Anno XXXVIII - n Dicembre 2013

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Anno XXXVIII - n. 43 23 Dicembre 2013"

Transcript

1 Informazioni - Agenzia settimanale a cura della Direzione Comunicazione Ufficio Stampa Via Alfieri, Torino Reg. Trib. di Torino n del Direttore responsabile: Domenico Tomatis In redazione: Mario Bocchio, Gianni Boffa, Alessandro Bruno, Federica Calosso, Elena Correggia, Carlo Lomonte, Fabio Malagnino, Giovanni Monaco, Carlo Tagliani Collaboratori: Dario Barattin, Roberta Bertero Daniela Roselli, Rosa Maria Scimone, Marco Travaglini Segreteria di redazione: Lucia Lucarelli, Loredana Russo, Piera Savina Grafica: Carlo Gaffoglio Stampa: Copisteria Cornia 23 Dicembre 2013 Sommario Consiglio regionale, un anno di attività Esercizio provvisorio e variazione addizionale Irpef Consiglio straordinario sul lavoro Rinviata l elezione del vicepresidente Interrogazioni discusse in Aula Brevi dal Consiglio Settecento firme per gli agriturismi Confronto sulla riforma del Csi Revisione del dimensionamento scolastico Nuovo ingresso all Ospedale Sant Anna uropa, immigrazione e comunicazione Concorso Diventiamo cittadini europei Legalità e uso responsabile del denaro Rubriche Leggi Regionali Progetti di legge Interrogazioni e interpellanze Ordini del giorno e mozioni Piemonte Digitale InfoLeg Alla scoperta dei comuni del Piemonte Libri Accade in Piemonte

2 Consiglio regionale, un anno di attività Anche quest anno la semplificazione amministrativa, la trasparenza e la riduzione dei costi della politica sono stati al centro dell attività del Consiglio regionale. Nel nuovo anno i gruppi che compongono l Assemblea regionale saranno chiamati a impegnarsi per scrivere insieme la nuova legge elettorale, che vede già numerosi punti condivisi a proposito di abolizione del listino, premio di maggioranza graduato in base al risultato elettorale e misure per la tutela della parità di genere sia nella composizione delle liste sia nell espressione del voto. Con queste parole il presidente del Consiglio regionale Valerio Cattaneo ha aperto il 20 dicembre a Palazzo Lascaris, con il vicepresidente Fabrizio Comba e i consiglieri segretari Gianfranco Novero e Tullio Ponso, la conferenza stampa per illustrare un anno di attività dell Assemblea regionale del Piemonte. Per quanto riguarda l attività principe del Consiglio regionale, ovvero quella legislativa, queste le cifre del 2013: 77 sedute d Aula per un totale di 44 giornate di lavori 64 progetti di legge presentati 22 le leggi approvate, tra cui le nuove norme in materia di urbanistica, programmazione sanitaria, aree protette, edilizia sociale, pianificazione, prevenzione della criminalità, antincendi boschivi 52 deliberazioni votate 87le interrogazioni e le interpellanze discusse in Aula, 69 quelle che hanno ottenuto risposta scritta e 173 le question time discusse 62 le mozioni e gli ordini del giorno approvati e 26 sono stati respinti Le Commissioni si sono riunite per un totale di 270 sedute, 57 invece le riunioni dei Capigruppo. Il bilancio di previsione del Consiglio regionale per il 2014 registra un risparmio di quasi 2,6 milioni di euro rispetto al previsionale Le riduzioni di spesa più significative riguardano le spese per il personale dei gruppi (- 1,3 milioni di euro), il personale dipendente (- 1 milione di euro), i servizi (- 175mila euro) e la manutenzione straordinaria (- 75 mila euro). La struttura del Consiglio ha visto un ulteriore riorganizzazione e snellimento con la soppressione di tre settori e non si sono effettuate nuove assunzioni di personale. continua la dematerializzazione di tutto il flusso di documenti che il Consiglio gestisce, tramite l applicativo Doqui Acta ed è stato approvato un protocollo d intesa con la Regione Abruzzo per la semplificazione e dematerializzazione dei procedimenti. Dal prossimo gennaio - inoltre - saranno disponibili i locali al terzo piano della sede ex Banco di Sicilia, completamente ristrutturati, con conseguente ulteriore riduzione delle spese per affitti L attività dei principali comitati e organismi consultivi in sintesi: Informazioni - 23 Dicembre

3 Il Comitato Resistenza e Costituzione, cui è delegato il consigliere Roberto Placido, a gennaio ha realizzato diverse iniziative - tra Alessandria, Cuneo e Torino - per celebrare il Giorno della Memoria e quello del Ricordo. Con la rassegna cinematografica I diritti di tutti ha coinvolto, con 94 proiezioni in 25 città piemontesi, circa 16mila tra studenti e insegnanti. In primavera gli studenti vincitori del progetto di storia contemporanea hanno svolto viaggi studio a Trieste, Carpi e Mauthausen e il 2 giugno all Auditorium Rai di Torino si è svolto il Concerto per la Festa della Repubblica dell Orchestra sinfonica nazionale della Rai. In estate ha avuto luogo la VII Rassegna teatrale itinerante Voci dei luoghi : 17 rappresentazioni con le compagnie Assemblea Teatro, Accademia dei Folli, Compagnia 3001 e Teknè Teatro. A ottobre ha preso il via la 33 edizione del progetto di storia contemporanea per gli studenti delle scuole superiori e a novembre, al Museo diffuso della Resistenza di Torino, si è inaugurata la mostra Lo sport europeo sotto il nazismo. La Consulta regionale Europea, presieduta dal vicepresidente Fabrizio Comba, in primavera ha organizzato due viaggi studio a Bruxelles per gli studenti vincitori del concorso per le scuole superiori piemontesi Diventiamo cittadini europei, la cui premiazione si è svolta il 24 e il 25 maggio nell Aula di Palazzo Lascaris, e un ciclo d incontri sul tema Unione europea al bivio, in collaborazione con l Istituto Salvemini di Torino. Ha partecipato e collaborato a incontri e convegni per la Festa dell Europa e il 300 anniversario del Trattato di Utrecht. In autunno ha organizzato due viaggi di studio a Ventotene e a Trieste, Lubiana e Zagabria per l ultima parte di studenti vincitori del concorso per le scuole e a ottobre ha indetto il nuovo bando per l anno scolastico , organizzando conferenze di presentazione in 21 città del Piemonte. Ha inoltre collaborato al ciclo di seminari Europe from Outside Seminars, promosso da Dipartimento di Culture, politica e società e Corso di laurea magistrale in Scienze internazionali dell Università di Torino. Per quanto riguarda la Consulta Femminile regionale e la Consulta delle Elette - cui è delegato il componente dell Ufficio di presidenza Gianfranco Novero - la prima ha, tra l altro, curato le mostre permanenti Con forza e intelligenza e Dall uguaglianza alla differenza, ospitate nel Braccio femminile del Museo del Carcere Le Nuove di Torino, promosso il convegno Ada e le altre: legami femminili tra educazione e valore della differenza, preso parte al convegno Bambini del mondo nelle scuole italiane - La realtà piemontese al Sermig e proposto la rassegna cinematografica Di diritto e di rovescio sul rapporto tra donne e lavoro al cinema Romano di Torino; la seconda ha organizzato ventisette incontri sul territorio per presentare il progetto La città si*cura e promosso il percorso formativo Protagoniste nei governi locali Il percorso continua : quaranta incontri (cinque per provincia) tra Alessandria, Asti, Biella, Cuneo, Domodossola (Vco), Novara, Torino e Vercelli. La Consulta regionale dei Giovani, presieduta dal consigliere segretario Lorenzo Leardi, tra gennaio e giugno ha realizzato un corso per la mobilità ecosostenibile su due ruote, la sicurezza stradale e la guida sicura rivolto agli alunni di 65 scuole superiori piemontesi. A marzo alla Biblioteca ha presentato un progetto di raccolta 2 Informazioni - 23 Dicembre 2013

4 differenziata per le Aule studio dell Edisu, in collaborazione con Amiat e Città di Torino. Tra maggio e giugno in diverse piazze piemontesi ha partecipato ai Panathlon Day, giornate di sport, solidarietà e divertimento per giovani diversamente abili e, a Cherasco (Cn), a Ecofutura, manifestazione dedicata alle energie da fonti rinnovabili. Tra luglio e settembre ha pubblicato i migliori elaborati del concorso I Piemontesi che fecero l impresa, in collaborazione con il Miur e tra novembre e dicembre ha compartecipato alla XIV edizione di Sottodiciotto FilmFestival istituendo il Premio speciale Consulta dei Giovani per il miglior audiovisivo presentato dalle scuole superiori piemontesi sulla convivenza democratica. L Osservatorio regionale sul fenomeno dell usura, presieduta dal consigliere segretario Tullio Ponso, tra gennaio e giugno organizza il concorso Cultura della legalità e dell uso responsabile del denaro per gli istituti superiori del Piemonte, in collaborazione con l Assessorato regionale all Istruzione, l Ufficio scolastico regionale e la Provincia di Torino e organizzate sul territorio 20 conferenze di preparazione che coinvolgono circa studenti. A giugno, nell Aula del Consiglio regionale si svolge la cerimonia di premiazione. Stipula una Convenzione con la Fondazione Operti Onlus per realizzare programmi di microcredito per nuove microimprese piemontesi, partecipa con l Associazione Libera, alla campagna di comunicazione Azzardocard, contro il gioco d azzardo e, con l Associazione Acmos, organizza un percorso di educazione alla legalità destinato alle scuole superiori. A settembre dà il via alla II edizione del concorso sulla cultura della legalità e programma 15 conferenze sul tema su tutto il territorio regionale. Informazioni - 23 Dicembre

5 Esercizio provvisorio e variazione addizionale Irpef Il Consiglio regionale ha approvato a maggioranza, il 17 dicembre 2013, l esercizio provvisorio del bilancio regionale per il 2014 sino al prossimo 31 gennaio, accogliendo l emendamento proposto in Prima commissione dalle forze di opposizione. Grazie al provvedimento approvato, si potranno impegnare somme nei limiti di un dodicesimo per mese, fatte salve le spese obbligatorie per interventi collegati alle calamità naturali, per la tutela dell incolumità pubblica, per la copertura di contratti già stipulati e per i trasferimenti necessari al settore della Sanità. L Aula ha anche approvato le modifiche all applicazione dell addizionale Irpef, l imposta sul reddito delle persone fisiche, determinata per scaglioni di reddito. Al netto degli oneri deducibili, queste saranno le modifiche previste: per redditi sino a euro 0,39 per cento, oltre i e sino a ,90 per cento, oltre i e sino a ,08 per cento, oltre e sino a ,09 per cento, mentre per i redditi oltre i è determinata in 1,10 per cento. Come ha sottolineato l assessore al Bilancio Gilberto Pichetto Fratin, a decorrere dal 1 gennaio 2014 le detrazioni già previste dal Testo unico saranno maggiorate di un importo di 200 euro per ogni figlio portatore di disabilità, per chi abbia un reddito non superiore a 2.840,51 euro. Tenendo conto delle difficili condizioni in cui versano tante famiglie, ecco lo sconto sull aumento dell addizionale Irpef che sta per scattare: un caffè in un anno, rigorosamente preso in piedi, ha rimarcato Wilmer Ronzani (Pd), relatore di minoranza. Rispetto al nuovo aumento della stessa addizionale Irpef, l unica novità è lo sconto sull aumento di un euro all anno per contribuente, per la riduzione della maggiorazione da 0,40 a 0,39 sul primo scaglione di reddito fino a 15 mila euro, una presa in giro. Sappiamo benissimo che le intenzioni della Giunta sono di aumentare le tasse sui piemontesi e togliere servizi e risorse per tutta l area dell integrazione sociosanitaria. Per noi una prospettiva inaccettabile ha aggiunto Aldo Reschigna (Pd). Si tenga in considerazione che questo bilancio ha miliardi in meno a disposizione, rispetto a quelli della precedente Giunta. La situazione di grave crisi che attraversa questo Paese è colpa del della nostra maggioranza? Una confusione tributaria e legislativa che ci cade sulla testa senza poter intervenire, sarebbe colpa nostra?, le parole di Antonello Angeleri (Lega Nord). Nel dibattito, per i gruppi di maggioranza è anche intervenuto Angelo Burzi (Progett Azione). Per quelli di minoranza hanno portato il loro contributo: Andrea Buquicchio (Idv), Monica Cerutti (Sel), Davide Bono (M5S), Davide Gariglio, Giuliana Manica e Roberto Placido (Pd). 4 Informazioni - 23 Dicembre 2013

6 Il confronto sull esercizio provvisorio si è chiuso con la replica dell assessore Pichetto che, ascoltati i numerosi interventi dell opposizione a favore di una approvazione in temi rapidi del pacchetto finanziario, ha fatto propria tale richiesta auspicando l approvazione entro il 31 gennaio. Dopo la relazione del presidente Cattaneo sui risparmi di gestione dell Assemblea legislativa, si è proseguito con l adozione a larghissima maggioranza della deliberazione sul bilancio di previsione 2014, triennale , del Consiglio regionale. La giornata consiliare si è chiusa con l approvazione a maggioranza di un ordine del giorno (primo firmatario Mario Carossa) per favorire la realizzazione dell inno del Piemonte sulla base di un brano di Gipo Farassino. Informazioni - 23 Dicembre

7 Consiglio straordinario sul lavoro Si è svolto il 17 dicembre, su richiesta della Giunta, un Consiglio straordinario per illustrare quanto la Regione ha messo in campo negli ultimi tempi per la tutela e la promozione del lavoro. Vogliamo diffondere il più possibile la conoscenza di tutte le misure di politica passiva e attiva per il lavoro perché gli strumenti adottati stanno funzionando e stanno dando risultati, a cominciare dalla formazione, ha affermato il presidente della Regione Roberto Cota. Anche gli investimenti in innovazione e ricerca e nelle conseguenti politiche industriali stanno producendo buoni esiti e su questa parte vorremmo poter riferire in una prossima seduta del Consiglio. L assessore al Lavoro Claudia Porchietto ha poi illustrato in dettaglio la strategia seguita dalla Regione a favore del lavoro in una fase che perdura critica, nella quale il Piemonte ha raggiunto un tasso di disoccupazione pari al 9,8% contro l 8,6% del Sono state offerte politiche adeguate a seconda delle caratteristiche dei soggetti coinvolti e nell accreditamento è stata ampliata la rete, creando sinergie fra agenzie per il lavoro private e centri per l impiego pubblici e sono stati introdotti standard minimi e specifici di qualità. Si è provveduto a garantire servizi universalistici e, attraverso lo strumento Io Lavoro, è stato potenziato con efficacia l incontro della domanda e dell offerta di lavoro (nell ultima edizione della manifestazione una persona su quattro ha trovato un lavoro). Sono inoltre stati sviluppati strumenti di sostegno per la creazione di impresa come gli sportelli Mip. Le misure anticrisi hanno attivato percorsi di formazione e lavoro, in abbinamento all ammortizzatore sociale e disoccupati (pari al 98% dei sospesi) sono stati presi in carico, di cui inseriti in percorsi di ricollocazione. Sono stati avviati tirocini come strumenti di inserimento e di reinserimento professionale, attività di apprendistato a vari livelli e sono state adottate misure a sostegno delle imprese in difficoltà. Per il futuro, l assessorato intende proseguire il supporto per il rafforzamento delle competenze dei giovani e i processi di aggiornamento e di riqualificazione. Si desidera quindi potenziare la rete dei servizi per l impiego e incrementare la partecipazione al lavoro e l occupazione femminile. Il dibattito e i documenti collegati È poi seguito un dibattito - concluso nella seduta del 19 dicembre - durante il quale sono stati presentati e approvati numerosi ordini del giorno. La consigliera Gianna Pentenero (Pd) ha lamentato la mancanza di linee di indirizzo regionali per l attività dei centri per l impiego e l assenza di dati che aiutino a valutare se mantenere o meno le diverse misure per l occupazione. Una sollecitazione a intervenire presso il governo nazionale per il salario minimo garantito è stata espressa dal presidente M5S Davide Bono, mentre Wilmer Ronzani 6 Informazioni - 23 Dicembre 2013

8 (Pd) ha giudicato un errore aver cancellato le forme di sostegno al reddito adottate nella scorsa legislatura per chi non può contare sugli ammortizzatori sociali. L impossibilità da parte delle riconversioni produttive di colmare il vuoto espresso dalla tradizionale vocazione manifatturiera del Piemonte deve indurre la Regione ad attivarsi a livello nazionale, affinché si affronti il problema della permanenza di Fiat, ha dichiarato il presidente Fds Eleonora Artesio, è un tema rilevante anche per tutelare i posti di lavoro e le attività produttive di numerose Pmi. Il consigliere Elio Rostagno (Pd) ha affermato che è necessario rivedere l efficacia dell azione dei centri per l impiego che, pur articolati sul territorio, contribuiscono solo al 3% delle assunzioni, mentre Roberto Placido (Pd) ha espresso contrarietà circa l adozione di un modello lombardo pubblicoprivato nella gestione del problema occupazionale. La replica dell assessore L assessore Porchietto ha replicato che la Regione in materia di lavoro è protagonista dei tavoli nazionali e l obiettivo, in un momento particolarmente difficile, è stato e continuerà a essere quello di tutelare i posti di lavoro coinvolgendo con un azione sinergica anche le parti sociali e le Province. Nella relazione ho fornito dati e percentuali senza cancellare quelle negative per aprire un confronto su quanto è migliorabile e cambiabile, ha proseguito Porchietto. Diversamente, le dichiarazioni non suffragate dai numeri sarebbero state propaganda. L assessore ha inoltre precisato i percorsi formativi e di sostegno all occupazione sui quali ha inteso concentrarsi, ricordando l impegno sulle politiche attive, che fino al 2009 era stato giudicato accessorio. Ha poi spiegato che il modello piemontese, strutturalmente diverso da quello lombardo, si aggancia alle direttive nazionali pur difendendo l autonomia delle scelte che finora hanno consentito alla Regione di garantire la continuità degli ammortizzatori sociali anche in mancanza di risorse nazionali. La votazione dei documenti In conclusione di seduta sono stati votati e approvati tredici atti di indirizzo, fra cui una mozione (primo firmatario Mauro Laus Pd), sul trattamento economico dei dipendenti di società appaltate e fornitrici della Regione. Fra gli ordini del giorno, due quelli presentati da Andrea Buquicchio (Idv): il primo sui World Skills International, una sorta di campionato mondiale dei mestieri, e il secondo sulle azioni di governo conseguenti alla crisi economico-occupazionale. Il consigliere Nino Boeti (Pd) è il primo firmatario del documento per favorire l estensione al settore pubblico, e in particolar modo sanitario, del progetto sperimentale Staffetta generazionale. Quattro invece i documenti proposti dal Nuovo CentroDestra (primo firmatario il capogruppo Daniele Cantore): per attivare un tavolo di confronto interministeriale su lavoro e produzione in Piemonte, sui disoccupati e le politiche di reinserimento, a tutela dell inserimento lavorativo dei giovani e per la riforma della legge 34/2008 sulla promozione dell occupazione. L impegno della Giunta a esprimere una netta opposizione alla modifica prevista nello schema di decreto interministeriale sugli ammortizzatori sociali in deroga è quanto richiesto nel documento sottoscritto come primo firmatario dal capogruppo della Lega, Mario Carossa. Informazioni - 23 Dicembre

9 Due gli ordini del giorno del presidente M5S Davide Bono: sul salario minimo garantito e contro i licenziamenti e le discriminazioni delle donne in gravidanza. L adozione del Progetto Quality Web Piemonte, primo portale istituzionale per la promozione delle eccellenze artigiane piemontesi, è stato al centro dell ordine del giorno del consigliere Alberto Goffi (Udc), mentre il consigliere Tullio Ponso (Idv) è stato il primo firmatario del documento che sollecita la tutela occupazionale dei lavoratori delle acciaierie Riva di Lesegno (Cn). 8 Informazioni - 23 Dicembre 2013

10 Rinviata l elezione del vicepresidente L elezione del nuovo vicepresidente di opposizione che si insedierebbe in sostituzione di Roberto Placido è rinviata. Così ha stabilito il presidente dell Assemblea, Valerio Cattaneo, prendendo atto delle dichiarazioni dei gruppi della minoranza nella seduta d Aula del 17 dicembre. Non abbiamo condiviso le dimissioni di Roberto Placido per poi sostituirlo con un diverso consigliere democratico, ha dichiarato Aldo Reschigna (Pd) che ha continuato rilevando che tale situazione, peraltro, non comporta particolari problemi istituzionali. In questo modo, invece, ribadiamo il giudizio molto negativo su questa legislatura che ha rotto il patto con la cittadinanza piemontese. Deve cessare questa lenta agonia. Anche noi non diamo la disponibilità all elezione di un nuovo vicepresidente, ormai la misura è colma con queste parole Davide Bono (M5S) si è associato alla posizione del maggiore partito d opposizione. Chiara anche la dichiarazione di Andrea Buquicchio (Idv): Non parteciperemo alla votazione per il nuovo componente dell Ufficio di presidenza e non ritireremo nemmeno le schede. Non vogliamo essere la stampella di nessuno. Il posto resterà vacante e per questo avvertiamo già che rifiuteremo qualsiasi designazione. Desidero essere coerente con la coalizione nella quale sto operando - ha affermato Giovanni Negro (Udc) - e per questo non intendiamo accettare qualsivoglia candidatura. Non intendiamo così sostenere questa situazione. Informazioni - 23 Dicembre

11 Interrogazioni discusse in Aula Nella seduta del 17 dicembre in Consiglio regionale sono state discusse le seguenti interrogazioni e interpellanze. Ripetitore telefonico a Oggebbio (Vco) L assessore ai rapporti con il Consiglio regionale Giovanna Quaglia ha risposto all interrogazione n. 1863, presentata dal consigliere Davide Bono (M5S), sulla installazione di un ripetitore telefonico sulle rive del Lago Maggiore. Al momento non risulta che la Nokia abbia comunicato l inizio dei lavori - ha dichiarato l assessore Quaglia - un impianto alto 6 metri da posizionarsi sopra il traliccio di 30 metri della Ericsson, sopraelevazione autorizzata dal Comune di Oggebbio. Tali impianti possono quindi essere gestiti ma non vietati avendo anche le prescritte autorizzazioni Arpa. Comital di Volpiano L assessore ai rapporti con il Consiglio regionale Giovanna Quaglia ha risposto all interrogazione n. 1870, presentata dal consigliere Monica Cerutti (Sel), sulla crisi occupazionale e industriale della Comital di Volpiano (To). Nell incontro del 27 agosto presso l assessorato al Lavoro tra l azienda e le organizzazioni sindacali - ha spiegato l assessore Quaglia - convocato causa la procedura di licenziamento avviata in luglio per nove dipendenti, la Comital ha illustrato la grave crisi che per due volte l ha portata sull orlo di una procedura concorsuale, nel 2006 e nel Non sono prevedibili mutamenti più favorevoli delle condizioni strutturali principali responsabili della crisi aziendale. Il 21 novembre scorso la Comital ha comunicato alle organizzazioni sindacali la decisione di cedere al gruppo Miralu France il ramo d azienda costituito dalle strutture industriali del forno fusorio, della colata continua, del laminatoio pesante e del relativo personale dedicato dalla fine dell esercizio Scopo è il rafforzamento dell attività generando anche sviluppi occupazionali. La procedura sul trasferimento di ramo d azienda è stata esperita da azienda e Oo.ss. dal 27 novembre. Igiene nel collegio universitario di Grugliasco (To) L assessore ai rapporti con l Università Riccardo Molinari ha risposto all interpellanza n. 1900, presentata dal consigliere Maurizio Lupi (Verdi-Verdi), sulla presenza di blatte presso la residenza Edisu Villa Claretta a Grugliasco. 10 Informazioni - 23 Dicembre 2013

12 L assessore ha spiegato come si sia provveduto ai diversi interventi di disinfestazione nelle cucine, negli alloggi e nelle parti comuni e che, al più presto, verranno sostituite le attrezzature della cucina, tutto con spese a carico della ditta. La situazione viene continuamente monitorata ed in generale - ha concluso Molinari - il problema può definirsi ampiamente rientrato. Informazioni - 23 Dicembre

13 Brevi dal Consiglio Nuovo modello di residenzialità psichiatrica All unanimità dei votanti l Assemblea legislativa piemontese ha deliberato, nella seduta del 23 dicembre, il recepimento dell accordo approvato dalla Conferenza unificata Stato, Regioni, Città e Autonomie locali sul nuovo modello di residenzialità psichiatrica. Sempre all unanimità viene anche adottata l integrazione di alcuni allegati del Rendiconto generale del Consiglio regionale per l esercizio finanziario L assessore alla Sanità Ugo Cavallera ha spiegato l opportunità del riordino dell offerta di residenzialità in psichiatria per livelli di intensità riabilitativa e trattamento e per tipologia di intervento correlate alla patologia ed ai percorsi individualizzati. Adesso potremo procedere all adeguamento degli atti normativi in materia, a partire dalla deliberazione del 1997 che disciplina la materia, per sintonizzare i gruppi appartamento e le altre tipologie di residenzialità presenti sul nostro territorio. Certamente non siamo all anno zero. L attuazione puntuale e concreta dei contenuti dell accordo nazionale è demandata a successivi provvedimenti dell Esecutivo che verranno adottati entro 60 giorni, previo parere della IV Commissione consiliare. Nella stessa mattinata si è anche svolta una seduta straordinaria, richiesta dal gruppo Pd, in merito all illegittimità degli atti amministrativi adottati dall Asl To1. I lavori si sono svolti a porte chiuse a seguito della sollecitazione proveniente da alcuni consiglieri di maggioranza, una richiesta poi votata e approvata dall Aula. I procuratori in Commissione legalità Il procuratore generale della Repubblica di Torino Marcello Maddalena, il procuratore capo Giancarlo Caselli e il procuratore aggiunto vicario Sandro Ausiello, sono stati auditi il 16 dicembre in Commissione promozione legalità del Consiglio regionale. In Commissione, presieduta da Andrea Buquicchio, erano presenti i commissari di tutti i gruppi politici. I procuratori hanno fornito il proprio contributo in termini di suggerimenti e consigli, suffragati dall esperienza sul campo, circa le tecniche legislative in ordine allo svolgimento di compiti istituzionali affidati alla Commissione. In particolare, si è parlato delle possibilità normative regionali per prevenire le infiltrazioni mafiose all interno delle amministrazioni pubbliche locali, in accordo con la legislazione nazionale. Aumento fondi innevamento Un aumento di 10 centesimi di euro al metro cubo. È questa la novità più rilevante, nei criteri per il rimborso dell innevamento artificiale nelle grandi stazioni sciistiche del Piemonte. 12 Informazioni - 23 Dicembre 2013

14 La terza Commissione del Consiglio regionale, presieduta da Angiolino Mastrullo, nel pomeriggio del 12 dicembre, ha infatti approvato a maggioranza il parere sulla legge regionale n. 2/09, Norme in materia di sicurezza nella pratica degli sport invernali. I criteri di riparto del finanziamento, presentati dall assessore Alberto Cirio, restano sostanzialmente invariati rispetto agli scorsi anni e la Regione rimborserà sino al 40% delle spese sostenute e fatturate dalle stazioni per l innevamento artificiale, con una ponderazione tra la superficie innevata e la media dell innevamento naturale durante il periodo indicato, non superiore a 120 giorni. L aumento di 10 centesimi il metro è valido per la stagione Cal e concessioni idriche Un tavolo di confronto con l Assessorato all Ambiente per chiarire i contenuti della proposta di regolamento regionale sulla disciplina dei procedimenti di derivazione di acqua pubblica. È quanto emerso durante la riunione del Consiglio delle autonomie locali avvenuta il 18 dicembre. La richiesta di un nuovo incontro con l Assessorato deriva dalle preoccupazioni degli enti locali in merito ad alcuni passaggi del regolamento e dalla necessità di approfondire il contenuto della disciplina, che propone una semplificazione e uno snellimento procedurale. La presidente del Cal Bruna Sibille, ha anche annunciato la richiesta di un incontro con l assessore al Bilancio Gilberto Pichetto affinché sia fornita un indicazione puntuale delle risorse del bilancio 2014 destinate alle materie di competenza locale. Sindrome di Sjorgen La rarissima sindrome di Sjogren al centro di un convegno, nel tardo pomeriggio del 19 dicembre, presso la sala Viglione del Consiglio regionale. L incontro è stato anche l occasione per proiettare il cortometraggio L amante di Sjogren, realizzato da Maurizio Rigatti, che racconta la storia di una donna che nasconde al figlio di avere una grave malattia e il giovane pensa che la madre abbia un amante (http://www.facebook.com/lamantesjogrencortometraggio). In sala, gli interventi di Antonio Caputo, Difensore civico della Regione Piemonte, Patrizia Piano, medico in rappresentanza della Fimmg e la fisioterapista Tiziana Nava, moderati da Lucia Marotta, presidente dell Animass Onlus, associazione che ha organizzato l evento. La sindrome di Sjogren è una malattia auto immune, cioè una malattia nella quale il sistema immunitario attacca le cellule del proprio corpo: il sistema immunitario attacca le ghiandole che producono liquidi e causa secchezza a bocca e occhi. Possono essere affette anche altre parti del corpo, con il risultato di poter avere una ben più ampia sintomatologia. Colpisce soprattutto le donne (http://www.animass.org/sjogren/sindrome.htm). Chiusura festiva di Palazzo Lascaris Dal 25 al 29 dicembre e dal 1 al 6 gennaio la sede del Consiglio regionale di Palazzo Lascaris e tutti gli uffici dell Assemblea sono chiusi. Una necessità dovuta all esigenza di risparmiare sui consumi di energia e sui costi legati alla sicurezza in uno dei momenti in Informazioni - 23 Dicembre

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO Il disegno di legge 1212 Disposizioni sulle Città metropolitane, sulle Province, sulle unioni e fusioni di Comuni approvato dal Senato ha

Dettagli

LEGISLAZIONE DEI LIVELLI ASSISTENZIALI DEI PUNTI NASCITA E RIORGANIZZAZIONE SANITARIA IN PIEMONTE. Tortona 6 ottobre 2012 dott. A.

LEGISLAZIONE DEI LIVELLI ASSISTENZIALI DEI PUNTI NASCITA E RIORGANIZZAZIONE SANITARIA IN PIEMONTE. Tortona 6 ottobre 2012 dott. A. LEGISLAZIONE DEI LIVELLI ASSISTENZIALI DEI PUNTI NASCITA E RIORGANIZZAZIONE SANITARIA IN PIEMONTE Tortona 6 ottobre 2012 dott. A. Marra PROGETTO OBIETTIVO MATERNO INFANTILE ( POMI) DM 24 APRILE 2000 TRE

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 CRITERI GENERALI PER LA FORMAZIONE DELLE CLASSI La formazione delle classi e l assegnazione delle risorse di organico deve essere coerente: - con gli interventi

Dettagli

L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA

L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE E L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA Roma 3 luglio 2014 PREMESSA La legge 7 aprile 2014, n. 56, Disposizioni

Dettagli

Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991

Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991 C 1 I V I T A S E M P L I T Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991 SCUOLA CIVICA DI MUSICA DI TEMPIO PAUSANIA In collaborazione con i comuni

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Lo scorso 8 febbraio nella sede del Comitato Consultivo, il Direttore Generale dell Azienda "Policlinico-Vittorio Emanuele", Armando Giacalone, il Direttore

Dettagli

Organici scuola personale ATA A.S. 2013-2014 Scheda di approfondimento

Organici scuola personale ATA A.S. 2013-2014 Scheda di approfondimento Organici scuola personale ATA A.S. 2013-2014 Scheda di approfondimento Indice (cliccabile) Premessa Terziarizzazione Regole per la definizione degli organici di ciascun profilo o DSGA o Assistenti Tecnici

Dettagli

Il MERCATO. del LAVORO in LOMBARDIA

Il MERCATO. del LAVORO in LOMBARDIA Il MERCATO Dipartimento Mercato del Lavoro del LAVORO in LOMBARDIA Legge Regionale 22 approvata il 19 settembre 2006 dal Consiglio Regionale Lombardo ll nuovo testo è migliore rispetto al precedente su

Dettagli

L'anno duemilaquattordici, il giorno ventidue del mese di agosto, nel proprio ufficio, IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO

L'anno duemilaquattordici, il giorno ventidue del mese di agosto, nel proprio ufficio, IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO C O M U N E D I A L A N N O (PROVINCIA DI PESCARA) DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO AREA AFFARI GENERALI - UFFICIO PERSONALE N. 162 del Reg. Oggetto: PROCEDURA DI MOBILITA, PER TITOLI E COLLOQUIO

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE n.

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE n. 9^ legislatura Struttura amministrativa competente: Direzione Competitivita Sistemi Agroalimentari Presidente Luca Zaia Vicepresidente Marino Zorzato Assessori Renato Chisso Roberto Ciambetti Luca Coletto

Dettagli

INFO. BORSA DI STUDIO E SERVIZIO ABITATIVO ANNO ACCADEMICO 2013/14 Step By Step ANNI SUCCESSIVI

INFO. BORSA DI STUDIO E SERVIZIO ABITATIVO ANNO ACCADEMICO 2013/14 Step By Step ANNI SUCCESSIVI INFO BORSA DI STUDIO E SERVIZIO ABITATIVO ANNO ACCADEMICO 2013/14 Step By Step ANNI SUCCESSIVI Le informazioni contenute in questo documento non vanno in alcun modo a sostituire i contenuti dei bandi e

Dettagli

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO La riorganizzazione dell ospedale dev essere affrontata in Consiglio In Consiglio comunale si parlerà ancora di riorganizzazione ospedaliera.

Dettagli

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente)

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) TU Per San Lazzaro Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) Territorio: Urbanistica: Cosa: Agevolazioni per la riqualificazione dell esistente:

Dettagli

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore Testo aggiornato al 29 novembre 2011 Legge 15 marzo 2010, n. 38 Gazzetta Ufficiale 19 marzo 2010, n. 65 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore La Camera dei

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE

LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE 6 PARTE PRIMA LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE Sezione I LEGGI REGIONALI LEGGE REGIONALE 17 settembre 2013, n. 16. Norme in materia di prevenzione delle cadute dall alto. Il Consiglio

Dettagli

DELIBERAZIONE N IX / 3153 Seduta del 20/03/2012

DELIBERAZIONE N IX / 3153 Seduta del 20/03/2012 DELIBERAZIONE N IX / 3153 Seduta del 20/03/2012 Presidente ROBERTO FORMIGONI Assessori regionali ANDREA GIBELLI Vice Presidente VALENTINA APREA DANIELE BELOTTI GIULIO BOSCAGLI LUCIANO BRESCIANI RAFFAELE

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015

DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015 DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015 Identificativo Atto n. 191 DIREZIONE GENERALE ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO Oggetto APPROVAZIONE DELL AVVISO FORMAZIONE CONTINUA COMPETITIVITA EXPO E L'atto si compone

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

PRESENTAZIONE PROGETTO

PRESENTAZIONE PROGETTO PRESENTAZIONE PROGETTO Serie di attività svolte per sollecitare : Un maggior impegno sociale, Coinvolgimento attivo nella vita cittadina, Crescita della cultura della solidarietà, Dedicazione di parte

Dettagli

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Art. 1 Personale avente diritto I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati nei confronti dei dipendenti comunali a tempo

Dettagli

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015 CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 26 marzo 2015 OGGETTO: Articolo 1, comma 154, legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge stabilità 2015) Contributo del cinque per mille dell

Dettagli

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca di concerto con il Ministro dell Economia e delle Finanze

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca di concerto con il Ministro dell Economia e delle Finanze Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca di concerto con il Ministro dell Economia e delle Finanze VISTO il decreto legislativo 16 aprile 1994, n. 297, recante approvazione del testo

Dettagli

MODALITA DI FUNZIONAMENTO E CONSULTAZIONE DEL TAVOLO PERMANENTE DEI SOGGETI DEL TERZO SETTORE DEL DISTRETTO SOCIALE EST MILANO

MODALITA DI FUNZIONAMENTO E CONSULTAZIONE DEL TAVOLO PERMANENTE DEI SOGGETI DEL TERZO SETTORE DEL DISTRETTO SOCIALE EST MILANO Allegato A alla deliberazione n. 11 dell 08/06/2012 MODALITA DI FUNZIONAMENTO E CONSULTAZIONE DEL TAVOLO PERMANENTE DEI SOGGETI DEL TERZO SETTORE DEL DISTRETTO SOCIALE EST MILANO 1. COMPITI E FINALITA

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

RFI:Informativa e invio documentazione. Verbale di accordo e comunicato unitario. Convocazione comitato di settore

RFI:Informativa e invio documentazione. Verbale di accordo e comunicato unitario. Convocazione comitato di settore ATTIVITA FERROVIARIE RFI:Informativa e invio documentazione ACI GLOBALE Verbale di accordo e comunicato unitario AUTONOLEGGIO Comunicato unitario di proclamazione sciopero TRASPORTO MERCI LOGISTICA AUTOSTRADE

Dettagli

Comune di Carpineto Romano PROVINCIA DI ROMA

Comune di Carpineto Romano PROVINCIA DI ROMA Comune di Carpineto Romano PROVINCIA DI ROMA N. 37 del 16.12.2013 OGGETTO: Legge Regionale N. 1 Del 03/01/1986, Art. 8. Alienazione di terreni di proprietà collettiva di uso civico edificati o edificabili.

Dettagli

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Gruppo di Lavoro ITACA Regioni/Presidenza del Consiglio dei Ministri Aggiornamento 14 novembre 2011 Dipartimento

Dettagli

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI Dall anno 2003 l Unione Province Piemontesi raccoglie, con la collaborazione

Dettagli

Municipio Roma V Prot. CG n.31261 del 5 Aprile 2013. (Seduta del 28 Ottobre 2013)

Municipio Roma V Prot. CG n.31261 del 5 Aprile 2013. (Seduta del 28 Ottobre 2013) Municipio Roma V (ex VI e VII) Unità di Direzione Servizio di Assistenza agli Organi Istituzionali Ufficio Consiglio Municipio Roma V Prot. CG n.31261 del 5 Aprile 2013 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA 1. A norma degli articoli 14 e seguenti del Codice Civile è costituita la Fondazione dell

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE TASI

OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE TASI Provincia di Bologna COPIA n. 28 del 30.04.2014 OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE TASI Il giorno 30 aprile 2014 alle ore 20.30 nella sala consiliare del Municipio, previa l'osservanza di tutte le formalità

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Art. 1 - Finalità e ambito di applicazione Il presente Regolamento, emanato ai sensi della legge 9 maggio 1989, n. 168, disciplina, in armonia con i principi generali stabiliti dalla Carta Europea dei

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

Il Sindaco presenta la sua Giunta

Il Sindaco presenta la sua Giunta Comunicato stampa Il Sindaco presenta la sua Giunta Il primo cittadino ha svelato i nomi e le deleghe degli assessori che comporranno la Giunta. «Scelte condivise ha commentato Checchi, adottate sulla

Dettagli

ALTRE PAROLE PER DIRLO. Diamo corpo e parola alla forza delle donne NOVEMBRE GIORNATA INTERNAZIONALE CONTRO LA VIOLENZA ALLE DONNE

ALTRE PAROLE PER DIRLO. Diamo corpo e parola alla forza delle donne NOVEMBRE GIORNATA INTERNAZIONALE CONTRO LA VIOLENZA ALLE DONNE 25 foto di Sophie Anne Herin GIORNATA INTERNAZIONALE CONTRO LA VIOLENZA ALLE DONNE ALTRE PAROLE PER DIRLO Diamo corpo e parola alla forza delle donne Libere di scegliere Libere di desiderare Libere di

Dettagli

Tassi di Assenza e di Maggior presenza del personale in servizio presso COMUNE DI SALERNO dal 01 03 2015 al 31 03 2015 GG. LAVORATIVI TOTALE PERSONALE

Tassi di Assenza e di Maggior presenza del personale in servizio presso COMUNE DI SALERNO dal 01 03 2015 al 31 03 2015 GG. LAVORATIVI TOTALE PERSONALE GRECO GIUSEPPE Dirigente DIREZIONE/SEGRETERIA (INGGRECO), EDILIZIA SCOLASTICA, MAN.PATRIMONIO ABITATIVO, MANUTENZIONE IMPIANTI ELETTRICI, PUBBLICA ILLUMINAZIONE UOPI ASSENZA ASSENZA/ PRESENZA PRESENZA/

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA. DETERMINAZIONE ALIQUOTE ANNO 2014

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA. DETERMINAZIONE ALIQUOTE ANNO 2014 COMUNE DI TAINO Provincia di Varese Prot. N. 3207 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Copia N. 6 del 28/04/2014 OGGETTO: IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA. DETERMINAZIONE ALIQUOTE ANNO 2014 L'anno

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353

OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 BANDO DI CONCORSO PUBBLICO PER TITOLI ED ESAMI A N. 5 POSTI A TEMPO PIENO ED

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

COMUNE DI ALTISSIMO Provincia di Vicenza

COMUNE DI ALTISSIMO Provincia di Vicenza COPIA COMUNE DI ALTISSIMO Provincia di Vicenza N. 64 del Reg. Delib. N. 6258 di Prot. Verbale letto approvato e sottoscritto. IL PRESIDENTE f.to Antecini IL SEGRETARIO COMUNALE f.to Scarpari N. 433 REP.

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

Rapporto di Riesame - frontespizio

Rapporto di Riesame - frontespizio Rapporto di Riesame - frontespizio Denominazione del Corso di Studio : TECNOLOGIE ALIMENTARI Classe : L26 Sede : POTENZA - Scuola di Scienze Agrarie, Forestali, Alimentari ed Ambientali - SAFE Primo anno

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

I mercatini dell antiquariato in Piemonte

I mercatini dell antiquariato in Piemonte I mercatini dell antiquariato in Piemonte BIELLESE Mercatino dell antiquariato minore Biella (ultima domenica di marzo, giugno e settembre) Mercatino dell antiquariato Cossato (primo sabato del mese) CANAVESE

Dettagli

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi.

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi. Pagina 1 di 14 SOMMARIO Sommario...1 Introduzione...2 1. Scopo...2 2. campo di applicazione...3 3 Riferimenti...3 3.1 Riferimenti esterni...3 3.2 Riferimenti interni...3 4. Abbreviazioni utilizzate...4

Dettagli

DECRETI - ATTI DELLA REGIONE

DECRETI - ATTI DELLA REGIONE 404 PARTE PRIMA L E G G I - R E G O L A M E N T I DECRETI - ATTI DELLA REGIONE Art. 2 (Finalità) 1. La Regione con la promozione della progettazione di qualità ed il ricorso alle procedure concorsuali,

Dettagli

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n.

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n. PROTOCOLLO D INTESA PER LO SMOBILIZZO DEI CREDITI DEI SOGGETTI DEL TERZO SETTORE NEI CONFRONTI DEGLI ENTI LOCALI E DEL SERVIZIO SANITARIO DELLA TOSCANA TRA REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato

Dettagli

*è stato invitato a partecipare; da confermare

*è stato invitato a partecipare; da confermare 1 *è stato invitato a partecipare; da confermare 8.30 Registrazione Partecipanti GIOVEDÌ 30 OTTOBRE - Mattina SESSIONE PLENARIA DI APERTURA (9.30-11.00) RILANCIARE IL MERCATO DELLA PA: STRATEGIE ED AZIONI

Dettagli

STATUTO. Art. 1. Art. 2

STATUTO. Art. 1. Art. 2 STATUTO Art. 1 E costituita tra l Università Politecnica delle Marche e l Università degli Studi di Urbino Carlo Bo un associazione denominata UNIADRION. Art. 2 L associazione ha sede in Ancona, presso

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

Testo non ufficiale. La sola stampa del bollettino ufficiale ha carattere legale

Testo non ufficiale. La sola stampa del bollettino ufficiale ha carattere legale 1 1 LEGGE REGIONALE 24 giugno 2002, n. 12 #LR-ER-2002-12# INTERVENTI REGIONALI PER LA COOPERAZIONE CON I PAESI IN VIA DI SVILUPPO E I PAESI IN VIA DI TRANSIZIONE, LA SOLIDARIETÀ INTERNAZIONALE E LA PROMOZIONE

Dettagli

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Cagliari 4 dicembre 2012 Centro di ricerca FO.CU.S. Progetto di ricerca a supporto dei territori per l individuazione

Dettagli

(annessa quale Allegato A al Regolamento adottato con D.M. 13 giugno 2007)

(annessa quale Allegato A al Regolamento adottato con D.M. 13 giugno 2007) TABELLA 1 (annessa quale Allegato A al Regolamento adottato con D.M. 13 giugno 2007) TABELLA DI VALUTAZIONE DEI TITOLI PER L INCLUSIONE NELLE GRADUATORIE DI CIRCOLO E DI ISTITUTO DI III FASCIA (ivi compreso

Dettagli

STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*)

STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*) 1 STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*) I - Costituzione dell Accademia Articolo 1 1. L Accademia Nazionale dei Lincei, istituzione di alta cultura, con sede in Roma, ai sensi dell art. 33 della

Dettagli

CORSI AGGIORNAMENTO UNIVERSITARIO BANDO INPS GESTIONE E DIPENDENTI PUBBLICI - INFORMAZIONI INTEGRATIVE TIVE - A.A. 2013/2014

CORSI AGGIORNAMENTO UNIVERSITARIO BANDO INPS GESTIONE E DIPENDENTI PUBBLICI - INFORMAZIONI INTEGRATIVE TIVE - A.A. 2013/2014 CORSI AGGIORNAMENTO UNIVERSITARIO A.A. 2013/2014 BANDO INPS GESTIONE E DIPENDENTI PUBBLICI - INFORMAZIONI INTEGRATIVE TIVE - In data 10 febbraio 2014, l INPS ha pubblicato il bando che mette a concorso

Dettagli

dall introduzione dell Assessore Luppi

dall introduzione dell Assessore Luppi Presenti: Giulia Luppi Assessore alla scuola Alessandra Caprari pedagogista Maurizia Cocconi insegnante Scuola Primaria De Amicis Giuliana Bizzarri insegnante Scuola d infanzia A.D Este Tondelli Rita insegnante

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres.

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. Regolamento attuativo dell articolo 9, commi da 26 a 34 della

Dettagli

per la partecipazione a Master di I e II livello Corsi universitari di perfezionamento Corsi universitari di specializzazione

per la partecipazione a Master di I e II livello Corsi universitari di perfezionamento Corsi universitari di specializzazione BANDO DI CONCORSO per l erogazione di borse di studio in favore dei figli e degli orfani dei dipendenti iscritti alla Gestione Unitaria delle prestazioni creditizie e sociali (art.1,c.245 della legge 662/96)

Dettagli

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE Master di I livello in MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE In Sigla Master 74 Anno Accademico 2009/2010 (1500 ore 60 CFU) TITOLO Management nelle organizzazioni sanitarie FINALITÀ Con la locuzione

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA Città di Medicina Via Libertà 103 40059 Medicina (BO) Partita I.V.A. 00508891207 Cod. Fisc.00421580374 Tel 0516979111 Fax 0516979222 personale@comune.medicina.bo.it DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 825 Seduta del 25/10/2013

DELIBERAZIONE N X / 825 Seduta del 25/10/2013 DELIBERAZIONE N X / 825 Seduta del 25/10/2013 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI PAOLA BULBARELLI MARIA CRISTINA

Dettagli

L.R. 13 Agosto 2011, n. 12 Disposizioni collegate alla legge di assestamento del bilancio 2011-2013

L.R. 13 Agosto 2011, n. 12 Disposizioni collegate alla legge di assestamento del bilancio 2011-2013 L.R. 13 Agosto 2011, n. 12 Disposizioni collegate alla legge di assestamento del bilancio 2011-2013 SOMMARIO Art. 1, comma 1 Modifiche all articolo 13 della legge regionale 14 luglio 2008, n. 10 (Disposizioni

Dettagli

LA SALUTE VIEN MANGIANDO

LA SALUTE VIEN MANGIANDO Comune di Trino Assessorato Istruzione e Cultura Settore Extrascolastico-Culturale Istituto Comprensivo di Trino Scuola dell Infanzia e Scuola Primaria Asl 21 di Casale Dipartimento di Prevenzione Servizio

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA SENATO DELLA REPUBBLICA Attesto che il Senato della Repubblica, l 8 luglio 2015, ha approvato, con modificazioni, il seguente disegno di legge, già approvato dalla Camera dei deputati in un testo risultante

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

La scuola in Lombardia

La scuola in Lombardia La scuola in Lombardia Documentazione Anno scolastico 2010/2011 La scuola in Lombardia 2010/2011 pag 1 La scuola in Lombardia 2010/2011 pag 2 INDICE Sezione 1 Le scuole... 5 IL SISTEMA SCOLASTICO LOMBARDO...

Dettagli

REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI

REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI Art. 1 Oggetto. Il Comune di Varedo, nell ottica di garantire una sempre maggiore attenzione alle politiche sportive e ricordando i principi ispiratori del

Dettagli

I costi della crisi. Licia Mattioli. In Italia, dall inizio della crisi:

I costi della crisi. Licia Mattioli. In Italia, dall inizio della crisi: I costi della crisi In Italia, dall inizio della crisi: Licia Mattioli abbiamo perso 9 punti di PIL abbiamo perso il 25% della produzione industriale il reddito disponibile è calato dell 11% in termini

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo Aziendale) Numero telefonico dell ufficio 07346252922 Fax dell Ufficio 07346252811 E-mail istituzionale

DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo Aziendale) Numero telefonico dell ufficio 07346252922 Fax dell Ufficio 07346252811 E-mail istituzionale INFORMAZIONI PERSONALI Cognome Nome INTORBIDA STEFANO Data di Nascita 15/01/1962 Qualifica Dirigente Ingegnere Amministrazione ASUR - AREA VASTA N. 4 Incarico attuale DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo

Dettagli

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it)

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) Oggetto:Richiesta di ammissione alla Consulta delle Organizzazioni che operano nel settore delle

Dettagli

Verbale del Consiglio di Istituto del 2 ottobre 2013

Verbale del Consiglio di Istituto del 2 ottobre 2013 Anno scolastico 2013-2014 Verbale n. 1 Verbale del Consiglio di Istituto del 2 ottobre 2013 Il 2 Ottobre 2013, alle ore 16.30, si riunisce il Consiglio di Istituto del Comprensivo 1 di Frosinone nell aula

Dettagli

VERBALE N 2/11. In apertura di seduta, previa lettura, viene approvato il verbale n. 1 del 71/02/11.

VERBALE N 2/11. In apertura di seduta, previa lettura, viene approvato il verbale n. 1 del 71/02/11. VERBALE N 2/11 L anno 2011 il giorno 4 del mese di marzo alle ore 12,00 previa osservanza di tutte le formalità prescritte dalle vigenti norme, nella sede del Conservatorio G. Martucci di Salerno si riunisce

Dettagli

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia Nel mondo ci sono 150 milioni di Italici: sono i cittadini italiani d origine, gli immigrati di prima e seconda generazione, i nuovi e vecchi emigrati e i loro discendenti,

Dettagli

Titoli di soggiorno che consentono l esercizio di attività lavorativa

Titoli di soggiorno che consentono l esercizio di attività lavorativa Titoli di soggiorno che consentono l esercizio di attività lavorativa Per poter lavorare in Italia il cittadino straniero non comunitario deve essere in possesso del permesso di soggiorno rilasciato per

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 1339 Prot. n 13549 Data 29.04.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL.

VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL. ISTITUTO COMPRENSIVO DI CESIOMAGGIORE sc. dell Infanzia di Pez, sc. primarie di Cesio, Soranzen, San Gregorio nelle Alpi, sc. sec. di I gr. di Cesiomaggiore VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL. e

Dettagli

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna A cura dell ABC Sardegna, ediz. rivista in ottobre 2005 L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna La Legge Nazionale 162/98 ha apportato modifiche alla legge quadro sull handicap L.104/1992, concernenti

Dettagli

Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello

Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello Istituto Superiore di Studi Musicali "P. Mascagni" - Livorno Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello Via Galilei

Dettagli

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 SEZIONE I 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 12 Norme in materia di polizia comunale. IL CONSIGLIO REGIONALE

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

COSTRUIRE CITTÀ AMICHE DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI Nove passi per l azione

COSTRUIRE CITTÀ AMICHE DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI Nove passi per l azione UNICEF Centro di Ricerca Innocenti COSTRUIRE CITTÀ AMICHE DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI Nove passi per l azione Per ogni bambino Salute, Scuola, Uguaglianza, Protezione Firenze, 15 marzo 2004 UNICEF Centro

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli