Lifelong learning e formazione professionale dalle policy alla implementazione La funzione strategica delle infrastrutture di sistema

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Lifelong learning e formazione professionale dalle policy alla implementazione La funzione strategica delle infrastrutture di sistema"

Transcript

1 Lifelong learning e formazione professionale dalle policy alla implementazione La funzione strategica delle infrastrutture di sistema Pier Giovanni Bresciani Cagliari 9 giugno 2014

2 FORMAZIONE E SVILUPPO ECONOMICO OLTRE LA RETORICA - Retorica su formazione, competenze, capitale umano? Tigre di carta? - Risultato indagine OCSE-PIAAC in Italia sulle competenze per vivere e lavorare nella società della conoscenza : il vantaggio della istruzione e della formazione professionale - Conferma risultati di ricerche a livello europeo, nazionale e settoriale (es. TAC-TAM) su professionalità e competenze: crucialità apprendimento (vs formazione) e risorse umane (conoscenze, capacità, motivazioni, valori, etc.), e relativi processi di cura/sviluppo per il successo dell impresa - Conferma complessità variabili influenti su comportamento lavorativo: sapere, saper fare, voler fare, poter fare (cfr. le Boterf); e insieme, riconoscimento ruolo specifico di apprendimento-formazione 2

3 COSA NON BASTA PIU - Formazione = aula (invece: lifewide learning) - Prima aula/formazione e poi impresa/lavoro (invece: lifelong learning) - Solo formal, oppure solo non formal e informal learning - Apprendimento e motivazione delle persone come processi taciti, invisibili, in genere troppo poco presidiati dall impresa - Sviluppo conoscenze-competenze delle persone VS sviluppo conoscenzecompetenze delle imprese per il business (e cioè formazione personalegenerale VS formazione professionale-aziendale) - Sapere e saper fare VS voler fare e poter fare 3

4 PISTE DI LAVORO PER LA FORMAZIONE Conferma esiti ricerche su buone pratiche imprese e HRM (indicazioni generali, da contestualizzare per territori, settori, sistemi, cicli di sviluppo locale) - A MONTE. Crucialità intervento su immagine sociale dei settori produttivi. Informazione, orientamento, marketing sociale; media vecchi e nuovi; linguaggi eterogenei; crucialità dei mediatori di opinione; To make it visible - Identificare il necessario punto di equilibrio tra fabbisogni personali, aziendali, settoriali, territoriali - Integrare politiche, servizi e strumenti della formazione professionale con politiche di sviluppo economico, politiche del lavoro, politiche sociali 4

5 PISTE DI LAVORO PER LA FORMAZIONE - Priorità per interventi formativi per funzioni-processi-figure professionali terziari ad alta valenza strategica e alto valore aggiunto, ad esempio: Ricerca e sviluppo Qualità Innovazione prodotti-processi Ingegnerizzazione produttiva e gestionale ICT Marketing e commercializzazione Internazionalizzazione Management - A VALLE. Necessità di politiche di welfare e workfare, per affrontare la crisi e la necessaria ristrutturazione, riqualificazione, innovazione; e relativo cost sharing 5

6 PISTE DI LAVORO PER LA FORMAZIONE - Sviluppo filiera alta formazione (anche con alto apprendistato) e formazione continua - Progettazione per competenze - Innovazione metodi Impresa formativa e WPL (anche apprendistato) Personalizzazione percorsi Transfer competenze tra lavoratori anziani-esperti e giovani neo-inseriti - Innovazione programmazione offerta formativa (es. voucher - ILA) 6

7 PISTE DI LAVORO PER LA FORMAZIONE - Accompagnamento del passaggio generazionale; ma anche di start up e autoimpresa (per il lavoro da inventare ) - Infrastrutture di sistema come requisito essenziale per passare dai principi di policy alla concretezza dei risultati: Standard professionali (es. RRFP) Standard formativi Sistemi di validazione e certificazione delle competenze Sistemi di accreditamento di agenzie formative e di imprese formative - RESPONSABILITA SOCIALE E RUOLO PARTI SOCIALI NELLA GOVERNANCE 7

8 IMPRESE E MERCATO DEL LAVORO Globalizzazione, internazionalizzazione (merci, capitali, imprese, conoscenza) Delocalizzazione e ri-localizzazione (emigrazione imprese) Immigrazione lavoratori Merging & acquisition; concentrazioni Rightsizing (downsizing) Ristrutturazioni; CIG-CIGS; licenziamenti 8

9 IMPRESE E MERCATO DEL LAVORO Internazionalizzazione mercantile spostava le merci (import-export) Internazionalizzazione multinazionale spostava l organizzazione e il management Internazionalizzazione cognitiva sposta direttamente le conoscenze (scienza; tecnologie elettroniche; mass media) Paesi emergenti e concorrenza inedita Ritmi di apprendimento accelerati Riduzione del differenziale cognitivo Riduzione del differenziale economico-produttivo Aumento della competizione Aumento della velocità dei processi Aumento di incertezza e rischio (e opportunità) (cfr. E. Rullani) 9

10 INDIVIDUI Mobilità aziendale, occupazionale, professionale, territoriale Flessibilità personale, professionale, contrattuale, organizzativa Rischio precarizzazione Discontinuità lavoro (tempi, luoghi, ruoli) Aumento tempi di inserimento e di consolidamento professionale Transizione permanente Sovra e sotto qualificazione, aumento differenziazioni Rischio di perdita del lavoro e di esclusione sociale 10

11 PROBLEMI INEDITI PER PERSONE, ISTITUZIONI, PARTI SOCIALI Occupazione e salario-reddito Qualità professionale (livello professionale; matching) Occupabilità Nuovi diritti di cittadinanza e inclusione sociale Orientamento nell incertezza dei percorsi-transizioni Identità (professionale, sociale, personale), senso Valorizzazione e riconoscimento Necessità di supporto, sostegno, accompagnamento per fare fronte a questi problemi (dispositivi, servizi, strumenti, ruoli) 11

12 LE SOLUZIONI: UN DIBATTITO POLARIZZATO Approccio economicistico vs approccio umanistico Locus of control esterno vs locus of control interno (es. FESR vs FSE) LOCUS ESTERNO: occupabilità è funzione del contesto (perciò: sviluppo economico-settoriale, tecnologie, credito, incentivi, leva fiscale; creare lavoro, etc.) LOCUS INTERNO: occupabilità è funzione delle persone (perciò: conoscenze, capacità, risorse umane, intelligenza, motivazione creatività, impegno; creare apprendimento e competenze, quindi istruzione e formazione, etc.) FALSA ALTERNATIVA: non O-O ma piuttosto E-E Ruolo di politiche attive del lavoro e SPI moderni per integrare e sintonizzare esterno e interno 12

13 IN QUESTO SCENARIO: QUALE REPUTAZIONE PER LA FORMAZIONE PROFESSIONALE? In passato (e in tanti casi, tuttora: cfr. i dati di ricerca) immagine di: Scuola professionale di seconda chance per la professionalizzazione di giovani in difficoltà con lo studio Sostanzialmente di modesta qualità didattica e tecnologico-organizzativa Prevalentemente per mestieri operai e ruoli esecutivi In grado di offrire scarse prospettive di sviluppo professionale e di reddito Sistema sostanzialmente auto-referente (a misura dei formatori e dei soggetti gestori) poco in sintonia con il mondo delle imprese, dei settori, dello sviluppo Soggetto sostanzialmente non strategico 13

14 Eppure in questi anni la formazione professionale ha rappresentato un autentico cantiere (cfr. i Rapporti annuali dell ISFOL) di innovazioni e sperimentazioni, per affrontare la crisi interna ed esterna (anche se: episodiche, disperse, senza massa critica e senza fare sistema ) : Nuove norme e indirizzi a livello europeo, nazionale, regionale Nuovi sistemi e dispositivi EPPURE Nuove metodologie formative e nuovi contesti di apprendimento Nuovi servizi per una gamma diversa e più ampia di utenti/target Nuove risorse finanziarie e nuovi sistemi di programmazione e gestione Nuova integrazione con altri servizi, sistemi, politiche 14

15 ANNI 90: IL GAP CON L EUROPA ANNI 90. LIBRO BIANCO SULLA FP. QUATTRO GAP Obbligo di istruzione Alternanza studio-lavoro Formazione tecnica superiore Formazione continua (lavoratori occupati) 15

16 LA RISPOSTA ITALIANA ANNI 90. LA RISPOSTA ITALIANA IL DISEGNO NORMATIVO DEL NUOVO SISTEMA Obbligo formativo, diritto-dovere di istruzione e formazione, obbligo di istruzione (l ; l ; l ) Tirocini formativi e di orientamento (l ) Rilancio apprendistato con formazione esterna (l ) e nuovo apprendistato : per il diritto-dovere; professionalizzante; per l alta formazione (l ) IFTS-Istruzione e Formazione Tecnica Superiore (l ); riforma ordinamento formazione superiore e poli tecnico-professionali (l ) Formazione continua e Fondi Paritetici Interprofessionali (l ; l ; l ; l ) Accreditamento Organismi/Enti gestori (l ) 16

17 LE INFRASTRUTTURE PER LA FORMAZIONE DOPO IL PER LA QUALITA DELLA FORMAZIONE: LE INFRASTRUTTURE DI SISTEMA L analisi dei fabbisogni formativi (indagini parti sociali) L accreditamento degli Organismi-Enti di formazione Gli standard professionali e i repertori delle figure-qualifiche Gli standard formativi La validazione delle esperienze non formali e informali e la certificazione delle competenze Il linguaggio delle competenze come metrica comune tra istruzione, formazione, imprese, orientamento e servizi per l impiego 17

18 LE SFIDE DEL FUTURO DOPO IL LE SFIDE EMERGENTI Formazione come risorsa per le politiche attive del lavoro (cfr. accordi e norme legislative anti-crisi dal 2009) Formazione come risorsa per lo sviluppo settoriale e locale L analisi dei fabbisogni come processo di knowledge management (Intesa tripartita Linee Guida per la formazione 2010) Workplace learning: l impresa come luogo di formazione (Testo Unico apprendistato 2011; Legge Fornero 2012 e Linee guida 2013 tirocini) Personalizzazione e individualizzazione (per imprese: voucher; per individui: ILA) Le competenze necessarie per le nuove sfide e la allocazione delle nuove funzioni (es. validazione e certificazione competenze: decreto ) 18

19 LA FORMAZIONE PROFESSIONALE: UN REPENTINO CAMBIAMENTO DI IMMAGINE PUBBLICA Dalla formazione considerata autoreferente ( E finita la festa dei formatori ) Alla formazione definita risorsa strategica per affrontare la crisi - lifelong e lifewide learning - fattore di promozione socio-professionale individuale - fattore di innovazione organizzativa e tecnologica - fattore di sopravvivenza, di resilienza o di eccellenza aziendale - parte integrante di un sistema evoluto di workfare-learnfare; etc. 19

20 DUE POSSIBILITA COMPRESENTI (AMBIVALENZA: OPPORTUNITA e RISCHIO) a) la formazione come fattore di competitività aziendale, settoriale, territoriale, e di sviluppo professionale e occupazionale personale (nella versione più sobria : come fattore di sopravvivenza e di resilienza ) b) la formazione come ammortizzatore sociale (nella versione più scettica: come strumento istituzionalmente accettabile ed amministrativamente ammissibile dalle regole di gestione del FSE - per potere consentire la erogazione di sussidi economici ai lavoratori in CIG o disoccupati) 20

21 PER REALIZZARE LE POLITICHE E LE STRATEGIE E RAGGIUNGERE I RISULTATI: NON BASTA ENUNCIARLI, OCCORRE DOTARSI DELLE INFRASTRUTTURE E DEI DISPOSITIVI DI SISTEMA CHE LO RENDONO POSSIBILE OCCORRE PASSARE DALLE PAROLE AI FATTI ORGANIZZANDO LE REGOLE, LE PROCEDURE E LA STRUMENTAZIONE PERCHE LE COSE ACCADANO 21

22 LO SCENARIO E I PROBLEMI (FABBISOGNI) LE POLITICHE DI INTERVENTO (STRATEGIE) I DISPOSITIVI DI SISTEMA (INFRASTRUTTURE) LE SOLUZIONI (RISULTATI) 22

23 CON IL PROGETTO COMPETENZE E I DISPOSITIVI CHE LO STRUTTURANO STANDARD FIGURE PROFESSIONALI STANDARD FORMATIVI SISTEMA DI INDIVIDUAZIONE, VALIDAZIONE E CERTIFICAZIONE COMPETENZE SI COSTRUISCONO LE INFRASTRUTTURE E I DISPOSITIVI DI SISTEMA NECESSARI PER REALIZZARE LE POLITICHE E SI METTE A DISPOSIZIONE DEGLI ATTORI DEL SISTEMA UN SET DI REGOLE E STRUMENTI CHE COSTITUISCE NELLO STESSO TEMPO UN VINCOLO NECESSARIO (cfr. la CONDIZIONALITA per i FONDI UE) E UNA RISORSA INDISPENSABILE PER FARE IL SALTO DI QUALITA NECESSARIO 23

24 QUESTE INFRASTRUTTURE-DISPOSITIVI: ü ü ü ü SONO COERENTI CON GLI INDIRIZZI DELLA COMMISSIONE UE E CON LE MIGLIORI PRATICHE DEI PAESI EUROPEI (Es. UK, Francia, Olanda) CONFIGURANO UN MODELLO DI RIFERIMENTO ED UNA BUONA PRATICA NEL CONTESTO ITALIANO, NEL CONFRONTO CON LE ALTRE REGIONI, IN SINTONIA CON LE ALTRE MIGLIORI ESPERIENZE (es. Toscana; Emilia-Romagna; Piemonte; Veneto; Lombardia) PORTANO A SINTESI, NEL CONTESTO REGIONALE, GLI ORIENTAMENTI SOCIO-ISTITUZIONALI E LE NORME DI INDIRIZZO CHE A PARTIRE DAL 1996 ( PATTO PER IL LAVORO ) FINO AL 2010 ( INTESA PER LA FORMAZIONE ) SI SONO VENUTI SVILUPPANDO A LIVELLO NAZIONALE (GOVERNO E PARTI SOCIALI; MINISTERI; CONFERENZA STATO-REGIONI; ETC) SONO GIA UNA COSA CONCRETA, E SONO LA PREMESSA NECESSARIA ( CONDIZIONE ) PER AVVIARE CONCRETAMENTE UNA STAGIONE DI CAMBIAMENTO E SVILUPPO DEL SISTEMA DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE E DEL SISTEMA DEL LAVORO REGIONALE 24

25 UN SISTEMA PER COMPETENZE : PER COSTRUIRE QUESTE INFRASTRUTTURE LA REGIONE HA ASSUNTO LA DIMENSIONE DELLE COMPETENZE COME FULCRO DEL NUOVO SISTEMA E DEI NUOVI DISPOSITIVI PER LE TANTE RAGIONI CHE I SOGGETTI SOCIO-ISTITUZIONALI HANNO IN QUESTI ANNI CONDIVISO 25

26 LE RAGIONI CONDIVISE TRA STAKEHOLDER PERSONE Esperienze formative (percorsi e titoli) Esperienze di lavoro Formal learning, esperienze e titoli Non-formal learning, esperienze di lavoro in azienda Informal learning, esperienze hobbistiche, di volontariato etc. EDUCATION (Scuola, FP, Università) Curriculi per competenze Standard formativi Cataloghi per competenze Analisi dei fabbisogni per competenze (figure/uc) COMPETENZE Capacità di realizzazione di una attività lavorativa autoconsistente Conoscenze, tecniche e metodologie, modalità di esercizio (comportamenti, disposizioni, etc.) Evidenze, esempi, indicatori di livello Bilancio di competenze Analisi della domanda di lavoro delle imprese in termini di competenze Preselezione e nuove forme di assessment LAVORO Selezione, assessment e piani di sviluppo Esercizio di attività lavorative Analisi del lavoro per competenze (processi, ruoli, attività) ORIENTAMENTO E SERVIZI PER L IMPIEGO 26

27 WHAT S NEW? SI FA QUALCOSA DI CONCRETO, REALIZZANDO CONCRETAMENTE UNA POLITICA LO SI FA CAPITALIZZANDO L ESPERIENZA DELLE MIGLIORI PRATICHE E SENZA RIPARTIRE DA ZERO SI FA QUALCOSA DI INNOVATIVO, CHE PRODUCE BENEFICI PER TUTTI: INDIVIDUI, IMPRESE, SISTEMI INTERMEDI (ISTRUZIONE, FP, SPI, ORIENTAMENTO ) SI FA QUALCOSA DI COERENTE CON LE PRATICHE DEI MIGLIORI PAESI EUROPEI (COMPETENZE, STANDARD, etc.) LO SI FA COINVOLGENDO I DIVERSI STAKEHOLDER, IMPARANDO INSIEME, IN UN PROCESSO CONDIVISO DI CHANGE MANAGEMENT SOCIO-ISTITUZIONALE 27

28 INDICAZIONI PER IL FUTURO OWNERSHIP E LEADERSHIP ISTITUZIONALE DEL PROCESSO DI CHANGE MANAGEMENT, E CAPACITY BUILDING COINVOLGIMENTO, PARTECIPAZIONE, CONDIVISIONE DEGLI OBIETTIVI CHIAREZZA SUI RUOLI DEI DIVERSI STAKEHOLDER E DELLE PARTI SOCIALI LORO ATTIVAZIONE, PROTAGONISMO, RESPONSABILIZZAZIONE (RESP. SOCIALE) MONITORAGGIO E VALUTAZIONE COME OCCASIONE DI APPRENDIMENTO COLLETTIVO MANTENIMENTO NEL TEMPO DELLA TENSIONE VERSO IL RISULTATO INFRASTRUTTURE VS SOVRASTRUTTURE 28

29 INDICAZIONI PER IL FUTURO DOBBIAMO FARE (la condizionalità UE) VOGLIAMO FARE (le ragioni) SAPPIAMO E SAPPIAMO FARE ( bilancio di competenze ) POSSIAMO FARE (la Regione sta creando le condizioni di sistema e amministrative) STA AGLI STAKEHOLDER DEL SISTEMA SARDO FARLO, E FARLO NEL MODO GIUSTO (THE RIGHT THINGS; THE THINGS RIGHT) 29

La validazione degli apprendimenti in Italia: un percorso in cerca di conclusione di Alessandra Ferrari

La validazione degli apprendimenti in Italia: un percorso in cerca di conclusione di Alessandra Ferrari La validazione degli apprendimenti in Italia: un percorso in cerca di conclusione di Alessandra Ferrari La validazione degli apprendimenti in Italia disegna un panorama molto variegato con differenze marcate

Dettagli

PROPOSTA DI PROGETTO DI LEGGE. Qualità, innovazione ed internazionalizzazione nei sistemi di istruzione, formazione e lavoro in Regione Lombardia

PROPOSTA DI PROGETTO DI LEGGE. Qualità, innovazione ed internazionalizzazione nei sistemi di istruzione, formazione e lavoro in Regione Lombardia PROPOSTA DI PROGETTO DI LEGGE Qualità, innovazione ed internazionalizzazione nei sistemi di istruzione, formazione e lavoro in Regione Lombardia Art. 1 (Innovazione nel sistema educativo di istruzione

Dettagli

QSN Quadro Strategico Nazionale 2007-2013. Competenze spendibili per lavorare e sapersi muovere nel mercato del lavoro Europeo

QSN Quadro Strategico Nazionale 2007-2013. Competenze spendibili per lavorare e sapersi muovere nel mercato del lavoro Europeo QSN Quadro Strategico Nazionale 2007-2013 Competenze spendibili per lavorare e sapersi muovere nel mercato del lavoro Europeo Pier Giovanni Bresciani Università di Bologna e Università di Genova Il Fenomeno-Competenze

Dettagli

CONFINDUSTRIA - CGIL, CISL, UIL TAVOLO SU FORMAZIONE E VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE UMANE

CONFINDUSTRIA - CGIL, CISL, UIL TAVOLO SU FORMAZIONE E VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE UMANE Premessa CONFINDUSTRIA - CGIL, CISL, UIL TAVOLO SU FORMAZIONE E VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE UMANE La formazione è una delle leve cardine per il rilancio di un'efficace politica di sviluppo, dei diritti

Dettagli

Patto politiche attive del 16 giugno 2009

Patto politiche attive del 16 giugno 2009 Patto politiche attive del 16 giugno 2009 1 Premessa: per il lavoro oltre la crisi L'Accordo sottoscritto in Lombardia il 4 maggio 2009 prevede uno stretto rapporto tra le politiche passive, attraverso

Dettagli

PIANO STRAORDINARIO PER IL LAVORO IN SICILIA OPPORTUNITÀ GIOVANI

PIANO STRAORDINARIO PER IL LAVORO IN SICILIA OPPORTUNITÀ GIOVANI PIANO STRAORDINARIO PER IL LAVORO IN SICILIA OPPORTUNITÀ GIOVANI Una via innovativa per lo sviluppo nella Sicilia dei giovani La realtà siciliana vive gli effetti più gravi della crisi che continua a colpire

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA TRA MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI E UNIONE DELLE PROVINCE D ITALIA

PROTOCOLLO DI INTESA TRA MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI E UNIONE DELLE PROVINCE D ITALIA PROTOCOLLO DI INTESA TRA MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI E UNIONE DELLE PROVINCE D ITALIA Il Ministero del lavoro e delle politiche sociali e l Unione delle Province d Italia UPI VISTI il

Dettagli

L Apprendistato professionalizzante nel testo Unico: dispositivo ad alta densità formativa tra vincoli di legge ed opportunità

L Apprendistato professionalizzante nel testo Unico: dispositivo ad alta densità formativa tra vincoli di legge ed opportunità L Apprendistato professionalizzante nel testo Unico: dispositivo ad alta densità formativa tra vincoli di legge ed opportunità Intervento di Mariaelena Romanini 1 Nell ambito del seminario: L apprendistato

Dettagli

Modello sperimentale di sistema di inclusione lavorativa dei minori inseriti nel circuito penale

Modello sperimentale di sistema di inclusione lavorativa dei minori inseriti nel circuito penale Modello sperimentale di sistema di inclusione lavorativa dei minori inseriti nel circuito penale 1 1 1. Premessa La seguente proposta di modello nasce dopo un attività di confronto tra i rappresentanti

Dettagli

IL SISTEMA ARTIGIANATO: COMPETENZE E SERVIZI A SUPPORTO DELLE IMPRESE. Opportunità per la Opportunità per la formazione aziendale

IL SISTEMA ARTIGIANATO: COMPETENZE E SERVIZI A SUPPORTO DELLE IMPRESE. Opportunità per la Opportunità per la formazione aziendale + IL SISTEMA ARTIGIANATO: COMPETENZE E SERVIZI A SUPPORTO DELLE IMPRESE Opportunità per la Opportunità per la formazione aziendale + FORMAZIONE FORMA la dimensione delle regole, dei criteri di un percorso

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 28 DEL 13-11-2006 REGIONE BASILICATA. Disciplina degli aspetti formativi del contratto di apprendistato.

LEGGE REGIONALE N. 28 DEL 13-11-2006 REGIONE BASILICATA. Disciplina degli aspetti formativi del contratto di apprendistato. Page 1 of 9 LEGGE REGIONALE N. 28 DEL 13-11-2006 REGIONE BASILICATA Disciplina degli aspetti formativi del contratto di apprendistato. Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE BASILICATA N. 71 del 17

Dettagli

Politiche educative e iniziative di elearning in Europa

Politiche educative e iniziative di elearning in Europa 1 Politiche educative e iniziative di elearning in Europa Handimatica, 30 novembre 2006 2 Società della Informazione in Europa 1999 eeurope- An Information Society for all 2000 eeurope Action Plan 2002

Dettagli

DGR 784 del 14 Maggio 2015 Aziende in rete nella formazione continua Strumenti per la competitività delle imprese venete

DGR 784 del 14 Maggio 2015 Aziende in rete nella formazione continua Strumenti per la competitività delle imprese venete FONDO SOCIALE EUROPEO IN SINERGIA CON IL FONDO EUROPEO DI SVILUPPO REGIONALE POR 2014 2020 Ob. Investimenti a favore della crescita e dell'occupazione DGR 784 del 14 Maggio 2015 Aziende in rete nella formazione

Dettagli

Piano per l accesso dei giovani al lavoro, la continuità dei rapporti di lavoro, il sostegno e la promozione del fare impresa

Piano per l accesso dei giovani al lavoro, la continuità dei rapporti di lavoro, il sostegno e la promozione del fare impresa Piano per l accesso dei giovani al lavoro, la continuità dei rapporti di lavoro, il sostegno e la promozione del fare impresa 1. Premessa Le criticità e le difficoltà che incontrano i giovani ad entrare

Dettagli

Garanzia Giovani: Piani Esecutivi regionali e ruolo delle Agenzie Formative Focus sulla Regione LOMBARDIA

Garanzia Giovani: Piani Esecutivi regionali e ruolo delle Agenzie Formative Focus sulla Regione LOMBARDIA Governance Regionale e sviluppo dei servizi per il lavoro Linea 2. Network degli operatori del mercato del lavoro Garanzia Giovani: Piani Esecutivi regionali e ruolo delle Agenzie Formative Focus sulla

Dettagli

ExpoTraining 2013-17 ottobre 2013 - Milano. Perché le aziende fanno fatica a trovare i talenti professionali di cui hanno bisogno?

ExpoTraining 2013-17 ottobre 2013 - Milano. Perché le aziende fanno fatica a trovare i talenti professionali di cui hanno bisogno? Lo sviluppo dei Talenti per la crescita. Un confronto tra aziende e istituzioni ExpoTraining 2013-17 ottobre 2013 - Milano L Italia cerca talenti. Sembra incredibile, ma in uno scenario di crisi del mercato

Dettagli

Convegno Good Vocational Education and Training A future for young workers Le Politiche di Regione Lombardia Skills and Jobs

Convegno Good Vocational Education and Training A future for young workers Le Politiche di Regione Lombardia Skills and Jobs Convegno Good Vocational Education and Training A future for young workers Le Politiche di Regione Lombardia Skills and Jobs 4 dicembre 2014 Un cordiale buongiorno a tutti i presenti. Grazie, innanzitutto,

Dettagli

LOMBARDIA 2020 Libro Verde sulla Conciliazione Famiglia Lavoro. Materiale propedeutico al seminario territoriale

LOMBARDIA 2020 Libro Verde sulla Conciliazione Famiglia Lavoro. Materiale propedeutico al seminario territoriale LOMBARDIA 2020 Libro Verde sulla Conciliazione Famiglia Lavoro Materiale propedeutico al seminario territoriale Il contesto OBIETTIVO REGIONE LOMBARDIA Costruire un Welfare in grado di porre al centro

Dettagli

Ricerca e innovazione: le opportunità comunitarie per rilanciare la competitività del Sistema Marche

Ricerca e innovazione: le opportunità comunitarie per rilanciare la competitività del Sistema Marche Ricerca e innovazione: le opportunità comunitarie per rilanciare la competitività del Sistema Marche Regione Marche PATRIZIA SOPRANZI P.F. Innovazione Ricerca e Competitività dei Settori Produttivi Strategia

Dettagli

Percorsi di Alta Formazione in Apprendistato. Marzo 2011- Ottobre 2013. Master in Risorse Umane e Organizzazione

Percorsi di Alta Formazione in Apprendistato. Marzo 2011- Ottobre 2013. Master in Risorse Umane e Organizzazione Percorsi di Alta Formazione in Apprendistato Marzo 2011- Ottobre 2013 Master in Risorse Umane e Organizzazione Alta formazione in Apprendistato Linea di finanziamento: sperimentazione ART. 50 Dlgs 276/03

Dettagli

1. Premessa. 2. Caratteristiche dei percorsi formativi

1. Premessa. 2. Caratteristiche dei percorsi formativi DISCIPLINA DEI PROFILI FORMATIVI DELL'APPRENDISTATO PER IL CONSEGUIMENTO DELLA QUALIFICA DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE E DEL DIPLOMA PROFESSIONALE AI SENSI DELL ART. 3 COMMA 2 DEL D.LGS 167/2011

Dettagli

1. CHE COS È LA CARTA DEI SERVIZI

1. CHE COS È LA CARTA DEI SERVIZI CARTA DEI SERVIZI 1. CHE COS È LA CARTA DEI SERVIZI 2. PRESENTAZIONE 3. SERVIZI FORNITI E AREE DI INTERVENTO 4. I PRINCIPI FONDAMENTALI 5. TUTELA E VERIFICA 6. DATI DELLA SEDE 1. CHE COS È LA CARTA DEI

Dettagli

SEMINARIO QUANDO LA SCUOLA INCONTRA L AZIENDA. Seminario 3 ottobre IIS TASSARA-GHISLANDI BRENO

SEMINARIO QUANDO LA SCUOLA INCONTRA L AZIENDA. Seminario 3 ottobre IIS TASSARA-GHISLANDI BRENO SEMINARIO QUANDO LA SCUOLA INCONTRA L AZIENDA Seminario 3 ottobre IIS TASSARA-GHISLANDI BRENO Valentina Aprea Assessore all istruzione, formazione e lavoro NOTA di contesto: la scuola attiva da anni un

Dettagli

MANIFATTURIERO LOMBARDO: RITORNO AL FUTURO

MANIFATTURIERO LOMBARDO: RITORNO AL FUTURO MANIFATTURIERO LOMBARDO: RITORNO AL FUTURO Intervento Roberto Albonetti direttore Attività Produttive Regione Lombardia Il mondo delle imprese ha subito negli ultimi anni un accelerazione impressionante:

Dettagli

TRA IL DIRE E IL MARE

TRA IL DIRE E IL MARE TRA IL DIRE E IL MARE Cambiamenti normativi, modelli organizzativi, comportamenti professionali Il ruolo delle persone to make it happen Prof. Pier Giovanni Bresciani Docente Università di Bologna e Università

Dettagli

SCHEMA DI ACCORDO PER LA DISCIPLINA E LA DURATA DELL APPRENDISTATO PER LA QUALIFICA E PER IL DIPLOMA PROFESSIONALE NELLA REGIONE ABRUZZO

SCHEMA DI ACCORDO PER LA DISCIPLINA E LA DURATA DELL APPRENDISTATO PER LA QUALIFICA E PER IL DIPLOMA PROFESSIONALE NELLA REGIONE ABRUZZO ALLEGATO A GIUNTA REGIONALE D ABRUZZO DIREZIONE POLITICHE ATTIVE DEL LAVORO, FORMAZIONE ED ISTRUZIONE, POLITICHE SOCIALI REGIONE ABRUZZO GIUNTA REGIONALE D ABRUZZO DIREZIONE POLITICHE ATTIVE DEL LAVORO

Dettagli

Dal Brain Drain al Brain Circulation

Dal Brain Drain al Brain Circulation Dal Brain Drain al Brain Circulation Il caso Italiano nel contesto globale Simona Milio London School of Economics and Political Science Introduzione Il problema e La sfida Le cause Le politiche adottate

Dettagli

VERSO UN SISTEMA REGIONALE AMPLIATO DEI SERVIZI AL LAVORO Giornata di confronto sui sistemi di accreditamento. Palermo 30 novembre 2010

VERSO UN SISTEMA REGIONALE AMPLIATO DEI SERVIZI AL LAVORO Giornata di confronto sui sistemi di accreditamento. Palermo 30 novembre 2010 VERSO UN SISTEMA REGIONALE AMPLIATO DEI SERVIZI AL LAVORO Giornata di confronto sui sistemi di accreditamento Palermo 30 novembre 2010 Cosa si intende per accreditamento? L art. 2 del DLgs 276/2003 definisce:

Dettagli

La nuova Legge regionale in materia di Istruzione, Formazione e Lavoro

La nuova Legge regionale in materia di Istruzione, Formazione e Lavoro La nuova Legge regionale in materia di Istruzione, Formazione e Lavoro Qualità, innovazione ed internazionalizzazione nei sistemi di istruzione, formazione e lavoro in Regione Lombardia Valentina Aprea

Dettagli

DISPONIBILI 2015/2016

DISPONIBILI 2015/2016 CORSI INTER-AZIENDALI DISPONIBILI 2015/2016 ciascuna cooperativa può: (1) segnalare interesse a partecipare con una o più persone a ciascuno dei corsi interaziendali proposti; (1) segnalare l interessa

Dettagli

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici Laura Mengoni Milano, 24 febbraio 2011 Seminario di formazione per i dirigenti scolastici sui temi della

Dettagli

Piano Nazionale Youth Guarantee aspetti positivi e criticità Andrea Bairati Direttore Politiche Territoriali, Innovazione e Education

Piano Nazionale Youth Guarantee aspetti positivi e criticità Andrea Bairati Direttore Politiche Territoriali, Innovazione e Education Piano Nazionale Youth Guarantee aspetti positivi e criticità Andrea Bairati Direttore Politiche Territoriali, Innovazione e Education Napoli 22 maggio 2014 1 LA GARANZIA GIOVANI NEL CONTESTO ITALIANO 45

Dettagli

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Oggetto: schema di decreto recante linee guida in materia di semplificazione e promozione dell istruzione tecnico professionale a norma dell articolo 52 del decreto legge 9 febbraio 2012, n.5, convertito

Dettagli

ACCORDO. tra Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali. Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca. e Regione Lombardia

ACCORDO. tra Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali. Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca. e Regione Lombardia ACCORDO tra Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca e Regione Lombardia SPERIMENTAZIONE DI PERCORSI FORMATIVI IN APPRENDISTATO PER L ESPLETAMENTO

Dettagli

Eraldo Sanna Passino Delegato per il personale Guido Croci Direttore amministrativo. Organizzazione dei servizi di supporto alla didattica

Eraldo Sanna Passino Delegato per il personale Guido Croci Direttore amministrativo. Organizzazione dei servizi di supporto alla didattica Eraldo Sanna Passino Delegato per il personale Guido Croci Direttore amministrativo Organizzazione dei servizi di supporto alla didattica Premessa: il contesto di riferimento Il decreto ministeriale 270/2004

Dettagli

SPF on-line: un percorso di formazione per l Università. I Corsi di Laurea in Scienze della Formazione Professionale

SPF on-line: un percorso di formazione per l Università. I Corsi di Laurea in Scienze della Formazione Professionale SPF on-line: un percorso di formazione per l Università I Corsi di Laurea in Scienze della Formazione Professionale SPF on-line rappresenta il punto di partenza di un progetto, in via di realizzazione,

Dettagli

Politiche attive del lavoro e formazione: dalla sperimentazione dei progetti pilota alla programmazione regionale:

Politiche attive del lavoro e formazione: dalla sperimentazione dei progetti pilota alla programmazione regionale: Politiche attive del lavoro e formazione: dalla sperimentazione dei progetti pilota alla programmazione regionale: L esperienza della Regione Marche Mauro Terzoni Dirigente Servizio Istruzione, Formazione

Dettagli

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione.

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. La Compagnia Della Rinascita PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si

Dettagli

Accordo Quadro tra Regione Abruzzo e Italia Lavoro S.p.A.

Accordo Quadro tra Regione Abruzzo e Italia Lavoro S.p.A. Accordo Quadro tra Regione Abruzzo e Italia Lavoro S.p.A. La Regione Abruzzo, rappresentata dal componente la Giunta preposto alle Politiche attive del lavoro, Formazione ed Istruzione, Politiche Sociali,

Dettagli

III Agorà Regionale FQTS. Politiche attive del lavoro e terzo settore per uscire dalla crisi

III Agorà Regionale FQTS. Politiche attive del lavoro e terzo settore per uscire dalla crisi III Agorà Regionale FQTS Politiche attive del lavoro e terzo settore per uscire dalla crisi Anna Chiara Giorio - Ricercatrice Isfol - Welfare e Politiche Attive del Lavoro venerdì 6 dicembre 2013 Palermo

Dettagli

ATDAL Over 40. ASSOCIAZIONE NAZIONALE TUTELA DEI DIRITTI DEI LAVORATORI OVER 40 Associazione di Promozione Sociale

ATDAL Over 40. ASSOCIAZIONE NAZIONALE TUTELA DEI DIRITTI DEI LAVORATORI OVER 40 Associazione di Promozione Sociale ATDAL Over 40 ASSOCIAZIONE NAZIONALE TUTELA DEI DIRITTI DEI LAVORATORI OVER 40 Associazione di Promozione Sociale Convegno ISFOL Invecchiamento della popolazione, politiche del lavoro e del life-long learning

Dettagli

INDICE. p. 3 AZIENDA. p. 4. FORMAZIONE - Formazione Finanziata - Formazione Obbligatoria - Formazione Continua. p. 6 RICERCA E SELEZIONE DEL PERSONALE

INDICE. p. 3 AZIENDA. p. 4. FORMAZIONE - Formazione Finanziata - Formazione Obbligatoria - Formazione Continua. p. 6 RICERCA E SELEZIONE DEL PERSONALE Indice INDICE AZIENDA FORMAZIONE - Formazione Finanziata - Formazione Obbligatoria - Formazione Continua RICERCA E SELEZIONE DEL PERSONALE CONSULENZA - Risorse Umane - Sviluppo Organizzativo - Commerciale

Dettagli

L alternanza scuola lavoro Dott.ssa Eleonora Grossi

L alternanza scuola lavoro Dott.ssa Eleonora Grossi L alternanza scuola lavoro Dott.ssa Eleonora Grossi Neuroscienze e Riabilitazione neuropsicologica Psicologia dello sviluppo e dell educazione Potenziamento cognitivo Metodo Feuerstein L alternanza scuola

Dettagli

PER UNA RESPONSABILITA SOCIALE D IMPRESA CHE SIA ELEMENTO STRUTTURALE DELLO SVILUPPO SOSTENIBILE

PER UNA RESPONSABILITA SOCIALE D IMPRESA CHE SIA ELEMENTO STRUTTURALE DELLO SVILUPPO SOSTENIBILE PER UNA RESPONSABILITA SOCIALE D IMPRESA CHE SIA ELEMENTO STRUTTURALE DELLO SVILUPPO SOSTENIBILE PREMESSA Per la prima volta quest anno la responsabilità sociale in Italia diventa un tema diffuso di dibattito

Dettagli

Il costo d impresa nel non fare relazioni pubbliche in un periodo di crisi

Il costo d impresa nel non fare relazioni pubbliche in un periodo di crisi Il costo d impresa nel non fare relazioni pubbliche in un periodo di crisi Toni Muzi Falconi Methodos SpA New York University Firenze, 17 maggio 2009 Alla fine del secolo scorso lo sviluppo delle nuove

Dettagli

Innovazione e qualificazione del capitale umano nelle imprese: una panoramica dei principali strumenti e finanziamenti regionali e nazionali

Innovazione e qualificazione del capitale umano nelle imprese: una panoramica dei principali strumenti e finanziamenti regionali e nazionali What s APP ER Università degli Studi di Ferrara Innovazione e qualificazione del capitale umano nelle imprese: una panoramica dei principali strumenti e finanziamenti regionali e nazionali Testimonianze:

Dettagli

SERVIZI PER L IMPIEGO E ORIENTAMENTO IN FRIULI VENEZIA GIULIA

SERVIZI PER L IMPIEGO E ORIENTAMENTO IN FRIULI VENEZIA GIULIA SERVIZI PER L IMPIEGO E ORIENTAMENTO IN FRIULI VENEZIA GIULIA Evoluzione nelle professionalità e nei sistemi di erogazione dei servizi Carlos Corvino Servizio Osservatorio Mercato del lavoro del FVG, Monitoraggio

Dettagli

Compiti innovati Porre attenzione allo sviluppo delle componente manageriale della professione;

Compiti innovati Porre attenzione allo sviluppo delle componente manageriale della professione; 1.2.3.2.0 - Direttori e dirigenti del dipartimento organizzazione, gestione delle risorse umane e delle relazioni industriali Le professioni classificate in questa unità definiscono, dirigono e coordinano

Dettagli

Make it work! Guida rapida per integrare la mobilità virtuale nei tirocini internazionali

Make it work! Guida rapida per integrare la mobilità virtuale nei tirocini internazionali Make it work! Guida rapida per integrare la mobilità virtuale nei tirocini internazionali Cosa? I tirocini internazionali in azienda o stage, così come sono generalmente conosciuti, stanno acquisendo una

Dettagli

FORUM PA 2005. La formazione nella Pubblica Amministrazione italiana ed il suo contributo allo sviluppo del sistema paese.

FORUM PA 2005. La formazione nella Pubblica Amministrazione italiana ed il suo contributo allo sviluppo del sistema paese. FORUM PA 2005 La formazione nella Pubblica Amministrazione italiana ed il suo contributo allo sviluppo del sistema paese Ezio Lattanzio Roma, 11 maggio 2005 La formazione nella riforma della PA Una nuova

Dettagli

È finanziato con risorse del Fondo sociale europeo pari a 74 milioni di euro. Ha avvio il I maggio 2014.

È finanziato con risorse del Fondo sociale europeo pari a 74 milioni di euro. Ha avvio il I maggio 2014. La Garanzia Giovani è un progetto che intende assicurare ai ragazzi e alle ragazze tra i 15 e i 29 anni che non studiano e non lavorano opportunità per acquisire nuove competenze e per entrare nel mercato

Dettagli

Il Sistema Permanente di Formazione on line del Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale

Il Sistema Permanente di Formazione on line del Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale Il Sistema Permanente di Formazione on line del Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale Il progetto SPF on line SPF on line è un progetto nazionale pubblico e gratuito di formazione continua È

Dettagli

Premessa: VALIDATION OF NON FORMAL AND INFORMAL LEARNING: UN AGGIORNAMENTO DELLA CORNICE EUROPEA

Premessa: VALIDATION OF NON FORMAL AND INFORMAL LEARNING: UN AGGIORNAMENTO DELLA CORNICE EUROPEA Premessa: VALIDATION OF NON FORMAL AND INFORMAL LEARNING: UN AGGIORNAMENTO DELLA CORNICE EUROPEA Il tema della trasparenza e del riconoscimento delle competenze comunque e ovunque acquisite rappresenta

Dettagli

(PRIMA BOZZA) Milano, 15 Aprile, 2011

(PRIMA BOZZA) Milano, 15 Aprile, 2011 RETE LOMBARDA DELLE SCUOLE CHE PROMUOVONO SALUTE CORNICE METODOLOGICA (PRIMA BOZZA) Milano, 15 Aprile, 2011 PREMESSA Il presente documento è il frutto di un percorso di elaborazione a cui hanno partecipato

Dettagli

Indirizzi per la regolamentazione dell Apprendistato professionalizzante o contratto di mestiere ai sensi del Regolamento 47/R del 2003 e s.m.i.

Indirizzi per la regolamentazione dell Apprendistato professionalizzante o contratto di mestiere ai sensi del Regolamento 47/R del 2003 e s.m.i. Allegato B Indirizzi per la regolamentazione dell Apprendistato professionalizzante o contratto di mestiere ai sensi del Regolamento 47/R del 2003 e s.m.i. Indirizzi per la regolamentazione dell Apprendistato

Dettagli

Una formazione di qualità per il mondo del lavoro

Una formazione di qualità per il mondo del lavoro Una formazione di qualità per il mondo del lavoro formazione&lavoro servizi per l'occupazione e la formazione dei lavoratori Il Consorzio Formazione&Lavoro, servizi per l occupazione e la formazione dei

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l istruzione Direzione generale per l istruzione e formazione tecnica superiore e per i rapporti con i sistemi formativi delle

Dettagli

Garanzia Giovani PON Iniziativa Occupazione Giovani. Valentina Curzi

Garanzia Giovani PON Iniziativa Occupazione Giovani. Valentina Curzi Garanzia Giovani PON Iniziativa Occupazione Giovani Valentina Curzi Garanzia Giovani (2013) Raccomandazione del Consiglio (22/4/2013) Entro 4 mesi i giovani < 25 anni devono ricevere un offerta qualitativamente

Dettagli

ALLEGATO B. D.I. n. 436/2000 artt. 1 e 4 I PERCORSI FORMATIVI PER ADULTI OCCUPATI

ALLEGATO B. D.I. n. 436/2000 artt. 1 e 4 I PERCORSI FORMATIVI PER ADULTI OCCUPATI ALLEGATO B D.I. n. 436/2000 artt. 1 e 4 I PERCORSI FORMATIVI PER ADULTI OCCUPATI 2 I PERCORSI FORMATIVI PER ADULTI OCCUPATI Le caratteristiche strutturali dei percorsi dell IFTS (modularità, unità capitalizzabili,

Dettagli

La programmazione Regionale 2014-2020

La programmazione Regionale 2014-2020 La programmazione Regionale 2014-2020 Paolo Baldi Coordinatore dell Area Formazione, Orientamento e Lavoro Regione Toscana PROGRAMMA OPERATIVO 2014-2020 Investimenti a favore della crescita, dell occupazione

Dettagli

ACCORDO CONFINDUSTRIA CRUI

ACCORDO CONFINDUSTRIA CRUI ACCORDO CONFINDUSTRIA CRUI OTTO AZIONI MISURABILI PER L UNIVERSITA, LA RICERCA E L INNOVAZIONE Premessa Nella comune convinzione che Università, Ricerca e Innovazione costituiscano una priorità per il

Dettagli

GARANZIA PER I GIOVANI. Incontro con le Associazioni datoriali. 6 dicembre 2013

GARANZIA PER I GIOVANI. Incontro con le Associazioni datoriali. 6 dicembre 2013 GARANZIA PER I GIOVANI Incontro con le Associazioni datoriali 6 dicembre 2013 1 IL PIANO ITALIANO 2 DESTINATARI Giovani nella fascia di età 15-24 anni ai quali offrire un servizio entro quattro mesi dall

Dettagli

ACCORDO QUADRO PER LA DIFFUSIONE E L IMPLEMENTAZIONE DI BUONE PRATICHE DI ALTERNANZA SCUOLA LAVORO. Tra UFFICIO SCOLASTICO TERRITORIALE DI NOVARA

ACCORDO QUADRO PER LA DIFFUSIONE E L IMPLEMENTAZIONE DI BUONE PRATICHE DI ALTERNANZA SCUOLA LAVORO. Tra UFFICIO SCOLASTICO TERRITORIALE DI NOVARA ACCORDO QUADRO PER LA DIFFUSIONE E L IMPLEMENTAZIONE DI BUONE PRATICHE DI ALTERNANZA SCUOLA LAVORO Tra UFFICIO SCOLASTICO TERRITORIALE DI NOVARA Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA FRA LA REGIONE AUTONOMA VALLE D AOSTA IL MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA

PROTOCOLLO D INTESA FRA LA REGIONE AUTONOMA VALLE D AOSTA IL MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA PROTOCOLLO D INTESA FRA LA REGIONE AUTONOMA VALLE D AOSTA IL MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA IL MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI Per la realizzazione dall anno

Dettagli

La Certificazione delle Competenze Professionali e dei Crediti Formativi

La Certificazione delle Competenze Professionali e dei Crediti Formativi La Certificazione delle Competenze Professionali e dei Crediti Formativi Presentazione Progetto Relatore: Vito Di Marco Il Progetto Modelli innovativi per la Certificazione delle Competenze Professionali

Dettagli

Art. 1 Finalità. Art. 2 Apprendistato.

Art. 1 Finalità. Art. 2 Apprendistato. Regione Umbria LEGGE REGIONALE 30 maggio 2007, n. 18 Disciplina dell'apprendistato. Pubblicazione: Bollettino Ufficiale n. 25 del 06/06/2007 Il Consiglio regionale ha approvato. La Presidente della Giunta

Dettagli

CATALOGO 2014-2015. Indice dei corsi di formazione individuali. Modalità online

CATALOGO 2014-2015. Indice dei corsi di formazione individuali. Modalità online CATALOGO 2014-2015 Indice dei corsi di formazione individuali Modalità online 1. Progettare il curricolo per competenze 2. Valutare gli apprendimenti. Dalla valutazione alla certificazione delle competenze:

Dettagli

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici L interazione tra scuola, impresa e territorio L alleanza con i soggetti economico-sociali, le imprese

Dettagli

Schema del PON Competenze per lo Sviluppo

Schema del PON Competenze per lo Sviluppo UNIONE EUROPEA Direzione Generale Occupazione e Affari Sociali MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE Dipartimento dell Istruzione Direzione Generale per gli Affari Internazionali Uff. V PROGRAMMA OPERATIVO

Dettagli

Formazione e Innovazione per l Occupazione FIxO Scuola & Università

Formazione e Innovazione per l Occupazione FIxO Scuola & Università Formazione e Innovazione per l Occupazione FIxO Scuola & Università "Verso una scuola che educa alla scelta, il ruolo del servizio di placement scolastico": Dalle riforme il nuovo ruolo della scuola Le

Dettagli

Il management cooperativo e l innovazione

Il management cooperativo e l innovazione AZIENDE IN RETE NELLA FORMAZIONE CONTINUA Strumenti per la competitività delle imprese venete Il management cooperativo e l innovazione DGR n. 784 del 14/05/2015 - Fondo Sociale Europeo in sinergia con

Dettagli

COMITATO TECNICO SCUOLA E UNIVERSITA

COMITATO TECNICO SCUOLA E UNIVERSITA Emilia Gangemi COMITATO TECNICO SCUOLA E UNIVERSITA Linee di indirizzo 12 dicembre 2012 Il quadro disegnato dai dati più recenti, tra cui le indagini ISTAT, in merito al mercato del lavoro nel Lazio non

Dettagli

AREA LAVORARE NEL SOCIALE

AREA LAVORARE NEL SOCIALE AREA LAVORARE NEL SOCIALE IL FUND RAISING PER LA GESTIONE DELL IMPRESA SOCIALE Obiettivo del corso è quello di comprendere le implicazioni sociali, organizzative ed etiche che accompagnano l attività di

Dettagli

Formarsi è bene, Trasformarsi è meglio. Investire su se stessi Apprendimento Continuo

Formarsi è bene, Trasformarsi è meglio. Investire su se stessi Apprendimento Continuo Formarsi è bene, Trasformarsi è meglio ISTUD BUSINESS SCHOOL Investire su se stessi Apprendimento Continuo Sonia Claudia Lepore Cambiamento Continuo VUCA! Volatility Uncertainty Complexity Ambiguity Risulta

Dettagli

Curriculum Vitae Europass

Curriculum Vitae Europass Curriculum Vitae Europass Informazioni personali Nome(i) / Cognome(i) Indirizzo(i) Via Liverani 7 Faenza (RA) Telefono(i) 0546 25965; 0545 60802; Cellulare: 348 5709704 E-mail Cittadinanza sarchielli@studiometa.org,

Dettagli

Ente accreditato dal Ministero Istruzione, Università e Ricerca d Italia per la formazione del personale Scuola D.M. 177/2000

Ente accreditato dal Ministero Istruzione, Università e Ricerca d Italia per la formazione del personale Scuola D.M. 177/2000 UN NUOVO MODELLO DI MASTER UNIVERSITARIO UNA COMPARAZIONE DEL MODELLO ISPEF IN ITALIA, ROMANIA E CILE Dati dell Autore Nome e Cognome: Fausto Presutti Email: f.presutti@ispef.it ; faustopresutti@gmail.com

Dettagli

Investimento sull istruzione e formazione dei giovani Articolazione unitaria del sistema libertà di scelta Flessibilità strutturale

Investimento sull istruzione e formazione dei giovani Articolazione unitaria del sistema libertà di scelta Flessibilità strutturale Investimento sull istruzione e formazione dei giovani per favorire la crescita personale, culturale e professionale in linea con le politiche del capitale umano, assicurando loro conoscenze, abilità, capacità

Dettagli

Questa terza ed ultima fase prevede la realizzazione di una serie di interventi di seguito descritti:

Questa terza ed ultima fase prevede la realizzazione di una serie di interventi di seguito descritti: Introduzione La Regione del Veneto guarda con ottimismo alle sue risorse più preziose - le risorse umane - per garantire uno sviluppo economico, sociale e occupazionale efficace e duraturo per il futuro

Dettagli

Unità Formativa 2.2: Definizione degli obiettivi dell intervento.

Unità Formativa 2.2: Definizione degli obiettivi dell intervento. Unità Formativa 2.2: Definizione degli obiettivi dell intervento. Una volta realizzata l analisi del contesto di riferimento e dei fabbisogni formativi che esso esprime (vedi UF 2.1), il progettista dispone

Dettagli

IL MONITORAGGIO DEI SERVIZI PER IL LAVORO

IL MONITORAGGIO DEI SERVIZI PER IL LAVORO VERSO UN SISTEMA REGIONALE AMPLIATO DEI SERVIZI AL LAVORO Giornata di confronto sui sistemi di accreditamento Palermo, 30 Novembre 2010 IL MONITORAGGIO DEI SERVIZI PER IL LAVORO Franco Deriu ISFOL Responsabile

Dettagli

Il ciclo di vita della startup e gli attori della filiera del venture capital

Il ciclo di vita della startup e gli attori della filiera del venture capital Il ciclo di vita della startup e gli attori della filiera del venture capital Quando ricorrere al capitale di rischio Sostegno alla crescita Ricambio generazionale Internazionalizzazione Riorganizzazione

Dettagli

Progettare la mobilità per unità di risultati dell apprendimento

Progettare la mobilità per unità di risultati dell apprendimento Progettare la mobilità per unità di risultati dell apprendimento Marta Santanicchia Isfol Team Nazionale Esperti ECVET Workshop di approfondimento su ECVET Agenzia Leonardo da Vinci Roma, 21 Settembre

Dettagli

BANDO AIUTI ALLE MPMI PER L ACQUISIZIONE DI SERVIZI INNOVATIVI

BANDO AIUTI ALLE MPMI PER L ACQUISIZIONE DI SERVIZI INNOVATIVI BANDO AIUTI ALLE MPMI PER L ACQUISIZIONE DI SERVIZI INNOVATIVI Misura POR CREO FESR 2007-2013 LINEA 1.3B POR CREO FESR 2014-2020 ASSE 1 PRSE 2012-2015 LINEA 1.1B Azioni Finanziabili La Regione Toscana

Dettagli

Il welfare aziendale e l azione del Dipartimento per le Pari Opportunità

Il welfare aziendale e l azione del Dipartimento per le Pari Opportunità Conciliazione dei tempi di vita e di lavoro Il welfare aziendale e l azione del Dipartimento per le Pari Opportunità Dott.ssa Serenella Martini Dipartimento per le Pari Opportunità Presidenza del Consiglio

Dettagli

Giornata di Formazione per referenti delle Scuole Polo

Giornata di Formazione per referenti delle Scuole Polo Giornata di Formazione per referenti delle Scuole Polo Milano, 18 gennaio 2013 1 NORMATIVA RELATIVA ALLA SOLIDARIETA, AL BENESSERE DEGLI STUDENTI E ALL AUTONOMIA DEGLI ISTITUTI SCOLASTICI L. 285/97 relativa

Dettagli

3.6 La mobilità transnazionale e la cooperazione a supporto dell istruzione, della formazione e dell'occupabilità

3.6 La mobilità transnazionale e la cooperazione a supporto dell istruzione, della formazione e dell'occupabilità 3.6 La mobilità transnazionale e la cooperazione a supporto dell istruzione, della formazione e dell'occupabilità Obiettivo globale 6 - Promuovere politiche di mobilità transnazionale e di cooperazione

Dettagli

Direzione centrale attività produttive, commercio, cooperazione, risorse agricole e forestali Area per il manifatturiero

Direzione centrale attività produttive, commercio, cooperazione, risorse agricole e forestali Area per il manifatturiero Direzione centrale attività produttive, commercio, cooperazione, risorse agricole e forestali Area per il manifatturiero FVG regione a vocazione manifatturiera Settori di specializzazione FVG Principali

Dettagli

Il Moderno Security Manager, alla luce della norma UNI 10459: 2015. Alessandro Manfredini Membro Consiglio Direttivo AIPSA

Il Moderno Security Manager, alla luce della norma UNI 10459: 2015. Alessandro Manfredini Membro Consiglio Direttivo AIPSA Il Moderno Security Manager, alla luce della norma UNI 10459: 2015 Alessandro Manfredini Membro Consiglio Direttivo AIPSA Roma, 5 giugno 2015 Ente Nazionale Unico di Unificazione UNI - Ente Nazionale Italiano

Dettagli

Il Programma LLP - Leonardo da vinci e il nuovo Programma Erasmus for All (2014 2020) Relatore: Franca Fiacco

Il Programma LLP - Leonardo da vinci e il nuovo Programma Erasmus for All (2014 2020) Relatore: Franca Fiacco Il Programma LLP - Leonardo da vinci e il nuovo Programma Erasmus for All (2014 2020) Relatore: Franca Fiacco Fonte: Comunicazione Commissione europea al Parlamento, al Consiglio, al Comitato economico

Dettagli

Tale processo ha determinato la richiesta di standard produttivi e qualitativi più elevati ed una più facile tracciabilità di filiera.

Tale processo ha determinato la richiesta di standard produttivi e qualitativi più elevati ed una più facile tracciabilità di filiera. 2 Nel corso degli anni, sono progressivamente cambiate, nei consumatori, le abitudini d acquisto e la natura dei consumi dei prodotti alimentari. La figura del consumatore si è evoluta in maniera evidente,

Dettagli

La cooperazione tra PMI e Centri di Ricerca per l innovazione.

La cooperazione tra PMI e Centri di Ricerca per l innovazione. La cooperazione tra PMI e Centri di Ricerca per l innovazione. Treviso, 24 febbraio 2015 Smart Specialisation Strategy Rappresenta il rafforzamento delle specializzazioni del territorio e la promozione

Dettagli

Economia sociale e impresa sociale

Economia sociale e impresa sociale Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali DG Terzo settore e formazioni sociali Economia sociale e impresa sociale Intervento di Anna Chiara Giorio 9 gennaio 2014 Indice dell intervento Terzo settore,

Dettagli

Perché nessuno si perda

Perché nessuno si perda Perché nessuno si perda L istruzione e formazione professionale (IeFP) risorsa strategica per combattere gli abbandoni scolastici e aiutare i giovani a entrare nel mondo del lavoro. Programma in dieci

Dettagli

NEW SKILLS 10 TREND EMERGENTI PER IL SETTORE ASSICURATIVO OSSERVATORIO REPUTATIONAL & EMERGING RISK

NEW SKILLS 10 TREND EMERGENTI PER IL SETTORE ASSICURATIVO OSSERVATORIO REPUTATIONAL & EMERGING RISK NEW SKILLS 10 TREND EMERGENTI PER IL SETTORE ASSICURATIVO OSSERVATORIO REPUTATIONAL & EMERGING RISK 1 10 NEW SKILLS Guerra dei talenti e gestione Intangibles e Capitale Umano I principali trend emergenti,

Dettagli

Dott. Andrea FUSCO Direttore del Dipartimento III della Provincia di Roma. della qualità della vita» Forum PA 2014

Dott. Andrea FUSCO Direttore del Dipartimento III della Provincia di Roma. della qualità della vita» Forum PA 2014 Dott. Andrea FUSCO Direttore del Dipartimento III della Provincia di Roma «ServiziperlaFormazione Formazione, il Lavoro e lapromozione della qualità della vita» Forum PA 2014 IlDipartimento IIIdellaProvincia

Dettagli

L A FOR MAZIONE A PAR MA, DA L 1987

L A FOR MAZIONE A PAR MA, DA L 1987 CO M PA N Y P R O F I L E L A FOR MAZIONE A PAR MA, DA L 1987 2 3 CISITA PARMA. La formazione a Parma, dal 1987 Cisita I NUMERI DI CISITA PARMA AZIENDE CLIENTI - 1.061 ORE DI FORMAZIONE EROGATE - 38.132

Dettagli

IL MANAGER COACH: MODA O REQUISITO DI EFFICACIA. Nelle organizzazioni la gestione e lo sviluppo dei collaboratori hanno una importanza fondamentale.

IL MANAGER COACH: MODA O REQUISITO DI EFFICACIA. Nelle organizzazioni la gestione e lo sviluppo dei collaboratori hanno una importanza fondamentale. IL MANAGER COACH: MODA O REQUISITO DI EFFICACIA Nelle organizzazioni la gestione e lo sviluppo dei collaboratori hanno una importanza fondamentale. Gestione e sviluppo richiedono oggi comportamenti diversi

Dettagli

Linee di sviluppo regionale: dai progetti alle sperimentazioni sul campo

Linee di sviluppo regionale: dai progetti alle sperimentazioni sul campo Workshop Gruppo Esperti Nazionali ECVET La sperimentazione di ECVET nei processi di apprendimento in contesti lavorativi Lamezia Terme, 5 luglio 2013 (Grand Hotel Lamezia, Piazza Lamezia) Linee di sviluppo

Dettagli

Fabrizio Cafaggi IUE/ Università di Trento

Fabrizio Cafaggi IUE/ Università di Trento Fabrizio Cafaggi IUE/ Università di Trento fabrizio.cafaggi@iue.it Politiche industriali, reti di imprese e sviluppo locale Presentazione preparata per il seminario del 28 settembre Firenze Le politiche

Dettagli

ALLEGATO 1. SCHEDE DEI SERVIZI di cui all art. 4

ALLEGATO 1. SCHEDE DEI SERVIZI di cui all art. 4 ALLEGATO 1 SCHEDE DEI SERVIZI di cui all art. 4 1 Sevizi per il lavoro generali obbligatori (Art. 4 co. 1) Area funzionale I coinvolte negli SPI - Illustrare i servizi offerti; - Informare sulla rete dei

Dettagli