PROPOSTA PER LA FORMAZIONE SEZIONALE, REGIONALE E NAZIONALE IN AMBITO TAM E CSC

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROPOSTA PER LA FORMAZIONE SEZIONALE, REGIONALE E NAZIONALE IN AMBITO TAM E CSC"

Transcript

1 PROPOSTA PER LA FORMAZIONE SEZIONALE, REGIONALE E NAZIONALE IN AMBITO TAM E CSC INDICE DEL DOCUMENTO Percorso formativo Sezionale TAM e CSC pag. 2 Base Culturale Comune pag. 2 Moduli tecnici pag. 3 Percorso formativo Operatore regionale TAM pag. 5 Percorso formativo Operatore nazionale TAM pag. 7 Percorso formativo Operatore regionale CSC pag. 9 Percorso formativo Operatore nazionale CSC pag. 11 Considerazioni finali pag. 11 Diagrammi di flusso esemplificativi pag. 12 Milano, dicembre 2012 Giorgio Maresi (CCTAM) e Christian Casarotto (CSC)

2 PERCORSO FORMATIVO SEZIONALE TAM E CSC BASE CULTURALE COMUNE Si propone di articolare nel seguente modo la formazione prevista come base culturale e tecnica comune Si propone uno sviluppo del corso in un fine settimana. 1. la cultura del Club Alpino Italiano 2. la cultura dell alpinismo 3. la cultura della responsabilità 4. la cultura della conoscenza del territorio 5. la cultura della sicurezza, della prevenzione e del soccorso 6. la cultura dell accompagnamento e dell istruzione 7. la cultura dell ambiente 8. la cultura della montagna 9. la cultura della libera frequentazione della montagna Sono individuate in grassetto le tematiche di competenza TAM e CSC. Di queste viene proposta la seguente declinazione: 3- La cultura dell alpinismo (questo argomento deve essere trattato in collaborazione con altri OTCO in special modo con la Scuola Centrale di Alpinismo) - L ascesa alle vette, qual erano le motivazioni che spingevano gli uomini a salire le montagne prima dell alpinismo. - Si istituiscono in Europa i Club Alpini: principi ispiratori. - Diversi modi di vedere l alpinismo: alpinismo scientifico, alpinismo letterario, alpinismo integrale, alpinismo etico. - Conquiste e salite alpinistiche prima della fondazione del Club Alpino Italiano. - La nascita del Club Alpino di Torino (poi Italiano), i primi anni. - L evoluzione dell alpinismo e della cultura alpinistica in Italia, dagli anni 80 del IXX Secolo all avvento dl fascismo. - L alpinismo oggi. 4- La cultura della conoscenza del territorio - Mappe del territorio geografia di base a livello regionale - Caratteristiche generale dell ambiente montano regionale: 1. geologia generale, geomorfologia e pedologia 2. clima e meteo 3. comunità vegetali 4. comunità animali - Particolarità ed emergenze naturalistiche del territorio regionale - Rete aree protette, sic e zps - Paesaggi tipici del territorio regionale: riconoscimento - Emergenze culturali del territorio regionale 7- La cultura dell ambiente - Ecologia montana: ecosistema, popolazioni, comunità ed interazioni fra le componenti dell ambiente montano - Ruolo della Biodiversità - Problematiche generali dell ambiente montano italiano 1. abbandono 2. agricoltura (allevamento e selvicoltura) modelli tradizionali e loro criticità 2

3 3. trasporti: grandi opere, impatto locale 4. energia: problematiche delle energie alternative 5. parchi gestione aree protette 6. turismo montano: impatto sociale ed ambientale - Impatto delle attività e strutture CAI - Mitigazione dello stesso - Sostenibilità della presenza del uomo in montagna - Sviluppo sostenibile 8- La cultura della montagna - Uomo creato dalla montagna - Storia della presenza dell uomo in montagna - Sociologia dell ambiente montano (chi sta in montagna e cosa fa) - La montagna creata dall uomo - La nascita del turismo montano - Evoluzione della frequentazione montana - La montagna nell immaginario - La montagna raccontata: film, libri, canti e siti - La montagna del futuro - Discernere: dove trovare le informazioni, come fare a capirne la validità, quale spirito critico MODULI TECNICI 1. lettura della carta topografica e orientamento 2. meteorologia 3. neve e valanghe 4. studio del percorso, preparazione della gita e pianificazione attività 5. conduzione dei gruppi in ambiente 6. comunicazione, didattica e abilità relazionali 7. attivazione del soccorso organizzato 8. formazione sanitaria di base 9. conoscenza e lettura del paesaggio 10. cenni sulla catena di sicurezza I moduli tecnici sono da sviluppare su fine settimana, a meno che alcuni punti non si vogliano affrontare in serate tematiche: sabato lezioni frontali o in campo, domenica escursione con riferimenti a quanto discusso (finalizzata alla conoscenza dei particolari ambienti regionali con esempi concreti delle tematiche teoriche). Ovviamente tali moduli verranno sviluppati nell ambito di un coordinamento con gli altri OTTO per evitare dispersione di risorse. Modulo 6 (comunicazione, didattica e abilità relazionali) - conoscenze e competenze necessarie a chi fa divulgazione; - strumenti per fare formazione, conferenze, articoli, divulgazione con testi o in formato digitale (DVD, siti internet); - capacità di trovare e raccogliere le informazioni; 3

4 - capacità di selezionare, valutare criticamente (per es. evitare errori, informazioni false o non corrette) ed elaborare le informazioni (per es. contestualizzarle da un punto di vista storico e geografico); - sapere presentare in modo efficace quello che si vuole comunicare, sia parlando sia scrivendo, in funzione degli ascoltatori/lettori, cioè farsi capire; - saper collaborare con altri e integrare idee diverse; Modulo 5 (conduzione dei gruppi in ambiente Modulo 2 (meteorologia) Modulo 3 (neve e valanghe) Modulo 7 (attivazione del soccorso organizzato) Modulo 8 (formazione sanitaria di base) Modulo 10 (cenni sulla catena di sicurezza) Modulo 1 (lettura della carta topografica e orientamento) Modulo 4 (studio del percorso, preparazione della gita e pianificazione attività), gis e lettura carte tematiche Il punto 9 conoscenza e lettura del paesaggio è individuato come di competenza della CCTAM e del CSC ed è proposto, in comune CCTAM CSC,con questa articolazione: - elementi costituenti il paesaggio - evoluzione del paesaggio - ecologia del paesaggio - lettura del paesaggio - paesaggi montani in Italia e nel mondo - patologie del paesaggio - capire il paesaggio Seguono tematici specifici della formazione CSC e TAM - Geologia e geomorfologia del territorio - Aspetti litologici e tettonici del territorio - Forme del paesaggio - Particolarità geologiche della regione - Glaciologia e climatologia - Flora e vegetazione - Botanica generale, basi di botanica sistematica - Tipologie vegetazionali - Peculiarità floristiche della regione - Zoologia - Principali gruppi animali sistematica animale - Distribuzione delle popolazioni animali sul territorio - Riconoscimento tracce e segni della presenza degli animali tipici del territorio Verifica finale 4

5 PERCORSO FORMATIVO OPERATORE REGIONALE TAM Si approfondiscono le tematiche già sviluppate nel sezionale, ampliando gli aspetti gestionali. Si suggeriscono almeno 3 we per approfondire tutti i punti. Ecologia montana Processi ecologici, popolazioni, comunità,ecosistemi montani, ecologia applicata Ecosistemi particolari del territorio montano locale Problemi globali ed emergenze particolari locali Parchi ed enti per la gestione sostenibile del territorio; leggi quadro e protocolli internazionali Agricoltura, alpicoltura e selvicoltura Attività primarie nel territorio montano, aspetti gestionali e produttivi agricoltura regionale allevamento selvicoltura Problematiche del mantenimento e della salvaguardia delle biodiversità d. Leggi riguardanti gli aspetti gestionali Aspetti faunistici particolarità della fauna montana Sovrappopolamento ed estinzione, rapporti della fauna locale con la vegetazione boschiva e con l agricoltura Gestione faunistica, ripopolamento, leggi riguardanti l organizzazione dell attività venatoria. Problematiche idrogeologiche Conoscenze geologiche e geomorfologiche di base Geomorfologia del territorio montano Frane, smottamenti, alluvioni Criteri di prevenzione e di corretta gestione del territorio Gestione dei torrenti, fiumi e laghi montani Realtà storiche e culturali; caratteristiche socio-economiche dell ambiente montano Segni storici della presenza dell uomo in montagna Realtà sociali presenti e aspetti economici e produttivi nel territorio montano regionale Conflittualità tra realtà produttive e protezione dell ambiente, abbandono della montagna, fruizione turistica Pianificazione paesaggistica, territoriale, urbanistica. Modulo operativo Esame di un emergenza Approcci conoscenze ambientali : cartografia gis documentazione ufficiale ecc ecc Prova applicativa in campo Comunicazione e pubbliche relazioni Gestione emergenze ambientali 5

6 Gestione gruppi Divulgazione ambientale Cai e ambiente La politica ambientale del CAI e le sue strutture I compiti della TAM: la consulenza, le segnalazioni, la sensibilizzazione Documenti fondamentali del CAI e norme di autoregolamentazione in materia ambientale Convenzione Alpi, Appennini e Cipra Impatto ambientale di strutture e attività CAI Questo punto potrebbe essere un ulteriore we da fare alla fine del corso da sezionale? Esame articolato con domande a risposta multipla e colloquio motivazionale 6

7 PERCORSO FORMATIVO OPERATORE NAZIONALE TAM Si prevede una formazione a moduli intesi come specializzazioni. Ogni aspirante operatore TAM dovrebbe scegliere 4 moduli al massimo Dalla formazione ONTAM devono derivare gruppi di lavoro tematici ed efficienti capaci di alta specializzazione anche internazionale ma con un Centro (CCTAM o Agenzia per l Ambiente) dove far convergere le esperienze particolari per coordinarle in una politica ambientale per la montagna Agricoltura, foreste, alpicoltura, gestione venatoria La produzione primaria nei territori montani Gestione faunistica Gestione forestale Agricoltura ed allevamento in montagna Pianificazione del territorio e del paesaggio Difesa del suolo Paesaggio e sua salvaguardia Gestione dei dissesti e del suolo Ricreare il paesaggio Pianificazione ambientale Chi fa cosa nel campo ambientale Trasporti ed energia Problematiche dei trasporti nelle aree montane Impatto delle grandi opere Energie sostenibili Valorizzazione risorse energetiche locali Acqua e clima Cambiamento climatico nelle montagne italiane Gestione dei patrimoni idrici montani: laghi e fiumi Glaciologia Economia e sociologia rurale Ecological economics realtà sociale della montagna Casi pratici sviluppo sostenibile Comunicazione e gestione relazionale Rapporti inter intra associativi Rapporti internazionali Padronanza linguistica con lingua straniera Formazione ed educazione ambientale Tecniche di comunicazione Esperienze comunicative Gestione di gruppi Gestione di emergenze 7

8 Utilizzo dei media Area protette, rete natura 2000, corridoi ecologici Criteri e politica gestionale dei territori protetti Gestione siti natura 2000 Concetti di rete ecologica Gestione della biodiversità Esame orale basato su valutazione competenze dei singoli settori di interesse Mantenimento del dimostrata titolo legato ad aggiornamenti specifici e generali ed ad attività 8

9 CONSIDERAZIONI FINALI Per ottimizzare costi e qualità dei corsi è opportuno proseguire con le sinergie già adottate nel recente passato fra le due commissioni in modo da poter fare insieme le parti comuni nel programma dei corsi nei diversi livelli, pur mantenendo ben distinte le due figure. In particolare, verranno sviluppate insieme le tematiche relative alla conoscenza dell ambiente e del territorio, mentre gli aspetti della gestione tecnica saranno portati avanti dal programma TAM. Gli approfondimenti scientifici saranno sviluppati nel percorso specifico degli operatori ONC. Il percorso proposto recepisce in toto la formazione prevista per il sezionale in ambito CAI ed armonizza gli step successivi (regionale e nazionale) con tale formazione. In particolare, viene definita ed inserita la BCC e fornita agli operatori la conoscenza di base dell andare in montagna in sicurezza e con consapevolezza, come previsto e voluto dal percorso sezionale di UNICAI. Il tentativo è di costruire un cammino omogeneo, coerente con quello delle altre commissioni e con gli standard del CAI. Viene in ogni modo mantenuta una forte specificità di entrambe le commissioni, legata agli aspetti di conoscenza più che di pratica sportiva. La formazione impostata dovrebbe portare ad avere ONC con ampie conoscenze scientifiche e capacità didattiche sulle stesse, ed operatori TAM attrezzati alla comprensione degli aspetti naturalistici ma anche capaci di portare contributi innovativi alla gestione sostenibile del territorio. L impostazione su we segue uno schema ormai consolidato dove si cerca di associare una ricca parte teorica (sabato) ad un escursione in campo (domenica) finalizzata alla conoscenza dell ambiente ed al riconoscimento ed alla comprensione delle tematiche affrontate nell ambito della teoria. Rimane predominante l impostazione di far toccare con mano, favorendo la sperimentazione e la pratica. Si ritiene opportuno ridurre al minimo il periodo fra un corso e l altro Secondo uno schema di questo tipo: 1 anno corso per il Sezionale 2 anno (l anno seguente) corso per Titolato (CSC e CCTAM) di 1 livello (Regionale) Un anno di attività presso la propria sezione prima di essere nominato ONC regionale, mentre per l operatore TAM la nomina e l operatività seguirà l esame. 2 anni di attività come regionale per la commissione TAM prima dello step successivo. Analogamente per il titolato dello scientifico. Attenzione: vista la difficoltà di organizzazione del corso nazionale, non va considerata obbligatoria questa regola ma solo consigliabile corso per Titolato (CSC e CCTAM) di 2 livello Nazionale Il programma formativo va considerato in toto: si vedrà che molti argomenti vengono affrontati ed approfonditi nei diversi livelli. È opportuno trasformare il corso da sezionale in un approccio friendly all ambiente montano, sia negli aspetti dell andare in montagna sia negli aspetti di conoscenza. È necessario poi che la figura del sezionale possa essere affiancata alle normali attività degli altri operatori in modo da farne crescere l adesione all impegno delle commissioni. La modifica dello schema formativo impone di fatto una profonda verifica della funzionalità delle commissioni sia centrali che periferiche, al fine di valorizzare al massimo le potenzialità dei soci così formati. 9

10 DIAGRAMMI DI FLUSSO ESEMPLIFICATIVI BASE CULTURALE COMUNE MODULI TECNICI - Modulo 6 (comunicazione, didattica e abilità relazionali) -Modulo 5 (conduzione dei gruppi in ambiente) e comunicazione ambientale- - Modulo 2 (meteorologia) Modulo 3 (neve e valanghe) MODULI TECNICI - Modulo 7 (attivazione del soccorso organizzato) - Modulo 8 (formazione sanitaria di base) Modulo 10 (cenni sulla catena di sicurezza) MODULI TECNICI - Modulo 1 (lettura della carta topografica e orientamento) - Modulo 4 (studio del percorso, preparazione della gita e pianificazione attività), gis e lettura carte tematiche MODULI TECNICI (TAM E CSC) Geologia e geomorfologia del territorio Aspetti litologici e tettonici del territorio Forme del paesaggio Particolarità geologiche della regione Glaciologia e climatologia MODULI TECNICI (TAM E CSC) Flora e vegetazione Botanica generale, basi di botanica sistematica Tipologie vegetazionali Peculiarità floristiche della regione MODULI TECNICI (TAM E CSC) Zoologia Principali gruppi animali sistematica animale Distribuzione delle popolazioni animali sul territorio Riconoscimento tracce e segni della presenza degli animali tipici del territorio VERIFICA 1 ANNO DI OPERATIVITÀ QUALIFICA DI SEZIONALE 10

11 SEZIONALE Ecologia montana Agricoltura, alpicoltura e selvicoltura Aspetti faunistici Problematiche idrogeologiche Realtà storiche e culturali; caratteristiche socio-economiche dell ambiente montano Modulo operativo Comunicazione e pubbliche relazioni Cai e ambiente ESAME QUALIFICA DI OPERATORE REGIONALE TAM AGGIORNAMENTI Agricoltura, foreste, alpicoltura, gestione venatoria Pianificazion e del territorio e del paesaggio Trasporti ed energia Acqua e clima Economia e sociologia rurale Comunicazio ne e gestione relazionale Formazione ed educazione ambientale Area protette, rete natura 2000, corridoi ecologici quattro moduli a scelta ESAME QUALIFICA DI OPERATORE NAZIONALE TAM AGGIORNAMENTI 11

12 SEZIONALE Struttura e funzioni del CS La figura dell ONC Ecologia Paesaggi naturali e paesaggi antropici Geologia e geomorfologia Pedologia: la formazione dei suoli, Geoturismo e cartografia tematica, Flora, vegetazione e sistematica Fauna Topografia e orientamento Meteorologia e clima Legislazione L operatore naturalistico in pratica ESAME QUALIFICA DI OPERATORE REGIONALE CSC AGGIORNAMENTI SVILUPPARE UNO DEI SEGUENTI TEMI tecniche di comunicazione applicate tecniche di conduzione di gruppo tecniche di monitoraggio, gestione, acquisizione e archiviazione di dati sul territorio intervento del Comitato Scientifico Centrale attività di accompagnamento organizzazione di gruppi e attività di ricerca relazioni su attività di ricerca e di approfondimento in ambito montano esame Qualifica di Operatore Nazionale CSC Aggiornamenti 12

Commissione T.A.M. Regione Campania

Commissione T.A.M. Regione Campania Commissione T.A.M. Regione Campania Corso per Operatori Sezionali TAM. Il corso è aperto a tutti i Soci CAI maggiorenni delle della che siano iscritti da almeno 2 anni al CAI. Il corso è aperto anche ai

Dettagli

CLUB ALPINO ITALIANO SCUOLA DI ESCURSIONISMO EZIO MENTIGAZZI CAI TORINO Via Barbaroux 1, TORINO Tel:011546031 CORSO ASE LEZIONI BASE CULTURALE COMUNE

CLUB ALPINO ITALIANO SCUOLA DI ESCURSIONISMO EZIO MENTIGAZZI CAI TORINO Via Barbaroux 1, TORINO Tel:011546031 CORSO ASE LEZIONI BASE CULTURALE COMUNE CLUB ALPINO ITALIANO SCUOLA DI ESCURSIONISMO EZIO MENTIGAZZI CAI TORINO Via Barbaroux 1, TORINO Tel:011546031 CORSO ASE LEZIONI BASE CULTURALE COMUNE PIANO DIDATTICO REGOLAMENTO PIANO DIDATTICO CORSO 1

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI GEOGRAFIA TURISTICA A.S. 2013/2014 CLASSE 3 D TURISMO ISTITUTO TECNICO BRANCHINA ADRANO PROF. MASSIMO RICCARDO COSTANZO

PROGRAMMAZIONE DI GEOGRAFIA TURISTICA A.S. 2013/2014 CLASSE 3 D TURISMO ISTITUTO TECNICO BRANCHINA ADRANO PROF. MASSIMO RICCARDO COSTANZO PROGRAMMAZIONE DI GEOGRAFIA TURISTICA A.S. 2013/2014 CLASSE 3 D TURISMO ISTITUTO TECNICO BRANCHINA ADRANO PROF. MASSIMO RICCARDO COSTANZO Presentazione Da qualche anno il turismo è diventato in quasi tutto

Dettagli

CURRICOLO TRIENNALE DI GEOGRAFIA

CURRICOLO TRIENNALE DI GEOGRAFIA CURRICOLO TRIENNALE DI GEOGRAFIA La geografia contribuisce a fornire gli strumenti per formare persone autonome e critiche, che siano in grado di assumere decisioni responsabili nella gestione del territorio

Dettagli

Valorizzazione e tutela dell ambiente e del territorio montano

Valorizzazione e tutela dell ambiente e del territorio montano Corso di laurea triennale Scienze Agrarie e Alimentari Valorizzazione e tutela dell ambiente e del territorio montano Anno Accademico 201/201 Corso di Laurea Triennale in VALORIZZAZIONE E TUTELA DELL AMBIENTE

Dettagli

Declinazione dei risultati di apprendimento in conoscenze e abilità per il primo biennio

Declinazione dei risultati di apprendimento in conoscenze e abilità per il primo biennio Allegato A) Declinazione dei risultati di apprendimento in conoscenze e abilità per il primo biennio A.1 Settore economico A.2 Settore tecnologico Il presente allegato è stato redatto con riferimento alle

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA M.I.U.R.

PROTOCOLLO D INTESA TRA M.I.U.R. PROTOCOLLO D INTESA TRA M.I.U.R. Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca e ItaliaNostra onlus Associazione nazionale per la tutela del patrimonio storico, artistico e naturale VISTO

Dettagli

Direzione centrale risorse agricole, naturali, forestali e montagna S.A.R.A. SISTEMA AREE REGIONALI AMBIENTALI

Direzione centrale risorse agricole, naturali, forestali e montagna S.A.R.A. SISTEMA AREE REGIONALI AMBIENTALI Direzione centrale risorse agricole, naturali, forestali e montagna S.A.R.A. SISTEMA AREE REGIONALI AMBIENTALI Roma 27 marzo 2008 workshop Financing Natura 2000 PROGRAMMA S.A.R.A. Sistema Aree Regionali

Dettagli

Parc Adula Progetto di parco nazionale. Una piccola Svizzera nel cuore delle Alpi

Parc Adula Progetto di parco nazionale. Una piccola Svizzera nel cuore delle Alpi Parc Adula Progetto di parco nazionale Una piccola Svizzera nel cuore delle Alpi 1 Una piccola Svizzera nel cuore delle Alpi, Associazione Parc Adula, Marzo 2011 Missione Il progetto Parc Adula si prefigge

Dettagli

Scienze. Facoltà di. Via Brecce Bianche Monte Dago 60100 Ancona Tel. 071/2204512

Scienze. Facoltà di. Via Brecce Bianche Monte Dago 60100 Ancona Tel. 071/2204512 Via Brecce Bianche Monte Dago 60100 Ancona Tel. 071/2204512 Facoltà di Scienze Corsi di Laurea Triennale in: SCIENZE BIOLOGICHE SCIENZE DEL CONTROLLO AMBIENTALE E DELLA PROTEZIONE CIVILE Corsi di Laurea

Dettagli

Indice degli Elaborati del PdG PIANO DI GESTIONE. Ambito territoriale di Isola di Pantelleria. versione conforme al DDG ARTA n 603 del 26/06/2009

Indice degli Elaborati del PdG PIANO DI GESTIONE. Ambito territoriale di Isola di Pantelleria. versione conforme al DDG ARTA n 603 del 26/06/2009 Unione Europea Regione Siciliana Dipartimento Regionale Azienda Foreste Demaniali Codice POR: 1999.IT.16.1.PO.011/1.11/11.2.9/0351 Ambito territoriale di Isola di Pantelleria PIANO DI GESTIONE versione

Dettagli

PROPOSTA DI MANDATO PER IL GRUPPO DI LAVORO TURISMO SOSTENIBILE per il periodo 2015-2016

PROPOSTA DI MANDATO PER IL GRUPPO DI LAVORO TURISMO SOSTENIBILE per il periodo 2015-2016 PROPOSTA DI MANDATO PER IL GRUPPO DI LAVORO TURISMO SOSTENIBILE per il periodo 2015-2016 1. Istituzione del gruppo di lavoro Decisione della Conferenza delle Alpi in merito all istituzione del Gruppo di

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI GEOGRAFIA. Anno scolastico 2014-2015

PROGRAMMAZIONE DI GEOGRAFIA. Anno scolastico 2014-2015 PROGRAMMAZIONE DI GEOGRAFIA Anno scolastico 2014-2015 Seconda classe FINALITA' GENERALI 1) Forte legame con la storia 2) Sviluppare la capacità di comprendere le relazioni che intercorrono tra le caratteristiche

Dettagli

ANALISI E GESTIONE AMBIENTALE

ANALISI E GESTIONE AMBIENTALE Università degli Studi di Palermo Facoltà di Scienze Matematiche Fisiche e Naturali MANIFESTO DEGLI STUDI Anno Accademico 2009/2010 CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN ANALISI E GESTIONE AMBIENTALE Classe

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI FRANCAVILLA DI SICILIA PROGETTO DI EDUCAZIONE AMBIENTALE VIVERE IL TERRITORIO A.S. 2013/14

ISTITUTO COMPRENSIVO DI FRANCAVILLA DI SICILIA PROGETTO DI EDUCAZIONE AMBIENTALE VIVERE IL TERRITORIO A.S. 2013/14 ISTITUTO COMPRENSIVO DI FRANCAVILLA DI SICILIA PROGETTO DI EDUCAZIONE AMBIENTALE VIVERE IL TERRITORIO A.S. 2013/14 Referente del progetto: Rigano Salvatrice Gruppo del progetto: Tosto Graziella, Cantarella

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE OPERATORI TECNICI NEI PARCHI NAZIONALI E NELLE AREE PROTETTE (120 ore)

CORSO DI FORMAZIONE OPERATORI TECNICI NEI PARCHI NAZIONALI E NELLE AREE PROTETTE (120 ore) CORSO DI FORMAZIONE OPERATORI TECNICI NEI PARCHI NAZIONALI E NELLE AREE PROTETTE (120 ore) PROGETITO FORMATIVO MODULO 1 PRESENTAZIONE DEI PARCHI ED AREE PROTETTE (8 ore) Definizione dei concetti di Parco,

Dettagli

PROGRAMMAZIONE D AREA DI GEOGRAFIA

PROGRAMMAZIONE D AREA DI GEOGRAFIA ALLEGATO N 2 AL VERBALE N. 1 PROGRAMMAZIONE D AREA DI GEOGRAFIA SECONDO BIENNIO E QUINTO ANNO TURISMO ANNO SCOLASTICO 2015-2016 IN STAMPATELLO BONALUMI ANTONELLA FIRMA Presezzo, 28 settembre 2015 Programmazione

Dettagli

Corso di formazione COMUNICAZIONE ED EDUCAZIONE ALIMENTARE per IMPRENDITORI AGRICOLI OPERATORI FATTORIA DIDATTICA PREMESSA

Corso di formazione COMUNICAZIONE ED EDUCAZIONE ALIMENTARE per IMPRENDITORI AGRICOLI OPERATORI FATTORIA DIDATTICA PREMESSA Via Montesanto, 15/6 34170 Gorizia Centralino 0481-3861 E-mail ersa@ersa.fvg.it Codice fiscale e partita IVA 00485650311 Servizio divulgazione, assistenza Corso di formazione COMUNICAZIONE ED EDUCAZIONE

Dettagli

Art. 1 Il presente Regolamento degli Operatori Naturalistici e Culturali annulla e sostituisce tutti i precedenti Regolamenti.

Art. 1 Il presente Regolamento degli Operatori Naturalistici e Culturali annulla e sostituisce tutti i precedenti Regolamenti. REGOLAMENTO DEGLI OPERATORI NATURALISTICI E CULTURALI DEL Approvato dal Comitato Direttivo Centrale il XX-XX 2010 Vista la seguente normativa: Leggi dello Stato 26 gennaio 1963, n. 91 Riordinamento del

Dettagli

TECNOLOGIE E PIANIFICAZIONE PER IL TERRITORIO E L AMBIENTE

TECNOLOGIE E PIANIFICAZIONE PER IL TERRITORIO E L AMBIENTE CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN TECNOLOGIE E PIANIFICAZIONE PER IL TERRITORIO E L AMBIENTE (corso interfacoltà con Scienze MM.FF. e NN.) UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA FACOLTA DI (allegato al verbale n.

Dettagli

GEOGRAFIA. Disciplina di insegnamento: TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

GEOGRAFIA. Disciplina di insegnamento: TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO Disciplina di insegnamento: GEOGRAFIA COMPETENZE (dal profilo dello studente) TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE

Dettagli

MASTER IN COMUNICAZIONE AMBIENTALE. Giornalismo divulgazione green economy

MASTER IN COMUNICAZIONE AMBIENTALE. Giornalismo divulgazione green economy MASTER IN COMUNICAZIONE AMBIENTALE Giornalismo divulgazione green economy Il Master in Comunicazione ambientale è ideato dal Centro Studi CTS e da Green Factor, società di consulenza sulle tematiche ambientali,

Dettagli

Relazione introduttiva Febbraio 2006

Relazione introduttiva Febbraio 2006 Amministrazione Provincia di Rieti Febbraio 2006 1 Progetto Sistema Informativo Territoriale Amministrazione Provincia di Rieti Premessa L aumento della qualità e quantità dei servizi che ha caratterizzato

Dettagli

Corsi di avvicinamento alla Montagna Appendice al Quaderno n. 2 Corsi di escursionismo

Corsi di avvicinamento alla Montagna Appendice al Quaderno n. 2 Corsi di escursionismo Corsi di avvicinamento alla Montagna Appendice al Quaderno n. 2 Corsi di escursionismo Questa appendice introduce due iniziative informative destinate a tutti coloro che si avvicinano alla montagna: -

Dettagli

(D.M. 270/2004) Classe: L-25 Scienze e tecnologie agrarie e forestali

(D.M. 270/2004) Classe: L-25 Scienze e tecnologie agrarie e forestali Agraria Laurea in Scienze agrarie 9 Corso di laurea in Scienze agrarie DURATA NORMALE 3 anni CREDITI 180 SEDE Udine ACCESSO Libero (D.M. 270/2004) Classe: L-25 Scienze e tecnologie agrarie e forestali

Dettagli

U. A. 1 GEOGRAFIA settembre-ottobre-novembre

U. A. 1 GEOGRAFIA settembre-ottobre-novembre --- U. A. 1 GEOGRAFIA settembre-ottobre-novembre ABILITÀ a. Orientarsi nello spazio e sulle carte geografiche utilizzando i punti cardinali. b. Interpretare la simbologia convenzionale delle carte. c.

Dettagli

UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola Primaria di Bellano / classi 4ª A 4ª B a.s. 2014 /15

UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola Primaria di Bellano / classi 4ª A 4ª B a.s. 2014 /15 Scuola Primaria di Bellano / classi 4ª A 4ª B a.s. 2014 /15 AMBIENTI DI CARTA - Essere in grado di operare una distinzione fra i diversi tipi di carta geografica: fisica, politica e tematica - Mettere

Dettagli

Istituto di Istruzione Superiore F.lli Costa Azara Cod. NUIS01200G

Istituto di Istruzione Superiore F.lli Costa Azara Cod. NUIS01200G Istituto di Istruzione Superiore F.lli Costa Azara Cod. NUIS01200G Istituto Professiona Settore Servizi per l Agricoltura e lo Sviluppo Rura 08038 SORGONO (NU) Corso IV Novembre tel 0784 621001 fax 0784

Dettagli

Autorità di Bacino BACINO PILOTA DEL FIUME SERCHIO

Autorità di Bacino BACINO PILOTA DEL FIUME SERCHIO Autorità di Bacino BACINO PILOTA DEL FIUME SERCHIO Piano di Gestione delle Acque I Aggiornamento Rapporto tra PDGAcque e altri piani di indirizzo: PDGAlluvioni, Piano di Sviluppo Rurale, Piano di Indirizzo

Dettagli

GEOGRAFIA Classe 1 a ORIENTAMENTO LINGUAGGIO DELLA GEO-GRAFICITÀ PAESAGGIO

GEOGRAFIA Classe 1 a ORIENTAMENTO LINGUAGGIO DELLA GEO-GRAFICITÀ PAESAGGIO Concetti topologici (dentro, fuori, avanti, dietro, sinistra, destra...), concetto di confine GEOGRAFIA Classe 1 a ORIENTAMENTO Sapersi muovere nello spazio conosciuto (casa, scuola) usando concetti topologici.

Dettagli

Pubblica Amministrazione Turistica. Aspetti generali Compiti

Pubblica Amministrazione Turistica. Aspetti generali Compiti Pubblica Amministrazione Turistica Aspetti generali Compiti Cenni storici Nel periodo tra le due guerre iniziò a maturare una maggiore consapevolezza del ruolo che il turismo poteva svolgere nell economia

Dettagli

INFANZIA PRIMARIA SECONDARIA

INFANZIA PRIMARIA SECONDARIA INFANZIA PRIMARIA SECONDARIA GEOGRAFIA - TRAGUARDI DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE si orienta nello spazio conosciuto colloca elementi dell ambiente conosciuto secondo criteri spaziali si orienta nello spazio

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DELLE LEZIONI DI ATTIVITA ALTERNATIVA ALLA RELIGIONE CATTOLICA

PROGRAMMAZIONE DELLE LEZIONI DI ATTIVITA ALTERNATIVA ALLA RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO DI CIRIE II SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO DI SAN CARLO C.SE ANNO SCOLASTICO 2013/2014 PROGRAMMAZIONE DELLE LEZIONI DI ATTIVITA ALTERNATIVA ALLA RELIGIONE CATTOLICA Insegnante: Alonzi

Dettagli

SCIENZE. facoltà di. guida alle facoltà 2010/2011. Via Brecce Bianche, 12 Monte Dago 60100 Ancona Tel. 071 2204512

SCIENZE. facoltà di. guida alle facoltà 2010/2011. Via Brecce Bianche, 12 Monte Dago 60100 Ancona Tel. 071 2204512 f a c o l t à d i S C I E N Z E UNIVERSITÀ politecnica delle marche facoltà di Via Brecce Bianche, 12 Monte Dago 60100 Ancona Tel. 071 2204512 SCIENZE Corsi di Laurea Triennale in: SCIENZE BIOLOGICHE SCIENZE

Dettagli

PIANI DI STUDIO D'ISTITUTO ISTITUTO COMPRENSIVO BASSA ANAUNIA SCUOLA MEDIA DI DENNO A.S. 2012-2013 GEOGRAFIA_CLASSE PRIMA

PIANI DI STUDIO D'ISTITUTO ISTITUTO COMPRENSIVO BASSA ANAUNIA SCUOLA MEDIA DI DENNO A.S. 2012-2013 GEOGRAFIA_CLASSE PRIMA PIANI DI STUDIO D'ISTITUTO ISTITUTO COMPRENSIVO BASSA ANAUNIA SCUOLA MEDIA DI DENNO A.S. 2012-2013 GEOGRAFIA_CLASSE PRIMA Competenza 1 Leggere l organizzazione di un territorio, utilizzando il linguaggio,

Dettagli

DIPARTIMENTO DELLA PROTEZIONE CIVILE. Ufficio Volontariato, Relazioni Istituzionali e Internazionali SERVIZIO FORMAZIONE

DIPARTIMENTO DELLA PROTEZIONE CIVILE. Ufficio Volontariato, Relazioni Istituzionali e Internazionali SERVIZIO FORMAZIONE DIPARTIMENTO DELLA PROTEZIONE CIVILE Ufficio Volontariato, Relazioni Istituzionali e Internazionali SERVIZIO FORMAZIONE MODELLO DI INTERVENTO FORMATIVO PER ISCRITTI ALLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO

Dettagli

via Regina Elena, 5-62012- Civitanova Marche (MC) Tel. 0733/812992 Fax 0733/779436 www.icviareginaelena.gov.it IL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

via Regina Elena, 5-62012- Civitanova Marche (MC) Tel. 0733/812992 Fax 0733/779436 www.icviareginaelena.gov.it IL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA 1 via Regina Elena, 5-62012- Civitanova Marche (MC) Tel. 0733/812992 Fax 0733/779436 www.icviareginaelena.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 IL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA CHE COS E IL

Dettagli

La RSA: introduzione metodologica

La RSA: introduzione metodologica La RSA: introduzione metodologica Cos è la RSA La Relazione sullo Stato dell Ambiente (RSA) è uno strumento di informazione con il quale le Pubbliche Amministrazioni presentano periodicamente ai cittadini

Dettagli

Gestione forestale e mantenimento di uno stato di conservazione soddisfacente nei siti Natura 2000

Gestione forestale e mantenimento di uno stato di conservazione soddisfacente nei siti Natura 2000 Accademia Italiana di Scienze Forestali - Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga Valutazione ambientale dei progetti di interventi selvicolturali e dei piani di gestione forestale AMATRICE -

Dettagli

qwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasd

qwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasd qwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasd Scuola dell Infanzia qwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasd GEOGRAFIA qwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasd Istituto Comprensivo Castell Arquato qwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasd

Dettagli

AVVISO DI MANIFESTAZIONE DI INTERESSE INVITO ALLA PRESENTAZIONE DI IDEE PROGETTO PER LA SSL (termine ultimo: 25/09/2015)

AVVISO DI MANIFESTAZIONE DI INTERESSE INVITO ALLA PRESENTAZIONE DI IDEE PROGETTO PER LA SSL (termine ultimo: 25/09/2015) Pag. 1 di 6 Spett. Le GAL L ALTRA ROMAGNA S.CONS.AR.L. Viale Roma, 24 47027 Sarsina (FC) AVVISO DI MANIFESTAZIONE DI INTERESSE INVITO ALLA PRESENTAZIONE DI IDEE PROGETTO PER LA SSL (termine ultimo: 25/09/2015)

Dettagli

Corso Base Marche e Umbria per Operatori Regionali TAM.

Corso Base Marche e Umbria per Operatori Regionali TAM. Corso Base Marche e Umbria per Operatori Regionali TAM. Il corso è aperto a tutti i Soci delle Marche e dell Umbria che siano iscritti da almeno 2 anni al CAI. Il corso è aperto anche ai Soci di altre

Dettagli

QUADRO DI SINTESI POTENZIALITA E CRITICITA

QUADRO DI SINTESI POTENZIALITA E CRITICITA QUADRO DI SINTESI POTENZIALITA E CRITICITA CONTRATTO DI PAESAGGIO FINALIZZATO ALLA DEFINIZIONE DI UNA STRATEGIA DI SVILUPPO TERRITORIALE E DI RIQUALIFICAZIONE PAESAGGISTICA DEI TERRITORI MONTANI DI COMUNANZA

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO LOREDANA CAMPANARI

ISTITUTO COMPRENSIVO LOREDANA CAMPANARI ISTITUTO COMPRENSIVO LOREDANA CAMPANARI Via Monte Pollino, 45-00015 Monterotondo (RM) CURRICOLO VERTICALE DI GEOGRAFIA A.S. 2013/2014 CURRICOLO GEOGRAFIA Ambito disciplinare GEOGRAFIA CLASSE PRIMA PRIMARIA

Dettagli

GEOGRAFIA DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: GEOGRAFIA DISCIPLINE CONCORRENTI:TUTTE

GEOGRAFIA DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: GEOGRAFIA DISCIPLINE CONCORRENTI:TUTTE GEOGRAFIA DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: GEOGRAFIA DISCIPLINE CONCORRENTI:TUTTE TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE FISSATI DALLE INDICAZIONI PER IL CURRICOLO 2012 TRAGUARDI ALLA FINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

Dettagli

Geografia Competenze TRAGUARDI DELLE COMPETENZE

Geografia Competenze TRAGUARDI DELLE COMPETENZE Geografia Competenze TRAGUARDI DELLE COMPETENZE SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO - Individua le posizioni di oggetti e persone nello spazio, usando termini come avanti/dietro,

Dettagli

Azione per il progetto strategico del sistema naturale dei SICANI ALLEGATO TECNICO

Azione per il progetto strategico del sistema naturale dei SICANI ALLEGATO TECNICO REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana ASSESSORATO TERRITORIO ED AMBIENTE Dipartimento Territorio e Ambiente SERVIZIO 6 Protezione Patrimonio Naturale Via Ugo La Malfa, 169 90146 Palermo Fondo Europeo di

Dettagli

Cambiamenti climatici nelle Alpi Criticità emergenti ed ipotesi di intervento

Cambiamenti climatici nelle Alpi Criticità emergenti ed ipotesi di intervento Cambiamenti climatici nelle Alpi Criticità emergenti ed ipotesi di intervento Andreas Riedl, CIPRA Alto Adige cc.alps: cambiamenti climatici nelle Alpi L idea Gli obiettivi Le attività Un patto per il

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE Anno Scolastico: 2014-2015 Dipartimento (1) : GEOGRAFIA Coordinatore (1) : Prof.ssa ANTONIETTA FLORIO Classe: 1ª Indirizzo: TECNICO TURISTICO Ore di insegnamento settimanale:

Dettagli

AMBIENTE TERRITORIO PAESAGGIO

AMBIENTE TERRITORIO PAESAGGIO AMBIENTE TERRITORIO PAESAGGIO Soluzioni per la tutela, la gestione e la valorizzazione del patrimonio naturale Pianificazione sostenibile significa individuare soluzioni per la gestione e la tutela delle

Dettagli

Descrizione del profilo professionale del Tecnico dei Servizi Sociali

Descrizione del profilo professionale del Tecnico dei Servizi Sociali Descrizione del profilo professionale del Tecnico dei Servizi Sociali Il Tecnico dei Servizi Sociali possiede competenze e capacità per adeguarsi alle necessità e ai bisogni delle persone con le quali

Dettagli

La Strategia della Regione Sicilia Sergio Marino Direttore Generale di ARPA Sicilia

La Strategia della Regione Sicilia Sergio Marino Direttore Generale di ARPA Sicilia Tavola rotonda: L ISPRA e il Sistema Paese sui temi della Biodiversità La Strategia della Regione Sicilia Sergio Marino Direttore Generale di ARPA Sicilia Obiettivo strategico: tutelare la Biodiversità

Dettagli

Allegato n. 2 QUESTIONARIO CONOSCITIVO SUL PATRIMONIO VERDE COMUNALE O PROVINCIALE ESEMPIO

Allegato n. 2 QUESTIONARIO CONOSCITIVO SUL PATRIMONIO VERDE COMUNALE O PROVINCIALE ESEMPIO Allegato n. 2 QUESTIONARIO CONOSCITIVO SUL PATRIMONIO VERDE COMUNALE O PROVINCIALE ESEMPIO Si prega di compilare il seguente questionario, costituente parte integrante dell iter per l attribuzione del

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Minerario Giorgio Asproni

Istituto Tecnico Industriale Minerario Giorgio Asproni Istituto Tecnico Industriale Minerario Giorgio Asproni Programmazione Italiano, storia e geografia. Classe IV Costruzioni, ambiente e territorio Anno 2014/2015 Professoressa Pili Francesca Situazione di

Dettagli

Provincia di Alessandria Assessorato alla Protezione Civile

Provincia di Alessandria Assessorato alla Protezione Civile Assessorato alla Protezione Civile La Protezione Civile nella scuola secondaria di secondo grado della Provincia di Alessandria La Protezione Civile nella scuola secondaria di secondo grado della Sempre

Dettagli

PIANO DELLE ATTIVITA DI FORMAZIONE AGGIORNAMENTO DEL PERSONALE DOCENTE E DEL PERSONALE ATA ANNO SCOLASTICO 2015/2016

PIANO DELLE ATTIVITA DI FORMAZIONE AGGIORNAMENTO DEL PERSONALE DOCENTE E DEL PERSONALE ATA ANNO SCOLASTICO 2015/2016 PIANO DELLE ATTIVITA DI FORMAZIONE AGGIORNAMENTO DEL PERSONALE DOCENTE E DEL PERSONALE ATA ANNO SCOLASTICO 2015/2016 Docente responsabile del supporto al lavoro del docente Vincenza Mittica PIANO FORMAZIONE

Dettagli

REGIONANDO 2001. Studio e analisi del paesaggio e del territoriorurale della Lombardia

REGIONANDO 2001. Studio e analisi del paesaggio e del territoriorurale della Lombardia REGIONANDO 2001 Regione Lombardia - Direzione Generale Agricoltura Gestione Ambiente Rurale e Foreste Struttura Ambiente Rurale e Fauna Studio e analisi del paesaggio e del territoriorurale della Lombardia

Dettagli

Mauro De Osti Sezione Parchi, Biodiversità, Programmazione Silvopastorale e Tutela dei Consumatori Regione del Veneto

Mauro De Osti Sezione Parchi, Biodiversità, Programmazione Silvopastorale e Tutela dei Consumatori Regione del Veneto Aree Natura 2000 nella Regione del Veneto Mauro De Osti Sezione Parchi, Biodiversità, Programmazione Silvopastorale e Tutela dei Consumatori Regione del Veneto Iniziativa finanziata dal Programma di Sviluppo

Dettagli

GEOGRAFIA : quadro sinottico delle COMPETENZE PER CIASCUN GRADO SCOLASTICO. Scuola primaria

GEOGRAFIA : quadro sinottico delle COMPETENZE PER CIASCUN GRADO SCOLASTICO. Scuola primaria GEOGRAFIA : quadro sinottico delle COMPETENZE PER CIASCUN GRADO SCOLASTICO Scuola dell infanzia Individua le posizioni di oggetti e persone nello spazio. Segue un percorso correttamente sulla base di indicazioni

Dettagli

secondo le Indicazioni del 2012(CLASSI QUARTE)

secondo le Indicazioni del 2012(CLASSI QUARTE) PIANO PROGRAMMATICO DI SVILUPPO DELLE UDA DI GEOGRAFIA secondo le Indicazioni del 2012(CLASSI QUARTE) NUMERO UDA TITOLO PERIODO ORIENTATIVO DI SVILUPPO UDA N. 1 Gli strumenti del geografo per la scoperta

Dettagli

NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA

NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA Premessa Nel marzo 2007 è stato approvato dalla Conferenza Stato-Regioni

Dettagli

DISCIPLINE TURISTICHE AZIENDALI DOCENTE : MADEO NATALE MASSIMO

DISCIPLINE TURISTICHE AZIENDALI DOCENTE : MADEO NATALE MASSIMO DISCIPLINE TURISTICHE AZIENDALI DOCENTE : MADEO NATALE MASSIMO 1. ANALISI DELLA SITUAZIONE DI PARTENZA Ho conosciuto la classe nell anno scolastico 2011-2012 quando frequentavano la classe 2bt per poi

Dettagli

Piani di Gestione dei Siti Natura 2000

Piani di Gestione dei Siti Natura 2000 Piani di Gestione dei Siti Natura 2000 Piani di Gestione Individuazione delle misure di conservazione per i siti protetti della Rete Natura 2000 Indicazioni sulla gestione degli habitat e delle specie

Dettagli

NATURA, AGRICOLTURA, ECOTURISMO STORIA, TRADIZIONI E PERSONE PARCO LOMBARDO DELLA VALLE DEL TICINO

NATURA, AGRICOLTURA, ECOTURISMO STORIA, TRADIZIONI E PERSONE PARCO LOMBARDO DELLA VALLE DEL TICINO NATURA, AGRICOLTURA, ECOTURISMO STORIA, TRADIZIONI E PERSONE PARCO LOMBARDO DELLA VALLE DEL TICINO Parco Lombardo della Valle del Ticino 91410 ettari suddivisi in: 22.249 Parco Naturale 69.161 Parco Regionale

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MATERNA ELEMENTARE E MEDIA DI BISUSCHIO CURRICULUM VERTICALE DI GEOGRAFIA

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MATERNA ELEMENTARE E MEDIA DI BISUSCHIO CURRICULUM VERTICALE DI GEOGRAFIA ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MATERNA ELEMENTARE E MEDIA DI BISUSCHIO Anno scolastico 2010/2011 CURRICULUM VERTICALE DI GEOGRAFIA SCUOLA DELL INFANZIA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO Collocare nello spazio

Dettagli

BANDI 2011 26. ambientale a livello locale. Bando con scadenza 22 aprile 2011

BANDI 2011 26. ambientale a livello locale. Bando con scadenza 22 aprile 2011 Bando con scadenza 22 aprile 2011 BANDI 2011 26 Piano di azione Promuovere la sostenibilità ambientale a livello locale Tutelare e valorizzare la biodiversità Il problema Lo sviluppo umano è oggi causa

Dettagli

Programma delle Attività Didattiche Anno Scolastico 2013/2014

Programma delle Attività Didattiche Anno Scolastico 2013/2014 Area Protetta Provinciale GIARDINO BOTANICO MONTANO PRATORONDANINO Programma delle Attività Didattiche Anno Scolastico 2013/2014 2 PRESENTAZIONE Il Giardino Botanico di Pratorondanino, ideato nel 1979

Dettagli

Linee guida per l attuazione di un Sistema di Gestione Ambientale in un Comune secondo le norme ISO 14001

Linee guida per l attuazione di un Sistema di Gestione Ambientale in un Comune secondo le norme ISO 14001 Linee guida per l attuazione di un Sistema di Gestione Ambientale in un Comune secondo le norme ISO 14001 A- Elaborazione della documentazione: Le fasi principali sono le seguenti: a - b - Elaborazione

Dettagli

OBIETTIVI DEL MASTER

OBIETTIVI DEL MASTER L Italia è una delle 5 maggiori destinazioni al mondo per turismo culturale e ambientale. 2 turisti stranieri su 3 considerano la cultura e il cibo come principale motivazione di un viaggio in Italia e

Dettagli

PROF. Silvia Tiribelli MATERIA: GEOGRAFIA CLASSE: II E

PROF. Silvia Tiribelli MATERIA: GEOGRAFIA CLASSE: II E PROGRAMMAZIONE INDIVIDUALE DOCENTE ANNO SCOLASTICO 2013-14 PROF. Silvia Tiribelli MATERIA: GEOGRAFIA CLASSE: II E DATA DI PRESENTAZIONE: 30/11/2013 FINALITÀ E OBIETTIVI FORMATIVI DELLA DISCIPLINA La geografia

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ISTITUTO ANNO SCOLASTICO INDIRIZZO CLASSE_PRIMA SEZIONE DISCIPLINA DOCENTE QUADRO ORARIO (N. ore settimanali nella classe) 1. FINALITA DELLA DISCIPLINA L asse

Dettagli

AMBITO ANTROPOLOGICO CURRICOLO E PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI GEOGRAFIA

AMBITO ANTROPOLOGICO CURRICOLO E PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI GEOGRAFIA AMBITO ANTROPOLOGICO CURRICOLO E DI GEOGRAFIA 1- IDEA, SVILUPPO E RAPPRESENTAZIONE DELLO SPAZIO CLASSE 1^ CURRICOLO - Uso corretto dei principali indicatori topologici Riconoscere la propria posizione

Dettagli

Dott. Geol. Luana Isella

Dott. Geol. Luana Isella Dott. Geol. Luana Isella RISCHIO Rischio = pericolosità x vulnerabilità x esposizione Probabilità che in un dato periodo di tempo T possa verificarsi un evento La capacità che hanno Edifici e costruzioni

Dettagli

Linee Guida Commissioni

Linee Guida Commissioni CLUB ALPINO ITALIANO SEZIONE di COSENZA GIOVANNI BARRACC0 Linee Guida Commissioni Approvate dal Consiglio Direttivo in data 11/11/2008 GLI ORGANI TECNICI PERIFERICI (OTP) Art. 4 dello Statuto della Sezione:

Dettagli

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO REPUBBLICA ITALIANA ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI Via Giovanni XXIII, n. 64-38065 MORI Cod. Fisc. 94024510227 - Tel. 0464-918669 Fax 0464-911029 www.icmori.it e-mail: segr.ic.mori@scuole.provincia.tn.it

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA. 1)ENTE PROPONENTE IL PROGETTO: Arci Servizio Civile Nazionale

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA. 1)ENTE PROPONENTE IL PROGETTO: Arci Servizio Civile Nazionale SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1)ENTE PROPONENTE IL PROGETTO: Arci Servizio Civile Nazionale Informazioni aggiuntive per i cittadini: Sede centrale: Indirizzo:

Dettagli

Conosci il tuo ambiente

Conosci il tuo ambiente Conosci il tuo ambiente Progetto di sensibilizzazione alla tutela dell'ambiente Attuazione del protocollo d intesa tra il Corpo forestale e di Vigilanza Ambientale e l'ufficio Regionale Scolastico per

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER L AMBIENTE, L ENERGIA E LA SICUREZZA IN AZIENDA

TECNICO SUPERIORE PER L AMBIENTE, L ENERGIA E LA SICUREZZA IN AZIENDA ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO TECNICO SUPERIORE PER L AMBIENTE, L ENERGIA E LA SICUREZZA IN AZIENDA STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI DESCRIZIONE

Dettagli

Offerta formativa sperimentale d istruzione e formazione professionale nelle more dell emanazione dei decreti legislativi di cui alla legge 28 marzo

Offerta formativa sperimentale d istruzione e formazione professionale nelle more dell emanazione dei decreti legislativi di cui alla legge 28 marzo Offerta formativa sperimentale d istruzione e formazione professionale nelle more dell emanazione dei decreti legislativi di cui alla legge 28 marzo 2003, n.53 Criteri e procedure per la certificazione

Dettagli

LA/IL TECNICO FAUNISTICO

LA/IL TECNICO FAUNISTICO LA/IL TECNICO FAUNISTICO 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 6 5. COMPETENZE... 7 Quali competenze sono necessarie?... 7 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti lavorativi...

Dettagli

INDICATORI, ABILITA /CAPACITA, CONOSCENZE

INDICATORI, ABILITA /CAPACITA, CONOSCENZE BIENNIO BIENNIO 5 ANNO Competenza storico-sociale n. Comprendere il cambiamento e la diversita dei tempi storici in una dimensione diacronica attraverso il confronto fra epoche e in una dimensione sincronica

Dettagli

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca MATERIA GEOGRAFIA CLASSE PRIMA INDIRIZZO AFM / TUR. DESCRIZIONE Unità di Apprendimento UdA n. 1 Titolo: FORMA E SUPERFICIE DELLA TERRA Interpretare il linguaggio cartografico. - I sistemi di riferimento

Dettagli

GEOGRAFIA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE ALLA FINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

GEOGRAFIA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE ALLA FINE DELLA SCUOLA PRIMARIA GEOGRAFIA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE ALLA FINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L'alunno si orienta nello spazio circostante e sulle carte geografiche, utilizzando riferimenti topologici e punti cardinali;

Dettagli

IL PERCHÉ DI UNA SCELTA

IL PERCHÉ DI UNA SCELTA IL PERCHÉ DI UNA SCELTA IL CORSO DI LAUREA ILLUSTRATO AGLI STUDENTI A.A. 2015-2016 2 IDEE GUIDA 2 ESIGENZE DELLA SOCIETÀ 2 PROSPETTIVE PROFESSIONALI IL TERRITORIO ITALIANO È PREZIOSO E FRAGILE: DEVE ESSERE

Dettagli

Misura 2 Servizi di consulenza, di sostituzione e di assistenza alla gestione delle aziende agricole

Misura 2 Servizi di consulenza, di sostituzione e di assistenza alla gestione delle aziende agricole PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2014-20 Misura 2 Servizi di consulenza, di sostituzione e di assistenza alla gestione delle aziende agricole Sottomisura 2.1 Sostegno ad avvalersi di servizi di consulenza

Dettagli

Piano Didattico Corsi di Formazione e Aggiornamento Operatori TAM Approvato dalla CCTAM nella seduta del 23 gennaio 2016

Piano Didattico Corsi di Formazione e Aggiornamento Operatori TAM Approvato dalla CCTAM nella seduta del 23 gennaio 2016 ALLEGATO 1 Piano Didattico Corsi di Formazione e Aggiornamento Operatori TAM Approvato dalla CCTAM nella seduta del 23 gennaio 2016 Il percorso didattico di formazione degli operatori TAM si articola su

Dettagli

Cambiamenti climatici e buone pratiche nelle Alpi

Cambiamenti climatici e buone pratiche nelle Alpi Cambiamenti climatici e buone pratiche nelle Alpi PRIMA CONFERENZA DEL PROGETTO CLIMAPARKS Le aree protette affrontano la sfida dei cambiamenti climatici Venzone, 24 novembre 2011 Come si reagisce al cambiamento

Dettagli

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE "Antonio Della Lucia" Istituto Prof.le Agricoltura e Ambiente Istituto Tecnico per l Agricoltura Loc.

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE Antonio Della Lucia Istituto Prof.le Agricoltura e Ambiente Istituto Tecnico per l Agricoltura Loc. ISTITUTO TECNICO Settore tecnologico ad indirizzo AGRARIA, AGROALIMENTARE E AGROINDUSTRIA L indirizzo è finalizzato all acquisizione, per il settore agrario integrato, di un complesso di competenze relative

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA. Esplorare, conoscere gli spazi scolastici e orientarsi al loro interno. Effettuare brevi percorsi.

SCUOLA DELL INFANZIA. Esplorare, conoscere gli spazi scolastici e orientarsi al loro interno. Effettuare brevi percorsi. Campo d esperienza: LA CONOSCENZA DEL MONDO SCUOLA DELL INFANZIA COMPETENZE FINE SCUOLA DELL INFANZIA Riconoscere i segni predominanti della propria cultura di appartenenza e del territorio; conoscere

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE INDIVIDUALE a. s. 2014/2015. ANNO SCOLASTICO : 2014-2015 DISCIPLINA : Geografia. CLASSE 4TU DOCENTE : Bin Daniela

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE INDIVIDUALE a. s. 2014/2015. ANNO SCOLASTICO : 2014-2015 DISCIPLINA : Geografia. CLASSE 4TU DOCENTE : Bin Daniela Pagina 1 di 5 ANNO SCOLASTICO : 2014-2015 DISCIPLINA : Geografia CLASSE 4TU DOCENTE : Bin Daniela TESTO IN ADOZIONE : Corradi Morazzoni GEOTURISMO 2 Ed. Markes Elenco moduli Argomenti Strumenti Periodo

Dettagli

FINALITA. 1 Dalle Indicazioni nazionali per il curricolo della scuola nazionale dell infanzia e del primo ciclo d istruzione, passim.

FINALITA. 1 Dalle Indicazioni nazionali per il curricolo della scuola nazionale dell infanzia e del primo ciclo d istruzione, passim. FINALITA La geografia è la scienza che studia l'umanizzazione del nostro pianeta e, quindi, i processi attivati dalle collettività nelle loro relazioni con la natura. Tali processi nel corso del tempo

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO: voce 4 Oltre il disagio SETTORE e Area di Intervento: voce 5 Settore: Protezione Civile Area di intervento: Ricerca e monitoraggio zone a rischio (04)

Dettagli

Direzione Ambiente. Guida tecnica

Direzione Ambiente. Guida tecnica Direzione Ambiente Guida tecnica Procedimento di verifica di assoggettabilita alla VAS dei Programmi di interventi di sistemazione idrogeologica e manutenzione montana (PISIMM) ( art. 12 d. lgs. 152/2006

Dettagli

Task n. 5. Progetto formativo e presentazione piattaforma elearning T 5.1

Task n. 5. Progetto formativo e presentazione piattaforma elearning T 5.1 Task n. 5 Progetto formativo e presentazione piattaforma elearning T 5.1 Vers. N. 02 del 07/11/05 Progetto Life Ambiente ETICA PREMESSA...3 1. LA PIATTAFORMA ELEARNING MOODLE...3 2. STRUTTURA DEL PIANO

Dettagli

PROGRAMMI PER IL TURISMO SCOLASTICO E PROGETTI DIDATTICI PER LE SCUOLE DI OGNI ORDINE E GRADO

PROGRAMMI PER IL TURISMO SCOLASTICO E PROGETTI DIDATTICI PER LE SCUOLE DI OGNI ORDINE E GRADO PROGRAMMI PER IL TURISMO SCOLASTICO E PROGETTI DIDATTICI PER LE SCUOLE DI OGNI ORDINE E GRADO TOPVELA Lago Maggiore Lungolago De Angeli, 24 21014 Laveno Mombello (VA) Tel 0332 666625 Cell. 389 4040900

Dettagli

To p Vela by PROGRAMMI PER IL TURISMO SCOLASTICO E PROGETTI DIDATTICI PER LE SCUOLE DI OGNI ORDINE E GRADO. Tiziano Nava

To p Vela by PROGRAMMI PER IL TURISMO SCOLASTICO E PROGETTI DIDATTICI PER LE SCUOLE DI OGNI ORDINE E GRADO. Tiziano Nava PROGRAMMI PER IL TURISMO SCOLASTICO E PROGETTI DIDATTICI PER LE SCUOLE DI OGNI ORDINE E GRADO 2010 L a g o M a g g i o r e Lungolago De Angeli, 24 21014 Laveno Mombello (VA) Tel 0332 666625 Cell. 339 4040900

Dettagli

PSR 2014-2020: le prospettive provinciali Incontro con il partenariato

PSR 2014-2020: le prospettive provinciali Incontro con il partenariato PSR 2014-2020: le prospettive provinciali Incontro con il partenariato Costruiamo la strategia: dall analisi di contesto ai fabbisogni Luca Cesaro INEA Trentino Alto Adige Trento, 6 marzo 2014 Fasi di

Dettagli

CURRICOLO DI GEOGRAFIA della scuola primaria

CURRICOLO DI GEOGRAFIA della scuola primaria CURRICOLO DI GEOGRAFIA della scuola primaria CURRICOLO DI GEOGRAFIA al termine della classe prima della scuola primaria...2 CURRICOLO DI GEOGRAFIA al termine della classe seconda della scuola primaria...3

Dettagli

IL LABORATORIO SULLA RSI PER LA VAL D AGRI: IL CONTESTO, GLI OBIETTIVI, I TEMPI

IL LABORATORIO SULLA RSI PER LA VAL D AGRI: IL CONTESTO, GLI OBIETTIVI, I TEMPI LA RESPONSABILITÀ SOCIALE UN VOLANO PER LO SVILUPPO SOSTENIBILE DEL TERRITORIO IL LABORATORIO SULLA RSI PER LA VAL D AGRI: IL CONTESTO, GLI OBIETTIVI, I TEMPI Lucia Briamonte M. Assunta D Oronzio Villa

Dettagli

Programmazione curricolare di Istituto

Programmazione curricolare di Istituto SCUOLA PRIMARIA CLASSE: PRIMA Competenza 2 a. Usare punti di riferimento e indicazioni topologiche per descrivere posizioni di sé e degli oggetti nello spazio b. Rappresentare e collocare oggetti nello

Dettagli