CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO"

Transcript

1 CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO SERVIZIO DI PULIZIA E SANIFICAZIONE DEGLI AMBIENTI E SUPPORTO LOGISTICO - ALBERGHIERO 1

2 ART. 1 OGGETTO DELL APPALTO 1.1 Attività oggetto del Servizio Il presente Capitolato Speciale ha per oggetto l esecuzione del Servizio di pulizia e sanificazione per i Presidi ospedalieri, Territoriali ed amministrativi dell Azienda ASL 5 Spezzino (Committente) e del Servizio di supporto logistico-alberghiero. Più dettagliatamente oggetto dell appalto è l erogazione e la fornitura delle seguenti attività: a) pulizia e sanificazione degli ambienti interni e delle aree esterne di pertinenza degli edifici come individuati nell allegato 1 b) fornitura e gestione di distributori di prodotti per l igiene personale e relativo materiale di consumo; c) disinfezione, disinfestazione e derattizzazione; d) supporto logistico alberghiero. I servizi oggetto dell appalto verranno svolti con esclusiva organizzazione, responsabilità e rischio della ditta aggiudicataria che dovrà assicurare la continuità del servizio, ove necessario per 24 ore al giorno, nel rispetto delle vigenti normative di regolamentazione delle rispettive figure professionali. 1.2Committente La Committente è l Azienda ASL n. 5 "Spezzino" con sede legale via XXIV Maggio 139, La Spezia - Codice Fiscale e Partita IVA: Servizio di pulizia e sanificazione - Campo di intervento Ambienti interni ed aree esterne di pertinenza Il campo di intervento del Servizio di pulizia e sanificazione è esteso a tutte le sedi dell ASL 5 Spezzino e in particolare negli ambiti precisati nell Allegato n. 1 cui corrisponde una superficie complessiva di circa mq. In occasione di variazioni connesse a sospensione di attività, es. per esecuzione lavori, e/o dismissione e/o implementazione di attività con apertura di nuove sedi le rispettive superfici saranno verificate e riconteggiate in contraddittorio con l Appaltatore con le stesse modalità. Sono esclusi dal campo di intervento, salvo specifica disposizione della Committente, i vani tecnici, i locali affidati in gestione ad Appaltatori ivi compresi quelli a disposizione per l esecuzione del presente Servizio e gli spazi ambientali in disuso. Il relativo campo di intervento è suddiviso nelle seguenti 4 Aree, cui corrisponde un differenziato livello di prestazioni: TIPOLOGIA AREE CONSISTENZA al 10/9/ AREA ESTERNA e AREA UTILIZZO LIMITATO ( ) MQ 2. BASSO RISCHIO ( ) MQ 3. MEDIO RISCHIO ( )MQ 4. ALTO RISCHIO MQ I quantitativi sopra indicati sono da considerarsi puramente indicativi. L effettiva consistenza del campo di intervento sarà accertata in contraddittorio con la ditta aggiudicataria all inizio del contratto e aggiornata con frequenza mensile e darà luogo a variazione del corrispettivo. 2

3 Il corrispettivo del Servizio relativo sarà quantificato sulla base delle prestazioni effettivamente rese e delle superfici interessate. La seguente tabella riporta la classificazione delle tipologie di aree di intervento: DIFFERENZIAZIONE AREE TIPOLOGIA RISCHIO TIPOLOGIA CODICE COLORE ZONA DESCRIZIONE SPAZI AMBIENTALI BASSO RISCHIO ESTERNI AREE UTILIZZO LIMITATO Grigio Celeste Pensiline, marciapiedi, portici, aree cortilizie, parcheggi, viali, cavedi e aiuole Balconi, terrazzi, lastrici solari, coperture accessibili, scantinati, archivi, depositi, sottotetti. BASSO RISCHIO AREE AMMINISTRATIV E DIDATTICHE TECNICHE E OPERATIVE Gialla Uffici, biblioteche, aule didattiche,sala multimediale, studi medici, corridoi a percorrenza limitata, spogliatoi, magazzini, locali di culto, medico di guardia, sale riunioni, Morgue, Centrale Operativa 118, Farmacia. ZONE AD ALTA PERCORRENZA Verde Atri, portinerie, sale di attesa, corridoi di collegamento, servizi igienici pubblici, ascensori, montalettighe e montacarichi, Vani scala. MEDIO RISCHIO AREE DI DIAGNOSI E CURA Rossa Ambulatori,Poliambulatori ospedalieri e territoriali, Laboratori e Centri prelievi, Radiologia e Grandi macchine, Palestre fisioterapia e riabilitazione, Pre-ricovero, Radioterapia, Sale gessi, Centro Trasfusionale, Anatomia Patologica,Sala autoptica, Medicina Nucleare. AREE DI DEGENZA Arancio Degenze e locali annessi (ortopedie, ORL, ginecologia e ostetricia, pediatria, medicina d urgenza, psichiatria, chirurgia, medicine, geriatria, oncologia compreso DH pneumologia; urologia, neurologia, nefrologia, Cardiologia riabilitativa, RSA/CP Centri Diurni, Carcere (è richiesto personale dedicato e autorizzato ) ALTO RISCHIO AREE DIAGNOSI E CURA AD ELEVATA SPECIALIZZAZIO NE Marrone Pronto soccorso e Pronto intervento, Emodialisi, Odontostomatologia, Centro Antalgico, Ambulatori chirurgici dermatologico e senologico, Blocchi operatori e locali annessi, Sale parto e travaglio, Preparazione Chemioterapici, Gastroenterologia, Neonatologia e Immaturi, Sala Angiografica, Rianimazione, UTIC, Emodinamica, Malattie Infettive, Camera calda Medicina Nucleare, Preparazione parenterali. 3

4 1.3.2 Aree esterne di pertinenza Relativamente alle aree esterne pertinenziali il campo di intervento è esteso a strade, viali, percorsi pedonali, parcheggi, aiuole,aree cortilizie accessibili con mezzi meccanici e non, aree di stoccaggio rifiuti, aree esterne di sosta o deposito. Il servizio richiesto per questo ambito dovrà essere reso dall Appaltatore con le modalità precisate Punti di distribuzione dei prodotti per l igiene personale I distributori di carta mani, carta igienica e sapone liquido dovranno essere allestiti, gestiti e mantenuti funzionanti dall Appaltatore in osservanza degli standard definiti, presso i locali utilizzati dagli operatori per attività di servizio (quali medicazioni), presso i servizi igienici dei pazienti, del personale dipendente e del pubblico ed, in genere, presso tutti i punti di lavaggio presenti nei locali che fruiscono del Servizio. I punti attualmente in uso nel Presidio Ospedaliero sono circa n Disinfezione, disinfestazione, derattizzazione Gli ambiti interessati sono seminterrati, scantinati, sottotetti, cucinette di reparto, magazzini, locali di stoccaggio, mense, fosse ascensori, pozzetti fognari ed aree esterne. 1.4 Consistenza del campo di intervento all avvio del Servizio Al momento dell avvio del contratto,sarà definita in contraddittorio con l Appaltatore l effettiva consistenza metrica del campo di intervento suddiviso per area e sarà pertanto determinato l effettivo corrispettivo tenendo conto dei prezzi unitari offerti in sede di aggiudicazione. La consistenza del campo di intervento di cui all Allegato 1 è definita tenendo conto dei seguenti apporti rilevati dalle planimetrie (da reperire presso S.C. Gestione Tecnica): - area netta del pavimento di ciascun locale; - area netta del pavimento della cabina per ascensori,montacarichi e/o montalettighe; - area netta di impronta moltiplicata per il numero di piani serviti e aggiungendovi l area di eventuali pianerottoli intermedi per i vani scala, - 1/3 dell area del pavimento per i corridoi di collegamento fra edifici. 1.5 Riferimenti normativi Il Servizio oggetto del presente Capitolato, è assoggettato al rispetto della vigente normativa e circolari riguardanti la disciplina delle attività di pulizia, di disinfezione, di disinfestazione, di derattizzazione e di sanificazione e relative responsabilità ed in particolare: T.U. n. 81 del e s.m.i Art. 11 del D.Lgs.163/2006. L n. 82 D.M n. 274, D.M n. 439, 1.6 Durata dell appalto La durata dell appalto si intende per anni 5 (cinque) a far data dall avvio del servizio. L attivazione del servizio dovrà avvenire contestualmente alla stipula del contratto, il cui termine massimo è di 60 giorni così come previsto dall art. 11 del D.Lgs.163/

5 Il contratto non potrà, comunque, essere stipulato, ai sensi del comma 10 del predetto articolo, prima di trenta giorni dalla comunicazione ai contro interessati del provvedimento di aggiudicazione, salvo motivate ragioni di particolare urgenza che non consentono all Azienda di attendere il decorso del predetto termine. L'Azienda si riserva la facoltà di prorogare, alle stesse condizioni economicocontrattuali, la durata dell'appalto per il periodo di tempo necessario alla conclusione della nuova procedura di assegnazione del servizio. Tale facoltà verrà notificata all Impresa almeno 30 giorni prima del termine del contratto. Durante tale periodo l Impresa sarà impegnata ad eseguire il servizio alle stesse condizioni e modalità previste in sede di gara senza che per questo la stessa possa sollevare eccezione alcuna. 1.7 Importo a base d asta L importo complessivo annuo del servizio posto a base d asta, non superabile è pari ad ,32= (settemilioniottocentoventiduemilaquattrocentoottantasei/32) iva esclusa di cui 5.000,00 (cinquemila) per oneri dovuti alla sicurezza. ART. 2 CARATTERISTICHE DEL SERVIZIO DI PULIZIA E SANIFICAZIONE (Spazi interni e adiacenti agli edifici) Il servizio di pulizia e sanificazione include tutte le operazioni atte a rimuovere sporco, rifiuti e altro materiale inappropriato dalle seguenti parti di strutture immobiliari e dai seguenti elementi mobiliari: pavimenti di qualsiasi tipo e materiale, pareti, soffitti, scale, anche esterne, ballatoi, rampe, nicchie, anche nelle parti non in vista, valli esterni, marciapiedi, pilastri, controsoffittature, tapparelle e imposte varie, veneziane e similari, queste ultime con le relative operazioni di smontaggio e rimontaggio, corpi illuminanti, punti elettrici, lampadine spia, porte e sopraporte, stipiti, maniglie, corrimano, ringhiere, zoccolature, infissi e serramenti interni ed esterni, vetri/finestre di qualunque tipo ed in qualsiasi posto ubicati, divisori fissi e mobili, quadri, specchi, posacenere, porta rifiuti, elementi igienico-sanitari, targhe, davanzali, terrazzi, radiatori ed altri corpi riscaldanti, ascensori e montacarichi, grate di protezione, apparecchi telefonici, arredi sanitari e non, anche in tessuto, attrezzature sanitarie e non, compresi attrezzi di palestra e di riabilitazione, condizionatori, zerbini e previ accordi con il coordinatore e o responsabile del Servizio computer, video terminali e tastiere e quanto altro specificatamente indicato nelle allegate schede d'attività (v. Allegato n.1: Disciplinare Tecnico Servizio di Pulizie e Sanificazione). L Appaltatore dovrà fornire tappeti e zerbini, da collocare esternamente e/o internamente alle porte di accesso ai diversi edifici ospedalieri e comunque a richiesta della Committente, dovrà inoltre provvedere a: segnalare i guasti per quanto concerne le aree comuni; rimuovere volantini, manifesti pubblicitari; aprire le porte nei casi di urgenza e secondo le modalità stabilite dall Azienda; spargere sale, in caso di gelate nei punti di transito pedonale e veicolare. realizzare, secondo indirizzi concordati con l azienda e con il supporto della stessa, un sistema di schede tecniche da affiggere nei reparti, contenenti in forma schematica gli interventi previsti nel capitolato tecnico/offerta ( modalità, tempi, periodicità, attrezzature e prodotti utilizzati, divisi per tipologia di intervento e per aree) al fine di facilitare il controllo, da parte del personale incaricato dalla ASL, sulle attività di pulizia effettuate. Le fasce orarie di attività quotidiana saranno definite in sede di contratto, prevalentemente nell arco orario giornaliero che va dalle ore 5,00 alle ore 22,00 feriale e festivo, privilegiando le pulizie in orario con minor afflusso di utenti e nel rispetto dei piani di lavoro. 5

6 2.1 Standard del servizio Il servizio dovrà essere erogato secondo diversi standard, legati a modalità e frequenze prestazionali prefissate per tipologia di aree di intervento, così come indicato nell allegato 1. Gli standard di servizio e la classificazione operata del campo di intervento debbono essere intesi in modo flessibile, tenendo conto di possibili variazioni che la Committente potrà richiedere in corso d opera. Le pulizie ordinarie comprendono le pulizie continuative e periodiche e le pulizie straordinarie sono su chiamata (Servizio di emergenza) Il Servizio dovrà risultare così strutturato: Sanificazione Per sanificazione si intende l esecuzione di interventi a carattere continuativo e routinario, necessari per la rimozione e la asportazione di qualsiasi rifiuto, traccia di sporco e polvere da tutte le superfici dure, resilienti e tessili, sia orizzontali che verticali, compresi i pavimenti, ad esclusione delle superfici interne agli arredi, fino ad una altezza massima di 2 metri e facilmente accessibili, che dovranno essere svolti presso tutte le aree descritte con le frequenze e le modalità prestazionali indicate, per le rispettive categorie di locali, nell allegato 1. Nelle unità di degenza e negli gli altri settori identificati nella scheda di cui all art 6 del presente Capitolato, la pulizia giornaliera sarà garantita, dal personale assegnato dall appaltatore, destinato a svolgere la mansioni elencate nell art. 6.1 a) e b) Nelle unità di cui sopra dovranno comunque essere garantite le attività di pulizie periodiche, pulizie a chiamata, pulizie straordinarie, fornitura e gestione di distributori di prodotti per l igiene personale e relativo materiale di consumo; disinfezione, disinfestazione e derattizzazione. Si indicano le aree interessate alla predetta attività Tipo servizio Pulizia area medio rischio AREE DI DIAGNOSI E CURA (rosso) decurtato attività pulizia ordinaria quotidiana Pulizia area medio rischio AREE DI DEGENZA (arancio) decurtato attività pulizia ordinaria quotidiana Pulizia area alto rischio AREE DIAGNOSI E CURA AD ELEVATA SPECIALIZZAZIONE (marrone) decurtato attività pulizia ordinaria quotidiana Mq/mese L avvenuta esecuzione delle attività di sanificazione dovrà essere attestata dai referenti aziendali (Coordinatori di S.C. S.S. Servizi Ecc.), su modulo precedentemente definito dall Azienda. La compilazione di detto modulo dovrà avvenire a cura dell impresa aggiudicataria. L impresa dovrà provvedere all acquisizione della firma di attestazione entro e non oltre 15 giorni del mese successivo dall esecuzione della sanificazione. Le prestazioni non eseguite correttamente, o non regolarmente attestate, saranno oggetto di decurtazione economica. Il personale adibito alle aree ad alto rischio, e il personale afferente al Servizio di RM, Radioterapia e Medicina Nucleare, dovrà essere adeguatamente addestrato e dedicato sia per la sanificazione che per le pulizie periodiche; i nominativi del personale impiegato dovranno essere comunicati preventivamente al Servizio di Fisica Sanitaria che provvederà all inserimento, dopo specifica formazione, in apposito elenco secondo le indicazione di legge. 6

7 In oncologia nel settore Preparazione chemioterapici centralizzata la metodologia di pulizia deve rispondere ai Riferimenti normativi, vedi G.U. n. 236 del 07/10/1999 Conferenza permanente per i rapporti tra lo stato le regioni e le province autonome di Trento e Bolzano Provvedimento 5 agosto 1999: Documento di linee guida per la sicurezza e la salute dei lavoratori esposti a chemioterapici antiblastici in ambiente sanitario (repertorio atti n. 736), nel rispetto del TU. n. 81 del 2008 e ss.mm.ii.. Quanto sopra nel rispetto dei protocolli e linee guida predisposte dalla medicina preventiva e direzione sanitaria Pulizie periodiche Per pulizie periodiche si intendono prestazioni di tipo radicale, per l eliminazione di qualsiasi traccia di sporco e polvere da tutte le superfici dure, resilienti e tessili compresi i pavimenti, sia orizzontali che verticali, nonché da tutte le superfici difficilmente accessibili durante la sanificazione giornaliera, da eseguire a cadenza dilazionata e programmata, con periodicità differenziata secondo la classificazione dell area di intervento e secondo la tipologia dell intervento richiesto con utilizzo di macchine, attrezzature e prodotti chimici in grado di salvaguardare lo stato d uso e la natura dei differenti substrati. In riferimento al codice di prestazione n 15 del Disciplinare tecnico allegato 1, l elettricista deve essere messo a disposizione dalla ditta aggiudicataria. L elenco delle prestazioni periodiche richieste e delle frequenze prestabilite sono indicati per singole categorie di aree di intervento nell allegato 1 (parte integrante del presente capitolato di gara). Ad avvenuta aggiudicazione, dovrà essere redatto il piano degli interventi periodici, per singola SC/SS/SERVIZIO/UFFICIO, di concerto fra i referenti della Committente e dell Appaltatore. In particolare, il risanamento delle stanze di degenza avverrà, qualora vi siano le condizioni, previa diversa collocazione dei pazienti allettati a cura del personale della Committente. Le pulizie periodiche saranno effettuate in tutti i giorni settimanali dove è previsto minor carico di attività e minor presenza di accesso, preferendo per tale attività la fascia oraria pomeridiana precedentemente concordata con un anticipo di almeno 2 settimane con il coordinatore della SC/SS/SERVIZIO/UFFICIO e o con il responsabile di riferimento, onde evitare turbativa allo svolgimento delle attività istituzionali, nel rispetto della frequenza stabilita; detta frequenza, potrà essere riprogrammata per esigenze specifiche. L Appaltatore provvederà alle pulizie periodiche assicurando l esecuzione puntuale di tutte le prestazioni previste dal Disciplinare Tecnico. L avvenuta esecuzione delle attività di pulizia periodica dovrà essere attestata al termine di ogni intervento, dai referenti aziendali (Coordinatori di SC/SS/SERVIZIO/UFFICIO o sostituti.), su apposita modulistica precedentemente definita con l Azienda o mediante il sistema informativo. La compilazione di detto modulo dovrà avvenire a cura dell impresa aggiudicataria. Le prestazioni non eseguite, o non regolarmente attestate, saranno oggetto di decurtazione economica, sulla base dei mq non puliti e del relativo costo unitario. L assetto delle modalità e frequenze delle prestazioni codificate potrà, in fase di avvio contrattuale ed anche in corso d appalto, subire cambiamenti, per esigenze della Committente, senza apportare modifiche ai corrispettivi Pulizie a chiamata (Servizio di emergenza) Per pulizia a chiamata si intende l esecuzione con carattere di urgenza di interventi non prevedibili nelle ore in cui non è presente personale dedicato. Ad esempio: lavaggio della stanza ove è stato ricoverato un paziente infetto; decontaminazione e pulizia di spandimento di materiali organici o di liquidi vari in qualunque locale utilizzato al fine di renderli accessibili alle successive attività sanitarie. Per eventi particolari quali: allagamenti interni, spegnimento incendi, pulizia scale esterne, marciapiedi, terrazzi e balconi dopo fenomeni atmosferici di particolare 7

8 intensità, compresa l attività di spargimento sale e rimozione neve, in caso di gelate nei punti di transito pedonale e veicolare per neve, l appaltatore dovrà organizzare un servizio d emergenza che si attiverà attraverso apposito nucleo operativo. Il tempo massimo di intervento è fissato in 20 minuti. Il servizio dovrà essere fornito per 365 giorni l'anno, per 24 ore su 24, anche in caso di sciopero, e sarà attivato mediante chiamata telefonica rivolta a numero dedicato. Al termine di ogni intervento eseguito, l Appaltatore dovrà sottoporre alla firma del Coordinatore di Struttura Complessa/Struttura Semplice o Servizio, o suo delegato, apposito modulo attestante la regolare esecuzione dei lavori, le superfici interessate e/o le ore di attività prestate. Copia dell attestazione, nonché della richiesta e dell autorizzazione della Committente, dovranno essere allegate dall Appaltatore alla relativa fattura che dovrà essere inviata all ufficio competente. Se in ragione dell urgenza / emergenza dell intervento, non sia stato possibile ottenere l autorizzazione da parte dell Ufficio preposto al controllo o della Direzione Sanitaria della Committente, entro 24 ore dalla richiesta di intervento dovrà esserne data comunicazione all apposito Ufficio della Committente preposto al controllo, allegando dati relativi alla richiesta, con particolare riferimento al carattere di emergenza/urgenza della prestazione e alla unità operativa o servizio aziendale richiedente Pulizie straordinarie Per pulizie straordinarie si intendono interventi richiesti al di fuori delle normali attività contrattuali per esigenze di risanamento ambientale, a seguito di eventi di natura eccezionale. Tali prestazioni potranno essere richieste anche per zone non ricomprese nel campo di intervento contrattuale. Le prestazioni straordinarie dovranno essere eseguite solo a seguito di: - trasmissione del relativo preventivo (superfici da pulire e, ove applicabile, ore di lavoro stimate per l intervento richiesto) ad apposito Ufficio della Committente preposto al controllo; - successiva autorizzazione scritta da parte della stessa struttura. Al termine di ogni intervento eseguito, l Appaltatore dovrà sottoporre alla firma del Coordinatore della Struttura Complessa/Struttura Semplice o Servizio apposito modulo attestante la regolare esecuzione dei lavori, le superfici interessate e/o le ore di attività prestate. Copia dell attestazione, nonché della richiesta e dell autorizzazione della Committente, dovranno essere allegate dall Appaltatore alla relativa fattura. 2.2 Attrezzature e materiali di consumo indicazioni sulle metodologie di lavoro Al fine di garantire il massimo grado di sanificazione, l'appaltatore dovrà eseguire i trattamenti, così come previsti nel presente Disciplinare Tecnico, fornendo, con onere a proprio carico, i prodotti di consumo e le attrezzature necessarie. I sistemi di pulizia e sanificazione dovranno basarsi su larga meccanizzazione ed impiego di tecniche e prodotti di alta qualità e resa. L Aggiudicatario si impegna, su richiesta della Committente, a sostituire le metodologie, le attrezzature ed i prodotti in favore di tecnologie più avanzate ed in grado di fornire migliori risultati dal punto di vista igienico qualitativo. A tale scopo in tutti i locali non è ammesso l'uso di: - scope tradizionali (escluso per la raccolta di rifiuti grossolani); - spazzettoni e stracci per pavimenti; - segatura. In tutte le zone identificate latex-free e in caso di ulteriori richieste della Committente, l Appaltatore è tenuto ad utilizzare prodotti (dispositivi di protezione e materiali vari) privi di lattice. 8

9 L Appaltatore dovrà svolgere trattamenti specifici per pavimenti e rivestimenti particolari, da concordare con la Committente: legno, pietre naturali, impasti, resine, cotto, moquettes, ecc.. E fatto divieto all Appaltatore di impiegare materiali, attrezzature e prodotti di proprietà della Committente. L Appaltatore dovrà fornire tutti i sacchi per la raccolta dei rifiuti interni,che, una volta confezionati, dovranno essere conferiti negli appositi punti di raccolta messi a disposizione dal gestore del servizio pubblico di raccolta e smaltimento rifiuti Servizi Informativi ed Informatici Al fine di monitorare il corretto svolgimento delle attività eseguite dall Appaltatore per la fornitura delle prestazioni oggetto dell appalto, l Azienda potrà richiedere, a suo insindacabile giudizio, tutte le informazioni necessarie all esercizio delle sue verifiche senza che l impresa abbia nulla da obiettare. In particolare l Appaltatore dovrà fornire i dati, sia a livello aggregato che non, delle attività svolte e delle prestazioni erogate, nel rispetto dei tempi e delle periodicità richieste dall Azienda. L Appaltatore dovrà inoltre mettere l Azienda in condizione di poter accedere, via internet (con apposite credenziali), da postazioni aziendali, in qualsiasi momento e in tempo reale, al sistema informatico di gestione del Call Center ed in particolare di poter disporre di tutte le informazioni rilevate dallo stesso (segnalazioni ricevute, azioni intraprese ecc ). L Appaltatore al fine di consentire all Azienda di monitorare gli orari/fasce di intervento e la presenza numerica del personale all interno del presidio dovrà dotarsi di un sistema di rilevazione delle presenze/assenze che consenta all Azienda di avere, in qualsiasi momento e in tempo reale, il numero degli operatori dell Impresa presenti presso le strutture dell Azienda. L impresa dovrà fornire il totale ore su base mese e su richiesta per centro di costo del personale impiegato. L Appaltatore si impegna ad effettuare a proprio carico la rilevazione completa dei locali oggetto dell appalto identificandone la destinazione d uso e a riportare i dati rilevati in un programma informatico per la gestione di tali rilevazioni L Appaltatore dovrà fornire il programma, l esecuzione operativa, l inserimento dei dati necessari per costituire una anagrafica immobiliare riferita alla totalità delle strutture interessate al servizio,suddivisa per edifici zone, aree, destinazione d uso, ecc... Dovrà essere garantita: la visualizzazione dei piani delle attività programmate con indicazione dello stabile/struttura interessata e tempo di intervento, il continuo monitoraggio delle prestazioni eseguite nelle singole aree, la gestione del controllo e il costante aggiornamento dei dati. Il programma dovrà essere fruibile attraverso web browser senza richiedere l installazione di componenti attivi od altre componenti software sulle stazioni di lavoro e sui server dell Azienda; laddove vengano trattati dati personali /sensibili l accesso dovrà avvenire,tramite web browser,utilizzando protocolli crittografici quali SSL/HTTPS a garanzia delle riservatezze del trattamento. Dovrà essere garantita la possibilità di ottenere export dei dati e dei relativi tracciati,esplicativi delle informazioni trattate e ritenute di interesse dall Azioenda. L Appaltatore si impegna ad effettuare a proprio carico la formazione del personale dell Azienda all uso dei programmi proposti e tutte le manutenzioni, riparazioni ed aggiornamenti del sistema informatico proposto. Entro tre mesi dalla firma del contratto l Appaltatore si impegna a garantire la piena funzionalità, così come descritto nel progetto tecnico, dell attività di controllo e la funzionalità del sistema informatico proposto L Azienda si riserva di richiedere all appaltatore eventuali integrazioni del software allorché le stesse, in base alle funzionalità richieste o resesi necessarie durante il periodo di vigenza contrattuale, risultino non adeguate alle esigenze informative 9

10 aziendali. Tali integrazioni dovranno essere effettuate a titolo gratuito dall Appaltatore. L Appaltatore dovrà, infine, progettare e gestire un sistema per l uso delle chiavi e/o dei sistemi elettronici che consentono l accesso ai locali dell Azienda, garantendone il corretto utilizzo, la custodia e la rintracciabilità. L Appaltatore dovrà pertanto: - applicare la massima diligenza nell utilizzare, gestire o conservare le chiavi e/o i sistemi elettronici di apertura dei locali dell Azienda; - garantire la custodia delle chiavi e/o dei sistemi elettronici di apertura dei locali oggetto del servizio, con apposite serrature o sistemi di sicurezza degli ambienti dove gli stessi risultano custoditi; - garantire un sistema di rilevazione che possa individuare immediatamente chi ha utilizzato o stia utilizzando le chiavi e/o i sistemi elettronici; - denunciare immediatamente agli organi competenti la scomparsa, lo smarrimento o qualsiasi anomalia rilevata nell utilizzo dei sistemi di apertura e chiusura dei locali dell Azienda; - attivarsi immediatamente per la sostituzione a proprio completo carico delle serrature e delle relative chiavi (nel numero richiesto dall Azienda) dove le stesse fossero state smarrite dal personale dell Impresa o rubate all Impresa. Al termine del contratto l Appaltatore si impegna a restituire all Azienda le chiavi e/o i sistemi elettronici di apertura dei locali, ordinati per Padiglione, piano e Struttura Complessa/Struttura Semplice o Servizi e Direzioni. 2.3 Prodotti I prodotti impiegati per la pulizia e sanificazione ambientale, siano essi detergenti, disinfettanti, disincrostanti, emulsioni polimeriche, ecc., dovranno essere rispondenti alle vigenti norme nazionali e comunitarie. I prodotti chimici utilizzati dovranno inoltre possedere le seguenti caratteristiche: - massima sicurezza quanto a modalità di impiego, onde evitare agli utilizzatori e a terzi rischi di effetti tossici, nocivi o allergizzanti; - semplicità di impiego, nell ottica di una standardizzazione completa delle operazioni di pulizia; - non aggressione delle superfici, con garanzia nel tempo dell inalterabilità delle caratteristiche dei materiali; - massimo coefficiente di biodegrabilità e comunque minore impatto possibile sull ambiente; Tutti i prodotti forniti dovranno essere corredati di scheda di sicurezza (D.M. 7/9/2002), TU 81 del 2008 e s.m.i., che dovrà essere scritta in italiano ed articolata per commi in ordinata progressione, dal punto 1 al punto 16, così come segue: 1. identificazione del preparato e della società produttrice; 2. composizione /informazioni sugli componenti; 3. identificazione dei pericoli; 4. misure di primo soccorso; 5. misure antincendio; 6. misure in caso di fuoriuscita accidentale; 7. manipolazione e stoccaggio; 8. controllo dell esposizione /protezione individuale; 9. proprietà fisiche e chimiche; 10. stabilità e reattività; 11. informazioni tossicologiche; 12. informazioni ecologiche; 13. smaltimento; 14. informazioni sul trasporto; 10

11 15. informazioni sulla normativa; 16. classe di infiammabilità; 17. attività microbiologica (per le sostanze disinfettanti); 18. indicazioni d uso e relative concentrazioni d uso; La responsabilità delle informazioni figuranti nelle suddette voci è in capo al responsabile dell immissione del preparato sul mercato. La scheda dei dati di sicurezza dovrà indicare la data in cui è stata redatta Le sostanze ed i preparati utilizzati devono essere etichettati e confezionati secondo le normative vigenti Tutti i prodotti utilizzati dovranno essere preventivamente accettati dalla Direzione Sanitaria e Strutture Competenti che saranno depositarie delle relative schede tecniche e di sicurezza. I singoli operatori addetti dovranno essere sempre in possesso esclusivamente di prodotti presentati in sede di gara e contenitori originali etichettati e confezionati come esplicitato al precedente punto L appaltatore si assume la piena e totale responsabilità che il materiale in dotazione si sempre quello offerto in sede di gara. L Appaltatore non potrà sostituire i prodotti offerti in gara ed accettati dalla Committente, salvo autorizzazione del predetto Servizio Prescrizioni inerenti l uso dei prodotti di pulizia - tutti i prodotti ed i recipienti presenti sui carrelli delle pulizie o nei luoghi di lavoro, dovranno essere etichettati a norma di legge. Non potranno essere presenti contenitori anonimi e privi delle necessarie indicazioni e diciture; - è vietato l'uso di prodotti tossici, corrosivi, infiammabili, ed in particolare: o ammoniaca superiore al 2%; o acido cloridrico; o acido nitrico; o alcool denaturato. - i detergenti ed i disinfettanti dovranno altresì essere utilizzati ad esatte concentrazioni e preparati secondo le modalità d'uso indicate dalle Imprese produttrici, rispettando le indicazioni previste in etichetta per eventuale diluizione, utilizzo e conservazione; - la diluizione del prodotto dovrà essere effettuata prima dell inizio delle pulizie presso i reparti o altri locali dell Azienda - il recipiente in cui verrà effettuata la diluizione dovrà essere preventivamente deterso, risciacquato ed asciugato; - è vietata la miscela di prodotti diversi, salvo ne sia espressamente prevista la possibilità nelle rispettive schede tecniche; - i disinfettanti dovranno essere utilizzati sempre dopo la detersione e solo nei punti richiesti; - i flaconi dei prodotti dovranno essere accuratamente chiusi tra un utilizzo e l altro; - i flaconi di detergenti e disinfettanti, dopo l uso, dovranno essere riposti negli appositi spazi di deposito; - durante l utilizzo di ciascun prodotto dovranno essere impiegati i DPI previsti nelle singole schede di sicurezza. 2.4 Attrezzature I macchinari e le attrezzature necessarie per l esecuzione del servizio saranno integralmente in carico all Appaltatore, con impegno in capo a quest ultimo di sostituzione, in caso di obsolescenza tecnologica, previ accordi con la Direzione Sanitaria. I macchinari e relativi componenti dovranno essere conformi a quanto stabilito in materia di sicurezza dalle vigenti normative antinfortunistiche. 11

12 L'impiego degli attrezzi e delle macchine, la loro scelta e le loro caratteristiche tecniche dovranno essere perfettamente compatibili con l attività ospedaliera e territoriale. In particolare, dovranno essere prescelte macchine che producano, durante il loro funzionamento, il più basso livello di rumore, così come previsto al D.Lgs T.U.81/2008 e s.m.i. e art. 11 della L. 88 del 7 luglio Le attrezzature dovranno essere tecnicamente efficienti e mantenute in perfetto stato di pulizia, inoltre dovranno essere dotate di tutti quegli accorgimenti ed accessori atti a proteggere e salvaguardare l'operatore ed i terzi da eventuali infortuni. Il rispetto delle metodologie operative, la manutenzione, la conservazione e la pulizia accurata dell attrezzatura al termine dell utilizzo sono di fondamentale importanza per evitare di contaminare le superfici durante le attività. L' Aggiudicatario dovrà sottoporre all'amministrazione tutte le schede tecniche delle macchine, che intende utilizzare, e presentare un elenco delle attrezzature presenti all interno di ogni struttura. Le attrezzature ed i macchinari di lavoro dovranno inoltre essere: - utilizzati in conformità alle istruzioni del fabbricante; - usati correttamente, onde ridurre al minimo il rischio di infortuni per utilizzatori e terzi; - puliti perfettamente dopo l uso; - sottoposti ad adeguata manutenzione, che dovrà essere testata mediante apposite schede, su cui dovranno essere registrati tutti gli interventi ordinari e straordinari eseguiti. Le macchine e gli attrezzi di proprietà dell'appaltatore, usati all'interno della struttura aziendale, dovranno essere contraddistinti da targhette indicanti i segni distintivi dell'appaltatore. Al termine dell utilizzo, il carrello di lavoro dovrà essere riordinato e riposto entro gli appositi spazi identificati con l Azienda, unitamente a tutte le attrezzature e macchinari. L Appaltatore sarà l unico responsabile della custodia dei propri macchinari ed attrezzature, sollevando la Committente da qualsiasi onere in relazione all eventuale danneggiamento delle attrezzature stesse. 2.5 Specificazioni sulle metodologie di lavoro Tutte le operazioni di pulizia dovranno essere eseguite in modo tale da garantire un livello igienico ottimale. Queste dovranno essere effettuate sotto l osservanza delle norme di cui al D.Lgs. 81/2008 e s.m.i., degli accordi sindacali e provinciali relativi al personale impiegato nel servizio La Committente valuterà, anche in sede progettuale, le metodologie di lavoro proposte, nel rispetto del ciclo del pulito. La spolveratura / detersione di qualsiasi superficie dovrà essere effettuata con sistemi in grado di impedire la diffusione nell ambiente della polvere rimossa, per cui le operazioni dovranno avvenire con sistema ad umido, o altro concordato con la Committente. Il materiale utilizzato per le pulizie dovrà essere tenuto distinto secondo destinazione d uso. Per le pulizie di ogni Struttura Complessa/Struttura Semplice o Servizio dovranno essere utilizzati carrelli di lavoro dedicati, contenenti il materiale necessario per l esecuzione degli interventi quotidiani. Durante la pulizia delle camere di degenza, il carrello dovrà sostare nel corridoio, portando all interno solo il materiale indispensabile. Tutta l attrezzatura dovrà, dopo l uso, essere detersa, accuratamente asciugata ed eventualmente disinfettata. La sanificazione del materiale pluriuso, ove previsto (moppini,/pannetti di microfibra differenziati in base alle aree in cui vengono utilizzati). deve essere eseguita con lavaggio e asciugatura (essiccazione) indicata dalla scheda tecnica del materiale. 12

13 Il lavatoio, riservato al ripristino delle attrezzature, dovrà essere mantenuto deterso e disinfettato con cloro. In corso di contratto, la Direzione Sanitaria e/o Strutture competenti si riserva di redigere dettagliati protocolli di lavoro ai quali l Appaltatore dovrà uniformarsi. Si forniscono di seguito alcune indicazioni generali di tipo operativo Pulizia pavimenti La pulizia ed il lavaggio dovranno essere eseguiti avendo cura di spostare, ove possibile, gli arredi presenti nei locali. La rimozione della polvere, dei residui e dei rifiuti dai pavimenti dovrà essere effettuata ad umido, utilizzando garze/panni monouso da sostituire ad ogni cambio locale o comunque ad ogni 40 mq. Prima dell inizio dei lavaggi, dovrà essere esposto in maniera ben visibile il cartello per la segnalazione di pavimento sdrucciolevole. La pulizia di ampi spazi dovrà essere effettuata, anche quotidianamente, con sistemi meccanizzati. Il lavaggio a fondo dei pavimenti di tutti i locali dovrà essere eseguito utilizzando specifico attrezzatura (monospazzola, con ausilio di appositi dischi abrasivi/spazzole specifici per ogni tipo di pavimentazione) Pulizia di altre superfici La spolveratura/detersione di qualsiasi superficie dovrà essere effettuata con sistemi in grado di impedire la diffusione nell'ambiente della polvere rimossa; pertanto le operazioni dovranno essere sempre effettuate con sistema ad umido, concordato con la Committente. La pulizia degli arredi e di tutte le altre superfici dovrà essere eseguita utilizzando garze/ panni monouso in modo da garantire massima sicurezza igienica. Nelle aree a basso rischio potrà essere utilizzato materiale pluriuso in microfibra. Il materiale utilizzato dovrà essere differenziato per colore, in relazione al diverso tipo di utilizzo. Nel caso fosse riutilizzato, dovrà essere sottoposto ad idoneo lavaggio meccanizzato e successiva asciugatura. E vietato l utilizzo di spugne che, causa la loro porosità, possono diventare ricettacolo di microrganismi. Parimenti potranno essere usate fibre abrasive, se monouso. Nelle aree esterne adiacenti agli edifici, ove non sia possibile effettuare la rimozione con sistemi ad umido, si dovranno adottare tecniche di lavoro che impediscano il più possibile la diffusione di polvere nell'ambiente circostante e prevedere idonee misure di protezione dell'operatore che effettua la prestazione. Per l'aspirazione delle polveri, si dispone l impiego esclusivo di macchine dotate di microfiltro antibatterico, con capacità filtrante fino a 0,3 micron. Tali aspiratori non potranno essere utilizzati come aspira liquidi. La manutenzione dell aspirapolvere prevede: - pulizia accurata di tutta l attrezzatura dopo ogni singolo uso; - sostituzione del sacchetto di carta e pulizia del sacco di cotone al termine dell utilizzo; - sostituzione del microfiltro ogni 4 mesi, segnando la data di avvenuta sostituzione sulla scheda di manutenzione. Il servizio di pulizia all'interno di tutti gli arredi,armadi degenti,armadi farmaci,comodini, scaffalature e frigoriferi dovrà avvenire solo previa rimozione del loro contenuto. A discrezione della Committente potranno essere richieste pulizie specifiche di mobili antichi ed accessori di decoro Idrosanitari La pulizia degli idrosanitari e delle superfici limitrofe deve essere eseguita utilizzando panni monouso, differenziati nel colore. 13

14 E vietato l uso di spugne e di fibre abrasive, salvo che queste ultime siano a perdere Decontaminazione e Disinfezione In presenza di sangue o altro materiale organico sarà cura della Direzione Sanitaria fornire in dettaglio informazioni sulle procedure da seguire (tipo di prodotto da utilizzare, concentrazione, tempo di contatto, DPI e modalità di esecuzione) Pulizia aree esterne adiacenti agli edifici La pulizia delle aree esterne dovrà avvenire negli spazi e secondo le modalità previste nell'apposita scheda tecnica prestazionale (Disciplinare tecnico allegato 1) L Appaltatore dovrà farsi carico dell allestimento dei ponteggi necessari per l esecuzione di pulizie delle parti esterne di edifici, diversamente non raggiungibili, quali: vetrate fisse, cornicioni, davanzali, tettoie,finestre ecc. ART. 3 CARATTERISTICHE, PRESTAZIONI RICHIESTE, PERIODICITA, MODALITA DI ESECUZIONE ( Secondo quanto stabilito nell allegato 1)- Per pulizia della aree esterne si intende il complesso delle operazioni finalizzate alla pulizia degli spazi esterni della sede ospedaliera: strade e viali asfaltati; percorsi pedonali; aiuole ( compresa la rimozione delle foglie), aree cortilizie accessibili con mezzi meccanizzati e non, aree di stoccaggio rifiuti ed altre aree di sosta o deposito esterne, pavimentate e non. Le aree pavimentate dovranno essere spazzate e lavate con largo uso di sistemi meccanizzati. Prestazioni richieste: - spazzamento dei percorsi pedonali, con raccolta ed allontanamento del rifiuto stradale in orari di basso traffico; - vuotatura dei contenitori per rifiuti, dislocati ai lati di tutti i percorsi stradali. I rifiuti, contenuti in appositi sacchi, dovranno essere conferiti dentro i contenitori di stoccaggio per rifiuti urbani, collocate in vari punti della sede aziendale dal gestore del servizio pubblico di raccolta e smaltimento rifiuti. La vuotatura dei cestini porta rifiuti sarà effettuata quando il sacco risulterà pieno oltre la metà. L Appaltatore dovrà fornire e collocare nei contenitori porta rifiuti i sacchi di raccolta; - pulizia delle aree verdi, mediante raccolta di tutto il materiale abbandonato sulle aiuole ed altri spazi erbosi. I rifiuti riciclabili dovranno essere raccolti in maniera differenziata e conferiti per il recupero, come previsto dalla normativa vigente. Non è prevista la potature, che sarà diversamente regolamentata. - pulizia delle aree attrezzate di stoccaggio rifiuti, con spazzamento e periodico lavaggio delle superfici pavimentate, raccolta di rifiuti impropriamente abbandonati al di fuori delle apposite attrezzature di contenimento e collocazione entro le stesse. ART. 4 FORNITURA E GESTIONE DI DISTRIBUTORI DI PRODOTTI PER L IGIENE PERSONALE 4.1 Oggetto Le prestazioni richieste all Appaltatore sono: allestimento in comodato d uso gratuito, secondo standard legati al tipo di locale da attrezzare, di : - distributori di sapone liquido, carta igienica e carta asciugamani; rifornimento del materiale di consumo occorrente per il funzionamento di dette attrezzature. 14

15 4.2 Criteri da seguire per la progettazione e successiva gestione I livelli di erogazione del servizio previsti, sulla base della destinazione d'uso dei punti da attrezzare, sono specificati come di seguito: A. Bagni utilizzati da personale dipendente; servizi igienici aperti al pubblico; bagni riservati ai degenti,medicazioni,postazioni infermieristiche,cucine e comunque in tutti i lavandini presenti. Attrezzature previste in dotazione: - distributori di carta asciugamani in rotoli ; - distributori di carta igienica; - distributori di sapone liquido. Frequenza di rifornimento prevista: - senza limiti, per dispenser e carta igienica e carta asciugamani. I punti da attrezzare sono indicativamente n. 1200, con un parco attrezzature da fornire in comodato d uso numericamente così quantificato in via presuntiva;: Distributori sapone:. n ca. Distributori rotoli asciugamani:..n ca. Distributori carta igienica:.. n. 720 ca. 4.3 Caratteristiche tecniche minime delle attrezzature e dei prodotti di consumo da distribuire 1) Distributore rotoli carta mani Materiale: plastico lavabile, con visibilità immediata del livello di utilizzo del rotolo Applicazione: a parete Massimo ingombro: diam. mm h. mm. 340 Contenuto: Requisiti: 1 rotolo di carta asciugamani con le caratteristiche come di seguito indicate possibilità di taglio automatico dell asciugamano con semplice trazione, possibilità di utilizzo di tutto il rotolo, possibilità di detersione in ogni parte 2) Distributore carta igienica maxirotolo Materiale: plastico lavabile, con visibilità immediata del livello di utilizzo del rotolo Applicazione: a parete Massimo ingombro: diam. mm profondità mm. 130 Contenuto: Requisiti: 1 rotolo di carta igienica con le caratteristiche come di seguito indicate possibilità di taglio con semplice trazione, possibilità di detersione in ogni sua parte, possibilità di utilizzo di tutto il rotolo 3) Dispenser sapone liquido Materiale: plastico lavabile, con visibilità immediata del livello di utilizzo del rotolo Applicazione: Contenuto: Ricambio prodotto: Erogazione sapone: a parete da lt. 0,7 a lt. 1 di detergente preferibilmente con cartuccia di ricarica e sistema di erogazione antigoccia a pulsante o a gomito ove richiesto 15

16 Requisiti: di ogni singola erogazione in quantità sufficiente a garantire un efficace lavaggio, facilità di detersione in ogni sua parte 4) Rotolo carta asciugamani Materia prima: pura cellulosa oppure cellulosa riciclata Numero veli: almeno 2 Colore: Lunghezza strappo: Numero strappi: Requisiti: bianco cm. 40 ca. 700 ca. altissima resistenza ed assorbenza, rotoli singolarmente protetti 5) Rotolo carta igienica Materia prima: Numero veli: almeno 2 Colore: Lunghezza rotolo: Requisiti: pura cellulosa oppure cellulosa riciclata bianco mt. 250 ca. o di minor dimensione, a richiesta della Committente altissima resistenza ed assorbenza, rotoli singolarmente protetti 6) Sapone liquido Il sapone dovrà avere un buon potere detergente ed inoltre dovrà essere innocuo per contatto pelle ed inalazione. Dovrà avere ph neutro ed aspetto liquido/vischioso. Devono essere forniti prodotti privi di profumo e coloranti. Il prodotto dovrà essere conforme alle vigenti norme in materia di igiene e sicurezza e dovrà essere corredato di schede tecniche e di sicurezza. 4.4 Modalità di gestione del servizio ed oneri a carico dell Appaltatore Allestimento dei distributori L Aggiudicatario dovrà provvedere, interamente a propria cura e spese e prima della materiale esecuzione del contratto, all allestimento di tutti i distributori, mantenendo, nei punti di installazione di precedenti attrezzature rimosse, la stessa collocazione, per non lasciare alla vista fori, residui di collante, o quant altro esteticamente poco accettabile. Nei casi, ove fosse impossibile mantenere la stessa postazione per ragioni di scarsa funzionalità o per scelta aziendale di diverso posizionamento, l Appaltatore dovrà farsi carico anche della stuccatura dei fori rimasti scoperti. L installazione dei distributori dovrà essere effettuata con tecniche adeguate alla diversa composizione delle pareti, salvaguardandone l integrità, sia in fase di applicazione delle attrezzature, sia durante il successivo utilizzo. In fase di allestimento dei distributori, l Appaltatore potrà fruire del supporto tecnico logistico di personale della Committente, che fornirà specifiche informazioni riguardo la collocazione dei medesimi. Non è previsto il supporto per l esecuzione di opere murarie. Al termine del contratto, i distributori forniti in comodato d uso saranno rimossi a cura e a spese dell Appaltatore, che dovrà riqualificare la sede di installazione degli stessi, salvo facoltà della Committente di acquisirne la proprietà, attraverso specifico contratto di vendita. 16

17 4.4.2 Oneri dell Appaltatore Oltre all onere di fornitura e di allestimento dei distributori di prodotti per l igiene personale, l Appaltatore dovrà mantenerli sempre in perfetta efficienza, provvedendo alla loro riparazione ovvero alla loro sostituzione, in caso di guasti che ne pregiudichino il regolare funzionamento. Le sostituzioni di distributori, a totale carico dell Appaltatore, dovranno, per ragioni di uniformità di arredo, essere effettuate con attrezzature di identica tipologia e colori. L Appaltatore dovrà inoltre prevedere nel tempo la sostituzione di tutto il parco attrezzature, qualora l usura ne abbia compromesso generalmente l aspetto esteriore ed il funzionamento. In tali casi la Committente potrà richiedere di variare il sistema distributivo originario, introducendo tecnologie più avanzate. L Appaltatore provvederà all acquisto di tutto il materiale di consumo (carta igienica carta mani sapone liquido) occorrente per il funzionamento dei suddetti distributori ed a rifornirli sistematicamente secondo le modalità indicate al precedente articolo. La tipologia dei prodotti di consumo prescelti potrà essere variata in corso di contratto per motivate esigenze della Direzione Sanitaria, purché non vengano sostanzialmente alterati resa e costo dei prodotti stessi ed a condizione di adattabilità ai distributori esistenti. Il rifornimento dei distributori avverrà nel corso delle quotidiane operazioni di pulizia. La Committente, si farà carico, nei limiti delle proprie disponibilità logistiche, di riservare all'appaltatore idonei spazi chiusi da destinare a deposito del materiale di scorta. ART. 5 SERVIZI DI DISINFEZIONE, DISINFESTAZIONE E DERATTIZZAZIONE 5.1 Oggetto La disinfezione ambientale è prevista solo occasionalmente ed a chiamata da parte della Committente in occasione dei seguenti eventi, che si indicano a titolo esemplificativo: soggiorno, in determinati spazi ambientali delle sedi ospedaliere e territoriali di animali, potenziali veicoli di infezione (nel servizio si intende compreso anche l allontanamento di eventuali animali morti), travasi di fogne, presenza di siringhe o altro materiale da allontanare. La disinfestazione. è finalizzata a debellare dall area aziendale insetti o altri animali infestanti presenti, quali: blatte, mosche, pulci, pidocchi, zanzare, formiche, ragni, acari, zecche, vespe, calabroni, scorpioni, piccioni, gabbiani. Per derattizzazione si intende la riduzione ed il contenimento della popolazione murina. Il servizio dovrà essere reso con risorse interamente messe a disposizione dall Appaltatore. Gli interventi potranno essere di tipo programmato o occasionale, da attivare su chiamata. Il servizio dovrà essere eseguito da operatori esperti ed adeguatamente formati, nel rispetto dell incolumità dei terzi e dell integrità dei beni pubblici e privati. I criteri di gestione del servizio dovranno essere in linea con i seguenti obiettivi della Committente: - prevenire l'insorgenza dell'evento dannoso, attraverso un periodico controllo dei luoghi maggiormente a rischio ed attraverso interventi mirati ad 17

18 impedire il nascere dell'infestazione, anche mediante opere di bonifica dei siti, concordate con la Committente; - intervenire con prodotti chimici solo in assenza di qualsiasi altra possibilità alternativa; - usare prodotti che diano la massima garanzia in termini di sicurezza nei confronti dell'uomo e dell ambiente secondo quanto previsto dalla normativa vigente. 5.2 Modalità di esecuzione dei servizi Il processo operativo sarà così articolato: - identificazione certa del parassita, dei comportamenti e della biologia di specie. In caso di difficoltà nella classificazione dei parassiti, l Appaltatore dovrà avvalersi di esperti accreditati in Scienze Naturali; - determinazione della necessità di lotta; - scelta dei criteri di controllo e valutazione dei rischi e benefici; - individuazione del tipo di lotta maggiormente idonea; - verifica del risultato. I singoli interventi potranno essere parte di un programma di prevenzione, come più innanzi dettagliato, oppure potranno essere di tipo occasionale, attivati per eliminare eventi infestanti insorti in punti non monitorati. Si precisa che, qualora fenomeni infestanti di grandi proporzioni si manifestassero in punti soggetti a controlli programmati, gli eventuali interventi suppletivi di disinfestazione o derattizzazione necessari per debellare insetti nocivi o ratti non saranno retribuiti. Ogni servizio attivato per debellare colonie di insetti o animali infestanti dovrà essere preceduto da sopralluogo conoscitivo e seguito da verifica di efficacia dell intervento eseguito su apposita modulistica inviata all ufficio competente Disinfezione ambientale (interventi a chiamata) Il servizio è a carattere straordinario e sarà attivato a richiesta della Committente. Il processo operativo sarà così articolato: - sopralluogo conoscitivo onde verificare la cubatura dei locali o la metratura delle superfici da trattare, nonché lo stato di pulizia degli ambienti, al fine di disporre eventuali interventi preventivi di sanificazione; - eventuale preparazione dei locali (chiusura ermetica delle fessure e degli infissi, chiusura delle bocche di ventilazione, ecc.); - preparazione dei disinfettanti, la cui scelta dovrà essere effettuata in accordo con la Committente, cui dovranno essere fornite schede tecniche e schede di sicurezza, come di seguito specificatamente dettagliato; - applicazione dei disinfettanti con idonee attrezzature (nebulizzatori, aerosolizzatori, irroratrici, ecc.). Il trattamento potrà essere effettuato mediante vaporizzazione, in ambiente chiuso, o mediante irrorazione superficiale di idonei prodotti, in ambienti confinati o esterni, e comunque concordandone ogni volta modalità con la Direzione Sanitaria e/o Strutture Competenti da lei identificate; - lavaggio, in caso di necessità delle superfici trattate, e smaltimento delle acque reflue, secondo le norme vigenti in materia di rifiuti Disinfestazione Il servizio è finalizzato alla realizzazione entro la sede ospedaliera e territoriale di condizioni ambientali di massima sicurezza, sotto il profilo igienico-sanitario, attraverso il controllo ed il rigido contenimento della proliferazione di insetti dannosi. Si svilupperà soprattutto mediante interventi di tipo programmato (programma di prevenzione), limitando al minimo l impiego di prodotti tossici necessari in caso di insorgenza di eventi infestanti di grandi proporzioni. Gli interventi sono di tipo: 1. Programmato: gli interventi consistono nella verifica della situazione ambientale e nell'attuazione delle misure occorrenti per prevenire l'insorgenza del fenomeno infestante. Tale operazione verrà realizzata interamente con 18

19 mezzi e prodotti messi a disposizione dall'appaltatore, fatte salve eventuali opere murarie o altre sugli immobili, che resteranno a carico della Committente. Le verifiche programmate avverranno nei luoghi e con le frequenze sottoindicate: a) n. 6 interventi/anno, da eseguirsi presso i seminterrati / piani terra b) n. 6 interventi/anno, da effettuare presso le cucinette di reparto e locali di ristoro di tutte le unità operative. c) n. 1 intervento/anno di disinfestazione e bonifica, da effettuare secondo un piano da concordare con il Servizio Attività Tecniche e Logistiche della Committente, presso le fosse di tutti gli ascensori e montacarichi presenti in ambito ospedaliero e territoriale ; d) n. 6 interventi/anno, da eseguire con periodicità bimestrale, presso i sottotetti, al fine di garantire un tempestivo intervento in presenza di volatili; e) n. 14 interventi/anno, da eseguire con periodicità quindicinale da aprileottobre di ogni anno presso tutti i tombini fognari della sede della Committente, da attivare per la specifica lotta alle larve della zanzara tigre. I servizi dovranno essere associati ad un costante studio tecnico scientifico ambientale per valutare l efficacia degli interventi eseguiti. f) Per gli interventi di cui alle precedenti lettere a), b), c) e d), in sede di avvio del contratto, sarà rideterminato l effettivo numero dei punti di esecuzione degli interventi. L Appaltatore dovrà formalmente e tempestivamente segnalare alla Committente, per i provvedimenti di competenza, eventuali situazioni di degrado ambientale, favorevoli all insorgere di fenomeni infestanti, riscontrate durante i sopralluoghi conoscitivi. Gli elenchi dei punti di esecuzione degli interventi (seminterrati / piani terra, cucinette di reparto / altri locali di ristoro, fosse ascensori / montacarichi, sottotetti) potranno essere variati in corso d opera, mediante comunicazione scritta della Committente. La variazione non avrà ripercussioni sul corrispettivo, salvo che la Committente non richieda un numero maggiore o minore di interventi. 2. Non programmato: interventi, a fronte di richiesta della Committente, mirati all'eliminazione degli agenti infestanti, ogni qualvolta venga accertata o direttamente o dall'appaltatore la massiccia presenza di insetti nocivi. Gli interventi dovranno essere eseguiti di norma entro le 24 ore successive alla chiamata. In caso di situazioni ritenute ad alto rischio dalla Direzione Sanitaria presso ambienti, quali: sale operatorie, terapie intensive, unità operative pediatriche, ecc., i servizi richiesti dovranno essere eseguiti immediatamente, tutti i giorni dell anno e 24 ore su 24. su Derattizzazione La lotta ai roditori dovrà essere realizzata con metodi finalizzati a prevenire il contatto degli stessi con l uomo, evitando il rischio di insorgenza di malattie da essi procurate. Gli interventi saranno di tipo: 1. Programmato: con periodicità di 1 al mese, presso i seminterrati e aree esterne Gli interventi consisteranno nella verifica, anche attraverso controllo delle infrastrutture, di eventuale presenza di topi, nella predisposizione di tutte le misure atte a prevenire interventi di derattizzazione su larga scala e nell eliminazione di ratti annidatisi negli spazi anzidetti. In sede di avvio del contratto, saranno determinati l effettivo numero dei punti di esecuzione degli interventi 19

20 2. Non programmato: interventi mirati alla lotta ai roditori, a richiesta della Committente, ogni qualvolta se ne presenti la necessità. Gli interventi richiesti al di fuori dell attività programmata dovranno essere eseguiti entro le 24 ore successive alla chiamata. In caso di situazioni, ritenute ad alto rischio dalla Direzione Sanitaria presso ambienti, quali: sale operatorie, terapie intensive, unità operative pediatriche, ecc., i servizi richiesti dovranno essere eseguiti immediatamente, tutti i giorni dell anno e 24 ore su 24. A tal fine l Appaltatore dovrà indicare un numero telefonico dedicato alle chiamate in emergenza (Call Center), attivo tutti i giorni dell anno 24 ore su Allontanamento animali molesti (interventi a chiamata) Il servizio consiste nell allontanamento di eventuali animali rifugiatisi all interno degli edifici Aziendali (gabbiani, piccioni, pipistrelli, ecc.) provocando molestia alle persone presenti. Gli interventi, che saranno richiesti ogni volta dalla Committente, dovranno essere eseguiti non oltre 2 ore dalla chiamata o anche in tempi più brevi, qualora ciò fosse necessario per salvaguardare l incolumità dei presenti. Il servizio potrà essere richiesto tutti i giorni dell anno e 24 ore su 24. Le Imprese partecipanti alla presente gara d appalto potranno, in sede di progetto - offerta, presentare inoltre un piano per il graduale e definitivo allontanamento dei piccioni e gabbiani che nidificano nei sottotetti degli edifici ospedalieri più vecchi, indicando anche il relativo costo per la Committente Raccolta di animali morti (interventi a chiamata) L Appaltatore dovrà altresì farsi carico della raccolta ed allontanamento di animali morti rinvenuti presso le sedi dell ASL. Tale operazione dovrà essere garantita anche nei casi in cui il recupero delle carcasse sia particolarmente difficoltoso. L attività dovrà essere svolta utilizzando mezzi di trasporto autorizzati e seguendo le procedure indicate dalla normativa vigente. L Appaltatore dovrà inoltre provvedere alla pulizia, disinfezione ed erogazione di sostanze deodoranti nel luogo da cui è stato rimosso l animale Tabella di sintesi interventi programmati Si riporta di seguito la tabella riassuntiva degli interventi programmati su base annua:(ambiti rilevati nelle planimetrie) TABELLA DI SINTESI (Interventi programmati disinfestazione e derattizzazione) Riferimento Tipologia Totale interventi/anno ).a) ).b) ).c) ).d) ).e) - Disinfestazione seminterrati - Disinfestazione cucinette di reparto e altri locali ristoro - Disinfestazione fosse ascensori e montacarichi - Disinfestazione sottotetti - Disinfestazione bonifica tombini n. 6 interventi/anno n. 6 interventi /anno n. 1 intervento /anno n. 6 interventi/anno n. 14 interventi/anno Da Aprile a Ottobre ) - Derattizzazione - n. 12 interventi /anno Seminterrati e aree esterne 20

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI Art. 1 Oggetto del capitolato Il presente appalto prevede: la

Dettagli

Dipartimento di Prevenzione U.O.C. HACCP- RSO

Dipartimento di Prevenzione U.O.C. HACCP- RSO La presente istruzione operativa dettaglia una specifica attività/fase di un processo descritto dalla procedura Piano Interno di Intervento Emergenza Migranti. La sanificazione ambientale viene intesa

Dettagli

AUTORITA' DI BACINO DEL FIUME TEVERE

AUTORITA' DI BACINO DEL FIUME TEVERE Allegato alla determinazione dirigenziale n. 1/2011 AUTORITA' DI BACINO DEL FIUME TEVERE Ufficio di Segreteria Giuridico-Amministrativa U.O. Affari Generali, Giuridici e di Raccordo Istituzionale Via V.

Dettagli

Capitolato Tecnico. Pagina 1

Capitolato Tecnico. Pagina 1 Gara a procedura aperta per l affidamento dei servizi di facchinaggio della sede di SACE sita in Roma Piazza Poli 37/42 - CIG 5778360584 Pagina 1 1 PREMESSA 3 2 Oggetto dell Appalto 3 3 Durata dell Appalto

Dettagli

Settori. Personale qualificato. Chi siamo

Settori. Personale qualificato. Chi siamo Settori Pubblico Pulizia di edifici di Pubbliche amministrazioni seguendo le richieste indicate nei capitolati d oneri, controllate inoltre delle specifiche norme UNI EN ISO 9001 e SA8000. Privato personalizzati

Dettagli

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122 MINISTERO DELLA SALUTE UFFICIO GENERALE DELLE RISORSE DELL ORGANIZZAZIONE E DEL BILANCIO UFFICIO VIII EX DGPOB LOTTO 2. AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DELLA SEDE DEL COMANDO CARABINIERI PER LA TUTELA

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE TECNICO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI DERATIZZAZIONE E DISINFESTAZIONE SULLE AREE PUBBLICHE COMUNALI

CAPITOLATO SPECIALE TECNICO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI DERATIZZAZIONE E DISINFESTAZIONE SULLE AREE PUBBLICHE COMUNALI Provincia di Salerno Area Tecnica Assetto ed Utilizzazione del Territorio CAPITOLATO SPECIALE TECNICO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI DERATIZZAZIONE E DISINFESTAZIONE SULLE AREE PUBBLICHE COMUNALI ART.1

Dettagli

TASSI DI ASSENZA E MAGGIOR PRESENZA OTTOBRE 2014

TASSI DI ASSENZA E MAGGIOR PRESENZA OTTOBRE 2014 PRESIDIO BORRI VARESE ACCETTAZIONE RICOVERI 18,9 0 22,84 77,16 PRESIDIO BORRI VARESE AFFARI GENERALI E LEGALI 4,35 15,53 19,88 80,12 PRESIDIO BORRI VARESE AMBULANZE 15,78 1,77 20,03 79,97 PRESIDIO BORRI

Dettagli

MANUALE DI GESTIONE GOVERNO QUOTIDIANO DEGLI ANIMALI

MANUALE DI GESTIONE GOVERNO QUOTIDIANO DEGLI ANIMALI MANUALE DI GESTIONE Breve descrizione del canile (fabbricati: box, locali accessori). Modalità di approvvigionamento idrico e smaltimento reflui animali. Individuazione responsabile generale (titolare)

Dettagli

MINISTERO DELLA GIUSTIZIA DIPARTIMENTO DELL AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA DIREZIONE GENERALE DEL RISORSE MATERIALI DEI BENI E DEI SERVIZI

MINISTERO DELLA GIUSTIZIA DIPARTIMENTO DELL AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA DIREZIONE GENERALE DEL RISORSE MATERIALI DEI BENI E DEI SERVIZI MINISTERO DELLA GIUSTIZIA DIPARTIMENTO DELL AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA DIREZIONE GENERALE DEL RISORSE MATERIALI DEI BENI E DEI SERVIZI CAPITOLATO TECNICO Servizio di pulizia, di facchinaggio interno

Dettagli

ASL n 7 Carbonia CAPITOLATO SPECIALE

ASL n 7 Carbonia CAPITOLATO SPECIALE ASL n 7 Carbonia CAPITOLATO SPECIALE PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO TRIENNALE DEL SERVIZIO DI PULIZIA E SANIFICAZIONE - SERVIZI INTEGRATI/MULTISERVIZI DELLA ASL N 7 DI CARBONIA ( Lotto Unico - CIG

Dettagli

Periodo: 1.3.2011 28.2.2014

Periodo: 1.3.2011 28.2.2014 PROCEDURA IN ECONOMIA ex art. 125 del D. Lgs. n. 63/2006 per l affidamento del servizio di CONTROLLO INTEGRATO DELLE INFESTAZIONI ENTOMATICHE E MURINE PRESSO LE STRUTTURE UNIVERSITARIE Periodo: 1.3.2011

Dettagli

Direzione Centrale Manutenzione, Contratti e Beni Confiscati Acquisti

Direzione Centrale Manutenzione, Contratti e Beni Confiscati Acquisti Direzione Centrale Manutenzione, Contratti e Beni Confiscati Acquisti PROCEDURA DI GARA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA, IGIENE AMBIENTALE E FACCHINAGGIO DA EFFETTUARSI PRESSO GLI UFFICI DELL

Dettagli

SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI E LOCALI COMUNALI

SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI E LOCALI COMUNALI CITTÀ DI MARTINA FRANCA Provincia di Taranto SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI E LOCALI COMUNALI CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO COMUNE DI MARTINA FRANCA - Piazza Roma, 32-74015 Martina Franca (Ta) Tel. 0804836111

Dettagli

S.C. Igiene degli alimenti di origine animale. Requisiti igienico-sanitari applicati al settore della pesca

S.C. Igiene degli alimenti di origine animale. Requisiti igienico-sanitari applicati al settore della pesca Requisiti igienico-sanitari applicati al settore della pesca La Spezia 20 ottobre 2009 Requisiti : Strutturali (Strutture ed attrezzature) Funzionali Requisiti strutturali : n Applicabili a tutte le imbarcazioni

Dettagli

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO In base all art. 256 del D. Lgs. 81/2008, così come modificato dal D. Lgs. 106/2009, i

Dettagli

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 CARTA SEMPLICE FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 ALL A.S.L. N. CN2 ALBA BRA DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio Prevenzione Sicurezza Ambienti di Lavoro Via Vida

Dettagli

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?»

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?» 1 a STRATEGIA EVITARE LA CONTAMINAZIONE conoscere «DOVE SI TROVANO I BATTERI?» I batteri si trovano ovunque nell ambiente (aria, acqua, suolo ed esseri viventi): Sono presenti sulle materie prime, ad es.

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) COMPITI DELLE IMPRESE E DOCUMENTAZIONE CONTRATTUALE AI SENSI DI QUANTO PREVISTO DAL D.L.GS 8108 e s.m.i. TIPOLOGIA APPALTO: SERVIZIO DI PULIZIA

Dettagli

Capitolato Tecnico Servizi di Pulizia degli uffici e servizi annessi CIG 57752742DF Gara per l'affidamento dei servizi di pulizia degli uffici e

Capitolato Tecnico Servizi di Pulizia degli uffici e servizi annessi CIG 57752742DF Gara per l'affidamento dei servizi di pulizia degli uffici e Servizi di Pulizia degli uffici e servizi annessi CIG 57752742DF Gara per l'affidamento dei servizi di pulizia degli uffici e servizi annessi da prestare presso la sede di Roma - Piazza Poli, 37/42 00187

Dettagli

! " # $" $ () # $ $ % % # % $ + $ & "!" $ $ $ # #

!  # $ $ () # $ $ % % # % $ + $ & ! $ $ $ # # !!"!%!!!& '! " " ()! **" % % % + & "!"!" " ' % ''(, ( ) ) *+ (, + ( +! ( - "&.& + & & ''-- + / 0( 0 1 2 ))3-01"( + ( +! % ( + + & ( + 4 + & ( 5 + + 4 ( 6 + 0 (+ ( + + ( 6 / 6 0 (! ' 7 3!. ( 89 :;:

Dettagli

COMUNE DI CERIANO LAGHETTO Provincia di Monza e della Brianza Via Roma 18 20816 Ceriano Laghetto www.ceriano-laghetto.org

COMUNE DI CERIANO LAGHETTO Provincia di Monza e della Brianza Via Roma 18 20816 Ceriano Laghetto www.ceriano-laghetto.org CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI IMMOBILI DEL COMUNE DI CERIANO LAGHETTO E SERVIZI AUSILIARI - PERIODO 01/01/2011 31/12/2013 (CIG 058147692A) ART. 1 - OGGETTO

Dettagli

AMIANTO PIANO DI LAVORO

AMIANTO PIANO DI LAVORO AMIANTO PIANO DI LAVORO Piano di lavoro [art. 256 D. Lgs. 81/2008] I lavori di demolizione o rimozione dei materiali contenenti amianto possono essere effettuati solo da imprese iscritte all Albo nazionale

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca GARA EUROPEA A PROCEDURA RISTRETTA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA E DISINFESTAZIONE, PRESTAZIONI DI FACCHINAGGIO INTERNO ED ESTERNO E LA MINUTA MANUTENZIONE DEI LOCALI, RELATIVI AGLI IMMOBILI

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI (Emanato con D.R. n. 57 del 21 gennaio 2015) INDICE Pag. Art. 1 - Oggetto 2 Art. 2 - Procedura

Dettagli

Scheda Dati di Sicurezza

Scheda Dati di Sicurezza Scheda Dati di Sicurezza Pagina n. 1 / 5 1. Identificazione della sostanza / del preparato e della Società 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Codice: 190683 Denominazione 1.2 Uso della

Dettagli

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio cloruro cloruro Data Revisione Redazione Approvazione Autorizzazione N archiviazione 00/00/2010 e Risk management Produzione Qualità e Risk management Direttore Sanitario 1 cloruro INDICE: 1. Premessa

Dettagli

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 COMUNE DI TERRALBA (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 Ordinanza Sindacale n. 41/2012 Prot. n. 12292 ORDINANZA SINDACALE (Adozione misure

Dettagli

l esclusivo sistema per la diluizione ed il dosaggio dei prodotti ultraconcentrati

l esclusivo sistema per la diluizione ed il dosaggio dei prodotti ultraconcentrati CATALOGO EXA l esclusivo sistema per la diluizione ed il dosaggio dei prodotti ultraconcentrati + pratico + sicuro + economico + ecologico 3 edizione Azienda Certificata ISO 9001 e ISO 14001 IL SISTEMA

Dettagli

00185 Roma Via Castelfidardo, 41

00185 Roma Via Castelfidardo, 41 CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEI LOCALI SEDE DEGLI UFFICI DELL ENTE NAZIONALE DI PREVIDENZA ED ASSISTENZA DEI VETERINARI (VIA CASTELFIDARDO, 41), DELLE PARTI COMUNI DELL IMMOBILE

Dettagli

glazer union soluzioni per il rispetto delle norme HACCP nel settore alimentare

glazer union soluzioni per il rispetto delle norme HACCP nel settore alimentare CHE COS'È L'HACCP? Hazard Analysis and Critical Control Points è il sistema di analisi dei rischi e di controllo dei punti critici di contaminazione per le aziende alimentari. Al fine di garantire la completa

Dettagli

Città di Spinea Provincia di Venezia

Città di Spinea Provincia di Venezia Città di Spinea Provincia di Venezia APPALTO: servizio di pulizia interna uffici comunali 2013 2014 AFFIDAMENTO: da appaltare REDATTO DA REVISIONE N. DATA APPROVATO DA 1 SOMMARIO 1. SEZIONE DESCRITTIVA...

Dettagli

Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A.

Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A. Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A. Firenze, 27 novembre 2013 Classificazione Consip Public indice Il Programma per la razionalizzazione degli acquisti Focus: Convenzione per

Dettagli

FONDAZIONE E.N.P.A.I.A. ENTE NAZIONALE DI PREVIDENZA PER GLI ADDETTI E PER GLI IMPIEGATI IN AGRICOLTURA

FONDAZIONE E.N.P.A.I.A. ENTE NAZIONALE DI PREVIDENZA PER GLI ADDETTI E PER GLI IMPIEGATI IN AGRICOLTURA CAPITOLATO SPECIALE Procedura aperta per l'affidamento del servizio di pulizia ordinaria della sede della Fondazione E.N.P.A.I.A. di viale Beethoven, 48 Roma. CIG 6220354E7E ARTICOLO 1 OGGETTO DELL APPALTO

Dettagli

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI Allegato 1 COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI REGOLAMENTO PER LA DOTAZIONE FINANZIARIA COMUNALE PER INTERVENTI DI MANUTENZIONE ORDINARIA E DI FUNZIONAMENTO IN FAVORE DEGLI ISTITUTI DI ISTRUZIONE PRIMARIA

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

CAPITOLATO TECNICO E DISCIPLINARE DI GARA

CAPITOLATO TECNICO E DISCIPLINARE DI GARA Procedura aperta per l affidamento del servizio di pulizia ordinaria e di attività ausiliarie accessorie per la sede nazionale di Fondimpresa sita in Roma in via della Ferratella in Laterano n. 33 CAPITOLATO

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO (ai sensi dell articolo 26 del D.Lgs. 81/2008) Allegato

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR

REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR Indice degli articoli Art. 1 Definizioni...2 Art. 2 Oggetto ed ambito di applicazione...2 Art. 3 Deroghe al divieto di circolazione

Dettagli

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF 5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF Ecco un elenco esemplificativo di interventi ammissibili a fruire della detrazione Irpef. In ogni caso, deve essere verificata la conformità

Dettagli

CONTROLLO MICROBIOLOGICO AMBIENTALE NELLE SALE OPERATORIE

CONTROLLO MICROBIOLOGICO AMBIENTALE NELLE SALE OPERATORIE ASO S. Croce e Carle di Cuneo C.I.O. COMITATO INFEZIONI OSPEDALIERE DOCUMENTO DESCRITTIVO TITOLO CONTROLLO MICROBIOLOGICO AMBIENTALE NELLE SALE OPERATORIE Data di emissione: 20 aprile 2004 revisione n

Dettagli

TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO. Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future.

TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO. Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future. TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future. ATTENZIONE: Utilizzare il prodotto solo per l uso al quale

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART.

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART. Universita Telematica UNIVERSITAS MERCATORUM REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART. 125, COMMA 12 DEL D.L.VO

Dettagli

Prevenzione dell allergia ad inalanti

Prevenzione dell allergia ad inalanti Prevenzione dell allergia ad inalanti La patologia allergica respiratoria è molto frequente nella popolazione generale: la sua prevalenza si aggira in media intorno al 10-15%. Inoltre, negli ultimi 20

Dettagli

Pianificazione di massima delle attività ed organizzazione delle pulizie di presidio

Pianificazione di massima delle attività ed organizzazione delle pulizie di presidio Allegato n. 2 al CT Pianificazione di massima delle attività ed organizzazione delle pulizie di presidio SERVIZIO AMBIENTALE INTEGRATO DEI COMPLESSI IMMOBILIARI DELLE GRANDI STAZIONI Allegato n. 2 al CAPITOLATO

Dettagli

ENEA - Ente per le Nuove tecnologie, l'energia e l'ambiente BANDO DI GARA. I.1) Denominazione, indirizzi e punti di contatto: ENEA - Ente per le Nuove

ENEA - Ente per le Nuove tecnologie, l'energia e l'ambiente BANDO DI GARA. I.1) Denominazione, indirizzi e punti di contatto: ENEA - Ente per le Nuove ENEA - Ente per le Nuove tecnologie, l'energia e l'ambiente BANDO DI GARA I.1) Denominazione, indirizzi e punti di contatto: ENEA - Ente per le Nuove tecnologie, l Energia e l Ambiente - indirizzo postale:

Dettagli

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * *

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * * COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci ina 1 L Amministrazione comunale di Ronco Scrivia (provincia di Genova) intende integrare la dotazione

Dettagli

IL MINISTRO DELL'AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE

IL MINISTRO DELL'AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE DECRETO 24 gennaio 2011, n. 20: Regolamento recante l'individuazione della misura delle sostanze assorbenti e neutralizzanti di cui devono dotarsi gli impianti destinati allo stoccaggio, ricarica, manutenzione,

Dettagli

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE foglio mappale dimensione in mq 23 42 1.388 mq 23 35 1.354 mq 23

Dettagli

ASSISTENZA GARANTITA. 10 anni

ASSISTENZA GARANTITA. 10 anni ASSISTENZA ESTRATTO DELLE CONDIZIONI DI SERVIZIO Il presente documento costituisce un estratto delle Condizioni di Servizio, il cui testo integrale è depositato presso la sede legale del contraente, oppure

Dettagli

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio 5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio Pag. 1 di 36 DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI PER LA SALUTE E LA SICUREZZA NEGLI AMBIENTI DI LAVORO ai sensi degli artt. 17, 28 e 29 del D.lgs 81/08

Dettagli

COMUNE DI NISCEMI PROVINCIA DI CALTANISSETTA Ripartizione Lavori Pubblici e Ambiente

COMUNE DI NISCEMI PROVINCIA DI CALTANISSETTA Ripartizione Lavori Pubblici e Ambiente COMUNE DI NISCEMI PROVINCIA DI CALTANISSETTA Ripartizione Lavori Pubblici e Ambiente OGGETTO: SERVIZIO DI DISINFESTAZIONE E DERATTIZZAZIONE IN TUTTO IL TERRITORIO COMUNALE, NELLE SCUOLE E EDIFICI PUBBLICI

Dettagli

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI Introduzione Le dimensioni delle cabine degli ascensori debbono rispettare valori minimi stabiliti dalle normative vigenti,

Dettagli

Note inerenti chiarimenti in materia di prevenzione incendi - Trasmissione per via informatica.

Note inerenti chiarimenti in materia di prevenzione incendi - Trasmissione per via informatica. DIREZIONE CENTRALE PER LA PREVENZIONE E LA SICUREZZA TECNICA Prot. n P 810 / 4101 sott. 72/C.1 (21).4 Roma, 2 LUGLIO 2003 Allegati: n 1 -AI SIGG. ISPETTORI REGIONALI DEI VIGILI DEL FUOCO LORO SEDI -AI

Dettagli

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento Servizio di Economato

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento Servizio di Economato PROVINCIA DI ROMA Regolamento Servizio di Economato Adottato con delibera del Consiglio Provinciale: n. 1111 dell 1 marzo 1995 Aggiornato con delibera del Consiglio Provinciale n. 34 del 12 luglio 2010

Dettagli

PROGETTO DEL SERVIZIO

PROGETTO DEL SERVIZIO GISEC S.p.A. a Socio Unico Gestione Impianti e Servizi Ecologici Casertani Società soggetta ad attività di Direzione e Coordinamento da parte della Provincia di Caserta Sede Legale in Corso Trieste, 133

Dettagli

per l affidamento del servizio di pulizia degli uffici comunali.

per l affidamento del servizio di pulizia degli uffici comunali. SERVIZIO SEGRETERIA AA.GG. CAPITOLATO SPECIALE D ONERI per l affidamento del servizio di pulizia degli uffici comunali. Pontecagnano Faiano,lì 28.07.2005 (Aggiornamento 4.08.2005) INDICE ART.1 NORME DI

Dettagli

REGISTRO DELLE MANUTENZIONI per la prevenzione delle diffusione delle malattie infettive Art. 10, Legge Regionale n.45 del 23 dicembre 2008

REGISTRO DELLE MANUTENZIONI per la prevenzione delle diffusione delle malattie infettive Art. 10, Legge Regionale n.45 del 23 dicembre 2008 REGISTRO DELLE MANUTENZIONI per la prevenzione delle diffusione delle malattie infettive Art. 10, Legge Regionale n.45 del 23 dicembre 2008 REGISTRO DELLE MANUTENZIONI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO DELL

Dettagli

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi.

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi. Pagina 1 di 14 SOMMARIO Sommario...1 Introduzione...2 1. Scopo...2 2. campo di applicazione...3 3 Riferimenti...3 3.1 Riferimenti esterni...3 3.2 Riferimenti interni...3 4. Abbreviazioni utilizzate...4

Dettagli

Requisiti minimi e criteri per il rilascio delle autorizzazioni sanitarie temporanee.

Requisiti minimi e criteri per il rilascio delle autorizzazioni sanitarie temporanee. Requisiti minimi e criteri per il rilascio delle autorizzazioni sanitarie temporanee. Sono definite temporanee tutte quelle manifestazioni quali Sagre, Feste Campestri ecc. aperte al pubblico, in cui,

Dettagli

BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI

BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI Gli aggiornamenti più recenti Proroga dell agevolazione al 31 dicembre 2015 I quesiti più frequenti aggiornamento aprile 2015 ACQUISTI AGEVOLATI IMPORTO DETRAIBILE MODALITA

Dettagli

VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS)

VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS) VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS) Art. 1 - Oggetto dell affidamento L oggetto dell affidamento

Dettagli

COS È IL PRONTO SOCCORSO?

COS È IL PRONTO SOCCORSO? AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA INTEGRATA VERONA COS È IL PRONTO SOCCORSO? GUIDA INFORMATIVA PER L UTENTE SEDE OSPEDALIERA BORGO TRENTO INDICE 4 COS È IL PRONTO SOCCORSO? 6 IL TRIAGE 8 CODICI DI URGENZA

Dettagli

AVVISO PUBBLICO PER L ISCRIZIONE ALL ALBO FORNITORI

AVVISO PUBBLICO PER L ISCRIZIONE ALL ALBO FORNITORI AVVISO PUBBLICO PER L ISCRIZIONE ALL ALBO FORNITORI In base alla Deliberazione del Direttore Generale n. 312 del 18 ottobre 2012 si è provveduto all istituzione e disciplina dell Albo dei Fornitori dell

Dettagli

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A VIVERE L'ECCELLENZA L'ECCELLENZA PLURIMA Le domande, come le risposte, cambiano. Gli obiettivi restano, quelli dell eccellenza. 1995-2015 Venti anni di successi dal primo contratto sottoscritto con l Istituto

Dettagli

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Innocenzo Mastronardi, Ingegnere Civile, professionista antincendio, PhD student in S.O.L.I.P.P. XXVI Ciclo Politecnico di Bari INTRODUZIONE Con l

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31 Pagina: 1/5 1 Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa Identificatore del prodotto Usi pertinenti identificati della sostanza o miscela e usi sconsigliati Utilizzazione della

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE Sede legale: Via G. Cusmano, 24 90141 PALERMO C.F. e P. I.V.A.: 05841760829 Dipartimento Provveditorato e Tecnico Servizio Progettazione e Manutenzioni Via Pindemonte, 88-90129 Palermo Telefono: 091 703.3334

Dettagli

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali Lettera Rischi Interferenziali Spett.le Ditta Appaltatrice Ditta Subappaltatrice Luogo, Data 2 OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali In relazione alla necessità di una possibile

Dettagli

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI 83,22 U.O. S.O. CHIRURGIE 80,29 U.O. AFFARI GENERALI E SEGRET. 79,44 U.O. ALLERGOLOGIA 95,51 U.O. A.L.P.I.

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI 83,22 U.O. S.O. CHIRURGIE 80,29 U.O. AFFARI GENERALI E SEGRET. 79,44 U.O. ALLERGOLOGIA 95,51 U.O. A.L.P.I. MOSCATI Tassi di assenza e di maggior presenza del personale in servizio presso Az. Osp. S.G. Moscati - Avellino nel mese 0/1. Pag. 1 di assenza ingiustificata, infortunio e permessi retribuiti vari (legge,

Dettagli

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 C O M U N E D I M A R A Provincia di Sassari C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 Email: protocollo@comune.mara.ss.it Pec: protocollo@pec.comune.mara.ss.it SERVIZIO AFFARI

Dettagli

OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85)

OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85) timbro protocollo AL RESPONSABILE Area delle Politiche Infrastrutturali e del Territorio DEL COMUNE DI SPADAFORA (ME) OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85) OGGETTO: Comunicazione opere interne ai sensi dell

Dettagli

Con la presente scrittura privata in tre originali, di cui uno per uso di. registrazione e due per uso delle parti, tra l Istituto Poligrafico e Zecca

Con la presente scrittura privata in tre originali, di cui uno per uso di. registrazione e due per uso delle parti, tra l Istituto Poligrafico e Zecca CONTRATTO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI STABILIMENTI DI ROMA DELL ISTITUTO POLIGRAFICO E ZECCA DELLO STATO S.p.A.: - STABILIMENTO DI P.ZZA VERDI - P.zza Verdi 10 - STABILIMENTO SALARIO Via

Dettagli

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI 75,36 U.O. S.O. CHIRURGIE 83,52 U.O. AFFARI GENERALI E SEGRET. 78,20 U.O. ALLERGOLOGIA 90,00 U.O. A.L.P.I.

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI 75,36 U.O. S.O. CHIRURGIE 83,52 U.O. AFFARI GENERALI E SEGRET. 78,20 U.O. ALLERGOLOGIA 90,00 U.O. A.L.P.I. MOSCATI Tassi di assenza e di maggior presenza del personale in servizio presso Az. Osp. S.G. Moscati - Avellino nel mese 2/. Pag. di assenza ingiustificata, infortunio e permessi retribuiti vari (legge,

Dettagli

PROTOCOLLO DI BIOSICUREZZA. Sperma Scarti Morti Disinfezioni Personale Aghi e strumentario Derattizzazione

PROTOCOLLO DI BIOSICUREZZA. Sperma Scarti Morti Disinfezioni Personale Aghi e strumentario Derattizzazione PROTOCOLLO DI BIOSICUREZZA Sperma Scarti Morti Disinfezioni Personale Aghi e strumentario Derattizzazione Disinfezione Il ricorso a disinfettanti e disinfestanti, se unito ad altre misure tese a minimizzare

Dettagli

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili RICHIAMO AL TESTO UNICO PER LA SICUREZZA D.lgs.vo 9 aprile 2008 n 81 Dott. Ing Luigi ABATE DPR N NN 37 3712 12 gennaio 1998 regolamento

Dettagli

CONSIP S.p.A. ALLEGATO 8 PREZZI

CONSIP S.p.A. ALLEGATO 8 PREZZI ALLEGATO 8 PREZZI Allegato 8 - Prezzi Pag. 1 di 15 INDICE SEZIONE 1 PREZZI DEI SERVIZI PREDEFINITI 3 1.1 Servizi di Consulenza Gestionale 3 1.2 Servizi di Manutenzione degli Impianti 4 1.3 Servizi di Pulizia

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE Servizio Sanitario Nazionale - Regione dell Umbria AZIENDA UNITA SANITARIA LOCALE UMBRIA N. 2 Sede Legale Provvisoria: Viale Donato Bramante 37 Terni Codice Fiscale e Partita IVA 01499590550 DETERMINAZIONE

Dettagli

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007)

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) COMUNE DI NORMA Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) Articolo 1 SCOPI DEL REGOLAMENTO 1. L Amministrazione Comunale, in

Dettagli

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO La presente tariffa individua le prestazioni che il professionista è chiamato a fornire : A per la richiesta del parere di conformità B per il rilascio del

Dettagli

Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico

Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico Marco Glisoni Maria Lisa Procopio Incontro formativo Progetto APE settembre 2014 Il Piano d Azione Nazionale per il GPP Piano d azione per la

Dettagli

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI 62,39 S.O. OCULISTICA 83,23 U.O. S.O. CHIRURGIE 64,58 U.O. AFFARI GENERALI E SEGRET. 76,74 U.O.

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI 62,39 S.O. OCULISTICA 83,23 U.O. S.O. CHIRURGIE 64,58 U.O. AFFARI GENERALI E SEGRET. 76,74 U.O. MOSCATI Tassi di assenza e di maggior presenza del personale in servizio presso Az. Osp. S.G. Moscati - Avellino nel mese 0/201. Pag. 1 di assenza ingiustificata, infortunio e permessi retribuiti vari

Dettagli

Allo Sportello Unico delle Attività Produttive Comune / Comunità / Unione Identificativo SUAP:

Allo Sportello Unico delle Attività Produttive Comune / Comunità / Unione Identificativo SUAP: CODICE PRATICA *CODICE FISCALE*GGMMAAAAHH:MM Allo Sportello Unico delle Attività Produttive Comune / Comunità / Unione Identificativo SUAP: SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA' ATTIVITA' DI ASILO

Dettagli

1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via. Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045

1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via. Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045 BANDO DI GARA CON PROCEDURA APERTA 1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045 8051811 fax 045 8011566 - sito internet www.arena.it

Dettagli

STUDIO PROFESSIONALE DI FISIOTERAPIA

STUDIO PROFESSIONALE DI FISIOTERAPIA Studio professionale di fisioterapia: Gli Studi Professionali di Fisioterapia sono strutture dove possono essere erogate prestazioni terapeutiche riconducibili al profilo professionale del fisioterapista

Dettagli

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 TABELLA B RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 1 B1) Disponibilità dei locali B1.1) Scansione del documento di disponibilità esclusiva dei locali della sede operativa per almeno tre

Dettagli

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO - PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO G.1. I reati di cui all art. 25 septies del D.Lgs. n. 231/2001 La Legge 3 agosto 2007, n. 123, ha introdotto l art. 25 septies del

Dettagli

ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L

ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L. 81/2008 (PER L ELENCO ESAUSTIVO CONSULTARE SEMPRE LA NORMATIVA) - Nomina Rspp Responsabile servizio prevenzione e

Dettagli

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI COMUNE DI SIRIGNANO PROVINCIA DI AVELLINO Piazza Aniello Colucci 83020 SIRIGNANO (AV) Tel. 081-5111570 Fax 081-5111625 CF 80004370641 P. IVA 00256240649 PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI

Dettagli

Risanamento delle tubazioni dall interno

Risanamento delle tubazioni dall interno La soluzione di oggi per le tubazioni di ieri: Risanamento delle tubazioni dall interno Costi inferiori fino al 50% niente demolizioni, niente sporco, niente macerie nessuna interruzione nella gestione

Dettagli

Relatore: per.agr. Roberto Nataloni Dlgs 150/2012 Art. 1 Oggetto Il presente decreto definisce le misure per un uso sostenibile dei pesticidi, che sono prodotti fitosanitari come definiti all articolo

Dettagli

COMUNE DI GENZANO DI ROMA PROVINCIA DI ROMA C.A.P. 00045

COMUNE DI GENZANO DI ROMA PROVINCIA DI ROMA C.A.P. 00045 CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA, SORVEGLIANZA E PULIZIA, NELLE SCUOLE DELL INFANZIA PARITARIE COMUNALI TRUZZI E G. RODARI DI GENZANO DI ROMA ANNI SCOLASTICI 2012/2013-2013/2014-2014/2015,

Dettagli

REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI

REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI REGIONE VENETO REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI (DPR 23 aprile 2001 n 290 art. 42) 24 NOTE GENERALI Il registro completo dei trattamenti, è composto da: - scheda A - Dati anagrafici azienda/ente

Dettagli

PRESENTA LA SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO DELL ATTIVITÀ ² (ai sensi dell art. 19 L. 241/1990)

PRESENTA LA SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO DELL ATTIVITÀ ² (ai sensi dell art. 19 L. 241/1990) Scia/82 ¹ Segnalazione certificata di inizio dell attività pulizia, disinfezione, disinfestazione, derattizzazione e sanificazione (Legge n. 82 del 25/1/94) La/il sottoscritta/o nata/o a (Prov. ) il in

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI EDIFICI DELL UNIVERSITA PER IL TRIENNIO 2010-2013.

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI EDIFICI DELL UNIVERSITA PER IL TRIENNIO 2010-2013. UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI DIREZIONE FINANZIARIA Settore Acquisto Beni e Servizi e Gestione Contratti CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI EDIFICI DELL

Dettagli

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI GG. PRES./ GG.LAVORATIVI % CENTRO CONTROLLO DIREZIONALE 95,45 DIPARTIMENTO PREVENZIONE

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI GG. PRES./ GG.LAVORATIVI % CENTRO CONTROLLO DIREZIONALE 95,45 DIPARTIMENTO PREVENZIONE Tassi di assenza e di maggior presenza del personale in servizio presso nel mese /. Pag. di assenza ingiustificata, infortunio e permessi retribuiti vari (legge, avis, allattamento, matrimonio, lutto,

Dettagli

Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde

Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde Articolo 1 Oggetto 1. Il presente disciplinare regolamenta la concessione e l utilizzo del Marchio La Sardegna Compra Verde.

Dettagli

COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA

COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA E composta dalla sigla CE e, nel caso un Organismo Notificato debba intervenire nella fase del controllo della produzione, contiene anche il numero d identificazione

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli