RELAZIONE TECNICO - ILLUSTRATIVA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "RELAZIONE TECNICO - ILLUSTRATIVA"

Transcript

1 ALEA progetti s.r.l. via Fontevivo, n.21n -La Spezia- tel. fax 0187/ PROGETTO PER INTERVENTO DI EDILIZIA CONVENZIONATA SITO IN LOC. GAVAZZO IN VARIANTE AL P.U.C. ai sensi dell Art. 44 comma 2 lettera c, L.R. 36/97 RELAZIONE TECNICO - ILLUSTRATIVA pagina 1

2 INDICE 1 QUADRO NORMATIVO URBANISTICO 1.2 P.U.C. 1.3 P.T.C.P. 2 DESCRIZIONE DELL AREA DI PROGETTO 2.1 CARATTERISTICHE FISICHE DELL AREA E ACCESSIBILITA 2.2 PREESISTENZE EDILIZIE 3 IL PROGETTO 3.1 I CRITERI 3.2 GLI INTERVENTI IL PROGETTO LE RESIDENZE OPERE ESTERNE PERTINENZIALI 4 FINITURE E MATERIALI 4.1 FINITURE ESTERNE 4.2 FINITURE INTERNE E IMPIANTI 5 ADEGUAMENTO ALLE DISPOSIZIONI LEGISLATIVE DEL D.M. 05/07/75 6 ADEGUAMENTO ALLE DISPOSIZIONI PER IL SUPERAMENTO BARRIERE ARCHITETTONICHE 7 VERIFICA STANDARDS URBANISTICI 8. ELENCO PARTICELLE CATASTALI 9. OPERE DI URBANIZZAZIONE 9.1 IMPIANTO DI SMALTIMENTO ACQUE REFLUE 9.2 RECUPERO PARZIALE DEL PERCORSO PEDONALE PUBBLICO 9.2 STRADA DI ACCESSO 9.3 IMPORTO OO.PP. pagina 2

3 1. QUADRO NORMATIVO URBANISTICO - TERRITORIALE 1.2 P.U.C. L area oggetto dell intervento è attualmente normata dagli Artt. 30 e 31, delle N.T.A. del P.U.C. vigente. Il presente progetto in attuazione delle previsioni urbanistiche ivi contenute viene presentato contestualmente alla variante al PUC di cui all art. 44 L.R. 36/97, sostanzialmente per consentire la realizzazione diretta di un intervento di edilizia residenziale convenzionata. Si riporta pertanto a solo scopo esemplificativo la scheda originaria della zona denominata TG1. Art.30 Distretti di trasformazione Sono le zone omogenee per le quali sono previste le trasformazioni paesaggistiche più consistenti o con un deciso incremento del peso insediativo o con la modificazione degli attuali usi, non tanto in termini assoluti ma in rapporto all attuale contesto.... Le regole insediative sono dettate dalle relative schede prescrittive. TG1. Area di nuova espansione residenziale del capoluogo il PUC individua questa zona come deputata a ospitare una significativa espansione residenziale rivolta all edilizia convenzionata completando e sviluppando l attuale zona satura RA1 a prevalente destinazione residenziale. Il carico urbanistico aggiuntivo previsto è pari a circa 30 unità di nuova popolazione residente. La dimensione massima dell intervento non potrà superare i mq di SA. Il PUC di Bonassola si attua attraverso la realizzazione delle previsioni evolutive in esso contenute secondo diverse modalità operative riportate all art. 10.a. Nel caso specifico l indice ivi previsto pari a 0,01 mq. di S.A./mq. sup. fondiaria, viene triplicato in quanto volto alla realizzazione di interventi residenziali di tipo economico da vendersi a prezzi concordati con la C.A. In forza del successivo art. 10.d sarà possibile trasferire all intervento in oggetto l indice necessario per la realizzazione della potenzialità edificatoria prevista, così come riportato nel successivo art. 5 della presente relazione. 1.3 P.T.C.P. Assetto insediativo - Art. 50 lnsediamenti Sparsi Regime normativo di MODIFICABILITA di tipo B (IS-MO-B) 1. Tale regime si applica nei casi in cui il carattere sparso dell'insediamento, sia in ragione dei valori intrinseci in esso presenti, sia in relazione con l'assetto più complessivo dei territorio, non costituisce un valore meritevole di tutela. 2. L'obiettivo della disciplina è quello di non contrastare tendenze evolutive che possano dare luogo ad un assetto più strutturato della zona, compatibile con una sua corretta configurazione paesistica e funzionale ad una più efficiente gestione delle risorse. 3. Sono pertanto consentiti quegli interventi che, sulla base di uno Studio Organico d'insieme, determinano l'evoluzione verso un insediamento a carattere diffuso. pagina 3

4 Assetto Vegetazionale - Colture Agricole COL Art. 58 Generalità 1. Il Piano, pur non disciplinando le modalità di esercizio delle attività agricole, interferisce con le stesse nei casi in cui comportino la realizzazione di edifici, impianti ed infrastrutture, in quanto per tali opere valgono le pertinenti norme relative all'assetto insediativo. 2. Per quanto concerne l'estensione delle aree che possono essere interessate a tali attività, il Piano non pone limitazioni all'interno delle zone appositamente indicate con la sigla COL nella cartografia dell'assetto vegetazionale, mentre nelle restanti parti dei territorio eventuali modificazioni dello stato attuale sono subordinate alla verifica di compatibilità con gli obiettivi definiti per l'assetto vegetazionale. 3. E comunque vietato costruire nuovi impianti di serre nelle zone sottoposte al regime normativo di CONSERVAZIONE degli assetti insediativo e geomorfologico. Art impianti sparsi in serre - ISS 1. Tale regime si applica nelle parti del territorio considerate dall'articolo 58 e non ricadenti tra quelle disciplinate dall'articolo L'obiettivo della disciplina è quello di assicurare che l'evoluzione delle attività agricole verso una maggiore efficienza e competitività trovi riscontro nelle forme dei paesaggio agrario senza tuttavia alterarne i caratteri prevalenti. 3. Le zone di cui al primo comma, per quanto riguarda la costruzione di nuove serre e la modificazione di quelle esistenti, sono pertanto assoggettate ad un regime normativo del MANTENIMENTO che consente la realizzazione di impianti opportunamente ubicati e dimensionati in funzione delle caratteristiche morfologiche e vegetazionali dei suoli, ferma restando l'esigenza di non dare luogo a rilevanti concentrazioni. Assetto geomorfologico Art Generalità 1. Gli indirizzi di cui all'art. 3, 2 comma, tanto generali quanto particolari, assumono, a seconda delle diverse finalità perseguite dal Piano per l'assetto geomorfologico dei singoli ambiti territoriali, la denominazione di "Mantenimento", "Consolidamento", "Modificabilità" e "Trasformazione". 2. Gli indirizzi particolari investono le componenti del paesaggio costituite dai versanti, dal reticolo idrografico, dalle aree piane di fondovalle, dai litorali, dalle cave e miniere e dalle discariche, considerando per ciascuna di esse gli aspetti quantitativi, qualitativi e strutturali come da matrice riportata alla pagina seguente. 2. DESCRIZIONE DELL AREA DI PROGETTO 2.1 CARATTERISTICHE FISICHE DELL AREA, ACCESSIBILITA E PREESISTENZE. La zona che comprende l area in oggetto ricade nel versante della vallecola del rio San Giorgio, sita immediatamente a monte della zona satura RA1 e del centro urbano. Il terreno si presenta in media leggermente acclive con curve di livello sufficientemente distanziate nella parte sud, individuata appunto per l inserimento dell intervento, a differenza di quelle che della parte a nord, decisamente più ravvicinate che determinano un acclività poco consona all inserimento di nuove volumetrie. pagina 4

5 Attualmente la zona ricade in un area occupata da piccole case sparse di origine agricola alternate a nuovi insediamenti residenziali. Gli spazi residui non edificati sono quelli tipici di un territorio collinare, caratterizzato da terrazzamenti delimitati da muretti a secco e presenza di aree ancora coltivate con piante di olivo, alternate da porzioni in fase di totale abbandono. L accessibilità è parzialmente garantita dall attuale viabilità pubblica di cornice che conduce alla località Madonnetta; le caratteristiche dimensionali della strada rendono però poco agevole sia l innesto che la percorribilità carrabile del tratto di collegamento con l area individuata per la realizzazione dell intervento edificatorio. Non sono previste nuove infrastrutture viarie, ad eccezione dell ampliamento del predetto tratto carrabile di connessione. La superficie fondiaria dell area individuata quale sedime ottimale dell intervento è di circa mq PREESISTENZE EDILIZIE A confine con l area in esame sono presenti fabbricati sparsi di diverse dimensioni e tipologie, tra i quali si trovano abitazioni mono e pluri-familiari con altezze variabili sino a tre piani fuori terra, con caratteristiche architettoniche similari, unitamente a qualche sporadico insediamento di tipo agricolo di ridotte dimensioni. L edificato presente è pertanto prettamente residenziale, tipologicamente caratterizzato da edifici con corpi di fabbrica a ridotto passo frontale, sviluppati con volumetrie sfalsate ed arretrate del tipo a gradoni, idonei per inserirsi nella morfologia a terrazzamenti del terreno. (Allegato n. 2.1, 2.2, Documentazione fotografica) 3. IL PROGETTO 3.1 I CRITERI L intervento previsto illustrato nelle tavole di progetto è riferibile ai seguenti criteri generali: a) Prevedere la realizzazione di un insediamento residenziale, contraddistinto da tipologie edilizie semplici costituite da blocchi di piccole dimensioni con un massimo di tre piani, articolati ed aggregati tra di loro in modo da seguire l andamento del terreno e le linee direttrici degli edifici esistenti limitrofi. Il risultato compositivo sarà quello di un piccolo nucleo insediativo costituito da due blocchi principali da due a tre piani con accesso indipendente e diretto dal piano terra. La composizione architettonica globale prospettata tende pertanto a riproporre il tema del piccolo borgo costituitosi in tempi e fasi differenti, ottenendo quindi un insediamento sparso con un alto grado di inserimento paesistico-ambientale. b) Prevedere la realizzazione di parcheggi privati esterni del tipo a raso, concentrati nelle immediate vicinanze degli alloggi al fine paesaggistico di evitare quantità di sbancamenti rilevanti; c) Prevedere aree verdi private all interno del lotto, quali pertinenze degli alloggi per consentire un rinverdimento degli stacchi tra i corpi edificati mediante reimpianto delle piante di olivo esistenti. pagina 5

6 d) Prevedere in parte la riqualificazione del percorso pedonale pubblico esistente, per la porzione compresa tra la strada pubblica posta a sud dell area (Via Roma) e il nuovo intervento; e) Potenziare l attuale viabilità carrabile di accesso all area. 3.2 CONFORMITA Il progetto proposto in variante al P.U.C. soddisfa le previsioni dello strumento Urbanistico Generale con il quale si è conformi sia per quanto attiene le destinazioni d uso prevalenti e compatibili sia per le prescrizioni quantitative indicate globalmente in 1000 mq. di S.A DESCRIZIONE La composizione in progetto prevede la realizzazione di n.4 blocchi residenziali indipendenti, sviluppati su un massimo di tre livelli altimetrici. I quattro edifici si compongo di 2 fabbricati pluri-familiari, per complessivi 4 alloggi con tipologia duplex, posizionati nella parte immediatamente sottostante l area a parcheggio; a questi vengono affiancati i restanti 2 fabbricati, composti da 4 alloggi con tipologia duplex e 1 alloggio del tipo simplex per complessivi n. 9 alloggi. I primi due edifici sono costituiti da due volumi uniti ma planimetricamente traslati tra loro. Gli altri due a margine del percorso pedonale ad uso pubblico, si sviluppano, rispettivamente su due e tre piani e saranno collegati da un elemento architettonico di connessione a copertura della scala esterna di collegamento tra il livello terra e quello sottostante. L impianto planimetrico segue sia l andamento delle curve di livello che l allineamento virtuale costituito dal prolungamento ideale delle linee di massimo ingombro dei fabbricati limitrofi architettonicamente emergenti; la visione zenitale del progetto mette in evidenza le linee generatrici che hanno caratterizzato la composizione globale dell intervento. A questo proposito si rimanda all elaborato progettuale dello S.O.I. (Studio Organico di Insieme) dove vengono schematizzati gli elementi generatori del progetto. I quattro blocchi si dispongono planimetricamente ruotati tra loro al fine di non realizzare una composizione statica e prevedibile, favorendo inoltre l esposizione a sud dei fronti principali e il mantenimento del cono visivo attualmente generato dalle preesistenze. I singoli corpi di fabbrica che costituiscono gli edifici appaiono quindi volumetricamente contenuti in quanto parzialmente inseriti nella particolare geomorfologia del terreno. (vedi Allegato n.5: Schemi propositivi di collocazione dell intervento) L effetto finale ripropone pertanto una aggregazione tipica dei piccoli borghi dell entroterra ligure, che pur realizzatisi in tempi differenti, ne mantengono inalterate, anzi ne ripropongono le caratteristiche architettoniche peculiari LE RESIDENZE I due corpi di fabbrica denominati A e B posti alla quota +56,50, sviluppati altimetricamente su due piani, ospitano due alloggi ciascuno con tipologia a duplex composti da un livello terra destinato alla zona giorno da cui si accede al giardino pertinenziale e il livello soprastante adibito a zona notte composta da due camere e un bagno. pagina 6

7 I blocchi C e D a chiusura dell intervento, ospitano in totale cinque alloggi suddivisi rispettivamente in due alloggi duplex, accessibili dalla quota di +57,90 nel blocco C e tre alloggi nel restante blocco D, suddivisi in un appartamento simplex al livello più basso (+54,80) e gli ulteriori due con tipologia duplex nei livelli soprastanti. Al fine di mantenere il più possibile inalterato l andamento terrazzato del terreno, il livello terra del blocco edilizio D è stato realizzato parzialmente interrato al fine di seguire, senza alterarlo, lo sfalsamento altimetrico attuale del terreno. Per tutti i blocchi edilizi si prevede una copertura a falde inclinate del tipo a capanna, ad eccezione della copertura piana del piccolo volume porticato di collegamento tra i corpi di fabbrica C e D OPERE ESTERNE PERTINENZIALI A servizio delle residenze, conformemente a quanto previsto dall art. 19 della L.R. 16/08 è prevista la realizzazione di parcheggi privati, per una superficie complessiva di 559,86 mq circa suddivisa n. 14 posti auto, corsia di accesso e spazi di manovra compresa. Tale spazio sarà ubicato al termine del percorso carrabile di collegamento con la viabilità pubblica esistente, di cui si prevede il potenziamento e sarà pavimentato con cemento architettonico colorato nei toni delle terre, ad eccezione degli stalli delle auto che saranno trattati con finitura green parking. In prosecuzione dell area a parcheggio è infine previsto un camminamento pedonale di accesso alle unità edilizie dei blocchi C e D oltreché collegamento con la parte terminale del percorso pubblico esistente cosicché da realizzare un anello pedonale continuo con la Via Roma. 4 FINITURE E MATERIALI 4.1 FINITURE ESTERNE Le residenze saranno realizzate con struttura intelaiata in c.a. e tamponamenti in muratura di laterizio del tipo a cassetta rifiniti con intonaco a base di calce e soprastante arenino colorato con toni chiari/pastello. Tutte le soglie e davanzali delle abitazioni oltre alle copertine esterne dei parapetti, saranno in lastre di pietra locale finita a spacco o lama di sega dello spessore minimo di cm. 4; i muri di sostegno e/o contenimento realizzati in c.a., saranno rivestiti in pietra locale nei fronti fuori terra; le pavimentazioni dei percorsi pubblici e di pertinenza alle abitazioni saranno in lastre di pietra o in alternativa in masselli in cls a finitura anticata effetto pietra. Le coperture a falde inclinate del tipo a capanna saranno realizzate con solaio in latero-cemento o da struttura lignea con soprastante materassino isolante e manto in lastre di ardesia. L elemento gronda sarà realizzato con lastra in ardesia leggermente aggettante rispetto allo sporto a goletta rovescia e dal canale di gronda in rame a sezione tonda, per un totale di cm. 50. Tutte le ringhiere a parapetto dei terrazzi, logge e porticati saranno a barre orizzontali in acciaio zincato e successivamente rifinito con vernice ferromicacea nella tonalità grigio scuro. I serramenti esterni saranno in legno o PVC pellicolato legno e i sistemi di oscuramento in alluminio verniciato color legno nel tipo a persiana con sportellino apribile. I portoncini di ingresso alle abitazioni saranno del tipo blindato con finitura esterna in legno e cromatismi differenziati in analogia con quelli delle rispettive facciate. pagina 7

8 Le aree a parcheggio privato, saranno provviste di illuminazione con lampioni a uno/due bracci, mentre i camminamenti pedonali saranno provvisti di illuminazione d ambiente. I giardini pertinenziali, saranno sistemati a prato con la messa a dimora degli alberi di olivo espiantati, attualmente ubicati all interno del perimetro del fabbricato, cespugli a chioma folta sempreverde oltre a piante a piccolo e medio fusto utilizzando essenze locali. Tutte le nuove strutture di sostegno e contenimento del terreno naturale saranno interamente rivestite con blocchi di pietra a spacco lievemente regolarizzati da posarsi a corsi regolari con stilatura profonda dei giunti e sommità finita con lastre sottili della stessa pietra. I muretti di recinzione/o delimitazione delle singole proprietà saranno realizzati in c.a. o muratura tradizionale finiti ad intonaco civile ed arenino e tinteggiati nella tonalità del grigio chiaro da concordarsi con l Amministrazione. Sulla sommità dei muretti sarà posta una copertina in pietra, unitamente ad una ringhiera in ferro zincato e verniciato con finitura ferromicacea di colore presumibilmente grigio scuro o nella tonalità di riferimento del fabbricato, per un altezza complessiva di mt. 2,00. (muretto mt. 1 + ringhiera mt. 1). 4.2 FINITURE INTERNE E IMPIANTI Si prevede la realizzazione di pavimenti in gres porcellanato o similari per la zona giorno, ceramica per bagni e cucina, pavimento in listoni di legno per la zona notte; le porte interne saranno in legno o in laminato effetto legno. I portoncini d ingresso alle abitazioni saranno del tipo blindato con finitura esterna in legno. Gli infissi saranno opportunamente dotati di vetro camera e le tubazioni di scarico saranno debitamente isolate in modo da garantire un adeguata protezione acustica agli ambienti attraversati. IMPIANTI PREVISTI: RIFERIMENTI NORMATIVI - Legge regionale (Liguria) 29 Maggio 2007 n. 22; - Legge regionale (Liguria) 30 luglio 2012 n. 23 Modifiche alla legge regionale 29 maggio 2007, n. 22 (Norme in materia di energia); - Regolamento Regionale 13 Novembre 2012 N. 6, Regolamento di attuazione dell'articolo 29 della legge regionale 29maggio 2007 n. 22, così come modificata dalla legge regionale, 30 luglio 2012 n. 23 recante: 'Norme in materia di energia'. Trattandosi di intervento di nuova edificazione, viene applicato l articolo 26 comma 2.a) della L.R. 30 luglio 2012 n. 23 che prevede l applicazione al rispetto di specifiche prescrizioni riportate nel Regolamento Regionale 13 Novembre 2012 n. 6 quali: Verifica dell indice di prestazione energetica per la climatizzazione invernale: inferiore ai valori limite EPL i riportati nelle tabelle C.1 e C.2, dell allegato C del Regolamento; verifica che la trasmittanza delle pareti opache introdotte sia inferiore ai limiti riportati al punto 4 dell allegato C al D.Lgs. n. 311/06; tale valore dovrà inoltre rispettare quanto riportato nelle tabelle B.1, B.2, B.3, e B.4 dell allegato B del regolamento nel caso di ponte termico corretto (opache verticali < 0.36 W/m2K, opache orizzontali o inclinate di copertura < 0.32 W/m2K; pagina 8

9 verifica che la trasmittanza dei nuovi serramenti introdotti (finestre, porte, vetrine), sia inferiore ai limiti riportati al punto 4 dell allegato C al D.Lgs. n. 311/06; tale valore dovrà inoltre rispettare quanto riportato nelle tabelle B.5 e B.6 dell allegato B del regolamento (chiusure trasparenti < 2.8 W/m2K, vetri < 2.1 W/m2K); verifica che l indice di prestazione energetica per la climatizzazione invernale sia uguale o inferiore a quello limite EPLi riportato nelle tabelle C.1, C.2, C.3 e C.4 dell allegato C del regolamento; verifica termoigrometrica: verifica l assenza di condensazioni superficiali e che le condensazioni interstiziali delle pareti opache siano limitate alla quantità rievaporabile, conformemente alla normativa tecnica vigente. verifica massa superficiale (Ms) e trasmittanza termica periodica (YIE): verifica che tutte le pareti opache verticali con l eccezione di quelle esposte a nordovest/ nord / nord-est, Trattandosi di intervento di nuova edificazione, si ricade nell ulteriore applicazione di quanto previsto all allegato 3 del D.lgs n.28 del Pertanto: gli impianti di produzione di energia termica devono essere progettati e realizzati in modo da garantire il contemporaneo rispetto della copertura, tramite il ricorso ad energia prodotta da impianti alimentati da fonti rinnovabili, del 50% dei consumi previsti per l acqua calda sanitaria e delle seguenti percentuali della somma dei consumi previsti per l acqua calda sanitaria, il riscaldamento e il raffrescamento: a. il 20 per cento quando la richiesta del pertinente titolo edilizio è presentata dal 31 maggio 2012 al 31 dicembre 2013; b. il 35 per cento quando la richiesta del pertinente titolo edilizio è presentata dal 1 gennaio 2014 al 31 dicembre 2016; c. il 50 per cento quando la richiesta del pertinente titolo edilizio è rilasciato dal 1 gennaio ( si ricorda che gli obblighi di cui al comma 1 non possono essere assolti tramite impianti da fonti rinnovabili che producano esclusivamente energia elettrica la quale alimenti, a sua volta, dispositivi o impianti per la produzione di acqua calda sanitaria, il riscaldamento e il raffrescamento.) Nel caso di edifici nuovi o edifici sottoposti a ristrutturazioni rilevanti, la potenza elettrica degli impianti alimentati da fonti rinnovabili che devono essere obbligatoriamente installati sopra o all interno dell edificio o nelle relative pertinenze, misurata in kw, è calcolata secondo la seguente formula: P = 1 / K x S Dove S è la superficie in pianta dell edificio al livello del terreno, misurata in m2, e K è un coefficiente (m2/kw) che assume i seguenti valori: d. k = 80, quando la richiesta del pertinente titolo edilizio è presentata dal 31 maggio 2012 al 31 dicembre 2013; e. k = 65, quando la richiesta del pertinente titolo edilizio è presentata dal 1 gennaio 2014 al 31 dicembre 2016; f. k = 50, quando la richiesta del pertinente titolo edilizio è presentata dal 1 gennaio Sarà quindi previsto un impianto fotovoltaico posto in copertura con pannelli fotovoltaici disposti sul tetto dell edificio integrato al tetto medesimo con la stessa inclinazione e lo stesso orientamento di falda per una potenza di 15 kw. Per il caso specifico si riepilogano i Kw che dovranno essere garantiti: pagina 9

10 Dimensionamento impianto fotovoltaico ai sensi dell art. 3, Allegato 3 del D.lgs 28/11 Fabbricato Superficie coperta (mq) P = 1/k x S (kw) KW di Progetto A 117,56 1/65 x 117,56 = 1,8 2 kw B 117,56 1/65 x 117,56 = 1,8 2 kw C 129,42 1/65 x 129,42 = 1,99 2 kw D 122,45 1/65 x 122,45 = 1,88 2 kw Prevedendo di istallare dei pannelli della dimensione di cm. 90 x 160 con resa di circa 250 W cadauno la dotazione media per ciascun corpo di fabbrica sarà di n. 8 pannelli. Riepilogando sarà prevista l esecuzione dei seguenti impianti di tipo meccanico: - impianti di riscaldamento del tipo tradizionali con corpi scaldanti e caldaie del tipo autonomo; - impianto idrico-sanitario e scarico all interno delle singole utenze; - reti di distribuzione acqua fredda, calda sanitaria e ricircolo di acqua calda sanitaria; - impianto di esalazione cappe cucina con canne singole; - impianto di estrazione servizi igienici interclusi; - impianto solare termico per l integrazione al 50% del fabbisogno di energia per la produzione di acqua calda sanitaria ai sensi della L.R. 22/2007 e s.m.i.; - impianto fotovoltaico come disposto dall art. 11 comma 1 del d.lgs 28/2011; - rete di smaltimento acque reflue, costituita da una rete di raccolta sotto pavimento in P.V.C. serie pesante nei locali cucine e nei servizi igienici, confluente nella colonna di scarico verticale, debitamente ventilata tramite fuoriuscita sulla copertura del fabbricato. Al piede delle colonne di scarico saranno posti pozzetti di ispezione del tipo sifonato e realizzata la rete di collegamento per confluire nella fognatura Pubblica esistente al centro della Via Roma. In sintesi sarà prevista l esecuzione dei seguenti impianti di tipo elettrico: - Impianto elettrico di illuminazione condominiale aree a parcheggio e percorsi pedonali; - Impianto di illuminazione ordinaria, compresi gli apparecchi illuminanti; - Impianti di messa a terra; - Impianti TV terrestre/satellitare; - Impianti videocitofoni; - Impianto elettrico a servizio delle unità immobiliari (alloggi). 5 ADEGUAMENTO ALLE DISPOSIZIONI LEGISLATIVE DEL D.M. 05/07/75 I locali risultano conformi ai requisiti igienico-sanitari stabiliti dal D.M. in oggetto, in particolare: - l altezza è conforme all art. 1 del D.M.; - la superficie finestrata di ogni singola stanza è maggiore di quanto previsto all art. 5 (1/8 sup. pavimentata); - I servizi igienici saranno dotati di areazione naturale; nel caso di locali igienici privi di areazione naturale, gli stessi saranno dotati di ventilazione meccanica con ricambi d aria rispondenti alla normativa in materia; pagina 10

11 - I sottofondi dei pavimenti saranno realizzati in materiale alleggerito, le murature perimetrali e i solai interpiano verranno isolati termoacusticamente tramite l inserimento di opportuni pannelli al fine di rispettare l indice di valutazione D2m,nT,w che non dovrà essere inferiore a 42 db. Le murature perimetrali sono state dimensionate con spessori di circa cm. 41/42 e con l uso di materiali performanti in grado di garantire standards ottimali di confort abitativo. Il pacchetto murario dei volumi abitativi sarà composto partendo dall interno da: - tavolato in laterizio intonacato al civile sp. 9,5 cm; - intercapedine sp. 9,5 cm.; - tavolato esterno D.UNI sp. 12 cm.; - ciclo isolante del tipo cappotto con finitura superficiale intonacata sp. 10 cm. Si riporta uno schema tipo del pacchetto murario presumibilmente utilizzato: PARTICOLARE TAMPONAMENTO! ESTERNO CON PILASTRO PARTICOLARE PACCHETTO MURARIO TIPO 10 pilastro d'angolo cappotto isolante cm 10 triplo uni 12x25x19 rinzaffo cm 1 esterno camera d'aria laterizio forato cm 8x25x25 intonaco interno cm 1,5 12 1, ,41 pianta scala 1/20 6 ADEGUAMENTO ALLE DISPOSIZIONI PER IL SUPERAMENTO BARR. ARCHITETTONICHE Legge 9/1/1989 N. 13, D.M. 14/6/1989 N. 236 e L.R. 15/89 1. LIVELLO DI QUALITA' DELLO SPAZIO COSTRUITO (art. 3 D.M. e 12 L.R. 15/89) Il progetto prevede la realizzazione di un insediamento residenziale con parcheggi privati esterni, aree verdi private e potenziamento della viabilità carrabile esistente con recupero parziale del percorso pedonale esistente di accesso al nuovo insediamento. Il livello di qualità dello spazio costruito raggiunto dalla progettazione in oggetto, in osservanza dell'art. 3 del D.M. 14/6/'89 n 236, e dell art. 12 comma 1 della L.R. 15/89 risponde ai requisiti di: - accessibilità di un alloggio e degli spazi esterni; - visitabilità degli alloggi; - adattabilità degli alloggi. CRITERI DI PROGETTAZIONE SEGUITI PER RISPONDERE AI REQUISITI DI ACCESSIBILITA L art. 3.2 del D.M. 14/6/1989 N 236 prevede che debba essere garantita l accessibilità a: pagina 11

12 a) gli spazi esterni Il requisito si considera soddisfatto se esiste almeno un percorso agevolmente fruibile anche da parte di persone con ridotte o impedite capacità motorie o sensoriali; Nel progetto in oggetto è prevista una rampa di collegamento tra le due quote del parcheggio privato avente pendenza massima del 8% e impianti servo-scala per tutte le scale esterne di accesso ai giardini pertinenziali e agli alloggi. b) Unità abitativa Il requisito viene soddisfatto garantendo l immediata fruibilità di un alloggio identificato come C1 così come prescritto dall art. 12 comma 1 della L.R. 15/89. CRITERI DI PROGETTAZIONE SEGUITI PER RISPONDERE AI REQUISITI DI VISITABILITA' Ai sensi dell art. 5, par. 5.1 del D.M. 14/6/89 n. 236, nelle unità immobiliari visitabili di edilizia residenziale, di cui all'art. 3, deve essere consentito l'accesso, da parte di persona su sedia a ruote, alla zona di soggiorno o di pranzo, ad un servizio igienico e ai relativi percorsi di collegamento ed in particolare che: - le porte di accesso all unità immobiliare abbiano luce netta di cm. 90, quelle interne non inferiore a cm I servizi igienici siano dimensionati in modo da permettere l utilizzo della tazza w.c. e del lavabo da parte di una persona diversamente abile. - i corridoi ed i disimpegni abbiano una larghezza minima di cm A tal fine si deve assicurare la rispondenza ai criteri di progettazione di cui ai punti 4.1.1, 4.1.6, 4.1.9, 4.2 e alle relative specifiche dimensionali e/o soluzioni tecniche Unità ambientali e loro componenti Porte. Le porte di accesso di ogni unità ambientale devono essere facilmente manovrabili, di tipo e luce netta tali da consentire un agevole transito anche da parte di persona su sedia a ruote; il vano della porta e gli spazi antistanti e retrostanti devono essere complanari. Occorre dimensionare adeguatamente gli spazi antistanti e retrostanti, con riferimento alle manovre da effettuare con la sedia a ruote, anche in rapporto al tipo di apertura. Sono ammessi dislivelli in corrispondenza del vano della porta di accesso di una unità immobiliare, ovvero negli interventi di ristrutturazione, purché questi siano contenuti e tali comunque da non ostacolare il transito di una persona su sedia a ruote. Per dimensioni, posizionamento e manovrabilità la porta deve essere tale da consentire una agevole apertura della/e ante da entrambi i lati di utilizzo; sono consigliabili porte scorrevoli o con anta a libro, mentre devono essere evitate le porte girevoli, a ritorno automatico non ritardato e quelle vetrate se non fomite di accorgimenti per la sicurezza. Le porte vetrate devono essere facilmente individuabili mediante l'apposizione di opportuni segnali. Sono da preferire maniglie del tipo a leva opportunamente curvate ed arrotondate Pavimenti. I pavimenti devono essere di norma orizzontali e complanari tra loro e, nelle parti comuni e di uso pubblico, non sdrucciolevoli. pagina 12

13 Eventuali differenze di livello devono essere contenute ovvero superate tramite rampe con pendenza adeguata in modo da non costituire ostacolo al transito di una persona su sedia a ruote. Nel primo caso si deve segnalare il dislivello con variazioni cromatiche; lo spigolo di eventuali soglie deve essere arrotondato. I grigliati utilizzati nei calpestii debbono avere maglie con vuoti tali da non costituire ostacolo o pericolo rispetto a ruote, bastoni di sostegno, ecc.; gli zerbini devono essere incassati e le guide solidamente ancorate Infissi esterni. Le porte, le finestre e le porte finestre devono essere facilmente utilizzabili anche da persone con ridotte o impedite capacità motorie o sensoriali. I meccanismi di apertura e chiusura devono essere facilmente manovrabili e percepibili e le parti mobili devono poter essere usate esercitando una lieve pressione. Ove possibile si deve dare preferenza a finestre e parapetti che consentono la visuale anche alla persona seduta. Si devono comunque garantire i requisiti di sicurezza e protezione dalle cadute verso l'esterno Arredi fissi. La disposizione degli arredi fissi nell'unità ambientale deve essere tale da consentire il transito della persona su sedia a ruote e l'agevole utilizzabilità di tutte le attrezzature in essa contenute. Dev'essere data preferenza ad arredi non taglienti e privi di spigoli vivi. Le cassette per la posta devono essere ubicate ad una altezza tale da permetterne un uso agevole anche a persona su sedia a ruote. Per assicurare l'accessibilità gli arredi fissi non devono costituire ostacolo o impedimento per lo svolgimento di attività anche da parte di persone con ridotte o impedite capacità motorie. In particolare: - i banconi e i piani di appoggio utilizzati per le normali operazioni del pubblico devono essere predisposti in modo che almeno una parte di essi sia utilizzabile da persona su sedia a ruote, permettendole di espletare tutti i servizi; - nel caso di adozione di bussole, percorsi obbligati, cancelletti a spinta ecc., occorre che questi siano dimensionati e manovrabili in modo da garantire il passaggio di una sedia a ruote; - eventuali sistemi di apertura e chiusura, se automatici, devono essere temporizzati in modo da permettere un agevole passaggio anche a disabili su sedia a ruote; - ove necessario deve essere predisposto un idoneo spazio d'attesa con posti a sedere Terminali degli impianti. Gli apparecchi elettrici, i quadri generali, le valvole e i rubinetti di arresto delle varie utenze, i regolatori degli impianti di riscaldamento e condizionamento, nonché i campanelli, pulsanti di comando e i citofoni, devono essere, per tipo e posizione planimetrica ed altimetrica, tali da permettere un uso agevole anche da parte della persona su sedia a ruote; devono, inoltre, essere facilmente individuabili anche in condizioni di scarsa visibilità ed essere protetti dal danneggiamento per urto Servizi igienici. Nei servizi igienici devono essere garantite, con opportuni accorgimenti spaziali, le manovre di una sedia a ruote necessarie per l'utilizzazione degli apparecchi sanitari. pagina 13

14 Deve essere garantito in particolare: - lo spazio necessario per l'accostamento laterale della sedia a ruote alla tazza e, ove presenti, al bidet, alla doccia, alla vasca da bagno, al lavatoio, alla lavatrice, - lo spazio necessario per l'accostamento frontale della sedia a ruote al lavabo, che deve essere del tipo a mensola; - la dotazione di opportuni corrimano e di un campanello di emergenza posto in prossimità della tazza e della vasca. Si deve dare preferenza a rubinetti con manovra a leva e, ove prevista, con erogazione dell'acqua calda regolabile mediante miscelatori termostatici, e a porte scorrevoli o che aprono verso l'esterno Cucine. Nelle cucine gli apparecchi, e quindi i relativi punti di erogazione, devono essere preferibilmente disposti sulla stessa parete o su pareti contigue. Al di sotto dei principali apparecchi e del piano di lavoro va previsto un vano vuoto per consentire un agevole accostamento anche da parte della persona su sedia a ruote Balconi e terrazze. La soglia interposta tra balcone o terrazza e ambiente interno non deve presentare un dislivello tale da costituire ostacolo al transito di una persona su sedia a ruote. E' vietato l'uso di porte-finestre con traversa orizzontale a pavimento di altezza tale da costituire ostacolo al moto della sedia a ruote. Almeno una porzione di balcone o terrazza, prossima alla porta-finestra, deve avere una profondità tale da consentire la manovra di rotazione della sedia a ruote. Ove possibile si deve dare preferenza a parapetti che consentano la visuale anche alla persona seduta, garantendo contemporaneamente i requisiti di sicurezza e protezione dalle cadute verso l'esterno Percorsi orizzontali. Corridoi e passaggi devono presentare andamento quanto più possibile continuo e con variazioni di direzione ben evidenziate. I corridoi non devono presentare variazioni di livello; in caso contrario queste devono essere superate mediante rampe. La larghezza del corridoio e del passaggio deve essere tale da garantire il facile accesso alle unità ambientali da esso servite e in punti non eccessivamente distanti tra loro essere tale da consentire l'inversione di direzione ad una persona su sedia a ruote. Il corridoio comune posto in corrispondenza di un percorso verticale (quale scala, rampa, ascensore, servoscala, piattaforma elevatrice) deve prevedere una piattaforma di distribuzione come vano di ingresso o piano di arrivo dei collegamenti verticali, dalla quale sia possibile accedere ai vari ambienti, esclusi i locali tecnici, solo tramite percorsi orizzontali Scale. Le scale devono presentare un andamento regolare ed omogeneo per tutto il loro sviluppo. Ove questo non risulti possibile è necessario mediare ogni variazione del loro andamento per mezzo di ripiani di adeguate dimensioni. Per ogni rampa di scale i gradini devono avere la stessa alzata e pedata. Le rampe devono contenere possibilmente lo stesso numero dei gradini, caratterizzati da un corretto rapporto tra alzata e pedata. pagina 14

15 Le porte con apertura verso la scala devono avere uno spazio antistante di adeguata profondità. I gradini delle scale devono avere una pedata antisdrucciolevole a pianta preferibilmente rettangolare e con un profilo preferibilmente continuo a spigoli arrotondati. Le scale devono essere dotate di parapetto atto a costituire difesa verso il vuoto e di corrimano. I corrimano devono essere di facile prendibilità e realizzati con materiale resistente e non tagliente. Le scale comuni e quelle degli edifici aperti al pubblico devono avere i seguenti ulteriori requisiti: 1) la larghezza delle rampe e dei pianerottoli deve permettere il passaggio contemporaneo di due persone ed il passaggio orizzontale di una barella con una inclinazione massima del 15% lungo l'asse longitudinale; 2) la lunghezza delle rampe deve essere contenuta; in caso contrario si deve interporre un ripiano in grado di arrestare la caduta di un corpo umano; 3) il corrimano deve essere installato su entrambi i lati; 4) in caso di utenza prevalente di bambini si deve prevedere un secondo corrimano ad altezza proporzionata; 5) è preferibile una illuminazione naturale laterale. Si deve dotare la scala di una illuminazione artificiale, anche essa laterale, con comando individuabile al buio e disposto su ogni pianerottolo. 6) Le rampe di scale devono essere facilmente percepibili, anche per i non vedenti Rampe. La pendenza di una rampa va definita in rapporto alla capacità di una persona su sedia a ruote di superarla e di percorrerla senza affaticamento anche in relazione alla lunghezza della stessa. Si devono interporre ripiani orizzontali di riposo per rampe particolarmente lunghe. Valgono in generale per le rampe accorgimenti analoghi a quelli definiti per le scale Servoscala e piattaforma elevatrice. Per servoscala e piattaforma elevatrice si intendono apparecchiature atte a consentire, in alternativa ad un ascensore o rampa inclinata, il superamento di un dislivello a persone con ridotta o impedita capacità motoria. Tali apparecchiature sono consentite in via alternativa ad ascensori negli interventi di adeguamento o per superare differenze di quota contenute. Fino all'emanazione di una normativa specifica, le apparecchiature stesse devono essere rispondenti alle specifiche di cui al punto ; devono garantire un agevole accesso e stazionamento della persona in piedi, seduta o su sedia a ruote, e agevole manovrabilità dei comandi e sicurezza sia delle persone trasportate che di quelle che possono venire in contatto con l'apparecchiatura in movimento. A tal fine le suddette apparecchiature devono essere dotate di sistemi anticaduta, anticesoiamento, antischiacciamento, antiurto e di apparati atti a garantire sicurezze di movimento, meccaniche, elettriche e di comando. Lo stazionamento dell'apparecchiatura deve avvenire preferibilmente con la pedana o piattaforma ribaltata verso la parete o incassata nel pavimento. Lo spazio antistante la piattaforma, sia in posizione di partenza che di arrivo, deve avere una profondità tale da consentire un agevole accesso o uscita da parte di una persona su sedia a ruote Spazi esterni Percorsi. pagina 15

16 Negli spazi esterni e sino agli accessi degli edifici deve essere previsto almeno un percorso preferibilmente in piano con caratteristiche tali da consentire la mobilità delle persone con ridotte o impedite capacità motorie, e che assicuri loro la utilizzabilità diretta delle attrezzature dei parcheggi e dei servizi posti all'esterno, ove previsti. I percorsi devono presentare un andamento quanto più possibile semplice e regolare in relazione alle principali direttrici di accesso ed essere privi di strozzature, arredi, ostacoli di qualsiasi natura che riducano la larghezza utile di passaggio o che possano causare infortuni. La loro larghezza deve essere tale da garantire la mobilità nonché, in punti non eccessivamente distanti tra loro, anche l'inversione di marcia da parte di una persona su sedia a ruote. Quando un percorso pedonale sia adiacente a zone non pavimentate, è necessario prevedere un ciglio da realizzare con materiale atto ad assicurare l'immediata percezione visiva nonché acustica se percosso con bastone. Le eventuali variazioni di livello dei percorsi devono essere raccordate con lievi pendenze ovvero superate mediante rampe in presenza o meno di eventuali gradini ed evidenziate con variazioni cromatiche. In particolare, ogni qualvolta il percorso pedonale si raccorda con il livello stradale, o è interrotto da un passo carrabile, devono predisporsi rampe di pendenza contenuta e raccordate in maniera continua col piano carrabile, che consentano il passaggio di una sedia a ruote. Le intersezioni tra percorsi pedonali e zone carrabili devono essere opportunamente segnalate anche ai non vedenti Pavimentazione. La pavimentazione del percorso pedonale deve essere antisdrucciolevole. Eventuali differenze di livello tra gli elementi costituenti una pavimentazione devono essere contenute in maniera tale da non costituire ostacolo al transito di una persona su sedia a ruote. I grigliati utilizzati nei calpestii debbono avere maglie con vuoti tali da non costituire ostacolo o pericolo, rispetto a ruote, bastoni di sostegno, e simili Parcheggi. Si considera accessibile un parcheggio complanare alle aree pedonali di servizio o ad esse collegato tramite rampe o idonei apparecchi di sollevamento. Lo spazio riservato alla sosta delle autovetture delle persone disabili deve avere le stesse caratteristiche di cui al punto Segnaletica. Nelle unità immobiliari e negli spazi esterni accessibili devono essere installati, in posizioni tali da essere agevolmente visibili, cartelli di indicazione che facilitino l'orientamento e la fruizione degli spazi costruiti e che forniscano una adeguata informazione sull'esistenza degli accorgimenti previsti per l'accessibilità di persone ad impedite o ridotte capacita motorie; in tale caso i cartelli indicatori devono riportare anche il simbolo internazionale di accessibilità di cui all'art. 2 del decreto del Presidente della Repubblica 27 aprile 1978, n I numeri civici, le targhe e i contrassegni di altro tipo devono essere facilmente leggibili. pagina 16

17 Per i non vedenti è opportuno predisporre apparecchi fonici per dette indicazioni, ovvero tabelle integrative con scritte in Braille. Per facilitarne l'orientamento è necessario prevedere punti di riferimento ben riconoscibili in quantità sufficiente ed in posizione adeguata. In generale, ogni situazione di pericolo dev'essere resa immediatamente avvertibile anche tramite accorgimenti e mezzi riferibili sia alle percezioni acustiche che a quelle visive. CRITERI DI PROGETTAZIONE SEGUITI PER RISPONDERE AI REQUISITI DI ADATTABILITA Ai sensi dell'art. 6, par del cit. D.M. 14/6/1989 N. 236 le unità immobiliari adattabili di cui all'art. 3, debbono consentire tramite l'esecuzione differita nel tempo di lavori che non modificano né la struttura portante, né la rete degli impianti comuni ed a costi contenuti, le necessità delle persone con ridotta o impedita capacità motoria, garantendo il soddisfacimento delle norme relative all accessibilità. La progettazione deve garantire l'obiettivo che precede con una particolare considerazione sia del posizionamento e dimensionamento dei servizi ed ambienti limitrofi, dei disimpegni e delle porte, sia della futura eventuale dotazione dei sistemi di sollevamento. A tale proposito quando all'interno di unità immobiliari a più livelli, per particolari conformazioni della scala non è possibile ipotizzare l'inserimento di una servoscala con piattaforma, deve essere previsto uno spazio idoneo per l'inserimento di una piattaforma elevatrice. A tal fine si sono previsti i criteri di progettazione indicati al successivo punto CARATTERISTICHE DELLE UNITA' AMBIENTALI E LORO COMPONENTI NELLA RISPONDENZA AI REQUISITI DI ADATTABILITA' PORTE DELLE UNITA' IMMOBILIARI. Le porte sono state previste con caratteristiche già rispondenti ai requisiti dell'accessibilità. Più in particolare si prevede: LUCE NETTA E CARATTERISTICHE DELLE PORTE: Le porte di accesso alle singole unità immobiliari avranno luce netta di mt. 0,90 ( a mt. 0,80), saranno realizzate in legno ed avranno apertura ad anta. Le altre porte avranno luce netta di mt. 0,80 ( a mt. 0,75), saranno realizzate in legno ed avranno apertura ad anta SPAZI ANTISTANTI E RETROSTANTI LE PORTE: SPAZI ANTISTANTI E RETROSTANTI LA/LE PORTA DI INGRESSO: gli spazi antistanti e retrostanti le porte di ingresso saranno complanari- fra gli spazi antistanti e retrostanti le porte di ingresso è prevista una soglia dell'altezza di cm. 2,5 ( 2,5 cm.) e con spigolo arrotondato SPAZI ANTISTANTI E RETROSTANTI LE PORTE INTERNE: gli spazi antistanti e retrostanti le porte interne saranno complanari; avranno caratteristiche tali da consentire il transito e la manovra di una sedia a ruote ALTEZZA DELLE MANIGLIE: L'altezza delle maniglie sarà di mt. 0,90 (compresa tra il minimo di mt. 0,85 ed il massimo di mt. 0,95 prescritti). Le maniglie saranno del tipo a leva DIMENSIONI E CARATTERISTICHE DELLE ANTE: Le singole ante delle porte non avranno larghezza superiore a mt. 1,20. pagina 17

18 Le ante mobili saranno apribili esercitando una pressione non superiore a 8 kg SERVIZI IGIENICI Al fine di rispondere, con opere differite nel tempo, ai requisiti dell accessibilità si è previsto un diverso assetto dei servizi igienici, di seguito descritto e rappresentato ai grafici di cui al sottostante schema ACCOSTAMENTO LATERALE ALLA TAZZA WC ED AL BIDET: tale manovra è consentita dalla predisposizione di uno spazio minimo di cm. 100 misurati dall'asse della tazza wc e bidet ACCOSTAMENTO FRONTALE AL LAVABO: tale manovra è consentita dalla predisposizione di uno spazio minimo di cm. 80 misurati dal bordo anteriore del lavabo ACCOSTAMENTO LATERALE ALLA VASCA: tale manovra è consentita dalla predisposizione di uno spazio di cm. 140 lungo la vasca ( 140), profondo cm. 80 ( 80). pagina 18

19 MANOVRA DEI RUBINETTI: le rubinetterie saranno con manovra a leva e con erogazione dell'acqua calda regolabile mediante miscelatori termostatici SENSO DI APERTURA DELLE PORTE: le porte dei servizi igienici saranno del tipo scorrevole o ad anta con apertura verso l'esterno CARATTERISTICHE DEGLI APPARECCHI SANITARI: LAVABI: i lavabi avranno il piano superiore posto a cm. 80 dal calpestio. Sono previsti in opera lavabi senza colonna, con sifone del tipo accostato o incassato a parete WC e BIDET: detti apparecchi saranno del tipo sospeso. I servizi avranno l'asse posto ad una distanza dalla parete laterale di cm. 40 ( cm. 40); il bordo anteriore sarà a cm dalla parete posteriore ed il piano superiore sarà a cm dal calpestio. Si prevede l'apposizione in fase successiva di maniglioni a cm. 40 dagli apparecchi per consentire il trasferimento DOCCIA: la doccia sarà del tipo a pavimento, dotata di doccia a telefono; il sedile ribaltabile sarà installato in caso di completa accessibilità DOTAZIONE DI CAMPANELLO DI EMERGENZA E CORRIMANO: è prevista la dotazione di campanello di emergenza in prossimità della tazza e della vasca. Sarà prevista la dotazione di corrimano in prossimità della tazza e della vasca. 5.3 PERCORSI ORIZZONTALI E CORRIDOI INTERNI ALLE UNITA IMMOBILIARI I percorsi orizzontali ed i corridoi sono stati previsti con caratteristiche già rispondenti ai requisiti dell'accessibilità. Più in particolare si prevede: LARGHEZZA: i corridoi ed i percorsi orizzontali posti all'interno delle unità immobiliari avranno larghezza di mt. 1,10-1,20 ( 100 cm). ALLARGAMENTI ATTI A CONSENTIRE L'INVERSIONE DI MARCIA DA PARTE DI PERSONA SU SEDIA A RUOTE: è prevista una dimensione tale da prevedere agevoli inversioni di marcia da parte di persona su sedia a ruote. 5.4 PAVIMENTI INTERNI DELLE UNITA' IMMOBILIARI I pavimenti interni delle unità immobiliari sono stati previsti con caratteristiche già rispondenti ai requisiti dell'accessibilità. Più in particolare si prevede: CARATTERISTICHE: i pavimenti saranno in piastrelle di ceramica o similari e in legno. Saranno posati orizzontali e complanari tra loro VARIAZIONI DI LIVELLO: non sono previste variazioni di livello tra le camere, i soggiorni ed i bagni 5.5INFISSI ESTERNI DELLE UNITA' IMMOBILIARI Gli infissi esterni delle unità immobiliari sono stati previsti con caratteristiche già rispondenti ai requisiti dell'accessibilità. Più in particolare si prevede: CARATTERISTICHE DEGLI INFISSI: gli infissi esterni delle saranno realizzati in alluminio o pvc con elementi oscuranti tipo avvolgibili in alluminio ALTEZZA DELLE MANIGLIE O DISPOSITIVI DI COMANDO: le maniglie saranno poste ad un altezza di cm. 115 dal pavimento ( 100 cm e 130 cm). pagina 19

20 PARAPETTI DELLE FINESTRE: i parapetti sono previsti in muratura ed avranno altezza minima di cm. 100 ( 100 cm.) SPIGOLI VIVI DELLA TRAVERSA INFERIORE DELL'ANTA APRIBILE DELLE FINESTRE: lo spigolo vivo della traversa inferiore dell'anta apribile sarà sagomato a raccordo curvo e protetto da una guarnizione in gomma al fine di non causare infortuni PRESSIONE DI APERTURA: le ante mobili degli infissi esterni saranno apribili esercitando una pressione non superiore a 8 kg. 5.6 TERMINALI DEGLI IMPIANTI DELLE UNITA' IMMOBILIARI I terminali degli impianti delle unità immobiliari sono stati previsti con caratteristiche già rispondenti ai requisiti dell'accessibilità. Più in particolare si prevede: INTERRUTTORI: gli interruttori saranno posti ad un altezza dal pavimento di cm. 105 (altezze consigliate di norma: tra 75 e 140 cm.) CAMPANELLO E PULSANTE DI COMANDO: i campanelli ed i pulsanti di comando saranno posti ad un altezza dal pavimento di cm. 105 (altezze consigliate di norma: tra 60 e 140 cm.) PRESE LUCE: le prese luce saranno poste ad un altezza dal pavimento di cm. 60 (altezze consigliate di norma: tra 60 e 110 cm.) CITOFONO: il citofono sarà posto ad un altezza di cm. 130 dal pavimento (altezze di norma: tra 110 e 130 cm.) 5.7 CUCINE La futura accessibilità dell'angolo cottura sarà possibile tramite: USO AGEVOLE DEL LAVELLO E DELL'APPARECCHIO COTTURA: al fine di consentire un uso agevole del lavello e dell'apparecchio cottura la normativa prescrive uno spazio libero sottostante per un altezza minima di cm. 70 dal calpestio. Tale condizione è raggiungibile tramite la messa in opera di cottura e lavello da incasso posti su piano e privi di mobili od ante di chiusura della parte sottostante POSIZIONE DEGLI APPARECCHI E DEI PUNTI DI EROGAZIONE: nella disposizione delle cucine si tenderà a disporre i punti di erogazione ed i relativi apparecchi nella stessa parete o in pareti contigue. 5.8 BALCONI E TERRAZZE Sono previste logge con caratteristiche già rispondenti ai requisiti dell'accessibilità. Più in particolare si prevede: ALTEZZA DEL PARAPETTO: il parapetto avrà altezza di mt. 100 ( mt. 1,00) e sarà realizzato parte in muratura e parte con ringhiera in ferro; tale ringhiera sarà realizzata in modo tale che tra un elemento costruttivo ed il successivo vi sia una distanza max di cm POSSIBILITA' DEL CAMBIAMENTO DI DIREZIONE: la larghezza media delle logge sarà di mt. 1,80, sufficiente a garantire il cambiamento di direzione da parte di persona su sedia a ruote in quanto inscrivente una circonferenza di diametro 140 cm. 6. SERVOSCALA 6.1 Ogni abitazione è raggiungibile attraverso l impianto di servoscala in ogni scala di accesso ai giardini pertinenziali. 7 VERIFICA STANDARDS URBANISTICI pagina 20

Decreto Ministeriale n 236 del 14/06/1989

Decreto Ministeriale n 236 del 14/06/1989 Decreto Ministeriale n 236 del 14/06/1989 Prescrizioni tecniche necessarie a garantire l'accessibilità, l'adattabilità e la visitabilità degli edifici privati e di edilizia residenziale pubblica e sovvenzionata

Dettagli

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF 5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF Ecco un elenco esemplificativo di interventi ammissibili a fruire della detrazione Irpef. In ogni caso, deve essere verificata la conformità

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via S. Andrea, 8 32100 Belluno Tel. 0437 516927 Fax 0437 516923 e-mail: serv.spisal.bl@ulss.belluno.it Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via Borgo

Dettagli

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * *

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * * COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci ina 1 L Amministrazione comunale di Ronco Scrivia (provincia di Genova) intende integrare la dotazione

Dettagli

AGGIORNAMENTO DELLE NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE DEL S.U.A.

AGGIORNAMENTO DELLE NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE DEL S.U.A. AGGIORNAMENTO DELLE NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE DEL S.U.A. NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE P.R.G. VIGENTE In base alla tavola di Zonizzazione del P.R.G. vigente l area oggetto dell intervento è normata come

Dettagli

RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA

RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA Comune della Spezia MARIO NIRO 5S a.s. 2013/2014 RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA RELATIVA AL PROGETTO DI ABITAZIONE UNIFAMILIARE DA EDIFICARE PRESSO IL COMUNE DELLA SPEZIA, VIA MONTALBANO CT FOGLIO 60, MAPPALE

Dettagli

PARAMETRI URBANISTICI ED EDILIZI

PARAMETRI URBANISTICI ED EDILIZI PARAMETRI URBANISTICI ED EDILIZI Nel presente fascicolo verranno definiti e trattati i seguenti argomenti: a. Parametri Urbanistici; b. Edifici e parti di Edificio; c. Standard Residenziale per Abitante;

Dettagli

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE foglio mappale dimensione in mq 23 42 1.388 mq 23 35 1.354 mq 23

Dettagli

COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO

COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO OGGETTO : PIANO ESECUTIVO CONVENZIONATO PER L AREA D1 DELLA ZONA P1.8 DEL P.R.G.C. RIF. CATASTALI : FOGLIO 26 MAPP.NN.232(ex36/a), 233(ex37/a, 112, 130, 136, 171,

Dettagli

Relazione tecnica. Interferenze

Relazione tecnica. Interferenze Relazione tecnica L autorimessa interrata di Via Camillo Corsanego, viene realizzata nel V Municipio ai sensi della Legge 122/89 art.9 comma 4 (Legge Tognoli). Il dimensionamento dell intervento è stato

Dettagli

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U.

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. DISCIPLINA DEI LIMITI E DEI RAPPORTI RELATIVI ALLA FORMAZIONE DI NUOVI STRUMENTI URBANISTICI

Dettagli

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI Introduzione Le dimensioni delle cabine degli ascensori debbono rispettare valori minimi stabiliti dalle normative vigenti,

Dettagli

Aprile 2007. Prevenzione dei rischi di caduta dall alto nei lavori di manutenzione in quota su pareti e coperture

Aprile 2007. Prevenzione dei rischi di caduta dall alto nei lavori di manutenzione in quota su pareti e coperture LINEE GUIDA RELATIVE ALLE MISURE PREVENTIVE E PROTETTIVE DA PREDISPORRE NEGLI EDIFICI PER L ACCESSO, IL TRANSITO E L ESECUZIONE DEI LAVORI DI MANUTENZIONE IN QUOTA IN CONDIZIONI DI SICUREZZA Aprile 2007

Dettagli

CRITERI DI PROGETTAZIONE PER L ACCESSIBILITA AGLI IMPIANTI SPORTIVI

CRITERI DI PROGETTAZIONE PER L ACCESSIBILITA AGLI IMPIANTI SPORTIVI CRITERI DI PROGETTAZIONE PER L ACCESSIBILITA AGLI IMPIANTI SPORTIVI Premessa...Pag.2 1. Introduzione..Pag.2 1.a Definizione di barriera architettonica....pag.2 1.b Antropometria e quadro esigenziale.....pag.3

Dettagli

Pannelli Solari Termici. Parete esterna verticale. Tipologia di. inserimento. I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale

Pannelli Solari Termici. Parete esterna verticale. Tipologia di. inserimento. I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale Pannelli Solari Termici Parete esterna verticale I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale dell edificio. Pannelli Solari Termici Parete esterna verticale e parapetti Legenda

Dettagli

S.F.S. Scuola per la Formazione e Sicurezza in Edilizia della provincia di Massa Carrara - Ing. Antonio Giorgini

S.F.S. Scuola per la Formazione e Sicurezza in Edilizia della provincia di Massa Carrara - Ing. Antonio Giorgini CADUTE DALL ALTO CADUTE DALL ALTO DA STRUTTURE EDILI CADUTE DALL ALTO DA OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO PER APERTURE NEL VUOTO CADUTE DALL ALTO PER CEDIMENTI O CROLLI DEL TAVOLATO CADUTE DALL ALTO

Dettagli

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche Comune di Parma Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche A vent anni dall entrata in vigore della più importante legge sull abbattimento delle barriere

Dettagli

IL MINISTRO DELL INTERNO

IL MINISTRO DELL INTERNO D.M. 16 maggio 1987, n. 246 (G.U. n. 148 del 27 giugno 1987) NORME DI SICUREZZA ANTINCENDI PER GLI EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE IL MINISTRO DELL INTERNO Vista la legge 27 dicembre 1941, n. 1570: Vista

Dettagli

FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI)

FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI) FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI) Domande frequenti inerenti la Relazione Energetico - Ambientale e la conformità delle pratiche edilizie alla normativa di settore. Aggiornamento al

Dettagli

Progettista(i) degli impianti termici e dell isolamento termico dell'edificio

Progettista(i) degli impianti termici e dell isolamento termico dell'edificio ALLEGATO E (Allegato I, comma 15) RELAZIONE TECNICA DI CUI ALL'ARTICOLO 28 DELLA LEGGE 9 GENNAIO 1991, N. 10, ATTESTANTE LA RISPONDENZA ALLE PRESCRIZIONI IN MATERIA DI CONTENIMENTO DEL CONSUMO ENERGETICO

Dettagli

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o Come disposto nelle norme di attuazione, artt. 15, 16, 17 e dall Allegato 5 alle NTA del PTC2 gli strumenti urbanistici generali e le relative varianti assumono l obbiettivo strategico e generale del contenimento

Dettagli

Indice. Parte Prima. Premessa... pag. 2. Contenuti e limiti previsti dal Piano Casa 2 3. Parte Seconda. A) Definizioni. pag. 9

Indice. Parte Prima. Premessa... pag. 2. Contenuti e limiti previsti dal Piano Casa 2 3. Parte Seconda. A) Definizioni. pag. 9 Indice Parte Prima Premessa... pag. 2 Contenuti e limiti previsti dal Piano Casa 2 3 Parte Seconda A) Definizioni. pag. 9 B) Disposizioni riguardanti aspetti generali. 10 C) Disposizioni in materia di

Dettagli

(Gli asterischi indicano punti di interesse per i disabili visivi o modifiche richieste nel caso che la circolare fosse sottoposta a revisione).

(Gli asterischi indicano punti di interesse per i disabili visivi o modifiche richieste nel caso che la circolare fosse sottoposta a revisione). (Gli asterischi indicano punti di interesse per i disabili visivi o modifiche richieste nel caso che la circolare fosse sottoposta a revisione). CIRCOLARE N 4 del 1 MARZO 2002 OGGETTO: Linee guida per

Dettagli

VARIANTE AGLI ARTT. 32, 36, 37, 38, 46, 54, 87 DEL VIGENTE P.R.G. ADEGUATO AL P.P.A.R.

VARIANTE AGLI ARTT. 32, 36, 37, 38, 46, 54, 87 DEL VIGENTE P.R.G. ADEGUATO AL P.P.A.R. VARIANTE AGLI ARTT. 32, 36, 37, 38, 46, 54, 87 DEL VIGENTE P.R.G. ADEGUATO AL P.P.A.R. VIGENTE MODIFICATO ARTICOLO 31 ZONE AGRICOLE 1. Sono considerate zone agricole assimilabili alle zone E del D.M. n

Dettagli

(Omissis) Art. 1. (Campo di applicazione).

(Omissis) Art. 1. (Campo di applicazione). DECRETO MINISTERIALE 2 aprile 1968, n. 1444 (pubblicato nella g. u. 16 aprile 1968, n. 97). Limiti inderogabili di densità edilizia, di altezza, di distanza fra i fabbricati e rapporti massimi tra spazi

Dettagli

CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997)

CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997) CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997) Progetto per la realizzazione di: Edificio residenziale Località: Ancona Indirizzo: via Menicucci, 3 Il tecnico competente Ancona, 20/09/2011

Dettagli

Opere di ristrutturazione edilizia e risanamento conservativo - variante essenziale relative all'immobile sito in via Millelire n 10/c - Milano

Opere di ristrutturazione edilizia e risanamento conservativo - variante essenziale relative all'immobile sito in via Millelire n 10/c - Milano Comune di MILANO Provincia di MILANO Regione LOMBARDIA RELAZIONE TECNICA Rispondenza alle prescrizioni in materia di contenimento del consumo energetico Deliberazione Giunta Regionale 22 dicembre 2008

Dettagli

OPERE PREFABBRICATE INDUSTRIALI

OPERE PREFABBRICATE INDUSTRIALI Cap. XIV OPERE PREFABBRICATE INDUSTRIALI PAG. 1 14.1 OPERE COMPIUTE Opere prefabbricate in cemento armato. Prezzi medi praticati dalle imprese specializzate del ramo per ordinazioni dirette (di media entità)

Dettagli

RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50

RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50 RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50 L'edificio oggetto dell'intervento, si trova a Bolzano in via Dalmazia ai numeri 60, 60A e 62 E' stato costruito nei primi anni '50

Dettagli

BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI

BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI Gli aggiornamenti più recenti Proroga dell agevolazione al 31 dicembre 2015 I quesiti più frequenti aggiornamento aprile 2015 ACQUISTI AGEVOLATI IMPORTO DETRAIBILE MODALITA

Dettagli

OPERE SPECIALI PREFABBRICATI

OPERE SPECIALI PREFABBRICATI OPERE SPECIALI PREFABBRICATI (Circ. Min. 13/82) ISTRUZIONI SCRITTE (Articolo 21) Il fornitore dei prefabbricati e della ditta di montaggio, ciascuno per i settori di loro specifica competenza, sono tenuti

Dettagli

OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO

OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO CORSO DI INFORMAZIONE PER STUDENTI PREVENZIONE E SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE MEDICA Servizio Prevenzione Ambienti Lavoro RISCHI DI CADUTA

Dettagli

OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85)

OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85) timbro protocollo AL RESPONSABILE Area delle Politiche Infrastrutturali e del Territorio DEL COMUNE DI SPADAFORA (ME) OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85) OGGETTO: Comunicazione opere interne ai sensi dell

Dettagli

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli

RILEVAZIONE STATISTICA DEI PERMESSI DI COSTRUIRE, DIA,EDILIZIA PUBBLICA (DPR 380/2001, art. 7) SISTEMA STATISTICO NAZIONALE

RILEVAZIONE STATISTICA DEI PERMESSI DI COSTRUIRE, DIA,EDILIZIA PUBBLICA (DPR 380/2001, art. 7) SISTEMA STATISTICO NAZIONALE RILEVAZIONE STATISTICA DEI PERMESSI DI COSTRUIRE, DIA,EDILIZIA PUBBLICA (DPR 380/2001, art. 7) SISTEMA STATISTICO NAZIONALE ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL MODELLO ISTAT/PDC/NRE

Dettagli

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio.

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio. Milano lì Ns. Rif.: 13 novembre 2013 820038.309 Agli Ordini e Collegi aderenti al C.I.P.I. loro sedi K:\Ufficio\07 Documenti\CIPI\820038 Comitato interpr. prevenzione incendi\820038 corrispondenza dal

Dettagli

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 Nuovo Piano Casa Regione Lazio Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 AMBITO DI APPLICAZIONE (Art. 2) La Legge si applica agli edifici: Legittimamente realizzati

Dettagli

COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro)

COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro) COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro) PROGETTO DEFINITIVO-ESECUTIVO Comune di TROPEA Interventi manutentivi alla rete idrica comunale per fronteggiare l emergenza idrica sul territorio di Tropea Completamento,

Dettagli

5 I COEFFICIENTI CORRETTIVI

5 I COEFFICIENTI CORRETTIVI 5 I COEFFICIENTI CORRETTIVI In questo capitolo, dopo aver definito il concetto di «coefficienti correttivi», verranno esaminati nel dettaglio i coefficienti di riduzione previsti dalla Circolare del Ministero

Dettagli

FIA SISTeM dal 1984 eleganza e SIcurezzA.

FIA SISTeM dal 1984 eleganza e SIcurezzA. FIA SISTeM dal 1984 eleganza e SIcurezzA. FIA SISTEM nasce nel 1984 come azienda sotto casa, occupandosi principalmente della realizzazione di impianti elettrici e di installazione e motorizzazione di

Dettagli

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO A l l e g a t o A COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO (ERRATA CORRIGE AL C.M.E. ALLEGATO ALLA GARA ED INSERITO SUL WEB) PROPRIETA ANCONAMBIENTE S.P.A. VIA DEL COMMERCIO 27, 60127 ANCONA OGGETTO OPERE

Dettagli

ALLEGATO A) ALLA DELIBERAZIONE DI G.C. DEL COMUNE DI BRESCIA IN DATA 23.11.2005 N. 1178/45828 P.G.

ALLEGATO A) ALLA DELIBERAZIONE DI G.C. DEL COMUNE DI BRESCIA IN DATA 23.11.2005 N. 1178/45828 P.G. ALLEGATO A) ALLA DELIBERAZIONE DI G.C. DEL COMUNE DI BRESCIA IN DATA 23.11.2005 N. 1178/45828 P.G. CRITERI E PROCEDURA PER IL RILASCIO DI CONCESSIONI DI OCCUPAZIONE SUOLO PUBBLICO PER L INSTALLAZIONE DI

Dettagli

Guida al PIANO CASA della Regione TOSCANA

Guida al PIANO CASA della Regione TOSCANA Guida al PIANO CASA della Regione TOSCANA (aggiornata a gennaio 2014) 1 SOMMARIO INTRODUZIONE... pag. 3 IL PIANO CASA IN TOSCANA... pag. 4 INTERVENTI DI AMPLIAMENTO....pag. 5 INTERVENTI DI DEMOLIZIONE

Dettagli

N O EATR THI. NO LC A B ER I P TEM IS S etra.it.m w w w

N O EATR THI. NO LC A B ER I P TEM IS S etra.it.m w w w www.metra.it SISTEMI PER BALCONI. THEATRON METRA. LO STILE CHE DA VALORE AL TUO HABITAT METRA. Design, Colore, Emozione. Lo stile italiano che il mondo ci invidia. I sistemi integrati METRA sono stati

Dettagli

LA TRASMITTANZA TERMICA DEGLI INFISSI: COS'E' E COME SI CALCOLA

LA TRASMITTANZA TERMICA DEGLI INFISSI: COS'E' E COME SI CALCOLA LA TRASMITTANZA TERMICA DEGLI INFISSI: COS'E' E COME SI CALCOLA 1. La trasmittanza termica U COS'E? La trasmittanza termica U è il flusso di calore medio che passa, per metro quadrato di superficie, attraverso

Dettagli

THEATRON Linea GLASS. Sistemi per Balconi

THEATRON Linea GLASS. Sistemi per Balconi www.metrawindows.it THEATRON Linea GLASS Sistemi per Balconi METRA. LO STILE CHE DA VALORE AL TUO HABITAT METRA. Design, Colore, Emozione. Lo stile italiano che il mondo ci invidia. I sistemi integrati

Dettagli

SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica

SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica VARIANTE CONNESSA A S.U.A. IN ZONA C3 DEL VIGENTE PRG RELAZIONE E NORME DI ATTUAZIONE IL DIRIGENTE SETTORE TERRITORIO (Ing. Gian Paolo TRUCCHI) IL PROGETTISTA (Arch.

Dettagli

Comune di Santa Croce sull Arno

Comune di Santa Croce sull Arno Comune di Santa Croce sull Arno Provincia di Pisa REGOLAMENTO URBANISTICO NORME DI ATTUAZIONE A cura degli estensori del piano Ing. Riccardo Ciuti Arch. Luca Tosi Parte prima - Norme generali Art. 1 Elaborati

Dettagli

REGOLAMENTO STRUTTURE TEMPORANEE -

REGOLAMENTO STRUTTURE TEMPORANEE - REGOLAMENTO STRUTTURE TEMPORANEE - 1 2 Art. 1 - OGGETTO E DEFINIZIONI 1. Il presente regolamento disciplina la collocazione su suolo pubblico e privato delle strutture temporanee a servizio di locali ad

Dettagli

AREA Pianificazione e Progettazione RELAZIONE

AREA Pianificazione e Progettazione RELAZIONE PROVINCIA DI FIRENZE AREA Pianificazione e Progettazione RELAZIONE Variante normativa al Regolamento Urbanistico vigente di adeguamento al "regolamento di attuazione dell'articolo 144 della L.R. n. 1/2005

Dettagli

PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri PRODOTTI DA COSTRUZIONE

PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri Acciai per la realizzazione di strutture metalliche e di strutture composte (laminati, tubi senza saldatura, tubi

Dettagli

Catalogo Tecnico 2012 OLA 20

Catalogo Tecnico 2012 OLA 20 Catalogo Tecnico 2012 OLA 20 Catalogo Tecnico 2012 OLA 20 CATALOGO TECNICO SCARICATO DA WWW.SNAIDEROPARTNERS.COM IL CATALOGO È SOGGETTO AD AGGIORNAMENTI PERIODICI SEGNALATI ALL INTERNO DI EXTRANET: PRIMA

Dettagli

Il presente decreto sara' pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana.

Il presente decreto sara' pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana. DM 13/12/93 APPROVAZIONE DEI MODELLI TIPO PER LA COMPILAZIONE DELLA RELAZIONE TECNICA DI CUI ALL'ART. 28 DELLA LEGGE 9 GENNAIO 1991 N. 10, ATTESTANTE LA RISPONDENZA ALLE PRESCRIZIONI IN MATERIA DI CONTENIMENTO

Dettagli

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 CARTA SEMPLICE FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 ALL A.S.L. N. CN2 ALBA BRA DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio Prevenzione Sicurezza Ambienti di Lavoro Via Vida

Dettagli

CADUTA DALL ALTO E LINEE VITA LA LEGGE PAROLARI

CADUTA DALL ALTO E LINEE VITA LA LEGGE PAROLARI CORSO DI AGGIORNAMENTO PER LA FORMAZIONE DELLE COMPETENZE PROFESSIONALI IN MATERIA DI SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI ALLA LUCE DELL ENTRATA IN VIGORE DEL NUOVO TESTO UNICO SULLA SICUREZZA D.Lgs. 9 aprile

Dettagli

Comune di San Giustino. STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI

Comune di San Giustino. STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI Comune di San Giustino STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI Presentazione pubblica del 19.02.2015 IPOTESI PROGETTUALI CONSIDERAZIONI PRELIMINARI TUTELARE L ACCESSIBILITÀ AI

Dettagli

La pubblicazione del testo non ha carattere di ufficialita'

La pubblicazione del testo non ha carattere di ufficialita' Testo vigente LEGGE REGIONALE 20 aprile 2015, n. 17 Riordino e semplificazione della normativa regionale in materia di edilizia ( B.U. 30 aprile 2015, n. 37 ) La pubblicazione del testo non ha carattere

Dettagli

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO (articolo 70 della legge provinciale 5 settembre 1991, n. 22 articolo 64 della

Dettagli

Il Ministro dell Economia e delle Finanze. Il Ministro dello Sviluppo Economico. di concerto con

Il Ministro dell Economia e delle Finanze. Il Ministro dello Sviluppo Economico. di concerto con Il Ministro dell Economia e delle Finanze di concerto con Il Ministro dello Sviluppo Economico Visto l articolo 1 della legge 27 dicembre 2006, n. 296, recante legge finanziaria per il 2007 (di seguito:

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico ERETO 11 marzo 2008 coordinato con ecreto 26 gennaio 2010 (modifiche in rosso, in vigore dal 14 marzo 2010; attenzione: le modifiche sono riportate al solo scopo di facilitare la lettura del decreto; in

Dettagli

LA PROTEZIONE DA RISCHI DI CADUTA DAI LUCERNARI nelle coperture industriali

LA PROTEZIONE DA RISCHI DI CADUTA DAI LUCERNARI nelle coperture industriali LA PROTEZIONE DA RISCHI DI CADUTA DAI LUCERNARI nelle coperture industriali MANUALE TECNICO APPLICATIVO A CURA DI ASSOCOPERTURE PERCHÈ PROTEGGERE I VUOTI Riteniamo necessario parlare ai tecnici del settore

Dettagli

Interventi privi di rilevanza per la pubblica incolumità ai fini sismici

Interventi privi di rilevanza per la pubblica incolumità ai fini sismici Allegato 1 Interventi privi di rilevanza per la pubblica incolumità ai fini sismici 1. Premessa 1.1 Ambito di applicazione ed efficacia. Ai sensi dell art. 9, comma 3, della legge regionale n. 19 del 2008,

Dettagli

Giunta Regionale della Campania

Giunta Regionale della Campania Avvertenze: il testo vigente qui pubblicato è stato redatto dal Settore Legislativo dell'a.g.c. 01 della Giunta Regionale al solo fine di facilitare la lettura delle disposizioni della legge, integrata

Dettagli

P.R.G. PIAZZOLA SUL BRENTA COMUNE DI NORME DI ATTUAZIONE PADOVA. Versione aggiornata AGOSTO 2009

P.R.G. PIAZZOLA SUL BRENTA COMUNE DI NORME DI ATTUAZIONE PADOVA. Versione aggiornata AGOSTO 2009 COMUNE DI PIAZZOLA SUL BRENTA P.R.G. PADOVA Versione aggiornata AGOSTO 2009 NORME DI ATTUAZIONE PROGETTAZIONE arch. Vasco Camporese arch. Piergiorgio Tombolan COLLABORATORI TECNICI arch. Italo Tussardi

Dettagli

Censimento Programma di intervento per l abbattimento delle barriere architettoniche e urbanistiche

Censimento Programma di intervento per l abbattimento delle barriere architettoniche e urbanistiche Censimento Programma di intervento per l abbattimento delle barriere architettoniche e urbanistiche Schede rilievo SCHEDA RILIEVO BARRIERE ARCHITETTONICHE SPAZI - strade Vinci Toiano CENTRO ABITATO Sant

Dettagli

SCHEMA DI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE SUA

SCHEMA DI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE SUA NTA di SUA di iniziativa privata SCHEMA DI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE SUA.. INDICE ART. 1 AMBITO DI APPLICAZIONE... pag. 2 ART. 2 ELABORATI DEL PIANO...» 2 ART. 3 DATI COMPLESSIVI DEL PIANO...» 2 ART.

Dettagli

ASSOCIAZIONE TETRA-PARAPLEGICI DEL FRIULI VENEZIA GIULIA ONLUS. Guida alla progettazione accessibile e funzionale

ASSOCIAZIONE TETRA-PARAPLEGICI DEL FRIULI VENEZIA GIULIA ONLUS. Guida alla progettazione accessibile e funzionale ASSOCIAZIONE TETRA-PARAPLEGICI DEL FRIULI VENEZIA GIULIA ONLUS Guida alla progettazione accessibile e funzionale prog_43giparte_cambion.qxp 03/08/2006 10.13 Pagina 3 PENSARE ACCESSIBILE E FUNZIONALE PER

Dettagli

ISTITUTO AUTONOMO PER LE CASE POPOLARI

ISTITUTO AUTONOMO PER LE CASE POPOLARI ISTITUTO AUTONOMO PER LE CASE POPOLARI DELLA PROVINCIA DI CASERTA SETTORE TECNICO UFFICIO PROGETTAZIONE INTERVENTI E.R.S. E M.O. LAVORI DI MANUTENZIONE ORDINARIA EDILE ELENCO PREZZI UNITARI RESP. UFFICIO

Dettagli

VIA URBANA UNA NUOVA STORIA ABITATIVA VIA URBANA UNA NUOVA STORIA ABITATIVA

VIA URBANA UNA NUOVA STORIA ABITATIVA VIA URBANA UNA NUOVA STORIA ABITATIVA VIA URBANA UNA NUOVA STORIA ABITATIVA LA MODERNA VIA URBANA RICALCA IL PERCORSO DI UN ANTICA STRADA ROMANA (IL VICUS PATRICIUS), SEDE DI RESIDENZE PATRIZIE DI EPOCA REPUBBLICANA E IMPERIALE, A CUI SI ALTERNAVANO

Dettagli

Guida. alla detrazione fiscale del. 65% per la. riqualificazione energetica e l adeguamento antisismico degli edifici

Guida. alla detrazione fiscale del. 65% per la. riqualificazione energetica e l adeguamento antisismico degli edifici Guida alla detrazione fiscale del 65% per la riqualificazione energetica e l adeguamento antisismico degli edifici Aggiornata al 20 dicembre 2013 Sommario 1. IL QUADRO NORMATIVO.... pag. 3 2. EDIFICI INTERESSATI.....

Dettagli

PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI

PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI N. VOCE DESCRIZIONE LAVORAZIONE QUANTITA' PREZZO UNIT. TOTALE

Dettagli

4 - Dati generali e climatici

4 - Dati generali e climatici 4 - Dati generali e climatici 88 Sommario 4.1 Dati catasto energetico... 91 4.1.1 Edificio... 91 4.1.2 Proprietario e responsabile dell impianto... 92 4.2 Dati generali... 96 4.2.1 Richiesta... 96 4.2.2

Dettagli

LE ROTATORIE DI SECONDA GENERAZIONE

LE ROTATORIE DI SECONDA GENERAZIONE LE ROTATORIE DI SECONDA GENERAZIONE Alcuni criteri di pianificazione delle rotatorie Cenni alla manualistica della Regione Piemonte, della Regione Lombardia e di altri Paesi europei Torino, 14 DICEMBRE

Dettagli

Corsi di:produzione EDILIZIA E SICUREZZA - ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE OPERE PROVVISIONALI. prof. ing. Pietro Capone

Corsi di:produzione EDILIZIA E SICUREZZA - ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE OPERE PROVVISIONALI. prof. ing. Pietro Capone Corsi di:produzione EDILIZIA E SICUREZZA - ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE prof. ing. Pietro Capone Opere realizzate provvisoriamente allo scopo di consentire l esecuzione dell opera, la loro vita è legata

Dettagli

ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico

ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico ALLEGATO A ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico A) SOPRALLUOGHI, VISITE TECNICHE, VERIFICHE DI IMPIANTI A.1) Sopralluogo ed esame

Dettagli

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI COMUNE DI SIRIGNANO PROVINCIA DI AVELLINO Piazza Aniello Colucci 83020 SIRIGNANO (AV) Tel. 081-5111570 Fax 081-5111625 CF 80004370641 P. IVA 00256240649 PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI

Dettagli

AUTOCALCOLO ONERI RELATIVI ALLA PRATICA DI:

AUTOCALCOLO ONERI RELATIVI ALLA PRATICA DI: COMUNE DI FINALE EMILIA (Provincia di Modena) P.zza Verdi, 1 41034 Finale Emilia (Mo) Tel. 0535-788111 fa 0535-788130 Sito Internet: www.comunefinale.net SERVIZIO URBANISTICA E EDILIZIA PRIVATA AUTOCALCOLO

Dettagli

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe CORSO BASE DI SPECIALIZZAZIONE DI PREVENZIONE INCENDI Analisi di rischio e individuazione delle misure di sicurezza equivalenti. Individuazione delle misure di prevenzione e/o di protezione che permettono

Dettagli

L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n.

L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n. Spazio riservato al Servizio Urbanistica AGIBILITA' n del L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n.160 ) l sottoscritt...

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE UNIVERSITA' DEGLI STUDI SASSARI UFFICIO TECNICO LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE, RESTAURO CONSERVATIVO E ADEGUAMENTO NORMATIVO DELL EDIFICIO SITO IN SASSARI IN LARGO PORTA NUOVA DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

Dettagli

ANALISI DELLE NOVITÀ IN EDILIZIA INTRODOTTE DAL DECRETO DEL FARE

ANALISI DELLE NOVITÀ IN EDILIZIA INTRODOTTE DAL DECRETO DEL FARE ANALISI DELLE NOVITÀ IN EDILIZIA INTRODOTTE DAL DECRETO DEL FARE Il decreto legge 69/2013 ha introdotto significativi cambiamenti nel settore dell edilizia: nel presente dossier analizziamo le più importanti

Dettagli

ESEDRA ENERGIA. S o c i e t à C o o p. S o c. SISTEMI DI FISSAGGIO PER PANNELLI SOLARI C A T A L O G O 2 0 1 1

ESEDRA ENERGIA. S o c i e t à C o o p. S o c. SISTEMI DI FISSAGGIO PER PANNELLI SOLARI C A T A L O G O 2 0 1 1 ESEDRA ENERGIA S o c i e t à C o o p. S o c. SISTEMI DI FISSAGGIO PER PANNELLI SOLARI C A T A L O G O 2 0 1 1 La decennale esperienza di Esedra nel mondo delle energie rinnovabili ha dato vita alla linea

Dettagli

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la Sistema scaldante resistivo per la protezione antighiaccio ed antineve di superfici esterne Il sistema scaldante ha lo scopo di evitare la formazione di ghiaccio e l accumulo di neve su superfici esterne

Dettagli

DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA

DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA ai sensi degli articoli 41 e 42 L.R. 11.03.2005 n.12 e successive modifiche ed integrazioni

Dettagli

Realizzazione di un. Disposizioni per la prevenzione dei rischi da caduta dall alto!!" "

Realizzazione di un. Disposizioni per la prevenzione dei rischi da caduta dall alto!! Azienda Sanitaria Locale della Provincia di Mantova Procedure di sicurezza per l installazione e la manutenzione di pannelli fotovoltaici Azienda Sanitaria Locale della Provincia di Mantova Realizzazione

Dettagli

ORDINE DEGLI ARCHITETTI, P.,P., e C. DELLA PROVINCIA DI PISA

ORDINE DEGLI ARCHITETTI, P.,P., e C. DELLA PROVINCIA DI PISA ORDINE DEGLI ARCHITETTI, P.,P., e C. DELLA PROVINCIA DI PISA COMMISSIONE TASSAZIONE NOTULE FASI O "LIVELLI DI ELABORAZIONE E REDAZIONE DEL PROGETTO ESECUTIVO NEI LAVORI PRIVATI PREMESSA L'accertamento

Dettagli

STIMA DEI COSTI DELLA SICUREZZA

STIMA DEI COSTI DELLA SICUREZZA COMUNE DI SANTA MARGHERITA LIGURE Piazza Mazzini, 46 16038 SANTA MARGHERITA LIGURE (GE) REALIZZAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOLTAICI SULLE COPERTURE DELLA SCUOLA PRIMARIA A.R. SCARSELLA, DELLA SCUOLA DELL'INFANZIA

Dettagli

Norme del Documento di Piano

Norme del Documento di Piano Norme del Documento di Piano SOMMARIO: ART. 1. DISPOSIZIONI GENERALI... 3 ART. 2. CONTENUTO DEL DOCUMENTO DI PIANO... 4 ART. 3. RINVIO AD ALTRE DISPOSIZIONI DIFFORMITÀ E CONTRASTI TRA DISPOSIZIONI, DEROGHE...

Dettagli

FINESTRE IN PVC E PVC-ALLUMINIO TOP 72. Benessere da vivere. Su misura.

FINESTRE IN PVC E PVC-ALLUMINIO TOP 72. Benessere da vivere. Su misura. FINESTRE IN PVC E PVC-ALLUMINIO TOP 72 Benessere da vivere. Su misura. 2 Qualità e varietà per la vostra casa Maggior comfort abitativo costi energetici ridotti cura e manutenzione minime FINSTRAL produce

Dettagli

Tecnologia Facciate continue Finestre e porte a battente V E Finestre e porte in Alluminio-Legno Finestre e porte scorrevoli

Tecnologia Facciate continue Finestre e porte a battente V E Finestre e porte in Alluminio-Legno Finestre e porte scorrevoli www.metrawindows.it PERSIANA SCORREVOLE Sistemi oscuranti METRA. LO STILE CHE DA VALORE AL TUO HABITAT METRA. Design, Colore, Emozione. Lo stile italiano che il mondo ci invidia. I sistemi integrati METRA

Dettagli

La Ville Radieuse di Le Corbusier

La Ville Radieuse di Le Corbusier Modelli 8: la città funzionale La Ville Radieuse di Le Corbusier Riferimenti bibliografici: - Le Corbusier, Verso una architettura, a cura di P. Cerri e P. Nicolin, trad. it., Longanesi, Milano, 1987 -

Dettagli

Variante al Piano di Lottizzazione Belloli RELAZIONE

Variante al Piano di Lottizzazione Belloli RELAZIONE Variante al Piano di Lottizzazione Belloli RELAZIONE 1) Inquadramento della variante In attuazione delle previsioni del Piano Regolatore Generale vigente dal 10 marzo 2005 il Consiglio Comunale di Ghisalba

Dettagli

Circolare 26 MARZO 1966 N. 12480

Circolare 26 MARZO 1966 N. 12480 Circolare 26 MARZO 1966 N. 12480 Ministero dei lavori pubblici Direzione generale edilizia statale e sovvenzionata div. XVI-bis: Norme per i collaudi dei fabbricati costruiti da cooperative edilizie fruenti

Dettagli

La norma UNI-CIG 7129/08

La norma UNI-CIG 7129/08 1 2 3 Ossido carbonio 4 Normale Ordinamento Codice civile Codice Penale Leggi speciali Legge 1083/71 D.P.R. 412/93 -> D.Lgs. 192/05 DM 37/08 5 Premessa: L incontro ha lo scopo di illustrare le principali

Dettagli

ANALISI PREZZI AGGIUNTIVI

ANALISI PREZZI AGGIUNTIVI PA.01 Oneri di discarica valutati a mc misurato sul volume effettivo di scavo o demolizione. Oneri di discarica MC 1.000 24.76 24.76 TOTALE 24.76 PREZZO TOTALE PER MC 24.76 Pagina 1 di 11 PA.02 Fornitura

Dettagli

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA PRESCRIZIONI TECNICHE INTEGRATIVE DELLA CIRCOLARE N. 75 DEL 3.07.67 E DELLA LETTERA CIRCOLARE N. 5210/4118/4 DEL 17.02.75, RELATIVE AI LOCALI ADIBITI AD ESPOSIZIONE

Dettagli

TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI

TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI di Luigi Cenicola 1. Premessa. A decorrere dall anno 2014, per il servizio di raccolta dei rifiuti solidi urbani e per i servizi indivisibili comunali, si pagheranno

Dettagli

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Marco Citterio, Gaetano Fasano Report RSE/2009/165 Ente per le Nuove tecnologie,

Dettagli

APPROFONDIMENTI SUGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO

APPROFONDIMENTI SUGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO APPENDICE 2 APPROFONDIMENTI SUGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO ( a cura Ing. Emiliano Bronzino) CALCOLO DEI CARICHI TERMICI A titolo di esempio verrà presentato il calcolo automatico dei carichi termici

Dettagli

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti)

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) La zona è destinata ad accogliere attrezzature e servizi pubblici o ad uso pubblico di interesse generale su scala territoriale: uffici pubblici o privati di interesse

Dettagli