CIRA-CF JOB COMMESSA 3+31

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CIRA-CF-10-0373 2 JOB COMMESSA 3+31"

Transcript

1 DOCUMENT NUMBER: CIRA-CF REV.: DISTRIBUTION STATEMENT NATURA DOCUMENTO PROJECT PROGETTO JOB COMMESSA WP RISTRETTO ARCHIVIO PROGRESSIVO DI ARCHIVIO NO. OF PAGES /CIRA/SLTS DELIVERABLE TITLE DUVRI - Servizi Integrati di: Pulizia, Igiene Ambientale, Giardinaggio, Smaltimento Rifiuti Speciali e Facchinaggio PREPARED PREPARATO REVISED VERIFICATO APPROVED APPROVATO AUTHORIZED AUTORIZZATO Iasevoli Salvatore (SLTS) Caristia Sebastiano (SLTS) Caristia Sebastiano (SLTS) Caristia Sebastiano (SLTS) DATE/DATA DATE/DATA DATE/DATA DATE/DATA 06/09/ /09/ /09/ /09/ /09/2010 BY THE TERMS OF THE LAW IN FORCE ON COPYRIGHT, THE REPRODUCTION, DISTRIBUTION OR USE OF THIS DOCUMENT WITHOUT SPECIFIC WRITTEN AUTHORIZATION IS STRICTLY FORBIDDEN A NORMA DELLE VIGENTI LEGGI SUI DIRITTI DI AUTORE QUESTO DOCUMENTO E' DI PROPRIETA' CIRA E NON POTRA' ESSERE UTILIZZATO, RIPRODOTTO O COMUNICATO A TERZI SENZA AUTORIZZAZIONE I

2 DOCUMENT NUMBER: CIRA-CF REV.: TITLE: DUVRI - Servizi Integrati di: Pulizia, Igiene Ambientale, Giardinaggio, Smaltimento Rifiuti Speciali e Facchinaggio ABSTRACT: AUTHORS: Iasevoli Salvatore APPROVAL REVIEWERS: Caristia Sebastiano APPROVER Caristia Sebastiano AUTHORIZATION REVIEWERS: Caristia Sebastiano AUTHORIZER Caristia Sebastiano II

3 DOCUMENT NUMBER: CIRA-CF REV.: DISTRIBUTION RECORD: DEPT NAME * DEPT NAME * DIGR AMFI PRES Direttore Generale Tammaro Federico Saggese Enrico Addettispp SLTS SLTS SLTS PERS FIFL PAFR TEVE SISP ACQU TSII SIAE PERS Rappresentanti Dei Lavoratori Per La Sicurezza Biancofiore Vincenzo Notariale Andrea Minetti Giovannino Lappa Cristina Amato Marcello Borrelli Salvatore Renzoni Piergiovanni Russo Gennaro Russo Carlo Schiano Pasquale Vecchione Ludovico Zarpellon Maria Cristina * PT = PARTIAL A = ALL III

4 INDICE 1. SCOPO DOCUMENTI DI RIFERIMENTO DISTRIBUZIONE AI FINI DI COOPERAZIONE E COORDINAMENTO DESCRIZIONE DELLE ATTIVITÀ DA APPALTARE PROCESSI E PROCEDURE LAVORATIVE DA APPALTARE, INTERFERENTI LUOGHI E CONDIZIONI DI LAVORO IN CUI POSSONO VERIFICARSI INTERFERENZE PERSONALE ESPOSTO ALLE INTERFERENZE PREPARATI CHIMICI INTRODOTTI DALL APPALTATORE ATTREZZATURE UTILIZZATE DALL APPALTATORE GESTIONE RIFIUTI GENERATI DALLE ATTIVITÀ APPALTATE CRITERI PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI VALUTAZIONE OPERATIVA RISCHI INTERFERENZA E MISURE ORGANIZZAZIONE SPP REVISIONE DEL DOCUMENTO COSTI DELLA SICUREZZA...17 ALLEGATI 1. Tabella A Cronoprogramma Interferenze Appalti in CIRA; 2. Tabella B Rischi e Misure; 3. Elenco ditte presenti al CIRA; 4. Criteri di Valutazione Rischi. CIRA-CF Rev.2 1 di 31

5 1. SCOPO Il presente Documento, redatto preventivamente alla fase di appalto, sui rischi di interferenza costituisce allegato obbligatorio al contratto, ex D.Lo. 81/08 art. 26, c. 3, ed è finalizzato alla rappresentazione e gestione dei rischi d interferenza con le attività della Committente, comprese quelle già appaltate e probabilmente interferenti. Inoltre, ai sensi del D. Lgs. 81/08 art. 26 c. 5, esso indica specificamente i costi relativi alla sicurezza del lavoro, anche ai fini dell accesso richiesto dalle RLS e dalle organizzazioni sindacali dei lavoratori, ferme restando le disposizioni in materia di sicurezza e salute del lavoro previste dalla disciplina vigente degli appalti pubblici, nei contratti di somministrazione, di appalto e di subappalto, di cui agli articoli 1559, con esclusione di quanto agli artt. 1655, 1656 e 1677 del codice civile. In questa sede non sono trattati i rischi specifici propri dell attività delle imprese appaltatrici e dei singoli lavoratori autonomi, come previsto dal D.Lgs 81/08 art. 26 c. 3 ultimo periodo. 2. DOCUMENTI DI RIFERIMENTO 1. CIRA-CF Capitolato Speciale d Appalto Capitolato Speciale d Appalto per Servizio Integrato di Pulizia, Igiene Ambientale, Giardinaggio, Smaltimento Rifiuti Speciali e Facchinaggio ; 2. CIRA-CIP Informazioni sui Rischi Specifici Esistenti negli Ambienti CIRA in cui Possono Operare Imprese Esterne e Lavoratori Autonomi 3. CIRA-CF Procedura per l accettazione personale esterno; 4. CIRA-CF Piano generale di emergenza; 5. DUVRI Summer School CIRA-CF ; 6. DUVRI SLTS Adeguamento OO.CC Priorità1 - CIRA-CF ; 7. DUVRI SIAE - CIRA-CF Manutenzione Impianti; 8. DUVRI SISP CIRA-CF Servizio di Maintenance e Operation dell impianto PWT; 9. DUVRI SLTS - Servizio di Operation & Maintenance degli impianti generali, infrastrutture e laboratori tecnologici del CIRA- CIRA-CF ; 10. Impianti e opere civili locali TEMA - LTE - CF ; 11. DUVRI SINF Manutenzione Rete Dati e Fonia - CIRA-CF DISTRIBUZIONE AI FINI DI COOPERAZIONE E COORDINAMENTO Oltre alla lista di distribuzione, il presente documento sarà consegnato all appaltatore debitamente firmato per accettazione e depositato in CIRA. CIRA-CF Rev.2 2 di 31

6 L appaltatore dovrà, a sua volta, consegnare il presente documento a tutti i suoi subappaltatori dando evidenza al R.U.P. dell avvenuta consegna ed accettazione. Tutti gli altri appaltatori/lavoratori autonomi coinvolti riceveranno dai rispettivi Responsabili di Commessa, il presente documento, dando evidenza, al R.U.P., dell avvenuta consegna ed accettazione. Le medesime regole si applicano a tutti gli eventuali aggiornamenti, variazioni e integrazioni, al presente documento, emessi durante la validità dell appalto. 4. DESCRIZIONE DELLE ATTIVITÀ DA APPALTARE SERVIZIO DI PULIZIA Operazioni giornaliere - Sostituzione dei sacchetti "a perdere" collocati nei cestini vicino alle scrivanie, nei cestini posti vicino alle fotocopiatrici e vicino ai distributori automatici caffè/bibite e trasporto dei rifiuti RSU (escluso quelli della mensa), comunque prodotti nel CIRA, nelle apposite aree di stoccaggio provvisorio individuate all'interno del centro; - Lavatura e disinfezione 2 volte al giorno (una in orario antimeridiano ed una in orario pomeridiano) di tutti i servizi igienici (apparecchi, pavimenti, porte e maniglie, rubinetteria, pulsanti di scarico wc, ecc.); - Verifica e reintegro 2 volte al giorno (una in orario antimeridiano ed una in orario pomeridiano) della carta asciugamani, igienica, copri water, sapone, sacchetti per igiene femminile, deodoranti; - Verifica del funzionamento dei WC e reintegro degli igienizzatori e detergenti (tipo Calmic). Operazioni settimanali - Lavatura a mano o con mezzi meccanici (detersione) dei pavimenti degli uffici (flottante, auto livellante, sintetici, piastrelle), atri, corridoi, scale e quanto riportato nella precedente tabella; - Spolveratura ad umido 2 volte a settimana punti di contatto comune (telefoni, interruttori e pulsantiere, maniglie e corrimano), scrivanie e piani di lavoro, sedie; - Pulizia interna degli ascensori con aspirapolvere e pulitura con adeguato prodotto delle pareti in acciaio e dei vetri e specchi; - Spolveratura 2 volte a settimana dei videoterminali e delle relative tastiere a mezzo di idoneo prodotto antistatico; - Spazzolatura di tutti gli ingressi degli edifici (parte esterna), compresa asportazione delle erbacce; - Battitura e aspirazione elettromeccanica su pavimenti tessili, stuoie, zerbini; - Pulizia esterna dei condizionatori e relativi mobiletti con un panno umido; - Sostituzione 2 volte a settimana dei sacchetti "a perdere" collocati nei cestini lungo i viali e piazzali. Operazioni mensili - Deragnatura; CIRA-CF Rev.2 3 di 31

7 - Lavatura, disinfezione ed asciugatura, con macchina idropulitrice a vapore di tutti i servizi igienici (pavimenti, pareti, orinatoi, lavabi, vasi, bidet, ecc.), il vapore dovrà essere prodotto con idonea apparecchiatura portatile elettrica omologata e certificata; - Spolveratura ad umido delle pareti attrezzate, pareti divisorie, sopraluci porte, pareti lavabili, porte interne, verticali lavabili (pareti attrezzate, rivestimenti, ecc.); - Aspirazione del controsoffitto in prossimità delle griglie d immissione d aria e negli angoli; - Aspirazione e Spazzolatura elettromeccanica delle scale d'emergenza e dei passaggi alle scale d'emergenza (parte esterna), hangar, impianti di laboratorio, impianti di ricerca (IWT, PWT, PT1, LISA ecc.), magazzino lato deposito e percorsi in grigliato tipo Orso grill; - Aspirazione di tutti gli elementi rivestiti di tessuto quali: paretine basse (H = 150 cm), sedie, poltrone, pavimenti e moquette. Le attività saranno eseguite utilizzando mezzi idonei e filtri ad alta efficienza, evitando accuratamente di rovinare il tessuto stesso; - Trattamento antiacaro su tutti gli elementi rivestiti in tessuto; - Eliminazione macchie, scritte ed impronte da porte, vetri, sportellerie, pareti verticali lavabili (ad altezza operatore), pavimenti e lavagne; - Lavaggio di tutte le porte esterne tutti i vari fabbricati a mezzo di spugna e detergenti. Operazioni quadrimestrali - Lavatura dei vetri interni occupati da personale ed i vetri esterni di Portineria, Fabbr. 0, Magazzino e Banca; - Lavaggio della moquette. Per maggiori dettagli sulle attività da eseguire si rimanda al CSA CIRA-CF Capitolato Speciale d Appalto per Servizio Integrato di Pulizia, Igiene Ambientale, SERVIZIO Di IGIENE AMBIENTALE Il servizio consistente nell esecuzione di tutte le operazioni necessarie ad evitare la presenza di topi, ratti, insetti, batteri e rettili che possono pregiudicare l agibilità e il decoro dei luoghi di lavoro, dei locali tecnici e delle attrezzature impiantistiche (canali, tubazioni, ecc.). derattizzazione (profilassi antimurina). La derattizzazione deve comprendere anche le intercapedini, i pavimenti flottanti, i cassonetti ei controsoffitti; disinfestazione contro blatte ed insetti striscianti; disinfezione degli ambienti di lavoro e a carattere repellente di rettili e contro insetti alati. Per maggiori dettagli sulle attività da eseguire si rimanda al CSA CIRA-CF Capitolato Speciale d Appalto per Servizio Integrato di Pulizia, Igiene Ambientale, I Luoghi e le Condizioni di Lavoro in cui possono verificarsi interferenze sono descritti nel successivo paragrafo 6. CIRA-CF Rev.2 4 di 31

8 SERVIZIO MANUTENZIONE AREE A VERDE Il servizio consiste nella gestione e manutenzione delle aree a verde che comprende: impianti d irrigazione esistenti, i tappeti erbosi, giardini, piante, prati, tutte le superfici coltivate a verde, qualunque coltura arborea o floreale, nonché le piante in fioriere e vasi all interno ed all esterno dei fabbricati e sarà erogato sulle aree a verde del comprensorio. Esse sono meglio descritte nel Doc. CIRA-CF Il servizio, comprendente attività a canone e prestazioni su richiesta. Attività a canone Le attività a canone, finalizzate al mantenimento in buone condizioni di tutte le aree a verde di cui sopra, comprendono a titolo esemplificativo e non esaustivo: in particolare la rigenerazione di tutti i prati, aiuole e siepi oltre alle normali potature di tutte le essenze arboree; la cura delle piante in fioriere e vasi all interno ed all esterno dei fabbricati oggetto del servizio; fornitura delle sementi; controllo della stabilità delle piante e le relative attività occorrenti alla risoluzione del problema; la manutenzione delle strutture di complemento (recinzioni, cordoli, vasi ecc.); il trasporto alle pubbliche discariche dei rifiuti provenienti dalle lavorazioni oggetto del servizio; la corretta gestione e manutenzione dell impianto d irrigazione; documento contenente il censimento di: tipi di coltura presente, specificando per quelle alberate e/o arbustive, il numero e le caratteristiche vegetative e l ubicazione delle stesse; sfoltimento delle pigne sospese gravanti sui marciapiedi nei periodi critici. Attività su richiesta II servizio consiste nella fornitura di nuove opere a verde esterne, e/o la fornitura/locazione di fioriere e piante d arredo sia standard che pregiate, complete di essenze. SERVIZIO Di SMALTIMENTO RIFIUTI SPECIALI Il presente servizio ha come oggetto la raccolta, il trasporto e smaltimento definitivo e/o al recupero dei rifiuti speciali pericolosi e non pericolosi prodotti da parte della Committente da eseguirsi, in conformità a quanto stabilito dalla normativa vigente in materia, ai patti e condizioni di cui al presente capitolato. I rifiuti saranno identificati in base agli Allegati D, G, H e I del D. Lgs n. 152 e s.m.i. e dal Decreto del Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio 2 maggio 2006, a partire dalla descrizione del processo produttivo con i materiali impiegati, da certificare già in possesso del produttore o nuove analisi eventualmente commissionate dalla Committente a laboratorio di propria fiducia Il servizio dovrà comprendere: CIRA-CF Rev.2 5 di 31

9 - il prelievo, il trasporto e lo smaltimento dei rifiuti nonché lo svuotamento dei serbatoi del PWT; - il riciclaggio o lo smaltimento dei rifiuti secondo le possibilità legalmente concesse e tecnicamente possibili; - la fornitura, con reintegro contestuale al prelievo, di contenitori e dei materiali necessari al contenimento con idonea etichettatura sul luogo di produzione per: - reflui di processi chimici e lavorazioni di varia natura; - soluzioni esauste di sviluppo e fissaggio fotografico; - oli esauriti minerali e sintetici; - solidi di processi chimici e lavorazioni di varia natura La produzione dei rifiuti al CIRA è in stretta connessione con le attività/esigenze della ricerca, di conseguenza non sono prevedibili le quantità, il tipo di rifiuto e quando verrà prodotto. CIRA-CF Rev.2 6 di 31

10 A titolo indicativo e non esaustivo si elencano i codici C.E.R. dei rifiuti speciali di probabile produzione al Cira Codici CER Descrizione rifiuti da fibre tessili lavorate sali e loro soluzioni, diversi da quelli di cui alle voci e (serbatoi PWT) * rifiuti non specificati altrimenti (processi chimici inorganici uso di acidi) * rifiuti non specificati altrimenti (processi inorganici) rifiuti plastici * Soluzioni di sviluppo e attivanti a base acquosa * oli minerali per circuiti idraulici, non clorurati * altri oli per circuiti idraulici * Oli sintetici e termo conduttori * Altre emulsioni * altri solventi e miscele di solventi * Imballaggi contenenti residui di sostanze pericolose o contaminati da tali sostanze Apparecchiature fuori uso diversi da quelli di cui alle voci e * sostanze chimiche organiche di scarto contenenti o costituite da sostanze pericolose sostanze chimiche di scarto, diverse da quelle di cui alle voci , e batterie ed accumulatori al piombo Scarti di rivestimenti e materiali refrattari provenienti da lavorazione non metallurgiche, diversi da quelli di cui alla voce Rifiuti ingombranti A Contenitori 50 x 50 x 100 B Quotazione analisi di laboratorio per Classificazione Rifiuto C Trasporto in ADR fino a 35 q.li D Trasporto in ADR oltre 35 q.li Per maggiori dettagli sulle attività da eseguire si rimanda al CSA CIRA-CF Capitolato Speciale d Appalto per Servizio Integrato di Pulizia, Igiene Ambientale, Giardinaggio, Smaltimento Rifiuti Speciali e Facchinaggio. SERVIZIO DI FACCHINAGGIO E SUPPORTO AL MAGAZZINO Si riportano nel seguito, un elenco esemplificativo e non limitativo di attività che potranno essere richieste e come tali dovranno essere effettuate: - definizione delle specifiche degli interventi; CIRA-CF Rev.2 7 di 31

11 - organizzazione del trasloco di suppellettili, attrezzature e arredi o altro materiale da traslocare; - imballo del contenuto degli arredi; - smontaggio arredi; - prelevamento degli arredi, dotazioni d ufficio o altro materiale da traslocare; - trasporto e consegna al luogo di destinazione; - rimontaggio degli arredi; - riallocazione degli stessi nel luogo di destinazione; - disimballaggio del contenuto degli arredi e riposizionamento negli stessi arredi; - verifiche del corretto montaggio degli arredi e collaudi finali; - ritiro immediato dei residuati della movimentazione, ivi compresi gli imballaggi, nel rispetto delle disposizioni di legge vigenti in materia di gestione dei rifiuti. Il Fornitore dovrà, inoltre, prendere visione dei materiali e delle attrezzature prima del prelievo e ne segnalerà ogni danno preesistente. Qualsiasi danno non segnalato sarà attribuito al trasporto. Supporto al magazzino CIRA Il servizio deve assicurare un adeguato supporto all operatività del magazzino generale del CIRA. Le attività giornaliere che in maniera esemplificativa e non limitativa dovranno essere svolte, sono: - scarico e disimballo delle merci in arrivo - sistemazione delle merci all interno del magazzino - approntamento delle merci alla spedizione comprese le operazioni di imballaggio e preparazione delle etichette per l identificazione del destinatario - predisposizione, distribuzione e consegna delle merci e dei materiali di consumo (tipicamente prodotti di cancelleria) nei vari edifici del Centro - sistemazione delle giacenze materiali presenti in magazzino. La Committente renderà disponibile un proprio automezzo (furgone) per il trasporto dei beni e un carrello elevatore dotato di motore elettrico. Solo in caso di necessità questi saranno richiesti all Assuntore. CIRA-CF Rev.2 8 di 31

12 Per maggiori dettagli sulle attività da eseguire si rimanda al CSA CIRA-CF Capitolato Speciale d Appalto per Servizio Integrato di Pulizia, Igiene Ambientale, Giardinaggio, Smaltimento Rifiuti Speciali e Facchinaggio. 5. PROCESSI E PROCEDURE LAVORATIVE DA APPALTARE, INTERFERENTI PULIZIE Descrizione attività Giornaliere Lavatura e disinfezione 2 volte al giorno (una in orario antimeridiano ed una in orario pomeridiano) di tutti i servizi igienici (apparecchi, pavimenti, porte e maniglie, rubinetteria, pulsanti di scarico wc, ecc.) Settimanali Lavatura a mano o con mezzi meccanici (detersione) dei pavimenti degli uffici (flottante, auto livellante, sintetici, piastrelle), atri, corridoi. Spolveratura 2 volte a settimana dei videoterminali e delle relative tastiere a mezzo di idoneo prodotto antistatico Aspirazione elettromeccanica su pavimenti tessili, stuoie, zerbini Mensile Lavatura, disinfezione ed asciugatura, con macchina idropulitrice a vapore di tutti i servizi igienici (pavimenti, pareti, orinatoi, lavabi, vasi, bidet, ecc.), il vapore dovrà essere prodotto con idonea apparecchiatura portatile elettrica omologata e certificata Spolveratura ad umido delle pareti attrezzate, pareti divisorie, sopraluci porte, pareti lavabili, porte interne, verticali lavabili (pareti attrezzate, rivestimenti, ecc.) Aspirazione del controsoffitto in prossimità delle griglie d immissione d aria e negli angoli Aspirazione e Spazzolatura elettromeccanica delle scale d'emergenza e dei passaggi alle scale d'emergenza (parte esterna), hangar, impianti di laboratorio, impianti di ricerca (IWT, PWT, PT1, LISA ecc.), magazzino lato deposito e percorsi in grigliato tipo Orso grill Aspirazione di tutti gli elementi rivestiti di tessuto quali: paretine basse (H = 150 cm), sedie, poltrone, pavimenti e moquette. Le attività saranno eseguite utilizzando mezzi idonei e filtri ad alta efficienza, evitando accuratamente di rovinare il tessuto stesso Trattamento antiacaro su tutti gli elementi rivestiti in tessuto Quadrimestrale Lavaggio della moquette Lavatura dei vetri interni occupati da personale ed i vetri esterni di Portineria, Fabbr. 0, Magazzino e Banca Orario/giorni Entro le ore e Venerdì Lunedì e Giovedì Martedì Da definire Da definire Da definire Da definire Da definire Da definire Da definire Da definire Settimana ideale L M M G V S D Le attività nei luoghi ad accesso regolamentato, in particolare: hangar, impianti tecnologici e di CIRA-CF Rev.2 9 di 31

13 prova dovranno essere eseguite previo coordinamento con i Preposti per l ottenimento del Permesso di Lavoro ovvero della disponibilità della persona di presidio. IGIENE AMBIENTALE Il programma effettivo sarà elaborato entro il primo mese dall aggiudicazione. Tutte le attività in cui vengono utilizzati prodotti da nebulizzare in ambienti sia interni che esterni saranno eseguite in totale assenza di personale CIRA e ditte esterne Si precisa che dopo ogni intervento in ambiente interno dovrà essere eseguita un accurata pulizia. MANUTENZIONE AREE A VERDE Il programma effettivo sarà elaborato entro il primo mese dall aggiudicazione. Le attività interferenti sono soprattutto quelle eseguite all esterno in presenza di pozzetti e cavedi ove potrebbero operare altre ditte. Si precisa che le attività in quota sono consentite solo a personale addestrato, munito di idonee attrezzature e DPI e previo coordinamento con il Preposto per la chiusura e segnalazione dell area sulla quale vi è il rischio di caduta oggetti. SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SPECIALI I rifiuti da smaltire si trovano all esterno/interno degli edifici in aree prive di rischio. I luoghi di deposito temporaneo sono stati individuati coinvolgendo i rispettivi Responsabile d Impianto/ASPP. SERVIZIO DI FACCHINAGGIO Il personale della ditta appaltatrice svolge prevalentemente le attività giornaliere presso il Magazzino Ricambi utilizzando, in Locazione Operativa, un FORK-LIFT da 50 q.li di proprietà della Committente ceduto secondo la procedura CIRA-CF ( 9.9 Allegato 5). La concessione in uso del FORK-LIFT è altresì soggetta agli adempimenti di cui al Dlo 81/08 art. 72 e 71. Il raggiungimento dei vari edifici del Centro è effettuato utilizzando un automezzo di proprietà della Committente ceduto secondo la procedura CIRA-CF (9.9 Allegato 5). La consegna delle merci a piano è eseguita con l ausilio di carrellino a mano per trasporto cose. Le attività di Facchinaggio su richiesta oggetto del servizio sono svolte previa riunione di coordinamento con i vari responsabili delle aree in cui intervenire. L appaltatore opererà sotto la sorveglianza del responsabile di commessa. 6. LUOGHI E CONDIZIONI DI LAVORO IN CUI POSSONO VERIFICARSI INTERFERENZE. Prima dell analisi, è necessario precisare che le strutture/impianti si dividono in due macro gruppi e cioè: quelli a esclusiva pertinenza/gestione di un solo appaltatore e non vi sono presenza di CIRA-CF Rev.2 10 di 31

14 dipendenti della Committente e quelle strutture in cui potrebbero insistere interferenze con i dipendenti della Committente e altri appaltatori già presenti al CIRA. IMPIANTI/EDIFICI AD ESCLUSIVA PERTINENZA/GESTIONE APPALTATORE: a) Ammarro e Sottostazione Elettrica; b) Torri di Raffreddamento; c) Centrale Aria Compressa; d) Centrale Termofrigo; e) Cabine elettriche MT/BT, locali Q.E. in bassa tensione; Negli Impianti/Edifici sopraelencati, il personale del servizio di pulizia, sanificazione, manutenzione aree a verde, smaltimento dei rifiuti speciali e servizio di facchinaggio, potrà accedere solo a valle del Permesso di Lavoro emesso dall appaltatore e sottoscritto tra le parti, dandone comunicazione al R.U.P. IMPIANTI IN AREE PROMISCUE/CONDIVISE CON LA COMMITTENTE ED ALTRI APPALTATORI: a) Portineria Principale; b) Portineria Secondaria; c) Fabbricato 0 ; d) Laboratorio di Calcolo Scientifico (LCS); e) Banca; f) Magazzino Ricambi; g) Fabbricato Rustico; h) Strade e piazzali interni; i) Area raccolta rifiuti; j) Laboratori TEVE (LTE) k) Laboratori SIAE (IWT, PT1, LISA, LAS) l) Laboratori SISP (PWT) Pertanto, sono considerate a rischio d interferenza per cui è predisposto il presente DUVRI, le seguenti tipologie di pericolo: 1. presenza di pericoli già presenti nel luogo di lavoro del committente, ove è previsto che debba operare l appaltatore, ulteriori rispetto a quelli specifici dell attività propria dell appaltatore; 2. pericoli immessi nel luogo di lavoro del committente dalle lavorazioni dell appaltatore; 3. pericoli derivanti da sovrapposizioni di più attività svolte ad opera di altri appaltatori. Le attività con cui possono verificarsi interferenze coincidono in prevalenza con le attività di: 4. Servizio di manutenzione impianti di prova e impianti generali; 5. Servizio di help desk informatico; 6. Servizio di manutenzione degli apparati di rete dati; 7. Servizio di manutenzione della centrale telefonica; 8. Servizio banca; 9. Attività svolte dal personale CIRA nelle aree d intervento; CIRA-CF Rev.2 11 di 31

15 10. Attività di manutenzione OOCC; 11. Attività derivanti dalla costruzione dei Nuovi Laboratori TEVE. Tali interferenze possono essere dovute all accidentale contemporanea presenza e attività svolte da personale esterno. 7. PERSONALE ESPOSTO ALLE INTERFERENZE Persone della Committente esposte alle Interferenze dell Appaltatore Le persone della committente esposte alle interferenze dell appaltatore, sono potenzialmente lavoratori CIRA appartenenti alle unità descritte nel cap. 6 del presente documento. Persone di altri Appaltatori o subappaltatori esposte alle Interferenze dell Appaltatore Le interferenze anche con altro personale rilevate al momento sono riportate nell allegato 01 Tabella A in cui sono evidenziati anche i luoghi nei quali sono possibili le interferenze con personale di altri appaltatori e/o subappaltatori ed in particolare: 1. personale della ditta che cura le manutenzione impianti del CIRA; 2. personale della ditta che cura la manutenzione degli impianti di prova; 3. personale della ditta addetta alla manutenzione della rete dati e fonia; 4. personale della ditta addetta al servizio di help desk informatico; 5. personale dedicato alle attività di manutenzione OOCC; 6. personale della società di animazione dedicato alla Summer School nonché i bambini; 7. personale dedicato alla realizzazione dei nuovi laboratori TEVE; 8. eventuali visitatori. Pertanto, il cronoprogramma delle interferenze riferito al periodo della specifica attività, sarà dettagliato e aggiornato prima dell inizio di ogni intervento ai fini della cooperazione e coordinamento con altri responsabili. Tale cronoprogramma sarà reso disponibile e consegnato ai responsabili degli impianti/edifici interessati per le azioni di propria competenza. Persone dell Appaltatore esposte alle Interferenze già previste Interferenze già previste dalla Committente CIRA scpa: Nessuna. Interferenze già previste dagli altri Appaltatori e/o Subappaltatori: interferenze residuali delle attività di cui al paragrafo PREPARATI CHIMICI INTRODOTTI DALL APPALTATORE I prodotti da utilizzare quali: detergenti, disinfettanti, deodoranti, disinfestanti, lavanti, lucidanti, diserbanti, concimi, ecc. al momento non sono prevedibili, nel loro dettaglio, resta in capo all appaltatore la consegna, prima dell inizio dell attività e a ogni modifica e/o integrazione, al R.U.P delle schede di sicurezza, per la valutazione di merito e l autorizzazione all uso. In CIRA-CF Rev.2 12 di 31

16 particolare l Appaltatore dovrà consegnare le Schede di Sicurezza ex DM 7 settembre 2002 per prodotti infiammabili, irritanti, nocivi e tossici, corrosivi, cancerogeni, esplosivi, e pericolosi per l ambiente. Si precisa che: - contro il rischio di interferenza per scarsa igiene, le lavature devono avvenire con l alternanza dei prodotti detergenti/disinfettanti, alle giuste concentrazioni, come descritto sopra.; - contro il rischio di interferenza con irritazione e sensibilizzazione il sapone per le mani deve essere neutro ma efficace e di profumazione discreta. Inoltre lavature, spolverature e spazzolature devono avvenire ventilando i locali e in orari di scarso affollamento; - contro il rischio di interferenza con intossicazione per gli agenti chimici pericolosi, in particolare quelli per la disinfestazione ecc., il fornitore è tenuto a specificare in elenco gli antidoti e i relativi produttori e distributori sul territorio. In caso di emergenza dovrà farsi parte diligente per approvvigionare immediatamente l antidoto ed effettuare la decontaminazione ambientale, fornendo comunque tutte le informazioni verificate e utili al soccorso. 9. ATTREZZATURE UTILIZZATE DALL APPALTATORE L appaltatore utilizzerà le attrezzature necessarie quali: aspiratori e aspira liquidi, monospazzole, lucidatrici, lavapavimenti, lavasciuga, generatori di vapore, nebulizzatori e soffiatori, idropulitrice, spazzatrici, batti moquette, lava moquette, scale, trabattelli, carrelli attrezzati, tagliaerba a mano e motore, trattori, decespugliatori, ecc., per l espletamento delle attività richieste dalla Committente, quale parte integrante e imprescindibile della fornitura consegnata formalmente e in prima analisi al R.U.P.. Al momento non è possibile definirle, comunque, l appaltatore fornirà al R.U.P., prima dell inizio delle attività, la documentazione di legge e di normativa interna circa la conformità e certificazione delle attrezzature che intende adoperare (ad esempio, omologazione ISPESL, ultime verifiche ASL, certificato CE, manuali, etc.), il RUP fornirà all appaltatore, che si impegnerà a verificare e rispettare, le planimetria riportanti: 1. i punti di allaccio necessari indicanti le potenze da impegnare (elettrica, aria compressa, ecc ). In particolare saranno indicati i punti idonei ad attrezzature che utilizzano oltre 1kW di potenza e i relativi interruttori di sicurezza (ovvero l istruzione di chiamare la Manutenzione prima dell inserimento/disinserimento spine) ; 2. le distanze di sicurezza, di controllo e di manutenzione per la verifica/compatibilità con quanto sia stato già installato/autorizzato; CIRA-CF Rev.2 13 di 31

17 3. i ripostigli e le aree utilizzabili; 4. eventuali annotazioni specifiche di cooperazione e coordinamento ( procedure). Nel caso speciale di nolo a caldo oltre a quanto previsto dal D. Lgs.81/08 per le garanzie delle attrezzature, deve essere estesa la Valutazione dei Rischi d interferenza e delle misure anche in riguardo ai nuovi lavoratori da ammettere. 10. GESTIONE RIFIUTI GENERATI DALLE ATTIVITÀ APPALTATE Lo smaltimento e la corretta gestione dei rifiuti, generati da qualsiasi attività svolta dall appaltatore, sono a cura e responsabilità dell appaltatore che, nella fattispecie, assume il ruolo di Produttore. La gestione ottempererà a quanto dettato dalle normative vigenti in materia ambientale e di sicurezza (D.Lgs. 152/06, D.Lgs. 81/08, e s.m.i. ). 11. CRITERI PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI Il quadro normativo e la metodologia di analisi per la valutazione dei rischi sono riportati in allegato VALUTAZIONE OPERATIVA RISCHI INTERFERENZA E MISURE Per il dettaglio della programmazione vedi cronoprogramma delle interferenze Tab. A allegato 1. Per la valutazione dei rischi e delle misure P&P per la minimizzazione degli stessi, si veda la Tabella B (allegato 2) ove si evincono: misure, termini, ruoli di attuazione, di verifica e di efficacia. Considerando che le attività sono eseguite con prescrizioni definite e che il carattere non ricorrente di alcune attività fa scaturire una bassa probabilità di danno, i rischi per i lavoratori esposti ai pericoli d interferenza si limitano ad un livello moderato. Di seguito si riportano alcune delle misure preventive e protettive di carattere generale, che saranno adottate durante lo svolgimento delle attività dell appalto: a) Tutti i lavoratori dovranno avere la formazione e addestramento all utilizzo dei mezzi e prodotti utilizzati; b) Dovrà essere sempre presente in azienda almeno 1 addetto dell appaltatore formato circa la gestione di eventuali emergenze che dovessero scaturire dall uso improprio dei prodotti e delle attrezzature. c) Tutti i lavoratori dovranno avere la formazione e informazione nell uso dei DPI necessari; d) Gli addetti al magazzino dovranno avere l idoneità alla mansione Movimentazione manuale dei carichi, avere la formazione e addestramento specifico nell utilizzo di carrelli elevatori e l idoneità alla guida di automezzi di classe B per trasporto cose; CIRA-CF Rev.2 14 di 31

18 e) Non potrà essere iniziata alcuna attività, da parte dell affidatario, se non a seguito di avvenuta firma tra le parti del verbale di cooperazione e coordinamento; f) L'appaltatore sarà informato sulle modalità di evacuazione, dei lay-out di evacuazione e della dislocazione delle attrezzature antincendio e dei presidi di primo soccorso; g) Prima dell esecuzione delle attività e con il coordinamento dei rispettivi Responsabili dovrà essere disattivato o rinviato l esercizio delle attrezzature/apparecchiature più critiche interrompibili (quali: Laser, gru a ponte, ecc); h) I lavori elettrici sotto tensione sono vietati e possono essere eseguiti solo previa autorizzazione scritta della Committente dopo aver integrato opportunamente i documenti di sicurezza e aver verificato le condizioni e garanzie specificamente richieste dal D.Lgs. 81/08 e relativa regola tecnica. In tale occasione devono essere notificati gli eventuali rischi specifici introdotti e le misure di sicurezza predisposte e attese, e le ipotesi d interruzione del servizio elettrico e l identificazione di aree da recintare/segnalare/sorvegliare per la protezione del personale estraneo ai lavori; i) Le regole per l interdizione dei passaggi pedonali, strade, piazzali e aree parcheggi a servizio degli edifici interessati, saranno preventivamente concordate con i rispettivi Responsabili di pertinenza indicati dal R.U.P.; j) Nei laboratori e nei locali tecnici, intesi come aree ad accesso controllato e quelle affidate dal C.I.R.A. a terzi, sarà possibile l ingresso degli operai/tecnici dell appaltatore e l inizio attività concordando preventivamente l intervento per mettere in sicurezza tutte le attività estranee, con i relativi Responsabili; k) Ai fini del consenso e affidamento dei suddetti impianti è richiesto il rilascio del Permesso di Lavoro da parte della ditta uscente, che indichi periodo, regolamento specifico, informazioni su rischi specifici residui e misure di prevenzione e protezione e condizione di restituzione. Al termine dei lavori il Permesso di Lavoro, segue il procedimento inverso; l) L interdizione e divieto di accesso alle aree oggetto dei lavori a farsi, dopo l ottenimento del Permesso di Lavoro, saranno comunque allestiti e verificati a cura dell appaltatore che subentra; m) Le attività in altezza devono prevedere tutte le idonee misure di protezione contro la caduta dall alto per il personale incaricato dei lavori e per i materiali a cura dell appaltatore; n) Prima dell inizio dei lavori si chiede di depositare l aggiornamento delle schede di sicurezza dei prodotti individuati; CIRA-CF Rev.2 15 di 31

19 o) Tutte le misure di prevenzione e protezione contro le emissioni di polveri, fumi, gas e rumore devono essere preventivamente predisposte dall appaltatore e verificate; p) Nei luoghi ordinari, il preavviso agli occupanti è a discrezione del R.U.P. in base alle criticità previste anche dall appaltatore; q) Nel rispetto dell art. 26 del D.Lo. 081/08, il R.U.P. del Servizio di pulizia, igiene ambientale, manutenzione aree a verde, smaltimento rifiuti speciali e facchinaggio e gli altri Responsabili di appalti/lavori, dovranno scambiarsi, fra di loro, le informazioni fornendo quanto disponibile per la programmazione mensile degli interventi dei propri appaltatori. Eventuali variazioni e/o integrazioni dovranno essere comunicate in tempo utile per la riprogrammazione. r) Le attività di disinfestazione saranno eseguite sempre fuori dall'orario di lavoro e senza personale presente, preferibilmente di venerdì. s) Tutte le misure adottate saranno valide per tutta la durata dell'appalto. t) All'ingresso di ogni fabbricato e prima dell inizio dell attività sarà apposto il seguente cartello di avvertimento: DISINFESTAZIONE IN CORSO L'ACCESSO è CONSENTITO DALLE ORE hh:mm DEL gg/mm/aaaa Dovrà inoltre riportare: la data di affissione, il timbro dell appaltatore, la firma dell operatore, tale cartello dovrà essere rimosso appena decaduta la necessità a cura dell appaltatore. u) Il taglio dell erba e l uso di concimi e disinfestanti nelle zone adiacenti a porte e finestre dei piani bassi degli edifici (es. fabbr. 0, Mensa), sarà eseguita previa applicazione, da parte dell appaltatore, di cartello di avviso posto all ingresso dell edificio riportante la seguente dicitura Chiudere porte e finestre dalle ore xx:yy alle ore xx:yy). v) Tutte le attività di giardinaggio da eseguire dentro e fuori dall edificio mensa saranno sospese dalle ore 12:00 alle ore 14:30; w) Le attività di concimazione e trattamenti delle piante all interno degli edifici e lungo i percorsi di accesso agli stessi, saranno eseguite fuori dall orario lavorativo; x) Dovranno essere segnalate ed inibite dall accesso, a cura dell appaltatore, le aree interessate alle attività di potatura alberi e asportazione delle pigne. 13. ORGANIZZAZIONE SPP La Committente ha una struttura SPP anche con risorse dedicate alle unità lavorative oggetto dei lavori, per la Valutazione dei Rischi di Interferenza e delle Misure per la loro eliminazione e per CIRA-CF Rev.2 16 di 31

20 la verifica di efficacia di tali misure; vi sono incaricati aziendali ai soccorsi antincendio e gestione dell emergenza e addetti SPP per la sicurezza dei luoghi di lavoro. La Committente richiederà all Appaltatore di dotarsi di una struttura SPP come previsto dalle norme, avere proprio personale per l emergenza e in particolare: pronto soccorso, antincendio, per competenze specifiche in tema di rischi legati alle attività specifiche a farsi, dotato di propri presidi e DPI. 14. REVISIONE DEL DOCUMENTO Salvo gli obblighi di coordinamento e cooperazione secondo l art. 26, comma 2 lett. a e lett. b del D.Lgs 81/08 è previsto l aggiornamento del presente documento, da parte del R.U.P, nei casi di mutate situazioni, quali ad esempio: interventi di nuovi subappalti o di forniture o pose in opera ovvero in caso di modifiche di carattere tecnico, logistico o organizzativo resesi necessarie nel corso dell esecuzione dell appalto. 15. COSTI DELLA SICUREZZA Di seguito sono riportati i costi della sicurezza delle interferenze riguardanti le attività per Servizio di Pulizia, Sanificazione, manutenzione aree a verde, smaltimento dei rifiuti speciali e servizio di facchinaggio del Cira : Pos. Apprestamenti di sicurezza U. M. Quantità Prezzo Totale 1 Creazione di percorsi protettivi e delimitazioni aree a protezione del transito in sicurezza degli utenti mediante colonnine e catene in plastica bianca rossa (n 5 paletti e 15 ml di catena) N ,00 2 Segnaletica di sicurezza mobile tipo pavimento bagnato, attenzione lavori in corso, divieto di accesso, vie di fuga ecc. N ,00 3 Eventuali interventi di sfasamento spazio/temporali delle lavorazioni interferenti Ore ,00 4 Elaborazione disposizioni e procedure Ore ,00 5 Misure di coordinamento (sopralluoghi, comunicazioni,segnalazioni, riunioni di coordinamento) modifiche alle procedure d emergenza aziendale (informazione,simulazione, prove, ecc.) Ore ,00 TOTALE annuo 1.900,00 CIRA-CF Rev.2 17 di 31

21 ALLEGATO 1 Essendo le attività ripetitive, si è considerata una programmazione su tre mesi. Tab.A1 Cronoprogramma Interferenze Appalti in CIRA Pos. Pericolo Attività Genera. Pericolo Capua dic-10 gen-11 feb-11 Esposti del M V S L M Esposti (presenti Nuovo Responsabile in Area) Appalto ( se presenti in Area) SSE Imp.Elettrici Sotto Tensione > 1000 V Cab.MTbt 1-9 Locali UPS (elenco locali) Torri di Raff.to C.leA/C I Elettrocuzione LASER Cl. 3 e 4 CIRA-SIAE già LMSA CIRA-SISP PWT-PowerSupply 32.5 LAS0-Lab.CT1 (se attivi) IWT-SalaLASER (se attivi) PT1 (se attivi) PWT Hangar (se attivo) Non accessibile se attivo Non accessibile se attivo Non accessibile se attivo Non accessibile se attivo Non accessibile se attivo II Incendio R.Medio DM16feb82 All.Attività 91 (prod.calore comb.liquido P>350 kw) C.leT/F70 C.leT/F2,75 DM16feb82 All.Attività 12 (liquidi infiammabili P.I.<65 C q>0,5mc) CIRA-SIAE- IWT C.leT/F70- Gasolio50mc C.leT/F2,75- Gasolio15mc IWT-Brine40mc DM16feb82 All.Attività 17 (oli lubrificanti 1mc<q<25mc) C.leT/F70-Olio diatermico50mcx2 CIRA-CF Rev.2 18 di 31

22 C.leT/F2,75-Olio diatermico3mc DM16feb82 All.Attività 2 (de/compress.gas combust. e combur. P>50 Nmc/h) Cab.DecompMetan o1 Cab.DecompMetan o2 DM16feb82 All.Attività 6 (rete trasp. gas combustib.) PipeRack Mensa-Cucina DM16feb82 All.Attività 88 (deposito 1000mq<A<4000 mq) Magazzino DM16feb82 All.Attività 64 (gr.elettrogeni Ptot>100kW) C.leAcq.Ind. DM16feb82 All.Attività 83 (locali di intrattenimento 100 <posti<500) LCS0 DM16feb82 All.Attività 95 (asc. e montac. In edifici ind. DPR1497/63) PWT LASER Cl.3 e 4 CIRA-SIAE già LMSA CIRA-SISP LAS0-Lab.CT1 (se attivi) IWT-SalaLASER (se attivi) PT1 (se attivi) PWT Hangar (se attivo) Non accessibile se attivo Non accessibile se attivo Non accessibile se attivo Non accessibile se attivo III Ingombri Passaggi e Uscite Presenza Attrezzature o Materiali LCS1-1A UE6 Altri CIRA-CF Rev.2 19 di 31

23 IV AtEx Arrivo Metano di Linea Idrogeno in Batterie Cab.Metano 1 CIRA-SISP già LMSS Locale Batterie PWT a=70cm Compressori CIRA-SIAE- IWT IWT-EdB Non accessibile se attivo Scarico automatico condensa al suolo da linea vapore PipeRack (15 punti) V Rumore Compressori C.leA/C Estrattori post prova CIRA-SISP già LMSS PWT-TestHall Non accessibile se attivo Raffreddamento SuperCalcolo CIRA-TSII già SINF LCS0-SalaHw Gru fisse CIRA-SISP già LMSS CIRA-SISP già LMSS CIRA-SIAE- IWT PWT-TestHall PWT-Officina IWT-ParkingHall VI VII Schiacciamento da Movim.Oggetti Pesanti CIRA-TEVE- TEMA LTE-Hangar Posiz.Test Chamber e Spray Bar su Slitta Movim.Portellone IWT CIRA-TEVE- LTE-Sala Nessy TEMA CIRA-SIAE-PT1 PT1 Posiz.AreaTest CIRA-SIAE- LISA Area Test Posiz.in Hangar LISA LISA-Hangar CIRA-SIAE- IWT IWT-ParkingHall Caduta a Livello CIRA-SIAE- Prove Ghiaccio IWT-Test Chamber per Pavimento IWT Sdrucciolevole Lavaggio Servizi Igienici CIRA-CF Rev.2 20 di 31

24 pavimenti Mensa-Sala e Bar Uffici, Sale Riunioni, Passaggi VIII Caduta in Aperture su Superfici Calpestabili e Carrabili Interventi sotto pavimento CIRA-TSII già SINF CIRA-SIAE già LMSA-PT1 CIRA-TSII già SINF CIRA-PMAS CIRA-MOSP- TEMA CIRA-TSII già SINF CIRA-TSII già SINF CIRA-SIAE già LMSA Uffici, Sale Riunioni, Passaggi PT1-Hangar LTE-Hangar LCS0-SalaHw e Sala Consolle IWT-EdB Altri Locali Tecnici Interventi in pozzetti CIRA-TSII già SINF Strade, Marciapiedi e AreeVerde PipeRack Accesso a scale verticali da piattaforme > 2m CIRA-SISP già LMSS CIRA-SIAE già LMSA CIRA-TSII già SINF C.le Acq.Ind. Vasca AI C.le T/F 70 Piattaf.Degasatori LastriciSolari (Mensa, PT1, LTE) PWT-TestHall IWT-ParkingHall LCS-Cavedi I Annegamento Prove Crash LISA-AreaTest- CIRA-SIAE- VascaProve LISA Manut. e Pulizia CIRA-TSII già SINF Pozzetti stradali (se allagati e ampi) CIRA-CF Rev.2 21 di 31

25 Interventi Ambientali CanaliBonifica Schiacciamento, Contusioni e Ferimento per Caduta Ogg. >1,5m Interventi su Corpi Illuminanti e Riscaldanti, Vetrate, Aeratori, Gru fisse Copertura Canaline Interventi su Corpi Ill. e Risc., Aeratori, Controsoffitto Hangar Magazzino PipeRack Uffici, SaleRiunioni, Passaggi I Schiacciamento, Contusione e Ferimento per Cause Varie Caduta Pigne Mezzi di Movimentazione e Veicoli App.a Pressione (guasto) CIRA-PMAS CIRA-SIAE già LMSA CIRA-TSII già SINF CIRA-SIAE già LMSA CIRA-TEVE- TEMA AreaVerde- MarciapiediconPini LTE-Hangar LISA-AreaTest Magazzino Pozzetti stradali LocaliTecnici - Installaz.App.a Press IWT-EdBAirPlant, EdBCoolingPlant, EdAAirPlantadiacS alalaser LTE- LabTEMATermog. Azoto Criog. LTE-Hangar CIRA-SISP già LMSS PWT-Staz.Argon c/o ParcheggioNord e LocaleA/C adic.cab.mtbt1. II Ustione RTM iniezione piastre piani caldi CIRA-TEVE- TEMA LTE-Hangar LTE-Hangar Stoccaggio Azoto (guasto) LTE- LabTEMATermog LTE- LabTEMAMetro PWT-Officina e Area Argon c/o Parcheggio Nord CIRA-TEVE- TEMA CIRA-SISP già LMSS Scarico automatico condensa al suolo da linea vapore PipeRack (15 punti) CIRA-CF Rev.2 22 di 31

26 Fiamme libere, piastre arroventate Mensa-Cucina Cirucuito Olio Diatermico (guasto) CIRA-SIAE- IWT IWT-Cooling IWT-PumpIt LAS0-Lab.CT1 CIRA-SIAE già LMSA IWT-SalaLASER (se attivi) LASER Cl. 3 e 4 PT1 (se attivi) CIRA-SISP PWT Hangar (se attivo) III IV V VI Corrosione, Irritazione, Sensibilizzazione, Intossicamento da Ag.Chimici Percolosi Asfissia Ag.Cg.&Mg. Stoccaggio Soda Caustica C.leAcq.Ind. CIRA-SISP già LMSS Stoccaggio Ipoclorito di Sodio CIRA-SISP già LMSS Stoccaggio Acido Cloridrico Disinfestazione Stoccaggio Azoto (guasto) CIRA-PERS PWT-Area DeNOx C.leAcq.Ind. PWT-Area DeNOx C.leT/F70- ScaricoReflui CIRA escluso Mensa Mensa LTE- LabTEMAMicrosc Elettronico con azoto criog. in stanza8 (se assente rilevatore O2 e finestre) Irritazione, Manutenzione filtri Sensibilizzazione Locali Condizionati, Inossicamento, Infezione da Manutenzione in CIRA-TSII già Ag.Biologici pozzatti stradali SINF Pozzetti Stradali VII Vibrazioni Esposizione VIII Acuta a Radiaz. Non Ionizzanti PWT Prova con Arc Heater TEMA Forno LASER Cl. 3 e 4 CIRA-SISP già LMSS CIRA-TEVE- TEMA CIRA-SIAE già LMSA PWT LTE-Hangar LAS0-LabCT1 (se attivi) IWT-SalaLASER (se attivi) CIRA-CF Rev.2 23 di 31

27 PT1 (se attivi) CIRA-SISP PWT Hangar (se attivo) I Esposizione Acuta a Radiaz. Ionizzanti Tossinfezione Alimentare TEMA Microscopio Elettronico EDS Utilizzazione Servizio Ristorazione Impiego Acqua Potabile di Rete CIRA-TEVE- TEMA CIRA-PERS LTE0 LabTEMAMicrosc opia R deliberatamente presenti Utilizzatori Servizio Ristorazione (eventuale grave anomalia) Impiego acqua potabile di rete (eventuale difetto di isolamento e disinfezione ai serbatoi e condotte ) CIRA-CF Rev.2 24 di 31

28 ALLEGATO 2 Tab. B Rischi e Misure POS Pericoli P D E R Misure P. & P. III Ag. Ch. Pericolosi (Detti pericoli possono trovarsi in centrale termica,luoghi stoccaggio prodotti e nei laboratori, e possono operare diverse società.) V I Elettrocuzione (Detti pericoli possono scaturire per contatto diretto e per contatto indiretto e/o dovuti ad errato o non conforme utilizzo di parti di impianti elettrici o attrezzi per le proprie attività lavorative) Rumore Eseguire le attività previo permesso di lavoro e previo scambio delle informazioni a partire dalle schede di sicurezza aggiornate. I lavori elettrici sotto tensione sono vietati ai sensi del D.Lgs. 81/08. Essi possono essere eccezionalmente eseguiti solo previa autorizzazione scritta della Committente, dopo aver integrato opportunamente i documenti di sicurezza e aver verificato le condizioni e garanzie specificamente richieste dal D. Lgs 81/08 e dalla relativa regola tecnica. Segregare i luoghi a rischio elettrico specifico e segnalare il pericolo, i divieti e gli obblighi. Regolare tramite permesso di lavoro l avvicendamento in tali luoghi con altre imprese e/o lavoratori autonomi. Eventuale personale presente in tali luoghi e senza Permesso di Lavoro è ammesso solo sotto diretta sorveglianza del Preposto /affidatario del luogo a rischio elettrico specifico. Il RUP indicherà i punti idonei ad attrezzature che utilizzano oltre 1kW di potenza e i relativi interruttori di sicurezza (ovvero l istruzione di chiamare la Manutenzione prima dell inserimento/disinserimento spine. Inoltre si raccomanda di avere corpo, indumenti e attrezzi asciutti e non usare acqua per spegnere incendi. È da preferire l impiego di attrezzature silenziate. Limitare la frequentazione ai tempi necessari e con il minor numero di persone nelle aree temporaneamente soggette a rumore; adottare gli otoprotettori. Programmare le attività rumorose in periodi diversi dalle attività ordinarie. Effettuare anche le valutazioni per l esposizione. Resp. Attuaz. Misure P. & P. Appaltatore Dirigenti Appaltatore altri appaltatori RUP Appaltatore, Altri Appaltatori Resp. Verifica Misure P. & P. ASPP appaltatore ASPP Altri Appaltatori ASPP appaltatore ASPP Altri Appaltatori ASPP area CIRA ASPP appaltatore ASPP Altri Appaltatori ASPP area Cira CIRA-CF Rev.2 25 di 31

29 II POS Pericoli P D E R Misure P. & P. VII VI e I VIII I Cadute materiali d'alto (Pericoli che possono scaturire da attività eseguite, su tetti e solai, su strutture grigliate in elevazione con l utilizzo di scale,impalcature ecc.) Incendio (L incidente può scaturire in particolare da Corto cir. elettrici e da apparecchi in sovraccarico elettrico, sovratemp. e insufficiente ventilazione, scintille e cariche elettrostatiche, cortocircuito elettrico per accidentale trascurata manutenzione per la presenza di liquidi infiammabili e stracci impregnati.) Scivolamenti, inciampi, cadute a livello. (Detti pericoli scaturiscono da attrezzature e materiali incustoditi nelle zone di passaggio, o l utilizzo di piccole scale o sgabelli, o per il lavaggio delle pavimentazioni.) Movimentazione oggetti pesanti, cause di schiacciamento ecc (Detti pericoli possono scaturiscono da attività di movimentazione gru a ponte.) Cadute in aperture in superfici calpestabili o carrabili (Detti pericoli possono scaturire da attività svolte nell intercapedine del pavimento sopraelevato, lasciato aperto e/o dove non segnalato e/o incustodito.) Annegamento (Il pericolo può scaturire dalle attività che si svolgono nelle vicinanze della vasca impianto LISA, canali di bonifica) Delimitazione dell'area di lavoro. Controllo ed eventuale integrazione della segnaletica e disposizioni speciali. Differenziare gli orari d intervento. E' necessario che gli addetti si attengano alle misure preventive, incluse quelle di cui al CIRA-CF Delimitazione dell'area di lavoro. Controllo ed eventuale integrazione della segnalazione e dispositivi speciali. Tenuta in ordine area. Raccogliere tempestivamente accidentali sversamenti con idonei mezzi. Tutte le attività dovranno essere eseguite in orario non interferente e comunque richiedere il Permesso di Lavoro da parte del preposto affidatario. Sorvegliare, segnalare e interdire l'area d'intervento con parapetto. Ove possibile differenziare l orario degli interventi di manutenzione. Tenersi a distanza di sicurezza dal bordo vasca o, per eventuali diverse esigenze, di procedere solo alla presenza di altra persona incaricata al soccorso dotata delle idonee attrezzature di recupero e in grado di effettuare la manovra di rianimazione cardiorespiratoria. Resp. Attuaz. Misure P. & P. Appaltatore Altri Appaltatori RUP Appaltatore Altri Appaltatori Appaltatore, Altri Appaltatori RUP Appaltatore, Altri Appaltatori Dirigenti aree ad accesso regolamentato Appaltatore Altri Appaltatori Appaltatore Resp. Verifica Misure P. & P. ASPP appaltatore ASPP Altri Appaltatori ASPP area CIRA ASPP appaltatore ASPP Altri Appaltatori ASPP area CIRA ASPP appaltatore ASPP Altri Appaltatori ASPP area CIRA ASPP appaltatore ASPP Altri Appaltatori ASPP area Cira ASPP appaltatore ASPP Altri Appaltatori ASPP area Cira ASPP Appaltatore ASPP Area CIRA CIRA-CF Rev.2 26 di 31

30 POS Pericoli P D E R Misure P. & P. II VI Ustione (Pericoli che possono scaturire da attività eseguite in prossimità di impianti di stoccaggio azoto, apparecchiature in LTE, scarichi automatici di vapore, ecc.) Ag. Bio. Pericolosi (Detti pericoli possono scaturire dall uso di spugne non pulite usate sui rubinetti dell acqua potabile, ecc.) Programmare le attività, previo accordo con i Preposti ai fini di ottenere il Permesso di Lavoro e/o presidio, nonché rispettare le distanze di sicurezza. Eseguire le attività utilizzando prodotti monouso sterili o utilizzare prodotti disiffettanti. Resp. Attuaz. Misure P. & P. Appaltatore Altri Appaltatori RUP Appaltatore Resp. Verifica Misure P. & P. ASPP appaltatore ASPP Altri Appaltatori ASPP area CIRA ASPP appaltatore ASPP Altri Appaltatori CIRA-CF Rev.2 27 di 31

31 Giardinaggio, Smaltimento Rifiuti Speciali e Facchinaggio. ALLEGATO 3 Elenco ditte esterne presenti al CIRA alla data del 01/08/2010. Il controllo sarà effettuato all emissione dell ordine. Tipologia N. medio Pos. Ragione Sociale Esterno(*) R.U.P. Descrizione Area lavoro pers. 1 MPS Ditta Tammaro Servizi interbancari Banca /01/98 31/12/13 2 N. max pers. Dal Al DUVRI / PSC Artemide Global Service S.r.l. Ditta Caristia Pulizia e Sanificazione ambientale Centro /04/10 30/11/10 CF ATI Eurogiardinaggio Ditta Caristia Manutenzione aree verde e imp irrigazione Centro /12/09 30/11/10 CF Gagliano Ditta Caristia Trasporti interni - Servizio logistica Centro /04/07 30/11/10 CF Italmatic Group S.r.l. Ditta Palla Distributori bevande e snack Centro /03/10 15/03/11 CF Siemens S.p.A. Ditta Caristia Manutenz. sistemi sicurezza-antincendio Centro /06/10 30/04/11 CF NetGroup S.r.l. Ditta Schiano Servizio help desk informatico Centro /07/07 15/07/11 8 Dott.ssa Lappa Cristina Consulente Palla Medico Competente Centro /09/09 14/09/11 n.a. 9 AMES S.n.c. Ditta Caristia Analisi delle acque Centro /07/10 31/03/12 CF Natuna S.p.A. Ditta Caristia Operatione e Maintenance Impianti Generali e Infr. Centro /04/10 31/03/12 CF Security Fire S.a.s. Ditta Caristia Manutenzione presidi antincendio Centro /05/10 31/03/12 CF Tekton S.r.l. Ditta Caristia Manutenzione edile Centro /07/10 31/03/12 CF Telecom Italia S.p.A./Irtet Ditta Schiano Manutenzione infrastr. Reti dati e fonia Centro /10/09 11/10/12 CF Cofely Italia SpA Ditta Caristia 15 P&P Development Ditta Vecchione 16 P&P Impianti e Manutenz Srl Ditta Vecchione Operation-Maintenance Impianti Gen. e Infr. LOTTO 2 Operation-Maintenance Impianti Gen. e Infr. LOTTO 2 Operation-Maintenance Impianti Gen. e Infr. LOTTO 2 IWT-LISA-SADA- PT /05/10 30/04/12 CF IWT-LISA-SADA- PT /05/10 30/04/12 CF IWT-LISA-SADA- PT /05/10 30/04/12 CF Di Bernardo Nicolai Giorgio Consulente Farioli Raccolta materiale divulgativo, interviste LCS /03/10 31/08/10 n.a. 18 Nabacom Srl Ditta Schiano Assistenza e manutenzione centrale telefonica LCS /12/09 19/09/10 CF NextiraOne Italia Srl Ditta Schiano Assistenza e manutenzione centrale telefonica LCS /12/09 19/09/10 CF SevenOne Solution Srl Ditta Schiano Fornitura, Installazione, Manutenzione rete dati LCS /12/09 31/10/10 CF ECS International Italia 21 S.p.A. Ditta Schiano Locazione operativa di apparecchiature informatiche LCS /03/10 30/09/11 CF Sei Sud S.r.l. Ditta Schiano Locazione operativa di apparecchiature informatiche LCS /07/10 30/09/11 CF Computer VAR S.p.A. Ditta Schiano Installazione supercalcolatore CMCC LCS /11/08 02/11/11 24 Dell Cmpuer Italia S.p.A. Ditta Schiano Fornitura cluster di calcolo e sua manutenz LCS /07/09 14/09/13 CF NEC Italia S.r.l. Partner Schiano Manutenz. NEC S8R LCS /07/10 31/07/11 n.a. 26 Engineering IT S.p.A. Ditta Schiano Manutenzione Document Tracking LCS /10/09 31/12/11 CF CIRA-CF Rev.2 28 di 31

32 Giardinaggio, Smaltimento Rifiuti Speciali e Facchinaggio. Tipologia N. medio N. max Pos. Ragione Sociale Esterno(*) R.U.P. Descrizione Area lavoro pers. pers. Dal Al DUVRI / PSC 27 Milano Assicurazioni Ditta Tammaro Convenzione assicurativa LCS /01/06 31/12/11 n.a. 28 Sedin SpA Ditta Diozzi Digitalizzazione documenti CIRA LCS /10/06 09/10/11 29 Ambassador Ascensori S.r.l. Ditta Caristia Manutenzione ascensori e montacarichi lcs-pwt-lte-lisa-las /05/10 31/03/12 CF ELTEL Ditta Vecchione Realizzazione locale in c.a. x stoccaggio bombole gas LTE /07/10 31/10/10 CF IMAST S.c.a.r.l. Partner Renzoni Attività di out autoclave LTE /07/10 30/11/10 n.a. 32 Modugno Vincenzo S.r.l. Ditta Vecchione Realiz impianti e opere civili locali TEMA LTE-hangar /04/10 30/09/10 CF Dussmann Service Srl Ditta Palla Servizio di ristorazione Mensa /11/09 31/10/10 CF Città Irene Soc. Coop. Onlus Ditta C. Russo Summer School 2010 Mensa e Area Esterna /06/10 07/09/10 CF Eurelettronica Icas S.r.l. Partner Schiano Manutenzione in garanzia sistema wind profiler Portineria /03/10 31/12/10 n.a. 36 Orion S.r.l. Partner Schiano Manutenzione in garanzia sistema wind profiler Portineria /03/10 31/12/10 n.a. 37 Worthington SpA Ditta G. Russo Manutenzione elettropompe Worthington PWT /01/10 31/10/10 CF Rivoira S.p.A. Ditta G. Russo Fornitura ed installazione sistema gas azoto PWT /03/10 31/12/10 CF Cofely Italia SpA Ditta G. Russo Operation-Maintenance Impianti Gen. e Infr. LOTTO 3 PWT /05/10 30/04/12 CF Firotek S.r.l. Ditta Caristia Analisi acque industriali. Trattamento chimico e microbio Torri evapor /05/10 31/03/12 CF CIRA-CF Rev.2 29 di 31

33 ALLEGATO 4 Criteri di Valutazione Rischi Quadro Normativo Oltre alla normativa di comune applicazione, vanno considerati: DM 10 mar 98 (Criteri generali di sicurezza antincendio e per la gestione dell emergenza nei luoghi di lavoro); D. Lo. 81/08 (r. VDT, MMC, Rumore e Vibrazioni ed altri rischi fisici, Chimico, Cancerogeno, Amianto, Biologico, Elettromagnetici); Attrezzature, Lavori in Quota, AtEx, Campi Metodologia di Analisi e Rappresentazione dei risultati La Metodologia di Analisi e la relativa Rappresentazione dei risultati sono illustrate nella Linea guida alla Valutazione Rischi Interferenza e Costi di Sicurezza per Appalti e Subappalti (CIRA-CF rev. 0); nel seguito si riportano i metodi e gli strumenti adoperati per la valutazione dei rischi. Metodi e Strumenti per la Valutazione dei Rischi Salvo doversi attenere a criteri specifici per la valutazione quali/quantitativa dei rischi, è consuetudine ricorre al seguente metodo di classificazione della criticità di esposizione a pericoli identificati e descritti. Tale classificazione è idonea a orientare l ordine di priorità degli interventi mirati all eliminazione dei rischi e costituenti il Piano di Sicurezza. La chiave di lettura dei livelli è proposta in tabella e può essere rielaborata secondo il caso in esame. A tal fine si definisce con: Livello di Rischio = R = P x D (x E) P = probabilità che si manifesti un danno alla sicurezza e salute delle persone; D = danno ovvero conseguenze indesiderate sulla salute e sicurezza degli esposti; E = degrado dell esposizione per condizioni individuali o riconducibili a difetti di organizzazione, informazione, formazione; i cui valori sono così attribuiti: CIRA-CF Rev.2 30 di 31

34 R = P x D x E Livello di Rischio Priorità di Intervento ε [1 ; 16[ Moderato Secondo Opportunità ε [16 ; 32[ Basso Medio Periodo ε [32 ; 48[ Medio Breve Periodo ε [48 ; 64] Alto Urgente CIRA-CF Rev.2 31 di 31

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI Art. 1 Oggetto del capitolato Il presente appalto prevede: la

Dettagli

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122 MINISTERO DELLA SALUTE UFFICIO GENERALE DELLE RISORSE DELL ORGANIZZAZIONE E DEL BILANCIO UFFICIO VIII EX DGPOB LOTTO 2. AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DELLA SEDE DEL COMANDO CARABINIERI PER LA TUTELA

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO (ai sensi dell articolo 26 del D.Lgs. 81/2008) Allegato

Dettagli

Città di Spinea Provincia di Venezia

Città di Spinea Provincia di Venezia Città di Spinea Provincia di Venezia APPALTO: servizio di pulizia interna uffici comunali 2013 2014 AFFIDAMENTO: da appaltare REDATTO DA REVISIONE N. DATA APPROVATO DA 1 SOMMARIO 1. SEZIONE DESCRITTIVA...

Dettagli

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio 5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio Pag. 1 di 36 DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI PER LA SALUTE E LA SICUREZZA NEGLI AMBIENTI DI LAVORO ai sensi degli artt. 17, 28 e 29 del D.lgs 81/08

Dettagli

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali Lettera Rischi Interferenziali Spett.le Ditta Appaltatrice Ditta Subappaltatrice Luogo, Data 2 OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali In relazione alla necessità di una possibile

Dettagli

Capitolato Tecnico. Pagina 1

Capitolato Tecnico. Pagina 1 Gara a procedura aperta per l affidamento dei servizi di facchinaggio della sede di SACE sita in Roma Piazza Poli 37/42 - CIG 5778360584 Pagina 1 1 PREMESSA 3 2 Oggetto dell Appalto 3 3 Durata dell Appalto

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) COMPITI DELLE IMPRESE E DOCUMENTAZIONE CONTRATTUALE AI SENSI DI QUANTO PREVISTO DAL D.L.GS 8108 e s.m.i. TIPOLOGIA APPALTO: SERVIZIO DI PULIZIA

Dettagli

ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L

ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L. 81/2008 (PER L ELENCO ESAUSTIVO CONSULTARE SEMPRE LA NORMATIVA) - Nomina Rspp Responsabile servizio prevenzione e

Dettagli

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO C O M U N E D I R O V E R B E L L A Via Solferino e San Martino, 1 46048 Roverbella Tel. 0376/6918220 Fax 0376/694515 PEC PROTOCOLLO : roverbella.mn@legalmail.it RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI

Dettagli

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO In base all art. 256 del D. Lgs. 81/2008, così come modificato dal D. Lgs. 106/2009, i

Dettagli

Direzione Centrale Manutenzione, Contratti e Beni Confiscati Acquisti

Direzione Centrale Manutenzione, Contratti e Beni Confiscati Acquisti Direzione Centrale Manutenzione, Contratti e Beni Confiscati Acquisti PROCEDURA DI GARA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA, IGIENE AMBIENTALE E FACCHINAGGIO DA EFFETTUARSI PRESSO GLI UFFICI DELL

Dettagli

VERBALE DI VERIFICA DEL P.O.S. E RELATIVE DOCUMENTAZIONI

VERBALE DI VERIFICA DEL P.O.S. E RELATIVE DOCUMENTAZIONI Contratto d Appalto : Impresa Affidataria : Importo Lavori : di cui Oneri per la Sicurezza : VERBALE DI VERIFICA DEL P.O.S. E RELATIVE DOCUMENTAZIONI Responsabile dei Lavori : Coordinatore Sicurezza in

Dettagli

Settori. Personale qualificato. Chi siamo

Settori. Personale qualificato. Chi siamo Settori Pubblico Pulizia di edifici di Pubbliche amministrazioni seguendo le richieste indicate nei capitolati d oneri, controllate inoltre delle specifiche norme UNI EN ISO 9001 e SA8000. Privato personalizzati

Dettagli

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 CARTA SEMPLICE FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 ALL A.S.L. N. CN2 ALBA BRA DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio Prevenzione Sicurezza Ambienti di Lavoro Via Vida

Dettagli

F10101 Autovetture Compresi ricambi e materiali di consumo. F10201 Veicoli Commerciali Pesanti (autotelaio) Compresi ricambi e materiali di consumo

F10101 Autovetture Compresi ricambi e materiali di consumo. F10201 Veicoli Commerciali Pesanti (autotelaio) Compresi ricambi e materiali di consumo BARRARE CATEGORIA DI INTERESSE CATEGORIA ISCRIZIONE DESCRIZIONE NOTE VEICOLI F10101 Autovetture F10201 Veicoli Commerciali Pesanti (autotelaio) F10301 Veicoli Commerciali Leggeri (autotelaio) F10501 Macchine

Dettagli

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI Introduzione Le dimensioni delle cabine degli ascensori debbono rispettare valori minimi stabiliti dalle normative vigenti,

Dettagli

SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO SICUREZZA SUL LAVORO In-Formare è già prevenire Questo Mini-Manuale è aggiornato alle più recenti disposizioni 2014 sulla salute, l igiene e la sicurezza sul lavoro: Testo Unico, D.Lgs. 81/2008 e, in particolare,

Dettagli

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ LE SOLUZIONI AMBIENTALI INTEGRATE DI UN GRUPPO LEADER SOLYECO GROUP ha reso concreto un obiettivo prezioso: conciliare Sviluppo e Ambiente. Questa è la mission

Dettagli

Premessa. Gli scopi del presente documento sono:

Premessa. Gli scopi del presente documento sono: Premessa La società EUR Congressi Roma S.r.l. (di seguito Committente) in un ottica di Global Service ha affidato alla Marcopolo S.p.a., mediante contratto di servizio, la gestione dei servizi di Facility

Dettagli

CONSIP S.p.A. ALLEGATO 8 PREZZI

CONSIP S.p.A. ALLEGATO 8 PREZZI ALLEGATO 8 PREZZI Allegato 8 - Prezzi Pag. 1 di 15 INDICE SEZIONE 1 PREZZI DEI SERVIZI PREDEFINITI 3 1.1 Servizi di Consulenza Gestionale 3 1.2 Servizi di Manutenzione degli Impianti 4 1.3 Servizi di Pulizia

Dettagli

AVVISO PUBBLICO PER L ISCRIZIONE ALL ALBO FORNITORI

AVVISO PUBBLICO PER L ISCRIZIONE ALL ALBO FORNITORI AVVISO PUBBLICO PER L ISCRIZIONE ALL ALBO FORNITORI In base alla Deliberazione del Direttore Generale n. 312 del 18 ottobre 2012 si è provveduto all istituzione e disciplina dell Albo dei Fornitori dell

Dettagli

Requisiti minimi e criteri per il rilascio delle autorizzazioni sanitarie temporanee.

Requisiti minimi e criteri per il rilascio delle autorizzazioni sanitarie temporanee. Requisiti minimi e criteri per il rilascio delle autorizzazioni sanitarie temporanee. Sono definite temporanee tutte quelle manifestazioni quali Sagre, Feste Campestri ecc. aperte al pubblico, in cui,

Dettagli

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Corso di laurea in Ingegneria Edile CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Anno Accademico 2011/2012 Definire: Obbiettivi della lezione Rischi Interferenziali - DUVRI e PSC Rischi Propri - POS Conoscere gli aspetti

Dettagli

AMIANTO PIANO DI LAVORO

AMIANTO PIANO DI LAVORO AMIANTO PIANO DI LAVORO Piano di lavoro [art. 256 D. Lgs. 81/2008] I lavori di demolizione o rimozione dei materiali contenenti amianto possono essere effettuati solo da imprese iscritte all Albo nazionale

Dettagli

ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA Direzione Generale Direzione Centrale per l Attività Amministrativa e la Gestione del Patrimonio CAPITOLATO TECNICO

ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA Direzione Generale Direzione Centrale per l Attività Amministrativa e la Gestione del Patrimonio CAPITOLATO TECNICO SERVIZIO DI FACCHINAGGIO CON GESTIONE DEL CICLO LOGISTICO COMPRENSIVA DEL MONITORAGGIO INFORMATIZZATO E TRASPORTO COSE ALL INTERNO E TRA LE VARIE SEDI ISTAT DI ROMA CAPITOLATO TECNICO 1 INDICE 1. OGGETTO

Dettagli

VERBALE DELLA RIUNIONE PERIODICA DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI (ai sensi dell'art. 35 del D.Lgs 81/08).

VERBALE DELLA RIUNIONE PERIODICA DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI (ai sensi dell'art. 35 del D.Lgs 81/08). VERBALE DELLA RIUNIONE PERIODICA DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI (ai sensi dell'art. 35 del D.Lgs 81/08). Il giorno del mese di dell'anno duemila il sottoscritto titolare/legale rappresentante della

Dettagli

COMUNE DI RUFFANO. - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE

COMUNE DI RUFFANO. - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE COMUNE DI RUFFANO - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE approvato con Deliberazione del Commissario Straordinario con i poteri del Consiglio Comunale

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca GARA EUROPEA A PROCEDURA RISTRETTA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA E DISINFESTAZIONE, PRESTAZIONI DI FACCHINAGGIO INTERNO ED ESTERNO E LA MINUTA MANUTENZIONE DEI LOCALI, RELATIVI AGLI IMMOBILI

Dettagli

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO - PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO G.1. I reati di cui all art. 25 septies del D.Lgs. n. 231/2001 La Legge 3 agosto 2007, n. 123, ha introdotto l art. 25 septies del

Dettagli

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento Servizio di Economato

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento Servizio di Economato PROVINCIA DI ROMA Regolamento Servizio di Economato Adottato con delibera del Consiglio Provinciale: n. 1111 dell 1 marzo 1995 Aggiornato con delibera del Consiglio Provinciale n. 34 del 12 luglio 2010

Dettagli

SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI E LOCALI COMUNALI

SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI E LOCALI COMUNALI CITTÀ DI MARTINA FRANCA Provincia di Taranto SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI E LOCALI COMUNALI CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO COMUNE DI MARTINA FRANCA - Piazza Roma, 32-74015 Martina Franca (Ta) Tel. 0804836111

Dettagli

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI Allegato 1 COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI REGOLAMENTO PER LA DOTAZIONE FINANZIARIA COMUNALE PER INTERVENTI DI MANUTENZIONE ORDINARIA E DI FUNZIONAMENTO IN FAVORE DEGLI ISTITUTI DI ISTRUZIONE PRIMARIA

Dettagli

AUTORITA' DI BACINO DEL FIUME TEVERE

AUTORITA' DI BACINO DEL FIUME TEVERE Allegato alla determinazione dirigenziale n. 1/2011 AUTORITA' DI BACINO DEL FIUME TEVERE Ufficio di Segreteria Giuridico-Amministrativa U.O. Affari Generali, Giuridici e di Raccordo Istituzionale Via V.

Dettagli

Oggetto dell appalto:

Oggetto dell appalto: ALLEGATO 5 DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENTI (art. 26 comma 3 D.Lgs. 81/08) Oggetto dell appalto: Servizio di vigilanza armata da effettuarsi con guardie giurate particolari fornite

Dettagli

POS: Piano Operativo di Sicurezza. D.Lgs 81/08 art. 96 c.1. Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici

POS: Piano Operativo di Sicurezza. D.Lgs 81/08 art. 96 c.1. Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici Servizio Prevenzione e Sicurezza degli Ambienti di Lavoro Azienda Sanitaria Locale della Provincia di Mantova D.Lgs 81/08 art. 96 c.1 Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici Azienda Sanitaria

Dettagli

MINISTERO DELLA GIUSTIZIA DIPARTIMENTO DELL AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA DIREZIONE GENERALE DEL RISORSE MATERIALI DEI BENI E DEI SERVIZI

MINISTERO DELLA GIUSTIZIA DIPARTIMENTO DELL AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA DIREZIONE GENERALE DEL RISORSE MATERIALI DEI BENI E DEI SERVIZI MINISTERO DELLA GIUSTIZIA DIPARTIMENTO DELL AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA DIREZIONE GENERALE DEL RISORSE MATERIALI DEI BENI E DEI SERVIZI CAPITOLATO TECNICO Servizio di pulizia, di facchinaggio interno

Dettagli

ALLEGATO XV. Contenuti minimi dei piani di sicurezza nei cantieri temporanei o mobili 1. DISPOSIZIONI GENERALI

ALLEGATO XV. Contenuti minimi dei piani di sicurezza nei cantieri temporanei o mobili 1. DISPOSIZIONI GENERALI ALLEGATO XV Contenuti minimi dei piani di sicurezza nei cantieri temporanei o mobili 1.1. - Definizioni e termini di efficacia 1. DISPOSIZIONI GENERALI 1.1.1. Ai fini del presente allegato si intendono

Dettagli

3.2 B ANALISI DEI RISCHI E SOLUZIONI NELLA FASE LAVAGGIO

3.2 B ANALISI DEI RISCHI E SOLUZIONI NELLA FASE LAVAGGIO 3.2 B ANALISI DEI RISCHI E SOLUZIONI NELLA FASE LAVAGGIO FASE DI LAVORAZIONE : LAVAGGIO COD. INAIL : FATTORE DI RISCHIO : - Rischi per la salute e igienico ambientali: rumore prodotto dal motore delle

Dettagli

Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A.

Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A. Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A. Firenze, 27 novembre 2013 Classificazione Consip Public indice Il Programma per la razionalizzazione degli acquisti Focus: Convenzione per

Dettagli

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 TABELLA B RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 1 B1) Disponibilità dei locali B1.1) Scansione del documento di disponibilità esclusiva dei locali della sede operativa per almeno tre

Dettagli

Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione

Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione «Ispezione tecnica: l analisi degli impianti aeraulici» Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione Cillichemie Italiana Dott. Marco D Ambrosio

Dettagli

CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI. TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Arezzo, 06 maggio 2011

CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI. TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Arezzo, 06 maggio 2011 CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i Arezzo, 06 maggio 2011 Dott. DAVIDDI Paolo STOLZUOLI Stefania Tecnici di Prevenzione Dipartimento della Prevenzione Azienda USL 8 - Arezzo

Dettagli

Città di Novate Milanese

Città di Novate Milanese Città di Novate Milanese - Provincia di Milano - Cod. Fisc. P. Iva n. 02032910156 Sede municipale di V. Veneto, 18 c.a.p. 20026 Novate Milanese (MI) tel. 02/354731 fax. 02/33240000 lavpubblici@comune.novate-milanese.mi.it

Dettagli

CAPITOLO 1 - GENERALITA' 3 CAPITOLO 2 - NORMA DI RIFERIMENTO 3 CAPITOLO 3 RILASCIO DELLA CERTIFICAZIONE 3

CAPITOLO 1 - GENERALITA' 3 CAPITOLO 2 - NORMA DI RIFERIMENTO 3 CAPITOLO 3 RILASCIO DELLA CERTIFICAZIONE 3 Regolamento per la certificazione del personale addetto alle attività di cui alla Norma UNI 11554, secondo la Prassi di Riferimento UNI/PdR 11:2014: Figure professionali operanti sugli impianti a gas di

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI LINEE D INDIRIZZO PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI CORRELATI ALL INSTALLAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOTAICI SU EDIFICI DESTINATI

Dettagli

- - Visto l'art. 63 del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza 18 giugno 1931, n. 773;

- - Visto l'art. 63 del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza 18 giugno 1931, n. 773; Decreto Ministeriale del 12/09/2003 Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per l'installazione e l'esercizio di depositi di gasolio per autotrazione ad uso privato, di capacita' geometrica

Dettagli

Scheda di sicurezza FULCRON CASA RIMUOVI MUFFA ML500

Scheda di sicurezza FULCRON CASA RIMUOVI MUFFA ML500 Scheda di sicurezza del 4/12/2009, revisione 2 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETÀ/IMPRESA Nome commerciale: Codice commerciale: 2544 Tipo di prodotto ed impiego: Agente antimuffa

Dettagli

Regolamento per l utilizzo delle aree verdi comunali e di libero accesso ;

Regolamento per l utilizzo delle aree verdi comunali e di libero accesso ; Allegato A RICHIESTA AFFIDAMENTO AREE VERDI COMUNALI E RIDUZIONE TARES OGGETTO: Richiesta affidamento area verde comunale e riduzione TARES. Il sottoscritto.. nato a il.. residente a in Via.. n... CHIEDE

Dettagli

Dipartimento di Prevenzione U.O.C. HACCP- RSO

Dipartimento di Prevenzione U.O.C. HACCP- RSO La presente istruzione operativa dettaglia una specifica attività/fase di un processo descritto dalla procedura Piano Interno di Intervento Emergenza Migranti. La sanificazione ambientale viene intesa

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml.

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml. Pagina: 1/ 6 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA Articolo numero: art.04920 Utilizzazione della Sostanza / del Preparato: Rivelatore fughe gas Produttore/fornitore: FIMI

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI EDIFICI DELL UNIVERSITA PER IL TRIENNIO 2010-2013.

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI EDIFICI DELL UNIVERSITA PER IL TRIENNIO 2010-2013. UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI DIREZIONE FINANZIARIA Settore Acquisto Beni e Servizi e Gestione Contratti CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI EDIFICI DELL

Dettagli

TITOLO I Ambito di applicazione. TITOLO II Disposizioni generali.

TITOLO I Ambito di applicazione. TITOLO II Disposizioni generali. Regolamento d uso del verde Adottato dal Consiglio Comunale nella seduta del 17.7.1995 con deliberazione n. 173 di Reg. Esecutiva dal 26.10.1995. Sanzioni approvate dalla Giunta Comunale nella seduta del

Dettagli

Documento di valutazione dei rischi ai sensi del D.Lgs. 81/2008

Documento di valutazione dei rischi ai sensi del D.Lgs. 81/2008 Pagina 1 di 27 Sezione 3.3 Attività lavorativa Collaboratore Scolastico Descrizione Responsabilità e competenze Attività svolte Luoghi di lavoro Rischi per la sicurezza Rischi per la salute Dispositivi

Dettagli

CAPITOLATO TECNICO E DISCIPLINARE DI GARA

CAPITOLATO TECNICO E DISCIPLINARE DI GARA Procedura aperta per l affidamento del servizio di pulizia ordinaria e di attività ausiliarie accessorie per la sede nazionale di Fondimpresa sita in Roma in via della Ferratella in Laterano n. 33 CAPITOLATO

Dettagli

Azienda Municipale Ambiente SpA Roma Capitale. DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE (art. 26, comma 3 D. Lgs. 81/08 e s.m.i.

Azienda Municipale Ambiente SpA Roma Capitale. DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE (art. 26, comma 3 D. Lgs. 81/08 e s.m.i. Azienda Municipale Ambiente SpA Roma Capitale DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE (art. 26, comma 3 D. Lgs. 81/08 e s.m.i.) Rev. N. 00 00 Data: Bando di gara di appalto o di prestazione

Dettagli

ASL n 7 Carbonia CAPITOLATO SPECIALE

ASL n 7 Carbonia CAPITOLATO SPECIALE ASL n 7 Carbonia CAPITOLATO SPECIALE PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO TRIENNALE DEL SERVIZIO DI PULIZIA E SANIFICAZIONE - SERVIZI INTEGRATI/MULTISERVIZI DELLA ASL N 7 DI CARBONIA ( Lotto Unico - CIG

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI (Emanato con D.R. n. 57 del 21 gennaio 2015) INDICE Pag. Art. 1 - Oggetto 2 Art. 2 - Procedura

Dettagli

Sicurezza all IUE. All Istituto è presente la seguente struttura organizzativa in tema di sicurezza:

Sicurezza all IUE. All Istituto è presente la seguente struttura organizzativa in tema di sicurezza: Sicurezza all IUE In tema di sicurezza l Istituto, che gode dell autonomia prevista dalla Convenzione che lo istituisce e dall Accordo di Sede con l Italia, si ispira ai principi fondamentali della normativa

Dettagli

DEM8.5/10. Istruzioni per l uso...pag. 2. Use and maintenance manual...pag. 11. Mode d emploi et d entretien...pag. 20. Betriebsanleitung...pag.

DEM8.5/10. Istruzioni per l uso...pag. 2. Use and maintenance manual...pag. 11. Mode d emploi et d entretien...pag. 20. Betriebsanleitung...pag. DEM8.5/10 Istruzioni per l uso............pag. 2 Use and maintenance manual....pag. 11 Mode d emploi et d entretien.....pag. 20 Betriebsanleitung.............pag. 29 Gebruiksaanwijzing..............pag.

Dettagli

Parte II specifica Edificio RM022 - Villino A Via degli Apuli, 1-00185 Roma. Il Responsabile dell Uspp Arch. Simonetta Petrone

Parte II specifica Edificio RM022 - Villino A Via degli Apuli, 1-00185 Roma. Il Responsabile dell Uspp Arch. Simonetta Petrone PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5) Il presente documento è parte integrante del Documento di Valutazione dei Rischi di cui all art.

Dettagli

l esclusivo sistema per la diluizione ed il dosaggio dei prodotti ultraconcentrati

l esclusivo sistema per la diluizione ed il dosaggio dei prodotti ultraconcentrati CATALOGO EXA l esclusivo sistema per la diluizione ed il dosaggio dei prodotti ultraconcentrati + pratico + sicuro + economico + ecologico 3 edizione Azienda Certificata ISO 9001 e ISO 14001 IL SISTEMA

Dettagli

Capitolato Tecnico Servizi di Pulizia degli uffici e servizi annessi CIG 57752742DF Gara per l'affidamento dei servizi di pulizia degli uffici e

Capitolato Tecnico Servizi di Pulizia degli uffici e servizi annessi CIG 57752742DF Gara per l'affidamento dei servizi di pulizia degli uffici e Servizi di Pulizia degli uffici e servizi annessi CIG 57752742DF Gara per l'affidamento dei servizi di pulizia degli uffici e servizi annessi da prestare presso la sede di Roma - Piazza Poli, 37/42 00187

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via S. Andrea, 8 32100 Belluno Tel. 0437 516927 Fax 0437 516923 e-mail: serv.spisal.bl@ulss.belluno.it Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via Borgo

Dettagli

Il trattamento completo che la tua Azienda merita

Il trattamento completo che la tua Azienda merita Il trattamento completo che la tua Azienda merita Chi siamo Omnia è un Consorzio il cui Management è formato da professionisti dalla consolidata esperienza nel campo della fornitura dei servizi alle aziende;

Dettagli

PIANO OPERATIVO DI SICUREZZA (POS) PIANO OPERATIVO DI SICUREZZA. Realizzazione della Metropolitana di., Linea..

PIANO OPERATIVO DI SICUREZZA (POS) PIANO OPERATIVO DI SICUREZZA. Realizzazione della Metropolitana di., Linea.. PIANO OPERATIVO DI SICUREZZA (POS) Ai sensi del D.Lgs. 81/08 e successive modifiche ed integrazioni. Realizzazione della Metropolitana di., Linea.. Sottosistema di Impianti presso la stazione di.. Committente:.

Dettagli

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO La presente tariffa individua le prestazioni che il professionista è chiamato a fornire : A per la richiesta del parere di conformità B per il rilascio del

Dettagli

OGGETTO:BANDO PER L ISTITUZIONE DI UN ALBO DI FORNITORI 2012 PRESSO L ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA ROMA

OGGETTO:BANDO PER L ISTITUZIONE DI UN ALBO DI FORNITORI 2012 PRESSO L ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA ROMA OGGETTO:BANDO PER L ISTITUZIONE DI UN ALBO DI FORNITORI 2012 PRESSO L ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA ROMA 1.1. ) ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA Largo Arrigo VII, 5-00153 Roma (Italia) ; centralino 06/5717621;

Dettagli

Attualmente concorrono al Consorzio le seguenti Cooperative :

Attualmente concorrono al Consorzio le seguenti Cooperative : Il Consorzio Servizi Plus, è una società di outsourcing, operante da oltre 10 anni nel settore dei servizi facchinaggio, trasporti e pulizia, con lo scopo precipuo di associare in forma consortile tutte

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA SICUREZZA SUL LAVORO

REGOLAMENTO PER LA SICUREZZA SUL LAVORO Pagina 1 di 14 PER LA SICUREZZA SUL LAVORO Via dell oreficeria, 16-36100 VICENZA SERVIZIO EMERGENZE tel. 0444 969 555 S.A.T.E. (Servizio Assistenza Tecnica Espositori) tel. 0444 969 333 Centralino Uffici

Dettagli

COMUNE DI CERIANO LAGHETTO Provincia di Monza e della Brianza Via Roma 18 20816 Ceriano Laghetto www.ceriano-laghetto.org

COMUNE DI CERIANO LAGHETTO Provincia di Monza e della Brianza Via Roma 18 20816 Ceriano Laghetto www.ceriano-laghetto.org CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI IMMOBILI DEL COMUNE DI CERIANO LAGHETTO E SERVIZI AUSILIARI - PERIODO 01/01/2011 31/12/2013 (CIG 058147692A) ART. 1 - OGGETTO

Dettagli

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * *

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * * COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci ina 1 L Amministrazione comunale di Ronco Scrivia (provincia di Genova) intende integrare la dotazione

Dettagli

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori?

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Le proposte emerse dai gruppi di RLS 1 Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Il RLS consulta il documento di valutazione dei rischi e verifica se il rischio

Dettagli

Realizzazione di un. Disposizioni per la prevenzione dei rischi da caduta dall alto!!" "

Realizzazione di un. Disposizioni per la prevenzione dei rischi da caduta dall alto!! Azienda Sanitaria Locale della Provincia di Mantova Procedure di sicurezza per l installazione e la manutenzione di pannelli fotovoltaici Azienda Sanitaria Locale della Provincia di Mantova Realizzazione

Dettagli

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Innocenzo Mastronardi, Ingegnere Civile, professionista antincendio, PhD student in S.O.L.I.P.P. XXVI Ciclo Politecnico di Bari INTRODUZIONE Con l

Dettagli

CORSO ANTINCENDIO BASE

CORSO ANTINCENDIO BASE Evento formativo Corso di addestramento CORSO ANTINCENDIO BASE 1. Premessa Il D.Lgs. 81/2008 e D.M. 10.03.98 stabiliscono, tra l altro, i criteri per la valutazione dei rischi incendio nei luoghi di lavoro

Dettagli

FASCICOLO DELL OPERA e PSC Relatore: Carmelo G. Catanoso

FASCICOLO DELL OPERA e PSC Relatore: Carmelo G. Catanoso ASSOCIAZIONE TAVOLO 494 IMOLA www.tavolo494imola.org info@ tavolo494imola.org Atti del convegno DAL D.LGS. 494/96 AL TESTO UNICO DI SICUREZZA: novità e criticità 19 novembre 2008 FASCICOLO DELL OPERA e

Dettagli

IMPIANTI ELETTRICI CIVILI

IMPIANTI ELETTRICI CIVILI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI FIRENZE Facoltà di Architettura Corso di Fisica Tecnica Ambientale Prof. F. Sciurpi - Prof. S. Secchi A.A. A 2011-20122012 IMPIANTI ELETTRICI CIVILI Per. Ind. Luca Baglioni Dott.

Dettagli

CANTINA PRODUTTORI DI VALDOBBIADENE. REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI (DPR 23 aprile 2001 n 290 art 42) ANN0 2012

CANTINA PRODUTTORI DI VALDOBBIADENE. REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI (DPR 23 aprile 2001 n 290 art 42) ANN0 2012 CANTINA PRODUTTORI DI VALDOBBIADENE REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI (DPR 23 aprile 2001 n 290 art 42) ANN0 2012 NORME IGIENICO - SANITARIE I prodotti fitosanitari sono sostanze pericolose:

Dettagli

ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE. ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica

ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE. ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE PROF.. GIIANCARLO ROSSII PARTE SECONDA 1 INTRODUZIONE TIPOLOGIE

Dettagli

FONDAZIONE E.N.P.A.I.A. ENTE NAZIONALE DI PREVIDENZA PER GLI ADDETTI E PER GLI IMPIEGATI IN AGRICOLTURA

FONDAZIONE E.N.P.A.I.A. ENTE NAZIONALE DI PREVIDENZA PER GLI ADDETTI E PER GLI IMPIEGATI IN AGRICOLTURA CAPITOLATO SPECIALE Procedura aperta per l'affidamento del servizio di pulizia ordinaria della sede della Fondazione E.N.P.A.I.A. di viale Beethoven, 48 Roma. CIG 6220354E7E ARTICOLO 1 OGGETTO DELL APPALTO

Dettagli

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio.

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio. Milano lì Ns. Rif.: 13 novembre 2013 820038.309 Agli Ordini e Collegi aderenti al C.I.P.I. loro sedi K:\Ufficio\07 Documenti\CIPI\820038 Comitato interpr. prevenzione incendi\820038 corrispondenza dal

Dettagli

REGOLAMENTO PER GLI INQUILINI (Art. 10 del contratto di locazione) Articolo 1

REGOLAMENTO PER GLI INQUILINI (Art. 10 del contratto di locazione) Articolo 1 REGOLAMENTO PER GLI INQUILINI (Art. 10 del contratto di locazione) Articolo 1 Gli inquilini sono tenuti oltre che all osservanza delle disposizioni contenute nel contratto di locazione anche a quelle del

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli

Fondazione MAXXI Ministero per i Beni e le attività Culturali

Fondazione MAXXI Ministero per i Beni e le attività Culturali Ministero per i Beni e le attività Culturali Museo Nazionale delle Arti del XXI Secolo Via Guido Reni, 4a - Roma DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE (art. 26, comma 3 D. Lgs 81/08)

Dettagli

AVVISO DEL 31 OTTOBRE 2013

AVVISO DEL 31 OTTOBRE 2013 AVVISO DEL 31 OTTOBRE 2013 FORMAZIONE DI UN ELENCO DI OPERATORI ECONOMICI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE IN ECONOMIA (ART.125 D. LGS. 163/2006) Ai sensi dell art.125 del D. Lgs. 163/2006 e s.m.i, la Fondazione

Dettagli

CONSORZIO REAL CLEAN GROUP

CONSORZIO REAL CLEAN GROUP (Pag. 1) CONSORZIO REAL CLEAN GROUP (Pag. 2) AGENDA Il Consorzio Le Aziende Consorziate I Servizi I Nostri Clienti Mission Dove Siamo Dove Operiamo (Pag. 3) IL CONSORZIO.: Il nasce da un team di imprese

Dettagli

S.C. Igiene degli alimenti di origine animale. Requisiti igienico-sanitari applicati al settore della pesca

S.C. Igiene degli alimenti di origine animale. Requisiti igienico-sanitari applicati al settore della pesca Requisiti igienico-sanitari applicati al settore della pesca La Spezia 20 ottobre 2009 Requisiti : Strutturali (Strutture ed attrezzature) Funzionali Requisiti strutturali : n Applicabili a tutte le imbarcazioni

Dettagli

glazer union soluzioni per il rispetto delle norme HACCP nel settore alimentare

glazer union soluzioni per il rispetto delle norme HACCP nel settore alimentare CHE COS'È L'HACCP? Hazard Analysis and Critical Control Points è il sistema di analisi dei rischi e di controllo dei punti critici di contaminazione per le aziende alimentari. Al fine di garantire la completa

Dettagli

Gara pubblica europea SERVIZI DI FACCHINAGGIO E TRASPORTO

Gara pubblica europea SERVIZI DI FACCHINAGGIO E TRASPORTO QUESITO n. 1 con riferimento all'elenco dei servizi analoghi prestati nell'ultimo triennio (2004/2005/2006) volevo cortesemente sapere se i certificati di buona esecuzione rilasciati dai committenti devono

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART.

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART. Universita Telematica UNIVERSITAS MERCATORUM REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART. 125, COMMA 12 DEL D.L.VO

Dettagli

ASSISTENZA GARANTITA. 10 anni

ASSISTENZA GARANTITA. 10 anni ASSISTENZA ESTRATTO DELLE CONDIZIONI DI SERVIZIO Il presente documento costituisce un estratto delle Condizioni di Servizio, il cui testo integrale è depositato presso la sede legale del contraente, oppure

Dettagli

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 COMUNE DI TERRALBA (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 Ordinanza Sindacale n. 41/2012 Prot. n. 12292 ORDINANZA SINDACALE (Adozione misure

Dettagli

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine INDICE 1. Premessa 2. Scopo della procedura e campo di applicazione 3. Definizioni 4. indicazioni

Dettagli

La sicurezza sul lavoro

La sicurezza sul lavoro La sicurezza sul lavoro 1-La storia della sicurezza sul lavoro in Italia 2-I decreti legislativi 626, 81 e i successivi provvedimenti integrativi 3- Il T.U. 81 sostituisce completamente il D. Lgs. 626/94

Dettagli

GRUPPO. Sicurezza per scelta

GRUPPO. Sicurezza per scelta Ge.Ma. Sicurezza per scelta Ge. Ma. la Qualità e la Sicurezza sono valori che costruiamo insieme a te GE.MA. company profile UN OCCHIO APERTO SUL FUTURO UNA REALTÀ DINAMICA, UN MODELLO EVOLUTO DI CONSULENZA

Dettagli

Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico

Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico Marco Glisoni Maria Lisa Procopio Incontro formativo Progetto APE settembre 2014 Il Piano d Azione Nazionale per il GPP Piano d azione per la

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR

REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR Indice degli articoli Art. 1 Definizioni...2 Art. 2 Oggetto ed ambito di applicazione...2 Art. 3 Deroghe al divieto di circolazione

Dettagli

QUESTIONARIO PER RACCOLTA DATI E INFORMAZIONI DI POTENZIALI IMPRESE APPALTATRICI PER LAVORI, SERVIZI ORDINARI E FORNITURE SERVIZI

QUESTIONARIO PER RACCOLTA DATI E INFORMAZIONI DI POTENZIALI IMPRESE APPALTATRICI PER LAVORI, SERVIZI ORDINARI E FORNITURE SERVIZI Pag. 1/6 SETTORI DI INTERESSE LAVORI SERVIZI Elettrici Impianti fotovoltaici Idraulici Edili Stradali Pulizie Tappezzerie Tinteggiatura e verniciatura Carpenteria metallica FORNITURE Cavi elettrici bt

Dettagli

MANUALE DI GESTIONE GOVERNO QUOTIDIANO DEGLI ANIMALI

MANUALE DI GESTIONE GOVERNO QUOTIDIANO DEGLI ANIMALI MANUALE DI GESTIONE Breve descrizione del canile (fabbricati: box, locali accessori). Modalità di approvvigionamento idrico e smaltimento reflui animali. Individuazione responsabile generale (titolare)

Dettagli