento personale della scuola. Si fa riferimento al codice di comportamento dei dipendenti delle Pubbliche Amministrazioni pubblicato sulla G.U. n 149 del Per quanto riguarda le norme disciplinari, si applicano le norme del Testo Unico D. L. G. 16 aprile 1994 n 297, particolarmente la sezione IV del capo VI artt.535/540.per le funzioni del Personale Docente, si fa riferimento altresì al Contratto Nazionale di lavoro del Comparto Scuola Infine, il presente regolamento si richiama ai principi e alle norme dello Statuto delle Studentesse e degli Studenti emanato con il D.P.R. 24 giugno 1998 n Art. 2 Vigilanza sugli Alunni. I Docenti della prima ora sono tenuti a trovarsi in classe cinque minuti prima dell inizio delle lezioni ossia al suono della prima campanella. Nei successivi cambi di ora, il Docente che termina il servizio o che ha un ora di intervallo, attenderà il collega che deve subentrare, vigilando la classe; il Docente che entra in servizio in quell ora deve essere presente nella classe al suono della campanella in modo da liberare immediatamente il collega. In tutte le altre situazioni il cambio avverrà nella maniera più rapida possibile; i collaboratori scolastici al cambio delle ore sospenderanno ogni attività per vigilare i piani nel tempo necessario ai cambi dei Docenti. In caso di assenza dell insegnante, l ausiliario del piano dovrà avvertire i Collaboratori del Dirigente Scolastico affinché provvedano alla sostituzione. Durante il cambio dell ora è vietato agli studenti allontanarsi dalla classe o sostare nei corridoi. Per i trasferimenti dalle aule ai laboratori o ad altre aule, gli Alunni attenderanno in classe il docente che dovrà accompagnarli e negli spostamenti gli Alunni devono osservare la massima disciplina.

3 Pag. 3 I Docenti di Educazione Fisica sono tenuti alla vigilanza degli Alunni anche nei trasferimenti dalla classe alla palestra e viceversa. Durante la ricreazione la vigilanza è affidata all insegnante dell ora precedente, di cui l intervallo fa parte. Durante le ore di lezione gli Alunni potranno uscire dalle classi non più di uno per volta con il permesso del docente che annoterà l uscita sul registro. Il Docente che avesse la necessità di allontanarsi dalla classe dovrà chiamare un collaboratore scolastico. I Docenti che utilizzano i laboratori devono fare rispettare gli appositi regolamenti. I Docenti hanno l obbligo di vigilare, sia durante le lezioni che durante l intervallo, sul comportamento degli Alunni, in modo da evitare che si rechi danno alle persone o alle cose. Eventuali danni da essi constatati o ad essi segnalati, nelle aule o altri ambienti didattici, vanno comunicati immediatamente alla Direzione. Art. 3 Ingresso, ritardi e uscite anticipate. L ingresso nei locali della scuola è consentito a partire dalle ore 8,00. L accesso all istituto è consentito soltanto dal portone principale, da quello in piazza San Francesco e, solo dalle ore 8,00 alle ore 8,20 dalla porta che accede direttamente al piano terreno dell ala nuova dove sono collocate le classi del biennio. Le lezioni hanno inizio alle ore 8,20 ma i ragazzi, così come i Docenti, sono tenuti a trovarsi in classe alle ore 8,15 per provvedere tra l altro alla compilazione della lista delle merende. Gli studenti che, per motivi di trasporto dovessero arrivare con qualche minuto di ritardo, devono richiedere un permesso di entrata permanente in ritardo. Nel caso di ingresso in ritardo non superiore ai dieci minuti, l alunno sarà ammesso in classe dal Docente, mentre per ritardi più consistenti è necessario essere ammessi dal Dirigente Scolastico o dai suoi Collaboratori. Il coordinatore di classe comunque avrà cura di segnalare al Dirigente Scolastico lo studente che abbia accumulato numerosi ritardi non superiori ai dieci minuti. Non è consentito l ingresso a scuola oltre le ore 10,00 eccezionalmente, a discrezione del Dirigente Scolastico o dei suoi Collaboratori, si potrà derogare a questa norma documentando il motivo del ritardo, che dovrà essere ritenuto grave. La segreteria avrà cura di contattare la famiglia per comunicare il ritardo. Il giorno successivo lo studente dovrà presentare la giustificazione firmata dal genitore. Se tale giustificazione non sarà presentata entro due giorni, lo studente sarà ammesso in classe solo se accompagnato dai genitori.

4 Pag. 4 Dal momento in cui è entrato a scuola lo studente non può uscire dall istituto fino al termine delle lezioni. L'uscita prima dell'orario normale delle lezioni è consentita solo dietro richiesta scritta firmata da un genitore ed autorizzata dal Dirigente Scolastico o da un suo Collaboratore, soltanto in caso di inderogabile e motivata necessità o di improvvisa impossibilità a concludere l'orario previsto, possibilmente al cambio dell ora. Per gli studenti minorenni, è necessario che il genitore, o un familiare o un suo delegato con delega scritta, venga di persona a prelevarli. I Genitori degli studenti (compresi i maggiorenni) che svolgono attività sportiva agonistica possono all inizio di ogni anno fare una richiesta di uscita permanente, presentando anche il calendario ufficiale della società riportante gli impegni. In questo caso lo studente sarà autorizzato ad uscire di volta in volta anche senza la presenza dei Genitori qualora presenti comunque l apposito libretto firmato dai genitori, se minorenne, nonché la dichiarazione della società agonistica che attesta l impegno sportivo dello studente. In questi casi i Docenti verificata la presenza della firma del Dirigente Scolastico o suo Collaboratore nel libretto annoteranno l uscita direttamente nel registro di classe, dove sono riportati i nominativi degli studenti con permesso permanente. Art. 4 Assenze Ogni assenza deve essere giustificata per iscritto dai genitori o, per i maggiorenni, dagli studenti stessi. Le giustificazioni dovranno essere prodotte utilizzando esclusivamente l apposito libretto rilasciato ad inizio di ciascun anno scolastico, che dovrà essere ritirato dai genitori tassativamente entro il 30 settembre. La giustificazione delle assenze viene convalidata dal Docente della prima ora di lezione che la trascrive sul registro di classe. Non si accettano giustificazioni con cancellazioni e correzioni, né giustificazioni cumulative per giorni non consecutivi. Se l assenza, superiore a cinque giorni, è dovuta a malattia è obbligatorio il certificato medico che, dopo il controllo da parte del Docente, dovrà essere consegnato dall alunno in segreteria didattica. Se lo studente non porta la giustificazione viene ammesso in classe dal Docente della prima ora di lezione, il quale annota sul registro che l alunno deve giustificare. Il Docente della prima ora di lezione del giorno seguente alla mancata giustificazione scriverà sul registro di classe se l alunno ha provveduto o meno a regolarizzare la posizione. In mancanza di giustificazione entro i tre giorni viene informato il Dirigente Scolastico o i suoi Collaboratori che si attiveranno per contattare direttamente le famiglie.

5 Pag. 5 Nel caso di assenze collettive o di massa, oltre il cinquanta percento della classe, il Docente informa immediatamente il Dirigente Scolastico e viene attivato il coordinatore di classe per avvertire le famiglie degli assenti. Nel caso di assenze di massa gli Alunni sono riammessi in classe ma non giustificati, salvo esplicita dichiarazione della motivazione effettiva dell assenza fornita personalmente dal genitore al Dirigente Scolastico entro un massimo di due giorni. Art. 5 Intervalli Gli intervalli hanno la durata di dieci minuti (dalle 10,00 alle 10,10 e dalle 11,50 alle 12,00 solo per le classi che escono alle sesta ora). Durante tale periodo gli Alunni non possono uscire dall edificio scolastico, eccetto il piazzale antistante l ingresso principale ma non oltre il cancello. Le uscite di sicurezza devono essere mantenute sgombere e chiuse. Art. 6 Uso del registro E compito dei collaboratori scolastici portare il registro in classe qualche minuto prima dell inizio delle lezioni e riprenderlo al termine affinché sia custodito in appositi spazi. I Docenti sono tenuti ad un uso corretto del registro di classe e personale. Quando danno lettura di una circolare avranno cura di riportarlo nel registro di classe annotando il numero e possibilmente l oggetto, così come qualsiasi altro fatto che riguardi la classe. Art. 7 Servizio merende ed uso dei distributori automatici La lista delle merende deve essere compilata tra la prima (8,15) e la seconda campanella (8,20) e consegnata ai Collaboratori Scolastici del piano entro le ore 8,30. Le merende saranno quindi consegnate nelle classi dai Collaboratori Scolastici poco prima dell intervallo. L uso dei distributori automatici presenti nei corridoi non è consentito durante le ore di lezione. Art. 8 Uso di telefoni cellulari e dispositivi elettronici. È vietato sia ai Docenti che agli Alunni tenere i telefoni cellulari accesi e farne uso durante le ore di lezione. Vengono applicate la Direttiva Ministeriale n. 30 del 15/3/2007 in materia di utilizzo di telefoni cellulari e altri dispositivi elettronici nonché della Direttiva Ministeriale 104/2007 a tutela della privacy per quanto riguarda l uso dei telefoni cellulari e altri dispositivi elettronici allo scopo di acquisire e/o divulgare immagini, filmati o registrazioni vocali. In caso di non rispetto della regola da parte degli alunni, i Docenti sono autorizzati dal Dirigente Scolastico ad un temporaneo ritiro del cellulare

6 Pag. 6 (previa estrazione della carta Sim da parte dell alunno per motivi di privacy) e alla consegna del telefono alla presidenza, dove i dispositivi potranno essere ritirati dai genitori. Resta fermo che, anche durante lo svolgimento delle attività didattiche, eventuali esigenze di comunicazione tra gli studenti e le famiglie, dettate da ragioni di particolare urgenza o gravità, potranno sempre essere soddisfatte, previa autorizzazione del docente. La scuola continuerà, in ogni caso, a garantire, come è sempre avvenuto, la possibilità di una comunicazione reciproca tra le famiglie ed i propri figli, per gravi ed urgenti motivi, mediante gli uffici di presidenza e di segreteria amministrativa. Art. 9 Divieto di fumare. A chiunque (capo d'istituto, docenti, studenti, personale A.T.A., genitori, ospiti ecc.) è fatto divieto di fumare nei locali interni dell'istituto. La mancata osservanza di tale disposizione comporterà l'applicazione delle sanzioni di legge. Art. 10 Tutela delle strutture e delle attrezzature scolastiche Il patrimonio della scuola è un bene comune, pertanto la conservazione delle aule e delle dotazioni è affidata prioritariamente alla cura degli studenti che ne sono i principali fruitori. Di eventuali ammanchi o danneggiamenti sono chiamati a rispondere coloro che li hanno provocati; il Dirigente, ove possibile, provvederà a che i danneggianti riparino personalmente il danno provocato. Qualora non sia possibile risalire ai diretti responsabili, alla classe o alle classi coinvolte, il risarcimento potrà, su decisione del Consiglio d istituto, essere richiesto a tutti coloro che abbiano utilizzato la struttura danneggiata, allo scopo di restituirne la piena disponibilità a tutta la comunità scolastica. Art. 11 Uso degli spazi, dei Laboratori, della Biblioteca. Sia gli spazi esterni che quelli interni sono fruibili da tutti secondo gli orari e le modalità stabilite e costituiscono un patrimonio comune che va rispettato e conservato, l'accesso fuori orario, previa richiesta scritta motivata, e' consentito dal Dirigente Scolastico a tutte le componenti con specifica autorizzazione. I Laboratori sono utilizzati secondo l'orario curriculare, le ore di utilizzo possono essere prenotate (almeno 3 giorni prima) da docenti che hanno attivato progetti o percorsi di studio che richiedono l'uso dei laboratori e delle loro dotazioni. Ogni laboratorio è dotato di un regolamento, esposto

7 Pag. 7 all'interno. I regolamenti dei diversi laboratori sono allegati al presente regolamento. L'uso dei Laboratori nell'orario pomeridiano e' autorizzato, previa richiesta scritta e motivata, dal Dirigente Scolastico; detti spazi sono fruibili da parte degli Alunni solo in presenza di uno o più docenti, responsabili delle dotazioni e delle strutture, durante l'uso. Il Tecnico e', invece, responsabile della manutenzione e della gestione del Laboratorio. La Biblioteca e' fruibile solo in presenza del responsabile. Art. 12 Fotocopie L'uso della fotocopiatrice è consentito solo per scopi didattici; il docente interessato presenterà richiesta scritta all'addetto almeno un giorno prima con l'indicazione del numero delle copie necessarie, in caso di richiesta di un numero di copie rilevante la richiesta dovrà pervenire con notevole anticipo ed essere autorizzata dal Dirigente Scolatisco. Gli studenti utilizzano la fotocopiatrice a schede che sono acquistabili presso la segreteria didattica. Art. 13 Rapporti Scuola Famiglia Il libretto è il documento fondamentale di comunicazione tra scuola e famiglia: i genitori lo ritireranno personalmente presso la segreteria ad inizio di ogni anno scolastico, avendo cura di depositare subito sul libretto stesso la loro firma. Ogni comunicazione riguardante assenze, ritardi, richieste di uscite anticipate e altro deve essere fatta solo tramite il libretto scolastico. In caso di smarrimento o di esaurimento del libretto, gli interessati dovranno farne richiesta in segreteria e chiedere un duplicato. Le comunicazioni da parte della scuola alle famiglie avvengono per lettera scritta inviata per posta direttamente alle famiglie o tramite avviso scritto inviato tramite gli Alunni (in tal caso con cedolino di riscontro da sottoscrivere da parte dei genitori e da riconsegnare al coordinatore di classe). Le comunicazioni sono fruibili anche nel sito internet dell istituto. I docenti saranno disponibili a ricevere le famiglie nell'orario mattutino secondo l ora dedicata settimanalmente al ricevimento e che sarà comunicata alle famiglie. I genitori possono comunque richiedere un appuntamento per un colloquio con il coordinatore di classe. Per quanto riguarda i colloqui pomeridiani vengono stabiliti almeno due colloqui annuali. Ai genitori degli alunni viene inoltre fornita una password personale con la quale possono accedere al sito dell Istituto per visionare i voti attribuiti ai ragazzi e aggiornati settimanalmente dai docenti.

8 Pag. 8 Art. 14 Comitato studentesco. Il Comitato Studentesco è formato da un rappresentante per ciascuna classe, dagli studenti eletti nel Consiglio d Istituto e nella Consulta Studentesca Provinciale. Viene convocato dal Dirigente Scolastico per pianificare le attività di assemblea e l organizzazione dell Istituto. Il Comitato può riunirsi nei locali della scuola al di fuori dell orario scolastico, previa richiesta al Dirigente Scolastico. Art. 15 Modalità attuazione assemblee di classe e di istituto Sono previste due forme di assemblee: d istituto e di classe. L assemblea d Istituto deve essere richiesta dal Comitato Studentesco con almeno cinque giorni di anticipo. La richiesta scritta deve contenere: l ordine del giorno, il luogo e l ora di svolgimento nonché il nome dello o degli studenti che la presiederanno. La data e l ora possono essere spostate dalla Dirigenza per motivi di funzionalità del servizio. Può essere convocata ogni mese tranne l ultimo mese di scuola. Il Dirigente Scolastico accertata la regolarità della richiesta indice l assemblea dandone contestualmente comunicazione alle classi e, tramite gli alunni, alle famiglie. Il funzionamento dell assemblea di istituto è disciplinato dal regolamento approvato dall assemblea stessa. È possibile svolgere l assemblea in modo da coinvolgere separatamente fasce distinte di studenti. All'assemblea di Istituto possono assistere, con facoltà di intervento, il Dirigente Scolastico o un suo delegato, ed i docenti, secondo l'orario di servizio. Durante le ore di assemblea i Docenti delle ore interessate e che non partecipano all assemblea, restano a disposizione ed esercitano opportuna e discreta vigilanza per il corretto svolgimento delle riunioni stesse. La partecipazione di esperti deve essere preventivamente approvata dal Consiglio di Istituto e deve, pertanto, essere richiesta con congruo anticipo. Dello svolgimento dell'assemblea deve essere effettuata una sintetica verbalizzazione da consegnare al Preside. Il Dirigente Scolastico ha potere di intervento nei casi di violazione del regolamento o di accertata impossibilità di ordinato svolgimento dell'assemblea. L'assemblea di classe riguarda gli studenti di una sola classe e ha la durata massima di 2 ore al mese anche non consecutive durante l'orario scolastico. La richiesta con l'indicazione della data, dell'ora e dell'ordine del giorno va presentata almeno tre giorni prima in Presidenza controfirmata dal/i docente/i delle ore destinate alla stessa, in modo da non coinvolgere sempre gli stessi insegnanti.

9 Pag. 9 L insegnante che ha concesso lo svolgimento dell assemblea durante la sua ora può, su richiesta degli Alunni, uscire dalla classe ma è tenuto a restare nelle vicinanze e a vigilare sul corretto andamento dell assemblea nonché ad intervenire in caso di accertata impossibilità di ordinato svolgimento dell'assemblea e di mancato esercizio democratico dei diritti di tutti i partecipanti. I rappresentanti di classe provvederanno a redigere un breve verbale dell assemblea che sarà consegnato ai Collaboratori del Dirigente Scolastico.

10 Pag. 10 REGOLAMENTO DI DISCIPLINA DEGLI STUDENTI Il presente regolamento fa riferimento allo Statuto delle studentesse e degli studenti (DPR 249/98 e alle modifiche apportate dal DPR 235/2007) in particolare: Art La scuola è luogo di formazione mediante lo studio, l'acquisizione delle conoscenze e lo sviluppo della coscienza critica. 2. La scuola è una comunità di dialogo, di ricerca e di esperienza sociale, informata ai valori democratici, nella quale ognuno, con pari dignità e nella diversità dei ruoli, opera per garantire la formazione alla cittadinanza, la realizzazione del diritto allo studio, lo sviluppo delle potenzialità di ciascuno e il recupero delle situazioni di svantaggio, in armonia con i principi sanciti dalla Costituzione e dalla Convenzione internazionale sui diritti dell'infanzia e con i principi generali dell'ordinamento italiano. 3. La comunità scolastica, interagendo con la più vasta comunità civile e sociale di cui è parte, fonda la sua azione educativa sulla qualità delle relazioni insegnante-studente, contribuisce allo sviluppo della personalità dei giovani, del loro senso di responsabilità e della loro autonomia individuale e persegue il raggiungimento di obiettivi culturali e professionali adeguati all'evoluzione delle conoscenze e all'inserimento nella vita attiva. 4. La vita della comunità scolastica si basa sulla libertà di opinione ed espressione, sulla libertà religiosa, sul rispetto reciproco di tutte le persone che la compongono, quale che sia la loro età e condizione, nel ripudio di ogni barriera ideologica, sociale e culturale. Art Lo studente ha diritto ad una formazione culturale e professionale qualificata che rispetti e valorizzi, anche attraverso l'orientamento, l'identità di ciascuno e sia aperta alla pluralità delle idee. La scuola persegue la continuità dell'apprendimento e valorizza le inclinazioni personali degli studenti, anche attraverso la possibilità di formulare richieste e di sviluppare temi liberamente scelti. 2. La comunità scolastica promuove la solidarietà tra i suoi componenti e tutela il diritto dello studente alla riservatezza. 3. Lo studente ha diritto di essere informato sulle decisioni e sulle scelte che regolano la vita della scuola. 4. Lo studente ha diritto alla partecipazione attiva e responsabile alla vita della scuola. I dirigenti scolastici e i docenti, con le modalità previste dal

11 Pag. 11 regolamento di istituto, attivano con gli studenti un dialogo costruttivo sulle scelte di loro competenza in tema di programmazione e definizione degli obiettivi didattici, di organizzazione della scuola, di criteri di valutazione, di scelta dei libri e del materiale didattico. Lo studente ha inoltre diritto a una valutazione trasparente e tempestiva, volta ad attivare un processo di autovalutazione che lo conduca a individuare i propri punti di forza e di debolezza e a migliorare il proprio rendimento. 5. Nei casi in cui una decisione influisca in modo rilevante sull'organizzazione della scuola gli studenti, anche su loro richiesta, possono essere chiamati ad esprimere la loro opinione mediante una consultazione. 6. Gli studenti esercitano autonomamente il diritto di scelta tra le attività opzionali e tra le attività facoltative offerte dalla scuola. Le attività didattiche, integrative e complementari sono organizzate secondo tempi e modalità che tengono conto dei ritmi di apprendimento e di vita degli studenti. 7. La scuola si impegna a porre progressivamente in essere le condizioni per assicurare: a) la disponibilità di un'adeguata strumentazione tecnologica; b) la salubrità e la sicurezza degli ambienti, che debbono essere adeguati a tutti gli studenti, anche con handicap; c) servizi di sostegno e promozione della salute e di assistenza psicologica; d) offerte formative aggiuntive e integrative, anche mediante il sostegno di iniziative liberamente assunte dagli studenti e dalle loro associazioni. 8. La scuola garantisce e disciplina nel proprio regolamento l'esercizio del diritto di riunione e di assemblea degli studenti, a livello di classe, di corso e di istituto. 9. I regolamenti delle singole istituzioni garantiscono e disciplinano l'esercizio del diritto di associazione e del diritto degli studenti singoli e associati a svolgere iniziative all'interno della scuola, nonché l'utilizzo di locali da parte degli studenti e delle associazioni di cui fanno parte. I regolamenti delle scuole favoriscono inoltre la continuità del legame con gli ex studenti e con le loro associazioni.

12 Pag. 12 Art Gli studenti sono tenuti a frequentare regolarmente i corsi e ad assolvere assiduamente agli impegni di studio. 2. Gli studenti sono tenuti ad avere nei confronti del capo d'istituto, dei docenti, del personale tutto della scuola e dei loro compagni lo stesso rispetto, anche formale, che chiedono per se stessi. 3. Nell'esercizio dei loro diritti e nell'adempimento dei loro doveri gli studenti sono tenuti a mantenere un comportamento corretto e coerente con i principi di cui all'art Gli studenti sono tenuti ad osservare le disposizioni organizzative e di sicurezza dettate dai regolamenti dei singoli istituti. 5. Gli studenti sono tenuti ad utilizzare correttamente le strutture, i macchinari e i sussidi didattici e a comportarsi nella vita scolastica in modo da non arrecare danni al patrimonio della scuola. 6. Gli studenti condividono la responsabilità di rendere accogliente l'ambiente scolastico e averne cura come importante fattore di qualità della vita della scuola. Art. 5 Provvedimenti Disciplinari. Agli alunni che manchino ai doveri elencati nel Regolamento d Istituto o nell art. 3 dello Statuto delle studentesse e degli studenti della scuola secondaria (DPR 249/98) o che compiano atti contrari al decoro, alla morale e alle norme della comunità scolastica o che, comunque, tengano atteggiamenti irriguardosi nei confronti di chiunque operi nell Istituto, possono essere inflitte, secondo la gravità della mancanza, le seguenti sanzioni disciplinari: - richiamo verbale; - ammonizione scritta notificata alla famiglia; - sospensione dalle lezioni per periodi non superiori a 15 giorni; - allontanamento dalla comunità scolastica. I provvedimenti disciplinari hanno finalità educativa e tendono al rafforzamento del senso di responsabilità ed al ripristino di rapporti corretti all'interno della comunità scolastica, nonché al recupero dello studente attraverso attività di natura sociale, culturale ed in generale a vantaggio della comunità scolastica.

13 Pag. 13 La responsabilità disciplinare è personale. Nessuno può essere sottoposto a sanzioni disciplinari senza essere stato prima invitato ad esporre le proprie ragioni. Nessuna infrazione disciplinare connessa al comportamento può influire sulla valutazione del profitto. In nessun caso può essere sanzionata, né direttamente né indirettamente, la libera espressione di opinioni correttamente manifestata e non lesiva dell'altrui personalità. Le sanzioni sono sempre temporanee, proporzionate alla infrazione disciplinare e ispirate, per quanto possibile, al principio della riparazione del danno. Esse tengono conto della situazione personale dello studente, della gravità del comportamento e delle conseguenze che da esso derivano. Allo studente è sempre offerta la possibilità di convertirle in attività in favore della comunità scolastica. Art. 6 Sanzioni Disciplinari Gli Alunni che non si atterranno al presente regolamento o che terranno comportamenti irrispettosi della comunità scolastica, del personale docente e non docente, dei compagni o di altri ospiti dell istituto, o che provocheranno danni ad oggetti o strutture, incorreranno in provvedimenti disciplinari che potranno essere i seguenti:

14 Pag. 14 SANZIONI DISCIPLINARI Comportamento che configura Provvedimento Disciplinare mancanza disciplinare Uso di cellulari ed altri dispositivi elettronici Il docente prende in consegna il dispositivo elettronico che verrà riconsegnato ai genitori tramite la dirigenza. Mancanze ai doveri scolastici, irregolarità nelle frequenze o Ammonizione orale o scritta (D.S.o ripetute assenze ingiustificate e Docente) assenze di massa Negligenza abituale Ammonizione orale o scritta (D.S.o Docente) Disturbo continuato alla lezione Convocazione dei genitori (D.S.o Docente) Falsificazione firma dei genitori Convocazione dei genitori (D.S.o Docente) e ammonizione scritta Turbativa del regolare andamento delle lezioni Manipolazione del registro di classe Ammonizione orale o scritta (D.S.o Docente) e in casi di recidiva sospensione da 1 a 15 giorni a seconda della gravità (Consiglio di Classe) Ammonizione orale o scritta (D.S.o Docente) e in casi di recidiva sospensione fino a 5 giorni (Consiglio di Classe) Ammonizione orale o scritta (D.S.o Evidente mancanza di rispetto nei Docente) e in casi di recidiva confronti del personale della sospensione fino a 5 giorni (Consiglio di scuola e dei compagni Classe) Appropriazione indebita Sospensione fino a 15 giorni Atti o comportamenti deferibili Sospensione fino a 15 giorni all autorità giudiziaria Offese al decoro personale e alle Sospensione fino a 15 giorni istituzioni Atti vandalici ai danni delle Sospensione fino a 15 giorni strutture Inosservanza frequente del Sospensione fino a 15 giorni regolamento d Istituto

15 Pag. 15 In caso di recidiva, le sanzioni possono essere integrate o tramutate in attività "riparatorie" a favore della comunità scolastica (quali pulizia delle aule, attività socialmente utili,...). Le sanzioni disciplinari che comportano l allontanamento dalla comunità scolastica, saranno sempre adottate da un Organo Collegiale. Per il provvedimento di sospensione di un giorno l organo Collegiale è composto dal Dirigente Scolastico, dal docente che richiede il provvedimento e dal coordinatore di classe; nel caso in cui il coordinatore coincida con il docente richiedente, quest ultimo verrà sostituito dal docente della classe con il più alto numero di ore di insegnamento. Se la sospensione và da 2 a 15 giorni, allora l Organo Collegiale è composto dal Dirigente Scolastico e dal Consiglio di classe. Nei casi di particolare gravità del comportamento può essere previsto un allontanamento superiore ai quindici giorni. Nella fattispecie l organo competente è il Consiglio di Istituto. In questo caso la scuola, in coordinamento con la famiglia e, ove necessario, anche con i servizi sociali e l autorità giudiziaria, promuove un percorso di recupero educativo che miri all inclusione, alla responsabilizzazione e al reintegro, ove possibile, nella comunità scolastica. Le summenzionate sanzioni potranno essere irrogate solo previa verifica della sussistenza di elementi concreti e precisi dai quali si desuma che l infrazione disciplinare sia stata effettivamente commessa dallo studente incolpato. Art. 7 Organo di garanzia Contro le sanzioni disciplinari è ammesso ricorso da parte di chiunque vi abbia interesse, entro 15 giorni dalla comunicazione della loro loro irrogazione, ad una Commissione di garanzia composta dal Dirigente Scolastico, 2 rappresentanti dei docenti, 2 rappresentanti dei genitori, 2 degli studenti, 1 rappresentante del personale ATA ed eletta in seno al Consiglio d Istituto. Questo organo decide, su richiesta degli studenti o di chiunque abbia interesse, anche sui conflitti che sorgono all interno della scuola in merito all applicazione del presente regolamento. Sul ricorso l organo di garanzia decide a maggioranza previa audizione delle parti interessate entro 15 giorni. E fatto salvo in ogni caso il diritto di rivolgersi ad organi superiori previsto da norme vigenti.

16

REGOLAMENTO DI DISCIPLINA Statuto degli Studenti e delle Studentesse

REGOLAMENTO DI DISCIPLINA Statuto degli Studenti e delle Studentesse ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA I GRADO Centro Territoriale Permanente per l Educazione e la Formazione in età adulta Via San Giovanni Bosco, 5-23014 DELEBIO (SO) tel.

Dettagli

Lo statuto degli studenti e delle studentesse

Lo statuto degli studenti e delle studentesse Sommario Lo statuto degli studenti e delle studentesse... 1 Art. 1 (Vita della comunità scolastica)... 1 Art. 2 (Diritti)... 1 Art. 3 (Doveri)... 2 Art. 4 (Disciplina)... 3 Art. 5 (Impugnazioni)... 5 Art.

Dettagli

Vista la legge 27 maggio 1991, n. 176 di ratifica della Convenzione sui diritti del fanciullo, fatta a New York il 20 novembre 1989;

Vista la legge 27 maggio 1991, n. 176 di ratifica della Convenzione sui diritti del fanciullo, fatta a New York il 20 novembre 1989; Il Presidente della Repubblica Visto l'articolo 87, comma 5, della Costituzione; Visto l'articolo 328 del decreto legislativo 16 aprile 1994 n.297; Visto l'articolo 21, commi 1, 2 e 13 della legge 15 marzo

Dettagli

Statuto delle Studentesse e degli Studenti della Scuola Secondaria

Statuto delle Studentesse e degli Studenti della Scuola Secondaria Statuto delle Studentesse e degli Studenti della Scuola Secondaria D.P.R. 249/ del 24/06/1998 e le modifiche apportate agli articoli 4 e 5 dal DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA del 21 Novembre 2007,

Dettagli

Statuto Studenti con modifiche DPR 249-98 235-07

Statuto Studenti con modifiche DPR 249-98 235-07 Statuto delle studentesse e degli studenti della scuola secondaria DPR 24 giugno 1998, n. 249 Regolamento recante lo Statuto delle studentesse e degli studenti della scuola secondaria (in GU 29 luglio

Dettagli

REGOLAMENTO DISCIPLINARE DELL I.T.I. M. BUONARROTI DI TRENTO. (secondo quanto previsto dal D.P.R. 249 del 24 giugno 1998) PREMESSA

REGOLAMENTO DISCIPLINARE DELL I.T.I. M. BUONARROTI DI TRENTO. (secondo quanto previsto dal D.P.R. 249 del 24 giugno 1998) PREMESSA Allegato D delibera n. 5/2006 REGOLAMENTO DISCIPLINARE DELL I.T.I. M. BUONARROTI (secondo quanto previsto dal D.P.R. 249 del 24 giugno 1998) PREMESSA Il presente Regolamento si articola secondo la struttura

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO UMBERTO I PITIGLIANO

ISTITUTO COMPRENSIVO UMBERTO I PITIGLIANO ISTITUTO COMPRENSIVO UMBERTO I PITIGLIANO Anni scolastici 2010/2011-2011/2012 2012/2013 Approvato con delibera n. 17 del Consiglio di Istituto del 23/11/2010 ( Validità triennale ) In considerazione del

Dettagli

ISTITUTO TECNICO STATALE PER IL SETTORE ECONOMICO Raffaele Piria

ISTITUTO TECNICO STATALE PER IL SETTORE ECONOMICO Raffaele Piria via Piria n 2, 89127 REGGIO CALABRIA - 0965 28547 0965 313252 Anno Scolastico 2011/2012 Premesso che Ai Genitori Agli Alunni Ai Docenti Al Personale ATA La scuola non è soltanto ambiente di apprendimento

Dettagli

"Statuto delle studentesse e degli studenti della scuola secondaria"

Statuto delle studentesse e degli studenti della scuola secondaria "Statuto delle studentesse e degli studenti della scuola secondaria" DPR 24 giugno 1998, n. 249 Regolamento recante lo Statuto delle studentesse e degli studenti della scuola secondaria (in GU 29 luglio

Dettagli

REGOLAMENTO DISCIPLINA ALUNNI

REGOLAMENTO DISCIPLINA ALUNNI Prot. 6037 del 20/11/2014 REGOLAMENTO DISCIPLINA ALUNNI Estremi approvazione: Collegio dei Docenti: Delibera n 5 del 11/11/2014 Consiglio di Istituto: Delibera n 7 del 18/11/2014 Pag. 1 Premessa Ai sensi

Dettagli

I.T.E. S. Calvino - Via San Michele, 2 - Trapani - Tel.: 0923.21016 Fax: 0923.28546 C.M. : TPTD02801G (diurno) - TPTD028511 (serale)

I.T.E. S. Calvino - Via San Michele, 2 - Trapani - Tel.: 0923.21016 Fax: 0923.28546 C.M. : TPTD02801G (diurno) - TPTD028511 (serale) Istituto Superiore S. Calvino G. B. Amico Istituto Tecnico e Professionale Sede Centrale: C.M.: TPIS028009 C.F.: 80004590818 Telefoni: 0923.21016 (segreteria) - 0923.22939 (presidenza) Fax: 0923.28546

Dettagli

Eventuali uscite anticipate dal semiconvitto devono essere richieste da un genitore su apposito libretto ed autorizzate dal personale educativo.

Eventuali uscite anticipate dal semiconvitto devono essere richieste da un genitore su apposito libretto ed autorizzate dal personale educativo. Educandato Statale SS. Annunziata Firenze Liceo Classico Europeo - Liceo Scientifico Brocca - Liceo Linguistico Brocca 1. Vita della comunità scolastica Regolamento di Istituto La scuola è luogo di formazione

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO UMBERTO I PITIGLIANO

ISTITUTO COMPRENSIVO UMBERTO I PITIGLIANO ISTITUTO COMPRENSIVO UMBERTO I PITIGLIANO Anni scolastici 2010/2011-2011/2012 2012/2013 Approvato con delibera n. 17 del Consiglio di Istituto del 23/11/2010 ( Validità triennale ) In considerazione del

Dettagli

Prot. 4387/C-27 Brindisi, 22/10/2008. Art. 1 Vita della comunità scolastica

Prot. 4387/C-27 Brindisi, 22/10/2008. Art. 1 Vita della comunità scolastica Istituto di Istruzione Secondaria Superiore LICEO CLASSICO B. MARZOLLA - BRINDISI Sede Centrale: Via Nardelli, 2 - Tel./Fax 0831516102 - C.F. 80006060745 - e-mail: liceocla@liceoclassicomarzolla.it LICEO

Dettagli

Finalità. Comportamenti configuranti mancanze disciplinari. Classificazione delle sanzioni disciplinari diverse dall allontanamento

Finalità. Comportamenti configuranti mancanze disciplinari. Classificazione delle sanzioni disciplinari diverse dall allontanamento MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO ISTITUTO COMPRENSIVO ELSA MORANTE C.M.RMIC805003 C.F. 971980000586 Via A. Volta, 41-00153 ROMA - /Fax

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

REGOLAMENTO DI DISCIPLINA DEGLI ALUNNI ANNO SCOLASTICO 2012/2013

REGOLAMENTO DI DISCIPLINA DEGLI ALUNNI ANNO SCOLASTICO 2012/2013 REGOLAMENTO DI DISCIPLINA DEGLI ALUNNI ANNO SCOLASTICO 2012/2013 1 PREMESSA Il presente regolamento, ai sensi di quanto previsto dal D.P.R. 24 giugno 1998, n. 249 (Statuto delle studentesse e degli studenti)

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO S. GIOVANNI ILARIONE Scuola dell infanzia, Primaria, Secondaria di I grado. P.E.C. Patto Educativo di Corresponsabilità

ISTITUTO COMPRENSIVO S. GIOVANNI ILARIONE Scuola dell infanzia, Primaria, Secondaria di I grado. P.E.C. Patto Educativo di Corresponsabilità ISTITUTO COMPRENSIVO S. GIOVANNI ILARIONE Scuola dell infanzia, Primaria, Secondaria di I grado P.E.C. Patto Educativo di Corresponsabilità anno scolastico 2008 2009 IC SAN GIOVANNI IL. P.E.C. pag.1 ISTITUTO

Dettagli

REGOLAMENTO ALLIEVI MANCANZE E SANZIONI

REGOLAMENTO ALLIEVI MANCANZE E SANZIONI REGOLAMENTO ALLIEVI MANCANZE E SANZIONI Premessa: nelle situazioni in cui un allievo manca di rispetto ai docenti, al personale e ai compagni, vengono richieste scuse immediate e contemporaneamente viene

Dettagli

Statuto delle studentesse e degli studenti della scuola secondaria

Statuto delle studentesse e degli studenti della scuola secondaria Statuto delle studentesse e degli studenti della scuola secondaria 24 giugno 1998, n. 249 Decreto Decreto del Presidente della Repubblica 24 giugno 1998, n. 249 (in GU 25 luglio 1998, n.175) Integrato

Dettagli

REGOLAMENTO DI DISCIPLINA. Il presente regolamento è in aggiornamento da parte di un apposita commissione.

REGOLAMENTO DI DISCIPLINA. Il presente regolamento è in aggiornamento da parte di un apposita commissione. REGOLAMENTO DI DISCIPLINA Il presente regolamento è in aggiornamento da parte di un apposita commissione. Premessa Le norme del presente regolamento si ispirano ai principi dello Statuto delle studentesse

Dettagli

PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA

PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA (D.P.R. 21 novembre 2007 n 235) IL GENITORE/AFFIDATARIO ED IL DIRIGENTE SCOLASTICO VISTI: PRESO ATTO - Il DPR n.249 del 24 giugno 1998 Regolamento recante lo Statuto

Dettagli

REGOLAMENTO ISTITUTO COMPRENSIVO VIA F.SANTI, 65 ROMA. SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO DELIBERATO DAL CdI DEL 24 SETTEMBRE 2014

REGOLAMENTO ISTITUTO COMPRENSIVO VIA F.SANTI, 65 ROMA. SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO DELIBERATO DAL CdI DEL 24 SETTEMBRE 2014 ISTITUTO VIA F. SANTI 65 Allegato Principi generali 1. Nel rispetto della normativa vigente in materia, il presente regolamento intende disciplinare il funzionamento dei servizi scolastici erogati dalle

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

LICEO ARTISTICO STATALE DI TREVISO Anno scolastico 2005-2006

LICEO ARTISTICO STATALE DI TREVISO Anno scolastico 2005-2006 LICEO ARTISTICO STATALE DI TREVISO Anno scolastico 2005-2006 REGOLAMENTO D ISTITUTO La Costituzione repubblicana, lo Statuto delle studentesse e degli studenti e il Regolamento dell autonomia delle Istituzioni

Dettagli

REGOLAMENTO DI ISTITUTO SCUOLA PRIMARIA

REGOLAMENTO DI ISTITUTO SCUOLA PRIMARIA REGOLAMENTO DI ISTITUTO SCUOLA PRIMARIA Entrata 8.10 8.15 Chiusura cancelli: 8.20 Ingresso Gli alunni non possono accedere nei locali scolastici se non 5 minuti prima dell inizio delle lezioni. L ingresso

Dettagli

MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO LICEO CLASSICO «SOCRATE»

MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO LICEO CLASSICO «SOCRATE» MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO LICEO CLASSICO «SOCRATE» Alla luce del nuovo Statuto delle studentesse e degli studenti promulgato con Decreto del Presidente

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO. Il tempo dell intervallo va trascorso nelle rispettive aule. Non è consentito spostarsi da un piano all altro.

REGOLAMENTO INTERNO. Il tempo dell intervallo va trascorso nelle rispettive aule. Non è consentito spostarsi da un piano all altro. REGOLAMENTO DI DISCIPLINA DEGLI ALUNNI ISTITUTO COMPRENSIVO DI CALUSCO D ADDA 1 REGOLAMENTO INTERNO Entrata Gli alunni sono tenuti a presentarsi a scuola sia al mattino, sia al pomeriggio almeno cinque

Dettagli

APPLICAZIONE DELLO STATUTO DELLE STUDENTESSE E DEGLI STUDENTI E IRROGAZIONE DELLE SANZIONI

APPLICAZIONE DELLO STATUTO DELLE STUDENTESSE E DEGLI STUDENTI E IRROGAZIONE DELLE SANZIONI APPLICAZIONE DELLO STATUTO DELLE STUDENTESSE E DEGLI STUDENTI E IRROGAZIONE DELLE SANZIONI DOVERI MANCANZE SANZIONI ORGANI COMPETENTI Ritardo oltre i 5 minuti senza giustificazione Rispetto dell orario

Dettagli

REGOLAMENTO DI DISCIPLINA ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE G. CARDANO

REGOLAMENTO DI DISCIPLINA ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE G. CARDANO ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE G. CARDANO Via Natta, 11 20151 MILANO C.F. 80122590151 REGOLAMENTO DI DISCIPLINA ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE G. CARDANO Il presente regolamento di Disciplina è stato

Dettagli

Regolamento di Disciplina (approvato in data 18-09-2013 C.d.I.)

Regolamento di Disciplina (approvato in data 18-09-2013 C.d.I.) Regolamento di Disciplina (approvato in data 18-09-2013 C.d.I.) Premessa Il rispetto di norme, regole e principi garantisce la civile convivenza e contribuisce a valorizzare, attraverso il dialogo ed il

Dettagli

REGOLAMENTO DI DISCIPLINA allegato al Regolamento d'istituto approvato dal Consiglio d'istituto con delibera n.10/6.11.2014

REGOLAMENTO DI DISCIPLINA allegato al Regolamento d'istituto approvato dal Consiglio d'istituto con delibera n.10/6.11.2014 ISTITUTO SCOLASTICO COMPRENSIVO A. DE CAROLIS ACQUAVIVA PICENA e MONSAMPOLO DEL TRONTO TEL 0735/764431 FAX 0735/769252 www.iscdecarolis.gov.it e-mail: apic80800a@istruzione.it posta certificata: apic80800a@pec.istruzione.it

Dettagli

REGOLAMENTO DI DISCIPLINA PER GLI ALUNNI DELLA SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO. (Deliberato dal Consiglio d Istituto nella seduta del 10 dicembre 2014)

REGOLAMENTO DI DISCIPLINA PER GLI ALUNNI DELLA SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO. (Deliberato dal Consiglio d Istituto nella seduta del 10 dicembre 2014) M i n i s t e r o d e l l a P u b b l i c a I s t r u z i o n e Istituto Comprensivo Statale Gino Capponi via Pestalozzi 13-20143 Milano Tel: 02 88444729 - Fax: 02 89123381 e-mail: miic8cy00p@istruzione.it

Dettagli

REGOLAMENTO DISCIPLINARE

REGOLAMENTO DISCIPLINARE DIREZIONE DIDATTICA STATALE DI SANT'ANGELO LODIGIANO Via Morzenti, 27-26866 Sant' Angelo Lodigiano Tel: 0371/90435 - Fax : 0371/210898 Sito web: www.circolodidatticomorzenti.it E-mail: riccardo.morzenti@libero.it

Dettagli

ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE E PER GEOMETRI GUGLIELMO MARCONI PENNE REGOLAMENTO DI DISCIPLINA

ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE E PER GEOMETRI GUGLIELMO MARCONI PENNE REGOLAMENTO DI DISCIPLINA ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE E PER GEOMETRI GUGLIELMO MARCONI PENNE REGOLAMENTO DI DISCIPLINA Approvato dal Collegio dei Docenti il 14 Ottobre 2008 Approvato dal Consiglio di Istituto il12 Febbraio 2009

Dettagli

R E G O L A M E N T O A S S E N Z E, R I T A R D I E U S C I T E A N T I C I P A T E D E G L I A L U N N I

R E G O L A M E N T O A S S E N Z E, R I T A R D I E U S C I T E A N T I C I P A T E D E G L I A L U N N I ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE GONNESA Via Dettori, 10-09010 Gonnesa -CI Tel. e Fax 0781/45018 Codice Fiscale 90016590920- cod. meccanografico CAIC81400E e-mail caic81400e@istruzione.it CAIC81400E@Pec.istruzione.it

Dettagli

Oggetto: Disposizioni di inizio anno scolastico 2015/16

Oggetto: Disposizioni di inizio anno scolastico 2015/16 Circolare n. 6/15 Cesena, 12/09/2015 ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO Oggetto: Disposizioni di inizio anno scolastico 2015/16 - Agli studenti e per loro tramite ai genitori E p.c.: ai Docenti dell Istituto

Dettagli

SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE REPUBBLICA DI SAN MARINO

SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE REPUBBLICA DI SAN MARINO SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE REPUBBLICA DI SAN MARINO REGOLAMENTO DI ISTITUTO ANNO SCOLASTICO 2014/2015 ART. 1 NORME DI COMPORTAMENTO OGNI ALUNNO È TENUTO AL MASSIMO RISPETTO DELLE PERSONE E DELL AMBIENTE

Dettagli

REGOLAMENTO ATTUATIVO DELLO STATUTO DELLE STUDENTESSE E DEGLI STUDENTI DELLA SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO

REGOLAMENTO ATTUATIVO DELLO STATUTO DELLE STUDENTESSE E DEGLI STUDENTI DELLA SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO REGOLAMENTO ATTUATIVO DELLO STATUTO DELLE STUDENTESSE E DEGLI STUDENTI DELLA SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO INTEGRAZIONE AL REGOLAMENTO D ISTITUTO Il regolamento d'istituto è l'attuazione dello Statuto in

Dettagli

REGOLAMENTO di DISCIPLINA

REGOLAMENTO di DISCIPLINA REGOLAMENTO di DISCIPLINA Alunni di Scuola Primaria protocollato atti scuola 369/B19_ 23 settembre 2013 Presidenza - plesso Troisi, via Gianturco 75 TELEFAX - 0815743460 Direzione Amministrativa ed uffici

Dettagli

Liceo Scientifico Statale Giovanni Marinelli Viale Leonardo da Vinci, 4-33100 UDINE tel. 0432/46938 - fax 0432/471803

Liceo Scientifico Statale Giovanni Marinelli Viale Leonardo da Vinci, 4-33100 UDINE tel. 0432/46938 - fax 0432/471803 Liceo Scientifico Statale Giovanni Marinelli Viale Leonardo da Vinci, 4-33100 UDINE tel. 0432/46938 - fax 0432/471803 REGOLAMENTO DI DISCIPLINA II presente Regolamento intende individuare ai sensi del

Dettagli

REGOLAMENTO DI DISCIPLINA I.T.I. S. ETTORE CONTI di MILANO

REGOLAMENTO DI DISCIPLINA I.T.I. S. ETTORE CONTI di MILANO REGOLAMENTO DI DISCIPLINA I.T.I. S. ETTORE CONTI di MILANO La Commissione per la stesura del Regolamento di disciplina e del Regolamento d'istituto, votata dal Collegio dei Docenti del 10.12.2002 e composta

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di via COMMERCIALE

ISTITUTO COMPRENSIVO di via COMMERCIALE Delibera del 29 novembre 2011 ISTITUTO COMPRENSIVO di via COMMERCIALE Allegato al regolamento di Istituto INTERVENTI EDUCATIVI e SANZIONI Art.1 - Premesse Compito preminente della scuola è educare e formare,

Dettagli

REGOLAMENTO DISCIPLINARE ALUNNI

REGOLAMENTO DISCIPLINARE ALUNNI UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE CALABRIA IC SAN SPERATO CARDETO ISTITUTO COMPRENSIVO San Sperato - Cardeto Via Riparo Cannavò, 24-89133 Reggio Calabria Telefono 0965/672052-683088 - 673553 -

Dettagli

REGOLAMENTO D ISTITUTO

REGOLAMENTO D ISTITUTO ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE DUCA DEGLI ABRUZZI CATANIA Viale Artale Alagona, 99 Tel. 095.6136225 - Fax 095.6136224 REGOLAMENTO D ISTITUTO A.S. 2015/2016 1 Tutti gli studenti dovranno munirsi

Dettagli

LA COMUNITÀ SCOLASTICA. (sintesi dal testo Comunità di Paolo Ronchetti Ed. Zanichelli)

LA COMUNITÀ SCOLASTICA. (sintesi dal testo Comunità di Paolo Ronchetti Ed. Zanichelli) LA COMUNITÀ SCOLASTICA. (sintesi dal testo Comunità di Paolo Ronchetti Ed. Zanichelli) 1 LE NORME Per una civile convivenza, ogni società (quindi anche quella scolastica) deve avere delle regole. Esistono

Dettagli

Regolamento di Disciplina

Regolamento di Disciplina ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA e SECONDARIA DI I GRADO dei Comuni di Anghiari e Monterchi Tel. 0575/749269 e Fax 0575/787954-0575/789102 Via Bozia, 2 52031 ANGHIARI (AR) aree0100n@

Dettagli

REGOLAMENTO DI ISTITUTO ANNI SCOLASTICI 2013/2016 ALUNNI

REGOLAMENTO DI ISTITUTO ANNI SCOLASTICI 2013/2016 ALUNNI Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Istituto Comprensivo di Cellatica Collebeato Viale Risorgimento, 23 25060 Cellatica (BS) Tel: 030.2770188-0302774730 - Fax: 030.2525792 C. F.

Dettagli

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE P. HENSEMBERGER. Oggetto : Informazioni e disposizioni sulla vita della scuola.

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE P. HENSEMBERGER. Oggetto : Informazioni e disposizioni sulla vita della scuola. ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE P. HENSEMBERGER ISTITUTO TECNICO : Elettrotecnica, Informatica, Meccanica e Meccatronica LICEO SCIENTIFICO SCIENZE APPLICATE Via Berchet 2-20900 Monza 039324607 - Fax 039322122

Dettagli

SCUOLA COMUNITÀ EDUCANTE

SCUOLA COMUNITÀ EDUCANTE ISTITUTO COLLEGIO DIMESSE PADOVA SCUOLE D INFANZIA, PRIMARIA e SECONDARIA DI I GRADO SCUOLA COMUNITÀ EDUCANTE Premessa. Le scuole dell Istituto sono una comunità educante impegnata a collaborare con le

Dettagli

REGOLAMENTO. della. Scuola Primaria Paritaria. Istituto Parrocchiale IMMACOLATA

REGOLAMENTO. della. Scuola Primaria Paritaria. Istituto Parrocchiale IMMACOLATA REGOLAMENTO della Scuola Primaria Paritaria Istituto Parrocchiale IMMACOLATA Anno scolastico 2015-2016 INDICE PREMESSA 1 PARTE PRIMA: I RUOLI A) Alunni 2 1. Diritti 2 2. Doveri 3 3. Disciplina 4 4. Norme

Dettagli

Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Liceo Scientifico Linguistico Statale Paolo Giovio - Como

Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Liceo Scientifico Linguistico Statale Paolo Giovio - Como Prot. n. 5343/C51 - Anno scolastico 2015-2016 Como, lì 18.09.2015 Comunicazione n. 29 Ai docenti Agli alunni Ai genitori e coloro che esercitano la responsabilità genitoriale Ai docenti collaboratori del

Dettagli

Il Regolamento di Istituto è integrato dal regolamento di disciplina di seguito riportato.

Il Regolamento di Istituto è integrato dal regolamento di disciplina di seguito riportato. Il Regolamento di Istituto è integrato dal regolamento di disciplina di seguito riportato. Regolamento di disciplina Il nostro Regolamento di disciplina è stata elaborata sulla base dello Statuto delle

Dettagli

REGOLAMENTO DI DISCIPLINA

REGOLAMENTO DI DISCIPLINA ISTITUTO D'ISTRUZIONE SUPERIORE A. MOTTI ISTITUTO PROFESSIONALE DI ENOGASTRONOMIA E OSPITALITA ALBERGHIERA CON I PERCORSI: ACCOGLIENZA TURISTICA, CUCINA, SALA-BAR ISTITUTO TECNICO PER IL TURISMO Sede Amministrativa:

Dettagli

Istituto Comprensivo Adolfo GANDIGLIO Piazzetta Grimaldi, 3-61032 Fano (PU)

Istituto Comprensivo Adolfo GANDIGLIO Piazzetta Grimaldi, 3-61032 Fano (PU) Visto il D.M. n. 5843/A3 del 16 ottobre 2006 Linee di indirizzo sulla cittadinanza democratica e legalità ; Visti i D.P.R. n. 249 del 24/6/1998 e D.P.R. n. 235 del 21/11/2007 Regolamento recante lo Statuto

Dettagli

ISTITUTO TECNICO "E. SCALFARO" Settore Tecnologico P.zza Matteotti, 1-88100 Catanzaro - Distretto n. 1 Tel. (0961) 745155-Fax (0961)744438

ISTITUTO TECNICO E. SCALFARO Settore Tecnologico P.zza Matteotti, 1-88100 Catanzaro - Distretto n. 1 Tel. (0961) 745155-Fax (0961)744438 ISTITUTO TECNICO "E. SCALFARO" Settore Tecnologico P.zza Matteotti, 1-88100 Catanzaro - Distretto n. 1 Tel. (0961) 745155-Fax (0961)744438 REGOLAMENTO D'ISTITUTO Premessa La Scuola è una comunità organizzata

Dettagli

LICEO PΑΩLINO D AQUILEIA via Seminario, 7-34170 Gorizia scuola paritaria

LICEO PΑΩLINO D AQUILEIA via Seminario, 7-34170 Gorizia scuola paritaria Circolare n. 7 Gorizia, 19.09.2012 Destinatari: tutte le classi Oggetto: Disposizioni urgenti in materia di assenze, giustificazioni, ritardi, entrate e uscite fuori orario Per una ordinata gestione delle

Dettagli

REGOLAMENTO SULL USO DI TELEFONI CELLULARI ED ALTRI DISPOSITIVI ELETTRONICI IN AMBITO SCOLASTICO

REGOLAMENTO SULL USO DI TELEFONI CELLULARI ED ALTRI DISPOSITIVI ELETTRONICI IN AMBITO SCOLASTICO REGOLAMENTO SULL USO DI TELEFONI CELLULARI ED ALTRI DISPOSITIVI ELETTRONICI IN AMBITO SCOLASTICO PREMESSA L'uso improprio del cellulare e di altri dispositivi elettronici di comunicazione o di intrattenimento

Dettagli

REGOLAMENTO DI DISCIPLINA (1)

REGOLAMENTO DI DISCIPLINA (1) appendice B P.O.F. ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE Leonardo da Vinci Con Sezioni associate : Liceo Scientifico e Classico Via Leonardo da Vinci - 08045 Lanusei (OG) 0782/42624 42156 Fax 0782/480198 - Cod.

Dettagli

Richiamo verbale. Richiamo ufficiale con annotazione sul registro di classe. Richiamo verbale. Annotazione registro di classe

Richiamo verbale. Richiamo ufficiale con annotazione sul registro di classe. Richiamo verbale. Annotazione registro di classe ISTITUTO COMPRENSIVO SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO San Domenico Savio MATTINATA Premessa La scuola è luogo di crescita civile e culturale della persona. E quindi ad essa, oltre che alla famiglia, che spetta

Dettagli

REGOLAMENTO D ISTITUTO del Liceo Classico e Classico Europeo Marco Foscarini in Venezia

REGOLAMENTO D ISTITUTO del Liceo Classico e Classico Europeo Marco Foscarini in Venezia CONVITTO NAZIONALE MARCO FOSCARINI SCUOLE ANNESSE SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA 1 gr. ISTRUZIONE 2 gr. CLASSICO ED EUROPEO CANNAREGIO FOND.TA S. CATERINA 4941 4942 30131 VENEZIA tel. 0415221970 fax.0415239698

Dettagli

` Ç áàxüé wxääë\áàüâé ÉÇx? wxääëhç äxüá àõ x wxäät e vxüvt

` Ç áàxüé wxääë\áàüâé ÉÇx? wxääëhç äxüá àõ x wxäät e vxüvt ` Ç áàxüé wxääë\áàüâé ÉÇx? wxääëhç äxüá àõ x wxäät e vxüvt SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO D ALESSANDRO VOCINO VIA DEI SANNITI, 12 TEL./FAX 0882/473974 71015 SAN NICANDRO GARGANICO (FG) COD. MECC. FGMM141008;

Dettagli

Istituto Statale di Istruzione Superiore Amedeo Voltejo Obici Oderzo (TV)

Istituto Statale di Istruzione Superiore Amedeo Voltejo Obici Oderzo (TV) Istituto Statale di Istruzione Superiore Amedeo Voltejo Obici Oderzo (TV) REGOLAMENTO di DISCIPLINA (Approvato dal consiglio d Istituto del 12/7/2012) anno scolastico 2011-2012 via Stadio, 2/a tel. 0422

Dettagli

REGOLAMENTO PER I VIAGGI DI ISTRUZIONE E LE VISITE GUIDATE

REGOLAMENTO PER I VIAGGI DI ISTRUZIONE E LE VISITE GUIDATE REGOLAMENTO PER I VIAGGI DI ISTRUZIONE E LE VISITE GUIDATE PREMESSA La scuola considera i viaggi d istruzione, le visite guidate e uscite brevi a musei, mostre, manifestazioni culturali di interesse didattico

Dettagli

REGOLAMENTO D'ISTITUTO Istituto d Istruzione Superiore Giovanni GIORGI

REGOLAMENTO D'ISTITUTO Istituto d Istruzione Superiore Giovanni GIORGI REGOLAMENTO D'ISTITUTO Istituto d Istruzione Superiore Giovanni GIORGI CAPO I : OSSERVAZIONI PRELIMINARI Art.1. La scuola è una comunità di dialogo, di ricerca, di esperienza sociale, informata ai valori

Dettagli

Lucantonio Porzio. saic873005@istruzione.it www.icsporzio.gov.it. IL PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA (in base all art.

Lucantonio Porzio. saic873005@istruzione.it www.icsporzio.gov.it. IL PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA (in base all art. ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI POSITANO e PRAIANO Lucantonio Porzio Via PASITEA 308 84017 POSITANO (SA) saic873005@istruzione.it www.icsporzio.gov.it IL PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA (in base all

Dettagli

ORGANIZZAZIONE ORARIO DELLE LEZIONI

ORGANIZZAZIONE ORARIO DELLE LEZIONI ORGANIZZAZIONE ORARIO DELLE LEZIONI Le lezioni del mattino si svolgono da lunedì a venerdì dalle ore 8.30 alle ore 12.30, con un intervallo dalle ore 10.20 alle ore 10.40. Le lezioni pomeridiane si svolgono

Dettagli

VADEMECUM DEL DOCENTE

VADEMECUM DEL DOCENTE Istituto di Istruzione Superiore S. Ceccato P.le Collodi, 1 36075 Montecchio Maggiore (VI) VADEMECUM DEL DOCENTE Assemblee di classe: Sono autorizzate dal Dirigente Scolastico compilando l apposita modulistica

Dettagli

Liceo Classico Statale Marco Minghetti Via Nazario Sauro 18 40121 Bologna tel. 051-2757511 fax 051-230145 e-mail bopc030001@istruzione.

Liceo Classico Statale Marco Minghetti Via Nazario Sauro 18 40121 Bologna tel. 051-2757511 fax 051-230145 e-mail bopc030001@istruzione. Liceo Classico Statale Marco Minghetti Via Nazario Sauro 18 40121 Bologna tel. 051-2757511 fax 051-230145 e-mail bopc030001@istruzione.it Circolare n. 83 Bologna, 09.11.2015 - A tutti gli Studenti e i

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO PER I CFP DI ABF corsi di qualifica e diploma professionale

REGOLAMENTO INTERNO PER I CFP DI ABF corsi di qualifica e diploma professionale REGOLAMENTO INTERNO PER I CFP DI ABF corsi di qualifica e diploma professionale Questo documento contiene le norme che regolano la vita interna dei Centri di Formazione Professionale di ABF; tutti devono

Dettagli

REGOLAMENTO DEL LICEO

REGOLAMENTO DEL LICEO REGOLAMENTO DEL LICEO Indice generale: 0. RIFERIMENTI NORMATIVI 1. PERSONALE DOCENTE 2. PERSONALE A.T.A. 3. ALUNNE E ALUNNI 4. GENITORI DELLE ALUNNE E DEGLI ALUNNI 5. ENTI E ORGANIZZAZIONI ESTERNE 6. CONTRATTAZIONE

Dettagli

codice fiscale 80123470157 - codice meccanografico: diurno MITF09000E - serale MITF09050X

codice fiscale 80123470157 - codice meccanografico: diurno MITF09000E - serale MITF09050X stituto ecnico ndustriale Statale con Liceo Scientifico ecnologico GOVNN GOG Viale Liguria, 21 20143 Milano el. 02/89400450 Fax 02/89406707 http://www.itisgiorgimilano.it - e-mail: itisgiorgi@tin.it UN

Dettagli

ISTITUTO SECONDARIO DI PRIMO GRADO CAIO GIULIO CESARE

ISTITUTO SECONDARIO DI PRIMO GRADO CAIO GIULIO CESARE ISTITUTO SECONDARIO DI PRIMO GRADO CAIO GIULIO CESARE REGOLAMENTO DI DISCIPLINA Si ricorda che il presente REGOLAMENTO DI DISCIPLINA ha finalità educative per una condivisione e responsabilizzazione del

Dettagli

1. creare nella nostra comunità scolastica un ambiente accogliente sereno ed ordinato;

1. creare nella nostra comunità scolastica un ambiente accogliente sereno ed ordinato; REGOLAMENTO D ISTITUTO (in fase di revisione) Il presente regolamento è stato deliberato dal Consiglio di Istituto ed è vincolante per tutte le componenti scolastiche; contiene le regole perché il complesso

Dettagli

Si enunciano qui di seguito gli indicatori relativi all attribuzione del voto di condotta:

Si enunciano qui di seguito gli indicatori relativi all attribuzione del voto di condotta: Il voto di condotta, espresso in sede di scrutinio intermedio e finale, si riferisce all insieme dei comportamenti tenuti dall allievo nel periodo di permanenza nella sede scolastica e durante le attività

Dettagli

REGOLAMENTO D ISTITUTO

REGOLAMENTO D ISTITUTO REGOLAMENTO D ISTITUTO Parte istituzionale Art. 1 OFFERTA FORMATIVA A novembre - dicembre, ogni Scuola programma attraverso la Commissione POF dell istituto, il Piano dell offerta formativa per l a.s.

Dettagli

Patto educativo di corresponsabilità Scuola - Famiglia

Patto educativo di corresponsabilità Scuola - Famiglia Appendice F Patto educativo di corresponsabilità Scuola - Famiglia PREMESSA L istituzione scolastica risulta luogo di crescita civile, culturale e di valorizzazione della persona quando vengono coinvolti

Dettagli

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO A. G. BRAVI

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO A. G. BRAVI Istituto Comprensivo di Cologno al Serio Via Rosmini, 12 24055 COLOGNO AL SERIO Tel. fax 0354872415-035896031 e-mail ministeriale: bgic89900p@istruzione.it http://www.iccolognoalserio.gov.it/ SCUOLA SECONDARIA

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE TEODORO BONATI

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE TEODORO BONATI ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE TEODORO BONATI Via Gardenghi 5 44012 Bondeno (FE) Tel.: 0532 898077 Fax: 0532 898232 feic802005@istruzione.it www.icbonatibondeno.gov.it REGOLAMENTO USO DEL CELLULARE E DEI

Dettagli

DEI DIRITTI E DEI DOVERI

DEI DIRITTI E DEI DOVERI Con l Europa investiamo nel vostro futuro ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI VERNOLE,CASTRI,CAPRARICA Via della Repubblica,s.n.c. 73029 - Tel. 0832892032 Fax 0832269378 email LEIC85600E@istruzione.it LEIC85600E@pec.istruzione.it

Dettagli

LICEO CLASSICO STATALE SALVATORE QUASIMODO Via Volta 25-20013 MAGENTA Tel. 02/9794892 Fax 02/9784834

LICEO CLASSICO STATALE SALVATORE QUASIMODO Via Volta 25-20013 MAGENTA Tel. 02/9794892 Fax 02/9784834 Estratto del Regolamento d Istituto TITOLO VI ALUNNI PREMESSA Lo Statuto degli Studenti, entrato in vigore col DPR 24/06/1998 n.249, introduce importanti garanzie riguardanti la vita all'interno della

Dettagli

Circ. n. 13 Prot. n 4485/A39 Montebello Vic.no, 23.09.2014 IAF/rc

Circ. n. 13 Prot. n 4485/A39 Montebello Vic.no, 23.09.2014 IAF/rc Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI MONTEBELLO VICENTINO (VI) 36054 - MONTEBELLO VIC.NO - Via G. Gentile, 7 Tel. 0444/649086 - Fax 0444/649016 - e-mail:

Dettagli

Regolamento di Disciplina

Regolamento di Disciplina Regolamento di Disciplina Premessa Il presente regolamento di disciplina, avente come riferimenti normativi il DPR 249 del 24.06.1998 modificato ed integrato con il DPR 235 del 21.11.2007 Statuto delle

Dettagli

Durante i periodi di sospensione delle attività didattiche i colloqui docenti-genitori non si svolgono.

Durante i periodi di sospensione delle attività didattiche i colloqui docenti-genitori non si svolgono. Carate Brianza, 13 settembre 2013 Comunicazione interna n. 15 agli studenti e ai loro genitori ai docenti al personale ATA Oggetto: Comunicazioni per l anno scolastico 2013-2014 1. COLLOQUI DOCENTI GENITORI

Dettagli

REGOLAMENTO D ISTITUTO

REGOLAMENTO D ISTITUTO MINISTERO DELL ISTRUZIONE,DELL UNIVERSITA, DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO LICEO SCIENTIFICO STATALE A. LABRIOLA Via Capo Sperone 50 00122 - Roma 065662275 fax 065662340 rmps010004@istruzione.it

Dettagli

Obiettivi formativi del documento

Obiettivi formativi del documento DIREZIONE DIDATTICA STATALE S.S. GIOVANNI PAOLO II SAN MARZANO SUL SARNO (SA) Piazza Amendola-84010-Tel. 081/955291- Fax: 081/5189080 C.F. 80047350659 Codice Meccanografico SAEE152003 Sito: www.ddsanmarzano.gov.it

Dettagli

Codice di comportamento della comunità scolastica. I diritti fondamentali dello studente appaiono indicati nell art. 2:

Codice di comportamento della comunità scolastica. I diritti fondamentali dello studente appaiono indicati nell art. 2: Codice di comportamento della comunità scolastica Il liceo si propone come luogo di educazione in senso ampio, dove il processo di apprendimento, l'acquisizione delle conoscenze e lo sviluppo della coscienza

Dettagli

PROCEDURA DEL SISTEMA QUALITA. NORME UNI EN ISO 9001:2008 Data 28/01/2015 Pag. 1 di 6 CONTROLLO E SICUREZZA DEGLI ALUNNI

PROCEDURA DEL SISTEMA QUALITA. NORME UNI EN ISO 9001:2008 Data 28/01/2015 Pag. 1 di 6 CONTROLLO E SICUREZZA DEGLI ALUNNI NORME UNI EN ISO 9001:2008 Data 28/01/2015 Pag. 1 di 6 CONTROLLO E DEGLI ALUNNI Indice 1. SCOPO 2. CAMPO DI APPLICAZIONE 3. RESPONSABILITA' 4. PROCEDURA 4.1 Rilascio del diario 4.2 Assenze 4.2.1 Assenze

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI CORNUDA

ISTITUTO COMPRENSIVO DI CORNUDA ISTITUTO COMPRENSIVO DI CORNUDA REGOLAMENTO DI DISCIPLINA SCUOLA SECONDARIA IL CONSIGLIO D ISTITUTO VISTO il DPR n 249 del 24.06.1998 Statuto degli studenti e delle studentesse e successive modificazioni

Dettagli

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE "Galileo Ferraris" REGOLAMENTO INTERNO

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE Galileo Ferraris REGOLAMENTO INTERNO ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE "Galileo Ferraris" REGOLAMENTO INTERNO Parte I - Alunni ART. 1 FINALITA Il fine della scuola è quello di favorire la formazione e lo sviluppo delle attitudini dei giovani

Dettagli

REGOLAMENTO DI DISCIPLINA

REGOLAMENTO DI DISCIPLINA Istituto Comprensivo G.B. Della Torre Via Rivarola, 7 16043 Chiavari (GE) Tel. 0185308022 Fax 0185309471 geic86500c@istruzione.it geic86500c@pec.istruzione.it codice fiscale 90064220107 sito internet:

Dettagli

VADEMECUM PER I GENITORI RAPPRESENTANTI DI CLASSE

VADEMECUM PER I GENITORI RAPPRESENTANTI DI CLASSE VADEMECUM PER I GENITORI RAPPRESENTANTI DI CLASSE Premessa Nella scuola dell autonomia i Genitori rappresentano una parte dell utenza e possono avere funzione di primo piano influendo sulle scelte organizzative

Dettagli

Allegato n. 2 al Piano dell Offerta Formativa 2015/2016

Allegato n. 2 al Piano dell Offerta Formativa 2015/2016 Allegato n. 2 al Piano dell Offerta Formativa 2015/2016 REGOLAMENTO D ISTITUTO a.s. 2015 / 2016 Art. 1 - Vita della comunità scolastica Rispetto del Regolamento di Istituto. La Scuola è luogo di formazione

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI DELL ISTITUTO COMPRENSIVO CENTALLO - VILLAFALLETTO

CARTA DEI SERVIZI DELL ISTITUTO COMPRENSIVO CENTALLO - VILLAFALLETTO ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE CENTALLO VILLAFALLETTO Scuola dell infanzia Scuola primaria - Scuola secondaria di primo grado Via delle Scuole 8-12044 Centallo (CN) Tel. 0171214049 fax 0171214049 email cnic84300r@istruzione.it

Dettagli

Rapporto con persone e con l istituzione scolastica, rispetto del Regolamento d Istituto

Rapporto con persone e con l istituzione scolastica, rispetto del Regolamento d Istituto Indicatori e descrittori per l attribuzione del voto relativo al comportamento di ciascuno studente VOTO 10 9 8 7 6 5 Rapporto con persone e con l istituzione scolastica, rispetto del Regolamento d Istituto

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale di Sernaglia della Battaglia

Istituto Comprensivo Statale di Sernaglia della Battaglia Allegato n. 9 Istituto Comprensivo Statale di Sernaglia della Battaglia Scuole Primarie e Secondarie di I grado di Sernaglia della Battaglia e Moriago della Battaglia Viale Rimembranza, 7-31020 Sernaglia

Dettagli

REGOLAMENTO DI DISCIPLINA degli ALUNNI Principi e criteri in materia di applicazione delle sanzioni (ai sensi del DPR 249 /98 e DPR 235/2007)

REGOLAMENTO DI DISCIPLINA degli ALUNNI Principi e criteri in materia di applicazione delle sanzioni (ai sensi del DPR 249 /98 e DPR 235/2007) Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca ISTITUTO COMPRENSIVO PESCARA 9 Via di Sotto 56-65125 PESCARA - Tel. 085-413255 e-mail : peic 83700v@istruzione.it REGOLAMENTO DI DISCIPLINA degli

Dettagli

Asilo infantile T. A. GALIMBERTI

Asilo infantile T. A. GALIMBERTI La scuola dell Infanzia T.A. Galimberti ha come fine l educazione integrale dei bambini. Per un miglior funzionamento dei diversi momenti dell attività scolastica, riteniamo opportuno esplicitare alcune

Dettagli

REGOLAMENTO DI DISCIPLINA

REGOLAMENTO DI DISCIPLINA ALLEGATO N 7 ISTITUTO COMPRENSIVO VARESE 2 VIA APPIANI, 15 21100 VARESE REGOLAMENTO DI DISCIPLINA Scuola Secondaria di Primo Grado S. Pellico Approvato dal Consiglio di Istituto con delibera n 249 del

Dettagli

Oggetto: Disposizioni per la sicurezza e la vigilanza gli alunni

Oggetto: Disposizioni per la sicurezza e la vigilanza gli alunni Circolare n. 11 Muravera, 16/09/2015 Ai Docenti Agli ATA Loro Sedi E p.c. Al Dsga Agli Atti Oggetto: Disposizioni per la sicurezza e la vigilanza gli alunni La vigilanza è un obbligo che investe tutto

Dettagli