RELAZIONE SUL CONTO CONSUNTIVO DELL ESERCIZIO 2008

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "RELAZIONE SUL CONTO CONSUNTIVO DELL ESERCIZIO 2008"

Transcript

1 Allegato sub a) alla deliberazione G.C. n. 20 del RELAZIONE SUL CONTO CONSUNTIVO DELL ESERCIZIO 2008 (Art. 151 comma 6 del D. Lgs. 267/2000)

2 INFORMAZIONI DI CARATTERE GENERALE La superficie del Comune è di Km. 19,91. La popolazione residente accertata al 31 dicembre dell anno precedente a quello cui si riferisce il Conto è di abitanti, distinta come segue: ANNO In età prescolare (0/6 anni) n In età scuola obbligo (6/14 anni) n In età forza lavoro 1a occupazione (15/29 anni) n In età adulta (30/65 anni) n In età senile (oltre 65 anni) n TOT. N I servizi comunali sono gestiti parte direttamente e parte in appalto. Al la dotazione organica del personale dipendente risulta essere: QUALIFICA FUNZIONALE POSTI COPERTI SEGRETARIO IX QUAL. 1 CAT. D4 1 CAT. D3 5 CAT. D2 2 CAT. D1 3 CAT. C3 3 CAT. C2 1 CAT. C1 3 CAT. B6 1 CAT. B5 2 CAT. B4 1 CAT. B3 2 CAT. B2 2 CAT. B1 1 TOTALE 28 Con deliberazione G.C. n. 126 /2003 è stata approvata l attuale organizzazione del personale dipendente (dotazione organica: n. 29 unità) che risulta essere suddiviso nelle seguenti unità organizzative: 1 Servizio Segreteria e Servizi socio-culturali 2 Servizio Servizi demografici ed elettorale, Attività produttive, Vigilanza 3 Servizio Contabilità e tributi 4 Servizio Lavori pubblici 5 Servizio Urbanistica Edilizia privata 2

3 RELAZIONE SULL ATTUAZIONE DEL PIANO PROGRAMMATICO

4 PROGRAMMA 1 SERVIZIO SEGRETERIA, PERSONALE E SERVIZI SOCIO/CULTURALI Con riferimento agli obiettivi di carattere ordinario e specifici individuati nel Programma n. 1 allegato al Bilancio di Previsione per l anno 2008 e nel relativo P.E.G., riguardante il 1 Servizio, si ritiene che lo stesso sia stato correttamente realizzato in conformità ai contenuti stabiliti e con una gestione economica entro i limiti degli stanziamenti di bilancio. Sempre in conformità agli atti di pianificazione approvati dagli Organi di governo, si riscontra la seguente situazione nell ambito dei vari settori di attività: a) Settore Servizi generali, comunicazione e gestione del personale Sono state assicurate le attività amministrative ordinarie proprie del settore ed in particolare l assistenza ed il supporto al funzionamento degli Organi Istituzionali, che comprendono: il segretariato del Sindaco, degli Assessori Comunali e del Segretario Generale; la protocollazione informatica e lo smistamento di tutta la corrispondenza comunale in entrata e la preparazione e spedizione di quella in uscita; la tenuta dell Archivio e dell Albo Comunale; l attività contrattuale in genere con la predisposizione, anche unitamente ad altri uffici comunali, degli atti in cui l Ente è parte, sia da rogare, a cura del Segretario Generale, in forma pubblico-amministrativa che sottoforma di scrittura privata, ed i conseguenti adempimenti relativi alla registrazione e conservazione; la gestione giuridico ed economica del personale dipendente con tutte le problematiche inerenti. Nel perseguire i propri obiettivi, questa Amministrazione ha riservato particolare attenzione alla formazione ed alla crescita professionale del personale dipendente attraverso un attività formativa sia interna che esterna. Conformemente infatti al Piano di formazione 2008, si è continuato a promuovere ed autorizzare la partecipazione dei dipendenti a vari corsi ed incontri esterni organizzati da Enti specializzati nel settore per l approfondimento di particolari tematiche tecnico-specialistiche. E proseguito inoltre il percorso formativo, più di carattere relazionale, intrapreso con la Società Forma Srl, con la realizzazione di alcuni incontri a favore di tutto il personale dipendente sul nuovo Sistema di Valutazione e sul tema delle comunicazioni interne e del lavorare per obiettivi. Si è provveduto inoltre ad organizzare, presso la sede municipale ed in collaborazione con il Comune di Susegana che ne ha condiviso i costi, un incontro formativo sul tema dell accesso e riservatezza nel rilascio di atti e documenti amministrativi. L incontro, tenuto dal Dott. Tiziano Tessaro Segretario Generale del TAR Veneto ed esperto in materia - è stato realizzato in particolare a favore dei Responsabili dei Servizi e degli Uffici e, più in generale, ai responsabili di procedimenti di entrambi i Comuni oltre che dei rispettivi Comuni convenzionati. Sempre in materia di personale, l anno 2008 è stato caratterizzato dell entrata in vigore di due CCNL: dei Segretari Provinciali e Comunali sottoscritto in data per il quadriennio economico ; di comparto per il biennio economico 2006/2007, stipulato in data Entrambi hanno comportato la rideterminazione delle spettanze economiche con carattere di automaticità e la corresponsione degli arretrati maturati entro trenta giorni dalla relativa data di stipulazione. Di particolare rilievo è poi la nuova disciplina, introdotta dal D.L. 112/08 convertito nella L. 133/08, in materia di trattamento economico spettante ai dipendenti in caso di assenza per malattia e dei nuovi adempimenti in merito a carico degli Enti Pubblici. Sono diventate infatti obbligatorie l attivazione sistematica delle visite fiscali e la rilevazione delle assenze attraverso la compilazione mensile di un apposito questionario da inviare al Ministero per la Pubblica Amministrazione. Sempre in tema di risorse umane, e precisamente per quanto attiene alla gestione associata del servizio civile nazionale, l Associazione Comuni della Marca Trevigiana, ente accreditato, ha assegnato a questo Comune, a seguito espletamento delle relative selezioni, n. 1 volontario per l area culturale che ha preso puntualmente servizio presso la Biblioteca Comunale nel corso del mese di ottobre. In attuazione e nel rispetto delle linee guida operative contenute nel Piano Esecutivo di Gestione per l esercizio finanziario 2008, rivolte a tutti i Servizi e predisposte dal Direttore Generale, l Ufficio per la comunicazione ha operato con l obiettivo di migliorare progressivamente l attività di comunicazione ed informazione pubblica, provvedendo regolarmente all aggiornamento degli strumenti informatici a tal 4

5 fine adibiti ed all inserimento negli stessi delle informazioni inerenti le attività istituzionali, le iniziative promosse o realizzate dall Ente o comunque di interesse generale per i cittadini. Nel corso dell anno 2008, inoltre, si è collaborato nel lavoro di rinnovo del sito Web comunale con la contemporanea migrazione del suo contenuto in una nuova piattaforma informatica. Ne è conseguita, al di là delle nuove linee grafiche che sono state apprezzate, anche la quasi totale gestione autonoma delle varie sezioni attraverso il caricamento in proprio delle informazioni, degli atti amministrativi e delle notizie in evidenza sull home page. In tale ambito si è proseguito anche con la pubblicazione quadrimestrale del nuovo notiziario informativo-newsletter, progettato in un formato e con una veste grafica totalmente nuovi. Nel corso dell anno sono state infatti realizzate, grazie anche alla positiva attivazione di un progetto di sponsorizzazione che consente un contenimento della relativa spesa, tre edizioni distribuite gratuitamente a tutte le famiglie residenti nel Comune. Nel settore sportivo sono stati regolarmente realizzati i corsi di nuoto primaverile ed autunnale, attività rivolte agli alunni delle scuole Primaria e Secondaria di 1 grado, oramai consolidate e ben condivise dalle famiglie, che anche nel 2008 hanno registrato una consistente partecipazione. Si è ritenuto inoltre, in applicazione dei principi statutari e visti i buoni risultati in termini di ottimizzazione e razionalizzazione nell uso degli impianti sportivi, di proseguire nella collaborazione con l Associazionismo sportivo locale, in particolare per la gestione delle palestre comunali, provvedendo, mediante espletamento dell apposita procedura, all individuazione dell Associazione Sportiva del Comune più idonea. Sempre nell ambito sportivo inoltre, nell intento di promuovere e favorire la pratica dell attività calcistica giovanile, è stata patrocinata e sostenuta anche economicamente l iniziativa relativa allo svolgimento, presso lo Stadio Comunale, delle fasi di qualificazione, del VII Torneo Ristorante Loris, torneo calcistico che ha visto la partecipazione di importanti società dilettantistiche e professionistiche italiane. Nel primo semestre 2008 si è provveduto all organizzazione del 1 incontro pubblico, tenutosi in data 18 giugno presso l ex Filanda, nell ambito degli Stati Generali, nuovo modello di partecipazione popolare proposto dall Amministrazione, che lo ha previsto anche nel proprio programma elettorale, per il coinvolgimento della cittadinanza su decisioni strategiche. L incontro ha trattato il tema della modifica del sistema di raccolta dei rifiuti urbani e delle problematiche ad esso collegate. Sono proseguiti i rapporti, intrapresi a seguito del tragico incidente aereo avvenuto nel territorio comunale nel mese di novembre 2007, con le Forze militari delle Basi Nato, in particolare con quella di Aviano. Oltre all incontro tenutosi in primavera, presso la Sede Municipale, in cui le Autorità militari hanno espresso formalmente il proprio ringraziamento per i soccorsi prestati e la solidarietà dimostrata, è stata organizzata, in occasione del 1 anniversario dall evento, una cerimonia commemorativa in prossimità del luogo dell impatto. Si è trattato di una manifestazione di rilevante significato che ha visto una numerosa partecipazione di Autorità militari, civili e religiose, sia italiane che americane, oltre che di pubblico. In tale circostanza è stata anche inaugurata un opera commemorativa appositamente realizzata in memoria non solo dei militari americani scomparsi ma di tutti i caduti sul Piave. Da segnalare infine la prosecuzione dei lavori del tavolo di concertazione relativo all Intesa Programmatica d Area, attivata su proposta del Comune di Pieve di Soligo per la realizzazione, condivisa dai Comuni presenti nell area Ulss 7 e dai principali operatori economici privati o rappresentativi delle varie categorie produttive dell Alta Marca Trevigiana, di un progetto per lo sviluppo socio/economico omogeneo e coordinato tra i soggetti pubblici e privati. b) Settore sociale Sono stati garantiti tutti i consueti servizi ed interventi propri del Servizio Sociale e le iniziative consolidate tra le quali degni di nota sono sicuramente: i soggiorni climatici estivi (con la proposta di tre destinazioni e con la partecipazione complessiva di circa 70 utenti) che anche per l anno 2008 sono stati realizzati in collaborazione con il Comune di Susegana e di Mareno di Piave, con cui si è condivisa la programmazione delle attività ed i relativi costi a carico degli anziani partecipanti. E stata inoltre riproposto, con organizzazione in proprio, senza cioè avvalersi di agenzie viaggio, il soggiorno a Bibione curandone direttamente i rapporti con la struttura ricettiva di destinazione; 5

6 la Festa dell Anziano che si è tenuta il 14 settembre e che ha visto la partecipazione di circa 230 anziani; la Festa intergenerazionale denominata Festa Tuttinsieme, tenutasi il 20 settembre, che ha costituito occasione di incontro, con giochi ed animazione, tra i ragazzi del CCR e dello Spazio Giovani e gli anziani che frequentano il Centro Sociale; E proseguita, nell ambito delle iniziative volte alla promozione della domiciliarità, la collaborazione con l Associazione ANFFAS che anche per il 2008 ha concesso al Comune l utilizzo del proprio pulmino consentendone anche la conduzione a soggetti volontari iscritti ad altre Associazioni operanti nel territorio comunale. In totale sono stati due i volontari autorizzati alla guida che hanno collaborato attivamente, in base alle necessità, con i Servizi Sociali per garantire il servizio di trasporto, sporadico o continuativo, alle persone in particolare situazione di disagio. Sono proseguiti altresì, sulla base delle esperienze positive acquisite nel corso degli ultimi anni, i rapporti con il Servizio Handicap adulto dell ULSS 7, per l inserimento lavorativo e sociale di persone disabili o svantaggiate. Sono state infatti confermate e rinnovate, per l intero anno, n. 2 convenzioni per tirocini socializzanti. Nell ambito della DGR 4135/2006 istitutiva dell Assegno di Cura si è provveduto per l anno 2008 a monitorare ed aggiornare tutte le istanze già in essere. Ci si è attivati inoltre per divulgare maggiormente l iniziativa e per accogliere le nuove domande conformemente alle attuali disposizioni regionali. Per quel che riguarda la liquidazione del beneficio 2008, così come deliberato dalla Conferenza dei Sindaci, è stata delegata all ULSS 7 che ha provveduto, nel corso dell anno, all erogazione per il primo semestre. L assegno di cura, si ricorda, mira a sostenere la permanenza a domicilio della persona non autosufficiente, con particolare attenzione per i soggetti, di qualunque età, che rischiano l esclusione da un contesto di vita familiare, attraverso l assegnazione agli stessi di un contributo economico erogato direttamente all interessato ovvero a un familiare o alla persona che ne garantisce adeguata cura. Nel corso del mese di giugno, su conforme indicazione operativa regionale, si è provveduto all aggiornamento della situazione economica (ISEE 2007) degli utenti in carico. Per l anno 2008 il Piano Locale di interventi per il sollievo a favore delle famiglie che assistono in casa persone non autosufficienti (D.G.R.V.827/2007 ) e recepito dalla Conferenza dei Sindaci nel corso dell anno prevede un contributo economico alla spesa sostenuta dalla famiglia per l accoglienza residenziale temporanea della persona non autosufficiente al fine di sollevare i nuclei famigliari garantendo un temporaneo sollievo dal carico assistenziale. Il succitato intervento, che è stato realizzato prevedendo diverse fasi di attuazione, ha interessato n 2 persone anziane che hanno trovato risposta positiva di accoglienza temporanea presso strutture residenziali territoriali. Il rimborso come indicato dal Piano Locale per la domiciliarità è previsto entro il mese di aprile Per quanto riguarda gli interventi di sostentamento delle famiglie, si è provveduto alla liquidazione dei contributi che l Amministrazione ha inteso riconoscere a n. 31 nuclei familiari residenti con figli che frequentano la Scuola dell Infanzia e che hanno presentato apposita istanza entro il In considerazione del riscontro positivo ottenuto, l iniziativa è stata riproposta e su conforme indirizzo della Giunta Comunale è stata riattivata la procedura per l erogazione della suddetta agevolazione economica straordinaria. Il Servizio ha avuto in carico diversi casi di disagio sociale che hanno richiesto una accurata e costante attenzione. Sono state seguite, in modo approfondito, situazioni di disagio nel campo minorile ove si è stretta un collaborazione operativa con il Giudice tutelare e l Ufficio del Pubblico tutore Regione Veneto. Nel corso dell anno sono proseguiti gli adempimenti relativi a due casi di affido ed alla collaborazione con i tutori nominati a favore di minori stranieri non accompagnati. Su richiesta del Tribunale dei Minori è stato inoltre attivato uno Spazio neutro presso la Comunità Bernardi di Conegliano con l obiettivo di consentire, con l ausilio di operatori qualificati, la ripresa delle relazioni tra un figlio minore e la famiglia. c) Settore culturale e scolastico Nel corso dell intero anno sono stati rispettati ed assicurati tutti i consueti servizi ed interventi propri del servizio bibliotecario. 6

7 Oltre al normale aggiornamento delle raccolte, è proseguito il lavoro relativo alla catalogazione bibliografica delle nuove acquisizioni ed al recupero e bonifica del catalogo cartaceo. E proseguito altresì il progetto sperimentale, elaborato dal Sistema Bibliotecario del Vittoriese, di cui questo Ente fa parte dal 1998, per l acquisto coordinato volto, attraverso un acquisizione bibliografica condivisa ed integrata, al miglioramento della qualità dell offerta informativa all utenza e della circolazione del materiale librario e multimediale. L attività della Biblioteca è stata caratterizzata dall adesione al Progetto provinciale Rete bibliotechetrevigiane e al Polo Regionale SBN del Veneto (PRV), progetti di sviluppo cooperativo proposti nell intento di definire, pur riconoscendo e salvaguardando la validità dell esperienza esistente con il Sistema Bibliotecario del Vittoriese, un unica piattaforma informatica e gestionale su cui far operare tutte le biblioteche del territorio. Il servizio di interprestito dovrà attenersi alle nuove modalità operative, disposte dalle specifiche convenzioni appositamente stipulate, a partire dall anno Nell'ambito delle iniziative ed attività culturali e promozionali rivolte alla Scuola, in parte già consolidate e riconfermate anche per l'anno 2008, si evidenziano in particolare i seguenti interventi realizzati ad integrazione dell offerta formativa scolastica: sono stati attuati e finanziati nelle scuole dell Infanzia e Primarie, d intesa con l Organo Scolastico ed il corpo docenti, tre progetti di "Promozione alla lettura", volti, attraverso la realizzazione di laboratori, alla stimolazione della espressività corporea e vocale dei bambini. I laboratori si sono conclusi con l organizzazione, presso la Scuola Primaria del Capoluogo ed il Padiglione fieristico, di n. 3 spettacoli teatrali (dal titolo Il teatro delle ombre per la Scuola dell Infanzia, Zoografia! Quasi un musical e Il distruttore per le Scuole Primarie) a favore degli alunni frequentati le varie Scuole. Interessante è stato il tema conduttore degli spettacoli per la Scuola Primaria che, seppur realizzati in modo molto semplice, si sono focalizzati su aspetti inerenti le problematiche sociali più attuali ed in particolare sul tema dei rifiuti e del riciclaggio degli stessi; il servizio della Ludoteca, con lo svolgimento di attività ludo-ricreative articolate in due pomeriggi settimanali, è stato assicurato nella prima parte dell anno a conclusione dell anno scolastico 2007/08. Le numerose iscrizioni hanno reso necessario la richiesta di un operatore aggiuntivo nella fascia oraria di maggiore affluenza. Il servizio è proseguito anche nella prima parte dell anno scolastico 2008/2009 con una articolazione sperimentale. In considerazione della limitata disponibilità di spazi, ed in attesa di trasferire l attività in locali più idonei creati presso la nuova Biblioteca Comunale, sono stati attivati infatti dei laboratori, a numero chiuso, sul Natale e sul Carnevale con la realizzazione di lavori e disegni a tema; È stata effettuata una serie di incontri formativi ed informativi rivolti ai genitori dei bambini della Scuola dell Infanzia e di quella Primaria. L iniziativa, dal titolo Per corsi per genitori è nata da un progetto condiviso tra Comune, Istituto Comprensivo, Parrocchie, Calcio S.Lucia e Operativa di Comunità, per offrire la possibilità di approfondire alcuni temi dell educazione e con lo scopo di aiutare i partecipanti a migliorare le proprie competenze educative. In particolare sono stati affrontati alcuni aspetti della genitorialità quali la relazione educativa, lo sviluppo dell autostima e l importanza delle regole; E stato attivato inoltre, sempre con l ausilio degli Operatori di Comunità, un altro progetto educativo condiviso con l Organo Scolastico e rivolto agli alunni 1ma classe della Scuola Secondaria di 1 grado. L iniziativa rientra nelle attività di prevenzione delle dinamiche conflittuali e dei comportamenti a rischio dell area adolescenziale nell ambito scolastico. A tali attività si è affiancato un ciclo di incontri-confronti con i rispettivi genitori al fine di creare un occasione di scambio e di confronto sui temi trattati; E stata anche avviata un attività, sempre condivisa con la Scuola, di relazione e confronto con le Associazioni di carattere sportivo nella convinzione che lo sport rappresenti un importante strumento di educazione e prevenzione primaria dei giovani. Tali incontri, condotti dagli operatori di comunità, hanno riscontrato una buona partecipazione e registrato un reale interesse alla continuazione. Nell ambito di tale iniziativa è stata anche organizzata, in collaborazione con i vari soggetti che hanno condiviso il progetto, una serata pubblica sul tema dell educazione nello sport che ha visto la partecipazione di uno psicologo dello sport e di alcuni atleti locali che si sono particolarmente distinti in diverse discipline sportive; 7

8 Infine, da evidenziare, la partecipazione al progetto Il Muretto, previsto all interno del Piano triennale di intervento per la lotta alla droga predisposto dall ULSS7 conformemente alle indicazioni della Conferenza dei Sindaci. Sono stati puntualmente realizzati i previsti interventi in materia di diritto allo studio. In particolare sono stati forniti gratuitamente dall'amministrazione Comunale, tramite la Biblioteca, i libri di testo triennali ai ragazzi residenti nel Comune ed iscritti alla classe 1 della scuola Secondaria di 1 grado di S. Lucia di Piave. Sono stati altresì istruiti e definiti gli adempimenti previsti dalle normative regionali relativi alla concessione di contributi alle famiglie per le spese da esse sostenute sia per l'acquisto di libri a favore degli alunni frequentanti scuole dell'obbligo e superiori, statali e paritarie sia connesse al sostegno della frequenza degli stessi alle scuole medesime (trasporto, mensa, sussidi scolastici). Da evidenziare, in tale settore, anche l attivazione, in forma sperimentale e d intesa con il Dirigente Scolastico, del nuovo servizio di sorveglianza degli alunni fruitori del trasporto scolastico. Con l ausilio di volontari dell Associazione Nazionale Carabinieri, Sezione di Susegana-Mareno-Santa Lucia di Piave, è stata avviata infatti un attività di controllo a bordo degli scuolabus per verificare il corretto utilizzo degli stessi e l osservanza delle norme disposte dal Codice comportamentale dell alunno per l utilizzo dello scuolabus, approvato ed entrato in vigore nel mese di febbraio. Su segnalazione degli operatori, si è già provveduto ad inviare richiami ufficiali a quegli utenti del servizio di trasporto scolastico che si sono resi protagonisti di comportamenti indisciplinati. La recidiva nei comportamenti potrà essere anche sanzionata. Sempre nell ambito del settore scolastico, si è assicurata anche l erogazione dei sussidi ordinari e contributi straordinari, a fronte di progetti specifici (in particolare del consolidato progetto di Educazione al benessere e all affettività e del più recente relativo al doposcuola presso la Scuola Primaria) ai locali Organi scolastici. Si è proceduto inoltre all organizzazione, in proprio, dei centri estivi rivolti agli alunni delle Scuole dell Infanzia e Primaria, confermando, nel contempo, la collaborazione con le locali Parrocchie, per la realizzazione di quelli rivolti agli alunni delle Scuole Secondarie di 1 grado. A tal fine è stato garantito alle stesse sia un supporto economico che una attività di formazione dei giovani animatori che saranno seguiti dai formatori anche durante lo svolgimento dei centri. In merito alle modalità di realizzazione si è ritenuto di confermare quelle oramai collaudate per quanto attiene alla Scuola dell Infanzia, fatta salva la scelta di ampliarne la durata portandola dalle tradizionali quattro a cinque settimane. Per quanto riguarda invece le Scuole Primarie, nell intento di rendere il servizio sempre più efficiente e migliore, dal punto di vista qualitativo, nonché rispondente alle reali esigenze delle famiglie, si è provveduto ad organizzare il Centro estivo con modalità ed articolazione totalmente nuove, raddoppiandone, nel contempo, il periodo di svolgimento che è stato portato ad otto settimane con inizio dal 9 giugno. La disponibilità e la fattiva collaborazione di alcune associazioni locali hanno consentito la programmazione di attività diversificate tra loro senza comunque tralasciare dei momenti da dedicare all attività didattica. Il riscontro, in termini di numero di partecipanti e di soddisfazione, si è rivelato al di sopra delle aspettative. E stata anche regolarmente assicurata, sia in chiusura dell anno scolastico 2007/08 che nei primi mesi di quello successivo, con l ausilio di un operatore di strada e con costi anche in questo caso a totale carico delle famiglie, l attività di doposcuola pomeridiano rivolta agli alunni della Scuola secondaria di 1 grado, che ha visto la costante partecipazione di alunni inseriti anche su segnalazione della Dirigente Scolastica. Tale servizio è stato integrato nel periodo immediatamente antecedente l inizio del nuovo anno scolastico, e per la durata di tre settimane, con un attività guidata giornaliera di pre-scuola, sempre con oneri a carico delle famiglie, per supportare i ragazzi nel puntuale svolgimento e controllo dei compiti per le vacanze. All attività didattica sono stati affiancati momenti dedicati ad attività ludico-ricreative, di laboratorio e sportive grazie anche al coinvolgimento delle associazioni sportive locali e all utilizzo degli impianti sportivi comunali. In collaborazione con l Istituto Comprensivo, è stato inoltre possibile realizzare la quarta edizione dell iniziativa Disegna la Repubblica volta al coinvolgimento degli alunni della Scuola secondaria di 1 grado, al fine di stimolarne la creatività e l interesse mediante la realizzazione di immagini simboliche rappresentative della Repubblica Italiana e degli episodi più significativi della sua nascita. Tra i disegni 8

9 ritenuti più meritevoli, ai cui autori è stato conferito un buono per acquisto di libri, uno in particolare è stato riprodotto nei manifesti celebrativi delle solennità civili per l intero anno Sempre nell ambito delle politiche scolastiche e formative, da ultimo, ma non per importanza, va segnalato il proseguimento dell attività del Consiglio Comunale dei Ragazzi che, grazie anche all ausilio dell operatore di strada presente nel territorio, dimostra un costante interesse e coinvolgimento verso le iniziative delle istituzioni e le problematiche della collettività. A seguito dell espletamento delle operazioni di voto in data 19 dicembre 2008, il CCR è stato rinnovato ed è entrato ufficialmente in carica, nella sua sesta composizione, il giorno 22 dicembre successivo. Nella prima seduta del neo CCR è stato eletto sindaco l alunno Andrea Canzian frequentante la classe 2A. E proseguita l attività di alfabetizzazione in collaborazione con il Centro Territoriale Permanente di formazione di Conegliano per l'attivazione, nel corso dell anno, di diversi corsi di lingua italiana per stranieri, sia di base che avanzati. E stato avviato inoltre anche un corso base per adulti di lingua spagnola. Intensa, durante l intero anno, è stata l attività a favore di tutta la cittadinanza relativa all organizzazione dei molteplici eventi culturali che hanno ottenuto riscontro positivo grazie anche al proficuo coinvolgimento, in diverse occasioni, delle Associazioni locali. Si segnalano in particolare le seguenti iniziative: Concerto di capodanno con musiche classiche viennesi tenutosi, presso le strutture fieristiche in data 4 gennaio, in collaborazione con l Orchestra da Camera Gruppi d Archi Veneto ; Spettacolo teatrale dal titolo A.A.A. Perpetua cercasi tenutosi presso le strutture fieristiche in data 19 gennaio. Si è trattato della rappresentazione di uno scherzo, in un atto, da una elaborazione collettiva di un opera di I.Soligon, presentata dal Gruppo teatrale dell Università Adulti e Anziani di San Fior; 11ma Edizione della Rassegna di teatro per ragazzi e famiglie. L iniziativa, consistente nella proposta di n. 3 spettacoli pomeridiani, nelle domeniche di gennaio, ha riscontrato un generale apprezzamento con una consistente partecipazione di pubblico; Organizzazione di diverse cerimonie inaugurali (Farmacia Comunale, Nuovo Bocciodromo); Collaborazione con l Associazione I Cantori di Sottoselva per dar corso alla rassegna di primavera denominata Andar per cori che ha comportato la realizzazione presso il Padiglione fieristico, di un concerto coristico, tenutosi nel mese di maggio, di particolare prestigio. Infatti l evento ha visto la partecipazione della Ensemble Vocal di Castanet-Tolosan, corale francese di fama internazionale che ha collaborato con importanti orchestre francesi ma che si è anche esibita su palchi europei ed oltre oceano. La trasferta dei cantori francesi rientrava all interno di un progetto di accoglienza ed ospitalità presso questo Comune organizzato nell ambito delle iniziative promosse dalle Associazioni, e sostenute, anche economicamente, dall Amministrazione Comunale, a consolidamento del rapporto di gemellaggio che lega Santa Lucia di Piave al Comune francese di Castanet-Tolosan; Adesione al progetto Nati per leggere promosso sull intero territorio nazionale da un alleanza tra bibliotecari, pediatri ed Associazioni di solidarietà per incentivare la lettura ad alta voce rivolta ai bambini di età compresa fra i 6 mesi ed i 6 anni. L adesione si è concretizzata con l apertura straordinaria della Biblioteca nella giornata di domenica 11 maggio e, con l ausilio di volontari adulti appositamente formati, l effettuazione di letture ad alta voce allietate da un momento ricreativo con la fornitura di una merenda a favore dei bambini presenti. Il progetto è poi proseguito, su proposta del Sistema Bibliotecario del Vittoriese, nell ambito della 5^ settimana delle Biblioteche. A tal fine, in collaborazione con il Comune di Susegana, sono state realizzate delle iniziative di sensibilizzazione e formazione sulla lettura precoce attraverso l organizzazione di diversi incontri con autori, psicologi e pedagogisti, conclusisi con una cerimonia di consegna libri-dono ai bambini nati nell anno 2007; Particolarmente impegnativa è stata l organizzazione di numerose iniziative (mostra fotografica, conferenze sul tema e rappresentazione teatrale) di rilevante interesse storico-culturale programmate in commemorazione del 90 Anniversario della fine della Prima Guerra Mondiale. La realizzazione degli eventi è stata resa possibile grazie alla fattiva collaborazione di varie Associazioni locali ed anche della Provincia e del Gruppo Borgo Malanotte di Tezze di Piave. Organizzazione di un incontro sul tema Aggiornamento sulla ricerca delle cellule staminali nel liquido amniotico con la partecipazione, in qualità di relatore, del nostro illustre concittadino Dr. Paolo De Coppi, primario chirurgo e ricercatore presso l Ospedale pediatrico di Londra. L evento ha 9

10 costituito occasione per la consegna ufficiale della somma, raccolta nell ambito delle iniziative benefiche della Fiera 2007, devoluta a favore della Fondazione Città della Speranza, di cui pure il Dr. De Coppi è referente, per la realizzazione di un nuovo centro di ricerca per l oncologia pediatrica a Padova; Collaborazione con la Pro Loco per la realizzazione della 15ma edizione del Gran Ballo delle Debuttanti che ha visto la partecipazione di n. 12 ragazze neodiciottenni accompagnate nella serata da altrettanti ufficiali del Corpo Militare dell Esercito di Vittorio Veneto. L evento assume una significativa importanza dato che le ragazze partecipanti si sono rese disponibili ad intraprendere un percorso umano e sociale per avvicinarsi concretamente all attività di volontariato sia nell ambito del servizio di assistenza che di sostegno ad attività educative; 5^ Settimana delle Biblioteche del Sistema Bibliotecario del Vittoriese (17 29 ottobre), ricca di iniziative incentrate in questa edizione sul progetto Nati per leggere ; Organizzazione di uno spettacolo teatrale, in data 18 ottobre, consistente in un musical proposto da una compagnia composta da una trentina di ragazzi e ragazze (cantanti, ballerini, attori, acrobati) uniti dall intento di promuovere e diffondere il teatro musicale anche tra i giovani. La performance musicale e interpretativa ha creato il contesto ideale per la consegna ufficiale della Borsa di studio intitolata ad Andrea Cadel; Assegnazione del 6 Premio Sub-Silva all artista locale Giovanni Bisson a cui il riconoscimento è stato conferito nel corso della manifestazione fieristica denominata Aromatica ; È stato riproposto, nel periodo natalizio, un ricco programma di eventi musicali e culturali che hanno riscosso un generale apprezzamento ed una numerosa partecipazione di pubblico. In particolare si ritiene di segnalare i tradizionali concerti di Natale realizzati presso la Chiesa di Sarano, quella di Bocca di Strada e quella del Capoluogo con la collaborazione delle relative Parrocchie e di alcune Associazioni locali, in particolare de I Cantori di Sottoselva e dell Associazione Amici Parco Bolda; si è inoltre predisposto il programma per la realizzazione, prevista per l inizio dell anno 2009, di un concerto di musica Gospel con l esibizione combinata di un coro proveniente da un Comune limitrofo, composto di oltre 50 elementi, e di un coro americano proveniente dalla Base militare di Aviano; Sono proseguiti i rapporti con la Provincia di Treviso per la promozione e programmazione di iniziative di carattere musicale. Inoltre è stata formalizzata l adesione al progetto denominato Progetto RetEventi Cultura e finalizzato alla crescita culturale della comunità trevigiana attraverso il coordinamento, la riqualificazione, la messa in rete e la comunicazione in forma unitaria, di tutti gli eventi culturali in qualche modo partecipati dall Amministrazione Provinciale. Inoltre è proseguita anche la collaborazione con l Associazione Regionale per la Promozione e la Diffusione del Teatro e della Cultura nelle Comunità Venete-ARTEVEN, istituzione che oltre ad assicurare un ampio supporto sotto il profilo organizzativo garantisce anche una più razionale ed efficace fase distributiva degli eventi culturali programmati e realizzati nel Comune. Nell'ambito delle politiche giovanili infine, continua l'attività dello Spazio Giovani. Il servizio è garantito dalla presenza di un operatore per tre pomeriggi alla settimana. Numerose sono state le iniziative che hanno visto il coinvolgimento diretto dei ragazzi che frequentano lo Spazio. Nell intento inoltre di ampliare l offerta di esperienze in tale ambito, è stato attivato, nella sua seconda edizione, il Progetto Giovani Volontariato Ambiente-liberi di esserci, elaborato in forma condivisa con il Comune di Mareno di Piave e l Associazione Amici Parco Bolda-Onlus. Il progetto mira alla realizzazione di un incontro fra le associazioni di volontariato ed i giovani diciottenni allo scopo di sensibilizzare questi ultimi, attraverso contatti diretti con le istituzioni ed il mondo del volontariato, ad una partecipazione attiva alla vita del Comune, in particolare nel campo della solidarietà, e ad una più responsabile cultura ambientale. Tra tutti i giovani contattati, 19 hanno aderito alla proposta e si sono impegnati nel corso dell anno a svolgere un certo numero di ore di volontariato. Sono continuate le relazioni di scambio con la città francese di Castanet-Tolosan volte al consolidamento dei legami sanciti dal Patto di Gemellaggio sottoscritto nell anno A tale scopo, infatti, tra la fine del mese di aprile e l inizio del mese di maggio, grazie alla generosa e proficua collaborazione del Comitato di Gemellaggio, è stata ospitata per cinque giorni una delegazione del Comune francese composta da circa n. 50 persone. L Amministrazione Comunale ha sostenuto economicamente il programma di accoglienza, fitto di impegni e visite al territorio, che è culminato in un pranzo collettivo 10

11 presso la Struttura fieristica. Inoltre da segnalare anche il viaggio, organizzato dal Comitato di Gemellaggio e intrapreso da una delegazione santalucese nel mese di settembre, presso la cittadina francese che ha rappresentato una positiva esperienza ed un ennesima occasione per rinsaldare il rapporto di amicizia instauratosi tra le due Comunità. Nel corso dell anno, conformemente ai principi statutari ed al programma attività, si è operato nell intento di valorizzare le risorse del territorio promuovendo il più possibile ogni forma di fattiva collaborazione con l Associazionismo locale, al quale è stato garantito il proprio supporto anche di tipo economico. In tale ambito ed al fine di disciplinare in modo adeguato l erogazione di contributi ordinari e straordinari alle Associazioni e favorire un rapporto trasparente e corretto, si è provveduto, nella seduta consiliare del 18 dicembre, all approvazione del Regolamento per l iscrizione all Albo Comunale delle Associazioni e per l erogazione di contributi economici diversi a Enti, Istituzioni, Associazioni ed altre forme associative, la cui applicazione decorrerà dall anno In merito infine agli specifici obiettivi gestionali del settore, si rinvia a quanto evidenziato nell allegato prospetto. 11

12 PROGRAMMA 2 SERVIZIO SERVIZI DEMOGRAFICI, ATTIVITA PRODUTTIVE, FIERE, VIGILANZA E INIZIATIVE NEL SETTORE CASA Con riferimento agli obiettivi di carattere ordinario e specifici individuati nel Programma n. 2 allegato al Bilancio di Previsione per l anno 2008 e nel relativo P.E.G., riguardante il 2 Servizio, lo stesso risulta essere stato correttamente realizzato in conformità ai contenuti stabiliti e con una gestione economica entro i limiti degli stanziamenti di bilancio. Sempre in conformità agli atti di pianificazione previsti per l anno 2008, si riscontra la seguente situazione nell ambito dei vari settori di attività: a) Servizi Demografici ed Elettorale: E stato confermato e diffuso, informando via via anche i nuovi possibili utenti, ed è sempre stato svolto con puntualità, il servizio di recapito a domicilio di documenti e certificati alle fasce più deboli della cittadinanza, come gli anziani con difficoltà di movimento che vivono soli, o le famiglie ove vi sia presenza di persone non autosufficienti. E stata regolarmente spedita ai giovani diciottenni una lettera di augurio e di richiamo ai valori del civismo e della solidarietà, e di informazione dei nuovi diritti di cui ora possono godere, e ad ogni nuovo residente è stata inviata una nota informativa sulla positiva conclusione del procedimento di iscrizione anagrafica, oltre agli orari di apertura al pubblico degli uffici del Comune e alle modalità di ricevimento di Sindaco e Assessori. In allegato alle due comunicazioni è stato trasmesso anche l elenco delle Associazioni operanti nel Comune, così da valorizzare e promuovere l associazionismo locale. Si è provveduto regolarmente, nel rispetto dei termini, a tutti gli adempimenti preliminari al rilascio della carta di identità elettronica, sia per l aspetto della sicurezza informatica che delle procedure dell anagrafe centralizzata, importante per la condivisione di dati in tempo reale con altri organi e servizi della pubblica amministrazione quali INPS, ULSS, Agenzia delle Entrate e Motorizzazione civile. Già ora tutte le variazioni anagrafiche vengono trasmesse ai vari Enti per via telematica, e possiamo dire che il nostro Comune, per questo aspetto, è all avanguardia rispetto a quelli della nostra zona. Anzi, a ulteriore miglioramento, è stato creato un collegamento informatico con la Questura di Treviso, attraverso cui le Forze dell Ordine possono accedere in tempo reale alla banca dati dell anagrafe. Nell ambito del collegamento con il sistema telematico del Ministero dell Interno INA-SAIA, inoltre, è stato effettuato il cosiddetto ripopolamento straordinario utilizzando un nuovo software che permette l invio di una serie di informazioni in precedenza non codificate agli Enti centrali attualmente connessi al sistema. Da gennaio è stato inviato ai cittadini, almeno tre mesi prima, l avviso della scadenza della carta di identità, che è stata dal 26 giugno fissata in dieci anni dalla data del rilascio, ma la cui proroga, per i documenti esistenti, deve comunque constare in un apposita annotazione. Si continua a perfezionare il ruolo del centralino come primo punto di accoglienza dell utente, ed è stata migliorata in generale la comunicazione telefonica di tutti gli uffici dell Ente, dando concreta attuazione ai corsi di formazione seguiti dal personale: si cura ora con maggiore attenzione e consapevolezza l aspetto relazionale della comunicazione, sono state concordate e rese omogenee le modalità di risposta, e in particolare il servizio di centralino provvede ora direttamente alla raccolta e fornitura di informazioni di immediata utilità, anche reperite presso altri uffici, e a presidiare comunque il buon esito delle richieste specialmente per casi di emergenza o di assenza degli operatori di riferimento negli altri uffici. Per quanto riguarda, infine, il programmato riordino del Servizio di Polizia Mortuaria, è stato elaborato lo schema del nuovo Regolamento da portare all esame del Consiglio Comunale, con l obiettivo di disciplinare tutta la materia con un unico provvedimento organico. b) Attività Produttive: In agricoltura, si è svolto il servizio annuale di lotta guidata ai parassiti delle colture, e, da maggio fino alla metà di agosto, si è effettuata la spedizione settimanale dei bollettini informativi a oltre 100 aziende. In riguardo al programma di iniziative dedicate all aggiornamento degli operatori del mondo agricolo, 12

13 con particolare riferimento alla prevenzione infortuni e alla tutela della salute del consumatore, è stato organizzato a maggio un corso per il rinnovo del patentino necessario all acquisto dei fitofarmaci, cui hanno partecipato 15 agricoltori. Nel settore delle attività commerciali va rilevato il proseguimento dell iniziativa Piazze in Festa, mirante a rivitalizzare il centro storico, il cui programma è stato ampliato anche oltre le previsioni iniziali del bilancio: si è svolta a gennaio una serata dedicata al Carnevale, con la partecipazione di nove carri allegorici di grande qualità e impatto scenografico, ed hanno avuto luogo, il 26 giugno e il 24 luglio, le serate degli appuntamenti estivi, con protrazione dell orario di apertura di negozi, esercizi pubblici e attività artigianali di servizio, trattenimenti e spettacoli per le tutte le età; è stata un occasione di svago che i cittadini hanno colto partecipando in gran numero, ma anche di valorizzazione delle attività economiche e del mondo dell associazionismo e del volontariato, tutte realtà che hanno aderito con entusiasmo. Il 10 luglio, inoltre, ha avuto luogo nel Padiglione fieristico della Filanda un prestigioso concerto appartenente alla rete di Veneto Jazz Festival. Sempre nell ambito del programma di rivitalizzazione del centro storico, dal 5 giugno il mercato settimanale ha trovato definitiva collocazione nell area di Piazza Municipio, con grande soddisfazione dei commercianti interessati che hanno subito raddoppiato il loro numero rispetto alla precedente sistemazione, arricchendo l offerta merceologica con prodotti nuovi e mancanti. I consumatori e i cittadini in generale, dal canto loro, hanno molto apprezzato la nuova opportunità di acquisto ma anche di socializzazione, con il recupero dell uso vivo e dell idea stessa della Piazza. Nel settore Fiera, i documenti per la partecipazione sono stati messi a disposizione delle ditte interessate fin da febbraio nell apposito sito internet, e sono inoltre stati spediti nel mese di giugno agli espositori abituali e a un ulteriore elenco di indirizzi, con l obiettivo di assegnare tutto lo spazio a pagamento destinato dall Amministrazione alle Ditte che ne fanno richiesta. Si osserva che in questo settore la difficile congiuntura economica generale ha prodotto effetti apparentemente contrastanti. Da un lato infatti sono stati confermati i buoni risultati in termini di incremento qualitativo, e anzi è aumentato l interesse da parte delle Ditte espositrici alla ricerca di nuove fette di mercato, tanto che le nostre Fiere non hanno risentito del trend negativo che caratterizza in questo periodo il settore in riguardo al reperimento degli espositori. Infatti, nonostante nell anno 2008 siano state aumentate le tariffe di partecipazione, tutto lo spazio disponibile per l assegnazione a pagamento è stato assegnato. Da un altro lato, invece, si è registrata una pesante flessione per quanto riguarda l affluenza del pubblico, che risente ora in maniera diretta della crisi economica e, nel 2008, è stato anche scoraggiato da condizioni meteorologiche eccezionalmente avverse, tanto che una pioggia battente ha penalizzato tutti e tre i giorni di svolgimento della manifestazione, oltre a creare gravi disagi anche nei giorni precedenti, durante l allestimento. L affluenza del pubblico risente anche del mutato contesto dell offerta commerciale, che fin dal mese di novembre prevede l apertura domenicale di negozi e centri commerciali e la presenza diffusa di manifestazioni concorrenti e sovrapposte. Per questo aspetto si sta cercando di ovviare assumendo accordi per l istituzione di una cabina di regia in collaborazione con la Provincia, così da favorire un migliore coordinamento dei vari eventi. L Amministrazione comunque ha sostenuto l afflusso dei visitatori con specifiche iniziative quali l abbonamento a prezzo agevolato per i residenti, e in generale, con la decisione di non aumentare il prezzo dei biglietti finché permane l attuale sfavorevole congiuntura economica. Ancora, si è ritenuto necessario rinnovare l interesse di espositori e pubblico con nuove iniziative, e nel 2008 si è aggiunto alla manifestazione, in via sperimentale, un Concorso internazionale di morfologia delle bovine da latte, coinvolgendo gli allevatori anche a livello europeo. Sono state presentate 40 bovine dalle caratteristiche morfologiche, genetiche e produttive straordinarie, provenienti da 4 allevamenti italiani, 15 svizzeri, 7 tedeschi e 2 austriaci. L Amministrazione comunque, nonostante il momento difficile, ha ritenuto ugualmente di onorare l ormai consolidata consuetudine di destinare una parte dell introito dei biglietti di ingresso alla Fiera ( 13

14 0,30 per ogni biglietto venduto) per obiettivi di solidarietà sociale, e per il 2008 è stato deliberato di sostenere l attività dell A.V.I. di Montebelluna, con il progetto Cucine solari in Africa. Anche la Mostra dei Vini Novelli è stata integrata con la qualificante presenza dei produttori del Raboso Piave doc. Per quanto riguarda i posteggi su area pubblica, è stato completamente riordinato l archivio storico delle assegnazioni e mantenuto aggiornato l elenco degli operatori interessati, e gli spazi sono stati tutti assegnati. Purtroppo il maltempo eccezionale ha anche qui gravemente penalizzato gli operatori, i quali avevano tutti già regolarizzato il pagamento: in tanti casi, infatti, essi hanno comunque ritenuto più conveniente non partecipare. La disponibilità dei nuovi padiglioni coperti costituisce una risorsa importante per il Comune, non solo per le manifestazioni gestite direttamente ma anche per il mondo dell associazionismo e per l imprenditorialità privata, che dimostrano sempre maggiore attenzione alle possibilità offerte dalle nuove strutture e, in diversi casi, ne richiedono l utilizzo per proprie iniziative. Ricordiamo, per il 2008, oltre alle varie iniziative culturali (teatro, concerti, ecc.) organizzate dal Comune e alle tradizionali Feste e Sagre, la partecipatissima serata conclusiva di Carnevali di Marca, e il concerto con il Gruppo OBI 4, inserito nel prestigioso cartellone di Veneto Jazz. Per quanto riguarda l iniziativa Progetto Camper - che prevedeva diverse tappe, fra le quali la creazione della guida tematica illustrativa avvenuta nel 2007, e, nel 2008, l organizzazione di una manifestazione fieristica dedicata al mondo del camperismo, del tempo libero e delle energie alternative - occorre segnalare che l Amministrazione, per salvaguardare gli equilibri del bilancio, è giunta alla determinazione di sospendere l avvio di tale nuova manifestazione fieristica in mancanza di contributi o sponsorizzazioni certi ed adeguati. c) Servizio di Polizia Municipale: Il Consorzio di Polizia Municipale Piave, cui il Comune aderisce con l obiettivo di ottimizzare le risorse a disposizione ottenendo una maggiore qualificazione delle funzioni della polizia municipale, ha ancora intensificato la propria azione nel territorio, nonostante il numero di agenti in servizio risulti inferiore agli standard ottimali di organico. Per poter accogliere le richieste di potenziamento del servizio dei Comuni aderenti, e non ultima quella relativa alla presenza del Vigile di prossimità avanzata dal Comune di Santa Lucia di Piave, il Consorzio stesso, nell attesa di espletare un programmato concorso per l assunzione di nuovi agenti a tempo indeterminato, ha assunto per quattro mesi tre agenti quale personale stagionale, attingendo alla graduatoria di un corso-concorso svoltosi presso la Scuola di Polizia del Consorzio. E stata quindi soddisfatta la richiesta del Comune dell istituzione del Vigile di prossimità, e dal 1 luglio ha avuto inizio il distaccamento in loco, per 24 ore settimanali e con specifiche mansioni di vigilanza sul territorio, di un agente fisso, riferimento costante per la cittadinanza e l Amministrazione Comunale. Le attività di tale figura si sono concretate non solo nel settore della vabilità, ma soprattutto nella vigilanza dei parchi pubblici e in merito al corretto smaltimento dei rifiuti, nel monitoraggio di varie situazioni di rischio, anche segnalate dai cittadini, in materia di ordine e sicurezza, in controlli di polizia annonaria. E importante segnalare che, grazie a una più funzionale organizzazione e alla presenza del Vigile di prossimità, vi è stato nel 2008 un incremento del 13,20% rispetto al 2007 in riguardo alle ore di servizio dedicate al controllo generale e a servizi sul territorio ( 62,80% nel % nel 2008). Rimane inoltre costante la presenza di uno specifico referente per il Comune in modo da ottimizzare le comunicazioni e i tempi di risposta per l utenza. 14

15 Particolare attenzione è stata poi dedicata al settore degli accertamenti anagrafici, non soltanto relativi al fortissimo movimento immigratorio determinato dai nuovi insediamenti edilizi, ma anche finalizzati ad evidenziare le specifiche situazioni di rischio, quali irregolarità edilizie, problematiche di tipo igienicosanitario o di ordine pubblico che la residenza e l abitazione comportano, soprattutto nel caso di cittadini extracomunitari. d) Iniziative nel settore della casa: E proceduto regolarmente l esercizio delle deleghe conferite dalla Regione nel settore, ed è stato svolto un servizio di informazione all utenza anche sulla possibilità di finanziamenti e contributi reperibili presso altri Enti pubblici, da ultimo quelli messi a concorso dalla Regione a fine anno, tenendo costantemente aggiornato un elenco di richiedenti cui sono state inviate informazioni personalizzate in corrispondenza dei termini dei bandi di concorso specifici (ad esempio per contributi affitto, prima-casa, inserimento nelle graduatorie di assegnazione alloggio, ecc.). 15

16 PROGRAMMA N. 3 FINANZE TRIBUTI SISTEMA INFORMATICO Gestione tributi comunali 1) Gestione tributi comunali Servizi ai contribuenti L Ufficio Tributi, oltre all ordinaria attività e al regolare espletamento degli adempimenti previsti dalla normativa e dai regolamenti comunali, si è impegnato nel riordino della banca dati dei tributi ponendo particolare attenzione all assistenza al contribuente in tutti gli adempimenti a cui questo deve far fronte in materia di Imposta Comunale sugli Immobili. Nell ambito di tale obiettivo si è provveduto a fornire all utenza, oltre al servizio di informazione, anche la compilazione dei bollettini e l assistenza per la compilazione delle dichiarazioni di variazioni anno Il servizio di bollettazione, iniziato nell anno 2007, gratuito e in costante fase di implementazione, è stato gradito dai destinatari in quanto ha consentito il risparmio dell onere sulla consulenza, permettendo nel contempo all Ente di mantenere aggiornata la posizione del contribuente. Il numero dei cittadini ai quali è stato rivolto il servizio completo di predisposizione della documentazione necessaria all assolvimento degli obblighi tributari (indipendentemente dalle categorie catastali e dalle caratteristiche degli immobili posseduti) è aumentato notevolmente, coinvolgendo i contribuenti già oggetto di verifiche. Il lavoro di bollettazione, inizialmente predisposto sulla base di una recente modifica normativa (Legge Finanziaria 2008), è stato successivamente reimpostato comportando una rielaborazione sulla base di quanto disposto dal nuovo D.L. N. 93 del che ha esentato dall imposta gli immobili destinati ad abitazione principale e loro pertinenze. Sono stati predisposti e recapitati n bollettini. Per alleviare i disagi creati dall incertezza sulle corrette modalità di applicazione della suddetta modifica normativa adottata in prossimità della scadenza per il versamento dell acconto (16 giugno 2008), con deliberazione di Giunta comunale n. 69 del si è provveduto a prorogare il termine di pagamento al 31 luglio 2008, permettendo ai contribuenti di avere informazioni esatte, necessarie per evitare versamenti errati. Sono state raccolte n.296 dichiarazioni delle variazioni ICI Alle utenze del servizio di energia elettrica il gestore ha fatto recapitare un questionario da compilare e restituire con i dati catastali degli immobili presso i quali erano state attivate le prestazioni. Tale richiesta, motivata da una disposizione della Legge Finanziaria 2005 (art.1, comma 33 della L.311 del ), si è rivelata un compito particolarmente gravoso per molti cittadini. L ufficio tributi si è fatto carico di assisterli in questo adempimento sfruttando i dati disponibili nei fascicoli personali delle posizioni ici. Sportello ICI virtuale Si è continuato a monitorare lo sportello ICI virtuale per poter fornire al contribuente via Internet, le informazioni necessarie al calcolo dell imposta ICI, visualizzare la propria posizione contributiva presente nella banca dati del Comune e dare la possibilità d attivazione del pagamento on line ; Controlli/verifiche e attività di accertamento/liquidazione 16

17 Nel corso del 2008 si è proceduto a riordinare e ad aggiornare la banca dati ici, agevolando il controllo sulla regolarità dei versamenti e delle dichiarazioni, consentendo di perseguire con maggiore efficacia gli indispensabili obiettivi di trasparenza ed equità fiscale. La metodologia di lavoro sinora adottata dall Ufficio Tributi si è dimostrata precisa ed efficace ed in grado di prevenire, per quanto possibile, eventuali contenziosi. Il contribuente viene messo a conoscenza delle eventuali anomalìe riscontrate e si è sempre dimostrato motivato ad interagire con il personale comunale. Sono state trattate, analizzate, verificate e definite n.512 posizioni tributarie relative ad imposta comunale sugli immobili ed elaborate altrettante schede di verifica. 2) Gestione finanziaria ed economico patrimoniale Le attività principali hanno riguardato la programmazione economico-finanziaria (predisposizione del P.E.G. finanziario), il processo di formazione e gestione del bilancio anche tramite le variazioni dello stesso, la contabilità finanziaria nelle fasi degli accertamenti, impegni, riscossioni, liquidazioni e pagamenti, la contabilità economico-patrimoniale con la tenuta degli inventari dei beni del Comune, la contabilità fiscale ed Irap, il supporto al controllo di gestione, il controllo delle risorse finanziarie (mutui e altre forme di prestito). La gestione contabile, ha comportato la considerazione dei valori finanziari, espressi dalle entrate e dalle spese, trattati, prima nella loro quantificazione unitaria e globale di tipo previsionale e, poi, nella loro dinamica. E stato costantemente verificato l equilibrio finanziario della gestione effettiva, ricercando in continuazione le condizioni atte ad assicurarlo. In questo modo l ente ha utilizzato unicamente le risorse realmente disponibili per far fronte agli impegni e ai pagamenti che si sono resi necessari nello svolgimento della propria attività. Più in sintesi, il Servizio finanziario ha: - garantito il controllo della gestione per una efficace applicazione dei principi contabili ed amministrativi; - fornito un supporto conoscitivo in grado di supportare le scelte gestionali; - monitorato costantemente lo stato di attuazione degli obiettivi di finanza pubblica (patto di stabilità) salvaguardando, nel contempo e con la collaborazione degli altri servizi comunali, i programmi specifici del Comune sia con riferimento alla gestione corrente che a quella relativa agli investimenti. L efficacia dell intera gestione contabile va anche ricondotta alla centralità attribuita (coerentemente con le scelte effettuate in questi ultimi anni), ad una corretta programmazione delle attività. Lo stesso bilancio di previsione 2008 è stato approvato con delibera consiliare n. 50 del nel pieno rispetto dei termini di legge, evitando rallentamenti e sovrapposizioni di adempimenti. L avvìo puntuale di tutte le attività programmate ha favorito una gestione efficiente dell ente e una maggiore efficacia nel raggiungimento degli obiettivi programmati. In data 18 dicembre 2008, inoltre, è stato approvato il Bilancio di previsione 2009 e pluriennale , garantendo in questo modo una pronta e regolare partenza anche della gestione Tra gli effetti positivi di questo tipo di impostazione si possono segnalare, a solo titolo di esempio: la percentuale di realizzazione delle entrate correnti pari al 96,60 % degli accertamenti ( ,43) sul totale delle previsioni ( ,00); la percentuale di utilizzo degli stanziamenti di spesa corrente pari al 96,63 % (impegni di spesa); un avanzo d amministrazione finale ( ,56) derivante per soli ,45 dalla gestione ordinaria di competenza; il raggiungimento degli obiettivi del patto di stabilità. I dati appena evidenziati, seppur sintetici, dimostrano in modo semplice e diretto, l attenzione con cui viene gestito il denaro dei cittadini. 17

18 La percentuale di realizzazione delle entrate correnti ( 96,60 %) per esempio, non indica solamente la pressoché totale coincidenza tra il dato previsionale e quello definitivamente accertato, ma pone in evidenza il corretto equilibrio con cui l ente ha reperito le risorse necessarie per finanziare l erogazione dei propri servizi, contenendo il più possibile il peso finanziario a carico degli utenti. Il secondo indicatore (96,63 % di utilizzo degli stanziamenti di spesa corrente) dimostra l efficacia di un efficiente programmazione finanziaria tesa a non ingessare il bilancio con previsioni difficilmente attuabili nel corso dell esercizio di competenza, mantenendo gli stanziamenti nella misura strettamente necessaria a garantire la migliore qualità dei servizi resi ai cittadini e il rispetto dei vincoli del patto di stabilità interno. L avanzo d amministrazione finale deriva per soli ,45 dalla gestione di competenza 2008 e, nel complesso ( ,56) rappresenta il 2 % del volume totale (entrata+uscita) dell intera gestione finanziaria (accertamenti + impegni di spesa / competenza+residui). Tale valore, molto contenuto se rapportato alle dimensioni dell ente e, come detto, all intero bilancio finanziario gestito, dimostra la capacità di utilizzo di tutte le risorse finanziarie dell ente che, attraverso un costante monitoraggio delle stesse ed un efficace lavoro di squadra, ha permesso di gestire al meglio il bilancio comunale ed anche di recuperare risorse aggiuntive straordinarie attraverso una sistematica ed oculata operazione di riaccertamento dei residui e con un prudenziale accantonamento di quote di avanzo dell esercizio precedente. Come già sopra evidenziato, all efficacia dell intera gestione ha contribuito, anche nell anno 2008, una corretta ed efficiente programmazione delle attività. Sotto questo profilo si evidenzia, inoltre: - l approvazione del rendiconto 2007 avvenuta in data ; - la verifica intermedia sullo stato di attuazione dei programmi e sugli equilibri di bilancio effettuata nel mese di luglio e riferita al primo semestre (dall al ); - l approvazione in data 18 dicembre 2008 del bilancio di previsione Assicurando un regolare processo di programmazione delle attività e di verifica intermedia si è inoltre evitato periodi di esercizio provvisorio e la sovrapposizione di complessi adempimenti amministrativi e gestionali. Dall è iniziata la nuova gestione del servizio di tesoreria da parte della Cassa di Risparmio di Padova e Rovigo S.p.A. vincitrice della gara svoltisi alla fine del Da segnalare, tra le novità di rilievo, l introduzione del c.d. mandato informatico che, già in questo primo anno, ha permesso di rendere più moderna ed efficace la gestione dei pagamenti dell ente, grazie soprattutto al sistema della firma digitale. Patto di stabilità Il patto di stabilità interno rappresenta il principale strumento di politica economica mediante il quale l autorità centrale impegna i governi delle autonomie locali a concorrere al raggiungimento degli obiettivi di finanza pubblica sanciti dal Trattato di Maastricht e dal Patto europeo di stabilità e crescita; La legge 27/12/2006, n. 296 (legge finanziaria 2007) all art. 1, commi dal 676 al 695, aveva ridefinito, a decorrere dal 2007, la struttura del patto di stabilità apportando una notevole modifica sul metodo di calcolo del Patto di stabilità da effettuare per gli anni , con il passaggio dai tetti di spesa svincolati dalle entrate previsti negli anni 2005 e 2006, ai nuovi saldi tra entrate finali (Titolo I II III IV) e spese finali (Titolo I e II). La legge finanziaria 2008 (Legge n. 244/2007) ha introdotto, con l art. 1 comma 379, delle ulteriori modifiche alle precedenti disposizioni. In particolare, con il comma 379 lett. e) prima parte, il patto di stabilità assume competenza mista. Si conteggia l accertato e l impegnato di parte corrente e l incassato e il pagato di parte capitale. Non rilevano più ai fini patto di stabilità: a) in entrata l incassato dei primi tre titoli; l accertato del titolo IV. B) in spesa il pagato a titolo I spesa e l impegnato a titolo II spesa. 18

19 E evidente che anche un obiettivo di tale natura e portata non può realizzarsi solo con strumenti prettamente contabili o per effetto di ulteriori verifiche di bilancio. Per questo motivo nell attività gestionale del 2008 è risultato fondamentale continuare a programmare al meglio le proprie attività perseguendo l economicità dei servizi e soprattutto tenuto conto del sopra richiamato meccanismo della competenza mista che risulta fortemente condizionato dalla gestione di cassa in c/capitale - monitorare costantemente il piano dei pagamenti delle spese d investimento (titolo II delle uscite di bilancio) al fine cercare di contenere tali uscite entro un importo complessivo con un valore idoneo a garantire il rispetto degli obiettivi di saldo finale di competenza mista.e fermo restando il regolare andamento dell entrata e tenendo conto, prudentemente, degli imprevisti derivanti, ad esempio, da improvvisi tagli ai trasferimenti dello Stato (come quelli ai rimborsi del gettito dell abitazione principale) o da altre cause. Questi obiettivi sono contenuti, in cifre, negli appositi prospetti allegati alla deliberazione di consiglio comunale n. 11 del che evidenziano: il calcolo della misura della manovra (all.sub bi della C.C. n.11/08); la determinazione dell obiettivo annuale di competenza mista per gli anni (all.sub bii della C.C. n.11/08 ). Tutte queste novità hanno comportato un impegnativo coinvolgimento del Servizio finanziario sia in termini di aggiornamento normativo che in fase di programmazione e controllo delle spese e delle entrate. Le disposizioni sul patto di stabilità 2008 hanno previsto inoltre adempimenti e procedure di verifica periodica che hanno riguardato tutti i Servizi oltre all Ufficio Ragioneria cui è spettato, in particolare, coordinare tali verifiche. Il Servizio Finanziario ha operato in modo da assicurare la costante verifica sull andamento del bilancio (entrate e uscite) e, allo stesso tempo, il puntuale coordinamento della gestione finanziaria dei vari Servizi. Un lavoro molto delicato e importante che, fin dall introduzione dei vincoli del patto di stabilità (anno 1999), insieme alle scelte degli organi di governo, ha contribuito al raggiungimento dei gravosi obiettivi di finanza pubblica per ben nove esercizi finanziari di seguito. Anche nel 2008 tali obiettivi sono stati raggiunti. I prospetti analitici sulle risultanze del patto di stabilità in rapporto agli obiettivi da raggiungere sono riportati più avanti nel paragrafo dedicato all andamento generale del bilancio finanziario. La rappresentazione sintetica del rispetto dei vincoli del patto di stabilità 2008 è la seguente: Saldo finanziario di competenza mista (in migliaia di euro) Obiettivo programmatico: Risultato finale: Differenza Supporto contabile al Direttore Generale e ai Responsabili dei Servizi per l attività di controllo di gestione e per la predisposizione del referto finale Il controllo di gestione (come previsto dall'art. 196 /T.U./2000) consiste, in sintesi, nell'insieme di attività rivolte alla costante verifica dello stato di attuazione dei programmi e sul raggiungimento degli obiettivi prefissati Il controllo di gestione all interno del Comune di Santa Lucia di Piave, è stato effettuato dal Direttore Generale e dai Responsabili dei Servizi d intesa con gli assessori di reparto e con il Consorzio Opitergino (ente erogatore del servizio di gestione economico-giuridica del personale con incarichi inerenti all attività del nucleo di valutazione) nel rispetto del Regolamento comunale di contabilità e del Regolamento comunale per l ordinamento della struttura organizzativa, secondo i principi fissati dalla vigente normativa, tenuto conto delle caratteristiche specifiche dell ente sia in termini di dimensioni che in termini di tipologia di servizi erogati. Il sistema ha cercato di rispondere, in particolare, a due specifiche esigenze: la gestione delle informazioni relative ai risultati della gestione, attraverso la considerazione degli aspetti non solo quantitativi (risorse disponibili utilizzate) ma anche qualitativi (programmi e obiettivi realizzati); 19

20 il supporto concreto alla struttura organizzativa ed alle decisioni strategiche degli organi di governo, anche ai fini della correzione degli interventi previsti per il conseguimento degli obiettivi specifici prefissati (Relazione previsionale e programmatica, P.E.G. con annesso piano dettagliato degli obiettivi ed attribuzione delle relative risorse ai vari Centri di Responsabilità). A tale scopo l intera organizzazione comunale, anche nell anno 2008, ha operato in modo da assicurare un controllo di gestione riferito ai singoli Programmi/Servizi e articolato nelle seguenti fasi: Determinazione di programmi, obiettivi e indicatori finali / Assegnazione risorse Relazione previsionale e programmatica approvata dal Consiglio comunale contenente n. 5 programmi specifici, uno per ogni Servizio Piano Dettagliato degli Obiettivi P.E.G. con annesso piano dettagliato degli obiettivi ed attribuzione delle relative risorse ai vari Centri di Responsabilità Monitoraggio costante da parte dei responsabili dei C.d.R. e del Direttore Generale sull andamento della gestione in relazione agli obiettivi e alle risorse reali utilizzate nel processo produttivo; Deliberazione di Consiglio comunale sullo stato di attuazione dei programmi e verifica degli equilibri di bilancio approvata a metà dell anno; Verifica finale sullo stato di attuazione degli obiettivi programmati anche attraverso l analisi sintetica delle risorse utilizzate nonchè la quantità e la qualità dei servizi offerti. Le finalità perseguite dal controllo di gestione sono state, in sintesi, quelle di seguito riportate: - verificare la realizzazione degli obiettivi programmati - realizzare un economica gestione delle risorse disponibili - garantire l imparzialità ed il buon andamento della pubblica amministrazione - rendere l azione amministrativa trasparente. Inoltre, per mezzo della contabilità finanziaria, sono stati elaborati vari tipi di controllo finanziario della gestione, al fine di garantire il mantenimento degli equilibri finanziari di bilancio nonché di avere indici di gestione che permettono di capire i meccanismi dell attività finanziaria. Tali informazioni contabili sono risultate indispensabili anche per verificare il raggiungimento degli obiettivi di finanza pubblica imposti dal patto di stabilità interno nonché per la verifica del rispetto delle altre disposizioni normative collegate alla gestione economico-finanziaria dell ente. Nel corso del 2008 è stato anche predisposto ed approvato il referto sulla conclusione del controllo di gestione per l esercizio precedente (2007) che è stato regolarmente trasmesso anche alla Corte dei Conti. Con le opportune modifiche ed integrazioni (ad esempio: aggiunta di relazioni dettagliate sullo stato di attuazione di programmi e obiettivi) è stato utilizzato il modello/schema di referto di controllo di gestione proposto dall Associazione dei Comuni della Marca Trevigiana. A tale proposito, nella relazione della Corte dei Conti - Sezione regionale del Controllo di Venezia con oggetto "Indagine sull'osservanza da parte degli enti locali dell'obbligo di comunicazione degli esiti del referto delle strutture operative preposte al controllo di gestione posto dall'art. 198.bis del TUEL, introdotto dall'art. 1, comma 5, del D.L. 12 luglio 2004, n. 168, convertito in legge 30 luglio 2004, n. 191", nella sezione dell'analisi dei referti dell'anno 2004 viene riportato che «complessivamente è forse la Provincia di Treviso che maggiormente si distingue, in quanto se il 22,11% dei comuni non ha seguito il disposto normativo, dei rimanenti ben il 60%, su un totale di 95 enti - e tra questi Santa Lucia di P.- ha fatto riferimento a strumenti metodologici adeguat 3) Gestione delle risorse tecnologiche e privacy Il Sistema informatico è stato mantenuto in efficienza attraverso la costante manutenzione e l aggiornamento delle apparecchiature in dotazione (Personal Computer, Stampanti, Fotocopiatori, 20

Ufficio di Servizio Sociale BANDO PUBBLICO PER LA PARTECIPAZIONE AL PROGETTO. Accompagnamento e integrazione sociale di persone con disabilità

Ufficio di Servizio Sociale BANDO PUBBLICO PER LA PARTECIPAZIONE AL PROGETTO. Accompagnamento e integrazione sociale di persone con disabilità Prot. nr. 1617 BANDO PUBBLICO PER LA PARTECIPAZIONE AL PROGETTO Accompagnamento e integrazione sociale di persone con disabilità In esecuzione della Determinazione del Responsabile dell Area Amministrativa

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE

REGOLAMENTO COMUNALE COMUNE DI ORZIVECCHI PROVINCIA DI BRESCIA REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI SOVVENZIONI, CONTRIBUTI, SUSSIDI ED AUSILI FINANZIARI E L ATTRIBUZIONE DI VANTAGGI ECONOMICI DI QUALUNQUE GENERE A PERSONE

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA CONFERENZA CITTADINA DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE AUTONOME STATALI E PARITARIE DELL INFANZIA E DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE

REGOLAMENTO DELLA CONFERENZA CITTADINA DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE AUTONOME STATALI E PARITARIE DELL INFANZIA E DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE REGOLAMENTO DELLA CONFERENZA CITTADINA DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE AUTONOME STATALI E PARITARIE DELL INFANZIA E DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Finalità 1.1 Il

Dettagli

Regolamento per la concessione di contributi a enti e associazioni

Regolamento per la concessione di contributi a enti e associazioni Regolamento per la concessione di contributi a enti e associazioni approvato con atto consiliare n. 50 del 27/06/2002 REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI A ENTI E ASSOCIAZIONI Capo I - DISCIPLINA

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO DEL COMUNE DELLA SPEZIA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO DEL COMUNE DELLA SPEZIA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO DEL COMUNE DELLA SPEZIA Deliberato dalla Giunta Comunale con atto n. 177 del 11.05.2001 Modificato ed integrato

Dettagli

Bando di Accreditamento di Soggetti professionali per l erogazione di:

Bando di Accreditamento di Soggetti professionali per l erogazione di: Bando di Accreditamento di Soggetti professionali per l erogazione di: 1. Interventi socio educativi finalizzati al sostegno di minori in affido e/o famiglie affidatarie; 2. Interventi socio educativi

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri

Presidenza del Consiglio dei Ministri Presidenza del Consiglio dei Ministri CONFERENZA UNIFICATA (ex art. 8 del D.Lgs. 28 agosto 1997, n. 281) SEDUTA DEL 2 MARZO 2000 Repertorio Atti n. 221 del 2 marzo 2000 Oggetto: Accordo tra Governo, regioni,

Dettagli

CITTÀ DI MOGLIANO VENETO PROVINCIA DI TREVISO

CITTÀ DI MOGLIANO VENETO PROVINCIA DI TREVISO COPIA Reg. pubbl. N. lì CITTÀ DI MOGLIANO VENETO PROVINCIA DI TREVISO DETERMINAZIONE N. 1035 DEL 31-12-2013 - SETTORE SERVIZI ALLA PERSONA - OGGETTO: Associazioni culturali locali diverse. Sostegno attività

Dettagli

FOMULARIO L. R. DELLA CALABRIA N. 8/88 ISTANZE CONTRIBUTI COMUNI PER CENTRI POLIVALENTI GIOVANI SCADENZA 30 MARZO 2012

FOMULARIO L. R. DELLA CALABRIA N. 8/88 ISTANZE CONTRIBUTI COMUNI PER CENTRI POLIVALENTI GIOVANI SCADENZA 30 MARZO 2012 COMUNE DI LONGOBARDI ASSESSORATO ALLE POLITICHE SOCIALI Con delibera di giunta n. 25 del 29 marzo 2012, il comune di Longobardi, di cui è sindaco Giacinto Mannarino, ha presentato istanza alla Regione,

Dettagli

C I T T À D I C O N E G L I A N O

C I T T À D I C O N E G L I A N O C I T T À D I C O N E G L I A N O (C.A.P. n. 31015) PROVINCIA DI TREVISO Unità organizzativa competente: DIREZIONE GENERALE AREA AFFARI GENERALI E SERVIZI ALLA PERSONA Via A. Carpenè, 2 Tel. 0438-413210

Dettagli

g) il personale accompagnatore assume l obbligo di un attenta ed assidua vigilanza; ad esso fanno carico le responsabilità di cui all art.

g) il personale accompagnatore assume l obbligo di un attenta ed assidua vigilanza; ad esso fanno carico le responsabilità di cui all art. Istituto Comprensivo Rovereto Nord REGOLAMENTO VISITE GUIDATE, VIAGGI DI ISTRUZIONE E ATTIVITA DIDATTICHE E FORMATIVE SVOLTE IN AMBIENTE EXTRA-SCOLASTICO Art.1 Finalità e tipologia 1. Tutte le iniziative

Dettagli

COMUNE DI SANT ILARIO D ENZA (Provincia di Reggio Emilia) REGOLAMENTO DEL SERVIZIO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE

COMUNE DI SANT ILARIO D ENZA (Provincia di Reggio Emilia) REGOLAMENTO DEL SERVIZIO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE COMUNE DI SANT ILARIO D ENZA (Provincia di Reggio Emilia) REGOLAMENTO DEL SERVIZIO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE Approvato con deliberazione del Consiglio comunale n 65 del 29 novembre 2004 pubblicata

Dettagli

Educando nella Provincia di Varese 2012

Educando nella Provincia di Varese 2012 Scheda progetto Educando nella Provincia di Varese 2012 ANCI Lombardia coordina e organizza le azioni degli enti associati in materia di servizio civile definendo una precisa strategia metodologica comune

Dettagli

SCHEDA RIASSUNTIVA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA RIASSUNTIVA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ASSOCIAZIONE CULTURALE SCUOLA DI MUSICA I MINIPOLIFONICI TRENTO VILLAZZANO-POVO RAVINA-ROMAGNANO COGNOLA SOPRAMONTE BESENELLO SCHEDA RIASSUNTIVA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN

Dettagli

L'anno addì.. del mese di, in T R A. La Dr.ssa nata a ( ) il, nella. sua qualità di Dirigente del Comune di Desenzano del Garda

L'anno addì.. del mese di, in T R A. La Dr.ssa nata a ( ) il, nella. sua qualità di Dirigente del Comune di Desenzano del Garda L'anno addì.. del mese di, in Desenzano del Garda, nella Residenza Municipale T R A La Dr.ssa nata a ( ) il, nella sua qualità di Dirigente del Comune di Desenzano del Garda abilitato alla stipulazione

Dettagli

REGOLAMENTO SPESE DI RAPPRESENTANZA E RELAZIONI PUBBLICHE

REGOLAMENTO SPESE DI RAPPRESENTANZA E RELAZIONI PUBBLICHE Pagina 1 di 5 Documento PER L EFFETTUAZIONE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA E PER Rev. Data Oggetto della revisione 1 01.12.11 1a emissione. Approvato con deliberazione Consiglio Comunale n. 9 del 16/01/2012

Dettagli

COMUNE DI VENEGONO SUPERIORE Provincia di Varese

COMUNE DI VENEGONO SUPERIORE Provincia di Varese COMUNE DI VENEGONO SUPERIORE Provincia di Varese TITOLO I RAPPORTI CON L ASSOCIAZIONISMO ART. 1: Principi e finalità Il Comune riconosce e promuove il valore culturale, di solidarietà e di promozione sociale

Dettagli

COMUNE DI SANT ANTIOCO (Provincia di Carbonia- Iglesias)

COMUNE DI SANT ANTIOCO (Provincia di Carbonia- Iglesias) COMUNE DI SANT ANTIOCO (Provincia di Carbonia- Iglesias) BANDO PUBBLICO PROGRAMMA PER LA REALIZZAZIONE DI AZIONI DI CONTRASTO DELLE POVERTA - Linea di intervento 3 - CONCESSIONE DI SUSSIDI PER LO SVOLGIMENTO

Dettagli

REGOLAMENTO PER GLI INTERVENTI DI ASSISTENZA ECONOMICA A FAVORE DI SINGOLE PERSONE E FAMIGLIE IN SITUAZIONE DI DISAGIO SOCIO- ECONOMICO

REGOLAMENTO PER GLI INTERVENTI DI ASSISTENZA ECONOMICA A FAVORE DI SINGOLE PERSONE E FAMIGLIE IN SITUAZIONE DI DISAGIO SOCIO- ECONOMICO REGOLAMENTO PER GLI INTERVENTI DI ASSISTENZA ECONOMICA A FAVORE DI SINGOLE PERSONE E FAMIGLIE IN SITUAZIONE DI DISAGIO SOCIO- ECONOMICO Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 16 del 28 febbraio

Dettagli

DISPOSIZIONI IN MATERIA DI AGRICOLTURA SOCIALE

DISPOSIZIONI IN MATERIA DI AGRICOLTURA SOCIALE DISPOSIZIONI IN MATERIA DI AGRICOLTURA SOCIALE Art. 1 - Finalità e oggetto. 1. La Regione del Veneto promuove l agricoltura sociale quale aspetto della multifunzionalità delle attività agricole, per ampliare

Dettagli

Settore Socio-Educativo. Assistenza domiciliare. Fattori della qualità. Competenza Professionalità degli operatori. Indicatori di qualità

Settore Socio-Educativo. Assistenza domiciliare. Fattori della qualità. Competenza Professionalità degli operatori. Indicatori di qualità Settore Socio-Educativo Fattori della qualità Indicatori di qualità Competenza Professionalità degli operatori Grado di soddisfazione degli utenti: 70% di soddisfazione del campione esaminato. Monitoraggio

Dettagli

REGOLAMENTO LUDOTECA COMUNALE. - Approvato con del. C.C. n. 71-446 del 3.10.2005;

REGOLAMENTO LUDOTECA COMUNALE. - Approvato con del. C.C. n. 71-446 del 3.10.2005; CITTA DI CONEGLIANO PROVINCIA DI TREVISO REGOLAMENTO LUDOTECA COMUNALE - Approvato con del. C.C. n. 71-446 del 3.10.2005; - Data entrata in vigore: 14.10.2005 1 REGOLAMENTO LUDOTECA COMUNALE ARTICOLO 1

Dettagli

Comune di Coccaglio Provincia di Brescia. Regolamento Comunale PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI E SUSSIDI AD ENTI, ASSOCIAZIONI E PRIVATI

Comune di Coccaglio Provincia di Brescia. Regolamento Comunale PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI E SUSSIDI AD ENTI, ASSOCIAZIONI E PRIVATI Comune di Coccaglio Provincia di Brescia Regolamento Comunale PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI E SUSSIDI AD ENTI, ASSOCIAZIONI E PRIVATI Approvato con delibera C.C. n 34 del 21.06.2010 Deliberazione C.C.

Dettagli

REGOLAMENTO SPESE DI RAPPRESENTANZA CONCESSIONE PATROCINI ADESIONE A COMITATI D ONORE

REGOLAMENTO SPESE DI RAPPRESENTANZA CONCESSIONE PATROCINI ADESIONE A COMITATI D ONORE Comune di Spilamberto REGOLAMENTO SPESE DI RAPPRESENTANZA CONCESSIONE PATROCINI ADESIONE A COMITATI D ONORE Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 45 del 28.05.2012, divenuta esecutiva ai

Dettagli

ACCORDO TRA LA REGIONE MARCHE L UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE. Visti: - gli artt. 117 e 118 della Costituzione che assegnano alle Regioni competenze

ACCORDO TRA LA REGIONE MARCHE L UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE. Visti: - gli artt. 117 e 118 della Costituzione che assegnano alle Regioni competenze ACCORDO TRA LA REGIONE MARCHE E L UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE Visti: - gli artt. 117 e 118 della Costituzione che assegnano alle Regioni competenze esclusive in materia di Istruzione e Formazione Professionale

Dettagli

REGIONE LAZIO ACCORDO REGIONALE PER

REGIONE LAZIO ACCORDO REGIONALE PER ALLEGATO A (Il presente allegato consta di n. 8 pagine.) REGIONE LAZIO ACCORDO REGIONALE PER L INTEGRAZIONE SCOLASTICA E FORMATIVA DEGLI STUDENTI CON DISABILITA (Legge 5 febbraio 1992 n. 104) 1 di 8 PREMESSA

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Allegato parte integrante regolamento PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Regolamento per l inserimento e l integrazione degli studenti stranieri nel sistema educativo provinciale (articolo 75 della legge provinciale

Dettagli

Legge Regionale Sardegna 22/8/2007 n. 9 (B.U.R 31/8/2007 n. 28) Norme in materia di polizia locale e politiche regionali per la sicurezza

Legge Regionale Sardegna 22/8/2007 n. 9 (B.U.R 31/8/2007 n. 28) Norme in materia di polizia locale e politiche regionali per la sicurezza Legge Regionale Sardegna 22/8/2007 n. 9 (B.U.R 31/8/2007 n. 28) Norme in materia di polizia locale e politiche regionali per la sicurezza Articolo 1 - Oggetto e finalità Oggetto e finalità 1. La presente

Dettagli

Linee Guida di cui all articolo 13, comma 1-quinquies del decreto legge 31 gennaio 2007, n. 7, convertito dalla legge 2 aprile 2007, n.

Linee Guida di cui all articolo 13, comma 1-quinquies del decreto legge 31 gennaio 2007, n. 7, convertito dalla legge 2 aprile 2007, n. Linee Guida di cui all articolo 13, comma 1-quinquies del decreto legge 31 gennaio 2007, n. 7, convertito dalla legge 2 aprile 2007, n. 40 Premessa Il presente documento contiene indicazioni e orientamenti

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CENTRO DIURNO PER DISABILI ART. 2 FINALITA DEL CENTRO

REGOLAMENTO DEL CENTRO DIURNO PER DISABILI ART. 2 FINALITA DEL CENTRO REGOLAMENTO DEL CENTRO DIURNO PER DISABILI ART. 1 IDENTITA DEL CENTRO DISABILI E istituito presso i locali di proprietà dell Ipab Manlio Canepa in V.le Vittoria loc. San Terenzo, un Centro diurno per disabili

Dettagli

REGOLAMENTO del Centro Territoriale di Supporto Alceo Selvi

REGOLAMENTO del Centro Territoriale di Supporto Alceo Selvi Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Centro Territoriale di Supporto Alceo Selvi ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE PIAZZA MARCONI - VETRALLA P.

Dettagli

Le linee guida regionali sui piani di zona 2011 2015: da Casa di Riposo a Centro di Servizio

Le linee guida regionali sui piani di zona 2011 2015: da Casa di Riposo a Centro di Servizio Le linee guida regionali sui piani di zona 2011 2015: da Casa di Riposo a Centro di Servizio Il quadro Istituzionale organizzativo in Regione Veneto Dirigente Regionale Servizi Sociali dott. Mario Modolo

Dettagli

Prefettura Ufficio territoriale del Governo di Ascoli Piceno

Prefettura Ufficio territoriale del Governo di Ascoli Piceno PATTO PER LA SICUREZZA TRA LA PREFETTURA - UFFICIO TERRITORIALE DEL GOVERNO DI ASCOLI PICENO E IL COMUNE DI SAN BENEDETTO DEL TRONTO finalizzato alla realizzazione di iniziative per un governo complessivo

Dettagli

PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015

PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015 PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015 La definizione del Programma Il Programma annuale è elaborato ai sensi del Regolamento concernente le istruzioni generali sulla gestione amministrativo -

Dettagli

LE ATTIVITA E I SERVIZI OFFERTI

LE ATTIVITA E I SERVIZI OFFERTI SERVIZI SCOLASTICI L ufficio Pubblica Istruzione si trova in Piazza XXVI Aprile, n. 16. L ufficio è aperto al pubblico dal lunedì al venerdì dalle ore 8,30 alle ore 12,30 Telefono 030 7479225 - E-mail:

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI E ALTRI BENEFICI ECONOMICI A ENTI, ASSOCIAZIONI ED ORGANISMI VARI

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI E ALTRI BENEFICI ECONOMICI A ENTI, ASSOCIAZIONI ED ORGANISMI VARI COMUNE DI ZERO BRANCO PROVINCIA DI TREVISO REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI E ALTRI BENEFICI ECONOMICI A ENTI, ASSOCIAZIONI ED ORGANISMI VARI Approvato con deliberazione consiliare

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO TRASPORTO TRAMITE TAXI SOCIALE. Art. 1 - Finalità

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO TRASPORTO TRAMITE TAXI SOCIALE. Art. 1 - Finalità REGOLAMENTO DEL SERVIZIO TRASPORTO TRAMITE TAXI SOCIALE Art. 1 - Finalità Il Comune di San Giovanni Lupatoto, in un ottica di politica sociale finalizzata al miglioramento della vita dei cittadini che

Dettagli

RELAZIONE SULLA PERFORMANCE 2014

RELAZIONE SULLA PERFORMANCE 2014 COMUNE DI CIVIDATE AL PIANO (Provincia di Bergamo) RELAZIONE SULLA PERFORMANCE 2014 Il Segretario Comunale - Dott. Ivano Rinaldi Nell ambito del processo di riforma della Pubblica Amministrazione, con

Dettagli

PROGRAMMA triennale per la trasparenza e l integrita

PROGRAMMA triennale per la trasparenza e l integrita ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI I GRADO VIA AMENDOLA, 18 TEL E FAX 0985/81036 CSIC836001@istruzione.it Sito web : www.icdiamantebuonvicino.gov.it 87023 DIAMANTE

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AI TITOLI SOCIALI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AI TITOLI SOCIALI REGOLAMENTO PER L ACCESSO AI TITOLI SOCIALI Art. 1 Oggetto del regolamento Il presente regolamento disciplina, all interno di un sistema integrato di interventi e servizi sociali di competenza dei comuni

Dettagli

COMUNE DI GALLIATE PROVINCIA DI NOVARA

COMUNE DI GALLIATE PROVINCIA DI NOVARA COMUNE DI GALLIATE PROVINCIA DI NOVARA ART. 12 L. 7.8.1990 N. 241 REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CESSIONE DI FINANZIAMENTI E DI BENEFICI ECONOMICI A PERSONE, AD ENTI PUBBLICI E SOGGETTI PRIVATI Approvato

Dettagli

PROGETTO di ACCOMPAGNAMENTO EDUCATIVO POMERIDIANO Fuori Classe

PROGETTO di ACCOMPAGNAMENTO EDUCATIVO POMERIDIANO Fuori Classe Allegato DGC 110/2015 PROGETTO di ACCOMPAGNAMENTO EDUCATIVO POMERIDIANO Fuori Classe Premessa Negli ultimi anni si sta registrando una presenza di alunni che manifestano, all ingresso della scuola primaria

Dettagli

PIANO PROVINCIALE DISABILI 2014-2016 OLTRE LA CRISI ANNO 2014 SISTEMA DOTALE - AVVISO 3) TIROCINI E ADOZIONI LAVORATIVE

PIANO PROVINCIALE DISABILI 2014-2016 OLTRE LA CRISI ANNO 2014 SISTEMA DOTALE - AVVISO 3) TIROCINI E ADOZIONI LAVORATIVE PIANO PROVINCIALE DISABILI 2014-2016 OLTRE LA CRISI ANNO 2014 SISTEMA DOTALE - AVVISO 3) TIROCINI E ADOZIONI LAVORATIVE 1) RIFERIMENTI NORMATIVI Legge 8 novembre 1991 n. 381: Disciplina delle cooperative

Dettagli

Linee guida assistenza domiciliare educativa per disabili

Linee guida assistenza domiciliare educativa per disabili AMBITO TERRITORIALE DI DALMINE PER L ATTUAZIONE DEL PIANO DI ZONA DEL SISTEMA INTEGRATO DI INTERVENTI E SERVIZI SOCIALI Comuni di Azzano S.Paolo, Boltiere, Ciserano, Comun Nuovo, Curno, Dalmine, Lallio,

Dettagli

AREA IMMIGRATI. Azione 1: CENTRO SERVIZI IMMIGRATI (Servizi per l integrazione e il rispetto delle diverse culture)

AREA IMMIGRATI. Azione 1: CENTRO SERVIZI IMMIGRATI (Servizi per l integrazione e il rispetto delle diverse culture) AREA IMMIGRATI Azione 1: CENTRO SERVIZI IMMIGRATI (Servizi per l integrazione e il rispetto delle diverse culture) A - DESCRIZIONE SINTETICA DELL AZIONE Le finalità principali che il Centro Servizi Immigrati

Dettagli

LINEE GUIDA PER L ACCOGLIENZA E INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI ISTITUTO COMPRENSIVO DELLA VALLE VERSA AREA AMMINISTRATIVA

LINEE GUIDA PER L ACCOGLIENZA E INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI ISTITUTO COMPRENSIVO DELLA VALLE VERSA AREA AMMINISTRATIVA LINEE GUIDA PER L ACCOGLIENZA E INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI ISTITUTO COMPRENSIVO DELLA VALLE VERSA AREA AMMINISTRATIVA L ISCRIZIONE Le iscrizioni dei minori stranieri, indipendentemente dalla regolarità

Dettagli

Comune di Marigliano Provincia di Napoli

Comune di Marigliano Provincia di Napoli Comune di Marigliano Provincia di Napoli REGOLAMENTO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE (Approvato con Delibera del Commissario Straordinario n. 15 del 01/02/2002) Art. 1 Istituzione del Servizio E istituito

Dettagli

bando per progetti di inserimento lavorativo in campo sociale

bando per progetti di inserimento lavorativo in campo sociale bando per progetti di inserimento lavorativo in campo sociale programmati e realizzati con logiche di rete e di collaborazione tra più realtà per fronteggiare situazioni di disagio o esclusione sociale

Dettagli

D.G.R.n.94-4335 del 13.11.2006

D.G.R.n.94-4335 del 13.11.2006 D.G.R.n.94-4335 del 13.11.2006 Approvazione criteri per l assegnazione contributi ai Soggetti gestori delle funzioni socioassistenziali per le attività delle Equipe Adozioni e per la promozione dell affidamento

Dettagli

COMUNE DI RAVELLO PROVINCIA DI SALERNO REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA

COMUNE DI RAVELLO PROVINCIA DI SALERNO REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA COMUNE DI RAVELLO PROVINCIA DI SALERNO REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA Allegato A alla delibera di C. C. n. 14 del 30.08.2012 INDICE Art. 1 Art. 2 Art. 3 Art. 4 Art. 5 Art.

Dettagli

Comune di Molinella REGOLAMENTO DEI SERVIZI DOMICILIARI

Comune di Molinella REGOLAMENTO DEI SERVIZI DOMICILIARI Comune di Molinella REGOLAMENTO DEI SERVIZI DOMICILIARI Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n. 93 del 22/12/2014 INDICE 1. I servizi domiciliari nel Sistema integrato sociale, socio-sanitario

Dettagli

ACCORDO VOLONTARIO DI AREA PER FAVORIRE LO SVILUPPO DEL DISTRETTO FAMIGLIA NELLA COMUNITA' ROTALIANA KÖNIGSBERG

ACCORDO VOLONTARIO DI AREA PER FAVORIRE LO SVILUPPO DEL DISTRETTO FAMIGLIA NELLA COMUNITA' ROTALIANA KÖNIGSBERG ACCORDO VOLONTARIO DI AREA PER FAVORIRE LO SVILUPPO DEL DISTRETTO FAMIGLIA NELLA ROTALIANA KÖNIGSBERG TRA LA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO, LA COMUNITA ROTALIANA KÖNIGSBERG, IL COMUNE DI LAVIS, IL COMUNE

Dettagli

Art. 1 Finalità. Art. 2 Quadro normativo di riferimento. Art. 3 Destinatari

Art. 1 Finalità. Art. 2 Quadro normativo di riferimento. Art. 3 Destinatari Allegato al decreto del direttore centrale 6 agosto 2012 n. 1087/ISTR Bando per il finanziamento delle Sezioni Primavera anno scolastico 2012/2013 Art. 1 Finalità 1. Il presente bando viene emanato al

Dettagli

Comune di Ponte San Nicolò

Comune di Ponte San Nicolò Comune di Ponte San Nicolò SERVIZIO PUBBLICA ISTRUZIONE E SPORT Il Servizio è finalizzato a rendere effettivo il diritto allo studio, alla promozione e valorizzazione delle attività sportive, motorie e

Dettagli

(Provincia di Perugia) Zona Sociale n. 4 REGOLAMENTO AFFIDO ETERO-FAMILIARE E SOSTEGNO FAMILIARE

(Provincia di Perugia) Zona Sociale n. 4 REGOLAMENTO AFFIDO ETERO-FAMILIARE E SOSTEGNO FAMILIARE (Provincia di Perugia) Zona Sociale n. 4 REGOLAMENTO AFFIDO ETERO-FAMILIARE E SOSTEGNO FAMILIARE Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n.35 del 28/09/2011 Art. 1 Oggetto L affido familiare

Dettagli

ALLEGATOA alla Dgr n. 1562 del 31 luglio 2012 pag. 1/8

ALLEGATOA alla Dgr n. 1562 del 31 luglio 2012 pag. 1/8 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATOA alla Dgr n. 1562 del 31 luglio 2012 pag. 1/8 PROTOCOLLO D INTESA TRA Regione del Veneto Ministero dell'istruzione,dell'università e della Ricerca - Ufficio Scolastico

Dettagli

COMUNE DI MONTECALVO IN FOGLIA Provincia di Pesaro e Urbino REGOLAMENTO COMUNALE PER L EFFETTUAZIONE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA

COMUNE DI MONTECALVO IN FOGLIA Provincia di Pesaro e Urbino REGOLAMENTO COMUNALE PER L EFFETTUAZIONE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA COMUNE DI MONTECALVO IN FOGLIA Provincia di Pesaro e Urbino REGOLAMENTO COMUNALE PER L EFFETTUAZIONE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA APPROVATO CON DELIBERA DI C.C. N. 50 DEL 19.12.2012 INDICE Art. 1 Art.

Dettagli

COMUNE DI PAGLIETA Provincia di Chieti

COMUNE DI PAGLIETA Provincia di Chieti COMUNE DI PAGLIETA Provincia di Chieti PIANO TRIENNALE DI AZIONI POSITIVE per la realizzazione delle pari opportunità tra uomo e donna 2010/2012 PIANO TRIENNALE AZIONI POSITIVE 2010 2012 Fonti normative:

Dettagli

COMUNE DI MARCON Provincia di Venezia REGOLAMENTO PER L INSERIMENTO DI ANZIANI E DISABILI PRESSO STRUTTURE PROTETTE

COMUNE DI MARCON Provincia di Venezia REGOLAMENTO PER L INSERIMENTO DI ANZIANI E DISABILI PRESSO STRUTTURE PROTETTE COMUNE DI MARCON Provincia di Venezia REGOLAMENTO PER L INSERIMENTO DI ANZIANI E DISABILI PRESSO STRUTTURE PROTETTE Approvato con delibera di Consiglio Comunale n.63 del 21.12.2010 ART. 1 OGGETTO Il presente

Dettagli

Programma triennale per la trasparenza e l integrità

Programma triennale per la trasparenza e l integrità Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Statale G. Falcone e P. Borsellino Via G. Giolitti, 11 20022 Castano Primo (MI) Tel. 0331 880344 fax 0331 877311 C.M. MIIC837002

Dettagli

SISTEMA BIBLIOSAN REGOLAMENTO ORGANIZZATIVO

SISTEMA BIBLIOSAN REGOLAMENTO ORGANIZZATIVO SISTEMA BIBLIOSAN REGOLAMENTO ORGANIZZATIVO Premessa Il Sistema Bibliosan promosso dal Ministero della Salute si avvale della rete delle biblioteche degli Enti di ricerca biomedici italiani. A Bibliosan

Dettagli

SCHEDA RIEPILOGATIVA DEL PROGETTO DI SERVIZIO CIVILE GIOVANI AL SERVIZIO SOCIALE 2

SCHEDA RIEPILOGATIVA DEL PROGETTO DI SERVIZIO CIVILE GIOVANI AL SERVIZIO SOCIALE 2 (Allegato 1) SCHEDA RIEPILOGATIVA DEL PROGETTO DI SERVIZIO CIVILE GIOVANI AL SERVIZIO SOCIALE ENTE Ente proponente il progetto: COMUNE DI ITTIRI CARATTERISTICHE PROGETTO Titolo del progetto: GIOVANI AL

Dettagli

1. DESTINATARI 2. FINALITA GENERALI DEGLI INTERVENTI:

1. DESTINATARI 2. FINALITA GENERALI DEGLI INTERVENTI: BANDO PER L ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI PER I MIGLIORI PROGETTI PRESENTATI DALLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE AUTONOME FINALIZZATI AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE E DELLA SALUTE DELL INFANZIA ED ADOLESCENZA E

Dettagli

ASSOCIAZIONE DEI COMUNI DEL MIRANESE

ASSOCIAZIONE DEI COMUNI DEL MIRANESE ASSOCIAZIONE DEI COMUNI DEL MIRANESE PER IL COORDINAMENTO DELLE POLITICHE GIOVANILI CONVENZIONE 2015 2017 Testo approvato con deliberazioni consiliari di Martellago del, n., Mirano del, n., Noale del,

Dettagli

DGR. n. 11496 del 17.3.2010

DGR. n. 11496 del 17.3.2010 DGR. n. 11496 del 17.3.2010 DEFINIZIONE DEI REQUISITI MINIMI DI ESERCIZIO DELL' UNITA' DI OFFERTA SOCIALE "CENTRO RICREATIVO DIURNO PER MINORI". ((PROSECUZIONE DEL PROCEDIMENTO PER DECORRENZA TERMINI PER

Dettagli

REGOLAMENTO SERVIZIO EDUCATIVA TERRITORIALE

REGOLAMENTO SERVIZIO EDUCATIVA TERRITORIALE REGOLAMENTO SERVIZIO EDUCATIVA TERRITORIALE Allegato alla determinazione direttoriale n. 681/000/DIG/14/0024 del 06.06.2014 ART. 1 PRINCIPI GENERALI Il servizio Educativa Territoriale si inserisce come

Dettagli

PROVINCIA DI CROTONE REGOLAMENTO

PROVINCIA DI CROTONE REGOLAMENTO PROVINCIA DI CROTONE REGOLAMENTO DEL REGISTRO DELLE ASSOCIAZIONI E DELLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO AVENTI SEDE NEL TERRITORIO DELLA PROVINCIA DI CROTONE Articolo 1 Finalità ed Istituzione dell Albo

Dettagli

Provincia di Udine. P.E.C. comune.maranolagunare@certgov.fvg.it

Provincia di Udine. P.E.C. comune.maranolagunare@certgov.fvg.it Prot. n. 841/2014 AVVISO DI SELEZIONE PER L AFFIDAMENTO DI UN INCARICO DI NATURA PROFESSIONALE PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO PER LE POLITICHE GIOVANILI E LA GESTIONE DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE GIOVANILE

Dettagli

Comune di Castiglione del Lago (Provincia di Perugia) REGOLAMENTO PER L ALBO COMUNALE DELLE ASSOCIAZIONI ED ISTITUZIONE DELLE CONSULTE.

Comune di Castiglione del Lago (Provincia di Perugia) REGOLAMENTO PER L ALBO COMUNALE DELLE ASSOCIAZIONI ED ISTITUZIONE DELLE CONSULTE. Comune di Castiglione del Lago (Provincia di Perugia) REGOLAMENTO PER L ALBO COMUNALE DELLE ASSOCIAZIONI ED ISTITUZIONE DELLE CONSULTE. INDICE TITOLO I ALBO COMUNALE DELLE ASSOCIAZIONI art. 1 Finalità

Dettagli

INDICE ART. 3 - DESTINATARI DEGLI INTERVENTI SOCIALIZZANTI ART. 4 - CARATTERISTICHE DELL INSERIMENTO LAVORATIVO

INDICE ART. 3 - DESTINATARI DEGLI INTERVENTI SOCIALIZZANTI ART. 4 - CARATTERISTICHE DELL INSERIMENTO LAVORATIVO Allegato alla determinazione direttoriale n. 682/000/DIG/14/0025 del 06.06.2014 INDICE PREMESSA ART. 1 - CAMPO DI INTERVENTO ART. 2 - DESTINATARI DELL INTERVENTO LAVORATIVO ART. 3 - DESTINATARI DEGLI INTERVENTI

Dettagli

PROGETTO DOPOSCUOLA ANNO SCOLASTICO 2015/2016. SCUOLA PRIMARIA S.Pertini SCUOLA SECONDARIA 1 G.Ghirardini Badia Polesine

PROGETTO DOPOSCUOLA ANNO SCOLASTICO 2015/2016. SCUOLA PRIMARIA S.Pertini SCUOLA SECONDARIA 1 G.Ghirardini Badia Polesine PROGETTO DOPOSCUOLA ANNO SCOLASTICO 2015/2016 SCUOLA PRIMARIA S.Pertini SCUOLA SECONDARIA 1 G.Ghirardini Badia Polesine TAM TAM Cooperativa Sociale Via G. Marconi n.978/b 45021 Badia Polesine (RO) Tel.3332736263

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA 7 CIRCOLO

DIREZIONE DIDATTICA 7 CIRCOLO DIREZIONE DIDATTICA 7 CIRCOLO di PIACENZA via Emmanueli, 30-29121 Piacenza (PC) Tel. 0523/453812 - Fax 0523/753047 Email: segreteria@settimopc.it casella pec: pcee00700x@pec.istruzione.it sito web: http://www.settimopc.it

Dettagli

COMUNE DI CHIGNOLO D ISOLA

COMUNE DI CHIGNOLO D ISOLA COMUNE DI CHIGNOLO D ISOLA SETTORE SERVIZI SOCIALI REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Premessa 1. Il Comune di Chignolo d Isola con il presente regolamento intende disciplinare il servizio

Dettagli

LINEE GUIDA PER L EROGAZIONE DELL ASSISTENZA ECONOMICA NEL COMUNE DI CASINA IN FAVORE DI PERSONE E FAMIGLIE ADULTE E ANZIANE ART.

LINEE GUIDA PER L EROGAZIONE DELL ASSISTENZA ECONOMICA NEL COMUNE DI CASINA IN FAVORE DI PERSONE E FAMIGLIE ADULTE E ANZIANE ART. LINEE GUIDA PER L EROGAZIONE DELL ASSISTENZA ECONOMICA NEL COMUNE DI CASINA IN FAVORE DI PERSONE E FAMIGLIE ADULTE E ANZIANE ART. 1 (OGGETTO) L Amministrazione Comunale di Casina condividendo le finalità

Dettagli

PIANO ESECUTIVO DI GESTIONE 2014. V SETTORE Scuola, Cultura, Turismo, Comunicazione, Urp

PIANO ESECUTIVO DI GESTIONE 2014. V SETTORE Scuola, Cultura, Turismo, Comunicazione, Urp PIANO ESECUTIVO DI GESTIONE 2014 V SETTORE Scuola, Cultura, Turismo, Comunicazione, Urp Programma del SERVIZIO COMUNICAZIONE DEL SERVIZIO: Promuovere l immagine e le iniziative del Comune, promozione e

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE

REGOLAMENTO COMUNALE REGIONE AUTONOMA VALLE D AOSTA COMUNE DI SAINT-RHEMY-EN-BOSSES REGOLAMENTO COMUNALE SUI CRITERI E LE MODALITA PER LA CONCESSIONE DI SOVVENZIONI, CONTRIBUTI, SUSSIDI ED AUSILI FINANZIARI NONCHE PER L ATTRIBUZIONE

Dettagli

MISURA 2 Promozione del successo scolastico attraverso strumenti didattici innovativi;

MISURA 2 Promozione del successo scolastico attraverso strumenti didattici innovativi; ALLEGATO A AVVISO PUBBLICO per le scuole statali e paritarie di ogni ordine e grado della Regione Lazio, per la presentazione di progetti rispondenti alle priorità di cui al punto 6.1 dell Allegato alla

Dettagli

VERIFICA DI META ANNO

VERIFICA DI META ANNO : dott. MASSIMILIANO GALLONI Centri di costo: 1... Servizio Intercomunale di Protezione Civile. VERIFICA DI META ANNO CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE RENO GALLIERA : Massimiliano Galloni OBIETTIVI PERMANENTI

Dettagli

: CENTRO DONNA INTERCULTURALE, SERVIZIO ANTIVIOLENZA, E CASA D ACCOGLIENZA/ RIFUGIO

: CENTRO DONNA INTERCULTURALE, SERVIZIO ANTIVIOLENZA, E CASA D ACCOGLIENZA/ RIFUGIO Allegato A Linee generali per la presentazione del progetto di gestione dei servizi di promozione e tutela della donna : CENTRO DONNA INTERCULTURALE, SERVIZIO ANTIVIOLENZA, E CASA D ACCOGLIENZA/ RIFUGIO

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA Triennio 2013 2015 1 Indice Articolo 1. Articolo 2. Articolo 3. Articolo 4. Articolo 5. Articolo 6. Articolo 7. Oggetto e Finalità Organizzazione e

Dettagli

CITTA DI SPINEA c.a.p. 30038 Provincia di Venezia

CITTA DI SPINEA c.a.p. 30038 Provincia di Venezia CITTA DI SPINEA c.a.p. 30038 Provincia di Venezia PROGETTO S.I.R.S. Strategie Innovative di Rete dei Servizi Sociali Linee guida per la predisposizione dei progetti: Orientamenti applicativi ARAN 1 Aumento

Dettagli

Titolo 1 - PRINCIPI GENERALI. Art. 01 - Finalità

Titolo 1 - PRINCIPI GENERALI. Art. 01 - Finalità Legge Regionale 22 marzo 1990, n. 22 Interventi a sostegno dei diritti degli immigrati extracomunitari in Toscana. Bollettino Ufficiale n. 20, parte prima, del 31.03.1990 Titolo 1 - PRINCIPI GENERALI Art.

Dettagli

PROFESSIONISTI AZIENDALI ASSOCIATI I PROFESSIONISTI PER L AZIENDA

PROFESSIONISTI AZIENDALI ASSOCIATI I PROFESSIONISTI PER L AZIENDA Informative e news per la clientela di studio Oggetto: IL 5 PER MILLE ENTRA A REGIME È partita lo scorso 26 marzo la procedura che enti e associazioni devono seguire per richiedere ai contribuenti la destinazione

Dettagli

TABELLA DEI PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI DI COMPETENZE DELL ENTE.

TABELLA DEI PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI DI COMPETENZE DELL ENTE. Comune di Sperone Provincia di Avellino TABELLA DEI PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI DI COMPETENZE DELL ENTE. APPROVATA CON DELIBERAZIONE DI GIUNTA COMUNALE N. 70 DEL 26.9.2013. ******************************************

Dettagli

Norme per l istituzione di centri antiviolenza e case di accoglienza per le donne vittime di violenza.

Norme per l istituzione di centri antiviolenza e case di accoglienza per le donne vittime di violenza. LEGGE REGIONALE 7 agosto 2007, n. 8 Norme per l istituzione di centri antiviolenza e case di accoglienza per le donne vittime di violenza. Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE SARDEGNA N. 26 dell

Dettagli

PROGETTO REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE

PROGETTO REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE PROGETTO per il finanziamento di progetti di sviluppo di imprese sociali, associazioni e cooperative culturali e sociali, destinati a creare nuova occupazione REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE L iniziativa

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO ROMA CAPITALE UFFICIO EXTRADIPARTIMENTALE PROTEZIONE CIVILE

PROTOCOLLO D INTESA TRA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO ROMA CAPITALE UFFICIO EXTRADIPARTIMENTALE PROTEZIONE CIVILE PROTOCOLLO D INTESA TRA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO (di seguito denominato U.S.R. Lazio) E ROMA CAPITALE UFFICIO EXTRADIPARTIMENTALE PROTEZIONE CIVILE (di seguito denominato Protezione Civile)

Dettagli

Regolamento per l attuazione del servizio di Mensa Scolastica

Regolamento per l attuazione del servizio di Mensa Scolastica www.comune.bottanuco.bg.it Regolamento per l attuazione del servizio di Mensa Scolastica (Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale nr. 40 del 29.9.2005 e modificato con deliberazione di Consiglio

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITA 2015-2017

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITA 2015-2017 (allegato Delibera Giunta n. 4 del 02.02.2015) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITA 2015-2017 (in attuazione del D. Leg.vo 33/2013) PREMESSA Con la redazione del Programma Triennale per la

Dettagli

Comune di Monteprandone. Regolamento per la concessione di sovvenzioni, contributi e vantaggi economici ad Enti, Associazioni ed Istituzioni

Comune di Monteprandone. Regolamento per la concessione di sovvenzioni, contributi e vantaggi economici ad Enti, Associazioni ed Istituzioni Comune di Monteprandone Regolamento per la concessione di sovvenzioni, contributi e vantaggi economici ad Enti, Associazioni ed Istituzioni Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 5 del 16.02.2013

Dettagli

UFFICIO DI PIANO DELL AMBITO TERRITORIALE DI TIRANO

UFFICIO DI PIANO DELL AMBITO TERRITORIALE DI TIRANO Approvato con Deliberazione di Giunta Esecutiva n 93 del 01/07/2015 UFFICIO DI PIANO DELL AMBITO TERRITORIALE DI TIRANO AVVISO DI RIDEFINIZIONE NORME ASSEGNAZIONE VOUCHER SOCIALI PER SOSTENERE LA VITA

Dettagli

REGOLAMENTO PROTEZIONE CIVILE

REGOLAMENTO PROTEZIONE CIVILE REGOLAMENTO PROTEZIONE CIVILE Art. 1. ISTITUZIONE DEL SERVIZIO È istituito il Servizio Comunale di Protezione Civile, con il compito di dare attuazione alle leggi nazionali e regionali in materia di Protezione

Dettagli

DISTRETTO SOCIO SANITARIO 18 (PATERNO -BELPASSO-RAGALNA-ASL 3)

DISTRETTO SOCIO SANITARIO 18 (PATERNO -BELPASSO-RAGALNA-ASL 3) DISTRETTO SOCIO SANITARIO 18 (PATERNO -BELPASSO-RAGALNA-ASL 3) Allegato alla deliberazione consiliare n. 04 del 7 febbraio 2007 ART. 1 DEFINIZIONE DI AFFIDAMENTO FAMILIARE 1. L affidamento familiare è

Dettagli

Consiglio regionale Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia

Consiglio regionale Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia Consiglio regionale Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia IX LEGISLATURA - ATTI CONSILIARI - PROGETTI DI LEGGE E RELAZIONI PROPOSTA DI LEGGE N. 12 Presentata dai Consiglieri Ritossa, Di Natale Presentata

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI AFFIDAMENTO FAMILIARE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI AFFIDAMENTO FAMILIARE REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI AFFIDAMENTO FAMILIARE ART. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO E PRINCIPI GENERALI L affidamento familiare, rappresenta uno strumento prioritario di aiuto al minore e alla sua famiglia,

Dettagli

Comune di Rovello Porro Prov. di Como

Comune di Rovello Porro Prov. di Como Comune di Rovello Porro Prov. di Como REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI RISTORAZIONE SCOLASTICA 1. Oggetto del Regolamento e finalità del servizio. Le norme del presente Regolamento si applicano al servizio

Dettagli

Proposta educativa e motoria per una cultura sportiva. Progetto per la Scuola Primaria e Scuola Secondaria di 1 grado

Proposta educativa e motoria per una cultura sportiva. Progetto per la Scuola Primaria e Scuola Secondaria di 1 grado Proposta educativa e motoria per una cultura sportiva Progetto per la Scuola Primaria e Scuola Secondaria di 1 grado triennio 2012/2013 2013/2014 2014/2015 PREMESSA La Fib, Federazione Italiana Bocce,

Dettagli

L.R. 25 SETTEMBRE 1996 ART. 5 CO. 2 E ART. 21 CO. 3 D.P.R. N. 022/PRES.

L.R. 25 SETTEMBRE 1996 ART. 5 CO. 2 E ART. 21 CO. 3 D.P.R. N. 022/PRES. PROGRAMMA PROVINCIALE FINALIZZATO ALLA SPERIMENTAZIONE DI MODELLI ORGANIZZATIVI INNOVATIVI DEGLI INTERVENTI E DEI SERVIZI DI RETE RIVOLTI ALLE PERSONE DISABILI L.R. 25 SETTEMBRE 1996 ART. 5 CO. 2 E ART.

Dettagli

bando per progetti sperimentali di innovazione didattica 2014-2016

bando per progetti sperimentali di innovazione didattica 2014-2016 bando per progetti sperimentali di innovazione didattica 2014-2016 rivolto a soggetti istituzionali rappresentativi del sistema delle scuole dell infanzia della provincia di Trento budget disponibile:

Dettagli

Modello di statuto per i musei di ente locale e di interesse locale

Modello di statuto per i musei di ente locale e di interesse locale REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA ASSESSORATO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE, BENI CULTURALI, INFORMAZIONE, SPETTACOLO E SPORT Modello di statuto per i musei di ente locale e di interesse locale Articolo 1 Istituzione...

Dettagli