Anno XXXVIII - n Dicembre 2013

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Anno XXXVIII - n. 43 23 Dicembre 2013"

Transcript

1 Informazioni - Agenzia settimanale a cura della Direzione Comunicazione Ufficio Stampa Via Alfieri, Torino Reg. Trib. di Torino n del Direttore responsabile: Domenico Tomatis In redazione: Mario Bocchio, Gianni Boffa, Alessandro Bruno, Federica Calosso, Elena Correggia, Carlo Lomonte, Fabio Malagnino, Giovanni Monaco, Carlo Tagliani Collaboratori: Dario Barattin, Roberta Bertero Daniela Roselli, Rosa Maria Scimone, Marco Travaglini Segreteria di redazione: Lucia Lucarelli, Loredana Russo, Piera Savina Grafica: Carlo Gaffoglio Stampa: Copisteria Cornia 23 Dicembre 2013 Sommario Consiglio regionale, un anno di attività Esercizio provvisorio e variazione addizionale Irpef Consiglio straordinario sul lavoro Rinviata l elezione del vicepresidente Interrogazioni discusse in Aula Brevi dal Consiglio Settecento firme per gli agriturismi Confronto sulla riforma del Csi Revisione del dimensionamento scolastico Nuovo ingresso all Ospedale Sant Anna uropa, immigrazione e comunicazione Concorso Diventiamo cittadini europei Legalità e uso responsabile del denaro Rubriche Leggi Regionali Progetti di legge Interrogazioni e interpellanze Ordini del giorno e mozioni Piemonte Digitale InfoLeg Alla scoperta dei comuni del Piemonte Libri Accade in Piemonte

2 Consiglio regionale, un anno di attività Anche quest anno la semplificazione amministrativa, la trasparenza e la riduzione dei costi della politica sono stati al centro dell attività del Consiglio regionale. Nel nuovo anno i gruppi che compongono l Assemblea regionale saranno chiamati a impegnarsi per scrivere insieme la nuova legge elettorale, che vede già numerosi punti condivisi a proposito di abolizione del listino, premio di maggioranza graduato in base al risultato elettorale e misure per la tutela della parità di genere sia nella composizione delle liste sia nell espressione del voto. Con queste parole il presidente del Consiglio regionale Valerio Cattaneo ha aperto il 20 dicembre a Palazzo Lascaris, con il vicepresidente Fabrizio Comba e i consiglieri segretari Gianfranco Novero e Tullio Ponso, la conferenza stampa per illustrare un anno di attività dell Assemblea regionale del Piemonte. Per quanto riguarda l attività principe del Consiglio regionale, ovvero quella legislativa, queste le cifre del 2013: 77 sedute d Aula per un totale di 44 giornate di lavori 64 progetti di legge presentati 22 le leggi approvate, tra cui le nuove norme in materia di urbanistica, programmazione sanitaria, aree protette, edilizia sociale, pianificazione, prevenzione della criminalità, antincendi boschivi 52 deliberazioni votate 87le interrogazioni e le interpellanze discusse in Aula, 69 quelle che hanno ottenuto risposta scritta e 173 le question time discusse 62 le mozioni e gli ordini del giorno approvati e 26 sono stati respinti Le Commissioni si sono riunite per un totale di 270 sedute, 57 invece le riunioni dei Capigruppo. Il bilancio di previsione del Consiglio regionale per il 2014 registra un risparmio di quasi 2,6 milioni di euro rispetto al previsionale Le riduzioni di spesa più significative riguardano le spese per il personale dei gruppi (- 1,3 milioni di euro), il personale dipendente (- 1 milione di euro), i servizi (- 175mila euro) e la manutenzione straordinaria (- 75 mila euro). La struttura del Consiglio ha visto un ulteriore riorganizzazione e snellimento con la soppressione di tre settori e non si sono effettuate nuove assunzioni di personale. continua la dematerializzazione di tutto il flusso di documenti che il Consiglio gestisce, tramite l applicativo Doqui Acta ed è stato approvato un protocollo d intesa con la Regione Abruzzo per la semplificazione e dematerializzazione dei procedimenti. Dal prossimo gennaio - inoltre - saranno disponibili i locali al terzo piano della sede ex Banco di Sicilia, completamente ristrutturati, con conseguente ulteriore riduzione delle spese per affitti L attività dei principali comitati e organismi consultivi in sintesi: Informazioni - 23 Dicembre

3 Il Comitato Resistenza e Costituzione, cui è delegato il consigliere Roberto Placido, a gennaio ha realizzato diverse iniziative - tra Alessandria, Cuneo e Torino - per celebrare il Giorno della Memoria e quello del Ricordo. Con la rassegna cinematografica I diritti di tutti ha coinvolto, con 94 proiezioni in 25 città piemontesi, circa 16mila tra studenti e insegnanti. In primavera gli studenti vincitori del progetto di storia contemporanea hanno svolto viaggi studio a Trieste, Carpi e Mauthausen e il 2 giugno all Auditorium Rai di Torino si è svolto il Concerto per la Festa della Repubblica dell Orchestra sinfonica nazionale della Rai. In estate ha avuto luogo la VII Rassegna teatrale itinerante Voci dei luoghi : 17 rappresentazioni con le compagnie Assemblea Teatro, Accademia dei Folli, Compagnia 3001 e Teknè Teatro. A ottobre ha preso il via la 33 edizione del progetto di storia contemporanea per gli studenti delle scuole superiori e a novembre, al Museo diffuso della Resistenza di Torino, si è inaugurata la mostra Lo sport europeo sotto il nazismo. La Consulta regionale Europea, presieduta dal vicepresidente Fabrizio Comba, in primavera ha organizzato due viaggi studio a Bruxelles per gli studenti vincitori del concorso per le scuole superiori piemontesi Diventiamo cittadini europei, la cui premiazione si è svolta il 24 e il 25 maggio nell Aula di Palazzo Lascaris, e un ciclo d incontri sul tema Unione europea al bivio, in collaborazione con l Istituto Salvemini di Torino. Ha partecipato e collaborato a incontri e convegni per la Festa dell Europa e il 300 anniversario del Trattato di Utrecht. In autunno ha organizzato due viaggi di studio a Ventotene e a Trieste, Lubiana e Zagabria per l ultima parte di studenti vincitori del concorso per le scuole e a ottobre ha indetto il nuovo bando per l anno scolastico , organizzando conferenze di presentazione in 21 città del Piemonte. Ha inoltre collaborato al ciclo di seminari Europe from Outside Seminars, promosso da Dipartimento di Culture, politica e società e Corso di laurea magistrale in Scienze internazionali dell Università di Torino. Per quanto riguarda la Consulta Femminile regionale e la Consulta delle Elette - cui è delegato il componente dell Ufficio di presidenza Gianfranco Novero - la prima ha, tra l altro, curato le mostre permanenti Con forza e intelligenza e Dall uguaglianza alla differenza, ospitate nel Braccio femminile del Museo del Carcere Le Nuove di Torino, promosso il convegno Ada e le altre: legami femminili tra educazione e valore della differenza, preso parte al convegno Bambini del mondo nelle scuole italiane - La realtà piemontese al Sermig e proposto la rassegna cinematografica Di diritto e di rovescio sul rapporto tra donne e lavoro al cinema Romano di Torino; la seconda ha organizzato ventisette incontri sul territorio per presentare il progetto La città si*cura e promosso il percorso formativo Protagoniste nei governi locali Il percorso continua : quaranta incontri (cinque per provincia) tra Alessandria, Asti, Biella, Cuneo, Domodossola (Vco), Novara, Torino e Vercelli. La Consulta regionale dei Giovani, presieduta dal consigliere segretario Lorenzo Leardi, tra gennaio e giugno ha realizzato un corso per la mobilità ecosostenibile su due ruote, la sicurezza stradale e la guida sicura rivolto agli alunni di 65 scuole superiori piemontesi. A marzo alla Biblioteca ha presentato un progetto di raccolta 2 Informazioni - 23 Dicembre 2013

4 differenziata per le Aule studio dell Edisu, in collaborazione con Amiat e Città di Torino. Tra maggio e giugno in diverse piazze piemontesi ha partecipato ai Panathlon Day, giornate di sport, solidarietà e divertimento per giovani diversamente abili e, a Cherasco (Cn), a Ecofutura, manifestazione dedicata alle energie da fonti rinnovabili. Tra luglio e settembre ha pubblicato i migliori elaborati del concorso I Piemontesi che fecero l impresa, in collaborazione con il Miur e tra novembre e dicembre ha compartecipato alla XIV edizione di Sottodiciotto FilmFestival istituendo il Premio speciale Consulta dei Giovani per il miglior audiovisivo presentato dalle scuole superiori piemontesi sulla convivenza democratica. L Osservatorio regionale sul fenomeno dell usura, presieduta dal consigliere segretario Tullio Ponso, tra gennaio e giugno organizza il concorso Cultura della legalità e dell uso responsabile del denaro per gli istituti superiori del Piemonte, in collaborazione con l Assessorato regionale all Istruzione, l Ufficio scolastico regionale e la Provincia di Torino e organizzate sul territorio 20 conferenze di preparazione che coinvolgono circa studenti. A giugno, nell Aula del Consiglio regionale si svolge la cerimonia di premiazione. Stipula una Convenzione con la Fondazione Operti Onlus per realizzare programmi di microcredito per nuove microimprese piemontesi, partecipa con l Associazione Libera, alla campagna di comunicazione Azzardocard, contro il gioco d azzardo e, con l Associazione Acmos, organizza un percorso di educazione alla legalità destinato alle scuole superiori. A settembre dà il via alla II edizione del concorso sulla cultura della legalità e programma 15 conferenze sul tema su tutto il territorio regionale. Informazioni - 23 Dicembre

5 Esercizio provvisorio e variazione addizionale Irpef Il Consiglio regionale ha approvato a maggioranza, il 17 dicembre 2013, l esercizio provvisorio del bilancio regionale per il 2014 sino al prossimo 31 gennaio, accogliendo l emendamento proposto in Prima commissione dalle forze di opposizione. Grazie al provvedimento approvato, si potranno impegnare somme nei limiti di un dodicesimo per mese, fatte salve le spese obbligatorie per interventi collegati alle calamità naturali, per la tutela dell incolumità pubblica, per la copertura di contratti già stipulati e per i trasferimenti necessari al settore della Sanità. L Aula ha anche approvato le modifiche all applicazione dell addizionale Irpef, l imposta sul reddito delle persone fisiche, determinata per scaglioni di reddito. Al netto degli oneri deducibili, queste saranno le modifiche previste: per redditi sino a euro 0,39 per cento, oltre i e sino a ,90 per cento, oltre i e sino a ,08 per cento, oltre e sino a ,09 per cento, mentre per i redditi oltre i è determinata in 1,10 per cento. Come ha sottolineato l assessore al Bilancio Gilberto Pichetto Fratin, a decorrere dal 1 gennaio 2014 le detrazioni già previste dal Testo unico saranno maggiorate di un importo di 200 euro per ogni figlio portatore di disabilità, per chi abbia un reddito non superiore a 2.840,51 euro. Tenendo conto delle difficili condizioni in cui versano tante famiglie, ecco lo sconto sull aumento dell addizionale Irpef che sta per scattare: un caffè in un anno, rigorosamente preso in piedi, ha rimarcato Wilmer Ronzani (Pd), relatore di minoranza. Rispetto al nuovo aumento della stessa addizionale Irpef, l unica novità è lo sconto sull aumento di un euro all anno per contribuente, per la riduzione della maggiorazione da 0,40 a 0,39 sul primo scaglione di reddito fino a 15 mila euro, una presa in giro. Sappiamo benissimo che le intenzioni della Giunta sono di aumentare le tasse sui piemontesi e togliere servizi e risorse per tutta l area dell integrazione sociosanitaria. Per noi una prospettiva inaccettabile ha aggiunto Aldo Reschigna (Pd). Si tenga in considerazione che questo bilancio ha miliardi in meno a disposizione, rispetto a quelli della precedente Giunta. La situazione di grave crisi che attraversa questo Paese è colpa del della nostra maggioranza? Una confusione tributaria e legislativa che ci cade sulla testa senza poter intervenire, sarebbe colpa nostra?, le parole di Antonello Angeleri (Lega Nord). Nel dibattito, per i gruppi di maggioranza è anche intervenuto Angelo Burzi (Progett Azione). Per quelli di minoranza hanno portato il loro contributo: Andrea Buquicchio (Idv), Monica Cerutti (Sel), Davide Bono (M5S), Davide Gariglio, Giuliana Manica e Roberto Placido (Pd). 4 Informazioni - 23 Dicembre 2013

6 Il confronto sull esercizio provvisorio si è chiuso con la replica dell assessore Pichetto che, ascoltati i numerosi interventi dell opposizione a favore di una approvazione in temi rapidi del pacchetto finanziario, ha fatto propria tale richiesta auspicando l approvazione entro il 31 gennaio. Dopo la relazione del presidente Cattaneo sui risparmi di gestione dell Assemblea legislativa, si è proseguito con l adozione a larghissima maggioranza della deliberazione sul bilancio di previsione 2014, triennale , del Consiglio regionale. La giornata consiliare si è chiusa con l approvazione a maggioranza di un ordine del giorno (primo firmatario Mario Carossa) per favorire la realizzazione dell inno del Piemonte sulla base di un brano di Gipo Farassino. Informazioni - 23 Dicembre

7 Consiglio straordinario sul lavoro Si è svolto il 17 dicembre, su richiesta della Giunta, un Consiglio straordinario per illustrare quanto la Regione ha messo in campo negli ultimi tempi per la tutela e la promozione del lavoro. Vogliamo diffondere il più possibile la conoscenza di tutte le misure di politica passiva e attiva per il lavoro perché gli strumenti adottati stanno funzionando e stanno dando risultati, a cominciare dalla formazione, ha affermato il presidente della Regione Roberto Cota. Anche gli investimenti in innovazione e ricerca e nelle conseguenti politiche industriali stanno producendo buoni esiti e su questa parte vorremmo poter riferire in una prossima seduta del Consiglio. L assessore al Lavoro Claudia Porchietto ha poi illustrato in dettaglio la strategia seguita dalla Regione a favore del lavoro in una fase che perdura critica, nella quale il Piemonte ha raggiunto un tasso di disoccupazione pari al 9,8% contro l 8,6% del Sono state offerte politiche adeguate a seconda delle caratteristiche dei soggetti coinvolti e nell accreditamento è stata ampliata la rete, creando sinergie fra agenzie per il lavoro private e centri per l impiego pubblici e sono stati introdotti standard minimi e specifici di qualità. Si è provveduto a garantire servizi universalistici e, attraverso lo strumento Io Lavoro, è stato potenziato con efficacia l incontro della domanda e dell offerta di lavoro (nell ultima edizione della manifestazione una persona su quattro ha trovato un lavoro). Sono inoltre stati sviluppati strumenti di sostegno per la creazione di impresa come gli sportelli Mip. Le misure anticrisi hanno attivato percorsi di formazione e lavoro, in abbinamento all ammortizzatore sociale e disoccupati (pari al 98% dei sospesi) sono stati presi in carico, di cui inseriti in percorsi di ricollocazione. Sono stati avviati tirocini come strumenti di inserimento e di reinserimento professionale, attività di apprendistato a vari livelli e sono state adottate misure a sostegno delle imprese in difficoltà. Per il futuro, l assessorato intende proseguire il supporto per il rafforzamento delle competenze dei giovani e i processi di aggiornamento e di riqualificazione. Si desidera quindi potenziare la rete dei servizi per l impiego e incrementare la partecipazione al lavoro e l occupazione femminile. Il dibattito e i documenti collegati È poi seguito un dibattito - concluso nella seduta del 19 dicembre - durante il quale sono stati presentati e approvati numerosi ordini del giorno. La consigliera Gianna Pentenero (Pd) ha lamentato la mancanza di linee di indirizzo regionali per l attività dei centri per l impiego e l assenza di dati che aiutino a valutare se mantenere o meno le diverse misure per l occupazione. Una sollecitazione a intervenire presso il governo nazionale per il salario minimo garantito è stata espressa dal presidente M5S Davide Bono, mentre Wilmer Ronzani 6 Informazioni - 23 Dicembre 2013

8 (Pd) ha giudicato un errore aver cancellato le forme di sostegno al reddito adottate nella scorsa legislatura per chi non può contare sugli ammortizzatori sociali. L impossibilità da parte delle riconversioni produttive di colmare il vuoto espresso dalla tradizionale vocazione manifatturiera del Piemonte deve indurre la Regione ad attivarsi a livello nazionale, affinché si affronti il problema della permanenza di Fiat, ha dichiarato il presidente Fds Eleonora Artesio, è un tema rilevante anche per tutelare i posti di lavoro e le attività produttive di numerose Pmi. Il consigliere Elio Rostagno (Pd) ha affermato che è necessario rivedere l efficacia dell azione dei centri per l impiego che, pur articolati sul territorio, contribuiscono solo al 3% delle assunzioni, mentre Roberto Placido (Pd) ha espresso contrarietà circa l adozione di un modello lombardo pubblicoprivato nella gestione del problema occupazionale. La replica dell assessore L assessore Porchietto ha replicato che la Regione in materia di lavoro è protagonista dei tavoli nazionali e l obiettivo, in un momento particolarmente difficile, è stato e continuerà a essere quello di tutelare i posti di lavoro coinvolgendo con un azione sinergica anche le parti sociali e le Province. Nella relazione ho fornito dati e percentuali senza cancellare quelle negative per aprire un confronto su quanto è migliorabile e cambiabile, ha proseguito Porchietto. Diversamente, le dichiarazioni non suffragate dai numeri sarebbero state propaganda. L assessore ha inoltre precisato i percorsi formativi e di sostegno all occupazione sui quali ha inteso concentrarsi, ricordando l impegno sulle politiche attive, che fino al 2009 era stato giudicato accessorio. Ha poi spiegato che il modello piemontese, strutturalmente diverso da quello lombardo, si aggancia alle direttive nazionali pur difendendo l autonomia delle scelte che finora hanno consentito alla Regione di garantire la continuità degli ammortizzatori sociali anche in mancanza di risorse nazionali. La votazione dei documenti In conclusione di seduta sono stati votati e approvati tredici atti di indirizzo, fra cui una mozione (primo firmatario Mauro Laus Pd), sul trattamento economico dei dipendenti di società appaltate e fornitrici della Regione. Fra gli ordini del giorno, due quelli presentati da Andrea Buquicchio (Idv): il primo sui World Skills International, una sorta di campionato mondiale dei mestieri, e il secondo sulle azioni di governo conseguenti alla crisi economico-occupazionale. Il consigliere Nino Boeti (Pd) è il primo firmatario del documento per favorire l estensione al settore pubblico, e in particolar modo sanitario, del progetto sperimentale Staffetta generazionale. Quattro invece i documenti proposti dal Nuovo CentroDestra (primo firmatario il capogruppo Daniele Cantore): per attivare un tavolo di confronto interministeriale su lavoro e produzione in Piemonte, sui disoccupati e le politiche di reinserimento, a tutela dell inserimento lavorativo dei giovani e per la riforma della legge 34/2008 sulla promozione dell occupazione. L impegno della Giunta a esprimere una netta opposizione alla modifica prevista nello schema di decreto interministeriale sugli ammortizzatori sociali in deroga è quanto richiesto nel documento sottoscritto come primo firmatario dal capogruppo della Lega, Mario Carossa. Informazioni - 23 Dicembre

9 Due gli ordini del giorno del presidente M5S Davide Bono: sul salario minimo garantito e contro i licenziamenti e le discriminazioni delle donne in gravidanza. L adozione del Progetto Quality Web Piemonte, primo portale istituzionale per la promozione delle eccellenze artigiane piemontesi, è stato al centro dell ordine del giorno del consigliere Alberto Goffi (Udc), mentre il consigliere Tullio Ponso (Idv) è stato il primo firmatario del documento che sollecita la tutela occupazionale dei lavoratori delle acciaierie Riva di Lesegno (Cn). 8 Informazioni - 23 Dicembre 2013

10 Rinviata l elezione del vicepresidente L elezione del nuovo vicepresidente di opposizione che si insedierebbe in sostituzione di Roberto Placido è rinviata. Così ha stabilito il presidente dell Assemblea, Valerio Cattaneo, prendendo atto delle dichiarazioni dei gruppi della minoranza nella seduta d Aula del 17 dicembre. Non abbiamo condiviso le dimissioni di Roberto Placido per poi sostituirlo con un diverso consigliere democratico, ha dichiarato Aldo Reschigna (Pd) che ha continuato rilevando che tale situazione, peraltro, non comporta particolari problemi istituzionali. In questo modo, invece, ribadiamo il giudizio molto negativo su questa legislatura che ha rotto il patto con la cittadinanza piemontese. Deve cessare questa lenta agonia. Anche noi non diamo la disponibilità all elezione di un nuovo vicepresidente, ormai la misura è colma con queste parole Davide Bono (M5S) si è associato alla posizione del maggiore partito d opposizione. Chiara anche la dichiarazione di Andrea Buquicchio (Idv): Non parteciperemo alla votazione per il nuovo componente dell Ufficio di presidenza e non ritireremo nemmeno le schede. Non vogliamo essere la stampella di nessuno. Il posto resterà vacante e per questo avvertiamo già che rifiuteremo qualsiasi designazione. Desidero essere coerente con la coalizione nella quale sto operando - ha affermato Giovanni Negro (Udc) - e per questo non intendiamo accettare qualsivoglia candidatura. Non intendiamo così sostenere questa situazione. Informazioni - 23 Dicembre

11 Interrogazioni discusse in Aula Nella seduta del 17 dicembre in Consiglio regionale sono state discusse le seguenti interrogazioni e interpellanze. Ripetitore telefonico a Oggebbio (Vco) L assessore ai rapporti con il Consiglio regionale Giovanna Quaglia ha risposto all interrogazione n. 1863, presentata dal consigliere Davide Bono (M5S), sulla installazione di un ripetitore telefonico sulle rive del Lago Maggiore. Al momento non risulta che la Nokia abbia comunicato l inizio dei lavori - ha dichiarato l assessore Quaglia - un impianto alto 6 metri da posizionarsi sopra il traliccio di 30 metri della Ericsson, sopraelevazione autorizzata dal Comune di Oggebbio. Tali impianti possono quindi essere gestiti ma non vietati avendo anche le prescritte autorizzazioni Arpa. Comital di Volpiano L assessore ai rapporti con il Consiglio regionale Giovanna Quaglia ha risposto all interrogazione n. 1870, presentata dal consigliere Monica Cerutti (Sel), sulla crisi occupazionale e industriale della Comital di Volpiano (To). Nell incontro del 27 agosto presso l assessorato al Lavoro tra l azienda e le organizzazioni sindacali - ha spiegato l assessore Quaglia - convocato causa la procedura di licenziamento avviata in luglio per nove dipendenti, la Comital ha illustrato la grave crisi che per due volte l ha portata sull orlo di una procedura concorsuale, nel 2006 e nel Non sono prevedibili mutamenti più favorevoli delle condizioni strutturali principali responsabili della crisi aziendale. Il 21 novembre scorso la Comital ha comunicato alle organizzazioni sindacali la decisione di cedere al gruppo Miralu France il ramo d azienda costituito dalle strutture industriali del forno fusorio, della colata continua, del laminatoio pesante e del relativo personale dedicato dalla fine dell esercizio Scopo è il rafforzamento dell attività generando anche sviluppi occupazionali. La procedura sul trasferimento di ramo d azienda è stata esperita da azienda e Oo.ss. dal 27 novembre. Igiene nel collegio universitario di Grugliasco (To) L assessore ai rapporti con l Università Riccardo Molinari ha risposto all interpellanza n. 1900, presentata dal consigliere Maurizio Lupi (Verdi-Verdi), sulla presenza di blatte presso la residenza Edisu Villa Claretta a Grugliasco. 10 Informazioni - 23 Dicembre 2013

12 L assessore ha spiegato come si sia provveduto ai diversi interventi di disinfestazione nelle cucine, negli alloggi e nelle parti comuni e che, al più presto, verranno sostituite le attrezzature della cucina, tutto con spese a carico della ditta. La situazione viene continuamente monitorata ed in generale - ha concluso Molinari - il problema può definirsi ampiamente rientrato. Informazioni - 23 Dicembre

13 Brevi dal Consiglio Nuovo modello di residenzialità psichiatrica All unanimità dei votanti l Assemblea legislativa piemontese ha deliberato, nella seduta del 23 dicembre, il recepimento dell accordo approvato dalla Conferenza unificata Stato, Regioni, Città e Autonomie locali sul nuovo modello di residenzialità psichiatrica. Sempre all unanimità viene anche adottata l integrazione di alcuni allegati del Rendiconto generale del Consiglio regionale per l esercizio finanziario L assessore alla Sanità Ugo Cavallera ha spiegato l opportunità del riordino dell offerta di residenzialità in psichiatria per livelli di intensità riabilitativa e trattamento e per tipologia di intervento correlate alla patologia ed ai percorsi individualizzati. Adesso potremo procedere all adeguamento degli atti normativi in materia, a partire dalla deliberazione del 1997 che disciplina la materia, per sintonizzare i gruppi appartamento e le altre tipologie di residenzialità presenti sul nostro territorio. Certamente non siamo all anno zero. L attuazione puntuale e concreta dei contenuti dell accordo nazionale è demandata a successivi provvedimenti dell Esecutivo che verranno adottati entro 60 giorni, previo parere della IV Commissione consiliare. Nella stessa mattinata si è anche svolta una seduta straordinaria, richiesta dal gruppo Pd, in merito all illegittimità degli atti amministrativi adottati dall Asl To1. I lavori si sono svolti a porte chiuse a seguito della sollecitazione proveniente da alcuni consiglieri di maggioranza, una richiesta poi votata e approvata dall Aula. I procuratori in Commissione legalità Il procuratore generale della Repubblica di Torino Marcello Maddalena, il procuratore capo Giancarlo Caselli e il procuratore aggiunto vicario Sandro Ausiello, sono stati auditi il 16 dicembre in Commissione promozione legalità del Consiglio regionale. In Commissione, presieduta da Andrea Buquicchio, erano presenti i commissari di tutti i gruppi politici. I procuratori hanno fornito il proprio contributo in termini di suggerimenti e consigli, suffragati dall esperienza sul campo, circa le tecniche legislative in ordine allo svolgimento di compiti istituzionali affidati alla Commissione. In particolare, si è parlato delle possibilità normative regionali per prevenire le infiltrazioni mafiose all interno delle amministrazioni pubbliche locali, in accordo con la legislazione nazionale. Aumento fondi innevamento Un aumento di 10 centesimi di euro al metro cubo. È questa la novità più rilevante, nei criteri per il rimborso dell innevamento artificiale nelle grandi stazioni sciistiche del Piemonte. 12 Informazioni - 23 Dicembre 2013

14 La terza Commissione del Consiglio regionale, presieduta da Angiolino Mastrullo, nel pomeriggio del 12 dicembre, ha infatti approvato a maggioranza il parere sulla legge regionale n. 2/09, Norme in materia di sicurezza nella pratica degli sport invernali. I criteri di riparto del finanziamento, presentati dall assessore Alberto Cirio, restano sostanzialmente invariati rispetto agli scorsi anni e la Regione rimborserà sino al 40% delle spese sostenute e fatturate dalle stazioni per l innevamento artificiale, con una ponderazione tra la superficie innevata e la media dell innevamento naturale durante il periodo indicato, non superiore a 120 giorni. L aumento di 10 centesimi il metro è valido per la stagione Cal e concessioni idriche Un tavolo di confronto con l Assessorato all Ambiente per chiarire i contenuti della proposta di regolamento regionale sulla disciplina dei procedimenti di derivazione di acqua pubblica. È quanto emerso durante la riunione del Consiglio delle autonomie locali avvenuta il 18 dicembre. La richiesta di un nuovo incontro con l Assessorato deriva dalle preoccupazioni degli enti locali in merito ad alcuni passaggi del regolamento e dalla necessità di approfondire il contenuto della disciplina, che propone una semplificazione e uno snellimento procedurale. La presidente del Cal Bruna Sibille, ha anche annunciato la richiesta di un incontro con l assessore al Bilancio Gilberto Pichetto affinché sia fornita un indicazione puntuale delle risorse del bilancio 2014 destinate alle materie di competenza locale. Sindrome di Sjorgen La rarissima sindrome di Sjogren al centro di un convegno, nel tardo pomeriggio del 19 dicembre, presso la sala Viglione del Consiglio regionale. L incontro è stato anche l occasione per proiettare il cortometraggio L amante di Sjogren, realizzato da Maurizio Rigatti, che racconta la storia di una donna che nasconde al figlio di avere una grave malattia e il giovane pensa che la madre abbia un amante (http://www.facebook.com/lamantesjogrencortometraggio). In sala, gli interventi di Antonio Caputo, Difensore civico della Regione Piemonte, Patrizia Piano, medico in rappresentanza della Fimmg e la fisioterapista Tiziana Nava, moderati da Lucia Marotta, presidente dell Animass Onlus, associazione che ha organizzato l evento. La sindrome di Sjogren è una malattia auto immune, cioè una malattia nella quale il sistema immunitario attacca le cellule del proprio corpo: il sistema immunitario attacca le ghiandole che producono liquidi e causa secchezza a bocca e occhi. Possono essere affette anche altre parti del corpo, con il risultato di poter avere una ben più ampia sintomatologia. Colpisce soprattutto le donne (http://www.animass.org/sjogren/sindrome.htm). Chiusura festiva di Palazzo Lascaris Dal 25 al 29 dicembre e dal 1 al 6 gennaio la sede del Consiglio regionale di Palazzo Lascaris e tutti gli uffici dell Assemblea sono chiusi. Una necessità dovuta all esigenza di risparmiare sui consumi di energia e sui costi legati alla sicurezza in uno dei momenti in Informazioni - 23 Dicembre

non siamo bambole Gruppo Assembleare Regione Emilia-Romagna

non siamo bambole Gruppo Assembleare Regione Emilia-Romagna non siamo bambole Gruppo Assembleare Regione Emilia-Romagna siamo non bambole Cercasi donne appassionate che vogliono cambiare la politica e migliorare il Paese Vorrei che la conferenza delle donne dell

Dettagli

A relazione dell'assessore Pentenero:

A relazione dell'assessore Pentenero: REGIONE PIEMONTE BU12S1 26/03/2015 Deliberazione della Giunta Regionale 23 marzo 2015, n. 19-1217 DPR 20 marzo 2009, n. 81, DPR 20 marzo 2009, n. 89, DCR n. 10-35899 del 4 novembre 2014. Programmazione

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA CONFERENZA CITTADINA DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE AUTONOME STATALI E PARITARIE DELL INFANZIA E DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE

REGOLAMENTO DELLA CONFERENZA CITTADINA DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE AUTONOME STATALI E PARITARIE DELL INFANZIA E DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE REGOLAMENTO DELLA CONFERENZA CITTADINA DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE AUTONOME STATALI E PARITARIE DELL INFANZIA E DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Finalità 1.1 Il

Dettagli

CITTÀ DI IMOLA MEDAGLIA D ORO AL VALORE MILITARE PER ATTIVITA PARTIGIANA

CITTÀ DI IMOLA MEDAGLIA D ORO AL VALORE MILITARE PER ATTIVITA PARTIGIANA CITTÀ DI IMOLA MEDAGLIA D ORO AL VALORE MILITARE PER ATTIVITA PARTIGIANA REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELLA CONSULTA DELLE RAGAZZE E DEI RAGAZZI DELLA CITTÀ DI IMOLA Approvato con deliberazione C.C.

Dettagli

RIUNIONE COMITATO REGIONALE ANPI LOMBARDIA 19 NOVEMBRE 2009

RIUNIONE COMITATO REGIONALE ANPI LOMBARDIA 19 NOVEMBRE 2009 RIUNIONE COMITATO REGIONALE ANPI LOMBARDIA 19 NOVEMBRE 2009 Antonio PIZZINATO scaletta Relazione -Teniamo questa riunione del Comitato regionale ANPI Lombardia, per compiere una riflessione sull attuale

Dettagli

DEL REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI (C.C.R.)

DEL REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI (C.C.R.) DEL REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI (C.C.R.) (Approvato con deliberazione consiliare n. 30 del 24.06.2010 e successiva modifica con deliberazione consiliare n. 50 del 25.09.2012) PREMESSA

Dettagli

Verbale di deliberazione della Giunta Provinciale seduta n. 52. Deliberazione di Giunta N. 140

Verbale di deliberazione della Giunta Provinciale seduta n. 52. Deliberazione di Giunta N. 140 Verbale di deliberazione della Giunta Provinciale seduta n. 52 Deliberazione di Giunta N. 140 OGGETTO: Premio per tesi di laurea magistrale "Ondina Barduzzi". Aggiornamento di alcuni indirizzi generali

Dettagli

DELIBERAZIONE N IX / 4139 Seduta del 10/10/2012

DELIBERAZIONE N IX / 4139 Seduta del 10/10/2012 DELIBERAZIONE N IX / 4139 Seduta del 10/10/2012 Presidente ROBERTO FORMIGONI Assessori regionali ANDREA GIBELLI Vice Presidente VALENTINA APREA DANIELE BELOTTI GIULIO BOSCAGLI LUCIANO BRESCIANI RAFFAELE

Dettagli

COMITATO GENITORI MONTE OLIMPINO DEL PLESSO DELLA SCUOLA DELL'INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI COMO-MONTE OLIMPINO

COMITATO GENITORI MONTE OLIMPINO DEL PLESSO DELLA SCUOLA DELL'INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI COMO-MONTE OLIMPINO COMITATO GENITORI MONTE OLIMPINO DEL PLESSO DELLA SCUOLA DELL'INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI COMO-MONTE OLIMPINO STATUTO ART. 1 - COSTITUZIONE E FINALITA Il COMITATO GENITORI MONTEOLIMPINO dei PLESSI

Dettagli

REGOLAMENTO ISTITUTIVO DEL CONSIGLIO DEI BAMBINI E DEI RAGAZZI

REGOLAMENTO ISTITUTIVO DEL CONSIGLIO DEI BAMBINI E DEI RAGAZZI REGOLAMENTO ISTITUTIVO DEL CONSIGLIO DEI BAMBINI E DEI RAGAZZI PREMESSA 1. La Regione Lazio, in attuazione dei principi statutari e al fine della concreta applicazione della Carta europea riveduta di partecipazione

Dettagli

Legge Regionale Sardegna 22/8/2007 n. 9 (B.U.R 31/8/2007 n. 28) Norme in materia di polizia locale e politiche regionali per la sicurezza

Legge Regionale Sardegna 22/8/2007 n. 9 (B.U.R 31/8/2007 n. 28) Norme in materia di polizia locale e politiche regionali per la sicurezza Legge Regionale Sardegna 22/8/2007 n. 9 (B.U.R 31/8/2007 n. 28) Norme in materia di polizia locale e politiche regionali per la sicurezza Articolo 1 - Oggetto e finalità Oggetto e finalità 1. La presente

Dettagli

Scuola + 15 PROGETTI DI DIDATTICA INTEGRATA. Progetto realizzato da Fondazione Rosselli con il contributo di Fondazione Roma

Scuola + 15 PROGETTI DI DIDATTICA INTEGRATA. Progetto realizzato da Fondazione Rosselli con il contributo di Fondazione Roma Scuola + 15 PROGETTI DI DIDATTICA INTEGRATA Progetto realizzato da Fondazione Rosselli con il contributo di Fondazione Roma 2 Scuola, tecnologie e innovazione didattica La tecnologia sembra trasformare

Dettagli

Comune di Polverara Provincia di Padova. Consiglio Comunale dei Ragazzi

Comune di Polverara Provincia di Padova. Consiglio Comunale dei Ragazzi Comune di Polverara Provincia di Padova Consiglio Comunale dei Ragazzi Premessa La Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti dell'infanzia (28.11.89) ratificata a tutt'oggi da ben 191 paesi, racchiude

Dettagli

La buona scuola. Le principali novità introdotte dalla commissione Cultura

La buona scuola. Le principali novità introdotte dalla commissione Cultura La buona scuola Le principali novità introdotte dalla commissione Cultura Nel corso dell esame sul ddl scuola in Commissione, il testo è stato migliorato in molti articoli con il lavoro dei nostri deputati,

Dettagli

Legge regionale 22 aprile. 2011, n. 5. Interventi a sostegno della realizzazione di servizi di accesso Wi-Fi gratuiti e aperti.

Legge regionale 22 aprile. 2011, n. 5. Interventi a sostegno della realizzazione di servizi di accesso Wi-Fi gratuiti e aperti. REGIONE PIEMONTE BU17 28/04/2011 Legge regionale 22 aprile. 2011, n. 5. Interventi a sostegno della realizzazione di servizi di accesso Wi-Fi gratuiti e aperti. Il Consiglio regionale ha approvato. IL

Dettagli

ALLEGATOA alla Dgr n. 1562 del 31 luglio 2012 pag. 1/8

ALLEGATOA alla Dgr n. 1562 del 31 luglio 2012 pag. 1/8 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATOA alla Dgr n. 1562 del 31 luglio 2012 pag. 1/8 PROTOCOLLO D INTESA TRA Regione del Veneto Ministero dell'istruzione,dell'università e della Ricerca - Ufficio Scolastico

Dettagli

Patto politiche attive del 16 giugno 2009

Patto politiche attive del 16 giugno 2009 Patto politiche attive del 16 giugno 2009 1 Premessa: per il lavoro oltre la crisi L'Accordo sottoscritto in Lombardia il 4 maggio 2009 prevede uno stretto rapporto tra le politiche passive, attraverso

Dettagli

STATUTO DELLA CONSULTA PER LE POLITICHE GIOVANILI TITOLO I COSTITUZIONE. CAPO I Istituzione e insediamento

STATUTO DELLA CONSULTA PER LE POLITICHE GIOVANILI TITOLO I COSTITUZIONE. CAPO I Istituzione e insediamento STATUTO DELLA CONSULTA PER LE POLITICHE GIOVANILI TITOLO I COSTITUZIONE Istituzione e insediamento Art. 1 Istituzione La Consulta per le politiche giovanili è istituita dal Comune di Floridia con deliberazione

Dettagli

Bari - Il ruolo della donna oggi all interno degli organi decisionali tra diritti e opportunità

Bari - Il ruolo della donna oggi all interno degli organi decisionali tra diritti e opportunità TESTATA: 247.LIBERO.IT TITOLO: Bari - Il ruolo della donna oggi all interno degli organi decisionali tra diritti e opportunità 23/11/12 Bari - Il ruolo della donna oggi all interno degli organi decisionali

Dettagli

SISTEMA CODICE UNICO DI PROGETTO, CUP (codice: G17H03000130001), E SISTEMA MONITORAGGIO INVESTIMENTI PUBBLICI, MIP (codice: G17H03000130011)

SISTEMA CODICE UNICO DI PROGETTO, CUP (codice: G17H03000130001), E SISTEMA MONITORAGGIO INVESTIMENTI PUBBLICI, MIP (codice: G17H03000130011) SERVIZIO CENTRALE DI SEGRETERIA DEL CIPE UFFICIO VIII SISTEMA CODICE UNICO DI PROGETTO, CUP (codice: G17H03000130001), E SISTEMA MONITORAGGIO INVESTIMENTI PUBBLICI, MIP (codice: G17H03000130011) RAPPORTO

Dettagli

PROGETTO L EUROPA PER I PICCOLI

PROGETTO L EUROPA PER I PICCOLI PROGETTO L EUROPA PER I PICCOLI Progetto realizzato con il contributo di Regione Liguria Assessorato alla formazione, istruzione, scuola e università La nostra scuola, inoltre, deve formare cittadini italiani

Dettagli

Progetti di legge regionali e nazionali

Progetti di legge regionali e nazionali CONSIGLIO REGIONALE DELL EMILIA ROMAGNA OSSERVATORIO LEGISLATIVO INTERREGIONALE Roma 8-9 febbraio 2007 Progetti di legge regionali e nazionali A cura di: di Giovanni Fantozzi PROPOSTA DI LEGGE N. 108 Di

Dettagli

REGIONE LAZIO ACCORDO REGIONALE PER

REGIONE LAZIO ACCORDO REGIONALE PER ALLEGATO A (Il presente allegato consta di n. 8 pagine.) REGIONE LAZIO ACCORDO REGIONALE PER L INTEGRAZIONE SCOLASTICA E FORMATIVA DEGLI STUDENTI CON DISABILITA (Legge 5 febbraio 1992 n. 104) 1 di 8 PREMESSA

Dettagli

Nota. Incontro con il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca. On. Stefania Giannini

Nota. Incontro con il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca. On. Stefania Giannini Nota Incontro con il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca On. Stefania Giannini Roma, 28 maggio 2014 Premessa Come è noto le Province si occupano del funzionamento, della manutenzione

Dettagli

Protocollo per l orientamento scolastico alunni disabili Pagina 1 di 7

Protocollo per l orientamento scolastico alunni disabili Pagina 1 di 7 Protocollo per l orientamento scolastico alunni disabili Pagina 1 di 7 I Dirigenti scolastici de: Istituto Statale d Arte F. Mengaroni Pesaro Liceo Classico T. Mamiani Pesaro Liceo Scientifico G. Marconi

Dettagli

VIII. Delibera 7433 del 13 giugno 2008 ROBERTO FORMIGONI

VIII. Delibera 7433 del 13 giugno 2008 ROBERTO FORMIGONI Delibera 7433 del 13 giugno 2008 VIII ROBERTO FORMIGONI VIVIANA BECCALOSSI Vice Presidente GIAN CARLO ABELLI DAVIDE BONI LUCIANO BRESCIANI MASSIMO BUSCEMI RAFFAELE CATTANEO ROMANO COLOZZI MASSIMO CORSARO

Dettagli

ATTO. REGIONE LIGURIA - Giunta Regionale LA GIUNTA REGIONALE

ATTO. REGIONE LIGURIA - Giunta Regionale LA GIUNTA REGIONALE O GG E TTO : Rimodulazione del Fondo di solidarietà per la gravi disabilità rinominato "CONTRIBUTO DI SOLIDARIETA' PER LA RESIDENZIALITA' E SEMIRESIDENZIALITA (DISABILI, PAZIENTI PSICHIATRICI E PERSONE

Dettagli

RIGENERAZIONE URBANA EX OSPEDALE PSICHIATRICO DI QUARTO

RIGENERAZIONE URBANA EX OSPEDALE PSICHIATRICO DI QUARTO CONFERENZA STAMPA IL FUTURO DI QUARTO, A CHE PUNTO SIAMO 6 FEBBRAIO 2015, ORE 12:00, SALA GIUNTA NUOVA RIGENERAZIONE URBANA EX OSPEDALE PSICHIATRICO DI QUARTO UN DIALOGO INTER-ISTITUZIONALE APERTO ALLA

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA - ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO DI SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI I GRADO Francesco D Este MASSA LOMBARDA (RA) PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA Il PROTOCOLLO D ACCOGLIENZA è un documento che viene deliberato

Dettagli

REGOLAMENTO CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI DEL COMUNE DI COLONNA

REGOLAMENTO CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI DEL COMUNE DI COLONNA REGOLAMENTO CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI DEL COMUNE DI COLONNA Premessa Il Comune di Colonna istituisce il "Consiglio Comunale dei Ragazzi" (CCR), come previsto dall'art. 5 Bis dello Statuto Comunale

Dettagli

BRUXELLES 6 GIUGNO 2012

BRUXELLES 6 GIUGNO 2012 BRUXELLES 6 GIUGNO 2012 Chi siamo Il Forum nasce con l assemblea di Firenze il 21 maggio 2011. Il Forum sta raccogliendo le idealità, il lavoro, le esperienze, maturate in tutta Italia negli ultimi 10

Dettagli

REGIONE MARCHE GIUNTA REGIONALE

REGIONE MARCHE GIUNTA REGIONALE 2 OGGETTO: Approvazione Linee guida per la predisposizione dei Piani triennali di ambito sociale obiettivi 2005-2007 LA VISTO il documento istruttorio, riportato in calce alla presente deliberazione, predisposto

Dettagli

PROVINCIA DI MANTOVA

PROVINCIA DI MANTOVA PROVINCIA DI MANTOVA Deliberazione della Giunta Provinciale Seduta n.1 del 29/08/2014 ore 09:00 delibera n. 102 OGGETTO: APPROVAZIONE DEL PIANO REGOLATORE PORTUALE DI MANTOVA QUALE PIANO D'AREA DEL PTCP

Dettagli

In data 23/08/2013 il/la sottoscritto/a FEZZARDI MARCO ha adottato la Determinazione Dirigenziale di seguito riportata.

In data 23/08/2013 il/la sottoscritto/a FEZZARDI MARCO ha adottato la Determinazione Dirigenziale di seguito riportata. PROVINCIA DI GENOVA DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE DIREZIONE AFFARI GENERALI, SERVIZI INFORMATIVI, POLIZIA PROVINCIALE SERVIZIO COORDINAMENTO TERRITORIALE Prot. Generale N. 0087553 / 2013 Atto N. 3785 OGGETTO:

Dettagli

La pubblicazione del testo non ha carattere di ufficialita' Sommario

La pubblicazione del testo non ha carattere di ufficialita' Sommario LEGGE REGIONALE 23 luglio 2012, nlegge REGIONALE 23 luglio 2012, n. 23 Integrazione delle politiche di pari opportunita di genere nella Regione. Modifiche alla Legge regionale 5 agosto 1996, n. 34 Norme

Dettagli

n. 175 29 settembre/6 ottobre 2015 Periodico iscritto al R.O.C. n.6552

n. 175 29 settembre/6 ottobre 2015 Periodico iscritto al R.O.C. n.6552 n. 175 29 settembre/6 ottobre 2015 Periodico iscritto al R.O.C. n.6552 Inaugurazione dell anno scolastico 2015-2016 a Napoli Qualche attento lettore di ANPInews (in particolare del n. 174 della scorsa

Dettagli

COMUNE DI CAMPAGNANO DI ROMA

COMUNE DI CAMPAGNANO DI ROMA COMUNE DI CAMPAGNANO DI ROMA PROVINCIA DI ROMA Tel. 06-9015601 Fax. 06-9041991 Piazza C. Leonelli n 15 C.A.P. 00063 www.comunecampagnano.it DELIBERAZIONE ORIGINALE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 295 del Reg.

Dettagli

LA GIUNTA PROVINCIALE

LA GIUNTA PROVINCIALE LA GIUNTA PROVINCIALE PREMESSO: - che la Regione Piemonte, in base a quanto previsto all'art. 77 della Legge Regionale 26 aprile 2000, n. 44, modificata ed integrata dalla Legge Regionale 15 marzo 2001,

Dettagli

SNADIR Segreteria Nazionale Piazza Confienza, 3 00185 ROMA Tel. 06 45492246 Fax 06 45492085 www.snadir.it e.mail snadir@snadir.it

SNADIR Segreteria Nazionale Piazza Confienza, 3 00185 ROMA Tel. 06 45492246 Fax 06 45492085 www.snadir.it e.mail snadir@snadir.it (Legge 24 Dicembre 2007, n. 244, pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale n. 300 del 28 dicembre 2007) Art.1, comma 207. Detrazione per spese aggiornamento Art.1, comma 207. Per l anno 2008 ai docenti delle

Dettagli

COMUNE DI CASARANO Provincia di Lecce REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL. CONSIGLIO COMUNALE dei RAGAZZI e delle RAGAZZE

COMUNE DI CASARANO Provincia di Lecce REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL. CONSIGLIO COMUNALE dei RAGAZZI e delle RAGAZZE COMUNE DI CASARANO Provincia di Lecce REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE dei RAGAZZI e delle RAGAZZE Approvato con deliberazione del Consiglio comunale n. 2 del 23.01.2015 Art. 1 ISTITUZIONE

Dettagli

PROVINCIA DI ROMA COMMISSARIO STRAORDINARIO

PROVINCIA DI ROMA COMMISSARIO STRAORDINARIO Deliberazione C.S. n. 319 del 20.11.2013 Riproduzione dell originale firmato digitalmente PROVINCIA DI ROMA COMMISSARIO STRAORDINARIO L anno duemilatredici il giorno venti del mese di novembre, alle ore

Dettagli

Provincia Autonoma TRENTO

Provincia Autonoma TRENTO Provincia Autonoma TRENTO 1 INDICE :::::::::::::: 1. Introduzione a. processo di ascolto 2. Principali temi emersi 3. Le buone pratiche regionali 2 Introduzione 1La Provincia Autonoma di Trento ha attivato

Dettagli

CURRICULUM PROFESSIONALE

CURRICULUM PROFESSIONALE CURRICULUM PROFESSIONALE Mario TURETTA Nato ad Alpignano (TO), il 01.10.1958 Residente in Piazza San Giovanni 2, 10122 Torino Coniugato, due figli. Laurea in Sociologia Giornalista collaboratore iscritto

Dettagli

INTEGRAZIONE ALL ACCORDO DI PROGRAMMA DEL PIANO DI ZONA 2005-2007 PER L ADOZIONE DEL PROGRAMMA ATTUATIVO 2006 DEL DISTRETTO N. 1

INTEGRAZIONE ALL ACCORDO DI PROGRAMMA DEL PIANO DI ZONA 2005-2007 PER L ADOZIONE DEL PROGRAMMA ATTUATIVO 2006 DEL DISTRETTO N. 1 INTEGRAZIONE ALL ACCORDO DI PROGRAMMA DEL PIANO DI ZONA 2005-2007 PER L ADOZIONE DEL PROGRAMMA ATTUATIVO 2006 DEL DISTRETTO N. 1 IN ATTUAZIONE DELLA LEGGE 8 NOVEMBRE 2000, N. 328 E DELLA LEGGE REGIONALE

Dettagli

Giunta Regionale del a Campania - Ufficio Stampa

Giunta Regionale del a Campania - Ufficio Stampa Promozione dei percorsi inerenti l educazione alla legalità, alla democrazia, alla cittadinanza responsabile, al contrasto della criminalità organizzata per il triennio 2013-2015 PREMESSO CHE: La Regione

Dettagli

REGOLAMENTO CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI DELLA CITTA DI LENDINARA

REGOLAMENTO CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI DELLA CITTA DI LENDINARA REGOLAMENTO CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI DELLA CITTA DI LENDINARA Adottato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 74 del 29 Settembre 2006 Modificato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 66

Dettagli

- Di rinviare a successivi provvedimenti la ripartizione e la destinazione delle risorse residue.

- Di rinviare a successivi provvedimenti la ripartizione e la destinazione delle risorse residue. 70 17.9.2008 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 38 b) Bilancio: integrazione di ulteriori 70.000 c) Tempi di realizzazione: 1 anno d) Soggetti da coinvolgere: Soggetti toscani partecipanti

Dettagli

A relazione dell'assessore Pentenero:

A relazione dell'assessore Pentenero: REGIONE PIEMONTE BU5 04/02/2016 Deliberazione della Giunta Regionale 21 dicembre 2015, n. 83-2691 L.r. 28/2007, art. 21. Rinnovo della convenzione tra la Regione Piemonte, l'ufficio Scolastico Regionale,

Dettagli

LINEE D INDIRIZZO REGIONALE PROGETTO ETA LIBERA INVECCHIAMENTO ATTIVO - EDIZIONE 2011 -

LINEE D INDIRIZZO REGIONALE PROGETTO ETA LIBERA INVECCHIAMENTO ATTIVO - EDIZIONE 2011 - LINEE D INDIRIZZO REGIONALE PROGETTO ETA LIBERA INVECCHIAMENTO ATTIVO - EDIZIONE 2011 - 1. AZIONI DI PROTEZIONE delle persone anziane con fragilità fisiche e sociali: Azione 1.1 Consolidamento del Call

Dettagli

LEGGE 107/2015 Riforma del sistema nazionale di istruzione e formazione. Legge 107 del 13 luglio 2015 - Elena Centemero

LEGGE 107/2015 Riforma del sistema nazionale di istruzione e formazione. Legge 107 del 13 luglio 2015 - Elena Centemero LEGGE 107/2015 Riforma del sistema nazionale di istruzione e formazione 1 FINALITA Dare piena attuazione all autonomia Innalzare i livelli di istruzione e le competenze Contrastare le disuguaglianze Prevenire

Dettagli

PROPOSTA ORGANIZZATIVA E INDICAZIONE DELLE COMPETENZE

PROPOSTA ORGANIZZATIVA E INDICAZIONE DELLE COMPETENZE Circolo 25 Aprile del Partito Democratico di Bareggio INDICE PROPOSTA ORGANIZZATIVA E INDICAZIONE DELLE COMPETENZE (approvato nella seduta del coordinamento del Giorno 14-11.2013) 1. Oggetto 2. Funzioni

Dettagli

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO Il disegno di legge 1212 Disposizioni sulle Città metropolitane, sulle Province, sulle unioni e fusioni di Comuni approvato dal Senato ha

Dettagli

L'anno addì.. del mese di, in T R A. La Dr.ssa nata a ( ) il, nella. sua qualità di Dirigente del Comune di Desenzano del Garda

L'anno addì.. del mese di, in T R A. La Dr.ssa nata a ( ) il, nella. sua qualità di Dirigente del Comune di Desenzano del Garda L'anno addì.. del mese di, in Desenzano del Garda, nella Residenza Municipale T R A La Dr.ssa nata a ( ) il, nella sua qualità di Dirigente del Comune di Desenzano del Garda abilitato alla stipulazione

Dettagli

Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Direzione generale. Progetto Attività Motoria e Sport nella Scuola

Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Direzione generale. Progetto Attività Motoria e Sport nella Scuola COMUNE DI ROMA MIUR Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Direzione generale Progetto Attività Motoria e Sport nella Scuola Protocollo D Intesa 2002-2005 1 Visto l art.21 della Legge 15 Marzo 1997

Dettagli

AZIONI A SOSTEGNO DELLE POLITICHE DI CONCILIAZIONE TRA FAMIGLIA E LAVORO

AZIONI A SOSTEGNO DELLE POLITICHE DI CONCILIAZIONE TRA FAMIGLIA E LAVORO AZIONI A SOSTEGNO DELLE POLITICHE DI CONCILIAZIONE TRA FAMIGLIA E LAVORO PREMESSO: - che occorre una azione sinergica, a tutti i livelli, tra le iniziative legislative, le politiche sociali e quelle contrattuali

Dettagli

Adesione alla XX Giornata della Memoria e dell'impegno in ricordo delle vittime innocenti delle mafie.

Adesione alla XX Giornata della Memoria e dell'impegno in ricordo delle vittime innocenti delle mafie. Estratto del verbale della seduta della Giunta Comunale NUMERO DI REGISTRO SEDUTA DEL 28 18 febbraio 2015 Oggetto : Adesione alla XX Giornata della Memoria e dell'impegno in ricordo delle vittime innocenti

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA

PROTOCOLLO DI INTESA PROTOCOLLO DI INTESA fra la Città di Torino e l Ufficio scolastico territoriale di Torino per lo sviluppo dei tirocini formativi e l avvicinamento all attività di alternanza scuola-lavoro L Ufficio scolastico

Dettagli

A relazione dell'assessore Porchietto: Premesso che:

A relazione dell'assessore Porchietto: Premesso che: REGIONE PIEMONTE BU31 02/08/2012 Deliberazione della Giunta Regionale 12 luglio 2012, n. 33-4150 Nuova disciplina dei corsi di formazione professionale per Agente e Rappresentante di Commercio. Revoca

Dettagli

PER LA SCUOLA COMPETENZE E AMBIENTI PER L APPRENDIMENTO

PER LA SCUOLA COMPETENZE E AMBIENTI PER L APPRENDIMENTO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE 2014-2020 PER LA SCUOLA COMPETENZE E AMBIENTI PER L APPRENDIMENTO STRATEGIA DI COMUNICAZIONE 2014-2020 La Strategia di comunicazione e gli obblighi di pubblicità 2 L attività

Dettagli

A più voci contro la dispersione scolastica

A più voci contro la dispersione scolastica A più voci contro la dispersione scolastica 1. Contesto dell intervento Abbandoni, interruzioni formalizzate, frequenze irregolari, ripetenze, ritardi : hanno nomi diversi le disfunzioni che caratterizzano

Dettagli

RIFORMA DELLA SCUOLA LE NOVITA DELLA LEGGE 107/2015

RIFORMA DELLA SCUOLA LE NOVITA DELLA LEGGE 107/2015 RIFORMA DELLA SCUOLA LE NOVITA DELLA LEGGE 107/2015 A cura di Alessandro Giuliani 1 1 AGOSTO 2015 TECNICA DELLA SCUOLA IL PROVVEDIMENTO IN SINTESI Un offerta formativa più ricca e flessibile per gli studenti

Dettagli

OGGETTO : Fiera Internazionale del libro edizione 2003 progetti rivolti alle scuole.

OGGETTO : Fiera Internazionale del libro edizione 2003 progetti rivolti alle scuole. Prot. nr. 25393/2003 Torino, 31 gennaio 2003 Circ. Reg. nr. 22 Ai DIRIGENTI SCOLASTICI degli Istituti Scolastici Statali e non statali di istruzione secondaria di II grado statali e non statali della regione

Dettagli

I GIOVANI REGISTRATI AL PROGRAMMA SUPERANO LE 870 MILA UNITÀ, OLTRE 9 MILA IN PIÙ NELL ULTIMA SETTIMANA

I GIOVANI REGISTRATI AL PROGRAMMA SUPERANO LE 870 MILA UNITÀ, OLTRE 9 MILA IN PIÙ NELL ULTIMA SETTIMANA Roma, 20 Novembre 2015 I giovani presi in carico sono 537.671. A più di 228 mila è stata proposta almeno una misura. Crescere in Digitale: oltre 35.100 gli iscritti a dieci settimane dal lancio I GIOVANI

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE SCUOLE DELL INFANZIA

REGOLAMENTO COMUNALE SCUOLE DELL INFANZIA REGOLAMENTO COMUNALE SCUOLE DELL INFANZIA ART. 1 - NATURA E FINALITA La Scuola comunale dell infanzia concorre, nell ambito del sistema scolastico, a promuovere la formazione integrale della personalità

Dettagli

Bollettino Ufficiale Serie Ordinaria n.31 - Giovedì 04 agosto 2011 LA GIUNTA REGIONALE

Bollettino Ufficiale Serie Ordinaria n.31 - Giovedì 04 agosto 2011 LA GIUNTA REGIONALE Bollettino Ufficiale Serie Ordinaria n.31 - Giovedì 04 agosto 2011 D.g.r. 28 luglio 2011 - n. IX/2061 Determinazione in ordine alla promozione di iniziative di sviluppo e confronto tra aziende lombarde

Dettagli

D.G.R.n.94-4335 del 13.11.2006

D.G.R.n.94-4335 del 13.11.2006 D.G.R.n.94-4335 del 13.11.2006 Approvazione criteri per l assegnazione contributi ai Soggetti gestori delle funzioni socioassistenziali per le attività delle Equipe Adozioni e per la promozione dell affidamento

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA CONFERENZA COMUNALE PERMANENTE DELLE ASSOCIAZIONI E DEI CITTADINI PER LA PACE

REGOLAMENTO DELLA CONFERENZA COMUNALE PERMANENTE DELLE ASSOCIAZIONI E DEI CITTADINI PER LA PACE Comune di Casalecchio di Reno Provincia di Bologna REGOLAMENTO DELLA CONFERENZA COMUNALE PERMANENTE DELLE ASSOCIAZIONI E DEI CITTADINI PER LA PACE Approvato dal Consiglio Comunale nella seduta del 2005

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA PROMOZIONE DELLA SOLIDARIETA INTERNAZIONALE E DEI DIRITTI UMANI. Art. 1 Finalità

REGOLAMENTO PER LA PROMOZIONE DELLA SOLIDARIETA INTERNAZIONALE E DEI DIRITTI UMANI. Art. 1 Finalità REGOLAMENTO PER LA PROMOZIONE DELLA SOLIDARIETA INTERNAZIONALE E DEI DIRITTI UMANI Art. 1 Finalità La Provincia di Genova, in attuazione di quanto previsto dal proprio Statuto, promuove la cultura della

Dettagli

PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015

PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015 PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015 La definizione del Programma Il Programma annuale è elaborato ai sensi del Regolamento concernente le istruzioni generali sulla gestione amministrativo -

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Pasquale Sottocorno Via Monte Popera, 12-20138 Milano C.F. 97504710159 Tel. 0288446556

Istituto Comprensivo Statale Pasquale Sottocorno Via Monte Popera, 12-20138 Milano C.F. 97504710159 Tel. 0288446556 Istituto Comprensivo Statale Pasquale Sottocorno Via Monte Popera, 12-20138 Milano C.F. 97504710159 Tel. 0288446556 VERBALE DEL CONSIGLIO D ISTITUTO DEL 17 GENNAIO 2013 L anno 2013 il giorno 17 del mese

Dettagli

Verso lo Spazio Europeo dell Istruzione Superiore Comunicato dei Ministri Europei dell istruzione superiore Praga, 19 maggio 2001

Verso lo Spazio Europeo dell Istruzione Superiore Comunicato dei Ministri Europei dell istruzione superiore Praga, 19 maggio 2001 Verso lo Spazio Europeo dell Istruzione Superiore Comunicato dei Ministri Europei dell istruzione superiore Praga, 19 maggio 2001 1. Due anni dopo la firma della Dichiarazione di Bologna e tre dopo quella

Dettagli

LINEE COMUNI DI INTERVENTO tra

LINEE COMUNI DI INTERVENTO tra LINEE COMUNI DI INTERVENTO tra COMUNI EST MILANO - CGIL CISL UIL - AFOL EST MI ASSOLOMBARDA, COLDIRETTI, CONFCOMMERCIO, CONFEDERAZIONE ITALIANA AGRICOLTORI, CONFEDERAZIONE NAZIONALE ARTIGIANATO E PICCOLA

Dettagli

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Oggetto: schema di decreto recante linee guida in materia di semplificazione e promozione dell istruzione tecnico professionale a norma dell articolo 52 del decreto legge 9 febbraio 2012, n.5, convertito

Dettagli

PROVINCIA DI NOVARA Piazza Matteotti, 1 - Tel. 0321.3781 - Fax 0321.36087

PROVINCIA DI NOVARA Piazza Matteotti, 1 - Tel. 0321.3781 - Fax 0321.36087 PROVINCIA DI NOVARA Piazza Matteotti, 1 - Tel. 0321.3781 - Fax 0321.36087 Deliberazione N. 392/2010 Proposta Staff di Presidenza/19 ESTRATTO DEL PROCESSO VERBALE DELLA SEDUTA DELLA GIUNTA PROVINCIALE Relatore:

Dettagli

COMUNE DI MONTAZZOLI Provincia di Chieti REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE ED IL FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI

COMUNE DI MONTAZZOLI Provincia di Chieti REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE ED IL FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI COMUNE DI MONTAZZOLI Provincia di Chieti REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE ED IL FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI Approvato dal Consiglio Comunale con deliberazione n 17 del 30 marzo 2007 NORME

Dettagli

PROPOSTA DI DELIBERA DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO DEMO ANAGRAFICO E SOCIO CULTURALE. Data avvio Proposta : 21/09/2012

PROPOSTA DI DELIBERA DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO DEMO ANAGRAFICO E SOCIO CULTURALE. Data avvio Proposta : 21/09/2012 PROPOSTA DI DELIBERA DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO DEMO ANAGRAFICO E SOCIO CULTURALE Data avvio Proposta : 21/09/2012 Illustrano l argomento OGGETTO: ESAME ED APPROVAZIONE DEL PIANO ANNUALE COMUNALE PER

Dettagli

ELEZIONI EUROPEE 25 MAGGIO 2014. www.lorenapesaresi.eu

ELEZIONI EUROPEE 25 MAGGIO 2014. www.lorenapesaresi.eu ELEZIONI EUROPEE 25 MAGGIO 2014 www.lorenapesaresi.eu Il PD nel PSE per l Europa Lavoro. Il PSE vuole una nuova politica industriale, la promozione di tecnologie verdi e tutele per i lavoratori; rilancio

Dettagli

WORKSHOP. Analisi delle politiche a sostegno delle Unioni intercomunali e forme di incentivazione

WORKSHOP. Analisi delle politiche a sostegno delle Unioni intercomunali e forme di incentivazione Convenzione tra Regione Siciliana e Formez PA del 23 marzo 2012 POR FSE 2007 2013 Regione Siciliana Asse VII Capacità Istituzionale Progetto AZIONI DI SISTEMA PER LA CAPACITÀ ISTITUZIONALE - LINEA COMUNI

Dettagli

ANDREA GIBELLI Vice Presidente GIULIO DE CAPITANI ALESSANDRO COLUCCI DOMENICO ZAMBETTI

ANDREA GIBELLI Vice Presidente GIULIO DE CAPITANI ALESSANDRO COLUCCI DOMENICO ZAMBETTI IX / ROBERTO FORMIGONI ANDREA GIBELLI Vice Presidente GIULIO DE CAPITANI DANIELE BELOTTI ROMANO LA RUSSA GIULIO BOSCAGLI CARLO MACCARI LUCIANO BRESCIANI STEFANO MAULLU MASSIMO BUSCEMI MARCELLO RAIMONDI

Dettagli

Linee Guida di cui all articolo 13, comma 1-quinquies del decreto legge 31 gennaio 2007, n. 7, convertito dalla legge 2 aprile 2007, n.

Linee Guida di cui all articolo 13, comma 1-quinquies del decreto legge 31 gennaio 2007, n. 7, convertito dalla legge 2 aprile 2007, n. Linee Guida di cui all articolo 13, comma 1-quinquies del decreto legge 31 gennaio 2007, n. 7, convertito dalla legge 2 aprile 2007, n. 40 Premessa Il presente documento contiene indicazioni e orientamenti

Dettagli

DISCIPLINARE DI SERVIZIO

DISCIPLINARE DI SERVIZIO ALLEGATO B DISCIPLINARE DI SERVIZIO PER L ACCREDITAMENTO DELL UNITA DI OFFERTA SOCIALE SERVIZIO DI FORMAZIONE ALL AUTONOMIA PER LE PERSONE DISABILI (S.F.A) Oggetto Oggetto del presente documento è la descrizione

Dettagli

Scuola + 15 PROGETTI DI DIDATTICA INTEGRATA. Progetto realizzato da Fondazione Rosselli con il contributo di Fondazione Roma

Scuola + 15 PROGETTI DI DIDATTICA INTEGRATA. Progetto realizzato da Fondazione Rosselli con il contributo di Fondazione Roma Scuola + 15 PROGETTI DI DIDATTICA INTEGRATA Progetto realizzato da Fondazione Rosselli con il contributo di Fondazione Roma 2 Scuola, tecnologie e innovazione didattica La tecnologia sembra trasformare

Dettagli

Leggere la riforma Sostenere i diritti

Leggere la riforma Sostenere i diritti Leggere la riforma Sostenere i diritti La scheda di analisi dei provvedimenti del Governo a cura della Uil Scuola 1 Con l anno scolastico 2015/2016 entra in vigore per alcune parti importanti la legge

Dettagli

prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena

prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena UNIVERSITÀ, SCUOLE E ORIENTAMENTO IN ITALIA intervento al convegno Essenzialità dell Orientamento per il Futuro dei Giovani, Orvieto 9 11 dicembre

Dettagli

l Accordo in sede di Conferenza unificata del 2 marzo 2000 per la riorganizzazione e il potenziamento dell educazione degli adulti;

l Accordo in sede di Conferenza unificata del 2 marzo 2000 per la riorganizzazione e il potenziamento dell educazione degli adulti; REGIONE PIEMONTE BU13 28/03/2013 Deliberazione della Giunta Regionale 4 marzo 2013, n. 17-5463 Presa d'atto a ratifica del Protocollo d'intesa sottoscritto tra il Ministero dell'istruzione, Universita'

Dettagli

Come convivere: cambia tu!...lei non può. (dall etichetta di pericolo all esposizione)

Come convivere: cambia tu!...lei non può. (dall etichetta di pericolo all esposizione) CONCORSO DOCENTI Premio nazionale per docenti Didattica del REACH e del CLP Seconda edizione Come convivere: cambia tu!...lei non può. (dall etichetta di pericolo all esposizione) Concorso nazionale per

Dettagli

STATUTO DELLA SCUOLA CIVICA DI MUSICA

STATUTO DELLA SCUOLA CIVICA DI MUSICA STATUTO DELLA SCUOLA CIVICA DI MUSICA Art. 1 ( Scuola Civica di Musica ) E costituita nel Comune di Villacidro la Scuola Civica di Musica nella forma di cui all art. 114 del D. Lgs.vo n. 267 del 18 Agosto

Dettagli

Verbale n.10 del Consiglio d Istituto

Verbale n.10 del Consiglio d Istituto Verbale n.10 del Consiglio d Istituto Il giorno 22/09/ 2014, alle ore 16.30, nella sala riunioni della scuola Primaria di via Merlini 8, si è riunito, su convocazione ordinaria, il Consiglio d Istituto

Dettagli

REGIONE EMILIA-ROMAGNA Atti amministrativi

REGIONE EMILIA-ROMAGNA Atti amministrativi REGIONE EMILIA-ROMAGNA Atti amministrativi ASSEMBLEA LEGISLATIVA Atto del Dirigente a firma unica: DETERMINAZIONE n 124 del 25/02/2015 Proposta: DAL/2015/128 del 24/02/2015 Struttura proponente: Oggetto:

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. ABI: al via la Fondazione per l Educazione Finanziaria e al Risparmio

COMUNICATO STAMPA. ABI: al via la Fondazione per l Educazione Finanziaria e al Risparmio COMUNICATO STAMPA ABI: al via la Fondazione per l Educazione Finanziaria e al Risparmio Il nuovo organismo creato per sviluppare la cultura al risparmio e alla legalità economica in Italia è stato presentato

Dettagli

COMITATO TECNICO SCUOLA E UNIVERSITA

COMITATO TECNICO SCUOLA E UNIVERSITA Emilia Gangemi COMITATO TECNICO SCUOLA E UNIVERSITA Linee di indirizzo 12 dicembre 2012 Il quadro disegnato dai dati più recenti, tra cui le indagini ISTAT, in merito al mercato del lavoro nel Lazio non

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI REFEZIONE PRESSO LA MENSA COMUNALE DI CUCCIAGO COMUNE DI CUCCIAGO APPROVATO CON DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI REFEZIONE PRESSO LA MENSA COMUNALE DI CUCCIAGO COMUNE DI CUCCIAGO APPROVATO CON DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE COMUNE DI CUCCIAGO ASSESSORATO ALLA PUBBLICA ISTRUZIONE REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI REFEZIONE PRESSO LA MENSA COMUNALE DI CUCCIAGO APPROVATO CON DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE N. 29 DEL 26.09.2008 MODIFICATO

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Schema di regolamento recante Revisione dell assetto ordinamentale, organizzativo e didattico della scuola dell infanzia e del primo ciclo di istruzione ai sensi dell'articolo 64 del decreto legge 25 giugno

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri

Presidenza del Consiglio dei Ministri Presidenza del Consiglio dei Ministri CONFERENZA UNIFICATA (ex art. 8 del D.Lgs. 28 agosto 1997, n. 281) SEDUTA DEL 2 MARZO 2000 Repertorio Atti n. 221 del 2 marzo 2000 Oggetto: Accordo tra Governo, regioni,

Dettagli

ATTIVITA DELLA SETTIMANA DEL CONSIGLIERE TENTONI

ATTIVITA DELLA SETTIMANA DEL CONSIGLIERE TENTONI ATTIVITA DELLA SETTIMANA DEL CONSIGLIERE TENTONI Lunedì 6 gennaio Ore 8,30 Torino, Municipio, Sala Rossa: Cerimonia di commemorazione dell ex Sindaco di Torino arch. Giovanni Picco; h9,30 Torino, via Morgari

Dettagli

Regolamento della Consulta Comunale degli Studenti universitari del Comune di Bari

Regolamento della Consulta Comunale degli Studenti universitari del Comune di Bari Regolamento della Consulta Comunale degli Studenti universitari del Comune di Bari Art. 1 Istituzione 1. Il Comune di Bari istituisce la Consulta comunale degli Studenti Universitari della Città di Bari,

Dettagli

STATUTO DELLA FONDAZIONE TEATRO BESOSTRI. 1) Per iniziativa del Comune di Mede, è costituita la Fondazione Teatro Besostri.

STATUTO DELLA FONDAZIONE TEATRO BESOSTRI. 1) Per iniziativa del Comune di Mede, è costituita la Fondazione Teatro Besostri. Articolo 1 COSTITUZIONE SEDE STATUTO DELLA FONDAZIONE TEATRO BESOSTRI 1) Per iniziativa del Comune di Mede, è costituita la Fondazione Teatro Besostri. 2) La Fondazione ha sede in Mede, Piazza della Repubblica

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL DIRIGENTE SCOLASTICO ALLEGATA AL PROGRAMMA ANNUALE ANNO FINANZIARIO 2015

RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL DIRIGENTE SCOLASTICO ALLEGATA AL PROGRAMMA ANNUALE ANNO FINANZIARIO 2015 RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL DIRIGENTE SCOLASTICO ALLEGATA AL PROGRAMMA ANNUALE ANNO FINANZIARIO 2015 Il programma annuale è direttamente raccordato al Piano dell Offerta Formativa (P.O.F.) e traduce, in

Dettagli

INCONTRO CON I CITTADINI. Comune Unico, una scelta per essere protagonisti del cambiamento

INCONTRO CON I CITTADINI. Comune Unico, una scelta per essere protagonisti del cambiamento INCONTRO CON I CITTADINI Comune Unico, una scelta per essere protagonisti del cambiamento Comune di Campegine, 1 luglio 2015 Di cosa parliamo stasera? Cosa cambierebbe per i cittadini e per le amministrazioni

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA. Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca (di seguito denominato MIUR)

PROTOCOLLO D INTESA. Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca (di seguito denominato MIUR) PROTOCOLLO D INTESA Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca (di seguito denominato MIUR) Associazione Volontari Italiani del Sangue (di seguito denominato AVIS) VISTI gli articoli 2-3-13-19-32

Dettagli