PROVE DI VALUTAZIONE PER I PERCORSI DI QUALIFICA TRIENNALE

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROVE DI VALUTAZIONE PER I PERCORSI DI QUALIFICA TRIENNALE"

Transcript

1 Regione Piemonte DG Istruzione, formazione professionale e lavoro, Settore Standard formativi, qualità e orientamento professionale PROVE DI VALUTAZIONE PER I PERCORSI DI QUALIFICA TRIENNALE Torino, 26 Marzo e 11 Aprile 2013

2 Obiettivi dell incontro Presentare il processo di lavoro che ha portato alla realizzazione delle Prove Complessive di Valutazione Analizzare la struttura di una prova Visionare una prova complessiva di valutazione Condividere i prossimi passi 2

3 Obiettivi delle Commissioni regionali previste dalla nuova DGR del 12 dicembre REPERTORIO DEGLI STANDARD FORMATIVI Composto dai seguenti elementi: Figure nazionali di riferimento per le qualifiche di IeFP di durata triennale e quadriennale Profili regionali derivanti dalle figure di riferimento nazionali Profili Professionalizzanti Obiettivi professionalizzanti e non Elenco delle singole competenze REPERTORIO DEI PERCORSI STANDARD Composto dei seguenti elementi: Macro-percorsi triennali/quadriennali Percorsi relativi alla Formazione Continua Individuale Corsi riconosciuti dalle Province Percorsi per le Figure normate Ulteriori percorsi standard REPERTORIO DI PROVE STANDARD Composto da: Prove di accertamento delle competenze in ingresso (cd. prove di posizionamento) Prove degli esami finali di qualifica o specializzazione che danno luogo a specializzazione Prove relative alle abilitazioni o idoneità professionali Ulteriori prove che la Regione Piemonte vuole standardizzare TRASFERIMENTO DEGLI ELEMENTI DEL REPERTORIO DAL VECCHIO FORMAT AL NUOVO APPROVATO IN CONFERENZA UNIFICATA CON L ACCORDO DEL 27/07/2011 ELIMINAZIONE DELLE SOVRAPPOSIZIONI E DELLE RIDONDANZE DI FIGURE VERIFICA DEI FABBISOGNI DEL TERRITORIO E IDENTIFICAZIONE NUOVI PROFILI PROFESSIONALIZZANTI E OBIETTIVI RIDEFINIZIONE DEI PERCORSI STANDARD ATTUALMENTE ESISTENTI IN COERENZA CON IL CAMBIAMENTO DESCRITTIVO NEL PROFILO/FIGURA DI RIFERIMENTO DEL REPERTORIO DEGLI STANDARD FORMATIVI ELABORAZIONE NUOVI PERCORSI STANDARD AGGIORNAMENTO DELLE PROVE DI ACCERTAMENTO E DELLE PROVE FINALI IN ESITO AL LAVORO DI REVISIONE DEL REPERTORIO DEGLI STANDARD FORMATIVI CREAZIONE NUOVE PROVE STANDARD IN ESITO ALL INSERIMENTO DI NUOVI ELEMENTI (PROFILI/OBIETTIVI PROFESSIONALIZZANTI) NEL REPERTORIO DEGLI STANDARD FORMATIVI 3

4 Soggetti coinvolti nelle attività delle Commissioni regionali e relativi ruoli Settore Standard Formativi della Regione Piemonte Commissione Standard Formativi Commissioni Assistenza Tecnica Monitoraggio del lavoro svolto (in coordinamento con la Commissione Standard Formativi) in relazione a: composizione delle Commissioni; tempistiche di realizzazione; omogeneità dei risultati. Supervisione del lavoro svolto dalle Commissioni, in particolare in relazione a: validazione del planning; valutazione del lavoro delle Commissioni coinvolte nella revisione dei repertori regionali per identificare aree di forza e debolezza; monitoraggio dello stato di avanzamento lavori. Le Commissioni si occupano degli aspetti di contenuto, sono composte da: rappresentanti del Settore Standard Formativi della Regione Piemonte rappresentanti delle Associazioni dei soggetti formativi rappresentanti delle parti sociali e datoriali rappresentanti degli Istituti Professionali (per le Prove). Ove coinvolti su specifiche tematiche parteciperanno anche eventuali rappresentanti delle Direzioni regionali e delle Province piemontesi. L AT si occupa degli aspetti metodologici. In relazione all attività di revisione del Repertorio degli Standard Formativi, l AT predispone i materiali utili per il lavoro della Commissione (es. format contenente le competenze dei profili in carico, redazione verbali, documentazione ad hoc in base alle esigenze). 4

5 Offerta sussidiaria integrativa in Regione Piemonte: normativa Determinazione del n. 659 Approvazione delle Linee guida per il recepimento del modello nazionale di certificazione delle competenze acquisite nell obbligo di istruzione Determinazione 16 marzo 2011 n. 151 DGR n del 18/02/2011; indicazioni agli Istituti Professionali del Piemonte in ordine al rilascio della qualifica triennale regionale in regime di sussidiarietà integrativa, ex art. 2, comma 3, del DPR n. 87 del 15/03/2010 Deliberazione Giunta Regionale 27 luglio 2011 n L.r. 22/2009, art. 59. Nuova disciplina sulle commissioni esaminatrici Deliberazione Giunta Regionale del 14 novembre 2011 n Recepimento degli atti necessari per il passaggio a nuovo ordinamento dei percorsi di istruzione e formazione professionale di cui all Accordo in Conferenza Stato-Regioni del 27/07/2011 e dell Accordo in Conferenza Unificata del 27/07/2011. Indicazioni per gli adeguamenti del sistema piemontese di Istruzione e Formazione professionale e per il sistema degli Standard regionali Deliberazione Giunta Regionale 13 febbraio 2012, n Approvazione schema di Accordo con l U.S.R. per il Piemonte per la realizzazione nell a.s. 2012/13 di percorsi di Istruzione e Formaz. Prof.le di durata triennale, in regime di sussidiarietà, da parte degli Istituti Prof.li della Regione Piemonte, ai sensi art. 2, co 3 DPR 15/03/10, n

6 Offerta sussidiaria integrativa in Regione Piemonte: modalità attuative In Regione Piemonte possono attivare percorsi IeFP in sussidiarietà integrativa: 1. gli Istituti Professionali statali e paritari: accreditati al sistema regionale della formazione professionale; che hanno deliberato di voler attivare percorsi IeFP in sussidiarietà integrativa. Nella progettazione dei percorsi, gli IPS si impegnano: ad utilizzare gli spazi di autonomia e flessibilità incrementando di almeno n. 66 le ore curriculari annuali nell area delle competenze tecnico- professionali per il primo e il secondo anno del percorso; ad effettuare un numero di ore di stage nel triennio non inferiore a 200.! Gli Istituti Professionali, che vengono autorizzati ad attivare percorsi IeFP, devono richiedere il riconoscimento dei percorsi ai sensi dell art. 14 della L.r. 13 aprile 1995, n. 63. Al fine di trasferire le competenze tecnico professionali previste per la figura di riferimento nazionale. 6

7 L organizzazione delle Commissioni per le prove di valutazione (1/3) Commissione per sottoarea professionale PCVMeccanica; produzione e manutenzione di macchine; impiantistica PCV Servizi turistici - Servizi per le attività ricreative e sportive PCV Servizi di distribuzione commerciale - Trasporti PCV Vetro, ceramica e materiali da costruzione Figure/Indirizzi di riferimento nazionali Operatore alla riparazione dei veicoli a motore - riparazioni parti e sistemi meccanici ed elettromeccanici del veicolo a motore Operatore alla riparazione dei veicoli a motore - riparazioni di carrozzeria Operatore di impianti termo-idraulici Operatore elettrico Operatore elettronico Operatore meccanico Operatore della ristorazione - preparazione pasti Operatore della ristorazione - servizi di sala e bar Operatore ai servizi di promozione ed accoglienza - servizi al turismo Operatore ai servizi di promozione ed accoglienza strutture ricettive) Operatore ai servizi di vendita Operatore delle lavorazioni artistiche Profili regionali derivati Operatore meccanico - costruzioni su M.U. Operatore meccanico - montaggio e manutenzione Operatore meccanico - saldocarpenteria Operatore delle lavorazioni artistiche - oreficeria Figure realizzate negli IPS 7

8 L organizzazione delle Commissioni per le prove di valutazione (2/3) Commissione per sottoarea professionale PCV Agricoltura, silvicoltura e pesca - Produzioni alimentari Figure/Indirizzi di riferimento nazionali Operatore della trasformazione agroalimentare Operatore agricolo indirizzo nazionale - coltivazioni arboree, erbacee ed ortofloricole Profili regionali derivati Operatore della trasformazioneagroalimentare - panificazione e pasticceria Operatore della trasformazioneagroalimentare - conservazione trasformazione degli alimenti PCV Servizi alla persona PCV Stampa ed editoria PCV Chimica Operatore agricolo - silvicoltura e salvaguardia dell ambiente Operatore del benessere - indirizzo Acconciatura Operatore del benessere indirizzo estetica Operatore grafico - indirizzo multimedia Operatore grafico - indirizzo stampa e allestimento Operatore delle produzioni chimiche Figure realizzate negli IPS 8

9 L organizzazione delle Commissioni per le prove di valutazione (3/3) Commissione per sottoarea professionale PCV TAC (Tessile Abbigliamento Calzature) e Sistema Moda PCV Edilizia PCV Area comune (inclusiva dei servizi alle imprese) - Servizi finanziari e assicurativi PCV Legno e arredo Figure/Indirizzi di riferimento nazionali Operatore dell'abbigliamento Operatore edile Operatore amministrativo segretariale Operatore del legno Profili regionali derivati Operatore dell'abbigliamento - Confezioni artigianali Operatore dell'abbigliamento - Confezioni industriali Figure realizzate negli IPS 9

10 La partecipazione degli IPS Commissione per sottoarea professionale Percentuale di partecipazione degli IPS PCVMeccanica; produzione e manutenzione di macchine; impiantistica 17 % PCV Servizi turistici - Servizi per le attività ricreative e sportive 23 % PCV Servizi di distribuzione commerciale - Trasporti n. a. PCV Vetro, ceramica e materiali da costruzione n. a. PCV Agricoltura, silvicoltura e pesca - Produzioni alimentari 71 % PCV Servizi alla persona n.a. PCV Stampa ed editoria 33 % PCV Chimica 100 % PCV TAC (Tessile Abbigliamento Calzature) e Sistema Moda 60 % PCV Edilizia n.a. PCV Area comune (inclusiva dei servizi alle imprese) - Servizi finanziari e assicurativi 27 % PCV Legno e arredo 0 % 10

11 Le logiche di revisione/aggiornamento delle prove FIGURA DI RIFERIMENTO La PCV valuta tutte le competenze previste dalla figura di riferimento nazionale comprensiva degli indirizzi nazionali ove previsti. VALIDITA PCV create/aggiornate con contenuti durevoli nel tempo, al fine di permettere la somministrazione della prova per i due anni successivi alla pubblicazione della stessa: bacino di 150 domande da cui creare questionari da somministrare agli allievi composti da 25 quesiti; più varianti per prove pratiche o casi studio. DURATA Razionalizzazione della durata complessiva della prova 11

12 La struttura di una prova standard Esempio di PCV Standard Versione: Randomizzata - Edizione: 2013 Erogabile fino al: 2015 Profilo professionale di riferimento: Operatore della ristorazione - preparazione pasti Area professionale: Turismo e sport, Sottoarea professionale: Servizi turistici 12

13 13 Gli strumenti utilizzati e le loro finalità La griglia di osservazione Individuare la performance da osservare Individuare Definire i Descrivere la l output criteri di performance atteso valutazione Predisporre la GDO 5 Il questionario Le domande sono dedicate alle singole attività/competenze/ conoscenze essenziali presenti nella figura di riferimento delle PCV. Le domande sono autoconsistenti: non devono essere predisposte domande concatenate ad altre domande. 3. Sono previste le seguenti tipologie: elenco 1 scelta; elenco N scelte; abbina; numero; completa; risposta identica.

14 14 Le tipologie di prove TIPOLOGIA DI PROVA OBIETTIVO Prova tecnica E finalizzata a verificare il raggiungimento delle conoscenze tecniche acquisite. Prova tecnico-operativa E finalizzata a verificare il raggiungimento delle abilità tecniche acquisite. Colloquio E finalizzato ad accertare la capacità dell allievo di parlare di sé, del proprio lavoro e dei propri obiettivi professionali. L allievo deve descrivere verbalmente, in modo chiaro e sintetico, l esperienza formativa appena conclusa (comprensiva di stage), analizzare i risultati dell intera prova finale ed esprimere le proprie opinioni/aspettative in merito alle prospettive professionali future. Tali prove minime previste per i percorsi di qualifica sono state declinate in ulteriori tipologie (casi studio, programmatorie, progettuale, ), )

15 15 I materiali a supporto Linee Guida per la progettazione delle Prove Complessive di Valutazione standard - Indicazioni operative e metodologiche Format Format (format per le linee guida, per l elenco materiali e griglia di lavoro di associazione delle prove alle competenze del profilo di riferimento, ) Sistema informativo Collegamenti, su cui nelle aree dedicate ad ogni Commissione i componenti hanno potuto caricare/visionare i materiali nel corso dei lavori

16 16 L output del lavoro In esito al lavoro delle Commissioni: le PCV sono state pubblicate sul Catalogo del sistema informativo Collegamenti;! nell area materiali del sistema informativo sono stati pubblicati gli Elenchi materiali, comprensivi di eventuali indicazioni operative per lo svolgimento delle PCV.

17 17 I prossimi passi Le PCV standard realizzate nelle Commissioni saranno somministrate negli IPS che realizzano i percorsi di qualifica a partire dal Per le PCV che sono state create in tre varianti (2013, 2014 e 2015), si ricorda che per gli IPS la prima prova ad essere somministrata sarà la versione In preparazione alla prova è possibile verificare i materiali e le attrezzature richieste per lo svolgimento della stessa negli Elenchi materiali pubblicati per ciascuna prova nell area Materiali del Sistema informativo Collegamenti.! In preparazione alle Commissioni di esame 2014 saranno organizzati incontri di approfondimento sull applicativo per la somministrazione delle prove.

18 18 Grazie per l attenzione! Si ringraziano tutti coloro che hanno contribuito alla progettazione delle Prove complessive di valutazione!

REPERTORIO DELL OFFERTA DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE DI SECONDO CICLO REGIONE LOMBARDIA

REPERTORIO DELL OFFERTA DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE DI SECONDO CICLO REGIONE LOMBARDIA Allegato A REPERTORIO DELL OFFERTA DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE DI SECONDO CICLO REGIONE LOMBARDIA A PARTIRE DALL ANNO FORMATIVO 2015-2016 Pagina 1 di 9 2 AREA PROFESSIONALE 1 3 4 5 6 1 AGRO-ALIMENTARE

Dettagli

REPERTORIO DELL OFFERTA DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE DI SECONDO CICLO DELLA REGIONE LOMBARDIA

REPERTORIO DELL OFFERTA DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE DI SECONDO CICLO DELLA REGIONE LOMBARDIA Allegato A) REPERTORIO DELL OFFERTA DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE DI SECONDO CICLO DELLA REGIONE LOMBARDIA a partire dall anno formativo 2013-14 Pagina 1 di 7 SECONDO CICLO - DDIF 2 PERCORSI

Dettagli

REPERTORIO DELL OFFERTA DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE DI SECONDO CICLO DELLA REGIONE LOMBARDIA

REPERTORIO DELL OFFERTA DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE DI SECONDO CICLO DELLA REGIONE LOMBARDIA Allegato A) REPERTORIO DELL OFFERTA DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE DI SECONDO CICLO DELLA REGIONE LOMBARDIA a partire dall anno formativo 2011-12 ALLEGATO A) REPERTORIO DELL OFFERTA DI ISTRUZIONE

Dettagli

Repertorio Profili REPERTORIO DELL OFFERTA DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE 2011-12 SECONDO CICLO - DDIF PERCORSI TRIENNALI 2 QUARTO ANNO 3

Repertorio Profili REPERTORIO DELL OFFERTA DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE 2011-12 SECONDO CICLO - DDIF PERCORSI TRIENNALI 2 QUARTO ANNO 3 Repertorio Profili REPERTORIO DELL OFFERTA DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE 2011-12 AREA PROFESSIONALE 1 SECONDO CICLO - DDIF PERCORSI TRIENNALI 2 QUARTO ANNO 3 QUALIFICA PROFESSIONALE Profilo

Dettagli

OGGETTO: Iscrizioni ai percorsi triennali di istruzione e formazione per il conseguimento di qualifiche professionali per l anno formativo 2016/2017.

OGGETTO: Iscrizioni ai percorsi triennali di istruzione e formazione per il conseguimento di qualifiche professionali per l anno formativo 2016/2017. Ufficio Scolastico Regionale per il Veneto Direzione Generale Riva De Biasio S. Croce, 1299 30135 VENEZIA Giunta Regionale Dipartimento formazione, istruzione e lavoro Palazzo Balbi Dorsoduro, 3901 30123

Dettagli

DOMANDA DI ISCRIZIONE AL SECONDO CICLO DI ISTRUZIONE

DOMANDA DI ISCRIZIONE AL SECONDO CICLO DI ISTRUZIONE DOMANDA DI ISCRIZIONE AL SECONDO CICLO DI ISTRUZIONE Al Dirigente scolastico del (Denominazione dell istituzione scolastica) _l_ sottoscritt in qualità di padre madre tutore (cognome e nome) CHIEDE l iscrizione

Dettagli

INDIRIZZI PER LA REALIZZAZIONE DELL OFFERTA REGIONALE DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE. Anno scolastico e formativo 2015-2016

INDIRIZZI PER LA REALIZZAZIONE DELL OFFERTA REGIONALE DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE. Anno scolastico e formativo 2015-2016 Direzione Generale Competitività del sistema regionale e Sviluppo delle Competenze Settore Formazione e Orientamento INDIRIZZI PER LA REALIZZAZIONE DELL OFFERTA REGIONALE DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE

Dettagli

REGIONE LIGURIA Settore Sistema Scolastico Educativo Regionale APPRENDISTATO PER LA QUALIFICA E PER IL DIPLOMA PROFESSIONALE

REGIONE LIGURIA Settore Sistema Scolastico Educativo Regionale APPRENDISTATO PER LA QUALIFICA E PER IL DIPLOMA PROFESSIONALE REGIONE LIGURIA Settore Sistema Scolastico Educativo Regionale APPRENDISTATO PER LA QUALIFICA E PER IL DIPLOMA PROFESSIONALE (Art. 3 D. Lgs. 167/2011) Guida per i giovani Dicembre 2013 Con questa guida

Dettagli

I nuovi Istituti Professionali

I nuovi Istituti Professionali I nuovi Istituti Professionali Regolamento recante norme concernenti il riordino degli Istituti professionali ai sensi dell articolo 64, comma 4, del decreto legge 25 giugno 2008, n. 112, convertito dalla

Dettagli

LA FORMAZIONE PROFESSIONALE DEI MINORI 2014/2015

LA FORMAZIONE PROFESSIONALE DEI MINORI 2014/2015 LA FORMAZIONE PROFESSIONALE DEI MINORI 2014/2015 Premessa Questa pubblicazione tratta del sistema d istruzione e formazione professionale (IeFP) dei minori in Lombardia. Nella prima parte è descritto come

Dettagli

LOGO. Istituti Tecnici e Professionali Una risorsa per il futuro

LOGO. Istituti Tecnici e Professionali Una risorsa per il futuro LOGO Istituti Tecnici e Professionali Una risorsa per il futuro Cosa hanno in comune questi oggetti? Sono opera di tecnici! La cultura tecnicoscientifica èla forza motrice dello sviluppo. Gli Istituti

Dettagli

DOMANDA DI ISCRIZIONE ALLA SCUOLA SECONDARIA DI SECONDO GRADO. Al Dirigente scolastico del (Denominazione dell istituzione scolastica)

DOMANDA DI ISCRIZIONE ALLA SCUOLA SECONDARIA DI SECONDO GRADO. Al Dirigente scolastico del (Denominazione dell istituzione scolastica) Allegato scheda D DOMANDA DI ISCRIZIONE ALLA SCUOLA SECONDARIA DI SECONDO GRADO Al Dirigente scolastico del (Denominazione dell istituzione scolastica) _l_ sottoscritt in qualità di padre madre tutore

Dettagli

DOTE SCUOLA - Percorsi di Istruzione

DOTE SCUOLA - Percorsi di Istruzione DOTE SCUOLA - Percorsi di Istruzione ALLEGATO A alla delibera n. del Componente : buono scuola Destinatari Studenti residenti in Lombardia, iscritti e frequentanti corsi a gestione ordinaria presso le

Dettagli

Guida per le imprese

Guida per le imprese REGIONE LIGURIA Settore Sistema Scolastico Educativo Regionale APPRENDISTATO PER LA QUALIFICA E PER IL DIPLOMA PROFESSIONALE (Art. 3 D. Lgs. 167/2011) Dicembre 2013 Con questa guida REGIONE LIGURIA risponde

Dettagli

I PERCORSI di ISTRUZIONE e di FORMAZIONE PROFESSIONALE in REGIONE LOMBARDIA

I PERCORSI di ISTRUZIONE e di FORMAZIONE PROFESSIONALE in REGIONE LOMBARDIA I PERCORSI di ISTRUZIONE e di FORMAZIONE PROFESSIONALE in REGIONE LOMBARDIA Il sistema educativo L assolvimento del diritto dovere di istruzione e formazione è possibile all interno di tre sistemi : Il

Dettagli

Corsi triennali di QUALIFICA di Istruzione e Formazione Professionale Esami 2014

Corsi triennali di QUALIFICA di Istruzione e Formazione Professionale Esami 2014 Formazione Professionale - Via Valverde, 2 VARESE Tel. 0332.252.601-06 Fax 0332.252.686 fpvarese@provincia.va.it Corsi triennali di QUALIFICA di Istruzione e Formazione Professionale Esami 2014 QUALIFICA

Dettagli

Conferenza Stampa. 16 febbraio 2011. Anno scolastico e formativo 2011/2012

Conferenza Stampa. 16 febbraio 2011. Anno scolastico e formativo 2011/2012 Settore, Istruzione, Lavoro Conferenza Stampa 16 febbraio 2011 Anno scolastico e formativo 2011/2012 Iscrizioni alle classi prime degli Istituti Superiori e dei C.F.P. nella provincia di (febbraio 2011)

Dettagli

A cura di Provincia di Genova, Ufficio Scolastico Regionale

A cura di Provincia di Genova, Ufficio Scolastico Regionale A cura di Provincia di Genova, Ufficio Scolastico Regionale Informare gli studenti dell ultimo anno sulla riforma della scuola superiore e sulle opportunità formative del territorio. Facilitare gli allievi

Dettagli

FORMAZIONE PROFESSIONALE INIZIALE IeFP. Servizio Politiche attive per il lavoro

FORMAZIONE PROFESSIONALE INIZIALE IeFP. Servizio Politiche attive per il lavoro FORMAZIONE PROFESSIONALE INIZIALE IeFP Servizio Politiche attive per il lavoro Con il termine formazione iniziale si indicano percorsi triennali, di competenza regionale, che consentono di assolvere al

Dettagli

PROGRAMMAZIONE OFFERTA FORMATIVA IeFP

PROGRAMMAZIONE OFFERTA FORMATIVA IeFP PROGRAMMAZIONE OFFERTA FORMATIVA IeFP Anno Formativo 2014/2015 Commissione provinciale per il Lavoro e la Formazione 16 ottobre 2013 PROGRAMMAZIONE IeFP A.F. 2014-2015 I percorsi presentati dagli enti

Dettagli

L'OFFERTA TECNICA E PROFESSIONALE IN PROVINCIA DI CREMONA PER L'A.S. 2015/2016

L'OFFERTA TECNICA E PROFESSIONALE IN PROVINCIA DI CREMONA PER L'A.S. 2015/2016 AREA AMMINISTRATIVA Settore ECONOMICO Indirizzo: Amministrazione, Finanza e Marketing Articolazione: Sistemi informativi aziendali IIS "GHISLERI BELTRAMI" Cremona IIS "GHISLERI" ITCG "PONZINI" Soresina

Dettagli

IeFP. Istruzione e Formazione. Professionale. Come conseguire una qualifica professionale triennale

IeFP. Istruzione e Formazione. Professionale. Come conseguire una qualifica professionale triennale IeFP Istruzione e Formazione Professionale Come conseguire una qualifica professionale triennale Istruzione e Formazione Professionale Il sistema regionale di Istruzione e Formazione Professionale L offerta

Dettagli

GLI INDIRIZZI DELL ISTRUZIONE PROFESSIONALE

GLI INDIRIZZI DELL ISTRUZIONE PROFESSIONALE GLI INDIRIZZI DELL ISTRUZIONE PROFESSIONALE Il secondo ciclo del sistema educativo di istruzione e formazione è costituito dai percorsi quinquennali dell istruzione secondaria superiore (licei, istituti

Dettagli

IL SISTEMA REGIONALE DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE

IL SISTEMA REGIONALE DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE IL SISTEMA REGIONALE DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE L ordinamento italiano in materia di Istruzione Secondaria e di Istruzione e Formazione Professionale è cambiato. In base alle norme sul secondo

Dettagli

NUOVO IMPIANTO ORGANIZZATIVO SCUOLA SECONDARIA DI II GRADO MIRIAM CORNARA - UFFICIO SCOLASTICO TERRITORIALE LECCO

NUOVO IMPIANTO ORGANIZZATIVO SCUOLA SECONDARIA DI II GRADO MIRIAM CORNARA - UFFICIO SCOLASTICO TERRITORIALE LECCO NUOVO IMPIANTO ORGANIZZATIVO SCUOLA SECONDARIA DI II GRADO LICEI Liceo Artistico Liceo Classico Liceo Linguistico Liceo Musicale e Coreutico Liceo Scientifico opzione Scienze Applicate Liceo delle Scienze

Dettagli

La qualifica professionale triennale consente inoltre l accesso diretto al mondo del lavoro.

La qualifica professionale triennale consente inoltre l accesso diretto al mondo del lavoro. IL SISTEMA REGIONALE DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE L ordinamento italiano in materia di Istruzione Secondaria e di Istruzione e Formazione Professionale è cambiato. In base alle norme sul secondo

Dettagli

Orientamento per il successo scolastico e formativo. PIANO REGIONALE ORIENTAMENTO 2010-2011 USR Lombardia Ufficio X - Bergamo

Orientamento per il successo scolastico e formativo. PIANO REGIONALE ORIENTAMENTO 2010-2011 USR Lombardia Ufficio X - Bergamo Orientamento per il successo scolastico e formativo PIANO REGIONALE ORIENTAMENTO 2010-2011 USR Lombardia Ufficio X - Bergamo Liceo Artistico Manzù NOME SCUOLA Scuola BERGAMO Liceo INDIRIZZO liceo artistico

Dettagli

Apprendistato per la qualifica professionale

Apprendistato per la qualifica professionale Apprendistato per la qualifica professionale (Art. 3 D.Lgs. 167/2011) Aspetti formativi del contratto Vademecum per le imprese design: Prima Visione - torino Vademecum per le imprese APPRENDISTATO PER

Dettagli

Prima della Riforma Moratti Diritto dovere di istruzione e formazione e obbligo di istruzione Il sistema di IeFP regionale

Prima della Riforma Moratti Diritto dovere di istruzione e formazione e obbligo di istruzione Il sistema di IeFP regionale 1 La scuola secondaria di secondo grado si suddivide in due grandi segmenti o (sotto)sistemi : quello dell Istruzione da un lato e quello dell Istruzione e Formazione Professionale (IeFP) dall altro. Il

Dettagli

ALLEGATO 1. Requisiti di accesso al Corso Annuale per l Esame di Stato di Istruzione Professionale, a partire dal 2015

ALLEGATO 1. Requisiti di accesso al Corso Annuale per l Esame di Stato di Istruzione Professionale, a partire dal 2015 ALLEGATO 1 Requisiti di accesso al Corso Annuale per l Esame di Stato di Istruzione Professionale, a partire dal 2015 1 Requisiti di accesso al Corso Annuale per l Esame di Stato di Istruzione Professionale

Dettagli

Nuovo accordo Stato Regioni sulla Formazione dei Dirigenti, dei Preposti, dei Lavoratori e dei Datori di lavoro/rspp

Nuovo accordo Stato Regioni sulla Formazione dei Dirigenti, dei Preposti, dei Lavoratori e dei Datori di lavoro/rspp Nuovo accordo Stato Regioni sulla Formazione dei Dirigenti, dei Preposti, dei Lavoratori e dei Datori di lavoro/rspp Il 21 dicembre 2011, la Conferenza Stato Regioni ha approvato gli accordi per la formazione

Dettagli

Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 37 - Mercoledì 10 settembre 2014

Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 37 - Mercoledì 10 settembre 2014 5 D.G. Istruzione, formazione e lavoro D.d.u.o. 5 agosto 2014 - n. 7558 Regolamentazione regionale dello standard professionale e formativo del tecnico meccatronico delle autoriparazioni IL DIRIGENTE U.O.

Dettagli

SERVIZI PER L ENOGASTRONOMIA E L OSPITALITÀ ALBERGHIERA

SERVIZI PER L ENOGASTRONOMIA E L OSPITALITÀ ALBERGHIERA Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Professionale Servizi per l Enogastronomia e l Ospitalità Alberghiera A. Vespucci Via Valvassori Peroni 8-20133 Milano - Tel. 02.7610162

Dettagli

TRA LA REGIONE PIEMONTE ASSESSORATO ALL ISTRUZIONE, SPORT E TURISMO ASSESSORATO AL LAVORO E FORMAZIONE PROFESSIONALE

TRA LA REGIONE PIEMONTE ASSESSORATO ALL ISTRUZIONE, SPORT E TURISMO ASSESSORATO AL LAVORO E FORMAZIONE PROFESSIONALE Regione Piemonte Assessorato all Istruzione, Sport e Turismo e Assessorato al Lavoro e alla Formazione Professionale Ufficio Scolastico Regionale per il Piemonte Accordo per la realizzazione di percorsi

Dettagli

LA LOMBARDIA PER LA DOTE SCUOLA

LA LOMBARDIA PER LA DOTE SCUOLA LA LOMBARDIA PER LA DOTE SCUOLA Anno scolastico 2014-2015 3 Febbraio 2014 SI APRONO LE ISCRIZIONI Da oggi al 28 febbraio sono aperte le iscrizioni alle scuole statali, alle scuole paritarie, agli istituti

Dettagli

Elenco scuole secondarie 2 grado

Elenco scuole secondarie 2 grado BRESCIA Elenco scuole secondarie 2 grado 1 Abba-Ballini Istituto Tecnico Indirizzo via Tirandi,3 Tel.030307332 Internet www.abba-ballini.it Amministrazione Finanza Marketing (tutte le articolazioni) 2

Dettagli

Architettura del Progetto INDIRIZZO SERVIZI COMMERCIALI (VECCHIO PERCORSO TURISTICO) ad esaurimento

Architettura del Progetto INDIRIZZO SERVIZI COMMERCIALI (VECCHIO PERCORSO TURISTICO) ad esaurimento Architettura del Progetto INDIRIZZO SERVIZI COMMERCIALI (VECCHIO PERCORSO TURISTICO) ad esaurimento B.3.1 Articolazione del programma didattico: quadro orario: SERVIZI COMMERCIALI (QUALIFICA OPERATORE

Dettagli

legge regionale 5 dicembre 2005, n. 20; legge regionale 11 maggio 2006, n. 4; legge regionale 12 giugno 2006, n. 9.

legge regionale 5 dicembre 2005, n. 20; legge regionale 11 maggio 2006, n. 4; legge regionale 12 giugno 2006, n. 9. 57/5 31.12.2009 Oggetto: Legge region egionale 5 marzo 2008 n. 3, art. 6. Piano annuale di formazione professionale, e, annualità 2009/2010 UPB S06.06.004 S - Cap SC06.1574 F.R. L Assessore del Lavoro,

Dettagli

ACCORDO TERRITORIALE

ACCORDO TERRITORIALE ACCORDO TERRITORIALE TRA REGIONE CALABRIA Dipartimento Lavoro, Politiche della Famiglia, Formazione Professionale, Cooperazione e Volontariato, in persona del Dirigente Generale Avv. Bruno Calvetta E UFFICIO

Dettagli

DISCIPLINA REGIONALE DEI PROFILI FORMATIVI DELL APPRENDISTATO PER LA QUALIFICA E PER IL DIPLOMA PROFESSIONALE

DISCIPLINA REGIONALE DEI PROFILI FORMATIVI DELL APPRENDISTATO PER LA QUALIFICA E PER IL DIPLOMA PROFESSIONALE DISCIPLINA REGIONALE DEI PROFILI FORMATIVI DELL APPRENDISTATO PER LA QUALIFICA E PER IL DIPLOMA PROFESSIONALE AI SENSI DELL ARTICOLO. 3 DEL DECRETO LEGISLATIVO 14 SETTEMBRE 2011, N. 167 TESTO UNICO DELL

Dettagli

LA NOSTRA OFFERTA FORMATIVA I.P.S.E.O.O.A.

LA NOSTRA OFFERTA FORMATIVA I.P.S.E.O.O.A. LA NOSTRA OFFERTA FORMATIVA I.P.S.E.O.O.A. Al fine di facilitare la scelta dell indirizzo di studi, il nostro Istituto ha predisposto il seguente prospetto che, partendo dalla scelta effettuata già in

Dettagli

Dote scuola Le policy di Regione Lombardia Anno scolastico 2014-2015. 3 febbraio 2014

Dote scuola Le policy di Regione Lombardia Anno scolastico 2014-2015. 3 febbraio 2014 Dote scuola Le policy di Regione Lombardia Anno scolastico 2014-2015 3 febbraio 2014 Si aprono le iscrizioni Da oggi al 28 febbraio sono aperte le iscrizioni alle scuole statali, alle scuole paritarie,

Dettagli

LA RIFORMA della SCUOLA SUPERIORE

LA RIFORMA della SCUOLA SUPERIORE LA RIFORMA della SCUOLA SUPERIORE Fonti: www.istruzione.it www.venetolavoro.it/sopralamediaweb/web/index/home Il diritto-dovere all istruzione e alla formazione Il SISTEMA SCOLASTICO ITALIANO si articola

Dettagli

PUNTO INFORMAGIOVANI. Villa Carcina (BS)

PUNTO INFORMAGIOVANI. Villa Carcina (BS) PUNTO INFORMAGIOVANI Villa Carcina (BS) La normativa italiana Prevede per tutti i ragazzi/e: - l obbligo di istruzione per almeno 10 anni, cioè fino a 16 anni di età, - il diritto-dovere all istruzione

Dettagli

OFFERTA FORMATIVA A.S. 2012/2013 - PROVINCIA DI CREMONA - Allegato 2 alla DGP n. 558 del 06.12.2011

OFFERTA FORMATIVA A.S. 2012/2013 - PROVINCIA DI CREMONA - Allegato 2 alla DGP n. 558 del 06.12.2011 I.I.S. "ALA PONZONE CIMINO" I.I.S. "ANTONIO STRADIVARI" OFFERTA FORMATIVA A.S. 2012/2013 - PROVINCIA DI - Allegato 2 alla DGP n. 558 del 06.12.2011 Istruzione manutenzione e assistenza tecnica operatore

Dettagli

OFFERTA DI ISTRUZIONE PER L A.S. 2013/2014

OFFERTA DI ISTRUZIONE PER L A.S. 2013/2014 I PERCORSI di ISTRUZIONE e di ISTRUZIONE e FORMAZIONE PROFESSIONALE in PROVINCIA DI PAVIA a.s. 2013/2014 OFFERTA DI ISTRUZIONE PER L A.S. 2013/2014 NOME SCUOLA TO SCUOLA INDIRIZZI PREVISTI PER L'A.S. 2013/2014

Dettagli

» Agli alunni» All'Albo» Sede e Succursali

» Agli alunni» All'Albo» Sede e Succursali Vicolo Stimate n. 4 37133 VERONA C.F.800l.t840Z30 Cod.Min. VRPMoJ:oooL L, a e a Tel. 045/80073U.- Fax 045/803009% E-mail:info liceomontanari.it Sito we": www.liceomontanari.it Circolare D. 191 Prot. n.

Dettagli

Esami di qualifica professionale Anno scolastico 2013/14

Esami di qualifica professionale Anno scolastico 2013/14 Anno scolastico 2013/14 Circolare dell'usr Puglia del 16 aprile 2014 Deliberazione della Giunta Regionale del 4 marzo 2014, n. 379 pubblicata sul Bollettino Ufficiale della Regione Puglia n. 4 del 25/03/2014

Dettagli

ACCORDO TRA LA REGIONE MARCHE L UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE. Visti: - gli artt. 117 e 118 della Costituzione che assegnano alle Regioni competenze

ACCORDO TRA LA REGIONE MARCHE L UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE. Visti: - gli artt. 117 e 118 della Costituzione che assegnano alle Regioni competenze ACCORDO TRA LA REGIONE MARCHE E L UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE Visti: - gli artt. 117 e 118 della Costituzione che assegnano alle Regioni competenze esclusive in materia di Istruzione e Formazione Professionale

Dettagli

ORIENTAMENTO SCOLASTICO cominciamo a mettere a fuoco l argomento. Il ruolo dei genitori ed il ruolo della scuola nella dinamica della scelta

ORIENTAMENTO SCOLASTICO cominciamo a mettere a fuoco l argomento. Il ruolo dei genitori ed il ruolo della scuola nella dinamica della scelta ORIENTAMENTO SCOLASTICO cominciamo a mettere a fuoco l argomento I percorsi scolastico-formativi Il ruolo dei genitori ed il ruolo della scuola nella dinamica della scelta Alcuni criteri per facilitare/supportare

Dettagli

LA GIUNTA REGIONALE. su proposta dell Assessore regionale alla Istruzione, Diritto allo Studio e Formazione

LA GIUNTA REGIONALE. su proposta dell Assessore regionale alla Istruzione, Diritto allo Studio e Formazione OGGETTO: Modifica all allegato A della deliberazione della Giunta Regionale del 29 novembre 2007, n. 968 Accreditamento dei soggetti che erogano attività di formazione e di orientamento nella Regione Lazio

Dettagli

Istruzione e Formazione Professionale triennale

Istruzione e Formazione Professionale triennale 05 UFFICIO VI AMBITO TERRITORIALE DI NUOVA OFFERTA FORMATIVA NELLA PROVINCIA DI Istruzione e Formazione Professionale triennale avvia OFFERTA FORMATIVA NELLA PROVINCIA DI (IeFP - Istruzione e Formazione

Dettagli

APPRENDISTATO PER LA QUALIFICA E IL DIPLOMA PROFESSIONALE. art. 3 ex D. Lgs 167/2011

APPRENDISTATO PER LA QUALIFICA E IL DIPLOMA PROFESSIONALE. art. 3 ex D. Lgs 167/2011 APPRENDISTATO PER LA QUALIFICA E IL DIPLOMA PROFESSIONALE art. 3 ex D. Lgs 167/2011 1 ASPETTI PRINCIPALI LEGATI ALLA NATURA CONTRATTUALE DELL APPRENDISTATO D.lgs. 167/2011: QUALITÀ E TUTELE PER IL LAVORATORE

Dettagli

Istruzione e Formazione Professionale triennale

Istruzione e Formazione Professionale triennale UFFICIO XI - UFFICIO SCOLASTICO DI home NUOVA OFFERTA FORMATIVA NELLA PROVINCIA DI Istruzione e Formazione Professionale triennale in applicazione dell accordo Stato Regioni dell aprile 2010; del Decreto

Dettagli

L impatto di ECVET sul sistema regionale degli standard

L impatto di ECVET sul sistema regionale degli standard L impatto di ECVET sul sistema regionale degli standard La sperimentazione ECVET nel settore turistico -alberghiero: l esperienza dell Agenzia di formazione professionale delle Colline Astigiane Asti -AglianoTerme,

Dettagli

FORMA VENETO. Centri di Formazione Professionale della Provincia di Vicenza 2014/2015

FORMA VENETO. Centri di Formazione Professionale della Provincia di Vicenza 2014/2015 FORMA VENETO Centri di Formazione Professionale della Provincia di 2014/2015 Schede descrittive dei Percorsi di Formazione Professionale Corsi triennali (2970 ore) per l assolvimento dell obbligo scolastico

Dettagli

PROVINCIA DI SONDRIO

PROVINCIA DI SONDRIO PROVINCIA DI SONDRIO DELIBERAZIONE DEL PRESIDENTE DELLA PROVINCIA N. 129 Oggetto: OFFERTA FORMATIVA DEGLI ISTITUTI SUPERIORI E DEI CENTRI DI FORMAZIONE DELLA PROVINCIA DI SONDRIO A. S. 2016/2017 L anno

Dettagli

STANDARD PROFESSIONALE E FORMATIVO DEL TECNICO MECCATRONICO DELLE AUTORIPARAZIONI

STANDARD PROFESSIONALE E FORMATIVO DEL TECNICO MECCATRONICO DELLE AUTORIPARAZIONI ALLEGATO A) STANDARD PROFESSIONALE E FORMATIVO DEL TECNICO MECCATRONICO DELLE AUTORIPARAZIONI La legge n. 224/2012 ha disposto la modifica della legge 122/1992 in materia di attività di autoriparazioni,

Dettagli

Accordi Stato-Regioni per la formazione 21 dicembre 2011

Accordi Stato-Regioni per la formazione 21 dicembre 2011 Lavorat (+ art. 21 comma 1: componenti dell'impresa familiare [ ], i lavoratori autonomi [ ], i coltivatori diretti del fondo, i soci delle società semplici operanti nel sett agricolo, gli artigiani e

Dettagli

Determinazione del Dirigente del Servizio Istruzione e Orientamento

Determinazione del Dirigente del Servizio Istruzione e Orientamento Determinazione del Dirigente del Servizio Istruzione e Orientamento Prot. n. 12-9813/2014 Oggetto: Elenco degli Istituti professionali che realizzano i percorsi di qualifica triennale nell a.s. 2014/2015

Dettagli

IeFP Istruzione e Formazione Professionale

IeFP Istruzione e Formazione Professionale IeFP Istruzione e Formazione Professionale Come conseguire una qualifica professionale triennale dopo le medie Il sistema regionale di Istruzione e Formazione Professionale L offerta della Regione Emilia-Romagna

Dettagli

A relazione dell'assessore Porchietto: Premesso che:

A relazione dell'assessore Porchietto: Premesso che: REGIONE PIEMONTE BU31 02/08/2012 Deliberazione della Giunta Regionale 12 luglio 2012, n. 33-4150 Nuova disciplina dei corsi di formazione professionale per Agente e Rappresentante di Commercio. Revoca

Dettagli

Disciplina della figura del maestro artigiano, del commercio o delle professioni

Disciplina della figura del maestro artigiano, del commercio o delle professioni Allegato n. 2 alla Delib.G.R. n. 44/34 del 23.10.2013 Disciplina della figura del maestro artigiano, del commercio o delle professioni INDICE 1. Finalità...2 2. Requisiti soggettivi...2 2.1 Requisiti di

Dettagli

D) ATTI DIRIGENZIALI. D.G. Istruzione, formazione e lavoro. Giunta regionale. 74 Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 17 - Martedì 21 aprile 2015

D) ATTI DIRIGENZIALI. D.G. Istruzione, formazione e lavoro. Giunta regionale. 74 Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 17 - Martedì 21 aprile 2015 7 Bollettino Ufficiale D) ATTI DIRIGENZIALI D.d.g. 17 aprile 2015 - n. 3 Aggiornamento piano regionale dei servizi del sistema educativo di istruzione e formazione - Offerta formativa 2015/2016 IL DIRETTORE

Dettagli

Esiti esami di maturità e di qualifica

Esiti esami di maturità e di qualifica Esiti esami di maturità e di qualifica Anno scolastico e formativo 2012/2013 Dati forniti dagli Istituti Superiori e dai C.F.P. Provincia di Settore, Istruzione, Lavoro Interventi Sociali, Politiche Giovanili

Dettagli

Formazione Lavoratori, Preposti e Dirigenti

Formazione Lavoratori, Preposti e Dirigenti EcoGeo S.r.l. Formazione - Sicurezza Formazione Lavoratori, Preposti e Dirigenti Accordo del 21 dicembre 2011 Conferenza permanente per i rapporti tra lo stato le regioni e le provincie autonome di Trento

Dettagli

REGIONE TOSCANA Giunta Regionale. Direzione Generale Competitività del sistema regionale e Sviluppo delle Competenze Settore Formazione e Orientamento

REGIONE TOSCANA Giunta Regionale. Direzione Generale Competitività del sistema regionale e Sviluppo delle Competenze Settore Formazione e Orientamento INDIRIZZI PER LA REALIZZAZIONE DELL OFFERTA REGIONALE DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE REGIONE TOSCANA Giunta Regionale Direzione Generale Competitività del sistema regionale e Sviluppo delle Competenze

Dettagli

PROVINCIA DI CREMONA OFFERTA FORMATIVA A.S. 2013-2014 AMBITO CREMONESE

PROVINCIA DI CREMONA OFFERTA FORMATIVA A.S. 2013-2014 AMBITO CREMONESE LICEO CLASSICO "MANIN" via Cavallotti, 2 Liceo Classico Liceo Linguistico LICEO SCIENTIFICO "ASELLI" via Palestro, 31 Liceo Scientifico Liceo Scientifico - Opzione Scienze applicate LICEO DELLE SCIENZE

Dettagli

TRA LA REGIONE PUGLIA ASSESSORATO PER IL DIRITTO ALLO STUDIO E LA FORMAZIONE PROFESSIONALE

TRA LA REGIONE PUGLIA ASSESSORATO PER IL DIRITTO ALLO STUDIO E LA FORMAZIONE PROFESSIONALE Regione Puglia Assessorato per il diritto allo studio e la formazione professionale Ufficio Scolastico Regionale per la Puglia Accordo per la realizzazione nell anno scolastico 2011/2012 di percorsi di

Dettagli

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Direzione Generale Via Assarotti, 40-16122 Genova Tel. 010/83311 fax. 010/8331221 e-mail direzione-liguria@istruzione.it Prot. n. 461 C27 Genova, 26 gennaio 2011 Ai Dirigenti delle Istituzioni Scolastiche

Dettagli

A.F. 2012/2013. Approvato con Decreto del Dirigente del Settore Lavoro, Formazione e Politiche Sociali n. 255 del 05/04/2013.

A.F. 2012/2013. Approvato con Decreto del Dirigente del Settore Lavoro, Formazione e Politiche Sociali n. 255 del 05/04/2013. SETTORE LAVORO, FORMAZIONE E POLITICHE SOCIALI SERVIZIO ISTRUZIONE, FORMAZIONE PROFESSIONALE E ORIENTAMENTO MODALITÀ PER LA PARTECIPAZIONE DI CANDIDATI PRIVATISTI AGLI ESAMI CONCLUSIVI DEI PERCORSI DI

Dettagli

TECNICO MECCATRONICO DELLE AUTORIPARAZIONI

TECNICO MECCATRONICO DELLE AUTORIPARAZIONI ALLEGATO B Standard professionale e formativo relativo alla formazione del TECNICO MECCATRONICO DELLE AUTORIPARAZIONI Standard professionale e formativo del Tecnico meccatronico delle autoriparazioni (Ai

Dettagli

Indicazioni per le Istituzioni Formative e le Istituzioni Scolastiche

Indicazioni per le Istituzioni Formative e le Istituzioni Scolastiche ESAMI A CONCLUSIONE DEI PERCORSI TRIENNALI E DI QUARTO ANNO DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE A.F. 2009/10 Indicazioni per le Istituzioni Formative e le Istituzioni Scolastiche Premessa Le presenti

Dettagli

- 172 ore, Percorso 1, Sezione Agente immobiliare - Agente munito di mandato a titolo oneroso

- 172 ore, Percorso 1, Sezione Agente immobiliare - Agente munito di mandato a titolo oneroso REGIONE PIEMONTE BU32 09/08/2012 Deliberazione della Giunta Regionale 30 luglio 2012, n. 31-4234 Nuove modalita' di svolgimento del corso di formazione professionale rivolto all'agente di affari in mediazione.

Dettagli

SCUOLE SUPERIORI STATALI BRESCIA E PROVINCIA (BACINO DI TRAVAGLIATO)

SCUOLE SUPERIORI STATALI BRESCIA E PROVINCIA (BACINO DI TRAVAGLIATO) SCUOLE SUPERIORI STATALI E PROVINCIA (BACINO DI TRAVAGLIATO) Denominazione dell'istituto Indirizzi presenti nell'istituto Comune AFGP CENTRO ARTIGIANELLI CENTRO FORMAZIONE PROFESSIONALE INDIRIZZI: OPERATORE

Dettagli

Decreto Dirigenziale n. 18 del 21/01/2014

Decreto Dirigenziale n. 18 del 21/01/2014 Decreto Dirigenziale n. 18 del 21/01/2014 Dipartimento 54 - Dipartimento Istr., Ric., Lav., Politiche Cult. e Soc. Direzione Generale 11 - Direzione Generale Istruzione, Formazione,Lavoro e Politiche Giovanili

Dettagli

SERVIZI D IMPRESA. Istituto Superiore (c/o Ist. Comprens. Di Scalve) Vilminore di Scalve, via Locatelli 8/a tel. 0346.51066

SERVIZI D IMPRESA. Istituto Superiore (c/o Ist. Comprens. Di Scalve) Vilminore di Scalve, via Locatelli 8/a tel. 0346.51066 PROVINCIA DI BERGAMO Via Torquato Tasso, 8-24100 BERGAMO SETTORE ISTRUZIONE, FORMAZIONE, LAVORO E SICUREZZA LAVORO Viale Papa Giovanni XXIII,106 Bergamo - tel. 035/387.404 segreteria.formazione@provincia.bergamo.it

Dettagli

Istituto Professionale di Stato per i Servizi di Enogastronomia e Ospitalità Alberghiera Gaspare Ambrosini

Istituto Professionale di Stato per i Servizi di Enogastronomia e Ospitalità Alberghiera Gaspare Ambrosini Istituto Professionale di Stato per i Servizi di Enogastronomia e Ospitalità Alberghiera Gaspare Ambrosini COMUNICAZIONE N. 139 AI CONSIGLI DELLE TERZE CLASSI Oggetto: Calendario esami di qualifica a.s.

Dettagli

IL PERCORSO ATTUATO IN TOSCANA PER LA VALUTAZIONE DELLE COMPETENZE:

IL PERCORSO ATTUATO IN TOSCANA PER LA VALUTAZIONE DELLE COMPETENZE: IL PERCORSO ATTUATO IN TOSCANA PER LA VALUTAZIONE DELLE COMPETENZE: L'ESPERIENZA DELLA PROVINCIA DI PISA NEL SISTEMA DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE Pietro Cataldo 15 dicembre 2014 Il contesto

Dettagli

La vera scelta non è mai tra il fare una cosa e il non farla. Ma tra il farla o non farla per coraggio oppure per paura.

La vera scelta non è mai tra il fare una cosa e il non farla. Ma tra il farla o non farla per coraggio oppure per paura. La vera scelta non è mai tra il fare una cosa e il non farla. Ma tra il farla o non farla per coraggio oppure per paura. La nuova secondaria nell ambito del secondo ciclo 2 Tutti gli studenti, a conclusione

Dettagli

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Direzione Generale Via Assarotti, 40-16122 Genova Tel. 010/83311 fax. 010/8331221 e-mail direzione-liguria@istruzione.it Prot. n. 573/C27 Genova, 3 febbraio 2012 Ai Dirigenti delle Istituzioni Scolastiche

Dettagli

Istruzione e Formazione Professionale: Esame conclusivo dei percorsi triennali

Istruzione e Formazione Professionale: Esame conclusivo dei percorsi triennali Istruzione e Formazione Professionale: Esame conclusivo dei percorsi triennali Riferimenti nazionali DL 226/2005 Norme generali e livelli essenziali delle prestazioni relative al secondo ciclo del sistema

Dettagli

RIORDINO DEL SECONDO CICLO D ISTRUZIONE DALL A.S. 2010-2011. I.C. E. De Amicis - Lomazzo (CO)

RIORDINO DEL SECONDO CICLO D ISTRUZIONE DALL A.S. 2010-2011. I.C. E. De Amicis - Lomazzo (CO) RIORDINO DEL SECONDO CICLO D ISTRUZIONE DALL A.S. 2010-2011 I.C. E. De Amicis - Lomazzo (CO) ORDINAMENTO SCOLASTICO PRIMO CICLO SCUOLA PRIMARIA (5 anni) SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO (3* anni) LICEI (5*

Dettagli

Operatore agricolo. Standard della Figura nazionale

Operatore agricolo. Standard della Figura nazionale Operatore agricolo Standard della Figura nazionale 134 Denominazione della figura OPERATORE AGRICOLO Indirizzi della figura Allevamento Animali Domestici Coltivazioni Arboree, erbacee, ortifloricole Silvicoltura,

Dettagli

La nuova Scuola Secondaria Superiore di Secondo Grado

La nuova Scuola Secondaria Superiore di Secondo Grado La nuova Scuola Secondaria Superiore di Secondo Grado Presentazione a cura della prof. Paola Gianduia I.C. «Ferrini» Olgiate Olona - a partire dalla Indicazioni Ministeriali I termini della Riforma In

Dettagli

INDIRIZZI DI STUDIO I.P.S.E.O.O.A.

INDIRIZZI DI STUDIO I.P.S.E.O.O.A. LA NOSTRA OFFERTA FORMATIVA INDIRIZZI DI STUDIO I.P.S.E.O.O.A. Al fine di facilitare la scelta dell indirizzo di studi e le eventuali opzioni, il nostro Istituto ha predisposto il seguente prospetto che,

Dettagli

DOMANDA DI ISCRIZIONE AL SECONDO CICLO DI ISTRUZIONE

DOMANDA DI ISCRIZIONE AL SECONDO CICLO DI ISTRUZIONE DOMANDA DI ISCRIZIONE AL SECONDO CICLO DI ISTRUZIONE Al Dirigente scolastico del (Denominazione dell istituzione scolastica o formativa) _l_ sottoscritt in qualità di padre madre tutore (cognome e nome)

Dettagli

TECNICO NELLA GESTIONE E SVILUPPO DELLE RISORSE UMANE

TECNICO NELLA GESTIONE E SVILUPPO DELLE RISORSE UMANE TECNICO NELLA GESTIONE E SVILUPPO DELLE RISORSE UMANE DESCRIZIONE SINTETICA Il o nella gestione e sviluppo delle risorse è in grado di realizzare la programmazione del, prefigurare percorsi di sviluppo

Dettagli

La Regione Molise. L Ufficio scolastico Regionale per il Molise

La Regione Molise. L Ufficio scolastico Regionale per il Molise Accordo Territoriale per la realizzazione nell anno scolastico 2011/2012 di percorsi di IeFP di durata triennale,in regime di sussidiarietà,da parte degli Istituti Professionali Statali della Regione Molise,

Dettagli

Istruzione e Formazione Professionale Corso (3 anni + 1 )

Istruzione e Formazione Professionale Corso (3 anni + 1 ) Istruzione e Formazione Professionale Corso (3 anni + 1 ) Area servizi alla persona Area agroalimentare Area servizi commerciali Operatore del benessere Indirizzo estetica / acconciatura Operatore agricolo

Dettagli

ISTITUTO OFFERTA FORMATIVA OPEN DAYS

ISTITUTO OFFERTA FORMATIVA OPEN DAYS F. LUSSANA - Tel: 035237502 www.liceolussana.com L. MASCHERONI - Tel: 035237076 www.liceomascheroni.it Istituto MAMOLI - Tel: 035260525 www.isismamolibergamo.it + Op. Sc. Applicate bilingue (integrazione

Dettagli

vista la legge 15.3.1997, n. 59, con la quale si attribuiscono autonomia e personalità giuridica alle istituzioni scolastiche;

vista la legge 15.3.1997, n. 59, con la quale si attribuiscono autonomia e personalità giuridica alle istituzioni scolastiche; REGIONE PIEMONTE BU8 26/02/2015 Deliberazione della Giunta Regionale 23 febbraio 2015, n. 19-1085 Approvazione schema di Accordo triennale con l'u.s.r. per il Piemonte per la realizzazione a partire dagli

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 28 DEL 13-11-2006 REGIONE BASILICATA. Disciplina degli aspetti formativi del contratto di apprendistato.

LEGGE REGIONALE N. 28 DEL 13-11-2006 REGIONE BASILICATA. Disciplina degli aspetti formativi del contratto di apprendistato. Page 1 of 9 LEGGE REGIONALE N. 28 DEL 13-11-2006 REGIONE BASILICATA Disciplina degli aspetti formativi del contratto di apprendistato. Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE BASILICATA N. 71 del 17

Dettagli

Standard Formativi Minimi dei percorsi di Istruzione e Formazione Professionale della Regione Lombardia

Standard Formativi Minimi dei percorsi di Istruzione e Formazione Professionale della Regione Lombardia Allegato 2 Standard Formativi Minimi dei percorsi di Istruzione e Formazione Professionale della Regione Lombardia Obiettivi Specifici di Apprendimento delle competenze di base INDICE PREMESSA COMPETENZA

Dettagli

Docenti: Esperti in legislazione sul lavoro, sicurezza sul lavoro, tecniche di comunicazione.

Docenti: Esperti in legislazione sul lavoro, sicurezza sul lavoro, tecniche di comunicazione. Corso di formazione per R.S.P.P. e A.S.P.P. in materia di Prevenzione e Protezione D.Lgs 81/2008 Art. 32 Comma 2 Conferenza Stato-Regione 26 Gennaio 2006 La frequenza del corso è obbligatoria per i soggetti

Dettagli

Sistema di istruzione secondaria superiore Sistema di istruzione e formazione professionale. Offerta formativa della Provincia di Lodi

Sistema di istruzione secondaria superiore Sistema di istruzione e formazione professionale. Offerta formativa della Provincia di Lodi http://www.istruzione.lombardia.it/lodi/ Rete Scuole di Lodi per l orientamento scolastico A.S. 2015-2016 Sistema di istruzione secondaria superiore Sistema di istruzione e formazione professionale Offerta

Dettagli

GIUNTA REGIONALE - Dirigenza - Decreti

GIUNTA REGIONALE - Dirigenza - Decreti GIUNTA REGIONALE - Dirigenza - Decreti 11.6.2014 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 23 Direzione Generale Competitività del Sistema Regionale e Sviluppo delle Competenze Area di Coordinamento

Dettagli

9 Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 29 - Lunedì 14 luglio 2014

9 Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 29 - Lunedì 14 luglio 2014 9 Bollettino Ufficiale D.G. Istruzione, formazione e lavoro D.d.g. 10 luglio 2014 - n. 6636 Ulteriore aggiornamento piano regionale dei servizi sistema educativo di istruzione e formazione - Offerta formativa

Dettagli

AZIONI RIVOLTE AI DIPLOMATI TECNICO DEI SERVIZI SOCIO-SANITARI PER L ACQUISIZIONE DELLA QUALIFICA DI OPERATORE SOCIO SANITARIO (OSS)

AZIONI RIVOLTE AI DIPLOMATI TECNICO DEI SERVIZI SOCIO-SANITARI PER L ACQUISIZIONE DELLA QUALIFICA DI OPERATORE SOCIO SANITARIO (OSS) ASSESSORATO COORDINAMENTO DELLE POLITICHE EUROPEE ALLO SVILUPPO, SCUOLA, FORMAZIONE PROFESSIONALE, UNIVERSITÀ E RICERCA, LAVORO AZIONI RIVOLTE AI DIPLOMATI TECNICO DEI SERVIZI SOCIO-SANITARI PER L ACQUISIZIONE

Dettagli

PROVINCIA DI CREMONA OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015-2016 AMBITO CREMONESE

PROVINCIA DI CREMONA OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015-2016 AMBITO CREMONESE (ordinamento ) IV ANNO LICEO CLASSICO "MANIN" via Cavallotti, 2 Liceo Classico Liceo Linguistico LICEO SCIENTIFICO "ASELLI" via Palestro, 31 Liceo Scientifico Liceo Scientifico - Opzione Scienze applicate

Dettagli