COMUNE DI FORLI CONSIGLIO COMUNALE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COMUNE DI FORLI CONSIGLIO COMUNALE"

Transcript

1 1/87 Anno 2009 Deliberazione n. 61 Pos. Rag. n. COMUNE DI FORLI CONSIGLIO COMUNALE Seduta del 6 Aprile 2009 In sessione ordinaria di prima convocazione del giorno 6 Aprile 2009 alle ore 15:30 in seduta pubblica. Convocato con appositi inviti, il Consiglio Comunale si è riunito oggi nella Sala Consiliare con l intervento dei Consiglieri qui appresso indicati come risulta dall appello fatto dal Segretario. N. Cognome e nome Consiglieri Pr. As. N. Cognome e nome Consiglieri Pr. As. 1 APRIGLIANO FRANCESCO X 22 MARABINI GIULIO X 2 AVELLONE ANDREA X 23 MASINI NADIA X 3 BACCARINI ROMANO X 24 MATTEUCCI LEO X 4 BIONDI LAURO X 25 MILANESI LEA X 5 BONAVITA OTTAVIO X 26 MINGHINI LUCIANO X 6 BONGIORNO VINCENZO X 27 MONTANARI MASSIMO X 7 BRIGANTI MAURO X 28 MORGAGNI DIANA X 8 BURNACCI VANDA X 29 NERVEGNA ANTONIO X 9 CAMORANI VALERIA X 30 PERELLI FILIBERTO X 10 CASADEI GARDINI FRANCESCO X 31 RAGAZZINI PAOLO X 11 CASTAGNOLI ALESSANDRO X 32 RONCHI ALESSANDRO X 12 ERRANI MARCO X 33 SAMORI' PIETRO X 13 FARNETI PAOLO X 34 SANSAVINI LUIGI X 14 FRANCIA FABRIZIO X 35 SBARAGLI ERIO X 15 GASPERONI ROBERTO X 36 TAMPELLINI RICCARDO X 16 GENTILINI TATIANA X 37 TAPPARI DANIELE X 17 GIUNCHI FLAVIO X 38 TAVOLETTI GIOVANNI MARIO X 18 GUERRINI PIO X 39 TERRACCIANO UGO X 19 GUGNONI GABRIELE X 40 VALENTINI MARCO X 20 MANCINI ENRICA X 41 ZAMBIANCHI LUCA X 21 MANUCCI CRISTIAN X TOTALE PRESENTI: 23 TOTALE ASSENTI: 18 Partecipa il VENTRELLA ANTONIO. Scrutatori i Sigg. Consiglieri BRIGANTI MAURO, GUERRINI PIO, MILANESI LEA. Partecipano alla seduta gli Assessori Sigg.ri BERTACCINI PIER GIUSEPPE BUFFADINI LODOVICO CAPACCI PALMIRO GALASSI ELVIO LEGA LORETTA MARCHI TIZIANO MARZOCCHI GIANFRANCO ZANETTI LIVIANA ZELLI GABRIELE. Partecipano, altresì, in qualità di invitati permanenti il Sig. Raies Imed e la Sig.ra Lizeta Zabsonre, Presidente e Vice Presidente della Consulta dei Cittadini Stranieri. Essendo legale il numero degli intervenuti, il Presidente MINGHINI LUCIANO pone in discussione il seguente argomento: OGGETTO n. 49 APPALTO SERVIZI AUSILIARI E INTERVENTI MANUTENTIVI PER FUNZIONAMENTO PALAZZO DI GIUSTIZIA E COMPLESSO MUSEALE SAN DOMENICO ADESIONE ALLA CENTRALE PUBBLICA NAZIONALE DI COMMITTENZA CONSIP SPA.

2 2/87 2 IL CONSIGLIO COMUNALE Premesso: che, in esecuzione alla deliberazione consiliare n. 121 del 23 luglio 2007, in data 26 luglio 2007 è stato sottoscritto il Protocollo d intesa Rep. Gen. n con il quale il Comune di Forlì e la Fondazione Cassa dei Risparmi di Forlì, con l obiettivo di promuovere il patrimonio artistico culturale e rendere sempre più la cultura protagonista del rilancio e della riqualificazione della città, si sono impegnati, ognuno nell ambito delle proprie competenze e nel rispetto delle reciproche autonomie, ad operare in modo sinergico per lo sviluppo del Polo museale del San Domenico e con il quale il Comune di Forlì, all art. 2, lett. a), e lett. c), si impegna a garantire il regolare funzionamento del complesso San Domenico quale luogo ove si realizza la conservazione e la valorizzazione di una parte significativa delle raccolte civiche e a garantire i servizi impiantistici e di sicurezza necessari allo svolgimento di eventi ed iniziative; che, con contratto Rep. Gen. n del Convenzione tra Comune di Forlì e Fondazione Cassa dei Risparmi di Forlì in attuazione del Protocollo d intesa Rep. Gen. n /07 per la realizzazione di eventi nel complesso S. Domenico il Comune di Forlì si impegna a garantire il regolare funzionamento del complesso San Domenico ed a fornire, anche, i servizi necessari per lo svolgimento degli eventi e delle iniziative realizzati dalla Fondazione nei locali concessi in uso esclusivo alla stessa; che da gennaio 2007 è stato avviato il trasferimento delle opere della Pinacoteca civica dalla sede storica di Palazzo del Merenda sita in c.so della Repubblica, n. 72, al complesso museale San Domenico, e che una sezione della Pinacoteca è allestita in diversi spazi al primo piano di detto complesso,

3 3/87 3 che richiedono anch essi servizi di guardiania, control room ed attività varie, finalizzate alla tutela, conservazione e valorizzazione del patrimonio; che, a seguito di indirizzo espresso con decisione di Giunta comunale n. 25 del , si è costituito un apposito Gruppo di lavoro con l'obiettivo di mettere a punto un Capitolato speciale d'appalto per l'affidamento dei servizi ausiliari (compresi i servizi manutentivi) a garanzia del funzionamento del complesso museale San Domenico, coordinato dal Direttore dell'area servizi al cittadino, con il coinvolgimento del Servizio pinacoteca e musei, del Servizio gestione edifici pubblici, del Servizio grandi opere di edilizia pubblica e del Servizio contratti, gare e acquisti; che, nel corso dei lavori, il Gruppo suddetto ha operato una dettagliata analisi di tutti i servizi da garantire per il regolare funzionamento del San Domenico (quali manutenzione di tutti gli impianti, guardiania e accoglienza, giardinaggio, pulizie, gestione control room, facchinaggio, che sono da tempo acquisiti mediante affidamenti a terzi a cura dei rispettivi competenti Servizi), pervenendo alla conclusione che sono tutti accorpabili per arrivare ad un unico affidamento; che lo Stato, con propria legislazione, ha introdotto il ricorso all eprocurement, ed ha stimolato le proprie amministrazioni e gli enti pubblici ad avvalersi di tale sistema, in attuazione del programma di razionalizzazione della spesa pubblica per beni e servizi e nell ottica della maggiore efficienza, efficacia ed economicità dell azione amministrativa, in quanto il suo utilizzo permette di semplificare e velocizzare i procedimenti di approvvigionamento delle Amministrazioni, nonché di ottenere condizioni di esecuzione ed economiche che sono frutto di una selezione e di una comparazione di mercato a largo raggio;

4 4/87 4 che la Legge 27 dicembre 2006, n. 296 (Legge finanziaria 2007) ha confermato quanto già stabilito da precedenti finanziarie, relativamente all obbligatorietà, da parte delle Amministrazioni pubbliche, del ricorso alle convenzioniquadro che siano rese attive dalle centrali pubbliche di committenza e, comunque, dell avere come parametro i prezzi scaturiti dal mercato pubblico dell eprocurement ; che, con deliberazione consiliare n. 192 del Acquisto beni e servizi con adesione telematica a convenzioni delle centrali pubbliche di committenza eprocurement, Consip (nazionale) e Intercent (regionale) Indirizzi il Consiglio, al punto 2, lett. a), del dispositivo prevede che il soggetto comunale responsabile della proposta e del contratto relativi ad acquisizione di servizi e beni, a fronte del fabbisogno, in via prioritaria ha l'obbligo di verificare nei siti delle centrali pubbliche di committenza nazionale (Consip) e regionale (IntercentER) la disponibilità di convenzionequadro di medesimo oggetto; che, pertanto, il Gruppo di lavoro, nel pieno rispetto della normativa, ha operato uno studio sulle opportunità offerte dalle Centrali pubbliche di committenza per i servizi da affidare, nel quale è emerso che la Convenzionequadro (definita a seguito di gara per servizi di Facility Management) attivata dalla società pubblica nazionale Consip S.p.A. (Società concessionaria del Ministero dell'economia e delle finanze), consente di soddisfare le diverse esigenze del complesso museale del San Domenico a prezzi che complessivamente risultano più vantaggiosi rispetto a quelli che si prevede possano essere offerti da singoli fornitori; che, da contatti assunti con Consip è stato altresì possibile accertare che aggregando un ulteriore immobile (così da incrementare la quantità dei metri

5 5/87 5 quadrati unità di misura per la definizione dei prezzi) sarebbe stato possibile ottenere condizioni ancora più favorevoli in particolare per quanto attiene tutti i servizi di manutenzione degli impianti (elettrici, idrico/sanitari, riscaldamento, raffrescamento, elevatori, antincendio, sicurezza e controllo accessi) e che su proposta del Servizio gestione edifici pubblici si è così valutato utile aggregare l immobile del Palazzo di Giustizia per il quale il Servizio stesso ha necessità di assicurare le prestazioni di manutenzione dell'immobile mediante terzi idonei; che la Giunta comunale, con decisione n. 7 del , ha stabilito di aderire, per l'affidamento dei servizi di cui trattasi relativi al Palazzo di Giustizia e al complesso San Domenico, alla Centrale pubblica nazionale di committenza Consip, dando mandato al Dirigente del Servizio Pinacoteca e Musei, al Dirigente del Servizio gestione edifici pubblici e al Direttore Area 3 di adottare quanto conseguente; che la Convenzionequadro Consip prevede la possibilità di personalizzazione e di rimodulazione dei servizi in funzione delle specifiche esigenze di questo Comune, rispetto ai dettagli tecnici contenuti nel Capitolato tecnico redatto da Consip; che tale personalizzazione è stata operata dal Dirigente del Servizio gestione edifici pubblici per quanto attiene le manutenzioni e dal Dirigente del Servizio Pinacoteca e Musei per quanto attiene gli altri servizi, unitamente al Gruppo di lavoro, ed è stata recepita da Consip, anche a seguito di molteplici sopralluoghi ed incontri di negoziazione, con l'emissione di un preventivo sotto forma di Piano dettagliato degli interventi, che contiene il dettaglio delle personalizzazioni richieste ed il quadro economico conseguente, ancorchè non

6 6/87 6 definitivo, che viene allegato al presente provvedimento per costituirne parte integrante e sostanziale; che la personalizzazione dei servizi è contenuta nello schema di massima di Capitolato speciale d'appalto, che si allega per la sua approvazione, e che potrà essere successivamente rimodulato dai Dirigenti competenti in relazione a possibili ulteriori esigenze di integrazione/specificazione o adeguamento che si rendessero necessarie; Visto che il contratto di fornitura, attuativo dell'adesione alla Convenzione Consip per i servizi richiesti, stimato nel quadriennio in netti Euro ,14, che sarà perfezionato mediante l'emissione di Ordinativo principale di fornitura, ha una durata di 4 (quattro) anni dalla data di attivazione del primo servizio che si intende avviare; Visto, altresì, che l'attivazione dei singoli servizi può essere personalizzata in base alle esigenze di questo Comune, e che, di conseguenza, anche l'importo per la fornitura di ogni servizio, come da seguenti tabelle riassuntive, è da considerarsi di massima:

7 7/87 7 IMMOBILE TIPOLOGIA DI SERVIZIO TIPOLOGIA di PRESTAZIONE DATA PRESUNTA DI ATTIVAZIONE IMPORTO NETTO ANNUO Palazzo Manutenzione impianti elettrici a canone ,00 di Giustizia Manutenzione impianto idrico / sanitario Manutenzione impianto di raffrescamento Manutenzione impianti elevatori Manutenzione impianti antincendio Manutenzione sicurezza e controllo accessi Progettazione e gestione sistema informativo Costituzione e gestione anagrafica tecnica a canone ,94 a canone ,64 a canone ,00 a canone ,99 a canone ,61 a canone ,00 a canone ,63 Gestione call center a canone ,00 Preventivazione e gestione ordini di intervento Pianificazione e programmazione delle attività a canone ,48 a canone ,83 TOTALE annuo ,12 TOTALE CONVENZIONE dal al ,92

8 8/87 8 IMMOBILE SERVIZIO TIPOLOGIA di PRESTAZIONE San Domenico Manutenzione impianti elettrici Manutenzione impianto idrico / sanitario Manutenzione impianto di riscaldamento Manutenzione impianto di raffrescamento Manutenzione impianti elevatori Manutenzione impianti antincendio Manutenzione sicurezza e controllo accessi DATA PRESUNTA DI ATTIVAZIONE IMPORTO NETTO ANNUO a canone ,20 a canone ,51 a canone ,02 a canone ,91 a canone ,50 a canone ,01 a canone ,98 Pulizia a canone ,24 Disinfestazione a canone ,72 Giardinaggio a canone ,27 Guardiania e accoglienza a canone si precisa che la data effettiva di attivazione verrà concordata fra le parti ,00 Gestione control room extra canone ,18 Facchinaggio interno ed esterno Progettazione e gestione sistema informativo Costituzione e gestione anagrafica tecnica extra canone ,12 a canone ,44 a canone ,49 Gestione call center a canone ,09 Preventivazione e gestione ordini di intervento Pianificazione e programmazione delle attività a canone ,74 a canone ,63 TOTALE annuo ,05 TOTALE CONVENZIONE ,22 dal al

9 9/87 9 Visti i pareri favorevoli ai sensi dell art. 49, comma 1, del Decreto legislativo 18 agosto 2000, n. 267: di regolarità tecnica, rilasciato dal Dirigente del Servizio Pinacoteca e Musei / Area servizi al cittadino, in data 23/03/2009; di regolarità contabile, rilasciato dal Dirigente del Servizio programmazione e gestione bilancio e dal Direttore dell'area finanze, patrimonio e contratti in data 23/03/2009; Visti, altresì, i pareri favorevoli: del Dirigente del Servizio grandi opere di edilizia pubblica, relativamente al complesso San Domenico, espresso in data 23/03/2009; del Dirigente del Servizio gestione edifici pubblici in data 23/03/2009; del Dirigente del Servizio contratti, gare e acquisti in data 23/03/2009; Visto, infine: la sottoscrizione del Direttore d Area in data 23/03/2009, ai sensi dell art. 19, comma 4, lett. h), del Regolamento sull ordinamento degli uffici e dei servizi; il parere positivo di conformità dell azione amministrativa di cui al presente atto alla legge, allo statuto, ai regolamenti, espresso dal Segretario generale in data 24/03/2009; Con voti favorevoli n. 17, astenuti n. 6 (Burnacci, Farneti, Giunchi e Milanesi del Gruppo consiliare F.I., Aprigliano del Gruppo consiliare A.M. e Terracciano del Gruppo consiliare U.D.C.), espressi con procedimento elettronico dai n. 23 Consiglieri presenti e n. 17 votanti; D E L I B E R A 1. di aderire, per i motivi di cui in narrativa che si assume quale parte integrante e sostanziale del presente dispositivo, alla Convezione Consip per la fornitura dei servizi ausiliari e interventi manutentivi per il funzionamento del Palazzo di

10 10/87 10 Giustizia e del complesso museale San Domenico, tenuto conto delle esigenze specifiche di questo Comune, contenute nello schema di massima di Capitolato speciale d'appalto che qui si approva e che viene allegato al presente provvedimento per farne parte integrante e sostanziale, ancorchè rimodulabile dai Dirigenti competenti (Servizio Pinacoteca e Musei e Servizio gestione edifici pubblici) in relazione a possibili ulteriori esigenze di integrazione/specificazione o adeguamento che si rendessero necessarie; 2. di dare atto che la vigenza dell appalto dei servizi oggetto del presente provvedimento ha una durata di anni 4 (quattro) dalla data di emissione di ordinativo principale di fornitura, ovvero dalla data di attivazione del primo servizio che verrà richiesto; 3. di prevedere che con il fornitore del servizio verrà sottoscritto contratto d appalto in forma di scrittura privata repertoriata, che sarà firmato dai Dirigenti dei Servizi di cui al punto 2 (anche dopo l'avvio di cui al punto 3), o chi per essi, che interverranno con i poteri di cui all art. 18, comma 4, del Regolamento dei contratti; 4. di dare atto che l adesione alla Centrale pubblica nazionale di committenza Consip verrà effettuata per un importo stimato in via presuntiva nel quadriennio di netti Euro ,14, con ammontare variabile in funzione della data di attivazione dei singoli servizi e in base all effettivo fabbisogno del Comune, sia per i servizi extra canone (cosiddetti a consumo ) sia per i servizi il cui corrispettivo è a canone, in quanto comunque rimodulabili con Atti aggiuntivi nel corso dell'erogazione dei servizi; 5. di prevedere che il necessario impegno di spesa verrà assunto con provvedimenti successivi all'adesione, nella forma di determinazione dirigenziale, adottata dai competenti Dirigenti di Servizio, e che le

11 11/87 11 determinazioni di impegno saranno comunque assunte compatibilmente con gli impegni e le disponibilità di Bilancio. <><><><><><><>

12 12 12/87 Fatto, letto e sottoscritto IL PRESIDENTE IL SEGRETARIO GENERALE Copia della presente deliberazione è stata pubblicata all Albo Pretorio il giorno 23 Aprile 2009 e vi resterà affissa per la durata di gg.15. LA RESPONSABILE UNITA GIUNTA E CONSIGLIO Forlì, 23 Aprile 2009 La presente deliberazione: è divenuta esecutiva ai sensi dell art. 134, comma 3, del D.Lgs. 18/8/2000, n è stata dichiarata immediatamente eseguibile ai sensi dell art. 134, comma 4, del D.Lgs. 18/8/2000, n LA RESPONSABILE UNITA GIUNTA E CONSIGLIO Forlì, 4 Maggio 2009

13 13/87 COMUNE DI FORLI AREA SERVIZI AL CITTADINO SERVIZIO PINACOTECA E MUSEI AREA LAVORI PUBBLICI SERVIZIO GRANDI OPERE EDILIZIA PUBBLICA SCHEMA DI CAPITOLATO SPECIALE D'APPALTO DEI SERVIZI AUSILIARI E INTERVENTI MANUTENTIVI PER IL FUNZIONAMENTO DEL PALAZZO DI GIUSTIZIA E DEL COMPLESSO MUSEALE SAN DOMENICO (IN ADESIONE ALLA CONVENZIONE LOTTO N. 4 DELLA CENTRALE PUBBLICA DI COMMITTENZA CONSIP S.P.A.) Marzo

14 INDICE 14/87 Art. 1 Premessa Art. 2 Oggetto dell'appalto e prestazioni richieste Art. 3 Durata del contratto di fornitura e importo stimato dell'appalto Art. 4 Servizi Palazzo di Giustizia Lett. A) Manutenzione impianti elettrici Lett. B) Manutenzione impianto idrico/sanitario Lett. C) Manutenzione impianto di raffrescamento Lett. D) Manutenzione impianti elevatori Lett. E) Manutenzione impianti antincendio Lett. F) Manutenzione sicurezza e controllo accessi Art. 5 Servizi complesso museale San Domenico Lett. A) Manutenzione impianti elettrici Lett. B) Manutenzione impianto idrico/sanitario Lett. C) Manutenzione impianto di riscaldamento Lett. D) Manutenzione impianto di raffrescamento Lett. E) Manutenzione impianti elevatori Lett. F) Manutenzione impianti antincendio Lett. G) Manutenzione sicurezza e controllo accessi Lett. H) Pulizia Lett. I) Disinfestazione Lett. J) Giardinaggio Lett. K) Guardiania e accoglienza Lett. L) Gestione control room Lett. M) Facchinaggio interno ed esterno Art. 6 Corrispettivi e modalità di pagamento Art. 7 Penali Art. 8 Cauzione Art. 9 Oneri e obblighi a carico dell'appaltatore Art. 10 Referenti dell'appalto Art. 11 Verifiche e controlli Art. 12 Subappalto Art. 13 Riservatezza Art. 14 Risoluzione del contratto Art. 15 Fonti disciplinanti Risoluzione delle controversie Art. 16 Spese contrattuali Al presente Capitolato Speciale di Appalto (CSA) sono allegati i seguenti documenti: a) Piano Dettagliato degli Interventi del Fornitore b) Planimetria per servizi di pulizia San Domenico c) Planimetria aree verdi Sono da considerare documenti aventi contenuto contrattuale, per quanto non specificato o derogato con il presente Capitolato, quanto sotto indicato, anche se qui non materialmente allegato, ma depositato presso la Centrale Pubblica di Committenza: Convenzionequadro Consip Capitolato Tecnico Consip 2

15 Art. 1 PREMESSA Il presente Capitolato Speciale d'appalto (di seguito per brevità CSA ) scaturisce da: Convenzionequadro per la fornitura di servizi di Facility Management (nel seguito per brevità Convenzione ) stipulata in data tra la Centrale pubblica di committenza Consip S.p.A. (concessionaria del Ministero dell'economia e delle Finanze) e SIRAM S.p.A. quale impresa mandataria capogruppo del R.T.I. fra la stessa e le mandanti GE.FI. Servizi Immobiliari S.p.A., CNS Consorzio nazionale Servizi Soc. Coop., Consorzio Stabile Miles Servizi Integrati, Prima Vera S.r.l., Ingegneria Biomedica Santa Lucia S.p.A., Rettagliata Servizi S.p.A., raggruppamento aggiudicatario del Lotto 4 Emilia Romagna (nel seguito per brevità Fornitore ). Capitolato Tecnico redatto da Consip S.p.A. per la gara per l'affidamento dei servizi di Facility Management per immobili, adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni (nel seguito per brevità CT ). Piano Dettagliato degli Interventi (nel seguito per brevità PDI ), redatto dal Fornitore a seguito di Richiesta Preliminare di Fornitura avanzata dal Dirigente del Servizio Pinacoteca e Musei P.G.n /08, contenente la personalizzazione delle prestazioni richieste del Comune di Forlì per il Palazzo di Giustizia e per il complesso museale San Domenico e relativi dettagli economici, oggetto anche del presente Capitolato. Ai fini dell'attuazione dei servizi oggetto del presente CSA, si assumono le definizioni contenute all'art. 2 della Convenzione e all'art. 2 del CT. 15/87 Art. 2 OGGETTO DELL APPALTO E PRESTAZIONI RICHIESTE Oggetto dell appalto sono i servizi (compresi i servizi manutentivi) a garanzia del funzionamento del Palazzo di Giustizia sito in Piazza Beccaria n. 1 e del complesso museale San Domenico, sito in Piazza Guido da Montefeltro n. 12, così come di seguito descritti. I servizi richiesti al Fornitore per il Palazzo di Giustizia sono i seguenti: A. Manutenzione impianti elettrici; B. Manutenzione impianto idrico/sanitario; C. Manutenzione impianto di raffrescamento; D. Manutenzione impianti elevatori; E. Manutenzione impianti antincendio; F. Manutenzione sicurezza e controllo accessi I servizi richiesti al Fornitore per il complesso museale San Domenico sono i seguenti: A. Manutenzione impianti elettrici; B. Manutenzione impianto idrico/sanitario; C. Manutenzione impianto di riscaldamento; D. Manutenzione impianto di raffrescamento; E. Manutenzione impianti elevatori; F. Manutenzione impianti antincendio; G. Manutenzione sicurezza e controllo accessi 3

16 H. Pulizia 16/87 I. Disinfestazione J. Giardinaggio K. Guardiania e accoglienza L. Gestione control room M. Facchinaggio interno ed esterno I servizi sono erogati attraverso due diverse tipologie di prestazione: a) a canone : prestazioni tipiche di un servizio continuativo b) extra canone : prestazioni e/o interventi erogati su richiesta, con importo da utilizzare a consumo il cui dettaglio è indicato al successivo art. 3. Art. 3 DURATA DEL CONTRATTO DI FORNITURA E IMPORTO STIMATO DELL'APPALTO I singoli contratti di fornitura, attuativi della Convenzione, stipulati mediante emissione dell'ordinativo Principale di Fornitura (di seguito per brevità OPF ), hanno una durata di 4 (quattro) anni dalla data di emissione dell'opf (art. 5, comma 2, della Convenzione e art. 4, comma 4, del CT). La data effettiva di inizio erogazione dei servizi scaturisce dalla data di sottoscrizione del Verbale di consegna redatto dal Fornitore e dal Comune e attestante la presa in carico dei beni/immobili (art del CT). L'importo complessivo contrattuale stimato della convenzione, per la durata di 4 anni, è di netti Euro ,14 come da tabella seguente e come da PDI, comprensivo dei servizi di consulenza gestionale* obbligatori (art del CT): IMMOBILE TIPOLOGIA DI SERVIZIO TIPOLOGIA di PRESTAZIONE DATA PRESUNTA DI ATTIVAZIONE IMPORTO NETTO ANNUO Palazzo di Giustizia Manutenzione impianti elettrici a canone ,00 Manutenzione impianto idrico / a canone ,94 sanitario Manutenzione impianto di raffrescamento a canone ,64 Manutenzione impianti elevatori a canone ,00 Manutenzione impianti antincendio a canone ,99 Manutenzione sicurezza e controllo accessi Progettazione e gestione sistema informativo* Costituzione e gestione anagrafica tecnica* a canone ,61 a canone ,00 a canone ,63 Gestione call center* a canone ,00 Preventivazione e gestione ordini di intervento* Pianificazione e programmazione delle attività* a canone ,48 a canone ,83 TOTALE annuo ,12 TOTALE CONVENZIONE ,92 dal al

17 IMMOBILE SERVIZIO TIPOLOGIA di PRESTAZIONE DATA PRESUNTA DI ATTIVAZIONE IMPORTO NETTO ANNUO San Domenico Manutenzione impianti elettrici a canone ,20 Manutenzione impianto idrico / sanitario Manutenzione impianto di riscaldamento Manutenzione impianto di raffrescamento a canone ,51 a canone ,02 a canone ,91 Manutenzione impianti elevatori a canone ,50 Manutenzione impianti antincendio a canone ,01 Manutenzione sicurezza e controllo accessi a canone ,98 Pulizia a canone ,24 Disinfestazione a canone ,72 Giardinaggio a canone ,27 Guardiania e accoglienza a canone si precisa che la data effettiva di attivazione verrà concordata fra le parti ,00 Gestione control room extra canone ,18 Facchinaggio interno ed esterno extra canone ,12 Progettazione e gestione sistema informativo* Costituzione e gestione anagrafica tecnica* a canone ,44 a canone ,49 Gestione call center* a canone ,09 Preventivazione e gestione ordini di intervento* Pianificazione e programmazione delle attività* 17/87 a canone ,74 a canone ,63 TOTALE annuo ,05 TOTALE CONVENZIONE ,22 Art. 4 SERVIZI PALAZZO DI GIUSTIZIA A) MANUTENZIONE IMPIANTI ELETTRICI Comprende l esecuzione di attività, a canone, di manutenzione preventiva e programmata di impianti elettrici di media e bassa tensione, di distribuzione forza motrice ed illuminazione normale e di emergenza: tali attività di verifica e/o controllo e/o monitoraggio e/o manutenzione, come nel seguito meglio specificato, sono volte a garantire la piena fruibilità dell impianto cui il servizio è destinato e la programmazione temporale degli eventuali interventi di ripristino e/o sostituzione che dovessero rendersi necessari; gli interventi di ripristino e/o manutenzione di lieve entità non previsti nelle attività programmate di cui al punto precedente. I principali componenti impiantistici compresi, quando presenti, sono i seguenti: Cabine elettriche Quadri elettrici media e bassa tensione e c.c 5

18 Interruttori media e bassa tensione; Trasformatori Batterie di rifasamento Impianto di Protezione contro le scariche atmosferiche Rete di Terra Rete di distribuzione media e bassa tensione Gruppi elettrogeni per emergenza e servizio continuo Accumulatori stazionari e relativi armadi Gruppi statici di continuità assoluta e UPS Corpi illuminanti luce normale, emergenza, sicurezza per illuminazione interna ed esterna (per illuminazione esterna si intendono i corpi illuminanti di stretta pertinenza dell edificio manutenibili senza l ausilio di opere provvisionali) Soccorritori e relativi accessori La conduzione degli impianti elettrici dovrà assicurare la continuità di servizio degli impianti stessi e dovrà inoltre garantire nei singoli locali di ogni edificio, il mantenimento delle funzioni per cui l impianto è stato realizzato, come più dettagliatamente riportato nello specifico allegato. E prevista anche l esecuzione di attività extra canone, costituita da: interventi di ripristino con importo superiore alla franchigia; interventi relativi ad attività di manutenzione a guasto necessarie al ripristino della normale funzionalità degli impianti, rilevati dal Fornitore in fase di sopralluogo iniziale. B) MANUTENZIONE IMPIANTO IDRICO / SANITARIO Il servizio, comprendente attività a canone ed attività extra canone, è volto a garantire la piena efficienza degli Impianti IdricoSanitari oggetto del contratto di fornitura e indicati nel Verbale di Consegna Tale servizio dovrà essere espletato con riferimento a tutti gli insiemi impiantistici e relativi componenti inclusi nell Ordinativo Principale di Fornitura e/o comunque almeno a quelli indicati nel seguente elenco, quando presenti: Allacciamento Rete di distribuzione Apparecchi sanitari Impianto trattamento acque nere Impianto di addolcimento Rete di irrigazione esterna Rete di distribuzione del gas C) MANUTENZIONE IMPIANTO DI RAFFRESCAMENTO Il servizio, comprendente attività a canone ed attività extra canone, è volto a garantire la piena efficienza di tutti gli Impianti di Raffrescamento oggetto del Contratto e indicati nel Verbale di Consegna. L attività deve essere svolta attenendosi a quanto previsto dalla normativa vigente; sarà inoltre compito del Fornitore verificare e rispettare le eventuali norme regolamentari di emanazione locale inerenti la materia. Tale servizio dovrà essere espletato con riferimento a tutti gli insiemi impiantistici e relativi componenti e/o comunque almeno a quelli indicati nel seguente elenco: Centrale frigorifera comprensiva di componenti elettromeccanici ed accessori di controllo, sicurezza e regolazione Torri evaporazione/raffreddamento Ventilatori Motori e Pompe Rete di distribuzione acqua e aria Unità di trattamento aria (U.T.A.) Termoventilatore pensile tipo a soffitto completo di accessori Unità interna esterna split/multisplit Torrino estrazione aria 18/87 6

19 Strumenti per misura e regolazione Ventilconvettore (fan coil) 19/87 La gestione a canone comprende le seguenti attività: conduzione degli impianti; attività di manutenzione preventiva e programmata; interventi di ripristino e/o manutenzione di lieve entità di importo inferiore alla franchigia. Le attività di manutenzione preventiva e programmata degli impianti di raffrescamento sono volte a garantire la piena disponibilità degli stessi e la predizione temporale degli eventuali interventi di ripristino/sostituzione che dovessero rendersi necessari. L elenco delle attività, esemplificativo e non esaustivo degli interventi che dovranno essere effettuati sulle singole unità fondamentali che normalmente costituiscono l impianto con le relative frequenze minime, viene riportato nello specifico allegato. Le attività extra canone sono: interventi di ripristino con importo superiore alla franchigia; interventi relativi ad attività di manutenzione a guasto necessarie al ripristino della normale funzionalità degli impianti, rilevati dal Fornitore in fase di sopralluogo iniziale. D) MANUTENZIONE IMPIANTI ELEVATORI Il servizio, comprendente attività a canone ed attività extra canone, è volto a garantire il regolare funzionamento e la buona conservazione di tutti gli Impianti Elevatori indicati nel Verbale di Consegna. Tale servizio è disciplinato dalla normativa, sia statale che regionale, vigente in materia che deve intendersi integralmente richiamata ai fini del presente Capitolato; in particolare si richiama il D.P.R. n. 162 del 30 aprile 1999 attuativo della Direttiva 95/16 riguardante ascensori e montacarichi ed il D.M. 4 dicembre 2002 riportante l Elenco delle norme armonizzate ai sensi dell'art. 5 del decreto del Presidente della Repubblica 30 aprile 1999, n. 162, concernente l'attuazione della direttiva 95/16/CE in materia di ascensori. Sarà inoltre compito del Fornitore verificare e rispettare le eventuali norme regolamentari di emanazione locale inerenti la materia. Tale servizio dovrà essere espletato con riferimento a tutti gli elevatori indicati nel seguente elenco: Ascensori adibiti al trasporto di persone (categoria A); Piattaforme elevatrici e montascale Il servizio prevede, compresa nel canone, l esecuzione di tutte le attività volte a garantire la piena efficienza di tutti gli Impianti Elevatori fino a 15 fermate presenti presso gli immobili oggetto dell Ordinativo Il canone comprende le seguenti attività: visite di manutenzione; controlli e manutenzione programmata; interventi di ripristino e/o manutenzione di lieve entità di importo inferiore alla franchigia; servizio di reperibilità per eventuali emergenze; assistenza al controllo degli Enti Pubblici e Organismi di certificazione notificati ai sensi dell art.13 del DPR 162/99. Sono previste tutte le prestazioni obbligatorie (quelle relative al D.P.R. 29/5/1963, n.1497, art.19 e D.M. 28/5/1979, art. 19 e successive integrazioni e modificazioni) per cui si dovrà provvedere, periodicamente, secondo le esigenze dell impianto: a verificare il regolare funzionamento dei dispositivi meccanici, elettrici ed idraulici e, particolarmente, il regolare funzionamento delle porte e delle serrature, il livello dell olio nel serbatoio, la tenuta delle guarnizioni; a verificare lo stato di conservazione delle funi e delle catene; alle operazioni normali di pulizia e di lubrificazione delle parti con fornitura dei lubrificanti, grasso, pezzame e fusibili. 7

20 Il Fornitore dovrà inoltre provvedere alle seguenti verifiche periodiche di cui all art.19, punto 4 del citato D.P.R.29/5/1963, n e dell art.15 del D.P.R.30/04/1999, n 162 una volta ogni sei mesi, negli ascensori di categoria A, B: verifica dell integrità e dell efficienza del paracadute, del limitatore di velocità e degli altri dispositivi di sicurezza; verifica minuta delle funi, delle catene e dei loro attacchi; verifica dell isolamento dell impianto elettrico e dell efficienza dei collegamenti con la terra; annotazione dei risultati di queste verifiche sul libretto prescritto dalla legge. Il Fornitore, a norma dell art.18 del citato D.P.R.n 1497, dovrà ottemperare, con compenso compreso nel canone, alle prescrizioni eventualmente impartite dal tecnico incaricato a seguito della visita di controllo, compresa la sostituzione dei componenti necessari per garantire la funzionalità degli impianti. Nell ambito del presente servizio, è delegata al Fornitore, così come richiesto dalla normativa vigente sopra richiamata, la gestione del libretto matricola e dei relativi verbali di collaudo e verifica. Risultano inoltre comprese nelle attività coperte da canone: la redazione dei rapporti sullo stato degli impianti; la registrazione delle visite e delle modifiche apportate; Sono comprese tutte le necessarie operazioni di manutenzione preventiva degli impianti (regolazioni, sostituzioni di parti ecc.) atte a prevenire, nei limiti di quanto prevedibile, il manifestarsi di guasti od anomalie di funzionamento. Nel caso in cui il Fornitore rilevi un pericolo in atto, deve sospendere immediatamente il servizio fino a quando l impianto non sia stato riparato; deve inoltre, informare ai sensi dell art. 19, punto 7 del citato D.P.R. l Amministrazione Contraente e l Organo di ispezione; ad ogni accesso dei piani, in posizione visibile e prefissata, dovrà essere applicato, a norma del successivo art. 50 del medesimo D.P.R., un cartello o un segnale per indicare la sospensione del servizio. A tale scopo si riporta, a titoli esemplificativo ma non esaustivo, un elenco di verifiche e controlli che dovranno essere effettuati con cadenza almeno semestrale. pulizia completa del locale macchine ascensori, del locale argani di rinvio, delle fosse ascensori con sollevamento e/o abbassamento dei materiali di risulta e trasporto a discarica; lubrificazione di tutti gli argani e parti soggette a movimento; prove di funzionamento dei freni e dei dispositivi di sicurezza; verifica livelli ed eventuali perdite sui sistemi idraulici; verifica e registrazione di tutte le parti degli impianti in movimento ed in particolare delle porte di piano; controllo della corretta aerazione del locale macchine e del vano corsa ascensori; controllo della corretta chiusura delle porte dei locali macchine e/o locali argani; controllo del funzionamento dell'interruttore di emergenza; verifica della presenza ed efficienza estintore/i. Qualsiasi ulteriore attività di controllo, manutenzione preventiva e periodica, riparazione e/o sostituzione di componenti usurati, necessaria a garantire il corretto funzionamento degli impianti, è compresa nel canone e dovrà essere indicata nel Piano Dettagliato degli Interventi. Gli interventi di ripristino di lieve entità di importo inferiore alla franchigia sono compresi nel canone; sono esclusi i soli ripristini conseguenti ad atti vandalici. Tali interventi, che non necessitano di preventiva autorizzazione del Supervisore, dovranno essere comunque consuntivati al termine degli stessi ed indicati all interno della documentazione allegata al Verbale di Controllo. Il Fornitore garantisce, compreso nel canone, la reperibilità 24 ore al giorno per 365 giorni all anno per eventuali chiamate per guasti e/o interruzioni del servizio che dovessero comportare grave rischio per le persone. Dovrà quindi fornire un numero telefonico presidiato per gli intervalli di tempo eventualmente non coperti dagli operatori telefonici del servizio di Call Center. Tutte le segnalazioni eventualmente fatte a tale numero dovranno poi essere comunicate a cura del Fornitore al Call Center, che si occuperà di registrare le segnalazioni relative. Dovrà essere garantito l intervento in un tempo non superiore ad un ora. 20/87 8

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ope Facility management per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ingegneria dell efficienza aziendale Società per i Servizi Integrati

Dettagli

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI Art. 1 Oggetto del capitolato Il presente appalto prevede: la

Dettagli

Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A.

Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A. Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A. Firenze, 27 novembre 2013 Classificazione Consip Public indice Il Programma per la razionalizzazione degli acquisti Focus: Convenzione per

Dettagli

Capitolato Tecnico. Pagina 1

Capitolato Tecnico. Pagina 1 Gara a procedura aperta per l affidamento dei servizi di facchinaggio della sede di SACE sita in Roma Piazza Poli 37/42 - CIG 5778360584 Pagina 1 1 PREMESSA 3 2 Oggetto dell Appalto 3 3 Durata dell Appalto

Dettagli

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI Allegato 1 COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI REGOLAMENTO PER LA DOTAZIONE FINANZIARIA COMUNALE PER INTERVENTI DI MANUTENZIONE ORDINARIA E DI FUNZIONAMENTO IN FAVORE DEGLI ISTITUTI DI ISTRUZIONE PRIMARIA

Dettagli

ALLEGATO A CAPITOLATO TECNICO

ALLEGATO A CAPITOLATO TECNICO ALLEGATO A CAPITOLATO TECNICO CONVENZIONE PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI PULIZIA ED ALTRI SERVIZI, TESI AL MANTENIMENTO DEL DECORO E DELLA FUNZIONALITA DEGLI IMMOBILI, PER GLI ISTITUTI SCOLASTICI DI

Dettagli

Alla c.a. attenzione della Redazione di: Report Via Teulada, 66 00195 Roma

Alla c.a. attenzione della Redazione di: Report Via Teulada, 66 00195 Roma Alla c.a. attenzione della Redazione di: Report Via Teulada, 66 0015 Roma Le gare bandite da Consip per le Convenzioni di Facility Management (FM2 e FM3) sono suddivise in 12 lotti geografici e le singole

Dettagli

CONSIP PULIZIA SCUOLE: Servizi di pulizia ed altri servizi per le scuole ed i centri di formazione

CONSIP PULIZIA SCUOLE: Servizi di pulizia ed altri servizi per le scuole ed i centri di formazione Oggetto dell'iniziativa La Convenzione prevede la fornitura del servizio di pulizia ed altri servizi tesi al mantenimento del decoro e della funzionalità degli immobili delle Scuole e dei Centri di Formazione

Dettagli

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI Introduzione Le dimensioni delle cabine degli ascensori debbono rispettare valori minimi stabiliti dalle normative vigenti,

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI (Emanato con D.R. n. 57 del 21 gennaio 2015) INDICE Pag. Art. 1 - Oggetto 2 Art. 2 - Procedura

Dettagli

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA COMUNE DI COLLESANO Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA DETERMINAZIONE N. _791_ DEL _16.12.2013 (n int. _299_ del _16.12.2013_) OGGETTO: Lavori di Riqualificazione Quartiere Bagherino-Stazzone

Dettagli

AVVISO PUBBLICO PER L ISCRIZIONE ALL ALBO FORNITORI

AVVISO PUBBLICO PER L ISCRIZIONE ALL ALBO FORNITORI AVVISO PUBBLICO PER L ISCRIZIONE ALL ALBO FORNITORI In base alla Deliberazione del Direttore Generale n. 312 del 18 ottobre 2012 si è provveduto all istituzione e disciplina dell Albo dei Fornitori dell

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO (ai sensi dell articolo 26 del D.Lgs. 81/2008) Allegato

Dettagli

COMPANY PROFILE. Facility management Energy services Engineering General Contracting. FSI Servizi Integrati S.r.l. Settembre 13

COMPANY PROFILE. Facility management Energy services Engineering General Contracting. FSI Servizi Integrati S.r.l. Settembre 13 Facility management Energy services Engineering General Contracting COMPANY PROFILE Settembre 13 20834 Nova Milanese (MB) 1. Storia e mission FSI Servizi Integrati è una società di servizi giovane, di

Dettagli

AUTORITA' DI BACINO DEL FIUME TEVERE

AUTORITA' DI BACINO DEL FIUME TEVERE Allegato alla determinazione dirigenziale n. 1/2011 AUTORITA' DI BACINO DEL FIUME TEVERE Ufficio di Segreteria Giuridico-Amministrativa U.O. Affari Generali, Giuridici e di Raccordo Istituzionale Via V.

Dettagli

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122 MINISTERO DELLA SALUTE UFFICIO GENERALE DELLE RISORSE DELL ORGANIZZAZIONE E DEL BILANCIO UFFICIO VIII EX DGPOB LOTTO 2. AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DELLA SEDE DEL COMANDO CARABINIERI PER LA TUTELA

Dettagli

LIBRETTO DI CENTRALE

LIBRETTO DI CENTRALE 1 LIBRETTO DI CENTRALE OBBLIGATORIO PER GLI IMPIANTI TERMICI CON POTENZA TERMICA DEL FOCOLARE NOMINALE SUPERIORE O UGUALE A 35 kw (ART. 11, COMMA 9, DPR 26 AGOSTO 1993, N 412) Conforme al modello pubblicato

Dettagli

Settori. Personale qualificato. Chi siamo

Settori. Personale qualificato. Chi siamo Settori Pubblico Pulizia di edifici di Pubbliche amministrazioni seguendo le richieste indicate nei capitolati d oneri, controllate inoltre delle specifiche norme UNI EN ISO 9001 e SA8000. Privato personalizzati

Dettagli

Comune di Carpineto Romano PROVINCIA DI ROMA

Comune di Carpineto Romano PROVINCIA DI ROMA Comune di Carpineto Romano PROVINCIA DI ROMA N. 37 del 16.12.2013 OGGETTO: Legge Regionale N. 1 Del 03/01/1986, Art. 8. Alienazione di terreni di proprietà collettiva di uso civico edificati o edificabili.

Dettagli

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 TABELLA B RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 1 B1) Disponibilità dei locali B1.1) Scansione del documento di disponibilità esclusiva dei locali della sede operativa per almeno tre

Dettagli

ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico

ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico ALLEGATO A ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico A) SOPRALLUOGHI, VISITE TECNICHE, VERIFICHE DI IMPIANTI A.1) Sopralluogo ed esame

Dettagli

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO C O M U N E D I R O V E R B E L L A Via Solferino e San Martino, 1 46048 Roverbella Tel. 0376/6918220 Fax 0376/694515 PEC PROTOCOLLO : roverbella.mn@legalmail.it RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI

Dettagli

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento Servizio di Economato

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento Servizio di Economato PROVINCIA DI ROMA Regolamento Servizio di Economato Adottato con delibera del Consiglio Provinciale: n. 1111 dell 1 marzo 1995 Aggiornato con delibera del Consiglio Provinciale n. 34 del 12 luglio 2010

Dettagli

La manovra manuale di ritorno al piano. Ing. Raffaele Sabatino 1

La manovra manuale di ritorno al piano. Ing. Raffaele Sabatino 1 La manovra manuale di ritorno al piano Ing. Raffaele Sabatino 1 La manovra manuale di ritorno al piano D.P.R. 30 aprile 1999, n. 162 (Regolamento recante norme per l'attuazione della direttiva 95/16/CE

Dettagli

VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS)

VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS) VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS) Art. 1 - Oggetto dell affidamento L oggetto dell affidamento

Dettagli

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF 5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF Ecco un elenco esemplificativo di interventi ammissibili a fruire della detrazione Irpef. In ogni caso, deve essere verificata la conformità

Dettagli

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 C O M U N E D I M A R A Provincia di Sassari C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 Email: protocollo@comune.mara.ss.it Pec: protocollo@pec.comune.mara.ss.it SERVIZIO AFFARI

Dettagli

Città di Spinea Provincia di Venezia

Città di Spinea Provincia di Venezia Città di Spinea Provincia di Venezia APPALTO: servizio di pulizia interna uffici comunali 2013 2014 AFFIDAMENTO: da appaltare REDATTO DA REVISIONE N. DATA APPROVATO DA 1 SOMMARIO 1. SEZIONE DESCRITTIVA...

Dettagli

CONSIP S.p.A. ALLEGATO 8 PREZZI

CONSIP S.p.A. ALLEGATO 8 PREZZI ALLEGATO 8 PREZZI Allegato 8 - Prezzi Pag. 1 di 15 INDICE SEZIONE 1 PREZZI DEI SERVIZI PREDEFINITI 3 1.1 Servizi di Consulenza Gestionale 3 1.2 Servizi di Manutenzione degli Impianti 4 1.3 Servizi di Pulizia

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE UNIVERSITA' DEGLI STUDI SASSARI UFFICIO TECNICO LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE, RESTAURO CONSERVATIVO E ADEGUAMENTO NORMATIVO DELL EDIFICIO SITO IN SASSARI IN LARGO PORTA NUOVA DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

Dettagli

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA Allegato alla deliberazione consiliare n. 03 del 31.01.2014 COMUNE DI ROTA D IMAGNA PROVINCIA DI BERGAMO TELEFONO E FAX 035/868068 C.F. 00382800167 UFFICI: VIA VITTORIO EMANUELE, 3-24037 ROTA D IMAGNA

Dettagli

L'anno duemiladieci, addì 30 del mese di aprile con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, TRA

L'anno duemiladieci, addì 30 del mese di aprile con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, TRA Repertorio Unione Terre di Pianura n. 7 del 30/04/2010 CONVENZIONE TRA I COMUNI DI BARICELLA, BUDRIO, GRANAROLO DELL EMILIA, MINERBIO E L UNIONE DI COMUNI TERRE DI PIANURA PER IL CONFERIMENTO DELLE FUNZIONI

Dettagli

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE Allegato sub. A alla Determinazione n. del Rep. C O M U N E D I T R E B A S E L E G H E P R O V I N C I A D I P A D O V A CONVENZIONE INCARICO PER LA PROGETTAZIONE DEFINITIVA - ESECUTIVA, DIREZIONE LAVORI,

Dettagli

1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via. Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045

1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via. Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045 BANDO DI GARA CON PROCEDURA APERTA 1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045 8051811 fax 045 8011566 - sito internet www.arena.it

Dettagli

COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI

COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI AVVISO PUBBLICO PER L USO TEMPORANEO E SUPERFICIARIO DI UN AREA PUBBLICA SITA NEL PZ9 POLIGONO DEL GENIO Vista: IL DIRIGENTE la presenza

Dettagli

ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE. ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica

ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE. ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE PROF.. GIIANCARLO ROSSII PARTE SECONDA 1 INTRODUZIONE TIPOLOGIE

Dettagli

I CONTROLLI, pertanto, sono OBBLIGATORI, così come le procedure secondo le quali devono essere svolti.

I CONTROLLI, pertanto, sono OBBLIGATORI, così come le procedure secondo le quali devono essere svolti. INDICE Informazioni per i cittadini - 3 Campagna di controllo degli impianti termici - 3 Responsabile dell impianto termico - 4 La manutenzione degli impianti: frequenze temporali delle operazioni - 4

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

Prot. n. 536 Settore: Tecnico Rif.: AP/AP Class. 10-9-0 Arbus, 10/01/2014 F: 1_2012

Prot. n. 536 Settore: Tecnico Rif.: AP/AP Class. 10-9-0 Arbus, 10/01/2014 F: 1_2012 Prot. n. 536 Settore: Tecnico Rif.: AP/AP Class. 10-9-0 Arbus, 10/01/2014 F: 1_2012 AVVISO DI INDAGINE DI MERCATO PER L INDIVIDUAZIONE DEI PROFESSIONISTI DA INVITARE ALLA PROCEDURA NEGOZIATA PER L AFFIDAMENTO

Dettagli

HELP DESK FRONT OFFICE VADEMECUM PER L UTENZA

HELP DESK FRONT OFFICE VADEMECUM PER L UTENZA Prot. Generale n. 19033 del 23.10.2012 Primo livello di help desk HELP DESK FRONT OFFICE VADEMECUM PER L UTENZA Qui di seguito si riportano alcune delle più frequenti domande con le relative risposte.

Dettagli

L applicazione dell IVA agevolata del 10% per le opere di MANUTENZIONE ORDINARIA E MANUTENZIONE STRAORDINARIA

L applicazione dell IVA agevolata del 10% per le opere di MANUTENZIONE ORDINARIA E MANUTENZIONE STRAORDINARIA Studio Tecnico Geometri SAPINO Giuseppe e PEDERZANI Fabio Via Pollano, 26 12033 MORETTA (CN) - tel. 0172.94169 fax 172.917563 mail: gsapino@geosaped.com fpederzani@geosaped.com P.E.C.: giuseppe.sapino@geopec.it

Dettagli

COMUNE DI RUFFANO. - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE

COMUNE DI RUFFANO. - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE COMUNE DI RUFFANO - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE approvato con Deliberazione del Commissario Straordinario con i poteri del Consiglio Comunale

Dettagli

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO Regione Puglia COMUNE DI VICO DEL GARGANO Provincia di Foggia - Ufficio Tecnico Comunale - III SETTORE - Largo Monastero, civ.6 e-mail aimolaelio@fastwebnet.it. e-mail aimolaelio@comune.vicodelgargano.fg.it

Dettagli

Appalti ed Economato 2015 01501/005 Servizio Economato CITTÀ DI TORINO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE. N. Cronologico 0 approvata il 8 aprile 2015

Appalti ed Economato 2015 01501/005 Servizio Economato CITTÀ DI TORINO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE. N. Cronologico 0 approvata il 8 aprile 2015 Appalti ed Economato 2015 01501/005 Servizio Economato CITTÀ DI TORINO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. Cronologico 0 approvata il 8 aprile 2015 DETERMINAZIONE: 005/301. SERVIZIO DI PULIZIA ORDINARIA PRESSO

Dettagli

Il trattamento dell acqua per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici

Il trattamento dell acqua per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici Il trattamento dell acqua per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici 12 Giugno 2014 Stefano Bonfanti Product Manager - Cillichemie Italiana S.r.l. L azienda n.2 Sedi n.47 Agenti

Dettagli

Approvazione del nuovo Regolamento sull'accesso agli e documenti amministrativi.

Approvazione del nuovo Regolamento sull'accesso agli e documenti amministrativi. VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE n. 1 2 OGGETTO: Approvazione del nuovo Regolamento sull'accesso agli e documenti amministrativi. L anno 2012 (Duemiladodici) addì 27 (Ventisette) del mese

Dettagli

SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI E LOCALI COMUNALI

SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI E LOCALI COMUNALI CITTÀ DI MARTINA FRANCA Provincia di Taranto SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI E LOCALI COMUNALI CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO COMUNE DI MARTINA FRANCA - Piazza Roma, 32-74015 Martina Franca (Ta) Tel. 0804836111

Dettagli

Periodo: 1.3.2011 28.2.2014

Periodo: 1.3.2011 28.2.2014 PROCEDURA IN ECONOMIA ex art. 125 del D. Lgs. n. 63/2006 per l affidamento del servizio di CONTROLLO INTEGRATO DELLE INFESTAZIONI ENTOMATICHE E MURINE PRESSO LE STRUTTURE UNIVERSITARIE Periodo: 1.3.2011

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli

PROVINCIA DI TREVISO. Piazza Ercole Bottani n.4 - C.A.P. 31040 - C.F./P.I. 00529220261 UFFICIO SEGRETERIA - Tel. 0423/873400

PROVINCIA DI TREVISO. Piazza Ercole Bottani n.4 - C.A.P. 31040 - C.F./P.I. 00529220261 UFFICIO SEGRETERIA - Tel. 0423/873400 C OMUNE DI VOLPAGO DEL MONTELLO PROVINCIA DI TREVISO Piazza Ercole Bottani n.4 - C.A.P. 31040 - C.F./P.I. 00529220261 UFFICIO SEGRETERIA - Tel. 0423/873400 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

Dettagli

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio.

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio. Milano lì Ns. Rif.: 13 novembre 2013 820038.309 Agli Ordini e Collegi aderenti al C.I.P.I. loro sedi K:\Ufficio\07 Documenti\CIPI\820038 Comitato interpr. prevenzione incendi\820038 corrispondenza dal

Dettagli

COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari

COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari - 2 COPIA- VERBALE DI ADUNANZA DEL CONSIGLIO COMUNALE Sessione Ordinaria Seduta Pubblica N. 2 Del 21.01.2010 OGGETTO: DETERMINAZIONE QUANTITA E QUALITA DELLE AREE

Dettagli

OGGETTO:BANDO PER L ISTITUZIONE DI UN ALBO DI FORNITORI 2012 PRESSO L ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA ROMA

OGGETTO:BANDO PER L ISTITUZIONE DI UN ALBO DI FORNITORI 2012 PRESSO L ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA ROMA OGGETTO:BANDO PER L ISTITUZIONE DI UN ALBO DI FORNITORI 2012 PRESSO L ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA ROMA 1.1. ) ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA Largo Arrigo VII, 5-00153 Roma (Italia) ; centralino 06/5717621;

Dettagli

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI Assessorato alla f amiglia, all Educazione ed ai Giov ani Municipio Roma III U.O. Serv izi Sociali, Educativ i e Scolastici Allegato n. 3 al Bando d Istruttoria Pubblica per l intervento Nuovi PercHorsi

Dettagli

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007)

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) COMUNE DI NORMA Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) Articolo 1 SCOPI DEL REGOLAMENTO 1. L Amministrazione Comunale, in

Dettagli

TABELLA OBBLIGO-FACOLTÀ DAL 3 OTTOBRE 2013 Strumenti del Programma di razionalizzazione degli acquisti

TABELLA OBBLIGO-FACOLTÀ DAL 3 OTTOBRE 2013 Strumenti del Programma di razionalizzazione degli acquisti TABELLA OBBLIGO-FACOLTÀ DAL 3 OTTOBRE 2013 Strumenti del Programma di razionalizzazione degli acquisti Merceologia Importo Amministrazioni statali Amministrazioni regionali i Enti del servizio sanitario

Dettagli

AVVISO DEL 31 OTTOBRE 2013

AVVISO DEL 31 OTTOBRE 2013 AVVISO DEL 31 OTTOBRE 2013 FORMAZIONE DI UN ELENCO DI OPERATORI ECONOMICI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE IN ECONOMIA (ART.125 D. LGS. 163/2006) Ai sensi dell art.125 del D. Lgs. 163/2006 e s.m.i, la Fondazione

Dettagli

DISCIPLINARE D INCARICO PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI VERIFICA FINALIZZATA ALLA VALIDAZIONE DEI PROGETTI ESECUTIVI DEI NUOVI OSPEDALI TOSCANI DI

DISCIPLINARE D INCARICO PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI VERIFICA FINALIZZATA ALLA VALIDAZIONE DEI PROGETTI ESECUTIVI DEI NUOVI OSPEDALI TOSCANI DI DISCIPLINARE D INCARICO PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI VERIFICA FINALIZZATA ALLA VALIDAZIONE DEI PROGETTI ESECUTIVI DEI NUOVI OSPEDALI TOSCANI DI PRATO, PISTOIA, LUCCA, E DELLE APUANE, AI SENSI DELL

Dettagli

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio 5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio Pag. 1 di 36 DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI PER LA SALUTE E LA SICUREZZA NEGLI AMBIENTI DI LAVORO ai sensi degli artt. 17, 28 e 29 del D.lgs 81/08

Dettagli

C O P I A DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

C O P I A DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE C O P I A DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 140 del 25.09.2013 OGGETTO:Accordo tra Comune di Sarzana e Consorzio Sviluppo Sarzana per la realizzazione dell'edizione 2013 del L anno duemilatredici,

Dettagli

OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85)

OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85) timbro protocollo AL RESPONSABILE Area delle Politiche Infrastrutturali e del Territorio DEL COMUNE DI SPADAFORA (ME) OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85) OGGETTO: Comunicazione opere interne ai sensi dell

Dettagli

Opere di ristrutturazione edilizia e risanamento conservativo - variante essenziale relative all'immobile sito in via Millelire n 10/c - Milano

Opere di ristrutturazione edilizia e risanamento conservativo - variante essenziale relative all'immobile sito in via Millelire n 10/c - Milano Comune di MILANO Provincia di MILANO Regione LOMBARDIA RELAZIONE TECNICA Rispondenza alle prescrizioni in materia di contenimento del consumo energetico Deliberazione Giunta Regionale 22 dicembre 2008

Dettagli

Progettista(i) degli impianti termici e dell isolamento termico dell'edificio

Progettista(i) degli impianti termici e dell isolamento termico dell'edificio ALLEGATO E (Allegato I, comma 15) RELAZIONE TECNICA DI CUI ALL'ARTICOLO 28 DELLA LEGGE 9 GENNAIO 1991, N. 10, ATTESTANTE LA RISPONDENZA ALLE PRESCRIZIONI IN MATERIA DI CONTENIMENTO DEL CONSUMO ENERGETICO

Dettagli

FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI)

FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI) FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI) Domande frequenti inerenti la Relazione Energetico - Ambientale e la conformità delle pratiche edilizie alla normativa di settore. Aggiornamento al

Dettagli

Regolamento per l assegnazione dei contributi per "edifici di culto ed altri edifici per servizi religiosi" e per "centri civici e sociali

Regolamento per l assegnazione dei contributi per edifici di culto ed altri edifici per servizi religiosi e per centri civici e sociali Regolamento per l assegnazione dei contributi per "edifici di culto ed altri edifici per servizi religiosi" e per "centri civici e sociali attrezzature culturali e sanitarie." (Deliberazioni del Consiglio

Dettagli

Direzione Centrale Manutenzione, Contratti e Beni Confiscati Acquisti

Direzione Centrale Manutenzione, Contratti e Beni Confiscati Acquisti Direzione Centrale Manutenzione, Contratti e Beni Confiscati Acquisti PROCEDURA DI GARA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA, IGIENE AMBIENTALE E FACCHINAGGIO DA EFFETTUARSI PRESSO GLI UFFICI DELL

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) COMPITI DELLE IMPRESE E DOCUMENTAZIONE CONTRATTUALE AI SENSI DI QUANTO PREVISTO DAL D.L.GS 8108 e s.m.i. TIPOLOGIA APPALTO: SERVIZIO DI PULIZIA

Dettagli

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 Modalità attuative

Dettagli

COMUNE DI GAVORRANO PROVINCIA DI GROSSETO. DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 15 del 30/06/2011

COMUNE DI GAVORRANO PROVINCIA DI GROSSETO. DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 15 del 30/06/2011 COMUNE DI GAVORRANO PROVINCIA DI GROSSETO DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 15 del 30/06/2011 ================================================================= OGGETTO: CORREZIONE ERRORE MATERIALE

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG

REPUBBLICA ITALIANA SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI LOMAGNA (Prov. di Lecco) Contratto Rep. n. del SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG 6170496661 L anno duemilaquindici addì del mese di presso

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART.

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART. Universita Telematica UNIVERSITAS MERCATORUM REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART. 125, COMMA 12 DEL D.L.VO

Dettagli

LA NORMA LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL LIBRETTO D IMPIANTO LA REGOLA

LA NORMA LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL LIBRETTO D IMPIANTO LA REGOLA LA NORMA LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL LIBRETTO D IMPIANTO LA REGOLA 2004 INDICE Libretto di impianto pag. 3 Scheda 1 4 Scheda 2 5 Scheda 3 6 Scheda 4 7 Scheda 5 9 Scheda 6 10 Scheda 7 11 Scheda

Dettagli

L'anno duemilaquattordici, il giorno ventidue del mese di agosto, nel proprio ufficio, IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO

L'anno duemilaquattordici, il giorno ventidue del mese di agosto, nel proprio ufficio, IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO C O M U N E D I A L A N N O (PROVINCIA DI PESCARA) DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO AREA AFFARI GENERALI - UFFICIO PERSONALE N. 162 del Reg. Oggetto: PROCEDURA DI MOBILITA, PER TITOLI E COLLOQUIO

Dettagli

MINISTERO DELLA GIUSTIZIA DIPARTIMENTO DELL AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA DIREZIONE GENERALE DEL RISORSE MATERIALI DEI BENI E DEI SERVIZI

MINISTERO DELLA GIUSTIZIA DIPARTIMENTO DELL AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA DIREZIONE GENERALE DEL RISORSE MATERIALI DEI BENI E DEI SERVIZI MINISTERO DELLA GIUSTIZIA DIPARTIMENTO DELL AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA DIREZIONE GENERALE DEL RISORSE MATERIALI DEI BENI E DEI SERVIZI CAPITOLATO TECNICO Servizio di pulizia, di facchinaggio interno

Dettagli

N. 68/11 del 19 ottobre 2011

N. 68/11 del 19 ottobre 2011 COPIA EDUCATORIO DELLA PROVVIDENZA VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE OGGETTO: N. 68/11 del 19 ottobre 2011 ADEGU DEGUAMENTO ALLA NORMATIVA A DI PREVENZIONE INCENDI ENDI: : IMPIANTO

Dettagli

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006 CIRCOLARE N. 37/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 29 dicembre 2006 OGGETTO: IVA Applicazione del sistema del reverse-charge nel settore dell edilizia. Articolo 1, comma 44, della legge

Dettagli

IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici. Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti

IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici. Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti gli utilizzi tecnici dell acqua in un edificio ACQUA FREDDA SANITARIA

Dettagli

CONSORZIO VALLE CRATI

CONSORZIO VALLE CRATI CONSORZIO VALLE CRATI ART. 31 Dlgs 267/2000 87036 RENDE (CS) Nr. 17 DETERMINAZIONE DELL UFFICIO TECNICO Del 16.10.2014 Prot. nr. 1833 OGGETTO: Gestione tecnica, operativa ed amministrativa di manutenzione

Dettagli

Area Vigilanza AVVISA

Area Vigilanza AVVISA COMUNE DI VILLASOR Provincia di Cagliari Area Vigilanza P.zza Matteotti, 1 - C.A.P. 09034 Part. IVA 00530500925 Tel 070 9648023 - Fax 070 9647331 www.comune.villasor.ca.it C.F: 82002160925 MANIFESTAZIONE

Dettagli

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA L'Università degli Studi di Parma con sede in Parma, via Università n. 12 codice fiscale n. 00308780345 rappresentata dal

Dettagli

Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde

Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde Articolo 1 Oggetto 1. Il presente disciplinare regolamenta la concessione e l utilizzo del Marchio La Sardegna Compra Verde.

Dettagli

AMIANTO PIANO DI LAVORO

AMIANTO PIANO DI LAVORO AMIANTO PIANO DI LAVORO Piano di lavoro [art. 256 D. Lgs. 81/2008] I lavori di demolizione o rimozione dei materiali contenenti amianto possono essere effettuati solo da imprese iscritte all Albo nazionale

Dettagli

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali Lettera Rischi Interferenziali Spett.le Ditta Appaltatrice Ditta Subappaltatrice Luogo, Data 2 OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali In relazione alla necessità di una possibile

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE INDICE Art. 1 - Oggetto e finalità del regolamento Art. 2 - Requisiti di ammissibilità al contributo Art. 3 - Tipologie di spese ammissibili

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO

PROVINCIA DI PESARO E URBINO PROVINCIA DI PESARO E URBINO Regolamento interno della Stazione Unica Appaltante Provincia di Pesaro e Urbino SUA Provincia di Pesaro e Urbino Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n 116 del

Dettagli

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * *

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * * COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci ina 1 L Amministrazione comunale di Ronco Scrivia (provincia di Genova) intende integrare la dotazione

Dettagli

CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI. TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Arezzo, 06 maggio 2011

CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI. TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Arezzo, 06 maggio 2011 CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i Arezzo, 06 maggio 2011 Dott. DAVIDDI Paolo STOLZUOLI Stefania Tecnici di Prevenzione Dipartimento della Prevenzione Azienda USL 8 - Arezzo

Dettagli

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO La presente tariffa individua le prestazioni che il professionista è chiamato a fornire : A per la richiesta del parere di conformità B per il rilascio del

Dettagli

CAPITOLATO TECNICO E DISCIPLINARE DI GARA

CAPITOLATO TECNICO E DISCIPLINARE DI GARA Procedura aperta per l affidamento del servizio di pulizia ordinaria e di attività ausiliarie accessorie per la sede nazionale di Fondimpresa sita in Roma in via della Ferratella in Laterano n. 33 CAPITOLATO

Dettagli

BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI

BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI Gli aggiornamenti più recenti Proroga dell agevolazione al 31 dicembre 2015 I quesiti più frequenti aggiornamento aprile 2015 ACQUISTI AGEVOLATI IMPORTO DETRAIBILE MODALITA

Dettagli

Italia-Roma: Servizi di pulizia stradale 2013/S 154-268701. Bando di gara. Servizi

Italia-Roma: Servizi di pulizia stradale 2013/S 154-268701. Bando di gara. Servizi 1/6 Avviso nel sito web TED: http://ted.europa.eu/udl?uri=ted:notice:268701-2013:text:it:html Italia-Roma: Servizi di pulizia stradale 2013/S 154-268701 Bando di gara Servizi Direttiva 2004/18/CE Sezione

Dettagli

Requisiti minimi e criteri per il rilascio delle autorizzazioni sanitarie temporanee.

Requisiti minimi e criteri per il rilascio delle autorizzazioni sanitarie temporanee. Requisiti minimi e criteri per il rilascio delle autorizzazioni sanitarie temporanee. Sono definite temporanee tutte quelle manifestazioni quali Sagre, Feste Campestri ecc. aperte al pubblico, in cui,

Dettagli

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo.

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo. 17875 LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27 Disposizioni urgenti in materia di prevenzione del rischio e sicurezza delle costruzioni Istituzione del fascicolo del fabbricato. IL CONSIGLIO REGIONALE HA

Dettagli

MANUALE DI GESTIONE GOVERNO QUOTIDIANO DEGLI ANIMALI

MANUALE DI GESTIONE GOVERNO QUOTIDIANO DEGLI ANIMALI MANUALE DI GESTIONE Breve descrizione del canile (fabbricati: box, locali accessori). Modalità di approvvigionamento idrico e smaltimento reflui animali. Individuazione responsabile generale (titolare)

Dettagli

C O M U N E DI O P E R A

C O M U N E DI O P E R A copia Codice Ente 11047 OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE IMU ANNO 2014 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Adunanza Ordinaria di Prima convocazione - seduta Pubblica. L'anno duemilaquattordici

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE DI IMMOBILE DESTINATO AD USO DIVERSO DALL'ABITAZIONE TRA:

CONTRATTO DI LOCAZIONE DI IMMOBILE DESTINATO AD USO DIVERSO DALL'ABITAZIONE TRA: CONTRATTO DI LOCAZIONE DI IMMOBILE DESTINATO AD USO DIVERSO DALL'ABITAZIONE TRA: il Sig. nato a il residente a, codice fiscale, di seguito denominato parte locatrice E: il Sig. nato a il residente a, codice

Dettagli

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Marco Citterio, Gaetano Fasano Report RSE/2009/165 Ente per le Nuove tecnologie,

Dettagli

ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA Direzione Generale Direzione Centrale per l Attività Amministrativa e la Gestione del Patrimonio CAPITOLATO TECNICO

ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA Direzione Generale Direzione Centrale per l Attività Amministrativa e la Gestione del Patrimonio CAPITOLATO TECNICO SERVIZIO DI FACCHINAGGIO CON GESTIONE DEL CICLO LOGISTICO COMPRENSIVA DEL MONITORAGGIO INFORMATIZZATO E TRASPORTO COSE ALL INTERNO E TRA LE VARIE SEDI ISTAT DI ROMA CAPITOLATO TECNICO 1 INDICE 1. OGGETTO

Dettagli

Pagina 1 di 6. Dipartimento Amministrativo e Tecnico Centrale Servizio Acquisti e Logistica

Pagina 1 di 6. Dipartimento Amministrativo e Tecnico Centrale Servizio Acquisti e Logistica Pagina 1 di 6 Dipartimento Amministrativo e Tecnico Centrale Servizio Acquisti e Logistica OGTTO: Adesione al Lotto n. 5 della convenzione denominata AUSILI DISABILI 2, per la fornitura di Sollevatori

Dettagli

VERBALE N 2/11. In apertura di seduta, previa lettura, viene approvato il verbale n. 1 del 71/02/11.

VERBALE N 2/11. In apertura di seduta, previa lettura, viene approvato il verbale n. 1 del 71/02/11. VERBALE N 2/11 L anno 2011 il giorno 4 del mese di marzo alle ore 12,00 previa osservanza di tutte le formalità prescritte dalle vigenti norme, nella sede del Conservatorio G. Martucci di Salerno si riunisce

Dettagli